Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 78 (46.322) Città del Vaticano giovedì 4 aprile 2013
.
All’udienza generale il Santo Padre ricorda le prime testimoni della risurrezione Via libera dall’Onu al Trattato sul commercio

Armi
La missione delle donne a circolazione limitata
NEW YORK, 3. Il segretario genera- standard internazionali per la com-
le dell’Onu, Ban Ki-moon, ha ac- pravendita delle armi, legandoli al
colto con favore l’adozione del pri- rispetto dei diritti umani: non con-
mo Trattato internazionale sul trolla l’uso domestico, ma richiede
commercio delle armi da parte che gli Stati membri si dotino di
dell’Assemblea generale delle Na- normative nazionali sul trasferi-
zioni Unite. «È una vittoria per la mento delle armi convenzionali
gente del mondo» ha affermato una definizione che in realtà racco-
sottolineando che il documento glie un po’ tutto, dai carri armati
renderà più difficile l’utilizzo di ar- agli aerei e le navi da guerra, dai
mi letali da parte di criminali, ter- missili a lunga gittata ai fucili e le
roristi e signori della guerra. pistole.
«Sarà uno strumento nuovo e È previsto inoltre il divieto, per
potente per prevenire gravi viola- gli Stati che ratificano il Trattato,
zioni dei diritti umani e fornirà la di trasferire armi in caso di embar-
necessaria spinta verso il disarmo go internazionale, di atti di genoci-
globale e la non proliferazione» ha dio, di crimini contro l’umanità e
dichirato Ban Ki-moon che si è di crimini di guerra. Il testo stabili-
congratulato con gli Stati membri sce inoltre che ogni Paese dovrà
«per la loro disponibilità a giunge- valutare se le armi potrebbero esse-
re a un compromesso
su una serie di que-
stioni complesse, ren-
dendo così possibile la
stesura di un testo
equilibrato e robusto».
Il segretario generale
si è inoltre compli-
mentato con i membri
della società civile per
il ruolo fondamentale
svolto nelle lunghe
trattative che hanno
portato all’approvazio-
ne del testo.
Gesù risorto, è vivo e presente accanto all’uomo speranza di cui l’umanità ha bisogno. E «la morte agli altri, da condividere con gli altri, proprio at- L’Assemblea gene-
di oggi. Alle donne, alle mamme soprattutto, il e la risurrezione di Gesù — ha ricordato il Papa — traverso la testimonianza di vita. rale dell‘Onu ha quin-
compito di testimoniarlo ai propri figli; ai giovani sono proprio il cuore della nostra speranza». Ed è ciò che ha chiesto ai numerosi giovani di approvato ieri il
la missione di manifestarlo con la propria vita. Lo Il Pontefice non ha mancato di sottolineare presenti all’udienza generale: «A voi dico: portate Trattato internazionale
ha ribadito Papa Francesco riprendendo questa l’atteggiamento di quanti, pur credenti, si sono la- avanti questa certezza. Il Signore è vivo e cammi- sulla compravendita
mattina, mercoledì 3 aprile, le riflessioni sull’Anno sciati prendere dai dubbi dinanzi al mistero della na a fianco a noi nella vita. Questa è la vostra delle armi convenzio-
della fede proposte durante l’udienza generale in nali con una schiac-
risurrezione. È la conseguenza, ha notato, di quel- missione. Portate avanti questa speranza». Perché
piazza San Pietro. Proprio le donne, ha ricordato ciante maggioranza di
il Santo Padre, sono state le prime testimoni della la fede «all’acqua di rose» dovuta alla «superfi- solo così, ha concluso, «si darà speranza a questo
cialità, a volte all’indifferenza», occupati come mondo un po’ invecchiato» a causa delle guerre, 154 Paesi a favore, tre
risurrezione, le prime a credere senza alcun dub- contrari e 23 astenuti.
bio. siamo «da mille cose che si ritengono più impor- del male, del peccato. «Avanti giovani!» è stata la
Decisivo il sostegno
Di qui il valore del ruolo della donna nella vita tanti». Ma non è questa la fede vera, la «fede for- sua esortazione finale.
fornito anche dagli
della Chiesa, fondamentale oggi nella testimo- te» nata dalla certezza della risurrezione di Cri-
Stati Uniti — tra i pro-
nianza da dare al mondo per alimentare quella sto, «che è la nostra forza»: quella da trasmettere PAGINA 8
motori del documento
con altri membri per-
manenti del Consiglio Un finto elicottero militare esposto a New York (Afp)
di sicurezza come
Russia e Cina seriamente preoccupate per la crisi provocata da Pyongyang Francia e Gran Breta-
gna — il cui via libera è arrivato re usate per violare i diritti umani
grazie all’impegno del presidente o utilizzate da terroristi o membri
Situazione esplosiva nella penisola coreana Barack Obama. A salutare con par- della criminalità organizzata. Gli
ticolare soddisfazione la positiva Stati ratificheranno il Trattato a
conclusione delle trattative all’O nu partire dal mese di giugno, e il do-
PYONGYANG, 3. Si aggrava di ora in il viceministro degli Esteri, Igor Mo- spera che Seoul e Pyongyang possa- rebbe pronto a demolire il 70 per è l’Italia, che in una nota della Far- cumento entrerà in vigore con la
ora la tensione nella penisola corea- gulov. Anche la Cina ha espresso og- no risolvere con il dialogo le loro di- cento della prima linea della Corea nesina definisce l’accordo «forte, firma di almeno cinquanta Paesi.
na. La Russia si dice preoccupata gi la sua «seria preoccupazione» per vergenze. Per il segretario generale del Nord entro cinque giorni nel ca- equilibrato e realistico».
dell’Onu, Ban Ki-moon, la crisi po- so di provocazione grave di Pyong- Tra gli oppositori del documento
per la situazione «esplosiva» creata la crescita della tensione sul confine Lo sforzo globale per regola- la National Rifle Association, la
dalla Corea del Nord, dove anche tra le due Coree. Lo ha affermato il litica e diplomatica che vede prota- yang. Prima del blocco degli ingressi mentare il multimiliardario com-
gonista la Corea del Nord «è andata deciso da Pyongyang, a Kaseong — lobby statunitense delle armi, che
un semplice errore umano potrebbe portavoce del ministero degli Esteri, mercio delle armi aveva subito una
troppo oltre» e l’unica soluzione è ubicato nella cosiddetta zona demili- ha definito il Trattato un attentato
innescare la miccia. «La Russia deve Hong Lei, precisando che la preoc- battuta d’arresto la scorsa settima-
essere preoccupata perché stiamo cupazione di Pechino è stata comu-
da ricercarsi nel negoziato bilaterale. tarizzata lungo il 38° parallelo — ri- na quando Iran, Corea del Nord e al diritto del possesso di armi san-
parlando di una situazione esplosiva nicata agli ambasciatori in Cina del-
Ma la Corea del Nord — dopo sultavano esserci 861 sudcoreani e Siria avevano impedito il raggiun- cito dalla Costituzione americana.
aver alzato ieri il tiro annunciando il sette lavoratori stranieri. Questa gimento di un accordo unanime.
nelle immediate vicinanze dei nostri le due Coree e degli Stati Uniti. riavvio della centrale nucleare di mattina, nei piani originari, 484 la- Senza sorprese il no di ieri dei tre
confini in Estremo oriente», ha detto Hong Lei ha aggiunto che la Cina Yongbyon fermata nel 2007 dopo un voratori e 371 veicoli di Seoul avreb- Paesi, motivato con il fatto che il
faticoso negoziato nel corso dei col- bero dovuto raggiungere il villaggio Trattato sarebbe discriminatorio nei Ancora senza esito
loqui a sei — ha oggi sospeso gli in- Gli Stati Uniti hanno intanto ri- loro confronti. Tra gli astenuti Rus- il negoziato a Bruxelles
gressi dei lavoratori sudcoreani al di- badito che si difenderanno e difen- sia, Cina, Cuba, Venezuela e Boli-
Nell’ottavo anniversario della morte di Giovanni Paolo II stretto di Kaesong, permettendo a deranno la Corea del Sud da Pyong- via. Nuova fumata nera
quelli già presenti di poter lasciare la yang. Lo ha affermato il segretario Il documento — la cui adozione
zona industriale a sviluppo congiun- per il Kosovo
Papa Francesco prega davanti alle tombe to. Lo riferisce l’agenzia Yonhap. La
di Stato John Kerry, al termine
dell’incontro con il ministro degli
è stata salutata dall’Assemblea ge-
nerale con un lungo applauso —
dei predecessori decisione del regime comunista di
Pyongyang ha creato ulteriore ten-
Esteri sudcoreano, Yun Byung Se. definisce per la prima volta gli PIERLUIGI NATALIA A PAGINA 2

sione nei rapporti intercoreani.


Il ministro della Difesa di Seoul,
Kim Kwan Jin, ha dichiarato di va-
lutare tutte le opzioni sulla questio- Otto vittime per la bufera che ha colpito la capitale argentina
ne Kaesong inclusa l’azione militare
nello scenario peggiore possibile, e
cioè se la sicurezza dei lavoratori
Inondazioni a Buenos Aires
sudcoreani al distretto industriale BUENOS AIRES, 3. È di almeno otto
congiunto sarà a rischio. «Abbiamo
morti accertati il bilancio di una bu-
preparato un piano di emergenza,
fera che si è abbattuta ieri su Buenos
tra cui la possibile azione militare»
Aires e sul suo immenso circondario,
ha detto Kim in una riunione della
commissione speciale del partito con raffiche di vento che hanno di-
conservatore al potere, il Saenuri, velto alberi, troncato le linee dell’al-
dedicata alla questione nucleare nor- ta tensione e scoperchiato i tetti del-
dcoreana. la case nelle baraccopoli della perife-
Anche dopo un resoconto del pre- ria. Le piogge torrenziali in una sola
sidente della commissione parlamen- notte hanno superato i 15 centimetri
tare Yoo Won Chul, il ministro ha e mezzo al suolo, record assoluto
osservato che si valutano «tutte le per la capitale argentina in aprile.
opzioni possibili». Secondo la rela- Soprattutto nella parte nord della
zione di Yoo, l’esercito di Seoul sa- città le eccezionali precipitazioni
hanno provocato alluvioni-lampo,
y(7HA3J1*QSSKKM( +@!"!&!"![

impedendo la circolazione dei treni,


allagando le stazioni della metropo-
Nella serata di martedì 2 aprile, Papa Francesco si è recato nella basilica litana e travolgendo i veicoli in so-
Vaticana dove, nella cappella di San Sebastiano, ha pregato dinanzi alla Una piccola folla variopinta sta. Circa trecento persone state
tomba del beato Giovanni Paolo II, nell’ottavo anniversario della morte. aspetta l’esito dell’elezione sgomberate d’urgenza. Secondo il
Il Pontefice si è poi fermato in raccoglimento anche dinanzi alle tombe sindaco Mauricio Macrí nel com-
del beato Giovanni XXIII e di san Pio X . L’incontro al bar plesso ammontano a 35.000 le perso-
ne che hanno subito danni a causa
PAGINA 8 EGIDIO PICUCCI A PAGINA 5 Una strada invasa dall’acqua (Afp) della tempesta.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 4 aprile 2013

Ancora senza esito il negoziato a Bruxelles Definito sostenibile il piano di raggiustamento dei conti pubblici

Nuova fumata nera Ue e Fmi dicono sì a Nicosia


per il Kosovo Presta giuramento il neo ministro delle Finanze cipriota

di PIERLUIGI NATALIA va detto Vulin, secondo il quale un NICOSIA, 3. Il commissario Ue agli


accordo non può essere fatto su Affari economici, Olli Rehn, e il di-
Il fallimento del nuovo tentativo leggi volute solo dagli albanesi, rettore del Fondo monetario interna-
negoziale sul Kosovo, tenuto mar- senza consentire ai serbi di decide- zionale (Fmi), Christine Lagarde,
tedì 2 aprile a Bruxelles con la me- re nulla. La risposta di Pristina era hanno definito oggi sostenibile il
diazione dell'Unione europea era stata immediata e il ministro degli piano di aggiustamento dei conti
stato previsto dalla gran parte degli Interni, Bajram Rexhepi, aveva ri- pubblici adottato dalle autorità ci-
osservatori. A quattordici anni dal- badito che non c’è alcuna possibili- priote. «Il programma include un
l'intervento armato della Nato e a tà di trattativa riguardo ai poteri aggiustamento del bilancio a un rit-
cinque dalla dichiarazione unilata- esecutivi per le comunità serbe. mo sostenibile che equilibra l’esigen-
rale d'indipendenza da parte della A inasprire gli animi tra le co- za di far fronte a problemi di breve
maggioranza albanese della popo- munità serbe kosovare aveva con- termine e obiettivi di lungo periodo,
lazione, restano infatti irrisolti i no- tribuito giovedì scorso anche la proteggendo nello stesso tempo i
di principali della questione. Né a condanna da parte del Tribunale gruppi vulnerabili» afferma una nota
scioglierli sembra avere contribuito internazionale di Kosovska Mitro- congiunta di Rehn e Lagarde pub-
la politica applicata nell’area vica di tre dei sei serbi accusati di blicata oggi. E il direttore dell’Fmi
dall’Unione europea. Rimane alea- aver preso parte alle violenze che ha reso noto che sarà di un miliardo
toria la possibilità di riconoscimen- nel marzo 2008 avevano investito il contributo del Fondo al salvatag-
to da parte di Belgrado della seces- la città, teatro da anni di scontro gio del sistema bancario di Cipro. In
sione kosovara, tanto più che le au- tra serbi, che qui sono maggioran- un comunicato si specifica che si
torità albanesi di Pristina rivendica- za, e albanesi. Per diverse ore si tratterà di un prestito per tre anni.
no piena sovranità anche su quelle erano temute nuove violenze, ma la L’accordo sarà sottoposto all’Esecu-
parti della regione a maggioranza folla che si era ammassata davanti tivo del Fondo monetario internazio-
serba. nale ai primi di maggio. Ieri, a con-
al Tribunale e aveva tentato di
L’ultimo incontro tra le due par- clusione dei negoziati con la troika il
bloccarne l’ingresso si è poi disper-
ti a Bruxelles c’era stato appena Governo di Cipro ha ottenuto due
sa senza causare disordini. Le con-
quindici giorni prima, il 20 marzo, anni di tempo in più, fino al 2018,
danne dei tre sono tutte inferiori ai
e si era concluso senza esito. Non per rispondere alle condizioni defini-
due anni, mentre gli altri imputati
erano in molti a sperare che in due te dal piano di aiuti concordato con
sono stati assolti. I sei erano accu- l’Eurogruppo.
settimane la diplomazia europea sati di aver illegalmente occupato il
potesse mettere a segno nuove e ri- Oggi intanto ha prestato giura-
tribunale di Kosovska Mitrovica mento il nuovo ministro delle Finan-
solutive mosse. Secondo quanto di- nord, impedendo all’ufficio di svol-
chiarato appunto il 20 marzo dal ze, Haris Georgiades: è entrato in
gere il proprio lavoro, di avere fat- carica al posto di Michael Sarris, di-
primo ministro serbo, Ivica Dačić, to parte di un gruppo che ha com-
l’alto rappresentante per la politica messosi ieri. Il presidente Nicos
messo crimini, di aver messo in pe- Anastasiades ha avvertito il nuovo
estera e di sicurezza comune ricolo il personale delle Nazioni ministro delle Finanze che lo aspet-
dell’Unione europea, Catherine Unite, oltre a causare danni mate- Svendita in un negozio nella capitale cipriota (Afp) tano «giorni difficili». Il nuovo inca-
Ashton, «aveva raccolto tutte le riali, e di incitamento all’odio raz- rico richiederà anzitutto «collegiali-
carte ed era pronta a dichiarare fal- ziale, religioso ed etnico. Negli in- tà» come pure «coerenza, disciplina
liti i colloqui, ma io ho insistito cidenti che seguirono, un poliziotto di bilancio e tutte quelle misure che
per continuare il dialogo poiché ucraino era stato ucciso ed erano contribuiranno a una ripresa».
non vogliamo che si accusi la Ser- stati feriti e 64 agenti dell’Unmik e In flessione gli indici relativi all’andamento del settore manifatturiero Georgiades, quarant’anni, lascia
bia del fallimento del negoziato». 24 militari della Kfor, rispettiva- dunque il ministero del Lavoro, che
Lo stesso Dačić, a una settimana
dal nuovo appuntamento a Bruxel-
les, aveva comunque ribadito che
mente la polizia e la forza armata
dell’Onu, oltre a un centinaio di
manifestanti serbi.
In Eurolandia passa a Zeta Emilianidou: è la prima
donna a entrare nel Governo di
Anastasiades. L’ex ministro delle Fi-
se non ci fossero stati cambiamenti
di posizione da parte di Pristina e
che se alla Serbia fosse stata avan-
In questo clima, tra gli osserva-
tori crescono i dubbi sulla possibi-
lità di successo della mediazione
la ripresa che non decolla nanze Sarris aveva reso noto ieri di
essersi dimesso, con il consenso del
Governo, poco dopo l’annuncio di
zata la stessa offerta, non ci sareb- dell’Unione europea, che avendo una parziale riduzione delle drasti-
be potuto essere accordo. Questa BRUXELLES, 3. Si allontana la ripre- denti (il 47,9 di febbraio e gen- un po’ per tutti, anche per la Ger-
riconosciuto l’indipendenza di Pri- sa di Eurolandia. Gli indici Pmi, naio). Insomma il primo trimestre mania, non fa ben sperare per il se- che misure imposte alle banche per
volta Dačić non è sceso in partico- stina viene ritenuta tutt’altro che il controllo dei movimenti di capita-
lari, mentre Ashton ha dichiarato ovvero quelli relativi all’andamento 2013 non è andato bene. Comun- condo trimestre. L’indice è infatti al
equidistante da parte di Belgrado, minimo da sette mesi per l’Italia le. Fra queste, come prevede un de-
che «il divario tra le due parti è ri- del settore manifatturiero delle pic- que, rilevano gli analisti, non c’è
pure impegnata in un processo di (44,5), da cinque per la Spagna creto ministeriale entrato in vigore
dotto, ma profondo». cole e medie imprese e che segnala- motivo di preoccuparsi troppo. La ieri, figura l’innalzamento da 5.000 a
avvicinamento all’Ue stessa. (44,2), da dieci per l’Olanda (48.0),
Punto cruciale del disaccordo è Comunque, il negoziato a Bru- no con tempestività il livello di atti- media dei tre mesi, segnala la Mar- 25.000 euro del tetto delle transazio-
la questione dei poteri esecutivi e vità economica, hanno subito a fine kit che ha elaborato il dato, è la più da tre per l’Austria (48,1). Irlanda e
xelles fa segnare una fumata nera Germania, che avevano fino a feb- ni interne per le quali non c’è biso-
legislativi per le comunità autono- dopo l’altra e non è un caso se marzo una correzione rispetto al alta dal primo trimestre del 2012, e gno dell’approvazione della Banca
me dei serbi del Kosovo, chiesti braio segnalato espansione, sono
l’ambasciatore serbo a Mosca, Sla- dato provvisorio di metà marzo: a in crescita quindi rispetto alla fine tornate sotto quota 50: un livello centrale e la possibilità di staccare
con forza da Belgrado, ma dei qua- venko Terzić, ha proposto di coin- 46,8 l’indicatore per tutta Eurolan- del 2012 e sta a indicare complessi- assegni per una cifra complessiva di
li Pristina non vuole sentir parlare. che Eurolandia, nel suo complesso,
volgere nel negoziato sul Kosovo dia resta ancora in zona contrazio- vamente una contrazione meno ra- non vede il più da agosto 2011. 5.000 euro al mese. Altre restrizioni
«Noi abbiamo davvero fatto tutto anche la Russia, tradizionale allea- ne, sotto quota 50, e indica un peg- pida. Il fatto però che proprio l’ul- imposte la scorsa settimana, come il
quanto possiamo», aveva detto Il dato meno rassicurante riguar-
to di Belgrado. gioramento rispetto ai mesi prece- timo mese, marzo, sia stato cattivo da l’andamento dei nuovi ordini. limite di trecento euro per i prelievi
Dačić una settimana fa, dopo aver dal bancomat e di mille euro in con-
Le commesse si proiettano natural-
incontrato Bernd Borchardt, il tanti per chi si reca all’estero, sono
mente nel futuro, e il fatto che si
nuovo capo dell’Eulex, la missione tuttora in vigore. Le autorità di con-
stiano contraendo da ventidue mesi
europea in Kosovo. Subito dopo, il trollo delle Borse di Nicosia e di
e siano tornate ai minimi dal mese
capo dell’ufficio governativo serbo In Brasile dal 2003 al 2011 quaranta milioni di persone sono uscite dalla fascia di povertà di dicembre non lascia al momento Atene hanno frattanto confermato
per il Kosovo, Aleksandar Vulin, che le azioni della Bank of Cyprus e
speranze per un’immediata ripresa.
aveva ribadito che la bozza d’ac-
cordo finora proposta dall’Unione
europea non può essere neppure
Più classe media L’Olanda è alla sua terza reces-
sione in pochi anni. In Italia sono
tornati a crescere gli ordini al-
della Laiki Bank rimarranno sospese
dalle contrattazioni alle due Borse
valori fino al 15 aprile.
presa in considerazione da Belgra-
BRASILIA, 3. S’impone, in Brasile, sociologi brasiliani, rileva «Il Sole la mobilità sociale registrata negli l’esportazione, sia pure in misura
do. «È qualcosa che un Paese indi-
la classe media. Si stima che dal 24 Ore», suddividono i consuma- ultimi anni offrono prospettive insufficiente per compensare il calo
pendente non può accettare», ave-
2003 al 2011 quaranta milioni di tori in cinque fasce: A,B,C,D,E. La confortanti. Auto e telecomunica- di quelli interni.
E sia in Olanda che in Italia, co-
persone siano uscite dalla fascia di
povertà. E non che la crisi finan-
più ricca è la A, la più povera è la
E. In otto anni nella fascia C sono
zioni sono i settori dove i consumi
si mantengono sostenuti. me del resto in Francia e in Irlan- Elezioni del capo
da, la riduzione dei posti di lavoro
ziaria internazionale non abbia fat- entrate quaranta milioni di perso- Per alcune tipologie di consumi dello Stato italiano
Il Senato to sentire i suoi effetti anche in ne, che hanno lasciato le classi in- la legislazione ha giocato un ruolo
è stata marcata anche a marzo: solo
questo Paese. feriori, senza provocare erosioni
importante. Il Governo ha varato
Austria e Germania si sono mosse
dal 18 aprile
uruguayano a favore Eppure, anche con una crescita
economica rallentata, la disoccupa-
nelle classi più elevate. È come se,
all’interno del Paese, si fosse for- una legge che tutela il personale
in controtendenza. In flessione, di
conseguenza, anche i prezzi. Fatto
di servizio e obbliga a versare con- ROMA, 3. Si potrà tenere dal 18 apri-
del matrimonio zione è rimasta bassa, i salari sono
aumentati e l’accesso al credito è
mato un volano che genera nuovi
consumi di classe media per qua- tributi e a rispettare le regole: ciò
questo, rilevano gli analisti, che
può tranquillizzare la Banca centra- le la prima seduta comune del Parla-
tra omosessuali sensibilmente lievitato.
Sono questi i fattori sui quali
ranta milioni di persone. Insom-
ma, la crisi c’è, la corsa del pil non
ha scoraggiato l’assunzione di col-
laboratrici familiari e determinato
le europea, che ha più spazio per
nuovi interventi, ritenuti tra l’altro
mento per eleggere il nuovo presi-
dente della Repubblica italiana. È
poggia l’incremento dei consumi è più agile come in passato, ma le un aumento delle vendite di elet- molto probabili entro la fine di giu- quanto si legge in una nota del pre-
MONTEVIDEO, 3. Il Senato urugua- brasiliani degli ultimi dieci anni. I dimensioni del mercato interno e trodomestici. gno. sidente della Camera dei deputati,
yano ha approvato ieri con 23 voti Laura Boldrini, che nella sua qualità
a favore e 8 contrari il progetto di di presidente del Parlamento in se-
legge che introduce il matrimonio duta comune, provvederà lunedì 15
tra omosessuali. Il testo passa ora aprile a diramare la convocazione
al vaglio della Camera dei deputa- Secondo il Fondo monetario internazionale l’economia farà registrare una robusta crescita nel 2013 prevista dal secondo comma dell’ar-
ti, che già ne aveva approvato una ticolo 85 della Costituzione per l’ele-
prima stesura nello scorso mese di
dicembre, ma che ora è chiamata a
pronunciarsi di nuovo sulle modifi-
Haiti che non ti aspetti zione del nuovo capo dello Stato.
Su invito del presidente della Re-
pubblica e sentito il presidente del
che apportate dal Senato. La nor- Senato — si legge nella nota — la se-
PORT-AU-PRINCE, 3. Buone notizie compiuti progressi significativi.
mativa, denominata Legge del ma- per Haiti: le porta il Fondo mone- duta del Parlamento, integrato dai
Questi progressi, osserva il Fondo
trimonio ugualitario, segnala espres- tario internazionale (Fmi) che ha delegati regionali, potrà avere luogo
monetario internazionale, sono sta-
samente che il codice civile deve elaborato stime secondo le quali già a partire dallo stesso giovedì 18
considerare come matrimonio ti resi possibili anche grazie al con-
l’economia dell’isola, pur dovendo aprile, confidando che gli adempi-
«l’unione permanente di due per- dono di parte del debito estero. E
fare fronte a grandi difficoltà, è de- menti relativi alla designazione da
sone di sesso uguale o distinto» ed lo stesso Fmi sottolinea il significa- parte delle Regioni dei propri dele-
stinata a crescere nell’arco del 2013. tivo dato economico previsto per il
elimina i termini «uomo e donna» L’economia, afferma l’Fmi, rag- gati si svolgano con la massima tem-
per sostituirli con «coniugi». Nei proseguo del 2013 (anche l’inflazio- pestività.
giungerà una crescita del 6,5 per
giorni scorsi l’arcivescovo di Mon- cento. A supportare questa tenden- ne sembra essere sotto controllo) Per quanto concerne il Friuli - Ve-
tevideo, Nicolás Cotugno Fanizzi, za dovranno essere gli investimenti considerando che problemi infra- nezia Giulia, il cui Consiglio regio-
aveva rivolto un appello ai legisla- nel settore agricolo e in quello in- strutturali, tensioni sociali e politi- nale è in corso di rinnovo, va ricor-
tori cattolici, chiedendo di non vo- dustriale. Il terremoto del 201o eb- che, le precarie condizioni di sicu- dato che, come avvenuto in altre
tare a favore di una legge che «si be effetti devastanti anche sull’eco- rezza non hanno certo agevolato, analoghe occasioni, il Consiglio
schiera apertamente contro il pro- nomia di Haiti. Da allora, sottoli- dal 2010 in poi, il processo di rico- uscente ha già provveduto alle ne-
getto di Dio». Un bambino haitiano a Petionville (LaPresse/Ap) nea l’Fmi in un dossier, sono stati struzione dell’isola. cessarie designazioni.

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
giovedì 4 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Numerose vittime civili


Raid israeliano
Intensi contro
combattimenti la Striscia
nei sobborghi di Gaza
di Damasco TEL AVIV, 3. Un raid sulla Striscia
di Gaza è stato compiuto nella
DAMASCO, 3. S’intensificano nei notte dall’aviazione israeliana.
sobborghi di Damasco i combatti- Non vengono segnalate vittime.
menti tra l’esercito governativo e L’azione è stata lanciata in rappre-
le milizie ribelli insorte contro il saglia per il lancio di razzi contro
presidente Bashir Al Assad. Scon- Israele. Si è trattato del primo at-
tri particolarmente aspri sono in tacco aereo dopo la tregua tra
corso nel distretto di Barzeh, nella Israele e Hamas in seguito all’of-
parte settentrionale della città — fensiva dello scorso novembre. Ie-
dove una famiglia di quattro per- ri un razzo lanciato dal territorio
sone è stata sterminata da un col- palestinese controllato da Hamas
po di cannone — e in quello di Jo- ha raggiunto il sud di Israele. Le
bar, a est. Vittime civili si sono re- forze di sicurezza hanno registrato
gistrate ieri anche nella località di altri colpi di mortaio e lanci di
Al Hajar al Aswad, a sud della ca- razzi dalla Striscia, che però non
pitale, dove tre uomini sono stati hanno colpito il territorio israelia-
uccisi e una ventina di persone so- no. Il ministero della Difesa ha
no state ferite da un bombarda- lanciato un monito contro il lan-
mento. Anche a Mqailyabeh, sem- cio di ordigni. «Israele ritiene Ha-
pre nella provincia di Damasco, mas responsabile per qualsiasi at-
dove gli insorti hanno preso il tacco da Gaza. Non permetteremo
controllo di diverse zone, un bom- che si assista al fuoco quotidiano
bardamento ha causato la morte contro i nostri civili e le nostre
di un bambino di tre anni. Fonti forze», ha detto il ministro, Mo-
dell’opposizione parlano di 78 she Yàalon, dopo il raid compiuto
Donne nel centro del Cairo (LaPresse/Ap)
morti nella giornata di ieri, una ci- da Israele. «Allo stesso modo —
fra analoga a quella del giorno ha aggiunto il ministro — la nostra
precedente. politica è che non abbiamo inten-
Sempre ieri, i ribelli hanno so-
Al via la missione del Fondo monetario arabo mentre è attesa al Cairo la delegazione dell’Fmi
zione di ignorare il fuoco dal ter-
stenuto di aver assunto il control-

L’Egitto tra prestiti e riforme


ritorio siriano contro quello israe-
lo del villaggio di Handrat, all’im- liano. Risponderemo anche se si
mediata periferia di Aleppo, la se- tratta di incidenti».
conda città del Paese e principale
centro settentrionale. Dal nord,
per precisione dalla provincia di IL CAIRO, 3. Il Governo egiziano ha intrapreso variare: è una questione di esigenze», ha spiegato twitter. «Sembra che vogliano esaurirci fisicamen-
Idlib, è stata diffusa anche la noti- un negoziato con il Fondo monetario arabo senza specificare se la rivisitazione potrebbe esse- te, emotivamente e finanziariamente», ha aggiun-
zia, peraltro senza conferme indi-
pendenti, che un commando di
(Fma), un’organizzazione panaraba creata dal
Consiglio economico degli Stati della Lega araba,
re al ribasso o al rialzo. L’Fmi ha annunciato la
settimana scorsa il prossimo invio di una nuova
to. Il comico, la cui satira in passato non aveva
risparmiato neanche i militari, nei giorni scorsi Sanguinosa
uomini armati ha preso in ostag-
gio i passeggeri di un autobus in
per un prestito da 465 milioni di dollari. Lo ha
reso noto ieri a Dubai il ministro delle Finanze,
missione al Cairo per proseguire i colloqui.
Gli Stati Uniti si dicono però perplessi sulla
era stato rilasciato su cauzione — 15.000 sterline
egiziane, pari a circa 1.700 euro — dopo essere
battaglia
viaggio verso Maaret Masrin.
Nell’area di Aleppo i ribelli
El Morsi El Hegazy, citato dal sito web del quo-
tidiano «Al Ahram». Il ministro non ha aggiunto
direzione presa dall’Egitto, che uscito dall’era
Mubarak avrebbe dovuto vedere la nascita della
stato interrogato per cinque ore. Il procuratore
generale aveva aperto un’inchiesta sul caso sulla
nella città afghana
sembrano particolarmente impe-
gnati anche in una vasta operazio-
ulteriori dettagli in merito, né ha spiegato i tempi
dell’operazione. L’Egitto ha già ricevuto 270 mi-
democrazia. «Reale preoccupazione» è stata in-
fatti espressa dal segretario di Stato americano,
base di dodici querele di cittadini che si erano
detti «feriti psicologicamente» dalla sua satira
di Farah
ne militare contro le prigioni dove lioni di dollari dal Fondo monetario arabo, che John Kerry, in seguito ai recenti arresti e al clima politica.
KABUL, 3. È salito ad almeno sei
sono detenuti i prigionieri politici. presto fornirà un’altra tranche di aiuti al Cairo di tensione e violenza che si è innescato nel Pae- Dal canto loro, i Fratelli musulmani hanno at- morti accertati e a settanta feriti il
Fonti degli stessi ribelli, che han- per 135 milioni di dollari. se. «È venuto il tempo che le promesse della ri- taccato gli Stati Uniti dopo le critiche del diparti- bilancio tuttora provvisorio del-
no pubblicato diversi video su in- Il Paese ancora non riesce a risollevarsi econo- voluzione del 2011 siano mantenute» ha detto il mento di Stato americano in relazione alla vicen- l’assalto compiuto dagli insorti ta-
ternet, affermano che da lunedì è micamente dopo la rivolta che ha deposto l’ex capo della diplomazia statunitense nel corso di da. Il portavoce statunitense, Victoria Nuland, lebani contro un complesso pub-
sotto assedio l’ospedale Al Kindi, presidente Hosni Mubarak. Da mesi il Governo è una conferenza stampa a Washington. aveva parlato di una «pericolosa tendenza nelle blico a Farah, capoluogo del-
a nord di Aleppo, da mesi trasfor- in trattativa con il Fondo monetario internaziona- Nel frattempo, la procura generale egiziana ha limitazioni alla libertà di opinione in Egitto». È l’omonima provincia nell’Afghani-
mata in una vera e propria base le (Fmi) per un prestito da 4,8 miliardi di dollari, aperto una nuova inchiesta per esaminare le de- una «palese interferenza» negli affari interni stan sud-occidentale, una tra le
militare delle milizie governative, ritenuto necessario per immettere liquidità nel nunce per «minacce alla sicurezza pubblica» con- dell’Egitto, ha commentato il partito Libertà e più instabili del Paese centro-asia-
e dove sono rinchiusi centinaia di mercato e rafforzare le riserve di valuta straniera tro il comico televisivo Bassem Youssef, già arre- Giustizia, braccio politico dei Fratelli musulmani. tico. Lo ha riferito il governatore
attivisti dell’opposizione. Gli in- della Banca centrale. E l’importo del prestito stato per un giorno con l’accusa di aver insultato Secondo Mohamed ElBaradei, uno dei leader del provinciale Akram Ekhpelwak, se-
sorti affermano di esser diretti an- dell’Fmi all’Egitto può essere rivisto in base alle il presidente Mohammed Mursi. «Una nuova de- Fronte di salvezza nazionale, la coalizione condo cui la maggior parte delle
che verso il carcere di Meslimiyya, esigenze del Paese. Lo ha detto Masood Ahmed, nuncia è stata depositata contro di me per diffon- dell’opposizione, «siamo alla continuazione delle vittime sono semplici civili. Un
sempre ad Aleppo, diviso in direttore del Fondo per il Medio Oriente e l’Asia dere voci e informazioni false e turbare l’ordine manovre brutte, ma fallite, di fermare la transizio- commando formato da numerosi
un’ala dei detenuti comuni e una centrale, sempre a margine dell’incontro a Dubai pubblico dopo i recenti eventi» ha scritto ne democratica». Quello di Youssef è solo il più talebani ha fatto irruzione nel cor-
di prigionieri politici. di ministri arabi delle Finanze. «La somma può Youssef, di professione cardiologo, sul suo profilo noto di una serie di casi simili denunciati. tile della struttura, aprendosi la
Nel frattempo, continua ad au- strada con il lancio di bombe a
mentare il flusso di profughi nei mano e quindi sparando all’im-
Paesi confinanti. Nella sola Tur- pazzata sui presenti. Ne è scaturi-
chia, secondo una nota ufficiale ta una battaglia con le forze di si-
diffusa ieri dal Governo di Anka-
ra, ci sono 192.000 rifugiati. La
Riaperta la strada Vertice africano curezza durata oltre un’ora. Dal
canto suo un portavoce dei ribelli
afghani, Qari Mohammed Yousuf,
nota specifica che dall’inizio del
conflitto siriano, due anni fa, han-
no varcato il confine 285.984 per-
tra Mogadiscio e Baidoa sulla crisi a Bangui ha rivendicato l’attacco a nome
del proprio movimento, sostenen-
do peraltro che vi sarebbero stati
sone, ma che 93.991 hanno poi
N’DJAMENA, 3. I capi di Stato e di ma non, almeno stando alle ultime tra i sedici e i venti morti. Nel
fatto ritorno in patria.
Governo della Comunità economica indiscrezioni di stampa, il leader di frattempo, il presidente afghano,
dei Paesi dell’Africa centrale (Ec- Seleka, Michel Djotodja, che si è Hamid Karzai, ha affermato che il
cas), sono riuniti oggi a N’D jame- autoproclamato presidente, ha so- capo dei talebani, il mullah Omar,
na, la capitale del Ciad, per un ver- speso la Costituzione e ha sciolto il ha il diritto di candidarsi alle pre-
sidenziali del prossimo anno.
Processo in Francia tice straordinario dedicato alla si-
tuazione nella Repubblica Centroa-
Parlamento. Bozizé, in un’intervista
alla Bbc, ha anche accusato il Ciad
L’apertura è giunta in un’intervi-
sta alla «Süddeutsche Zeitung» in
per il genocidio fricana, dove dieci giorni fa le mili-
zie della Seleka hanno assunto il
di aver sostenuto l’azione di forza
della Seleka, esprimendo peraltro
cui Karzai sostiene che il mullah
del 1994 in Rwanda potere, costringendo alla fuga il sorpresa, dati i buoni rapporti man-
Omar «può essere un candidato
alla presidenza e offrire agli af-
presidente François Bozizé. Que- tenuti negli ultimi anni tra il suo ghani la possibilità di votare o
PARIGI, 3. Un tribunale francese st’ultimo, che si trova ancora in Ca- Governo e quello di N’D jamena. meno per lui». Il presidente af-
ha per la prima volta ordinato un merun, ma che ha ottenuto asilo Secondo il presidente deposto, sa- ghano ha attaccato l’occidente e
rinvio a giudizio in relazione al dal Benin, ha detto che gli organiz- rebbero state forze speciali ciadiane ha rivelato che «i talebani parlano
genocidio in Rwanda del 1994. Si zatori hanno respinto la sua richie- a guidare il colpo di Stato di dome- con noi, vengono da noi ogni
tratta dell’ex capitano dell’esercito sta di partecipazione. Dovrebbe in- nica 24 marzo, compreso l’attacco giorno. Questo è anche il loro
rwandese Pascal Simbikangwa, ar- tervenire invece il primo ministro ai militari sudafricani della missione Paese, dovrebbero partecipare al
restato nel 2008 sull’isola francese centroafricano Nicolas Tiangaye, internazionale. Governo».
di Mayotte. Simbikangwa deve ri-
spondere dell’accusa di complicità
in genocidio e complicità in crimi-
ni contro l’umanità, ma può anco-
ra presentare appello per evitare il Mentre appare ancora lontana la conclusione del conflitto nel nord
processo in Francia.
Come noto, sul genocidio in
Rwanda ha particolare competen-
za il tribunale ad hoc istituito già
Commissione per la riconciliazione in Mali
nel 1994 dall’Onu e che ha sede
BAMAKO, 3. Mentre nel nord del conciliazione politica ha parlato il re deponeva il presidente Amadou
ad Arusha, in Tanzania. Diversi
Mali appare ancora lontana la fine ministro degli Esteri francese Alain Toumani Touré. All’inizio di que-
Paesi, oltre ovviamente al Rwanda
del conflitto, nella capitale Bamako Juppé. st’anno, dopo un tentativo di offen-
stesso, rivendicano però giurisdi-
si è cominciato a costituire una «Quello che ci preoccupa è la pa- siva jihadista verso sud, è intervenu-
zione su sospetti responsabili cat-
turati sul proprio territorio. commissione per il dialogo e la ri- ce nel Paese, la riconciliazione e ta in armi la Francia. L’operazione
Quella scritta in Rwanda tra il conciliazione nazionale. A presiede- l’intesa tra fratelli e sorelle maliani delle truppe francesi, affiancate da
6 aprile e il 16 luglio del 1994 — re la commissione è stato designato affinché tutti insieme ci rialziamo in quelle della forza africana Misma e
Militari delle forze armate somale (Afp) il diplomatico ed ex ministro Moha- piedi per far fronte a tutte le sfide dall’esercito governativo maliano, è
quando ci fu il rovesciamento del
Governo espressione dell’etnia med Salia Sokona. Nel nominarlo, che ci aspettano. È una grande re- lontana dal potersi considerare vin-
maggioritaria hutu e la presa del il presidente ad interim Dioncounda sponsabilità e una sfida», ha dichia- cente. I gruppi jihadisti confermano
MO GADISCIO, 3. Le truppe riapre anche un’arteria essenziale al
potere del Fronte patriottico rwan- Traoré gli ha affiancato come vice rato Salia Sokona. Quello della ogni giorno un’alta capacità di col-
dell’Amisom, la missione dell’Unio- passaggio delle merci e degli aiuti
dese, principale forza dell’etnia ne africana in Somalia, hanno ria- presidenti una donna, Touré Ou- commissione non si annuncia come pire, sia con la guerriglia sia con at-
umanitari», si legge nella nota
tutzi — fu una delle più atroci pa- perto la maggiore arteria stradale mou Traoré, leader del Coordina- un lavoro facile. Le popolazioni del tentati nelle città settentrionali in
dell’Amisom. mento delle associazioni femminili Mali, complesso mosaico di etnie, teoria sottratte al loro controllo, co-
gine della storia del XX secolo, che del Paese, quella che collega la ca- Baidoa, una delle roccaforti di al
pure di orrori non è stato avaro. pitale Mogadiscio alla grande città del Mali, e un esponente del popo- culture e religioni, sono state messe me Timbuctu, Gao e Kidal.
Shabaab, fu conquistata nel feb- lo tuareg, Méti Ag Mohamed Rissa, a dura prova nella crisi cominciata Ad accrescere le difficoltà della
Secondo stime dell’Onu, le milizie meridionale di Baidoa. In una nota braio 2012 dalle truppe dell’Etiopia ufficiale in pensione del servizio nel gennaio 2012, quando i tuareg commissione contribuiscono anche i
hutu uccisero oltre ottocentomila dell’Amisom si specifica che è stata
tutzi, ma anche hutu moderati. Le intervenute in territorio somalo con delle dogane, originario della regio- del Movimento nazionale di libera- diversi casi di violenze ai danni del-
ripristinata la sicurezza negli ultimi
conseguenze di quello spaventoso sessanta chilometri della strada, il dichiarato intento di mettere in ne settentrionale di Kidal. zione dell’Azawad hanno cacciato le minoranze etniche arabe e tuareg
evento, oltre che in Rwanda, pesa- quelli che attraversano regioni per sicurezza la propria frontiera, così Le loro nomine, che saranno se- l’esercito governativo dal nord del dei quali rapporti internazionali
no anche sui Paesi confinanti, in anni rimaste sotto il controllo delle come fecero mesi dopo le truppe guite a breve da quelle dei trenta Paese, salvo dover poi cedere il con- concordi accusano le truppe gover-
particolare la Repubblica Demo- milizie radicali islamiche ribelli di del Kenya, poi confluite nell’Ami- commissari, sono state accolte posi- trollo del territorio a gruppi armati native. Sempre ieri, è incominciato
cratica del Congo, dove da quasi al Shabaab. La liberazione della som e protagoniste della riconquista tivamente dai partner internazionali jihadisti, armati islamici, in gran l’addestramento dell’esercito malia-
vent’anni sono presenti gruppi ar- strada «consente non solo libertà di di Chisimaio, seconda città e secon- delle autorità di transizione maliane. parte di provenienza straniera. Due no da parte dell’Unione dei 550 spe-
mati rwandesi. movimento per la popolazione, ma do porto del Paese. Di tappa importante verso la ri- mesi dopo, un colpo di Stato milita- cialisti inviati dall’Unione europea.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 4 aprile 2013

La resurrezione di Borgo Sansepolcro rimanda alla ieraticità impersonale della tradizione cristiana orientale

Un bizantino
chiamato Piero della Francesca
di JEAN-PIERRE DE RYCKE poli, così ribattezzata dal primo imperatore giante del sepolcro propriamente detto,
cristiano, era la capitale dell’impero d’O riente dall’aspetto di un sarcofago antico con moda-
cristiani d’Oriente sono soliti dire che prima di diventare quella dell’impero bizantino nature e pannelli in marmo policromo.

I Piero della Francesca è, tra tutti i pitto-


ri occidentali del Rinascimento, quello
che più si avvicina alle concezioni bi-
zantine in termini di arte. Questa con-
statazione appare evidente quando si osserva
una delle opere più emblematiche del pittore
toscano: la Resurrezione, dipinta a fresco nel
propriamente detto.
Attraverso una serie di astuzie simboliche, la
scena definisce un programma allegorico fatto
di una duplice opposizione tra il risveglio e il
sonno, tra la vita e la morte. Così il contrasto
simultaneo tra il Cristo in maestà rivestito del-
la toga e nel pieno possesso delle sue forze fi-
È interessante paragonare questo dispositivo
scenico con quello, leggermente precedente
perché datato 1447, che Andrea del Castagno
aveva dipinto per Sant’Apollonia. Pur con mi-
nore rigidità nel trattamento volumetrico e
maggiore libertà nella postura dei personaggi,
questa composizione sembra prefigurare chia-
suo paesino natale, Sansepolcro, già dal nome siche e i quattro soldati addormentati — fra i ramente quella di Piero.
predestinato a questo tema evangelico, a tal quali, secondo un’antica tradizione, Piero stes- D’altronde sembra che non fosse la prima
punto che la celebre rappresentazione divente- so, che potrebbe avere al massimo una quaran- volta che Piero s’ispirava più o meno diretta-
rà l’emblema moderno della città valtiberina, il tina d’anni, confermando così la presunta fa- mente all’audacia grafica o compositiva del
cui antico sigillo recava impressa l’immagine scia cronologica di realizzazione dell’opera — suo collega (anche lui in passato aiutante di
della resurrezione. dalle membra rilassate dal letargo e abbando- Domenico Veneziano) e suo contemporaneo,
Di datazione sconosciuta, si suppone tutta- nate al torpore dell’alba da una parte; e dalla sensibilità chiaramente più espressionista
via — essenzialmente per ragioni stilistiche — dall’altra, tra gli alberi secchi e spogli rappre- (una forma di “terribilità” michelangiolesca an-
che il dipinto murale di Piero si collochi nello sentati sulla sinistra dell’affresco e i loro omo- te litteram) e avanguardista della sua. Ne è già
stesso arco cronologico del ciclo di Arezzo, il loghi frondosi sulla destra dell’immagine, in prova la figura centrale di Oddantonio da
cui inizio viene situato tra il 1450 e il 1460. un’evidente allusione al rinnovamento perma- Montefeltro nella Flagellazione di Urbino, il cui
Bizantina dunque, o bizantineggiante, nella nente della natura in forma di eternità. modello e il cui drappeggio sembrano simili a
misura in cui la figura impressionante e impo- La monumentalità verticale del busto atleti- quelli delle figure eroiche dipinte da Andrea
nente del Cristo Pantocràtor rimanda molto co di Gesù — che afferma così la robustezza per Villa Carducci a Legnaia.
chiaramente alla ieraticità impersonale cara alla del suo perfetto recupero fisico dopo la morte Collocata un tempo, così sembra, di fronte
rappresentazione di Gesù onnipotente nella (pensate al contrasto con la fragilità apparente all’ingresso dell’antica sala del Consiglio co-
tradizione cristiana orientale, essa stessa di de- del corpo di Gesù nella Deposizione di Van der munale di Sansepolcro, la figura di Piero, in-
Piero della Francesca, «Resurrezione» (XVI secolo) rivazione romana imperiale poiché Costantino- Weyden) — fa eco all’orizzontalità classicheg- cutendo timore, doveva avere la duplice fun-
zione di “accoglienza” e di messa in guardia o
dissuasione, di tutela benevola anche verso i
rappresentati della città nel compimento del
loro dovere di amministrare il bene pubblico.
Quel duello perennemente in corso Immagine per eccellenza della “vigilanza”, del-
la continuità e della stabilità della “cosa comu-
ne”, essa ricordava loro costantemente, con la
di GIORGIO ALESSANDRINI lettura adeguata dell’opera occorre una all’inno pasquale dell’ufficio di lodi è pale- ta perché il gregge redento è sottratto al sua austerità e la sua severità “antica”, la pre-
qualche familiarità con la tradizione liturgi- se: aurora lucis rutilat, caelum resultat laudi peccato e alla morte. Osservando i dor- senza tangibile e implacabile del Redentore-te-
Nato a Borgo Sansepolcro dove rimase fino ca e con alcuni inni pasquali da cui Piero bus (...) Cum rex ille fortissimus, mortis con- mienti si nota che due di loro giacciono col stimone — vero Dio vivo — dietro ogni minimo
ai quindici anni, Piero della Francesca di certo trae ispirazione. L’orizzonte del fractis viribus, pede conculcans tartara solvit capo che affaccia nel campo dove regna la atto pubblico compiuto per il bene di tutti i
mantenne sempre un saldo legame con la quadro coincide col margine del sepolcro e catena miseros, rosseggia di luce l’aurora, luce: come in attesa della parola che invita cittadini.
terra d’origine dove quando poteva tornava segna la linea di partizione tra la regione suona di lodi il cielo, quando il re, il più a destarsi (Efesini, 5, 13). Secondo la parti- Un’antica iscrizione in lettere maiuscole ro-
e dove fu pure gonfaloniere. Non sappiamo superiore dove regna la luce e quella in pe- forte, infranti i poteri della morte, calcando zione verticale l’affresco sviluppa un tema mane — oggi praticamente illeggibile ad ecce-
se l’idea di ritrarre in affresco quel Cristo nombra che accoglie la guardia dormiente. col piede l’abisso sciolse dai ceppi i miseri. ulteriore: dal lato a settentrione, perciò sul- zione delle due parole HUMAN (M)ORTE — allu-
che dal sepolcro risorge vivo e possente sia Il contrasto suggerisce diverse contrapposi- - Il piede che calca la pietra diventa espres- la destra rispetto al Cristo, sole che nasce deva forse al tema ricorrente della redenzione
stata sua o dei concittadini, sta di fatto che zioni simboliche, da quella luce-tenebre a sione visiva dello slancio con cui il Risorto da oriente, il paesaggio è smorto e gli albe- associata alla Passione di Cristo. A meno che
quell’opera nata tra il 1450 e il 1460, non fu quella delle coppie antagoniste morte-vita, victor surgit de funere. La guardia che giace ri spogli come d’inverno, mentre sulla sini- questa non rimandi piuttosto al messaggio su-
pensata per un luogo di culto ma per il pa- sonno-veglia, peccato-grazia. Di spalle alla dormiente e inutilmente brandisce le armi è stra, a mezzogiorno, la vegetazione è fio- bliminale essenzialmente contenuto nell’illu-
lazzo dei Conservatori, oggi museo civico, figura del Cristo che sorge con imperiosa un richiamo ulteriore alla lotta tra la vita e rente come in estate. L’evento della Resur- strazione evangelica: quello di un autentico
come icona evocatrice del nome del piccolo evidenza, il cielo si colora della luce del la morte che Cristo ha affrontato e vinto rezione segna dunque il passaggio del “trionfo” secondo lo stile romano: del bene sul
comune toscano. L’opera rivela già al pri- giorno che nasce. Il Risorto che la tradizio- per noi: mors et vita duello conflixere miran- mondo dall’antica alla nuova stagione e, male, della giustizia sulla corruzione, della vita
mo sguardo il rigore geometrico della com- ne vuole ammantato di bianco qui appare do, dux vitae mortuus regnat vivus. Morte e ancora una volta dalla morte alla vita; Pao- sulla morte, come proclama con fierezza lo
posizione dove le figure e i particolari si avvolto in una sindone del colore del sole vita contesero in duello mirabile, il Signore lo parla del gemito della creazione stessa stendardo della resurrezione con la croce rossa
collocano in uno spazio e in un ordine che nascente con cui si identifica come fonte della vita pur morto regna vivo: canta così «nelle doglie del parto», protesa verso la innalzato come un giavellotto dall’atleta mili-
riveste valore simbolico. Tuttavia, per una della luce che vince le tenebre. Il richiamo la sequenza della messa di Pasqua che esul- rivelazione dei figli di Dio (Romani, 8, 23). tante di Dio.

Sessantanove anni fa veniva ucciso don Giuseppe Morosini, il sacerdote romano che salvò centinaia di ebrei

Primula rossa in tonaca


di GIOVANNI PREZIOSI to dell’amico Marcello Bucchi, aven- Italiana Domenico Campani. Alcuni anche di padre Pancrazio Pfeiffer —
do appreso che nella chiesa di Santa giorni dopo l’arresto di don Morosi- nominato d’ufficio dal Comando te-
Il 3 aprile di sessantanove anni fa, Maria in Campitelli si erano rifugiati ni, per la precisione il 12 gennaio, su desco, chiese per l’imputato una pe-
all’alba del Lunedì Santo, veniva una sessantina di ebrei per sfuggire sollecitazione dello zio don Luigi, rizia psichiatrica, evidentemente nel
barbaramente trucidato presso il alla retata, corse immediatamente a parroco della Chiesa di Sant’O no- disperato tentativo di attribuire la
Forte Bravetta, tra la via Aurelia e la prelevarli con due camioncini, per frio, il fratello Salvatore decise di ri- “colpa” dell’accaduto all’indole par-
via Portuense a Roma, un giovane condurli a Monte Mario e nello stes- volgersi al superiore generale dei sal- ticolarmente esuberante del giovane
sacerdote vincenziano di appena 31 so Collegio Leoniano al riparo da vatoriani padre Pancrazio Pfeiffer sacerdote.
anni, caduto in un’imboscata, accu- occhi indiscreti. per persuaderlo ad interporre i suoi Tuttavia, ogni tentativo di salvar-
sato di «aver esercitato traffico d’ar- Sul finire di ottobre di quello stes- buoni uffici presso le autorità tede- gli la vita si rivelò vano anche dopo
mi e spionaggio» a beneficio degli so anno iniziò a collaborare perfino sche, con le quali aveva da tempo al- quello compiuto dal direttore
anglo-americani, il suo nome era con il monsignore irlandese Hugh lacciato buoni rapporti. «Ma non so dell’ospedale provinciale psichiatrico
don Giuseppe Morosini. Proprio in O’Flaherty, la famigerata “primula quello che si potrà fare. È grave… è di Roma, Francesco Bonfiglio che,
quel periodo, infatti, molti religiosi rossa” del Vaticano, che all’epoca grave», replicò costernato padre su incarico del superiore del Colle-
diedero il loro contributo alla Resi- guidava un’organizzazione clandesti- Pfeiffer il quale, nel frattempo era gio Leoniano, padre Giuseppe Zep-
stenza nascondendo prigionieri al- na che si occupava di assistere i mili- riuscito a carpire preziose informa- pieri, il 25 febbraio 1944 provvide a
leati, disertori tedeschi, ebrei e parti- tari anglo-americani, nonché del sal- zioni dal capitano del controspio- far pervenire al Comando germanico
giani di ogni colore politico. Nean- vataggio dei prigionieri alleati fuggi- naggio tedesco Ferdinand Thun Von un circostanziato referto medico nel Un’immagine di don Morosini. Sullo sfondo, il documento della sua condanna a morte
che don Morosini si sottrasse a que- ti dai vari campi di concentramento Hofenstein. Poi, fissando negli occhi quale si leggeva tra l’altro: «Il Mo-
st’opera encomiabile tant’è che, co- e degli ebrei, nascondendoli in vari il suo interlocutore, allargò le brac- rosini, soggetto di intelligenza eleva-
me racconterà negli anni successivi conventi dell’Urbe, a Castel Gandol- cia esclamando laconicamente: «Sta ta, ha fatto gli studi ecclesiastici, ha dalle note obiettive dismorfiche e furie divenendo ancora più irremovi-
padre Giuseppe Menichelli, da una fo e nella sua vecchia scuola di Pro- nelle mani di Dio». Il 22 febbraio imparato a suonare il piano e l’orga- neurologiche da me notate. Attual- bile, al punto che ordinò addirittura
piccola porta del Collegio Leoniano paganda Fide. Dopo essere stato successivo, infatti, si celebrò il pro- no ed a comporre musica. Di carat- mente il padre Morosini trovasi in di anticipare l’esecuzione del sacer-
dove risiedeva, «faceva passare cappellano militare del quarto reggi- cesso a carico del giovane prete vin- tere volubile, facile a lasciarsi sugge- fase distimica di tipo ipomaniacale, dote.
dall’ospedale militare» allestito in mento d’artiglieria di stanza a Lau- cenziano e di Marcello Bucchi che stionare dagli altri ed a cambiare di la cui morbosità è chiaramente com- Al termine dell’istruttoria, affidata
un’ala del Collegio «patrioti, ebrei e rana, all’epoca in provincia di Fiu- in realtà si rivelò un’autentica farsa. idee e di sentimenti, ha menato sem- provata dallo stato di euforia, di al giudice Alfredo Leboffe questi
persone da nascondere ai tedeschi». me, all’indomani dell’armistizio don Il dibattimento, infatti, non durò pre una vita irregolare; disordinato, fluidità del pensiero e di iperattività, pronunciò la sentenza di condanna a
Inoltre, il 21 ottobre 1943, pochi Giuseppe Morosini aveva aderito al- più di mezz’ora perché il giudice insofferente della disciplina religiosa, contrastante con la tragica situazione morte nei confronti di don Giuseppe
giorni dopo l’ignobile rastrellamento la banda “Fulvio Mosconi” di Mon- aveva già deciso la sentenza. Venne inosservante delle regole e degli ora- in cui egli si trova. Possiamo pertan- Morosini, disponendo che sarebbe
del ghetto ebraico di Roma ad opera te Mario alle dirette dipendenze del confermata l’accusa e disposta la re- ri della Comunità, trascurante spesso to formulare nel padre Giuseppe stata eseguita all’alba del 3 aprile
dei nazisti, don Giuseppe, con l’aiu- Fronte clandestino militare di Giu- clusione nel terzo braccio di Regina dei suoi doveri, è stato sempre la di- Morosini la diagnosi di Costituzione 1944 nei pressi del Forte Bravetta.
seppe Cordero Lanza di Coeli, cella numero 382. sperazione dei suoi Superiori che lo psicopatica con epilessia e cicloti- Prima di comparire davanti al ploto-
Montezemolo, incarican- Quindi, a distanza di alcuni gior- hanno tollerato perché ne riconosce- mia». ne d’esecuzione, il giovane prete vin-
dosi di trasportare armi, ni, don Giuseppe Morosini fu nuo- vano il temperamento morboso. Tut- Ad ogni modo, malgrado non fos- cenziano, alle 4 del mattino, volle
viveri e consegnare mes- vamente trasportato a via Lucullo, tavia si è dovuto cambiare di Casa se stato accertato l’uso di armi da celebrare la sua ultima Messa insie-
Costantino saggi nelle borgate delle
vie Cassia, Appia e Casi-
presso l’Hotel Flora e negli uffici
della Gestapo, al Viminale, per esse-
religiosa per ben tre volte. Di umore
abitualmente allegro, ma molto mu-
parte dell’imputato, don Morosini fu
comunque condannato a morte,
me al cappellano di Regina Coeli,
il rivoluzionario lina.
Tuttavia, proprio per
re sottoposto a lunghi ed estenuanti
interrogatori che duravano a volte
tevole, ha sempre presentato varie
alternative fra periodo di esaltazione
mentre a Marcello Bucchi fu commi-
nata una pena di dieci anni di reclu-
monsignor Cosimo Bonaldi. Quindi,
alle sei in punto, accompagnato dal
anche più di quattro ore di fila nel affettiva con euforica iperattività, ir- vicegerente del Vicariato, monsignor
Costantino non fu il padre questa sua attività, il 4 sione da scontare in Germania. An-
corso dei quali seppe mantenere requietezza motoria e periodi di de- Luigi Traglia — dal quale era stato
dell’intolleranza religiosa. L’affermazione, gennaio del 1944, subito che se poi il 24 marzo 1944, in segui-
dopo aver celebrato la sempre un orgoglioso contegno di pressione con abulia, inattività, pro- to all’attentato in via Rasella in cui ordinato sacerdote a San Giovanni
tanto netta quanto fondata, è l’efficace in Laterano nel 1937 — fu condotto
Messa presso il collegio fronte alle violente minacce alternate strazione profonda, idee nere. In se- persero la vita 33 soldati tedeschi, fu
titolo sul «Corriere della Sera» del 3 aprile sul luogo del supplizio dove, dopo
Leoniano, fu catturato da sottili blandizie che, di volta in guito ha sofferto di tanto in tanto di incluso nella lista con altri 334 dete-
di un lungo e brillante articolo in cui aver baciato per l’ultima volta il
da una pattuglia di SS volta, gli venivano rivolte allo scopo eccessi di violenta cefalea e dai 20 nuti per essere trucidato nella rap-
Paolo Mieli tratta della fondamentale di estorcergli il nome del militare anni in poi, a lunghi intervalli, va Crocifisso, rivolgendosi al prelato
al comando del tenente presaglia delle Fosse Ardeatine, no-
questione storica legata al primo della Wehrmacht che gli aveva con- anche soggetto a capogiri, a sveni- esclamò: «Ringrazio il Santo Padre
Haut, grazie alla soffiata nostante i pressanti appelli da parte
imperatore apertamente cristiano. di un infiltrato della Ge- segnato una copia del piano di menti, ad “assenza”, e talvolta anche della Santa Sede per evitare un inu- per quanto ha fatto per me. Offro la
Fondandosi sul libro di Massimo Guidetti stapo tra i partigiani di schieramento delle forze tedesche a brevi accessi durante i quali perde tile spargimento di sangue. mia vita per Lui, per la pace, per
Costantino e il suo secolo (Jaca Book) e sui Monte Mario, tale Dan- nei pressi di Cassino. la coscienza della situazione in cui si Anche Pio XII, infatti, si prodigò l’Italia».
tre volumi dell’imminente Enciclopedia te Bruna, un giovane Nonostante le minacce e le dure trova e si sente trasportato come in per salvare la vita al giovane prete Quindi, alle ore 8 in punto, fu
costantiniana edita dall’Istituto commerciante che, messo percosse, le SS non riuscirono a ca- un altro mondo. Da quanto sopra incaricando, come di consueto, pa- bendato e legato ad una sedia per
dell’Enciclopedia Italiana, Mieli ripercorre da parte il suo mestiere, vare un ragno dal buco, perché don esposto risulta che il padre Giusep- dre Pancrazio Pfeiffer di perorare la essere giustiziato. Mentre stava per
con intelligenza la vexatissima quaestio aveva scelto quello di Giuseppe Morosini riuscì a resistere pe Morosini è uno psicopatico costi- causa di don Giuseppe presso il fel- esalare l’ultimo respiro trovò il tem-
storiografica legata al sovrano che Santo delatore, più redditizio stoicamente senza lasciarsi sfuggire tuzionale come è soprattutto com- dmaresciallo Kesselring, il quale su- po per benedire il plotone d’esecu-
Mazzarino definì «l’uomo politico più in tempi così critici, in neanche una parola. A quel punto provato dalla anormalità del suo ca- bito telefonò ad Hitler per metterlo zione pronunciando le parole del
rivoluzionario della storia d’Europa» e che combutta con l’ufficiale l’avvocato difensore, Otto Vinatzer rattere e dal disordine della condotta al corrente dell’intervento del Papa. Cristo sulla croce: «Dio, perdona lo-
fu decisivo per le sorti del cristianesimo. della polizia dell’Africa — tra l’altro da anni legale di fiducia dimostrati nella vita ecclesiastica e Il Führer, tuttavia montò su tutte le ro: non sanno quello che fanno».
giovedì 4 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

Una piccola folla variopinta aspetta l’esito dell’elezione annunciata con il linguaggio degli antichi Sioux

L’incontro al bar
L’«habemus papam» visto da un paesino vicino Assisi dove Francesco fu fatto prigioniero

Pubblichiamo il primo capitolo tratto dal volume «Dio ha fatto gol». Papa nuncio che una quarantina di occhi Il poliziotto si avvicina di nuovo e
Francesco, appena uscito (Todi, Tau Editrice, 2013, pagine 57, euro 5) che il di- mi trafiggono con interrogativi che mi dice: «Padre sono contento che il
rettore responsabile della rivista «Continenti» della Conferenza italiana ministri si accavallano. «Cosa ha detto? Chi nuovo Papa sia un argentino, perché
è il Papa? Non s’è capito niente».
provinciali cappuccini, nostro collaboratore, ha dedicato al nuovo Pontefice, subito viene da un popolo che ha sofferto
entrato nel cuore della gente che vuole incontrare Cristo, perché «non le basta sen- Se nessuno ha capito il nome del molto, soprattutto al tempo del ge-
tirne parlare». cardinale eletto Papa, quasi tutti ca- nerale Rafael Videla, quando la gen-
piscono che ha scelto il nome di te spariva come le carte in mano a
Francesco, e la gente impazzisce. un prestigiatore. Ricorda i desapare-
di EGIDIO PICUCCI ston, ma non oso far nomi. Sono
«Ha detto Francesco? Ha detto che cidos? E poi la crisi economica di
troppi quelli entrati nella cappella
si chiamerà Francesco?». «Sì, sì, ha qualche anno fa, che coinvolse anche
Sistina come “papi”; e, sapendo che detto che si chiamerà Francesco.
bianca, la fuma- un mio parente. Sono veramente

«È
molti usciranno cardinali (come sem- Bello! Come il nostro san Francesco;
ta è bianca: ab- contento».
pre avviene), dico soltanto che è bello, è bello. Viva il Papa, viva il
biamo il nuovo «Sì, ricordo; ma io non ho dimen-
Papa». La noti- l’avremmo scoperto insieme. Papa». ticato neppure le madri di Plaza de
zia mi arriva «Ecco, aprono la finestra», dice «Calma; se mi fate parlare vi dirò Mayo», aggiungo stringendogli la
mentre sto percorrendo in macchina una donna ogni volta che vede muo- qualcosa di più. Il nuovo Papa è
mano.
la E7 Perugia-Cesena e mi sto avvici- versi un’ombra dietro la tenda della l’argentino Jorge Mario Bergoglio,
Al momento della benedizione so-
nando ad Assisi. Loggia delle Benedizioni, inquadrata un gesuita “arrivato secondo” otto no tutti in piedi e tutti fanno un bel
Non volendo perdere un’occasio- da una telecamera fissa, impaziente anni fa, quando fu eletto Benedetto segno di croce. Anche lo straniero.
ne così importante come la nomina di uno scoop in mondovisione. Ma XVI. È figlio di emigrati italiani, Il mio “incontro” con Papa Fran-
di un Papa, annunciata, in tempi di la tenda è rigida, inamidata. quindi nelle vene gli scorre un po’ cesco è avvenuto così, in un bar a
altissima tecnologia, con il linguag- del nostro sangue». due passi da Collestrada, il luogo in
gio degli antichi Sioux, mi fermo al «Mi fa piacere, Padre cui Francesco venne fatto prigionie-
primo bar che incontro per vedere la Dalla Loggia delle Benedizioni — dice uno dei poliziotti
ro durante la guerra tra Assisi e Pe-
cerimonia in tv. si accende finalmente una luce — ma perché hanno scel-
rugia.
Piove a dirotto e nel bar c’è solo to proprio un gesuita?».
La folla ammutolisce Arrivo ad Assisi poco prima di
la ragazza al bancone. Ma, pian pia- «Mah! Questo si do-
no, il bar si riempie: arrivano tre mezzanotte, mentre la pioggia fla-
Ecco Papa Bergoglio che saluta vrebbe chiedere allo Spi-
giovanotti, una ragazza che compra rito Santo, perché mai gella il sacro convento, la basilica e
un sacchetto di patatine, tre signore il mondo con un “buonasera” come in questo conclave il campanile illuminato a festa. C’è
ancora l’eco delle campane che han-
infreddolite, due poliziotti, uno stra- che tanti davanti al bancone ricambiano mi pare che il vincitore no suonato a distesa, ma la piazza e
niero, una donna con due bambini. sia proprio lui. Quindi
Ovviamente non passo inosserva- vedrete che tutto andrà le strade sono vuote.
to e un signore mi chiede: «Padre, Finalmente si accende una luce. bene». Fa niente: c’è Francesco, tornato
chi sarà il nuovo Papa? Sarà italiano «Eccoci, ci siamo», diciamo tutti in- Non appena «Papa Francesco» dopo 800 anni nella persona di un
o straniero? Vedo che lei è un fran- sieme. Infatti la tenda si apre, la fi- appare sulla loggia, la sala ammuto- Papa che non è mai stato ad Assisi,
cescano: sta facendo il tifo per Sean nestra è spalancata, e compare l’esile lisce e tutti possiamo sentire l’ami- ma che non potrà fare a meno di ve-
Patrick O’ Malley?». figura del cardinale Protodiacono chevole «buonasera» con cui saluta nirci presto per incontrarlo sul colle
Rispondo come posso, non na- Jean-Louis Tauran che annunzia il la Piazza e che nel bar molti ricam- del Paradiso, dove el aire es bueno
scondendo una certa simpatia per il «gaudium magnum», per tutta la biano, come se Papa Francesco fosse come a Buenos Aires, la città da cui
mio confratello arcivescovo di Bo- Chiesa. Ha appena terminato l’an- lì, a prendere un caffè con noi. il Papa viene.

I Musei Vaticani presentano un’installazione dedicata alla ricostruzione della sepoltura Regolini-Galassi di Cerveteri

Tombe etrusche in 3D
di MAURIZIO SANNIBALE Cerveteri, il 4 aprile 2013, alle ore più ricchi e significativi per il perio- Si può dire che dalla scoperta in calca con tecniche e forme nuove
10,30, presso i Musei Vaticani viene do orientalizzante in Etruria, feno- poi, ogni epoca si è riflessa nella un’ambientazione già presente
Il momento irripetibile della sco- presentata per la prima volta la meno culturale ed artistico di vasta rappresentazione e nell’interpretazio- nell’originaria concezione del Museo
perta di un sepolcro antico in- versione integrale dell’applica- portata che tra il 730 e il 580 prima ne di questa tomba, partendo dai di- di Gregorio XVI.
violato ha da sempre costi- zione, in stretta correlazione dell’era cristiana coinvolgerà le cul- segni ottocenteschi e dalla foto con In esso la ricostruzione di una
tuito un’esperienza emoti- con gli oggetti del corredo ture più evolute del Mediterraneo la signora vestita all’etrusca dei pri- tomba etrusca costituiva lo sfondo
va fondamentale nell’uo- funerario realmente pre- antico in uno straordinario processo mi anni del Novecento, sino a giun- emotivo dell’asettica museografia ot-
mo di scienza come nel senti nel Museo Grego- di acquisizione e rielaborazione di gere ai nostri giorni. La ricostruzio- tocentesca, così come avevano fatto i
letterato e nell’artista riano Etrusco. Inclusa motivi di origine vicino orientale. Il ne virtuale in 3D non è stata quindi fratelli Campanari nella loro mostra
che ebbero la fortuna entro un tumulo mo- pregio della tomba non si esaurisce una semplice finzione di “viaggio a Londra, contemporaneamente alla
di viverlo. Siano stati numentale, fu scoper- fondazione del Museo Etrusco in
solo sul piano estetico: da essa emer- nel tempo” attraverso uno strumento
questi racconti veri o ta ancora intatta Vaticano. L’impatto emotivo ed este-
gono aspetti formali legati al rituale didattico relativamente sofisticato;
inventati, gli istanti nell’aprile del 1836 tico di quella esperienza portò alla
funerario ed elementi simbolici, ha permesso invece di verificare la
in cui un mondo lon- con il suo fastoso cor- riscoperta degli etruschi da parte di
esemplificativi della complessa ceri- coerenza delle documentazioni pro-
tano secoli o millenni redo di oreficerie, vasi autori e viaggiatori come Elizabeth
e arredi in bronzo, ce- monialità che accompagnava nella dotte all’epoca della scoperta, per
si disvela, per poi im- Hamilton Gray e George Dennis (e
mancabilmente polve- ramiche e — dopo circa vita, come nella morte, i principi restituire al monumento vuoto il cor-
etruschi. poi da David Herbert Lawrence nei
rizzarsi sotto gli due anni di tardi anni Venti del Novecento), af-
trattative con il Questa complessità
sguardi impoten- fascinati dai luoghi ma anche dalla
di elementi, nonché
ti degli attoniti governo ponti- Non possiamo ignorare del tutto “diversità” di un popolo scomparso.
scopritori, è dive- ficio — il suo la stessa natura mul-
ticulturale emersa già — scriveva il fondatore dell’etruscologia Oggi questo viaggio si configura
nuto un genere corredo fu ac-
dal primo esame del come un dialogo a distanza nel tem-
letterario prima quistato per le moderna Massimo Pallottino —
corredo, che riporta- po con la diversità. Non è più sola-
ancora che cine- collezioni vati-
vano all’antico Egitto la suggestione che questo antico popolo mente il visitatore occidentale che ri-
matografico, ba- cane e da allo-
e al mondo levantino, flette sul passato della propria civiltà
sti pensare alla ra è esposto esercita nel mondo della cultura
attrassero immediata- formatasi attraverso l’interazione tra
testimonianza di nel Museo
mente l’interesse del- culture diverse. Sono anche le donne
Carlo Avvolta Gregoriano
la cultura del primo e gli uomini delle varie culture del
nel 1823 nello Etrusco, che
nel frattempo era stato inaugurato Ottocento. Fu per questo che, diver- redo in esso rinvenuto nei suoi rap- mondo attuale che con una “sempli-
scoprire la celebre tomba eponima a
nel febbraio del 1837. samente dalla pratica corrente, il porti spaziali e simbolici, per quanto ce” visita a un museo, rapportandosi
Corneto-Tarquinia, oppure alle Me-
Il contesto topografico e paesaggi- corredo non fu smembrato per esse- possibile. Pur restando margini di con diversità antiche e contempora-
morie di un antiquario di Augusto
stico della necropoli appare oggi ir- re venduto separatamente e fu redat- incertezza, è stato il modo per speri- nee, gettano in qualche modo un
Jandolo (1873-1951) pubblicate nel
rimediabilmente compromesso. ta — anche se a posteriori — una do- mentare una tecnica. ponte per l’incontro e il viaggio
1935 e infine al film Roma di Fellini.
Scomparso il tumulo, di cui restano cumentazione sulla sua consistenza e L’architettura della tomba è stata dell’umanità futura.
Massimo Pallottino, fondatore
della moderna etruscologia, scriveva le ricostruzioni di fantasia del Cani- disposizione all’interno della tomba. acquisita con laser scanner ed è stata
nel suo articolo «Scienza e poesia na, la Regolini-Galassi rimane Si trattò, forse, di uno dei primi casi ricostruita in 3D come doveva appa-
alla scoperta dell’Etruria» del 1957: tutt’oggi visibile nella sua architettu- di documentazione di un complesso rire subito dopo la sua chiusura. An-
«Gli studi etruscologici ed il “ro-
manzo etrusco” della cultura con-
Cerveteri, Tomba Regolini-Galassi. Fibula
da parata in oro. Città del Vaticano,
ra interna costruita a blocchi e in
parte scavata nella roccia. Con il suo
archeologico, secondo una prassi che che gli elementi del corredo, oggi vi-
diverrà canonica solo nella seconda sibili nella vetrina e inevitabilmente
I mercoledì
temporanea sono, è vero, due realtà
diverse e distinte. Ma l’etruscologo
Museo Gregoriano Etrusco. Foto Musei Vaticani corredo costituisce uno dei contesti metà dell’O ttocento. destrutturati dalla musealizzazione,
sono stati ricostruiti in 3D attraverso
di Tiziano
non può ignorare del tutto la sugge- ne al pubblico di alcuni aspetti della tecniche di fotogrammetria e compu- In occasione della mostra
stione che l’oggetto dei suoi studi civiltà etrusca. ter grafica, proponendo infine anche «Tiziano», che si tiene alle
esercita così diffusamente sul mondo Come partner del progetto, coor- una complessa operazione di restau- Scuderie del Quirinale, al
ro digitale.
della cultura. Egli deve, anzi, rispon-
dere a questo richiamo, accoglierne
dinato dall’Allard Pieson Museum
di Amsterdam, figurano il Museo
Due novità L’elemento più innovativo dell’ap-
Palazzo delle Esposizioni si
tiene una serie di incontri
la sollecitazione emotiva e non teme-
re il contagio dell’entusiasmo. In
Nazionale di Antichità di Leiden, il
Museo Gallo-Romano di Tongeren
della Libreria Editrice Vaticana plicazione, mutuata dalla tecnologia
dei videogame che per la prima vol-
denominata «I mercoledì di
Tiziano». Fino al 17 aprile
questo senso le vie divergenti si ri- in Belgio, l’ Istituto per le Tecnolo- ta viene applicata alla fruizione di diversi storici dell’arte offri-
La Libreria Editrice Vaticana presenta due novità editoriali.
congiungono; e la scienza può rico- gie Applicate ai Beni Culturali del un bene culturale, è costituito ranno ai visitatori l’occasio-
In primo luogo l’edizione artistica dell’ultimo volume delle
noscere ancora una volta il suo debi- Consiglio Nazionale delle Ricerche dall’uso di interfacce di interazione ne per conoscere, da diverse
catechesi di Benedetto XVI. L’opera, intitolata Nell’anno del-
to alla poesia». di Roma, la società Visual Dimen- naturale. Con il solo movimento del prospettive, la figura del
la fede (Città del Vaticano, 2013, pagine 176, euro 24) racco- corpo e semplici gesti intuitivi, il vi-
Non è forse esagerato affermare sion di Ename in Belgio e — come grande artista. Mercoledì 3
glie le 19 catechesi pronunciate nel corso delle udienze ge- sitatore può esplorare lo spazio rico-
che scienza e “poesia” ora si incon- partner associati — il Reparto per le aprile, alle ore 18.30, l’ap-
nerali del mercoledì tra il 10 ottobre 2012 e il 27 febbraio struito virtualmente e avvicinarsi agli
trano nelle sale del Museo Gregoria- Antichità Etrusco-Italiche dei Musei puntamento è con Antonio
no Etrusco, una delle sezioni dei 2013 e affianca al testo un ricco apparato iconografico. oggetti che, estrapolati e animati,
Vaticani e la Soprintendenza per i Paolucci, direttore dei Musei
Musei Vaticani, a conclusione di un Beni Archeologici dell’Etruria Meri- Il secondo volume — curato dal segretario generale del narrano la propria storia in una fin- Vaticani. La grande civiltà
innovativo progetto sperimentale de- dionale. Hanno aderito il Cnr-Isma Sinodo dei Vescovi, arcivescovo Nikola Eterović — è intito- zione spazio-temporale. Se a questo figurativa italiana è stata ve-
nominato “Etruscanning”, che ha vi- (Consiglio Nazionale delle Ricerche lato Sinodi continentali. I Consigli speciali del Sinodo dei ve- aggiungiamo gli effetti di sonorità neziana in larga e decisiva
sto impegnate diverse istituzioni e - Istituto di Studi per il Mediterra- scovi (Città del Vaticano, 2013, pagine 502, euro 24) e de- evocativa della musica antica, dei ru- misura. Dopo le mostre su
competenze in campo internazionale neo Antico) e il Museo dell’Agro scrive l’attività dei Consigli speciali continentali dal 2004 al mori della vita reale, cui si sovrap- Antonello da Messina, Gio-
nell’ambito di un progetto europeo Veientano del Comune di Formello. 2012, restituendo un affresco della vita della Chiesa in luo- pone la luce tremula delle fiaccola vanni Bellini, Lorenzo Lotto
(Framework Culture 2007), inteso ad A conclusione della fase del progetto ghi lontani tra loro con le loro diverse caratteristiche, ed che illumina i passi dell’esploratore e, prima ancora, su Dürer,
applicare tecnologie innovative per incentrata sulla Tomba Regolini-Ga- evidenziando la comunione dei pastori delle Chiese locali virtuale, si giunge a una sobria tea- non poteva quindi mancare
la digitalizzazione e la comunicazio- lassi della necropoli del Sorbo a con il vescovo di Roma. tralità fortemente suggestiva, che ri- una riflessione su Tiziano.
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 4 aprile 2013

Messa del Patriarca di Gerusalemme dei Latini Messaggio pasquale dei vescovi argentini Ad aprile e maggio

Le celebrazioni
L’evangelizzazione Per prendersi cura presiedute
dal Santo Padre
dalla Terra Santa di ognuno Francesco
GERUSALEMME, 3. La nuova evan- cità, sembra essere una priorità an- Aprile
gelizzazione per essere efficace non che per il nostro nuovo Papa Fran-
può non partire da Gerusalemme. cesco. Il nostro Papa argentino vie- 7 II D OMENICA DI PASQUA
E dall’esempio della sua prima co- ne da un continente che conta il 40 (o della Divina Misericordia)
munità cristiana. È quanto, in so- per cento dei cattolici di tutto il
Basilica di San Giovanni in Late-
stanza, ha detto il Patriarca di Ge- mondo, in cui però la posizione
rano, ore 17.30. Cappella Papale.
rusalemme dei Latini, Fouad Twal, della Chiesa è contestata da gruppi
Insediamento del Vescovo di Ro-
nell’omelia della messa del giorno evangelici e i rapporti con il mondo
ma sulla Cathedra Romana. Santa
di Pasqua presieduta nella basilica politico sono un po’ tesi. Lo Spirito
Messa.
del Santo Sepolcro. Un rito solen- Santo che ha sconvolto tutte le pre-
ne, nel corso del quale il presule ha visioni, ci ha donato un Papa la cui
ricordato come «il Signore ci invita opera si trova da diversi anni in li- 14 III D OMENICA DI PASQUA
a portare la luce della fede al centro nea con gli orientamenti dell’ultimo Basilica di San Paolo fuori le Mu-
della regione del Medio Oriente». sinodo sulla “nuova evangelizzazio- ra, ore 17.30. Santa Messa.
Rinnovando, al contempo, l’invito ne”».
a visitare i luoghi santi rivolto a Il Patriarca Twal ha quindi sotto- 21 IV D OMENICA DI PASQUA
tutti i pellegrini del mondo, «a par- lineato come «il Signore invita noi
tire da quello più atteso, il nostro cristiani a essere luce per il mondo, Basilica Vaticana, ore 9.30. Ordi-
Papa Francesco». a portare la luce della speranza in nazione presbiterale. Santa Messa.
Nella sua riflessione il Patriarca mezzo alla violenza, alla sofferenza,
Twal ha ovviamente sottolineato co- alle guerre, alle ingiustizie. Egli ci 28 V D OMENICA DI PASQUA
me la risurrezione sia «il centro del- invita a portare la luce della fede BUENOS AIRES, 3. Più dialogo e me- periferia del nostro cuore. Preoccu- Secondo monsignor Jorge Rubén
la fede cristiana». Tuttavia, tale fe- nella nostra regione del Medio no attriti per rafforzare l’amicizia piamoci l’uno dell’altro in famiglia Lugones, vescovo di Lomas de Za- Piazza San Pietro, ore 10. Santa
sociale e costruire un Paese più giu- — ha proseguito — i coniugi si curi- mora «bisogna camminare insieme Messa e Cresima.
sta, ha ricordato, viene celebrata in Oriente, lì dove il cristianesimo è
sto, fraterno e solidale, che sia “casa no reciprocamente, si preoccupino verso una Chiesa diocesana: aperta,
date diverse da cattolici, ortodossi e nato, dove è nata la Chiesa madre
per tutti” e non solo per pochi. dei figli e col tempo anche i bambi- solidale e missionaria. Con una op-
protestanti. «È per questo — ha ag- di Gerusalemme, dove è nato ogni
Questo, in sintesi, il messaggio di ni diventeranno custodi dei loro ge- zione di missione speciale verso gli
giunto — che nella nostra diocesi di cristiano. È per questo che la nuova
nitori e vivranno con sincerità le
Maggio
Terra Santa abbiamo deciso, con evangelizzazione, per essere moder- Pasqua che i vescovi argentini han- adolescenti e i giovani che non ap-
no rivolto a tutto il Paese, invitando amicizie, che sono un reciproco pro- partengono alle nostre comunità. La
l’eccezione di Gerusalemme e di na ed efficace, deve ripartire da Ge- 4 SABATO
a optare per i poveri, come richiesto teggersi nella fiducia, nel rispetto e
Betlemme, di considerare la data di rusalemme». felicità e la gioia che Gesù Risorto Basilica di Santa Maria Maggiore,
da Papa Francesco fin dall’inizio del nel bene. Prendiamoci anche cura
Pasqua dei cattolici secondo il ca- Ripartire dalla prima comunità della fede del nostro popolo e dei porta e condivide non sono per noi, ore 18. Santo Rosario.
lendario giuliano affinché le fami- cristiana, «assidua nella lettura del- suo ministero petrino: una Chiesa ma dobbiamo trasmetterle a un
povera e per i poveri. valori che la sostengono. Per co-
glie di confessioni miste possano la Parola di Dio, nello spezzare il struire una società che prosperi in mondo che è spinto da ciò che è 5 VI D OMENICA DI PASQUA
celebrare questo mistero insieme. pane e nella solidarietà». Ripartire «Noi argentini — ha detto monsi- immediato e materiale, dal prestigio.
gnor José María Arancedo, arcive- modo pacifico è necessario privile- Piazza San Pietro, ore 10. Santa
Come già avviene in Giordania, in da quella prima comunità «radicata giare in modo concreto i più svan- Quello in cui viviamo ogni giorno
Siria e in Egitto. Una celebrazione nella persona di Cristo, che aveva scovo di Santa Fe de la Vera Cruz — Messa per le Confraternite.
taggiati, lavorando sulle vere cause non è un mondo ostile, ma è un
comune solenne e gioiosa della ri- una causa per cui essere disposti ad dobbiamo compiere gesti di gran-
che generano povertà e insicurezza, mondo in cambiamento dove dob-
surrezione del Signore da parte di affrontare ogni sacrificio fino al dezza e di incontro, che ci permet- 12 VII D OMENICA DI PASQUA
mettendo a rischio tutta la società». biamo rendere testimonianza della
tutti i cristiani in Terra Santa può martirio». In questo senso, «il pel- tono di superare le offese e il discre-
Un appello alla comunione frater- fede. La fede — ha aggiunto — come Piazza San Pietro, ore 9.30. Cap-
divenire una testimonianza credibile legrinaggio in questi luoghi è dito per rafforzare i legami di ap-
na è stato lanciato anche da monsi- atto attraverso il quale la salvezza pella Papale. Santa Messa e Ca-
e autentica dell’appello di Cristo al- un’occasione di incontro personale partenenza e di affetto civili. Che la gnor Sergio Osvaldo Buenanueva,
Pasqua sia un invito alla fratellanza che ci ha portato Gesù raggiunge nonizzazione dei Beati: Antonio
la comunione, e della nostra rispo- con Gesù». vescovo ausiliare di Mendoza. «Tut-
e alla speranza, per amare tutti, sen- gli individui e le comunità trasfor- Primaldo e Compagni; Laura di
sta a questa chiamata». Certo, ha affermato, «la nostra ti — ha detto — siamo chiamati a vi-
za escludere nessuno, dando priorità mandoli. Una fede che mobilita, Santa Caterina da Siena; Maria
Quella di unificare la data della Chiesa vive in un Medio Oriente vere da fratelli e dobbiamo avere
ai più poveri e perdonando coloro una fede che conta, una fede che at- Guadalupe García Zavala.
Pasqua non è certamente una deci- che soffre». Tuttavia, «al nostro cura l’uno dell’altro, anche della ca-
sione facile, «tuttavia è un primo “piccolo gregge” desidero ripetere che ci offendono, rifiutando l’odio e traverso l’amore di Gesù Cristo è in
sa comune in cui abitiamo».
passo verso la piena unità che dob- ancora una volta che la festa della costruendo la pace». grado di aprirsi nella sua dimensio- 18 SABATO
Di maggiore impegno e attenzio-
biamo avere sempre a cuore nelle risurrezione è un motivo di speran- Anche l’arcivescovo di Corrientes, ne sociale a tutti. Una dimensione VIGILIA DI PENTECOSTE
ne verso la famiglia parlano i vesco-
nostre preghiere». Soprattutto, «in za per un mondo afflitto da profon- monsignor Andrés Stanovnik, ha vi della Patagonia: «È nella famiglia — ha concluso — che non è esclusiva
Piazza San Pietro, ore 18. Veglia
questo Anno della fede, che si pre- de tragedie spesso causate dalla auspicato un cambiamento, con — spiegano — che si generano i va- né escludente, ma per tutti coloro
di Pentecoste con i Movimenti Ec-
sta molto bene a questa sfida, c’è violenza umana. A Pasqua le croci l’aiuto di Dio, nelle relazioni con i lori comunitari più forti e si impara che condividono uno stesso mondo
clesiali.
bisogno di ravvivare la nostra fede della nostra vita non sono sparite. simili e nel prendersi cura degli al- ad amare e a essere amato. Il dialo- comune umano a partire dalla con-
e il nostro entusiasmo». Anche per- Dio non le ha eliminate, ma ha tri. «Preoccupiamoci per tutti, per go fraterno e rispettoso ci permette vivenza pacifica, utile e pieno di
19 D OMENICA DI PENTECOSTE
ché, ha aggiunto il presule, «l’evan- aperto un cammino in mezzo alla ognuno, con amore, soprattutto per di raggiungere l’obiettivo principale speranza che ci consente l’incontro,
gelizzazione, attraverso la carità, sofferenza e vuole aprirlo ogni gior- i bambini e gli anziani, i quali sono di costruire una società più giusta e il dialogo e la vicinanza: una mis- Piazza San Pietro, ore 10. Cappel-
l’amore per il prossimo e la sempli- no per noi». più fragili e spesso rimangono nella più fraterna». sione vincolante». la Papale. Santa Messa con i Mo-
vimenti Ecclesiali.
Città del Vaticano, 29 marzo 2013

Nel sermone pasquale dell’arcivescovo di Canterbury Incontro dell’Unione delle organizzazioni islamiche di Francia Mons. GUID O MARINI
Maestro delle Celebrazioni

Speranza e realismo per superare I musulmani Liturgiche Pontificie

la crisi economica e la tradizione Possesso


LONDRA, 3. Una visione di speranza una volta la necessità di reagire di to che «il Venerdì santo è un giorno PARIGI, 3. Diffusione della pace, di- servizio pubblico». In questo caso
per il futuro ma accompagnata da fronte al rischio dell’“illusione” e straordinario». E ha aggiunto: fesa della giustizia, rispetto della ci sarebbe stata quindi una palese cardinalizio
senso di realismo: è questa l’indica- della conseguente “delusione”. «Chiunque tu sia, dai governanti ai dignità umana: si è svolto attorno a discriminazione per motivi religiosi,
zione offerta alla comunità anglica- «Un’economia — ha osservato per ricchi e alle persone normali che de- questi tre temi fondamentali il tren- con conseguente violazione del co- Il cardinale nigeriano John Olo-
na dall’arcivescovo di Canterbury, esempio — soffre il colpo peggiore vono affrontare il peggiore dei mo- tesimo incontro annuale organizza- dice del lavoro. Alcune dichiarazio- runfemi Onaiyekan, arcivescovo di
Justin Welby, nel suo sermone pa- per la crisi del debito e la recessione menti, la morte di Gesù è al tempo to dal 29 marzo al 1° aprile, a Pari- ni del ministro dell’Interno, Manuel Abuja, prenderà possesso del tito-
squale. Parlando ai fedeli, domenica e il fatto che non diventi tutto per- stesso una sfida e una promessa di gi-Le Bourget, dall’Unione delle or- Carlos Valls, e certi interventi favo- lo di San Saturnino. Ne dà noti-
31 marzo, nella cattedrale di Canter- fetto, entro cinque anni, è visto co- speranza. La speranza — ha conclu- ganizzazioni islamiche di Francia revoli all’estensione del divieto di zia l’Ufficio delle Celebrazioni li-
bury, Welby ha sottolineato che il me un fallimento totale. La com- so l’arcivescovo — è che nulla è al di (Uoif). «Quando altri — ha affer- indossare l’hijab (che copre capelli e turgiche del Sommo Pontefice, in-
messaggio cristiano «induce all’azio- plessità e l’umanità sono ignorate e là della sua portata e anche la di- mato Abdallah Ben Mansour, uno collo ma non il volto) anche nelle formando che la cerimonia avrà
ne nel mondo». Un’azione, ha pun- si finisce così irragionevolmente de- sperazione può essere guarita». dei relatori — perseguitano, stigma- strutture private, ha prodotto la luogo domenica 7 aprile, alle
tualizzato, «che è basata sulla spe- lusi verso ogni istituzione o organiz- In un intervento del gennaio tizzano e denigrano il musulmano, reazione dei musulmani: «C’è un 12.oo, nella chiesa romana in Via
ranza e sul realismo, non sul cini- zazione». scorso — sempre in tema di finanza la sua dignità offre loro le sue con- sentimento di vera inquietudine tra Avigliana 3.
smo e sulla paura». Il 29 marzo scorso, Venerdì santo, ed economia — il presule aveva criti- quiste, risponde loro attraverso il noi», ha dichiarato il presidente
L’arcivescovo primate della Co- l’arcivescovo di Cantebury, in occa- cato l’inadeguatezza di questi siste- suo nobile comportamento e li sal- dell’Uoif, Ahmed Jaballah, per il
munione anglicana ha aggiunto che sione una conversazione radiofonica mi creditizi che non consentono alla verà da tutti i futuri fallimenti uma- quale «coloro che vogliono estende-
«una comunità ecclesiale gioiosa e dal titolo «Thought for the Day» società di prosperare, promuovendo ni, morali ed economici». Ad esem- re la legge agli istituti privati pun-
celebrativa si basa non sul vano otti- trasmessa da Bbc-Radio 4, ha il bene comune per il fatto «di es- pio, «aver scelto di preservare la fa- tano a una laicità meramente a loro
mismo degli uomini, ma sulla cer- espresso il proprio incoraggiamento sersi mostrati piuttosto auto-referen- miglia, di rispettare i nonni e pro- uso e consumo».
tezza che Dio ha risuscitato Gesù alla popolazione di Cipro che sta ziali, trascurando i settori più deboli teggere i genitori, quando altri mi- L’Uoif è nata nel 1983 con
dai morti e risusciterà anche noi». attraversando una difficile situazio- della società». Per Welby «i servizi nano la base della società e rompo- l’obiettivo di coordinare le organiz-
Il presule anglicano ha quindi ne finanziaria ed economica. Nella finanziari devono servire la società e no i legami di parentela, non è ga- zazioni presenti nelle principali cit-
esortato i fedeli «ad assumere con- sua riflessione, il presule ha ricorda- non dominarla». ranzia di successo?». E ancora, tà francesi. Oggi raggruppa nume-
sapevolezza della nostra umanità spiega Ben Mansour, «aver scelto il rose associazioni in tutta la nazione
imperfetta» al fine «di diventare mi-
pudore e preservato la sua bellezza, ed è rappresentata all’interno del
sericordiosi gli uni con gli altri, ri-
offrire il suo essere interiore quando Consiglio francese del culto musul-
conoscendo la chiamata di Dio, non
altri degradano la donna, la utiliz- mano. L’Uoif — si legge nel sito on
cedendo mai alla debolezza ma la-
zano, commercializzano il suo cor- line — ha «un’identità basata su
vorando per lo sviluppo della co-
po, preferendo l’apparenza, non è una lettura, una pratica, così come
munità ecclesiale».
Welby è stato intronizzato arcive- segno di libertà?». su interventi e prese di posizione,
scovo di Canterbury il 21 marzo. Ma — come riferisce la France conformi all’islam e alle leggi della
Anche in occasione della cerimonia Presse — il raduno parigino (al qua- Repubblica». Nel passato, la sua
di intronizzazione il presule aveva le sono intervenuti circa centomila presunta vicinanza al movimento
evidenziato la necessità di ridare visitatori tra conferenze sull’islam e islamico dei Fratelli musulmani l’ha
nuovo slancio alla missione della co- la famiglia e i vari stand dedicati al- coinvolta in polemiche. L’ex presi-
munità anglicana, con un visione la vendita del Corano e altri libri, dente della Repubblica Nicolas Sar-
positiva del futuro. «Il coraggio — di profumi, tè e tappeti di preghie- kozy, che da ministro dell’Interno
aveva osservato — si diffonde in una ra) è stato caratterizzato anche da nel 2003 era stato ospite dell’annua-
società che si trova sotto l’autorità un clima di inquietudine innescato le incontro, ha più volte messo in
di Dio, affinché possiamo diventare da nuove polemiche attorno al velo guardia l’Uoif da «chi lancia appel-
quella piena comunità umana che islamico. Il 19 marzo infatti la Cor- li alla violenza, all’odio e all’antise-
tutti sogniamo. Ascoltiamo quindi te di Cassazione, ponendo fine mitismo». Il 14 marzo l’Unione del-
Cristo che ci chiama e dice: «Co- all’affaire Baby Loup (dal nome le organizzazioni islamiche di Fran-
raggio, sono io, non abbiate paura». dell’asilo nido di Chanteloup-les- cia, con un comunicato, ha salutato
Il primate anglicano aveva anche Vignes che ha originato il caso), ha la «storica elezione» di Papa Fran-
aggiunto che «le attuali sfide annullato il licenziamento di una cesco auspicando «una completa
dell’ambiente, dell’economia, dello dipendente che portava il velo, in riuscita nell’esercizio del suo ponti-
sviluppo umano e della povertà quanto il nido è privato e dunque ficato che promuove la pace, la soli-
possono essere affrontate con lo «il principio di laicità previsto darietà e la fratellanza». L’Uoif ha
straordinario coraggio cristiano». dall’articolo 1 della Costituzione rivolto «calorosi auguri» ai cattolici
L’arcivescovo di Canterbury ha non è applicabile ai dipendenti da francesi con la speranza che il nuo-
inoltre richiamato i temi sociali nel parte dei datori di lavoro di diritto vo pontificato «rafforzi il dialogo
sermone pasquale, ribadendo ancora privato che non garantiscono un interreligioso».
giovedì 4 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

I saluti del Pontefice al termine dell’udienza generale Messa a Santa Marta

La Chiesa Dalle lamentele


alla speranza
nasce dalla risurrezione
La Chiesa nasce dalla risurrezione: del Pontificio Collegio Irlandese e alla speranza, rendendoci corag- Do il benvenuto ai pellegrini
lo ha ricordato Papa Francesco nei i loro familiari. Saluto inoltre i giosi testimoni del suo amore. polacchi. Cari fratelli e sorelle, vi-
saluti rivolti ai gruppi di fedeli che membri di una Delegazione del vendo — particolarmente in questi
hanno partecipato all’udienza Senato degli Stati Uniti d’Ameri- Carissimi pellegrini di lingua giorni — l’incontro con il Signore
generale di mercoledì 3 aprile, in ca. Ringrazio i cori per i loro can- portoghese, in particolare il grup- risorto, lasciate che la sua luce il-
piazza San Pietro. Il Pontefice li ha ti. Con grande affetto invoco su po di brasiliani venuto dal Paraná: lumini le vostre menti e i vostri
pronunciati in italiano, mentre i tutti voi la gioia e la pace, che so- gioite ed esultate perché il Signore cuori e che la sua forza vi trasfor-
lettori — dopo aver riassunto la no i doni duraturi del Signore Ri- mi, affinché siate testimoni della
Gesù è risorto! Lasciatevi illumi-
catechesi — li hanno tradotti nelle sorto. fede davanti al mondo contem-
nare e trasformare dalla forza della
diverse lingue. poraneo. La vita vostra e delle vo-
Risurrezione di Cristo, perché le
Saluto con gioia i pellegrini e i vostre esistenze diventino una te- stre famiglie sia colma della gioia
Sono lieto di salutarvi, cari amici visitatori di lingua tedesca. Cristo del mattino pasquale! Dio vi bene-
stimonianza della vita che è più
di lingua francese, particolarmente Risorto è presente anche in mezzo dica!
i giovani venuti dalla Francia, dal- forte del peccato e della morte.
a noi. Lo possiamo sentire Buona Pasqua a tutti!
la Svizzera, dal Belgio, come pure nell’ascolto della sua Parola in cui
i giovani del Libano che hanno Saluto con affetto i pellegrini di
Egli stesso ci indica il cammino
preparato le meditazioni della Via Cari pellegrini di lingua araba: lingua italiana. In particolare, ac-
che porta alla vita. Egli è presente
Crucis. Lasciatevi illuminare dalla nell’Eucaristia e ci accompagna la Risurrezione di Cristo è il fon- colgo con gioia il grande pellegri-
Risurrezione di Cristo e trasforma- nelle nostre opere di carità. La- damento della nostra fede cristia- naggio della Diocesi di Milano,
re dalla sua forza, per portare al sciamoci trasformare dal suo amo- na. Non fu la Risurrezione a na- guidato dal Cardinale Angelo Sco-
mondo i segni della sua vita! Buo- re! A tutti voi auguro un fruttuoso scere nella Chiesa, ma la Chiesa a la, e specialmente i ragazzi quat-
na settimana pasquale a tutti! tempo di Pasqua. nascere dal seno della risurrezione. tordicenni, che si preparano alla Le lamentele fanno male al cuore. Sono questo pericolo di rinchiuderci nelle la-
Perciò, non abbiate paura di an- loro professione di fede. Cari ra- cattive; e non soltanto quelle contro gli mentele». Eppure, anche in quel mo-
Un cordiale benvenuto a tutti i nunciare Cristo Crocifisso, Risor- gazzi, prego per voi, perché la vo- altri «ma anche quelle contro noi stessi, mento il Signore «è vicino a noi, ma
Saluto cordialmente i pellegrini
pellegrini di lingua inglese presen- di lingua spagnola, in particolare i to, Vincitore del male e della mor- stra fede diventi convinta, robusta, quando tutto ci appare amaro». Con non lo riconosciamo. Cammina con
ti all’odierna Udienza, particolar- gruppi venuti dalla Spagna, Ar- te, attraverso la testimonianza del- come una pianta che cresce e por- queste considerazioni sulla vita quoti- noi. Ma non lo riconosciamo. Ci parla
mente a quelli provenienti dall’In- gentina, Messico ed altri paesi la- la vostra vita quotidiana e nei ge- ta buoni frutti. Il Vangelo sia la diana Papa Francesco ha reso attuale anche, e noi non sentiamo». Il lamento
ghilterra, Scozia, Galles, Irlanda, tinoamericani. Auguro a tutti di sti di compassione, di perdono, di vostra regola di vita, come lo fu l’episodio dei discepoli di Emmaus — è per noi come «una sicurezza: questa
Norvegia, Svezia, Australia, Filip- accogliere la gioia che ci porta il misericordia e di amore verso tutti. per san Francesco d’Assisi. Legge- narrato dall’evangelista Luca (24, 13-35) è la mia verità, il fallimento. Non c’è
pine, Canada e Stati Uniti. In mo- Risorto, perché l’incontro con Ge- Buona Pasqua! E a tutti imparto te il Vangelo, meditatelo, seguite- — durante l’omelia tenuta mercoledì, 3 più speranza». E con questi pensieri
do speciale saluto i nuovi diaconi sù apra il nostro cuore alla fede e la Benedizione Apostolica! lo: umiltà, semplicità, fraternità, aprile, durante la consueta messa nella anche i discepoli continuavano a cam-
servizio; tutto nella fiducia in Dio cappella della Domus Sanctae Marthae, minare. E «Gesù cosa faceva? Ebbe pa-
Padre, nella gioia di avere un Pa- alla quale questa mattina hanno parte- zienza nei loro confronti. Prima li
dre nei cieli, che vi ascolta sempre cipato i dipendenti della Domus Ro- ascolta, poi spiega loro lentamente. E
e parla al vostro cuore. Seguite la mana Sacerdotalis. poi, alla fine, si fa vedere». Gesù, ha
sua voce, e porterete frutto Il Pontefice nel commentare il Van- aggiunto «fa così con noi. Anche nei
nell’amore! Cari ragazzi! gelo si è soffermato sullo smarrimento momenti più oscuri, lui è sempre con
Saluto i fedeli della Diocesi di dei discepoli per la morte del maestro noi, cammina con noi. E alla fine ci fa
Modena-Nonantola, con il loro al punto tale che «pensarono — ha det- vedere la sua presenza». Tornando alle
Vescovo, Mons. Lanfranchi; saluto to il Papa — fosse bene andarsene dalla lamentele, che «sono cattive» perché
i nuovi Diaconi della Compagnia città. Ma, poveretti parlavano sempre «ci tolgono la speranza», Papa France-
di Gesù, con i loro familiari; le di quello, no? e si lamentavano. Si può sco ha esortato a non entrare «in que-
Religiose e i Religiosi; i numerosi dire che questo sia un po’ il giorno del- sto gioco di vivere di lamenti» perché
gruppi parrocchiali e le associazio- le lamentele». Ma questi discorsi non la presenza del Signore si è resa eviden-
ni. Per tutti invoco la gioia e la facevano altro che farli chiudere in loro te «quando ha spezzato il pane» e i di-
speranza che derivano dalla Pa- stessi. E in cuor loro pensavano: «Noi scepoli hanno potuto vedere «le pia-
squa di Cristo. avevamo avuto tanta speranza, ma tut- ghe», poi «lui è scomparso». Bisogna
A voi, cari giovani, e siete tanti, to è fallito». E in questa situazione, ha avere speranza e fiducia in Dio che «ci
auguro di fare esperienza di Gesù detto il Pontefice, «cucinavano la loro accompagna sempre nel nostro cammi-
Cristo vivo, per diventare suoi te- vita nel succo delle loro lamentele, e no» anche nelle ore più oscure. «Siamo
stimoni. Voi, cari malati, possiate andavano avanti così». Da qui il riferi- sicuri, siamo sicuri — ha concluso — che
sentire il conforto della presenza mento a tutti noi. «Io penso — ha ag- il Signore mai ci abbandona: sempre è
del Signore risorto. E voi, cari giunto — tante volte che anche noi, con noi, anche nel momento difficile. E
sposi novelli, accoglietelo ogni quando succedono cose difficili, anche non cerchiamo rifugio nelle lamentele:
giorno nella vostra vita coniugale. quando ci visita la Croce, corriamo ci fanno male al cuore».

Gruppi di fedeli in piazza San Pietro


All’udienza generale di mercoledì 3 classico Imera, di Palermo; Istituto From Norway: Students and pro- Indiana; «Les Choristes» Womens’ Franziskus, Kempten; St. Johannes, Begleiter aus der Pfarrei St. Franzis-
aprile, in piazza San Pietro, erano pre- comprensivo Butera, di Gela; Circo- fessors from the Faculty of Teacher Choir from Carrollton School of the Kitzingen; Hl. Severin, Kuenzing; kus, Riehen.
senti i seguenti gruppi: lo didattico Fraggianni, di Barletta; and Interpreter Education Sør- Sacred Heart, Miami, Florida; A St. Lambert, Lambertsneukirchen;
Associazione Maria Regina della Pa- Trøndelag University College. delegation from the American Sen- St. Stephanus, Malgersdorf; St. Ma- De España: Peregrinos de la dió-
Da diversi Paesi: Nuovi Diaconi del- ce, di Arzignano; Associazione Ti- ate; Students and faculty from: Uni- ria Immaculata, Marl; Pfarreienge- cesis de Plasencia, con S.E. Mons.
la Compagnia di Gesù, con i Fami- nozzi, di Pescara; Gruppi di fedeli From Sweden: Pilgrims from Vox- versity of Dallas, Texas, Rome Cam- meinschaft St. Josef und Christi Amadeo Rodríguez Magro; peregri-
liari; Suore della Santissima Madre da Castel Mella, Pescina, Monte- torp Lutheran Church of Sweden, pus; Hall High School, Spring Val- Auferstehung, Memmingen; St. Pi- nos de la diócesis de Albacete, con
Addolorata; Suore Francescane dei prandone, Napoli. Diocese of Växjö; A group of ley, Illinois. us, Mühldorf am Inn; Dom zu Un- S.E. Mons. Ciriaco Benavente Ma-
Sacri Cuori. «Close Friends of St Bridget of serer Lieben Frau, München; St. teos; parroquia de la Asunción, de
Coppie di sposi novelli. Sweden». Aus der Bundesrepublik Deutsch- Lamberti, Münster; St. Peter, Re- Llíria; parroquia de Elche; Santuario
Dall’Italia: Pellegrinaggio dell’Ar- land: Pilgergruppen aus den Pfarrge- gensburg; St. Andreas, Rennertsh- de la Virgen del Monte, de la dióce-
cidiocesi di Milano, con il Cardinale Gruppi di fedeli da: Croazia; Re- From Australia: Pilgrims from the meinden St. Donatus, Aachen; Zu ofen; St. Vitus, Schnaittenbach; St. sis de Santander; colegio La Asun-
Angelo Scola; Pellegrinaggio dell’Ar- pubblica Ceca; Slovenia. Catholic Ladies College, Eltham, den Heiligen Drei Königen, Abers- Nikolaus, Siegenburg; Mariä Him- ción, de Cáceres; grupo de la pasto-
cidiocesi di Modena-Nonantola, con Victoria. feld; Pfarreiengemeinschaft Altus- melfahrt, Sinzing; Maria Heimsu- ral universitaria de la diócesis de Ca-
l’Arcivescovo Antonio Lanfranchi; I polacchi: Księża z archidiecezji ried; Heilig Geist und Zwölf Apo- chung, Starnberg-Perchting; St. Jo- lahorra; grupo del Movimiento cató-
Gruppi di fedeli dalle Parrocchie: krakowskiej i diecezji bielsko-żywiec- From the Philippines: A group of stel, Augsburg; St. Laurentius, Bad hann, Steinberg am See; St. Niko-
Santi Canziani Martiri, in San Can- lico en Acción, de Cuenca; colegio
kiej; pielgrzymi z parafii św. Sta- Pilgrims. Bocklet; St. Georg, Bocholt; Hl. laus, Unterthingau; St. Georg, Wall-
zian d’Isonzo; Sacra Famiglia, in Santo Domingo, de Alicante.
nisława Biskupa i Męczennika z Maria Muttergottes, Buseck; St. Bla- dürn; St. Emmeram, Windische-
Valdagno; Sant’Antonio, in Rosà; Frydmana; grupa polsko-angielska z From Canada: Pilgrims from St sius, Dietmannsried; Hl. Bischof schenbach; Mariä Himmelfahrt,
Santa Maria Assunta, in Pisogne; Do Brasil: Paróquia São Cristó-
Colchester, Essex, z Anglii; pielgrzy- Joseph Family Centre, Prince Ed- Benno, Dresden; St. Andreas, Bad Wittichenau; Pilgergruppe aus dem
Regina della Pace, in Zanano di Sa- mi indywidualni. vão, de Toledo, Paraná.
ward Island; Students and staff from Gögging und St. Sebastian, Eining; Erzbistum Paderborn; Bistum Re-
rezzo; Sante Bartolomea Capitanio e Holy Rosary High School, St. Johann, Erding; Pfarreienge- gensburg; Pilgergruppen aus Augs-
Vincenza Gerosa, in Brescia; San De France: Ecole Sainte-Marie, de Lloydminster, Saskatchewan. meinschaft Freihalden, Oberwald- burg; Jülich und Aachen; Ludwigs-
Giovanni Battista, in Castegnato; Neuilly; groupe pastorale des Jeu- bach und Ried; Pfarreiengemein- burg; Pilgergruppe der Bundespoli-
Sant’Apollonio, in Bovezzo; nes, de Bourg-en-Bresse; groupe La
Sant’Antonio abate, in Castelcovati; Chapelle Saint-Mesmin, d’O rléans;
From the United States of America:
Pilgrims from the following dio-
schaft Freudenthal und Pfaffenhau-
sen; Maria Himmelfahrt, Fridolfing;
zeiseelsorge Deutschland; Pilgerreise
alleinerziehender Frauen aus dem
La plenaria
Natività di Maria Vergine, in Rudia-
no; Madonna delle Lacrime, in Tre-
groupe de Forges-les-Eaux. ceses: Orange, California; Arlington,
Virginia; Pilgrims from Our Lady of
St. Laurentius, Großkrotzenburg; St.
Ägidius, Höpfingen; Mariae Verkün-
Erzbistum München und Freising;
Jugendromwallfahrt des Bistums Re-
della Pontificia
viglio; Santa Maria Assunta, in Ro-
mano di Lombardia; Sant’Antonio,
De Suisse: groupe de pèlerins du
diocése de Bâle.
the Greenwood Parish, Greenwood digung, Jettingen-Scheppach; St. gensburg; Schönstatt-Familienbewe-
gung aus dem Bistum Rottenburg-
Commissione
in San Fedele Intelvi; Santa Maria
Assunta, in Clusone; San Salvatore, De Belgique: groupe d’étudiants Stuttgart; Slowenische Katholische Biblica
in Almenno San Salvatore; d’école WICO Campus Sint-Maria, Mission, Augsburg; Marianische
Sant’Agostino, in Cremona; Adole- Neerpelt; groupe du Séminaire Re- Männerkongregation 1608, Köln; La Pontificia Commissione Bibli-
scenti della Professione di Fede della demptoris Mater, de Namur. Katholisches Bildungswerk Mark- ca terrà la sua sessione plenaria
Diocesi di Cremona; San Bartolo- tredwitz; Seminaristen aus dem Erz- annuale dall’8 al 12 aprile presso
meo, in Busseto; Sacro Cuore di Ge- Du Liban: Bureau Patriarcal des bischöflichen Spätberufenenseminar la Domus Sanctae Marthae, in
sù, in Zocca; San Leonardo e San Jeunes au Liban. St. Matthias, Waldram; Katholische Vaticano. Presieduti dall’arcive-
Guido, in Pozzi di Seravezza; San Deutsche Studentenverbindung, scovo Gerhard Ludwig Müller, i
Francesco d’Assisi, in Grosseto; San From England: Students and staff Würzburg; Polnische Katholische lavori saranno diretti dal gesuita
Pietro, in Isola del Gran Sasso; San- from: Woodlands School, Allestree, Mission, Würzburg; Studienreise- Klemens Stock, segretario gene-
ta Maria Assunta, in Silvi Marina; Derby; Carmel Catholic College, gruppe Karlsruhe; Rotary Club rale.
Santa Maria Assunta, in Piglio; Re- Darlington, County Durham; John Mettmann; aus dem Oldenburger Nel corso della riunione i
gina Pacis, in Monopoli; San Fran- Fisher Roman Catholic School, Pur- Münsterland; Heimatlicher Arbeits- membri concluderanno lo studio
cesco Antonio Fasani, in Lucera; ley, Surrey. kreis Steinberg; Leserreise Traunstei- sul tema «Ispirazione e verità del-
San Vincenzo de’ Paoli, in Bisceglie; ner Tagblatt; Schülerinnen, Schüler la Bibbia». Da alcuni anni la
Maria Santissima Addolorata, in Tu- From Scotland: A youth group und Lehrer des Gymnasiums an der Commissione ha deciso di dedica-
turano; Maria Santissima Immacola- from Holy Family and St Ninian’s Stenner, Iserlohn; Altministranten re i propri sforzi a verificare in
ta, in Fragagnano; Maria Santissima Parish, Kirkintilloch. aus der Pfarrei St. Rupert, Amerang; che modo il tema dell’ispirazione
Annunziata, in Monteparano; Santa Ministranten aus der Pfarrei Zum e quello della verità si manifesti-
Maria Assunta, in Moliterno; Santa From Wales: Pilgrims from St Heiligen Erlöser, Traunreut; Mini- no nei diversi libri della Sacra
Maria della Misericordia, in Bene- D avid’s Parish, Pantasaph, Diocese stranten aus der Kuratie Volkers. Scrittura. Scopo della riflessione è
stare; Santa Veneranda, in Carfizzi; of Wrexham. quello di offrire un contributo
San Pio X a Li Punti, in Sassari; Aus der Republik Österreich: Pilger- positivo perché, in una approfon-
Gruppi di fedeli dalle Parrocchie di From Ireland: Newly ordained dea- gruppe aus der Pfarrgemeinde Hl. dita comprensione dei concetti di
Cermenate, Merone; Gruppo cons, from the Pontifical Irish Col- Thomas, Althofen; St. Jakobus, ispirazione e verità, la Parola di
dell’Unitalsi; Gruppo della Guardia lege, with family members and Kolbnitz. Dio venga accolta da tutti i fede-
Costiera Italiana, da San Giuseppe friends, accompanied by Archbishop li, in un modo sempre più ade-
Vesuviano; Gruppo municipale di Dermot Clifford; Pilgrims from the Aus der Schweizerischen Eidgenos- guato a questo singolare dono, in
Protezione civile, da Cervinara; Diocese of Raphoe; Pupils and staff senschaft: Pilgergruppe aus dem cui Dio comunica se stesso e invi-
Scuola di Calcio, di Anagni; Asso- from St Michael’s Loreto Secondary Kanton Zürich; Katholischer Frau- ta gli uomini alla comunione con
ciazione Calcio Nereto 2000; Liceo School, Navan, County Meath. enverein, Dübendorf; Firmlinge und Lui.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO giovedì 4 aprile 2013

All’udienza generale il Pontefice ricorda le prime testimoni della risurrezione

La missione delle donne


Gesù è vivo e presente accanto centro del messaggio cristiano, risuo- nianze nel Nuovo Testamento: alcu- come testimoni della Risurrezione
all’uomo di oggi. Alle donne, alle nato fin dagli inizi e trasmesso per- ne sono nella forma di professione vengono ricordati solamente uomini,
mamme soprattutto, il compito di ché giunga fino a noi. San Paolo di fede, cioè di formule sintetiche gli Apostoli, ma non le donne. Que-
testimoniarlo ai propri figli; ai giovani scrive ai cristiani di Corinto: «A che indicano il centro della fede; al- sto perché, secondo la Legge giudai-
la missione di manifestarlo voi... ho trasmesso, anzitutto, quello tre invece sono nella forma di rac- ca di quel tempo, le donne e i bam-
con la propria vita. Lo ha ribadito che anch’io ho ricevuto; cioè che conto dell’evento della Risurrezione bini non potevano rendere una testi-
Papa Francesco riprendendo Cristo morì per i nostri peccati, se- e dei fatti legati ad esso. La prima: monianza affidabile, credibile. Nei
questa mattina, mercoledì 3 aprile, condo le Scritture, e che fu sepolto e la forma della professione di fede, Vangeli, invece, le donne hanno un
le riflessioni sull’Anno della fede che è risorto il terzo giorno secondo ad esempio, è quella che abbiamo ruolo primario, fondamentale. Qui
proposte durante l’udienza generale le Scritture e che apparve a Cefa e appena ascoltato, oppure quella del- possiamo cogliere un elemento a fa-
in piazza San Pietro. quindi ai Dodici» (1 Cor 15, 3-5). la Lettera ai Romani in cui san Paolo vore della storicità della Risurrezio-
Questa breve confessione di fede an- scrive: «Se con la tua bocca procla- ne: se fosse un fatto inventato, nel
Cari fratelli e sorelle, nuncia proprio il Mistero Pasquale, merai: “Gesù è il Signore!”, e con il contesto di quel tempo non sarebbe
buongiorno, con le prime apparizioni del Risorto tuo cuore crederai che Dio lo ha ri- stato legato alla testimonianza delle
a Pietro e ai Dodici: la Morte e la suscitato dai morti, sarai salvo» (10, donne. Gli evangelisti invece narra-
oggi riprendiamo le Catechesi
Risurrezione di Gesù sono proprio il 9). Fin dai primi passi della Chiesa è no semplicemente ciò che è avvenu-
dell’Anno della fede. Nel Credo ripe-
cuore della nostra speranza. Senza ben salda e chiara la fede nel Miste- to: sono le donne le prime testimoni.
tiamo questa espressione: «Il terzo
questa fede nella morte e nella risur- ro di Morte e Risurrezione di Gesù. Questo dice che Dio non sceglie se-
giorno è risuscitato secondo le Scrit- Oggi, però, vorrei soffermarmi sulla
rezione di Gesù la nostra speranza condo i criteri umani: i primi testi-
ture». È proprio l’evento che stiamo seconda, sulle testimonianze nella moni della nascita di Gesù sono i
celebrando: la Risurrezione di Gesù, sarà debole, ma non sarà neppure
speranza, e proprio la morte e la ri- forma di racconto, che troviamo nei pastori, gente semplice e umile; le
surrezione di Gesù sono il cuore del- Vangeli. Anzitutto notiamo che le prime testimoni della Risurrezione
la nostra speranza. L’Apostolo affer- prime testimoni di questo evento fu- sono le donne. E questo è bello. E
rono le donne. All’alba, esse si reca- questo è un po’ la missione delle
ma: «Se Cristo non è risorto, vana è
no al sepolcro per ungere il corpo di donne: delle mamme, delle donne!
«Francisco la vostra fede e voi siete ancora nei
vostri peccati» (v. 17). Purtroppo,
Gesù, e trovano il primo segno: la Dare testimonianza ai figli, ai nipoti-
tomba vuota (cfr. Mc 16, 1). Segue
Buenos Aires spesso si è cercato di oscurare la fe-
de nella Risurrezione di Gesù, e an-
poi l’incontro con un Messaggero di
ni, che Gesù è vivo, è il vivente, è ri-
sorto. Mamme e donne, avanti con
está contigo» che fra gli stessi credenti si sono in-
Dio che annuncia: Gesù di Nazaret,
il Crocifisso, non è qui, è risorto
questa testimonianza! Per Dio conta
il cuore, quanto siamo aperti a Lui,
sinuati dubbi. Un po’ quella fede (cfr. vv. 5-6). Le donne sono spinte se siamo come i bambini che si fida-
«Francisco, Buenos Aires está “all’acqua di rose”, come diciamo dall’amore e sanno accogliere questo no. Ma questo ci fa riflettere anche
siempre contigo». Sono pochi ma noi; non è la fede forte. E questo annuncio con fede: credono, e subi- su come le donne, nella Chiesa e nel
si fanno sentire gli argentini che per superficialità, a volte per indiffe- to lo trasmettono, non lo tengono cammino di fede, abbiano avuto e
stamani hanno voluto stringersi al renza, occupati da mille cose che si per sé, lo trasmettono. La gioia di abbiano anche oggi un ruolo parti-
Papa in piazza San Pietro. ritengono più importanti della fede, sapere che Gesù è vivo, la speranza colare nell’aprire le porte al Signore,
«Siamo qui perché siamo felici» oppure per una visione solo orizzon- che riempie il cuore, non si possono nel seguirlo e nel comunicare il suo
dicono sette ragazze di Buenos tale della vita. Ma è proprio la Ri- contenere. Questo dovrebbe avvenire Volto, perché lo sguardo di fede ha ma il suo corpo è glorioso; non è segni di morte lascino il posto ai se-
Aires che vivono la spiritualità surrezione che ci apre alla speranza anche nella nostra vita. Sentiamo la sempre bisogno dello sguardo sem- tornato alla vita terrena, bensì in gni di vita. Ho visto che ci sono tan-
del movimento di Schönstatt. più grande, perché apre la nostra vi- gioia di essere cristiani! Noi credia- plice e profondo dell’amore. Gli una condizione nuova. All’inizio ti giovani nella piazza. Eccoli! A voi
Hanno tutte poco più di ta e la vita del mondo al futuro eter- mo in un Risorto che ha vinto il ma- Apostoli e i discepoli fanno più fati- non lo riconoscono, e solo attraverso dico: portate avanti questa certezza:
vent’anni e sventolano la no di Dio, alla felicità piena, alla le e la morte! Abbiamo il coraggio ca a credere. Le donne no. Pietro le sue parole e i suoi gesti gli occhi il Signore è vivo e cammina a fianco
bandiera argentina e la maglietta certezza che il male, il peccato, la di “uscire” per portare questa gioia e corre al sepolcro, ma si ferma alla si aprono: l’incontro con il Risorto a noi nella vita. Questa è la vostra
della selección albiceleste di calcio, morte possono essere vinti. E questo questa luce in tutti i luoghi della no- tomba vuota; Tommaso deve toccare trasforma, dà una nuova forza alla missione! Portate avanti questa spe-
«ma ancora quasi non ci sembra porta a vivere con più fiducia le stra vita! La Risurrezione di Cristo è con le sue mani le ferite del corpo di fede, un fondamento incrollabile. ranza. Siate ancorati a questa spe-
vero che il nostro arcivescovo sia realtà quotidiane, affrontarle con co- la nostra più grande certezza; è il te- Gesù. Anche nel nostro cammino di Anche per noi ci sono tanti segni in ranza: questa àncora che è nel cielo;
stato eletto Papa». Così Belén, raggio e con impegno. La Risurre- soro più prezioso! Come non condi- fede è importante sapere e sentire cui il Risorto si fa riconoscere: la Sa- tenete forte la corda, siate ancorati e
Catalina, Ana Inés, María, zione di Cristo illumina con una lu- videre con gli altri questo tesoro, che Dio ci ama, non aver paura di cra Scrittura, l’Eucaristia, gli altri portate avanti la speranza. Voi, testi-
Carolina, María Paz e María ce nuova queste realtà quotidiane. questa certezza? Non è soltanto per amarlo: la fede si professa con la Sacramenti, la carità, quei gesti di moni di Gesù, portate avanti la testi-
Angeles hanno deciso di «vivere La Risurrezione di Cristo è la nostra noi, è per trasmetterla, per darla agli bocca e con il cuore, con la parola e amore che portano un raggio del Ri- monianza che Gesù è vivo e questo
il più possibile vicino a Papa forza! altri, condividerla con gli altri. È con l’amore. sorto. Lasciamoci illuminare dalla ci darà speranza, darà speranza a
Francesco la Settimana Santa,
Ma come ci è stata trasmessa la proprio la nostra testimonianza. Dopo le apparizioni alle donne, Risurrezione di Cristo, lasciamoci questo mondo un po’ invecchiato
proprio come facevamo a Buenos
Aires». È la stessa idea che ha verità di fede della Risurrezione di Un altro elemento. Nelle profes- ne seguono altre: Gesù si rende pre- trasformare dalla sua forza, perché per le guerre, per il male, per il pec-
avuto Stella: al Pontefice ha Cristo? Ci sono due tipi di testimo- sioni di fede del Nuovo Testamento, sente in modo nuovo: è il Crocifisso, anche attraverso di noi nel mondo i cato. Avanti giovani!
portato una statuetta della
Madonna di Luján. «So che il
Papa le è tanto devoto» dice.
Eleonora, anch’essa di Buenos
Aires, è venuta in piazza San
Nella serata del 2 aprile, ottavo anniversario della morte di Giovanni Paolo II
Pietro con il figlio Horacio. E al
Papa ha consegnato la foto del
suo bambino più piccolo,
Santiago: ha appena otto mesi
Papa Francesco prega davanti alle tombe dei suoi predecessori
ma è affetto da una malattia che Papa Francesco ha pregato martedì sera, 2 aprile, dinanzi alla tomba del
gli impedisce quasi di muoversi e, beato Giovanni Paolo II nell’ottavo anniversario della morte. Dopo la
secondo i medici, non gli chiusura serale della basilica Vaticana, alle 19, il Santo Padre si è recato
permetterà di parlare, di vedere, nella cappella di San Sebastiano ed è rimasto a lungo inginocchiato in
di sentire. «A Papa Francesco preghiera silenziosa presso la tomba di Papa Wojtyła, al quale era parti-
chiedo una preghiera per non colarmente legato. Fu tra l’altro proprio il Pontefice polacco a crearlo
perdere mai la speranza». cardinale nel concistoro del 21 febbraio 2001. Accompagnato dal cardi-
Gli oltre trentamila fedeli in
nale Angelo Comastri, arciprete della basilica vaticana, e da monsignor
piazza San Pietro hanno accolto
Alfred Xuereb, il Papa si è poi fermato in raccoglimento anche dinanzi
con particolare calore i fedeli
argentini. La parte del leone alle tombe del beato Giovanni XXIII e di san Pio X .
stamani l’hanno fatta i pellegrini Dopo la visita di lunedì scorso, 1° aprile, alla necropoli vaticana, con
milanesi, circa un terzo dei la sosta presso il sepolcro di San Pietro, alla sorgente del pontificato ro-
presenti. «Davvero sono mano, e con la visita alle tombe di Benedetto XV, Pio XI, Pio XII, Paolo
entusiasti questi milanesi, eh!» ha VI e Giovanni Paolo I, Papa Francesco è dunque voluto tornare in basi-
commentato il Pontefice colpito lica per rendere omaggio, nella preghiera, ai suoi predecessori del Nove-
dalla loro gioia. «Papa Francesco cento che vi sono sepolti. Una testimonianza della «profonda continuità
ci aiuta a camminare insieme a spirituale del ministero petrino dei Papi — si legge in una nota della Sa-
Gesù» sono le parole scelte dal la Stampa della Santa Sede che accompagna la notizia della visita — che
cardinale Angelo Scola, il Papa Francesco vive e sente intensamente, come ha dimostrato anche
arcivescovo di Milano, per nell’incontro e con i ripetuti colloqui telefonici con il suo precedessore
esprimere il significato del Benedetto XVI».
pellegrinaggio romano dei
diecimila fedeli ambrosiani che,
iniziato lunedì, si è concluso
proprio stamani. Insieme come
comunità diocesana — spiega il
porporato — sentiamo «la gioia di
essere tra i primi a poter
incontrare il nuovo Papa».
All’udienza era presente anche il
cardinale Dionigi Tettamanzi,
arcivescovo emerito.
È con particolare affetto che il
Pontefice ha salutato i quattordici
diaconi della Compagnia di
Gesù, ordinati ieri. E i nuovi
Una spirituale genealogia
diaconi hanno voluto subito Due anni dopo la morte di Pio XI, la sua tomba in un fatto realmente soffrire, e sento cosa sia la gioia di ringra-
consegnare la loro missione nelle vano delle Grotte vaticane venne inaugurata il 9 febbraio ziare Dio per l’incolumità d’una persona cara.
mani del Papa che appartiene alla 1941 con una messa celebrata dall’arcivescovo di Milano, Ma quante, quante voci dolorose echeggiano d’intorno
loro stessa famiglia religiosa. il cardinale benedettino Alfredo Ildefonso Schuster. e implorano simile conforto. Il nostro lavoro, a ciò relati-
Accompagnati dai loro familiari, Quella sera stessa scese a visitare il sepolcro il suo suc- vo, ha raggiunto un’intensità e una mole che opprimono
rappresentano dieci nazioni: cessore Pio XII, che di Papa Ratti era stato segretario di e sconcertano. Vi basti sapere che ho dovuto cedere
Bangladesh, Bielorussia, Croazia, Stato. Ad accompagnare il Pontefice, con il maestro di un’altra stanza del mio appartamento per mettervi in
Indonesia, Italia, Perú, Polonia, camera Alberto Arborio Mella di Sant’Elia, era il sostitu- fretta nuovi tavoli e altri sacerdoti per attendere a questa
Portogallo, Venezuela e Vietnam. to Giovanni Battista Montini. affannosa e spesso infruttuosa ricerca di lontani dispersi.
All’udienza era presente anche Il futuro Paolo VI era stato incaricato sin dall’inizio del Oh, servisse tanto soffrire di concittadini a far loro trova-
l’arcivescovo di Lviv dei Latini, conflitto da Papa Pacelli di coordinare l’Ufficio Informa- re un più profondo e più fraterno senso di civile convi-
monsignor Mieczysław zioni del Vaticano per lo scambio e la ricerca di notizie venza e di cristiana solidarietà! Dio lo voglia.
Mokrzycki, che dal 1996 è stato su soldati, prigionieri e civili. Proprio in quei giorni del Alle cose tristi s’intrecciano però anche le consolanti.
accanto a Giovanni Paolo II nella secondo inverno di guerra aveva finalmente avuto notizie Questa sera, per esempio. Sono stato invitato ad accom-
sua segreteria particolare. Martedì del cugino don Carlo Montini, cappellano militare sul pagnare, con Mons. Maestro di Camera il Santo Padre
mattina monsignor Mokrzycki ha fronte greco, e a queste allude in una lettera ai familiari che scendeva a S. Pietro, chiuso e deserto, splendido e
celebrato la messa sulla tomba di — scritta proprio la sera del 9 febbraio 1941 ed edita criti- raccolto nella penombra del vespro per visitare la tomba
Papa Wojtyła, nella cappella di camente nel 1986 da Nello Vian (G. B. Montini [Paolo del Suo Predecessore. Sostò qua e là pregando, osservan-
San Sebastiano della basilica VI], Lettere ai familiari 1919-1943, pp. 953-954) — dove ri- do, commentando. Poi nelle grotte, curvo sotto le volte
vaticana, a otto anni dalla morte. ferisce vividamente della visita compiuta da Pio XII alle gravi e pie; s’inginocchiò, pregò su le tombe di Pio XI, di
Al termine dell’incontro in piazza tombe dei suoi predecessori. Pio X, di Benedetto XV. Mai la comunione dei Santi e la
San Pietro, Papa Francesco ha «Carissimi, non vi so dire quante volte in questi giorni spirituale genealogia dei successori di Cristo mi parsero
salutato a una a una tutte le — grandi ed amari — il pensiero mio si rifugi presso di avere più commovente rappresentazione. E ciò consola
persone ammalate costrette sulla voi, quasi per ritrovare l’appoggio dei sentimenti nobili e molto. La Chiesa, questa viva e immortale realtà, spiri-
sedia a rotelle. E ha lasciato la delle speranze buone con cui voi m’avete insegnato a tuale e visibile è più presente che mai, più moderna e ne-
sua firma sulla gamba ingessata giudicare la vita, i suoi beni, i suoi dolori, le sue vicende. cessaria che mai; e Dio sia lodato che tutti ci unisce e ci
di una bambina. La preoccupazione per l’amatissimo Don Carlo mi ha ammaestra. Vostro D[on] B[attista]».