Sei sulla pagina 1di 41

NOZIONI DI PRONTO SOCCORSO IN MONTAGNA

A cura di A. Crespina

NORME FONDAMENTALI
Mantenere la calma Se non si assolutamente sicuri della dinamica dellincidente d lli id t o non si in grado di intervenire in i i d i t i i modo opportuno NON ESITARE A RICHIEDERE SOCCORSO Nel caso di lesioni importanti a testa, colonna p , vertebrale e bacino evitare manovre inappropriate (possibile aggravamento del trauma)

NORME FONDAMENTALI
Se possibile NON ABBANDONARE MAI LINFORTUNATO Se fosse INDISPENSABILE allontanarsi per la S f ll t i l richiesta di soccorso: Porre il ferito al riparo Coprirlo con indumenti caldi Lasciare viveri ed acqua

VALUTAZIONE DELLINFORTUNATO
Considerare l infortunato PIU GRAVE di quanto linfortunato PIU possa sembrare Considerare il SOSPETTO di lesione come LESIONE Rilevare i GRAVI TRAUMI (Testa Col Vertebrale) (Testa, Col. p , , , Valutare: respiro, circolazione, coscienza, mobilit ed integrit degli arti

TRAUMI

MAL DI MONTAGNA MAL MONTAGNA OFTALMIA DA RIVERBERO ERITEMA SOLARE E SCOTTATURE EFFETTI DEL FREDDO MORSO DI VIPERA

TRAUMI CONTUSIONE DISTORSIONE LUSSAZIONE FRATTURA FERITE

CONTUSIONE
Trauma diretto che interessa i tessuti molli (cute, Trauma sottocute, muscoli) C Cause : compressioni, urti, ecc i i ti Rimedi: applicazione del freddo, p pp , protezione della parte lesionata (prevenzione di ulteriori traumi), p pomate antiedema

DISTORSIONE Molto frequente a carico di :


caviglia ginocchio polso g Danno a carico della strutture legamentose GRAVE con rottura dei legamenti Cause : appoggio su terreno sconnesso atterraggio in modo scorretto

DISTORSIONE Sintomi : dolore, gonfiore, impossibilit ad


appoggiare larto ematoma (!) larto,

Rimedi : applicazione del freddo fasciatura (anche con la scarpa) per almeno 2 giorni Prognosi : 7 14 GIORNI

LUSSAZIONE

Perdita dei rapporti tra i capi articolari Grave e molto DOLOROSA ( ) l (!) Frequenti: SPALLA FALANGI

LUSSAZIONE Cause : movimento innaturale


Sintomi : impossibilit di movimento spalla discesa dita in posizione anomala p Rimedi : immobilizzare la parte manovre ortopediche (P. SOCCORSO)

FRATTURA
Rottura di un segmento osseo causata da un forte trauma

FRATTURA Si t i : d f Sintomi deformit della parte it d ll t


g gonfiore ed ematoma dolore al movimento o pressione rumore di scroscio Rimedi : chiuse : immobilizzare la parte esposte : anche disinfezione del focolaio

FRATTURA Particolarmente GRAVI: TESTA


BACINO COL. VERTEBRALE Molto fastidiose : COSTOLE

FRATTURA Testa : TRAUMA CRANICO


C Cosa f fare: APPLICAZIONE DEL FREDDO VALUTARE STATO DI COSCIENZA CONTROLLARE DIAMETRO PUPILLARE

FERITE
Varie per forma e profondit Diversa gravit a seconda dei VASI COLPITI EMORRAGIA VENOSA o ARTERIOSA Rimedi : disinfezione e protezione della p p parte ARTERIOSA : LACCIO EMOSTATICO da applicare con cautela (!) SOCCORSO IMMEDIATO !!!

MAL DI MONTAGNA
A tuttoggi ancora oggetto di studi Cause : diminuzione della pressione parziale di ossigeno a quote superiori a 2 500 3 000 metri 2.500 3.000 Difficolt di ossigenazione delle cellule Si manifesta dopo poche ore dallarrivo in quota Gravit variabile con l quota e lindividuo i i bil la li di id

MAL DI MONTAGNA
LIEVE : inappetenza, mal di testa, nausea, stanchezza eccessiva, insonnia. Simile: SINDROME DA AFFATICAMENTO per sforzi eccessivi ed alimentazione carente GRAVE : rischio EDEMA POLMONARE o CEREBRALE Si osserva ad altissima quota d l i i

MAL DI MONTAGNA
EDEMA POLMONARE : insuff. respiratoria, tachicardia, tosse secca e poi schiumosa rosacea CEREBRALE : mal di testa persistente e resistente agli analgesici, vomito, torpore fino al coma

MAL DI MONTAGNA
PREVENZIONE : allenamento e idratazione raggiungere la quota progressivamente NO sonniferi !!! NO alcoolici !!! Consigliabile ASPIRINA (1 alla sera) gg. precedenti Bere integratori con Potassio e Magnesio

MAL DI MONTAGNA
Cautela con i farmaci diuretici (DIAMOX) Eventualmente anti-vomito (PLASIL) Dopo una notte senza miglioramento :

SCENDERE DI QUOTA

OFTALMIA DA RIVERBERO
Detta Cecit delle nevi o Lucte P t l i oculare delle alte quote Patologia l d ll lt t Causa : rarefazione dell atmosfera con minor filtro dellatmosfera dei raggi solari e rifrazione della neve I raggi U.V. non vengono MAI filtrati dalle nubi Rimedi : OCCHIALI DA SOLE protezione 100% UV Se colpiti: COLLIRIO e occhiali per 24-48 ore p p

ERITEMA SOLARE E SCOTTAURE


Le radiazioni solari sono pi intense ad alta quota Il potere radiante maggiore rispetto ad anni fa Prevenzione : protezione solare a fattore 20 o pi 1 grado: arrossamento, bruciore. g , Applicare acqua fredda Crema doposole o con cortisone

ERITEMA SOLARE E SCOTTAURE


2 grado : bolle o flittene, piene di siero 2 Trattamento: rompere con forbici disinfettate lasciare lascia e la pelle in sito disinfettare e proteggere p gg La pelle ricresce dopo alcuni giorni

EFFETTI DEL FREDDO


ASSIDERAMENTO : TC corporea < 35 gradi Cause: immobilit in ambiente invernale sepolto da valanga esposto a vento in presenza di basse TC Sintomi: compromissione di organi importanti (cervello, fegato (cer ello fegato, rene) stanchezza e sonnolenza

EFFETTI DEL FREDDO

EFFETTI DEL FREDDO


Rimedi : abbigliamento adeguato !!! avvolgere linfortunato in coperte indumenti caldi e asciutti telo termico NO ALCOLICI !!! SI BEVANDE CALDE E ZUCCHERATE

MORSO DI VIPERA

Vipera aspis

Caratteristiche: corpo tozzo lungh 40 80 cm. tozzo, lungh. cm colore bruno chiaro disegni nerastri

MORSO DI VIPERA

Morso di Ofide

MORSO DI VIPERA
Veleno ad effetto emolitico Gravit dipendente da: et peso stato di salute quantit di veleno (rara) introduzione in un vaso sanguigno AZIONE LENTA !!!

Diffonde soprattutto per VIA LINFATICA

MORSO DI VIPERA
Sintomi : dolore intenso, gonfiore, ecchimosi stillicidio sieroso dalle ferite Nausea, vomito, dolori articolari Confusione mentale Provvedimenti : MANTENERE LA CALMA !!! Disinfettare la ferita Impacchi freddi Bendaggio linfatico

MORSO DI VIPERA

Raggiungere il PRONTO SOCCORSO !!! Siero antivipera : poco utilizzato ( solo Ospedale) troppo l bil labile (NO zaino!) ( O i ) pericolo di SHOCK ANAFILATTICO

MATERIALE DI PRONTO SOCCORSO


In generale : 2 bende elastiche da 5 cm e 10 cm cm. cm. 1 fascia di garza da 5 cm. Compresse garza sterile 10 x 10 cm. Cerotto a nastro e steri-strip Cerotti varie misure Disinfettante NON irritante Aspirina Spille d balia S ill da b li Telo termico

MATERIALE DI PRONTO SOCCORSO


Per escursioni in alta quota : (oltre precedente) Plasil, integratore con Mg e K Filtro solare a protezione 20 o pi Collirio Contro piante o insetti : Fargan o Polaramin Per contusioni : Essaven, Reparil o altre simili Antidolorifici es. Ketoprofene o altri e Antidiarroici Antibiotici a largo spettro ATTENZIONE IN QUESTI ULTIMI TRE CASI !!!

S.O.S. IN MONTAGNA

Tramite il 118 si pu contattare su tutto il territorio nazionale il

CORPO NAZIONALE DI SOCCORSO ALPINO E SPELEOLOGICO

Informazioni da fornire alloperatore: 1 . Nome di chi chiama e n telefonico 2. Luogo (con precisione) 3. Cosa successo e quando avvenuto lincidente 4. Numero e gravit delle persone coinvolte 5. Condizioni meteo

Se non siamo in grado di telefonare: SEGNALAZIONI ACUSTICHE O OTTICHE Chiamata di soccorso: 1 segnale ogni 10 secondi per 1 minuto Intervallo di 1 minuto I t ll i t Ripetizione dei segnali Risposta alla chiamata: 1 segnale ogni 20 secondi per 1 minuto g g p Intervallo di 1 minuto Ripetizione dei segnali

Contatto visivo con i soccorsi

Prestare estrema attenzione ai segnali dei P t t tt i i li d i soccorritori Spesso intervengono tecnici CNSAS su ELICOTTERO Norme di comportamento in questo caso: Non muoversi Abbassarsi e restare fermi in attesa di indicazioni Non avvicinarsi MAI al rotore di coda Tenere sotto controllo oggetti che possono volare via (zaini, corde, piccozze)