Sei sulla pagina 1di 1229

Manuale d’Impiego

E8H104
G3-1916/R06
© 2005, 2014 Abbott Laboratories Gennaio 2014
Introduzione
48-6458/R5Prefazione

Siamo lieti di poterLa annoverare fra gli operatori del sistema


CELL-DYN. Questo sistema si avvale di sofisticate tecnologie per garan-
tire la massima precisione ed affidabilità nella pratica quotidiana di labo-
ratorio.
Il sistema CELL-DYN Sapphire è stato sviluppato da un'équipe di esperti
altamente qualificati nei settori dell'ingegneria, della tecnologia medica e
dell'assistenza. Nel corso dei nostri programmi di formazione Le insegne-
remo ad utilizzare il sistema, a curarne la manutenzione, ad individuare e
risolvere i problemi che possono insorgere di volta in volta.
I laboratori Abbott si impegnano per creare un prodotto di assoluta qualità
e mettere a disposizione uno strumento della più alta precisione. Atten-
diamo con ansia di essere in qualsiasi modo al servizio delle Sue esigenze.

Servizio Clienti
Se si desidera ricevere assistenza telefonica o aiuto nella risoluzione dei
problemi, telefonare al Servizio Clienti Abbott.

Finalità d'uso
Il sistema CELL-DYN Sapphire è un analizzatore multiparametrico auto-
matizzato per ematologia, finalizzato all'esecuzione di test diagnostici in
vitro presso laboratori clinici.

Diritti di proprietà
I programmi software e la relativa documentazione del CELL-DYN
Sapphire sono protetti da copyright 2004, 2005, 2009, 2011 e 2012. Tutti
i diritti sono riservati.
Il software ed il manuale sono stati realizzati esclusivamente per l'uso con
il CELL-DYN Sapphire e per applicazioni nel settore della diagnostica in
vitro, come specificato nelle istruzioni operative.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire i


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Le informazioni e le rispettive rappresentazioni grafiche in allegato (a cui
si fa qui riferimento nel complesso con il termine “Informazioni”) sono
proprietà esclusiva di Abbott Laboratories. Viene concesso di accedere a
queste Informazioni a condizione che:
• la menzione del copyright figuri su tutte le copie;
• vengano utilizzate per l'uso dei prodotti Abbott da parte di personale
della Abbott debitamente addestrato o a solo titolo informativo;
• non vengano in alcun modo modificate e
• le rappresentazioni grafiche non vengano estrapolate dal contesto.

Spetta a ciascun operatore assumersi l'intera responsabilità e rispondere di


tutti i rischi derivanti dall'uso delle Informazioni. Le Informazioni
vengono presentate “IN QUANTO TALI” e non sono esenti da impreci-
sioni di natura tecnica o da errori tipografici. La Abbott Laboratories si
riserva il diritto di integrare, cancellare o modificare il testo di queste
Informazioni in qualsiasi momento e senza alcun previo avviso.

Brevetti
Il sistema CELL-DYN Sapphire è protetto da uno o più dei seguenti
brevetti statunitensi: 5,516,695; 5,551,828; 5,559,037; 5,589,394;
5,601,234; 5,612,223; 5,631,165; 5,631,730; 5,648,225; 5,691,204;
5,773,299; 5,812,419; 5,858,790; 5,866,428; 5,879,900; 5,891,734;
5,939,326; 6,187,590. Ulteriori brevetti possono essere via di registra-
zione.

Esonero da responsabilità
Tutti gli esempi (stampate, rappresentazioni grafiche, visualizzazioni,
schermate, ecc.) sono da intendersi esclusivamente a scopo informativo
ed illustrativo e non devono essere utilizzati per valutazioni cliniche o di
manutenzione. I dati riportati sugli esempi di stampate e sulle schermate
non corrispondono ai nomi reali dei pazienti né ai risultati effettivi dei
test. Le etichette riportate nel manuale possono presentare delle differenze
rispetto a quelle presenti sul prodotto.
La Abbott Laboratories non rilascia alcuna garanzia né si assume la
responsabilità per ciò che concerne l'accuratezza e l'affidabilità delle
informazioni contenute o stampate sul CD-ROM del Manuale d'Impiego
del CELL-DYN Sapphire.
Le Informazioni sono state concepite per essere utilizzate da personale
addestrato della Abbott Laboratories come pure da personale a cono-
scenza o con esperienza nell'uso e nella manutenzione del prodotto in
questione, operante sotto la diretta supervisione e con la collaborazione
dei rappresentanti del servizio commerciale o di assistenza della Abbott
Laboratories.

ii Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
La Abbott Laboratories o le sue filiali non potranno in nessun caso essere
ritenute responsabili per qualsiasi danno o perdita subiti in seguito all'uso
delle Informazioni da parte di personale non adeguatamente addestrato
dalla Abbott Laboratories. Tale esonero non è applicabile al personale a
conoscenza o con esperienza nell'uso e nella manutenzione del prodotto
in questione, operante sotto la diretta supervisione e con la collaborazione
dei rappresentanti del servizio commerciale o di assistenza della Abbott
Laboratories.
Non è permesso instaurare alcun rapporto confidenziale nel caso in cui un
operatore qualsiasi facente uso delle Informazioni rilasci alla Abbott
Laboratories una dichiarazione orale, scritta o in formato elettronico (ad
esempio sotto forma di feedback, domande, commenti, suggerimenti,
proposte, ecc.). Tale dichiarazione ed eventuali informazioni inoltrate
sono da considerare di natura non confidenziale e la Abbott sarà libera di
riprodurre, pubblicare o utilizzare tali informazioni per qualsiasi scopo,
senza limiti, compresi la ricerca, lo sviluppo, la produzione, la manuten-
zione, l'uso o la vendita di prodotti che si riferiscono a tali informazioni.
Chiunque invii delle informazioni alla Abbott è ritenuto pienamente
responsabile del contenuto e della sua veridicità ed accuratezza, nonché
del rispetto dei diritti di proprietà di qualunque altro soggetto coinvolto.
La Abbott Laboratories non si impegna a fornire consulenza né assistenza
medica.
L'aggiornamento delle informazioni può essere trasmesso in formato
cartaceo o elettronico. Per essere sicuri di utilizzare sempre le informa-
zioni più aggiornate, fare riferimento in modo sistematico ai documenti
più recenti.
I numeri di listino sono gli identificatori unici utilizzati per ordinare i
prodotti. I numeri di listino e la quantità elencati nel Appendice A: Pezzi
di ricambio e accessori sono solo come riferimento e sono soggetti a
cambiamento. Per informazioni aggiornate sui numeri di listino, contat-
tare un rappresentante del Servizio Clienti Abbott.
Devono essere seguite tutte le istruzioni d'impiego. La Abbott non si
assume alcuna responsabilità per insuccessi, errori od altro dovuti
all'inosservanza delle procedure e delle precauzioni qui raccomandate.
Il sistema CELL-DYN Sapphire è un prodotto di classe laser I secondo
IEC 60825-1 (2007). L'uso di controlli, regolazioni o esecuzioni di proce-
dure diversi da quelli specificati nel manuale possono provocare l'esposi-
zione a radiazioni pericolose.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire iii


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Approvazioni delle agenzie di controllo e sicurezza
UL 61010-1 approvato
CAN/CSA - 22.2 No. 61010-1 approvato
IEC 61010-1 approvato
ETL Listed
Japanese Institute of Safety (JIS)
European Community (l’approvazione è indicata dal marchio CE)

Direttiva Europea sui dispositivi 98/79/EC


medici per la diagnostica in vitro
Fabbricante Abbott Laboratories
Abbott Park, Il 60064, USA
Mandatario ABBOTT
Max-Planck-Ring 2
65205 Wiesbaden
Germany

Marchi di fabbrica
CELL-DYN, CELL-DYN Sapphire, ImmunoPlt, CELL-DYN HemCal
ed eQC sono marchi commerciali di Abbott Laboratories in diverse giuri-
sdizioni.
Tutti gli altri marchi commerciali sono di proprietà delle rispettive
società.

iv Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Simboli
I simboli elencati di seguito compaiono sulle etichette relative al sistema
CELL-DYN Sapphire, inclusi lo strumento, i reagenti, i calibratori, i
controlli ed il presente manuale.
Simboli relativi allo strumento e all’alimentazione
Simbolo Definizione/uso Simbolo Definizione/uso
Alimentazione a
AC INPUT OFF
corrente alternata
APPLICATION SOFTWARE Software applicativo ON

ASPIRATING In corso di aspirazione OPERATING SYSTEM Sistema operativo


OPTICAL ISO Serbatoio d’isolamento
BUSY Occupato
CHAMBER ottico
Attenzione: rischio di PERISTALTIC 1/2/3 Pompa peristaltica
shock elettrico PUMP 1, 2 o 3
DATA STATION Stazione dati POWER Power
8, 15 o 40 libbre per
DILUENT A/B Diluente A o B PSI 8/15/40
pollice quadrato
DILUENT 1/2 Diluente 1 o 2 PRESSURE HEAD Testa della pressione

DILUENT/SHEATH Reagente diluente/ Terminale per condut-


sheath tore di protezione

FILTER 1/2 Filtro 1 o 2 RESERVOIR Serbatoio

FREQUENCY Frequenza RESERVOIR 1/2 Serbatoio 1 o 2

FUSES Fusibili READY Pronto

HGB Emoglobina RELIEF VALVE Valvola di scarico

HGB RETIC REAGENT Reagente per i reticolo-


Celletta di flusso HGB
FLOW CELL citi
Reagente per l'emoglo-
HGB REAGENT REV Revisione
bina
Laser SN Numero di serie

LINE VOLTAGE Voltaggio di rete TEST INTERFACE Interfaccia test

LOCKED Bloccato VAC Vuoto

MAX POWER Potenza massima VACUUM HEAD Testa del vuoto


Serbatoio di recupero
Numero del modello WASTE del liquido di scarico
MODEL 1/2/3/4
CHAMBER n.1, 2, 3 o 4

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire v


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Simboli relativi allo strumento e all’alimentazione (continua)
Simbolo Definizione/uso Simbolo Definizione/uso
Raccordo di uscita del
NOT READY Non pronto WASTE OUTLET
liquido di scarico
WASTE SENSOR Sensore del liquido di WBC B Reagente WBC -
scarico parte B
Reagente WBC -
WBC A parte A

Simboli relativi al reagente


Simbolo Definizione/uso

CN-FREE HEMOGLOBIN Reagente per emoglobina privo di cianuro


REAGENT

DILUENT/SHEATH Reagente diluente/sheath

LOT Numero di lotto

RETICULOCYTE REAGENT Reagente per i reticolociti

Usare entro

WBC A Reagente WBC - parte A

WBC B Reagente WBC - parte B

Simboli relativi ai calibratori e ai controlli


Simbolo Definizione/uso

ASSAY VALUE Valori del dosaggio

CALIBRATOR Calibratore

CONTROL ASSAY DISK Dischetto di controllo del dosaggio

CONTROL L N H Controllo basso, normale o alto

MEAN RANGE Range medio

MEAN VALUE Valore medio

PARAMETER Parametro

SYSTEM Sistema

vi Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Simboli vari
Simbolo Definizione/uso

EC REP Mandatario nella Comunità Europea

Rischi biologici

REF Numero di catalogo


Attenzione: consultare i documenti allegati
(Nota: per reagenti dello strumento)
Attenzione: rischio di pericolo / Attenzione: consultare i documenti
allegati (Nota: per strumenti)

Marchio CE

Consultare le istruzioni per l’uso

Data di produzione

IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro

Fabbricante

8oC
Limiti di temperatura (nell'esempio: "conservare a 2–8ºC")
2oC

Raccolta differenziata per rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettro-


niche secondo la Direttiva 2002/96/EC nell’Unione Europea.

Raccolta differenziata per batterie esaurite secondo la Direttiva


2006/66/EC nell’Unione Europea.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire vii


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Etichettatura del sistema
Il CELL-DYN Sapphire è provvisto del marchio CE di conformità con la
direttiva europea sui dispositivi medici per la diagnostica in vitro, che
comprende i requisiti delle direttive sulla compatibilità elettromagnetica
(EMC) e sulla sicurezza.
Al sistema CELL-DYN Sapphire sono applicate le etichette presentate di
seguito.

Pannello posteriore dell'analizzatore

ABBOTT LABORATORIES
Abbott Park, IL 60064, USA

ABBOTT
Max-Planck-Ring 2
65205 Wiesbaden
Germany
+49-6122-580 PN 9230751
Figura 1: Etichetta CE relativa alla direttiva europea sui dispositivi
medici per la diagnostica in vitro

ABBOTT LABORATORIES
Diagnostics Division
Abbott Park, IL 60064 USA

Abbott
Diagnostics Division

EC REP ABBOTT
Max-Planck-Ring 2
65205 Wiesbaden
Germany
+49-6122-580 PN 9231514A

Figura 2: Etichetta CE relativa al nuovo formato


9221514A.indd 1 1/16/2008 12:16:45 PM

Figura 3: Etichetta di approvazione ETL

viii Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
WARNING: SET FOR 120 VOLTS / ACHTUNG: F R 120 VOLT EINGESTELLT /
MISE EN GARDE : UTILISATION A 120 VOLTS / ADVERTENCIA: 120 VOLTIOS /
AVVERTENZA: CONFIGURATO A 120 VOLT / AVISO: CONFIGURADO PARA 120 VOLTS /
ADVARSEL: KONFIGURERET TIL 120 V / VARNING: INST LLD FR 120 VOLT /
ΠΡΟΕΙΔΟΠΟΙΗΣΗ: ΧΡΗΣΗ ΣΤΑ 120 VOLTS

Consult instructions for use if different voltage is required. / Ist der Betrieb mit einer anderen
Netzspannung erforderlich, in der Bedienungsanleitung nachlesen. / Si une utilisation  une
tension diffrente est requise, consulter les instructions d’utilisation. / Consulte las instrucciones de
uso si la tensin es distinta. / Per un voltaggio diverso, consultare le istruzioni per l’uso. /
Se for necessria uma voltagem diferente, consultar as instrues de utilizao. /
Se brugermanualen, hvis der er behov for drift med en anden netsp nding. / L
s tillh rande
dokumentation om en annan sp
nning beh vs. / Για χρήση σε άλλη τάση ρεύματος,
συμβουλευτείτε τις οδηγίες χρήσης. PN 9230003G

Figura 4: Etichetta di avvertenza relativa alle impostazioni di voltaggio

CLASS 1 LASER PRODUCT/


Lasergert der Klasse 1/
Produit laser de classe 1/Lser de
clase 1/Prodotto laser di classe 1/
Produto laser da classe 1/Klasse 1-
laserprodukt/Klass 1 laserprodukt/
Προϊόν λέιζερ κλάσης 1 PN 9230702C
Figura 5: Etichetta di Prodotto laser di Classe 1

The following U.S. Patents are relevant to the CELL-DYN Sapphire™ or its components.
There are other such patents and patent applications in the United States and worldwide.

5,516,695 5,551,828 5,559,037 5,589,394 5,601,234

5,612,223 5,631,165 5,631,730 5,648,225 5,656,499

5,691,204 5,773,299 5,812,419 5,858,790 5,866,428

5,879,900 5,891,734 5,939,326 6,187,590

PN 9231319A

Figura 6: Etichetta del CELL-DYN Sapphire relativa ai brevetti negli


U.S.A.

LINE VOLTAGE SELECT


100/110 VAC
120 VAC
200/220 VAC
230/240 VAC
PN 9231153A

Figura 7: Etichetta di selezione del voltaggio

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire ix


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Area di analisi dei campioni, parte anteriore dell’analizzatore

ABBOTT DIAGNOSTICS DIVISION Manufactured for Abbott Laboratories


Abbott Laboratories Abbott Park, IL 60064 USA
Abbott Park IL, 60064, USA Product of Singapore
THIS PRODUCT COMPLIES WITH FDA PRODUCT COMPLIES WITH FDA PERFORMANCE
PERFORMANCE STANDARDS FOR LASER STANDARDS FOR LASER PRODUCTS EXCEPT
PRODUCTS EXCEPT FOR DEVIATIONS FOR DEVIATIONS PURSUANT TO LASER NOTICE
PURSUANT TO LASER NOTICE NO. 50, NO. 50, DATED JULY 26, 2001.
DATED JULY 26, 2001.
DATE OF MANUFACTURE

MODEL MODEL

REF REV
SN

SN
REF REV

PN 9230308 REV J PN 9230308 REV K

Figura 8: Etichette del numero di serie dell'analizzatore

TSB RECORDS

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

31 32 33 34 35 36 37 38 39 40

41 42 43 44 45 46 47 48 49 50

51 52 53 54 55 56 57 58 59 60

61 62 63 64 65 66 67 68 69 70

71 72 73 74 75 76 77 78 79 80

81 82 83 84 85 86 87 88 89 90

91 92 93 94 95 96 97 98 99 100
PN 9230508

Figura 9: Etichetta di registrazione del bollettino del servizio tecnico


CELL-DYN Sapphire

x Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Pannello fluidico anteriore dell’analizzatore

CAUTION: When removing the impedance Aperture Plate


use care to avoid spilling on components
located below.
VORSICHT: Beim Entfernen der Kapillarscheibe fr die
Widerstandsmessung vorsichtig vorgehen, um
Consult instructions for use. Spritzer auf den unmittelbar darunter
befindlichen Komponenten zu vermeiden.
ATTENTION : Retirez la plaque d’ouverture d’impdance
avec prcaution afin de ne pas renverser de
liquide sur les composants situs en dessous.
PRECAUCIN: Retire la placa de abertura de la impedancia
con cuidado para evitar salpicar los
componentes localizados debajo.
ATTENZIONE: Rimuovere con cautela la piastra dell’orifizio
RBC per evitare di bagnare i componenti
sottostanti.
ATENO: retirar a placa da abertura de impedncia com
cuidado para evitar salpicar lquido sobre os
componentes localizados por baixo.
ADVARSEL: Undg at spilde p de nedre komponenter ved
udtagning af impedanstllepladen.
VIKTIGT: Var frsiktig n r aperturplattan avl gsnas fr
att undvika spill p komponenterna nedanfr.
ΠΡΟΣΟΧΗ: Αφαιρείτε την πλάκα διόδου μεταβολής
αντίστασης με προσοχή ώστε να αποφεύγετε
τη διάχυση των υλικών που βρίσκονται από
κάτω. Συμβουλευτείτε τις οδηγίες χρήσης.
UPOZORNĚNÍ: Při vyjímání měřicí destičky zabraňte polití
okolních součástí kapalinou.

PN 9230786C

Figura 10: Etichetta di attenzione sulla copertura del trasduttore ad


impedenza

CAUTION: SEE
INSTRUCTIONS ON
COVER BEFORE OPENING
VORSICHT: Vor dem ffnen Anweisungen auf
der Abdeckung durchlesen
ATTENTION : VOIR LES
INSTRUCTIONS FIGURANT SUR LE
PN 9230783D

CAPOT AVANT D’OUVRIR


PRECAUCIN: Lea las instrucciones
impresas en la cubierta antes de abrirlo
ATTENZIONE: Prima di aprire vedere le
istruzioni sul coperchio
ATENO: antes de abrir consultar as
instrues na tampa
VIGTIGT: L s anvisningerne p lget, inden
dette bnes
VIKTIGT: L
s instruktionerna innan kpan ppnas
ΠΡΟΣΟΧΗ: Πριν ανοίξετε, ανατρέξτε
στις οδηγίες πάνω στο κάλυμμα.

Figura 11: Etichetta di attenzione sull'area della piastra dell'orifizio per


la misurazione ad impedenza

Lato anteriore e lato destro dell’analizzatore

PN 9231477

Figura 12: Rischio biologico

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire xi


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
ANNOTAZIONI

xii Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Caratteristiche della versione (versione software v3)

Caratteristiche della versione (versione software v3)

Il presente manuale contiene informazioni relative alle versioni software


R2-3 e successive.
La nuova versione (versione software v3) presenta alcune funzioni nuove
che vengono illustrate nel presente manuale. Sono altresì riportate alcune
note che spiegano quali elementi non sono supportati dalla versione
software v3.
Le informazioni specifiche per la versione software v3 sono contrasse-
gnate con il simbolo: ✪
Di seguito viene presentata una sintesi delle modifiche alla versione
software v3:

Capitolo Pagina Modifica

1 11, 56, 57, 58, 59, 60, 65, 66 Le stampanti ticket non sono supportate.

61 Il tasto “Insert” (inserisci) non ha alcuna funzione.

65 Il cliente può validare le stampanti non Abbott.

90 Funzioni salvaschermo

2 11, 14, 19, 23, 25, 42, 43, 44, 45, 46, 47, Prompt <Utente> al posto di <Identif. operatore:>
48, 49, 52, 54, 56, 59

19, 20, 21 AbbottLink

21 Parametri eritrocitari estesi

28, 60, 62, 64, 65, 66, 67, 104 Le stampanti ticket non sono supportate.

3 34, 38, 39, 40, 54, 55, 56, 60, 61 Parametri eritrocitari estesi

5 8, 9, 10 Prompt <Utente> al posto di <Identif. operatore:>

67, 69, 73 Dati anagrafici campioni eliminati dalla pagina


Lab

74, 76, 81 Parametri eritrocitari estesi

91, 92, 94, 95, 110, 135, 136 Le stampanti ticket non sono supportate.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Caratteristiche della versione (versione software v3)-1
G3-1916/R06—Gennaio 2014
Caratteristiche della versione (versione software v3)

Capitolo Pagina Modifica

6 65, 66, 67, 68 Prompt <Utente> al posto di <Identif. operatore:>

10 8, 12, 13, 17, 21, 22, 23 Prompt <Utente> al posto di <Identif. operatore:>

58, 82, 83 Le stampanti ticket non sono supportate.

11 38, 41 Parametri eritrocitari estesi

Glossario 12 Parametri eritrocitari estesi

Appendice 1, 5 Le stampanti ticket non sono supportate.

Caratteristiche della versione (versione software v3)-2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire
G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Introduzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
Servizio Clienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
Finalità d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
Diritti di proprietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
Brevetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ii
Esonero da responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ii
Approvazioni delle agenzie di controllo e sicurezza. . . . . . . . . . . . . iv
Marchi di fabbrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . iv
Simboli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .v
Etichettatura del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . viii
Pannello posteriore dell'analizzatore Introduzione. . . . . . . . . . viii
Area di analisi dei campioni, parte anteriore
dell’analizzatore Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .x
Pannello fluidico anteriore dell’analizzatore Introduzione. . . . . xi
Lato anteriore e lato destro dell’analizzatore Introduzione . . . . xi

Caratteristiche della versione (versione software v3) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1

Guida alla consultazione della documentazione tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1
Struttura del Manuale d'Impiego online (PDF) . . . . . . . . . . . . . .2
Convenzioni utilizzate nel Manuale d'Impiego online (PDF) . . .5
Accesso al Manuale d'Impiego online (versione inglese)
tramite il software del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
Accesso al Manuale d'Impiego online (PDF)
da un computer autonomo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Documentazione stampata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14

Capitolo 1: Uso e funzioni


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-1
Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-3
Parametri per il conteggio dei leucociti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-3
Parametri per il conteggio degli eritrociti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-4
Parametri per il conteggio delle piastrine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-4
Sequenza di analisi del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-5
Caricamento e presentazione del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-5
Identificazione del campione e selezione del test . . . . . . . . . . . . . 1-6
Diluizione ed analisi del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-9
Hardware del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-11
Analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-12
Parte anteriore dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-13
Coperture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-13
Indicatori di stato LED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-15
Tasto di attivazione della Modalità a campione aperto . . . . . 1-16

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-1


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Lato destro dell’analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-17


Copertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-17
Raccordi di immissione dei reagenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-18
Presa jack per il sensore del liquido di scarico . . . . . . . . . . .1-20
Raccordo di uscita del liquido di scarico dell'analizzatore . .1-20
Parte posteriore dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-21
Analizzatore — pannello posteriore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-21
Lato sinistro dell’analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-21
Modulo di analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-23
Campionatore automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-23
Modulo di miscelazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-28
Area di analisi del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-29
Pannelli fluidici dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-37
Pannello fluidico sinistro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-37
Pannello fluidico destro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-42
Moduli interni dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-49
Modulo del sistema ottico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-49
Modulo pneumatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-50
Serbatoi dei reagenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-51
Stazione dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-53
Schermo piatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-54
Computer (Stazione Dati) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-55
Tastiera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-61
Mouse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-63
Lettore manuale del codice a barre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-64
Stampanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-65
Software del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-67
Software operativo dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-67
Software operativo della stazione dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-67
Console del CELL-DYN Sapphire Online PDF
Operator's Manual . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-68
Console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire 1-69
Navigazione nello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-70
Controllo del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-75
Pulsante ID operatore... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-75
Pulsante del menu Analizzatore > . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-76
Pulsante del menu Ammin.> . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-76
Pulsante del menu Configurazione> . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-82
Revisione e trattamento di messaggi e indicatori . . . . . . . . . . . . .1-82
Messaggi di stato e indicatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-82
Messaggi del sistema (SIM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-83
Console relativa al Servizio Clienti per il
CELL-DYN Sapphire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-87
Configurazione del salvaschermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-90
Reagenti CELL-DYN Sapphire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-93
Reagente diluente/sheath . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-94
Reagente per l'emoglobina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-94
Reagente WBC — Parti A e B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-95
Reagente per i reticolociti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .1-95

Indice generale-2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Controlli, calibratore e particelle di riferimento standard . . . . . . . . . 1-97


Controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-97
Calibratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-97
Particelle di riferimento standard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1-97

Capitolo 2: Procedure di installazione e requisiti speciali


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-1
Installazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-3
Requisiti di collocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-3
Requisiti di spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-3
Requisiti elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-3
Requisiti per lo smaltimento dei rifiuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-4
Procedure per il disimballaggio e l'ispezione . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-5
Procedure per il collegamento e l'avvio del sistema . . . . . . . . . . . 2-5
Direttive per il trasferimento ed il trasporto del sistema . . . . . . . . 2-5
Personalizzazione del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-7
Sapphire Admin Utilities . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-7
Installazione del Manuale d'Impiego da DVD . . . . . . . . . . . . 2-9
Impostazione del fuso orario (Set Time Zone)
e dell'orologio (Set Clock) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-16
Impostazione dei driver delle stampanti
(Set Printer Devices) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-27
Backup e recupero dei dati di configurazione
e personalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-40
Creazione di un backup e recupero di dati del database
da DVD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-50
Backup del database su DVD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-51
Ripristino del database da DVD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-55
Pulsante Configurazione> e menu Configurazione . . . . . . . . . . . 2-60
Personalizzazione delle serie di parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-64
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-66
Recupero dei dati da un'altra serie di parametri . . . . . . . . . . 2-68
Personalizzazione del foglio di lavoro del laboratorio† . . . . . . . . 2-69
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-70
Personalizzazione delle serie dei valori limite del paziente . . . . . 2-71
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-73
Recupero dei dati di un'altra serie dei valori limite
del paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-74
Definizione delle intestazioni anagrafiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-76
Personalizzazione dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-78
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-79
Personalizzazione del rapporto riassuntivo dell'archivio dati . . . 2-81
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-81
Personalizzazione del controllo delta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-82
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-83
Personalizzazione della compilazione standard della lista
di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-85
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2-86

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-3


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Personalizzazione della lista di lavoro per la


creazione di nuove introduzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-87
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-88
Personalizzazione dei programmi a medie mobili . . . . . . . . . . . .2-89
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-90
Personalizzazione della visualizzazione dei programmi
a medie mobili per i leucociti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-91
Personalizzazione del programma di analisi
della differenza accoppiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-94
Personalizzazione dei criteri di analisi della differenza
accoppiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-95
Personalizzazione della visualizzazione e della stampa
dell'archivio di differenza accoppiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-97
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-98
Personalizzazione del blocco funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-101
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-102
Personalizzazione dei referti stampati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-104
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-105
Personalizzazione della stampa automatica e su richiesta . . . . .2-107
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-108
Personalizzazione del formato della data e dell'ora . . . . . . . . . .2-110
Personalizzazione del formato delle unità di misura . . . . . . . . .2-112
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-113
Selezione della lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-114
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-114
Personalizzazione dell'allarme acustico . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-115
Personalizzazione del sistema per codici a barre . . . . . . . . . . . .2-117
Personalizzazione della trasmissione automatica al
computer host . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-119
Personalizzazione dei parametri di comunicazione . . . . . . . . . .2-124
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .2-124

Capitolo 3: Principi di funzionamento


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-1
Tecniche di misurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-3
Citometria a flusso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-3
Ottimizzazione della misurazione tramite citometria a flusso .3-4
Metodo a scatter ottico/fluorescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-5
Metodo ad impedenza elettrica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-21
Spettrofotometro ad assorbimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-24
Procedimento di misurazione dell'emoglobina . . . . . . . . . . .3-26
Presentazione ed analisi dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-27
Procedimenti di analisi e presentazione delle misurazioni
ottiche e ad impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-27
Soglie hardware . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-27
Memorizzazione dei dati nella "List Mode" . . . . . . . . . . . . .3-28
Conversione grafica dei dati per analisi e presentazione . . . . . . .3-29
Diagrammi di dispersione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-29
Istogrammi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .3-29

Indice generale-4 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Diagrammi di contorno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-30


Determinazione della linea discriminante . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-31
Analisi dei dati delle misurazioni ottiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-33
Segnali usati nelle misurazioni ottiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-33
Popolazioni cellulari analizzate tramite scatter ottico
e fluorescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-34
Analisi dei dati delle misurazioni ad impedenza . . . . . . . . . . . . . 3-35
Analisi dei dati delle misurazioni ad assorbimento . . . . . . . . . . . 3-35
Parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-37
Convenzioni usate per esprimere i parametri . . . . . . . . . . . . . . . . 3-37
Unità di misura, derivazioni e formule dei parametri . . . . . . . . . 3-38
Messaggi del sistema (SIM) e segnalazioni relative ai dati . . . . . . . . 3-43
Messaggi del sistema (SIM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-43
Condizioni che causano i messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . . . . 3-45
Blocco funzione associato ai messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . 3-46
Segnalazioni relative ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-47
Segnalazioni relative a parametri sospetti . . . . . . . . . . . . . . . 3-53
Segnalazioni relative a popolazioni sospette . . . . . . . . . . . . . 3-62
Segnalazioni relative ai risultati numerici . . . . . . . . . . . . . . . 3-65
Segnalazioni facoltative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-68
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3-73

Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-1
Specifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-3
Specifiche fisiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-3
Specifiche elettriche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-4
Requisiti ambientali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-5
Requisiti ambientali operativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-5
Requisiti di spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-5
Requisiti per lo smaltimento dei rifiuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-5
Rumorosità di esercizio ed emissione di calore . . . . . . . . . . . . 4-5
Trasporto e conservazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-5
Specifiche operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-6
Cadenza analitica massima
(modalità a campionatore automatico) . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-6
Tempo di ciclo minimo
(modalità a campione aperto, da Pronto a Pronto) . . . . . . . . 4-6
Volume di aspirazione nominale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-6
Anticoagulanti consigliati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-6
Dimensioni della provetta di prelievo del campione
(modalità a campionatore automatico) . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-7
Dimensioni raccomandate delle provette di prelievo
del campione (modalità a campionatore automatico) . . . . . . 4-7
Volume minimo nella provetta di prelievo del campione . . . . 4-8
Specifiche del codice a barre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-8
Specifiche relative alle simbologie del codice a barre,
alle etichette con codice a barre e alla loro collocazione . . . 4-8
Specifiche di prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4-13

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-5


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Background . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4-13
Carryover . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4-14
Imprecisione (riproducibilità) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4-15
Range di misurazione analitica (linearità) . . . . . . . . . . . . . . .4-17
Comparabilità (correlazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4-18
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4-21

Capitolo 5: Istruzioni operative


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-1
Avvinamento, arresto e standby del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-3
Avvinamento dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-3
Procedure di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-4
Standby . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-6
Spegnimento e accensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-7
Spegnimento e accensione della stazione dati e
dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-8
Riavvio o spegnimento esclusivamente della stazione dati . . .5-9
Analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-11
Operazioni di analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-12
Introduzione alla lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-13
Compilazione standard della lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . .5-14
Campi correlati della lista di lavoro
(Correlazione ID del campione o Correlazione RRPP) . . .5-15
Analisi con la lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-15
Campi e pulsanti della lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-16
Lista di lavoro in modalità a campionatore automatico . . . . .5-18
Lista di lavoro in modalità a campione aperto . . . . . . . . . . . .5-19
Creazione manuale di introduzioni nella lista di lavoro . . . . .5-20
Introduzioni nella lista di lavoro dal computer host o da
un gruppo dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-25
Stampa di un rapporto della lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . .5-25
Gestione dei dati della lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-26
Preparazione all'analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-28
Avviamento routinario del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-28
Esecuzione di conteggi di background . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-29
Preparazione e trattamento dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-30
Linee guida per la raccolta del campione . . . . . . . . . . . . . . . .5-30
Anticoagulanti consigliati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-30
Metodi di identificazione del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-31
Selezione dei test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-33
Linee guida per la selezione del test relative alla
potenzialità di lisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-34
Analisi dei campioni nella modalità a campionamento
automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-35
Procedure di caricamento dei campioni nel campionatore
automatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-35
Avvio dell'analisi a campionatore automatico . . . . . . . . . . . .5-39
Analisi dei campioni in modalità a campione aperto . . . . . . . . . .5-40
Uso della finestra Configurazione del campione successivo .5-41

Indice generale-6 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Campi e pulsanti della finestra Configurazione del campione


successivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-42
Uso della minifinestra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-44
Procedura per l'aspirazione in modalità a campione aperto . 5-45
Elaborazione post-analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-53
Archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-53
Specifiche e descrizione dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . 5-53
Campi e pulsanti della finestra Archivio dati . . . . . . . . . . . . 5-55
Ricerca di registrazioni nell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-56
Linee guide e procedura per effettuare una ricerca . . . . . . . . 5-57
Visualizzazione delle registrazioni in esso contenute . . . . . . . . . 5-60
Formato tabulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-60
Formato registrazione singola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-60
Revisione delle registrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-61
Pagine del formato registrazione singola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-62
Foglio di lavoro del laboratorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-63
Pagina dei grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-64
Pagina supplementare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-65
Referto base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-66
Descrizione dell'area dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-67
Analisi/Dati anagrafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-72
Dati anagrafici del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-73
Pannello di controllo della visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . 5-73
Risultati in forma grafica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-74
Risultati numerici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-77
Messaggi relativi a dati non validi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-82
Rapporto interpretativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-83
Indicatori di limite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-84
Trasmissione individuale o sequenziale di registrazioni
dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-85
Trasmissione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-85
Trasmissione manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-85
Esportazione di dati dall'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-87
Stampa delle registrazioni dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . 5-91
Stampa automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-92
Stampa su richiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-93
Stampa sequenziale dei record dell'archivio dati . . . . . . . . . . 5-93
Descrizione delle aree stampate sul foglio di lavoro del
laboratorio e sul referto base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-96
Gestione avanzata dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-99
Segnalazioni nel formato registrazione singola . . . . . . . . . . . . . . 5-99
Segnalazioni relative ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-99
Modifica e revisione dei dati anagrafici nelle registrazioni
dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-106
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-107
Operare con i gruppi dell'archivio dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-109
Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-109
Creazione di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-112
Esempi di raggruppamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5-121

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-7


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Visualizzazione di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-123


Aggiunta e cancellazione manuale delle registrazioni
in un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-127
Copia di un gruppo in un file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-131
Copia di un gruppo nella lista di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . .5-133
Cancellazione di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-134
Stampa dei record in un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .5-135
Trasmissione delle registrazioni di un gruppo . . . . . . . . . . .5-137

Capitolo 6: Procedure di calibrazione


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-1
Quando calibrare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-3
Linee guida per la calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-5
Informazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-5
Materiali di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-5
Calibrazione con calibratori commerciali . . . . . . . . . . . . . . . .6-5
Calibrazione con sangue intero analizzato . . . . . . . . . . . . . . . .6-6
Finestre della calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-9
Finestra Fattori di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-9
Finestra File di autocalibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-11
File di autocalibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-11
Aree e pulsanti della finestra File di autocalibrazione . . . . . .6-12
Direttive per la visualizzazione dei dati e della statistica
del file di autocalibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-19
Gestione dei dati presenti nel file di autocalibrazione . . . . . .6-20
Finestra Introduzione nuovi fattori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-21
Finestra Archivio della calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-23
Procedure di pre-calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-27
Procedure di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-31
Procedimento di autocalibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-31
Inizializzazione dell'autocalibrazione utilizzando
il calibratore commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-32
Inizializzazione dell'autocalibrazione utilizzando
il sangue intero analizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-43
Processo di calibrazione manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-52
Esaminare i fattori di calibrazione attuali . . . . . . . . . . . . . . .6-52
Ottenere i valori di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-52
Ottenere i valori di riferimento per il sangue intero analizzato . .6-53
Procedura per ottenere i valori CELL-DYN Sapphire . . . . . .6-53
Procedura per ottenere i risultati medi CELL-DYN Sapphire
in modalità a campionamento automatico . . . . . . . . . . . . .6-53
Procedura per ottenere i valori medi CELL-DYN Sapphire
in modalità a provetta aperta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-55
Calcolare i nuovi fattori di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . .6-56
Calcolare la differenza percentuale fra i fattori . . . . . . . . . . .6-56
Determinare i parametri da calibrare . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-56
Introdurre e documentare i nuovi fattori di calibrazione . . . .6-57
Documentare la calibrazione quando non sono state
apportate modifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6-57

Indice generale-8 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Foglio di lavoro A: calcolo di un valore di riferimento


per il sangue intero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-59
Foglio di lavoro B: calcolare i nuovi fattori di calibrazione . 6-60
Foglio di lavoro C: calcolare la differenza percentuale
fra i fattori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-61
Foglio di lavoro D: determinazione dell'opportunità di
calibrare i parametri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-62
Procedure di post-calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-63
Verifica della calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-63
Backup dei fattori di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-63
Principi e direttive generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-64
Procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-64
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6-69

Capitolo 7: Precauzioni e limiti d'uso


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-1
Requisiti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-2
Precauzioni d'uso e requisiti operativi del sistema . . . . . . . . . . . . . 7-3
Requisiti per il trattamento dei materiali monouso . . . . . . . . . . . . 7-5
Requisiti per il trattamento dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-7
Condizioni e sostanze interferenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-9
Limiti dell'interpretazione dei risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-11
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7-13

Capitolo 8: Rischi e pericoli


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-1
Responsabilità dell'operatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-2
Rischi biologici e chimici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-6
Rischi elettrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-11
Rischi meccanici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-12
Rischi fisici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-14
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8-16

Capitolo 9: Assistenza e manutenzione


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-1
Funzione di manutenzione routinaria automatica del sistema . . . . 9-2
Programma di assistenza e manutenzione raccomandato . . . . . . . . . . . 9-3
Software di assistenza e manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-5
Finestra Archivio manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-5
Finestra Archivio oper. sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-9
Finestra Archivi dei reagenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-11
Finestra Protocolli speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-15
Apertura o rimozione delle coperture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-21
Coperture dei pannelli fluidici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-22
Copertura dell'unità di processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-23
Copertura dei tubi di immissione dei reagenti ed emissione
del liquido di scarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-24
Copertura del trasduttore ad impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9-25

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-9


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Procedure di assistenza e manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-27


Procedura giornaliera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-27
Pulizia automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-27
Procedure settimanali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-31
Pulizia della piastra del campionatore automatico, dei
portaprovette
e degli indicatori di fine corsa dei portaprovette . . . . . . . .9-31
Procedure mensili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-35
Pulizia della siringa del reagente per l'emoglobina . . . . . . . .9-35
Sostituzione dei tubi della pompa peristaltica
di trasferimento del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-38
Procedure straordinarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-42
Pulizia della sonda per l'aspirazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-43
Sostituzione della sonda per l'aspirazione . . . . . . . . . . . . . . .9-44
Pulizia della finestrella del lettore del codice a barre . . . . . .9-49
Pulizia dell'area delle coppette di diluizione . . . . . . . . . . . . .9-52
Pulizia della piastra dell'orifizio per la misurazione
ad impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-54
Pulizia dell'unità stantuffo/molla delle pinch valve . . . . . . . .9-59
Pulizia della stampante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-67
Sostituzione dei contenitori di reagente . . . . . . . . . . . . . . . . .9-68
Pulizia delle siringhe
(esclusa la siringa del reagente per l'emoglobina) . . . . . . .9-72
Pulizia dell’ago di perforazione della provetta . . . . . . . . . . .9-81
Sostituzione del modulo di perforazione della provetta . . . . .9-83
Pulizia delle linee di staging . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-90
Pulizia della linea di staging del trasduttore RBC/PLT
ad impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-90
Pulizia della linea di staging della celletta di flusso
ottica PLT/RBC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-96
Pulizia della linea di staging RETC . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-105
Pulizia della linea di staging WBC . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-114
Pulizia della linea di staging HGB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-123
Procedure di sostituzione dei componenti . . . . . . . . . . . . . . . . .9-129
Sostituzione della piastra dell'orifizio per la misurazione
ad impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-129
Sostituzione dell'unità stantuffo/molla delle pinch valve . .9-135
Sostituzione delle siringhe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-144
Procedure speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-152
Preparazione ad un periodo di inattività . . . . . . . . . . . . . . . .9-152
Preparazione alla spedizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-157
Decontaminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-161
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9-163

Capitolo 10: Individuazione e soluzione dei problemi


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10-1
Categorie di problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10-3
Procedure di individuazione e soluzione dei problemi . . . . . . . . . . . .10-5
Drenaggio e riempimento del trasduttore ad impedenza . . . . . . .10-6

Indice generale-10 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Ottenimento di rapporti di crash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-6


Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-7
Esecuzione di conteggi di background . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-18
Esecuzione dei conteggi di background normali e RETC . . 10-19
Esecuzione di conteggi di background elettrici . . . . . . . . . . 10-19
Avvinamento dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-20
Spegnimento e accensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-20
Spegnimento e accensione della stazione dati e
dell'analizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-21
Riavvio o spegnimento esclusivamente della stazione dati . 10-22
Collaudo della comunicazione fra la stazione dati e il
sistema di elaborazione dati del laboratorio . . . . . . . . . . . . . 10-24
Apertura della finestra Test del connettore seriale . . . . . . . 10-25
Test dell'interfaccia seriale della stazione dati . . . . . . . . . . 10-26
Test dell'interfaccia seriale del LIS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-28
Utilità di monitoraggio del computer host . . . . . . . . . . . . . . 10-30
Individuazione e soluzione dei problemi osservabili . . . . . . . . . . . . 10-37
Cause probabili dei problemi osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-37
Soluzione dei problemi osservati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-38
Tabelle dei problemi ai moduli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-39
Tabelle dei problemi al campionatore automatico e al
modulo di miscelazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-43
Tabelle dei problemi di campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-45
Tabelle dei problemi di analisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-47
Tabelle dei problemi al lettore del codice a barre . . . . . . . . . . . 10-48
Come reagire ai messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-55
Come usare le tabelle dei messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-56
Lista dei messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-57
Tabelle dei messaggi SIM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-61
Individuazione e soluzione dei problemi relativi ai dati . . . . . . . . . 10-135
Metodologia per l'individuazione e soluzione
dei problemi relativi ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-135
Caratterizzazione del problema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-135
Identificazione dell'origine e della causa probabile del
problema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-136
Esecuzione dell'intervento correttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-136
Raccolta dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-137
Raccolta dei dati riguardanti i conteggi di background . . . 10-137
Raccolta dei dati riguardanti l'imprecisione . . . . . . . . . . . 10-138
Osservazione dell'analizzatore tramite i diagrammi
di percorso della fluidica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-139
Come usare le tabelle del background e dell'imprecisione . . . 10-141
Diagrammi di percorso della fluidica e
tabelle del background e dell'imprecisione . . . . . . . . . . . . . 10-142
Individuazione e soluzione dei problemi relativi ai dati
dell'impedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-142
Individuazione e soluzione dei problemi relativi ai dati
ottici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10-148

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-11


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Individuazione e soluzione dei problemi relativi


all'emoglobina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10-166

Capitolo 11: Controllo di qualità


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-1
Controllo di qualità interno ed esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-3
Procedure per il monitoraggio tramite controlli . . . . . . . . . . . . . . . . .11-5
Tipi di controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-5
Direttive per l'analisi dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-5
File QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-6
Finestra ARCHIVIO QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-7
Aree e pulsanti della finestra Archivio QC . . . . . . . . . . . . . .11-8
Direttive per la visualizzazione dei dati e della statistica
dei file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-9
Configurazione dei file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-10
Introdurre le serie dei valori limite in un file QC . . . . . . . . .11-12
Configurazione dei dati dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-16
Personalizzazione della visualizzazione e della stampa
di un file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-23
Recupero dei dati di configurazione da un altro file QC . . .11-27
Configurazione delle regole di Westgard . . . . . . . . . . . . . . .11-29
Procedura di analisi dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-31
Selezione e trattamento del materiale di controllo . . . . . . . . . . .11-31
Controlli commerciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-31
Controlli del paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-31
Procedura di campionatore automatico utilizzando
le etichette Q sui controlli commerciali . . . . . . . . . . . . . . . . .11-32
Procedura con campionatore automatico utilizzando
numero del portaprovette e posizione della provetta
per l'analisi di controlli commerciali e del paziente . . . . . . . .11-32
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-33
Analisi di controlli commerciali e del paziente sulla base
del portaprovette e della posizione della provetta . . . . . .11-33
Analisi di controlli commerciali e del paziente nella
modalità a provetta aperta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-35
Direttive per le analisi parallele dei nuovi lotti di controllo . . . .11-36
Valutazione dei risultati dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-37
Grafici Levey-Jennings . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-38
Elementi degli schermi e pulsanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-39
Direttive per la visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-40
Analisi delle Regole di Westgard . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-41
Regole di Westgard per il sistema CELL-DYN Sapphire . .11-42
Come visualizzare le violazioni delle regole di Westgard . .11-42
Gestione dati dei file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-43
Accettazione o esclusione di una registrazione QC . . . . . . . . . .11-43
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-43
Copia di una registrazione ad un altro file QC . . . . . . . . . . . . . .11-44
Salvare un file QC su dischetto o USB Flash Drive
(formattato in FAT16 o FAT32) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-45

Indice generale-12 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Cancellazione di una registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-50


Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-50
Reset dei dati dei controlli alle impostazioni di default . . . . . . . 11-51
Stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-52
Rapporto riassuntivo dei file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-52
Grafici Levey-Jennings . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-53
Eliminare i file QC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-54
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-55
Valutazione ed esame dei risultati
dei controlli commerciali e del paziente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-57
Controllo On-Line e Off-Line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-59
Programmi a medie mobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-60
Funzionamento dei programmi a medie mobili . . . . . . . . . . 11-61
Principi delle analisi a medie mobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-61
Direttive per la configurazione e l'interpretazione
dell'analisi del programma X-B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-62
Stabilire il valore previsto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-63
Direttive per la configurazione e l'interpretazione di altri
programmi a medie mobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-64
Operare con i programmi a medie mobili . . . . . . . . . . . . . . 11-64
Procedimento di raccolta dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-67
Attivare e disattivare i programmi a medie mobili . . . . . . . 11-67
Visualizzazione e gestione dei dati dei programmi
a medie mobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-68
Cancellazione di registrazioni nel batch in corso . . . . . . . . 11-71
Grafici Levey-Jennings sui dati delle medie mobili . . . . . . 11-73
Esame dei problemi relativi alle medie mobili . . . . . . . . . . 11-77
Informazioni sulla stampa del programma a medie mobili . 11-78
Personalizzazione dei programmi a medie mobili . . . . . . . . 11-78
Programma dell'analisi della differenza accoppiata . . . . . . . . . . 11-79
Principi dell'analisi della differenza accoppiata . . . . . . . . . 11-80
Direttive generali per l'analisi della differenza accoppiata . 11-81
Finestra Archivio "Paired Difference" . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-82
Analisi automatica della differenza accoppiata . . . . . . . . . . 11-84
Analisi manuale della differenza accoppiata . . . . . . . . . . . . . . . 11-85
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-85
Valutare i risultati dell'analisi della differenza accoppiata . 11-86
Gestione dati nel file della differenza accoppiata . . . . . . . . 11-87
Personalizzazione della differenza accoppiata . . . . . . . . . . 11-90
Analisi dei replicati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-91
Procedure per l'analisi dei replicati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-91
Direttive per la valutazione dei risultati dei replicati . . . . . . 11-95
Analisi del controllo delta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-96
Principi del controllo delta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-96
Attivazione del controllo delta automatico . . . . . . . . . . . . . 11-97
Controllo delta manuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-98
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-98
Esame del controllo delta tramite la finestra Risultati
del delta check . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11-99

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-13


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Dati anagrafici ampliati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-101


Personalizzazione Delta Check . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-102
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11-103

Capitolo 12: Dosaggio CELL-DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8)


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-1
Uso e funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-3
Finalità d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-3
Prelievo del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-3
Reagenti CELL-DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8) . . . . . . . . . . . .12-3
Selezione del test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-6
Analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-6
Procedure di installazione e requisiti speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-9
Installazione del software per il dosaggio T-Cell . . . . . . . . . . . . .12-9
Personalizzazione del sistema per il dosaggio T-Cell . . . . . . . . .12-9
Principi di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-13
Descrizione generale del dosaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-13
Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-13
Anticorpi monoclonali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-13
Fluorescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-14
Scatter della luce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-14
Algoritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-15
Parametri e unità di misura usate nei rapporti . . . . . . . . . . . . . .12-15
Segnalazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-17
Segnalazioni relative a parametri sospetti . . . . . . . . . . . . . .12-17
Specifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-21
Specifiche di volume e cadenza analitica . . . . . . . . . . . . . . . . .12-21
Specifiche di prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-21
Background del T-Cell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-21
Carryover . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-22
Imprecisione (riproducibilità) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-22
Range della misurazione analitica (linearità) . . . . . . . . . . . .12-23
Comparabilità (correlazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-23
Specifiche del reagente CELL-DYN Immuno T-Cell
(CD3/4/8) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-24
Periodo di stabilità del reagente CELL-DYN
Immuno T-Cell (CD3/4/8) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-24
Istruzioni operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-25
Preparazione al dosaggio T-Cell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-25
Esecuzione del conteggio di background delle cellule di tipo T 12-26
Preparazione al conteggio di background delle cellule
di tipo T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-27
Esecuzione del conteggio di background delle cellule
di tipo T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-28
Analisi dei campioni dei pazienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-29
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-29
Revisione dei dati di singoli record . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-31
Pagina referto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12-31
Pagina del foglio di lavoro del laboratorio . . . . . . . . . . . . . .12-34

Indice generale-14 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Pagina dei grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-36


Revisione dei dati di record multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-36
Procedure di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-37
Precauzioni e limiti d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-39
Tempo massimo suggerito dopo il prelievo di sangue intero
venoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-39
Conservazione e uso del reagente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-39
Uso delle provette di prelievo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-39
Condizioni e sostanze interferenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-40
Individuazione e soluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-41
Problemi osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-41
Messaggi del sistema (SIM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-41
Problemi relativi ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-45
Controllo di qualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-47
Controllo di qualità interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-47
Controllo di qualità esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-49
Parametri usati nel controllo di qualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-49
Analisi di controlli di sangue intero per il dosaggio T-Cell . . . . 12-50
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-50
Esame dei risultati dei controlli tramite i grafici
Levey-Jennings . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-53
Individuazione e soluzione dei problemi relativi
ai risultati dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-53
Individuazione e soluzione di un errore relativo
al controllo negativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-53
Individuazione e soluzione di un errore relativo
al controllo positivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-54
Monitoraggio on-line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-54
Pezzi di ricambio ed accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-55
Codici a barre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-57
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12-59

Capitolo 13: Dosaggio CELL-DYN ImmunoPlt (CD61)


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-1
Uso e funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-3
Finalità d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-3
Prelievo del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-3
Reagente CELL-DYN ImmunoPlt (CD61) . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-3
Selezione del test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-6
Analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-6
Procedure di installazione e requisiti speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-9
Installazione del software per il dosaggio CD61 . . . . . . . . . . . . . 13-9
Personalizzazione del sistema per il dosaggio CD61 . . . . . . . . . . 13-9
Principi di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-11
Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-11
Anticorpi monoclonali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-11
Fluorescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-11
Scatter della luce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-11
Algoritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-12

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-15


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Parametri e unità di misura usate nei rapporti . . . . . . . . . . . . . .13-12


Segnalazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-12
Segnalazioni relative a parametri sospetti . . . . . . . . . . . . . .13-12
Segnalazione relativa a popolazioni sospette . . . . . . . . . . . .13-15
Specifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-17
Specifiche di volume e cadenza analitica . . . . . . . . . . . . . . . . .13-17
Specifiche di prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-17
Background del CD61 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-17
Carryover . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-17
Imprecisione (riproducibilità) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-18
Range della misurazione analitica (linearità) . . . . . . . . . . . .13-18
Comparabilità (correlazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-19
Specifiche del reagente CELL-DYN ImmunoPlt (CD61) . . . . .13-19
Periodo di stabilità reagente — fare riferimento
al foglietto illustrativo
per le informazioni relative alla stabilità. . . . . . . . . . . . . .13-19
Istruzioni operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-21
Preparazione al dosaggio CD61 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-21
Esecuzione di un conteggio di background CD61 . . . . . . . . . . .13-22
Preparazione al conteggio di background CD61 . . . . . . . . .13-22
Esecuzione di un conteggio di background CD61 . . . . . . . .13-23
Analisi dei campioni dei pazienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-24
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-24
Revisione dei dati di singoli record . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-26
Pagina referto base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-26
Pagina del foglio di lavoro del laboratorio . . . . . . . . . . . . . .13-29
Pagina dei grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-29
Revisione dei dati di record multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-30
Procedure di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-31
Precauzioni e limiti d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-33
Tempo massimo suggerito dopo il prelievo di sangue
intero venoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-33
Conservazione e uso del reagente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-33
Uso delle provette di prelievo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-33
Condizioni e sostanze interferenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-34
Individuazione e soluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-35
Problemi osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-35
Messaggi del sistema (SIM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-35
Problemi relativi ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-39
CD61 Background Count Outside Specification
(Conteggio di background CD61 al di fuori delle
specifiche) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13-39
Imprecise CD61 Results (I risultati CD61 sono imprecisi) .13-39
Low CD61 Platelet Count Relative to Optical or
Impedance Platelet Count (Conteggio delle
piastrine CD61 basso rispetto al conteggio delle piastrine
ottenuto con misurazione ottica o ad impedenza) . . . . . .13-40

Indice generale-16 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Controllo di qualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-41


Preparazione dei controlli di sangue intero per il
dosaggio CD61 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-42
Analisi di controlli di sangue intero per il dosaggio CD61 . . . . 13-42
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-42
Esame dei risultati dei controlli tramite i grafici
Levey-Jennings . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-45
Individuazione e soluzione dei problemi relativi
ai risultati dei controlli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-45
Monitoraggio on-line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-45
Analisi del controllo delta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-45
Pezzi di ricambio ed accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-47
Codici a barre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13-49

Capitolo 14: Dosaggi CELL-DYN OpenFlow


Descrizione generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-1
Prelievo del campione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-1
Reagenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-1
Selezione del test . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-2
Analisi dei campioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-2
WBCFlow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-2
PLTFlow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-4
RBCFlow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-5
Procedure di installazione e requisiti speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-7
Installazione del software per i dosaggi OpenFlow . . . . . . . . . . . 14-7
Personalizzazione del sistema per il dosaggio OpenFlow . . . . . . 14-7
Principi di funzionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-11
Tecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-11
Anticorpi monoclonali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-11
Fluorescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-11
Scatter della luce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-11
Algoritmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-12
Parametri e unità di misura usate nei rapporti . . . . . . . . . . . . . . 14-12
Segnalazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-12
Segnalazioni relative a parametri sospetti . . . . . . . . . . . . . . 14-12
Segnalazione di popolazione sospetta e errori
relativi ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-14
Specifiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-15
Volume e requisiti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-15
Specifiche di prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-15
Istruzioni operative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-17
Preparazione al dosaggio OpenFlow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-17
Analisi dei campioni dei pazienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-18
Direttive per la procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-18
Revisione dei dati di singoli record . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-20
Pagina referto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-20
Risultati numerici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-20
Grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-20
Pagina dei grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14-21

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire Indice generale-17


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Indice generale

Procedure di calibrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-23


Precauzioni e limiti d'uso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-25
Tempo massimo suggerito dopo il prelievo di sangue
intero venoso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-25
Conservazione e uso del reagente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-25
Uso delle provette di prelievo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-25
Condizioni e sostanze interferenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-25
Individuazione e soluzione dei problemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-27
Problemi osservabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-27
Messaggi del sistema (SIM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-27
Problemi relativi ai dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-31
Controllo di qualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-33
Monitoraggio on-line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-33
Analisi del controllo delta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-33
File FCS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-33
Pezzi di ricambio e accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14-35

Capitolo Bibliografia: Bibliografia


Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Bibliografia-1

Capitolo Glossario: Glossario


Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Glossario-1
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Glossario-17

Capitolo Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori


Pezzi di ricambio e accessori del
CELL-DYN Sapphire . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Appendice A-1

Capitolo Appendice B: Potenziali cause dei risultati apparentemente validi


Appendice B – Riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Appendice B-1
Potenziali cause dei risultati apparentemente validi . . Appendice B-1

Capitolo Revisione: Stato della revisione

Capitolo Revisione: Registro di revisione

Indice generale-18 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Guida alla consultazione della documentazione tecnica


Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Introduzione
Per il CELL-DYN Sapphire è disponibile la seguente documentazione:
Manuale d'Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire, disponibile nelle
versioni stampata e PDF (solo in inglese).
Il Manuale d'Impiego contiene le istruzioni per utilizzare ed eseguire la
manutenzione del CELL-DYN Sapphire. Fornisce informazioni varie, che
vanno dalle istruzioni operative passo-passo ad un elenco di pezzi di
ricambio e accessori.
Il Manuale d'Impiego online è concepito per fornire tutte le informazioni
necessarie nel modo più veloce e semplice da utilizzare possibile. Contiene
le stesse informazioni fornite dalla versione stampata del manuale, tra cui
le istruzioni per utilizzare ed eseguire la manutenzione del CELL-DYN
Sapphire. È possibile accedere al Manuale d'Impiego online dal software
della stazione dati del CELL-DYN Sapphire e da un computer autonomo
su cui sia installato il relativo CD-ROM.

La prima fase, e la più importante per imparare ad utilizzare il manuale, è


comprenderne la struttura. Per assistere l'operatore, il presente capitolo
illustra i seguenti argomenti:
• Documentazione online (PDF)
• Documentazione stampata

Documentazione online (PDF)


La documentazione online (PDF) si suddivide in:
• Struttura del Manuale d'Impiego online (PDF)
• Convenzioni utilizzate nel Manuale d'Impiego online (PDF)
• Accesso al Manuale d'Impiego online (versione inglese) tramite il
software del sistema
• Accesso al Manuale d'Impiego online da un computer autonomo

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Struttura del Manuale d'Impiego online (PDF)


Il Manuale d'Impiego online (solo versione inglese) è strutturato come
segue:
Tabella 1: Struttura del Manuale d'Impiego online

Stato della revisione / Questo capitolo riporta lo stato ed il registro della revisione del manuale
Registro delle (versione inglese).
revisioni
Indice generale Fare riferimento all'indice per avere una lista completa di:
• capitoli
• sezioni
• figure
• tabelle
• caratteristiche della nuova versione (versione software v3).
Introduzione Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni importanti riguar-
danti:
• i contatti con il Servizio Clienti Abbott
• la finalità d'uso del CELL-DYN Sapphire
• i marchi di fabbrica
• la garanzia
• l'esonero da responsabilità
• la legenda dei simboli utilizzati e le etichette.
Guida alla consulta- Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:
zione della documen- • struttura del contenuto
tazione tecnica • convenzioni utilizzate nella versione stampata e in quella online (PDF) del
Manuale d'Impiego
• uso della versione stampata e di quella online (PDF) del Manuale d'Impiego
• istruzioni per accedere al Manuale d'Impiego online (PDF).
Capitolo 1 Questo capitolo serve ad identificare:
Uso e funzioni • parametri ematologici specifici analizzati
• sequenza di analisi del campione
• componenti principali dell'hardware
• funzioni di base del software del sistema
• reagenti, controlli, calibratore e particelle di riferimento standard.
Capitolo 2 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:
Procedure di installa- • requisiti di collocazione per l'installazione
zione e requisiti • procedure per l'installazione e l'avvio del sistema
speciali • personalizzazione del software del sistema e direttive per la procedura
• direttive per il trasferimento ed il trasporto del sistema.
Capitolo 3 Fare riferimento a questo capitolo per avere una spiegazione relativa a:
Principi di funziona- • principi scientifici e tecnici
mento • tipi di misurazioni del sistema
• analisi dei dati e convenzioni usate per esprimere i parametri
• messaggi del sistema (SIM) e segnalazioni relative ai dati.

2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 1: Struttura del Manuale d'Impiego online (continua)

Capitolo 4 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:


Caratteristiche e • dimensioni dello strumento
specifiche di presta- • requisiti elettrici
zione del sistema • capacità del sistema
• specifiche del codice a barre
• caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema.
Capitolo 5 Utilizzare questo capitolo per imparare come eseguire:
Istruzioni operative • varie operazioni correlate alle attività di routine del sistema
• la personalizzazione del sistema per il funzionamento senza supervisione
o per la modalità di campionamento a campione aperto
• gestione di base e avanzata dei dati del paziente, tra cui rivedere, stampare
e trasmettere i dati al sistema di elaborazione dati del laboratorio (LIS).
Capitolo 6 Questo capitolo fornisce informazioni su:
Procedure di calibra- • quando calibrare
zione • procedure di pre-calibrazione
• procedure di calibrazione
• procedure di post-calibrazione.
Capitolo 7 Rivedere attentamente questo capitolo per avere informazioni sulle azioni o
Precauzioni e limiti condizioni che possono incidere su:
d'uso • integrità del sistema CELL-DYN Sapphire
• accuratezza dei risultati delle analisi dei pazienti
• condizioni e sostanze interferenti.
Capitolo 8 Rischi Utilizzare questo capitolo per prendere familiarità con le icone di sicurezza
applicate sullo strumento e riportate nel manuale che segnalano situazioni
potenzialmente pericolose.
Capitolo 9 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:
Assistenza e • descrizione di tutte le procedure di manutenzione
manutenzione • istruzioni sull'esecuzione di procedure di manutenzione programmata e
secondo necessità
• istruzioni dettagliate per la sostituzione dei componenti
• istruzioni passo a passo necessarie ad eseguire procedure speciali quali la
decontaminazione.
Capitolo 10 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:
Individuazione e • nozioni basilari per l'individuazione e la soluzione dei problemi
soluzione dei • cause probabili e azioni correttive per problemi osservati, messaggi del
problemi sistema (SIM) e problemi relativi ai dati
• diagrammi di percorso della fluidica.
Capitolo 11 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni quali:
Controllo di qualità • principi e procedure per analizzare controlli di qualità disponibili in
commercio e campioni dei pazienti
• procedure per personalizzare i file del controllo di qualità
• gestione dei dati del controllo di qualità
• programmi di controlli di qualità on-line e off-line.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 1: Struttura del Manuale d'Impiego online (continua)

Capitolo 12 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive il dosaggio


Dosaggio CELL-DYN CELL-DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8). È organizzato come il manuale, ed è
suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e funzioni al
Immuno T-Cell
Capitolo 11: Controllo di qualità e contiene informazioni riguardanti i pezzi
[CD3/4/8] di ricambio, gli accessori ed il codice a barre.
Capitolo 13 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive il dosaggio
Dosaggio CELL-DYN CELL-DYN ImmunoPlt (CD61). È organizzato come il manuale, ed è
suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e funzioni al
ImmunoPlt [CD61]
Capitolo 11: Controllo di qualità e contiene informazioni riguardanti i pezzi
di ricambio, gli accessori ed il codice a barre.
Capitolo 14 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive i dosaggi
Dosaggi CELL-DYN CELL-DYN OPENFlow (WBCFlow, PLTFlow e RBCFlow). È organizzato
come il manuale, ed è suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e
OPENFlow
funzioni al Capitolo 11: Controllo di qualità.
Appendici Fare riferimento alle appendici per ottenere informazioni su:
• numeri di listino.
Glossario Fare riferimento a questo capitolo per le definizioni del termini relativi al
CELL-DYN Sapphire.
Bibliografia Fare riferimento a questo capitolo per la bibliografia.

4 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Convenzioni utilizzate nel Manuale d'Impiego online (PDF)


Le convenzioni rappresentano una serie di standard definiti e sono
utilizzate per trasmettere determinate informazioni in modo chiaro e
comprensibile. Le convenzioni utilizzate nel manuale online (PDF) sono
pensate per facilitare la ricerca, la lettura, la comprensione e l'uso delle
informazioni disponibili.
Tabella 2: Convenzioni di testo utilizzate nel Manuale d'Impiego online (PDF)

Descrizione Uso Esempi


Blu, grassetto, corsivo Indica i collegamenti di Capitolo 7: Precauzioni e limiti
ipertesto alle informazioni
d'uso
correlate
Carattere Courier Introduzioni di testo type admin
Carattere Sans serif, grassetto, tutte le Nomi delle finestre DATA LOG window
lettere maiuscole
Carattere Sans serif, grassetto, lettera Aree della finestra, menu e Data Set Fields area
iniziale maiuscola elementi del menu
Setup menu
Carattere Sans serif, grassetto, lettera Messaggi o altre visualizza- [Waste Full] text
iniziale maiuscola, tra parentesi zioni sullo schermo
Carattere Sans serif, grassetto, lettera Campo per l'inserimento di <Operator ID> field
iniziale maiuscola, tra parentesi angolate dati
Carattere Sans serif, lettera iniziale Stato Standby status
maiuscola
Initialized status
Ready state
Carattere Serif, grassetto, tutte le lettere Nota, attenzione, avvertenza Testo NOTA:
maiuscole seguite da punto e spazio
prima del testo.
Carattere serif, grassetto, lettera iniziale Pulsanti schermo Data Log button
maiuscola
Carattere Serif, tutte le lettere maiuscole ON, OFF set to ON
set to OFF
Carattere Serif, solo la lettera iniziale Tasti della tastiera Function keys (F1) key
maiuscola, se appropriato
arrow keys
↑ arrow key
Enter key
ESC key
Page Up key
pound (#) key
asterisk (*) key

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 5


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 3: Convenzioni grafiche utilizzate nel Manuale d'Impiego online (PDF)

Descrizione Uso Esempi


Parole di segnalazione Evidenzia informazioni rilevanti per NOTA:
l'argomento in questione. ATTENZIONE:
AVVERTENZA
Riferimenti numerici su illustrazioni, Indica l'area descritta in una tabella che 1
fotografie e rapporti segue o in una colonna laterale presente
nella figura.

Accesso al Manuale d'Impiego online (versione inglese) tramite il software del sistema
Eseguire la seguente procedura per visualizzare il Manuale d'Impiego
online (versione inglese) (CELL-DYN Sapphire Operator’s Manual)
tramite il software del sistema.
Fare riferimento al Capitolo 2: Procedure di installazione e requisiti
speciali, Sezione: Sapphire Admin Utilities per la procedura di aggiorna-
mento e di installazione del Manuale d’Impiego online.

Per accedere alla console del Manuale d'Impiego online (versione inglese)
dal software del sistema sulla stazione dati del CELL-DYN Sapphire:
1. Premere il tasto di funzione F1 sulla tastiera per visualizzare la
console del Manuale d'Impiego online (versione inglese) nell'appli-
cazione Adobe Acrobat Reader.
NOTA: La visualizzazione del Manuale d'Impiego online non ha
alcun effetto sul software operativo della stazione dati del
CELL-DYN Sapphire. Se non è possibile accedere al Manuale
d'Impiego online, contattare il Servizio Clienti Abbott.

2. Utilizzare una delle funzioni di ricerca di Acrobat Reader per


navigare nel Manuale d'Impiego online. Per le opzioni di naviga-
zione fare riferimento alla seguente Tabella 4.
3. Premere il tasto di funzione F2 per tornare alla console dello
schermo principale del software operativo della stazione dati del
CELL-DYN Sapphire
NOTA: Quando compare una finestra che indica che lo stato dello
strumento è non operativo o sta per diventarlo, il software della stazione
dati del CELL-DYN Sapphire visualizzerà automaticamente la console
dello schermo principale del Manuale d'Impiego del Sistema CELL-DYN
Sapphire.

6 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 4: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF)

Azioni Fasi Rimando


Utilizzare 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
l'indice riquadro di navigazione per visualizzare
l'indice del Manuale d'Impiego (vedere
l'illustrazione a destra).
2. Per visualizzare le sezioni selezionare il 1
simbolo a forma di freccia verso destra
che si trova accanto alle icone dei
capitoli. 3
NOTA: i task contraddistinti dal
simbolo della freccia verso destra
possono essere selezionati per
visualizzare la lista in forma
sintetica.
2
3. Cliccare sull'icona a sinistra di un
argomento per visualizzarlo.
La pagina contenente gli argomenti
viene visualizzata nell'area degli
argomenti (parte destra della
finestra).
Sfogliare il 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
4 2 1
manuale riquadro di navigazione (vedere l'illustra-
zione a destra) e quindi selezionare un
titolo.
Il contenuto appare nell'area degli
argomenti.
2. Selezionare il pulsante Next Page
(pagina successiva) nella barra degli
strumenti per far comparire la pagina
successiva del manuale.
3. Ripetere la fase 2 per il numero di volte
desiderato.
4. Selezionare il pulsante Previous Page
(pagina precedente) nella barra degli 4 2
strumenti per far comparire la pagina
precedente del manuale.
NOTA: è possibile sfogliare il
manuale anche tramite la barra di
scorrimento a destra dell'area degli
argomenti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 7


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 4: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF) (continua)

Azioni Fasi Rimando


Uso 1. Selezionare l'opzione Table of Contents
dell'indice (indice) o Index (indice analitico) nel
pannello di navigazione (vedere l'illustra-
zione a destra).
2. Cliccare su qualsiasi argomento del
Master Table of Contents (indice
generale) o dell'Index (indice analitico). 2
Il contenuto appare nell'area degli
argomenti.
1

Uso del 1. Selezionare il pulsante Find (trova) 1


pulsante (vedere l'illustrazione a destra).
Find
(trova)

2. Digitare una parola o una frase nel


campo Find What: e selezionare il
pulsante Find (vedere l'illustrazione a
destra).
La parola o la frase digitata viene
evidenziata e visualizzata nell'area
degli argomenti. Se la parola o
frase non compare nel manuale,
viene visualizzata la finestra Text
Not Found (testo non trovato).
NOTA: è possibile selezionare le
opzioni Match Whole Word Only
(solo parole intere), Match Case
(maiuscole minuscole) e Find
Backwards (ricerca all'indietro).
Digitare qualsiasi combinazione di
lettere (a-z) o numeri (0-9).

8 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 4: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF) (continua)

Azioni Fasi Rimando


3. Selezionare il pulsante Find Again (trova
ancora) (vedere l'illustrazione a destra)
per trovare l'occorrenza successiva della
parola o della frase.
NOTA: Il pulsante Find Again conti-
nuerà a cercare fino alla fine del
manuale e quindi visualizzerà un
messaggio di avvertenza.
Selezionare OK per continuare la
ricerca dall'inizio del manuale o
Cancel (annulla) per interromperla.
4. Selezionare il pulsante Cancel (annulla)
per interrompere la ricerca (facoltativo).
5. Digitare un'altra parola o frase nel
campo Find What e selezionare Find
(facoltativo).
Uso del 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
glossario riquadro di navigazione e quindi
selezionare il titolo Glossary (glossario)
(vedere l'illustrazione a destra).
Nell'area degli argomenti compare
un elenco alfabetico dei termini con
le relative definizioni.
2. Utilizzare la barra di scorrimento sulla
destra dell'area degli argomenti, se
necessario, per visualizzare il termine
desiderato e la definizione.
1

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 9


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Accesso al Manuale d'Impiego online (PDF) da un computer autonomo


Per accedere al Manuale d'Impiego online (PDF) da un computer
autonomo:
NOTA: Adobe Acrobat Reader deve essere installato sul computer per
poter aprire la versione online del Manuale d'Impiego da un computer
autonomo.

1. Inserire il CD-ROM del Manuale d'Impiego CELL-DYN Sapphire


nel drive dei CD-ROM del computer.
2. Cliccare su Start, selezionare Run... digitare D: (ovvero la colloca-
zione del drive del CD-ROM del proprio computer), selezionare il
pulsante OK e attendere la comparsa della finestra che mostra il
contenuto del drive D.
NOTA: Se non è possibile accedere al Manuale d'Impiego online su
CD-ROM, contattare l'esperto di computer del laboratorio per
individuare e risolvere eventuali problemi del computer.

3. Cliccare due volte sul file CELL-DYN.txt per verificare la compa-


tibilità tra il contenuto del Manuale d’Impiego online
CELL-DYN Sapphire (PDF) su CD-ROM e la versione del software
del sistema CELL-DYN Sapphire attualmente in uso nel proprio
laboratorio.
4. Cliccare due volte sulla cartella CDROM_List_Number_Page per
aprire e leggere l’esonero da responsabilità relativo alla documenta-
zione (media disclaimer).
5. Cliccare due volte sulla cartella Operators_Manual_Full per
accedere al testo completo del Manuale d’Impiego CELL-DYN
Sapphire online (PDF), in inglese.
NOTA: La cartella Operators_Manual_Update può essere vuota o
contenere singoli capitoli che sono stati aggiornati nella cartella
Operators_Manual_Full. Tale cartella di aggiornamento può essere
utilizzata per stampare le pagine aggiornate e quindi inserirle nella
versione stampata del manuale.

6. Utilizzare una delle funzioni di ricerca di Acrobat Reader per


spostarsi all’interno del PDF. Fare riferimento alla seguente Tabella
5 per informazioni sulle opzioni di ricerca disponibili.
7. Dopo la consultazione, estrarre il CD-ROM dal relativo drive.
NOTA: A causa di differenze tra le stampanti, prima di utilizzarle
verificare che le pagine stampate corrispondano con la versione del
Manuale d’Impiego online (PDF) che compare sullo schermo della
stazione dati del sistema CELL-DYN Sapphire (computer).

10 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 5: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF)

Azioni Fasi Rimando


Utilizzare 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
l'indice riquadro di navigazione per visualizzare
l'indice del Manuale d'Impiego (vedere
l'illustrazione a destra).
1 2
2. Selezionare i simboli + accanto alle
icone del libro per visualizzare le sezioni. 3
NOTA: per visualizzare la lista in
forma sintetica si può usare il 4
simbolo.
3. Utilizzare la barra di scorrimento sulla
destra dell'area di navigazione per visua-
lizzare l'intero contenuto.
4. Cliccare sull'icona a sinistra di un
argomento per visualizzarlo.
La pagina contenente gli argomenti
viene visualizzata nell'area degli
argomenti (parte destra della
finestra).
Sfogliare il 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
manuale riquadro di navigazione (vedere l'illustra-
zione a destra) e quindi selezionare un 4 2
titolo.
1
Il contenuto appare nell'area degli
argomenti.
2. Selezionare il pulsante Next Page
(pagina successiva) nella barra degli
strumenti per far comparire la pagina
successiva del manuale. 4 2
3. Ripetere la fase 2 per il numero di volte
desiderato.
4. Selezionare il pulsante Previous Page
(pagina precedente) nella barra degli
strumenti per far comparire la pagina
precedente del manuale.
NOTA: è possibile sfogliare il
manuale anche tramite la barra di
scorrimento a destra dell'area degli
argomenti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 11


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 5: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF) (continua)

Azioni Fasi Rimando


Uso 1. Selezionare l'opzione Table of Contents
dell'indice (indice) o Index (indice analitico) nel
pannello di navigazione (vedere l'illustra-
zione a destra). 1
2. Cliccare su qualsiasi argomento del 2
Master Table of Contents (indice
generale) o dell'Index (indice analitico).
Il contenuto appare nell'area degli
argomenti.
Uso del 1. Selezionare il pulsante Find (trova)
pulsante (vedere l'illustrazione a destra).
Find
(trova)
2. Digitare una parola o una frase nel
campo Find What: e selezionare il
pulsante Find (vedere l'illustrazione a
destra).
La parola o la frase digitata viene
evidenziata e visualizzata nell'area
degli argomenti. Se la parola o
frase non compare nel manuale,
viene visualizzata la finestra Text
Not Found (testo non trovato).
NOTA: è possibile selezionare le
opzioni Match Whole Word Only
(solo parole intere), Match Case
(maiuscole minuscole) e Find
Backwards (ricerca all'indietro).
Digitare qualsiasi combinazione di
lettere (a-z) o numeri (0-9).
3. Selezionare il pulsante Find Again (trova
ancora) (vedere l'illustrazione a destra)
per trovare l'occorrenza successiva della
parola o della frase.
NOTA: Il pulsante Find Again conti-
nuerà a cercare fino alla fine del
manuale e quindi visualizzerà un
messaggio di avvertenza.
Selezionare OK per continuare la
ricerca dall'inizio del manuale o
Cancel (annulla) per interromperla.
4. Selezionare il pulsante Cancel (annulla)
per interrompere la ricerca (facoltativo).
5. Digitare un'altra parola o frase nel
campo Find What e selezionare Find
(facoltativo).

12 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 5: Ricerca nel Manuale d'Impiego online (PDF) (continua)

Azioni Fasi Rimando


Uso del 1. Selezionare l'opzione Bookmarks nel
glossario riquadro di navigazione e quindi
selezionare il titolo Glossary (glossario)
(vedere l'illustrazione a destra).
Nell'area degli argomenti compare
un elenco alfabetico dei termini con
le relative definizioni.
2. Utilizzare la barra di scorrimento sulla
destra dell'area degli argomenti, se
necessario, per visualizzare il termine 1 2
desiderato e la definizione.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 13


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Documentazione stampata
La versione stampata del Manuale d'Impiego CELL-DYN Sapphire
contiene le istruzioni per utilizzare ed eseguire la manutenzione del
sistema CELL-DYN Sapphire. È un valido ausilio per imparare ad
interagire con il sistema e rimane anche in seguito un'indispensabile guida
di riferimento.

Gli argomenti trattati in questa sezione sono i seguenti:


• Struttura del Manuale d'Impiego stampato
• Convenzioni utilizzate nella documentazione stampata

Struttura del Manuale d'Impiego stampato


La versione stampata del Manuale d'Impiego CELL-DYN Sapphire
favorisce l'accesso alle informazioni desiderate tramite:

Separatori di capitolo
I separatori di capitolo segnano l'inizio di ciascun capitolo.

Indice generale
L'indice generale all'inizio del manuale elenca i capitoli e le sezioni.
All'inizio di ogni capitolo, dopo il separatore, è disponibile inoltre un
indice relativo al capitolo stesso.

La versione stampata del Manuale d'Impiego è strutturata come segue:


Tabella 6: Struttura del Manuale d'Impiego stampato

Stato della revisione / Questo capitolo riporta lo stato ed il registro della revisione del manuale.
Registro delle
revisioni
Introduzione Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni importanti, quali:
• i contatti con il Servizio Clienti Abbott
• la finalità d'uso del CELL-DYN Sapphire
• i marchi di fabbrica
• l'esonero da responsabilità
• la legenda dei simboli utilizzati e le etichette.
Indice generale Fare riferimento all'indice per avere una lista di tutti:
• i capitoli
• le sezioni
• le figure
• le tabelle
• le caratteristiche della nuova versione (versione software v3).

14 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 6: Struttura del Manuale d'Impiego stampato (continua)

Guida alla consulta- Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
zione della documen- • struttura del contenuto
tazione tecnica • convenzioni utilizzate nella versione stampata e in quella online (PDF) del
Manuale d'Impiego
• uso della versione stampata e di quella online (PDF) del Manuale d'Impiego
• istruzioni per accedere al Manuale d'Impiego online (PDF).
Capitolo 1 Questo capitolo serve ad identificare:
Uso e funzioni • parametri ematologici specifici analizzati
• sequenza di analisi del campione
• componenti principali dell'hardware
• funzioni di base del software del sistema
• reagenti, controlli, calibratore e particelle di riferimento standard.
Capitolo 2 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
Procedure di installa- • requisiti di collocazione per l'installazione
zione e requisiti • procedure per l'installazione e l'avvio del sistema
speciali • personalizzazione del software del sistema e direttive per la procedura
• direttive per il trasferimento ed il trasporto del sistema.
Capitolo 3 Fare riferimento a questo capitolo per avere una spiegazione relativa a:
Principi di funziona- • principi scientifici e tecnici
mento • tipi di misurazioni del sistema
• analisi dei dati e convenzioni usate per esprimere i parametri
• messaggi del sistema (SIM) e segnalazioni relative ai dati.
Capitolo 4 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
Caratteristiche e • dimensioni dello strumento
specifiche di presta- • requisiti elettrici
zione del sistema • capacità del sistema
• specifiche del codice a barre
• caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema.
Capitolo 5 Utilizzare questo capitolo per imparare come eseguire:
Istruzioni operative • varie operazioni correlate alle attività di routine del sistema
• la personalizzazione del sistema per il funzionamento senza supervisione
o per la modalità di campionamento a campione aperto
• gestione di base e avanzata dei dati del paziente, tra cui rivedere, stampare
e trasmettere i dati al sistema di elaborazione dati del laboratorio (LIS).
Capitolo 6 Questo capitolo fornisce informazioni su:
Procedure di calibra- • quando calibrare
zione • procedure di pre-calibrazione
• procedure di calibrazione
• procedure di post-calibrazione.
Capitolo 7 Rivedere attentamente questo capitolo per avere informazioni sulle azioni o
Precauzioni e limiti condizioni che possono incidere su:
d'uso • integrità del sistema CELL-DYN Sapphire
• accuratezza dei risultati delle analisi dei pazienti
• condizioni e sostanze interferenti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 15


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 6: Struttura del Manuale d'Impiego stampato (continua)

Capitolo 8 Utilizzare questo capitolo per prendere familiarità con le icone di sicurezza
Rischi applicate sullo strumento e riportate nel manuale che segnalano situazioni
potenzialmente pericolose.
Capitolo 9 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
Assistenza e • descrizione di tutte le procedure di manutenzione
manutenzione • istruzioni sull'esecuzione di procedure di manutenzione programmata e
secondo necessità
• istruzioni dettagliate per la sostituzione dei componenti
• istruzioni passo a passo necessarie ad eseguire procedure speciali quali la
decontaminazione.
Capitolo 10 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
Individuazione e • nozioni basilari per l'individuazione e la soluzione dei problemi
soluzione dei • cause probabili e azioni correttive per problemi osservati, messaggi del
problemi sistema (SIM) e problemi relativi ai dati
• diagrammi di percorso della fluidica.
Capitolo 11 Fare riferimento a questo capitolo per reperire informazioni, quali:
Controllo di qualità • principi e procedure per analizzare controlli di qualità disponibili in
commercio e campioni dei pazienti
• procedure per personalizzare i file del controllo di qualità
• gestione dei dati del controllo di qualità
• programmi di controlli di qualità on-line e off-line.
Capitolo 12 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive il dosaggio
Dosaggio CELL-DYN CELL-DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8). È organizzato come il manuale, ed è
suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e funzioni al
Immuno T-Cell
Capitolo 11: Controllo di qualità, e contiene informazioni riguardanti i pezzi
(CD3/4/8) di ricambio, gli accessori ed il codice a barre.
Capitolo 13 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive il dosaggio
Dosaggio CELL-DYN CELL-DYN ImmunoPlt (CD61). È organizzato come il manuale, ed è
suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e funzioni al
ImmunoPlt (CD61)
Capitolo 11: Controllo di qualità, e contiene informazioni riguardanti i pezzi
di ricambio, gli accessori ed il codice a barre.
Capitolo 14 Questo capitolo rappresenta un modulo indipendente e descrive i dosaggi
Dosaggi CELL-DYN CELL-DYN OPENFlow (WBCFlow, PLTFlow e RBCFlow). È organizzato
come il manuale, ed è suddiviso in capitoli che vanno dal Capitolo 1: Uso e
OPENFlow
funzioni al Capitolo 11: Controllo di qualità.
Bibliografia Fare riferimento a questo capitolo per la bibliografia.
Glossario Fare riferimento a questo capitolo per le definizioni del termini relativi al
CELL-DYN Sapphire.
Appendici Fare riferimento alle appendici per ottenere informazioni su:
• numeri di listino.

16 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Convenzioni utilizzate nel Manuale d'Impiego stampato


Le convenzioni rappresentano una serie di standard definiti e sono
utilizzate per trasmettere determinate informazioni in modo chiaro e
comprensibile. Le convenzioni utilizzate nel manuale stampato sono
pensate per facilitare la ricerca, la lettura, la comprensione e l'uso delle
informazioni disponibili.
Tabella 7: Convenzioni di testo utilizzate nel Manuale d'Impiego stampato

Descrizione Uso Esempi


Grassetto, corsivo Indica i capitoli di riferimento, che Capitolo 7: Precauzioni e limiti
forniscono informazioni su un
d'uso
determinato argomento o
procedura.
Carattere Courier Introduzioni di testo digitare admin
Carattere Sans serif, grassetto, Nomi delle finestre finestra ARCHIVIO DATI
tutte le lettere maiuscole
Carattere Sans serif, grassetto, Aree della finestra, menu e Area Voci della serie dei dati
lettera iniziale maiuscola elementi del menu
Menu Configurazione
Carattere Sans serif, grassetto, Messaggi o altre visualizzazioni testo [Serbatoio di scarico
lettera iniziale maiuscola, tra sullo schermo pieno]
parentesi
Carattere Sans serif, grassetto, Campo per l'inserimento di dati campo <ID operatore>
lettera iniziale maiuscola, tra
parentesi angolate
Carattere Sans serif, lettera Stato Standby
iniziale maiuscola
Inizializzato
Pronto
Carattere Sans serif, grassetto, Nota, attenzione, avvertenza Testo NOTA:
tutte le lettere maiuscole, seguito
da due punti e spazio prima del
testo
Carattere serif, grassetto, lettera Pulsanti schermo Pulsante Archivio dati
iniziale maiuscola
Carattere Serif, tutte le lettere ON, OFF impostare su ON
maiuscole
impostare su OFF
Carattere Serif, solo la lettera Tasti della tastiera Tasti di funzione (F1)
iniziale maiuscola, se appropriato
tasti freccia
↑ tasto freccia
tasto Enter (invio)
tasto ESC
tasto Page Up
tasto cancelletto (#)
tasto asterisco (*)

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 17


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Guida alla consultazione della documentazione tecnica

Tabella 8: Convenzioni grafiche utilizzate nel Manuale d'Impiego

Descrizione Uso Esempi


Parole di segnalazione Evidenzia informazioni rilevanti per NOTA:
l'argomento in questione. ATTENZIONE:
AVVERTENZA
Riferimenti numerici su illustrazioni, Indica l'area descritta in una tabella che 1
fotografie e rapporti segue o in una colonna laterale presente
nella figura.

18 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Descrizione generale
Capitolo 1 Uso e funzioni

Il sistema CELL-DYN Sapphire è un analizzatore multiparametrico auto-


matico per ematologia, concepito per l'uso diagnostico in vitro e finaliz-
zato al conteggio e alla caratterizzazione delle cellule del sangue. Grazie
alla sua struttura particolare, esso può essere facilmente integrato in un
laboratorio clinico di un ospedale o di una clinica medica, in un labora-
torio di riferimento o in un laboratorio di ricerca. Il sistema CELL-DYN
Sapphire è particolarmente adatto alle esigenze di un laboratorio clinico
ematologico che tratta un volume elevato di analisi, dato che è in grado di
eseguire simultaneamente l'analisi dei campioni e l'interpretazione e la
gestione dei dati.

Figura 1.1: CELL-DYN Sapphire

Il Capitolo 1: Uso e funzioni presenta una breve descrizione del sistema


CELL-DYN Sapphire e comprende le seguenti sezioni:
• Parametri
• Sequenza di analisi del campione
• Componenti principali dell'hardware
• Funzioni di base del software del sistema
• Reagenti, controlli, calibratore e particelle di riferimento standard
La teoria scientifica su cui si basa la metodologia impiegata dal sistema
CELL-DYN viene presentata nel Capitolo 3: Principi di funzionamento.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-1


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Descrizione generale Capitolo 1

ANNOTAZIONI

1-2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Parametri

Il sistema CELL-DYN Sapphire è concepito per analizzare sangue trattato


con anticoagulante EDTA e determinare i parametri ematologici elencati
qui sotto. Tali parametri verranno discussi più dettagliatamente nel
Capitolo 3: Principi di funzionamento.

Parametri per il conteggio dei leucociti


WBC: Concentrazione dei leucociti
NEU: Concentrazione assoluta dei neutrofili
%N: Percentuale di neutrofili rispetto ai leucociti
LYM: Concentrazione assoluta dei linfociti
%L: Percentuale di linfociti rispetto ai leucociti
MONO: Concentrazione assoluta dei monociti
%M: Percentuale di monociti rispetto ai leucociti
EOS: Concentrazione assoluta degli eosinofili
%E: Percentuale di eosinofili rispetto ai leucociti
BASO: Concentrazione assoluta dei basofili
%B: Percentuale di basofili rispetto ai leucociti
CD3T: Numero assoluto di cellule T (linfociti CD3+)
%CD3: Percentuale di linfociti riconosciuti come cellule T (linfociti
CD3+)
CD4T: Numero assoluto di cellule T helper/inducer
(linfociti CD3+CD4+)
%CD4: Percentuale di linfociti riconosciuti come cellule T helper/
inducer (linfociti CD3+CD4+)
CD8T: Numero assoluto di cellule T suppressor/citotossiche (linfociti
CD3+CD8+)
%CD8: Percentuale di linfociti riconosciuti come cellule T
suppressor/citotossiche (linfociti CD3+CD8+)
4/8: Rapporto tra cellule T helper/inducer e cellule T suppressor/
citotossiche (rapporto tra linfociti CD3+CD4+ e CD3+CD8+)

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-3


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Parametri Capitolo 1

Parametri per il conteggio degli eritrociti


RBC: Concentrazione degli eritrociti
HGB: Concentrazione di emoglobina
HCT: Ematocrito
MCV: Volume cellulare medio
MCH: Emoglobina cellulare media
MCHC: Concentrazione cellulare media di emoglobina
RDW: Ampiezza della distribuzione eritrocitaria
NRBC: Concentrazione assoluta degli eritrociti nucleati
NR/W: Numero di eritrociti nucleati su 100 leucociti
RETC: Concentrazione assoluta dei reticolociti
%R: Percentuale di reticolociti rispetto agli eritrociti
IRF: Frazione di reticolociti immaturi

Parametri per il conteggio delle piastrine


PLT: Concentrazione delle piastrine
MPV: Volume piastrinico medio
CD61: Concentrazione delle piastrine CD61

1-4 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Sequenza di analisi del campione

Questa sezione descrive il modo in cui i componenti hardware, software


e dei reagenti del sistema CELL-DYN Sapphire interagiscono allo scopo
di realizzare la sequenza di analisi del campione. La sequenza si articola
in:
• Caricamento e presentazione del campione
• Identificazione del campione e selezione del test
• Diluizione ed analisi del campione

Caricamento e presentazione del campione


Il sistema CELL-DYN Sapphire dispone di due modalità per sottoporre il
campione all'analizzatore:
• Nella modalità a campionatore automatico, l'analizzatore miscela
automaticamente i campioni contenuti in provette di prelievo
tappate e sposta le provette nella posizione di aspirazione. Il
campionatore automatico può accogliere fino a 100 provette negli
appositi portaprovette. I componenti del campionatore automatico
leggono quindi i codici a barre del portaprovette e della posizione
delle provette, miscelano il sangue e spostano le provette attraverso
l'area di analisi dei campioni. Questi componenti verranno descritti
più avanti in questo stesso capitolo.
• Nella modalità a provetta aperta, l'analizzatore aspira il campione
da una provetta aperta.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-5


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Sequenza di analisi del campione Capitolo 1

Identificazione del campione e selezione del test


Ciascun campione è identificato da un unico numero progressivo conte-
nente l'ora e la data, e può venire identificato tramite un numero di iden-
tificazione del campione. Il numero di identificazione o il testo inserito
nel campo <ID campione> e utilizzato per identificare i campioni analiz-
zati è validato, inoltre:
• Deve contenere da tre a dodici caratteri.
• Non può contenere spazi vuoti.
• Non può contenere spazi vuoti al centro.
• Non può contenere il seguente testo: ‘CD61’ , ‘CD34’ o ‘CD38’.
• Non può avere il formato Qxx di una etichetta Q (dove xx = 01–25).
• Non può avere il formato delle etichette indicanti il numero di porta-
provette e la posizione della provetta rxx, pyy (dove xx=00–99,
yy=00–10).
• Non può contenere i delimitatori di messaggi dell’host.
ATTENZIONE: Se il campione viene aspirato nella modalità a
provetta aperta e la ID del campione non è stata inserita nella
finestra o nella minifinestra CONFIGURAZIONE DEL
CAMPIONE SUCCESSIVO, il relativo campo <ID campione>
nella finestra ARCHIVIO DATI visualizzerà [Nessuna ID] o
[Invalid]. Se la registrazione viene stampata, nel campo <ID
campione> comparirà la scritta ‘Nessuna ID’ o ‘Invalid’ finché
questo campo non viene modificato nella finestra MODIFICA
DEI DATI ANAGRAFICI.

Le selezioni dei test possono essere eseguite automaticamente o manual-


mente. Le capacità di accesso casuale del sistema CELL-DYN Sapphire
consentono all'analizzatore di eseguire automaticamente test differenti su
singoli campioni. Informazioni dettagliate riguardanti l'identificazione
dei campioni e la selezione dei test sono riportate nel Capitolo 5: Istru-
zioni operative, Sezione: Metodi di identificazione del campione.
Sia nella modalità a campionatore automatico che nella modalità a
provetta aperta, le etichette con codice a barre e la Lista di lavoro identi-
ficano il campione ed il test selezionati. Le voci della Lista di lavoro
possono essere ottenute per via elettronica da un computer host o intro-
dotte manualmente.

1-6 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Sequenza di analisi del campione

Nella modalità a provetta aperta, il lettore manuale del codice a barre può
essere usato per identificate il campione; in alternativa l'operatore può
identificare il campione a vista, introdurre le informazioni relative al
paziente e selezionare il test desiderato nella finestra o minifinestra
Configurazione del campione successivo.
I dati relativi al campione, al paziente e alla selezione del test appaiono
nell' Archivio dati. Una volta avvenuta l'aspirazione del campione, le
informazioni relative al paziente possono venir modificate selezionando
la registrazione del campione nell'Archivio dati e poi aprendo la finestra
MODIFICA DEI DATI ANAGRAFICI. Le modifiche vengono registrate
automaticamente nel Registro delle modifiche. Fare riferimento alla
sezione Finestra Registro delle modifiche nel presente capitolo e al
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Modifica e revisione dei dati
anagrafici nelle registrazioni dell'archivio dati.

Le selezioni dei test dell'analizzatore CELL-DYN Sapphire sono descritte


nella seguente tabella:
Tabella 1.1: Selezioni dei test disponibili sul CELL-DYN Sapphire

Descrizio-
Gruppi di Potenzia-
Descrizione del ne del
test Selezione del test Descrizione del lità di lisi
test stampata†† o TEST
CELL-DYN sullo strumento test
visualizzata [L,L+,L++]† nell'Archi-
Sapphire
vio dati

Test CBC (0) CBC [L] CBC [L] Conteggio emocro- Normale T0
matico completo

(1) CBC, conteggio CBC,C [L] Conteggio emocro- Normale T1


esteso WBC [L] matico completo
con conteggio
esteso WBC

(2) CBC, RBC resi- CBC,R [L++] Conteggio emocro- Elevata T2


stenti [L++] matico completo
con RBC resistenti

Test retico- (4) CBC+RETC [L] CBC+RETC [L] Conteggio emocro- Normale T4
lociti matico completo più
reticolociti

(5) CBC+RETC, CBC+RETC,R [L+] Conteggio emocro- Media T5


RBC resistenti [L+] matico completo
con RBC resistenti
più reticolociti
†Per informazioni sulla potenzialità di lisi fare riferimento al Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione:
Linee guida per la selezione del test relative alla potenzialità di lisi.
†† La potenzialità di lisi [L,L+,L++] visualizzata nella descrizione del test è per solo uso di laboratorio e non

viene stampata o visualizzata nel referto base.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-7


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Sequenza di analisi del campione Capitolo 1

Tabella 1.1: Selezioni dei test disponibili sul CELL-DYN Sapphire (continua)

Descrizio-
Gruppi di Potenzia-
Descrizione del ne del
test Selezione del test Descrizione del lità di lisi
test stampata†† o TEST
CELL-DYN sullo strumento test
visualizzata [L,L+,L++]† nell'Archi-
Sapphire
vio dati

Test immu- (6) CBC+CD61, CBC+CD61,C [L] Conteggio emocro- Normale T6


nologici* conteggio esteso matico completo
WBC [L] con conteggio este-
so WBC più dosag-
gio CELL-DYN
ImmunoPlt (CD61)

(7) CBC+CD3/4/8, CBC+CD3/4/8,C [L] Conteggio emocro- Normale T7


conteggio esteso matico completo
WBC [L] con conteggio este-
so WBC più dosag-
gio CELL-DYN
Immuno T-Cell
(CD3/4/8)

*Il gruppo di test a base immunologica richiede provette dei reagenti monoclonali adatte e può essere eseguito
solo in modalità a campionamento automatico.
†Per informazioni sulla potenzialità di lisi fare riferimento al Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Linee
guida per la selezione del test relative alla potenzialità di lisi.
††La potenzialità di lisi [L,L+,L++] visualizzata nella descrizione del test è per solo uso di laboratorio e non
viene stampata o visualizzata nel referto base.

NOTA: Il conteggio emocromatico completo con conteggio esteso dei


leucociti viene raccomandato per aumentare il numero di cellule contate
per la formula leucocitaria in campioni che presentano leucopenia tramite
prolungamento dell'intervallo di conteggio.

NOTA: Sono disponibili due selezioni dei test con RBC resistenti per i
campioni con RBC difficili da lisare, come indicato dalla segnalazione
relativa agli eritrociti resistenti. La potenzialità di lisi è il prodotto della
durata e della forza della lisi e viene segnalata come [L], [L+], [L++] nel
menu Selezione del test>. La potenzialità di lisi aumenta di livello con i
vari test come segue:
1. CBC [L] o CBC+RETC [L]
2. CBC+RETC, RBC resistenti [L+]
3. CBC, RBC resistenti [L++]
Per ulteriori informazioni sulla selezione del test fare riferimento al
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Linee guida per la selezione
del test relative alla potenzialità di lisi.

1-8 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Sequenza di analisi del campione

Diluizione ed analisi del campione


Sia nella modalità a campionatore automatico che nella modalità a
provetta aperta, l'analizzatore aspira un volume nominale di 120 μl di
sangue attraverso la sonda per l'aspirazione. Fare riferimento al
Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema,
Sezione: Specifiche operative. Il campione viene poi suddiviso in
aliquote nelle coppette di diluizione e miscelato con i reagenti. Ciascun
campione diluito segue un percorso che parte dalle coppette di diluizione,
passa attraverso i sottosistemi di misurazione e sbocca nel serbatoio del
liquido di scarico esterno. La tabella seguente presenta una breve descri-
zione della diluizione e dell'analisi dei campioni.
Tabella 1.2: Diluizioni dei campioni e percorsi del flusso

Rapporto
Volume di Percorso del
Tipo di diluizione Volume di reagente finale della
campione liquido
diluizione

RBC/PLT Sangue intero 10,48 ml di diluente/ 1:290 Distribuito fra la


36,25 μl sheath celletta di flusso
ottica ed il trasdut-
tore ad impedenza

WBC (incluso Sangue intero 1,16 ml di reagente WBC 1:35 Celletta di flusso
quello per le sele- 37,5 μl Parte A più 0,12 ml di rea- ottica
zioni dei test CBC gente WBC Parte B
[L], CBC + RETC
[L] e CBC, conteg-
gio esteso WBC
[L])

WBC (per la sele- Sangue intero 1,66 ml di reagente WBC 1:50 Celletta di flusso
zione del test CBC 37,5 μl Parte A più 0,17 ml di rea- ottica
+ RETC, RBC resi- gente WBC Parte B
stenti [L+])

WBC (per la sele- Sangue intero 1,16 ml di reagente WBC 1:70 Celletta di flusso
zione del test CBC, 18,75 μl Parte A più 0,12 ml di rea- ottica
RBC resistenti gente WBC Parte B
[L++])

RETC ( per la sele- Aliquota di 225 μl 0,67 ml di reagente RETC 1:1160 Celletta di flusso
zione del test CBC di diluizione RBC/ ottica
+ RETC [L]) PLT

HGB Sangue intero 3,85 ml di reagente HGB 1:215 Celletta di flusso


18,75 μl HGB

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-9


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Sequenza di analisi del campione Capitolo 1

ANNOTAZIONI

1-10 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Hardware del sistema

L'hardware del CELL-DYN Sapphire si compone dei seguenti moduli.


• Analizzatore — miscela, presenta, aspira, diluisce e analizza
ciascun campione.
• Stazione dati — è un computer autonomo, con uno schermo piatto,
tastiera, mouse e lettore manuale del codice a barre. Controlla
l'intera elaborazione dei dati e fornisce l'interfaccia operatore al
sistema.
• Stampanti — con il CELL-DYN Sapphire sono disponibili due
stampanti. Una stampante a colori che genera rapporti di testo e
grafici è inclusa nel pacchetto standard del CELL-DYN Sapphire.
È inoltre disponibile una stampante ad impatto opzionale per stam-
pare rapporti in formato grafica e ticket a ricalco.
✪ NOTA: La stampante ad impatto opzionale è disponibile esclusiva-
mente per le versioni software R2-5/R2-5B e precedenti. Le versioni
software v3 e successive consentono all'operatore di caricare altri
driver per le stampanti e di supportare stampanti non fornite da Abbott.

Molti dei componenti dell'analizzatore hanno dei sensori che inviano dei
messaggi alla Stazione Dati per informare o avvertire l'operatore. Ad
esempio, vengono generati messaggi quando i contenitori di reagente
sono quasi vuoti, quando il serbatoio del liquido di scarico è pieno e
quando il campionatore automatico si è bloccato. La lista dei messaggi
SIM (System Initiated Messages) è riportata nel Capitolo 10: Individua-
zione e soluzione dei problemi, Sezione: Come reagire ai messaggi SIM.

1 Analizzatore 1
2 Stazione dati
3 Stampante
4 Reagenti 3
5 Interruttore di accen-
sione dell’analizzatore
5

2
4

Figura 1.2: CELL-DYN Sapphire

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-11


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Analizzatore
L'analizzatore esegue le seguenti funzioni:
• identifica il campione
• miscela e presenta ciascun campione per l'aspirazione
• aspira e diluisce il campione di sangue
• trasporta ed analizza le diluizioni di campione
• lava i componenti della fluidica per prepararli alle diluizioni succes-
sive

I seguenti elementi rappresentano i componenti chiave dell'analizzatore:


• Parte anteriore dell'analizzatore
– Coperture
– Indicatori di stato LED
– Tasto di attivazione della Modalità a campione aperto
• Lato destro dell’analizzatore
– Copertura
– Raccordi di immissione dei reagenti
– Connettori per l'uscita del liquido di scarico
– Presa jack per il sensore del liquido di scarico
• Lato sinistro dell’analizzatore
– Interruttore di accensione
• Parte posteriore dell'analizzatore
– Pannello posteriore
• Modulo di analisi dei campioni
– Campionatore automatico
– Modulo di miscelazione
– Area di analisi del campione
• Pannelli fluidici dell'analizzatore
– Pannello fluidico sinistro
– Pannello fluidico destro
• Moduli interni dell'analizzatore
– Modulo del sistema ottico
– Modulo pneumatico
– Serbatoi dei reagenti.

1-12 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Parte anteriore dell'analizzatore


Coperture
Una serie di coperture racchiude e protegge i meccanismi dell'analizza-
tore. Tali coperture sono state progettate per poter essere aperte o rimosse
facilmente dall'operatore durante la manutenzione di routine. Durante il
funzionamento del sistema, le coperture devono sempre essere al loro
posto. Le coperture dell'analizzatore sono le seguenti:
• Copertura del pannello fluidico sinistro
• Copertura del pannello fluidico destro
• Copertura dell'unità di processo

1 Copertura dell'unità di
1
processo
2 Coperture dei pannelli
fluidici
3 Copertura dei raccordi
di immissione dei
reagenti e dei connet-
tori per l’uscita del
liquido di scarico
3

2
Figura 1.3: Coperture dell'analizzatore CELL-DYN Sapphire

Copertura del pannello fluidico sinistro


La copertura del pannello fluidico sinistro sulla parte anteriore dell'analiz-
zatore permette l'accesso al pannello fluidico sinistro. La copertura è
fissata da cerniere (collocate nel margine interno sinistro del pannello) e
da dispositivi di chiusura magnetici (collocati nel margine interno infe-
riore del pannello). Il pannello si apre dal centro.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-13


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Copertura del pannello fluidico destro


La copertura del pannello fluidico destro sulla parte anteriore dell'analiz-
zatore permette l'accesso al pannello fluidico destro e al supporto del
contenitore del reagente per i reticolociti CELL-DYN. La copertura è
fissata da cerniere (collocate nel margine interno destro del pannello) e da
dispositivi di chiusura magnetici (collocati nel margine interno inferiore
del pannello). Il pannello si apre dal centro.

Copertura dell'unità di processo


La copertura dell'unità di processo è collocata al centro della parte ante-
riore dell'analizzatore, sopra al campionatore automatico, al modulo di
miscelazione e al modulo di analisi dei campioni. Se il pulsante Avvia-
mento campionatore o il pulsante Analisi provetta aperta... sono sele-
zionati, la copertura dell'unità di processo si blocca e l'indicatore di tale
stato è attivo (ON). La copertura dell'unità di processo non deve essere
rimossa dall'operatore durante le operazioni di routine. Quando essa viene
rimossa durante le procedure di manutenzione, il sistema non può analiz-
zare i campioni.

1-14 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Indicatori di stato LED


Gli indicatori di stato LED (Light Emitting Diodes) sono collocati sulla
parte anteriore dell'analizzatore. La seguente figura illustra l'etichettatura
e la collocazione di tali indicatori. I LED forniscono all'operatore infor-
mazioni relative all'attuale stato operativo del CELL-DYN Sapphire. La
tabella seguente elenca i diodi e il loro colore, spiegando le indicazioni di
stato da essi fornite.

Figura 1.4: Indicatori di stato LED

Tabella 1.3: Indicatori di stato LED

LED Colore Indicazione di stato

ASPIRATING Verde L'analizzatore sta aspirando un campione.


(in corso di
aspirazione)

READY Verde L'analizzatore è pronto ad analizzare i campioni.


(pronto)

BUSY Giallo L'analizzatore è occupato.


(occupato)

LOCKED Giallo La copertura dell'unità di processo è bloccata.


(bloccato)

NOT READY Ambra L'analizzatore non è pronto ad analizzare i campioni.


(non pronto)

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-15


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Tasto di attivazione della Modalità a campione aperto


Il tasto di attivazione della Modalità a campione aperto è una molla cari-
cata tramite un tasto a pressione collocato nell'area di campionamento a
provetta aperta nella copertura dell'unità di processo. La seguente figura
illustra la collocazione del tasto di attivazione della Modalità a campione
aperto. Quando è selezionata la Modalità a campione aperto, il sistema
CELL-DYN Sapphire abbassa la sonda di aspirazione per eseguire l'aspi-
razione del campione. Premendo il tasto di attivazione durante l'analisi in
modalità a provetta aperta, si avvia l'aspirazione del campione.
ATTENZIONE: Non avvicinarsi nell'area di campionamento in
modalità a campione aperto fino a quando la sonda di aspirazione
non viene presentata per l'aspirazione del campione.

1 Tasto di attivazione
dell'aspirazione

Figura 1.5: Tasto di attivazione della modalità a campione aperto

1-16 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Lato destro dell’analizzatore


Copertura

Copertura dei raccordi di immissione dei reagenti e del


connettore per l’uscita del liquido di scarico
La copertura dei raccordi di immissione dei reagenti e del connettore per
l’uscita del liquido di scarico sul lato destro dell’analizzatore fornisce
l’accesso ai raccordi di immissione dei reagenti, al connettore per l’uscita
del liquido di scarico e alla presa jack per il sensore del liquido di scarico.
La copertura è fissata da alette (collocate sul bordo inferiore del pannello)
e da dispositivi di chiusura magnetici (collocati sul bordo interno supe-
riore del pannello).

1 Copertura dei raccordi


di immissione dei
reagenti e del connet-
tore per l’uscita del
liquido di scarico

Figura 1.6: Copertura dei raccordi di immissione dei reagenti e del connettore per l’uscita del liquido di scarico

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-17


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Raccordi di immissione dei reagenti


Questi raccordi collegano, tramite tubi, l'analizzatore ai contenitori dei
reagenti. A ogni estremità dei tubi (lato contenitori reagenti) è presente un
tappo, un peso e un’etichetta. La figura seguente illustra la collocazione
dei seguenti connettori, distinguibili grazie al colore, sul pannello destro
dell'analizzatore.
• Raccordo di immissione del reagente diluente/sheath
• Raccordo di immissione del reagente per l'emoglobina
• Raccordo di immissione del reagente per i leucociti — Parte A
• Raccordo di immissione del reagente per i leucociti — Parte B

1 Reagente diluente/
sheath 2
1 5
2 Raccordo di immis-
sione dell'emoglobina
3 Raccordo di immis-
sione reagente 4
WBC - A
4 Raccordo di immis- 3
sione reagente 6
WBC - B
5 Presa jack per il
sensore del liquido di
scarico
6 Raccordo di uscita del
liquido di scarico
dell'analizzatore

Figura 1.7: Raccordo di immissione dei reagenti, presa jack per il sensore del liquido di scarico e connettori
per l'uscita del liquido di scarico

1-18 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Tabella 1.4: Raccordi di immissione dei reagenti

Raccordo di immissione
Figura Colore
del reagente

1. DILUENT/SHEATH Raccordo di immissione del Rosso


reagente diluente/sheath

2. HGB Raccordo di immissione del Blu


reagente per l'emoglobina

3. WBC A Raccordo di immissione del Giallo


reagente per i leucociti —
Parte A

4. WBC B Raccordo di immissione del Porpora


reagente per i leucociti —
Parte B

Raccordo di immissione del reagente diluente/sheath


Il raccordo di immissione del reagente diluente/sheath (contrassegnato in
rosso) collega all'analizzatore il tubo di entrata del reagente diluente/
sheath.

Raccordo di immissione del reagente per l'emoglobina


Il raccordo di immissione del reagente per l'emoglobina (contrassegnato
in blu) collega all'analizzatore il tubo di entrata del reagente per
l'emoglobina.

Raccordo di immissione del reagente per i leucociti — Parte A


Il raccordo di immissione del reagente WBC — Parte A (contrassegnato
in giallo) collega all'analizzatore il tubo di entrata del reagente WBC —
Parte A.

Raccordo di immissione del reagente per i leucociti — Parte B


Il raccordo di immissione del reagente WBC — Parte B (contrassegnato
in porpora) collega all'analizzatore il tubo di entrata del reagente WBC —
Parte B.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-19


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Presa jack per il sensore del liquido di scarico


La presa jack per il sensore del liquido di scarico, che porta l'etichetta
WASTE SENSOR , accoglie lo spinotto del sensore del liquido di scarico
che collega gli elettrodi al sensore elettrico del liquido di scarico
nell'analizzatore. Se lo spinotto del sensore del liquido di scarico è stac-
cato, il sistema riterrà che il serbatoio del liquido di scarico sia saturo
(tanica piena). Se il liquido di scarico viene convogliato in uno scarico e
non nel serbatoio apposito, bisogna inserire un connettore by-pass (fornito
con il kit degli accessori) nella presa jack per il sensore del liquido di
scarico. Fare riferimento alla figura precedente.

Raccordo di uscita del liquido di scarico dell'analizzatore


Il raccordo di uscita del liquido di scarico dell'analizzatore, che porta
l'etichetta WASTE OUTLET collega il tubo del liquido di scarico
dell'analizzatore all'analizzatore stesso. Tale tubo serve ad eliminare il
liquido proveniente dall'analizzatore in un serbatoio del liquido di scarico
esterno oppure in uno scarico. Fare riferimento alla figura precedente.

1-20 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Parte posteriore dell'analizzatore


Analizzatore — pannello posteriore
Il pannello posteriore dell'analizzatore comprende i seguenti elementi:
• Ventole per la circolazione dell'aria
• Connettori per l'alimentazione e l'interfaccia

1 Ventole per la circola-


zione dell'aria
2 Connettore di alimen-
tazione
3 Connettori per l'inter-
faccia

2
1

Figura 1.8: Pannello posteriore dell'analizzatore

Ventole per la circolazione dell'aria


Le ventole per la circolazione dell'aria permettono ad un flusso d'aria di
circolare nell'analizzatore.

Lato sinistro dell’analizzatore

Interruttore di accensione
L'interruttore di accensione principale è etichettato POWER . Vedere la
Figura 1.2: CELL-DYN Sapphire per la collocazione dell’interruttore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-21


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Connettori per l'alimentazione e l'interfaccia


I seguenti tre connettori per cavo di alimentazione e per interfaccia situati
sul pannello posteriore dell'analizzatore, collegano l'analizzatore stesso
all'alimentazione e ad altri moduli:
• Connettore per il cavo di alimentazione AC INPUT — collega
l'analizzatore all'alimentazione elettrica esterna.
• Connettore per la stazione dati DATA STATION — collega il cavo
di comunicazione della stazione dati all'analizzatore.
• Connettore per il test dell'interfaccia TEST INTERFACE — porta
RS-232 destinata ad usi tecnici e di manutenzione.

1 Alimentazione a
corrente alternata
2 Stazione dati 2
(computer)
3 Test dell'interfaccia
3

Figura 1.9: Connettori per l'alimentazione e l'interfaccia

1-22 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Modulo di analisi dei campioni


Campionatore automatico
Il campionatore del sistema CELL-DYN Sapphire accoglie, trasporta,
identifica e presenta per l'aspirazione i campioni contenuti nelle provette
chiuse. Esso presenta numerose innovazioni tecnologiche relative al trat-
tamento e all'analisi dei campioni. In particolare, il campionatore auto-
matico è in grado di:
• accettare la maggior parte dei comuni tipi di provette di prelievo per
ematologia
• funzionare con un numero variabile di portaprovette (da 1 a 10)
• leggere l'etichetta del codice a barre del campione al momento
dell'aspirazione
• identificare ciascun numero di portaprovette e ciascuna posizione
delle provette tramite le etichette con codice a barre del portapro-
vette
• utilizzare un indicatore di fine corsa del portaprovette per segnalare
il completamento dell'analisi per ciascun portaprovette.

Il campionatore automatico comprende i seguenti componenti:


• Portaprovette e relativi componenti
• Sensore/i della provetta
• Lettore del codice a barre
• Modulo per la rotazione delle provette

La copertura dell'unità di processo, precedentemente descritta in questo


stesso capitolo, racchiude il campionatore automatico, il modulo di
miscelazione e il modulo di analisi del campione.

1 Portaprovette
2 Sensore/i della
provetta 4 3
3 Lettore del codice a 5
2
barre 1
4 Modulo per la rota-
zione delle provette
5 Modulo di miscela-
zione

Figura 1.10: Campionatore automatico CELL-DYN Sapphire

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-23


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Portaprovette e relativi componenti


Un portaprovette può contenere fino a 10 provette. Nel campionatore
automatico possono venir collocati un massimo di 10 portaprovette.
È possibile rimuovere i portaprovette contenenti provette analizzate e
inserire nuovi portaprovette senza interrompere il campionatore automa-
tico durante l'analisi.
Di seguito sono elencate le caratteristiche dei portaprovette standard e dei
portaprovette Pedia 1 e 2 (per campioni pediatrici) CELL-DYN Sapphire
(fare riferimento all'Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori,
Sezione: Accessori opzionali CELL-DYN Sapphire).
• Le etichette con codice a barre dei portaprovette identificano
ogni numero di portaprovette e la posizione di ciascuna provetta nel
portaprovette. Il sistema riconosce i numeri di identificazione a due
cifre che indicano ciascun numero di portaprovette e la posizione di
ciascuna provetta. Il numero di identificazione del portaprovette e
delle provette riporta prima le due cifre relative al portaprovette
seguite dalle due cifre relative alle provette. Ad esempio, r03t09
indica il terzo portaprovette (rack) e la nona provetta (tube).
• L'indicatore di fine corsa del portaprovette è un perno rosso che
si solleva automaticamente allorché sono state analizzate tutte le
provette presenti nel portaprovette. L'indicatore contiene un piccolo
magnete che, una volta sollevato, manda questa informazione ad un
sensore. Quando il primo portaprovette che ha completato l'analisi
ritorna alla posizione di partenza, il sensore intercetta questa infor-
mazione, segnalando così al sistema di arrestarsi quando è stata
completata l'analisi di tutte le provette presenti nel portaprovette in
analisi. L'interazione fra l'indicatore di fine corsa del portaprovette
e il sensore facilita il funzionamento senza supervisione.
• I meccanismi di orientamento e di blocco del portaprovette
garantiscono il corretto posizionamento del portaprovette. Ciascun
portaprovette possiede una scanalatura di orientamento che impe-
disce di collocarlo in modo non corretto nel campionatore automa-
tico. Quando una provetta raggiunge la posizione di
campionamento, il portaprovette viene bloccato meccanicamente in
posizione. Questa caratteristica impedisce che i portaprovette si
spostino senza necessità.

1-24 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

1 Etichette con numero


di identificazione del
4
portaprovette
2 Etichette con posi-
zione della provetta
3 Scanalatura di orienta-
3
mento del portapro- 2
vette
1
4 Indicatore di fine corsa
del portaprovette
5 Portaprovette stan-
dard CELL-DYN
6 Portaprovette Pedia 1 Lunghezza provetta: Altezza totale
65 - 75 mm
CELL-DYN
7 Portaprovette Pedia 2
CELL-DYN

Diametro provetta: 11,5 - 13 mm

Lunghezza provetta:
64 mm Altezza totale

6 Diametro provetta: 10,25 mm

Lunghezza provetta: Altezza totale


66 mm

7 8. 50 8,5 mm
Diametro provetta:

Figura 1.11: Portaprovette per campionatore automatico

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-25


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Per la raccolta dei campioni da analizzare in modalità a campionatore


automatico si raccomanda di utilizzare provette delle seguenti dimen-
sioni:
NOTA: Per garantire l'efficacia delle operazioni si raccomanda di non
utilizzare provette di altre dimensioni nella modalità a campionatore auto-
matico. Le provette di dimensioni diverse da quelle indicate vanno analiz-
zate in modalità a campione aperto. Per informazioni relative alle provette
dei campioni raccomandate fare riferimento al Capitolo 4: Caratteri-
stiche e specifiche di prestazione del sistema, Sezione: Dimensioni
raccomandate delle provette di prelievo del campione (modalità a
campionatore automatico).
Tabella 1.5: Dimensioni raccomandate delle provette per l'uso con la
modalità a campionatore automatico:

Dimensioni delle provette di raccolta Portaprovette

da 11,5 a 13 mm di diametro x 65–75 mm di Portaprovette stan-


lunghezza dard CELL-DYN
Sapphire

10,25 mm di diametro x 64 mm di lunghezza Portaprovette Pedia 1


CELL-DYN Sapphire

8,5 mm di diametro x 66 mm di lunghezza Portaprovette Pedia 2


(Sarstedt Monovette 1,2 ml) CELL-DYN Sapphire

Sensore/i della provetta


Il sensore della provetta, che si compone di un LED e di un sensore a foto-
diodi, rileva la presenza di una provetta nel portaprovette nelle 4 posizioni
di miscelazione. Vedere la seguente Figura 1.12.

Lettore del codice a barre


Il lettore del codice a barre è un lettore a raggio fisso che emette un raggio
di luce di dimensioni limitate che scannerizza il simbolo del codice a barre
sull'etichetta. I lettori del codice a barre CELL-DYN Sapphire possono
leggere etichette del codice a barre con diverse simbologie. Il carattere
iniziale del codice a barre serve ad identificare la simbologia usata.Il rile-
vatore della luce presente all'interno del lettore traduce i vari gradi di luce
riflessa in segnali elettrici che vengono convertiti in un sistema di codifica-
zione binario che decodifica:
• Etichette con codice a barre di identificazione del campione gene-
rate dal laboratorio. Fare riferimento al Capitolo 4: Caratteristiche
e specifiche di prestazione del sistema, Sezione: Specifiche del
codice a barre.
• Etichette di identificazione dei campioni CELL-DYN
Se il laboratorio non dispone di etichette con codici a barre proprie
che siano compatibili con il CELL-DYN Sapphire, sono disponibili
etichette con codici a barre Code 39 a quattro cifre. A tale proposito,
consultare l'Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori, Tabella 3.

1-26 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

• Etichette Q CELL-DYN
Le etichette con codice a barre Code 39 per file QC che inviano i
risultati di un campione o del materiale di controllo ad un file QC
specifico. Quando le etichette Q vengono interpretate dal sistema, le
istruzioni di analisi vengono prelevate dal file QC specifico.
L'etichetta inizia con la lettera Q maiuscola, seguita da un numero
di due cifre da 01 a 20 o da 01 a 25 (ad esempio, Q01 e Q18).
NOTA: Il set di etichette numerate da 01 a 20 non ha cifre di
controllo, mentre quello da 01 a 25 sì. Fare riferimento all'Appen-
dice A: Pezzi di ricambio e accessori, Tabella 3.
• Etichette CELL-DYN indicanti il numero di portaprovette e la posi-
zione della provetta
Le etichette con codice a barre Code 39 collocate sul portaprovette
del campionatore automatico servono a identificare il numero di
portaprovette e la posizione di ciascuna provetta nel portaprovette
se non è possibile leggere l'etichetta della provetta del campione o
se l'analisi è impostata in modo da analizzare i campioni in base alla
posizione del portaprovette e della provetta.
Queste informazioni vengono inviate alla stazione dati, dove vengono
interpretate e abbinate alle informazioni relative al paziente contenute
nella lista di lavoro o nel sistema di elaborazione dei dati del laboratorio
(LIS). Il software del sistema CELL-DYN Sapphire può essere persona-
lizzato in modo da indicare se un carattere o una cifra di controllo viene
utilizzato con le relative simbologie. Questo permette al lettore di leggere
correttamente le etichette con codice a barre. Fare riferimento al
Capitolo 2: Procedure di installazione e requisiti speciali, Sezione:
Personalizzazione del sistema, Personalizzazione del sistema per codici
a barre. Per informazioni sulle simbologie utilizzabili consultare il
Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema,
Sezione: Specifiche del codice a barre. Per informazioni circa il lettore
manuale del codice a barre fare riferimento alla Sezione: Lettore
manuale del codice a barre in questo stesso capitolo.

Modulo per la rotazione delle provette


Il modulo per la rotazione delle provette consente la lettura dei codici a
barre indipendentemente dal modo in cui le provette sono orientate nel
portaprovette (vedere la figura seguente). Il modulo possiede un cono di
rotazione destinato ad accogliere e centrare provette chiuse con tappi di
diametri differenti. Prima che abbia luogo l'aspirazione, il modulo si porta
in posizione al di sopra della provetta e poi ruota la provetta stessa per
facilitare la lettura del relativo codice a barre.
NOTA: Nelle versioni software R2-5 e superiori, il modulo per la rota-
zione delle provette rimane in posizione abbassata quando l'analizzatore
viene acceso e inizializzato in modalità di standby.
Il modulo di rotazione si alza al termine del ciclo di avvinamento.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-27


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

1 Sensore/i della
provetta
2 Motore per la rota-
zione della provetta
3 Modulo per la rota- 3 2
zione delle provette
4 Cono di rotazione 5
5 Modulo di miscela-
zione

4 1

Figura 1.12: Sensore della provetta, modulo per la rotazione delle provette, motore per la rotazione della
provetta, cono di rotazione, modulo di miscelazione

Modulo di miscelazione
Il modulo di miscelazione miscela i campioni invertendoli delicatamente.
Durante l'analisi con il campionatore automatico, il modulo di miscela-
zione afferra, tiene e capovolge sino a quattro provette provviste di tappo
mentre queste si avvicinano all'area di analisi. Il modulo di miscelazione
si abbassa in modo che il supporto delle provette possa afferrare un
massimo di quattro provette chiuse, e poi si solleva per sfilarle dal porta-
provette. Le provette vengono capovolte delicatamente quattro volte allo
scopo di miscelare i campioni e poi vengono riabbassate e ricollocate nel
portaprovette. Quindi il portaprovette viene fatto avanzare di una posi-
zione e il ciclo di miscelazione viene ripetuto. Di conseguenza, ciascuna
provetta viene capovolta almeno 16 volte. Per informazioni sulle provette
dei campioni raccomandate per l'uso nella modalità a campionatore auto-
matico fare riferimento al Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di
prestazione del sistema, Sezione: Dimensioni raccomandate delle
provette di prelievo del campione (modalità a campionatore automa-
tico).

1-28 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Area di analisi del campione


L'area di analisi del campione comprende i componenti che forano il
tappo della provetta, eliminano la pressione o il vuoto dalla provetta
stessa, aspirano il campione, posizionano la sonda al di sopra delle
coppette di diluizione, dispensano aliquote precise nelle coppette appro-
priate ed infine miscelano le diluizioni. L'area di analisi del campione è
situata dietro alla copertura dell'unità di processo e comprende i seguenti
componenti:
• Modulo di analisi del campione
• Modulo di perforazione della provetta
• Blocco del modulo di perforazione della provetta
• Modulo di aspirazione
• Moduli delle coppette di diluizione
• Pompa per l'aspirazione del campione
• Rilevatore di coaguli durante l'aspirazione

1 Modulo con guide


2 Viti senza fine 1
3 Motori
4 Modulo di perfora-
zione della provetta
con cono di centraggio 3
e ago di perforazione
5 Blocco del modulo di
perforazione della
provetta
7
6 Modulo di aspirazione 8 2
7 Sonda per l'aspira-
zione
8 Blocco di lavaggio 6

Figura 1.13: Modulo di analisi del campione

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-29


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Modulo di analisi del campione


Il modulo di analisi del campione comprende i seguenti componenti:
• Modulo con guide
• Viti senza fine
• Motori

Modulo con guide (movimento up/down)


Il modulo con guide è montato sul telaio dell'analizzatore. Esso sostiene
il blocco modulo di perforazione della provetta, che è spinto verso il basso
tramite propulsione pneumatica per fare in modo che l'ago di perforazione
fori il tappo delle provette del campione nella modalità a campionatore
automatico. Il modulo con guide sostiene inoltre i movimenti del modulo
di aspirazione necessari per l'aspirazione del campione e per l'analisi in
modalità a campionatore automatico o a provetta aperta.

Viti senza fine


Le due viti senza fine dirigono il movimento dei moduli di perforazione e
di aspirazione. Le viti senza fine sono montate parallelamente alla guida
e ruotano per spostare i moduli avanti e indietro.

Motori
Sulla parte posteriore del blocco guida sono montati i due motori che azio-
nano le due viti senza fine.

Modulo di perforazione della provetta


Il modulo di perforazione della provetta è operativo solo quando è in
funzione il campionatore automatico. Esso è progettato e viene mantenuto
come unità singola monouso collegata al blocco del modulo di
perforazione della provetta sulla guida dell'unità di processo del
campione. Il modulo di perforazione della provetta comprende i seguenti
componenti:
• Cono di centraggio
• Ago e molla di perforazione
AVVERTENZA: Potenziale rischio biologico. L'ago di
perforazione presente nel modulo di perforazione è acuminato.
Prima di eliminarlo, collocare il modulo di perforazione in un
contenitore a prova di puntura debitamente contrassegnato.

Cono di centraggio
Il cono di centraggio serve a centrare la provetta per l’aspirazione del
campione in modalità a campionatore automatico.

1-30 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Ago e molla di perforazione


L'ago di perforazione fora il tappo della provetta ed elimina la pressione
o il vuoto dalla provetta stessa. L'ago è montato all'interno del modulo di
perforazione della provetta e la punta dell'ago è isolata all'interno del cono
di centraggio. La punta dell'ago è acuminata e angolata. Quando il modulo
con guide e il modulo di perforazione vengono abbassati tramite la
propulsione pneumatica, la molla viene premuta e il cono di centraggio si
ritrae verso l'alto per mettere a nudo l'ago, che viene quindi spinto attra-
verso il tappo della provetta. La sonda per l'aspirazione passa attraverso
l'ago ed entra nella provetta per aspirare il campione.
Dopo ciascuna sequenza di campionamento, il modulo di perforazione
della provetta si sposta lungo la guida tramite la vite senza fine, in modo
che l'ago e il cono di centraggio possano venire lavati nella coppetta di
lavaggio conica.

1 Cono di centraggio 7
2 Ago di perforazione 6 5
3 Molla
4 Connettore di
drenaggio della testina
di perforazione
5 Sonda per l'aspira-
zione 3
6 Perno anteriore
7 Perno posteriore 4

1
Figura 1.14: Modulo di perforazione della provetta (unità singola monouso)

Blocco del modulo di perforazione della provetta


Il blocco del modulo di perforazione della provetta collega il modulo di
perforazione della provetta alla guida dell’unità di processo del campione.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-31


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Modulo di aspirazione
Il modulo di aspirazione opera sia nella modalità a campionatore automa-
tico che in quella a campione aperto. La pompa per l'aspirazione del
campione, situata nell'area di analisi del campione, controlla la precisione
dell'aspirazione e della dispensazione del campione eseguite dalla sonda.
Il modulo di aspirazione comprende i seguenti componenti:
• Blocco di lavaggio
• Sonda per l'aspirazione
• Blocco del modulo di aspirazione

1 Blocco di lavaggio
2 Sonda per l'aspira-
zione
3 Blocco del modulo di
aspirazione

2
3

Figura 1.15: Modulo di aspirazione

Blocco di lavaggio
Il blocco di lavaggio lava l'esterno della sonda per l'aspirazione e ne
rimuove il campione in eccesso nel momento in cui la sonda risale dopo
aver eseguito l'aspirazione del campione.

Sonda per l'aspirazione


La sonda per l'aspirazione è un condotto che contiene il campione durante
l'aspirazione e la dispensazione. La pompa per l'aspirazione del campione
controlla la precisione dell'aspirazione e della dispensazione del
campione eseguite dalla sonda.

1-32 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Durante l'analisi con il campionatore automatico, il motore della sonda di


aspirazione abbassa la sonda stessa facendola passare attraverso l'ago di
perforazione. Quando la sonda viene a contatto con il fondo della
provetta, scatta un sensore che arresta l'abbassamento della sonda e la fa
sollevare leggermente allo scopo di eseguire l'aspirazione.
Durante l'analisi a provetta aperta, solo il modulo di aspirazione si sposta
in avanti verso la parte anteriore dell'analizzatore e la sonda di aspirazione
si abbassa passando attraverso un'apertura della copertura dell'unità di
processo. L'operatore attiva l'aspirazione a provetta aperta immergendo la
sonda fino al fondo di una provetta contenente il campione premiscelato
e premendo il tasto di attivazione dell'aspirazione in modalità a campione
aperto.

Figura 1.16: Sonda per l'aspirazione in posizione per il campionamento


in modalità a campione aperto

Dopo aver aspirato il campione, la sonda si sposta passando attraverso il


blocco di lavaggio e viene riportato indietro lungo la guida tramite
motore, dove dispensa le quantità appropriate di campione nelle coppette
di diluizione. Una volta dispensato il campione, il modulo si porta al di
sopra della coppetta di lavaggio conica e la sonda si abbassa attraverso
l'ago di perforazione per completare la sequenza di lavaggio. I moduli di
aspirazione e di perforazione, quindi, si spostano in avanti lungo le rispet-
tive viti senza fine per eseguire la richiesta successiva di analisi in moda-
lità a campionamento automatico o a campione aperto.

Modulo di aspirazione
Il blocco del modulo di aspirazione collega il modulo di aspirazione alle
guide dell'unità di processo del campione.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-33


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Moduli delle coppette di diluizione


Tre moduli di diluizione sono montati su un contenitore per il controllo
dei liquidi posto sul fondo dell'unità di analisi del campione e ricevono il
campione dalla sonda di aspirazione. I moduli sono:
• Modulo di diluizione anteriore
• Modulo di diluizione centrale
• Modulo di diluizione posteriore

1 Modulo di diluizione 8
anteriore
2 Modulo di diluizione 7
centrale (per WBC e
NRBC) 6
3 Modulo di diluizione 9
posteriore 2
4 Coppetta di lavaggio 3
conica 5
5 Coppetta di diluizione
per emoglobina
6 Coppetta non in uso 4
7 Coppetta di diluizione
per reticolociti
8 Coppetta di diluizione
10
per eritrociti/piastrine
9 Foro di recupero dei
1
liquidi
10 Foro di scarico del
contenitore per il
controllo dei liquidi
Figura 1.17: Moduli delle coppette di diluizione

Modulo di diluizione anteriore


Il modulo di diluizione anteriore contiene la coppetta di lavaggio conica
e la coppetta di diluizione per l'emoglobina. La coppetta di lavaggio
conica serve a lavare e detergere l'ago di perforazione, il cono di
centraggio e la sonda per l'aspirazione al termine della sequenza di
campionamento. La coppetta di diluizione per l'emoglobina serve a prepa-
rare e miscelare la diluizione 1:215 per la misurazione dell'emoglobina.

1-34 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Modulo di diluizione centrale


Il modulo di diluizione centrale contiene il modulo di pre-riscaldamento
montato sotto al contenitore per il controllo dei liquidi e la coppetta di
diluizione WBC. Il modulo di pre-riscaldamento riscalda il reagente
WBC (Parte A e B insieme) prima di inviarlo alla coppetta di diluizione
WBC. La coppetta di diluizione WBC serve a preparare e miscelare le
diluizioni per la misurazione dei leucociti. La combinazione di reagente,
calore e miscelazione rende gli eritrociti invisibili ai dispositivi ottici
dell'analizzatore. Per quanto riguarda i rapporti di diluizione usati per le
varie selezioni di test WBC fare riferimento alla Tabella 1.2.

Modulo di diluizione posteriore


Il modulo di diluizione posteriore contiene sia la coppetta di diluizione
per eritrociti/piastrine che la coppetta di diluizione per i reticolociti. La
coppetta di diluizione per eritrociti/piastrine serve a preparare e miscelare
la diluizione 1:290 richiesta per effettuare le misurazioni, sia ottiche che
ad impedenza, degli eritrociti e delle piastrine. La coppetta di diluizione
per i reticolociti serve a preparare e miscelare la diluizione 1:1160
richiesta per la misurazione dei reticolociti. Sono presenti inoltre una
coppetta inutilizzata e un foro di scarico.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-35


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Pompa per l'aspirazione del campione


La pompa per l'aspirazione del campione controlla che il campione di
sangue venga aspirato e depositato con precisione. Essa aspira il
campione dalla provetta nella sonda per l'aspirazione e quindi distribuisce
le aliquote del campione aspirato nelle coppette di diluizione.

Rilevatore di coaguli durante l'aspirazione


Il rilevatore di coaguli serve a determinare se il percorso di aspirazione è
ostruito, controllando il livello del vuoto nella linea di aspirazione.

1 Pompa per l'aspira-


zione del campione
2 Rilevatore di coaguli
durante l'aspirazione
2

Figura 1.18: Pompa per l'aspirazione del campione e rilevatore di coaguli durante l'aspirazione

1-36 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Pannelli fluidici dell'analizzatore


1 Pannello fluidico
sinistro
1 2
2 Pannello fluidico
destro

Figura 1.19: Pannelli fluidici dell'analizzatore

Pannello fluidico sinistro


Il pannello fluidico sinistro contiene buona parte dei componenti del
sistema necessari al trasporto e all'analisi delle diluizioni di campione
(vedere la figura seguente). Il pannello fluidico sinistro comprende i
seguenti componenti:
• Modulo del trasduttore ad impedenza
• Celletta di flusso HGB
• Pinch valves
• Serbatoi d'isolamento (ottica e impedenza)
• Serbatoi di recupero del liquido di scarico

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-37


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

1 Modulo del trasduttore 4


ad impedenza
2 Celletta di flusso HGB
6
3 Pinch Valve
4 Serbatoio d'isola- 8
mento ottico
5 Serbatoio d'isola-
mento ad impedenza
6 Serbatoio del liquido di
7
scarico n. 1
7 Serbatoio del liquido di
scarico n. 2
5
8 Serbatoio del liquido di 1
scarico n. 3
9 Serbatoio del liquido di
scarico n. 4

9 2 3

Figura 1.20: Pannello fluidico sinistro dell'analizzatore

Trasduttore ad impedenza
Il modulo del trasduttore ad impedenza esegue le misurazioni ad impe-
denza degli eritrociti e delle piastrine. La Figura 1.21 presenta una sezione
del modulo del trasduttore ad impedenza.
Il modulo comprende i seguenti componenti:
• Camere di pre-analisi e post-analisi
• Piastra dell'orifizio per la misurazione ad impedenza
• Tubo di iniezione ed elettrodo esterno
• Elettrodo interno
NOTA: La copertura del trasduttore ad impedenza scherma le inter-
ferenze provocate da rumore elettronico che potrebbero influenzare
i risultati del test. Durante l'analisi questa copertura deve sempre
essere al suo posto.

1-38 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

1 Camera di post-analisi
2 Camera di pre-analisi
3 Elettrodo interno
4 Piastra dell'orifizio per
la misurazione ad
impedenza
5 Tubo di iniezione ed 2
elettrodo esterno 1

4
Figura 1.21: Sezione del trasduttore ad impedenza

Camere di pre-analisi e post-analisi


Il modulo del trasduttore ad impedenza contiene due camere. La camera
di pre-analisi, posta sulla destra, riceve il reagente diluente/sheath che
viene utilizzato al momento della focalizzazione idrodinamica del
campione diluito. Durante la misurazione, le cellule vengono fatte passare
in un'unica fila attraverso l'orifizio e raggiungono la camera di
post-analisi situata sulla sinistra.

Piastra dell'orifizio per la misurazione ad impedenza


In una fessura posta fra le due camere si trova una piastra dell'orifizio per
la misurazione ad impedenza, nel cui centro è incastonato un rubino sinte-
tico. L'orifizio è un'apertura rotonda situata al centro del rubino, che
possiede un diametro ed una lunghezza ben precisi. Questo orifizio è la
zona di rilevazione per le misurazioni ad impedenza. Il flusso di reagente
sheath focalizza le cellule durante il passaggio attraverso l'orifizio.

Tubo di iniezione/elettrodo esterno


Il tubo di iniezione/elettrodo esterno inietta il campione diluito nel flusso
di reagente sheath. Il tubo di iniezione/elettrodo esterno, che presenta una
carica positiva, opera congiuntamene all'elettrodo interno per mantenere
una corrente elettrica costante.

Elettrodo interno
L'elettrodo interno dispone di una messa a terra ed opera insieme al tubo
di iniezione/elettrodo esterno per mantenere una corrente elettrica
costante.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-39


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Celletta di flusso HGB


Le misurazioni dell'emoglobina vengono effettuate tramite la celletta di
flusso HGB.
La celletta di flusso HGB si compone di:
• Celletta in vetro trasparente incorporata — contiene la dilui-
zione del campione per l'emoglobina oppure un bianco del reagente
per effettuare le misurazioni
• LED verde — illumina la diluizione del campione o il bianco del
reagente
• Filtro ottico — consente il passaggio solo ai raggi luminosi con una
lunghezza d'onda di 540 nm
• Fotorilevatore — misura la quantità di luce che passa attraverso la
diluizione del campione o il bianco del reagente

Uscita della diluizione del


campione, entrata del
bianco del reagente Luce verso il
filtro ed il
fotorilevatore

Entrata della
diluizione del
campione, uscita
del bianco del
Luce proveniente
reagente
dal LED

Figura 1.22: Sezione della celletta di flusso HGB

Pinch Valve
Le pinch valve controllano il flusso del liquido chiudendo e rilasciando il
tubo. Il sistema presenta due tipi di pinch valve, chiamate valvole normal-
mente aperte e valvole normalmente chiuse. Se non sono attivate, le
valvole normalmente aperte sono appunto aperte, mentre le valvole
normalmente chiuse sono chiuse.

1-40 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Serbatoi d'isolamento (ottica e impedenza)


Due serbatoi d'isolamento, uno per il percorso del fluido per la misura-
zione ottica e uno per il percorso del fluido per la misurazione ad impe-
denza, svolgono la funzione di serbatoi intermedi per il liquido di scarico
posti fra le aree di misurazione e i serbatoi di recupero del liquido di
scarico veri e propri. Essi impediscono che un'eccessiva fluttuazione della
pressione comprometta le misurazioni (fare riferimento alla Figura 1.20:
Pannello fluidico sinistro dell'analizzatore).

Serbatoi di recupero del liquido di scarico


Tre serbatoi interni raccolgono il liquido di scarico. Il contenuto di tali
serbatoi viene poi pompato verso il liquido di scarico esterno con una
pressione di circa 15 psi (fare riferimento alla Figura 1.20: Pannello flui-
dico sinistro dell'analizzatore).

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-41


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Pannello fluidico destro

Il pannello fluidico destro contiene buona parte dei componenti del


sistema necessari al trasporto e all'analisi delle diluizioni di campione
(vedere la figura seguente). Il pannello fluidico destro comprende i
seguenti componenti:
• Moduli di attivazione delle siringhe
• Supporto del contenitore del reagente per i reticolociti
• Pompe peristaltiche di trasferimento del campione
• Pinch Valve

1 Moduli di attivazione
delle siringhe
2 Supporto del conteni-
tore del reagente per i
reticolociti
3 Pompe peristaltiche di 3
trasferimento del
campione 2
4 Pinch Valve
1

Figura 1.23: Pannello fluidico destro dell'analizzatore

1-42 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Moduli di attivazione delle siringhe


Nel pannello fluidico destro sono collocati tre moduli di attivazione delle
siringhe, etichettati A, B e C, come illustrato dalla seguente figura. Il
sistema CELL-DYN Sapphire è dotato di sette siringhe, montate sui tre
moduli di attivazione. Cinque siringhe forniscono i reagenti per il
processo di diluizione e due siringhe servono ad iniettare e misurare la
diluizione durante l'analisi. Vedere la Tabella 1.6 per informazioni sulle
etichette dello strumento per ognuna delle sette siringhe.
• Siringa del reagente per i reticolociti
• Siringa del reagente per l'emoglobina
• Siringa del reagente WBC — Parte A
• Siringa del reagente WBC — Parte B
• Siringa del reagente diluente/sheath
• Siringa di iniezione/misurazione ad impedenza
• Siringa di iniezione/misurazione ottica

1 Siringa del reagente


per i reticolociti
(2,5 ml)
2 Siringa del reagente 1
per l'emoglobina (5 ml)
3 Siringa del reagente 2
WBC — Parte A
(2,5 ml) (sul davanti)
4 Siringa del reagente
WBC — Parte B
(250 μl) (sul retro)
5 Siringa del reagente
diluente/sheath 3
(10 ml)
6 Siringa di iniezione/
misurazione ad impe- 6 4
denza (100 μl)
5
7 Siringa di iniezione/ 7
misurazione ottica
(500 μl)

Figura 1.24: Moduli di attivazione delle siringhe e siringhe

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-43


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Tabella 1.6: Moduli di attivazione delle siringhe e siringhe

Modulo di Volume
attivazione Componente della
delle siringhe A siringa

Posizione 1 Siringa del reagente per i reticolociti 2,5 ml

Posizione 2 Siringa del reagente per l'emoglobina 5,0 ml

Modulo di
attivazione
delle siringhe B

Posizione 1 Siringa del reagente WBC — Parte A 2,5 ml


(sul davanti)

Posizione 2 Siringa del reagente WBC — Parte B 250 µl


(sul retro)

Posizione 3 Siringa del reagente diluente/sheath 10 ml

Modulo di
attivazione
delle siringhe C

Posizione 1 Siringa di iniezione/misurazione ad 100 µl


impedenza

Posizione 2 Siringa di iniezione/misurazione ottica 500 µl

Siringa del reagente per i reticolociti (2,5 ml)


La siringa del reagente per i reticolociti dispensa il reagente per i retico-
lociti nella coppetta di diluizione per i reticolociti.

Siringa del reagente per l'emoglobina (5 ml)


La siringa del reagente per l'emoglobina dispensa il reagente per
l'emoglobina nella coppetta di diluizione per l'emoglobina.

Siringa del reagente per i leucociti — Parte A (2,5 ml) e Parte B


(250 µl)
Due siringhe dei reagenti per i leucociti operano congiuntamente per
dispensare le parti A e B del reagente WBC nella coppetta di diluizione
per i leucociti. I reagenti necessari alla misurazione dei leucociti sono
infatti mantenuti separati per aumentarne la stabilità a lungo termine. Per
dispensare simultaneamente i reagenti nella coppetta di diluizione per i
leucociti viene utilizzata un’unica attivazione per entrambe le siringhe.

1-44 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Siringa del reagente diluente/sheath (10 ml)


La siringa del reagente diluente/sheath dispensa il reagente diluente/
sheath nella coppetta di diluizione per gli eritrociti. Essa dispensa inoltre
tale reagente nella coppetta di lavaggio conica.

Siringa di iniezione/misurazione ad impedenza (100 µl)


La siringa di iniezione/misurazione ad impedenza inietta un volume
determinato della diluizione del campione nel trasduttore ad impedenza
per effettuare l'analisi.

Siringa di iniezione/misurazione ottica (500 µl)


La siringa di iniezione/misurazione ottica inietta un volume determinato
della diluizione del campione nella celletta di flusso ottica per effettuare
l'analisi.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-45


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Supporto del contenitore del reagente per i reticolociti


Il supporto del contenitore del reagente per i reticolociti si trova
nell'angolo destro del pannello fluidico destro. Il tubo di entrata del
reagente per i reticolociti si estende verso il basso e si inserisce nel conte-
nitore del reagente, portando all'analizzatore il reagente per i reticolociti.

Figura 1.25: Supporto del contenitore del reagente per i reticolociti

Pompe peristaltiche di trasferimento del campione


La seguente figura illustra le tre pompe peristaltiche di trasferimento
collocate nel pannello fluidico destro. Ciascuna pompa è costituita da un
motore, da un rotore e dai supporti del tubo. La Tabella 1.7 illustra le
etichette di ciascuna delle tre pompe peristaltiche di trasferimento. Le tre
pompe sono:
• Trasferimento per il conteggio ottico delle piastrine e degli eritrociti
• Trasferimento per il conteggio ad impedenza degli eritrociti/delle
piastrine e per il conteggio dei reticolociti
• Trasferimento per emoglobina e leucociti

1-46 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

1 Pompe peristaltiche di
trasferimento del
campione

Optical PLT/RBC Impedance RBC/PLT and RETC

Figura 1.26: Pompe peristaltiche di trasferimento del campione

Tabella 1.7: Pompe peristaltiche di trasferimento

Etichette Componente

PERISTALTIC 1 Trasferimento per il conteggio ottico delle


1. piastrine e degli eritrociti
PUMP

Trasferimento per il conteggio ad impedenza


2. PERISTALTIC 2 degli eritrociti/delle piastrine e per il conteggio
PUMP
dei reticolociti

Trasferimento per emoglobina e leucociti


3. PERISTALTIC 3
PUMP

Pompa peristaltica di trasferimento per il conteggio ottico


delle piastrine e degli eritrociti
La pompa peristaltica di trasferimento per il conteggio ottico delle
piastrine e degli eritrociti convoglia la diluizione di campione dalla
coppetta di diluizione per eritrociti/piastrine verso la celletta di flusso
ottica allo scopo di eseguire l'analisi.
NOTA: Questa diluizione viene utilizzata anche per i conteggi ad impe-
denza di piastrine ed eritrociti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-47


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Pompa peristaltica di trasferimento per il conteggio ad


impedenza degli eritrociti/delle piastrine e per il conteggio dei
reticolociti
La pompa peristaltica di trasferimento per il conteggio ad impedenza
degli eritrociti/delle piastrine e per il conteggio dei reticolociti ha le
seguenti funzioni:
• Pompare un'aliquota della diluizione di campione dalla coppetta di
diluizione per eritrociti/piastrine verso il modulo del trasduttore ad
impedenza per effettuare l'analisi.
• Pompare un'aliquota della diluizione di campione dalla coppetta di
diluizione per reticolociti verso la celletta di flusso ottica per effet-
tuare l'analisi.

Pompa peristaltica di trasferimento per emoglobina e leucociti


La pompa peristaltica di trasferimento per emoglobina e leucociti ha le
seguenti funzioni:
• Pompare la diluizione di campione dalla coppetta di diluizione per
l'emoglobina verso la celletta di flusso HGB per effettuare l'analisi.
• Pompare la diluizione di campione dalla coppetta di diluizione per i
leucociti verso la celletta di flusso ottica per effettuare l'analisi.

Pinch Valve
Le pinch valve controllano il flusso del liquido chiudendo e rilasciando il
tubo. Il sistema presenta due tipi di pinch valve: valvole normalmente
aperte e valvole normalmente chiuse. Se non sono attivate, le valvole
normalmente aperte sono appunto aperte, mentre le valvole normalmente
chiuse sono chiuse.

1-48 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Moduli interni dell'analizzatore


L'analizzatore CELL-DYN Sapphire presenta tre sottomoduli interni
principali:
• Modulo del sistema ottico
• Modulo pneumatico
• Modulo del pannello dei reagenti.

Modulo del sistema ottico


Il modulo del sistema ottico, inserito nel relativo cassetto, è posizionato
dietro al pannello fluidico ed effettua le misurazioni dello scatter della
luce e di fluorescenza (vedere la figura seguente). Il modulo del sistema
ottico consiste dei tre sottosistemi qui elencati:
• Sistema di illuminazione
• Modulo della celletta di flusso ottica
• Sistema di raccolta/rilevazione delle informazioni scatter

Per una descrizione dettagliata dei principi tecnici e scientifici che sono
alla base delle misurazioni effettuate dal sistema CELL-DYN Sapphire
consultare il Capitolo 3: Principi di funzionamento.

1 Sistema di illumina-
zione
2 Modulo della celletta di
flusso ottica
3 Sistema di raccolta/ 3
1
rilevazione delle infor-
mazioni scatter

Figura 1.27: Modulo del sistema ottico

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-49


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Modulo pneumatico
Il modulo pneumatico è posizionato nel retro dell'analizzatore dietro al
pannello fluidico destro; fornisce all'analizzatore la pressione ed il vuoto
necessari per mettere in movimento i liquidi, attiva le pinch valve e mette
in movimento i cilindri pneumatici e le parti meccaniche coinvolte
nell'analisi del campione. Vedere la Figura 1.28. Tale sistema fornisce
inoltre la pressione e il vuoto per eseguire le procedure di manutenzione
automatica del sistema programmate. Fare riferimento al Capitolo 9:
Assistenza e manutenzione, Sezione: Programma di assistenza e manu-
tenzione raccomandato. L'unità fornisce i seguenti valori di pressione e
di vuoto:
• 8 psi – destinati specialmente al movimento del reagente diluente/
sheath durante il processo di focalizzazione idrodinamica
• 15 psi – utilizzati per il movimento generico del liquido, come ad
esempio il riempimento delle siringhe, la diluizione dei campioni, lo
svuotamento dei serbatoi dei reagenti e per la pulizia generale.
• 40 psi – utilizzati per azionare i cilindri pneumatici collocati nel
campionatore automatico, nel modulo di miscelazione, nell'unità di
processo del campione e nei meccanismi di blocco e fornire pres-
sione alle valvole che controllano il flusso del liquido.
• Vuoto da 15 in. Hg — utilizzato per i movimenti del liquido e per i
procedimenti di pulizia, quali il riempimento dei serbatoi di
reagente e dei serbatoi di recupero del liquido di scarico e lo svuota-
mento delle coppette di diluizione.

1 Serbatoio della pres-


sione
2
2 Serbatoio del vuoto 1
3 Regolatori
4 Compressore

Sezione

Figura 1.28: Collocazione del modulo pneumatico

1-50 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Serbatoi dei reagenti


Cinque serbatoi contengono i reagenti usati dal sistema CELL-DYN
Sapphire e sono di estrema importanza per il flusso di reagente. Sui
serbatoi è situata una serie di valvole di controllo che li mantengono pres-
surizzati e impediscono ai reagenti di defluire nei serbatoi esterni quando
l'analizzatore viene spento.
I serbatoi dei reagenti sono raggruppati nell'analizzatore dietro al pannello
fluidico.
• Due serbatoi di reagente diluente/sheath
• Serbatoio del reagente per l'emoglobina
• Serbatoi del reagente WBC — Parte A e Parte B

1 Modulo del pannello


dei reagenti 2
2 Serbatoi di reagente
diluente/sheath
3 Serbatoi del reagente
emoglobina 1
4 Serbatoio del
reagente WBC — 5
Parte A 4
3
5 Serbatoio del
reagente WBC —
Parte B
Figura 1.29: Serbatoi dei reagenti

Vedere la tabella 1.8 per quanto riguarda la pressione e le funzioni di


ciascun serbatoio del reagente.

Serbatoi di reagente diluente/sheath


Ci sono due serbatoi da 100 ml di reagente diluente/sheath: serbatoio di
diluente/sheath n.1 e serbatoio di diluente/sheath n. 2. Essi forniscono il
reagente che funge da diluente e reagente sheath all'interno dell'analizza-
tore. Il serbatoio di reagente diluente/sheath n.1, che si trova costante-
mente ad una pressione di 8 psi, fornisce il reagente sheath per la celletta
di flusso ottica e per il trasduttore ad impedenza. Il serbatoio di reagente
diluente/sheath n. 2, che si trova costantemente ad una pressione di 15 psi,
fornisce il diluente richiesto per eseguire le diluizioni di eritrociti/
piastrine e reticolociti ed il reagente per le funzioni di lavaggio e
risciacquo dell'analizzatore.

Serbatoio del reagente per l'emoglobina


Un serbatoio di reagente per l'emoglobina da 40 ml provvede al riforni-
mento del reagente per l'emoglobina all'interno dell'analizzatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-51


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Serbatoi dei reagenti WBC


Due serbatoi di reagente WBC da 40 ml provvedono al rifornimento del
reagente CELL-DYN WBC — Parte A e B all'interno dell'analizzatore.

Tabella 1.8: Serbatoi dei reagenti

Serbatoio Pressione Funzione

Serbatoio n. 1 di reagente diluente/sheath 8 psi Fornire il liquido sheath per la celletta di


flusso ottica e il trasduttore ad impedenza

Serbatoio n. 2 di reagente diluente/sheath 15 psi Fornire il liquido diluente per le diluizioni di


eritrociti, piastrine e reticolociti
Fornire il reagente diluente/sheath per il
risciacquo e la pulizia dello strumento

Serbatoio del reagente per l'emoglobina 15 psi Fornire il reagente per l'emoglobina per le
diluizioni dell'emoglobina

Serbatoio del reagente WBC — Parte A 15 psi Fornire il reagente WBC — Parte A e Parte B
per le diluizioni dei leucociti
Serbatoio del reagente WBC — Parte B

1-52 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Stazione dati
La stazione dati del sistema CELL-DYN Sapphire ha il compito di analiz-
zare, visualizzare e memorizzare i dati, e permette il collegamento fra
l'utente ed il sistema. Essa è in grado di analizzare e visualizzare i dati
anche mentre i campioni sono in corso di trattamento. La stazione dati ha
la capacità di inviare dati allo schermo piatto, alle stampanti ed al sistema
di elaborazione dati di laboratorio (LIS - seriale o ethernet) o al sistema
middleware (ethernet).

I componenti della stazione dati comprendono:


• Schermo piatto
• Computer, stazione dati
• Tastiera
• Mouse
• Lettore manuale del codice a barre

1 Schermo piatto
5 1
2 Interruttore ON/OFF
dello schermo piatto
3 Pulsanti di regolazione
6 11
4 Computer
5 Lettore DVD
7
6 Lettore per il dischetto
12
floppy 3 2
7 Interruttore ON/OFF
del computer
4 9
8 Tastiera
9 Mouse
10 Lettore manuale del 10
codice a barre
11 Stampante 8
12 Drive USB
Figura 1.30: Vista frontale dei componenti della stazione dati

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-53


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Schermo piatto
Lo schermo piatto costituisce un'interfaccia grafica ad alta risoluzione,
che commuta automaticamente fra 110 e 240 volt.

I seguenti pulsanti si trovano sulla parte anteriore dello schermo piatto:


(vedere la Figura 1.30):
• Pulsanti di regolazione — per controllare l'immagine sullo
schermo.
• Interruttore ON/OFF del monitor — per accendere e spegnere lo
schermo.

I seguenti pulsanti si trovano sulla parte posteriore dello schermo piatto:


(vedere la Figura 1.31).
• Cavo di alimentazione — collega lo schermo all'alimentazione
elettrica esterna. Utilizzare un cavo approvato per questa funzione.
• Cavo dello schermo — collega lo schermo al computer.

1 Computer, stazione
dati
2 Cavo dello schermo
piatto
3 Cavo di alimentazione

Figura 1.31: Vista posteriore dello schermo piatto

1-54 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Computer (Stazione Dati)


Il sistema CELL-DYN Sapphire è dotato di un computer autonomo con
un minimo di 512 megabyte di memoria RAM ed un disco fisso per un
totale di 80 gigabyte di spazio. Il computer contiene ed esegue i
programmi del software CELL-DYN Sapphire.
Sulla parte anteriore del computer si trovano i seguenti componenti (fare
riferimento alla Figura 1.30 : Vista frontale dei componenti della stazione
dati.)
• Lettore dischetto floppy — accetta dischetti ad alta densità
(1,44 megabyte), da 3½ pollici usati per il backup ed il recupero dei
dati di configurazione del laboratorio, per salvare i file QC, i risul-
tati esportati dal registro dati e i rapporti relativi a eventuali
problemi del software.
• Presa USB Flash Drive — accetta tutti gli USB Flash Drive
(formattati in FAT16 o FAT32) usati per il backup ed il recupero dei
dati di configurazione del laboratorio, per salvare i file QC, i risul-
tati esportati dal registro dati e i rapporti relativi a eventuali
problemi del software.
NOTA: A causa di limiti di spazio, non tutti gli USB Flash Drive
possono essere inseriti nella parte anteriore della stazione dati.
L'operatore dovrà pertanto scegliere un dispositivo idoneo.

• Lettore DVD R/RW — legge CD-ROM e/o DVD per l'installazione


del software e la consultazione del Manuale d’Impiego online
(PDF), inoltre memorizza il database su DVD+R.
• Interruttore ON/OFF — accende e spegne il computer.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-55


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Computer, stazione dati - Connettori per il cavo e la porta


Sulla parte posteriore del computer si trova quanto segue. La seguente
figura illustra il retro del computer, i connettori dei cavi e delle relative porte
utilizzati con il CELL-DYN Sapphire.

1 Computer
2 Connettore di alimen- 1
tazione del computer
3 Connessione per il
cavo del mouse
4 Connessione per il
cavo della tastiera
5 Connessione LIS
2
(seriale)
6 Connessione per la
porta parallela 0 della 3
stampante grafica
7 Connessione stam- 4
pante USB (richiede
due stampanti indi- 5
pendenti se i pulsanti 6
Stampa automatica
del referto grafico e
Stampa automatica
ticket in bianco 7
vengono selezionati
simultaneamente)
8
8 Porta RJ-45 (ethernet)
9 Connessione per il test
dell'interfaccia (9 pin 9
RS232)
10 Connessione per lo
schermo piatto 10
11 Connessione del cavo 11
dell'analizzatore con la
stazione dati
12
(computer)
12 Connessione per la
porta parallela 1 della
stampante ticket

Figura 1.32: Vista posteriore del computer, stazione dati XW4200

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

1-56 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

1 Computer
2 Connettore di alimenta- 1
zione del computer
3 Connessione per il cavo
del mouse
4 Connessione per il cavo 2
della tastiera
5 Connessione LIS (seriale) 3
6 Connessione per la porta
parallela 0 della stam- 4
pante grafica
7 Connessione stampante 5
USB (richiede due stam-
panti indipendenti se i 6
pulsanti Stampa automa-
tica del referto grafico e
Stampa automatica ticket
in bianco vengono selezio- 7 8
nati simultaneamente)
8 Connessione del cavo
9
dell'analizzatore con la 10
stazione dati (computer)
9 Connessione per il test
dell'interfaccia (9 pin 11
RS232)
10 Connessione per lo 12
schermo piatto
11 Porta RJ-45 (ethernet)
12 Connessione per la porta
parallela 1 della stam-
pante ticket
Figura 1.33: Vista posteriore del computer, stazione dati XW4300/4400

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-57


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

• Connettore del cavo di alimentazione del computer — fornisce


l'alimentazione al computer.
• Connettore del cavo del mouse — consente di collegare il mouse
al computer.
• Connettore del cavo della tastiera — consente di collegare al
computer la tastiera e il lettore manuale del codice a barre.
• Porta per il cavo del sistema di elaborazione dati di laboratorio
(LIS) — accetta il cavo di interfaccia seriale LIS.
• Connessione per la porta parallela 0 della stampante grafica —
permette di collegare il computer alla stampante standard o alla
stampante ad impatto per stampare un rapporto grafico a colori o in
bianco e nero del campione del paziente.
• Connessione per la stampante USB (Universal Serial Bus) —
permettere di collegare il computer ad una stampante USB per stam-
pare un rapporto grafico a colori o in bianco e nero del campione e
ad una stampante USB per la stampa di un rapporto ticket in bianco
e nero.
• Connessione dell’analizzatore con la stazione dati — collega la
stazione dati del computer all'analizzatore CELL-DYN Sapphire.
• Porta per il cavo per il test interfaccia — consente di collegare un
computer all'analizzatore per eseguire test di collaudo dell'hard-
ware.
• Porta per il cavo dello schermo piatto — consente di collegare il
computer allo schermo.
• Porta RJ-45 — prevista per il cavo di interfaccia LIS (ethernet) o
middleware ethernet.
• Connessione per la porta parallela 1 della stampante ticket —
permette di collegare il computer alla stampante standard o alla
stampante ad impatto per stampare rapporti in formato ticket.
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

1-58 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

1 Computer
2 Connettore di alimen-
tazione del computer
3 Connessione per il
cavo del mouse
4 Connessione per il
cavo della tastiera
5 Connessione LIS
(seriale)
6 Connessione per la
porta parallela 0 della
stampante grafica
7 Connessione stam-
pante USB (richiede
due stampanti indi- 1
pendenti se i pulsanti
Stampa automatica
del referto grafico e 2
Stampa automatica
ticket in bianco 5
vengono selezionati 3
simultaneamente) 7 8
8 Porta RJ-45 (ethernet)
9 Connessione per il test 4
dell'interfaccia (9 pin 12 6
RS232)
10 Connessione per lo 11
schermo piatto
11 Connessione del cavo
dell'analizzatore con la 10
stazione dati
12 Connessione per la 9
porta parallela 1 della
stampante ticket

Figura 1.34: Vista posteriore delle connessioni dei componenti della stazione dati XW4200

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-59


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

1 Computer
2 Connettore di alimen-
tazione del computer
3 Connessione per il
cavo del mouse
4 Connessione per il
cavo della tastiera
5 Connessione LIS
(seriale)
6 Connessione per la
porta parallela 0 della
stampante grafica
7 Connessione stam-
pante USB (richiede
due stampanti indi- 1
pendenti se i pulsanti
Stampa automatica
del referto grafico e 2
Stampa automatica
ticket in bianco 5
vengono selezionati 3
simultaneamente) 7
8 Connessione del cavo 11
dell'analizzatore con la 4
stazione dati 12 6
9 Connessione per il test
dell'interfaccia (9 pin 8
RS232)
10 Connessione per lo
schermo piatto 10
11 Porta RJ-45 (ethernet)
12 Connessione per la 9
porta parallela 1 della
stampante ticket

Figura 1.35: Vista posteriore delle connessioni dei componenti della stazione dati XW4300/4400

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

1-60 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Tastiera
La tastiera standard del computer dispone della completa funzionalità di
comandi. Essa comprende una serie completa di tasti alfanumerici che
possono venire utilizzati per l'introduzione dei dati. La tastiera è collegata
al pannello posteriore del computer.
Alcuni tasti sono destinati ad usi speciali a seconda dell'area o della fine-
stra attiva al momento. La seguente figura presenta un esempio di una
tastiera standard abbreviata utilizzata con il sistema CELL-DYN
Sapphire. La tabella seguente elenca tali tasti e le loro funzioni.

Figura 1.36: Esempio di tastiera standard inglese

Tabella 1.9: Tasti della tastiera e loro funzione sul sistema CELL-DYN Sapphire

Premere: Per:

Tasti numerici (al di Introdurre dati nei campi.


sopra dei tasti con
lettere)

Tasti del tastierino Introdurre dati nei campi.


numerico (tasti
disposti come su di
una calcolatrice sulla
destra della tastiera)

Enter (invio) Accettare i dati digitati in un determinato campo e spostare il cursore al campo suc-
cessivo (per finestre con campi per l'introduzione di testo).

Tab Spostare il cursore al campo successivo (da sinistra verso destra, dall'alto verso il
basso).

Shift + Tab Riportare il cursore al campo precedente (da destra verso sinistra, dal basso verso
l'alto).

Insert Commutare fra l'inserimento e la sovrascrizione di testo.


(tasto di inserimento) ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori, questo tasto non ha alcuna
funzione.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-61


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Tabella 1.9: Tasti della tastiera e loro funzione sul sistema CELL-DYN Sapphire (continua)

Premere: Per:

Backspace Eliminare i caratteri alla sinistra del cursore.


(spaziatura indietro)

Delete (Canc.) Eliminare i caratteri alla destra del cursore.

Print Scrn Stampa l'immagine visualizzata sullo schermo.

Num Lock Attiva l'area del tastierino numerico, utilizzato per digitare le cifre.

Esc Resetta i tentativi falliti di selezionare pulsanti o testo con il mouse.

F1 Visualizza sullo schermo la console del CELL-DYN Sapphire Online PDF Operator’s
Manual (PDF online del Manuale d'Impiego del sistema CELL-DYN Sapphire, dispo-
nibile solo in versione inglese).

F2 Visualizza sullo schermo la console dello schermo principale del CELL-DYN


Sapphire.

F3 Visualizza sullo schermo la console relativa al Servizio Clienti.

1-62 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Mouse
Con la stazione dati del CELL-DYN Sapphire viene fornito un mouse. Il
movimento del mouse controlla il cursore sulla console del CELL-DYN
Sapphire Online PDF Operator's Manual, sulla console dello schermo
principale CELL-DYN Sapphire e su quella del Servizio Clienti
Esso fa muovere il cursore, seleziona pulsanti e testi e attiva o disattiva le
funzioni. La tabella qui di seguito illustra come utilizzare il mouse.

Mouse

Figura 1.37: Uso del mouse

Tabella 1.10: Azioni eseguite dal mouse

Operazione Azione del mouse

Spostare il cursore Muovere il mouse su di una superficie


piana per cambiare la posizione del
cursore sullo schermo.

Selezionare pulsanti o 1. Posizionare il cursore sul pulsante o


testo sul testo.
2. Cliccare (premere e rilasciare rapida-
mente) il pulsante sinistro del mouse.

NOTA: Se è aperta una finestra per l'inserimento di testo, cliccando con


il mouse nel campo desiderato, prima di digitare alcun carattere, il cursore
verrà posizionato all'estrema sinistra dello stesso.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-63


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Lettore manuale del codice a barre


Il lettore manuale del codice a barre usa una luce LED ed è in grado di
leggere ed interpretare qualsiasi codice a barre che soddisfi le specifiche
descritte nel Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di prestazione del
sistema, Sezione: Specifiche del codice a barre.

Il lettore manuale del codice a barre può essere usato per inserire rapida-
mente il numero di identificazione del campione nella finestra CONFI-
GURAZIONE DEL CAMPIONE SUCCESSIVO o nella minifinestra
nella modalità a provetta aperta e per inserire i numeri di lotto dei reagenti
e le date di scadenza nell'archivio dei reagenti.
Il lettore del codice manuale deve essere inoltre impostato in modo da
indicare se un carattere di controllo può essere utilizzato con le diverse
simbologie. È possibile personalizzare il lettore del codice manuale
tramite l'unità stessa, non tramite il software CELL-DYN Sapphire. Per le
istruzioni complete fare riferimento alla guida Hand-held Bar Code
Reader User’s Guide.
NOTA: Il lettore manuale del codice a barre è collegato in serie alla
tastiera (vedere la Figura 1.38) e deve essere installato e programmato
correttamente prima dell'uso con il CELL-DYN Sapphire. Per le istru-
zioni fare riferimento alla guida Hand-held Bar Code Reader User’s
Guide.

1 Computer, stazione 1
dati 2 3
2 Lettore manuale del
codice a barre
3 Tastiera

Figura 1.38: Connessione del lettore manuale del codice a barre

1-64 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Hardware del sistema

Stampanti
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

Il CELL-DYN Sapphire può essere configurato per supportare sia una


stampante grafica sia una stampante ticket. La informazioni grafiche e
numeriche possono essere stampate su copia singola o su ricalco. Le
seguenti stampanti sono disponibili per l'uso con il sistema CELL-DYN
Sapphire: una stampante a colori standard (connessione: porta parallela o
USB), una stampante laser a colori (connessione: USB) o una stampante
ad impatto ticket opzionale (connessione: porta parallela). I risultati
possono essere stampati automaticamente al termine di ciascuna seduta
analitica o a richiesta dell’operatore. I rapporti grafici possono essere a
colori o in bianco e nero. Se si desidera sia i rapporti grafici che ticket, è
possibile collegare al sistema e far funzionare contemporaneamente due
stampanti.
Le informazioni complete sulla capacità e sui requisiti delle stampanti
sono disponibili nel manuale fornito dal produttore della stampante, che
riporta inoltre la descrizione dei componenti della stampante, delle
precauzioni d'uso, della stampa di test interni (self test), del tipo di toner
e cartucce e le istruzioni per sostituire le cartucce e caricare la carta. Le
informazioni relative alla personalizzazione del formato di stampa e delle
intestazioni sono disponibili nel Capitolo 2: Procedure di installazione e
requisiti speciali, Sezione: Personalizzazione dei referti stampati.
ATTENZIONE: L'uso di stampanti diverse da quelle raccoman-
date da Abbott Laboratories può essere causa di malfunziona-
mento della stampante. Contattare il Servizio Clienti Abbott per
informazioni sulla compatibilità delle stampanti. Fare riferimento
all'Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori per informazioni
sui numeri di listino dei componenti.

✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori, il cliente è tenuto a


validare le stampanti non fornite da Abbott.
1. Verificare che il driver della stampante sia disponibile.
2. Caricare il driver della stampante.
3. Stampare una pagina di prova e i seguenti rapporti:
rapporto del campione, rapporto CQ, archivio dati e altri rapporti
comunemente utilizzati.
4. Confrontare la schermata visualizzata con la stampa del referto
stampato e verificare che il formato e le informazioni contenute
siano accettabili per il laboratorio.
Se le pagine di prova stampate sono accettabili è possibile utilizzare la
stampante fornita.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-65


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Hardware del sistema Capitolo 1

Le informazioni relative alla configurazione della stampante e alla perso-


nalizzazione dei rapporti stampati sono disponibili nel Capitolo 2: Proce-
dure di installazione e requisiti speciali, Sezione: Configurazione di rete
e Personalizzazione dei referti stampati. Fare riferimento anche al
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Elaborazione post-analisi –
Stampa delle registrazioni dell'archivio dati, Tabella 5.28: Guida alle
selezioni stampa, che riassume le varie opzioni di stampa degli stampati
grafici e come possono essere personalizzate.
Il software CELL-DYN Sapphire controlla automaticamente e regola
molte delle condizioni di stampa, tra cui l'ampiezza della pagina ed il
colore.
NOTA: In base al software di mappatura del colore utilizzato dalla stam-
pante, è possibile rilevare variazioni nello spettro di colori specificato dal
software CELL-DYN Sapphire per la stampa.

La seguente tabella riassume le opzioni di stampa.


Tabella 1.11: Opzioni di stampa

Stampante grafica Stampante ticket (opzionale)

Tipo di porta della USB Parallela (porta 0) Parallela (porta 1) USB


stampante

Tipo di rapporto Copia singola Copia singola Copia singola e a Copia singola
ricalco

Alimentazione Fogli singoli Fogli singoli Fogli singoli e Fogli singoli


della carta moduli continui ripie-
gati a Z*, alimenta-
zione a trattore

Dimensioni della Lettera US, A4 Lettera US, A4 e Larghezza: 4,75 Lettera US e A4


carta DIN A4 pollici
Lunghezza: 8,5
pollici

Inchiostro A colori e nero A colori e nero Nero Nero

Intestazione Massimo quattro Massimo quattro Fino a due righe, Fino a due righe,
righe righe fino a 35 caratteri fino a 35 caratteri

*NOTA: Se si utilizza la carta Z-fold, la stampa potrebbe non iniziare


sempre dall’inizio della pagina e il testo potrebbe essere diviso dalla
perforazione dei fogli Z-fold. Inoltre, il margine in alto potrebbe aumen-
tare ad ogni successiva pagina stampata. Controllare sempre gli stampati
e ripetere la stampa se necessario.

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa


del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

1-66 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Software del sistema

Il sistema CELL-DYN Sapphire contiene i seguenti pacchetti software:


• Software operativo dell'analizzatore
• Software operativo della stazione dati

Software operativo dell'analizzatore


Il software operativo dell'analizzatore (AOS) controlla la fluidica e le
operazioni meccaniche effettuate dall'analizzatore, controlla il funziona-
mento del sistema e fornisce il quadro per le sequenze di flusso. L'analiz-
zatore carica l'AOS dalla stazione dati ogni volta che il sistema viene
acceso.

Software operativo della stazione dati


Il software operativo della stazione dati (DSOS) supporta l'interfaccia
utente, comunica con l'AOS per avviare le varie funzioni ed ottenere i
risultati delle misurazioni e gestisce l'elaborazione, la memorizzazione e
l'emissione dei risultati delle misurazioni.

Il software del CELL-DYN Sapphire esegue una conferma delle introdu-


zioni numeriche effettuate nei campi di inserimento dati. Tale conferma
ha luogo quando si seleziona il pulsante OK nella finestra attiva. Il
software confronta la data e l'ora con il formato fissato, e controlla che i
numeri interi ed i decimali rientrino nei range specificati e non presentino
caratteri non validi. Se si rileva un'introduzione non valida, compare la
finestra INTRODUZIONE NON VALIDA, che specifica anche il campo
o i campi interessati. Esempi:
• Introduzione di ID del campione non valida
• Introduzione di numero di lotto non valido
• Media e valori limite che generano un limite inferiore minore di 0
• Tempo massimo fra registrazioni consentito per ricerche automa-
tiche non valido

Console della stazione dati


Con il sistema CELL-DYN Sapphire possono essere visualizzate tre
console:
• Console del CELL-DYN Sapphire Online PDF Operator's Manual
• Console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire
• Console relativa al Servizio Clienti per il CELL-DYN Sapphire

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-67


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Console del CELL-DYN Sapphire Online PDF Operator's Manual

Figura 1.39: Console dell'Online PDF Operator's Manual

La console dell'Online PDF Operator's Manual viene visualizzata


premendo il tasto di funzione F1 sulla tastiera, in qualsiasi momento in cui
il software operativo del sistema CELL-DYN Sapphire sia in funzione.
Per informazioni dettagliate sull'uso della console fare riferimento a
Guida alla consultazione della documentazione tecnica: Sezione:
Documentazione online (PDF). Per informazioni sulle procedure di
installazione e aggiornamento del Manuale d’Impiego online (PDF), fare
riferimento al Capitolo 2: Procedure di installazione e requisiti speciali,
Sezione: Sapphire Admin Utilities.
NOTA: Se si accede involontariamente a tale console, premendo il tasto
di funzione F2 si ritorna alla console dello schermo principale
CELL-DYN Sapphire. Quando compare una finestra che indica che lo
stato dello strumento è non operativo o sta per diventarlo, il software della
stazione dati del CELL-DYN Sapphire visualizzerà automaticamente la
console dello schermo principale del Manuale d'Impiego del Sistema
CELL-DYN Sapphire.

1-68 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire

Figura 1.40: Console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-69


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Navigazione nello schermo


È possibile spostarsi nello schermo utilizzando il mouse e la tastiera.

Barra di scorrimento
Se una finestra contiene più registrazioni che possono essere visualizzate
verticalmente in una singola schermata, a destra della finestra comparirà
una barra di scorrimento.
Tabella 1.12: Scorrimento tramite mouse

Selezionare e Selezionare e
Controllo Commenti
rilasciare tenere premuto

Tasto freccia Su Fa scorrere lo Prosegue lo scorri-


schermo di una regi- mento una registra-
strazione verso l'inizio zione alla volta fino a
della lista che viene rilasciato

Tasto freccia Giù Fa scorrere lo Prosegue lo scorri-


schermo di una regi- mento una registra-
strazione verso la fine zione alla volta fino a
della lista che viene rilasciato

Barra di scorrimento al Fa scorrere di una


di sopra del rettangolo pagina verso l'inizio
di scorrimento della lista

Barra di scorrimento al Fa scorrere di una


di sotto del rettangolo pagina verso la fine
di scorrimento della lista

Rettangolo di scorri- Nessuna azione Se selezionato e Il rettangolo di scorrimento si


mento trascinato, fa scorrere muove ogni volta che viene
la lista fino ad una effettuato uno scorrimento. La
nuova posizione (in dimensione del rettangolo
rapporto all'intera lista) mostra la percentuale della lista
quando rilasciato visibile nella finestra (tranne
che per liste molto lunghe).

1-70 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Pulsanti schermo
L'interfaccia operatore del sistema CELL-DYN Sapphire si serve di
cinque tipi di pulsanti: pulsanti radio, pulsanti di selezione, pulsanti di
menu, pulsanti di introduzione dati e di accesso (fare riferimento alla
seguente tabella). I pulsanti radio e i pulsanti di selezione permettono di
selezionare le condizioni di trattamento e la personalizzazione o le opera-
zioni. I pulsanti di menu e di introduzione dati servono ad accedere ai
menu e alle finestre.
Tabella 1.13: Pulsanti schermo

Tipo Descrizione Esempio

Pulsante radio Pulsante di forma romboidale uti-


lizzato per scegliere tra due alter-
native, o tra ON e OFF.
Verde significa ON
Grigio significa OFF

Pulsante di selezione Pulsante di forma quadrata utiliz-


zato per selezionare tutte le voci
necessarie ad ottenere il risultato
desiderato
Verde significa selezionato
Grigio significa non selezionato

Pulsante di menu Collocati nella console dello


schermo principale.
Segno maggiore (>) dopo il nome.
Selezionando uno di tali pulsanti
viene visualizzato un ulteriore
menu in cui è possibile effettuare
una selezione.
Il testo nero è selezionabile
Il testo grigio non è selezionabile

Pulsante di introduzione dati Collocati nella console dello


schermo principale.
Tre puntini (…) dopo il nome.
Quando si seleziona uno di tali
pulsanti viene visualizzata una
finestra contenente campi e
pulsanti per l'introduzione di dati.
È possibile selezionare il testo
visualizzato in nero, mentre non è
possibile selezionarlo se è grigio.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-71


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Tabella 1.13: Pulsanti schermo (continua)

Tipo Descrizione Esempio

Pulsante di accesso Collocati nella console dello


schermo principale. Tali pulsanti
permettono di accedere diretta-
mente all'Avvia campionatore o di
cambiare lo schermo nell'area
condivisa.
Il testo nero è selezionabile
Il testo grigio non è selezionabile
NOTA: I pulsanti selezionati
nell'area condivisa compaiono in
sottoimpressione.

Console dello schermo principale del CELL-DYN


Sapphire
La console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire è l'appli-
cazione principale, in cui opera il software operativo della stazione dati
del sistema CELL-DYN Sapphire e comprende:
• Pannello di stato
• Pannello di controllo
• Pannello dell'area condivisa
• Area condivisa
Il pannello di stato, il pannello di controllo e il pannello dell'area
condivisa formano una “C” che è sempre visibile e circonda l'area
condivisa, come illustrato al seguente diagramma.
NOTA: Premendo il tasto di funzione F2 compare questa console.

1-72 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Pannello di stato
Area del controllo qualità Area di stato del Area dei messaggi relativi Area
online sistema allo stato del sistema relativa a
data e ora

Area del
centro
messaggi

Versione:
Area delle
applicazioni
dell'ana-
lizzatore

Pannello
di Area condivisa
controllo
Area
della
minifinestra

Area
controllo
del sistema

Pulsanti dell area condivisa Pulsanti Global Print (stampa


globale) e Trasmissione

Pannello dell'area condivisa


Figura 1.41: Diagramma della console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-73


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Pannello di stato
Il pannello di stato è composto da quattro parti distinte:
• Area di controllo di qualità online
Fornisce lo stato (on o off) dei singoli programmi di controlli di
qualità. Per ulteriori informazioni fare riferimento al Capitolo 11:
Controllo di qualità, Sezione: Controllo On-Line e Off-Line.
• Pannello di stato del sistema
Informa sullo stato del sistema:
– Pronto, Occupato, Attendere, Non collegato e collegato: Inizia-
lizzazione
– Stato modalità caricatore automatico o modalità provetta aperta
– Lo stato del computer host (up/down) e dell'attivazione o disat-
tivazione (on/off) del caricamento di voci della lista di lavoro
dall’host e della richiesta host
– Stato della trasmissione automatica e delle impostazioni della
stampante (on-off).
• Area dei messaggi relativi allo stato del sistema:
Suggerisce all'operatore degli interventi adeguati tenendo conto
dello stato attuale del sistema (Pronto, Occupato, Attendere).
• Area relativa a data, ora e ID operatore:
Visualizza la data e l'ora del sistema della stazione dati e permette
di inserire, controllare o modificare l'ID dell'operatore.

Pannello di controllo
Il pannello di controllo è composto da quattro parti distinte:
• Area del centro messaggi:
Visualizza il livello ed il numero dei messaggi SIM (System
Initiated Messages) attualmente presenti nel sistema; i messaggi
salvati possono essere visualizzati e cancellati.
• Area delle applicazioni dell'analizzatore:
Visualizza la versione software attuale del CELL-DYN Sapphire e
permette all'operatore di accedere alle principali funzionalità
dell'analizzatore, amministrative e di setup del sistema.
• Area della minifinestra:
Visualizza la minifinestra Configurazione del campione successivo
quando il sistema è in modalità a campione aperto.
• Area di controllo del sistema:
Permette all'operatore di selezionare la modalità Avviamento
campionatore o Analisi provetta aperta.

1-74 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Pannello dell'area condivisa


Il pannello dell'area condivisa è composto da due parti distinte:
• Pulsanti dell'area condivisa:
Forniscono l'accesso agli schermi Archivio Dati, File QC, Lista di
lavoro e Visualizzazione analisi nell'area condivisa.
• Pulsanti Global Print (stampa globale) e Trasmissione:
Permette di accedere alle informazioni relative a stampa e trasmis-
sione, se disponibili dalla visualizzazione dell'area condivisa.

Area condivisa
L'area condivisa è l'area in cui compare il pannello dell'area condivisa
selezionato. La precedente Figura 1.40: Console dello schermo principale
del CELL-DYN Sapphire è un esempio di visualizzazione dell'archivio
dati nell'area condivisa.

Controllo del sistema


Il pannello di controllo è composto da quattro parti distinte presenti sulla
console dello schermo principale del CELL-DYN Sapphire, che consen-
tono all'operatore di accedere alle principali funzionalità operative, ammi-
nistrative e di configurazione del sistema, di gestire i messaggi SIM
(System Initiated Messages) memorizzati e di avviare l'analisi dei
campioni in modalità a campionatore automatico o a provetta aperta.

Pulsante ID operatore...
Seguire le procedure del proprio laboratorio per inserire o modificare l'ID
dell'operatore. Questa procedura deve essere presa in considerazione
all'inizio di un nuovo turno oppure ogni volta che si verifica un cambio di
operatore.

Tabella 1.14: Introduzione o modifica dell'identificazione dell'operatore

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra Selezionare il pulsante ID operatore... Si accede alla finestra OPERATORE.


OPERATORE sul pannello di Stato.

Introdurre o modifi- 1. Digitare l'ID. Viene accettata l'ID dell'operatore con


care l'ID 2. Premere il tasto Enter. una lunghezza di massimo quattro
caratteri.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-75


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Pulsante del menu Analizzatore >


Le funzioni a cui si ha accesso tramite il pulsante Analizzatore > riguar-
dano aspetti amministrativi e di manutenzione dello strumento.
• Archivi dei reagenti…
La finestra Archivi dei reagenti può essere utilizzata per documentare
l'uso dei reagenti da parte dello strumento e viene descritta dettaglia-
tamente nel Capitolo 9: Assistenza e manutenzione, Sezione:
Software di assistenza e manutenzione.
• Protocolli speciali…
La finestra Protocolli speciali ha lo scopo di facilitare la manuten-
zione e le attività eccezionali dello strumento e viene descritta detta-
gliatamente nel Capitolo 9: Assistenza e manutenzione, Sezione:
Software di assistenza e manutenzione.
• Calibrazione…
La finestra Calibrazione serve a visualizzare e/o aggiornare i fattori
di calibrazione per lo strumento e viene descritta dettagliatamente nel
Capitolo 6: Procedure di calibrazione.
• Preparaz. allo spegnim. stazione dati...
Tale finestra permette all'operatore di riavviare o spegnere corretta-
mente il software della stazione dati, se necessario. La procedura è
descritta nel Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Avvina-
mento, arresto e standby del sistema.

Pulsante del menu Ammin.>


Le funzioni a cui si ha accesso tramite il pulsante Ammin.> riguardano
l'amministrazione dello strumento.
• Archivio oper. sistema...
La finestra Archivio oper. sistema documenta automaticamente e
permette di visualizzare e stampare gli eventi significativi che riguar-
dano lo strumento. Viene descritta dettagliatamente nel Capitolo 9:
Assistenza e manutenzione, Sezione: Finestra Archivio oper.
sistema.
• Archivio manutenzione...
La finestra Archivio manutenzione contiene un elenco delle proce-
dure di manutenzione eseguite e viene descritta dettagliatamente nel
Capitolo 9: Assistenza e manutenzione, Sezione: Finestra Archivio
manutenzione.

1-76 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

• Registro delle modifiche…


La finestra Registro delle modifiche memorizza automaticamente le
registrazioni dei pazienti che sono state modificate tramite il pulsante
Modifica dati anagrafici... della finestra ARCHIVIO DATI. Le
introduzioni nell’Archivio delle modifiche possono essere visualiz-
zate, stampate e cancellate come descritto dettagliatamente nella
presente sezione.
• Cancellazione del buffer di stampa...
La finestra Cancellazione del buffer di stampa serve a rimuovere tutti
i referti stampabili in sospeso. Qualsiasi stampa richiesta ma non
completata verrà cancellata.
NOTA: Se la stampante continua a stampare anche dopo aver sele-
zionato il pulsante Sì nella finestra CANCELLAZIONE DEL
BUFFER DI STAMPA, a causa della quantità di dati che possono
essere memorizzati dalla stampante stessa, fare riferimento alla docu-
mentazione fornita dal produttore della stampante, per cancellare la
stampa.
– Procedura di cancellazione del buffer di stampa
1. Selezionare il pulsante Ammin.> sul pannello di controllo e
selezionare il pulsante Cancellazione del buffer di stampa...
dal menu.
2. Selezionare il pulsante Sì che compare nella finestra per
cancellare la stampa.
NOTA: Il pulsante No serve solo a chiudere la finestra senza
cancellare il buffer.
• Cancellazione del buffer di trasmiss...
La finestra Cancellazione del buffer di trasmissione serve ad annul-
lare la trasmissione di tutte le registrazioni verso l’host. Qualsiasi
trasmissione di registrazione richiesta ma non ancora completata
verrà cancellata.
– Procedura di cancellazione del buffer di trasmiss
1. Selezionare il pulsante Ammin.> sul pannello di controllo e
selezionare il pulsante Cancellaz. del buffer di trasmiss... dal
menu.
2. Selezionare il pulsante Sì sulla finestra per cancellare la
trasmissione.
NOTA: Selezionare invece il pulsante No per chiudere la fine-
stra senza cancellare il buffer.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-77


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Finestra Registro delle modifiche


La finestra REGISTRO DELLE MODIFICHE memorizza automatica-
mente le modifiche relative ai campi riguardanti l'analisi e i dati anagrafici
effettuate tramite il pulsante Modifica dati anagrafici... della finestra
ARCHIVIO DATI. Le informazioni riportare sono:
• Il numero progressivo della registrazione del paziente.
• La data e l’ora di aspirazione.
• Il campo modificato.
• I dati che sono stati modificati (prima e dopo la modifica).
• La data e l’ora della modifica e l’ID dell’operatore che l’ha eseguita.
• Un campo in cui è possibile inserire dei commenti.

Figura 1.42: Finestra Registro delle modifiche

È possibile accedere alla finestra REGISTRO DELLE MODIFICHE


selezionando il pulsante Ammin.> posto sul pannello di controllo e
quindi selezionando Registro delle modifiche… dal menu.

1-78 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Nonostante l’operatore non possa inserire dati nella finestra REGISTRO


DELLE MODIFICHE, il registro può essere visualizzato e stampato ed è
un valido strumento per il laboratorio in quanto memorizza le modifiche
relative all’identificazione del campione nel sistema. Permette inoltre di
visualizzare le modifiche, apportate dall’operatore ai campi relativi
all’analisi e ai dati anagrafici, in base alla data e all’ora della modifica. Le
modifiche effettuate tramite la finestra MODIFICA DEI DATI
ANAGRAFICI vengono segnalate nel campo relativo all’ID del
campione dell’archivio dati: il testo in tale campo viene visualizzato in
rosso e nel rapporto riassuntivo dell'archivio dati, nella pagina del referto
base e nella pagina del foglio di lavoro del laboratorio viene stampato in
rosso e sottolineato.
NOTA: Se si seleziona la stampa in bianco e nero, il testo nel campo rela-
tivo all’ID del campione sarà sottolineato.

Il registro delle modifiche contiene fino a 150 registrazioni in una finestra


a scorrimento. La finestra MODIFICA DEI DATI ANAGRAFICI
contiene fino a 14 campi modificabili per ogni registrazione del paziente.
Se tutti i 14 campi sono stati modificati per una registrazione del paziente,
nella finestra REGISTRO DELLE MODIFICHE saranno elencate le 14
relative modifiche. L’operatore ha la possibilità di inserire un commento
nella finestra Commento del registro delle modifiche quando il pulsante
Salva è selezionato nella finestra MODIFICA DEI DATI ANAGRA-
FICI. Il campo Commento del registro delle modifiche visualizzato nella
finestra REGISTRO DELLE MODIFICHE può essere modificato nella
finestra COMMENTO DEL REGISTRO DELLE MODIFICHE, sele-
zionando il pulsante Modifica commento… Fare riferimento alla
seguente figura.
NOTA: Fare riferimento anche al Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Modifica e revisione dei dati anagrafici nelle registrazioni
dell'archivio dati.

Figura 1.43: Finestra Commento del registro delle modifiche

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-79


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Stampa del registro delle modifiche


Per stampare il Registro delle Modifiche, selezionare il pulsante
Stampa… nel pannello dell’area condivisa. Compare una finestra che
presenta due opzioni: (1) Introduzioni dalla stampa più recente (2)
Tutte le introduzioni. Selezionare l’opzione desiderata. Quando il regi-
stro è pieno, le introduzioni più vecchie vengono cancellate, anche se non
sono ancora state stampate, per fare spazio alle nuove.

Cancellazione delle introduzioni del registro delle modifiche


La presente procedura permette all’operatore di cancellare definitiva-
mente TUTTE le introduzioni del registro delle modifiche nella finestra
REGISTRO DELLE MODIFICHE. Si raccomanda di stampare il regi-
stro delle modifiche prima di cancellare tutte le introduzioni, in quanto
non è possibile recuperare i dati cancellati.
NOTA: Se il registro delle modifiche sta raggiungendo la capacità
massima e il pulsante Salva è selezionato nella finestra MODIFICA DEI
DATI ANAGRAFICI, comparirà un messaggio che suggerisce all’opera-
tore di stampare il registro immediatamente. Si raccomanda di stampare
regolarmente il registro delle modifiche e quindi selezionare il pulsante
Cancella tutte le introduzioni... nella finestra REGISTRO DELLE
MODIFICHE per evitare di dover interrompere le analisi di laboratorio.

Tabella 1.15: Campi e pulsanti della finestra Registro delle modifiche

Funzione Nome Risultato/Commento

Campo Seq# Visualizza il numero progressivo.

Data/ora aspiraz Visualizza la data e l’ora dell’aspirazione del numero


progressivo.

Campo Visualizza il nome del campo modificato nella fine-


stra MODIFICA DEI DATI ANAGRAFICI.

Prima Visualizza il testo originale inserito nel campo relati-


vo all’analisi o ai dati anagrafici del campione.

Dopo Visualizza il testo attuale nel campo relativo all’anali-


si o ai dati anagrafici del campione.

Data Visualizza la data in cui l’introduzione è stata inserita


nel registro.

Ora Visualizza l’ora in cui l’introduzione è stata inserita


nel registro.

IDOp Visualizza l’ID dell’operatore attiva quando l’introdu-


zione è stata inserita nel registro.

1-80 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Tabella 1.15: Campi e pulsanti della finestra Registro delle modifiche (continua)

Funzione Nome Risultato/Commento

Commento: Visualizza i commenti inseriti nella finestra COM-


MENTO DEL REGISTRO DELLE MODIFICHE.

Pulsante Modifica commento… Apre la finestra COMMENTO DEL REGISTRO


DELLE MODIFICHE e permette l’introduzione e la
modifica di commenti.

Cancella tutte le introdu- Permette di cancellare tutte le introduzioni del regi-


zioni… stro delle modifiche.

Chiudi Esce dalla finestra REGISTRO DELLE MODIFICHE.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-81


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Pulsante del menu Configurazione>


Permette di accedere a varie opzioni del menu per personalizzare le condi-
zioni operative del sistema. Fare riferimento alla Tabella 2.17: Riassunto
delle selezioni possibili dal menu Configurazione nel Capitolo 2: Proce-
dure di installazione e requisiti speciali.

Revisione e trattamento di messaggi e indicatori


Il sistema CELL-DYN Sapphire informa l'operatore delle proprie condi-
zioni con due forme di comunicazione: messaggi di stato e indicatori da
una parte, e messaggi SIM dall’altra. Questa sezione descrive come visio-
nare ed interpretare i messaggi di stato e gli indicatori, come gestire le
informazioni e come utilizzare le finestre dei messaggi, prima, durante e
dopo l'intervento correttivo.

Messaggi di stato e indicatori


I messaggi di stato e gli indicatori di solito richiamano l'attenzione su di
una condizione operativa del sistema temporanea o a lungo termine.
Questi messaggi vengono visualizzati tramite i LED indicatori di stato
posti sull'analizzatore nell'area del pannello di stato della stazione dati
(computer) o sotto forma di finestre INTRODUZIONE NON VALIDA
sulla stazione dati. Le informazioni date dai cinque LED indicatori di
stato sono presentate nella Sezione: Indicatori di stato LED.
I messaggi visualizzati nell'area del pannello di Stato indicano l'attuale
condizione del sistema (ad esempio, Pronto, Occup.) e suggeriscono
l'azione successiva dell'operatore. Messaggi ed indicatori visualizzati
nell'area del pannello di Stato indicano lo stato dei procedimenti automa-
tici (ad esempio se è stata selezionata la stampa automatica) e lo stato del
programma di controllo qualità online (ad esempio, quali programmi di
controllo qualità sono attualmente attivi). Non è necessario intervenire
quando appaiono questi messaggi o indicatori, che aiutano l'operatore a
capire lo stato del sistema e le operazioni che è possibile effettuare.
I messaggi che appaiono invece nella finestra INTRODUZIONE NON
VALIDA riguardano di solito un errore commesso dall'operatore durante
l'introduzione di dati alfanumerici. L'operatore può quindi effettuare un
intervento correttivo di tali errori.

1-82 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Messaggi del sistema (SIM)


I messaggi SIM appaiono nell'area condivisa della console dello schermo
principale CELL-DYN per informare l'operatore che esiste una condi-
zione richiedente un intervento correttivo, da eseguire immediatamente o
più tardi. La finestra dei messaggi SIM appare come illustrato nei due
esempi riportati qui di seguito.

Figura 1.44: Esempi di finestra SIM

NOTA: Questi messaggi del sistema vengono visualizzati se non viene


rilevata una stampante o un collegamento al LIS.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-83


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Campi e pulsanti della finestra SIM (System Initiated


Messages)

Tabella 1.16: Campi della finestra SIM

Campo o area Descrizione

Testo del messaggio Visualizza il messaggio SIM effettivo.

Codice di errore Contiene un numero di quattro o sei cifre (la maggior parte dei messaggi ha
numeri di quattro cifre) indicante la categoria a cui appartiene il messaggio
SIM. La lista dei messaggi SIM è riportata nel Capitolo 10: Individuazione
e soluzione dei problemi, Sezione: Lista dei messaggi SIM.

Testo dell'intervento correttivo Offre suggerimenti circa l'intervento correttivo.

Margine colorato Indica la gravità del messaggio SIM, graduata come segue:
• Ambra: massima priorità (prima che le analisi possano proseguire è
necessario un intervento correttivo).
• Giallo: media priorità (il sistema può proseguire le operazioni per un
periodo di tempo a seconda della priorità).
• Verde: priorità bassa (messaggio solo informativo).

Tabella 1.17: Pulsanti della finestra SIM

Pulsante Permette di:

Annullare l'errore Avviare l'intervento correttivo automatico oppure informare il sistema che
l'intervento correttivo è stato eseguito e che perciò il messaggio SIM
dovrebbe venir cancellato (per messaggi che richiedono l'intervento
dell'operatore).

OK Chiudere la finestra dei messaggi SIM (per messaggi informativi).

Salva Chiudere la finestra dei messaggi SIM e trasferire il messaggio nella fine-
stra MESSAGGI.

1-84 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Direttive per la visualizzazione e la gestione dei


messaggi SIM
Le finestre di messaggio SIM sono di due tipi: finestre che presentano un
pulsante Annullare l'errore e finestre che presentano un pulsante OK.
• Una finestra che presenta il pulsante Annullare l'errore richiede un
intervento correttivo da parte del sistema e, talvolta, anche da parte
dell'operatore. A seconda della natura del problema, l'operatore può
selezionare il pulsante Annullare l'errore per ordinare al sistema di
effettuare un intervento correttivo automatico oppure tentare di
correggere il problema prima di premere il pulsante Annullare
l'errore. L'analizzatore allora reagirà confermando che la situazione
è stata corretta e/o eseguendo un ciclo di autocorrezione.
• Una finestra che presenta un pulsante OK richiede che l'operatore
confermi la situazione selezionando OK.
• Entrambe le finestre di messaggio presentano un pulsante Salva che
può essere utilizzato per eliminare la finestra e memorizzare il
messaggio. Una volta memorizzato il numero massimo di messaggi
(120), la scritta Salva sul pulsante omonimo appare ombreggiata. Se
viene memorizzato un messaggio di una finestra con il pulsante
Annullare l'errore, il sistema rimarrà nello stato Attendere finché
la situazione non venga corretta e l'errore venga annullato cancel-
lando il messaggio SIM dalla finestra MESSAGGI (vedere la proce-
dura seguente).

Per ulteriori informazioni in merito ai messaggi SIM fare riferimento al


Capitolo 3: Principi di funzionamento, Sezione: Messaggi del sistema
(SIM) e segnalazioni relative ai dati e Capitolo 10: Individuazione e
soluzione dei problemi, Sezione: Come reagire ai messaggi SIM.

Visualizzazione e gestione dei messaggi SIM


memorizzati
L'area Messaggi nel pannello di controllo mostra quanti messaggi di
ciascun livello sono attualmente memorizzati nel sistema. I messaggi
memorizzati sono conservati in una finestra MESSAGGI e possono
essere visualizzati secondo necessità.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-85


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Se il sistema tenta di visualizzare più di sei messaggi alla volta, quelli che
non possono essere visualizzati vengono automaticamente inseriti nella
finestra MESSAGGI.

Figura 1.45: Finestra Messaggi

Quando viene aperta la finestra MESSAGGI, viene visualizzata una lista


di messaggi in ordine cronologico con il messaggio più recente eviden-
ziato. Il colore del testo (ambra, giallo o verde) corrisponde alla gravità
del messaggio. In fondo alla finestra viene suggerito un intervento corret-
tivo relativo al messaggio evidenziato.
Tabella 1.18: Visualizzazione e gestione dei messaggi

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra Selezionare il pulsante Visualizzazione Viene visualizzata la finestra


MESSAGGI. dei messaggi... sul pannello di controllo. MESSAGGI.

Visionare la lista dei Utilizzare la barra di scorrimento per le Visualizza il numero ed il testo del
messaggi. liste molto lunghe. messaggio SIM.

Visionare l'intervento 1. Selezionare il messaggio SIM. Il testo cambia a seconda del messag-
correttivo. 2. Leggere il testo nel riquadro. gio selezionato.

Cancellare un messag- 1. Selezionare il messaggio. Il messaggio viene cancellato dalla


gio. 2. Selezionare il pulsante Cancella. finestra.
L'errore risulta corretto in altri archivi.

Chiudere la finestra Selezionare il pulsante Chiudi. La finestra MESSAGGI viene chiusa.


MESSAGGI.

1-86 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Console relativa al Servizio Clienti per il CELL-DYN Sapphire

Figura 1.46: Console relativa al Servizio Clienti per il CELL-DYN Sapphire

La SERVICE AND SUPPORT CONSOLE (console relativa al


Servizio Clienti) per il CELL-DYN Sapphire viene visualizzata premendo
il tasto di funzione F3 sulla tastiera in qualsiasi momento in cui il software
operativo del sistema sia in funzione.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-87


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Le attività che si possono svolgere tramite la finestra della SERVICE


AND SUPPORT CONSOLE (console relativa al Servizio Clienti) sono
elencate nella seguente tabella. Mentre si eseguono tali attività,
l’analizzatore può funzionare normalmente; tuttavia si consiglia di portarlo
allo stato di Pronto o Attendere: Standby, per eseguire le seguenti
operazioni: estrazione del registro dati su dischetto floppy, estrazione del
registro dati sull’USB Flash Drive (formattati in FAT16 o FAT32) e
memorizzazione dei dati in formato elenco (FCS) su DVD. Tramite questa
console è inoltre possibile accedere all’utilità di monitoraggio del LIS/
middleware e alla configurazione del salvaschermo.
ATTENZIONE: Quando si eseguono le procedure della finestra
della SERVICE AND SUPPORT CONSOLE (console relativa
al Servizio Clienti), selezionare solo le opzioni del menu neces-
sarie per la procedura in questione. Non selezionare altre opzioni,
se non espressamente richiesto da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

NOTA: Se si accede involontariamente a tale console, premendo il tasto


di funzione F2 si ritorna alla console dello schermo principale
CELL-DYN Sapphire. Se durante il funzionamento del sistema compare
una finestra indicante che lo strumento non è operativo o sta per diventare
non operativo, il software della stazione dati del CELL-DYN Sapphire
passerà automaticamente dalla console del Servizio Clienti per il
CELL-DYN Sapphire alla console dello schermo principale. I messaggi
SIM (System Initiated Messages) sono visualizzati in questo tipo di fine-
stra. Fare riferimento al Capitolo 10: Individuazione e soluzione dei
problemi, Sezione: Come reagire ai messaggi SIM.

Tabella 1.19: Riassunto delle selezioni possibili dalla finestra della console relativa al Servizio Clienti

Voci del menu della console


Selezione Funzione
relativa al Servizio Clienti

Database Data Log Extract (estrai archivio Estrae le registrazioni dell’archivio


dati) dati dalla banca dati ad un
dischetto. Fare riferimento al
Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Esportazione di dati
dall'archivio dati.

1-88 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Tabella 1.19: Riassunto delle selezioni possibili dalla finestra della console relativa al Servizio Clienti (continua)

Voci del menu della console


Selezione Funzione
relativa al Servizio Clienti

FCS Purge Files (cancella file) Cancella tutti i file in formato elen-
co (List Mode Data, FCS) dalla
banca dati. Fare riferimento al
Capitolo 10: Individuazione e
soluzione dei problemi,
Sezione: Individuazione e solu-
zione dei problemi relativi ai
dati ottici.

Backup to DVD (backup su DVD) Memorizza su DVD un range di


file FCS numerato in sequenza.
Fare riferimento a Capitolo 10:
Individuazione e soluzione dei
problemi, Sezione: Individua-
zione e soluzione dei problemi
relativi ai dati ottici.

LIS Monitor (controlla) Memorizza, visualizza, stampa e


salva su dischetto i dettagli della
comunicazione tra la stazione dati
del CELL-DYN Sapphire e il com-
puter host del sistema di elabora-
zione dati del laboratorio (LIS) o
del middleware. Fare riferimento
al Capitolo 10: Individuazione e
soluzione dei problemi, Sezio-
ne: Collaudo della comunica-
zione fra la stazione dati e il
sistema di elaborazione dati del
laboratorio.

Screen Saver (salva schermo) Configuration (configurazione) Attiva o disattiva la configurazione


del salvaschermo.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-89


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

Configurazione del salvaschermo


È possibile utilizzare la seguente procedura per attivare, disattivare o
modificare la configurazione del salvaschermo del computer della
stazione dati del CELL-DYN Sapphire. Il salvaschermo è configurato in
sede di produzione in modo da attivarsi dopo 600 minuti o 10 ore di inat-
tività.
✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori la configurazione
preimpostata prevede l'attivazione a 120 minuti o 2 ore di inattività.

ATTENZIONE: Quando si eseguono le procedure della finestra


della SERVICE AND SUPPORT CONSOLE (console relativa
al Servizio Clienti), selezionare solo le opzioni del menu neces-
sarie per la procedura in questione. Non selezionare altre opzioni,
se non espressamente richiesto da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

Tabella 1.20: Procedura per attivare, disattivare o modificare la configurazione del salvaschermo

Operazione Fasi Risultato/Commento

Accedere alla Premere il tasto di fun- Se non si desidera accedere alla console, premere il
console del servizio zione F3. tasto di funzione F2 per tornare alla console dello
Clienti del schermo principale del CELL-DYN Sapphire.
CELL-DYN
Sapphire

Accedere alla 1. Nella finestra


finestra SCREEN SERVICE AND
SAVER CONFIGU- SUPPORT
RATION (configu- CONSOLE (console
razione del relativa al Servizio
salvaschermo). Clienti) selezionare il
menu SCREEN ✪ NOTA: Per le versioni software v3 e superiori:
SAVER (salvascher-
• l’opzione di anteprima del salvaschermo non è
mo) e quindi Configu-
abilitata
ration (configura).
• se la casella “Blocco” (Lock) è selezionata l’operatore
NOTA: Per tornare alla può premere ENTER per tornare all’applicazione.
finestra SAPPHIRE
NOTA: I terminali di controllo del sistema denominati
ADMIN UTILITIES, sele-
“Monitor DSOS”, “AOS” e “Console” possono essere uti-
zionare il pulsante
lizzati esclusivamente da personale Abbott. Qualora si
Cancel (annulla).
acceda accidentalmente a tali schermi, non digitare nulla
e premere F1, F2 o F3 per tornare allo schermo deside-
rato.

1-90 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Software del sistema

Tabella 1.20: Procedura per attivare, disattivare o modificare la configurazione del salvaschermo (continua)

Operazione Fasi Risultato/Commento

(continua) 2. Selezionare l’opzione


desiderata, quindi OK
o CLOSE (chiudi) (a
seconda della
versione software) per
tornare alla finestra
SERVICE AND
SUPPORT
CONSOLE (console
relativa al Servizio
Clienti).

Accedere alla con- Premere il tasto di fun- Premendo tale tasto si passa dalla console relativa al
sole dello schermo zione F2. Servizio Clienti Abbott a quella dello schermo principale
principale del del CELL-DYN Sapphire.
CELL-DYN
Sapphire.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-91


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Software del sistema Capitolo 1

ANNOTAZIONI

1-92 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Reagenti CELL-DYN Sapphire

ATTENZIONE: I reagenti CELL-DYN Sapphire sono stati


formulati specificatamente per ottenere una prestazione ottimale
con il sistema CELL-DYN Sapphire. Non è raccomandato l'uso di
reagenti diversi da quelli specificati in questo manuale, perché
potrebbe influenzare negativamente le prestazioni del sistema.
Ogni sistema CELL-DYN Sapphire è testato in fabbrica utiliz-
zando i reagenti specifici e tutte le caratteristiche di prestazione
vengono generate utilizzando tali reagenti.

Nel sistema CELL-DYN Sapphire vengono impiegati i seguenti reagenti:


• Reagente diluente/sheath
• Reagente per l'emoglobina
• Reagente WBC — Parti A e B
• Reagente per i reticolociti

1 Reagente diluente/ 2
sheath 1
2 Reagenti emoglobina
3 Reagente WBC - DILUENT/SHEATH

Parte A
HGB REAGENT

4 Reagente WBC -
Parte B
5 Reagente per i retico-
lociti
3

5 4

Figura 1.47: Reagenti CELL-DYN Sapphire

Per i numeri di listino dei reagenti fare riferimento all'Appendice A:


Pezzi di ricambio e accessori, Tabella 6.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-93


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Reagenti CELL-DYN Sapphire Capitolo 1

Reagente diluente/sheath
Il reagente diluente/sheath svolge le seguenti funzioni:
• Funge da diluente principale per le misurazioni di RBC/PLT e
RETC.
• Prepara ciascuna cellula per il conteggio e la misurazione delle
dimensioni durante le misurazioni di RBC, PLT e RETC.
• Fornisce un'azione umidificante sufficiente ad evitare l'accumulo di
bolle d'aria nel sistema di flusso.
• Funge da reagente sheath nella celletta di flusso ottica e nel trasdut-
tore ad impedenza.
• Avvina le siringhe del sistema ad impedenza e del sistema ottico ed
i percorsi del liquido.
• Risciacqua i tubi e i componenti del pannello fluidico al termine di
ciascun ciclo.
• Risciacqua la coppetta di diluizione RETC, la sonda per l'aspira-
zione e l'ago di perforazione.

Reagente per l'emoglobina


Il reagente per l'emoglobina, privo di cianuro, svolge le seguenti funzioni:
• Agisce da agente di lisi nella diluizione HGB, distruggendo intera-
mente le membrane dei globuli rossi.
• Converte l'emoglobina in un cromogeno singolo con un picco di
assorbimento di 544 nm.
• Riduce le interferenze provocate dai leucociti, distruggendoli
insieme ai loro nuclei.
• Funge da bianco del reagente per la misurazione dell'emoglobina.
• Avvina la siringa e il tubo del reagente per l'emoglobina.
• Risciacqua il sistema per l'emoglobina.

1-94 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Capitolo 1 Reagenti CELL-DYN Sapphire

Reagente WBC — Parti A e B


Le parti A e B del reagente WBC sono mantenute separate per aumentarne
la stabilità a lungo termine. Durante l'analisi dei campioni, la parte A e la
parte B vengono miscelate automaticamente. Per la misurazione WBC
sono necessarie entrambe le parti. Una volta che le due parti sono state
combinate, il reagente esercita le seguenti funzioni:
• Funge da diluente per la diluizione WBC.
• Mantiene l'integrità e la morfologia dei leucociti durante la misura-
zione.
• Esegue la lisi degli eritrociti rendendoli invisibili al sistema ottico
dell'analizzatore.
• Colora rapidamente il DNA dei nuclei esposti di qualsiasi eritrocita
nucleato o leucocita fragile o danneggiato presente nella diluizione
del campione.
• Avvina il tubo e la siringa del reagente per i leucociti.

Reagente per i reticolociti


Il reagente per i reticolociti ricopre le seguenti importanti funzioni:
• Colora rapidamente gli acidi nucleici delle cellule presenti nella
diluizione per la misurazione dei reticolociti.
• Avvina il tubo e la siringa del reagente per i reticolociti.
Per i requisiti di conservazione ed uso del reagente per i reticolociti fare
riferimento al Capitolo 7: Precauzioni e limiti d'uso, Sezione: Requisiti
per il trattamento dei materiali monouso.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-95


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Uso e funzioni
Reagenti CELL-DYN Sapphire Capitolo 1

ANNOTAZIONI

1-96 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 1 Uso e funzioni

Controlli, calibratore e particelle di riferimento standard

I controlli, il calibratore e le particelle di riferimento standard (SRP) costi-


tuiscono il materiale di riferimento utilizzato per collaudare, configurare
e monitorare il sistema CELL-DYN Sapphire.

Controlli
La verifica quotidiana della calibrazione del sistema viene eseguita impie-
gando i controlli CELL-DYN. La frequenza dell’analisi dei controlli di
qualità deve essere determinata dai singoli laboratori e può essere speci-
ficata dalla relative agenzie di controllo. Il controllo CELL-DYN 29 Plus
Control (with Retic) viene utilizzato per monitorare i seguenti parametri:
CBC, formula leucocitaria e reticolociti. Il Capitolo 11: Controllo di
qualità fornisce una descrizione dettagliata del controllo di qualità.
Fare riferimento all’Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori,
Tabella 5 per informazioni sui numeri di listino dei controlli e dei calibra-
tori.

Calibratore
La calibrazione dei parametri che vengono misurati direttamente può
venire eseguita utilizzando il calibratore sangue intero CELL-DYN
HemCal Plus. La calibrazione viene descritta dettagliatamente nel
Capitolo 6: Procedure di calibrazione.
Per i numeri di listino dei controlli e del calibratore fare riferimento
all'Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori, Tabella 5.

Particelle di riferimento standard


Le particelle di riferimento standard (SRP) sono materiali standardizzati
destinati ad essere utilizzati dai rappresentanti del Servizio Clienti Abbott
per la verifica e/o la determinazione del guadagno elettronico e dell'alli-
neamento ottico. Tali materiali di riferimento non sono destinati ad essere
utilizzati dall'operatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 1-97


G3-1916/R06—Gennaio 2014
Uso e funzioni
Controlli, calibratore e particelle di riferimento standard Capitolo 1

ANNOTAZIONI

1-98 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 2 Procedure di installazione e requisiti speciali

Capitolo 2 Procedure di installazione e requisiti speciali

Descrizione generale

Questo capitolo riporta le informazioni riguardanti l'installazione e la


personalizzazione del sistema CELL-DYN Sapphire. La parte iniziale del
capitolo descrive i requisiti e le procedure per l'installazione del sistema:
• Requisiti di collocazione.
• Direttive per il disimballaggio e l'ispezione, il collegamento, l'avvio
e il trasferimento.
NOTA: Il sistema CELL-DYN Sapphire deve essere installato da
un rappresentante autorizzato Abbott. L'installazione del sistema
CELL-DYN Sapphire da parte di persona non autorizzata o non
addestrata può causare danni allo strumento. Non cercare di instal-
lare il sistema in assenza di un rappresentante Abbott, altrimenti la
garanzia decade.
Il resto del capitolo riporta le procedure di personalizzazione di varie
funzioni. Le opzioni di personalizzazione permettono di:
• Predisporre le condizioni operative (ad esempio la configurazione
del computer e le unità che vengono visualizzate e stampate).
• Configurare le visualizzazioni e i file dei dati.
• Procedura per aggiornare o installare il Manuale d'Impiego online
(PDF).
NOTA: La configurazione di base per i file di controllo di qualità viene
descritta nel Capitolo 11: Controllo di qualità.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-1


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Descrizione generale Capitolo 2

ANNOTAZIONI

2-2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 2 Procedure di installazione e requisiti speciali

Installazione

Questa sezione riporta i requisiti e le procedure per l'installazione,


comprendenti:
• Requisiti di collocazione.
• Procedure per il disimballaggio e l'ispezione.
• Procedure per il collegamento e l'avvio del sistema.
• Direttive per il trasferimento ed il trasporto del sistema.

Requisiti di collocazione
I requisiti di collocazione per l'installazione si dividono in:
• Requisiti di spazio.
• Requisiti elettrici.
• Requisiti per lo smaltimento dei rifiuti.
Per informazioni dettagliate sui requisiti di collocazione fisici, di alimen-
tazione e ambientali, fare riferimento al Capitolo 4: Caratteristiche e
specifiche di prestazione del sistema.
Per informazioni sui limiti d'uso e requisiti generali operativi del sistema,
fare riferimento al Capitolo 7: Precauzioni e limiti d'uso.

Requisiti di spazio
Per garantire un facile accesso in caso di interventi di manutenzione e una
ventilazione adeguata, lasciare intorno al sistema CELL-DYN Sapphire
gli spazi liberi specificati nel Capitolo 4: Caratteristiche e specifiche di
prestazione del sistema, Tabella 4.4.
ATTENZIONE: Non posizionare il CELL-DYN Sapphire in
modo da ostacolare l'accesso all'interruttore principale.

Requisiti elettrici
I requisiti elettrici sono i seguenti:
• Una sorgente di energia costante che non presenti fluttuazioni. Si
raccomanda di non utilizzare una linea AC con interruttori variabili
che possono provocare fluttuazioni della corrente elettrica e
compromettere il corretto funzionamento del sistema.
• Un circuito riservato all'analizzatore.
• Quattro prese con la stessa messa a terra. Messe a terra separate
possono provocare differenze di voltaggio che a loro volta possono
creare interferenze interne nel sistema.
NOTA: Per le specifiche elettriche complete consultare il Capitolo 4:
Caratteristiche e specifiche di prestazione del sistema.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-3


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Installazione Capitolo 2

Requisiti per lo smaltimento dei rifiuti


AVVERTENZA: Potenziale rischio biologico. Per lo smalti-
mento dei rifiuti osservare tutte le precauzioni di biosicurezza e
quelle riguardanti il rischio chimico. Per una descrizione detta-
gliata dei pericoli collegati al sistema CELL-DYN Sapphire, fare
riferimento al Capitolo 8: Rischi e pericoli.

Osservare i seguenti requisiti per la raccolta e l'eliminazione dei rifiuti:


• L’eliminazione dei rifiuti in conformità con le norme locali, nazio-
nali ed internazionali è responsabilità dell’utente.
• Se si utilizza un serbatoio, etichettarlo come contenente rifiuti a
rischio biologico.
• Se si utilizza un serbatoio, verificare che la spina del sensore del
liquido di scarico (attaccata ai fili dell'elettrodo che si trova nel
tappo del serbatoio del liquido di scarico) sia correttamente inserita
nel connettore denominato "Waste Sensor" e situato sul retro
dell'analizzatore.
• Se si utilizza uno scarico, quest’ultimo deve essere adatto per rifiuti
a potenziale rischio biologico o chimico.
AVVERTENZA: Il liquido di scarico si trova sotto pressione.
Accertarsi che il tubo di uscita del liquido di scarico sia ben inse-
rito nel foro dello scarico. Per prevenire qualsiasi rischio in caso di
traboccamento del liquido di scarico, assicurarsi che tutti i compo-
nenti del sistema siano posti alla dovuta distanza.

• Se si utilizza uno scarico, inserire nel connettore del sensore del


liquido di scarico la spina fittizia fornita nel kit degli accessori. In
caso contrario il sistema produrrà un messaggio SIM errato, indi-
cante che il serbatoio del liquido di scarico è pieno, ed il sistema si
arresterà.

2-4 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Installazione

Procedure per il disimballaggio e l'ispezione


Sarà un rappresentante del Servizio Clienti Abbott a scartare ed ispezio-
nare il sistema CELL-DYN Sapphire nonché a collocarlo nella posizione
designata nel laboratorio.
Per l'installazione sono richiesti i seguenti reagenti:
• Reagente diluente/sheath.
• Reagente WBC — Parti A e B.
• Reagente per l'emoglobina.
• Reagente per i reticolociti.
Per l'installazione sono necessari inoltre i seguenti controlli e calibratori:
• CELL-DYN 29 Plus Control (with Retic).
• CELL-DYN HemCal Plus Calibrator.
Tutti questi materiali devono essere ispezionati al momento dell'arrivo e
riposti in frigorifero, se così indicato. Fare riferimento alla documenta-
zione specifica associata (ad es. foglietti illustrativi ed etichette) fornita
con tali materiali. Se manca un reagente, un calibratore o un controllo
oppure se uno di essi è danneggiato o perde, contattare il Servizio Clienti
Abbott.

Procedure per il collegamento e l'avvio del sistema


Sarà un rappresentante Abbott ad effettuare l'intera configurazione del
sistema, comprese l'installazione dell'analizzatore, della stazione dati, del
Manuale d'Impiego online (PDF), della stampante e dei reagenti, e ad
accertarsi che il sistema sia operante nell'ambito delle specifiche fornite
dal produttore. Un rappresentante Abbott assisterà il cliente durante la
personalizzazione del sistema.
Se il sistema CELL-DYN Sapphire viene spostato, oppure se l'alimenta-
zione elettrica, i cavi o i tubi vengono staccati per qualsiasi ragione, veri-
ficare che l'analizzatore, la stazione dati, la stampante e tutti i tubi ed i cavi
vengano poi ricollegati correttamente. Per quanto riguarda le illustrazioni
dei connettori e la posizione dei cavi di ciascun modulo consultare il
Capitolo 1: Uso e funzioni, Figura 1.34.

Direttive per il trasferimento ed il trasporto del sistema


Se il sistema CELL-DYN Sapphire deve essere spostato o spedito, contat-
tare il Servizio Clienti per le necessarie istruzioni di imballaggio. Lo stru-
mento deve essere decontaminato prima di essere spostato o spedito e
prima degli interventi di assistenza. Per quanto riguarda le procedure per
decontaminare il sistema e prepararlo alla spedizione fare riferimento al
Capitolo 9: Assistenza e manutenzione, Sezione: Procedure speciali.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-5


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Installazione Capitolo 2

ANNOTAZIONI

2-6 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 2 Procedure di installazione e requisiti speciali

Personalizzazione del sistema

Il sistema CELL-DYN Sapphire consente un alto livello di flessibilità


nella personalizzazione. Questa sezione si occupa delle varie condizioni
operative e funzioni che possono venir personalizzate, fornendo le proce-
dure necessarie. Una volta terminata la personalizzazione, non dovrebbe
essere necessario modificare spesso le impostazioni.
La maggior parte delle procedure di personalizzazione viene eseguita
tramite:
• La finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin
Sapphire).
• La finestra SERVICE AND SUPPORT CONSOLE (console
relativa al Servizio Clienti).
• Il pulsante Configurazione> ed il menu Configurazione.
Il presente capitolo descrive le procedure per aggiornare il software appli-
cativo, installare le revisioni al Manuale d'Impiego online (PDF), creare
un backup e recuperare i dati di configurazione e personalizzazione del
sistema e del database.
Le informazioni sulla personalizzazione e configurazione dei file QC
sono fornite nel Capitolo 11: Controllo di qualità.

Sapphire Admin Utilities


La seguente tabella riassume le attività di personalizzazione a cui si può
accedere tramite la finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità
admin Sapphire).
ATTENZIONE: Quando si seguono le procedure nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire), sele-
zionare solo le opzioni del menu richieste dalla procedura. Non
selezionare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non
venga indicato espressamente da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

Figura 2.1: Finestra Sapphire Admin Utilities (utilità admin Sapphire)

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-7


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.1: Riassunto delle selezioni possibili dalla finestra Sapphire Admin Utilities (utilità admin Sapphire)

Finestra Sapphire Admin Selezione Funzione


Utilities

Upgrade (Aggiornamento) Upgrade Application from DVD Installare o aggiornare il software


(Aggiornamento da DVD). applicativo CELL-DYN Sapphire.

Install Operator's Manual from Installare o aggiornare il Manuale


DVD (Installare il Manuale d'Impiego online del CELL-DYN
d'Impiego da DVD). Sapphire (PDF).

Config (configurazione) Set Time Zone (imposta fuso Selezionare le opzioni relative al
orario) (per versioni software R2-5/ fuso orario.
R2-5B e inferiori)
Set Clock/Date/Time Zone
(imposta ora/data/fuso orario) (per
versioni software v3 e superiori)

Set Clock (imposta ora) (per Inserire data e ora.


versioni software R2-5/R2-5B e
inferiori)
Set Clock/Date/Time Zone
(imposta ora/data/fuso orario) (per
versioni software v3 e superiori)

Set Date Format (imposta formato Selezionare il formato della data ✪


data) (ordine di mese, giorno, anno)

Set Printer Devices (imposta i Configurare, verificare o modificare ✪


driver delle stampanti) (per versioni i driver delle stampanti.
software R2-5/R2-5B e inferiori)
Set Printer (imposta stampante)
(per versioni software v3 e
superiori)

Back up to Floppy (backup su Copiare le informazioni di configu-


dischetto) razione dal disco fisso ad un
dischetto.

Restore from Floppy (ripristino dal Ripristinare le informazioni di confi-


dischetto). gurazione da un dischetto al disco
fisso.

Back up to USB Flash Drive (back Copiare le informazioni di configu-


up su USB Flash Drive) razione dal disco fisso all’USB
Flash Drive (formattato in FAT16 o
FAT32).

2-8 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.1: Riassunto delle selezioni possibili dalla finestra Sapphire Admin Utilities (utilità admin Sapphire)
(continua)

Finestra Sapphire Admin Selezione Funzione


Utilities

Restore from USB Flash Drive Ripristinare le informazioni di confi-


(ripristino da USB Flash Drive) gurazione dall’USB Flash Drive
(formattato in FAT16 o FAT32) al
disco fisso.

Database Backup DVD (backup da DVD). Backup delle registrazioni del


campione memorizzate nel
database.

Restore from DVD (recupero dei Recuperare il database da un DVD


dati da DVD). di backup.

Diag (diagnostica) Crash Reports (rapporti di crash). Memorizza su un dischetto i


rapporti ed i file di archivio di crash.
Capitolo 10: Individuazione e
soluzione dei problemi, Sezione:
Ottenimento di rapporti di crash.

Exit (esci) Exit Utility (esci dall'utilità). Viene chiusa la finestra


SAPPHIRE ADMIN UTILITIES e si
accede alla console dello schermo
principale del CELL-DYN
Sapphire.

Durante le operazioni di personalizzazione tramite la finestra


SAPPHIRE ADMIN UTILITIES, la comunicazione tra l'analizzatore e
la stazione dati viene interrotta, pertanto è impossibile avviare l'analizza-
tore fino a quando la comunicazione viene ristabilita.

Installazione del Manuale d'Impiego da DVD


La seguente procedura può essere utilizzata per installare o aggiornare il
Manuale d'Impiego online del Sistema CELL-DYN Sapphire (PDF) da un
DVD.
ATTENZIONE: Quando si seguono le procedure nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire), sele-
zionare solo le opzioni del menu richieste dalla procedura. Non
selezionare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non
venga indicato espressamente da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-9


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura:


• Leggere tutta la documentazione fornita con il Manuale d'Impiego
online (PDF) e seguire le direttive per la procedura e le istruzioni
che possono esservi elencate.
AVVERTENZA: Se la versione attuale del software non è elen-
cata nella documentazione fornita, non procedere con l'installa-
zione dell'aggiornamento. Per ulteriore assistenza contattare il
Servizio Clienti Abbott.

• Se compare un messaggio che segnala che la procedura non ha


avuto successo, tentare nuovamente. Se viene visualizzato nuova-
mente lo stesso messaggio, contattare il Servizio Clienti Abbott.
• Dopo aver installato l'aggiornamento, non è possibile tornare ad una
versione precedente del Manuale d'Impiego online (PDF), se non su
indicazione di un rappresentante autorizzato Abbott.

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD

Operazione Fasi Risultato/commento

Preparazione 1. Procurarsi la nuova revi- NOTA: Se si verifica un errore di applicazione durante


all'installa- sione del Manuale l’operazione, riavviare la stazione dati.
zione del d'Impiego online (PDF).
Manuale 2. Leggere la documentazione
d'Impiego dal allegata al DVD e seguire
DVD qualsiasi fase di prepara-
zione qui non indicata.
3. Verificare che la revisione
del nuovo Manuale
d'Impiego online (PDF) sia
compatibile con la versione
del software CELL-DYN
Sapphire visualizzata
nell'area delle applicazioni
del pannello di controllo
della console dello schermo
principale del CELL-DYN
Sapphire.
4. Accertarsi che l'analizzatore
sia nello stato Pronto o
Attendere: Standby come
riportato nell'area del
pannello di Stato.

2-10 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla 1. Selezionare il pulsante Viene chiusa la console dello schermo principale del
finestra Analizzatore> sul pannello CELL-DYN Sapphire e si accede alla finestra SAPPHIRE
SAPPHIRE di controllo. ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire).
ADMIN 2. Selezionare Preparaz. allo
UTILITIES spegnim. stazione dati...
(utilità admin dal menu.
Sapphire).
3. Dopo l'apparizione della
finestra PREPARAZIONE
ALLO SPEGNIMENTO
DELLA STAZIONE DATI e
della domanda [Sei
sicuro?], selezionare Sì
per chiudere il software.
4. Attendere che appaia la
finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
5. Quando appare la finestra
RESTART/SHUTDOWN
selezionare prima il
pulsante Restart Data
Station (riavvia stazione
dati) e poi OK.
6. Attendere che appaia la
finestra di LOGIN.
7. Digitare admin accanto al ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
prompt <Login:> e premere il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
il tasto Enter. Digitare operatore:> ma la procedura di login rimane
syssetup accanto al invariata.
prompt <Password:> e
premere il tasto Enter.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-11


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Avviare 1. Quando appare la finestra


l'aggiorna- SAPPHIRE ADMIN
mento o UTILITIES, selezionare il
l'installazione menu Upgrade (aggiorna) e
del Manuale quindi Install Operator’s
d'Impiego Manual from DVD (installa il
online (PDF). manuale operativo da
DVD).
2. Inserire il DVD contenente il
Manuale d'Impiego online
nel relativo drive e premere
il tasto Enter.

2-12 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Verificare la 1. Verificare che la versione Esempio:


versione del del Manuale d'Impiego
Manuale online (PDF) sia corretta e
d'Impiego che sia compatibile con il
online (PDF) software dell'analizzatore
e avviare la attualmente in uso.
procedura di 2. Quando compare il
installazione. messaggio [Do you want to
install this version of the
Online Operator’s
Manual? (Y/N)?] (desidera
installare questa versione
del Manuale d'Impiego
online? Y/N?) selezionare il
tasto Y sulla tastiera per
avviare la procedura di
aggiornamento.
NOTA: Per annullare l’opera-
zione, premere il tasto N sulla
tastiera, quindi premere il tasto Esempio del comando completato con successo:
Enter per tornare alla finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES.
3. Quando compare il
messaggio [***Command
completed successfully
Press [Enter] to close this
window…] (***comando
completato con successo.
Premere Enter per chiudere
la finestra), chiudere la fine-
stra premendo il tasto Enter.
4. Estrarre il DVD dal relativo
drive per effettuare le veri-
fiche e chiuderlo.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-13


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Ritornare alla 1. Nella finestra SAPPHIRE


console dello ADMIN UTILITIES selezio-
schermo prin- nare il menu Exit e quindi
cipale del Exit Utility.
CELL-DYN 2. Attendere che appaia la
Sapphire. finestra di LOGIN.
3. Digitare cd accanto al Viene chiusa la finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
prompt <Login:>. (utilità admin Sapphire) e si accede alla console dello
4. Premere due volte il tasto schermo principale del CELL-DYN Sapphire.
Enter per le versioni software ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
R2-5/R2-5B e inferiori. Per il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
le versioni software v3 e operatore:> ma la procedura di login rimane
superiori, premere una volta invariata.
il tasto Enter.
NOTA: Se appare il messaggio
<Offline> nell'area del pannello
di Stato, rimanendovi per più di
un minuto, ciò significa che non
si è stabilita comunicazione fra
la stazione dati e l'analizzatore.
Per stabilire una comunica-
zione, riavviare la stazione dati
e l'analizzatore come descritto
nel Capitolo 5: Istruzioni
operative, Sezione: Spegni-
mento e accensione della
stazione dati e dell'analizza-
tore.

2-14 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.2: Procedura per installare il Manuale d'Impiego online (PDF) da DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Verificare la 1. Premere il tasto di funzione Esempio di collocazione del Document Control Number
revisione del F1, andare alla pagina Revi- elencati nella pagina Revision Status della console del
Manuale sion Status (stato della revi- Manuale d'Impiego online (PDF):
d'Impiego sione) della console della
online (PDF). visualizzazione del Manuale
d'Impiego online (PDF) e
verificare che i Document
1
Control Numbers (numeri di
controllo del documento)
corrispondano con i numeri
riportati sulla documenta-
zione allegata al DVD.
2. Eliminare i DVD delle
versioni precedenti del
Manuale d'Impiego online
(PDF) e conservare la
versione attuale in un luogo
sicuro.

NOTA: I terminali di controllo del sistema denominati


"Monitor DSOS", "AOS" e "Console" possono essere
utilizzati esclusivamente da personale Abbott. Qualora si
acceda accidentalmente a tali schermi, non digitare nulla
e premere F1, F2 o F3 per tornare allo schermo
desiderato.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-15


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Impostazione del fuso orario (Set Time Zone) e dell'orologio (Set Clock)
Utilizzare la seguente procedura per impostare il fuso orario e l'orologio.
AVVERTENZA: La modifica del fuso orario potrebbe compor-
tare il cambiamento della data e dell’ora (visualizzate sullo
schermo o stampate nei rapporti o nella trasmissione LIS) per i
campioni analizzati in precedenza e memorizzati nell’archivio
dati.

Tabella 2.3: Procedura per impostare il fuso orario e l'orologio

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla fine- 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello stato Viene chiusa la console dello
stra SAPPHIRE Pronto o Attendere: Standby come riportato schermo principale del
ADMIN UTILITIES nell'area del pannello di Stato. CELL-DYN Sapphire e si
(utilità admin 2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul accede alla finestra
Sapphire). pannello di controllo. SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES (utilità admin
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim. stazione
Sapphire).
dati... dal menu.
4. Dopo l'apparizione della finestra PREPARA-
ZIONE ALLO SPEGNIMENTO DELLA
STAZIONE DATI e della domanda [Sei sicuro?],
selezionare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il pulsante
Restart Data Station (riavvia stazione dati) e poi
OK. NOTA: Nelle versioni software
7. Attendere che appaia la finestra di LOGIN. v3 e superiori compare il
prompt <Utente> invece del
8. Digitare admin accanto al prompt <Login:> e
prompt <Identif. operatore:>
premere il tasto Enter. Digitare syssetup accanto
ma la procedura di login
al prompt <Password:> e premere il tasto Enter.
rimane invariata.

2-16 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.3: Procedura per impostare il fuso orario e l'orologio (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Impostare, verifi- 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN


care o modificare il UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set
fuso orario. Time Zone (imposta fuso orario).
NOTA: Per le versioni software v3 e superiori
selezionare Set Clock/Date/TIME Zone (imposta
ora/data/fuso orario).
2. Far scorrere le opzioni disponibili nella finestra
SET TIME ZONE (imposta fuso orario) finché si
trova il fuso orario corretto per la propria posi-
zione geografica.
NOTA: Per le versioni software v3 e superiori
selezionare la finestra TIME ZONE (fuso orario) per
visualizzare le opzioni possibili.
3. Selezionare il pulsante OK per ritornare alla fine-
stra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin
Sapphire).

Configurare, verifi- Per le versioni software R2-5/R2-5B e inferiori:


care o modificare 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN
l'orologio. UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set
Clock (imposta orologio).
2. Quando compare il messaggio [The system will
be restarted if the clock is updated. Proceed?]
(Se si reimposta l'orologio, il sistema verrà riav-
viato. Proseguire?), selezionare il pulsante OK.
3. Se la data e l'ora sono corrette, selezionare il
pulsante Annulla per ritornare alla finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES, selezionare il
menu Exit e quindi Exit Utility e passare
all'operazione successiva. Accedere alla console
dello schermo principale del CELL-DYN
Sapphire. In caso contrario, passare alla fase
seguente.
4. Introdurre la data nel formato AAAA/MM/GG e
l'ora nel formato hh:mm:ss.
5. Selezionare il pulsante OK.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-17


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.3: Procedura per impostare il fuso orario e l'orologio (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Per le versioni software v3 e superiori:


1. Quando appare la finestra SAPPHIRE
ADMIN UTILITIES, selezionare il menu
Config e poi Set Clock/Date/Time Zone
(imposta ora/data/fuso orario).
2. Selezionare la finestra Date & Time (data e
ora). Se la data e l'ora sono corrette,
selezionare il pulsante Annulla e continuare
con il passo n. 4. In caso contrario, continuare
con il passo successivo.
3. Modificare la data e l'ora secondo necessità e
selezionare il tasto OK.
4. Nella finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
selezionare il menu Exit, quindi Exit Utility e
passare all'operazione successiva. Accedere
alla console dello schermo principale del
CELL-DYN Sapphire.

Accedere alla 1. Attendere che appaia la finestra di LOGIN. Viene chiusa la finestra
console dello 2. Digitare cd accanto al prompt <Login:>. SAPPHIRE ADMIN
schermo principale UTILITIES e si accede alla
3. Premere due volte il tasto Enter per le versioni
del CELL-DYN console dello schermo princi-
software R2-5/R2-5B e inferiori. Per le versioni
Sapphire. pale del CELL-DYN Sapphire.
software v3 e superiori premere una volta il tasto
Enter. NOTA: Nelle versioni software
v3 e superiori compare il
NOTA: Se appare il messaggio Offline nell'area del
prompt <Utente> invece del
pannello di Stato, rimanendovi per più di un minuto,
prompt <Identif. operatore:>
ciò significa che non si è stabilita comunicazione fra
ma la procedura di login
la stazione dati e l'analizzatore. Per stabilire una
rimane invariata.
comunicazione, riavviare la stazione dati e l'analizza-
tore come descritto nel Capitolo 5: Istruzioni
operative, Sezione: Spegnimento e accensione
della stazione dati e dell'analizzatore.

2-18 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Configurazione di rete
Configurazione della rete per il collegamento Ethernet al LIS (interfaccia
Ethernet), al middleware o a AbbottLink.

Tabella 2.4: Procedura per la configurazione della rete

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla fine- 1. Accertarsi che l’analizzatore sia nello stato Viene chiusa la console dello
stra SAPPHIRE Pronto o Attendere: schermo principale del
ADMIN UTILITIES Standby come riportato nell’area del pannello di CELL-DYN Sapphire e si
(utilità admin Stato. accede alla finestra
Sapphire). SAPPHIRE ADMIN UTILI-
2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul
TIES (utilità admin Sapphire).
pannello di controllo.
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim. stazione
dati... dal menu.
4. Dopo l’apparizione della finestra PREPARA-
ZIONE ALLO SPEGNIMENTO DELLA
STAZIONE DATI e della domanda [Sei sicuro?],
selezionare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il pulsante radio
Restart Data Station (riavvia stazione dati) e poi
OK.
7. Attendere che appaia la finestra di LOGIN. ✪ NOTA: Nelle versioni
8. Digitare admin accanto al prompt <Login:> e software v3 e superiori
premere il tasto Enter. Digitare syssetup compare il prompt
accanto al prompt <Password:> e premere il <Utente> invece del
tasto Enter. prompt <Identif.
operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-19


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.4: Procedura per la configurazione della rete (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Configurazione 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN Viene attivato il collegamento ✪


della rete per UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set Ethernet per il LIS, il
Ethernet Network Configuration (configurazione rete). middleware o l’AbbottLink.
2. Selezionare eth0 e cliccare sul pulsante Attiva in NOTA: NON MODIFICARE lo
alto. stato eth1. Si tratta del colle-
gamento tra la stazione dati e
3. Cliccare due volte su eth0 e selezionare la l’analizzatore.
casella Activate device when computer starts.
(attiva dispositivo all’avvio del computer). Gli schermi visualizzati
servono unicamente come
NOTA: Consultare l’amministratore di rete per defi- riferimento.
nire l’indirizzo IP appropriato (DHCP o Static IP).
4. Cliccare su Automatically obtain IP address
settings with: (dhcp) (ottieni automaticamente
le impostazioni dell’indirizzo IP con: (dhcp))
oppure Statically set IP addresses (imposta gli
indirizzi IP staticamente) e inserire l’indirizzo IP
appropriato.
5. Cliccare su OK.
6. Selezionare File, Save (salva) e Quit (Esci).

2-20 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.4: Procedura per la configurazione della rete (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Per disattivare il 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN Viene disattivato il collega-
collegamento UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set mento Ethernet per il LIS, il
Ethernet Network Configuration (configurazione rete). middleware o l’AbbottLink.
2. Cliccare due volte su eth0 e deselezionare la NOTA: NON MODIFICARE lo ✪
casella Activate device when computer starts stato eth1. Si tratta del colle-
(attiva dispositivo all’avvio del computer). gamento tra la stazione dati e
3. Cliccare su OK. l’analizzatore.
4. Selezionare eth0 e cliccare sul pulsante Deacti- Gli schermi visualizzati
vate (disattiva) in alto. servono unicamente come
riferimento.
5. Cliccare su OK.
6. Selezionare File, Save (salva) e Quit (Esci).

Configurazione dell’host
Configurazione dell’host per il collegamento seriale (al LIS), Ethernet (al
LIS) o Ethernet (al middleware). In questo schermo è possibile inserire
l’indirizzo IP ed eseguire il Ping Test per la verifica della connessione. La
procedura di configurazione della rete deve essere completata in modo da
avere il collegamento Ethernet (al LIS) o Ethernet (al middleware). In
questo schermo l’operatore può inoltre selezionare la trasmissione di
istogrammi, scattergrammi, inclusione di errori dati nei risultati,
inclusione di informazioni dai fogli di lavoro del laboratorio nei risultati,
trasmissione dei risultati dalla selezione dei test Open Flow.
NOTA: Le informazioni contenute nel foglio di lavoro del laboratorio ✪
offrono all'operatore l'opportunità di includere nei risultati i parametri
eritrocitari estesi.† I parametri eritrocitari estesi† vengono definiti nella
tabella sottostante.

† Il significato clinico di questi parametri non è stato stabilito. Pertanto in USA non sono riportabili e vengono forniti per il
solo uso in laboratorio.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-21


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

NOTA: Per consentire la trasmissione nei risultati dei parametri eritro-


citari estesi,† è necessario abilitare le voci di compatibilità con l’host
relative all’inclusione di errori dati nei risultati (“Include Data Faults in
the Results”) e di informazioni dai fogli di lavoro del laboratorio
(“Include Laboratory Worksheet Information”).
Tabella 2.5: Parametri eritrocitari estesi

Abbreviazione Nome completo

%MIC† Eritrociti microcitici

%MAC† Eritrociti macrocitici

%HPO† Eritrociti ipocromici

%HPR† Eritrociti ipercromici

HDW† Indice di distribuzione della concentrazione emoglobinica

MCHr† Contenuto emoglobinico corpuscolare medio nella popolazione di reticolociti

MCVr† Volume cellulare medio nella popolazione di reticolociti

CHCr† Concentrazione media di emoglobina delle cellule nella popolazione di reticolociti

%rP† Percentuale di piastrine reticolate rispetto alla popolazione piastrinica totale

NOTA:
– Nel caso in cui si verifichi una delle situazioni seguenti:
– MCVr < MCV oppure
– %HPR > 30% oppure
– valori retic bassi oppure
– % HPO > 80% e MCHC < 31 g/dl,
i campi di visualizzazione dei risultati HDW, %HPO, %HPR,
MCHr, MCVr e CHCr saranno vuoti.
– Se i valori piastrinici sono bassi, il campo %rP sarà vuoto.

† Il significato clinico di questi parametri non è stato stabilito. Pertanto in USA non sono riportabili e vengono forniti per il
solo uso in laboratorio.

2-22 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.6: Procedura per la configurazione dell’host e la trasmissione di rappresentazioni grafiche e le


informazioni indicate in precedenza

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla fine- 1. Accertarsi che l’analizzatore sia nello stato Viene chiusa la console dello
stra SAPPHIRE Pronto o Attendere: Standby come riportato schermo principale del
ADMIN UTILITIES nell’area del pannello di Stato. CELL-DYN Sapphire e si
(utilità admin 2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul accede alla finestra
Sapphire). pannello di controllo. SAPPHIRE ADMIN UTILI-
TIES (utilità admin Sapphire).
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim. stazione
dati... dal menu.
4. Dopo l’apparizione della finestra PREPARA-
ZIONE ALLO SPEGNIMENTO DELLA
STAZIONE DATI e della domanda [Are you
sure? - Sei sicuro?], selezionare Sì per chiudere
il software.
5. Attendere che appaia la finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il pulsante
Restart Data Station (riavvia stazione dati) e poi
OK.
7. Attendere che appaia la finestra di LOGIN. ✪ NOTA: Nelle versioni
8. Digitare admin accanto al prompt <Login:> e software v3 e superiori
premere il tasto Enter. Digitare syssetup compare il prompt
accanto al prompt <Password:> e premere il <Utente> invece del
tasto Enter. prompt <Identif.
operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-23


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.6: Procedura per la configurazione dell’host e la trasmissione di rappresentazioni grafiche e le


informazioni indicate in precedenza (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Abilitare Seriale 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN Attiva il collegamento appro-
(al LIS), Ethernet UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set priato.
(al LIS) o Ethernet Host Configuration. (configurazione host). NOTA: Il collegamento seriale
(al middleware) 2. Attivare Serial (to LIS) (seriale al LIS), Ethernet (al LIS) e Ethernet (al LIS o al
(to Middleware) (Ethernet al middleware) o middleware) consente l’attiva-
Ethernet (to LIS) (Ethernet al LIS). zione di ulteriori trasferimenti
3. Se la comunicazione Ethernet è selezionata, dati (inclusione di errori dati
inserire l’indirizzo IP del Server (Server IP nei risultati, inclusione di infor-
address) e il numero di porta del Server (Server mazioni dai fogli di lavoro del
Port number). laboratorio nei risultati,
trasmissione dei risultati dalla
4. Eseguire il test Ping per verificare la connes- selezione dei test OpenFlow.
sione. Verificare che il collegamento
5. Cliccare su OK per salvare la configurazione. LIS possa gestire ulteriori
informazioni. Si ricorda che è
attivo un solo collegamento
alla volta (seriale o Ethernet).
Il collegamento Ethernet (al
LIS o al middleware) consente
la trasmissione di rappresen-
tazioni grafiche (istogrammi e
scatterogrammi). Il collega-
mento seriale (al LIS) non
consente la trasmissione di
rappresentazioni grafiche.

Abilita o disabilita la 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN Attiva o disattiva la trasmis-
trasmissione di UTILITIES, selezionare il menu Config e poi Set sione di informazioni aggiun-
rappresentazioni Host Configuration (configurazione host). tive.
grafiche 2. Attivare la funzione selezionandola o disattivare NOTA: Verificare che il colle-
(istogrammi o la funzione deselezionandola. gamento LIS possa gestire
scatterogrammi), tutte le voci attivate. Si ricorda
3. Cliccare su OK per salvare la canfigurazione.
inclusione di errori che è attivo un solo collega-
dati nei risultati, mento alla volta (seriale o
inclusione di infor- Ethernet).
mazioni dai fogli di
Il collegamento Ethernet (al
lavoro del labora-
LIS o al middleware) consente
torio nei risultati,
la trasmissione di rappresen-
trasmissione dei
tazioni grafiche (istogrammi e
risultati dalla
scatterogrammi). Il collega-
selezione dei test
mento seriale (al LIS) non
✪ OpenFlow e inclu-
consente la trasmissione di
sione dei parametri rappresentazioni grafiche.
eritrocitari estesi
nei risultati.

2-24 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Attivazione funzione
Consente l’attivazione di funzioni (quando vengono aggiunte nuove
funzioni)

Tabella 2.7: Procedura per l’attivazione di nuove funzioni

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla fine- 1. Accertarsi che l’analizzatore sia nello stato Viene chiusa la console dello
stra SAPPHIRE Pronto o Attendere: Standby come riportato schermo principale del
ADMIN UTILITIES nell’area del pannello di Stato. CELL-DYN Sapphire e si
(utilità admin 2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul accede alla finestra
Sapphire). pannello di controllo. SAPPHIRE ADMIN UTILI-
TIES (utilità admin Sapphire).
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim. stazione
dati... dal menu.
4. Dopo l’apparizione della finestra PREPARA-
ZIONE ALLO SPEGNIMENTO DELLA
STAZIONE DATI e della domanda [Are you
sure - Sei sicuro?], selezionare Sì per chiudere
il software.
5. Attendere che appaia la finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il pulsante
Restart Data Station (riavvia stazione dati) e poi
OK.
7. Attendere che appaia la finestra di LOGIN.
8. Digitare admin accanto al prompt <Login:> e ✪ NOTA: Nelle versioni
premere il tasto Enter. Digitare syssetup software v3 e superiori
accanto al prompt <Password:> e premere il compare il prompt
tasto Enter. <Utente> invece del
prompt <Identif.
operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-25


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.7: Procedura per l’attivazione di nuove funzioni (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Attivazione di 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE ADMIN Consente l’attivazione di


nuove funzioni UTILITIES, selezionare il menu Config e poi nuove funzioni
Activate Feature (attiva funzione).
2. Inserire il mezzo di attivazione della funzione e
premere il pulsante [Y] per visualizzare la descri-
zione della funzione da attivare o [N] per annul-
lare l’operazione.
3. Se viene premuto [Y], viene visualizzata la
descrizione della funzione da attivare. Premere
[Y] per attivare la funzione o [N] per annullare
l’attivazione della funzione.
4. Premendo [Y] viene attivata la funzione. Se l’atti-
vazione della funzione avviene con successo
sullo schermo compare il messaggio Command
completed successfully (comando eseguito
con successo). Premere Enter per chiudere la
finestra.
5. Premendo [N] viene annullata l’attivazione della
funzione e sullo schermo compare il messaggio
Feature Activation Operation Cancelled (atti-
vazione funzione annullata). Premere Enter per
chiudere la finestra.

2-26 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Impostazione dei driver delle stampanti (Set Printer Devices)


NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del
referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

Utilizzare la presente procedura per impostare, verificare o cambiare le


stampanti grafiche e per la stampa di ticket. Il software operativo della
stazione dati del CELL-DYN Sapphire contiene i driver delle stampanti
grafica e ticket. La finestra SET PRINTER DEVICES (imposta i driver
delle stampanti) permette al laboratorio di configurare una stampante per
la stampa grafica e una (opzionale) per la stampa di ticket.
NOTA: Per le versioni software v3 e superiori la finestra SET PRINTER
(imposta stampante) consente all'operatore di configurare le stampanti.

NOTA: L'analizzatore Sapphire necessita di stampanti compatibili con


Red Hat Enterprise Linux.

NOTA: Le stampanti commerciali elencate nella finestra SET


PRINTER DEVICES (imposta i driver delle stampanti) quando i
pulsanti Printer A> e Printer B> (stampante A e stampante B) sono sele-
zionati non sono le uniche utilizzabili e tale lista può variare quando
nuove stampanti diventano disponibili per l'uso con il sistema
CELL-DYN Sapphire.

NOTA: Il successivo paragrafo sulla stampa in formato PDF e postscript


non riguarda le versioni software v3 e superiori.

Il sistema CELL-DYN Sapphire può produrre rapporti in formato PDF


(Portable Document Format) e postscript per permettere l'uso di stampanti
che accettano tali formati. Inoltre può produrre dei formati che permet-
tono la trasmissione di documenti di testo dal referto base del sistema
CELL-DYN Sapphire ad un hardware esterno. I formati disponibili per
tale trasmissione sono generic PDF, generic postscript e Text e vengono
elencati quando diventano disponibili. Il flusso dei dati di testo è descritto
in CELL-DYN Sapphire Blank Ticket Report Export Specification (Speci-
fiche dell’esportazione del rapporto in formato ticket in bianco), un
prodotto ordinabile separatamente elencato nell’Appendice A: Pezzi di
ricambio e accessori, Tabella 4.
Tutte le stampanti devono essere collegate alle porte sul retro del
computer della stazione dati, accese (ON) e caricate con carta, prima di
accedere alla finestra SET PRINTER DEVICES nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES. La seguente tabella assiste l'operatore
nell'impostazione, verifica e modifica delle stampanti tramite la finestra
SET PRINTER DEVICES. Per una descrizione delle porte per la
connessione, fare riferimento al Capitolo 1: Uso e funzioni, Sezione:
Vista posteriore del computer, stazione dati XW4300/4400. Rivolgersi al
Servizio Clienti Abbott per ricevere ulteriore assistenza per modelli speci-
fici di stampanti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-27


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

NOTA: La Tabella 2.8 è applicabile alle versioni software R2-5/R2-5B e inferiori. Consultare la Tabella 2.10
per le opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti per il software v3.
Tabella 2.8: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti

Se il laboratorio utilizza stampanti esclusivamente per la stampa grafica e la stampante è:

Stampante USB allora… Connettere la stam- Selezionare il pulsante Selezionare il pulsante


pante USB con uno dei Printer A> e quindi Printer B> e quindi None
connettori per il cavo Generic USB Printer (nessuna) nella finestra SET
USB. (stampante generica USB) PRINTER DEVICES.
nella finestra SET
PRINTER DEVICES.

Stampante paral- allora… Connettere la stam- Selezionare il pulsante Selezionare il pulsante


lela (ad es. Epson, pante parallela alla Printer A> e quindi Printer B> e quindi None
Okidata) connessione per il cavo <parallel printer driver (nessuna) nella finestra SET
della stampante grafica name> (nome del driver PRINTER DEVICES.
(porta 0). della stampante parallela)
nella finestra SET
PRINTER DEVICES.

Se si utilizzano due stampanti per la stampa di schede grafiche e ticket e le stampanti sono:

Due stampanti allora… Connettere le stampanti Selezionare il pulsante Selezionare il pulsante


USB* USB con una delle Printer A> e quindi Printer B> e quindi Generic
connessioni USB. Generic USB Printer USB Printer (stampante
(stampante generica USB) generica USB) nella finestra
nella finestra SET SET PRINTER DEVICES.
PRINTER DEVICES.

Una stampante allora… Connettere la stam- Selezionare il pulsante Selezionare il pulsante


USB pante USB con una Printer A> e quindi Printer B> e quindi
Una stampante delle connessioni USB e Generic USB Printer <parallel printer driver
parallela la stampante parallela (stampante generica USB) name> (nome del driver
con la connessione per il nella finestra SET della stampante parallela)
cavo della stampante PRINTER DEVICES. nella finestra SET PRINTER
parallela con la stam- DEVICES.
pante ticket (porta 1).

Due stampanti allora… Connettere una stam- Selezionare il pulsante Selezionare il pulsante
parallele pante parallela con la Printer A> e quindi Printer B> e quindi
connessione per il cavo <parallel printer driver <parallel printer driver
della stampante grafica name (e.g. Epson)> name (e.g. Okidata)>
(porta 0) e l'altra con la (nome del driver della (nome del driver della stam-
connessione per il cavo stampante parallela, per pante parallela, per es.
della stampante ticket es. Epson) nella finestra Okidata) nella finestra SET
(porta 1). SET PRINTER DEVICES. PRINTER DEVICES.

* NOTA: Le connessioni per le stampanti USB vengono rilevate automaticamente dal sistema. Se il laboratorio
utilizza due stampanti identiche USB collegate al computer della stazione dati e si verifica un'interruzione
dell'alimentazione elettrica per una o entrambe le stampanti, dopo aver ripristinato la connessione con l'alimen-
tazione, si raccomanda di stampare una registrazione dell'archivio dati o di selezionare il tasto Print Scrn sulla
tastiera per verificare che la stampa venga inviata alle stampanti configurate, nonché di verificare la configura-
zione delle stampanti nella finestra SET PRINTER DEVICES.
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

2-28 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.9: Procedura per impostare, verificare e modificare le stampanti

Operazione Fasi Risultato/commento

Prepara- 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello stato


zione. Pronto o Attendere: Standby come ripor-
tato nell'area del pannello di Stato.
2. Fare riferimento alla Tabella 2.8: Opzioni
di connessione e di configurazione delle
stampanti. NOTA: Per una descrizione delle porte per
la connessione, fare riferimento al
Capitolo 1: Uso e funzioni, Figura 1.32 :
Vista posteriore del computer, stazione
dati XW4200.

Accedere 1. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul Viene chiusa la console dello schermo
alla finestra pannello di controllo. principale del CELL-DYN Sapphire e si
SAPPHIRE 2. Selezionare Preparaz. allo spegnim. accede alla finestra SAPPHIRE ADMIN
ADMIN stazione dati... dal menu. UTILITIES (utilità admin Sapphire).
UTILITIES
3. Dopo l'apparizione della finestra PREPA-
(utilità admin
RAZIONE ALLO SPEGNIMENTO DELLA
Sapphire).
STAZIONE DATI e della domanda [Sei
sicuro?], selezionare Sì per chiudere il
software.
4. Attendere che appaia la finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/spegnimento).
5. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il pulsante
Restart Data Station (riavvia stazione dati)
e poi OK.
6. Nel momento in cui il sistema si riavvia, il
sistema operativo può notificare all’opera-
tore di configurare o di rimuovere l’hard-
ware. In questo caso, premere un tasto
qualsiasi per continuare il processo o
passare al punto 7. In caso contrario,
saltare i punti 7 e 8 e proseguire con il punto
9.
7. Se compare lo schermo HARDWARE
REMOVED (hardware rimosso), selezio-
nare REMOVE CONFIGURATION (rimuovi
configurazione) e premere il tasto <Enter>.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-29


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.9: Procedura per impostare, verificare e modificare le stampanti (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

(continua) 8. Quando compare lo schermo HARDWARE NOTA: Se viene installata per la prima
ADDED (hardware aggiunto), l’opzione volta una stampante e l’opzione di configu-
CONFIGURE dovrebbe essere configurata razione non viene visualizzata, il processo
di default. In caso contrario utilizzare il tasto di riavvio della stazione dati deve essere
TAB per evidenziare l’opzione CONFI- ripetuto fino a che viene selezionata
GURE e premere tasto <Enter>. Il l’opzione di configurazione della stam-
processo di riavvio proseguirà. pante.
9. Attendere che appaia la finestra di LOGIN. NOTA: Nelle versioni software v3 e supe-
10. Digitare admin accanto al prompt <Login:> riori compare il prompt <Utente> invece
e premere il tasto Enter. Digitare syssetup del prompt <Identif. operatore:> ma la
accanto al prompt <Password:> e premere procedura di login rimane invariata.
il tasto Enter.

Configurare, 1. Quando appare la finestra SAPPHIRE


verificare o ADMIN UTILITIES, selezionare il menu
modificare le Config e poi Set Printer Devices (imposta
stampanti. i driver delle stampanti).
2. Utilizzando la Tabella 2.8: Opzioni di
connessione e di configurazione delle Esempio: Printer A (USB) e Printer B
stampanti: (parallela):
• determinare la stampante utilizzata dal
proprio laboratorio
• verificare le stampanti collegate
• verificare le opzioni di configurazione delle
stampanti Printer A> e Printer B>.
3. Configurare, verificare o modificare le stam-
panti attualmente visualizzate per
Esempio: Printer A (parallela) e Printer B
Printer A> e Printer B>.
(nessuna):
4. Se il proprio laboratorio utilizza una stam-
pate per ticket, verificare la selezione dei
pulsanti radio e modificarla se necessario.
5. Selezionare il pulsante OK per salvare la
configurazione, ritornare alla finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità
admin Sapphire).

2-30 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.9: Procedura per impostare, verificare e modificare le stampanti (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Ritornare 1. Nella SAPPHIRE ADMIN UTILITIES sele-


alla console zionare il menu Exit e quindi Exit Utility.
dello 2. Attendere che appaia la finestra di LOGIN.
schermo
3. Digitare cd accanto al prompt <Login:>.
principale
del 4. Premere due volte il tasto Enter per le Viene chiusa la finestra SAPPHIRE
CELL-DYN versioni software R2-5/R2-5B e inferiori. ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire)
Sapphire. Per le versioni software v3 e superiori e si accede alla console dello schermo
premere una volta il tasto Enter. principale del CELL-DYN Sapphire.
NOTA: Se appare il messaggio <Offline> NOTA: Nelle versioni software v3 e supe-
nell'area del pannello di Stato, rimanendovi per riori compare il prompt <Utente> invece
più di un minuto, ciò significa che non si è stabi- del prompt <Identif. operatore:> ma la
lita comunicazione fra la stazione dati e l'analiz- procedura di login rimane invariata.
zatore. Per stabilire una comunicazione, riav-
viare la stazione dati e l'analizzatore come
descritto nel Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Spegnimento e accensione della
stazione dati e dell'analizzatore.

Stampa della Stampare un a registrazione o un rapporto rias-


pagina di suntivo dell'archivio dati o premere il pulsante
test. Print Scrn sulla tastiera per verificare che la
stampa venga mandata alla stampante configu-
rata.

NOTA: Nel caso in cui termini la carta nella stampante, vi può essere un
ritardo nella ricezione del messaggio SIM "stampante non disponibile"
("printer unavailable").

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-31


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3)

Fasi Risultato/Commento

1. Se non è stato ancora fatto, In questo modo si riavvia la stazione dati e l’utente viene
spegnere l’applicazione CD rimandato allo schermo di login.
Sapphire selezionando Analiz-
zatore > Preparaz. allo spegnim.
stazione dati… > Sì > Restart Data
Station (riavvia stazione dati).

2. Nello schermo di login, registrarsi


come admin > Enter > e digitare la
password “syssetup”.

3. Nella finetra Sapphire Admin


Utilities (utilità admin Sapphire),
selezionare Config (configura-
zione) > Set Printer (imposta
stampante).

4. Accendere la stampante e collegare Stampante collegata e accesa.


il cavo attraverso la porta USB o
LPT (parallela).
*NOTA: Si raccomanda di utilizzare una
stampante USB invece di una
stampante parallela poiché la stampa
su porta parallela è notevolmente più
lenta rispetto alla stampa su porta USB.

2-32 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

5. Cliccare su “New Printer” (nuova


stampante).

6. Alla voce Printer Name (nome


stampante) digitare la marca e il
modello della stampante e cliccare
sul tasto “Forward” (avanti) sotto-
stante. È possibile inserire la descri-
zione e la posizione se lo si
desidera, ma non è obbligatorio.
*NOTA: Non utilizzare /, # o lo spazio.

Per i passi 7-9, scegliere l’opzione della


stampante corretta. È possibile saltare
alcuni passi a seconda dell’opzione
scelta.

7. (Opzione A) Per stampanti HP nel


database delle stampanti del
sistema operativo:

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-33


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

A1. Nella finestra di dialogo sotto a


Devices (stampanti), dovrebbero
comparire il nome, il modello o la
serie della stampante nell’elenco
seguito da HPLIP (ad es. HP Color
LaserJet CP2025n USB
00CNBS202251 HPLIP). Scegliere
questa opzione e cliccare su
“Forward”.

A2. Se viene trovato il driver corretto o


compatibile, viene evidenziata la
marca corretta di stampante.
Nell’esempio riportato, viene
automaticamente evidenziato HP
come marca di stampante dal
database. Cliccare su “Forward”.

A3. Nella maggior parte dei casi,


vengono automaticamente eviden-
ziati il modello corretto o compa-
tibile di stampante e il driver.
Nell’esempio riportato, è
selezionata la stampante “Color
LaserJet 5” e il driver compatibile
corrispondente. Cliccare su
“Forward”.

2-34 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

A4. Il collegamento con la stampante


HP è stato creato correttamente.
Verificare che compaia una finestra
simile sulla destra e cliccare su
“Apply” (applica). Continuare con il
passo 10.

8. (Opzione B) Per stampanti diverse


da HP (es. Canon, Lexmark,
Brother, ecc…) nel database delle
stampanti del sistema operativo:

B1. Nella finestra di dialogo sotto a


Devices (stampanti), dovrebbero
comparire il nome del produttore, il
modello o la serie della stampante
con il n. USB. Il numero di USB va
da 1 a 4 e dipende dal numero di
stampante USB collegata alla porta
USB. Nell’esempio riportato, è
selezionato “Brother HL-2700CN
series USB #1”. Cliccare su
“Forward” per continuare o eviden-
ziare il produttore corretto e cliccare
su “Forward”.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-35


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

B2. Nella maggior parte dei casi, la


marca corretta viene evidenziata
automaticamente. Cliccare su
“Forward” o evidenziare il
produttore corretto e cliccare su
“Forward”.

B3. Nella maggior parte dei casi,


vengono automaticamente eviden-
ziati il modello e il driver corretti.
Cliccare su “Forward” o evidenziare
il modello corretto e cliccare su
“Forward”.

B4. Il collegamento con la stampante è


stato creato correttamente.
Verificare che compaia una finestra
simile sulla destra e cliccare su
“Apply” (applica). Continuare con il
passo 10.

2-36 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

9. (Opzione C) Se il modello/la serie


esatti della stampante non
compaiono nel database delle
stampanti del sistema operativo.

C1. Nella finestra di dialogo sotto a


Devices (stampanti), dovrebbero
comparire il nome del produttore, il
modello o il numero di serie della
stampante desiderata.
Nell’esempio accanto è selezionata
la stampante “KONICA MINOLTA
magicolor 1650 USB #1”. Cliccare
su “Forward” per continuare.

C2. Selezionare il produttore della


stampante corretto dall’elenco.
Cliccare su “Forward”.

C3. Selezionare il modello simile con il


numero di serie più alto. Cliccare su
“Forward”.

C4. Il collegamento con la stampante è


stato creato correttamente.
Verificare che una finestra simile
compaia sulla destra e cliccare su
“Apply”. Continuare con il passo 10.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-37


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

10. Evidenziare sul margine sinistro la


stampante corretta da impostare
come stampante predefinita.
Cliccare su “Make Default Printer”
(imposta come stampante prede-
finita).

11. Cliccare sul tasto “Policies”. Nel


campo “Error Policy” (politica in
caso di errori) selezionare “retry-
job” (riprova), quindi cliccare su
“Apply”.

12. Cliccare sulla scheda “Settings”


(impostazioni). Cliccare sul tasto
“Print Test Page” (stampa pagina di
prova) in fondo alla pagina.

2-38 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.10: Opzioni di connessione e di configurazione delle stampanti (software v3) (continua)

Fasi Risultato/Commento

13. Verificare che sia stata stampata


una pagina di prova e che sia simile
all’immagine a destra. La stampante
è stata configurata correttamente.
Se la stampante non stampa la pagina
di prova correttamente, tornare al passo
10 e selezionare “Change” (modifica)
per la marca e il modello (“Make and
Model”). Selezionare un altro modello o
serie di stampante dello stesso
produttore e continuare con il passo 12.
Qualora le difficoltà persistano,
contattare il Servizio Clienti Abbott per
assistenza.

14. Nella finestra “Printer Configuration” Chiude la finestra di configurazione della stampante.
(configurazione stampante)
selezionare “File” seguito da “Quit”
(esci).

15. Nella finestra “Sapphire Admin Esce dalla finestra Admin Utilities riportando l’utente allo schermo
Utilities”, selezionare “Exit” e quindi di login.
“Exit Utility”.

16. Login e attivazione applicazione CD Registrazione e applicazione CD Sapphire attiva.


Sapphire.

17. Stampare una pagina di laboratorio Una pagina di laboratorio è stata stampata correttamente.
per verificare che la stampante
funzioni con l’applicazione.

18. Stampare altri tipi di documento (ad Documenti stampati correttamente.


es. registri, grafici, ecc.…) per *NOTA: L’utente deve eseguire la validazione appropriata delle
verificare il funzionamento della stampanti non fornite quale parte integrante del sistema Sapphire.
stampante.

19. Una volta eseguita la procedura, la


stampante è stata configurata e
verificata correttamente.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-39


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Backup e recupero dei dati di configurazione e personalizzazione


Questa sezione descrive le opzioni disponibili per memorizzare i dati di
configurazione e di personalizzazione e per ripristinare, se necessario, tali
informazioni nel sistema CELL-DYN Sapphire. Ciascuno laboratorio
deve stabilire i propri requisiti per il backup ed il recupero dei dati.
ATTENZIONE: Quando si eseguono le procedure di backup o di
ripristino dei dati di configurazione e personalizzazione, selezio-
nare solo le opzioni indicate dalla procedura stessa. Non selezio-
nare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non venga indi-
cato espressamente da un rappresentante del Servizio Clienti
Abbott.
Per il backup e il recupero dei dati possono essere utilizzati dischetti
floppy, unità USB Flash Drive o DVD+R.
Per l’impiego di DVD+R fare riferimento alla Sezione: Creazione di un
backup e recupero di dati del database da DVD.

Principi e direttive generali


• Il sistema CELL-DYN Sapphire viene consegnato fornito di un
dischetto contenente la configurazione dell'analizzatore che
comprende i valori di regolazione, i dati relativi alla configurazione
dell'analizzatore e il numero di serie. I dati di configurazione sono
in formato DOS.
ATTENZIONE: Il procedimento di backup sovrascrive i dati
presenti sul dischetto. Tutte le impostazioni precedenti vanno
perciò perdute. Per evitare di sovrascrivere le informazioni
presenti sul dischetto di configurazione dell'analizzatore si racco-
manda di eseguire la procedura di backup con un dischetto nuovo.
Il dischetto utilizzato per il backup deve essere ad alta densità e da
1,44 MB per poter memorizzare tutti i dati di configurazione e
personalizzazione riportati in questo capitolo e nel Capitolo 6:
Procedure di calibrazione, Sezione: Procedure di post-calibra-
zione.
• Etichettare in modo appropriato il supporto di backup e riporlo
insieme al dischetto di configurazione originale in un luogo a
portata di mano per eseguire il backup ed il ripristino e accessibile
al personale di assistenza della Abbott.
• Durante il procedimento di backup il dischetto, eventualmente
utilizzato, viene formattato.
• Durante i procedimenti di backup e di ripristino vengono rispettiva-
mente memorizzati o ripristinati tutti i dati contenuti nel supporto.
Non è possibile memorizzare o ripristinare selettivamente singole
impostazioni o categorie di dati.

2-40 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

• Il procedimento di ripristino sovrascrive le selezioni di personaliz-


zazione presenti sul drive del disco rigido. Tutte le impostazioni
precedenti vanno perciò perdute.
• Per ulteriore assistenza riguardo al backup e al ripristino contattare
il Servizio Clienti Abbott.

Direttive per la procedura


• Prima di iniziare la procedura, si raccomanda di stampare copie dei
dati di configurazione e personalizzazione attuali del sistema.
• La procedura di backup può venir eseguita mentre l'analizzatore si
trova nello stato Attendere: Standby o Pronto. Se l'analizzatore resta
nello stato Pronto, ritornerà più velocemente pronto all'uso appena
il software del sistema CELL-DYN Sapphire viene riavviato.
• Per interrompere il backup o il ripristino, premere il tasto C sulla
tastiera tenendo premuto il tasto Ctrl.
• Per eseguire la procedura di backup o di ripristino, la stazione dati
(computer) deve essere riavviata seguendo le fasi descritte nella
procedura che segue.
ATTENZIONE: È importante riavviare la stazione dati
(computer) attenendosi alla seguente procedura. Se la stazione dati
viene riavviata senza che sia stata seguita la procedura apposita,
essa effettuerà un controllo dei file di sistema al momento della
riaccensione. Il controllo richiede circa 5 minuti, a seconda della
quantità di dati contenuti nel drive del disco rigido. Se la stazione
dati ha iniziato un controllo dei file di sistema, non interrompere il
procedimento, altrimenti si potrebbe verificare una perdita di dati.

• Si accede alle procedure di backup e ripristino dalla finestra


SAPPHIRE ADMIN UTILITIES. I servizi ausiliari Backup to
floppy (backup su dischetto), Restore from floppy (ripristino
dal dischetto), Backup to USB Flash Drive (backup su USB
Flash Drive) e Restore from USB Flash Drive (ripristino da
USB Flash Drive) (formattato in FAT16 o FAT32) sono disponibili
nel menu Config.

• Se viene visualizzato un messaggio indicante che la procedura non


è riuscita, contattare il Servizio Clienti Abbott.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-41


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.11: Backup dei dati di configurazione e personalizzazione in un dischetto

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla finestra 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello Viene chiusa la console dello
SAPPHIRE ADMIN stato Pronto o Attendere: Standby schermo principale del
UTILITIES (utilità admin come riportato nell'area del pannello di CELL-DYN Sapphire e si
Sapphire). Stato. accede alla finestra SAPPHIRE
2. Selezionare il pulsante Analizzatore> ADMIN UTILITIES (utilità admin
sul pannello di controllo. Sapphire).
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim.
stazione dati... dal menu.
4. Dopo l'apparizione della finestra
PREPARAZIONE ALLO SPEGNI-
MENTO DELLA STAZIONE DATI e
della domanda [Sei sicuro?], selezio-
nare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra
RESTART/SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il
pulsante Restart Data Station (riavvia
stazione dati) e poi OK.
7. Attendere che appaia la finestra di
LOGIN.
8. Digitare admin accanto al prompt ✪ NOTA: Nelle versioni
<Login:> e premere il tasto Enter. Digi- software v3 e superiori
tare syssetup accanto al prompt compare il prompt <Utente>
<Password:> e premere il tasto Enter. invece del prompt <Identif.
operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Selezionare il procedimento Quando appare la finestra SAPPHIRE Viene avviato Il programma di


di backup. ADMIN UTILITIES, selezionare il menu backup (che copia le informa-
Config e poi Backup to floppy (backup zioni di configurazione dal disco
su dischetto). fisso al dischetto).

Preparare il sistema ad 1. Procurarsi un dischetto da 1,44 MB ad Viene selezionato il dischetto


eseguire un backup dei dati. alta densità ed inserirlo nel drive del nel quale verranno copiati i dati
dischetto della stazione dati di backup.
(computer).
2. Quando appare il messaggio [Make
Sure A Disk Is Present In The Drive,
Then Press The [Enter] Key...]
(Accertarsi che nel drive vi sia un
dischetto e poi premere il tasto Enter),
premere il tasto Enter.

2-42 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.11: Backup dei dati di configurazione e personalizzazione in un dischetto (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Completare il procedimento 1. Quando appare la frase [*** Command Viene confermato il completa-
di backup. Completed Successfully ***] mento del procedimento di
(comando completato con successo), backup e il programma di
premere il tasto Enter per chiudere la backup viene chiuso.
casella di dialogo. I dati sono ora memorizzati sul
2. Togliere il dischetto dal drive e riporlo in dischetto.
luogo sicuro.
3. Nella finestra SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES, selezionare il menu Exit e
quindi Exit Utility.

Accedere alla console dello 1. Attendere che appaia la finestra di Viene chiusa la finestra
schermo principale del LOGIN. SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
CELL-DYN Sapphire. 2. Digitare cd accanto al prompt <Login:>. e si accede alla console dello
schermo principale del
3. Premere due volte il tasto Enter per le
CELL-DYN Sapphire.
versioni software R2-5/R2-5B e inferiori.
Per le versioni software v3 e superiori ✪ NOTA: Nelle versioni
premere una volta il tasto Enter. software v3 e superiori
compare il prompt <Utente>
NOTA: Se appare il messaggio <Offline>
invece del prompt <Identif.
nell'area del pannello di Stato, rimanendovi
operatore:> ma la
per più di un minuto, ciò significa che non
procedura di login rimane
si è stabilita comunicazione fra la stazione
invariata.
dati e l'analizzatore. Per stabilire una
comunicazione, riavviare la stazione dati e
l'analizzatore come descritto nel
Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Spegnimento e accensione
della stazione dati e dell'analizzatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-43


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.12: Backup dei dati di configurazione e personalizzazione su un USB Flash drive (formattato in FAT16 o
FAT32)

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla finestra 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello Viene chiusa la console dello
SAPPHIRE ADMIN stato Pronto o Attendere: Standby schermo principale del
UTILITIES (utilità admin come riportato nell'area del pannello di CELL-DYN Sapphire e si
Sapphire). Stato. accede alla finestra SAPPHIRE
2. Selezionare il pulsante Analizzatore> ADMIN UTILITIES (utilità admin
sul pannello di controllo. Sapphire).
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim.
stazione dati... dal menu.
4. Dopo l'apparizione della finestra
PREPARAZIONE ALLO SPEGNI-
MENTO DELLA STAZIONE DATI e
della domanda [Sei sicuro?], selezio-
nare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra
RESTART/SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il
pulsante Restart Data Station (riavvia
stazione dati) e poi OK.
7. Attendere che appaia la finestra di
LOGIN.
8. Digitare admin accanto al prompt ✪ NOTA: Nelle versioni
<Login:> e premere il tasto Enter. Digi- software v3 e superiori
tare syssetup accanto al prompt compare il prompt <Utente>
<Password:> e premere il tasto Enter. invece del prompt <Identif.
operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Selezionare il procedimento Quando appare la finestra SAPPHIRE Viene avviato Il programma di


di backup. ADMIN UTILITIES, selezionare il menu backup (che copia le informa-
Config e poi Backup to USB Flash drive. zioni di configurazione dal disco
fisso all’USB Flash drive).

Preparare il sistema ad 1. Procurarsi un USB Flash drive ed inse- Viene selezionato l’USB Flash
eseguire un backup dei dati. rirlo nella porta USB della stazione dati drive nel quale verranno copiati
(computer). i dati di backup.
2. Quando appare il messaggio [Make
Sure A USB Flash drive Is Plugged
Into A USB Port, Then Press The
[Enter] Key...] (Accertarsi che nella
porta USB vi sia un USB Flash drive e
poi premere il tasto Enter), premere il
tasto Enter.

2-44 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.12: Backup dei dati di configurazione e personalizzazione su un USB Flash drive (formattato in FAT16 o
FAT32) (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Completare il procedimento 1. Quando appare la frase [*** Command Viene confermato il completa-
di backup. Completed Successfully ***] mento del procedimento di
(comando completato con successo), backup e il programma di
premere il tasto Enter per chiudere la backup viene chiuso.
casella di dialogo. I dati sono ora memorizzati
2. Togliere l’USB Flash drive dalla porta e sull’USB Flash drive.
riporlo in luogo sicuro.
3. Nella finestra SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES, selezionare il menu Exit e
quindi Exit Utility.

Accedere alla console dello 1. Attendere che appaia la finestra di Viene chiusa la finestra
schermo principale del LOGIN. SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
CELL-DYN Sapphire. 2. Digitare cd accanto al prompt <Login:>. e si accede alla console dello
schermo principale del
3. Premere due volte il tasto Enter per le
CELL-DYN Sapphire.
versioni software R2-5/R2-5B e inferiori.
Per le versioni software v3 e superiori ✪ NOTA: Nelle versioni
premere una volta il tasto Enter . software v3 e superiori
compare il prompt <Utente>
NOTA: Se appare il messaggio <Offline>
invece del prompt <Identif.
nell'area del pannello di Stato, rimanendovi
operatore:> ma la
per più di un minuto, ciò significa che non
procedura di login rimane
si è stabilita comunicazione fra la stazione
invariata.
dati e l'analizzatore. Per stabilire una
comunicazione, riavviare la stazione dati e
l'analizzatore come descritto nel
Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Spegnimento e accensione
della stazione dati e dell'analizzatore.

NOTA: Non rimuovere l’USB Flash Drive subito dopo l’installazione.


Non reinstallare l’USB Flash Drive immediatamente dopo la rimozione.
Non inserire o rimuovere l’USB Flash Drive mentre è in corso la format-
tazione o la scrittura su floppy o DVD.

NOTA: Acausa delle differenze nella produzione e formattazione degli


USB Flash Drive, alcune unità USB Flash potrebbero non funzionare con
il sistema CELL-DYN Sapphire. Nel caso in cui l’unità USB Flash non
funzioni correttamente, provare un’unità di marca o formato diversi.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-45


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.13: Recupero dei dati di configurazione e personalizzazione dal dischetto

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla finestra 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello Viene chiusa la console dello
SAPPHIRE ADMIN stato Pronto o Attendere: Standby schermo principale del CELL-DYN
UTILITIES (utilità admin come riportato nell'area del pannello di Sapphire e si accede alla finestra
Sapphire). Stato. SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul (utilità admin Sapphire).
pannello di controllo.
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim.
stazione dati... dal menu.
4. Dopo l'apparizione della finestra
PREPARAZIONE ALLO
SPEGNIMENTO DELLA STAZIONE
DATI e della domanda [Sei sicuro?],
selezionare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra
RESTART/SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il
pulsante Restart Data Station (riavvia
stazione dati) e poi OK.
7. Attendere che appaia la finestra di
LOGIN.
8. Digitare admin accanto al prompt ✪ NOTA: Nelle versioni software
<Login:> e premere il tasto Enter. v3 e superiori compare il prompt
Digitare syssetup accanto al prompt <Utente> invece del prompt
<Password:> e premere il tasto Enter. <Identif. operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Selezionare il Quando appare il menu SAPPHIRE ADMIN Viene avviato il programma per il
procedimento di recupero. UTILITIES (utilità admin Sapphire, procedimento di ripristino (che
selezionare il menu Config e poi Restore copia i dati dal dischetto sul disco
from Floppy (ripristino dal dischetto). fisso).

Preparare il sistema a 1. Procurarsi il dischetto che contiene i dati Viene selezionato il dischetto dal
ripristinare i dati. di configurazione. quale verranno recuperati i dati di
2. All'apparizione del messaggio [Make backup.
Sure A Disk Is Present In The Drive,
Then Press The [Enter] Key...]
(Accertarsi che nel drive vi sia un
dischetto e poi premere il tasto Enter),
inserire un dischetto nel relativo drive e
premere il tasto Enter.

2-46 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.13: Recupero dei dati di configurazione e personalizzazione dal dischetto (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Completare il 1. Quando appare la frase [*** Command Viene confermato il completamento


procedimento di ripristino. Completed Successfully ***] del procedimento di recupero e il
(comando completato con successo), programma viene chiuso.
premere il tasto Enter per chiudere la Le nuove impostazioni sono state
casella di dialogo. copiate sul drive del disco fisso ed
2. Togliere il dischetto dal drive e riporlo in entreranno in vigore non appena il
luogo sicuro. software CELL-DYN Sapphire viene
3. Nella finestra SAPPHIRE ADMIN riavviato.
UTILITIES, selezionare il menu Exit e
quindi Exit Utility.

Accedere alla console 1. Attendere che appaia la finestra di Viene chiusa la finestra SAPPHIRE
dello schermo principale LOGIN. ADMIN UTILITIES e si accede alla
del CELL-DYN Sapphire. 2. Digitare cd accanto al prompt <Login:>. console dello schermo principale
del CELL-DYN Sapphire.
3. Premere due volte il tasto Enter per le
versioni software R2-5/R2-5B e inferiori. ✪ NOTA: Nelle versioni software
Per le versioni software v3 e superiori v3 e superiori compare il prompt
premere una volta il tasto Enter. <Utente> invece del prompt
<Identif. operatore:> ma la
NOTA: Se appare il messaggio <Offline>
procedura di login rimane
nell'area del pannello di Stato, rimanendovi
invariata.
per più di un minuto, ciò significa che non si
è stabilita comunicazione fra la stazione dati
e l'analizzatore. Per stabilire una
comunicazione, riavviare la stazione dati e
l'analizzatore come descritto nel
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione:
Spegnimento e accensione della
stazione dati e dell'analizzatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-47


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.14: Recupero dei dati di configurazione e personalizzazione dall’USB Flash drive (formattato in FAT16 o
FAT32)

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla finestra 1. Accertarsi che l'analizzatore sia nello Viene chiusa la console dello
SAPPHIRE ADMIN stato Pronto o Attendere: Standby schermo principale del CELL-DYN
UTILITIES (utilità admin come riportato nell'area del pannello di Sapphire e si accede alla finestra
Sapphire). Stato. SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
2. Selezionare il pulsante Analizzatore> sul (utilità admin Sapphire).
pannello di controllo.
3. Selezionare Preparaz. allo spegnim.
stazione dati... dal menu.
4. Dopo l'apparizione della finestra
PREPARAZIONE ALLO
SPEGNIMENTO DELLA STAZIONE
DATI e della domanda [Sei sicuro?],
selezionare Sì per chiudere il software.
5. Attendere che appaia la finestra
RESTART/SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
6. Quando appare la finestra RESTART/
SHUTDOWN selezionare prima il
pulsante Restart Data Station (riavvia
stazione dati) e poi OK.
7. Attendere che appaia la finestra di
LOGIN.
8. Digitare admin accanto al prompt ✪ NOTA: Nelle versioni software
<Login:> e premere il tasto Enter. v3 e superiori compare il prompt
Digitare syssetup accanto al prompt <Utente> invece del prompt
<Password:> e premere il tasto Enter. <Identif. operatore:> ma la
procedura di login rimane
invariata.

Selezionare il procedi- Quando appare il menu SAPPHIRE ADMIN Viene avviato il programma per il
mento di recupero. UTILITIES (utilità admin Sapphire, selezio- procedimento di ripristino (che
nare il menu Config e poi Restore from copia i dati dall’USB Flash drive sul
USB Flash drive (ripristino dall’USB Flash disco fisso).
drive).

2-48 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.14: Recupero dei dati di configurazione e personalizzazione dall’USB Flash drive (formattato in FAT16 o
FAT32) (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Preparare il sistema a ripri- 1. Procurarsi l’USB Flash drive che Viene selezionato l’USB Flash drive
stinare i dati. contiene i dati di configurazione. dal quale verranno recuperati i dati
2. All'apparizione del messaggio [Make di backup.
Sure A USB Flash drive Is Plugged
Into A USB Port, Then Press The
[Enter] Key...] (Accertarsi che nella
porta USB vi sia un USB Flash drive e
poi premere il tasto Enter), inserire un
USB Flash drive nella relativa porta USB
e premere il tasto Enter.

Completare il 1. Quando appare la frase [*** Command Viene confermato il completamento


procedimento di ripristino. Completed Successfully ***] del procedimento di recupero e il
(comando completato con successo), programma viene chiuso.
premere il tasto Enter per chiudere la Le nuove impostazioni sono state
casella di dialogo. copiate sul drive del disco fisso ed
2. Estrarre l’USB Flash drive dalla porta entreranno in vigore non appena il
USB e riporlo in luogo sicuro. software CELL-DYN Sapphire viene
3. Nella finestra SAPPHIRE ADMIN riavviato.
UTILITIES, selezionare il menu Exit e
quindi Exit Utility.

Accedere alla console 1. Attendere che appaia la finestra di Viene chiusa la finestra SAPPHIRE
dello schermo principale LOGIN. ADMIN UTILITIES e si accede alla
del CELL-DYN Sapphire. 2. Digitare cd accanto al prompt <Login:>. console dello schermo principale
del CELL-DYN Sapphire.
3. Premere due volte il tasto Enter per le
versioni software R2-5/R2-5B e inferiori. ✪ NOTA: Nelle versioni software
Per le versioni software v3 e superiori v3 e superiori compare il prompt
premere una volta il tasto Enter. <Utente> invece del prompt
<Identif. operatore:> ma la
NOTA: Se appare il messaggio <Offline>
procedura di login rimane
nell'area del pannello di Stato, rimanendovi
invariata.
per più di un minuto, ciò significa che non si
è stabilita comunicazione fra la stazione dati
e l'analizzatore. Per stabilire una
comunicazione, riavviare la stazione dati e
l'analizzatore come descritto nel
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione:
Spegnimento e accensione della
stazione dati e dell'analizzatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-49


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Creazione di un backup e recupero di dati del database da DVD


La presente sezione descrive le procedure per salvare il database del
CELL-DYN Sapphire su un DVD e, se necessario, per ripristinare il data-
base nella stazione dati (computer) del CELL-DYN Sapphire. Ciascun
laboratorio deve stabilire i propri requisiti per il backup ed il recupero dei
dati.
ATTENZIONE: Quando si seguono le procedure nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire), sele-
zionare solo le opzioni del menu richieste dalla procedura. Non
selezionare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non
venga indicato espressamente da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

NOTA: Il laboratorio può anche creare un backup delle informazioni di


configurazione e personalizzazione su un dischetto floppy o un USB
Flash Drive. Vedere la Sezione: Backup e recupero dei dati di configu-
razione e personalizzazione.

Direttive per la procedura


• Durante la procedura di backup o ripristino l'analizzatore può essere
nello stato Pronto o Attendere: Standby. Se l'analizzatore resta nello
stato Pronto, ritornerà più velocemente pronto all'uso appena il
software del sistema CELL-DYN Sapphire viene riavviato.
• Per eseguire la procedura di backup o di ripristino, la stazione dati
(computer) deve essere riavviata seguendo le fasi descritte nelle
procedure che seguono.
ATTENZIONE: È importante riavviare la stazione dati attenen-
dosi alle seguenti procedure. Se la stazione dati viene riavviata
senza che sia stata seguita la procedura apposita, essa effettuerà un
controllo dei file di sistema al momento della riaccensione. Il
controllo richiede circa 5 minuti, a seconda della quantità di dati
contenuti nel drive del disco rigido. Se la stazione dati ha iniziato
un controllo dei file di sistema, non interrompere il procedimento,
altrimenti si potrebbe verificare una perdita di dati.

• Per ogni sessione di backup è necessario un DVD+R vuoto. Non è


possibile riutilizzare i DVD.
• La procedura di backup salva tutte le registrazioni dei campioni
contenute nel database del CELL-DYN Sapphire su un DVD+R.
Ciascuna registrazione memorizza il numero di serie specifico dello
strumento e la versione del software utilizzata nel momento in cui è
stata analizzato il campione.

2-50 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

• La procedura di backup e ripristino dura circa dieci (10) minuti,


tuttavia si possono osservare variazioni in base al tipo di DVD+R e
alla velocità del relativo drive.
AVVERTENZA: Seguire le istruzioni per la procedura, non
accendere o spegnere la stazione dati (computer) e non premere
alcun tasto della tastiera se non richiesto espressamente dalla
procedura di backup o di ripristino dei dati, in quanto questo
potrebbe avere degli effetti negativi sull'integrità del database che
si sta copiando o ripristinando.

• Se compare un messaggio che segnala che la procedura non ha


avuto successo, tentare nuovamente. Se viene visualizzato nuova-
mente lo stesso messaggio, contattare il Servizio Clienti Abbott.

Backup del database su DVD


È possibile utilizzare la seguente procedura per la creazione di backup su
DVD+R di tutte le registrazioni del campione nel database o quando
richiesto da un rappresentante del Servizio Clienti Abbott.
ATTENZIONE: Quando si seguono le procedure nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire), sele-
zionare solo le opzioni del menu richieste dalla procedura. Non
selezionare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non
venga indicato espressamente da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

Tabella 2.15: Procedura per il backup del database su DVD

Operazione Fasi Risultato/commento

Preparazione 1. Procurarsi un DVD+R NOTA: Se si verifica un errore di applicazione durante


del backup del nuovo e vuoto. l’operazione, riavviare la stazione dati.
database su 2. Accertarsi che l'analizza-
DVD tore sia nello stato Pronto
o Attendere: Standby
come riportato nell'area
del pannello di Stato.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-51


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.15: Procedura per il backup del database su DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla 1. Selezionare il pulsante Viene chiusa la console dello schermo principale del
finestra Analizzatore> sul pannello CELL-DYN Sapphire e si accede alla finestra SAPPHIRE
SAPPHIRE di controllo. ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire).
ADMIN 2. Selezionare Preparaz.
UTILITIES allo spegnim. stazione
(utilità admin dati... dal menu.
Sapphire).
3. Dopo l'apparizione della
finestra PREPARAZIONE
ALLO SPEGNIMENTO
DELLA STAZIONE DATI
e della domanda [Sei
sicuro?], selezionare Sì
per chiudere il software.
4. Attendere che appaia la
finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
5. Quando appare la finestra
RESTART/SHUTDOWN
selezionare prima il
pulsante Restart Data
Station (riavvia stazione
dati) e poi OK.
6. Attendere che appaia la
finestra di LOGIN.
7. Digitare admin accanto al ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
prompt <Login:> e il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
premere il tasto Enter. Digi- operatore:> ma la procedura di login rimane invariata.
tare syssetup accanto al
prompt <Password:> e
premere il tasto Enter.

2-52 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.15: Procedura per il backup del database su DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Avviare il 1. Quando appare la finestra


backup del SAPPHIRE ADMIN UTILI-
database. TIES, selezionare il menu
Database e poi Backup to
DVD (backup su DVD).
2. Inserire un DVD nuovo e
vuoto nel relativo drive e NOTA: La durata della procedura di backup è di circa
premere il tasto Y sulla dieci (10) minuti e dipende dal tipo di DVD+R e dalla velo-
tastiera per dare avvio cità del relativo drive.
all'operazione di backup
del database.
NOTA: Per annullare l’opera-
zione, premere il tasto N sulla
tastiera, quindi premere il
tasto Enter per tornare alla
finestra SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES.
3. Quando compare il
messaggio [***Command
completed successfully
Press [Enter] to close
this window…]
(***comando completato
con successo. Premere
Enter per chiudere la fine- Esempio di backup su DVD concluso con successo:
stra), chiudere la finestra
premendo il tasto Enter.
4. Estrarre il DVD e chiudere
il drive.
5. Etichettare il DVD come
DVD di backup del data-
base riportando le
seguenti informazioni:
• Data
• Numero di serie
dell'analizzatore
• Versione software
6. Conservare il DVD in
luogo sicuro.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-53


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.15: Procedura per il backup del database su DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Ritornare alla 1. Nella SAPPHIRE ADMIN


console dello UTILITIES selezionare il
schermo prin- menu Exit e quindi Exit
cipale del Utility.
CELL-DYN 2. Attendere che appaia la
Sapphire. finestra di LOGIN.
3. Digitare cd accanto al Viene chiusa la finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
prompt <Login:>. (utilità admin Sapphire) e si accede alla console dello
NOTA: Se nella finestra schermo principale del CELL-DYN Sapphire.
DSOS compare un rapporto di ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
crash e la stazione dati il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
richiede il riavvio/spegnimento operatore:> ma la procedura di login rimane invariata.
dopo che il rapporto viene
visualizzato, seguire le istru-
zioni per il riavvio sullo
schermo. Verificare che la
banca dati sia stata ripristinata
esaminando le voci
dell’archivio dati attraverso la
visualizzazione dell’Archivio
dati.
4. Premere due volte il tasto
Enter per le versioni
software R2-5/R2-5B e
inferiori. Per le versioni
software v3 e superiori
premere una volta il tasto
Enter.
NOTA: Se appare il
messaggio <Offline>
nell'area del pannello di Stato,
rimanendovi per più di un
minuto, ciò significa che non si
è stabilita comunicazione fra
la stazione dati e l'analizza-
tore. Per stabilire una comuni-
cazione, riavviare la stazione
dati e l'analizzatore come
descritto nel Capitolo 5:
Istruzioni operative,
Sezione: Spegnimento e
accensione della stazione
dati e dell'analizzatore.

2-54 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Ripristino del database da DVD


La seguente procedura può essere utilizzata per ripristinare il database da
una versione di backup salvata su DVD.
ATTENZIONE: Quando si seguono le procedure nella finestra
SAPPHIRE ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire), sele-
zionare solo le opzioni del menu richieste dalla procedura. Non
selezionare nessun'altra opzione di menu a meno che ciò non
venga indicato espressamente da un rappresentante del Servizio
Clienti Abbott.

IMPORTANTE: La procedura RESTORE (ripristino) consente di


ripristinare le impostazioni (ad esempio, i limiti dei pazienti) che erano
attive al momento dell’ultimo backup. Qualora fossero state apportate
modifiche alle impostazioni successivamente all’ultimo backup, le
impostazioni devono essere verificate e modificate all’occorrenza.

Direttive per la procedura


• Tutte le registrazioni dei campioni nel presente database verranno
rimosse e sostituite con le registrazioni contenute nel DVD di
backup utilizzato per il ripristino.
NOTA: Prima di procedere con il ripristino dei dati, l'operatore deve veri-
ficare la data ed il numero di serie dello strumento contenuti nel DVD del
backup.

Tabella 2.16: Procedura per il ripristino del database dal DVD

Operazione Fasi Risultato/commento

Preparazione 1. Procurarsi il DVD di NOTA: Se si verifica un errore di applicazione durante


al ripristino del backup. l’operazione, riavviare la stazione dati.
database dal 2. Verificare che la data e il
DVD di backup numero di serie riportati sul
DVD corrispondano al
database che si intende
ripristinare.
3. Accertarsi che l'analizza-
tore sia nello stato Pronto o
Attendere: Standby come
riportato nell'area del
pannello di Stato.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-55


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.16: Procedura per il ripristino del database dal DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Accedere alla 1. Selezionare il pulsante Viene chiusa la console dello schermo principale del
finestra Analizzatore> sul pannello CELL-DYN Sapphire e si accede alla finestra SAPPHIRE
SAPPHIRE di controllo. ADMIN UTILITIES (utilità admin Sapphire).
ADMIN 2. Selezionare Preparaz. allo
UTILITIES spegnim. stazione dati...
(utilità admin dal menu.
Sapphire).
3. Dopo l'apparizione della
finestra PREPARAZIONE
ALLO SPEGNIMENTO
DELLA STAZIONE DATI e
della domanda [Sei
sicuro?], selezionare Sì
per chiudere il software.
4. Attendere che appaia la
finestra RESTART/
SHUTDOWN (riavvio/
spegnimento).
5. Quando appare la finestra
RESTART/SHUTDOWN
selezionare prima il
pulsante Restart Data
Station (riavvia stazione
dati) e poi OK.
6. Attendere che appaia la
finestra di LOGIN.
7. Digitare admin accanto al ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
prompt <Login:> e il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
premere il tasto Enter. operatore:> ma la procedura di login rimane
Digitare syssetup invariata.
accanto al prompt
<Password:> e premere il
tasto Enter.

2-56 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.16: Procedura per il ripristino del database dal DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Iniziare il 1. Quando appare la finestra


ripristino dei SAPPHIRE ADMIN
dati. UTILITIES, selezionare il
menu Database e poi
Restore from DVD
(ripristino da DVD).
NOTA: La durata della procedura di ripristino è di circa
2. Inserire il DVD di backup
dieci (10) minuti e dipende dal tipo di DVD+R e dalla
nel relativo drive e premere
velocità del relativo drive.
il tasto Y sulla tastiera per
dare avvio all'operazione di
ripristino del database.
NOTA: Per annullare
l’operazione, premere il tasto N
sulla tastiera, quindi premere il
tasto Enter per tornare alla
finestra SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES.
3. Verificare che la data di
creazione del DVD di
backup e il numero di serie
dello strumento che
Esempio:
compaiono nella finestra
RESTORE FROM DVD
(ripristina da DVD) si
riferiscano al database con
cui si desidera
sovrascrivere il database
attuale e premere il tasto Y
sulla tastiera per dare inizio
al ripristino dei dati.
NOTA: Per annullare l’opera-
zione, premere il tasto N sulla
tastiera, quindi premere il tasto
Enter per tornare alla finestra
SAPPHIRE ADMIN
UTILITIES.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-57


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.16: Procedura per il ripristino del database dal DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

4. Quando compare il Esempio di ripristino da DVD concluso con successo:


messaggio [***Command
completed successfully
Press [Enter] to close
this window…]
(***comando completato
con successo. Premere
Enter per chiudere la fine-
stra), chiudere la finestra
premendo il tasto Enter.
5. Estrarre il DVD di backup e
chiudere il drive.
6. Conservare il DVD in luogo
sicuro.

2-58 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.16: Procedura per il ripristino del database dal DVD (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Ritornare alla 1. Nella finestra SAPPHIRE


console dello ADMIN UTILITIES
schermo selezionare il menu Exit e
principale del quindi Exit Utility.
CELL-DYN 2. Attendere che appaia la
Sapphire. finestra di LOGIN.
3. Digitare cd accanto al Viene chiusa la finestra SAPPHIRE ADMIN UTILITIES
prompt <Login:>. (utilità admin Sapphire) e si accede alla console dello
NOTA: Se nella finestra DSOS schermo principale del CELL-DYN Sapphire.
compare un rapporto di crash e ✪ NOTA: Nelle versioni software v3 e superiori compare
la stazione dati richiede il il prompt <Utente> invece del prompt <Identif.
riavvio/spegnimento dopo che operatore:> ma la procedura di login rimane
il rapporto viene visualizzato, invariata.
seguire le istruzioni per il
riavvio sullo schermo. Verifi-
care che la banca dati sia stata
ripristinata esaminando le voci
dell’archivio dati attraverso la
visualizzazione dell’Archivio
dati.
4. Premere due volte il tasto
Enter per le versioni
software R2-5/R2-5B e infe-
riori. Per le versioni
software v3 e superiori
premere una volta il tasto
Enter.
NOTA: Se appare il messaggio
<Offline> nell'area del
pannello di Stato, rimanendovi
per più di un minuto, ciò signi-
fica che non si è stabilita comu-
nicazione fra la stazione dati e
l'analizzatore. Per stabilire una
comunicazione, riavviare la
stazione dati e l'analizzatore
come descritto nel Capitolo 5:
Istruzioni operative,
Sezione: Spegnimento e
accensione della stazione
dati e dell'analizzatore.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-59


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Pulsante Configurazione> e menu Configurazione


Il pulsante Configurazione> dà accesso al menu Configurazione,
contenente numerose opzioni di personalizzazione delle condizioni
operative del sistema. La seguente tabella elenca le selezioni possibili a
partire dal menu Configurazione e riassume le funzioni che possono
essere personalizzate.
NOTA: Quando viene aperta una delle finestre descritte in questo capi-
tolo, il cursore appare posizionato in uno dei campi di introduzione dei
dati (se presenti). Prima di digitare un carattere qualsiasi, spostare il
mouse all'estrema sinistra del campo desiderato e selezionare il campo
cliccandovi. Altrimenti non sarà possibile introdurvi alcun dato. Per ulte-
riori informazioni circa le funzioni del mouse e della tastiera e per una
descrizione dei pulsanti dello schermo fare riferimento al Capitolo 1: Uso
e funzioni, Sezione: Stazione dati.
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.
Tabella 2.17: Riassunto delle selezioni possibili dal menu Configurazione

Selezione Elementi personalizzabili

Serie dei parametri> Nome della serie dei parametri (fino a 16 serie differenti)
Informazioni visualizzate e stampate sul referto base:
Risultati numerici
Risultati in forma grafica
Serie dei valori limite
Informazioni visualizzate sul referto base/rapporto in formato grafica e
rapporto in formato ticket in bianco:
Indicatori di limite
Rapporto interpretativo
Tabella di lettura manuale della formula leucocitaria
NOTA: Il recupero dei dati di configurazione da una serie di parametri ed il
trasferimento ad un'altra serie di parametri è possibile con la finestra SERIE
DEI PARAMETRI.

Foglio di lavoro del Informazioni visualizzate e stampate sul foglio di lavoro del laboratorio†:
laboratorio... Formula leucocitaria a 5 popolazioni
Sottopopolazioni stimate†
Tabella di lettura manuale della formula leucocitaria
Risultati in forma grafica

Serie dei valori limite del Nome della serie dei valori limite del paziente
paziente> Limiti superiore ed inferiore per ciascun parametro (fino a otto serie differenti)
Reset dei limiti per riportarli sui valori di default predefiniti in fabbrica
NOTA: Il recupero dei dati di configurazione da una serie di valori limite del
paziente ed il trasferimento ad un altra è possibile con la finestra SERIE DEI
VALORI LIMITE DEL PAZIENTE.

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

2-60 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.17: Riassunto delle selezioni possibili dal menu Configurazione (continua)

Selezione Elementi personalizzabili

Dati anagrafici... Quattro intestazioni applicabili ai campi anagrafici definiti dall'utente.

Archivio dati... Informazioni relative alle serie di dati visualizzate e stampate sull'archivio dati
(fino a otto serie differenti):
Nome della serie di dati
Parametri della serie di dati
Dati anagrafici relativi alla serie di dati
Ordine di stampa dei parametri e dei dati anagrafici per i rapporti riassuntivi
dell'archivio dati

Controllo Delta... Attivazione o disattivazione del programma automatico


Criteri di corrispondenza (tempo trascorso fra due registrazioni, identifica-
zione del paziente)
Segnalazioni da controllare
Criteri di differenza: delta assoluto e percentuale

Lista di lavoro... Compilazione standard della lista di lavoro:


Tipo di campione
Sottotipo
Selezione del test
Serie dei parametri
Serie dei valori limite
Replicati
Opzioni per la creazione di voci nella lista di lavoro:
Campo correlato
ID campione
RRPP
Replicati

Programma medie mobili... Criteri di qualifica per ciascun parametro:


Range di accettazione
Valori previsti
Limiti operativi
Risultati numerici WBC:
Nome delle serie di dati
Visualizzazione delle serie di dati

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-61


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.17: Riassunto delle selezioni possibili dal menu Configurazione (continua)

Selezione Elementi personalizzabili

Archivio "Paired Tempo massimo consentito per la formazione delle coppie


Difference"... Attivazione/disattivazione dell'esclusione dei valori erratici
Criteri di esclusione dei valori erratici
Reset dei criteri di esclusione dei valori erratici per portarli sui valori di default.
Visualizzazione e stampa del file della differenza accoppiata:
Nome della serie di dati
Parametri della serie di dati
Dati anagrafici relativi alla serie di dati
Configurazione parametri principali su stampante

Arresto di funzione... Attivazione o disattivazione del blocco funzione secondo i seguenti criteri:
Violazione dei limiti del conteggio di background e/o delle serie dei valori
limite del controllo di qualità
Esclusione di due batch consecutivi dei programmi a medie mobili
Violazioni delle regole di Westgard

Stampa... Intestazioni per i rapporti in formato grafica e ticket in bianco


Dimensioni della carta
Opzioni per stampa automatica di rapporti in formato grafica ed in formato
ticket in bianco:
Attivazione/disattivazione
Stampa in bianco e nero o a colori
Specificare quali registrazioni stampare
Opzioni per la stampa su richiesta:
Referto base
Foglio di lavoro del laboratorio

Formato data/ora... Formato della data


Delimitatore della data

Formattazione delle unità... Tipo di unità visualizzato:


USA
SI
SI modificato

Selezione della lingua... Opzioni per il linguaggio di visualizzazione:


Lingua locale
Inglese

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

2-62 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.17: Riassunto delle selezioni possibili dal menu Configurazione (continua)

Selezione Elementi personalizzabili

Impostazione allarmi... Volume e durata dell'allarme acustico


NOTA: Il pulsante Test acustico non può venir personalizzato, dato che
dipende dalle selezioni operate per il volume e la durata dell'allarme acustico.

Lettore del codice a barre... Selezione del carattere o della cifra di controllo per il lettore del codice a barre
del campionatore automatico:
Interleaved 2 of 5
(intercalato 2 su 5)
Codabar
Code 39 (codice 39)
NOTA: Il Code 128 utilizza sempre un carattere o una cifra di controllo.

Computer host/trasmissione Attivazione o disattivazione della trasmissione automatica verso il sistema


automatica... del computer host
Attivazione o disattivazione del caricamento di voci della lista di lavoro dal
sistema del computer host
Attivazione o disattivazione della richiesta host per ID campione (che provoca
il caricamento di voci della lista di lavoro dal computer host)
Opzioni per i criteri del campione per la trasmissione automatica
Opzioni di trasmissione fra il sistema e il LIS (interfaccia seriale)
Trasmissione automatica di risultati CQ
Trasmissione automatica di risultati di background
NOTA: Il pulsante Test del connettore seriale è disponibile sulla finestra
CONFIGURAZIONE COMPUTER HOST/TRASMISSIONE
AUTOMATICA.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-63


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione delle serie di parametri


Una serie di parametri specifica i risultati in forma grafica e numerica che
vengono visualizzati e stampati sul referto base (la pagina del referto base
viene usata per rivedere i dati e i risultati. Per una spiegazione completa
di questa pagina fare riferimento al Capitolo 5: Istruzioni operative,
Sezione: Pagine del formato registrazione singola e Segnalazioni nel
formato registrazione singola). Si possono personalizzare un massimo di
16 serie di parametri per poi selezionarle ed utilizzarle con uno o più
campioni specificati. La finestra SERIE DEI PARAMETRI permette
all'operatore di:
• Assegnare un nome alla serie di parametri.
• Selezionare una combinazione di parametri a piacere per la visualiz-
zazione e la stampa dei risultati numerici.
• Selezionare un massimo di sei grafici da visualizzare e stampare.
• Specificare, per il rapporto in formato grafica, se il rapporto inter-
pretativo verrà visualizzato e stampato, se la tabella di lettura
manuale della formula leucocitaria verrà stampata, se gli indicatori
di limite per i rapporti in formato grafica verranno visualizzati e se
le serie di valori limite verranno stampate.
• Specificare per il rapporto in formato ticket in bianco se verrà stam-
pata la serie dei valori limite del paziente e quale elemento supple-
mentare (rapporto interpretativo o tabella di lettura manuale della
formula leucocitaria) verrà stampato.
• Recuperare i dati di configurazione di una serie di parametri per
passarli ad un'altra serie di parametri.
NOTA: Quello che viene visualizzato su o stampato dal foglio di lavoro
del laboratorio† viene determinato indipendentemente dalla serie di para-
metri selezionati per il referto base. Il foglio di lavoro del laboratorio
possiede la propria pagina di configurazione. Per informazioni relative a
questa finestra fare riferimento alla Sezione: Personalizzazione del foglio
di lavoro del laboratorio† in questo stesso capitolo.

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa


del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

2-64 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

La finestra SERIE DEI PARAMETRI presenta le seguenti aree:


• Un campo per l'inserimento e la visualizzazione del nome di una
serie di parametri (in alto a destra).
• L'area Risultati numerici, con pulsanti di selezione posti accanto
alla lista di parametri (a sinistra).
• L'area Referto schermo/Grafici della tabella laboratorio,
con i pulsanti di selezione per attivare la visualizzazione degli indi-
catori di limite, la stampa delle serie di valori limite, la visualizza-
zione e la stampa del rapporto interpretativo e la stampa della tabella
di lettura manuale della formula leucocitaria (in basso a sinistra).
NOTA: Il pulsante di selezione degli indicatori di limite controlla la
stampa delle serie di valori limite.

• L'area Ticket in bianco, con pulsanti di selezione e pulsanti radio


per attivare la stampa delle violazioni della serie di limiti del
paziente, del rapporto interpretativo e della tabella di lettura
manuale della formula leucocitaria (in basso al centro).
• Controlli per la selezione di grafici da visualizzare e stampare (a
destra).
• Un pulsante per l'avvio del recupero dei dati personalizzati da
un'altra serie di parametri (in basso a destra).
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

Figura 2.2: Finestra Serie dei parametri

✪ NOTA: Questa figura ha valore puramente esemplificativo e può


variare a seconda della versione software.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-65


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• Il nome di una serie di parametri può contenere fino a 16 caratteri.
Tale nome apparirà in tutti i menu contenenti serie di parametri.
• Quando un pulsante di selezione diventa verde, ciò vuol dire che il
parametro è stato selezionato ed il relativo risultato verrà visualiz-
zato e stampato sul referto base.
• Se un pulsante di selezione è spento, ciò vuol dire che il parametro
non è stato selezionato, e sul referto base apparirà uno spazio vuoto
al posto in cui avrebbero dovuto essere visualizzati il parametro ed
il relativo risultato.
• Possono essere selezionati un massimo di sei diagrammi di disper-
sione o di istogrammi da visualizzare e stampare nelle pagine del
formato registrazione singola.
• Per lasciare in bianco un'area grafica, selezionare la voce del menu
Nessun grafico.
• Se viene selezionata la voce WBC>, viene visualizzato un altro
menu. Selezionare un grafico da questo menu.
• Per un rapporto in formato ticket in bianco, è necessario selezionare
la stampa del rapporto interpretativo oppure della tabella di lettura
manuale della formula leucocitaria. L'operatore può inoltre
scegliere di stampare le violazioni della serie di limiti del paziente.
• È possibile applicare una serie di parametri differente a campioni
analizzati precedentemente. I nuovi parametri e le altre selezioni
personalizzate della serie di parametri vengono visualizzati sul
referto base.
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

Tabella 2.18: Personalizzazione della serie di parametri

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra SERIE DEI 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra SERIE
PARAMETRI desiderata. razione>. DEI PARAMETRI selezionata.
2. Selezionare SERIE DEI PARA-
METRI> dal menu.
3. Selezionare il numero della serie
di parametri da personalizzare.

Inserire o modificare il nome 1. Digitare il nome nel campo. Il nuovo nome apparirà in tutti i menu
della serie di parametri. 2. Premere il tasto Enter. che riportano le serie di parametri e in
tutti i campi relativi alle serie di para-
metri presenti in altre finestre.

2-66 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.18: Personalizzazione della serie di parametri (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Specificare i parametri visualiz- 1. Selezionare i pulsanti di sele- Le modifiche entrano in vigore non
zati sul referto base. zione relativi ai parametri deside- appena la serie di parametri in
rati nell'area Risultati numerici. questione viene applicata ad un
2. Selezionare i pulsanti di sele- campione.
zione per attivare o disattivare le
rimanenti opzioni.

Specificare il grafico visualiz- 1. Selezionare il pulsante <Selezio- Il grafico viene determinato o modifi-
zato. nare grafico> nell'area Grafici per cato secondo il grafico selezionato
visualizzare il primo grafico di tale nelle opzioni del menu. Il titolo del
area. grafico selezionato appare nel
2. Selezionare il grafico desiderato campo situato al di sopra dell'area
dal menu. dei grafici.
3. Ripetere le fasi 1 e 2 per gli altri
cinque grafici.

Specificare se si desidera la Selezionare i pulsanti di selezione e i Viene stabilita la visualizzazione


visualizzazione degli indicatori pulsanti radio posti nella parte infe- delle informazioni sul rapporto del
di limite, la stampa delle serie riore della finestra. campione del paziente - referto base.
di valori limite, del rapporto Viene stabilita la stampa delle serie di
interpretativo e della tabella di valori limite (utilizzando il pulsante di
lettura manuale della formula selezione per gli indicatori di limite) -
leucocitaria sul rapporto del referto base.
campione del paziente - referto
base.

Specificare le caratteristiche di Selezionare il pulsante di selezione Viene determinato se verranno stam-


stampa per i rapporti in formato ed il pulsante radio situati nell'area pate le serie dei valori limite (del
ticket in bianco. Ticket in bianco relativi alle informa- paziente o del controllo di qualità) e
zioni da stampare. quale elemento supplementare
(rapporto interpretativo o tabella di
lettura manuale della formula leuco-
citaria) verrà stampato.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione. nell'angolo inferiore destro della fine- vigore e la finestra viene chiusa.
stra.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla La finestra viene chiusa senza che
nell'angolo inferiore destro della alcuna modifica sia stata accettata.
finestra.

Recuperare i dati di configura- Vedere la procedura seguente. I dati di configurazione selezionati


zione di una serie di parametri vengono copiati da un'altra serie di
da un'altra serie di parametri. parametri.

✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del referto in formato ticket in bianco
e la stampante ticket.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-67


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Recupero dei dati da un'altra serie di parametri


Questa procedura inserisce le informazioni di configurazione di una serie
di parametri già esistente nella serie di parametri da personalizzare. Qual-
siasi dato già presente nella serie di parametri di destinazione verrà sovra-
scritto dai dati recuperati.

Figura 2.3: Finestra Recupero della serie dei parametri

NOTA: Il nome della serie di parametri NON viene recuperato durante


questa procedura. Esso potrà venir modificato nella finestra SERIE DEI
PARAMETRI come descritto nella procedura precedente.
Tabella 2.19: Recupero dei dati di una serie di parametri

Operazione Fasi Risultato/commento


Aprire la finestra SERIE DEI 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra SERIE
PARAMETRI per raggiungere razione>. DEI PARAMETRI selezionata.
la serie di parametri di desti- 2. Selezionare Serie dei para-
nazione. metri > dal menu.
3. Selezionare il numero corrispon-
dente alla serie di parametri di
destinazione.
Aprire la finestra RECUPERO Selezionare il pulsante Recupera... Viene visualizzata la finestra RECU-
DELLA SERIE DEI PARA- posto in basso a destra sulla fine- PERO DELLA SERIE DEI PARA-
METRI. stra. METRI.
Selezionare la serie di para- 1. Selezionare il pulsante Serie dei In tal modo viene specificata la serie
metri sorgente. parametri >. di parametri che costituisce la
2. Selezionare dal menu il nome o sorgente dei dati da recuperare.
il numero della serie di parametri
sorgente.
Recuperare le informazioni. Selezionare il pulsante OK nella I dati della serie di parametri
finestra RECUPERO DELLA SERIE sorgente vengono copiati e memo-
DEI PARAMETRI. rizzati al posto dei dati della serie di
parametri di destinazione.
I dati vengono memorizzati ed
accettati e la finestra RECUPERO
DELLA SERIE DEI PARAMETRI
viene chiusa.
Cancellare il recupero dei dati Selezionare il pulsante Annulla nella Il processo di recupero dei dati viene
di una serie di parametri. finestra RECUPERO DELLA SERIE cancellato e la finestra RECUPERO
DEI PARAMETRI. DELLA SERIE DEI PARAMETRI
viene chiusa.

2-68 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione del foglio di lavoro del laboratorio†


La finestra SETUP DEL FOGLIO DI LAVORO DEL LABORA-
TORIO permette all'operatore di:
• Selezionare un massimo di sei grafici da visualizzare e stampare sul
foglio di lavoro del laboratorio†.
• Selezionare se verrà stampata la tabella di lettura manuale della
formula leucocitaria sul rapporto in formato grafica.
• Specificare se verranno visualizzati i parametri della formula leuco-
citaria a cinque popolazioni o delle sottopopolazioni stimate.

Figura 2.4: Finestra Setup del foglio di lavoro del laboratorio

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-69


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• I grafici che non sono stati selezionati per il foglio di lavoro del
laboratorio† vengono visualizzati sulla pagina dei grafici. Per infor-
mazioni relative al rapporto grafico fare riferimento al Capitolo 5:
Istruzioni operative, Sezione: Pagine del formato registrazione
singola.
• Se è stata selezionata la visualizzazione delle sottopopolazioni
stimate, i nomi dei parametri vengono modificati. Per informazioni
relative al foglio di lavoro del laboratorio fare riferimento al
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Pagine del formato
registrazione singola.

Tabella 2.20: Personalizzazione del foglio di lavoro del laboratorio

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra SETUP DEL 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra
FOGLIO DI LAVORO DEL razione>. SETUP DEL FOGLIO DI LAVORO
LABORATORIO. 2. Selezionare FOGLIO DI DEL LABORATORIO.
LAVORO DEL LABORA-
TORIO... dal menu.

Specificare se si desidera la Selezionare il corrispondente Vengono visualizzati i risultati nume-


formula leucocitaria a cinque pulsante radio nell'area Formula. rici del tipo di parametro selezio-
popolazioni o le sottopopola- nato.
zioni stimate.

Stampare la tabella di lettura Selezionare il pulsante di selezione Viene attivata o disattivata la stampa
manuale della formula leuco- nell'area Referto grafico. della tabella di lettura manuale della
citaria. formula leucocitaria nei referti
grafici.

Specificare il grafico visualiz- 1. Selezionare il <Selezionare Il grafico viene cambiato in quello


zato. grafico> nell'area Grafici per selezionato dal menu. Il titolo del
visualizzare il primo grafico di grafico selezionato appare nel
tale area. campo situato al di sopra dell'area
2. Selezionare il grafico desiderato dei grafici.
dal menu.
3. Ripetere le fasi 1 e 2 per i rima-
nenti 5 grafici.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

2-70 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione delle serie dei valori limite del paziente


Le serie dei valori limite del paziente sono i limiti specificati per i risultati
numerici relativi a tutti i parametri. Possono essere configurate un
massimo di otto differenti serie di limiti del paziente da assegnare ai
campioni dei pazienti. Il sistema utilizza le serie di limiti del paziente per
determinare se un risultato presenta una violazione di limite e visualizza
le violazioni nel rispettivo colore (porpora o giallo). L'operatore può:
• Assegnare un nome a ciascuna serie di limiti del paziente.
• Eseguire un reset di tutti i limiti della serie riportandoli alle impo-
stazioni di default.
• Introdurre i valori inferiore e superiore che verranno usati come
limiti per ciascun parametro.
• Recuperare i dati di una sere di limiti del paziente e inserirli in
un'altra serie di limiti del paziente.
ANNOTAZIONI:
1. I limiti per i campioni di controllo di qualità (sia controlli commer-
ciali che controlli dei pazienti) vengono determinati tramite la
procedura di personalizzazione di ciascun file di controllo di qualità
e non tramite la serie di limiti del paziente. I limiti per i conteggi di
background non possono essere personalizzati.
2. Per ottenere una visualizzazione corretta delle segnalazioni relative
alle serie di valori limite del paziente per le sottopopolazioni stimate
(sul referto del laboratorio) è necessario introdurre i limiti sia asso-
luti che percentuali per i seguenti parametri: SEG†, BAND†, IG†,
BLST†, MONe†, LYMe† e VARL†.
3. Per potenziare la segnalazione di campioni con risultati per
l'emoglobina falsamente aumentati o diminuiti, non impostare il
limite inferiore MCHC al di sotto di 30 e il limite superiore MCHC
al di sopra di 38.

† Il significato clinico di questo parametro non è stato ancora stabilito. Pertanto in USA non è riportabile e viene fornito per
il solo uso in laboratorio.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-71


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

4. Si consiglia di utilizzare una serie di valori limite del paziente per


inserire i limiti d'azione specifici dello strumento del laboratorio. Se
l'opzione Rapporto interpretativo è attivata, i messaggi interpreta-
tivi, quali leucocitosi, anemia, trombocitopenia, ecc., saranno visua-
lizzati se un risultato cade al di fuori del limite appropriato. Se un
risultato non rientra entro un limite di azione del laboratorio, questo
può segnalare che è necessario che l'operatore segua un protocollo
di laboratorio, quale ripetere l'analisi del campione, informare il
medico o riesaminare lo striscio su vetrino. Nel caso in cui sia
presente una anormalità cellulare che alteri la morfologia cellulare
a tal punto che le cellule non rispettano i criteri utilizzati dallo stru-
mento per generare una segnalazione, i messaggi del rapporto inter-
pretativo nell'area del rapporto interpretativo potrebbero essere gli
unici messaggi ad avvertire l'operatore che il risultato può essere
erroneo.
5. I risultati numerici accompagnati dalle segnalazioni [ ], [>>>>] o
[<<<<] sono considerati violazioni delle serie di limiti. I risultati
numerici accompagnati dalla segnalazione [----] non sono conside-
rati violazioni delle serie di limiti.

Figura 2.5: Finestra Serie dei valori limite del paziente

2-72 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Direttive per la procedura


• Il nome della serie dei valori limite del paziente può contenere un
massimo di 16 caratteri.
• Il pulsante Reset dei valori predefiniti... riporta i valori della serie
di limiti del paziente selezionata alle impostazioni di default. I
valori esistenti andranno persi.
• Assicurarsi che tutti i campi contengano delle introduzioni; altri-
menti il sistema interpreta un campo in bianco come un valore zero
e visualizza un messaggio indicante che l'introduzione non è valida.
• Il sistema produrrà un messaggio di introduzione non valida se un
campo contiene caratteri non numerici, se il valore inferiore intro-
dotto è superiore o uguale al valore superiore o se il valore superiore
introdotto è inferiore o uguale al valore inferiore. Possono apparire
messaggi che assistono l'operatore nella correzione dei dati. Il
software può essere in grado di correggere il dato autonomamente,
oppure l'operatore può digitare nuovamente la cifra.
• I valori della serie di limiti del paziente introdotti per il parametro
PLT valgono per i risultati di PLTo, PLTi e CD61.
Tabella 2.21: Personalizzazione delle serie dei valori limite del paziente

Operazione Fasi Risultato/commento


Aprire la finestra SERIE DEI 1. Selezionare il pulsante Configura- Viene visualizzata la finestra
VALORI LIMITE DEL zione>. SERIE DEI VALORI LIMITE
PAZIENTE. 2. Selezionare Serie dei valori limite DEL PAZIENTE selezionata.
del paziente> dal menu.
3. Selezionare il numero della serie dei
valori limite del paziente da persona-
lizzare.
Introdurre o modificare il 1. Digitare il nome nel campo. Il nuovo nome introdotto appa-
nome della serie dei valori 2. Premere il tasto Enter. rirà non appena viene selezio-
limite del paziente. nato un menu contenente una
serie di limiti del paziente.
Introdurre o modificare i valori 1. Selezionare il campo Basso o Alto Vengono stabiliti nuovi valori per
limite. relativo al parametro. la serie dei valori limite del
2. Digitare un nuovo valore o modificare paziente (se necessario, utiliz-
il valore presente nel campo. zare i controlli di scorrimento
3. Premere il tasto Enter per confermare per visionare ulteriori para-
il nuovo valore. metri).
4. Ripetere le fasi 1 - 3 per i valori desi-
derati di ogni altro parametro.
Eseguire un reset dei valori 1. Selezionare il pulsante Reset dei I valori esistenti al momento
della serie dei limiti del valori predefiniti... che si trova sotto nella serie dei valori limite del
paziente riportandoli alle la lista dei parametri. paziente in questione vengono
impostazioni di default. 2. Selezionare il pulsante Sì della fine- sostituiti con i valori di default.
stra di conferma per eseguire il reset,
oppure il pulsante No per cancellare.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-73


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.21: Personalizzazione delle serie dei valori limite del paziente (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento


Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano
nuove selezioni. in vigore e la finestra viene
chiusa.
Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza
che alcuna modifica sia stata
accettata.
Recuperare i dati di un'altra Vedere la procedura seguente. I dati di configurazione vengono
serie dei valori limite del recuperati e inseriti nella serie
paziente passandoli alla serie dei valori limite del paziente da
attuale. personalizzare.

Recupero dei dati di un'altra serie dei valori limite del paziente
Questa procedura recupera i dati di configurazione di una serie di limiti
del paziente già esistente e li inserisce nella serie di limiti del paziente da
personalizzare, eliminando così la necessità di digitarli di nuovo. Qual-
siasi dato già presente nella serie di limiti del paziente di destinazione
verrà sovrascritto dai dati recuperati.

Figura 2.6: Finestra Recupero della serie dei limiti

NOTA: Il nome della serie dei valori limite del paziente (sorgente) NON
viene recuperato durante questa procedura. Esso potrà venir modificato
manualmente nella finestra SERIE DEI VALORI LIMITE DEL
PAZIENTE come descritto nella procedura precedente.

2-74 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.22: Recupero di una serie dei valori limite del paziente

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra SERIE DEI 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra SERIE
VALORI LIMITE DEL razione>. DEI VALORI LIMITE DEL
PAZIENTE per selezionare la 2. Selezionare Serie dei valori PAZIENTE selezionata.
serie dei valori limite del limite del paziente> dal menu.
paziente di destinazione.
3. Selezionare il numero corrispon-
dente alla serie dei valori limite
del paziente di destinazione.

Aprire la finestra RECUPERO Selezionare il pulsante Recupera la Viene visualizzata la finestra


DELLA SERIE DEI LIMITI. serie dei limiti.... RECUPERO DELLA SERIE DEI
LIMITI.

Selezionare la serie dei valori 1. Selezionare il pulsante Serie dei Viene specificata la serie dei valori
limite del paziente sorgente. valori limite>. limite del paziente che fornirà i dati
2. Selezionare il nome o il numero da recuperare.
della serie dei valori limite del
paziente sorgente dal menu.

Recuperare le informazioni. Selezionare il pulsante OK nella I dati della serie dei valori limite del
finestra RECUPERO DELLA SERIE paziente (sorgente) vengono recu-
DEI LIMITI. perati e trascritti nella serie dei valori
limite del paziente di destinazione.
I dati vengono memorizzati e la fine-
stra RECUPERO DELLA SERIE
DEI LIMITI viene chiusa.

Cancellare il recupero della Selezionare il pulsante Annulla nella Il recupero viene annullato e la fine-
serie dei valori limite del finestra RECUPERO DELLA SERIE stra RECUPERO DELLA SERIE
paziente. DEI LIMITI. DEI LIMITI viene chiusa.

Chiudere la finestra SERIE Selezionare il pulsante OK. La finestra SERIE DEI VALORI
DEI VALORI LIMITE DEL LIMITE DEL PAZIENTE viene
PAZIENTE. chiusa.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-75


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Definizione delle intestazioni anagrafiche


Il sistema CELL-DYN Sapphire fornisce quattro campi anagrafici definiti
dall'utente, nei quali possono venire memorizzate e visualizzate informa-
zioni speciali (ad esempio, le condizioni cliniche) riguardanti un
campione. Le intestazioni vengono anche trasmesse al sistema del
computer host insieme alle informazioni contenute nei campi. Una volta
stabilite, le intestazioni di tali campi appariranno per intero (per un
massimo di 16 caratteri) nella maggior parte degli archivi e delle finestre.
NOTA: A causa dei limiti di spazio, sul foglio di lavoro del laboratorio e
sul referto base vengono visualizzati e stampati solo 12 caratteri.

Figura 2.7: Finestra Configurazione dei dati anagrafici

NOTA: Nell'archivio dati e nella lista di lavoro non appaiono le intesta-


zioni complete, che vengono invece abbreviate in sigle (DEFA, DEFB,
DEFC e DEFD).

La personalizzazione delle serie di dati nei vari archivi controllerà anche


la visualizzazione delle intestazioni in forma di sigla e dei campi anagra-
fici. Per informazioni su come visualizzare i campi relativi ai dati anagra-
fici negli altri archivi, fare riferimento alla procedura specifica di perso-
nalizzazione dei singoli archivi. Tali campi e le relative intestazioni in
altre finestre (ad esempio nella finestra INTRODUZIONE LISTA DI
LAVORO e nella finestra CONFIGURAZIONE DEL CAMPIONE
SUCCESSIVO) vengono sempre visualizzati quando la finestra è aperta.
Per personalizzare le intestazioni dei campi demografici definiti
dall'utente utilizzare la seguente procedura.

2-76 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.23: Personalizzazione delle intestazioni anagrafiche definite dall'utente

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFI- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


GURAZIONE DEI DATI razione>. CONFIGURAZIONE DEI DATI
ANAGRAFICI. 2. Selezionare DATI ANAGRA- ANAGRAFICI.
FICI... dal menu.

Personalizzare la prima inte- 1. Selezionare il campo di testo Viene creato il nome dell'intesta-
stazione. che si trova al di sotto dell'inte- zione.
stazione.
2. Digitare il nome.
3. Premere il tasto Enter.

Personalizzare ulteriori inte- Ripetere le fasi dell'Operazione: Vengono creati i nomi per le altre
stazioni. Personalizzare la prima intestazione intestazioni.
riportata in questa stessa tabella.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-77


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione dell'archivio dati


La visualizzazione dell'archivio dati può essere personalizzata dispo-
nendo risultati relativi ai parametri, segnalazioni, dati anagrafici e infor-
mazioni di analisi in gruppi di serie di dati. Esistono otto serie di dati, sette
delle quali possono venire personalizzate. Le serie di dati possono poi
venire selezionate per essere esaminate. I parametri individuali e le cate-
gorie anagrafiche (per un massimo di 17) possono venire selezionate per
essere stampate nel rapporto riassuntivo dell'archivio dati. Per ulteriori
informazioni relative all'archivio dati fare riferimento al Capitolo 5:
Istruzioni operative, Sezione: Archivio dati.
NOTA: Il risultato PLTo funge da risultato PLT, a meno che non sia stato
eseguito il dosaggio CD61, il cui risultato viene in questo caso usato come
risultato PLT.

La finestra CONFIGURAZIONE DELL'ARCHIVIO DATI comprende


tre aree principali:
• L'area Parametri configurabili contenente pulsanti corrispon-
denti ai parametri e alle categorie anagrafiche che possono venir
selezionati per la visualizzazione e la stampa.
• L'area Configurazione parametri a video contenente i pulsanti
Serie dati, i campi per assegnare i nomi alle serie di dati e il conte-
nuto delle serie di dati.
• L'area Configurazione parametri principali su stampante,
che riporta i campi Serie dati che possono venir stampati nel
rapporto riassuntivo dell'archivio dati.

Figura 2.8: Finestra Configurazione dell'archivio dati

2-78 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Direttive per la procedura


• Ciascun campo presente nell'area Configurazione parametri a
video rappresenta l'intestazione di una colonna nella finestra
ARCHIVIO DATI.
• Le intestazioni delle colonne appaiono nell'archivio dati nell'esatto
ordine, da sinistra verso destra, specificato nell'area Configura-
zione parametri a video.
• Al momento della consegna del sistema da parte della fabbrica, tutte
le otto serie di dati contengono voci di default. Le prime sette serie
di dati possono essere personalizzate a piacere. La serie di dati 8 è
riservata al nome, sesso, data di nascita ed età del paziente, e non
può venir personalizzata; è però possibile assegnarle un nome.
• Per lasciare in bianco una voce, usare il pulsante Vuota al posto di
un'introduzione.
Tabella 2.24: Personalizzazione di base della visualizzazione dell'archivio dati

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra 1. Selezionare il pulsante Configurazione>. Viene visualizzata la finestra


CONFIGURAZIONE 2. Selezionare Archivio dati... dal menu. CONFIGURAZIONE
DELL'ARCHIVIO DATI. DELL'ARCHIVIO DATI.

Introdurre o modificare il 1. Selezionare il campo di testo che si trova al Una o più serie di dati ricevono
nome della serie dati. di sotto del campo Serie dati desiderato un nome per la prima volta o il
nell'area Configurazione parametri a loro nome viene cambiato. Il
video. nome appare poi nell'archivio
2. Digitare o sovrascrivere il nome Serie dati. dati al di sotto del pulsante
numerato Serie dati.
3. Premere il tasto Enter.
4. Ripetere le fasi da 1 a 3 per cambiare il
nome di un'altra serie di dati.

Visionare i campi attuali Selezionare il pulsante corrispondente alla Vengono visualizzati i campi
in una serie di dati. serie di dati desiderati nell'area Configura- compresi nella serie di dati
zione parametri a video. selezionata.

Modificare una o più voci 1. Selezionare il pulsante corrispondente alla Vengono selezionati i campi
in una serie di dati. serie di dati desiderati nell'area Configura- delle serie di dati da modifi-
zione parametri a video. care ed elementi dell'area
2. Selezionare il parametro o il dato anagra- Parametri configurabili
fico nell'area Parametri configurabili. vengono copiati nell'area
Configurazione parametri a
3. Selezionare nell'area Configurazione
video.
parametri a video la posizione in cui si
desidera che venga collocata la voce sele-
zionata.
4. Ripetere le fasi 2 e 3 per ciascun ulteriore
elemento.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-79


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.24: Personalizzazione di base della visualizzazione dell'archivio dati (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Cancellare una voce 1. Selezionare il pulsante corrispondente alla Le selezioni esistenti nel
dalla serie di dati (dalla serie di dati desiderati nell'area Configura- campo <Serie dati> vengono
configurazione della zione parametri a video. cancellate e il campo rimane
visualizzazione o del 2. Selezionare il pulsante Vuota nell'area in bianco.
rapporto riassuntivo). Parametri configurabili.
3. Selezionare la posizione nell'area Confi-
gurazione parametri a video in cui si trova
la voce da cancellare.

Memorizzare ed attivare Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni


le nuove selezioni. entrano in vigore e la finestra
viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza
che alcuna modifica sia stata
accettata.

2-80 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione del rapporto riassuntivo dell'archivio dati


Nel rapporto riassuntivo dell'archivio dati possono venir stampati un
massimo di 17 parametri e/o di categorie anagrafiche. La configurazione
di questo rapporto non deve necessariamente coincidere con nessuna serie
di dati. I campi possono venir inseriti manualmente oppure copiati auto-
maticamente da una serie di dati.

Direttive per la procedura


Quando viene selezionato il pulsante Configurazione parametri a video
su stampante, i campi della serie di dati attivata vengono copiati nelle
prime 10 posizioni dell'area Configurazione parametri principali su
stampante. Le sette voci rimanenti possono essere lasciate come sono o
modificate manualmente.

Tabella 2.25: Personalizzazione del rapporto riassuntivo dell'archivio dati

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


CONFIGURAZIONE razione>. CONFIGURAZIONE
DELL'ARCHIVIO DATI. 2. Selezionare ARCHIVIO DATI... DELL'ARCHIVIO DATI.
dal menu.

Modificare manualmente uno Vedere l'operazione: Modificare una Viene effettuata la personalizza-
o più elementi di una serie di o più voci in una serie di dati nella zione manuale della configurazione
dati nella configurazione della tabella precedente. della stampante.
stampante.

Cancellare una voce dall'area 1. Selezionare il pulsante Vuota Le selezioni vengono cancellate
Configurazione parametri nell'area Parametri configura- dall'area Configurazione para-
principali su stampante. bili. metri principali su stampante.
2. Selezionare nell'area Configu-
razione parametri principali su
stampante la posizione da
cancellare.

Copiare una serie di dati nella 1. Selezionare nell'area Configu- Le voci contenute nella serie di dati
configurazione della stam- razione parametri a video il vengono copiate nelle prime 10
pante. pulsante della serie di dati da posizioni dell'area Configurazione
copiare. parametri principali su stam-
2. Selezionare il pulsante Configu- pante. I sette campi rimanenti
razione parametri a video su stam- devono essere selezionati manual-
pante. mente.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-81


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione del controllo delta


La personalizzazione del controllo delta permette di fissare i seguenti
elementi:
• Esecuzione automatica del controllo delta.
• Numero massimo di giorni consentito fra registrazioni per il
controllo delta.
• Quali criteri di identificazione vengono utilizzati per accoppiare i
campioni.
• Quali parametri vengono inclusi nel controllo delta.
• I delta assoluti e percentuali massimi consentiti che permettono alla
registrazione di superare il controllo delta.
• Quali segnalazioni devono essere utilizzate come criteri di
confronto per i campioni accoppiati.
NOTA: La segnalazione della popolazione sospetta IR è obsoleta.
• La personalizzazione viene eseguita tramite la finestra DELTA
CHECK.

Figura 2.9: Finestra Configurazione Delta Check

NOTA: Per ulteriori informazioni circa la personalizzazione delle


ricerche del controllo delta per risultati numerici e segnalazioni, fare rife-
rimento al Capitolo 11: Controllo di qualità, Sezione: Analisi del
controllo delta.

2-82 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Direttive per la procedura


• Il formato del delta assoluto è lo stesso usato per il risultato nume-
rico di un parametro e viene presentato nella stessa unità di misura.
Il formato del delta percentuale è xx.x %.
• Il laboratorio può utilizzare i delta assoluto e percentuale fissati per
default oppure personalizzarli. Possono venire introdotti il delta
assoluto e il delta percentuale di qualsiasi parametro selezionato.
• Introdurre i criteri delta assoluto e percentuale solo per il risultato
numerico del conteggio delle piastrine; infatti tali valori vengono
usati per controllare i risultati numerici sia del parametro PLTo che
del parametro CD61.
NOTA: Non selezionare il parametro PLTo da includere nell'analisi
del controllo delta.
Tabella 2.26: Personalizzazione del controllo delta

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra DELTA 1. Selezionare il pulsante Configura- Viene visualizzata la finestra


CHECK. zione >. DELTA CHECK.
2. Selezionare CONTROLLO DELTA...
dal menu.

Attivare/disattivare il Selezionare il pulsante Campione succes- Il controllo delta automatico viene


controllo delta automa- sivo automatico sulla sommità della fine- acceso o spento.
tico. stra.

Introdurre o modificare il 1. Selezionare il campo <Tempo Viene specificato il numero


numero massimo di giorni massimo tra record (1-999 giorni)> massimo di giorni che possono
fra le registrazioni. direttamente sotto l'area Criteri di trascorrere fra le coppie di
correlazione. campioni abbinate.
2. Digitare il numero di giorni.

Specificare i criteri di Selezionare il pulsante radio nell'area Vengono specificati i criteri di iden-
accoppiamento. Criteri di correlazione. tificazione del paziente da usare
come parametri di abbinamento.

Modificare i criteri di delta 1. Selezionare il campo <Delta asso- Vengono modificati i valori predi-
assoluto e percentuale luto> o <% Delta> per il parametro sposti per il delta assoluto e
per i risultati numerici. dell'area Criteri di differenza che percentuale di un parametro.
richiede modifiche. NOTA: Vedere il terzo punto delle
2. Digitare il nuovo criterio. direttive riportate sopra.
3. Premere il tasto Enter.
4. Ripetere le fasi da 1 a 3 per ciascun
campo da modificare.

Selezionare i parametri Selezionare i pulsanti di selezione nella Vengono contrassegnati i para-


inclusi nel controllo delta. colonna Calc pe (calcolo per), che si trova metri che il sistema includerà nel
alla destra della colonna Parametri controllo delta.
nell'area Criteri di differenza. NOTA: Vedere il terzo punto delle
direttive riportate sopra.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-83


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.26: Personalizzazione del controllo delta (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Selezionare le segnala- Selezionare i pulsanti di selezione deside- Vengono contrassegnate le segna-


zioni comprese nel rati nell'area Segnalazioni. lazioni che il sistema dovrà usare
controllo delta. come criteri di confronto per il
superamento o il fallimento del
controllo delta.

Memorizzare ed attivare Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


le nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
siano state apportate modifiche.

2-84 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della compilazione standard della lista di lavoro


Le condizioni di trattamento di default (ad esempio selezione di test, serie
di parametri, serie dei valori limite), chiamate compilazione standard
della lista di lavoro, vengono applicate ai campioni quando non esistono
abbinamenti con le introduzioni nella lista di lavoro.
NOTA: La lista di lavoro è sempre in funzione e la compilazione standard
della lista di lavoro è sempre disponibile come condizione di default.
Quando il sistema analizza i campioni nella modalità a campione aperto,
se si ordina al sistema di effettuare una ricerca nella lista di lavoro,
quest'ultima funziona come nella modalità a campionatore automatico.
Per informazioni di base riguardanti il comportamento della lista di
lavoro, fare riferimento al Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione:
Introduzione alla lista di lavoro, prima di personalizzare una qualsiasi
impostazione.

Le selezioni situate nella parte superiore della finestra CONFIGURA-


ZIONE LISTA DI LAVORO permettono di specificare esattamente le
condizioni di trattamento desiderate come default che verranno applicate
durante l'analisi dei campioni con il campionatore automatico.

Figura 2.10: Finestra Configurazione lista di lavoro

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-85


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• Le selezioni nel menu dell'area Compilazione standard della
lista di lavoro variano a seconda del tipo di campione selezionato.
• Può essere selezionato un controllo di qualità come tipo di
campione, un numero di replicati maggiore di uno (solo nella moda-
lità a campionatore automatico) e altre condizioni, in modo che il
laboratorio possa analizzare replicati o eseguire studi specialistici.
Al termine degli studi, rammentarsi di riportare le impostazioni a
quelle tipiche del laboratorio prima di analizzare campioni di
pazienti.
• L'introduzione nel campo <Replicati> dell'area Compilazione
standard della lista di lavoro funge da impostazione di default
se non esiste abbinamento con nessuna introduzione della lista di
lavoro.

Tabella 2.27: Personalizzazione della compilazione standard della lista di lavoro

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGU- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


RAZIONE LISTA DI razione>. CONFIGURAZIONE LISTA DI
LAVORO. 2. Selezionare Lista di lavoro... LAVORO.
dal menu.

Specificare le condizioni stan- 1. Selezionare il pulsante a lato Vengono personalizzate le condi-


dard di trattamento. delle condizioni (Tipo di zioni di trattamento per tutte le
campione, Sottotipo, Selezione analisi di campioni dei pazienti che
del test, Serie dei parametri, Serie non sono abbinate a nessuna voce
dei valori limite) nell'area nella lista di lavoro.
Compilazione standard della
lista di lavoro della finestra per
visualizzare il menu.
2. Selezionare la voce del menu
desiderata.
3. Ripetere le fasi 1 e 2 per altre
condizioni.
4. Se necessario, selezionare il
campo <Replicati (1-5)>, digi-
tare il numero desiderato di repli-
cati e premere il tasto Enter.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

2-86 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della lista di lavoro per la


creazione di nuove introduzioni
Utilizzando la parte inferiore della finestra CONFIGURAZIONE LISTA
DI LAVORO, l'operatore può specificare in che modo determinate impo-
stazioni debbano essere visualizzate ogni volta che viene creata una nuova
introduzione nella lista di lavoro tramite la finestra INTRODUZIONE
LISTA DI LAVORO. Si può stabilire quanto segue:
• Se il campo correlato selezionato deve essere riportato a ID
campione o a RRPP (portaprovette e posizione della provetta) ogni
volta che viene aperta la finestra INTRODUZIONE LISTA DI
LAVORO oppure se deve mantenere l'impostazione selezionata al
momento dell'ultima introduzione manuale eseguita nella lista di
lavoro.
• Se il campo <ID campione> deve essere azzerato (appare vuoto)
oppure automaticamente incrementato di un'unità ogni volta che
viene aperta la finestra INTRODUZIONE LISTA DI LAVORO.
• Se il campo <RRPP> deve essere vuoto o riportare l'introduzione
precedente ogni volta che si apre la finestra INTRODUZIONE
LISTA DI LAVORO.
• Se il numero di analisi replicate deve rimanere quello dell'ultima
introduzione manuale nella lista oppure se sarà sempre uno ogni
volta che viene aperta la finestra INTRODUZIONE LISTA DI
LAVORO.

NOTA: La personalizzazione di tali opzioni secondo le proprie necessità


permette di effettuare più velocemente le introduzioni manuali nella lista
di lavoro. Le opzioni non controllano quello che viene digitato o selezio-
nato nella finestra INTRODUZIONE LISTA DI LAVORO. Le opzioni
relative alle introduzioni possono venir modificate in qualsiasi momento.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-87


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• Se viene selezionato il pulsante Incr. Autom. per l'ID campione i
numeri presenti in questo campo verranno incrementati automatica-
mente di un'unità ogni volta che viene aperta la finestra INTRODU-
ZIONE LISTA DI LAVORO. Questo procedimento elimina la
necessità di digitare i numeri nel caso in cui il laboratorio crei liste
di lavoro sequenziali.
• Se il laboratorio crea liste di lavoro con analisi replicate, selezionare
il pulsante Ultima introduzione per tale opzione. Il sistema ripeterà
così quello che è stato specificato per la precedente introduzione
eseguita nella lista di lavoro.

Tabella 2.28: Personalizzazione della lista di lavoro per la creazione di nuove introduzioni

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGU- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


RAZIONE LISTA DI razione>. CONFIGURAZIONE LISTA DI
LAVORO. 2. Selezionare Lista di lavoro... LAVORO.
dal menu.

Specificare le impostazioni dei Selezionare il pulsante radio ID Vengono selezionate le imposta-


campi correlati. campione, RRPP, o Ultima introdu- zioni di default per gli abbinamenti
zione al di sotto dell'intestazione delle introduzioni manuali nella lista
Campo correlato nell'area Opzioni di lavoro.
di introduzione.

Specificare la numerazione Se il pulsante radio ID campione è Viene stabilito se il campo <ID


del campo <ID campione> o stato selezionato nella fase prece- campione> viene visualizzato in
<RRPP>. dente, selezionare Cancella o Incr. bianco oppure se i numeri vengono
autom. posti sotto l'intestazione ID incrementati di uno a ciascuna intro-
campione. duzione nuova nella lista di lavoro.

Se il pulsante radio RRPP è stato Si determina se il campo <RRPP>


selezionato in una fase precedente, rimane vuoto o se presenta i numeri
selezionare Cancella o Ultima intro- dell'introduzione precedente.
duzione posti sotto l'intestazione NOTA: Questa opzione di numera-
RRPP. zione può essere specificata solo se
è stato selezionato il pulsante RRPP
nella fase precedente.

Specificare il numero dei repli- Selezionare il pulsante radio Ultima Viene stabilito se l'impostazione
cati. introduzione o Sempre 1, posti visualizzata sarà quella specificata
entrambi al di sotto dell'intestazione per l'ultima introduzione nella lista di
Analisi dei replicati. lavoro oppure se sarà 1.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

2-88 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione dei programmi a medie mobili


La Abbott raccomanda di utilizzare le impostazioni di default per i primi
20 batch di campioni che vengono inclusi nell'analisi dei programmi a
medie mobili. I programmi a medie mobili di solito non richiedono parti-
colare personalizzazione, ma possono venir regolati una volta raccolti ed
analizzati i dati riguardanti la popolazione tipica del laboratorio. Ciascun
programma può venir personalizzato singolarmente.
Questa sezione descrive la procedura di personalizzazione per tutti i
programmi a medie mobili e le operazioni specifiche per il programma a
medie mobili per i leucociti.
Possono venir personalizzate le seguenti caratteristiche di tutti i
programmi a medie mobili:
• Attivazione o disattivazione del programma (tramite la finestra
PROGRAMMA MEDIE MOBILI, accessibile tramite il pulsante
QC>).
• Range superiore e inferiore di accettabilità per ciascun parametro.
• Valori previsti per ciascun parametro.
• Limiti operativi per ciascun parametro.

Figura 2.11: Finestra Configurazione programma medie mobili

Le procedure descritte qui di seguito vengono eseguite tramite la finestra


CONFIGURAZIONE PROGRAMMA MEDIE MOBILI.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-89


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• I valori previsti devono venir adattati a ciascuna popolazione di
pazienti del laboratorio. Per le direttive per X-B e altri programmi a
medie mobili fare riferimento al Capitolo 11: Controllo di qualità,
Sezione: Programmi a medie mobili.
• L'ampiezza tipica dei range di accettabilità può variare da un
programma a medie mobili all'altro. Per informazioni più specifiche
circa la personalizzazione di questi range fare riferimento al
Capitolo 11: Controllo di qualità, Sezione: Principi delle analisi a
medie mobili.

Tabella 2.29: Personalizzazione dei programmi a medie mobili

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGU- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


RAZIONE PROGRAMMA razione>. CONFIGURAZIONE
MEDIE MOBILI. 2. Selezionare Programma medie PROGRAMMA MEDIE MOBILI.
mobili... dal menu.

Selezionare il programma da Selezionare uno dei pulsanti corri- Viene visualizzata una finestra di
personalizzare. spondenti ai programmi a medie configurazione relativa al
mobili situati alla sommità della fine- programma selezionato che
stra. permette di modificare le imposta-
zioni.

Modificare i criteri di qualifica- 1. Selezionare il campo che I range di accettabilità, i valori


zione. richiede la modifica nell'area previsti o i limiti operativi vengono
Criteri di qualifica. modificati.
2. Digitare il nuovo criterio.
3. Premere il tasto Enter.
4. Ripetere le fasi da 1 a 3 per tutti
i campi da modificare.

Personalizzare un altro 1. Selezionare un altro pulsante Viene visualizzata una finestra di


programma a medie mobili. Programma medie mobili. configurazione relativa al
2. Seguire le istruzioni dell'opera- programma selezionato che
zione: Modificare i criteri di quali- permette di modificare le imposta-
ficazione riportata in questa zioni.
stessa tabella.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
siano state apportate modifiche.

2-90 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della visualizzazione dei programmi a medie mobili per i leucociti


Il programma a medie mobili per i leucociti deve essere personalizzato
seguendo le procedure descritte in precedenza. Dato che in questo
programma vengono analizzati più di 10 parametri mentre possono venire
visualizzati solo 10 parametri alla volta, il laboratorio può personalizzare
anche la visualizzazione della finestra PROGRAMMA MEDIE MOBILI
WBC. I parametri possono venir assegnati alle diverse serie di dati
secondo necessità. Le selezioni effettuate per la personalizzazione
vengono applicate automaticamente ai grafici Levey-Jennings relativi al
programma a medie mobili per i leucociti.

Figura 2.12: Finestra Configurazione risultati numerici WBC

Direttive per la procedura


• Questa finestra viene personalizzata allo stesso modo delle visualiz-
zazioni dell'archivio dati, dei file di controllo di qualità e di altri file
di dati. In una serie di dati possono venir visualizzati un massimo di
10 parametri.
• I grafici mostrati nella finestra GRAFICI LEVEY-JENNINGS per
il programma a medie mobili per i leucociti corrispondono ai para-
metri specificati per le serie di dati nella finestra CONFIGURA-
ZIONE RISULTATI NUMERICI WBC.
• Per lasciare in bianco una voce, utilizzare il pulsante Vuota nell'area
Voci della serie dei dati invece di selezionare un'altra voce.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-91


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.30: Personalizzazione della visualizzazione dei programmi a medie mobili WBC

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGU- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


RAZIONE PROGRAMMA razione>. CONFIGURAZIONE
MEDIE MOBILI. 2. Selezionare PROGRAMMA PROGRAMMA MEDIE MOBILI
MEDIE MOBILI... dal menu. principale.

Specificare il programma a 1. Selezionare il pulsante WBC Viene visualizzata la finestra


medie mobili per i leucociti da posto sulla sommità della fine- CONFIGURAZIONE RISULTATI
personalizzare. stra. NUMERICI WBC.
2. Selezionare il pulsante Configu-
razione schermo... situato in
basso a sinistra nella finestra.

Introdurre o modificare il 1. Selezionare il campo di testo al Il nome viene introdotto o modificato


nome della serie dati. di sotto del pulsante Serie dati. e i dati vengono accettati.
2. Digitare il nome desiderato per la
serie di dati.
3. Premere il tasto Enter.

Modificare la visualizzazione 1. Selezionare il pulsante Serie dati Il contenuto della visualizzazione


di una serie di dati. corrispondente alla serie di dati delle serie di dati viene modificato,
da modificare. copiando i parametri selezionati
2. Selezionare un pulsante relativo nell'area Configurazione visualiz-
ad un parametro nell'area Voci zazione schermo.
della serie dei dati.
3. Selezionare nell'area Configu-
razione visualizzazione
schermo la posizione in cui
l'elemento deve essere copiato.
4. Ripetere le fasi 2 e 3 per ciascun
ulteriore parametro.

Modificare la visualizzazione 1. Selezionare un altro pulsante Viene modificato il contenuto della


di un'altra serie di dati. Serie dati. visualizzazione di un'altra serie di
2. Seguire le istruzioni dell'opera- dati.
zione: Modificare la visualizza-
zione di una serie di dati in
questa stessa tabella.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


modifiche apportate nella fine- vigore, la finestra CONFIGURA-
stra CONFIGURAZIONE ZIONE RISULTATI NUMERICI
RISULTATI NUMERICI WBC. WBC viene chiusa e viene visualiz-
zata la finestra CONFIGURAZIONE
PROGRAMMA MEDIE MOBILI.

2-92 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.30: Personalizzazione della visualizzazione dei programmi a medie mobili WBC (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra CONFIGURAZIONE


RISULTATI NUMERICI WBC viene
chiusa senza che siano state appor-
tate modifiche.

Chiudere la finestra CONFI- Selezionare il pulsante OK. Le modifiche vengono memorizzate


GURAZIONE PROGRAMMA e la finestra viene chiusa.
MEDIE MOBILI.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-93


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione del programma di analisi


della differenza accoppiata
La personalizzazione del programma di analisi della differenza accop-
piata consente di effettuare quattro tipi di intervento:
• Specificare l'intervallo massimo che può trascorrere fra le registra-
zioni di una coppia.
• Determinare se attivare o meno l'esclusione dei valori fuori range.
• Rivedere e modificare i criteri di differenza per il riconoscimento
dei valori fuori range di ciascun parametro.
• Predisporre la visualizzazione del file della differenza accoppiata e
la stampa del relativo rapporto riassuntivo.

L'operatore può inoltre riportare le impostazioni per l'esclusione dei valori


fuori range ai valori di default predisposti. La personalizzazione viene
eseguita tramite la finestra CONF. ’PAIRED DIFFERENCE’.

Figura 2.13: Finestra Conf. "Paired Difference"

2-94 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione dei criteri di analisi della differenza accoppiata


Vedere la procedura riportata dopo la presente per istruzioni dettagliate
circa la personalizzazione della visualizzazione e della stampa del file
della differenza accoppiata.

NOTA: Si accede alla finestra ARCHIVIO "PAIRED DIFFERENCE"


selezionando il pulsante QC > posto sul pannello dell'area condivisa e poi
selezionando Archivio "Paired Difference"... dal menu.

Direttive per la procedura


• Errori nella conservazione e nel trattamento dei campioni possono
compromettere i risultati dell'analisi della differenza accoppiata, in
particolar modo se il tempo trascorso fra le registrazioni accoppiate
supera le 8 ore. Attenersi sempre alle procedure di conservazione e
trattamento dei campioni. Per ulteriori informazioni sulla conserva-
zione ed il trattamento dei campioni fare riferimento al Capitolo 7:
Precauzioni e limiti d'uso.
• Il sistema consente un intervallo di 24 ore fra le registrazioni accop-
piate. Se vengono specificate più di 8 ore, prendere in considera-
zione la possibilità di ampliare i criteri per l'esclusione dei valori
fuori range in modo da adattarli all'aumentata incidenza di risultati
erratici osservata in campioni più vecchi.
• Se è attivata l'opzione di esclusione dei valori fuori range, una
coppia che presenta valori erratici viene visualizzata nell'archivio
della differenza accoppiata ma non compresa nei calcoli statistici.
Se invece l'opzione di esclusione dei valori fuori range è disattivata,
tutti i risultati di tutte le coppie vengono inclusi nei calcoli statistici.
I criteri di default per l'esclusione dei valori fuori range vengono
fissati in fabbrica. Per indicazioni su come impostare i criteri speci-
fici fare riferimento al Capitolo 11: Controllo di qualità, Sezione:
Programma dell'analisi della differenza accoppiata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-95


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.31: Personalizzazione dei criteri di analisi della differenza accoppiata

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONF. 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra CONF.
"PAIRED DIFFERENCE". razione>. "PAIRED DIFFERENCE".
2. Selezionare Archivio "Paired
Difference" dal menu.

Introdurre o modificare l'inter- 1. Selezionare il campo <Tempo Viene specificato l'intervallo di


vallo massimo fra le registra- massimo tra record (1-24 tempo massimo (in ore) che può
zioni. ore)> direttamente sotto l'inte- trascorrere fra le coppie di campioni
stazione Conf. "Paired diffe- appaiati.
rence".
2. Digitare il numero di ore.

Attivare/disattivare l'esclu- Selezionare il pulsante di selezione Viene specificato se le coppie con


sione dei valori fuori range. Attiva l'esclusione del fuori range. valori fuori range vengono incluse
nei calcoli statistici.

Modificare i criteri di esclu- 1. Selezionare il campo Criteri Vengono personalizzati i criteri di


sione dei valori fuori range. nell'area Criterio di esclusione esclusione dei valori fuori range di
dei fuori range. un parametro.
2. Digitare il nuovo criterio.
3. Premere il tasto Enter.
4. Ripetere le fasi da 1 a 3 per ulte-
riori criteri, facendo scorrere lo
schermo per visualizzare ulte-
riori parametri da personaliz-
zare.

Riportare i criteri di esclusione 1. Selezionare il pulsante Reset dei I criteri di esclusione dei valori fuori
dei valori fuori range sui valori valori predefiniti... che si trova al range vengono riportati sui valori di
di default. di sotto dell'area Criterio di default. Qualsiasi personalizzazione
esclusione dei fuori range. precedentemente eseguita va
2. Selezionare il pulsante Sì per perduta.
confermare il reset oppure il
pulsante No per annullare il
reset.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
siano state apportate modifiche.

2-96 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della visualizzazione e della stampa


dell'archivio di differenza accoppiata
La personalizzazione della visualizzazione e della stampa dell'archivio di
differenza accoppiata è simile alla personalizzazione di altri archivi prin-
cipali e viene eseguita tramite la finestra CONFIG. SCHERMO/STAM-
PANTE PER 'PAIRED DIFFERENCE'.

Figura 2.14: Finestra Config. schermo/stampante per 'Paired Difference'

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-97


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• Al momento della consegna del sistema da parte della fabbrica, tutte
le serie di dati contengono campi di default.
• I campi delle serie di dati presenti nell'area Configurazione para-
metri a video corrispondono, da sinistra verso destra, alle intesta-
zioni della finestra ARCHIVIO "PAIRED DIFFERENCE".
• La serie dati [6] è riservata al nome, al sesso, alla data di nascita e
all'età del paziente. Questa visualizzazione non può essere persona-
lizzata, ma il nome della serie di dati può essere inserito o modifi-
cato.
• Per lasciare in bianco un campo, usare il pulsante Vuota al posto di
un'introduzione.
• Nel rapporto riassuntivo dell'archivio di differenza accoppiata
possono venire stampati un massimo di 17 campi. Il contenuto del
rapporto può essere lo stesso di una serie di dati oppure può diffe-
rirne.
• Quando viene selezionato il pulsante Copia configurazione para-
metri a video su stampante, i campi della serie di dati attivata
vengono copiati nelle prime 10 posizioni dell'area Configura-
zione parametri principali su stampante. I rimanenti sette
campi possono essere lasciati come sono oppure modificati manual-
mente seguendo la procedura qui riportata.

2-98 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.32: Personalizzazione della visualizzazione e della stampa dell'archivio di differenza


accoppiata

Operazione Fasi Risultato/commento


Aprire la finestra CONF. 1. Selezionare il pulsante Configura- Viene visualizzata la finestra
"PAIRED DIFFERENCE". zione>. CONF. "PAIRED
2. Selezionare Archivio "Paired DIFFERENCE".
Difference" dal menu.
Aprire la finestra CONFIG. Selezionare il pulsante Schermo/stam- Viene visualizzata la finestra
SCHERMO/STAMPANTE pante... posto al centro del margine infe- CONFIG. SCHERMO/STAM-
PER 'PAIRED DIFFE- riore della finestra. PANTE PER 'PAIRED
RENCE'. DIFFERENCE'.
Inserire o modificare il nome 1. Selezionare il campo di testo che si Viene stabilito un nome per
della serie dati. trova al di sotto del pulsante relativo una serie di dati o modificato
alla serie di dati desiderata nell'area quello già esistente.
Configurazione parametri a video.
2. Digitare il nome della serie di dati desi-
derato.
3. Premere il tasto Enter.
4. Ripetere le fasi da 1 a 3 per cambiare il
nome di un'altra serie di dati.
Visionare i campi attuali in Selezionare un pulsante Serie dati corri- Vengono visionati i campi
una serie di dati. spondente alla serie di dati desiderati visualizzati per quella serie di
nell'area Configurazione parametri a dati.
video.
Modificare uno o più campi 1. Selezionare il pulsante corrispondente Vengono aggiunti o modificati
Serie dati (nella configura- alla serie di dati desiderati nell'area campi di una serie di dati
zione della visualizzazione o Configurazione parametri a video. copiandovi parametri o dati
della stampante). 2. Selezionare il parametro o il dato anagrafici dall'area Configu-
anagrafico nell'area Parametri confi- razione parametri a video.
gurabili.
3. Selezionare nell'area Configurazione
parametri a video la posizione in cui si
desidera che venga collocata la voce
selezionata.
4. Ripetere le fasi 2 e 3 per ulteriori campi.
Cancellare un campo da una 1. Selezionare il pulsante corrispondente Il campo esistente viene
serie di dati (durante la confi- alla serie di dati desiderati nell'area cancellato lasciando uno
gurazione della visualizza- Configurazione parametri a video. spazio in bianco nella serie di
zione o della stampante). 2. Selezionare il pulsante Vuota nell'area dati.
Parametri configurabili.
3. Selezionare la posizione nell'area
Configurazione parametri a video in
cui si trova la voce da cancellare.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-99


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.32: Personalizzazione della visualizzazione e della stampa dell'archivio di differenza


accoppiata (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento


Copiare una serie di dati nella 1. Selezionare nell'area Configurazione I campi delle serie di dati
configurazione della stam- parametri a video il pulsante relativo vengono copiati nelle prime
pante. alla serie di dati da copiare. 10 posizioni dell'area Confi-
2. Selezionare il pulsante Copia configu- gurazione parametri princi-
razione parametri a video su stampante pali su stampante.
nell'area Configurazione parametri a
video.
Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni
nuovi dati nella finestra entrano in vigore e la finestra
CONFIG. SCHERMO/STAM- CONFIG. SCHERMO/STAM-
PANTE PER 'PAIRED PANTE PER 'PAIRED
DIFFERENCE'. DIFFERENCE' viene chiusa.
Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra CONFIG.
SCHERMO/STAMPANTE
PER 'PAIRED DIFFERENCE'
viene chiusa senza che sia
stata effettuata alcuna modi-
fica.
Chiudere la finestra CONF. Selezionare il pulsante OK. Le modifiche vengono memo-
"PAIRED DIFFERENCE". rizzate e la finestra viene
chiusa.

2-100 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione del blocco funzione


Il laboratorio può determinare se e quando il sistema si deve arrestare in
seguito a violazioni dei limiti del conteggio di background, delle serie di
limiti del controllo di qualità, delle regole di Westgard ed in caso di batch
esclusi dal programma a medie mobili. Il sistema può venir personalizzato
in modo che si arresti nelle seguenti circostanze:
• Quando si verifica la violazione di un limite durante l'esecuzione di
un conteggio di background.
• Quando due batch consecutivi sono esclusi per uno o tutti i
programmi a medie mobili.
• Quando si verifica una violazione della serie di limiti del controllo
di qualità riguardante un campione destinato ad un file di controllo
di qualità (il blocco funzione può essere attivato per singoli file di
controllo di qualità).
• Quando si verifica una violazione di una regola di Westgard riguar-
dante un campione destinato ad un file del controllo di qualità (il
blocco funzione può essere attivato per file specifici del controllo di
qualità, indipendentemente dall'arresto causato dalla serie di limiti
del controllo di qualità).

Figura 2.15: Finestra Blocco funzione

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-101


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


• Questa funzione controlla solo gli arresti e non i limiti applicati. I
limiti dei conteggi di background vengono stabiliti in fabbrica e non
possono essere personalizzati, mentre è possibile personalizzare
quelli dei programmi a medie mobili, la serie di limiti del controllo
di qualità per ciascun file QC e le regole di Westgard attive per
ciascun file QC. Per informazioni su come applicare le serie di limiti
del controllo di qualità e attivare le regole di Westgard, fare riferi-
mento al Capitolo 11: Controllo di qualità.
• Se attivato, il blocco funzione del conteggio di background si
applica a tutti i tipi di conteggi di background.
• Per fare in modo che il sistema si arresti, i pulsanti di selezione che
attivano gli arresti devono essere selezionati.
• Il sistema si arresta solo dopo che il campione è stato aspirato e
analizzato. Se copiando, accettando, escludendo o cancellando una
o più registrazioni in un file di controllo di qualità o in un batch di
un programma a medie mobili si provoca la violazione di una serie
di limiti o l'esclusione di un batch, il sistema si arresterà solamente
nel momento in cui viene aspirato un nuovo campione e i risultati
vengono inviati al file di controllo di qualità o al programma a
medie mobili interessato.
• Se si desidera che il sistema si arresti a causa di violazioni delle
regole di Westgard, controllare le informazioni di configurazione
del file di controllo di qualità per accertarsi che le regole di
Westgard siano attivate e che tutti i parametri da monitorare siano
visualizzati nelle serie di dati del file di controllo di qualità. In caso
contrario, il sistema non considererà attivata la regola di Westgard e
non si arresterà come desiderato. Per ulteriori informazioni fare rife-
rimento al Capitolo 11: Controllo di qualità, Sezione: Personaliz-
zazione della visualizzazione e della stampa di un file QC.

Tabella 2.33: Personalizzazione del blocco funzione

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra BLOCCO 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


FUNZIONE. razione>. BLOCCO FUNZIONE.
2. Selezionare ARRESTO DI
FUNZIONE... dal menu.

Attivare o disattivare il blocco Selezionare il pulsante posto sulla Viene attivato o disattivato il blocco
funzione in caso di supera- sommità della finestra. funzione in caso di superamento dei
mento dei limiti relativi al limiti del conteggio di background, a
conteggio di background. seconda se la registrazione del
background presenta una violazione
dei limiti o no.

2-102 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.33: Personalizzazione del blocco funzione (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Personalizzare i blocchi 1. Selezionare il pulsante di sele- Vengono attivati o disattivati i


funzione dovuti ai programmi zione nell'area Attiva il blocco blocchi funzione dovuti ai
a medie mobili. delle medie mobili per attivare programmi a medie mobili e viene
o disattivare il blocco funzione. specificato quali programmi devono
2. Quando è attivato il Blocco arrestarsi.
funzione del programma a medie
mobili, (il pulsante è selezio-
nato), selezionare i pulsanti
corrispondenti ai programmi che
arresteranno il campionatore
automatico.

Personalizzare il blocco 1. Selezionare i pulsanti di sele- Vengono attivati o disattivati i


funzione per violazione della zione (Attiva blocco della serie blocchi funzione dovuti alle viola-
serie di limiti dei file di dei valori limite del file QC e/o zioni dei limiti dei file di controllo di
controllo di qualità e delle Attiva il blocco delle regole di qualità e delle regole di Westgard.
regole di Westgard. Westgard) che si trovano nella Vengono specificati i file QC a cui si
metà inferiore della finestra. applicano gli arresti e quali arresti
2. Se sono selezionati uno dei vengono effettuati.
blocchi funzione o entrambi,
selezionare il pulsante File QC >.
3. Selezionare nel menu un file del
controllo di qualità da persona-
lizzare.
4. Selezionare Attiva il blocco se il
record QC da una serie dei valori
limite al di sotto del numero del
file QC per far arrestare il
sistema in caso di superamento
della serie di limiti.
5. Selezionare Attiva il blocco se
il record QC da le regole di
Westgard al di sotto del numero
del file QC per far arrestare il
sistema in caso di violazioni
delle regole di Westgard.
6. Ripetere le fasi da 2 a 5 per tutti
i file di controllo di qualità che si
desidera personalizzare.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-103


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione dei referti stampati


Le procedure descritte in questa sezione consentono di personalizzare
alcune caratteristiche dei referti stampati prodotti dal sistema
CELL-DYN Sapphire. Le finestre utilizzate per le procedure di persona-
lizzazione sono la finestra SETUP STAMPA e la finestra CONFIGU-
RAZIONE STAMPA AUTOMATICA, che differiscono a seconda se si
tratta di referti grafici o di ticket in bianco. Utilizzando queste finestre è
possibile:
• Riesaminare tutte le selezioni in vigore riguardanti i referti stampati
• Personalizzare l'intestazione del referto in formato grafica
• Personalizzare l'intestazione del referto in formato ticket in bianco
• Specificare se il referto base e/o il foglio di lavoro del laboratorio†
vengono stampati automaticamente e quali categorie di campioni
(tutti, nessuno, segnalati, non segnalati, raggruppati) vengono stam-
pati automaticamente sotto forma di referto in formato grafica.
• Specificare se il referto base e/o il foglio di lavoro del laboratorio e
quali categorie di campione devono venir stampate su richiesta
dall'archivio dati sotto forma di referto in formato grafica.
• Specificare quali categorie di campioni devono venire stampate
automaticamente sotto forma di rapporto in formato ticket in
bianco.
• Specificare le dimensioni della carta rispettivamente per le versioni
in formato grafica e in formato ticket in bianco di referti e fogli di
lavoro.
✪ NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa
del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

Figura 2.16: Finestra Setup stampa

NOTA: Questa figura ha valore puramente esemplificativo e può variare a seconda della versione software.

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

2-104 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Direttive per la procedura


• La versione e il numero di serie del software del sistema
CELL-DYN Sapphire vengono stampati in alto nei rapporti in
formato grafica ed in formato ticket in bianco.
NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la
stampa del referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.

NOTA: La versione del software e il numero di serie dello stru-


mento stampati nel rapporto riassuntivo dei dati corrispondono alla
versione software e al numero di serie dello strumento attuali il
giorno in cui il rapporto è stato stampato. La versione del software
e il numero di serie dello strumento stampati nel referto base e nel
foglio di lavoro del laboratorio† corrispondono alla versione del
software e il numero di serie dello strumento del momento in cui il
campione è stato analizzato.

• Un'intestazione personalizzata per un referto in formato grafica può


contenere un massimo di quattro righe. Tale intestazione verrà stam-
pata anche sui rapporti file con selezione carta in formato US letter,
A4 e DIN A4.
• Un'intestazione personalizzata per un referto in formato ticket in
bianco può contenere un massimo di due righe e viene stampata solo
per questo tipo di referto. Sono disponibili un massimo di 35 carat-
teri per riga. Tutti i caratteri in eccesso non verranno stampati.
• Le intestazioni vengono centrate automaticamente durante la
stampa dei referti.
• A seconda del tipo e delle dimensioni della carta usata per ciascun
referto è necessario selezionare il relativo pulsante. DIN A4 è la
dimensione della carta a modulo continuo disponibile in Europa (il
pulsante 8,5 in. Ticket in bianco è disponibile solo per il referto in
formato ticket in bianco).

† Le informazioni riportate sul foglio di lavoro del laboratorio sono riservate al solo uso di laboratorio.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-105


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.34: Personalizzazione del formato del rapporto


Operazione Fasi Risultato/commento
Aprire la finestra 1. Selezionare il pulsante Configurazione>. Viene visualizzata la finestra
SETUP STAMPA. 2. Selezionare STAMPA... dal menu. SETUP STAMPA.
Rivedere, modificare 1. Se il pulsante Referto grafico al centro Viene determinata o modificata
o inserire l'intesta- della finestra non è ancora selezionato, un'intestazione per il referto in
zione. selezionarlo ora. formato grafica e/o per il ticket in
2. Digitare un massimo di quattro righe di bianco.
testo per l'intestazione.
3. Premere il tasto Enter.
4. Se lo si desidera, selezionare il pulsante
Ticket in bianco e digitare un massimo di
due righe di testo di 35 caratteri
ciascuna.
5. Premere il tasto Enter.
Specificare le dimen- 1. Selezionare il pulsante Referto grafico o Vengono specificate le dimensioni
sioni della carta. il pulsante Ticket in bianco. desiderate della carta per il tipo di
2. Selezionare un pulsante radio relativo referto.
alla dimensione della carta
(US Letter, A4, DIN A4, o 8,5 in. Ticket in
bianco).
Memorizzare ed atti- Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in
vare le nuove sele- vigore e la finestra viene chiusa.
zioni.
Non apportare modi- Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
fiche. alcuna modifica sia stata accettata.

2-106 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della stampa automatica e su richiesta


Questa procedura indica come selezionare le registrazioni e le pagine dei
referti che si desidera vengano stampate automaticamente o su richiesta.
Le seguenti direttive per la procedura indicano come vengono controllate
le altre caratteristiche di stampa. La Figura 2.17 illustra la combinazione
di pagine e tipi di campione disponibili per la stampa automatica o per
quella su richiesta.

Figura 2.17: Finestra Configurazione stampa automatica per referti in


formato grafico

NOTA: Questa figura ha valore puramente esemplificativo e può variare


a seconda della versione software.
Le seguenti caratteristiche non possono venir modificate tramite la fine-
stra CONFIGURAZIONE STAMPA AUTOMATICA. Queste indica-
zioni vengono fornite per specificare quali elementi rispettivamente del
foglio di lavoro del laboratorio, del referto base, dell'archivio dati e dei
file di controllo di qualità vengono stampati:
• Le selezioni eseguite nella finestra SETUP DEL FOGLIO DI
LAVORO DEL LABORATORIO controllano i grafici visualizzati
e stampati nel foglio di lavoro stesso. I grafici selezionati temporane-
amente (con l'icona Grafici) NON verranno stampati. Anche le sele-
zioni di stampa supplementari, compresa la tabella di lettura
manuale della formula leucocitaria, vengono effettuate nella fine-
stra SETUP DEL FOGLIO DI LAVORO DEL LABORATORIO.
• Le selezioni operate nella finestra SERIE DEI PARAMETRI per la
serie di parametri attiva determinano i risultati dei parametri e i
grafici che verranno stampati sul referto base. I grafici selezionati
temporaneamente (con l'icona Grafici) NON verranno stampati.
Anche le selezioni di stampa supplementari, compresi il rapporto
interpretativo e la tabella di lettura manuale della formula leucoci-
taria, vengono operate nella finestra SERIE DEI PARAMETRI.
• Le selezioni effettuate nella finestra CONFIGURAZIONE
DELL'ARCHIVIO DATI controllano i campi che vengono stampati
nel rapporto riassuntivo dell'archivio dati.
• Le selezioni operate nella finestra CONFIGURAZIONE DEL FILE
QC controllano i campi che vengono stampati per il rapporto riassun-
tivo dei singoli file di rapporto di qualità.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-107


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Direttive per la procedura


NOTA: Le versioni software v3 e superiori non supportano la stampa del
referto in formato ticket in bianco e la stampante ticket.
• Le selezioni effettuate nella finestra CONFIGURAZIONE
STAMPA AUTOMATICA determinano quali categorie di campioni
e quali pagine vengono stampate automaticamente. I referti in
formato grafica ed in formato ticket in bianco possono venir stampati
automaticamente e simultaneamente. Sul referto in formato ticket
vengono stampati automaticamente solo i risultati numerici dei para-
metri presenti sul referto base.
• Le selezioni operate per la stampa su richiesta determinano quali
pagine del formato registrazione singola provenienti dall'archivio
dati vengono stampate quando viene selezionato il pulsante Stampa
sul pannello di controllo principale. Queste selezioni controllano il
rapporto in formato grafica.
• Ai fini della stampa automatica i campioni vengono classificati in
gruppi diversi. Per il referto base è possibile selezionare le seguenti
opzioni:
– Sempre (stampa di tutti i campioni).
– Solo campioni non segnalati.
– Solo campioni segnalati.
– Mai (nessun campione viene stampato automaticamente).
– Campioni in gruppi (quelli cioè contenuti in uno o più gruppi
specificati).
• Per il foglio di lavoro del laboratorio è possibile selezionare le
seguenti opzioni:
– Sempre.
– Solo campioni segnalati.
– Mai.
– Campioni in gruppi.
• I rapporti in formato ticket in bianco vengono stampati solo in bianco
e nero.
Tabella 2.35: Personalizzazione della stampa automatica e su richiesta

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra SETUP 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


STAMPA. razione>. SETUP STAMPA.
2. Selezionare STAMPA... dal
menu.

Specificare i rapporti che Selezionare il pulsante Stampa auto- Viene stabilito se deve essere stam-
devono essere stampati auto- matica del referto grafico e/o Stampa pato automaticamente un referto in
maticamente. automatica ticket in bianco nell'area forma grafica e/o un ticket in bianco.
Setup della verifica dei singoli
record, posta al di sotto del
pulsante Stampa automatica....

2-108 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.35: Personalizzazione della stampa automatica e su richiesta (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Specificare le pagine di un Selezionare i pulsanti di selezione Vengono specificate le pagine da


referto in formato grafica Tabella laboratorio e/o Laboratorio stampare quando si seleziona il
stampate su richiesta. nell'area Stampa a richiesta pulsante Stampa per una registra-
dall'archivio dati. zione dell'archivio dati.

Aprire la finestra CONFIGU- Selezionare il pulsante Stampa auto- La finestra CONFIGURAZIONE


RAZIONE STAMPA AUTO- matica... nell'area Setup della veri- STAMPA AUTOMATICA viene
MATICA. fica dei singoli record. aperta.

Personalizzare la configura- 1. Selezionare il pulsante Referto Vengono specificate le caratteri-


zione della stampa automa- grafico o Ticket in bianco posti in stiche della stampa automatica.
tica per le pagine del formato fondo alla finestra per visualiz-
registrazione singola. zare le opzioni di configurazione
appropriate.
2. Selezionare i pulsanti radio corri-
spondenti ai tipi di campione che
si desidera avere stampati.
3. Selezionare il pulsante radio
Colori o B/N per ottenere stampa
a colori o in bianco e nero.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK nella Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione finestra CONFIGURAZIONE vigore e la finestra CONFIGURA-
della stampa automatica. STAMPA AUTOMATICA. ZIONE STAMPA AUTOMATICA
viene chiusa.

Non apportare modifiche alla Selezionare il pulsante Annulla nella La finestra CONFIGURAZIONE
configurazione della stampa finestra CONFIGURAZIONE STAMPA AUTOMATICA viene
automatica. STAMPA AUTOMATICA. chiusa senza che vengano accettate
le modifiche.

Memorizzare ed attivare i Selezionare il pulsante OK nella Le nuove impostazioni entrano in


nuovi dati di configurazione finestra SETUP STAMPA. vigore e la finestra SETUP STAMPA
stampa. viene chiusa.

Non apportare modifiche alla Selezionare il pulsante Annulla nella La finestra SETUP STAMPA viene
configurazione della stampa. finestra SETUP STAMPA. chiusa senza che vengano accettate
le modifiche.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-109


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione del formato della data e dell'ora


Utilizzare queste procedure se si desidera eseguire una o più delle
seguenti operazioni:
• Modificare il formato della data che viene visualizzata nelle
finestre software del CELL-DYN Sapphire stampata sui referti.
• Cambiare il carattere (barra obliqua o punto) che separa il giorno, il
mese e l'anno all'interno della data sia per l'introduzione che per la
visualizzazione delle date.

Figura 2.18: Finestra Configurazione data/orario

NOTA: I cambiamenti apportati al formato della data e dell'ora non


avranno effetto finché la stazione dati (computer) non verrà riavviata. Per
informazioni circa il riavvio della stazione dati fare riferimento al
Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Riavvio o spegnimento esclu-
sivamente della stazione dati.

2-110 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.36: Personalizzazione del formato della data e dell'ora

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra 1. Selezionare il pulsante Configurazione>. Viene visualizzata la finestra


CONFIGURAZIONE 2. Selezionare il pulsante Formato data/ora... CONFIGURAZIONE DATA/
DATA/ORARIO. dal menu. ORARIO.

Modificare il formato Selezionare il pulsante radio corrispondente al Appena il nuovo formato viene
della data. formato desiderato nell'area Formato. accettato e la finestra viene
chiusa, la data verrà visualizza-
ta nel nuovo formato.

Selezionare il delimita- Selezionare il pulsante radio Barra (/) o Punto (.) La data viene visualizzata con
tore della data. nell'area Separatore della data. gli elementi separati da una
barra obliqua o da un punto.

Memorizzare ed attiva- 1. Selezionare il pulsante OK. I nuovi formati della data e


re le nuove selezioni. 2. Riavviare la stazione dati (computer) (per dell'ora entreranno in vigore
istruzioni fare riferimento al Capitolo 5: Istru- appena la stazione dati (compu-
zioni operative, Sezione: Riavvio o ter) verrà riavviata.
spegnimento esclusivamente della
stazione dati.)

Non apportare modifi- Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza
che. che alcuna modifica sia stata
accettata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-111


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione del formato delle unità di misura


Il sistema CELL-DYN Sapphire può riportare i risultati secondo il
Système Internationale d’Unités (SI), SI modificato oppure secondo il
sistema di misura USA. Le unità di misura selezionate vengono visualiz-
zate e stampate insieme ai risultati numerici in diverse finestre, come la
finestra DATI DEI CONTROLLI (che serve ad inserire le medie di
controllo e i limiti). E' possibile selezionare un sistema di misura che si
applichi a tutti i parametri, oppure è possibile scegliere differenti unità di
misura per i singoli parametri. Le unità selezionate appariranno premute.
NOTA: Le unità selezionate vengono applicate ai risultati numerici
visualizzati e stampati. Se il CELL-DYN Sapphire è connesso ad un
computer host, la trasmissione di tutti i risultati numerici è preimpostata
in sede di produzione sul sistema di misura USA. Se si desidera convertire
i risultati in unità SI e SI modificate, la conversione deve essere attuata dal
computer host.
NOTA: Possono esserci delle lievi differenze tra i dati presentati
sull’analizzatore e i dati calcolati utilizzando i valori trasmessi dal
computer host. Tali differenze sono dovute al numero di cifre usate per la
visualizzazione che è diverso da quelle trasmesse.
Fare riferimento all'opuscolo CELL-DYN Sapphire Laboratory
Information System Interface Specification (Descrizione interfaccia del
sistema di elaborazione dati del laboratorio CELL-DYN Sapphire), un
prodotto ordinabile separatamente elencato nell’Appendice A: Pezzi di
ricambio e accessori, Tabella 4.

Figura 2.19: Finestra Formato unità di misura

2-112 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Direttive per la procedura


• È necessario selezionare le unità per ciascun parametro. Per ogni
parametro è possibile effettuare solo una selezione.

• Il sistema non consente la personalizzazione delle unità in cui viene


espresso il parametro MCHC, per il quale vengono usate le unità
selezionate per il parametro HGB.

• L'unità di misura selezionata per PLT/CD61 vale anche per i para-


metri PLTo, PLTi e CD61.

Tabella 2.37: Personalizzazione del formato delle unità di misura

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra FORMATO 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


UNITÀ DI MISURA. razione>. FORMATO UNITÀ DI MISURA.
2. Selezionare FORMATTAZIONE
DELLE UNITÀ... dal menu.

Modificare l'unità di misura Selezionare il pulsante corrispon- Tutta la colonna appare premuta per
per tutti i parametri. dente all'unità di misura desiderata indicare l'avvenuta selezione.
nella lista scegliendo fra i sistemi
USA, SI e SI modificato.

Selezionare una particolare 1. Selezionare il pulsante dell'unità Può essere specificata un'unità di
unità di misura per un para- di misura desiderata fra quelli misura differente per ciascun para-
metro. posti accanto al parametro la cui metro. L'unità selezionata appare
unità di misura deve essere premuta.
cambiata.
2. Ripetere la fase 1 per ciascun
parametro di cui si desidera
cambiare l'unità di misura.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-113


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Selezione della lingua


È possibile visualizzare il software del sistema CELL-DYN Sapphire e
stampare i rapporti nella lingua del paese (determinata al momento
dell'installazione dal personale della Abbott) oppure in inglese. Per
passare da una lingua all'altra, usare la procedura seguente.
NOTA: La lingua selezionata entra in funzione appena il software del
sistema CELL-DYN Sapphire viene riavviato. Per operare con la nuova
lingua selezionata è perciò necessario riavviare il software della stazione
dati (computer). Per la procedura di riavvio della stazione dati fare riferi-
mento al Capitolo 5: Istruzioni operative, Sezione: Riavvio o spegni-
mento esclusivamente della stazione dati.

Figura 2.20: Finestra Selezione lingua

Direttive per la procedura


Se la lingua locale è l'inglese, non è possibile selezionare altre lingue (non
vi è risposta quando viene selezionato il pulsante radio per la lingua
locale).

Tabella 2.38: Selezione della lingua

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra SELEZIONE 1. Selezionare il pulsante Viene visualizzata la finestra


LINGUA. Configurazione>. SELEZIONE LINGUA.
2. Selezionare Selezione della
lingua... dal menu.

Cambiare la lingua Selezionare il pulsante radio Viene specificata la lingua che


selezionata. corrispondente a Inglese o Lingua entrerà in vigore alla prossima
locale. accensione della stazione dati
(computer).

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

2-114 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione dell'allarme acustico


Queste procedure permettono al laboratorio di regolare il volume e la
durata degli allarmi acustici e di eseguire un test prima o dopo aver
eseguito le regolazioni.

Figura 2.21: Finestra Impostazione allarme

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-115


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.39: Personalizzazione dell'allarme acustico

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra IMPOSTA- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


ZIONE ALLARME. razione>. IMPOSTAZIONE ALLARME.
2. Selezionare IMPOSTAZIONE
ALLARMI... dal menu.

Ascoltare il volume e la durata Selezionare il pulsante Test acustico. Risuona l'allarme con il volume e la
attuali dell'allarme. durata attuali, in modo da verificare
la configurazione.

Regolare il volume Utilizzare la barra di scorrimento Viene modificato il volume


dell'allarme. verticale (verso il basso per aumen- dell'allarme acustico.
tare il volume e verso l'alto per dimi-
nuirlo).

Regolare la durata Utilizzare la barra di scorrimento Viene modificata la durata


dell'allarme. orizzontale (verso sinistra per dell'allarme acustico.
abbreviare la durata e verso destra
per aumentarla).

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

2-116 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione del sistema per codici a barre


Il lettore del codice a barre posto nel campionatore automatico del
CELL-DYN Sapphire può venir personalizzato in modo che calcoli una
cifra o un carattere di controllo se presente nella simbologia. L'operatore
può configurare, verificare o modificare le impostazioni del carattere o
della cifra di controllo per il lettore del codice a barre del campionatore
automatico. La simbologia Code 128 utilizza sempre una cifra di
controllo e non è possibile personalizzarla.
NOTA: Dopo aver definito le impostazioni del carattere o della cifra di
controllo, si raccomanda che il laboratorio rianalizzi e verifichi le etichette
utilizzate veramente, per evitare che l'ID del campione letta dall'etichetta non
corrisponda a quella del campione nella lista di lavoro o nel sistema di elabo-
razione dati del laboratorio.

La seguente tabella descrive il risultato della lettura dell'ID del campione


da parte del lettore del codice a barre ed il rapporto necessario affinché
corrisponda al campione della lista di lavoro, utilizzando come esempio
un'etichetta e una ID del campione della lista di lavoro.
Tabella 2.40: Configurazione dell'impostazione del codice a barre con o senza la cifra di controllo attivata in un
esempio di etichetta dell'ID del campione

Esempio di etichetta e Cifra di controllo – Cifra di controllo –


lista di lavoro attivata disattivata
Il lettore calcola la cifra di
controllo

Cifra di controllo (x) Controllo superato - sì Non viene calcolata la cifra di


nell'etichetta: ID del campione – 12AB controllo
L'etichetta è 12AB(x) Corrisponde ID del campione – 12ABx
L'ID nella lista di lavoro è: 12AB Non corrisponde

Cifra di controllo non Controllo superato - no Non viene calcolata la cifra di


nell'etichetta: ID del campione – RRPP * controllo
L'etichetta è 12AB Non corrisponde ID del campione – 12AB
L'ID nella lista di lavoro è: 12AB Corrisponde

* Se si attiva l'impostazione della cifra di controllo e nell'etichetta non c'è un carattere o una cifra di controllo, c'è una remota
possibilità che l'ultima cifra o carattere nell'etichetta venga interpretata come cifra o carattere di controllo valido. In tale
caso, l'ID del campione verrà riportata con una cifra o carattere in meno rispetto all'ID presente sull'etichetta.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-117


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Figura 2.22: Finestra Configurazione lettore del codice a barre

NOTA: Questa finestra non è in grado di personalizzare la configurazione


del lettore manuale del codice a barre. Per le istruzioni complete
sull'installazione e personalizzazione fare riferimento alla guida Hand-
held Bar Code Reader User’s Guide.

Tabella 2.41: Personalizzazione del lettore del codice a barre

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGU- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


RAZIONE LETTORE DEL razione>. CONFIGURAZIONE LETTORE
CODICE A BARRE. 2. Selezionare LETTORE DEL DEL CODICE A BARRE.
CODICE A BARRE... dal menu.

Specificare se si usa la cifra di Selezionare i pulsanti relativi alla Viene indicato se si utilizza o meno
controllo. simbologia desiderata. la cifra di controllo per ciascuna
simbologia tranne che per il Code
128, che la utilizza in ogni caso.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accettata.

2-118 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Personalizzazione della trasmissione automatica al computer host


La finestra CONFIGURAZIONE COMPUTER HOST/TRASMIS-
SIONE AUTOMATICA permette l'accesso a:
• Attiva la trasmissione automatica.
• Criteri per la trasmissione automatica.
• Attiva il trasferimento della lista di lavoro.
• Richiesta host per ID campione.
• Configurazione della trasmissione.
• Test del connettore seriale.
• Trasmissione automatica risultati QC
• Trasmissione automatica risultati background

Figura 2.23: Finestra Configurazione computer host/trasmissione auto-


matica

Attiva la trasmissione automatica


È disponibile un pulsante di controllo per attivare o disattivare la trasmis-
sione automatica dei risultati dalla stazione dati (computer) del
CELL-DYN Sapphire al computer host.
NOTA: Se la trasmissione automatica è disattivata, l'impostazione Criteri
per la trasmissione automatica viene ignorata e le registrazioni non
vengono trasmesse automaticamente al LIS.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-119


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Criteri per la trasmissione automatica


Alla consegna dell'analizzatore i Criteri per la trasmissione automatica
sono impostati su Non trasm, che impedisce la trasmissione automatica
di registrazioni con il tipo di campione del paziente che contengono risul-
tati con segnalazioni di: violazioni della serie di limiti, segnalazioni rela-
tive a popolazioni sospette, dati non validi o controllo delta fallito. Una
registrazione viene automaticamente trasmessa al LIS solo se il pulsante
Attiva la trasmissione automatica è selezionato e la registrazione non
contiene alcun risultato che presenti i criteri selezionati Non trasm. Per
ulteriori informazioni in merito a tali criteri fare riferimento al
Capitolo 3: Principi di funzionamento, Sezione: Segnalazioni relative
ai dati.
ATTENZIONE: Seguendo la personalizzazione della trasmis-
sione automatica, è consigliabile confermare che l'operazione di
trasmissione automatica è coerente con le aspettative.

Per informazioni su come usare la finestra CONFIGURAZIONE


COMPUTER HOST/TRASMISSIONE AUTOMATICA per creare
criteri di raggruppamento per l’ARM (Alarmed Results Management,
gestione dei risultati con segnalazioni), fare riferimento al Capitolo 5:
Istruzioni operative, Sezione: Operare con i gruppi dell'archivio dati.

Attiva il trasferimento della lista di lavoro


È disponibile un pulsante di controllo per attivare o disattivare la stazione
dati (computer) del CELL-DYN Sapphire ad accettare automaticamente
le voci della lista di lavoro dal computer host.

Richiesta host per ID campione


È disponibile un pulsante di controllo per attivare o disattivare l'opzione
per cui la stazione dati del CELL-DYN Sapphire controlla prima la lista
di lavoro e quindi effettua una richiesta dei test al computer host quando
l'ID del campione viene letta dal lettore del codice a barre in modalità a
campionatore automatico o quando viene inserita nella finestra Configu-
razione del campione successivo ed il pulsante Ricerca nella lista di
lavoro è selezionato.

Configurazione della trasmissione


Visualizza i parametri attuali di configurazione: bit di dati, bit di stop,
parità e velocità baud tra la stazione dati del CELL-DYN Sapphire ed il
LIS (interfaccia seriale).

2-120 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Test del connettore seriale


Tramite questa finestra è possibile svolgere un test della stazione dati
(computer) del CELL-DYN Sapphire, utilizzato nell'individuazione e
soluzione dei problemi di comunicazione del LIS. Tale test serve a deter-
minare se i componenti dell'interfaccia seriale della stazione dati e la
comunicazione da e per il LIS attraverso il cavo LIS funzionano corretta-
mente. Per ulteriori informazioni circa questo test fare riferimento al
Capitolo 10: Individuazione e soluzione dei problemi, Sezione:
Collaudo della comunicazione fra la stazione dati e il sistema di elabo-
razione dati del laboratorio.

Trasmissione automatica dei risultati CQ


È presente un pulsante per l’attivazione o disattivazione della
trasmissione automatica dei risultati CQ dalla stazione dati del
CELL-DYN Sapphire al sistema informatico di laboratorio (LIS).

Trasmissione automatica dei risultati di background


È presente un pulsante per l’attivazione o disattivazione della
trasmissione automatica dei risultati di background dalla stazione dati del
CELL-DYN Sapphire al sistema informatico di laboratorio (LIS).
Tabella 2.42: Personalizzazione della configurazione trasmissione/computer host

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGURA- 1. Selezionare il pulsante Confi- Viene visualizzata la finestra


ZIONE COMPUTER HOST/ gurazione>. CONFIGURAZIONE
TRASMISSIONE AUTOMATICA. 2. Selezionare Computer host/ COMPUTER HOST/TRASMIS-
Trasmissione automatica... SIONE AUTOMATICA.
dal menu.

Attivare o disattivare la trasmis- Selezionare il pulsante di sele- La trasmissione automatica di


sione automatica delle registra- zione Attiva la trasmissione registrazioni verso il computer
zioni. automatica posto nella parte supe- host viene attivata o disattivata.
riore della finestra.

Attivare o disattivare il carica- Selezionare il pulsante di sele- Se tale pulsante non viene sele-
mento della lista di lavoro. zione Attiva il trasferimento della zionato, il computer host non
lista di lavoro posto nella parte accetterà le introduzioni della lista
superiore della finestra. di lavoro.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-121


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Tabella 2.42: Personalizzazione della configurazione trasmissione/computer host (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Attivare o disattivare la funzione di Per attivare: L'attivazione della richiesta host


richiesta host per ID campione. 1. Selezionare il pulsante di sele- per ID campione consente di cari-
zione Attiva il trasferimento care dal computer host le introdu-
della lista di lavoro. zioni della lista di lavoro per
2. Selezionare il pulsante Atti- campioni con ID corrispondenti
vare posto al di sotto del testo quando il codice a barre viene
<Richiesta host per ID letto nella modalità a campiona-
campione>. mento automatico o dopo aver
introdotto l'ID del campione nella
Per disattivare:
finestra Configurazione del
1. Deselezionare il pulsante
campione successivo con il
Attiva il trasferimento della
pulsante Ricerca nella lista di
lista di lavoro oppure il
lavoro attivo.
pulsante Attivare situato sotto
il testo <Richiesta host per ID
campione>.

Selezionare Criteri trasmissione Selezionare i criteri per la trasmis- Se la trasmissione automatica è


automatica. sione automatica desiderati selezionata e uno dei quattro
nell'area Criteri per la trasmis- criteri è impostato su Non trasm,
sione automatica. una registrazione viene
trasmessa automaticamente al
LIS se i relativi risultati non
presentano i criteri selezionati.

Attivare o disattivare la trasmis- Per attivare: Se il pulsante per la trasmissione


sione automatica dei risultati CQ Selezionare il pulsante Auto- automatica dei risultati CQ è atti-
Transmit QC Results (trasmis- vato, i risultati CQ vengono
sione automatica risultati CQ) trasmessi automaticamente al
nella parte bassa della finestra. sistema informatico di laboratorio
(LIS).
Per disattivare:
Se il pulsante per la trasmissione
Deselezionare il pulsante Auto-
automatica dei risultati CQ non è
Transmit QC Results (trasmis-
attivato, i risultati CQ non vengono
sione automatica risultati CQ)
trasmessi automaticamente al
nella parte bassa della finestra.
sistema informatico di laboratorio
(LIS).

2-122 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.42: Personalizzazione della configurazione trasmissione/computer host (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Attivare o disattivare la trasmis- Per attivare: Se il pulsante per la trasmissione


sione automatica dei risultati di Selezionare il pulsante Auto- automatica dei risultati di back-
background Transmit Background Results ground è attivato, i risultati di
(trasmissione automatica risultati background vengono trasmessi
di background) nella parte bassa automaticamente al sistema infor-
della finestra. matico di laboratorio (LIS).
Per disattivare: Se il pulsante per la trasmissione
automatica dei risultati di back-
Deselezionare il pulsante Auto-
ground non è attivato, i risultati di
Transmit Background Results
background non vengono
(trasmissione automatica risultati
trasmessi automaticamente al
di background) nella parte bassa
sistema informatico di laboratorio
della finestra.
(LIS).

Memorizzare ed attivare le nuove Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


selezioni. vigore e la finestra viene chiusa.
NOTA: Nell'area del pannello di
stato è evidenziato Xmit se è
stato selezionato il pulsante Attiva
la trasmissione automatica; Carico
WL è evidenziato se è stato sele-
zionato il pulsante Attiva il trasfe-
rimento della lista di lavoro;
infine Host Query è evidenziato se
è stato selezionato il pulsante
Attivare posto al di sotto del testo
[Richiesta host per ID
campione].

Non apportare modifiche. Selezionare il pulsante Annulla. La finestra viene chiusa senza che
alcuna modifica sia stata accet-
tata.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-123


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

Personalizzazione dei parametri di comunicazione


Seguire la procedura descritta qui sotto per predisporre o modificare i
parametri di trasmissione fra il sistema CELL-DYN Sapphire ed il
sistema di elaborazione dei dati di laboratorio (interfaccia seriale).

Figura 2.24: Finestra configurazione della trasmissione

Direttive per la procedura


Se non si è certi di quali siano i parametri corretti per la comunicazione
fra il sistema CELL-DYN Sapphire ed il sistema di elaborazione dei dati
di laboratorio (interfaccia seriale), fare riferimento all'opuscolo
CELL-DYN Sapphire Laboratory Information System/Middleware Inter-
face Specification, un prodotto ordinabile separatamente elencato
nell’Appendice A: Pezzi di ricambio e accessori, Tabella 4 o consultare
il personale addetto al computer del proprio laboratorio. Per ulteriore assi-
stenza contattare il Servizio Clienti Abbott.

Tabella 2.43: Personalizzazione della configurazione della trasmissione

Operazione Fasi Risultato/commento

Aprire la finestra CONFIGURA- 1. Selezionare il pulsante Configu- Viene visualizzata la finestra


ZIONE COMPUTER HOST/ razione>. CONFIGURAZIONE COMPUTER
TRASMISSIONE AUTOMA- 2. Selezionare Computer host/ HOST/TRASMISSIONE AUTO-
TICA. Trasmissione automatica... dal MATICA.
menu.

Aprire la finestra CONFIGURA- Selezionare il pulsante Configura- Viene visualizzata la finestra


ZIONE DELLA TRASMIS- zione della trasmissione... in fondo CONFIGURAZIONE DELLA
SIONE. alla finestra. TRASMISSIONE.

Specificare i bit. Selezionare i pulsanti radio corri- Vengono stabilite le impostazioni


spondenti al numero di bit di dati ed compatibili con il sistema di elabo-
al numero di bit di stop. razione dei dati di laboratorio.

Specificare la parità. 1. Selezionare il pulsante Parity >. Viene selezionata la parità per la
2. Selezionare Nessuna, Dispari comunicazione di dati.
o Pari dal menu.

2-124 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Capitolo 2 Personalizzazione del sistema

Tabella 2.43: Personalizzazione della configurazione della trasmissione (continua)

Operazione Fasi Risultato/commento

Specificare la velocità baud. 1. Selezionare il pulsante Baud >. Viene stabilita la velocità impiegata
2. Selezionare il numero corrispon- per la comunicazione dei dati.
dente alla velocità di comunica-
zione dei dati.

Memorizzare ed attivare i nuovi Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


dati nella finestra CONFIGU- vigore e la finestra CONFIGURA-
RAZIONE DELLA TRASMIS- ZIONE DELLA TRASMISSIONE
SIONE. viene chiusa.

Non apportare modifiche nella Selezionare il pulsante Annulla. La finestra CONFIGURAZIONE


finestra CONFIGURAZIONE DELLA TRASMISSIONE viene
DELLA TRASMISSIONE. chiusa senza che vengano accet-
tate le modifiche.

Memorizzare ed attivare le Selezionare il pulsante OK. Le nuove impostazioni entrano in


nuove impostazioni introdotte vigore e la finestra CONFIGURA-
nella finestra CONFIGURA- ZIONE COMPUTER HOST/
ZIONE COMPUTER HOST/ TRASMISSIONE AUTOMATICA
TRASMISSIONE AUTOMA- viene chiusa.
TICA.

Non apportare modifiche nella Selezionare il pulsante Annulla. La finestra CONFIGURAZIONE


finestra CONFIGURAZIONE COMPUTER HOST/TRASMIS-
COMPUTER HOST/TRASMIS- SIONE AUTOMATICA viene
SIONE AUTOMATICA. chiusa senza che vengano accet-
tate le modifiche.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 2-125


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Procedure di installazione e requisiti speciali
Personalizzazione del sistema Capitolo 2

ANNOTAZIONI

2-126 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 3 Principi di funzionamento

Descrizione generale
Capitolo 3 Principi di funzionamento

Il sistema CELL-DYN Sapphire introduce tre tipi di misurazione e nume-


rose tecniche innovative nel campo dell'analisi ematologica. I tre tipi di
misurazione sono:
• Misurazioni tramite celletta di flusso ottica
• Misurazioni tramite trasduttore ad impedenza
• Misurazioni tramite celletta di flusso HGB

Le misurazioni tramite celletta di flusso ottica e trasduttore ad impedenza


seguono i principi di un procedimento noto come citometria a flusso. Le
misurazioni eseguite con la celletta di flusso HGB applicano invece i prin-
cipi della spettrofotometria ad assorbimento. Per utilizzare questi tre tipi
di misurazione vengono impiegate numerose tecniche innovative, quali:
• Abbinamento delle tecnologie di scatter della luce e di fluorescenza
per identificare e contare reticolociti (RETC) ed eritrociti nucleati
(NRBC).
• Impiego della focalizzazione idrodinamica per garantire un
passaggio ordinato delle cellule attraverso la celletta di flusso ottica
ed il trasduttore ad impedenza.
• Utilizzazione della tripla soglia per decidere quali eventi rilevati
nella celletta di flusso ottica devono essere accettati nell'analisi.
• Accoppiamento delle misurazioni ad impedenza di eritrociti e
piastrine a quelle ottiche per ottenere un controllo qualitativo delle
misurazioni stesse.
• Uso di un reagente privo di cianuro per le misurazioni
dell'emoglobina.

Questo capitolo descrive i principi tecnici e scientifici che sono alla base
delle misurazioni effettuate dal sistema CELL-DYN Sapphire. Innanzi-
tutto vengono presentate le tecniche di citometria a flusso e di spettrofo-
tometria ad assorbimento usate per contare e classificare cellule ematiche
e piastrine, determinarne la dimensione e misurare la concentrazione di
emoglobina. Quindi vengono descritti gli algoritmi usati per analizzare i
dati. Vengono poi illustrati i parametri riportati dal sistema CELL-DYN
Sapphire insieme a unità di misura, derivazioni e formule. Infine vengono
descritti ed elencati i messaggi SIM e le segnalazioni relative ai dati visua-
lizzati dal sistema CELL-DYN Sapphire.
Questa descrizione dei principi di misurazione non intende essere esau-
riente. Chi sia interessato ad un maggior approfondimento di tali principi
è pregato di consultare le opere elencate alla fine di questo capitolo.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-1


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Descrizione generale Capitolo 3

ANNOTAZIONI

3-2 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Capitolo 3 Principi di funzionamento

Tecniche di misurazione

Il sistema CELL-DYN Sapphire conta, misura e classifica cellule


ematiche; inoltre misura la concentrazione di emoglobina presente nel
sangue. Per tali misurazioni vengono impiegate le seguenti tecniche:
• Citometria a flusso
• Spettrofotometria ad assorbimento

Citometria a flusso
La citometria a flusso può essere definita come il procedimento di
conteggio e misurazione delle proprietà delle cellule o delle particelle
mentre vengono trasportate da un fluido attraverso l'area di conteggio. Un
flusso focalizzato viene usato per far sì che le singole cellule, o altre parti-
celle biologiche, passino attraverso il centro dell'area di conteggio
disposte su un'unica fila e trasportate da un fluido. Nell'area di conteggio
vengono misurate le caratteristiche fisiche o chimiche delle cellule o delle
particelle. Quando il procedimento di misurazione è completamente auto-
matizzato, come nel sistema CELL-DYN Sapphire, le caratteristiche di
base del citometro a flusso comprendono:
• Sistema automatizzato di campionamento e preparazione
• Area di conteggio
• Funzioni di raccolta, elaborazione e memorizzazione dei dati
• Funzioni di analisi e visualizzazione dei dati

Per misurare i parametri ematologici, il sistema CELL-DYN Sapphire si


avvale delle due tecnologie di citometria a flusso qui indicate:
• Il metodo a scatter/fluorescenza viene utilizzato per analizzare i
campioni per leucociti, eritrociti nucleati, reticolociti e piastrine (il
metodo viene altresì usato per contare gli eritrociti durante la misu-
razione delle piastrine, per fornire un riscontro del conteggio degli
eritrociti ottenuto con il metodo ad impedenza).
• Il metodo ad impedenza elettrica viene utilizzato per contare gli
eritrociti e determinare la dimensione di eritrociti e piastrine (il
metodo viene altresì usato per contare le piastrine, per fornire un
riscontro del conteggio delle piastrine ottenuto con il metodo
ottico).

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-3


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Ottimizzazione della misurazione tramite citometria a flusso


Per ottenere i migliori risultati sia nelle misurazioni tramite scatter/fluo-
rescenza che in quelle tramite impedenza elettrica, il sistema
CELL-DYN Sapphire utilizza due tecniche:
• Focalizzazione idrodinamica
• Correzione della coincidenza

Focalizzazione idrodinamica
La focalizzazione idrodinamica garantisce un passaggio ordinato delle
cellule attraverso l'area di conteggio. Un liquido sheath privo di cellule
circonda il campione diluito e scorre con esso in un flusso laminare, che
previene il miscelarsi del liquido sheath e del campione diluito. Durante
il passaggio attraverso l'area di conteggio le cellule vengono allineate in
un'unica fila.
La focalizzazione idrodinamica impedisce che si producano effetti di
bordo indesiderati nel trasduttore ad impedenza dovuti ad uno scarso alli-
neamento delle cellule, che si avvicinano così al margine dell'area di
conteggio. Gli effetti di bordo possono far sì che la cellula sembri avere
un volume differente da quello che potrebbe essere osservato nel centro
del flusso. La focalizzazione idrodinamica aiuta inoltre a prevenire le
ostruzioni, mantenendo le cellule al centro del flusso e perciò lontane
dalle pareti della celletta di flusso ottica o del trasduttore ad impedenza.
Quando la focalizzazione idrodinamica agisce di concerto con il reagente
diluente/sheath originale CELL-DYN Sapphire, il risultato è un ulteriore
miglioramento delle prestazioni di misurazione.

Correzione della coincidenza


L'accuratezza del conteggio delle cellule può venir compromessa da un
fenomeno chiamato coincidenza. Si ha coincidenza quando due o più
cellule ematiche passano contemporaneamente attraverso l'area di
conteggio. Quando si verificano coincidenze durante le misurazioni ad
impedenza, viene prodotto un impulso di voltaggio elevato al posto di due
o più impulsi più piccoli, che provoca così una riduzione del conteggio
totale di cellule. Dato che la coincidenza è un fenomeno prevedibile, si
può utilizzare la statistica per calcolare un fattore di correzione.
Il sistema CELL-DYN Sapphire compensa automaticamente i conteggi
delle cellule applicando la correzione della coincidenza, basata sul
numero di cellule rilevate. Questa correzione aumenta di importanza con
l'aumentare della concentrazione di cellule. Il conteggio dei leucociti
viene corretto rispetto al passaggio coincidente leucocita-leucocita, il
conteggio degli eritrociti viene corretto rispetto al passaggio coincidente
eritrocita-eritrocita ed il conteggio delle piastrine viene corretto rispetto al
passaggio coincidente eritrocita-piastrina (i conteggi di eritrociti e
piastrine vengono corretti sia nelle misurazioni a scatter ottico che in
quelle ad impedenza elettrica).

3-4 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Metodo a scatter ottico/fluorescenza


Le misurazioni con il metodo a scatter ottico/fluorescenza vengono
eseguite sul sistema ottico, che è composto dai seguenti tre sottosistemi
principali:
• Sistema di illuminazione
• Sistema celletta di flusso ottica
• Sistema di raccolta/rilevazione

1 Specchio posteriore
3 4
2 Laser
2 5
3 PMT3 6
4 PMT2
1
5 PMT1 7
6 Filtri intercambiabili 8
7 Modulo contenente
fessura, lente collet- 9
trice e splitter del
raggio
8 Splitter del raggio
luminoso
9 Modulo di dispersione
della luce in avanti
10 Celletta di flusso e
lente condensatrice 14 10
11
11 Regolazione del
13 12
raggio luminoso
12 Lente di focalizza-
zione
13 Specchio anteriore
14 Lenti cilindriche

Figura 3.1: Modulo del sistema ottico

Sistema di illuminazione
Il laser a stato solido è il componente principale del sistema di illumina-
zione del modulo del sistema ottico. Questo laser genera un raggio pola-
rizzato verticalmente (situato nella banda blu dello spettro con una
lunghezza d'onda di 488 nm) che interagisce con la diluizione del
campione producendo scatter della luce e fluorescenza. Specchi e lenti
dirigono il raggio laser e lo focalizzano sul flusso del campione nel centro
della celletta di flusso ottica.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-5


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Filtro polarizzante orizzontalmente


Modulo di espansione del
raggio luminoso Splitter del raggio luminoso

Specchio posteriore Filtro FL1 (verde)

Laser a stato solido


Filtro FL2
(arancio)
Lente collettrice
Fessura Fessura
Splitter del raggio luminoso
Rilevatore esterno (PD 2)
Filtro per la dispersione a 7°
Lente
FL3
condensatrice Vista ante-
(rosso)
riore del
rilevatore
Lente foca- in dettaglio
lizzatrice Lente di
Rilevatore interno (PD 1)
Specchio anteriore dispersione
per la luce a 0°
in avanti
Lenti cilindriche Rilevatore convesso
Celletta di flusso

Regolazione del raggio luminoso

Figura 3.2: Percorsi della luce nel sistema ottico

Sistema celletta di flusso ottica


Il sistema celletta di flusso ottica è composto dalla celletta di flusso ottica,
che comprende:
• Modulo di iniezione
• Celletta di flusso ottica

3-6 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Modulo di iniezione
Il modulo di iniezione si compone di tre tubi concentrici. Tramite questi
tre tubi, le diluizioni per RBC/PLT, WBCe RETC vengono iniettate sepa-
ratamente nella celletta di flusso ottica.
I tre percorsi indipendenti e coassiali per il liquido sono di primaria
importanza per ottenere un carryover ridotto ed un'elevata capacità di trat-
tamento. La capacità di trattamento viene inoltre incrementata dai
condotti fluidici che permettono il trasferimento indipendente e la riparti-
zione (staging) delle diluizioni prima dell'iniezione.

Diluizione WBC

Diluizione RBC/PLT

Diluizione RETC

Vista laterale Vista dall'alto

Figura 3.3: Modulo di iniezione

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-7


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Celletta di flusso ottica


La celletta di flusso ottica è una camera di progettazione particolare, che
presenta una forma a cono svasato e un'apertura centrale di forma rettan-
golare. La celletta di flusso ottica accoglie la diluizione del campione e il
reagente sheath, e poi obbliga la diluizione a disporsi come un nastro
sottile all'interno del reagente sheath. Il fenomeno, noto con il nome di
flusso laminare, impedisce che il flusso di campione e il reagente sheath
si mescolino. Le cellule del sangue presenti nella diluizione del campione
passano in un'unica fila attraverso il raggio laser focalizzato, dove il
sistema di raccolta/rilevazione effettua cinque misurazioni simultanee di
ogni cellula.

Celletta di
flusso

Raggio laser
Lente di
dispersione

Modulo di
iniezione

Figura 3.4: Sezione della celletta di flusso ottica e del modulo di


iniezione

3-8 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Sistema di raccolta/rilevazione
Il sistema di raccolta/rilevazione è composto da due moduli, che conten-
gono cinque rilevatori ottici e la corrispondente ottica per la raccolta dei
dati provenienti dall'angolo frontale e laterale:
• Modulo a scatter frontale
• Modulo a scatter laterale e fluorescenza a 90°

Modulo a scatter frontale


Il modulo a scatter frontale rileva le due misurazioni omonime. La luce
laser dispersa dalle cellule in avanti viene raccolta dalle lenti apposite e
focalizzata sui due fotodiodi concentrici del rilevatore convesso. Il diodo
interno rileva la luce a 0°, che serve a calcolare la perdita a 0° Il diodo
esterno rileva lo scatter a 7°.

Modulo a scatter laterale e fluorescenza a 90°


La luce laser viene deviata dalla superficie delle cellule oppure emessa
sotto forma di fluorescenza in direzione ortogonale. Questa luce a 90°
viene raccolta dalla lente condensatrice e diretta verso i rilevatori. La lente
è accoppiata otticamente alla celletta di flusso ottica.
Lo scatter della luce a 90° viene diretto verso uno splitter del raggio lumi-
noso che lo suddivide in due raggi. Un raggio viene riflesso verso il tubo
fotomoltiplicatore PMT3 e passa attraverso una lente collettrice che rileva
la fluorescenza nella banda rossa. Il secondo raggio viene inviato attra-
verso una seconda lente collettrice e viene poi ulteriormente suddiviso da
un secondo splitter del raggio luminoso; i raggi risultanti vengono diretti
verso i tubi fotomoltiplicatori PMT1 e PMT2.
I tubi fotomoltiplicatori (PMT1, PMT2 e PMT3) rilevano lo scatter della
luce a 90° e la fluorescenza. Essi convertono la luce in un segnale elettrico
proporzionale all'intensità della luce e trasmettono poi il segnale alla
circuiteria di elaborazione che lo analizzerà. Il tubo fotomoltiplicatore
PMT1 rileva lo scatter della luce a 90°D (depolarizzata) e la fluorescenza
a 530 nm (FL1). Il tubo fotomoltiplicatore PMT2 rileva lo scatter della
luce a 90°D (polarizzata) e la fluorescenza a 570 nm (FL2). Il tubo foto-
moltiplicatore PMT3 rileva la fluorescenza a 630 nm (FL3).
Di fronte al tubo fotomoltiplicatore PMT1 è posizionato un modulo di
scorrimento meccanico duale. Questo meccanismo colloca un filtro pola-
rizzatore orientato in senso orizzontale sul percorso della luce durante le
misurazioni dello scatter della luce e un filtro da 530 nm sul percorso della
luce verso il tubo fotomoltiplicatore PMT1 durante le misurazioni della
fluorescenza. Inoltre, quando si esegue il dosaggio CELL-DYN Immuno
T-Cell (CD3/4/8), sul percorso della luce verso il tubo fotomoltiplicatore
PMT2 viene collocato un filtro da 570 nm (fare riferimento al
Capitolo 12: Dosaggio CELL-DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8),
Sezione: Principi di funzionamento).

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-9


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

La seguente tabella riassume il sistema di raccolta/rilevazione.


Tabella 3.1: Sistema di raccolta/rilevazione

Modulo Sensore Misurazione

A scatter frontale Diodo interno del rilevatore con- Luce a 0° (usata per calcolare la perdita
vesso di luce a 0°)

Diodo esterno del rilevatore con- Scatter della luce a 7°


vesso

A scatter laterale e fluore- Tubo fotomoltiplicatore 1 (PMT1) Scatter della luce a 90°D
scenza a 90° (depolarizzata)

FL1 (fluorescenza a 530 nm)

Tubo fotomoltiplicatore 2 (PMT2) Scatter della luce a 90° (polarizzata)

FL2 (fluorescenza a 570 nm)

Tubo fotomoltiplicatore 3 (PMT3) FL3 (fluorescenza a 630 nm)

3-10 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Procedimento di misurazione tramite scatter ottico/


fluorescenza
Il procedimento di misurazione tramite scatter ottico/fluorescenza può
venire riassunto come segue:
1. Dopo la diluizione e la miscelazione, le tre aliquote di campione da
analizzare otticamente vengono trasferite dalla coppetta di dilui-
zione alla celletta di flusso ottica.
2. Le diluizioni vengono eseguite simultaneamente e iniettate una
dopo l'altra nella celletta di flusso ottica tramite il modulo di inie-
zione. La diluizione per eritrociti/piastrine viene iniettata per prima,
seguita dalla diluizione per i leucociti e infine dalla diluizione per i
reticolociti (vedere la figura seguente).
3. Nella celletta di flusso ottica, la focalizzazione idrodinamica
obbliga il campione a portarsi al centro di un liquido sheath, privo
di cellule e in movimento rapido, composto da reagente diluente/
sheath CELL-DYN. L'azione combinata di una speciale geometria,
della pressione di movimento del liquido e del tasso di diluizione
crea una processione di cellule in singola fila attraverso la celletta di
flusso (vedere la Figura 3.6).
4. Nel momento in cui la diluizione entra nell'area di conteggio, le
cellule interagiscono con il raggio laser del sistema di illumina-
zione.
5. Il sistema di lettura misura sia la luce deviata che quella non deviata
diffusa dalla superficie e dalle strutture interne delle cellule
sanguigne, come pure la fluorescenza emessa dagli acidi nucleici
colorati delle cellule stesse.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-11


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

1. Diluizione 2. Diluizione WBC 3. Diluizione RETC


RBC/PLT

Figura 3.5: Sequenza di diluizione e iniezione del campione

3-12 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Raggio laser Celletta di flusso ottica Flusso


focalizzato
nella celletta

Lente di scatter
frontale

Ago di iniezione
del campione

Figura 3.6: Procedimento all'interno della celletta di flusso ottica

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-13


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Principi dello scatter della luce


Lo scatter della luce è un fenomeno che ha luogo quando la luce laser
colpisce una cellula e cambia perciò direzione.1, 2 In un citometro a flusso
i rilevatori sono sensibili alla luce deviata, che viene convertita in impulsi
elettronici ed inviata ad un computer per essere analizzata e memorizzata.
I segnali così ottenuti contengono informazioni circa le caratteristiche
delle cellule, quali dimensione, complessità, granularità citoplasmatica e
lobularità del nucleo, che servono ad identificare le cellule stesse. Tali
caratteristiche possono venir dedotte misurando la luce deviata a certi
angoli in relazione al raggio laser. Nel sistema CELL-DYN Sapphire si è
convenuto di chiamare tali angoli con il nome del loro punto centrale
approssimativo. Segue una lista delle quattro misurazioni dello scatter
della luce (vedere la Figura 3.7) e delle caratteristiche cellulari da esse
maggiormente indicate:
• Perdita di luce a 0° - DIMENSIONE
NOTA: Per mancanza di spazio sullo schermo, la misurazione della
perdita di luce a 0° viene chiamata 0 DIMENSIONE o 0° DIMEN-
SIONE sull'asse dei grafici ogni volta che questi ultimi vengono
visualizzati o stampati.
• Scatter della luce a 7° - COMPLESSITA'
• Scatter della luce a 90° - LOBULARITA'
• Scatter della luce a 90° depolarizzata - GRANULARITÀ
NOTA: Per mancanza di spazio, questa misurazione viene abbre-
viata in 90D GRANUL sull'asse dei grafici ogni volta che questi
ultimi vengono visualizzati o stampati.
Tale tecnologia è nota come MAPSS (scatter polarizzato multiangolare).
Diverse combinazioni di queste quattro misurazioni vengono utilizzate
per classificare le sottopopolazioni WBC e fornire una segnalazione
morfologica.

3-14 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

90°D 90°

Raggio laser 0°

Figura 3.7: Quattro segnali luminosi

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-15


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Perdita di luce a 0°
La perdita di luce a 0° rappresenta la misura della riduzione della luce
assiale che si verifica al passaggio della cellula attraverso il raggio laser
insieme al flusso del campione. La luce che permette questa misurazione
viene rilevata dall'elemento interno del rilevatore convesso del modulo a
scatter frontale. Il rilevatore della luce a 0° accetta un cono di luce con un
raggio massimo di l° intorno all'asse del raggio laser.
Come viene mostrato nella Figura 3.8, se sul percorso del raggio laser non
si trovano altro che diluente e reagente sheath, praticamente tutta la luce
laser raggiunge il rilevatore della luce a 0°, producendo così un segnale di
riferimento iniziale. Quando sul percorso della luce è presente una cellula,
il segnale diminuisce di intensità, principalmente a causa della deviazione
della luce. La misurazione della perdita di luce a 0° viene calcolata
confrontando l'intensità dei due segnali. Dato che una cellula di grandi
dimensioni devia la luce più facilmente di una di piccole dimensioni,
provocando dunque una maggiore perdita di luce a 0°, il segnale a 0° viene
utilizzato come misura delle dimensioni della cellula.

Cellula non presente Output rilevatore

Segnale
luce 0°
Ora

Cellula presente Output rilevatore

Segnale
luce 0°
Ora

Figura 3.8: Segnali luminosi nelle misurazioni della perdita di luce a 0°


(DIMENSIONE)

Scatter della luce a 7°


Lo scatter della luce a 7° consiste in luce misurata ad angoli intermedi
(3°–10°) rispetto all'asse del raggio laser. Lo scatter della luce a 7° viene
rilevato dall'elemento esterno del rilevatore convesso del modulo a scatter
frontale. Una cellula dotata di una struttura interna complessa provoca un
segnale di deviazione della luce a 7° maggiore di quello di una cellula di
minore complessità. Ne consegue che lo scatter della luce a 7° può essere
utilizzato per misurare la complessità della cellula.

3-16 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Scatter della luce a 90°


Lo scatter della luce a 90° consiste in luce deviata lateralmente e diretta
verso una serie di angoli disposti simmetricamente a 90° rispetto al raggio
laser. Lo scatter della luce a 90° viene rilevato da un tubo fotomoltiplica-
tore (PMT2). Il segnale della deviazione della luce a 90° è utile per distin-
guere i leucociti con segmentazione nucleare (lobularità elevata) da quelli
con nuclei semplici non segmentati. Perciò lo scatter della luce a
90° viene usato per misurare la lobularità del nucleo di una cellula.

Scatter della luce a 90° depolarizzata


Lo scatter della luce a 90° depolarizzata (90°D) consiste in luce deviata
lateralmente e depolarizzata dalla cellula durante il processo di disper-
sione.3 Allo stesso modo dello scatter della luce a 90°, lo scatter a 90°D
viene misurato su una serie di angoli orientati simmetricamente a 90°
rispetto al raggio laser. Anche lo scatter della luce a 90°D viene rilevato
da un tubo fotomoltiplicatore (PMT1).
Il termine depolarizzata viene usato perché la luce laser, che all'inizio
presenta un movimento ondulatorio orientato verticalmente, viene modi-
ficata in seguito alla ripetuta deviazione, ed una piccola parte si orienta
orizzontalmente. Questa luce orientata orizzontalmente è l'unico compo-
nente che riesce a passare attraverso il filtro polarizzatore orizzontale e a
raggiungere il tubo fotomoltiplicatore PMT1.
Lo scatter della luce a 90°D può servire a differenziare fra loro neutrofili
ed eosinofili. Alcuni tipi di granuli citoplasmatici infatti, ed in particolar
modo quelli presenti in abbondanza negli eosinofili, depolarizzano la luce
durante il processo di deviazione. Per questa ragione, lo scatter della luce
a 90°D è considerato una misura della granularità depolarizzante di una
cellula.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-17


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Principi di fluorescenza
La fluorescenza è un fenomeno per il quale la luce viene assorbita ad una
lunghezza d'onda ed emessa ad una lunghezza d'onda leggermente più
lunga.4 Nel sistema CELL-DYN Sapphire, la fluorescenza cellulare
deriva dall'uso di coloranti speciali che interagiscono con la luce del laser.
Tali coloranti colorano le cellule per prepararle a determinate misurazioni.
Quando il laser a stato solido interagisce con le cellule colorate, il colo-
rante emette fluorescenza ad una lunghezza d'onda leggermente più lunga
di quella del raggio laser. I segnali di fluorescenza forniscono informa-
zioni circa la presenza e le caratteristiche di reticolociti, eritrociti nucleati,
leucociti non vitali o fragili.
NOTA: Per informazioni sull'uso della fluorescenza con i dosaggi immu-
nologici CELL-DYN, fare riferimento al Capitolo 12: Dosaggio CELL-
DYN Immuno T-Cell (CD3/4/8), Sezione: Principi di funzionamento e
al Capitolo 13: Dosaggio CELL-DYN ImmunoPlt (CD61), Sezione:
Principi di funzionamento.

Nel sistema CELL-DYN Sapphire, il laser a stato solido e i coloranti


speciali interagiscono per dar luogo a fluorescenza nel modo seguente:
• L'RNA contenuto nei reticolociti viene colorato da un colorante che
emette fluorescenza su di una banda centrata su 530 nm quando
interagisce con il raggio laser a 488 nm.
• Il DNA contenuto in eritrociti nucleati, leucociti non vitali e leuco-
citi fragili viene colorato da un colorante che emette fluorescenza ad
una lunghezza d'onda centrata su 630 nm quando interagisce con il
raggio laser a 488 nm.

I filtri ottici permettono il passaggio della luce fluorescente a 530 nm o


630 nm, ma bloccano lo scatter della luce a 488 nm. Il tubo fotomoltipli-
catore PMT1 riceve la luce a 530 nm e il tubo PMT3 riceve la luce a
630 nm.
Nel campo della citometria a flusso sono state adottate delle convenzioni
per etichettare i vari segnali fluorescenti. La seguente tabella offre
maggiori dettagli riguardanti le due etichette applicabili ai segnali rilevati
nel sistema CELL-DYN Sapphire, cioè FL1 e FL3.

Tabella 3.2: Informazioni relative ai segnali fluorescenti

Lunghezza
Etichetta Colore della Rilevatore Attributi
d'onda Cellule identificate
del segnale fluorescenza del segnale misurati
del segnale

FL1 530 nm Verde PMT1 Reticolociti RNA

FL3 630 nm Rosso PMT3 Eritrociti nucleati, leu- DNA


cociti non vitali e fragili

3-18 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

FL1
FL1 è fluorescenza verde centrata su 530 nm. Viene misurata su di una
serie di angoli orientati simmetricamente a circa 90° rispetto al raggio
laser. Un filtro da 530 nm viene inserito sul percorso della luce prima che
avvenga la misurazione di FL1. Tale filtro blocca qualsiasi segnale tranne
la luce a 530 nm e permette a tale luce verde di passare attraverso il tubo
fotomoltiplicatore PMT1 per essere misurata.
Il reagente per i reticolociti CELL-DYN Sapphire contiene un colorante
che colora l'RNA ed emette fluorescenza sulla lunghezza d'onda FL1. I
reticolociti contengono una quantità di RNA molto più elevata degli
eritrociti maturi, a causa del reticolo endoplasmatico ricco di RNA. Per
questa ragione con la fluorescenza FL1 è possibile distinguere le due
popolazioni. La popolazione di reticolociti viene identificata e contata, e
viene calcolata la percentuale di reticolociti rispetto agli eritrociti. Anche
il DNA dei leucociti viene colorato dal colorante, ma i leucociti possono
essere distinti dai reticolociti perché assorbono più colorante e di conse-
guenza emettono un segnale FL1 più intenso.
Dato che i reticolociti perdono il loro RNA nel corso del processo di matu-
razione, l'intensità della fluorescenza FL1 può fungere da indicatore della
maturità dei reticolociti, permettendo di calcolare la percentuale di retico-
lociti immaturi (IRF). La frazione di reticolociti che supera un certo
livello di fluorescenza FL1 indica l'immaturità della popolazione retico-
locitaria. In tal modo FL1 può venir utilizzata per misurare concentra-
zione, percentuale e grado di maturità dei reticolociti.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-19


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

FL3
FL3 è una fluorescenza rossa centrata su 630 nm e misurata su di una serie
di angoli orientati simmetricamente a circa 90° rispetto al raggio laser.
Prima che avvenga la misurazione, viene posto un filtro da 630 nm sul
percorso della luce. Tale filtro blocca qualsiasi segnale tranne la luce a
630 nm e permette a tale luce rossa di passare attraverso il tubo fotomolti-
plicatore PMT3 per essere misurata.
Il reagente per i leucociti CELL-DYN contiene un colorante che colora il
DNA ed emette fluorescenza sulla lunghezza d'onda FL3. Tale reagente
elimina la membrana citoplasmatica dagli eritrociti nucleati in modo che
rimangano solo i nuclei. Questi nuclei rilevati sono resi accessibili al colo-
rante. D'altra parte il reagente non produce tale effetto sui leucociti vitali,
e perciò i loro nuclei non vengono né permeati né colorati. Di conse-
guenza, la fluorescenza FL3 può servire per identificare gli eritrociti
nucleati, calcolarne la concentrazione e determinarne la percentuale
rispetto ai leucociti (espressa come numero di eritrociti nucleati ogni 100
leucociti).
FL3 può servire inoltre a contare i leucociti non vitali o fragili, permet-
tendo di calcolare una frazione vitale di leucociti (WVF†). La frazione
vitale di leucociti (WVF) viene calcolata come frazione WBC sotto un
certo livello di fluorescenza FL3.

† Il significato clinico di questo parametro non è stato ancora stabilito. Esso non è pertanto riportabile
e viene fornito per il solo uso in laboratorio.

3-20 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Metodo ad impedenza elettrica


L'impedenza elettrica è la misura della capacità di un oggetto di opporsi
al movimento di una carica elettrica. Il sistema CELL-DYN Sapphire si
serve del grado di impedenza prodotto dalle cellule o dalle particelle del
sangue per contare eritrociti e piastrine e determinarne le dimensioni. Il
conteggio ad impedenza delle piastrine funge da controllo di qualità del
corrispondente conteggio ottico. Le misurazioni ad impedenza vengono
eseguite nel trasduttore ad impedenza, descritto nel Capitolo 1: Uso e
funzioni, Sezione: Trasduttore ad impedenza.
Le misurazioni ad impedenza vengono effettuate controllando il voltaggio
richiesto per inviare una corrente costante attraverso un orifizio. Una
cellula o una particella che passino attraverso questo orifizio ostacolano il
flusso di corrente ed il voltaggio deve aumentare allo scopo di mantenere
costante la corrente. Quando il voltaggio aumenta al di sopra di una deter-
minata soglia per poi scenderne al di sotto, ciò significa che una cellula o
una particella ematica ha attraversato l'area di conteggio.5
Il numero di cellule o particelle che hanno attraversato l'orifizio può
essere determinato contando gli impulsi di voltaggio che si verificano
durante un intervallo di misurazione. Il volume di ciascuna cellula può poi
venir stabilito misurando l'ampiezza del corrispondente impulso. Per
informazioni sull'impedenza fare riferimento alla Sezione: Procedimento
della misurazione ad impedenza e Ottimizzazione della misurazione
tramite citometria a flusso in questo stesso capitolo.

Procedimento della misurazione ad impedenza


Il procedimento della misurazione ad impedenza può venir riassunto
come segue:
1. Dopo la diluizione e la miscelazione, il campione viene trasferito
dalla coppetta di diluizione per gli eritrociti al trasduttore ad impe-
denza.
2. Il campione viene iniettato nella camera di pre-analisi del trasdut-
tore e nel centro di un flusso di liquido sheath tramite un procedi-
mento noto come focalizzazione idrodinamica (per ulteriori
informazioni sulla focalizzazione idrodinamica fare riferimento alla
Sezione: Ottimizzazione della misurazione tramite citometria a
flusso in questo stesso capitolo). Questo procedimento è illustrato
nella Figura 3.9.
3. Mentre il campione diluito viene focalizzato attraverso l'orifizio e
nella camera sinistra, le cellule ostacolano un flusso costante di
corrente elettrica e la serie di impulsi elettrici che ne risulta viene
contata ed analizzata. Questo procedimento è illustrato nella
Figura 3.10.

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-21


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Flusso
Sheath sheath
flow
Flusso
Sample campione
flow

Camera di post- Camera di


analisi pre-analisi

Elettrodo interno

Tubo di iniezione ed
elettrodo esterno

Piastra dell'orifizio per


la misurazione ad
impedenza

Figura 3.9: Focalizzazione idrodinamica nel trasduttore ad impedenza

3-22 Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Capitolo 3 Tecniche di misurazione

Sheath

Corrente
costante

Condensatore amplificatore Diluizione


del
campione

Sheath

Voltaggio
Impulso
Ampiezza

Volume cellula

Figura 3.10: Procedimento della misurazione ad impedenza

Manuale d’Impiego del Sistema CELL-DYN Sapphire 3-23


G3-1916/R06 — Gennaio 2014
Principi di funzionamento
Tecniche di misurazione Capitolo 3

Spettrofotometro ad assorbimento
Nel sistema CELL-DYN Sapphire l'emoglobina viene misurata tramite
spettrofotometro ad assorbimento. Questo processo è fondato sulla rela-
zione di tipo lineare che esiste tra la quantità di luce assorbita (in un deter-
minato spettro) da un campione in toto, perfettamente miscelato e non
fluente, e la concentrazione della sola sostanza effettivamente assorbente
contenuta nel campione (legge di Beer)6. Sul CELL-DYN Sapphire la
spettrofotometria ad assorbimento è svolta usando la diluizione HGB come
campione ed il complesso emoglobinico come entità assorbente.

Prima che venga misurata la concentrazione di emoglobina, gli eritrociti


vengono sottoposti a lisi completa con reagente per l'emoglobina
CELL-DYN e l'emoglobina così liberata viene convertita in un singolo
cromogeno con un picco di assorbimento di 544 nm. Quindi vengono
eseguite una dopo l'altra le seguenti misurazioni:
1. La quantità di luce tras