Sei sulla pagina 1di 25

Esempi di restauro architettonico

Francesco Morante

LArco di Tito

LArco di Tito uno dei primi e pi famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. Larco era stato costruito nel I sec. e in seguito, parzialmente demoliti i piloni di sostegno, era stato inglobato in altri edifici.

Morante - Esempi di restauro architettonico

LArco di Tito

A partire dal XVI secolo, vennero effettuati i primi restauri allarco che consistettero nella demolizione di alcuni edifici sul lato sud e nella realizzazione di un contrafforte. Successivamente larco fu inglobato nelle strutture del convento di Santa Francesca Romana (un tempo Santa Maria Nova) e solo nel 1812-24 ebbe inizio lintervento di liberazione vero e proprio.

Morante - Esempi di restauro architettonico

LArco di Tito

Il restauro dellArco di Tito, fu iniziato nel 1818 da Raffaele Stern ed ultimato poi da Giuseppe Valadier. Lo Stern, quando inizi il restauro liber ci che rimaneva dellArco, vale a dire: il fornice, le colonne centrali che lo inquadravano sui due lati, e la sovrastante trabeazione sormontata dalla grande targa celebrativa. Interamente ricostruiti sono i due piloni che reggono lArco. Uno dei motivi per cui il restauro dellArco di Tito fu giudicato esemplare, fu limpiego per ogni parte aggiunta di un materiale diverso (il travertino), da quello originario (il marmo).

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Colosseo

La costruzione del Colosseo fu iniziata da Vespasiano nel 72 e completata da Tito nell80. Nel VI secolo venne abbandonato e usato come area di sepoltura e poco dopo come castello. Nell847 venne danneggiato da un terremoto. A lungo utilizzato come fonte di materiale edilizio, nel XIII secolo fu occupato da un palazzo dei Frangipane, che venne successivamente demolito.

Il Colosseo come appariva nel 1858 in una foto di Tommaso Cuccioni.

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Colosseo

I blocchi di travertino furono sistematicamente asportati nel XV e XVI secolo per essere riutilizzati in nuove costruzioni. Nel corso del giubileo del 1675 assunse il carattere di luogo sacro in memoria dei molti martiri cristiani qui condannati al supplizio. Nel 1744 papa Benedetto XIV vi fece costruire le quindici edicole della via crucis, e nel 1749 dichiar il Colosseo chiesa consacrata a Cristo e ai martiri cristiani.

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Colosseo

I primi restauri furono iniziati da Raffaele Stern dopo il 1806, anno in cui un violento terremoto compromise la statica dei due lati liberi dellanello pi esterno. La soluzione adottata fu di consolidare gli anelli pi esterni, la cui continuit era stata interrotta dalle demolizioni, con un grande sperone in mattoni. Giuseppe Valadier nel 1823 si occup del recupero dellanello perimetrale nel lato verso i fori. L'intervento sar dal punto di vista statico un nuovo sperone ma in questo caso Valadier ebbe il tempo di realizzare delle arcate del tutto identiche alle originali.

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Colosseo
Laggiunta interamente in mattoni, realizzata in materiale diverso rispetto alloriginale per motivi economici e non per una volont di differenziazione, ad eccezione della basi e dei capitelli in travertino realizzati in maniera identica e con lo stesso livello di definizione degli originali.

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Colosseo

Ulteriori lavori di restauro furono condotti nellOttocento da Gaspare Salvi e Luigi Canina, che provvidero a consolidare le parti ancora pericolanti, soprattutto nel coronamento dellanello superiore. Tra il 1938 e il 1939 vennero liberati i sotterranei e rimosso il pavimento per consentirne la visione.

Morante - Esempi di restauro architettonico

Il Pantheon

Lattuale Pantheon a Roma fu fatto costruire dallimperatore Adriano agli inizi del II secolo, dopo che il precedente del 25 a.C. era stato distrutto da un incendio. In seguito fu trasformato in chiesa cristiana. Agli inizi del XVII secolo, per volere di papa Urbano VIII Barberini, Gian Lorenzo Bernini costru sulla facciata del Pantheon due piccoli campanili.

Morante - Esempi di restauro architettonico

10

Il Pantheon

Nel corso del restauro effettuato nel 1883, i due campanili del Bernini vennero demoliti, perch ritenuti non congrui con limmagine originaria del monumento.

Morante - Esempi di restauro architettonico

11

Campanile di San Marco a Venezia

La costruzione inizi nel IX secolo su fondazioni di origine romana. Venne portato a termine nel XII secolo su imitazione del campanile di Aquileia. Seriamente danneggiato da un fulmine nel 1489 e da un terremoto nel 1511, assunse laspetto definitivo nel XVI secolo. I lavori di restauro iniziati dallarchitetto Giorgio Spavento vennero poi eseguiti sotto la direzione dellarchitetto bergamasco Bartolomeo Bon, e riguardarono la cella campanaria, che venne realizzata in marmo, lattico sul quale vennero poste le sculture raffiguranti il leone di San Marco e Venezia e la cuspide, in rame dorato. I lavori vennero completati nel 1513 con il collocamento della statua in legno dorato dellArcangelo Gabriele.

Morante - Esempi di restauro architettonico

12

Campanile di San Marco a Venezia

Nel luglio del 1902 sulla parete nord della costruzione venne segnalata la presenza di una pericolosa fenditura che nei giorni seguenti aument di dimensioni fino a che la mattina di luned 14 luglio il campanile croll.

Morante - Esempi di restauro architettonico

13

Campanile di San Marco a Venezia

La stessa sera in cui il campanile croll il consiglio comunale, riunito durgenza, ne deliber la ricostruzione in forme identiche alloriginale. Il motto di questa ricostruzione fu la famosa frase dovera e comera. I lavori durarono fino al 6 marzo 1912. Il nuovo campanile venne inaugurato il 25 aprile 1912 in occasione della festa di San Marco.

Morante - Esempi di restauro architettonico

14

Chiesa di Santa Chiara a Napoli

La basilica e il complesso monastico di Santa Chiara (anche conosciuti come Monastero di Santa Chiara) furono edificati tra il 1310 e il 1340, su un complesso termale romano del I secolo d.C., per volere di Roberto d'Angi e della regina Sancia di Maiorca, nei pressi della cinta muraria occidentale, a Napoli. la pi grande basilica gotica della citt.

Morante - Esempi di restauro architettonico

15

Chiesa di Santa Chiara a Napoli

Originariamente costruita in forme gotiche provenzali, tra il XVII e il XVIII secolo venne ampiamente ristrutturata in forme barocche da Domenico Antonio Vaccaro. Durante la seconda guerra mondiale un bombardamento degli Alleati del 4 agosto 1943 provoc un incendio durato quasi due giorni e distrusse la chiesa quasi interamente.

Morante - Esempi di restauro architettonico

16

Chiesa di Santa Chiara a Napoli

Nellottobre 1944 Padre Gaudenzio DellAja fu nominato Rappresentante dellOrdine dei Frati Minori per i lavori di ricostruzione della Basilica, alla cui ricostruzione partecip in prima persona. In seguito venne riportata al presunto e spoglio aspetto originario da un massiccio e discusso restauro conclusosi nel 1953.

Morante - Esempi di restauro architettonico

17

Chiesa di Santa Sofia a Benevento

La chiesa di Santa Sofia a Benevento fu costruita dai longobardi nella seconda met del VIII secolo. In origine era una chiesa a pianta centrale con un doppio deambulatorio intorno allo spazio centrale esagonale coperto da una cupola. Nel corso del XII secolo fu ampiamente rimaneggiata trasformandola in una chiesa a pianta longitudinale, costruendo tre navate nella parte antistante la chiesa.

Morante - Esempi di restauro architettonico

18

Chiesa di Santa Sofia a Benevento

Il terremoto del 1688 fece crollare il campanile della chiesa che cadde sulla cupola distruggendola. Fu quindi necessario procedere ad un ampio restauro. Fu ricostruita la cupola innalzandola di qualche metro. Furono demolite le navate costruite nel XII secolo, riportandola alla pianta centrale, e fu quindi rifatta la facciata. Linterno venne completamente ridecorato con intonaci e stucchi di stile barocco.

Morante - Esempi di restauro architettonico

19

Chiesa di Santa Sofia a Benevento

Negli anni Cinquanta, dopo che la chiesa era rimasta abbandonata per quasi un secolo, fu avviato il restauro da Antonino Rusconi. Egli procedette ad un restauro di ripristino, sullesempio di quanto fatto a Napoli nel Monastero di Santa Chiara che, allepoca, fu molto criticato. Furono completamente rimosse tutte le decorazioni barocche, dando alla chiesa un aspetto molto pi spoglio, ma che probabilmente non ebbe mai nella sua storia, in quanto le superstite pitture ritrovate ci testimoniano che la chiesa doveva essere totalmente decorata ad affresco.

Morante - Esempi di restauro architettonico

20

Chiesa di Santa Sofia a Benevento

Molto dubbia appare inoltre la pianta che egli diede alla chiesa, soprattutto sui due lati. La chiesa prima del suo intervento era di forma circolare. Egli invece ha realizzato una pianta mistilinea con due punte sporgenti sui due lati, che non sembra essere giustificata da alcun dato n storico n archeologico. Nel complesso, pu dirsi che questo intervento non sia stato un restauro ben riuscito.

Morante - Esempi di restauro architettonico

21

Tempio di Abu Simbel

Abu Simbel si trova nellEgitto meridionale, sulla riva occidentale del Lago Nasser. Il complesso archeologico di Abu Simbel composto da due enormi templi in roccia ricavati dal fianco della montagna dal faraone Ramses II nel XIII secolo a.C. Il sito archeologico fu scoperto, quasi completamente ricoperto di sabbia, nel 1817 dallarcheologo italiano Belzoni.

Morante - Esempi di restauro architettonico

22

Tempio di Abu Simbel

Nel 1960 il presidente egiziano Nasser decise la costruzione della diga di Aswan, opera che rischiava di sommergere i templi di Abu Simbel. Grazie all'intervento dellUnesco, tra il 1964 e il 1968, i templi furono tagliati, numerati e smontati blocco per blocco e successivamente ricostruiti in una nuova posizione 65 metri pi in alto e 300 metri pi indietro rispetto al bacino venutosi a creare.

Morante - Esempi di restauro architettonico

23

Campanile del Duomo di Pisa

La costruzione del Campanile del Duomo di Pisa inizi nel 1173, probabilmente ad opera di Bonanno Pisano. La prima fase dei lavori fu interrotta a met del terzo piano, a causa del cedimento del terreno su cui sorge la base della torre. I lavori ripresero nel 1275 sotto la guida di Giovanni di Simone e Giovanni Pisano, aggiungendo alla costruzione precedente altri tre piani. Nel tentativo di raddrizzare la torre, i tre piani aggiunti tendono ad incurvarsi in senso opposto alla pendenza. La torre fu completata alla met del secolo successivo, aggiungendo la cella campanaria.

Morante - Esempi di restauro architettonico

24

Campanile del Duomo di Pisa

Negli ultimi decenni del XX secolo linclinazione ha subito un deciso incremento tanto che il pericolo del crollo si era fatto concreto. Durante i lavori di consolidamento, iniziati nel 1990 e terminati alla fine del 2001, la pendenza della torre stata ridotta tramite cerchiatura di alcuni piani, applicazione temporanea di tiranti di acciaio e contrappesi di piombo (fino a 900 tonnellate) e sottoescavazione. La base stata inoltre consolidata e secondo gli esperti questo consentir di mantenere in sicurezza la torre per almeno altri tre secoli.

Morante - Esempi di restauro architettonico

25