Sei sulla pagina 1di 6

1

Veglia di preghiera in preparazione alla Canonizzazione


dei Beati Pontefici Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II
Canto
INTRODUZIONE
1. Saluto
P/. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
R/. Amen.
La pace del Signore sia con voi.
R/. E con il tuo spirito.
P/. Fratelli e sorelle carissimi, allinizio di questa veglia di preghiera in preparazione
alla canonizzazione dei Beati Papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, ascoltiamo
la Parola del Signore: annuncio di risurrezione e vita, invito a seguirlo per
condividere con la sua gloria, insieme a tutti i santi, nel Regno di Dio.
2. Vangelo
P/. Il Signore sia con voi.
Dal Vangelo secondo Giovanni (20, 19-31)
La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del
luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Ges, stette in
mezzo e disse loro: Pace a voi!. Detto questo, mostr loro le mani e il fianco. E i
discepoli gioirono al vedere il Signore. Ges disse loro di nuovo: Pace a voi! Come
il Padre ha mandato me, anche io mando voi. Detto questo, soffi e disse loro:
Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a
coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati.
P/. Parola del Signore.
R. Lode a te, o Cristo.

3. Breve omelia

Parrocchia Santa Lucia - 2014

ESPOSIZIONE DEL SANTISSIMO


Canto
1. Incensazione
2. Preghiera (di Giovanni Paolo II)
P/. Come i due discepoli del Vangelo, ti imploriamo, Signore Ges: rimani con noi!
Tu, divino Viandante, esperto delle nostre strade e conoscitore del nostro cuore, non
lasciarci prigionieri delle ombre della sera. Sostienici nella stanchezza, perdona i
nostri peccati, orienta i nostri passi sulla via del bene.
Benedici i bambini, i giovani, gli anziani, le famiglie, in particolare i malati.
Benedici i sacerdoti e le persone consacrate. Benedici tutta l'umanit.
Nell'Eucaristia ti sei fatto "farmaco d'immortalit: dacci il gusto di una vita piena,
che ci faccia camminare su questa terra come pellegrini fiduciosi e gioiosi,
guardando sempre al traguardo della vita che non ha fine.
Rimani con noi, Signore! Rimani con noi!
R/. Amen.

PREGHIERA CON I SALMI


1. Salmo 109
1.1.

Introduzione

Il primo Salmo che recitiamo in questa Veglia di preghiera uno dei pi famosi
"Salmi regali". Un Salmo che Ges stesso ha citato e che gli autori del Nuovo
Testamento hanno ampiamente ripreso e letto in riferimento al Messia, a Cristo. Si
tratta del Salmo 109; un Salmo molto amato dalla Chiesa antica e dai credenti di
ogni tempo. Questa preghiera si recitava durante la cerimonia dintronizzazione di
un re. Oggi con le parole di questo Salmo noi, in comunione con tutta la Chiesa,
vogliamo riconoscere che Cristo Risorto il nostro Re, il vero Messia che ci ha dato
la salvezza.

Parrocchia Santa Lucia - 2014

1.2.
1.3.

Antifona e Salmo
Orazione coletta

P/. Preghiamo
Signore Ges, re e sacerdote eterno, immagine del Dio invisibile, generato prima di
ogni creatura, concedici che, riconciliati al Padre col sangue della tua Croce,
restiamo saldi nella fede, fondati nella speranza delle tue promesse. Tu che vivi e
regni nei secoli dei secoli.

2. Salmo 113 A
2.1.

Introduzione

Il secondo Salmo di questa Veglia di preghiera il 113, nella sua prima parte. Un
gioioso e trionfale canto che evoca lesodo di Israele dalloppressione degli egizi. Il
Salmo 113A era usato soprattutto nella liturgia giudaica della Pasqua. Sicuramente
Ges lo ha recitato durante lUltima Cena. Il cristianesimo ha assunto questo Salmo
con la stessa connotazione pasquale, ma applicandolo alla risurrezione di Cristo.
Lesodo celebrato dal Salmo diviene, perci, figura di unaltra liberazione pi
radicale e universale: quella che Cristo ci ha donato con il suo mistero pasquale.
2.2.

Antifona e Salmo

2.3.

Orazione coletta

P/. Preghiamo
Permettici, Padre Onnipotente, di evocare in questa preghiera vespertina le grandi
gesta che hai realizzato un tempo in favore dei figli del Popolo d'Israele. Tu li hai
liberati dalla schiavit, hai fatto loro attraversare il Mare a piedi asciutti e li hai
condotti attraverso il deserto. Conduci, ora, la tua Chiesa pellegrina, liberandola
dogni forma di schiavit e fa' che questo tempo di Pasqua sia per tutti noi tempo di
grazia e di salvezza. Per Cristo nostro Signore.

Parrocchia Santa Lucia - 2014

3. Cantico dellApocalisse
3.1.

Antifona e Salmo

3.2.

Orazione coletta

P/. Preghiamo
Signore, nostro Dio, dominatore delluniverso, tuo Figlio Ges ha dato la vita per la
Chiesa e lha resa sua sposa immacolata nel suo sangue. Concedile di indossare
sempre labito splendente delle opere giuste di quanti ti appartengono e fa che,
mossa dallo Spirito, invochi ardentemente la venuta del suo Sposo, Cristo tu Figlio,
che vive e regna nei secoli dei secoli.

DOPO LA LETTURA BREVE

P/. Fratelli carissimi, al termine del Grande Giubileo del 2000 il Beato Pontefice
Giovanni Paolo II ci ricordava che la santit la misura alta della vita
cristiana, la meta verso cui tendere, lo scopo al quale orientare i nostri pensieri,
le nostre azioni, il desiderio pi profondo del nostro cuore. Egli ha dimostrato
con la sua stessa vita la verit di quelle parole. Ascoltiamo la testimonianza dei
nostri Vescovi che domani la Chiesa riconoscer santi: facciamo nostre le loro
parole, imitiamo il loro esempio, per condividere un giorno con loro la
beatitudine eterna nella gloria di Dio Padre.
Dal Giornale dellanima, diario del beato Giovanni XXIII
Appunti sulla santit. 22 agosto Anno Santo 1900
Io rinnovo il mio proponimento di volermi fare santo davvero, e protesto unaltra
volta innanzi a te, o Cuore dolcissimo del mio maestro Ges, di volerti amare come
tu lo desideri, di volermi investire nel tuo spirito. Intanto, quattro sono le risoluzioni
che propongo di praticare, hic et nunc et semper per fare qualche passo innanzi.
Anzitutto, spirito di unione con Ges, raccoglimento nel suo Cuore dal primo
svegliarsi al mattino al chiudere gli occhi la sera e, se fosse possibile, anche nel
sonno notturno.
Parrocchia Santa Lucia - 2014

Ego dormio sed cor meum vigilat. Tutti i miei sforzi, poi, li devo condensare nella
recita del rosario. Secondariamente non dimenticarsi mai dell age quod agis,
essere sempre in tutte le mie azioni presente.
In terzo luogo, modestia la pi scrupolosa negli sguardi, nelle parole, ecc. siamo gi
intesi. Da ultimo, tranquillit, quiete, giovialit, buone maniere, mai una parola
risentita con nessuno, mai scaldarsi ragionando; ma semplicit, cordialit; ma
franchezza insieme e non codardia, non cose fiacche. Aggiungi: non parlare mai di
persone, di compagni intimi miei, la cui triste riuscita faccia sempre pi ribaltare la
mia condotta, se non con riserbo, dicendone quel pi bene che si pu, coprendone i
difetti quando lo svelarli sia inutile, e non faccia che eccitare il mio amor proprio
che si nasconde sotto e il pi delle volte, cos bel bello, si tradisce. Ecco il frutto di
questo mio ritiro.
O Ges, tu vedi il desiderio vivo che nutro in cuore di amarti, di rendermi tuo vero
ministro; concedimi la grazia di far veramente qualche po di bene. Metter io in
pratica tutti questi piccoli propositi? Tanto io spero dalla tua grazia, o Ges.
(momento di silenzio)
Dallomelia del beato Giovanni Paolo II alla GMG di Toronto (28 luglio
2002)
Signore Ges Cristo,
custodisci tutti i giovani nel tuo amore.
Fa' che odano la tua voce
e credano a ci che tu dici,
poich tu solo hai parole di vita eterna.
Insegna loro come professare la propria fede,
come donare il proprio amore,
come comunicare la propria speranza agli altri.
Rendili testimoni convincenti del tuo Vangelo,
in un mondo che ha tanto bisogno
della tua grazia che salva.
Fa' di loro il nuovo popolo delle Beatitudini,
perch siano sale della terra e luce del mondo
all'inizio del terzo millennio cristiano.
Maria, Madre della Chiesa, proteggi e guida
Parrocchia Santa Lucia - 2014

i giovani uomini e giovani donne


del ventunesimo secolo.
Tienili tutti stretti al tuo materno cuore.
Amen.
(momento di silencio)

Cantico della Beata Vergine Maria.


Intercessioni
Orazione finale
Benedizione solenne

Parrocchia Santa Lucia - 2014