Sei sulla pagina 1di 2

Il battesimo (Mc 1, 9-11)

I due evento: BATTESSIMO E TENTAZIONI, vanno letti insieme. Formano


un insieme.
Questo insieme ci fa capire:
- Colui che il Figlio di Dio (Battesimo)
- anche Figlio delluomo (Tentazioni)
- Ecco: Ges Dio e Uomo
Il racconto del Battesimo (9-11) di carattere epifanico-interpretativo. Ogni
elementi ci rivela CHI GES.

Versetto 9:
-

Ges entra in scena.

Ma vedete lambiente, lo scenario: non va a Gerusalemme.

Inizia andando dai peccatori che si pentono. I peccatori che vogliono


convertirsi. Ecco: lambiente, il luogo dove Ges si manifesta.

Certo che questa una scena che turba: Ges andato a farsi battezzare al
Giordano insieme ai peccatori! Com possibile? Ges non ha avuto paura
di stare tra i peccatori. Tra quei peccatori che erano disposti a riconoscersi
tali e a convertirsi

I versetti 10 e 11: solo Ges vede aprirsi i cieli e sente la voce. NON tutti!
Perch? Nel Vangelo di Marco Ges si va manifestando progressivamente,
pian piano.
Un primo evento che ci dice chi Ges: vide squarciarsi i cieli (Mar 1:10)
- Questa espressione tratta da Is 63,19:
19 Siamo diventati da tempo gente su cui non comandi pi, su cui il tuo
nome non stato mai invocato. Se tu squarciassi i cieli e scendessi!
Davanti a te sussulterebbero i monti, (Isa 63:19). la preghiera del
profeta Isaia che prega Dio di rompere il suo silenzio.
-

arrivato il momento in cui Dio squarcia i cieli ed interviene nella storia:


Ges lazione di Dio Padre nella storia, Ges la Parola con cui Dio
rompe il suo silenzio.

In Ges i cieli sono aperti. In Ges Dio Padre ci parla. finito il suo
silenzio. Ascoltare il Figlio ascoltare il Padre.

Un secondo elemento teofanico, rivelatorio, che si mostra chi Ges la


discesa dello Spirito come una colomba. Gn 1,2. Il diluvio. NUOVA
CREAZIONE. giunta la primavera.
Ma lelemento pi importante del Vangelo di oggi la VOCE. 11 E venne
una voce dal cielo: Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio
compiacimento. (Mar 1:11)
-

Questa frase ha tanti rimandi allAT:


Salmo 2,7: un salmo messianico; regale. Il Messia re.
Voglio annunciare il decreto del Signore. Egli mi ha detto: Tu sei mio
figlio, io oggi ti ho generato. (Psa 2:7)
Gn 22,2: il sacrificio di Isacco
Riprese: Prendi tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco, va' nel
territorio di Mria e offrilo in olocausto su di un monte che io ti
indicher. (Gen 22:2)
Il cantico del Servo di Isaia 42,1:
Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio.
Ho posto il mio spirito su di lui; egli porter il diritto alle nazioni. (Isa
42:1)

Il Salmo 2,7: evoca la regalit. Invece Gn e Is richiamano la sofferenza, la


prova.

Ges il Messia, il Figlio amato, ma SOFFRE.