Sei sulla pagina 1di 11

y(7HA3J1*QSSKKM( +%!"!@!z!

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n. 649004 Copia € 1,00
2 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 57 (46.301) Città del Vaticano sabato 9 marzo 2013
.
Sono state accolte dal collegio cardinalizio le motivazioni di rinuncia presentate da due porporati Pubblicate le stime della Fao sulla produzione nel 2013

Nella Cappella Sistina Più grano prodotto


nel mondo
saranno 115 i cardinali elettori ma in Africa non arriva
La settima congregazione generale 153 porporati, tra i quali tutti i 115 duto a riconoscere i motivi di assen- questa congregazione “è verosimile”
dei cardinali ha avuto luogo nella elettori attesi sui 117 aventi diritto: za dei due porporati. In ottempe- che venga fissata la data d’inizio del ROMA, 8. La produzione di grano è di persone necessitino con urgenza
mattina di venerdì 8 marzo, nell’Au- non erano presenti, infatti, i cardina- ranza al numero 38 della Universi conclave. Lo ha detto il direttore stimata quest’anno in aumento nel di assistenza alimentare e sostegno
la del Sinodo. Ai lavori, svoltisi tra li Darmaatmadja e O’Brien. All’ini- dominici gregis, il collegio cardinali- della Sala Stampa della Santa Sede, mondo, ma l’Africa paga ancora un alle condizioni di vita.
le 9.30 e le 12.30, hanno partecipato zio della congregazione si è provve- zio ha votato l’accettazione dei mo- Federico Lombardi, il quale ha an- prezzo pesante in termini di suffi- Diverso è il caso della Corea del
tivi — di salute, nel primo caso, e che riferito che la predica nella Cap- cienza alimentare, soprattutto nelle Nord, dove il periodo di siccità del
personali, nel secondo — che ne im- pella Sistina sarà affidata al cardina- aree investite da conflitti. È quanto maggio e giugno del 2012, seguito
pediscono la partecipazione. le non elettore Prosper Grech, ago- emerge dall’annuale rapporto da localizzate inondazioni nei mesi
Successivamente il decano Angelo stiniano maltese. «Crop Prospects and Food Situa- di luglio e agosto, ha influito nega-
Sodano, prendendo atto di questa tion» («Prospettive dei raccolti e si- tivamente sulla produzione che è
situazione, ha riconosciuto la possi- tuazione alimentare») diffuso ieri a diminuita e ha danneggiato le infra-
bilità di ricorrere al numero 37 della Roma dalla Fao, l’organizzazione strutture agricole.
dell’Onu per l’agricoltura e l’ali- Per quanto riguarda il dato glo-
citata costituzione apostolica, modi-
ficato dal recente motuproprio di In conclave mentazione. Le attività agricole
hanno subito forti rallentamenti in
bale, come detto, la situazione si
prospetta invece migliore rispetto al
Benedetto XVI Normas nonnullas, per
diversi Paesi africani coinvolti in 2012. Secondo il rapporto della
anticipare l’inizio del conclave. conflitti interni e internazionali. Fao, la produzione di grano di que-
Sono seguiti 18 interventi. Ampi e Tra questi il rapporto cita in par- st’anno si aggirerà intorno ai 690
vari i temi toccati: si è parlato tra ticolare la Repubblica Democratica milioni di tonnellate, con un au-
l’altro di dialogo tra le religioni, del- del Congo, il Sudan e Sud Sudan, mento del 4,3 per cento rispetto
la cultura di oggi, di bioetica, della e il Mali. Nel primo caso, la ripresa all’anno scorso. Se confermata, sa-
giustizia nel mondo, del cristianesi- dei conflitto in Nord Kivu ha fatto rebbe la seconda più grande produ-
mo come proposta di amore e di aumentare sensibilmente il numero zione mai registrata. La maggior
gioia, dell’annuncio della misericor- degli sfollati, stimati adesso intorno produzione è prevista principalmen-
dia divina e del governo della Chie- a due milioni e settecentomila. In te in Europa, trainata da un aumen-
sa, in particolare della collegialità. Sudan e in Sud Sudan l’Onu valu- to delle semine fatto come risposta
La ricorrenza dell’8 marzo ha offer- ta in almeno tre milioni e mezzo le ai prezzi sostenuti, ma anche un
to ai presenti lo spunto per interro- persone che hanno bisogno d’assi- miglioramento delle rese, soprattut-
garsi anche sul ruolo della donna stenza umanitaria, soprattutto nelle to nella Federazione Russa. Anche
nella Chiesa. In totale sono oltre zone di confine tra i due Stati che le prospettive per gli Stati Uniti,
cento gli interventi tenuti finora. subiscono maggiormente le conse- benché meno favorevoli a causa di
Nel pomeriggio di ieri, giovedì 7, guenze delle ancora irrisolte violen- condizioni di siccità precedenti, nel-
si era svolta la sesta congregazione ze. Nel Mali, il conflitto in corso le ultime settimane sono in qualche
generale, con 151 presenti e 16 inter- nel nord tra le milizie jihadiste e le modo, migliorate.
venti. forze francesi e africane ha interrot- Nel frattempo la recente flessione
Nel pomeriggio di venerdì 8 i car- to la circolazione dei prodotti ali- dei prezzi del grano, e in una certa
dinali tornano a riunirsi nell’Aula mentari e provocato un gran nume- misura del mais, che ha bilanciato i
del Sinodo per l’ottava volta. In INSERTO A COLORI ro di sfollati e rifugiati. Tutto ciò rincari dei prodotti caseari e dello
non ha fatto che peggiorare la già zucchero, ha contribuito a mantene-
precaria situazione alimentare crea- re invariato in febbraio, per il se-
ta dalla grave siccità del 2011. condo mese consecutivo, l’indice
Questo tipo di condizioni negati- dei prezzi alimentari della Fao, che
L’Onu rafforza le sanzioni a Pyongyang che cancella il patto di non aggressione con Seoul ve si registrano anche in altre zone si è attestato a 210 punti, cinque
del mondo. Nella sua analisi delle punti in meno rispetto al febbraio

Tensione alle stelle nella penisola coreana zone più esposte all’insicurezza ali-
mentare, il rapporto della Fao indi-
ca in particolare la Siria, dove si sti-
2012. Stabili si sono mantenuti nel
loro complesso i prezzi della carne,
con un leggero calo di quelli del
ma che a causa del protrarsi della pollame e un contenuto aumento
NEW YORK, 8. La Corea del Nord Il tono dell’annuncio nordcoreano gnie ed esponenti nordcoreani accu- tollerati nuovi test nucleari. Ban Ki- guerra non meno di quattro milioni dei prodotti di origine suina.
ha annunciato oggi la cancellazione è fortemente bellicoso, fino alla mi- sati di favorire il programma nuclea- moon ha invitato tutti gli Stati
del patto di non aggressione con la naccia di una guerra nucleare. La re e lo sviluppo di missili balistici. membri a rispettare la risoluzione,
Corea del Sud e di tutti gli altri ac- Cina ha rivolto oggi un monito alla Inoltre tutti i Paesi hanno ora il di- ed esortato Pyongyang ad astenersi
cordi per la riduzione delle tensioni. Corea del Nord, invitandola alla cal- ritto di ispezionare le navi dirette in da nuove misure destabilizzanti: «È
Il regime comunista di Pyongyang ma e alla «moderazione» dopo le Corea del Nord, di negargli l’acces- necessario invertire la rotta e punta-
ha deciso anche di interrompere il ultime minacce del regime di Pyon- so ai porti e di vietare ai velivoli re sulla costruzione della fiducia con
canale di comunicazione di emer- gyang in risposta al rafforzamento nordcoreani l’accesso al proprio spa- i Paesi vicini».
genza in funzione nel villaggio di delle sanzioni dell’Onu. Mercoledì zio aereo. Vi sono anche restrizioni Dal canto suo, l’ambasciatore sta-
Panmunjon, nella zona demilitariz- scorso il regime comunista di alla vendita di beni di lusso — come tunitense alle Nazioni Unite ha af-
zata fra le due Coree. Pyongyang aveva minacciato di re- gioielli e auto sportive — alla diri- fermato: «Prese tutte insieme queste
L’annuncio è giunto stamattina, vocare l’armistizio che mise fine alla genza di un Paese dove gran parte sanzioni mordono, mordono dura-
all’indomani dell’approvazione di sanguinosa guerra di Corea (1950- della popolazione vive in estrema mente. Il mondo intero è unito
1953) e che non è mai stato seguito povertà. nell’impegno per la denuclearizza-
nuove sanzioni internazionali contro
da un accordo di pace. Il segretario generale dell’O nu, zione della penisola nordcoreana».
Pyongyang, decise dal Consiglio di
Le nuove sanzioni contro la Co- Ban Ki-moon, ha accolto con favore Soddisfazione per l’adozione delle
sicurezza dell’Onu in seguito al ter-
rea del Nord sono state approvate l’adozione da parte del Consiglio di nuove sanzioni — previste dalla riso-
zo esperimento atomico nordcorea-
all’unanimità dal Consiglio di sicu- sicurezza della risoluzione che ina- luzione 2094 — è stata espressa
no dello scorso 12 febbraio e alle mi- dall’alto rappresentante per la Politi-
nacce di attacco nucleare preventivo rezza dell’Onu. Mentre le sanzioni sprisce le sanzioni. Ban Ki-moon ha
già in vigore vietavano la vendita di sottolineato come la decisione dei ca estera e di sicurezza comune
contro gli Stati Uniti. Immediata la dell’Ue, Catherine Ashton. È però
armi a Pyongyang, le nuove colpi- Quindici rappresenta «un messaggio
risposta del portavoce della Casa «deplorevole», ha aggiunto Ashton,
scono i trasferimenti finanziari inter- inequivocabile» da parte della co-
Bianca: «Gli Stati Uniti sono piena- «che le autorità coreane abbiano già
nazionali che coinvolgono compa- munità internazionale: non verranno
mente in grado di difendersi da un minacciato ulteriori azioni provoca-
possibile attacco». Anche la Corea torie». L’Unione europea quindi
del Sud ha dichiarato che qualsiasi chiede al regime comunista di Pyon-
attacco nucleare da parte della Co- gyang di riflettere e «pensare al be-
rea del Nord ne provocherebbe la nessere del suo popolo invece di
distruzione. lanciare minacce». Una donna con il figlio in Burkina Faso

Il premier Laarayedh prepara la lista dei ministri

Raggiunto l’accordo per il Governo tunisino


TUNISI, 8. Dopo avere annunciato tivo di Ali Laarayedh di dare vita al dei partiti alleati, che in questo mo-
ieri sera che tra i partiti della vec- nuovo Esecutivo, è dunque stata do — oltre che rispondere alla forte
chia maggioranza — Ennahdha, trovata in extremis un’intesa che ap- pressione dell’opinione pubblica —
Ettakatol e Congresso per la Re- parentemente rinsalda l’alleanza tra cercavano evidentemente di frenare
pubblica — è stata raggiunta un’in- Ennahdha, Ettakatol e Congresso l’invadenza del partito di maggio-
tesa per varare un nuovo Governo, per la Repubblica (Cpr). Laarayedh ranza relativa.
il primo ministro designato, Ali si è sobbarcato il peso di una fati- Ora occorrerà vedere su quali nu-
Laarayedh, sta lavorando in queste cosa trattativa con quelli che quindi meri il prossimo Governo potrà
ore per apportare le ultime correzio- sono rimasti alleati e che comun- contare prima di affrontare il giudi-
ni al programma e definire la lista que, sino all’ultimo, hanno cercato zio dell’Assemblea costituente che,
dei ministri. Il tutto mentre scade il di ottenere dal partito islamico nel periodo di transizione dopo la
termine che, nel conferirgli l’incari- quante più concessioni possibili. caduta di Ben Ali, funge da Parla-
co, gli aveva dato il presidente della Nulla è trapelato sulla composi- mento. I numeri ci sarebbero, ma
Repubblica Moncef Marzouki, al zione dell’Esecutivo. Non si com- non sono del tutto sicuri.
quale programma e futuri ministri prende quindi sino a che punto le
dovranno essere presentati. Da quel richieste di porre alla guida dei
che si è potuto apprendere, restano quattro ministeri chiave personalità Le relazioni della Santa Sede
ancora dei dettagli da definire, ma di alto profilo, ma sganciate dai nel contesto internazionale
lo scoglio principale, cioè l’attribu- partiti, siano state accolte da En- e la libertà della Chiesa
zione dei quattro ministeri ritenuti nahdha, che sin dall’inizio ha oppo- in età contemporanea
più importanti — Difesa, Interni, sto una strenua resistenza, anche
Esteri e Giustizia — sarebbe stato perché erano di quel partito i titola- Una diplomazia
superato. ri dei dicasteri nel precedente Ese-
Quando ormai si dava per scon- cutivo. La richiesta di affidare a tec- globale
tata la rottura dell’accordo di mag- nici i ministeri chiave era venuta sia
Militari delle due Coree si fronteggiano a Panmunjom (La Presse/Ap) gioranza, e quindi la fine del tenta- dall’opposizione che da esponenti D OMINIQUE MAMBERTI A PAGINA 5
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 9 marzo 2013

Mario Draghi prevede un’inflazione contenuta

Francoforte taglia le stime


sul pil europeo
BRUXELLES, 8. La Banca centrale eu- ghi ha confermato che l’argomento è fuori. Anche qui una netta smentita rie all’economia reale» ha ricono-
ropea (Bce) taglia le stime sul pil stato toccato nella discussione in di Draghi: la struttura infatti «fun- sciuto il presidente della Bce, che ha
europeo (meno 0,5 per cento), senza Consiglio direttivo. La novità più ri- ziona molto bene perché in una si- avuto parole di solidarietà anche per
ridurre i tassi. La politica monetaria levante — ma anche questa in parte tuazione di emergenza che va avanti «quella tragedia che è la disoccupa-
resterà «accomodante» di fronte a prevista dagli analisti — è stata la re- da anni; la troika è un accordo orga- zione» in particolare tra i giovani.
visione delle stime di crescita nizzativo in cui la Bce mette a di- Come già altre volte, il presidente
uno scenario di inflazione contenuta.
dell’eurozona, che ora sono previste sposizione le sue competenze speci- della Bce è tornato a puntare il dito
La ripresa deve attendere. in un range fra meno 0,9 e meno 0,1 fiche, come quelle nel settore finan- contro «alcune legislazioni nazionali
Dalla riunione di ieri a Francofor- per cento per l’anno in corso e fra lo ziario». Il presidente della Bce ha che hanno messo tutto il peso della
te non è emersa — come previsto — zero e il più due per cento per il poi lamentato come quella sulla troi- flessibilità sui giovani». E contro le
nessuna revisione dei tassi di interes- 2014. Dati che giungono dopo i ri- ka sia «la paura della settimana», ri- distorsioni del mercato del lavoro,
se, anche se il presidente Mario Dra- sultati deludenti del quarto trimestre cordando altri casi come quello «a ha riconosciuto, «c’è poco che la
del 2012, «dovuti non solo al calo suo tempo, sulle presunte dimensio- Bce possa fare».
della domanda domestica, ma anche ni del bilancio dell’Eurotower». Intanto, ieri il presidente del Con-
dell’export»; e la ripresa, se ci sarà, Un breve passaggio del discorso siglio Ue, Herman van Rompuy, è
arriverà «più tardi». di Draghi è stato riservato alle due intervenuto sulla questione del mer-
S&P migliora Più tranquilla la situazione sul
fronte dei prezzi: a febbraio, come
maxi iniezioni di liquidità varate
dalla Bce fra la fine del 2011 e l’ini-
cato unico, sottolineando che il ritar-
le prospettive ha spiegato Draghi, «l’inflazione è
continuata a calare ed è scesa sotto
zio del 2012: di quei soldi, 1.018 mi-
liardi di euro in tutto, Draghi ha ri-
do nella realizzazione del progetto
«è difficile da giustificare», soprat-
del rating il due per cento, mentre le spinte in- cordato che «le banche hanno finora
tutto perché «pone dubbi sulla no-
stra volontà di fare urgentemente
flazionistiche dovrebbero restare rimborsato 224,8 miliardi di euro».
del Portogallo contenute». Il presidente della Bce In termini netti — ha aggiunto Dra- tutti i passi concreti per il ritorno
della crescita per l’economia euro-
ha ricordato come le stime dell’Eu- ghi — «ciò significa che del volume
rostat abbiano fissato la crescita dei di circa cinquecento miliardi delle pea». Van Rompuy lo ha dichiarato
LISBONA, 8. Migliorano le pro-
prezzi a febbraio all’1,8 per cento operazioni di politica monetaria del- in una lettera inviata ai ventisette ca-
spettive del Portogallo. L’agenzia
dal 2,0 per cento di gennaio, un calo la Bce, circa duecento miliardi sono pi di Stato e di Governo in vista del
di rating Standard & Poor’s ha
dovuto soprattutto all’andamento stati ripagati». Uno scenario, ha sot- vertice della prossima settimana. Il
confermato il rating BB, ma con
dei prezzi energetici e del cibo. Co- tolineato, che «riflette i migliora- presidente ha ricordato che «quasi
l’outlook che passa da «negativo»
munque, ha assicurato il presidente menti della fiducia dei mercati finan- esattamente due anni fa, il Consiglio
a «stabile». Il Portogallo resta europeo aveva invitato il Consiglio e
quindi sullo stesso piano di alcu- dell’Eurotower, la Bce «continuerà a ziari negli ultimi mesi e il calo della
monitorare la situazione molto, mol- loro frammentazione». il Parlamento Ue ad adottare le do-
ni Paesi dell’Europa orientale, dici misure prioritarie del Single
to attentamente». Il vero problema europeo — ha
con i titoli valutati appena sopra i Market Act 1 entro la fine del 2012».
Altro tema caldo, quello della troi- concluso Draghi — resta quello
cosiddetti junk bond. Il migliora- ka (la squadra di esperti della Bce- dell’economia reale, che ancora sten- La scadenza, ha constatato con di-
mento delle prospettive — spiega- Commissione europea-Fmi) dalla ta a uscire dal tunnel. «Dobbiamo sappunto il presidente, non è stata
no gli analisti in una nota — non quale — secondo alcune indiscrezioni risolvere il problema di come tra- rispettata per il ritardo del lavoro le-
ha nulla a che fare con un impor- — l’Eurotower vorrebbe chiamarsi smettere le nostre politiche moneta- gislativo su molti punti. Il presidente della Banca centrale europea (Reuters)
tante cambiamento nella situazio-
ne del Paese, ma con il fatto che i
creditori europei stanno conce-
dendo più tempo al Paese.
Il Portogallo è al terzo anno Superata quota dieci per cento, il dato più alto dal 1999 Ripresa dopo il terremoto e lo tsunami
consecutivo di recessione, con un
tasso di disoccupazione vicino al
18 per cento. I nuovi tagli — che
colpiranno in particolare il servi-
Disoccupazione Il Giappone
zio sanitario, l’istruzione e il siste-
ma pensionistico — puntano a ri- ai massimi in Francia fuori dalla recessione
sparmiare circa quattro miliardi di
euro nei prossimi due anni. PARIGI, 8. Il tasso di disoccupazio- Aumenta anche la disoccupazio- TOKYO, 8. L’economia giapponese cana e, come visto, alla capacità del roda, indicato dal Governo di Tokyo
Pochi giorni fa l’Ecofin ha ne in Francia (nel quarto trimestre ne tra le persone dai 49 anni in su, sta lentamente uscendo dalla fase di Paese di uscire dalla spirale reces- a prendere il posto di Maasaki Shi-
aperto la porta alla possibilità che del 2012) ha superato la soglia del che passa al 7,2 per cento, anche in recessione: nel periodo tra ottobre e siva. rakawa.
il Portogallo abbia più tempo per 10 per cento, attestandosi al 10,2 questo caso livello più elevato degli dicembre 2012, il prodotto interno Ieri, invece, la Banca centrale nip- Kuroda, fortemente voluto al ti-
rimborsare i prestiti ricevuti pur per cento, ai massimi dalla seconda anni Duemila. In totale, precisa lordo è rimasto invariato sui tre mesi ponica (BoJ) ha lasciato invariata la mone della BoJ dal primo ministro,
metà del 1999. Lo riferisce in una precedenti, mentre è aumentato del- politica monetaria. La decisione è
di evitare il collasso dell’econo- l’Inse, se li si calcola con il metodo Shinzo Abe, ha già espresso la pro-
nota l’Istituto statistico francese In- lo 0,2 per cento su base annuale. I stata presa all’unanimità dal comita-
mia. Allo stesso tempo, i ministri definito dall’Organizzazione inter- pria disponibilità ad acquisti di titoli
see. Tra i giovani al di sotto dei 24 dati, parte della seconda rilevazione to preposto ed era attesa dai merca-
finanziari hanno dato un benesta- anni, la disoccupazione ha rag- nazionale del lavoro, in Francia ci ti, i quali si aspettano nuove misure di Stato con scadenza più lunga,
sull’ultimo trimestre del 2012 diffusa
re politico al pacchetto legislativo giunto la ragguardevole cifra del sono oggi 2,9 milioni di disoccupa- dall’Ufficio di Gabinetto di Tokyo, di stimolo per l’economia dal prossi- una decisione che rende più proba-
che prevede nuovi requisiti patri- 25,7 per cento, dato più elevato ti. Secondo l’indagine condotta si confrontano con quelli prelimina- mo vertice del 3 e 4 aprile, quando bile il varo di stimoli economici mol-
moniali e limiti ai bonus bancari. mai registrato dal 1975, quando eb- dallo stesso istituto, i senza lavoro ri, che invece prevedevano una con- sarà in sella il nuovo governatore to più forti già dalla prossima riu-
L’obiettivo della Commissione bero inizio le monitorazioni. sarebbero invece oltre 3,7 milioni. trazione dello 0,4 per cento. La revi- della Banca centrale, Haruhiko Ku- nione di aprile.
Ue è quello di trovare un accordo sione al rialzo è stata sostenuta, in
al prossimo Ecofin di Dublino, in particolare, dalla più che soddisfa-
programma per metà aprile, «in cente ripresa economica dopo il ter-
modo da mandare un forte segna- remoto e lo tsunami di due anni fa,
le di fiducia» al Portogallo e ai dalle spese e dagli investimenti so- L’analisi della Fed sulla base degli stress-test
mercati. Portogallo e Irlanda han- cietari.
no ricevuto prestiti internazionali In crescita anche la spesa per i
consumi, che segna un aumento del-
In salute
per un totale di 147 miliardi di
euro (67,5 miliardi all’Irlanda e lo 0,5 per cento rispetto al preceden- le banche statunitensi
79,5 miliardi al Portogallo). Bru- te trimestre, un dato in rialzo rispet-
xelles sta tentando di aiutare il lo- to alla previsione di un incremento WASHINGTON, 8. Le maggiori ban- cento, una flessione dei prezzi delle
ro ritorno sui mercati, e di rassi- dello 0,4 per cento. che americane sono preparate me- case del venti per cento. Se uno
curare le opinioni pubbliche euro- E grazie a questi dati positivi, la glio che nel 2007, cioè prima della scenario del genere si fosse verifica-
pee che è possibile unire austerità Borsa di Tokyo ha terminato oggi crisi, ad affrontare una nuova re- to le 18 banche si sarebbero trova-
gli scambi in rialzo del 2,64 per cen- cessione. Diciassette banche su 18 te, fra la fine del 2012 e la fine del
e sviluppo. «Mi sembra che du-
to, ai livelli precedenti il crack di hanno superato infatti gli stress-te- 2014, a far fronte a perdite com-
rante la riunione (dell’Ecofin,
Lehman Brothers. L’indice Nikkei st della Fed. L’istituto Ally è l’uni- plessive per 462 miliardi di dollari,
ndr) tutti fossero più o meno ha guadagnato 315,54 punti, a co a non farcela: in caso di una di cui 51,8 miliardi per Bank of
d’accordo per andare in quella di- 12.283,62, oltre la quota di 12.214,76 America, 32,3 miliardi per JPMor-
forte contrazione dell’economia,
rezione» ha spiegato una fonte segnata a fine seduta lo scorso 12 gan e 28,6 miliardi per Citigroup.
avrebbe livelli di capitale inferiori a
dell’Unione europea. L’Ecofin si settembre, poco prima del collasso quanto previsto dalla legge. Al secondo trimestre 2012 le mag-
rende conto — ha spiegato la fon- della banca d’affari statunitense. Ma la Federal Reserve — nel co- giori banche americane possono
te citata da «Il Sole 24 Ore» — Gli operatori hanno puntato sul municare, ieri, l’esito degli esami — contare complessivamente su 803
che le tensioni sociali in molti Giappone in scia al calo dello yen, ha precisato: è necessaria cautela, miliardi di dollari di capitale, quasi
Stati membri richiedono risposte ai dati di bilancio migliori delle atte- perché i risultati dei test non inclu- il doppio rispetto ai 420 miliardi di
politiche. Un ufficio di collocamento a Nizza (LaPresse/Ap) se, alla ripresa dell’economia ameri- dollari del primo trimestre 2009.
dono i piani di capitale e di riac-
quisto delle azioni e quindi non
possono essere letti come una pro-
mozione o una bocciatura. Il via li-
bera o meno ai piani proposti dalle
Pechino diminuisce L’Ue vuole meno plastica banche per i dividendi e i buy Napolitano
back (il riacquisto delle azioni con
le emissioni nocive nell’ambiente lo scopo di ridurre il numero di ti- auspica coesione
toli sul mercato) arriverà infatti so-
PECHINO, 8. La Cina ridurrà le missione, e l’utilizzo di energia per BRUXELLES, 8. La Commissione eu- in che modo ridurre i rifiuti marini lo la prossima settimana, andando contro la crisi
emissioni di carbonio e migliorerà unità di pil è diminuito del 3,6 per ropea ha avviato una consultazione e se è utile promuovere la plastica a completare il quadro. Una scelta,
l’efficienza energetica di almeno il cento, superando la quota del 3,5 pubblica su come ridurre l’inquina- biodegradabile, secondo quanto si quella dei risultati in due fasi, già ROMA, 8. «I problemi urgenti e
3,7 per cento per unità di prodotto per cento fissata dalla Agenzia di mento generato dalla plastica, che legge in una nota dell’Esecutivo eu- aspramente criticata dalle banche, le questioni di fondo dell'econo-
interno lordo entro la fine del 2013. pianificazione economica del Go- pone, tra le altre, anche la questio- ropeo. Bruxelles pone anche una che avrebbero preferito una comu- mia non possono aspettare, deb-
Lo afferma in un rapporto la Com- ne se sia utile promuovere la plasti- questione sull’utilità di un’imposi- nicazione unica per evitare bono ricevere risposte e dunque
verno cinese. Pechino prevede di
missione nazionale per lo sviluppo ca biodegradabile. «È urgente fare zione fiscale legata al consumo di un’eventuale volatilità dei titoli. richiedono che l’Italia si dia un
spendere entro il 2015 una cifra di
e le riforme, la più importante qualcosa contro questo tipo di in- plastica. La consultazione durerà fi- Per la Fed si tratta del terzo Governo ed esprima uno sforzo
2.370 miliardi di yuan, pari a 292,4 round di stress test dal 2009, il pri-
agenzia per la pianificazione econo- quinamento», ha detto il commissa- no a giugno e dovrebbe portare a serio di coesione». È quanto ha
miliardi di euro, per i tagli alle mo che ha incluso l’applicazione di detto oggi, il presidente della
mica del Dragone. rio europeo all’Ambiente, Janez Po- una proposta legislativa nel 2014.
Il documento è stato presentato emissioni, e prevede la produzione točnik, lanciando l’iniziativa duran- Nel frattempo, la Commissione sta quanto previsto dalla riforma di Repubblica italiana Giorgio Na-
durante i lavori a Pechino dell’As- di carburanti a ridotto contenuto di te una conferenza stampa a Bru- lavorando su una proposta legislati- Wall Street. politano, in occasione della ceri-
semblea nazionale del popolo. Lo agenti inquinanti, a cui stanno già xelles. va distinta per limitare l’uso di bu- Lo scenario economico peggiore monia in Quirinale per la festa
scorso anno, le emissioni di anidri- lavorando i grandi gruppi petroliferi La Commissione europea chiede ste di plastica. «Stiamo consideran- sottoposto dalla Fed alle banche della donna. Il capo dello Stato
de carbonica nell’atmosfera hanno di Stato. Con un occhio di riguardo come si può migliorare la progetta- do diverse opzioni» ha dichiarato prevedeva un tasso di disoccupa- ha anche auspicato «un clima
diminuito del 5 per cento la loro in- al maggiore apporto energetico dal- zione modulare e chimica della pla- Potočnik durante la conferenza zione al 12,1 per cento, un calo dei disteso» per la scelta dei presi-
tensità, secondo i dati della Com- le fonti rinnovabili. stica per aumentarne la riciclabilità, stampa. mercati azionari del cinquanta per denti delle Camere.

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
sabato 9 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Mentre in Siria aumenta il bilancio delle vittime causate dai combattimenti A spoglio quasi ultimato fortemente incerta la vittoria di Kenyatta al primo turno

Trattative per liberare In Kenya


i caschi blu sequestrati si profila il ballottaggio
DAMASCO, 8. Si tratta per liberare i NAIROBI, 8. In Kenya si profila, tra pera il numero degli aventi diritto infatti deciso di rinviare al 9 luglio
ventuno caschi blu filippini catturati crescenti tensioni, un ballottaggio di voto. «Non c’è spazio per addo- l’apertura del processo nel quale
due giorni fa da un gruppo di ribel- per la presidenza. A quasi quattro mesticare in alcun modo il risulta- Kenyatta deve difendersi dalle accu-
li siriani nei pressi delle alture del giorni dalle elezioni di lunedì, lo to» ha dichiarato il presidente della se di aver organizzato le violenze et-
Golan. scrutinio non è stato ancora comple- commissione, Ahmed Issack Has- niche seguite alle precedenti elezioni
Secondo una fonte dei ribelli, i tato, ma dagli ultimi dati diffusi san. presidenziali del 2007.
negoziati con le Nazioni Unite per questa mattina dalla commisione Nel frattempo, dall’Aja, dove Ke-
Tra i risultati già acquisiti del vo-
il rilascio si sarebbero interrotti a elettorale emerge che con il nyatta è sotto processo davanti alla
Corte penale internazionale (Cpi) to di lunedì c’è l’elezione in Parla-
causa dei raid che le forze del Go- procedere dello spoglio delle schede
verno del presidente siriano, Bashir è andato via via riducendosi il per crimini contro l’umanità, è giun- mento, per la prima volta, di una
Al Assad, stanno conducendo nella vantaggio di Uhuro Kenyatta, ta una notizia che potrebbe contri- donna di etnia masai. Si tratta di
zona dove è avvenuto il rapimento. attestato ora al 50,1 per cento, dopo buire, in caso di vittoria di Kenyat- Peris Pesi Tobiko, nella circoscri-
In precedenza Nagib Al Gadban, essere stato dato anche sotto il 49, ta, a consentire a quest’ultimo di in- zione di Kajiado East, nella Rift
membro della Coalizione nazionale con il rivale Raila Odinga poco so- sediarsi alla presidenza. La Cpi ha Valley.
dell’opposizione siriana, aveva an- pra al 43. Sembra dunque possibile
nunciato che i 21 sarebbero stati ri- che non ci sia una vittoria al primo
lasciati oggi dopo la preghiera isla- turno e che si debba andare al bal-
mica di mezzogiorno. lottaggio, fissato nel caso per il
Tuttavia, il Governo di Manila ha
confermato di aver avviato negozia-
prossimo 10 aprile. La commissione
elettorale ha aggiunto che mancano
Fermato in Mali un sospetto jihadista
ti; un portavoce delle forze armate settanta circoscrizioni da scrutinare di nazionalità francese
filippine ha fatto sapere che i rapi- e ha assicurato che le operazioni si
tori sarebbero pronti a rilasciare gli Un casco blu filippino nel Golan (LaPresse/Ap) concluderanno entro questa sera. PARIGI, 8. In Francia l’attenzione della stampa sulla crisi in Mali si con-
ostaggi a condizione di consegnarli Ieri la commissione elettorale ave- centra in queste ore sul fermo di un presunto jihadista di doppia cittadi-
alla Croce Rossa internazionale. Il va respinto le accuse incrociate di nanza francese e maliana, Ibrahim Aziz Ouattara. L’uomo, fermato in
segretario generale delle Nazioni quanto all’ipotesi che ci sia qualche to repubblicano popolare, il princi- brogli arrivate dai due campi. Se- Mali a novembre, è stato espulso martedì scorso in Francia, dove è stato
Unite, Ban Ki-moon, ha chiesto il possibilità che Mosca faccia pressio- pale partito di opposizione in Tur- condo Kenyatta, la decisione di ri- subito posto in stato di fermo. È sospettato di aver cercato di raggiunge-
«rilascio immediato». I ventuno mi- ne su Assad, Lavrov ha sottolineato chia, Assad ha sottolineato la neces- contare manualmente le schede pre-
re i gruppi jihadisti che operano nel nord del Paese africano. Nel frat-
litari filippini sequestrati appartene- che il Cremlino «non è favorevole al sità di «distinguere tra le posizioni sa mercoledì dalla commissione, do-
vano alla United Nations Disengan- tempo, le notizie dai fronti di guerra confermano che i combattimenti
cambio di regime ed è contraria alle del popolo turco che sostiene la sta- po che le trasmissioni telematiche
gement Observer Force (Undof), la avevano riportato un numero altissi- appaiono ancora lontani dal concludersi. Una trentina di militari france-
interferenze nei conflitti interni» dei
bilità della Siria e quelle del Gover- si rimasti feriti nel nord sono stati rimpatriati ieri. In gran parte, come
missione dell’Onu che controlla una Paesi. mo di voti nulli, nasconderebbe l’in-
parte delle alture del Golan dopo la no Erdogan che insiste nel destabi- tenzione di privarlo della vittoria al hanno confermato fonti del ministero della Difesa di Parigi, si tratta di
Intanto, il presidente Assad ha at-
guerra del 1973. I militari sarebbero taccato duramente il Governo di lizzare la regione». Più volte in pas- primo turno. Di contro, lo staff di militari di reparti impegnati da settimane sugli altopiani degli Ifoghas, il
stati bloccati dai ribelli mentre sta- Ankara, affermando che esso ali- sato il premier turco Erdogan si era Odinga afferma di avere le prove massiccio nell’estremo nord est, al confine con l’Algeria, dove si sono
vano facendo rifornimento, in menta il clima di tensione e di vio- espresso polemicamente contro il che i risultati ricevuti sono stati ma- concentrate le milizie jihadiste ritiratesi dalle città investite dall’offensiva
un’area molto vicina al confine lenza in Siria. Incontrando ieri a Governo di Assad, accusandolo di nomessi e che in alcuni casi il totale delle forze francesi e di quelle africane. I combattimenti, comunque, pro-
israeliano. Sulla vicenda non c’è an- Damasco una delegazione del Parti- non voler raggiungere la pace. delle schede scrutinate nei seggi su- seguono anche nella zona di Gao.
cora nessuna reazione ufficiale da
parte dell’Esecutivo siriano.
I combattimenti in Siria, nel frat-
tempo, non conoscono tregua. Oltre
cento persone sono morte ieri in Nella Giornata internazionale dell’8 marzo Ban Ki-moon sollecita maggiore impegno anche contro il fenomeno delle spose bambine
scontri esplosi in diverse aree del
Paese, stando a quanto riportano
fonti degli attivisti.
Violenti scambi di artiglieria tra
oppositori e militari governativi si
Donne sotto attacco
segnalano anche oggi a Jamlah, la NEW YORK, 8. Forte preoccupazio- sione sullo status delle donne, si sta
cittadina siriana a circa un chilome- ne per gli insufficienti risultati rag- tenendo la più grande assemblea di
tro dal confine israeliano sulle alture giunti dalla comunità internaziona- sempre centrata sull’obiettivo di
del Golan. Lo afferma l’O sservato- le nell’impegno a contrastare le vio- porre fine alla violenza contro le
rio siriano per i diritti umani. Intan-
lenze subite dalle donne traspare donne. «Faremo il più possibile
to a Daraa, la città del sud epicen-
dal messaggio del Segretario gene- durante questa riunione — scrive
tro della rivolta contro Bashar al As-
rale dell’Onu, Ban Ki-moon, per la Ban Ki-moon — e continueremo a
sad, i miliziani islamici del Fronte al
Nusra hanno lanciato una nuova of- Giornata internazionale dell’8 mar- fare pressione per ulteriori pro-
fensiva. zo. «Occorre guardare indietro a gressi».
Sul piano diplomatico, la Russia un anno di sconcertanti episodi di Una speciale promessa d’impe-
ha reso noto che non intende asso- violenza contro donne e ragazze e gno prioritario dell’Onu Ban Ki-
lutamente fare pressioni sul presi- chiedersi come ci si possa aprire a moon rivolge poi alle donne «in
dente Assad, perché si faccia da par- un futuro migliore», scrive Ban Ki- contesti di conflitto dove la violen-
te, come chiesto dalla Coalizione moon. Il Segretario dell’Onu invita za sessuale diventa troppo spesso
dell’opposizione. poi a convertire l’ira in azione, di uno strumento di guerra volto a
Il ministro degli Esteri, Serghiei fronte ad «atrocità che giustamente
umiliare il nemico distruggendone
Lavrov, ha detto che «non spetta a hanno scatenato un’ondata di indi-
la dignità».
noi decidere chi debba guidare la gnazione globale». Questa settima-
Tra i temi posti dall’Onu all’at-
Siria, è compito dei siriani». E na a New York, presso la Commis-
tenzione internazionale in questa
giornata, c’è quello delle giovani,
spesso ancora bambine, costrette al
matrimonio. Secondo l’Unfpa, il Una bambina pakistana in un sobborgo di Islamabad (LaPresse/Ap)

Il Senato ratifica la nomina Fondo dell’Onu sulla popolazione,


nell’attuale decennio saranno 140
di Brennan a capo della Cia milioni, 39.000 al giorno, in una
pratica che rimane una minaccia
Prima riunione del partito del leader dell’opposizione in Myanmar
WASHINGTON, 8. John Brennan — ex consigliere di Barack Obama per reale al rispetto dei diritti umani,
l’antiterrorismo — è il nuovo direttore della Cia. Il Senato americano ha per i danni fisici e psicologici ai
dato il via libera definitivo con 63 voti a favore e 34 contrari. «Con la con-
ferma bipartisan di Brennan il Senato ha riconosciuto le sue qualità che io
quali sono sottoposte queste spose
bambine. Stando ai dati delle Na-
Aung San Suu Kyi a congresso
ritengo determinanti per mantenere sicura l’America» ha detto il presiden- zioni Unite, la pratica aumenta il
te Obama sottolineando come «una tempestiva e accurata intelligence sia rischio di violenze domestiche e NAYPYIDAW, 8. I delegati della Lega partito dovrà delineare un program- favorito, se il percorso democratico
essenziale contro gli attacchi terroristici, per smantellare Al Qaeda e per abusi sessuali, oltre al fatto che le nazionale per la democrazia (Lnd), ma in vista delle elezioni legislative avviato di recente dal Governo del
far fronte alle sfide di sicurezza che abbiamo davanti». Il voto favorevole complicazioni legate alla gravidan- il principale partito dell’opposizio- del 2015 e, allo stesso tempo, svec- presidente riformista, Thein Sein,
dei senatori all’ex capo dell’antiterrorismo è arrivato dopo settimane di po- ne in Myanmar, guidato dal premio chiare i suoi quadri dirigenziali. Per non verrà rovesciato. Nelle elezioni
za sono la principale causa di mor-
lemiche: numerosi parlamentari hanno messo sotto torchio Brennan consi- Nobel per la pace Aung San Suu quanto la leadership di Aung San suppletive tenute nell’aprile del
te per le ragazze tra i 15 e i 19 anni. Kyi, sono impegnati da oggi nel Suu Suu Kyi non sia messa in nes-
derato il padre della teoria sull’uso dei droni elaborata sotto l’Amministra- 2011, la Lega nazionale per la de-
zione Obama. Teoria in base alla quale anche i cittadini americani coinvol- «I Governi e la società civile, ma primo congresso nazionale della sun modo in discussione, con l’av-
ti con le attività dei gruppi terroristici possono essere colpiti. In particola- anche le famiglie, specialmente gli storia della formazione politica. vicinarsi dell’importante appunta- mocrazia ha conquistato quaranta-
re, il senatore repubblicano Rand Paul per bloccare la nomina di Brennan uomini, devono fare la loro parte La riunione, che durerà tre giorni mento elettorale la questione del tré seggi sui quarantaquattro in pa-
si è reso protagonista di un intervento in aula durato ben tredici ore, co- per lasciare che queste giovani sia- nella ex capitale Yangon, vede la rinnovamento all’interno all’Lnd ha lio. Un chiaro messaggio per un fu-
stringendo il segretario alla Giustizia, Eric Holder, a precisare la posizione no ragazze, e non mogli», ha affer- partecipazione di oltre 900 delegati evidenziato diversi malumori tra i turo di democrazia e di riconcilia-
dell’Amministrazione Obama sull’uso dei droni. mato Ban Ki moon. da tutto il territorio nazionale. Il ranghi del partito riguardo la linea zione nazionale nel Myanmar.
politica da seguire.
Gran parte degli esponenti di
spicco del comitato esecutivo della
Lega nazionale per la democrazia
Oltre cinquanta capi di Stato a Caracas per i funerali sono infatti militanti ottuagenari,
che hanno fondato il partito il 27
Scontri nel Borneo
L’addio del Venezuela a Chávez settembre del 1988, e che successi-
vamente sono stati imprigionati per
tra militari
anni dalla ex Giunta militare. Dal
1962 fino al 2010, il Paese del sud-
e ribelli filippini
CARACAS, 8. Più di due milioni di presidente e mai inaugurata ufficial-
persone hanno già fatto visita alla mente. est asiatico è stato guidato con il KUALA LUMPUR, 8. Il Governo
camera ardente del presidente Maduro subito dopo il funerale pugno di ferro dai generali. malaysiano ha respinto la tregua
venezuelano Hugo Chávez, i cui fu- giurerà come capo di Stato ad inte- La stessa Aung San Suu Kyi, co- dichiarata unilateralmente dal
stretta per un totale di quindici an- leader di un gruppo di filippini
nerali si svolgeranno oggi a Caracas, rim, secondo quanto annunciato ieri
ni agli arresti domiciliari, ha ricono- armati nel Borneo, intimando lo-
dove sono giunti per la circostanza sera dal presidente dell’Assemblea
sciuto l’esigenza di dare spazio alle
oltre cinquanta capi di Stato da tut- legislativa, Diosdado Cabello. Ma- ro la resa incondizionata. Da
nuove leve, prevedendo tuttavia che
to il mondo. La camera ardente, al- duro guiderà il Paese fino alle ele- quasi un mese, il gruppo ha oc-
il partito ha davanti a sé un percor-
lestita all’Accademia militare due zioni presidenziali che in base alla so non facile. Secondo gli analisti cupato una vasta area costiera
giorni fa, resterà aperta ancora sette Costituzione devono essere convoca- politici internazionali, la Lega na- nordorientale dello Stato del
giorni, per dare il tempo ai venezue- te entro un mese. Secondo il procu- zionale per la democrazia non ha Sabah, reclamando diritti di pro-
lani arrivati da tutto il Paese di ren- ratore generale, Luisa Ortega Díaz, ancora delineato una visione politi- prietà ancestrali e un aumento
dergli omaggio. Il vice presidente la procedura ha l’avallo del Tribuna- ca ed economica, al di là di vaghi della cifra simbolica corrisposta
Nicolás Maduro ha annunciato che le supremo di giustizia. Lo stesso propositi in senso democratico di annualmente dall’Esecutivo di
il corpo di Chávez sarà imbalsamato Tribunale aveva confermato a gen- Aung San Suu Kyi. Kuala Lumpur per quelle terre.
ed esposto in una bara di vetro. naio la validità del nuovo mandato Attualmente primo partito del- L’occupazione è ben presto de-
Questa potrebbe essere collocata nel ottenuto da Chávez nelle elezioni l’opposizione nel Parlamento di generata in scontri con l’esercito
nuovo mausoleo di Simon Bolivar, dello scorso ottobre, malgrado che il Naypyidaw dominato dal movimen- malaysiano. Combattimenti che
un’imponente opera architettonica presidente non avesse potuto presta- to del regime e dagli ex militari, hanno finora provocato oltre ses-
in stile moderno, a forma di vela, re il giuramento formale di insedia- l’Lnd si avvicina comunque al voto santa morti tra elementi delle
fortemente voluta dal defunto L’omaggio di alcuni venezuelani a Chávez (Afp) mento, come da prassi. legislativo del 2015 con il ruolo di forze di sicurezza e civili.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 9 marzo 2013

Fede e amore si conquistano pienamente solo attraverso una lotta con le proprie incertezze

Il dubbio è un buon cane da guardia


di GIANFRANCO RAVASI ni testimoni e alla loro esperienza scetticismo». Ai nostri giorni è di no! E voi ve ne infischiate! Siete pro- proprio nel suo sguardo troppo indi- se sai quando tenergli o levargli il
positiva o negativa di incontro con moda irridere il fenomeno religioso, prio dei bravi cristiani!». L’indiffe- screto e ossessivamente indagatore guinzaglio».
immagine rasenta col la fede. versando su di esso dosi massicce di renza contemporanea è il dubbio scet- che «ridurrebbe l’esistenza personale In conclusione ritorniamo al pun-

L’ suo realismo quasi la Una sorta di discriminante può sarcasmo, senza mai aver letto un te- tico quasi incarnato, mai scosso da a un’oggettività disumana». Inoltre to di partenza. Credere è un’espe-
brutalità: l’apostolo essere quella formulata con l’affer- sto sacro in modo serio, senza mai un fremito, libero da ogni inquietudi- durante le lezioni di religione le rienza complessa, così come com-
Tommaso col suo dito mazione di Samuel Butler, un pasto- essersi interrogati sul significato au- ne, desideroso di non essere disturba- sembrava che una mano schiacciasse plesso è lo stesso conoscere e il vive-
penetra nella carne vi- re anglicano dell’Ottocento che, pe- tentico degli asserti e delle norme re- to nel suo quieto modo di vivere. il suo cervello impedendole di ragio- re umano. Non si esaurisce nell’ac-
va della fessura del costato di Cristo, rò, lasciò il gregge delle anime per ligiose, senza aver mai considerato i Lo scrittore “scandaloso” francese nare, di criticare, di essere libera. cettazione razionale di una teoria
puntando uno sguardo fisso al der- andare a fare il pastore di pecore in secoli di pensiero che hanno appro- Louis Ferdinand Céline, autore del Questo dubbio nasce da una falsa perché, come ribadiva nei suoi Pen-
ma lacerato e al pulsare della ferita. Nuova Zelanda: «La verità è come fondito l’atto di fede, senza aver ve- noto romanzo Viaggio al termine della concezione del credere e dei conte- sieri diversi il filosofo Ludwig
Caravaggio nella tela del museo te- la religione. Ha soltanto due nemici: rificato la fecondità sociale, cultura- notte (1932), autobiografia romanzata nuti della fede. Diventa paradossal- Wittgenstein, «il cristianesimo non è
desco di Potsdam ha reso così, sotto il troppo e il troppo poco». Il fana- le, morale, artistica della fede. Que- di un’esistenza sarcastica e disperata, mente vero l’asserto citato di una dottrina, non è una teoria di ciò
gli occhi cupi degli altri discepoli, tismo fondamentalistico non è vera sto è solo uno scetticismo bolso e a un amico che lo interrogava sul Nietzsche: se la fede è una realtà co- che è stato e sarà dell’anima umana,
l’approdo del dubbio di quel disce- suo rapporto con la re- sì “debole” non può permettersi di ma una descrizione di un evento rea-
polo a cui, comunque, il Risorto ha ligione rispondeva: spazzar via tutto col dubbio sistema- le nella vita dell’uomo». Così, come
concesso una prova di appello, pur «Ho fatto la prima co- tico, anche perché quello che demo- accade in ogni incontro o esperienza
dichiarando «beati quelli che non munione. E basta. Mi lisce non è la fede autentica ma una esistenziale sono in gioco molteplici
hanno visto e hanno creduto» (Gio- pareva tutto poco credi- sua contraffazione. Per usare una cu- fattori di evidenza e di rischio, di ra-
vanni, 20, 29). Facile è intuire, a bile, i dogmi, il paradi- riosa battuta di Einstein, «sottile è ilgione e di amore, di adesione e di
questo punto, il tema che vogliamo so, l’inferno, che Cristo Signore, ma non malizioso», non incertezza.
ora proporre, ossia l’incrociarsi tra sia morto proprio per desidera creare difficoltà alla ragione Una vicenda che Dostoevskij ha
dubbio e fede. Il credere ha una sua me. Troppo bello per per il gusto di sconcertarla e fuor- splendidamente rappresentato nella
specifica evidenza che, però, non è essere vero. Sì, l’incono- viarla. In realtà la disamina attenta, celebre lettera del 1854 all’amica Na-
comparabile a quella matematica, scibile, l’invisibile (...) la valutazione fondata, l’analisi della talia Fonzivina: «Sono un figlio del
perché è adesione a una persona, Non nego niente, per ragione si coniugano con la fede se- secolo, un figlio della mancanza di
Dio e il suo Cristo, che comunicano carità! Ma il tormento condo un procedimento genuino e fede e del dubbio quotidiani e lo so-
una verità trascendente, metarazio- metafisico, no, non fin necessario. Perciò chi ha una “fe- no fino al midollo. Quanti crudeli
nale ma non irrazionale (ecco la ne- c’entro proprio». de robusta”, cioè un’àncora solida, tormenti mi è costato e mi costa tut-
cessità del coinvolgimento della ra- L’equivoco è costante può e deve interrogarsi e ricercare. tora quel desiderio della fede che
gione come l’altra ala per ascendere, negli scettici: il credere È solo nel grigiore dell’indifferen- nell’anima mi è tanto più forte
con la fede, nel cielo del mistero). Il sarebbe un allineamen- za che l’interrogazione feconda si quanto sono presenti in me motiva-
percorso è, dunque, segnato da una to mentale, una fiducia zioni contrarie».
scelta libera, da un atto di fiducia e cieca, un abbandono Ma all’oscurità subentra
da un impegno di comprensione e consolatorio, una rinun- Credere è un’esperienza globale la luce, secondo quell’impa-
non semplicemente da un sillogismo cia intellettuale. Signifi- che comprende un aspetto intellettivo sto che costituisce la realtà
o dalla dimostrazione di un teorema. cative sono le testimo- autentica della fede: «Dio,
L’assenso di fede è, quindi, un’espe- nianze personali di due ma anche una dimensione volitiva però, mi manda momenti
rienza globale umana che compren- figure rilevanti della In un processo così complesso nei quali mi sento totalmen-
cultura novecentesca,
de un aspetto intellettivo certamen-
legate tra loro anche è inevitabile che si innesti la domanda te in pace. In tali momenti
io ho dato forma in me a
te, ma anche una dimensione voliti-
va, amorosa, passionale, testimonia- nella vita. un simbolo di fede nel qua-
le, affettiva ed effettiva, un po’ come Caravaggio, «Incredulità di Tommaso» (particolare, 1600-1601) Da un lato, Sartre spegne e lascia eventualmente spa- le tutto è per me chiaro e santo.
il “conoscere” biblico che è un’attivi- che nell’autobiografico zio al dubbio sarcastico. Il poeta Questo simbolo è molto semplice.
tà “simbolica”, cioè globale e perso- Le parole rievoca l’atto Giorgio Caproni in Arpeggio scrive- Eccolo: credere che non c’è nulla di
nale. fede ma una sua scimmiottatura, co- goffo, incline alla sguaiataggine, è il della sua adolescenza che lo rese va: «Cristo ogni tanto torna, / se ne più bello, di più profondo, di più
In un’esperienza così complessa e sì come, all’opposto, il dubbio siste- dubbio fine a se stesso, votato ateo. Dopo aver bruciato un tappeto va, chi l’ascolta? ... / Il cuore della ragionevole, di più coraggioso e di
non automatica è, quindi, inevitabile matico che riduce la religione a mera all’agnosticismo indifferente. coi fiammiferi, stava per occultare il città / è morto, la folla passa / e più perfetto di Cristo e con fervido
che si innesti l’oscurità, la domanda, domanda inevasa. La variante Nella sua Autobiografia Charlie suo misfatto quando si ricordò che schiaccia — è buia massa / compat- amore ripetermi che non solo non
il dubbio appunto. Come scriveva dell’asserto di Butler è nel principio Chaplin rievoca l’idea, poi abortita, gli avevano insegnato che comunque ta, è cecità». Si può, dunque, sten- c’è, ma non può esserci».
Louis Evely, «la fede è un intreccio più generale che lo scienziato e filo- di un film di tema religioso suggerito Dio lo avrebbe visto: «All’improvvi- dere una linea di demarcazione tra In questo sfolgorare di luce, paral-
di luce e di tenebra: possiede abba- sofo Emile Poincaré, morto nel 1912, dall’amico Stravinskij, il celebre mu- so Dio mi vide, sentii il suo sguardo dubbio scettico e dubbio creativo, lelo alla professione finale di fede di
stanza splendore per ammettere, ab- formulava così: «Dubitare di tutto o sicista. La trama era incentrata attor- all’interno della mia testa e sulle mie tra un dubitare a caduta libera e un Tommaso, «Mio Signore e mio
bastanza oscurità per rifiutare, abba- credere a tutto sono due soluzioni no a una sacra rappresentazione del- mani. Cercai rifugio in bagno. La dubitare che s’inerpica nelle doman- Dio!», si riesce a comprendere anche
stanza ragioni per obiettare, abba- ugualmente comode che ci dispensa- la crocifissione di Gesù sulla pista da rabbia mi salvò: divenni furibondo de profonde. Victor Hugo scriveva: il paradosso dostoevskiano spesso ci-
stanza luce per sopportare il buio no, l’una come l’altra, dal riflettere». ballo di un locale notturno. Mentre contro un’indiscrezione così grosso- «Quando l’ombra cresce, è la fine tato, impressionante per la sua radi-
che c’è in essa, abbastanza speranza È per questo che il dubbio fecon- Cristo sale in croce, la gente seduta lana, bestemmiai Dio come faceva della giornata. Quando il dubbio calità e per il suo procedere per ab-
per contrastare la disperazione, ab- do non è un gioco intellettuale o un sui tavolini getta uno sguardo alla talora mio nonno. Da allora Dio aumenta, è il tramonto della religio- surdum: «Se qualcuno mi dimostras-
bastanza amore per tollerare la sua esercizio sistematico dell’ironia. Nel scena, ma poi riprende a parlare di non mi guardò mai più». D’altro la- ne». Il criterio pratico suggestivo da se che Cristo è fuori della verità, mi
solitudine e le sue mortificazioni. Se Crepuscolo degli idoli (1888) Friedrich affari, di donne, del menù e così via. to, in modo analogo Simone de adottare ce lo indica il creatore di dimostrasse che veramente la verità
non avete che luce, vi limitate Nietzsche sconfinava nel paradosso: Solo un ubriaco, in disparte, è scosso Beauvoir, la sua compagna, nelle Nero Wolf, il giallista americano non è in Cristo, ebbene, io preferirei
all’evidenza; se non avete che oscuri- «Solo se un uomo ha una fede robu- dallo spettacolo e si mette a piangere Memorie di una ragazza per bene, rie- Rex Stout, morto nel 1975: «Il dub- lo stesso restare con Cristo piuttosto
tà, siete immersi nell’ignoto. Solo la sta, può indulgere al lusso dello gridando: «Guardate, lo crocifiggo- voca la genesi del suo rifiuto di Dio bio è un buon cane da guardia solo che con la verità!».
fede fa avanzare (...) Grazie a quello
che di te conosco, Signore, credo in
te per ciò che non conosco ancora, e
in virtù di quello che ho già capito,
ho fiducia in te per ciò che non ca- Fede, cultura e nuova evangelizzazione
pisco ancora».
Abramo sale l’erta aspra del mon-
te Moria armato, sì, della sua fede
ma anche col peso della paura e col
Un’epoca malata per mancanza di pensiero
cuore segnato dall’oscurità. Giacob-
di RINO FISICHELLA va si apra all’orizzonte non ha bisogno di terrogativo fonda-
be ingaggia persino una lotta col
grandi dimostrazioni. Le trasformazioni so- mentale dell’uomo
Dio misterioso, celato sotto le spo-
È per me motivo di profondo onore, oltre no sotto i nostri occhi; all’orizzonte si profi- sul senso della pro-
glie di un essere forte e ostile. Giob-
che di grande gioia e gratitudine, essere pre- la un nuovo modo di pensare, e quindi di pria vita, al perché
be sfida a lungo il silenzio di Dio
sente oggi per svolgere alcune riflessioni in conseguenti stili di vita, che mette in crisi i dell’amore, del dolo-
prima di avere una risposta che è in
questo convegno dedicato al cardinale Wal- concetti fondamentali su cui si è costruita re, della sofferenza,
realtà una sequenza di domande
ter Kasper in occasione del suo ottantesimo per almeno venticinque secoli la civiltà occi- della morte, insom-
(Giobbe, 38-39). L’assenso dato a Dio
compleanno. Ci sono diversi motivi per fe- dentale e la sua identità. Ciò che emerge in ma, tutto ciò che si
senza sofferenza e ricerca è forse un
modo particolare è l’indebolimento delle di- racchiude in quella
modo, tra i tanti possibili, per non steggiarlo. In primo luogo, bisogna ricorda-
sposizioni naturali — prima fra tutte la ricer- istanza secondo la
rispondergli veramente. Il dubbio re il suo essere presidente — oggi emerito — ca della verità — e questo porta a teorizzare
nella sua forma positiva — non si di- del Pontificio Consiglio per la Promozione quale l’uomo non è
la debolezza della ragione con l’accentuata solo ciò che mangia.
mentichi mai che Cristo concede, dell’Unità dei Cristiani. Ciò significa, pensa- sottolineatura del sentimento. Il giudizio eti-
come si diceva, una prova-verifica a In lui c’è qualcosa
re al poderoso impegno ecclesiale e culturale co è sempre più sottoposto all’emotività sog-
Tommaso — è, quindi, una compo- Federico Zuccari, «Allegorie della Fede e della Speranza» (1595) che lo trascende, un
che egli ha svolto in tanti anni per superare gettiva e, perso il referente con la norma og-
nente dialettica della fede. “infinito” che egli
gettiva, si frammenta in verità parziali e scel- stesso sperimenta in
Non vogliamo, comunque, ora af- te pragmatiche che rendono ancora più peri-
frontare in sede teorica compiuta il Ogni generazione ha bisogno di leggere colosa la deriva. L’abbandono della pratica
trovare le forme per poter andare oltre. Da ogni atto della sua esistenza personale e che
contrappunto tra fede e dubbio, ma questa prospettiva è bene ricordare che ci non può reprimere. Infine, c’è quell’insieme
e interpretare il proprio presente religiosa non è che uno degli ultimi scalini
sono principi posti alla base di ogni civiltà di disposizioni che regolano la vita sociale e
scegliamo di lasciare la voce ad alcu- per verificare l’indebolimento generalizzato
Pena l’inutilità della fede chiamata e l’incertezza in cui si trovano le giovani ge- che ne condizionano e determinano lo svi- consentono di identificarsi in un sistema di
a trasformare e purificare la realtà nerazioni. luppo, la sopravvivenza o la distruzione. Tre pensiero e di comportamenti che si fa garan-
Ai nostri giorni, sembra che il termine cri- in modo particolare sono comunemente ac- te della giustizia, del bene e del male. Ciò
si sia tra i più utilizzati nel nostro vocabola- cettati: la cultura, la religione e la legge. È che si sta verificando nei nostri Paesi, pur-
Il Requiem la frattura della divisione tra tutti i credenti rio quotidiano. Viene percepita soprattutto a proprio di ogni società riconoscersi in una troppo, mi sembra essere proprio un corto-
livello economico, finanziario e politico ma cultura e negli aspetti che la specificano nel circuito che impedisce una circolarità comu-
di Mozart in Cristo. Non si può dimenticare il ministe-
ro apostolico svolto nella Diocesi di Stutt- la sua matrice, tuttavia, è primariamente cul- confronto con altre; di questa fanno parte la nicativa tra questi tre principi. Ciò che balza
lingua, le tradizioni, l’arte nelle sue diverse evidente è una situazione fortemente para-
a due anni gart-Rottenburg. Ricordo una notte di Nata-
le, la prima dopo aver lasciato la diocesi, se-
turale. La crisi, comunque, non è mai un
evento esclusivamente negativo; porta con sé manifestazioni e tutto ciò che costituisce dossale. Nel tempo in cui l’Europa viveva di
l’agire e il pensare personale e sociale. La re- valori condivisi, possedeva una forte identità
dallo tsunami duti uno accanto all’altro per la Messa di
Giovanni Paolo II, quando mi disse «Biso-
elementi che provocano a esprimere un giu-
dizio di merito su quanto si vive e obbliga a ligione, da parte sua, porta la risposta all’in-
che la rendeva facilmente riconoscibile no-
nostante i confini territoriali. In questi anni,
gna comprendere il sacrificio di stare qui e
In occasione del secondo invece, mentre si sono abbattuti i confini
non poter celebrare nella mia cattedrale»;
anniversario del terremoto e dello che avrebbero dovuto creare un’unità, ciò a
un velo di tristezza nelle sue parole che la-
tsunami di Sendai, in Giappone, cui si assiste è il moltiplicarsi delle differen-
sciava trasparire l’amore per la sua diocesi.
lunedì 11 marzo si terrà, nella
basilica di San Paolo fuori le Mura,
È soprattutto il professor Kasper, comun- Simposio in onore ze, l’aumento degli estremismi e la frammen-
tarietà domina a tal punto da far sgretolare
que, che oggi vogliamo ricordare per avere
un concerto patrocinato
dall’Ambasciata del Giappone
offerto alla Chiesa con la sua imponente del cardinale Walter Kasper ogni possibile unità.
Da questa prospettiva, si apre un orizzon-
opera teologica un contributo che rimarrà
presso la Santa Sede, nel tempo. La Scuola di Tübingen ritrova in te di grande responsabilità per i credenti. La
«Vivendo secondo la verità nella carità» (Efesini, 4, 15): questo il motto scelto per in-
dall’Ambasciata di Cuba in lui un eccellente rappresentante per la teolo- nuova evangelizzazione non è una formula
trodurre il convegno «Fede e cultura» organizzato dal Kardinal Walter Kasper Institut
Giappone e dall’Istituto di Cultura gia dogmatica nel XX secolo. teorica con la quale illudersi di avere trovato
italiano a Tokyo. In programma il a Vallendar, in Germania, per festeggiare gli ottanta anni del cardinale tedesco. La tre la strada per rispondere alla profonda crisi
Ogni generazione ha bisogno di leggere e giorni di incontri (dall’8 al 10 marzo) cercherà di rispondere a domande centrali: che
Requiem di Mozart, dedicato alle interpretare il proprio presente, pena l’inuti- di fede che è presente nella Chiesa, soprat-
vittime dello tsunami e dei terremoti importanza ha Dio nella nostra società? Quale il compito della fede nel tempo moder- tutto in quei Paesi di antica tradizione cri-
lità della fede chiamata a trasformare e puri- no? Come riscoprire la radice cristiana dell’Europa? Le risposte sono state affidate a
in Giappone e in Italia. Sul podio ficare la realtà, senza rimanere prigioniera e stiana dove la cultura è stata impregnata
dell’Orchestra sinfonica Gioacchino un testo del cardinale Karl Lehmann («Fede cristiana e cultura attuale nel contesto dalla nostra fede. Nuova evangelizzazione,
passiva dinanzi alle diverse situazioni stori-
Rossini di Pesaro salirà Daniele che. Un dato particolarmente visibile in del pensiero moderno»), all’arcivescovo Rino Fisichella («Cristo e nuova evangelizza- al contrario, è un progetto che dovrebbe
Agiman. Due i cori impegnati: il questi decenni è la sproporzione presente in zione», di cui anticipiamo in pagina alcuni stralci), a Andreas Püttmann («Società provocare la nostra pastorale, anzitutto, per
San Carlo di Pesaro e una molti credenti tra la conoscenza scientifica senza Dio»), Holger Zaborowski («Oltre la dialettica di fede e cultura. Sul compito ritornare all’essenziale della fede. Come ri-
compagine vocale formata da nei vari ambiti del sapere, e la mancanza di del pensiero storico») e Richard Schröder («La forza della fede cristiana nel modellare cordava Benedetto XVI: «Il mondo soffre
studenti giapponesi provenienti dalle una adeguata conoscenza della fede. Che la cultura»). È prevista anche una tavola rotonda alla quale parteciperanno, tra gli al- per la mancanza di pensiero». Il dramma,
zone colpite dalla catastrofe. un’epoca si stia concludendo e che una nuo- tri, gli arcivescovi Gerhard Ludwig Müller e Robert Zollitsch. probabilmente, sta tutto qui.
sabato 9 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Le relazioni della Santa Sede nel contesto internazionale e la libertà della Chiesa in età contemporanea

Una diplomazia globale


di D OMINIQUE MAMBERTI cialmente impegnata nella difesa dignità umana, come ha ricordato 180, oltre il Sovrano Mili-
della libertà religiosa sia nelle rela- Benedetto XVI nel suo ultimo discor- tare Ordine di Malta e
utti hanno modo di ap- zioni bilaterali, come pure nell’ambi- so ai Membri del Corpo Diplomati- l’Unione europea. L’ultimo

T prezzare l’opera di me-


diazione che non di rado
la diplomazia pontificia
ha compiuto in epoca
moderna nel contesto internazionale.
Non intendo in questa sede soffer-
marmi su temi ben noti, quali la pa-
to dei diversi organismi internazio-
nali. Concretamente ciò significa an-
zitutto l’impegno contro la discrimi-
nazione dei credenti. Infatti, «trop-
po spesso, per diversi motivi, tale di-
ritto è ancora limitato o schernito» e
«in non pochi Paesi i cristiani sono
co accreditato presso la Santa Sede.
«Costruire la pace — aggiungeva il
Papa — significa educare gli indivi-
dui a combattere la corruzione, la
criminalità, la produzione e il traffi-
co della droga, nonché le tentazioni
Paese, in ordine di tempo,
è stato il Sud Sudan, lo
scorso 22 febbraio. Attual-
mente, la Santa Sede non
intrattiene ancora rapporti
diplomatici con 13 dei 193
demagogiche, nonché a evitare divi- Stati membri dell’Onu, in
ce o lo sviluppo. Basti qui ricordare privati dei diritti fondamentali e sioni e tensioni, che rischiano di sfi- gran parte in Asia, ma an-
come da più parti si innalzino lodi messi ai margini della vita pubblica, brare la società, ostacolandone lo che in Africa e Oceania.
quando la voce dei Sommi Pontefici [mentre] in altri subiscono attacchi sviluppo e la pacifica convivenza». Alcuni entrano nell’ambito
si leva per difendere la pace. Cito violenti contro le loro chiese e le lo- La quarta e ultima direttrice che delle dieci delegazioni apo-
solo a modo di esempio gli interven- ro abitazioni. Talvolta, sono costretti vorrei sottolineare è la carità. Da stoliche sussistenti, che, co-
ti del beato Giovanni Paolo II per ad abbandonare Paesi che essi han- sempre, essa ha determinato ovun- me accennato, sono rappresentanze stioni di comune interesse fra le due zionale delle Migrazioni). La presen-
scongiurare la guerra in Iraq del no contribuito a edificare, a causa pontificie senza carattere diplomati- Parti, comprese quella scolastica e za multilaterale della Santa Sede è
que l’opera della Chiesa. In un certo
2003 e i recenti appelli di Papa Be- delle continue tensioni e di politiche quella matrimoniale, per assicurare andata acquistando costantemente
senso, la Chiesa è essa stessa carità. co, per Paesi o zone geografiche de-
nedetto XVI in relazione al conflitto che non di rado li relegano a spetta- una maggiore cooperazione nella importanza, per l’accresciuto ruolo
E sebbene l’azione caritativa sia ga- terminate. Altri, come Afghanistan,
in Siria. Tuttavia, non molti ricono- tori secondari della vita nazionale» sfera religiosa e sociale. L’ultimo assunto delle Organizzazioni inter-
Cina Popolare e Corea
scono che, affinché tale voce si pos- (Benedetto XVI, 9 gennaio 2012).
del Nord non hanno un concordato è stato firmato con il nazionali.
sa effettivamente levare, occorre che A tale riguardo è da notare che Non si tratta di ricercare rappresentante pontifi- Portogallo nel 2004. Oltre ai concor- Al riguardo, occorre rilevare che
venga adeguatamente tutelata la li- anche laddove vige un tendenziale
bertà della Chiesa di «predicare la principio di rispetto e di tolleranza, il compromesso per quieto vivere cio assegnato. Per il dati, ci sono altre forme di accordi, se da un lato esse mirano a promuo-
Vietnam è stato nomi- che le parti scelgono di stabilire a vere la pacifica coesistenza e la coo-
fede e insegnare la propria dottrina occorre favorire il rispetto di tutte le In gioco c’è l’uomo e la sua sete di verità nato un rappresentante partire da fattori diversi, quali la du- perazione tra i popoli, e la salva-
sociale, esercitare senza ostacoli la convinzioni religiose e delle loro for-
propria missione tra gli uomini e da- me di esercizio, come pure dei sim- «Il suo anelito all’infinito» pontificio non residente rata, la materia, la finalità, la solen- guardia dei diritti inalienabili di
e senza carattere diplo- nità, la necessità o meno di ratifica, ogni individuo e di ogni comunità,
re il proprio giudizio morale, anche boli identitari che qualificano le reli- come ha detto Benedetto XVI matico.
su cose che riguardano l’ordine poli- gioni. Parimenti, non si può dimen- e così via. L’elemento comune ai di- soprattutto in anni recenti il dibatti-
tico, quando ciò sia richiesto dai di- ticare che la voce dei Pontefici si è Come si può notare, versi tipi di accordo della Santa Se- to internazionale sembra «segnato
ritti fondamentali della persona e levata anche contro quelle forme di- rantita attraverso molteplici opere si tratta di un numero assai elevato de è la formalità (essi sono cioè un da una logica relativistica che pare
storte di religione, co- concrete, sovente guidate da singole di relazioni, con una presenza molto patto formale, concluso per via di- ritenere, come unica garanzia di una
me il settarismo e il congregazioni religiose o dalle dio- capillare. Tuttavia, non tutti i Paesi plomatica e retto dalle norme inter- convivenza pacifica tra i popoli, il
fondamentalismo, che cesi o episcopati nazionali, nondime- possono contare sulla presenza fissa nazionali relative ai trattati), mentre negare cittadinanza alla verità
Principi immutabili sono altrettanto lesivi
della libertà religiosa
no la carità è un perno dell’attività
diplomatica della Santa Sede, con
di un nunzio apostolico. Infatti, le
rappresentanze pontificie aventi un
per ciò che concerne i contenuti si
ritrovano generalmente temi come: i
sull’uomo e sulla sua dignità, non-
ché alla possibilità di un agire etico
a confronto con l’attualità e che Papa Benedetto
ha definito «manife-
un particolare impegno a favore dei
più deboli, anzitutto in difesa dei di-
capo missione residente, di regola
un arcivescovo, sono solo 103. Come
rapporti diplomatici con la Santa
Sede; lo statuto giuridico e le libertà
fondato sul riconoscimento della leg-
ge morale naturale. Viene così di fat-
stazioni contempora- ritti delle donne e dei bambini, co- avviene per gli ambasciatori, i nunzi della Chiesa; la libera comunicazio- to a imporsi una concezione del di-
Lo scorso 6 marzo si è svolto a Milano,
nee dell’oblio di Dio me pure dei migranti, dei profughi e possono essere accreditati contempo- ne fra la Sede Apostolica e le Chiese ritto e della politica, in cui il con-
all’Università Cattolica del Sacro Cuore, il
(...) [fondate su] una dei rifugiati. Importante è anche il raneamente in vari Paesi. Menzione- locali e fra i vescovi e clero e fedeli; senso tra gli Stati, ottenuto talvolta
convegno «Fede e Diplomazia: le relazioni
falsificazione della re- ruolo che la Santa Sede può svolge- rò poi le rappresentanze presso le la libera nomina dei vescovi e il con- in funzione di interessi di corto re-
internazionali della Santa Sede nell’età
ligione stessa». Risul- re, in collaborazione con gli Stati, Organizzazioni internazionali. ferimento degli uffici ecclesiastici; glispiro o manipolato da pressioni
contemporanea». Pubblichiamo stralci della nell’ambito delle sfide poste dalla Nel loro lavoro quotidiano, i nun-
prolusione dell’arcivescovo segretario per i ta perciò quanto mai ordinariati militari; la condizione ideologiche, risulterebbe essere la so-
evidente il contributo globalizzazione e particolarmente zi apostolici sono coadiuvati da sa- giuridica del clero; i beni della Chie- la e ultima fonte delle norme inter-
Rapporti con gli Stati. «A prima vista fede e nel contesto di crisi economica che cerdoti, che avendo compiuto gli
diplomazia — si legge nel testo che che anche un dialogo sa; l’assistenza religiosa alle forze ar-nazionali. I frutti amari di tale logi-
interreligioso retta- stiamo attraversando. studi presso l’Accademia Ecclesiasti- mate, agli ospedali e alle carceri; la ca relativistica nella vita internazio-
accompagnava il programma — sembrano Appare dunque evidente che i ca sono inseriti nel servizio diploma-
richiedere comportamenti diversi: la prima mente inteso, ovvero formazione religiosa nelle scuole e nale sono purtroppo evidenti: si
che argomenti a parti- rapporti che la Santa Sede intrattie- tico della Santa Sede. Accanto a loro pensi, per esempio, al
richiama certezze assolute e fermezza di ne con gli Stati e con le Organizza- vi è pure la presenza di collaboratori
atteggiamenti, la seconda necessita invece la re dall’identità pro- tentativo di considerare
pria di ciascuno, può zioni internazionali «sono chiara- locali, sia chierici e religiosi che laici. L’educazione è una delle direttrici come diritti dell’uomo le
pratica di uno “scetticismo tollerante” e duttilità. mente di carattere differente da Nel suo complesso, il personale di-
fornire alla libertà re- Attraverso di essa si costruisce la pace conseguenze di certi stili
Nella storia questi due elementi hanno trovato quelli fra Stati-Nazione. La Santa plomatico, solitamente appartenente
ligiosa e dunque alla egoistici di vita, oppure al
una sintesi del tutto peculiare nella diplomazia Sede non è una potenza economica al clero diocesano, esprime sempre si vincono la povertà e le malattie
pace. disinteresse per le necessi-
pontificia, la più antica del mondo», capace di o militare. Tuttavia — proseguiva Be- più il volto universale della Chiesa,
operare ad majorem Dei gloriam in conformità a
Se la prima direttri- E si realizzano sistemi di diritto tà economiche e sociali
ce dell’azione diplo- nedetto XVI — la sua voce morale secondo l’auspicio formulato dal dei popoli più deboli, o
principi immutabili, confrontandosi con i diversi
matica della Santa Se- esercita un’influenza considerevole concilio Vaticano II e che tiene con- equi e rispettosi della dignità umana al disprezzo del diritto
sistemi internazionali del momento. sul mondo». Infatti, il principale pa- to del crescente radicamento della
de si leva in favore umanitario e a una difesa
della coscienza, la se- radosso è che l’azione diplomatica presenza della Chiesa al di là dei l’educazione cattolica (scuole, facoltà selettiva dei diritti umani» (Benedet-
conda si fonda sui pontificia sembra muoversi lungo li- confini europei. ecclesiastiche, università cattoliche); to XVI, 1° dicembre 2007).
dalla salvezza delle anime» (Gau- principi del diritto naturale, sui qua- nee tematiche astratte, ossia mera- Nel corso degli ultimi anni, oltre Infine, vorrei sottolineare che il
l’accesso della Chiesa ai mezzi di co-
dium et spes, 76). In tal senso, li si radicano i fondamenti della con- mente al livello dei soli principi: co- alla costante crescita del numero dei cuore di tutta quanta l’azione diplo-
municazione di massa.
nell’arco dei secoli, il Magistero vivenza civile, poiché «la legge natu- scienza e libertà religiosa, valori non Paesi che intrattengono relazioni di-
negoziabili, educazione e carità. Ep- plomatiche con la Santa Sede, si è In anni recenti, l’attività pattizia matica della Santa Sede è il Romano
pontificio ha sempre difeso la libertas rale è la sorgente da cui scaturisco- della Santa Sede non ha riguardato Pontefice. In tal senso, si può affer-
ecclesiae di fronte all’ingerenza di no, insieme a diritti fondamentali, pure proprio queste questioni pon- assistito anche a un incremento qua-
gono problemi estremamente concre- litativo di tali relazioni. Infatti, è in solo i Paesi europei o dell’America mare che fanno parte dell’impegno
qualunque autorità esterna che mi- anche imperativi etici che è doveroso
ti, dai quali dipendono gli Stati stes- costante crescita il numero di accor- Latina, ma anche l’Africa dove si re- internazionale della Santa Sede an-
rasse a limitarla.
onorare» (Benedetto XVI, 12 febbraio si, la loro convivenza civile, l’avveni- di che la Sede Apostolica ha sotto- gistrano accordi con vari Paesi (Tu- che le visite ad limina dei vescovi,
Nella Dichiarazione Dignitatis hu- come pure gli incontri con i rappre-
2007). Si tratta dei cosiddetti “valori re dei figli, lo sviluppo economico, scritto con numerosi Paesi. nisia, Marocco, Gabon, Costa
manae sulla libertà religiosa, il conci- sentanti pontifici e le autorità civili,
lio Vaticano II, di fronte alle nuove non negoziabili” che, all’inizio del la pace tra i popoli. In tal senso, la Tali strumenti, pur con mutamenti d’Avorio, Mozambico e Guinea
che giungono a Roma. Si tratta di
sfide poste dal mondo contempora- suo Pontificato, Benedetto XVI ha diplomazia pontificia è davvero glo- profondi di forma e di sostanza, ac- Equatoriale) e l’Asia (Azerbaigian,
occasioni nelle quali il Papa viene
neo, ha ripreso tale principio, am- tratteggiato in modo assai Kazakhstan, Filippine,
informato sulle realtà, i problemi, e
pliandolo e connotandolo in modo nitido. Israele, l’O rganizzazione
le sfide di ogni Nazione, viste anche
duplice. Innanzitutto, esso riguarda Tuttavia, i fondamenti per la Liberazione della
in un più ampio contesto continen-
la persona umana. Tuttavia, «non si di ogni società civile non Palestina).
tale o mondiale. Non si possono di-
riguardano solamente i La diplomazia pontifi-
fonda su una disposizione soggetti- menticare poi i viaggi apostolici, co-
summenzionati aspetti. cia intrattiene poi relazio-
va, ma sulla sua stessa natura».
Anche in ambito economi- ni con numerose Organiz- me pure i discorsi e i documenti con
La libertà religiosa è così il «pri-
co non deve mancare un zazioni internazionali, so- i quali il Papa affronta tanto le pro-
mo dei diritti umani, perché esprime
richiamo etico fondato litamente in veste di osser- blematiche locali quanto le questioni
la realtà più fondamentale della per-
sulla legge naturale, altri- vatore o, più raramente, mondiali, che formano l’oggetto dei
sona» (Benedetto XVI, 9 gennaio menti, come ci insegna la come membro a pieno ti- rapporti fra la Santa Sede e gli
2012), «cartina di tornasole per veri- crisi finanziaria, i cui ef- tolo. La prima ad acco- Stati.
ficare il rispetto di tutti gli altri» fetti sono ancora sotto gli gliere un rappresentante Tra i documenti più ricorrenti oc-
(Giovanni Paolo II, 10 ottobre 2003), occhi di tutti, finisce per pontificio fu la Fao nel corre menzionare il Messaggio an-
collocandosi nell’ambito del diritto- prevalere una concezione 1949. Nel 1952 fu la volta nuale per la Giornata mondiale della
dovere personale di ciascuno di ri- soggettivistica dell’uomo, dell’Unesco a Parigi, men- pace e, in modo più mirato, il Di-
cercare la verità, senza essere costret- sradicata da ogni fonda- tre nel 1964 la Santa Sede scorso al Corpo Diplomatico in oc-
to ad agire contro la propria coscien- mento oggettivo, nel qua- inviò un osservatore pres- casione del nuovo anno. Nelle sue
za. In pari tempo, «la stessa natura le prevalgono solo logiche so la sede delle Nazioni molteplici e impegnative incomben-
sociale dell’essere umano esige che di massimizzazione dell’in- Unite a New York e, nel ze, il Pontefice è coadiuvato da di-
egli esprima esternamente gli atti in- teresse personale a scapito 1967, presso la sede di Gi- versi organismi, che nel loro insieme
terni di religione, comunichi con al- del bene comune. nevra. Attualmente sono costituiscono la Curia Romana,
tri in materia religiosa e professi la Si tratta di questioni sette le rappresentanze all’interno della quale occupa un po-
propria religione in modo comunita- che impegnano sempre pontificie destinate esclu- sto particolare la Segreteria di Stato,
rio» (Dignitatis humanae, 3). più l’azione diplomatica sivamente a tale ambito di cui competono, tra l’altro, i rapporti
Ben si comprende perciò la valen- della Santa Sede, soprat- attività e, pertanto, sono con gli Stati e che «coadiuva da vi-
za anche sociale della libertà religio- tutto nel contesto delle separate dalla nunziatura cino il Sommo Pontefice nell’eserci-
sa, che non può pertanto essere limi- Organizzazioni interna- apostolica del Paese. Sono zio della sua suprema missione»
tata alla mera libertà di culto. Infat- zionali, in cui non di rado dirette in alcuni casi da (Pastor bonus). Essa è guidata dal
ti, «sarebbe riduttivo — aggiunge si originano politiche con- un capo missione insigni- cardinale segretario di Stato e com-
Benedetto XVI — ritenere che sia suf- trarie a tali valori. Inoltre, to della dignità arcivesco- prende due sezioni: la Sezione per
ficientemente garantito il diritto di è un tema che afferisce L’ultimo incontro di Papa Benedetto XVI vile, oppure da prelati gli Affari generali e la Sezione per i
libertà religiosa, quando non si fa non solo al cosiddetto con i membri del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede (7 gennaio 2013) non vescovi. In altri casi, Rapporti con gli Stati. In particola-
violenza o non si interviene sulle Occidente, ma a porzioni invece, la nunziatura apo- re, la Sezione per i Rapporti con gli
convinzioni personali o ci si limita a sempre più consistenti del stolica in un determinato Stati, o Seconda Sezione, che ho
rispettare la manifestazione della fe- nostro mondo globalizzato. In tale bale, non solo per l’estensione delle compagnano la vita e l’azione della Paese segue anche i lavori di una l’onore di guidare, ha come suo
de che avviene nell’ambito del luogo prospettiva, è importante sviluppare sue relazioni, quanto piuttosto per Chiesa ormai da quasi novecento an- Organizzazione internazionale aven- compito proprio le questioni che de-
di culto». un confronto con le Autorità dei sin- l’ampiezza dei temi che essa affronta ni, visto che si ritiene il Concordato te sede nella medesima nazione (ad vono essere trattate con i Governi ci-
Dunque, un adeguato rispetto del goli Paesi, come pure è cruciale po- e che riguardano tutta quanta la di Worms del 1122 il primo docu- esempio la nunziatura apostolica al vili: le relazioni diplomatiche, la sti-
diritto alla libertà religiosa implica ter far sentire la voce della Chiesa complessità della persona umana. mento giuridico di siffatta natura. Cairo per la Lega Araba o quella ad pulazione di concordati o accordi si-
l’impegno da parte di ogni autorità anche nei fora mondiali, non solo at- È proprio per questa ragione che Essi sono volti da un lato a tutelare Addis Abeba per l’Unione africana). mili, la presenza della Santa Sede
civile a «creare condizioni propizie traverso la presenza del personale la Santa Sede intrattiene relazioni le Chiese locali da illegittime inge- Recentemente, la Santa Sede ha negli organismi e nelle conferenze
allo sviluppo della vita religiosa, co- diplomatico, ma anche mediante la internazionali con un così grande renze, dall’altro a trattare con gli esteso ancora la sua rete di contatti internazionali.
sicché i cittadini siano realmente in proficua collaborazione di esperti lo- numero di Paesi, costantemente cre- Stati la regolamentazione delle mate- con le Organizzazioni regionali, ac- Nell’azione diplomatica pontificia
grado di esercitare i loro diritti atti- cali e delle Organizzazioni non go- sciuto nel corso degli ultimi set- rie di comune interesse su un piano creditando un nunzio presso l’Asean non è mai in gioco un mero equili-
nenti la religione e adempiere i ri- vernative cattoliche, che operano in tant’anni. Infatti, se nel 1945 la San- di parità, qual è appunto quello che (Association of Southeast Asian Na- brio politico, sociale ed economico.
spettivi doveri, e la società goda dei piena consonanza con il Magistero ta Sede aveva 30 nunziature (solo 10 il diritto internazionale consente. tions), un rappresentante speciale Non si tratta mai di ricercare un
beni di giustizia e di pace che pro- ecclesiale. in Europa, a seguito della Seconda Gli Accordi stipulati dalla Santa presso il Comesa (Common Market compromesso in nome di un quieto
vengono dalla fedeltà degli uomini Una terza direttrice riguarda guerra mondiale, 19 in America e Sede trattano diversi temi e assumo- for Eastern and Southern Africa) e vivere, dal quale si spera di ottenere
verso Dio e verso la sua santa volon- l’educazione, attraverso la quale si una in Africa) e 22 delegazioni apo- no nomi diversi in base ai contenuti ora presso il Sica (Sistema de la In- il massimo vantaggio. Ciò che è in
tà» (Dignitatis humanae, 6). costruisce la pace, si vincono la po- stoliche nei cinque continenti, oggi i propri che li caratterizzano. In tal tegración Centroamericana), mentre gioco è l’uomo, la sua sete di verità,
Nel contesto attuale, l’azione di- vertà e le malattie e si realizzano si- Paesi con i quali la Santa Sede man- senso, si denomina “concordato” so- nel 2011 è diventata membro «il suo anelito all’infinito» (Benedet-
plomatica della Santa Sede è spe- stemi di diritto equi e rispettosi della tiene relazioni diplomatiche sono lo l’accordo che regola tutte le que- dell’Oim (Organizzazione Interna- to XVI, 10 agosto 2012).
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO sabato 9 marzo 2013

Benedetto XVI ha indicato al vecchio continente la strada per uscire dalla crisi

Un’Europa
amata e messa in guardia
di GIANNI AMBROSIO* mo papa europeo, come annunciato blema. O meglio: le diversità non culturale. È infatti un cammino det-
da Bernard Lecomte nel suo Benoît sono divisioni. Le nazioni restano, tato e animato da una ragione che
«L’Europa sembra incamminata su XVI, le dernier pape européen (2006). con la loro diversità culturale. Que- pretende non solo di essersi liberata
una via che potrebbe portarla al Certamente non è pensabile, come sto è un tesoro da condividere tra i dalle tradizioni europee ma ritiene
congedo dalla storia»: questo severo sottinteso, che l’Europa non abbia popoli, fino a far nascere una gran- anche di dover fare altrettanto, in
monito venne pronunciato da Bene- più nulla da dire al mondo. Anche de sinfonia di culture. L’Europa, che nome dell’emancipazione, con ogni
detto XVI, in un discorso rivolto ai le culle vuote potrebbero in parte ha inventato la forma dello Stato na- altra tradizione culturale. Solo una
partecipanti al convegno organizzato riempirsi e la natalità risalire, con zionale, con aspetti positivi ma an- ragione che ha — e lo riconosce —
dalla Commissione degli episcopati politiche familiari efficaci. Tuttavia che con le guerre nazionalistiche, e un’identità storica e morale, può
dell’Unione europea (Comece) in la provocazione merita di essere ac- poi l’ha esportata nel mondo, ora sta parlare alle persone e far leva su
occasione dei festeggiamenti per i colta, nel senso che l’umanesimo eu- mostrando al mondo il parziale su- condivisi valori umani. Merita di es-
cinquant’anni dei Trattati di Roma ropeo è in pericolo. Benedetto XVI peramento di quella forma, avvian- sere citato qui un passo del discorso
(24 marzo 2007). L’immediato riferi- lo ha evidenziato con sofferta chia- dosi verso una modalità di conviven- al Parlamento federale di Berlino (22
mento del Papa riguardava la crisi rezza. In lui è sempre stata forte ed za e collaborazione che va oltre i settembre 2011): «Dove la ragione
demografica del vecchio continente, esigente la prospettiva di un senso confini statuali. positivista si ritiene come la sola cul-
ma il discorso, a partire da questo unitario. Lo possiamo documentare Ma su questo cammino decisa- tura sufficiente, relegando tutte le al-
fatto emblematico, coinvolgeva i di- in riferimento alla universitas, l’istitu- mente positivo, incombe, minaccio- tre realtà culturali allo stato di sotto-
versi aspetti dell’odierna vicenda eu- zione dell’università, così espressiva so, il rischio dell’Europa contempo- culture, essa riduce l’uomo, anzi, mi-
ropea. Queste parole evidenziano la della grande tradizione culturale eu- ranea: la perdita di se stessa, della naccia la sua umanità. Lo dico pro- scendente, viene a perdere la possi- cuore dell’uomo. La ricerca di Dio è
preoccupazione per la crisi di civiltà ropea, forza attrattiva e autentica sua anima. Per Benedetto XVI la ra- prio in vista dell’Europa, in cui vasti bilità di comprendere l’esperienza iscritta nell’anima umana e non
del nostro continente: l’Europa, con spinta propulsiva della nostra civiltà. gione astratta, anti-storica e anti- ambienti cercano di riconoscere solo dell’uomo, di fornire una visione scompare. Nella vita personale può
l’indebolimento della sua identità Da intellettuale europeo dall’oriz- umana, ha preso il sopravvento, an- il positivismo come cultura comune della vita su un fondamento antro- capitare di dimenticare Dio, di met-
culturale e religiosa, rischia di ridur- zonte ampio, capace di cogliere le che grazie al predominio tecnico: co- e come fondamento comune per la pologico, di apprezzare la verità e la terlo da parte, così come capita nella
re la persona a una sola dimensione, domande e le sfide poste dalla mo- sì la ragione astratta pretende di do- formazione del diritto, mentre tutte dignità della persona umana. Si trat- vita collettiva. Ma Dio non scompa-
quella orizzontale. Come se la storia dernità-postmodernità europea, Jose- minare le diverse culture fino a im- le altre convinzioni e gli altri valori ta di riguadagnare, anche a livello re. Sant’Agostino, il grande maestro
europea del secolo passato non inse- ph Raztinger ha invitato gli intellet- porsi come l’unica cultura, emanci- della nostra cultura vengono ridotti culturale, la fondamentale dimensio- a cui spesso Benedetto XVI si è ri-
gnasse nulla agli europei di oggi, co- tuali a non tradire — il “tradimento pata da tutte le tradizioni e dai valo- allo stato di una sottocultura. Con ne della fede: essa non è andata per- chiamato, ha affermato che il cuore
me se le tragiche esperienze non at- dei chierici” — la storia europea, a ri culturali. La visione razionalistica ciò si pone l’Europa, di fronte alle duta, ma la sua evidenza è stata oc- umano è inquieto fino a quando non
testassero che l’uomo perde l’orien- non chiudersi in un sapere regionale, arriva a distruggere tutto ciò che è altre culture del mondo, in una con- cultata. Allora diventa importante trova Dio. Per Benedetto XVI questa
tamento e compie passi disumani ma a essere aperti alla pienezza, av- vivente e radicato nella situazione dizione di mancanza di cultura e arrivare a comprendere che la fede inquietudine è viva, ben presente an-
quando si chiude in se stesso e can- valendosi in modi diversi degli even- storica. Benedetto XVI ha evidenzia- vengono suscitate, al contempo, cor- non è una coloritura religiosa rispet- che oggi, anche negli uomini del
cella Dio dal suo orizzonte. ti storiografici, dei fenomeni lettera- to con lucido coraggio questa pesan- renti estremiste e radicali. La ragione to a una condizione umana autosuf- vecchio continente. Essa può essere
Insieme alla preoccupazione per ri, delle invenzioni artistiche, delle te minaccia in riferimento ai diversi positivista, che si presenta in modo ficiente, ma è il modo di essere uma- l’inizio di un cammino verso Dio,
la sorte di un’Europa in cui cresce la riflessioni speculative, delle scoperte contesti e ai diversi ambiti della vita. esclusivista e non è in grado di per- ni. Più precisamente, nella fede in perché l’uomo non si accontenta di
tendenza a relegare Dio nella sfera scientifiche: ogni aspetto del reale è Per esempio, ha denunciato la mar- cepire qualcosa al di là di ciò che è Gesù di Nazaret, nella luce di Cristo ciò che è finito, di ciò che è piccolo:
privata e a considerarlo come irrile- sempre e comunque in gioco, così tellante delegittimazione della fami- funzionale, assomiglia agli edifici di crocifisso e risorto, si svela una pie- l’uomo, anche l’uomo europeo, non
vante e superfluo, è sempre emersa come sono sempre in gioco le idee glia da parte di una cultura total- cemento armato senza finestre, in nezza di senso senza confronti. vuole sprofondare nel vuoto, ma
la fiducia di Benedetto XVI nell’Eu- di mondo, di uomo, di Dio. Egli ha mente auto-indulgente che ha trova- cui ci diamo il clima e la luce da soli Ecco la sfida dell’Europa e per vuole dare senso al proprio impe-
ropa. Anzi, egli «ha ridato speranza passato molti anni nell’università, to molti sponsor. La guerra intellet- e non vogliamo più ricevere ambe- l’Europa, la sfida di pensare e di tra- gno, alla fatica e al dolore. L’anima
a un’Europa in crisi», ha affermato l’istituzione sorta precisamente tuale alla famiglia, presentata come due le cose dal mondo vasto di smettere una visione che mostri co-
dall’idea di una totalità conoscibile fonte di oppressione, è iniziata da D io». cristiana dell’Europa permane nelle
su «Avvenire» del 13 febbraio scorso me la fede è capace di autentica sue radici e anche nei suoi frutti,
Julia Kristeva, psicanalista francese. con una ragione aperta, capace di tempo ma si è accentuata soprattutto La quaestio fidei è al cuore dell’in- umanizzazione e di apertura oltre il
cercare la verità e di corrispondere a nell’ultima parte del XX secolo, dopo segnamento del teologo e del Papa perché l’Europa si è costruita sui
«Con Papa Benedetto XVI, si è aper- finito. Si tratta di aiutare a riscoprire grandi valori e sulle grandi intuizio-
ta una nuova fase di buon augurio essa secondo coscienza. Come ha ri- la “rivoluzione” del 1968: questa Benedetto XVI. Tra le minacce che la bellezza e il dinamismo della fede,
cordato visitando le sedi universita- guerra conduce in modo emblemati- incombono sull’Europa, insieme alle ni del cristianesimo. La Chiesa che è
per l’avvenire dell’Europa e la pace di far valere la sua incessante attuali- in Europa è chiamata a testimoniare
nel mondo. E in queste ore di gran- rie del continente, l’università è nata co alla demolizione progressiva culle vuote, all’invecchiamento, alla tà per la vita della persona e della
dalla fiducia nella possibilità e nella dell’umanesimo europeo. Così avvie- mancanza di una visione ampia e sa- che la verità del Vangelo di Gesù
de polarizzazione mediatica, penso società. Nell’omelia del 31 dicembre
capacità di leggere la realtà attraver- ne in altri ambiti, quando il deside- piente, alla scarsa solidarietà, spicca Cristo non invecchia e non si logora
che tutti siano sensibili al fatto che 2011, il Papa ha parlato di un nuovo
so la convergenza, spesso tensionale, rio si fa diritto e pretende di diven- fra tutte quella dell’identità che si va ma risponde, nella sua sempre sor-
questo filosofo e quest’umanista è umanesimo generato da una fede
tra i diversi saperi, tra le discipline tare legge, quando si arriva a perde- perdendo e che il cristianesimo ave- prendente novità, alle attese dell’uo-
stato pure un grande politico. Il che apre la mente e il cuore dell’uo-
scientifiche e le discipline umanisti- re il senso del limite: ciò causa una va «contribuito a forgiare», acqui- mo, della sua ragione, della sua
mondo rende oggi omaggio anche a mo: «La fede non come atto a sé,
che. Ma prima dell’analisi delle par- condizione di disorientamento nella sendo un ruolo «non soltanto stori- umanità. L’Europa può passare da
un grande pacifista capace di acco- isolato, che interessa qualche mo-
ti, occorre riconoscere la pienezza e quale le appartenenze tradizionali co ma fondativo nei confronti mento della vita, ma come orienta- una secolarizzazione che svilisce
gliere la diversità planetaria». Non l’umano a una laicità aperta, capace
sono parole di circostanza, sono in- la totalità del mondo e il nesso tra le s’indeboliscono, le scelte diventano dell’Europa». Ecco allora la doman- mento costante, anche delle scelte
varie parti del tutto, in una visione continuamente precarie e revocabili, da cruciale: «Questa singolare forma più semplici, che conduce all’unità di dialogo con tutte le espressioni
vece parole coraggiose e impegnati- culturali, pronta a riconoscere che la
globale in grado di accogliere le do- il senso della vita è consegnato al di apostasia da se stessa, prima an- profonda della persona rendendola
ve, espresse da un’autorevole rappre- fede in Dio non limita la vita, ma la
mande essenziali della vita e di tro- singolo e al dramma della libertà in- cora che da Dio — si domanda Be- giusta, operosa, benefica, buona. Si
sentante del pensiero laico europeo. rende pienamente umana. In questo
vare una risposta adeguata. dividuale. Questa egemonia della nedetto XVI — non induce forse l’Eu- tratta di ravvivare una fede che fon-
Sono diversi gli intellettuali euro- orizzonte aperto e con la speranza
Benedetto XVI riconosce e apprez- cultura positivista è all’origine della ropa a dubitare della sua stessa iden- di un nuovo umanesimo capace di
pei che apprezzano il significativo che Benedetto XVI ha dato a un’Eu-
za il lungo e faticoso cammino di mancanza di dialogo all’interno del- tità?». Se la visione religiosa è cen- generare cultura e impegno sociale».
impegno di Benedetto XVI per l’Eu- ropa in grave crisi, il cammino euro-
pacificazione e di unificazione com- la stessa Europa: oltre alle motiva- trale per ogni cultura, se la relazione Nonostante le molte difficoltà, la
ropa. Ma occorre riconoscere che peo può trovare la luce di cui ha bi-
piuto dal dopoguerra a oggi. In po- zioni socio-economiche, il crescente con Dio è essenziale per il cammino speranza di un cammino diverso
parecchi studiosi non hanno gradito sogno per il suo destino e per la sua
co più di mezzo secolo, l’Europa ha populismo può trovare qui una seria dell’umanità, l’Europa non può dell’Europa — anche da parte della
il suo insegnamento. Anzi, proprio vocazione nel mondo.
saputo voltare pagina: da una storia e preoccupante motivazione. Tanto ignorare la questione della fede che leadership intellettuale — è sempre
dagli ambienti della leadership cul-
lacerata da conflitti a una storia ri- più che il cammino della cultura coinvolge l’uomo e Dio. Se l’Europa presente in Benedetto XVI. La ragio-
turale europea, è emerso il dileggio
conciliata. Oggi le differenze nazio- astratta non incrocia le altre culture dichiara irrilevante per la sua storia ne di questa speranza risiede nel de- *Vescovo di Piacenza-Bobbio
più o meno caustico. Se bisogna
nali non costituiscono più un pro- e rende impossibile il dialogo inter- presente e futura l’apertura al tra- siderio di Dio che è presente nel vicepresidente della Comece
mettere in conto mentalità e conce-
zioni che relativizzano qualsiasi pro-
posta ideale e religiosa, non si può
non essere sorpresi dall’arroganza
del “nichilismo sorridente” che tutto A San Paolo l’assemblea nazionale delle Chiese e comunità cristiane Lutto nell’episcopato
risucchia nel flusso dell’immanenza.
Alcuni intellettuali hanno spesso ac-
colto, se non anche favorito e accen-
tuato, gli attacchi dei media, pronti
Il Brasile e la bussola del concilio Monsignor Cleto Bellucci, arcive-
scovo emerito di Fermo, è morto
a creare il caso per la polemica e per giovedì mattina, 7 marzo, a 91 an-
la derisione, con referenze parziali e di RICCARD O BURIGANA delle presenze nelle Chiese storiche ni. Il compianto presule era nato
con titolazioni arbitrarie. Gli inter- in Brasile fa nascere la tentazione di ad Ancona il 23 aprile 1921 ed era
venti di Benedetto XVI sono stati «Qual è il contributo ecumenico concentrarsi su stessi, dimenticando stato ordinato sacerdote il 27 gen-
sottoposti a una vera e propria ma- dei cristiani nella costruzione dello la priorità ecumenica che rappresen-
naio 1946. Vice rettore del semi-
nipolazione, con un’ostilità quasi Stato brasiliano?». Questo interro- ta un elemento fondamentale e irri-
nunciabile della missione della nario di Fano e rettore del Ponti-
istintiva nei confronti del suo inse- gativo è anche il tema della quindi-
cesima assemblea del Conselho Na- Chiesa». Anche quest’anno l’assem- ficio seminario regionale di Chie-
gnamento. In molti — anche questo ti, il 15 marzo 1969 era stato eletto
deve essere purtroppo ricordato — è cional de Igrejas Cristãs do Brasil blea generale è preceduta dalla riu-
(Conic), che si tiene a San Paolo nione del Consiglio direttivo del alla Chiesa titolare di Melzi e nel
spesso prevalso il pregiudizio anti- contempo nominato ausiliare di
dall’8 al 10 marzo. Incontro che as- Conic che è attualmente presieduto
cattolico e anti-papale, soprattutto
sume un significato particolare, an- dal vescovo di Chapecó, Manoel Taranto. Aveva ricevuto l’ordina-
negli ambienti del nord Europa.
che perché è l’occasione per ricor- João Francisco. All’esame del consi- zione episcopale il successivo 14
Forse, con il passar del tempo, il
dare il trentesimo anniversario del glio alcune proposte, tra le quali la maggio. Il 9 luglio 1973 era stato
lascito di Benedetto XVI all’Europa,
Conic. La fondazione di questa or- richiesta di preparare i testi per il nominato coadiutore con succes-
agli intellettuali europei, a tutti i cri-
ganizzazione risale ufficialmente al sussidio per la Settimana di pre- sione di Fermo. Succeduto per
stiani di questo continente sarà rico-
1983, anche se i primi contatti tra ghiera per l’unità dei cristiani del coadiuzione alla sede arcivescovi-
nosciuto come fondamentale. Quan-
alcune Chiese e comunità ecclesiali 2015. I giorni di San Paolo costitui- le il 21 giugno 1976, dopo ventu-
do la polemica lascerà il posto alla scono quindi un passaggio non
presenti in Brasile sono iniziati a no anni di ministero aveva rinun-
riflessione, ci sarà la possibilità di semplicemente celebrativo, ma
metà degli anni Settanta,. Per que-
comprendere più a fondo la portata ciato al governo pastorale il 18
sto, fin dall’inizio, accanto a una ri- un’occasione per fare il punto sullo
del pensiero di Joseph Ratzinger, in- stato del dialogo ecumenico in Bra- giugno 1997. Le esequie si cele-
flessione teologico-pastorale su co-
tellettuale europeo che ha amato e me promuovere la comunione tra sile, definire degli impegni concreti brano sabato mattina, 10 marzo,
ama il vecchio continente. Come cristiani in Brasile, forte è stato per l’immediato e tracciare delle nella cattedrale di Fermo.
teologo e come pontefice, ha offerto l’impegno del Conic in difesa dei nuove prospettive di testimonianza
alla sua Europa il grande orizzonte tre anni, prendono parte i delegati I delegati sono così chiamati a
diritti umani, soprattutto negli anni delle cinque Chiese e comunità ec- offrire un contributo ecumenico al ecumenica, soprattutto per una rin-
in cui essa può pensare se stessa e del passaggio dalla dittatura alla novata presenza cristiana nella so-
precisare la sua identità per svolgere clesiali, delle diciotto commissioni dibattito, in corso nel Paese, sulla
democrazia. ecumeniche regionali e i rappresen- riforma dello Stato, cercando anche cietà. L’assemblea generale di San
la sua missione oggi e domani. Nel corso degli anni il Conic si è Paolo è così un momento di parti-
L’Europa, amata e messa in guardia, venuto articolando in una serie di
tanti delle organizzazioni ecumeni-
che nazionali. Quest’anno è presen-
di identificare delle nuove forme di
collaborazione tra i cristiani e lo
colare rilievo per il dialogo tra i cri- †
è stata invitata e sospinta ad acco- commissioni regionali che hanno fa- stiani, anche perché essa si colloca
te anche una delegazione della pre- Stato brasiliano alla luce di quanto L’Arcivescovo, il Presbiterio e la comu-
gliere la sfida culturale di questo vorito il suo radicamento nel terri- in un tempo di riscoperta del conci- nità diocesana di Ancona-Osimo si uni-
momento storico. sidenza del Brasile, dal momento è stato fatto in questi anni dal Co-
torio, tanto che si sono avute nume- lio Vaticano II anche in una pro- scono all’Arcidiocesi di Fermo nella
Benedetto XVI ha manifestato fi- rose esperienze ecumeniche con le che il tema scelto si inserisce in un nic per una trasformazione della so- spettiva ecumenica. Come ha affer- preghiera per
ducia negli europei, richiamandoli quali i cristiani hanno manifestato dialogo tra cristiani e Stato, risulta- cietà, nella quale la crescita econo- mato Luiz Carlos Luz Marques, do-
alla responsabilità che devono assu- quanto già li unisce soprattutto nel to particolarmente vivace, tenuto mica sembra essere accompagnata cente della Università Cattolica del S.E. Mons.
mersi nel dibattito intorno alla defi- campo della testimonianza dei valo- conto della situazione religiosa nel da forme di intolleranza religiosa e Pernambuco, la conoscenza e la let-
nizione dell’Europa e alla sua forma ri cristiani nella società. In questo Paese. Infatti, in questi ultimi anni di violenza familiare. In questo mo- tura del Vaticano II, che costituisce CLETO BELLUCCI
politica rispetto sia alla sua storia sia processo, un ruolo di primo piano è è cresciuto il numero dei casi di in- mento storico, come ha detto la pa- da sempre un punto di riferimento nato in questa terra anconetana ha ser-
alla storia dell’umanità di oggi. A stato svolto dalla Conferenza epi- tolleranza religiosa, mostrando stora luterana Romi Márcia Bencke, privilegiato per il Conic, può favore vito la Chiesa con passione e dedizione
più riprese il Papa ha richiamato scopale del Brasile, che è uno dei quanto deve essere ancora fatto per segretaria generale del Conic, i cri- il cammino per un ulteriore appro- nei vari ministeri ai quali è stato chia-
questa responsabilità culturale e mo- cinque membri del Conic, che è affermare i principi della libertà re- stiani devono far sentire la propria fondimento del dialogo ecumenico mato.
rale dell’Europa nel mondo: se essa composto dalla comunità episcopale ligiosa. Al tempo stesso i cristiani voce in una prospettiva ecumenica, in Brasile. Il concilio, anche attra- Lo ricordiamo con affetto e gratitudi-
abbandona la sua singolare conce- anglicana, da quella evangelica lute- hanno denunciato come molti casi senza dimenticare le difficoltà og- verso il recupero dell’opera di alcu- ne e invochiamo Dio, Padre di miseri-
zione di persona umana, con la sua di intolleranza religiosa siano stret- gettive con le quali si trovano a cordia, affinché gli doni il premio riser-
rana, dalla Chiesa ortodossa siriana ne figure, come monsignor Hélder
vato a coloro che Gesù chiama “i
libertà, la sua ragione e la sua digni- e dalla comunità presbiteriana uni- tamente connessi alla violenza nei convivere: «Da una parte non sono Câmara, può insomma rappresenta- miei”.
tà, viene messa a rischio tutta la sua ta. confronti delle donne, ponendo del- semplici i rapporti con il mondo re una “bussola” per ripensare alla
ricca tradizione culturale e spirituale. All’assemblea generale, che solita- le domande allo Stato riguardo al delle comunità pentecostali e presenza dei cristiani nella società Ancona, 8 marzo 2013
Forse Benedetto XVI non sarà l’ulti- mente viene convocata ogni due o rispetto dei diritti umani. dall’altra la contrazione numerica brasiliana.
sabato 9 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Cardinali sulla scelta di Benedetto XVI A colloquio con monsignor Krzysztof Nykiel, reggente della Penitenzieria Apostolica

Tra fede
e ragione
Niente sede vacante per la cura delle anime
di NICOLA GORI stor bonus, articolo 6, e dalla co- conversione e del ritorno sincero gli stessi partecipanti hanno rivol- la buona notizia evangelica capa-
Le speranze della Chiesa in Africa sono al cen- stituzione apostolica Universi do- a Dio, Padre ricco di misericor- to, di volta in volta, ai relatori. È ce di toccare il cuore degli uomi-
tro dell’intervista rilasciata il 7 marzo dal cardi- Il sacramento della penitenza, la minici gregis, al numero 14, il peni- dia, la Penitenzieria Apostolica stata privilegiata la parte pratica ni e di aprirlo all’accoglienza
nale Wilfrid Fox Napier, arcivescovo di Durban, sua natura, le sue implicazioni tenziere maggiore non cessa offre ai novelli sacerdoti e ai dia- relativa alla retta amministrazione dell’amore di Dio.
a Linda Bordoni per Radio Vaticana. Il porpo- nella vita dei fedeli, ma anche il dall’incarico nemmeno durante la coni di prossima ordinazione il del sacramento e alla soluzione di
rato sudafricano ha rievocato, in particolare, il confessionale quale luogo di Sede vacante in considerazione tradizionale corso sul foro inter- casi complessi o particolarmente Quali ricadute nell’attività pastorale
profilo di Benedetto XVI. «La riconciliazione — evangelizzazione, la formazione delle sue rilevanti e delicate fun- no, che quest’anno ha raggiunto delicati che, nella confessione, dei sacerdoti produce il corso?
ha detto — è stata una delle tematiche e in tutto delle coscienze, le indulgenze. zioni collegate con il bene spiri- il numero di 550 partecipanti. De- vengono sottoposti al giudizio e
il suo pontificato certamente egli ha fatto in tuale delle anime secondo l’antico alla misericordia della Chiesa. Il Il corso assume una notevole
Sono solo alcuni dei temi trattati stinatari del corso sono dunque i
modo di portare la riconciliazione in molti set- principio tutt’ora vigente nella quadro è stato completato con le rilevanza pastorale, in quanto ha
durante il XXIV corso sul foro in- preti ordinati di recente, i diaconi
tori». E proprio come san Benedetto nel passa- Chiesa, che la salus animarum su- informazioni necessarie per redi- come scopo quello di far sì che il
terno promosso dalla Penitenzie- e i candidati al sacerdozio che
to, ha concluso, ha cercato di «ricostruire e rin- prema lex est. Anzi, va anche ri- gere e inviare le domande o i ri- sacramento della riconciliazione
ria Apostolica, che si è concluso frequentano l’ultimo anno del
novare la fede e la credibilità della Chiesa». cordato che perfino durante lo corsi da sottoporre alla Peniten- venga maggiormente avvertito co-
venerdì pomeriggio 8 marzo. In curriculum formativo degli studi
Per il cardinale Carlos Amigo Vallejo, arcive- svolgimento del conclave, il Tri- zieria Apostolica circa le materie me via privilegiata per la nuova
questa intervista al nostro gior- in vista del presbiterato. Oggetto
scovo emerito di Siviglia, la decisione di Bene- bunale della Penitenzieria Apo- esclusivamente a essa riservate o evangelizzazione all’interno delle
nale, sua eccellenza monsignor particolare del corso sono stati al-
detto XVI sarà ricordata come un atto di coeren- stolica ha la possibilità di sotto- che utilmente possono essere a es- nostre comunità ecclesiali, religio-
Krzysztof Nykiel, reggente della cuni temi di teologia morale e di
za «proprio di un uomo con una rettitudine porre al penitenziere maggiore ca- sa inoltrate. se e parrocchiali. La consapevo-
Penitenzieria Apostolica, illustra il diritto canonico, di speciale deli-
ammirabile». In un’intervista a Nacho González si di coscienza o situazioni parti- lezza che l’amore di Dio è più
senso e le finalità di questa inizia- catezza e rilevanza, relativi al sa-
per «El Mundo» dell’8 marzo, ha indicato in colari di penitenti che richiedono Possiamo individuare un legame tra grande di ogni peccato è sempre
tiva. cramento della penitenza. I suoi
particolare «una parola utilizzata dal Santo Pa- una immediata e urgente soluzio- sacramento della Penitenza, Anno una luce di speranza per il mon-
elementi dogmatici, morali e ca-
dre che, a mio parere, definisce la sua personali- ne. della fede e nuova evangelizzazione? do. I frutti di questi incontri an-
Ci può spiegare brevemente perché la nonistici si presuppongono svolti
tà: quando ha parlato della responsabilità di nuali hanno un concreto riscontro
guidare la Chiesa, ha insistito che bisogna farlo carica del Penitenziere Maggiore non nelle università o negli istituti Certamente. Il corso di que-
Può tracciare un bilancio del corso nell’attività quotidiana del nostro
adeguatamente, e lui ha valutato che non ci so- decade durante la Sede vacante? teologici frequentati dagli alunni. st’anno, infatti, s’inserisce nel
di quest’anno sul foro interno? dicastero, il quale — essendo il
no le condizioni fisiche adeguate per continuare Tuttavia, nell’ambito del corso, contesto, tutto particolare, del-
L’istituzione della figura del Tribunale Apostolico della miseri-
a farlo. Mi pare importante metterlo in risalto Annualmente, durante il perio- sono emerse domande di appro- l’Anno della Fede e si è svolto a
cardinale penitenziere maggiore cordia e della pietà — viene con
perché la sua rinuncia risponde a una logica». do quaresimale, che è propria- fondimento e di chiarimento su poco tempo di distanza dalla
nella Chiesa ha origini antichissi- crescente interesse interpellato e
Costruire il rapporto tra fede e ragione nella mente il tempo liturgico della alcuni elementi istituzionali che conclusione della XIII assemblea
me. La sua creazione fu dovuta al conosciuto per la sua missione
linea tracciata da Benedetto XVI; rilanciare l’es- generale ordinaria del Sinodo dei
riconoscimento sempre più ampio fondamentale nella Chiesa che è
senza del messaggio evangelico; riconsiderare il vescovi sul tema dell’evangelizza-
dato al Papa della facultas ligandi la salus animarum. Nella cura pa-
modo in cui il ministero petrino si è svolto e si zione. È stato opportunamente ri-
e della facultas absolvendi da pene storale delle anime, se si vuole
configurerà in futuro sono invece le tre sfide per badito da alcuni padri sinodali
la Chiesa secondo il cardinale Donald William
e censure, che comportò nel corso
dei secoli un consistente aumento Concluso il corso che «la nuova evangelizzazione
passa anche attraverso il confes-
promuovere veramente oggi la
nuova evangelizzazione, i sacer-
Wuerl, arcivescovo di Washington. In un’inter-
vista a Gerard O’Connell pubblicata su «La
delle richieste dirette da ogni par-
te d’Europa verso Roma. Per po-
sul foro interno sionale». Il sacramento della pe-
nitenza è strumento efficace che
doti devono esortare i fedeli a fre-
quentare il confessionale, impe-
Stampa» dell’8 marzo, il cardinale ha affermato
tervi far fronte, i Papi delegarono rigenera l’uomo dal di dentro, in gnandosi in prima persona a de-
che «una delle cose che abbiamo imparato dagli Si conclude oggi, venerdì 8 marzo, il XXIV corso sul Foro inter-
quindi la facoltà di trattare deter- quanto lo aiuta a cogliere la veri- dicare più tempo e disponibilità
ultimi due pontificati è la necessità per il Papa no, organizzato dalla Penitenzieria Apostolica. Ne fa un bilancio
minate materie e di curare le con- tà di sé stesso, quella cioè di esse- all’amministrazione di questo pe-
di raggiungere globalmente i cattolici di tutto il il reggente della penitenzieria, monsignor Nykiel, nell’intervista
mondo, non solo attraverso le lettere encicliche fessioni a un cardinale, designato re figlio prediletto del Padre, ric- culiare sacramento. Una pratica
già a partire dal XIII secolo come pubblicata in questa stessa pagina. Tra gli ultimi interventi, parti- più frequente non può che favori-
ma anche grazie al sostegno dei vescovi suoi co di misericordia, sempre dispo-
maior poenitentiarius. Attualmente, colarmente interessante quello che ha caratterizzato il pomeriggio re la formazione della coscienza e
confratelli nell’azione apostolica nei loro paesi. sto a donargli incondizionatamen-
nella persona del cardinale peni- di ieri, giovedì 7 marzo, sul tema «Il confessionale come luogo la riconciliazione, aiutando a su-
Una presenza fisica ma anche virtuale perché la te il proprio perdono e la pace. È
tenziere maggiore, Manuel Mon- privilegiato di evangelizzazione, trasmissione della fede e della perare le paure e a lottare contro
Chiesa si confronterà sempre di più con il mon- nel confessionale, infatti, che ogni
teiro de Castro, si concentrano sana dottrina». Il testo, firmato dal cardinale Mauro Piacenza, è sacerdote, assolvendo il penitente il male. Non dobbiamo dimenti-
do anche attraverso i nuovi strumenti della co-
tutte le facoltà e le attribuzioni stato letto dal sotto-segretario della Congregazione per il Clero, dal peccato commesso, diventa care che tale sacramento oltre a
municazione».
Dal cardinale Raymundo Damasceno Assis, della Penitenzieria Apostolica. È monsignor Antonio Neri, poiché il porporato era impegnato con comunicatore privilegiato della rimettere i peccati ha un grande
arcivescovo di Aparecida, viene il suggerimento difficile numerarle, considerando la sesta Congregazione generale dei cardinali. Mostrato il confes- divina misericordia, che penetra potere terapeutico di guarigione
a vivere questo momento storico così particolare l’ampia gamma di casi di coscien- sionale come «luogo teologico, dove è possibile fare una reale nell’intimo di ogni coscienza fino e, pertanto, può aiutare i cristiani
per la vita della Chiesa come un’opportunità di za che si possono presentare. Si esperienza di risurrezione», l’analisi si è concentrata su tre diversi al punto da provocarne la conver- a rispondere con maggiore slancio
conversione. Visitando la redazione del pro- può affermare che il Pontefice gli aspetti del sacramento della confessione: «il suo impatto in ordi- sione del cuore e la gioia della alla personale e universale chia-
gramma brasiliano di Radio Vaticana, il porpo- ha affidato nel foro interno il pie- ne all’evangelizzazione, alla trasmissione della fede e all’istruzio- salvezza ritrovata. Evangelizzare mata alla santità, che è lo scopo
rato ha detto che Dio è sempre presente nella no esercizio della potestà delle ne nella sana dottrina» ha precisato il cardinale. non è soltanto portare una dottri- primario della nuova evangelizza-
vita della Chiesa e continua a guidarla, attraver- chiavi. Pertanto, come previsto Il corso si conclude con una tavola rotonda alla quale parteci- na, annunciare delle verità. Evan- zione e di ogni attività pastorale
so l’assistenza dello Spirito Santo. dalla costituzione apostolica Pa- pano i relatori e tutti i sacerdoti iscritti. gelizzare è soprattutto proclamare ed ecclesiale.
Supplemento a L’Osservatore Romano del 9 marz0 2013

In conclave
SANTOS GERALD O MAJELLA GEORGE ALENCHERRY ANGELO AMATO CARLOS ENNIO ANTONELLI RAYMUND O DAMASCENO JOÃO AUDRYS JUOZAS ANGELO BAGNASCO PHILIPPE BARBARIN JORGE MARIO GIUSEPPE BERTELLO TARCISIO BERTONE
ABRIL Y CASTELLÓ AGNELO nato il 19 aprile 1945 nato l’8 giugno 1938
AMIGO VALLEJO nato il 18 novembre 1936
ASSIS BRAZ DE AVIZ BAČKIS nato il 14 gennaio 1943 nato il 17 ottobre 1950
BERGO GLIO nato il 1° ottobre 1942 nato il 2 dicembre 1934
nato il 21 settembre 1935 nato il 19 ottobre 1933 (India) (Italia) nato il 23 agosto 1934 (Italia) nato il 15 febbraio 1937 nato il 24 aprile 1947 nato il 1° febbraio 1937 (Italia) (Francia) nato il 17 dicembre 1936 (Italia) (Italia)
(Spagna) (Brasile) (Spagna) (Brasile) (Brasile) (Lituania) (Argentina)

GIUSEPPE BETORI JOSIP BOZANIĆ SEÁN BAPTIST BRADY RAYMOND LEO BURKE CARLO CAFFARRA D OMENICO CALCAGNO ANTONIO JUAN LUIS FRANCESCO THOMAS CHRISTOPHER ANGELO COMASTRI PAUL JOSEF CORDES GODFRIED DANNEELS VELASIO DE PAOLIS
nato il 25 febbraio 1947 nato il 20 marzo 1949 nato il 16 agosto 1939 nato il 30 giugno 1948 nato il 1° giugno 1938 nato il 3 febbraio 1943
CAÑIZARES LLOVERA CIPRIANI THORNE CO CCOPALMERIO COLLINS nato il 17 settembre 1943 nato il 5 settembre 1934 nato il 4 giugno 1933 nato il 19 settembre 1935
(Italia) (Croazia) (Irlanda) (Stati Uniti d’America) (Italia) (Italia) nato il 15 ottobre 1945 nato il 28 dicembre 1943 nato il 6 marzo 1938 nato il 16 gennaio 1947 (Italia) (Germania) (Belgio) (Italia)
(Spagna) (Perú) (Italia) (Canada)

Elettori
Alla data del 6 marzo si prevede che entrino in conclave 115 cardinali

IVAN DIAS DANIEL N. DINARD O TIMOTHY MICHAEL


nato il 14 aprile 1936 nato il 23 maggio 1949
D OLAN
(India) (Stati Uniti d’America) nato il 6 febbraio 1950
(Stati Uniti d’America)

D OMINIK DUKA STANISŁAW DZIWISZ WILLEM JACOBUS EIJK PÉTER ERDŐ FRANCISCO JAVIER RAFFAELE FARINA FERNAND O FILONI FRANCIS EUGENE OSWALD GRACIAS ZENON GRO CHOLEWSKI JAMES MICHAEL CLÁUDIO HUMMES WALTER KASPER KURT KO CH
nato il 26 aprile 1943 nato il 27 aprile 1939 nato il 22 giugno 1953 nato il 25 giugno 1952
ERRÁZURIZ OSSA nato il 24 settembre 1933 nato il 15 aprile 1946
GEORGE nato il 24 dicembre 1944 nato l’11 ottobre 1939
HARVEY nato l’8 agosto 1934 nato il 5 marzo 1933 nato il 15 marzo 1950
(Repubblica Ceca) (Polonia) (Paesi Bassi) (Ungheria) nato il 5 settembre 1933 (Italia) (Italia) nato il 16 gennaio 1937 (India) (Polonia) nato il 20 ottobre 1949 (Brasile) (Germania) (Svizzera)
(Cile) (Stati Uniti d’America) (Stati Uniti d’America)

GIOVANNI LAJOLO KARL LEHMANN WILLIAM JOSEPH NICOLÁS DE JESÚS RO GER MICHAEL LLUÍS REINHARD MARX JOACHIM MEISNER LAURENT MANUEL FRANCESCO MONTERISI ANTONIOS NAGUIB WILFRID FOX ATTILIO NICORA
nato il 3 gennaio 1935 nato il 16 maggio 1936
LEVADA LÓPEZ RODRÍGUEZ MAHONY MARTÍNEZ SISTACH nato il 21 settembre 1953 nato il 25 dicembre 1933
MONSENGWO PASINYA MONTEIRO DE CASTRO nato il 28 maggio 1934 nato il 18 marzo 1935
NAPIER nato il 16 marzo 1937
(Italia) (Germania) nato il 15 giugno 1936 nato il 31 ottobre 1936 nato il 27 febbraio 1936 nato il 29 aprile 1937 (Germania) (Germania) nato il 7 ottobre 1939 nato il 29 marzo 1938 (Italia) (Egitto) nato l’8 marzo 1941 (Italia)
(Stati Uniti d’America) (Repubblica Dominicana) (Stati Uniti d’America) (Spagna) (Repubblica (Portogallo) (Sud Africa)
Democratica del Congo)

JOHN NJUE KAZIMIERZ NYCZ EDWIN FREDERICK ANTHONY SEÁN PATRICK JOHN OLORUNFEMI JAIME LUCAS MARC OUELLET ALBERT MALCOLM RANJITH GEORGE PELL POLYCARP PENGO JEAN-BAPTISTE MAURO PIACENZA SEVERINO POLETTO
nato nell’anno 1944 nato il 1° febbraio 1950
O’BRIEN OLUBUNMI OKO GIE O’MALLEY ONAIYEKAN ORTEGA Y ALAMINO nato l’8 giugno 1944
PATABENDIGE D ON nato l’8 giugno 1941 nato il 5 agosto 1944
PHAM MINH MÂN nato il 15 settembre 1944 nato il 18 marzo 1933
(Kenya) (Polonia) nato l’8 aprile 1939 nato il 16 giugno 1936 nato il 29 giugno 1944 nato il 29 gennaio 1944 nato il 18 ottobre 1936 (Canada) nato il 15 novembre 1947 (Australia) (Tanzania) nato nell’anno 1934 (Italia) (Italia)
(Stati Uniti d’America) (Nigeria) (Stati Uniti d’America) (Nigeria) (Cuba) (Sri Lanka) (Vietnam)
JOSÉ DA CRUZ VINKO PULJIĆ BÉCHARA BOUTROS GIANFRANCO RAVASI GIOVANNI BATTISTA JEAN-PIERRE RICARD JUSTIN FRANCIS
POLICARPO nato l’8 settembre 1945
RAÏ nato il 18 ottobre 1942
RE nato il 25 settembre 1944
RIGALI
nato il 26 febbraio 1936 (Bosnia ed Erzegovina) nato il 25 febbraio 1940 (Italia) nato il 30 gennaio 1934 (Francia) nato il 19 aprile 1935
(Portogallo) (Libano) (Italia) (Stati Uniti d’America)

NORBERTO FRANCISCO FRANC RODÉ ÓSCAR ANDRÉS PAOLO ROMEO ANTONIO MARÍA STANISŁAW RYŁKO
RIVERA CARRERA ROBLES ORTEGA nato il 23 settembre 1934
RODRÍGUEZ MARADIAGA nato il 20 febbraio 1938
ROUCO VARELA nato il 4 luglio 1945
nato il 6 giugno 1942 nato il 2 marzo 1949 (Slovenia) nato il 29 dicembre 1942 (Italia) nato il 24 agosto 1936 (Polonia)
(Messico) (Messico) (Honduras) (Spagna)

RUBÉN JUAN LEONARD O SANDRI ROBERT SARAH PAOLO SARDI THÉOD ORE-ADRIEN ODILO PEDRO
SALAZAR GÓMEZ SAND OVAL ÍÑIGUEZ nato il 18 novembre 1943 nato il 15 giugno 1945 nato il 1° settembre 1934
SARR SCHERER
nato il 22 settembre 1942 nato il 28 marzo 1933 (Argentina) (Guinea) (Italia) nato il 28 novembre 1936 nato il 21 settembre 1949
(Colombia) (Messico) (Senegal) (Brasile)

CHRISTOPH ANGELO SCOLA CRESCENZIO SEPE LUIS ANTONIO JEAN-LOUIS TAURAN JULIO DIONIGI TETTAMANZI
SCHÖNBORN nato il 7 novembre 1941 nato il 2 giugno 1943
G. TAGLE nato il 5 aprile 1943
TERRAZAS SAND OVAL nato il 14 marzo 1934
nato il 22 gennaio 1945 (Italia) (Italia) nato il 21 giugno 1957 (Francia) nato il 7 marzo 1936 (Italia)
(Austria) (Filippine) (Bolivia)

BASELIOS CLEEMIS JOHN TONG HON TELESPHORE PLACIDUS JEAN-CLAUDE PETER KODWO APPIAH JORGE LIBERATO AGOSTINO VALLINI
THOTTUNKAL nato il 31 luglio 1939
TOPPO TURCOTTE TURKSON UROSA SAVINO nato il 17 aprile 1940
nato il 15 giugno 1959 (Hong Kong, Cina) nato il 15 ottobre 1939 nato il 26 giugno 1936 nato l’11 ottobre 1948 nato il 28 agosto 1942 (Italia)
(India) (India) (Canada) (Ghana) (Venezuela)

ANTONIO MARIA RAÚL EDUARD O GIUSEPPE VERSALDI ANDRÉ VINGT-TROIS RAINER MARIA D ONALD WILLIAM GABRIEL
VEGLIÒ VELA CHIRIBO GA nato il 30 luglio 1943 nato il 7 novembre 1942
WOELKI WUERL ZUBEIR WAKO
nato il 3 febbraio 1938 nato il 1° gennaio 1934 (Italia) (Francia) nato il 18 agosto 1956 nato il 12 novembre 1940 nato il 27 febbraio 1941
(Italia) (Ecuador) (Germania) (Stati Uniti d’America) (Sudan)