Sei sulla pagina 1di 17

TRACCE DI

ANTICHI PASTORI
NEGLI ALTI LESSINI

TRACCE DI

ANTICHI PASTORI
NEGLI ALTI LESSINI
Alla scoperta di segni di avventure umane nel paesaggio

a cura di
Ugo Sauro
Mara Migliavacca
Volume promosso da:

Vincenzo Pavan
Fabio Saggioro

Museo Civico Etnografico La Lessinia: luomo e lambiente


Bosco Chiesanuova (VR)

Accademia della Lessinia-ONLUS

Damiano Azzetti
con contributi di
Antonella Arzone
Anita Casarotto

Con il patrocinio di:

Giorgio Chelidonio
Francesco Ferrarese
Parco Naturale Regionale della Lessinia

Luciano Salzani
Antonia Stringher

Fondazione Zanotto

Banca Popolare di Verona

Cassa Rurale Bassa Vallagarina


Assicurazioni Toro - Agenzia generale di Rovereto (TN)
Benvenuti s.a.s. di Benvenuti Giovanna

Indice

sigle di riferimento degli autori


Antonella Arzone
Damiano Azzetti
Anita Casarotto
Giorgio Chelidonio

(A.A.)
(D.A.)
(A.C.)
(G.C.)

Francesco Ferrarese
Mara Migliavacca
Vincenzo Pavan
Fabio Saggioro

(F.F.)
(M.M.)
(V.P.)
(F.S.)

Luciano Salzani
Ugo Sauro
Antonia Stringher

(L.S.)
(U.S.)
(A.S.)

fonti darchivio e abbreviazioni


ASVR Archivio di Stato di Verona
ASCA Archivio Storico del Comune di Ala

ASCRV Archivio Storico del Comune di Rover Veronese


AN
Archivio Nordera

feferenze fotografiche e illustrazioni


Tutte le foto prive di indicazioni sono di U. Sauro.
Quelle di altri autori riportano nelle didascalie le indicazioni relative.
Di altre illustrazioni sono indicate le fonti sempre nelle didascalie, tranne la foto a p. 300 di Richard Huter e la foto a p. 301
tratta dal volume A. Cecchetto, Progetti di Luoghi, Verona 1998, p. 310.
Le riproduzioni dei beni di propriet dello Stato Italiano delle pagine 160, 192, 205-211, 225, 230, 233, 242, 243, 262-263 sono state realizzate su concessione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; vietata lulteriore riproduzione e duplicazione con qualsiasi mezzo.
Le illustrazioni alle pagine 272, 277, 281, 297, 315, 317 sono di E. Tonin, quelle alle pagine 288 e 289 sono dellIstituto Universitario di Architettura di Venezia.

ringraziamenti
Ugo Sauro, oltre a esprimere un sentito grazie a tutti i componenti del Gruppo di Ricerca, ringrazia gli Associati dellAccademia
della Lessinia e dellAssociazione Amici del Museo di Bosco Chiesanuova, per lattenzione con cui hanno seguito questa ricerca.
Ringrazia, inoltre, il Parco e la Comunit Montana della Lessinia, la Fondazione Zanotto e la Banca Popolare di Verona, la
Cassa Rurale Bassa Vallagarina, e il Comune di Bosco Chiesanuova per avere in vari modi supportato le ricerche e la pubblicazione del presente volume.
Vincenzo Pavan rivolge un ringraziamento particolare a Angelo Andreis per la preziosa e generosa collaborazione nella ricerca
darchivio, a Ugo Sauro per il contributo di informazioni e consigli sullargomento. Ringrazia inoltre per laiuto concreto
dato in varie fasi della ricerca, la Comunit Montana della Lessinia e il Parco, la Biblioteca Civica di Ala, il Dipartimento
di Ingegneria dellUniversit di Padova, lIstituto Universitario di Architettura di Venezia, e per la loro disponibilit Angelo
Bertolazzi, Luciano Bogoni, Elena Corradini, Barbara Debiasi, Andrea Giordano, Diego Lonardoni, Chiara Ottaviani, Gian
Maria Varanini. Per la cura redazionale dei documenti storici Maura Argentoni.
Antonella Arzone ringrazia, relativamente al capitolo Le monete ritrovate in Lessinia e negli Alti Pascoli, Gaia DOnofrio
per limpaginazione delle tavole fotografiche; e Lorenzo Passera per il confronto a proposito del denaro frisacense di Bosco
Chiesanuova.
Giorgio Chelidonio ringrazia, relativamente al capitolo Selci tardo-paleolitiche e protostoriche, il dott. Umberto Tecchiati (Soprint.Beni Archeologici, Bolzano), il dott. Lorenzo Dal R e le dott.sse Paola Visentini (Mus. Friulano St. Naturale di
Udine), Silvia Odone (Mus. Archeologico di Remedello/BS) e Cristina Longhi (Mus. Archeologico di Bergamo) per i confronti condivisi.

Presentazione ........................................................................................................................................................................................................................................................

pag.

Storia della ricerca

pag.

11

...........................................................................................................................................................................................................................

pag.

14

1. ASPETTI ANTROPOLOGICI DELLA PASTORIZIA (M.M.) .........................................................................................................


1.1. Pastorizia, transumanza e alpeggio ..............................................................................................................................................................................
1.2. Antropologia della pastorizia ............................................................................................................................................................................................
1.3. Le attivit e la strumentazione del pastore, e loro tracce sugli alti pascoli dei Lessini ..................................................

pag.

19
19
22
23

2. IL PAESAGGIO DEGLI ALTI LESSINI: UN PALINSESTO DI ELEMENTI NATURALI


E DI SEGNI STRATIFICATI (U.S.) .......................................................................................................................................................................................
2.1. Elementi naturali: geologici, geomorfologici, pedologici, vegetazionali ...................................................................................
2.2. I segni antropici del paesaggio degli alti pascoli ..............................................................................................................................................
2.2.1. I segni preterintenzionali ......................................................................................................................................................................................
2.2.2. Segni e strutture frutto di interventi intenzionali ..........................................................................................................................
2.2.3. La posta del carbon: segno dellattivit di trasformazione del legno in carbone ..................................................

pag.

29
29
37
37
42
45

3. GLI ALPEGGI, DETTI MONTAGNE O MALGHE .......................................................................................................................


3.1. La strutturazione degli alti pascoli (U.S.) ..............................................................................................................................................................
3.2. Le vie per i monti (M.M., F.S., U.S.) .......................................................................................................................................................................
3.2.1. Mobilit dei pastori e alpeggio ........................................................................................................................................................................
3.2.2. Agli inizi della pastorizia in Lessinia ..........................................................................................................................................................
3.2.3. Una molteplicit di vie ...........................................................................................................................................................................................
3.3. Le tracce dei Casoni (M.M., U.S.) ..............................................................................................................................................................................
3.3.1. I Casoni: le principali strutture funzionali dellalpeggio .........................................................................................................
3.3.2. Aspetti della distribuzione e caratteristiche delle basi dei Casoni ...................................................................................
3.3.3. I Casoni nel contesto delle montagne dellalpeggio .....................................................................................................................

pag.

49
49
54
54
56
57
62
62
65
79

4. LE STRUTTURE LEGATE ALLA PRATICA TRADIZIONALE


DELLALPEGGIO DEGLI OVINI .......................................................................................................................................................................................
4.1. I Ripari dei pastori (U.S.) ....................................................................................................................................................................................................
4.1.1. Definizione di Riparo ..............................................................................................................................................................................................
4.1.2. Contesti e genesi dei Ripari ...............................................................................................................................................................................
4.1.3. I Ripari sottoroccia censiti ..................................................................................................................................................................................
4.1.4. I Ripari nei corridoi carsici e i Ripari di parete ................................................................................................................................
4.1.5. Componenti mancanti, soluzioni singolari e associazioni tra Ripari e Ovili ........................................................
4.2. Le Casette (M.M.) .......................................................................................................................................................................................................................
4.2.1. Definizione di Casetta ........................................................................................................................................................................................
4.2.2. Contesti e dimensioni delle Casette ...........................................................................................................................................................

pag.

83
83
83
85
92
93
94
95
95
98

...........................................................................................................................................................................................................................................

I ricercatori si presentano

Luciano Salzani ringrazia, relativamente al capitolo Reperti metallici protostorici rinvenuti sugli alti pascoli dei Lessini veronesi, il dott. Vincenzo Tin, Soprintendente per i Beni Archeologici del Veneto, per aver sostenuto e incoraggiato questa ricerca.

edizioni Gianni Bussinelli editore, Vago di Lavagno (Verona)


progetto grafico e impaginazione Silvia Tebaldi
fotolito CianoMagenta, San Martino Buon Albergo (Verona)
stampa Tipografia La Grafica Editrice snc, Vago di Lavagno (Verona)
isbn 978-88-98513-01-7
copyright 2013: nessuna parte di questa pubblicazione pu essere riprodotta in qualsiasi forma, senza il consenso del
curatore e delleditore.

indice 5

4.2.3. Le principali tipologie delle Casette ...........................................................................................................................................................


4.2.4. Casette realizzate interamente con materiali vegetali .................................................................................................................
4.2.5. Casette che sfruttano gli affioramenti di Rosso Ammonitico .............................................................................................
4.2.6. Casette con basamento in pietra ....................................................................................................................................................................
4.2.7. Le coperture ......................................................................................................................................................................................................................
4.2.8. Casi particolari ...............................................................................................................................................................................................................
4.2.9. Considerazioni su funzioni e cronologia ................................................................................................................................................
4.3. Gli Ovili (U.S.) .............................................................................................................................................................................................................................
4.3.1. Definizione di Ovile ed elementi associati ...........................................................................................................................................
4.3.2. Struttura, caratteri, tipi degli Ovili .............................................................................................................................................................
4.3.3. Contesti geomorfologici degli Ovili ...........................................................................................................................................................
4.3.4. Rapporti con altre strutture pastorali e aspetti delle strategie dei pastori ................................................................

pag.

99
99
101
101
103
111
111
114
114
115
121
132

5. I SEGNI E LE STRUTTURE LEGATE ALLUSO DI ALTRE RISORSE (U.S.) .................................................................


5.1. Strutture singolari presumibilmente legate alluso stagionale del pascolo ...............................................................................
5.2. Frigoriferi naturali e strutture presumibilmente legate allestrazione del ghiaccio ..........................................................
5.3. Strutture legate allattivit di cava ................................................................................................................................................................................
5.4. Strutture presumibilmente legate alla prima guerra ....................................................................................................................................
5.5. Strutture presumibilmente legate allattivit di caccia ...............................................................................................................................

pag.

141
143
146
148
155
157

6. QUADRO SINTETICO DELLA STORIA DELLA PASTORIZIA IN LESSINIA ...........................................................


6.1. La storia della pastorizia in tre rivoluzioni (M.M.) ......................................................................................................................................
6.2. La pastorizia nella preistoria dei Lessini (M.M.) ............................................................................................................................................
6.2.1. Neolitico ..............................................................................................................................................................................................................................
6.2.2. Et del Rame ....................................................................................................................................................................................................................
6.2.3. Et del Bronzo ................................................................................................................................................................................................................
6.2.4. Et del Ferro .....................................................................................................................................................................................................................
6.3. Il pascolo in Lessinia tra et romana e medioevale (F.S.) ........................................................................................................................
6.3.1. Gli studi sulle aree montane della Lessinia ..........................................................................................................................................
6.3.2. Let romana (I a.C. - V d.C.) ..........................................................................................................................................................................
6.3.3. LAlto Medioevo (VI-XI secolo) ....................................................................................................................................................................
Ritrovamenti archeologici .......................................................................................................................................................................................
Gli Alti Pascoli tra IX-X secolo ...........................................................................................................................................................................
I boschi, le comunit e i villaggi ........................................................................................................................................................................
6.3.4. XI e XIII secolo: i luoghi e il paesaggio ...................................................................................................................................................
Le porte della Lessinia: i castelli ........................................................................................................................................................................
Lo sfruttamento delle aree montane ................................................................................................................................................................
6.3.5. Tra XII e XV secolo: un paesaggio in trasformazione ................................................................................................................
Dati materiali: la grotta del Monte Potteghe ..........................................................................................................................................
Il Basso Medioevo ..........................................................................................................................................................................................................

pag.

159
159
161
161
163
165
170
175
175
176
178
178
179
181
183
183
185
186
187
188

7. ASPETTI ARCHEOLOGICI, ETNOGRAFICI E CRONOLOGICI ..........................................................................................


7.1. Visibilit delle tracce e ricognizione archeologica (M.M.) ....................................................................................................................
7.2. Materiali ...............................................................................................................................................................................................................................................
7.2.1. Selci tardo-paleolitiche e protostoriche (G.C.) ................................................................................................................................
Tracce della ricolonizzazione post-glaciale in quota ..........................................................................................................................
I primi artigiani neolitici nella Valpantena medio-alta ............................................................................................................
Artigiani-pastori tardo-preistorici? ..............................................................................................................................................................
Le officine litiche e i siti ............................................................................................................................................................................................
Considerazioni .................................................................................................................................................................................................................
Scheda: Pietre focaie e acciarini negli alti pascoli (G.C.) .................................................................................................................................

pag. 191

191

193

193

193

194

194

194

198

200

6 tracce di antichi pastori

7.2.2. Reperti metallici protostorici rinvenuti sugli alti pascoli dei Lessini veronesi (M.M., L.S.) ..................
Gli oggetti in bronzo della montagna del Busimo ...............................................................................................................................
Gli oggetti ritrovati nelle altre Montagne ..................................................................................................................................................
Considerazioni .................................................................................................................................................................................................................
7.2.3. Materiali depoca storica (F.S.) ........................................................................................................................................................................
Campanelle da ovini ...................................................................................................................................................................................................
Strumenti per il lavoro nel bosco .......................................................................................................................................................................
Elementi dellabbigliamento .................................................................................................................................................................................
Le armi ..................................................................................................................................................................................................................................
Finimenti per equini ...................................................................................................................................................................................................
Le ceramiche ......................................................................................................................................................................................................................
Scheda: Rinvenimenti sugli alti pascoli collegabili alla pastorizia (M.M.) ......................................................................................
7.2.4. Le monete ritrovate in Lessinia e negli alti pascoli (A.A., D.A.) ......................................................................................
Premessa ................................................................................................................................................................................................................................
Monete preromane e romane ................................................................................................................................................................................
Monete romane del Museo di Bosco Chiesanuova ...............................................................................................................................
Monete altomedievali e medievali ....................................................................................................................................................................
Monete di et basso medievale e moderna .................................................................................................................................................
Monete dei secoli XVII-XVIII .............................................................................................................................................................................
Monete del XIX secolo ................................................................................................................................................................................................
Considerazioni finali ..................................................................................................................................................................................................
7.2.5. Religiosit e medaglie devozionali ritrovate nellarea degli alti pascoli (D.A., U.S.) .....................................
Aspetti del Sacro nelle montagne degli alti pascoli ..............................................................................................................................
Alcuni oggetti devozionali e loro possibili significati .........................................................................................................................
7.3. Frammenti di avventure umane (U.S.) ...................................................................................................................................................................
Scheda: Un pastorello scopre lambiente degli alti pascoli (U.S.) ............................................................................................................
Scheda: Ricordi sullalpeggio delle pecore a malga Campobrun negli anni 40 (A.S.) .........................................................

pag.

202
202
204
207
209
209
211
211
212
213
213
215
218
218
218
221
224
226
229
232
233
234
234
238
242
249
252

8. LARCHITETTURA DALPEGGIO - DAL LEGNO ALLA PIETRA (V.P.) ...........................................................................


8.1. Le Cassine separate e la loro migrazione ................................................................................................................................................................
8.2. Le priorit del suolo ..................................................................................................................................................................................................................
8.3. Il Casone di legno e paglia ..................................................................................................................................................................................................
8.4. La Casara in muratura ............................................................................................................................................................................................................
8.4.1. Inizia limpietramento degli edifici di Malga .....................................................................................................................................
8.4.2. Il sistema strutturale ad archi nelle Casare ...........................................................................................................................................
8.5. Il Baito di pietra ............................................................................................................................................................................................................................
8.5.1. Lobsolescenza dei Casoni ....................................................................................................................................................................................
8.5.2. Verso un nuovo modello di Baito .................................................................................................................................................................
8.5.3. Innovazioni costruttive e tecniche ...............................................................................................................................................................
8.5.4. I primi Baiti a laste in piedi ..........................................................................................................................................................................
8.5.5. Alcune esperienze davanguardia ...................................................................................................................................................................
8.5.6. Aggregazioni e ibridi .................................................................................................................................................................................................
8.5.7. Nuovi accorpamenti con vecchie Casare ...............................................................................................................................................
Scheda: Costruire nella malghe ...............................................................................................................................................................................................
8.5.8. Il caseificio di Malga .................................................................................................................................................................................................
8.6. Edifici per gli animali ...............................................................................................................................................................................................................
8.6.1. Stalle e Stalloni ...............................................................................................................................................................................................................
8.6.2. Le Porcilaie ........................................................................................................................................................................................................................
8.7. Conclusioni .......................................................................................................................................................................................................................................
Appendice
1. Datazione degli edifici di malga della Lessinia ............................................................................................................................................
2. Glossario degli elementi costruttivi degli edifici di malga ...............................................................................................................
Documenti
1. Malga Costeggioli (sec. XVI in.) ..............................................................................................................................................................................
2. Malga Bazerna (1754) .........................................................................................................................................................................................................

pag.

257
258
262
264
270
270
276
279
279
280
282
283
286
293
298
300
304
312
312
320
323

324
325

326
327

indice 7

3. Malga Fratte (1845) ...............................................................................................................................................................................................................


4. Malga Scortigara di Cima (1890) ............................................................................................................................................................................
5. Malga Parparo di Sopra (1895) ...................................................................................................................................................................................

pag.

329
330
331

9. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE (AA.VV.) ...................................................................................................................................................

pag.

333

10. APPENDICE ...........................................................................................................................................................................................................................................


10.1a. Elenco malghe e montagne numerico ..................................................................................................................................................................
10.1b. Elenco malghe e montagne alfabetico ..................................................................................................................................................................
10.2. Censimento delle strutture rilevate (M.M., U.S.) .......................................................................................................................................
10.2.1. Casoni ...................................................................................................................................................................................................................................
10.2.2. Ripari ....................................................................................................................................................................................................................................
10.2.3. Casette .................................................................................................................................................................................................................................
10.2.4. Ovili ......................................................................................................................................................................................................................................
10.2.5. Altre strutture ................................................................................................................................................................................................................

pag.

337
337
338
339
339
342
344
346
348

11. BIBLIOGRAFIA

...................................................................................................................................................................................................................................

pag.

351

12. INDICE ANALITICO ..................................................................................................................................................................................................................


12.1. Indice analitico delle montagne (malghe) ............................................................................................................................................................
12.2. Indice analitico nomi geografici ...................................................................................................................................................................................

pag.

361
361
363

CARTA TEMATICA (allegata) (M.M., U.S., F.F., A.C.)

8 tracce di antichi pastori

Presentazione

uesto libro sugli antichi pastori rappresenta lultimo risultato di una sfida lanciata molti anni fa: infatti, negli anni 70 a Bosco Chiesanuova si costitu un gruppo
di appassionati della Lessinia con le finalit sia di allestire il Museo Etnografico dedicato
alle interrelazioni tra luomo e lambiente in Lessinia, sia di promuovere ricerche sul patrimonio culturale e ambientale del territorio montano. In questo modo nacque il Museo Etnografico - La Lessinia: luomo e lambiente, concepito come struttura aperta, che
si proponeva di favorire la nascita di sezioni tematiche nel territorio, sezioni che attualmente sono la giassara del Grietz e il baito di contrada Coletta.
Pi o meno negli stessi anni fu realizzato il primo numero del Quaderno culturale Lessinia ieri oggi domani, periodico annuale giunto ora al suo 36 numero, che ha avuto tra
i principali promotori alcuni dei medesimi cultori. Furono inoltre promosse ricerche oggetto di varie pubblicazioni, tra cui spicca il volume dal titolo Gli Alti Pascoli dei Lessini Veronesi, a cura di P. Berni, U. Sauro e G.M. Varanini, ma che raccoglie contributi
anche di numerosi altri studiosi, edito da La Grafica Editrice di Vago di Lavagno.
Inoltre, in Lessinia nacquero o si consolidarono, anche grazie alla collaborazione col Museo di Storia Naturale di Verona, numerosi musei locali tra cui ricordiamo quelli di Bolca, di Giazza, di Camposilvano, di SantAnna dAlfaedo e di Molina.
Negli anni 90 fu fondata lAssociazione Culturale Accademia della Lessinia - onlus,
anchessa con la finalit di favorire la ricerca, divulgazione e conservazione del patrimonio dei Monti Lessini. Altre realt, operanti da decenni in Lessinia sono le associazioni
che promuovono la ricerca e documentazione sulla cultura e la lingua cimbra, residuo di
un dialetto medio-altotedesco parlato dai gruppi di coloni provenienti dalla Baviera che
qui si insediarono nel tardo medioevo.
Questo fervore di iniziative culturali e le relative realizzazioni furono di stimolo e supporto alla progettazione e approvazione, da parte della Regione del Veneto, del Parco Naturale Regionale della Lessinia, creato nel 1991 con lo scopo di promuovere e proteggere il
patrimonio ambientale e culturale del territorio.
giusto sottolineare come, nonostante linteresse per la Lessinia dimostrato allora da alcuni enti politici, gran parte delle realizzazioni furono il frutto delle iniziative di cultori
locali, i quali hanno operato con grande passione, senza vantaggi economici di alcun tipo
e spesso investendo personalmente nella ricerca.
Non altrettanto si pu dire del quadro politico e istituzionale, il quale ha incoraggiato solo in parte le iniziative culturali, e talora promosso interventi dannosi per il patrimonio
territoriale. Fortunatamente, da parte dei cittadini e dei montanari c stata una progressiva presa di coscienza dellimportanza della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio naturalistico, ambientale e culturale, come dimostra la presenza dei sempre pi
numerosi escursionisti che percorrono a piedi i sentieri, dei molti visitatori di musei, incluse moltissime scuole, e dei partecipanti alle manifestazioni culturali.
Ci sembra poi importante mettere in evidenza come, tra i tanti uomini politici, alcuni
si siano distinti per sensibilit e impegno in iniziative di promozione culturale. Tra questi senza dubbio spicca la figura del Prof. Giorgio Zanotto a suo tempo Sindaco di Verona
e Presidente della Provincia che non ha mai negato il suo sostegno alle iniziative cultupresentazione 9

7.2.4. Le monete ritrovate in Lessinia


e negli alti pascoli
Premessa
Nel Museo Civico Etnografico di Bosco Chiesanuova sono in deposito pi di quattrocento monete ritrovate in superficie sui pascoli dellalta Lessinia, insieme ad altro materiale, quali medagliette
devozionali e vari oggetti e strumenti metallici,
espressioni della cultura materiale, cui sono dedicati specifici contributi in questa pubblicazione.
Gli oggetti sono stati rintracciati in prossimit delle basi di antichi casoni e nella maggioranza
dei casi si tratta di esemplari isolati. In due situazioni, le monete si presentavano, invece, saldate
tra di loro dai prodotti di corrosione e disposte
ancora in sequenza, cos come dovevano trovarsi in una sorta di cintura che le conteneva. Nel
complesso, le monete rappresentano un campione parziale, ma significativo, di un numero molto
pi ampio di ritrovamenti di cui si ha indirettamente generica notizia. Lintervallo cronologico
compreso tra let romana imperiale e let di Vittorio Emanuele III, re dItalia.
Le monete forniscono indicazioni, in parte nuove, sulla frequentazione antropica dei Monti Lessini e in particolare della loro parte sommitale.
Come si vedr in seguito, ci vale soprattutto per
let romana e lalto Medioevo perch la testimonianza di una frequentazione in tali epoche degli
alti pascoli non era altrimenti finora emersa. La
parzialit dei dati finora noti consente, per, di
fare solo caute ipotesi riguardo al significato dei
ritrovamenti alle quote pi elevate. Possiamo supporre che le monete siano traccia di forme di occupazione stagionale oppure di antichi percorsi
che attraversavano le montagne.
Dato che si tratta della prima analisi di un complesso di monete proveniente da questa zona, si
ritiene opportuno premettere un inquadramento di quelle che sono le conoscenze sui ritrovamenti di numismatici nei Lessini. Le segnalazioni
riguardano let antica, perch nellet moderna
lampiezza della documentazione scritta ha in genere reso superflua la registrazione dei rinvenimenti di tali reperti.
Monete preromane e romane
La documentazione inizia con una fase di grande interesse per lantichit delle attestazioni e le
218 tracce di antichi pastori

caratteristiche del numerario, nellarea settentrionale della Valpolicella. Labitato protostorico di


San Giorgio, posto sulle propaggini meridionali dellaltopiano, ad unaltitudine compresa tra i
300 e 350 m s.l.m., costituiva probabilmente un
punto di controllo dellasse viario tra la pianura e
larea centro-alpina. In localit Casaletti, in epoche diverse, sono stati effettuati vari ritrovamenti
che hanno permesso di individuare resti di strutture seminterrate di tipo retico e un edificio con
due principali fasi di vita. La prima inquadrabile cronologicamente tra la fine del V e gli inizi
del IV secolo a.C. ed caratterizzata da attivit di
fusione di metalli, praticata nelledificio. A questa fase appartengono un esemplare di aes rude e
uno di aes signatum. Si tratta di forme premonetali, la cui funzione ancora in discussione. Lesemplare di aes signatum, nella forma di lingotto
con limpronta del ramo secco, stato recuperato in superficie e quindi non pu avvalersi di una
cronologia basata sulla stratigrafia, ma, dal confronto con pezzi analoghi, ritenuto di produzione etrusca e databile tra il VI e il V secolo (Neri
2003, pp. 106-108). Anche la Valpolicella sarebbe
rientrata, quindi, nella rete di contatti e di scambi del mondo etrusco. Nella seconda fase delledificio di localit Casaletti, linsieme della documentazione archeologica, epigrafica e osteologica
indica un contesto di carattere rituale, nel quale le monete, dramme celtiche di imitazione massaliota, assi e semissi romani repubblicani, furono
in parte depositate insieme ad altri elementi come offerta di fondazione e in parte furono smarrite nel corso dellattivit quotidiana delledificio di culto (Salzani 2003, pp. 95-100; Biondani
2003, pp. 101-106).
In ordine cronologico seguono le monete greche
che sono state ritrovate nellarea lessinica occidentale nel territorio di SantAnna dAlfaedo e che
ammontano oggi a sette esemplari, costituendo
la maggiore concentrazione di numerario greco in
territorio veronese. Gli esemplari, in bronzo, sono
stati coniati nel IV e III secolo a.C. e provengono
da diverse zecche del mondo greco: tre da Siracusa, due da Alessandria dEgitto e altre tre da zecca
incerta. Di nessuna di queste monete si conosce
la posizione stratigrafica essendoci pervenute in
seguito a rinvenimenti casuali. Si conosce per la
loro localizzazione generica: due vengono dallabitato di Monte Loffa, due da Corrubbio, una da

Cona e due da Fosse, localit Le Grobbe (Biondani 2005, pp. 90-91; Pavoni 2007, pp. 164-165;
Biondani 2007, pp. 79-80). Per queste monete
si pensato a offerte votive presso aree santuariali delle quali mancano per testimonianze archeologiche (Pavoni 2003, p. 34). Considerando la dispersione dei vari nominali, provenienti tutti dal
territorio di SantAnna ma da frazioni piuttosto
lontane tra loro, si preferisce motivare la loro presenza, come stato fatto per i ritrovamenti di numerario greco in altre vallate alpine e prealpine
(Gorini 1998, p. 73), con il passaggio di uomini e
merci lungo una via di collegamento fra area padana e area trentina alternativa alla valle dellAdige (Biondani 2007, p. 80).
Tale percorso dalla bassa Valpolicella si inoltrava
sullaltopiano dei Lessini, dove nella seconda et
del Ferro, a partire dal V secolo a.C., si svilupparono una serie di centri le cui testimonianze archeologiche presentano una spiccata caratterizzazione in senso retico-alpino, pur conservando un
forte substrato paleoveneto (Salzani 1981, pp. 5475). Alcuni di questi siti hanno restituito, nelle
fasi pi tarde, dramme padane di imitazione massaliota. Le dramme sono state rinvenute in abitati, ad eccezione di una moneta da una sepoltura di Fumane, in localit Casterna (RMRVe III/2
14/5/1), a differenza di quanto avviene nella pianura a sud di Verona dove sono state trovate in
ambito funerario o tesaurizzate. Si tratta di 25
esemplari provenienti dallarea leponzia (Lombardia settentrionale), dallarea insubre (Lombardia
centrale), dallarea piemontese e dallarea cenomane (Lombardia orientale, fino allAdige). Sono
assenti le dramme venetiche.
Le monete romane dallarea lessinea denari, vittoriati e monete di bronzo appartengono ad
emissioni che iniziarono verso la fine del III secolo a.C., ma che hanno avuto una notevole persistenza in circolazione. Lesemplare pi recente un denario di Marco Antonio del 32-31 a.C.
(RMRVe III/2 33/6(1)/4). Dallinsieme della documentazione archeologica si evince che i villaggi della bassa e alta Valpolicella erano inseriti in
unampia rete di contatti, in particolare verso le
Prealpi Lombarde, il Trentino e la Valle dellAdige. da notare che, mentre gli oggetti dei corredi delle necropoli della pianura meridionale indicano un processo di progressiva integrazione nel
mondo romano con ladozione di fibule e vasel-

lame da mensa di gusto romano, pur mantenendo alcuni usi tipici della propria cultura come la
deposizione di armi o luso della lingua e dellalfabeto leponzio, le monete repubblicane in argento e bronzo sono gli unici elementi romani degli
abitati della Lessinia. Lindagine archeologica ha
indicato come la fine di questi villaggi sia da imputare ad un intervento diretto o indiretto della potenza romana, anche se le testimonianze non
consentono di chiarire le modalit della sottomissione (Salzani 1981, p. 75). In et romana le fonti
epigrafiche attestano poi nella Valpolicella il pago degli Arusnati con il permanere di culti e di
usi linguistici particolari. Il termine pagus indicava nel lessico amministrativo romano una circoscrizione territoriale, periferica rispetto ai centri
maggiori, alla quale veniva riconosciuto un certo grado di autonomia amministrativa e religiosa.
In et augustea si era completato il lungo processo che pacificamente e militarmente aveva portato i Romani, nellarco di oltre un secolo, a porre sotto il loro controllo tutta la catena alpina. Le
trib montane, in particolare i Reti, furono vinte nel 15 a.C. nel corso della campagna di guerra voluta da Augusto e condotta dai suoi due figli adottivi, Tiberio e Druso. Gi in precedenza,
per, mercanti isolati o in piccoli gruppi avevano
cominciato a frequentare le aree alpine alla ricerca di nuovi mercati, e nuovo impulso ai rapporti fra montagne e pianure venne dalla progressiva
integrazione amministrativa dei centri abitati che
sorgevano ai piedi delle Alpi e delle Prealpi.
Pacificato il territorio, vennero realizzate una serie di infrastrutture, atte a favorire la romanizzazione, come la via Claudia Augusta, che collegava
lAdriatico allEuropa centrale e sulla quale transitavano truppe e merci. Aument in maniera consistente la presenza umana nelle valli e nelle aree
pianeggianti, soprattutto lungo le principali arterie stradali, mentre gli abitati fortificati su altura,
come si visto, andarono spopolandosi e perdendo importanza.
Sui pendii collinari della Lessinia doveva essere
attivamente praticata la viticoltura e la coltivazione dei cereali e delle leguminose, mentre a maggiore altitudine doveva essere sfruttato soprattutto il bosco. Lallevamento brado dei suini, la
raccolta di legna da ardere, di frutti spontanei, di
bacche, di funghi, di erbe commestibili e officinali, di ghiande, di cera e miele selvatici, di resiaspetti archeologici, etnografici e cronologici 219

na e di legni resinosi dovevano spingere gli abitanti dei pendii collinari a salire a quote pi alte
dove si producevano anche il carbone e la pece.
La risorsa economica pi importante della montagna era rappresentata per dallallevamento degli ovini e dalla trasformazione dei prodotti derivati (Buonopane 2006, p. 106).
La documentazione numismatica, a prova della frequentazione e delle attivit economiche di
cui abbiamo qualche generica notizia dalle fonti
letterarie ed epigrafiche, per piuttosto modesta. Mancano completamente i ripostigli frequenti nella Bassa veronese e nella valle dellAdige.
Le monete, complessivamente poche, sono nella
quasi totalit di ridotto potere liberatorio e cronologicamente arrivano fino al IV secolo. La scarsit dei ritrovamenti pu essere comunque addebitata pi alle modalit del reperimento che
allinsufficienza del circolante. Infatti, si tratta
nella maggioranza dei casi di recuperi fortuiti dovuti a scassi per lavori agricoli o edili oppure a
indagini archeologiche avvenute nellOttocento o
allinizio del Novecento, quando cera senzaltro
minore attenzione nellindividuazione dei piccoli oggetti e meno cura nellevitarne la dispersione,
dopo averli portati alla luce. La riprova di questo
nelle recenti indagini della Soprintendenza Archeologica in siti come il tempio di Minerva di
Monte Castellon a Marano di Valpolicella, dove
sono state ritrovate in ununica campagna di scavo una cinquantina di monete, o in quello di una
villa urbano-rustica a SantAmbrogio, da cui vengono una trentina di reperti numismatici. Detto
questo, pu non essere casuale la concentrazione
dei ritrovamenti nella Valpolicella e nella Lessinia
occidentale rispetto al resto dellaltopiano, anche se la documentazione interessa lintero arco
dellaltopiano fino alla Val dIllasi. Probabilmente
la vicinanza di importanti assi viari e la maggiore fertilit dei terreni, famosi per il pregio delle
colture come la vite retica, rendeva pi appetibile
linsediamento in tale area piuttosto che ad altitudine pi elevata e nelle zone centrali e orientali.
Il modello di insediamento sembra fosse caratterizzato da notevole parcellizzazione della propriet e da modeste abitazioni rustiche. I ritrovamenti archeologici testimoniano lesistenza, nel
fondovalle, di ville urbano-rustiche (la villa Corteselle di Negrar, la villa di localit Ambrosan di
San Pietro in Cariano, la villa di SantAmbrogio
220 tracce di antichi pastori

recentemente scavata) e di ville rustiche (Archi


di Castelrotto di San Pietro in Cariano e la villa Quar sempre di San Pietro) da collegare inizialmente alla presenza dei veterani, occupanti le terre migliori della Valpolicella in veste di coloni, a
cui dovette progressivamente subentrare una nuova categoria di proprietari terrieri, rappresentanti
della classe decurionale (Franzoni 1983, p. 45).
Sono pochissime le monete recuperate nello scavo di questi siti, salvo quelle dalle indagini archeologiche pi recenti, le cui monete sono ancora
inedite (Pavoni 2004-2005, pp. 11-18). Complessivamente, la cronologia degli esemplari riporta alla transazioni che avvenivano nelle fasi finali
delle ville rustiche, che, ancora nel IV secolo, presentavano unalta rilevanza economica legata ai
prodotti della terra, allallevamento e allartigianato. Laumento del circolante in et tardo antica e il venir meno della cura e della manutenzione delle strutture edilizie, favorirono labbandono
nel terreno di piccoli nummi, caratteristici della
circolazione di IV e V secolo.
Altre monete romane sono state rinvenute in diverse occasioni a San Giorgio di Valpolicella, ritenuto il centro religioso del pago degli Arusnati. Le monete sono distribuite cronologicamente
tra let di Augusto e let di Costantino (RMRVe III/2 32/4(3)/5-13). Si tratta di quadranti, assi,
dupondi e nominali di bronzo di IV secolo. Dalla
stipe votiva, in localit Il Cristo, contenente molte terracotte (Cavalieri Manasse 1979), proviene anche una moneta repubblicana indeterminata (RMRVe III/2 32/7(1)/1) e, da una zona non
lontana dalla stipe, un ae2 di Costanzo II (RMRVe III/2 32/7(2)/1). Si indica convenzionalmente
con la sigla ae seguita dai numeri 1, 2, 3 o 4 il
numerario di bronzo coniato dopo la riforma del
348 perch non univoca la corrispondenza dei
termini usati nelle fonti letterarie con le monete.
Nel corso dellindagine archeologica nellarea a
sud della pieve di San Giorgio sono emersi i resti
di un edificio utilizzato in et tardo antica, quando vennero smarrite diverse monete di IV secolo (RMRVe III/2 32/10/1-2). Nel tempio di Minerva, sul pendio orientale del Monte Castellon a
Marano di Valpolicella, sono state trovate un numero imprecisato di monete nello scavo di Orti Manara del 1836, cronologicamente distribuite da Augusto al IV secolo, mentre nelle recenti
campagne di scavo ne sono state recuperate 47: la

pi antica un semisse del II secolo a.C. (RRC


172/3), solo tre sono databili al II-III secolo, le altre 43 sono di IV secolo.
Unaltra zona nella quale sono ricordati diversi ritrovamenti quella di Breonio (Covolo della Roba, Pr Grande, officina Ca del Vin). Limprecisione delle segnalazioni non consente di chiarire
la provenienza, se da contesto funerario o abitativo. Larco cronologico compreso tra let augustea e la prima met del III secolo (Biondani
2007, pp. 296 e 298).
Nella zona di SantAnna dAlfaedo sono stati rinvenuti, a pi riprese, ridotti complessi cimiteriali
di et romana da collegare a piccoli nuclei insediativi di popolazione rurale con scarsa disponibilit
economica, come si pu dedurre dalla mancanza
di ceramica di importazione e dalle poche monete del corredo funerario. I dati cronologici testimoniati dagli oggetti recuperati indicano una frequentazione a partire dal II secolo d.C. (Bassi 2007,
pp. 158-164). Ci sarebbe stato quindi un notevole
iato rispetto alla fine degli abitati protostorici, colmato da monete fuori contesto dalla localit Coal dei Savettini e da altre genericamente provenienti dal territorio di SantAnna e conservate presso il
museo di Storia Naturale di Verona e presso il museo di SantAnna (RMRVe III/2 33/8/11-14), databili dallet augustea-tiberiana fino allet flavia.
A San Rocco di Piegara, nel comune di Rover,
fu trovato un denario di Adriano, mentre presso
la chiesa di San Vitale in Arce a Rover, in seguito ad uno scasso avvenuto alla fine dellOttocento, si recuperarono una statuetta di bronzo e una
serie di materiali di et romana attribuibili forse a
una villa rustica (CAV, f. 49, n. 71.1). Si rinvennero anche diverse monete di et imperiale, di una
sola delle quali fu riconosciuta lautorit emittente in Galba (RMRVe III/2 28/2). Ancora a Rover, in localit Vazzi, fu segnalato il ritrovamento di diverse monete romane in una struttura che
venne ritenuta una fortificazione.
La medesima interpretazione diede Girolamo Orti ai ritrovamenti del sito della Purga, presso Velo Veronese dove le monete, rinvenute in quantit, erano distribuite cronologicamente tra let
di Augusto e il regno di Valentiniano III, nella
prima met del V secolo (Orti 1833, p. 7 nota 1;
RMRVe III/2 39/2/1-8).
Da Cerro Veronese, localit Nasa, proviene un sesterzio di Antonino Pio, raccolto in superficie e

depositato presso il museo di Bosco Chiesanuova (RIC III, p. 136, 906) (2). Si ha anche notizia,
di alcune monete di et romana, di datazione imprecisata, rinvenute nel secolo scorso ai piedi del
Monte di Villa Castellarin (RMRVe 4/1) a Bosco
Chiesanuova.
A Grezzana, nel corso di lavori edilizi, furono visti i resti di un abitato e di una necropoli e si raccolsero alcune monete di epoca non precisata
(RMRVe III/2 16/1-2).
Concludendo, le monete di et antica ritrovate in
Lessinia sono quindi appartenenti al numerario
greco, celtico, romano. La distribuzione spaziale
non supera la quota dei 1000 metri e la concentrazione nella parte occidentale dellaltopiano.
Monete romane del Museo di Bosco Chiesanuova
Le undici monete romane conservate nel museo di Bosco Chiesanuova, che qui si presentano per la prima volta, provengono dagli alti pascoli, da unarea oltre la quota dei 1300 m, dalla
quale finora non erano noti reperti di et romana. Le monete non sono state trovate isolate, ma
insieme ad altri piccoli oggetti attribuibili allet romana come campanelle, aghi, cucchiai (Saggioro, infra). Dal punto di vista numismatico
nessuna moneta ha caratteri notevoli per rarit
o per aspetti particolari. Le monete riconoscibili
sono datate tra il I e il III secolo; quattro assi sono estremamente corrosi ma, in base alla forma
e alle dimensioni del tondello, sembrerebbero risalire al II - III secolo. A parte il denario di Caracalla, conservato molto bene, le altre monete
appaiono notevolmente usurate e corrose a causa della durata in circolazione e delleffetto degli agenti chimici del terreno sulla lega metallica.
Gli assi erano il nominale pi basso nella scala di
valore del sistema imperiale, dato che i quadranti dopo let giulio-claudia vennero coniati senza
continuit. Gli antoniniani, emessi inizialmente
come multipli del denario, vennero investiti profondamente dalla crisi della met del III secolo
e con let di Gallieno vennero coniati in masse
enormi, perdendo per quasi interamente il loro contenuto argenteo e coprendo il livello delle
transazioni che in precedenza era dellasse. Il sesterzio, e il denario soprattutto, avevano senzaltro maggiore potere di acquisto, anche se il denario di Caracalla cominciava gi a risentire della
crisi finanziaria che port in breve tempo allalteaspetti archeologici, etnografici e cronologici 221

razione del suo contenuto argenteo, rimasto sostanzialmente stabile per tutta la storia repubblicana e imperiale.
Descrizione sintetica delle monete con le raffigurazioni fronte (D/) e retro (R/), le leggende e il riferimento al catalogo:
1. Montagna Pretta di Sotto
Sesterzio; Adriano; Roma; 121-122 (fig. 1)
D/IMP CAESAR TRAIAN HA-DRIANVS
AVG, busto laureato a d. con drappeggio sulla spalla s.
R/P M TR - P - COS III, S - C, Spes in moto
verso s., con un fiore, in atto di sollevare un
lembo della veste
RIC II, p. 420, 612
2. Montagna Tommasona
Asse; Vespasiano; Roma; 69-79
RIC?
3. Montagna Volpina
Asse; autorit non determinata; Roma; I-III
RIC?
4. Montagna Roccopiano, bivio del Pidocchio
Asse; autorit non determinata; Roma; I-III
(la moneta al d/ e al r/ presenta al centro il
segno di un foro non passante, indice di un
riutilizzo)
RIC?
5. Montagna Castilverio
Asse; autorit non determinata; Roma; I-III
RIC?
6. Bivio del Pidocchio
Asse; Marco Aurelio per Faustina II; Roma;
161-180 (fig. 2)
D/FAVSTINA AVGVSTA, busto drappeggiato a d.
R/LAETITIA S-C, Laetitia stante a s. con
corona e scettro
RIC, III, 1655
7. Bivio del Pidocchio
Denario; Caracalla; Roma; 214 (fig. 3)
D/ANTONINVS PIVS AVG GERM, testa
laureata a d.
R/PM TR P XVII COS IIII P P, Caracalla
stante a s., con ramoscello e bastone
RIC, IV, I, p. 247, 246
8. Bivio del Pidocchio
Asse; Alessandro Severo, Roma; 231-235 (fig. 4)
D/IMP ALEXANDER PIVS AVG, busto
laureato, corazzato a d.
222 tracce di antichi pastori

R/SPES PVBLICA, Spes in moto verso sinistra, con un fiore e in atto di sollevare un
lembo della veste
RIC IV, II, p. 121, 650(d)
9. Bivio del Pidocchio
Antoniniano; Gallieno; Roma; 260-268 (fig. 5)
D/[GALLIENVS AVG], testa radiata a d.
R/[DIANAE CONS AVG], antilope a d.
RIC V, I, 179-182
10. Bivio del Pidocchio
Antoniniano; Aureliano; Milano; 272-274
D/IMP AVRELIANVS AVG, busto con testa
radiata, corazzato a d.
R/IOVI CONSER, Imperatore stante a d.
con scettro o lancia, riceve il globo da Giove
stante a s.
RIC, IV, I, 246, p. 247
11. Bivio del Pidocchio
Asse; autorit non determinata; Roma; I-III
RIC?
La Montagna Pretta di Sotto, presso la quale
stata trovata la moneta n. 1, si trova nel comune
di SantAnna, le altre quattro montagne si trovano nel comune di Erbezzo. La quota superiore
ai 1300 m. Le prime cinque monete vengono da
montagne diverse, le rimanenti sei erano disperse
su una superficie di 15-20 m2 attorno al bivio del
Pidocchio (quota 1568 m). In questa localit sono
stati anche rinvenuti diversi frammenti di ceramica di impasto grezzo.
Unipotesi riguardo alla presenza delle monete in questarea deriva proprio dalla sua collocazione geografica: fin dallantichit remota avrebbe potuto essere un confine naturale e un punto
di passaggio. Le monete sarebbero da collegare ad
attivit che comportavano una frequentazione occasionale di tipo stagionale come potevano essere la caccia, il taglio della legna, la pastorizia degli
ovini. La posizione dei rinvenimenti sui pascoli, associata al ritrovamento di alcune campanelle
che, per forma dimensioni e tipologia, sembrano
campane per bestiame di et romana (Saggioro infra), fanno pensare al prevalere delle attivit pastorali.
Lallevamento ovino in et romana stato oggetto in anni recenti di molte indagini che hanno
particolarmente interessato le zone del Vicentino,
del Brenta e dellAltopiano di Asiago (Bonetto
1997, 2003). Uno studio approfondito sul terri-

Tavola 1

10

1. Moneta imperiale romana: Adriano, sesterzio


2. Moneta imperiale romana: Marco Aurelio per Faustina II, asse
3. Moneta imperiale romana: Caracalla, denario
4. Moneta imperiale romana: Alessandro Severo, asse
5. Moneta imperiale romana: Gallieno, antoniniano

6.
7.
8.
9.
10.

Moneta longobarda: Ariperto II, tremisse


Moneta medievale: denaro frisacense
Verona: Comune, grosso
Venezia: 1565, due gazzette
Venezia: 1570, tre gazzette

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 223

torio veronese non ancora stato fatto, ma forse


proprio queste monete sono una prima spia, che
merita di non essere trascurata, del fatto che venissero sfruttate per il pascolo, oltre alle zone di
incolto risparmiate in pianura dalla coltivazione
intensiva, anche i pascoli daltura come avveniva
sugli altopiani del Grappa, di Asiago o nelle aree
pedemontane tra la Val dAstico e il Piave (Bonetto 1997, 2003). Data anche la vicinanza della
Lessinia al centro urbano di Verona e data la dimensione demografica ed economica della citt,
ben superiore a quella di Vicenza e di Padova,
ipotizzabile che lalpeggio sugli alti pascoli sia iniziato in et romana o forse anche prima.
Le fonti letterarie ci informano dellimportanza
dellallevamento delle pecore, oltre che per i prodotti caseari e per la carne, anche per la produzione tessile di un prodotto tipico veronese cio
dei lodices, panni di lana villosi da un lato e rasi dallaltro, che venivano esportati fino a Roma
(Martial., XIV, 152; Franzoni 1987, pp. 64-65;
Buchi 1989, p. 136).
Monete altomedievali e medievali
Prima di considerare le monete di questo intervallo trovate negli alti pascoli, qui di seguito accenniamo ad alcuni ritrovamenti avvenuti in passato nella media Lessinia.
Nel museo di SantAnna dAlfaedo vi un nominale da 20 nummi delle emissioni anonime dei
Goti databile allet di Teodorico (RMRVe III/2
33/8/34; Pavoni 2007, p. 169). Lanomalia del ritrovamento, dato che non si conosce altra documentazione certamente riferibile ai Goti in Lessinia, potrebbe essere spiegabile con il fatto che i
materiali scavati da Stefano De Stefani a Peschiera, Palafitta del Mincio, Voltoni, e quelli scavati a
SantAnna furono accorpati nel museo di Storia
Naturale in un unico nucleo, creando forse qualche confusione nella distinzione del materiale dei
due scavi (Pavoni 2005, p. 282).
In ordine cronologico segue la segnalazione di
Dionisi (Dionisi 1785, pp. 14 e 16-17), il quale
riferisce di essere in possesso di due monete ritrovate a Bosco Chiesanuova: un tremisse doro e una moneta in argento da lui attribuita ad
Alboino. produrr qui unaltra strana Moneta da
me creduta dAlboino, che non altrove, e in paesi lontani e stranieri, ma qui sul Territorio nostro
fu ritrovata assieme con unaltra dOro di altro
224 tracce di antichi pastori

Re longobardo, in un Villaggio 25 miglia da Verona distante, detto di Chiesa Nuova ne Monti della
Val Pantena, e che ambedue conservo tra le Monete patrie. Pi avanti lautore descrive il tremisse:
dissotterrato nella terra di Chiesa Nuova nel nostro contado, attribuendolo al re longobardo Desiderio e alla zecca di Verona. Lo Zanetti, per,
dopo aver visionato la moneta, corresse la lettura
del Dionisi assegnandola al re Ariperto II e pubblicandone il disegno nel suo trattato sulle monete di Treviso (Zanetti 1785, p. 54 nota 27, tav.
IV n. 5) (fig. 6). Marcella Pavoni ha confermato lattribuzione di Zanetti, classificando la moneta come un tremisse del tipo MEC 321 (rmrve III/2 4/2/2). Della seconda moneta, quella in
argento, Dionisi ribadisce la provenienza dalla
zona di Bosco Chiesanuova, senza che si possa
desumere che le monete siano state trovate insieme. Sembrerebbero due ritrovamenti distinti o per lo meno sembra che Dionisi stesso non
avesse informazioni pi dettagliate, riferendo solo la provenienza dallo stesso distretto: la pretesa Monetuccia dAlboino chio dissi essersi trovata nel luogo stesso, in cui fu trovata laltra doro
di Desiderio, cio nel distretto di Chiesa Nuova di questo contado. Colpito dallo stile primitivo delle figure del dritto e del rovescio della
moneta, il Dionisi la ritenne coniata in Pannonia dal re longobardo Alboino e giunta in Lessinia nel corso dello spostamento dei Longobardi dal Friuli verso i territori vicentini e veronesi
settentrionali, dai quali sarebbero calati su Verona. Gi lo Zanetti, per, avanz dei dubbi sulla cronologia e lattribuzione ai Longobardi. Sulla base del disegno riprodotto da Zanetti in nota
al testo di Dionisi (Dionisi 1785, p. 17 nota 138)
(fig. 7) , infatti, possibile riconoscere nella moneta dargento un denaro frisacense del XII secolo. Si tratta di denari coniati in grande quantit a
Friesach in Carinzia, grazie alla scoperta di ricchi
giacimenti di argento. Le monete venivano battute sotto lautorit dellarcivescovo di Salisburgo, ma presto anche altre autorit e citt si arrogarono tale diritto e nacquero varie imitazioni
prodotte in altri centri della Carinzia. Tra laltro,
tali monete affluirono in forma massiccia tra il
1130 e il 1170 anche in Friuli e gli stessi patriarchi
di Aquileia, con il metallo delle decime che pervenivano loro dalle aree argentifere, dettero avvio
a una produzione monetaria con un denaro fri-

sacense nel quale lautorit patriarcale ricordata


con la sigla P A (= Patriarca Aquilegensis). Nellarea monetaria veronese circolavano sia le monete
carinziane, sia le monete venete di Verona e Venezia con un rapporto di cambio che favoriva la
moneta frisacense garantendo la sua diffusione in
unarea estesa dalla Romania allItalia settentrionale (Saccocci 2000, pp. 234-235; 2012, p. 183).
La descrizione di Dionisi, che ribadisce pi volte
lassenza di leggenda sulla moneta, e il disegno di
Zanetti farebbero attribuire lesemplare di Bosco
Chiesanuova a una delle emissioni di XII secolo,
in genere prive di leggenda, dove al dritto si vede
un busto frontale e al rovescio un edificio sacro
sormontato da croci. Se la presenza del denaro
frisacense spiegabile perch circolava nellarea
monetaria veronese, la presenza del tremisse longobardo dellinizio dellVIII secolo va compresa
nellambito della circolazione monetaria attraverso le Alpi, determinata soprattutto dagli scambi
commerciali.
Lungo la valle dellAdige sono, infatti, segnalate
monete bizantine in bronzo di fine VII-inizi VIII
secolo e poi di IX-XII (Saccocci 2005, pp. 110111). A conferma dellesistenza nellalto Medioevo
di un percorso di attraversamento della Lessinia
per i traffici diretti verso Nord la notizia, purtroppo al momento non confermata, del rinvenimento sui prati del Corno dAquilio di un denaro carolingio di Ludovico I della zecca di Venezia
(814-840).
Secondo unaltra ipotesi, il tremisse longobardo di Bosco Chiesanuova potrebbe per essere
da collegare agli insediamenti altomedievali della Valpolicella. Alcuni ritrovamenti di oggetti,
in prevalenza da sepolture isolate, riconducili al
mondo longobardo, sono avvenuti a Negrar, Molina, SantAnna dAlfaedo e Gargagnago e in tali
siti si notata una certa continuit di occupazione e di utilizzo di aree gi occupate in epoca romana (La Rocca 1989, p. 175; Brugnoli 2007,
pp. 170-171).
Per quanto riguarda le monete degli alti pascoli
in deposito presso il Museo di Bosco Chiesanuova, da sottolineare come manchino specie ampiamente documentate nelle indagini archeologiche urbane e del territorio veronese come i denari
enriciani della zecca di Verona o i denari crociati del Comune che circolavano ampiamente tra

il Trentino e il Friuli e che costituivano lunit di


conto di tutte le popolazioni interessate.
La documentazione scritta altomedievale e medievale dimostra come i pascoli montani degli alti Lessini siano inseriti, fin dal IX secolo quando
iniziano le attestazioni, nei grandi patrimoni privati laici ed ecclesiastici (lepiscopio, il monastero di Santa Maria in Organo, il monastero di San
Zeno, i singoli esponenti del clero), costituendo
un elemento stabile del patrimonio fondiario. Ad
esempio nelle propriet dellarcidiacono Pacifico si
elenca, tra gli altri beni, una portione de alpe in Castiverio, toponimo ancora oggi esistente a designare una montagna posta sullo spartiacque fra i Lessini veronesi e trentini, ad una quota di 1400 metri
(Varanini 1991, pp. 15-34; in particolare, p. 20).
Nei pressi di una malga situata in tale alpeggio
stata rinvenuta una moneta romana e altre quattro monete settecentesche. La presenza di questi
esemplari potrebbe essere giustificata dallesistenza di una via di transito. Altrimenti si potrebbe pensare che tali terre siano state destinate ad
alpeggio sia in et antica, sia in et medievale e
moderna e che le monete siano state smarrite occasionalmente dai mandriani o da casari.
Nellet comunale, divenendo Verona un importante centro di produzione laniera, crebbe linteresse degli enti ecclesiastici e dei privati sugli alpeggi. Venne anche creato un ente, la podestaria
Lissinorum, spettante al monastero di San Zeno, quale autorit giurisdicente sulla popolazione
temporanea di pastori allalpeggio. Quando poi
la signoria scaligera consolid il proprio potere,
controllando le istituzioni monastiche e secolari,
estese il controllo su uno dei settori-chiave delleconomia cittadina, quello appunto della produzione laniera. Gli Statuti dei Lessini informano su
molti dettagli dellamministrazione da cui Gian
Maria Varanini ha dedotto ci fosse un quotidiano andirivieni con la citt e uno stretto controllo
dellefficienza e della produttivit degli uomini.
Lo schema dellisolamento del mondo pastorale non si attaglia certamente, in nessun modo, a
questi alpeggi (Varanini 1991, p. 39).
Di questi scambi e di queste attivit c una sola, ma significativa, traccia nella documentazione costituita dai rinvenimenti monetali in oggetto. Si tratta di due grossi di epoca comunale (ante
1150-inizi XIV secolo; CNI VI, Federico II, 1347), rinvenuti a Campo Rotondo di Sotto (quota
aspetti archeologici, etnografici e cronologici 225

attorno ai 1500 m), uno solo dei quali consegnato


al museo di Bosco (fig. 8).
Monete di et basso medievale e moderna
Pi cospicua la documentazione relativa alla
successiva fase della dominazione veneziana, iniziata a Verona dal 1405. Il governo veneto eredit
il controllo della Fattoria signorile, comprendente
anche i diritti e i possessi sui Lessini. Le propriet
furono vendute allasta e acquistate da patrizi veronesi e veneziani che spesso abbinarono il controllo dellalpeggio con una propriet in pianura, senza che questo comportasse di norma uno
sfruttamento razionale e integrato dei diversi fondi con incremento dellallevamento stabulato in
pianura e dellalpeggio estivo in montagna. Una
novit nella montagna veronese del Quattrocento
fu limmigrazione dalla Lombardia di allevatori/
imprenditori provenienti dal bresciano e dal bergamasco nel ruolo di proprietari, livellari o semplici conduttori (Varanini 1991, pp. 48-52). In
riferimento ad una probabile maggiore frequentazione della montagna, bisogna anche ricordare limportanza del controllo dei passi sul confine
con il principato di Trento e con larea imperiale
e asburgica, che, nel corso del Quattrocento, divent sempre pi delicato.
La maggior parte delle monete, come ovvio
aspettarsi, sono della Repubblica Veneta; sono
nominali di modesto potere liberatorio che dovevano essere utilizzati per scambi di generi di prima necessit. La moneta pi antica un soldino del doge Andrea Contarini rinvenuto a Casara
Rambalda Nuova (1368-1382; CNI VII, 39) (fig.
6). I bagattini sono i nominali pi comuni (113
pezzi): provengono da siti diversi e sono coniati
a nome di vari dogi. La zecca di Venezia coni i
bagattini per le transazioni commerciali locali sia
per la citt lagunare, sia per i possedimenti di terraferma e di oltremare tra la fine del XV secolo e
la met del XVII. La prima emissione risale al doge Francesco Foscari ed era destinata a circolare
fuori laguna. Vennero infatti emessi il bagattino
per Brescia e quello per Verona e Vicenza. Queste piccole monete in rame, gli spiccioli dellepoca, sono frequenti anche negli scavi urbani nelle
stratigrafie rinascimentali.
La presenza di tante monete di basso valore pu
essere giustificata con la frequentazione dei lavoratori addetti alle attivit dellalpeggio; lo smar226 tracce di antichi pastori

rimento poteva pi facilmente avvenire in prossimit del baito, della casara e del casn, cio di
quelle strutture, in passato in legno e coperte di
paglia, dove avvenivano le diverse operazioni necessarie alla preparazione e alla conservazione dei
formaggi e dove venivano riparati gli animali.
Nella zona di passo Fittanze sono state trovate
quattro gazzette. questo il nome volgare dato
a Venezia alle monete di bassa lega, del valore di
due soldi, emesse a partire dal 1539 e coniate per
oltre un secolo. Il primo giornale stampato in Venezia prese cos il nome di Gazzetta perch venduto al prezzo di due soldi (Martinori 1915, v.
gazzetta). Lemissione di monete di bassa lega, come le gazzette, derivava dalla necessit di liberare
Venezia dalle specie forestiere di pessima qualit
che venivano introdotte dagli speculatori e favorite dalla mancanza di buone monete di poco valore necessarie alle piccole contrattazioni. Cos il 12
settembre 1565 e poi il 10 aprile 1570, il Consiglio
dei Dieci deliberava la coniazione di abbondanti emissioni di monete da due soldi per provvedere ai bisogni della circolazione e per approfittare
dellutile che ne derivava alle finanze dello Stato
in momenti difficili come quelli della guerra in
Oriente contro i Turchi (Papadopoli, pp. 474477). Le gazzette anonime da due soldi con la cifra II (CNI VIII, 350; fig. 9) e le gazzette anonime da tre soldi con la cifra III (CNI VIII, 472;
fig. 10) hanno al dritto il leone con la leggenda
PAX TIBI MARCE EVANG MEVS e al rovescio
la Giustizia in trono tra due leoni e la leggenda
RECTVM IVDICIVM.
Analoghi, ma pi cospicui numericamente, i ritrovamenti di Coe Veronesi, localit Segherie.
Siamo in prossimit del confine tra la Repubblica Veneta e il Principato vescovile di Trento, che
allepoca faceva parte dellImpero Austriaco, sui
pascoli di alta quota della dorsale del monte Castelberto. La Montagna di Coe Veronesi, come
definita nelle fonti archivistiche settecentesche e
nella mappa del 1720 di Lodovico Perini che la
raffigura (Filippi 1991, p. 152), si trova mediamente sopra i 1500 metri di quota ed ospitava il
casone e una pozza per labbeveraggio del bestiame. In questa montagna, a pochi metri di distanza sono state scoperte due borse o pi probabilmente una cintura e una borsa, intenzionalmente
nascoste e non recuperate dai proprietari, i quali si devono essere trovati in una situazione di mi-

naccia a cui saranno seguiti evidentemente i fatti.


La strana coincidenza la localizzazione ravvicinata di due episodi abbastanza lontani nel tempo.
Nel primo caso (ritrovamento A) si tratta di una
sessantina di monete, in parte in argento e in parte in mistura; larco cronologico compreso tra il
1397 e il 1597, senza contare i sesini che non sono stati letti analiticamente, ma che dovrebbero
essere di poco posteriori alla fine del XVI secolo.
Le monete erano in parte saldate tra loro dai pro-

dotti di corrosione e si presentavano ancora in sequenza come se fossero state inserite in una cintura di stoffa o di pelle che le conteneva.
Nella tabella 1 si presenta la descrizione sintetica delle monete del ritrovamento A, ordinate in
senso cronologico, con il riferimento al catalogo,
quando stato possibile trovare un preciso riferimento, e al numero delle figure delle tavole.
Nel secondo caso (ritrovamento B), si tratta di sei
monete. Nella tabella 2 si presenta la descrizione

TABELLA 1. COE VERONESI, RITROVAMENTO A


MONETE
FOTOGRAFATE

fig. 11

NOMINALE

METALLO

AUTORIT EMITTENTE

DATA

STATO

BIBLIOGRAFIA

Pfennig

AR

Johann II

1375-1397

Baviera- Landshut

Wittelsbach, 155

Pfennig

AR

Ernst I

1397-1438

Baviera- Monaco

Beierlein, 141-154

Pfennig

AR

Ludwig VII

1413-1447

Germania-BavieraIngolstadt

Beierlein, 93

Pfennig

AR

Ludwig IX

1413-1447

Germania-BavieraLandshut

Beierlein, 129

Pfennig

AR

Ludwig IX

1413-1447

Germania-BavieraLandshut

Beierlein, 125-135

Pfennig

AR

Friedrich III

1457-1485

Austria-Vienna

Coinarchivespro, lotto
n. 2811 (Rauch GmbH,
Auction 82)

Trillina con cimiero

MI

Francesco I Sforza

1450-1466

Milano

Beierlein, 178
CNI V, 145-164

Pfenning

AR

Wihelm V

1465-1508

Germania- BavieraMonaco

Trillina

MI

Galeazzo Maria Sforza

1466-1476

Milano

CNI V, 101

Trillina

MI

Galeazzo Maria Sforza

1466-1476

Milano

CNI V, 145-164

Pfenning

AR

Johann II von Werdenberg


oppure Friedrich II

1469-1486;
1486-1505

Germania-Baviera

Steinhilber, 181

1/2 Scellino

AR

Friedrich I von Ansbach

1485-1515

Germania-Brandeburgo
Franconia

Sesino

MI

Ludovico XII dOrleans

1500-1513

Milano

Trillina con croce

MI

Francesco II Sforza

1522-1535

Milano

Trillina con croce

MI

Francesco II Sforza

1522-1535

Milano

CNI V, 35

Bezzo o mezzo soldo

AR

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 363

Bezzo o mezzo soldo

CNI V, 120-121
CNI V, 35

AR

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 363-368

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Quattrino da 4 denari MI

Andrea Gritti

1523-1539

Venezia

CNI VII, 374

Bezzo o mezzo soldo

AR

Francesco Venier

1554-1556

Venezia

CNI VII, 61-63

Soldo

AR

Pietro Loredan

1567-1570

Venezia

CNI VII, 33-39

2 Sesini o doppi
quattrini

MI

Alvise I Mocenigo

1570-1577

Venezia

CNI VII, 129

2 Pfennig

AR

Wihelm V

1579-1597

Germania- BavieraMonaco

Hahn, 53

40 Sesini o doppi
quattrini

MI

Dogi diversi

XVI secolo

Venezia

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 227

TABELLA 2. COE VERONESI, RITROVAMENTO B

Tavola 2

11

11.
12.
13.
14.
15.

12

13

14

15

16

17

18

19

20

Venezia: Alvise Mocenigo, 1570-1577, sesino


Venezia: Nicol Marcello, 1472, marcello
Ferrara: Ercole I, 1471-1505, grossone
Venezia: Andrea Vendramin, 1476, marcello
Venezia: Agostino Barbarigo, 1494, mocenigo

228 tracce di antichi pastori

16.
17.
18.
19.
20.

Venezia: Agostino Barbarigo, 1489, mocenigo


Venezia: Lorenzo Loredan, 1501, mocenigo
Austria: Ferdinando II, 1629, 3 kreuzer
Spagna: Filippo IV, 1621-1665, mezzo reale
Austria: Maximilian Gandolf, 1681, 3 kreuzer

MONETE
FOTOGRAFATE

NOMINALE

METALLO

AUTORIT EMITTENTE

DATA

STATO

BIBLIOGRAFIA

fig. 12

Marcello

AR

Niccol Marcello

1472

Venezia

CNI VII, 2

fig. 13

Marcello

AR

Andrea Vendramin

1476

Venezia

CNI VII, 13-15

fig. 14

Grossone

AR

Ercole I dEste

1471-1505

Ferrara

CNI X, 38-39

fig. 15

Mocenigo

AR

Agostino Barbarigo

1489

Venezia

CNI VII, 33

fig. 16

Mocenigo

AR

Agostino Barbarigo

1494

Venezia

CNI VII, 64-66

fig. 17

Mocenigo

AR

Leonardo Loredan

1501

Venezia

CNI VII, 16

sintetica delle monete del ritrovamento B, ordinate in senso cronologico, con il riferimento al catalogo quando stato possibile trovare una precisa
corrispondenza, e al numero di figura delle tavole.
Il ritrovamento A costituito da numerose monete, ma di modesto potere di acquisto; invece
il ritrovamento B e le monete del passo Fittanze colpiscono per il maggior valore dei pezzi, tutti in argento, e di un certo pregio come il grossone di Ercole I o i mocenighi (o lire) veneziani. Il
gruzzolo B il pi antico chiudendo allinizio del
1500, mentre gli altri due sono praticamente contemporanei. Dato che, nel panorama dei ritrovamenti in questa zona, i tre gruzzoli rappresentano
unanomalia, sia per il fatto di essere complessi associati, sia per la loro consistenza economica, sembrerebbe logico collegarli ad eventi comuni quali potrebbero essere le guerre combattute
da Venezia contro il principato vescovile di Trento per il possesso della Val Lagarina. La guerra del
1508-1509, conclusasi con la sconfitta di Venezia,
vicina cronologicamente al ritrovamento B.
Venendo ad aspetti pi propriamente numismatici, opportuno soffermarsi in particolare sul
grossone del ritrovamento B, per linteresse della raffigurazione (fig. 14). Con le emissioni di Ercole I (1471-1505), caratterizzate da una grande variet di nominali e di tipologie, inizia la fase pi
ricca e varia della produzione della zecca di Ferrara, una delle pi interessanti nel panorama delle monetazioni cittadine italiane. Il grossone o testone, secondo la definizione di origine popolare,
derivata dalla presenza del ritratto, associa al rovescio la raffigurazione di San Giorgio che trafigge il drago. Il richiamo a San Giorgio, cos come
limmagine del duca Ercole a cavallo sul mezzo ducato e sul grossetto si comprendono dato il
contesto del clima cavalleresco della corte estense
in cui sono nati i poemi di Ariosto e di Torquato Tasso. Quanto al ritratto del diritto, bisogna

ricordare come proprio alla corte ferrarese venne


realizzata da Pisanello la prima medaglia rinascimentale. Con essa nacque un nuovo genere che
ebbe grande successo come strumento di valorizzazione personale, poich era realizzata per i Signori e per i componenti delle loro famiglie, ma
anche per tutti gli uomini eccellenti che volessero essere ricordati anche nelle fattezze dei tratti
dei loro volti. Dalla medaglia, il ritratto pass alla
moneta, riprendendo il modello romano secondo
il quale la testa imperiale significava il potere supremo. Nel ducato ferrarese, cos come in quello
milanese, il Signore raffigurato con gli abiti di
un uomo del suo tempo, come a dire che la sua
autorit poggiava sulle sue superiori qualit morali, culturali, politiche e militari, saldamente radicate nella realt dellepoca, non su un concetto astratto di regalit derivante da antichi modelli
(Ercolani Cocchi 1998, p. 25).
Monete dei secoli XVII-XVIII
Nella tabella 3 si presenta la descrizione sintetica
delle monete dei secoli XVII-XVIII, ordinate in
senso cronologico, con il riferimento al catalogo,
quando stato possibile trovare un preciso riferimento, e al numero delle figure delle tavole.
La circolazione di moneta sugli alti pascoli nei secoli XVII e XVIII prevedeva luso di valute diverse, come frequente nelle aree di confine. La Serenissima, sotto la quale si trovava politicamente
la Lessinia, meno rappresentata nelle monete,
con tre esemplari in argento dello stesso anno da
tre siti diversi. Invece dallImpero Austriaco, del
quale entrarono a far parte dopo la guerra di successione spagnola, a partire dal 1706, sia il Ducato
di Mantova sia il Ducato di Milano, viene la maggioranza dei pezzi. Altre monete provengono dalla Baviera e dallo Stato Pontificio. Da segnalare
una moneta coniata nella zecca spagnola di Segovia che risale al momento in cui il ducato di Milaaspetti archeologici, etnografici e cronologici 229

TABELLA 3. MONETE DEI SECOLI XVII-XVIII


MONETE
FOTOGRAFATE

NOMINALE

METALLO

AUTORIT EMITTENTE

DATA

STATO

fig. 18

3 kreuzer

AR

Ferdinando II

1629

Austria

Quattrino

rame

Carlo I Nevers

1627-1637

Mantova

CNI IV, 51-52

Camporetratto

fig. 19

Mezzo reale

AR

Filppo IV

1621-1665

Spagna-Segovia

CALIC,
tipo 172

Saibe

fig. 20

3 kreuzer

AR

Maximilian Gandolf

1681

Austria-Salisburgo

fig. 21

fig. 22

fig. 23

Busimo

Gasparine

3 kreuzer

AR

Leopoldo I

1695

Austria

3 kreuzer

AR

Leopoldo I

1705

Austria

KM 79

loc. Podestaria

3 kreuzer

AR

Giuseppe I

1707

Germania-Baviera

KM 138

Piet

3 kreuzer

AR

Giuseppe I

1707

Germania-Baviera

KM 138

Braetta

Soldo

rame

Ferdinando Carlo
Gonzaga

1668-1707

Mantova

CNI IV, 76

loc. Podestaria

Trairo da 5 soldi

AR

anonime

1722
(decreto)

Venezia

CNI VII,
661-672

Castilverio

Trairo da 5 soldi

AR

anonime

1722
(decreto)

Venezia

CNI VIII,
661-672

Roccopiano

anonime

1722
(decreto)

Venezia

CNI VIII, 629

Coe Veronesi

CNI IV, 60-61

Castilverio

CNI IV, 16-17

loc. Podestaria
Fittanze

Lirazza da 30 soldi AR

Piet

Quattrino
quadrato

rame

Carlo VI

1725

Austria-Ducato
di Mantova

Soldo

rame

Carlo VI

1732

Austria-Ducato
di Mantova

Soldone

rame

Carlo VI

1732

Austria-Ducato
di Mantova

CNI IV, 14
CNI IV, 16-17

Roccopiano

CNI X, 53

Roccopiano
Castilverio

Soldo

rame

Carlo VI

1732

Austria-Ducato
di Mantova

Mezzo baiocco

rame

Benedetto XIV

1746

Stato
pontificio - Ferrara

fig. 24

10 kreuzer

AR

Sigismondo III

1754

Austria-Salisburgo

KM 376

fig. 25

20 kreuzer

AR

Josef Maximilian III

1768

Germania-Baviera

KM 221

fig. 26

fig. 27

10 kreuzer

AR

Josef Maximilian III

1773

Germania-Baviera

KM 239

Castilverio

20 Soldi

AR

Maria Teresa

1774

Austria-Ducato
di Milano

CNI V, 79

Masetto

Mezzo soldo

rame

Maria Teresa

1777

Austria-Ducato
di Milano

CNI V, 99

Costeggioli di
Sopra

Quattrino

rame

Pio VI

1778

Stato
pontificio-Bologna

CNI V, 99

Costeggioli di
Sopra

Mezzo soldo

rame

Maria Teresa

1779

Austria-Ducato
di Milano

CNI V, 131

Vallina di Sotto

CNI V, 128-129 Bosco

Soldo

mistura

Maria Teresa

1779

Austria-Ducato
di Milano

20 Kreuzer

AR

Giuseppe II

1785

Austria

KM 2069

Castilverio

9 monete da
2 soldi

rame

Francesco II

1799

Austria per Gorizia

CNI VI, 12-14

Localit diverse

37 monete da
1 soldo

rame

Maria Teresa; Giuseppe II;


1759-1800
Leopoldo II; Francesco II

Austria per Gorizia

CNI VI, pp.


73-85

Localit diverse

no faceva parte del Sacro Romano Impero su cui


regnava lo spagnolo Filippo IV. Vi sono anche 47
monete di Gorizia, coniate nel 1759 e nel 1800 in
diverse zecche dellImpero, nei nominali di 2 soldi
(9 pezzi), 1 soldo (37 pezzi) e mezzo soldo (1 pezzo). Nel 1733 Carlo VI dAsburgo (1711-40) fece
230 tracce di antichi pastori

Tavola 3

BIBLIOGRAFIA MONTAGNA

riprendere una produzione abbondante di monete


piccole di valore fiduciario per Gorizia (da 3 soldi,
2 soldi, 1 e mezzo soldo) coniate ad Hall e in altre
zecche. stato ipotizzato che tali monete fossero
uguagliate ai soldi e ai bezzi di Venezia e che siano da identificare con i soldoni imperiali, bandi-

21.
22.
23.
24.
25.

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

Austria: Leopoldo I, 1695, 3 kreuzer


Baviera: Giuseppe I, 1707, 3 kreuzer
Venezia: anonima, 1722, trairo da 5 soldi
Austria: Sigismondo III, 1754, 10 kreuzer
Baviera: Joseph Maximilian III, 1768, 20 kreuzer

26.
27.
28.
29.
30.

Baviera: Joseph Maximilian, III, 1773, 10 kreuzer


Austria: Mariate Teresa, 1777, mezzo soldo
Austria: Giuseppe II, 1785, 20 kreuzer
Milano: Napoleone, 1812, parpagliola
Repubblica argentina: 1890, dos centavos

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 231

ti in diversi proclami veneziani dalla circolazione


cittadina (Rizzolli, Travaini 2011, pp. 741-742).
Da notare che le monete in rame sono di zecca mantovana o milanese o per Gorizia, mentre i pezzi in argento furono coniati nelle zecche
austriache di Salisburgo e Vienna. Si tratta comunque in tutti i casi di nominali che si collocano ai gradini pi bassi della scala di valore del
numerario.
Monete del XIX secolo
Nella tabella 4 in basso si presenta la descrizione
sintetica delle monete del XIX secolo, ordinate in
senso cronologico, con il riferimento al catalogo
quando stato possibile trovare un preciso riferimento, e al numero delle figure delle tavole.
La maggior parte delle monete ritrovate sugli alti
pascoli della Lessinia risale al XIX secolo. Si tratta naturalmente di un dato atteso, considerando
lincremento della massa circolante e della velocit di circolazione della moneta in et contemporanea. La maggior parte del numerario stato
reperito nei pressi dei casoni, dove si svolgevano
le operazioni casearie e dove venivano riparati gli
animali, e delle casare che, tipicamente, servivano
per la custodia delle forme di formaggio. Alcuni degli antichi casoni potevano svolgere anche la
funzione di casara e in tal caso tutte le attivit al
coperto erano svolte in un unico edificio.
Le monete devono essere interpretate come largent de poche dei pastori che trasferivano il bestiame, bovino e ovino, dalla pianura agli alti pascoli
della Lessinia secondo ritmi ben precisi in relazio-

ne allandamento stagionale: dalla fine di aprile


ai primi di luglio gli animali salivano verso i pascoli di alta quota, vi rimanevano per tutta lestate, e ridiscendevano verso settembre a fondo valle. Dietro alle monete, intravediamo le figure dei
vacri, dei casari e degli scotni, le tre categorie
in cui erano distinti i lavoranti in un documento del Settecento (Lanaro 1991, p. 128). I primi
accudivano le bestie e custodivano i pascoli; i secondi curavano la trasformazione del latte in formaggi; gli ultimi svolgevano le attivit subalterne
della malga come laccensione del fuoco e il governo dei maiali (Benetti 1991, pp. 271-272). Anche se chi lavorava in alta quota corrispondeva ai
proprietari delle montagne e del bestiame principalmente latte, formaggi e secondariamente legna
dai boschi, dobbiamo immaginare una limitata
economia di scambio basata sulla moneta. I frutari, i vinari e i marsri dovevano salire per vendere frutta, vino e merci varie che potevano servire ai malghesi (Benetti 1991, p. 276). Inoltre il
malghese aveva frequenti rapporti con i contrabbandieri, dato che il confine con lAustria, fino
alla prima Guerra mondiale, passava sullo spartiacque dei Lessini. La popolazione residente nelle localit pi elevate della Lessinia era, invece,
ancora molto scarsa nel XVII e XVIII secolo.
Le monete smarrite sui pascoli in alta quota della
Lessinia riflettono anche gli avvicendamenti politici che si sono susseguiti nella storia politica di
Verona e del suo territorio. Dopo loccupazione
francese del 1796-1797, con la pace di Campofrmio, firmata il 17 ottobre 1797, si concluse il pe-

riodo lungo quasi quattro secoli durante il quale


Verona fece parte della Repubblica Veneta. Segu una fase di rapidi cambiamenti tra il 1797 e
il 1814: tra il 1799 e il 1800 Verona ospit le truppe austro-russe, poi con la pace di Lunville del
1801 lAdige divenne la frontiera tra la zona francese della Repubblica Cisalpina, e lImpero dAustria. Durante le ripetute guerre napoleoniche,
Verona ebbe un ruolo centrale, ben compreso dagli Austriaci che la trasformarono in fortezza. Dal
1815, Verona divenne una delle capitali del Regno
Lombardo-Veneto, facente parte dellImpero Austriaco, ma non fu sede di zecca. Dopo la cessazione delle ostilit della terza Guerra dindipendenza tra Italia e Austria, il 28 ottobre del 1866,
mediante un plebiscito, la citt fu annessa al Regno dItalia.
Degli anni napoleonici ci sono 42 monete: sono
tutte in rame, a parte una parpagliola in argento che la moneta di valore pi elevato di questa fase. La mancanza di una lettura dettagliata
non permette al momento di stilare una descrizione delle monete; i nominali rappresentati sono
comunque i seguenti: 4 pezzi da 1 soldo; 11 da 3
centesimi; 26 da 1 centesimo. Tutte queste monete sono in rame e la data di emissione tra il 1807
e il 1814. Vi un unico esemplare di valore superiore: una moneta in lega dargento da 10 centesimi (tipo CNI V, 48).
Seguono cronologicamente le monete del Lombardo-Veneto, in totale 95. Vi era una doppia circolazione: monete con stemmi, titoli, pesi e valori propri coniate a Milano, Venezia e Vienna,

TABELLA 4. MONETE DEL XIX SECOLO


NOMINALE

fig. 28

Parpagliola o 10
cent.

MI

Napoleone

1/4 lira austriaca

AR

Francesco I

3 kreuzer

AR

Francesco I

3 kreuzer

AR

Francesco I

fig. 29

fig. 30

METALLO

AUTORIT EMITTENTE

DATA

Attribuzioni delle monete ai diversi


stati che le hanno coniate.

15

BIBLIOGRAFIA MONTAGNA

1812

Regno dItalia

CNI V, 98

Piet

1822

Lombardo-Veneto

CNI V, 17

Bosco

1826

Lombardo-Veneto

KM 2119

Fittanze

Stato pontificio

1826

Lombardo-Veneto

KM 2119

Erbezzo

Ducato di Milano e Mantova

6 kreuzer

AR

Francesco Giuseppe I

1849

Lombardo-Veneto

KM 2200

Podestaria

AR

Francesco Giuseppe I

1859

Lombardo-Veneto

KM 2197

Coe Veronesi

1/4 fiorino

AR

Francesco Giuseppe I

1859

Lombardo-Veneto

KM 2213

Breonio

dos centavos

rame

Repubblica

1890

Argentina

KM 33

Saibe

232 tracce di antichi pastori

45

STATO

5 kreuzer

peso monetale da
24 lire

Considerazioni finali
Nellinsieme il campione di monete documenta
da un lato la frequentazione dellalta Lessinia per
lalpeggio a partire dallepoca romana, e dallaltro, il significato di cerniera tra il mondo padano e quello alpino che questarea ha assunto per
la sua posizione geografica. Infatti, in momenti di
insicurezza i viaggiatori e i commercianti preferivano seguire vie secondarie, come quelle che attraversavano i monti, piuttosto che quelle vallive
pi abituali e frequentate.
In ogni caso questi oggetti smarriti rappresentano frammenti di innumerevoli avventure umane,
di personaggi che per svariati motivi sono entrati a recitare una loro parte, per intervalli di tempo imprecisati, in questo particolare teatro montano. Solo in pochi casi possibile intravedere
qualche dettaglio di queste nebulose vicende.

3
2

MONETE
FOTOGRAFATE

aventi corso nel solo Regno Lombardo-Veneto, e


monete di tipo austriaco con stemmi, titoli, pesi
e valori imperiali coniate a Milano e Venezia, zecche imperiali, aventi corso in tutto lImpero austriaco. Degli anni 1858-1859 vi sono: 1 moneta da
10 centesimi; 18 da 5 centesimi; 25 da 3 centesimi;
12 Scheide Mnzen; 36 da 1 centesimo (tipo CNI
V, 14); 3 da 1 centesimo (tipo CNI, 15).
Le monete del Regno dItalia sono, infine, 45.
Vi ancora un ritrovamento singolare di cui si
vuole dare conto: una moneta argentina in rame,
nominale dos centavos. Si tratta forse di un ricordo di un emigrante rientrato in Italia per visitare i parenti?

XVIII secolo Genova

Malfatta

177
95

Legenda

Repubblica di Venezia

42
47

3
15
177

Impero austriaco

47

Et Napoleonica, Regno dItalia

42

Regno Lombardo-Veneto

95

Regno dItalia

45

Altro

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 233

7.2.5. Religiosit e medaglie devozionali


ritrovate nellarea degli alti pascoli
Aspetti del Sacro nelle montagne
degli alti pascoli
Il mondo dellalpeggio estivo nelle sue forme tradizionali del passato stato caratterizzato da una
religiosit che per alcuni aspetti risulta peculiare, mentre per altri appare legata alle culture delle aree di provenienza dei protagonisti, i quali
con compiti di massari, casri, vacri, scotni, pegorri trascorrevano i mesi estivi nelle montagne
degli alti pascoli. Tale religiosit documentata
sia da elementi che sono parte integrante del paesaggio, come chiese, croci e steli, sia da elementi
mobili come medaglie devozionali ritrovate occasionalmente nel territorio.
Negli alti Lessini ci sono tre chiese frequentate
per le messe domenicali dai membri delle compagnie dellalpeggio, le quali da est verso ovest sono:
la chiesa degli Spiazzoi, dedicata a San Domenico
e situata in prossimit di Malga Bosco, alla quota di 1395 m s.l.m., la chiesa di Podestaria, dedicata a San Bartolomeo, alla quota di 1655 m s.l.m.
e la chiesa di Sega di Ala, dedicata a San Roc234 tracce di antichi pastori

Camera dei lavoranti della malga con le caratteristiche


binele, specie di grandi culle in cui dormivano i casari
e i vacri. Si notino gli originali attaccapanni con appese
le corone del Rosario e limmaginetta della Madonna (la
foto stata scattata nel baito di Malga Brol).

co, alla quota di 1240 m s.l.m. Si tratta di edifici


costruiti tutti in epoca moderna e rispettivamente nel 1855, nel 1873 e nel 1734; tuttavia, allultima chiesa della Podestaria preesisteva una cappella sin dal XVII secolo e forse addirittura sin dal
tardo medioevo, quando fu istituito questo centro per il controllo dei pascoli. Contigue a tutte
e tre le chiese erano delle osterie, cio dei luoghi
di ritrovo dei malgari e di eventuale soggiorno di
personaggi che per qualche motivo frequentavano larea.
In queste tre localit si usava organizzare delle sagre a cui prendevano parte sia gli operatori dellalpeggio, sia paesani provenienti dai vicini comuni cimbri. La pi celebre di queste sagre
si teneva la prima domenica di agosto a Podestaria, dove aveva luogo anche un palio con cavalli, cui prendevano parte personaggi della Nobile

Compagnia dei Lessini, proprietari delle montagne. Unaltra chiesa frequentata dai malghesi per la messa domenicale era certamente quella
di Camposilvano dedicata a San Carlo Borromeo
non molto lontana da alcune montagne del pascolo estivo (Benetti 1991).
La stagione dellalpeggio era ancorata ad alcune
festivit, e in particolare alla festa di San Michele Arcangelo (29 settembre), quando si era soliti
scargar montagna, iniziando con le mandrie e le
greggi il cammino verso valle. In questultima festivit i vacri e i pastori usavano fermarsi presso
una delle chiese dedicate a San Michele, come la
chiesetta di Maregge a nord di Bosco Chiesanuova o la chiesetta di San Micheletto in Valpantena,
vicino a Grezzana. Il 24 agosto, festa di San Bartolomeo, era invece la data scelta per la partenza degli ovini, che avevano ormai esaurito i magri
pascoli a loro dedicati. E, in effetti, secondo gli
Statuti Scaligeri, nel giorno di San Bartolomeo le
greggi dovevano descargar montagna.
Nellarea dei pascoli estivi, a parte le chiesette in
quota, esistevano poche altre espressioni di religiosit, quantomeno in confronto con la fascia montana situata subito a valle e caratterizzata dal sistema insediativo delle contrade cimbre.
Infatti, mentre nellarea dellinsediamento permanente dei Cimbri particolarmente numerose sono le cappelline, le colonnette, le croci, gli affreschi sulle facciate delle case raffiguranti Madonne
e Santi e le nicchie con quadri o effigi di Santi sui muri dei baiti di contrada (Franzoni 1958;
Sauro 2010), nellarea degli alti pascoli queste
espressioni sono pressoch assenti, salvo rare eccezioni. Esistono, tuttavia, alcuni segni, tra cui la
ben nota Madonna della Lobbia nella Montagna
omonima, alcune colonnette come quelle delle
montagne di Porto di Sopra, del Sental e di Camporotondo del Monte Frosca, alcune croci come
quella nella conca a valle di Malga Porto di Sopra
e altre murate su pochi baiti (come ad esempio
su quello del Parparo di Sotto), una nicchia che
ospita un bassorilievo con raffigurazione di San
Mammaso a Malga Vallina di Sotto, etc.; pur
vero che i tetti di alcuni degli antichi casoni culminavano con una rustica croce in legno, come
risulta dalle foto dello Schweizer.
In ogni caso, messi a confronto, gli spazi e i paesaggi delle due fasce, rispettivamente degli insediamenti cimbri e degli alti pascoli, rivelano pro-

fonde diversit: nella prima fascia lo spazio risulta


arricchito da numerosi segni di religiosit ben
evidenti nel paesaggio, espressione di una sacralizzazione dei diversi contesti in cui si svolgeva la
vita scandita dai ritmi dei giorni e delle stagioni,
nella seconda fascia invece la natura lelemento
che emerge con maggior vitalit e con cui luomo
si confrontava, operando in condizioni ambientali difficili.
In altre parole, i Cimbri, che con un duro lavoro
di disboscamento avevano conquistato lambiente ostile della selva oscura e cio della grande
foresta di faggi, hanno poi contrassegnato il loro
territorio con elementi religiosi, frutto di unarte
che, analogamente alle relative creazioni architettoniche, possiamo definire vernacolare nel senso di nativo, paesano, cio di espressioni radicate nella cultura originaria dei membri di una
comunit capace di autogovernarsi e di utilizzare al meglio tutto ci che lambiente offre. E questo si spiega con il forte radicamento dei Cimbri
nel loro territorio, che era percepito come Heimat, termine che nella cultura tedesca possiede
il significato di piccola patria, di paese natio,
di luogo che riunisce assieme la trinit di attributi di discendenza, comunit e tradizione. Il forte legame dei Cimbri dei Lessini con le loro terre
e le usanze patrie documentato anche dal fatto che questetnia ha conservato per secoli la tradizione di recarsi in pellegrinaggio presso chiese
della terra di provenienza, la lontana Baviera, e
in particolare presso il Santuario di San Leonardo
del Monastero Benedettino di Inchenhofen (Varanini G.M. 1998; Fiorio S. 2010).
Invece, tutti coloro che, indipendentemente dalla
provenienza, si sono trovati a lavorare stagionalmente nellisola luminosa dei pascoli estivi, dopo averla conquistata con un lungo avvicinamento, non hanno saputo creare una simile relazione
con il paesaggio, percepito come regno pi della natura che delluomo, e hanno in parte rimediato ai rispettivi timori testimoniando la fede
nellaldil per mezzo di oggetti devozionali mobili di uso personale, come crocifissi, corone del
Doppia pagina seguente, Malga Porto con in primo piano una delle poche colonnette presenti negli alti pascoli dei
Lessini. In bassorilievo sul marmo Rosso Verona scolpita una rustica Madonna con Ges Bambino.

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 235

Rosario e medaglie. Va tuttavia sottolineato come prima della grande guerra in quasi tutti i baiti
la sera si pregasse insieme il rosario; inoltre, ogni
giorno si recitava un Pater, Ave, Gloria, in onore di San Bovo e San Valentino: il primo invocato come protettore degli animali e il secondo dei
malghesi (Benetti 1991).
Cera anche la tradizione che i parroci si recassero a benedire le malghe e alcuni frati passassero
per la questua. Tra le usanze curiose cera quella
di mettere da parte il giorno di San Benedetto (21
marzo) due uova e di portarle con s quando si
cargava montagna, per collocarle poi in qualche
cavit del muro del baito: si credeva infatti che
tali uova avrebbero protetto ledificio e gli uomini
dai fulmini (Benetti 1991).
Alcuni oggetti devozionali e loro possibili significati
Fra gli oggetti devozionali mobili viene qui descritto un campione di quasi 80 elementi provenienti dallarea degli alti pascoli ed ora in deposito presso il Museo Civico di Bosco Chiesanuova.
Si tratta di oggetti rinvenuti prevalentemente in
prossimit di basi di casoni, quali medaglie da
appendere al collo con una catena o un cordino
o che si usava anche cucire sulla flanella (72 metalliche e 2 in altri materiali), ma anche di croci (4) e di una fibbia con fori passanti. Le medaglie hanno forme circolari, ovali, quadrilobate e
cuoriformi e sono per lo pi in bronzo, alcune in
argento, altre dorate. Le dimensioni sono comprese tra gli estremi di 12 e 50 mm, ma la maggior parte ha altezza o diametro compresi tra 19
e 35 mm.
Poich quasi tutte le medaglie presentano due
facce con immagini e scritte pi o meno leggibili (con leccezione di cinque facce che non mostrano figure o risultano completamente illeggibili), si dispone di oltre 140 immagini su cui stato
possibile tentare unanalisi. Salvo che per una decina di casi si riusciti a identificare le rappresentazioni, anche se in forma dubitativa per alcune.
Dal confronto con medaglie analoghe (Camussio, Rossi 2005; Grimaldi 1977; Garuti 1996)
let risulta spaziare fra il XVI e il XX secolo, con
leccezione di due croci difficili da datare, ma che
potrebbero essere anche pi antiche.
Oltre il 60% delle medaglie presenta su una faccia una raffigurazione della Vergine Maria, secondo tipologie e denominazioni diverse tra cui: a)
238 tracce di antichi pastori

la Madonna Lauretana o la Vergine con la Santa


Casa di Loreto (n. 10), b) lImmacolata (6), c) la
Madonna della Corona (4), d) La Madonna del
Rosario (4, di cui una con lindicazione di Madonna di Pompei), e) monogrammi mariani con
lM sovrastata dalla croce (4), f ) la Madonna dei
Sette Dolori (3), g) Maria Regina (3), h) la Santa
Famiglia (2), lAnnunciazione (2), i) la Mater Salvatoris (2); e le seguenti con una sola rappresentazione: lAssunta, la Madonna di Montenero, la
Beata Vergine del Popolo Veronese, La Madonna del Carmine, il Santissimo Cuore di Maria,
Maria Salus infirmorum, Maria Bambina, Maria
con Ges Bambino e SantAnna (?). In 16 di queste rappresentazioni insieme a Maria compare anche Ges Bambino. Su una medesima medaglia,
labbinamento pi frequente con unimmagine di
Maria SantAntonio di Padova, ma sono presenti anche altri abbinamenti come: il Crocifisso di Sirolo o altri Crocifissi, Ges Salvator Mundi, il Sacro Cuore di Ges, il Battesimo di Ges,
la croce di San Benedetto, San Giuseppe (due casi di cui una sul retro della medaglia con la Beata
Vergine del Popolo Veronese), San Venanzio, San
Vincenzo Ferrer, San Camillo de Lellis, Papa Pio
XII; o anche scritte come: Io sono figlio di Maria, Ricordo del Santuario, o gli stessi monogrammi mariani.
Per quanto poi riguarda le rappresentazioni di Cristo, escludendo quelle in cui Ges bambino compare insieme alla Madonna, si trovano: la Croce che compare oltre 20 volte, il Sacro Cuore di
Ges (6), il Battesimo di Ges (3), Ges con un
bambino (2), Ges Salvatore (2), Ges con Dio
Padre e lo Spirito Santo (?), la Risurrezione (?).
Nutrita anche la schiera dei Santi che compaiono su una faccia delle medaglie tra cui SantAntonio di Padova fa la parte del leone con almeno 18 rappresentazioni, ma poi si riconoscono:
SantAnna, il Beato Bernardo Tolomei, San Camillo de Lellis, Santa Caterina da Siena, i Santi Felice e Adautto martiri, San Felice di Cantalice, Santa Francesca Romana, San Francesco, San
Giovanni Battista, San Giuseppe, SantIgnazio di
Loyola, San Francesco Saverio, San Leonardo di
Limoges (?), San Francesco di Paola, San Luigi
Gonzaga, San Pietro, San Paolo, San Pellegrino
(?), San Venanzio, San Vincenzo Ferrer.
Come si pu vedere da questa sommaria analisi il quadro della religiosit negli alti pascoli deli-

nea un mondo alieno rispetto a quello contiguo


dei Cimbri. Sono infatti completamente assenti
sia i Santi tradizionalmente legati allallevamento
del bestiame come SantAntonio Abate, San Bovo, sia i cosiddetti Santi Audiotores invocati in
occasione delle epidemie di peste, come San Rocco e Santo Stefano. Restano tuttavia come forti
analogie tra le due fasce la devozione alla Madonna e quella a SanAntonio di Padova.
Emerge con evidenza come gli oggetti devozionali mobili degli alti pascoli siano espressione non
tanto di una religiosit popolare vernacolare comunitaria, come quella dei Cimbri, ma di una
religiosit pi comune e diffusa, potremmo dire pi globalizzata, di tipo personale e familiare, che si concretizzava in atti di devozione e
preghiera di intercessione allo scopo di impetrare protezione nei confronti di possibili incidenti, malattie o calamit. Era viva la fede che Maria, Ges e i Santi, se venerati e invocati, sono
potenti protettori, in particolare delle persone
fragili come i ragazzi che si trovavano a ricoprire il ruolo di pegorri o di scotni in condizioni ambientali difficili e talora nellambito di compagnie in cui non tutti brillavano per santit di
vita. Non va poi dimenticato che negli alti pascoli erano presenti fiere come i lupi e gli orsi, che
erano frequenti i serpenti velenosi, e che, inoltre,
in diversi momenti operavano bande di briganti che non avevano scrupoli a sparare contro chi
osava opporsi alle loro ruberie di pecore o vacche,
o anche di prodotti caseari. Potevano, inoltre, risultare precarie le condizioni di salute di adulti e
anziani che non potevano certo usufruire di assistenza medica.
Erano probabilmente le donne e le madri che
mettevano al collo dei loro figli e mariti una collana con medaglia, con lo scopo di mantenere un
legame con i propri cari lontani e di invocare la
protezione celeste.
Diverse sono le provenienze di queste medaglie:
alcune sono state chiaramente acquistate in occasione di pellegrinaggi in santuari vicini o lontani
(Loreto, Madonna della Corona, etc.), o a Roma
in occasione di anni Santi, come quello del 1650
a cui si riferisce una medaglia che porta limmagine delle quattro Sante Porte delle principali chiese giubilari (San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo); altre
devono invece essere state procurate da sacerdo-

ti e religiosi, tra cui i frati mendicanti che passavano a fare la questua di casa in casa; altre ancora potrebbero essere state acquistate da venditori
ambulanti che passavano di casa in casa con immagini religiose.
Tra i Santi alcuni potevano essere invocati come
protettori nei confronti di particolari calamit come i fulmini (San Vincenzo Ferrer), rischio ben
presente sugli alti pascoli, o di tutti i tipi di violenze fisiche, come quelle subite da San Venanzio
martire di Camerino, o per il pericolo rappresentato dai tori e dalle mandrie (San Felice di Cantalice). Questultimo, infatti, che era mandriano e pastore nei monti del Rietino, si fece frate
Cappuccino dopo essere stato calpestato da una
mandria di giovenchi, incidente dal quale usc
miracolosamente illeso. Si pu quindi ragionevolmente ipotizzare che la medaglia che raffigura su un lato San Felice e sullaltro San Francesco,
con i relativi nomi scritti in latino, sia stata procurata da un frate questuante a una madre che gli
chiedeva un oggetto sacro da mettere al collo del
figlio, il quale doveva salire a cargar montagna
con le mandrie.
Altri indizi sono espressione di religiosit vissuta
dai pi giovani che trovavano lavoro nelle montagne dellalpeggio, come alcune medaglie con
scritte quali: Ricordo della Prima Comunione, o sinite parvulos venire ad me e sullaltro lato della stessa medaglia Virgo Maria ora pro nobis et pro miseris parvuolos infidelibus, o ancora
le iniziali di formule liberatorie nei confronti del
demonio e delle calamit come quelle delle croci di San Benedetto o le scritte Salvator Mundis salva nos, o il breve di SantAntonio di Padova Ecce Cruce Domini fugite partes adversae vicit
Leo de tribu Juda Radix David allelujia, o anche
O Maria concetta senza peccato pregate per noi che
a voi ricorriamo, o anche Io sono cattolico prego informare il sacerdote (a meno che questultima non fosse la medaglia di un soldato della prima guerra (?); ma in ogni caso non un oggetto
fornito dai militari).
In definitiva, queste medaglie ci permettono di
immaginare, come daltra parte molte altre tracce ed oggetti illustrati in questo libro, numerose microstorie vissute da tanti attori nel teatro
del paesaggio montano di un mondo ormai definitivamente tramontato e di cui sono rimaste solo poche effimere tracce.
aspetti archeologici, etnografici e cronologici 239

10

11

12

14

15

7
16

In questa tavola e nella seguente rappresentata una selezione di medaglie devozionali, raccolte per lo pi in corrispondenza o prossimit di basi di casoni, secondo un fattore di scala di circa 1/1 rispetto agli originali.
1) Crocifisso in bronzo con sul retro la madonna dei Sette Dolori, 2) croce greca senza immagini, 3) medaglione con su un lato il
profilo di Cristo Salvatore del Mondo e dallaltro Maria Madre del Salvatore, 4) medaglia con sui due lati i Sacri Cuori di Ges e
Maria e le scritte in tedesco: a) Jesus Urquell alles Gnaden e b) Heilge Maria hort der Gunderbitte..., 5) medaglia con Croce di San Benedetto con le sigle della formula di esorcismo e sul retro la figura di San Benedetto, 6) Cuore con parte basale di una
croce e una scritta in latino sulla venuta di Ges (la parte superiore della croce mancante) e sul retro la Madonna Lauretana
con due lampade, 7) medaglia con il crocifisso di Sirolo e sul retro San Venanzio, 8) Medaglia con le quattro principali basiliche di
Roma e la data dellAnno Santo 1650, sopra le chiese gli angeli mostrano il velo con il volto di Cristo, sul retro Madonna con il Bambi-

240 tracce di antichi pastori

13

17

no, Ges e i Santi Pietro e Paolo (in questo caso evidente che la medaglia era stata portata da un pellegrino che si era recato a Roma
per lanno santo, 9) medaglia con su un lato leffigie di Maria Regina della Chiesa di San Vitale a Roma e sullaltro la croce di San Benedetto, 10 e 11) su un lato di entrambe queste medaglie raffigurata la Santa Casa di Loreto con sopra la Madonna con Ges Bambino, sullaltro lato sono raffigurati rispettivamente SantAntonio di Padova e San Francesco di Paola, 12) medaglia con su un lato la
Beata Vergine della Corona (del Santuario del Monte Baldo) e sullaltro il battesimo di Ges, 13) medaglia con rappresentata la Beata Vergine del Popolo Veronese della Cattedrale di Verona e sullaltro lato San Giuseppe, 14) medaglia con su un lato San Francesco e sullaltro San Felice di Cantalice, entrambi con i nomi scritti in latino, 15) medaglia con raffigurati SantIgnazio di Loyola e San
Francesco Saverio, 16) medaglia con Santa Francesca Romana e il Beato Bernardo Tolomei, 17) medaglia con rappresentati su un lato
la Madonna dei sette dolori e dallaltro San Pellegrino (?) che contempla Ges Crocifisso.

aspetti archeologici, etnografici e cronologici 241