Sei sulla pagina 1di 3

La prima parte del testo è una presentazione, la rievocazione di un ricordo.

In seguito le parole
descrivono alcuni fatti avvenuti nel campo di concentramento nazista. I protagonisti sono un sergente e
dei prigionieri ebrei.

Non posso ricordare ogni cosa. Devo essere rimasto privo di conoscenza per la maggior parte del tempo.
Ricordo soltanto il grandioso momento quando tutti cominciarono a cantare, come se si fossero messi d'accordo,
l'antica preghiera che essi avevano dimenticato per tanti anni, il Credo dimenticato!
Non so dire come riuscii a vivere nel sottosuolo, nelle fogne di Varsavia, per un così lungo tempo.
Il giorno cominciò come al solito: sveglia quando era ancora buio. - Venite fuori! - Sia che dormiste o che le
preoccupazioni vi tenessero svegli per tutta la notte. Eravate stati separati dai vostri bambini, da vostra moglie, dai
vostri genitori; non si sapeva cosa era loro accaduto - come si poteva dormire? Di nuovo le trombe - Venite fuori! Il
sergente sarà furioso!
Vennero fuori; alcuni molto lenti: i vecchi, gli ammalati; alcuni con agilità ansiosa. Te mono il sergente. Si affrettano
quanto più possibile. Invano! Molto, troppo rumore, molta, troppa agitazione - e non svelti abbastanza! Il sergente
urla: "Attenzione! Attenti! Beh, ci decidiamo? O devo aiutarvi con il calcio del fucile? E va bene; se è proprio questo
che volete!”
Il sergente e i suoi aiutanti colpivano tutti; giovani o vecchi, remissivi e agitati, colpevoli e innocenti.
Era doloroso sentirli gemere e lamentarsi. Sentivo tutto sebbene fossi stato colpito molto forte, così forte che non
potei evitare di cadere. Eravamo tutti stesi per terra, chi non poteva reggersi in piedi era allora colpito sulla testa.
Devo essere rimasto privo di conoscenza. Quando ripresi i sensi per prima cosa udii un sol dato che diceva: “Sono
tutti morti!”; al che il sergente ordinò di sbarazzarsi di noi. Io giacevo da una parte, mezzo svenuto. Era diventato tutto
tranquillo, paura e dolore.
Fu allora che udii il sergente gridare: "Contatevi!”.
Cominciarono lentamente in modo irregolare: uno, due, tre, quattro – “Attenzione!”- Il sergente urlò di nuovo: “Più
svelti! Cominciate di nuovo da capo! Fra un minuto voglio sapere quanti devo mandare alla camera a gas! Contatevi!”
Ricominciarono. Prima lentamente: uno, due, tre, quattro, poi sempre più presto, sempre più rapidamente tanto che
alla fine risuonò come una fuga precipitosa di cavalli selvaggi, e tutto ad un tratto, nel bel mezzo di quel tumulto, essi
cominciarono a cantare la Shema Israel!

Coro
Ascolta, Israele,
il Signore è il nostro Dio,
il Signore è uno.
Amerai il Signore tuo Dio
con tutto il cuore
con tutta la tua anima
e con tutte le tue forze.
Saranno queste parole
che io ti comando oggi sul tuo cuore,
le ripeterai ai tuoi figli
e ne parlerai con loro
stando nella tua casa,
camminando per la via,
quando ti coricherai e quando ti alzerai.

Analizziamo la musica
Il brano comincia con una breve, spettrale introduzione solo strumentale.
Dopo alcune battute in cui non si riesce a riconoscere una melodia precisa ma solamente l’irregolarità
ritmica delle percussioni, la voce del narratore, un baritono, inizia il suo racconto. La voce, fin
dall'inizio, sfrutta una particolare tecnica, detta del "canto parlato", con la quale ottiene effetti lugubri e
tragici, sottolineati sempre da sonorità devastanti prodotte dall'orchestra. In questa parte iniziale del
racconto la voce sembra essere assolutamente distante, come se non facesse parte dell’insieme.

Non posso ricordare ogni cosa. Devo essere rimasto privo di conoscenza per la maggior parte del tempo.
Ricordo soltanto il grandioso momento quando tutti cominciarono a cantare, come se si fossero messi d'accordo,
l'antica preghiera che essi avevano dimenticato per tanti anni, il Credo dimenticato!
Non so dire come riuscii a vivere nel sottosuolo, nelle fogne di Varsavia, per un così lungo tempo.

Comincia ora la drammatizzazione vera e propria in cui il narratore racconta episodi particolari. La
musica, in questo contesto tragico, interpreta adeguatamente il testo. Infatti è una musica dissonante,
atonale, priva di un tema preciso, di un'idea alla quale l'ascoltatore possa aggrapparsi.
Anche il ritmo è irregolare. Potremmo dire che l'irregolarità ritmica segue sempre l'andamento
affannoso del racconto.
Il giorno cominciò come al solito: ( intervento delle trombe che imitano la sveglia delle caserme) sveglia quando
era ancora buio. - Venite fuori! – Lo stile del narratore cambia e quando imita gli ordini imperiosi dei
soldati utilizza improvvise variazioni timbriche e melodiche.
Sia che dormiste o che le preoccupazioni vi tenessero svegli per tutta la notte. Eravate stati separati dai vostri
bambini, da vostra moglie, dai vostri genitori; non si sapeva cosa era loro accaduto - come si poteva dormire?
Di nuovo le trombe - Venite fuori! Il sergente sarà furioso!
La musica crea un'atmosfera di continua angoscia, come se il compositore volesse trascinare
l'ascoltatore direttamente in un campo di concentramento, gli volesse far percepire le stesse
sensazioni che provava allora un prigioniero, sottolineando a volta la lentezza dei movimenti, a
volte l’agitazione, a volte il panico.
Vennero fuori; alcuni molto lenti: i vecchi, gli ammalati; alcuni con agilità ansiosa. Te mono il sergente. Si affrettano
quanto più possibile. Invano! Molto, troppo rumore, molta, troppa agitazione - e non svelti abbastanza! Il sergente
urla: "Attenzione! Attenti! Beh, ci decidiamo? O devo aiutarvi con il calcio del fucile? E va bene; se è proprio questo
che volete!”
Il sergente e i suoi aiutanti colpivano tutti; giovani o vecchi, remissivi e agitati, colpevoli e innocenti.
Era doloroso sentirli gemere e lamentarsi. La musica ora sottolinea il gemito e la sofferenza delle
persone attraverso suoni che sembrano ripetere le grida di dolore.
Sentivo tutto sebbene fossi stato colpito molto forte, così forte che non potei evitare di cadere. ( Suoni discendenti )
Eravamo tutti stesi per terra, chi non poteva reggersi in piedi era allora colpito sulla testa. Devo essere rimasto privo
di conoscenza. Suoni rarefatti, apparentemente tranquilli che sottolineano lo stare immobili senza
contatto con la realtà.
Quando ripresi i sensi per prima cosa udii un soldato che diceva: “Sono tutti morti!”; al che il sergente ordinò di
sbarazzarsi di noi. Io giacevo da una parte, mezzo svenuto. Era diventato tutto tranquillo, paura e dolore. Ancora
suoni di sottofondo che sottolineano una strana tranquillità e poi immediatamente il cambio di
carattere.
Fu allora che udii il sergente gridare: "Contatevi!”.
Cominciarono lentamente in modo irregolare: uno, due, tre, quattro L’irregolarità ritmica evidenzia il modo
irregolare con cui gli ebrei stanno contando.
- 'Attenzione!- Il sergente urlò di nuovo: 'Più svelti! Cominciate di nuovo da capo! Fra un minuto voglio sapere quanti
devo mandare alla camera a gas! Contatevi!'
Ricominciarono. Prima lentamente: uno, due, tre, quattro, poi sempre più presto, sempre più rapidamente tanto che
alla fine risuonò come una fuga precipitosa di cavalli selvaggi, e tutto ad un tratto, nel bel mezzo di quel tumulto, essi
cominciarono a cantare la Shema Israel! In questo contesto abbiamo un continuo crescendo di
intensità, di velocità; l’irregolarità ritmica coincide con il tumulto che si viene a creare fino al
momento in cui gli ebrei cominciano a cantare il Credo. In questo momento la musica ha un clima
diverso, un misto di, angoscia, rassegnazione ma anche di potenza nell’accettare ciò che sta per
accadere in quanto la Fede accomuna tutti.
Ascolta, Israele, Saranno queste parole
il Signore è il nostro Dio, che io ti comando oggi sul tuo cuore,
il Signore è uno. le ripeterai ai tuoi figli
Amerai il Signore tuo Dio e ne parlerai con loro
con tutto il cuore stando nella tua casa,
camminando per la via,
con tutta la tua anima
quando ti coricherai e quando ti alzerai.
e con tutte le tue forze.
La funzione di questo brano è prevalentemente narrativa, però alcuni punti evidenziano anche
una funzione emotiva e altri una funzione informativa; ad esempio, il suono della tromba e il ritmo
del tamburo possono darci degli indizi per l'identificazione di un ambiente legato alla vita militare
e alla guerra.