Sei sulla pagina 1di 160

Edizioni presenti nella Biblioteca Sormani www.comune.milano.

it/biblioteche

SCHEDE BIBLIOGRAFICHE ANGELO CUSTODE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: collocato sul fianco sinistro della chiesa di S. Sepolcro loratorio sorse nel 1714 su commissione dei padri somaschi. La volta fu affrescata da Pietro Gilardi (1679-1730) con La cacciata degli angeli dal Paradiso Terrestre. SOPPRESSIONE: nel 1798 la confraternita che qui si riuniva fu costretta a sgombrare e la costruzione occupata da un fabbricante di sciabole. Nel 1810, ledificio fu acquistato dalla Biblioteca Ambrosiana e divenne la Sala Borromeo distrutta insieme agli affreschi nei bombardamenti alleati durante lultima guerra. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, IV, 82-83; Milano ritrovata, 1986, 418-419 (con bibliografia); Sormani, 1760, 23. b) notizie: La pittura in Italia. Il Settecento, v. 2, comitato scientifico: Carlo Bertelli, Milano, Electa, 1990, p. 735. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Culto, p.a., 1150. ANNUNCIATA v. S. Maria Annunciata. ANNUNCIATA AL CASTELLO v. S. Maria del Carmine. APPLANO, domus de ZONA: ? ORIGINE E VICENDE: XIII sec. ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: post 1564 b) notizie: Zanoni L., 1911, 196. c) fonti e citazioni documentarie: Magistretti, 1910, 126. ARCHAGNAGO, domus de v. S. Agnese. ASSUNTA DEL MURO, v. S. Maria della Vittoria. ASSUNZIONE (oratorio) ZONA : Porta Vercellina

A cura di Alberto Di Bello, Ufficio Acquisti Libri Per informazioni: sormani.libri@comune.milano.it

ORIGINE E VICENDE: situato presso latrio di S. Ambrogio, loratorio era sede di una confraternita, fu sconsacrato nel XVIII secolo. a) trattazioni specifiche: Forcella2, III, 1889, 281-282. ATATIIS/ATAZIIS, domus de v. S. Maria degli Attazi. AURONA v. S. Maria d'Aurona. AZIIS, domus de v. S. Caterina de Aziis, S. Caterina le Veteri. BAGIERA, domus de v. Brugera. BEATA VERGINE DELLE GRAZIE DEL PILASTRELLO ZONA: ORIGINE E VICENDE: loratorio di origine quattrocentesca fu edificato presumibilmente al posto di unedicola campestre. Ledificio fu poi rimaneggiato nel XVI secolo: s. Carlo stesso vi sost durante la sua visita a Bresso nel 1582. UBICAZIONE ATTUALE: via Ornato a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 8.4 BAYNERA, domus de v. Brugera. BIASSONO/BLASSONO, domus de v. S. Caterina di Brera. BRUGERA, domus de (domus de Bagiera, domus de Baynera) ZONA: Stretta Bagnera (v. Tiraboschi, I, 490) ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1398 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13; Magistretti, 1900, 28. CAMBIAGO, domus de v. S. Agostino Bianco, S. Maria di Cambiago. CANTALUPO, domus de v. S. Bernardino alle Monache. CAPUZINIS DE VIALEVATA, domus de v. S. Domenico de Vialevata. CARLOTTI DE CUPPA, domus v. S. Maria Nuova. CARUGATE, domus de v. S. Ambrogio di Carugate. CASIRATE, domus de

(S. Maria di Casirate) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1298 ORDINE: Umiliate/i SOPPRESSIONE: ante 1404 unione con S. Maria di Vigevano di Porta Orientale c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13; Magistretti, 1900, 28; Vigotti, 1974, 32, 70. CAVALERIO, domus de v. Cavaliono, domus de CAVALIONO, domus de (domus de Cavalerio) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: ante 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Zanoni L., 1911, 282 (1328 ag 28). CERTOSA DI GAREGNANO (S. Maria Assunta di Garegnano) ZONA: fuori Porta Comasina (Garegnano) ORIGINE E VICENDE: costruita su disposizione dellarcivescovo Giovanni Visconti, che il 19 settembre 1349 don ai certosini terreni nella zona agreste di Garegnano, la prima chiesa fu consacrata nel 1367 ma i lavori, tanto alla chiesa che al convento, continuarono anche nel secolo successivo. Il chiostro grande, che sorgeva nellarea dove oggi passa un raccordo autostradale, fu ultimato nel XVI secolo. Nel Cinquecento anche la chiesa fu ampliata e la nuova basilica fu consacrata il 6 febbraio 1562. Ulteriori lavori furono attuati nel XVII secolo. ORDINE: Certosini SOPPRESSIONE: 1783. La chiesa di Santa Maria Assunta divenne parrocchiale e il complesso conventuale non destinato allabitazione del parroco fu in parte venduto ai privati e in parte destinato a magazzino di polvere da sparo. UBICAZIONE ATTUALE: via Garegnano Bibliografia completa in: La Certosa di Garegnano in Milano, a cura di Carlo Capponi; con testi di Sandrina Bandera, 2003. COMMENDA (vedi S. Giovanni gerosolimitano) CORPUS DOMINI ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: nel 1505 avvenne il trasferimento delle monache di S. Maria dell'Umilt di Guanzate nella chiesa del Corpus Domini, ubicata nelle vicinanze del castello. ORDINE: Agostiniane. Nel 1537 ci fu il passaggio all'Osservanza cisterciense SOPPRESSIONE: nel 1578 ci fu il trasferimento delle monache a S. Michele sul Dosso con la conseguente distruzione di chiesa e monastero a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 634. b) notizie: Marcora, 1958, 424, 425. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 249. CORPUS DOMINI ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Chiesa del Corpus Domini vicino la chiesa di S. Maria de Servi, dove si fanno molte elemosine. [Gualdo Priorato, 1666, 48].

CROCEFISSO ( v S. Maria Egiziaca) DATEO v. Bocchetto. DEPOSITO (Il) v. S. Zenone. DOMINARUM MUSCARUM DE CERGIO, domus v. S. Maria Maddalena al Cerchio. DUOMO (S. Maria Nascente) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: il 1386 la data pi accreditata relativamente alla posa della prima pietra per la costruzione della basilica sorta al posto di S. Maria Maggiore, auspici larcivescovo Antonio da Saluzzo e il duca Gian Galeazzo Visconti, che intenzionato a trasformare il dominio visconteo in una realt politica importante, avvi un imponente programma edilizio con la concessione, per la fabbrica del duomo, delle cave di Candoglia. Fin dal 1387 gli annali e i pagamenti - prime carte di un immenso, splendido archivio - consentono di seguire l'evolversi della fabbrica. Ingegnere generale Simone da Orsenigo, affiancato da altri maestri lombardi: nel 1388 si iniziano i muri perimetrali, mentre nel 1389-90 il francese Nicolas de Bonaventure incaricato del disegno dei finestroni absidali [] Nel 1393 venne ultimato il primo capitello dei pilastri, su disegno di Giovannino de' Grassi, ingegnere generale fino alla morte (1398), cui si deve un secondo disegno per i finestroni absidali realizzati nei primi anni del '400 da Filippino degli Organi. Fu questi, come ingegnere generale (1407-1448), a completare la parte absidale - consacrata con l'altare maggiore da Martino V nel 1418 - e a erigere il piedicroce chiuso dalla ricomposta facciata di S. Maria Maggiore. Dal 1452 al 1481 furono ingegneri generali prima Giovanni Solari (affiancato fino al 1454 dal Filarete), poi il figlio Guiniforte, ma tocc a Giovanni Antonio Amadeo progettare come ingegnere generale (congiuntamente a Gian Giacomo Dolcebuono) ed eseguire, dal 1490, il tiburio. [Milano, 10 ed., TCI, 1998, 151152] Le attivit del cantiere conobbero unaccelerazione durante lepiscopato di Carlo Borromeo, che impose nel 1567 come direttore della Fabbrica, Pellegrino Tibaldi. Alla morte del Borromeo (1584) la direzione dei lavori pass invece al principale avversario del Pellegrini, Martino Bassi. Nel corso del XVII secolo, i lavori furono diretti dai maggiori architetti cittadini; da Lelio Buzzi a Francesco Maria Ricchino (fino al 1638), da Carlo Buzzi (fino al 1658) ai Quadrio. Per la soluzione dellannoso problema della facciata, che a inizio Settecento aveva sostituito, tre campate pi indietro, la fronte di S. Maria Maggiore, furono successivamente presentati i progetti di Luigi Vanvitelli (1745) e di Bernardo Vittone (1746). Nel 1765-69, Francesco Croce fece erigere sul tiburio la guglia maggiore, sulla quale fu innalzata nel 1774 la Madonnina. Infine, per la facciata fu ripreso a fine secolo il progetto di Carlo Buzzi da parte di Luigi Cagnola, di Carlo Felice Soave e di Leopoldo Pollack. Tali lavori furono continuati su impulso di Napoleone (1805), da Giuseppe Zanoia, e conclusi nel 1813 da Carlo Amati. Nel 1858 fu demolito il campanile sulla navata e le campane vennero trasferite tra le doppie volte del tiburio. Le guglie furono ultimate solo nel 1892. La bibliografia pi completa sul Duomo reperibile negli Atti del Congresso internazionale sul Duomo di Milano (a cura di M.L. Gatti Peter, Milano 1969) e nello studio monografico: Il Duomo di Milano, Milano 1973; in particolare si veda il contributo di G.B. Maderna, Saggio di bibliografia ragionata sul Duomo di Milano (Atti... 1969, pp. 241-288) e, pi recentemente, A. Rimoldi, Il Duomo nella storia. Saggio bibliografico: 1945-1976, in Il Duomo, cuore e simbolo di Milano, Milano 1977; G. Figini-G. Colombo, Rassegna bibliografica milanese, Milano 1979; U. Valentini-G.B. Malusardi, Studi di storia locale della chiesa milanese, Milano 1983, pp. 30-32. Si segnalano le voci bibliografiche successive alla monografia del 1983: a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bombe sulla citt, 2004, 251-

255; Fiorio, 1985, 16-40; Patetta, 1987; Tettin, 1989; P. BRAUNSTEIN, Il cantiere del Duomo di Milano alla fine del XIV secolo. Lo spazio, gli uomini e lopera, in Ars et ratio. Dalla torre di Babele al ponte di Rialto, Palermo 1990, 147 ss.; E. BRIVIO, Lepilogo del concorso del 1888, in R. Bossaglia (a cura di), Il neogotico nel XIX e XX secolo, vol. II, Milano 1989, 117-126; E. BRIVIO, La scultura del Duomo di Milano, Milano 2004; E. BRIVIO, Vita e miracoli di S. Carlo Borromeo. Itinerario pittorico nel Duomo di Milano, Milano 1995; A. BURATTI MAZZOTTA, Luso del linguaggio classico in una Fabbrica gotica. Metodo e prassi progettuale nei disegni per il Duomo di Milano dallAmadeo al Pellegrini, in Giovanni Antonio Amadeo, Milano 1993, 613-634; A. CADEI, Cultura artistica delle cattedrali: due esempi a Milano, Arte medievale, 5/I (1991), 83-103; E. CATTANEO, Il Duomo nella vita civile e religiosa di Milano, Milano 1985; G. A. DELLACQUA, La pittura del Duomo di Milano, Milano 1985; Il Duomo di Milano. Dizionario storico artistico e religioso, Milano, 1986; Il Duomo di Milano e la liturgia ambrosiana, a cura di G. Mellera e M. Navoni, Milano 1992; La Fabbrica e il tempio, catalogo della mostra a cura di Carlo Ferrari da Passano, Milano 1984; R. GALLI, I testamenti a favore della Fabbrica. Fonti per la storia del Duomo e della societ milanese, Civilt ambrosiana, 13 (1996), 111-122; M. L GATTI PERER, Mutazioni iconografiche e stilistiche nel Duomo di Milano, in La Fabbrica Eterna. Atti del convegno Internazionale delle Cattedrali gotiche, Milano 1993, 102-111; M. L. GATTI PERER, In medio civitatis. Il centro di Milano tra Cinque e Seicento e il ruolo di Alessandro Bisnati nella sua definizione civile e religiosa, ArLo, 1 (1985), 18-54; G. MELLERA M. NAVONI, Il Duomo di Milano e la Liturgia, Milano 1992; M. MIGLIARINI, Alle origini del Duomo, La basilica e il culto di Santa Tecla, Milano 1990; Il mistero di una cattedrale. Il Duomo di Milano. Sei secoli di storia, di arte, di fede, Milano 1986; C. PIRINIA, Le vetrate del Duomo di Milano dai Visconti agli Sforza (1400-1530), Milano 1986; F. REPISHTI R. SCHOFIELD, Architettura e controriforma. I dibattiti per la facciata del Duomo di Milano 1582-1682, Milano 2004; M. ROSSI, I contributi del Filarete e dei Solari alla ricerca di una soluzione per il tiburio del Duomo di Milano, ArLo, n. 60, (1981), 15-23; M. ROSSI, Il Duomo e la Piazza nel Quattrocento, ArLo, 1 (1985), 9-17; M. ROSSI, LAmadeo e il Duomo di Milano: il gugliotto, in Giovanni Antonio Amadeo, Milano 1993, 265-295; E. SAMUELS WELCH, The Ambrosian Republic and the Cathedral of Milan, ArLo, 1 (1992), 20-29; P. SANVITO, Il Duomo di Milano: prassi del cantiere e dellofficina di fondazione, ArLo, 3-4 (1993), 132-135; Sei secoli di musica nel Duomo di Milano, Milano 1986; A. SCOTTI TOSINI, I disegni cinquecenteschi per il Duomo di Milano: Vincenzo Seregni nel tomo II della Raccolta Bianconi, in Il disegno di architettura. Atti del congresso, Milano 1989, 155-160; G. SIRONI, I fratelli Solari, figli di Marco da Carona: nuovi documenti, ArLo, nn. 102-103 (1992), 65-69; G. SOLDI RONDININI, La fabbrica del Duomo come espressione dello spirito religioso e civile della societ milanese (fine sec. XIV-sec.XV) in Saggi di storia e storiografia visconteo-sforzesche, Bologna 1984, 49-64; G. SOLDI RONDININI, Una piazza in costruzione: la platea ecclesiae maioris Mediolani, in La Piazza del Duomo nella citt medievale (nord e media Italia, secoli XII-XVI), Orvieto 1997; G. SOLDI RONDININI, In Fabbrica artis: il Duomo di Milano, partecipazione di popolo (e favore dei principi?), Nuova Rivista Storica, 85 (2001), 585-598; G. VALENTINI, Il Duomo di Milano. Una disputa medievale sul modello del tempio, Milano 1990; F. ZUCCARI-G. DE CASTRO, Il Duomo di Milano, Roma 1992. b) notizie: Bandera, 1997, 230, 232; Castellano, 1983, 57-91; Chatelet, 1989; Farina, 1996, passim; Soldi, 1989. E. BRIVIO, Vetrate del Duomo di Milano. Donatori e modalit, Terra Ambrosiana, 6 (1993), 65-71; Il Candelabro Trivulzio nel Duomo di Milano, a cura di F. Cerini, Milano 2000; E. BRIVIO, S. Ambrogio rivive nel coro ligneo del Duomo di Milano, Terra Ambrosiana, 4 (1997), 61-65; E. BRIVIO M. NAVONI, Vita di SantAmbrogio narrata nellantico coro ligneo del Duomo di Milano, Milano 1996; F. DI TEODORO, Francesco di Giorgio e le proporzioni del tiburio del Duomo di Milano, ArLo, 3-4 (1989), 42-47; FRIGERIO L., Torna a risplendere nel Duomo di Milano. Il candelabro Trivulzio, un albero di luce, Terra Ambrosiana, 3 (2001), 6671; L. GHIELMI, Uninterpretazione severa delle norme tridentine. Ma solo in Duomo, Terra Ambrosiana, 4 (1992), 59-64; S. KAPPNER, Francesco Borrominis Ausbildungsjahre an der Mailnder Dombauhtte 1608 bis 1613, ArLo, 1-2 (1994), 14-20; P. MALFATTI, La parabola

artistica dei Bertini al Duomo di Milano e la rinnovata arte di dipingere a fuoco su vetro, Storia dellArte, genn.-apr. 1988, 97-104; F. REPISHTI, Scultori e lapicidi nel Duomo di Milano (1501). Il registro 691 dellArchivio della Fabbrica, ArLo, 1 (1998), 60-63; F. RUGGERI, I diari dei cerimonieri del Duomo, Terra Ambrosiana 6 (2003), 56-63; F. TASSO., I Giganti e le vicende della prima scultura del Duomo di Milano, ArLo, nn. 92-93 (1990), 55-62 F. TASSO, Dal Gigante biblico al Gigante di Milano: ipotesi per una ricostruzione iconografica, ArLo, nn. 96-97, 1991, 92-97; P. VENTURELLI, Dati darchivio per opere orafe della cattedrale di Milano in et viscontea. Intorno a Beltramino de Zulti da Rohaude a ad alcuni oggetti, ASL, CXXIX (2003), 275-286. c) fonti e citazioni documentarie: F. BORROMEO, Le colonne per la facciata del Duomo, Milano 1986 FRATRIS BONSERII, domus ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: fondata prima del 1252 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: ante 1298 b) notizie: Zanoni L., 1911, 59. FRATRIS MONTENARII, domus v. Montenariis, domus de. FRATRIS OTTATII, domus v. S. Maria degli Attazi. FRATRIS PETRI DE ARCHAGNAGO, domus v. S. Agnese. GALLARATE, domus de ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: fondata nella seconda met del XII secolo ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: ante 1398 unione a S. Maria di S. Calimero c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 12; Magistretti, 1900, 27; Zanoni L., 1911, 196. GESSATE, domus de v. S. Pietro in Gessate. GESU' v. S. Maria del Ges. GISONE v. S. Margherita del Gisone. GLAXIATE, domus de v. S. Pietro in Gessate. IMMACOLATA CONCEZIONE v. S. Maria Immacolata. JESUS v. S. Maria del Ges. LENTASIO

v. S. Maria del Lentasio. MAGNAGO, domus de ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: edificata successivamente al 1344 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1404 c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153. MARIA SALUS INFIRMORUM v. S. Maria della Sanit. MARLIANO, domus de v. SS. Simone e Giuda. MONTENARIIS, domus de (domus Fratris Montenarii) ZONA: ? ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13; Magistretti, 1900, 28 (?). NATIVIT DI MARIA (S. Ilario) ZONA: Bruzzano ORIGINE E VICENDE: lantico oratorio originariamente dedicato a S. Ilario fu eretto nel 1304 da tale Lauterio Piallo come ricordava una lapide murata nelledificio stesso. Unaltra lapide menzionava invece la ricostruzione delledificio su iniziativa del giureconsulto Giuseppe Paduli in data 1658. b) notizie: Bagnoli, 1965, II, p. 60 NOVA, domus v. S. Giovanni Evangelista della Canova. NUOVO v. S. Erasmo, S. Maria Immacolata, S. Vincenzino alle monache. ORONA v. S. Maria d'Aurona. OTATIIS/OTAZIIS, domus de v. S. Maria degli Attazi. PARABIAGO, domus de ZONA: ? ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1298 (?) ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13. PORTA ORIENTALE v. S. Maria Immacolata. PORTA ORIENTALI, domus de

v. S. Giovanni Battista al Seminario. PRESENTAZIONE DI MARIA VERGINE v.S. Paola. PRETE BUONO, domus de v. S. Primo e S. Feliciano. RANCATE, domus de v. S. Caterina di Rancate. RONDENARIO, domus de v. Rondineto. RONDINETO, domus de (domus de Rondenario) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: edificata prima del 1270 ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: ante 1298 (?) b) notizie: Zanoni L., 1911, 197, 198. SALVATORE v. S. Radegonda. S. AGATA A PORTA NUOVA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Ricordata verso la fine del XV sec. a Porta Nuova di dentro la c. non esisteva pi ai tempi del Latuada che la dichiara gi legata alle agostiniane del convento di Orona (poi di Santa Barbara): a questo, infatti, si erano unite, nel XIV sec., con bolla di Sisto IV, le monache gi dimoranti a SantAgata di Porta Romana. [DCA, I, Milano 1987, 36] b) notizie: Beretta, 1939, 13; Faccioli, 1956, 3bis. S. AGATA A PORTA ROMANA ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: collocata a lato della basilica degli Apostoli e di s. Nazaro, la chiesa gi appartenente a un convento di monache, i cui chiostri furono poi trasformati nelle stanze della canonica di S. Nazaro, divenne sede di una confraternita di Disciplini, quando le religiose furono trasferite nel monastero di Orona a Porta Nuova. Ledificio fu restaurato nel 1710 SOPPRESSIONE: la chiesa fu soppressa nel 1786 e distrutta nel 1943 dai bombardamenti aerei. a) trattazioni specifiche: DCA, I, 36-37; Vigotti, 1974, 42 b) notizie: Forcella1, 1889, 652; Beretta, 1939, 18; Faccioli, 1956, 3, 3bis; Gualdo Priorato, 1666, 55; Latuada, 1737-1738, II, 281-286; Maderna, 1984, 102, fig. 80. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D., Spedizioni diverse, 5, 6. S. AGATA D'AURONA/ORONA, v. S. Maria d'Aurona. S. AGATA IN BURGO AZIARUM ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa era situata presso la pusterla delle azze, tra Porta Giovia e Porta Comasina, dove era anche il borgo delle azze (fili di canapa), cio allaltezza della parte centrale dellattuale Castello Sforzesco. Ledificio faceva parte di un monastero femminile pi tardi fuso col monastero di S. Maria dAurona. Si hanno notizie della chiesa fino al secolo XVI.

ORDINE: Benedettine a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 41-42. S. AGNESE (domus de Archagnago, domus Fratris Petri de Archagnago) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: edificata tra la fine del XII secolo e linizio del XIII, la chiesa era situata nella via cui diede il nome. ORDINE: Umiliate/ Agostiniane; 1454 passaggio all'Osservanza agostiniana SOPPRESSIONE: 1798. Chiesa e convento furono demoliti allinizio del XIX secolo. Su quellarea Luigi Canonica costru nel 1815 la propria casa, poi adattata nel 1925 a prima sede dellUniversit Cattolica. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 276-277; Borroni, 1808, 112; Cattaneo, 1961, 620, 636; Forcella2, III, 1889, 445-447; Gavignan, 1978, 392; Giulini, 1916, 343-4; Latuada, 1737-1738, IV, 378-380; Mezzanotte-Bascap, 1958, 645; Sormani, 1760, 59-61. R. MACCHI, Il monastero di S. Agnese in Milano nel secolo XIII. RSCA, III, Milano 1972 (ArAm, 23),100-123. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 142, 145, 146, 163; Bardeaux, 1938-1942, 134; Bartoli, 1776-1777, 136; Bologna,1984, 15, 16; Bologna,1984, 14, 27; Casati, 1931, 7; Chinea, 1937, 440; Dondaine, 1953, 90; Gerra, 1964, 277; Gualdo Priorato, 1666, 74; Marcora, 1954, 252; Marcora, 1957, 325; Santoro, 1968, 80; Schuster, 1946, 23-4; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Soldi, 1989; Spinelli, 1999, passim; van Luijk, 1953-1959, 138; Zanoni L., 1911, 62. c) fonti e citazioni documentarie: Baldissaro, 1981, 13 (1489 set 20); Bascap, 1937, 153; Beretta, 1939, 10; Biscaro, 1928, 468, 491 (1260); Cattaneo, 1960, 151 (1565 lu 25); Cattaneo, 1985, 162 (1565 lu 25); Chabod, 1971, 378 (1521 mg 21); Flumiani, 1927, 558, 576; Gatti Perer, 1964-1965, 191, 193; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora, 1956, 294, 378-9 (1472 ot 5); Marcora2, 1959, 260 (1305 ge 11),266 (1417 nv 6); Vigotti, 1974, 27, 42. S. AGOSTINO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nellantica chiesetta i monaci avevano murato una lapide che ricordava come qui fosse avvenuto il battesimo di s. Agostino. Tradizione gi messa in discussione dal Muratori nel 1695. Nel 1536 si ebbe linsediamento di chierici regolari, per concessione di Ludovica Torelli, in una casa presso S. Agostino ORDINE: Chierici Regolari di S. Paolo SOPPRESSIONE: nel 1545 ci fu il passaggio dei chierici a S. Barnaba UBICAZIONE ATTUALE: via Lanzone a) trattazioni specifiche: Fiorio, 1985, 42; Latuada, 1737-1738, IV, 301-306; Lupieri-Maderna, 1972, 5.10; Ponzoni, 1930, 317; Premoli, 1913, 59; Sormani, 1760, 36-38; Vigotti, 1974, 42 b) notizie: Aiello, 1996, passim; Baroni, 1938, 349; Bartoli, 1776-1777, 136; Giulini, 1760, III, p. 165; Latuada, 1737-1738, IV, p. 319; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, pp. 330-331; Monumenta, 1971, passim; Ponzoni, 1930, p. 317; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, p. 172. S. AGOSTINO BIANCO (S. Agostino di Cambiago, S. Agostino e S. Pietro Martire) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la fondazione risale al XIII sec. La chiesa era situata in via Disciplini, angolo via Cornaggia. Lantico piccolo edificio fu ingrandito da Gian Domenico Ricchino nel XVII secolo, e derivava il suo appellativo dallabito delle domenicane. ORDINE: Umiliate post 1271 Domenicane SOPPRESSIONE: 1799 del convento. La chiesa fu soppressa nel 1810.

a) trattazioni specifiche:Bartoli, 1776-1777, 136-137; Bianconi, 1787, 159-161; Cattaneo, 1961, 619, 620; Latuada, 1737-1738, III, 149-150; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 255. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 142, 163; Chiapponi, 1995, passim; Chinea, 1937, 440; Dondaine, 1953, 90; Grassi, 1966, 345; Gualdo Priorato, 1666, 64; Marcora2, 1961, 280; IV, 553; Petra Sala, 2004, 140, 226; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 152; Beretta, 1939, 21; Cattaneo, 1960, 141 (1565 giu 20); Flumiani, 1927, 576-7, 581, 583; Laurent, 1949, 377; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 131; Zanoni L., 1911, 196 (1287 ge 16). S. AGOSTINO DI CAMBIAGO v. S. Agostino Bianco. S. AGOSTINO DI PORTA NUOVA v. S. Agostino Nero. S. AGOSTINO NERO (S. Agostino di Porta Nuova, S. Maria di Vedano) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: ante 1253. Il convento delle agostiniane (SantAgostino "Nero") era forse il primo dei tre fondati sul lato nord della Contrada dei tre monasteri, ossia nellattuale via Monte di Piet, in angolo con via Fratelli Gabba, dove rimangono avanzi del refettorio con resti di affreschi (i ss. Chiara, Agostino e Ambrogio). [DCA, I, Milano 1987, p. 54] ORDINE: Umiliate/ Agostiniane. Nel 1454 Nicol V approv la divisione tra agostiniane e clarisse (v. S. Chiara). Nel 1472 Sisto IV accord alla comunit agostiniana la clausura e alla fine del XV secolo avvenne il passaggio all'Osservanza agostiniana. SOPPRESSIONE: 1798 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 137; Bianconi, 1787, 405-406; Forcella2, IV, 1889, 265-267; Cattaneo, 1961, 620, 629, 633; Gavignan, 1978, 392-3; Gengaro2, 1936, 203-5; Latuada, 1737-1738, V, 216-220; Sormani, 1760, 150-151; Studi di storia locale, 1983,22. ANON., Il monastero delle agostiniane di Porta Nuova - oggi Corso Vittoria in Milano, Bollettino storico agostiniano, V (1928), 13-20, 79-83; M. C. LOI, SantAgostino a Porta Nuova a Milano, in Il giovane Borromini, 1999, 154-160. b) notizie: Bologna,1984, 20; Bologna,1984, 16; Bologna,1984, 14, 28; Gerosa Brichetto, 1973, 27, 105; Gerra2, 1969, 359, 360; Gerra5, 1969, 567; Grassi, 1966, 291, 320; Marcora, 1957, 325 (?); Martelli, 1984, 60, 62-4, 69, 70; Gengaro1, 1936, 629, 639, 642; Gualdo Priorato, 1666, 89; Sebastiani, 1982, 206, 212, 216, 218; Smiderle, 1960, 137-140; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 74-6; van Luijk, 1953-1959, 190. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 14; Flumiani, 1927, 581; Marcora2, 1959, 265 (1410 ot 23) (?), 266 (1429 giu 20) (?); Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 31. B.A.L. VAN LUIJK, Bullarium Ordinis Eremitarum S. Augustini. Periodus formationis 1187-1256, Augustiniana, XIII (1963), 494-5 (1253 lu 10). S. AGOSTINO A PORTA ORIENTALE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa, di cui non si conosce lesatta ubicazione, era legata al movimento dei Poveri Cattolici, sviluppatosi nel XIII secolo, che in ossequio ad una disposizione di Alessandro IV del 1257 fu unito agli Agostiniani. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 27, 42. S. ALESSANDRINO IN PALAZZO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa era situata tra le attuali via S. Maria Valle e via

10

Olmetto. Era dedicata anche ai ss. Martirio e Sisinio, conosciuti come martiri tridentini. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 142-144; Milano ritrovata, 1986, 334-334 (con bibliografia); Vigotti, 1974, 42-43. S. ALESSANDRO IN ZEBEDIA ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Loriginaria chiesa dedicata a s. Alessandro risale al secolo IX e sarebbe sorta sulle rovine del Pretorio, dove il santo sarebbe stato incarcerato (Zebedia, secondo il Torre, il nome di un giudice). Accanto alla chiesa primitiva venne poi costruito, sempre in epoca antica, un oratorio dedicato a s. Pancrazio. SantAlessandro era parrocchia governata da un decumano, un ordine particolare di sacerdoti con speciali prerogative. Lultimo decumano cedette nel 1589 SantAlessandro alla congregazione dei barnabiti che aveva la sua sede nella non lontana chiesa di S. Barnaba. [DCA, II, 1988, 70-71] Nel 1602 iniziarono lavori alla nuova chiesa e convento che si conclusero nella seconda met del secolo. ORDINE: Chierici Regolari di s. Paolo (barnabiti) UBICAZIONE ATTUALE: piazza S. Alessandro 1 SOPPRESSIONE: 1810 a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 3-34; Bartoli, 1776-1777, 137-138; Bianconi, 1787, 192-200; Bartoli, 1776-1777-1777, I, 137-138; Borroni, 1808, 78-81; Bossi, 1818, 103-107; Forcella2, 1889, vol. II, 17-32; Gualdo Priorato, 1666, 64-66; Latuada, 1737-1738, III, 94107; Mezzanotte, 1957, 622-6; Mezzanotte-Bascap, 1958, 278-284; Milano ritrovata, 1986, 286-292 (con bibliografia); Mongeri, 1872, 289-291; Pirovano, 1822, 140-144; Ponzoni, 1930, 326-337; Rovetta, 1989, 217-221; Santagostino, 1671, ed. 1980, 36-37; Sormani, 1760, 1315; Studi di storia locale, 1983, 22-3; Suspensi, 1706, 348 ss; Zucchi, 1989, 264-269 (con bibliografia). R. AMERIO TARDITO, Note sul Seicento lombardo. Restauri nella Parrocchiale di Caravaggio e nella chiesa barnabita di S. Alessandro a Milano, ArLo, 51 (1979), 42-8; S. BANDERA BISTOLETTI, SantAlessandro a Milano: restauri di affreschi e recupero della spaziosit barocca, Ca de Sass, 107-108 (1989), 34-39; G. M. CASIRAGHI, La chiesa di S. Alessandro in Milano, Milano 1979; L. DE STEFANI, Le operazioni di restauro nella chiesa di SantAlessandro a Milano dagli anni settanta dellOttocento sino al 1940, ArLo, 1 (2002), 4144; A. M. ERBA, 400 anni di presenza. I Barnabiti in S. Alessandro, Terra Ambrosiana, 1 (1990), 54-59; FILARETE LARIENSE, Cenni storici sopra l'insigne tempio di S. Alessandro e il suo illustre Collegio, Milano, 1825; B. GALLI, La chiesa di S. Alessandro in Milano, Monza, 1887; I. GIUSTINA, Lorenzo Binago, Francesco Maria Ricchino e la cupola di SantAlessandro a Milano. Arte e cultura nel costruire in Lombardia nella prima met del Seicento, ArLo, 1 (2002), 12-26; C. GROMO, I Barnabiti a MIlano nel Seicento e nel Settecento e il complesso di S. Alessandro e delle Scuole Arcimbolde, tesi di Laurea, Milano, Universit Cattolica del Sacro Cuore, relatore prof. M.L. Gatti Perer, A.A. 1972-73; L. M. MANZINI, Chiesa di S. Alessandro. Brevi cenni storici, Milano 1922; G. MEZZANOTTE, Il collegio e la chiesa di S. Alessandro a Milano, ASL, LXXXVII (1960), 496-534; F. REPISHTI, SantAlessandro in Zebedia a Milano. Quattrocento anni di una chiesa tutta barnabita, Terra Ambrosiana, 5 (2002), 65-72; D. SANT'AMBROGIO, Un busto del XVI secolo in Sant'Alessandro di Milano, Il Politecnico, LV (1907), estr. pp. 7; A. SPIRITI, Rileggere Binago: Marcello Zucca e il problema della facciata di SantAlessandro in Zebedia, ArLo, 1 (2002), 37-41; J. STABENOW, SantAlessandro in Zebedia: la chiesa e i disegni, ArLo, 1 (2002), 26-37. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 205; Baroni, 1941, 17, 133-4; Baroni, 1951-1952, 215, 217, 221; Bendiscioli1, 1957, 350; Bernareggi2, 1931, 1039; Bianconi, 1787, 196; Bossi, 1818, I, 105; DellAcqua, 1957, 725; Demolli, 1938-1940, 360; Demolli, 1938-1940, 166, 167; Demolli, 1938-1940, 370, 382; Demolli, 1938-1940, 101; Fassina, 1985, 121; Filarete Lariense, 1825; Galli, 1887, 18; Grassi, 1966, 72, 73, 145, 191, 207, 209, 265, 277, 285, 287, 289; Latuada, 1737-1738, III, 100; Mezzanotte, 1958, 446, 451, 453; Mezzanotte, 1958, 661, 679, 682; Mezzanotte2, 1959, 509; Nicodemi1, 1958, 494, 497, 510, 511, 513; Nicodemi2, 1958, 533; Orefice, 1985, 16; Panizza, 1956, 170, ,173; Premoli, 1913, 333-5; Romanini1, 1959, 744, 745; Seregni, 1959, 620, 621; Smiderle, 1960, 176-180; Suspensi,

11

1701; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 98; Tea, 1950, 55-61, 68-72; Tea, 1959, 797, 798, 800, 801, 808; Torre, 1674, ed. 1714, 135; Vallini, 1966-1968, 371; Vianello, 1934, 426; Vincenti, 1960, 84; Vittani, 1912, 124, 126. A. BARIGOZZI BRINI, Precisazioni e aggiunte al catalogo di Agostino Santagostino, ArLo, 51 (1979), 49-56; V. CASTRONUOVO, Bossi Carlo, DBI, XIII, Roma 1971, 295-6; C. JOHNSON, La medaglia per la posa della prima pietra della chiesa di S. Alessandro, Rivista italiana di numismatica, LXVI (1964), 197-203; C. MARCORA, Gli artistici confessionali di Sant'Alessandro a Milano, DMi, IX (1968), 411-4; C. MARCORA, La rinuncia alla prevostura di Sant'Alessandro fatta dal padre Gazzola, MSDM, X (1963), 21-36; D. SANT'AMBROGIO, Busto di prelato del XV secolo di S. Alessandro a Milano, Rassegna d'arte, VII (1907), 121-2. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio Parrocchiale SantAlessandro, ms. 1595-1629, 16231626-1629-1633, Atti del Collegio 1666-1715-1810; A.S.M., Fondo Religione, p.a., cart.894, Conventi cart. 43 (pubblicata da A. Barigozzi Brini, 1979); A.S.C.M., Localit milanesi, cartt. 308-309; Raccolta Bianconi, VII, 1-7; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, miscellanea vol. XIX, 1783; Atti del Capitolo 1590-1673; Notizie varie riguardanti la parrocchia di S.Alessandro, ms. s.d. (1866?); Inventario degli arredi, ms. s.d., (12 dicembre 1900) Tit. I, sub. 2, fasc. 24; Roma, S. Carlo di Catinari, Relazione triennale dei Conti del Collegio di SantAlessandro in Milano, 1686, 1687, 1688, 1704, 1707; Milano, Castello Sforzesco, Civiche Raccolte dArte, Miscellanea Baroni, Cartella Abbiati; Zilocchi Barigozzi Brini (ISAL), Schedatura opere darte di SantAlessandro per la Soprintendenza per i beni artistici e storici di Milano, 1975; Coppa, 1977, 148; Gatti Perer, 1964-1965, 199, 204; Giulini, 1917, 360; Maderna, 1980, 48; Oltrona Visconti, 1959, 199; Vigotti, 1974, 81. S. AMBROGIO MAGGIORE ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La basilica Martyrum sorse dal 379 sul sepolcro dei SS. Gervasio e Protasio, nelle vicinanze di un cimitero cristiano dove gi erano situate basilichette sepolcrali, occupando un'area coincidente con quella della chiesa attuale, tranne le cappelle; a tre navate su colonne (gli scavi hanno attestato la presenza di 14 intercolumni) non aveva transetto e si concludeva in un'unica abside centrale; Ambrogio vi fu sepolto nel 397.Quattro secoli dopo, nel 789, l'arcivescovo Pietro fond accanto alla basilica - teatro, nell'alto Medioevo, della consacrazione degli arcivescovi e dell'incoronazione di imperatori e re d'Italia - un monastero benedettino, avviando una prima trasformazione del presbiterio. Per volont degli arcivescovi Angilberto (824-860) e Ansperto (869-881) presero avvio le trasformazioni che configurarono la basilica medievale: al IX sec. risalgono il ciborio, la costruzione del campanile dei Monaci e forse il primo rifacimento dell'atrio anteriore; verso met X furono ridefiniti il presbiterio e le absidi; dopo il 1080, ed entro la met del XII, vennero ricostruiti navate e atrio, ed eretto (1128) il campanile dei Canonici (opera, quest'ultima, voluta dalla Superstansia, istituto laicale che vedeva nella basilica uno dei simboli dell'autonomia comunale). Nel 1196 il crollo della terza campata della nave maggiore comport l'edificazione di nuove volte a crociera a sesto acuto, di archi di rinforzo e la ricostruzione del tiburio. Sul finire del XV sec. Ludovico il Moro incaric Bramante della Canonica (a sin. della basilica), mentre il cardinale Ascanio Sforza si dedic al riattamento del monastero (a d.). Nel 1572 Carlo Borromeo incaricava il Pellegrini di dare un nuovo assetto al tiburio: l'architetto inser nei pennacchi figure gigantesche d'angeli, ridisegn gli spicchi della cupola con una trama di lacunari e apr alla sommit una grande lanterna. Federico Borromeo respinse invece la proposta di Francesco Maria Ricchino di ricostruire una nuova pi vasta basilica barocca, anzi la mente et ordine del cardinale fu di fabbricare senza stabilimento di calce, in modo che i corsi delle pietre si conformassero al vecchio campanile et alla facciata, et serbare l'antichit in ogni cosa, probabilmente nella convinzione che atrio e basilica risalissero ai tempi di Ambrogio. Nel '700, reintonacata la chiesa all'interno, fu ricostruita la cripta e G.B. Tiepolo (1737) complet coi suoi affreschi il sacello di S. Vittore in Ciel d'Oro e l'assetto, anch'esso oggi scomparso, della sagrestia delle Messe. Nel 1811 un nuovo pavimento fu sovrapposto all'esistente. Unapposita commissione, formata da Luigi Bisi, Luigi Brocca, Friedrich Schmidt (sostituito nel 1859 da Giuseppe Pestagalli), studi per la basilica lassetto che a grandi linee tuttora conserva,

12

ricostruzione ipotetica della situazione antecedente il crollo del 1196.[Milano, 10 ed., TCI, 1998, 387-388] ORDINE: Benedettini. Tra il 1404 e il 1497 la basilica fu data in commenda. Nel 1497 ci fu lintroduzione dei Cisterciensi SOPPRESSIONE: 1799 a) trattazioni specifiche: Abbazie e conventi, 1973, 57; Arslan1, 1954, 570-4, 584, 585; Arslan2, 1954, 397-404, 407,446,447,459-479; Arslan3, 1954, 1954, 528, 530-543, 545, 557, 569-580; Arslan, 1956, 654-660; Baroni, 1940, 35-85; Bartoli, 1776-1777, 139-140; Belloni Zecchinelli, 1963, 98, 99, 101-120, 124-143; Bianconi, 1787, 284-305; Bombe sulla citt, 2004, 236-240; Borroni, 1808, 113-121; Bossi, 1818, 161-172; Bramante a Milano, 1986; Bruschi, 1969, 812-8; Cattaneo, 1961, 540, 558, 591, 592, 598, 600, 604, 609, 625, 638, 663; Fiorio, 1985, 43-56; Giulini, 1916, 290-1, 346-7; Gualdo Priorato, 1666, 39-42; Latuada, 1737-1738, IV, 249-297; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 350-366; Palestra, 1967, 5960; Pirovano, 1822, 186-197; Ponzoni, 1930, 1-20; Porter, 1916, 532-595; Rocchi, 1988; Rosa, 1956, 839-842, 852; Savio, 1913, 5-36; Studi di storia locale, 1983, 23-5; Vismara Chiappa, 1980, 188, 196-200; Zerbi, 1966, 285-8, 290-3. C. ALBIZZATI, Il ciborio carolingio nella basilica ambrosiana di Milano, Rendiconti della Pontificia Accademia Romana di Archeologia, II (1924), 196-265; A. AMBROSIONI, S. Ambrogio alla fine del XII secolo. Contributo alla conoscenza di Milano medioevale, ASL, XCVII (1970), 159-192; A. AMBROSIONI, Controversie tra il monastero e la canonica di S. Ambrogio alla fine del secolo XII, Rendiconti dell'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, CV (1971), 643-680; A. AMBROSIONI, Il testamento del prete Ariprando (1166). Note sulla situazione dei Milanesi dopo la distruzione della citt, RSCA, II, Milano 1971 (ArAm, 21), 116-131; A. AMBROSIONI, Contributo alla storia della festa di san Satiro a Milano. A proposito di due documenti dell'Archivio di S. Ambrogio, RSCA, III, Milano 1972 (ArAm, 23), 71-96; A. AMBROSIONI, Testimonianze su vicende e consuetudini della canonica di S. Ambrogio nel periodo della prepositura di Satrapa (1162-1178), in Contributi II, 19-45; A. AMBROSIONI, Per una storia del monastero di S. Ambrogio, RSCA, IX, Milano 1980 (ArAm, 40), 291-317; A. AMBROSIONI, S. Ambrogio di Milano, in Monasteri, 25-37; R. ANGELINI L. IPPOLITO, Rilievo ed interpretazione delle architetture bramantesche dei chiostri di S. Ambrogio, ArLo, 79 (1986), 61-66; R. ARCO CROSTA, I feudi del Monastero di S. Ambrogio tra Seicento e Settecento, ASL, XCVII (1970), 193-286; E. ARSLAN, Due chiarimenti sulla basilica ambrosiana, Bollettino d'arte, XLI (1956), 104-8; La basilica di S. Ambrogio: il tempio ininterrotto, a cura di M. L. Gatti Perer, 2 v., Milano 1995; G. BARNI, Appunti e osservazioni sugli statuti di Campione del 1266 e del 1639, Bollettino storico della Svizzera italiana, XC (1978), 151-163; La basilica di S. Ambrogio: il tempio ininterrotto, a cura di Maria Luisa Gatti Perer, Milano 1995. L. BELTRAMI, La Basilica Ambrosiana primitiva e la ricostruzione compiuta nel secolo X, Milano 1905; L. BELTRAMI, La Basilica di S. Ambrogio in Milano, Milano 1921 (L'Italia monumentale, 37); L. BELTRAMI, La basilica di S. Ambrogio, Firenze s. d.; G. BERTONI, L'inizio della giurisdizione dell'Abate di S. Ambrogio di Milano sulla corte di Limonta e Civenna, MSDM, XIII, Milano 1966, 167-320; G. BERTONI, La giurisdizione dell'Abate di S. Ambrogio di Milano sulla corte di Limonta e Civenna, MSDM, XIV, Milano 1967, 29-190; G. BISCARO, Note e documenti santambrosiani, ASL, XXXI, s. IV /2 (1904), 302-359 e XXXII, s. IV /3 (1905), 47-94; G. P. BOGNETTI, Introduzione alla storia medievale della Basilica Ambrosiana, in Ambrosiana, 249-272; P. BONDIOLI, Le origini del monastero di Sant'Ambrogio in Milano, Milano 1928; P. BONDIOLI, Il monastero di S. Ambrogio Maggiore in Milano, Milano 1935; M. BORGHI, L'ambiente composito in Sant'Ambrogio di Milano, ArCr, LXIII (1975), 1038; A. BORGHI - O. ZASTROW, La corte di Sant'Ambrogio a Capiate di Olginate: stratificazioni romane e insediamenti altomedioevali, Archivi di Lecco, IV (1981), 51-8, 352-360; M. CAGIANO DE AZEVEDO, Il Monastero Cisterciense di S. Ambrogio, in S. Bernardo. Pubblicazione commemorativa nell'VIII centenario della sua morte, Milano 1954 (Pubblicazioni dell'Universit Cattolica del S. Cuore, n. s., 46), 185-197; Il ciborio della Basilica di Sant'Ambrogio, a cura di C. BERTELLI, Milano 1981; M. CAFFI, Memorie ambrosiane. L'Oratorio della Passione. Le due torri. Il portico di Bramante nella Canonica di Sant'Ambrogio, ASL, anno XIII, serie II, tomo I (1889), 393-402; C. CAPPONI, I restauri ottocenteschi al portico della

13

Canonica di S. Ambrogio, 79 (1986), 67-74; Dal monastero di S. Ambrogio allUniversit cattolica, a cura di M. L. Gatti Perer, Milano 1990; C. DENKER NESSELRATH, I chiostri di S. Ambrogio. Il dettaglio degli ordini, ArLo, 79 (1986), 49-60; C. FERRARI DA PASSANO, Il restauro statico e conservativo della cappella di S. Vittore in Ciel dOro, 109 (1990), 24-25; G. FERRARIO, Monumenti sacri e profani dell'Imperiale e Reale Basilica di Sant'Ambrogio in Milano, Milano 1824; C. L. FROMMEL, I chiostri di S. Ambrogio e il cortile della Cancelleria a Roma: un confronto stilistico, ArLo, 79 (1986), 9-18; G. LANDRIANI, La Basilica Ambrosiana fino alla sua trasformazione in chiesa lombarda a volte. I resti della Basilica Fausta, Milano, 1889; O. LISSONI, La Basilica di S. Ambrogio, Milano 1923; G. LOPEZ, S. Vittore in S. Ambrogio (e altri santi e re), 109 (1990), 18-23; A. LUCIONI, Il monastero di S. Ambrogio di Milano nelle terre settentrionali della Regione Lombardia. Due Brevia de fictis dei secoli XI e XIII, Aevum, LIX (1985), 208-231; C. MANARESI, Un placito falso per il monastero di S. Ambrogio, in Scritti di paleografia e diplomatica in onore di Vincenzo Federici, Firenze 1945, 59-78; L. MEREGALLI, La Basilica Ambrosiana, Milano 1928; M. MIRABELLA ROBERTI, L'glise Saint-Ambroise de Milan, Les Cahiers Saint-Michel de Cuxa, XI (1980), 289-292; A. R. NATALE, Falsificazioni e cultura storica e diplomatistica in pergamene santambrosiane del principio del secolo XIII, ASL, LXXXV-LXXXVI (1948-1949), 25-42; G. NICODEMI, La basilica di S. Ambrogio, Per l'arte sacra, III (1926), 196-216; L. S. PANDOLFI, L'archivio di S. Ambrogio in Milano, in Ambrosiana, 239-248; G. PICASSO, Origine e significato della pergamena santambrosiana sec. XII-73, in Contributi II, 557, 558, 560, 567-572; G. PICASSO, Un documento inedito per la storia dei canonici di S. Ambrogio (M.D. n. 22-23), ASL, XCVIII-C (1971-1973), 53-8; F. REGGIORI, La basilica ambrosiana. Ricerche e restauri. 19291940, Milano 1941; F. REGGIORI, La basilica di Sant' Ambrogio, Firenze 1945; F. REGGIORI, La Basilica ambrosiana. Note storiche e descrizione, Milano 1962; F. REGGIORI, La Basilica di Sant'Ambrogio, Milano 1973; F. REGGIORI - E. CATTANEO, La basilica di Sant'Ambrogio, Milano 1966; R. ROMEO, La signoria dell'abate di S. Ambrogio di Milano sul Comune di Origgio nel secolo XIII, Rivista storica italiana, LIX (1957), 340-377; 473-507; G. ROSSETTI, Societ e istituzioni nel contado lombardo durante il Medioevo. Cologno Monzese. I: secoli VIII-X, Milano 1968 (Archivio della Fondazione Italiana per la Storia Amministrativa, 9); G. ROSSETTI, Ancora sui loca sanctorum. Riprendendo il tema della penetrazione in Cologno del monastero milanese di S. Ambrogio, Nuova rivista storica, LVII (1973), 439-447; F. M. ROSSI, Cronaca dei restauri e della scoperte fatte nell'insigne basilica di Sant'Ambrogio dall'anno 1857 al 1876, Milano 1889; Sant'Ambrogio e la sua basilica, Citt di Milano, XXXI (1915), 553-560; C. VIOLANTE, L'arcivescovo Ariberto II (1018-1045) e il monastero di S. Ambrogio di Milano, in Contributi II, 608-623; Werdehausen, Anna Elisabeth, Bramante e il convento di S. Ambrogio, in Bramante a Milano 2, atti del congresso internazionale (Milano 3-7 giugno 1986), Arte lombarda, n. 79 (1986), 19-48. b) notizie: Ambrosioni, 1989; Arslan2, 1954, 657-660; Bardeaux, 1938-1942, 129, 206; Barni1,, 1954, 4, 5, 8, 14, 19, 37, 56, 62, 73, 105, 119, 128, 129, 205, 224, 236; Barni2, 1954, 245, 246, 257, 267-270, 293, 332, 335-337, 350, 360, 364, 377-379, 386, 387; Barni3, 1954, 8, 27, 67, 87, 89; Barni, 1977, 364; Baroni, 1930, 434; Baroni, 1938, 333; Baroni, 1941, 18, 20, 36, 76, 101-3; Baroni, 1944, 47, 125, 148, 150, 154, 155, 162; Baroni, 19511952, 217; Baroni, 1955, 733, 737; Bassani, 1921, 150, 163; Battistini, 1931, 164; Bazzi, 1971-1973, 7, 12-4; Belloni Zecchinelli, 1954, 39,40,61; Beretta, 1951-1952, 193; Besta1, 1954, 380-9, 409, 410, 421; Besta2, 1954, 431, 432, 438, 468; Besta3, 1954, 496, 497; Beretta, 1912, 136, 138, 144, 154, 198,215; Biscaro, 1907, 389, 391, 392, 394, 397; Biscaro2, 1908, 285-7, 300, 301, 304, 307, 309, 312, 318-320, 322-6; Biscaro3, 1908, 429, 431; Biscaro4, 1908, 519; Biscaro, 1909, 369, 385; Bocchi, 1980, 267-270, 277, 278, 280, 293, 304, 307, 308; Bognetti, 1938, 26, 38, 39; Bognetti, 1948, 227, 330, 334, 335,339,618, 671; Bognetti1, 1954, 291, 294; Bognetti2, 1954, 720, 726, 729, 733-6, 746-9, 753, 761-5, 768, 769, 772, 778, 785, 787, 792, 795, 796, 801-3; Bognetti3, 1954, 855, 861, 862; Bognetti, 1958, 3, 26 (tav. XVI); Borella, 1948, 104, 107, 108, 110-2; Brizio, 1971, 79; Capitani, 1971, 452; Carlevaro, 1982, 71-2; Carmassi, 2000; Castiglioni, 1931, 137, 138; Castiglioni, 1932, 56, 134; Cattana, 1980, 83, 89, 90, 95, 96, 116-120, 129, 131, 132; Cattana, 1981, 130, 134, 138-9; Cattana, 1984, 129-133; Cattaneo1, 1954, 790; Cattaneo2,

14

1954, 619, 631, 682, 691, 693, 695, 706; Cattaneo, 1955, 15, 19, 51, 53; Cattaneo, 1958, 330, 331; Cattaneo, 1979, 455; Cattaneo, 1980, 16, 18, 20-6, 30; Cattaneo1, 1984, 209, 217; Cattaneo2, 1984, 240; Cattaneo3, 1984, 247, 262; Cattaneo4, 1984, 279; Chabod, 1971, 237,247; Chisini Bulak, 1956, 297; Cognasso, 1955, 34, 36, 116, 197, 198, 248, 291, 307, 359, 370; Colombo, 1922, 218, 256-9, 261; Colombo, 1923, 285-8, 291, 293-5, 297300, 303, 309, 310, 312, 313, 326, 327; Colombo1, 1960, 334; Colombo2, 1960, 281; Corsi, 1968, 166-170, 178, 190, 193; DellAcqua, 1957, 678, 679; Demolli, 1938-1940, 169; Diehl, 1910, 349; Dufner, 1975, 329; Fasola, 1972, 122, 123, 155, 160, 163-8, 210; Fassina, 1985, 124; Ferrari, 1974, 135; Ferrari, 1976, 41, 51; Ferrari, 1980, 230, 246; Ferrari, 1981, 199201; Fraccaro, 1952, 44; Franceschini, 1954, 123, 124, 148, 168, 222, 223, 272, 298, 317, 322, 376; Franceschini, 1957, 120; Fustella, 1965, 156; Galassi, 1951, 75; Galassi, 1956, 98, 99, 105, 110, 111, 113; Galli, 1905, 360, 364; Gatti Perer, 1979, 465, 471, 479; Gengaro, 1955, 130; Gerosa Brichetto, 1973, 38, 41, 47, 62; Gerra, 1964, 182-5; Giulini, 1923, 151, 153, 156; Grassi, 1966, 289, 330, 405; Grassi, 1983, 489, 490; Guerci, 1970, 305-7; Haverkamp, 1970, 106, 168, 245, 246, 622, 680; Keller, 1979, 44, 55, 129, 162, 170, 217, 225, 230-4, 237, 238, 240, 248, 268, 269, 297, 306, 311-3; Leoni, 1949, 56; Leverotti, 1981, 108; Lugano, 1929, 507; Magni, 1937, 209, 210, 215; Manselli, 1966, 220; Marcora, 1954, 245; Marcora, 1955, 260; Marcora, 1958, 388, 397-406, 422; Marcora2, 1959, 336, 408-411, 418; Marcora, 1960, 266, 294; Marcora1, 1961, 124; Marcora2, 1963, 549, 551, 558; Meazza, 1951, 163, 167; Mezzanotte, 1957, 638-642; Mezzanotte2, 1959, 481, 510; Milano capitale, 1990, 127-135; Natale, 1972, 466, 469, 470, 474, 484-7, 489, 491, 493, 495, 497, 500, 501; Occhipinti, 1968, 190, 191, 194, 200; Oltrona Visconti, 1959, 199; Oltrona Visconti, 1978, 44, 55-7, 59, 61; Orsenigo, 1908-1910, 154; Orsini, 1954-1955, 134, 154, 158, 159, 161; Orsini1, 1959, 45, 51-3, 163, 172; Orsini2, 1959, 147, 150, 165-8, 177; Palestra, 1960, 79; Palestra, 1970, 95, 96, 105; Panizza, 1956, 171; Pecchiai, 1925, 92, 95; Pellegrini2, 1910, 436; Penco, 1971, 390; Penco, 1983, 359; Pensa, 1974-1977, 89, 101; Picasso, 1980, 32, 34, 37, 44-7, 51; Picasso, 1993; Riboldi, 1904, 58; Rizzo, 1984, 797; Romanini, 1954, 443, 484, 514; Romanini1, 1959, 751, 755, 756, 758; Rosa, 1954, 617-621; Rossetti, 1968, 351, 389, 404; Rossini, 1968, 454, 459, 480; Rota, 1938, 163; Santoro, 1968, 82; Schuster, 1946, 189; Seregni, 1959, 631, 632; Smiderle, 1960, 176; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 52, 55, 149; Tea, 1942, 33-45; Tea, 1950, 23-32, 38-9, 47-8, 53-5, 61-3, 72-7; Tea, 1959, 801, 807; Valagussa, 1997, 189, 194, 195, 198; Vincenti, 1960, 84, 86, 87; Violante, 1955, 8, 9, 33, 34, 118, 120-3; Violante1, 1974, 13, 55-9, 62, 80-3, 101, 106-8, 145-151, 163, 187, 193, 205, 280, 287, 294-6; Violante2, 1974, 743-5; Diehl, 1910, 157, 218, 232-4; Violante, 1977, 704; Visconti, 1934, 290, 297-307, 311, 312, 314-7, 323; Vismara, 1932, 326-8, 330, 331; Vittani, 1923, 367; Zerbi, 1950, 46-9, 52, 172, 175; Zerbi1, 1978, 81; Zerbi, 1980, 67. A. AMBROSIONI, Un documento sulla vita comune dei canonici di S. Ambrogio, in Contributi III, 17, 21; A. AMBROSIONI, Monasteri e canoniche nella politica di Urbano III. Prime ricerche per la Lombardia, in Mendola VII, 608, 609, 629; A. M. M., Restauri in Sant'Ambrogio, DMi, XV (1975), 254-5; A. AMBROSIONI, Atria vicinas struxit et ante fores. Note in margine ad unepigrafe del IX secolo, in Medioevo e Latinit, Milano 1993; G. ANDENNA, Le pievi della diocesi di Novara. Lineamenti metodologici e primi risultati di ricerca, in Mendola VI, 495; B. ANDREOLLI - M. MONTANARI, L'azienda curtense in Italia. Propriet della terra e lavoro contadino nei secoli VIII-XI, Bologna 1983, 104, 105; Angelo Fumagalli, ASL, XXXIII, s. IV/5 (1906), 177; G. BARNI, I molini nel milanese fino al Liber Consuetudinum Mediolani anni MCCXVI, ASL, XC (1963), 68, 71, 72; C. BASCAP, L'altare d'oro di Sant'Ambrogio a Milano, Ragguaglio della basilica di S. Ambrogio, III/6-8 (1955); C. BASCAP, Note sull'altare d'oro di S. Ambrogio. I due fianchi: Problemi di stile e di attribuzione, ArLo, XIV /2 (1969), 36-48; A. BASSETTI, I pi antichi documenti ticinesi, Archivio storico della Svizzera italiana, XIV (1939), 218; A. BAZZI, Un prezioso contributo archivistico: le annotazioni dorsali delle pergamene del Museo Diplomatico (sec. VI - a. 900) per la prima volta edite, ASL, XCVIII-C (1971-1973), 15-23; M. BELLONI ZECCHINELLI, Premessa agli studi sui Magistri Intelvesi, ASL, XCVIII-C (1971-1973), 393; R. BERETTA, Precetti intimati dall'abate Ardengo Visconti agli uomini di Inzago l'8 dicembre 1232, ASL, XL, s. IV /19 (1913), 473-4; G. BIANCHI, Il nostro Sant'Ambrogio, ArCr, XI (1923), 120-2; I. BIFFI, Il santorale della basilica di S. Ambrogio:

15

nuovi testi eucologici, Ambrosius, LIV (1978), 425-462; G. BILLANOVICH, Testi ambrosiani nelle biblioteche dei canonici di S. Ambrogio e del capitolo di S. Tecla, in Ambrosius episcopus, Atti del congresso internazionale di studi ambrosiani nel XVI centenario della elevazione di sant' Ambrogio alla cattedra episcopale (Milano, 2-7 dicembre 1974), I, Milano 1976, 6, 8, 18; G. P. BOGNETTI, Le miniere della Valtorta e i diritti degli arcivescovi di Milano (sec. XII-XIV), ASL, LIII (1926), 304; G. P. BOGNETTI, Venegono Inferiore. Notizie storiche, Humilitas [II]/1820 (1930), 588, 596; G. P. BOGNETTI, Le pievi delle valli di Blenio, Leventina e Riviera, Archivio storico della Svizzera italiana, XVI (1941), 111, 119-121; G. P. BOGNETTI, Terrore e sicurezza sotto re nostrani e sotto re stranieri, SMT, II, Milano 1954, 812, 817-9, 824-7, 829, 830; G. P. BOGNETTI, Milano dopo la conquista franca SMT, II, Milano 1954, 327-9, 335, 354; H. BUTTNER, Frhes Christentum im schweizerischen Alpenraum, Einsiedeln - Zurich 1967, 75-6; M. CAGIANO DE AZEVEDO, La chiesa di San Remigio e il luogo della conversione di sant'Agostino, Aevum, XXXVII (1963), 142-4; A. CASTAGNETTI, Dominico e massaricio a Limonta nei secoli IX e X, Rivista di storia dell'agricoltura, VIII (1968), 3-20; 24-8; A. CASTAGNETTI, L'organizzazione del territorio rurale nel Medioevo, Bologna 1982 (Il mondo medioevale, 3) 281, 331; V. CATTANA, La nuova edizione dei documenti del Museo Diplomatico gi trattati con noce di galla, ASL, XCVIII-C (1971-1973), E. CATTANEO, Galdino della Sala cardinale arcivescovo di Milano, in La Chiesa di Ambrogio, Milano 1984, 58; A. COLOMBO, Le mura di Milano comunale e la pretesa cerchia di Azzone Visconti. I, ASL, L (1923), 286, 291, 293, 310, 314, 327; M. L. CORSI, Indagini sulla societ milanese nei secoli XI-XIII: le famiglie da Baggio e Oldani, in Problemi di storia religiosa lombarda, Tavola rotonda sulla Storia religiosa lombarda (Villa Monastero di Varenna, 2-4 settembre 1969), Como 1972, 27-9; M. DI GIOVANNI, Il serpente di bronzo della Basilica di S. Ambrogio, ArLo, XI/1 (1966), 3-5; M. DI GIOVANNI, Note sulla tipologia dei cibori altomedioevali, ArCr, LX (1972), 46-7; A. DIMIER, Trois quarts de sicle d'intense activit sur les chantiers de constructions monastiques, in Mendola IV, 239, 249, 251; V. A. ELBERN, Der karolingischer Goldaltar von Mailand, Bonn 1952; L. FUMI, Chiesa e Stato nel dominio di Francesco I Sforza, ASL, LI (1924), 28, 56, 64, 65; L. FRIGERIO, Un curioso soggetto di iconografia romanica. Lasino con la lira sullambone di SantAmbrogio, Terra Ambrosiana, 1 (2002), 60-67; E. GAGETTI, Cernimus in gemmis insignibusque lapidibus mira sculptoris arteformatas imagines. Laltare doro di SantAmbrogio e il reimpiego glittico nellalto medioevo, I. C. GAVINI, Restauri del Medioevo: il ciborio di S. Ambrogio di Milano, Bollettino d'arte, XXVII (19331934), 236-240; C. GERRA, Arca... gemmis quae compta coruscat, in Studi onore di A. Calderini e E. Paribeni, III, Milano 1956, 775-798; O. HEIMING, Ein benediktischambrosianisches Gebetbuch des frhen 11. Jahrhunderts: Brit. Mus. Egerton 37-63 (ehemals Dyson Perrins, 48), Archiv fr Liturgiewissenschaft, VIII (1964), 332-6; O. HOMBURGER, Ueber eine Federzeichnung des 10.-11. Jahrhunderts und deren Beziehung zu dem Ciborium in St. Ambrogio zu Mailand, in Stucchi e mosaici altomedievali, Atti nell'VIII congresso internazionale di studi Alto medievali, I, Milano 1962, 209-215; J. LECLERCQ-KADANER, La mer cleste l'poque romane. A propos d'une fresque de la basilique Saint-Ambroise Milan, Cahiers de Civilisation Mdivale, XX (1977), 353-5; A. LIPINSNESSI, 1983, Vuolvinius Magist. Phaber., Rivista d'arte, XXIV (1942), 1-11; C. MANARESI, Il placito di Albosaggia, ASL, LXXXIII (1956), 174; P. MERATI, La rappresentazione dellesperienza: mediazioni culturali e meccanismi della memoria a Milano nel XIII secolo, Mlanges de lEcole franaise de Roma, 113 (2001), 453-492; L. MINGHETTI, Alberto vescovo di Vercelli (11851205). Contributo per una biografia, Aevum, LIX (1985), 278, 283-5; R. MISCHI DE VOLPI, Il costume del mosaico dell'abside di S. Ambrogio, in Arte del primo millennio, Atti del III congresso per lo studio dell'arte dell'Alto Medioevo (Pavia, settembre 1950), Torino 1950, 147151; R. MISCHI DE VOLPI, Il ciborio di S. Ambrogio, Milano 1958; R. MISCHI DE VOLPI, L'iconografia del ciborio e dell'altare d'oro di S. Ambrogio, DMi, II (1961), 672-7; R. MISCHI DE VOLPI, Il ciborio di S. Ambrogio, Historica, XX/l-2. (1967), estr. pp. 21; C. G. MOR, Per la datazione di un documento campionese del secolo VIII, Archivio storico della Svizzera italiana, III (1928), 121, 126, 127; G. R. ORSINI, I Vicedomini di Como, Archivio storico della Svizzera italiana, XI (1936), 8, 26-9; A. OTTINO DELLA CHIESA, L'altare d'oro di Sant'Ambrogio, Milano, LXVI (1949), 101-3; A. OTTINO DELLA CHIESA, L'altare d'oro di S.

16

Ambrogio e la pace di Ariberto, Milano 1955; L. S. PANDOLFI, Origine e sviluppo della basilica di S. Giovanni a Monza, ASL, XCI-XCII (1964-1965), 217; A. PERONI, La plastica in stucco nel S. Ambrogio di Milano. Arte ottoniana e romanica in Lombardia, in Kolloquium ber sptantike und frhmittelalterliche Skulptur, a cura di V. MILOJCIC, III, Zabern 1972, 59-119; G. PICASSO, Collezioni canoniche milanesi, Milano 1969 (Pubblicazioni dell'Universit Cattolica del Sacro Cuore, Saggi e ricerche, s. III, Scienze storiche, 3), 168-9, 182, 210, 211, 221; G. PICASSO, Atteggiamento verso i laici in collezioni canoniche milanesi del secolo XII, in Mendola III, 722-9; G. PICASSO, Monachesimo e canoniche nelle sillogi canonistiche e nei concili particolari, in Mendola VII, 147; W. PINARDI, S. Siro alla Vepra, DMi, VI (1965), 439-442; G. POCHETTINO, L'imperatrice Angelberga, ASL, XLVIII (1921), 103; V. POLONIO, La diocesi di Alessandria e l'ordinamento ecclesiastico preesistente, in Popolo e Stato in Italia nell'et di Federico Barbarossa. Alessandria e la Lega Lombarda, Relazioni e comunicazioni al XXXIII Congresso Storico Subalpino per la celebrazione dell'VIII centenario della fondazione di Alessandria (Alessandria, 6-9 ottobre 1968), 574; F. REGGIORI, Superstantia Sancti Ambrosii Mediolani, Milano 1949; F. REGGIORI, Il mosaico della grande abside di Sant'Ambrogio alla luce di recentissime osservazioni, in Studi in onore di A. Calderini e di R. Paribeni, III, Milano 1956,799-817; A. REPOSSI, Il coro della basilica di S. Ambrogio in Milano, ArCr, XXII (1934), 100-111; A. REPOSSI, L'altare d'oro della basilica di S. Ambrogio a Milano, ArCr, XXIII (1935), 161-174; G. ROSA, Le arti minori dalla conquista longobarda al Mille, SMT, II, Milano 1954, 691-715; M. RONCHI, Gli affreschi del Lanino nella basilica di S. Ambrogio, Citt di Milano, LXXVIII (1961), 440 f.t.; M. RONCHI, Il mosaico dell'abside di Sant'Ambrogio, Citt di Milano, LXXIX (1962), 256 f.t.; D. SANT'AMBROGIO, Le arcate cieche dell'atrio di S. Ambrogio e la chiesa di S. Maria di Calvenzano presso Melegnano, Firenze 1903; D. SANT'AMBROGIO, La Basilica Ambrosiana e la chiesa benedettina di S. Maria Laach, Arte e storia, XXV (1906), 161-3; D. SANT'AMBROGIO, Vetuste chiese benedettine rivelanti influssi cluniacensi e il serpente eneo della basilica ambrosiana, Il Politecnico, LV (1907); D. SANTAMBROGIO, L'atrio di S. Ambrogio e la sua derivazione dall'arte cluniacense, Pistoia 1907; D. SANT'AMBROGIO, Recenti indagini intorno al pallio e al ciborio della Basilica Ambrosiana, Il Politecnico, LVII (1909), 166-174, 222-232; P. SCHAEFER, Il Sottoceneri nel Medioevo. Contributo alla storia del Medioevo italiano, Lugano 1954, 98-108, 111; F. SECCO DARAGONA, Francesco Secco, i Gonzaga e Paolo Erba, ASL, LXXXIII (1956), 214; G. SIRONI, Gli affreschi di Donato d'Angelo detto il Bramante alla Pinacoteca di Brera di Milano: chi ne fu il committente?, ASL, CIV (1978), 199-207; C. TAMBORINI, L'abbazia di S. Donato in Sesto Calende, MSDM, XI, Milano 1964, 490-1; M. TAMBORINI, San Sepolcro presso Ternate: formazione e evoluzione di un monastero del secolo XI, Rivista della Societ storica varesina, XIII (1977), 55-91; N. TARCHIANI, L'altare d'oro di S. Ambrogio, Dedalo, II (giugno 1921); S. VIGEZZI, Catalogo descrittivo, ragionato e critico delle sculture esistenti nella basilica di Sant'Ambrogio in Milano, ASL, LIX (1932), 329-364; C. VIOLANTE, Per lo studio dei prestiti dissimulati in territorio milanese (Secoli X-XI), in Studi in onore di Amintore Fanfani, I, Milano 1962, 652, 655-7, 669, 676, 681, 685, 693, 710; C. VIOLANTE, Una famiglia feudale della Langobardia nel secolo XI: i Soresina, in Studi filologici, letterari e storici in memoria di Guido Favati, II, Padova 1977 (Medioevo e Umanesimo, 29), 687, 688, 690, 693, 701; C. VIOLANTE, Monasteri e canoniche nello sviluppo dell'economia monetaria (secoli XIXIII), in Mendola VII, 392; A. VISCARDI, La cultura milanese nei secoli VII-XII, SMT, III, Milano 1954, 755; R. ZINI, Arte e simboli nella Basilica Ambrosiana, Milano 1955. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 9; Biscaro, 1906, 8, 10, 23 (1075 ott 28), 28 (1210 mz 27); Biscaro1, 1908, 21.5-7, 219, 232, 234-5, 239, 242, 244 (1186 ap 30); Biscaro, 1928, 363, 368-373, 379, 383, 385-9, 394, 399, 400, 407, 414, 415, 423, 437, 442, 445, 448, 452, 453, 459, 472, 480, 483 (1240), 486 (1243); Bognetti, 1978, 145, 155, 184, 186, 230 (1187 nv 9), 231 (1227 nv 4), 232 (1178 nv 1), 246 (1010 ge), 252, 253 (998 ge 5, 1018 nv, 1135 nv), 254 (1174 dc 31), 255, 256 (918 ap) 257 (1199 giu 1), 376; Borella, 1957, 186; Cattaneo, 1957, 258, 277-281; Coppa, 1977, 148 (1660 dc 22); Flumiani, 1927, 562; Gatti Perer, 1964-1965, 132, 153, 155-7; Giulini, 1917, 358; Giulini, 1930, 467, 480; Grazioli, 1906, 220, 222, 223, 235; Maderna, 1980, 47; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125, 560; Marcora, 1956, 287, 291, 300, 321, 322, 325, 405-414 (1483

17

nv 23); Marcora, 1957, 310, 339, 372 (1485 lu 5), 433-6 (1493 ot 25); Marcora2, 1959, 256271 (indicazione di 31 documenti compresi tra il 1277 ot 15 e il 1513 ap 20); Marcora2, 1961, 333, 459-460 (1566 fe 20), 467 (1566), 468 (1566 mz 13), 532 (1564 ot 28); KW, 85, 87; Orefice, 1985, 32 (XVI sec.); Palestra, 1971, 29, 57, 119 (1355 giu 1); Premoli, 1905, 14 (1577 set 20); Razzi, 1971, 120; Riboldi, 1905, 252, 255 (1143 lu 11), 257 (1150 ge 3, 1150 set 18), 260 (1172 fe 12), 261 (1173 ge 27), 262 (1175 lu 16), 265 (1187 nv 9), 267 (1192 mz 11); Rotondi, 1924, 204; Santoro, 1939, 53; Scarpini, 1921, 209-210; Vigotti, 1974, 16, 28, 33, 43, 47, 48, 74, 77, 78, 82, 85, 89, 391; Zanoni L., 1911, 198, 199, 211, 228, 324, 325 (1255 fe 22, 1264 ap 11), 326 (1256 lu 24, 1279 ag 10, 1284 mz 1), 334 (1253 lu 3); Zerbi2, 1978, 145, 224 (1123 ot). G. BARNI, Alamanni nel territorio lombardo, ASL, LXV (1938), 149 (721-724), 160 (848 mz 15); F. CUSIN, Le relazioni tra l'Impero ed il ducato di Milano dalla pace di Lodi alla morte di Francesco Sforza (1454-1466), ASL, LXV (1938), 52, 53,100 (1461 mg 23); F. FOSSATI, Noterelle Viscontee-Sforzesche, ASL, LXXX (1953), 222 (1452 ap 23), 224 (1458 lu); N. GHIGLIONE, Osservazioni critiche sulla nuova edizione dei Diplomi Arcivescovili Milanesi (789893), ASL, XCVIII-C (1971-1973), 60, 61, 62 (789 ot 23), 63 (806 ge), 64 (835 mz 1),65 (843), 66 (859 rng 17), 67 (866 fe), 69 (874 dc 28), 71 (879 set 1O), 73 (893); A. GIUSSANI, Fonti per la storia della Svizzera italiana in Archivio di Stato di Milano, Archivio storico della Svizzera italiana, I (1926), 57-8; F. MENANT, Entre Milan et Bergam: une famille de l'aristocratie rurale au XII sicle, Mlanges de l'Ecole Franaise de Rome, LXXXVIII (1976), 436-443, 484 (1110 ot 12, 1113 ge), 491 (1171 giu); A. R. NATALE, Per un contributo italiano all'edizione fototipica dei Diplomata Karolinorum, ASL, LXXVII (1950), 259 (IX sec.); M.POGLIANI, Il dissidio tra nobili e popolari a Milano. La controversia del 1203 fra l'Arcidiacono e il Primicerio Maggiore, RSCA, X, Milano 1981 (ArAm, 42), 86 (1200 ag 9), 88 (1200 ag 9); P. ZERBI, Cum mutato habitu in coenobio sanctissime vixisset...: Anselmo III o Arnolfo II?, ASL, XC (1963), 513, 524 (1098). S. AMBROGIO AD NEMUS ZONA: fuori Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: secondo la tradizione lorigine della chiesa legata a una cappella dove s. Ambrogio si rifugiava a meditare. La denominazione ad nemus indica infatti una zona nei boschi, fuori citt. Nel XIII secolo la chiesa fu ampiamente ristrutturata, e poi nuovamente nel 1635 a seguito del crollo delle coperture. Riaperta al culto nel 1857 la chiesa sub ulteriori trasformazioni (1895-1918). ORDINE: nel XIII secolo, divenne sede di un ordine religioso, i frati di SantAmbrogio ad Nemus, riconosciuti da papa Gregorio XI nel 1377, che seguivano la regola di SantAgostino. Nel 1644, per motivi ancora da chiarire papa Urbano VIII sciolse lordine, gi unito nel 1589 con quello di S. Barnaba, e diede in commenda il convento. Nel 1650 ci fu larrivo dei frati francescani riformati provenienti da Santa Maria del Giardino. SOPPRESSIONE: 1798. Nel 1813 passaggio alle Fatebenesorelle che vi aprirono il loro ospedale. Riapertura al culto nel 1857. UBICAZIONE ATTUALE: via Peschiera a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 366; Borroni, 1808, 141-142; Fiorio, 1985, 108-109; Giulini, 1760, IV, 83, V, 396; Latuada, 1737-1738, III, 147-149; Manzoni, 1920, 63-67; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 401; Ponzoni, 1930, 452-455; Sormani, 1760, 97-99; Torre, 1674, ed. 1714, 218; Vigotti, 1974, 44. L. BIRAGHI, Cenno storico sullex convento e chiesa di S. Ambrogio ad Nemus, Milano 1857; W. PINARDI, S. Ambrogio ad Nemus, ArCr, luglio-agosto (1967), 206-212; D. POLLASTRO, SantAmbrogio ad Nemus in Milano, Terra ambrosiana, 28 (1987), 68-76; D. POLLASTRO, Il restauro degli affreschi nel coro di S. Ambrogio ad Nemus in Milano, Terra Ambrosiana, 5 (1993), 74-79; G. TURAZZA, Sant'Ambrogio ad Nemus in Milano : notizie storiche dall'anno 357 al 1912, Milano 1914. b) notizie: Carmassi, 2000; Fassina, 1985, 121; Monumenta, 1971, passim. c) fonti e citazioni documentarie: E. CATTANEO, I frati di S. Ambrogio ad Nemus, Ricerche storiche sulla chiesa ambrosiana, XIV (1985), 39-90.

18

S. AMBROGIO ALLA COSTA (S. Ambrosino) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: fondazione antecedente il 1398 ORDINE: Agostiniane. Alla fine del XV secolo ci fu il passaggio all'Osservanza agostiniana SOPPRESSIONE: nel 1571 le monache furono trasferite a S. Caterina alla Chiusa e a S. Agostino Nero. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 633, 634. b) notizie: Petra Sala, 2004, 141; Sebastiani, 1995, 104. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 21; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 550; Baldissaro, 1981, 14 (1495 mg 31). S. AMBROGIO DI CARUGATE (domus de Carugate, S. Domenico di Carugate, S. Maria della Neve di Carugate, S. Maria di Carugate) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1362 ci fu il trasferimento della domus a Milano nellattuale via Borgonovo di fronte a S. Erasmo. ORDINE: comunit doppia Umiliati/e comunit femminile: nel 1470 ingresso delle Benedettine; nel 1499 unione a S. Caterina di Rancate. comunit maschile: 1570 soppressione; 1571 commenda (S. Maria della Neve di Carugate) a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 406; Cattaneo, 1961, 606-7, 640; Giulini, 1916, 4612; Latuada, 1737-1738, V, 320-322; Patetta, 1987, 396-397; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 25-7, 37, 40, 64, 74; Sormani, 1760, 149-150. b) notizie: Gerra, 1964, 359-360; Gualdo Priorato, 1666, 100; Mezzanotte, 1957, 629; Schuster, 1946, 8; Vittani, 1931, 847. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 13; Castiglioni, 1960, 12; Laurent, 1949, 377; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126. S. AMBROGIO IN LAMBRATE (S. Ambrogino) ZONA: Lambrate ORIGINE E VICENDE: la chiesa in stile romanico era annessa a un monastero appartenente alle Madri di S. Radegonda, dellordine benedettino, ed era situata presso una cascina detta di S. Ambrogio. Le relazioni delle visite pastorali durante il XVI e XVII secolo ne denunciano lo stato di deterioramento. a) trattazioni specifiche: Iosa, 1987, 449-450. S. AMBROGIO IN SOLARIOLO (S. Ambrogio della Palla) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa era molto piccola ma di antiche origini (documentata gi nel X secolo) ed era situata in via S. Maurilio allangolo di sinistra con via S. Marta nella contrada un tempo chiamata di S. Ambrogio alla Palla. SOPPRESSIONE: soppressa e distrutta nel 1787. a) trattazioni specifiche: Forcella2, II, 1889, 281-283; Latuada, 1737-1738, III, 119-120; Milano ritrovata, 1986, 440-441 (con bibliografia); Sormani, 1760, 12-13; Torre, ed. 1674, 1714, 134; Vigotti, 1974, 44-45 b) notizie: Beretta, 1939, 20; Gualdo Priorato, 1666, 67; Forcella1, 1889, 655. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., sez. X, Visite Pastorali, S. Giorgio al Palazzo, V, XV; Corpi Santi di Porta Ticinese, VI/8; Miscellanea citt, XI/3, XVI/24; A.S.C.M., Localit Milanesi, 314/5.

19

S. AMBROSINO, v. S. Ambrogio alla Costa. S. ANASTASIA, v. S. Francesco di Paola. S. ANDREA ALLA PUSTERLA NUOVA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Un tempo situata allincrocio delle vie S. Andrea e Montenapoleone, la chiesa traeva la denominazione da una delle porte minori cittadine, che qui si apriva nelle antiche mura. Anticamente ricordata (1119), era parrocchiale, fra le tante visitate dalle litanie; fu poi ricostruita dal Pellegrini (XVI sec.) [] [DCA, I, Milano 1987, 144]. SOPPRESSIONE: la chiesa fu distrutta nel 1811, dopo che la parrocchiale insieme a quella di S. Donnino alla Mazza era stata soppressa (1787) e incorporata in quella di S. Anastasia ( S. Francesco di Paola). a) trattazioni specifiche: Forcella2, V, 1889, 165-167; Latuada, 1737-1738, V, 335-336; Sormani, 1760, 160; Vigotti, 1974, 45 b) notizie: Grassi, 1966, 409. c) fonti e citazioni documentarie: Inventario napoleonico, ms. presso la Biblioteca della Pinacoteca di Brera, Milano 1976, nn. 135, 137. S. ANDREA AL MURO ROTTO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Gi situata in via Rastrelli, la chiesa fu innalzata (940) vicino alla breccia delle mura cittadine, aperta dai franchi quando occuparono Milano (575), dalla quale la chiesa trasse la denominazione, come la vicina chiesa di S. Michele al Muro Rotto. Ricordando come entrambe le chiese fossero parrocchie, ricche di reliquie e d"ecclesistici corredamenti", il Torre la dichiara distrutta nel 1560, quando gli spagnoli ampliarono il palazzo ducale. [DCA, I, Milano 1987, 144] b) notizie: Beretta, 1939, 18; Latuada, 1737-1738, I, 40; II, 126; Vigotti, 1974, 45. S. ANGELO (S. Maria degli Angeli) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Nel 1419-1420 avvenne la donazione da parte delle autorit milanesi di un terreno fuori Porta Nuova ai seguaci di s. Bernardino, i quali distrussero il preesistente monastero (v. S. Angelo di Cambiago) per costruirvi chiesa e convento sul modello di S. Maria degli Angeli di Assisi. Nel 1527 avvenne la semidistruzione del convento e i frati furono trasferiti a S. Maria del Giardino. Nel 1551 il convento fu abbattuto per ordine di Francesco Gonzaga durante i lavori di allargamento dei bastioni della citt. Nel 1552 ci fu linizio lavori di costruzione della nuova chiesa e del convento all'interno di Porta Nuova. ORDINE: Francescani osservanti SOPPRESSIONE: 1810. Ma la chiesa continu ad essere aperta al pubblico come sussidiaria di S. Marco. Nel 1854, i frati fecero ritorno per poi essere nuovamente cacciati con la seconda soppressione del 1868. I francescani ripresero possesso della chiesa e di quanto restava del convento (i primi due chiostri ancorch degradati dalla trasformazione in tribunale militare, mentre larea del terzo chiostro era stata lottizzata e trasformata in abitazioni e strade) nel 1920. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Angelo a) trattazioni specifiche: Baroni, 1938, 331, 333, 352-7; Baroni, II, 1938, 139-145; Bartoli, 1776-1777, 140-142; Bianconi, 1787, 369-372; Borroni, 1808, 145-148; Bossi, 1818, 203205; Cattaneo, 1961, 575, 623-9, 633, 635, 678, 684; Ferrari2, 1979, 451-7; Fiorio, 1985, 138-143; Forcella2, 40-73; Gualdo Priorato, 1666, 89; Latuada, 1737-1738, V, 269-275; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 450-452; Pirovano, 1822, 216-218; Ponzoni, 1930, 238-

20

244; Sormani, 1760, 131-133; Studi di storia locale, 1983, 38; Torre, 1674, ed. 1714, 248250. L'Angelicum dei Frati Minori di Milano, Milano 1950, 33-44; A. ANNONI, Gli inizi della dominazione austriaca, SMT, XII, Milano 1959, 229, 230; A. ARCE, Notas bibliograficas sobre legislacin franciscana, AFH, LXI (1968), 474-6; C. BARONI, Domenico Giunti architetto di don Ferrante Gonzaga e le sue opere in Milano, ASL, LXV (1938), 352-7; G. Bologna, Il Consiglio generale di Milano sovvenziona la ricostruzione della biblioteca del convento di S. Angelo, Libri e documenti, IV /3 (1978), 42-3; Z. GROSSELLI, Documenti inediti quattrocenteschi per la chiesa e il convento di S. Angelo di Milano, ArLo, 64 (1983), 104-8; M. MAGNI, Singolarit nella decorazione di SantAngelo a Milano, ArLo, 1 (1996), 62-74; L. MALVEZZI, Brevi cenni illustrativi intorno alla chiesa di SantAngelo, 1870; A. MORISI, Caimi Bernardino, DBI, XVI, Roma 1973, 347-9; A. MOSCONI, Ritrovati alcuni scritti del P. G. B. Burocco, cronista della Provincia Osservante di Milano, AFH, LXXVI (1983), 355; A. MOSCONI - F. OLGIATI, Chiesa di S. Angelo dei frati minori. Guida storico-artistica, Milano 1972; A. NOVA, I tramezzi in Lombardia fra xv e xvi secolo: scene della Passione e devozione francescana, in Francescanesimo, 197-200, 202, 209; A. NOVA, I tramezzi in Lombardia fra xv e xvi secolo: scene della Passione e devozione francescana, in Francescanesimo, 197-200, 202, 209; F. OLGIATI, La Cappella Brasca in Sant'Angelo a Milano, ArLo, VI (1961), 202-8; F. OLGIATI, La Cappella di S. Giovanni Evangelista in Sant'Angelo a Milano, ArLo, VII/1 (1962), 51-8. b) notizie: Barni, 1977, 367; Baroni, 1930, 437; Baroni, 1941, 69, 122; Bartoli, 1776-17771777, 141; Bendiscioli1, 1957, 99,117,166-8; Bendiscioli2, 1957, 371, 378, 406; Bianconi, 1796, 317; Borroni, 1808, 147; Calufetti, 1979, 5-8, 11, 15-7, 20-4, 26-9, 33-6; Calufetti, 1980, 234, 240-252, 255; Calufetti, 1981, 486, 488, 490; Calufetti, 1984, 446; Calvesi, 1954, 115-127, 129; Cant, 1870, 80;Caretta, 1968, 175; Casati, 1931, 24, 28; Ceriotti, 1987, passim Compostella, 1973, 41; Dallaj, 1983, 528; DellAcqua, 1957, 681, 692, 705, 711, 713, 714, 749, 758, 766; Fumi, 1910-1911, 342; Gazzini, 2000, passim; Gerra2, 1969, 357, 359; Gerra4, 1969, 488-9; Grassi, 1966, 205, 289; Ildefonso da Como, 1926, 131; Leverotti, 1981, 103, 109; Marcora, 1956, 301; Marcora, 1957, 325, 340; Marcora, 1960, 282; Mezzanotte, 1957, 565, 569, 629; Mezzanotte2, 1959, 509; Milano zona due, 1987, 27 (ill.); Mongeri, 1872, 262; Morigia, 1619, p. 464; Mosconi, 1967, 520; Mosconi, 1978, 131, 137; Mosconi, 1980, 101; Mosconi, 1994; Natale, 1972, 484; Nessi, 1975, 197,206; Nicodemi, 1957, 798, 816; Nicodemi1, 1958, 483, 492, 512; Orefice, 1985, 16; Panizza, 1956, 172; Reggiori, 1960, 650; Romanini1, 1959, 725, 726, 739, 746, 748; Rotta, 1891, 175; Rusconi, 1972, 11, 134, 144, 146; Sevesi, 1906, 15, 20, 41; Sevesi, 1910-1911, 634; Sevesi, 1910-1911, 27, 28, 30, 32, 33; Sevesi, 1914-1916, 52-4; Sevesi, 1915-1920, 61,63; Sevesi, 1924, 139; Sevesi, 1925, 157, 173, 178; Sevesi, 1937, 49; Snow-Smith, 1983, 154; or, 85, 86; Soprani-Ratti, 1768, II/I, 60; Sormani, 1752, 147; Tea, 1959, 796, 807; Valugani, 1926, 108; Vincenti, 1960, 84, 89; Ward Neilson, 1978, 98, 101; Zanoni B., 1950, 92, 93. S. OLGIATI - A. MOSCONI, San Bernardino da Siena in Lombardia, Brescia 1980, 61-64, 68; C. PIANA, Il beato Bernardino Caimi da Milano. Un epigono della predicazione Bernardiniana nell'ultimo Quattrocento, AFH, LXIV (1971), 304-6, 326; C. PIANA, Un processo svolto a Milano nel 1441 a favore del mag. Amedeo de Landis e contro frate Bernardino da Siena, in Atti del Simposio internazionale cateriniano-bernardiniano (Siena, 17-20 aprile 1980), a cura di D. MAFFEI - P. NARDI, Siena 1982, 753-792; S. PINARDI, S. Angelo, Milano 1926; C. SANTORO, Libri donati alla chiesa di S. Maria degli Angeli, in Scritti rari e inediti, Milano 1969, 269-271; G. RIMBOTTI, San Bernardino da Siena nella sua cara Milano, DMi, VIII (1967), 440-1; Z. G. ROSSELLI, Documenti quattrocenteschi per la chiesa e il convento di S. Angelo di Milano, ArLo, 64 (1983), 104-109; R. RUSCONI, Carcano Michele, DBI, XIX, Roma 1976, 742-4; San Bernardino da Siena nel V centenario della morte, Milano 1944, 117, 120, 121; San Bernardino e l'ordine francescano in Lombardia, in S. Bernardino da Siena nel V centenario della morte (1444-1944), a cura degli studenti della Lombardia francescana, Milano 1944, 120-2; P. SEVESI, Alla S. Congregazione dei Religiosi - Roma. Memoria per la chiesa di S. Angelo di Milano, Saronno 1917; P. SEVESI, Una pagina di storia dei Frati Minori in Milano (1851-1870), La Verna, fasc. 5-6 (1912), estr. 58; P. SEVESI, B. Sisto da Milano dei Frati Minori, Studi

21

francescani, IX (1923), 465-7, 473; P. SEVESI, Il B. Michele Carcano e il Consorzio della Carit di Milano, AFH, XLVI (1953), 251-278 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cartt. 102, 952, 953, 956, 963; Archivio Provinciale dei Frati Minori, B. BUROCCO, Descrizione cronologica della Provincia Osservante Milanese dei Frati Minori; Beretta, 1939, 12; E.M., 1907, 257 (1485 ot 1), 258 (1492 dc 15), 259 (1507 mz 17); Gatti Perer, 1964-1965, 189, 190; Gatti Perer, 1964-1965, 132; Marcora2, 1959, 273 (1535 fe 4); Marcora2, 1961, 332, 551 (1564 dc 23); Noto, 1962, 7, 11, 16-24, 31, 34-7, 40, 41, 44, 46, 51-62, 65, 72 (1460 fe 11), 81 (1476 mz 20), 86-9, 92, 94 (1476 giu 10); Sevesi, 1935, 227 (1469 ge 1); 01, 25, 31, 44, 53 (1487 ag 31), 60 (1491 mg 2), 64 (1511 ot 10); Sevesi, 1938, 84 (1567 fe 5), 92 (1568 ot 30), 411 (1572); Sevesi2, 1940, 372-5, 96; Sevesi, 1944, 106, 117, 121 (1567 mg 4), 122 (1567 ag 6), 124-5 (1567 ot 4), 134-141 (1568 fe 13-4), 141-3 (1568 fe 14), 144 (1568 fe 18), 162 (1567); Sevesi, s. Carlo, 1940, 144, 146, 188 (1583 ag 6); Vigotti, 1974, 45. C. CENCI, Silloge di documenti francescani trascritti dal P. Riccardo Pratesi, Studi francescani, LXIV /2 (1967), 99 (1477 giu 15); E. M., L'incendio di una biblioteca milanese nel Settecento, ASL, XXXI, s. IV/1 (1904), 465-7 (1747 fe 8); P. SEVESI, Nomina di Sindaci apostolici nell'Osservanza milanese, Studi francescani, XIII (1927), 276, 281-291 (1487 ag 31, 1491 mg 25, 1506 fe 16); P. SEVESI, Nomina del Sindaco apostolico nell'Osservanza milanese, Studi francescani, XIV (1928), 347-351 (1432 lu 28). S. ANGELO DI CAMBIAGO (S. Angelo extra portam novam) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu probabilmente fondata nel XIII secolo. ORDINE: Benedettine SOPPRESSIONE: agli inizi del XV secolo avvenne la dispersione delle monache. Nel 1419 il monastero fu consegnato ai seguaci di S. Bernardino che lo distrussero per costruire S. Maria degli Angeli (v. S. Angelo) a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 606. c) fonti e citazioni documentarie: Magistretti, 1900, 26; Vigotti, 1974, 28, 45. S. ANNA ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: ante 1286 ci fu la costruzione di un monastero accanto alla chiesa preesistente. Post 1443 - ante 1481, avvenne lunione a S. Maria della Stella in Bruzzanello. Nel 1491 ci fu lentrata dei Gerolamiti. Nel 1551 ci fu la demolizione del monastero per lampliamento delle fortificazioni del castello. Nel 1556 avvenne la ricostruzione del monastero non molto distante dalla primitiva sede (nellattuale corso Garibaldi in prossimit di via Cazzaniga). Nel 1668 si ebbe la soppressione dell'ordine gerolamitano e nel 1669-1670 il monastero fu affidato ai Padri Teatini. ORDINE: Agostiniane; Gerolamiti; Teatini SOPPRESSIONE: 1791 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 658; Gualdo Priorato, 1666, 85; Sormani, 1760, 94. b) notizie: Alberzoni, 1985, 142, 146, 163; Baroni, 1937, 114; Batoli, 1776, 142; Fumi, 19101911, 17; Gerosa Brichetto, 1973, 102; Gerra2, 1969, 357; Gerra3, 1969, 418; Gualdo Priorato, 1666, 85; Marcora, 1960, 285; Marcora2, 1961, 332. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 10; Gatti Perer, 1964-1965, 205, 206; Vigotti, 1974, 28, 45, 46. S. ANNA IN CASTAGNEDO ZONA: fuori Porta Romana (localit Castagneto) ORIGINE E VICENDE: piccolo oratorio gi appartenente a una grangia degli Umiliati (XII sec.). Nella chiesetta erano presenti affreschi del XIV-XV secolo, distrutti insieme allaltare da ignoti vandal in tempi recenti. UBICAZIONE ATTUALE: via Toffetti angolo via Tertulliano

22

a) trattazioni specifiche: C. FRIGERIO, SantAnna in Castagneto, Diocesi di Milano, 6 (1965), 12, 693-696. b) notizie: Maderna, 1972, 3.1; Iosa, 1986, 302-303; Sarzi, 1987, 251-252. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. ANTONINO ZONA: Segnano ORIGINE E VICENDE: una lapide ricorda la ricostruzione delloratorio ad opera dei monaci cassinesi che qui si insediarono nel 1517 (abside e campanile sono stati aggiunti negli anni Sessanta). ORDINE: Benedettini cassinesi UBICAZIONE ATTUALE: via Cozzi a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 8.2 b) notizie: Sarzi, 1987, 176. S. ANTONINO, V. S. Antonio di Padova. S. ANTONIO ABATE ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1272 ca. si ebbe linsediamento degli Antoniniani nella zona ospedaliera di Porta Romana. Nel 1452 Gli Antoniniani lasciarono Milano e il convento pass in commenda. Nel 1576 Gregorio XIII soppresse la commenda e nel 1577 il convento fu affidato ai Padri Teatini. Nel 1654 si ebbe la consacrazione della nuova chiesa. ORDINE: Antoniniani; Teatini SOPPRESSIONE: 1798. Il convento fu adattato ad usi civili e militari, e solo nel 1930 fu adibito a sede dellAzione cattolica per interessamento del cardinale Schuster. La chiesa fu invece riaperta al pubblico fin dal 1799 come sussidiaria della vicina parrocchia di S. Nazaro. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Antonio a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 142-144; Bianconi, 1787, 174-178; Borroni, 1808, 67-69; Bossi, 1818, 91-93; Cattaneo, 1961, 650-1; Giulini, 1916, 375-383; Gualdo Priorato, 1666, 55-56; Latuada, 1737-1738, II, 202-212; Lupieri-Maderna, 1972, 6.9; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 218-221; Pirovano, 1822, 137-139; Ponzoni, 1930, 360-5; Santagostino, 1671, ed. 1980, 21-25; Torre, 1674, ed. 1714, 41-44. P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. S. Antonio Abate in Milano, ArCr, LVIII (1970), 49-54; R. BAGNOLl, La Chiesa e i chiostri di S. Antonio Abate di Milano, Milano 1945; S. COPPA, Per il Rusnati, ArLo, 40 (1974), 130-147; S. COPPA, L'oratorio teatino dell'Immacolata a Milano: profilo storico e artistico, Regnum Dei, XXXIV (1974), 83-101; S. COPPA, Due opere di Ambrogio Pigino in una donazione del 1637, ArLo, 47/48 (1977), 143-4; S. COPPA, L'attivit milanese dei fratelli Carloni di Genova: le storie della Croce nella chiesa teatina di S. Antonio Abate, in Accademia di S. Carlo. Inaugurazione del III Anno Accademico, Milano 1980, 61-81; S. COPPA, La Cappella di S. Gaetano nella chiesa teatina di S. Antonio a Milano, Regnum Dei, XXXVI (1980), 3-30; S. COPPA, Le feste milanesi per la canonizzazione di s. Gaetano nel 1671, Regnum Dei, XXXVI (1980), 31-51; S. COPPA, I paramenti di s. Gaetano nella chiesa teatina di S. Antonio a Milano, Regnum Dei, XXXVI (1980), 52-82; S. COPPA, La cronologia della cappella Acerbi in S. Antonio Abate a Milano, ArLo, 58/59 (1981), 85-99; S. COPPA, S. Carlo Borromeo e s. Andrea Avellino in due quadri di Filippo Abbiati: una insolita iconografia, in Atti della Accademia di San Carlo, Inaugurazione del V Anno Accademico, Milano 1982, 149-158; G. MAINO, La chiesa di S. Antonio Abate, DMi, III (1962), 406-413; G. NICODEMI, Gli affreschi dell'appartamento abbaziale nel convento di Sant'Antonio a Milano, Milano, LIV (1938), 115-120; G. NICODEMI, La chiesa di Sant'Antonio Abate in Milano, in Italia Sacra. Le chiese d'Italia nell'arte e nella storia, II, Torino 1936, 1449-1519; P. S. PASQUALI, Il bel Sant'Antonio di Milano, Pro familia, XXX/33 (1929); P. S. PASQUALI, Gli Antoniniani a Milano, ASL, LVII (1930), 345, 348, 351; P. S. PASQUALI, A proposito di un dipinto attribuito a Palma il Giovane, ASL, LVI (1929), 166-7; P. S. PASQUALI, Di due antiche

23

iscrizioni perdute gi esistenti nella chiesa di S. Antonio Abate in Milano, ASL, LIX (1932), 239; V. POGLIANI, Il grande reliquiario nella chiesa di S. Antonio Abate, Ambrosius, IX (1933), 187-9; A. RATTI, Sant'Andrea Avellino e san Carlo, San Carlo Borromeo nel Terzo Centenario della Canonizzazione, fasc. 2 (dic. 1908), 29-30; M. ROSCI, Contributi al Morazzone, Bollettino d'arte, XLIV (1959), 155-7. b) notizie: Arosio, 1954, 29; Arslan, 1956, 687; Arslan, 1957, 561; Barni, 1977, 363; Baroni, 1937, 114; Baroni, 1941, 37, 38, 133; Baroni, 1944, 128, 156; Baroni, 1951-1952, 216, 217; Bendiscioli1, 1957, 162; Bernareggi, 1929, 167, 201-3; Bernareggi1, 1931, 684; Bernareggi2, 1931, 1035, 1040; Cattaneo, 1958, 319, 322; DellAcqua, 1957, 699, 703, 705, 710, 711, 755, 772; Dossi, 1970, 8; Gerosa Brichetto, 1973, 26, 104; Gerra2, 1969, 361; Gerra, 1970, 705, 61-2; Grassi, 1966, 99, 132, 291; Mezzanotte, 1957, 622; Mezzanotte, 1958, 452; Mezzanotte2, 1959, 486; Monumenta, 1971, passim; Nicodemi1, 1958, 482, 484, 493, 494, 497, 500, 506; Nicodemi2, 1958, 533, 540, 541, 546; Orefice, 1985, 16; Orsenigo, 19081910, 161; Panizza, 1956, 171; Romanini2, 1955, 674-7; Romanini1, 1959, 714, 739; Romanini2, 1959, 778, 779; Romanini, 1964, 466-7; Rovetta, 1981, 11; Vegas Castelfranchi, 1962, 86; Verga, 1918, 428, 429; Vigotti, 1972, 62. M. BRUNORI, Considerazioni sul primo tempo di Francesco del Cairo, Bollettino d'arte, XLIX (1964), 236, 239, 240; E. CAZZANI, La beata Guarisca Arrigoni e il monastero del Cantello, Saronno 1976, 64-78. c) fonti e citazioni documentarie: Filippini, 1932, 179; Locatelli Milesi, 1912, 111; Maderna, 1980, 47; Magistretti, 1910, 125; 01, 46 (1468 set 18),47 (1472 dc 29), 60 (1491 mg 2). S. COPPA, Note d'archivio su Ingegneri - Architetti Collegiati di Milano dei secoli XVI-XVII, ArLo, 47/48 (1977), 145-158. S. ANTONIO DI PADOVA (S. Antonino, Visitazione) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1502 ci fu la fondazione del convento presso la chiesa della Visitazione, sullattuale via Francesco Sforza (dal lato opposto al fianco meridionale della Ca Granda). ORDINE: Servite. Nel 1519 Leone X concedette alle monache di professare la regola di S. Chiara SOPPRESSIONE: 1782. Il monastero e la chiesa gi dotati di un ampio giardino furono trasformati in ospedale (S. Antonino) e poi distrutti nel 1895 per fare spazio ai nuovi padiglioni ospedalieri. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 144; Borroni, 1808, 48; Cattaneo, 1961, 629, 648, 686; Forcella2, I, 1889, 363; Lauda, 1737-1738, II, 291-293; Mezzanotte-Bascap, 1958, 75; Ponzoni, 1930, 558-561; Sevesi, 1957,219. D. MONTAGNA, Quattrocento devoto minore. III. Corrispondenza della cancelleria sforzesca (1492-1493) per una fondazione milanese di monache dei servi, Moniales ordinis servorum, IV (1966), 100-6; P. PECCHIAI, La lapide di fondazione della chiesa di S. Antonino, in L'Ospedale Maggiore di Milano nella storia e nell'arte, Milano 1927, 363-4. b) notizie: Caretta, 1968, 178; Cattaneo, 1955, 135; Dallaj, 1983, 528; Gerra2, 1969, 361; Gerra, 1970, 704; Gualdo Priorato, 1666, 56; Marcora, 1958, 413, 424; Marcora2, 1959, 406; Marcora, 1960, 363, 366; Mezzanotte, 1958, 706; Mosconi, 1994; Sebastiani, 1982, 206, 217; Spinelli, 1999, passim; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 153; Vallini, 1966-1968, 504. c) fonti e citazioni documentarie: Aiello, 1996, passim; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1958, 15; Gatti Perer, 1964-1965, 201; Marcora2, 1961, 244, 461 (1566 fe 26). S. APOLLINARE (S. Maria in S. Apollinare) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1223, il vescovo Enrico Settala concedette il terreno per la costruzione di un convento vicino alla chiesa di S. Apollinare, situata dopo il cenobio di S. Sofia

24

lungo lattuale omonima strada, nellarea dellodierno convento dedicato alla santa. Nel 1224, ci fu lentrata delle monache. Il monastero fu poi ricostruito nel sec. XVI. Il Latuada oltre a indicare il vasto giardino del convento, bagnato dallacqua del Naviglio che serviva anche "per le loro Officine, come altres a far girare la mola da macinare"- vi rammenta anche lesistenza del pozzo nel quale, secondo la tradizione erano stati gettati i corpi dei SS. Nazaro e Celso, e menziona anche "sotto lAltare della Clausura una Pietra orbicolare" allora creduta antico altare pagano ad Apollo dedicato. [DCA, I, Milano 1987, 184] ORDINE: Clarisse 1469-1471 passaggio all'Osservanza francescana SOPPRESSIONE: 1782. La piccola chiesa ricostruita nel 1589 su disegno di Vincenzo Seregni fu ingiustificatamente abbattuta nel XX secolo. a) trattazioni specifiche: Alberzoni, 1981, 145-7, 149, 155, 157; Alberzoni, 1983, 70-3; Arosio, 1954, 29-30; Batoli, 1776, 145; Biscaro, 1912, 169-173; Cattaneo, 1961, 625, 628; Forcella2, I, 1889, 365-366; Gualdo Priorato, 1666, 57; Latuada, 1737-1738, III, 44-49; MezzanotteBascap, 1958, 501; Sevesi, 1957, 212-4. M. P. ALBERZONI, Il monastero milanese di S. Apollinare di fronte all'autorit ecclesiastica (1223-1264), Aevum, LVIII (1984), 212-245 e LIX (1985), 305-352; P. SEVESI, Il monastero delle Clarisse in S. Apollinare di Milano (documenti, sec. XIII-XVIII), AFH, XVII (1924), 338-364, 520-544 e XVIII (1925), 226-247 e XIX (1926), 76-99. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1982, 215; Alberzoni, 1985, 142, 146-8, 163; Alberzoni, 1991; Alberzoni, 1993; Biscaro, 1907, 394; Bendiscioli2, 1957, 316, 318, 323; Biscaro3, 1908, 431; Biscaro, 1928, 443, 448, 477; Calufetti, 1979, 25, 29, 36; Calufetti, 1980, 239; Colombo, 1923, 283; Dallaj, 1983, 528; Franceschini, 1954, 198-200, 372; Fussenegger, 1958, 473; Grassi, 1966, 389; Larsimont Pergameni, 1948-1949, 184; Mazzi, 1904, 356; Mezzanotte, 1957, 577; Mezzanotte, 1958, 706; Mosconi, 1967, 516; Mosconi, 1994; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Sevesi, 1925, 171, 172; 01, 30; 00, 61; Spinelli, 1999, passim; Valugani, 1926, 106; Wessley, 1984, 14. A. BAZZI, Matteo e Azzone: due dei maggiori dei Visconti, canonici e agenti della Chiesa Monzese (1281-1310), ASL, CIII (1977), 281; C. GENNARO, Chiara, Agnese e le prime consorelle: dalle pauperes dominae alle Clarisse, in Movimento, 183; R. MANSELLI, La Chiesa e il Francescanesimo femminile, in Movimento, 253, 257, 258; L. OLIGER, De origine regularum Ordinis S. Clarae, AFH, V (1912), 208, 420, 445; I. OMAECHEVARRIA, La Regla y las Reglas de la orden de Santa Clara, Collectanea Franciscana, XLVI (1976), 106; R. RUSCONI, L'espansione del francescanesimo femminile nel secolo XIII, in Movimento, 283-4. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 17; Borella, 1957, 186; Castiglioni, 19481949, 250; Castiglioni, 1958, 15,37; Gatti Perer, 1964-1965, 151; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 257 (1277 ap 2, 1284 mg 16), 261 (1308 ot 21), 262 (1337 mg 7), 271 (1494 mg 23); Le pergamene milanesi, 1994; Sevesi, 1935, 233 (1470 ot 18); Thomson, 1971, 381-3, 386, 387, 389, 395, 420, 423, 430, 448, 450, 451, 456, 509, 527; Vigotti, 1974, 28, 32, 45, 46, 74; Zanoni L., 1911, 137, 191, 279 (1305 ot 3), 283 (1329 fe 12). B. BUGHETTI, Acta officialia de regimine clarissarum durante saec. XIV, AFH, XIII (1920), 97, 115. S. APOLLINARE IN BAGGIO ZONA: Baggio ORIGINE E VICENDE: la tradizione attribuisce al vescovo Anselmo I da Baggio la fondazione della prima chiesa nel 1061. Dellantico edificio resta oggi la torre campanaria, mentre la chiesa fu completamente ricostruita tra il 1870 e il 1874. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Apollinare 7 a) trattazioni specifiche: E. SELETTI, Sulla fondazione delle chiese di S. Apollinare in Baggio e di S. Ilario in Milano, Bollettino della Consulta Archeologica (1875). b) notizie: Sarzi, 1987, 340 R. BAGNOLI, Passeggiate fuori porta, Almanacco della Famiglia Meneghina (1965), 108-111; Cascina e monastero. Storia di monaci, contadini e operai in S. Maria di Baggio, Milano 1983.

25

SS. APOSTOLI E NAZARO ( Basilica Apostolorum, S. Nazaro Maggiore, S. Nazaro in Brolo) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: fondata nel 382 da s. Ambrogio col titolo di basilica apostolorum uno dei pi antichi edifici di culto milanesi. NellXI secolo la chiesa conobbe la ricostruzione in stile romanico a seguito di un incendio ma mantenne loriginario impianto paleocristiano. La basilica fu arricchita nel 1546 da una cappella dedicata a s. Caterina d Alessandria e sempre nel XVI secolo dal mausoleo voluto da Giangiacomo Trivulzio. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Nazaro in Brolo a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 205-207; Bianconi, 1787, 164-172, 173; Borroni, 1808, 64-66; Bossi, 1818, 88-90; Forcella2, I, 1889, 411-437; Gualdo Priorato, 1666, 42, 5859; Krautheimer, 1965, 55-58; Latuada, 1737-1738, II, 256-281; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 234-238; Milano capitale, 1990, 119-123; Mirabella Roberti, 1984, 125-128; Pirovano, 1822, 133-137; Ruffolo, 1970, 19-30; Torre, 1674, ed. 1714, 23-34; Traversi, 1964, 91-103. Ambrogio e la cruciforme Romana basilica degli Apostoli nei milleseicento anni della sua storia, Milano 1986; La Basilica degli Apostoli e Nazaro martire nel culto e nell'arte, Milano, 1969; G. BISIACH ODDONO, La basilica di San Nazaro Maggiore in Milano, Milano 1935; M .DAVID, Basilica romana. Scavi e ricerche nella Basilica dei SS. Apostoli e Nazaro Maggiore a Milano, Rivista Archeologica dellAntica Provincia e Diocesi di Como, 165 (1984), 277-300; M. DAVID, Milano romana. La basilica di S. Nazaro, Associazione Lombarda Archeologica, n. 5, Milano 1984; G. GIACOMETTI P. SESSA, Nel XVI centenario della scoperta e della traslazione di s. Nazaro martire (395-1995), Civilt ambrosiana, 12 (1995) 3, 185-193; S. LEWIS, The Latin Iconography of the Single-Naved Cruciform Basilica Apostolorum, The Art Bulletin, LI, 205-219; S. LEWIS, Function and Symbolic Form in the Basilica Apostolorum, Journal of the Society of Architectural Historians, 197 ss.; P. MEZZANOTTE, La cappella Trivulziana presso la Basilica di San Nazaro Maggiore, Milano 1913; P. MEZZANOTTE, Notizie sulla Trivulza e il suo progetto originario, Milano 1915; Sacra triumphalis signat imago locum, Milano 1987; E. VILLA, La basilica ambrosiana degli Apostoli attraverso i secoli. Il sepolcro del martire San Nazaro, Ambrosius, supplemento al n. 2 del 1963. b) notizie: Carmassi, 2000; DellOmo, 1991; Farina, 1996, passim; Fassina, 1985, 123; Krautheimer, 1983, 79-81; Picasso, 1989; Travi, 1997, 227; Valagussa, 1997, 187, 198; Vigotti, 1974, 80; Valsecchi, 1968, 53-78. M. MARAVIGLIA, Scoperte intorno alle reliquie di san Nazaro, Terra Ambrosiana, 6 (2002), 60-63; La musa di Ambrogio nellaltare della basilica dei santi Apostoli e Nazaro Maggiore, Milano 1994; M. RONCHI, La vetrata di Santa Caterina nella basilica di S. Nazaro, Citt di Milano, gennaio (1961). c) fonti e citazioni documentarie: Le pergamene milanesi, 1994. S. BABILA ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa fatta risalire dalla cronaca di Landolfo Iuniore alla fine dellXI secolo. Nei documenti ricordata in abbinamento con la chiesa di S. Romano, citata dalle fonti anche col titolo di Concilium Sanctorum, che mantenne la funzione di parrocchia fino alla visita di s. Carlo nel 1567. Due grandi interventi di rinnovamento avvennero il primo nel XVII secolo, quando la chiesa acquis forma barocca, e nel XIX secolo quando si cerc di riportarla allo stile romanico. SOPPRESSIONE: soppressione della colleggiata nel 1787. UBICAZIONE ATTUALE: piazza S. Babila a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 145; Bianconi, 1787, 71-72; Borroni, 1808, 28; Bossi, 1818, 42; Arslan2, 1954, 454-458; Cattaneo, 1969, 25-33; De Fabriczy, 1906, 88-89; Latuada, 1737-38, I, 201-205; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 486-487, 516; Pirovano, 1822, 100-101; Vigotti, 1974, 46-47; Villa, 1627, 223-244 La basilica di S. Babila, S. Giuliano Milanese 1952 (con bibliografia precedente); P. BORELLA, Cimelio paleocristiano a San Babila in Milano, Diocesi di Milano, luglio (1960), 18-21; M.

26

CAFFI, Sui restauri della chiesa di San Babila a Milano, Arte e storia, 1883, 29. A. MELANI, Il restauro della chiesa di San Babila, Arte e storia, 1882, 234-236. b) notizie: Fassina, 1985, 122; Gambi-Gozzoli, 1982, 162, fig. 67; Grassi, 1966, 433; Gualdo Priorato, 1666, 47; Magni, 1972, 5/4; Monumenta, 1971, passim; c) fonti e citazioni documentarie: Arrigoni, 1969, tav. 32; A.S.C.M., Ornato Fabbriche, II serie, cartt. 32, 956, 133, 1185: Localit milanesi, cart 324, fasc. 1; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, San Babila, voll. I-IX-XVIII; Landulphus Iunior, 1934, 25. S. BARBARA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1585 fondazione del convento sul suolo del distrutto monastero di S. Maria d'Aurona (v.) e del suo campanile ricavato da una torre romana. La ricostruzione avvenne sul filo della nuova strada aperta fra le contrade dei Tre Monasteri e degli Andegari, in corrispondenza dellattuale primo tratto di via Romagnosi. ORDINE: Cappuccine SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Da Mareto, 1970, 152-3; Latuada, 1737-1738, V, 210-216; Mezzanotte-Bascap, 1958, 837; Sevesi, 1957, 224; Vigotti, 1972, 57-9, 159. L. AIELLO, Laici nella Milano borromaica: Giovanna Anguillara e la fondazione del monastero di S. Barbara, ASL, CXIX (1993), 459-474. b) notizie: Bendiscioli1, 1957, 172; Bologna, 1984, 14, 19; Bologna, 1984, 14, 28; Cattaneo, 1961, 629; Dallaj, 1983, 528; Forcella1, 1889, 660; Forcella2, IV, 1889, 257-264; Fustella, 1965, 108; Fustella, 1970, 229; Gerra2, 1969, 359; Gualdo Priorato, 1666, 89; Marcora1, 1963, 466; Martelli, 1984, 63, 65, 67; Mosconi, 1994; Orefice, 1985, 16; Orsenigo, 19081910, 539; Sebastiani, 1982, 206, 217; Spinelli, 1999, passim; Varischi, 1978-1979, 35. A. CERUTI, Sulle antiche mura milanesi di Massimiano: notizia, in Miscellanea di Storia italiana, t. VII, Torino 1869, 791 ss. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 249, 252; Castiglioni, 1958, 15. S. BARNABA AL FONTE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: due iscrizioni, una che indicava in s. Protaso, vissuto nel IV secolo, il fondatore del sacello e una falsificazione operata da Andrea Alciati nel XVI secolo hanno alimentato la leggenda di una fonte miracolosa che sorgeva nei pressi della chiesa di S. Eustorgio, fuori porta Ticinese, e la tradizione, ripresa dagli storiografi, indicava quello stesso luogo come uno dei primi fonti battesimali della comunit cristiana a Milano. Da qui nasceva la leggenda su S. Barnaba al Fonte dove lapostolo s. Barnaba e dopo di lui s. Caio, terzo vescovo di Milano, avrebbero amministrato il battesimo ai numerosi fedeli e ai primi martiri milanesi, s. Vitale, s. Valeria e i ss. Gervaso e Protaso.[ M. Magni, DCA, I, 343] Nel XVII secolo esistevano ancora i resti di una fatiscente cappella, che il cardinale Federico Borromeo decise di riedificare. Passato in mano ai privati alla fine del XVIII secolo, il sacello fu poi adibito a tintoria e infine demolito. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 146; Bianconi, 1787, 205; Forcella2, II, 1889, 155; Latuada, 1737-38, III, 171-174; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 305; Palestra, 1966, 305-311; Pirovano, 1822, 152; Tomea, 1993, passim; Vigotti, 1974, 58 CALDERINI, Il fonte di S. Barnaba, DMi, I/3 (1960). b) notizie: E. CATTANEO, Le vicende storiche, in La basilica di SantEustorgio in Milano, Milano 1984, 20; J. HUBERT, Sources sacres et sources saintes, Paris 1967, 3-9 ; A. PAREDI, Dove fu battezzato S. Agostino, in Il battistero ambrosiano di S. Giovanni alle Fonti, Milano 1974, 77-78. S. BARNABA E S. PAOLO (S. Barnaba in Brolo; S. Barnaba; S. Barnaba ad canonicam in brolio) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Nel 1545 avvenne lingresso di chierici regolari nella chiesa parrocchiale

27

di S. Barnaba in Brolo risalente al secolo XII, presso la quale esisteva lospedale o per meglio dire il consortium pauperum (associazione benefica di soccorso) fondata da Goffredo da Bussero nel 1145. I lavori di ristrutturazione durarono per alcuni decenni, ma un rimaneggiamento complessivo delledificio vi fu anche agli inizi del XVIII secolo, e ancora nel XIX secolo si intervenne con pesanti restauri. ORDINE: Chierici Regolari di S. Paolo Decollato (Barnabiti) SOPPRESSIONE: 1797 UBICAZIONE ATTUALE: via S. Barnaba a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 87-98; Bartoli, 1776-1777, 145-146; Bianconi, 1787, 111-114; Borroni, 1808, 49-50; Bossi, 1818, 69-70; Cattaneo, 1961, 654, 658, 661; Giulini, 1760, V, 444-526; Gualdo Priorato, 1666, 47-48; Latuada, 1737-38, I, 280-286; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 247-249; Pirovano, 1822, 114-115; Ponzoni, 1930, 230-2; Premoli, 1913, 39-42, 73-5, 189-195; Santagostino, 1671, ed. 1980, 9-11; Tomea, 1993, passim; Vigotti, 1974, 47 G. C. BASCAP, I Barnabiti, DMi, VIII (1967), 229-232; V. CAPRARA, Dipinti settecenteschi in S. Barnaba a Milano, ASL, CIII (1977), 212-6; G. DA CASASCO, La chiesa di S. Barnaba ed i Barnabiti, Milano, XLVII (1931), 600-2; N. A. HOUGHTON BROWN, The church of San Barnaba in Milan, ArLo, IX/2 (1964), 62-93 e X/l (1965),65-98; E. TEA, Una visita frettolosa alla chiesa di S. Barnaba, San Calimero, 9 (1954), 272-7. b) notizie: Baroni, 1937, 109; Baroni, I, 1938, 327; Baroni, II, 1938, 128, 129; Baroni, 1941, 41, 126; Bendiscioli1, 1957, 163, 164; Bernareggi, 1929, 207; Calvesi, 1954, 115, 119, 123; Carubelli, 1978, 108, 113, 114; Castellani, 1934, 39, 40, 42, 46; DellAcqua, 1957, 718; Dossi, 1970, 6; Fiocco, 1938, 167; Gerosa Brichetto, 1973, 26; Latuada, 1737-1738, I, 284; Marcora, 1960, 293; Marcora2, 1961, 294; Marcora1, 1967, 250; Marcora2, 1967, 69; Mezzanotte, 1957, 584, 588; Monumenta, 1971, passim; Orsenigo, 1908-1910, 479; Pellegrini3, 1910, 605; Picasso, 1989; Premoli, 1905, 26-30; Rocco, 1939, 185, 193, 195; Santoro, 1968, 81; Savio, 1915, 170-1; Sevesi, 1937, 47; Tea, 1941, 44-5; Tea, 1959, 804; Torre, 1674, ed. 1714, 304-306; Vegas Castelfranchi, 1962, 83-8; Vianello, 1934, 427; Vigotti, 1972,55; Vigotti, 1974, 47, 62; Ward Neilson, 1978, 97, 98, 101. M. L. GATTI PERER, Un ciclo inedito di disegni per la beatificazione di Alessandro Sauli, ArLo, XIX/2 (1974), 9-86; C. MARCORA, Un trattato De Officio parochi scritto a Milano per s. Carlo, MSDM, XIII, Milano 1966, 10-2; G. NOGARA, San Carlo e la Congregazione dei Barnabiti, San Carlo Borromeo nel terzo Centenario della canonizzazione, fasc. 10 (ag. 1909), 162-4; O. PREMOLI, Una lettera inedita di Basilio Ferrari, ASL, XLIV (1917), 668, 669, 671; G. SAMP, I Barnabiti a Milano, DMi, II (1961), 40-9; A. STOCCHETTI, I Padri Barnabiti e la loro pedagogia, San Calimero, 7 (1954), 201-7. c) fonti e citazioni documentarie: Barzaghi, 1905, 76, 78, 79, 82, 83, 88, 90 (1568 ap 30), 901 (1568), 91 (1568 giu 14), 95, 97, 101, 108-110, 113; Premoli, 1911, 148, 152-4 (1559 ag 20), 155. O. PREMOLI, Domenico Sauli e i Gesuiti, ASL, XXXVII, s. IV /15 (1911), 148, 152 (1559 ag 20), 155. S. BARNABA IN GRATOSOGLIO ZONA: fuori Porta Ticinese (Gratosoglio) ORIGINE E VICENDE: la prima notizia di un insediamento di monaci vallombrosani al Gratosoglio risale al 1148. La localit appartenne alla pieve di Cesano Boscone fino agli inizi de secolo XV, quando entr a far parte dei Corpi Santi per lestendersi del suburbio cittadino. Agli inizi del XVI secolo, i pochi vallombrosani furono sostituiti dai carmelitani, mentre labbazia era passata in commenda e la sua vasta propriet agricola assegnata alla Curia romana. La chiesa fu riadattata secondo i canoni dellepoca e perse le caratteristiche romaniche. Nellanno 1600 chiesa e convento furono affidati ai francescani del terzordine. ORDINE: Vallombrosani, Carmelitani, TerzOrdine francescano SOPPRESSIONE: 1782, soppressione del convento. Il 4 aprile 1784 la chiesa divenne parrocchiale. Soppressa e trasferita al demanio la commenda dalle leggi della Repubblica Cisalpina, la propriet terriera dellantica abbazia venne venduta ai privati; pass per acquisto

28

allospedale Maggiore nel 1860 e infine venne ceduta al comune verso il 1963 per la costruzione di un vasto quartiere di case popolari.[G. Figini, DCA, I, Milano 1997, 347-348] UBICAZIONE ATTUALE: via Achille Feraboldi a) trattazioni specifiche: Sarzi, 1987, 290-292 b) notizie: Barzaghi, 2003, 23-54 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D., v.p., Miscellanea citt, vol. 1; Parrocchie, S. Barnaba in Gratosoglio. S. BARTOLOMEO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa originaria di remote origini (forse dopo il 1064), ed era situata in corrispondenza dellattuale piazza Cavour, allangolo con via Fatebenefratelli. Opere di ampliamento e poi di ricostruzione furono volute da s. Carlo (1578) e poi da Federico Borromeo (1624). La chiesa fu demolita per permettere la costruzione del corso dedicato al principe Umberto (oggi via Turati). La nuova chiesa con identica titolazione stata costruita nel 1864 in via Moscova. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 374-376; Borroni, 1808, 151-152; Bossi, 1818, 209; Fiorio, 1985, 144; Forcella2, V, 1889, 123-132; Giulini, 1760, VII, 213, VIII, 365; Kmmer, 1974, I, 196-199; Latuada, 1737-1738, V, 346-325; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 469, 478; Pirovano, 1822, 219-220; Ponzoni, 1930, 468-470; Sormani, 1760, 143-144; Torre, 1674, ed. 1714, 257; Vigotti, 1974, 48 b) notizie: Bertarelli, 1927; Bianconi, 1787, 374; Grassi, 1966; Gualdo Priorato, 1666, 89-90; Monumenta, 1971, passim c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Breve Relazione, 1625. (B. 1521); A.S.C., Raccolta Bianconi, t. X, 12b; Milano le prime foto. E poi, Milano 1979. S. BARTOLOMEO ZONA: Gorla ORIGINE E VICENDE: oratorio di una villa, riadattato nel 1678, oggi adibito a biblioteca parrocchiale. UBICAZIONE ATTUALE: via Aristotele angolo via Asiago a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 4.9 b) notizie: Sarzi, 1987, p. 189. S. BARTOLOMEO IN CONTRADA DE GAMBARIS ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesa ricordata nel Liber notitiae era probabilmente collocata in prossimit di S. Giovanni in Conca, dove la famiglia Gambari, come risulta da atti notarili, aveva le proprie case. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 28, 48. S. BARTOLOMEO IN CONTRADA DE GRASSIS ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lubicazione incerta, un registro del 1330 colloca comunque una chiesa dedicata a S. Bartolomeo in Porta Ticinese, dove aveva dimora lillustre famiglia cittadina dei Grassi. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 28, 48. S. BARTOLOMEO IN MONASTERIO S. CELSI ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesetta gi appartenente ai monaci di S. Celso fu acquistata, in data 3 dicembre 1504, dalla fabbrica del santuario di S. Maria dei Miracoli che la fece distruggere per edificare il nuovo tempio. Solo ne rimasto il minuscolo campanile. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 48.

29

S. BARTOLOMEO PICCOLO (apud campanile s. ambrosii) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel corso di una delle frequenti controversie sorte fra la comunit dei monaci e quella dei canonici che officiavano in S. Ambrogio, larcivescovo Olrico intervenne come pacificatore nel 1125, stabilendo fra laltro che appartenessero ai monaci le offerte raccolte nelle chiese situate in prossimit del monastero: S. Bartolomeo, S. Giorgio e S. Satiro, progressivamente incorporate nella basilica ambrosiana. b) notizie: Vigotti, 1974, 28, 47. S. BENEDETTO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: secondo il Chronicon di Goffredo da Bussero la chiesa, luogo di sepoltura del vescovo Benedetto (VIII secolo) era collocata al di fuori delle mura romane nella contrada dei Torriani. Era ancora annoverata come parrocchiale alla fine del XV secolo. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 48-49 b) notizie: Arslan1, 1954, 549; Gualdo Priorato, 1666, 90 c) fonti e citazioni documentarie: Chronicon, di Goffredo da Bussero (Ms. Ambr. S. Q. + I, 12, f. 70: Anno domini 703. Benedictus Mediolani Episcopus fecit fieri ecclesia S. Benedicti Mediolani). S. BERNARDINO ALLE MONACHE (domus de Cantalupo, S. Maria di Cantalupo) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1294 trasferimento a Milano del monastero fondato a Cantalupo da Floriana Crivelli. Lannessa chiesa fu distrutta attorno alla met del Quattrocento e riedificata sotto la guida di Pietro Antonio Solari. ORDINE: Umiliate/ Agostiniane (S. Maria di Cantalupo) 1449 Nicol V concede il passaggio all'ordine francescano SOPPRESSIONE: nel 1782 il convento fu adibito a deposito militare. Acquistato a inizio Novecento dal Comune fu distrutto per ledificazione del Liceo Manzoni. UBICAZIONE ATTUALE: via Lanzone a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 146; Cattaneo, 1961, 618, 629, 634-5; Gualdo Priorato, 1666, 67; Latuada, 1737-38, IV, 26-31; Lupieri-Maderna, 1972, 5.11; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, p. 329; Ponzoni, 1930,156-7; Sevesi, 1957, 216-7; Sormani, 1760, 33-34. M. P. ALBERZONI, Floriana Crivelli fondatrice di S. Maria di Cantalupo, RSCA, VII, Milano 1977 (ArAm, 33), 76-94; C. O. CORNAGGIA, Il restauro di San Bernardino in via Lanzone, Citt di Milano, XXXIX (1923), 317; A. Giulini, Un frammento di cronaca milanese, ASL, XLII (1915), 731-5. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bologna, 1984, 19-20; Colombo, 1923, 315; Dallaj, 1983, 528; Franceschini, 1954, 372; Gerra, 1964, 278-9; Ildefonso da Como, 1926, 132; Marcora2, 1959, 414; Mezzanotte, 1958, 706; Mosconi, 1980, 102; Mosconi, 1994; Romanini2, 1955, 670; Romanini, 1956, 617-8; Romanini, 1964, 517; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Spinelli, 1999, passim; Zanoni L., 1911, 62. A. G., Un contratto di soccida nel Trecento, ASL, XL, s. IV /20 (1913),253-4; F. REGGIORI, La terracotta decorativa lombarda, Palladio, I (1937), 72-3. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 10; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 15, 37; Flumiani, 1927, 578; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 265 (1386 ge 31), 266 (1421 ot 15, 1424 mg 5), 267 (1442 dc 28); 01, 30-2, 54 (1448 lu 12), 57 (1489 mg 15), 58 (1490 fe 24). S. BERNARDINO ALLE OSSA ZONA: Porta Orientale ORIGINE: nel XIII secolo edificazione di una chiesa dedicata allAddolorata e ai SS. Ambrogio e

30

Sebastiano; nel 1642 riedificazione di una chiesa, servita da una confraternita di Disciplini dedicata a S. Bernardino terminata nel 1686; nel 1750 terza riedificazione. a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Baroni, 1940, I, 99-103; Bossi, 1818, 61; Forcella2, 1889, I, 261-262; GattiPerer, 1966, 181-196; Latuada, 1737-1738, II, 27-29; Lupieri-Maderna, 1972, 6.11; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 528-530; G. ARIENTI, Nel brolo: il santuario e l'ossario di s. Bernardino: appunti di storia, Milano, Sonzogno, 1941; G. BISCARO, La capella ossorum presso S. Stefano al Brolio, in Archivio Storico Lombardo, II (1909), 256-257; F. NARDI, Cenni cronologici della Chiesa di s. Bernardino detta dei morti, desunti dall'archivio arcivescovile, dall'archivio di Stato di Milano, di s. Carpoforo e dalla basilica parrocchiale di s. Stefano, Milano, Tip. L. F. Cogliati, 1894; A. VALLINI, Il culto dei morti nel Santuario di S. Bernardino, Diocesi di Milano, novembre (1962), 582-587. b) notizie: Bartoli, 1776-1777, 152; Bianconi, 1787, 94; Borroni, 1808, 42; Daniels, 1976, 90-91; De Longhi Fraccaro, 1968, 373-374; Forcella1, 1889, 646; Gatti Perer, 1966, 181198; Grassi, 1966, 69, 231; Gualdo Priorato, 1666, 48; Mezzanotte, 1958, 452; Mezzanotte, 1972, 654; La raccolta Molinari Pradelli.., 1984, 89; Sormani, 1751, 44; Tea, 1959, 801-804; Torre, 1674, ed. 1714, 314-315. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, a., Confraternite, cart. 494 (pubblicata in Gatti Perer, 1966); A.S.D.M., Sez. III, Spedizioni diverse, pacchi 17, 23, 29. S. BERNARDO AL VIGENTINO (domus de Vigientino /Viglentino ) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel sec. XII i documenti parlano di chiesa e monastero dipendenti dalle monache cistercensi di s. Bernardo. Alla fine del XV secolo avviene il passaggio all'Osservanza benedettina. Nel 1505 Giulio II concede alle monache il passaggio all'ordine domenicano e si avvia la costruzione della nuova chiesa. ORDINE: Cistercensi; Benedettine, Domenicane SOPPRESSIONE: 1785, con linsediamento del collegio Calchi Taleggi nel convento completamente ristrutturato da Giacomo Moraglia. Nel 1971, la chiesa gi adibita ad autofficina crolla durante i lavori per la trasformazione in biblioteca comunale. a) trattazioni specifiche: Arosio, 1954, 28; Bartoli, 1776-1777, 146; Cattaneo, 1961, 607-8; Gualdo Priorato, 1666, 58; Latuada, 1737-1738, III, 2-5; Lupieri-Maderna, 1972, 6.5; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 247; Ponzoni, 1930, 206; Vigotti, 1974, 49 E. TEA, Chiesa di S. Bernardo, San Calimero, 10 (1954), 296-9. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bardeaux, 1938-1942, 136; Cattana, 1980, 104; Gerosa Brichetto, 1973, 96, 97; Marcora2, 1959, 333; Mezzanotte, 1958, 706; Prada, 1954,63; Santagostino, 1671, ed. 1980, 26, nn. 34 e 35; Schuster, 1946, 26-7; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 93; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 12. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cart. 1784, 1784 maggio 27; Amministrazione Fondo di Religione, p.m., cart. 2415, 1784 maggio 27, 1784 novembre, 1789 giugno 15; A.S.D.M., Sez.X, Visite Pastorali, San Calimero, vol. I, Sez. XII, Ordini Religiosi, vol. 67, San Bernardo, fasc. 1, Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, San Bernardo, cart. 1467; Beretta, 1939, 17; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 15,37; Gatti Perer, 1964-1965,196; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 130; Vigotti, 1974, 28, 49. S. BIAGIO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa era contigua allattuale canonica di S. Eufemia e a quella di S. Ippolito nel luogo del convento delle agostiniane, dette della Maddalena (nome anche dellattuale via) qui trasferite nel 1494. Allepoca del Torre (1674) resti delle due chiesette erano ancora visibili allinterno dei chiostri del convento. a) trattazioni specifiche: DCA, I, 423

31

b) notizie: Latuada, 1737-38, III, 85. S. BONIFORTE ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Unica in diocesi con tale dedicazione, sorgeva a Milano fuori Porta Ticinese sul Naviglio grande, allangolo tra Ripa di Porta Ticinese e via Argelati, presso le bocche che alimentano la "Roggia Boniforti" un tempo chiamata pi correttamente "Roggia di S. Boniforte". Ledificio di modeste proporzioni (m 11 X 11) descritto negli atti della visita pastorale compiuta dal card. Carlo Borromeo nella parrocchia di S. Lorenzo maggiore nel 1567. Boniforte probabilmente una variante di Guiniforte, martire venerato a Pavia, al quale dedicata la chiesa parrocchiale di Nosate, fatta costruire dai Visconti nel sec. XV. La chiesetta di Porta Ticinese che potrebbe essere quella stessa ricordata dal Bosca come sorta sul luogo di martirio del santo pavese, scomparve verso la fine del sec. XVIII.[ DCA, I, Milano 1987, 449] b) notizie: P.P. BOSCA, Martirologio milanese, Milano 1695. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. D., v. p., Miscellanea citt, vol. 1 e S. Lorenzo, 17. S. CALIMERO ZONA: Porta Romana ORIGINE: si ha una prima menzione della chiesa in un epigramma di Ennodio (474-521 ca.). NellXI secolo ci fu una radicale trasformazione della chiesa e nel XVII secolo il suo rifacimento a opera del Ricchino. UBICAZIONE ATTUALE: lattuale sacrestia collocata nellantico oratorio dei Disciplini, dedicato a San Michele, piccola chiesa di cui si ignora la forma e che risultava annessa gi dal XVI secolo. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 118-119; Borroni, 1808, 53-54; Bossi, 1818, 73; Forcella-Seletti, 1897, 117-122; Giulini, 1760, I , 28, 32,103, 297; V, 117, 454, 520; VI, 214; VII, 432; VIII, 310, 365; Latuada, 1737-1738, III, 28-36; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed.1968, 242-243; Pirovano, 1822, 117; Ponzoni, 1930, 50-55; Torre, 1674, ed. 1714, 15-16; Vigotti, 1974, 49-50 A. AROSIO, Origini e vicende della parrocchia di S. Calimero, San Calimero, 4 (1954), 109112; A. PAREDI, Kalimerius quarto vescovo di Milano, San Calimero, 2 (1954), 35-37; E. TEA, La Basilica di S. Calimero, San Calimero, 12 (1954), 357-365; E. TEA, Loratorio di San Michele, San Calimero, 12 (1954), 383-386. b) notizie: Arslan1, 1954, 577; Arslan2, 1954, 406-407, 457; Bandera, 1997, 244; Bianconi, 1787, 128-129; Cattaneo, 1891, 229; Cattaneo2, 1954, 695, 707; Cattaneo, 1969, 26, 28-29; Fassina, 1985, 121; Grassi, 1966, 291; Gualdo Priorato, 1666, 58; Maderna-Lupieri, 1972, 6/6; Magni, 1972, 3/3; Mirabella Roberti, 1984, 168; Rivoira, 1908, 200; Tea, 1951, 38. c) fonti e citazioni documentarie: A. S.C.M., Ornato Fabbriche, II, 29, G. 58578; Localit milanesi, cart. 328, fasc. 2; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, San Calimero, vol. I, fasc. 1 S. CALOCERO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: un oratorio dedicato a s. Calocero (situato nellattuale via omonima) di antichissime origini e legato a una fonte miracolosa. S. Carlo ne decise lampliamento nel 1565. Lantico oratorio fu cos incorporato come cappella laterale della nuova chiesa. Ledificio fu poi quasi completamente rifatto agli inizi del XVIII secolo. SOPPRESSIONE: 1788. Nuovamente riaperta, la chiesa fu gravemente danneggiata dai bombardamenti del 1943, e demolita nel 1951. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 146; Forcella2, II, 1889, 197-201; Latuada, 1737-1738, III, 230-237; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 313; Pirovano, 1822, 173176; Ponzoni, 1930, 255; , 1714, 100-101; Vigotti, 1974, 50 C. BALLERIO, La demolita chiesa milanese di San Calogero, Palladio, II (1951), 135-137; Notizie sul santuario della Beata Vergine presso San Calocero, Milano 1890. b) notizie: Beretta, 1939, 19; Forcella1, 1889, 654; Gualdo Priorato, 1666, 67. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, cart. 509.

32

S. CARLINO ALLE ROTTOLE ZONA: fuori Porta Orientale (Rottole) ORIGINE E VICENDE:XII secolo. Il piccolo oratorio situato sullodierna via Palamanova fu raso al suolo nel 1963 perch dimpedimento alla costruzione del palazzo vicino, malgrado il vincolo della Soprintendenza ai monumenti. Fu allora imposta ai responsabili la sua ricostruzione identica alloriginale, anche se andarono del tutto perdute le decorazioni settecentesche. UBICAZIONE ATTUALE: via Palmanova a) trattazioni specifiche: Iosa, 1987, 12-17; Lupieri-Maderna, 1972, 4.5 b) notizie: Madera, 1972. Liliana Grassi architetto. Il pensiero, i restauri, i progetti, Catalogo della mostra, a cura di M. A. Crippa, Milano 1986, tavv. 25-28. S. CARLO AL LAZZARETTO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la costruzione di una chiesa allinterno del recinto del lazzaretto inizi nel 1488. La gravit dellepidemia del 1576 manifest linsufficienza delledificio originale, e s. Carlo diede incarico a Pellegrino Pellegrini di curare lampliamento delloratorio allora dedicato a S. Maria della Sanit. I lavori proseguirono a rilento e non si conclusero che nel 1592. SOPPRESSIONE: nel 1797 i francesi trasformarono il tempietto in altare della libert. Nel 1881, larea del portico del lazzaretto fu lottizzata e demolita per farne abitazioni residenziali (solo una parte del portico stata risparmiata ed ora compresa nel cortile di una scuola in via Casati). La chiesa dopo restauri fu riaperta al culto nel 1884. UBICAZIONE ATTUALE: l.go fra Paolo Bellintani a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, I, 212; Lupieri-Maderna, 1972, 4.3; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 509; Ponzoni, 1930, 299; Torre, 1674, ed. 1714, 287-288. A. ANNONI, Il lazzaretto di Milano, San Carlo Borromeo nel terzo centenario della canonizzazione, 1910, 310-314; C. BARONI, Il tempietto ottagono di S. Carlo al Lazzaretto, Milano 1934; G.C. BASCAP, Il Lazzaretto, Diocesi di Milano, luglio-agosto (1965), 398-401; P. CANETTA, Il Lazzaretto di Milano, Milano, 1881; C. CASATI, Il Lazzaretto di Milano: schizzo storico, Milano 1880; b) notizie: Monumenta, 1971, passim; Bianconi, 1787, 80; Buratti, 1991; Santi, 1984, 33-49 SS. CARLO E TERESA DEI CARMELITANI SCALZI ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Gi situata nellattuale via Moscova un tempo detta Stradone di S. Teresa- nel tratto fra via S. Marco e corso di Porta Nuova, la chiesa apparteneva al convento dei carmelitani scalzi, da s. Teresa riformati e qui insediati nel 1614 (al pari, nel 1674, del vicino convento di carmelitane, con cappella dedicata alla stessa santa).[ DCA II, 1988, 698699] ORDINE: Carmelitani Scalzi SOPPRESSIONE: 1804. Sullarea occupata dal monastero fu edificata la Manifattura Tabacchi. Fino agli anni Settanta sussistette la chiesa anche se ne erano stati cancellati i ricchi interni: rimaneggiamento operato dal Ricchino a met Seicento della precedente costruzione attribuita dal Torre ad A. Trezzi. a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 107-112; Bartoli, 1776-1777, 142-143; Bianconi, 1787, 367-369; Forcella2, IV, 1889, 361-384; Latuada, 1737-38, V, 265-267; Lupieri-Maderna, 1972, 4.1; Mezzanotte-Bascap, 1958, 88, 926; Milano zona due, 1987, 27 (ill.); Sormani, 1760, 133-135. C. DOBNER, La fondazione del convento dei padri carmelitani di Milano, Terra Ambrosiana, 6 (2001), 52-60. b) notizie: Doveri, 2000, 57-64; Gerra2, 1969, 358-9; Gerra4, 1969, 488; Grassi, 1966, 345, 433; Gualdo Priorato, 1666, 90; Mezzanotte, 1957, 622; Mezzanotte2, 1959, 509; Milano zona due, 1987, 21 (ill.); Nicodemi1, 1958, 491, 500; Orefice, 1985, 16; Orsenigo, 1908-1910, 154; Pellegrini3, 1910, 605.

33

C. CASTIGLIONI, Assistenza religiosa agli arrestati del 1630, MSDM, VIII, Milano 1961, 13-23. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. C., Raccolta Bianconi, t. IV, f. 33; Gatti Perer, 19641965, 149. SS. CARLO E VITALE ALLE ABBADESSE ZONA: fuori Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la costruzione delloratorio risale al 1679 con rifacimento nel 1720-21 a spese della contessa Lavinia Marliani. La piccola chiesa contiene affreschi di Pietro Francesco Maggi (1680-1750 ca.). UBICAZIONE ATTUALE: via delle Abbadesse a) trattazioni specifiche: Fiorio, 1985, 110; Lupieri-Maderna, 1972, 8.1; Ponzoni, 1930, 322 P. SMIDERLE, LOratorio dei SS. Carlo e Vitale alla Cascine Abbadesse, Memorie Storiche della Diocesi di Milano, VII (1960), 132-182. b) notizie: Milano zona due, 1987, 28 (ill.); Sarzi, 1987, 22. S. CARPOFORO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la tradizione attribuisce a s. Ambrogio la fondazione della chiesa, e ad ogni modo essa attestata come esistente nell813. Nel 1610, fu ricostruita su disposizione del cardinale Federigo Borromeo. SOPPRESSIONE: la parrocchia fu soppressa nel 1787, mentre le chiesa nel 1809. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Carpoforo a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 353-354; Borroni, 1808, 137-138; Fiorio, 1985, 111; Giulini, 1760, I, 103, V, 39, 116-122, 394, VII, 365; Latuada, 1737-1738, V, 92-94; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 406; Sormani, 1760, 101-102; Torre, 1674, ed. 1714, 223-224; Vigotti, 1974, 50-51 E. MONTINARI, Tre opere gi nella chiesa di San Carpoforo a Milano: contributi, ArLo, (73/75), 108-112. b) notizie: Beretta, 1939, 11; Bertelli, 1981, 3-19; Grassi, 1966, 266, f. 322; Gualdo Priorato, 1666, 85. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Amministrazione Fondo Religione, p.m. cartt. 822823; p.m. Confraternite-SS. Sacramento in San Carpoforo, cartt. 1547-1564; A.S.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, Santa Maria del Carmine, vol. V, fasc. 9; Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, San Carpoforo. S. CATERINA AL PONTE DEI FABBRI V. S. Caterina dei Disciplini S. CATERINA ALLA CHIUSA (S. Caterina de S. Severino) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: nel 1495 avvenne la fondazione del monastero di S. Caterina a Porta Ticinese. Il monastero fu edificato nei primi anni del XVI secolo mentre la chiesa dovette essere completata entro il 1527. Si trattava di edificio ad aula doppia, analogo ad altre chiese monastiche milanesi. ORDINE: Agostiniane osservanti SOPPRESSIONE: 1799 Il monastero fu adattato prima a fabbrica di fucili e poi a magazzino. La chiesa invece prima a magazzino di legname poi a negozio di vino previa demolizione della cinquecentesca facciata avvenuta nel 1826. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 150-151; Bianconi, 1787, 202-203; Borroni, 1808, 82-83; Cattaneo, 1961, 606, 607, 633-5; Forcella2, II, 1889, 39-40; Latuada, 17371738, III, 156-158; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 276-277; Milano ritrovata, 1991, 214-217 (con bibliografia); Sormani, 1760, 6-7. P. MEZZANOTTE, S. Caterina alla Chiusa e Cristoforo Lombardo, Palladio, VII (1943), 23-6. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Arslan, 1957, 556, 558; Bardeaux, 1938-1942, 135; Cattana,

34

1980, 102; Chabod, 1971, 241; Colombo, 1922, 248; Farina, 1996, passim; Gavignan, 1978, 392; Gerra1, 1968, 489-490; Grassi, 1964, 144, 145; Gualdo Priorato, 1666, 68; Ildefonso da Como, 1927, 131; Marcora, 1958, 353, 354; Marcora2, 1959, 341, 491; Mezzanotte, 1952, 85; Mezzanotte, 1957, 583; Milano ritrovata, 1986, 345; Omazzi, 1991, passim; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Sebastiani, 1995, 104; Spinelli, 1999, passim; van Luijk, 1953-1959, 138; Ward Neilson, 1979, 88; Zanzottera, 2000, 36. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Miscellanea pievi diverse, v. XVI, f. 59; sez. XII, Ordini religiosi e congregazioni, vol. 70, 3 A.S.C.M., Localit milanesi, 381/2; Ornato Fabbriche, I serie 184/18-20; Raccolta Bianconi, tomo IX, 1-4; Raccolta Bertarelli, Fondo Cagnola, 2369-2373; A.S.M., Fondo Religione, p. a., 1816, 4-23-25; 1817, 1; 1822, 6; 1827 bis; p. m., 2422; Beretta, 1939, 21; Flumiani, 1927, 579, 581; Milano nel Settecento, 1976; Le pergamene milanesi, 1994. S. CATERINA ALLA RUOTA ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: il monastero fu fondato nel 1604 come collegio religioso amministrato dallOspedale Maggiore e collegio di clausura nel 1632. ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1779. 1780 trasformazione nel Reparto Maternit dell'Ospedale Maggiore. La chiesa e il convento furono distrutti allinizio del Novecento per permettere lallargamento dellOspedale Maggiore. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 151; Bianconi, 1787, 101; Borroni, 1808, 47; Latuada, 1737-1738, I, 296-299; Mezzanotte-Bascap 1958, 483. R. MONDINA, Le premesse e la istituzione della Pia Casa di S. Caterina alla Ruota, ASL, 88 (1961), 293-294. b) notizie: Baroni 1944, 148; Fustella 1970, 229; Gerra 1969, 704-5; Gualdo Priorato, 1666, 58 Omazzi, 1991, passim; Orefice 1985, 16; Spinelli, 1999, passim. C. DECIO, Notizie storiche sulla ospitalit e didattica ostetrica milanese, Pavia 1906; P. PECCHIAI, Guida allOspedale Maggiore di Milano e degli istituti annessi, Milano 1926, 249250. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni 1948-1949, 250; Castiglioni 1958, 15; Gatti Perer 1964, 200 ; Gatti Perer 1965, 148; Sebastiani 1982, 206, 216, 219. S. CATERINA ALLE ORFANE ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1542 A. Gambarana fond un istituto per orfane nel soppresso convento di S. Caterina di Rancate (v).; nel 1549 il Gran Cancelliere Taverna con un lascito permise la costruzione di una chiesa con lorfanatrofio femminile in Porta Nuova allangolo delle attuali via Manzoni con via della Spiga. La chiesa fu ricostruita nel 1716. ORDINE: prima del 1655 furono introdotte le suore Orsoline. SOPPRESSIONE: 1784. a) trattazioni specifiche: Anonimo 1967, 527; Bartoli, 1776-1777, 150; Cattaneo 1961, 660-1; Latuada, 1737-1738, V, 306-309; Mezzanotte-Bascap 1958, 906; Sormani, 1760, 145-146; Vigotti 1972, 92, 95. D. S. Il servo di Dio Angiolmarco dei Conti Gambarana e San Carlo Borromeo, Rivista della Congregazione di Somasca, XIV (1938), 147-9; b) notizie: LEuropa riconosciuta, 1987, 161; Gerra1 1969, 358; Gerra2 1969, 490; Gualdo Priorato, 1666, 90; Marcora 1959 (2), 422; Sebastiani 1982, 207; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 16; Magistretti 1916, 554; Orefice 1985, 16, 31, 37 (1566 mz 7, 1583, 1591 fe 8, 1607 ge 22), 38 (1626, 1626 mz 18). S. CATERINA DA SIENA v. S. Domenico e S. Lazaro.

35

S. CATERINA DA SIENA IN VIARENA (S. Giovanni in via Arena) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: fondato prima del 1497, loratorio era situato nellattuale via Arena in prossimit dellangolo con via Gaudenzio Ferrari. ORDINE: Domenicane SOPPRESSIONE: nel 1576 la monache furono trasferite in parte a S. Maria della Vittoria e in parte nel convento di S. Maria Maddalena a Porta Ludovica. Nella seconda met del XVIII secolo la chiesa divenne sede di una scuola di dottrina cristiana per le fanciulle. a) trattazioni specifiche: Cattaneo 1961, 620, 621; Forcella2, II, 1889, 175; Latuada, 17371738, III, 217-218; Mezzanotte-Bascap 1958, 556. b) notizie: Biscaro 1909, 367-9, 392; Dondaine, 91; Gerosa Brichetto 1973, 68; Larsimont Pergameni 1948-1949, 184; Marcora 1960, 372-3; Marcora 1963, 555. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta 1939, 19; Casati 1931, 156 (1565 ag 15), 159 (1565nv 28), 160 (1566 ge 16), 163 (1566 mz 6); Marcora2, 1961, 281, 293, 455 (1566 fe 12), 460 (1566 fe 20), 567 (1565 lu 21). S. CATERINA DE AZIIS (domus de Aziis) v. anche S. Caterina le Veteri ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: fondata prima del 1344 ORDINE: Umiliate/Agostiniane SOPPRESSIONE: nel 1388 Antonio di Saluzzo, arcivescovo di Milano, stabil lunione con S. Maria Nuova; nel 1405 Innocenzo VII conferm l'unione a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 620. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Castiglioni, 1960, 12; Vigotti, 1974, 29, 51. S. CATERINA DE S. SEVERINO, v. S. Caterina alla Chiusa. S. CATERINA DEI DISCIPLINI (S. Caterina al Ponte dei Fabbri) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Innalzato da Martino Caccialepori nel 1328 di fronte allarco dei Fabbri e annesso a un ospedale per i poveri, loratorio era situato allangolo delle attuali vie Caminadella e Cesare Correnti: poi caduto in stato di abbandono, specialmente a seguito dellunione di tutti gli ospedali cittadini al Maggiore (1458), nel 1585 divenne sede di una confraternita di Disciplini, che lo restaur: dal Latuada sono menzionati dipinti del Galiani (1707) e di Martino Cignaroli.[ DCA, 1988, 767] a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 151; Gualdo Priorato, 1666, 67; Latuada, 17371738, III, 257-261; Forcella2, II, 1889, 233 b) notizie: La CaGranda, 1981, 72; Rosa, 1961, 851, n. 1. S. CATERINA DI BRERA (domus de Biassono/Blassono) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: sorta allinizio del XIII sec. allangolo fra le attuali via Brera e via Monte di Piet, era una chiesa di umilitate. ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: 1782, e demolizione nel 1786 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 642; Latuada, 1737-1738, V, 223-225; MezzanotteBascap, 1958, 75; Sormani, 1760, 122-124 b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bendiscioli2, 1957, 466; Fumi, 1910-1911, 70; Gualdo

36

Priorato, 1666, 90; Martelli, 1984, 60, 62, 63; Mezzanotte, 1958, 667, 706; Orefice, 1985, 16; Schuster, 1946, 6-7; Sebastiani, 1982, 206, 212, 216, 218; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 72-4; Spinelli, 1980, 222; Spinelli, 1999, passim; Zanoni L., 1911, 338. c) fonti e citazioni documentarie: Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1958, 15, 37; Castiglioni, 1960, 12; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126; Marcora, 1964, 177, 178, 180, 182 (1626 ag 19), 185 (1630 giu 6), 187, 216. S. CATERINA DI RANCATE (domus de Rancate) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: prima del 1206 ci fu la fondazione di un monastero di Umiliate nei pressi dellattuale via della Spiga. Larcivescovo Leone da Perego consacr la chiesa il 27 novembre 1251. Il monastero divenne poi agostiniano, e nel 1470 ci fu lingresso delle benedettine. Nel XVI secolo avvenne il passaggio all'Osservanza benedettina. ORDINE: Umiliate/Agostiniane; Benedettine SOPPRESSIONE: nel 1539 avvenne il trasferimento delle monache a S. Caterina alla Chiusa; nel 1542 il convento fu trasformato in istituto per orfane, successivamente trasferite nella vicina S. Caterina alle Orfane in Porta Nuova (v.); nel 1546 il convento fu acquistato dagli Umiliati di S. Spirito (v.) a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 606-7, 637, 640, 661; Latuada, 1737-1738, V, 330332. E. CATTANEO, I diritti di una parrocchia di Milano in una pergamena del 1252 della Biblioteca Ambrosiana, in Miscellanea A. Bernareggi, Bergamo 1958 (Monumenta Bergomensia, 1), 489497. b) notizie: Anonimo, 1967, 527; Beretta, 1959, 194; Cattana, 1980, 102; Chabod, 1971, 239, 241; Marcora2, 1959, 341, 491-3; Tamborini, 1929, 136. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Magistretti, 1900, 27; Vigotti, 1974, 29, 51; Zanoni L., 1911, 62, 274-5 (1209 lu 3). S. CATERINA IN BURGO PORTE COMACINE v. S. Caterina in contrata de Ferariolis. S. CATERINA IN CONTRATA DE FERARIOLIS (S. Caterina in burgo Porte Comacine, S. Caterina presso il Deposito) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: ante 1389 ORDINE: Umiliate/Agostiniane (dopo il 1490) SOPPRESSIONE: 1495, e distruzione monastero a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 634, 691; Latuada, 1728, II, 336; Castiglioni, 1625, Dec. I, 77. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Magistretti, 1900 27; Marcora, 1957, 342, 408-412 (1490 fe 11). S. CATERINA LE VETERI (domus de Aziis, S. Caterina de Aziis) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la fondazione del monastero avvenne prima del 1283 ORDINE: Umiliate/Benedettine SOPPRESSIONE: prima del 1329 ci fu lunione con S. Margherita a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 607. b) notizie: Cattana, 1980, 103 (?). G. BISCARO, Le relazioni dei Visconti di Milano con la Chiesa, ASL, XLVI (1919), 127. S. CELSO ZONA: Porta Romana

37

ORIGINE E VICENDE: Lorigine della devozione in questo luogo risale alla scoperta, allepoca di s. Ambrogio, dei resti dei martiri Nazaro e Celso: le reliquie del primo furono trasferite nella basilica degli Apostoli, mentre per s. Celso fu costruito un sacello in loco di cui non resta pi alcuna traccia. Nel 996 ci fu la fondazione del monastero ad opera di Anselmo arcivescovo di Milano. La chiesa risale invece con molta probabilit allXI secolo, e ne resta attualmente solo una campata, quella orientale, insieme con la struttura absidale e il campanile. La maggior parte delledificio infatti andata distrutta nel XIX secolo. ORDINE: Benedettini. Nel 1437 aggregazione alla Congregazione benedettina della Cervara; nel 1482 inizio commenda; nel 1549 papa Paolo III decreta il passaggio dell'abbazia ai canonici regolari di S. Salvatore (Scopettini). SOPPRESSIONE: 1783 UBICAZIONE ATTUALE: corso Italia a) trattazioni specifiche: Arslan2, 1954, 407, 446, 447, 470, 480, 482-4, 508, 510; Arslan, 1957, 544, 546-551; Baroni, 1940, 215-288; Bartoli, 1776-1777, 151; Bianconi, 1787, 144147; Borroni, 1808, 58-59; Bossi, 1818, 82-83; Cattaneo, 1961, 594; Giulini, 1916, 331-2, 383-6; Gualdo Priorato, 1666, 59; Latuada, 1737-38, III, 49-56; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 268-269; Palestra, 1967, 60; Picasso, 1980, 30-6, 46, 51, 52; Picasso, 1993; Pirovano, 1822, 128-129; Ponzoni, 1930, 30-2, 190-7; Porter, 1916, 604-614; Studi di storia locale, 1983, 33; Vigotti, 1974, 51-52 E. BRIVIO, Santa Maria presso San Celso, Milano 1982; Cenni storici e artistici sul Santuario della Beata Vergine Maria de' Miracoli presso S. Celso in Milano, Milano 1920; A. CAVAGNA SANGIULIANI, Il portico di S. Celso, Tipografia di Pietro Agnelli, Milano 1865; P. DELL'ACQUA, La Madonna di San Celso, Ambrosius, I (1925), 63-4; E. KRIS, Materialen zur Biographie des Annibale Fontana und zur Kunsttopographie der Kirche S. Maria presso S. Celso in Mailand, Mitteilungen des kunsthistorische Institut in Florenz, III (1930), 201-233; F. MAGGI, S. Celso e la sua Madonna. Venti secoli di tradizioni milanesi. Note di storia, fede e tradizioni, arte e artisti, Milano 1951; A. PASQU, Short guide to the church of our Lady of Miracles adjoining st. Celsus in Mailand, Milano 1909; F. REGGIORI, Il Santuario di S. Maria presso S. Celso e i suoi tesori, Milano 1968; C. C. SECCHI, La basilica di Santa Maria presso San Celso, Milano, XLVI (1930), 257-9. b) notizie: Arslan1, 1954, 597; Arslan3, 1954, 1954, 527, 556, 560; Arslan, 1956, 680; Arslan3, 1954, 1956, 713; Bardeaux, 1938-1942, 428, 205; Barni1,, 1954, 73, 109, 170, 171, 181; Barni2,, 1954, 251, 332; Barni3, 1954, 67; Baroni, 1938, 326, 355; Baroni, 1941 20, 35, 45, 76, 113-4, 118; Baroni, 1955, 737; Baroni2, 1955, 745; Bascap, 1967, 33, 34, 49; Belloni Zecchinelli, 1954, 39, 61; Bendiscioli1, 1957, 162, 183, 244; Bendiscioli2, 1957, 442; Besta3, 1954, 495; Biscaro, 1907, 394, 397; Biscaro2, 1908, 318, 323, 324; Biscaro3, 1908, 431; Biscaro, 1928, 468, 472; Bognetti3, 1954, 860; Borella, 1948, 105; Capitani, 1971, 450, 477; Carlevaro, 1982, 116, 117; Cattana, 1980, 83-90, 93, 94, 115, 116; Cattaneo1, 1954, 790, 795-7; Cattaneo2, 1954, 693; Cattaneo, 1958, 331; Cattaneo1, 1984, 209; Cognasso, 1955, 29, 70, 142; Colombo, 1930, 135; DellAcqua, 1957, 675, 676, 678, 711, 718, 727, 729, 732, 734, 752; Fassina, 1985, 121; Ferrari, 1980, 232-3; Franceschini, 1954, 314; Fustella, 1967, 292; Fustella, 1968, 74; Fustella, 1970, 201, 237; Gerosa Brichetto, 1973, 14,47; Grassi, 1966, 163,225, 341, 389; Grassi, 1982, 517; Grassi, 1983, 491; Leoni, 1949, 59, 61; Leverotti, 1981, 78, 107, 108; Marcora, 1954, 247; Marcora, 1955, 237, 242-6, 262, 265; Marcora, 1958, 367; Marcora2, 1959, 344-6, 408, 434; Marcora2, 1961, 333; Maselli, 1973, 293; Mezzanotte, 1952, 84; Mezzanotte, 1957, 576, 584, 589, 602, 609; Mezzanotte, 1958, 706; Natale, 1972, 484; Nicodemi, 1957, 782, 818-820; Nicodemi2, 1958, 545; Oltrona Visconti, 1959, 199; Orsenigo, 1908-1910, 154; Pellegrini3, 1910, 606; Petra Sala, 2004, 35; Picasso, 1989; Reggiori, 1960, 650; Rocco, 1939, 185, 191, 192, 198; Romanini, 1954, 512; Rosa, 1630, 1957, 828-831, 838; Rossetti, 1968, 398; Rossetti, 1977, 72; Salmi, 1955, 811, 814; Schuster, 1946, 27-8; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 65, 79; Spinelli, 1980, 204; Tea, 1941, 46-7, 49-53, 68-70; Tea, 1950, 36-8; Tea, 1959, 804, 807, 818; Valagussa, 1997, 193; Vallini, 1966-1968, 57; Verga, 1918, 428; Vincenti, 1960, 84; Violante, 1955, 8-10; FS, 295, 296; Diehl, 1910, 232-4; Violante, 1983, 66-70, 73; Zanoni L., 1911, 228; Zerbi, 1950, 46-8, 169, 172; Zerbi, 1966, 286, 289.

38

M. L. GATTI PERER, Martino Bassi, il Sacro Monte di Varallo e Santa Maria presso San Celso a Milano, ArLo, IX/2 (1964), 21-61; C. MARCORA, L'Assunta a Milano, DMi, X (1969), 424-5; F. PETRUCCI, Carlo da Forl, DBI, XX, Roma 1977, 271; C. PIROVANO, La Madonna di S. Celso, DMi, IV (1963), 13-25; G. ROCCO, La facciata di Santa Maria presso San Celso a Milano, Palladio, IV (1940), 123-130; M. RONCHI, Gli affreschi di A. Appiani in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXX (1963), 372 f. t.; M. RONCHI, I dipinti di A. Campi in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXX (1963), 436 f. t.; M. RONCHI, I dipinti del Procaccini in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXX (1963), 516 f. t.; M. RONCHI, I dipinti della cappella dei SS. Nazaro e Celso in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXX (1963), 580 f. t.; M. RONCHI, L'Assunta di Camillo Procaccini in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXXI (1964), 44 f. t.; M. RONCHI, Le tre tele del Cerano in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXXI (1964), 176 f. t.; M. RONCHI, Affreschi di G. B. Crespi e di Andrea Appiani in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXXI (1964), 124 f. t.; F. SAVIO, Giovanni Battista Fontana o Fonteio, scrittore milanese del sec. XVI, ASL, XXXII, s. IV /4 (1905), 358, 362, 367; S. M. BROWN, Movimenti politico-religiosi a Milano ai tempi della Pataria, ASL, LVIII (1931), 263, 266. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 17; Biscaro, 1906, 27 (1179 lu 12); Borella, 1957, 187; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 11; Cattaneo, 1957, 258, 283; Gatti Perer, 1964-1965, 174-6, 178, 186, 194, 196-8, 207, 221; Gatti Perer, 1964-1965, 131, 133-5; Gatti Perer, 1964-1965, 149, 150; Giulini, 1917, 359; Grassi, 1964, 467; Grazioli, 1906, 237; Maderna, 1980, 46; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125, 560; Marcora, 1956, 262, 290-1, 440-6 (1463 giu 15); Marcora, 1957, 299, 339, 372-4 (1486 ap 1), 412-4 (1490 set 4); KW, 86; Razzi, 1971, 116; Rotondi, 1924, 202; Vigotti, 1974, 28, 29, 48, 51, 52, 78, 80; Zerbi2, 1978, 223 (1123 set 1). S. CHIARA (S. Maria di Vedano) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1445 papa Eugenio III conferm l'avvenuta separazione dalla comunit di S. Agostino Nero (v.) di un gruppo di Francescane costituenti il nuovo convento di S. Chiara. ORDINE: Clarisse Osservanti SOPPRESSIONE: 1783, trasformazione del convento nel Monte di Piet a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 151; Cattaneo, 1961, 629; Forcella2, IV, 1889, 269-271; Ferrari2, 1979, 457-464; Gualdo Priorato, 1666, 90; Latuada, 1737-1738, V, 220222; Mezzanotte-Bascap, 1958, 75, 837; Sevesi, 1957, 217-8; Sormani, 1760, 152-153; Torre, 1674, ed. 1714, 272. P. M. SEVESI, Le clarisse a Milano ed il monastero di S. Chiara, Milano 1930. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Caretta, 1968, 178; Cattana, 1980, 101; Dallaj, 1983, 528; Fiorio, 1985, 145; Fustella, 1965, 107; Gerra2, 1969, 359; Gerra5, 1969, 567; Leverotti, 1981, 109; Marcora, 1958, 412-3; Marcora2, 1959, 343-4; Marcora, 1960, 291-2; Martelli, 1984, 60, 62, 63, 69, 70; Mezzanotte, 1958, 667, 706; Mosconi, 1994; Noto, 1962, 23, 24, 27; Orefice, 1985, 16; Santagostino, 1671, ed. 1980, 61; Schuster, 1946, 14; Sebastiani, 1982, 206, 208,217; Sevesi, 1906, 24; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 74-6; Spinelli, 1999, passim; Wessley, 1984, 14. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cart. 1797; Amministrazione Fondo Religione p.m., cart. 2416; Beretta, 1939, 14, Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 251, 252; Castiglioni, 1958, 15; Marcora, 1956, 294, 379-391 (1473 ge 23), 3912 (1473 lu 5), 392-6 (1473 ap 29); Marcora2, 1961, 532 (1564 ot 28); 01, 25, 29, 30, 60 (1491 mg 2); Sevesi2, 1940, 379, 98 (1482 ap 27), 99 (1481 mz 27). S. CHIARA DELLA CIRESA/SCIRESA, v. S. Michele sul Dosso. S. CIPRIANO

39

(S. Simplicianino, SS. Cornelio e Cipriano) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: Gi esistente nel XII sec., loratorio prospettava sulla destra del "Pasquaro delle Galline", piazzetta un tempo situata nella strada che univa piazza Cordusio con via S. Protaso. Chiamato anche S. Simplicianino, loratorio era parrocchia ai tempi di s. Carlo, che lo assegn al collegio delle Nobili Zitelle (fondato da donna Ludovica di Castro).[ DCA, II, Milano 1988, 845] SOPPRESSIONE: Loratorio fu distrutto nel 1786. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 152; Forcella2, IV, 1889, 205-206; Latuada, 1737-38, V, 121-124 Sormani, 1760, 109; Vigotti, 1974, 52-53 b) notizie: Gambi-Gozzoli, 1982, didascalia 80; Gualdo Priorato, 1666, 86. c) fonti e citazioni documentarie: Milano nel Settecento, 1976. S. CLARETTA v. S. Michele sul Dosso. S. CLEMENTE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: gi distrutta allepoca del Latuada (1738), la chiesa era situata presso il Verziere allaltezza dellattuale omonima via. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 52 b) notizie: Latuada, 1737-38, II, 106, IV, 393. SS. COSMA E DAMIANO ALLA SCALA (S. Damiano alla Scala; S. Cosma e S. Damiano al Carrobbio) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: una chiesa dedicata a S. Damiano gi ricordata nel Liber notitiae (XIII secolo), probabilmente ricostruita nel XIV secolo, era annessa allospedale dei SS. Cosma e Damiano (o dei Romani, gi esistente nel IX secolo). Nel 1489, in qualit di parrocchiale dei S. Cosma e S. Damiano al Carrobbio fu assegnata al convento di Castellazzo dei Girolamiti. Ledificio fu pi tardi demolito e rifatto probabilmente a opera di Gian Domenico Ricchino nel 1634. ORDINE: Girolamiti SOPPRESSIONE: Soppressa nel 1796, nel suo interno fu adattato il teatro dei Filodrammatici su progetto di Leopoldo Pollack (1798). a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 153; Bianconi, 1787, 440-442; Cattaneo, 1961, 658; DCA, II, 937-938; Forcella2, IV, 1889, 217-218; Latuada, 1737-1738, 187-191; Mezzanotte-Bascap, 1958, 369; Milano: le chiese scomparse, 1997, III, 5-39 (con bibliografia); Sormani, 1760, 120-121; Vigotti, 1974, 53-54 E. GUICCIARDI, Il nuovo teatro di un'accademia milanese (1798-1970), Milano 1970, 1-60. b) notizie: Baroni, 1951-1952, 212; Gualdo Priorato, 1666, 91; Marcora, 1957, 338; Mezzanotte, 1958, 467; Mezzanotte2, 1959, 481; Nicodemi1, 1958, 512, 514; Orsenigo, 19081910, 155; Romanini1, 1959, 719, 725; Soldi, 1989; Vittani, 1912, 126. 1778-1815.Teatri a Milano, Catalogo della mostra a cura di G. Ricci, Milano 1972, 66-67; Subleyras 1669-1749, Catalogo della mostra, Roma 1987, 244-245, 278-280. c) fonti e citazioni documentarie: Magistretti, 1910, 558; Vigotti, 1974, 29, 53. SS. COSMA E DAMIANO IN MONFORTE (S. Damiano al Naviglio, S. Giovanni Battista a Porta Orientale, S. Giovanni Battista quam ecclesiam fecit Constantinus clericus) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: lantica chiesa prospettava sullattuale via Visconti di Modrone, sulla destra (da via Mascagni), nellangolo precedente a corso Monforte: per consentirne lingresso erano stati aperti (Giulini) sia la contrada di S. Romano (lodierno tratto di corso Monforte verso piazza S. Babila), sia il ponte e la pusterla di S. Damiano (in corrispondenza allincrocio

40

del corso con le vie Visconti di Modrone e S. Damiano). [DCA, II, Milano 1988, 988] Nel 1485 ca., la chiesa di S. Giovanni Battista a Porta Orientale venne affidata ai frati basiliani espulsi dallArmenia, che la dedicarono ai ss. Cosma e Damiano. Dopo la soppressione dei basiliani, la chiesa fu ricostruita nel XVII secolo. ORDINE: Basiliani; nel 1657 ci fu lingresso degli Agostiniani Scalzi; nel XIX sec. La chiesa fu affidata ai Gesuiti. SOPPRESSIONE: 1798. Chiesa e convento (con una ricca biblioteca) furono affidati ai Gesuiti nel 1857, e quindi destinati a un uso profano. La chiesa in particolare divenne prima un magazzino di legname e poi fu distrutta nel 1921. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 153; Bianconi, 1787, 83; Borroni, 1808, 37; Bossi, 1818, 53; Cattaneo, 1961,659; Giulini, 1916, 468-472; Gualdo Priorato, 1666, 49; Latuada, 1737-1738, I, 235-236; Mezzanotte-Bascap, 1958, 1009; Pirovano, 1822, 102; Vigotti, 1974, 64 P. PECCHIAI, San Damiano in Monforte, in L'Ospedale Maggiore di Milano nella storia e nell'arte, Milano 1927, 705-6. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 132; Bendiscioli1, 1957, 183; Gerra1, 1969, 248; Mezzanotte2, 1959, 509; Orsenigo, 1908-1910, 154; Panizza, 1956, 172; Soldati ForcellaAntico Gallina, 1979-1980, 70; van Luijk, 1954-1959, 137; Vittani, 1923, 270 (?). A. G., I monaci armeni de' SS. Cosma e Damiano e la congregazione dei barbieri milanesi, ASL, XLVI (1919), 664-5; A. PETRUCCI, Cacciatore Alessandro, DBI, XVI, Roma 1973, 9-10. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 14; Cattaneo, 1961, 145 (1565 lu 4), 150 (1565 lu 25); Locatelli Milesi, 1912, 79; Maderna, 1980, 47; Marcora2, 1961, 281, 483 (1564 giu 20); Vigotti, 1974, 31, 64. S. CRISTINA (S. Cristina e S. Marcellina) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa, gi ricordata nel Liber notitiae, era collocata nellultimo tratto dellattuale corso Garibaldi, dove ancora a fine Ottocento esisteva una via che ne prendeva il nome. ORDINE: Orsoline. Nel 1572 ci fu il trasferimento dell'Opera di S. Cristina nella sede definitiva, e nel 1584 la fondazione ufficiale SOPPRESSIONE: 1784 a) trattazioni specifiche: Gualdo Priorato, 1666, 86; Ledoschowska, 1967, 111, 116, 127, 131, 137, 201, 207, 209, 210, 288; Sormani, 1760, 92; Vigotti, 1972,59, 61, 67, 94. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 135; Baroni, 1930, 450; Castiglioni, 1931, 192; Gerra2, 1969, 357; Gerra4, 1969, 419; Orefice, 1985, 16; Sebastiani, 1982, 207, 217, 219; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15. S. CRISTOFORO SUL NAVIGLIO ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lattuale chiesa di S. Cristoforo costituita da due piccoli edifici adiacenti costruiti in epoche diverse. Ledificio settentrionale sarebbe della fine del XII secolo. La collocazione cronologica della cappella meridionale invece pi precisa, eretta per adempiere un voto dopo la peste del 1398 fu infatti consacrata agli inizi del XV secolo. Originariamente sottoposta alla giurisdizione dei monaci di S. Vincenzo in Prato, dopo la loro soppressione nel 1787, la chiesa pass sotto San Gottardo in Borgo e, dal 1849, a Santa Maria delle Grazie sul Naviglio. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Cristoforo a) trattazioni specifiche: Fumagalli-SantAmbrogio-Beltrami, 1891-1892, III, 13-17; Giulini, 1771, IV, 68, V, 31; Giulini, ed. 1972, 330-331; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 310312; Ponzoni, 1930, 77; Romanini, 1964, 295-296, 455-457; Sarzi, 1987, 295-298; Vigotti, 1974, 53 R. BAGNOLI, San Cristoforo sul Naviglio nella tradizione milanese, Milano 1923; G. FANTONI,

41

Un angolo di pace: San Cristoforo sul Naviglio, Ca de Sass, 115 (1991), 34-39; A. PICA, S. Cristoforo e i suoi ultimi restauri, Per larte sacra, 2 (1925), 1, 2-5; F. ROGGIANI, La chiesa di S. Cristoforo e il Naviglio Grande, Milano 1985; M. RONCHI, I dipinti nella chiesa di S. Cristoforo sul Naviglio, Citt di Milano, aprile (1962), 176 ss.; St. Christopher church, studi di G. Alessandrini, G. Dass e P. Zanolini, ArLo, 68-69 (1984), 110-121; G. Mezzera, San Cristoforo sul Naviglio, Milano 1969; A. TAMBORINI, San Cristoforo sul Naviglio, Pastor Bonus, luglio (1923). b) notizie: Bandera, 1997, 231; Matalon, 1963, 407-408; Mazzini, 1962, 33-35; Romanini, 1955, 665. c) fonti e citazioni documentarie: Liber notitiae, 1917, 405. J. FRANCIMEI, Documenti per San Cristoforo sul Naviglio Grande e la scuola dei SS. Giovanni Battista, Giacomo, Cristoforo e Cristina (1398-1784), ArLo, 127 (1999), 99-108. S. DALMAZIO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: situata allaltezza dellattuale omonima via, la chiesetta, risalente allXI secolo, era preceduta da un piccolo cimitero. Dopo la soppressione degli Umiliati, s. Carlo vi istitu una scuola della dottrina cristiana nel 1577. ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: dopo essere stato soppresso e ridotto a magazzino loratorio fu distrutto nel 1786. a) trattazioni specifiche: DCA, II, 988; Forcella2, IV, 1889, 189; Latuada, 1737-38, V, 107109; Sormani, 1760, 107-109; Vigotti, 1974, 53 b) notizie: Beretta, 1939, 12; Forcella1, 1889, 12; Rotta, 1891, 158. S. DAMIANO AL NAVIGLIO v. SS. Cosma e Damiano in Monforte. S. DAMIANO ALLA SCALA v. SS. Cosma e Damiano al Carrobbio. S. DIONIGI ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: le origini della chiesa, situata allaltezza dei bastioni di Porta Venezia, risalgono a un cenotafio eretto in memoria del vescovo Dionigi forse gi nel secolo IV, divenuto poi chiesa stazionale e basilica, di cui non rimasta alcuna traccia. Si pu solo ipotizzarne la forma prossima alla Santa Tecla, lampia basilica preambrosiana a cinque navate: ipotesi basata su una affermazione riportata da un testimone che nel 1521 vide la chiesa di S. Tecla e la descrisse di "quasi egual forma" del San Dionigi. [DCA, II, 1988, 1054] Nel 1023 ci fu la fondazione del monastero ad opera di Ariberto da Intimiano. Nel 1410-1431 lingresso dei benedettini nella Congregazione di S. Giustina di Padova. Nel 1468 linizio del periodo commendatario. Nel 1528 ci fu la distruzione dell'abbazia, per far posto alla costruzione delle mura spagnole, e la conseguente dispersione dei monaci. Nel 1532 si ha la rinuncia alla commenda da parte del cardinale Salviati, dopo di che Clemente VII affid il convento ai Serviti e autorizz la ricostruzione della chiesa e del convento, avvenuta con lutilizzo delle parti superstiti del primo edificio, nonch dellantico campanile. ORDINE: Benedettini; Serviti SOPPRESSIONE: 1783, i Serviti si trasferirono a S. Maria del Giardino. La chiesa cinquecentesca e il convento furono abbattuti per ampliare il giardino di Porta Orientale. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 559, 587, 596, 647, 648; Cattaneo2, 1984, 227-9, 235, 236, 240; Fiorio, 1985, 146-147; Forcella2, V, 1889, 105-119; Giulini, 1916, 448-457; Gualdo Priorato, 1666, 91; Latuada, 1737-1738, V, 275-287;Malaguzzi Valeri, 1901, 343; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 507-508; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 250-288 (con bibliografia); Milano capitale, 1990, 117-119; Palestra, 1967, 61; Picasso, 1980, 30, 37, 38, 43-50, 52, 53; Picasso, 1993; Sormani, 1760, 136-140; Torre, 1674, ed. 1714,

42

258-263; Vigotti, 1974, 54-55. E. CATTANEO, Riforma liturgica e civilt comunale, RSCA, VII, Milano 1977 (ArAm, 33), 49-50; F. MALAGUZZI VALERI, Pellegrino Pellegrini e le sue opere in Milano, ASL, XXVIII, s. III/16 (1901), 343; C. PELLEGRINI, Fonti e memorie storiche di S. Arialdo. IV, ASL, XXIX, s. III/17 (1902), 67, 70-3, 83; G. TRAVERSI, Una nota su San Dionigi, basilica ambrosiana sconosciuta, ArLo, VIII/1 (1963), 99-102; C. VIOLANTE, Le origini del monastero di S. Dionigi di Milano, in Studi in onore di O. Bertolini, II, Pisa 1972, 735-809. b) notizie: Ambrosioni, 1989; Bardeaux, 1938-1942, 132; Barni1,, 1954, 29, 33, 42, 56, 73, 108, 196; Barni2,, 1954, 251, 259, 286, 332, 384; Barni3, 1954, 34, 58, 67, 78; Baroni, 1944, 114, 121; Bassani, 1921, 152; Berlasso, 1961, 293-4; Besta, 1955, 215; Biscaro, 1906, 6; Biscaro, 1928, 437, 473; Bognetti, 1978, 195, 380; Borntrager, 1968, 176, 189, 216, 229; Capitani, 1971, 450, 451, 471; Cattana, 1980, 83, 90, 91, 94, 112, 114; Cattaneo1, 1954, 790; Cattaneo2, 1954, 682, 692, 693, 706, 707; Cattaneo, 1958, 331; Cattaneo, 1979, 4546; Cattaneo1, 1984, 209; Chabod, 1971, 272; Dias, 1970, 133; Fassina, 1985, 124-125; Ferrari, 1980, 233, 237; Franceschini, 1954, 306, 308; Gerosa Brichetto, 1973, 14, 64, 100, 103, 104; Grassi, 1966, 409; Gualdo Priorato, 1666, 91; Haverkamp, 1970-1971, 670; Ildefonso da Como, 1927, 132, 143-5. 147; Marcora, 1956, 291; Marcora, 1957, 310-3, 316, 317; Marcora, 1958, 421; Marcora2, 1959, 370, 431-3; Masetti Zanini, 1970, 177; Mezzanotte, 1958, 706, 708; Mongeri, 1872, 154; Orsini, 1954-55, 146, 1.58; Orsini1, 1959 , 49, 50, 52, 53, 66, 133, 134, 164, 166; Orsini2, 1959 , 147, 168; Panizza, 1956, 172; Pellegrini1, 1910, 404; Pellegrini2, 1910, 436; Pensa, 1974-1977, 89, 90, 100; Picasso, 1989; Puricelli, 1645, 1; Reggiori, 1960, 650, 654; Romanini, 1954, 467; Rossetti, 1977, 72, 73; Rossini, 1968, 432, 434, 439, 441; Salvini Cavezzana, 1983, 504; Schuster, 1946, 4-5; Smiderle, 1960, 134; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 92; Violante, 1955, 2-4; Violante1, 1974, 295-7; Violante2, 1974, 739, 740, 742, 743, 746-8; Violante, 1983, 69, 70, 72, 73; Zerbi, 1950, 46-50, 52, 174; Zerbi, 1966, 286, 288, 289. C. A. VIANELLO, L'abate Longo successore del Beccaria nella cattedra di economia pubblica, ASL, LXIV (1937), 513; C. VIOLANTE, Aspetti della politica italiana di Enrico III prima della sua discesa in Italia, in Studi sulla cristianit medioevale, Milano 1975, 278, 281, 289. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cartt. 54-55; A.S.C.M., Localit milanesi, cart. 339, fasc. 3; A.S.D.M., Sez. XII, Visite pastorali, S. Francesco di Paola, vol. VI, fasc. 34-36; Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 14; Borella, 1957, 187; Castiglioni, 19481949, 250, 252; Cattaneo, 1954-1955, 122-3; Cattaneo, 1957, 259, 284-5; Dal Pino, 1967, 210; Dias, 1970, 156, 230, 241, 255; Gallavresi, 1906, 39, 53 (1263 fe 21); Gatti Perer, 1964-1965, 200, 215; Grazioli, 1906, 214; Laurent, 1949, 370, 377, 387; Locatelli Milesi, 1912, 86, 100; Maderna, 1980, 47; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125; Mainoni, 1978, 599 (1375 mg 1); Marcora, 1955, 264, 327-8 (1458 lu 5), 329-330 (1458 lu 30); Marcora2, 1959, 255 (1210/9 giu 24), 269 (1473 mz 29); Marcora2, 1961, 332, 483 (1564 giu 20); Le pergamene milanesi, 1994; Valente, 1923, 469; Vigotti, 1974, 29, 48, 54, 55, 59, 60, 74, 81, 84, 224; Zerbi2, 1978, 223 (1123 set 1). R. BERETTA, Il Priorato Cluniacense di S. Nicolao in Figina di Villa Vergano, ASL, LXII (1935), 91-8, 102 (1498 lu 15), 103 (1498 ag 6), 104 (1498 ag 17), 105 (1498 set 1). S. DIONIGI IN PRATOCENTENARO ZONA: Pratocentenaro ORIGINE E VICENDE: La localit di Pratocentenaro nota fin dal secolo XI e lesistenza di una chiesa dedicata a s. Dionigi, sorta al centro di una tenuta agricola di propriet del monastero benedettino milanese di S. Simpliciano, documentata alla fine del sec. XIII dal Liber notitiae. Il territorio appartenne alla pieve di Bruzzano e alla parrocchia di Niguarda finch venne costituita in parrocchiale dal card. Federico Borromeo con decreto 14 aprile 1618. Lantica chiesa di S. Dionigi, pi volte ricostruita e ampliata, venne distrutta dai bombardamenti del 1943. [DCA, II, 854] a) trattazioni specifiche: Sarzi, 1987, 160 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 151.

43

S. DOMENICO DE VIALEVATA (domus de Capuzinis de Vialevata) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: prima del 1290 esisteva gi una domus de Capuzinis de Vialevata. Nel 1306 Francesco Fontana concedette l'autorizzazione per la costruzione di chiesa e convento dedicati a S. Domenico. ORDINE: Domenicane. Nel 1495 Alessandro VI permise il passaggio all'Osservanza domenicana SOPPRESSIONE: nel 1576 ca., ledificio fu unito a S. Maria in Valle e le monache vennero trasferite a S. Lazaro a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 619. b) notizie: Alberzoni, 1985, 142, 163; Chabod, 1971, 237; Dondaine, 1953, 89; Marcora2, 1959, 341; Meerseman, 1977, 920; Orsenigo, 1908-1910, 158; Petra Sala, 2004, 140; Sebastiani, 1995, 104. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 152; Beretta, 1939, 21; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 131. S. DOMENICO DI CARUGATE v. S. Ambrogio di Carugate. S. DOMENICO E S. LAZZARO (S. Caterina da Siena, S. Lazaro, S. Lazzaro) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Lungo corso di Porta Romana in corrispondenza dellattuale n. 57subito fuori dalle antiche mura, nel 1473 lantico ospedale di S. Lazzaro fu unito allOspedale Maggiore, che dopo venticinque anni cedette la vetusta fabbrica al luogo pio di S. Corona, il quale a sua volta vi costru il convento di domenicane, fondato nel 1497 a opera di Valente Melegari.[ DCA, III, 1989, 1676] Nel 1509 inizi la costruzione del convento di S. Lazzaro e nel 1576 a seguito dell'assorbimento delle monache del soppresso convento di S. Domenico di Vialevata (v.), fu stabilito il titolo di S. Domenico e S. Lazzaro. ORDINE: Domenicane (III ordine); nel 1505 si ebbe il passaggio al II ordine. SOPPRESSIONE: 1798, soppressione del monastero. Per ledificazione del teatro Carcano nel 1802 fu distrutta la fabbrica conventuale. Rimane ancora del chiostro unala di portico su due ordini. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 181; Bianconi, 1787, 123-125; Biscaro, 1909, 367-371, 376, 378-9, 384-5, 387-390, 392, 394; Borroni, 1808, 66-67; Cattaneo, 1961, 619, 621; Forcella2, I, 1889, 345-346; Gualdo Priorato, 1666, 61; Latuada, 1737-1738, II, 293298; Marcora, 1958, 375; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 243; Vigotti, 1974, 65 b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bardeaux, 1938-1942, 136; Chiapponi, 1995, passim; Chinea, 1937, 440; Marcora2, 1959, 332, 333; Marcora, 1960, 290; Mezzanotte2, 1959, 481; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Sebastiani, 1995, 103; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 17; Flumiani, 1927, 565. S. DONNINO ALLA MAZZA ZONA: Porta Nuova ORIGINE: citata nel Liber notitiae sanctorum Mediolani, nel XIII secolo, la chiesa ricordata come parrocchia. Fu rifatta su progetto di Andrea Biffi tra il XVII e il XVIII secolo. UBICAZIONE ATTUALE: la chiesa cess di essere parrocchia nel 1787, e nel 1803 venne venduta e quindi quasi completamente demolita, il suo fianco, unica parte superstite delledificio romanico, ancora visibile in uno stretto passaggio tra via Bigli e via Monte Napoleone. a) trattazioni specifiche: Fiorio, 1985, 148; Forcella2, V, 1889, 151-155; Giulini, 1855, IV, 682; Latuada, 1737-1738, V, 327-329; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 190; Torre, 1674, ed. 1714, 274-275; Vigotti, 1974, 55 L. DE LONGHI FRACCARO, Notizie sulla chiesa milanese di S. Donnino alla Mazza, in Arte in Europa : scritti di storia dell'arte in onore di Edoardo Arslan, Milano 1966, 211-222.

44

b) notizie: Castiglioni, 1625, 7; Fassina, 1985, 207; Gambi-Gozzoli, 1982, 9; Gualdo Priorato, 1666, 91; Grassi, 1966, 69; Magni, 1972,5/3; Mezzanotte, 1958, 452; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondi Camerali, a., cart. 236; Fondo Culto, a., cart. 1065; Fondo Catasto, n. 2488; A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo VII, f. 34; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, San Francesco da Paola, voI. XVI; Biblioteca Ambrosiana, Cod. A. 275 inf., Galvano Fiamma, c. 1330 (ed. Ceruti, 1869), 476; Liber Notitiae, 1289 c., ed. 1917, 97 C 105, 264 C 282; Le pergamene milanesi, 1994. S. ERASMO (domus de Senodogo, Nuovo, S. Novo) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: inizi del XIII secolo, edificata lungo lattuale via S. Erasmo a destra del civico numero 8. Come altre chiese monastiche era a navata unica, divisa in chiesa per fedeli e coro per le monache: in questultimo era affrescata una "Crocifissione", dal Beltrami assegnata al Bergognone, ora custodita nella cappella annessa alla villa Perego a Cremnago. [DCA, II, 1988, 118] ORDINE: Umiliate (anche Umiliati, almeno nel XIII sec.), ante XVI sec. passaggio all'Osservanza agostiniana. SOPPRESSIONE: nel 1778 le monache furono trasferite a S. Caterina di Brera (?). La chiesa dellampio monastero del Borgonuovo, le cui vaste ortaglie erano state trasformate in alcuni fra i maggiori parchi nobiliari della citt, fu lasciata progressivamente decadere insieme agli edifici conventuali, tanto che negli anni Trenta, ledificio ecclesistico era ormai irriconoscibile, ridotto al solo coro delle monache, mentre il convento era snaturato da abitazioni e officine. Dal monastero erano stati intanto trasferiti a Cremnago alcuni affreschi e le balaustrate della peschiera, mentre nella villa Bagatti Valsecchi di Varedo fu trasportata e ricostruita la loggia del campanile. Allorquando, nella successione dei molti progetti e delle laboriose trattative fu definitivamente tracciata la 'via dei Giardini' suon anche lora per il SantErasmo. Conservarlo integro, integralmente restaurato? E chi si sarebbe sobbarcato a tale dispendio, con lalto valore dei terreni che, lungo la nuova strada, attendevano di essere sfruttati per il quartiere pi signorile e ricercato della citt? Allora (1939), venne adottato lormai noto sistema. Sacrificio di quattro quinti per salvarne un quinto. Comune e proprietari addivennero ad un compromesso, con il risultato che ognuno pu vedere in luogo. Larchitetto Ambrogio Annoni era incaricato di trovare quel tale compromesso che salvasse capra e cavoli: scomponendo e ricomponendo gli elementi architettonici necessari a mettere insieme sette campate nella successione e posizione pressa poco originaria (1941-42). [Reggiori, 1947, 279] a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 158; Cattaneo, 1961, 630, 643; Forcella2, V, 1889, 143-145; Grassi, 1958, 23, 25; Gualdo Priorato, 1666, 91-92; Latuada, 1737-1738, V, 318-320; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 440; Patetta, 1987, 133-134; Sioli LegnaniMezzanotte, 1945, 7,20-2, 24, 27, 37, 53, 63; Sormani, 1760, 149. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1981, 150; Gerra2, 1969, 359, 360; Gerra5, 1969, 563; Gualdo Priorato, 1666, 91;-92 Mezzanotte, 1957, 630; Schuster, 1946, 6-7; Sebastiani, 1982,206, 217, 219; Spinelli, 1999, passim; Vismara, 1932, 331; Ward Neilson, 1979, 89. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 13, Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 15; Castiglioni, 1960, 13; Gatti Perer, 1964-1965, 216; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 550; Marcora1, 1961, 125; Zanoni L., 1911, 16, 137, 195, 271-2 (1215 nv 26), 285 (1346 lu 26), 299 (1361 ap 7), 322-3 (1268 mg 29). S. EUFEMIA, domus de ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la fondazione avvenne prima del 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: successiva al 1344. Nel 1632 la chiesa fu acquistata dai Camilliani che vi costruirono S. Maria della Sanit (v.) c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13.

45

S. EUFEMIA ZONA: Porta Romana ORIGINE: indicata dalle fonti come uno dei pi notevoli edifici ecclesiastici della Milano paleocristiana viene citata con certezza in un evangeliario del IX secolo, rimaneggiata nel XVII secolo fu ristrutturata in modo radicale nel XIX secolo per adattarla alle aumentate esigenze della popolosa contrada. UBICAZIONE ATTUALE: piazza S. Eufemia a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 158; Bianconi, 1787, 154-156; Borroni, 1808, 6162; Bossi, 1818, 86-87; Calderini1, 1953, I, 384; Latuada, 1737-1738, III, 80-83; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 255-256; Mongeri, 1872,309-311; Monumenta..., 197, passim; Pirovano, 1822, 131-132; Ponzoni, 1930, 471-474; Puccinelli2,1650, 100-102; Torre, 1674, ed. 1714, 60-62; Vigotti, 1974, 55 E. TERZAGHI, Relazione delle riforme edilizie della chiesa di S. Eufemia in Milano eseguite negli anni 1869-70, Milano 1870. b) notizie: Cattaneo, 1969, . 26; Fassina, 1985, 122; Ferrario, 1843, .112; Gambi-Gozzoli, 1982, tavv. 79, 81; Gualdo Priorato, 1666, 59; Magni, 1972,3/4; Santagostino, 1671, ed. 1980, . 27; c) fonti e citazioni documentarie: AS.D.M., Sez. X, Visite pastorali, Miscellanea citt, vo XVII, ff. 258 ss. S. EUSEBIO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: di origini antichissime, forse risalente addirittura allepoca del re longobardo Desiderio (VIII sec.) era situata nellattuale via Brera fra palazzo Cusani e il palazzo gi Castelbarco-Simonetta. SOPPRESSIONE: soppressa allepoca di Giuseppe II e successivamente distrutta. a) trattazioni specifiche: Bossi, 1818, 225-227; Forcella2, 1889, IV, 275-279; Latuada, 17371738, V, 225-228; Rotta, 1891, 169; Sormani, 1760, 124; Vigotti, 1974, 56 b) notizie: Beretta, 1939, 12; Gualdo Priorato, 1666, 92; Gambi Gozzoli, 1982, didascalia 79 c) fonti e citazioni documentarie: Le pergamene milanesi, 1994. L. BELTRAMI, Il palazzo di Pio IV a Milano, Archivio storico dellarte, 1889, II. S. EUSEBIO ZONA: Barona ORIGINE E VICENDE: ricordata nel Liber notitiae, la chiesa serviva un monastero femminile (bativacha in monasterio), soppresso gi nel XVI secolo e trasformato in una cascina ancora oggi visibile in via Bardolino. b) notizie: Sarzi 1987, 307; Vigotti 1974, 172. S. EUSTORGIO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Sulla fondazione esistono tradizioni e interpretazioni diverse, ma scarsi documenti. Secondo una delle versioni correnti sarebbe stata costruita dal vescovo Eustorgio (il futuro santo, c. 315-331), che volle esservi sepolto e che vi aveva trasportato le reliquie presunte dei re Magi, provenienti da Costantinopoli e donate dall'imperatore Costante; secondo altri potrebbe essere la basilica Portiana citata da Ambrogio; queste tesi sarebbero confermate da resti murari paleocristiani riemersi nella cappella dei Re Magi e dalle fondamenta di un'abside dietro l'altare maggiore. Secondo altri ancora venne costruita in onore del santo dal vescovo Eustorgio II nel 515. Documentata in modo sicuro dal sec. VII, venne ricostruita nel tardo XI in massicce forme romaniche cluniacensi di influenza borgognona (ravvisabili in particolare nei capitelli). Distrutta da Federico Barbarossa, sotto il quale (1164) vennero trafugate a Colonia le reliquie credute dei re Magi (sono state parzialmente restituite nel 1903), se ne inizi la ricostruzione in forme romaniche intorno al 1190. Affidata nel 1216-20 ai Domenicani, venne sottoposta a numerosi rifacimenti: al sec. XIII appartengono il braccio di transetto aggiunto verso S, le volte a crociera delle navate centrale e sin., il campanile; al XIV

46

rimonta la trasformazione 'devozionale' del tempio, con l'erezione di parte delle cappelle votive e gentilizie verso S; al XV altre cappelle meridionali e la cappella Portinari. Fu in questa fase che la basilica venne trasformata in chiesa a sala sopralzando le navate laterali []Interventi e soprastrutture del '600 e '700 (specie nelle cappelle e nella facciata) furono eliminati nel corso dei rifacimenti 'in stile' della seconda met del XIX sec. [] [Milano, 10 ed., TCI, 1998, 366367] ORDINE: Domenicani SOPPRESSIONE: 1797 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Eustorgio a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bartoli, 1776-1777, 159-160; Bianconi, 1787, 218; Borroni, 1808, 84-87; Bossi, 1818, 112-118; Cattaneo, 1961, 540, 545, 591, 610-621, 687, 699, 700, 702, 713; De Dartein, 1865-1882, 204-209; Ferrari1, 1979, 170-6; Giulini, 1916, 314-5; Gualdo Priorato 1666, 68-69; Kaeppeli, 1966, 28; Latuada, 17371738, III, 175-213; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 292-305; Milano capitale, 1990, 115-116; Pirovano, 1822, 153-162; Ponzoni, 1930, 33-42; Porter, 1916, 614-627; Romanini, 1954, 452-4, 466-470, 478, 482, 500, 511-3; Romanini1, 1955, 637-641, 646, 651, 652, 677, 705, 717, 721; Romanini, 1964, 85-9, 242-5; Studi di storia locale, 1983, 33-4; Torre, 1674, ed. 1714, 81-90; Vigotti, 1974, 56; Zucchi, 1989, 236-239 (con bibliografia). L. AIRAGHI, La basilica di S. Eustorgio in Milano - Da canonica a convento domenicano, Aevum, LV (1981), 294-325; L. AIRAGHI, Studenti e professori di S. Eustorgio in Milano dalle origini del convento alla met del XV secolo, AFP, LIV (1984), 355-380; R. BAGNOLI, La basilica di S. Eustorgio in Milano, Milano 1957; R. BAGNOLI, La basilica milanese di S. Eustorgio. Storia e arte, Milano 1961; La basilica di Sant'Eustorgio in Milano, a cura di G. A. DELL'ACQUA, Milano 1984; G. G. BELLONI, Sant'Eustorgio: La Basilica dei Magi, Citt di Milano, LXXXI (1964), 111-6; A. BURATTI - G. SANTI, Milano. S. Eustorgio, in Monasteri e conventi in Lombardia, Milano 1983, 52-5; A. M. CACCIN, I Domenicani a Milano. Le visite del Santo. Il convento di S. Eustorgio, DMi, IX (1968), 459-465; I chiostri di SantEustorgio in Milano, cur. P. Biscottini, Milano 1998; R. FAINO, I Domenicani e la basilica di S. Eustorgio, in S. Domenico, 17-26; T. KAEPPELI, La bibliothque de Saint-Eustorge Milan la fin du XVe sicle, AFP, XXV (1955), 5-74; C. NAVA, La basilica dei Magi, Milano 1904; A. NOVELLI, La basilica di Sant'Eustorgio in Milano, Milano 1928; F. REGGIORI, La basilica di Sant'Eustorgio, Milano 1974; P. SPREAFICO, Il Museo di Milano, DMi, 1/4 (1960), 38-48; P. SPREAFICO, La basilica di S. Eustorgio ritornata antica e vera, Milano 1970; P. SPREAFICO, La basilica di Sant'Eustorgio tempio e museo, Milano 1976; S. VIGEZZI, Catalogo descrittivo, ragionato e critico delle sculture esistenti nella basilica di Sant'Eustorgio in Milano, ASL, LX (1933), 219289. b) notizie: Alberzoni, 1981, 148; Alberzoni, 1982, 210; Ambrosioni, 1989; Arslan, 1956, 629, 630, 637; Arslan3, 1954, 1956, 699, 700, 728; Bandera, 1997, 233, 239; Baroni, 1937, 115; Baroni, 1944, 9, 10, 14, 43, 44, 47, 59, 63, 64, 71-84, 88, 90, 91, 97, 98, 100, 104, 105, 110-3, 116, 119, 120, 127-9, 153-162, 164; Baroni, 1955, 748, 754, 759, 761, 784, 785, 787, 792, 794, 802, 804, 812; Baroni2, 1955, 689-696, 721, 737, 763; Bellone, 1940, 178200; Bendiscioli1, 1957, 137, 183, 312; Bernareggi2, 1931, 1035; Biscaro, 1907, 394; Biscaro2, 1908, 302, 313, 319; Biscaro4, 1908, 517, 518; Biscaro, 1914, 98; Biscaro, 1930, 31; Cognasso, 1955, 15, 218; Dondaine, 1953, 71, 72, 98, 102, 110; Fassina, 1985, 121; Ferrari, 1974, 141-2; Franceschini, 1954, 163, 197, 256, 282, 319, 334, 370, 397, 398; Fumi, 1910-1911, 10, 24, 26, 27, 29, 55, 58, 76, 341, 370, 373; Gatti Perer, 1979, 475; Gengaro, 1957, 79-80; Gerosa Brichetto, 1973, 26; Gerra, 1964, 737-744; Grassi, 1966, 163, 345; Grassi, 1982, 488; Hinnebusch, 1973, 197, 198, 200, 202, 205, 211, 212, 219-220; Marcora2, 1959, 321, 337-340; Marcora, 1960, 264; Marcora2, 1961, 332-3; Meerseman, 1977, 761, 773, 789, 791, 826, 827, 889, 890, 905, 906, 941, 1014, 1143, 1255, 1261; Mezzanotte, 1958, 674; Mezzanotte2, 1959, 481, 506; Monneret de Villard, 1954-1955, 52; Natale, 1972, 484; Nicodemi1, 1958, 494, 496, 507, 512; Orsenigo, 1908-1910, 154; Palestra, 1971, 25, 35; Panizza, 1956, 171; Pellegrini3, 1910, 606; Petra Sala, 2004, 142; Reggiori, 1960, 650; Romanini1, 1959, 728, 739, 740, 742; Romanini2, 1959, 785; Salmi, 1955, 784, 794, 810, 845; Savio, 1915, 169; Scurati-Manzoni, 1968, 199-200; Settecento lombardo, 1991, 373-

47

374; Tea, 1941, 62-4; Tea, 1942, 59-63; Tea, 1959, 796, 809; Travi, 1997, 203, 222, 223, 226; Vincenti, 1960, 84, 88, 89; Wittgens, 1956, 753-8. V. ALCE, La tomba di S. Pietro Martire e la Cappella Portinari in S. Eustorgio di Milano. Notizie storico-critiche, Memorie domenicane, LXIX (1952), 3-34; C. ALZATI, Il culto per sant'Eugenio a Milano nella basilica di S. Eustorgio, DMi, XXIV (1983), 92-3; A. G. BERNSTEIN, Science and escatology in the Portinari Chapel, ArLo, 60 (1981), 33-40; U. BICCHI, Restauro di affreschi in S. Eustorgio a Milano, Bollettino d'arte, XXXIX (1954), 269-272; G. BISCARO, Il sogno di Paolino Brivio e la cappella di S. Pietro Martire presso S. Eustorgio, ASL, XXVIII, s. IV /15 (1911), 383-8; La cappella Portinari in Sant'Eustorgio a Milano, a cura di R. CIPRIANI..., Milano 1963; G. CONSOLI, Riscoperti in S. Eustorgio affreschi del Sassi (1737) del Rejnino (1781) e, forse, del Duchino (1590?), ArLo, X/2 (1965), 158-161; L. CREMA - S. MATALON, La cappella di San Tommaso d'Aquino in Sant'Eustorgio di Milano, Bollettino d'arte, XLIV (1959), 114-121; L. GREMMO, Il recuperato splendore della Cappella Portinari, Ca de Sass, 146-147 (2000), 16-21; R. LOENERTZ, Frre Jacques de Milan missionaire en Orient au XIIIe sicle, AFP, VIII (1938), 274-7, 281; F. MANDELLI, Rinnovata la chiesa di Sant'Eustorgio, DMi, XX (1979), 260-2; S. MATALON, Restauro della cappella di S. Martino in S. Eustorgio di Milano, ArLo, VII/1 (1962), 116-7; F. MAZZINI, Il restauro degli affreschi del Foppa nella cappella Portinari in S. Eustorgio, Bollettino d'arte, XXXVI (1951), 271-6; A. PALESTRA, Nuovi scavi alla metropoli romana, al cimitero paleocristiano e medioevale di S. Eustorgio, Ambrosius, XXXVIII (1962), 15-46; M. RONCHI, I dipinti della cappella viscontea, Citt di Milano, LXXVI (1959), 440 f. t.; M. RONCHI, La cappella di S. Martino, Citt di Milano, LXXVI (1959), 496 f. t.; M. RONCHI, Gli affreschi della cappella Portinari, Citt di Milano, LXXVI (1959), 628 f. t., 692 f. t.; M. RONCHI, L'affresco dei Re Magi, Citt di Milano, LXXVII (1960), 40 f. t.; S. SAMEK LUDOVICI, Vincenzo Foppa alla Cappella Portinari, Milano-Ginevra 1965; F. SANT'AGOSTINO, Pietro da Verona martire domenicano, le cui spoglie si venerano nell'insigne basilica di S. Eustorgio in Milano, Milano 1952; D. SANT'AMBROGIO, L'arca Torelli di Sant'Eustorgio dell'anno 1462, L'Osservatore Cattolico, XLV /2 (1908); D. SANT'AMBROGIO, L'arca di S. Pietro Martire in S. Eustorgio, Politecnico, LVIII (1910); G. SCOTTI, Alcune ipotesi di lettura per gli affreschi della Cappella Portinari alla luce degli scritti di S. Antonino vescovo di Firenze, ArLo, 64 (1983), 65-78; A. ZUCCHI, Ancora di Fr. Antonio Cattaneo da Milano, Memorie domenicane, LII (1935), 380. b) notizie: Alberzoni, 1985, 148; Beretta, 1939, 19; Borella, 1957, 187; Cattaneo, 1957, 259, 285; Valagussa, 1997, 199, 201. A. CALDERINI, Il fonte di S. Barnaba, DMi, I/3 (1960), 43; E. M., Per la storia dell'eresia in Lombardia nei secoli XIII-XIV, ASL, XXXIII, s. IV /5 (1906), 169; M. L. GATTI PERER, Il museo di Milano, DMi, XII (1971), 194-202; M. L. GATTI PERER, Una inedita immagine cateriniana a altre testimonianaze pittoriche nella basilica milanese di S. Eustorgio, ArLo, 1-2 (1988), 5-33; M. L. GENGARO, Un ignoto codice della Biblioteca Ambrosiana di Milano e i rapporti tra miniatura e pittura trecentesca lombarda, ArLo, VIII/2 (1963), 68, 69, 71; G. GEROLA, Le effigi dei Reali di Cipro in S. Eustorgio di Milano (Nozze Fanturi-Castellucci, Ravenna, 27.11.1930), Trento 1930; G. MEERSSEMAN, L'architecture dominicaine au XIIIe sicle. Lgislation et pratique, AFP, XVI (1946), 151, 152, 176, 186, 188; G. MEERSSEMAN, La prdication dominicaine dans les congrgations mariales en Italie au XIIIe sicle, AFP, XVIII (1948), 140; U. MONNERET DE VILLARD, La legenda di s. Eligio in Lombardia, ASL, XLVIII (1916), 628; A. MOSKOWITZ, Giovanni di Balduccios Arca di San Pietro Martire: Form and Function, ArLo, 1-2 (1991), 7-19; E. MOTTA, Chi furono gli scultori del monumento Torelli in S. Eustorgio a Milano?, ASL, XXXV, s. IV /9 (1908), 146-150; N. W. NEILSON, Daniele Crespis Annunciation for SantEustorgio, Milan, ArLo, 3-4 (1992), 42-44; F. NOVATI, Il De Magnalibus Mediolani ed una cronaca vestfagliese del Trecento, ASL, XLII (1915), 466, 468, 469, 471; L. PELLEGRINI, Mendicanti e parroci: coesistenza e conflitti di due strutture organizzative della cura animarum, in Francescanesimo e vita religiosa dei laici nel '200, Atti dell'VIII Convegno Internazionale (Assisi, 16-18 ottobre 1980), Assisi 1981, 149, 154; A. M. ROMANINI, L'architettura degli ordini mendicanti: nuove prospettive di interpretazione, Storia della citt, III/9 (1978), 7, 10; M. SALMI, La pittura e la miniatura gotica in Lombardia, SMT, IV, Milano 1954, 556; A. M. WALZ, Compendium historiae ordinis praedicatoris, Romae 1948, 138.

48

c) fonti e citazioni documentarie: Forte, 1960, 373 (1614 fe 22); Gatti Perer, 1964-1965, 195, 201; Gatti Perer, 1964-1965, 148, 151; Grazioli, 1906, 243; Locatelli Milesi, 1912, 77, 101; Magistretti, 1910, 560; Magistretti, 1918, 8; Marcora2, 1959, 256 (1247, 1255 mg 21), 260 (1304 nv 3), 265 (1402), 268 (1458 fe 20), 269 (1477 lu 1); Le pergamene milanesi, 1994; Razzi, 1971, 116-121; Rotondi, 1924, 201-5; Vigotti, 1974, 30, 56, 58, 88. C. BARONI, Un'opera ignorata dell'architetto Lazzaro Palazzi in Milano, Rivista d'arte, XXI (1939), 332-6, 336-8 (1488 mz 28), 338-9 (1485 lu 1). S. EUSTORGIO, domus de ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: fondata prima del 1224 ORDINE: Umiliate/ Agostiniane SOPPRESSIONE: nel 1238 ca. avvenne il trasferimento delle monache nella nuova sede di S. Maria delle Veteri. a) trattazioni specifiche: Alberzoni, 1981, 149-150. b) notizie: Cattaneo, 1961, 617. c) fonti e citazioni documentarie: Colombo2, 1960, 288; Zanoni L., 1911, 62-3, 194, 311 (1233 giu 30). S. FAMIGLIA ALLE VETERE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: loratorio gi annesso al convento delle Vetere preceduto da un portico a colonnine. Spogliato delle decorazioni barocche, ledificio accoglie due opere darte provenienti dal distrutto convento dellAnnunziata: un Crocefisso dei primi del Cinquecento e un gruppo ligneo policromo seicentesco dellAnnunciazione. UBICAZIONE ATTUALE: via Vetere a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 5.2 S. FAMIGLIA IN MORIVIONE ZONA: ORIGINE E VICENDE: di antiche origini, loratorio fu ampliato nel 1676. Chiesetta a nave unica appartenne ai Greppi. Conserva tele di non grande pregio e una pala marmorea raffigurante la Sacra Famiglia. UBICAZIONE ATTUALE: via Bernardino Verro a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 2.4 SS. FAUSTINO E GIOVITA ALLORTICA (SS. Nome di Maria) ZONA: Ortica ORIGINE E VICENDE: lOrtica era una localit posta sul confine del territorio suburbano dei Corpi santi con quello della pieve di Segrate, dove si rifugiarono i milanesi di Porta Orientale e di Porta Nuova dopo la distruzione della citt ad opera del Barbarossa (1162). Lintitolazione ai santi patroni di Brescia indicativa della presenza attiva dei bresciani nella ricostruzione di Milano avvenuta a partire dal 1167. La chiesa esisteva gi nel 1182, fu ricostruita nel 1519, ampliata nel secolo XVII e poi nuovamente nei primi anni del XX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: via Amadeo 90. a) trattazioni specifiche: Iosa, 1987, 534-537; 543-554, 631-635; Lupieri-Maderna, 1972, 3.5; Sarzi, 1987, 235-236; Valagussa, 1997, 192-193. W. PINARDI, SS. Faustino e Giovita e la loro chiesetta allOrtica, ArCr, 56 (1968), 372-379; D.SANTAMBROGIO, Recenti rinvenimenti a Lambrate, Rassegna dArte, 5 (1905), 109-110; T. VARISCO, Madonna delle Grazie allOrtica, Milano 1986. b)notizie: S. LEONDI, Cavriano e Ortica. Cenni di storia antica, Milano 1989. S. FEBRONIA ZONA: Porta Comasina

49

ORIGINE E VICENDE: nel 1645 ci fu la fondazione della chiesa da parte di Cesare Monti arcivescovo di Milano. ORDINE: Orsoline SOPPRESSIONE: 1784 a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 58-59; Ledoschowska, 1967, 208, 209, 248, 273; Sormani, 1760, 94; Spinelli, 1999, passim;Vigotti, 1972, 92, 93, 95. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 135; Cattaneo, 1958, 310. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 16. S. FEDELE (S. Maria in Solariolo) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: sullarea dellattuale chiesa di S. Fedele sorgeva fino dall853 la chiesetta di S. Maria in Solariolo, il cui titolo fu mutato tra il 1045 e il 1129 in quello di S. Fedele. Nel 1566 s. Carlo affid la chiesa di S. Fedele ai Gesuiti, e nel 1569 si inizi costruzione della nuova chiesa, sotto la direzione successivamente di Pellegrino Tibaldi, di Martino Bassi e di Francesco Maria Ricchino. ORDINE: Gesuiti SOPPRESSIONE: 1773 soppressione dei Gesuiti. Nel 1766 trasferimento del capitolo di S. Maria della Scala in S. Fedele, a seguito della distruzione della grande chiesa gotica per fare posto al nuovo omonimo teatro. Quasi completamente distrutta dai bombardamenti del 1943, la chiesa venne ricostruita nel 1946 ancora dai gesuiti (ritornati a Milano nel 1893). UBICAZIONE ATTUALE: piazza S. Fedele a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 113-133; Bartoli, 1776-1777, 160-161; Bascap, 1967, 36, 43, 63; Bombe sulla citt, 2004, 240-242; Borroni, 1808, 173-176; Bossi, 1818, 243-246; Dossi, 1963, 309-312; Dossi, 1970, 2, 10-23, 30, 31, 34, 39-41, 44, 45; Fiorio, 1985, 149155; Gualdo Priorato, 1666, 92-93; Latuada, 1737-1738, V, 366-374; Malaguzzi Valeri, 1901, 336-340; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 174-176; Pirovano, 1822, 227-231; Pellegrino Tibaldi, 1990; Ponzoni, 1930, 292-8; Studi di storia locale, 1983, 35; Torre, 1674, ed. 1714, 276-278; Vigotti, 1974, 56-57 S. DELLA TORRE R. SCHOFIELD, Il cantiere di S. Fedele: introduzione ai nuovi documenti, in Larchitettura della Compagnia di Ges in Italia, XVI-XVIII secolo, Atti del convegno (Milano 1990), Genova 1992, pp. 265-270; ID., Pellegrino Tibaldi architetto e il S. Fedele milanese. Invenzione e costruzione di una chiesa esemplare, Milano 1994; L. DOSSI, Il San Fedele di Milano, Milano 1963; L. DOSSI, San Fedele di Milano, DMi, IV (1963), 497-505; L. DOSSI - A. SCURANI, Storia e arte in San Fedele a Milano, Milano 1976; E. M., Un regolamento postale milanese del 1535-36, ASL, XXXIII, s. IV/5 (1906), R. HASLAM, Pellegrino Tibaldi and the design of S. Fedele, ArLo, 42-43 (1975), 124-153; L. MAINO, I gesuiti di S. Fedele e l'Assistenza Malati Poveri, Milano 1980; C. MARCORA, I Confessionali della chiesa di S. Fedele in Milano, DMi, IX, Milano 1968, 492-5; V. MOCCAGATTA, L'glise des Saints-Martyrs de Turin, in Congrs archologique du Pimont (1971), Paris 1978, 42-9; G. MORAZZONI, La biblioteca dei Gesuiti, Milano, LV (1939), 368-372; A. M. PEDROCCHI, Il coro della chiesa di S. Fedele in Milano, ArLo, 65 (1983), 89-92; A. PERONI, Contributi al Pellegrini architetto: la ricostruzione di S. Maria di Puria e il San Fedele di Milano, ArLo, III/2 (1958), 84-97. b) notizie: Anonimo, 1931, 502-6, 511, 512; Bardeaux, 1938-1942, 133, 428, 206; Baroni, 1941, 128; Barzaghi, 1905, 94; Bendiscioli1, 1957, 162, 172; Bendiscioli2, 1957, 401, 413, 448; Bernareggi, 1926-1929, 125-6; Bernareggi, 1929, 202; Bernareggi1, 1931, 682, 683; Buratti, 1991; Calvesi, 1954, 115, .119, 120, 124, 125, 127, 131; Castellani, 1930, 486, 5325, 538; Castiglioni, 1932, 94, 95, 131; Cattaneo, 1955, 35, 96; Cattaneo, 1958, 284, 321; Cazzani, 1975, 10; DellAcqua, 1957, 719, 720; DellOmo, 1991; Fiocco, 1938, 167; Genero, 1982, 501, 503; Gengaro1, 1936, 5, 6; Gengaro2, 1936, 203; Gerra2, 1969, 360; Gerra5, 1969, 568; Grassi, 1966, 345, 405, 412-4, 435; Marcora1, 1967, 239; Mezzanotte, 1952, 85; Mezzanotte, 1957, 590, 595, 600-2, 629; Mezzanotte, 1958, 456; Nicodemi, 1957, 818; Nicodemi2, 1958, 545, 546; Oltrona Visconti, 1959, 199; Orefice, 1985, 16; Orsenigo, 19081910, 156, 396; Pellegrini, 1909, 165; Pellegrini1, 1910, 403; Pellegrini2, 1910, 436;

50

Romanini1, 1959, 731, 746; Romanini2, 1959, 779; Rosa, 1630, 1957, 838-840; Santagostino, 1671, ed. 1980, 12, 63, 97; Sebastiani, 1970, 903; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 28, 29; Vigotti, 1974, 57; Vincenti, 1960, 84; Visconti, 1909, 415, 423; Zanoni B., 1950, 99. E. CATTANEO, Il coro ligneo di S. Maria della Scala in S. Fedele, Milano 1980, 33-44; A. M. FIOCCHI, La Madonna di S. Fedele in Milano, Milano 1954; A. M. FIOCCHI, Antichissima effige della Madonna del Patrocinio venerata nella cappellina presso la chiesa di S. Fedele, Milano 1954; 428; W. PINARDI, Restauri pittorici nella chiesa di S. Fedele a Milano, ArCr, LXX (1982), 67-70; P. PIRRI, Il P. Achille Gagliardi, la dama milanese, e la riforma dello Spirito e il movimento degli zelatori, AHSI, XIV (1945), 8, 9, 17, 31, 36, 39, 57-8; P. PIRRI, Intagliatori gesuiti italiani dei secoli XVI e XVII, AHSI, XXI (1952), 35-9, 41, 44, 53-9. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Ornato Fabbriche, II, cart.31, P.G. 2466, Archivio Soprintendenza ai Beni artistici e storici, Milano, San Fedele; Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 11; Filippini, 1932, 179, 180; Gatti Perer, 1964-1965, 188, 190, 192, 197; Giulini, 1917, 358; Maderna, 1980, 47; Magistretti, 1918, 13; Santoro, 1939, 83. ANON., Notizie milanesi degli anni 1565-1570, ASL, XXXVI, s. IV / 11 (1909), 263. S. FELICE, domus de v. S. Pietro sul Dosso. S. FELICIANO v. S. Primo e S. Feliciano. S. FERMO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Forse riferibile a quellaula mosaicata paleocristiana ritrovata fra via Olmetto e via Amedei, presso vicolo S. Fermo, risultata appartenente a un edifico con pi fasi costruttive, formatosi allinterno di una domus signorile romana: mantenutosi come luogo devozionale, questo oratorio sarebbe poi diventato chiesa dedicata a S. Fermo, ora del tutto scomparsa; il Torre ne ricorda la fronte, ricostruita (XVII sec.) da G. B. Paggi, credibilmente in conformit alla nota sigla controriformista. [DCA, II, 1988, 1197] a) trattazioni specifiche: Milano ritrovata, 1986, 147, 153 n. 29, 335; Rotta, 1891, 77 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666; Gambi-Gozzoli, 1982, did. 15ch 5 SS. FERMO E RUSTICO ZONA: tra Lambrate e Ortica nella localit conosciuta come Cascine Doppie ORIGINE E VICENDe: Il modesto oratorio appariva improvvisamente tra gli alberi, in piena campagna, e vi si giungeva per una strada suburbana, tra sambuchi e robinie, strada poi divenuta lattuale via Nino Bixio, e poi per un sentiero, che si allargato fino a costituire quella che oggi la via Pascoli. Loratorio serviva alla popolazione delle Cascine Doppie, le quali furono prima sotto la giurisdizione spirituale di S. Babila e poi fino al 1900 sotto quella di S. Francesca Romana; passarono quindi a far parte di quella del SS. Redentore. [Bagnoli, III, 75] Il piccolo edificio fu abbattuto nel 1919 nel corso dei lavori per ledificazione di Citt Studi. a) trattazioni specifiche: Bagnoli, 1965, III, 75. S. FILIPPO APOSTOLO IN BURGO AZARUM ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: il Liber notitiae fa riferimento a questa piccola chiesa situata in prossimit di S. Agata in burgo azarum (v.). b) notizie: Vigotti, 1974, 57. S. FILIPPO E S. GIACOMO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: fondazione della chiesa antecedente al 1398 ORDINE: Benedettine

51

SOPPRESSIONE: nel 1560 ci fu il trasferimento delle monache al monastero del Bocchetto, e nel 1569 la distruzione del monastero a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 604-6. b) notizie: Cattana, 1980, 104; Schuster, 1946, 10. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Beretta, 1939, 11; Chabod, 1971, 241, 378 (1521 mg 21); Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 329-330, 480-2 (1533 dc 3 e 4); Vigotti, 1974, 30, 57. SS. FILIPPO E DONATO ZONA: fuori Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: chiesetta di origine altomedievale, completamente rimaneggiata nel XVI secolo e inserita nel contesto del complesso agricolo padronale risalente al XV e XVI secolo noto come Cascina Molinazzo, distrutto negli anni Sessanta-Settanta del XX secolo a fini di speculazione edilizia. UBICAZIONE ATTUALE: via Martinetti angolo via Molinazzo a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 7.4 b) notizie: Nebbia, 1909; Relazione della Commissione, 1925, 479; Bagnoli, 1965 I, 123124; Lang, 1972, 419; Sarzi, 1987, 331. SS. FILIPPO E GIACOMO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa apparteneva a una confraternita di Disciplini. SOPPRESSIONE: soppressa nel 1786 fu incorporata nella casa Melzi in via Manzoni 40 a) trattazioni specifiche: Gualdo Priorato, 1666, 95; Forcella2, V, 1889, 141 SS. FILIPPO E GIACOMO DI NOSEDO (S. Giorgio) ZONA: Nosedo ORIGINE E VICENDE: la chiesetta gi menzionata anche se con diverse titolazioni a partire dal VI secolo, e con particolare attenzione nelle carte chiaravallesi del XIII secolo, conserva affreschi datati alla seconda met del Trecento. a) trattazioni specifiche: Lupieri-Madera, 1972, 2.6 b) notizie: Iosa, 1986, 164-169; Sarzi, 1987, 258 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 309. S. FILIPPO NERI (Presentazione di Maria Vergine, S. Filippo al Molinazzo) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: nel 1622 Federico Borromeo fonda chiesa e monastero nellattuale via S. Barnaba. ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1810. Il complesso fu utilizzato prima come collegio femminile poi come caserma di artiglieria, il che permise la sopravvivenza della chiesa sino agli inizi degli anni Trenta del secolo scorso quando fu distrutto per lasciare spazio al nuovo Palazzo di Giustizia. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 104; Borroni, 1808, 50-51; Bossi, 1818, 67; Castiglioni, 1931, 194-5; Forcella2, I, 1889, 319-322; Latuada, 1737-38, I, 276-280; Zucchi, 1989, 262-263 (con bibliografia e ill.). A. SPIRITI, Per San Filippo Neri: arte e architettura a Milano fra Sei e Settecento, 2 (1996), 45-51. b) notizie: Baroni, 1937, 109, 110; Bartoli, 1776-1777, 161; Caizzi, 1958, 351; Chiapponi, 1995, passim; Forcella1, 1889, 664; Fustella, 1966, 109; Gengaro1, 1936, 7, 9, 10; Gerra1, 1969, 252; Grassi, 1964, 144; Grassi, 1966, 267; Gualdo Priorato, 1666, 49; Marcora, 1964, 207; Martelli, 1984, 71-3; Mezzanotte-Bascap, 1958, 483; Mezzanotte, 1958, 447; Omazzi, 1991, passim; Orefice, 1985, 16; Sebastiani, 1982, 206, 209, 217, 218; Spinelli, 1999, passim, Tea, 1959, 798.

52

c) fonti e citazioni documentarie: Milano, Archivio alla Soprintendenza ai beni ambientali e architettonici: rilievi e fotografie di C. Calzecchi Onesti; A.S.C. M., Raccolta Bianconi, tomo X; Castiglioni, 1948-1949, 249; Flumiani, 1927, 576. S. FRANCESCA ROMANA ZONA: fuori Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la prima pietra della chiesa fu posta nel 1662 sul luogo dove gi sorgeva una piccola cappella anchessa dedicata a s. Francesca Romana affidata ai frati agostiniani. Ridotta a magazzino con larrivo dei francesi fu riparata nel XIX secolo e ingradita nel XX. ORDINE: Agostiniani SOPPRESSIONE: 1787. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Francesca Romana a) trattazioni specifiche: Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 510-511. Atlante del Barocco lombardo, 1997; Tatti, 1844, II, 387-388. V. CAVENAGO, Santa Francesca Romana. Storia di una parrocchia di Milano, Milano 1998; C. MARCORA, La Madonna di Montserrato a Milano, Diocesi di Milano, 5 (1964), 304-305; G.S. UBERTI, La Madonna di Montserrato nella Chiesa prepositurale di S. Francesca Romana con brevi cenni storici sulla chiesa stessa e sulle sue venerate patrone, Milano 1914 b) notizie: Sarzi, 1987, 49. S. FRANCESCO DI PAOLA (S. Anastasia) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1675 ci fu linsediamento dei Minimi presso la chiesetta di S. Anastasia che sorgeva sul corso di Porta Nuova (attuale via Manzoni) allangolo con lattuale via Montenapoleone. Nel periodo tra il 1728 e il 1735 ci fu la costruzione di chiesa e convento di S. Francesco di Paola. ORDINE: Padri Minimi conventuali SOPPRESSIONE: 1804 UBICAZIONE ATTUALE: via A. Manzoni a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 411-414; Borroni, 1808, 165-166; Bossi, 1818, 232233; Fiorio, 1985, 156-159; Forcella2, 1889, 147-149; Latuada, 1737-1738, V, 323-327; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 463; Ponzoni, 1930, 407-410; Sormani, 1760, 157158; Studi di storia locale, 1983, 35-6; Varischi, 1978-1979, 900-2. s.a. (A.F.). Facciata della chiesa di S. Francesco da Paola in Milano, Edilizia Moderna, aprile (1893), 30-31; La parrocchia prepositurale di S. Francesco di Paola in S. Anastasia - Milano, Milano 1965. b) notizie: Bianconi, 1787, 412; Gerra2, 1969, 359, 360; Gerra4, 1969, 563-4; Grassi, 1966, 66, 67, 117; Gualdo Priorato, 1666, 89; Lanzi, 1831, XII, 58; Latuada, 1737-1738, V, 177; Mezzanotte, 1958, 661, 663; Mezzanotte2, 1959, 509; Panizza, 1956, 172; Pellegrini3, 1910, 605; Roberti, 1902-1922, 172; Roberti, 1902-1922, 239; Romanini1, 1959, 740, 760; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 75; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 28, 62, 63; Tea, 1959, 804, 819; Torre, 1674, ed. 1714, 267. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione p.a., cartt. 1176, 1177, 1179, 1182, 1193, 1198; Amministrazione, p.m., cartt. 1184, 1526, 1527, 1527bis; Fondo Culto, p.a., cart. 1505; A.S.C.M., Ornato Fabbriche, II, cartt. 29, 30; Civico Gabinetto dei Disegni, Fondo Amati, c. 96-140, D 49. S. FRANCESCO DI SALES v. S. Maria della Pace. S. FRANCESCO GRANDE (SS. Nabore e Felice) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Negli anni Trenta del Duecento, i francescani, giunti da poco a Milano,

53

presero dimora nellantica basilica dei SS. Nabore e Felice risalente allet del tardo impero, poi definitivamente loro assegnata in custodia nel 1256 da papa Alessandro IV, gi cardinale protettore dellordine francescano. Come scrive il Fiamma, nel 1233 i frati minori iniziarono con molte probabilit a costruire una nuova chiesa a tre navate con pilastri in cotto, copertura a capriate a vista e poco pi alta della basilica preesitente di cui ricalcava lasse. Dopo il 1256 le due fabbriche furono unite in una e intorno al 1272 fu innalzato un alto campanile; dopo il 1300, grazie a una donazione, si pot costruire una cappella absidale e fu aperto un grande rosone sulla fronte. [DCA, III, 1989, 1278] Tra il Duecento e il Quattrocento furono edificati anche i chiostri conventuali nellarea compresa tra le attuali vie S. Agnese, Nirone, S. Valeria e largo Gemelli. Dopo il crollo della parte pi antica della fabbrica, quella anteriore, avvenuta nel 1688, si procedette alla ricostruzione tra il 1689 e il 1697. ORDINE: Francescani conventuali SOPPRESSIONE: 1798 trasformazione del convento in magazzino militare a) trattazioni specifiche: Alberzoni, 1981, 145, 148, 152-6, 158; Alberzoni, 1983, 63-7; Alberzoni, 1991; Bartoli, 1776-1777, 161-162; Bianconi, 1787, 278-283; Biscaro, 1912, 168, 171-3; Borroni, 1808, 112-113; Bossi, 1818, 159-160; Cattaneo, 1961, 540, 591, 621-8; Dallaj, 1983, 528-533; Ferrari2, 1979, 430-451; Fiorio, 1985, 57-59; Forcella2, III, 1889, 65183; Giulini, 1916, 315-6; Gualdo Priorato, 1666, 74-75; Latuada, 1737-38, IV, 222-247; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 348-349; Milano: le chiese scomparse, 1997, 142168 (con bibliografia); Patetta, 1987, 75-82; Romanini, 1954, 470-481, 509; Romanini, 1964, 80-4; Sormani, 1760, 62-66; Torre, 1674, ed. 1714, 187-194; Vigotti, 1974, 79-80 L. BELTRAMI, Cimeli dispersi della chiesa di S. Francesco Grande in Milano (nozze MezzanotteGallone), Milano 1913; A. CALDERINI, Indagini intorno alla chiesa di S. Francesco Grande in Milano, Rendiconti del Reale Istituto Lombardo di Scienze e Lettere. Classe di Lettere e Scienze morali e storiche, LXXII (1939-1940), 97-132; A. CALDERINI, Documenti inediti per la storia della Chiesa di S. Francesco Grande in Milano, Aevum, XIV (1940), 197-230; A. CALDERINI, La Basilica milanese dei SS. Nabore e Felice, Ambrosius, XVI (1940), 135-170; E. CATTANEO, Il culto dei santi Nabore e Felice e le vicende delle loro reliquie, Ambrosius, XXXVI (1960), 97-134; E. MOTTA, Il necrologio del convento di S. Francesco in Milano, ASL, XXXIII, s. IV/5 (1906), 171-3; F. NOVATI, Di un chiostro di S. Francesco Grande e di chi l'aveva costruito, Bullettino dei Civici Musei artistico e archeologico, V/5 (1910), 27-30; P. SEVESI, Innocenzo IV ordina di dare ai Frati Minori la chiesa dei Santi Nabore e Felice, AFH, XXI (1928), 401-3; D. SPARACIO, Il primo convento di S. Francesco in Milano ed i suoi abitatori, Miscellanea franciscana, XXIV (1924), 150-4. b) notizie: Alberzoni, 1982, 218-220, 222-4, 226, 228, 239; Alberzoni, 1985, 137-140, 142, 145-155, 160, 163; Alberzoni, 1993; Bardeaux, 1938-1942, 134; Baroni, 1941, 101; Baroni, 1944, 73, 90; Biscaro, 1907, 388; Biscaro4, 1908, 519; Biscaro, 1909, 385; Biscaro, 1913, 215; Biscaro, 1914, 72, 90, 98-101; Calufetti, 1980, 229-234; Carlevaro, 1982, 116; Cattaneo, 1955, 21, 124-6, 134; Cattaneo, 1958, 322, 331; Demolli, 1938-1940, 188, E.M., 1907, 260; Fassina, 1985, 115, 208; Franceschini, 1954, 200, 375; Fussenegger, 1958, 473; Fustella, 1966, 111, 113, 127, 134, 136; Fustella, 1968, 33; Fustella, 1970, 232; Gerra, 1964, 185-6, 219-220; Grassi, 1966, 239; Ildefonso da Como, 1926, 129-131; Latuada, 1737-1738, IV, 226-256; Marcora, 1954, 256; Marcora, 1955, 247; Marcora, 1960, 284; Martegani, 1968, 58; Mezzanotte, 1952, 86; Mezzanotte, 1958, 451; Mezzanotte2, 1959, 480, 481, 506; Mezzanotte, 1966, 105, 182; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 675-677; Mosconi, 1967, 520; Mosconi, 1980, 100, 102; Natale, 1972, 484; Nicodemi, 1957, 799; Nicodemi1, 1958, 483; Oltrona Visconti, 1959, 199; Oltrona Visconti, 1978, 54; Orefice, 1985, 16; Panizza, 1956, 172; Pellegrini2, 1910, 435, 436; Reggiori, 1960, 652; Rotta, 1891, 113-114; Santagostino, 1671, ed. 1980, 44-45; Sevesi, 1906, 10, 11, 14, 24; Sevesi, 1914-1916, 54, 56; Sevesi, 1915-1920, 56-60, 64, 66-71; Sevesi, 1927, 86-89; Sevesi, 1944, 105; Sevesi, 1954, 62; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 20, 58; Snow-Smith, 1983, 154; Soldati ForcellaAntico Gallina, 1979-1980, 99, 112; Vallini, 1966-1968, 503; Vittani, 1912, 126; Zanoni L., 1911, 218, 258. ANON., Musica in S. Francesco di Milano nel secolo XV, ASL, XXXIX, s. VI/17 (1912), 421-2; L. BESOZZI, Pietro Besozzi negli atti notarili del suo tempo, ASL, XCVIII-C (1971-1973), 274,

54

275, 281; G. BISCARO, La Commissione della Vergine delle roccie a Leonardo da Vinci secondo i documenti originali (25 aprile 1483), ASL, XXXVII, s. IV/13 (1910), 125-161; E. BRUNING, Missa S.P.N. Francisci in liturgia ambrosiana, AFH, XX (1927), 41; P. DE VECCHI, Iconografia e devozione dell'Immacolata in Lombardia, in Leonardo e Zenale. Tradizione e rinnovamento della pittura in Lombardia, Milano 1982, 65-6, 254-6; S. FASOLI, I Minori di S. Francesco Grande di Milano nei testamenti rogati in loro favore (prima met del secolo XV): riflessioni e spunti, in Francescanesimo, 43-7; S. GIEBEN, Confraternite e penitenti dell'area francescana, in Francescanesimo e vita religiosa dei laici nel '200, Atti dell'VIII Congresso Internazionale (Assisi, 16-18 ottobre 1980), Assisi 1981, 181; D. SANT'AMBROGIO, Una lettera inedita di s. Carlo a proposito della cappella della Concezione di S. Francesco in Milano, ASL, XXIX, s. III/17 (1902), 146-8. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Archivio diplomatico, Pergamene per fondi, San Francesco Grande, cartt. 405-412, Religione, p. a., San Francesco Grande, cartt. 1144-1174; Religione, p. m., Conventi, Milano, 1862; Bolle e brevi; Beretta, 1939, 9; Borella, 1957, 187; Cattaneo, 1957, 259, 285; Flumiani, 1927, 561; Magistretti, 1910, 549, 553, 560; Magistretti, 1918, l0; Marcora2, 1961, 332, 488 (1564 lu 15), 509 (1564 ag 26), 545 (1564 dc 9); Noto, 1962, l0, 26, 79 (1460 fe 11); Rotondi, 1924, 202; Santoro, 1939, 53; Sevesi, 1935, 204 (1466 nv 25), 205 (1466 dc 11), 497 (1467 giu 8); Sevesi, 1936, 45 (1531 ap 25); Solmi, 1907, 304-5; Thomson, 1971, 453, 457, 488, 500, 530, 539; Valente, 1923, 470; Vigotti, 1974, 30, 58, 80. M. BRUNETTI, Nuovi documenti Viscontei tratti dall'Archivio di Stato di Venezia. Figli e nipoti di Bernab Visconti, ASL, XXXVI, s. IV/12 (1909), 41, 77 (1399 lu 31); A. Giulini, Una bolla arcivescovile in favore di Margherita Pusterla, ASL, XXXVI, s. IV/12 (1909), 558-9 (1337 fe 13); A. MERCATI, Complementi al Bullarium Franciscanum, AFH, XLIII (1950), 350 (1400 mz 5); P. SEVESI, Documenta hucusque inedita saeculi XIII pro historia almae Fratrum Minorum Provinciae Mediolanensis, AFH, IV (1911), 259 (1237 fe 12), 261 (1248 dc 29), 262 (1250 nv 22), 263 (1253 nv 22), 264 (1272 fe 5), 265 (1251 mg 30), 266 (1251 set 5), 267 (1256 lu 4, 1258 giu 6), 268 (1259 ap 30), 656 (1247 mz 29), 657 (1247 ap 24), 658 (1255 fe 5, 1255 fe 5), 659 (1255 fe 5), 660 (1255 lu 24, 1256 mz 7), 661 (1257 ge 15),662 (1260 giu 15, 1260 giu 16), 663 (1259 ot 17, 1260 ge 17), 665 (1260 fe 3), 666 (1260 fe 6, 1260 giu 2), 667 (1261 mz 5), 668 (1269 ge 3), 670 (1289 giu 18); P. SEVESI, Tavola capitolare della provincia dei Minori Conventuali di Milano redatta nel 1498, AFH, XXIV (1931), 188. SS. GABRIELE E BIAGIO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: [] vera una chiesa collegiata dedicata col tittolo di San Gabriele e San Biagio, e la sua Canonica era posta allincontro degli scalini del Duomo, onde sino al giorno dhoggi da molti quelle case sono dette della Canonica. Questa chiesa aveva un Arciprete et dodici Canonici et vivevano in comune et erano nominati Decumani, et era la prima Canonica di Milano. Con questo titolo de Decumani, nella chiesa del Duomo ne risiedono ancora oggid quattri, i quali per la memoria antica del titolo della Chiesa, celebrano ancora solennemente nel Duomo la festa di San Biagio. [P. Morigi, Il Duomo di Milano, Milano, 1597, 3] b) notizie: Cattaneo, 1954, 670, 714. S. GEROLAMO AL CASTELLAZZO ZONA: Castellazzo ORIGINE E VICENDE: la congregazione spagnola dei Gerolamiti sorta in Spagna nel secolo XIV, fond a Milano nel 1401 la chiesa di S. Gerolamo con annesso monastero. Nel 1489, i frati del Castellazzo ottennero la parrocchia cittadina dei SS. Cosma e Damiano alla Scala che tennero fino al 1642. Nella chiesa conventuale fu sepolto larcivescovo Francesco Piccolpasso (14351443). ORDINE: Gerolamiti SOPPRESSIONE: durante la Repubblica Cisalpina (1797-1802). Qualche avanzo dellantico convento ancora visibile in via Campazzino (Sarzi). a) trattazioni specifiche: Sarzi, 1987, 271-272; SMT, IX, 656-659.

55

S. GEROLAMO v. S. Girolamo. S. GIACOMO (alla Fossa) (S. Giacomo di Zebedeo) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: situato in corrispondenza dellattuale teatro Manzoni, e gi menzionato dal Liber notitiae fu oratorio appartenente a una confraternita di Disciplini. SOPPRESSIONE: soppresso e distrutto nel 1786 a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-38, V, 313-318; Sormani, 1760, 147-148; Vigotti, 1974, 59-60 b) notizie: Forcella1, III, 1889, 660. S. GIACOMO A PORTA COMASINA v. S. Filippo e S. Giacomo. S. GIACOMO DE RAUDE (S. Giacomo di Alfeo) ZONA : Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa sorgeva nel groviglio di viuzze demolito alla fine del XIX secolo per fare posto al vecchio palazzo di giustizia e alla via Felice Cavallotti. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 59 b) notizie: Cattaneo, 1954, 717; Giulini, 1760, III, 456 c) Liber notitiae, col 176 A S. GIACOMO DELLE SPAGNOLE ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa apparteneva al collegio delle Vergini spagnole, fondato nel 1578 da don Antonio Guzman, marchese di Ajamonte e governatore di Milano, per accogliere le orfane di ufficiali e soldati spagnoli. Situato di fronte alla chiesa di S. Nicolao (nellattuale omonima via) il tempio fu iniziato da Francesco Maria Ricchino nel 1607. SOPPRESSIONE: 1786 e distruzione della chiesa. b) notizie: Bartoli, 1776-1777, 221; Forcella1, III, 1889, 656; Grassi, 1966, 289; Gualdo Priorato, 1666, 76; Latuada, 1737-38, IV, 368-372 Martelli, 1984, 76, 78; Sormani, 1760, 5556; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. C. M., Raccolta Bianconi S. GIORGIO AD S. AMBROXIUM MAIOREM ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: insieme alle chiesette di S. Bartolomeo e S. Satiro, ancora visibili allepoca del Liber notitiae (XIII secolo), anche S. Giorgio fu pi tardi inglobata nella basilica ambrosiana. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 60. S. GIORGIO AL PALAZZO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: secondo la tradizione la chiesa fu fondata nel 750 da s. Natale vescovo di Milano, e ricostruita in et romanica con consacrazione avvenuta il 15 gennaio 1129; tra il XIII e il XVI secolo la basilica si arricch di cappelle laterali. Modifiche consistenti furono apportate nel XVII secolo su disegno del Ricchino, e poi nella seconda met del XVIII secolo (scalinata esterna) e nel XIX secolo (campanile). UBICAZIONE ATTUALE: piazza S. Giorgio a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 177; Bianconi, 1787, 252-253; Borroni, 1808, 9899; DCA, III, 1434-1440; Forcella2, 1889, I, 263-280; Id., 1895, 54, 56, 66, 69, 70; Gualdo

56

Priorato, 1666, 69-70; Latuada, 1737-1738, III, 121-131; Malvezzi, 1882, 260-262; Mezzanotte-Bascap 1948, ed. 1968, pp. 108-110; Milano ritrovata, 1986, 463-472 (con bibliografia); Mongeri, 1872, 303-305; Morigia, 1641, 75-77; Occhipinti, 2001, 177-194; Sacco, 1655, 8-12; Santagostino, 1671, ed. 1980, .39; Sormani, 1760, 10-11; Torre, 1674, ed. 1714, 131-134; Vigotti, 1974, 60; Villa, 1627, 194-203. G. COLOMBO, S. Giorgio al Palazzo di Milano: guida descrittiva con note storiche, Milano 1968; A. GRECO, Note storiche sulla chiesa di S.Giorgio in Palazzo di Milano nel Medioevo, ACME, 13 (1959); C. MARCORA, S. Giorgio al Palazzo: note illustrative, Milano 1969; F. REGGIORI, La basilica di S. Giorgio in Milano, Per larte sacra, maggio-giugno (1925), 67-83; A. TAMBORINI, S. Giorgio al Palazzo, Milano 1928; D. ZARDIN, Solidariet di vicini. La confraternita del Corpo di Cristo e le compagnie devote di S. Giorgio al Palazzo tra Cinque e Settecento, ASL, CXVIII (1992), 361-404. b) notizie: Arslan2, 1954, 496; Arslan3, 1954, 557; Allegranza, 1757; Bianconi, 1787, 252; Bartoli, 1776-1777, I, .177; Bossi, 1818,. 139; Calderini1, 1953, .554; Forcella1, 1889, .346; Forcella-Seletti, 1897, 257; Gatti Perer, 1964, 218; Gatti Perer, 1995, Giulini, 1760, .188; Jullian, 1945, .88; Kummer, 1974; Lucco, 1974, 41-55; Mall, 1969, .223; Petra Sala, 2004, 149; Porter, 1916, .629; Sacro e profano, 1975; .25; Tea, 1951, 46; Travi, 1997, 228. G. COLOMBO, Lepitaffio di S. Natale in S. Giorgio al Palazzo di Milano, Ricerche storiche sulla chiesa Ambrosiana, 7 (1977), 26-31; P. VENTURELLI, Laltare maggiore di Francesco Croce in San Giorgio al Palazzo di Milano, ArCr, LXXXIV (1996), 270-274. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, .a., Capitoli, .cartt. 243, 246, 247, 258. A.S.D.M., Sez. III, Spedizioni diverse, pacco 23; A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo VII, f. 21; Ornato Fabbriche, II s., 224, P.G. 9782, 30, P.G. 35276; Biblioteca Ambrosiana, codice pergamenaceo, XIII secolo, A 2 inf; Il cardinale Giuseppe Pozzobonelli e gli atti della visita pastorale nella collegiata di San Giorgio al Palazzo in Milano (1779), a cura di Maria Luisa Gatti Perer ; trascrizione e traduzione di Gabriella Marelli ; con un dizionario onomastico toponomastico e illustrativo redatto da Ambrogio Palestra, Milano 1970; V. CAPRARA, Documenti settecenteschi per S. Giorgio al Palazzo, Archivio Storico Lombardo, 16 (1984), 273-283; G. FIAMMA, Chronicon Maius (a cura di A. Ceruti), Milano 1869, 16; L. ZAGNI, Le pergamene del secolo XII della chiesa di S. Giorgio al Palazzo conservate presso lArchivio di Stato di Milano, Milano 1988. S. GIORGIO AL POZZO BIANCO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: A sinistra dellattuale via S. Pietro allOrto, entrando da corso Vittorio Emanuele, era situata lantica parrocchiale di S. Giorgio Alemanno, dal nome dellarcivescovo che la benefici [] La chiesa fu poi detta di S. Giorgio al pozzo bianco, dal pozzo che si trovava in uno spiazzo antistante []. [DCA, III, 1989, 1440] La chiesa fu soppressa e distrutta durante il regno di Giuseppe II. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-38, I, 183-186; Forcella2, 1889, I, 109-112; Vigotti, 1974, 60 b) notizie: Bognetti2, 1954, 838-840; Gualdo Priorato, 1666, 49. S. GIOVANNI ALLA CANONICA v. S. Giovanni Battista al Seminario. S. GIOVANNI ALLA VIPERA (S. Giovanni Battista ad vevram) ZONA: fuori Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa, menzionata dal Liber notitiae, posta in prossimit del Foppone di Porta Vercellina non esisteva pi allepoca del Latuada (1738), ma ancora nel 1651 era ricordato un cappellano regio-ducale della chiesa di S. Giovanni ad viperam. E probabile del resto che vipera sia la corruzione popolare per il toponimo del corso dacqua chiamato Vepra. ORDINE: Padri Cappuccini a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-38, IV, 340-341; Vigotti, 1974, 64.

57

S. GIOVANNI ALLE FONTI (S. Giovanni Battista ad fontes) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: ledificio battesimale risultava gi esistente alla morte di s. Ambrogio (379) ed era collocato dietro la basilica che prese il titolo di S. Tecla, rispetto alla quale il battistero si collegava direttamente attraverso un ambulacro. Insieme allattiguo battistero di S. Stefano fu abbattuto alla fine del XIV secolo nel corso dei lavori per la costruzione della nuova cattedrale. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1444; Vigotti, 1974, 63 E. CATTANEO, Appunti sui battisteri antichi di Milano, Rendiconti dellIstituto lombardo di scienze e lettere, 103 (1969), 849-864; C. FERRARI DA PASSANO, Le origini lombarde del Duomo. Ritrovamenti avvenuti nella Sacrestia Aquilonare e nel tornacoro durante i lavori di restauro. 1965-1973, Milano 1973; C. FERRARI DA PASSANO, Il battistero di S. Giovanni alle Fonti, in SantAgostino nel Duomo di Milano, Milano 1987, 25-28; M. MIRABELLA ROBERTI A. PAREDI, Il battistero ambrosiano di San Giovanni alle Fonti, Milano 1974 b) notizie: Fassina, 1985, 209; Krautheimer, 1986, 204; Traversi, 1964, 121-122. S. GIOVANNI BATTISTA A PORTA NUOVA v. S. Giovanni Romito. S. GIOVANNI BATTISTA AL GONFALONE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: loratorio era situato nellodierna via Francesco Sforza allangolo con corso di Porta Vittoria. SOPPRESSIONE: 1786, e sua distruzione. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1444-1445 b) notizie: Bartoli, 1776-1777, 178; Forcella1, 1889, III, 649; Gualdo Priorato, 1666, 49; Latuada, 1737-1738, I, 247; Mostra del Cerano, 1964, 64-65; Santagostino, 1671; 13 TRIARCA FABRIZI E., Simone Durello incisore lombardo (1641-1719), Rassegna di studi e notizie, 13 (1986), 720 S. GIOVANNI BATTISTA AL NAVIGLIO v. S. Giovanni Battista in Viarena. S. GIOVANNI BATTISTA AL SEMINARIO (domus de Porta Orientali, S. Giovanni alla Canonica) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: fondazione anteriore al 1251 ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: nel 1565 su ordine di s. Carlo ci fu la distruzione di chiesa e monastero per permettere la costruzione del Seminario. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 640; Cattaneo3, 1984, 133-7. b) notizie: Baroni, 1931, 930-2; Gerosa Brichetto, 1973, 72; Gualdo Priorato, 1666, 49; Marcora2, 1959, 349-352; Santoro, 1968, 83; Schuster, 1946, 1-2. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 15; Castiglioni, 1960, 12; Laurent, 1949, 378; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 19, 31, 62, 67; Zanoni L., 1911, 14, 15, 139, 296 (1347 set 28). S. GIOVANNI BATTISTA ALLA CAGNOLA ZONA: fuori Porta Comasina (Cagnola) ORIGINE E VICENDE: Poco lontano dallattuale edificio sacro, allincrocio fra le vie Pacinotti e Bodoni, sorgeva unantica chiesetta dedicata a S. Giovanni Battista, gi appartenente forse ai frati umiliati del non lontano convento della SS. Trinit nel Borgo degli Ortolani. La giurisdizione su questa chiesa venne a lungo contesa tra il parroco di Villapizzone e quello della

58

Trinit. Nella seconda met del sec. XVIII inizi a risiedere in luogo un cappellano coadiutore della parrocchia della Trinit, e nel 1798 venne costituita la vicaria curata che per ebbe prerogative parrocchiali solo nel 1801 [] [DCA, V, 3143] a) trattazioni specifiche: Forcella2, IV, 1889, 51. S. GIOVANNI BATTISTA ALLE QUATTRO FACCE ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa situata in corrispondenza dellattuale fabbricato di piazzetta Boito 7 sarebbe sorta, secondo la tradizione, sulle fondamenta di un antico tempio di Giano. Gi documentata, secondo il Sormani, nel 965, la chiesa fu probabilmente ricostruita nella prima met del XIV secolo e poi una seconda volta nel 1631 su disegno di Francesco Maria Ricchino. SOPPRESSIONE: 1787 a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1446-1447; Latuada, 1737-38, V, 102-105; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 152; Forcella2, IV, 1889, 181-187; Vigotti, 1974, 62-63 b) notizie: Alberici, 1988; Grassi, 1966, XXVII, 291; Gualdo Priorato, 1666, 86; Martelli, 1984, 65-67; Patetta, 1987, 370-371; Petra Sala, 2004, 150; Sormani, 1760, 105-106. J. S. ACKERMAN, Pellegrino Tibaldi, san Carlo Borromeo e larchitettura ecclesiastica del loro tempo, in San Carlo e il suo tempo, Atti del convegno (Milano 1984), Roma 1986, 585; G. MULAZZANI, Il tema iconografico nellincisione Prevedari, Rassegna di studi e notizie, 6 (1978), 66-71 c) fonti e citazioni documentarie: Milano, Archivio della Soprintendenza archeologica, I, 22 (cart. 83); A. S. C., Raccolta Bianconi, t. X; A. S. D., v. p., vol. LVII. S. GIOVANNI BATTISTA DEI DISCIPLINI ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: loratorio appartenente a una confraternita di Disciplini dallanno 1398, era situato nei pressi della chiesa di S. Simpliciano. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 84-85. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 86. S. GIOVANNI BATTISTA DEI GENOVESI ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Gi situato in via Nirone poco dopo langolo con via S. Valeria, sulla sinistra e soppresso nel 1781, il piccolo oratorio possedeva anche una "Crocefissione", oggi nella badia di Fiesole, in deposito dagli Uffizi, e dalle antiche guide riferita a Ottavio Semino, ma da Federico Zeri riconosciuta come opera di Bernardino Campi: databile verso il settimo decennio del XVI sec., il dipinto fu eseguito su commissione di Tommaso Marino, per la Scuola dei genovesi che qui risiedeva [] [DCA, III, Milano1988, 1447] SOPPRESSIONE: 1781 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 207; Forcella2, III, 1889, 59-60; Latuada, 17371738, IV, 205-207 b) notizie: I Campi, 1985, 155; Sormani, 1760, 59. F. ZERI, Bernardino Campi: una Crocefissione, Paragone, 4 (1953), 36-41. S.GIOVANNI BATTISTA DI QUARTO CAGNINO ZONA: Quarto Cagnino ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa (via fratelli Zoia 69, distrutta) serv il borgo, venendo ampliata nellOttocento, fino alledificazione della nuova chiesa dedicata a S. Elena. b) notizie: DCA, VI, 3711; Sarzi, 1987, 350 n.; Vigotti, 1974, 377. S. GIOVANNI BATTISTA DI TRENNO ZONA: Trenno ORIGINE E VICENDE: la prima menzione di una chiesa dedicata a S. Giovanni Battista contenuta in un atto del marzo 1017. In stato di abbandono alla fine del XVI secolo, cedeva

59

per un breve periodo il titolo prepositurale alla chiesa di S. Maria. Frettolosamente restaurata, la parrocchiale fu poi ricostruita tra il 1635 e il 1655 al posto della chiesa di S. Maria ma sempre col titolo di S. Giovanni Battista. Lantico edificio fu abbattuto nel XVIII secolo. Al capoluogo plebano appartenevano secondo il Liber notitiae anche le chiese di S. Pietro e dei SS. Cornelio e Cipriano. UBICAZIONE ATTUALE: tracce dellantica chiesa si trovano in via Ratti 17. a) trattazioni specifiche: DCA, VI, 3710-3713 b) notizie: Sarzi, 1987, 366; Vigotti, 1974, 337. S. GIOVANNI BATTISTA IN VIARENA (S. Giovanni Battista al Naviglio) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: nel 1535 ci fu un primo insediamento di religiose ad opera di Elisabetta Sforza. Nel 1540 ci fu listituzione del convento ORDINE: Carmelitane SOPPRESSIONE: 1575 san Carlo trasfer le monache a S. Maria in Valle a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 586, 606, 645-6; Latuada, 1737-1738, III, 216-217. M. MARTINO, Monasteri femminili del Carmelo attraverso i secoli,Carmelus, X (1963), 283. c) fonti e citazioni documentarie: Brivio Sforza, 1976, 139; Cattaneo, 1960, 156 (1565 ag 15), 161 (1566 ge 16); Marcora, 1960, 373 (1562 giu 25), 380-1 (1562 set 17); Marcora2, 1961, 281, 293, 542 (1564 nv 25). SS. GIOVANNI BATTISTA E CARLO AL FOPPONINO ZONA: fuori Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesetta sorse per un lascito di Giovanni Andrea Crivelli nel 1662 in una zona detta il Fopponino, fuori Porta Vercellina, presso un cimitero di morti di peste UBICAZIONE ATTUALE: via San Michele del Carso 34 a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1447-1449; Fiorio, 1985, 60; Lupieri-Maderna, 1972, 7.1; Madema-Lupieri, 1972, n. 7/1; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 377; Monumenta..., 1971, p. 554, n. 507; Pinardi, 1963, pp. 446-447; Ponzoni, 1930, pp. 391-393. W. PINARDI, La chiesa dei Santi Giovanni Battista e Carlo: Il Fopponino di P. Vercellina, ArCr, LIV, 7-8 (1966), 219-226; Il Fopponino di Porta Vercellina in Milano, Milano, Figli della Provvidenza, 1969; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Notarile, Rog. Quarterio, f. 23932; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, Miscellanea citt, vol. XVIII, f. 30. S. GIOVANNI DE ULTRAMARE v. Commenda. S. GIOVANNI DECOLLATO ALLE CASE ROTTE ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: costruita fra la met del secolo XIV e il 1390, la chiesa fu edificata su alcune dimore appartenenti ai Torriani, e distrutte allinizio del XIV secolo dai Visconti. Ampliata nel 1420 e nel 1569, la chiesa fu radicalmente ristrutturata dal Ricchino a partire dal 1645. Venduta al Comune nel 1874 e da questi ceduta alla Banca Commerciale fu infine demolita, nonostante le proteste, per il completamento della sede bancaria nel 1906. La facciata fu ricostruita su di un lato dellodierna chiesa di Santa Maria Segreta in via Ariosto. ORDINE: Compagnia laica dei Disciplini o Flagellanti poi diventata Confraternita della Scuola di S. Giovanni alle case rotte, la cui attivit caritativa era rivolta allassistenza ai condannati a morte. SOPPRESSIONE: 1784 a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, I, 135-142; Bartoli, 1776-1777, 177-178; Bianconi, 1787, 426-428; Borroni, 1808, 173; Bossi, 1818, 242; DCA, III, 1454-1456; Forcella2, V, 1889, 243-244; Gualdo Priorato, 1666, 93-95; Latuada, 1737-1738, V, 356-365; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 166-167; Milano: le chiese scomparse, 1997, I, 206-243 (con

60

bibliografia); Milano nellItalia liberale, 1993, 310-315; Pirovano, 1822, 226-227; Torre, 1674, ed. 1714, 284-286 A. CERUTI, La chiesa di S. Giovanni alle Case Rotte in Milano, ASL, 1 (1874), fasc. II, 148185; E. GUSSALLI, La scuola di S. Giovanni decollato alle Case Rotte e sua sede, Milano 1906; G. ROCCO, Arte retrospettiva: loratorio di S. Giovanni Decollato in Milano, Emporium, luglio (1907), 109-122; A. Spiriti, Un inedito di Francesco Cairo dalla Chiesa milanese di S. Giovanni Decollato alle Case Rotte, ArLo, 1 (1993) b) notizie: Bandera, 1997, 241; Brera dispersa, 1984, 195-196; Della Torre, 1994; Gazzini, 1995; Grassi, 1966, 291, 379; Monumenta, 1971, passim; Santagostino, 1671, ed. 1980, 62; Scotti, 1973, 51-52; Zardin, 1987. S. COPPA, Due schede per la scultura lombarda fra Seicento e Settecento, ArLo, 49 (1978), 37; G. UVA, Aspetti de1l'applicazione della pena di morte a Milano in epoca spagnola, ArLo, CXV, 6 (1989). c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, t. X; A.S.D.M., Sezione X; Biblioteca Ambrosiana, F 251 inf., nn. 79-83. S. GIOVANNI EVANGELISTA AD AUGIROLUM (S. Giovanni in Gugirolo, S. Giacomo Interciso, S. Giovanni Apostolo in brolio) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Gi situata nellattuale via Velasca, a destra di corso di Porta Romana, probabilmente allaltezza dellodierna via Pantano, la piccola chiesa, di origine forse longobarda, presso la quale documentata anche la presenza di un battistero fu anche parrocchiale. Nel 1799 venne ceduta dal Governo Cisalpino a un piccolo setificio. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1462; Gualdo Priorato, 1666, 60; Latuada, 1737-1738, II, 216-217; Vigotti, 1974, 61 b) notizie: Beretta, 1939, 18; Bognetti1, 1954, 87, 197; Cattaneo, 1961, 692; Romani, 1959, 390. S. GIOVANNI EVANGELISTA DELLA CANOVA (domus Nova) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: fondata nel 1201, apparteneva alla pi antica casa degli Umiliati dopo quella di Brera, dalla quale fu distinta con lappellativo di nova ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: nel 1575 s. Carlo vi fond il Collegio dei Nobili affidato ai Gesuiti. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 640; Latuada, 1737-1738, V, 250-253 b) notizie: Anfosso, 1913, 92; Dossi, 1970, 8, 35; Panighetti, 1964, 63. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 12; Castiglioni, 1960, 12; Laurent, 1949, 378; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 31, 62, 71; Zanoni L., 1911, 248, 249/ 323 (1268 mg 29), 351. S. GIOVANNI GEROSOLIMITANO (S. Croce e S. Maria del Tempio, S. Giovanni de Ultramare, S. Maria ad templum, Commenda) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: intorno alla met del XII secolo avvenne la fondazione della chiesa nei pressi dellattuale via Commenda. ORDINE: Gerosolimitani SOPPRES SIONE: prima del 1798 a) trattazioni specifiche: Colombo, 1926, 185-240; Forcella2, I, 1889, 337-339; Giulini, 1916, 403-6; Latuada, 1737-38, II, 300-302; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 247. G. C. BASCAP, Per la storia della Commenda di S. Giovanni a Milano, Rivista dell'Ordine di Malta, gennaio 1940; G. HUEN DE FLORENTIIS, La via Commenda e gli Ordini dei Gerosolimitani e dei Templari, San Calimero, 1 (1954), 62. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 59; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 118; Vigotti,

61

1974, 74 c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 16; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 560. S. GIOVANNI IN CONCA ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: dellantica chiesa detta in Conca forse per un avvallamento del terreno dove sorse, rimangono oggi, del periodo romanico, unabside diroccata e una cripta ad oratorio, ma ledificio era molto pi antico anche se di difficile datazione, che resta comunque fissata tra il IV e il VII secolo. La ricostruzione romanica del nucleo tardoantico avvenne alla fine dellXI secolo, ma si rese poi necessaria una seconda ricostruzione nel XIII secolo. Nel Trecento, la chiesa divenne cappella gentilizia dei Visconti e si arricch tra laltro della statua equestre di Bernab Visconti che rimase fino allepoca di s.Carlo collocata nel coro sopra laltare. Nel 1531 Francesco II Sforza cedette la basilica di S. Giovanni in Conca ai Carmelitani in seguito alla distruzione di S. Giovanni Romito (v.). Nel XVII secolo, larchitetto Francesco Castelli trasform linterno con forme barocche. ORDINE: Carmelitani Osservanti SOPPRESSIONE: 1782. Scampata alla demolizione dopo la soppressione giuseppina, la chiesa e lannesso monastero furono progressivamente sacrificati al piano regolatore Beruto (18841889) e Albertini (1928-1934). Labbattimento definitivo avvenne negli anni fra il 1949 e il 1952: la facciata della chiesa fu ceduta alla comunit valdese che la ricostru con qualche variante in via Francesco Sforza. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 178; Bianconi, 1787, 180-183; Borroni, 1808, 7071; Canetta, 1884, 121-137; Cattaneo, 1961, 558, 645; Colla, 1878, 269ss, 568 ss; DCA, III, 1461-1462; Giulini, 1760, I, 103, 297, 396; II, 252-259; III, 166; Gualdo Priorato, 1666, p. 59; Latuada, 1737-1738, II, 230-236; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 78-79; Mirabella Roberti, 1984, 157-159; Milano: le chiese scomparse, 1997, 1, 46-98 (con bibliografia); Mongeri, 1872, 76-78; Puccinelli2, 1650, 96-100; Reggiori, 1947, 278; Torre, 1674, ed. 1714, 50-52; Vigotti, 1974, 61-62 P. G. AGOSTONI, La distrutta chiesa di S. Giovanni in Conca e i suoi resti, ArCr, LVII (1969), 101-5; N. APR, San Giovanni in Conca, chiesa sfortunata, Milano, LXVI (1949), 178-9; G. P. BOGNETTI, Le fortune di S. Giovanni in Conca, Milano, LXVII (1950), 71-4; B. GUTIERREZ, Vecchia e nuova Milano. Dalle guglie al pi antico S. Giovanni, Milano 1936; L. CANDRINI, S. Giovanni in Conca, Milano, LXIX (1933), 85-93; M. DAVID, San Giovanni in Conca, Milano 1982 (Associazione Lombarda Archeologica, 3); P. LONGO, Appunti religiosi e ricordi storici in referenza all'inaugurazione della chiesa di S. Giovanni in Conca restaurata e consacrata al culto cristiano, li 18 maggio 1881, Milano 1881; F. REGGIORI, La cripta di S. Giovanni in Conca ed il problema della sua conservazione, in Atti del IV Convegno Nazionale di Storia dell'Architettura (Milano, 18-25 giugno 1939), Milano s. d., 87-92; G. ROSA, Gli affreschi di S. Giovanni in Conca, ArLo, X/l (1965), 39-48. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 136; Baroni, 1944, 109, 110, 114, 120, 121; Bendiscioli2, 1957, 478 tav. f. t.; DellAcqua, 1957, 671; Fassina, 1985, 121; Grassi, 1966, 145, 157, 205, 231, 287, 389; Gualdo Priorato, 1666, 59; Krautheimer, 1986, 88, 92; Marcora2, 1959, 414, 434; Marcora2, 1961, 332; Mezzanotte, 1957, 571, 622; Mezzanotte, 1958, 706; Panizza, 1956, 172; Romanini, 1958, 54-5; Romanini1, 1959, 744; Romanini, 1964, 145-152; Saggi, 1954, 207; Santagostino, 1671, ed. 1980, 28; Smiderle, 1960, 176; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 68; Travi, 1997, 205, 218; Valagussa, 1997, 201 Vigotti, 1974, 31, 61. C. CATENA, Le Carmelitane. Storia e spiritualit, Roma, 1969 (Textus et studia historica Carmelitana, 9), XXXIV, 323. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Localit milanesi, cart. 356, fasc. 3; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, S. Alessandro, vol. IV; Borella, 1957, 187; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 11; Cattaneo, 1957, 259, 286; Magistretti, 1910, 139, 557, 558; Razzi, 1971, 123; Rotondi, 1924, 206-7.

62

S. GIOVANNI IN ERA (S. Giovanni Battista in area) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa era edificata allimbocco della Cantarana di Porta Tosa (attuale via Durini). Era termine dialettale per aia, e allude probabilmente alla piazzetta antistante ledificio. a) trattazioni specifiche: Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 512; Vigotti, 1974, 62. S. GIOVANNI IN LATERANO (S. Giovanni Itolano, S. Giovanni Battista laterani in porta romana) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesa si trovava tra lattuale via Paolo da Cannobio e piazza Diaz, ed ricordata dal Giulini come gi esistente nel 1052. Allora intitolata a San Giovanni Itolano o Isolano, divenne parrocchiale nel 1388 e nel XVI mut il nome in Laterano. Fu interamente ricostruita nel 1634. Nel contesto degli sventramenti previsti dal Piano Regolatore del 1934, la chiesa fu distrutta nel 1936. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 179; Bossi, 1818, 97; DCA, III, 1462-1463; Forcella2, I, 1889, 475-481; Giulini, 1760, II, 464; Gutierrez, 1935, 41-46; Gualdo Priorato, 1666, 60; Latuada, 1737-1738, II, 221-222; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 74-75; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 299-301 (con bibliografia); Pirovano, 1822, 139-140; Ponzoni, 1930, 377-379; Torre, 1674, ed. 1714, 46-47; Vigotti, 1974, 63 N. M. LUGARO, San Giovanni in Laterano, Diocesi di Milano, aprile (1965), 187-191 b) notizie: Fassina, 1985, 121; Gatti Perer, 1975. S. GIOVANNI OS AURI ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: dal Liber notitiae di Goffredo da Bussero (XIII secolo) si apprende unicamente che la chiesa era situata in prossimit del broletto nuovo dellattuale piazza Mercanti b) notizie: Vigotti, 1974, 31, 64. S. GIOVANNI ROMITO (S. Giovanni Battista a Porta Nuova) ZONA: fuori Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1493 ci fu la concessione della chiesa di S. Giovanni Battista a Porta Nuova alla Congregazione Mantovana dei Carmelitani; nel 1498 inizi la costruzione della nuova chiesa e nel 1503 quella del convento ORDINE: Carmelitani Osservanti SOPPRESSIONE: 1531 distruzione del convento - trasferimento dei frati a S. Giovanni in Conca (v.) a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 645-6; Saggi, 1954, XXXVIII, 107, 111, 115, 133, 207-8. b) notizie: Marcora, 1958, 360; Marcora2, 1959, 433-4. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 12; Rotondi, 1924, 206. S. GIOVANNI SUL MURO (S. Giovanni Battista super murum) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa riportata nella prima immagine nota di Milano (un codice della seconda met del XIV sec.: Milano, Biblioteca Ambrosiana, A 275 inf.) accanto alle antiche mura cittadine lungo la via S. Giovanni sul Muro e allangolo con lomonimo vicolo, gi menzionata dal Liber notitiae, parrocchiale dal XIV secolo, le fu affiancato nel XV secolo loratorio di S. Leonardo (poi S. Liberata). SOPPRESSIONE: 1786. Della chiesa restano alcune vecchie fotografie (in MezzanotteBascap), mentre delloratorio rimangono alcuni resti in via S. Giovanni sul Muro allaltezza del

63

n. 13. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1467; Forcella2, III, 1889, 481-484; Latuada, 1737-1738, IV, 400-403; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 382; Patetta, 1987, 189-192; Sormani, 1760, 71-72; Vigotti, 1974, 63 M. GAZZINI, Solidariet vicinale e parentale a Milano: le scole di S. Giovanni sul Muro a porta Vercellina, in Let dei Visconti, Milano 1993, 303-330. b) notizie: Fassina, 1985, 207; Gazzini, 1995; Gazzini, 1997, passim; Gazzini, 2000, passim. S. GIROLAMO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1458 si inizi la costruzione della chiesa (consacrata nel 1475) nonch del convento; situati sulla sinistra della contrada cui davano il nome il Naviglio detto appunto di S. Girolamo (attuale via Carducci), poco prima del borgo delle Grazie (attuale corso Magenta) in posizione arretrata e con un vasto giardino ulteriormente ingrandito con parte della vigna di Leonardo. ORDINE: Gesuati; 1668 soppressione dei Gesuati. Acquisto di chiesa e convento da parte dei Gesuiti; 1773 soppressione dei Gesuiti e introduzione dei padri Somaschi di s. Pietro in Monforte (v.) SOPPRESSIONE: 1798. Trasformati in caserma e quindi in magazzino gli edifici monastici furono definitivamente demoliti nel 1910. Restano a testimonianza alcune fotografie (Archivio storico civico) del maggiore dei tre chiostri. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 179-180; Bascap, 1967, 34, 43, 44, 63; Bianconi, 1787, 335-337; Borroni, 1808, 126-127; Cattaneo, 1961, 659-660; Dossi, 1970, 402; Dufner, 1975, 326-334; Forcella2, III, 1889, 423-440; Gualdo Priorato, 1666, 75; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 332; Patetta, 1987, 392-394. b) notizie: Arslan, 1956, 686; Bardeaux, 1938-1942, 426, 427; Castiglioni, 1932, 95; Cazzani, 1975, 10; DellAcqua, 1957, 767; Fumi, 1910-1911, 17; Genero, 1982, 503; Gerra, 1964, 101-2; Marcora, 1955, 253, 255; Marcora2, 1961, 332; Marcora1, 1963, 463; Mezzanotte, 1958, 706; Mezzanotte2, 1959, 481; Nicodemi1, 1958, 496, 497; Pellegrini, 1909, 164; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 58; Sormani, 1760, 53-55; Vittani, 1912, 128, 130. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 8; Biscaro, 1909, 364 (1498 ot 2), 365 (1510 mz 6), 366 (1535), 372, 374, 379, 382-5, 391; Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 11; Gatti Perer, 1964-1965, 191, 193; Giulini, 1928, 156 LANDULFUS JUNIOR, Il convento e la chiesa di San Gerolamo, Citt di Milano, XL (1924), 111-3. S. GIUSEPPE ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: il luogo pio di S. Giuseppe fu fondato nel 1503. Della chiesa giudicata troppo angusta fin dal 1575 fu avviata la ricostruzione nel 1607, con incarico a Francesco Maria Ricchino. SOPPRESSIONE: nel 1784 fu soppresso il luogo pio, mentre nel 1800 la chiesa venne adibita a magazzino. Fu riaperta nel 1809 come sussidiaria della vicina parrocchia di S. Maria del Carmine. UBICAZIONE ATTUALE: via Verdi a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 404-405; Borroni, 1808, 163; Bossi, 1818, 228-229; Fiorio, 1985, 160-163; Forcella2, IV, 256; Gualdo Priorato, 1666, 93; Kmmer, 1974, I, 6181; Latuada, 1737-1738, I, 259-260; Lupieri-Maderna, 1972, 6.16; Martelli, 1984, 59-78; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 156-158; Pirovano, 1822, 225; Ponzoni, 1930; Sormani1760, 154; Torre, 1674, ed. 1714, 282; Wittkower, 1972, 99-101. A. CARAVATI, La chiesa di S.Giuseppe in Milano, Monitore Tecnico, n. 36 (1915), 14; E. CATTANEO, Il S. Giuseppe del Ricchino, Milano 1957; S. COPPA, La chiesa di San Giuseppe a Milano, 138 (1997), 30-35. b) notizie: Bianconi, 1787, 404; Monumenta, 1971, passim; Morigia, 1602; Morigia, 1641;

64

Santagostino, 1671, ed. 1980, 62; Scotti, 1973, 51. c) fonti e citazioni documentarie: Milano, Archivio ECA, S. Giuseppe, Libro mastro 1628-1652, 217; A.S.M., Notarile, 31275 (Balingeri Alfonso), 1675 marzo 9; A.S.C.M., Localit milanesi, S. Giuseppe, c. 358; Soprintendenza per i beni artistici e storici di Milano, Schede di catalogo della chiesa di S. Giuseppe, a cura di N. W. Neilson, novembre 1978. S. GIUSEPPE ALLA MOIAZZA ZONA: Abbadesse (tra le attuali via Assereto e via Taramelli) ORIGINE E VICENDE: loratorio interamente rifatto nel XVII secolo probabilmente da attribuire a una delle congregazioni religiose fiorite allepoca di s. Carlo. A cura della Scuola dei Disciplini di S. Giuseppe degli Agonizzanti vi si celebrava una messa quotidiana, disposta da Giovanni Brandisco con ipoteca su Casa in Borgo; nel 1736 ne fu sospesa la celebrazione per provvedere col reddito alle riparazioni per danni recati alla chiesa dallassedio del Castello fatto dai Gallo-Sardi. Oggetto di grande devozione, anche perch vi si conservava come preziosa reliquia il corpo di Santa Purissima (donato il 13 luglio 1785 alla parrocchia della Santissima Trinit), questa romita chiesetta fu abbandonata verso la met del secolo scorso [XIX], ridotta poi a casolare agricolo e utilizzata come ripostiglio di scorte e attrezzi. [Bagnoli, II, 85] a) trattazioni specifiche: Bagnoli, 1965, II, 85 b) notizie: Milano zona due, 1987, 28 (ill.). S. GIUSEPPE DI MUSOCCO ZONA: Musocco ORIGINE E VICENDE: la chiesa edificata attorno alla met del XVII secolo allaltezza dellattuale via Ameglio serviva un agglomerato di case a s stante, poi devastato dallespansione edilizia. Lesterno, oltre il campaniletto a vela, mostrava un bel portale barocco. Linterno ad una navata divisa a due campate, con volte a crociera, conservava discrete suppellettili. Infatti laltar maggiore aveva balaustra in marmo chiusa da un cancello in ferro di gusto barocco opera che denotava il talento e la cura dei suoi custodi. Alle pareti della navatella si notavano sei medaglioni con tele dipinte nel tardo Settecento, raffiguranti santi chiusi in cornice di marmo. [Bagnoli, I, 183] Di questo oratorio sconsacrato si perso anche il ricordo dellintitolazione, tanto che comunemente designato come Oratorio della Portaccia. Larchitettura delledificio ormai spoglio seicentesca UBICAZIONE ATTUALE: via Ameglio a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 8.8 b) notizie: Bagnoli, 1965, I, 183. S. GIUSEPPE E S. TERESA v. S. Teresa. S. GIUSTINA IN AFFORI ZONA: Affori ORIGINE E VICENDE: La chiesa gi menzionata nel Liber notitiae Sanctorum Mediolani (XIII secolo), divenne parrocchia nel XVI secolo. Radicalmente rifatta nel 1859, sub gravi danni nel corso dei bombardamenti dellultimo conflitto. UBICAZIONE ATTUALE: p. za S. Giustina a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1487-1488; Ripamonti, 1995, 270-271. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 133. S. GOTTARDO AL CORSO ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa, gi denominata S. Gottardo al Borgo, fu nel XIII secolo oratorio dei benedettini e nel XV cappellania di S. Lorenzo, divenuta parrocchiale in data 10 settembre 1568, deve il suo attuale aspetto alle trasformazioni operate nel XIX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: corso S. Gottardo a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 181; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p.

65

309; Sarzi, 1987, 87 b) notizie: Fassina, 1985, 207 S. GOTTARDO IN CORTE ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesa risale al terzo decennio del secolo XIV, restaurata nei primi decenni del XVIII secolo e ristrutturata radicalmente a opera del Piermarini (fine XVIII) fu infine riportata allantico nel terzo decennio del XX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: via Pecorari a) trattazioni specifiche: Alberzoni, 1983, 67-70; Baroni, 1955, 770 ss.; Bartoli, 1776-1777, 180; Bianconi, 1787, 63; Calvi, 1858, I, 1 ss.; Dell'Acqua, 1957, 733-734; Fiamma, ed. 1938, 15-17; Latuada, 1737-1738, II, 194-199; Longhi, 1951, 18-40; Lupieri-Maderna, 1972, 6.13; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 69-71; Mongeri, 1872, 172-174; Romussi, 1913, II, 279-281; Salmi, 1955, 816 ss.; Torre, 1674, ed. 1714, 366-367; I Visconti a Milano, 1977, 134-146, 151-152, 214-217, 220-221, 279; b) notizie: Boskovits, 1975, 384-387; Giulini, 1760-1765, X, 339; Gualdo Priorato, 1666, 61; Matalon, 1963, 369; Romanini, 1954, p. 514; Romanini, 1965, 160 ss. ; Soldi, 1989; Santagostino, 1671, ed. 1980, 13, 39; Toesca, 1929, 60, n. 10; Travi, 1997, 209; Volpe, 1983, 294-299. C. GILBERT, The Fresco by Giotto in Milan, ArLo 47-48, 31-72; A. M. ROMANINI, Nuove tracce per il rapporto Giotto-Arnolfo in S. Gottardo a Milano, in Scritti in onore di Roberto Pane, Napoli 1972, 149-181. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio Soprintendenza ai beni architettonici e ambientali di Milano, 1374, A. V. 182. S. GREGORIO ZONA: fuori Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa sorgeva vicino al Lazzaretto dalla parte della campagna, distrutta lasci il nome al cimitero adibito nel 1788. a) trattazioni specifiche: Forcella2, V, 1889, 299-300. b) notizie: Sarzi, 1987, 45. S. GREGORIO VECCHIO ZONA: Lambrate ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu eretta nel 1528 in occasione di unepidemia di peste in prossimit di un luogo di sepoltura. Nelloratorio si tennero offici fino al 1880. b) notizie: Iosa, 1987, 450-451. S. ILARIO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: situato nei pressi dellattuale via del Lauro, loratorio fu secondo il Sormani fondato dal vescovo Anselmo da Baggio.(1035-1086). a) trattazioni specifiche: Forcella2, IV, 1889, 179-180; Latuada, 1737-1738, V, 105-106; Sormani, 1760, 105. E. SELETTI, Sulla fondazione delle chiese di S. Apollinare in Baggio e di S. Ilario in Milano, Bollettino della Consulta Archeologica (1875). S. IPPOLITO AD PUSTERLAM S. EUFIMIAE ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: questa piccola chiesa ricordata da Goffredo da Bussero in prossimit di S. Eufemia, fu abbattuta nel 1494 assieme a quella contigua di S. Biagio, per lasciare posto alla chiesa della Maddalena (v.) annessa a un convento di monache agostiniane. b) notizie: Vigotti, 1974, 31, 64-65. SS. IPPOLITO E CASSIANO DI GAREGNANO

66

ZONA: Garegnano ORIGINE E VICENDE: lantica chiesa dellabitato di Garegnano, situato a qualche centinaio di metri dalla certosa, allaltezza dellattuale via Barnaba Oriani, fu eretta parrocchiale da Carlo Borromeo l8 giugno 1570. Con la soppressione della certosa nel 1783, la sede parrocchiale fu trasferita alla chiesa abbaziale col nuovo titolo di S. Maria Assunta in certosa di Garegnano. b) notizie: DCA, III, 1914. S. LAZZARO v. S. Domenico e S. Lazaro. S. LAZZARO NEL QUADRONNO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesa era situata nella zona allora solo parzialmente edificata fra le attuali via Quadronno e via Mercalli. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 26-27. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 61 S. LEONARDO ZONA: Cascina S. Leonardo (Gallaratese) ORIGINE E VICENDE: menzionata gi nel XIII secolo (Liber notitiae) la chiesa serviva una serie di cascine ora anchesse scomparse. Nelloratorio si trovava una statua quattrocentesca del santo attualmente collocata nella parrocchiale di Pero. b) notizie: Sarzi, 1987, 371 n.; Vigotti, 1974, 337. S. LIBERATA AL CASTELLO (S. Leonardo) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa si trovava nellattuale via S. Giovanni sul Muro ed era in antico dedicata a S. Leonardo. a) trattazioni specifiche: Forcella2, III, 1889, 479; Gualdo Priorato, 1666, 76; Latuada, 17371738, IV, 398-400 b) notizie: Romanini1, 1959, 758. S. LINO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: La basilichetta di S. Lino ormai parte integrante della basilica di S. Nazaro Maggiore in Milano, di cui costituisce il collegamento fra abside e sacrestia. La struttura quasi quadrata con colonne angolari e absidiola ha permesso di formulare lipotesi di unorigine paleocristiana e di una risistemzazione medievale, ricordando che la basilica nazariana sorta nel tardo IV secolo ed stata restaurata dopo lincendio del 1075. Di contro, per, il Chronicon archiepiscoporum Mediolanensium assegna ledificio al 945, sotto lepiscopato di Arderico I (936-948), ed in effetti non appare impossibile assegnare a questepoca lesecuzione del ciclo di affreschi che orna il sacello. [DCA, III, 1729-1730] b) notizie: Valagussa, 1997, 187. S. LORENZINO (S. Lorenzo Minore, S. Lorenzo in civitate porte ticinensis) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Gi esistente nel XII sec. (Latuada), prospettava su via Morigi, poco prima dellattuale piazza Mentana: detta anche San Lorenzo Minore, la chiesa fu ricostruita nel 1585 (disegni in Archivio storico diocesano) e quindi nel 1728 (Latuada) [] [DCA, III, 1768] SOPPRESSIONE: 1786, e demolizione a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 31, 66 b) notizie: Forcella1, 1889, 657; Sormani, 1760, 68-69.

67

S. LORENZO DI MONLUE ZONA: fuori Porta Orientale (Monlu) ORIGINE E VICENDE: documenti darchivio a partire dal 1244 attestano lesistenza di una piccola chiesa dedicata a s. Lorenzo accanto a una grangia allora relativamente lontana dalla citt. Il 12 marzo 1267 la chiesa e la fattoria furono concessi da due vicari dellarcivescono Ottone Visconti allordine degli Umiliati, e intorno a quella data iniz probabilmente la costruzione delledificio attuale. ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: con la soppressione dellordine degli Umiliati (1584) la chiesa divenne parrocchiale. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1773-1775; Gerosa Brichetto, 1961, 45-55; Pinardi, 1965, 127-134; Ponzoni, 1930, 86-87; Romanini, 1964, 124-126; Iosa, 1985, 88-90, 119-128, 168176; Sarzi, 1987, 247-249 M. CAFFI, Relazione della Consulta del Museo patrio darcheologia: la chiesa parrocchiale di Monlu, Archivio storico lombardo, 2 (1875), 24-26; L. GRASSI, Labbazia di Mirasole e altre grange degli Umiliati in Lombardia, Milano 1964, 124-126. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 253. S. LORENZO MAGGIORE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Le origini della basilica non sono note ma a causa della sua imponenza, della pianta centrale e per i reperti archeologici ritrovati nellarea, esse sono certamente riconducibili allantichit romana. La struttura consta di un edificio principale, a pianta centrale e coperto a cupola, e di una serie di edifici minori disposti a raggiera sui lati e sul retro, appartenenti ad epoche diverse. Si ritiene che la basilica sia stata edificata tra la fine del IV secolo e i primi anni del V poco fuori dalle mura romane lungo la strada per Pavia in prossimit dellanfiteatro e del circo che furono usati per estrarre materiale di recupero. Limponenza delledificio fa pensare a una basilica palatina, legata al vicino quartiere dei palazzi imperiali, sul modello di S. Vitale a Ravenna (consacrato nel 547-548) Addossati alla costruzione sono tre edifici di pianta ottagonale, gi appartenenti allimpianto originario della chiesa: a d. (verso S) un mausoleo imperiale, da alcuni ritenuto un Battistero, dal sec. XVI intitolato a S. Aquilino e di poco posteriore alla costruzione del luogo di culto; opposto all'ingresso (verso E) un martyrium eretto per accogliere le spoglie di S. Lorenzo e S. Ippolito - e a quest'ultimo dedicato - contemporaneo o forse antecedente alla basilica; a sin. (verso N) il piccolo mausoleo di S. Sisto, aggiunto in analogia agli altri all'inizio del sec. VI dal vescovo Lorenzo I per sistemarvi tombe di vescovi . [Milano, 10 ed., TCI, 1998, 375]. Agli inizi del XII secolo si ebbero il crollo della cupola e di buona parte delle murature che costrinsero a una riedificazione in forme romaniche, analogamente a soluzioni costruttive e decorative gi presenti in S. Ambrogio. Nel 1573 avvenne un nuovo crollo della cupola, la cui ricostruzione fu affidata dallarcivescovo Carlo Borromeo allarchitetto Martino Bassi (1546-1591), che pur non volendo scostarsi dalla struttura precedente, modific in parte la pianta. La riedificazione termin fra le polemiche dopo la morte del Bassi nel 1619. La chiesa venne restaurata nel 1911 e 1916, e ancora nel 1937-38. UBICAZIONE ATTUALE: c.so di Porta Ticinese Bibliografia completa in: La costruzione della basilica di San Lorenzo a Milano, a cura di Laura Fieni; album fotografico di Gabriele Basilico, 2004. Ci limitiamo a segnalare le notizie successive alla bibliografia in questione contenute in: Bombe sulla citt, 2004, 255-257. S. LORENZO IN TORRIGGIA (S. Lorenzo ad turriculas porte nove) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa documentata fin dal secolo XI si trovava allaltezza del n. 10 dellattuale via Filodrammatici, fu distrutta nel secolo XVII per permettere la costruzione di palazzo Visconti Aimi. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 191-192; Vigotti, 1974, 31, 67

68

b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 95 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Miscellanea citt, v. V (494), 23. S. LUCA (S. Maria della Presentazione) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1765 si ha lottenimento del placet regio per la costruzione di monastero, l dove gi esisteva la piccola chiesa di S. Maria dellOspedale di S. Celso, lungo lattuale corso Italia di fronte alla chiesa di S. Maria presso S. Celso. ORDINE: Cisterciensi SOPPRESSIONE: la chiesa fu abbattuta dopoil 1776 probabilmente dagli stessi monaci in vista di edificarne una pi grande, mai realizzata. Il monastero fu soppresso invece nel 1798. Trasformato in ospedale militare nel 1802, poi in collegio per i figli dei militari, scuola di cadetti e infine in caserma, destinazione che ha ad oggi col nome di caserma Teuli. UBICAZIONE ATTUALE: c.so Italia a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 147-148; Borroni, 1808, 59; Gatti Perer, 1966, 237246; Latuada, 1737-1738, III, 71-72; Studi di storia locale, 1983, 38; Vismara Chiappa, 1980, 198-9. b) notizie: Cattana, 1981, 131, 136; Lugano, 1929, 508; Mezzanotte2, 1959, 481; Vismara, 1932, 330-2; Vittani, 1923, 267. c) fonti e citazioni documentarie: Gatti Perer, 1964-1965, 231, 214. S. LUCA DI VEDANO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa gi indicata dal Liber notitiae nei pressi dellattuale via S. Valeria. ORDINE: Umiliate/ Agostiniane; nel XV sec. Ingresso delle Domenicane. Agli inizi del XVI sec. passaggio all'Osservanza Domenicana. SOPPRESSIONE: 1562; unione del monastero a S. Valeria a)trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 621; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 331. b) notizie: Marcora, 1958, 355; Marcora2, 1959, 418; Orsenigo, 1908-1910, 158; Petra Sala, 2004, 232; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 99, 144, 146. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 10; Castiglioni, 1960, 13; Gatti Perer, 19641965, 207; Magistretti, 1900, 27; Marcora, 1960, 372 (1562 giu 25), 378-9 (1562 ag 15); Orefice, 1985, 32 (1562 ge 13); Santoro, 1939, 88; Vigotti, 1974, 31, 67. S. LUCIA ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: chiesa e monastero furono edificati nel XV secolo non lontano dal monastero dellIncoronata ORDINE: Monache Cisterciensi SOPPRESSIONE: chiesa e monastero furono distrutti per lasciare spazio alle nuove mura. Nel 1568 ci fu il trasferimento delle monache a S. Maria in Valle a) trattazioni specifiche: Gualdo Priorato, 1666, 76 b) notizie: Cattana, 1980, 124; Cattaneo, 1961, 606; Grassi, 1966, 267; Latuada, 1737-1738, V, 70; Schuster, 1946, 20; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Cattaneo, 1960, 142 (1565 giu 20), 159 (1565 nv 28), 161 (1566 ge 16), 163 (1566 mz 6); Magistretti, 1910, 550; Marcora, 1960, 372-3 (1562 giu 25); Marcora2, 1961, 280, 281, 455 (1566 fe 12), 460 (1566 fe 20), 567 (1565 lu 21). S. LUCIA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1614, Federico Borromeo fece trasferire nella nuova sede di Porta Vercellina (in corrispondenza allattuale n. 46 di corso Magenta) le Orsoline della

69

Congregazione di S. Lucia di Porta Nuova. ORDINE: Orsoline. 1621, passaggio all'Osservanza SOPPRESSIONE: 1776 e distruzione nel 1778. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 182; Latuada, 1737-1738, IV, 363-364; Vigotti, 1972,59, 64, 65, 67. b) notizie: Baroni, 1937, 114; Castiglioni, 1931, 193-4; Dossi, 1970, 43; Gerra, 1964, 385-6; Gualdo Priorato, 1666, 76; Martelli, 1984, 72, 73, 75; Mezzanotte, 1958, 447; Orefice, 1985, 16; Sebastiani, 1982, 206, 217, 219; Vismara, 1932, 331. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15; Gatti Perer, 1964-1965, 220; Marcora, 1964, 207. S. MAMETE ZONA: Affori ORIGINE E VICENDE: la chiesa menzionata dal Liber notitiae e dedicata al santo cappadoce Mamete stata messa in relazione con una serie di fondazioni dei secoli XI-XII nei dintorni di Milano. Il piccolo edificio a navata unica con facciata a capanna e campaniletto. Sulla parete di sinistra i restauri hanno permesso di riportare alla luce due serie di affreschi databili fra la fine dellXI e i primi del XII secolo. UBICAZIONE ATTUALE: allangolo tra via Bovisasca e via Chiasserini a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1858-1859; Ripamonti, 1995, 245-253; Sarzi, 1987, 146147. Per salvare S. Mamete, Milano 1978; Speciale S. Mamete, Buona parola, 71 (1985-87), con bibliografia locale. b) notizie: Travi, 1997, 207; Valagussa, 1997, 190-191 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 133. S. MAMETE AL LAZZARETTO ZONA: Crescenzago ORIGINE E VICENDE: Nel XVI secolo, accanto a un ricovero di appestati fu ricostruito l'oratorio di San Mamete al Lazzaretto, un edificio di modeste dimensioni ma di pregevole aspetto, che sub nel XVII secolo ulteriori trasformazioni. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Mamete a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 4.7 b) notizie: Milano zona dieci, 1986, 57 (ill.). S. MARCELLA ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: agli inizi del XVI secolo ci fu la fondazione del monastero a opera di Giovanni Antonio de Simoni. ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1578 unione con S. Maria in Valle. Ledificio tuttora esistente anche se adibito ad abitazione situato in via S. Maria Valle 1. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 636; Milano ritrovata, 1986, 337-338 (con bibliografia). b) notizie: Marcora2, 1961, 280; Marcora2, 1963, 553; Sebastiani, 1995, 106-107. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Fondo Pergamene, c/543; sez. X, Visite Pastorali, Miscellanea citt e pievi, XVI, f. 52 v.; sez. XIII, Fondo ordini religiosi e congregazioni, 81, 93; A.S.C.M., Localit Milanesi, 378/6; Beretta, 1912, 323; Bologna, 1984, 47 (1579 mg 22); Cattana, 1980, 127; Cattaneo, 1960, 143 (1565 giu 27), 161 (1566 ge 16). S. MARCELLINA ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: 1584, fondazione della chiesa decretata da s. Carlo; situata alla met dellattuale via Passione (a sinistra venendo da via Visconti di Modrone). ORDINE: Orsoline

70

SOPPRESSIONE:1744 unione con S. Cristina (v.) a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 183; Ledoschowska, 1967, 111, 116, 122, 125, 131, 138, 209-211, 288; Vigotti, 1972,59, 65, 67, 91, 92, 94, 95. b) notizie: Bazzi, 1971-1973, 207; Gualdo Priorato, 1666, 52. S. MARCELLINO (S. Marcellino cum S. Petro exorcista in porta cumacina) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa prospettante sullattuale via Broletto di fronte allincrocio con via del Lauro era gi esistente nel XII secolo, o forse addirittura nellXI. Prima del 1288 ci fu lingresso delle Umiliate. La chiesa per volont del cardinale Federico Borromeo fu ricostruita nel XVII secolo. ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: XVIII secolo a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 183; Bianconi, 1787, 349-350; Borroni, 1808, 135; Latuada, 1737-1738, V, 46-48 b) notizie: Gazzini, 1997, passim; Gualdo Priorato, 1666, 87; Petra Sala, 2004, 150; Sormani, 1760, 104-105. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 31, 67; Zanoni L., 1911, 173, 303 (1288 set 13). S. MARCO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1254 ci fu la fondazione del convento a opera di Enrico Settala, arcivescovo di Milano, anche se a quella data alcune tradizioni riportano la chiesa come gi esistente. In effetti, la parte pi antica delledificio costituita da una fondazione romanica, e da una parte pi cospicua databile alla met del Duecento. A queste due fasi si aggiunse nel Trecento inoltrato un terzo intervento. Lassetto architettonico-decorativo fu sovvertito in chiave barocca nel XVII secolo. ORDINE: Agostiniani SOPPRESSIONE: 1787: la chiesa diventa parrocchiale. Nel 1796 trasformazione in caserma. La chiesa fu restituita al culto nei primi anni del XIX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Marco a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 183-184; Bianconi, 1787, 380-387; Borroni, 1808, 155-157; Bossi, 1818, 212-214; Cattaneo, 1961, 540, 629-632, 644, 687, 696, 714; DCA, III, 1886-1893; DellAcqua, 1957, 689-692, 694, 695, 710, 712, 713, 734, 739-741, 762, 763, 765, 767; Fiorio, 1985, 164-171; Gualdo Priorato, 1666, 100-101; Latuada, 17371738, V, 272-283; Latuada, 1737-1738, V, 238-247; Lomazzo, 1584, ed. 1974, II, 146-147, 279; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 427-433; Mongeri, 1872, 78-97; Pirovano, 1822, 220-224; Ponzoni, 1930, 80-5; Romanini, 1954, 434-440, 449, 450, 464, 469, 470, 482, 494, 496, 500, 513; Romanini, 1958, 49-51; Romanini1, 1955, 640, 655, 667, 671, 672, 692-6, 702, 705; Romanini, 1964, 93-7, 332-4; Sormani, 1760, 126-129; Studi di storia locale, 1983, 38; Torre, 1674, ed. 1714, 251-255. V. ADAMI, Spigolature d'archivio sulla chiesa e convento di S. Marco in Milano, ASL, LXV (1938), 439-447; P. G. AGOSTONI, Gli affreschi scoperti in S. Marco a Milano, ArCr, XLV (1957), 116-8; L. ARANO, Affreschi trecenteschi nel campanile di S. Marco, ArLo, I (1955), 324; M. J. BOTTINI, La chiesa e il convento di S. Marco a Milano: le origini tra fede e eresia, Ca de Sass, 13 (1991), 40-44; R. BRACCO, Una visita a S. Marco di Milano e al B. Lanfranco Settala, primo generale degli Agostiniani, S. Rita da Cascia e il suo santuario di Milano, XVII/9 (1956); R. BRACCO, I restauri di S. Marco e il B. Lanfranco Settala, S. Rita da Cascia e il suo santuario di Milano, XVII/IO (1956); D. CELADA, Guida alla Basilica di San Marco in Milano, S. Marco, III/2-5 (1958); D. CELADA, Guida alla Basilica di San Marco in Milano, Milano 1959; La chiesa e il convento di San Marco a Milano, Milano 1987; ID., La chiesa di San Marco nella storia e nell'arte, Milano, LIII (1937), 61-8; La Chiesa e il Convento di San Marco a Milano, Milano, 1987; L. MARINO, Giuseppe Quadrio e la sua opera per la Cappella

71

della Madonna della Cintura in San Marco di Milano, ArLo, 15 (1970), n. 2, 99-102; G. MATTA, San Marco nella storia e nell'arte, Milano 1973; F. MAZZINI, Novit e restauri in San Marco, DMi, 1/7 (1960), 46-9; M. C. MEREGAZZI, La Chiesa di S. Marco nella storia e nell'arte, Milano 1937; L. PARVIS MARINO, La rinnovazione del S. Marco di Milano (1690-1714), ArLo, 41 (1974), 101-113; B. RANA GUNDIN, Notas sobre el convento de S. Marco de Milan y el primer General de la Orden, Cassiciacum, XI (1957). b) notizie: Alberzoni, 1985, 142, 146, 163-8; Alberzoni, 1993; Barni, 1977, 366, 367; Baroni, 1944, 31, 33, 55, 80, 82, 83, 89, 92, 96, 98, 101-6, 109, 117, 118, 120, 148, 159; Baroni, 1951-1952, 215, 216, 220; Baroni, 1955, 741, 770, 779, 794, 798-800; Baroni2, 1955, 7456; Bellone, 1940, 182-6, 190, 195, 200; Bendiscioli1, 1957, 183, 258; Biscaro2, 1908, 288; Biscaro4, 1908, 517-9; Corio, 1553, ed. 1855, VII, 486; Franceschini, 1954, 375-6; Franchini Guelfi, 1969, 106, 109, 110; Gerra2, 1969, 357, 359; Gerra4, 1969, 486-7; Giulini, 1857, V, 306; Grassi, 1966, 145, 277, 285; Marcora, 1954, 237; Marcora, 1957, 306, 337; Marcora, 1958, 420; Marcora2, 1959, 373, 404-5; Marcora2, 1961, 332; Mezzanotte, 1958, 452; Mezzanotte, 1958, 679; Nicodemi, 1957, 798; Nicodemi1, 1958, 493, 497,501,505,512; Noto, 1962, 41; Orsenigo, 1908-1910, 154; Palestra, 1970, 90; Panizza, 1956, 172; Reggiori, 1960, 652; Romanini1, 1959, 725, 744; Santagostino, 1671, ed. 1980, 64; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 7, 11, 16,26; Smiderle, 1960, 176-7, 179; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 123; Tea, 1959, 798, 813; Travi, 1997, 227; van Luijk, 1953-1959, 137; Valagussa, 1997, 203; Vigotti, 1972,59; Vincenti, 1960, 84, 88, 89; Vismara, 1932, 327; Vittani, 1912, 127; Zanoni B., 1950, 100. R. BERETTA, La Rocchetta di Santa Maria sopra Trezzo, ASL, XXXVII, s. IV /15 (1910), 134, 136; K. ELM, Italienische Eremitengemeinschaften des 12. und 13. Jahrhunderts. Studien zur Vorgeschichte der Augustiner-Eremitenordens, in Mendola II, 555; O. MISCHIATI, L'organo della chiesa di S. Marco a Milano, Milano 1975; F. NOVATI, Di un codice originale del Liber rerum mediolanensium di frate Andrea Billia esistente nella Nazionale di Madrid, ASL, :XXXIV, s. IV /7 (1907), 220, 222; M. RONCHI, La disputa di s. Ambrogio e s. Agostino nella chiesa di S. Marco, Citt di Milano, LXXXI (1964), 534 f. t.; M. RONCHI, Il battesimo di sant'Agostino in S. Marco, Citt di Milano, LXXXII/1-2 (1965), 40 f. t.; D. SANT'AMBROGIO, Un presumibile resto scultorio del disperso sarcofago al giureconsulto Giacomo Bossi del 1355 in S. Marco di Milano, lI Politecnico, L (1902); G. N. VESSIA, Il discusso restauro dell'organo di S. Marco, DMi, XVIII (1977), 123-133. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Ornato Fabbriche, I, cart. 15/2, cart. 17/7; Beretta, 1939, 11; Cattaneo, 1957, 259, 288-9; Chabod, 1971, 232, 300, 320, 322, 350, 351, 402 (1541 giu 13); Coppa, 1977, 154 (1797 apr 2), 155 (1797 dc 2, dc 21, 1798 ge 2, ge 6, ge lO, ge 18, fe 9, fe 18, mg 2, giu 25, set 21, 1799 fe 25, ot 27, nv 8, 1800 mg 5, ot lO), 156 (1800 nv 7, 1801 fe 7); Gatti Perer, 1964-1965, 203; Gatti Perer, 1964-1965, 148; Grazioli, 1906, 245; Magistretti, 1910, 549, 550; Marcora2, 1959, 263 (1340 fe 17); Le pergamene milanesi, 1994; Valente, 1923, 469; Vigotti, 1974, 32, 67; Zanoni L., 1912, 19, 21,22. L. FRANCHINI, Un architetto restauratore lombardo del secondo Ottocento: Carlo Maciachini, ArLo, 83 (1987), 97-120. S. MARCO AL BOSCO ZONA: Boffalora ORIGINE E VICENDE: della piccola chiesa collocata accanto a un nucleo di cascinali pi o meno allaltezza dellattuale via Valpolicella non si sono trovati documenti relativi alla fondazione, che comunque antica come rivelano le strutture arcaiche. UBICAZIONE ATTUALE: via Bardolino a) trattazioni specifiche: Bagnoli, 1965, I, 84-85; Lupieri-Maderna, 1972, 2.2 b) notizie: Sarzi, 1987, 307. S. MARGHERITA DEL GISONE (S. Maria del Gisone, S. Pietro in Caronno, S. Margherita ad monasterium ghisonis) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la fondazione precedente il 912, ma la chiesa prospettante sullattuale

72

via S. Margherita, nel tratto fra le vie Mangoni e Silvio Pellico (Gisone era forse il nome dellantico fondatore) fu ricostruita nel XII secolo e rifatta in et barocca. Appartenne a un monastero di benedettine la cui propriet arrivava fino allattuale via Marino. ORDINE: Benedettine. Nel 1459, Pio II approv il passaggio all'Osservanza Benedettina SOPPRESSIONE: 1781 del convento e nel 1796 chiesa. La fabbrica conventuale fu quindi adibita a direzione di polizia e a carcere sussidiario (vi fu rinchiuso Silvio Pellico nel 1820). Il complesso fu distrutto nella seconda met del XIX secolo. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 185; Borroni, 1808, 182-183; Cattaneo, 1961, 605; DCA, III, 1898; Forcella2, IV, 1889, 213-216; Gerosa Brichetto, 1973, 44, 65-8, 88, 94; Latuada, 1737-1738, V, 179-183; Mezzanotte-Bascap; 1948, ed. 1968, 159; Palestra, 1967,63; Sormani, 1760, 119 E. OCCHIPINTI, Clausura a Milano alla fine del XIII secolo: il caso del monastero di S. Margherita, in Felix olim Lombardia, Milano 1978, 197-212. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Anonimo, 1905, 211; Arslan1, 1954, 584; Barni, 1977, 367; Besta2, 1954, 441, 442; Biscaro, 1907, 390, 394-6; Bognetti2, 1954, 775; Borella, 1948, 106; Cattana, 1980, 102, 105, 113, 120, 123; Cattana, 1984, 139; Cattaneo2, 1954, 682; Cattaneo, 1955, 41; Cattaneo, 1980, 28; Chisini Bulak, 1956, 296; Corsi, 1968, 170; Dossi, 1970, 16; Fustella, 1970, 216; Gallavresi, 1905, 346; Gualdo Priorato, 1666, 100; Marcora, 1958, 414; Mazzi, 1904, 354; Mezzanotte, 1958, 706; Oltrona Visconti, 1978, 55; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Romanini1, 1959, 758; Romanini, 1964, 328; Schuster, 1946, 6; Sebastiani, 1982, 206, 211, 217, 218; Sebastiani, 1995, 104; Spinelli, 1999, passim; Visconti, 1934, 323; Vismara, 1932, 331; Zerbi, 1966, 286. A. BOTTERO, I pi antichi Statuti del Collegio dei Medici di Milano ASL, LXX (1943), 86; D. MONNERET DE VILLARD, L'organizzazione industriale dell'Italia Langobarda durante l'Alto Medioevo, ASL, XLVI (1919), 44. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 13-4; Castiglioni, 1958, 15, 37; Chabod, 1971, 378 (1521 mg 21); Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130, 146, 558, 560; Marcora, 1956, 293, 299, 374 (1467 lu 27), 371-4 (1467 giu 16), 355-356 (1460 ap 13), 356-371 (1462 ge 4); Marcora2, 1959, 258 (1286 fe 26), 260 (1303 ag, 1304 ap, 1306 giu 11), 262 (1339 nv 29), 263 (1352 mz 17, 1352 ap 21, 1358 set 18),271 (1486 ot 27); Marcora1, 1961, 126 (1303 set 1, 1308 dc 30), 127 (1380 ge 24); Scarpini, 1921, 213-4; Vigotti, 1974, 32, 67, 68.E. MOTTA, Armaiuoli milanesi nel periodo Visconteo-Sforzesco, ASL, XLII (1914), 195 (1385 lu 3); Le pergamene del secolo XII del monastero di S. Margherita di Milano conservate presso l'Archivio di Stato di Milano, a cura di L. ZAGNI, Milano 1984 (Pergamene milanesi dei secoli XII-XIII, 2). S. MARIA AD DOMUM DE GIXATE, v. S. Pietro in Gessate. S. MARIA AD S. MARTINUM AD CORPUS ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Gi menzionata nel Liber notitiae, questa chiesa, ubicata lungo il vicus ocarum (attuale via S. Vittore), esisteva ancora tra il 1560 e il 1572. b) notizie: Vigotti, 1974, 72. S. MARIA AD ELISABETTA (oratorio della Visitazione) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Nelloratorio, detto anche della Visitazione gi fondato dal cardinale Federico Borromeo, e sede per la Congregazione generale delle compagnie della Santa Croce, gi nella piazza del Verzaro, oggi piazza Fontana, di fronte allarcivescovado le antiche guide ricordano un"Annunciazione" del Morazzone. [DCA, III, 1899] a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, II, 65-67. S. MARIA ADDOLORATA/S. MARIA DEI SETTE DOLORI

73

(S. Maria delle Carcanine, S. Maria delle Turchine) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa si trovava sul luogo dellodierno Museo di Storia Naturale. Nel 1644-1653 ci fu la fondazione e costruzione del monastero, su iniziativa di Gian Pietro Carcano, in seguito al trasferimento dell'ospedale di S. Maria dei sette Dolori, cui la chiesa era annessa, all'Ospedale Maggiore ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 287-290; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 508. b) notizie: Mezzanotte, 1958, 706, 708; Sebastiani, 1982, 206, 212, 216, 218; Sormani, 1760, 140; Spinelli, 1999, passim. C. BARONI, Milano e le capelle del Sacro Monte di Varese, ASL, LXIII (1936), 191-2. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 15, 37. S. MARIA AL CASTELLO (S. Maria della Consolazione) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1481 Gian Galeazzo Sforza concedette di edificare una chiesa dedicata alla Madonna della Consolazione sulla spianata del castello. Essa fu affidata nel 1492 ai frati agostiniani che vi aggiunsero un piccolo convento. Probabilmente a seguito dei lavori di ampliamento del castello, il convento fu abbattuto e la chiesa ricostruita nel 1591 nel luogo dove ora si trova. Ledificio come appare oggi il risultato di alcuni successivi interventi architettonici e decorativi avvenuti tra il 1833 e il 1836. ORDINE: Agostiniani SOPPRESSIONE: 1769 UBICAZIONE ATTUALE: l.go Cairoli a)trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 187; Borroni, 1808, 131; Bossi, 1818, 183-184; Fiorio, 1985, 65; Gualdo Priorato, 1666, 77-78; Latuada, 1737-1738, IV, 403-407; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 380; Pirovano, 1822, 208-209; Ponzoni, 1930, 306-7; Sormani, 1760, 71-72; Vallini, 1966-1968, 56-7, 370. A. VINCENTI, Una chiesa nella citt. Santa Maria al Castello, ArCr (2000), 475-484. b) notizie: Bendiscioli1, 1957, 183; Ceriotti, 1987, passim; Orsenigo, 1908-1910, 154; Spinelli, 1999, passim. Nuovi documenti per San Maurizio al Monastero Maggiore, Civilt ambrosiana, 6 (1989), 63, nota 33. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio parrocchiale di Santa Maria alla Porta; Archivio della Soprintendenza ai beni artistici e storici, Catalogo generale, schede 03/00042610-00042738; Castiglioni, 1948-1949, 251. S. MARIA AL CIRCO (S. Maria al Cerchio, S. Maria ad circulum) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: gi menzionata in due evangeliari del IX secolo, la chiesa era situata allinizio dellattuale via Circo, a sinistra dello slargo da via del Torchio. Parrocchiale, anche se dipendente dal Monastero Maggiore (alla cui badessa spettava lelezione del parroco), tale rimase almeno fino al 1764. Alla fine del XIX secolo sul luogo della chiesa fu costruito un edificio scolastico. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1899; Forcella2, II, 1889, 245-248; Latuada, 1737-1738, IV, 34-53; Sormani, 1760, 31-33; Vigotti, 1974, 69. S. MARIA AL PORTELLO VIGENTINO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Tra corso di Porta Vigentina e via Cassolo un edificio a pianta quadrata, trasformato in supermercato, quanto resta delloratorio, sorto per venerare unimmagine ad

74

affresco della "Madonna col Bambino, S. Carlo e Federico Borromeo" dipinta su di un muro di casa Comi. La prima cappelletta, risistemata nel 1688 su consiglio di Giuseppe Quadrio, fu trasformata in un vero e proprio oratorio coi lavori del 1690-1715. [DCA, III, 1907] SOPPRESSIONE: ultimo quarto del XVIII secolo. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 18-19; Lupieri-Maderna, 1972, 6.4; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 247. S. MARIA ALLA CONCA FALLATA (Chiesa Rossa, S. Maria ad Fonticulum, S. Maria in Fontigio, S. Maria di Fonteggio) ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: su unoriginaria cella memoriae si ritiene sia stato edificato nel VI secolo un edificio a croce con ampio atrio citato nel 988 come chiesa di S. Maria in Fontigio, dipendenza di S. Giorgio al Palazzo. Una risistemazione delledificio si ebbe probabilmente nella prima met del XII secolo con la sua cessione allappena fondato monastero benedettino femminile e unaltra nel 1330, solo in parte modificata dai restauri quattrocenteschi. ORDINE: benedettine, nel 1303 sostituite dalle Bianche Vetere dellordine di SantAgostino. SOPPRESSIONE: nel 1782 fu soppresso il monastero, ma si continu ad usare la chiesa. Nel 1880, il complesso fu venduto a privati che lo trasformarono in cascina. Dal 1960 propriet del comune di Milano che ha provveduto ai restauri. UBICAZIONE ATTUALE: via Chiesa Rossa a) trattazioni specifiche: Amorosi, 1966, 42-54; Forcella2, 1889, II, 159-162; FumagalliSantAmbrogio-Beltrami, 1891, v. 1, 38-41; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 309; Ponzoni, 1930, 48-49; Sarzi, 1987, 285-287 Cascine a Milano, Milano 1986, 150-153; M. MAJO, La storia millenaria della basilica di S. Maria alle fonti, Diocesi di Milano, 12 (1971), 525-528; P. GAZZOLA, La Chiesa di S. Maria la Rossa presso la Conca Fallata, in Munera. Studi in onore di Antonio Giussani, Milano 1944, 245-254; P. PARODI, Lantica chiesa di Santa Maria alla Rossa in Milano, Italia Sacra, I (1928), 128-138 b) notizie: Arslan2, 1954, 514; Barzaghi, 2003, 23-54; Matalon, 1963, 459-460; Mirabella Roberti, 1984, 165-167; Toesca, 1912, 89; Travi, 1997, 206. S. MARIA ALLA FONTANA ZONA: Porta Comasina ORIGINE: edificata allinizio del XVI secolo su incarico del governatore francese Charles DAmboise intorno a unimmagine della Vergine e a una fonte miracolosa in un luogo allora isolato nella campagna, la chiesa originaria, su disegno dellarchitetto Giovanni Amadeo, costituisce oggi il santuario inferiore. Il santuario superiore unisce invece elementi controriformistici (larea absidale) a componenti moderne. ORDINE: benedettini di S. Simpliciano poi Padri Minimi di S. Francesco di Paola SOPPRESSIONE: 1787. La chiesa fu trasformata in parrocchia. UBICAZIONE ATTUALE: via Thaon di Revel a) trattazioni specifiche: Baroni, 1941, 107-110; Brizio, 1974, 1-26; Bruschi, 1969, 180-194, 765-773; Cadei, 1972, 35-60; Fiorio, 1985, 112-115; Grassi, 1966, 194, fig. 250, 196, figg. 251-252, 197, 289 e 310 fig. 376; Malaguzzi Valeri, 1906, 133-163; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 417; Venturi, 1915, XI, I, 25-30. P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 5) S. Maria alla Fontana e il suo territorio nei Corpi Santi di Milano, ArCr, LIV, 11 (1966), 335-340; A. ANNONI, Delledificio bramantesco di S. Maria alla Fontana, Rassegna darte, VIII, 10-13, 28-30, 70; A. COLLI, Storia e arte di Santa Maria alla Fontana in Milano, Milano 1988; G. GALLETTI, Precisazioni su S. Maria della Fontana, Raccolta Vinciana, fasc. 21, 39-93; A. LATTUADA, Santa Maria alla Fontana. Memorie storiche e artistiche raccolte dal M.R. Prevosto parroco don Antonio Lattuada, Milano; F. REGGIORI, Il santuario di S. Maria alla Fontana di Milano alla luce di recentissime scoperte, ArLo, 2 ?, 51-64; A. ROVETTA, Nuove ricerche per S. Maria alla Fontana in Milano, 61 (1982), 141-151; G. B. SANNAZZARO, LAmadeo e S. Maria alla Fontana, in Giovanni Antonio Amadeo. Scultura e architettura del suo tempo, Milano 1993, 297-327; D. SANTAMBROGIO, La chiesa

75

di S. Maria alla Fontana in Milano di presumibile origine leonardesca, Il Politecnico, LV, 565579; G. SIRONI, Nuovi documenti su Santa Maria alla Fontana, Raccolta Vinciana, fasc. 21, 94-102;. b) notizie: Calvi, 1925, 248-249; Caselli, 1837, 210-211; Cesariano, 1521, fol. XVIIr; Lanovius, 1635, 229-230; Marchini, 1943, 108; Marinoni, 1970, 3-28; Milano zona due, 1987, 24-25 (ill.); Mulazzani, 1974, 226; Fumagalli-Sant'Ambrogio-Beltrami, 1891-1892, 60-62; Gatti Perer, 1964, 205-206, 221, note 4-6; Maltese, 1954, 335; Pedretti, 1978, 92, 218; Salmi, 1924, ed. 1974, 419-476; Sant'Ambrogio1, 1907, 3-4; Sevesi, 1926, 42-43; Torre, 1674; ed. 1714, 213. M. GRANDI, Alle origini di un settore urbano, in Milano Zona Due Centro Direzionale Greco Zara, Milano 1987, 22-25. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo X, foll. 23-24; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, (vedi Gatti Perer, 1964). S. MARIA ALLA FONTANA (oratorio) (SS. Giacomo e Filippo) ZONA: fuori Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Delloratorio, gi fabbricato dalla confraternita dei SS. Giacomo e Filippo in luogo di uno pi antico demolito nel 1466, e situato nel borgo un tempo detto della Fontana (attuale via omonima) entro un contrafforte angolare dei bastioni (ora allangolo con viale Regina Margherita), rimasto anche il disegno planimetrico dellaula capitolare [] [DCA, III, 1989] SOPPRESSIONE: fine XVIII secolo. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, I, 264-265; Forcella2, I, 1889, 255 b) notizie: Fassina, 1985, 121; Gualdo Priorato, 1666, 52 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Miscellanea, v. 8. fasc. 6. S. MARIA ALLA PASSARELLA ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: [] la chiesa era situata sulla strada che ancora oggi ne ricorda la dedicazione: via Passarella, il cui nome potrebbe indicare o un passaggio alle fortificazioni della citt murata, o un ponticello sopra un canale; da Mezzanotte-Bascap (1948) era individuata una rientranza di vecchi fabbricati, gi corrispondenti alla sua posizione al n. 32 [] [DCA, III, 1989] SOPPRESSIONE: 1787 a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, I, 191-192; Forcella2, I 1889, 123-130; Vigotti, 1974, 73 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 51-52 c) fonti e citazioni documentarie: Le pergamene milanesi, 1994. S. MARIA ALLA PORTA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: probabilmente di origine antica, citata nel 1105, la chiesa (cos detta per la vicinanza con lantica Porta Vercellina) fu ricostruita a partire dal 1652 sotto la guida dellarchitetto Francesco Maria Ricchino. Ledificio sub gravi danni per i bombardamenti della seconda guerra mondiale. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Maria alla Porta a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bartoli, 1776-1777, 198-199; Bianconi, 1787, 269-271; Bombe sulla citt, 2004, 247-249; Borroni, 1808, 109-110; Bossi, 1818, 153-154; Fiorio, 1985, 61-63 Gualdo Priorato, 1666, 78-79; Latuada, 1737-1738, IV, 171-178; Ledoschowska, 1967, 209, 251, 256-7, 259, 261-2, 264, 266, 268, 288; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 145; Pirovano, 1822, 180-181; Sormani, 1760, 7577; Studi di storia locale, 1983, 39. P. GERRA, Luoghi sacri da sistemare in Milano, DMi, X (1969), 114-6; N. ONIDA, Il cantiere di S. Maria alla Porta, in La Basilica di San Giovanni Battista a Busto Arsizio, 2001, 123-130; P.

76

REINA, S. Maria alla Porta dalle origini ai nostri giorni 1666-1966. Notizie di storia e di arte pubblicate nel terzo centenario della costruzione dell'attuale chiesa parrocchiale, Milano 1966. b) notizie: Grassi, 1966, 145, 275, 289, 355; Mezzanotte, 1957, 642; Mezzanotte, 1958, 446, 467; Mezzanotte Bascap, 1948, ed. 1968, p. 145; La Raccolta Bianconi, 1995, 68; Sebastiani, 1982, 207, 219; Vallini, 1966-1968, 372; Vigotti, 1972, 73, 94. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, Santa Maria alla Porta, voll. I, III, IV; Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, Santa Maria alla Porta, fotografie cart. 955, disegni Santa Maria alla Porta; Baroni, 1940, 90-105. S. MARIA ANNUNCIATA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1435 ci fu lacquisto da parte di tre nobildonne milanesi di un terreno a Porta Nuova per la costruzione del monastero, menzionato nel 1437 in una bolla di conferma di papa Eugenio IV. La chiesa annessa al monastero prospettava sullattuale via Manzoni sul luogo dove sarebbe stato costruito il secondo dei palazzi DAdda Borromeo, nella contrada cui diede il nome (ancora ricordata dalla denominazione di una via). Ledificio fu ricostruito nel XVII secolo. ORDINE: Canonichesse regolari lateranensi SOPPRESSIONE: 1797 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 185; Bianconi, 1787, 410-411; Cattaneo, 1961, 655-6; Forcella2, V, 1889, 133-139; Latuada, 1737-1738, III, 195-196; Mezzanotte-Bascap, 1958, 862; Sormani, 1760, 146-147. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Andenna, 1979, 339; Bardeaux, 1938-1942, 133; Beretta, 1912, 312; Cattana, 1980, 101, 126; Cattaneo, 1955, 96; Cattaneo, 1958, 325; Chinea, 1937, 440; Gerra2, 1969, 358; Gerra4, 1969, 488-9; Grassi, 1966, 246; Gualdo Priorato, 1666, 9798; Leverotti, 1981, 109; Marcora, 1956, 295-6; Marcora, 1958, 413; Marcora, 1960, 284; Mezzanotte, 1958, 451; Mezzanotte2, 1959, 481; Palestra, 1979, 271; Sebastiani, 1982, 206, 213, 217,218; Sebastiani, 1995, 104, 109-110; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 16, 38; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 13; Bologna, 1984, 20, 23; Casati, 1931, 156 (1565 ag 15); Flumiani, 1927, 570-1, 581, 583; Gatti Perer, 1964-1965, 149; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 501-3 (1544 mz 28); Marcora, 1964, 181-2 (1623 nv 29). S. MARIA ANNUNCIATA AL CASTELLO v. S. Maria del Carmine S. MARIA ANNUNCIATA ALLOSPEDALE MAGGIORE ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Delloriginaria cappella quattrocentesca non si conoscono n la forma n lubicazione. La costruzione della chiesa attuale avvenne nel XVII secolo sulla base del precedente disegno del Filarete, e fu completata da F. M. Ricchino. Ledificio fu poi ampliato nel XIX secolo. Gravemente danneggiata dai bombardamenti del 1943, la chiesa fu restaurata nel 1949. UBICAZIONE ATTUALE: via Francesco Sforza a) trattazioni specifiche: La Ca Granda, 1981, 107-109, 119, 121; Kummer, 1974, I, 210-219; Latuada, 1737-1738, I, 331-333; Lupieri-Maderna, 1972, 6.1; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 232; Pecchiai, 1926, Ponzoni, 1930, 301-303; Spinelli, 1956, 204-208; Torre, 1674, ed. 1714, 39-40 P. G. AGOSTONI, La chiesa della nuova sede delluniversit, ArCr, luglio (1963), 178-184; G. C. BASCAP, La chiesa di S. Maria Annunciata allospedale Maggiore, Diocesi di Milano, maggio (1963), 295-297; G. CASTELLI, La chiesa dellAnnunciata allOspedale Maggiore, Almanacco della famiglia meneghina, 1937, 77-78. b) notizie: Grassi, 1972, 25-26; Gualdo Priorato, 1666, 62; Santagostino, 1671, ed. 1980, 31; c) fonti e citazioni documentarie: A. AVERULINO [FILARETE], Trattato di architettura, a cura di A. M. Finoli e L. Grassi, Milano 1972, vol. I, 311-315.

77

S. MARIA ANNUNCIATA IN CAMPOSANTO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: loratorio edificato nellarea cimiteriale dietro il Duomo, presto diventata sede del cantiere della fabbrica, era detto di S. Maria Relogiis, forse perch in vicinanza con la torre dellorologio. S. Carlo lo fece sopprimere e demolire. Nel 1695 si deliber di erigere una cappella dedicata a S. Maria Annunciata, ma i lavori procettero a rilento tanto che la cupola fu eseguita solo nel 1740. La chiesa fu incorportata nel 1853 nelledificio neoclassico del Palazzo della Veneranda Fabbrica. UBICAZIONE ATTUALE: p.za Duomo a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bartoli, 1776-1777, 146; Bianconi, 1787, 64; Gualdo Priorato, 1666, 48, 53; Latuada, 1737-1738, II, 42-46; LupieriMaderna, 1972, 6.14; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 52-53; Pirovano, 1822, 96; Ponzoni, 1930, 405-406; Torre, 1674, ed. 1714, 321-322 V. CAPRARA, Un documento inedito per laltare dei SS. Quattro coronati in santa Maria Annunciata in Camposanto, Civilt ambrosiana, 10 (1993) 6, 432-436; A. CICERI, La chiesa di S. Maria Annunciata in Camposanto, Diocesi di Milano, dicembre (1964), 756-759. b) notizie: Bora, 1980, 295-317; Cirillo-Godi, 1979, 94-95; Monumenta, 1971, passim; Scotti, 97-121. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Visite Pastorali, Sez. X, vol. 72, fasc. 14. S. MARIA ARACOELI ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu edificata nel 1588 insieme allospedale dei frati di S. Giovanni di Dio (detti fatebenefratelli) e si trovava sullattuale angolo di via Fatebenefratelli con corso di Porta Nuova. Ledificio visivamente documentato oltre che dallincisione di Marco Antonio Dal Re anche da vecchie fotografie (in Ponzoni o in Mezzanotte-Bascap). ORDINE: Fratelli della Misericordia SOPPRESSIONE: f. XVIII sec. La chiesa fu distrutta nel 1937, quando fu eliminata anche la piccola piazza antistante palazzo Cramer. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 185; Bianconi, 1787, 379-380; Bascap, 1960, 804-5, 823; Borroni, 1808, 154; Bossi, 1818, 210-211; Latuada, 1737-1738, V, 248-250; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 448; Ponzoni, 1930, 304-5; Sormani, 1760, 130. L. MONTAGNA, I Fatebenefratelli a Milano, Fate bene fratelli, XVI/3 (1951), 53-72; L. MONTAGNA, L'arrivo dei Fatebenefratelli a Milano, in Studi in onore di Carlo Castiglioni, Milano 1957 (Fontes Ambrosiani, 32), 581-588; G. RADICE - C. MAPELLI, Il convento - ospedale di S. Maria Aracoeli a Milano, Milano 1976; G. Russotto, L'ordine ospedaliero di San Giovanni di Dio, Roma 1950, 107-112. b) notizie: Gerra2, 1969, 357, 359; Gerra4, 1969, 487-8; Gualdo Priorato, 1666, 99-100; Vallini, 1966-1968, 186-7. S. MARIA ASSUNTA ALLACQUABELLA ZONA: localit Acquabella (attuale c.so Plebisciti) ORIGINE E VICENDE: nel breve tratto di corso Plebisciti tra piazzale Dateo e piazzale Susa si trovava fino agli anni Trenta del XX secolo un modesto agglomerato dei Corpi Santi costituito da un nucleo di cascine disposte attorno a una chiesetta dedicata a Maria Assunta affacciata sullattuale corso. Il toponimo Acquabella pare derivato da un fontanile. La chiesa fu distrutta nel 1898 b) notizie: Bagnoli, 1965, III, p. 62. S. MARIA ASSUNTA DEL CAPPUCCIO (S. Maria Assunta Regina Virginum, de Caputiis) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Gi situata a un terzo del percorso dove oggi il prolungamento di via S. Orsola incontra il Cappuccio (Mezzanotte-Bascap), la chiesa possedeva anche la dedicazione a

78

S. Maria Virginum: era annessa al convento in cui, prima del 1258, furono trasferite dal monastero di Casorezzo le francescane indossanti il saio con quel cappuccio che diede il nome alla contrada, le quali abbracciarono pi tardi la regola delle agostiniane. [DCA, III, 1936] ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1785. Nel 1807 chiesa e monastero furono abbattuti. Il chiostro fu inglobato nella corte di Palazzo Bolognini, poi Radice Fossati al n. 13 dellattuale via Cappuccio. a) trattazioni specifiche: Bascap, 1967, 52, 64; Cattaneo, 1961, 633, 634, 636; Forcella2, III, 1889, 55-56; Gavignan, 1978, 392; Latuada, 1737-1738, IV, 201-202; Mezzanotte-Bascap, 1958, 635. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Beretta, 1959, 199; Cattana, 1980, 125; Gerra, 1964, 280, 382; Grassi, 1966, 287; Gualdo Priorato, 1666, 78; Mezzanotte, 1958, 706; Petra Sala, 2004, 147, 231; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Sormani, 1760, 68; Spinelli, 1999, passim; van Luijk, 1953-1959, 138. c) fonti e citazioni documentarie: Baldissaro, 1981, 12 (1470 mz 16); Beretta, 1939, 10; Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15, 37; Casati, 1931, 150 (1565 lu 18), 156 (1565 ag 15), 159 (1565 nv 28), 160 (1566 ge 16); Cattaneo, 1985, 162 (1565 ag 1); Flumiani, 1927, 578; Gatti Perer, 1964-1965, 192; Magistretti, 1910, 550; Marcora2, 1961, 281, 547 (1564 dc 23); Sevesi2, 1940, 95 (1480 ot 7). S. MARIA ASSUNTA DEL MURO v, S. Maria della Vittoria. S. MARIA ASSUNTA DI BRUZZANO (S. Maria di Bruzzano) ZONA: Bruzzano ORIGINE E VICENDE: notizie certe dellesistenza di una chiesa prepositurale in Bruzzano si hanno a partire dal 1011. Ledificio fu ampiamente ristrutturato e ampliato da Pellegrino Tibaldi agli inizi del XVII secolo, e poi nuovamente nel 1808, dopo che un incendio aveva devastato la chiesa. UBICAZIONE ATTUALE: piazza Bruzzano a) trattazioni specifiche: Bagnoli, 1965, III, 57-60; DCA, I, 515-517; Itinerari di san Carlo, 1985, 44-46; Vigotti, 1974, 151 E. Cazzani, Bruzzano. Memorie duna antica pieve, Saronno 1989. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 151. S. MARIA ASSUNTA IN QUINTOSOLE ZONA: Quintosole ORIGINE E VICENDE: la chiesa ricordata dal Liber notitiae, gi parrocchia dal 1566, si presenta oggi nella veste architettonica tipica delle chiese post-tridentine. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1915. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 309. S. MARIA ASSUNTA IN TURRO ZONA: Turro ORIGINE E VICENDE: Pochissime sono le tracce, visibili sul campanile, di unantica chiesetta di Turro, che venne completamente distrutta per erigere, tra il 1855-86, una nuova costruzione [] [DCA, III, 1915] c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. MARIA ASSUNTA IN VIGENTINO ZONA: fuori Porta Romana (Vigentino) ORIGINE E VICENDE: ricordata da Goffredo da Bussero, la chiesa fu ricostruita nel XIV secolo dai gerolamiti del convento di Castellazzo e divent parrocchia nel 1571. Unulteriore ricostruzione cui si deve la forma attuale si ebbe nel XVII secolo. UBICAZIONE ATTUALE: via Chopin

79

a) Bagnoli, 1987; DCA, III, 1917-1919; Iosa, 1986, 451-452, 487-488, 492-493 b) notizie: Mostra del Cerano, 1964, 118; Sarzi Amad, 1987, 274-275 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Culto p. a., cart. 1414, 1726; A.S.D.M., Sez. X, Pieve di S. Donato e Pievi diverse (vol. 14). S. MARIA ASSUNTA REGINA VIRGINUM v. S. Maria Assunta del Cappuccio. S. MARIA BIANCA DELLA MISERICORDIA IN CASORETTO ZONA: Casoretto ORIGINE E VICENDE: nel XII secolo esisteva gi una cappella poi compresa nelle propriet suburbane della famiglia di origine genovese dei Tanzi, che chiamarono da Lucca alcuni canonici del priorato di S. Maria della Frigionaia, ufficialmente insediatisi nel 1406. Una nuova chiesa fu eretta negli anni Settanta del XV secolo. Il chiostro del monastero risalirebbe invece nella versione conclusiva ai primi anni del XVI secolo. Nella seconda met del Cinquecento, Pellegrino Tibaldi avrebbe poi trasformato linterno della chiesa, che fu restaurata nel corso del XX secolo dopo il lungo periodo di decadenza successivo alla soppressione della comunit dei canonici. ORDINE: Canonici regolari SOPPRESSIONE: 1772 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Materno a) trattazioni specifiche: Forcella2, I, 1889, 177-182; Fumagalli-SantAmbrogio-Beltrami, 1891, 44-45; Iosa2, 1986, 152-153, 199-204; Patetta, 1987, 70-74; Ponzoni, 1930, 140-141; Sarzi, 1987, 201-202 R. BAGNOLI, Passeggiate fuori porta. S. Maria Bianca in Casoretto, Famiglia Meneghina, 27 (1953), 8-9; P. BARBARA, Unadorazione quattrocentesca nella chiesa milanese di S. Maria Bianca in Casoretto, ArLo, 76-77 (1986), 57-62; A. BELLONI, Il restauro della chiesa di S. Maria Bianca di Casoretto, Milano, 46 (1930), 90-91; E. CAZZANI, La parrocchia di S. Maria Bianca della Misericordia in Milano, Milano 1977; D. SANTAMBROGIO, La chiesa e il convento di Santa Maria la Bianca di Casoretto, Milano 1894 b) notizie: Pecorella Vergnano, 1976, 425-438 c) fonti e citazioni documentarie: Bibl. Ambrosiana, Il disegno della facciata di S. Maria di Casoretto, F 251 inf., I.68 (2601); Pianta della chiesa di Casoretto fuori di P. Orientale. Lo impiedi du fiancho, F 251, inf., I.70 (2603); Archivio parrocchiale S.M. di Casoretto, Liber chronicus. S. MARIA BELTRADE (S. Maria Rotonda) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa sorgeva sul sito dellattuale piazza alla fine di via Torino verso il Duomo. Lappellativo Beltrade pare risalga a un conte Beltrado di et carolingia o a re Bertarido. Anticamente la chiesa era comunque nota come S. Maria Rotonda, anche se dal XVI secolo almeno assunse pianta rettangolare con labside tangente lattuale via Torino. La sua fama era legata alla processione del 2 febbraio, giorno della Purificazione (Candelora) quando unimmagine della Madonna veniva condotta in una solenne processione dalla chiesa al Duomo. Ricostruita nel 1601 e restaurata pi volte nei due secoli successivi fu sconsacrata nel 1924 e distrutta nel 1934 senza risparmiare gli arredi e gli affreschi del Legnanino. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 185; Bianconi, 1787, 188-189; Borroni, 1808, 76; Bossi, 1818, 100 Forcella2, II, 4-7; 1889, Giulini, 1760, II, 420, V. 116, 185; Latuada, 17371738, III, 109-114; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 80; Milano: le chiese scomparse, 1997, 3, 59-73 (con bibliografia); Milano ritrovata, 1986, 377-382 (con bibliografia); I monumenti di Milano, 1927, 35-36; Pirovano, 1822, 148-149; Sormani, 1760, 16-20; Torre, 1674, ed. 1714, 137-138; Vigotti, 1974, 65 E. BRIVIO, La processione della Candelora, Diocesi di Milano, gennaio (1978), 21-25; A. CERUTI, Lidea. Nota archeologica, Rendiconti del R. Istituto lombardo di scienze e lettere,

80

XIII (1875), 1-11; A. DE MARCHI, Tracce del culto della Madre Idea nei monumenti milanesi, Rendiconti del R. Istituto lombardo di scienze e lettere, XXIX (1896), 737-744 b) notizie: Arslan3, 1954, 590; Bandera, 1997, 235; Bognetti, 1948, 232-233; Bossaglia, 1978, I, 84; Cant, 1858, I, 213; Cattaneo, 1969, 26, 28; Grassi, 1966, 229; Gualdo Priorato, 1666, 71; Mezzanotte, 1966, 187, nota 25; Mongeri, 1872, 164; Monumenta, 1971, passim; Vigezzi, 1934, 70-71, 81-82 c) fonti e citazioni documentarie: A.C.M., 12/1, P.G. 107045, a. 1939, piazza S. Maria Beltrade 5; A.S.B.A.A., 1438; A.S.D.M., Sez. III, Atti della Cancelleria, Spedizioni diverse, pacco 64; Sez. X, Visite pastorali, San Sepolcro, vol. I, fasc. 1; vol. II, fasc. 1; vol. III, fasc. 1, 9, 10-12; Miscellanea citt e pievi, XIX; Le pergamene milanesi, 1994. S. MARIA D'AURONA/ORONA (S. Agata d'Aurona/Orona, S. Maria monasteri olone) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: 740 (?) fondazione monastero (il nome Aurona quello della figlia del re longobardo Ansprando). La chiesa era situata lungo lattuale via Monte di Piet; addossata alle mura massiminianee, che anzi ne costituivano la parete settentrionale. Resti delledificio furono trovati durante gli scavi (1868) effettuati per la costruzione del palazzo della Cassa di risparmio: la pianta costituita da un primo ambiente quasi quadrato (atrium?) a dallaula vera e propria, rettangolare, terminante vesro oriente con tre absidiole [] In epoca romanica (sec. XI) la c. venne ristrutturata e spartita in tre navate (sorte simile a San Simpliciano), mediante pilastri polistili, che reggevano le volte. I resti scolpiti sono ora conservati al Museo del Castello [] [DCA, III, 1928] ORDINE: Benedettine SOPPRESSIONE: 1479 unione a S. Agostino Nero; nel 1583 ci fu la parziale distruzione del monastero sulla cui area fu costruito il convento di S. Barbara (v.). La parte rimasta degli edifici monastici fu riaddatata dal Pollak per la sede del Genio Militare. Ledificio neoclassico fu a sua volta abbattuto nel 1872 per permettere la costruzione del palazzo della Cassa di Risparmio. a) trattazioni specifiche: Alberzoni, 1981, 543, 546-9; Arslan1, 1954, 559-564; Bognetti1, 1954, 268-271, 292-4; Bognetti2, 1954, 775-7, 792-6; Cattaneo, 1961, 604, 620, 623; Ceruti, 1869, 3-22; Fiorio, 1985, 172-173; Forcella-Seletti, 1897, 175-178; Latuada, 17371738, V, 273-274; Martelli, 1984, 59-63, 70; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 112-134 (con bibliografia); Palestra, 1967, 62; Picasso, 1993; Porter, 1916, 520-530; Reggiori, 1947, 275-276; Selvatico, 1880, II, 154-157; Torre, 1674, ed. 1714, 271-272. Archeologia e Medioevo a Milano. Gaetano Landriani e la scoperta di S. Maria d'Aurona, a cura di Roberto Cassanelli e Massimiliano David, Cinisello Balsamo, 2000; L. BELTRAMI, Gli avanzi della basilica di S. Maria in Aurona, con rilievi e note di G. LANDRIANI, Milano 1902; A. DE CAPITANI D'ARZAGO, La chiesa romanica di S. Maria di Aurona in Milano, da una planimetria inedita del secolo XVI, ASL, LXXI (1944), 3-66; D. SANT'AMBROGIO, Capitelli e resti della chiesa di S. Maria d'Aurona, Il Politecnico, LVIII (1910), estr. pp. 8; L. TESTE, Il monastero e la chiesa di S. Maria d'Aurona, L'Arte, VII (1904). b) notizie: Arslan2, 1954, 457, 458; Barni1, 1954, 73; Barni2,, 1954, 258, 386; Barni3, 1954, 66, 108; Bascap, 1967, 52, 64; Beretta, 1951-1952, 193; Besta1, 1954, 421; Biscaro1, 1908, 227; Bognetti, 1978, 189; Borella, 1948, 105; Cattana, 1980, 98, 99, 126; Cattaneo2, 1954, 696; Cattaneo, 1955, 36; Cattaneo, 1980, 16; Cattaneo2, 1984, 232; Corsi, 1968, 171, 185; Fassina, 1985, 207; Fustella, 1965, 107; Gatti Perer, 1979, 471; Gerra5, 1969, 567; Giulini, I, 1760, 399, II, 8, 62, IV, 390, VI, 253, VIII, 405; Grassi 1964, 132, 133, 141; Gualdo Priorato, 1666, 89; Keller, 1979, 216; Mezzanotte, 1966, 103; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Puricelli, 1645, 381; Rosa, 1954, 611-5; Rossini, 1968, 448; Schuster, 1946, 13; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 74-6; Vallini, 1966-1968, 175; Vigotti, 1972,58; Violante1, 1974, 283; Visconti, 1934, 290, 323; Zerbi, 1966, 286; Zerbi1, 1978, 10. R. BERETTA, Di alcune antiche chiese di Cornate e Porto d'Adda, ASL, L (1923), 226, 227; C. CASTIGLIONI, Il titolo di Arcivescovo al Metropolita milanese, Ambrosius, XVI (1941), 56; C. M. ROTA, Paesi del milanese scomparsi o distrutti, ASL, XLVI (1919), 580.

81

c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D..M., sez.XII, Visite pastorali, Ordini Religiosi e Congregazioni, S.Agostino P.N., vol.62, fasc.1; Biblioteca dArte, Manoscritto Landriani, R.B. C III 55; Archivio Civiche Raccolte dArte, Catalogo del Museo Patrio di Archeologia in Milano, ff. 232v-234, nn. 1793-1920; Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 13; Bologna, 1984, 20 (1576 mz 3); Gatti Perer, 1964-1965, 188, 190, 191; Grazioli, 1906, 234; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; KW, 86; Palestra, 1971, 74 (1340 mz 20); Riboldi, 1905, 263 (1179 dc 31); Scarpini, 1921, 213; Vigotti, 1974, 33, 41, 66,73. Le pergamene del secolo XII del monastero di S. Maria di Aurona di Milano conservate presso l'Archivio di Stato di Milano, a cura di M. F. BARONI, Milano 1984 (Pergamene milanesi dei secoli XII-XIII, 1). S. MARIA DE DOMINABUS ALBIS v. S. Maria delle Veteri. S. MARIA DE INCROXATIS v. S. Maria dei Crociferi. S. MARIA DEGLI ANGELI ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: nel 1619 ci fu la fondazione del collegio delle Vergini di S. Maria degli Angeli del Rosario. Nel 1624 a seguito del trasferimento del collegio del Rosario (v.) in Porta Orientale, le monache restanti formarono la comunit di S. Maria degli Angeli ORDINE: Orsoline 1655 Alfonso Litta, arcivescovo di Milano, concede il passaggio all'ordine cappuccino SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Da Mareto, 1970, 153-4; Sevesi, 1957, 225; Sormani, 1760, 94-95. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 135; Castiglioni, 1931, 193; Cattaneo, 1961, 629; Gerra2, 1969, 357; Gerra3, 1969, 419; Gualdo Priorato, 1666, 87; Sebastiani, 1982, 206, 217; Spinelli, 1999, passim; Vigotti, 1972, 92. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15; Marcora, 1964, 207. S. MARIA DEGLI ATTAZI/OTTAZI (domus de Otaziis, domus fratris Ottatii) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: 1232 ca. fondazione del monastero ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: nel 1571 ci fu la soppressione degli Umiliati. Nel 1574 s. Carlo vi trasfer l'Ospedale dei Vecchi b) notizie: C}, 167; Bernareggi1, 1931, 696; Cattaneo, 1961, 640; Gerosa Brichetto, 1961, 45; Schuster, 1946, 17. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 9; Castiglioni, 1960, 12; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 32, 71; Zanoni L., 1911, 59, 248, 337, 342. S. MARIA DEI CROCIFERI (S. Maria de incroxatis; S. Croce; S. Maria cruciferum) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu fondata nel XII sec. allaltezza dellattuale via S. Croce. ORDINE: Crociferi SOPPRESSIONE: 1653 cessione del monastero all'Ospedale Maggiore per iniziativa della Santa Sede a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 154; Latuada, 1737-38, III, 168-170; Mezzanotte-Bascap, 1958, 556 b) notizie: Cattaneo, 1961, 651; Gualdo Priorato, 1666, 68. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 19; Vigotti, 1974, 32, 70.

82

S. MARIA DEI MIRACOLI PRESSO S. CELSO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1435, per volont di Filippo Maria Visconti fu edificata una chiesetta attorno a un dipinto della Vergine, realizzato su un muretto, secondo la tradizione gi allepoca di s.Ambrogio, che nella zona contigua (dove fu costruita la chiesa di S.Celso) aveva ritrovato le reliquie dei ss. Nazaro e Celso. Nel 1485 i miracoli attribuiti allimmagine incrementarono i pellegrinaggi tanto da imporre la costruzione di un edificio pi vasto. Ledificazione della chiesa coinvolse alcuni fra i pi importanti architetti lombardi: Gian Giacomo Dolcebuono, a partire dal 1493, poi affiancato dallAmadeo; Cristoforo Solari (1505); Cesare Cesariano (1513); Bernardino Zenale (1514-1525); Galeazzo Alessi che forn i disegni definitivi tra il 1565 e il 1568, e altri. I lavori di rifinitura e lesecuzione degli altari proseguirono fino al XIX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: c.so Italia a) trattazioni specifiche: Arslan, 1957, 548-551; Baroni, 1940, 223 ss.; Baroni 1941, 215 ss.; Bartoli, 1776-1777, 187-189; Bertelli, 1984, 121-134; Bianconi, 1787, 132-144; Borroni, 1808, 55-58; Bossi, 1818, 75-82; Gualdo Priorato, 1666, 61-62; Houghton Brown, 1982, 161188, 419-516; Latuada, 1737-1738, III, 57-70; Mezzanotte, 1957, 576-584; Mezzanotte, 1975, 449-459; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 264-268; Pirovano, 1822, 117-128; Torre, 1674, ed. 1714, 66-73. C. M. CAPELLANO CORALE, Cenni sul santuario della B. V. M. presso S.Celso, Milano 1862;; A. CAVAGNA SANGIULIANI, Il portico di S. Celso, Milano 1865; G. FANTONI, Un gioiello del Seicento lombardo: S. Maria presso S. Celso, Ca de Sass, 110 (1990), 31-37; F. FRANGI, Cerano sotto le volte di Santa Maria presso San Celso, Ca de Sass, 119 (1992), 27-32; M.L. GATTI PERER, Martino Bassi, il Sacro Monte di Varese e Santa Maria presso San Celso a Milano, ArLo, IX, 2, 21-61; E. KRIS, Materialien zur Biographie des Annibale Fontana und zur Kunsttopographie der Kirche S. Maria presso S. Celso in Mailand, Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz, luglio (1930), 190-197; P. F. MAGGI, 172-204 S. Celso e la sua madonna : venti secoli di tradizioni milanesi: note di storia e tradizioni arte ed artisti, Milano, 1951; F. REGGIORI, Il santuario di S. Maria presso S. Celso e i suoi tesori, Milano 1968; N. RIEGEL, Santa Maria presso San Celso in Mailand. Zur Forschungen, ArLo, 3-4 (1991), 143-145; I. ROMAN, Larte nella chiesa di S. Celso e nel santuario di S. Maria, Milano 1929; M. RONCHI, Affreschi di G. B. Crespi e di Andrea Appiani in S. Maria presso S. Celso, Citt di Milano, LXXXI, febbraio; P.ROTTA, Il santuario di S. Maria presso S. Celso, Milano 1885; A. P. VALERIO, Annibale Fontana e il paliotto dellaltare della Vergine dei Miracoli in Santa Maria presso San Celso, Paragone, n. 279, 32-53. b) notizie: Bandera, 1997, 241; Bandirali, 1958, 29-44; M.R. Bascap, 1967; Berenson, 1932, 99; Bora1, 1977, 70; Bora2, 1977, 48, 51, 53, 48; Borsieri, 1619; Carlevaro, 1982, 116-117; Farina, 1996, passim; Ferrari, 1965, 38; Fossaluzza, 1984, 133-134; Gatti, 1971, 219-230; Gregori, 1964; Lomazzo, 1584, ed, 1844, III; Mall, 1969, 208-210, 256; Malvezzi, 1882; Mazzini, 1965, 427-428; Mongeri, 1872; Morazzone,1962, 35; Mostra del Cerano, 1964, 5253; Morigia 1592, ed. 1967, 387; Romanini, 1956, 680; Struffolino Kruger, 1971, 277-298; Vigezzi, 1928-1930; Zanzottera, 2000, 68. G. TESTORI, Inediti del Cerano giovine, Paragone, VI (1967), 13-21. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Ornato Fabbriche; cart. 15 (fase. 3,9), cart. 17 (fase. 3), cart. 18 (fase. 3); Biblioteca Ambrosiana, Miscellanea Ferrari, parte II, S 149 Stipo A-B (la parte I Archivio di San Celso, cart. 16); Archivio di San Celso, cartt. I 1-2, 16, 61-62. S. MARIA DEI SERVI (S. Maria del Sacco) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa, gi menzionata nel Liber notitiae come S. Maria aput canonicam porte horientis fu riedificata per iniziativa della famiglia Mozzanica nel 1290 e poi ampiamente restaurata fra Cinquecento e Seicento. ORDINE: Frati della Penitenza di Ges Cristo (S. Maria del Sacco). Nel 1295-1302/3 ci fu lingresso dei Serviti (S. Maria dei Servi)

83

SOPPRESSIONE: 1799. Ledificio fu demolito nel 1839 per far posto alla nuova chiesa di S. Carlo al Corso. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 200-201; Bianconi, 1787, 68-69; Borroni, 1808, 26-27; Bossi, 1818, 39-41; Berlasso, 1961, 292-301; Cattaneo, 1961, 646, 692; Latuada, 1737-1738, I, 187-189; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 4-111 (con bibliografia); Pirovano, 1822, 98-99; Romanini, 1964, 269-270 S. BANDERA, S. Maria dei Servi tra Medioevo e Rinascimento. Arte superstite di una chiesa scomparsa nel cuore di Milano, Terra Ambrosiana, 5 (1997), 66-71. b) notizie: Alberzoni, 1985, 146, 163; Arosio, 1954, 30; Bandera, 1997, 228 Bordeaux, 19391942, 131; Bendiscioli1, 1957, 162, 183; Biscaro, 1914, 72; Borntrager, 1968, 172, 188, 213,2 26; Carlevaro, 1982, 96; Cattaneo, 1955, 76; Cattaneo, 1958, 329; Chabod, 1971, 238; Fustella, 1970, 237; Gerra2, 1969, 360-1; Gerra, 1970, 64; Gualdo Priorato, 1666, 49-50; Marcora, 1958, 356; Marcora2, 1959, 342; Masetti Zanini, 1970, 182; Mezzanotte-Bascap, 1958, 439; Mezzanotte2, 1959, 514; Mezzanotte, 1966, 407, 415, 416; Orsenigo, 1908-1910, 154; Panizza, 1956, 172; Sebastiani, 1970, 887; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 165; Vallini, 1966-1968, 299. F. M. BERLASSO, Il beato Giovannangelo Porro, Milano 1959; P. BRANCHESI, Gli Studia delle province italiane dell'ordine dei Servi di Maria negli anni 1597-1601 ed il loro contesto legislativo, SSOSM, XXIII (1973), 173, 177, 182, 187-8, 194-5; F. A. DAL PINO, Edizioni delle costituzioni dei Servi dal secolo XIII al 1940, SSOSM, XIX (1969), 39; F. A. DAL PINO, I Frati Servi di Maria dalle origini all'approvazione (1233 ca -1304), I, Louvain 1972 (Universit de Louvain. Recueil de travaux d'histoire et de philologie, s. 4e, fasc. 49), 87, 177, 671, 1257-8, 1262, 1309, 1311; M. A. DAL PINO - O. J. DIAS, Il registro di entrata e uscita del generalato di fra Andrea Balducci (1305-1306), SSOSM, XVIII (1968), 16, 54,57, 65, 69-70; O. J. DIAS, Origini e sviluppi dell'Archivio generale O.S.M., SSOSM, XVII (1967), 165, 171; O. J. DIAS, Estremi di generalato dei priori generali O.S.M. dal 1496 al 1522, SSOSM, XVIII (1968), 90; R. W. EMERY, The Friars of the Sack, Speculum, XVIII (1943), 332; G. M. GIACOMOZZI, L'Ordine della Penitenza di Ges Cristo. Contributo alla storia della spiritualit del secolo XIII, SSOSM, VIII (1957-58), 41, 60; G. M. GIACOMOZZI, L'Ordine della Penitenza di Ges Cristo. Contributo alla storia della spiritualit del secolo XIII, Vicenza 1962, 40; Missa b. Ioannis Angeli de Porris, in Uffici e Messe proprie dei Santi e Beati OSM, testo ufficiale con note storiche e bibliografiche a cura di A. M. DAL PINO [= SSOSM, XV (1965)J, 227-232, 234, 235; D. MONTAGNA, Fra Giovannangelo Porro da Milano. Notizia biografica e nuova documentazione milanese, Milano 1967 (Bibliotheca Servorum Mediolanensium, A4); A. M. ROSSI, Iconografia servitana, L'Addolorata, UV (1951), 55; A. M. ROSSI, Il beato Giovan Angelo Porro da Milano dei Servi di Maria (1450-1496). Profilo storico ambientato nell'epoca, Roma 1961. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 15; Dal Pino, 1967, 208, 232; Dias, 1970, 66, 146, 149, 154, 160, 167, 184,230,248,258,271,304,308; E.M., 1907, 258 (1493 mz 18); Magistretti, 1910, 549; Vigotti, 1974, 32, 68. D. M. MONTAGNA, Regesta Priorum Generalium O.S.M. 1249-1625. Indice dei documenti raccolti da fra Giacomo Tavanti, SSOSM, XI (1961), 163 (1494 mg 3), 174 (1525 mz); D. MONTAGNA, Prima settimana dell'Ordine dei Servi. Catalogo della mostra storica, Milano 1967 (Bibliotheca Servorum Mediolanensium, f. s.). S. MARIA DEI SETTE DOLORI v. S. Maria Addolorata. S. MARIA DEL CAPPUCCIO v. S. Maria Assunta del Cappuccio. S. MARIA DEL CARMINE (S. Maria Annunciata al Castello; S. Maria de carmello) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: nel 1268, ci fu linsediamento dei Carmelitani nei pressi del castello di Porta Giovia, fuori della pusterla delle Azze, con lavvio della costruzione di una chiesa dedicata

84

all'Annunciazione. Nel 1330 ca. avvenne il trasferimento dei frati nella parrocchia di S. Carpoforo a seguito della distruzione di chiesa e monastero per lavori di ampliamento del castello, allesterno del quale sono tuttora visibili resti dellantico edificio definitivamente abbattuto nel Cinquecento. Nel 1400 si diede inizio ai lavori per la costruzione di S. Maria del Carmine, su progetto di Bernardo da Venezia, terminati nel 1456 da Pietro Solari. ORDINE: Carmelitani SOPPRESSIONE: 1782. La chiesa assunse funzioni di parrocchia UBICAZIONE ATTUALE: piazza del Carmine a) trattazioni specifiche: Agostoni, 1966, 134-170; Baroni, 1940, 195-213; Bartoli, 1776-1777, 186-187; Bianconi, 1787, 350-353; Borroni, 1808, 136-137; Bossi, 1818, 194-196; Cattaneo, 1961, 644, 645, 685; DCA, III, 1936-1940; Fiorio, 1985, 116-118; Forcella2, IV, 1889, 37-40; Giulini, 1916, 318-9; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 404-406; Pirovano, 1822, 211213; Ponzoni, 1930, 142-8; Romanini2, 1955, 613, 620, 630-640; Romanini, 1964, 429-431; Sormani, 1760, 102-103; Studi di storia locale, 1983, 40; Torre, 1674, ed. 1714, pp. 224-225; Vallini, 1966-1968, 299; Vallini, 1966-1968, 38-40. P. G. AGOSTONI, Vicende moderne di S. Maria del Carmine in Milano, Carmelus, XI (1964), 124-149; E. BOAGA, Milano Carmine, in Monasteri e conventi in Lombardia, Milano 1983, 923; E. BRIVIO, La chiesa di Santa Maria del Carmine, Milano 1980; G. CASATI, La cappella del Carmine in S. Maria del Carmine in Milano, ArCr, XVII (1929), 130-4; G. CASATI, La chiesa nobile del Castello di Milano - S. Maria del Carmine, Milano 1952; L. MAGGI, L'antica chiesa distrutta dell'Annunciata al Castello, Milano, LIII (1937), 389-394; G. PASSARELLI, Santa Maria del Carmine. Storia, arte, fede, Milano 1987; W. PINARDI, Una chiesa che rivive. Restauri al Carmine di Milano, ArCr, UV (1966), 51-8; D. SANT'AMBROGIO, La chiesa dell'Annunciata al Castello e i suoi marmi, Osservatore Cattolico, XLV /37 (1908). b) notizie: Alberzoni, 1985, 146, 163, 164-8; Ansaldi, 1933, 446; Bardeaux, 1938-1942 135; Baroni, 1937, 114-5; Baroni, 1944, 75, 76, 90; Baroni, 1951-1952, 212, 216; Bendiscioli1, 1957, 183; Carlevaro, 1982, 116; Cattaneo, 1955, 76; Cattaneo, 1958, 331; Fornari, 1685; Grassi, 1966, 197, 212, 267; Grassi, 1982, 480; Gualdo Priorato, 1666, 87; Marcora, 1958, 360; Marcora2, 1959, 434; Latuada, 1737-1738, V, 95-103; Marcora2, 1961, 332; Mezzanotte, 1958, 727; Nicodemi1, 1958, 490, 512; Nicodemi2, 1958, 528, 546; Panizza, 1956, 172; Romanini1, 1955, 665, 702; Romanini, 1956, 617; Romanini1, 1959, 727; Romanini, 1958, 62; Santagostino, 1671, ed. 1980, p. 54; Santoro, 1968, 81-2; Sioli LegnaniMezzanotte, 1945, 54; Smiderle, 1960, 176-9; Tea, 1941, 67-8; Tea, 1959, 794, 798, 805, 809, 813; Vincenti, 1960, 84, 86, 87, 89; Zanoni B., 1950, 69. M. SALMI, Il trittico del Butinone nella Pinacoteca di Brera, ASL, LII (1925), 157-8; S. STOPPA, Intagli lignei al Carmine di Milano: Giovan Pietro Appiano e Giovanni Quadrio, ArLo, 1 (1998), 49-60. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 12; Castiglioni, 1948-1949, 253; Coppa, 1977, 152 (1788 ap 16, mg 16, ot 14, 1789 ap 30, giu 9, giu 27, lu 3, ag 28, ot 24,1791 ag 4), 153 (1789 ag 8, set 9, set 18, 1790 ge 8, ge 19, mz 4, 1791 dc 23, 1792 fe 14), 154 (1790 ap 17); Gatti Perer, 1964-1965, 205; Gatti Perer, 1964-1965, 153; Magistretti, 1910, 549, 554; Vigotti, 1974, 32, 68. S. MARIA CAEPIS/COEPIS (S. Maria del Ceppo; S. Tommaso apostolo) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lappellativo delloratorio deriva secondo il Sormani (1760) dal nome di unantica famiglia estinta. La chiesetta era situata allaltezza dellattuale via del Bollo 5, e scomparve dalle piante cittadine nei primi anni del XIX secolo. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, IV, 128, 136-137; Milano ritrovata 1986, 452453. b) notizie: Cattaneo, 1961, 687; Forcella2, V, 1889, 425; Sormani, 1760, 26. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., sezione X, Visite Pastorali, S. Alessandro, XII; Carte topografiche e disegni; Miscellanea citt, XVIII, 28; A.S.C.M., Localit Milanesi, 371/16, 24.

85

S. MARIA DEL GESU' (Jesus, S. Elisabetta) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1454 ca. ci fu il trasferimento delle Terziarie Francescane di S. Elisabetta in via del Ges, sulla destra dellattuale via omonima, da via Montenapoleone. Nel 1498 si ebbe la dedicazione di chiesa e monastero a S. Maria del Ges. ORDINE: 1469, Pio II concede l'adozione della regola di S. Chiara SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 629; Forcella2, V, 1889, 157-163; Gualdo Priorato, 1666, 98-99; Latuada, 1737-1738, V, 333-335; Mezzanotte-Bascap, 1958, 899; Sevesi, 1957, 218-9. b) notizie: Dallaj, 1983, 528; Mezzanotte, 1958, 706; Mosconi, 1994; Sebastiani, 1982, 206, 208, 217; Sevesi, 1936, 30; Sormani, 1760, 159; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 14; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 15; Marcora2, 1961, 551 (1564 ge 23), 556 (1565 ge 20). S. MARIA DEL GIARDINO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1418 i duchi di Milano concessero ai minori osservanti di SantAngelo di usufruire per la loro predicazione dei terreni, gi appartenenti ai Torriani, nellarea compresa tra S. Maria della Scala lattuale via Andegari e la contrada del Giardino (divenuta via Manzoni). Nel 1451 grazie a un cospicuo lascito testamentario i frati acquistarono il terreno anche se permaneva la proibizione ducale di edificare. Il divieto fu parzialmente aggirato nel 1456. La fabbrica, della cui importanza testimone la presenza di artisti come Vincenzo Foppa o Bramantino, si protrasse fino al 1603. ORDINE: Minori Osservanti; 1603 Francescani Riformati SOPPRESSIONE: 1810. Allontanati i frati, il complesso pass allora in propriet del demanio che ne fece eseguire il rilievo in vista di un suo riutilizzo per il quale il Cagnola present dei progetti che prevedevano la trasformazione della vasta aula in un passaggio coperto con negozi. La proposta fu lasciata cadere e le strutture, in stato di abbandono, cominciarono a deteriorarsi al punto che, nel 1865, se ne decise la demolizione. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 191; Bianconi, 1787, 418-420; Borroni, 1808, 168-170; Calufetti, 1981, 491-6, 500; Cattaneo, 1961, 624; Ferrario, 1843, 39-40; Fiorio, 1985, 174-175; Forcella2, 1889, V, 191-242; Latuada, 1737-1738, V, 348-352; MezzanotteBascap, 1958, 88, 408-9; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 154-223 (con bibliografia); Sormani, 1760, 155-156. A. ARCE, Eusebio Vlez Custodio de Terra Santa (1658-1662), AFH, LXIII (1970), 382, 386; A. NESSI, Padre Marco de Bonis d'Oggiono, Oggiono 1983. b) notizie: Albuzzi, 1776, 83; Bardeaux, 1938-1942, 113; Baroni, 1938, 354; Bernareggi, 1929, 202, 204, 205; Cant, 1858, I, 175; Caretta, 1968, 178; Cattaneo, 1955, 118, 128; Dallaj, 1983, 528; Dossi, 1970, 8; Fustella, 1967, 383; Gerra2, 1969, 360; Gerra5, 1969, 568; Gualdo Priorato, 1666, 100; Marcora, 1956, 302; Marcora, 1960, 283, 366; Mezzanotte2, 1959, 509; Mosconi, 1967, 520; Mosconi, 1978, 137-144, 148; Nasoni, 1983, 484; Natale, 1972, 484; Nessi, 1975, 201, 206; Nessi, 1983, 349, 351-3; Noto, 1962, 7, 21, 22, 34, 52, 64; Orefice, 1985, 16; Panizza, 1956, 172; Santagostino, 1671, ed. 1980, 61; Sevesi, 1906, 20, 36; Sevesi, 1914, 17, 19, 20-2, 28; Sevesi, 1915-1920, 61, 63; Sevesi, 1922, 479-482; Sevesi, 1924, 139; Sevesi, 1936, 31; Sevesi, 1937, 44, 49; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 7; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 59; Torre, 1674, ed. 1714, 283; Vallini, 19661968, 104-5; Valugani, 1926, 108. A. MOSCONI, Un curioso cronista milanese del settecento. Il francescano Benvenuto Silvola, Civilt ambrosiana, 15 (1998) 6, 444-447. c) fonti e citazioni documentarie: Biblioteca Ambrosiana, P. Benvenuto da Milano, Della Minoritica Riforma, Cod. I-88; Civiche Raccolte dArte del Castello Sforzesco, Catalogo del Museo Patrio dArcheologia in Milano (1806-1877), I, nn. 1480-1482; Beretta, 1939, 13; Gatti Perer, 1964-1965, 197, 201; Giulini, 1917, 358; Magistretti, 1910, 554; Marcora2, 1961, 244-

86

7, 502 (1564 ag), 572 (1565 ag 11); Sevesi, s. Carlo, 1940, 158, 164, 185 (1582 dc 28). S. MARIA DEL GISONE, v. S. Margherita del Gisone. S. MARIA DEL LENTASIO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: a una data precedente il 1038 ci fu la fondazione del monastero a opera dell'arcidiacono Lentasio nell' odierna piazza Mercanti. Nel 1235, avvenne il trasferimento del monastero in Porta Romana allaltezza dellattuale via Lentasio. ORDINE: Benedettine. F. XV sec. passaggio all'Osservanza Benedettina SOPPRESSIONE: 1798. Il monastero fu ampiamente ristrutturato nel XIX secolo con trasformazione del refettorio in teatro. Il chiostro quattrocentesco danneggiato dai bombardamenti fu completamente demolito dai proprietari. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 193; Bianconi, 1787, 163; Borroni, 1808, 64; Cattaneo, 1961, 605-6; Forcella2, I, 1889, 409-410; Grassi, 1964, 144-5; Latuada, 17371738, II, 252-256; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 238; Palestra, 1967, 63; Patetta, 1987, 402-405. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Anonimo, 1905, 211; Arslan, 1956, 685; Borella, 1948, 105; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1931, 199; Cattana, 1980, 104, 123, 124, 136; Cattaneo2, 1954, 682; Cattaneo, 1955, 41; Chinea, 1937, 440; Colombo1, 1960, 298; Franceschini, 1954, 372; Gallavresi, 1906, 420; Gengaro2, 1936, 206; Gerosa Brichetto, 1973, 94; Gerra2, 1969, 361; Gerra, 1970, 703-4; Grassi, 1966, 291, 345; Grassi, 1983, 482; 483; Gualdo Priorato, 1666, 62; Marcora, 1958, 355; Marcora2, 1961, 279-280; Marcora2, 1963, 553-4; Marcora, 1964, 187, 188; Mazzi, 1904, 353; Mezzanotte2, 1959, 481; Nicodemi1, 1958, 490; Orefice, 1985, 16; Petra Sala, 2004, 150; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Santagostino, 1671, ed. 1980, 31, nn. 63-65; Schuster, 1946, 30; Sebastiani, 1982, 206, 217, 218; Spinelli, 1999, passim; Vismara, 1932, 330; Zerbi, 1966, 286. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 18; Casati, 1931, 142 (1565 giu 20); Flumiani, 1927, 565; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130, 557; Mainoni, 1978, 570 (1375 ap 1), 575 (1375 ap 3); Marcora2, 1959, 258 (1290 ap 18), 259 (1301 nv 13), 261 (1319 nv 28), 264 (1372 set 16); Marcora, 1960, 363, 368-372, 466-7 (1554 mg 18); Le pergamene milanesi, 1994; Vigotti, 1974, 32,72. S. MARIA DEL PARADISO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1481 si ebbe la donazione di un terreno in Porta Romana da parte di Giovanni Rodolfo Vismara ai Serviti. Nel 1482 furono avviate la costruzione di chiesa e monastero; nel 1525 ci fu la distruzione di entrambe a seguito dei lavori di ampliamento delle mura cittadine. Nel 1545 si avvi la costruzione di una sede provvisoria in Porta Vigentina e nel 1590 si ebbe la fondazione della chiesa attuale. ORDINE: Serviti Osservanti: Nel 1532 avvenne il trasferimento dei Serviti a S. Dionigi (v.); nel 1545 ca. la chiesa fu affidata al Terz'Ordine Francescano; nel 1782 si ebbe una prima soppressione; nel 1783 il ritorno dei Serviti fece seguito della distruzione di S. Dionigi SOPPRESSIONE: 1799 UBICAZIONE ATTUALE: corso di Porta Vigentina a) trattazioni specifiche: Andreozzi, 1966, 484-9; Arosio, 1954, 30; Baroni, 1940, 51-4; Bartoli, 1776-1777, 195-196; Bascap, 1967, 34, 46, 47, 64; Berlasso, 1961, 293-5; Bianconi, 1787, 112; Borroni, 1808, 52; Bossi, 1818, 71-72; Latuada, 1737-1738, III, 19-26; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 246-247; Ponzoni, 1930, 312-4; Studi di storia locale, 1983, 39; Torre, 1674, ed. 1714, 12-13. E. TEA, S. Maria del Paradiso, San Calimero, 5 (1954), 139-144; b) notizie: Alberici, 1988; Cattaneo, 1961, 647, 648; Dallaj, 1983, 528; Fassina, 1985, 114; Gualdo Priorato, 1666, 62; Mezzanotte, 1958, 706; Orsenigo, 1908-1910, 155; Santagostino, 1671, ed. 1980, 62, n. 35; Sebastiani, 1970, 879, 883; Sormani, 1751, 98; Vallini, 1966-

87

1968, 185-6, 370; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 93. L R. VERONESE, L'opera letteraria di Casparino Borro, SSOSM, XX (1970), 57. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cart. 1466 e Confraternite, cartt. 665-666-667; Amministrazione Fondo Religione, p.m., cartt. 1901-1902; A.S.C.M., Ornato Fabbriche, Santa Maria al Paradiso; A.S.D.M., Visite Pastorali, Sez. X, voll., I, II, XII, 1604; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, disegni XXXVII, XXXVIII, XXXIX; Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, Santa Maria del Paradiso; Beretta, 1939, 17; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 11; Gatti Perer, 1964-1965, 190, 191, 193. M. D. MONTAGNA, L'archivio di S. Alessandro di Brescia in un inventario del secolo XVII, SSOSM, X (1960), 108 (1483). S. MARIA DEL ROSARIO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: 1624 trasferimento a opera di Federico Borromeo delle monache di S. Maria degli Angeli del Rosario (v.) nella nuova sede di S. Maria del Rosario in Porta Orientale ORDINE: Orsoline SOPPRESSIONE: 1784 . a) trattazioni specifiche: Castiglioni, 1931, 193; Latuada, 1737-1738, V, 60-64; Vigotti, 1972, 92, 95. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 132; Bendiscioli1, 1957, 347; Gualdo Priorato, 1666, 54; Orefice, 1985, 16; Sebastiani, 1982, 207, 219; Spinelli, 1999, passim; Zanoni B., 1950, 72. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 16. S. MARIA DEL SACCO v. S. Maria dei Servi. S. MARIA DEL SANGUE ALLA MAGOLFA ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa ora conglobata in un caseggiato apparteneva forse a un monastero e fu probabilmente edificata a inizio Seicento. Nellinterno si trova un affresco barocco raffigurante lAssunzione della Vergine. a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 2.1 b) notizie: Sarzi, 1987, 89. S. MARIA DEL SOCCORSO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1555 fondazione dell'Opera del Soccorso a opera di Isabella d'Aragona; nel 1568 s. Carlo introduce l'Opera nella sede presso S. Benedetto a Porta Nuova prospettante sullattuale via Manzoni nel tratto tra via Case Rotte e via Morone. ORDINE: Orsoline SOPPRESSIONE: 1786, e distrutta il 31 di marzo di quello stesso anno. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 352-355; Vigotti, 1972, 92-3, 95. b) notizie: Bendiscioli2, 1957, 416, 417; Marcora, 1960, 287; Marcora2, 1961, 280; Orsenigo, 1908-1910, 199; Sebastiani, 1982, 207; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1958, 15, 37; Casati, 1931, 145 (1565 lu 4), 149 (1565 lu 18), 153 (1565 ag 1); Orefice, 1985, 16,30 (1625 mz 21), 31 (1595 ge 16). S. MARIA DEL TEMPIO (S. Maria e S. Giovanni del Tempio) v. anche Commenda. ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: ante 1149 fondazione nei pressi dellattuale via Commenda ORDINE: Templari. Nel 1307 soppressione ordine dei Templari, entrata dei Gerosolimitani SOPPRESSIONE: 1798

88

a) trattazioni specifiche: 185-240; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 247; Palestra, 1967, 61-2. A. COLOMBO, I Gerosolimitani e i Templari a Milano e la via Commenda, ASL, LIII (1926), 185-240; G. HUEN DE FLORENTIIS, La via Commenda e gli Ordini dei Gerosolimitani e dei Templari, San Calimero, 2 (1954), 62. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 62. c) fonti e citazioni documentarie: Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 561; Vigotti, 1974, 33, 74. S. MARIA DELL'ASSUNZIONE v. S. Maria di Vigevano. S. MARIA DELLA CANONICA (S. Maria della Circoncisione) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Nella zona retrostante lattuale palazzo dei Giornali di piazza Cavour gi nellXI secolo il prete Arialdo aveva introdotto in una chiesa non bene precisata la consuetudine di salmodiare nelle ore canoniche. Nel 1257 ci fu lingresso degli Umiliati ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: 1572. Successiva trasformazione della casa in una sezione del Seminario arcivescovile per i chierici poveri. La chiesa fu rifatta su disegno di Francesco Maria Ricchino e demolita nel 1798. Il palazzo fu rimaneggiato da Carlo Zanoia nel 1801, e successivamente ospit la Censura, lUfficio degli architetti, la Direzione generale delle costruzioni, il Reale Collegio delle fanciulle, il Politecnico. Fu abbattuto nel 1939. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 374; Borroni, 1808, 150-151; Latuada, 1737-1738, V, 294-298; Sormani, 1760, 142-143; Vigotti, 1974, 68-69 b) notizie: Anfosso, 1913, 92; Baroni, 1937, 110; Bartoli, 1776-1777, 186; Cattaneo, 1955, 59; Cattaneo, 1961, 640; Fassina, 1985, 125; Gengaro, 1955, 128; Gerra2, 1969, 358-9; Gerra4, 1969, 490; Gualdo Priorato, 1666, 99; Panighetti, 1964, 64; Panizza, 1956, 170; Schuster, 1946, 9; Zucchi, 1989, 258-261 (con bibliografia e ill.). c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, t. III, fol. 31; Localit (al luogo); Archivio del seminario di Venegono, Libro mastro di entrata, 1574-8, 1579-85, 164254; Beretta, 1939, 12; Castiglioni, 1960, 12; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 19, 32, 68-9; Zanoni L., 1911, 197, 325 (1257 giu 27). S. MARIA DELLA COLOMBETTA (Oratorio dello Spirito Santo) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa, situata nellattuale via della Chiusa, a met del tratto fra le vie Crocifisso e del Don (a sinistra da via Molino delle armi), era originariamente annessa allospedale della Misericordia sorto intorno alla met del XIII secolo. Fu trasformata in priorato verso la fine del XIV sec. col titolo di S. Spirito- da cui trasse la dedicazione a S. Maria della colombetta, o dello Spirito Santo. Il 13 giugno luglio 1490 lospedale con annessi chiesa e beni fu aggregato allOspedale Maggiore. La chiesa divenne quindi sede di confraternite, fra cui una di necrofori laici detti Colombetti. SOPPRESSIONE: 1808. Trasformazione di chiesa e ospedale in edifici di abitazione e commerciali. La casa in cui ancora negli anni Venti si credeva di identificare la sede dellospedale della Misericordia fu rasa al suolo nei bombardamenti del 1943. Al suo posto negli anni Sessanta sorsero le costruzioni dellEsattoria civica. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 162-163 b) notizie: La Ca Granda, 1981, 72; Sormani, 1760, 6. Per la Milano dei Borromei: la citt dipinta, in Facciate dipinte: conservazione e restauro, Atti del convegno, Genova 1984, 67.

89

S. MARIA DELLA CONSOLAZIONE (S. Maria della Nativit) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: monastero e chiesa furono fondati nel 1500-05 per le monache provenienti da Rosate. Si trovavano al principio dellattuale via Corridoni, a sinistra dellincrocio con via Cesare Battisti. ORDINE: Servite SOPPRESSIONE: 1778 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 635, 648; Gavignan, 1978, 392 Cenni intorno alla chiesa di Santa Maria al Castello in Milano sussidiaria a Santa Maria alla Porta, 1862; D. MONTAGNA, Il monastero milanese di S. Maria della Consolazione. Documentazione anteriore alla riforma di s. Carlo, Moniales ordinis servorum, V (1967), 219. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Latuada, 1737-1738, I, 244-245; Marcora, 1958, 420; Marcora2, 1961, 281; Marcora2, 1963, 556; Nicodemi1, 1958, 501; Orefice, 1985, 16; Santagostino, 1671, ed. 1980, 46-47; Sebastiani, 1982, 206, 216, 219; Torre, 1674, ed. 1714, 200. c) fonti e citazioni documentarie: Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 15; Cattaneo, 1960, 145 (1565 lu 4), 150 (1565 lu 18), 151 (1565 lu 25), 159 (1565 nv 28); Dal Pino, 1967,208; Gatti Perer, 1964-1965, 196, 148 S. MARIA DELLA NATIVITA' v. S. Maria della Stella. S. MARIA DELLA NEVE DI CARUGATE v. S. Ambrogio di Carugate. S. MARIA DELLA PACE (S. Francesco di Sales) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Bianca Maria Visconti, duchessa di Milano, avvi nel 1466 ledificazione della chiesa e dei chiostri di S. Maria della Pace donando a Amedeo Mendes de Silva unarea compresa tra le mura e i bastioni. La consacrazione delledificio avvenne trentanni pi tardi, il 2 settembre 1497. Nel frattempo con lapprovazione di Sisto IV era stata fondata la congregazione degli Amadeiti. Laspetto attuale delledificio risente di parziali restauri avvenuti nel XVII secolo e di rimaneggiamenti otto-novecenteschi, nonch dei danni provocati dai bombardamenti. ORDINE: Amadeiti SOPPRESSIONE: 1805. Solo nel 1906 la chiesa torn ad essere monastica. Negli anni Sessanta del secolo scorso in seguito al trasferimento delle suore ledificio fu acquistato dallOrdine equestre del Santo Sepolcro. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Barnaba a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 193-195; Bianconi, 1787, 106-111; Borroni, 1808, 51; Caimi, 1875, 58-59; Calufetti, 1980, 241-4, 274-5; Cattaneo, 1961, 529, 626-7; Compostella, 1973, 161-172; Grassi, 1982, 475-485; Gualdo Priorato, 1666, 50-51; Latuada, 1737-1738, I, 271-275; Mongeri, 1876, 46-55; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 249250; SantAmbrogio, 1897, 354-364; Santagostino, 1671, ed. 1980, 14-16; 23 n.10; Studi di storia locale, 1983, 36; Torre, 1674, ed. 1714, 301-304. A. ANNONI, Il refettorio di S. Maria della Pace, Rassegna d'arte, V (1905), 122-6; G. C. BASCAP, Cenni storici sulla chiesa di Santa Maria della Pace di Milano sede dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, Milano 1937; D. BRIOSCHI, Intorno al restauro di S. Maria della Pace in Milano, Il Politecnico, L (1902), 143-153; E. FAZZIOLI, Santa Maria della Pace, DMi, IV (1963), 278-287; P. GERRA, Santa Maria della Pace e Santo Stefano in Borgogna, DMi, X (1969), 290; G. MORETTI, Ex chiesa di S. Maria della Pace, ASL, XXVII/SuppI. I (1900), 23-5; G. MORETTI, La chiesa di S. Maria della Pace a Milano, Rivista

90

archeologica lombarda, 1/1-2 (1905); C. PEROGALLI, Nota sul restauro del complesso monumentale di S. Maria della Pace a Milano, ArLo, XV /2 (1970), 117-8; S. RIGHINI PONTICELLI, Un eccezionale ritrovamento in Santa Maria della Pace, Ca de Sass, 137 (1997), 12-19. b) notizie: Baroni, 1937, 109; Calufetti, 1981, 488-9; Calufetti, 1984, 444; Cattaneo, 1958, 322; Dallaj, 1983, 528; DellAcqua, 1957, 722, 768, 769; DellOmo, 1991; Grassi, 1978, 215, 218-220; Marcora, 1956, 301, 302; Marcora, 1958, 417; Marcora2, 1959, 330-1; Marcora2, 1967, 52, 54-8, 72; Mazzini, 1957, 654; Meazza, 1951, 165; Mezzanotte2, 1959, 509; Mosconi, 1967, 520; Mosconi, 1978, 131, 136-7; Natale, 1972, 484; Nicodemi1, 1958, 507; Orefice, 1985, 16; Panizza, 1956, 172; Romanini, 1956, 618; Rusconi, 1972, 150; Sevesi, 1906, 21, 26; Sevesi, 1910-1911, 48, 49; Sevesi, 1925, 157; Sormani, 1751, 253; Vallini, 1966-1968, 55-6; Valugani, 1926, 108. A. M. PIZZAGALLI, Fra Benedetto Cinquanta e il Manzoni. Una tragedia ignorata sulla peste del 1630 e I Promessi Sposi, Convivium, IX (1937), 158-170; D. SANTAMBROGIO, Il sarcofago Soria di Giovanni Giacomo della Porta gi nella chiesa di S. Maria della Pace in Milano, ASL, anno XX-VI, serie IV, tomo II (1897), 354-364; D. SEDINI, Marco dOggiono: la cappella Bagarotto in S. Maria della Pace, ArLo, 4 (1987), 27-32. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 16; Marcora2, 1961, 332, 551 (1564 dc 23); 01, 44 (1511),45 (1613 ge 29); Sevesi, 1938, 84 (1567 fe 5), 92 (1568 ot 30); Sevesi, 1944, 106-7, 111, 114, 117, 122 (1567 ag 6), 124-5 (1567 ot 4), 134-141 (1568 fe 13-14), 141-3 (1568 fe 14), 143-4 (1568 fe 14), 144 (1568 fe 18), 145-6 (1568 mz 12), 146 (1568 mz 20), 146-7 (1568 mz 31), 147 (1568 ap 9), 148 (1568 ap 10), 149 (1568 giu 14), 156-7 (1569 set 24). P. SEVESI, B. Amedeo Menez de Sylva dei Frati Minori fondatore degli Amadeiti (vita inedita di fra Mariano da Firenze e documenti inediti), Luce e amore, VIII (1912), estr. pp. 69 (nell'Appendice II, documenti e bolle tratti dall'archivio di S. Maria della Pace). S. MARIA DELLA PASSIONE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: nel 1485 si inizi la costruzione di chiesa e monastero su disegno dellarchitetto Giovanni Battagio, ma lattuale aspetto della Chiesa il risultato di un processo costruttivo conclusosi solo nel Settecento con il compimento della facciata. ORDINE: Canonici Regolari Lateranensi SOPPRESSIONE: 1782. La chiesa pass al clero secolare, mentre il convento fu trasformato da Eugenio Beuharnais in conservatorio di musica UBICAZIONE ATTUALE: via Conservatorio a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 55-80; Bartoli, 1776-1777, 196-198; Bascap, 1967, 34, 48-9, 64; Bianconi, 1787, 84-87; Borroni, 1808, 88-89; Bossi, 1818, 54-56; Cattaneo, 1961, 654-5; Colombo, 1881, 200-203, doc. XXV, XXVI, XXVII; Farina, 1996, passim; Gualdo Priorato, 1666, 49; Latuada, 1737-1738, I, 238-243; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 520-523; Patetta, 1987, 105-112; Pirovano, 1822, 102-107; Ponzoni, 1930, 185-9; Santagostino, 1671, ed. 1980, 16-17; 18 n.74, 19 n.80; Studi di storia locale, 1983, 40-1; Torre, 1674, ed. 1714, 293-299; Vallini, 1966-1968, 568-572; Zucchi, 1989, 243-245 (con bibliografia). P. G. AGOSTONI, Affreschi del Bergognone rinvenuti in Santa Maria della Passione a Milano, ArCr, XLVII (1959), 71-3; C. BARONI, Santa Maria della Passione, Milano 1938; A. BRAMBILLA, La sacrestia di S. Maria della Passione ed il ciclo pittorico del Bergognone, Milano 1959; L. CORIO, Ricerche storiche sul Reale Conservatorio di Musica di Milano, Milano 1908, 9-15; C. COSTAMAGNA, Milano: S. Maria della Passione. Iconografia getsemanica, Tabor. Rivista di Vita spirituale per laici, XXV /1-2 (1972), 26-30; C. ELLI, La chiesa di S. Maria della Passione in Milano. Storia e descrizione (1485-1906), Milano 1906; P. LUGARO, Storia e fede in Santa Maria della Passione, DMI, XII (1972), 30-4, 78-81; P. LUGARO, La basilica di S. Maria della Passione, Milano 1972; C. MARTINETTI, La Basilica di S. Maria della Passione, DMi, XXII (1981),262-4; Santa Maria della Passione e il conservatorio Giuseppe Verdi a Milano, prefazione di A. PAREDI, testi di G. PORTA., Milano 1981 (Fontes Ambrosiani, 66); F.

91

REPISHTI, I lavori per la costruzione del tiburio e della cupola di Santa Maria della Passione di Milano (1550): note su Martino DellAcqua ingegnere della fabbrica, 1 (1995), 99-101; M. RONCHI, Gli affreschi del Bergognone nella sacristia di Santa Maria della Passione, Citt di Milano, LXXVII (1960), 296 f.t.; E. TEA, L'enigma di S. Maria della Passione, in Atti del IV Convegno nazionale di Storia dell'Architettura Milano, 18-25 giugno 1939, Milano s.d., 199206; E. TEA, L'altare di S. Maria della Passione, Milano 1963. b) notizie: Ansaldi, 1933, 442, 443, 449, 451; Arslan, 1957, 558-9; Bardeaux, 1938-1942, 132, 205; Barni, 1977, 367; Baroni, 1938, 326; Baroni, 1941, 21, 22, 32, 56, 73, 76, 111-2, 121, 130; Bendiscioli1, 1957, 183; Biandr di Reaglie, 1974, 38; Borsieri, 1619, 72; Calvesi, 1954, 122, 123, 127, 128; Cattaneo, 1955, 151; Chabod, 1971, 243; DellAcqua, 1957, 679, 681, 690, 709, 711, 765, 772; Franceschini, 1957, 120; Gengaro, 1955, 129; Gerra1, 1969, 248, 250, 251; Grassi, 1966, 37, 39, 99, 379, 380; Grassi, 1982, 495; Grassi, 1983, 445-6, 492; Larsimont Pergameni, 1948-1949, 184; Marcora, 1957, 303, 307; Marcora2, 1959, 3.334, 409-410; Marcora2, 1961, 333; Mazzini, 1957, 618-622; Mezzanotte, 1957, 602, 627, 629; Mezzanotte, 1958, 452, 456; Nicodemi, 1957, 790, 795, 799; Nicodemi1, 1958, 493; Nicodemi2, 1958, 541, 545, 546; Orsenigo, 1908-1910, 154; Palestra, 1979, 295; Panizza, 1956, 171; Pennotti, 1624, 313, 705-706; Reggiori, 1960, 650; Rizzo, 1984, 796; Romanini2, 1959, 778, 779; Rosa1, 1957, 670, 671; Sebastiani, 1970, 903; Tea, 1941, 40-4; Tea, 1942, 72-3; Tea, 1950, 51-2, 59-60, 64-7, 70-1; Tea, 1959, 798; Vasari, ed. Milanesi, 1906, 497, 652; Vincenti, 1960, 84, 88, 89. E. BASSI, Due disegni architettonici inediti, Rivista d'arte, XX (1938), 189-194; S. GATTI, Due contributi allo studio del pittore Carlo Urbino, ArLo, 47/48 (1977), 99-107; Z. GROSSELLI, Un legato di libri a S. Maria della Passione nel testamento di Daniele Birago (1485), ArLo, 61 (1982), 115-7; C. MARTINETTI, La pala del Luini in S. Maria della Passione, DMi, XXII (1981), 310-1; P. MODESTI, Il tiburio di Santa Maria della Passione a Milano e Giovan Francesco Gadio, ASL, CXXIV-CXXV (1998-1999), 113-154; S. MOLPESE - P. VENEZIANI, Un inventario di libri del Quattrocento, in Miscellanea in memoria di Giorgio Cencetti, Torino 1973, 325-338; E. NASALLI ROCCA, L'abbazia del Mezzano di Val Trebbia, Benedictina, XIII (1959), 235-254; P. PECCHlAI, Le due tombe Biraghi fatte eseguire a cura dell'Ospedale Maggiore di Milano, ASL, XLVII (1920), 341, 344-6. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, Pergamene 462; Fondo Religione, p.a., cart. 302; Registro Ducale n. 163, CIII, f. 12; Miscellanea darchivio, Acquisti e doni, cart. 4, fasc. II, n.12; Studi, p.m., cart. 419; A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo V, f. 15; Archivio della Fabbrica del Duomo di Milano, Delibere Capitolari, vol. III, carta 207r., p. 228; Raccolta Bertarelli, P.V., m. 6-33, m. 6-34; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, cod. S 150 Sup., n. LXXIX, n. LXXX, n. LXXXI; Baldissaro, 1981, 13 (1486 ap 1); Bologna, 1984, .30 (1567 set 29); Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 11; Gatti Perer, 1964-1965, 188. C. PECORELLA, Ricerche sul priorato di Voltorre, ASL, LXXXIV (1957),290, 292-4, 306 (1519 mz 21), 307 (1519 giu 4), 309 (1519 set 7), 311 (1592, 1656 fe 24). S. MARIA DELLE PRESENTAZIONE ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa gi annessa allospedale di S. Celso divenne oratorio per gli allievi dellAccademia di pittura, scultura e architettura fondata il 15 agosto 1716 nellantico ospedale dove gi si trovava un teatro privato. a) trattazioni specifiche: DCA, III, 1950-1951; Sormani, 1760, 131. b) notizie: G. MULAZZANI, Bramantino e Bramante pittore, Milano 1978, 102 (con bibliografia). S. MARIA DELLA PURIFICAZIONE v. S. Maria delle Veteri. S. MARIA DELLA ROSA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: tra il 1479-1480 si ebbe linizio della costruzione di chiesa e convento

92

per volere del priore di S. Maria delle Grazie. Ledificio fu terminato nel 1493 nellarea compresa tra labside della chiesa del Santo Sepolcro e limbocco dellattuale via Cant. ORDINE: Domenicani SOPPRESSIONE: 1787. La chiesa divenne parrocchiale e affidata agli Oblati fino al marzo 1798, quando fu profanata e ceduta dal Governo Cisalpino al Circolo Costituzionale. Adibita a magazzino fu infine acquistata dalla Biblioteca Ambrosiana e distrutta nel 1831. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 199-200; Bascap, 1967, 34, 48-50, 64; Bianconi, 1787, 265-267; Borroni, 1808, 101-102; Cattaneo, 1961, 575, 613, 686; Fiorio, 1985, 64; Forcella2, III, 1889, 3-16; Latuada, 1737-1738, IV, 140-146; Mezzanotte-Bascap, 1958, 317; Milano: le chiese scomparse, 1997, I, 244-287 (con bibliografia); Milano ritrovata, 1986, 401-403 (con bibliografia); Patetta, 1987; Sormani, 1760, 82-83; Vallini, 1966-1968, 105-6. L. GRAMATICA, La chiesa di S. Maria della Rosa, in S. Domenico, 53-6. b) notizie: Allegranza, 1773; Bardeaux, 1939-1942, 134; Colombo1, 1960, 315; Colombo, 1999; Gazzini, 2000, passim; Gualdo Priorato, 1666, 80; Latuada, 1737-1738, IV, 131-138; Marcora, 1956, 301; Marcora, 1957, 340; Marcora2, 1959, 415; Mezzanotte, 1958, 706; Mezzanotte2, 1959, 481; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 18; Tea, 1959, 797. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. M., Fondo Religione, p.a., Confraternite, Rosario, Santa Maria alla rosa; Amministrazione Fondo Religione, p.m., Confraternite, cartt. 1471, 1472, 1542; Beretta, 1939, 20; Forte, 1960, 410-1 (1620 mz 20); Gatti Perer, 1964-1965, 189, 191, 193, 194; Giulini, 1934, 666; Razzi, 1971, 122-3; Rotondi, 1924, 205-6. S. MARIA DELLA SALUTE v. S. Maria della Sanit. S. MARIA DELLA SANITA'/DEI CROCIFERI (Maria Salus Infirmorum, S. Maria della Salute, S. Eufemia) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Ledificio noto anche come chiesa dei Crociferi a causa della congregazione che vi aveva sede. I Crociferi chiamati a Milano nel 1585 dallarcivescovo Gaspare Visconti per svolgere apostolato di assistenza a malati e moribondi negli ospedali, dal 1594, data del loro arrivo, fino al 1606 ebbero sistemazione in una casa daffitto presso Tommaso Balbi in piazza S. Maria Podone. Per contrasti con ministri della Casa del cardinale Federico Borromeo i confratelli persero casa e chiesa, e furono anche sospesi dalle loro funzioni. Nel 1620, continuando gli screzi con il vicinato: la famiglia Borromeo, la chiesa di S. Maria Podone, la chiesa di S. Sepolcro decisero il trasferimento alla canterana di Porta Orientale (lodierna via Durini) dove, dopo lunga trattativa, i padri avevano acquistato dai fratelli Terzaghi una casa con annessa la piccola chiesa di S. Eufemia in cui, dopo la trasformazione della casa in convento, presero ad officiare nonostante lopposizione del parroco di Santo Stefano in Borgogna, dal quale la chiesa dipendeva. (G. B. Maderna, DCA, III, 1953). Nel 1638, inizi la costruzione della nuova chiesa, ma il cantiere si apr propriamente solo nel 1694. ORDINE: Padri Ministri degli Infermi SOPPRESSIONE: nel 1787 la chiesa divenne parrocchia e nel 1805 sussidiaria di Santo Stefano in Brolo, mentre il convento diventato dapprima caserma della Guardia Nazionale pass successivamente a proprietari privati. UBICAZIONE ATTUALE: via Durini a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bascap, 1960, 806-7; Bianconi, 1787, 95; Borroni, 1808, 43; Bossi, 1818, 62; Latuada, 1737-1738, II, 43-48; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 514; Mezzanotte, 1958, 659-660; Ponzoni, 1930, 411-2. A. G., I Padri Ministri degli Infermi o Crociferi a Milano, ASL, LIII (1926), 544-5; G. C. BASCAP, Santa Maria della Sanit, DMi, IX (1968), 292-3; M. L. GENGARO, Aggiunte all'architettura lombarda del Settecento: Carlo Federico Pietrasanta, Rivista d'arte, XX (1938), 90-2; F. NARDI, Cenni cronologici della chiesa di S. Maria della Sanit detta dei Crociferi desunti dall'archivio parrocchiale e dall'archivio di Stato in Milano per cura del sac.

93

Francesco Nardi, Milano 1893; G. RADICE, I camilliani a Milano e ledificazione di Santa Maria della Sanit, Civilt ambrosiana, 7 (1990) 5, 342-349; F. VALENTE, I Padri Camilliani a Milano. Note storiche, Verona 1912, 98-152; A. VALLINI, Santa Maria della Sanit, DMi, V (1964), 190-5. b) notizie: Bianconi, 1787, 95; Castiglioni, 1931, 212; Forcella2, 1889, I, 131; Gerra1, 1969, 250; Grassi, 1966, 254, 255; Orefice, 1985, 16; Romanini1, 1959, 745, 758; Smiderle, 1960, 178; Sormani, 1751; 36-37; Vallini, 1966-1968, 633. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cartt. 1485, 1486, 1487, 1491, 1517; Registri n. 40 A, 40 B, 40 C; Atti di Governo, Culto cartt. 1102, 1671, 1769. S. MARIA DELLA SCALA (S. Maria alle Case Rotte, S. Maria in Campo, S. Maria Nuova, S. Veronica) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu fondata nel 1381 da Regina della Scala, moglie di Bernab Visconti nel luogo dove gi sorgeva una piccola chiesa dedicata alla Veronica e nellarea lasciata libera dalla distruzione delle case dei Torriani. Dallet spagnola vi furono allestiti grandiosi apparati in occasione di esequie della famiglia regnante o di personaggi a essa legati. La demolizione di Santa Maria della Scala fu decretata nel 1776 a seguito dellincendio del teatro Ducale per fare posto al nuovo teatro. Alcune opere appartenenti alla chiesa furono salvate e trasferite a S. Fedele. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 200; Bianconi, 1787, 428-434; Dossi, 1963, 2728, 51-59, 73; Fiorio, 1985, 176; Forcella2, IV, 1889, 219-256; Fumagalli-SantAmbrogioBeltrami, 1891, 28-30; Gualdo Priorato, 1666, 95-97; Latuada, 1737-1738, V, 193-202; Milano: le chiese scomparse, 1997, I, 170-202 (con bibliografia); Romanini, 1964, 334-335; Rosa1, 1957, 671-672; Rotta, 1891, 163-165; Sormani, 1760, 117-119; Torre, 1674, ed. 1714, 280-281; Villa, 1627, 270-276. DORIA, Gli apparati funebri per le Reali Esequie di Maria Teresa in Milano, ArLo, 58/59 (1981), 100-109; P. MERONI, Santa Maria della Scala: un aspetto della politica ecclesiastica dei duchi di Milano, ASL 115 (1989), 37-89; P. MERONI, Il capitolo di Santa Maria della Scala di Milano, in I canonici al servizio dello Stato in Europa: secoli 13.-16, recueil d'tudes sous la direction de Helene Millet; avec la collaboration d'Elisabeth Mornet, Modena 1992, 95-104. b) notizie: DellOmo, 1991; Forcella, 1895, 33-34; Forti Grazzini, 1988, 15; Gatti Perer, 1995; Pedrocchi, 1983, 89-92; Santagostino, 1671, ed. 1980, 63. N. FORTI GRAZZINI, Arazzi a Milano, Milano 1988, 15. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C., Localit milanesi, cart. 428; Raccolta Bianconi, t. X, f. 9b (disegno); Biblioteca Ambrosiana, S 150 sup. Raccolta Ferrari, t. XIV, tavv. LXXXI, XXII (disegni); Civica Raccolta delle Stampe A. Bertarelli: vol. CC, 57, tav. 9; vol. X-29; as m 1416; as g 5-9; 18-31; Tr. M. 6-22; vol. W-12; vol. Aa-38 (incisioni); Doria, 1981, figg. 4, 5, 6, 7. S. MARIA DELLA STELLA (S. Maria della Consolazione) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: costruita nella seconda met del XV secolo la chiesa era annessa allospedale, detto dei poveri mendicanti e vergognosi della Stella, pi tardi istituto destinato alle orfanelle, dette Stelline. ORDINE: Benedettine Osservanti SOPPRESSIONE: nel 1570 soppressione del monastero, unito a quello del Bocchetto. UBICAZIONE ATTUALE: la piccola chiesa inserita nel complesso architettonico ancora oggi chiamato delle Stelline. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 201; Bianconi, 1787, 334-335; Borroni, 1808, 126; Bossi, 1818, 181-182; Cattaneo, 1961, 610; Fiorio, 1985, 66; Latuada, 1737-1738, IV, 359-362; Lupieri-Maderna, 1972, 5.7; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 334-335; Palestra, 1967, 64; Ponzoni, 1930, 281-2; Sormani, 1760, 52-53. G. COLTURI, Monache a Milano fra Cinque e Settecento: la storia del monastero di Santa Maria

94

della Consolazione, detto della Stella (1494-1778), ASL, CXVI (1990), 113-145. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Cattana, 1980, 124; Gatti Perer, 1995; Gualdo Priorato, 1666, 51; Gerra, 1964, 221-3; Grassi, 1966, 217; Gualdo Priorato, 1666, 77; Marcora2, 1961, 282; Orsenigo, 1908-1910, 158; Schuster, 1946, 19-20; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 30; Vallini, 1966-1968, 185. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 8; Brivio Sforza, 1976, 139; Casati, 1931, 155 (1565 ag 8), 161 (1566 ge 16), 163 (1566 mz 6); Magistretti, 1910, 550. S. MARIA DELLA VECCHIABBIA/VETTABBIA (S. Maria delle Vergini, Le vergini, S. Maria dellAnnunciata) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1232 insediamento in Porta Ticinese; ante 1236 costruzione del monastero nei pressi dellattuale via Cosimo del Fante, vicino al canale omonimo. La storiografia milanese sei-settecentesca ha molto insistito sia sullorigine del nome ("navigabile" o "monastero delle vedove"?) e su una presunta fondazione ad opera del Barbarossa. Pi documentata appare invece la fondazione del monastero nel 1246 ad opera di s. Pietro Martire. Le ristrutturazioni cinque-seicentesche portarono alla chiesa "molto bella e spaziosa" descritta nelle guide settecentesche. [DCA, III, 1957] ORDINE: Umiliate/ Agostiniane; 1265 passaggio all'ordine domenicano; f. XV sec. passaggio all'Osservanza Domenicana SOPPRESSIONE: 1789. La chiesa fu distrutta nel 1911. Le case di via Cosimo del Fante 5 e via S. Martino V conservano alcune arcate del chiostro bramantesco. a)trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 203-204; Borroni, 1808, 83; Cattaneo, 1961, 618; Forcella2, II, 1889, 43-44; Gualdo Priorato, 1666, 70; Latuada, 1737-1738, III, 165-168; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 264. Il Convento delle Dame vergini della Vettabbia in Milano, a cura di A. ANNONI-U. NEBBIA, Milano 1922. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 142, 163; Arslan, 1956, 686; Bartoli, 17761777, 201; Bianconi, 1787, 203-204; Cattaneo, 1955, 62; Chinea, 1937, 440; Colombo, 1923, 281; Dondaine, 1953, 89, 90; Gerra, 1964, 603-610; Giulini, 1854, IV, 380, 399, 668, 817; Grassi, 1983, 484; Leca, 1910, 547-9; Marcora2, 1961, 288-291; Nicodemi1, 1958, 501; Petra Sala, 2004, 40, 135, 137, 147; Sebastiani, 1982, 206, 217, 218; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 94-95; Vallini, 1966-1968, 297; Zanoni L., 1911, 130-1. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, cart. 2068 (ove anche lopuscolo di G. Allegranza, Memorie storiche del monastero delle Vergini detto della Vettabbia, del 1783); Bascap, 1937, 152; Beretta, 1939, 19; Chabod, 1971, 378 (1521 mg 21); Flumiani, 1927, 557; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Vigotti, 1974, 32, 71. S. MARIA DELLA VISITAZIONE (S. Maria degli Angeli di S. Calimero, S. Sofia) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: prima del 1228 ci fu la fondazione della domus di S. Maria degli Angeli di S. Calimero nellarea delimitata dalle attuali via S. Calimero e via S. Sofia. Le religiose orsoline, alle quali s. Carlo affid chiesa e convento per fondarvi il Conservatorio di S. Sofia destinato ad accogliere le giovani rimaste senza famiglia durante la peste, utilizzarono in un primo tempo lantica chiesa, situata oggi sotto il livello stradale e a cui forse appartiene larco che si intravede nella muratura del convento verso via S. Sofia. Dopo tre anni, le offerte dei cittadini permisero la ricostruzione della chiesa e del convento. ORDINE: Umiliati; dopo il 1570 introduzione dei Padri Teatini; nel 1577 trasferimento dei Teatini a S. Antonio Abate (v.); acquisto del convento da parte delle Orsoline di S. Sofia; nel 1713 acquisto del convento da parte delle Monache Salesiane della Visitazione SOPPRESSIONE: sfugg sia a quella austriaca sia a quella napoleonica UBICAZIONE ATTUALE: via S. Sofia a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 201; Bianconi, 1787, 129-132; Borroni, 1808, 54;

95

Bossi, 1818, 74; Gatti Perer, 1966, 221-8; Latuada, 1737-1738, III, 38-43; Ledoschowska, 1967, 111-9, 122-6, 131, 137, 144-6, 149, 203-210, 231, 248, 260, 295; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, pp. 240-241; Ponzoni, 1930, 403-4; Studi di storia locale, 1983, 39; Torre, 1674, ed. 1714, 16-17; Vigotti, 1972,59, 62-4, 67, 69, 92. ANON., L'Ordine della Visitazione, DMi, III (1962), 238-241; M. L. GATTI PERER, Filippo Cagnola, Bernardo Maria Quarantini, Gioacchino Besozzi, Carlo Giuseppe Merlo e la loro opera per la Visitazione di Milano, ArLo, VIII/i (1963), 161-184; M. L. GATTI PERER, Nuovi documenti per il Monastero della Visitazione in Milano, ArLo, IX/l (1964), 165-172; C. G. GORLA, Gli inizi del monastero della Visitazione a Milano, Milano 1912; G. GORNATI, La Visitazione in Milano, San Calimero, 12 (1954), 389-390; E. TEA, Monastero e chiesa di S. Sofia, San Calimero, 11 (1954), 343-7; La Visitazione, Spiritualit e storia. Nel CCL anno della Visitazione milanese, Milano 1963. b) notizie: Arosio, 1954, 28-9; Bernareggi, 1926-1929, 91-2, 129; Biscaro, 1928, 467; Cattaneo, 1961, 640, 651; Cazzani, 1975, 25; Chiapponi, 1995, passim; Grassi, 1966, 63, 93, 233, 246, 276, 277, 279; Gualdo Priorato, 1666, 63; Marcora, 1958, 367; Mezzanotte, 1957, 629; Mezzanotte, 1958, 451; Mezzanotte, 1958, 660, 661, 663; Mezzanotte2, 1959, 509; Nicodemi1, 1958, 513; Orefice, 1985, 16; Porter, 1916, 602-4; Romanini1, 1959, 746; Sebastiani, 1982, 207, 217, 218; Tea, 1941, 38; Vallini, 1966-1968, 632. A. PORTALUPPI, Giovanni Battista Tonetta, Humilitas, [1]/7 (1929), 215-221. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. XII, Monasteri, voll. 73 e 90; Archivio del Monastero della Visitazione, ms. di G. B. Tonetta, La Divina Provvidenza ammirabile nella fondazione del V. Monastero della Visitazione di S. Maria in S.Sofia di Milano/Fatta alla XIII luglioMDCCX-XIII/Descritto da Giambattista Tonetta/Sacerdote oblato, e padre spirituale/dello stesso monastero; Tre disegni datati 1717, 24 febbraio e firmati Bernardo Maria Quarantini, Prospetto esteriore del novo tempio con caseggiato a lato in profilo per il Ven. Monistero della Visitazione in S. Sofia di Milano; Veduta interiore del novo tempio con cortil, e portico avanti da alzare di novo per il Ven. Monistero della Visitazione in S. Sofia di Milano; Veduta esteriore verso il Naviglio del Tempio con le sacrastie et altre abitazioni da alzarsi di nuovo per il Ven. Monistero della Visitazione in S. Sofia di Milano; Raccolta Bertarelli, cart. G. 7-6; Sorpintendenza ai Beni artistici e storici, Milano, Santa Maria della Visitazione, fotografie cart. 790; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, S 138 sup. IX [la relazione Trivulzio e il progetto del Merlo] Anfosso, 1913, 92, 215 (1567 giu 18); Beretta, 1939, 17; Castiglioni, 1960, 12; Cattaneo, 1957, 259, 289; Flumiani, 1927, 581; Gatti Perer, 1964-1965, 166, 167, 170-2, 213; Gatti Perer, 1967, 75, 81, 95; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 126; Noto, 1962, 43, 82 (1476 mz 20); Vigotti, 1974, 32, 71; Zanoni L., 1911, 41, 229, 271 (1236 dc 11), 335 (1273 giu 12). S. MARIA DELLA VITTORIA (S. Maria Assunta del Muro) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1221, fondazione del convento. Dell antica fabbrica sono emersi alcuni resti che hanno permesso di riconoscere il tracciato della chiesa monastica, a navata unica e con pianta rettangolare, di cui sussite la parte absidale con tracce di bifore. La ristrutturazione del complesso conventuale fu iniziata verso la fine del XVI secolo per proteggere la clausura e per laccresciuto numero delle suore. Ledificazione della nuova chiesa risale invece al 1629 e procedette per alcuni decenni, anche attraverso la demolizione dei vecchi edifici, tra i quali la casa con losteria della Frascata, situata di fronte allingresso del tempio. Le planimetrie ottocentesche ci restituiscono un complesso grandioso: a sinistra della chiesa, larea del parlatorio e della sacrestia, col riuso della vecchia chiesa e, oltre, il grande giardino; a destra della chiesa, la scuderia; al di sopra, i due chiostri maggiori (il primo di origine medievale), delimitati da un chiostrino trapezioidale e dalla serie di locali allineati lungo lasse del Naviglio; allestremit Ovest un terzo chiostro e un giardino. Le distruzioni e i riusi impropri dellOttocento hanno gravemente compromesso linsieme [] [Milano ritrovata, 1991, 273] ORDINE: Umiliate/ Agostiniane; 1265 ca. passaggio all'ordine domenicano

96

SOPPRESSIONE: 1798 UBICAZIONE ATTUALE: via E. De Amicis a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bartoli, 1776-1777, 225; Bianconi, 1787, 219-223; Borroni, 1808, 89-90; Bossi, 1818, 121-124; Cattaneo, 1961, 6189; Fiorio, 1985, 336-337; Latuada, 1737-1738, III, 227-230; Lupieri-Maderna, 1972, 5.4; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 290; Milano ritrovata, 1991, 268-275 (con bibliografia); Mongeri, 1872, 297-280; Pirovano, 1822, 162-164; Ponzoni, 1930, 395-6; Studi di storia locale, 1983, 34; Torre, 1674, ed. 1714, 95-100 C. ANFOSSI, Una tradizione di imprenditrici. Umiliate e domenicane a S. Maria della Vittoria. XIII-XIX secolo, ASL, CXXI (1995), 103-155; M. L. GENGARO, A proposito del barocco lombardo: S. Maria della Vittoria di Milano, Le arti, IV (1941), 279-283; Il Monastero delle Signore bianche: scavi archeologici in S. Maria della Vittoria a Milano, a cura di Donatella Caporusso, Milano, 1989; P. ROTTA, La chiesa di Santa Maria della Vittoria in Milano, Milano 1904; F. RUGGERI, Santa Maria della Vittoria. Note storiche, Milano 1987; F. RUGGERI, Le origini e il titolo del monastero di S. Maria della Vittoria nei documenti dellArchivio di Stato di Milano. in Studi di storia medioevale e diplomatica, v. X, Bologna 1989, 77-84; F. RUGGERI, Nuovi dati documentari su Santa Maria della Vittoria, Civilt ambrosiana, 7 (1990) 1, 22-26; A. SPIRITI, La cultura del Bernini a Milano: Santa Maria della Vittoria (1655-1685), ArLo, 1-2 (1994), 108-114; G. VITTANI, Santa Maria della Vittoria. Cenni storici, Milano 1903; K. WHITE, Milano. S. Maria della Vittoria. Saggio di scavo, Notiziario 1983 [della Soprintendenza Archeologica della Lombardia], Milano 1984, 97-98 b) notizie: Aiello, 1996, passim; Biscaro2, 1908, 301, 302, 306; Biscaro, 1928, 426, 480, 481; Cattaneo2, 1954, 618, 619; Cattaneo, 1955, 62, 110; Cattaneo, 1958, 325; Chiapponi, 1995, passim; Chinea, 1937, 440; Colombo, 1923, 280-2; Dondaine, 1953, 89, 90; Franceschini, 1954, 197, 372; Fustella, 1967, 383; Gerosa Brichetto, 1973, 67, 68; Gerra, 1964, 386-8, 431; Grassi, 1964, 144; Grassi, 1966, 217, 219, 246, 284, 340; Gualdo Priorato, 1666, 70; Mezzanotte, 1958, 451; Nicodemi1, 1958, 505, 507; Nicodemi2, 1958, 525; Petra Sala, 2004, 38, 139; Santagostino, 1671, ed. 1980, 38, n. 61; Schuster, 1946, 26; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Spinelli, 1999, passim; Vallini, 1966-1968 , 298-9. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, vol. VIII, 1-4, Localit Milanesi, 237/12, 450/13; Ornato Fabbriche, I s., 130/3, 192/5, 196/1 e 2, 201/2; II s., 35, Prot. 21437.15; A.S.D.M., XII, 96; A.S.M., Culto, p. a., 1917; p.m., 1574; Religione, p.a., 21152134; Amministrazione, 2455; Pergamene, 543; Registri, 58 bis; Bascap, 1937, 152; Beretta, 1939, 19; Cattaneo, 1960, 157 (1565 ag 29); Flumiani, 1927, 572 (1799 ap 15), 581; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 130, 549; Marcora2, 1961, 281, 540 (1564 nv 25); Le pergamene milanesi, 1994; Vigotti, 1974, 33, 75. S. MARIA DELLE CARCANINE, v. S. Maria Addolorata. S. MARIA DELLE GRAZIE ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La chiesa fu fondata il 10 settembre 1463 su un terreno appartenente al conte Gaspare Vimercati, comandante delle truppe francesi di Francesco Sforza, accanto a una cappella di pianta rettangolare gi dedicata alla Madonna delle Grazie e tuttora esistente. Ledificio sorse, su progetto di Guiniforte Solari, nel 1466-90, mentre l'attiguo convento domenicano risultava concluso gi nel 1469. Il 29 marzo 1492 l'arcivescovo Guido Antonio Arcimboldi pose la prima pietra della nuova tribuna, comprendente la cupola e il presbiterio e destinata a sostituire, nelle intenzioni di Ludovico il Moro, il presbiterio del Solari. Nel1497 il duca vi fece seppellire la moglie, Beatrice d'Este, in quello che egli ormai vedeva come il mausoleo proprio e della famiglia [] Nel 1498-99 si costru la nuova sagrestia con l'attiguo chiostro. Nell'intera vicenda la presenza di Bramante - cui si vorrebbe attribuire la ricostruita tribuna, la Sagrestia vecchia e il Chiostro piccolo (anche questi ultimi dopo il 1492) - attestata da un solo documento del 1494 relativo alla consegna di alcuni marmi; gi nel '600 l'allora sindaco e procuratore del convento scriveva che in realt la tribuna era stata fabbricata

97

con il molteplice consenso di peritissimi architetti. Sull'argomento, la critica pi recente ipotizza un'idea iniziale di Bramante, poi eseguita e in parte reinterpretata da maestranze lombarde. Dal 1553 al 1778 nel convento ebbero sede gli uffici dell'Inquisizione e successivamente una caserma. Nel 1868 inizi l'operazione di diradamento dell'edilizia circostante con l'isolamento della zona absidale; segu poi, in connessione con l'apertura delle vie Ruffini e Caradosso (edificazione del quartiere Magenta), la demolizione di parte del convento. I restauri, proposti gi nel 1876, presero vigore dopo il 1895; ispirati da Luca Beltrami, volsero al consolidamento e alla reinvenzione, attraverso l'eliminazione di aggiunte e integrazioni, dell'immagine rinascimentale. Consistenti lavori vennero svolti anche nel 1934-37 su progetto di Piero Portaluppi: si sostitu parte dei materiali - nello specifico il cotto - e si eliminarono le decorazioni neo classiche dell'abside [] Nel 1943 le bombe colpirono l'intero complesso: il convento perse il Chiostro grande o dei Morti e la Sala capitolare; la chiesa parte del piedicroce, che venne poi ricostruito. [Milano, 10 ed., TCI, 1998, 411-412] ORDINE: Domenicani SOPPRESSIONE: 1799 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Maria delle Grazie a)trattazioni specifiche: Abbazie e conventi, 1973, 162-3; Arslan, 1956, 638, 646, 648-653; Baroni, 1940, 18-50; Bartoli, 1776-1777, 191-192; Bianconi, 1787, 312-334; Bombe sulla citt, 2004, 242-247; Borroni, 1808, 123-126; Bossi, 1818, 177-180; Bramante a Milano, 1986; Bruschi, 1969, 194-207, 783-802; Cattaneo, 1961, 529, 575, 612, 614, 618-9; Ferrari1, 1979, 176-197; Fiorio, 1985, 67-79; Giulini, 1916, 345; Grassi, 1978, 218-222, 227, 239, 244; Grassi, 1982, 476-485, 488, 493, 499-504; Grassi, 1983, 418, 445-7, 458-463, 468, 472, 474; Gualdo Priorato, 1666, 77; Kaeppeli, 1966, 28-9; Latuada, 1737-1738, IV, 343-358; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 335-345; Pirovano, 1822, 202-207; Rocchi, 1988; Romanini, 1956, 604-5, 608-616; Sormani, 1760, 49-52; Studi di storia locale, 1983, 49; Torre, 1674, ed. 1714, 150-154. P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 4) S. Maria delle Grazie a Milano, ArCr, UV (1966), 303-8; C. ALANO CARLINI, Il Convento e la Chiesa di S. Maria delle Grazie, in S. Domenico, 27-36; S. ALDENI, Il Libellus Sepulchrorum e il piano progettuale di S. Maria delle Grazie, ArLo, 67 (1983), 70-92; A. ANNONI, La rinascenza della chiesa di S. Maria delle Grazie, Milano 1937; S. BANDERA BISTOLETTI, Il coro di Santa Maria delle Grazie. Dallapprofondimento storico alla soluzione dei problemi di restauro, Ca de Sass, 117 (1992), 33-39; L. BELTRAMI ,La chiesa di S. Maria delle Grazie in Milano, Archivio Storico dell'Arte VI (1893), 229-240; L. BELTRAMI, La chiesa di S. Maria delle Grazie in Milano, Milano 1914; L. BELTRAMI, La chiesa di S. Maria delle Grazie, Firenze s. d. (Italia monumentale, 12); A. BERNAREGGI, Il convento di S. Maria delle Grazie, ArCr, IX (1921), 173-186; A. M. CACCIN, S. Maria delle Grazie. Marcora, 1958 santuario Mariano della citt, DMi, IX (1968), 5659; A. M. CACCIN, S. Maria delle Grazie e il Cenacolo vinciano, Milano 1967; A. M. CACCIN, La rinascita delle Grazie, DMi, IX (1968), 603-5; C. CANT, Il convento e la chiesa delle Grazie e il Sant'Ufficio, in Archivio Storico Lombardo, anno IV, tomo I (1879), 223-249; A. CAVALLARI MURAT, La venust bramantesca tra razionalismi gotici e vitruviani, in Studi bramanteschi, Atti del 'Convegno Internazionale (Milano, Urbino, Roma 1970), Roma 1974, 87-116; G. CHIERICI, Alcune osservazioni sulla decorazione interna della cupola di S. Maria delle Grazie, Rassegna di architettura, VIII (1936); G. A. DELL'ACQUA, Giovanni de' Mio a S. Maria delle Grazie, Rassegna d'arte, XVIII (1936), 387-399; G. FANTONI, La cappella di Ludovico il Moro: Santa Maria delle Grazie, Ca de Sass, 117 (1992), 22-32; G. GIULIANI, La rinascita di S. Maria delle Grazie, Milano, LIII (1937), 443-6; Leonardo. Il Cenacolo, ArLo, 62 (1982), 5-65; Leonardo. Studi per il Cenacolo dalla Biblioteca Reale del Castello di Windsor, catalogo a cura di C. PEDRETTI, introduzione di K. CLARK, Milano 1983; V. MARIANI, Della composizione del Cenacolo di Leonardo, ArLo,II (1957), 65-76; G. MARTELLI, Il refettorio di S. Maria delle Grazie in Milano e il restauro di L. Beltrami, Bollettino d'arte, LXV (1980), 55-72; G. MARTELLI, Ulteriori precisazioni sui restauri di L. Beltrami in S. Maria delle Grazie, Raccolta vinciana, XXI (1982), 161-176; A. MAZZETTI, Il restauro della cappella della Madonna delle Grazie in Milano, ArCr, XI (1923), 225-234; F. MAZZINI, Il Cenacolo di Leonardo e la Chiesa delle Grazie, Milano 1966; M. MIRABELLA ROBERTI, Santa

98

Maria delle Grazie, Milano 1981; F. M. NAUMANN, The costruzione legittima in the Reconstruction of Leonardo da Vincis Last Supper, ArLo, 52 (1979), 63-89; C. PEDRETTI, Il progetto originario per Santa Maria delle Grazie e altri aspetti inediti del rapporto LeonardoBramante, in Studi Bramanteschi, Atti del Convegno Internazionale (Milano, Urbino, Roma 1970), Roma 1974, 197-204; A. PICA, [Santa Maria delle Grazie] la chiesa di Ludovico il Moro, Italia Sacra, 1/5-6 (1928), 225-295; A. PICA, Il gruppo monumentale di S. Maria delle Grazie in Milano, Roma 1937 (I monumenti Italiani, 10); A. PICA, L'opera di Leonardo al con vento della Grazie in Milano, Roma 1939; A. PICA - P. PORTALUPI, Le Grazie, Roma 1938; D. PUCCINELLI, Personaggi celebri di S. Maria delle Grazie, in S. Domenico, 37-52; M. ROSSI, Novit per S. Maria delle Grazie di Milano, ArLo 76 (1983), 35-70; M. ROSSI, Rinnovamento artistico e culturale dellOsservanza in S. Maria delle Grazie: nuove indagini sulla tribuna e la sua decorazione, ArLo, 78 (1986), 25-36; M. SALMI, Il Cenacolo di Leonardo da Vinci e la Chiesa delle Grazie a Milano, Milano 1926 (Il fiore dei Musei e Monumenti d'Italia, 7); M. SALMI, Gli affreschi scoperti in Santa Maria delle Grazie a Milano, Bollettino d'arte, VIII (1928-1929), 3-13; M. SALMI, Gli affreschi scoperti in S. Maria delle Grazie a Milano, Memorie domenicane, XLIV (1929), 338-343; Santa Maria delle Grazie in Milano, introduzione di G. A. DellAcqua, Milano 1983; R. SCHOFIELD, Bramante and Amadeo at Santa Maria delle Grazie in Milan, ArLo, 78, 3 (1986), pp. 41-58; G. SIRONI, Novit documentarie: lAmadeo e il tiburio di Santa Maria delle Grazie in Milano, ArLo, 78 (1986), 59-71; W. TERNI DE GREGORY, Il fondatore delle Grazie, ASL, LXXXIV (1957), 392-405; G. VERGA, Le absidi di S. Maria delle Grazie in Milano, in Atti del V Convegno Nazionale di Storia dell'Architettura (Perugia, 23 settembre 1948), Firenze 1957A. ZUCCHI, S. Maria delle Grazie in Milano, Firenze 1931; A. ZUCCHI, S. Maria delle Grazie a Milano, Memorie domenicane, LV (1938), 137143. b) notizie: Albuzzi, 1776, ed. 1956, 25; Allievi, 1929, 242; Arslan3, 1954, 1956, 727, 732; Baroni, 1930, 424; Baroni, 1941, 13, 21-2, 33, 45, 75-6, 83, 92-3, 105-6; Battistini, 1931, 164; Beltrami, 1890, 408-424; Bendiscioli1, 1957, 183, 263, 269, 276; Bianconi, 1787, 312334; Biscaro, 1909, 369, 372, 374-8, 380, 382-3, 387-90, 393-4; Beretta, 1959, 199-210; Bognetti, 1958, 3; Brizio, 1971, 79-82; Caizzi, 1958, 354; Calvi, 1859-1869, II, p. 113; Cant, 1879, 223-401; Casati, 1870, 43-48; Carlevaro, 1982, 64, 96-7, 103-5; Cattaneo, 1955, 107, 116; Cattaneo, 1958, 322; DellAcqua, 1957, 674-8, 681, 705, 710, 740; Franceschini, 1957, 197, 325; Fumi, 1910-1911, 8-16, 27, 31, 373; Gazzini, 2000, passim; Gengaro2, 1936, 203; Gengaro, 1955, 129; Gengaro, 1957, 74-8; Gerra, 1964, 24-5; Grassi, 1966; 409; Hinnebusch, 1973, 177, 200, 210; Leoni, 1949, 56, 62; Lomazzo, 1584, ed. 1973-1974, 187, 236; Maderna, 1980, 47; Marcora, 1956, 300; Marcora, 1957, 325, 339, 340; Marcora2, 1959, 333; Marcora1, 1963, 463-4; Marcora2, 1963, 557; Marcora2, 1967, 54, 58; Mazzini, 1964, 338-340, 342; Meazza, 1951, 163, 166-7; Meerseman, 1977, 791; Mezzanotte, 1958, 679; Mezzanotte2, 1959, 481; Mongeri, 1872, 212, 214; Nicodemi1, 1958, 513; Nicodemi2, 1958, 545; Noto, 1962, 58-9; Oltrona Visconti, 1959, 199; Orsenigo, 1908-1910, 154, 230; Panizza, 1956, 171; Pellegrini3, 1910, 605; Premoli, 1905, 20; Reggiori, 1960, 650; Romanini, 1958, 62; Romanini1, 1959, 740-1; Romanini, 1964, 512-3; Rosa, 1956, 843-6, 863, 869; Rosa1, 1957, 672; Rosa, 1630, 1957, 858; SantAmbrogio, 1895, 20-32; Santagostino, 1671, ed. 1980, 45-46; Scurati-Manzoni, 1968, 202; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 65, 77; Tea, 1942, 63-71; Tea, 1950, 63-4, 67-8; Tea, 1959, 807; Vallini, 1966-1968, 293-6; Vincenti, 1960, 847; Wittgens, 1956, 825. G. C. BASCAP, Iconografia dei sigilli e degli stemmi dei domenicani, Memorie domenicane, LXXXI (1964), 69; L. BELTRAMI, Donato Montorfano e la collaborazione di Leonardo nella Crocefissione del refettorio di S. Maria delle Grazie, Rassegna d'arte antica e moderna, XXI (1921), 217-232; F. FILIPPINI, La tomba di Lodovico il Moro e Beatrice d'Este, ASL, LXIV (1937), 198-201; S. FORTE, Le Province domenicane in Italia nel 1650. Conventi e religiosi, AFP, XXXIX (1969), 425-485; A. MAZZETTI, I Domenicani e il pio Istituto di Santa Corona, in S. Domenico, 57-61; F. MAZZINI, Restauri di affreschi in Lombardia, Bollettino d'arte, XLVIII (1963), 277-280; S. PEZZELLA, CarioniBattista, DEI, XX, Roma 1977, 115-8; A. PICA, L'ultima dimora degli Atellani, Milano 1931; M. ROSSI, LOsservanza domenicana a Milano: Vincenzo Bandello e liconografia della beatitudine nella cupola di S. Maria delle Grazie, ArLo,

99

1-2 (1986), 79-89; D. SANTAMBROGIO, Bernardino De Rossi in S. Maria delle Grazie a MIlano, Archivio Storico dell' Arte, I (1895), 20-32; D. SANT'AMBROGIO, Del recupero di un marmo disperso di Santa Maria delle Grazie in Milano, ASL, XXVII, s. III/14 (1900), 398-9; H. SIEBENHUNER, Tizians Dornerkronung Christi fr S. Maria delle Grazie in Mailand, Arte Veneta, XXXII (1978), 123-6. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., Conventi, cart. 1397 con il manoscritto di G. Gattico, Descrizione succinta e vera delle cose spettanti alla Chiesa e Convento di Santa Maria delle Grazie..., sec. XVII; Biblioteca Ambrosiana, Cod. S 157sup., ms. di V. De Pagave, Vita di Bramante; Biblioteca dArte, ms. di V. De Pagave, Dialogo tra un forestiere e un pittore; Baldissaro, 1981, 13 (1448 dc 31), 14 (1493 ap 7, 1497 dc 4), 15 (1535 ge 28); Beretta, 1939, 8; Castiglioni, 1948-1949, 251; E.M., 1907, 257 (1484 mz 25); Forte, 1960, 381 (1618 ge 26), 400 (1617 ge 2); Giulini, 1917, 359; Giulini, 1934, 549; Marcora2, 1959, 270 (1487 fe 9); Marcora2, 1961, 282 332, 545 (1564 dc 9); Razzi, 1971, 116, 120; Rotondi, 1924, 201-2, 204; Solmi, 1907, 312-4, 322-3; Vasari, ed. Milanesi, 1906, IV, 29-33, 151-152 nota 2, e VI, p. 513 nota 3, p. 519 nota 2 e 3. S. MARIA DELLE GRAZIE AL NAVIGLIO ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la prima chiesa fu eretta nel 1546 per accogliere unimmagine della Vergine che stava su un muro esterno, oggetto di grande venerazione per le grazie concesse ai fedeli. S. Carlo la diede alla confraternita dei Disciplini, a cui spese ledificio fu rifabbricato e ampliato nel 1719. La chiesa attuale risale invece al XIX secolo, quando da sussidiaria di S. Gottardo al Corso divenne parrocchia. a) trattazioni specifiche: Forcella2, II, 1889, 171-172; Sormani, 1760, 36. S. MARIA DELLE TURCHINE v. S. Maria Addolorata. S. MARIA DELLE VERGINI v. S. Maria della Vecchiabbia. S. MARIA DELLE VETERI (domus vetus, S. Maria de dominabus albis, S. Maria della Purificazione, Vetere) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: nel 1238 ca. trasferimento delle Umiliate della domus S. Eustorgii (v.) nel monastero femminile in Porta Ticinese. La dizione vetere sembra essere riferita alla presenza in esso delle vedove, rispetto alle maritate di Santa Maria della Vittoria e alle nubili di S. Maria della Vettabbia. ORDINE: Umiliate/Agostiniane; nel 1265 passaggio all'ordine domenicano. SOPPRESSIONE: 1799. Dalle distruzioni ottocentesche e dellultima guerra dellantico monastero situato fra gli attuali corso di Porta Ticinese e via Vetere restano un chiostro quattrocentesco e alcuni ambienti allinterno dellistituto Casati. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 221; Bianconi, 1787, 218-219; Borroni, 1808, 88; Cattaneo, 1961, 618-9; Forcella2, II, 1889, 177-179; Giulini, 1854, IV, 340ss., 439, 568; Latuada, 1737-1738, III, 224-227; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 308. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 142, 163; Ansaldi, 1933, 444, 447, 451; Bardeaux, 1938-1942, 135; Biscaro, 1907, 396, 397; Biscaro, 1928, 474, 475; Cattaneo, 1955, 62; Chinea, 1937, 440; Dondaine, 1953, 89; Gerra, 1964, 432-4; Gualdo Priorato, 1666, 70; Manaresi, 1919, 314-8; Petra Sala, 2004, 39, 134; Santagostino, 1671, ed. 1980, 38; Savio, 1915, 170; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Soldati Forcella-Antico Gallina, 19791980, 20; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 92-93; Vallini, 1966-1968, 296-7. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, cart. 2101; Bascap, 1937, 152; Beretta, 1939, 19; Flumiani, 1927, 578, 581, 583; Gatti Perer, 1964-1965, 199; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 264 (1369 nv 27, 1382 mg 10); Le pergamene milanesi, 1994; Vigotti, 1974, 32, 70.

100

S. MARIA DI BAGGIO ZONA: Baggio ORIGINE E VICENDE: il cenobio fu fondato nel 1400 da Balzarino Pusterla, riformato nel Settecento presentava oltre alledificio abbaziale con relativa chiesa dedicata alla Madonna, due chiostri e un giardino cintato che si estendeva fino allattuale via Rismondo, ai quali si aggiungevano verso lattuale piazza Garibaldi una serie di fienili (barchesse) e una ghiacciaia rinascimentale. ORDINE: Benedettini olivetani SOPPRESSIONE: 1773. Il monastero restaurato (via 2 Giugno) ora sede del consiglio di zona. a) trattazioni specifiche: Sarzi, 1987, 341-342. Cascina e monastero. Storia di monaci, contadini e operai in S. Maria di Baggio, Milano, Comune di Milano, 1983; F. PIROLA, Balzarino Pusterla e la Certosa di Baggio, dattiloscritto, 2004. S. MARIA DI BRERA (S. Maria in braida) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Fondata dagli umiliati, probabilmente nella prima met del sec. XIII, viene citata negi antichi documenti anche con la denominazione del Guercio, dal nome del donatore del terreno sul quale fu edificata: il convento adiacente, forse preesitente gi da alcuni decenni, divenne ben presto una delle grange pi importanti dellarea milanese e lombarda [] La data del 1347 che appare sui resti del portale, ora conservati al museo di arte antica del Castello Sforzesco, costituisce lunico dato cronologico sicuro a testimonianza del rinnovamento della facciata: questo, secondo la critica, non interess se non marginalmente, la struttura duecentesca del corpo longitudinale della chiesa. Lassetto planimetrico rimane immutato anche nei secoli successivi: una conferma della situazione alla fine del sec. XVI ci viene offerta da alcuni disegni di Martino Bassi (1589-90 c.) conservati nella Raccolta Ferrari ed eseguiti dopo la soppressione dellordine degli umiliati e il successivo insediamento dei gesuiti [] [DCA, III, 2022] ORDINE: Umiliati; 1571 soppressione degli Umiliati; 1572 ingresso dei Gesuiti SOPPRESSIONE: 1773 soppressione della chiesa. Nel 1808 con la demolizione della facciata spar ogni traccia esterna delledificio. Allinterno dellAccademia di Brera si possono tuttora osservare il basamento di pietra e un tratto del fusto in cotto del campanile e, adiacente, buona parte della parete absidale nonch cinque contrafforti. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 185-186; Bianconi, 1787, 387-392; Bascap, 1967, 51; Cattaneo, 1961, 637, 640; Dossi, 1970, 8, 22, 24-6, 34, 39, 40, 41, 44; Fiorio, 1985, 177-179; Forcella2, IV, 1889, 281-286; Genero, 1982, passim; Giulini, 1916, 458-461; Grassi, 1958, 19, 21-3, 25; Latuada, 1737-1738, V, 229-235; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 421-423; Milano: le chiese scomparse, 1997, I, 100-141 (con bibliografia); Romanini, 1954, 447-455, 459-462, 469, 470, 482, 488, 493, 499, 500, 504, 509; Romanini1, 1955, 667, 674-8, 681, 682, 689, 696, 705, 713; Romanini, 1964, 115-124, 286-8; SantAmbrogio, 1891, 858-874; Sormani, 1760, 124-126. A. ANNONI, Sulle tracce di S. Maria di Brera in Milano, in Atti del II Congresso Nazionale di Storia dell'Architettura, Roma 1939, 51-60; P. BORELLA, Il saluto vespertino alla Vergine, Ambrosius, VII (1931), 128-130; G. CASTELLANI, La fondazione del Collegio Brera di Milano secondo i documenti inediti del tempo (1563-1572), Civilt Cattolica, LXXXIV 12 (1934), 509-522; LXXXIV 13 (1934), 28-40, 586-597; D. SANTAMBROGIO, Ricerche intorno alla distrutta chiesa e facciata di S. Maria di Brera, ASL, anno XVIII, serie II, tomo II (1891), pp. 858-874; S. VECCHIO, Gli Umiliati in Santa Maria di Brera: committenze artistiche fra XIII e XIV secolo, 1-2 (1994), 6-14; A. VISCONTI, La fine dei marmi della chiesa di S.Maria di Brera, ASL, LIII (1926), 543. b) notizie: Abbazie e conventi, 1973, 174-5; Anonimo, 1931, 502-6, 509, 511; Ansaldi, 1933, 448; Bardeaux, 1938-1942, 133; Baroni, 1931, 930; Baroni, 1941, 139; Baroni, 1944, 14, 72, 84, 85, 92, 129; Bendiscioli1, 1957, 350; Bernareggi1, 1931, 787-8; Biscaro4, 1908,

101

517-9; Biscaro, 1914, 79; Biscaro, 1928, 421, 442, 470, 480; Bocchi, 1980, 299; Castellani, 1930, 538-541; Castiglioni, 1931, 140; Castiglioni, 1932, 94-5; Cattana, 1984, 113; Cattaneo, 1955, 78, 81, 153; Cattaneo, 1985, 181; Cazzani, 1975, 10; Chinea, 1937, 441; Cognasso, 1955, 62; Dossi, 1963, 310; Fasola, 1972, 145; Forti Grazzini, 1988, 22; Franceschini, 1954, 375-7; Genero, 1982, 503; Gengaro1, 1936, 10; Gengaro, 1955, 129; Gerosa Brichetto, 1961, 31, 47, 104; Gerosa Brichetto, 1973, 72-6, 86; Gerra2, 1969, 357; Gerra4, 1969, 487; Grassi, 1982, 482; Magni, 1937, 215; Marcora, 1954, 247; Marcora2, 1961, 244-6, 448; Marcora1, 1967, 238; Mezzanotte, 1957, 642; Mezzanotte, 1958, 706; Mezzanotte2, 1959, 511; Nicodemi1, 1958, 501; Orefice, 1985, 13; Orsini2, 1959 , 182; Panighetti, 1964, 68; Panizza, 1956, 170, 17.3; Pellegrini, 1909, 165; Romanini2, 1955, 622, 661, 677; Romanini, 1956, 611; Romanini, 1958, 59; Santagostino, 1671, ed. 1980, 63; Schuster, 1946, 7-8; Tiraboschi, 1766, III, 264; Torre, 1674, ed. 1714, 269; Travi, 1997, 216; Vallini, 439-440; Visconti, 1909, 415, 416, 423, 425; Vittani, 1912, 124. E. CARLI, Giovanni di Balduccio a Milano, in Il millennio ambrosiano. La nuova citt dal Comune alla Signoria, Milano 1989, 70-103; M. T. DONATI, Larchitettura degli ordini monastici in area milanese tra XII e XIV secolo, in Il millennio ambrosiano. La nuova citt dal Comune alla Signoria, Milano 1989, 262-265; M. ZANARDI, Vita ed esperienza di Emanuele Tesauro nella Compagnia di Ges, AHSI, XLVII (1978), 12-19, 21-6, 35-44. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Localit milanesi, 45; Biblioteca Ambrosiana (ms. S 150 sup.), Raccolta Ferrari. Disegni dellIng. Martino Bassi, XX-XXI; Civica raccolta delle stampe A. Bertarelli, vol. DD, 25, p. 80, vol. M 54, p. 1 [incisioni]; Giulini, 1854, IV, 319 [ill.]; Anfosso, 1913, 90, 92, 94-7, 207 (1557 ag 29), 208 (1560 fe 7), 215 (1567 giu 18), 235-6 (1569 mg 23), 263 (1569), 304 (1570 ap 19); Baldissaro, 1981, 12 (1452 fe 10); Beretta, 1939, 13; Biandr di Reaglie, 1974, 31 (1347 lu 27); Castiglioni, 1958, 11; Castiglioni, 1960, 12; Cattaneo, 1957, 259, 289; Laurent, 1949, 378; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 32, 68; Zanoni L., 1911, 7, 8, 16-8,33,41, 168, 174, 185, 186, 190-4, 196, 198, 212, 213, 228, 231, 238, 250-2, 257, 258, 267 (1186 nv 14), 274 (1209 lu 3), 315-6 (1206 ag 17), 334 (1253 lu 3), 336-340, 342, 344, 347, 350, 351. S. MARIA DI CAMBIAGO ZONA: Porta Ticinese (?) ORIGINE E VICENDE: seconda met del XIII secolo ORDINE: Umiliate/i SOPPRESSIONE: post 1398 b) notizie: Zanoni L., 1911, 196. c) fonti e citazioni documentarie: Magistretti, 1900, 27. S. MARIA DI CAMPOMORTO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: prima del 1261 ci fu la fondazione della canonica al posto dell'antico ospedale ORDINE: Canonici Regolari di Crescenzago SOPPRESSIONE: seconda met del XVI sec. passaggio in commenda al clero secolare b) notizie: Cattaneo, 1961, 653; Giulini, 1916, 410-2. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 152; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125. S. MARIA DI CANTALUPO v. S. Bernardino alle Monache S. MARIA DI CARAVAGGIO IN MONFORTE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu edificata nel 1693 attorno a unimmagine miracolosa. Era situata sullasse dellattuale corso Monforte a ridosso delle mura spagnole. Nel 1702 ci fu la concessione della chiesa ai frati trinitari scalzi, ai quali era affidata anche la chiesa di S.

102

Damiano nella parte opposta del borgo. ORDINE: Trinitari Scalzi SOPPRESSIONE: 1783. La chiesa scomparve nel 1806. a)trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 186; Bianconi, 1787, 82; Borroni, 1808, 36; Latuada, 1737-1738, I, 229-233; Mezzanotte-Bascap, 1958, 1009; Studi di storia locale, 1983, 41-2. E. DE ALBENTIIS, La chiesa milanese di Santa Maria di Caravaggio in Monforte, ArLo, 2 (1996), 79-91. b) notizie: Mezzanotte, 1958, 706. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 11. S. MARIA DI CARUGATE v. S. Ambrogio di Carugate S. MARIA DI CASIRATE v. Casirate S. MARIA DI CASTAGNEDO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1190 ORDINE: Umiliate/ Agostiniane SOPPRESSIONE: 1385 unione a S. Maria della Vittoria b) notizie: Cattaneo, 1961, 618. SS. PIETRO E MARIA IN CHIARAVALLE (Abbazia di Chiaravalle) ZONA: fuori Porta Romana (Chiaravalle) ORIGINE E VICENDE: fondata nel 1135 da un gruppo di monaci guidati da Bernardo di Clairvaux, la chiesa fu consacrata nel 1221 e intitolata a Santa Maria; nel corso del XIII secolo fu costruito il primo chiostro e nel secolo successivo il campanile-tiburio; nel XVII secolo inizi una nuova fase di radicale trasformazione della chiesa, in parte annullata dai restauri del XIX e XX secolo. SOPPRESSIONE: 1798. I monaci cistercensi sono tornati nel 1952. a) trattazioni specifiche: Bertelli, 1984; Fraccaro, 1954, 522-528; Romanini, 1964, 18-26, 229-231; Sarzi, 1987, 261-265 P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 6) Chiaravalle milanese, ArCr, LIV, 12 (1966), 371-376; A. AMBROSIONI, Chiaravalle e Milano. Le origini e il primo secolo di una lunga vicenda, in Chiaravalle, 18-30; R. AULETTA MARRUCCI, Le vicende costruttive dellabbazia, in Chiaravalle, 220-269; S. BANDERA, Gli affreschi nel tiburio della chiesa abbaziale di Santa Maria di Chiaravalle, Terra ambrosiana, 5 (2004), 64-72; M. BASCAP, La "perpetuit delli abbati". Chiaravalle milanese e la riforma della Congregazione cistercense di San Bernardo in Italia (tra XVI e XVII secolo), in Chiaravalle, 139-177; M. CAFFI, Dell'abbazia di Chiaravalle in Lombardia. Illustrazione storico-monumentale-epigrafica, Milano, G. Gnocchi, 1842; G. CALVI, L' Abbazia di Chiaravalle presso Milano monumento del secolo 12., studio di storia patria, Milano 1844; L. CASTELFRANCHI VEGAS, Per il Cristo davanti a Pilato di Chiaravalle, ArCr, 9/10 (1992), 335-348; V. CATTANA, Gli abati di Chiaravalle milanese nell' et moderna (1466-1798), in Chiaravalle, 202-213; L. CHIAPPA MAURI, Le scelte economiche del monastero di Chiaravalle milanese nel XII e XIII secolo, in Chiaravalle, 31-49; G. MULAZZANI, Chiaravalle e la pittura nel Quattro e Cinquecento, in Chiaravalle, 374-403; A. M. CACCIN, Labbazia di Chiaravalle Milanese. Il monastero e la chiesa. Storia e arte, Milano 1979; C. CICIRELLO, Il mulino dellabbazia di Chiaravalle, in Chiaravalle, 270-277; S. COPPA, La pittura del Seicento e del Settecento, in Chiaravalle, 404-453; P. GRILLO, Cistercensi e societ cittadina in et comunale: il monastero di Chiaravalle Milanese (11801276), Studi storici, 2 (1999), 357 ss.; A. von HILSEN, La scultura medievale, in Chiaravalle, 314-328; E. PAGANO, Monastero e abbazia tra Ancien Rgime e rivoluzione: la

103

soppressione della casa cistercense di Chiaravalle milanese. Il patrimonio fondiario, le alienazioni, i nuovi proprietari, in Chiaravalle, 178-201; L. PARVIS MARINO, Il coro ligneo, in Chiaravalle, 454-480; M. PELLEGRINI, Chiaravalle fra Quattro e Cinquecento: l'introduzione della commenda e la genesi della Congregazione osservante di San Bernardo, in Chiaravalle, 92-120; G. PICASSO, Il ritorno dei monaci a Chiaravalle ( 1952), in Chiaravalle, 214-219; F. REGGIORI, LAbbazia di Chiaravalle, Milano 1970; M. E. SAVI, Larchitettura medievale, in Chiaravalle, 278-313; M. TAGLIABUE, Gli abati di Chiaravalle nel Medioevo (1135-1465), in Chiaravalle, 50-91; M.TAGLIABUE-M.BASCAP, Cronologia storica dell'abbazia, in Chiaravalle, 14-17; C. TRAVI, I dipinti medievali, in Chiaravalle, 329-373; A. TURCHINI, Biblioteca monastica e libri in Chiaravalle alla fine del Cinquecento, in Chiaravalle, 121-138; b) notizie: Bandera, 1997, 241; Matalon, 1963, 372-374; Toesca, 1951, 762-766; Travi, 1997, 206, 208, 211, 212; Zerbi, 1978, 3-119; c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 309 Le pergamene milanesi del secolo 12. dell'Abbazia di Chiaravalle (1102-1160) conservate presso l'Archivio di Stato di Milano, a cura di Anna Maria Rapetti, Milano 2004. S. MARIA DI LAMPUGNANO ZONA: Lampugnano ORIGINE E VICENDE: allantichissimo monastero citato in un documento del 1119 e poi dal Liber notitiae era annesso questo sobrio oratorio edificato nel XVII secolo. a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 7.3 b) notizie: Vigotti, 1974, 337; Sarzi, 1987, 368 S. MARIA DI LORETO (S. Maria delle Ochette) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1624-1626 ci fu la fondazione del convento ad opera di Federico Borromeo nellattuale via S. Vittore. ORDINE: Cappuccine SOPPRESSIONE: 1782. Il collegio fu destinato alle orfane e quindi acquistato dai Fatebenefratelli. Nel 1847 fu costruita una nuova chiesa (via S. Vittore 12), a sua volta demolita nel 1930 insieme al complesso neoclassico (1847-48) che racchiudeva la cappella di Santa Maria di Loreto, fedele riproduzione del sacello lauretano, opera di Ludovico Pogliaghi (1857-1950), per permettere ledificazione del quartiere di via Morozzo della Rocca. a) trattazioni specifiche: Castiglioni, 1931, 195-6; Da Mareto, 1970, 153; Latuada, 1737-1738, IV, 336-338; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 372; Ponzoni, 1930, 450-1; Reggiori, 1947, 273, 276 (ill.); Sevesi, 1957, 225; Sormani, 1760, 47. G. BERETTA, La Madonna di Loreto in Milano e il suo borgo, MSDM, VI, Milano 1959, 288-9. b) notizie: Biscaro, 1930, 347; Cattaneo, 1961, 629; Dallaj, 1983, 528; Gerra, 1964, 180; Gualdo Priorato, 1666, 78; Mezzanotte, 1958, 706; Mosconi, 1994; Orefice, 1985, 16-7; Sebastiani, 1982, 206, 208, 217, 219; Spinelli, 1999, passim; Vallini, 1966-1968, 686-7. A. Giulini, Donna Maria Marina d'Este Colonna ed un'avventura amorosa nell'alta societ milanese del Settecento, ASL, XLV (1918), 527. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15; Gatti Perer, 1964-1965, 205; Gatti Perer, 1964-1965, 153, 157; Marcora, 1964, 207. S. MARIA DI LORETO (santuario) ZONA: fuori Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa sorgeva lungo lo stradone per Venezia. allincrocio con via Vallazze. Fu edificata nella prima met del XVI secolo al posto di una pi antica cappella appartenente alla famiglia Osio e dedicata a SantAmbrogino. Risultata di dimensioni insufficienti, gi nel 1627 il cardinale Federico Borromeo commission il suo ampliamento a Francesco Maria Ricchino. Nel periodo successivo non sub rimaneggiamenti come invece avvenne per lannesso monastero tenuto dai monaci riformati di S. Bernardo che conobbe due successivi ampliementi, nel 1670 e alla fine del secolo.

104

SOPPRESSIONE: soppressi alla fine del Settecento, chiesa e monastero furono trasformati in abitazioni civili e progressivamente demoliti. Attorno al 1914 scomparvero anche le ultime tracce della chiesa. a) trattazioni specifiche: Forcella2, V, 1889, 301-304; Kummer, 1974, I, 82-102; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 511. I. GIUSTINA, La chiesa di S. Maria di Loreto a Milano e lo sperimentalismo progettuale di Francesco Maria Ricchino nel primo ventennio del Seicento, Libri & Documenti, XXXVI, 1-2 (2000), 3-34; C. MARCORA, La Madonna di Loreto in piazzale Loreto, Diocesi di Milano, novembre (1966), 546-547. b) notizie: Monumenta, 1971, passim. c) fonti e citazioni documentarie: P. MEZZANOTTE, Di alcuni disegni inediti di Francesco Maria Ricchino per la chiesa di S. Maria di Loreto, Atti del Collegio degli Ingegneri ed Architetti in Milano, 1914, 5-14. S. MARIA DI MORSENCHIO (S. Maria de muro cinctus) ZONA: Morsenchio ORIGINE E VICENDE: nel XIII secolo questa zona di boschi e coltivi fu venduta ai frati di Morsenchio, che edificarono la chiesa di S. Maria a fine Duecento. Divenuta grangia di Umiliati un secolo dopo, divenne poi propriet di laici nel Cinquecento. ORDINE: Umiliati UBICAZIONE ATTUALE: via Cavriana a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 3.4 (?) b) notizie: Sarzi, 1987, 250. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974,309. S. MARIA DI TRENNO v. S. Giovanni Battista di Trenno S. MARIA DI VEDANO v. S. Agostino Nero, S. Chiara S. MARIA DI VIGEVANO (domus de Vigevano Porte Orientalis, S. Maria dell'Assunzione) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: ante 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: 1579. Trasferimento delle monache in S. Maria Maddalena al Cerchio a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 608, 643; Vittani, 1931, 854-5. b) notizie: Beretta, 1912, 320-4; Cattana, 1980, 126; Schuster, 1946, 4. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 14; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1960, 13; Magistretti, 1900, 26 (?); Magistretti, 1910, 126. S. MARIA E S. GIOVANNI DEL TEMPIO v. S. Maria del Tempio S.MARIA E S. VINCENZO v. S. Vincenzino alle Monache S. MARIA EGIZIACA (Crocefisso) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lungo lattuale via del Crocefisso esisteva unantica chiesa con casa e ospizio degli umiliati, che dopo la soppressione dellordine fu destinato dalla contessa Ludovica Torelli di Guastalla nel 1542 a luogo di redenzione per traviate penitenti.

105

ORDINE: Umiliati; Agostiniane (?) SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 151-152; Forcella2, II, 1889, 41-42 b) notizie: Carlevaro, 1982, 118; Gualdo Priorato, 1666, 71; Mezzanotte-Bascap, 1958, 532; Marcora2, 1959, 420; Marcora, 1960, 292; Mezzanotte, 1958, 706; Orefice, 1985, 16; Orsenigo, 1908-1910, 198; Premoli, 1913, 57; Sebastiani, 1982, 206, 214, 217, 219; Sebastiani, 1995, 113-114; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 118; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 15, 37; Cattaneo, 1960, 145 (1564 lu 4), 150 (1565 lu 18), 153 (1565 ag 1), 154 (1565 ag 8), 157 (1565 ag 15), 162 (1566 ge 30), 163 (1566 mz 6). S. MARIA EXTRA PORTAM ORIENTALEM PROPE MURUM FOSSATI v. S. Pietro Celestino S. MARIA FULCORINA (S. Maria folchorini) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu probabilmente fondata agli inizi dellXI secolo allaltezza dellattuale omonima via. Unampia sintesi storica contenuta nellopera del Latuada che fa riferimento al soggiorno di s. Francesco e alla presenza di un convento francescano poi dei canonici provenienti dalla chiesa dei SS. Nabore e Felice. Nel XVII secolo la chiesa fu oggetto di importanti restauri, e tra il 1729 e il 1734 fu ricostruita integralmente. SOPPRESSIONE: 1799. La chiesa fu distrutta in data imprecisata. a) trattazioni specifiche: DCA, IV, 2029-2030; Gualdo Priorato, 1666, 79; Latuada, 1737-1738, IV, 156-167; Vigotti, 1974, 71 b) notizie: Arslan, 1954, 584; Barni1, 1954, 21; Barni3, 1954, 198; Bianconi, 1787, 341-342; Cattaneo, 1954, 629; Cattaneo, 1961, 606, 621, 624, 675, 691, 698. c) fonti e citazioni documentarie: Forcella2, 1889, III, 35-36. S. MARIA IMMACOLATA (Convento di Porta Orientale, Immacolata Concezione, Nuovo) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Gi voluto da s. Carlo Borromeo quale nuova sede dellordine allepoca dimorante in San Vittore allOlmo il convento fu fondato nel 1592 (o 1593) a seguito di un legato offerto a una componente della famiglia Mazenta, ed quello ricordato nei Promessi Sposi in fondo a una piazzetta, "con quattro grandi olmi dinanzi" (cap. XI) su cui prospettava la fronte, riferita al Pellegrini (Bonari), della chiesa [] [DCA, III, 2018] ORDINE: Cappuccini SOPPRESSIONE: 1810. Convento e chiesa furono distrutti per lasciare spazio allattuale Palazzo Saporiti (c.so Venezia 40). a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 190-191; Bianconi, 1787, 79; Borroni, 1808, 3233; Bonari, 1894, I, 55-91; Ildefonso da Como, 1927, 143-6; Mezzanotte-Bascap, 1958, 980; Forcella2, I, 1889, 153-174; Mosconi, 1967, 522; Relationes, 265-6. ISIDORO DI MILANO, Cappuccini e popolo di Milano all'Immacolata Concezione, in Maria Immacolata nella Provincia dei Frati Minori Cappuccini di Lombardia, Milano 1955, 105-134. b) notizie: Chiapponi, 1995, passim; Gualdo Priorato, 1666, 51; Mezzanotte2, 1959, 509; Natale, 1972, 464; Orsenigo, 1908-1910, 540; Panizza, 1956, 172; Salvini Cavezzana, 1983, 494; Santagostino, 1671, ed. 1980, 13, nn. 45-49; Varischi, 1978-1979, 34. c) fonti e citazioni documentarie: METODIO DA NEMBRIO, Salvatore Rivolta e la sua cronaca, Milano 1973, 467-494. S. MARIA IMMACOLATA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: ubicato allaltezza dellattuale via Verdi di fronte alla chiesa di S.

106

Giuseppe era loratorio dellomonimo collegio. a) trattazioni specifiche: Sormani, 1760, 153-154. S. MARIA IN ARACOELI ALLA BOVISA ZONA: fuori Porta Comasina (Bovisa) ORIGINE E VICENDE: loratorio di S. Maria in Aracoeli, eretto in prossimit della odierna chiesa di S. Maria del buon consiglio, su legato di Stefano Bellabuca, nel 1636 come cappellania dei barnabiti di S. Alessandro in Zebedia fu ricostruito nel 1724 e poi restaurato nel 1834. Gi destinato a usi profani fu abbattuto nel 1967. Fotografie e descrizioni mostrano un tipico edificio sacro minore barocco. a) trattazioni specifiche: B. BARAGGIA, Storia di una chiesa, Milano 1985 c) fonti e citazioni documentarie: Forcella2, 1889, IV, 57 S. MARIA IN MONFORTE v. S. Maria di Caravaggio in Monforte S. MARIA IN S. APOLLINARE v. S. Apollinare S. MARIA (IN) VALLE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lotto giugno 1235 avvenne il trasferimento delle monache di Vigano (Rosate) nella chiesa di S. Maria Valle, gi prospettante sul tratto della via omonima allaltezza dellattuale n. 4, offerta dallarcivescovo di Milano, Guglielmo Riciolo insieme ad alcune abitazioni attigue. Nel corso della secolare storia del monastero furono acquisite numerose altre abitazioni per laumento delle religiose dovuto anche alle soppressioni di altri monasteri ORDINE: Benedettine SOPPRESSIONE: 1798. La chiesa fu distrutta agli inizi del XIX secolo per ragioni di viabilit. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 606, 619, 639; Giulini, 1916, 309-310; Latuada, 1737-1738, III, 139-142; Milano ritrovata, 1986, 332-334. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Barni3, 1954, 46, 48; Biscaro, 1907, 389, 391; Biscaro2, 1908, 325; Cattana, 1980, 102, 104, 123,124, 136; Chinea, 1937, 440; Gualdo Priorato, 1666, 71; Marcora, 1964, 217; Orefice, 1985, 16; Petra Sala, 2004, 139; Rota, 1938, 163; Schuster, 1946, 32-3; Sebastiani, 1982, 206, 211, 216, 218; Spinelli, 1999, passim; Vismara, 1932, 330, 331. c ) fonti e citazioni documentarie: ASM, Fondo Religione, p.a., 2038, 2039; Amministrazione Fondo Religione, 2448; ASCM, Localit Milanesi, 378; Bascap, 1937, 148; Beretta, 1939, 20; Flumiani, 1927, 557-8, 565 (1798), 571, 572 (1799 dc 17), 572, 576-8, 581; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora, 1956, 293, 375-7 (1466 ge 26); Marcora2, 1961, 530 (1564 ot 28); Marcora2, 1963, 553 (1567 ap 23); Vigotti, 1974, 33, 74-5. M. F. BARONI, Le pergamene del secolo XII della chiesa di S. Maria in Valle di Milano conservate presso lArchivio di Stato di Milano, Milano 1989. S. MARIA INCORONATA (S. Nicola da Tolentino, S. Maria di Garegnano) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa con annesso convento, la pi importante sede della congregazione dellOsservanza agostiniana in Lombardia, conobbe diverse fasi di costruzione: al rinnovo dellantica chiesetta della Beata Vergine di Garegnano, situata allaltezza delle due attuali cappelle del fianco sinistro che la congregazione ottenne nel 1445 insieme al convento dai padri di S. Marco, seguirono i lavori di attuazione della chiesa di S. Nicola da Tolentino, voluta da Bianca Maria Visconti, iniziata nel 1449 e terminata nel 1460. Questa chiesa corrispondeva alla facciata destra e alla relativa attuale navata. Una terza fase costruttiva condusse, dal 1468, a unificare le due chiese, ottenendo un edificio a pianta quadrata che corrisponde in parte a un progetto del Filarete.

107

ORDINE: Agostiniani Osservanti SOPPRESSIONE: 1805. Il monastero quattrocentesco fu trasformato in caserma e quindi in scuola comunale. Sgomberato attorno alla met degli anni Venti se ne avvi un parziale restauro. Nel 1937 il grande chiostro fu mutilato dalla costruzione di un nuovo edificio. UBICAZIONE ATTUALE: corso Garibaldi a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 193; Bianconi, 1787, 358-360; Borroni, 1808, 140-141; Bossi, 1818, 200; Bramante a Milano, 1986; Calvi, 1669, 1-25; Ferrari, 1981, 229259; Fiorio, 1985, 119-121; Forcella2, 1889, IV, 73-95, XI, 89-125; Giulini, 1916, 340-1; Gualdo Priorato, 1666, 86-87; Grassi, 1978, 215, 218-220; Grassi, 1982, 450, 475-485, 498; Latuada, 1737-1738, V, 65-70; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 413-414; Pirovano, 1822, 215-216; Reggiori, 1947, 278-279; Rocchi, 1988; Sormani, 1760, 96-97; Studi di storia locale, 1983, 42; Torre, 1674, ed. 1714, 213-216. P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 2) Il monastero dell'Incoronata a Milano, ArCr, LIV (1966), 239-242; A. ANNONI, La chiesa e il convento di S. Maria Incoronata, Rassegna d'arte, V (1905), 105-6; A. BOLLANI, S. Maria Incoronata in Milano, Milano 1952; R. BRACCO, Fra Gabriele Sforza, Agostiniano, arcivescovo di Milano, S. Rita da Cascia e il suo santuario di Milano, XVII/6 (1956); A. BURATTI - G. SANTI, Milano - S. Maria Incoronata, in Monasteri e conventi in Lombardia, Milano 1983, 72-5; M. L. GATTI PERER, Umanesimo a Milano: l'osservanza agostiniana all'Incoronata, ArLo, 53-54 (1980), 1-261; M. L. GATTI PERER, L'apporto delle biblioteche monastiche alla cultura figurativa milanese nella seconda metdel quindicesimo secolo - Per la restituzione di una libraria quattrocentesca, in Milano nell'et di Ludovico il Moro, Atti del Convegno Internazionale (Milano, 28 febbraio - 4 marzo 1983), II, Milano 1983, 515-550; M. L. GATTI PERER, Novit sulla decorazione della Biblioteca di S. Maria Incoronata a Milano, ArLo, 86/87 (1988), 195-234; M. L. GATTI PERER, La restituzione di una libraria quattrocentesca. La biblioteca del convento agostiniano di Santa Maria Incoronata, Ca de Sass, 134-135 (1996), 44-49; M. L GATTI PERER, Cultura e spiritualit dellOsservanza agostiniana: lIncoronata di Milano, ArLo, 3 (1999), 7-67; A. MAGNI, La storia dell'Incoronata in una recente mostra, DMi, XIX (1978), 152-3; E. NICHELLI, Il chiostro di S. Maria Incoronata e il suo restauro, Milano, LXXV (1958), 648-653; S. PONTICELLI RIGHINI, Breve analisi delle strutture e cenni sul restauro di S. Maria Incoronata di Milano, ArLo, 68-69 (1984), 96-109; L. STEFANI, I codici miniati quattrocenteschi di S. Maria Incoronata, ArLo, 61 (1982), 65-80. b) notizie: A W, 699; Bandera, 1997, 243; Bendiscioli1, 1957, 183; Bianconi, 1787, 358-359; Caimi, 1874, 26, 43; Caffi, 1878, 675; Calvi, 1859-1865, II, 76; Cattaneo, 1955, 118; Cattaneo, 1961, 631-3; Ceriotti, 1987, passim; Corio, 1553, 414; DAdda, 1820, tav. XIV; Demolli, 1938-1940, 182; Ferrari, 1974, 142-3; Ferrari, 1980, 232; Filarete, 1460-1464, ed. 1972, 292-293; Gerra2, 1969, 357-8; Gerra3, 1969, 415-8; Grassi, 1983, 418; Leverotti, 1981, 109; Marcora, 1954, 244-6, 252; Marcora, 1957, 324; Marcora, 1958, 418; Marcora, 1960, 285; Marcora2, 1961, 332; Mongeri, 1872, 189-197; Morigia, 1592, 158; Nicodemi, 1957, 797; Nicodemi1, 1958, 501; Orsenigo, 1908-1910, 154; Romanini, 1956, 613, 615, 617; Romanini, 1958, 62; Romanini, 1964, 514, 517; Rovetta, 1981, 12; Santoro, 1968, 82; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 52; Vallini, 1966-1968, 103-4; van Luijk, 1953-1959, 137. C. BERETTA FESTI, Santa Chiara da Montefalco nella chiesa di S. Maria Incoronata a Milano, S. Chiara da Montefalco agostiniana, I (1969), 34-5; R. BRACCO, S. Maria Incoronata di Milano, S. Rita da Cascia e il suo santuario di Milano, XVIII/4-6 (1957); M. L. GATTI PERER, Evoluzione della scultura funeraria a Milano fra Quattro e Cinquecento, in La scultura decorativa del Primo Rinascimento, Atti del I Convegno Internazionale di Studi (Pavia, 16-18 settembre 1980), Pavia 1983, 129-136; C. MARCORA, I Commentari di Giovanni II Teofilatto, ASL, XC (1963), 330; A. MORASSI, Un affresco di Ambrogio e alcune opere di Bernardino Borgognone, Bollettino d'arte, X (1930-1931), 448-451; W. TERNI DE GREGORY, La cronaca di Crema di Pietro Terni, ASL, LXXXVII (1960), 242-9; K. WALSH, Cazzuli Agostino, DBI, XXIII, Roma 1979, 182-4. c) fonti e citazioni documentarie: Baldissaro, 1981, 14 (1492 mg 15), Beretta, 1939, 11; E.M., 1907, 257 (1483 ag 29); Noto, 1962, 73 (1460 fe 11); Valente, 1923, 470.

108

S. MARIA MADDALENA ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: 1494, trasferimento delle monache del Paradiso dalla primitiva sede in Porta Ticinese alla nuova presso le chiese di S. Ippolito e S. Biagio che furono abbattute. Il monastero era situato in corrispondenza dellangolo fra lattuale via Rugabella e piazza Bertarelli. ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: 1798 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 202; Bianconi, 1787, 157-159; Borroni, 1808, 62; Cattaneo, 1961, 635; Forcella2, I, 1889, 405-407; Gavignan, 1978, 392; Latuada, 1737-1738, III, 84-88; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 255; Patetta, 1987, 361. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Cattaneo, 1958, 325; Gualdo Priorato, 1666, 62; Marcora, 1957, 336-7; Mezzanotte, 1958, 467; Orefice, 1985, 16; Petra Sala, 2004, 140; Santagostino, 1980, 31-32, note 67-69; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; van Luijk, 1953-1959 , 138; Spinelli, 1999, passim; Vigotti, 1972, 65. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 21; Brivio Sforza, 1976, 139; Flumiani, 1927, 581; Gatti Perer, 1964-1965, 156; Marcora2, 1961, 280, 530 (1564 ot 28); 01, 60 (1491 mg 2). S. MARIA MADDALENA (oratorio) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Gi nella contrada ancor oggi detta delle Ore e distrutto nel 1786 (Forcella), il piccolo oratorio prostettava verso la fronte della cappella ducale di S. Gottardo: fondato dal cardinale Federico Borromeo, era inizialmente destinato a luogo aggiunto per le confessioni dei penitenzieri del Duomo da cui anche la denominazione di "Penitenzieria". [DCA, IV, 2034] SOPPRESSIONE: 1786, e distrutto b) notizie: Forcella1, 1889, 651. S. MARIA MADDALENA DEL CERCHIO (domus Dominarum Muscarum de Cergio) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1298 fondazione del monastero ricordato nel 1392 come domus dominarum muscarum, che si trovava allinizio dellattuale via Circo a destra dello slargo da via del Torchio. La chiesa nel 1489 era documentata come ad aula doppia (tipologia diffusa nelle chiese monastiche femminili), fu rimaneggiata su indicazione di s. Carlo Borromeo nel 1584. ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: 1810. Della chiesa non rimane pi nulla ma al numero 3 di via Circo sono ancora visibili resti del chiostro quattrocentesco. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 203; Bianconi, 1787, 246-252; Borroni, 1808, 98; Cattaneo, 1961, 642-3; Forcella2, II, 1889, 249-252; Latuada, 1737-1738, IV, 53-56; Mezzanotte-Bascap, 1958, 635. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Arslan, 1956, 686; Cattana, 1980, 126; Chiapponi, 1995, passim; Chinea, 1937, 440; Gerra, 1964, 280-4, 381; Grassi, 1958, 23-4; Gualdo Priorato, 1666, 71; Marcora2, 1959, 349; Natale, 1972, 483-4; Panighetti, 1964, 71; Schuster, 1946, 16-7; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Spinelli, 1999, passim; Vismara, 1932, 331; Vittani, 1931, 855. G. RIVA, Due documenti di s. Gerardo nell'arch. della Congregazione di Carit di Monza (1174 e 1198), ASL, XXXIII, s. IV/6 (1906), 190; D. ZARDIN, Donna e religiosa di rara eccellenza. Prospera Corona Bascap: i libri e la cultura nei monasteri milanesi del Cinque e Seicento, Firenze 1992. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 148; Beretta, 1939, 10; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1960, 13; Cattaneo, 1960, 143 (1565 giu 27), 151 (1565 lu 25); Flumiani, 1927, 581, 583; Gatti Perer, 1964-1965, 207; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126; Marcora2, 1959, 258 (1292 dc 4).

109

S. MARIA MADDALENA AL DEPOSITO v. S. Zenone S. MARIA MADDALENA IN PRECOTTO ZONA: Precotto ORIGINE E VICENDE: oratorio campestre gi annesso a un cimitero locale oggi distrutto, costruito nei primi anni del XVII secolo. UBICAZIONE ATTUALE: via Cislaghi 21/4 a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 4.10 b) notizie: Sarzi, 1987, 192. S. MARIA MAGGIORE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: La prima citazione di una basilica paleocristiana eretta sullarea dellattuale piazza Duomo contenuta nella cronaca della Pasqua del 386 redatta dal vescovo Ambrogio, il quale menziona in prossimit della residenza episcopale una chiesa denominata vetus, posta accanto a unaltra definita nova. La prima anche citata come minor rispetto allaltra (maior). Ricerche archeologiche compiute a pi riprese nellarea hanno portato ad identificare la nova con la futura chiesa delle SS. Tecla e Pelagia, mentre la vetus era collocata sotto lattuale Duomo nellarea di S. Maria Maggiore. Ben poche tracce restano di questa chiesa, che ebbe probabilmente il titolo di S. Maria Maggiore solo dopo il 1000, nonch della sua possibile ricostruzione in epoca carolingia ( nota tuttavia la sua funzione di cattedrale iemale rispetto a S. Tecla, estiva). S. Maria Maggiore bruci fino alle fondamenta nel 1075 e andarono cos perduti laltare doro (simile a quello di Wolvinio in S. Ambrogio), la biblioteca capitolare e tutti i documenti custoditi in sacrestia. La cattedrale invernale rimase anche coinvolta nelle distruzioni operate dai soldati del Barbarossa. I lavori di restauro iniziarono nel 1169 e nel 1180 l'arcivescovo Algisio da Pirovano don libri per ricostituire la perduta biblioteca. Alcuni di questi grandi codici miniati si trovano oggi divisi tra l'Ambrosiana e la Biblioteca Capitolare. Nel 1256, in occasione del trasferimento delle reliquie del vescovo Materno dalla chiesa dei SS. Nabore e Felice (allora in demolizione), fu ricostruito il ciborio (due delle colonne sono state rimontate nella chiesa dei SS. Andrea e Rocco in via Crema). Il campanile ottagonale fu fatto abbattere dal Barbarossa. Ricostruito nel XIV secolo da Azione Visconti, croll poco dopo. La chiesa fu invece progressivamente smantellata nel corso delledificazione dellattuale Duomo. a) trattazioni specifiche: Romanini, 1964, 301 ss.; Vigotti, 1974, 40-41 B. ACCANTI, La cattedrale di S. Maria Maggiore a Milano, Civilt ambrosiana, 17 (2000) 6, 418-431; E. CATTANEO, Dal vecchio al nuovo Duomo, Ambrosius, 23 (1947), 66-74; A. CERUTI, I principi del Duomo di Milano sino alla morte del duca Gian Galeazzo Visconti. Studi storici, Milano 1879, cap. I; A. DE CAPITANI DARZAGO, La chiesa Maggiore di Milano. S. Tecla, Milano 1952; M. L. GATTI PERER, In medio civitatis. Il centro di Milano tra Cinque e Seicento e il ruolo di Alessandro Bisnati nella sua definizione civile e religiosa, ArLo, 72 (1985), 18-54; S. LUSURADI SIENA, Il complesso episcopale, in Milano capitale dellimpero romano. 286-402 d. C., Milano 1990, 106 M. MIRABELLA ROBERTI, Topografia e architetture anteriori al Duomo, in Atti del Congresso internazionale sul Duomo di Milano, Milano 1969, I, 31-41; A. NAVA, Memorie e documenti storici intorno allorigine, alle vicende e ai riti del Duomo di Milano, Milano 1854, 12; A. PRACCHI, La cattedrale antica di Milano. Il problema delle chiese doppie tra tarda antichit e medioevo, Roma-Bari 1996; E. VILLA, Costruzioni medioevali sul fianco settentrionale del Duomo, Quaderni di Ambrosius, 1961, suppl. al n. 3, 20 ss. A. ZACCHI, Osservazioni sul Duomo di Milano, Bollettino del Centro nazionale di storia dellarchitettura-Gruppo lombardo, 1943, luglio, 39-41 b) notizie: Bovini, 1970, 45-52; Carmassi, 2000; Fassina, 1985, 205-212. G. DE FRANCOVICH, Benedetto Antelami architetto e scultore e larte del suo tempo, MilanoFirenze, 1952, I, 69 ss.; E. MONETA CAGLIO, I responsori cum infantibus della liturgia ambrosiana, in Studi in onore di Carlo Castiglioni, Milano 1957, 479-578

110

c) fonti e citazioni documentarie: ENNODIUS, Carmina, IC, CCCLXXIX, MGH, Auctores Antiquissimi, VII; S. AMBROSIUS, Epistolae, LXXVI; PAULINUS MEDIOLANENSIS, Vita Ambrosii, 13, 1; C. FERRARI DA PASSANO, Storia della Veneranda Fabbrica, in Il Duomo di Milano, Milano 1973, fig. 1 S. MARIA MATER DOMINI v. S. Maria Nuova S. MARIA NASCENTE DI CALVAIRATE ZONA: fuori Porta Orientale (Calvairate) ORIGINE E VICENDE: ricordata nel XIII secolo nel Liber Notitiae Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero, la chiesa fu elevata a parrocchia da s. Carlo Borromeo, che le assegn territori, prima appartenenti alle parrocchie cittadine di S. Stefano in Brolo e di S. Calimero, in una vasta area dei Corpi Santi di Porta Romana e di Porta Orientale. Nella seconda met dellOttocento, lo sviluppo urbanistico trasform una zona prevalentemente rurale in unarea densamente popolata, tanto che nel 1896 fu inaugurata la nuova e pi ampia sede prepositurale di S. Maria del Suffragio. Lulteriore sviluppo novecentesco dei quartieri periferici milanesi obblig a unulteriore divisione delle circoscrizioni ecclesiastiche e Calvairate divenne nuovamente parrocchia, ma la vecchia chiesa fatiscente e in una posizione urbanistica destinata ad altri scopi dal piano regolatore comunale, fu abbattuta e in altro luogo fu invece costruita la parrocchia di S. Pio V. a) trattazioni specifiche: DCA, IV, 2040-2041 G. VIGOTTI, Calvairate. Note storiche, Milano 1977, 14-65 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. MARIA NASCENTE DI LAMPUGNANO ZONA: Lampugnano ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu edificata nel 1606, disadorna allesterno presenta internamente una sola navata divisa in tre campate e con soffitto a cassettoni. UBICAZIONE ATTUALE: b) notizie: Bagnoli, 1965, I, 131. S. MARIA NASCENTE DI PRATOCENTENARO (domus de Pratocentenario de murcusugia) ZONA: Pratocentenaro ORIGINE E VICENDE: la fondazione della piccola chiesa probabilmente opera degli Umiliati che qui si insediarono nel XIII secolo. Quando la chiesa di S. Dionigi fu eretta a parrocchia, S. Maria Nascente fu trasformata nella casa del curato (1618). ORDINE: Umiliati b) notizie: Sarzi, 1987, 160. S. MARIA NUOVA/S. MARIA MATER DOMINI (?) (Carlotti de Cuppa, domus) ZONA: Porta Nuova (?) ORIGINE E VICENDE: XIII sec. fondazione ORDINE: Umiliate (?); Domenicane SOPPRESSIONE: XV sec. unione a S. Caterina di Rancate a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 620. b) notizie: Alberzoni, 1985, 148, 163; Biscaro, 1930, 33; Dondaine, 1953, 90. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 32, 72. S. MARIA PODONE ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Il nome di Podone o Pedone associato alla chiesa quello di colui che secondo la tradizione la fond nellanno 871. La piccola basilica romanica a tre navate divenne

111

nel sec. XV juspatronato della famiglia Borromeo, che fecero restaurare lantica chiesa, aggiungendovi anche una cappella gentilizia. Ulteriori restauri furono eseguiti tra il 1564 e il 1567 per volere di s. Carlo sotto la direzione del Pellegrini, mentre la facciata fu costruita tra il 1628 e il 1630. Importanti lavori furono realizzati anche nei secoli XVIII e XIX. UBICAZIONE ATTUALE: p.za Borromeo a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; 50-52; Bartoli, 1776-1777, 198; Bianconi, 1787, 268-269; Baroni, 1940, II, 81-89; Borroni, 1808, 108-109; Bossi, 1818, 151152 Del Pesco, 1998, 153-171; Fiorio, 1985, 80-81; Gualdo Priorato, 1666, 80-81; Latuada, 1737-1738, IV, 187-195; Lupieri-Maderna, 1972, 5.14; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 137-139; Patetta, 1987, 97; Pirovano, 1822, 178-179; Sormani, 1760, 79-80; Torre, 1674, ed. 1714, 207-208; L. BELTRAMI, Notizie di storia dellarte della chiesa di Santa Maria Podone, Milano 1925; C. BARONI, Elementi strutturali romanici nella chiesa di Santa Maria Podone, in Atti del 2. convegno nazionale di storia dell'architettura, Assisi, 1-4 ottobre 1937, Roma, 1939, 107-116; L. DEMOLLI, Santa Maria Pedone e i Borromeo, Milano 1939; L. LOJACONO, La chiesa di Santa Maria Podone a Milano, tesi di laurea, Universit cattolica del Sacro Cuore di Milano, a. a. 1995-1996, rel. prof. M. L. Gatti Perer. b) notizie: Agosti, 1996, 129-132; Bandera, 1997, 234, 242; Baroni, 1941, 136; Gazzini, 2000, passim; Grassi, 1966, .215; Ponzoni, 1930, 353; L. COGLIATI ARANO, Michelino da Besozzo, Corteo dei Re Magi, in Arte in Lombardia tra Gotico e Rinascimento, Catalogo della Mostra, Milano 1988, 100-101; L. LOJACONO, Affreschi quattrocenteschi nella chiesa di Santa Maria Podone a Milano, ArLo, 1-2 (1991), 48-55. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio di Sant'Alessandro, titolo II, subalterno 1; A.S.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, Sant' Alessandro, voll. XI e XII; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, tomo XVIII, LIX; Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, Santa Maria Podone, cart. 1399, fotografie cart. 357, disegni, cart. 7 DVII. S. MARIA PRESSO S. SATIRO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la fondazione alto-medievale (IX secolo) come testimoniato dalla cappella della Piet, mentre il cantiere della chiesa attuale prese avvio nel 1476 (documentata anche la presenza di Bramante). In una prima fase fu eretto probabilmente il braccio verso via Falcone cui fecero seguito il battistero e il piedicroce, verso lattuale via Torino, mentre la facciata non fu completata a causa di contrasti sorti tra Giovanni Antonio Amadeo e Bramante. Altre scarse notizie si hanno a proposito della posa del pavimento ideato da Cristoforo Lombardo (1532-1551). La documentazione ritorna copiosa solo a partire dai criticati restauri del XIX secolo, che hanno dato alledificio la veste attuale. UBICAZIONE ATTUALE: via Torino a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 183-188; Borroni, 1808, 72-73; Bossi, 1818, 98-99; Bombe sulla citt, 2004, 263-265; Bramante a Milano, 1986; Latuada, 1737-1738, II, 223230; Milano ritrovata, 1986, 249-262 (con bibliografia); Patetta, 1987, 176-189; Pirovano, 1822, 144-147. R. AULETTA MARRUCCI, La prospettiva bramantea di Santa Maria presso San Satiro. Storia, restauri e intervento conservativo, Milano 1987; G. B. BISCARO, Le imbreviature del notaio Boniforte Gira e la chiesa di S. Maria di S. Satiro, ASL, 37 (1911), 105-144; F. GUZZETTI-C. MONTI, I rilievi fotogrammetrici dellabside di S. Maria presso S. Satiro e lo studio analitico della prospettiva, ArLo, 86/87 (1988), 62-70; G. LISE, Santa Maria presso San Satiro, Milano 1974; A. PALESTRA, Cronologia e documentazione riguardante la costruzione della chiesa di S. Maria presso S. Satiro del Bramante, ArLo, 2 (1969), 154-160; A. PALESTRA, Ricerca sulle strutture urbane di un isolato al centro di Milano comprendente la basilica di Santa Maria presso San Satiro, ArLo, 64 (1983), 29-43; A. PALESTRA, Riflessioni sulla chiesa di S. Maria presso S. Satiro, ArLo, 86/87 (1988), 62-70; T.V. PALLAVICINI La chiesa di S. Maria presso S. Satiro in Milano e gli scrittori che la descrissero, Rendiconti. Reale Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, 1877; E. ROBBIANI, La verifica costruttiva del finto coro di S. Maria presso S. Satiro a Milano, in La prospettiva rinascimentale. Codificazioni e trasgressioni, Firenze 1980,

112

215-231; R. TRINCI, Indagini sulle fasi costruttive della chiesa di Santa Maria presso S. Satiro, in Studi bramanteschi. Atti del Congresso Internazionale (Milano-Urbino-Roma, 1970), Roma 1974 b) notizie: Gazzini, 1995; Gazzini, 1997, passim. S. BANDERA BISTOLETTI, La Piet di Agostino de Fonduli in S. Satiro nelloccasione del suo restauro, ArLo, 86/87 (1988), 71-82; M. MANZIN, S. Maria presso S. Satiro. Le vicende dellorgano, Terra Ambrosiana, 5 (1996), 66-69. S. MARIA ROSSA IN CRESCENZAGO (S. Maria Assunta in Crescenzago) ZONA: Crescenzago ORIGINE E VICENDE: Nel 1140 a Crescenzago accanto ad una chiesetta risalente al IX o X secolo, dedicata alla Vergine, venne istituita una comunit di canonici regolari che professavano la regola di S. Agostino, ufficialmente riconosciuta pochi anni pi tardi (1154) dallarcivescovo Oberto che ad essa concesse beni e privilegi. Ben presto da questa comunit, la prima in ordine di tempo a Milano, ebbero origine altre per filiazione in seguito riunite nella congregazione di S. Maria di Crescenzago, che si diede proprie costituzioni, approvate il 10 luglio 1197 dallarcivescovo Filippo Lampugnani (E. Cattaneo in Storia di Milano); lappoggio di Urbano III e lelezione a cardinale di due suoi membri testimoniano dellimportanza e del prestigio raggiunti dalla congregazione. La costruzione della nuova chiesa pi volte rimaneggiata e oggetto di arbitrari interventi di restauro si data alla fine del XII sec. [DCA, IV, 2059] ORDINE: Canonici regolari di Crescenzago SOPPRESSIONE: 1772, soppressione della canonica e istituzione della parrocchia. UBICAZIONE ATTUALE: via D. Berra a) trattazioni specifiche: Fraccaro, 1954, 537-538; Ponzoni, 1930, 72-75; Reggiori, 1925; Sarzi, 1987, 195-197 V. CAVALLARO, Un ciclo pittorico duecentesco a S. Maria Rossa di Crescenzago, ArCr, XC (2002), 239-250; A. MARTINELLI, Affreschi del XIII secolo a Crescenzago, Terra Ambrosiana, 4 (1996), 64-69; F. MAZZINI-P. BRAMBILLA, Un capolavoro lombardo quasi ignorato. Il trittico di S. Maria di Crescenzago, Milano 1966; G. MULAZZANI, Antichi affreschi scoperti in Santa Maria Assunta in Crescenzago, Ca de Sass, 134-135 (1996), 36-43. b) notizie: Romanini, 1964, 51, 52; Milano zona dieci, 1986, 74-76 (ill.). c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. MARIA SEGRETA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa risaliva all833-835, propriet degli Umiliati, fu poi restaurata dai Somaschi nel XVI secolo. Era situata allaltezza dellattuale omonima via. ORDINE: Umiliati; 1586 introduzione dei Somaschi SOPPRESSIONE: 1797. Ledificio fu adibito a uso civile e abbattuto nel 1907 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 200; Bianconi, 1787, 343-345; Forcella2, III, 1889, 3-8; Gualdo Priorato, 1666, 79-80; Latuada, 1737-1738, V, 26-29; MezzanotteBascap, 1958, 335; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 224-248 (con bibliografia); Milano nellItalia liberale, 1993, 315-316; Ponzoni, 1930, 581-3; Sormani, 1760, 111-113. D. TOLOMELLI, La chiesa di Santa Maria Segreta a Milano, ArLo, 1 (2000), 39-47; L. VERGA, Storia di S. Maria Segreta, DMi, IV (1963), 286-9. b) notizie: Arslan1, 1954, 600; Bardeaux, 1938-1942, 135; Baroni, 1944, 109; Borroni, 1808, 132-133; Bossi, 1818, 188; Cattaneo, 1961, 661, 698; Cazzani, 1975, 26; Demolli, 19381940, 163; Grassi, 1966, 189, 291, 433; Maderna, 1980, 50; Mezzanotte, 1958, 678; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 30, 126; Tagliabue, 1930-1931, 765; Vigotti, 1974, 32, 74. P. CURATOLO, Notabili a Milano tra Cinque e Seicento: le confraternite della parrocchia di S. Maria Segreta, ASL, CXVIII (1991), 59-104; G. ROSA, L' incoronazione della Vergine della chiesa di Santa Maria Segreta, ArLo, III/2 (1958), 116-8.

113

S. MARIA VALLE v. S. Maria in Valle S. MARTA ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Il convento di S. Marta, che sorgeva tra le attuali piazza Mentana, Massaia e via Circo, nacque intorno al 1345 come comunit femminile, di vita comune affine al beghinaggio, guidata da Simona da Casale. Una prima cappella sorse nel 1428, ma la cappellania data dal 1446. La prima chiesa vera e propria venne fondata nel 1479 e ricostruita fra il 1502 e il 1522 [] Nel 1512 fu trasferito in chiesa il corpo del generale francese Gastone di Foix, e fra il 1516 e il 1523 venne realizzato il mausoleo progettato dal Bambaja [] La straordinaria impresa edilizia della chiesa (completata dal riassetto del convento, incentrato su di un chiostro a pianta quadrata) va in massima parte collegata alla figura della badessa Arcangela Panigarola (1468c.-1525), a sua volta preceduta da un numero cospicuo di religiose in alcuni casi beatificate. Proprio lintreccio di devozione religiosa, scelta di rinnovamento, alleanze politiche e committenze artistiche ha reso capitale il ruolo del convento di S. Marta su scala ben oltre che milanese.[ DCA IV, 2081] Un ampio rifacimento, testimoniato dai disegni della raccolta Bianconi, intervenne allepoca del cardinale Federico Borromeo, sotto la guida del Ricchino. ORDINE: 1405 passaggio all'ordine agostiniano SOPPRESSIONE: 1799. Larea conventuale fu lottizzata e successivamente inglobata nella scuola Beltrami. La chiesa esterna fu distrutta nel 1855/67, quella interna nel 1875. a) trattazioni specifiche: Albuzzi, 1776, ed. 1956, 71-74; Bartoli, 1776-1777, 203; Bianconi, 1787, 242-245; Borroni, 1808, 97; Cattaneo, 1961, 635-6, 691; Forcella2, II, 1889, 253-255; Gavignan, 1978, 392; Gualdo Priorato, 1666, 71-72; Latuada, 1737-1738, IV, 56-64; Mezzanotte-Bascap, 1958, 329; Milano ritrovata, 1986, 491-500 (con bibliografia); Milano: le chiese scomparse, 1997, III, 75-118 (con bibliografia); Sormani, 1760, 27-28; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 123-124. T. BINAGHI, L'immagine sacra nel Luini e il Circolo di Santa Marta, in Sacro e profano nella pittura di Bernardino Luini. Catalogo, Milano 1975, 49-76. G. ZARRI, Le sante vive. Per una tipologia della santit femminile nel primo Cinquecento, Annali dell'Istituto storico italogermanico di Trento, VI (1980), 384-6, 421 b) notizie: Aiello, 1996, passim; Ansaldi, 1933, 448; Barzaghi, 1905, 81; Bendiscioli1, 1957, 212; Cant, 1858, I, 312; Casati, 1931, 7; Ceriotti, 1987, passim; Dossi, 1970, 7; Fustella, 1965, 174; Gengaro2, 1936, 205-6; Gerra, 1964, 383-4; Grassi, 1964, 147; Grassi, 1966, 291, 316-9; Grassi, 1985, 13; Marcora, 1957, 337, 342; Marcora2, 1959, 343; Marcora1, 1963, 449; Marcora2, 1963, 552, 554-5, 559; Marcora2, 1967, 13; Natale, 1972, 484; Nicodemi, 1957, 799; Nicodemi1, 1958, 501; Premoli, 1913, 400-413; Santagostino, 1671, ed. 1980, 40; Sebastiani, 1982, 212, 217, 218; Sebastiani, 1995, 103; Spinelli, 1980, 218; van Luijk, 1953-1959, 138; Vigotti, 1972, 66. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Localit milanesi, cart. 379, fasc. 2; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, SantAlessandro, IV, 8; San Giorgio, X, 1; Santa Maria alla Porta, XIII, 6, 25; Santa Maria del Carmine, V, 30; Miscellanea citt, vol. I, fasc. 22-24; X, 30; XI, 15-17; XVI, 54; sez. XII, 100; A.S.M., Fondo Culto, p.a., 1925; Fondo Religione, p.a., 2135-2146; p.m., 2456-2457; Mappe Carlo VI, 3559; Biblioteca Trivulziana, Raccolta Bianconi, VIII, 3-9; Biblioteca Ambrosiana, cod. E 56, Copia de lettere de la Reverenda Madre del Monastero di Sancta Marta di Milano scripte in nome della Santa Madre allo veschovo di Tholone..., sec. XVI; cod. O 165 sup., Incomincia la legenda della Veneranda Vergine Archangela Panigarora..., sec. XVI; cod. A 198, Notta di quelli sepolti nella nostra chiesa esteriore, sec. XVI; cod. L 56, Bonardi F., Origine e progresso del venerando monastero di Santa Marta, sec. XVII; cod. B 61, Confalonieri I., Vita della venerabile madre Suor Colomba Suardi, sec. XVII; cod. C 75 inf., Puricelli G.P., Chronica del monastero delle monache di Santa Marta..., sec. XVIII; Beretta, 1939, 10; Bologna, 1984, 16 (1567 mg 2); Bologna, 1984, 14, 17, 21; Bologna, 1984, 14, 28;

114

Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 251; Cattaneo, 1960, 135, 149 (1565 lu 18), 151 (1565 lu 25); Flumiani, 1927, 575, 576, 581; Marcora, 1958, 355, 389, 390, 427, 429448; Marcora2, 1961, 280-2, 284-8, 291-3, 530 (1564 ot 28); Marcora, 1964, 179, 213. S. MARTA DEI DISCIPLINI ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Gi situato lungo S. Maria Valle (sulla destra da via Torino), prospettava sul vicolo omonimo: oratorio di disciplini incaricati di accompagnare al patibolo i condannati, prima che fosse istituita la scuola di S. Giovanni decollato alle Case rotte []. [DCA, IV, 2083] Loratorio scomparve verso la fine del XVIII secolo. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 135-138; Milano ritrovata, 1986, 336-337 (con bibliografia); Forcella2, II, 1889, 261 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 72. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, S. Giorgio al Palazzo, II, 17; XI, 5; Miscellanea citt, XI, 15, 17; A.S.C.M., Localit Milanesi, 136/6. S. MARTA DELLA PAZIENZA (S. Caterina martire) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Dellantico oratorio di disciplini, gi situato allinizio di via delle Ore da via Rastrelli (a destra dellincrocio), il Latuada ricordava interventi di ristrutturazione alla fine del Seicento e nel 1717 [] [DCA, IV, 2082]. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, II, 123-126. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 62. S. MARTA DELLE OSSA (SS. Bernardo e Biagio) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: ledificio era situato presso la chiesa di S. Babila verso la porta della citt. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, I, 205-207; Forcella2, I, 1889, 145. S. MARTINO AL CORPO (apud S. Victorem) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: lesistenza della chiesa attestata a partire dal IX secolo. Ledificio figurava accanto alla basilica di S. Vittore al Corpo. Problemi di coesistenza fra il clero officiante nelle due chiese sono attestati con frequenza a partire dal XVI secolo, prima fra clero maggiore e clero decumano, poi tra i benedettini olivetani giunti a S. Vittore nel 1507 e la confraternita dei disciplini di S. Pietro a Scaldasole. Nel 1545, i monaci per creare spazio davanti al convento fecero distruggere il vecchio S. Martino. La chiesetta venne poi ricostruita e continu a svolgere fino ai primi anni del XVII secolo funzioni parrocchiali in stretto contatto con S. Vittore. SOPPRESSIONE: 1788, e distruzione della chiesa a) trattazioni specifiche: Vismara Chiappa, 1980, 138-201; Latuada, 1737-1738, IV, 333-335; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 372-373; Sormani, 1760, 45-46. C. DELLACQUA, Appunti di arte della basilica di S. Vittore al Corpo. Dipinti delle cappelle della navata destra entrando nella Basilica, La Face. Bollettino mensile della parrocchia di S. Vittore al Corpo, 1935, 6-7-8, 24-26; A. PICA-P. PORTALUPPI, La basilica porziana di San Vittore al Corpo, Milano 1934; F. REGGIORI, Il monastero olivetano di San Vittore al Corpo in Milano, Milano 1954. b) notizie: Cattaneo, 1969, 25-33; Castiglione, 1662; Fassina, 1985, 122; Forcella1, 1889 Gualdo Priorato, 1666, 82.

115

c) fonti e citazioni documentarie: P. ARRIGONI, Una veduta milanese cinquecentesca identificata, ASL, 54 (1927), 2-3, 358-362; L. PARVIS MARINO, Lantica chiesa di S. Martino al Corpo: documenti inediti (sec. XVI-XVII), Civilt ambrosiana, 6 (1989), 4, 264-273. S. MARTINO ALLA MONETA (S. Martino in reclusorio; Zecca) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa forse quella gi citata da Goffredo da Bussero, sorgeva vicino alla zecca e fu soppressa e abbattuta nel 1576 per ordine di s. Carlo. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 226; Vigotti, 1974, 33, 76. S. MARTINO DEGLI ORFANI (S. Martino ad terram arsam in porta nova) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa, forse gi menzionata nel Liber notitiae, era situata sullarea dellattuale via Manzoni allaltezza dei numeri civici 12 e 14. Nella casa anessa a questa chiesa ci fu nel la fondazione 1530 fondazione di un istituto per orfani a opera di Gerolamo Emiliani. ORDINE: Somaschi SOPPRESSIONE: 1770, soppressione della chiesa; 1805, soppressione dell orfanotrofio. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 660-61; Latuada, 1737-1738, V, 343-348; Vigotti, 1972, 76 A. BIANCHI, Carit ed istruzione nellassistenza agli orfani tra XVI e XVII secolo: gli orfanotrofi dei somaschi, in La citt e i poveri, 1995, 71-100; D. S., Il servo di Dio Angiolmarco dei Conti Gambarana e san Carlo Borromeo, Rivista della Congregazione di Somasca, XIV (1938), 147-9; P.B.P., Documenti sulla origine di San Martino di Aiilano e case filiali, Rivista della Congregazione di Somasca, XVII (1941), 15-21, 107-120; G. SCOTTI, San Martino degli orfani di Milano dalla fondazione alla morte di san Girolamo Miani (1534-1537), Somascha, 9 (1984). b) notizie; Castellani, 1934, 43; Gualdo Priorato, 1666, 100; Marcora1, 1963, 463; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 60-61; Tagliabue, 1930-1931, 745; Vittani, 1931, 854. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 252; Marcora2, 1959,422 (1534 ap 30); Orefice, 1985, 16, 21-2,37 (1566 mz 7, 1591 fe 8), 38 (1626 ge-set, 1660, 1712 fe 16). S. MARTINO DI MANZIAGO ZONA: Porta Comasina (Pusterla Giovia) ORIGINE E VICENDE: ante 1307 ORDINE: Benedettine SOPPRESSIONE: XV sec. con trasferimento delle monache a S. Caterina di Rancate a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 607. S. MARTINO IN COMPITO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa, fondata nell836, era situata fra le attuali vie Beccaria, Passarella e corso V. Emanuele. Parrocchia per tutto il Medioevo fu soppressa da s. Carlo e ceduta dallarcivescovo Gaspare Visconti alla confraternita dei SS. Crispino e Crispiniano. Ledificio settecentesco si presentava come aula unica, affresco con s. Martino in facciata, e sul fianco un Chrismon presumibilmente simile a quello "di S. Ambrogio" tuttora nel Duomo di Milano. [DCA, IV, 2096] SOPPRESSIONE: nel 1783 fu soppressa la confraternita, mentre la chiesa fu distrutta a met Ottocento. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, II, 56-57. SPIRITI, A., Documenti inediti sulla chiesa soppressa di S. Martino in Compito a Milano, ASL 90/91 (1989), 203-211. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 52; Vigotti, 1974, 73.

116

S. MARTINO IN GRECO ZONA: Greco ORIGINE E VICENDE: le origini della chiesa risalgono al IX sec., ma ledificio fu ricostruito tra il XVI e il XVII secolo dai monaci cassinesi cui pervenne nel 1517. ORDINE: dal 1517 Benedettini cassinesi UBICAZIONE ATTUALE: p.za Greco a) trattazioni specifiche: Greco un borgo, un comune, un quartiere, Milano 1970; C. M. ROTA, Memorie storiche di Greco Milanese, Milano 1932 b) notizie: Beltrami, 1911, 272-279; Brera dispersa, Milano 1984, 40-41; Cant, 1858, v. I, 456; Sarzi 1987, 29 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. X, vo. 25: Bruzzano S. MARTINO IN LAMBRATE ZONA: Lambrate ORIGINE E VICENDE: Dellantica chiesa di S. Martino, ricordata dal Liber notitiae e demolita tra il 1914 e il 1918 per lasciar posto allattuale, rimane solo il campanile. La parrocchia sorse probabilmente nel sec. XV. [DCA, IV, 2099] UBICAZIONE ATTUALE: via Saccardo a) trattazioni specifiche: Iosa, 1987. pp. 444-448; Sarzi, 1987, 229-230 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. MARTINO IN NIGUARDA ZONA: Niguarda ORIGINE E VICENDE: Il toponimo probabilmente di origine germanica, indicherebbe un posto di guardia. La localit venne interessata dalla presenza della strada romana della Vallassina che la attraversava tra il III e il IV miglio. La chiesa gi esistente nel sec. XIII e ricordata dal Liber notitiae come appartenente alla pieve di Bruzzano, divenne parrocchiale forse allinizio del sec. XVI. La chiesa fu ricostruita nel 1630. [DCA, IV, 2099], e di nuovo verso la met del XIX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: p.za Belloveso a) trattazioni specifiche: L. BESOZZI, Testimonianze di Corio in due chiese della Milano periferica: S. Martino di Niguarda e S. Michele di Precotto, Civilt ambrosiana, 13 (1996) 2, 98-110. b) notizie: Sarzi 1987, pp. 163-164. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 151 S. MARTINO IN NOSIGGIA (in nuxigiam) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: la chiesa risaliva almeno al sec. XII, ed era situata nellattuale via Omenoni verso piazza Belgioioso. Vi fu battezzato Gian Angelo Medici (papa Pio IV, 15601565), discendente da una nobildonna della famiglia Nosiggia. SOPPRESSIONE: 1783, e demolizione. a) trattazioni specifiche: DCA, IV, 2100; Forcella2, 1889, V, 181-182; Latuada, 1737-1738, V, 339-340; Vigotti, 1974, 33, 75. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 100. S. MARTINO IN VILLAPIZZONE (SS. Martino e Apollinare) ZONA: Villapizzone ORIGINE E VICENDE: Il toponimo, di incerta origine, potrebbe ricordare una villa romana. La chiesa di S. Martino ricordata dal Liber notitiae: "ad sanctum Martinum in strata". Tale strata identificabile con lantica via romana Milano-Varese. Lantica chiesa che si trovava a circa settecento metri dallattuale sulla via Varesina tra le vie Michelino da Besozzo e Airaghi, cess di essere parrocchiale in seguito alla costruzione dellattuale, avvenuta nel 1604, ma rimase in

117

qualit di sussidiaria [DCA, IV, 2100-2101] fino alla met del XIX secolo. UBICAZIONE ATTUALE: p.za Villapizzone a) trattazioni specifiche: BUZZI-RAGGI-PICA, S. Martino in Villapizzone, Milano 1979; CALIGARIS-PICA, Complesso parrocchiale di S. Martino in Villapizzone, ArCr, 66 (1978), 173178; DCA, IV, 2100-2101. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 133. S. MATERNO AD CARUBIUM PORTE TICINENSIS ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: questa chiesa di fondazione altomedievale situata al quadrivio che precedeva il varco nelle mura romane, e citata dal Liber notitiae esisteva ancora verso la fine del secolo XV. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 33, 76. S. MATERNO IN FIGINO MILANESE ZONA: Figino ORIGINE E VICENDE: la chiesa ricordata nel Liber notitiae come appartenente alla pieve di Trenno ma non ne resta pi nulla dopo i lavori degli inizi del secolo XX. a) trattazioni specifiche: DCA, IV, p. 2115. b) notizie: Sarzi, 1987, 366. S. MATTEO ALLA BANCHETTA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: secondo Galvano Fiamma la primitiva chiesa era datata 1065, lattuale aspetto barocco risale invece al rifacimento settecentesco. SOPPRESSIONE: nel 1778 la chiesa fu soppressa e data al colleggio delle Canossiane. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Maria Fulcorina a) trattazioni specifiche: Fiorio, 1985, 82; Forcelli, 1889, III, 37-41; Giulini, 1760, II, .459; Latuada, 1737-1738, IV, 166-167; Lupieri-Maderna, 1972, 5.13; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 135-136; Torre, 1674, ed. 1714, 205; Vigotti, 1974, 76 b) notizie: Baroni, 1944, 113, 148; Bartoli, 1776-1777, 204; Gualdo Priorato, 1666, .82; Madema-Lupieri, 1972, n. 5/13; Monumenta..., 1971, 232 n. 269, 234 n. 270; Pirovano, 1822, 179; Santagostino, 1671, ed. 1980, . 48; Sormani, 1760, 78-79; Valsecchi, 1971, 177-178; Vigezzi, 1934, 97-98, 102; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, S. Maria alla Porta, vol. II, n. 270; Archivio Civiche Raccolte Archeologiche, fondo Consulta, serie Acquisti, nn. 100-116. S. MATTIA ALLA MONETA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: menzionata fin dal 1119 (Giulini), la chiesa si trovava allinizio della via Moneta, a destra da via dellAmbrosiana sullarea occupata attualmente dalledificio della Banca dItalia. SOPPRESSIONE: 1783, e distruzione. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 204; Latuada, 1737-1738, IV, 147-148; Forcella2, III, 1889, 17-19; Milano ritrovata, 1986, 395-397 (con bibliografia); Torre 1674 (ed. 1714), 210. b) notizie: Cattaneo, 1961, 675 (ill.), 685; Gualdo Priorato, 1666, 82; Vigotti, 1974, 77 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Pergamene del Fondo Religione, 520; Fondo Religione, p.a., 1938; A.S.D.M., sez.X, Visite Pastorali, S. Sepolcro, IV, VII, XII; sez. X, Visite Pastorali, Miscellanea citt e pievi, XVIII; Biblioteca ambrosiana, ms. A 355 inf.. S. MAURILIO (ad quinque vias) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lorigine antecedente al 1209 La chiesa si trovava nellattuale omonima

118

via allangolo con via S. Marta. ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: ante 1314. Ledificio fu distrutto nel 1787. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, IV, 67-69; Forcella2, II, 1889, 285-286; Sormani, 1760, 26-27. b) notizie: Forcella1, 1889, 655; Grassi, 1966, 163; Gualdo Priorato, 1666, 72; Tamborini, 1929, 136; Vigotti, 1974, 77 c) fonti e citazioni documentarie: Zanoni L., 1911, 274 (1209 lu 3). SS. MAURIZIO E SIGISMONDO AL MONASTERO MAGGIORE (monasterium maius) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La chiesa di S. Maurizio giace in fregio al corso di Porta Magenta, gi annessa al monastero delle Benedettine ch'era il pi antico e potente della citt. Sparito il convento, rimasta sopra il portale l'iscrizione MONASTERI MAJORIS SACRUM che ha contribuito a conservare alla chiesa nell'uso comune il nome di Monastero Maggiore. Secondo una tradizione raccolta dal Torre, sarebbe stata fondatrice del convento la regina Teodolinda, mentre le Benedettine stesse, allo scorcio del IX secolo, vantavano privilegi ottenuti da re Desiderio e da Berengario: il Flamma ne faceva invece fondatore l'imperatore Ottone il Grande. Ma da una carta testamentaria citata dal Giulini il convento risulta esistente gi nell'853 , col nome di Monastero Maggiore. Lo si trova poi citato nel testamento di Ariberto (1034). Sorgeva il Monastero in vasto brolo, detto la Vigna (ne rimane il ricordo topomastico via della Vigna) a ridosso delle mura di Massimiano, e sembra avesse occupato anche un tratto di esse mura, che passavano dentro la cinta del brolo del monastero stesso e avevano servito di fondamento ad un edificio eretto per uso delle monache. Narra il Flamma di una strada sotterranea che attraverso le mura metteva in comunicazione il claustro con la chiesa di S. Maria del Cerchio: sub terra erat via in pilis, per quam ire poterant homines ad sanctam Mariam ad Circulum, usque ad Monasterium Majus (Chr. Majus, 166). Pi sicuro riparo dalle frequenti fazioni militari ebbero le Benedettine dalla costruzione di un secondo muro, che Ansperto, nelle sue opere di rafforzamento delle mura cittadine, sembra tracciasse a partire da S. Maria al Cerchio, e procedeva diritto in direzione Nord per rivolgersi bruscamente alla Porta Vercellina antica, formando cos con la cerchia massimianea un triangolo che comprendeva, oltre alla chiesa e al convento, la chiesa di S. Pietro alla Vigna, che sorgeva all'incontro di via Vigna con via Cappuccio. Nel triangolo rimase compresa la quasi totalit dell' antica Vigna che non pare si estendesse oltre la via S. Valeria, dove avevano principio gli orti di Filippo (Giulini) [] Sopravvissuto alle soppressioni giuseppine, il convento fu abolito nel 1799 e i suoi lauti beni incamerati dallo Stato. Sopravvisse intatto del monastero il chiostrino a ponente della chiesa, con l'ingresso al corso di Porta Vercellina. chiesa claustrale doppia, affascinante opera del rinascimento. Sorge, non v' dubbio, sull'area dell'antica, ma quella che resta costruzione integrale del primo Cinquecento. La data dell'edificazione, 1503, attestata dal lapis primarius innestato nel lavabo dietro la chiesa interna. Lultimazione e la dedica della chiesa ebbero luogo nel 1519. [MEZZANOTTE P. - BASCAP G. C., Milano nell'arte e nella storia, Milano 1968, 316-318] Gli interni affrescati sono da attribuire a Bernardino Luini (1480/90-1532) e alla sua bottega, cui fecero seguito i figli, Giovan Pietro e Aurelio. Alla fine del XVI secolo lopera di decorazione pittorica fu continuata da Ottavio Semini (1520-1604), Antonio Campi (1523/251587) e Simone Peterzano. ORDINE: Benedettine SOPPRESSIONE: 1798. Nel 1864 il Comune fece acquisto dell'edificio. Nell'antico brolo trov posto un quartiere nuovo e nei chiostri furono erette scuole municipali, e in una parte di quelli trov luogo la caserma dei pompieri di via Ansperto. Fu aperta a lato della chiesa la nuova via dedicata a Bernardino Luini [] Fu tuttavia conservato in parte quanto nell'ambito dell'antico monastero aveva maggior significato storico ed artistico. [MEZZANOTTE P. - BASCAP G. C., Milano nell'arte e nella storia, Milano 1968, 318] a) trattazioni specifiche: Arslan1, 1954, 518-525, 551, 572, 583; Bartoli, 1776-1777, 204; Bianconi, 1787, 271-274; Bombe sulla citt, 2004, 260-263; Borroni, 1808, 111; Bossi, 1818,

119

155-158; Bramante a Milano, 1986; Cattaneo, 1961, 588, 602-4, 606; Fiorio, 1985, 84-94; Gualdo Priorato, 1666, 81; Latuada, 1737-1738, IV, 380-389; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 316-322; Occhipinti, 2001, 177-194; Palestra, 1967, 62-63; Pirovano, 1822, 181185; Ponzoni, 1930, 207-215; Rosa1, 1957, 670-2; Sormani, 1760, 56-58; Tagliabue, 19301931, 39. P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. S. Maurizio al Monastero Maggiore, ArCr, IL (1971), 21-8; R. BERETTA, Il monastero Maggiore di Milano e la riforma operatavi da s. Carlo Borromeo il 23 febbraio 1568, Rivista storica benedettina, XI (1916), 127-142; G. BISCARO, La Compagnia della Braida di Monte Volpe nell'antico suburbio milanese ed il suo Statuto del 1240, ASL, XXIX, s. III/17 (1902), 26-59; C. D. FONSECA, Istituzioni ecclesiastiche arosiane tra il XII e il XIII secolo, in Contributi II, 384-428; C. D. FONSECA, Istituzioni ecclesiastiche arosiane tra il XII e il XIII secolo, in Problemi di storia religiosa lombarda, Como 1972, 33-63; C. D. FONSECA, La signoria del Monastero Maggiore di Milano sul luogo di Arosio (secolo XIIXIII), Genova 1974; G. FORZATTI, Contributo allo studio dell'attivit economica del Monastero Maggiore nel contado milanese: Cerchiate nel secolo XIII, ASL, XCVIII-C (1971-1973), 130153; M. L. GATTI PERER, Milano. S. Maurizio al monastero Maggiore, in Studi e ricerche nel territorio della provincia di Milano, Milano 1967, 151-4; F. MALAGUZZI VALERI, Contributo alla storia artistica della chiesa di S. Maurizio in Milano, ASL, XXXV, s. IV /9 (1908), 325-339; U. NEBBIA, Note intorno alla Chiesa di S. Maurizio al Monastero Maggiore, Rassegna d'arte, XI (1911), 9-12; E. OCCHIPINTI, Appunti per la storia del monastero Maggiore di Milano in et medievale. Il problema delle origini e la configurazione giuridico patrimoniale, Studi di Storia medievale e diplomatica, II (1977), 47-96; E. OCCHIPINTI, S. Maurizio al Monastero Maggiore di Milano, in Monasteri, 67-79; E. OCCHIPINTI, Il contado milanese nel secolo XIII. L'amministrazione della propriet fondiaria del Monastero Maggiore, Bologna 1982 (Studi e testi di Storia medioevale, 1); A. PICA, Il Monastero Maggiore, Per l'arte sacra, III (1926), 29-45; P. REINA - A. OTTINO DELLA CHIESA, S. Maurizio al Monastero Maggiore, Milano 1962; P. REINA, San Maurizio al Monastero Maggiore di Milano, sec. XVI, Milano 1968; M. L. RIZZARDI, La Chiesa di San Maurizio in Milano non opera del Dolcebuono, Rendiconti dell'Istituto lombardo di Scienze e Lettere, LXXXIX-XC (1956), 582-6; I. ROSSI, La chiesa di San Maurizio in Milano. Il Monastero Maggiore e le sue due torri, Milano 1914; San Maurizio al Monastero Maggiore, Milano 1981; G. B. SANNAZZARO, Elementi bramanteschi in S. Maurizio al Monastero Maggiore, Arte Lombarda, 86/87 (1988), 127-131; San Maurizio al Monastero Maggiore: architettura e pittura, Ca de Sass, 114 (1991), 34-44; M. TAGLIABUE, S. Maurizio o Monastero Maggiore, in Monasteri e conventi in Lombardia, Milano 1983, 16-7. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 151; Andenna, 1979, 353-4; Arslan, 1956, 670, 680; Arslan, 1957, 561; Bardeaux, 1938-1942, 129, 134; Barni3, 1954, 108; Baroni, 1941, 32, 37, 55, 69, 76, 107; Baroni, 1944, 26; Biscaro, 1907, 391, 394; Biscaro, 1928, 389, 417, 418, 441, 442, 454-6, 465, 471-3, 479; Bognetti2, 1954, 776, 777, 796; Bognetti3, 1954, 855; Calvesi, 1954, 122, 125, 128, 130, 131; Carlevaro, 1982, 105, 106; Cattana, 1980, 113, 114, 120, 123, 125, 132, 133; Cattana, 1984, 114, 135, 138, 155; Cattaneo, 1955, 41; Cattaneo2, 1984, 240; Colombo, 1923, 324, 325; Colombo1, 1960, 316; Colombo2, 1960, 275; Corsi, 1968, 183; DellAcqua, 1957, 678, 682, 683, 692, 719; Diehl, 1910, 118, 408; Fasola, 1972, 155; Ferrari, 1980, 233, 234, 299; Franceschini, 1954, 222, 372; Galassi, 1951, 71, 76; Galassi, 1956, 102, 105, 109, 113; Gallavresi, 1905, 355; Gengaro, 1955, 130; Gerra, 1964, 95-100; Gerra2, 1968, 693, 694; Grassi, 1964, 131, 136, 137, 139; Grassi, 1966, 229, 236, 237, 259, 277, 409; Grassi, 1982, 517; Grassi, 1983, 466, 470, 471; Grassi, 1985, 10, 11; Keller, 1979, 164, 231, 242; Leoni, 1949, 59, 62; Marcora, 1954, 252; Marcora2, 1963, 557; Martelli, 1984, 69; Mezzanotte, 1957, 567, 627, 630; Mezzanotte, 1958, 471, 472; Natale, 1972, 459, 461-7, 469, 485, 490-9, 503-6; Nicodemi2, 1958, 545; Oltrona Visconti, 1978, 51; Picasso, 1980, 32, 47; Picasso, 1993; Santoro, 1968, 83; Schuster, 1946, 15-6; Sebastiani, 1982, 206, 208, 211, 213, 217, 218; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 63; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 57, 144, 164; Spinelli, 1980, 212, 223, 224; Spinelli, 1999, passim; Tea, 1942, 23-4; Violante, 1977, 739; Vismara, 1932, 331; Zerbi, 1966, 286. S. BANDERA, San Maurizio al Monastero Maggiore. Il recupero della cappella del Diluvio,

120

Terra Ambrosiana, 6 (1995), 60-65; F. BARTOLI, Dove probabilmente nacque un capolavoro di Bernardo Luini, ArCr, XXII (1934), 130-4; A. BELL, Il testamento di Giovanni Battista Bianchini, notaio e presunto falsario del secolo XVII, ASL, XCVI (1969), 336; G. PATRONI, Milano. Scavi e indagini presso gli avanzi romani del Monastero Maggiore, Notizie degli scavi, fasc. 7-9 (1917); C. SANTORO, Di alcune falsificazioni in un registro delle Lettere ducali dell'Archivio Storico Civico, ASL, LI (1924), 340, 346, 347, 351; G. SEREGNI, Del luogo di Arosio e de' suoi statuti nei secoli XII-XIII con appendice di documenti inediti, Miscellanea di storia italiana, s. III/8 (1903); V. SIRONI, Pittura, musica e poesia in S. Maurizio al Monastero Maggiore, La Martinella, XXXV (1981), 183-7; P. ZERBI, Una lettera inedita di Martino Corbo, in Tra Milano e Cluny, Roma 1978 (Italia Sacra, 28), 239. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Bassani, 1921, 150, 155, 157, 158, 164 (1133 mg); Beretta, 1939, 10; Bognetti, 1978, 142, 143, 152, 153, 206, 219 (1170 ag 16),226,227 (1134 mz 23; 1214 lu 24), 267; Bologna,1984, 16; Bologna,1984, 14, 27, Borella, 1948, 105; Chabod, 1971, 378 (1521 mg 21); Flumiani, 1927, 581; Gatti Perer, 19641965, 149; Gerosa Brichetto, 1973, 94 (1060 mg); Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora, 1956, 297, 396-400 (1473 nv-dc), 402-3 (1480 ag 1),403-4 (1480 set 7); Marcora2, 1959, 256 (1263 nv/ot 30), 257 (1273 nv 3), 258 (1297 ge 4), 259 (1302 lu 17); Marcora2, 1961, 527 (1564 ot 7); Martegani, 1968, 59,68 (1157 giu); Occhipinti, 1968, 193, 195,203, 208, 210-1 (1191); Riboldi, 1904, 255 (1145 giu 25), 260 (1159 mg 13), 263 (1179 nv 13), 264 (1182 fe 27, 1183 dc 13),269 (1199 ge 1); Scarpini, 1921, 211; Vigotti, 1974, 32, 33, 69, 72, 77, 83, 84. A. G., Per la sepoltura di Alessandro Bentivoglio, ASL, XL, s. IV / 20 (1913), 255-6 (1.541 ge 26); G. BISCARO, Le relazioni dei Visconti con la Chiesa, ASL, XLVII (1920), 266 (1342 ge 11); E. OCCHIPINTI, Una chiesa dedicata a sant'Ambrogio a Vignate nel secolo XIII, RSCA, IV, Milano 1973-74 (ArAm, 27), 123-131 (1209 set 4). S. MICHELE ZONA: fuori Porta Comasina a) trattazioni specifiche: Forcella2, IV, 1889, 71. S. MICHELE AI NUOVI SEPOLCRI ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: secondo decennio del sec. XVIII, architetto Carlo Francesco Raffagno. UBICAZIONE ATTUALE: allinterno del complesso architettonico impropriamente chiamato Rotonda della Besana, dal nome della via adiacente e un tempo chiamato popolarmente Foppone (grande fossa). a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 207; Bianconi, 1787, 104-106; Borroni, 1808, 5152; Bossi, 1818, 68; Gengaro3, 1936; Latuada, 1737-1738, I, 265-271; Lupieri-Maderna, 1972, 6.2; Mezzanotte-Bascap 1948, ed. 1968, 250-251. G. C. BASCAP, Antichi edifici milanesi: la Rotonda, Milano, XII n. 3, 1935; S. BERENGO GARDIN, Disegni per San Michele ai Nuovi Sepolcri a Milano, in Il disegno di architettura, 1 (1990), 24-25; S. BERENGO GARDIN, Liniziativa dellOspedale maggiore. San Michele ai nuovi sepolcri, in Segni patrizi. Architetture pubbliche a Milano (1700-1760), Firenze, 1993, 57-88; A. DE CAPITANI, La Rotonda di S. Michele a Milano,, LArchitettura, VII, 840-849; S. SPINELLI, Volo su cinque secoli di storia, in L'ospedale maggiore di Milano nel cinquecentesimo anniversario dalla fondazione (12 Aprile 1956), a cura di Salvatore Spinelli, Milano, 1956; C. STAURENGHI , LOspedale Maggiore di Milano e i suoi antichi sepolcri, Milano 1916 b) notizie: Bartoli, 1776-1777, 207; Forcella1, 1889, .354; Gambi-Gozzoli, 1982,. 173.Gatti Perer, 1965, 115-130; Grassi, 1966, 279-280; La Ca Granda 1981, 147; Mezzanotte, 1959, 659; Pecchiai, 1926, .236; Sormani, 1751, 7; c) fonti e citazioni documentarie: A.O.M., Prerogative e giuspatronati, chiese ed altari, Milano, S. Michele ai Nuovi Sepolcri, cart. 99, fasc. disegni; Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, cart. 1451; Civica Raccolta delle Stampe Bertarelli, cartt. 6-19.

121

S. MICHELE AL GALLO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: Gi prospettante su via Orefici grosso modo in corrispondenza dellattuale passaggio a piazza Mercanti la chiesa fu ricostruita da Girolamo Quadrio: se dalle antiche planimetrie cittadine la chiesa risultava edificata col diffuso schema centrale triabsidato (a tre cappelle), sconosciuto agli studiosi un disegno credibilmente relativo alla facciata, che ripete il modello, altrettanto consueto, di derivazione controriformista, con particolare accentuazione di temi architettonici desunti da Francesco Maria Ricchino (Ambrosiana). [DCA, IV, 2216] Il gallo, insegna dei giudici, poteva essere il riferimento a un affresco sulla parete di una casa di fronte con scene di giustizia, in riferimento al vicino tribunale, oppure alleffigie sul campanile. SOPPRESSIONE: fine XVIII secolo a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 205; Forcella2, IV, 1889, 207-210; Latuada, 1737-1738, V, 124-127; Sormani, 1760, 110-111. b) notizie: Cattaneo, 1961, 687; Cattaneo, 1958, 295, n. 6; Gualdo Priorato, 1666, 87; Martelli, 1984, 73-78; Mezzanotte, 1958, 447; Rosa, 1956, 851, n. 1; Tea, 1959, 808; Vigotti, 1974, 78 c) fonti e citazioni documentarie: Biblioteca Ambrosiana, cod. F 251, inf., 99. S. MICHELE AL MURO ROTTO (S. Uriele) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: a poca distanza dal lato sud della basilica di S. Maria Maggiore, si trovava questa chiesa menzionata dal Liber notitiae. Il Giulini collega il toponimo a un assedio avvenuto nel IX secolo e al passaggio nella zona delle antiche mura romane, e riprende una notizia riportata dal Latuada che identifica S. Michele con una delle chiese attorno alla cattedrale dedicate agli arcangeli, nel caso a S. Uriele. b) notizie: Giulini, 1760 (rist. anastatica 1973, I, 374-375); Latuada, 1737-1738, II, 111 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 33, 58. S. MICHELE ALLA CHIUSA ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: menzionata sin dal 1171, la chiesa si trovava nellattuale via della Chiusa allangolo con via Disciplini. Ristrutturata su ordine di S. Carlo, le fu unita una cappella costruita per accogliere unimmagine della Madonna, intitolata a Maria Incoronata. Fu demolita nel 1929. a) trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 201-202; Borroni, 1808, 82; Forcella2, II, 1889, 3538; Gualdo Priorato, 1666, 71; Latuada, 1737-1738, III, 158-160; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 276; Milano ritrovata, 1991, 217-218 (con bibliografia); Ponzoni, 1930, 426; Torre, 1674, ed. 1714, 127 b) notizie: Monumenta, 1971, passim; ; Sormani, 1760, 5 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, San Lorenzo, vol. XI; S. Michele alla Chiusa, vol. XIV H 33; A.S.C.M., Ornato Fabbriche, I, serie, C 18-8; A.S.M., Fondo Religione, cartt. 702, 709. S. MICHELE DEI DISCIPLINI ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: loratorio sorgeva lungo gli attuali bastioni di Porta Nuova allaltezza di piazzale Principessa Clotilde e aveva sullaltare maggiore la tavola del Bramantino: Madonna in trono col Bambino e i ss. Michele e Ambrogio, ora allAmbrosiana SOPPRESSIONE: 1786, e demolito. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 205; DCA, IV, 2218 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 101; Santagostino, 1671, 65, note 52-54. S. MICHELE IN PRECOTTO

122

ZONA: Precotto ORIGINE E VICENDE: la chiesa ricordata nel Liber Notitiae, e divenne parrocchiale per decreto del cardinale Federico Borromeo nel 1596. Lattuale edificio in forme neoclassiche stato realizzato tra il 1865 e il 1901. UBICAZIONE ATTUALE: viale Monza a) trattazioni specifiche: DCA, IV, 2218-2219 L. BESOZZI, Testimonianze di Corio in due chiese della Milano periferica: S. Martino di Niguarda e S. Michele di Precotto, Civilt ambrosiana, 13 (1996) 2, 98-110. b) notizie: Bagnoli, 1965, II, 127 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 151. S. MICHELE SUBTUS DOMUM ZONA : Porta Orientale ORIGINE E VICENDE : [] S. Michele subtus domum (anche l un riferimento alla vecchia domus episcopi) probabile fosse gi costruzione longobarda in quella zona fiscale dove gli arimanni, dalla "rode" all"augirolo" han pure lasciato tracce del loro linguaggio. Ma il suggerimento che era implicito nel nome dellarcangelo ha fatto, nel clima nuovo, completare la serie, di modo che devon esser sorti ben presto a nord di S. Maria Maggiore la cappella di S. Raffaele, e a sud S. Gabriele e S. Uriele.[ Arslan1, 1954, 774] a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 58-59 b) notizie: Latuada, 1737-1738, IV, 305 c) fonti e citazioni documentarie: Cattaneo2, 1954, 692, n. 1, 695, n. 1; Cattaneo, 1958, 294, n. 6. S. MICHELE SUL DOSSO (S. Chiara della Ciresa/Sciresa) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la presenza di una chiesa attestata dall880. Essa fu posta nel 1102 alle dipendenze di S. Ambrogio. Per il 1296 esistono testimonianze della presenza di un monastero di S. Chiara in Porta Vercellina. Nel 1358 a causa della costruzione del castello, le monache furono trasferite in una casa in Porta Ticinese. Nel 1372 ci fu il loro ulteriore trasferimento in alcune case presso S. Michele sul Dosso. Nel 1475 ca. avvenne lacquisto della chiesa e si avvi la costruzione di un monastero cistercense femminile dipendente da Morimondo. Nel 1578 ci fu laggregazione col monastero del Corpus Domini gi esistente presso S. Simpliciano. ORDINE: Umiliate/ Agostiniane. Nel 1458 Carlo da Forl conferm il passaggio delle monache all'ordine benedettino SOPPRESSIONE: 1785 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Ambrogio a) trattazioni specifiche: Cattana, 1980, 103-4; Cattaneo, 1961, 608-9; Fiorio, 1985, 95; Forcella2, 1889, III, 287; Giulini, 1760, IV, 459, V, 409, 474, 532; Latuada, 1737-1738, IV, 306-316; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 369; Ponzoni, 1930, 63; Puricelli, 1645, 238; Sormani, 1760, 38-39; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 165. M. CAGIANO DE AZEVEDO, Memorie della vittoria sul Gargano e del culto di s. Michele a Milano, in Il Santuario di S. Michele sul Gargano dal VI al IX secolo. Contributo alla storia della Langobardia meridionale, Atti del convegno (Monte S. Angelo, 9-10 dicembre 1978), Bari 1980 (Vetera Christianorum. Scavi e ricerche, 2), 509-510. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Alberzoni, 1985, 146, 147, 150, 163; Cattana, 1984, 131, 132; Colombo, 1923, 292; Gerra, 1964, 225-6; Gualdo Priorato, 1666, 82; Marcora, 1955, 262; Mezzanotte, 1958, 706; Orefice, 1985, 16; Petra Sala, 2004, 148; Rotta, 1891; Schuster, 1946, 23; Sebastiani, 1970, 882; Sebastiani, 1982, 206, 216, 219; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 100; Sormani2, 1752, 142; Vismara, 1932, 331. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. M., Fondo Religione, cart. 2182 con il manoscritto dellabate A. Rattazzi, Origine della chiesa e monastero di San Michele; Beretta, 1939, 10; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 15, 37; Chabod,

123

1971, 378 (1521 mg 21); Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 130; Marcora, 1956, 471-3 (1478 ge 31); Vigotti, 1974, 33, 77, 78. S. NABORE ET S. FELICE, domus de v. S. Pietro sul Dosso S. NAZARO IN CAMPO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Non lontano da S. Celso, in zona isolata della campagna, si trovava questa chiesa, distrutta per far posto alla fabbrica del tempio della Madonna di S. Celso (XV secolo). Il Giulini la ricorda come una delle chiese stazionali visitate nelle litanie e dice che nel 1067 il corpo di s. Arialdo trov degna sepoltura in apposito campo tra le due chiese di S. Celso e quella sorta dove era stato lungamente sepolto il corpo di s. Nazaro [Vigotti, 1974, 80]. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 34, 80. S. NAZARO IN PIETRA SANTA (SS. Nazaro e Celso ad petram sanctam) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: una tradizione sostiene che la chiesa fu innalzata da s. Ambrogio in memoria della vittoria sugli ariani. Unaltra tradizione afferm invece che essa sorse al posto della casa che aveva ospitato i ss. Celso e Nazaro. La chiesa fu parrocchiale tra lXI secolo e lepiscopato di s. Carlo, epoca in cui venne ricostruita. Tra il 1719 e il 1721 ledificio fu restaurato e ampliato. Situata allaltezza dellattuale via Giulini la chiesa fu distrutta nel 1888 durante i lavori di apertura dellasse di via Dante. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 207; Borroni, 1808, 133; Bossi, 1818, 190; Fiorio, 1985, 122; Forcella2, IV, 1889, 9-18; Gualdo Priorato, 1666, 82; Latuada, 1737-1738, V, 17-23; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 145; Pirovano, 1822, 209-210; Reina, 1966, 95-96; Sormani, 1760, 113-114; Torre, 1674, ed. 1714, 228 P. ROTTA, Cenni storici illustrati della chiesetta di San Nazaro in Pietra Santa in Milano, Archivio Storico Lombardo, anno XII, serie II, tomo II (1888), pp. 1076-1086. b) notizie: Beretta, 1848, 98; Bossi, 1818, 190; Nicodemi, 1915, 92; Puricelli, 1656, 152; Vigotti, 1974, 80 c) fonti e citazioni documentarie: A. S. M., Fondo Religione, p. a. San Nazaro in Pietrasanta, cartt. 726-736; Fondo Religione, p. a. Confraternite San Girolamo e B. Vergine Maria in San Nazaro in Pietrasanta; A. S. D. M., Sez. X, Visite pastorali, San Tomaso Terra Mara, voll. XII, XIII; Miscellanea citt, vol. IX; vol. X fasc. 21; fasc. 24, 25; vol. Ambrosiana, Raccolta Ferrari, tomo XV-XIX, Parere dellIng. C. F. Castiglioni per la restaurazione della chiesa di San Nazaro in Pietra Santa, 1720 maggio 25. SS. NAZARO E CELSO ALLA BARONA ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa deve il proprio titolo al monastero milanese di S. Celso che ne aveva nel XV secolo il patronato. Nel 1567 la chiesetta fu elevata a dignit parrocchiale da s. Carlo e fu poi ricostruita nel 1592-3. Ledificio attuale fu invece elevato tra il 1845 e il 1870. UBICAZIONE ATTUALE: via Zumbini a) trattazioni specifiche: Forcella2, II, 1889, 163-167; Iosa, 1984, 47-50 b) notizie: Gatti Perer, 1995; Brera dispersa, 1984, 77, 87; La pittura lombarda del 600, tav. 477 B. FIGINI, La Barona nella storia, Barona 1964 (4 ottobre), con indicazioni documentarie e bibliografiche. c) fonti e citazioni documentarie: Ufficio per i beni culturali ed ecclesiastici della Curia arcivescovile: Decanato Barona (schede). SS. NAZARO E CELSO IN QUARTO UGLERIO

124

ZONA: Quarto Oggiaro ORIGINE E VICENDE: La chiesa, gi ricordata dal Liber notitiae come appartenente alla pieve di Trenno, divenne parrocchiale probabilmente agli inizi del sec. XVI. Pi volte ricostruita, venne ampliata nel 1878. [DCA, IV, 2455] UBICAZIONE ATTUALE: via Aldini a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 337. S. NICOLA IN DERGANO ZONA: Dergano ORIGINE E VICENDE: Fondata presumibilmente nellXI secolo e ricordata dal Liber notitiae, la chiesa originale vide con probabilit sovrapporsi loriginaria dedicazione a S. Giorgio quella a S. Nicola. Restaurata nel 1450 e ancora per lelevazione a prepositura nel 1564 e per il dono di una campana nel 1604, la chiesa sub con probabilit nuovi interventi nel sec. XVIII (forse in correlazione con lampia risistemazione degli edifici sacri promossa dal card. Pozzobonelli), ma venne danneggiata da un fulmine nel 1808.[ DCA, IV, 2467-2468] Nel 1939-1941 fu costruita una nuova chiesa, e lantica, gravemente danneggiata venne abbattuta nel 1968. b) notizie: Milano zona sette, 1984, 96, 101 (ill.). S. NICOLAO (S. Nicola di Bari, S. Nicolao ad portam vercellinam) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1659, fu rifatta lantica chiesa umiliata, gi menzionata dal Liber notitiae, in seguito allaccresciuta devozione allimmagine ivi custodita della Vergine col Bambino. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Nicolao a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Bartoli, 1776-1777, 207; Bossi, 1818, 182; Fiorio, 1985, 96-97; Gualdo Priorato, 1666, 83; Latuada, 1737-1738, IV,.373-374; Lupieri-Maderna, 1972, 5.5; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, .331; Ponzoni, 1930, 389; Sormani, 1760, 55; Torre, 1674, ed. 1714, 196-197; Vigotti, 1974, 81 G. MOLTENI, S. Nicolao, Diocesi di Milano, dicembre (1962), 628-631; G. MOLTENI, San Nicolao: una strada, una chiesa, la sua storia, Diocesi di Milano, gennaio (1978), 39-41; G. MOLTENI, La Madonna della Misericordia in S. Nicolao, Diocesi di Milano, agosto-settembre (1978), 370; G. NICODEMI, Tela dello Stanzione e scultura trecentesca nella chiesa di S. Nicolao, Monitore Tecnico, dicembre (1932), 612-614 b) notizie: Baroni, 1937, 106; Martelli, 1984, 72-74; Milano ritrovata, 1991, 271; Monumenta..., 1971, passim; Rotta, 1891, 134; Santagostino, 1671, 49; Sormani3, 1752, 28; Vigotti, 1974, 81 A. SPIRITI, La cultura del Bernini a Milano, ArLo, 108-109 (1994), 1-2, 111-112. S. NOVO v. S. Erasmo S. ORSOLA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: nel 1341 ci fu la fondazione del monastero sullattuale omonima via. ORDINE: Umiliate. Nel 1405 Innocenzo VII concede il passaggio all'ordine delle Clarisse SOPPRESSIONE: 1782, e distruzione. a) trattazioni specifiche: Bascap, 1967, 52-3, 64; Cattaneo, 1961, 629, 634; Gualdo Priorato, 1666, 83; Latuada, 1737-1738, IV, 198-200; Mezzanotte-Bascap, 1958, 345; Sevesi, 1957, 215-6. L ALIVENTI DA VACALLO, Il monastero di S. Orsola in Milano, ltalia francescana, V (1930), 616-626; F. MEDA, Una insigne clarissa milanese, AFH, XX (1927), 245-250. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bocchi, 1980, 20; Dallaj, 1983, 528; Demolli, 1938-1940, 359-360; Fustella, 1965, 113; Gerra, 1964, 381-2; Gualdo Priorato, 1666, 83; Leverotti, 1981 109; Marcora, 1958, 412; Marcora2, 1959, 343; Marcora2, 1963, 559; Mezzanotte, 1958, 706;

125

Mosconi, 1994; Sebastiani, 1982, 206, 216, 219; Sebastiani, 1995, 104; Sevesi, 1936, 30; Sormani, 1760, 69; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 10; Bologna, 1984, 44 (1577 lu 28); Bologna, 1984, 15; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 15, 37; Flumiani, 1927, 578; Gatti Perer, 1964-1965, 192-3; Marcora2, 1961, 516 (1564 set 16), 526 (1564 ot 7); Sevesi2, 1940, 377-9, 95 (1480 ot 7), 97 (1482 ap 27), 99 (1481 mz 27); Sevesi, 1944, 123 (1567 set 14), 124 (1567 set 27), 124-5 (1567 ot 4). S. PANCRAZIO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Sorgeva sullarea dellattuale chiesa di S. Alessandro e fu demolita con lantiche chiesina di S. Alessandro quando nei primi anni del 1600 si elev lattuale tempio di S. Alessandro, in cui un altare ancora dedicato a S. Pancrazio. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 34, 81. S. PAOLA DELLE VEDOVE (Presentazione di Maria) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1624 Federico Borromeo trasferisce una parte della comunit di S. Filippo Neri nel collegio delle vedove, dedicato alla Presentazione di Maria, al quale la chiesa, situata sullattuale corso di Porta Nuova, da via Montebello a sinistra, era annessa. ORDINE: Agostiniane SOPPRESSIONE: ? a) trattazioni specifiche: DCA, IV, 2641; Latuada, 1737-1738, V, 255-256; Castiglioni, 1931, 195. S. PAOLO CONVERSO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nel 1536 avvenne lacquisto del terreno da parte della contessa Ludovica Torelli di Guastalla. Nel 1549 si avvi la costruzione di chiesa e convento. La facciata fu conclusa nel 1619, e nel Settecento furono aggiunte decorazioni barocche. ORDINE: Angeliche SOPPRESSIONE: 1808 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Eufemia a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940, 148-156; Bartoli, 1776-1777, 212; Bianconi, 1787, 148-154; Borroni, 1808, 60-61; Bossi, 1818, 84-85; Gavignan, 1978, 392; Gualdo Priorato, 1666, 62-63; Latuada, 1737-1738, III, 75-79; Mezzanotte, 1957, 565-7, 629, 630; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 257-261; Pirovano, 1822, 129-131; Ponzoni, 1930, 233-5; Premoli, 1913, 30-7; Spinelli, 1999, passim; Torre, 1674, ed. 1714, 63-64. F. BARTOLl, La chiesa di S. Paolo in Milano e la sua fondatrice, Emporium, LII (1920), 249258; B. DE KLERCK, La chiesa di San Paolo Converso a Milano nel Seicento. Appunti sulla commitenza e sulla funzione della decorazione, ArLo, 1-2 (1994), 87-94; P. GERRA, Dove sorgeva il monastero di S. Paolo, DMi, IX (1968), 606-611; C. MARCORA, San Paolo in Milano, DMi, VIII (1967), 361-7; P. MEZZANOTTE, La chiesa claustrale di S. Paolo in Milano e il suo recente restauro, Per l'arte sacra, XIII/3-4 (1936), 3-26; A. MORANDOTTI, San Paolo Converso in Milano, Milano s. d.; PEREGRINUS, Il nuovo auditorium milanese nella chiesa claustrale di S. Paolo, Milano, LII (1937), 241-4; M. RONCHI, I dipinti dei Campi nella basilica di San Paolo, Citt di Milano, LXXXI (1964), 320 f. t., 384 f. t., 456 f. t; P. A. SFONDRATI, Del monastero delle Angeliche di San Paolo in Milano. Cenni storici, Milano 1901; E. SIOLI LEGNANI, Il convento di San Paolo Converso in Milano, La MartinellaXVI (1962), 389-393. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bardeaux, 1938-1942, 131; Baroni, 1938, 128; Baroni, 1941, 122; Barzaghi, 1905, 81, 94, 95; Bendiscioli1, 1957, 12, 152, 167, 266, 301; Bendiscioli2, 1957, 420-3; Castellani, 1934, 39; Castiglioni, 1931, 196; Chabod, 1971, 401; Chiapponi, 1995, passim; DellAcqua, 1957, 709, 710, 712, 713, 737; Fumi, 1910-1911, 29;

126

Grassi, 1964, 131, 139, 140; Grassi, 1966, 100, 105, 159, 160, 436, 437; Grassi, 1985, 11, 13; Marcora, 1960, 293, 379; Marcora2, 1963, 555; Martelli, 1984, 69; Mezzanotte, 1958, 679; Mezzanotte2, 1959, 509; Nicodemi, 1957, 825; Nicodemi1, 1958, 486; Nicodemi2, 1958, 519; Oltrona Visconti, 1959, 199; Orsenigo, 1908-1910, 158; Rocco, 1939, 185, 196; Santagostino, 1671, ed. 1980, 33; Sebastiani, 1982, 206, 212, 217, 218; Sebastiani, 1995, 108-109; Tea, 1959, 804, 807, 808, 810; van Luijk, 1953-1959, 138. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1964, 40 (1582); Casati, 1931, 143 (1565 giu 27), 145 (1565 lu 4), 146-7 (1565 lu 4), 148 (1565 lu 18), 153 (1565 ag 1), 154 (1565 ag 8); Cattaneo, 1985, 149; Flumiani, 1927, 581; Gatti Perer, 1964-1965, 220; Marcora2, 1961, 279, 281, 530 (1564 ot 28); Premoli, 1911, 154 (1559 ag 20). A. PINETTI, Francesco Bartoli comico ed erudito bolognese e la prima guida artistica di Bergamo, Bollettino della Civica Biblioteca di Bergamo, X (1916), 183 (1776-1777). S. PAOLO IN COMPITO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa si trovava nellattuale omonima via allangolo con la Corsia dei Servi (corso Vittorio Emanuele). Fondazione romanica ledificio possedeva un pavimento a mosaico e unabside sopraelevata su cripta. SOPPRESSIONE: 1808. Interamente demolita nel 1812 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 213; Bianconi, 1787, 65-67; Borroni, 1808, 25; Latuada, 1737-1738, I, 181-182; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 192; Forcella, I, 1889, 85-93. V. NEGRI DA OLEGGIO, S. Paolo in Compito: 1799-1812, in Studi in onore di Carlo Castglioni, Milano 1957 (Fontes Ambosiani XXXII), 631-650. b) notizie: Milano ritrovata, 1986, 138, . 75; Vigotti, 1974, 81. S. PAOLO IN MACCONAGO ZONA: Macconago ORIGINE E VICENDE: si tratta di un edificio della met del secolo XVII, a navata unica, ora in stato di abbandono.La costruzione rivela le funzioni delledificio a met tra loratorio rurale e quello padronale. a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 2.4 b) notizie: Iosa, 1986, 602. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 309. S. PELAGIA ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: oratorio, costruito da Francesco Maria Ricchino, dellomonima pia casa fondata nel 1640 allaltezza dellattuale via Tessa. ORDINE: Regola di S. Pelagia SOPPRESSIONE: 1784 a) trattazioni specifiche: Orefice, 1985, 20-1; b) notizie: Bendiscioli2, 1957, 417; Cattaneo, 1958, 310; Fustella, 1970, 215; Gualdo Priorato, 1666, 87; Latuada, 1737-1738, V, 255-256; Sebastiani, 1982, 207, 218; Sormani, 1760, 100101; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 16; Orefice, 1985, 37 (1640-1658, 1689 mg 25, 1691 giu 13, 1692 gin 30, 1703 giu 1). S. PIETRO AD LINTEUM (SS. Pietro e Lino, S. Pietro lentis) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La chiesa doveva il suo nome alla tovaglia apparsa in sogno a s. Pietro (At, 10,11-16): storpiato in "S. Petrus Lini" divenne "SS. Pietro e Lino", nome sopravvissuto nella piazzetta omonima. Gli scavi del 1949 permisero di ricostruire le fasi pi antiche della storia della chiesa: su di un edificio romano vicino al Teatro ma indipendente da esso fu eretta

127

nellalto Medioevo (forse nel VII sec.) la chiesetta ad aula unica. questo ledificio citato nei documenti medievali, a partire dal 1019, sopravvissuto fino allet carlina. Il Borromeo, constatato il degrado della chiesa, soppresse la parrocchia e affid la struttura alla Confraternita dei sarti, sotto il patronato dei SS. Pietro e Lamberto. Dal Cinque al Settecento procedettero ininterrotti gli abbellimenti della chiesa. Dapprima i confratelli risolsero il problema del dislivello fra il pavimento medioevale della chiesa e le vie antistanti "alzando" ledificio di tre braccia, poi fondarono le tre nuove cappelle absidali e loratorio superiore. [DCA, IV, 2793] SOPPRESSIONE: 1786, e distruzione. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 215; Forcella2, III, 1889, 477-478; Latuada, 1737-1738, IV, 182-187; Sormani, 1760, 77-78; Vigotti, 1974, 82 C. GERRA, Un edificio romano in piazza S. Pietro e Lino e la chiesa S. Petri ad Portam Vercellinam, in Quaderni studi romani. II. Ritrovamenti e scavi per la Forma urbis Mediolani, Milano 1951, 9-12 (con citazione delle fonti e bibliografia). b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 84; Morigia, 1592, IV, 699: Rotta, 1891, 107 D. SANTAMBROGIO, Oratorio e codicetto del pio luogo dei vecchi e dei ricchi di S. Giovanni sul muro, ASL, 25 (1898), 384; D. SANTAMBROGIO, Lapide milanese recentemente venuta in luce, ASL, 20 (1903), 1-4. S. PIETRO ALLA/IN VIGNA (S. Pietro in horto Philippi ubi dicitur ad vineam) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa gi citata nel Liber notitiae. Nel 1247 avvenne la fondazione del monastero a opera di s. Pietro da Verona nei pressi dellattuale via Vigna. ORDINE: Domenicane SOPPRESSIONE: prima del 1576 ci fu lannessione a S. Caterina da Siena. La chiesa fu trasformata in parrocchia. a)trattazioni specifiche: Bianconi, 1787, 283; Cattaneo, 1961, 617, 618; DCA, V, 2794; Dondaine, 1953, 89-91, 94, 95; Forcella2, III, 1889, 57-58; Latuada, 1737-1738, IV, 203204; Sormani, 1760, 67. b) notizie: Alberzoni, 1985, 142, 163; Colombo, 1923, 286; Gerosa Brichetto, 1973, 68; Gualdo Priorato, 1666, 84; Petra Sala, 2004, 135, 139; Vigotti, 1974, 83 c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Beretta, 1939, 19; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 131; Orefice, 1985, 32 (XVI sec.); Le pergamene milanesi, 1994. S. PIETRO ALLORTO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa, secondo la tradizione di origini molto antiche, prosospettava sulla via che ancora oggi ne ricorda il titolo e si trovava allincrocio con lattuale corso Matteotti (a destra da corso Vittorio Emanuele). a) trattazioni specifiche: DCA, V, 2794 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 53; Fassina, 1985, 121; Vigotti, 1974, 35, 83; Per la Milano dei Borromeo: la citt dipinta, in Facciate dipinte, Atti del Convegno,Genova 1984, 67. S. PIETRO CELESTINO (S. Maria extra Portam Orientalem prope murum fossati, S. Pietro in Monforte) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Nel 1280 ca. i Serviti ottennero la Chiesa di S. Maria in Porta Orientale. La costruzione della chiesa dei celestini risale probabilmente alla prima met del Trecento. Una ristrutturazione intervenne nel Cinquecento e una successiva, radicale, nel 1735. ORDINE: Serviti; nel 1317 ci fu lingresso dei Celestini; nel 1782 il passaggio agli Agostiniani. SOPPRESSIONE: 1786 UBICAZIONE ATTUALE: via Senato a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 214; Bianconi, 1787, 74-75; Borroni, 1808, 30; Bossi, 1818, 44; Cattaneo, 1961, 657, 659; DCA, V, 2794-2796; Gualdo Priorato, 1666, 52-

128

53;Latuada, 1737-1738, I, 214-217; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, pp. 499-500; Forcella2, 1889, I, 147-152; Giulini, 1760, IV, 621-622; Pirovano, 1822, 101; Ponzoni, 1930, 413-5; Studi di storia locale, 1983, 26-7; Torre, 1674, ed. 1714, 290-291; Vismara Chiappa, 1980, 174-9. A. BAZZI, Documenti per la storia del monastero e della chiesa di San Pietro Celestino di Milano, MSDM, XV, Milano 1968, 242-272 MSDM, XVI, Milano 1969, 55-80; R. FERRARI, Affreschi trecenteschi nella chiesa di San Pietro Celestino a Milano: ricostruzione di un ciclo poco noto, Arte Lombarda, 1 (1995), 35-39; A. VALLINI, San Celestino, DM/IV (1963), 4657. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 132; Bartoli, 1776-1777, 214; Bianconi, 1787, 74; Biscaro, 1914, 79; Cattana, 1980, 97, 129, 133; Cattana, 1984, 136-7; Chinea, 1937, 440; Filippini, 1932, 180; Grassi, 1966, 66, 67; Mezzanotte, 1958, 661, 663, 706; Mezzanotte, 1966, 103; Morigia, 1603; Nicodemi1, 1958, 484; Pirovano, 1826, 107; Romanini, 1964, 269; Santagostino, 1671, ed. 1980, 47; Saxius, 1755, 779; Schuster, 1946, 3; Sebastiani, 1970, 886; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 151; Tea, 1942, 45-6; Travi, 1997, 220; Vismara, 1932, 330, 332. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p.a., cartt. 1562-1566; Amministrazione p.m., cartt. 1908-1909; Atti di Governo, Fondo Culto, p.a., 1639; A.S.C.M., Localit milanesi, cart. 389/4; Beretta, 1939, 14; Borella, 1957, 187; Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 11; Cattaneo, 1957, 259, 294-5; Magistretti, 1910, 552; Marcora, 1960, 461-2 (1554 mz 2); Vigotti, 1974, 34, 82. S. PIETRO CON LA RETE (S. Pietro Cornaredo) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Gi prospettante sullattuale via Manzoni, in corrispondenza del n. 9, la chiesa derivava la propria denominazione San Pietro con la rete- da una falsa etimologia della dedicazione pi antica di San Pietro in Cornaredo, suggerita dal testo evangelico, dove scritto che i ss. Pietro e Andrea "relictis retibus secuti sunt eum". Al 1627 ne risaliva la ricostruzione, su pianta ottagona, a opera di Francesco Maria Ricchino, di cui resta oltre al rilievo della vecchia chiesa anche il progetto, con approvazione firmata dal card. Federico Borromeo (Raccolta Bianconi) [] [DCA, V, 2796] a) trattazioni specifiche: Kummer, 1974, II; Latuada, 1737-1738, V, 340-343; Forcella2, 1889, V, 183-189; Sormani, 1760, 156. b) notizie: Breve relatione, 1625; Gualdo Priorato, 1666, 101; Martelli, 1984, 78; Mezzanotte, 1957, 639. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, t. IX. S. PIETRO DEI PELLEGRINI ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: annessa dallorigine alla fine del XVIII secolo allomonimo ospizio per i pellegrini poi ospedale, nel 1344 risulta gi esistente; dagli inizi del XIX secolo, soppresso lospedale, la chiesa venne a far parte della parrocchia di S. Calimero UBICAZIONE ATTUALE: c.so di Porta Romana a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 213; DCA, V, 2799; Latuada, 1737-1738, III, 12; Lupieri-Maderna, 1972, 6.3; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 244-245; Torre,1674, ed.1714, 10-11. D. PANEBIANCO, Contributi alla storia degli Ospedali di Milano. LOspedale di San Pietro dei Pellegrini, Archivio Storico Lombardo, XCIII-XCIV (1966-1967) nn. 5-6, 115-126; G. RADICE, Quando la carit ambrosiana divenne europea: gli ospizi di S. Pietro e di S. Giacomo, Civilt ambrosiana, 8 (1991), 433-437; Sotto i pannelli ecco spuntare una chiesa, Corriere della Sera, 115 (1990), n. 144 (19 giugno); E. TEA, San Pietro dei Pellegrini, San Calimero, (1954), 6, 175-177. b) notizie: Biffi, 1704, 5; Gualdo Priorato, 1666, 63; Mostra del Cerano, 1964, 113; Santagostino, 1671, ed. 1980, .34;

129

c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Luoghi Pii, p.a., cart. 404, 1769 gennaio 18, Regi Visitatori per lo spdale de SS. Pietro e Paolo in Porta Romana dePellegrini; A.S.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, San Calimero, vol. I, Visita Pastorale del Cardinale Federico Borromeo, 1604; Archivio Soprintendenza ai Beni ambientali e architettonici, Milano, San Pietro dei Pellegrini, cart. 1462, fotografie, cart. 354. S. PIETRO IN CAMINADELLA ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: annoverata fra le chiese pi antiche di Milano (al III secolo secondo la tradizione), fu ricostruita nel Seicento prospettante sullattuale via Caminadella allincrocio con via Novati. SOPPRESSIONE: fine XIX secolo e distruzione. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 214; DCA, V, 2800; Latuada, 1737-1738, IV, 2426; Forcella2, II, 1889, 235-239; Sormani, 1760, 35-36. b) notizie: Fassina, 1985, 121; Gualdo Priorato, 1666, 72; Vigotti, 1974, 81. S. PIETRO IN CAMPO LODIGIANO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: La chiesa, pare gi esistente nel 1159 durante lassedio del Barbarossa, menzionata nel Liber notitiae. Fu rifatta su disegno di Francesco Maria Ricchino nel 1621 nel luogo dellaccampamento dei militi lodigiani. Nel 1718, ci fu lingresso dei Padri della Madre di Dio nelledificio, collocato in posizione corrispondente al fabbricato fra le attuali vie Crocefisso e Campo Lodigiano. ORDINE: Chierici Regolari della Madre di Dio SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 214; DCA, V, 2800-2801; Latuada, 1737-1738, III, 152-154 b) notizie: Grassi, 1966, 266, 291; Gualdo Priorato, 1666, 72; Vigotti, 1974, 81 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 250; Castiglioni, 1958, 11. S. PIETRO IN CORTE (de corte que sub ecclesia est S. Celsi) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: loratorio, gi chiesa parrocchiale, sorgeva nel vicolo quasi di fronte a palazzo Archinto in via Olmetto. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, III, 145-146; Forcella2, II, 1889, 33-34 S. PIETRO IN GESSATE (domus de Gessate/Glaxiate, S. Maria ad domum de Gixate) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: ante 1256 insediamento della domus degli umiliati de Glaxiate presso S. Siro ad Vepram; nel 1284 trasferimento della domus fuori Porta Orientale. Il Liber notitiae di Goffredo da Bussero d notizia dellesistenza di una chiesa alla fine del XIII secolo. Nel 1433 papa Eugenio IV sopprime la prepositura dei SS. Pietro e Paolo in Gessate erigendola in Priorato della Congregazione benedettina di S. Giustina. Nel 1456-58 venne ricostruito il dormitorio e, presumibilmente, parte del chiostro, mentre nel 1460 Pigello e Azzareto Portinari, rappresentanti del Banco Mediceo a Milano, finanziarono la costruzione della cappella maggiore, della sacrestia e della sala del capitolo [] La costruzione della chiesa, procedendo forse sulle tracce del preesistente edificio degli umiliati (che spiegherebbe linusuale orientamento nord-sud), prese probabilmente le mosse proprio dalle strutture fatte edificare dai Portinari, e deve essere collocata, sulla base di vari indizi, tra il 1460 ed il 1476. [DCA, V, 2801] ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: 1772. I bombardamenti del 1943 distrussero quasi integralmente i chiostri, nonch le volte della navata centrale e di quella di destra della chiesa.

130

UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Pietro in Gessate a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 214-215; Bianconi, 1787, 83, 87-89; Bombe sulla citt, 2004, 249-250; Borroni, 1808, 39; Bossi, 1818, 57-58; Calvi, 1865, II, 206-208; Cattaneo, 1961, 597-8, 603-5; Gerosa Brichetto, 1973, 34, 57-72, 103, 131, 134; Grassi, 1982, 475-485, 488; Latuada, 1737-1738, I, 248-258; Lugano, 1929, 508; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 534-538; Patetta, 1987, 145-152; Pirovano, 1822, 107-108; Ponzoni, 1930, 151-5; Romanini, 1956, 604, 605, 614-6; Romanini, 1964, 513-4; Studi di storia locale, 1983, 41; Torre, 1674, ed. 1714, 299-301; Vismara Chiappa, 1980, 149-155. ANON., Il restauro della facciata di S. Pietro in Gessate a Milano, ArCr, I (1913), 251-2; A. ANNONI, Cappella di S. Giovanni Battista in S. Pietro in Gessate in Milano, Milano 1914; C. BALLERIO, Il restauro del campanile di S. Pietro in Gessate a Milano, Palladio, n. s., II (1952), 180-2; A. BRAMBILLA, San Pietro in Gessate - La Cappella Grifo, Milano 1973; L. BELTRAMI, Notizie e ricordi di opere d'arte del secolo XV nella chiesa di S. Pietro in Gessate di Milano (nozze V. Beltrami - M. Gavazzi), 1932; F. BOSSI - A. BRAMBILLA, La chiesa di San Pietro in Gessate, Milano 1953; E. BRIVIO, La chiesa di San Pietro in Gessate, Milano 1978; E. CATTANEO, S. Pietro in Gessate: una presenza benedettina in Milano, Terra Ambrosiana, 2 (1990), 61-68; A. FRATTINI, Documenti per la committenza nella chiesa di S. Pietro in Gessate, ArLo, 65 (1983), 27-48; A. FRATTINI, La Congregazione di S. Giustina in S. Pietro in Gessate: la cappella di S. Antonio abate, ArLo, 26-77 (1986), 68-79; T. LECCISOTTI, I due monasteri cassinesi di Milano alla met del Seicento, Benedictina, VIII (1954), 137-151; F. MALAGUZZI VALERI, Gli affreschi della cappella Grif in San Pietro in Gessate, Rassegna d'arte, VII (1907), 145-152; G. MONGERI, Scoperta a San Pietro in Gessate, La Perseveranza, 27 maggio; G. MULAZZANI, Il restauro della cappella Grifo in San Pietro in Gessate, Ca de Sass, 116 (1991), 74-83; P. PUCCINELLI, Chronicon insigni abbatiae S. S. Petri et Pauli de Glaxiate Mediolani, Milano 1655. b) notizie: Allievi, 1929, 242; Arslan3, 1954, 1956, 734; Arslan, 1957, 560; Barni1,, 1954, 21, 133; Baroffio, 1974, 187; Baroni, 1941, 56; Bazzi, 1968, 86, 92; Beltrami2, 1893, 816; Bendiscioli1, 1957, 266; Caizzi, 1958, 354; Caselli, 1827, 53; Carlevaro, 1982, 41-6, 106-7; Cattana, 1980, 10,105, 106, 112, 113, 129, 133-4; Cattana, 1984, 120; Cattaneo, 1958, 321, 331; Demolli, 1938-1940, 182; Fasola, 1972, 167 (?); Ferrari, 1980, 237, 250-3, 255-6; Filippini, 1932, 178; Franceschini, 1957, 120; Gerra1, 1969, 250-1; Grassi, 1958, 20, 23; Grassi, 1978, 215, 218-220, 227; Gualdo Priorato, 1666, 52; Leccisotti, 1972, 623; Leverotti, 1981, 103; Marcora, 1956, 299; Marcora, 1958, 388, 414, 421; Marcora2, 1959, 326-8, 412; Mazzini, 1964, 327, 328, 334, 336-340; Meazza, 1951, 165, 166; Mongeri, 1872, 88, 136; Nicodemi2, 1958, 546; Orsenigo, 1908-1910, 154; Orsini2, 1959 , 177; Panizza, 1956, 171; Reggiori, 1960, 650; Romanini, 1958, 513-4; Romanini1, 1959, 717; Schuster, 1946, 24-5; Sebastiani, 1995, 104; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 70; Spinelli, 1980, 205; Verga, 1918, 428; Vigotti, 1974, 70-71; Vincenti, 1960, 84, 88, 89; Wittgens, 1956, 775, 778, 780-2. ANON., Il padre Puccinelli allontanato da S. Pietro in Gessate, ASL, XLI (1914), 340-1; S. GATTI, Un'opera ritrovata di Bernardino dei Conti, ArLo, 51 (1979), 77-9; R. GREGOIRE, Lantieri (Hilarion; Lanterius), in Dictionnaire de spiritualit, Paris 1975, 242-3; M. RONCHI, Gli affreschi del Butinone e dello Zenale nella chiesa di S. Pietro in Gessate, Citt di Milano, LXXX (1963), 244 f. t.; M. SALMI, Maestri lombardi del Quattrocento. Agostino de' Mottis, Bollettino d'arte, VIII (1928-1929), 195-201; L. VEGAS CASTELFRANCHI, Un restauro che s'impone: le storie di san Giovanni Battista in S. Pietro in Gessate, Milano 1955; P. VISMARA CHIAPPA, La soppressione dei conventi e dei monasteri in Lombardia nell'et teresiana, in Economia, istituzioni, cultura in Lombardia nell'et di Maria Teresa, a cura di A. MADDALENA, E. ROTELLI, G. BARBARISI, III, Bologna 1982, 491. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 16; Castiglioni, 1948-1949, 249, 252; Castiglioni, 1958, 11; Castiglioni, 1960, 12; Chisini Bulak, 1956, 275-9,282,302 (1772 ag 10), 304 (1772 lu 4), 306 (1773 set 10); E.M., 1907, 259 (1494 fe 4); Gatti Perer, 1964-1965, 148; Magistretti, 1900, 28; .Giulini, 1934, 125; .IN, 427-8 (1492 ot 9); Liber Notitiae, 1289c., ed. 1917, 263 D, 259; Laurent, 1949, 333, 466 (1566 mz 6); Maselli, 1973, 294, 337 (1568 mg 8), 340 (1568); Noto, 1962, 73 (1460 fe 11); Vigotti, 1974, 34, 82; Zanoni L., 1911, 1989, 326 (1256 lu 24).

131

U. BASSANI, Una sentenza dei consoli di Milano, dell'anno 1150, ASL, XLII (1914), 233-7; Le pergamene dei secoli XII e XIII del monastero di S. Pietro in Gessate conservate presso lArchivio di Stato di Milano, a cura di R. Perelli Cippo, Milano 1988; A. RIVOLTA, Corrispondenti di s. Carlo Borromeo (1550-1559), Aevum, XII (1938), 556-619, XIII (1939), 65-116. S. PIETRO IN INFIRMARIA ABBATIS S. AMBROXII ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Di una chiesa di S. Pietro vicino al monastero di S. Ambrogio c memoria dallanno 912 (Savio, p. 349). a questa chiesa posta nel recinto del monastero santambrosiano che papa Innocenzo IV nel 1250 concede unindulgenza di 40 giorni. [Vigotti, 1974, 82] b) notizie: Vigotti, 1974, 34, 82. S. PIETRO IN MONFORTE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: Di origini molto antiche (ante 1298), la chiesa era prepositurale degli umiliati, quindi pass in commenda (post 1471) e pi tardi fu concessa ai padri somaschi (1616): questi ultimi ne costruirono il colleggio annesso [] [DCA, V, 2805]. ORDINE: Umiliati; Somaschi SOPPRESSIONE: 1778. I somaschi furono trasferiti a S. Girolamo e il complesso fu trasformato da Giovanni Battista Diotti in palazzo privato, poi ceduto allo Stato per diventare infine sede dellattuale prefettura. a) trattazioni specifiche: Giulini, 1916, 472-3; Gualdo Priorato, 1666, 53; Latuada, 1737-1738, I, 233-234; Mezzanotte-Bascap, 1958, 1010. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 132; Dossi, 1970, 43; Gerosa Brichetto, 1973, 72; Panizza, 1956, 171; Schuster, 1946, 4; Tagliabue, 1930-1931, 765. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 14; Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1960, 12; Giulini, 1928, 156; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 126; Vigotti, 1974, 35, 82, 83; Zanoni L., 1912, 18, 20 (1253 ap 29), 21 (1262 ag 3). S. PIETRO IN SALA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La dedicazione al principe degli apostoli in origine anche a S. Michelee il toponimo "sala" richiamano le origini longobarde della chiesa che sarebbe stata donata, secondo il diploma spurio dellimperatore Carlo il Grosso dell880 al monastero di S. Ambrogio. Una lapide murata ora nellatrio della casa parrocchiale, ricorda la costruzione della chiesa promossa nel 1141 da Eriberto da Pasilvano abate di S. Ambrogio. La chiesa divenne parrocchiale per decreto del card. Carlo Borromeo con atto notarile del 1 aprile 1581, con giurisdizione su un territorio stralciato dalle parrocchie di S. Bartolomeo piccolo (annessa alla basilica di S. Ambrogio, presso la torre dei monaci) e di S. Martino al Corpo, unita nel 1787 a San Vittore. Il territorio parrocchiale si estendeva nei Corpi Santi di Porta Vercellina, pressa poco dalle mura spagnole a Lorenteggio sul confine con la pieve di Cesano Boscone e dalla cascina Foppa, presso lattuale piazza Napoli, fino al Borgo degli Ortolani. [DCA, V, 2806] Lantico edificio venne ricostruito tra il 1582 e il 1486, poi nel 1838-39 e infine tra il 1910 e il 1916. UBICAZIONE ATTUALE: p.za Wagner a) trattazioni specifiche: Sormani, 1760, 48-49; Forcella2, III, 1889, 315-319. E. CAZZANI, Una chiesa milanese. Porta Vercellina e San Pietro in Sala, Milano 1981. S. PIETRO MARTIRE (oratorio di S. Ambrogio, S. Ambrogio minore ad Nemus, S. Ambrosino) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: chiesa edificata forse alla met del XIII secolo allangolo sud dellodierna via Disciplini. Nella seconda met del XVI secolo le monache domenicane furono trasferite a S.

132

Agostino Bianco (v.); e la chiesa fu affidata da s. Carlo ai disciplini, gi situati vicino a S. Ambrogio ad Nemus, che ne cambiarono il titolo. ORDINE: Domenicane; Disciplini. SOPPRESSIONE: 1786. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 606, 615, 619, 620, 690. b) notizie: Marcora2, 1961, 280; Marcora2, 1963, 553; Petra Sala, 2004, 37. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 152 (?); Beretta, 1939, 21; Cattaneo, 1960, 141 (1565 giu 20); Magistretti, 1900, 27 (?); Magistretti, 1910, 131. S. PIETRO SCALDASOLE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa si trovava nellattuale omonimo vicolo. Nel 1152, fu donata dallarcivescovo Anselmo da Rho alla basilica di S. Eustorgio. Nel 1228, pass alle dipendenze di S. Lorenzo e successivamente ospit (1558) una confraternita di disciplini gi in San Martino al Corpo presso San Vittore. Ledificio fu rimodernato nel 1728. SOPPRESSIONE: 1785 a) trattazioni specifiche: DCA, V, 2807; Latuada, 1737-1738, III, 214-215; Forcella2, II, 1889, 173-174. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 72; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 305; Vigotti, 1974, 83. S. PIETRO SUL DOSSO (domus de SS. Nabore et Felice, domus de S. Felice) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Ricordata dal Liber notitiae: "super dorsum in orto Philippi", sorgeva non lontano dalla basilica di S. Ambrogio, in via S. Agnese, quasi allangolo con via Terraggio. Fu ricostruita e ampliata nel sec. XVII. [DCA, V, 2807]. ORDINE: Umiliate; Agostiniane SOPPRESSIONE: met XV sec. unione con le umiliate di S. Agnese. La parrocchia fu invece soppressa nel 1787, e la chiesa distrutta nel 1789. a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 620, 636; Latuada, 1737-1738, 247-248; Sormani, 1760, 61-62. b) notizie: Alberzoni, 1985, 142, 146, 163; Colombo, 1923, 286, 291-3; Gualdo Priorato, 1666, 83; Vigotti, 1974, 82; Zanoni L., 1911, 62. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 153; Beretta, 1939, 8; Magistretti, 1900, 27. SS. PIETRO E PAOLO AI TRE RONCHETTI ZONA: fuori Porta Ticinese (Ronchetto sul Naviglio) ORIGINE E VICENDE: la chiesa gi ricordata dal Liber notitiae fu edificata nel luogo noto fin dal XIII secolo come Ronchum o Ronchetum Vicecomitum attraversato dallantica via romana tra Milano e Pavia. S. Pietro divenne parrocchiale su decreto del cardinale Carlo Borromeo nel 1567. Laspetto dellattuale edificio quello del sec. XVI. UBICAZIONE ATTUALE: via Manduria 90 a) trattazioni specifiche: DCA, V, 2799-2800; Sarzi, 1987, 293-294 L. PAPA, Un poco noto ciclo milanese di Ercole Procaccini il Giovane nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo ai Tre Ronchetti, ArCr, XCII (2004), 22-30; G. RADICE, La parrocchia milanese di Ronchetto, Ronchettone e Ronchettino, Milano 1985. b) notizie: Gatti Perer, 1995. A. PALESTRA, Roberto Visconti arcivescovo di Milano (1354-1361) (Archivio ambrosiano, XIX), Milano 1971. S. PRASSEDE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: nel 1578 ci fu la fondazione del convento decretata da s. Carlo nel luogo dellattuale Palazzo di Giustizia. A S. Prassede era dedicato anche il vicino oratorio dove era

133

insegnata la dottrina cristiana con annessa chiesetta precedentemente dedicata a S. Giuseppe. ORDINE: Cappuccine SOPPRESSIONE: 1782 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 215; Bianconi, 1787, 89; Borroni, 1808, 40; Da Mareto, 1970, 150-2; Forcella2, I, 1889, 257-260; Latuada, 1737-1738, I, 260-264; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed, 1968, 539; Pirovano, 1822, 109; Ponzoni, 1930, 589; Sevesi, 1957, 224; Vigotti, 1972, 55-58. M. C. GALAFFU, Le istruzioni di s. Carlo alle monache ed il progetto per il monastero delle Cappuccine di S. Prassede, in Accademia di S. Carlo. Inaugurazione del 3 Anno Accademico, Milano 1980, 53-60; A. PESTALOZZA, Storia di una devozione: il crocifisso miracoloso di Santa Prassede a Milano, ASL, CXVII (1991), 105-124. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Bendiscioli1, 1957, 172; Cattaneo, 1961, 629; Dallaj, 1983, 528; Fustella, 1965, 107; Fustella, 1967, 382; Gerra1, 1969, 251-2; Grassi, 1964, 144; Gualdo Priorato, 1666, 53; Marcora1, 1963, 457; Mezzanotte, 1958, 706; Mezzanotte2, 1959, 506; Mosconi, 1994; Omazzi, 1991, passim; Orsenigo, 1908-1910, 159; Sannazzaro, 1986, 303, n. 16; Santagostino, 1761, 18-19; Sebastiani, 1982, 206, 217; Spinelli, 1999, passim; Varischi, 1978-1979, 35. c) fonti e citazioni documentarie: Bazzi, 1968, 86-7, 88 (1744 mg 8), 91, 92; Bologna, 1984, 16, 17, 19; Bologna, 1984, 14, 27, 28; Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 15; Gatti Perer, 1964-1965, 190, 148. A. RONCHUS, Nonnulla preclara gesta () Caroli cardinalis S. Praxedis (), Milano 1610, parte II, tav. 8. S. PRASSEDE ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: ante 1598 ORDINE: Orsoline SOPPRESSIONE: ? a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1972, 67. S. PRIMO E S. FELICIANO (Prete Buono, domus di; S. Primo) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa menzionata in un documento del 1142 fu sede di un monastero di Umiliate, ed era situata nellattuale omonima via. Fu poi retta come parrocchia dai frati di S. Ambrogio ad Nemus fino alla soppressione dellordine da parte di papa Urbano VIII nel 1644. La propriet delledificio pass quindi al Collegio Elvetico che la fece demolire per un ampliamento del collegio medesimo. ORDINE: Umiliate. Prima del 1539 ci fu il trasferimento delle monache a S. Caterina di Rancate e alla fine del XVI sec. lingresso dei Frati di S. Ambrogio ad Nemus SOPPRESSIONE: 1644 a) trattazioni specifiche: DCA, V, 2957; Cattaneo, 1961, 649, 691. b) notizie: Giulini, 1923, 150; Gualdo Priorato, 1666, 53; Vittani, 1931, 861, 865; Zanoni L., 1911, 59, 62. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 35, 83. S. PROSPERO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: ubicata presso lattuale omonima via, la chiesa era sede di una scuola della dottrina cristiana. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 87. S. PROTASO "AD MONACHOS" (SS. Protaso e Gervaso) ZONA: Porta Nuova

134

ORIGINE E VICENDE: Alla fine del V secolo risaliva la chiesetta pi antica, nellVIII secolo sostituita da altra chiesa, che divent a sua volta, prima sede di benedettini cluniacensi, dai quali dipese malgrado il loro trasferimento a San Simpliciano alla fine dellXI secolo- sino al XVIII secolo: al 1578 ne risale la ristrutturazione, voluta da s. Carlo su progetto del Tibaldi, quindi completata, nella fronte, da Fabio Mangone su incarico del cardinale Federico Borromeo. [DCA, V, 2967] ORDINE: Benedettini SOPPRESSIONE: ante 1099 trasferimento dei monaci a S. Simpliciano. La chiesa situata nellattuale omonima via fu distrutta nel 1930 per lasciare spazio alledificio di una banca, malgrado lopposizione della Soprintendenza ai Monumenti che nel 1925 era peraltro riuscita a sventare la proposta avanzata dalla Banca Popolare di Novara di conservare intatta la facciata costruendovi dietro il nuovo edificio. Soli si salvarono alcuni elementi di pregio: affreschi che furono portati a Rho e le cancellate del pronao che andarono a chiudere il giardinetto di casa Capitani in via Vigna. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 216; Bianconi, 1787, 445-446; Bognetti2, 1954, 785, 793, 797; Borroni, 1808, 182-183; Bossi, 1818, 254; Cattaneo, 1961, 587, 696; Cattaneo, 1980, 10, 11, 13, 26; Fiorio, 1985, 123-124; Forcella2, IV, 1889, 191-203; Latuada, 1737-1738, V, 110-121; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 153; Milano: le chiese scomparse, 1997, II, 136-152 (con bibliografia); Pirovano, 1822, 231-232; Ponzoni, 1930, 267-9; Reggiori, 1947, 270-271; Sormani, 1760, 106-107. G. NICODEMI, La chiesa di S. Protaso ad monachos, Milano, XLVII (1931), 529-535. b) notizie: Bendiscioli1, 1957, 183 (?); Bianconi, 1787, 445; Borella, 1948, 105; Cattaneo2, 1954, 706; Gazzini, 1995; Gerosa Brichetto, 1973, 64; Gualdo Priorato, 1666, 87; Orsenigo, 1908-1910, 154; Orsini2, 1959 , 168; Rinaldi, 1958, 260; Santagostino, 1671, ed. 1980, 53; Schuster, 1946, 10; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 54, 134; Torre, 1674, ed. 1714, 234. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 35, 84. S. PROTASO AL CASTELLO (S. Protaso in campo intus) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa era situata nei pressi del castello e fu distrutta nel 1358, e poi riedificata secondo il Sormani nei pressi dellattuale via Ponte Vetero, fra le vie Landolfo e Sacchi. SOPPRESSIONE: 1786, la chiesa fu demolita per la costruzione di unabitazione civile. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, V, 49-51 b) notizie: Cattaneo2, 1954, 790, 795; Gualdo Priorato, 1666, 87; Sormani, 1760 c) Milano Zona due, 1987, 16 (ill.). S. PROTASO AL LORENTEGGIO ZONA: fuori Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Di antica anche se imprecisata origine, loratorio appartenne alla parrocchia di S. Pietro in Sala (XVII secolo) e poi agli olivetani di S. Vittore. Restaurato custodisce affreschi del XV secolo. UBICAZIONE ATTUALE: via Lorenteggio a) trattazioni specifiche: DCA, V, 2968; Lupieri-Maderna, 1972, 1.1 R. PERELLI CIPPO, Il certo e lincerto su S. Protaso al Lorenteggio, Ca de Sass, 99 (1987), 24-29. b) notizie: Sarzi, 1987, 314. S. PROTASO ALLE TENAGLIE (S. Protaso in campo foris) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: Detta anche San Protaso "in campo foris" per distinguerla da altra chiesa, dedicata allo stesso santo ma "in campo intus", era situata allaltezza di via Landolfo,

135

fra il Ponte Vetero e lodierno Foro Bonaparte, nei pressi del Castello, quindi vicino alle fortificazioni innalzate da don Ferrante Gonzaga (1550), dette anche "tenaglie" [] [DCA, V, 2968]. ORDINE: Carmelitani SOPPRESSIONE: 1786, e demolizione. a) trattazioni specifiche: Forcella2, IV, 1889, 41-42; Latuada, 1737-1738, V, 53-56; Sormani, 1760, 92. b) notizie: Cattaneo, 1961, 668 (tav.); Romanini2, 1955, 631; Vigotti, 1974, 83. S. QUIRICO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa, gi menzionata dal Liber notitiae si trovava nei pressi del monastero di S. Marta nellattuale via S. Maurilio, e dipendeva dal monastero maggiore. Secondo il Sormani (1760) loratorio fu riedificato nel 1479. b) notizie: Cattaneo, 1961, 603, 690; Sormani, 1760, 27 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 84. S. RADEGONDA (Monastero del Salvatore, di Vigelinda) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la fondazione antecedente allanno 870. La chiesa, ad aula doppia situata nellattuale omonima via, fu rifatta nel XV secolo con numerosi affreschi. ORDINE: Benedettine; XVI sec. passaggio all'Osservanza Benedettina SOPPRESSIONE: nel 1782 avvenne il trasferimento delle monache a S. Prassede, e nel 1799 ci fu la chiusura definitiva. Il convento fu in parte demolito dalla strada fatta aprire dal Piermarini per abbreviare il percorso delle carrozze arciducali dal Palazzo di Corte al Teatro Grande. Ulteriori danni furono apportati dalla costruzione del Teatro di S. Radegonda, poi acquistato dalla Societ Edison nel 1885, che complet la distruzione delle fabbrica conventuale. La demolizione della chiesa fu invece ultimata nel 1925. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 216; Cattaneo, 1961, 603-5; DCA, V, 2999; Latuada, 1737-1738, I, 175-177 Mezzanotte-Bascap, 1958, 407; Milano: le chiese scomparse, 1997, III, 119-135 (con bibliografia); Palestra, 1967, 63; Patetta, 1987, 380-383. F. REGGIORI, Il monastero di Santa Radegonda, Citt di Milano, XLI (1925), 6-8; P. VISMARA CHIAPPA, Monache in Santa Radegonda, Ca de Sass, 120 (1992), 27-32. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Anonimo, 1905, 211; Arslan1, 1954, 584; Bardeaux, 19381942, 131; Barni1,, 1954, 25; Baroni, 1955, 733; Bendiscioli1, 1957, 266; Besta1, 1954, 375; Biscaro2, 1908, 314; Biscaro, 1928, 373-5, 378, 416, 421, 423, 431, 451, 456, 471, 472; Bognetti2, 1954, 774, 775, 785; Borella, 1948, 105; Cattana, 1980, 105, 106, 113, 120, 123, 124; Cattana, 1984, 138, 144; Cattaneo2, 1954, 682; Cattaneo, 1955, 41; Cattaneo, 1958, 325; Cattaneo, 1980, 27-8; Cattaneo, 1985, 183; Chinea, 1937, 440; Cognasso, 1955, 104; Dossi, 1970, 16; Gerosa Brichetto, 1973, 18, 49, 93, 94, 116; Gerra, 1970, 63-4; Grassi, 1964, 143; Grassi, 1966, 389; Gualdo Priorato, 1666, 54; Marcora, 1954, 247; Marcora, 1958, 414; Marcora2, 1959, 328; Mezzanotte, 1958, 707; Occhipinti, 1968, 191; Penco, 1983, 372; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Riboldi, 1904, 51; Santagostino, 1671, 19; Schuster, 1946, 2-3; Sebastiani, 1982, 206, 211, 216, 218; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 135; Spinelli, 1999, passim; Visconti, 1934, 290, 321, 324; Vismara, 1932, 330, 331; Zanoni L., 1911, 208, 222; Zerbi, 1966, 286. E. SIOLI LEGNANI, Scorribande Urbanistiche di cent'anni fa, ASL, XLVII (1940), 237; C. A. VIANELLO, Il dramma e il romanzo di Suor Paolina dei Conti Pietra, ASL, LX (1933), 150. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 15; Castiglioni, 19481949, 249; Chabod, 1971, 378 (1521 mg 21); Flumiani, 1927, 581; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Mainoni, 1978, 635 (1376 set 23); Marcora2, 1959, 266 (1431 mz 17); Maselli, 1973, 293-4,337 (1568 mg 8); Palestra, 1971, 50, 90 (1356 fe 10); Le pergamene milanesi, 1993; Scarpini, 1921, 210-2; Vigotti, 1974, 35, 84, 87. M. F. BARONI, Le pergamene del secolo XII del monastero di S. Radegonda di Milano

136

conservate all'Archivio di Stato di Milano, Acme, XX (1967), 175-213; M. F. BARONI, Le pergamene del secolo XIII del monastero di S. Radegonda di Milano conservate all'Archivio di Stato di Milano, Acme, XXI (1968), 145-180; V. DE PAGAVE, Dialogo fra un forestiere e un pittore che si incontrano nella basilica di S. Francesco a Milano, ms., XVIII sec., Biblioteca dArte del Castello sforzesco di Milano, cap. III, 2. S. RAFFAELE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: lorigine ipotizzata intorno al V secolo ma la prima menzione certa risale al 903. La chiesa lunica superstite di una serie di edifici sacri che circondavano la basilica di S. Maria Maggiore: S. Giovanni, S. Uriele, S. Michele, S. Gabriele, S. Stefano. Nel XVI secolo ci fu la ristrutturazione globale dellantico tempio. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Raffaele a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 216-217; Bianconi, 1787, 65; Borroni, 1808, 25; Bossi, 1818, 35-37; Giulini, 1760, III, 264; Gualdo Priorato, 1666, 54; Houghton Brown, 1982, 534-540; Latuada, 1737-1738, I, 172-174; Lupieri-Maderna, 1972, 6.15; Mezzanotte, 1957, 582-586; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 176-177; Pirovano, 1822, 97; Torre, 1674, ed. 1714, 337-338. L. BELTRAMI, Il compimento della fronte della chiesa di S. Raffaele in Milano, "Edilizia Moderna", II, agosto, 60-61; N. GHIGLIONE, S. Raffaele in Milano: una chiesa tra storia e arte, Terra Ambrosiana, 4 (1997), 66-69; F. MALAGUZZI VALERI, La chiesa di S. Raffaele in Milano e i disegni del Pellegrini, Rassegna dArte, IV (1903), 57-58; G. ROCCO, La chiesa di S. Raffaele a Milano, Rassegna di architettura, agosto 1940, 225-232 b) notizie: Albuzzi, 1948, 2; Ambrosioni, 1989; Bianconi, 1787, 65; Borsieri 1619, 64; Bossi, 1818, 35; Calderini1, 1953, 545; Malaguzzi Valeri, 1901, 347; Malvezzi, 1882, 211; Morazzone, 1962, 91; Mostra del Cerano, 1964, 96; Peroni, 1967, 287-288; Santagostino, 1671, ed. 1980, 18; Scotti, 1972, nn. 18-20, 88; Scotti, 1975, 474-478; Sormani3, 1751,196; Struffolino Krger, 1971, 277-298;Turnure, 1965, 40; Valsecchi, 1973, 50. G. ROCCHI, Di alcune architetture attribuite a Pellegrino Tibaldi: valutazione, ArLo, 3-4 (1990), 31-54. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, cartt. 764, 741, 780, 781; Registri n. 27; A.S.C.M., Raccolta Bianconi, Tomo VIII, f. 28; Ornato Fabbriche, II, c. 30; A.S.D.M., Sez. III, Spedizioni Diverse, pacco 23; Novara, Archivio di Stato, Fondo Museo, cart. 303; Biff, Pitture, sculture et ordini, ms. presso la Biblioteca Braidense, prima met sec. XVIII, Ad., II, 35. S. REMIGIO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa situata negli orti del monastero di S. Ambrogio, nel luogo dove secondo la tradizione era avvenuta la conversione di s. Agostino (allangolo fra le attuali via Necchi e Ghisleri) menzionata dal Liber notitiae. Ledificio fu fatto ricostruire nel 1620 da don Stefano Lonati, e distrutto nel XIX secolo. a) trattazioni specifiche: DCA, V, 3025-3026; Kummer, 1974, I, 132-136; Latuada, 17371738, IV, 297-298 b) notizie: Nicodemi, 1958, 497. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 35, 85. SS. RE MAGI A CORTE REGINA ZONA: fuori Porta Orientale (Corte Regina) ORIGINE E VICENDE: Gi esistente nel XIII sec., loratorio era ricordato con la dedicazione a S. Maria, in localit Corte Regina probabilmente dalla via romana "regia" o "regina", che usciva da Porta Orientale, oppure dalla denominazione longobarda "Curtis Regia", ossia propriet fondiaria regale: pi tardi (fine del XVII sec. c.) fu intitolato ai SS. Re Magi, su influenza delle monache in S. Maria della Vettabbia, a loro volta dipendenti da S. Eustorgio (che possedeva le reliquie dei magi). Trasformato in lazzaretto nel XV sec., nel XVI sec. fu decorato da affreschi

137

[]. Sconsacrato nel XVIII secolo e quindi ridotto a casa colonica, loratorio fu restaurato nel 1965, quando vi furono riportati in evidenza i caratteri romanico-gotici, ma a sacrificio del campanile e dellabside. [DCA, V, 3025] UBICAZIONE ATTUALE: via Palmanova a) trattazioni specifiche: Iosa, 1987, 222; Lupieri-Maderna, 1972, 4.8 A. PALESTRA, La chiesa dei Re magi a Corte Regina, Diocesi di Milano, 8 (1967), 88-94. b) notizie: Madera, 1972, 4-8; Milano zona dieci, 1986, 70 (ill.); Sarzi, 1987, p. 197 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 317. S. ROCCO (SS. Andrea e Rocco; SS. Sebastiano e Rocco; SS. Aquilino Carlo e Rocco) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu edificata probabilmente al posto della corrispondente cappella, ricordata in un documento del 1468; intitolata ai SS. Sebastiano e Rocco al termine del corso di Porta Romana, quasi sotto gli antichi bastioni sulla sinistra, dipese dalla parrocchia di S. Calimero fino al 1616 quando il cardinale Federico Borromeo le diede il titolo parrocchiale. SOPPRESSIONE: 1786. Demolita entro il 1818. La nuova parrocchia che prese poi il titolo di S. Rocco risaliva probabilmente al 1677 col titolo dei SS. Aquilino Carlo e Rocco al Foppone, sorgeva sullattuale viale Sabotino allangolo con via Altaguardia, nei pressi del Foppone di S. Rocco o cimitero di Porta Romana, e fu demolita negli anni successivi alla seconda Guerra mondiale dopo esser stata trasformata in autorimessa. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 217; Bianconi, 1787, 116-122; DCA, V, 30883089; Latuada, 1737-1738, II, 338-343; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 246; S. Maurizio, 1998, 46-83; Milano: le chiese scomparse, 1997, III, 137-155 (con bibliografia); Ponzoni, 1930, 548-550; Torre, 1674, ed. 1714, 7-10; R. BAGNOLI, Le chiese di Milano. S. Rocco in S. Andrea, LOsservatore, 24 marzo 1946; L. BELTRAMI, La commissione dell'Ancona per la Chiesa di S. Rocco in Milano a Cesare da Sesto, Milano, 1920. b) notizie: Bagnoli, 1939, 37-38; Bagnoli, 1971, IV, 1413; Bossi, 1818, 72; Caselli, 1827, 75; Fassina, 1985, 122; Forcella1, 1889, 652; Gallarati, 1777, 6-8; Gambi-Gozzoli, 1982, 192, fig. 9; Gualdo Priorato, 1666, 63; Lanzi, 1789, IV, 196; Gazzini, 1995; Maderna-Lupieri, 1972; Melzi DEril, 1973, 34-35, 90-92, 164; Monumenta, passim; Santagostino, 1671, ed. 1980, 34; Tolfo, 1991, 105-106; Vasari, 1568, ed. Milanesi, 1906, VI, 518. G. AGOSTI-V. FARINELLA, Qua1che difficolt nella carriera di Cesare da Sesto, "Prospettiva", n.3, Milano, 1989, 326-332; M. CARMINATI, Cesare da Sesto: un ciclo di affreschi poco noto ed un riesame, ArCr, 77, 734 (1989), 347-368. S. ROCCO A PORTA ORIENTALE ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: loratorio era situato lungo lodierno corso Venezia, nel tratto fra le odierne via Serbelloni e palazzo Rocca Saporiti. a) trattazioni specifiche: DCA, V, 3088; Gualdo Priorato, 1666, 54. S. ROCCO A PORTA TICINESE (S. Rocco alla Torre dellImperatore) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: loratorio si trovava allangolo fra via Molino delle Armi e via Vettabbia. Il Lattuada vi ricorda (1715) opere di ristrutturazione. a) trattazioni specifiche: DCA, V, 3089; Gualdo Priorato, 1666, 73; Latuada, III, 1737-1738, 164-165. S. ROCCO A PORTA VERCELLINA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: loratorio era ubicato fra via Nirone e corso Magenta, verso il Monastero Maggiore.

138

a) trattazioni specifiche: DCA, V, 3089. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 84 S. ROCCO AL GENTILINO ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: La chiesa venne edificata, nella prima met del sec. XVI, sullarea del Gentilino o Foppone di Porta Ticinese, situata appena fuori dalle mura spagnole, tra le porte Ticinese e Lodovica, e fu adibita a cimitero in occasione della grande peste del 1524. Come le altre chiese dei cimiteri fuori porta (Foppone di S. Gregorio, di Porta Romana, Fopponino di Porta Vercellina, Cimitero della Moiazza) anche questa fu amministrata fino alle soppressioni della Repubblica Cisalpina, da una confraternita: quella del Gentilino che aveva come patroni i SS. Rocco, Martino, Cristoforo e Sebastiano. [DCA, V, 3088] La chiesa, gravemente danneggiata dai bombardamenti aerei, fu ricostruita nel 1947. UBICAZIONE ATTUALE: piazza Tito Lucrezio Caro b) notizie: Bartoli, 1776-1777, 217; Doveri, 2000, 57-64. S. ROCCO ALLA LUPETTA ZONA: fuori Porta Comasina (Borgo degli Ortolani) ORIGINE E VICENDE: loratorio caratterizzato sulla facciata da un pronao e da affreschi, opera dei figli del Luini, Aurelio e Pietro, raffiguranti una Piet, S. Rocco e S. Sebastiano, risaliva alla met del secolo XVI, ma la costruzione massiccia dellaltare e della sacrestia facevano pensare a una precedente fondazione di epoca medievale. Nel 1906, ledificio, situato in prossimit dellattuale via Galileo Ferrario fu distrutto per lasciare spazio a uno scalo delle ferrovie, mentre gli affreschi del Luini furono ricoverati a Brera. a) trattazioni specifiche: Bagnoli, 1965, I, 176-177; Reggiori, 1947, 273. S. ROMANO (S. Maria di S. Romano, SS. Rocco e Romano) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa documentata sin dal 1289 fiancheggiava lattuale corso Monforte, prospettando sulla piazzetta contigua a S. Babila. Nel 1630-34 fu ricostruita a opera di Giuseppe Barca. SOPPRESSIONE: 1786, e demolizione. a) trattazioni specifiche: DCA, V. 3098; Forcella2, I, 1889, 135-136; Vigotti, 1974, 46-47 b) notizie: Grassi, 1966, 33; Gualdo Priorato, 1666, 54 c) fonti e citazioni documentarie: Arrigoni, 1927, 14. S. ROMANO ALLA TORRAZZA ZONA: Torrazza (Gallaratese) ORIGINE E VICENDE: loratorio scomparso come lomonima cascina menzionato nel Liber notitiae. Il titolo stato assunto da una chiesa edificata negli anni Quaranta. b) notizie: Sarzi, 1987, 371n.; Vigotti, 1974, 337. S. SALVATORE IN XENODOCHIO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: eretta nel 787 sulle rovine dellArengo (lantico Campidoglio milanese dedicato a Giove) nella zona tra le attuali via Silvio Pellico e il primo tratto della Galleria. Lappellativo greco indica la prossimit dellospedale fatto costruire dal vescovo Dateo nellVIII secolo, poi affidato allospedale di S. Celso nel 980 e quindi distrutto da un incendio nel 1075, per accogliere i figli illegittimi e abbandonati senza battesimo. La chiesa in un primo tempo dedicata alla Vergine era molto piccola, sono documentati rifacimenti a opera del Ricchino e nel 1733. Fu demolita nel 1814 per costruire il teatro Re, su progetto di Luigi Cagnola. a) trattazioni specifiche: Cattaneo3, 1954, 120; DCA, V, 3169; Forcella1, 1889, 351; Forcella2, 1889, I, 77; Giulini, 1760, VI, 52; Latuada, 1737-1738, I, 167-171; Mondina, 1961, 284-285; Torre, 1674, ed. 1714, 339.

139

b) notizie: Bognetti4, 331; Gambi-Gozzoli, 1982, 246; Gualdo Priorato, 1666, 54; Mompellio, 1962, 700; Zardin, 1989; Vigotti, 1974, 85 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Sez. III, Spedizioni diverse, pacco 23; Sez. X, Visite pastorali, vol. XXXVII. S. SATIRO ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: nell876 ca. avvenne la fondazione di chiesa e cella dipendenti da S. Ambrogio. Il sacello fu poi inglobato nellattigua chiesa di S. Maria (entro il 1482). ORDINE: Benedettini SOPPRESSIONE: dalla fine del XII secolo non si hanno pi notizie della presenza dei monaci di S. Ambrogio. UBICAZIONE ATTUALE: via Torino a) trattazioni specifiche: Albuzzi, 1776, 55-56; Arslan1, 1954, 503-5; Bartoli, 1776-1777, 217218; Bianconi, 1787, 183-188; Bognetti2, 1954, 778, 793-7; Cattaneo, 1961, DCA, V, 32273231; 591; Latuada, 1737-1738, II, 242-248; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 82-86; Mongeri, 1872, 218 ss.; Ponzoni, 1930, 179-184; Porter, 1916, 638-643; Pungileoni, 1836, 18, 1870, 24-33; Rocchi, 1988; Studi di storia locale, 1983, 45; Torre, 1674, ed. 1714, 47-50. G. CHIERICI, La chiesa di S. Satiro a Milano e alcune considerazioni sull'architettura preromanica in Lombardia, Milano 1942; G. DIMITROKALLIS, Osservazioni sull'architettura di San Sa tiro a Milano e sull'origine delle chiese tetraconche alto medioevali, ASL, XCV (1968), 127-140; G. LISE, S. Maria presso San Satiro, Milano 1974; Insula Ansperti. Il complesso monumentale di S. Satiro, Milano 1992; L. MARTINELLI PERELLI, Il sacello di S. Satiro, Ca de Sass. 101 (1988), 25-27; A. PALESTRA, La basilica di S. Satiro. Restauri e scoperte, Milano 1958; A. PALESTRA, La storia rivelatrice della basilica di S. Satiro. I vicini delle chiese. I vicini della Porta. Le Parrocchie, DMi, VII (1966), 551-7; A. PALESTRA, San Satiro, Milano 1971; A. PALESTRA, Ricerche sulle strutture urbane di un isolato al centro di Milano comprendente la basilica di Santa Maria presso S. Satiro, ArLo, 64 (1983), 29-42; A. PALESTRA - C. PEROGALLI, San Satiro, Milano 1980; W. PINARDI, San Satiro, DMi, II (1961), 430-5; Il sacello di S. Satiro, Politecnico, 4 (1991), 8-11; Il sacello di S. Satiro: studi, ritrovamenti, restauri, Milano 1990. b) notizie: Arslan, pittura,1954, 660-1; Bardeaux, 1938-1942, 136; Barni2,, 1954, 258,386; Besta1, 1954, 420; Borella, 1948, 104; Casati1, 1870; Cattaneo, 1888, 216; Cesariano, 1521; De Pagave, ed. 1878; Galassi, 1951, 70, 74, 76; Galassi, 1956, 98, 101, 105, 108, 111-3; Gualdo Priorato, 1666, 63; Mazzucchelli, 1828, 367; Monumenta, 1971, passim; Parravicini, 1877; Santagostino, 1671, ed. 1980, 34; Vasari, ed. Milanesi, 1906, IV, 148, VI, 513; Valagussa, 1997, 189, 195; Violante1, 1974, 294; Visconti, 1934, 289, 323; c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 20, 21, 35, 85 S. SEBASTIANO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE:la chiesa odierna sorge sul luogo di un tempio pi antico documentato dal 972 e distrutto nel 1584, e fu costruita per solennizzare la fine della peste del 1576. I lavori furono inizialmente affidati a Pellegrino Tibaldi (1577-1587) cui seguirono Dionigi Campazzo (1595), Pietro Antonio Barca (1598-1602) e Fabio Mangone dal 1616. UBICAZIONE ATTUALE: via Torino a) trattazioni specifiche: Atlante del Barocco lombardo, 1997; Baroni, 1940-1968, II, 157-165; Bartoli, 1776-1777, 218; Bianconi, 1787, 189-192; Borroni, 1808, 76-78; Bossi, 1818, 101102; Grassi, 1966, 215, 231, 281, 404-427; Latuada, 1737-1738, III, 114-119; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 106-107; Milano ritrovata, 1986, 212-226 (con bibliografia); Pellegrino Tibaldi, 1990; Pirovano, 1822, 150-151; La Raccolta Bianconi, 1995, 63, 69; Rovetta, 1989, 217-221; Sormani, 1760, 16; Torre, 1674, ed. 1714, 135; D. ANTONINI, San Sebastiano: unarchitettura di Pellegrino Tibaldi nella Milano borromaica, Annali di architettura, 10-11 (1998-99), 140-156; C. BARONI, Larchitetto del Civico Tempio di San Sebastiano, Citt di Milano, 1933, 303-312; Descrizione degli argomenti delle pitture

140

a buon fresco eseguite nella cupola di San Sebastiano in Milano dal defunto pittore Agostino Comerio, Milano 1835; G. BOLOGNA, Milano. Il civico tempio di S. Sebastiano, Milano 1988; Descrizione delle pitture a buon fresco eseguite nella cupola di San Sebastiano in Milano dal defunto pittore Agostino Comerio, Milano 1835; R. GERLA, Vicende edilizie del Civico Tempio di San Sebastiano, Citt di Milano, LXVII (1950), 21-27; A. ROVETTA, Pellegrino Tibaldi e lidea di Tempio: San Sebastiano a Milano, ArLo, 94/95 (1990), 105-111; A. VALLINI, San Sebastiano, Diocesi di Milano, febbraio (1963), 83-87 b) notizie: Agostoni, 1961; Borsieri, 1619, 23; Buratti, 1991; Dalai Emiliani, 1971,117-136; Del Pesco, 1998, 153-171; Ffoulkes-Maiocchi, 1909, .145 ss.; Gatti Perer, 1995; Santagostino, 1671, ed. 1980, .41; Scotti, 1973, 41-42; Struffolino Krger, 1971, 289-290; Vigotti, 1974, 85 c) fonti e citazioni documentarie: Archivio Rettoria S. Sebastiano; A.S.M., Fondo Religione, p. m., 997, 1000, 1002, 1003, 1004, 1006, 1020, 2005; Fondo Culto, p.m., 1150; A.S.C.M., Fondo Dicasteri, 16; Fondo Comuni, 47. S. SEBASTIANO ZONA: Roserio ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa fu eretta nel 1668 probabilmente dai certosini di Garegnano per assicurare i servizi religiosi agli abitanti della cascina Triulza. b) notizie: Bagnoli, 1965, I, 186-187; Lupieri-Maderna, 1972, 8.11; Sarzi, 1987, 391 UBICAZIONE ATTUALE: via Cristina Belgioioso. S. SEPOLCRO (SS. Trinit) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la fondazione della chiesa risale al 1030 per intervento di Benedetto Rozone, probabilmente maestro della zecca milanese. Ledificio rimase consacrato alla SS. Trinit fino al 1100, quando nellimminenza della seconda crociata cui presero parte molti milanesi guidati dal vescovo Anselmo IV da Bovisio, fu rimaneggiato e dedicato al S. Sepolcro. Nel 1578, Carlo Borromeo affid la chiesa alla congregazione degli Oblati. Nel 1605 gli interni di S. Sepolcro furono riadattati ad opera di Agostino Trezzi su indicazione di Federico Borromeo. La facciata fu invece successivamente rifatta nel 1717-18 e nel 1894-97. ORDINE: Oblati SOPPRESSIONE: 1810 (non definitiva) UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Sepolcro a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 219; Bianconi, 1787, 254-255; Borroni, 1808, 100-101; Bossi, 1818, 142-144; Giulini, 1760, III, 261-262, 285; Gualdo Priorato, 1666, 73; Latuada, 1737-1738, IV, 69-82; Mezzanotte-Bascap 1948, ed. 1968, pp. 123-127; Milano ritrovata, 1986, 410-415 (con bibliografia); Pellegrini, 1897, 319-488; Pirovano, 1822, 177178; Ponzoni, 1930, 288-291; Porter, 1916, 643-651; Sormani, 1760, 20-23; Studi di storia locale, 1983, 45; Torre, 1674, ed. 1714, 139-142; Villa, 1627, 249-250. C. AGRATI, L'Ambrosiana e San Sepolcro, Milano, XLVI (1930), 243-7; L. BELTRAMI, La facciata della chiesa di S. Sepolcro in Milano, Edilizia Moderna, VII (1898), 1-12; A. BERNAREGGI, San Sepolcro, Ambrosius, VII (1931), 209-219; VIII Centenario della dedicazione della chiesa del S. Sepolcro in Milano, Milano 1900; G. FERRI PICCALUGA, I disegni di Leonardo per la chiesa del Santo Sepolcro di Milano, in Atti del convegno internazionale di studi Il collezionismo e le grandi raccolte di disegni di architettura, a cura di P. Carpeggiani e L. Patetta, Milano 1989; G. FERRI PICCALUGA, I cavalieri milanesi del Santo Sepolcro: scienza e cultura nella capitale del ducato, in I templari: mito e storia, Atti del convegno internazionale di studi (Poggibonsi, 29-31 maggio 1987), Sinalunga 1989; G. FERRI PICCALUGA, Liconografia della passione e il dibattito sulle sacre scritture. Il progetto di un sacro monte nella chiesa milanese del Santo Sepolcro nellet della Controriforma, in Sacri Monti. Devozione, arte e cultura della Controriforma, cur. L. Vaccaro F. Ricordi, Milano 1992, 173-193; G. GALBIATI, Il tempio dei Crociati e degli Oblati: San Sepolcro dell'Ambrosiana, in I Cavalieri Lombardi dell'Ordine del Santo Sepolcro, Milano 1930, estr. pp. 96; C. GORLA, San Carlo e gli Oblati, San Carlo Borromeo nel terzo Centenario della Canonizzazione, [11]/10

141

(1909), 168; C. MARCORA, Fonti storiche per la chiesa di S. Sepolcro in Milano, MSDM, II, Milano 1957, 143-163; G. D. OLTRONA VISCONTI, Le vicende di tre canonicati di S. Sepolcro, MSDM, XVI, Milano 1969, 81-104; F. PIROLA, S. Sepolcro: 1036-1928. Nove secoli di storia, DMi, XI (1971), 146-152; M. ROSSI, Il rinnovamento architettonico della chiesa milanese di S. Sepolcro tra Cinque e Seicento e il relativo contesto urbanistico, in Larchitettura a Roma e in Italia 1580-1621, vol. II, Roma, 1989, 211-216; R. SALVARANI, San Sepolcro a Milano nella storia delle crociate, in Deus non voluit, Milano 2003, 263-282; L. SANTANDREA, Il Tempio del S. Sepolcro dell'Ambrosiana, Milano 1957. b) notizie: Bardeaux, 1938-1942, 134; Bartoli, 1776-1777-1777, I, 152, 219; Bendiscioli1, 1957, 173, 187, 245, 342-4; Beltrami, 1898, fasc. 12; Bernareggi1, 1931, 684-722, 794-7, 805; Bernareggi2, 1931, 1035; Bianconi, 1787, 254; Bossi, 1818, 142; Canetta, 1883, 12; Colombo, 1999; Fassina, 1985, 207; Forcella2, 1889, 70; Forcella, 1895, 70; Fustella, 1965, passim; Fustella, 1966, passim; Fustella, 1967, passim; Fustella, 1968, passim; Fustella, 1970, passim; Grassi, 1966, 163, 289, 433; Marcora1, 1967, 244-5; Mezzanotte, 1957, 509; Mezzanotte2, 1959, 509; Mongeri, 1872, 301; Morigia, 1592, I, 44; Nicodemi1, 1958, 490; Orsenigo, 1908-1910, 157, 161,420,478; Pellegrini3, 1910, 605; Porro, 1629, 180; Puricelli, 1645, n. 288; Santagostino, 1671, ed. 1980, 41; Sebastiani, 1995, 102; Vigotti, 1974, 85; Zanoni L., 1912, 76-7. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio della Congregazione degli Oblati, cassetto n. 1; A.S.M., Fondo Religione p.a., cartt. 492-497; Registri nn. 28-47; A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo V; Ornato Fabbriche, II, cart. 30; A.S.D.M., Sez. III, Sped. div., pacco 23; Biblioteca Ambrosiana, F. 99 inf.; U 20 inf.; F 188 inf. 2v; ms. S. P. II, 261; Castiglioni, 1948-1949, 250; Gatti Perer, 1964-1965, 153; Maderna, 1980, 48; Marcora1, 1963, 460, 464. S. SIGISMONDO (S. Maria greca) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Fra i numerosi sacelli che costituivano un complesso contorno della basilica santambrosiana, ben pochi sono rimasti: San Vittore in ciel doro inglobato nella chiesa, i resti di Santa Valeria, e infine S. Sigismondo. Il piccolo sacello, nel cortile della canonica, rivela chiaramente il sovrapporsi di fasi di costruzione: la chiesa pre-romanica e romanica, la ridefinizione barocca e gli ampi restauri del Novecento. [DCA, V, 3436] UBICAZIONE ATTUALE. p.za S. Ambrogio a) trattazioni specifiche: Latuada, IV, 1737-1738, IV, 298-301; Lupieri-Maderna, 1972, 5.9 Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 367; Vigotti, 1974, 71-72 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 84. F. REGGIORI, La basilica ambrosiana. Ricerche e restauri, Milano 1941; F. REGGIORI, La basilica di S. Ambrogio a Milano, Firenze 1946. S. SILVESTRO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Documentata sin dallXI sec., sorgeva lungo lattuale via Verdi sul luogo del palazzo della Cassa di Risparmio a ridosso delle mura romane, di cui il Besta (1583) aveva riconosciuto un tratto incorporato nel muro del campanile: ricostruita ai tempi del Torre, da Girolamo Quadrio, la chiesa fu soppressa nel XVIII secolo e distrutta allinizio dellOttocento. [DCA, VI, 3439] a) trattazioni specifiche: Sormani, 1760, 121-122; Torre, 1674, ed. 1714, 271; Vigotti, 1974, 86 b) notizie: Cattaneo, 1958, 295; Gualdo Priorato, 1666, 101; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 155. c) fonti e citazioni documentarie: Le pergamene milanesi, 1993. S. SILVESTRO IN RONCHETTO SUL NAVIGLIO ZONA: fuori Porta Ticinese (Ronchetto sul Naviglio) ORIGINE E VICENDE: la chiesa fu fondata verso il 1550 da Giovanni Angelo Corio. La cura

142

danime, iniziata tra il 1555 e il 1559, per privilegio di papa Paolo IV fu istituita nella forma della capellania curata e poi della parrocchia mercenaria di giuspatronato dei proprietari del fondo del Ronchetto fino al 1929. UBICAZIONE ATTUALE: via Giorgio Merula a) trattazioni specifiche: DCA, VI, 3440-3442 G. FLORIDIA, Notizie storiche su San Silvestro. al Ronchetto sul Naviglio Grande, Milano 1993 (dattiloscritto) b) notizie: Fumagalli, 1891, 63-65 F. CONSERVA G. PONTI A. VIGORELLI, Trezzano e la pieve di Cesano Boscone, Trezzano sul Naviglio 1977, v. IV, 132-141; M. COMINICINI, Il Naviglio Grande, Abbiategrasso 1981, 88, 169, 170. SS. SIMONE E GIUDA (Marliano, domus de) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: la chiesa menzionata dal Liber notitiae. Prima del 1264 si ebbe linsediamento nella parrocchia di S. Lorenzo di una comunit di umiliati. Nel 1275, avvenne la costruzione di chiesa e monastero, il cui titolo si collegava allantica denominazione della via (oggi Cesare Correnti): Stradone di S. Simone, dove si svolsero alcuni processi religiosi, fra i quali quello contro Guglielma la Boema e i suoi seguaci, condannati al rogo il 6 agosto 1300. ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: 1570, soppressione dellordine degli umiliati. La chiesa conserv il titolo antico dei SS. Simone e Giuda. Nel 1810, la chiesa fu sconsacrata e adibita a teatro, poi in magazzino di stracci e nella seconda met dellOttocento ospit una comunit evangelica alla quale si deve probabilmente lattuale facciata. UBICAZIONE ATTUALE: via Cesare Correnti 9-11 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 640; Latuada, 1737-1738, IV, 22-23 MezzanotteBascap, 1958, 609; Milano ritrovata, 1991, 247-248 (con bibliografia); Sormani, 1760, 9. b) notizie: Bernareggi, 1929, 167; Bernareggi1, 1931, 683-4, 692-3; Biscaro, 1930, 15; Fumi, 1910-1911, 70; Martegani, 1968, 57 58, Prada, 1954, 63; Schuster, 1946, 33, 34. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., Visite Pastorali, v. XVII (S. Lorenzo), XXXVIII (S. Pietro in Caminadella), LVIII (Metropolitana-Miscellanea citt); A.S.M., Fondo Religione, cart. 3796 (decime); Amministrazione Fondo Religione, Istruzione Pubblica, cart. 2098; Pergamene del Fondo Religione, cart. 430; Beretta, 1939, 20; Castiglioni, 1960, 12; Magistretti, 1900, 28; Magistretti, 1910, 126; Marcora1, 1967, 241-42, 58-9 (1575 mg 27); Vigotti, 1974, 86; Zanoni L., 1911, 196. S. SIMPLICIANO ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: La Basilica Virginum sorse nel sec IV, sull'area di un cimitero pagano, a opera del vescovo Ambrogio e fu terminata dal suo successore Simpliciano, che vi depose i corpi dei SS. Martirio, Sisinio e Alessandro cio i martiri dell'Anunia e che vi fu sepolto. Il tempio attuale ne incorpora nel perimetro parte delle strutture murarie, che definivano un edificio probabilmente a pianta centrale con vari ambienti laterali (un'abside a E, due vani quadrati a N e a S) e uno spazio quadrato a O di dimensioni uguali al nucleo centrale; un sacello a tre braccia vi fu aggiunto forse nel sec. V, mentre all'inizio del VII l'asse longitudinale della chiesa fu trasformato a tre navate. Il primo intervento romanico (sec. XI) riguard la riduzione e l'avanzamento dell'abside, nonch la copertura a volte del piedicroce; il secondo (sec. XII) attese a una generale ricostruzione, caratterizzata dalla divisione del transetto in due navate gemelle. Successivi interventi modificarono le aperture, occlusero il nartece paleocristiano (sostituito dalle due fila di cappelle) e ridussero l'elevazione del campanile. Al 1841 risale il deprecato intervento di Giulio Aluisetti, che pens d'intonacare e semplificare i piloni della navata, mentre nel 1870 Carlo Maciachini rifece con i consueti criteri interpretativi la facciata. I restauri pi recenti, oltre a riportare alla luce parte delle strutture paleocristiane, hanno puntato al ripristino del carattere romanico della chiesa. [Milano, 10 ed., TCI, 1998,

143

252] ORDINE: Benedettini; nel 1462 labbazia fu data in commenda; nel 1517 fu affidata alla Congregazione di S. Giustina. SOPPRESSIONE: 1798 UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Simpliciano a) trattazioni specifiche: Arslan2, 1954, 402, 436, 494, 512-4; Baroni, 1940, 176-183; Bartoli, 1776-1777, 219; Bianconi, 1787, 354-358; Bognetti2, 1954, 775, 793, 797; Borroni, 1808, 138-140; Bossi, 1818, 197-199; Cattaneo, 1961, 540, 558, 587, 591-5, 661, 695; Cattaneo, 1980, 10, 11, 13, 19, 20, 24, 27; Chisini Bulak, 1956, 277-8, 280-2, 287, 290-2, 296-8, 300; Fiorio, 1985, 125-130; Kinney, 1987, 70-75; Gualdo Priorato, 1666, 45; Latuada, 1737-1738, V, 71-83; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 407-412; Milano capitale, 1990, 135-137; Milano e la Lombardia in et comunale, 1993 (interventi di A. Segagni Malacart e M. T. Fiorio); Palestra, 1967, 60; Patetta, 1987, 92-95; Picasso, 1993; Pirovano, 1822, 213-215; Ponzoni, 1930, 43-7; Porter, 1916, 652-7; Romanini, 1958, 49-51, 54; Studi di storia locale, 1983, 46; Torre, 1674, ed.1714, 220-223; Vismara Chiappa, 1980, 149-155, 190-2; Zucchi, 1989, 207 (con bibliografia). P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 1) Il caso S. Simpliciano a Milano, ArCr, LIV (1966), 183-6; E. ARSLAN, Osservazioni preliminari sulla chiesa di San Simpliciano a Milano, ASL, LXXII-LXXIV (1945-1947), 5-32; E. ARSLAN, La basilica paleocristiana di San Simpliciano a Milano, in Actes du VIe Congrs International dtudes byzantines, II, Paris 1951, 15-21; E. ARSLAN, Brevi considerazioni sulla basilica di S. Simpliciano, Rendiconti dell'Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, LXXXVII (1954), 8-12; E. ARSLAN, Nuovi ritrovamenti in S. Simpliciano a Milano, Bollettino d'arte, XLIII (1958), 199-212; E. ARSLAN, Ultime novit a San Simpliciano, ArLo, VI/2 (1961), 149-164; S. BANDERA, Breve itinerario artistico in San Simpliciano, 119 (1992), 8-14; C. BARONI, San Simpliciano abbazia benedettina, Milano 1934 [= ASL, LXI (1934),1-121]; C. BATISTINI, Milano, chiesa di S. Simpliciano. La sua evoluzione formale letta e documentata attraverso il rilievo, ArLo, 52 (1979), 5-20; C. BONATTI, La basilica di S. Simpliciano, La Martinella, XXXI (1977), 8-13; A. CALDERINI, Iscrizioni inedite della basilica di S. Simpliciano, Rendiconti del Reale Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, LXVII (1934), 309-314; G. CASATI, San Simpliciano, basilica dei santi e del Carroccio, Milano 1953; E. Cattaneo, Storia dei chiostri di S. Simpliciano, in La Facolt Teologica dell'Italia Settentrionale. Una scuola di Teologia, Milano 1978, 79-90; E. CATTANEO, San Simpliciano di Milano, in Monasteri, 40-51; A. CERESA MORI B. HOWES, Milano. Basilica di S. Simpliciano, Notiziario della Soprintendenza archeologica della Lombardia, 1988-89, 309-310; A. COLOMBO, S. Simpliciano. Basilica del Carroccio. Nell'VIII centenario della battaglia di Legnano, Milano 1976; L. CRIVELLI, La basilica del Carroccio: San Simpliciano, Milano 1976; L. CRIVELLI, San Simpliciano, un vescovo una chiesa, DMi, XXI (1980), 324-9; L. CRIVELLI, Sul restauro interno di S. Simpliciano, Milano 1980; L. CRIVELLI, L'altare maggiore di San Simpliciano, DMi, XXII (1981), 72-7; L. CRIVELLI, La basilica di San Simpliciano tra storia e arte, Ca de Sass, 1992, 119, 2-7; L. GREMMO, Cenni su osservazioni e ipotesi dal paleocristiano al romanico, DMi-TA, XXVI/3 (1985), 69-73; L. GREMMO, Basilica di S. Simpliciano: cenni su osservazioni e ipotesi dal paleocristiano al romanico, Terra Ambrosiana, 3 (1985), 69-73; S. LUSUARDI SIENA, La basilica Virginum, in Milano capitale dellImpero romano. 286-402 d. C., Milano 1990, 135-136; C. MAINARDI, La basilica di S. Simpliciano un restauro da ultimare, La Martinella, XXXV (1981), 126-131; M. MIRABELLA ROBERTI, Milano - Basilica di S. Simpliciano, in Studi e ricerche nel territorio della provincia di Milano, a cura di M. L. GATTI PERER, Milano 1967, 155-8; M. MIRABELLA ROBERTI, La basilica di San Simpliciano, Milano 1975; M. MIRABELLA ROBERTI, San Simpliciano, Milano 1976; F. MONFRIN, A propos de Milan. Sige piscopal et topographie chrtienne. IV-VI sicles, Cahiers archologiques, 39 (1991), 32-33; San Simpliciano e il nuovo organo Ahrend, Milano 1991; D. SANT'AMBROGIO, Ricordi cluniacensi in Milano. Il portale di S. Simpliciano, La Scuola Cattolica, XXXIV (1906), 206-211; G. STRUFFOLINO KRUGER, Problemi di restauro: interventi ottocenteschi nella chiesa di S. Simpliciano di Milano, ArLo, XV/l (1970), 109, 114; M. VALSECCHI, Il Bergognone a S. Simpliciano, Milano 1964; Zucchi, Cino, Il chiostro maggiore di San Simpliciano a Milano: lessico e sintassi classica nel Cinquecento, "Quaderni

144

del Dipartimento di progettazione dell'architettura del Politecnico di Milano", n. 4, marzo 1987. b) notizie: Alberzoni, 1981, 588, 590; Ambrosioni, 1989; Arslan1, 1954, 509, 543, 548, 549, 584, 595; Bandera, 1997, 231; Bardeaux, 1938-1942, 135, 206; Barni1, 1954, 73, 93; Barni2, 1954, 252, 332, 372, 386; Barni3, 1954, 7, 67, 104; Baroffio, 1974, 189; Baroni, 1930, 4201; Baroni, 1941, 37, 58; Bernareggi1, 1931, 700; Bernareggi2, 1931, 1035; Besta1, 1954, 420; Bianconi, 1787, 357; Biscaro1, 1908, 241; Biscaro, 1909, 385; Biscaro, 1914, 79; Biscaro, 1928, 442, 443; Biscaro, 1930, 37; Bocchi, 1980, 303; Bognetti, 1938, 40; Bognetti, 1948, 145, 155, 230, 231, 311, 452; Bognetti1, 1954, 182, 183, 187, 204, 225; Bognetti, 1958, 3, 26 tav. XVI; Borella, 1948, 106, 114; Caizzi, 1958, 354; Capitani, 1971, 451, 452, 475; Carlevaro, 1982, 117; Cattana, 1980, 83, 90-1, 112, 114, 120, 129, 131, 132, 136; Cattana, 1984, 118; Cattaneo1, 1954, 774, 790, 797; Cattaneo2, 1954, 621, 682, 684, 706; Cattaneo, 1955, 16-8, 39; Cattaneo, 1958, 294; Cattaneo1, 1984, 209; Cattaneo2, 1984, 230, 233; Chabod, 1971, 272; Cognasso, 1955, 239; Colombo, 1922, 248; DellAcqua, 1957, 682; Dondaine, 1953, 90; Fassina, 1985, 124; Ferrari, 1980, 231, 232; Fraccaro, 1952, 43, 52; Franceschini, 1954, 320; Galassi, 1956, 97-8; Galli, 1905, 360, 364; Gengaro, 1955, 130; Gerosa Brichetto, 1973, 64; Gerra2, 1969, 357-8; Grassi, 1964, 135; Grassi, 1966, 289, 299, 389; Haverkamp, 289, 290, 295; Keller, 1979, 55, 231, 235, 237, 240, 243; Lanzi, 1789, IX, 24; Leccisotti, 1972, 623; Magni, 1937, 215; Marcora, 1956, 291; Marcora, 1958, 420-3; Marcora2, 1959, 431; Marcora, 1960, 376-380; Mezzanotte, 1966, 264; Monneret de Villard, 1954-1955, 24; Natale, 1972, 479; Nicodemi2, 1958, 545; Orsini, 1954-1955, 158-9; Orsini1, 1959 , 50, 52, 133, 164; Orsini2, 1959 , 148, 168-9; Panizza, 1956, 171; Pellegrini2, 1910, 438; Picasso, 1980, 30, 46; Puccinelli2, 1650; Reggiori, 1960, 650, 652; Rinaldi, 1958, 260; Rizzo, 1984, 796; Romanini, 1954, 433, 440, 484, 514; Romanini1, 1955, 705; Romanini1, 1959, 728, 744; Rosa, 1630, 1957, 832-3; Santagostino, 1671, ed. 1980, 54; Schuster, 1946, 11-2; Sioli Legnani-Mezzanotte, 1945, 15, 45, 53; Smiderle, 1960, 134, 136, 176; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 134; Spinelli, 1980, 205, 213; Valagussa, 1997, 202; Vincenti, 1960, 84, 85, 88, 89; Vismara, 1932, 330-2; Vittani, 1923, 268; Zanoni L., 1911, 208, 212; Zerbi, 1950, 46, 48-50, 168; Zerbi, 1966, 286-7, 290. Das ambrosianische Sakramentar D 3-3 aus dem mailandischen Metropolitankapitel, ed. J. FREI, Mnster 1974 (Liturgiewissenschaftliche Quellen und Forschungen, 56); ANON., Uccisione e lasciti artistici del protonotaro Negri, ASL, XXXI, s. IV /1 (1904), 461-2; B. BAROFFIO, Verso una storia eucologica ambrosiana. Le ricerche di J. Frei e ledizione del Sacramentario di S. Simpliciano, RSCA, VII, Milano 1977 (ArAm, 33), 5-25; G. BISCARO, Il comune di Treviglio e il monastero di S. Simpliciano, ASL, XXXII, s. IV /3 (1905), 436-8; P. BORELLA, Il rituale del Messale di S. Simpliciano, Ambrosius, XXV (1949), 83-8; G. BROGIOLO, Archeologia delle chiese e delle necropoli, in 2 Convegno archeologico regionale. Atti (Como, 1984), Como 1986, 507-526, A. FOLLADORI, Lemergere dei laici nellassistenza, Terra Ambrosiana, 6 (1992), 57-64; M. L. GATTI PERER, Il monastero e i chiostri di S. Ambrogio, in Dal Monastero di S. Ambrogio allUniversit Cattolica, a cura di M. L. Gatti Perer, Milano 1990, 89-114; O. HEIMING, Ein fusionniertes Gregorianum und ein AmbrosianoBenedictinum. Zwei Palimpsestsakramentare in British Museum Harleian 2510, Ephemerides Liturgicae, LXIV (1950), 238-273; G. MORIN, Eine Mailander Synodabrede des Abtes Ubert (von St-Simplician?) aus dem 12. Jahrhundert, SMGBO, XLIII (1925), 1-13; G. PICASSO, Il sermone inedito di Uberto abate milanese del sec. XII, in Contributi I, 324-348; G. PICASSO, A proposito di Uberto abate di S. Simpliciano in Milano nel sec. XII, RSCA, III, Milano 1972 (ArAm, 23), 67-70; M. RONCHI, Le vetrate di Carri in Duomo e in S. Simpliciano, Citt di Milano, LXXVII (1960), 480 f. t.; G. SPADA, Notizie sulla vita e sulle opere di Agostino Lampugnani e Agostino Lampugnani nell'opera del Manzoni, in E. N. GIRARDI . G. SPADA, Manzoni e il 600 lombardo, Milano 1977, 56-72 e 73-114; A. TAMBORINI, S. Giovanni sul Muro in Citt Humilitas, [1]/6 (1929), 172; E. H. WILKINS, Petrarch's Eight Years in Milan, Cambridge (Massachusetts) 1958, 198; P. ZERBI, Una lettera inedita di Martino Corbo, Studi e materiali di storia delle religioni, XXXVIII (1967), 720-l. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147, 150; Beretta, 1939, 10; Borella, 1957, 187; Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1964, 39-40 (1582); Cattaneo, 1957, 259, 286, 295-8; Gatti Perer, 1964-1965, 188, 192, 208; Locatelli Milesi, 1912, 111; Magistretti, 1900,

145

26; Magistretti, 1910, 125, 560; Mainoni, 1978, 571 (1375 ap 1); Marcora2, 1959, 258 (XIII sec.), 262 (1349); Marcora2, 1961, 536 (1564 nv 4); Palestra, 1971, 71 (1372 set 7), 82; 01, 73 (1650); Le pergamene milanesi, 1993; Vigotti, 1974, 36, 51, 86, 92. G. BISCARO, Benzo da Alessandria e i giudizi contro i ribelli dell'impero a Milano nel 1311, ASL, XXXIV, s. IV /7 (1907), 287, 289, 290, 313 (1311 set 6); U. MONNERET DE VILLARD, Contributi alla storia delle biblioteche milanesi, ASL, XLV (1918), 298-9 (1512 ot 26) S. SIRO ALLA VEPRA ZONA: fuori Porta Vercellina ORIGINE: le prime notizie risalgono al 18 luglio 885. Quel che resta di antico delledificio (labside) non risale a prima della met del XV secolo. Propriet della basilica di SantAmbrogio, nella seconda met del Duecento ospit una comunit di Umiliati. Prima del 1581 fu incorporata alla parrocchia di S. Bartolomeo e successivamente alla parrocchia di S. Pietro in Sala. UBICAZIONE ATTUALE: via Masaccio a) trattazioni specifiche: Fiorio, 1985, 98.-99; Lupieri-Maderna, 1972, 7.2 S. BANDERA BISTOLETTI, Gli affreschi di San Siro alla Vepra, ArCr, 75 (1987), 43-46; P.G. AGOSTONI, San Siro alla Vepra, Rassegna di Vita ambrosiana, 1905 VI, n. 9 (settembre); W. PINARDI, San Siro alla Vepra, Diocesi di Milano, 1965 settembre, 439-442; W. PINARDI, Vicende storico-artistiche della chiesetta di San Siro alla Vepra, in I Corpi Santi di Porta Vercellina a Milano, 1966, 8-20, D. SANTAMBROGIO, Vicende storiche della chiesuola di San Siro, La Chiesa Cattolica, 1908 XXXVI, novembre, 664-668; D. SANTAMBROGIO, Reliquie darte nella chiesa di San Siro presso Milano, La Scuola Cattolica, 1908 XXXVI, giugno, 694696; D. SANTAMBROGIO, San Siro alla Vepra e le sue reliquie dantichit, LOsservatore cattolico, 1908 3 maggio. b) notizie: Algeri, 1981, 33 ss.; Bandera, 1997, 242; Cazzani, 1981; Mazzini, 1965, p. 614; Natale, 1982, pp. 67-70; Ponzoni, 1930, pp. 247-252; Sarzi, 1987, 355-356; Tea, 1942. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Fondo Religione, p. m., cart. 1598; AS.D.M., Sez. X, Visite Pastorali, Miscellanea citt, vol. XVIII, quinto 18, fo . 416. S. SIMPLICIANO MINORE (S. Simplicianino; S. Simpliciano allAgnello) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: piccola chiesa gi menzionata dal Liber notitiae e situata, secondo il Latuada , in via dellAgnello. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 220; Latuada, 1737-1738, I, 178-180 c) fonti e citazioni documentarie: Gualdo Priorato, 1666, 54; Vigotti, 1974, 36, 86-87. S. SISTO ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: oratorio di origini longobarde, poco si sa dei rifacimenti fino al secolo XVI. La chiesa fu ricostruita con una serie di interventi avvenuti a pi riprese tra il 1570 e il primo decennio del Seicento. Nel 1660, tuttavia ledificio minacciava gi di crollare, inducendo il curato a cercare fondi presso il marchese di Modrone, la cui casa confinava col tempio. Ne deriv una lunga controversia giuridica al termine della quale la chiesa fu solo parzialmente rifatta. Nel 1791 fu soppressa la parrocchia, ma gli uffici religiosi continuarono fino alla prima guerra mondiale, quando la chiesa fu requisita per diventare un magazzino militare. Acquisita successivamente dal Comune, fu adattata a laboratorio museo dello scultore Francesco Messina nel 1970. UBICAZIONE ATTUALE: via S. Sisto a) trattazioni specifiche: DCA, VI, 3465-3467; Latuada, 1737-1738, IV, 64-66; LupieriMaderna, 1972, 5.12; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 132; Milano ritrovata 1986, 484488 (con bibliografia); Ponzoni, 1930, 323; Sormani, 1760, 9; Torre, 1674, ed. 1714, 124125; Zeppegno, 1981, 232-235. D. SANTAMBROGIO, La campana votiva del 1655 nella chiesa di San Sisto, LOsservatore

146

Cattolico, 2 ottobre 1909; San Sisto a Milano: lo studio di Francesco Messina, Milano 1973. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 73; Madema-Lupieri, 1972, n. 5/12; Mezzanotte,1957, 642; Monumenta..., 1971, passim; Monumenti, 1927, .43; Puricelli, 1645, .86; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Localit milanesi, 413; Ornato Fabbriche, I s.; 15/6, 16/12, 17/11, 18/12; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, San Giorgio, VI; Vigotti, 1974, 87. S. SPIRITO ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Nelloratorio, gi situato nella zona retrostante la canonica di Santa Maria della Scala, il Torre ricordava ancora numerosi dipinti di Pietro Gnocchi. [DCA, VI, 3517] ORDINE: Orsoline b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 101; Sormani, 1760, 121; Torre, 1674, ed. 1714, 281-282. S. SPIRITO ZONA: Porta Vercellina (sede originaria nellattuale via S. Nicolao); a Porta Nuova (dal 1546) ORIGINE E VICENDE: nel 1297 ci fu la fondazione di chiesa e monastero in Porta Vercellina; distrutti alla fine del XV secolo. Nel 1546 si ebbe lacquisto da parte degli Umiliati di S. Spirito del monastero di S. Caterina di Rancate (v.), dopo il 1571 monastero fu dato in commenda; nel 1579 vi fu insediato il Collegio Elvetico; nel 1583 avvenne lacquisto di chiesa e monastero da parte delle Orsoline ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: 1808 a) trattazioni specifiche: Cattaneo, 1961, 640; Mezzanotte-Bascap, 1958, 894-5; Sormani, 1760, 158-159; Studi di storia locale, 1983, 46; Vigotti, 1972, 60-1, 67, 92, 95. C. A. MOR, Il Monastero di S. Spirito e la sua trasformazione in sede di scuola comunale, Citt di Milano, XLII (1926), 332-8. b) notizie: Baroni, 1931, 932; Chiapponi, 1995, passim; Gavignan, 1978, 392; Gerosa Brichetto, 1973, 26; Gerra2, 1969, 359; Gerra5, 1969, 567; Sebastiani, 1982, 207, 217,218; Sevesi, 1906, 11; Spinelli, 1999, passim; van Luijk, 1953-1959, 138-9; Vittani, 1931, 854-5. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 8; Castiglioni, 1960, 12; Flumiani, 1927, 572, 581; Magistretti, 1900, 27; Magistretti, 1910, 126; Marcora2, 1961, 483 (1564 giu 20); Le pergamene milanesi, 1993; Santoro, 1939, 88. S. SPIRITO ZONA: Ghisolfa ORIGINE E VICENDE: loratorio situato fra le attuali via Percetta e via Delfico viene fatto risalire ai primi anni del XVI secolo. Fu retto dapprima dai padri somaschi e poi incorporato nella parrocchia della SS. Trinit. ORDINE: Somaschi UBICAZIONE ATTUALE: via Delfico a) trattazioni specifiche: Lupieri-Maderna, 1972, 8.7 b) notizie: Bagnoli, 1965, I, 177; Sarzi, 1987, 376. S. STEFANO ALLE FONTI ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: si tratta probabilmente del primo edificio battesimale milanese, risalente al secolo IV, anche se non esistono indiscutibili prove archeologiche in tal senso. NellAlto Medioevo il battistero di S. Stefano era riservato alle donne, mentre quello di S. Giovanni alle Fonti, agli uomini. Il destino di questo edificio fu segnato dal progetto del nuovo Duomo e cio dovette essere demolito nel corso delle prime fasi del cantiere trecentesco. Esso appare ancora raffigurato in una singolare testimonianza iconografica rimontante forse al XVI sec. che fu riprodotta per la prima volta dal Puricelli: in essa sono schematicamente raffigurati, tutti come semplici edifici dalla facciata a capanna, il battistero, quello di S. Giovanni alle Fonti, le chiese dedicate agli arcangeli Raffaele, Gabriele (a cui si accompagna il campanile della

147

Metropolitana), Michele e Uriele, fiancheggianti lecclesia maior jemalis di S. Maria Maggiore. [DCA, VI, 3557] a) trattazioni specifiche: Monfrin, 1991, 19-20. E. CATTANEO, Appunti sui battisteri antichi di Milano, Rendiconti dellIstituto lombardo di scienze e lettere, 103 (1969), 849-864; C. FERRARI DA PASSANO, Le origini lombarde del Duomo. Ritrovamenti avvenuti nella Sacrestia Aquilonare e nel tornacoro durante i lavori di restauro. 1965-1973, Milano 1973; C. FERRARI DA PASSANO, Il battistero di S. Giovanni alle Fonti, in SantAgostino nel Duomo di Milano, Milano 1987, 25-28; A. PRACCHI, Unantica testimonianza sul centro religioso di Milano, Il disegno di architettura, 1 (1990), 18-19; I. SCHUSTER, Dovera la chiesa di S. Stefano ad fontes, ArCr, 37 (1949), 176-177; b) notizie: Fassina, 1985, 209 c) fonti e citazioni documentarie: ENNODIUS, Carmina, IC, CCCLXXIX [ed.:Monumenta Germaniae Historica. Auctores antiquissimi, VII]. S. STEFANO IN BICERIO (S. Stefanino) ZONA: fuori Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: Negli anni 1274-1280 la fondazione era sede degli umiliati. Nella medesima sede fu fondato a inizio Cinquecento un monastero di domenicane. Alcuni anni dopo ci fu il passaggio alla regola di S. Benedetto. ORDINE: Umiliati; Domenicane; il 9 agosto 1520, papa Leone X conferma il monastero nella regola benedettina. SOPPRESSIONE: un decreto arcivescovile del 5 ottobre 1562, confermato da bolle di Pio IV dell8 febbraio e 23 luglio 1565 soppresse il monastero e le monache furono unite alle carmelitane di S. Giovanni Battista. b) notizie: Cattaneo, 1961, 607; Sebastiani, 1995, 105. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 88 G. MAZZUCCHELLI, Origine del Ven. Monastero di S. Maria in Valle di Milano. Con li pi memorabili successi seguiti sin al presente, in A. S. M., Fondo di religione, p. a., 2038. S. STEFANO IN BORGOGNA ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa documentata sin dal XIV secolo si affacciava sullattuale via Cerva. Lappellativo deriva probabilmente dalla famiglia Borgogna (Torre). La chiesa fu ricostruita da Michelangelo Greco allepoca del cardinale Federico Borromeo e fu patronato della famiglia Ferrari e parrocchiale fino al 1787. SOPPRESSIONE: 1787. Ledificio dopo essere stato ridotto a magazzino di legna e carbone fu demolito negli anni Settanta del XX secolo. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, I, 195-196; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 515; Torre, 1674, ed. 1714, 332-333. P. GERRA, Santa Maria della Pace e Santo Stefano in Borgogna, DMi, X (1969). b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 54. S. STEFANO IN NOSIGGIA ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Lantica chiesetta era situata, insieme alla vicina San Martino anchessa del tutto scomparsa nellantica via Nuxie, che correva lungo il lato destro dellattuale piazza Belgioioso, lungo lomonimo palazzo e lodierna via Morone. Se su questultima prospettava San Martino, la fronte di S. Stefanino doveva trovarsi sulla contrada di San Paolo (grosso modo allincrocio con lattuale via Hoepli), essendone le rispettive collocazioni difficilmente riscontrabili, date le ampie trasformazioni urbanistiche intercorse nella zona. [DCA, VI, 3555-3556] SOPPRESSIONE: ledificio sconsacrato nel 1786 fu trasformato dal principe Alberico Barbiano di Belgioioso in una casa residenziale con botteghe, e demolito negli anni 30 del XX secolo nel corso degli sventramenti per lapertura di corso Littorio (oggi corso Matteotti).

148

a) trattazioni specifiche: Forcella2, 1889, V, 177-179. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 101; Il Settecento lombardo, 582; Vigotti, 1974, 88 P. B. CONTI, Documenti inediti sulla presenza della famiglia di Leone Leoni a Milano. Prime osservazioni, Civilt ambrosiana, 8 (1991), 341; Nuovi documenti per S. Maurizio al Monastero Maggiore, Civilt ambrosiana, 6 (1989), 61, n. 19; G. SOLDI RONDININI, Milano tra XIV e XV secolo, in Florence and Milan, Atti del convegno, Firenze 1989, II, 170-171. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.M., Notarile, 16288 (Giulio Corbetta): 1584 settembre 27; A.S.C.M., Famiglie, c. 1626; Breve relatione et stato della fabrica di alcune chiese parochiali di Milano, Milano 1625, c.s.m. [7]. S. STEFANO IN RUGABELLA (S. Stefano di Centenariolo, S. Domenico) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: secondo il Latuada (1738) la piccola chiesa, gi citata nel Liber notitiae era situata allaltezza dellattuale via Rugabella, dopo lex Palazzo Trivulzio. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 220; Latuada, 1737-1738, II, 247-251; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 210; Vigotti, 1974, 55. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 63. S. STEFANO MAGGIORE (S. Stefano in Brolo, S. Zaccaria) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: fondata nel 417, fu ricostruita nel 1075 in seguito a un incendio. Modificazioni sostanziali della struttura medievale si riscontrano a partire dal XVI secolo. Nel 1620 fu abbattuto lantico nartece e nel 1629 si decise di allungare ledificio. Nel 1642 croll il campanile medievale e la nuova torre fu completata nel 1696. Ulteriori lavori furono compiuti nellOttocento. UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Stefano a) trattazioni specifiche: Baroni, 1940-1968, 184-204; Bartoli, 1776-1777, 220; Bianconi, 1787, 90-94; Borroni, 1808, 41-42; Bossi, 1818, 59-60; Giulini, ed. 1854, II, 184 ss., 507, 509; III, 179; Gualdo Priorato, 1666, 43-45; Latuada, 1737-1738, II, 21-39; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 525-528; Pirovano, 1822, 111-114; Ponzoni, 1930, 308; Rotta, 1881; Torre, 1674, ed. 1714, 314; Vigotti, 1974, 87-88 G. DE SIMONI, Lultimo avanzo dellantica basilica di S. Stefano in Brolo distrutta nel 1703, Citt di Milano, XL (1924), 168; C. DEVOTI, Giuseppe Meda e il contratto per la costruzione della cappella Trivulzia in S. Stefano in Brolo, ArLo, XII, 1 (1967), 121-126; G. B. MADERNA, Origini e storia della cappella Trivulzia in S. Stefano in Brolo in Milano opera dellarchitetto milanese Giuseppe Meda (1594-1595), XII, 1 (1967), 158-159; F. REGGIORI, La basilica di Santo Stefano qualera nel Medioevo, Bollettino dArte, 1924-1925, 402-412. b) notizie: Arslan2, 1954, 448, 449, 451; Baroni, 1933, 453-482; Baroni, 1937, 106-117; Baroni, 1941, 131; DellOmo, 1991; Santagostino, 1671,ed. 1980, 19, 24, 26, 31; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo X, f. 13; A.S.D.M., Sez. X, Visite pastorali, Santo Stefano, voll. I, VII, IX, X, XI, XIII; Biblioteca Ambrosiana, Raccolta Ferrari, Cod. Amb. S 156 su C III; Le pergamene milanesi, 1993. S. TECLA ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: uno degli edifici sacri che fino alla met del Quattrocento occupavano lo spazio dellattuale piazza del Duomo, da un lato della quale si trovava la basilica di Santa Maria Maggiore, pi tardi inglobata nel Duomo, e separata dallantica cattedrale paleocristiana dalledificio del battistero di San Giovanni alle Fonti stretto allabside di S. Tecla. La chiesa con lannesso battistero fungeva da cattedrale ed era di fondazione preambrosiana, edificata intorno alla met del IV secolo allepoca dei vescovi Eustorgio o Dionigi. A seguito dellavvio della costruzione dellodierno edificio del Duomo, il battistero fu distrutto nel 1455, mentre S. Tecla fu abbattuta quasi integralmente tra il 1461 e il 1462. Nel 1548, Ferrante Gonzaga fece

149

eliminare anche il troncone superstite dellabside. a) trattazioni specifiche: Calderini1, 1953, 595-597; Latuada, 1737-1738, I, 2-10; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 3-9; Milano: le chiese scomparse, 1997, I, 6-45 (con bibliografia); Milano capitale, 1990, 106-111; Mirabella Roberti, 1984, 106-110, 115-177; Monneret de Villard, 1914, 22-23; Puccinelli2, 1650, 46-53; Ruffolo, 1970, 6-11, 64-65; Torre, 1674, ed. 1714, 339-341; Traversi, 1964, 47-61; Vigotti, 1974, 39-40. Basilica Nova quae maior est, Diocesi di Milano, novembre (1965), 617-621; L. BELTRAMI, Note di topografia dellantico centro di Milano. S. Tecla. LArengo. Il Coperto dei Figini, Milano 1912; G. BOVINI, La Basilica maior di Milano e il suo battistero, in VIII corso di cultura sullarte ravennate e bizantina, Ravenna 1961, 73-95; I. CHELLINI, Superstantia e superstantes. Alcuni aspetti della Fabbrica di Santa Tecla di Milano, Nuova Rivista Storica, 81 (1997), 401-444; M. DAVID, Indagini sulla rete viaria in et romana, in Milano ritrovata. Lasse di via Torino, a cura di M. L. Gatti Perer, Milano 1986, 119-143; A. DE CAPITANI DARZAGO, Cenni introduttivi alla relazione sullo scavo della basilica di S. Tecla e del battistero di S. Giovanni nella piazza del Duomo di Milano, in Munera. Scritti in onore di A. Giussani, Como 1944, 185-205;A. DE CAPITANI DARZAGO, La "Chiesa Maggiore" di Milano : Santa Tecla, Milano, 1952; F. DELLORO, Il discorso In reparatione ecclesiae Mediolanensis per la solenne dedicazione della ecclesia maior nellanno 453, in Il Duomo cuore e simbolo di Milano (Archivio ambrosiano, XXXII), Milano 1977, 268-301; A. GROSSI, Santa Tecla nel tardo Medioevo. La grande basilica milanese, il Paradisus, i mercati, Milano 1997; S. LUSUARDI SIENA, La basilica nova, in Milano capitale dellimpero romano, 286-402 d. C., Milano 1990, 106-108; M. MIGLIARINI, Alle origini del Duomo. La basilica e il culto di Santa Tecla (Archivio ambrosiano, LXIV), Milano 1990; M. MIGLIARINI, Alla riscoperta di S. Tecla titolare dellantica cattedrale di Milano, Terra Ambrosiana 1 (1990), 60-65; M. MIRABELLA ROBERTI, La cattedrale antica di Milano e il suo Battistero, ArLo, 8 (1963), 1, 77-98; M. MIRABELLA ROBERTI, Topografie e architetture anteriori al Duomo, in Il Duomo di Milano: Congresso internazionale (Milano, Museo della scienza e della tecnica, 8-12 settembre 1968), atti a cura di Maria Luisa Gatti Perer, 31-41; M. MIRABELLA ROBERTI, Antiquarium del battistero di S. Giovanni alle Fonti, in Tesoro e Museo del Duomo, a cura di R. Bossaglia e M. Cinotti, Milano 1978, 15 ss.; E. MONETA CAGLIO, Il titolo originale della basilica di S. Tecla, Civilt ambrosiana, 4 (1987) 6, 434-436; U. MONNERET de VILLARD, Lantica basilica di S.Tecla in Milano, ASL, 1917, 2-24; A. PRACCHI, La cattedrale antica di Milano. Il problema delle chiese doppie tra tarda antichit e medioevo, Roma-Bari 1996; M .ROSSI, Il Duomo e la Piazza nel Quattrocento, ArLo, 72 (1985), 9-17; b) notizie: Arslan2, 1954, 436; Carmassi, 2000; David, 1986, 18-29; Fassina, 1985, 119-121, 205-205; Forcella-Seletti, 1897, 249; Kinney, 1987, 48-79; Mongeri, 1872, 171; Tettin, 1989, 217-220 M. L. GATTI PERER-M. DAVID, La memoria della citt antica tra VIII e XVIII secolo, in Felix temporis reparatio (Atti del convegno Milano capitale dellImpero romano, Milano 8-11 aprile 1990) Milano 1992, 425. c) fonti e citazioni documentarie: Archivio della Soprintendenza archeologica della Lombardia, cart. V, 5; S. AMBROSIUS, Epistula ad Vercellensem ecclesiam (CSEL, LXXXII, X, a cura di M. Zelder, Vindobonae 1982, Ep. extra collectionem 14); PAULINUS MEDIOLANENSIS, Vita Ambrosii, 48, 1 (PAOLINO DI MILANO, Vita di S. Ambrogio, a cura di M. Pellegrino, Roma 1961, 120-122, 48); S. MAXIMUS TAURINENSIS, Homilia XCIV. In reparatione ecclesiae mediolanensis, PL, LVII, 315-318, coll. 469-472; Corpus inscriptionum latinarum, V, 2, 617 (Silloge di Lorsch); Liber notitiae, 1917, XLVI, 383-384; Archivio della Veneranda Fabbrica del Duomo, Liber demolitionis Sanctae Teglae, registri 262 e 616, anni 1461-62. S. TERESA (S. Giuseppe e S. Teresa) ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: nel 1674 ci fu la costruzione del convento ORDINE: Carmelitane Scalze SOPPRESSIONE: 1782/3

150

UBICAZIONE ATTUALE: via Moscova a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 180; Fiorio, 1985, 180; Forcella2, IV, 1889, 357359; Latuada, 1737-1738, V, 257-258; Mezzanotte-Bascap, 1958, 926; Sormani, 1760, 135136. b) notizie: Mezzanotte, 1958, 706; Mezzanotte, 1966, 103; Sebastiani, 1982, 206, 217, 218; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 252; Castiglioni, 1958, 15, 37. S. TOMASO IN TERRA AMARA (ad terram malam) ZONA: Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa documentata fin dallXI secolo, ma allepoca di s.Carlo (1576) ne fu decisa la radicale ristrutturazione che rimase tuttavia incompiuta fino allOttocento quando fu realizzata la facciata in stile neoclassico. UBICAZIONE ATTUALE: via Broletto a) testi specifici: Bartoli, 1776-1777, 221; Bianconi, 1787, 347-349; Borroni, 1808, 135; Bossi, 1818, 192-193; Fiorio, 1985, 131-132; Giulini, 1760, III, 349, VIII, 366, 631; Gualdo Priorato, 1666, 88; Latuada, 1737-1738, V, 42-46; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 147; Pirovano, 1822, 211; Ponzoni, 1930, 437-439; Sormani, 1760, 115-117; Torre, 1674, ed. 1714, 226-227. P. LAMBRUGHI, S. Tomaso in Terra Mara, Diocesi di Milano, febbraio (1976), 99-100. b) notizie: Baroni, 1933, 468; Baroni, 1940-1968, 205-209; Bianconi, 1787, 192; Monumenta, 1971, passim; Santagostino, 1671, ed. 1980, 54 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C. M., Ornato Fabbriche, I serie, n. 15, fasc. 7, 1821-25 L. ZAGNI, Le pergamene del secolo XII della chiesa di S. Tommaso di Milano conservate presso lArchivio di Stato di Milano, Milano 1986. S. TOMMASO DEI MURATORI ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: loratorio si trovava nei pressi dellattuale via del Bollo. b) notizie: Sormani, 1760, 26 SS. TRINITA (extra urbem) ZONA: fuori Porta Comasina ORIGINE E VICENDE: la chiesa ricordata nel Liber notitiae fu costruita nel XII secolo nel popolare borgo degli ortolani. Distrutta in un incendio nel 1616 fu rifabbricata. Nel 1841 ledificio fu abbattuto una prima volta per permettere di ampliare le navate, e poi una seconda volta nel 1968 per esigenza del Piano Regolatore. Questa volta, la chiesa venne ricostruita in via Giusti 25. Dellantico edificio rimane solo il campaniletto romanico in via Giannone. ORDINE: Umiliati a) trattazioni specifiche: Borroni, 1808, 142; Bossi, 1818, 201; DCA, VI, 3739-3741; Forcella2, IV, 1889, 59-61; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 401; Sarzi, 1987, 114; Sormani, 1760, 99-100; Vigotti, 1974, 89 E. MANZONI, La Chiesa e la parrocchia della SS. Trinit: memorie storiche, Milano 1920. SS. TRINITA (oratorio) (S. Giovanni in Era, S. Giovanni Bocca dOro) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: Gi situato in corrispondenza dellangolo fra le vie Osti e Pantano (un tempo di fronte al cimitero della basilica Apostolorum), nonch anticamente dedicato a S. Giovanni in Era (ossia "Aia" o piazza), loratorio fu ricostruito nel 1584. [DCA, VI, 3741] SOPPRESSIONE. 1781 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 179; DCA, VI, 3741; Gualdo Priorato, 1666, 60; Latuada, 1737-1738, II, 213-215

151

b) notizie: Santagostino, 1671, 28, nota 46-47. S. UGUZZONE ZONA: Precotto ORIGINE E VICENDE: fino al dopoguerra era visibile nellomonima via un oratorio gentilizio con abside a semicerchio a lunette e velette con affreschi cinquecenteschi. b) notizie: Sarzi, 1987, p. 191. S. ULDERICO AL BOCCHETTO (Dateo, S. Maria del Boschetto, S. Ulderico, Bocchetto, S. Olderico) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: sec. VIII (?). Era un monastero di una certa vastit, occupando con la chiesa di S. Vittore al Teatro e quella di S. Maria Segreta e i loro annessi, tutto lisolato compreso fra la contrada e il vicolo del Bocchetto (questultimo dove ora la via della Posta), la via S. Vittore al Teatro, la via e il vicolo di S. Maria Segreta. La chiesa era stata rifatta nel 1636 da F. M. Ricchino. [Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 133] ORDINE: Benedettine. Sec. XVI passaggio all'Osservanza SOPPRESSIONE: 1782. Ledificio del convento fu trasformato in uffici governativi e poi distrutto nel 1910 per la costruzione del nuovo edificio della Posta. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 225-226; Cattaneo, 1961, 604-6, 610, 701; Forcella2, III, 1889, 21-22; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, p. 133; Palestra, 1967,63. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Arslan1, 1954, 578; Biscaro, 1913, 217; Biscaro, 1928, 4678; Bognetti2, 1954, 775; Cattana, 1980, 104, 120-1; Cattaneo2, 1954, 682; Chabod, 1971, 241; Fasola, 1972, 154, 155, 167; Franceschini, 1954, 314; Gerosa Brichetto, 1973, 94, 99103; Gualdo Priorato, 1666, 85; Latuada, 1737-1738, IV, 148-150; Mezzanotte, 1958, 706; Paccagnini, 1985, 46; Petra Sala, 2004, 150; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Schuster, 1946, 14-5; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Smiderle, 1960, 134-6; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 29-30; Sormani, 1760, 84; Spinelli, 1999, passim; Visconti, 1909, 419; Vismara, 1932, 330; Vittani, 1912, 130; Zerbi, 1966, 286 c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 10; Borella, 1948, 1056; Brivio Sforza, 1976, 139; Castiglioni, 1958, 15, 37; Cattaneo, 1960, 142 (1565 giu 20), 162 (1566 ge 30); Gatti Perer, 1964-1965 157; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1959, 329, 330, 480-2 (1533 dic 3-4); Marcora2, 1961, 530 (1564 ott 28); Le pergamene milanesi, 1994; Santoro, 1939, 88; Vigotti, 1974, 32, 34, 72, 81. S. VALERIA (in vinea) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa documentata almeno dal VII secolo (citata nellItinerarium Salisburgense) allaltezza dellattuale omonima via, sul fianco del pi importante cimitero cristiano tardoantico cittadino. Unipotesi non sufficientemente suffragata dallarcheologia afferma che lantico mausoleo gentilizio dei Valerii fosse stato trasformato nel IV sec. nella memoria della santa, allaltezza dellattuale stabile di via Santa Valeria 3-5. Al 1533 risale invece la fondazione del convento. ORDINE: Convertite di S. Valeria SOPPRESSIONE: 1786 Uno dei due edifici funerari ancor oggi visitabile al piano inferiore dello stabile una struttura quasi quadrata (m. 7,50 x 7,25) non chiaramente identificata e non identificabile con sicurezza nei resti della chiesa demolita tra il 1785 ed il 1786. (DCA, VI, 3788). a) trattazioni specifiche: Bascap, 1967, 53-5, 64; Forcella2, III, 1889, 61-63; Gualdo Priorato, 1666, 84; Latuada, 1738, IV, 208-221; Monfrin, 1991, 34; Mezzanotte-Bascap, 1958, 646; Orefice, 1985, 19-20; Paccagnini, 1985, 38-46; Sormani, 1760, 66-67. C. OCHETTI VIOLA, Santa Valeria, in Milano capitale dellimpero romano, 124; C. M. GAMBA, Le regole delle Pie Convertite di Santa Valeria all'epoca di Suor Virginia Maria de Leyva,

152

Archivi storici delle Aziende di Credito, I (1956), estr. pp. 27. b) notizie: Bendiscioli2, 1957, 416-7; Bocchi, 1980, 277; Castiglioni, 1931, 198-9; Cattaneo, 1961, 621, 703; Fassina, 1985, 115; Felix temporis reparatio, 1992, 427; Gerra, 1964, 224; Marcora, 1956, 322; Marcora, 1960, 287, 289; Orsenigo, 1908-1910, 198; Sebastiani, 1982, 207; Sebastiani, 1995, 109, 111-112; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 84-5, 99, 144, 146; Spinelli, 1999, passim; Vigotti, 1972, 92, 93, 95. A. MERATI, Trovato a Monza un documento relativo alla monacazione di Marianna de Leyva, ASL, LXXXVIII (1961), 317; M. P. ROSSIGNANI-S. LUSUARDI SIENA, La storia del sito alla luce delle indagini archeologiche, in Dal monastero di S. Ambrogio allUniversit Cattolica, 1990, 23-42 c) fonti e citazioni documentarie: Biandr di Reaglie, 1974, 37; Borella, 1957, 187; Castiglioni, 1948-1949, 251; Castiglioni, 1958, 16; Cattaneo, 1957, 260, 299; Cattaneo, 1960, 154-5 (1565 ag 8), 157 (1565 ag 15), 161 (1566 ge 30); Gatti Perer, 1964-1965, 192; Marcora2, 1959, 417-9, 485-7 (1534), 487-490 (1538 ap 24); Orefice, 1985, 28, 30, 32-5 (18 regesti di documenti XVI-XVII secc.); Le pergamene milanesi, 1994. S. VINCENZINO ALLE MONACHE (Nuovo, S. Maria e S. Vincenzo; Monasterium novum) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la fondazione del monastero di monache benedettine risale secondo la tradizione al 770, ma la prima menzione documentata del 1034. La chiesa fu ricostruita sullattuale via Camperio, ad aula doppia, tra la fine del XV e gli inzi del XVI secolo. ORDINE: Benedettine; 1521 passaggio all'Osservanza benedettina SOPPRESSIONE: 1798. La chiesa sub varie trasformazioni sino alla distruzione del complesso monastico avvenuta in seguito al piano regolatore del 1953. Lungo la via Giulini sono state ricostruite le due fronti della chiesa: quella tardoquattrocentesca del coro, e la facciata dellingresso per i fedeli. a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 221-222; Bianconi, 1787, 340-341; Borroni, 1808, 131; Cattaneo, 1961, 605; Fiorio, 1985, 100-101; Forcella2, III, 1889, 493-496; Grassi, 1964, 131, 142; Latuada, 1737-1738, IV, 421-425; Mezzanotte-Bascap, 1958, 348; Milano: le chiese scomparse, 1997 III, 41-57 (con bibliografia); Torre, 1674, ed. 1714, 210. G. COLOMBO, La vita nel Seminario. L'albero della libert, Humilitas [II]/15 (1930), 503-7; P. MEZZANOTTE, Riconoscimento di un disegno d'architettura, ASL, XC (1963), 346-350. b) notizie: Aiello, 1996, passim; Baroni, 1931, 954; Cattana, 1980, 106, 113, 123; Cattana, 1984, 138; Disegni lombardi, 1986, 53-55; Ferrari, 1980, 234; Fiorio, 1987, 89, 131-132; Gerra2, 1968, 695-6; Giulini, 1760, III, 256; Grassi, 1966, 344, 345; Gualdo Priorato, 1666, 85; Latuada, 1737-1738; Mezzanotte, 1957, 627; Mezzanotte2, 1959, 481; Mezzanotte, 1966, 299; Petra Sala, 2004, 147; Picasso, 1980, 47; Picasso, 1993; Santagostino, 1671, ed. 1980, 49; Schuster, 1946, 22-3; Sebastiani, 1982, 206, 216, 218; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 34; Sormani, 1760, 74-75; Spinelli, 1999, passim; Zerbi, 1966, 286; c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo VIII, f. 35; Bascap, 1937, 147, 148; Beretta, 1939, 9; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 130; Marcora2, 1961, 569 (1565 lu 28); Palestra, 1971, 93 (1360), 97 (1360 lu 20); Vigotti, 1974, 32, 73. S. VINCENZO DE SEPTARA ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: La contrada che in antico portava il nome della nobile famiglia da Settala corrisponde allattuale via Paolo da Cannobio. Si ha memoria della chiesa che era chiamata ad separa od anche in curte septariorum. [Vigotti, 1974, 90-91] b) notizie: Vigotti, 1974, 37, 90-91. S. VINCENZO IN PRATO (S. Vincenzo extra muros) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: nella localit detta pratum, necropoli pagana e cristiana, si insedi a

153

partire dal IX secolo una comunit di monaci benedettini che vi rimasero fino al 1520. La costruzione di una chiesa risale tuttavia probabilmente allepoca paleocristiana, come testimoniato dallarcaicit dellimpianto a tre navate divise da colonne, e con tre absidi. Ledificio fu modificato in stile romanico nel secolo XI. Il cattivo stato della chiesa dopo la partenza dei monaci testimoniato da numerosi documenti coevi, ma lavori di restauro intervennero solo nel 1729. Sconsacrata dai francesi, quindi adibita a magazzino, caserma e, nel 1810 a fabbrica di prodotti chimici, S. Vincenzo ritorn parrocchia nel 1889, dopo radicali lavori di restauro che ne fecero pi che un edificio altomedievale, una costruzione ottocentesca. ORDINE: Benedettini SOPPRESSIONE: 1520 UBICAZIONE ATTUALE: via D. Crespi a) trattazioni specifiche: Arslan2, 1954, 407, 410, 412, 421, 432-6, 455; Cattaneo, 1961, 587, 596-7; Giulini, 1916, 285-8, 397-403; Latuada, 1737-1738, III, 237-248; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, pp. 313-314; Ponzoni, 1930, 21-24; Porter, 1916, 663-675; Studi di storia locale, 1983, 48; Torre, 1674, ed. 1714, 101-105; Vigotti, 1974, 90 P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 7) S. Vincenzo in Prato a Milano, ArCr, LV (1967), 255-262; G. BAI, La vetusta basilica di S. Vincenzo in Prato. Storia. Arte. Liturgia, Milano 1936; E. BRIVIO, San Vincenzo in Prato, Milano 1978; E. LATIS, La basilica di San Vincenzo in Prato, Milano 1989; P. ROTTA., Cronaca mensile del ricupero e ristauro della basilica di S. Vincenzo in Prato (1880-1890), Milano 1890; G. SPINELLI, Nuove ipotesi sull'origine dei monasteri di S. Vincenzo in Prato di Milano nonch di S. Pietro di Civate e di S. Pietro di Mandello, Archivi di Lecco, VII (1984), 515-552. b) notizie: Arslan1, 1954, 502, 503, 545, 566, 568, 580-3; Arte in Lombardia, 1988, 168169; Bandera, 1997, 243; Barni1, 1954, 42, 73; Barni2,, 1954, 332; Barni3, 1954, 67; Besta1, 1954, 373; Biffi, 1704, 56; Biscaro, 1909, 376; Bognetti2, 1954, 770, 785, 793; Bognetti3, 1954, 861; Borella, 1948, 104; Capitani, 1971, 450, 477; Castiglioni, 1625; Cattana, 1980, 83-9; Cattaneo1, 1954, 781; Cattaneo2, 1954, 682, 693; Cattaneo, 1958, 294; Cattaneo, 1980, 14, 23, 25; Cattaneo1, 1984, 209; Cattaneo2, 1984, 235; Chinea, 1937, 440; Chisini Bulak, 1956, 296; Cognasso, 1955, 239; Fassina, 1985, 122; Galassi, 1956, 110; Gerosa Brichetto, 1973, 64, 98; Gerra, 1964, 435; Gualdo Priorato, 1666, 74; Manaresi, 1919, 314; Mezzanotte2, 1959, 480, 506; Natale, 1972, 466,496, 497, 501; Palestra, 1970, 90; Pecchiai, 1925, 92; Penco, 1971, 390; Pensa, 1974-1977, 89; Petra Sala, 2004, 35; Picasso, 1980, 30, 34, 46, 51; Rosa, 1954, 621; Rotta, 1890; Schuster, 1946, 31-2; Violante, 1955, 10; Vismara, 1932, 331; Vittani, 1931, 847, 871; Zerbi, 1950, 46, 48, 169, 172; Zerbi, 1966, 286. c) fonti e citazioni documentarie: Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 18; Cattaneo, 1957, 260, 299-300; Liber notitiae, 1917, 263; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125, 560; Marcora, 1956, 262, 446-451 (1463 giu 17); Marcora2, 1959, 325-8, 478-480 (1531 lu 15); Marcora2, 1961, 333, 525 (1564 ot 7); Vigotti, 1974, 37, 50, 75, 90-1, 391; Zerbi2, 1978, 223 (1123 set 1). R. MAJOCCHI, Di alcuni dipinti dei fratelli Zavattari e di Giacomo Vismara a S. Vincenzo in Prato di Milano, Rivista di scienze storiche, V /7 (1908), 21-6 (1465 mg 2). SS. VITALE E AGRICOLA ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la cappella situata fra la chiesa dei SS. Nabore e Felice e S. Ambrogio era di origine antichissima. Fu distrutta nel 1677. a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 44, 91 b) notizie: MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, p. 331. S. VITO AL CARROBBIO (SS. Vito e Biagio, S. Salvatore) ZONA: Porta Ticinese ORIGINE E VICENDE: lantica fondazione,

allaltezza

dellattuale

omonima

via, risale

154

probabilmente almeno al secolo IX ma la chiesa espressamente citata solo a partire dal XII, anche se per quel che concerne notizie pi specifiche occorre attendere il secolo XVI quando tra il 1563 e il 1564 vi si insediarono i padri Gesuiti chiamati da Carlo Borromeo, poi sostituiti dai Camaldolesi. Nel corso del XVII secolo, nonostante la pi volte disposta soppressione della parrocchia, nella chiesa un parroco continu ad esercitare la cura danime. Alla fine del Seicento, S. Vito fu sottoposta a un radicale intervento di restauro. ORDINE: Gesuiti; Camaldolesi SOPPRESSIONE: la parrocchia fu soppressa tra il 1786 e il 1787 e la chiesa sconscacrata e ridotta ad uso commerciale e abitativo. Lo stabile fu espropriato e demolito nel 1924. a) trattazioni specifiche: Latuada, 1737-1738, IV, 19-21; Forcella2, II, 1889, 229-231; Milano ritrovata, 1991, 201-203 (con bibliografia). b) notizie: Bendisciloli1, 1957, 192; Cattaneo, 1958, 294, n. 6, 303; Gualdo Priorato, 1666, 73; Mezzanotte, 1957, 639; Vigotti, 1974, 91 c) fonti e citazioni documentarie: A.C.M., PG 19275/33 fasc. 291/33 PR Demanio Edilizia; A.S.C.M., Ornato Fabbriche, II serie, 194, PG 15723; A.S.D.M., Visite Pastorali, Sez. X, San Giorgio, V, XII, 1-2-6-7-10-11-15-16-18; Miscellanea citt, XIII, 38-39; Archivio parrocchiale di San Giorgio al Palazzo, Fondo San Vito al Carrobbio. S. VITO AL PASQUIROLO ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: della chiesa si ha memoria fin dal 1145. Il termine pasquirolo indica che si trovava in una piccola piazza. Parrocchia dal XIV secolo, fu ricostruita allepoca di Federico Borromeo (1621). UBICAZIONE ATTUALE: p.za S. Vito al Pasquirolo a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 222; Bianconi, 1787, 70-71; Borroni, 1808, 27; DCA, VI, 3994-3995; Latuada, 1737-1738, II, 49-52; Lupieri-Maderna, 1972, 6.12; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 202; Pirovano, 1822, 100; Ponzoni, 1930, 351-352; Santagostino, 1671, ed. 1980, 19-20; Torre, 1674, ed. 1714, 322 D. M. MONTAGNA, La chiesa milanese di S. Vito in Pasquirolo: documenti per la storia dellarte dei secoli 16.-17, Milano 1963. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 54; Fiorio, 1974, 92. c) fonti e citazioni documentarie: A.S.D.M., B-1521, Breve Relazione, 1625; Vigotti, 1974, 9192. S. VITTORE A PORTA ROMANA (S. Vittore alla Crocetta, S. Vittorello) ZONA: Porta Romana ORIGINE E VICENDE: la piccola chiesa gi documentata dal Liber notitiae, situata allinizio di corso di Porta Romana, grosso modo di fronte allincrocio con via Paolo da Cannobio, era parrocchiale almeno dal XV secolo (Latuada), poi da s. Carlo Borromeo fu affidata a una confraternita di scolari (1572), detta anche di San Vittorello. Demolita nel 1720, fu ricostruita con planimetria ovale (consacrazione: 1724). a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 223; DCA, VI, 4009-4010; Latuada, 1737-1738, II, 240-246; Forcella2, I, 1889, 457. b) notizie: Barni2, 1954, 309, n. 1; Cattaneo, 1961, 685; Gualdo Priorato, 1666, 63. c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 37, 93. S. VITTORE AL CORPO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: Qui si trovavano alcune basilichette sepolcrali paleocristiane, di cui una traccia erano forse l'oratorio di S. Martino ad Corpus (distrutto nel '700) e soprattutto l'ottagonale Mausoleo imperiale, eretto nel sec. IV e ricordato sino a fine XVI come rotonda di S. Gregorio (avanzi sotto l'attuale facciata della chiesa con accesso dalla canonica, e per quanto riguarda il recinto che lo racchiudeva, resti all'interno del Museo nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci). Su quest'area l'arcivescovo Arnolfo Il fond, poco dopo il

155

Mille, un monastero benedettino, di cui nel 1508, sotto gli Olivetani, si inizi la ricostruzione (nel 1553 vi attestata la presenza di Vincenzo Seregni e di Galeazzo Alessi). Nel 1560 si avvia il rifacimento anche della chiesa, con orientamento opposto a quella medievale gi ricostruita dai Benedettini. Il progetto fu attribuito da padre Agostino Delfinone, che a fine '600 riordin l'archivio del monastero, all'Alessi, mentre secondo uno dei maggiori studiosi dell'architettura milanese del 500, Costantino Baroni, la basilica da assegnare al Seregni. Dal 1570 attestata la presenza di Martino Bassi, mentre successivamente compaiono anche i nomi di Tolomeo Rinaldi e Francesco Sitone. I lavori si concludono con la facciata dopo il 1602 (nel 1576 Carlo Borromeo aveva consacrato l'altare maggiore), mentre nel 1669 Girolamo Quadrio aggiunger la cappella Arese. [Milano, 10 ed., TCI, 1998, 399-400] ORDINE: Benedettini; nel 1463 labbazia fu data in commenda; nel 1507 ci fu lintroduzione degli Olivetani. SOPPRESSIONE: 1804 UBICAZIONE ATTUALE: via S. Vittore a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 223-224; Bianconi, 1787, 306-311; Baroni, 1940, 210-239; Bombe sulla citt, 2004, 257-260; Borroni, 1808, 121-123; Bossi, 1818, 173-176; Cattana, 1984, 133-6; Cattaneo, 1961, 558, 587, 595-7; DCA, VI, 3999-4005; Fiorio, 1985, 102-106; Gualdo Priorato, 1666, 45-47; Latuada, 1737-1738, IV, 317-331; MezzanotteBascap, 1948, ed. 1968, 372, 373-377; Milano capitale, 1990, 111-115; Palestra, 1967, 61; Picasso, 1980, 30, 36-42, 44, 46, 49, 51; Picasso, 1993; Pirovano, 1822, 199-201; Ponzoni, 1930, 245-254; Savio, 1913, 5-36; Studi di storia locale, 1983, 48; Sormani, 1760, 39-45; Vismara Chiappa, 1980, 163, 188, 192-5. V. AGOSTINELLI SCIPIONI, Bernardino Passeri e il coro di S. Vittore di Milano, ArCr, LXIII (1975), 89-102; P. G. AGOSTONI, I guasti delle leggi eversive. 3). Il complesso sanvittoriano di Milano, ArCr, LIV (1966), 263-8; P. ARRIGONI, Una veduta milanese cinquecentesca identificata, ASL, LIV (1927), 358-362; S. BANDERA BISTOLETTI, Il coro ligneo della basilica di San Vittore al Corpo in Milano, Milano 1991; A. BERNAREGGI, La cupola dipinta dal Moncalvo a S. Vitto re al Corpo a Milano, ArCr, XV (1927), 185-190; A. BERNAREGGI, Il monastero di S. Vittore al Corpo, La Face, XVI/IO (1927), 11-8; A. BERNAREGGI, Gli intagli della chiesa di S. Vittore a Milano, ArCr, XVI (1928), 226-248; La biblioteca del monastero di San Vittore a Milano, in Biblioteche monastiche rinascimentali, a cura di G. CECCHINI, Milano 1960, 14-5;. G. BOLOGNA, Una raccolta miscellanea dell'Archivio storico civico di Milano, ArLo, XVI (1971), 157-186; A. CALDERINI, Alcune nuove iscrizioni scoperte nel castrum di S. Vittore a Milano, in Scritti storici e giuridici in memoria di Alessandro Visconti, Milano 1955, 195-8; V. CATTANA, Corrispondenza dei monaci olivetani con il Cardinale Federico Borromeo, MSDM, XIV, Milano 1967, 207-9; V. CATTANA, Corrispondenza tra san Carlo Borromeo e i monaci Olivetani, RSCA, V, Milano 1975 (ArAm, 28), 214-8, 220-1; V. CATTANA, Una descrizione settecentesca del monastero di San Vittore al Corpo di Milano, RSCA, VII, Milano 1977 (ArAm, 33), 203-220; V. CATTANA, S. Vittore al Corpo di Milano, in Monasteri, 53-65; V. CATTANA, I monaci olivetani nella diocesi di Milano, RSCA, XII, Milano 1983 (ArAm, 51), 270-4; E. CATTANEO, Il coro della basilica di S. Vittore in Milano ed un commento del Servo di Dio Cardinal Ildefonso Schuster, Ambrosius, XXXVII (1961), 81-6; Il coro ligneo nella Basilica di S. Vittore al Corpo, introduzione di E. CATTANEO, testi di G. LISE, Milano 1976; O. CURTI, Il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica Leonardo da Vinci, Milano 1972; G. FANTONI, Dalla Porziana a San Vittore al Corpo: le vicende di una basilica, Ca de Sass, 125 (1994), 60-70; P. GAZZOLA, Alessio Tramello e il convento di S. Vittore in Milano, Bollettino storico piacentino, XXXII (1937), 10-3; A. GRIMOLDI, Disegni per la ricostruzione di S. Vittore al Corpo in Milano, in Il disegno di architettura, Milano 1989, 205-208; S. LUSUARDI SIENA, Il recinto di S. Vittore al Corpo. Il mausoleo imperiale, in Milano capitale dellimpero romano. 286-402 d. C., Milano 1990, 114-115; M. MIRABELLA ROBERTI, Il mausoleo romano di S. Vittore a Milano, in Atti del VI Congresso nazionale di archeologia cristiana, Ancona 1985, 777-783; L. PARVIS MARINO, La cappella Arese in S. Vittore al Corpo: scoperte e precisazioni dopo i restauri, ArLo, 94-95 (1990), 175-186; L. PARVIS MARINO, Basilica di S. Vittore al Corpo. Profilo storico-artistico, Milano 1992; A. PICA, Riscatto del gruppo monumentale di S. Vittore al Corpo, Milano, LXVI (1949), 176-7; A. PICA - P. PORTALUPPI, La Basilica Porziana di S. Vittore al Corpo, Milano

156

1934; F. REGGIORI, La Basilica ed il Convento di S. Vittore al Corpo attraverso i secoli, Citt di Milano, XLI (1925), 156-160; F. REGGIORI, Il Monastero Olivetano di S. Vittore al Corpo in Milano e la sua rinascita quale sede del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica, Milano 1954; Il Settecento lombardo, Milano 1991, 179-180, 219-220; S. RIGHINI PONTICELLI, Lintervento conservativo sulla facciata della basilica di San Vittore al Corpo, 125 (1994), 7173; G. UCELLI, Il monastero di San Vittore in Milano sede del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica, L'ingegnere, X (1948), 873-8 b) notizie: Arslan2, 1954, 408; Bardeaux, 1938-1942, 206; Barni1,, 1954, 21, 73, 122, 191, 192; Barni3, 1954, 67, 108; Barni, 1977, 368; Baroni, 1930, 434; Baroni, 1938, 354; Baroni, Grassi, 1983, 1938, 128; Baroni, 1941, 13, 40-2, 69, 76, 85, 92, 124; Baroni, 1951-1952, 212; Belloni Zecchinelli, 1963, 101; Bernareggi2, 1931, 1035; Bianconi, 1787, 306-311; Biscaro, 1907, 387; Biscaro, 1909, 363-4, 369, 372-4, 377-9, 385, 390-1; Biscaro, 1928, 4067, 421, 472; Bocchi, 1980, 277; Bognetti, 1948, 114, 145, 229, 230, 340; Bognetti1, 1954, 188, 286; Bognetti2, 1954, 771-2, 801; Bognetti3, 1954, 860, 862; Bognetti, 1958, 3; Caizzi, 1958, 351; Carubelli, 1978, 114; Cattana, 1980, 83, 90, 108-9, 120, 129, 131-2, 134; Cattaneo1, 1954, 774, 790, 831-3, 858; Cattaneo2, 1954, 682, 693, 707; Cattaneo1, 1984, 209; Cattaneo4, 1984, 295; Chinea, 1937, 453; Cognasso, 1955, 239, 561; Colombo1, 1960, 334; Colombo, 1999; Corsi, 1968, 173, 175-6; Dallaj, 1983, 528; DellAcqua, 1957, 725, 774; Fasola, 1972, 144; Fassina, 1985, 115; Ferrari, 1980, 233; Forcella, chiese, 1889; Forcella2, 1889, 289-306; Filippini, 1932, 181; Franceschini, 1954, 198; Franceschini, 1957, 146; Franchini Guelfi, 1969, 104; Fustella, 1968, 11; Fustella, 1970, 215, 230, 237; Gallavresi, 1906, 428; Gengaro1, 1936, 6-8; Gerosa Brichetto, 1973, 64; Gerra, 1964, 26-7; Giulini, 1760; Grassi, 1966, 37, 267, 347; Keller, 1979, 55, 129, 217, 230-4; Latuada, 1737-1738, IV, 338-355; Marcora, 1955, 259; Marcora, 1956, 291-2; Marcora, 1958, 413-5; Mezzanotte, 1952, 85; Mezzanotte, 1957, 570, 572-4, 584, 587, 629; Mezzanotte, 1958, 447; Mezzanotte, 1958, 663; Mezzanotte2, 1959, 509; Mezzanotte, 1966, 114, 182; Natale, 1972, 483, 496; Nicodemi1, 1958, 484, 494, 504, 509, 512; Nicodemi2, 1958, 533, 545; Oltrona Visconti, 1959, 199; Oltrona Visconti, 1978, 45; Orsenigo, 1908-1910, 154; Palestra, 1960, 84; Panizza, 1956, 171; Pellegrini2, 1910, 436; Penco, 1984, 136, 142, 148; Puccinelli1, 1650; Rocco, 1939, 185, 188, 190, 192, 194; Romanini1, 1959, 743-4, 746; Rosa, 1630, 1957, 8314; Rossetti, 1977, 72; Santagostini, 1671, ed. 1980, 50-52; Schuster, 1946, 21; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 117; Spinelli, 1980, 212; Tea, 1942, 74-5; Tea, 1959, 804; Torre, 1674, ed. 1714, 158-163; Vegas Castelfranchi, 1962, 84; Vincenti, 1960, 84, 88, 89; Violante, 1955, 8, 123, 154, 156, 158; Violante, 1977, 710; Visconti, 1934, 303; Vismara, 1932, 316, 330, 332; Vittani, 1923, 267; Zerbi, 1950, 46-8, 50-1; Zerbi, 1966, 286, 289. S. LUSUARDI SIENA, Milano: la citt nei suoi edifici. Alcuni problemi, in Atti del 10 congresso internazionale sullalto Medioevo, Spoleto 1986, 209-241; L. PARVIS MARINO, Lantica chiesa di San Martino al Corpo: documenti inediti (sec. XVI-XVII), Civilt ambrosiana, 6 (1989), 4, 264-273; W. PINARDI, Piccola e rustica ma francescana, DMi, IX (1968), 58-60; V. POLONIO, La congregazione olivetana a met seicento, RSCI, XXVI (1972), 396; S. VISMARA, I monaci olivetani nella diocesi di Milano. Note storiche, Milano 1907, 9, 14, 18, 26-44; S. VISMARA, Un catalogo d'archivio del Seicento (S. Vittore di Milano), Rivista storica benedettina, IX (1914), 350-7; N. WARD NEILSON, Some documents for the paintings and choir decorations in S. Vitto re al Corpo Milan, ArLo, XIII/I (1968), 133-4. c) fonti e citazioni documentarie: A. S. M., Fondo Religione, p.a., Registri 43; DELFINONE, Copioso ed esatto Registro del grande Archivio dellinsigno Monastero di San Vittore al Corpo, 1679; TARANTOLA, Registro dellarchivio del Venerando monastero di San Vittore, 1735; Bascap, 1937, 147; Beretta, 1939, 8; Biandr di Reaglie, 1974, 35 (1512 dc 14); Borella, 1957, 187; Cattaneo, 1954-1955, 117, 120-2; Cattaneo, 1957, 260, 300; Gatti Perer, 19641965, 188, 153, 157; Magistretti, 1900, 26; Magistretti, 1910, 125,560; Mainoni, 1978, 571 (1375 ap 1); Marcora, 1957, 339, 418-420 (1492 fe 8); Marcora2, 1959, 266 (1412 mz 23), 267 (1434 giu 14); Marcora2, 1961, 333, 389 (1565 ag 21); Le pergamene milanesi, 1994; Riboldi, 1905, 263 (1181 ag 22); Vigotti, 1974, 37, 75, 78, 92, 93; Zerbi2, 1978, 223 (1123 set 1). G. CUSCITO, Il recinto di S. Vittore al Corpo fuori porta Vercellina. Per il corpus delle iscrizioni

157

paleocristiane di Milano, ASL, CXIX (1993), 405-442; A. PALESTRA, Ricerche sulla vita comune del clero in alcune pievi milanesi nel secolo XII, in La vita comune del clero nei secoli XI e XII, Atti della settimana di studio (Mendola, settembre 1959), II, Milano 1962 (Pubblicazioni dell'Universit Cattolica del Sacro Cuore, s. III, Scienze Storiche, 3, Miscellanea del Centro di Studi Medioevali, 3), 143 (1170 lu 30); A. PISANI DOSSI, Verdesiacum, Bollettino della Societ Pavese di Storia Patria, V (1905), 81, 91-3 (regesti docc. XI-XII secc.), 94 (1054 mz 9), 96 (1060 mz 23), 99 (1170 lu 30). S. VITTORE AL POZZO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa sorgeva fra S. Maurilio e il convento di S. Marta. SOPPRESSIONE: soppressa nel 1670, ledificio fu venduto al conte Tolomeo Gallio e poi distrutto. b) notizie: Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 128 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 93. S. VITTORE AL TEATRO ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: La chiesa sorgeva nellantica strada di S. Vittore al teatro, lungo il palazzo della Borsa, proprio nei pressi del teatro romano, di cui sono ancor oggi visibili i resti. Era detta "dei legnamari" per loriginaria presenza, in quella zona, di molti falegnami. La si credeva fondata da s. Galdino arcivescovo in onore di S.Vittore martire (Torre, Latuada). Nel 1388 risulta nominata come parrocchiale e come chiesa stazionale nelle antiche carte, da visitare nelle litanie. Al 1624 risalgono alcuni interventi di rifacimento ad opera del Ricchino, i cui disegni sono conservati nella Raccolta Bianconi presso la Biblioteca Trivulziana di Milano. [DCA, VI, 4007] a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 224; Bossi, 1818, 189; Kummer, 1974, II; Latuada, 1737-1738, IV, 151-154; Mezzanotte-Bascap, 1948, ed. 1968, 134; Forcella2, III, 1889, 23-34; Torre, 1674, ed. 1714, 210. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 85; Fassina, 1985, 207 c) fonti e citazioni documentarie: A.S.C.M., Raccolta Bianconi, tomo VII, 23, 24, 25a, 25b; Biblioteca Trivulziana, I serie (Atti edilizi), n. 16, fasc. 14, 1839, fasc. 14, 1843-44-50; II serie, n. 33, 1914; Vigotti, 1974, 93. S. VITTORE ALL'OLMO (S. Vittorello) ZONA: Porta Vercellina ORIGINE E VICENDE: la chiesa non era distante da quella di S. Vittore al Teatro. Nel 1224 ci fu linsediamento dei Francescani; nel 1244 ca. ingresso delle Francescane; nel 1251 ca. il trasferimento delle monache a S. Apollinare; nel 1272 ci fu lingresso delle monache Cisterciensi; nel 1500 si ebbe il trasferimento delle monache a S. Caterina di Rancate e nel 1542 lingresso dei Cappuccini. ORDINE: Francescani SOPPRESSIONE: 1810 a) trattazioni specifiche: Bartoli, 1776-1777, 222; Bianconi, 1787, 311; Biscaro, 1912, 168172; Borroni, 1808, 123; Cattaneo, 1961, 608, 621; Ildefonso da Como, 1927, 131-2, 147-8; Latuada, 1737-1738, IV, 338-343; Relationes, 1960, 265-6; Sormani, 1760, 47-48. E. WYMANN, Das Kapuzinerkloster San Vittore in Mailand im Jahre 1581, Geschichtsfreund, LXXXIV (1929), 268-9. b) notizie: Alberzoni, 1981, 146-7, 151, 156; Alberzoni, 1982, 209; Alberzoni, 1991; Alberzoni, 1993; Biscaro, 1909, 376; Calufetti, 1980, 226; Cattana, 1980, 102; Fassina, 1985, 121; Gualdo Priorato, 1666, 85; Ildefonso da Como, 1926, 130; Marcora, 1956, 299; Marcora2, 1959, 430; Mosconi, 1967, 520, 522; Romanini, 1964, 81; Salvini Cavezzana, 1983, 501, 507; Sevesi, 1914-1916, 53-4; Sevesi, 1915-1920, 56; Sevesi, 1927, 73-6; 00, 61-62; Valugani, 1926, 106-7; Varischi, 1978-1979, 34. A. CALUFETTI, San Francesco in Lombardia,

158

AFH, LXXV (1982), 91; METODIO DA NEMBRIO, La peste di s. Carlo in Lombardia e il servizio prestato dai cappuccini, L'Italia Francescana, XXXIX (1964), 244, 248; L. PELLEGRINI, Frati minori e Lombardia, in Francescanesimo, 55; F. PETRUCCI, Casati Felice, DBI, XXI, Roma 1978, 233-5; P. SEVESI, Gli albori del francescanesimo in Lombardia, Saronno 1930. c) fonti e citazioni documentarie: Beretta, 1939, 8; Marcora, 1958, 349-354, 488-501 (1500 mz 11); Vigotti, 1974, 93 MELCHIOR A. POBLADURA, Fragmenta biografica S. Felicis a Cantalicio et Raynerii a burgo S. Sepulchri ex codice Duacensi 872 excepta, Collectanea Franciscana, XXI (1951), 354. S. VITTORE E QUARANTA MARTIRI ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: Anticamente via Pietro Verri era chiamata via S. Vittore e Quaranta Martiri per la chiesa omonima, risalente al sec. XI, che si trovava nella piazzetta adiacente. La Contrada a sua volta doveva il proprio nome alla festa che si celebrava in onore dei medesimi martiri, come si deduce dal Calendario Sitoniano. Questa chiesa deve anche la sua notoriet allessere stata la parrocchiale di santErlemabaldo Cotta, fiero oppositore dei simoniaci e dei nicolaiti. [DCA, VI, 4007] La chiesa fu rifatta allepoca del Torre (1674) ed documentata fotograficamente nellopera del Ponzoni (1930), prima della sua distruzione avvenuta nel 1929. a) trattazioni specifiche: Forcella2, 1889, V, 169-175; Torre, 1674, ed. 1714, 275. b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 101; Vigotti, 1974, 37, 93. S. VITTORE IN CIEL DORO v. S. Ambrogio S. VITTORELLO v. S. Vittore all'Olmo S. ZENONE (Il Deposito, S. Maria Maddalena al Deposito) ZONA: Porta Orientale ORIGINE E VICENDE: la chiesa, menzionata dal Liber notitiae, sorgeva nel groviglio di viuzze demolito alla fine del XIX secolo per fare posto al vecchio palazzo di giustizia e alla via Felice Cavallotti, ed ancora ricordata dal nome di una via. ORDINE: nel 1575 fondazione delle Convertite decretata da s. Carlo SOPPRESSIONE: 1786 a) trattazioni specifiche: Vigotti, 1974, 59 b) notizie: Gualdo Priorato, 1666, 53; Orefice, 1985, 16; Sebastiani, 1982, 207; 219; Soldati Forcella-Antico Gallina, 1979-1980, 49-50; Spinelli, 1999, passim. c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1948-1949, 249; Castiglioni, 1958, 16. SENEDOGO domus de v. S. Erasmo. SEXTO, domus de ZONA: ? ORIGINE E VICENDE: ante 1298 ORDINE: Umiliati SOPPRESSIONE: ante 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Vigotti, 1974, 32, 71. SOCCORSO (il) v. S. Maria del Soccorso. TERRAGGIO, domus de ZONA: Porta Vercellina

159

ORIGINE E VICENDE: post 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13. TIGNONO, domus de ZONA: Porta Nuova ORIGINE E VICENDE: post 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1398 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13; Magistretti, 1900, 28; Zanoni L., 1911, 137, 285 (1346 lu 26), 297 (1348 ot 19), 299 (1361 ap 7). VECCHIABBIA/VETTABIA v. S. Maria della Vecchiabbia. VERGINI (le) v. S. Maria della Vecchiabbia. VETERI (le) v. S. Maria delle Veteri. VETUS, domus v. S. Maria delle Veteri. VIGELINDA, monastero di v. S. Radegonda. VIGEVANO DE LA CLUSA, domus de ZONA: Porta Ticinese (?) ORIGINE E VICENDE: ante 1298 ORDINE: Umiliate SOPPRESSIONE: post 1344 c) fonti e citazioni documentarie: Castiglioni, 1960, 13. VIGEVANO PORTE ORIENTALIS, domus de v. S. Maria di Vigevano. VIGIENTINO/VIGLENTINO, domus de v. S. Bernardo al Vigentino. VISITAZIONE v. S. Antonio di Padova.

160