Sei sulla pagina 1di 68

321 gennaio 2018

www.altroconsumo.it

GLI INSETTI ARRIVANO SULLE ALLA SCOPERTA DI QWANT, TEST


NOSTRE TAVOLE: GLI ITALIANI IL MOTORE DI RICERCA H  Frullatori
SONO PRONTI A MANGIARLI? CHE TUTELA LA PRIVACY H  Seggiolini
H  Rasoi elettrici
H  Memorie usb
Anno XLIV - Altroconsumo: via Valassina 22, 20159 Milano - Poste Italiane s.p.a. Spedizione in a.p.- D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, LO/MI

H  Antipidocchi
H  Auto compatte
In caso di mancato recapito, restituire al Cmp di Milano Roserio per la restituzione al Mittente previo pagamento resi - 12 euro

IL DADO NON
È ESTRATTO
A VOLTE LA CARNE PROPRIO NON C’È
MENTRE SI ESAGERA
CON ADDITIVI E SALE
I nostri SOS HI-TECH
valori UN NUOVO SERVIZIO DI ASSISTENZA TELEFONICA
PER AIUTARTI A RISOLVERE I PICCOLI E GRANDI
Indipendenti PROBLEMI CON PC, TABLET E SMARTPHONE
Le nostre pubblicazioni
non contengono pubblicità.
Non accettiamo prodotti gratuiti
e non realizziamo test
su richiesta dei produttori.
Scegliamo solo laboratori
competenti e indipendenti
da qualunque interesse. Il pc si è bloccato per un virus?
L’indipendenza è totale,
a garanzia di obiettività
Non riesci ad aggiornare il sistema
di giudizie consigli. operativo dello smartphone?
Fino al 10 marzo è attivo un nuovo
Efficaci
Il nostro metodo di lavoro servizio di assistenza tecnica.
si basa su criteri di rigore Ogni intervento costa 14,99 euro
scientifico, efficienza
e competenza.
per i soci (19,99 euro per i non soci).
A test e inchieste lavorano Disponibile dal lunedì al venerdì
tecnici qualificati e specialisti dalle 9 alle 19 e il sabato dalle 9 alle 13.
di settore, che mettono
la loro professionalità È necessario registrarsi alla pagina
al servizio dell’informazione,
della consulenza, della
risoluzione concreta www.altroconsumo.it/SOShitech
dei problemi.

Dalla tua parte


La nostra missione
è esclusivamente orientata
a soddisfare le necessità
dei consumatori e a tutelare
i loro diritti. Per questo offriamo
servizi di consulenza individuale
e portiamo la voce e le istanze
dei consumatori presso gli
interlocutori istituzionali e sociali.

ABBONAMENTI 2018
Altroconsumo
annuale 101 euro
trimestrale 25,25 euro
Altroconsumo+Soldi&Diritti
annuale 147,60 euro
trimestrale 36,90 euro
Altroconsumo+Test Salute
annuale 150,80 euro
trimestrale 37,70 euro
Altroconsumo+Soldi&Diritti
+Test Salute
annuale 197,40 euro
trimestrale 49,35 euro

Per contattarci
www.altroconsumo.it/contattaci
tutti i numeri di telefono a p.64

2 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Sommario
321 gennaio 2018

06 Editoriale
La parola al direttore.
06 Notizie
Novità, consigli e aggiornamenti
32
Abbiamo provato
sulle nostre attività. sia i prodotti per fare
06 Dire fare cambiare il brodo vegetale
sia il classico. Meglio
Dibattito, segnalazioni, 30 A prima vista però farlo in casa.
denunce. A 360°, da tutto Impressioni e giudizi su prodotti
il mondo, per i nostri diritti. appena usciti sul mercato.

INCHIESTE E ATTUALITÀ TEST


12 Gradisce due insetti? 26 Non svalvoliamo 32 Non tutto fa brodo 52 Auto e consumi
Nutrienti, economici, a basso Le valvole ai caloriferi non Alla prova dadi, granulari, Con il test verifichiamo al
impatto ambientale: in futuro ci servono a nulla se il condominio gel e liquidi. In alcuni troppo meglio anche le emissioni.
sfameremo con gli insetti? disperde calore. sale e additivi.
56 Che memoria!
15 Verso nuove ricerche 37 In auto al contrario Meglio salvare i dati: le
Con i seggiolini i-Size i bimbi migliori schede e chiavette.
Qwant è un motore di ricerca
appena approdato in Italia 26 viaggiano in auto in senso
opposto a quello di marcia. 59 Tablet al test
che punta a tutelare la nostra
privacy. Ci riuscirà? I piccoli perdono il loro
40 Top 5 fascino: i grandi migliori.
18 Fare la spesa online Termoventilatori
Oltre a essere comodo, burrocacao, lavastoviglie
comprare nei supermercati pneumatici, stufe pellet.
online può essere anche molto
42 Aiuto, i pidocchi
conveniente.
Prevenirli non si può, ma con
il prodotto giusto si possono
52
22 Braccialetti connessi
Per il fitness o per la salute? eliminare.
A volte il confine tra gadget e
dispositivo medico si perde. 46 Diamoci un taglio
Rasoi alla prova: vale la pena
spendere un po’ di più.

49 Per fare la zuppa


62 Adesso lo sai 64 Lettere
I frullatori sono cari e
Impermeabilizzanti - Cibo per Dall’esperienza dei soci che ce
rumorosi: le alternative.
animali - Arriva l’influenza l’hanno fatta, lo stimolo a non
cedere. Scriveteci.

APPROFONDISCI GLI ARGOMENTI SU www.altroconsumo.it

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 3


LA SALUTE È UN TUO DIRITTO.

”Diritti in salute” è la nuova Guida Pratica che ti aiuta a capire come


muoverti nel servizio sanitario nazionale. Informazioni, consigli, risposte
per non perdere tempo con gli aspetti burocratici e pensare invece solo
alla tua salute. ”Diritti in salute” è il regalo esclusivo che Altroconsumo
dedica a tutti i suoi soci. Approfittane.

Oppure puoi sempre andare su altroconsumo.it/guidepratiche


e scegliere la Guida che fa per te tra gli oltre 60 titoli in catalogo.
DIFENDILO CON UNA GUIDA.

GUIDA PRATICA 14,45 €


+ VERSIONE DIGITALE 9,99 €
Entrambe in regalo per te
Codice G806 - 176 pagine

SFRUTTA IL TUO CODICE DI GENNAIO VA18010 E IL CODICE DELLA GUIDA G806.


NON PERDERE QUESTA OCCASIONE. È UN REGALO ESCLUSIVO DEDICATO AI SOCI.
ORDINARE È FACILISSIMO:

Chiama lo 02 6961506 e comunica il tuo codice


Vai su altroconsumo.it/guidepratiche
Socio e il codice della Guida Pratica che hai scelto

OFFERTA VALIDA SINO AL 31 GENNAIO. Trovi le condizioni dell’offerta a pagina 67.


Tutta la nostra esperienza sarà tua con un piccolo contributo di 1,95 euro per le spese amministrative. La guida che scegli te la regaliamo noi.
EDITORIALE PRIMO PIANO
Dire fare cambiare

L’Opec riduce
la produzione
di petrolio
Ce lo aveva spiegato Leonardo
Maugeri, intervistato su
Altroconsumo a marzo
ROSANNA MASSARENTI dell’anno scorso: il mondo
DIRETTORE del petrolio è in una crisi di
sovrapproduzione. Alla fine
dell’anno scorso l’Opec ha

Tutti nella rete


confermato infatti la riduzione
della produzione, prolungando
fino al mese di dicembre 2018
la riduzione di 1,8 milioni di
Neanche ce ne rendiamo conto, ma quasi tutti diamo per scontato che barili al giorno già stabilita,
uno solo sia il motore di ricerca per trovare informazioni in internet, uno e prevista in origine fino al
il sito per gli acquisti, uno il social network a cui affidare commenti, se prossimo marzo. Questo
non i nostri fatti più privati. Google & Co, grazie alle loro connessioni dovrebbe far alzare il prezzo
del greggio, sostenendo le
e algoritmi, si sono conquistati un predominio assoluto in rete che
neccessità della Russia. Ma
lascia poco spazio a concorrenti, che potrebbero sviluppare soluzioni e ne gioverà anche il sistema
servizi innovativi e garantire un sano pluralismo. Con le nostre attività statunitense dello “shale gas”,
quotidiane - ricerca di informazioni, email, spostamenti, acquisti - che soffre prezzi troppo bassi.
offriamo loro una quantità enorme di dati, che autoalimentano la
concentrazione del potere nelle mani di questi colossi e allo stesso
tempo ci sentiamo gratificati, perché tutto è semplice, facile e
comodo. Ma a che prezzo? L’indagine conoscitiva sui Big data avviata
lo scorso maggio congiuntamente da tre Autorità - Antitrust, delle
comunicazioni e per la protezione dei dati personali - vuole proprio La scienza
indagare e verificare la necessità di un eventuale rispettivo intervento, della nutrizione
là dove le strategie delle piattaforme
digitali e la raccolta ed elaborazione La profilazione applicata nella
di dati rischino di interferire con la
degli utenti seleziona vita quotidiana:
libera concorrenza dei mercati, con gli
interessi, la riservatezza, la dignità dei le informazioni opportunità
cittadini e con il pluralismo informativo. che ricevono o utopia?
È già tanto essere consapevoli dei
rischi a cui siamo esposti, e purtroppo molti, troppi, non lo sono. Abuso di Lucilla Titta
di posizione dominante e violazione della privacy dei padroni della
rete sono già stati più volte denunciati e anche sanzionati. Si sono
avviate class action, come quella inglese contro Google, e il mondo
dell’informazione è in allarme per il fenomeno delle fake news, certo non Lo stile alimentare, in pratica la
nuovo, ma più pericoloso perché amplificato. Perché il problema oggi quantità, la qualità e la frequenza
non è tanto la libertà di espressione - che c’è, semmai è usata male - ma degli alimenti che consumiamo, è
il fattore ambientale più potente in
come si formano o si consolidano le nostre idee, processo in cui la rete grado di influire sullo stato di salute
ha un ruolo importante. Abbiamo provato un motore di ricerca europeo, e sull’aspettativa di vita di tutti noi.
Qwant, da poco lanciato in Italia (vedi a pagina 15). Non sappiamo se sarà C’è una mole di letteratura scienti-
capace di imporsi, ma la possibilità di navigare in maniera neutra, senza fica a sostegno di questa osserva-
zione: gli studi epidemiologici, nei
che si sfrutti, a ogni ricerca, una memoria storica di chi siamo e di cosa ci
quali si osservano le associazioni
piace, non filtrando dunque le informazioni in base alle nostre preferenze, tra il consumo di alimenti e l’insor-
abitudini, opinioni, è un’opzione in più, di cui molti sentono il bisogno. Per genza di malattie; gli studi di inter-
essere liberi di scegliere, liberi di esplorare. Liberi, punto. Buon anno. vento nutrizionale, in cui si valuta-
no gli effetti dei consumi di alimenti

6 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Product name

Class action
contro Google
Nel Regno Unito un gruppo di
utenti dell’iPhone ha lanciato
una class action contro Google.
L’accusa nei confronti del
colosso americano è di avere
violato la privacy di milioni di
persone (il caso riguarderebbe
fino a 5,4 milioni di utenti),
impadronendosi illegalmente
delle informazioni sulla loro
navigazione, poi sfruttate
per vendere un servizio di
pubblicità profilata sui clienti.
Google avrebbe agito nel 2011
SABRINA D’ALESSANDRO
e 2012, aggirando il sistema
URPS - Ufficio Resurrezione Parole Smarrite
standard di protezione dei dati
Derivato dal latino līnĕa con prefisso tra (al di là), tralignante è chi degenera, allontanandosi dalle del browser Safari. Gli utenti,
virtù del suo “lignaggio” (dalla “linea” della propria parentela o stirpe). Letteralmente il tralignare uniti nel gruppo Google you
è concetto vetusto, legato a questioni ormai polverose, ma in senso assoluto si svincola dal owe us (www.youoweus.co.uk)
contesto familiare per applicarsi a chiunque perda per strada le sue qualità o i suoi valori. Alto chiedono ora un risarcimento:
lignaggio o meno, chi nella vita rinuncia a migliorare, inevitabilmente traligna. la causa potrebbe valere fino a
3,63 miliardi di dollari.

sui fattori di rischio di malattia; gli


studi su modelli animali e cellulari.
Ad oggi possiamo dire però che
abbiamo indicazioni molto valide
Bisogna tradurre
Oggi le ricerche di nutrigenomica, ed efficaci per aiutare a mette- le acquisizioni
la scienza nutrizionale più all’avan- re in pratica uno stile alimentare
guardia, in cui si studiano gli effetti protettivo per la salute e quindi scientifiche in
degli alimenti sul funzionamento
dei nostri geni, hanno stabilito che
abbassare il rischio di insorgenza
delle malattie croniche più diffuse.
politiche concrete
alcuni nutrienti modificano con- Queste informazioni derivano dagli
tinuamente il modo in cui i nostri studi epidemiologici che, analiz-
geni regolano le funzioni del nostro zati e valutati dalle società scien-
organismo. La nutrizione rappre- tifiche internazionali, vengono
senta quindi il fattore ambientale elaborati in raccomandazioni per Lucilla Titta
più duraturo, persistente e variabi- la popolazione. Sappiamo quindi Nutrizionista, ricercatrice presso
le che probabilmente ha contribui- che un’alimentazione protettiva l’Istituto Europeo di Oncologia
to a modellare il “comportamento” per la salute si basa su alimenti (Milano)
del genoma umano. di origine vegetale come ortaggi,
Di fronte a tali scoperte, ci si do- legumi, cereali e derivati integrali,
manda perché gli scienziati non ci frutta fresca, frutta a guscio, semi no trite e ritrite, non vengono pro- obiettivo comune quello che po-
forniscano diete personalizzate oleosi e olii vegetali (oliva e semi). mosse e tradotte attraverso poli- trebbe fare davvero la differen-
che ci proteggano dalle malattie Le raccomandazioni indicano inol- tiche concrete. In Italia (come nel za: aumentare l’attenzione sul
croniche più diffuse come tumori, tre che gli alimenti di origine ani- resto del mondo) organi regolatori, tema dell’alimentazione come
diabete, malattie cardiovascolari e male, in particolare le carni rosse sanità, industria alimentare e ri- strumento di prevenzione delle
neurodegenerative e che quindi ci e conservate, dovrebbero essere storazione difficilmente si trovano malattie, aumentare l’attenzio-
facciano vivere più a lungo e in sa- ridotti nelle proporzioni di una die- uniti nel perseguire le linee guida ne sui rischi di un’alimentazione
lute. In realtà poter valutare in ogni ta salutare ed infine che i consumi per la prevenzione nutrizionale. scorretta, motivare cambiamen-
individuo l’effetto sul Dna dei cibi di sale e zucchero non dovrebbero Gli interventi per migliorare la si- ti nei comportamenti alimentari.
e delle innumerevoli sostanze che superare limiti precisi (vedi anche il tuazione, anche se apparente- E indurre una scelta salutare ba-
li compongono e quindi disegnare sito www.sinu.it). mente efficaci e di grande qualità, sata sulle linee guida delle società
per ogni persona il percorso ali- Queste considerazioni, nonostan- sono slegati e puntiformi. scientifiche, regolando l’offerta
mentare più idoneo per la propria te trovino un consenso scientifico Non esiste una rete organizza- dell’industria alimentare e della ri-
salute appartiene ancora al futuro. a livello internazionale e ci sembri- ta a diversi livelli che abbia come storazione collettiva.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 7


PRIMO PIANO
Notizie a cura di Stefania Villa
Black
Friday 2017
vendite Amazon

2 mln
ACQUISTI

Saldi, saldi, saldi, di prodotti

quanti saldi

Tempo di sconti. Black


Ora, ma non solo: i ribassi Friday 2016
ormai sono pervasivi, vendite Amazon

1 mln
"Il consumismo eccessivo soffoca
offline e online. il Pianeta": l'azione dimostrativa di

Bene, ma con la testa. Greenpeace tra i negozi di Roma


di prodotti

I saldi prendono il via il 5 gennaio, di neuromarketing - attiva Greenpeace lanciando la sua l'affare, che non sempre è un
escluse Basilicata (dove si parte il infatti l'illusione di essere iniziativa dimostrativa (foto vero affare. Abbiamo fatto alcune
2), Valle d'Aosta (il 3) e Sicilia (il 6). sempre davanti a un affare da in alto) in occasione del Black prove il giorno del Black Friday
Un periodo in cui approfittare dei non lasciarsi sfuggire. Ormai, Friday, il venerdì di supersconti sui siti di Mediaworld e Unieuro
ribassi per fare buoni acquisti, con inoltre, gli sconti non sono più di novembre arrivato dagli e abbiamo visto che i prezzi non
alcune accortezze: ad esempio, il un'esclusiva dei saldi stagionali, Usa anche in Italia. In molti erano i più convenienti online.
prezzo e lo sconto esposti sono ma si trovano tutto l'anno e quest'anno l'hanno spalmato Stessa cosa per il "Black Friday
vincolanti per l'esercente e la sia offline sia online. Se da un su una settimana intera e anche Luce" di Enel Energia. Il consiglio,
merce in saldo deve essere, per lato aumentano le possibilità sui servizi, oltre che sui prodotti. sempre valido, se si vuole fare un
legge, quella della stagione che è di risparmio, dall'altro la corsa Black Friday, Cyber Monday (il acquisto conveniente, è di non
in corso. all'acquisto continuo rischia di lunedì successivo per le offerte di farsi mettere troppa fretta, ma
fare perdere di vista l'utilità e prodotti tecnologici), Black Hour di prendersi un attimo in più per
L'ansia dello sconto la reale convenienza di ciò che (60 pezzi a 0,99 euro per una sola valutare più alternative. E per
Un occhio a scaffali e cartellini, si compra, con tutto ciò che ora al giorno sul sito e-Price), siti capire se è il marketing che ci sta
quindi, ma anche alle emozioni, ne consegue. «Acquistiamo vari di prodotti scontati, prezzi spingendo a comprare o se siamo
quelle che guidano i nostri senza pensare, noncuranti dei in offerta nei negozi fisici "solo noi a volerlo davvero.
comportamenti di acquisto: il possibili impatti ambientali e fino a": si moltiplicano i momenti
solo fatto di avere prezzi più sociali che questo spreco di dell'anno in cui il marketing spinge Più consigli sui saldi su:
bassi - lo dimostrano gli studi risorse può generare», ha scritto ad affrettarsi per aggiudicarsi www.altroconsumo.it/saldi

BOLLETTE

Stop ai mesi di 28 giorni, ora occhio alle tariffe


Abolita la fatturazione ogni 28 giorni, che fatture di luce e gas perché "i costi sono
ci avrebbe portato a pagare oltre l'8% in vincolati ai consumi", a detta dell'Autorità
più all'anno. Ritornano le fatture mensili dell'Energia.
per telefonia fissa, mobile e pay tv. Lo Ora le compagnie per adeguarsi avranno
ha stabilito un emendamento al Decreto 120 giorni dall'entrata in vigore della
fiscale, che accoglie anche le richieste che legge di conversione del Decreto fiscale.
avevamo fatto al ministro dello Sviluppo Se dovessero violare la norma dovranno
economico Carlo Calenda. pagare ai clienti un indennizzo forfettario
È una vittoria, anche se vigileremo pari a 50 euro entro una data stabilita
perché le compagnie non si rivalgano dall'Autorità delle Comunicazioni, più
sui consumatori per i mancati guadagni, un euro per ogni giorno successivo alla
magari aumentando le tariffe o cambiando scadenza. Raddoppiano anche le sanzioni
in altro modo le regole a loro vantaggio. dell'Agcom: da un minimo di 240.000
Restano escluse dall'emendamento le euro a un massimo di 5 milioni.

8 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Farmaci mancanti: segnalaceli
Sei andato in farmacia e non hai trovato il farmaco che il medico ti ha prescritto? Stiamo raccogliendo
le segnalazioni per capire le ragioni di queste mancanze. Vai su altroconsumo.it/farmaciintrovabili

INQUINANTI
LIBRI
Pfas: problematici i pesci
I risultati del monitoraggio
sugli alimenti in Veneto.

Sono piuttosto rassicuranti gli ultimi dati


di monitoraggio sugli alimenti per quanto
riguarda l'inquinamento da sostanze
perfluoroalchiliche che possono entrare
nella catena alimentare attraverso l'acqua
contaminata della "zona rossa" in Veneto
(una sessantina di comuni nelle province Hans Magnus Enzensberger
di Vicenza, Verona e Padova). Livelli di Parli sempre di soldi!
contaminazione significativi sono stati Einaudi
riscontrati soltanto nelle specie ittiche di Una campagna 181 pagine - 18,50 €
cattura, tanto che la Regione ha emesso No Pfas dei
comitati locali
un'ordinanza che vieta per un anno il Ne consigliamo la lettura
consumo di pesce pescato nell'area Perché stimola la curiosità
a rischio. La situazione, invece, per gli e il dubbio su aspetti
altri alimenti analizzati (614 campioni contaminazione rilevabile da Pfos (acido
di alimenti di origine vegetale e 634 perfluorottansulfonato) e Pfoa (acido
dell'economia
campioni di alimenti di origine animale) perfluoroottanoico), gli inquinanti più che si tendono a dare
dice l'Istituto superiore di Sanità, “non persistenti, riconosciuti come interferenti per scontati.
evidenzia particolari criticità”. Gli alimenti endocrini e correlati a patologie
di origine vegetale sono risultati esenti da riguardanti pelle, polmoni e reni. Né un testo di divulgazione
economica né un romanzo
classico, ma un “breve
romanzo economico”.
Le illustrazioni (tra cui il
“Vademecum di zia Fé”,
Tari gonfiata: non tutti sono interessati. Come capire? vergato a mano), le tante
Diversi Comuni hanno calcolato male l'imposta sui rifiuti addebitando più volte la parte variabile citazioni tratte dalle fonti
della tariffa. Ma, in caso di errore, sono interessati solo gli immobili che hanno pertinenze più disparate (dal Talmud a
(box, cantina ecc). Più informazioni su altroconsumo.it/tarisbagliata o allo 02.6961570. Nietzsche, passando per
Esiodo) che costellano le
pagine, il glossario tecnico
finale rendono difficile scegliere
lo scaffale della libreria in cui
FAKE NEWS Facile cascarci, si tenta di resistere riporlo. Il suo pregio è stimolare
con leggerezza una riflessione
su questioni trascurate e
Al 52,7%, più della metà degli italiani, è quello delle fake news è un fenomeno considerate pesanti, a partire
capitato di credere a notizie false circolate pericoloso. Soprattutto le persone più da quella fondamentale: che
in rete. A rilevarlo è il 51esimo Rapporto istruite pensano che vengono create ad cosa è il denaro? Per arrivare a
sulla situazione sociale del Paese del hoc per inquinare il dibattito pubblico una serrata critica del mondo
Censis. La percentuale sale al 58,8% tra (74,1%) e che favoriscono il populismo della finanza. Più ricco di
i più giovani che dichiarano di crederci (69,4%). Interviene sul tema anche la domande che di risposte, il libro
spesso nel 12,3% dei casi. Il rapporto Commissione europea che ha avviato sul è basato sui racconti di una zia
registra quanto i social abbiano avuto una sito www.ec.europa.eu una consultazione ricchissima, anticonformista e
forte espansione anche come fonte di pubblica sul tema, un questionario a cui molto scettica, che smaschera
informazione: Facebook, uno dei social si può rispondere fino al 23 febbraio. I senza remore a vantaggio dei
più sotto accusa per la diffusione di fake risultati, insieme al lavoro di un team di suoi tre nipoti le tante storture
news, è utilizzato per questo scopo dal esperti, aiuteranno a capire l'efficacia e i rischi del mondo tentacolare
35% degli italiani e la percentuale sale al delle misure anti-bufale messe in atto della finanza.
48,8% tra i giovani. Aumenta però anche dalle big del web come Facebook e Google NATALIA MILAZZO
la percezione del problema: per il 77,8% e a definire nuove mosse dell’Ue.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 9


BIG DATA SHARING: RACCOLTE
FONDI IN CORSA
Privacy: zero attenzione, È salito del 45% nel
ma sapere cambia le cose 2017 il mercato del
crowdfunding, quello
Nessuno legge le condizioni online, ma poi si diventa dei siti per finanziare
cauti quando si pensa ai possibili usi dei propri dati. progetti e start up.
Sono i dati emersi a
In un suo esperimento, Future vorrebbe avere più possibilità Share Italy, convention
Intelligence, sito di informazione per definire le impostazioni di
inglese specializzato in nuove privacy e il 60% non è d'accordo Le condizioni annuale sull'economia
tecnologie, ha creato varie sul fatto che le aziende di privacy dei della condivisione.
reti wifi libere a Londra. Per usino i propri dati per motivi servizi online Altroconsumo
connettersi si dovevano commerciali, anche se offrono
accettare termini e condizioni servizi gratuiti. Anzi, il 60% ha partecipato
di utilizzo che includevano una pensa che i cittadini dovrebbero
con l'inchiesta su
clausola molto particolare: ricevere una qualche forma di 91%
cedere alla società i propri ricompensa per il valore creato Airbnb&Co. finanziata
primogeniti. Una provocazione, dalle società grazie ai loro dati. dalla Regione
ma chi si connetteva accettava. Se nel caso dei negozi online
La nostra indagine conferma gran parte delle persone (71%)
Non le legge Lombardia con i fondi
o non le legge
la scarsa attenzione online: non si trova a disagio con il
attentamente del ministero dello
il 91% delle persone barra la fatto che si utilizzino i dati per
casella "accetta" senza leggere conoscerli meglio e quindi per Sviluppo Economico
o non leggendo attentamente offrire servizi e prodotti più (vedi l'articolo su
le condizioni sulla privacy, personalizzati, le cose cambiano
perché tanto deve accettarle con altri temi: al 59% non 57% AC 320 dicembre 2017).
se vuole usare il servizio (87%), piacerebbe che le informazioni
perché troppo lunghe (57%) o su salute e stili di vita deducibli
complicate (19%). Come dargli dalle attività online o da Non le legge
torto, ma intorno ai dati degli dispositivi come i braccialetti perché sono
utenti si muove l'economia contapassi fossero usati da troppo lunghe
digitale e per questo serve un'assicurazione per adattare
esserne consapevoli (vedi AC il premio da fargli pagare. Ma
319 novembre 2017). Emerge perché è possibile? Ne parliamo Rilevazione: maggio 2017.
Campione: 995 utenti
però un certo disappunto: l'84% nell'articolo a pag 22. Internet 18-64 anni

Aderisci alla nostra campagna internazionale per chiedere più trasparenza: www.imieidaticontano.it

CYBERSICUREZZA
SPID
Uber: l'attacco
Identità pubblica digitale poco trasparente
hacker taciuto
Abbiamo segnalato al Garante per la utenti. Ad esempio, Aruba fa accettare
protezione dei dati personali Aruba, le condizioni di privacy in toto, anche Uber, l'app per prenotare un'auto
Sielte, Infocert, Poste Italiane e Tim, i per scopi promozionali, senza dare la con conducente, ha perso i dati
gestori con cui si attiva Spid (il sistema possibilità di scelta selezionando ad (nomi, mail ecc.) di 57 milioni
pubblico di identità digitale, che permette esempio specifiche caselline per dare il di utenti in seguito a un attacco
di accedere con un unico nome utente e consenso, come prevede la normativa. hacker, ma lo ha dichiarato a fine
password a Inps, Agenzie delle Entrate Tim, invece, non richiede il consenso 2017, dopo un anno. Da maggio
ecc. ). A seguito della nostra inchiesta su esplicito per l’invio di pubblicità di terzi. il Regolamento Ue 2016/679
Soldi&Diritti 157 novembre 2017, abbiamo E tutte le società, in un modo o nell'altro, obbligherà ad avvertire autorità e
rilevato mancanze di trasparenza da si deresponsabilizzano per i casi di perdita utenti in caso di violazioni e rischi
parte delle società nell'uso dei dati degli e di violazione dei dati. per la privacy.

10 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Guida fiscale online: scelta green
La guida al 730 non è più cartacea, ma online su www.altroconsumo.it/730: evitata la stampa
di più di 13 milioni di fogli a colori, l'equivalente di circa 164 alberi. E l'ambiente sorride.

ANTITRUST: STOP
ITALIAN SOUNDING

Bandiere tricolore e
diciture sull'italianità
del prodotto, ma con
pomodori turchi,
carciofi egiziani
ecc. L'Antitrust ha
richiamato Citres,
Conserve Bonetto e
Fertitecnica Colfiorito,
che si sono impegnate
a migliorare le
etichette di alcuni
prodotti. Se l'ultima
trasformazione
avviene in Italia,
PUBBLICITÀ
il "made in Italy" è
Unicredit "un per cento": non così conveniente lecito, ma l'Autorità
conferma che le
Pubblicizzatissimo il Nuovo Mutuo UniCredit 1%: nello spot consente di "mettere radici" a un tasso
molto basso ma, in realtà, il Tan varia molto in base a durata del mutuo e percentuale finanziata (fino al
confezioni non devono
4,80% se è il 100%); le altre spese riducono la convenienza. Cerca il mutuo su altroconsumo.it/mutui. comunque confondere.

CALENDARI DELL'AVVENTO ABITI USATI


Finti cassonetti smascherati
Cioccolatini Rivenduti in Tunisia o sulle bancarelle ha fatto finire sotto inchiesta cinque
di Napoli e Caserta, invece che essere trafficanti, due dei quali direttamente
Altromercato a rischio donati ai bisognosi in Africa. Era questo in carcere. Non è la prima volta che
il destino dei vestiti usati che venivano organizzazioni criminali macchiano la
La sicurezza dei prodotti alimentari è raccolti attraverso cassonetti gialli credibilità di una raccolta differenziata
da sempre al centro dei nostri test: a abusivi di una finta onlus dedita al fatta di tanti operatori onesti.
inizio dicembre abbiamo pubblicato su traffico illecito, “L'Africa nel Cuore” (da Complici purtroppo una filiera opaca
altroconsumo.it/calendariavvento i risultati non confondere con quella vera, "Africa e controlli insufficienti. I cassonetti
del test internazionale sui cioccolatini di nel cuore", modenese, che invece nella gialli in regola riportano sito web,
venti calendari dell'Avvento (tipicamente vicenda è parte lesa). I punti di raccolta indirizzo fisico e numero fisso dell'ente
regalati ai bambini), di cui 5 venduti abusivi erano stati piazzati in un che li gestisce. In caso di dubbi, si può
anche in Italia. In tutti abbiamo trovato centinaio di comuni del Nord, perlopiù telefonare al proprio Comune, che ha
sostanze contenute negli oli minerali lombardi. L'operazione del Noe (Nucleo la mappatura completa dei contenitori
potenzialmente rischiose, i Mosh. In quello operativo ecologico dei carabinieri) autorizzati.
di Altromercato (Adventskalendar) c'erano
anche i Moah, più pericolosi perché
potenzialmente cancerogeni. Lo abbiamo
segnalato al ministero della Salute. Non Abiti buttati Abiti raccolti con Quota che arriva
c'è ancora una legge chiara in merito e il ogni anno in Italia i cassonetti gialli ai bisognosi
Fonte: Ispra

problema degli oli minerali negli alimenti


è piuttosto diffuso: a febbraio i risultati su
altri 35 prodotti tra pasta, riso, cereali, ecc. 80.000 t 10.000 t 50-70%
www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 11
ATTUALITÀ
Insetti edibili

Che ne sai tu
di un piatto di grilli?
Gli insetti sono nutrienti, economici da allevare e a basso impatto ambientale.
Nel 2050 saremo 9 miliardi. Per sfamarci, l'Ue ne ha già autorizzato il consumo.
di Sonia Sartori

S
e per voi il grillo rimarrà sempre e 2050 la popolazione sarà di 9 miliardi, con
solo il famoso personaggio parlante un crescente fabbisogno di proteine e una
di Pinocchio, allora il cibo a base di drastica riduzione di risorse e terreni da de-
insetti che a partire da quest'anno IN SINTESI stinare alla coltivazione e all'allevamento.
comparirà sugli scaffali dei supermercati A questa prospettiva si è allineata l'Unione
Pro e contro della
non fa per voi. Per tutti gli altri si apre l’op- nuova direttiva europea che ha aggiornato la direttiva sul
portunità di assaggiare un cibo nuovo, ric- europea sul "novel "novel food", autorizzando la vendita e l’al-
co di proteine e con un impatto ambientale food" che apre il levamento di insetti nel mercato europeo,
molto basso. A dire il vero più che una pos- mercato europeo alla anche se tratta di cibo privo di “una storia
sibilità, nei prossimi anni, una dieta a base produzione e vendita significativa di consumo” prima del 1997 in
di insetti diventerà una necessità: secondo di insetti edibili Europa. Mancano ancora i regolamenti at-
Che cosa ne
le stime Fao, l'organizzazione delle Nazioni pensano gli italiani?
tuativi, quindi né la vendita né la produzione
Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, nel sarà imminente, e resta il dubbio sul fatto

CON GLI INSETTI SI PUO' CAMBIARE (UN PO') IL MONDO


Secondo la Fao, da oggi fino al 2050 la richiesta per i prodotti di allevamento arriverà
a circa 465 milioni di tonnellate (circa il doppio di adesso).

2 kg <10 litri 2g

1 kg
Confrontiamo l'impatto ambientale
MANGIME ACQUA PRODUZIONE
DI GAS SERRA
dell'allevamento di insetti e bovini
per un chilo di incremento di peso

8 kg 22.000 litri 2.850 g

12 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


ATTUALITÀ
Insetti edibili

che in Italia potremo importare alimenti a


base di farina di insetti da altri paesi europei
come Olanda e Belgio, dove già sono in ven-
INTERVISTA
dita. Finora Olanda e Belgio hanno potuto
farlo perché alcuni anni fa hanno legiferato
in modo autonomo sul cibo a base di insetti.
Ora dovranno adeguarsi alla direttiva. ANTONIA RICCI

Foto: Enrico Foglia


ISTITUTO ZOOPROFILATTICO
Produrre insetti sicuri SPERIMENTALE DELLE VENEZIE
Gli interrogativi sull'arrivo di cibo a base di Chair del Panel Biohaz dell'Efsa, Autorità
insetti sono tanti: i controlli per evitare rischi Europea per la Sicurezza alimentare
alimentari, quindi la ricerca di microrgani-
smi dannosi e di pericoli chimici, la verifica
delle capacità produttive e delle condizioni
degli allevamenti, infine, il reale interesse Da gennaio, al supermercato ma aspettano la normativa
dei consumatori nell'assumere insetti (for- troveremo hamburger di insetto? europea».
se non è un caso che nessuna importante «Non credo che sarà così immediato.
azienda alimentare abbia ancora investito Il nuovo regolamento Novel Food, Gli insetti devono nutrirsi bene,
in questo novel food). in vigore da gennaio, consente per non farci rischiare.
«Lavoro in Olanda e in Italia, ma ho iniziato l’introduzione sul mercato europeo «Se mi chiedono se mangiare
la mia attività in Thailandia. Vorrei produrre di insetti solo nel caso in cui pollo è sicuro, la mia risposta è:
alimenti a base di farina di baco da seta in abbiano una storia dimostrata di dipende. Se il pollo è allevato bene
Italia, perché credo che la sicurezza alimen- consumo sicuro in alcune parti e sottoposto a controlli è sicuro. Lo
tare sia meglio garantita. Tuttavia non mi del mondo. Coloro che vogliono stesso varrà per gli insetti. Quello
illudo che sarà facile o veloce ottenere l’au- commercializzare insetti nell'Unione che gli animali mangiano è quello
torizzazione per farlo. L’iter è lungo» spiega Europea avranno a disposizione una che poi arriva sulle nostre tavole.
Marco Ceriani di Italbugs, start up del Parco procedura semplificata a patto che La mucca pazza ha origine da
Tecnologico Padano di Lodi. «Credo anche riescano a dimostrare che si tratta animali bovini nutriti con proteine di
che l’allevamento di insetti in Italia sia un'ot- di un alimento tradizionale e sicuro. ruminanti. Se l'allevamento di insetti
Non sarà un percorso semplice né è visto come una scorciatoia per
scontato. Questa è la chiave di tutta utilizzare i rifiuti e ricavarne cibo di
la questione. In Asia, in Africa, nel Sud alto valore nutritivo ed economico, si
America, gli insetti si consumano da sbaglia in partenza. E lo scopriremo
molto tempo, ma c’è il problema che trovando contaminazioni chimiche
in questi paesi il sistema sanitario o microbiologiche nel prodotto. Se
e la raccolta di informazioni sono invece gli insetti allevati saranno
spesso carenti. Quindi non sarà nutriti con mangime sano o con scarti
facile dimostrare che il consumo di vegetali, non ci saranno problemi».
insetti in quelle aree del mondo è
sicuro, perché mancano informazioni Come reagiranno gli italiani?
epidemiologiche». «La vedo come un'opportunità in più
per il consumatore italiano. Quando
Che ruolo gioca l'Efsa? si ha più scelta, si è più liberi. Ho
«L'Efsa avrà il ruolo di valutare i l'impressione che l'insetto intero e
1 ettaro dossier che saranno presentati per come tale riconoscibile in un piatto
l'autorizzazione e quindi di valutare rimarrà per ora una questione
questi prodotti soprattutto in termini di nicchia. Una possibilità reale di
di sicurezza per il consumatore». penetrazione nel mercato è l'uso
TERRENO
delle farine a base di insetto per
Chi volesse allevare insetti in Italia, prodotti come la pasta, i biscotti o
adesso può farlo? per barrette proteiche per gli sportivi.
«L’Italia dovrà aspettare che la Ue Con un esempio: 100 g di carne
dia indicazioni per l’allevamento e bovina apportano il 15% della dose
la vendita di insetti. Regole che poi giornaliera raccomandata di ferro, la
varranno per tutti i paesi membri. stessa quantità di insetto il 96%.
La legislazione alimentare deve Se qualcuno ritiene che l'impatto sul
infatti essere uniforme per tutti i pianeta della propria alimentazione
paesi membri della Ue. Nel 99% dei sia troppo pesante consumando
casi i paesi membri non legiferano in carne tradizionale, mangiando insetti
10 ettari modo autonomo sulle materie che si potrà sentire meno colpevole.
riguardano la sicurezza alimentare, Perché no?» S.S.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 13


ATTUALITÀ
Insetti edibili

Una pasta con tanti grilli


In Thailandia è uno degli insetti maggiormente allevati e questa pasta, che non
si trova sul mercato europeo, contiene il 20% di farina di grillo.

Il grillo è un insetto
composto per oltre il 70%
da proteine. Anche
cavallette e ragni hanno un
alto contenuto proteico.
Mentre altri insetti come
termiti e bachi da seta sono
invece ricchi di grassi
e questo li rende più gustosi.
In generale, gli insetti sono
anche ricchi in fibre e
minerali.

tima opportunità imprenditoriale per creare Chi è allergico li dividiamo per genere, sono gli uomini che
posti di lavoro e far girare l'economia. Se affermano di essere più disposti ad assaggia-
invece ci si limita a importare, di questo re- ai crostacei, re cibo a base di insetto, rispetto alle donne.
golamento europeo beneficeranno gli altri».
lo è anche agli insetti I più aperti all'idea hanno un'età compresa
tra i 25 e i 39 anni. Tra gli intervistati che
Dall'estero, grilli & Co. negano la possibilità di assaggiare un pro-
Massimo Reverberi si muove tra Bangkok dotto a base di insetto, per ben l'83% è una
e Shangai per seguire le sue due start up: questione di ribrezzo, mentre l'11% pensa
quella thailandese produce pasta con il 20% no di nocciola e il baco da seta di vaniglia. che non siano sicuri. Emergono due aspetti
di farina di grillo da vendere sul mercato eu- Punto molto sulle nuove generazioni e su culturali importanti: l'idea che l'insetto sia
ropeo, quella a Shanghai si occupa del primo un’informazione corretta: nessuno si vedrà un contaminante del cibo e che sia sporco.
snack con farina di baco da seta riservato al servire una pizza con sopra gli insetti, ma Il 68% tra questi non assaggerebbe i prodotti
mercato cinese con il nome di Bella Pupa. troverà magari polpette fatte con farina di neppure se fossero venduti dal loro super-
«La burocrazia che sta dietro all'autorizza- insetto» racconta Marco Ceriani di Italbugs mercato di fiducia.
zione che si deve ottenere per commercializ- «ad esempio con la mia start up ho creato
zare cibo a base di insetti in Europa, anche un panettone con farina di baco da seta che In Svizzera, nel reparto vegan
se recentemente è stata semplificata, rimane ho chiamato Panseta. Quelli che lo hanno Polpette o hamburger con farina di insetto
lunga e costosa e rallenta l’innovazione ali- assaggiato lo hanno trovato buono». sono venduti dalla Coop svizzera nel reparto
mentare. Ho scelto di lavorare in Oriente, La barriera culturale è l’elemento più diffici- per vegetariani e vegani. Eppure gli insetti
perché la terra e il lavoro costano poco e le da superare, almeno nel nostro paese. Gli sono animali. Abbiamo sottoposto la nostra
il clima tropicale è perfetto. Alcune start occidentali considerano il consumo di insetti perplessità a una maestro della cucina vega-
up occidentali stanno creando allevamenti come una dieta tipica delle popolazioni più na, lo chef Simone Salmini. «Un vegetariano
di tipo industriale, ma io credo che sia un povere. Questo è vero dove la carne scar- che mangia insetti è una contraddizione in
modello perdente, non competitivo. La mia seggia, allora gli insetti sono fonti proteiche sé. Ognuno è libero di assaggiare o di man-
pasta è a base di farina di grillo, e in Thailan- altrettanto buone e utili. giare il cibo che gli pare, ma se una persona
dia la farina costa meno di 20 dollari al kg, Ma in molti paesi si consumano insetti sem- si definisce vegetariana o vegana dovrebbe
contro i 50 dollari al kg in nord America e i plicemente perché sono buoni. In ogni caso capire che non può nutrirsi di insetti. Credo
100 euro al kg in Olanda. Credo molto anche i fattori che determinano la nostra dieta che sul tema ci sia un po’ di confusione: chi
nelle potenzialità del baco da seta che viene alimentare sono diversi: la disponibilità e non vuole impattare sugli animali si astiene
allevato su un letto di foglie di gelso - l’unico la varietà di cibo, la propria esperienza e dall’uccidere o dallo sfruttare sia un insetto
cibo che mangia - e solo la Cina ne produce tradizione, la religione, la disponibilità eco- sia una mucca. Probabilmente Coop Svizzera
500.000 tonnellate l’anno». nomica, e anche l'influenza della moda: un ha ragionato dal punto di vista salutistico e
esempio è il sushi. non etico, posizionando sullo stesso scaf-
Dal disgusto al gusto, il passo è breve Abbiamo raccolto l'opinione di un campione fale tutti i prodotti che hanno particolarità
Chi li ha provati, dice che sono buoni, ma di 714 persone (tra 18 e 64 anni) distribuite su nutrizionali di un certo rilievo come i senza
questo per molti non è un argomento con- tutto il territorio nazionale. Il 73% pensa che lattosio, i senza glutine, i 100% vegetali, i
vincente. «Credo di aver assaggiato molti non sarebbe disposto a mangiare in futuro super food e i novel food, dei quali fanno
tipi di insetti e li ho trovati buoni. I grilli san- alcun prodotto a base di farina di insetto. Se parte, appunto, i prodotti con gli insetti».

14 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


INCHIESTA
Motori di ricerca

Cerca senza
lasciare tracce

Qwant è un motore di ricerca appena approdato in Italia con un obiettivo: tutelare


la nostra privacy ed essere neutrale nelle risposte. Ma il nuovo costa un po' di fatica.
di Simona Ovadia

S
e dico Internet, dico Google. Il co- particolarmente sensibili al tema dei rischi
losso americano detiene pratica- legati al controllo dei "grandi dati". Si chiama
mente il monopolio degli accessi Qwant ed è un motore di ricerca nato nel
al web. In Europa, per esempio, il 2013 in Francia dove si è già accaparrato il
97% delle ricerche online passa attraverso 5% di tutte le ricerche sul web. Ora, grazie
questo motore, a cui offriamo, sotto forma ai corposi finanziamenti ottenuti dalla cassa
di nostri dati personali, milioni di informa- depositi e prestiti europea e dal colosso edi-
zioni che rappresentano ormai il capitale toriale tedesco Axel Springer, vuole sfidare
IN SINTESI su cui si basano i suoi affari. C’è da dire, Google anche in Germania e in Italia promet-
Il problema della però, che grazie ai suoi algoritmi che ci tendo a chi vorrà cambiare motore di ricer-
privacy dei nostri dati “profilano” con estrema cura, Google ri- ca di non profilare l'utente, di dare risposte
personali
cambia l’intrusione nella nostra privacy con neutrali, non memorizzare i suoi dati e ri-
Come funziona
Qwant, il motore di risposte molto puntuali, vicine ai bisogni e spettare così la sua vita privata. Un'offerta
ricerca che non traccia ai gusti personali. Anche a costo di svelar- che non passa di certo inosservata, ora che
le nostre ricerche gli un po' troppo di ciò che siamo, ci offre Google viene sempre più criticato non sol-
Altri motori di ricerca per esempio molti servizi integrati come tanto per le sue pratiche anticoncorrenziali,
oltre a Google playlist musicali, video, social che lo rendo- ma anche per l’uso sempre più intrusivo dei
no praticamente invincibile ai nostri occhi. dati personali degli utenti. Altro punto di cui
Però esistono, ed è solo un bene sia per gli Qwant si fa un vanto: essere un motore di
utenti privati sia per le aziende, diverse al- ricerca nato e sviluppato completamente in
ternative al colosso di Mountain View che seno all'Europa, con tecnologie proprietarie
cercano di farsi spazio conquistando la loro che garantiscono di mantenere il controllo di
piccola fetta di mercato nel mondo degli al- tutti i dati che transitano al suo interno. Un
goritmi di ricerca. Una di queste è appena plus dal grande valore strategico, anche in
sbarcata in Italia con una grande ambizione: vista del nuovo regolamento europeo sulla
conquistare il cuore degli utenti che sono privacy dei dati personali.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 15


ATTUALITÀ
Motori di ricerca

RICERCHE ONLINE: C'È ALTRO


Qwant non è il solo motore di ricerca alternativo a Google.
Ecco alcuni di quelli più noti o particolari.

1 Bing 2 DuckDuckGo

Motore di ricerca sviluppato da Un motore di ricerca americano che,


Microsoft e, tra quelli alternativi a come Qwant, si differenzia da
Google, l’unico con una quota di Google per l'attenzione alla privacy
mercato significativa (tra il 5 e il 10% dell’utente. La qualità dei risultati è
circa). È il motore predefinito delle buona (lo abbiamo verificato, vedi
ricerche fatte dall’assistente Ht 52 novembre 2015), ma proprio
virtuale di Windows e presta il suo perché non memorizza le ricerche
algoritmo alle ricerche di Yahoo, passate e altri fattori personali
Virgilio o Ecosia. dell'utente i risultati non sono tarati FURTHER READING
Fornisce i risultati utilizzando una sui gusti o le preferenze. Come
presentazione simile a quella di Qwant, anche DuckDuckGo PADRONI DI NOI STESSI
Google. La sua peculiarità più risponde a una stessa ricerca www.imieidaticontano.it
interessante è l’integrazione con sempre nello stesso modo, a Sul sito puoi sostenere la nostra campagna internazionale:
altri software molto popolari di prescindere da chi la effettua. chiediamo che gli utenti possano gestire, controllare, revocare
Microsoft, come Office online o i loro dati in modo semplice, esprimendo un consenso esplicito
e conoscendo il fine per il quale saranno usati.
Outlook.

3 iStella 4 Wolfram Alpha Tre giorni alla prova


Dalle parole ai fatti: per vedere come fun-
ziona questo motore di ricerca lo abbiamo
utilizzato per alcuni giorni. Si usa come un
qualunque altro motore generalista, inseren-
do il termine nell'apposito spazio bianco. Il
primo impatto può essere però disorien-
tante, se si è molto abituati a usare Google.
Nell’arco degli anni, nella corsa alla Tutti i motori di ricerca generalisti Qwant infatti ha una grafica originale con
sfida a Google, anche l’Italia ha hanno più o meno lo stesso
i risultati delle ricerche divisi in tre settori
"web", "notizie" e "social" (in cui si possono
provato a dire la sua. Chi frequenta approccio: dopo aver scandagliato
leggere i commenti che le persone lasciano
la rete da parecchio tempo la rete, rispondono alle domande
su Twitter su quel determinato argomento).
ricorderà Arianna e Virgilio (il primo dell'utente con una lista di siti in
Presa confidenza con la nuova visualizzazio-
inglobato dal portale Libero, il ordine di rilevanza.
ne ci siamo concentrati sulla qualità delle
secondo acquisito da Telecom). Più Wolfram Alpha è invece un motore
risposte, che il più delle volte sono state sod-
recentemente c’è stato il tentativo, diverso: non è un motore
disfacenti. Trattandosi però di un motore
fallito, di Volunia. Attualmente la generalista, ma più improntato al
che non profila l'utente, se non si effettua
bandiera italiana è tenuta alta da sapere scientifico (matematica,
una ricerca mirata, si ottengono risposte
iStella, un motore sviluppato da chimica, biologia...). Per questo,
molto generiche. Per esempio, digitando il
Tiscali e da una serie di enti di ricerca il motore interpreta le parole chiave
termine "pizzeria", Qwant ci offre tra i primi
capeggiati dal Cnr. L'obiettivo di inserite dall'utente e propone risultati la spiegazione del termine data da
iStella è quello di essere un motore direttamente una risposta invece Wikipedia. Google, invece, poiché conosce
di ricerca della cultura italiana, che offrire una lista di collegamenti e ha memorizzato il luogo da cui proviene
anche grazie al fatto che indicizza ad altri siti web. la domanda, ci propone immediatamente
con particolare cura i domini italiani, È possibile fare ricerche solo su dati "le 10 pizzerie migliori di Milano" secondo
oltre ai maggiori siti internazionali. oggettivi e quantificabili. Tripadvisor, offrendoci nelle prime posizioni

16 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


per maggiori informazioni
www.altroconsumo.it/imieidaticontano

INTERVISTA che è americano, ha il 97% del che altri non ci mettano il naso.
mercato e quindi il monopolio La navigazione in incongito
dei nostri dati. Questo significa di Google, invece, non tutela
che ipoteticamente può veramente la privacy, perché è
manipolare le nostre opinioni in incognito per tutti tranne che
FABIANO usando le informazioni in suo per lui, che continuerà a usare le
possesso, convincendoci informazioni all'interno del suo
LAZZARINI non solo a comprare questo ecosistema: Youtube, Gmail...».
COUNTRY MANAGER o quel prodotto, ma anche
Qwant Italia influenzando le nostre idee Della vostra neutralità ne fate
politiche. È strategico avere un vanto. Ma per l'utente non
il controllo dei dati anche in sempre è un vantaggio.
Come fa l'utilizzatore a Vi hanno definito il motore anti- Europa per tutelare la sua «Siamo troppo abituati
essere sicuro che Qwant non Google. Volete fargli la guerra? sovranità digitale. Serve sia all'approccio Google. Bisogna
memorizzerà i suoi dati? «Prendere il posto di Google per i singoli utenti, che sono più essere consapevoli però che la
«Basta che faccia un piccolo non è il nostro obiettivo. Siamo tutelati, sia dal punto di vista personalizzazione eccessiva
test: andare su Qwant, fare le troppo piccoli e siamo nati da della sicurezza delle nazioni Ue». crea quello che in gergo tecnico
ricerche, uscire e tornare online. troppo poco tempo. Qwant viene definita "filter bubble":
Quando l'utente tornerà sul vuole dare un'alternativa Non siete l'unico motore salva un fenomeno di cui si discute
web non troverà nulla che lo all'utente sensibile al tema privacy e anche con Google si da tempo. In pratica, risultati
insegue, né banner pubblicitari della privacy. Vogliamo fare può navigare in incognito... sempre in linea con le proprie
né altro, a conferma del fatto che massa critica e offrire un buon «È vero: per esempio c'è idee non permettono all'utente
l'informazione che ha cercato compromesso tra la proposta Duckduckgo. Ma è pur sempre di vedere posizioni diverse e
non è stata registrata. Qwant si è di valore e il servizio di cui un motore ricerca con sede negli scoprire cose nuove. Qwant
dato regole ferree e non ha alcun l'utente ha bisogno. Un'altra Stati Uniti che si appoggia alla invece fornisce tutte le risposte
interesse a non rispettarle. Se caratteristica a cui teniamo piattaforma di Amazon e sfrutta possibili inerenti all'argomento,
dovessimo riproporre lo stesso particolarmente è il fatto di algoritmi e tecnologie di altri. non solo quelle più gradite. È
modello di Google perderemmo essere europei: l'Europa è Quando le macchine non sono le come se fosse la Svizzera di
la nostra specificità». l'unico continente dove Google, tue non hai la certezza assoluta internet, non si schiera». S.O.

Cosa ci piace fare la ricerca (proprio perché Qwant non


L'approccio neutrale alle ricerche richiede ci geolocalizza e non memorizza la nostra
più sforzi da parte nostra, ma ha il vantaggio posizione). Si tratta di scegliere tra la facilità
di offrire un'esplorazione del web più libera. e l'abitudine o il valore aggiunto della non
Per usare Qwant basta digitare Positivo è anche il fatto che, non memoriz- tracciabilità e della neutralità. Sicuramente
www.Qwant.it. Si può anche installare zando le ricerche, l'utente navigando tra i manca ancora una piena consapevolezza
come motore di ricerca predefinito, siti non si troverà la pubblicità selezionata dell'importanza delle proprie tracce lasciate
seguendo le istruzioni in homepage dall'algoritmo in base alle preferenze regi- sul web e dei rischi di un loro uso improprio
strate, cosa che può essere davvero fastidio- da parte di chi colleziona i dati, anche se
sa. Una volta presa confidenza con la visua- sono temi caldi di cui si comincia a parlare.
lizzazione, abbiamo apprezzato la possibilità Per ora l'utente medio dà più importanza
un'informazione pratica più utile (il motore data da Qwant, ma assente su Google, di alla precisione e alla personalizzazione dei
suppone che stiamo cercando una buona esplorare cosa dicono i social. risultati, cose sulle quali Google è davvero
pizzeria nei dintorni, non che vogliamo fare imbattibile. Qwant non permette di perso-
una ricerca sul significato del termine). Stes- L'abitudine può ostacolarlo nalizzare molto la navigazione: si può im-
sa cosa se cerchiamo un volo o un argomen- L'approccio neutrale di questo motore, pur- postare la lingua e ci si può registrare per
to di attualità: Google indirizza le risposte troppo, rappresenta anche un limite per chi salvare i siti preferiti, ma poco più di questo.
proprio come se ci conoscesse, integrando è ormai abituato a ottenere risposte da chi
le sue conoscenze con le informazioni de- già ci conosce e sa cosa vogliamo. Facen- In sintesi
rivanti da altri servizi che orbitano nel suo do ricerche generiche, le risposte date da Qwant è un'opzione alternativa che parte
ecosistema (per esempio, cercando un volo Qwant sono poco utili e poco mirate. L'uten- da un punto di vista contrario a quello di
per Londra, Google ci ha indicato subito le te con Qwant deve sforzarsi di inserire nel- Google: neutralità e non personalizzazione,
possibilità presenti in una data precisa, quel- la stringa di ricerca delle parole chiave più navigazione non tracciata contro registrazio-
la che avevamo selezionato giorni prima su specifiche: per tornare all'esempio di prima, ne di ogni nostro passaggio sulla piattafor-
un sito dedicato). Con Qwant, per ottenere se si cerca una buona pizzeria nei dintorni ma. Vedremo se raggiungerà i suoi obiettivi.
risultati mirati, bisogna invece essere precisi non basterà inserire il termine "pizzeria", Comunque vada, è un bene per tutti che ci
e fare domande più specifiche. ma si dovrà anche specificare il luogo in cui sia una sana concorrenza nel settore.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 17


INCHIESTA
Supermercati online

Spesa online:
dove la comodità
non si paga
Dalla pasta alla verdura: ormai si può comprare di tutto anche nei supermercati
online. Oltre a essere comodo, a volte è persino più conveniente.
di Simona Ovadia

57 su 67
Sono le città del nostro
campione dove fare la spesa
online è più conveniente
rispetto al supermercato
su strada meno caro.

800 ₣
 quanto si può arrivare
a risparmiare in un anno
facendo acquisti
sul sito di ecommerce
meno caro, nelle città
dove la concorrenza

14%
dei supermercati
non è sviluppata.

È la massima
percentuale di
risparmio che si può
ottenere facendo
la spesa online sul sito
di ecommerce
meno caro.

18 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


INCHIESTA
Supermercati online

R La concorrenza
iempire il carrello con alcuni sempli- l'esempio più famoso è supermercato24.
ci click della tastiera, comodamente it, che va a fare la spesa nel punto vendita
seduti in poltrona, non è solo un
lusso per persone indaffarate. Fare
tra i supermercati preferito al posto del cliente e la recapita a
casa in poco tempo. «Per avere un quadro
la spesa online può essere anche vantaggio- non è solo nei negozi omogeneo - spiega ancora Bulfon - abbia-
so: in molte città italiane, in particolare in
quelle medio-piccole dove non c'è grande fisici, ma anche online mo selezionato soltanto i siti che sono veri
e propri supermercati virtuali che consegna-
concorrenza tra i negozi, selezionando il no a domicilio, tralasciando le altre forme
supermercato virtuale meno caro si rispar- di proposte». Ovviamente, nella selezione
mia. Certo, bisogna tenere conto del costo
della consegna, non sempre a buon mercato,
ma si tratta di pagare un servizio utile se si
acquistano di prodotti pesanti (scatolame,
+
bottiglie, detersivi...) o se, per esempio, si
abita in un condominio privo di ascensore. Supermercato virtuale
I siti dove la spesa conviene o reale? Dipende
Abbiamo analizzato dieci supermercati onli- Spesasicura.it
ne, trovando convenienti specialmente Spe- Segnaliamo le 19 città del campione dove la differenza
CONVIENE
sa Sicura, Amazon e talvolta Cicalia, punti di prezzo tra la spesa online e quella nei supermercati
vendita che operano esclusivamente sul su strada è maggiore: in azzurro dove l'online conviene, Aosta -13%
web. Le insegne tradizionali, invece, come in nero dove non conviene. Messina -14%
Esselunga, Carrefour, Coop e così via, nella Il calcolo del risparmio è stato fatto confrontando l'offerta Salerno -13%
loro versione virtuale (esselungaacasa.it, dei tre siti di ecommerce più convenienti con quella
myshop.carrefour.it, easycoop.it...) risulta- del supermercato meno caro presente nelle diverse NON CONVIENE
no essere più care non soltanto rispetto alle città del campione. Pordenone +4%
concorrenti online ma anche rispetto ai loro Treviso +4%
negozi su strada. Per esempio, a Milano fare
Vicenza +4%
la spesa con esselungaacasa.it costa il 14%
in più rispetto a comprare gli stessi prodotti UD
al supermercato Esselunga più economico VI PN
della città, cioè quello di via Feltre (vedi l'in- AO TV
chiesta supermercati su Ac 318 ottobre 2017). VR
PD
Amazon.it
Il web offre anche alcune particolarità: è il
AT CONVIENE
caso per esempio di Weygo, un sito che ha il MO
suo punto di forza nel grande assortimento CN Aosta -8%
di prodotti e nei tempi di consegna rapidissi- Messina -10%
mi (entro due ore dall'ordine), anche se non Salerno -9%
è concorrenziale a livello di prezzi.
AP
NON CONVIENE
Sempre più concorrenza online Pordenone +4%
VT
Alla nostra inchiesta storica sulla conve-
nienza dei supermercati nelle diverse città Treviso +4%
FR
italiane mancava un ulteriore tassello, quel- Vicenza +10%
lo della spesa online, che è un fenomeno AV
ancora di nicchia ma in evidente crescita. LE
SA
«Nell'ultimo anno, in particolare dopo che
Amazon ha cominciato a vendere anche pro-
dotti alimentari e in generale della grande
Cicalia.it
distribuzione, l'offerta di spesa online è lette-
ralmente esplosa - spiega Marco Bulfon, che CZ CONVIENE
ha curato l'inchiesta - Per questo abbiamo
Aosta -3%
deciso di analizzare questo settore, per of- ME
frire una panoramica ancora più completa Messina -5%
CT
della mappa del risparmio e spiegare come Salerno -4%
funziona la spesa online». A ben guardare,
infatti, esistono diversi tipi di supermercati NON CONVIENE
online: ci sono siti che recapitano la spesa a Pordenone +16%
casa; siti che permettono al cliente di andare Treviso +16%
a ritirare di persona i sacchetti nel punto
vendita fisico il giorno e all'ora prescelta; Vicenza +16%
e ancora, veri e propri "personal shopper",

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 19


INCHIESTA
Supermercati online

sono state incluse le insegne principali della


grande distribuzione. «Innanzitutto abbia- LA CLASSIFICA
mo cercato di fare un quadro del servizio -
continua Bulfon - poi abbiamo confrontato i DEI SUPERMERCATI
prezzi con lo stesso identico metodo con cui
siamo soliti fare la nostra inchiesta annuale
ONLINE
sui supermercati italiani».
Per poter confrontare i dati la rilevazione è
stata eseguita nello stesso periodo dell'an- Abbiamo creato una classifica dei dieci
no (aprile 2017). Sono state selezionate 115 supermercati online analizzati, in base
categorie di prodotti e, all'interno di queste,
541 prodotti di marca sui quali è stato fatto il
alla loro convenienza misurata su un carrello
confronto dei prezzi sia rispetto ai concor- di più di 500 prodotti di marca.
renti virtuali, sia rispetto ai supermercati In queste schede, oltre a segnalare quanto
tradizionali presenti su strada. un supermercato è conveniente attraverso
«Ovviamente, per poter fare questo, ab- il nostro classico indice (partendo da 100
biamo considerato le offerte presenti nelle che è il massimo della convenienza, a salire)
singole città, facendo un lavoro capillare per
ogni realtà locale. L'analisi, bisogna speci-
indichiamo anche le caratteristiche di ogni
ficarlo, non tiene conto delle spese di spe- supermercato, il tipo di assortimento
dizione dell'online così come non teniamo e il confronto con la convenienza rispetto
conto, nella nostra rilevazione classica, di ai negozi reali delle diverse città.
quanto costa la benzina per andare a fare la L'indice ha validità su tutto il territorio
spesa, ma analizza soltanto i singoli prezzi nazionale, quando non è specificato
dei prodotti», conclude Bulfon.
diversamente.
Nel carrello sono finiti tutti i prodotti pre-
senti in una "spesa completa", dalle bevande
(acqua, succhi, vini, birra, bevande gassa-
te...) allo scatolame (biscotti, latte uht, olio,
riso, pasta, tonno...) ai prodotti per la pulizia
della casa e, quando il supermercato virtuale
ne era fornito, anche i prodotti freschi (frutta
e verdura, carne, latticini, affettati) e i sur- INDICE
gelati. Alcuni risultati possono stupire. In 11 100
città su 67 facendo la spesa su spesasicura.it
è possibile risparmiare più del 10% rispetto www.spesasicura.com
al punto vendita su strada più economico. In ASSORTIMENTO Alimentari domicilio in tutta Italia.
soldoni, un risparmio per le famiglie di quasi confezionati, bevande, COSTO CONSEGNA Un
800 euro l'anno. Ovviamente, la convenien- detergenza. massimo di 5,90 euro per
za degli acquisti online si fa sentire soprat- CONFRONTO CITTÀ Costa in ogni pacco spedito (l'intimo, i
tutto nei centri abitati dove la concorrenza media il 6% in meno rispetto casalinghi e i prodotti da
su strada è poco sviluppata: Aosta, Messina, ai punti vendita presenti nelle bazar sono spediti con pacchi
Salerno... Nelle grandi città, come Milano, città del campione. separati).
Torino, Roma e Napoli e in Veneto, invece, DOVE OPERA Consegna a
fare la spesa online non è così conveniente.
Le differenze di prezzo in alcuni casi sono
molto elevate: gli acquisti online possono
arrivare a costare fino al 30% in più.

Attenzione quando arriva la merce INDICE


La spesa online ha parecchi vantaggi, in pri- 105
mis la comodità, ma anche alcuni rischi. Per
esempio quello di vedersi recapitare qualco- www.amazonprime.it
sa di diverso da ciò che si è scelto o alcuni ASSORTIMENTO Alimentari meno, per esempio a
prodotti mancanti (succede... soprattutto confezionati, bevande, Messina.
se l'elenco è lungo). Dato che alcuni pro-
detergenza. DOVE OPERA Consegna a
dotti alimentari, quelli deteriorabili, non si
CONFRONTO CITTÀ Può domicilio in tutta Italia
possono rimandare indietro una volta con-
costare fino al 10% in più COSTO CONSEGNA
fermata la consegna, il consiglio è quello di
rispetto al punto vendita più Variabile, da 0 (con la
controllare subito la merce, in particolare i
economico a Pordenone e sottoscrizione al servizio
sacchetti del fresco e i surgelati, in modo da
Vicenza; ma anche il 10% in Prime) a 8 euro.
assicurarsi che tutto sia come richiesto.

20 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


per maggiori informazioni
www.altroconsumo.it/supermercati

INDICE INDICE
111 120 Verona
122 Milano
www.cicalia.it
ASSORTIMENTO Alimentari vendita presenti nelle città del www.esselungaacasa.it
confezionati, bevande, detergenza, campione (-6% a Messina; + 16% a ASSORTIMENTO Alimentari più rispetto al punto vendita più
salumi e formaggi, carne e pesce, Pordenone, Treviso e Vicenza). confezionati, bevande, detergenza, economico di Milano e il 22% in più
frutta e verdura. DOVE OPERA Consegna a domicilio salumi e formaggi, carne e pesce, rispetto a quello più economico di
CONFRONTO CITTÀ Costa in in tutta Italia frutta e verdura, surgelati. Verona.
media il 6% in più rispetto ai punti COSTO CONSEGNA 4,90 euro. CONFRONTO CATENE Costa il 14% DOVE OPERA Consegna a domicilio
in più rispetto al punto vendita in Lombardia, Piemonte, Veneto,
Esselunga più economico di Milano Emilia Romagna e Toscana.
e il 13% in più rispetto all'Esselunga COSTO CONSEGNA Variabile, da
INDICE meno caro di Verona. 6,90 a 7,90 euro a seconda del
113 Milano CONFRONTO CITTÀ Costa il 18% in totale della spesa.

www.spesasimply.it
INDICE
ASSORTIMENTO Alimentari CONFRONTO CITTÀ Costa il 9% in 123 Milano
confezionati, bevande, detergenza, più rispetto al punto vendita più 126 Napoli
salumi e formaggi, carne e pesce, economico di Milano.
frutta e verdura, surgelati. DOVE OPERA Consegna a domicilio
CONFRONTO CATENE Costa il 5% anche in 2 ore a Milano. myshop.carrefour.it
in più rispetto al punto vendita COSTO CONSEGNA 3,50 euro. ASSORTIMENTO Alimentari più rispetto al punto vendita più
Simply più economico di Milano . confezionati, bevande, detergenza, economico di Milano e il 16% in più
salumi e formaggi, carne e pesce, rispetto a quello di Napoli.
frutta e verdura, surgelati. DOVE OPERA Consegna a domicilio
CONFRONTO CATENE Costa il 9% o in negozio, in diverse città italiane
INDICE in più rispetto al punto vendita (si può verificare la copertura del
116 Roma Carrefour più economico di Milano e servizio sul sito).
il 6% in più rispetto a quello di Napoli. COSTO CONSEGNA Gratuita con
CONFRONTO CITTÀ Costa il 18% in un minimo di spesa di 70 euro.
www.easycoop.com
ASSORTIMENTO Alimentari economico della città.
confezionati, bevande, detergenza, DOVE OPERA Consegna a domicilio
salumi e formaggi, carne e pesce, a Bologna e Roma. INDICE
frutta e verdura, surgelati. COSTO CONSEGNA Variabile a 131 Torino
CONFRONTO CATENE Costa il 3% seconda del luogo e dell'ora di
in più rispetto al punto vendita Coop consegna. Il costo viene www.prontospesa.it (Crai)
più economico della città. comunicato alla conclusione
CONFRONTO CITTÀ Costa il 14% in dell'ordine. ASSORTIMENTO Alimentari economico della città.
più rispetto al punto vendita più confezionati, bevande, detergenza, DOVE OPERA Consegna a domicilio
salumi e formaggi, carne e pesce, a Torino.
frutta e verdura, surgelati. COSTO CONSEGNA 4,99 euro fino
CONFRONTO CITTÀ Costa il 30% in a 90 euro di spesa, poi gratis.
più rispetto al punto vendita più

INDICE
118 Roma

www.conadacasa.it INDICE
137 Milano
ASSORTIMENTO Alimentari più rispetto al punto vendita più
confezionati, bevande, detergenza, economico della città.
salumi e formaggi, carne e pesce, DOVE OPERA Consegna a domicilio www.weygo.com
frutta e verdura, surgelati. o in un supermercato a scelta della ASSORTIMENTO Alimentari più rispetto al punto vendita più
CONFRONTO CATENE Costa il 4% catena a Roma. confezionati, bevande, detergenza, economico della città.
in più rispetto al punto vendita COSTO CONSEGNA Variabile a salumi e formaggi, carne e pesce, DOVE OPERA Consegna a domicilio
Conad più economico della città. seconda del tipo di consegna, fino a frutta e verdura, surgelati. anche in 2 ore a Milano.
CONFRONTO CITTÀ Costa il 16% in un massimo di 4,50 euro. CONFRONTO CITTÀ Costa il 31% in COSTO CONSEGNA 3,50 euro.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 21


INCHIESTA
Dispositivi indossabili

Fitness o salute?
Monitorano passi, calorie, battiti cardiaci, a volte persino pressione
e ossigenazione del sangue. E il confine tra gadget e dispositivo medico si perde.
di Stefania Villa

S
e cercate su Amazon, c'è uno tore dell'Osservatorio Nazionale della Sanità
dei braccialetti connessi più Elettronica e Telemedicina (ONSET) e coor-
venduti, a circa 30 euro, che dinatore delle ricerche di telemedicina del
IN SINTESI
dichiara di misurare - oltre a CNR in ambienti estremi, dall'Antartide alla
Perché i wearable
frequenza cardiaca, movimento e qualità base dell'Everest e sotto il mare.
sono diversi dai
del sonno - anche pressione arteriosa e sa- dispositivi medici. Un medico che di rilevazione di parame-
turazione di ossigeno. L’ho fatto provare a anche se monitorano tri sulla salute con dispositivi elettronici e
mia moglie. Bene: la sua pressione, secondo gli stessi parametri e i connessi se ne occupa dagli anni ’80, ancor
questo bracciale, è tutti i giorni uguale. Tutti produttori a volte sono prima dell’avvento di internet. «Sensori che
i giorni. La sua saturazione di ossigeno è in ambigui rilevano parametri medici sono ormai inseri-
ogni momento allo stesso livello. Il grafico Affidabilità e privacy: ti in molti dispositivi di uso comune: orologi,
due punti essenziali su
della sua frequenza cardiaca è sempre una bracciali, magliette - aggiunge Pillon sul suo
cui serve chiarezza nei
bella linea dritta più alta di giorno, più bassa confronti degli utenti esperimento -. E tra questi c’è ovviamente di
alla notte, sempre con gli stessi valori. Sem- tutto e di più: oggetti molto affidabili e inte-
pre. Una truffa? Non so, però sicuramente ressanti e oggetti assolutamente inaffidabili.
uno strumento come questo non è in grado E non è detto che dipenda dalla marca o dal
di rilevare correttamente questi parametri». prezzo, per cui non è facile per le persone
A parlare è Sergio Pillon, specialista in An- capire». Wearable significa “indossabile”: si
giologia Medica, tra le altre cose Co-fonda- tratta di bracciali (detti anche smartband),

venduti nel mondo previsione di vendita


fino ad oggi fra 4 anni
125 milioni 240 milioni

+ 92%
2016

2017

2021

+20,4%
fonte: Previsioni Idc

22 Altroconsumo 321 • gennaio 2018


INCHIESTA
Dispositivi indossabili

più dedicati al mondo del fitness, e orologi (o che partono anche dai 20-30 euro. Il punto, messaggio che arriva può essere diverso
smartwatch) dalle caratteristiche piuttosto in ogni caso, è che i wearable – pur non es- da quello di un semplice strumento per la
varie: generalmente rilevano i passi fatti du- sendo dispositivi medici e non dichiarandosi corsa. «Quando i produttori dicono "misu-
rante la giornata, i chilometri durante la cor- tali - rilevano anche parametri legati in tut- rate la vostra frequenza cardiaca" - aggiunge
sa, le calorie bruciate e in alcuni casi anche to e per tutto allo stato di salute entrando Santoro - stanno dando implicitamente un
parametri come i battiti cardiaci e la qualità quindi in una sorta di "terra di mezzo", con messaggio diverso. Ed è un atteggiamento
del sonno. Possono essere connessi ad app le stesse funzioni degli strumenti medicali abbastanza comune tra le aziende quello di
da scaricare sul telefono con cui monitora- ma senza le stesse tutele. Il rischio è che sollecitare un impiego in ambiti diversi dal
re i valori registrati e essere integrati con i non ci siano più confini chiari: si parla di solo benessere e sport, sviluppando sempre
social per condividere gli obiettivi raggiunti benessere e stile di vita o di salute in senso di più strumenti per la misurazione del pro-
nello sport: un mercato in crescita, secondo stretto? Di giochi, oggetti di moda o di stru- prio stato di salute».
le previsioni, in cui l’Italia è al secondo po- menti utili? E se utili, in che termini e con Fitbit è uno dei più grandi produttori del
sto – dopo gli Stati Uniti, di gran lunga più quale affidabilità? settore, che si dice concentrato sul fitness,
appassionati degli europei – per wearable ma poi sembra considerare breve il passo
acquistati: un italiano su dieci ne ha uno Confini sottili verso la salute. Annunciando novità come
(Kantar Worldpanel ComTech, 2016). «Finchè rimaniamo nell’ambito del gadget, la rilevazione dell'ossigenazione del sangue
del tempo libero e del gioco sicuramente e la partnership con sviluppatori di app "più
questi oggetti possono dare un contributo dedicate all'ambito medico" a cui permet-
L'affidabilità è nel far muovere di più le persone e miglio- te di leggere i suoi sensori, il responsabile
rare il loro stile di vita. Quindi il consiglio è Giovanni Bergamaschi ha specificato: «Fitbit
esseanziale, ma non di usarli come tali, per stimolare la propria non rileva patologie, ma diamo segnali che
ci sono sufficienti studi passione per lo sport», dice Eugenio Santo-
ro, direttore del Laboratorio di Informatica
poi possono portare la persona a fare delle
analisi più approfondite con il medico curan-
Medica dell'Istituto Mario Negri. te. Non è un prodotto elettromedicale - ha
Inizialmente c’erano soltanto i grandi brand «La questione diventa un po’ più complicata ribadito nel suo intervento al convegno or-
come Fitbit e Apple con i loro dispositivi - continua - quando diventano qualcos’al- ganizzato al Festival di Altroconsumo su que-
piuttosto costosi (si parla anche di alcune tro, cioè se si usano questi strumenti per ste tematiche (vedi www.altroconsumo.it/
centinaia di euro). Ora, il settore è costellato monitorare parametri fisiologici e vitali, da festivalfuturo) - ma, come se fosse un sen-
da moltissimi oggetti più a buon mercato: se usarsi poi in chiave salute. Bisogna avere sore che dà un alert, si avvicina molto al
si cerca su Amazon compaiono decine e de- ben presente quello che si sta facendo con mondo della salute e al mondo medico per
cine di prodotti dai prezzi molto accessibili, questi strumenti e perché». Già, perché il dare un supporto». Siamo al confine.

PRO E CONTRO PER IL MONDO MEDICO


Secondo le associazioni dei pazienti i wearable comunemente usati hanno
un impatto in crescita anche sull'assistenza medica. Quali vantaggi e problemi?

Possono essere utili per: I timori che ne ostacolano l'uso:

89% Essere più coinvolti nei processi


che riguardano la propria salute 66% Spinta verso una maggiore medicalizzazione

42% Compromissione del rapporto paziente-


81% Migliorare l’aderenza alla terapia medico (ci si affida allo strumento e non al medico)

54% Diminuire i costi della sanità pubblica 30% Possibili violazioni della privacy

Indagine Istituto Mario Negri - Osservatorio Innovazione digitale in sanità


"Innovazione digitale in sanità: cosa ne pensano i pazienti"

gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 23


INCHIESTA
Dispositivi indossabili

GLI "INDOSSABILI" IN CAMPO MEDICO


Alcuni esempi di dispositivi medici elettronici registrati e usati in Italia, strumenti in generale ancora poco diffusi in sanità.

UNA MAGLIETTA CON I SENSORI CEROTTI SMART PER IL CUORE PRESSIONE A PORTATA DI MANO
Si chiama X10X.com ed è in uso nel Centro Questo dispositivo è usato da una 14enne, Tenendolo in questo modo, questo strumento
cardiologico Monzino di Milano dove viene usata Giorgia, a cui è stata impiantata una sorta di misura elettrocardiogramma, saturazione di
per il monitoraggio cardiorespiratorio di atleti o "pompa" che aiuta il suo cuore a funzionare. ossigeno e pressione arteriosa. Un braccialetto
pazienti con esigenze particolari e che ne fanno Basta continui andirivieni dall'ospedale, lontano permette di tenerlo anche addosso. Si può
richiesta. Grazie ai sensori nel tessuto registra i da casa, per ogni problema o controllo: i suoi collegare con lo smartphone e mandare le
parametri nelle 24 ore e in varie condizioni. Rileva parametri vengono monitorati grazie ai cerotti e informazioni al medico. Il dottor Pillon (qui a
anche i movimenti della gabbia toracica, per alla "centralina" che indossa e trasmessi ai medici fianco) lo usa con i suoi pazienti insieme ad altri
riconoscere i disturbi respiratori e del sonno. del Bambin Gesù di Roma, anche tramite una app. dispositivi elettronici.

Affidabili o no?
Chiariamo il confine: l'affidabilità delle rile-
fatti - aggiunge - ci sono stati anche risultati
negativi: nel caso di alcuni prodotti di Fitbit
Il mondo della ricerca
vazioni, che se si parla di salute deve essere ad esempio ci sono ricerche che dimostrano medica sta esplorando
provata. Per cui, una cosa sono i wearable che se utilizzati con un’attività fisica modera-
per il benessere e una cosa sono i dispositivi ta o intensa, la frequenza cardiaca misurata i benefici dei wearable
medici indossabili che hanno seguito un per- è decisamente diversa da quella misurata
corso che ne certifica affidabilità e sicurezza con classici elettrocardiogrammi, con errori
(tre esempi in alto). «Il termometro - spiega anche di 20 battiti al minuto». comune che nei dispositivi medici, che han-
Santoro - è un dispositivo medico la cui ca- Si tratta di prodotti precisi, testati in certe no spesso lunghi e burocratici percorsi di
pacità di misurare la temperatura è validata; condizioni, quindi i risultati non sono da ge- approvazione. Secondo un'indagine sulle as-
però in commercio ci sono anche sensori da neralizzare, ma fanno comunque riflettere: sociazioni di pazienti (pag. 23), tra i vantaggi
applicare con cerotti sulla pelle dei bambini, anche i nostri test sui braccialetti dei princi- nell'uso di tecnologie indossabili c'è un mag-
che mandano la loro temperatura sul cellula- pali brand (www.altroconsumo.it/smarttest) giore coinvolgimento della persona rispetto
re delle loro mamme tramite un'app. Questi fanno emergere importanti differenze tra un alla propria salute e una maggiore aderenza
non sono dispositivi medici e rischiano di prodotto e l'altro e nei vari usi. della cura: se mi monitoro e sono stimolato
misurare temperature non reali». Così come a raggiungere degli obiettivi, potrei essere
i braccialetti che misurano i passi, i battiti Potenzialità inespresse più interessato a come sto e più corretto nel
cardiaci e simili. «Forse l'idea che debbano L'affidabilità è importante, innanzitutto per- curarmi (sebbene, anche questo, andrebbe
diventare dispositivi medici è un po' estrema ché si rischia di dare dei valori falsi che un provato da studi). «Se ci fossero regole e in-
- aggiunge - ma come minimo i wearable, utente può non capire: il rischio è che ci si frastrutture - aggiunge Santoro -, la possibili-
così come le app, dovrebbero validare e cer- spaventi inutilmente (sottoponendosi maga- tà di controllare i miei dati potrebbe attivare
tificare che ciò che misurano corrisponde al ri a visite ed esami superflui) o che si "stia una sorta di telemonitoraggio, consentendo
vero. Degli studi ci sono - continua - ma sono tranquilli" quando invece non si dovrebbe. di andare verso la teleassistenza, quindi di
fatti dalle aziende stesse. Serve il giudizio di Ed è importante l'affidabilità, anche perché fare una serie di cose senza dover andare dal
un terzo indipendente, come succede con i dei wearable validati potrebbero - per davve- medico. Ci sono i germi di una telemedici-
farmaci, senza interessi e che certifichi che ro - avere un potenziale anche in campo me- na a costi ridotti per il servizio sanitario e
queste misurazioni sono coerenti. Laddo- dico. Senza contare che, tendenzialmente, la questi sono i grossi vantaggi che i wearable
ve studi scientifici di questo tipo sono stati tecnologia arriva prima nei prodotti di uso potrebbero avere». La nostra sanità è an-

24 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


INCHIESTA
Dispositivi indossabili

SERVONO esempio si va sullo store Se si rispettassero certe regole


PIÙ CONTROLLI Apple o Android e si cerca e se ne certificasse l'affidabilità,
"misurazione della pressione i wearable sarebbero utili anche
arteriosa", si trovano tante app nel mondo della sanità?
che dichiarano di misurarla con «Secondo me possono essere
il semplice tocco del dito sullo molto importanti, perché entrano
SERGIO PILLON schermo e ci sono utenti che in quello spazio che è prima della
ANGIOLOGO - ESPERTO nei commenti dicono anche cura e che è il "prendersi cura",
DI TELEMEDICINA che funziona bene. E invece cioè lo stile di vita, una delle
Coordinatore progetti CNR è assolutamente impossibile cause principali delle malattie
misurare la pressione in questo del benessere (diabete, obesità,
modo, così come mettendo un ecc. ndr): potersi accorgere ad
braccialetto che non ha nessun esempio che stanno diminuendo
Lei usa abitualmente dispositivi un percorso di autorizzazione altro tipo di sensore». le ore di sonno o la frequenza
medici indossabili con i suoi - che può essere migliorato, cardiaca media... ci sono dei
pazienti: che consiglio darebbe è vero, perché lungo e pieno Ma non ci sono delle regole? wearable che ricordano di
sui wearable – braccialetti, di atti amministrativi più Una regolamentazione c'è, ma è bere un bicchiere di acqua, che
orologi ecc. - in commercio? che sostanziali -, ma che dà carente, anche se da quest'anno stimolano a camminare se non
«La prima osservazione certe garanzie di affidabilità e lo sarà meno grazie a nuove si è raggiunto un certo numero
generale è: il troppo stroppia. sicurezza. I wearable possono norme europee sui dispositivi di passi. Certo, io suggerirei
Cioè, quando un wearable inizia aiutare ad avere un'idea medici, sulle app e sui wearable: sempre di condividere l'uso di
a dire di poter misurare anche generale dello stato di salute, se si dichiarano usi medici, questi strumenti con il medico,
parametri come la pressione non si pensi di usarli per fare dovranno essere registrati perché - per fare un esempio
arteriosa o la saturazione diagnosi o, se si ha una malattia, come dispositivi medici. Il - se ho l'artrosi del ginocchio e
d'ossigeno del sangue, meglio per monitorarsi». problema, però è che ora non non posso fare le scale, seguire
diffidare: queste sono cose c'è nessun controllo e questi le indicazioni di un wearable
che fanno i dispositivi medici, Questo rischio invece c'è? oggetti dichiarano un po' ciò che alla fine potrebbe anche essere
strumenti che hanno seguito «Assolutamente sì. Se ad vogliono». controproducente». S.V.

cora lontano da tutto ciò, ma «tra il 2005 e trasferiti altrove, anche con il suo consenso, Contour, IHealth BG5). In alcuni di questi
il 2017 la letteratura medica sui wearable è spesso inconsapevole (vedi la nostra inda- è risultato che i dati potenzialmente sensi-
cresciuta di dieci volte e questo dice che di gine sulla privacy a pag. 10). Ad aumentare bili vengono venduti a compagnie in Asia
sicuro l’interesse della ricerca c'è», ha detto l'importanza della questione è il fatto che e Nordamerica, senza informarne l'utente.
Paolo Boldrini, specialista in Medicina Fisica si tratta di dati sulla salute, definiti sensibili Il mondo delle assicurazioni è particolar-
e Riabilitativa e in Neurologia, intervenendo proprio perché se usati male possono dare mente interessato ai wearable, con annes-
al nostro convegno sul tema. «La ricerca sta atto a discriminazioni: sul lavoro, sui prezzi sa la miniera di dati sulla salute dei clienti.
impiegando questi strumenti - spiega Boldri- (per esempio di un'assicurazione), nell'ac- Poste Italiane, ad esempio, ha una polizza
ni - soprattutto nei casi di ictus, Parkinson cesso ai servizi. «Il rischio più comune - dice in cui include anche un braccialetto per
e sclerosi multipla: possono permettere di Santoro, ricordando uno studio sull'app per tenere "la tua salute sotto controllo"; così
capire quanto movimento ed esercizio fa un la corsa RunKeeper - è che i dati connessi anche Rbm Salute, che ha anche pensato di
paziente e nei casi più evoluti anche come; in qualche modo alla salute vadano a finire ricompensare chi raggiungeva certi obiettivi:
oppure di monitorare chi è a rischio caduta, a terze parti con scopi commerciali e quin- ad esempio, uno sconto del 3% per chi per
aumentando la condivisione degli obiettivi di che poi arrivino pubblicità per vendere tre mesi ha avuto una media di 8mila passi
tra personale e paziente». prodotti che hanno a che fare con lo stato al giorno. Questo permette alle società di
fisico in quel momento». assicurarsi dei clienti ideali, quelli con uno
Privacy in coda e assicurazioni in pole Con un'indagine del 2016, il Norwegian Con- stile di vita sano, che si ammaleranno meno
Di fronte a queste grandi potenzialità resta- sumer Council (parte dell'organizzazione e, magari, costeranno anche meno.
no però ancora i dubbi, non solo sull'affida- europea Beuc, come Altroconsumo) ha se- Un obiettivo condivisibile per tutti, per ca-
bilità ma anche su altri aspetti, spesso sotto- gnalato alcuni bracciali Fitbit, Garmin, Jaw- rità, ma con dei risvolti. «Le assicurazioni
valutati. Nell'indagine sulle associazioni dei bone e Mio perché violavano la normativa saranno sempre più interessate ai wearable
pazienti già citata, c'è un 41% per cui la pri- norvegese ed europea: condizioni di privacy - dice Santoro -, si pensi alla possibilità di
vacy non costituisce un ostacolo nell'uso dei non chiare, raccolta eccessiva di dati, opaci- vendere polizze mirate agli stili di vita delle
wearable e un 30% che non sa rispondere. tà sulle terze parti con cui si condividono. E persone». Oppure alla possibilità di negarle
Vuol dire che c'è una buona quota di perso- nel 2017 sono stati analizzati alcuni disposi- o di renderle più costose, perché magari si
ne che il problema non se lo pone, che non tivi per misurare pressione e glicemia colle- hanno informazioni su potenziali malattie
sa neanche che i suoi dati sulla salute potreb- gati ad app (Andersson BDR 1.0, iHealth BP7, del cliente? «Sì, certo. Potrebbe succedere
bero essere trattati per fini commerciali o QardioArm A100, Withings BP-801, 2in1, anche questo», conclude Santoro.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 25


INCHIESTA
Riscaldamento

Condomìni svalvolati
Le valvole ai caloriferi sono inutili se il condominio disperde calore e non si fanno
interventi per risolvere il problema. Si alimentano solo le liti tra condòmini.
di Beba Minna

L
o scorso 30 giugno, dopo una proroga
di sei mesi, è scaduto il termine per
installare contabilizzatori e termoval-
vole sui caloriferi in base alla nuova
IN SINTESI normativa per la gestione del riscaldamento
Come funziona la nei condomini, recepita da una direttiva eu-
nuova legge sulla ropea. Una legge che in poco tempo si è fatta
contabilizzazione
amare e odiare. Buone le intenzioni, perché
del riscaldamento
nei condomini: chi ci la norma è utile per controllare e regolare la
guadagna temperatura (e quindi evitare gli sprechi),
e chi ci perde? pessima l'applicazione pratica, che si traduce
I vantaggi degli in una suddivisione iniqua della spesa tra i
interventi di efficienza condòmini. E soprattutto senza raggiungere
energetica il vero obiettivo: migliorare l'efficienza ener-
getica del condominio con interventi mirati.
Per adeguare gli impianti alle nuove norma-
tive bisogna installare sia le termovalvole
sui caloriferi (almeno 50-60 euro l’una) sia i
contabilizzatori di calore, per una spesa tra i
120 e i 200 euro a calorifero. L'investimento
iniziale, dunque, è piuttosto oneroso: per un
appartamento di 80 metri quadrati il costo si
aggira intorno ai 1.000 euro.
Il risultato è che si paga per il calore consuma-
to. Per alcuni condòmini sono soldi spesi bene
perché, se ben utilizzate, le valvole consen-
tono un risparmio tra il 15 e il 20% in media
l’anno sulla bolletta del riscaldamento. Poi c'è
un forte risparmio fiscale, visto che la spesa
per termovalvole e contabilizzatori è detraibi-
le dalle tasse. Se fosse così per tutti sarebbe un
gran bel risultato. La legge, potenzialmente,
potrebbe portare vantaggi ad ambiente e por-
tafogli dei cittadini. Il problema è che le val-
vole hanno fatto parlare di sé soprattutto per
l'accendersi di liti condominiali. Informazioni
confuse, squilibri nelle ripartizioni, ingiusti
salassi riservati a pochi (in genere gli ultimi
piani e i pianiterra). Il più spinoso è il capitolo
delle disparità tra i condòmini, alcuni pena-
lizzati solo per il fatto di abitare nei punti più
vulnerabili dell'edificio (di fatto i più freddi),
indipendentemente dal loro comportamento
nei consumi. Il problema è ripartire le spese
nel modo giusto, tenendo conto che non tutti
gli appartamenti vivono la stessa situazione
dal punto di vista termico.

26 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


INCHIESTA
Riscaldamento

QUESTIONI DIFFICILI, I DUBBI DEI CONDÒMINI


Ecco alcuni dei problemi più comuni con il nuovo conteggio dei consumi, segnalati dai soci
di Altroconumo. I nostri avvocati rispondono.

1 3
Sarebbe possibile avere - scrive Daniela Sanità da Napoli Vi chiedo: chi valuta la convenienza economica delle
- in parole semplici, la sostanza del decreto legislativo valvole termostatiche? Chi abita all'ultimo piano - continua
102/2014 sulle valvole ai termisifoni e cos'è cambiato con Diego Cingerla di Trieste - al pian terreno o sopra un porticato,
il decreto successivo? Nel mio condominio non se ne è mai soprattutto nel caso di stabili vecchi, a causa della mancanza
accennato e vorrei sapere quali sono gli obblighi, le scadenze, eventuali di isolamento termico si trova a pagare molto più degli altri. Nel calcolo
proroghe e deroghe. della media dei potenziali risparmi energetici c'è chi a fine anno mangia
due polli e chi patisce la fame. Ovviamente, è improbabile che i singoli
LE NOVITÀ La norma condòmini possano decidere in base alla propria convenienza
tecnica UNI 10200 è stata economica, quindi è necessario comprendere cosa dice la norma in
modificata nel 2015 nel proposito: una norma scritta in inglese, ottenibile solo a pagamento, di
tentativo (ancora difficilissima comprensione. Come uscirne?
incompleto) di assicurare un
riparto equo delle spese, INCOERENZA In effetti, uno degli aspetti più discutibili è che la legge
proporzionato ai consumi. impone l’applicazione della contabilizzazione del calore senza che
Sono auspicabili ulteriori l’immobile abbia visto interventi di miglioramento della prestazione
correttivi, per ovviare al fatto energetica. Gli interventi migliorativi sono previsti solo in caso di
che la norma non consente ristrutturazione dell’edificio o dell’impianto: questa situazione può
correzioni in relazione alla facilmente portare a squilibri nella ripartizione delle spese di consumo.
posizione dell’alloggio e alle
sue dispersioni.

4
La norma prevede una spesa
suddivisa in due voci: una per L'anno scorso - spiega Emilio Villa, di Podenzano in
“quota a consumo” (prelievo provincia di Piacenza - per la prima volta è stato
di calore misurato dai contabilizzato il riscaldamento con il sistema a
ripartitori) e una per “quota valvole nell'appartamento dove risiedeva mia madre.
per potenza termica L'appartamento era vuoto e le valvole dei termosifoni chiuse:
impegnata” (consumo involontario per dispersioni dell’impianto, nonostante questo, l'importo è stato di circa 1.000 euro, cifra di poco
spese per la conduzione della centrale termica, per la manutenzione inferiore a quella che, prima che venissero installate le valvole,
e la gestione della contabilizzazione del calore). Quest’ultima voce si spendevamo abitandolo e con il riscaldamento acceso (circa 1.200
ripartirà in base ai millesimi, individuati per ogni appartamento, che euro). L'amministratore ha detto che, essendo il primo anno, bisogna
dipendono dal fabbisogno di energia necessaria per riscaldarlo sulla aspettare il successivo per avere dati coerenti. La nostra spesa è
base di quanto stabilito dalla relazione del termotecnico (quindi aumentata di molto, nonostante il consumo di gas del condominio sia
slegati dai millesimi di proprietà). rimasto lo stesso dell'anno precedente. Il problema è che alla casa, che
ha il 13,11 per mille di proprietà dello stabile, è stato attribuito il 38,17 per
mille di fabbisogno energetico. È regolare?

2
Nel condominio in cui abito, negli ultimi anni vari MILLESIMI I millesimi di
condòmini si sono resi autonomi distaccandosi fabbisogno non sono
dall’impianto centralizzato. La domanda, fonte di diatribe paragonabili ai millesimi di
fra condomini, è: chi si è staccato dall’impianto centralizzato, proprietà. Le vecchie tabelle
oltre a contribuire alle spese comuni (manutenzione, tubature ecc.), millesimali di riscaldamento
deve partecipare anche (con una quota pari al 30%) alla spesa erano calcolate sulla base
riguardante l’energia termica dispersa, il cosiddetto consumo del volume riscaldato e sulla
"involontario"? superficie totale dei
radiatori. Le nuove tabelle,
UN COMPROMESSO Secondo la Corte di Cassazione, "i condòmini invece, sono calcolate sul
distaccati continuano a essere obbligati a partecipare alle spese di fabbisogno termico dei
consumo del carburante o di esercizio" (...) in modo tale che gli altri singoli appartamenti: la
condòmini non siano aggravati dovendo farsi carico anche della differenza può essere
quota spettante al condòmino distaccato". Quindi, allo stato attuale anche rilevante. I calcoli
della normativa e della giurisprudenza, colui che intende distaccarsi invece dovrebbero essere
dovrà rinunciare se non può documentare il risparmio per gli altri corretti già dal primo anno
condomini, oppure, in applicazione del principio stabilito dalla dei nuovi millesimi se la
sentenza citata, può concorrere alla voce di spesa "involontaria" diagnosi energetica è
negoziando un accordo con gli altri proprietari. stata fatta bene.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 27


INCHIESTA
Riscaldamento

La diagnosi energetica
INTERVISTA Gli sforzi per regolare il calore in casa saranno
inutili e non porteranno ad alcun risparmio se
il palazzo non è energeticamente efficiente:
serve a poco installare valvole e contabilizza-
tori se poi la caldaia è vecchia, se il condomi-
ANTONIO nio disperde calore dal tetto non coibentato,
dalle facciate o dalle finestre. Quindi la prima
ROMANO cosa da fare è una seria diagnosi energetica,
ESPERTO DI CONDOMINI per capire lo stato di salute della casa e in-
giurista di Altroconsumo dividuare gli interventi necessari. I tecnici
incaricati devono redigere un documento in
cui si descrivono accuratamente i lavori da
fare per migliorare la prestazione energetica
I consumatori lamentano gli aspetti nel loro insieme. e con cui chiedere i preventivi alle imprese.
che la legge sta creando più Teoricamente si dovrebbero Sulla base della relazione tecnica, l'assemblea
problemi che soluzioni, è vero? identificare le dispersioni condominiale può decidere se realizzare gli
«La legge purtroppo sta della rete, da verificare anno interventi o meno. Ed è qui che iniziano i
creando molte tensioni per anno, ma nella pratica guai; è difficile che i condòmini siano d’ac-
all'interno dei condomini. si procede sulla base di cordo: l’inquilino dell’ultimo piano e del pian
Quello che sta funzionando un'analisi iniziale standard. terreno, in genere principali vittime delle di-
bene invece è l'ecobonus, la I condomini svantaggiati spersioni termiche dell'edificio, propongono
possibilità di detrarre porzioni energeticamente avranno di isolare termicamente il palazzo, ma gli altri
elevate della spesa destinata meno comfort e saranno quelli preferiscono solo approfittare di una legge
alle ristrutturazioni finalizzate che pagano di più. Alcuni, invece, golosa, che permette loro di spendere meno
al risparmio energetico. A voler pagano molto meno di prima anche se a scapito di altri. Insomma, si rischia
fare le cose bene, bisognava anche se poi magari hanno di perdere l'obiettivo più generale per guar-
procedere al contrario. Prima comportamenti energetici dare ognuno al proprio orticello.
si doveva rendere più efficiente meno efficienti. Per avere un D’altronde la legge impone al condominio i
il condominio, coibentando quadro completo, si ha diritto sistemi di termoregolazione e contabilizza-
facciata, tetto e finestre, e di chiedere all'amministratore zione di calore, ma non di diventare piena-
poi si poteva procedere alla la relazione fatta dal tecnico mente efficiente dal punto di vista energetico
contabilizzazione». e anche il calcolo fatto per gli riducendo le dispersioni, anche se poi sono
altri condomini (non si possono garantiti incentivi fiscali. Ed è questa l'incon-
Però così si scaricano sulle opporre questioni di privacy). gruità della normativa. Per ridurre al minimo
famiglie tutti gli oneri? Si può sottoporre questa gli ostacoli delle famiglie e aiutarle a mettersi
«Infatti la direttiva ha documentazione a un altro d'accordo, sono previsti, per gli interventi
imposto solo l'obbligo della tecnico per fare una verifica». in condominio, detrazioni fino al 75% della
contabilizzazione del calore, spesa (con un limite di 40 mila euro ad appar-
proprio perché è la strada più In pratica cosa si può fare? tamento). Con la legge di Stabilità potrebbe
semplice da seguire. In un certo «Una soluzione può essere essere garantito a tutti il meccanismo della
senso è stata fatta la scelta ricorrere alle Esco (Energy cessione del credito: si cede il costo dell'in-
che pesava di meno». Service Company), società vestimento all'impresa (che lo recupera in 10
che si occupano dei lavori di anni) e si paga solo il 25% del lavoro. Un'occa-
Redistribuendo male i carichi miglioramento energetico degli sione che pochi amministratori conoscono.
però, in pochi pagano... edifici, garantendo la cessione
«La norma europea non ha del credito: si fanno carico del
definito i criteri per ripartire le recupero dell'investimento
spese, per farlo ci si riferisce offerto dalle detrazioni fiscali,
alla norma UNI, un escamotage fino al recupero della cifra
ben congegniato per evitare spesa. In pratica, le Esco
lungaggini burocratiche in caso offrono – a costo zero – la
di necessità di fare modifiche, diagnosi, il progetto, gli
perché intervenire su una interventi di efficientamento.
norma tecnica è piuttosto Stipulano un particolare
rapido e infatti è già successo contratto che consente loro RISPARMIARE ENERGIA
a più riprese in pochi anni. Il di retribuirsi con il risparmio I segreti per rendere più efficiente la casa:
risultato, però, è che si è fatto energetico ottenuto e con gli come isolarla per ridurre le dispersioni, quali
un ragionamento molto tecnico, incentivi nazionali all’efficienza impianti possono limitare le spese
applicando un rigido metodo energetica e alle rinnovabili». energetiche, come individuare la nostra
di calcolo che non considera B.M. classe energetica e godere delle detrazioni.

28 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


RC AUTO: PIÙ SIAMO
PIÙ RISPARMIAMO
SEI STANCO DI PAGARE COSÌ TANTO L’ASSICURAZIONE?
ADERISCI AL NOSTRO GRUPPO D’ACQUISTO.

L’Italia è tra i paesi con le tariffe rc auto più costose.


Altroconsumo lancia “Abbassa la polizza”,
un nuovo gruppo d’acquisto per risparmiare
sull’assicurazione. La partecipazione è gratuita
e aperta a tutti. Puoi aderire entro il 28 febbraio
anche se la tua polizza non è in scadenza.

www.abbassalapolizza.it
tel 02.6961565
A PRIMA VISTA
A cura di Natalia Milazzo
Su www.altroconsumo.it
altre novità e più dettagli

Novità da Windows 10

PROFUMA BUCATO
Lenor Unstoppables 4,75 €
WINDOWS Fall Creator Update GRATUITO
Il profumo è molto
L’insieme di miglioramenti invisibili che ne aumentano la sicurezza
e visibili che lo rendono più pratico da usare lo rende consigliabile. persistente. Contiene fino
a nove allergeni,
Ha un nome un po’ intricato il gestione più efficace delle risorse a seconda della versione
più recente aggiornamento di del computer, nuove protezioni
Windows 10: Fall Creator Update. contro i virus informatici e altro (sono tre: Fresh, Bliss,
Come sempre, contiene un mix di ancora. Per chi vuole saperne Lavish). E, per 4 bucati
aggiustamenti invisibili all’utente, di più, rimandiamo al numero di
che migliorano la sicurezza del gennaio di Hitest, la nostra rivista a settimana, costa fino
sistema, e di migliorie più evidenti. dedicata alla tecnologia. a 65 euro all’anno.
Tra queste segnaliamo nuove
opzioni per gestire la propria IL NOSTRO PARERE Consigliamo
Siamo sicuri
collezione di foto e video, nuove a chiunque abbia Windows 10 di che per avere
modalità per condividere i file, una effettuare l’aggiornamento. un bucato profumato
ne valga la pena?

Piazza il mobile virtuale


IKEA Place GRATUITO
Abbiamo provato Ikea Place, l’app per accedere alla fotocamera, puoi
(disponibile solo per iOS) lanciata da cominciare a scansionare la stanza e
Ikea, che permette di scansionare casa quindi scegliere e posizionare i mobili
e arredarla. Una bella idea prima di che compariranno in realtà aumentata
comprare i mobili, verificare che effetto nelle diverse soluzioni possibili. Non si
faranno in casa tua, proprio dove intendi possono inserire misure: serve solo per
sistemarli. L’app è molto semplice e avere un’idea un po’ più realistica.
intuitiva da utilizzare: la prima volta
che la si usa si apre una schermata IL NOSTRO PARERE La realtà
con le istruzioni (non è necessario aumentata funziona bene, il limite
registrarsi). Dopo aver dato il permesso principale è che è solo per iOS.

30 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


SOS: nuovo servizio di assistenza informatica
Parte un nuovo servizio dedicato ai soci e non solo.
Scopri tutto sul nostro sito www.altroconsumo.it/SOShitech

Scontro tra titani PROSSIMI


TEST
iPHONE X
da 1.178,90 € PASSEGGINI
Alla prova i modelli più
Che l’iPhone X se cade si rompe, lo leggeri, adatti a genitori che
abbiamo già annunciato nello scorso devono salire e scendere da
numero. E la ricezione non è il massimo. scale, marciapiedi e mezzi.
Ottima invece la qualità dello schermo IL NOSTRO PARERE
Oled, che è decisamente il migliore tra Sul fatto che si tratti
tutti i modelli testati fino ad ora, così di due ottimi prodotti,
come le fotocamere sono di altissimo non ci piove.
livello, in grado anche di mettere in L’iPhone X
evidenza i soggetti in primo piano. La batterebbe come
durata della batteria però non va oltre qualità globale il
un giudizio sufficiente. modello precedente,
l’iPhone 8, se non
fosse per il test di
caduta. E il Samsung
SAMSUNG Galaxy S8 Galaxy merita un
da 495 € giudizio perfino
leggermente FRIGO
La qualità complessiva di questo superiore. Tuttavia,
smartphone è estremamente buona, Sotto esame frigo
da tenere presente
superiore a quella della media dei combinati, da incasso e a
che ci sono prodotti
modelli del suo segmento, ovvero libera installazione. E alcuni
di qualità analoga a
modelli che ci “parlano”.
smartphone di grandi dimensioni prezzi decisamente
(phablet). Ottima la durata della più interessanti.
batteria, la qualità dello schermo,
buone le foto scattate con entrambe
le fotocamere. Dal punto di vista della
fragilità, però, non si comporta meglio
dell’iPhone X: meglio non farlo cadere.

Zero... e che altro?


ERIDANIA Zero 2,29 €
Impazzano sempre di più i prodotti “senza”. E questo
Eridania Zero ne è un esempio. Il nuovo dolcificante liquido,
infatti, si presenta tutto in negativo: “Zero calorie, senza
retrogusto, senza aspartame”. Inoltre il sito dell’azienda TRAPANI
spiega che è adatto anche a chi è intollerante al glutine Doppio test: modelli a
e al lattosio. Non dà però la risposta a una domanda, batteria, per lavori più precisi
peraltro fondamentale: che cosa c’è dentro? Una miscela e leggeri, e a filo, per i compiti
di dolcificanti artificiali: ciclammato, saccarina e sucralosio. più “hard”.
Abbiamo parlato dei sostituti dello zucchero su TS 121,
aprile 2016: se il sucralosio è considerato accettabile,
ciclammato e soprattutto saccarina lo sono meno, in
particolare per i sospetti che la saccarina - assolta da ogni
accusa di cancerogenità - possa alterare la flora intestinale
e interferire così con il nostro metabolismo.

IL NOSTRO PARERE In linea generale è meglio ridurre lo


zucchero che ricorrere ad edulcoranti artificiali.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 31


NON TUTTO FA
BUON BRODO
COME TESTIAMO
Marche e modelli sono selezionati
in modo da coprire il più possibile il
mercato. Tutti i campioni sono
acquistati nei normali punti
vendita, inviati ai laboratori e
testati in forma anonima.
Svolgono le prove laboratori ed
esperti indipendenti da qualsiasi
tipo di interesse commerciale.

COME VALUTIAMO
La qualità è indicata con un numero
di stelle, da uno (pessimo) a cinque
(ottimo). La qualità globale è
espressa da una valutazione in
centesimi. Se un prodotto non
supera le nostre prove di sicurezza
o ha gravi problemi di conformità il
giudizio globale è sostituito da
questo simbolo:
Il colore blu nelle tabelle indica i
prodotti di qualità globale buona,
l’azzurro di qualità media, il grigio di
qualità insufficiente.

MIGLIORE DEL TEST


Migliore qualità globale del test,
a prescindere dal prezzo

MIGLIOR ACQUISTO
Qualità globale buona e il prezzo
o il costo d’uso più conveniente

MIGLIOR PREZZO
Qualità globale media e un prezzo
o costo d’uso particolarmente
conveniente

MEGLIO EVITARE
Il prodotto ha gravi problemi di
conformità o di sicurezza

Migliaia di prodotti e
aggiornamenti continui
su www.altroconsumo.it
www.altroconsumo.it
TEST
Dadi & Co.

In alcuni dadi (e in granulari, gel e liquidi) c’è troppo GLOSSARIO

sale, in altri troppi additivi o grassi saturi. Meglio Estratto di carne È il risultato
della concentrazione di un
normale brodo di carne. Per
farsi il brodo a casa: è decisamente più sano. avere 1 kg di estratto servono
dai 30 ai 40 kg di carne.
di Manuela Cervilli
Estratto di lievito È un
concentrato di diversi lieviti

S
e ha la funzione di insaporire:
embrava solo un ricordo, anzi un con solo carne bianca (si chiama di non contiene ingredienti
profumo lontano: invece è tornato solito “delicata” o alle carni bianche); animali (adatto anche per i
fra noi. Il brodo ribolle nelle hanno aumentato la sapidità al massimo vegetariani).
cucine degli italiani, che hanno aggiungendo il glutammato monosodico
Estratto per brodo Si ottiene
ritrovato un’amore smisurato - merito per poi eliminarlo in versioni più sane estraendo proteine di origine
anche di tv, social e blogger alla moda (i dadi “senza glutammato aggiunto”) o vegetale da cereali e legumi,
- per la tradizione culinaria del nostro meno salate (con lo slogan “30% di sale in oppure proteine di origine
paese. Che il pentolone di brodo lo mette meno”); hanno reso il prodotto dosabile animale a partire da sangue,
al centro. Nella tradizione contadina la e con meno grassi (nel barattolino, latte, carne e pesce.
prima cosa che faceva una massaia era con cucchiaino dosatore e in granuli)
Guanilato È un sale
quella di mettere una pentola d’acqua sul fino all’invenzione di quello “pronto
insaporitore usato anche
fuoco per fare il brodo: rappresentava all’uso” (liquido, nel brick). L’ultima con il glutammato; si estrae
la base per le diverse zuppe, prima trasformazione - Orogel ha lanciato una da pesce essiccato, alghe o
portata di ogni pasto, e garantiva un versione in gocce surgelate, senza sale, lievito.
nutrimento a basso prezzo, grazie da sciogliere in acqua - è così recente che
all’utilizzo di verdure (cipolle, carote, non siamo purtroppo riusciti a inserirla Inosinato È un sale
sedano, prezzemolo, pomodori, patate) e tra i prodotti da testare. La pubblicità insaporitore usato anche con
il glutammato; si estrae da
ossi o tagli minori delle carni. Da questo martellante presenta “Virtù di brodo” di
pesce e carne.
punto di partenza il brodo ha subìto molte Orogel come un prodotto innovativo: è
trasformazioni. La più radicale è stata vero sul punto che è senza sale, un po’
quella di diventare “portatile”, quando meno per l’assenza di glutammato, olio
Justus von Liebig, nel diciannovesimo di palma e glutine (così in giro ce ne sono
secolo, ha ideato la magica tavoletta per anche altri). Dentro non c’è niente che
recuperare e riprodurre rapidamente abbia a che fare con un dado tradizionale,
ed economicamente il gusto del brodo. solo verdure (ingredienti: vegetali 84%
Da qui i cambiamenti si sono susseguiti - carote, zucchine, sedano, pomodoro,
in un crescendo: al dado i produttori cipolla - acqua, prezzemolo), il che lo
hanno tolto la carne (lanciando il cubetto rende all’assaggio molto più simile a un
vegetale), hanno creato una versione passato di verdura leggerissimo che a un

DAL CLASSICO DADO AI GRANULI


PRO Il prezzo è basso; l’imballaggio è ridotto, senza PRO Prodotto nuovo; si scioglie in fretta sia nell’acqua
sprechi di spazio e d è quasi completamente riciclabile. sia nei sughi.
CONTRO Ha molti grassi rispetto agli altri prodotti da CONTRO Nel caso si voglia usare solo mezza dose, la
brodo; è difficile da dosare; alcuni si sciolgono restante va conservata in frigo e consumata entro 5
lentamente; se ne usi solo una parte va chiuso bene e giorni; dal punto di vista ambientale poco verde: forma
conservato eventualmente in frigo: i grassi si alterano non compatta e doppio imballaggio, di cui solo la metà
facilmente. CUBETTO GEL riciclabile.

PRO Rapido da usare; promosso nel test. Facile da PRO Si dosa bene: non c’è spreco di prodotto, si può
dosare, ma per evitare gli sprechi va usato tutto entro scegliere la quantità esatta da usare in funzione della
pochi giorni dall’apertura e conservato in frigo. quantità di acqua; è economico.
CONTRO È costoso (costa quasi cinque volte di più CONTRO Poco green dal punto di vista ambientale: la
rispetto a dadi o granulari); la confezione è ingombrante confezione è spesso sovradimensionata, con molto
e pesante. LIQUIDO GRANULARE spazio vuoto.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 33


TEST
Dadi & Co.

brodo vero e proprio. Anche questa però è è presente in quantità così minima che
La prova del cuoco un’evoluzione. Insomma visto che il brodo
in cucina non può mancare, ma nessuno
anche nel prodotto più ricco è quasi
impercettibile. Chi, dunque, vuole un
ha tempo di farlo, i produttori lo hanno brodo ricco di carne, è meglio che acquisti
reso veloce, portatile, dosabile, adeguato direttamente l’estratto di carne (è un
al ritmo della nostra vita. Con buona pace prodotto monoingrediente, contiene solo
della nostra nonna. quello). Quello della Liebig costa 4,85 euro
a confezione: facendo due conti il costo di
Classico o vegetale? una porzione è di 0,30 euro, più cara di
Per scoprire qual è il prodotto che replica un dado “classico” del nostro test, ma più
meglio il brodo fatto in casa abbiamo economica del brodo liquido (in media
messo alla prova sia i dadi vegetali sia una porzione costa 0,47 euro).
quelli classici, ma anche granuli, liquidi, E nei prodotti vegetali? Qui l’ingrediente
gel. E qui c’è già da fare un precisazione: che domina è la verdura: più ce n’è,
quando si parla di versione classica, meglio è. Tra i granulari del test, per
non si deve dare per scontato - anche se esempio, si passa dal 59% di verdura
sarebbe assolutamente logico - che fra in Esselunga Bio al 6,8% in Star. Se
ANONIMI Nella fase di preparazione della gli ingredienti ci sia l’estratto di carne: facessimo la stessa porzione di brodo,
prova di assaggio con gli chef, i prodotti alcuni prodotti infatti non lo contengono scopriremmo che nel primo caso nei 250
vengono resi anonimi: il necessario per (Knorr sia granulare sia dadi e Maggi ml ci sarebbero 3 grammi di verdura, nel
preparare un brodo da mezzo litro viene non l’hanno). Tra i dieci brodi classici secondo solo 0,34 g. Una quantità non
messo in una vaschetta di plastica. analizzati che dichiarano di avere tra gli certo da indigestione.
ingredienti l’estratto di carne, in tre non
dicono in che percentuale. Negli altri Tanto, troppo, sale
sette prodotti, la percentuale di estratto Se c’è una cosa che nei dadi - classici o
va dall’1% di Kania (del discount Lidl) vegetali che siano - non manca è il sale:
e di Auchan al 3% di Conad. È tanto, è circa la metà di un dado è costituito
poco? Se facessimo una porzione di brodo proprio da cloruro di sodio. Che non è
(250 ml) con il dado Conad, nella nostra certo un toccasana per la nostra salute.
fondina ci sarebbero 0,17 g di estratto di Un’alimentazione ricca di sale - è provato
carne; mentre 0,055 con il brodo Lidl da solide basi scientifiche - aumenta
e Auchan. Insomma, l’estratto di carne il rischio di malattie cardiovascolari.

TEMPERATURA GIUSTA I brodi sono LA NOSTRA SCELTA: VEGETALI


stati fatti con acqua bollente e poi serviti
agli chef a un temperatura di 70°C. La
preparazione di ogni brodo ha seguito
le indicazioni riportate in etichetta.

61 QUALITÀ
BUONA 61 QUALITÀ
BUONA

KNORR Brodo vegetale 9 verdure COOP Brodo pronto di verdure


1, 39 - 1,79 € (750ml) 1,35 - 1,45 € (1000 ml)

IL NOSTRO PARERE Questo brodo liquido è uno IL NOSTRO PARERE Ha una delle etichette più
L’ASSAGGIO I brodi sono stati serviti
dei prodotti con meno sale e senza glutammato chiare e complete e anche un prezzo più
ai cuochi in bicchieri di vetro trasparenti aggiunto. Pochi i grassi saturi. Questo depone a contenuto rispetto al brodo liquido primo in
perché potessero verificare il colore, favore della salute, ma è un aspetto che è piaciuto classifica: proprio per questo aspetto, in rapporto
le micelle di grasso prima e dopo l’assaggio, anche ai nostri assaggiatori esperti che hanno alla qualità, lo abbiamo premiato anche con il titolo
l’eventuale presenza di corpi solidi . potuto sentire meglio il gusto delle verdure . di Migliore Acquisto. Tra i pregi c’è l’assenza di
Rispetto agli altri non costa poco però. glutammato monosodico aggiunto.

34 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Dadi & Co.

PREZZI TIPO RISULTATI

QUALITÀ GLOBALE %
In euro a confezione

medio a porzione
(250 ml di brodo)

Assaggio esperti
(ottobre 2017)

consumatori
Glutammato
Grassi saturi

Assaggio
min-max

Etichetta
Formato
Prodotti per brodo

In euro

Sale
Vegetali
F KNORR Brodo vegetale 9 verdure 1,39-1,79 0,55 750ml B C A A D B 61
FF COOP Brodo pronto di verdure 1,35-1,45 0,34 1000ml A D A A D C 61
ALCE NERO Brodo vegetale biologico 1,99 0,10 10pz-100g B E A A C C 58
IL NUTRIMENTO Preparato per brodo vegetale 2,86-2,93 0,16 150g C E A A B C 57
RAPUNZEL Dado vegetale per brodo 1,98-2,1 0,13 8pz-10,5g C E E A C A 56
STAR Il mio brodo di verdure 1,89-2,15 0,51 1000ml B D A A C D 55
ESSELUNGA BIO Brodo granulare con il 59,3%
3,99 0,17 120g B C A A D D 53
di verdure
PIÙ BENE Brodo vegetale biologico granulare 3,99 0,09 200g C E A A D D 51
STAR Brodo granulare 8 verdure 1,49-1,92 0,06 150g B E A A D D 50
BAUER Dadi per brodo vegetale 1,58-1,99 0,15 6pz-60g B E A C D B 45
CUCINA E SAPORI (MD) Brodo vegetale 0,79 0,02 20pz-220g B E E C C B 44
KNORR Vegetale 0,84-1,35 0,06 10pz-100g C E E C B C 44
STAR Il mio dado vegetale 0,99-1,25 0,06 10pz-100g B E E C C B 43
VIVIBIO Preparato per brodo vegetale biologico 1,19-1,71 0,12 6pz-66g B E E A E D 34
Classici
KNORR Brodo granulare classico 1,43-2,49 0,08 150g B E A C C A 57
KNORR Cuore di brodo classico -25% di sale 1-1,51 0,16 4pz-112g B E C A C B 56
KNORR Naturalmente! Classico -35% di sale 1,05-1,75 0,06 12pz-109g C D E A C B 54
CARREFOUR I sapori classico brodo granulare 1,29-1,39 0,05 150g B E A A D D 51
MAGGI Il dado classico 1,35-1,99 0,04 20pz-200g B E A C B C 50
OLDER 6 dadi per brodo gusto classico 1,28-1,98 0,13 6pz-64g D E C A D C 44
KNORR Classico 0,99-1,25 0,06 10pz-100g C E E C C C 41
STAR Il mio dado classico -30% di sale 0,85-1,37 0,06 10pz-100g B E E C C D 35
STAR Il mio dado classico 0,85-1,35 0,06 10pz-100g B E E C D D 34
AUCHAN Preparato per brodo classico 0,79 0,04 10pz-110g D E C C D D 33
DIALCOS Dialbrodo classico 2,29-3,05 0,05 250g D E A C D E 32
DON JEREZ (EUROSPIN) Brodo granulare classico 0,99 0,02 250g B E A E C E 31
KANIA (LIDL) Brodo classico 0,75 0,02 20pz-220g D E E C C E 27
CONAD Classico 1,25-1,65 0,04 20pz-220g D E E C D D 26
qualità buona qualità media qualità insufficiente

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 35


TEST
Dadi & Co.

50% di un cubetto di dado


di solito è composto da sale:
da 0 a 20%
È il contenuto di oli e grassi.
La percentuale varia da dado a
dado. Per verificarla,
basta un’occhiata alla lista
0,07 ₤
È il costo medio per preparare un
porzione di brodo (250 ml) con dadi e
+100%
I dadi e granulari biologici
costano più del doppio: 0,13 €
a porzione rispetto a 0,06 €
è il primo ingrediente degli ingredienti granulari: con il liquido si spende 0,47₣ dei prodotti non biologici

Il sale non solo abbonda sulle nostre brodo. In laboratorio abbiamo scoperto
tavole, ma è presente soprattutto nei che dei 15 prodotti che dichiarano di
prodotti industriali e lavorati: bisogna non aggiungere il glutammato, solo otto
assolutamente impegnarsi a consumarne non lo contengono davvero. Negli altri
meno. Ecco il motivo per cui siamo stati sette troviamo glutammato in quantità
molto severi in questa prova: solo due variabile (probabilmente proprio perché
dadi prendono la sufficienza (Esselunga contenuto in altri ingredienti): in una
bio e Knorr - Naturalmente gustoso, porzione di brodo da 250 ml la quantità
vegetale). Questi hanno meno sale a va da sei a 169 mg. Nei dadi che lo
porzione dei tre dadi (il gel Knorr Cuore aggiungono, invece, va da 107 a 170 mg.
di brodo classico, Star Classico e Knorr Fuori media, invece, la percentuale di
Classico) che vantano in etichetta lo glutammato contenuta nel granulare Don
slogan a “ridotto contenuto di sale”. Jerez di Eurospin: il 36% (1,8 g a porzione
Una dimostrazione in più che gli slogan di brodo), decisamente troppo. Ci
Fatto in casa sulla confezione a volte sono fuorvianti: auguriamo che la formulazione di questo
meglio leggere con attenzione e valutare prodotto sia presto cambiata, come ci
Ingredienti direttamente le informazioni in etichetta. ha comunicato il produttore Eurospin:
2 carote per ora però è ancora in vendita. A
2 cipolle Il famigerato glutammato proposito di glutammato, il nostro
3 coste di sedano Il sale non è l’unico ingrediente dei dadi. consiglio è quello di fare attenzione a
1 pomodoro C’è anche il glutammato. Contro di lui distinguere tra i due slogan: una cosa
1 zucchina si è detto di tutto e di più. Ecco perché è “senza glutammato”, altra è “senza
pepe in grani recentemente l’Efsa (l’Autorità europea glutammato aggiunto”. In quest’ultimo
prezzemolo per la sicurezza alimentare) ha voluto caso - come abbiamo visto in questo test
3 litri di acqua fredda fare chiarezza: il glutammato non è né - non è garanzia della totale assenza di un
sale genotossico né tantomeno cancerogeno, ingrediente, che invece va limitato.
Costo medio a porzione 0,15 € è però colpevole - ad alte dosi - di alcuni
disturbi noti come la “sindrome da Meglio fatto in casa
II brodo vegetale è una ristorante cinese” (tra i sintomi nausea Troppo salati: i brodi classici testati non
preparazione di base tra le più e mal di testa). Per questo motivo per ci hanno convinto e non possiamo darvi
importanti in cucina. il glutammato è stata fissata un dose un’indicazione di consumo, stabilendo un
Gli ingredienti sono sedano, massima giornaliera, che non andrebbe Migliore del Test e un Migliore Acquisto.
carota e cipolla, ai quali mai superata (30 mg per chilo di peso Il nostro consiglio è quello di fare il
possono essere aggiunti altri corporeo) a tutela della nostra salute. brodo in casa: sarà sicuramente più
ortaggi a seconda dei gusti: Questo significa che un uomo di 70 kg non sano. Se spaventano i tempi di cottura,
pomodori, zucchine (o zucca deve assumere più di 2,1 g al giorno di per velocizzarli si può usare la pentola a
a seconda della stagione) e glutammato; mentre una donna di 50 kg, pressione. In più se ne può preparare una
patate. Perché venga buono, non deve superarne 1,5 g al giorno. Visto grande quantità e surgelarlo, già suddiviso
bisogna immergere le verdure che, nella vita di tutti i giorni, è difficile in sacchetti, prevedendo anche qualche
in acqua fredda per lasciare fare i conti e sapere con certezza quanto piccola porzione (si può usare lo stampo
che sprigionino il loro gusto glutammato ingeriamo, il buon senso per i cubetti di ghiaccio) da stemperare
man mano che l’acqua arriva a dice che meno ne mangiamo meglio è. Da nelle preparazioni e nei sughi in cucina.
bollore. tempo per andare incontro alle richieste Se proprio non si ha tempo di fare il brodo
Cuoce in un’ora e mezza. Può del mercato molti produttori non lo in casa, allora si può scegliere un brodo
essere conservato in frigorifero aggiungono più: ma questo non significa vegetale: sono risultati meno salati, meno
per circa una settimana o che non ci sia. Il glutammato infatti, grassi e più equilibrati nel gusto, secondo i
riposto in congelatore per un anche se non viene aggiunto nei dadi, nostri esperti. Certo non è come farlo con
periodo più lungo. può essere presente in altri ingredienti le verdure dell’orto, ma l’avesse avuto a
come nell’estratto di lievito o in quello per disposizione anche la nonna, chissà...

36 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Seggiolini

MEGLIO IN SINTESI
Alla prova
i seggiolini

AL CONTRARIO
per auto i-Size
I punti chiave
della normativa
i-Size
Le esperienze
dei nostri soci

Con i seggiolini i-Size si viaggia in senso opposto


a quello di marcia . Così è molto più sicuro per i bambini.
di Manuela Cervilli

C
hi non spenderebbe 5 euro al giorno per giorno l’andamento e il destinati sia ai neonati sia ai bambini
mese per la sicurezza del proprio coinvolgimento dei bambini in sinistri fino a circa 4 anni di età. Questo sistema
bambino? Pensiamo bene a sulle strade e coltiviamo un sogno. La garantisce una migliore protezione della
questa cifra quando siamo di cosiddetta visione zero. Cioè zero bambini testa e del collo del bambino, perché fa
fronte all’acquisto di un seggiolino i-Size morti sulle strade» ci dice Giordano viaggiare i bambini almeno fino a 15 mesi
per l’auto e ci sembra caro. In realtà, Biserni, presidente dell’associazione. (alcuni fino a circa 4 anni) nei seggiolini
anche se il costo di partenza è alto (in «Ogni volta che un bambino perde la vita rivolti in senso contrario a quello di
media si spendono 420 euro contro i sulla strada il colpevole è un adulto. Un marcia. Questa modalità non è un vezzo
263 euro di un seggiolino non i-Size per adulto che andava a velocità elevata, o o una moda: al contrario, è fondamentale
la stessa fascia di età) considerando il che era ubriaco, oppure che non lo aveva per la loro sicurezza. La testa dei bambini,
periodo d’uso, la spesa mensile per un fissato bene sul suo seggiolino». Eppure infatti, è in proporzione molto più grande
prodotto di ultima generazione è più che un modo per metterli al sicuro c’è: legarli e pesante rispetto al resto del corpo; in
abbordabile: meno di una pizza o di un bene a queste strutture, che sono state più, ossa e muscoli del collo non sono
biglietto per il cinema. Tutte cose - queste studiate e realizzate per proteggerli in ancora sufficientemente sviluppati per
- a cui si può facilmente rinunciare. Della caso di impatto, sia frontale sia laterale. sostenerla perfettamente. In caso di
sicurezza, invece no, non si può fare impatto frontale, la testa del bambino che
a meno. I dati dell’Osservatorio Asaps Perché viaggiare così viaggia in senso di marcia viene spinta in
parlano chiaro: fino a dicembre 2017 le L’ultima frontiera quando si parla di avanti, sollecitando troppo il collo, con il
piccole vittime della strada sono state 37 seggiolini è la normativa europea i-Size. rischio di lesioni gravi. Se il bimbo viaggia
(0-13 anni). E anche se fossero la metà È entrata in vigore da qualche anno e nella posizione contraria al senso di
sarebbero comunque troppe. «Seguiamo si applica a tutti i nuovi seggiolini auto, marcia, invece, la testa è meglio sostenuta

I vantaggi
dell’i-Size
1. Migliore protezione
in caso di impatto laterale
e frontale
2. Migliore protezione per
la testa e il collo
3. È compatibile con tutte
le auto con aggancio Isofix
4. Per scegliere il seggiolino
della taglia giusta ci si basa
sull’altezza del bambino
(non più sul peso)
5. Viaggiare in senso
contrario diventa
obbligatorio fino almeno
a 15 mesi di età

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 37


TEST
Seggiolini

e la forza dell’impatto viene distribuita Non è il caso degli i-Size di questo test, si sono aperti. Sebbene si tratti di prodotti
su una superficie più ampia. Il grande ma le nostre ultime prove su tutti i tipi omologati hanno fallito le nostre prove
passo avanti fatto da questa normativa, di seggiolini auto hanno evidenziato di laboratorio, che - è vero - sono più
dunque, è proprio quello di riconoscere problemi seri su alcuni modelli: il Recaro severe di quelle di omologazione, ma
l’importanza di far viaggiare i bambini in Optia con la base Recaro SmartClick e sono realistiche e simulano diversi tipi di
senso contrario a quello di marcia fino Jané Grand hanno fallito le prove di crash incidenti con velocità compatibili a quelle
ad almeno 15 mesi. I prodotti in tabella test che abbiamo fatto in laboratorio. che si hanno in città. I due seggiolini in
sono tutti i-Size: oltre alle performance nei In caso di urto frontale - lo dimostrano questione non sono in questa tabella, ma
crash test, per stabilire quale consigliarvi i nostri dati - i rischi potrebbero essere si trovano - insieme a tanti altri modelli -
abbiamo valutato anche il prezzo in base molto gravi sia per i bimbi sia per gli nel nostro comparatore online sul sito.
alla durata d’uso del seggiolino. altri passeggeri. Nel nostro crash test
il seggiolino Recaro Optia si è staccato Il ritiro non è sempre veloce
Prove severe, seggiolini più sicuri dalla base Isofix ed è stato sbalzato Dopo le nostre segnalazioni i produttori
Tutti i seggiolini omologati sul mercato nell’abitacolo; nel seggiolino Jané, invece, si sono impegnati a garantire il corretto
garantiscono una protezione, ma i nostri gli agganci Isofix non sono stati in grado di ritiro dei seggiolini, ma non sempre la
test, che sono molto severi, mostrano che reggere le forze a cui sono stati sottoposti procedura avviene nello stesso modo.
non tutti offrono una protezione ottimale. nella simulazione dell’incidente frontale e Recaro, per esempio, ha comunicato

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI

QUALITÀ GLOBALE %
Peso del seggiolino

Sicurezza frontale

Sicurezza laterale
Intervallo altezza
In euro min-max
(dicembre 2017)

Facilità d’uso

Seggiolini i-Size
(kg)

F KIDDY Evo-Luna i-Size 459-489 40-83 cm 5,2 B A A 81


CYBEX Aton M i-Size + base M 359-439 45-87 cm 4,5 B B A 80
BEBECONFORT Pebble Plus 180-249 45-75 cm 4,5 B A A 79
BEBECONFORT Pebble Plus + base 2wayFix 468-488 45-75 cm 4,5 A A B 79
CYBEX Aton Q i-Size + base Q i-Size 340-389 45-75 cm 5,1 B A A 77
CYBEX Aton Q i-Size 189-240 45-75 cm 5,1 B A A 77
BESAFE iZi Kid X2 i-Size 474-529 61-105 cm 14,3 B A A 76
BESAFE iZi Go Modular i-Size 246-299 40-75 cm 4,2 B A A 75
BRITAX RÖMER Baby-Safe i-Size + base isofix flex 389-399 40-83 cm 4,8 B A B 75
BRITAX RÖMER Baby-Safe i-Size + base isofix 379-389 40-83 cm 4,8 B A B 75
CYBEX Aton M i-Size 179-259 45-87 cm 4,5 B B A 75
NUNA Pipa Icon + Pipafix base 449 40-85 cm 4,4 B A B 74
F CONCORD Reverso Plus 329-379 40-105 cm 10,9 B A B 74
BESAFE iZi Go Modular + base i-Size 495-545 40-75 cm 4,2 B A B 74
BRITAX RÖMER Baby-Safe i-Size 209-219 40-83 cm 4,8 B A B 74
F BEBECONFORT 2wayPearl 229-259 67-105 cm 7,3 B B C 73
NUNA Pipa Icon 269 40-85 cm 4,4 B A B 71
CYBEX Sirona M2 i-Size + base M 406-580 45-105 cm 8 B B B 68
BEBECONFORT AxissFix 439-450 61-105 cm 12 B B B 67
BEBECONFORT 2way-Pearl + base 2wayFix 458-518 67-105 cm 7,3 B B C 67
GB Vaya i-Size 499-530 40-105 cm 14,8 C B A 65
BEBECONFORT AxissFix plus 479-499 45-105 cm 12,4 B B B 65
RECARO Zero.1 i-Size 549-699 40-105 cm 15,3 C B B 65
BESAFE iZi Modular i-Size 369-378 61-105 cm 8,1 63
I PRODOTTI RITIRATI
C B A
NUNA Rebl Plus i-Size 489-529 40-105 cm 14,6 C B B 61 Scopri i prodotti
pericolosi ritirati
RECARO Zero.1 Elite 699-729 40-105 cm 18,3 C B B 60
dal mercato su
Risultati completi su www.altroconsumo.it/seggiolini qualità buona qualità media ec.europa.eu/rapex

38 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Seggiolini

IN VIAGGIO CON I SOCI


il blocco delle vendite dei modelli
in questione e sta procedendo con
il richiamo e la sostituzione. Si può
controllare sul loro sito, inserendo il
I seggiolini sono essenziali sempre, anche per distanze brevi e in città.
numero di serie: se il seggiolino risulta tra Il caso di un papà alle prese con il trasporto di un bimbo un po’ robusto.
quelli pericolosi l’azienda si impegna a
cambiarlo.
A proposito di il prodotto, portando con
Jané, invece, ha bloccato la distribuzione,
seggiolini per auto, sé il bambino e
ma sul sito la comunicazione è difficile
come ci si orienta con facendoglielo provare
da trovare ed è poco chiara: non è facile
riconoscere i lotti dei prodotti a rischio. un bel rugbista che ha 8 perché la larghezza dello
Dopo la pubblicazione dei risultati del anni e pesa 44kg? Il schienale può variare
test sul nostro sito, ci ha scritto un papà seggiolino gruppo 3, Isofix, molto. Non importa se i
preoccupato: «Vi chiedo chiarimenti e migliore dei vostri test, che seggiolini di gruppo 2/3
possibilmente i risultati dei test effettuati dichiara di essere adatto sono indicati sino ai 36
sul seggiolino auto Jané Grand - ci ha fino a 36kg è ancora sicuro? kg: vanno usati finché il
sollecitato Fabio Pizzolato di Verona - Ce lo chiede Alessandro bambino non raggiunge i
poiché ne ho uno in uso e sono molto Fornasaro di Tavagnacco 150 cm di altezza. In
preoccupato e sconcertato della notizia». (UD), che ha anche un’altra realtà non ci sono
Il socio, infatti, avendo letto sul nostro sito domanda «Tra poco una problemi di utilizzo
l’alert, si è rivolto subito al negozio, ma sostituzione sarà perché in quella fascia l’Isofix serve ad
il rivenditore non ne sapeva nulla. Solo necessaria, perchè va “stretto di spalle”. agganciare il seggiolino al sedile, ma il
dopo il produttore Jané ha pubblicato Ne prendiamo uno semplicemente più bambino viene legato e trattenuto dalle
sul suo sito l’indicazione di inviare in largo e sempre omologato fino a 36 kg? ». cinture dell’auto. Tuttavia qualora non si
assistenza quel modello. Così ha fatto il Per i bambini sopra ai 4 anni il seggiolino trovasse alcun prodotto in cui il bambino
socio e tutto è finito bene. Ma - va detto - migliore è quello di gruppo 2/3 con può stare seduto in modo confortevole, ci
la procedura per comunicare i ritiri deve schienale regolabile: al momento non si può orientare verso i seggiolini che
essere migliorata. esistono seggiolini I-size per fasce di età hanno lo schienale che si può staccare o
superiori. In caso di bambini dalla su un booster (alzatina) del gruppo 3 che è
corporatura massiccia è meglio acquistare utilizzabile dai 22 kg.

LA NOSTRA SCELTA: SEGGIOLINI

81 QUALITÀ
BUONA 74 QUALITÀ
BUONA 73 QUALITÀ
BUONA
KIDDY Evo-Luna i-Size CONCORD Reverso Plus BEBECONFORT 2wayPearl
459 - 489 € 329 - 379 € 229 - 259 €

IL NOSTRO PARERE Questo prodotto è IL NOSTRO PARERE Si tratta di un IL NOSTRO PARERE Ottime
adatto ai neonati (da 40 a 83 cm) e dura seggiolino versatile che può performance a un prezzo davvero
più o meno fino a 19 mesi di età. Nel nostro accompagnare il bambino dalla nascita competitivo. Questo seggiolino però
test ha dimostrato di proteggere i fino a 4 anni e mezzo. Nel nostro test è deve essere usato per i bimbi da circa sei
bambini in modo ottimale in caso di urto risultato fra tutti il prodotto migliore nella mesi (in pratica dopo la navicella o un
frontale e laterale. È facile da installare. prova che valutava l’impatto frontale. ovetto gruppo 0) e accompagna la loro
crescita fino ai 4 anni e mezzo.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 39


DAL SITO www.altroconsumo.it
Tutti i prodotti testati

TOP

5
Sul sito trovi i risultati
aggiornati di tutti
TERMOVENTILATORI

76
DE’ LONGHI
QUALITÀ
BUONA
MATERASSI

72
AMAZON BASICS
QUALITÀ
BUONA

i nostri test. I prodotti HVY 1020 Extra comfort 7-zone


migliori potrebbero Da 22 € Da 113 €
essere riconoscibili
PRO È l’apparecchio che, fra tutti i modelli PRO Il materasso venduto su Amazon ha
anche nei negozi, testati, ha mostrato la migliore capacità di ottenuto risultati buoni in particolare nelle prove
grazie ai Sigilli di mantenere stabile la temperatura in un locale (di di sostegno del corpo per persone esili, per le
dimensioni medio-piccole), grazie a un quali risulta più indicato. Il nostro test ha svelato
qualità, che facilitano termostato particolarmente efficace. anche la sua elevata traspirabilità.
la scelta dei prodotti CONTRO Non mostra particolari punti deboli. Bene nella prova di durata nel tempo, che ne
che superano bene IL NOSTRO PARERE L’apparecchio De’ Longhi è simula l’uso per dieci anni.
risultato nel complesso il Migliore del Test; il CONTRO Il sostegno del corpo è risultato meno
le nostre prove, prezzo vantaggioso lo rende anche il nostro soddisfacente per chi pesa di più. Si vende solo
ottenendo il titolo Miglior Acquisto. Avendo una classe di sicurezza online: purtroppo non è possibile provarlo prima
IP21 può essere utilizzato in bagno. Nelle prove è dell’acquisto.
di Migliore del Test risultato anche piuttosto silenzioso, per quanto IL NOSTRO PARERE Questo materasso è
e Miglior Acquisto. sia possibile esserlo per un apparecchio che adatto a chi ama l’effetto “memory” e pesa
funziona a ventola. poco. Il prezzo è estremamente contenuto.
Da oggi cerca i Sigilli.

“Ha la classe di “Ottimi i risultati nella


altroconsumo.it/label
Test 05.2017

MIGLIORE
DEL TEST
sicurezza IP 21: si può prova che ne simula
usare anche in bagno” l’uso per dieci anni”
TRA GLI ALTRI PRODOTTI CONFRONTA TRA GLI ALTRI PRODOTTI CONFRONTA

VORTICE 70140 Scaldatutto Classic 75 EMMA Materasso 80


altroconsumo.it/label

MANIFATTURA FALOMO Kuschelmed


Test 05.2017

IMETEC Living Air M2 - 100 70 H2


78
MIGLIOR
ACQUISTO
ARGO Pop 62 EMINFLEX Naturity 75

ARDES Muna 60 MERCATONEUNO King gel 75

OLIMPIA SPLENDID Color Blast 56 ENNEREV Evopure 72

MIGLIAIA DI PRODOTTI A CONFRONTO www.altroconsumo.it/miglioracquisto

40 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


PREZZI ALL’ 8/12/2017

BURROCACAO LAVASTOVIGLIE STUFE A PELLET

66 QUALITÀ
BUONA 74 QUALITÀ
BUONA 77 QUALITÀ
BUONA

CIEN (LIDL) BOSCH FREEPOINT


Care Lipbalm SMS25AW01J Pretty
Da 0,99 € 375 € Da 950 €

PRO Questo burrocacao ha superato PRO È una lavastoviglie a libera installazione: il PRO Gli inquinanti prodotti da questa stufa a
egregiamente tutte le prove di sicurezza programma principale pulisce bene anche pellet sono bassissimi (il minimo per questa
chimica del nostro test. Inoltre ha una buona pentole e tegami incrostati mentre quello eco categoria): il monossido di carbonio e gli ossidi
efficacia nell’idratazione. riesce a rimuovere efficacemente le tracce di di azoto sono assolutamente sotto controllo;
CONTRO Si può acquistare solo nei punti cibo incrostato. Consuma poco. idem per le polveri e gli inquinanti da carbonio.
vendita del discount Lidl. CONTRO Il programma eco dura troppo. CONTRO Il consumo elettrico può essere
IL NOSTRO PARERE Un burrocacao che si è IL NOSTRO PARERE Si può posizionare in migliorato.
guadagnato entrambi i nostri titoli: quello di qualsiasi tipo di cucina. Dopo la fase di IL NOSTRO PARERE Se questa stufa a pellet
Migliore del Test soprattutto grazie all’efficacia asciugatura, i piatti sono perfettamente asciutti viene utilizzata nell’ambiente giusto (la potenza
idratante; quello di Miglior Acquisto per il prezzo e possono essere riposti direttamente nella di 8,5 KW è perfettamente adatta per scaldare
davvero basso. In più è sicuro dal punto di vista credenza. Accettabile il consumo di acqua; un locale di circa 60-70 mq) può offrire ottime
chimico perché è privo di componenti pericolosi decisamente bassi i consumi elettrici. Non c’è, prestazioni, con un consumo di energia
contenuti negli ingredienti derivati dal petrolio. purtroppo, un indicatore che segnali quanto adeguato e un basso impatto ambientale. Il
Chi lo ha provato lo trova gradevole all’uso. manca alla fine del programma. prezzo poi è piuttosto contenuto.

“Ci piace perché non ha “Davvero basso “Gli inquinanti prodotti


componenti pericolosi il consumo elettrico; da questa stufa sono
derivati dal petrolio” medio quello di acqua” molto bassi”
TRA GLI ALTRI PRODOTTI CONFRONTA TRA GLI ALTRI PRODOTTI CONFRONTA TRA GLI ALTRI PRODOTTI CONFRONTA

CAUDALIE Soin des lèvres 64 SIEMENS SN236I00IE 76 PALAZZETTI Ecofire Nina 9 76


EQUILIBRA Aloe stick labbra protettivo 62 BOSCH SMS46KI01E 74 SUPERIOR Milly 75
lenitivo

EOS Balsamo labbra melograno e lampone 62 AEG F88752M0P 63 MAROCCHI Rossana 71


ESSELUNGA Balsamo labbra con olio di 59 BEKO DFN05211S 63 EXTRAFLAME Viviana Pergamena 68
jojoba e vitamina E SPF15 IX6850
LAVERA Basis sensitiv balsamo per le 58 HOTPOINT-ARISTON LFK7M124 63 PIAZZETTA P958 67
labbra

MIGLIAIA DI PRODOTTI A CONFRONTO www.altroconsumo.it/miglioracquisto

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 41


TEST
Trattamento

PIDOCCHI:
PREVENIRE NON SERVE
Eliminarli è possibile, prevenire l’infestazione purtroppo no.
Il nostro test su 16 prodotti tra shampoo, schiume e spray.
di Marta Buonadonna

N
on trasmettono malattie, IN SINTESI ai capelli grazie a una sostanza collosa. Le
non sono pericolosi. Ma se I nostri giudizi su zone da controllare in modo particolare
non si interviene subito e in 16 prodotti contro sono la nuca e dietro le orecchie (ma una
maniera efficace per eliminarli, pidocchi e lendini lendine può trovarsi ovunque).
liberarsene può diventare difficile. Consigli per
Purtroppo impedire l’infestazione eliminarli nella Tre tipi di trattamento
è impossibile, perché non dipende maniera più I prodotti antipidocchi che abbiamo
efficace
dall’igiene, ma dalla vicinanza di tanti testato sono di tre tipi. Quelli a base di
Come scegliere
individui. Nessun prodotto che si propone tra le diverse insetticidi chimici sono presidi medici
come preventivo è efficace. formulazioni chirurgici autorizzati dal ministero della
Salute e uccidono gli insetti con effetti
Ospiti indesiderati neurotossici. Le sostanze attive che
Passano velocemente da una testa all’altra, possono contenere sono due: malathion
quindi asili e scuole sono i luoghi dove (contenuto in Aftir Gel), sconsigliato in
il rischio è più alto. Come le zanzare, si gravidanza e per i bambini piccoli; e
nutrono di sangue, ogni femmina depone le piretrine (Mediker, Milice), efficaci,
fino a 300 uova (lendini), difficili da ma che possono causare irritazione e
eliminare perché tenacemente attaccate prurito in persone predisposte; il loro

Secondo i produttori, i prodotti “preventivi” andrebbero usati tutti i giorni o nei periodi di maggior rischio.
In realtà l’unica vera forma di prevenzione è il controllo frequente della testa dei bambini. Spesso si crea
confusione perché la stessa marca produce sia trattamenti, sia cosmetici di nessuna efficacia.

42 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Trattamento

uso richiede cautela, soprattutto se


contengono anche piperonil butossido INTERVISTA
(sostanza adiuvante).
Un altro tipo di prodotti contro i pidocchi
agisce soffocandoli: contengono siliconi
che ricoprono il capello con una
pellicola, occludendo le vie respiratorie ISTITUTO SUPERIORE
dei pidocchi. Non sono presidi medici DI SANITÀ
chirurgici autorizzati dal Ministero. Il loro Roberto Romi
principale pregio è quello di presentare Dipartimento di malattie
meno reazioni indesiderate e di essere infettive
perciò adatti davvero a tutti, ma la loro
efficacia è inferiore sui pidocchi e non
dimostrata sulle lendini.
Infine si trovano in vendita oli essenziali, Chi autorizza i prodotti alcuna garanzia d’efficacia. Non
come olio di neem, tea tree oil, lavanda, antipidocchi? Quelli non possono essere considerati
per i quali mancano prove di efficacia autorizzati non sono affidabili? presidi medico-chirurgici
specifica. In più possono contenere «I prodotti per il trattamento nemmeno i prodotti aventi
allergeni. Per la legge italiana sono dei pidocchi vengono caratteristiche di dispositivi
prodotti cosmetici, che quindi non autorizzati dal ministero medici, di medicinali o di
possono vantare proprietà terapeutiche, della Salute sentito il parere prodotti dietetici».
tra cui neanche l’azione contro i pidocchi. tecnico-scientifico dell’Istituto
superiore di sanità (ISS). I prodotti preventivi sono
Efficaci e pratici da usare? I requisiti valutati per il rilascio inutili?
Abbiamo selezionato 16 prodotti e ne del parere favorevole da parte «Sì, perché l’infestazione da
abbiamo valutato efficacia e sicurezza dell’ISS sono la scelta del pidocchi è un evento che non
sulla base della letteratura scientifica a principio attivo, la riconosciuta dipende, come avviene per
disposizione, a seconda del principio efficacia sull’insetto bersaglio, altri parassiti, dal fatto che il
attivo utilizzato e della formulazione. il profilo tossicologico, la pidocchio ricerchi attivamente
concentrazione, la presenza un ospite: c’è un passaggio
di coformulanti o propellenti accidentale tra una persona
Alcuni prodotti non vanno usati idonei e le modalità d’uso infestata e una no (attraverso
riportate in etichetta. Una volta il contatto dei capelli, ndr).
in gravidanza e su bimbi piccoli autorizzati, i prodotti devono L’applicazione di prodotti sul
riportare in etichetta la dicitura capo per la prevenzione e la
“Presidio medico chirurgico” disinfestazione ambientale
Poi abbiamo aggiunto un giudizio seguita da un numero di nelle scuole sono da
sulla facilità d’uso che ha tenuto registrazione del ministero considerare azioni più
in considerazione tre aspetti che della Salute». pericolose che utili».
consideriamo importanti: la presenza
del pettinino nella confezione, il Che differenza c’è tra presidi Qual è la strategia migliore
tempo di posa necessario e la facilità di medico chirurgici, dispositivi da adottare allora?
applicazione. Infine abbiamo giudicato le medici e cosmetici? «Il controllo dei pidocchi può
etichette in base a leggibilità, completezza «I prodotti contro i pidocchi essere effettuato con prodotti
e correttezza delle informazioni, devono essere registrati disponibili in commercio
avvertenze. come presidi medico chirurgici appositamente studiati allo
seguiti da un numero d’ordine scopo, a base di piretrine o
Prevenzione? Impossibile rilasciato dal ministero della piretroidi, seguendo le istruzioni
Non ci sono prodotti in grado di prevenire Salute. I presidi includono in etichetta. L’importante è
un’infestazione, l’unica soluzione è tutti i prodotti che vantano in che quando si scopre un caso
intervenire a posteriori. Eppure non etichetta attività disinfettanti e di infestazione in una classe
mancano in commercio prodotti cosmetici le sostanze poste in commercio tutti siano avvertiti e possano
che si propongono come preventivi. Sulle come germicide o battericide, quindi essere controllati e
loro confezioni compaiono frasi generiche insetticidi, acaricidi, rodenticidi effettuare il trattamento più o
del tipo: “Protegge i capelli creando un per uso domestico e civile e meno contemporaneamente,
ambiente sfavorevole all’insediamento insettorepellenti. Non rientrano comunque prima del rientro in
dei pidocchi”, oppure, “aiuta a prevenire assolutamente tra i presidi classe, in modo da evitare che
eventuali infestazioni”. Sono solitamente medici quelli classificati come chi è già stato trattato riprenda
a base di alcol e oli essenziali o minerali, cosmetici, generalmente a base i pidocchi da un compagno che
che costano parecchio, benché non ci di oli essenziali, che non danno non lo è stato». M.B.
siano prove della loro efficacia: non ha
senso dunque comprarli.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 43


TEST
Trattamento

UN PROBLEMA, MOLTE SOLUZIONI


I prodotti per eliminare i pidocchi si presentano in diverse
formulazioni. Vediamo in sintesi pregi e difetti di ciascuna.

Shampoo Lozioni e schiuma

PRO Sono facili da applicare e anche da rimuovere, si PRO Entrambi i tipi aderiscono bene al capello e devono la loro
utilizzanno allo stesso modo di qualunque altro shampoo per efficacia anche al fatto che si applicano sui capelli asciutti, con
capelli. Si lascia in posa il prodotto una decina di minuti tempi di posa superiori a quelli degli shampoo. Sono comodi da
massaggiando la cute. stendere.
CONTRO Il tempo di contatto è breve e l’applicazione sui capelli CONTRO Se non sono applicati bene questi prodotti
umidi riduce la concentrazione del principio attivo. Può irritare potrebbero colare negli occhi con il conseguente rischio di poter
gli occhi, il contatto è da evitare con attenzione. provocare irritazioni.
IL NOSTRO PARERE Sono i prodotti in assoluto più comodi da IL NOSTRO PARERE Schiume e lozioni sono comodi da usare
usare, ma la loro efficacia è limitata. ed efficaci nell’eliminare il problema.

Spray Gel

PRO Sono facili da applicare, spruzzandoli su ogni ciocca. Sono PRO La loro efficacia dipende dal fatto che questi prodotti
più efficaci degli shampoo perché hanno tempi di posa più aderiscono bene al capello e si applicano sui capelli asciutti.
lunghi e si applicano sui capelli asciutti. Non colano negli occhi, quindi non provocano irritazione
CONTRO Siccome sono prodotti che vanno spruzzati c’è un più oculare, ma potrebbero comunque irritare la cute.
alto rischio di irritazione delle vie respiratorie, dovuto CONTRO La loro particolare consistenza rende i gel più difficili
all’inalazione, al contatto con gli occhi e di reazioni allergiche e da spalmare. Non è semplice applicarli in modo omogeneo sui
attacchi di asma in soggetti predisposti. capelli e neanche rimuoverli a trattamento concluso.
IL NOSTRO PARERE Sono prodotti efficaci nell’eliminare i IL NOSTRO PARERE Sono prodotti efficaci, ma il loro uso può
pidocchi, ma presentano alcuni rischi. risultare piuttosto scomodo.

44 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Trattamento

Come eliminarli
Qualunque sia il prodotto utilizzato,
LA NOSTRA SCELTA:
adoperatelo seguendo scrupolosamente le
istruzioni, soprattutto sui tempi di posa.
ANTIPIDOCCHI
All’azione del trattamento va sempre
abbinato l’uso del pettinino: armatevi
di pazienta e procedete ciocca a ciocca,
sfilando manualmente ogni lendine che 74 QUALITÀ
BUONA
sfugga al pettinino. Il trattamento va MEDIKER Schiuma
ripetuto dopo 7-8 giorni, per eliminare 13,90 €
eventuali uova sopravvissute che si
fossero schiuse nel frattempo. Evitate di PRO Principio attivo e formulazione
mescolare trattamenti diversi. sono entrambi efficaci contro
I pidocchi sopravvivono lontano dal pidocchi e lendini. In più il prodotto è
cuoio capelluto al massimo tre giorni, facile da applicare.
perciò meglio lavare biancheria, abiti CONTRO Non viene fornito il
e lenzuola della persona colpita, e pettinino, che è parte integrante del
di chi dorme nel suo stesso letto, trattamento per eliminare davvero il
a 60 °C con normale detersivo. Gli problema. Si può comunque
oggetti più scomodi da lavare, come acquistare a parte.
peluche, materassini e giocattoli in IL NOSTRO PARERE Da usare solo
tessuto possono essere chiusi in un se è presente un’infestazione,
sacco di plastica per un paio di giorni rispettando i tempi e i modi di
per soffocare eventuali ospiti. Meglio applicazione per minimizzare i rischi e
sostituire il sacchetto dell’aspirapolvere ottimizzare il risultato. Il trattamento
quando si passano tappeti e divani. va ripetuto dopo 8 giorni.

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI


DM: dispositivo medico
in euro (ottobre 2017)

Con pettinino incluso

QUALITÀ GLOBALE %
medicochirurgico

Principio attivo
PMC: presidio

C: cosmetico

Facilità d’uso
Di acquisto

Contenuto

Sicurezza

Etichetta
Efficacia

Antipidocchi
F F MEDIKER schiuma 13,90 150 ml PMC piretrine e piperonil butossido B C B B 74
MILICE schiuma 15 150 ml PMC piretrine B C B C 65
MOM shampoo schiuma 16,50 150 ml PMC fenotrina B C B C 65
piretrine, piperonil butossido
PYR olio shampoo antipediculosi 18,50 150 ml PMC
e oli vegetali B C C C 65

PYR shampoo antipediculosi 9,90 100 ml PMC piretrine e piperonil butossido B C C C 65


MEDIKER shampoo antipediculosi 13,90 100 ml PMC fenotrina B C C B 60
NEO MOM shampoo 11,90 150 ml PMC fenotrina B C C C 57
AFTIR DUO lozione 18,50 100 ml n.s. olio minerale G C B B D 57
PARANIX elimina pidocchi
e lendini spray 19,70 100 ml n.s. olio minerale e dimeticone G C C B C 54

PARANIX elimina pidocchi


e lendini shampoo 21,50 200 ml n.s. olio minerale e agenti schiumogeni G C B B B 54

AFTIR gel 14,90 40 g PMC malathion B D C C 53


LICEKO spray contro i pidocchi 21 100 ml n.s. tocopherolo acetato G D C B D 31
n.s. non specificato

GSE stop ped gel 15,50 50 ml DM oli essenziali D B D C 31


GSE stop ped schiuma 14,80 100 ml DM d-pantenolo e oli essenziali D B D C 31
RAUSCH stop ai pidocchi gel 18,90 125 ml C aceto e oli essenziali D B D D 30
FLORA ovopid fase 1 olio 17,50 100 ml C oli vegetali e oli essenziali G D D C C 30

Risultati completi su www.altroconsumo.it/antipidocchi qualità buona qualità media qualità insufficiente

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 45


TEST
Rasoi

TAGLIO PERFETTO
IN SINTESI
Risultati della prova
d’uso su 11 rasoi a
lamine vibranti o
testine rotanti
Risultati della prova
di laboratorio sulla
Un test basato sul giudizio di chi li usa. Da cui emerge che durata delle batterie
Confronto sui prezzi:
in questo caso può valere la pena spendere un po’ di più. conviene il rasoio
elettrico o a mano?
di Natalia Milazzo

LA NOSTRA SCELTA: RASOI ELETTRICI

80 QUALITÀ
BUONA 68 QUALITÀ
BUONA 65 QUALITÀ
BUONA

PHILIPS S9711/32 PHILIPS S5420/06 BRAUN 3010BT


359 -450 € 76 - 108 € 70-89 €

PRO Qualità e facilità di rasatura apprezzatissime PRO Qualità e facilità di rasatura buone, in PRO Valutato positivamente in tutte le prove, in
dagli utenti della giuria di prova. È il più silenzioso particolare per chi è abituato a radersi tutti i particolare per chi si rade ogni tre giorni. Il
fra gli apparecchi testati e uno dei più robusti. giorni. Silenzioso e solido. Maneggevole e facile regolabarba è stato decisamente apprezzato.
La apposita base per la pulizia automatica da pulire. Rade piuttosto velocemente.
semplifica la manutenzione quotidiana. CONTRO Il regolabarba non è stato giudicato CONTRO Non silenzioso quanto i modelli a
CONTRO Non ha mostrato punti deboli. molto pratico da installare. lamine rotanti.
IL NOSTRO PARERE Ottimo, ma molto costoso. IL NOSTRO PARERE Risultati positivi in tutte le IL NOSTRO PARERE Buone prestazioni e prezzo
Adatto a chi lo usa di frequente, ammortizzando prove e un prezzo di acquisto molto interessante. Più adatto a chi non si rade tutti i
così più facilmente il prezzo d’acquisto. interessante. giorni e quindi ha una barba un po’ più lunga.

46 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Rasoi

N
el gradevolissimo romanzo di forse, ma assai più pratici del lento rasoio l’unica differenza in questo senso è che
Luisa Adorno L’ultima provincia affilato su un’annerita cinghia di cuoio quelli a testina rotante sono più silenziosi.
(Sellerio), la cerimonia della così ben descritto nel libro. Tra i membri della giuria, 25 utilizzatori
rasatura del prefetto Vincenzo è Per verificare e confrontare la qualità erano soliti farsi la barba ogni giorno,
descritta con esilarante vivacità: il rasoio a dei modelli ci siamo affidati a una giuria mentre gli altri ogni tre circa. Dopo aver
coltello, il piccolo specchio tondo, ‘u bacile di utilizzatori abituali di rasoio elettrico. provato ciascun rasoio per diversi giorni,
per l’acqua, le apposite strisce di carta Per avere risultati il più possibile i giurati hanno compilato un dettagliato
su cui via via si allineano piccoli cumuli rappresentativi e confrontabili abbiamo questionario di soddisfazione che copriva
di schiuma, la pannizza di lino fresca formato la giuria con 25 utilizzatori di numerosi aspetti, che hanno non solo
di stiratura con cui tamponare il viso a rasoi a testine rotanti (come i due a valutato, ma anche commentato.
operazione terminata. Bene, scordiamoci sinistra nella foto) e 25 a lamine vibranti Ecco che cosa è emerso.
tutto questo. Siamo lontanissimi da quel (come i due a destra nella foto). La scelta In primo luogo, va detto che svettano
mondo (che non c’è più): qui abbiamo tra un tipo e l’altro è molto legata ai in cima alla classifica - che abbiamo
messo alla prova 11 rasoi elettrici delle gusti personali: il test ha dimostrato che stilato elaborando i migliaia di giudizi
marche più diffuse, meno affascinanti la qualità non è legata alla categoria, e della giuria - i due modelli più cari del
test: Philips S 9711/32 (a testine rotanti)
e Braun 9295 (a lamine vibranti). Questo
non significa che anche tra rasoi più
economici non abbiamo trovato modelli
soddisfacenti, anzi. Però, per chi vuole
investire una bella sommetta nel rito della
sbarbatura mattutina, non c’è il rischio di
restare delusi: questa volta - e nei nostri
test non accade spesso - un prezzo alto
corrisponde a una qualità nettamente
superiore. Il Philips - unico ad arrivare
alle cinque stelle per qualità della rasatura
- parte da 359 euro, ma è stato il più
apprezzato, in particolare per la velocità e
uniformità del risultato, per la sensazione
che lascia sulla pelle, per l’ergonomia,
che lo rende comodo da usare. Il Braun,
particolarmente apprezzato da chi si

Provati sulla propria pelle


Ogni modello è stato
utilizzato da una giuria di 50
utilizzatori abituali di rasoi
elettrici, cui è stato chiesto
56 QUALITÀ
MEDIA di valutare in particolare
alcune caratteristiche.
PANASONIC ES SL41
42-68 €
Sensazione sulla pelle
PRO Performance di rasatura non all’altezza dei Uniformità della rasatura
migliori acquisti, ma abbastanza buone da Scorrevolezza
aggiudicarsi le quattro stelle. Velocità di rasatura
CONTRO Uniformità della rasatura non più che Praticità ed efficacia
accettabile. Il trimmer, seppure apprezzato, è del regolabarba
piuttosto fragile. Batteria scarsa, in particolare Silenziosità
nella carica rapida. Vibrazioni
IL NOSTRO PARERE Prestazioni nel complesso Solidità
accettabili a un prezzo molto conveniente. Maneggevolezza
Facilità di pulizia dopo l’uso

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 47


TEST
Rasoi

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI

QUALITÀ GLOBALE %
V=a lamine vibranti
R=a testine rotanti

Base per la pulizia


In euro min-max

Facilità di pulizia
(ottobre 2017)

della rasatura

Facilità d’uso
Regolabarba
Silenziosità
automatica

Batteria
Solidità
Qualità
Rasoi elettrici
F PHILIPS S9711/32 359 - 450 R G A A A B B B B 80
BRAUN 9295 219 - 330 V G B A C B B A A 76
PHILIPS S7530/50 163 - 219 R B B B B B B B 72
F PHILIPS S5420/06 76 - 108 R B B B C B B B 68
F BRAUN 3010BT 70 - 89 V B B C B B B B 65
PHILIPS S3520/06 62 - 70 R B B B B B C B 64
F PANASONIC ES SL41 42 - 68 V B B C B B B D 56
REMINGTON XR1410 67 - 74 R C C B B B B D 51
PANASONIC ES-LT2N 79 - 127 V C C C C C B D 48
PANASONIC ES-LT6 141 - 189 V C C C C C B D 48
REMINGTON PR1350 52 - 56 R C C C C C C C 47

Risultati completi su www.altroconsumo.it/rasoi qualità buona qualità media

Va ripulito con cura dopo l’uso, lasciato


IL NOSTRO
asciugare bene e non riposto finché è umido
ESPERTO
fa la barba ogni tre giorni, lo segue da batteria: ne abbiamo misurato la durata
vicino. Questi due modelli spiccano sia una volta ricaricata completamente,
anche per un accessorio che solo loro sia dopo una ricarica rapida di 5 minuti.
offrono: si tratta di una base sulla quale Il rasoio che ha consentito di fare più cicli
posizionare il rasoio per ottenerne la di rasatura una volta caricato al massimo
pulizia automatica. Queste “stazioni di è stato Braun 9295. I migliori dopo una
Angela Miccoli pulizia” sono state apprezzate dagli utenti, carica rapida di 5 minuti sono stati ancora
Analisi di mercato in particolare quella di Braun 9295, che Braun 9295 e Philips S3520/06.
è infatti in assoluto il migliore per facilità Infine, da notare che chi non vuole
di pulizia (è in cima alla classifica per spendere tanto per un rasoio elettrico,
Non deve spaventare il prezzo
questo aspetto ed è l’unico a meritare le con i nostri Migliori Acquisti può ottenere
di acquisto.
cinque stelle). L’accessorio per la pulizia un risultato pienamente soddisfacente
«Benché nettamente più caro
funziona con un’apposita cartuccia di risparmiando centinaia di euro.
di un rasoio a lametta
fluido detergente, che costa circa 7 euro
intercambiabile o usa e getta,
un rasoio elettrico non troppo
e dura tre mesi circa: una spesa in più. Consigli finali
Tutti i modelli sono comunque lavabili In primo luogo, è meglio radersi al
costoso, ovvero intorno
sotto l’acqua corrente. Attenzione però a mattino: la barba è meno dura e la
ai 100 euro (per esempio i nostri
Philips S3520/06, che è un “dry shaver” rasatura meno traumatica
Migliori Acquisti) sul lungo
(ovvero non si può usarlo sotto la doccia): per la pelle. Risciacquare viso e collo
periodo può risultare più
è bene bagnare solo le testine, rimovibili; con acqua calda oppure avvolgerli per
conveniente di quello manuale.
durante i test infatti, lavando sotto l’acqua qualche minuto in un asciugamano
Con la corretta manutenzione
corrente l’intero rasoio, un campione ha bagnato con acqua calda ammorbidisce
dura almeno cinque anni e
smesso di funzionare perché l’acqua è la pelle e apre i pori, favorendo la
i costi di gestione consistono
penetrata al suo interno. A parte questo rasatura. Dopo, risciacquare il viso con
solo nel cambiare testine e lame
modello (che, non a caso, è l’unico che acqua fresca favorisce la chiusura dei
ogni due anni circa (costo medio
può funzionare anche collegato alla presa pori. Un prodotto lenitivo ed emolliente
36 euro). Il costo dell’energia
elettrica) tutti i rasoi sono segnalati come previene la comparsa di irritazioni.
elettrica è irrisorio».
adatti all’utilizzo sotto la doccia. Meglio sospendere la rasatura se la pelle è
Abbiamo verificato in laboratorio la irritata, per esempio se ci si è scottati.

48 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Frullatori

CHE TI FRULLA IN TESTA?


Costano troppo e sono ingombranti e rumorosi:
C
ome sarà il “frullatore 2.0”
o di ultima generazione? Il
ai super frullatori di ultima generazione ci sono mercato ha già una risposta: più
capiente, più potente e con un
alternative valide e più economiche. display digitale, ma allo stesso tempo
anche più ingombrante e (almeno per
di Elisa Gerardis ora) decisamente caro. Abbiamo messo
alla prova cinque modelli di “super”
frullatori ad alta velocità, confrontandoli
con apparecchi tradizionali: nonostante
la buona qualità delle prestazioni, non
possiamo proprio consigliarveli.

Pesanti e ingombranti
All’apparenza un frullatore ad alta velocità
ha un aspetto molto simile a un modello
tradizionale, e anche il principio alla
base del funzionamento è lo stesso: le

78 QUALITÀ
BUONA

KITCHENAID 5KSB8270
757 - 900 €

PRO Ottime prestazioni per frullare e


tritare. Buona maneggevolezza e facilità
di riempimento e svuotamento.
CONTRO È pesante, ingombrante e
rumoroso. Riscalda anche i frullati.
Il prezzo è molto elevato.
IL NOSTRO PARERE Un oggetto di design
qualitativamente valido, che si fa pagare a
caro prezzo.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 49


TEST
Frullatori

IL TEST DELLA ZUPPA


1. LA PREPARAZIONE 3. ORA TOCCA al
della zuppa inizia in super frullatore
pentola: carote, cipolle, triturare i pezzi di
porri e patate vengono verdure e riscaldare
lessati tutti insieme, la preparazione
fino a ottenere un finale. Si dà avvio al
livello di cottura programma “Zuppa” e
omogeneo. si misurano i consumi,
il tempo necessario e la
temperatura finale.

2. LE VERDURE 4. A PREPARAZIONE
LESSATE sono ULTIMATA la zuppa
lasciate raffreddare viene versata in
a temperatura un piatto. A questo
ambiente. Vengono punto si analizza
quindi versate nel il suo aspetto e la
frullatore insieme a quantità di pezzi di
800 millilitri d’acqua, dimensioni superiori ai
sale e pepe. 4 millimetri che quindi
non sono stati tritati a
sufficienza.

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI


Funzione riscaldamento
Capacità della brocca (l)
Peso dell’apparecchio

QUALITÀ GLOBALE %
pronto all’uso (Kg)
(novembre 2017)
in euro min-max

Display digitale

Omogeneizzati
Impasti liquidi

Facilità d’uso
Potenza (W)

Zuppa calda

Frullatori
Rumore

ad alta velocità
Frullati

F KITCHENAID 5KSB8270 757 - 900 9,3 1,5 1.800 G A A A B A E 78


VITAMIX PRO 750 990-999 6,4 2 1.400 G A A E B B C 68
KENWOOD Blend XPRO BLP900BK 300 - 319 5,3 2 1.600 A A A D B E 64
PHILIPS HR3868/00 high speed enegizer 566 6,6 2 2.000 G G A A B C B C 64
MOULINEX Ultrablend LM936E10 300 4,9 2 1.500 G G C A B B C D 58
A titolo di confronto, frullatore tradizionale
n.d. giudizio non disponibile

F MOULINEX LM2201 Uno 27-40 1,6 1 350 B B n.d. n.d. B D 67


A titolo di confronto, frullatore a immersione accessoriato
F PHILIPS HR1602/00 29-43 0,7 0,5 550 A B A n.d. A B 74
A titolo di confronto, robot da cucina con funzione cottura
F SILVERCREST Monsieur Cuisine Plus (Lidl) 229 6,5 2,3 1200 G G B D B A C E 67

qualità buona qualità media

50 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Per maggiori informazioni
www.altroconsumo.it/robot-da-cucina

lame, posizionate nella parte inferiore del


boccale, ruotando creano un vortice che
LE ALTERNATIVE
frulla e amalgama gli ingredienti. Tuttavia
la potenza dei frullatori ad alta velocità è
nettamente superiore: può arrivare fino
67 QUALITÀ
BUONA

a 2.000 watt, contro i 300-700 W di un MOULINEX LM2201 Uno


apparecchio standard, consentendo anche Frullatore tradizionale
di riscaldare gli alimenti. La capienza 27 - 40 €
del boccale inoltre è notevole: se un
frullatore classico può contenere un litro PRO Buone prestazioni in generale,
di prodotto, i “super frullatori” arrivano soprattutto con gli impasti liquidi.
a contenerne fino a due. Le preparazioni Buona anche la facilità d’uso e la
quindi saranno più abbondanti, ma robustezza dell’apparecchio.
pagando il prezzo di un ingombro CONTRO Non è adatto alla
maggiore dell’apparecchio. I modelli preparazione di omogeneizzati. Ha
del nostro test si sono rivelati pesanti e funzionalità limitate ed è piuttosto
piuttosto rumorosi. rumoroso.
IL NOSTRO PARERE Adatto a chi
Le nostre prove utilizza il frullatore soprattutto per fare
Nulla da eccepire sulla qualità delle frullati e pastelle.
preparazioni: i modelli testati sono stati
perfettamente in grado di frullare cibi
di consistenza sia liquida sia solida,
mescolare pastelle e spezzettare alimenti
come verdure o frutta secca. Nessuno Ogni 74 QUALITÀ
BUONA
di loro però può impastare consistenze
medio-dure, né montare panna o bianchi modello PHILIPS HR 1602/00
a neve. Alle prove di laboratorio a cui
sottoponiamo abitualmente i frullatori
prepara Frullatore a immersione accessoriato
29 - 43 €
stavolta abbiamo aggiunto anche la zuppe,
preparazione di una zuppa (vedi alla
pagina a fianco). La temperatura non frullati, PRO Oltre a frullare e a preparare
pastelle consente anche di triturare e di
molto alta è l’unico aspetto che ci ha
un po’ deluso: ci aspettavamo un piatto
pastelle fare la maionese. SIlenzioso, leggero e
maneggevole.
fumante, ma nessun prodotto è riuscito e tritura CONTRO il contenitore in dotazione è
molto piccolo. Come tutti i frullatori a
nell’impresa.
il ghiaccio immersione non permette di avere le
Prezzi a confronto mani libere durante una preparazione.
Abbiamo raccolto tre elettrodomestici IL NOSTRO PARERE Un buon frullatore
alternativi ai super frullatori con cui poter a immersione, consigliato per frullare
preparare la nostra zuppa. Tra i prodotti direttamente in pentola e per tritare gli
“Miglior Acquisto” di nostri precedenti alimenti.
test abbiamo selezionato un frullatore
classico, con cui spezzettare le verdure già
lessate per poi riscaldare la preparazione
in pentola o al microonde; un frullatore
67 QUALITÀ
BUONA

a immersione accessoriato per poter SILVERCREST Monsieur


triturare tutto direttamente in pentola; e Cuisine Plus (Lidl)
un robot da cucina con funzione cottura, Robot da cucina con funzione cottura
per preparare tutta la zuppa servendola
già fumante. Le differenze di costo sono 229 €
notevoli. Il prezzo medio di mercato di un
frullatore ad alta velocità è di circa 600 PRO Buone prestazioni in cottura,
euro, ovvero circa 500 euro in più rispetto ottimo come vaporiera. Può essere
a un frullatore classico e 300 euro in più utilizzato anche per tritare, montare e
del nostro Miglior Acquisto tra i robot da grattuggiare.
cucina con funzione cottura. Se cerchi CONTRO Molto rumoroso e
difficilmente reperibile.
un aiuto nelle preparazioni casalinghe
IL NOSTRO PARERE Un robot da
visita il nostro sito: troverai oltre 100
cucina indicato per la preparazione di
prodotti testati tra robot da cucina e
omogeneizzati e per chi vuole
frullatori a immersione, con la possibilità
cuocere i cibi senza passare per la
di confrontare prestazioni e prezzi.
pentola.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 51


TEST
Auto

CONSUMI REALI
SOTTO LA LENTE
Le nuove prove di impatto ambientale del nostro test
consentono di verificare al meglio anche le emissioni.
di Marta Buonadonna

O
gni anno testiamo insieme Familiari e suv compatti alla prova in curva, la fluidità del cambio, il comfort
ai nostri partner europei In questo articolo ci concentriamo sulle di guida, per citarne alcuni. Qui interviene
oltre 100 automobili. Non auto di lunghezza compresa tra 4,30 e un team di esperti che garantisce
riusciamo a pubblicare tutti 4,50 metri, un segmento molto venduto attendibilità e comparabilità dei risultati,
i risultati sulla rivista, perciò per i dati composto principalmente da berline, perché svolge accurate e ripetute prove su
completi è disponibile il nostro servizio familiari e Suv di dimensioni compatte. Per strada lungo tracciati che simulano diverse
di confronto online, che da quest’anno ogni auto valutiamo oltre 300 aspetti, sia in condizioni di guida.
è ancora più ricco. Oltre a vedere le laboratorio sia su strada. Le caratteristiche
valutazioni (in stelle) relative a un singolo misurabili, per esempio la capienza del Esaminiamo ogni aspetto
modello di auto, per esempio Fiat Tipo bagagliaio, la rumorosità dell’abitacolo, Nelle schede degli otto modelli di auto in
5 porte o Station Wagon, sarà infatti lo spazio di frenata, i consumi, sono queste pagine trovate riassunti i parametri
possibile visualizzare, cliccando sulla valutati utilizzando le apparecchiature principali del test, accanto al relativo
denominazione, anche i voti dettagliati di laboratorio, cercando di andare, ove giudizio in stelle. Qui in basso trovate le
delle specifiche versioni, come Fiat Tipo possibile, anche oltre quanto previsto foto che illustrano alcune delle centinaia
1.6 Multijet diesel o Fiat Tipo T-Jet 1.4 dalle norme vigenti. Vi sono poi una di prove svolte su ogni modello per
benzina. In questo modo riusciamo a moltitudine di parametri che non possono arrivare a quei risultati. Nessun aspetto
dare una panoramica più completa e essere controllati dai macchinari, ma viene trascurato, da quello che riguarda
dettagliata delle auto sottoposte al test e a richiedono un giudizio umano. Parliamo di la carrozzeria e le finiture, che significa
essere più utili nella scelta di quella ideale. caratteristiche importanti come la stabilità anche visibilità, capienza e accessibilità

LE PROVE DI LABORATORIO

IN STRADA Su percorsi appositi, i piloti LA VISIBILITÀ Quella che si ha dall’interno SPAZIO E COMFORT Oltre che con il
valutano aspetti come le prestazioni del dell’auto è misurata acquisendo con una giudizio degli esperti, vengono anche
motore, la tenuta di strada, la precisione speciale apparecchiatura un’immagine a misurati con speciali manichini, per avere
dello sterzo e l’efficacia dei freni. 360° e analizzandola poi al computer. risultati sempre oggettivi e confrontabili.

52 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Auto

IN SINTESI
I nostri giudizi su
otto modelli di medie AUTO: FAMILIARI E SUV COMPATTI
dimensioni
Prezzi novembre 2017
Come testiamo:
sicurezza, prestazioni,
comfort e molto altro
I risultati delle
prove su consumi ed 63 QUALITÀ
MEDIA
emissioni inquinanti AUDI A3 Sportback 1.0 TFSI Alimentazione: Benzina
sports S tronic Potenza: 116 CV
28.900 €

IL NOSTRO PARERE Il motore a 3 cilindri Comfort: C


garantisce potenza e spunto adeguati, ma Prestazioni: B
non sempre ha la fluidità e la silenziosità del Comportamento su strada: B
4 cilindri. Il modello con normale cambio a 6 Visibilità a 360°: C
marce (anziché il semi-automatico a 7 Sicurezza: B
marce) costa circa 2.000 euro meno. Le Impatto ambientale: C
del bagagliaio, alla valutazione emissioni di inquinanti sono accettabili. Costo al km: 0,52 €
dell’abitacolo, che tiene conto dello spazio Consumo medio: 6 l/100 km
e della comodità per il guidatore e per i
passeggeri e della praticità della plancia
dei comandi.
Il giudizio sul comfort tiene conto
di diversi aspetti, dalla bontà delle
sospensioni alla comodità dei sedili,
all’insonorizzazione dell’abitacolo.
Valutiamo anche il comportamento
dell’auto su strada, con prove che
verificano la stabilità della vettura,
il funzionamento dello sterzo e
dell’impianto frenante. Per i freni, oltre al
giudizio degli esperti, sono previste prove
di frenata che calcolano quanto spazio
impiega l’auto a passare da 100 km/h a
zero km/h: minore è lo spazio di arresto,
migliore è il sistema frenante. 61 QUALITÀ
MEDIA

VOLKSWAGEN Tiguan Alimentazione: Benzina


1.4 TSI ADVANCED BMT Potenza: 150 CV
35.550 €

IL NOSTRO PARERE Stabile e sicura Comfort: B


nelle prove su strada con prestazioni Prestazioni: B
convincenti, grazie a un motore Comportamento su strada: B
molto potente per essere un 1.4. Visibilità a 360°: C
A penalizzare questa versione sono Sicurezza: B
i consumi davvero eccessivi di Impatto ambientale: E
carburante e le emissioni inquinanti. Costo al km: 0,64 €
Consumo medio: 8,4 l/100 km

SICUREZZA Il giudizio comprende anche la


sicurezza dei bambini. Oltre ai risultati dei
crash test, viene valutata l’adeguatezza
dell’auto a ospitare seggiolini nei vari posti.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 53


TEST
Auto

Prove più stressanti,


anche su strada, danno
maggiori informazioni 56 QUALITÀ
MEDIA

su quanto le auto TOYOTA C-HR


1.2T Active
Alimentazione: Benzina
Potenza: 116 CV
inquinano davvero 24.700 €

IL NOSTRO PARERE Il comportamento su Comfort: C


strada non delude, in particolare grazie alla Prestazioni: C
buona stabilità in curva. Le prestazioni del Comportamento su strada: B
motore sono ben bilanciate, il comfort dei Visibilità a 360°: D
Prestazioni e sicurezza sedili è migliorabile. Lo spazio di frenata è Sicurezza: B
Valutiamo come si comportano motore buono: si va da 100 km/h a 0 km/h in meno Impatto ambientale: D
e cambio. Per farlo misuriamo i tempi di 35 metri. Costo al km: 0,49 €
di ripresa da 60 km/h a 100 km/h in Consumo medio: 7 l/100 km
terza, quarta, quinta e sesta marcia, per
poter giudicare lo spunto e la flessibilità
dell’auto. Sul fronte della sicurezza,
oltre al crash test, analizziamo anche i
sistemi di sicurezza attiva, come la frenata
assistita, e tutti gli aspetti costruttivi che
possono incidere sulla sicurezza dell’auto.
Andiamo quindi oltre ai semplici crash
test nel valutare la sicurezza delle vetture.

Più severi su consumi ed emissioni


Dallo scoppio dello scandalo Dieselgate,
nel quale è emerso che alcune case
automobilistiche imbrogliavano su
emissioni e consumi, è uscito qualcosa di
buono: da settembre 2017 i test europei
di omologazione sono stati modificati
per ottenere risultati più realistici nelle
prove svolte sui rulli in laboratorio. Per
le auto che danno i risultati migliori, noi
55 QUALITÀ
MEDIA

svolgiamo anche una prova su strada, PEUGEOT 3008 Alimentazione: Diesel


1.6 BLUE HDi Potenza: 120 CV
durante la quale misuriamo le emissioni
tramite un’apparecchiatura mobile 30.000 €
collegata al tubo di scappamento dell’auto
per verificare se sono coerenti con quelle IL NOSTRO PARERE Auto dagli interni Comfort: C
misurate sui rulli e quindi essere sicuri accoglienti e spaziosi, offre un discreto Prestazioni: B
che le auto non impieghino software comfort. Il motore pur non potentissimo Comportamento su strada: C
truffaldini. Anche in queste prove siamo garantisce una guida fluida. Il cambio a 6 Visibilità a 360°: D
perciò più severi rispetto alla procedura marce è migliorato rispetto al modello Sicurezza: B
precedente. I consumi sono contenuti, però Impatto ambientale: E
di omologazione standard. Il consumo
le emissioni di ossidi di azoto sono elevate. Costo al km: 0,53 €
medio che trovate nelle schede è quello
misurato nei nostri test. Consumo medio: 5,2 l/100 km

Costo al chilometro
Uno dei dati che trovate nelle schede
delle auto è il costo al chilometro. Lo
abbiamo calcolato considerando prezzo di
acquisto, carburante, RC auto, consumo
pneumatici, manutenzione, bollo,
ipotizzando una percorrenza di 15.000 km
all’anno nell’ipotesi di rivendere la vettura
dopo 5 anni. Si tratta di un parametro
da considerare con attenzione, perché è
quello che vi permette di confrontare tra
loro le auto dal punto di vista della spesa.

54 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Auto

54 QUALITÀ
MEDIA

FIAT Tipo Station Wagon Alimentazione: Benzina


1.4 T-Jet Lounge Potenza: 120 CV
21.200 €

IL NOSTRO PARERE Il 1.4 T-Jet da 120 Comfort: C


cavalli conferisce al motore prestazioni Prestazioni: B
piuttosto solide. I consumi e le emissioni di Comportamento su strada: B
CO2 sono piuttosto elevati, ma visto il Visibilità a 360°: C
prezzo contenuto il costo al km resta Sicurezza: C
conveniente. La dotazione di dispositivi di Impatto ambientale: D
sicurezza attivi è inferiore alla concorrenza. Costo al km: 0,47 €
Consumo medio: 7,5 l/100 km

52 QUALITÀ
MEDIA

OPEL Mokka X Alimentazione: Benzina


1.4 Turbo Advance 4x2 Potenza: 140 CV
23.450 €

IL NOSTRO PARERE Consumi accettabili e Comfort: C


prezzo abbordabile portano a un costo al Prestazioni: B
km piuttosto basso. L’auto è corta (4,27 m) Comportamento su strada: C
e il bagagliaio ne è penalizzato. Il motore Visibilità a 360°: C
spinge bene, ma l’auto è rumorosa in Sicurezza: C
autostrada. Lo spazio di frenata è troppo Impatto ambientale: C
lungo: da 100 a 0 km/h in quasi 40 metri. Costo al km: 0,48 €
Consumo medio: 6,6 l/100 km

52 QUALITÀ
MEDIA

RENAULT Mégane Alimentazione: Diesel


1.6 dCi GT Line Potenza: 130 CV
27.350 €

IL NOSTRO PARERE Il motore è un po’ Comfort: C


letargico a bassi giri, ma le prestazioni Prestazioni: C
nell’insieme sono soddisfacenti. Gli interni Comportamento su strada: C
sono ben rifiniti, ma sospensioni e sedili Visibilità a 360°: D
sono rigidi e il comfort ne risente. I consumi Sicurezza: C
sono bassi ma le emissioni di NOx in Impatto ambientale: D
condizioni reali sono alte. Costo al km: 0,50 €
Consumo medio: 4,8 l/100 km

51 QUALITÀ
MEDIA

ALFA ROMEO Giulietta Alimentazione: Benzina


1.4 Turbo Super Potenza: 120 CV
24.100 €

IL NOSTRO PARERE È la Giulietta con il Comfort: C


motore meno potente, ma offre comunque Prestazioni: B
prestazioni apprezzabili, anche se i consumi Comportamento su strada: B
sono elevati. Tende ad andare un po’ troppo Visibilità a 360°: D
su di giri in autostrada. Rispetto alla media Sicurezza: C
delle concorrenti ha una scarsa dotazione Impatto ambientale: D
di dispositivi di sicurezza attiva. Costo al km: 0,50 €
Consumo medio: 7,5 l/100 km

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 55


TEST
Usb alla prova

LA MEMORIA? È UN FLASH
Schedine e chiavette per conservare i dati sono diventate
sempre più popolari. Eccone pregi e punti deboli.
di Marta Buonadonna

N
egli ultimi anni le memorie flash
sono passate rapidamente da
tecnologia di nicchia a soluzione
più popolare per la conservazione
dei dati. Le memorie magnetiche hanno
l’indubbio vantaggio di una capienza
molto maggiore, ma la grande densità delle
memorie flash consente di conservare
parecchi gigabyte di dati in supporti di
dimensioni minime.
Si presentano in due formati: le chiavette
Usb, che si collegano al computer tramite la
porta Universal Serial Bus I/O, e le schede
SD, supporti di plastica da inserire in
smartphone e videocamere come memorie
aggiuntive, ma anche nei molti pc che
hanno lettori incorporati per questo tipo di
schede. Dato che non ci sono parti mobili,
a differenza di quanto accade con i dischi
anche il reperimento dei dati conservati è
molto veloce: basta solo inviare un segnale
attraverso una serie di circuiti.

Chiavette Usb
Il dispositivo vero e proprio è un
minuscolo chip in silicio la cui forma
esterna dipende esclusivamente da scelte
di design del produttore e da esigenze
legate al marketing. Le dimensioni
dell’involucro possono incidere sulla
comodità d’uso non solo per il trasporto,
ma anche perché se sono molto larghe
rischiano di rendere inutilizzabili le porte
Usb vicine, con un disagio per l’utente
del pc. Lo standard attuale per queste
memorie è l’Usb 3.x, che può inviare e
ricevere dati a 5/10 Gbit/s: la quantità di
dati contenuta in un cd può teoricamente
essere copiata in un secondo. Se
però la usate con un vecchio pc che
ha un ingresso Usb 2.0, la velocità di
trasferimento sarà limitata a 480 Mbit/s,
quindi circa 10 volte più lenta.

Schede SD
Ne esistono di due tipi, full size, molto
usate per fotocamere e videocamere,
e MicroSD, grandi più o meno come

56 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Per maggiori informazioni
www.altroconsumo.it/tablet-computer

IN SINTESI
I risultati del test su
ARCHIVIO A PROVA DI TEMPO
5 schede Micro-SD e
10 chiavette Usb Quanto volete conservare i vostri file, le foto e i video? Per sempre?
I suggerimenti per Preparatevi allora a un po’ di lavoro, perché nessun supporto dà una reale
scegliere il modello garanzia di durata a lungo termine.
giusto
Come salvare i
nostri dati il più a lungo Fino a 1000 anni M-Disc
possibile

Fino a 8 anni Chiavetta USB

LA NOSTRA SCELTA: Fino a 7 anni DVD

MEMORIE MICRO-
SD DA 64 GB Fino a 5 anni Hard drive

Alcuni supporti sostengono di poter Le giuste precauzioni


conservare i dati per qualche anno Per garantire lunga durata ai vostri file,
più degli altri, ma le differenze sono in il nostro consiglio è di fare più copie del
realtà minime e molto dipende anche vostro archivio digitale, su supporti
da come vengono conservati e trattati diversi da conservare in posti diversi.
i supporti stessi. Anche gli M-disc, che Ogni cinque anni, ma meglio ancora
promettono di durare fino a mille anni, sarebbe ogni tre, occorre riversare i
sono stati testati solo in laboratorio con file conservati su supporti nuovi, per
70 QUALITÀ
BUONA prove di usura accelerata i cui risultati evitare che il decadimento di quelli
DELKIN 1900X non possono però essere considerati “vecchi” faccia perdere dati preziosi.
84-92 € conclusivi. È difficile verificare o Potete utilizzare programmi che
sbugiardare promesse così a lungo verificano l’integrità dei file prima di
IL NOSTRO PARERE Velocissima in termine di dispositivi così recenti. copiarli su un nuovo supporto.
lettura, ideale per registrare video in
UltraHD.

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI


Spazio disponibile in GB

Prestazioni in scrittura
Adattatore SD incluso

Prestazioni in lettura

GIUDIZIO GLOBALE %
In euro min - max
(dicembre 2017)

Memorie Micro-
61
Custodia

QUALITÀ
MEDIA

ADATA Premier Pro


SD da 64 GB
38-44 € F F DELKIN 1900X 84 - 92 59,8 A C 70
G G
F ADATA Premier Pro 38 - 44 58,9 G B C 61
IL NOSTRO PARERE Solide prestazioni
in scrittura e non si perde neanche EMTEC Speedin’ 49 59,8 G B C 59
troppo tempo quando bisogna riversare SONY SR-64UZA 54 - 63 59,8 G B C 57
le foto o i filmati su un computer. INTEGRAL UltimaPRO 40 59,8 C D 45
G

qualità buona qualità media

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 57


TEST
Usb alla prova

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI

GIUDIZIO GLOBALE %
In euro min - max

disponibile in GB
(dicembre 2017)
Memorie USB

Prestazioni

Prestazioni
connettore
Protezione

in scrittura
Resistente

in lettura
all'acqua
da 128GB

Spazio

LED
F PATRIOT Supersonic Rage 2 64 - 117 118,0 a scomparsa G A B 81
F SANDISK Extreme Go 64 - 84 117,9 a scomparsa G B B 65
CORSAIR Flash Voyager Mini 55 - 74 115,3 no A D 55
VERBATIM Store’n’Go V3 44 - 56 115,4 a scomparsa B C 54
SONY Microvault 54 - 63 115,8 no B D 51
LEXAR JumpDrive S75 41 - 47 119,2 a scomparsa G B D 50
ADATA Elite S102PRO 50 - 62 115,6 cappuccio B D 48
SAMSUNG Flash Drive BAR 55 - 58 119,5 no G B D 48
KINGSTON Data Traveler 50 39 - 44 115,5 no B D 46
TRANSCEND JetFlash 810 63 - 95 117,7 cappuccio G C D 43

qualità buona qualità media

LA NOSTRA SCELTA: MEMORIE USB DA 128GB

81 QUALITÀ
BUONA 65 QUALITÀ
BUONA

PATRIOT SUPERSONIC RAGE 2 SANDISK Extreme Go


64-117 € 64-84 €

IL NOSTRO PARERE La chiavetta più veloce in assoluto, IL NOSTRO PARERE Brilla soprattutto per la velocità di
arriva a oltre 300 MB/s in lettura e a 100-200 MB/s in scrittura, che si mantiene sopra i 200 MB/s. Si può leggere
scrittura. l’intera chiavetta in poco più di 5 minuti e scriverla in 10-15.

una scheda Sim del telefono, che sono Non sono fulmini
diventate lo standard per smartphone e Quanto alle prestazioni, i nostri test
tablet. Quelle del test hanno una capienza hanno messo in risalto una grande
dichiarata di 64 GB, che corrispondono a variabilità tra un prodotto e l’altro per
poco meno di 60 GB reali. entrambi i tipi di memoria. In generale la
Lo standard UHS-1 garantisce una velocità pubblicizzata dai produttori può
velocità di 10 MB/s ed è il minimo essere raggiunta (e a volte nemmeno)
consigliato dai produttori per l’uso con solo in lettura, ma non nella scrittura
macchine fotografiche e videocamere, dei dati, un processo intrinsecamente
dato che sono in grado anche di Scegli una chiavetta in cui i più lento e complicato. Il trasferimento
registrare video in Ultra HD. Meglio contatti non siano esposti, di tanti piccoli file richiede più tempo
ancora sarebbe una scheda UHS-3, che perché in caso contrario rispetto a quello di pochi file di grandi
può raggiungere i 30 MB/s. rischia di rovinarsi facilmente. dimensioni.

58 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


TEST
Tablet

GRANDE È BELLO
Novità interessanti sul mercato dei tablet ‘standard’ da 10 pollici
e tra quelli dotati di tastiera. I piccoli, invece, perdono il loro fascino.
di Elisa Gerardis

P
iù grande di uno smartphone, di circa 10 pollici, i dispositivi apparsi
meno ingombrante di un pc qualche anno dopo lo presentavano
portatile: il tablet rappresenta da invece di dimensioni ridotte, intorno ai
IN SINTESI sempre (e oggi più che mai) una 7-8 pollici. Il loro successo è durato fino a
Test su 15 tablet di comoda via di mezzo. Abbiamo messo quando anche gli smartphone non hanno
dimensioni standard e alla prova le due categorie più richieste raggiunto dimensioni considerevoli,
7 modelli con tastiera sul mercato: 15 di dimensioni standard arrivando ad avere uno schermo fino a 6
Le reali differenze (schermo di circa 10 pollici) e 7 “ibridi”, pollici e oltre: possedere due dispositivi
rispetto ai tablet
che possono trasformarsi in piccoli pc con dimensioni e funzionalità così simili
piccoli
Come scegliere portatili grazie a un’apposita tastiera ha perso senso, tant’è che il segmento
il modello più adatto fisica, in dotazione o venduta a parte. di mercato dei tablet piccoli si è
alle proprie esigenze notevolmente ridotto.
I piccoli perdono appeal Al contrario, i produttori stanno puntando
Nel corso degli anni il mercato dei tablet molto sui tablet di dimensioni standard e
ha subìto significative trasformazioni. Se i sugli ibridi con tastiera: lo dimostra il fatto
primissimi modelli avevano uno schermo che sono stati lanciati sul mercato nuovi
TEST
Tablet

LA NOSTRA SCELTA: TABLET STANDARD


84 QUALITÀ
BUONA 76 QUALITÀ
BUONA

SAMSUNG SAMSUNG
Galaxy Tab S3 9.7 4G Galaxy Tab A 10
652 € 227 €

PRO Possiede lo schermo PRO Molto intuitivo, ha una


di qualità migliore tra i modelli buona durata della batteria.
testati. Può anche scattare foto CONTRO La qualità della
di ottima qualità. fotocamera frontale
CONTRO Il tempo di accensione non è il massimo.
è un pò troppo lungo. IL NOSTRO PARERE Buone
IL NOSTRO PARERE Un tablet prestazioni complessive
di ottima qualità, ma con un a un prezzo interessante.
prezzo piuttosto elevato.

67 QUALITÀ
MEDIA 67 QUALITÀ
MEDIA

ACER HUAWEI
Iconia One 10 B3-A30 MediaPad T3 10
141 € 158 €

PRO Buona qualità PRO Buona la facilità d’uso .


della fotocamera posteriore. CONTRO La fotocamera
CONTRO Impiega più di 60 posteriore ha una qualità
secondi per accendersi. davvero bassa.
IL NOSTRO PARERE Un buon IL NOSTRO PARERE Un tablet
compromesso per chi cerca nella media come prestazioni,
un tablet economico a un prezzo decisamente
e di qualità accettabile. contenuto.

LA NOSTRA SCELTA: TABLET CON TASTIERA


81 QUALITÀ
BUONA 76 QUALITÀ
BUONA

SAMSUNG LENOVO
Galaxy TabPro S Yoga Book con Windows
836 € 435 €

PRO L’ampio schermo da 12 PRO Prestazioni nel complesso


pollici è di ottima qualità . buone sotto tutti gli aspetti.
CONTRO La durata della batteria CONTRO Non ha veri e propri
è appena sufficiente. punti deboli.
IL NOSTRO PARERE Un ottimo IL NOSTRO PARERE Valido
tablet con tastiera, ma piuttosto da tutti i punti di vista, compreso
costoso. il prezzo.

60 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Per maggiori informazioni
www.altroconsumo.it/hi-tech/smartphone

PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI

Diagonale dello schermo

Qualità della fotocamera


Risoluzione fotocamera

Qualità dello schermo


Tempo di accensione

QUALITÀ GLOBALE %
posteriore (Mpixel)
Sistema operativo
(novembre 2017)

Mese di uscita

Facilità d’uso
sul mercato

posteriore

Batteria
(pollici)
TABLET In euro

Standard
F SAMSUNG Galaxy Tab S3 9.7 4G 652 apr-17 Android 9,7 12,8 C A A A B 84
SAMSUNG Galaxy Tab S2 2016 9.7 4G 375 giu-16 Android 9,7 8,0 C B A B B 81
APPLE iPad 9.7 4G 543 apr-17 iOS 9,7 8,0 B A A A A 81
APPLE iPad Pro 10.5 4G 1.012 giu-17 iOS 10,5 12,2 B A A B C 80
APPLE iPad Pro 12.9 4G 1.034 giu-17 iOS 12,9 12,2 B A A B C 77
LENOVO Tab 4 10 Plus 294 set-17 Android 10,0 8,0 C B A C B 77
LENOVO Yoga Tab 3 Pro 4G 568 feb-16 Android 10,1 13,0 C B A C C 76
F SAMSUNG Galaxy Tab A 10 227 ago-16 Android 10,0 8,0 C B A B B 76
ASUS ZenPad 3S 10 351 ott-16 Android 9,7 3,7 B B A B C 75
LENOVO Yoga Book con Android 505 nov-16 Android 10,1 6,0 C B A B C 75
HUAWEI MediaPad M3 Lite 237 ott-17 Android 10,0 8,0 C B B C B 74
HUAWEI MediaPad T2 10.0 Pro 165 ago-16 Android 10,1 8,0 C B A B C 69
F ACER Iconia One 10 B3-A30 141 ott-16 Android 10,1 5,0 E C A B C 67
F HUAWEI MediaPad T3 10 158 ott-17 Android 9,6 5,0 C C B D C 67
LENOVO Tab 4 10 206 set-17 Android 9,9 5,0 C C B C B 66
Con tastiera fisica
F SAMSUNG Galaxy TabPro S 836 mar-16 Windows 12,0 3,7 C A A B C 81
MICROSOFT Surface Pro (m3) 853 set-17 Windows 12,3 6,0 B B B B C 77
F LENOVO Yoga Book con Windows 435 nov-16 Windows 10,1 6,0 B B B B B 76

n.d. non disponibile


SAMSUNG Galaxy Book 10.6 4G 552 lug-17 Windows 10,9 n.d. B B B n.d. C 75
SAMSUNG Galaxy Book 12 919 lug-17 Windows 12,0 9,4 A B B B C 75
ACER Switch Alpha 12 890 ott-16 Windows 12,0 3,7 B B B B C 72
HUAWEI Matebook 778 ott-16 Windows 12,1 n.d. B B B n.d. C 66

Risultati completi su www.altroconsumo.it/tablet-computer qualità buona qualità media

modelli di queste categorie, decisamente che spesso è anche la caratteristica sistema operativo dello smartphone,
interessanti. In particolare, i tablet con che ci invoglia nella scelta di un tablet. per una maggiore facilità d’uso. Anche i
tastiera hanno poco da invidiare a un Non sorprende, quindi, che i modelli modelli Windows rappresentano oggi una
pc portatile: rispetto a quest’ultimo più costosi siano anche quelli con uno valida opzione, sebbene la quantità di app
hanno dimensioni più contenute, ma schermo qualitativamente più valido. sia molto più limitata rispetto agli altri
uno schermo più ampio rispetto ai tablet Nel complesso, sono dispositivi che sistemi operativi.
tradizionali (12 pollici circa). mantengono fede al loro proposito Il prezzo di un tablet può variare di circa
iniziale: un’alternativa più maneggevole e 100 euro per una versione con wifi oppure
La qualità si paga più intuitiva al pc portatile. con connessione dati 3G/4G.
Nei nostri test ci siamo soffermati anche La scelta dipende dall’uso che se ne fa:
su aspetti pratici legati all’uso dei tablet, Come scegliere il modello giusto se viene utilizzato prevalentemente tra
come la durata della batteria, il tempo La scelta di un tablet può essere ardua, le mura domestiche, il modello solo
d’accensione e la facilità d’uso: la tabella considerata soprattutto l’ampia varietà wifi è l’opzione migliore. Se invece si
illustra bene la qualità complessivamente di modelli sul mercato. Innanzitutto: preferisce usarlo per collegarsi a internet
buona di tutti i modelli (tanto che siamo su quale sistema operativo puntare? Le ovunque, meglio scegliere un modello
stati più severi con i giudizi globali). differenze tra Android e iOS ormai sono con collegamento dati: in questo caso si
L’aspetto che maggiormente crea quasi impercettibili: nel dubbio, meglio dovrà anche acquistare una sim apposita,
differenze è la qualità dello schermo, optare per un modello con lo stesso attivando un abbonamento alla rete dati.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 61


ADESSO LO SAI
HELPDESK
A cura di Manuela Cervilli
Con l’aiuto dei nostri esperti
rispondiamo a dubbi e domande. Scrivici.

Impermeabilizzare RIEMPIRE LA CIOTOLA


NON BASTA: LA PAPPA GIUSTA
scarpe e abbigliamento
I prodotti impermeabilizzanti allungano la vita a scarpe, 1 La regola della
monotonia
Cani e gatti non hanno bisogno di
stivali e abbigliamento tecnico. Ma bisogna usarli solo
variare ogni giorno la propria dieta
occasionalmente perché inquinano e sono tossici. e non devono mangiare come i loro
padroni. Proteine (pesce, carne
Sono pensati per proteggere difficilmente può provocare uova), fibra (verdura fresca), grassi
dall’acqua materiali come la pelle, un’intossicazione. Non vanno usati (vegetali e animali), minerali e
ma anche il tessuto: i prodotti per la pulizia ordinaria delle scarpe vitamine compongono la razione
impermeabilizzanti sono una o degli stivali. ideale, ma devono tenere conto del
soluzione anche per chi vuole - Usarli in sicurezza. Quando si peso, dello stato fisiologico e della
mantenere l’idrorepellenza di usano questi prodotti servono salute dell’animale.
capi d’abbigliamento tecnici, per determinate accortezze. Anzitutto
esempio giacche per l’outdoor
oppure tende da campeggio,
scarpe, borse e zaini da montagna.
bisogna proteggersi il più possibile,
indossando guanti, mascherina
e occhiali, poi lo spray va usato
2 Evitare gli eccessi
La quantità di alimento deve
essere calcolata in base alle calorie
-Scegli il più adatto. I materiali su solo in ambienti esterni o ventilati che servono: dipende da quanto
cui possono essere usati sono: e mai vicino a bambini o animali movimento fa l’animale ogni giorno
scamosciato, cuoio, pelle o tessuto. domestici. È importante non usarli e dalla taglia. Se non si ha idea della
Non tutti i prodotti sono efficaci allo in ambienti dove ci sono cibi e dose giusta, si può fare riferimento
stesso modo per tutti i materiali. bevande e non fumare mentre si alle indicazioni sull’etichetta dei cibi
È bene controllare le indicazioni applica il prodotto. pronti (umidi e secchi) o chiedere al
d’uso in etichetta e acquistare un - Nel modo giusto. Gli veterinario.
prodotto dedicato. impermeabilizzanti vanno
-Solo ogni tanto. I prodotti spruzzati a una distanza di circa
impermeabilizzanti contengono
molte sostanze chimiche tossiche
come impregnanti (siliconi, resine o
20 cm e per breve tempo: se si
devono impermeabilizzare grandi
superfici, come una tenda da
3 La sicurezza nel cibo
Gli alimenti industriali devono
essere conformi a quanto indicato
cere), solventi (derivati del petrolio) campeggio, meglio fare pause dal regolamento europeo sui
e propellenti (idrocarburi) se in tra un’applicazione e l’altra. I capi mangimi animali: diffida di ciò che
spray. Il loro utilizzo eccessivo o trattati vanno sempre lasciati non è venduto nei canali ufficiali.
scorretto può provocare vertigini, asciugare prima di indossarli Una volta aperti, vanno conservati
sonnolenza, screpolature (si deve controllare il tempo in luoghi freschi e asciutti, chiusi
della pelle. L’uso occasionale necessario sulle istruzioni). bene nel sacchetto (crocchette) o
in frigorifero (scatolette); la ciotola
va pulita sempre bene.

4 Alimenti a cui fare


attenzione
Ci sono alcuni alimenti
assolutamente vietati a Fido & co:
aglio e cipolla, pomodori acerbi,
alcol, alimenti ricchi di sale o di
COSA DICE zucchero, cioccolato, uva e uvetta,
IL NOSTRO TEST caffeina, funghi ed erba cipollina per
i gatti, noci e luppolo per i cani.
Silvia Bollan
Test comparativi
«Li abbiamo provati (il
test su AC 286): alcuni
5 Peso sotto controllo
L’adeguatezza della dieta può
essere verificata dall’osservazione
funzionano bene sulla dell’appetito dell’animale e
pelle, ma sono solo da un controllo costante del peso.
sufficienti sul tessuto. Anche il veterinario periodicamente
Risultati mediocri deve effettuare una valutazione
invece sulla pelle nutrizionale, che comprende anche
scamosciata». la rilevazione del peso.

62 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Contattaci
www.altroconsumo.it/contattaci
www.facebook.com/altroconsumo
twitter.com/altroconsumo

Arriva l’influenza: niente panico.


Prendi nota di come
sopravvivere all’inverno
Luoghi comuni o verità? Su influenza e raffreddore si dice tutto
e il suo contrario. Ecco i consigli per affrontare i mali di stagione.

Quando devo chiamare il medico?


Chiamalo se i sintomi durano da più di due settimane; se peggiorano anziché migliorare; se si
sviluppano nuovi sintomi sospetti; se hai dolori forti o al petto.

Mi serve l’antibiotico?
No, per i virus dell’influenza non serve; l’antibiotico funziona solo contro le infezioni batteriche.

Bere mi aiuta?
Sì. L’idratazione è utile sotto vari punti di vista: può aiutarti a rendere il muco più fluido e a
liberartene; ti aiuta a reintegrare i fluidi persi, se il naso cola copiosamente; ti idrata la gola, che
si irrita per colpa dello “scolo retronasale”, dandoti la tosse. Bere acqua è sufficiente, ma anche
brodo, succhi di frutta e tè vanno bene.

Canfora, mentolo, eucalipto: vanno bene per i bambini?


Questi oli essenziali balsamici (presenti per esempio nel Vicks Vaporub), usati per liberare le vie
respiratorie, non devono essere assunti oralmente né inalati da bambini sotto i sei anni d’età, non
solo per le potenziali reazioni allergiche (con rischio di broncospasmo), ma anche per il rischio di
effetti indesiderati neurologici, in particolare convulsioni.

La febbre va abbassata sempre?


No, solo se dà malessere. I farmaci antifebbrili (come il paracetamolo, l’ibuprofene...) sono
utili quando la febbre è mal tollerata e impedisce il riposo. Se è moderata e i sintomi sono
sopportabili, il farmaco antifebbrile non è necessario: la febbre è una reazione utile per
l’organismo, perché accresce l’efficienza delle difese immunitarie e contrasta la proliferazione
degli agenti infettivi.

Vado a lavorare o sto a casa?


Se si ha l’influenza, è meglio mettersi a riposo e stare a casa, perché l’organismo ne ha bisogno
per guarire. Andare a lavorare significa anche contagiare gli altri.

Continuo a fare sport?


Se si tratta solo di un lieve raffreddore, senza febbre né dolori, l’esercizio leggero va bene;
con l’influenza vera e propria, invece, meglio riposare per consentire al sistema immunitario di
combattere il virus.

Posso prevenire con la vitamina C?


No, non previene, né cura il raffreddore. Oltre che nei cibi o negli integratori, la vitamina C si
può ritrovare in alcuni farmaci per i sintomi da raffreddamento. Non ci sono prove dell’utilità
dell’assumere questa vitamina in dosi elevate né per prevenire, né per curare raffreddori e
malanni invernali.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 63


LETTERE Condividi le tue esperienze
Le tue domande, i nostri consigli

IL NOSTRO Era una casa molto carina


ESPERTO
senza soffitto senza cucina
Un appartamento in una località di montagna, in centro, davanti
alla seggiovia per le piste da sci, a un prezzo ragionevole: tutto
bene, anzi benissimo. Peccato solo che la casa non esistesse.
Claudia Chiozzotto Il racconto del socio che ha scoperto una truffa online.
Acqua e ambiente

«Vorrei un consiglio per un


«Ho avuto la certezza che qualcosa non stranamente restio a far visitare la casa. E dopo
andava quando il proprietario della casa, qualche giorno inizia un vero e proprio pressing,
detersivo per lavatrice o additivo
chiedendo l’acconto, ha specificato che in cui insiste perché l’appartamento sia fissato
che possa “ripulire” più
lavorava a Malta» ci racconta Michele Zaia, al più presto, prima ancora di vederlo: «Diceva
efficacemente i panni dagli acari
di Milano. «Ho intuito che il prossimo passo che un’altra persona era interessata alla casa e
della polvere cui sono allergico».
sarebbe stato la richiesta di fare il bonifico su un serviva un bonifico immediato per bloccarla.
Ce lo chiede il socio Daniele Festa.
conto all’estero». E proprio così è stato. Michele I “proprietari” chiamavano, ma non rispondevano
Un prodotto simile non esiste (e
quell’acconto però non l’ha mai versato ed è mai ai cellulari, sempre spenti. Troppi elementi
consigliamo di diffidare di chi lo
invece andato alla Polizia postale a presentare strani: alla fine ho sporto denuncia».
promettesse), ma c’è una buona
una denuncia. A settembre Michele aveva
notizia: il lavaggio ad alta
cominciato a cercare una casa per la sua famiglia,
temperatura (se il tessuto lo IN CONCLUSIONE
per la stagione dello sci. «L’ho trovata sul sito
sopporta) è già molto efficace
Subito.it. L’appartamento era bello: anche un po’ Michele segnala al sito gli elementi sospetti: si
nella rimozione degli allergeni da
troppo bello, in effetti, le foto sembravano prese scopre così che la casa non esiste e l’annuncio
acaro. La migliore bonifica
da una rivista. Ma il condominio lo conoscevo viene oscurato. Bisogna diffidare sempre delle
anti-acaro è un lavaggio a 60°.
e l’indirizzo era corretto». Il proprietario però è offerte poco trasparenti, specie se pressanti.
Esporre il più possibile lenzuola e
materassi ad aria e sole è un altro
consiglio che può servire.

Domande e segnalazioni
www.altroconsumo.it/contattaci
è il canale attraverso il quale
rispondiamo online. Per chi
preferisce chiamare, ecco i numeri
delle consulenze (rispondiamo dal
lunedì al venerdì h. 9/13 -14/18
salvo diversa indicazione)
Giuridica
02 69 61 550
Fiscale
02 69 61 570 (h. 14/18)
Economica
02 69 61 580 (h. 9/13)
Farmaci
02 69 61 555
“Miglior Acquisto”
02 69 61 560
Tariffe Rc auto e moto
AC Connect 800 200 233
(h.9/19, sabato 9/13)
Michele Zaia, di Milano
Tariffe telefoniche
: stava per prendere
in affitto un appartam
02 69 61 590 ento inesistente

64 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


A cura di Natalia Milazzo

Rinnovabile non Avanti e indietro,


significa compostabile uno zaino sempre rotto
Un socio che si firma, ma L’ultimo problema della lunga serie
preferisce restare anonimo, ha non è più riparabile, quindi l’azienda
avuto una serie di vicissitudini propone nuovamente un cambio,
relative a uno zaino da donna in ma con un altro modello, perché nel
pelle di marca Piquadro. frattempo quel modello di zaino così
È un prodotto non economico perseguitato dalla malasorte non è
(365 euro), al momento più disponibile, e non scontato.
dell’acquisto scontato al 40%. Però il nostro socio non ci sta.
Purtroppo lo zaino nuovo nel giro Ritiene, giustamente - a maggior
di neanche due mesi si danneggia ragione dopo un anno e mezzo
(si lacerano i bordi delle tasche) di guasti e riconsegne - di avere
e deve essere riparato, come diritto alla sostituzione con un altro
prevede la legge sulla garanzia. zaino dello stesso valore di quello
acquistato all’inizio, sconto incluso.
Il nostro socio lo riconsegna Ma ora tutto, inspiegabilmente,
quindi in negozio. si ferma.
Purtroppo, però, è l’inizio di
una catena di guai. Durante la
IN CONCLUSIONE
Dubbi su un tappo da vino: riparazione lo zaino infatti viene
rovinato: l’azienda invita il cliente La legge sulla garanzia (Codice
dove devo buttarlo? a sceglierne un altro simile, ma del Consumo, art.130) è chiara:
aspettando i saldi di agosto, per se un prodotto ha un difetto di
avere la stessa percentuale di conformità è in garanzia per due
sconto. Finita l’attesa, arrivato anni e c’è il diritto alla riparazione,
Il nostro socio Valter Stacchetti più per le quattro stelle). agosto, ritirato lo zaino nuovo sostituzione o rimborso del
ha notato un marchio Questo però non significa che il (nella foto qui in basso), la prezzo pagato. Se poi il difetto si
particolare sul tappo del vino. tappo sia riciclabile nel compost. maledizione imperversa: anche manifesta nei primi sei mesi dopo
«Ieri ho stappato una bottiglia di Non riporta infatti il marchio “OK questo ha una rottura dopo pochi l’acquisto, che fosse già presente
vino con il tappo non di sughero. compost” o altri marchi che ne mesi. Di nuovo viene riparato, ma al momento della vendita non
Sulla superficie di questo ho trovato identifichino la compostabilità. l’intervento questa volta presenta si deve neanche dimostrare.
delle indicazioni che mi fanno Alla domanda “dove lo butto?” dei problemi (è difforme rispetto Scriviamo all’azienda, che accetta
pensare ad un materiale riciclabile. purtroppo non c’è una risposta all’originale), che richiedono un di sostituire lo zaino con un altro
Mi sapete dire qualche cosa al molto ecologica: va buttato nuovo intervento; cui segue una prodotto di pari valore. Sconto
riguardo? è possibile riciclare nell’indifferenziato. nuova rottura, nello stesso punto. incluso, naturalmente.
questo materiale e dove?» Sul sito del produttore dei tappi
Secondo quanto dichiara il Nomacorc si parla di prodotti al
produttore (Nomacorc) il tappo 100% riciclabili, ma si tratta di
è prodotto con materie prime progetti di riciclo interni alle aziende
rinnovabili, cioè la canna da o avviati con alcune comunità locali,
zucchero, e riporta il marchio prevedendo un ritiro e riciclo dei
“OK biobased”, rilasciata da tappi in un circuito loro proprio.
un autorevole organismo di Una riciclabilità condizionata, che
certificazione belga (Vinçotte). sostanzialmente resta spesso
Questo marchio indica che un teorica.
prodotto è fabbricato utilizzando
tra il 20 e l’80% di materiale di
origine vegetale, in particolare
IN CONCLUSIONE
polimeri derivati dalla canna da Il tappo in questione non è
zucchero. Esistono quattro versioni riciclabile nel compost, ma ad
del marchio, caratterizzate da oggi di tappi da vino compostabili
un diverso numero di stelle: da non ce ne sono. Non lo sono
una a quattro, a seconda della infatti né quelli di sughero (che si
percentuale di materiale di origine degrada troppo lentamente per gli
vegetale utilizzato (si parte da oltre impianti) né quelli in agglomerato.
il 20, poi 40, 60 e arrivando a 80% o Tutti vanno nell’indifferenziato.

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 65


LETTERE Condividi le tue esperienze
Le tue domande, i nostri consigli
Per scriverci vai su
altroconsumo.it/contattaci

SCALDABAGNO A GAS: Bonus cultura: torniamoci su


VAILLANT CI SCRIVE
Dopo l’articolo in cui incoraggiavamo i ragazzi del ‘99
In base alla legge n.47/1948 sulla stampa
riceviamo dal gruppo Vaillant e ad attivarsi per ottenere i 500 euro, in diversi del ‘98 ci hanno
pubblichiamo. scritto denunciando problemi tecnici che hanno impedito
«Con riferimento all’articolo “A gas, ottimi loro di ottenere il bonus. Abbiamo chiesto di riaprire i termini.
risultati” pubblicato nel numero di novembre
2017 a firma di Sonia Sartori, secondo cui gli
scaldabagni Vaillant modello atmoMAG mini Come abbiamo scritto nell’articolo
11-0/1 XI e Hermann Saunier Duval modello pubblicato su AC 320, novembre 2017,
Una “anom
alia
del program ”
Opalia C 11 E non garantirebbero “una ottenere il bonus cultura di 500 euro
sicurezza completa”, si precisa che tutti gli previsto per chi ha compiuto i 18 anni l’anno
scaldabagni prodotti e commercializzati dal ma ha
scorso e riproposto quest’anno non è stata escluso alcu
Gruppo Vaillant, sono soggetti ad un obbligo e non è un’impresa semplicissima. ni tra
stabilito dalla legge di certificazione da parte quelli che s
Prima occorre fare la Spid, ovvero i erano
di soggetti terzi e indipendenti al fine di
richiedere l’identità digitale unica; fatto registrati in
escludere qualsivoglia profilo di rischio per
questo, bisogna registrarsi - entro il
tempo
la salute umana.
I modelli menzionati nell’articolo hanno 30 giugno 2018, quest’anno - sul sito
ottenuto tutte le necessarie certificazioni e www.18app.italia.it; infine, il bonus va
pertanto devono essere considerati speso entro la fine dell’anno (31 dicembre
perfettamente sicuri. 2018) nei punti vendita convenzionati, per
In tanti anni di commercializzazione tali i prodotti inclusi nell’iniziativa (libri, dischi,
scaldabagni non hanno mai presentato mostre, spettacoli, concerti, corsi e molto Praticamente l’iscrizione fatta è stata
alcuna criticità ad ulteriore conferma della altro ancora). magicamente cancellata. Il problema è
loro completa sicurezza.» Moltissimi ragazzi ci sono riusciti e non stato quindi tecnico della piattaforma,
bisogna certo scoraggiarsi in partenza: oltre ad essere mancata notevolmente
tuttavia che l’operazione fosse difficoltosa anche un’adeguata informazione, e non
I nostri test sono stati eseguiti in un
lo dimostrano i numeri, che dicono che dei ragazzi che non hanno avuto voglia di
laboratorio accreditato.
I due modelli in questione non hanno l’anno scorso in molti non ce l’hanno fatta. perdere tempo dietro alle procedure”.
superato una delle prove sulla sicurezza, A conti fatti, l’anno scorso solo il 61% di Queste sono solo due delle numerose
diversamente dagli altri modelli inclusi nel chi ne aveva diritto si è registrato sul sito testimonianze arrivate.
test comparativo. 18app per ottenere il buono. E avevamo Ci siamo attivati per sostenerle le persone
già precisato che sarebbe stato opportuno coinvolte, scrivendo sia al ministero della
riaprire i termini e consentire di partecipare Cultura, sia alla Presidenza del Consiglio dei
all’iniziativa loro dedicata anche ai ragazzi ministri. Abbiamo richiesto che i ragazzi del
del ‘98, che - pur avendone il diritto - non ‘98 registrati correttamente ma incappati
erano riusciti a ottenere il bonus. nel problema godano di un’estensione al
Dopo che è stato pubblicato l’articolo, 30 giugno 2018 dei termini per ottenere il
abbiamo ricevuto diverse email da parte bonus. Abbiamo inoltre valutato insieme
di genitori di ragazzi del ‘98, che ci hanno ai nostri legali e ad alcuni parlamentari
segnalato che non sono riusciti a ottenere il sensibili al tema tutte le possibili iniziative di
bonus non per errori, ritardi o dimenticanze sostegno, sulle quali vi terremo aggiornati
loro, ma per problemi connessi al sistema. attraverso il sito. Il diritto a questi ragazzi
“Mio figlio ha completato la registrazione, ad avere il buono ci sembra evidente.
sia su Spid che sul sito a gennaio 2017, Nel momento in cui scriviamo risulta che
riuscendo ad accedere correttamente... il Ministero abbia iniziato a rimediare al
tranne che per la creazione del buono... problema, contattando alcuni dei ragazzi
Senza contare che da settembre le sue coinvolti. Anche i genitori interessati si sono
SCRIVICI. Ti abbiamo aiutato
credenziali non venivano più neanche attivati efficacemente, con una raccolta di
e ti piacerebbe raccontare riconosciute”. “Mia figlia ha richiesto lo firme (www.change.org/p/risolviamo-
la tua storia? Spid ampiamente nei termini, ha effettuato il-problema-18app-18app) e ottenendo
Vorresti condividere il tuo caso? l’accesso a 18app, con tanto di mail di una interrogazione parlamentare (on.
Quando scrivi specifica risposta e la possibilità di generare il buono. Miotto), seguita dalla presentazione di
che dai il tuo consenso A questo punto, certa di avere fatto tutto, alcuni emendamenti alla Finanziaria.
ha preferito differire l’utilizzo del buono ad Per informazioni e aggiornamenti,
alla pubblicazione e allega una foto:
un momento più utile, ovvero a settembre, segnaliamo il gruppo Facebook dedicato
ogni mese selezioneremo ma quando ha cercato di comprare i libri all’argomento: “Risolviamo il problema
le lettere più interessanti è comparsa la dicitura: ‘il termine per la 18app 98” (www.facebook.com/
registrazione è scaduto il 30/06/2017’. groups/1836104890033342).

66 Altroconsumo 321 • gennaio 2018 www.altroconsumo.it


Indice
A
Abbonamento Teatro alla Scala 320 12/2017
Acquisti online, sicurezza 320 12/2017
Antivirus per smartphone 319 11/2017
Anziani, esigenze abitative 320 12/2017
App per ascoltare la radio 318 10/2017
Fondazione Direttore: Ivo Tarantino
Tesoriere: Mauro Russo
Apparecchi ricondizionati 318 10/2017
La Fondazione Altroconsumo, riconosciuta Auto
Consiglio: Franca Braga, Serena Borelli, Giulia
nel 2012, ha lo scopo di promuovere > elettriche 320 12/2017
Candiani, Liliana Cantone, Michele Cavuoti, Luisa
il consumerismo in Italia e a livello internazionale, > familiari e suv 321 1/2018
Crisigiovanni, Alberto Donzelli, Pamela Filoni,
contribuendo allo sviluppo di una società più > test emissioni inquinanti 318 10/2017
Giuseppe Gioia, Paolo Martinello, Rosanna
equilibrata, equa, solidale e rispettosa dei diritti B
Massarenti,Francesco Mattana, Marino Melissano,
e degli interessi dei cittadini. A tal fine, promuove Big Data 319 11/2017
Danilo Mimmi, Daniela Nocchieri, Giovanni Pessina,
iniziative, pubblicazioni, ricerche e servizi rivolti Bonus cultura 319 11/2017
Alice Rovati, Guido Scorza, Vincenzo Somma,
ai consumatori e agli utenti di beni e servizi C
Anna Vizzari.
e contribuisce allo sviluppo di un movimento di Chiavette Usb e schede SD 321 1/2018
consumatori autorevole, duraturo e indipendente. Cibo per cani 318 10/2017
La Fondazione è socio unico della Altroconsumo Altroconsumo Edizioni s.r.l. Cuffie 320 12/2017
Edizioni srl. Il mensile Altroconsumo, i bimestrali Soldi & Diritti, D
Presidente: Paolo Martinello Test Salute e HiTest, le Guide Pratiche hanno Dadi per brodo 321 1/2018
come unico obiettivo l’informazione e la difesa
Associazione dei consumatori.
Detersivi piatti
Deumidificatori
318
318
10/2017
10/2017
Altroconsumo è un’associazione senza fini di lucro Direttore editoriale: Andrea Doneda Disabilità fisiche 318 10/2017
fondata a Milano nel 1973. In piena autonomia Direttore responsabile: Rosanna Massarenti Dispositivi indossabili 321 1/2018
e indipendenza, ha come scopo l’informazione, Redazione: Natalia Milazzo, Marzio Tosi
la difesa e la rappresentanza dei consumatori. E
(capiredattori), Manuela Cervilli, Matteo Metta,
È membro della CI (Consumers’ International), Elettrodomestici piccoli, affidabilità 319 11/2017
Beba Minna, Simona Ovadia, Adelia Piva
di ICRT (International Consumers’ Research Energia, qualità servizio clienti 319 11/2017
(vicecapiservizio), Sonia Sartori, Stefania Villa.
and Testing) e del BEUC (Ufficio europeo delle Redazione online: Alessandro Sessa F
associazioni di consumatori). Altroconsumo (caporedattore), Luca Cartapatti (caposervizio), Frullatori 321 1/2018
si finanzia esclusivamente attraverso le quote Michela Di Mario, Roberto Usai. I
associative. Designer: Maria Grazia Galbiati (coordinatore), Insetti per uso alimentare 321 1/2018
Segretario Generale: Luisa Crisigiovanni Arianna Giuriato, Roberto Milanesi, Sara Padidar, Internet
Vicesegretario: Franca Braga Ida Trimboli, Elisabetta Veraldi, Andrea Villa. > connessione smartphone 318 10/2017
> fibra e adsl 317 9/2017
> fibra ottica, qualità 319 11/2017
> motore di ricerca Qwant 321 1/2018
ALTROCONSUMO, Soldi & Diritti e Test Salute sito altroconsumo.it (cliccando sulla voce “Scopri L
sono diffusi solo in abbonamento. L’importo Altroconsumo”). In qualsiasi momento si può Latte UHT 317 9/2017
dell’abbonamento comprende anche la quota di recedere dall’abbonamento e dall’associazione M
associazione. Sono soci solo le persone fisiche. Le sarà restituito quanto già pagato per il periodo Macchine fotografiche 317 9/2017
persone giuridiche possono abbonarsi e accedere successivo al recesso. Macchine per il caffè 320 12/2017
ai servizi individuali forniti dall’associazione. Guide Pratiche gratuite: le Guide Pratiche sono Materassi 320 12/2017
PER ABBONARSI collegarsi al sito altroconsumo.it comprese nell’adesione ad Altroconsumo. Per N
cliccando alla sezione “contattaci” oppure inviare riceverle in regalo è necessario essere in regola Neuromarketing 320 12/2017
una lettera a Altroconsumo Edizioni srl - via con la quota di adesione. L’importo di 1,95 euro P
Valassina 22 - 20159 Milano. Pagamento a mezzo relativo alle spese amministrative verrà regolato Padelle antiaderenti 318 10/2017
domiciliazione bancaria o carta di credito: questa con le stesse modalità con cui si paga l’adesione Piani cottura 317 9/2017
forma di pagamento è indispensabile quando ad Altroconsumo. Le Guide possono essere Piattaforme prenotazione alloggio 320 12/2017
si sceglie la rata trimestrale. vendute al prezzo indicato in quarta di copertina Pidocchi, trattamento 321 1/2018
In ogni caso, la durata dell’abbonamento è e/o inviate in omaggio ai Soci Altroconsumo. Piscine, igiene 317 9/2017
a tempo indeterminato e le future variazioni Per ricevere i numeri arretrati telefonare o scrivere Pneumatici invernali, test 319 11/2017
di costo verranno comunicate anticipatamente all’Ufficio Abbonamenti. Il costo è pari al doppio Prezzi grande distribuzione 320 12/2017
sulla rivista. Garanzia di soddisfazione: se entro del prezzo di copertina. Non è possibile richiedere
R
15 giorni dal ricevimento del primo numero della più di due esemplari dello stesso numero.
Rasoi elettrici 321 1/2018
rivista si cambia idea e non si vuole più essere I dati personali saranno utilizzati da Altroconsumo
Rifiuti, raccolta differenziata 319 11/2017
abbonati alle riviste né soci di Altroconsumo, e/o da terzi da esso incaricati per la gestione
Riscaldamento condominiale 321 1/2018
si ha diritto di recedere e nulla sarà dovuto. dell’abbonamento e per gli scopi associativi.
Riso Arborio 319 11/2017
Per esercitare il diritto di recesso basta scrivere Verranno trattati con mezzi informatici e potranno
Robot da cucina 316 7/2017
una lettera a: Altroconsumo - Ufficio Abbonamenti essere, a termini di legge, consultati, modificati,
- Via Valassina, 22 - 20159 Milano o collegarsi al integrati o cancellati. S
Salute
> diritti in salute 318 10/2017
Quanto costa (in euro) abb. trimestrale abb. annuale > privacy dati sanitari 317 9/2017
Scaldabagni a gas 319 11/2017
Altroconsumo 25,25 101 Seggiolini auto 321 1/2018
Altroconsumo + Soldi&Diritti 36,90 147,60 Seggioloni 319 11/2017
Altroconsumo + Test Salute 37,70 150,80 Smartphone
> di grandi dimensioni 316 7/2017
Altroconsumo + Soldi&Diritti + Test Salute 49,35 197,40
> guida all’acquisto 320 12/2017
La quota associativa, compresa nell’abbonamento, è pari a 15,40€ all’anno e 3,85€ al trimestre Soundbar 320 12/2017
Spesa online 321 1/2018
Stampanti laser 317 9/2017
Supermercati, inchiesta e prezzi 318 10/2017
T
Tablet 321 1/2018
Tutti i diritti sono riservati Altroconsumo Edizioni s.r.l. dal direttore responsabile. Qualsiasi uso e/o Televisori Oled 319 11/2017
vieta espressamente la riproduzione anche parziale riproduzione delle illustrazioni è vietato senza
U
degli articoli e dei risultati dei test per fini commerciali l’accordo scritto dell’Editore.
Uova 319 11/2017
o pubblicitari. Dopo la pubblicazione dei risultati, Sede legale, direzione, redazione e
le aziende interessate possono ottenere la licenza amministrazione: Via Valassina 22 - 20159 - V
d’uso dei marchi previsti dall’iniziativa “Altroconsumo Milano Tel. 02/66.89.01 - Fax 02/66.89.02.88 Vini bianchi friulani 320 12/2017
Label” alle condizioni previste dai regolamenti
e dalla domanda di concessione consultabili su Reg. Trib. Milano n. 116 del 8/3/1985
www.altroconsumo.it/label. Copyright©Altroconsumo - n.291252 del 30/6/1987
Anche la riproduzione degli articoli per fini non Stampa: ELCOGRAF S.p.A. Soc. Unipersonale, Tutti gli articoli di Altroconsumo, Test Salute, Soldi&Diritti
pubblicitari deve essere autorizzata per iscritto Via Mondadori 15 - 37131 Verona e Hitest su www.altroconsumo.it/info/riviste

www.altroconsumo.it gennaio 2018 • 321 Altroconsumo 67


UNITI DA UN’IDEA.
DA PIÙ DI 40 ANNI.

11973
97 11975
975 11980
9 0 11985
8 11990
9 11995
95 220000 22005
0000055 220
2010
00110
10 2015
1

Tu e Altroconsumo, insieme da più di 40 anni.

Correva l’anno 1973. Nasceva Altroconsumo per dare alla tua voce l’energia di tante altre voci. Nel tempo, da punto
di riferimento, Altroconsumo è diventato punto di forza. Ci sono voluti entusiasmo, temerarietà, impegno per realizzare
battaglie e condividere valori. Per i prossimi 40 anni Altroconsumo ha grandi progetti. La strada da fare è tanta.
Altroconsumo è pronto a percorrerla insieme a te. Contaci.

altroconsumo.it