Sei sulla pagina 1di 20

8

CAPITOLO
1:
Principi generali

Obbiettivi:

Al termine di questunit, "principi generali", si dovrebbe sapere:
a) La natura dei materiali infiammabili con il grado di limite esplosivo (LEL/UEL), punto di
infiammabilit, temperatura di autocombustione, leffetto di arricchimento di ossigeno e
densit relativa;

b) Principi base delle aeree di classificazione:


c) I gruppi di gas in accordo con energia minima di accensione (MIE) e massima
distanza sperimentale di sicurezza (MESG);

d) Appropriato T - rating per gli apparecchi rispetto alla temperatura di accensione di un
dato materiale infiammabile;


e) Livelli del grado di protezione.











9

Principi generali
Natura dei materiali infiammabili
Triangolo di fuoco
Il triangolo di fuoco rappresenta i tre elementi che dobbiamo tenere in considerazione prima
che la combustione abbia atto. Ciascun vertice del triangolo rappresenta degli elementi
essenziali sottodescritti:
1. Combustibile: questo pu essere sotto forma di gas, vapore, misto o
polvere.

2. Ossigeno: in abbondanza poich circa il 21% in volume in aria.

3. Sorgente di accensione: Questa pu essere, arco, fiamma libera o superficie calda.

La combustione avr luogo se tutti e tre gli elementi, in una forma o nell'altra, sono presenti, la
miscela gas / aria entro certi limiti e la fonte di accensione ha sufficiente energia. La rimozione
di un elemento sufficiente per evitare la combustione, come l'isolamento o la separazione della
sorgente di accensione dalla miscela gas / aria. Queste sono due tecniche utilizzate nelle
apparecchiature antideflagranti. Altre tecniche di protezione permettere ai tre elementi di
coesistere e si assicura che l'energia della sorgente di accensione mantenuta sotto i valori
specifici, o permette che unesplosione avvenga se contenuta in un robusto contenitore.
Queste tecniche sono affrontate nelle varie sezioni di questo manuale.





10

Limiti dinfiammabilit (esplosione)
La combustione avviene solo se la miscela infiammabile che comprende combustibile, sotto
forma di gas o vapore e aria, e sono entro certi limiti. Questi limiti sono il "limite minimo di
esplosivo " (LEL), e il "limite superiore esplosivo" (UEL), la gamma tra questi limiti
conosciuto come il campo di infiammabilit.
Un esempio tipico il carburatore di un motore a benzina, che deve essere regolato su un punto
particolare tra questi limiti in modo che il motore possa funzionare in modo efficiente.
Livello esplosivo massimo (UEL)
miscela troppo ricca (insufficiente ossigeno)
Zona dinfiammabilit
Livello esplosivo minimo (LEL)
miscela troppo povera (insufficiente combustibile)


Limite minimo di esplosione: Quando la percentuale di gas, in volume, minore di
questo limite la miscela troppo debole perch
esploda, ossia insufficiente carburante e/o troppa aria.
Limite superiore di esplosione: Quando la percentuale di gas, in volume, oltre
questo limite la miscela troppo ricca perch bruci,
ossia insufficiente aria o troppa benzina.

I limiti dinfiammabilit di alcuni combustibili sono indicati di seguito.




11

Limiti dinfiammabilit (esplosione) (continuazione)
Differenti gas o vapori hanno diversi limiti dinfiammabilit, e maggiore la differenza tra il LEL e
lUEL, conosciuto come il campo dinfiammabilit, il pi pericoloso dei materiali. Unatmosfera
Esplosiva (infiammabile), quindi, esiste solo entro questi due limiti.
Lavorare in sicurezza con miscele infiammabili superiori allUEL possibile, ma non in
sostanza proponibile. E molto pi pratico operare sotto il LEL.

Fonti di accensione
Le fonti di accensione sono tante e varie e includono:

a) Arco elettrico/scintilla;
b) Scintilla da frizione;
c) Superfici calde;
d) Attivit di saldatura,
e) Sigarette;
f) Scariche elettrostatiche,
g) Batterie;
h) Fumi esausti di combustione endotermica;
i) Reazione termitica;
j) Sodio esposto allacqua;
k) Reazione piroforica;
l) Reazione chimica;
m) Fulmini;
La sorgente di accensione per quanto principalmente si preoccupa questo testo un
equipaggiamento elettrico.




12

Punto dinfiammabilit
La definizione di punto di infiammabilit : la pi bassa temperatura alla quale viene generato
sufficiente vapore da un liquido, per formare con l'aria una miscela infiammabile che possa
essere innescata da una fiamma, arco, scintilla o fiamma libera. Valori tipici sono esposti qui
sotto

Valori ottenuti da una fonte diversa PD IEC60079-20
Il punto dinfiammabilit di un materiale d un'indicazione di come facilmente quel materiale si
accende a temperatura ambiente. Il riferimento alle tabelle di materiali infiammabili da PD
IEC60079-20 (vedi appendice 1) rivela che il punto dinfiammabilit dei materiali differenti
diverso, variano da ben al di sotto a ben sopra degli 0 C.
I materiali con alto punto dinfiammabilit non devono essere trascurati come un potenziale
pericolo perch l'esposizione a fonti di calore pu permettere la formazione di una miscela
infiammabile a livello locale. Inoltre, se un materiale infiammabile scaricato sotto pressione da
un jet, il suo punto dinfiammabilit pu essere ridotto.

La quantit di vapore rilasciato dipende dalla temperatura.
13

Punto dinfiammabilit (continuazione)
Kerosene: punto dinfiammabilit 38C
A



A 38C:
Accensione
A 37C:
Insufficiente
produzione di
Vapore
A 0C:
Trascurabile
produzione di
vapore
14

Temperatura di accensione
Temperatura di accensione definita come: "La temperatura minima alla quale un materiale
infiammabile sincendia spontaneamente".
Temperatura di accensione, formalmente conosciuta come temperatura di auto accensione,
un parametro importante perch molti dei processi industriali generano calore. Un'attenta
selezione del materiale elettrico che assicuri che la temperatura superficiale prodotta dai
dispositivi, indicato dal T-rating, non superi la temperatura di accensione dell'atmosfera
infiammabile che pu essere presente attorno al materiale. Dei valori tipici di temperatura di
accensione sono i seguenti:



15

Ossigeno arricchito
La normale quantit di ossigeno contenuto nellatmosfera intorno al 20,95%, e se in una data
zona la quantit di ossigeno eccede questo valore questa considerata ossigeno arricchito.
Un tipico esempio di ossigeno arricchito si pu verificare negli impianti di produzione di gas, sale
operatorie dospedale, e dove vengono utilizzati equipaggiamenti con ossi-acetilene.
Ossigeno arricchito ha tre distinti svantaggi. Primo di tutti, pu abbassare la temperatura di
accensione dei materiali come mostrato nella seguente tabella.

Tutti i valori provengono da fonte diversa dal PD IEC60079-20

Per secondo, lossigeno arricchito innalza significativamente il limite massimo di esplosione
(UEL) della maggio parte dei gas e vapori, ampliando cos il campo di di infiammabilit. Questo
illustrato nella seguente tabella.

Tutti i valori provengono da fonte diversa dal PD IEC60079-20

Per terzo, Lossigeno arricchito di una atmosfera infiammabile pu essere infiammato con un
valore molto pi basso di energia elettrica.
Attrezzature antideflagranti che sono state testate in condizioni atmosferiche normali, non
garantiscono di conseguenza, la sicurezza di tali apparecchiature in un'atmosfera arricchita di
ossigeno a causa della natura modificata di una miscela infiammabile.

16

Densit
Se un materiale infiammabile viene rilasciato, importante sapere se il materiale andr a salire
o scendere in atmosfera. I differenti materiali infiammabili sono comparati con laria e attribuito
un numero per indicare la loro densit relativa con l'aria. Dato che laria il riferimento, la sua
densit relativa 1 tale che per un materiale due volte pi pesante dell'aria, la sua densit
relativa sar 2. Quindi, materiale con una densit relativa minore dellunit saliranno
nellatmosfera, e quelli superiori allunit scenderanno al suolo.
I materiali che salgono in atmosfera saranno raccolti nel tetto, e quelli che scendono, come il
butano e il propano, possono essere trasportati a livello del terreno e, eventualmente, in una
zona non pericolosa, o raccolti in una zona sotto il livello del terreno senza dispersione. Tale
posizione deve essere ben ventilata in modo da evitare inneschi causati da scintille vaganti o
scarti di sigaretta.
La conoscenza di dove un materiale infiammabile si raccoglier assicura, che un rilevatore di
gas quando montato sar situato al giusto livello e la ventilazione sia rivolta di conseguenza.


17

Classificazione dellarea
Una zona di pericolo definita come: un area in cui unatmosfera di gas esplosivo presente,
o si presume sia presente, in quantit tali da richiedere particolari precauzioni per la costruzione,
l'installazione e l'uso di apparecchi.
Una zona non pericolosa definita come: Unarea in cui unatmosfera di gas esplosivo non
presente in quantit tali da richiedere particolari precauzioni per la costruzione, l'installazione e
l'uso di apparecchi.

Zone
La suddivisione in Zone un mezzo che rappresenta la frequenza di comparsa e durata di
atmosfere esplosive basata sull'identificazione e la considerazione di ogni fonte di rilascio in
quelle stesse aree di un impianto. La suddivisione in Zone influir, e semplificher la selezione
del tipo di apparecchiature protette dallesplosione, si possono essere utilizzate. Le Zone
pericolose sono, quindi, divise in tre Zone che rappresentano questo rischio in termini di
probabilit, frequenza e durata del rilascio.

Zona 0 - In questa Zona, unatmosfera di gas esplosivo
continuamente presente, o presente per lunghi periodi;

Zona 1 - In questa Zona, unatmosfera di gas esplosivo
probabile che sia presente durante le normali attivit.

Zona 2 - In questa Zona, unatmosfera di gas esplosivo non
probabile che sia presente durante le normali attivit, se
accadesse, probabile che sia poco frequente e di
breve durata.

Anche se non specificato nella norma, generalmente accettato nel settore che la durata
di un rilascio di gas, o un numero di fughe di gas, su base annua (un anno composto di
circa 8760 ore), per le diverse Zone la seguente.

Zona 2 - 0 10 ore
Zona 1 - 10 1000 ore
Zona 0 - oltre 1000 ore



18

Classificazione dellarea (continuazione)
La rappresentazione delle zone con Diagrammi di classificazione dellarea sono
raccomandati nelle BS EN60079-10


19

Classificazione dellarea (continuazione)
Serbatoio di stoccaggio con tetto fisso















20

Classificazione dellarea (continuazione)
Sorgenti di rilascio

Tubi con giunti saldati :
- Zona non pericolosa

Tubi con giunti flangiati:
- Zona 2

Premistoppa pompa:
- Zona 1

Spazio sopra il liquido in un serbatoio chiuso:
- Zona 0

21

Classificazione dellarea (continuazione)
Aree di pericolo in una piattaforma








22

Gas / raggruppamento apparecchi
Nel sistema IEC, i gruppi di assegnazione per industria di superfice e sotterranea (miniera)
sono separate. Il Gruppo I riservato allindustria mineraria, e il Gruppo II che suddiviso in
IIC, IIB, e IIA per le industrie di superficie. La rappresentazione per sottogruppi dei gas
riportata nella tabella sottostante.
Sono stati usati due metodi per raggruppare questi materiali infiammabili in base al grado
di rischio che rappresentano quando innescati. Un metodo coinvolto per determinare
l'energia minima innesco che incendiare i gas rappresentati. I valori ottenuti sono rilevanti
per apparecchiature a Sicurezza Intrinseca. Nella tabella seguente si pu vedere che per il
Gruppo II, lidrogeno allacetilene sono i pi facili da infiammare e il propano il meno facile.
Laltro metodo usato coinvolge i test, per esempio, una custodia antideflagrante speciale
nella forma di una sfera 8 litri, che situata all'interno di un contenitore a tenuta di gas. Le
due met della sfera hanno flange da 25 millimetri e un meccanismo che modifica la misura
di distanza tra le flange. Durante la prova, le aree dentro e fuori la sfera sono occupate da un
gas nella sua concentrazione pi esplosiva in aria e, per mezzo di una candela, il gas
all'interno della sfera acceso. La dimensione massima tra le flange, che ha impedito
accensione della miscela gas / aria, conosciuta come il "massimo divario sperimentale
sicuro" (MESG), e il valore per i gas rappresentati sono visibili nella tabella seguente. Pi
pericoloso il gas pi piccolo il divario tra le flange. importante notare che il valore di
MESG non usato per definire la progettazione di apparecchi a prova di esplosione, solo a
definire gli spazi massimi di esercizio.
La tabella mostra inoltre che questi materiali infiammabili rientrano nello stesso ordine per
entrambi i test, cio in una situazione relativa, idrogeno e acetilene presentano i maggiori
rischi e propano l'ultimo in termini di "energia minima di accensione" e "MESG".

Note 1: altri apparecchi di sicurezza antideflagrante o intrinseca, che non hanno lettera di
suddivisione (A, B o C) dopo il gruppo II marchio, possono essere utilizzati in tutti i
gruppi di pericolo.
Note 2: Apparecchi marcati IIXXXXX: XXXXX rappresenta la formula chimica o il nome del
materiale infiammabile, le apparecchiature marcate cos vanno usate
esclusivamente per quel tipo di infiammabile.

23

Gas / raggruppamento apparecchi
Il sottogruppo di marcatura uno degli aspetti importanti durante il processo di selezione di
apparecchi antideflagranti. Per esempio, apparecchi marcati IIA possono essere usati solo in
zone di pericolo IIA come il propano, non possono essere usati in zone di pericolo IIB o IIC.
Apparecchi marcati IIB possono essere usati in aree di pericolo IIB e IIA ma non in zone di
pericolo IIC. Apparecchi marcati IIC possono essere usati in tutte le zone di pericolo.

Apparecchio per la determinazione della M.E.G.S.







24

Gas / raggruppamento apparecchi
Comparazione tra BS 229 e IEC
La BS 229 una vecchia norma British Standard, ormai obsoleta, ma apparecchi elettrici, anche
se molto pochi, stato ancora confezionato a questo standard. Apparecchi confezionati
secondo la BS 229 sono marcati con sottogruppi differenti da quelli del sistema IEC e la
comparazione esposta nella seguente tabella. Lintroduzione alla Direttiva ATEX dopo il 30
giugno 2003, tuttavia, ha ordinato ai produttori di interrompere la produzione di apparecchi con
questo standard, ma apparati gi in uso rimarranno validi.














25

Classificazione temperature
Apparecchiature elettriche approvate devono essere selezionate tenendo in debito conto la
temperatura di accensione del gas o vapore infiammabile che presente nella zona di pericolo.
Gli apparecchi sono usualmente marcati con uno dei codici di temperatura presenti nella
seguente tabella.
Codici di temperatura

Nella seguente tabella, si pu osservare che per ogni materiale, la temperatura nominale (T-
rating) pi bassa della temperatura di accensione del materiale infiammabile. Inoltre, le
temperature nominali sono basate, per quanto riguarda il Regno Unito, su una valutazione
massima dell'ambiente di 40 . Per esempio, apparecchi classificati T5, in conformit a una
valutazione 40 C di temperatura ambiente, avr un aumento di temperatura massima
consentita di 60 C. Al fine di non incorrere nella violazione della certificazione degli apparecchi,
la valutazione ambientale deve essere compatibile con la temperatura ambiente di lavoro, e
l'aumento di temperatura non deve eccedere. Questo 'dimostrare a pagina 26.
Una successiva considerazione per apparecchi per uso nei climi pi caldi, tipicamente presenti
nei paesi del Medio ed Estremo Oriente, che di solito richiedono una valutazione ambientale
superiore a 40 C.

26

Temperatura ambiente Inferiore a Valutazione Ambientale Apparecchi




27

Grado di Protezione
Custodie di apparecchiature elettriche sono classificate in base alla loro capacit di resistere alla
penetrazione di oggetti solidi e liquidi per mezzo di un sistema numerico noto come ilcodice di
Protezione Internazionale (IP) ". Questo codice, che non sempre contraddistinto sugli
apparecchi, comprende le lettere IP seguite da due numeri, ad esempio, IP56.
Il primo numero, compreso tra 0 e 6, indica il grado di protezione contro i corpi solidi, e maggiore
il numero pi piccolo l'oggetto solido cui viene impedito di entrare nel contenitore. Zero (0)
indica nessuna protezione e 6 indica un apparato protetto dalla polvere.
Il secondo numero, compreso tra 0 e 8, indica il livello di protezione contro lacqua, cio 0 indica
nessuna protezione offerta, 8 che lapparecchio pu restare continuamente immerso in acqua ad
una specifica pressione.
Una versione ridotta della tabella completa la seguente.
Oggetti Solidi Acqua
Primo
Numero
Livello di protezione
Secondo
Numero
Livello di protezione
0 Nessuna protezione 0 Nessuna protezione
1
Protetto contro oggetti pi
grandi di 50mm
1
Protetto contro le gocce o
acqua caduta verticalmente
2
Protetto contro oggetti pi
grandi di 12mm
2
Protetto contro le gocce o
acqua caduta con angolazione
fino a 15
3
Protetto contro oggetti pi
grandi di 2,5mm
3
Protetto contro le gocce o
acqua caduta con angolazione
fino a 60
4
Protetto contro oggetti pi
grandi di 1,0mm
4
Protetto contro acqua schizzata
da ogni direzione
5 Protetto contro la polvere 5
Protetto contro getti dacqua da
ogni direzione
6 Tenuta alla polvere 6
Protezione contro mari molto
mossi tenuta stagna
7
Protezione contro limmersione
in acqua fino a 1mt di
profondit per un tempo
specifico
8
Protezione contro immersione
indefinita in acqua a una
specifica profondit