Sei sulla pagina 1di 8

Spedizione in abbonamento postale Roma, conto corrente postale n.

649004 Copia € 1,00 Copia arretrata € 2,00

L’OSSERVATORE ROMANO GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO


Unicuique suum Non praevalebunt
Anno CLIII n. 98 (46.342) Città del Vaticano domenica 28 aprile 2013
.
Gli operai di Dacca costretti a tornare al lavoro nonostante l’instabilità del palazzo Rapporto dell’Ilo Domenica 28 la messa del Papa in San Pietro

Oltre due milioni La giornata


Come morire di vittime
delle malattie dei cresimandi
per 38 euro al mese professionali
GINEVRA, 27. A causa di malattie
professionali ogni anno nel mondo
muoiono oltre due milioni di perso-
ne, un numero sei volte superiore a
quello delle vittime di incidenti sul
lavoro. Il dato è contenuto nel rap-
porto diffuso dall’O rganizzazione
internazionale del lavoro (Ilo) in oc-
casione della Giornata mondiale per
la salute e la sicurezza sul lavoro che
si celebra domani, domenica 28
aprile.
Il totale delle vittime sul lavoro
supera i 2.340.000, comprendendo i
321.000 incidenti mortali. Ogni
quindici secondi, cioè, muore un la-
voratore a causa di malattie o inci-
denti. L’Ilo stima inoltre che ogni
anno ci siano 160 milioni di casi di
malattie professionali non letali.
In merito, viene denunciato un
inaccettabile deficit di lavoro digni-
toso, visto che le malattie professio-
Soccorritori in fuga nel timore di un nuovo crollo (Reuters) nali o correlate al lavoro continuano
a essere quasi totalmente trascurate,
persino rispetto agli incidenti sul la-
DACCA, 27. Erano stati obbligati a oggi in un tweet, Papa Francesco Agenti di polizia sono intanto ie- voro per i quali manca comunque
tornare al lavoro nonostante l’accer- ha invitato i suoi follower a unirsi ri intervenuti per disperdere una una sufficiente prevenzione.
tata instabilità dell’edificio, le centi- nella preghiera per le vittime della protesta di operai del settore a Ga- «Milioni di lavoratori — avverte
naia di operai del Rana Plaza morti tragedia, chiedendo a Dio conforto zipur, città-satellite a nord di Dac- l’Organizzazione — sono esposti a
nel crollo del palazzo di otto piani ca. I lavoratori erano scesi in piazza condizioni lavorative pericolose, sen-
e forza per le loro famiglie. per reclamare provvedimenti nei
avvenuto mercoledì mattina alla pe- za ricorrere all’utilizzo di sistemi di
riferia di Dacca, in confronti dei proprietari dei labora- protezione di qualsivoglia natura».
Bangladesh. La po- tori ospitati nell’edificio crollato. E Di fronte a questo scenario, viene
lizia aveva infatti in relazione alla sciagura, otto per- sollecitato un impegno mondiale per
avvertito i proprie- Join me in praying for the victims sone sono state oggi tratte in arre- porre fine a quella che è definita
tari delle diverse sto. Tra di loro il proprietario e il l’invisibilità delle malattie professio-
fabbriche tessili pre-
of the tragedy in Dhaka, direttore amministrativo di due fab- nali e si chiede a tutti i Paesi del
senti all’interno, Bangladesh, that God will grant briche tessili del palazzo e due fun- mondo un paradigma di prevenzio- In un clima di fervore e di preghie- Come è noto durante la messa di
delle crepe scoperte comfort and strength to their families zionari municipali, che avevano da- ne completo, incentrato sulle malat- ra è in pieno svolgimento il pelle- domenica 28, il Pontefice conferi-
il giorno precedente to ampie assicurazioni sulla stabilità tie professionali e non soltanto sugli grinaggio dei circa settantamila sce il sacramento della conferma-
e aveva chiesto lo (@Pontifex) dell’edificio. infortuni. giovani che domenica 28 aprile zione a 44 fedeli provenienti da
sgombero. È quanto Anche il segretario generale I costi di una simile situazione so- partecipano alla messa per la gior- tutto il mondo a rappresentare sim-
riferiscono i media dell’Onu, Ban Ki-moon, si è detto no alti anche sul piano meramente nata dei cresimandi e dei cresimati bolicamente l’universalità della
locali, mentre si è appreso che la I soccorritori continuano intanto profondamente addolorato per la economico. Secondo stime dell’Ilo, — organizzata nell’ambito dell’An- Chiesa. Nel pomeriggio i ragazzi
paga mensile degli operai tessili a scavare tra le macerie ma le spe- sciagura. In una nota, Ban Ki- gli infortuni e le malattie professio- no della fede — presieduta da Papa che avranno partecipato alla cele-
coinvolti nella sciagura non supera- ranze di trovare altri superstiti si af- moon ha espresso le sue condo- nali determinano ogni anno a livello Francesco sul sagrato della basilica brazione si ritroveranno nell’Aula
va i 38 euro. fievoliscono con il trascorrere delle glianze alle famiglie delle vittime, globale una perdita del 4 per cento vaticana. Già da questa mattina Paolo VI in Vaticano per festeggiare
Il bilancio dei morti è salito a ore. Le persone rimaste sepolte sa- sottolineando che le Nazioni Unite del prodotto interno lordo, circa piazza San Pietro e dintorni sono insieme. Tra l’altro potranno ascol-
332 mentre altri 40 superstiti sono rebbero inoltre ormai troppo deboli sono pronte a fornire la necessaria 2.800 miliardi di dollari, tra costi di- stati invasi da migliaia di giovani, tare le testimonianze di alcuni gio-
stati tratti in salvo nella notte. E anche solo per invocare aiuto. assistenza alla popolazione colpita. retti e indiretti. per lo più con cappellini rossi e di- vani che stanno vivendo un’espe-
stintivi personalizzati, che hanno rienza di fede in condizioni molto
organizzato il pellegrinaggio alla particolari.
tomba degli apostoli con una sim-
I rifugiati sono più di 1,4 milioni bolica processione iniziata ai piedi
dell’obelisco al centro della piazza.
Per oltre un migliaio di loro, so- Roberto Vivarelli porta a termine
Sempre più grave in Siria l’emergenza umanitaria prattutto giovanissimi cresimandi
provenienti da Genova, c’è stato
anche l’incontro straordinario con i
la sua ricerca in tre volumi
sulle origini del fascismo in Italia

DAMASCO, 27. Peggiora di giorno in giati sono 1.401.235. La maggior par- umanitaria» ha detto pochi giorni fa Obama il quale ha comunque pro- cardinali Tarcisio Bertone, segreta- Un giovane di Salò
giorno l’emergenza umanitaria cau- te di loro si trova in Libano, Tur- l’Alto commissario delle Nazioni messo di «agire con la comunità in- rio di Stato, e Angelo Comastri, vi- in cerca di risposte
sata dal conflitto siriano. Sono or- chia, Iraq e Giordania. Unite per i rifugiati, Antonio Guter- ternazionale». Il Governo di Assad cario del Papa per la Città del Va-
mai più di 1,4 milioni le persone che Più volte nelle ultime settimane le res, al Consiglio di sicurezza. «Nelle ha superato le linee rosse — ha sotto- ticano, per una preghiera dinnanzi dalla storia
hanno abbandonato il Paese per Nazioni Unite avevano richiamato ultime sette settimane sono fuggite lineato il presidente — «quando ha alla Grotta di Lourdes nei Giardini
sfuggire ai combattimenti tra l’eserci- l’attenzione della comunità interna- 400.000 persone, facendo salire il ucciso migliaia di civili». vaticani. ROBERTO PERTICI A PAGINA 4
to e i ribelli che in due anni hanno zionale sulla gravità della situazione numero totale di siriani registrati co-
causato oltre ottantamila morti. Lo siriana. «Se i combattimenti non sa- me rifugiati o in attesa di registra-
ha annunciato ieri l’Alto commissa- ranno fermati al più presto, entro la zione; se l’attuale tendenza prosegui-
riato delle Nazioni Unite per i rifu- fine del 2013 quasi metà dei 20,8 mi- rà entro la fine dell’anno potrebbero
giati (Unhcr), secondo il quale i si-
riani registrati dall’Onu come rifu-
lioni di cittadini siriani potrebbero
trovarsi ad aver bisogno di assistenza
esservi 3,5 milioni di rifugiati e 6,5
milioni di sfollati bisognosi di assi-
L’incontro del Pontefice NOSTRE
stenza» ha aggiunto Guterres.
Intanto, mentre proseguono i
con il presidente Mario Monti INFORMAZIONI
combattimenti — ieri ancora scontri
e bombardamenti sono stati registra- Il Santo Padre ha ricevuto
Nuove proteste degli universitari a Giza ti a Damasco, Homs, Aleppo e De- questa mattina in udienza le
raa — le diplomazie s’interrogano Loro Eminenze Reverendissi-
Tramonta la primavera in Egitto sulla spinosa questione dell’uso di
armi chimiche.
me i Signori Cardinali:
Sul piano militare, i ribelli hanno
— Marc Ouellet, Prefetto
interrotto ieri, per la prima volta, il della Congregazione per i
flusso di armi e di mezzi militari Vescovi;
dell’esercito lungo l’autostrada — Angelo Bagnasco, Arci-
Homs-Tartus, che collega la regione vescovo di Genova, Presiden-
centrale con il porto sul Mediterra-
neo. Secondo gli attivisti, circa quat-
te della Conferenza Episco-
trocento ribelli sono riusciti «dopo pale Italiana.
tre settimane di assedio» a conqui-
stare una postazione dell’esercito di Il Santo Padre ha ricevuto
Assad, alla periferia di Homs, lungo
l’autostrada che collega la città con
in udienza nel pomeriggio di
Tartus. La regione costiera costitui- venerdì 26 aprile Sua Eccel-
sce una zona chiave per le retrovie lenza il Senatore Mario
dell’esercito: l’attacco dei ribelli — Monti, Presidente del Consi-
dicono gli analisti — potrebbe avere glio dei Ministri della Re-
ripercussioni sui rifornimenti. pubblica Italiana.
La questione dell’uso delle armi
Il sole si posa dietro una delle piramidi di Giza (LaPresse/Ap) chimiche è stata discussa ieri dal È durato una ventina di minuti l’in- l’integrazione europea con tutte le
presidente statunitense, Barack contro tra Papa Francesco e il presi- sue prospettive e le migrazioni. Tra Provvista di Chiesa
Obama, con il re giordano Abdallah dente del Consiglio dei ministri del- le altre cose il senatore Monti ha
In data 27 aprile, il Santo
y(7HA3J1*QSSKKM( +@!"!&!$!{

IL CAIRO, 27. La crisi economica in strazione dell’ateneo di verificare lo II in un incontro nello studio ovale la Repubblica italiana Mario Monti, raccontato al Papa che il padre era
Egitto si intreccia con quella politi- stato delle strutture, protestano della Casa Bianca. «Abbiamo delle avvenuto nel tardo pomeriggio di nato in Argentina nel 1900, in una Padre ha nominato Vescovo
ca e con i sanguinosi disordini che contro i continui black-out e, in prove, ma le valutazioni sull’uso del- ieri, venerdì 26 aprile, nella Domus famiglia italiana emigrata. Il Papa di Florencia (Colombia) il
negli ultimi mesi hanno sconvolto generale, per chiedere migliori con- le armi di distruzione di massa da Sanctae Marthae. Il senatore era ac- ha donato al senatore un libro con i Reverendo Omar de Jesús
il Paese, facendo vacillare il sogno dizioni di studio. La protesta è so- parte del regime siriano sono ancora compagnato dalla consorte signora primi discorsi del pontificato, un set Mejía Giraldo, del clero della
di democrazia scaturito dalla cosid- lo l’ultima di una serie di mobilita- preliminari; se confermate, cambie- Elsa. Il colloquio, come ha riferito di monete del Vaticano e un rosa-
detta primavera araba. Ieri è scop- zioni degli universitari egiziani, che rebbero le cose a causa delle minac- il direttore della Sala Stampa della rio. Da parte sua Monti ha donato
Diocesi di Sonsón-Rionegro,
piata la rivolta degli studenti uni- hanno anche chiesto le dimissioni ce verso i civili, i Paesi vicini e per il Santa Sede, padre Federico Lom- al papa un trittico di penne e un finora Rettore del Seminario
versitari a Giza, a sud del Cairo. del ministro dell’Istruzione Supe- rischio che tali sostanze cadano nelle bardi, è stato molto cordiale ed ha suo libro sulla democrazia in Maggiore Nazionale «Cristo
Gli studenti chiedono all’ammini- riore, Mostafa Mosaad. mani di gruppi terroristi» ha detto riguardato la situazione in Italia, Europa. Sacerdote» in La Ceja.
pagina 2 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 28 aprile 2013

Islanda alle urne


Critiche
Un voto della Bundesbank
alla Bce
alle radici BERLINO, 27. L’indipendenza della
Banca centrale europea è «a ri-
della crisi schio». L’ultimo affondo di Jens
Weidmann, presidente della Bun-
desbank, è contenuto in un docu-
REYKJAVIK, 27. Alla fine l’Islanda
mento di 29 pagine presentato ieri
ha retto bene la crisi economica.
alla Corte costituzionale tedesca
Prima Nazione europea a risentir-
in vista del giudizio di giugno che
ne, il Paese conta oggi un tasso di
disoccupazione, sotto al 5 per cen- dovrà completare la sentenza sul
to, invidiabile di fronte alla media fondo salva Stati europeo. L’ex
europea, e una crescita dell’1,6. collaboratore di Angela Merkel ha
Con questi paramatri l’Islanda è criticato duramente le misure anti-
chiamata oggi al voto per rinnova- crisi assunte dalla Bce nella lotta
re il Parlamento. Ma nonostante i alla crisi, e in particolare il pro-
dati positivi, la campagna elettora- gramma di acquisto di titoli di
le è stata caratterizzata da un forte Stato che — a suo giudizio — com-
malcontento, segnato dalle cicatri- prometterebbe seriamente l’auto-
ci di una politica di rigore e auste- nomia della Banca centrale. Con
rità che rischia di costare cara alla le attuali misure — si legge nel do-
sinistra al potere. La coalizione cumento citato dalla stampa tede-
formata dai Socialdemocratici e sca — «la salvaguardia della stabi-
dal Movimento dei Verdi, è infatti lità dei prezzi come obiettivo di
data per sfavorita rispetto all’op- una politica monetaria cede il pas-
posizione. Un’opposizione di cen- so ad interessi di politica fiscale».
tro-destra che, con i partiti del Su questa posizione Bruxelles ha
Progresso e quello dell’Indipen-
chiesto chiarimenti a Berlino.
denza, è contraria alla candidatura
del Paese all’Unione europea e Il vicepresidente del Governo spagnolo Soraya Sáenz de Santamaría (Reuters)
punta a rimanere fuori dall’euro.
E che si è giocata la partita della
campagna elettorale puntando su
misure popolari, come l’alleggeri-
L’obiettivo della riduzione del deficit slitta dal 2014 al 2016
Fondi europei
per rilanciare
Bruxelles accorda più tempo a Madrid
mento del peso dei mutui immo-
biliari, riportando i parametri di
riferimento ai livelli del 2008.
Un’idea che piace a molti ma che,
l’economia cipriota
secondo i detrattori. rischia di
creare incertezza nel settore ban- MADRID, 27. Il Governo spagnolo avrà più tempo coerente con l’attuale analisi tecnica da parte dei riforme e miglioramenti strutturali di bilancio NICOSIA, 27. Via libera della Com-
cario ed economico. per ridurre il deficit. La Commissione Ue «acco- servizi della Commissione un bilanciato, ma an- conseguiti lo scorso anno» ha detto Lagarde. missione Ue al piano di ripro-
Il cavallo di battaglia del Go- glie con favore l’adozione del programma nazio- cora ambizioso, cammino di consolidamento te- «Non vediamo l’ora di discutere le misure che so- grammazione di 21 milioni di euro
verno uscente è invece quello di nale di riforma e il programma di stabilità della nendo conto della difficile situazione economi- stengono la nuova strategia» all’inizio di giugno. di fondi europei per Cipro. Questi
aver vinto la lotta alla disoccupa- Spagna» e, riservandosi di presentare le sue con- ca». È essenziale — ha quindi aggiunto il porta- Nel frattempo, sempre ieri il Governo di Ma- fondi andranno a favore di inizia-
zione, riportando il tasso dal 9 clusioni il 29 maggio, ritiene che il rinvio dal voce — «che il percorso di consolidamento fiscale riano Rajoy ha tagliato drasticamente le stime tive a sostegno delle piccole e me-
per cento del 2010 al 5 per cento 2014 al 2016 dell’obiettivo di rientro del deficit al previsto dal Programma di Stabilità si basi su sulla crescita di quest’anno, prevedendo una con- die imprese, e dei giovani del Pae-
del febbraio scorso. Ma il dato tre per cento sia «coerente» con le analisi della ipotesi macroeconomiche prudenti e su un suffi- trazione dell’1,3 per cento, contro il meno 0,5 ini- se duramente colpito dalla crisi
sembra lasciare scettici gli islande- Commissione stessa. ciente numero di di misure strutturali di alta qua- zialmente previsto. L’economia riprenderà a cre- del debito. «La decisione di oggi
si. Scottati — è l’opinione dei Per quanto riguarda i programmi nazionali di lità». La Commissione ha precisato che la valuta- scere dello 0,5 per cento nel 2014 e dello 0,9 nel aiuterà Cipro ad affrontare i suoi
commentatori — da quel pacchetto riforme e di stabilità — ha detto il portavoce della zione di entrambi i programmi sarà resa pubblica 2015. Il vice presidente del Governo, Soraya problemi economici usando i fon-
di misure di austerità e rigore, Commissione, Olivier Bailly — Bruxelles attende il prossimo 29 maggio, giorno della pubblicazio- Sáenz de Santamaría, ha inoltre annunciato un
di regionali nel modo più efficace
dettate dal Fondo monetario inter- di ricevere i documenti «al più presto possibile» ne delle raccomandazioni macroeconomiche per rialzo delle stime sul deficit, che è passato al 6,5
possibile» ha sottolineato il com-
nazionale che ha prestato a Re- per poterne cominciare l’analisi. «Come annun- tutti i 27 Paesi della Ue. per cento del pil nel 2013, contro il 4,5 per cento
missario Ue alle Politiche regiona-
ykjavik 1,6 miliardi di euro tra il ciato il 10 aprile — ha ricordato Bailly — la Com- Sostegno all’azione del Governo spagnolo è inizialmente stimato. Il deficit pubblico scenderà
missione ora esaminerà le politiche previste dai stata espressa ieri anche dal Fondo monetario in- al 5,5 nel 2014 e al 4,1 nel 2015. La disoccupazio- li, Johannes Hahn, ricordando che
2008 e il 2011. Ricette che hanno
due programmi, per determinare fino a che punto ternazionale (Fmi). «Vorrei esprimere il mio forte ne si attesterà al 27,1 per cento quest’anno, al 26,7 Bruxelles sta «lavorando a stretto
innescato insoddisfazione e una
forte insicurezza. Le statistiche uf- esse sono adeguate, visti gli eccessivi squilibri del- sostegno» nei confronti degli obiettivi del Gover- per cento nel 2014 e al 25,8 nel 2015. Soraya contatto» con le autorità cipriote.
ficiali parlano di una famiglia su la Spagna». A proposito degli obiettivi di bilan- no spagnolo per «ripristinare una sana situazione Sáenz de Santamaría ha affermato che il Governo Circa 8,5 milioni andranno a pro-
dieci in ritardo nei pagamenti dei cio, il portavoce ha lasciato intendere che il rinvio delle finanze pubbliche e, allo stesso tempo, la ri- intende provare a tagliare le tasse in futuro. Infi- getti per le piccole e medie impre-
mutui per la casa o nei rimborsi di due anni annunciato dalla Spagna può essere presa e la creazione di posti di lavoro» ha detto il ne, il Governo varerà una nuova riforma del siste- se, considerate il principale tessu-
di prestiti immobiliari. E un terzo considerato positivamente vista la nuova attenzio- direttore dell’Fmi, Christine Lagarde, commen- ma pensionistico pubblico entro settembre e pro- to produttivo del Paese, e altri 2,5
degli abitanti dell’isola ancora af- ne delle istituzioni europee sugli effetti recessivi tando l’annuncio dello slittamento del rientro dal cederà entro giugno a una revisione della riforma per promuovere l’imprenditorialità
ferma di non essere in grado di di programmi di austerità troppo stringenti. «Il deficit eccessivo. «Lanciare un consolidamento del lavoro. Entro la fine dell’anno inoltre il go- giovanile, mentre altri dieci an-
fare fronte a spese impreviste, an- rinvio al 2016 della correzione del deficit eccessi- più graduale è un buon passo verso il raggiungi- verno rinuncerà all’indicizzazione dei salari all’in- dranno alle rivitalizzazione di aree
che solo di 1.000 euro. vo sotto il tre per cento — ha detto Bailly — è mento di questi obiettivi, e si basa su importanti flazione. urbane e rurali.

L’Ue difende Winston Churchill Il pil cresce nel primo trimestre, ma meno delle attese

la mobilità Lampi di ripresa negli Stati Uniti


nell’eurozona sul biglietto da 5 sterline
WASHINGTON, 27. L’economia ame- do comunque che «resta molto la- sono ancora tre milioni di posti di
BRUXELLES, 27. La Commissione LONDRA, 27. Il biglietto da cinque scattata da Yousuf Karsh nel di- ricana accelera, ma non stupisce. voro» da fare e che non è il mo- lavoro in meno. I tagli automatici
europea dice sì alla mobilità e al sterline cambia volto, e per la pri- cembre 1941. Sullo sfondo, il palaz- Nei primi tre mesi dell’anno il pil mento di «autoinfliggere ferite alla spesa vanno «sostituiti con mi-
mercato del lavoro unico. Con ma volta nella storia della Gran zo del Parlamento con l’orologio cresce del 2,5 per cento, decisamen- all’economia». Il riferimento è ai ta- sure più bilanciate per la riduzione
una nuova proposta presentata ieri Bretagna vi sarà raffigurato un del Big Ben ben visibile che segna te più veloce rispetto al modesto gli automatici alla spesa pubblica: la del deficit e del debito» che sosten-
Bruxelles intende abbattere tutte uomo politico: Winston Churchill, le 15, l’orario in cui il 13 maggio più 0,4 per cento dell’ultimo trime- fotografia scattata dal dipartimento gano alla stesso tempo la crescita e
le restrizioni, piccole o grandi, che scomparso nel 1965. L’annuncio ar- 1940, nel suo primo discorso a stre 2012, ma meno delle attese. del Commercio include il primo me- la creazione di posti di lavoro.
ancora ostacolano la mobilità riva direttamente dal governatore Westminster dopo la nomina a pri- «Siamo sulla strada giusta» ha com- se, marzo, in cui sono scattati i ta- A spingere il pil nel primo trime-
nell’Unione, causando a volte an- della banca d’Inghilterra, Mervyn mo ministro, Churchill pronunciò mentato la Casa Bianca, ammetten- gli. Si tratta — ha detto la Casa stre sono stati anche i cittadini ame-
che fenomeni di discriminazione. King. È stato lui, ormai giunto alla la celebre frase: «Non ho altro da
Bianca — di misure «arbitrarie e ricani: i consumi sono cresciuti del
La proposta che deve ora essere fine del suo mandato (sarà a breve offrire che sangue, fatica, lacrime e
non necessarie che rischiano di rap- 3,2 per cento, il tasso più alto dal
discussa da Parlamento e Consi- sostituito alla guida della Bank of sudore». Frase, questa, riportata an-
England dal canadese Mark che sulle nuove cinque sterline. Il presentare venti contrari sull’econo- quarto trimestre 2010. Un aumento
glio, tutti i 27 dovranno fornire in-
mia nei prossimi mesi». realizzato nonostante il brusco calo
formazioni, assistenza anche giuri-
dica e consulenza ai lavoratori
Carney), a prendere la decisione.
La nuova banconota sarà in circola-
volto di Churchill sostituirà quello
di Elizabeth Fry morta nel 1845, ri-
Il colosso Washington mette in evidenza co- del reddito disponibile, sceso del 5,3
provenienti da un altro Stato
membro. Perché la libertà di cir-
zione a partire dal 2016 e avrà su
un lato un’immagine dell’ex primo
masta alla storia per aver influito
nella riforma carceraria in Gran
Novartis me gli Stati Uniti siano ormai in
crescita da 15 trimestri consecutivi.
per cento, ai minimi dal 2009. Gli
americani hanno continuato a spen-
colazione — sottolinea il commis-
sario Ue agli Affari sociali Lazslo
ministro tratta da una fotografia Bretagna. sotto accusa Ma la ripresa è lenta, decisamente
più lenta rispetto ai precedenti stori-
dere attingendo dal loro salvada-
naio: il tasso di risparmio è infatti
Andor — «è fondamentale». ci, e da quando è iniziata la crisi ci crollato ai minimi del 2007.
WASHINGTON, 27. Il colosso far-
Secondo Bruxelles, le preoccu-
maceutico svizzero Novartis sotto
pazioni di molti Paesi sono esage-
rate. Dati alla mano, i romeni che accusa negli Stati Uniti. Il diparti-
lavoravano in un altro Paese Ue mento di Giustizia ha annunciato
nel 2012 erano il 13,1 per cento, i ieri che l’azienda è indagata per
corruzione di personale medico.
La Banca del Giappone rivede al rialzo
bulgari il 7,6, a fronte del 10,7 di
irlandesi o dell’11,7 dei portoghesi. Secondo quanto si legge nel co- le stime del prodotto interno lordo
E guardando alla situazione in municato del dipartimento, il co-
Germania, solo il quattro per cen- losso farmaceutico avrebbe corrot- TOKYO, 27. La Banca centrale del mento della tassa sui consumi del
to dei lavoratori è straniero, in to dei medici «per indurli a pre- Giappone ha rivisto al rialzo le sti- 2014. Nel 2015 il tasso di inflazione
Gran Bretagna il 4,8, in Austria il scrivere prodotti Novartis che era- me del prodotto interno lordo dovrebbe assestarsi al 2 per cento.
5,2, e in Olanda il due per cento. no rimborsati dai programmi di nell’attuale esercizio fiscale (aprile La Banca centrale ha ribadito di
In Italia sono il 3,4, mentre gli assicurazione sanitaria federali». 2013-marzo 2014) e nel successivo voler mettere in atto politiche tali
italiani che lavorano in un altro Inoltre, l’azienda avrebbe pagato (aprile 2014-marzo 2015), portando- da portare la base monetaria a un
Paese Ue sono il tre per cento. dei medici per pubblicizzare alcu- le rispettivamente al 2,9 per cento incremento annuale di 60 o 70.000
Pochi giorni fa, in una lettera (da più 2,3 per cento) e all’1,4 per miliardi di yen all’anno per contra-
ni suoi prodotti organizzando ine-
alla Commissione, Gran Bretagna, cento (da più 0,8 per cento). I dati stare gli effetti di un quindicennio
sistenti conferenze scientifiche.
Olanda, Germania e Austria ave- del rapporto semestrale della Banca segnata dalla deflazione.
vano chiesto sanzioni legali e fi- Novartis era già finita pochi gior-
sono stati aggiornati dopo l’allenta- I prezzi al consumo, con l’esclu-
nanziarie efficaci «contro chi abu- ni fa nel mirino delle autorità mento monetario quantitativo e sione del cibo, sono scesi intanto in
sa della libertà di movimento americane con l’accusa di aver of- qualitativo (Qqe) deciso a inizio marzo dello 0,5 per cento su base
all’interno dell’Ue e pesa così in ferto percentuali e profitti illegali mese e rilevano un’inflazione a più annua, un tasso leggermente supe-
maniera indebita sui bilanci dei alle farmacie, sotto forma di ridu- 0,7 per cento nell’anno fiscale in riore allo 0,4 che era stato previsto.
comuni, ma anche sul welfare, dei zioni e sconti, per promuovere corso e a più 1,4 per cento nel suc- Il decremento è invece dello 0,3 per
Paesi in cui si trasferiscono». La nuova banconota da 5 sterline (Reuters) l’uso di determinati farmaci. cessivo, grazie alla spinta dell’au- quanto riguarda Tokyo.

GIOVANNI MARIA VIAN TIPO GRAFIA VATICANA Aziende promotrici della diffusione de
L’OSSERVATORE ROMANO direttore responsabile EDITRICE L’OSSERVATORE ROMANO
Servizio vaticano: vaticano@ossrom.va Tariffe di abbonamento
Vaticano e Italia: semestrale € 99; annuale € 198
Concessionaria di pubblicità
«L’Osservatore Romano»
Servizio internazionale: internazionale@ossrom.va Il Sole 24 Ore S.p.A
Europa: € 410; $ 605 System Comunicazione Pubblicitaria
GIORNALE QUOTIDIANO POLITICO RELIGIOSO Carlo Di Cicco don Sergio Pellini S.D.B. Africa, Asia, America Latina: € 450; $ 665 Intesa San Paolo
vicedirettore direttore generale Servizio culturale: cultura@ossrom.va America Nord, Oceania: € 500; $ 740 Alfonso Dell’Erario, direttore generale
Unicuique suum Non praevalebunt Ospedale Pediatrico Bambino Gesù
Romano Ruosi, vicedirettore generale
Piero Di Domenicantonio Servizio religioso: religione@ossrom.va Ufficio diffusione: telefono 06 698 99470, fax 06 698 82818,
00120 Città del Vaticano Segreteria di redazione ufficiodiffusione@ossrom.va Sede legale Banca Carige
caporedattore Via Monte Rosa 91, 20149 Milano
telefono 06 698 83461, 06 698 84442 Ufficio abbonamenti (dalle 8 alle 15.30): telefono 06 698 99480, Società Cattolica di Assicurazione
fax 06 698 85164, info@ossrom.va telefono 02 30221/3003, fax 02 30223214
ornet@ossrom.va Gaetano Vallini fax 06 698 83675 Servizio fotografico: telefono 06 698 84797, fax 06 698 84998
http://www.osservatoreromano.va segretario di redazione segreteria@ossrom.va photo@ossrom.va www.photo.va Necrologie: telefono 06 698 83461, fax 06 698 83675 segreteriadirezionesystem@ilsole24ore.com Credito Valtellinese
domenica 28 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 3

Duecento morti in cinque giorni Bomba contro un raduno politico a Karachi La Santa Sede all’O nu

Giustizia
Nuove violenze Sangue sulle elezioni e compassione
nel controllo
in Iraq in Pakistan delle frontiere
BAGHDAD, 27. Non si placa l’onda- anti-governativa nei pressi di Kir- NEW YORK, 27. «Il controllo delle
ta di attentati in Iraq. In tre nuovi kuk, provocando decine di morti. frontiere va fatto con giustizia e
attacchi avvenuti oggi a Baghdad e L’esercito iracheno è intanto en- compassione». Lo si legge in un
Tikrit sono morti 10 membri delle trato nella cittadina di Sulaiman tweet della Segreteria di Stato
forze di sicurezza, 5 soldati e 5 di Beg, nel nord del Paese, dopo il ri- (@TerzaLoggia) che rilancia l’in-
tiro di gruppi di insorti armati che tervento pronunciato dall’arcive-
una milizia anti-Al Qaeda. Lo rife-
se ne erano impadroniti due giorni scovo Francis Assisi Chullikatt,
riscono fonti mediche e di polizia.
Ossevatore Permanente della San-
Solo negli ultimi cinque giorni gli fa. Lo ha reso noto Shallal Abdul,
ta Sede alle Nazioni Unite, alla
attacchi hanno causato oltre 200 il sindaco di Tuz Khurmatu, della
46ª sessione della Commissione
vittime nel Paese, dove da martedì cui municipalità fa parte la stessa
dell’Onu su Popolazione e Svi-
si registrano scontri e rappresaglie Sulaiman Beg. In precedenza un luppo, tenuta il 24 aprile al Palaz-
tra esercito, manifestanti e miliziani capo tribale locale, lo sceicco Ab- zo di Vetro di New York.
islamici. Almeno cinque persone dul Karim Al Bayati, aveva detto Nell’occasione il rappresentante
sono state uccise e 50 ferite ieri in che una tregua era stata raggiunta della Santa Sede ha ricordato che
attentati contro quattro moschee per consentire di risolvere pacifica- le migrazioni hanno oggi una di-
sunnite nella capitale irachena. mente la crisi ed evitare ulteriori mensione mai registrata in passa-
L’attentato più sanguinoso è avve- spargimenti di sangue. In queste to, e che spesso, in questo feno-
nuto al termine della preghiera del stesse regioni ieri, come ogni ve- meno epocale le famiglie vengono
venerdì alla moschea di Al Kubaisi, nerdì da alcuni mesi, si sono svolte divise a forza, i bambini sono resi
con un bilancio di quattro morti e manifestazioni di migliaia di sunni- vulnerabili, i lavoratori sottoposti
36 feriti. ti contro il primo ministro sciita ad abusi e che spesso i migranti
Martedì scorso, l’esercito ha at- Nuri Al Maliki, accusato di seguire sono incarcerati senza rispetto per
taccato una manifestazione sunnita una politica discriminatoria. i loro diritti umani e per la loro
Secondo il generale Ali Ghaidan, dignità. In particolare, l’arcivesco-
comandante delle truppe di terra, a vo Chullikatt ha fatto riferimento
Sulaiman Beg erano asserragliati alle donne migranti vittime «di
La scena di un attentato a Karachi (LaPresse/Ap) abusi sessuali e di traffici, come se
circa 150 miliziani del cosiddetto
L’India auspica Esercito Naqshabandiya, un’orga-
nizzazione armata fedele al disciol-
fossero delle semplici merci».
L’arcivescovo Chullikatt ha ri-
ISLAMABAD, 27. I talebani hanno ri- E nel Baluchistan, il convoglio di un no — non sono nuovi ed erano stati
intese sui confini to partito Baath del deposto regi- vendicato l’attacco che ieri a Kara- candidato del partito islamico Ja- fatti anche negli anni scorsi.
cordato come i migranti rientrino
tra «i semplici, gli umili, i poveri,
me di Saddam Hussein, e 25 pre-
con la Cina sunti membri di Al Qaeda.
chi, città portuale del Pakistan meri-
dionale, ha fatto almeno undici mor-
miat Ulema-i-Islam-Fazl (Jui-F) è
stato fatto bersaglio di un agguato a
E nel Paese martoriato da decenni
dalla guerra, quattro bambini afgha-
i dimenticati» ai quali ha fatto ri-
ferimento Papa Francesco all’ome-
Giovedì scorso la polizia irache- ti e 36 feriti durante un raduno poli- colpi d’arma da fuoco. ni sono morti e un quinto è rimasto
NEW DELHI, 27. Il premier in- na ha detto di avere ucciso 31 mili- lia della Domenica delle palme:
tico del Partito nazionale Awami Questa ondata di violenze ha por- ferito nell’esplosione di un rudimen-
diano, Manmohan Singh, si è ziani armati e liberato 17 agenti di essi sono «quelli che non trovano
(Anp). Tra le vittime, secondo il sito tato il Pakistan a decidere di sigilla- tale ordigno con cui stavano giocan-
detto fiducioso che sarà trovata polizia che venivano tenuti da loro interesse agli occhi del mondo».
di notizie DawnNews, c’è anche un re, per motivi di sicurezza, il confine do nella provincia meridionale di
una soluzione pacifica alla di- bambino. Nel mirino del gruppo Di conseguenza il rappresentante
in ostaggio a Mosul, nella provin- con l’Afghanistan in occasione delle Kandahar. Fonti locali hanno preci-
sputa sui confini con la Cina Tehrik-i-taliban Pakistan (Ttp) è fi- della Santa Sede ha sollecitato
cia settentrionale di Ninive. Secon- elezioni parlamentari del prossimo 11 sato che l’incidente è avvenuto nel
nella regione di Ladakh. «È un nito quindi un raduno del partito l’intera comunità internazionale a
do il comandante della Terza divi- maggio. Nel giorno del voto saran- distretto di Maruf e che le vittime,
problema locale, siamo fiduciosi laico in corso vicino a una stazione moltiplicare l’impegno affinché
sione della polizia federale, genera- no anche limitati gli spostamenti dei tutte di età inferiore ai dieci anni,
che possa essere risolto», ha di- di polizia nella zona della città nota venga loro realmente garantita la
le Mahdi Al Gharawi, i miliziani rifugiati afghani in Pakistan, circa sono membri della stessa famiglia. tutela dei diritti, compreso proprio
chiarato Singh. «Abbiamo un appartenevano proprio al cosiddet- come Site. All’incontro, in vista del-
piano — ha aggiunto — e non 2,6 milioni di persone. Secondo i Di recente, l’Onu ha annunciato che quello a migrare, sancito dalla Di-
to Esercito Naqshabandiya. le elezioni parlamentari dell’11 mag-
vogliamo esasperare la situazio- media afghani, i rifugiati verranno le vittime civili in Afghanistan sono chiarazione universale dei Diritti
Il generale Gharawi ha dichiara- gio, partecipava anche il leader loca-
ne». La dichiarazione di Singh confinati nei campi di accoglienza in cresciute del 30 per cento dall’inizio dell’uomo che è alla base del-
to che al termine di scontri durati le dell’Anp, Bashir Jan, che è uscito
arriva dopo che il ministro della cui sono attualmente ospitati. Af- dell’anno in corso. l’O nu.
tre ore la polizia è riuscita a «ri- illeso. Il sanguinoso attacco è stato
Difesa, Shashi Kant Sharma, ha ghanistan e Pakistan condividono
prendere possesso del comando del rivendicato dal portavoce del Ttp,
riferito al Parlamento sullo scon- Ehsanullah Ehsan. 2.400 chilometri di frontiera.
finamento di 20 chilometri da Sesto battaglione della polizia nel Nel frattempo, i talebani afghani
I miliziani di Tehrik-i-taliban si
parte delle truppe cinesi il 15 quartiere di Rifai, di cui si erano hanno annunciato un’imminente of-
sono scagliati non solo contro l’Anp, Trenta anni di conflitto hanno causato oltre 35.000 vittime
aprile nel Kashmir, quando si impadroniti i miliziani». L’Esercito ma anche contro tutti gli altri partiti fensiva di primavera contro il Go-
erano accampate in un territorio Naqshabandiya è fedele a Izzet Al laici come Muttahida Qaumi Move- verno di Kabul, le forze Nato e i lo-
su cui l’India rivendica la
sovranità. La zona è al centro di
Duri, ex stretto collaboratore di
Saddam Hussein e attuale capo del
partito Baath, ed è il più ricercato
ment (Mqm) e il Partito del popolo
pakistano del presidente Asif Ali
ro centri diplomatici, minacciando
attentati suicidii. L’operazione Kha-
lid Bin Waleed, dal nome del più
Il Pkk annuncia
un contenzioso su cui era anche Zardari. Giovedì scorso a Karachi
stata combattuta una guerra tra
i due giganti asiatici, nel 1962.
degli esponenti dell’ex regime. In
un messaggio televisivo alla nazio-
sei persone sono morte e dodici so-
no rimaste ferite in un altro attacco
grande comandante di eserciti mu-
sulmani del VII secolo, sarà lanciata il ritiro dalla Turchia
L’8 maggio il ministro degli ne lo stesso Al Maliki aveva lancia- dei talebani contro un ufficio eletto- in tutto il Paese da oggi, riporta un
Esteri indiano, Salman to un appello alla calma e al dialo- rale dell’Mqm. Sempre ieri nella cit- comunicato dei talebani. Annunci di ANKARA, 27. In 30 anni la guerra fak» annuncia «Game Over». A
Khurshid, si recherà in Cina per go per evitare che il Paese sprofon- tà pakistana un candidato dell’Anp questo tipo — sottolinea un portavo- nel Kurdistan turco ha causato la marzo, accogliendo un appello di
negoziati con Pechino. di in una «guerra confessionale». è sfuggito a un attacco dinamitardo. ce del ministero della Difesa afgha- morte di 7.918 soldati e funzionari Ocalan, detenuto nell’isola-carcere
turchi, di 5.557 civili e di 22.101 ri- di Imrali, il Pkk ha annunciato una
belli curdi del Pkk. Lo afferma il tregua unilaterale. E da almeno tre
quotidiano turco «Haberturk». In mesi non si ha notizia di scontri ar-
totale il conflitto, stando al giorna- mati.
Dopo il rifiuto di Pyongyang a dialogare le, ha fatto 35.576 vittime, prevalen- Dunque la pace nel Kurdistan
temente curde. Altre stime parlano turco ha fatto un nuovo passo

La Corea del Sud richiama i lavoratori di almeno 40.000 morti. Alla que-
stione curda la stampa turca ha de-
dicato le prime pagine, visto l’an-
avanti. Ora si apre così la delicata
seconda tappa della soluzione poli-
tica del conflitto. La prima fase si
dalla zona industriale di Kaesong nuncio dell’imminente ritiro dei ri-
belli dal territorio turco.
Il comandante militare del Pkk
era aperta con l’annuncio della tre-
gua unilaterale da parte del Pkk.
Karaylan ha detto in una conferen-
SEOUL, 27. Fallisce il dialogo tra le Alla proposta di mediazione la la Corea del Nord ha respinto anche ha spiegato Dempsey, chiedendo più Murat Karaylan ha detto in una
za stampa, in una delle basi arre-
due Coree sul complesso di Corea del Nord ha in seguito rispo- la proposta ufficiale» aveva detto collegamento tra Tokyo e Washin- conferenza stampa che i suoi uomi-
ni inizieranno a ritirarsi verso il trate del Pkk nelle montagne del
Kaesong, la zona industriale gestita sto negativamente, lanciando un du- Park in un incontro con alti funzio- gton per fronteggiare le minacce dei nord dell’Iraq, che il ritiro dei suoi
congiuntamente. La Corea del Sud ro monito contro Seoul. Anche l’au- nario, nel resoconto dell’agenzia nord dell’Iraq l’8 maggio in attua-
missili e degli sviluppi sul nucleare uomini sarà completato «in tempi
ha avviato oggi il completo ritiro dei spicio di una ripresa del dialogo Yonhap. zione degli accordi per una solu-
da parte del regime di Pyongyang. più brevi». Secondo la stampa tur-
suoi lavoratori dall’area. La decisio- espresso dal segretario generale delle Intanto, a Tokyo, ultima tappa zione politica del conflitto negozia-
In effetti, Giappone, Corea del Sud ti da dicembre dal leader dei ribelli ca i miliziani curdi sono circa 2.000
ne è stata presa dopo il rifiuto del Nazioni Unite, Ban Ki-moon, si è della missione in Estremo Oriente,
e Stati Uniti mantengono l’allerta ai Abdullah Ocalan e il capo del Go- in Turchia per lo più nell’Anatolia
regime comunista di Pyongyang di risolto in un nulla di fatto. che ha toccato anche Cina e Corea
Il presidente sudcoreano, Park del Sud, il generale Martin Dem- massimi livelli temendo nuove azioni verno di Ankara Recep Tayyip sud-orientale, il Kurdistan turco.
avviare un negoziato per la ripresa e
Geun Hye, aveva espresso nei giorni psey, capo di stato maggiore con- della Corea del Nord, a cominciare Erdogan. «Grazie a Dio abbiamo Altri 3.000 si trovano nell’Iraq set-
la normalizzazione delle attività, in
scorsi tutti i suoi dubbi sulla possi- giunto statunitense, non ha nascosto da un possibile test balistico a me- vissuto abbastanza per vederlo» è il tentrionale. I ribelli si ritireranno
seguito allo stop deciso unilateral-
mente dai nordcoreani due settima- bilità di schiarita nei rapporti inter- la fase alquanto delicata dei rapporti dio raggio mediante i vettori Musu- titolo di prima pagina di «Taraf»; «in forma organizzata e disciplina-
ne fa. Su 175 lavoratori sudcoreani coreani. «Abbiamo fatto numerosi tra le due Coree. «Siamo in un pe- dan, già schierati sulla costa orien- «La fine di 30 anni di terrore» ta, evitando scontri» con l’esercito
rimasti, 116 sono ripartiti con due sforzi per normalizzare Kaesong, ma riodo di provocazioni prolungate» tale. quello di «Star»; mentre «Yeni Sa- turco.
convogli che hanno attraversato il
valico di frontiera di Paju. Gli ultimi
48 saranno sgomberati lunedì.
A inizio aprile il regime comuni-
sta di Pyongyang aveva ordinato il
Tremila combattenti accettano l’offerta di amnistia del presidente Salva Kiir Mayardit
Scontri in Nigeria
ritiro di 53.000 lavoratori nordcorea-
ni dal distretto di Kaesong, all’estre-
Ribelli sudsudanesi consegnano le armi tra soldati e miliziani
mità meridionale del Paese e poco
distante dalla zona smilitarizzata al di Boko Haram
confine. Si tratta dell’unica area in- JUBA, 27. Uno dei principali gruppi di Khartoum di ospitare basi di
dustriale di cooperazione economica ribelli sudsudanesi, forte di circa gruppi ribelli attivi a sud della ABUJA, 27. Scontri a fuoco tra forze
tra le due Coree: vi operano 123 so- tremila combattenti, ha accolto frontiera. A sua volta, Khartoum dell’ordine e miliziani del gruppo
cietà sudcoreane. un’offerta di amnistia del presiden- accusa il Sud Sudan di sostenere i terrorista di matrice fondamentalista
Nonostante la tensione nella peni- te Salva Kiir Mayardit e ha conse- ribelli del Movimento di liberazio- islamica Boko Haram hanno causato
sola coreana sia salita alle stelle do- gnato le armi. Si tratta dell’Esercito ne del popolo sudanese – Nord ieri almeno 25 vittime nello stato
po il 12 febbraio — la Corea del si liberazione del Sud Sudan (Slpm), omologo della formazione nordorientale nigeriano di Yube, se-
Nord aveva infatti effettuato un (Ssla), formato da guerriglieri per politica al potere a Juba, che com- condo quanto riferito da forze di
nuovo test nucleare, come conferma- lo più di etnia nuer e nato al tem- battono negli Stati sudanesi fronta- polizia. Gli scontri sono stati inne-
to nei giorni scorsi da tracce di gas po della guerra civile anche in con- lieri del Kordofan meridionale e scati da un assalto sferrato ad una
nobili radioattivi rilevati presso due trapposizione a milizie ritenute do- del Nilo Azzurro. Di recente, co- banca nella città di Gashua dai mili-
stazioni di monitoraggio, una in minate da una componente di etnia munque, sono stati avviati colloqui ziani di Boko Haram. Secondo il
Giappone e una in Russia — Seoul dinka. Esponenti del Governo di di pace anche tra Khartoum e l’Sl-
portavoce della polizia locale,
aveva offerto alla controparte la pos- Juba, nel dare l’annuncio, hanno pm. Riferendo degli ultimi sviluppi
Sanusi Rufai, ne è seguita una spa-
sibilità di intraprendere colloqui sul- aggiunto che gli ormai ex ribelli della situazione, l’agenzia Misna ri-
saranno integrati nell’esercito rego- porta l’opinione di Jonah Leff, ri- ratoria nella quale sono stati uccisi
la gestione della zona industriale di
Kaesong, chiedendo una risposta en- lare. cercatore del centro studi Small venti assalitori e cinque militari delle
tro 24 ore per accettare o meno la Stando alla versione governativa, Arms Survey, secondo il quale il forze speciali. I nuovi scontri seguo-
proposta di normalizzazione delle i miliziani dell’Ssla hanno conse- disarmo dell’Ssla potrebbe essere no di pochi giorni una vera e pro-
attività. Seoul aveva anche annun- gnato le armi nella regione setten- conseguenza di un miglioramento pria battaglia, sempre tra esercito e
ciato la possibilità dell’abbandono trionale di Unity, dopo aver attra- dei rapporti tra i due Paesi. Di tale Boko Haram, ingaggiata durante il
definitivo di Kaesong, un complesso versato il confine con il Sudan. miglioramento offre una conferma fine settimana nella cittadina di Ba-
che per la Corea del Nord vale ogni Prima e dopo l’indipendenza, otte- la ripresa delle esportazioni del pe- ga, nel vicino Stato di Borno, e nella
anno l’incasso di almeno due miliar- nuta nel 2011, il Governo di Juba trolio sudsudanese attraverso gli quale, secondo fonti concordi c’era-
di di dollari. Profughi sudsudanesi (Reuters) Juba ha accusato più volte quello oleodotti di Khartoum. no stati oltre 180 morti.
pagina 4 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 28 aprile 2013

Roberto Vivarelli porta a termine la sua ricerca in tre volumi sulle origini del fascismo in Italia

Un giovane di Salò
in cerca di risposte dalla storia
di ROBERTO PERTICI simalisti) aveva preso le redini: il suo luzionaria gli sembra l’unica percor- lia Rosselli (la madre di
leader era il ventinovenne Benito ribile anche in Italia. Tale scelta ra- Carlo e di Nello, ma anche
l volume di Roberto Vivarelli Mussolini. Ma anche la sponda cat- dicalizza l’intera lotta politica e so- di Aldo, caduto in Carnia

I Storia delle origini del fascismo.


L’Italia dalla grande guerra
alla marcia su Roma (Bolo-
gna, Il Mulino, 2012, volume
III, pagine 544, euro 36) conclude
un’indagine che percorre tutta la vita
dell’autore. Al problema lo storico
tolica, che pure era servita nel 1913,
stava venendo meno: nel 1919 era na-
to il nuovo Partito popolare che non
mostrava alcun complesso di inferio-
rità rispetto al vecchio mondo libe-
rale e nessuna intenzione di essergli
ciale: introduce quel carattere di nel marzo 1916) esponesse
guerra civile che segnerà le lotte so- il tricolore.
ciali del biennio rosso. Esse hanno il Col «vario nazionali-
loro centro nelle campagne, aspetto smo» diffuso in questi am-
lungamente rimosso e che invece il bienti Vivarelli si mostra
secondo volume di quest’opera altrettanto severo di quanto
lo sia verso il massimali-
subalterno. La stessa maggioranza li- (1991) ha il grande merito di aver
senese si è accostato fin dai suoi an- smo socialista. Ma si mo-
ni universitari, in base «a un interes- berale, poi, arrivava all’appuntamen- sottolineato con forza. stra anche convinto che la
se personale profondamente sentito to del dopoguerra profondamente In Italia era aperta fin dall’unità guerra fosse un evento che
anche per ovvie ragioni biografi- divisa: il dissidio di fronte a un una questione contadina, che la clas- non potesse essere rimosso
che», come scriveva nella Prefazione se dirigente liberale ha la o messo fra parentesi e che
al primo volume (si era nel 1967). grave responsabilità di non quindi fosse dovere “reali-
Dopo il libro autobiografico del
I Governi del primo dopoguerra avere mai affrontata alle ra- stico” delle classi dirigenti
2000, La fine di una stagione, quelle furono deboli e irresoluti dici: la miseria endemica in farsene interpreti ed eredi.
ragioni le conosciamo meglio: Viva- cui versavano le masse ru- Le «speranze della guerra»
relli era stato un giovane di Salò,
Per lo storico la loro debolezza rali, l’abbrutimento della infatti potevano avere an-
anzi un giovanissimo (compiva 14 è la causa della perdita di autorità loro esistenza offrì un ter- che sviluppi democratici: Il re Vittorio Emanuele III incontra il capo del Governo Benito Mussolini (4 novembre 1922)
anni alla fine del 1943), e allora, nel reno propizio alla propa- bastava che trovassero for-
da parte dello Stato ganda socialista, che fu a ze politiche che se ne fa-
drammatico dopoguerra italiano, sta-
va cercando di rielaborare quella tra- lungo un veicolo di riscat- cessero portatrici. Nei principali Pae- E questo era il parere dello stesso nella conduzione delle lotte. E avan-
gica esperienza e di riconvertire tutta evento capitale come l’intervento to. Il massimalismo e la fede palin- si europei (Germania, Francia, Gran Mussolini, che, dopo l’ingresso alla za l’ipotesi che le organizzazione
la sua cultura. Com’era nato il fasci- dell’Italia nel conflitto, la polemica genetica nella rivoluzione sociale e Bretagna) i partiti socialisti divenne- Camera nel maggio 1921, siglerà il sindacali fasciste perseguissero lo
smo? Come aveva potuto, nel giro sanguinosa fra salandrini e giolittia- nella socializzazione delle terre estre- ro negli anni successivi forze di go- patto di pacificazione con i socialisti scopo «di eliminare ogni concorren-
di poco più di tre anni, raggiungere ni, interventisti e neutralisti, era di mizzò, dopo la guerra, il carattere verno e contribuirono notevolmente (3 agosto), affermando che il tempo te». Ma non è qui che emerge un
il potere? Chi era veramente Musso- quelle che non si rimarginano. delle loro lotte. alla stabilizzazione (si pensi al ruolo della violenza era concluso e che si qualcosa di inedito, una “volontà to-
lini? Perché la maggioranza degli L’introduzione del sistema pro- Vivarelli ci mostra da vicino la della socialdemocrazia nella Repub- doveva tornare alla politica. Ma è talitaria”, che considera ogni altra
italiani aveva finito accettare la sua porzionale nell’estate del 1919 fece il fortissima pressione sociale a cui era- blica di Weimar e alla sua collabora- noto che gli squadristi e i loro capi organizzazione e ogni altra presenza
leadership? Per esorcizzare i fanta- resto: il superamento del collegio no sottoposti in alcune regioni colo- zione col Zentrum cattolico per assi- non ne vollero sapere e il “duce” un elemento da eliminare e che pun-
smi della sua adolescenza, era neces- uninominale era destinato a premia- ro che non facevano parte dell’uni- ta alla conquista dello Stato?
curarne la stabilità). non poté che prenderne atto.
sario rispondere a queste domande. re i grandi partiti di massa e a pena- verso socialista (cioè la maggioranza Di fronte a questa peculiarità del
In Italia non fu così. Alle respon- Vivarelli insiste sulla continuità
Nella parte che gli era stata avver- lizzare le posizioni dei notabili. Lo della popolazione). Si era formato
movimento fascista, c’è da porre an-
sa, trovò qualcuno disposto a capir- si vide nelle elezioni del 16 novem- un sistema che comprendeva le am- sabilità del Partito socialista abbia- del fenomeno fascista fra il 1921 e il
che un’altra questione: fino a che
lo. Gaetano Salvemini, frequentato bre di quell’anno, in cui, per la pri- ministrazioni comunali socialiste, le mo accennato: è convinzione di Vi- 1922, anche dopo la sua costituzione
punto, già nella configurazione dello
nella Firenze dei primi anni Cin- ma volta dall’Unità, i vari gruppi li- leghe contadine che controllavano il varelli che la miccia che fece esplo- in partito nel novembre 1921: non
quanta, e soprattutto lo storico Fe- berali non ottennero la maggioranza collocamento della manodopera, le dere il fenomeno fascista sia stata la emergerebbe insomma in esso nes- squadrismo 1921-1922, esso non ri-
cooperative, le came- violenza diffusa in alcune zone del sun progetto preciso che non sia fletta la formazione di una nuova
re del lavoro, che for- Paese da parte del massimalismo, so- quello dell’eliminazione del residuo classe politica. Nelle provincie “libe-
mavano una comuni- prattutto durante le lotte agrarie del potere socialista. In ciò si percepisce rate” dalla presenza delle organizza-
tà chiusa, con valori, 1919-1920. Violenza che denotava una difficoltà della sua analisi: quel- zioni socialiste e dove ormai il vec-
simboli e gerarchie un’assoluta estraneità ai va- chio notabile liberale è solo un ricor-
opposti a quelli dello lori e alla storia dello Stato do del passato, i ras fascisti sono i
Stato nazionale. nazionale. Le lotte sociali del biennio rosso nuovi padroni. Sono tutti giovani
In certe zone del Sullo scorcio del 1920, il hanno il loro centro nelle campagne (trentenni), spesso vengono dal nul-
Paese il potere di fascismo esplode (non si la e non vogliono tornare nel nulla:
può dire che nasca, perché,
E questo è un aspetto la “rivoluzione fascista” è per loro
questo sistema era
pervasivo e esercitava come movimento, viene che è stato troppo a lungo rimosso un’occasione unica di affermazione
un’intimidazione per- fondato nel marzo 1919, ri- personale e di nuovo potere. È an-
manente sul resto manendo tuttavia a lungo che per questo che si oppongono a
della popolazione. assolutamente minoritario) sul terre- la di non riconoscere al fascismo una rientrare nei ranghi nell’estate del
«Bisogna ritornare no del sentimento nazionale, non su qualche peculiarità politica e ideolo- 1921: sanno che solo non disarmando
col ricordo a quei quello della lotta di classe, e all’ini- gica, e quindi una qualche autono- il movimento, anzi mobilitandolo in
momenti — scriveva zio è letteralmente “reazione” contro mia, che travalichi la pura reazione nuove imprese che completino l’oc-
pochi anni dopo, nel una situazione che si era protratta al sovversivismo antinazionale. cupazione del territorio, il loro pote-
1922, il filosofo socia- nei due anni precedenti. Nella guer- È chiaro che la cultura politica di re non si offuscherà.
lista Rodolfo Mon- ra civile che segue si assiste allo Mussolini e dei ras provinciali non I fili di quelle lontane vicende so-
dolfo — in cui il pas- scontro fra due violenze: una, quella era di tipo accademico. Ma se si se- no, insomma, estremamente difficili
saggio per via di me- socialista, che era stata esercitata co- guono le loro biografie si avverte la da dipanare: il fascismo nacque e
dici, ingegneri, pro- me intollerabile pressione sociale; presenza di motivi vecchi e nuovi: trionfò non per qualche “inevitabili-
fessori, impiegati etc. l’altra invece, di tipo militare e chi- lasciti della cultura vociana (il mito tà” storica, ma per concrete situazio-
Protesta dei mutilati di guerra durante il biennio rosso (1919-1920) veniva spesso salutato rurgico, da parte di uomini che ave- dello “Stato nuovo”), del sindacali- ni politico-sociali, responsabilità di
col grido: a lavorare! vano fatto la guerra spesso in corpi smo rivoluzionario (il liberismo e la uomini e partiti, cecità e irresponsa-
(...) Per intendere speciali e che si ispirava a un costu- tematica della rappresentanza degli bilità di classi dirigenti, e anche per
derico Chabod, direttore dell’Istituto in Parlamento: sul piano dei numeri quale profondo solco dovesse trac- me militare. interessi), la critica del parlamentari- la non comune abilità politica (alme-
italiano per gli studi storici di Napo- l’avevano (sia pure di poco) il Parti- ciare nello spirito delle classi medie Tale reazione svolge una funzione smo, della forma-partito, il tema del- no nel breve periodo) di Benito
li, lo guidarono nella prima fase del- to socialista e il Partito popolare, ma questa condizione di cose». Ma so- di supplenza di un’azione repressiva le competenze (della tecnocrazia), Mussolini.
la ricerca. A entrambi Vivarelli ha i due partiti si trovavano in un con- prattutto fu il processo alla guerra che lo Stato avrebbe dovuto svolgere qualcosa anche dello stesso naziona- Merito di questo e dei precedenti
dedicato i tre volumi del suo lavoro. trasto non componibile (Vivarelli intentato dai socialisti, che significa- e che invece non aveva svolta, la- lismo francese. volumi di Vivarelli è di avere mo-
sciando una parte consistente delle Vivarelli sottolinea che le squadre strato tutta la complessità del qua-
Salvemini era andato in esilio nel documenta lo stillicidio di violenze va concretamente la negazione siste-
popolazioni di intere parti d’Italia in colpivano sistematicamente anche le dro, in un’indagine che esige lettori
1925, perché i fascisti fiorentini gli socialiste di cui furono vittime le or- matica dei simboli nazionali, l’osten-
balia delle “satrapie rosse” (come al- organizzazioni bianche, nonostante attenti, curiosi, che non si acconten-
stavano rendendo la vita impossibile, ganizzazioni popolari e i sindacati tata indifferenza di fronte alle ricor-
e Chabod era stato uno dei capi del- bianchi). renze patriottiche, una lunga serie di lora le definivano gli avversari). E non avessero tenuto comportamenti tino delle formule che di solito si
questa supplenza fu l’elemento che
la Resistenza in Val d’Aosta: eppure La crisi del dopoguerra è così in- aggressioni a uomini in divisa, il di- la rese popolare, o comunque più antinazionali e si fossero mostrate spacciano sul mercato mediatico. C’è
non avevano guardato con degnazio- nanzitutto una crisi di governabilità: leggio verso mutilati e invalidi, ad sopportabile, per la maggioranza si- più moderate di quelle socialiste che da augurarsi che ne trovi numerosi.
ne a quel giovane ex repubblichino, non sono possibili maggioranze sta- arroventare durevolmente gli animi lenziosa degli italiani: è il fenomeno
dell’altra parte.
dandogli fiducia e aiutandolo nel bili e, quindi, Governi forti. L’unica
Sì, perché c’era anche l’altra parte: che Vivarelli chiama «filofascismo» e
suo percorso di acculturazione de- via percorribile sarebbe l’intesa fra
quella varia borghesia italiana che a cui attribuisce un ruolo centrale
mocratica. liberali e popolari, e infatti quasi
aveva fatto la guerra e che allora vi- nell’affermazione finale di Mussoli- Ai lunedì musicali del Pontificio istituto di musica sacra
La prima risposta di Vivarelli è tutti i Governi dopo il 1919 hanno veva nel terrore che non fosse servita ni. Tale simpatia è assai diffusa, so-
che il fascismo è stato non la causa questa base parlamentare, ma fra i a niente. Quante volte aveva ripetu- prattutto fra le forze dell’ordine,
della crisi del sistema liberale in Ita- due ambienti non c’è feeling. Tutte to che dopo niente poteva essere co- nell’esercito e nella magistratura, che
Quell’arpeggione di Schubert
lia, ma, in qualche modo, me prima e invece ora si trovava di molto spesso disattendono le istru-
l’effetto e la soluzione. Di Lunedì 29 aprile a Roma, nella noforte di Beethoven sul tema
Bisogna ricordare i momenti nei quali fronte a una parte del Paese che non zioni governative, che chiederebbero Sala accademica del Pontificio Bei Männern, welche Liebe fühlen
quella crisi si tratta allora ne voleva sentir parlare, a Governi fermezza e resistenza contro le azio- istituto di musica sacra, nell’am- dal Flauto magico di Mozart.
di individuare gli elemen- ingegneri, professori e impiegati guidati da uomini che più o meno ni squadriste. bito de «I lunedì musicali» il Scritte nel 1801, con il loro an-
ti, che, a suo giudizio, erano stati tutti neutralisti (Orlando, Dunque, il fascismo letteralmente
non possono essere ricon- venivano dileggiati duo formato da Claudio Trova- damento intimo e scorrevole
Nitti, Giolitti), a una pace che sem- come “reazione”. Questo era stato joli (pianoforte) e David Cohen rappresentano un omaggio alla
dotti solo agli anni del E nelle strade il loro passaggio brava tradire le speranze di grandez- anche il giudizio di molti contempo- (violoncello) propone un con- civiltà musicale settecentesca.
dopoguerra, ma vengono za dischiuse dalla vittoria: l’Italia fu ranei (penso anche a non pochi po-
da lontano.
era salutato col grido «A lavorare!» certo intitolato «Una voce poco Segue la Sonata in la minore
l’unico Paese vincitore a non festeg- polari), che in qualche modo aveva- fa». In programma tre grandi per violoncello e pianoforte
Già prima del 1915 il si- giarne il primo anniversario, tanto fu no apprezzato il dirty job portato a lavori cameristici tra Ottocento «Arpeggione» di Schubert, del
stema politico italiano mostrava se- le volte che i popolari risultano vera- il timore di Nitti di esasperare i so- termine dallo squadrismo nella pri- e Novecento. Aprono il concerto 1824. Tutto fa ritenere che sia
gni di cedimento: stava venendo me- mente determinanti all’interno di un cialisti con grandi manifestazioni pa- ma metà del 1921, ma a metà di le sette Variazioni in mi bemolle stata commissionata a Schubert
no la centralità della classe politica Governo, i liberali (o una loro parte) triottiche. Sicché (solo per fare un quell’anno cominciavano a sostenere maggiore per violoncello e pia- da Vinzenz Schuster, promotore
liberale, dei notabili che fin dalla lo fanno saltare; d’altra parte la esempio) a Firenze il 4 novembre che la violenza doveva finire: le basi dell’arpeggione, stru-
formazione del nuovo Stato avevano maggior parte dei deputati sturziani 1919 fu considerato un gesto di sfida, del potere socialista erano state di- mento appena co-
formato le maggioranze parlamentari resta diffidente verso un mondo con- e sconsigliato dal prefetto, che Ame- strutte, ormai non era più necessaria. struito dal liutaio
ed espresso i Governi. Finché era tro cui il vecchio movimento cattoli- viennese Johann
stata in vigore una legge elettorale co si era mobilitato per decenni. Georg Staufer e cono-
che riservava il diritto di voto a una Sarebbe stato necessario un altro sciuto anche con i no-
minoranza del Paese (e gli elettori quarto di secolo (e tragiche esperien- mi di chitarra-violon-
effettivi erano poi poco più della ze) perché le masse moderate che si Concorso della Conferenza episcopale italiana cello, chitarra d’amore
metà degli aventi diritto), l’élite libe- erano a lungo riconosciute nei can- o chitarra ad arco. Si
rale aveva tenuto sotto controllo la didati “ministeriali” e quelle cattoli-
situazione. Con l’avvento del suffra- che si incontrassero in un partito: sa-
Nuova architettura sacra trattava di un ibrido
tra il violoncello e la
gio universale maschile, le sue posi- rà la Democrazia cristiana di De Ga- Continua il fondamentale, e non privo di difficoltà, dialogo fra chitarra: suonato con
zioni all’interno dei vari collegi ave- speri, che non a caso resterà per Chiesa e artisti. Martedì 30 aprile al Maxxi di Roma aprirà la mo- l’arco e tra le ginoc-
vano cominciato a vacillare. Il patto mezzo secolo il partito-sistema. stra «21 per XXI» nata dalla collaborazione tra il Servizio nazionale chia come il violoncel-
Gentiloni era servito nelle elezioni Così i Governi del dopoguerra fu- per l’edilizia di culto della Conferenza episcopale italiana e il Maxxi lo, contava però sei
del 1913 a evitare la sconfitta, ma in rono deboli e irresoluti. La loro de- architettura; all’inaugurazione sarà presente anche il vescovo Maria- corde come la chitar-
futuro? bolezza è, per Vivarelli, la causa fon- no Crociata, segretario generale della Cei. Insieme a 21 nuovi pro- ra, della quale ripren-
Un accordo di fatto col Partito so- damentale della perdita di autorità getti di altrettanti architetti italiani — tra cui i vincitori di concorso deva anche la forma
cialista aveva garantito la governabi- da parte dello Stato a cui allora si che costruiranno tre chiese a Ferrara, Olbia e Mormanno — l’allesti- della cassa e l’aspetto
lità nel primo decennio del secolo, assiste. La si misura soprattutto di mento illustrerà anche il lungo e articolato processo che precede e della tastiera. Il pro-
ma nel 1912, in quel partito, si era fronte al problema principale: quello accompagna la progettazione: dalla redazione del bando di concorso gramma è chiuso dalla
verificata una svolta. L’ala cosiddetta dell’ordine pubblico. alla progettazione, agli incontri tra i diversi attori del processo edili- Sonata per violoncello
riformista era stata definitivamente Dopo la Rivoluzione d’ottobre, il zio: committenti, architetti, liturgisti e artisti. A completare l’esposi- e pianoforte opera 40
emarginata e una nuova generazione massimalismo socialista compie un zione, che sarà aperta fino al 2 giugno, anche le immagini fotografi- di Šostakovič, del
di rivoluzionari intransigenti (i mas- salto di qualità: la prospettiva rivo- che delle chiese già realizzate in seguito ai precedenti concorsi. Il violoncellista David Cohen 1935.
domenica 28 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 5

L’ingresso del museo Francis Bacon e il realismo concettuale portato alle estreme conseguenze

L’ultima tragedia
di un delinquente delicato
di ROSSELLA FABIANI di ACHILLE BONITO OLIVA perturbante di una forma antropo- “delinquente delicato”, compreso
morfica inevitabilmente in conflit- nel lavoro di formalizzazione
ulla sua facciata neoclassi- Francis Bacon rappresenta un ca- to con il recinto geometrico.

S
dell’opera che gli permette con-
ca si può leggere l’iscrizio- so classico di realismo concettuale, La geometria di tale recinto as- temporaneamente onnipotenza e
ne in greco MOYSEION. È realizzato con i mezzi tradizionali sume l’espediente retorico della compostezza, senso dello spazio
il museo greco-romano di della pittura, ultima figura tragica perfezione, in quanto funzionale confinato della pittura e sconfina-
Alessandria d’Egitto, chiu- dell’arte contemporanea, capace di allo scatenamento prodotto sulla tezza descrittiva della figura.
so al pubblico dal 2005, che verrà tenere con pudore fuori dalla pit- figura interna spaesata in un cen- La figura (...) mette in scena la
finalmente riaperto grazie all’exper- tura i risentimenti esistenziali del- tro impossibile. Se le figure di Ti- propria realistica materialità al
tise culturale e ai programmi della
la propria biografia, per dare spa- ziano abitavano il centro possibile confine di un figurabile, intreccio
cooperazione italiana. Il memoran-
dum d’intesa è stato appena firmato zio formale invece alla rappresen- dello spazio rinascimentale, anche tra codice figurativo e informale.
dal ministro delle Antichità egizia- tazione filosofica dell’uomo. Il nel dubbio del disegno ad artiglio Il recinto prospettico conserva
no, Mohamed Ibrahim Ali Sayed, grande pittore anglosassone ha sa- della mano del Papa Farnese, ora la forza del ring, rende plausibile
dall’ambasciatore d’Italia in Egitto, puto combattere ogni facilità le figure di Bacon non hanno la rappresentazione dell’uomo,
Maurizio Massari, e dal prorettore espressionistica mediante l’assun- dubbi: si ribellano contro tale pugile scomodo e urlante contro
dell’università della Tuscia di Viter- zione di una forma sim- lo statuto della realtà re-
bo, Stefano Grego, nel corso di una Riaprirà il museo greco-romano di Alessandria d’Egitto bolica, apparentemente golato dalla vita sociale
cerimonia alla cittadella del Cairo, fuori tempo, quale l’or- e dal limite della morte.
alla quale hanno partecipato anche
due studiosi italiani, l’egittologa Ed-
da Bresciani e l’architetto Antonio
Giammarusti che da anni lavorano
Dall’Italia dine prospettico. Un or-
dine corrispondente non
soltanto a una geome-
tria delle forme ma an-
Vita e morte sono i
fattori che consentono a
Bacon il riconoscimento
della pura materialità di
in Egitto.
L’università della Tuscia si occu-
perà della progettazione architetto-
nica e museografica e lavorerà anche
un ponte sul Nilo che a una della mente.
Egli si è fatto carico
di quello che sembrava
un antiquariale strumen-
un corpo elasticamente
in eterna contorsione,
per liberarsi dai lacci di
un destino conosciuto e
alla valorizzazione dei siti archeolo- la cooperazione italiana», fa sapere co-romani, come pure la collezione to di una visione del prevedibile, come la co-
gici di Saqqara e di Medinet Madi, il prorettore Grego. di monete, sono stati portati qui mondo per affrontare il struzione dello spazio
(Narmouthis per i greci) nel Fa- Il museo, che si trova nel centro dall’allora Bulaq Museum del Cairo confronto con mezzi di prospettico. Come Ve-
youm. A Medinet Madi da anni la- della moderna Alessandria d’Egitto, (l’attuale Museo Egizio). riproduzione meccanici lázquez con la corte
vora un team dell’università di Pisa Le diverse sezioni del Museo so- dell’immagine, quali la spagnola, Bacon ha la
è stato fondato nel 1892 da Abbas
guidato da Edda Bresciani con la no sistemate in ordine cronologico fotografia e il cinema, spudoratezza di rappre-
II, e tra i suoi primi direttori anno-
collaborazione di Antonio Giamma- disposte in senso orario partendo
vera prestigiosi studiosi e archeologi l’istantanea e la sequen- sentare in forma filosofi-
rusti. Oggi l’area monumentale del dall’ingresso. Subito a sinistra sono
italiani che contribuirono in maniera za, portatori di ben altra ca gli aspetti dell’uomo
sito — con la sua architettura sacra e tre teste di Alessandro Magno, il
decisiva ad arricchire le sue collezio- visione delle cose. attraverso il pudore og-
la sua urbanistica — è stata liberata fondatore della città, poi due busti
dalla sabbia che l’aveva avvolta do- ni, tra i quali Giuseppe Botti, Evari- Egli ha voluto confer- gettivato di una forma,
maschili rappresentano Serapide,
po le prime grandi scoperte di sto Breccia e Achille Adriani. una creazione tipica di Alessandria, mare il valore traumati- capace di essere ricono-
Achille Vogliano negli anni Trenta Con ventisette sale di esposizione nella quale gli elementi egizi del dio co delle individualità sciuta e accettata dai re-
del secolo scorso, e ora forma un ec- di statue ellenistiche, busti di impe- Osiride si uniscono a quelli del dio con un mezzo artigiana- gnanti e dagli umili.
ratori romani, sarcofagi, mum- greco Dioniso, creando una nuova le, la pittura, contro altri Qui sta la forza sovrana
mie, statuette di Tanagra e ma- divinità che entrambi i popoli vene- mezzi evocanti standard di Francis Bacon che,
nufatti dell’inizio del cristianesi- rarono. Particolarmente interessante e moltiplicazione. Ha come Tiziano e Veláz-
mo, il museo documenta la proceduto attraverso il quez, impone la propria
storia greco-romana in Egit- rigore di una strategia rappresentazione a unica
to. Quasi quarantamila re- L’università della Tuscia creativa, giocata sulla possibilità formalizzata
perti archeologici, esposti si occuperà della progettazione formalizzazione della fi- della condizione umana.
anche nei giardini del mu- gura e del recinto che la Di un realismo concet-
seo, che coprono un arco di architettonica e museografica perimetra. In tal modo tuale si tratta, in quanto
tempo di circa mille anni, e della valorizzazione dei siti si è assicurato il control- l’immagine figurabile
dal 331 prima dell’era cri- lo della superficie pitto- detta attraverso di sé in-
stiana, fondazione della cit- di Saqqara e di Medinet Madi rica, costruendovi uno
Francis Bacon, «Studio per una corrida» (1971)
formazioni sull’esistenza
tà di Alessandria, fino alla spazio interno come mi- e uno struggente senso
conquista araba del 640. è il mosaico circolare che ritrae la sura specifica del quadro e spaesamento inscenando una pro- inevitabile di bellezza.
La maggior parte dei re- regina Berenice II, consorte di Tolo- dell’esistenza rappresentata. pria presenza, non dignitosamente Qui sta anche la capacità trasfi-
perti provengono da ritro- meo III, re di Egitto dal 246 al 221, Una serenità assiste tale costru- figurativa ma al limite del figura- gurante dell’arte e la misura tragi-
vamenti fatti ad Alessandria
scoperto a Tel-Tamai, nel Delta. zione, segno non di regressione bile. ca di Bacon come artista contem-
e da scavi nelle zone circo-
Visitando il museo ecco poi altre culturale verso un passato impos- Significa una lacerazione delle poraneo. Egli riesce a conservare
stanti e documentano i pe-
figure leggendarie del mondo ales- sibile, quanto piuttosto evocazio- figure al limite dell’informe, che nel dominio formale dell’immagi-
riodi della storia dell’Egitto
antico, l’epoca classica e sandrino e romano: la testa eseguita ne drammatica di una perfezione riesce a trattenere nella formaliz- ne la capacità intatta dell’arte clas-
quella cristiana, ri- in marmo bianco di Giulio Cesare, concettuale, messa alla prova dal zazione della propria presenza sica di comunicare il valore defini-
cordando la vasti- e nell’accogliente giardino centrale, una materia che non trattiene il tivo della condizione del nostro
tà delle tradizioni fissata alla parete, una presunta te- proprio contorcimento neanche di presente. Di esso egli preleva la
e le divinità degli sta di Marco Antonio. Cleopatra, fronte alla compostezza dell’arte e valenza riproduttiva dell’immagi-
abitanti, degli in- innamorata dei due uomini, è raffi- allo sguardo dello spettatore. ne, fotografia o cinema, istantanea
vasori greci e poi gurata su una moneta d’argento co-
niata sotto il suo regno. La sala de-
Sguardi Il figurabile di Bacon è assolu-
tamente preparato dall’artista con
o sequenza, per utilizzarla nel
quadro o nel trittico, come possi-
dei romani. Tutta
la collezione testi- dicata ai manufatti di terracotta pre-
senta alcune rappresentazioni con-
sulla condizione pragmatica determinazione, nella
consapevolezza che non esiste
bilità di cogliere l’immediatezza
effimera del tempo, coniugandole
monia la comples-
Busto del dio Serapide sa storia della cit- temporanee del Faro di Alessandria, umana fuori dalla misura dello spazio nella definizione dello spazio pit-
tà e documenta rinvenute in città. Il giardino espo- una misura della posa. Bacon ri- torico.
l’evoluzione delle ne invece la statuaria e una ricostru- In questo articolo riprendiamo prende dalla ritrattistica rinasci- Qui Francis Bacon produce l’ef-
cezionale parco archeologico, colle- diverse influenze che hanno contri- zione del tempio del dio-coccodrillo stralci di un testo pubblicato mentale la messa in posa, ma per ferata rappresentazione di un’im-
gato all’area protetta di Wadi El buito alla formazione dell’attuale Sobek del Fayoum. nel catalogo della mostra, eliminarne le cortigiane ipocrisie magine sempre stereofonica, for-
Rayan, nell’ottica dello sviluppo so- cultura occidentale. Alessandria ha Questa la situazione attuale. Ora curata da Sandro Parmiggiani, del saper essere, a favore di un malmente al limite dell’urlo fero-
stenibile dell’affascinante regione infatti prodotto matrici che si sono con la progettazione architettonica e dover essere fuori da ogni compo- ce, appena contenuta nel silenzio
«Francis Bacon. Opere
ripetute in tutto il mondo ellenistico museografica affidata all’ateneo del- stezza. Egli sa bene che l’arte con- figurabile di una forma che rispet-
dell’oasi del Fayoum. Per quanto ri- grafiche (1966-1991). La visione
e romano. la Tuscia in vista della riapertura del temporanea ha superato ogni di- ta la classicità tradizionale di un
guarda il museo greco-romano di Tuttavia della ricchissima colle- museo, ci saranno dei cambiamenti della condizione umana» gnità, che non esiste il senso co- genere, la pittura. Che non chiede
Alessandria, «l’intervento avrà un zione di manufatti posseduta dal nell’allestimento e sarà finalmente (Torino, Allemandi, 2013, mune del pudore e che, come ave- gli effetti facili del sonoro ma
valore complessivo di otto milioni museo, soltanto una piccola parte possibile ammirare di nuovo il ricco pagine 88, euro 20) in corso a va capito Kokoschka, l’artista stes- piuttosto la possibilità di poter
di dollari, dei quali una parte prove- era esposta al pubblico per mancan- patrimonio della storia greco-roma- Chieti, fino al 5 maggio, a so è un potenziale assassino e non viaggiare scivolando nello spazio e
nienti dal Debt swap programme del- za di spazio. Alcuni manufatti gre- na nella terra del Nilo. Palazzo de’ Mayo. soltanto della forma. Bacon è un nel tempo della storia.

Mistero della morte e presenza di Dio nei versi di Arnoldo Mosca Mondadori

Il poeta e la purificazione dello sguardo


di PIERANGELO SEQUERI nerario sono parole di vita: come fossero la dalla prima creazione del mondo, e dopo il Non solo un istante, qui, troverai l’artifi-
verità di anima e corpo, che sono diventate grido del Figlio in croce, è il cuore di Dio. cio di una devota dimenticanza dell’agonia e
Per la parola poetica di Arnoldo Mosca parole pigre, stanche, piene di eccessi retori- «E quando gridasti, sì, fu quello il principio della dura lotta, che cerca nella sua rimozio-
Mondadori, la morte — ogni singola morte e ci e vuote di umori eterni. Alla fine di que- / della creazione» (p. 43). Dio stesso — fin ne un infantile mezzo di trasporto verso la
tutta la morte del mondo — ci deve aprire il sta via crucis non puoi fare a meno di parte- dall’abisso del primo Amore — «partorisce» beatitudine. La beatitudine, qui, si apre la
cuore in due, per far posto alla vita che ha cipare anche tu a questa danza: che vita, nel sangue e nel fuoco (p. 56). sua strada nel solco delle ferite del mondo.
in grembo. È il luogo e il tempo in cui la nell’essenza del sangue e del fuoco, mentre Il sangue, il fuoco, il fiore. Sono questi Ed è proprio lì che si lascia seppellire il se-
decisione sulla seconda nascita, che accom- la morte finisce di morire! L’amore rimane tre che rendono testimonianza della beatitu- me che viene dall’alto. «Muori ancora Dio
pagna segretamente la prima fin dal suo ini- sciocco, senza sangue e senza fuoco. dine per la quale ci battiamo e dibattiamo nelle spade del tuo trionfo, quando / la tua
zio, non può più essere rinviata. La parola Lo sai dai fiori. I fiori, qui, nascono dal per tutta la durata della morte. Le «rose / parola è caduta sul mondo e tu cadendo hai
incantata/infuocata di Arnoldo vuole coin- sangue e dal fuoco. Perché il sangue, qui, tremende della tua Beatitudine» (p. 42) so- / schiantato il tuo respiro per terra come pri-
volgerci nella passione e nella cura di questa mette in circolazione la vita: e non può esse- no fuoco, sangue e fiore. Dio brucia senza mavera». (p. 92).
seconda nascita fin da ora. La seconda nasci- re, se non si apre in due per amore. E il fuo- consumarsi, come il roveto ardente. E apre il Persino Nietzsche, dovunque sia, dovrà
ta di cui discorre la parola della fede, ria- co, qui, lascia fiori nella neve, non fantasmi suo cuore dentro la morte, fino al sangue vi- costringersi ad un lieve inchino di rispetto,
prendo i sogni non infranti e le ferite insolu- di cenere. «Vedremo il tuo viso ardere nella vo della sua risurrezione. Il possibile dell’im-
per la potenza — a lui insospettabile — di
te della prima, ha la sua rottura delle acque neve» (p. 91). Perché il cuore che si apre, fin possibile fiorisce per Lui e per noi, indisso-
questo inno al Crocifisso che apre il cuore
proprio lì dove si effonde «sangue ed ac- lubilmente. «Tu bruci Dio per diventare es-
sere umano» (p. 46). sanguinante di Dio al fuoco della nostra vi-
qua». Il grembo qui è il costato del Crocifis-
so. Da quando il cuore di Dio è aperto in Nel passaggio attraverso questo esercizio ta. «E nelle carezze assolute del tuo destino,
due, nessuna ferita mortale versa il suo san- di purificazione dello sguardo, composto da / là dove la prigionia delle stelle / si fonde
con i deserti / tu in ogni universo / danzi»
gue fuori dalla vita. E quando si è aperto il
solco nel quale Dio diventa gravido di ogni
In cerca Arnoldo con lo slancio di una suite di danze
passionali e sacre, del sangue, del fuoco, e (p. 92). E del resto, non mi sarebbe affatto
agevole indicare un commento teologica-
vita che viene in questo mondo»? Nel cuore
aperto del Crocifisso e sin da prima della
della beatitudine del fiore non rimane un’oncia di sentimenta-
lismo. È già un miracolo di verità e di stile. mente più penetrante dell’enigmatico asso
creazione, dice la prima e l’ultima Parola del Ecco di che cosa è capace la poesia che della prima lettera di san Giovanni: «Poiché
mondo. Esce in questi giorni il libro La lenta accetta di sporgersi, nuda di discorso e ser- tre sono quelli che rendono testimonianza:
Questa poesia danza col fuoco. Quella agonia della Beatitudine (Brescia, mone, ma affilata come la lama della Parola, lo Spirito, l’acqua e il sangue. E questi tre
del fuoco è la parola più presente e viva, in- Morcelliana, 2013, Pellicano rosso 176, sull’abisso degli innominabili della vita. sono concordi» (1 Giovanni, 5, 7-8). In ogni
sieme con il sangue. Entrambe entrano in pagine 99, euro 10) di Arnoldo Mosca Qualcuno, che abbia cuore e animo bastan- caso, anche se non sei teologo, lasciati porta-
metamorfosi, ti costringono ad abbandonare Mondadori. Ne pubblichiamo te, deve pur farlo. Senza tentare di nominar- re dal vortice passionale ed esattissimo di Matthias Grünewald, «Crocifissione»
i loro luoghi comuni. Alla fine di questo iti- quasi integralmente la prefazione. li, si muore e basta. questa danza. Qualcosa, in te guarirà. (1512-1515, particolare)
pagina 6 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 28 aprile 2013

Rapporto della United States International Commission on Religious Freedom A vent’anni dal viaggio di Giovanni Paolo II in Albania

In Siria continue violazioni Fede e speranza


contro i totalitarismi
della libertà religiosa Il pontificato di Giovanni Paolo II, il
suo contributo all’abbattimento del si-
bile soffocare le libertà fondamen-
tali che danno un senso alla vita
WASHINGTON, 27. La recente distru- stema totalitario comunista in Euro- dell’uomo: la libertà di pensiero, di
zione del minareto della moschea pa, la difesa della libertà, compresa coscienza, di religione, d’espressio-
degli Omayyadi ad Aleppo e il rapi- quella religiosa: sono i temi lungo i ne, di pluralismo politico e cultura-
mento di due vescovi, il metropolita quali si snoda la lectio magistralis le» (n. 7).
greco-ortodosso Boulos al-Yazigi e il tenuta giovedì 25 aprile a Tirana dal Alcuni anni dopo è venuta la
metropolita siro-ortodosso Mar Gre- cardinale arcivescovo di Cracovia in volta di Tirana e dell’Albania.
gorios Yohanna Ibrahim, per i quali occasione del dottorato honoris causa L’esperienza del vostro Paese è sta-
si moltiplicano gli appelli alla libera- assegnatogli dalla locale università, a ta la più difficile di tutti quelli as-
zione, simboleggiano «il superamen- vent’anni esatti dal viaggio apostolico soggettati al sistema comunista di-
to di una linea rossa» nel conflitto di Papa Wojtyła in Albania. Pubbli- sumano e senza Dio. In tutto quel
siriano; sul terreno di battaglia sono chiamo qui di seguito stralci del di- tempo siete stati presenti nella pre-
in costante aumento violazioni dei scorso pronunciato dal porporato. ghiera quotidiana e nel cuore di
diritti umani e della libertà religiosa, Giovanni Paolo II. In Vaticano ab-
attacchi a luoghi o a persone anche di STANISŁAW DZIWISZ biamo atteso con la speranza nel
motivati dalla fede. È l’allarme lan- cuore che anche per voi brillasse
ciato nel nuovo rapporto intitolato Diventando Papa, Giovanni Paolo un’alba di libertà e speranza, dopo
«Proteggere e promuovere la libertà II ha portato con sé a Roma in la caduta dei regimi totalitari
religiosa in Siria», pubblicato nei modo naturale l’esperienza polac- dell’Europa centro-orientale. E ci
giorni scorsi dalla Commissione in- ca. Lo avevano formato la cultura e siamo arrivati. Per Giovanni Paolo
ternazionale statunitense sulla libertà la storia polacca, profondamente II era diventata una priorità la visi-
religiosa (United States Internatio- legate con la cultura e la tradizione ta più immediata possibile al vo-
nal Commission on Religious Free- cristiana. La Polonia aveva ricevuto stro Paese. Si trattava di un impul-
dom). il battesimo più di mille anni pri- so del suo cuore. Lui sapeva
La Commissione è un organismo ma, nell’anno 966. Il Papa metteva cos’era il comunismo. Sapeva an-
indipendente “bipartisan” del Con- sempre in evidenza le sue radici che che voi avevate sofferto più di
gresso americano, creato nel 1998 polacche perché era convinto che qualsiasi altra nazione.
per monitorare la libertà religiosa un uomo di identità chiaramente In questi giorni, nel prepararmi
nel mondo e offrire raccomandazioni munità musulmane) e una piccola settarie» mentre successivamente si è più polarizzato e violento, non solo definita può senza difficoltà am- a una nuova visita al vostro Paese,
al Governo di Washington. presenza ebraica concentrata nelle verificata una repressione violenta tra le forze in campo, ma anche lun- pliare i confini del suo cuore, aprir- ho riletto i discorsi di Giovanni
Nel rapporto — riferisce l’agenzia città di Damasco, Al Qamishli e contro non meglio precisate “fazioni go le tradizionali linee etniche e reli- si alla ricchezza di altre culture, Paolo II, tenuti in terra albanese
di stampa Fides — si afferma che Aleppo. islamiste”. Nel dicembre del 2012 il giose. tradizioni, nazioni. Nel caso di un venti anni fa, il 25 aprile. Essi co-
vengono continuamente perpetrati «Le proteste pacifiche iniziate a Consiglio per i diritti umani delle È cresciuta insomma «la retorica Papa, le culture, le tradizioni e le stituiscono una prova di rilettura e
«attacchi religiosamente motivati marzo del 2011 — ricorda il dossier — Nazioni Unite ha osservato che il della violenza religiosa», così come nazioni hanno diritto di trovar po- comprensione della difficile espe-
contro civili musulmani sunniti e non avevano sfumature religiose o conflitto stava diventando sempre l’afflusso di elementi stranieri con sto nel suo cuore. rienza della nazione albanese, in
membri di comunità religiose di mi- modalità settarie ed estremiste. Nella Oltre all’esperienza polacca, una chiave di fede e speranza. Per-
noranza, mentre cresce la violenza guerra — sottolinea il testo — le Giovanni Paolo II aveva anche per- mettetemi di ricordare le parole del
settaria e la retorica dello scontro su identità etniche e religiose si intrec- sonale esperienza dei due regimi Santo Padre, dal suo Messaggio al-
base confessionale. È sempre più ciano con gli aspetti politici e interi totalitari del ventesi-
preoccupante — vi si legge — la con- Da Londra sobborghi o quartieri delle città ten-
dono a essere dominati da specifici
mo secolo. Durante la
seconda guerra mon-
dizione di libertà religiosa in Siria,
segnata dall’escalation di violenza e un appello ecumenico gruppi religiosi o etnici. Attacchi re- diale aveva sperimen-
tato cosa fosse l’ideo-
crisi umanitaria, con forte impatto ligiosamente motivati sono perpetra-
su tutte le comunità religiose». ti da tutte le forze in campo, provo- logia del socialismo
LONDRA, 27. Fra gli appelli lan- in un comunicato congiunto —
La Siria è sempre stato un Paese cando gravi violazioni della libertà nazionale. Simbolo di
ciati in questi giorni affinché ven- abbiamo pregato perché vedeva-
storicamente diversificato dal punto religiosa. questa ideologia era
gano liberati al più presto i due mo con orrore e tristezza l’escala-
di vista religioso, con una popola- «Tali violazioni — osserva la Uni- diventato il campo di
vescovi ortodossi rapiti in Siria si- tion della violenza che ha preso
zione attorno ai 22 milioni di perso- concentramento di
gnificativo è quello firmato in ostaggio questo Paese. E, oggi, ted States International Commission
ne (prima del conflitto). La più Auschwitz-Birkenau,
dall’arcivescovo di Westminster e le nostre preghiere vanno anche on Religious Freedom — minacciano
grande comunità religiosa è quella costruito non lontano
presidente della Conferenza epi- alle antiche comunità dei nostri anche la diversità religiosa della na-
musulmana sunnita, che costituisce da Wadowice, il luogo
scopale di Inghilterra e Galles, fratelli e sorelle cristiani in Siria». zione, aumentando la probabilità di della nascita del futu-
circa il 75 per cento della popolazio- monsignor Vincent Gerard Ni- Il rapimento dei due vescovi e violenze e di ritorsioni in una Siria ro Papa. In questo
ne. Seguono quella degli alawiti, con chols, e dall’arcivescovo di Can- l’uccisione del loro autista «è un post-regime, quando le minoranze campo avevano an-
il 12 per cento, e i cristiani che rap- terbury, Justin Welby, primate altro chiaro segnale. Sosteniamo religiose saranno particolarmente nientato più di un mi-
presentano il 10 per cento. Poi vi so- della Comunione anglicana. «Fin senza riserve queste comunità cri- vulnerabili». lione di esseri umani
no i drusi (4 per cento), gli yezidi dai primi giorni del conflitto si- stiane, radicate nelle terre bibliche Secondo alcune fonti, durante il di molti Paesi d’Euro-
(inseriti dal Governo locale tra le co- riano nel marzo 2011 — scrivono nonostante le tante difficoltà». conflitto, sono stati distrutti oltre pa, specie ebrei e po-
cinquecentomila edifici fra abitazio- lacchi.
ni, scuole, moschee, chiese e ospeda- Karol Wojtyła aveva
li. Responsabili degli attacchi, indi- sperimentato anche
Cattolici filippini mobilitati in vista delle elezioni politiche del 13 maggio stintamente, tutti i protagonisti del cosa fosse il sistema
conflitto. In particolare, il rapporto comunista imposto al-
cita l’antica sinagoga di Damasco, la Polonia, all’Albania
Per il diritto di nascere saccheggiata e danneggiata, la di-
struzione di moschee sciite, rapimen-
ti e attacchi contro leader cristiani e
e ai Paesi dell’Europa
centro-orientale. Il futuro Papa per
più di trenta anni della sua vita
la nazione albanese, pronunciate
qui a Tirana. Prima aveva ricordato
MANILA, 27. Nelle Filippine si ac- Vangelo, il quale deve guidare ver- minante della povertà del Paese la profanazione di chiese, come lo adulta si era confrontato con que- a voi e al mondo intero la vostra
cende il dibattito sul Reproductive so questo appuntamento la Chie- asiatico. L’opposizione della Chiesa storico santuario di San Maroun, nel sto sistema, in qualità di pastore, di via crucis: «Quella del vostro po-
Health Bill (Rh Bill), legge appro- sa». Quest’ultima, tuttavia, «co- cattolica al provvedimento legislati- villaggio di Barad, nei pressi di sacerdote e vescovo. Riteneva che polo è stata una vera sconvolgente
vata nello scorso mese di dicembre. scienza della società civile, capace vo è stata decisa: «no» all’aborto e Aleppo. l’ideologia marxista fosse dannosa tragedia sotto i rigori dell’oppres-
Oltre quaranta fra organizzazioni e di guardare alle sfide della promo- ai contraccettivi. La legge non pre- perché conteneva in sé un “errore sione comunista. Terribile era, in
movimenti laicali cattolici chiedono zione del bene comune, della soli- vede l’aborto clinico ma promuove antropologico”. Costruiva una vi- effetti, l’immagine della vita umana
di sostenere alle prossime elezioni darietà, della spiritualità e un programma di contenimento sione del mondo e dell’uomo priva nei regimi totalitari come quello
generali del 13 maggio solo candi- dell’istruzione, non deve sostenere delle nascite basato in particolare di fondamento, di sorgente, di ra- che voi avete conosciuto, nel quale
dati che promuovono e difendono alcun candidato per non diventare su una maggiore disponibilità di Sabato 4 maggio dici. Privo di speranza. si privava l’uomo di uno dei suoi
espressamente una legislazione pro- di parte; deve rifiutarsi di giocare anticoncezionali, sulla sterilizzazio- La stessa elezione di Karol diritti più fondamentali: la libertà
vita e pro-famiglia.
Nei giorni scorsi — riferisce
con il fuoco del potere politico o ri-
schia di bruciarsi essa stessa».
ne volontaria e sull’educazione ses-
suale e non tiene invece conto
L’Irlanda Wojtyła a Papa, nel 1978, è stata
una grossa sfida per il sistema co-
del proprio giudizio e della propria
azione; la libertà di coscienza. Pri-
l’agenzia Sir — cinquecentomila
persone hanno manifestato per le
A metà dicembre il Congresso
delle Filippine ha approvato in se-
dell’obiezione di coscienza. Oltre a
disporre un sistema di sanzioni per
prega munista. In Polonia questa elezio-
ne è stata una vera scossa. Da una
vazione, questa, che non di rado
ha assunto carattere di indicibile
strade di Manila contro l’Rh Bill.
La Chiesa nelle Filippine, che per
conda lettura il Reproductive
Health Bill, che introduce la con-
le famiglie “troppo prolifiche”, che
sarebbero poi quelle con oltre i due
a difesa della vita parte produsse un’enorme speranza
nella nazione, e dall’altra minò il
brutalità» (n. 2). Ma è giunto il
giorno della libertà, atteso per tan-
sistema politico. Questo si fece to tempo. «Voi — disse il Papa —
quattordici anni si è opposta stre- traccezione e l’aborto come mezzi figli. DUBLINO, 27. Sabato 4 maggio la chiaro meno di un anno dopo, du- avete riacquistato la libertà in ma-
nuamente all’approvazione della per il controllo delle nascite. La Prima dell’entrata in vigore della Chiesa cattolica in Irlanda celebrerà rante il primo viaggio, la prima vi- niera praticamente incruenta. Siete
controversa legge (che indica nella legge ha costituito l’approdo di un controversa legge sostenuta dal Go- la Giornata per la vita, incentrata sul sita di Giovanni Paolo II nella sua risaliti quasi miracolosamente da
crescita demografica le ragioni della dibattito durato quattordici anni e verno Aquino, prevista il 31 maggio, tema della procreazione. L’appunta- patria, nel giugno del 1979. Le pa-
povertà del Paese), si chiede: «Chi di numerosi interventi (sostenuti in la Corte suprema, investita da di- mento di quest’anno, dal titolo un baratro di tirannia e di morte.
role allora pronunciate costituirono Quando pareva ormai spegnersi
avrebbe votato Gesù»? Certamente particolare dal Fondo delle Nazioni verse obiezioni di carattere costitu- «From womb to tomb», sarà con- una sfida lanciata a tutto il sistema
— questa la risposta — un candidato Unite per la popolazione) sulla cre- zionale, ne ha sospeso l’attuazione, trassegnato da una celebrazione li- ogni ragionevole motivo di fiducia,
comunista. Il Papa parlava a nome è spuntata l’alba della liberazione.
che dichiari «un no categorico e scita demografica che sarebbe, se- rinviando la decisione al prossimo turgica nella basilica del santuario di coloro a cui era stata tolta la vo-
chiaro a divorzio, aborto, eutanasia, condo gli esperti, la ragione deter- 18 giugno. della Madonna di Knock. Sono atte- È rinata la vita. È riemerso il co-
ce. Un anno dopo nasceva in Polo-
controllo delle nascite e matrimoni si numerosi fedeli provenienti da tut- raggio di esistere, si è accesa nuo-
nia «Solidarność», il primo sinda-
fra persone omosessuali, cioè a tut- vamente la luce della speranza» (n.
te le diocesi del Paese che preghe- cato libero dei Paesi comunisti. An-
te le scelte contro la vita», ha affer- 3). Poi Giovanni Paolo II pronun-
ranno insieme perché sia riconosciu- che se si dovette aspettare ancora
ciò importanti parole, quasi un in-
mato monsignor Socrates B. Ville- to il diritto alla vita dei nascituri. nove anni, alla fine il sistema co-
no alla libertà religiosa. Lasciamo a
gas, arcivescovo di Lingayen-Dagu- «La decisione da parte dell’attuale munista crollò in Polonia nel 1989
lui la parola: «La libertà religiosa
pan e vicepresidente della Confe- Governo irlandese di legiferare a fa- e successivamente negli altri Paesi,
compresa l’Albania. […] non è solo un prezioso dono
renza episcopale. vore dell’aborto — spiegano i presuli
Nel discorso al corpo diplomati- del Signore per quanti hanno la
Il prossimo 13 maggio nelle Filip- — significa che il diritto nazionale
co, il 13 gennaio 1990, Giovanni grazia della fede: è un dono per
pine si voterà per le elezioni legisla- consentirà l’uccisione diretta e inten- tutti, perché è garanzia basilare
tive e amministrative. Per i vescovi i zionale di bambini innocenti non Paolo II riassunse in questo modo
gli eventi del 1989: «Varsavia, Mo- d’ogni altra espressione di libertà.
temi relativi al rispetto della vita e ancora nati. Noi scegliamo la vita e Essa tocca l’uomo nell’intimo, in
alla centralità della famiglia sono abbiamo a cuore sia la mamma che sca, Budapest, Berlino, Praga, So-
fia, Bucarest, per citare solo le ca- quel sacrario inviolabile che è la
prioritari per valutare l’attendibilità il bambino non ancora nato. La coscienza, dove l’essere umano si
dei candidati. «Occorre pregare — Giornata è un’opportunità per tutte pitali, sono diventate praticamente
le tappe di un lungo pellegrinaggio incontra col Creatore ed acquista
ha scritto in una lettera pastorale le persone di fede e di buona volon- piena consapevolezza della propria
monsignor Villegas — perché il Si- tà per unirsi a pregare per le madri e verso la libertà. Dobbiamo rendere
omaggio ai popoli che, al prezzo dignità. Da tale libertà, quando es-
gnore guidi ogni candidato per i bambini non ancora nati; en- sa è correttamente usata, non v’è
di sacrifici immensi, hanno corag-
nell’esercizio della responsabilità ci- trambi continueranno a essere pro- da temere alcun disordine sociale.
giosamente intrapreso questo pelle-
vile, dal momento che solo Dio tetti, amati e salvaguardati da ogni La fede sincera, infatti, non divide
grinaggio e ai responsabili politici
può illuminarci nel processo deci- male». Pertanto, i vescovi invitano che l’hanno favorito. La cosa più gli uomini, ma li unisce, pur nelle
sionale in modo che la voce del po- tutte le famiglie a partecipare a que- ammirevole negli avvenimenti dei loro differenziazioni. Niente come
polo possa davvero riflettere la voce sta “giornata speciale”. quali siamo stati testimoni, è che la fede ci ricorda che, se abbiamo
di Dio, ma anche un rispettoso si- La Chiesa in Irlanda celebra la interi popoli abbiano preso la pa- un unico Creatore, siamo anche
lenzio nel dibattito pubblico, per- Giornata per la vita dal 2001, ogni rola: donne, giovani, uomini hanno tutti fratelli! La libertà religiosa è
ché il silenzio è il linguaggio di anno su un tema diverso, facendo vinto la paura. La persona umana così un baluardo contro i totalitari-
Dio e l’unico antidoto alle strategie spesso costante riferimento all’enci- ha manifestato le risorse inesauribi- smi e un contributo decisivo
di campagna elettorale folli e ridi- clica del beato Giovanni Paolo II li di dignità, di coraggio e di liber- all’umana fraternità. La vera libertà
cole a cui stiamo assistendo. Un at- Evangelium vitae. tà che custodisce in sé. In Paesi nei religiosa rifugge dalle tentazioni
teggiamento dunque — continua L’anno scorso l’argomento della quali per anni un partito ha detta- dell’intolleranza e del settarismo, e
nella lettera l’arcivescovo — che Giornata nazionale per la vita era to la verità in cui credere e il senso promuove atteggiamenti di rispet-
comprende uno sguardo di fede e stato l’importanza della solidarietà e da dare alla storia, questi fratelli toso e costruttivo dialogo» (ibi-
una mente illuminata dai valori del della speranza. hanno dimostrato che non è possi- dem).
domenica 28 aprile 2013 L’OSSERVATORE ROMANO pagina 7

A Rimini la convocazione di Rinnovamento nello Spirito Santo Il segretario di Stato conferisce l’ordinazione episcopale a tre nuovi nunzi apostolici

L’unione Per portare speranza


che rende presente Gesù nelle periferie del mondo
RIMINI, 27. Un ringraziamento per Convocazione, la “Festa della Mise- sa della Chiesa e delle tante voci Tre nuovi arcivescovi saranno ora rica Latina, dell’Oceania e dell’Afri- ascolto di essa, ci stimola ad acco-
la grande opera della nuova evange- ricordia”», cioè un’intera giornata che la compongono ci dimostra, in- «inviati come rappresentanti del Pa- ca. Non dimenticate mai le parole glierla prima di tutto nella nostra
lizzazione, «che già da tanto tempo dedicata al sacramento della Peni- fatti, che non esistono areopaghi in pa per seguire la vita della Chiesa di Gesù che abbiamo ascoltato an- vita e ci fa essere sempre più disce-
voi compite ma che si apre dinanzi tenza e della Riconciliazione, alla cui il Vangelo non possa essere an- in Colombia, Papua Nuova Guinea cora una volta nell’odierna pagina poli del Signore. Quando annuncia-
all’impegno di tutti», è stato espres- quale il Pontefice «si unisce spiri- nunciato e testimoniato per diventa- e Benin, mantenendo cordiali rap- evangelica: “Come io ho amato voi, mo il Vangelo ci uniamo intima-
so dall’arcivescovo presidente del tualmente». re così principio di una nuova con- porti con le autorità civili» e coope- così amatevi anche voi gli uni gli al- mente a Cristo Maestro e ci lascia-
Pontificio Consiglio per la promo- Al messaggio del Papa si sono ag- divisione». rarando «al progresso spirituale di tri” (Giovanni 13, 34). In realtà, è mo guidare dal suo Spirito. Così
zione della nuova evangelizzazione, giunti quelli del cardinale presidente Per il coordinatore nazionale di quelle popolazioni». È il mandato l’amore di Cristo e per Cristo la ra- partecipiamo della carità di Dio, il
Rino Fisichella, agli oltre quindici- del Pontificio Consiglio per i laici, RnS, Mario Landi, «la nostra pre- che hanno ricevuto dal cardinale gione del nostro impegno apostoli- cui mistero nascosto nei secoli è sta-
mila aderenti al Rinnovamento nello Tarcisio Bertone, segretario di Stato, co. Caritas Christi urget nos. È così to rivelato in Cristo».
Spirito Santo (RnS), riuniti a Rimi- i monsignori Ettore Balestrero, Mi- per ogni sacerdote, è così per ogni «Il ministero liturgico, principal-
ni, fino a domenica 28, per la loro chael Banach e Brian Udaigwe, no- vescovo e per ogni rappresentante mente la celebrazione eucaristica, ci
trentaseiesima Convocazione nazio- minati rispettivamente nunzi apo- del Papa. Si tratta di un amore in- immette — ha affermato — in modo
nale sul tema «Accogliamo la Parola stolici in Colombia, in Papua Nuo- cessante, che ci chiama a seguire particolare nel mistero pasquale di
con la gioia dello Spirito Santo». In va Guinea e in Benin. Il porporato Cristo che “ha amato la Chiesa e ha Gesù; ci porta ad imitare ciò che
particolare, il presule ha ricordato ha conferito loro l’ordinazione epi- dato se stesso per lei” (Efesini 5, 25)». amministriamo e ci fa profondamen-
«il Piano nazionale per la nuova scopale nel pomeriggio di sabato 27 «L’episcopato — ha proseguito il
evangelizzazione che vi è stato con- te partecipi della carità di Colui che
aprile, nella basilica Vaticana. cardinale Bertone sempre rivolto ai si dà ai fratelli come pane eucaristi-
segnato, e che a partire da questo Conconsacranti i cardinali Ouel- nuovi arcivescovi — che oggi riceve-
momento diviene la bussola con cui co. Quali guide del popolo di Dio
let, prefetto della Congregazione te, mediante le mie mani, per man- ci sentiamo spinti dalla carità del
operare e agire nel cuore della Chie- per i Vescovi, e Filoni, prefetto della dato apostolico del Santo Padre
sa». In questo senso, «la nuova Buon Pastore a custodire, vigilare e
Congregazione per l’Evangelizzazio- Francesco, al quale va il nostro pen- difendere il gregge, con ogni ener-
evangelizzazione ci chiama a fare ne dei Popoli. È stato l’arcivescovo siero orante, devoto e affettuoso,
nostra la certezza della fede, a fon- gia e sacrificio».
Becciu, sostituto della Segreteria di porta a pienezza il vostro sacerdozio Nell’omelia il cardinale ha anche
dare la vita su Gesù». Stanisław Ryłko, e del vescovo se- senza a Rimini, la presenza di mi- Stato, a presentare i tre nunzi e a secondo la misura della carità im-
All’incontro, massimo appunta- gretario generale della Conferenza gliaia di persone che con grandi sa- rimarcato la forza del comandamen-
leggere il mandato del Papa. Tra gli mensa, profonda e universale di Ge- to nuovo dell’amore: «“Come io ho
mento del movimento ecclesiale che episcopale italiana, Mariano Crocia- crifici sono venute fin qui da varie assistenti degli eletti, i monsignori sù, che non esitò ad offrire la sua
in Italia conta più di 200.000 ade- ta. Per quest’ultimo l’incontro di Ri- parti d’Italia per gioire con Gesù, è amato voi, così amatevi anche voi
Wells, assessore, e Camilleri, sotto- vita per la salvezza dell’umanità». gli uni gli altri”. La novità di questo
renti, raggruppati in oltre 1.800 mini è «un’iniziativa che pone in il primo grande segno di fede, di segretario per i Rapporti con gli Infatti «offrire la vita significa do- comandamento non sta nell’“amate-
gruppi e comunità, ha fatto giunge- evidenza l’importanza del Verbo che coraggio della testimonianza, nel- Stati, succeduto in questo incarico narsi in piena disponibilità, porre al vi”, ma nel “come io ho amato
re il suo saluto il Pontefice. «Papa germoglia divenendo concreta espe- l’Anno della fede». proprio a monsignor Balestrero. servizio degli altri i doni ricevuti da voi”». E «la credibilità dell’amore
Francesco ha appreso con gioia del- rienza di Dio nella vita stessa». Nella messa di apertura, nella se- Al rito, diretto dal cerimoniere Dio, dare il proprio tempo, consu- vicendevole sta proprio nella sua ca-
la Convocazione», si legge nel mes- Grande apprezzamento è stato rata di giovedì 25, il cardinale arci- pontificio monsignor Karcher, erano mare la propria vita senza riserve. pacità di varcare i confini del pro-
saggio, firmato dal cardinale segre- espresso da monsignor Crociata per vescovo di Vrhbosna, Sarajevo, presenti cardinali, arcivescovi — tra i Ci è facile, a volte, donare delle co- prio recinto, per fare della Chiesa
tario di Stato, Tarcisio Bertone, nel il piano nazionale per la nuova Vinko Puljić, ha parlato con forza a concelebranti l’arcivescovo Mamber- se; più difficile e molto più impor- una comunità in grado di mostrare
quale si sottolinea «un momento evangelizzazione, che è stato presen- difesa della famiglia: «Stiamo rovi- ti, segretario per i Rapporti con gli tante e fecondo è dare il nostro tem- l’amore di Gesù per tutti».
particolarmente importante della tato in questi giorni. «La storia stes- nando la famiglia, il nucleo fonda- Stati — vescovi, prelati della curia po, animati da spirito missionario». «L’amore reciproco dei credenti —
mentale della società, portando leg- romana e rappresentanti del corpo Dunque «si tratta di andare incon-
gi ingiuste, strane, nel nome della ha detto ancora — è sempre prece-
diplomatico accompagnati da mon- tro a quanti sono alla ricerca della
libertà e dei pari diritti. Distruggia- duto da quello di Cristo, che prima
signor Bettencourt, capo del proto- verità; di accendere la luce nel cuore
mo le leggi di Dio per imporre le ancora di essere norma e modello di
Santa Caterina da Siena co-patrona d’Italia collo. Ad affiancare il coro, diretto di quanti camminano nelle tenebre;
condotta, ne è la sorgente e la radi-
leggi proprie dell’uomo senza Dio. dal maestro Capone, anche un di seminare la pace, la gioia e la
E poi vediamo sempre più che l’uo- ce. A questa fonte sono chiamati ad
Fiori della misericordia mo è minacciato da se stesso: sta ta-
gliando il ramo sul quale siede». Il
gruppo di voci africane. Il servizio
liturgico è stato svolto dagli alunni
del preseminario San Pio X, dai se-
speranza in quanti soffrono la soli-
tudine, le angustie, le ingiustizie».
Il segretario di Stato ha ricordato,
attingere tutti i discepoli del Signo-
re, per vivere la logica dell’amore
fraterno e del dono sincero di sé,
porporato ha esortato le famiglie «a minaristi del Pontificio Collegio in proposito, le parole di Papa
simo della fede a della speranza costruire l’unione che fa presente che è la tessera di riconoscimento
di LUD OVICO CARTOTTI ODDASSO Americano del Nord e da seminari- Francesco nell’omelia della messa
che ebbero quelli perfetti, ma àn- Gesù. Se nella famiglia non abita sti nigeriani. crismale: occorre illuminare «le si- dell’appartenenza alla comunità cri-
Nel suo primo Angelus del 17 mar- nola imperfetta e poiché costoro Gesù, non ci sarà l’amore, non ci I tre nuovi nunzi inzieranno ora tuazioni limite, le “periferie” dove il stiana, come afferma Gesù: “Da
zo scorso in piazza San Pietro, Pa- erano imperfetti, strinsero la mise- sarà comprensione, solidarietà, non la loro missione, ha detto il segreta- popolo fedele è più esposto all’inva- questo tutti sapranno che siete miei
pa Francesco ha ricordato: «Fratel- ricordia ponendo maggiore la mi- ci sarà la disponibilità a prendere la rio di Stato, «ricchi di una esperien- sione di quanti vogliono saccheggia- discepoli”. Si tratta di rappresentare
li e sorelle, il volto di Dio è quello sericordia mia che le colpe loro. propria croce». In questo senso, za ecclesiale maturata nelle rispetti- re la sua fede». E, ha aggiunto il la prospettiva del “nuovo mondo”,
di un padre misericordioso, che Gl’iniqui peccatori invece fanno il «l’uomo deve ritornare in se stesso, ve diocesi di origine, come pure nel- cardinale, «questo essere mandati a da parte di ogni cristiano, ma so-
sempre ha pazienza. Avete pensato contrario, vedendo con la dispera- ritrovare se stesso, nella propria di- le nunziature di diversi Paesi e, sostenere le fragilità, le debolezze e prattutto da parte dei pastori e delle
voi alla pazienza di Dio, la pazien- zione il luogo loro destinato e con gnità. È in questa novità di vita che monsignor Ettore, in Segreteria di le sconfitte degli uomini è ministero guide del popolo santo di Dio».
za che Lui ha con ciascuno di noi? l’odio l’abbracciano». si deve incontrare Cristo. Imparia- Stato con un compito di speciale re- non eccezionale e occasionale, ma
Quella è la sua misericordia». Al L’amore per Dio e per le povere mo ad ascoltare la sua Parola». sponsabilità». Nell’annuncio del normale e fondamentale in cui la
termine della preghiera mariana il anime che si perdono giunge, in Il cardinale Puljić ha poi portato Vangelo saranno «accompagnati dal Chiesa si identifica e in cui manife-
Pontefice ha poi detto: «Ho scelto santa Caterina, al massimo livello all’assemblea la testimonianza sugli nostro affetto, dalla nostra stima e sta la sua origine divina».
il nome del Patrono d’Italia, san Tweet di @Pontifex
possibile: infatti, come narra il anni della guerra che ha sconvolto i dalla nostra gratitudine» e saranno Del resto «l’amore, la carità pa-
Francesco d’Assisi, e ciò rafforza il beato Raimondo da Capua, suo Balcani. Da allora sono passati due «soprattutto sostenuti dalla forza storale — ha spiegato il segretario di
mio legame spirituale con questa
terra». Il riferimento al santo d’As-
confessore e biografo, così ella fu decenni, ma le difficoltà ancora per- dell’Eucaristia». Stato — costituisce il nucleo e la for- I giovani
udita da molti testimoni pregare il mangono. In particolare, ha detto
sisi richiama il nome di santa Ca- suo Sposo divino: «“Signore come che «in Bosnia ed Erzegovina è dif-
Rivolgendosi direttamente ai nuo-
vi nunzi, il cardinale Bertone ha
ma della spiritualità del servizio epi-
scopale, ed è l’anima delle tre fun- non temano
terina da Siena, in quanto anch’es-
sa è Patrona d’Italia. Italiani am-
potrò essere contenta
fino a che uno di que-
ficile costruire chiese. Dopo quattor-
dici anni non ho ancora ricevuto un
detto: «Caro don Ettore, caro don
Michael e caro don Brian, la fiam-
zioni pastorali: ministero della Paro-
la, del culto liturgico e della guida i grandi ideali
bedue, in tempi diversi ma straor- sti creati come me a permesso per costruire una chiesa». ma della carità pastorale vi spinga a del popolo di Dio». In particolare,
dinariamente difficili, beneficiaro- tua immagine e so- E questo «nel silenzio della comuni- lavorare generosamente al servizio ha detto, «il servizio della Parola «Cari giovani, non sotterrate i ta-
no con le loro opere la loro patria, tà internazionale». della Chiesa in quei Paesi dell’Ame- pone anche noi ogni giorno in lenti, i doni che Dio vi ha dato!
per cui sono stati insieme procla- Non abbiate paura di sognare co-
mati patroni primari d’Italia, con il se grandi!». È il testo del tweet
motuproprio di Papa Pio XII, del con il quale Papa Francesco, ri-
18 giugno 1939. prendendo un invito lanciato nel
In Caterina da Siena la divina Convegno in Argentina dell’Associazione cristiana dei dirigenti d’impresa corso dell’udienza generale di
misericordia è considerata, per mercoledì 24 aprile, chiede ai
quanto riguarda l’umana natura,
l’attributo più grande di Dio: il ri-
fiutarla porta all’impenitenza fina-
La povertà non è un problema solo economico giovani di impegnarsi per i gran-
di ideali. Il nuovo “cinguettio”
del Pontefice è stato postato
le e costituisce quindi il più grave sull’account @Pontifex nella sera-
peccato, l’unico che non sarà mai BUENOS AIRES, 27. D isuguaglianza, veritate di Benedetto XVI, ha ribadito vorano. «Questo — ha spiegato mon- ta di venerdì 26.
perdonato. Infatti nel “Libro” — povertà e inclusione sociale sono i che «oggi nel mondo c’è una ric- signor Lozano — crea una mancanza
comunemente chiamato Dialogo tre principali temi affrontati durante chezza, lo sviluppo consumistico, che di motivazione e l’incapacità di per-
della Divina Provvidenza — il Si- un convegno che si è svolto a Bue- genera nuove povertà e miserie disu- cepire migliori prospettive di vita che
gnore ammonisce: «Giudicando nos Aires, promosso dall’Associazio- manizzanti. C’è uno scandalo di di- l’educazione è in grado di fornire. A
maggiore la miseria sua che la mi- ne cristiana dei dirigenti d’impresa.
All’evento, come riferisce l’agenzia
suguaglianze clamorose». Il presule
ha anche messo in guardia circa l’im-
ciò si aggiunge il forte impatto del
consumo di droghe e di alcol che
Nomina episcopale
sericordia mia: questo è quello
peccato che non è perdonato né di Aica, hanno preso parte anche il pre-
sidente della Commissione episcopa-
patto e il pericolo della povertà sulle
fasce più deboli e sui bambini. «La
porta i giovani a sfidare la morte
ogni giorno».
in Colombia
qua né di là, perché non ha volu-
to, spregiando, la mia misericordia, le per la pastorale sociale, monsignor disuguaglianza e la povertà — ha sot- Durante i lavori, monsignor Loza-
La nomina di oggi riguarda
però che m’è più grave questo che Jorge Eduardo Lozano, vescovo di tolineato — provocano la malnutri- no, rivolgendosi ai numerosi impren-
la Chiesa in Colombia.
tutti gli altri peccati che egli à Gualeguaychú, e il presidente della zione. La vulnerabilità nei bambini è ditori presenti, ha ricordato la figura
commessi». Commissione nazionale di giustizia e come un’intemperia sociale ed è ne- del beato Giovanni Paolo II e la sua
La divina misericordia dunque pace, Gabriel Castelli. «In Argentina cessario quindi prevenirla». visita compiuta in Argentina nel Omar de Jesús
si rivela più grande del peccato, miglianza perisca? Voglio che l’an- — ha sottolineato il vescovo di Gua- Inoltre, il presidente della Com- 1987, e ha sottolineato che «i datori Mejía Giraldo
per cui otterranno la salvezza, se- tico avversario li perda e che tu li leguaychú — il debito sociale è esi- missione nazionale di giustizia e pace di lavoro hanno bisogno di audacia vescovo di Florencia
condo le rivelazioni dell’Eterno guadagni tutti a maggior lode e stenziale. È necessario, quindi, un ha fatto riferimento alle problemati- per consegnare alle generazioni futu-
Padre a Caterina, anche coloro che gloria del tuo nome. Sarebbe me- consenso tra la società civile e la po- che giovanili. In Argentina, infatti, re, in forma moltiplicata, il patrimo- Nato a El Santuario (Colom-
fossero vissuti con una carità co- glio per me che tutti si salvassero litica se vogliamo assistere a un cam- sono migliaia i ragazzi e le ragazze nio che hanno ricevuto». bia), in diocesi di Sonsón-Rione-
mune, imperfetta, ma che in punto ed io sola sostenessi le pene biamento sociale strutturale di lungo esclusi perché non studiano e non la- Inoltre, per monsignor Lozano, gro, il 21 gennaio 1966, ha com-
di morte abbraccino la divina mi- dell’inferno, piuttosto che io essere termine». «l’elezione di Papa Francesco ha ge- piuto gli studi di filosofia e teo-
sericordia «con quello lume mede- in paradiso e gli altri tutti dannati, Alejandro Preusche, presidente nerato un’aspettativa positiva nella logia nel seminario maggiore na-
perché nel primo caso e non nel dell’Associazione cristiana dei diri- società. L’affermazione della giusti- zionale Cristo Sacerdote in La
secondo ridonderebbe maggiore genti d’impresa, ha rinnovato l’impe- zia, le questioni sociali, la disugua- Ceja. Ha conseguito la licenza in
amore e gloria al tuo nome”. Il Si- gno a lavorare per un Paese «con glianza e la povertà sono situazioni filosofia e scienze religiose presso
Lutto nell’episcopato gnore, come lei mi confessò, le ri- povertà zero e minore disuguaglian-
za. Dobbiamo renderci conto — ha
che mobilitano tutti in egual misura.
Ci deve essere un accordo tra la so-
l’Universidad Católica de Orien-
te di Rionegro e la licenza in teo-
spose così: “La carità non può sta-
re nell’inferno, perché lo distrug- detto — del ruolo che noi imprendi- cietà civile e la politica, se vogliamo logia dogmatica presso la Pontifi-
Monsignor Joseph Peter
gerebbe. Sarebbe più facile che tori svolgiamo e che tipo di sostegno il cambiamento sociale strutturale di cia Università Gregoriana di Ro-
O’Connell, già vescovo ausiliare
l’inferno si distruggesse che la cari- possiamo offrire alla società». lunga durata». ma.
di Melbourne, in Australia, è
morto a mezzogiorno di sabato tà vi abitasse”». Secondo monsignor Lozano, «la Sono oltre sedicimila le persone Ha svolto i seguenti incarichi:
27 aprile, dopo un periodo di L’essere umano si trova a dover povertà non è un problema soltanto che vivono per le strade di Buenos formatore nel seminario diocesa-
malattia, al Caritas Christi Ho- attraversare il deserto che si genera economico, ma ha diverse dimensioni Aires (capitale e maggiore città no, delegato per la pastorale gio-
spice di Kew. Era nato il 10 di- dentro di sé — come ha detto Papa che hanno un impatto sulla persona, dell’Argentina con i suoi 2.891.082 vanile e vocazionale, vicario par-
cembre 1931 a Melbourne. Ordi- Francesco nel messaggio pasquale come la necessità di un alloggio di- abitanti), prive di accesso ai servizi rocchiale nella parrocchia di
nato sacerdote il 28 luglio 1957, del 31 marzo scorso — «quando gnitoso, di un sistema sanitario di sanitari di base. Secondo uno studio Nuestra Señora del Carmen in El
era stato eletto vescovo titolare manca l’amore di Dio e per il base, di un’educazione di qualità. E di «Salud en la calle» pubblicato Carmen de Viboral, direttore del
di Sanctus Germanus il 24 gen- prossimo, quando manca la consa- allo stesso tempo poter contare su dalla ong sanitaria internazionale dipartimento per la pastorale
naio 1976 e nominato ausiliare pevolezza di essere custode di tut- una giustizia più veloce e meno bu- Médicos del Mundo, la mancanza di nell’Universidad Católica de
dell’arcidiocesi di Melbourne. Il to ciò che il Creatore ci ha donato rocratica che raggiunga i poveri documenti di identità costituisce il Oriente, vicario della parrocchia
31 marzo successivo aveva rice- e ci dona. Ma la misericordia di quando ne hanno bisogno e non solo principale ostacolo per l’accesso ai Madre de la Sabiduría, viceretto-
vuto l’ordinazione episcopale. Dio può far fiorire anche la terra quando devono andare in prigione». servizi sanitari e ai programmi di so- re del seminario nazionale Cristo
L’11 dicembre 2006 aveva rinun- più arida, può ridare vita alle ossa Il vescovo di Gualeguaychú, traen- stegno per l’80 per cento delle perso- Sacerdote in La Ceja e, dal 2008,
ciato all’incarico pastorale. inaridite». do spunto dall’enciclica Caritas in ne di strada. rettore dello stesso seminario.
pagina 8 L’OSSERVATORE ROMANO domenica 28 aprile 2013

Messa del Pontefice a Santa Marta Lettera del Papa al cardinale Dziwisz inviato speciale in Lituania

Per una comunità aperta Il sesto centenario


della cattedrale di Kaunas
ai valori dello Spirito Com’è noto, il cardinale Stanisław
Dziwisz, arcivescovo di Cracovia, è stato
tholicae communitatis historia Domini
largitatem clare mirari possent atque
C’è chi affronta la sofferenza man- che per come si parla: «la comuni- nominato il 27 febbraio inviato speciale incitamentum experiri ad renovatam
tenendo viva la gioia che nasce tà dei credenti, quella libera dello del Papa alla celebrazione del VI vitam sub Christi lumine assidue se-
dallo Spirito — come per esempio i Spirito Santo, parla con la gioia. I centenario della cattedrale di Kaunas quendam.
cristiani perseguitati ancora oggi in discepoli erano pieni di gioia di (Lituania), in programma il 5 maggio. Hanc ob rem memoratus sacer Prae-
tante parti del mondo — e chi inve- Spirito Santo. Parlano con la bel- Il porporato sarà accompagnato da una sul humanissime dilectum Nostrum
ce «usa il denaro per comprare fa- lezza, aprono strade: avanti sem- missione composta da monsignor Praedecessorem Benedictum XVI roga-
vori» e patteggiare, o «la calunnia pre, no? Invece la comunità chiu- Vyatautas Vaičiūnas, vice-decano della vit ut aliquem eminentem virum mitte-
per diffamare e cercare aiuto dai sa, sicura di se stessa, quella che facoltà di teologia in Kaunas; monsignor ret, qui Kaunensi in urbe Romani
potenti della terra» e magari dileg- cerca la sicurezza proprio nel pat- Arturas Jagelačius, docente presso la Pontificis vices gereret atque eius erga
gia quanti cercano di vivere nella medesima facoltà e pro-vicario giudiziale istum gregem dilectionem manifesta-
teggiare col potere, nei soldi, parla
gioia cristiana la loro stessa soffe- dell’arcidiocesi di Kaunas. Di seguito il ret. Mentem Nostri Decessoris sequen-
con parole ingiuriose: insultano,
renza. Su questo confronto si è fer- testo delle lettera pontificia. tes, ad Te quidem, Venerabilis Frater
condannano».
mato Papa Francesco sabato matti- E per far notare la mancanza Noster, qui pergrave munus exerces
na, 27 aprile, all’omelia della messa Venerabili Fratri Nostro Archiepiscopi Metropolitae Cracovien-
d’amore nelle comunità cosiddette Stanislao S.R.E. Cardinali DZIWISZ
celebrata nella Domus Sanctae chiuse Papa Francesco ha avanzato sis, mentem Nostram vertimus Teque
Marthae. Tra i concelebranti erano Archiepiscopo Metropolitae hisce Litteris Missum Extraordinarium
il dubbio che questa gente «forse Cracoviensi
l’arcivescovo Mario Zenari, nunzio dimentica le carezze della mamma, Nostrum nominamus ad memoratam
apostolico in Siria, e monsignor quando erano piccoli. Queste co- Kaunensis ecclesialis communitas gra- celebrationem sextae centenariae me-
D ražen Kutleša, vescovo di Poreč i munità non sanno di carezze; san- to animo sollemnique modo sextam moriae exstructionis basilicae cathe-
Pula, Croazia. Ad assistere alla no di dovere, di fare, di chiudersi celebrat centenariam memoriam erec- dralis Kaunensis, quae illa in urbe die
messa c’erano tra gli altri il perso- in una osservanza apparente. Gesù tionis aedis cathedralis quae, anno V proximi mensis Maii agetur.
nale del Servizio delle Poste Vati- gli aveva detto: “Voi siete come MCDXIII exstructa, inter prima Litua- Sollemni ergo praesidebis Euchari-
cane e un gruppo di volontari del una tomba, come un sepolcro, niae christiana templa annumeratur. stiae atque iam dictum Archiepisco-
dispensario pediatrico «Santa Mar- Architecturae pulchritudine eminet et, pum aliosque sacros Praesules, sacer-
bianco, bellissimo, ma niente di
ta» in Vaticano. potissimum, testimonio multorum fi- dotes, religiosos viros mulieresque, pu-
più”. Pensiamo oggi alla Chiesa,
Il Papa in particolare si è soffer- delium qui, saeculorum decursu, divi- blicas auctoritates atque universos
chiuso, non erano aperti alla novi- nità chiacchierone, che parlano tanto bella. Questa Chiesa che va
mato sulla pagina degli Atti degli na hoc in aedificio efflagitabant sibi christifideles Nostro salutabis nomine.
tà dello Spirito Santo. Credevano contro, distruggono l’altro» e guar- avanti. Pensiamo ai tanti fratelli
apostoli (13, 44-52) che narra pro- suisque dona nec non omnibus Litua- Optamus insuper ut cuncti illustrem
che tutto fosse stato detto, che tut- dano solo a se stesse, come fossero che soffrono per questa libertà del-
prio il confronto tra due comunità niae incolis, sanctis apostolis Petro et historiam Ecclesiae in Lituania reco-
religiose: quella dei discepoli e to fosse come loro pensavano che al riparo di un muro. «Invece la lo Spirito e soffrono persecuzioni, Paulo intercedentibus. Sacra eadem
dovesse essere e perciò si sentivano comunità libera — ha fatto notare adesso, in tante parti. Ma questi lentes, novis viribus novoque studio
quella che il Pontefice ha definito aedes ecclesia deinde facta est cathe- peculiarem dilectionem erga Christi
«dei giudei chiusi, perché non tutti come difensori della fede. Inco- il Papa — con la libertà di Dio e fratelli, nella sofferenza, sono pieni dralis atque titulum accepit Basilicae
di gioia e di Spirito Santo. Questi Ecclesiam et Evangelium demonstrent
i giudei erano così». Nella comuni- minciarono a parlare contro gli dello Spirito Santo, andava avanti. minoris. Quandoquidem, anno
fratelli, queste comunità aperte, atque fidei alacritate in cotidiana vita
tà dei discepoli, ha spiegato, si at- apostoli, a calunniare. La calun- Anche nelle persecuzioni. E la pa- MCMXXVI, Provincia Metropolitana
missionarie, pregano Gesù perché emineant.
tuava il comando di Gesù — “An- nia». Questo è un atteggiamento rola del Signore si diffondeva per Kaunensis est constituta, eadem aedes
date e predicate” — e dunque si che si riscontra nel cammino della tutta la regione. È proprio della sanno che è vero quello che ha dignitatem cathedralis templi Archie- Nos autem Te, Venerabilis Frater
predicava e quasi tutta la città si storia; è proprio dei «gruppi chiusi comunità del Signore andare avan- detto e che abbiamo sentito ades- piscopi Metropolitae accepit. Angu- Noster, qui peculiari affectu Ecclesiam
radunava per ascoltare la parola patteggiare col potere; risolvere le ti, diffondersi, perché il bene è co- so: “Qualunque cosa chiederete nel stiarum temporibus, praesertim sub re- Metropolitanam Kaunensem sequeris
del Signore. E, ha notato Papa questioni “fra noi”. Come hanno sì: si diffonde sempre! Il bene non mio nome, la farò”. La preghiera è gimine religioni infenso, omnibus fide- cuique reliquias beati Ioannis Pauli II
Francesco, si era diffusa tra la gen- fatto quelli che, la mattina della ri- si piega dentro. Questo è un crite- Gesù. Le comunità chiuse pregano libus Lituaniae signum fuit clarissi- dono tradidisti, in tua missione im-
te un’atmosfera di felicità che surrezione, quando i soldati sono rio, un criterio di Chiesa. Anche i poteri della terra perché li aiuti- mum servandae religionis christianae plenda precibus comitabimur. Denique
«sembrava non sarebbe mai stata andati a dir loro: “Abbiamo visto per il nostro esame di coscienza: no. E quella non è una buona stra- atque fidelitatis erga Apostolicam Se- Benedictionem Nostram Apostolicam
vinta». Quando i giudei videro questo”, gli hanno imposto “State come sono le nostre comunità, le da. Guardiamo Gesù che ci invia a dem. libentes Tibi impertimur, signum No-
tanta felicità «furono ricolmi di ge- zitti! Prendete...” e con i soldi han- comunità religiose, le comunità evangelizzare, ad annunciare il suo strae erga Te benevolentiae et caele-
Dilecti Kaunensis gregis fideles, di-
losia e incominciarono a persegui- no coperto tutto. Questo è proprio parrocchiali? Sono comunità aper- nome con gioia, pieni di gioia. stium donorum pignus, quam omni-
ligenti sane Pastore et sacerdotibus
tare» questa gente che «non era l’atteggiamento di questa religiosi- te allo Spirito Santo, che ci porta Non abbiamo paura della gioia bus celebrationis participibus rite tran-
moderantibus, originem et historiam
cattiva; erano persone buone, che tà chiusa, che non ha la libertà di sempre avanti per diffondere la dello Spirito. E mai, mai immi- smittes.
ecclesiae cathedralis recolentes, in spi-
avevano un atteggiamento reli- aprirsi al Signore». Nella loro vita parola di Dio o sono comunità schiamoci in queste cose che, alla ritali itinere diligenter progredi conan- Ex Aedibus Vaticanis, die V mensis
gioso». pubblica «per difendere sempre la chiuse?». lunga, ci portano a chiuderci in tur. Ipse Archiepiscopus Metropolita Aprilis, anno MMXIII, Pontificatus No-
«Perché lo hanno fatto?» si è verità, perché credono di difendere La persecuzione — ha poi ag- noi stessi. In questa chiusura non Kaunensis, Venerabilis Frater Sigitas stri primo.
chiesto. Lo hanno fatto «semplice- la verità» scelgono «la calunnia, il giunto il Pontefice — comincia per c’è la fecondità e la libertà dello Tamkevičius, S.I., fideles sibi creditos
mente perché avevano il cuore chiacchierare. Davvero sono comu- motivi religiosi, per gelosia, ma an- Spirito». est adhortatus ut in diuturna huius ca- FRANCISCUS