Sei sulla pagina 1di 22

ANNA MARINO

BARBARA COMELES
BARBARA PEDROLLO
DESIRE CHARMAN
EMMA CANNAVALE
FEDERICA GASPARI
FEDRA CAMPI
GIOVANNA
LILIANA TUOZZO
LINDA LERCARI
LORIANA LUCCIARINI
MARTINA SEMILIA
MELA Space
NUNZIA ASSUNTA D'AQUALE
PAOLA ROELA
YLENIA BAGATO
FRANCESCO GIAMMONA
GIOVANNI BERIA
IL CAPITANO
LUPO ALBERTO
MAURO A. Naughty Pencil
MIMMO LA STELLA
PAKAL
PIETRO SANZERI
STEVE MERLIN
TONY THE SUB
ULISSE
VINCENZO CINANNI
VLADIMIRO MERISI

Autori

con la partecipazione di:

La caratteristica di questo nostro Calendario il tema: lEros, in


quanto componente fondamentale dellAmore, raccontato nella
sua connotazione al femminile. Celebreremo soprattutto la Donna
ma non con i classici slogan o i consunti luoghi comuni: bens
quella vera, piena di passioni e incertezze, attenta e frivola; oggi
di fuoco, domani glaciale. Quella Donna che a volte viene fraintesa, in questa societ mordi e fuggi, dove tanti sono disposti a
credere che tutto si pu comprare e in certi casi, purtroppo, ottenere anche ricorrendo alla violenza.
Le donne, gli Amori e... i Cavalieri che troverete nel Calendario
sono un ritratto, un piccolo contributo, alla comprensione del
complicato e affascinante universo femminile, raccontato da chi
ha fatto della comunicazione artistica pi che un hobby, una Passione...

Quarta Edizione - Aprile 2016


a cura di The Queens

Desiderio proibito
di Anna Marino

Emily rote la manopola del volume nella sua autoradio.


La musica inond labitacolo. Prese a cantare a squarciagola le parole di una canzone Pop. Le dita affusolate laccate
di rosso ticchettarono sullo sterzo. Lorologio digitale segn le tre del mattino. Si sentiva estremamente ilare, forse
pi del normale. Probabilmente, merito di tutto lalcol che
aveva in corpo. Fuori dai finestrini parzialmente appannati,
scorse dei lampeggianti. Rise e pigi il piede
sullacceleratore. Non gliene fregava niente. Detestava tutto il genere umano. In particolar modo quello maschile. Incurante della sirena che echeggiava alle sue spalle continu
la sua avanzata fuori controllo. Aveva i nervi a pezzi.
Lultima settimana era trascorsa tra fiumi di lacrime e urla.
Aveva scoperto che il suo fidanzato la tradiva.
Basta! si disse. Doveva smetterla di compatirsi. Non ne
valeva la pena. Gli uomini erano tutti dei traditori, era nel
loro DNA. La volante della polizia le sfrecci accanto superandola. Emily fren di colpo, evitando lo scontro per un
soffio. Un agente in divisa nera scese dallauto e avanz
minaccioso verso di lei. Fece segno di abbassare il finestrino. Emily sbuff ma obbed. Si pent amaramente di averlo
fatto quando si ritrov faccia a faccia con lo sguardo duro e
sensuale dellagente: giovane, fisico atletico, spalle larghe
e che dire di quegli occhi verde giada che la scrutavano intensamente! Emily sorrise amabilmente:
Hoho fatto qualcosa di male? Farfugli
Luomo gett uno sguardo allinterno dellabitacolo e punt il fascio di luce della sua torcia verso la borsa.
Esca dallauto Intim. Emily fece per protestare ma poi
ci ripens.

In fin dei conti poteva rivelarsi uninteressante occasione.


Apr lo sportello e scese gi. Con passi malfermi avanz
verso lagente. Sorrise civettuola:
Non vorr mica farmi una multa?
Signora
Signorina, prego Corresse lei.
Bene, signorina Sottoline da dove comincio? Dunque:
non si fermata allo stop. Guidava senza cintura di sicurezza. Ha superato il limite di velocit consentito. Ha ignorato lAlt di un agente e da ci che vedotemo aggiunger, guida in stato debrezza.
Emily finse sdegno, ma in realt sarebbe scoppiata volentieri a ridere per la paradossale situazione. Lei che era
sempre stata attenta e perfetta per non dar adito a chiacchiere. La seriet fatta persona. Esempio concreto di virt.
Non sono affatto brilla mio caro! Protest scuotendo il
capo.
Il poliziotto sorrise: due fossette sensuali si disegnarono ai
lati di quelle labbra carnose e invitanti.
Mi faccia vedere Replic ironico cammini dritto tenendo lindice premuto sul naso.
Emily gli lanci uno sguardo minaccioso che avrebbe impaurito solo un chiwawa. Gli sfil davanti zoppicando. Si
poggi il pollice sul naso. Fece un paio di passi, ma tutto
intorno vortic. Perse lequilibrio, cadde e si ritrov tra le
braccia muscolose dellagente. Col fiato corto, allacci le
dita attorno alla sua nuca. Il succinto tubino nero che indossava si sollev, scoprendo interamente le gambe snelle
e toniche e la micro lingerie di pizzo nero.

Scese un silenzio imbarazzante. Sorrise maliziosamente


allagente:
Posso sapere come ti chiami? Chiese passando direttamente al tu.
Indubbiamente, anche lagente era teso. I suoi occhi lasciavano trapelare tutta la sua inquietudine.
Alexander Rispose roco. Nervosamente laiut ad alzarsi.
Emily si pass una ciocca di capelli biondi dietro
lorecchio e si morse il labbro inferiore in modo suadente.
Dalla volante sud la voce disturbata della radio trasmittente richiedere la presenza dellagente. Alexander si allontan senza perderla docchio. Apr lo sportello e si accomod sul sedile anteriore. Sollev la trasmittente e rispose.
Lei losserv ammaliata. Forse a causa dei vari cocktail o
per la rabbia che le ribolliva dentro, prese una decisione
folle. Ancheggiando in modo ridicolo sui tacchi raggiunse
lautopattuglia. Alexander alz lo sguardo, fece per obbiettare ma venne messo a tacere dalla bocca vorace di lei. Emily lo immobilizz salendogli a cavalcioni. La carica erotica di quel bacio spiazz lagente. Cedette. Assecond la
lingua di lei massaggiandola con desiderio. Quella donna
era conturbante, sensuale, al punto di fargli perdere totalmente la testa. Le sue robuste dita sinsinuarono sotto la
gonna. Raggiunse gli esili slip di pizzo, li scost. Il contatto con quella pelle delicata, gi eccitata gli procur un fremito per tutto il corpo: la desiderava ardentemente. La voleva sua.
Emily con gesti frenetici slacci uno a uno i bottoni della
divisa. Mise a nudo il torace muscoloso del poliziotto.

Odorava di maschio. Strinse i suoi pettorali sodi senza


smettere mai di baciarlo. Era droga pura per lei. Gemette e
divaric maggiormente le gambe quando lagente
sintrodusse con lindice dentro il fiore della sua femminilit, stuzzicandola. Alexander la strinse con prepotenza. Le
sue labbra presero a giocare prepotentemente, assaporandola come il pi dolce dei frutti. Era ormai, fuori controllo.
Emily sospir di piacere lasciandosi andare a quei baci infuocati. Dio quanto aveva desiderato tutto ci. La sua vita
era sempre stata monotona. Persino fare lamore era diventata una tediosa routine. Un atto dovuto per soddisfare il
suo partner. Ma adesso non le importava pi di niente. Voleva sentirsi libera da ogni tab. Libera di vivere lamore
cos come laveva sempre desiderato. Il conturbante agente
abbass la lampo del suo abitino e lo sfil. Poi fu la volta
del reggiseno. Istintivamente si chin sui suoi capezzoli
turgidi. Linumid con la lingua disegnando attorno alle areole. Emily inarc la schiena offrendosi a lui. Era cos abile, cos virile! Sapeva esattamente dove toccarla e come
toccarla. Era passionale ma al contempo delicato. Si ferm
un istante. Si guardarono negli occhi. Le loro labbra umide
rischiarate dalla luce fioca della luna. Il cuore aument i
suoi battiti nel momento in cui Alexander si sfil la cintura
e con disinvoltura si liber degli ultimi indumenti, se pur
goffamente, data la posizione. Lei rise. Ma non vi era imbarazzo, solo desiderio puro e genuino. Lui la prese per i
fianchi sollevandola leggermente. Il pulsante membro si
fece largo dentro di lei nonostante liniziale resistenza. Non
aveva mai provato nulla di simile. Mugol di piacere, lo
bramava, lo desiderava ardentemente.

Era folle ci che stava accadendo, ma troppo tardi per fermarsi. Si lasci andare alla passione godendo di ogni suo
tocco, ogni affondo. Lo sentiva prepotente muoversi dentro
di lei. Con vigore senza darle tregua. Strinse le sue mani e
lo accompagn in quella danza paradisiaca sin quando non
raggiunsero entrambi lapice del piacere. Alexander inarc
la schiena. Annient ogni centimetro che li separava e si
lasci andare a un orgasmo intenso, liberatorio. Emily poggi la guancia su torace muscoloso e chiuse gli occhi in attesa che i battiti del suo cuore tornassero alla normalit.
Appagata e serena contempl la perfezione di quel corpo
mascolino accarezzandolo con dolcezza. La ricetrasmittente Spezz quella magia. Esigevano lintervento del poliziotto. Alexander con i capelli arruffati blater qualche imprecazione. Emily si sollev per guardarlo negli occhi: non
le importava di finire in prigione, ma il solo pensiero di
perderlo le caus una fitta allo stomaco. Lo guard mesta.
Lui sorrise. Come se le avesse letta nel pensiero disse:
Senti non sono bravo con le parole ma Si pass una
mano tra i capelli, imbarazzato insomma, iovorrei rivederti.
Emily ebbe un sussulto a quelle parole inaspettate. Il cuore
perse qualche battito: Mi stai dicendo, che non sono pi in
arresto?
Ti sto dicendo, che sei la cosa pi bella che mi sia capitata
e non voglio perderti.
QuindiNiente pi multa agente. Ironizz con rinnovata speranza.
Alexander sorrise:Nessuna multa. Ma fossi in te eviterei

dubriacarmi, almeno che tu non voglia, essere ammanettata?


Non saprei agente, lidea mi alletta parecchio. Ti lascio il
mio numero, se vuoi.
Non occorre. Ho gi quello della tua targa La schern
baciandola a stampo.
Emily rise e ricambi quel bacio con trasporto. Per una
volta forse, aveva fatto davvero la cosa giusta. Quella follia
laveva liberato dalla schiavit chiamata senso di responsabilit. Perch fare lamore non deve essere un dovere, ma
solo unPiacere.

Sar primavera
di Liliana Tuozzo

Con gli occhi chiusi guardo


questo cielo terso
che mi cattura.
Se avessi meno anni
lo percorrerei.

Cavalcando nubi di fumo


troverei la strada.
Nel buio ascolto
la musica del cuore.
Seguo il ritmo cadenzato
ma non ho forza di cantare.
Se avessi meno affanni
danzerei.
col vento che mi guida
in un abbraccio sereno.
Il cielo offre
gocce di sale
che non voglio
sanno di pianto.
Muoio damore
per te raggio di sole
pur solo desiderato.
Fugace istante.
Aprir gli occhi
dopo il gelo.
E sar ancora
primavera.

Happy birthday
di Desire Charman

Si svegli che erano gi le otto, il marito dormiva ancora


sotto la trapunta grigia. Era tornato tardi e si era agitato tutta la notte. Era la coscienza che non lo faceva dormire.
Maria gli volt le spalle e guard la luce tenue del mattino
intrappolata nel tessuto pesante delle tende. Le faceva male
la testa perch aveva bevuto troppo. La bottiglia un amico che ti chiede il conto ogni mattina.
Fu allora che la vide. Era appesa a unanta dellarmadio,
proprio di fronte ai piedi del letto. Una bellissima pelliccia
bianca e vaporosa che sembrava essersi materializzata dal
nulla.
Il mio regalo di compleanno.
Si alz e si avvicin per toccarla. Doveva sentire con le sue
mani che era una cosa vera, che non era un sogno.
Il marito si svegli proprio in quel momento e la vide in
piedi davanti alla pelliccia mentre la accarezzava. La mano
con le unghie laccate di rosso la lisciavano come se fosse
una cosa viva. Questa cosa lo eccit.
- Spogliati le disse. Togli tutto e indossa solo la pelliccia.
Maria fece un sorriso tiepido e fece scivolare le coulotte a
terra. Poi indoss la pelliccia e lasci che il marito la toccasse.
Muove le mani come se stesse impastando qualcosa.
Quando la sua erezione raggiunse livelli soddisfacenti, si
inginocchi davanti alla moglie e cominci a baciare ora la
pelliccia, ora i peli passando da uno allaltro come se fossero una cosa sola. Nel farlo si masturbava muovendo la mano sempre pi veloce.

Le venne sulla pelliccia con un grugnito e la sculacci per


ringraziarla di averlo fatto godere cos tanto.
Mentre il marito era in bagno, Maria si tolse la pelliccia e
la appese di nuovo alla stampella: impregnata di sperma e
di saliva sembrava gi vecchia.
Cera una bottiglia in frigo, bisognava brindare a questa
cosa.

Angolo cottura
di Giovanna Esse

Questo mese mi approprio dellangolo dedicato alla cucina per


promuovere un piatto semplice e genuino, a base di prodotti tipici
della tradizione e assolutamente italiani.
A Napoli, per Pasqua, si mette in tavola il Piatto Santo, ma la sua
facile composizione ne fa un graditissimo antipasto primaverile.

Piatto Santo, semplicissimo.

Procuratevi uova freschissime (calcolare circa 2 uova a persona)


e fatele sode dalla mattina, poi salumi affettati: Salame Napoli,
Salame Milano, Salsiccia piccante, Spianata, Pancetta tesa stagionata e Capocollo.
Per chi gradisce anche qualche fetta di Speck o di crudo di Parma.
Procuratevi poi una Ricotta Salata, tipo Montella, da tagliare a fette di circa un centimetro. Preparate il tutto in una sperlunga di
porcellana, per aggiungere un tocco speciale, grattugiate un po
di scorza di limone sulle fette di ricotta e delle paprica sulle uova,
tagliate a met.

Vivo
di Pietro Sanzeri

Guardo il cielo, ascolto le emozioni,


sussurro alle stelle,
Piango.
Il tuo sguardo penetra il mio cuore
Le tue lacrime lentamente solcano il mio viso
Piango
Sono tormentato da mille paure
Mille insicurezze. Ti penso, ma tu non ci sei
Piango.
Languidi baci sulla pelle morbida,
tu ci sei.
Vivo.

2016 - Naughty Pencil di Mauro A.

La Pin Up di aprile

Naughty Pencil
by Mauro A.

Mauro A. un illustratore specializzato nella realizzazione di affascinanti ed eleganti progetti grafici. Incantato, come tanti artisti,
dalla versatile, incomparabile, bellezza del corpo femminile, nei
suoi nudi, banalmente e volutamente definiti col termine Pin Up,
Mauro riesce a cogliere quel mix scabroso, tipicamente femminile, quella soave contraddizione, che si estrinseca dalle sue tavole: innocenza, sensualit mistero.
Ogni opera di Mauro, nella raffinata e sapiente semplicit del tratto un incanto per i sensi: impossibile descrivere la ridda di emozioni che solo loriginale pu trasmettere. Laddove la carta, lievemente ruvida, trattiene e trasmette tutta lemozione dellartista
e dellanima erotica della sua modella.
Le Opere di Mauro A. sono pezzi unici e rari, vengono realizzate
in grande formato e inviate complete di cornice a giorno.
Per richieste, curiosit o informazioni:
CONTATTI: meetown@outlook.it

Appuntamento a maggio

The images used in this blog's posts are found from differen sources all over the Internet,
and are assumed to be in public domain and are displayed under the fair use principle. I
provide information on the image's source and author whenever possible, and I will link back
to the owner's website wherever applicable.If you are the owner of the images and you believe that their use on this site is in violation of any copyright law, then please contact me on
message form and I will get back to you as soon as possible to resolve the issue.
Giovanna Esse - 2016
UUID: 8e0c4db6-9ff8-11e5-b27e-119a1b5d0361