Sei sulla pagina 1di 26

le fonti di energia

mdc
FONTI DI ENERGIA
si dividono in due grosse categorie:


ESAURIBILI
(destinate a finire
col tempo)
RINNOVABILI (che nel
corso del tempo
continuano a formarsi)

petrolio
carbone
uranio
metano



sole
acqua
vento
biomasse
geotermia
moto ondoso

uranio
PETROLIO
Liquido, oleoso, di colore da giallo a nero, un combustibile fossile,
cos come il carbone e i gas naturali. Tali combustibili sono prodotti
da resti di piante e animali morti centinaia di milioni di anni fa,
quando il genere umano non era ancora comparso sulla Terra.
Quelle piante e quegli animali, esattamente come accade oggi,
hanno accumulato l'energia proveniente dal Sole e, dopo la loro
morte, sono rimasti sepolti per milioni di anni fino a trasformarsi in
petrolio e carbone.
Dai combustibili fossili, in particolare dal petrolio,
proviene la maggior parte dell'energia che
utilizziamo attualmente. Si tratta per di una fonte di
energia non rinnovabile, e quindi destinata ad
esaurirsi in periodi di tempo pi o meno lunghi Tutte
le molecole degli idrocarburi esistenti sono costituite
da due soli tipi di atomi: carbonio e idrogeno
giacimenti
Le riserve di questa fonte non sono uniformemente distribuite nel mondo,
ma concentrate in alcuni Paesi: il solo Medio Oriente ne possiede il 66%,
l'America del Sud il 10%, lEuropa e LAfrica rispettivamente il 7 e l8%.
USI
viene usato principalmente come combustibile o
come materia prima nellindustria chimica, ma viene
anche usato nella produzione di medicinali,
fertilizzanti, generi alimentari, materie plastiche,
materiali da costruzione, vernici e tessuti, nonch
per la produzione di energia elettrica nelle centrali
termoelettriche
CARBONE
carboni fossili derivano da una lenta e
graduale decomposizione subita dal
legno di antichissime foreste
sommerse dalle acque e sepolte poi
sotto la crosta terrestre.
Questa decomposizione avvenuta in
mancanza di aria, sotto l'azione di alte
temperature e pressioni e in presenza
di speciali batteri. Durante la
decomposizione i tessuti vegetali
perdono quasi tutto l'ossigeno e
l'idrogeno e si trasformano in
CARBONE.
fino al 1950 circa il carbone era usato per macchine,
locomotive a vapore e per il riscaldamento delle
case, fu per abbandonato in quanto molto
inquinante.
ora viene prima lavorato e ci permette la
combustione con meno residui tossici

URANIO
L'uranio, in condizioni normali, un metallo radioattivo, duro, dal
colore bianco-argenteo, malleabile e duttile. In natura piuttosto
diffuso ma difficile trovarlo in concentrazioni elevate
Fu scoperto nel 1789 dal chimico tedesco
La fonte energetica primaria utile al funzionamento delle centrali
termo-elettronucleari
Luranio, prima della scoperta dellenergia
nucleare, venne utilizzato principalmente per
colorare i vetri. Oggi l'uranio viene soprattutto
utilizzato come combustibile nelle centrali
nucleari
METANO
Il metano un gas naturale, incolore, inodore.
Si forma dalla lenta decomposizione di residui organici
durante migliaia di anni.
Fu scoperto nel 1778 da Alessandro Volta come prodotto della
decomposizione anaerobica nelle paludi.
Rispetto al petrolio e al carbone, la sua combustione non
lascia residui ed quindi meno inquinante.

Questo materiale abbonda nelle regioni
petrolifere, ma pu anche trovarsi in zone
povere di petrolio, perch i gas tendono a
spostarsi nel sottosuolo, accumulandosi in
sacche.
Questo gas naturale usato per il
riscaldamento urbano, data la facilit del suo
trasporto
SOLE
Circa il 50% delle radiazioni solari colpisce ogni anno il nostro pianeta,
sviluppando una quantit di energia 30.000 volte superiore ai bisogni
mondiali.
L'energia derivante dall'irraggiamento del sole costituisce un serbatoio
immenso di energia pulita, rinnovabile e a costo zero.

L'irraggiamento per non n costante n uniformemente distribuito su tutto
il globo; esso dipende dalla nuvolosit, dall'incidenza dei raggi solari, dalla
massa atmosferica che sovrasta la Terra, dall'alternarsi del giorno e della
notte e delle stagioni.

Viene utilizzata per: pannelli solari, pannelli
fotovoltaici e centrali solari
Centrale fotovoltaica
Pannelli fotovoltaici
Pannelli solari
ACQUA
L'acqua una fonte d'energia derivata dallenergia solare.
Il calore del sole fa evaporare lacqua, che si innalza a grandi
altezze per poi condensare e precipitare. Nel punto di caduta
lacqua si trova a possedere unenergia potenziale
gravitazionale pari al peso dellacqua per laltezza del luogo sul
livello del mare. Durante la discesa al mare lenergia potenziale
si trasforma in energia cinetica.
Lo sfruttamento dellenergia idraulica antica mulini ad acqua
Il mulino ad acqua era gi noto ai Romani all'epoca di Cristo, ma fu
poco usato. Solo nell'alto Medioevo diventano le macchine pi
utilizzate nelle attivit produttive In Europa l'et dei mulini inizia
verso l'anno 1000: nel 1086 in Inghilterra esistevano pi di
cinquemila mulini ad acqua per cereali; nel 1200 compaiono i mulini
a vento nelle regioni ventose d'Inghilterra, Spagna e altri paesi. L'et
dei mulini fin verso il 1800, I mulini sorgono sulle rive dei fiumi, nei
punti in cui esiste un certo dislivello d'acqua
VENTO
Per millenni il vento, energia potente ma capricciosa in quanto
estremamente variabile, stata sfruttata solo per spingere le vele
delle imbarcazioni.
I mulini a vento si diffusero in Europa a partire dal XIII secolo. Il
vento una delle fonti di energia su cui si concentra il maggiore
interesse dei governi e degli ambientalisti: essa pulita, rinnovabile
e la materia prima a costo zero.
Purtroppo per essa pu essere utilizzata solo in zone molto
ventose dove sono abbastanza regolari la direzione e l'intensit del
vento che deve superare i 12 Km/h.
L'irregolarit dei venti e la loro debolezza in alcune regioni non
consente di fornire grandi quantitativi di energia

Il mulino a vento compare in Europa
durante il Medioevo e si diffonde
nelle regioni ventose
dell'Inghilterra, della Francia, della
Spagna e di altri paesi.
E' un edificio che tiene sospesa una
grande ruota, il pi antico a
pilastro, seguito da quello a torre la
cui parte superiore mobile e segue
landamento irregolare del vento.

BIOMASSE
Gli scarti agricoli, il legno, materiali vegetali e liquami costituiscono
la biomassa che, assieme ai rifiuti solidi urbani, rappresenta per
luomo unimportante riserva di energia rinnovabile.
La biomassa l'accumulo di parte dell'energia proveniente dalla
radiazione solare sotto forma di massa vegetale mediante la
fotosintesi,
GEOTERMIA
La temperatura interna del nostro pianeta aumenta a mano a mano
che si scende in profondit. Ci dovuto a varie cause.
Se l'acqua piovana, infiltrandosi nel sottosuolo, trova gli strati
rocciosi impermeabili, si accumula e forma dei depositi che si
riscaldano a contatto con queste rocce calde. Quando trova uno
sbocco verso l'alto, risale in superficie sotto forma di acqua calda
In alcune zone del nostro pianeta l'acqua calda proveniente dagli
strati profondi della crosta terrestre pu fuoriuscire sotto forma di
vapore (soffione) o di getto d'acqua (geyser),
MOTO ONDOSO
il moto ondoso rappresenta il movimento pi evidente del mare o
pi in generale di qualunque superficie d'acqua caratterizzato
da onde e dal loro moto in propagazione
Le onde sono anche formate dalle correnti marine che determinano
la circolazione delle acque nei mari a causa della differente
temperatura e salinit delle acque.
una fonte di energia rinnovabile di recente sperimentazione in vari
progetti di ricerca nel campo energetico, soprattutto nel territorio
europeo.

oltre i tre quarti del nostro globo sono coperti dalle
distese marine e lutilizzo completo dei naturali
movimenti marini per lapprovvigionamento di
energia elettrica non comprometterebbe gli equilibri
marini.
A differenza del vento, che pu cambiare la sua
velocit ed livelli di potenza associati in pochi minuti,
le onde forniscono una costante fonte d'energia.