Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 71 (46.315) Città del Vaticano lunedì-martedì 25-26 marzo 2013
.
Nella domenica delle Palme il Pontefice celebra in piazza San Pietro la Giornata della gioventù

Non siate mai uomini e donne tristi


Papa Francesco chiede di non lasciar rubare la speranza e incoraggia a portare Gesù alle periferie del mondo e dell’esistenza

«Per favore, non lasciatevi rubare la conoscere in lui il Salvatore. Che


speranza!». Con tono paterno Papa non entra in Gerusalemme per rice-
Francesco si rivolge alla folla di fe- vere onori ma per morire sulla croce.
deli che domenica 24 marzo gremi- «Gesù — ripete il Pontefice trala-
sce piazza San Pietro, agitando ver- sciando di leggere il testo già prepa-
so l’alto ramoscelli d’ulivo per ricor- rato — prende su di sé il male, la
dare l’ingresso di Gesù a Gerusalem- sporcizia, il peccato del mondo e lo
me. Sono soprattutto giovani. Per- lava col suo sangue».
ché, come avviene ormai da 28 anni, Poi si rivolge di nuovo ai giovani
nella domenica delle Palme in ogni e parla delle grandi ferite inferte
diocesi si celebra anche la Giornata all’umanità dal male: guerre, violen-
della gioventù. ze, conflitti economici, sete di dena-
Per questo il vescovo di Roma, ro: «che poi — aggiunge — nessuno
dal sagrato della basilica Vaticana, può portare con sé, deve lasciarlo».
parla della gioia. Non di quella «che E come in una famiglia si evoca
nasce dal possedere tante cose», ma l’esempio degli anziani per dar mag-
di quella che viene «dall’aver incon- gior forza a quanto si dice, così Pa-
trato una persona: Gesù». E, pro- pa Francesco ricorda quello che
prio come un padre, mette in guar- «mia nonna diceva a noi bambini: il
dia i suoi figli dal nemico, che «vie- sudario non ha tasche».
ne mascherato da angelo» per rovi- Dopo la gioia e la croce, ecco i
nare quella gioia. Con la tenerezza giovani, la terza delle parole indicate
che ha già tante volte evocato, chie- dal Papa. «Vi ho visto nella proces-
de loro «per favore» di non farsi ru- sione quando entravate, vi immagino
bare la speranza che viene da Gesù. fare festa intorno a Gesù» dice rivol-
Anche nel giorno dell’inizio del mi- gendosi direttamente a loro. «Voi
nistero petrino Papa Francesco aveva avete una parte importante nella fe-
usato quel «per favore» rivolgendosi sta della fede. Con Cristo un cuore
ai potenti del mondo e invocando ri- non invecchia mai» dice concluden-
spetto per il creato. do l’omelia. E all’Angelus, al termi-
Ma come si fa a non farsi rubare ne della messa, li invita a prepararsi
la speranza? Basta guardare Gesù per l’appuntamento di luglio, a Rio
mentre entra a Gerusalemme, spiega de Janeiro, dove avrà luogo il radu-
il Papa. «Chi lo accoglie è gente no internazionale per la Giornata
umile semplice», ma sa che rivolgere mondiale della gioventù.
gli occhi verso Gesù significa espri-
mere il senso della propria fede e ri- PAGINA 8

Prelievo forzoso del 30 per cento sui depositi sopra i 100.000 euro presso Bank of Cyprus I ribelli della Seleka prendono il potere nella Repubblica Centroafricana

Accordo nella notte per Cipro Colpo di Stato a Bangui


NICOSIA, 25. Accordo nella notte un programma di consolidamento del Paese, la Bank of Cyprus, fatti BANGUI, 25. I ribelli della coalizione termini il colpo di Stato. Una nota islamisti provenienti da Sudan e
per il salvataggio di Cipro. Dopo dei conti, riforme e privatizzazioni. salvi comunque quelli al di sotto dei Seleka hanno conquistato ieri Ban- della sudafricana Nkosazana Dlami- Ciad, aggiungono che i beni sac-
una maratona negoziale di dodici «Abbiamo messo fine all’incertezza 100.000 euro. La misura inciderà gui, la capitale della Repubblica ni-Zuma, che della Commissione è cheggiati nell’offensiva sono stati
ore a Bruxelles, infatti, è stata trova- che ha interessato Cipro e l’eurozo- particolarmente sui capitali esteri Centroafricana, dalla quale il presi- presidente, chiede agli Stati membri trasportati oltre confine e denuncia-
ta un’intesa tra le autorità di Nico- na negli ultimi giorni», ha precisato presenti nell’isola, nello specifico dente François Bozizé è stato co- di prendere una posizione unanime no che ancora nelle ultime ore ci so-
sia e i rappresentanti di Unione eu- Dijsselbloem, dicendosi convinto quelli russi. A riguardo, fortemente stretto alla fuga, sembra nella vicina e decisiva. «Nell’eventualità di un no state gravi violenze contro la co-
ropea, Banca centrale europea (Bce) che l’intesa sia migliore della prece- critico è stato il giudizio del presi- Repubblica Democratica del Con- cambio di potere anticostituzionale, munità cattolica nel Paese e in parti-
e Fondo monetario internazionale dente. Il programma approvato il 16 dente russo, Dmitri Medvedev. go. Il Governo di Kinshasa ha però l’Unione africana prevede la sospen- colare contro conventi di religiose.
(Fmi) per lo sblocco di un finanzia- marzo scorso prevedeva, invece, un dichiarato che nel suo territorio ha sione del Paese, il completo isola-
Previsto, inoltre, lo scioglimento
mento da 10 miliardi di euro, vitale prelievo forzoso del 6,75 per cento trovato riparo solo la famiglia di mento dei responsabili e l’adozione
della seconda banca, la Laiki Bank,
per le casse dello Stato cipriota. sui depositi sotto i 100.000 euro e Bozizé e non il deposto presidente. di sanzioni contro di loro», si legge
iniziativa che dovrebbe comportare Michel Djotodia, il leader di Se- nella nota.
L’accordo per evitare il fallimento del 9,90 per cento su quelli superio- un risparmio di 4,2 miliardi di euro: Come l’arcivescovo Bergoglio
leka («alleanza», in lingua locale Meno radicale è stato l’atteggia-
di Cipro e l’uscita dall’euro prevede ri, provvedimenti che erano stati l’istituto verrà diviso in due, una parlava alla sua diocesi
sango) si è autoproclamato presi- mento della Francia che ha inviato
il drastico ridimensionamento del bocciati dal Parlamento. bad bank e una good bank. Gli asset dente della Repubblica. Djotodia ri- trecentocinquanta soldati con il
settore bancario dell’isola. Come ha Il nuovo dispositivo di salvatag- buoni finiranno nella Bank of copriva l’incarico di ministro della compito esclusivo di garantire la si- Umiltà nella Chiesa
dichiarato il presidente dell’Euro- gio prevede un prelievo forzoso di
gruppo, Jeroen Dijsselbloem, il Go- circa il 30 per cento sui depositi
Cyprus, che non scomparirà. Difesa nel Governo di unità nazio- curezza dei circa milleduecento e lotta alla corruzione
Le altre banche non saranno toc- nale costituito in gennaio in base francesi residenti e degli altri citta-
verno di Cipro s’impegna anche a bancari presso la maggiore banca cate dai provvedimenti. Le misure agli accordi di pace di Libreville, la dini stranieri. Il presidente francese,
messe a punto non avranno bisogno capitale del Gabon. Djotodia ha co- François Hollande, ha affermato di
di passare al vaglio del Parlamento munque dichiarato che rimane in «aver preso atto della partenza del
di Nicosia, che nei giorni scorsi ave- carica il Governo guidato da Nico- presidente Bozizé» e ha invitato
va bocciato il progetto di una tassa las Tiangaye, anch’egli esponente di «tutte le parti alla calma e al dialo-
sui depositi bancari. Seleka. go attorno al Governo di unità na-
Sulla base dell’intesa raggiunta a Testimoni hanno riferito di spara- zionale» istituito dagli accordi di
Bruxelles, il Consiglio dei governa- torie mentre i ribelli entravano nel Libreville.
tori del Meccanismo europeo di sta- palazzo presidenziale e nelle ore Della Seleka, nata nell’agosto
successive ci sono stati saccheggi. 2012 e passata all’azione a partire da
bilità (Esm) dovrebbe essere in gra-
Negli scontri sono stati uccisi anche dicembre, fanno ufficialmente parte
do di approvare formalmente l’assi-
tredici soldati sudafricani della mis- le vecchie formazioni ribelli che da
stenza finanziaria per Cipro entro la sione dispiegata a Bangui dopo gli anni accusavano Bozizé di non ri-
terza settimana di aprile, mentre la accordi di Libreville. Il presidente spettare i precedenti accordi di pace
prima tranche di aiuti dovrebbe ar- sudafricano, Jacob Zuma, nel darne firmati nel 2007, sempre a Librevil- PAGINA 5
rivare ai primi di maggio. Lo ha fat- notizia questa mattina, ha aggiunto le. Fonti concordi citate da diverse
to sapere il presidente dell’Esm, che altri 27 militari sono stati feriti e agenzie di stampa, in particolare
Klaus Regling. che uno risulta disperso. dalla Misna e dalla Fides, riferisco-
L’annuncio dell’accordo è stato La Commissione dell’Unione afri- no però che tra le file degli insorti
dato, verso le due del mattino, da
un tweet del presidente cipriota,
cana ha condannato senza mezzi c’è una maggioranza di miliziani
NOSTRE
Nicos Anastasiades che si è detto
«contento». Poco dopo, fonti INFORMAZIONI
dell’Ue hanno poi confermato il
raggiungimento di un’intesa. Telegramma del vescovo di Roma per la Pasqua ebraica Il Santo Padre ha ricevuto
Il numero uno dell’Fmi, Christine questa mattina in udienza le
Lagarde, ha definito l’accordo un L’Onnipotente Loro Eminenze Reverendissi-
me i Signori Cardinali:
piano credibile e complessivo per ri-
solvere il problema principale del si- vi accompagni con la sua benedizione — Marc Ouellet, Prefetto
stema bancario. «L’intesa — ha pre- della Congregazione per i Ve-
cisato — fornisce la base per ridare In occasione della Pasqua ebraica festa di Pesach. L’Onnipotente, che
scovi;
fiducia al sistema bancario, che è la Papa Francesco ha indirizzato a ha liberato il suo popolo dalla
chiave per appoggiare la crescita». Riccardo Di Segni, rabbino capo della schiavitù dell’Egitto per guidarlo al- — João Braz de Aviz, Pre-
L’attuazione del programma, ha am- comunità ebraica di Roma, il seguente la terra promessa, continui a liberar- fetto della Congregazione per
messo il commissario europeo agli telegramma: vi da ogni male e ad accompagnarvi gli Istituti di vita consacrata e
y(7HA3J1*QSSKKM( +%!z!@!$!.

Affari economici e monetari, Olli A pochi giorni dal nostro incontro, con la sua benedizione. Vi chiedo di le Società di vita apostolica.
Rehn, sarà molto difficile per il Pae- e con rinnovata gratitudine per aver pregare per me, mentre assicuro la
se e per il popolo cipriota. «Ma Ci- voluto onorare con la presenza sua mia preghiera per voi, confidando
Il Santo Padre ha ricevuto
pro fa parte della famiglia europea e e di altri distinti rappresentanti del- di poter approfondire i legami di
noi staremo al suo fianco» ha assi- questa mattina in udienza Sua
la comunità ebraica la celebrazione stima e di amicizia reciproca.
curato il commissario all’Allarga- di inizio del mio ministero, mi è Eccellenza il Signor Héctor
mento, garantendo l’impegno euro- particolarmente gradito estendere a Federico Ling Altamirano,
FRANCISCUS
peo a fare il possibile per alleviare lei e a tutta la comunità di Roma Ambasciatore del Messico, in
Una filiale della Bank of Cyprus a Limassol (Afp) le conseguenze sociali del piano. gli auguri più fervidi per la grande Dal Vaticano, 25 marzo 2013 visita di congedo.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 25-26 marzo 2013

Sarà l’argomento centrale del summit di Durban Il lavori del Forum sullo sviluppo

Pechino dialoga
Verso una Banca dei Brics con il gotha
Il fondo comune farà concorrenza all’Fmi della finanza mondiale
BRASILIA, 25. Un vertice per rilancia- Ma la necessità di difendersi dalle
PECHINO, 25. Al via a Pechino il cipanti incontrerà anche il neo pre-
re le relazioni diplomatiche e com- oscillazioni del biglietto verde — di-
China Development Forum, l’in- mier Li Keqiang al termine del fo-
merciali in una fase delicatissima cono gli analisti specializzati — nasce
della crisi internazionale, e soprat- anche dal fatto che l’interscambio contro annuale promosso dal Go- rum, oggi, lunedì.
tutto per far sorgere una nuova Ban- fra i cinque Brics è salito lo scorso verno cinese con i massimi rappre- Intanto, la Cina sta cercando di
ca internazionale. I rappresentanti anno a 282 miliardi di dollari (era di sentanti del mondo degli affari e rafforzare la collaborazione soprat-
delle grandi economie emergenti ap- soli 27 miliardi nel 2002) ed entro il dell’economia mondiale. tutto con i partner regionali, tra i
partenenti al gruppo Brics (Brasile, 2015 potrebbe toccare i cinquecento L’evento, che si è aperto ieri, quali anzitutto la Russia. Gazprom
Russia, India, Cina e Sud Africa) miliardi. rappresenta la prima occasione di e China National Petroleum Corp
s’incontreranno martedì 26 e merco- Un altro aspetto di cui i Brics do- incontro con le nuove autorità ci- (Cnpc) hanno firmato un memo-
ledì 27 a Durban per il quinto sum- vranno tenere conto sono le nuove nesi, dopo il cambio di potere che randum che getta le basi per un fu-
mit dell’organizzazione. Ai lavori aree del mondo in crescita. Tra que- ha portato poche settimane fa turo accordo sulle forniture di gas
parteciperanno anche 16 capi di Sta- ste c’è soprattutto l’America centrale. all’elezione del presidente Xi Jin- russo alla Cina, attraverso la cosid-
to africani, il che evidenzia bene co- Secondo recenti studi dell’Fmi, in- ping e del premier Li Keqiang. detta via orientale. La firma da
me le cinque potenze del Brics pun- fatti, nel 2013 l’area registrerà una Tra le personalità presenti, Peter parte del numero uno del colosso
tino ad allargare la propria sfera di crescita media fra il tre e il quattro Loscher, presidente e amministrato- russo, Alexei Miller, e della contro-
influenza su scala globale. per cento. re delegato di Siemens, Virginia M. parte cinese, Zhou Jinping, è avve-
D’altronde, già nel tema scelto per Il rappresentante dell’Fmi per la Rometty, presidente e ad di Ibm, nuta al Cremlino due giorni fa. l
il summit — «Brics e Africa: una regione, che comprende anche Pana- Stuart Gulliver, ad di Hsbc, Leif memorandum, come riferiscono le
partnership per l’integrazione e l’in- ma e la Repubblica Dominicana, lo Johansson, presidente della Erics- agenzie russe, dovrebbe aprire la
dustrializzazione» — le mire espan- spagnolo Fernando Delgado, ha sot- son, Peter Voser, ad della Royal strada a un accordo sui prezzi del
sionistiche sono evidenti. L’inter- tolineato che, sebbene le cifre della Dutch Shell e Andrew N. Liveris, metano.
scambio tra i Paesi del Brics e il Il presidente cinese al suo arrivo in Tanzania (Afp) crescita siano lievemente in aumento presidente e ad della Dow Chemi-
continente nero è passato dai dieci rispetto allo scorso anno, sono anco- cal Company. Presenti al forum an-
miliardi di dollari del 2000 ai 160 ra insufficienti per ridurre la povertà
che esponenti delle istituzionali in-
miliardi del 2011. Questo tuttavia — poliziotti — dovrebbe segnare il varo americano. Si tratta infatti di un te- in modo significativo. E ha sottoli-
ternazionali, come il direttore gene-
a detta degli osservatori — non sem-
pre ha favorito la crescita delle
ufficiale di una Banca dei Brics de-
stinata allo sviluppo e forte di una
ma che sta molto a cuore ai leader
delle cinque nazioni Brics, che han-
neato come sia necessario, per rag-
giungere tassi di crescita maggiori, rale dell’organizzazione mondiale Negoziato
del commercio, Pascal Lamy, e nu-
aziende africane.
Fra i temi di interesse per gli os-
dotazione di cinquanta miliardi di
dollari: un istituto destinato alle na-
no riserve in valuta estera per 4.400
miliardi di dollari, nelle quali pro-
che alcuni Paesi risolvano situazioni
di vulnerabilità fiscale nel medio pe- merosi rappresentanti del mondo sul libero scambio
accademico.
servatori ci sarà anche l’esordio in
un vertice multilaterale del nuovo
zioni in via di sviluppo e che inevi-
tabilmente potrebbe diventare un in-
prio il biglietto verde ha da sempre
una presenza chiave.
riodo e intraprendano riforme strut-
turali. Il Paese dell’area che crescerà Tra i primi interventi che si sono tra Ue
tenuti ieri, quello tenuto da Henry
presidente cinese, Xi Jinping, che
parteciperà al summit Brics dopo la
terlocutore alternativo al Fondo mo-
netario internazionale (Fmi).
Per questo il ministro sudafricano
del Commercio, Rob Davies, ha ipo-
di più nel 2013 sarà Panama, con un
miglioramento previsto del sette per Kissinger, ex segretario di Stato e Giappone
visita in Tanzania. Tuttavia, Washington sarà interes- tizzato la creazione di una piattafor- cento, mentre quello che registrerà le americano, sul tema delle relazioni
Ma gli occhi sono puntati sulla fi- sata anche al dibattito, che si riaffac- ma comune sul fronte valutario che percentuali minori sarà El Salvador, tra gli Stati Uniti e la Cina, e quel- TOKYO, 25. È previsto per oggi
nanza, visto che il vertice — sul qua- cia periodicamente, sulla creazione avrebbe il suo peso nel caso di una per il quale si prevede una crescita lo del presidente della Fiat, John a Tokyo l’annuncio dell’avvio
le veglieranno tremila fra militari e di alternative valutarie al dollaro non improbabile “guerra dei cambi”. del due per cento. Elkann, che insieme agli altri parte- del negoziato sull’accordo bila-
terale di libero scambio tra
Giappone e Ue. Il primo mini-
stro nipponico, Shinzo Abe, e il
presidente del Consiglio euro-
L’Uruguay Nel 2012 ha guadagnato il quattro per cento, meno rispetto all’anno precedente peo, Herman Van Rompuy,
avranno infatti in giornata un
chiede
di far parte
Cresce a fatica l’economia colombiana colloquio per il lancio ufficiale
della trattativa, che coinvolge
circa il 30 per cento del pil a li-
del Sucre La crisi globale sta colpendo i settori chiave vello mondiale. L’iniziativa ha il
fine di assicurare uno stretto
dialogo tra Tokyo e Ue, ha det-
MONTEVIDEO, 25. Il ministro degli BO GOTÁ, 25. L’apprezzamento della 6,3), Cile e Venezuela (più 5,6) ed le nei confronti della valuta statuni- sciuto del 5,9 per cento nel 2012, un to il portavoce del Governo
Esteri dell’Uruguay, Luis Almagro, moneta nei confronti del dollaro e la Ecuador (più cinque per cento). tense; la prima ha infatti perso circa dato inferiore a quello registrato giapponese, Yoshihide Suga. A
ha firmato ieri a Caracas la doman- debolezza della domanda globale Alla base dell’economia colombia- il 4,2 per cento del suo valore. Gra- l’anno scorso, quando era salito al Tokyo sono presenti anche il
da di adesione al Sistema unico di hanno avuto ripercussioni negative na c’è un settore minerario ed ener- zie all’intervento della Banca centra- 14,4 per cento rispetto al 2010; tutta- presidente della Commissione
compensazione regionale (Sucre), su settori chiave dell’economia co- getico sempre più sensibile alle flut- le, Bogotá ha cambiato di nuovo un via, il settore è rimasto l’obiettivo europea José Manuel Durão
che è stato creato dall’Alleanza Boli- lombiana come le miniere, l’agricol- tuazioni dei mercati, al calo della dollaro a più di 1.800 pesos nelle ul- principale per gli investimenti diretti
domanda e ai tassi di cambio. E time settimane. Barroso, e il commissario Ue al
variana per i Popoli della Nostra tura e l’industria. Il Governo, dico- esteri, convogliando l’81,5 per cento
proprio lo scorso anno è avvenuto L’estrazione, il principale motore Commercio, Karel De Gucht.
America (Alba), per consentire mag- no gli esperti, sta studiando modifi- dei fondi. L’industria ha invece fatto
un apprezzamento della valuta loca- della locomotiva Colombia, è cre- L’accordo di libero scambio
giore libertà di scambio tra i Paesi che e miglioramenti. segnare una crescita negativa dello consentirebbe un aumento del-
membri. Il Sucre è sostanzialmente Ma l’economia della Colombia è
0,7 per cento nel 2012 rispetto al l’export dell’Ue verso il Giappo-
una comune unità di conto, ed è sta- cresciuta nel 2012 del quattro per
2011, quando aveva accumulato un ne di circa il 30 per cento, con
ta istituita nel novembre 2008. Si cento rispetto al 2011, quando aveva
visto un aumento del prodotto in- più cinque per cento. 400.000 nuovi posti di lavoro.
tratta di una unità di misura del va-
lore di scambio delle varie monete terno lordo (pil) del 6,6, secondo i
dei Paesi aderenti, ma non di una dati diffusi dal National Bureau of
valuta di emissione con una Banca Statistics (Dane) la scorsa settimana.
centrale. Questa unità ha quale Anche se il Governo colombiano ha Nuova manifestazione a Parigi contro il «mariage pour tous»
obiettivo finale la sostituzione del considerato questi dati come positivi
in rapporto alla media mondiale,
dollaro statunitense nel commercio
interregionale tra gli otto Paesi ade-
renti al Sucre (Venezuela, Cuba, An-
che è stata del 3,2 per cento, il fatto
è che ci sono quattro Paesi vicini
In Francia un vero
tigua e Barbuda, Bolivia, Dominica,
Nicaragua, Saint Vincent e Grenadi-
ne ed Ecuador).
con prestazioni migliori: Perú (più
movimento di massa
«La domanda di adesione al Su- PARIGI, 25. Sta assumendo sempre zione alla quale, secondo gli orga-
cre vuole promuovere un’integrazio-
ne che deve avere una dimensione Aumenta più i contorni di un fenomeno di
massa l’opposizione in Francia al
nizzatori, hanno partecipato circa
un milione e quattrocentomila
sempre più latinoamericana» ha det-
to Almagro durante la cerimonia l’esportazione disegno di legge sul matrimonio
tra omosessuali. Secondo recenti
persone. Scopo degli organizzato-
ri della dimostrazione era anche
della firma. Almagro ha quindi sigla-
to la richiesta di fronte al presidente del caffè sondaggi, il 58 per cento dei fran-
cesi è contrario all’iniziativa forte-
chiedere che il progetto venga riti-
rato e che venga sottoposto a refe-
ad interim del Venezuela, Nicolás
Maduro, al vice presidente, Jorge
dal Sud America mente voluta dall’Eliseo quando
viene a sapere che essa contempla
rendum popolare. Una petizione
popolare in tal senso ha già rac-
Arreaza, e al ministro degli Esteri anche la possibilità dell’adozione colto oltre mezzo milione di firme.
venezuelano, Elías Jaua. CITTÀ DEL GUATEMALA, 25. Le di bambini da parte di coppie del-
esportazioni di caffè del gruppo Dopo essere stata approvata dal-
Il Governo uruguaiano ha voluto lo stesso sesso. l’Assemblea nazionale, il disegno
sottolineare più volte l’importanza di nove Paesi latinoamericani, a E ieri, Parigi è stata nuovamen-
eccezione del Brasile, è cresciuto Una scena di vita quotidiana a Medellín (Afp) di legge inizia, il 2 aprile, il suo
dei rapporti con il Venezuela e come te teatro di una grande manifesta-
dell’8,93 per cento negli ultimi iter al Senato, dove si prevede che
la domanda di adesione al Sucre possa avere vita più difficile. Nella
cinque mesi, in relazione allo
rientri in questa collaborazione. «Il Camera alta la maggioranza di si-
stesso periodo del raccolto del
Venezuela è uno dei quattro princi- nistra è infatti più risicata rispetto
caffè nell’anno precedente.
pali mercati per l’Uruguay» ha detto L’Istat indica un drastico aumento delle persone laureate senza lavoro all’Assemblea nazionale e il dispo-
L’Associazione nazionale del
Almagro. Dal canto suo, Maduro ha caffè del Guatemala ha reso noto sitivo potrebbe subire delle modi-
sottolineato che il 28 giugno il Vene-
zuela assumerà la presidenza di tur-
no del Mercosur a Montevideo, un
in una dichiarazione che il grup-
po di Paesi comprendente Messi-
co, Guatemala, El Salvador,
Dottor disoccupato fiche.
L’imponente manifestazione di
ieri si è snodata lungo cinque chi-
fatto che ha definito «straordinario». Honduras, Nicaragua, Costa Ri- lometri, dalla Défense fino all’Arc
Vogliamo — ha detto il presidente ad ROMA, 25. Laurearsi non basta più del 43 per cento se paragonata al La scarsa domanda di lavoro, la de Triomphe. La polizia, che ha
ca, Repubblica Dominicana, Co- per trovare un impiego in Italia. 2008, l’anno di inizio della crisi. penuria di posti liberi da riempire, i
interim Maduro — un Mercosur lombia e Perú ha esportato un confermato l’uso dei lacrimogeni
nuovo, ma questo nuovo Mercosur Se fino a qualche anno fa, a tor- I numeri più alti si registrano tra tagli occupazionali sempre più mar-
totale di 10.697.395 sacchi di caffè per disperdere un centinaio di
to o a ragione, il “pezzo di carta” le ragazze e nel Mezzogiorno, ma cati, si fanno così sentire su chi può
deve aprirsi ai nostri fratelli in Sud di sessanta chili ciascuno, da ot- persone, ha spiegato che la misura
veniva visto come lasciapassare per si tratta di un fenomeno quasi sen- vantare l’istruzione più alta, ovvero
America, Suriname, Guyana, Bolivia, tobre 2012 al mese di febbraio. è stata resa necessaria dal «com-
il mondo del lavoro, adesso anche za confini, tanto che in tutto, senza un certificato di laurea o post-lau-
Ecuador, Perú». Tale cifra — secondo Anacafè — l’Istat ha certificato che la laurea portamento aggressivo di alcuni
Il Sucre — sottolineano gli analisti sopravanza dell’8,93 per cento guardare all’età, in Italia si contano rea, nonostante rappresentino anco- manifestanti» che cercavano di
non è più l’elemento chiave per po-
specializzati — viene utilizzato in va- quella di 9.820.080 sacchi espor- oltre 300.000 persone disoccupate, ra una piccola fetta della popola- forzare i blocchi per raggiungere
tere essere assunti.
ri tipi di transazioni commerciali at- tati da tutto il gruppo dei Paesi Il 2012, infatti, ha registrato nonostante nel cassetto conservino zione. Infatti, come è emerso dal l’Eliseo.
traverso i Paesi membri, che dispon- latinoamericani durante lo stesso un’impennata di giovani laureati un titolo di studio universitario. Le rapporto Istat-Cnel sul benessere Già lo scorso 13 gennaio una
gono anche di capitali, di un fondo periodo del raccolto del caffè senza lavoro, con i dottori sotto i 35 cifre fornite dall’Istat sulle forze la- equo e sostenibile, nel 2011 solo il folla di circa ottocentomila mani-
di compensazione e di altri meccani- nell’anno precedente. Quasi tutti anni in cerca di un impiego arrivati voro 2012 confermano, quindi, co- 20,3 per cento dei 30-35enni risulta festanti aveva invaso Parigi per
smi di regolazione monetaria per i Paesi dell’Associazione hanno ormai a sfiorare quota 200.000. Si me ormai neanche il tanto agogna- aver conseguito un titolo di studio protestare contro il progetto di
contrastare il predominio del dollaro registrato un aumento delle ven- tratta di una crescita di circa il 28 to “pezzo di carta” possa oggi ren- universitario, il livello più basso tra legge, senza peraltro riuscire a
statunitense. dite all’estero. per cento rispetto al 2011 e quasi dere immuni dalla crisi economica. tutti i Paesi dell’Unione europea. bloccarlo.

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
lunedì-martedì 25-26 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Visita di Kerry in Iraq


Ai militari afghani
Si dimette il controllo
il capo della prigione
dell’opposizione di Bagram
siriana KABUL, 25. Dopo un lungo brac-
cio ferro, il controllo del carcere
DAMASCO, 25. Si dimette il capo di Bagram è passato dalle forze
della Coalizione dell’opposizione statunitensi ai militari afghani. «Il
siriana, Moaz Al Khatib. La deci- trasferimento del carcere è parte
sione, annunciata ieri, apre uno importante della transizione glo-
scenario nuovo nello sviluppo fu- bale della sicurezza» ha detto il
turo della crisi siriana: Khatib ha comandante delle forze statuniten-
detto di voler lavorare al di fuori si nel Paese, Joseph Dunford, in
delle istituzioni per il cessate il una cerimonia al ministero della
fuoco e per avviare una transizio- Difesa. Gli Stati Uniti hanno
ne libera e democratica del popo- resistito a lungo prima di lasciare
lo siriano verso un nuovo sistema il carcere, soprannominato la
politico. “Guantanamo afghana”, nel timo-
Da circa dieci giorni Al Khatib re che vengano liberati molti dei
aveva annunciato che si sarebbe talebani che vi sono detenuti.
dimesso dal suo ruolo nella Coali- D’altra parte, il presidente af-
zione — sorta lo scorso novembre ghano, Hamid Karzai, ha più vol-
— perché non accettava l’imposi- te sostenuto che gli Stati Uniti ne-
zione da parte di Doha e di Wa- gli ultimi anni a Bagram avevano
shington di un «Governo in esilio tenuto prigionieri afghani inno-
non rappresentativo della piazza centi. Il trasferimento, già previsto
interna». Il segretario di Stato in precedenza, era stato annullato
americano, John Kerry, ha dichia- all’inizio di marzo dalle autorità
rato da Baghdad, dove si è recato militari di Washington proprio
in visita, che le dimissioni di Al Pervez Musharraf a Karachi (Afp) per il timore del rilascio di alcuni
Khatib non sono una sorpresa. detenuti. Il Governo afghano
«Sono dispiaciuto — ha affermato avrebbe ora fornito rassicurazioni
Kerry — perché apprezzo Al Kha- In vista delle legislative dell’11 maggio alle quali intende partecipare anche l’ex presidente Pervez Musharraf sul fatto che i detenuti più perico-
tib sul piano personale e ho ap- losi non verranno scarcerati.
prezzato il suo modo di guidare la
Coalizione; ma il fatto che si vo-
lesse dimettere non è una novità,
lo aveva detto in diverse occasio-
Equilibrio precario in Pakistan Un portavoce del Governo di
Kabul, Adela Raz, ha spiegato
che il pieno trasferimento è stato
compiuto «dopo che un nuovo
ni». Al Khatib ha giustificato la ISLAMABAD, 25. La commissione elettorale del Pa- guito da mandati d’arresto per il presunto coin- Paese nel 1947, che una amministrazione civile — memorandum di intesa è stato si-
propria decisione affermando di kistan ha designato ieri l’ex giudice Mir Hazar volgimento nell’assassinio di Benazir Bhutto nel peraltro pesantemente accusata di corruzione — glato dai responsabili statunitensi
dimettersi «per poter lavorare li- Khan Khoso quale primo ministro ad interim, in- 2007 e, nel 2006, di Akbar Bugti, leader indipen- riesce a portare a termine il suo mandato quin- e afghani».
beramente, cosa che non posso fa- caricato di preparare le elezioni del prossimo 11 dentista del Baluchistan, Musharraf è sbarcato in quennale. La lotta vera nelle prossime elezioni le-
re all’interno delle istituzioni uffi- maggio. Originario della provincia del Baluchi- un Paese che negli ultimi 5 anni ha avuto 5.700 gislative sarà comunque tra Musharraf e il suo
ciali». Molti — ha aggiunto — stan, Khoso ha 84 anni ed è stato giudice e presi- morti in attentati suicidi — 17 i militari uccisi solo All Pakistan Muslim League (Aplm), fondato in
«hanno fornito aiuti umanitari e li dente dell’Alta corte del Baluchistan stesso. In sabato scorso nella terra di nessuno del Nord esilio nel 2010, e l’ex premier Nawaz Sharif, da
ringraziamo, ma c’è un risvolto
amaro, ed è il tentativo di domare
passato aveva anche ricoperto nella sua provincia
altre cariche ad interim. Nel suo primo contatto
Waziristan — convinto di riportare pace e stabili-
tà, dopo aver contrattato la libertà su cauzione
lui deposto nel 1999 con un colpo di Stato in-
cruento, oggi leader del movimento di opposizio-
Scontri
il popolo siriano e di impadronirsi con i giornalisti il neo premier ha assicurato che
«le elezioni generali si svolgeranno in Pakistan
che gli consentirà di fare campagna elettorale.
«Oggi sono tornato a casa. Dove ci sono colo-
ne del Pakistan Muslim League-Nawaz.
In un video, pubblicato ieri dai talebani paki-
sempre più cruenti
della rivoluzione». Il nostro mes-
saggio a tutti — ha poi concluso — nei tempi previsti» e che lui «lascerà il suo incari-
co» non appena il nuovo premier sarà nominato
ro che hanno detto che non sarei mai tornato»,
perchè il mio popolo mi ha chiesto di rientrare
stani, si invitano attentatori suicidi e cecchini a
uccidere Musharraf dopo il suo ritorno in Paki-
nel Myanmar
«è che la decisione sulla Siria sarà
presa dai siriani e solo da loro». dal Parlamento. Khoso è stato scelto una settima- per salvare il Pakistan anche a rischio della mia stan. L’operazione secondo il video dovrà essere centrale
Nel frattempo, il seggio della na dopo lo scioglimento del Parlamento e quattro vita», ha scandito Musharraf, 69 anni, al potere guidata da un comandante talebano evaso dal
Siria alla Lega araba è stato attri- giorni dopo che il presidente della Repubblica (con un colpo di Stato) dal 1999 al 2008, in una carcere lo scorso anno. Lo ha riferito ieri il quoti- NAYPYIDAW, 25. Le violenze tra
buito ufficialmente all’opposizio- pakistana, Asif Ali Zardari, ha annunciato la data improvvisata conferenza stampa. È andata male, diano «The Dawn» citando un portavoce del buddisti e musulmani che negli
ne: lo ha dichiarato un alto re- delle elezioni generali pakistane. infatti, per motivi di sicurezza, l’operazione pro- gruppo estremista islamico. Il militante, che si ultimi giorni hanno provocato ol-
Ma il precario equilibrio del Pakistan, contro- pagandistica approntata per il rientro: il raduno chiama Adnan Rasheed, aveva preso parte a un tre trenta morti nella città di
sponsabile alla vigilia del vertice
verso alleato degli Stati Uniti e unica potenza previsto sulla tomba di Mohammed Ali Jinnah, tentativo di assassinare il generale Musharraf nel Meikhtila, nel Myanmar centrale,
arabo di Doha. «L’opposizione è
nucleare musulmana, rischia molto con il ritorno fondatore del Pakistan. Ed è stato annullato, poi, 2003. Rasheed aveva lavorato in gioventù come si sono allargate ad altre comunità
stata invitata al vertice e occuperà
dell’ex generale ed ex presidente Pervez Mushar- anche il piano alternativo che prevedeva un di- tecnico per l’aviazione militare Pakistan Air Force della regione. Lo ha precisato in
il seggio della Siria» ha detto la raf, arrivato ieri a Karachi da Dubai dopo cinque scorso ai suoi seguaci in aeroporto. (Paf). Si trovava nel braccio della morte dopo es-
fonte. una nota ufficiale il ministero
anni di esilio e determinato a vincere le elezioni Un esordio che non promette bene in vista del- sere stato condannato alla pena capitale per il fal-
In quello che è stato un vero e dell’Informazione del Paese del
del prossimo maggio. Minacciato di morte dal la novità assoluta delle consultazioni dell’11 mag- lito attentato alla vita di Musharraf, uno dei tanti
proprio blitz, il segretario di Stato sudest asiatico. Incidenti si sono
Movimento dei talebani del Pakistan (Ttp), inse- gio: sarebbe la prima volta, dall’indipendenza del subiti dall’ex presidente.
Kerry, che non ha seguito il presi- verificati in altri luoghi, che non
dente Obama nel ritorno a Wa- sono stati al momento specificati.
shington dopo la visita in Israele Decine di persone sono già state
e in Cisgiordania, è volato ieri in arrestate con l’accusa di avere pre-
Iraq, dove ha incontrato il primo
ministro, Nouri Al Maliki, invitan-
dolo apertamente a sostenere la
Nuovi combattimenti Violenze al confine so parte alle violenze.
Iniziati mercoledì scorso dopo
una lite in un negozio di orefice-
comunità internazionale nello
sforzo in atto per far cadere il Go-
verno di Bashir Al Assad e con-
in Mali tra Costa d’Avorio e Liberia ria degenerata poi in rissa, i vio-
lenti scontri tra musulmani e bud-
disti si sono rapidamente estesi
sentire così la transizione demo- YAMOUSSOUKRO, 25. Non meno di avevano in precedenza parlato di all’intera Meikhtila, circa 550 chi-
cratica in Siria. Alle autorità ira- sei persone sono morte in un nuovo cinque morti, compresi tre degli ag- lometri a nord dell’ex capitale,
chene Kerry ha ribadito che «ogni attacco sferrato sabato da uomini gressori, sostenendo che questi ulti- Yangoon, portando alla distruzio-
cosa che sostiene il presidente As- armati nell’ovest della Costa d’Avo- mi provenivano dalla Liberia. Una ne di almeno cinque moschee e
sad è un problema». rio, al confine con la Liberia, se- notizia al momento non è possibile molte centinaia di negozi e abita-
condo quanto riferito da Sylvie van confermare da fonti indipendenti. zioni.
den Wildenberg, la portavoce della Il prefetto di Blolequin, Claude La comunità musulmana ha ac-
missione dell’Onu nel Paese. Teatro Koffi, ha detto che già sabato la si- cusato le forze di polizia di aver
delle nuove violenze è stato il vil- tuazione sarebbe tornata alla nor- assistito inerti ai massacri, e nean-
Disordini laggio di Petit-Guiglo, nella provin- malità. Tuttavia, nell’area c’è cre- che la proclamazione dello stato
cia di Blolequin. scente insicurezza. Pochi giorni pri- di emergenza in città e in tre vil-
tra salafiti e polizia Secondo la portavoce dell’O nu, ma dell’attacco a Petit-Guiglo, ne laggi vicini — con conseguenti
gli assalitori hanno dato fuoco a di- era stato sventato un altro, nella maggiori poteri all’esercito — ha
in Egitto verse abitazioni e prima di ritirarsi notte tra mercoledì e giovedì, con- potuto fermare le violenze. A
hanno ucciso due civili e un dozo, tro la località di Tiobly, nel diparti- Meikhtila hanno sede il comando
IL CAIRO, 25. Si sono avuti ieri un cacciatore tradizionale, lasciando mento di Toulepleu. Anche in que- centrale dell’aeronautica e una di-
violenti scontri fra manifestanti sa- a loro volta tre morti sul terreno, sto caso, si era parlato di miliziani visione di fanteria, ma le forze ar-
lafiti e forze dell’ordine durante la prima di ritirarsi. Le autorità locali provenienti dalla Liberia. mate non sono intervenute.
manifestazione a Media-city al
Cairo contro le televisioni satelli-
tari accusate di avere istigato alla
violenza nei disordini davanti alla
sede dei Fratelli musulmani vener-
Attaccati un carcere, un commissariato e una banca nella città di Ganye
dì scorso. Nei disordini — scop-
piati nel sobborgo sud-orientale di
Moqatam dove sostenitori dell’op-
Un’altra strage nel nord della Nigeria
posizione si erano scontrati con
militanti del partito islamico — ABUJA, 25. Venticinque persone so- un commissariato di polizia, dove è agenti è infatti esploso accidental-
erano rimaste ferite almeno 50 no state uccise durante il fine setti- stato ucciso un agente, a una banca, mente anzitempo, dilaniandoli. Tre
persone. Lo avevano riferito fonti mana in una serie di attacchi contro dove gli aggressori hanno ucciso sei poliziotti sono rimasti feriti dallo
della sicurezza egiziane. Un altro una prigione, un commissariato e persone e rapinato una quantità im- scoppio, mentre quattro complici
ufficio dei Fratelli musulmani era un ristorante a Ganye, nello Stato precisata di denaro, e a un ristoran- dei mancati attentatori, tra cui due
stato dato alle fiamme da sosteni- orientale nigeriano di Adamawa, vi- te, dove ci sono state sette vittime, individui con la nazionalità del Ni-
tori dell’opposizione nella regione cino al confine con il Camerum Se- compreso l’eponente politico del ger, sono stati arrestati in seguito.
Un soldato maliano a Gao (LaPresse/Ap) condo il capo della polizia statale, quale la polizia non ha diffuso le
del Delta del Nilo. Pochi minuti dopo la prima defla-
Nel frattempo, nuovo rinvio Mohammed Ibrahim, tra le vittime generalità. Un’altra decina di perso- grazione, se ne è verificata un’altra a
figurano almeno una guardia carce- ne sono state uccise o davanti le lo- un posto di blocco non distante, ma
dell’Alta corte amministrativa egi- BAMAKO, 25. Sette persone sono La vicenda conferma che i gruppi
raria, un poliziotto e un uomo poli- ro case o per strada. Sull’identità senza conseguenze di sorta.
ziana per la sentenza sui ricorsi state uccise in una sparatoria ieri jihadisti, nonostante dalle città set-
nella città di Gao, nel nord del Ma- tentrionali al quale li ha costretti tico locale. degli aggressori non ci sono notizie
contro la sospensione delle elezio- Nel sud della Nigeria, intanto, c’è
li. Le vittime sono quattro miliziani l’intervento armato francese dello L’obiettivo principale dell’attacco certe, ma i sospetti si concentrano
ni legislative indette a partire dal stato il sequestro di un cittadino
jihadisti, un soldato dell’esercito scorso gennaio, hanno mantenuto sembra essere stato il carcere, dove su Boko Haram, il gruppo di matri-
22 aprile. La corte, hanno spiega- hanno fatto irruzione gli assalitori, ce fondamentalista islamica respon- straniero a Lagos, principale città
to fonti giudiziarie, ha rinviato la governativo che affianca le forze intatta la loro capacità di colpire sia del Paese, secondo quanto comuni-
francesi e africane e due civili. Se- con azioni di guerriglia sia con at- muniti di fucili d’assalto, lanciagra- sabile da anni di sistematiche vio-
decisione al 7 aprile. Contro la de- nate, mitragliatrici e bombe a mano. lenze nel nord della Nigeria. cato ieri dal locale consolato degli
condo quanto riferito da fonti tentati. Oltre che a Gao e a Kidal,
cisione della corte amministrativa Il gruppo armato, ha liberato un Poche ore prima dell’attacco Stati Uniti, che non ha però specifi-
dell’esercito maliano, che affianca le nelle ultime ore sono stati sferrati
di sospendere il voto perché la numero imprecisato di detenuti, poi nell’Adamawa, due sospetti milizia- cato la nazionalità della vittima del
truppe francesi e quelle africane in- nuovi attacchi a Timbuctu, mentre
nuova legge elettorale non è stata tervenute nel nord del Mali, lo non s’intravede la fine dei combat- ha ucciso una delle guardie carcera- ni di Boko Haram erano morti in sequestro. Un comunicato della se-
sottoposta al vaglio definitivo del- scontro sarebbe stato ingaggiato timenti nel massiccio nordorientale rie e infine ha fatto saltare in aria la un fallito attentato contro un posto de diplomatica specifica che il rapi-
la Corte costituzionale ha fatto ri- durante un rastrellamento compiuto degli Ifoghas e rimane incerta quel- struttura con l’esplosivo. di blocco della polizia a Kano, capi- mento è avvenuto sull’isola di Victo-
corso anche l’ente per i contenzio- dai soldati maliani per intercettare e la conclusione in tempi brevi del Le conseguenze più sanguinose si tale dell’omonimo Stato settentrio- ria, al largo del porto di Lagos, e
si dello Stato, a nome della presi- neutralizzare gli jihadisti infiltratisi conflitto della quale si dice certo il sono però avute dopo, quando sono nale. L’ordigno che gli attentatori che le autorità locali hanno confer-
denza egiziana. nella notte nella città. Governo francese. stati sferrati altri attacchi in città, a intendevano lanciare contro gli mato l’accaduto.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 25-26 marzo 2013

Il 24 marzo 1944 il massacro delle Fosse Ardeatine

E padre Pancrazio
allargò le braccia
di GIOVANNI PREZIOSI evasiva. Non avendo ricevuto alcuna precipitare degli eventi gli impedì Cassinelli — vi si legge — venne da
rassicurazione al riguardo, la Santa anche questa missione. me (avevo lo studio in piazza Cola
opo la fuga del re e dei Sede decise allora di adoperare i A ogni modo, proprio in via Tasso

D
di Rienzo) raccontandomi la trage-
membri del governo propri canali riservati per riuscire a il sacerdote apprese tutti i particolari dia di via Rasella. Si sapeva che non
Badoglio, Roma diven- ottenere informazioni più precise. Fu di quanto era accaduto alle Fosse trovandosene gli autori, i tedeschi
ne teatro di cruenti contattato in gran segreto proprio Ardeatine da alcuni ufficiali tedeschi avrebbero proceduto alla rappre-
combattimenti tra le va- padre Pfeiffer, l’unico a quel punto
che avevano preso parte all’eccidio. saglia, come avevano pure praticato
rie formazioni partigiane e le forze in grado di portare a termine la deli-
d’occupazione tedesche, considerate cata missione, visto che era stato In quelle ore drammatiche anche tre o quattro volte (...). Discussa la
fin dall’inizio come un corpo estra- compagno di scuola proprio del co- grave situazione col-
neo. A rendere il clima se possibile mandante della piazza di Roma, il l’avv. Cassinelli, deci-
Pfeiffer era stato compagno di scuola si di telefonare al P.
ancora più incandescente, contribuì generale Kurt Mälzer.
alcuni mesi dopo l’attentato che si In realtà, il superiore generale dei del comandante della città di Roma Pancrazio Pfeiffer
Il religioso salvatoriano
consumò nella capitale alle 15.52 del salvatoriani, appena venuto a cono- dei PP. Salvatoriani,
il generale Kurt Mälzer mio cliente da molti
23 marzo 1944 in via Rasella, proprio scenza dell’attentato, già si era mes-
nel giorno in cui i fascisti celebrava- so all’opera fin dal 23 marzo, preci- Fu incaricato di tentare una mediazione anni, per sapere co- La febbrile attività del sacerdote clusi anche 75 ebrei detenuti nel car-
no il venticinquesimo anniversario pitandosi dal tenente colonnello me “la pensavano” in salvatoriano non si fermò neanche di cere di Regina Coeli. E non era la
ma non riuscì a salvare Vaticano, dato che P.
della fondazione dei Fasci di com- Herbert Kappler col preciso intento fronte a questi ostacoli. Da una testi- prima volta. «Il buon padre Pfeiffer
battimento. A compierlo fu un nu- di ridurre le rappresaglie e salvare la i 335 che furono assassinati Pfeiffer era l’uomo monianza rilasciata da fra Cassio — scrive Priebke — è venuto molte
cleo dei gruppi di Azione Patriottica vita ad almeno 35 malcapitati, tra cui di fiducia del Vatica- Brauchle — che all’epoca svolgeva le volte a chiedere misericordia. Secon-
(Gap) delle brigate Garibaldi capeg- il colonnello Cordero Lanza di no nei rapporti colle mansioni di portinaio presso la Casa
Giulio Andreotti decise di rivolgersi autorità tedesche». do un mio calcolo, lui ha segnalato
giati da Rosario Bentivegna, ai dan- Montezemolo e il salesiano don Pie- Generalizia dell’ordine — si appren-
ni della 11ª Compagnia di riservisti tro Pappagallo. Tentò, quindi, fino a padre Pancrazio per avere notizie Inoltre, nella lettera scritta il 18 dono altri particolari. «Il 24 mattina, fino al maggio 1944 più di settanta
altoatesini del 3° Battaglione SS-Poli- all’ultimo di adempiere a questo gra- di un suo amico, il sarto Gaetano novembre 1973 al direttore della re- giorno della rappresaglia, salutai — nomi. Credo che abbia avuto succes-
zei-Regiment “Bozen” agli ordini del voso incarico che aveva ricevuto, Sepe — fermato dalla Questura di dazione romana de «L’Espresso-Co- ricorda il religioso — padre Pancra- so per 25-28 persone». Così quel
maggiore Helmut Dobbrick, che non lasciando nulla di intentato, ma Roma per motivi politici — che poi lore», riferendosi a padre Pfeiffer, zio che andava al comando tedesco giorno ci riprovò. «Alle 18 circa —
quel giorno erano reduci dalle eser- ciò nonostante, non riuscì a racco- purtroppo fu trucidato alle Fosse Ar- l’avvocato Vinatzer dichiarava: «Lo di via Tasso. Andava là per la fac- appuntò l’ufficiale nazista — è venu-
citazioni al poligono di tiro di Ponte gliere i frutti sperati perché il capo deatine. «Il padre non mi seppe dire trovai subito e mi rispose che aveva cenda di via Rasella e per farsi met- to nel mio ufficio il padre Pfeiffer,
Milvio. L’attentato costò la vita a della Gestapo era, a quel punto, pra- nulla — scrive Andreotti il 7 aprile già avuto l’incarico di sondare gli tere una firma in fondo a un manda- che per tutto il giorno aveva cercato
ben 33 soldati dei 156 che compone- ticamente irreperibile. 1981 in una lettera indirizzata a umori dei comandi tedeschi e di in- to per liberare un generale italiano. Kappler senza trovarlo. Quando il
vano la pattuglia, senza contare le Tuttavia non si diede affatto per Giorgio Angelozzi Gariboldi —. Ri- durli alla calma ed alla comprensio- Dopo alcune ore lo vidi tornare. Mi buon padre ha visto il mio stato
altre persone, tra militari e civili, che vinto e, all’alba del giorno successi- cordo che passò almeno una settima- ne, onde non cadere nel tranello te- ricordo che allargò le braccia e disse: d’animo, ha capito subito che non
na, prima di sapere che il mio amico so loro dagli attentatori, ai quali non “Non ho trovato nessuno, non c’è
c’era più speranza. (...) ». Difatti,
Gaetano Sepe era tra le vittime. Ma interessava l’uccisione di una trenti- niente da fare”».
il padre non mi seppe dire, né quan- na di vecchi piantoni, ma che vole- Persino nel memoriale di Erich l’ordine era già stato eseguito dai
te fossero le vittime, né dove si tro- vano provocare l’inevitabile rappre- Priebke si trova traccia di questo militari della Polizia di Sicurezza e
vasse il cadavere. Nei colloqui che saglia tedesca, onde costruire a Ro- tentativo disperato compiuto da pa- della SD, al comando proprio del ca-
ebbi con il Papa, dopo il 23-24 mar- ma (...) un momento di odio antite- dre Pfeiffer per salvare la vita a quei pitano delle SS Erich Priebke e del
zo, non raccolsi il minimo cenno che desco, perenne». 335 malcapitati, tra i quali furono in- capitano Kurt Schütz.
il Papa avesse saputo prima della
strage quanto era stato nella notte e
al mattino deciso e approvato dai te-
deschi».
Quindi, il 24 marzo del 1944, pro- Giorgio Napolitano e Joachim Gauck a Sant’Anna di Stazzema
prio nell’imminenza dell’esecuzione
di quella sentenza, Andreotti solleci-
tò anche l’intervento a beneficio del
giovane membro della resistenza ro-
La memoria come giustizia collettiva
mana, capo della VI Zona, Giuseppe È con la condivisione del lutto di
Lo Presti, che però non sortì gli ef- due Paesi che il presidente della
fetti sperati. Difatti, ricoprendo la Repubblica italiana, Giorgio Na-
carica di presidente della Federazio- politano, ha scelto di compiere il
ne degli universitari cattolici italiani suo ultimo atto pubblico. Dome-
(Fuci), di cui era assistente proprio nica 24 marzo, infatti, a Sant’An-
monsignor Montini, spesso Andreot-
na di Stazzema (Lucca), davanti
I catturati nella retata lungo il muro di Palazzo Barberini ti si rivolgeva a padre Pancrazio per
all’Ossario dei 560 uccisi dai nazi-
ottenere la liberazione di alcuni di
sti il 12 agosto 1944, Napolitano si
questi giovani che, facendo parte
della resistenza, finivano per essere è stretto in un commosso abbrac-
rimasero ferite seriamente. Nello vo, poche ore prima che venisse ese-
catturati dai tedeschi e rinchiusi a cio con Joachim Gauck, presiden-
scontro a fuoco furono uccisi anche guito l’ordine di giustiziare barbara-
Antonio Chiaretti, Enrico Pascucci, Regina Coeli. te tedesco giunto da Berlino per
mente 335 persone innocenti, si ri- commemorare le vittime della stra-
Antonietta Baglioni e un ragazzo di presentò in via Tasso per cercare in Nessun dettaglio trapelò della
tredici anni, Piero Zuccheretti. rappresaglia nazista. Difatti, astuta- ge. Con l’incontro di questi due
tutti i modi di conferire con Kapp- uomini si chiude il cerchio della
La reazione dei nazisti non si fece ler; ma anche stavolta i suoi febbrili mente quella mattina Kappler aveva
attendere. Per rappresaglia subito dato ordine di vietare categorica- riconciliazione rispetto a una pa-
tentativi si rivelarono vani. gina tragica del secolo scorso.
dopo furono rastrellate circa 110 per- mente l’accesso alle prigioni di via
Difatti, la mattina del 24 marzo «Per quanto possiamo deplorare
sone, ammassate lungo il muro di Tasso e Regina Coeli ai familiari dei
padre Pfeiffer trovò tutti gli uffici e i detenuti, col preciso intento di evita- che non si riesca ad avere giustizia
recinzione di palazzo Barberini, in
via Quattro Fontane. Quindi, su comandi tedeschi chiusi. Si sa che lì re qualsiasi fuga di notizie. Il ruolo nei tribunali — ha detto Napolita-
espressa indicazione di Hitler, perve- avrebbe dovuto sottoporre all’atten- che ebbe in questa vicenda padre no — siamo certi che questa nostra
nuta tramite l’Oberkommando der zione del comandante della Gestapo Pfeiffer lo possiamo desumere da memoria è anch’essa un’alta forma
Wehrmacht, fu impartito l’ordine anche la domanda di grazia per il due lettere dell’avvocato Otto Vinat- di giustizia collettiva. Ed è una
perentorio di trucidare dieci italiani comandante del Fronte Militare, ge- zer che descrivono, con dovizia di condanna, più pesante di ogni al-
per ogni vittima tedesca. In realtà, nerale Simoni — arrestato nella sua particolari, il giorno dell’attentato di tra, per coloro che portano la col-
all’inizio il Führer aveva dato dispo- abitazione il 23 gennaio 1944 — ma il via Rasella. «Il 23 marzo 1943, l’avv. pa di queste sofferenze».
sizione che fossero passati per le ar-
mi 50 italiani per ogni tedesco.
Nella lista dei Todeskandidaten
meticolosamente stilata da Kappler,
oltre agli ebrei, furono inclusi anche All’origine dell’iconografia dell’ingresso di Cristo in Gerusalemme
tutti coloro che nei mesi precedenti
erano stati condannati a morte e poi
graziati, gli antifascisti accusati di
reati per cui era prevista la pena ca-
Quell’umile giovane sul dorso di un’asina
pitale, gli ufficiali del Fronte Milita-
di FABRIZIO BISCONTI del potere temporale, proponendo l’innocuo pera le figure, i gesti e l’atmosfera del ceri-
re Clandestino del colonnello Cor-
gesto della parola e, dunque, svelando la sua moniale imperiale.
dero Lanza di Montezemolo, quelli
In epoca costantiniana, ovvero nel tempo vera identità, ovvero della personificazione Per il resto, la scena appare in un gruppo
della Marina, dell’Aviazione e
della grande rinascenza artistica, che cono- naturale del Lògos. di sarcofagi, circa una ventina, concepiti in
dell’Esercito, nonché tutti i carabi-
sce il suo culmine negli anni centrali del IV Tutta la situazione, preparata dai discepoli un atelier romano alla fine del IV secolo, col-
nieri prigionieri dei tedeschi ritenuti
secolo, viene introdotta nei monumenti cri- che si recano a prelevare l’asina prima locandosi al centro di una sequenza cristolo-
estremamente pericolosi, ai quali si
stiani una dettagliata raffigurazione dell’epi- dell’ingresso, assume un carattere quasi cari- gica che privilegia le guarigioni dei ciechi,
aggiunsero anche i prigionieri politi-
ci comunisti e azionisti. Ma nono- sodio evangelico relativo al trionfale ingres- caturale e sicuramente simbolico. Se, infatti, dell’emorroissa, del paralitico, creando una
stante ciò i conti a Kappler ancora so di Gesù nella città di Gerusalemme (Mat- lo schema recupera l’iconografia tradizionale teoria di situazioni che vedono come centro
non tornavano, considerato che era teo, 21, 6-9; Marco, 11, 4-11; Luca, 19, 32-38; e solenne dell’adventus imperiale, qui il pro- privilegiato l’ingresso del Cristo, che, per
riuscito a racimolare soltanto 285 Giovanni, 12, 14-16). La scena comporta sem- tagonista non esibisce la posa autorappre- questo, viene considerato non tanto e non
persone. Si rivolse, perciò, al questo- plicemente la figura estremamente giovanile solo come re, ma anche come tera-
re Pietro Caruso che, con l’autoriz- del Cristo, vestito in tunica e pallio, mentre peuta, come attore protagonista
incede, seduto, talora all’amazzone, su Non un terribile imperatore o un severo re della guarigione del popolo di
zazione del ministro Buffarini Guidi,
gli procurò altri 50 nominativi per un’asina, facendo il gesto della parola men- ma un ragazzo inerme D io.
completare la lista. tre la folla acclama sollevando fronde d’albe- La scena — come si diceva —
ro e stendendo mantelli. La scenetta viene che entra senza le insegne del potere trova le sue prime rappresentazio-
Come in altre circostanze analo-
ghe, anche stavolta padre Pancrazio resa ancora più gioiosa e festosa, in qualche Proponendo l’innocuo gesto della parola ni nella plastica funeraria, ma, di
Pfeiffer cercò di interporre i suoi caso, dalla presenza di un puledro che è in- lì a poco, ispirerà anche la pittura
buoni uffici, col chiaro intento di serito tra le zampe della madre, in perfetta catacombale, come dimostra una
mitigare il furore dei militari tede- coerenza con il racconto di Matteo. sentativa del regnante sul carro, ma la mo- pittura, del IV secolo, assai danneggiata, ma
schi. Se non che, improvvisamente, L’ingresso trionfale — come è noto — ri- desta cavalcatura di un’asina di un re bam- comunque leggibile, nelle catacombe siracu-
alle ore 10.15 del 24 marzo in Vatica- chiama la profezia messianica (Isaia, 62, 11; bino, che non ha intenzioni belliche o mi- sane di Vigna Cassia. Nel V secolo, poi, la
no giunse la telefonata di un funzio- Zaccaria, 9, 9) che recita: «Dite alla figlia di nacciose. rappresentazione torna nel singolare ipogeo
nario del Governatorato di Roma, Sion: Ecco, il tuo re viene a te mite, seduto Talora il festoso ingresso di Gesù è conti- — forse un oratorio, forse un ambiente fune-
un certo ingegnere Ferrero, il quale su un’asina, con un puledro figlio di bestia
nuato da una scena adiacente che rappresen- rario — di Santa Maria in Stelle, presso Ve-
comunicava che di lì a poco si sa- da soma». Ebbene, il senso della profezia
ta il piccolo pubblicano Zaccheo, che sale rona.
rebbe verificata una rappresaglia in vuole proprio sottolineare l’umiltà e il carat-
tere pacifico del regno messianico. Questo sul sicomoro per vedere il Cristo che arriva a Da quel momento, la scena dell’ingresso
seguito all’attentato di via Rasella.
sottile concetto viene perfettamente recepito Gerico, secondo quanto narra il vangelo di trionfale del Cristo in Gerusalemme appare
«Finora — disse — sono sconosciute
dagli artifices paleocristiani, se nel raffigurare Luca (19, 1-6). negli avori e, specialmente, in una formella
le contromisure: si prevede però che
per ogni tedesco ucciso, saranno il trionfale ingresso del Cristo si attribuisco- L’ingresso di Gesù a Gerusalemme, co- della cattedra ravennate di Massimiano, al
passati per le armi 10 italiani». no al protagonista le sembianze di un dolce munque, vuole, sia pure in forma simbolica, tempo di Giustiniano. Lo schema viene re-
La Segreteria di Stato immediata- fanciullo, imberbe, dai capelli inanellati, che parlarci della regalità del Cristo, se questa cuperato nel tempo, sino a interessare i co-
mente contattò l’ambasciata tedesca non monta un destriero, ma un’asina che ha scena viene, in qualche caso, connessa, come dici miniati e, in particolare quelli celebri di
presso la Santa Sede per avere mag- appena partorito e che mostra, dunque, tut- nel celebre sarcofago del praefectus urbi Giu- Rossano Calabro e di Rabbula, dimostrando
giori delucidazioni in merito. Tutta- ta la sua fragilità. Non un terribile imperato- nio Basso, morto nel 359, alla maiestas Do- come l’adventus del re del popolo di Dio si
via, la risposta fornita dal ministro re, non un severo regnante, ma un giovane e mini, ossia alla figura del Cristo maestro, so- proietta nel tempo e nella civiltà figurativa
consigliere dell’Ambasciata, von «Ingresso di Gesù in Gerusalemme» (VI secolo, formella eburnea inerme ragazzo che, pur acclamato e bene- lennemente assiso in trono tra i principi de- cristiana che, dalla tarda antichità, giunge
Kessel, si dimostrò estremamente della cattedra di Massimiano, Ravenna, Museo arcivescovile) detto, entra senza armi e senza le insegne gli apostoli, secondo uno schema che recu- all’alto medioevo.
lunedì-martedì 25-26 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

L’umiltà nella Chiesa e la lotta alla corruzione in due meditazioni del cardinale Jorge Mario Bergoglio

Chi sa accusare se stesso Doroteo


di Gaza
a riflessione di Doroteo dici l’opzione fondamentale per cità di condanna. Non sanno con- tologica che la realizza
e la mitezza
L di Gaza ci provoca a
impostare il problema
dell’accusa di se stessi e
la sua rilevanza nella
vita spirituale, e in modo speciale
come essa incida nell’unione tra i
l’anti-individualismo, per lo spiri-
to di famiglia e di Chiesa che ci
porta a relazionarci come buoni
figli e buoni fratelli, per poi arri-
vare a essere buoni padri. Accusa-
re se stessi presuppone un atteg-
dannare bene. Confondono la bat- una volta per sempre.
taglia con il chiasso. Non hanno D’altra parte, è il
chiesto, come insegna sant’Ignazio Signore stesso che, nel
nel triplice colloquio del terzo nostro “abbassamen-
esercizio della prima settimana, la to”, ci giustifica. I fa-
grazia di conoscere per aborrire risei si autogiustifica-
di ENZO BIANCHI
Per Doroteo di Gaza più che nell’ascesi
esteriore la grande lotta del cristiano
consiste nell’ascesi dell’io, nella discipli-
cuori in seno a una comunità. giamento fondamentalmente co- (Esercizi spirituali, 62-63). Curiosa- vano («Voi che riceve-
Non è raro incontrare — nelle co- munitario. mente, si tratta di eticisti che con- te gloria gli uni dagli na dell’ego, ossia nella rinuncia alla «vo-
munità religiose, siano esse locali La tentazione dell’individuali- trobilanciano la colpa prodotta altri», Giovanni, 5, 44). lontà propria», per cercare il bene co-
mune e acconsentire alla volontà di
o provinciali — fazioni che lottano smo, quella che — crescendo — ci dal sospettare di tutti con la con- Il giusto cerca unica-
Dio. «Chi è attaccato alla propria vo-
per imporre l’egemonia del pro- induce alla faziosità nella vita di dotta ostentata e farisaica di non mente la giustificazio-
prio pensiero e delle proprie pre- ne di Dio, e per que- lontà come può sopportare un altro o
comunità, si basa sempre su una condannare niente e nessuno. come può ascoltare il minimo consi-
ferenze. Questo accade quando verità (reale, o parziale, o appa- Mancando loro il senso dell’og- sto motivo si abbassa, glio?» (Insegnamenti, 5, 63). La grande
l’apertura caritatevole al prossimo rente, o ingannevole). Suole essere gettività, la loro fantasia condanna si accusa. E così come
la giustificazione ci fu ascesi possibile a tutti, forti e deboli, è
viene sostituita dalle idee di cia- una ragione che giustifica e al a priori, sotto apparenza di so-
data grazie alla croce quella di «spezzare la volontà propria»,
scuno. Non si difende più il tutto tempo stesso tranquillizza. E que- spetto, ogni avvicinamento degli il proprio modo autoreferenziale di ve-
della famiglia, ma la parte che mi di Cristo, in un modo
sta ragione ha radici nello spirito altri alla loro vita. dere le cose, i propri pensieri, per entra-
tocca. Non si aderisce più all’uni- universale e irripetibi-
di sospetto e di diffidenza. La dottrina spirituale dell’accu- le, anche il nostro re nei pensieri di Dio. Alla volontà pro-
tà che va a configurare il corpo di Le supposizioni sono come i sa di sé stessi o del disprezzo di camminare sulla via pria infatti si associa sempre, secondo
Cristo, ma al conflitto che divide, “futuribili”: sono sempre una ten- sé, che espone Doroteo di Gaza, del Signore comporta Doroteo, una «pretesa di giustizia» (cfr.
rende parziali, debilita. tazione. Lì non c’è Dio, perché va incontro a tutte queste tenta- di assumere, analoga- Insegnamenti, 5, 63), l’atteggiamento del
Per i formatori e superiori non Lui è Signore del tempo reale, del zioni e cerca di situare il religioso mente, l’abbassamento fariseo che si compiace della propria
risulta sempre agevole educare facendosi eco della tra- della Croce. Accusarsi giustizia e disprezza il pubblicano. Chi
all’appartenenza allo spirito di fa- dizione che riceve dai è assumere il ruolo del segue questa via potrà anche compiere
miglia, soprattutto quando è ne- Secondo Massimo il Confessore Padri in una dimensio- reo, come lo assunse il opere buone, ma «non smetterà mai di
cessario plasmare atteggiamenti far soffrire gli altri e di soffrire lui stes-
interiori, anche piccoli, ma che
l’abbassamento del Verbo ne oggettiva davanti a Signore caricandosi so, e tutta la sua fatica sarà vana» (Inse-
Dio e agli uomini. delle nostre colpe.
hanno le loro ripercussioni a que- è un’esca lanciata al demonio Grazie al continuo L’uomo, invece, si gnamenti, 7, 81). Sarà fonte di sofferenza
sto livello del corpo istituzionale. per sé e per gli altri, perché la convin-
Uno degli atteggiamenti validi
«Nel morderla, si sarebbe convertita esercizio dell’autoaccu- sente degno. Di qui Francisco de Zurbarán, «Cristo in croce» (1627) zione di essere giusti porta a vedere il
sa, respinge i sospetti e viene la preoccupazio-
che devono prendere corpo nel per lui in veleno mortale» lascia spazio all’azione ne di sant’Ignazio
peccato solo «fuori di sé» e a disprezza-
cuore dei giovani religiosi è quello re gli altri; porta alla critica distruttiva e
di Dio, colui che, in quando consiglia a chi si trova la forza della divinità che portava alla mormorazione che distruggono la
di “accusare se stessi”, poiché è
passato constatabile e del presente definitiva, fa l’unione dei cuori. nella consolazione di «abbassarsi occulta nel suo interno; questa comunione, alla durezza di cuore pro-
nella carenza di questa pratica che
discernibile. Quanto al futuro, è il Nell’atto di accusarsi, il cuore e umiliarsi» (cfr. regola 11 del di- stessa forza sarebbe servita, inve- pria di chi crede di non aver bisogno di
si radicano lo spirito di parte e le
Signore della Promessa, che ri- del religioso si abbassa, ed è pre- scernimento degli spiriti, Esercizi ce, di rimedio per la natura uma- misericordia e non fa misericordia.
divisioni. Occorre in primo luogo
chiede a noi fiducia e abbandono. cisamente questo abbassamento spirituali, 324): non accada che il na, restituendola alla sua primitiva La via della pace è l’accusa di sé, il
mettere al bando ogni riferimento Lo spirito di sospetto e diffidenza interiore che conferisce efficacia piacere della consolazione lo porti dignità» (Centurie, I, 12).
anche inconsapevole o qualsivo- riconoscersi sempre peccatore. Anche di
pretende, in fondo, una verità che agli altri mezzi naturali e tecnici a elevarsi con un merito che non è Umiliarsi suppone in qualche fronte alle accuse ingiuste, chi è umile
glia atteggiamento farisaico che mi assicuri contro il fratello: sarà di reciproca intesa. Questo atteg- suo. modo attrarre l’attenzione del ritiene che gli sia stata comunque ricor-
presenti l’accusare se stessi come sempre una verità difensiva nei ri- giamento di abbassamento ha la
qualcosa di puerile o di tipico dei Accusare se stessi è sempre un Diavolo, lottare, sottomettersi alla data una verità: la sua realtà di peccato-
guardi della partecipazione comu- sua fondazione teologica nell’ab- atto di umiliazione che conduce tentazione, però infine trionfare. re, bisognoso della misericordia di Dio,
pusillanimi. nitaria, una verità che giustifichi bassamento del Verbo (la synkatà- all’umiltà. E quando uno opta per Questo atteggiamento al contrario e «si scopre sempre responsabile di quel
Autoaccusarsi suppone piutto- la mancanza di partecipazione in basis), che rende possibile l’acces- il cammino dell’umiliazione, opta della diffidenza che produceva an- che è accaduto» (Insegnamenti, 7, 82),
sto un coraggio non comune per comunità.
aprire la porta a realtà sconosciute so a Dio (cfr. la teologia della Let- necessariamente per la lotta e per sietà sfocia nella mansuetudine e
Nel meccanismo del sospetto, tera agli Ebrei 2, 17; 3, 7 ss.; 4, 14- il trionfo. nella pazienza.
e per lasciare che gli altri vedano dietro la parvenza dell’amore per 16; 9). Pertanto, l’accesso al fratel- Le Regole della modestia che
oltre la mia apparenza. Significa Secondo Massimo il Confessore
la verità si cela una raffinata ricer- lo lo realizza lo stesso Cristo, a
rinunciare a tutti i maquillage di la synkatàbasis del Verbo è un’esca scrisse sant’Ignazio hanno il loro
ca di piacere. Si vuole salvaguar-
noi stessi perché si manifesti la ve- partire dal nostro abbassamento. lanciata al demonio, che la in- fondamento in un paragrafo delle
dare una volontà, dietro alle idee. Costituzioni che descrive tale stato
rità. È questo, precisamente, il ghiotte e muore: «In questo modo
Questi religiosi sono consuetudi-
Accusare se stessi (che è solo un “buon avvicinarsi” tipico del cri- offre alla voracità insaziabile del di mansuetudine: «Mettano tutti
nari nimis probantes che, con un una cura speciale per custodire
mezzo) è la base in cui getta le ra- diluvio di argomenti, non arrivano stiano. La maniera di avvicinarsi drago infernale l’esca della sua con molta diligenza da ogni disor-
a provare null’altro se non la loro bene ha un connotato qualitativo, carne, eccitandone l’avidità; esca dine le porte dei loro sensi, spe-
adesione a un piacere nascosto. che pone ogni relazione di vici- che, nel morderla, si sarebbe con-
cialmente degli occhi e della lin-
I diffidenti e sospettosi sono nanza religiosa (filiale, fraterna e vertita per lui in veleno mortale e gua. Si mantengano nella pace e
strutturalmente avidi. E la loro paterna) in una dimensione esca- causa della sua totale rovina, per nella vera umiltà dell’anima, e ne
A Buenos Aires avidità, suggerita dallo schema diano testimonianza col silenzio,
manicheo che li ispira, si muove quando è tempo d’osservarlo, e
L’arcidiocesi sul “movimento pendolare” tra la quando si deve parlare, facendo
ricerca di gioie immaginarie e la attenzione alle parole e dando co-
mette in rete difesa da timori immaginari.
Presentazione a Roma
sì edificazione con la modestia del
Chiusi alla generosità paziente volto e la maturità nel camminare,
le omelie della oggettività della vita e al co- Nello spirito di sant’Ignazio e con tutti gli altri gesti, evitando
raggio nobile nella difesa da attac- ogni indizio d’impazienza e di su-
L’arcidiocesi di Buenos Aires chi reali, essi sono autoconvinti di Vengono presentati martedì 26 a Roma, nella sede della «Civiltà perbia. E cerchino e desiderino in Particolare di un’icona raffigurante Doroteo di Gaza
ha pubblicato nel suo sito queste gioie e di questi timori Cattolica» i primi due libri in italiano di Jorge Mario Bergoglio. tutto di cedere agli altri, interior-
(www.arzbaires.org.ar) omelie, immaginari che colmano la loro Si tratta dei volumi della Editrice Missionaria Italiana (Emi): mente stimandoli quasi fossero su-
discorsi e messaggi anima. Umiltà, la strada verso Dio (Bologna, 2013, pagine 64, euro 6,90), periori, ed esteriormente manife- scopre cioè che può sempre dare una ri-
dell’arcivescovo Bergoglio, Il sospetto e la diffidenza con- dal quale qui sopra pubblichiamo ampi stralci del testo e della stando loro il rispetto e la defe- sposta conforme al vangelo.
dalla messa crismale del 1° ducono gli esseri umani alla tipica postfazione di Enzo Bianchi, e Guarire dalla corruzione (Bologna renza consentita dalla condizione Chi è in fondo il cristiano per i padri
amarezza di quelli che accusano 2013, pagine 64, euro 6,90) che raccolgono meditazioni che il car- di ciascuno, con naturalezza e di Gaza? È un uomo che, alla sequela
aprile 1999 ai due testi più
anche Dio. Doroteo di Gaza lo fa dinale arcivescovo di Buenos Aires fece nel 2005 per la diocesi semplicità religiosa. In tal modo, del Signore, vuole diventare come lui
recenti: l’omelia tenuta dal
notare a proposito del caso di riunita in assemblea. Entrambi attingono alla spiritualità di considerandosi gli uni gli altri, mite e umile di cuore (Matteo, 11, 29). La
cardinale il 13 febbraio 2013 in Adamo ed Eva. sant’Ignazio di Loyola per descrivere i meccanismi profondi e of- cresceranno in devozione e lode- via cristiana è via di mitezza e di umil-
occasione della messa di Così, a poco a poco, questi reli- tà. Il Cristo mite e umile di cuore è
frire vie di soluzione a fenomeni di estrema attualità quali la cor- ranno Dio nostro Signore, che cia-
Mercoledì delle ceneri e il giosi vanno allontanandosi dalla ruzione, nella società e nella Chiesa, e l’urgenza di una vita eccle- l’icona del vero cristiano: «Chi vuole
scuno deve sforzarsi di riconoscere
messaggio quaresimale inviato verità per ubbidire alla menzogna. siale improntata alla carità fraterna. All’incontro, moderato dal di- nell’altro come nella sua immagi- trovare il vero riposo per la sua anima
lo stesso giorno ai sacerdoti, ai Si registra anche, in questo pro- rettore della rivista dei gesuiti, padre Antonio Spadaro, interven- ne» (Costituzioni, 250). impari l’umiltà... “Venite a me voi tutti
consacrati e ai laici cesso di arruolamento nella men- gono la storica Lucetta Scaraffia, nostra editorialista, don Luigi Questo testo evoca il capitolo che siete affaticati e oppressi e io vi da-
dell’arcidiocesi. zogna, uno sfasamento nella capa- Ciotti e il direttore della Emi, Lorenzo Fazzini. 12 della Lettera ai Romani, e i mol- rò riposo”, cioè: Ecco che avete provato
ti altri testi paolini in cui si parla la fatica, la miseria, avete fatto esperien-
dei «frutti dello Spirito». Ed è za del male e della disobbedienza. Su
esattamente su questo cammino venite, convertitevi... Imparate da me
dell’accusare se stessi che si giun- che sono mite e umile di cuore e trove-
Peccatori sì, ma non corrotti ge all’opinione di sé che aveva
sant’Ignazio: di essere «tutto im-
pedimento».
rete riposo per le vostre anime» (Inse-
gnamenti, 1, 8-9).
L’umiltà è l’atteggiamento indispen-
«Ogni corruzione sociale — af- sura in cui è capace di aderire, ricchezze, di persone care e così La mansuetudine cristiana si sabile per l’obbedienza al comandamen-
fermava l’8 dicembre 2005 il nella misura in cui è capace di via) e sono queste che spaccano edifica su questa strada; trascende to del Signore. «Prima di ogni altra co-
cardinale Bergoglio nel discorso amare o di negare l’amore l’ossatura corrotta e permettono l’ambito delle regole delle buone sa abbiamo bisogno dell’umiltà (...)
pubblicato oggi nel libro Guari- (odiare)». l’accesso della grazia. Solo allo- maniere per raggiungere nella perché essa annienta ogni inganno del
re dalla corruzione — non è altro E continua l’arcivescovo nella ra potrà essere curato». mansuetudine dell’Agnello la sua Nemico e avversario» (Insegnamenti, 2,
che la conseguenza di un cuore sua analisi: «Potremmo dire che «Come è noto — scrive Pietro radice profonda e il suo modello 26). Vi sono due generi di umiltà: «Il
corrotto (...) Non ci sarebbe il peccato si perdona, la corru- Grasso, presidente del Senato compiuto. Chi si autoaccusa lascia primo consiste nello stimare il proprio
corruzione sociale senza cuori zione non può essere perdonata. italiano, nella postfazione al li- spazio alla misericordia di Dio; è fratello più intelligente e superiore in
corrotti: “Ciò che esce dall’uo- Semplicemente per il fatto che bro — la corruzione è un male come il pubblicano che non osa tutto; in una parola, come disse quel
mo, questo sì contamina l’uo- alla radice di qualunque atteg- antico che ha sempre inquinato alzare gli occhi (cfr. Luca, 18, 13). santo, nel mettersi al di sotto di tutti
mo. Dal di dentro, infatti, cioè giamento corrotto c’è una stan- la natura umana (...) lo testimo- Colui che sa accusare se stesso (cfr. Detti dei padri, Sisoès 13). Il secon-
dal cuore degli uomini, escono chezza della trascendenza: di nia il senatore romano Cicerone, è una persona che saprà sempre do consiste nell’attribuire a Dio tutto
le intenzioni cattive” (Marco, 7, fronte al Dio che non si stanca che nelle sue famose orazioni “avvicinarsi bene” agli altri, come quello che riusciamo a fare. Questa è
di perdonare, il cor- per sostenere l’accusa contro il il buon samaritano, e in questo l’umiltà perfetta dei santi che nasce dal-
rotto si erge come pretore della Sicilia Gaio Lici- avvicinamento Cristo stesso realiz- la pratica dei comandamenti» (Insegna-
Il corrotto di solito autosufficiente nel- nio Verre scriveva: “Così muore zerà l’accesso al fratello. menti, 2, 33).
non si accorge del suo stato l’espressione della sua uno Stato. Il sottrarre ad altri
salvezza: si stanca di per sé e per la propria fazione è
di corruzione chiedere perdono». E più contrario alla salute dello
Sono gli altri che se ne accorgono il corrotto «non si ac- Stato che la guerra e la care- Da Papa Francesco secondo Mauro Magatti
corge del suo stato di stia”. Nelle pieghe della corru-
e devono farglielo notare corruzione. Succede zione si nasconde il disprezzo
René Magritte, «Il doppio segreto» ( 1927)

come con l’alito catti- verso il bene comune e l’ante- Consigli per affrontare la crisi
20)». Un cuore corrotto: qui sta vo: difficilmente chi ha l’alito porre il proprio particolare classe politica è arrivata la scos-
il punto, continua Bergoglio pesante se ne rende conto. Sono all’interesse generale». sa morale di un Papa che ha vo- «Popolo, poveri, umiltà, misericordia. Le prime parole di Papa Francesco suonano
nella sua analisi sulla “decom- gli altri che se ne accorgono, e Il percorso è impervio, ma ci luto chiamarsi Francesco e ri- straordinariamente attuali, non solo per rinnovare la Chiesa cattolica, ma anche per
posizione” dell’umano provoca- devono farglielo notare. Ne con- accompagnano ora queste pro- chiamare, sin da subito, l’at- rianimare le economie e le democrazie avanzate» scrive Mauro Magatti sul «Corriere
ta dalla reiterazione del male. segue che altrettanto difficil- fonde riflessioni del cardinale tenzione ai più deboli, alle vitti- della Sera» del 25 marzo. «C’è un punto di vista privilegiato — prosegue il sociologo
«Perché un cuore si corrompe? mente il corrotto può uscire da Bergoglio, che fa della corruzio- me, auspicando “una Chiesa po- dell’Università Cattolica del Sacro Cuore — da cui, come cristiani, occorre guardare la
Il cuore non è un’ultima istanza questo stato per un rimorso in- ne non solo la somma “quanti- vera per i poveri”, richiamo che
storia. Oggi è difficile non riconoscere che il partire dai bisogni delle persone può es-
dell’uomo, chiusa in se stessa; teriore. Si ritrova con la virtù di tativa” di peccati ma una mala è in netto contrasto all’egoismo
non finisce lì la relazione (e quell’ambito anestetizzata. pianta che minaccia le fonda- della corruttela. Il suo messag- sere un antidoto alle derive disumanizzanti dei nostri potenti sistemi tecnico-economi-
quindi nemmeno la relazione Generalmente il Signore lo menta su cui sono costruiti gli gio è così chiaro che nessuno ci. Indicandoci così una strada per affrontare i problemi della crisi che ci attanaglia».
morale). Il cuore umano è cuore salva attraverso prove che gli ar- Stati democratici e la Chiesa potrà più giustificarsi dicendo E conclude: «In modo semplice ma non semplicistico Papa Francesco ci ricorda che
nella misura in cui è in grado di rivano da situazioni che non stessa. Insieme all’indignazione “non avevo capito” o “così fan- senza attenzione al povero la nostra umanità si inaridisce. E quando ciò accade, non
riferirsi a un’altra cosa: nella mi- può evitare (malattie, perdita di civile e al rinnovamento della no tutti”. c’è giustizia. E senza giustizia — possiamo aggiungere — anche la crescita si blocca».
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 25-26 marzo 2013

Nel 1991 in Perú l’uccisione dei due missionari polacchi fra Miguel e fra Zbigniew Celebrati a Padova i funerali di monsignor Giovanni Nervo

Martiri Ha testimoniato
della carità l’amore di Cristo
di UGO SARTORIO venerato come mar- PAD OVA, 25. «La carità è il nome fondamente l’intera Chiesa italiana, «plasmare un volto e un cuore di
tire». Non è man- stesso di Dio, per questo la Chiesa che per decenni ha avuto in monsi- Chiesa della carità, animata dalla
Uno dei nomi che a ragione è stato cato, allora, chi ab- di Cristo non può che essere Chiesa gnor Nervo un instancabile punto giustizia, promotrice del volon-
attribuito al XX secolo è quello di bia espresso mera- della carità». È quanto ha detto l’ar- di riferimento e dal quale ha ricevu- tariato a servizio dei poveri e degli
“secolo dei martiri”, e uno dei luo- viglia per questa civescovo-vescovo di Padova, Anto- to «luminosi insegnamenti e uno ultimi».
ghi più segnati dal filo rosso del scelta innovativa, nio Mattiazzo, presiedendo questa stimolante esempio di vita». Monsignor Nervo, ha concluso il
martirio è certamente l’America lati- anche se ormai la mattina in cattedrale le esequie di Numerosi i presuli che hanno presule, «ci ha dato una splendida
na. Perché? Forse perché in Sud via nuova era stata monsignor Giovanni Nervo, fonda- partecipato alle esequie: tra essi il testimonianza. Nato povero, è vissu-
America la recezione del concilio per sempre traccia- tore e primo presidente di Caritas vescovo di Lodi, Giuseppe Merisi,
ta. to povero e morto povero. Ha ama-
Vaticano II ha trovato una particola- Italiana, morto giovedì scorso a 94 presidente di Caritas Italiana, insie-
Ma chiediamoci, anni. Un lutto che ha colpito pro- to non a parole ma nei fatti e nella
re fecondità nella coniugazione con- me con il direttore, don Francesco
ora, qual è il moti- verità. Non ci ha lasciato un testa-
creta di Vangelo e mondo dei pove- Soddu.
ri, sulla scorta del dettato profetico vo per cui fra Mi- È impossibile, per monsignor mento spirituale scritto. Il testamen-
di Lumen gentium n. 8b: «Come Cri- guel e fra Zbigniew Mattiazzo, ricordare in maniera to, l’eredità preziosa che ci lascia è
sto è stato inviato dal Padre “ad an- sono stati uccisi? esaustiva la figura «insigne» di un la sua stessa vita».
nunciare la buona novella ai poveri, Nel dialogo fra i Messaggio della Cei uomo e sacerdote come monsignor
a guarire quelli che hanno il cuore terroristi e i due Nervo, che tanto rilievo ha avuto
contrito” (Luca, 4, 18), “a cercare e frati, avvenuto su
una camioneta dove
La Giornata sotto il profilo culturale, caritativo,
salvare ciò che era perduto” (Luca, sociale e civile. Tuttavia, «nel com-
19, 10), così pure la Chiesa circonda c’era un commando
politico-ideologico-
della Cattolica piere questa consegna al Signore

d’affettuosa cura quanti sono afflitti che ha vinto la morte e regna eter-
dalla umana debolezza, anzi ricono- esecutivo, un testi- ROMA, 25. A fianco dei giovani namente, vogliamo ricordare la per- La Congregazione per il Culto Divino
sce nei poveri e nei sofferenti l’im- mone coglie con per aiutarli a guardare al futuro sona e le opere di bene compiute da e la Disciplina dei Sacramenti comuni-
magine del suo fondatore, povero e chiarezza le seguen- con fiducia e sostenerli nell’af- monsignor Nervo, quelle opere ca con dolore che è deceduto il
sofferente, si fa premura di sollevar- ti espressioni: «In- frontare le difficili sfide della vi- buone che sole ci seguono nella vita
ne l’indigenza e in loro cerca di ser- gannano il popolo ta. La storica missione della eterna»: il suo impegno di edu- Signor
vire il Cristo». È avvenuto, infatti, perché distribuisco- Giornata dell’Università Cattoli- catore tra i giovani, l’istituzione del-
che nelle grandi assemblee ecclesiali no alimenti della ca del Sacro Cuore oggi diventa la Fondazione Zancan, l’opera GINO ALD O MAINIERO
di Medellín (1968) e Puebla (1979) Da sinistra a destra fra Jarek, fra Miguel e fra Zbigniew Caritas, che è im- ancora più impegnativa. Ciò si- profusa per organizzare la ricostru- padre del Dott. Antonio Mainiero Of-
si sia rimarcato come l’evangelizare perialismo. Predica- gnifica «confermare la convinta zione del Friuli dopo il terremoto ficiale di questo Dicastero.
pauperibus (cfr. Luca, 4, 18) richieda no la pace e così responsabilità dei cattolici italiani del 1976. Soprattutto, però, una Nell’esprimere profonda partecipa-
anche un lasciarsi evangelizzare dai dell’amore. «D’altra parte — scriveva addormentano la gente. Non voglio- per la formazione dei giovani». È «tappa miliare del suo ministero» si zione al grave lutto del Dott. Mainiero
poveri, poiché mentre si attiva la il teologo Karl Rahner già trent'anni no né la violenza né la rivoluzione. quanto, in sintesi, afferma la pre- colloca nel 1971. «All’indomani del e della sua famiglia, i Superiori e gli
cosiddetta «opzione preferenziale fa in un fascicolo della rivista “Con- La pace disonora la gente. Bisogna sidenza della Conferenza episco- concilio ecumenico Vaticano II — Officiali della Congregazione, in spiri-
per i poveri» è anche necessario cilium” (n. 3/1983) dove si tematiz- uccidere quelli che predicano la pa- pale italiana (Cei) nel messaggio ricorda monsignor Mattiazzo — Pao- to di cristiana speranza nel Signore ri-
mettersi in ascolto di un Dio che ha zava per la prima volta un allarga- ce. Con la religione addormentano diffuso in vista dell’ottantanove- lo VI concepisce una nuova forma di sorto, invitano alla preghiera per l’eter-
scelto di amare tutti ma a partire mento del concetto classico di mar- il popolo. La religione è l’oppio del sima Giornata dell’ateneo fonda- carità ecclesiale: la Caritas, come na felicità in Dio dell’anima del com-
dagli ultimi, dai derelitti, dalle vitti- tirio — i persecutori dei nostri giorni popolo. La Bibbia è un modo per to da padre Agostino Gemelli, in espressione viva del Vangelo. Nervo pianto defunto.
me. Da meri destinatari di un an- non offriranno certo ai cristiani la addormentare il popolo, ingannarlo programma il 14 aprile prossimo è chiamato dalla Conferenza epi-
possibilità di testimoniare la fede e dominarlo». Concetti veteromarxi- Roma, 25 marzo 2013
nuncio, i poveri diventano così sog- sul tema «Con le nuove genera- scopale italiana a presiederla e orga-
getti in grado di convertire al Dio nel vecchio stile dei primi secoli, né sti (siamo nel 1991, due anni dopo nizzarla. E lo fa profondendovi le
zioni oltre la crisi». Nell’attuale
condanneranno a morte con senten- la caduta del muro di Berlino) rie-
della vita e della grazia, per cui la
conversione ai poveri, ai fratelli sof- ze di tribunale. Eppure anche la spressi in forma rozza, che esaltano
crisi, «che ha radici antropologi-
che e non solo economiche — si
sue doti di intelligenza, il suo carat-
tere adamantino, il suo cuore sacer-

ferenti, replica lo stile di Dio e di- morte subita in forme più anonime la rivoluzione armata e additano la I Superiori e i Collaboratori dell’Am-
evidenzia nel messaggio — le dotale ardente di amore. Questo
venta Vangelo in atto. può essere prevista e accettata, nelle religione come oppio dei popoli. ministrazione del Patrimonio della Se-
nuove generazioni rischiano di servizio — ha osservato l’arcivescovo
Tutto questo, naturalmente, può odierne persecuzioni, come la previ- Forse i commandos di Sendero Lu- de Apostolica partecipano al dolore
pagare il prezzo più alto perché — lo proietta sul piano nazionale e
essere rischioso, poiché porta la dero e accettarono i martiri di vec- minoso — gruppo terrorista di ma- del Signor Aurelio Regattin per la
su di loro si riversano maggior- internazionale della Chiesa e della
chio stile». trice maoista, guidato da Abimael scomparsa dell’amata mamma
Chiesa dentro situazioni che in par- mente le incertezze che segnano società. Ha svolto un’opera capillare
Proprio un martire francescano Guzmán — sono così accecati
te sembrano esulare dal suo diretto la nostra epoca». Di qui l’indica- e assidua per istituire la Caritas nel-
conventuale, morto sopra uno dei dall’ideologia e dall’ignoranza che Signora
ministero, spingendola ad agire con- zione a fare proprio l’invito che le diocesi, animato dalla convinzio-
Golgota del XX secolo, nel campo di nemmeno riescono a immaginare la
tro ingiustizie sociali anche struttu- Papa Francesco ha rivolto ai car- ne che il servizio della carità è una VILLELMA BARBALISCIA
concentramento di Auschwitz dove forza liberatrice della Parola di Dio
rali che spesso stanno in piedi in ri- dinali il 15 marzo scorso: «Donia- dimensione costitutiva della Chie-
offrì la sua vita per salvare quella di e la grande efficacia della “pace” Nel porgere sentite condoglianze as-
ferimento a sistemi politici deforma- mo sapienza ai giovani». sa». Ha, insomma, contribuito a
un padre di famiglia, ha portato la francescana, di quell’essere sotto- sicurano la preghiera di suffragio con
ti e corrotti. Accade così che in
teologia del martirio a compiere uno messi a ogni creatura che crea nuo- la certezza che il Signore della vita da-
America latina siano dei cristiani (o
dei passi più decisivi: se infatti il 17 ve e più autentiche relazioni. rà alla cara estinta la ricompensa dei
uomini che si proclamano tali) a uc-
ottobre 1971 Paolo VI beatificò padre Non va dimenticato un aspetto giusti.
cidere altri cristiani (vescovi, sacer-
Kolbe come confessore, il 10 ottobre che nel contesto latino-americano Inaugurate a Parigi
doti, religiosi, operatori pastorali, Città del Vaticano, 25 marzo 2013
1982 Giovanni Paolo II canonizzò il segna in modo del tutto particolare
laici) che rivendicano i diritti dei
suo connazionale come martire. Du- la realtà del martirio. Il fatto, cioè,
poveri e chiedono giustizia in nome
del Vangelo.
Secondo il vescovo salvadoregno
rante la messa di canonizzazione,
nell’omelia, il Papa polacco ebbe a
che il martirio è come la punta
dell’iceberg di una violenza colletti-
Campane a festa †
dire: «In virtù della mia apostolica va, che riguarda nel suo insieme il
Oscar Arnulfo Romero, ucciso il 24
marzo 1980 mentre stava celebrando
l’Eucaristia, «la maggior dimostra-
autorità ho decretato che Massimi-
liano Kolbe, il quale a seguito della
popolo oppresso.
Nel 1978, in un testo scritto in
a Notre-Dame Il Presidente e i Consiglieri del Consi-
glio di Sovrintendenza, il Collegio dei
revisori con il Presidente e i dipenden-
beatificazione era venerato come preparazione a Puebla, Ignacio Ella- ti tutti della Libreria Editrice Vaticana
zione della fede in un Dio della vita
confessore, venga d’ora in poi anche curía (teologo e filosofo gesuita tru- partecipano al dolore che ha colpito il
è la testimonianza di colui che è di-
cidato con altri cinque confratelli e Direttore, Don Giuseppe Costa, per la
sposto a dare la sua vita. Molti sal-
due donne — madre e figlia — da perdita del suo amatissimo fratello
vadoregni e molti cristiani sono di- uno squadrone della morte, il 16 no-
sposti a dare la loro vita perché i
poveri abbiano la vita. La Chiesa ha Il libro vembre 1989, nell’Universidad Cen-
troamericana) forgia e consacra
DANIELE
scoperto il luogo più originario del- l’espressione pueblo crucificado, po- che è tornato alla Casa del Padre.
la conversione rivolgendo la sua È la sera del 9 agosto 1991 a Mentre si uniscono alla preghiera di
Pariacoto, in Perú. Un polo crocifisso, con la quale si in-
anima verso i più umili, i più pove- tende il popolo come vittima del suffragio e lo affidano al Signore Ri-
ri, i più deboli». È sua l’espressione commando di guerriglieri di sorto vogliono esprimere una partico-
peccato del mondo e contempora-
— che riprende e rimodula il motto Sendero Luminoso entra nel lare vicinanza alla moglie, a tutta la fa-
neamente come soggetto di riscatto.
di sant'Ireneo Gloria Dei, vivens ho- villaggio e fa irruzione nel miglia e ai parenti tutti.
Precisamente, l’espressione si riferi-
mo — che suona: Gloria Dei, vivens convento dei frati minori sce ai molti, troppi, che subiscono
pauper, «La gloria di Dio è il pove- conventuali, sequestrando fra Città del Vaticano, 25 marzo 2013
la morte lenta della povertà e della
ro che vive in pienezza». In fondo Michał (per tutti Miguel) e mancanza di diritti, oppure la morte
fra Miguel e fra Zbigniew non desi- fra Zbigniew, trentuno anni il
deravano altro che servire Cristo nei primo e trentatré il secondo.
accelerata dei massacri e delle rap-
presaglie. Si tratta di un martirio

poveri, a partire dalla propria fede Di lì a poco, dopo un anonimo, di martiri “innocenti” la Giovanni Maria Vian e Carlo Di Cicco
cristiana arricchita dalla sensibilità processo sommario, i due cui memoria va sciolta dall’oblio. abbracciano con affetto l’amico don
che l’ispirazione francescana accen- missionari polacchi vengono Puntualizza Ellacuría: «Questo po- Giuseppe Costa uniti nel dolore per la
de verso i “lebbrosi”, cioè gli esclusi uccisi con un colpo di pistola polo crocifisso è la continuazione morte del fratello
di ogni contesto sociale. alla testa. Unico superstite è storica del Servo del Signore che il
Ma se l’atto violento e mortale fra Jarek, superiore della peccato del mondo continua a pri- DANIELE COSTA
del carnefice non viene inferto in comunità, in quel periodo in vare di ogni caratteristica umana,
odium fidei, nel senso che non si e sono vicini ai familiari nella preghie-
Polonia per il matrimonio che i poteri di questo mondo conti-
provoca il cristiano a rinnegare la ra a Cristo risorto.
della sorella. Papa Giovanni nuano a spogliare di tutto, a cui tol-
sua fede e a proclamare con fierezza Paolo II, a Częstochowa per la gono la vita, soprattutto la vita». Città del Vaticano, 25 marzo 2013
— come avveniva nei primi secoli — Giornata mondiale della
christianus sum, «sono cristiano!», gioventù, è raggiunto dalla
bensì perché lo si ritiene troppo im-
plicato nella causa dei poveri e nel
notizia e incontra fra Jarek in †
privato, il 13 agosto,
processo della loro liberazione, che Carlo Di Cicco partecipa al lutto per
chiedendo informazioni di
ne è della palma del martirio? Af- la morte di
prima mano e incoraggiandolo PARIGI, 25. Le nuove campane della nuovo sistema campanario accom-
frontando la medesima questione,
con queste parole: «Sono i cattedrale parigina di Notre-Dame pagnerà la vita della cattedrale du- monsignor
san Tommaso risponde che «il bene
nuovi santi martiri del Perú». hanno suonato a distesa per la pri- rante le funzioni, l’Angelus (tre vol-
umano può divenire bene divino se
lo si riferisce a Dio; per questo
È questa la vicenda che sta al ma volta, sabato pomeriggio, vigilia te al giorno), lo scandire delle ore e GIOVANNI NERVO
cuore del volume, da poco in della domenica delle Palme, davanti le grandi commemorazioni. L’instal- fondatore della Caritas italiana e suo
qualsiasi bene umano può essere
libreria, scritto dal religioso a migliaia di persone radunatesi sul lazione, costata due milioni di euro, inarrivabile animatore verso una men-
causa di martirio, in quanto riferito
a Dio». Paradossalmente, nemmeno polacco superstite e da un sagrato. L’inaugurazione è avvenuta è stata finanziata da donazioni. Si talità di servizio ai poveri e agli emar-
Gesù è morto in odium fidei, quanto giornalista del «Messaggero di alla presenza, tra gli altri, del cardi- tratta di una delle iniziative per ce- ginati alla quale egli ha invitato ogni
piuttosto «in nome della fede», an- sant’Antonio» con l’intento di nale arcivescovo di Parigi, André lebrare l’ottocentocinquantesimo an- cristiano a convertirsi. Compresi i gior-
cora più chiaramente a causa del ri- custodire e diffondere la Vingt-Trois, del rettore arciprete di niversario dell’inizio della costruzio- nalisti di professione. E per questo de-
memoria di questo poco Notre-Dame, Patrick Jacquin, del ne di Notre-Dame. Le campane so- sidero ricordarlo nell’affetto e nella
fiuto radicale, soprattutto da parte
conosciuto episodio di ministro della Cultura e della Co- no nove — otto più il campanone preghiera animato dalla speranza cri-
del potere costituito, del volto di
eroismo cristiano (Jarek municazione, Aurélie Filippetti, e (bourdon) Marie — e si aggiungono stiana.
Dio da lui pienamente rivelato. E il
Wysoczański e Alberto Friso, del sindaco Bertrand Delanoë. Il al grand bourdon Emmanuel.
testo di Lumen gentium n. 42b (il
passo conciliare più sviluppato sul Frati Martiri. Una storia
tema del martirio) non parla né di francescana nel racconto del
odium fidei né di professione di fede, terzo compagno, Padova,
quanto piuttosto di «insigne e su- Messaggero di sant’Antonio
prema prova di carità» che si realiz- editrice, 2013, pagine 232, euro
za nel dono totale di sé. Insomma, 16).
si sottolinea più l’amore che la fede, Pubblichiamo qui a fianco
per cui il martire è innanzitutto te- ampi stralci dell’introduzione
stimone di carità, e si dà spazio al firmata dal direttore del
martirio a causa della giustizia, inte- «Messaggero di
sa questa come livello minimo sant’Antonio».
lunedì-martedì 25-26 marzo 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

Messa del Pontefice nella Domus Sanctae Marthae In piazza San Pietro per la Giornata mondiale della gioventù

La pazienza di Dio L’abbraccio ai giovani


guardando a Rio
«Non lasciatevi rubare la speranza»
ha gridato il Papa ai duecentocin-
quantamila fedeli che gremivano
piazza San Pietro e via della Conci-
liazione la mattina del 24 marzo.
Un appello rivolto in particolare ai
giovani, visto che nella domenica
delle Palme e della Passione del Si-
gnore da ventotto anni si celebra la
Giornata mondiale della gioventù.
Il tema di quest’anno «Andate e
fate discepoli tutti i popoli» ha tro-
vato riscontro nell’entusiasmo di mi-
gliaia di ragazze e ragazzi prove-
nienti da ogni parte del mondo: non
solo quelli del Brasile, che ospite-
ranno a luglio il grande raduno in-
ternazionale della Gmg a Rio de Ja-
neiro, ma anche quanti sono venuti
da vari Paesi per unirsi a Papa Fran-
cesco e partecipare a una celebrazio-
ne divenuta ormai un appuntamento
fisso per la nuove generazioni della
Chiesa.
La pazienza di Dio è stata al centro che tutti i giorni aspettava il suo ri-
Se è stata una festa per i giovani,
dell’omelia di Papa Francesco du- torno. E se pensiamo a questo ap-
lo è stata anche per i bambini, che il
rante la messa che ha concelebrato plicandolo a ciascuno di noi — ha
Pontefice ha più volte abbracciato al
nelle prime ore della mattina di og- concluso Papa Francesco — dal no-
suo passaggio con la jeep scoperta
gi, 25 marzo, nella cappella della stro cuore uscirà solo una parola: tra i vari reparti di piazza San Pie-
Domus Sanctae Marthae. Commen- grazie. Come nei giorni scorsi, alla tro. Migliaia di mani si sono levate
tando brevemente le letture liturgi- messa hanno preso parte numerose in segno di saluto e di entusiasmo.
che, il Pontefice ha detto che nella persone che operano in organismi Molti genitori alzavano verso l’alto i
descrizione del servo sofferente nel vaticani, tra cui quelle che lavorano loro piccoli, che, con l’aiuto dei gen-
libro del profeta Isaia vi è «l’icona nel servizio fotografico del nostro darmi vaticani o delle guardie sviz-
di Gesù», della sua mitezza e della giornale. Con loro era il direttore zere pontificie, arrivavano tra le Con loro erano i ministranti del dal Cammino neocatecumenale. Do- Il brano del Vangelo di Luca in
sua pazienza. Questa pazienza di don Sergio Pellini, che ha concele- braccia del Papa, il quale li accarez- gruppo della pastorale universitaria po la lettura del brano del Vangelo cui si narra la passione del Signore è
Dio è un mistero e lo si vede brato con il Pontefice insieme al zava e li baciava affettuosamente. diocesana e quelli del preseminario di Luca (19, 28-40), il Pontefice ha stato proclamato in italiano dai dia-
dall’atteggiamento di Gesù stesso cardinale Raúl Eduardo Vela Chiri- C’è stato anche qualche fuori pro- San Pio X, un centinaio di sacerdoti, raggiunto in processione il sagrato coni Pierangelo Margiotta, Giusep-
nei confronti di Giuda, ha aggiunto boga, all’arcivescovo Lorenzo Bal- gramma. A un certo punto Papa una settantina di vescovi e una qua- della basilica, dove ha celebrato pe Conforti e Giuseppe Tavolacci.
riferendosi al racconto dell’unzione disseri e ai monsignori Alfred Xue- Francesco ha fatto fermare la vettura rantina di cardinali. l’Eucaristia. L’altare e la piazza era- Alla preghiera dei fedeli, sono state
di Betania secondo il vangelo di reb e Battista Ricca. Tra i presenti bianca, è sceso, si è avvicinato alle Ai piedi della stele, il Papa — che no ornati con piante e rami d’ulivo elevate intenzioni in inglese, per la
Giovanni (12, 1-11). Dio è paziente erano il medico Patrizio Polisca con transenne e ha salutato con molta era accompagnato dai cardinali dia- dono della regione Puglia, mentre i Chiesa, in spagnolo, per Papa Fran-
come il padre del figliol prodigo la famiglia e il nostro direttore. cordialità un gruppo di persone. coni Angelo Amato e Mauro Piacen- «palmurelli» — foglie di palma arti- cesco, in polacco, per le necessità
Poi, risalito sulla jeep, si è avvicina- za — ha benedetto i rami d’olivo, sticamente intrecciate — sono stati della vita, in shawili, per il mondo
to al settore dove lo attendevano i dono delle Ville Pontificie di Castel offerti dai comuni liguri di Sanremo intero, in italiano, per l’assemblea
disabili e si è sporto verso di loro, Gandolfo, e i rami di palma, offerti e Bordighera. dei presenti. I canti sono stati ese-
stringendo diverse mani e scambian- guiti dalla Cappella Sistina, diretta
do alcune battute. Uno di loro è dal maestro Massimo Palombella, e
stato letteralmente sollevato con la dal coro guida Mater Ecclesiae.
sua carrozzella dagli addetti alla si- Insieme con Papa Francesco han-
curezza per dare modo al Pontefice Nel Campo Santo Teutonico no concelebrato i cardinali Agostino
di salutarlo. Con un non vedente il Vallini, suo vicario generale per la
Santo Padre si è soffermato alcuni Al termine della diocesi di Roma, e Stanisław Ryłko,
istanti a colloquio, lo ha benedetto e messa della presidente del Pontificio Consiglio
baciato sulla testa. domenica delle per i Laici; l’arcivescovo Filippo
Prima di terminare il giro della Palme in piazza Iannone, vicegerente della diocesi di
piazza e rientrare dall’Arco delle San Pietro Roma, e il vescovo Josef Clemens,
Campane, il Pontefice si è fermato a segretario del dicastero per i Laici.
rientrando in
scambiare due battute con una cop-
Vaticano dall’Arco Tra i cardinali presenti, Tarcisio Ber-
pia di sposi. «Francesco saluta mio
delle Campane tone, segretario di Stato, e Angelo
marito» gli ha detto la donna pre-
Papa Francesco si Sodano, decano del Collegio cardi-
sentandogli l’uomo al suo fianco se-
è fermato a pregare nalizio. Numerosi i presuli e i prelati
duto su una sedia a rotelle. E Papa
nel Campo Santo della Curia romana, fra i quali gli
Francesco, indicando a sua volta la
donna, gli ha chiesto: «È una brava Teutonico. Dopo arcivescovi Angelo Becciu, sostituto
cuoca?». aver compiuto una della Segreteria di Stato, e Domini-
Il giro della piazza al termine del- breve visita è que Mamberti, segretario per i Rap-
la celebrazione si è trasformato così entrato nella chiesa porti con gli Stati, con i monsignori
in un incontro familiare tra il Papa e di Santa Maria Peter Bryan Wells, assessore della
i suoi fedeli. Francesco lo ha com- della Pietà e ha Segreteria di Stato, e José Avelino
piuto in piedi sulla jeep, indossando Bettencourt, capo del Protocollo.
sostato alcuni
la talare bianca e la croce pettorale Accompagnavano il Papa gli arcive-
istanti in preghiera
che usa fin dall’inizio del suo ponti- scovi Guido Pozzo, elemosiniere, e
nella cappella degli
ficato. All’inizio della celebrazione, Georg Gänswein, prefetto della Ca-
Svizzeri eretta per
invece, con indosso il piviale rosso, sa Pontificia, i monsignori Leonardo
commemorare il Sapienza, reggente della Prefettura,
ha percorso sempre in jeep il tratto sacrificio dei
che dall’Arco di Costantino porta e Alfred Xuereb, e il medico Patrizio
soldati caduti il 6 Polisca. Tra i presenti alla celebra-
all’obelisco al centro della piazza. È
maggio 1527 per zione, oltre ai membri del corpo di-
iniziato lì, infatti, il rito liturgico,
con la commemorazione dell’ingres- difendere plomatico presso la Santa Sede, il
so del Signore in Gerusalemme. Clemente VII direttore del nostro giornale.
Una lunga processione, uscendo dal durante il sacco di Conclusa la celebrazione, il Pon-
braccio di Costantino, si è snodata Roma. tefice ha recitato l’Angelus, dando
tra le transenne della piazza. Vi par- Accompagnavano appuntamento ai giovani a Rio de
tecipavano giovani di ogni parte del il Pontefice i Janeiro, la città brasiliana dove dal
mondo e, in particolare, della dioce- monsignori Alfred 23 al 28 luglio si svolgerà il raduno
si di Roma, del Pontificio Consiglio Xuereb e Thomas internazionale per la Giornata mon-
per i Laici, del Centro San Lorenzo. Frauenlob. diale della gioventù.

Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice

Celebrazioni della Settimana Santa presiedute da Papa Francesco nella basilica di San Pietro e al Colosseo
NOTIFICAZIONE I Santi Oli, come di consueto, potranno essere ritirati VIA CRUCIS mus», compongono la Cappella Pontificia, sono pregati
presso la Sagrestia della Basilica Lateranense. di trovarsi alle ore 20 nel portico della Basilica Vatica-
Colosseo: ore 21.15
na, vestendo il proprio abito corale.
28 marzo 2013
29 marzo 2013 Il Santo Padre presiederà il pio esercizio della «Via
GIOVEDÌ SANTO Crucis», al termine del quale rivolgerà la sua parola ai SANTA MESSA DEL GIORNO
VENERDÌ SANTO fedeli e impartirà la Benedizione Apostolica.
SANTA MESSA DEL CRISMA CELEBRAZIONE DELLA PASSIONE DEL SIGNORE Cappella Papale
Basilica Vaticana: ore 9.30 Cappella Papale 30 – 31 marzo 2013 Sagrato della Basilica Vaticana: ore 10.15
Il Santo Padre presiederà la concelebrazione della Basilica Vaticana: ore 17 D OMENICA DI PASQUA Il Santo Padre celebrerà la Santa Messa sul sagrato
Santa Messa Crismale con i Cardinali, i Patriarchi, gli NELLA RISURREZIONE DEL SIGNORE della Basilica di San Pietro. Al termine della celebrazio-
Il Santo Padre presiederà la Liturgia della Parola,
Arcivescovi, i Vescovi e i Presbiteri (diocesani e religio- VEGLIA PASQUALE ne, dalla loggia centrale della Basilica, impartirà la Be-
l’Adorazione della Croce e il Rito della Comunione.
si) presenti a Roma. Cappella Papale nedizione «Urbi et Orbi».
*** Basilica Vaticana: ore 20.30 ***
*** I Cardinali, i Patriarchi, gli Arcivescovi e i Vescovi,
Il Santo Padre benedirà il fuoco nuovo nell’atrio del- I Cardinali, i Patriarchi, gli Arcivescovi, i Vescovi e
Gli Em.mi Signori Cardinali e i Patriarchi, alle ore 9, senza anello, sulla veste propria indosseranno il rocchet-
la Basilica di San Pietro; dopo l’ingresso processionale tutti coloro che, in conformità al Motu Proprio «Ponti-
e gli Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi, alle ore 8.45, si re- to, la mozzetta e la berretta; per le ore 16.30 si reche-
in Basilica con il cero pasquale e il canto dell’Exsultet, ficalis Domus», compongono la Cappella Pontificia e
cheranno nella Cappella di San Sebastiano in Basilica, ranno alla Cappella della reposizione del Santissimo desiderano partecipare alla celebrazione, sono pregati di
presiederà la Liturgia della Parola, la Liturgia Battesi-
dove troveranno le vesti sacre. Porteranno: gli Em.mi Sacramento per una breve adorazione; quindi occupe- trovarsi alle ore 9.45 sul sagrato della Basilica Vaticana,
male e la Liturgia Eucaristica, che sarà concelebrata con
ranno il posto loro assegnato presso l’altare della Con- i Signori Cardinali. Essi sono pregati di trovarsi per le vestendo il proprio abito corale.
Signori Cardinali e i Patriarchi, la mitra bianca dama-
fessione. ore 20 nella Cappella di San Sebastiano, portando con
scata; gli Ecc.mi Arcivescovi e Vescovi, la mitra bianca. Città del Vaticano, 23 marzo 2013
I Prelati e i Cappellani di Sua Santità, gli Abati e sé la mitra bianca damascata.
I Presbiteri, indossando la veste talare, portando con tutti gli altri che, in conformità al Motu Proprio «Pon- Per mandato del Santo Padre
sé amitto, camice, cingolo e stola bianca, si troveranno tificalis Domus», compongono la Cappella Pontificia, ***
per le ore 8.30 nel Braccio di Costantino, con ingresso sono pregati di trovarsi alle ore 16.30 presso l’altare del- I Patriarchi, gli Arcivescovi, i Vescovi e tutti coloro Monsignor GUID O MARINI
dal Portone di Bronzo. la Confessione, vestendo il proprio abito corale. che, in conformità al Motu Proprio «Pontificalis Do- Maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO lunedì-martedì 25-26 marzo 2013

Nella domenica delle Palme il Papa celebra in piazza San Pietro la Giornata della gioventù

Non siate mai


uomini e donne tristi
«Per favore, non lasciatevi rubare la Questo è Gesù. Questo è il suo viene il diavolo, mascherato da an- giato, come preannuncia Isaia nella
speranza!». L’invito di Papa Francesco cuore che guarda tutti noi, che guar- gelo tante volte, e insidiosamente ci Prima Lettura (cfr. Is 50, 6); entra
è risuonato in piazza San Pietro da le nostre malattie, i nostri pecca- dice la sua parola. Non ascoltatelo! per ricevere una corona di spine, un
dinanzi alla folla di fedeli — in gran ti. È grande l’amore di Gesù. E così Seguiamo Gesù! Noi accompagnia- bastone, un mantello di porpora, la
parte giovani provenienti da diversi entra in Gerusalemme con questo mo, seguiamo Gesù, ma soprattutto sua regalità sarà oggetto di derisio-
Paesi del mondo — che nella mattina amore, e guarda tutti noi. È una sce- sappiamo che Lui ne; entra per salire il Calvario carico
del 24 marzo hanno partecipato alla na bella: piena di luce — la luce ci accompagna e ci
messa della domenica delle Palme, dell’amore di Gesù, quello del suo carica sulle sue
ventottesima Giornata mondiale della cuore — di gioia, di festa. spalle: qui sta la Non dobbiamo credere
nostra gioia, la spe-
gioventù. All’inizio della Messa l’abbiamo
ranza che dobbia-
al Maligno che dice
ripetuta anche noi. Abbiamo agitato
Gesù entra in Gerusalemme. La folla le nostre palme. Anche noi abbiamo
mo portare in que- che non possiamo fare nulla
sto nostro mondo. contro la violenza, l’ingiustizia, il peccato
dei discepoli lo accompagna in festa, accolto Gesù; anche noi abbiamo
E, per favore, non
i mantelli sono stesi davanti a Lui, si espresso la gioia di accompagnarlo,
lasciatevi rubare la (@Pontifex_it)
di saperlo vicino, presente in noi e
speranza! Non la-
in mezzo a noi, co-
sciate rubare la spe-
me un amico, come
ranza! Quella che ci dà Gesù. di un legno. E allora ecco la seconda
Guardo con gioia un fratello, anche
parola: Croce. Gesù entra a Gerusa-
come re, cioè come Seconda parola. Perché Gesù en-
al prossimo luglio, faro luminoso della tra in Gerusalemme, o forse meglio: lemme per morire sulla Croce. Ed è
proprio qui che splende il suo essere
a Rio de Janeiro! Vi do appuntamento nostra vita. Gesù è come entra Gesù in Gerusalemme?
Re secondo Dio: il suo trono regale
Dio, ma si è abbas- La folla lo acclama come Re. E Lui
in quella grande città del Brasile! non si oppone, non la fa tacere (cfr.
è il legno della Croce! Penso a quel-
sato a camminare lo che Benedetto XVI diceva ai Car-
(@Pontifex_it) con noi. È il nostro Lc 19, 39-40). Ma che tipo di Re è
dinali: Voi siete principi, ma di un
amico, il nostro fra- Gesù? Guardiamolo: cavalca un pu- Re crocifisso. Quello è il trono di
tello. Qui ci illumi- ledro, non ha una corte che lo se- Gesù. Gesù prende su di sé... Perché
parla di prodigi che ha compiuto, na nel cammino. E così oggi lo ab- gue, non è circondato da un esercito la Croce? Perché Gesù prende su di
un grido di lode si leva: «Benedetto biamo accolto. E questa è la prima simbolo di forza. Chi lo accoglie è sé il male, la sporcizia, il peccato del
colui che viene, il re, nel nome del parola che vorrei dirvi: gioia! Non gente umile, semplice, che ha il sen- mondo, anche il nostro peccato, di che seguiamo e che ci accompagna è Alla preghiera dell’Angelus
Signore. Pace in cielo e gloria nel siate mai uomini e donne tristi: un so di guardare in Gesù qualcosa di tutti noi, e lo lava, lo lava con il suo molto speciale: è un Re che ama fi-
più alto dei cieli» (Lc 19, 38). cristiano non può mai esserlo! Non più; ha quel senso della fede, che di- sangue, con la misericordia, con
l’amore di Dio. Guardiamoci intor-
no alla croce e che ci insegna a ser-
vire, ad amare. E voi non avete ver- Appuntamento
no: quante ferite il male infligge
all’umanità! Guerre, violenze, con-
gogna della sua Croce! Anzi, la ab-
bracciate, perché avete capito che è a Rio
flitti economici che colpiscono chi è
più debole, sete di denaro, che poi
nel dono di sé, nel dono di sé,
nell’uscire da se stessi, che si ha la
de Janeiro
nessuno può portare con sé, deve la- vera gioia e che con l’amore di Dio
Lui ha vinto il male. Voi portate la Al termine della messa il Papa ha
sciarlo. Mia nonna diceva a noi recitato l’Angelus, rivolgendo ai
bambini: il sudario non ha tasche. Croce pellegrina attraverso tutti i
continenti, per le strade del mondo! giovani l’invito a prepararsi
Amore al denaro, potere, corruzione, spiritualmente all’appuntamento di
divisioni, crimini contro la vita uma- La portate rispondendo all’invito di
luglio a Rio de Janeiro per la
na e contro il creato! E anche — cia- Gesù «Andate e fate discepoli tutti i
Giornata mondiale della gioventù.
scuno di noi lo sa e lo conosce — i popoli» (cfr. Mt 28, 19), che è il te-
nostri peccati personali: le mancanze ma della Giornata della Gioventù di
Cari fratelli e sorelle,
di amore e di rispetto verso Dio, quest’anno. La portate per dire a
verso il prossimo e verso l’intera tutti che sulla croce Gesù ha abbat- al termine di questa celebrazione,
creazione. E Gesù sulla croce sente tuto il muro dell’inimicizia, che se- invochiamo l’intercessione della
tutto il peso del male e con la forza para gli uomini e i popoli, e ha por- Vergine Maria affinché ci accom-
dell’amore di Dio lo vince, lo scon- tato la riconciliazione e la pace. Cari pagni nella Settimana Santa. Lei,
figge nella sua risurrezione. Questo amici, anch’io mi metto in cammino che seguì con fede il suo Figlio
è il bene che Gesù fa a tutti noi sul con voi, da oggi, sulle orme del bea- fino al Calvario, ci aiuti a cammi-
trono della Croce. La croce di Cristo to Giovanni Paolo II e di Benedetto nare dietro a Lui, portando con
abbracciata con amore mai porta alla XVI. Ormai siamo vicini alla prossi- serenità e amore la sua Croce, per
tristezza, ma alla gioia, alla gioia di ma tappa di questo grande pellegri- giungere alla gioia della Pasqua.
naggio della Croce. Guardo con La Vergine Addolorata sostenga
essere salvati e di fare un pochettino
gioia al prossimo luglio, a Rio de Ja- specialmente chi sta vivendo si-
quello che ha fatto Lui quel giorno
neiro! Vi do appuntamento in quella tuazioni più difficili. Un ricordo
della sua morte.
grande città del Brasile! Preparatevi va alle persone affette da tuberco-
Oggi in questa Piazza ci sono tan- losi, poiché oggi ricorre la Gior-
ti giovani: da 28 anni la Domenica bene, soprattutto spiritualmente nel-
le vostre comunità, perché quell’In- nata mondiale contro questa ma-
delle Palme è la Giornata della Gio- lattia. A Maria affido in particola-
ventù! Ecco la terza parola: giovani! contro sia un segno di fede per il
mondo intero. I giovani devono dire re voi, carissimi giovani, e il vo-
Cari giovani, vi ho visto nella pro- stro itinerario verso Rio de Janei-
cessione, quando entravate; vi imma- al mondo: è buono seguire Gesù; è
ro.
gino a fare festa intorno a Gesù, agi- buono andare con Gesù; è buono il
messaggio di Gesù; è buono uscire A luglio a Rio! Preparatevi spi-
Folla, festa, lode, benedizione, pa- lasciatevi prendere mai dallo scorag- ce: Questo è il Salvatore. Gesù non tando i rami d’ulivo; vi immagino ritualmente il cuore.
giamento! La nostra non è una gioia entra nella Città Santa per ricevere mentre gridate il suo nome ed espri- da se stessi, alle periferie del mondo
ce: è un clima di gioia quello che si
che nasce dal possedere tante cose, mete la vostra gioia di essere con e dell’esistenza per portare Gesù! Buon cammino a tutti!
respira. Gesù ha risvegliato nel cuore gli onori riservati ai re terreni, a chi
ma nasce dall’aver incontrato una Lui! Voi avete una parte importante Tre parole: gioia, croce, giovani. Bonne route à tous!
tante speranze soprattutto tra la gen- ha potere, a chi domina; entra per
Persona: Gesù, che è in mezzo a essere flagellato, insultato e oltrag- nella festa della fede! Voi ci portate Chiediamo l’intercessione della I wish you all much joy on
te umile, semplice, povera, dimenti-
noi; nasce dal sapere che con Lui la gioia della fede e ci dite che dob- Vergine Maria. Lei ci insegna la your journey.
cata, quella che non conta agli occhi gioia dell’incontro con Cristo, l’amo-
non siamo mai soli, anche nei mo- biamo vivere la fede con un cuore Alles Gute für euren Weg auf
del mondo. Lui ha saputo compren- menti difficili, anche quando il cam- giovane, sempre: un cuore giovane, re con cui lo dobbiamo guardare
dere le miserie umane, ha mostrato il Ostern hin und nach Rio!
mino della vita si scontra con pro- anche a settanta, ottant’anni! Cuore sotto la croce, l’entusiasmo del cuore
volto di misericordia di Dio e si è giovane con cui lo dobbiamo seguire ¡Buen camino para todos!
blemi e ostacoli che sembrano insor- giovane! Con Cristo il cuore non in-
chinato per guarire il corpo e l’ani- montabili, e ce ne sono tanti! E in vecchia mai! Però tutti noi lo sappia- in questa Settimana Santa e in tutta Um bom caminho a todos!
ma. questo momento viene il nemico, mo e voi lo sapete bene che il Re la nostra vita. Così sia. Dóbrey drógui!

Potrebbero piacerti anche