Sei sulla pagina 1di 19

70

CAPITOLO 4:
Sicurezza aumentata Ex e & EEx e

Obbiettivi:
Al termine di questunit, voi conoscerete sicurezza aumentata Ex e & EEx e:
a) procedure operative;

b) le principali caratteristiche di progettazione;

c) i metodi per la valutazione dei terminali contenuti dal contenitore;

d) requisiti di installazione in relazione alla BS EN60079-14;

e) requisiti di installazione in relazione alla BS EN60079-17.










71

Sicurezza aumentata Ex e o EEx e
Il concetto di protezione contro le esplosioni a Sicurezza Aumentata stato inventata in
Germania, dove largamente usato per molti anni. E ' diventato popolare nel Regno
Unito soprattutto perch ha un serie di vantaggi per talune applicazioni rispetto al metodo
tradizionale di protezione dalle esplosioni. L'America ha sempre invocato l'uso della
custodia antideflagrante in ambienti pericolosi, e la prospettiva di utilizzare una custodia
a sicurezza aumentata che non progettata per resistere a un'esplosione interna, in
alternativa, probabilmente stato visto con un po di trepidazione.
Questo metodo di protezione ha una buona annotazione di sicurezza ed paragonabile
con gli altri metodi di protezione. La lettera "e" che simboleggia questo metodo di
protezione tratto dalla frase tedesca (Erhote Sincherheit), che approssimativamente
tradotto significa "maggiore sicurezza". Le applicazioni tipiche sono motori a induzione,
apparecchi dilluminazione e scatole di giunzione.

Normative
BS EN60079-7: 2003
Apparecchi elettrici per atmosfere di gas esplosive.
Sicurezza aumentata e
BS EN 50 019: 2000 Custodie a Sicurezza aumentata e
BS 5501: Parte 6: 1997 Custodie a Sicurezza aumentata e
BS 4683: Parte 4: 1973 Tipo di protezione e
IEC 60079-7: 2001-11
Costruzione e prova di apparecchi elettrici, protezione
tipo e
BS EN60079-14: 2003
Apparecchi elettrici per atmosfere di gas esplosive.
Parte 14 Installazioni elettriche in aree pericolose.
(diverso dalle miniere).
BS EN60079-17: 2003
Apparecchi elettrici per atmosfere di gas esplosive.
Parte 17 ispezione e manutenzione di Installazioni
elettriche in aree pericolose. (diverso dalle miniere).
BS 5345: Parte 6: 1978
(superata)
Codice di pratica per la scelta, linstallazione e
manutenzione di apparecchi a Sicurezza aumentata.
72

Definizioni
"Un tipo di protezione applicata agli apparecchi elettrici in cui sono applicate misure
supplementari in modo da dare una maggiore sicurezza contro la possibilit di
temperature eccessive e la comparsa di archi e scintille in servizio normale o sotto
specificate condizioni anormali".

Zone di utilizzo: 1 & 2
Temperatura ambiente
Custodie a Sicurezza Aumentata sono normalmente progettate per uso in ambienti a
temperatura compresa da -20C a +40C se non diversamente marcato.



73

Principi
Il funzionamento sicuro di apparecchi di sicurezza maggiore dipende dalla prevenzione di
ogni sorgente di accensione, cio eccessive temperature superficiali, archi o scintille, che
potrebbero altrimenti essere prodotti da parti interne o esterne dell'apparecchio. Speciali
caratteristiche di progettazione sono, pertanto, incorporato nel dispositivo dal produttore
e sono le seguenti.
1) Custodia meccanicamente resistente agli urti - testata per l'impatto a 4 o 7 joule di
energia a seconda dell'applicazione.

2) Grado di protezione contro oggetti solidi e liquidi - almeno IP 54.

3) Terminali realizzati in materiale isolante di alta qualit.

4) Dispersione e distanze specifiche utilizzate per la progettazione di terminali.

5) Terminali con dispositivi di bloccaggio per garantire la connessione dei conduttori.

6) Sovradimensionamento certificato dei terminali.

7) Quantit di terminali della custodia limitato dalla progettazione.

8) Protezione contro l'eccesso di corrente del circuito.
Terminali a Sicurezza Aumentata.
I terminali installati in una custodia a Sicurezza Aumentata devono essere componenti
certificati. Devono essere realizzati con materiale di buona qualit come la Melanina,
Poliammide e, per applicazioni speciali, Ceramica. Questi materiali, devono avere una
buona stabilit termica, sono stati sottoposti a una "Comparative Tracking Index (CTI)
(Indice comparativo di scarica)" test per determinare il tracciato della loro resistenza.
Le seguenti definizioni sono importanti:
Interassi: La distanza minima tra due conduttori
Distanza di dispersione: La distanza pi breve tra due conduttori lungo la superficie
di un isolante.
Corrente di scarica: La corrente di dispersione che passata attraverso la
superficie contaminata di un isolante tra i terminali, o
terminali e terra.
C.T.I.: Il valore numerico del voltaggio massimo, in volt al quale
un materiale isolante resiste cio, 100 gocce di elettrolita
(generalmente cloruro di ammonio in soluzione di acqua
distillata) senza inseguimento.

74

Terminali a sicurezza aumentata

Criteri di test Indice Comparativo di Scarica (CTI)
Il criterio di test di CTI indicato nella seguente tabella. Sono considerati quattro gradi di
materiali a, b, c e d, il materiale di pi alta qualit "a" cui sottoposta il maggior
numero di gocce di elettrolita caduta tra gli elettrodi di prova, e la pi alta tensione
applicata tra gli elettrodi dalla sorgente di tensione variabile. Ogni materiale deve
resistere al numero specificato di gocce dell'elettrolito alla tensione specificata, per
essere accettabile.
Quindi, la combinazione di materiali di alta qualit e buona progettazione, che incorpora
distanze di isolamento e dispersione specifica, assicura che i terminali a Sicurezza
Aumentata hanno una maggiore resistenza di isolamento per evitare scintille darco.

I materiali isolanti del gruppo in accordo con la norma IEC 60112 hanno una resistenza
disolamento come illustrato nella sottostante tabella.

Distanza disolamento e dispersione

75

Terminali a sicurezza aumentata
Distanza disolamento e dispersione


76

Terminali a sicurezza aumentata
Distanze di dispersione relative alla tensione e grado di isolamento
La tabella seguente presa dalla norma BS EN60079-7 mostra le distanze di dispersione
rispetto al gruppo dei materiale e alla tensione applicata.

Tensione (vedi nota 1)
U r.m.s. a.c. o d.c.
(V)
Divario massimo (mm)
Divario minimo
(mm)
Gruppo materiale
I II IIIa
10 (vedi nota 3) 1.6 1.6 1.6 1.6
12,5 1.6 1.6 1.6 1.6
16 1.6 1.6 1.6 1.6
20 1.6 1.6 1.6 1.6
25 1.7 1.7 1.7 1.7
32 1.8 1.8 1.8 1.8
40 1.9 2.4 3.0 1.9
50 2.1 2.6 3.4 2.1
63 2.1 2.6 3.4 2.1
80 2.2 2.8 3.6 2.2
100 2.4 3.0 3.8 2.4
125 2.5 3.2 4.0 2.5
160 3.2 4.0 5.0 3.2
200 4.0 5.0 6.3 4.0
250 5.0 6.3 8.0 5.0
320 6.3 8.0 10.0 6.0
400 8.0 10.0 12.5 6.0
500 10.0 12.5 16.0 8.0
630 12.0 16.0 20.0 10.0
800 16.0 20.0 25.0 12.0
1000 20.0 25.0 32.0 14.0
1250 22.0 26.0 32.0 18.0
1600 23.0 27.0 32.0 20.0
2000 25.0 28.0 32.0 23.0
2500 32.0 36.0 40.0 29.0
3200 40.0 45.0 50.0 36.0
4000 50.0 56.0 63.0 44.0
5000 63.0 71.0 80.0 50.0
6300 80.0 90.0 100.0 60.0
8000 100 110.0 125.0 80.0
10000 125.0 140.0 160.0 100.0
Nota 1: La tensione visualizzata presa dalla IEC 60664-1. La tensione operativa
pu superare la tensione data nella tavola del 10%. Questo in base alla
razionalizzazione delle tensioni di alimentazione date nella tabella 3b della IEC
60664-1.
Nota 2: Il valore della distanza di divario visualizzati sono basati sulla tolleranza
massima della tensione di alimentazione + 10%.
Nota 3: Fino a 10V, il valore del CTI non rilevante e i materiali che non
soddisfano i requisiti per i materiali del gruppo IIIa possono essere accettati.



77

Terminali a sicurezza aumentata, tipi e grandezze
I terminali sono sovradimensionati in modo che la corrente massima per le applicazioni in
Sicurezza Aumentata quasi la met che le applicazioni standard industriali, come
illustrato nella seguente tabella della casa produttrice per custodia costruite secondo la
BS EN50019. Questo sovradimensionamento, insieme ad altre considerazioni, assicura
che la temperatura esterna delle superfici rimanga entro i limiti prescritti. La seguente
tabella illustra anche la massima sezione del conduttore per ogni terminale.

Terminali a sicurezza aumentata
Dispositivo di blocco del terminale
E essenziale che il conduttore sia connesso con sicurezza al terminale per prevenire
scintille dovute a connessioni lente. La seguente illustrazione mostra come questo sia
possibile.

78

Determinazione del numero dei terminali
Il numero di terminali che possono essere montati in un contenitore di taglia stabilita
limitato.
I produttori hanno sviluppato diversi metodi a questo proposito. Essi sono:
Fattore contenitore: Il metodo usato nelle apparecchiature secondo le norme BS
4683 Parte 4 in cui la quantit di terminali valutato
dividendo il "fattore custodia" dalla portata in corrente
certificata di un dato terminale.

Limite di carico: Simile al Fattore contenitore ma usato solo in apparecchi
costruiti secondo la BS 5501 Parte 6.

Dimensionamento kelvin: Normalmente usato per applicazioni per alte correnti e
apparecchi costruiti secondo la BS 4683 parte 4 e BS 5501
Parte 6. Con questo metodo, contenitore e terminali sono
assegnati per dimensionamento in temperatura. I contenitori
sono normalmente limitati a una temperatura di 40K per un
dimensionamento T6, ma la temperatura per i terminali
dipender dal loro tipo, dalla corrente nominale, dalla
dimensione del conduttore associati, e dalle dimensioni del
contenitore in cui sono installati. Ci comporta l'uso di
tabelle che sono fornite dalla casa produttrice. Una volta
che stato stabilito il "K" del terminale, diviso per la "K"
della custodia ottenendo il numero di terminali di un certo
tipo che possono essere installati.

Massima potenza dissipata: Questo un metodo che sostituir l'attuale metodo del
"carico limite" e si applica agli apparecchi costruiti secondo
le BS 5501 Parte 6 e BS EN 50 019. In questo metodo, alle
custodie sono assegnati dei coefficienti " watt di
dissipazione ", ma la valutazione dei terminali determinata
dalla uso di un unica tabella per la custodia (fornito dal
costruttore). Questa tabella fornisce la "dissipazione in watt"
del terminale attraverso la considerazione delle dimensioni
del conduttore e della corrente di carico. Il numero dei
terminali determinato dividendo il valore " watt di
dissipazione " per il K del terminale di quella custodia.

Un altro metodo usato dai costruttori di specificare la massima corrente per polo e
anche la massima corrente per mmq.

Esempi di targhe con le suddette informazioni sono illustrate di seguito.
79

Esempi di targhe

(a) Fattore contenitore (b) Carico limite

(c) Fattore contenitore (d) Massima corrente dissipata

(e) massima corrente per polo e per mmq

80

Esempio di calcolo con lutilizzo del Carico limite
Il "carico limite" sar specificato nelletichetta di certificazione di un contenitore di
sicurezza aumentata, come di seguito illustrato, e rappresenta la somma di tutte le
correnti dei circuito che la custodia in grado di portare senza superare la temperatura di
classificazione.
Cos, il numero di terminali di un certo tipo, che pu essere installato in un dato involucro,
semplicemente il "Carico Limite" diviso per la corrente del tipo di terminale a Sicurezza
Aumentata da utilizzare come dimostrato nel seguente calcolo.

Carico Limite del contenitore = 600A
Rating del morsetto SAK 2,5 Ex e = 15A

Numero di terminali SAK 2,5 =

=

= 40 terminali SAK 2,5
Dove la corrente del circuito inferiore alla corrente certificata del terminale, possibile
per il costruttore calcolare il numero dei terminali in base alla corrente purch non superi
il valore assegnato.
Carico Limite del contenitore = 600A
Corrente del circuito = 10A

Numero di terminali SAK 2,5 =

=

= 60 terminali SAK 2,5
81

Assemblaggio terminali

Gruppo approvato di componenti di terminali
1. Guida DIN di montaggio;
2. Morsetti componente certificato;
3. Terminale; Blocco di fissaggio terminale;
4. Manicotto distanziale;
5. Separatore;
6. Connettore trasversale in rame;
7. Viti zincate;
8. Connettore trasversale in rame;
9. Connettore trasversale in rame.
Cavallotti isolati


82

Assemblaggio terminali












83

Istallazione, ispezione e manutenzione

E 'essenziale che i contenitori a Sicurezza Aumentata siano installati e mantenuti in
conformit alle norme e codici di pratica, al fine di rispettare la certificazione. L'elenco
che segue indica i punti principali.
1. Il contenuto dei contenitori non vanno modificati senza consultare il costruttore.

2. Solo componenti specifici approvati vanno inseriti nei contenitori.

3. Tutti i terminali a vite, usati e disponibili, vanno stretti.

4. Lisolamento del conduttore dovrebbe estendere oltre 1 mm dall'estremit della gola
metallica del terminale.

5. Le partizioni devono essere montate ai lati del gruppo di terminali di collegamento.

6. Solo un conduttore per lato va collegato al terminale.

7. Un conduttore supplementare singolo, min 1,0 mmq, pu essere collegato nel stesso
morsetto quando utilizzato un pettine isolato.

8. Solo i conduttori di ogni ingresso cavo deve essere profilati insieme.

9. Lisolamento dei cavi deve essere adeguato per un uso ad almeno 80C per un
classe di temperatura T5.

10. Le singole piastre di continuit di terra all'interno del contenitore di plastica devono
essere legate insieme e dadi di bloccaggio utilizzati per fissare i pressa cavi alle
piastre di continuit.

11. Quando circuiti a Sicurezza Intrinseca e aumentata occupano l0 stesso contenitore
tra i circuiti ci deve essere una distanza di almeno 50 mm.

12. Deve essere un sufficiente spazio libero tra contenitori adiacenti in modo da
permettere un adeguata installazione di cavi e pressa cavi.

13. Tutte le entrate cavi inutilizzate vanno chiuse con tappi adeguati.

14. Il programma del relativo certificato deve essere consultato prima di eseguire i fori
dingresso del dei cavi.

15. Gli ingressi cavo e conduit devono mantenere la protezione minima di IP 54.

16. Tutti i bulloni del coperchio e flange devono essere completamente serrati dopo
l'installazione.


84

Sicurezza Aumentata EEx e motori
Questi motori sono apparente simili ai motori industriali standard e lispezione della targa di
certificazione/rating usualmente necessaria per identificarli. Questi motori non sono progettati
per resistere a una esplosione interna e quindi sono progettati con speciali caratteristiche per
evitare archi, scintille ed eccessive temperature superficiali che si verificano sia internamente sia
esternamente. Le principali caratteristiche di progetto sono:

1. Speciale attenzione sui giochi concentrici e distanze tra tutte le parti rotanti;

2. Prova d'urto del telaio motore;

3. Limite di temperatura di 10C inferiore al normale;

4. Temperatura limite delle superfici T2 e T3;

5. Il rispetto del tipico t
E
;

6. Speciali blocchi terminali con particolari distanze di dispersione/spazio e dispositivi di
blocco dei terminali;

7. Protezione minima dingresso IP54.


Nella condizione In stallo (rotore bloccato), La temperatura superficiale del rotore aumenta
normalmente pi velocemente di quella dellavvolgimento dello statore, e quindi, il coefficiente di
temperatura T va applicato su ambedue le superfici esterne e interne.
In condizioni di guasto, il motore deve intervenire entro il tempo t
E
indicato sulla targhetta dati del
motore.

Tempo t
E

Definito come: "il tempo necessario per raggiungere la temperatura limite dalla temperatura
raggiunta in servizio normale quando circola la Corrente di avviamento IA alla massima
temperatura ambiente.
Nel grafico illustrato a pag. 85, OA rappresenta la massima temperatura ambiente e OB la
massima temperatura raggiunta alla massima corrente nominale. Se il rotore bloccato il
risultato di un guasto, la temperatura aumenter velocemente verso C come illustrato nella 2
parte del grafico, che inferiore alla valutazione T del motore. Il tempo necessario a
raggiungere C da B conosciuto come tempo t
E
, e durante le condizioni di guasto il
dispositivo di sovraccarico termico dellavviatore motore deve intervenire sul motore entro
questo tempo.
I motori a Sicurezza Aumentata sono destinati solo a servizio continuo, vale a dire che non sono
adatti per applicazioni che richiedono frequenti l'avvio e arresto e / o avviamenti lunghi.

85

Determinazione del tempo t
E


Temperatura limite
Temperatura limitata sia selezionando la classificazione T o la classe disolamento
dell'avvolgimento.
A = massima temperatura ambiente;
B = massima temperatura alla corrente nominale;
C = temperatura limite;
Q
= temperatura;

1) = aumento di temperatura alla corrente nominale;

2) = aumento della temperatura a rotore bloccato;

tE = tempo compreso dalla massima temperatura (B) alla corrente nominale
alla temperatura limite (C).

86

Caratteristica dintervento di sovraccarico termico
Il sovraccarico termico sar selezionato per l'idoneit in base alla sua caratteristica dintervento.
Il tempo t
E
e il rapporto di corrente IA / IN sono influenti nella scelta del dispositivo e sono indicati
sulla targhetta del motore.

IN = corrente nominale del motore
IA = corrente a rotore bloccato

Esempio 1: IA/IN = 5 e tempo t
E
= 10 sec.
La caratteristica succitata arresta il motore dopo 8 secondi, che entro il
tempo t
E
e quindi accettabile.

Esempio 2: IA/IN = 4,5 e tempo tE = 8 sec.
Con questi valori il tempo dintervento di 10 sec, che fuori del tempo tE
assegnato al motore, quindi un dispositivo di sovraccarico con queste
caratteristiche non utilizzabile per i valori specificati.




87

BS EN 60079-17: Tavola 1: Scheda di ispezione per Ex d, Ex e, E Ex n
. Istallazione (D = Dettagliata, C = Semplice, V = visiva)
Controllare che:
Ex d Ex e Ex n
Grado dispezione
D C V D C V D C V
A APPARECCHI

1 Lapparecchio adatto allarea di classificazione * * * * * * * * *
2 Il gruppo dellapparecchio corretto * * * * * *
3 La classe di temperatura dellapparecchio corretta * * * * * *
4 Il circuito didentificazione dellapparecchio corretta * * *
5 Il circuito didentificazione dellapparecchio disponibile * * * * * * * * *
6
Contenitore, parti in vetro e guarnizioni e/o bi componente di tenuta vetro/metallo
sono soddisfacenti
* * * * * * * * *
7 Non ci sono modifiche non autorizzate * * *
8 Non ci sono modifiche non autorizzate visibili * * * * * *
9
Bulloni, dispositivi ingressi cavi (diretti e indiretti) elementi di chiusura sono di tipo
corretto e completamente serrati
-Controllo fisico
-Controllo visivo

* * * * * *
* * *
10
Le superficie delle flange sono pulite e non danneggiate e le guarnizioni, se presenti,
sono soddisfacenti
*
11 Le dimensioni dello spazio di tenuta delle flange entro i valori massimi consentiti * *
12 Potenza della lampada, tipo e posizione sono corretti * * *
13 I collegamenti elettrici sono corretti * *
14 Le condizioni delle guarnizioni del contenitore sono soddisfacenti * *
15 I dispositivi di interruzione chiusi e ermeticamente chiusi non sono danneggiati *
16 La custodia a respirazione limitata soddisfacente *
17 I motori di ventilatori sono sufficientemente distanti da custodie e/o coperture * * *
18 I dispositivi di respirazione di drenaggio sono soddisfacenti * * * * * *

B INSTALLAZIONE

1 Il tipo di cavo appropriato * * *
2 Non ci sono ovvi danneggiamenti nei cavi * * * * * * * * *
3 Le tenute della canalizzazione, condotti tubi e/o conduit soddisfacente * * * * * * * * *
4 Le caselle di bloccaggio e caselle cavo sono correttamente riempite *
5 Lintegrit del sistema di conduit e l'interfaccia con il sistema misto mantenuta * * *
6
Il collegamento di terra, incluso ogni connessione di terra supplementare
soddisfacente (esempio i collegamenti sono serrati e i conduttori sono di sezione
adeguata)
-Controllo fisico
-Controllo visivo

* * *
* * * * * *
7
Limpedenza dellanello di guasto (sistemi TN) o la resistenza di terra (sistemi IT)
soddisfacente
* * *
8 La resistenza disolamento soddisfacente * * *
9 I dispositivi elettrici di protezione automatici lavorano entro i limiti consentiti * * *
10
I dispositivi elettrici di protezione automatici sono correttamente impostati (il riarmo
automatico non ammesso)
* * *
11 Particolari condizioni di utilizzo (se applicabile) sono soddisfatte * * *
12 I cavi inutilizzati sono correttamente terminati * * *
13
Ostacoli adiacenti a giunti flangiati a prova di esplosione sono conformi alla norma
IEC 60079-14
* * *
14 Installazioni con tensione/frequenza variabili sono in accordo con la documentazione * * * * * *

C AMBIENTE

1
Le apparecchiature sono adeguatamente protette dalla corrosione, condizioni
climatiche, vibrazioni e altri fattori avversi
* * * * * * * * *
2 Nessun accumulo eccessivo di polvere e sporcizia * * * * * * * * *
3 Lisolante elettrico pulito e asciutto * *

88

Nota 1: Le apparecchiature che utilizzano protezioni di tipo d ed e insieme richiedono,
durante lispezione, la verifica di entrambe le colonne.
Nota 2: Lutilizzo di apparecchiature di verifica elettriche, in accordo con i punti B7 e B8,
dovrebbero essere effettuate solo dopo aver adottato misure adeguate per garantire
che la zona circostante libera di un gas o vapore infiammabile.