Sei sulla pagina 1di 4

COMUNE DI _____________

Provincia di Treviso

RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

REALIZZAZIONE NUOVO ACCESSO CARRAIO CENTRO C.A.R.D.

Committente: _____________________
Proprietario: Comune di ___________________________

Progettista: Ing. De Pieri Stefano

PREMESSA

Larea oggetto del presente intervento si trova a sud-est del centro comunale di ____________ ed
facilmente raggiungibile percorrendo la Strada Provinciale 53 in direzione _____________,
uscendo alla terza uscita della rotonda che porta anche allA4, e imboccando sulla destra Via
Pascoli.
A termine di Via Pascoli troviamo la cancellata che si apre sul Centro Attrezzato di Raccolta
Differenziata (C.A.R.D.), lo stesso ingresso usato anche per raggiungere laccesso al Depuratore
fognario comunale.
Larea identificata al Catasto Terreni del Comune di ______________, al Foglio 8 Mappali 508 e
1000 ed di propriet del Comune di Cessalto che lha data in gestione alla __________________.
srl, azienda che si occupa dei servizi ambientali per il _______________ con sede a
___________________.
Lintervento consiste principalmente nello spostamento dellaccesso carraio al fine di eliminare
linterferenza lungo Via Pascoli tra residenti e utilizzatori del centro stesso, il nuovo ingresso sar
portato lungo Via Vittoria; contestualmente a questo si prevedono delle opere di miglioria di cui il
Centro necessita, quali: lampliato del fabbricato esistente destinato al riparo dei rifiuti urbani
pericolosi (R.U.P.) che sar adeguarlo alla normativa vigente che prevede che gli stessi siano
stoccati a riparo degli agenti atmosferici e la collocazione allinterno dellarea del depuratore, su
richiesta ________________________ che lo gestisce, di un container ad uso servizi igienici e
deposito attrezzature.
Sotto il profilo dimensionale si tratta di interventi di modesta entit che per si rendono urgenti e
improrogabili al fine di garantire una corretta fruizione dei luoghi, con lobiettivo di riordinarli e
metterli in sicurezza.

DESCRIZIONE DELLINTERVENTO

Lintervento prevede la chiusura con recinzione metallica dellattuale accesso al C.A.R.D. che ha
luogo lungo Via Pascoli e la contestuale apertura di un nuovo accesso lungo il lato nord-est
dellarea di smaltimento con la formazione di una nuova strada carrabile, che lo collegher a Via
Vittoria.

La nuova strada avr una larghezza minima di carreggiata pari a 5 ml, mentre si porter
comprendendo anche la banchina ad un totale di circa 6,40 ml, per la realizzazione della stessa sar
creato un fondo in materiale riciclato, sopra il quale saranno stesi in successione gli strati di binder,
stabilizzato per finire con il tappeto di usura.
Il nuovo accesso sar chiuso da un cancello scorrevole in metallo, automatizzato, ricavato
dalladeguamento di quello attualmente in uso, dove necessario sar adattata o in parte rifatta la
recinzione esistente costituita da fondazione e zoccolo in cls con sovrastante rete metallica
plastificata verde montata su paletti in acciaio posti ad una distanza di 2,50 ml.
Contestualmente allapertura del nuovo accesso, sar ampliata la tettoia che protegge i rifiuti urbani
pericolosi, dal momento che il conferimento degli stessi nel tempo aumentato e che come previsto
per legge devono essere posti allinterno di un luogo riparato in modo che gli agenti atmosferici non
possano intaccarli creando percolati.
Lampliamento R.U.P. consister nella specchiatura della tettoia esistente la cui copertura passer
da una a due falde, i materiali impiegati saranno analoghi a quelli gi in essere, quali: profilati in
acciaio per la parte strutturale e tamponamenti in monopanel per il rivestimento perimetrale e la
copertura.
Sar cambiato il senso della viabilit, per facilitare lutente nelle manovre e rendere laccessibilit
ai luoghi chiara ed efficace, sar tracciata una nuova segnaletica orizzontale e quella verticale verr
rivista, aggiungendo uno Stop, un segnale di senso unico di marcia e uno di direzione obbligata.
Su richiesta dei gestori del depuratore fognario, la A.S.I. di San don di Piave, sar inserito un
nuovo container nellarea come meglio evidenziato nelle tavole di progetto, allo scopo di garantire
un servizio igienico e un magazzino agli operai e ai tecnici che si occupano della manutenzione e
delle analisi delle acque reflue.
Larea rientrando nella fascia di rispetto ambientale del canale Piavon, risulta gi ampiamente
piantumata da alberi e siepi, in particolare lungo il confine a nord-est stato creato un diaframma
con il canale attraverso una linea di maestosi salici piangenti, mentre il restante perimetro stato
piantumato con una siepe alta 2 metri di lauro.
Seppur nella sostanza si tratti di un intervento modesto, questo garantir una migliore fruizione dei
luoghi, una sicura separazione tra contesto naturalistico, residenziale abitato e tecnico-logistico,
spostando la viabilit in unarea vocata alle lavorazioni industriali e artigianali, poco trafficata e
dotata di una strada dimensionata anche per il passaggio di veicoli pesanti.

Oderzo 09/09/2014

Il tecnico progettista______________________________