Sei sulla pagina 1di 392

Luisa Miglio Giulia Solmi

corso di matematica per la scuola secondaria


di primo grado con contenuti digitali integrativi

ante
GU

Gn
Da
inse
i

Guida per
l’insegnante 3
Guida_3_TERZI IMP.indb 1 11/09/15 14.28
Indice
Le indicazioni ministeriali...  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � pag. 3
Come utilizzare il libro di testo  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ��� 17
Spunti e suggerimenti per la programmazione
e la costruzione del curricolo di matematica  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ��� 19

VERIFICHE
Prova d’ingresso alla classe terza  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ���� 30
Verifiche di fine Unità
- Algebra � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ���� 33
- Geometria 3 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ���� 70
Verifiche di recupero
- Algebra � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � ���� 93
- Geometria 3 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 120
Didattica inclusiva
Verifiche di fine Unità� � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 138
Verifiche di recupero� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 166
Prove d’esame  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 189

SOLUZIONI
Prova d’ingresso alla classe terza  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 208
Verifiche di fine Unità
- Algebra � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 211
- Geometria 3 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 248
Verifiche di recupero
- Algebra � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 271
- Geometria 3 � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 298
Didattica inclusiva
Verifiche di fine Unità� � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 316
Verifiche di recupero� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 344
Prove d’esame  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 367

Un progetto per l'orientamento scolastico


I miei valori  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 385
Le scuole superiori � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 388
Il profilo individuale  � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � 390

Le soluzioni degli esercizi del libro sono disponibili sul sito www.ilcapitello.it

2
Guida_3_TERZI IMP.indb 2 11/09/15 14.28
Le indicazioni ministeriali...

Finalità generali
Scuola, Costituzione, Europa
Nella consapevolezza della relazione che unisce cultura, scuola e persona, la finalità generale della scuo-
la è lo sviluppo armonico e integrale della persona, all’interno dei principi della Costituzione italiana e
della tradizione culturale europea, nella promozione della conoscenza e nel rispetto e nella valorizza-
zione delle diversità individuali, con il coinvolgimento attivo degli studenti e delle famiglie.
La scuola italiana, statale e paritaria, svolge l’insostituibile funzione pubblica assegnatale dalla Costitu-
zione della Repubblica, per la formazione di ogni persona e la crescita civile e sociale del Paese. Assi-
cura a tutti i cittadini l’istruzione obbligatoria di almeno otto anni (articolo 34), elevati ora a dieci. Con-
tribuisce a rimuovere “gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la liber-
tà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effetti-
va partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Pa-
ese” (articolo 3).
L’azione della scuola si esplica attraverso la collaborazione con la famiglia (articolo 30), nel reciproco ri-
spetto dei diversi ruoli e ambiti educativi nonché con le altre formazioni sociali ove si svolge la perso-
nalità di ciascuno (articolo 2).
La scuola dell’infanzia, la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado costituiscono il primo
segmento del percorso scolastico e contribuiscono in modo determinante all’elevazione culturale, so-
ciale ed economica del Paese e ne rappresentano un fattore decisivo di sviluppo e di innovazione.
L’ordinamento scolastico tutela la libertà di insegnamento (articolo 33) ed è centrato sull’autonomia fun-
zionale delle scuole (articolo 117). Le scuole sono chiamate a elaborare il proprio curricolo esercitando
così una parte decisiva dell’autonomia che la Repubblica attribuisce loro. Per garantire a tutti i cittadi-
ni pari condizioni di accesso all’istruzione ed un servizio di qualità, lo Stato stabilisce le norme generali
cui devono attenersi tutte le scuole, siano esse statali o paritarie. Tali norme comprendono: la fissazio-
ne degli obiettivi generali del processo formativo e degli obiettivi specifici di apprendimento relativi al-
le competenze degli studenti; le discipline di insegnamento e gli orari obbligatori; gli standard relativi
alla qualità del servizio; i sistemi di valutazione e controllo del servizio stesso.
Con le Indicazioni nazionali s’intendono fissare gli obiettivi generali, gli obiettivi di apprendimento e i
relativi traguardi per lo sviluppo delle competenze dei bambini e ragazzi per ciascuna disciplina o cam-
po di esperienza. Per l’insegnamento della Religione Cattolica, disciplinata dagli accordi concordatari, i
traguardi di sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento sono definiti d’intesa con l’au-
torità ecclesiastica (decreto del Presidente della Repubblica dell’11 febbraio 2010).
Il sistema scolastico italiano assume come orizzonte di riferimento verso cui tendere il quadro delle
competenze-chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento europeo e dal Consiglio
dell’Unione europea (Raccomandazione del 18 dicembre 2006) che sono:
1) comunicazione nella madrelingua;
2) comunicazione nelle lingue straniere;
3) competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia;
4) competenza digitale;
5) imparare a imparare;
6) competenze sociali e civiche;
7) spirito di iniziativa e imprenditorialità;
8) consapevolezza ed espressione culturale.

3
Guida_3_TERZI IMP.indb 3 11/09/15 14.28
Queste sono il punto di arrivo odierno di un vasto confronto scientifico e culturale sulle competenze
utili per la vita al quale l’Italia ha attivamente partecipato. L’impegno a far conseguire tali competenze
a tutti i cittadini europei di qualsiasi età, indipendentemente dalle caratteristiche proprie di ogni siste-
ma scolastico nazionale, non implica da parte degli Stati aderenti all’Unione europea l’adozione di ordi-
namenti e curricoli scolastici conformi ad uno stesso modello. Al contrario, la diversità di obiettivi spe-
cifici, di contenuti e di metodi di insegnamento, così come le differenze storiche e culturali di ogni pa-
ese, pur orientati verso le stesse competenze generali, favoriscono l’espressione di una pluralità di mo-
di di sviluppare e realizzare tali competenze. Tale processo non si esaurisce al termine del primo ciclo di
istruzione, ma prosegue con l’estensione dell’obbligo di istruzione nel ciclo secondario e oltre, in una
prospettiva di educazione permanente, per tutto l’arco della vita.
Nell’ambito del costante processo di elaborazione e verifica dei propri obiettivi e nell’attento confron-
to con gli altri sistemi scolastici europei, le Indicazioni nazionali intendono promuovere e consolidare
le competenze culturali basilari e irrinunciabili tese a sviluppare progressivamente, nel corso della vita,
le competenze-chiave europee.

Competenze chiave
Si riporta di seguito la definizione ufficiale delle otto competenze-chiave (Raccomandazione del Par-
lamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 (2006/962/CE)).
1. La comunicazione nella madrelingua è la capacità di esprimere e interpretare
concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione
orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire
adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un’intera gamma di contesti
culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero.
2. La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali
abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua. La comunicazione nelle lingue
straniere richiede anche abilità quali la mediazione e la comprensione interculturale.
Il livello di padronanza di un individuo varia inevitabilmente tra le quattro dimensioni
(comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e
tra le diverse lingue e a seconda del suo retroterra sociale e culturale, del suo ambiente e
delle sue esigenze ed interessi.
3. La competenza matematica è l’abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico
per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. Partendo da una solida
padronanza delle competenze aritmetico-matematiche, l’accento è posto sugli
aspetti del processo e dell’attività oltre che su quelli della conoscenza. La competenza
matematica comporta, in misura variabile, la capacità e la disponibilità a usare modelli
matematici di pensiero (pensiero logico e spaziale) e di presentazione (formule, modelli,
schemi, grafici, rappresentazioni). La competenza in campo scientifico si riferisce
alla capacità e alla disponibilità a usare l’insieme delle conoscenze e delle metodologie
possedute per spiegare il mondo che ci circonda sapendo identificare le problematiche e
traendo le conclusioni che siano basate su fatti comprovati. La competenza in campo
tecnologico è considerata l’applicazione di tale conoscenza e metodologia per dare
risposta ai desideri o bisogni avvertiti dagli esseri umani. La competenza in campo
scientifico e tecnologico comporta la comprensione dei cambiamenti determinati
dall’attività umana e la consapevolezza della responsabilità di ciascun cittadino.
4. La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito
critico le tecnologie della società dell’informazione per il lavoro, il tempo libero e la
comunicazione. Essa implica abilità di base nelle tecnologie dell’informazione e della
comunicazione (TIC): l’uso del computer per reperire, valutare, conservare, produrre,
presentare e scambiare informazioni nonché per comunicare e partecipare a reti
collaborative tramite Internet.

4
Guida_3_TERZI IMP.indb 4 11/09/15 14.28
5. Imparare a imparare è l’abilità di perseverare nell’apprendimento, di organizzare
il proprio apprendimento anche mediante una gestione efficace del tempo e delle
informazioni, sia a livello individuale che in gruppo. Questa competenza comprende
la consapevolezza del proprio processo di apprendimento e dei propri bisogni,
l’identificazione delle opportunità disponibili e la capacità di sormontare gli ostacoli
per apprendere in modo efficace. Questa competenza comporta l’acquisizione,
l’elaborazione e l’assimilazione di nuove conoscenze e abilità come anche la ricerca
e l’uso delle opportunità di orientamento. Il fatto di imparare a imparare fa sì che
i discenti prendano le mosse da quanto hanno appreso in precedenza e dalle loro
esperienze di vita per usare e applicare conoscenze e abilità in tutta una serie di
contesti: a casa, sul lavoro, nell’istruzione e nella formazione. La motivazione e la
fiducia sono elementi essenziali perché una persona possa acquisire tale competenza.
6. Le competenze sociali e civiche includono competenze personali, interpersonali
e interculturali e riguardano tutte le forme di comportamento che consentono alle
persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in
particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche a risolvere i conflitti
ove ciò sia necessario. La competenza civica dota le persone degli strumenti per
partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture
sociopolitici e all’impegno a una partecipazione attiva e democratica.
7. Il senso di iniziativa e l’imprenditorialità concernono la capacità di una
persona di tradurre le idee in azione. In ciò rientrano la creatività, l’innovazione e
l’assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per
raggiungere obiettivi. È una competenza che aiuta gli individui, non solo nella loro
vita quotidiana, nella sfera domestica e nella società, ma anche nel posto di lavoro,
ad avere consapevolezza del contesto in cui operano e a poter cogliere le opportunità
che si offrono ed è un punto di partenza per le abilità e le conoscenze più specifiche
di cui hanno bisogno coloro che avviano o contribuiscono ad un’attività sociale o
commerciale. Essa dovrebbe includere la consapevolezza dei valori etici e promuovere il
buon governo.
8. Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l’importanza dell’espressione
creativa di idee, esperienze ed emozioni in un’ampia varietà di mezzi di comunicazione,
compresi la musica, le arti dello spettacolo, la letteratura e le arti visive.

Profilo dello studente


La storia della scuola italiana, caratterizzata da un approccio pedagogico e antropologico che cura la
centralità della persona che apprende, assegna alla scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione
un ruolo preminente in considerazione del rilievo che tale periodo assume nella biografia di ogni alun-
no. Entro tale ispirazione la scuola attribuisce grande importanza alla relazione educativa e ai metodi
didattici capaci di attivare pienamente le energie e le potenzialità di ogni bambino e ragazzo. Al tem-
po stesso la scuola italiana ha imparato a riconoscere e a valorizzare apprendimenti diffusi che avven-
gono fuori dalle sue mura, nei molteplici ambienti di vita in cui i bambini e i ragazzi crescono e attra-
verso nuovi media, in costante evoluzione, ai quali essi pure partecipano in modi diversificati e creativi.
La generalizzazione degli istituti comprensivi, che riuniscono scuola d’infanzia, primaria e secondaria di
primo grado, crea le condizioni perché si affermi una scuola unitaria di base che prenda in carico i bam-
bini dall’età di tre anni e li guidi fino al termine del primo ciclo di istruzione e che sia capace di riporta-
re i molti apprendimenti che il mondo oggi offre entro un unico percorso strutturante.
Il profilo che segue descrive, in forma essenziale, le competenze riferite alle discipline di insegnamento
e al pieno esercizio della cittadinanza, che un ragazzo deve mostrare di possedere al termine del primo
ciclo di istruzione. Il conseguimento delle competenze delineate nel profilo costituisce l’obiettivo gene-
rale del sistema educativo e formativo italiano.

5
Guida_3_TERZI IMP.indb 5 11/09/15 14.28
Profilo delle competenze al termine
del primo ciclo di istruzione
•• Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola, lo
studio personale, le esperienze educative vissute in famiglia e nella comunità, è in grado
di iniziare ad affrontare in autonomia e con responsabilità, le situazioni di vita tipiche del-
la propria età, riflettendo ed esprimendo la propria personalità in tutte le sue dimensioni.
•• Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti, utilizza gli strumenti di co-
noscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse
identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco. In-
terpreta i sistemi simbolici e culturali della società, orienta le proprie scelte in modo consa-
pevole, rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comu-
ne esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità. Si impegna per portare a compi-
mento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.
•• Dimostra una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enun-
ciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro lin-
guistico appropriato alle diverse situazioni.
•• Nell’incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementa-
re in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale, in semplici situazioni di vi-
ta quotidiana, in una seconda lingua europea.
•• Utilizza la lingua inglese nell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.
•• Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analiz-
zare dati e fatti della realtà e di verificare l’attendibilità delle analisi quantitative e statistiche
proposte da altri. Il possesso di un pensiero razionale gli consente di affrontare problemi e
situazioni sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni
che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche.
•• Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosità e ricerca di senso; osserva
ed interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.
•• Ha buone competenze digitali, usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazio-
ne per ricercare e analizzare dati ed informazioni, per distinguere informazioni attendibili
da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con
soggetti diversi nel mondo.
•• Possiede un patrimonio di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace di ri-
cercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni ed impegnarsi in nuovi apprendi-
menti anche in modo autonomo.
•• Ha cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il sen-
so e la necessità del rispetto della convivenza civile. Ha attenzione per le funzioni pubbli-
che alle quali partecipa nelle diverse forme in cui questo può avvenire: momenti educativi
informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni rituali nelle co-
munità che frequenta, azioni di solidarietà, manifestazioni sportive non agonistiche, volon-
tariato, ecc.
•• Dimostra originalità e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilità e chiede aiuto
quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede.
•• In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si impegna in campi espressivi, mo-
tori ed artistici che gli sono congeniali. È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con
le novità e gli imprevisti.

6
Guida_3_TERZI IMP.indb 6 11/09/15 14.28
L’organizzazione del curricolo
Dalle Indicazioni al curricolo
Nel rispetto e nella valorizzazione dell’autonomia delle istituzioni scolastiche, le Indicazioni costituisco-
no il quadro di riferimento per la progettazione curricolare affidata alle scuole. Sono un testo aperto,
che la comunità professionale è chiamata ad assumere e a contestualizzare, elaborando specifiche scel-
te relative a contenuti, metodi, organizzazione e valutazione coerenti con i traguardi formativi previsti
dal documento nazionale.
Il curricolo di istituto è espressione della libertà d’insegnamento e dell’autonomia scolastica e, al tem-
po stesso, esplicita le scelte della comunità scolastica e l’identità dell’istituto. La costruzione del curri-
colo è il processo attraverso il quale si sviluppano e organizzano la ricerca e l’innovazione educativa.
Ogni scuola predispone il curricolo all’interno del Piano dell’offerta formativa con riferimento al profi-
lo dello studente al termine del primo ciclo di istruzione, ai traguardi per lo sviluppo delle competenze,
agli obiettivi di apprendimento specifici per ogni disciplina.
A partire dal curricolo di istituto, i docenti individuano le esperienze di apprendimento più efficaci, le
scelte didattiche più significative, le strategie più idonee, con attenzione all’integrazione fra le discipli-
ne e alla loro possibile aggregazione in aree, così come indicato dal Regolamento dell’autonomia sco-
lastica, che affida questo compito alle istituzioni scolastiche.

Aree disciplinari e discipline


Fin dalla scuola dell’infanzia, nella scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado l’attività di-
dattica è orientata alla qualità dell’apprendimento di ciascun alunno e non ad una sequenza lineare, e
necessariamente incompleta, di contenuti disciplinari. I docenti, in stretta collaborazione, promuovo-
no attività significative nelle quali gli strumenti e i metodi caratteristici delle discipline si confrontano
e si intrecciano tra loro, evitando trattazioni di argomenti distanti dall’esperienza e frammentati in no-
zioni da memorizzare.
Le discipline, così come noi le conosciamo, sono state storicamente separate l’una dall’altra da confini
convenzionali che non hanno alcun riscontro con l’unitarietà tipica dei processi di apprendimento. Ogni
persona, a scuola come nella vita, impara infatti attingendo liberamente dalla sua esperienza, dalle co-
noscenze o dalle discipline, elaborandole con un’attività continua e autonoma.
Oggi, inoltre, le stesse fondamenta delle discipline sono caratterizzate da un’intrinseca complessità e
da vaste aree di connessione che rendono improponibili rigide separazioni.
Nelle Indicazioni le discipline non sono aggregate in aree precostituite per non favorire un’affinità più
intensa tra alcune rispetto ad altre, volendo rafforzare così trasversalità e interconnessioni più ampie e
assicurare l’unitarietà del loro insegnamento. Sul piano organizzativo e didattico la definizione di aree
o di assi funzionali all’ottimale utilizzazione delle risorse è comunque rimessa all’autonoma valutazio-
ne di ogni scuola.
Un ruolo strategico essenziale svolge l’acquisizione di efficaci competenze comunicative nella lingua
italiana che non è responsabilità del solo insegnante di italiano ma è compito condiviso da tutti gli in-
segnanti, ciascuno per la propria area o disciplina, al fine di curare in ogni campo una precisa espres-
sione scritta ed orale.

Continuità ed unitarietà del curricolo


L’itinerario scolastico dai tre ai quattordici anni, pur abbracciando tre tipologie di scuola caratterizza-
te ciascuna da una specifica identità educativa e professionale, è progressivo e continuo. La presenza,
sempre più diffusa, degli istituti comprensivi consente la progettazione di un unico curricolo verticale
e facilita il raccordo con il secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione.
Negli anni dell’infanzia la scuola accoglie, promuove e arricchisce l’esperienza vissuta dei bambini in una
prospettiva evolutiva, le attività educative offrono occasioni di crescita all’interno di un contesto edu-
cativo orientato al benessere, alle domande di senso e al graduale sviluppo di competenze riferibili al-
le diverse età, dai tre ai sei anni.

7
Guida_3_TERZI IMP.indb 7 11/09/15 14.28
Nella scuola del primo ciclo la progettazione didattica, mentre continua a valorizzare le esperienze con
approcci educativi attivi, è finalizzata a guidare i ragazzi lungo percorsi di conoscenza progressivamen-
te orientati alle discipline e alla ricerca delle connessioni tra i diversi saperi.

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


Al termine della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, ven-
gono fissati i traguardi per lo sviluppo delle competenze relativi ai campi di esperienza ed alle discipline.
Essi rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da
percorrere e aiutano a finalizzare l’azione educativa allo sviluppo integrale dell’allievo.
Nella scuola del primo ciclo i traguardi costituiscono criteri per la valutazione delle competenze atte-
se e, nella loro scansione temporale, sono prescrittivi, impegnando così le istituzione scolastiche affin-
ché ogni alunno possa conseguirli, a garanzia dell’unità del sistema nazionale e della qualità del servi-
zio. Le scuole hanno la libertà e la responsabilità di organizzarsi e di scegliere l’itinerario più opportuno
per consentire agli studenti il miglior conseguimento dei risultati.

Obiettivi di apprendimento
Gli obiettivi di apprendimento individuano campi del sapere, conoscenze e abilità ritenuti indispensa-
bili al fine di raggiungere i traguardi per lo sviluppo delle competenze. Essi sono utilizzati dalle scuole e
dai docenti nella loro attività di progettazione didattica, con attenzione alle condizioni di contesto, di-
dattiche e organizzative mirando ad un insegnamento ricco ed efficace.
Gli obiettivi sono organizzati in nuclei tematici e definiti in relazione a periodi didattici lunghi: l’inte-
ro triennio della scuola dell’infanzia, l’intero quinquennio della scuola primaria, l’intero triennio della
scuola secondaria di primo grado. Per garantire una più efficace progressione degli apprendimenti nel-
la scuola primaria gli obiettivi di italiano, lingua inglese e seconda lingua comunitaria, storia, geografia,
matematica e scienze sono indicati anche al termine della terza classe.

Valutazione
Agli insegnanti competono la responsabilità della valutazione e la cura della documentazione, nonché
la scelta dei relativi strumenti, nel quadro dei criteri deliberati dagli organi collegiali. Le verifiche inter-
medie e le valutazioni periodiche e finali devono essere coerenti con gli obiettivi e i traguardi previsti
dalle Indicazioni e declinati nel curricolo.
La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intraprendere, regola
quelle avviate, promuove il bilancio critico su quelle condotte a termine. Assume una preminente funzione
formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimento e di stimolo al miglioramento continuo.
Occorre assicurare agli studenti e alle famiglie un’informazione tempestiva e trasparente sui criteri e sui
risultati delle valutazioni effettuate nei diversi momenti del percorso scolastico, promuovendone con
costanza la partecipazione e la corresponsabilità educativa, nella distinzione di ruoli e funzioni.
Alle singole istituzioni scolastiche spetta, inoltre, la responsabilità dell’autovalutazione, che ha la fun-
zione di introdurre modalità riflessive sull’intera organizzazione dell’offerta educativa e didattica della
scuola, per svilupparne l’efficacia, anche attraverso dati di rendicontazione sociale o emergenti da va-
lutazioni esterne.
Il sistema nazionale di valutazione ha il compito di rilevare la qualità dell’intero sistema scolastico, for-
nendo alle scuole, alle famiglie e alla comunità sociale, al Parlamento e al Governo elementi di informa-
zione essenziali circa la salute e le criticità del nostro sistema di istruzione. L’Istituto nazionale di valuta-
zione rileva e misura gli apprendimenti con riferimento ai traguardi e agli obiettivi previsti dalle Indica-
zioni, promuovendo, altresì, una cultura della valutazione che scoraggi qualunque forma di addestra-
mento finalizzata all’esclusivo superamento delle prove.
La promozione, insieme, di autovalutazione e valutazione costituisce la condizione decisiva per il miglio-
ramento delle scuole e del sistema di istruzione poiché unisce il rigore delle procedure di verifica con
la riflessione dei docenti coinvolti nella stessa classe, nella stessa area disciplinare, nella stessa scuola o
operanti in rete con docenti di altre scuole. Nell’aderire a tale prospettiva, le scuole, al contempo, eserci-

8
Guida_3_TERZI IMP.indb 8 11/09/15 14.28
tano la loro autonomia partecipando alla riflessione e alla ricerca nazionale sui contenuti delle Indicazioni
entro un processo condiviso che potrà continuare nel tempo, secondo le modalità previste al momento
della loro emanazione, nella prospettiva del confronto anche con le scuole e i sistemi di istruzione europei.

Certificazione delle competenze


La scuola finalizza il curricolo alla maturazione delle competenze previste nel profilo dello studente al
termine del primo ciclo, fondamentali per la crescita personale e per la partecipazione sociale, e che sa-
ranno oggetto di certificazione.
Sulla base dei traguardi fissati a livello nazionale, spetta all’autonomia didattica delle comunità profes-
sionali progettare percorsi per la promozione, la rilevazione e la valutazione delle competenze. Partico-
lare attenzione sarà posta a come ciascuno studente mobilita e orchestra le proprie risorse – conoscen-
ze, abilità, atteggiamenti, emozioni – per affrontare efficacemente le situazioni che la realtà quotidia-
namente propone, in relazione alle proprie potenzialità e attitudini.
Solo a seguito di una regolare osservazione, documentazione e valutazione delle competenze è possi-
bile la loro certificazione, al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, at-
traverso i modelli che verranno adottati a livello nazionale. Le certificazioni nel primo ciclo descrivono
e attestano la padronanza delle competenze progressivamente acquisite, sostenendo e orientando gli
studenti verso la scuola del secondo ciclo.

Una scuola di tutti e di ciascuno


La scuola italiana sviluppa la propria azione educativa in coerenza con i principi dell’inclusione delle
persone e dell’integrazione delle culture, considerando l’accoglienza della diversità un valore irrinun-
ciabile. La scuola consolida le pratiche inclusive nei confronti di bambini e ragazzi di cittadinanza non
italiana promuovendone la piena integrazione. Favorisce inoltre, con specifiche strategie e percorsi per-
sonalizzati, la prevenzione e il recupero della dispersione scolastica e del fallimento formativo preco-
ce; a tal fine attiva risorse e iniziative mirate anche in collaborazione con gli enti locali e le altre agen-
zie educative del territorio.
Particolare cura è riservata agli allievi con disabilità o con bisogni educativi speciali, attraverso adegua-
te strategie organizzative e didattiche, da considerare nella normale progettazione dell’offerta forma-
tiva. Per affrontare difficoltà non risolvibili dai soli insegnanti curricolari, la scuola si avvale dell’apporto
di professionalità specifiche come quelle dei docenti di sostegno e di altri operatori.
Tali scelte sono bene espresse in alcuni documenti di forte valore strategico per la scuola, quali ”La via
italiana per la scuola interculturale e l’integrazione degli alunni stranieri” del 2007, “Linee gui-
da per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità” del 2009, e “Linee guida per il dirit-
to allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento” del 2011, che
sintetizzano i criteri che devono ispirare il lavoro quotidiano degli insegnanti.

Comunità educativa, comunità professionale, cittadinanza


Ogni scuola vive e opera come comunità nella quale cooperano studenti, docenti e genitori.
Al suo interno assume particolare rilievo la comunità professionale dei docenti che, valorizzando la li-
bertà, l’iniziativa e la collaborazione di tutti, si impegna a riconoscere al proprio interno le differenti ca-
pacità, sensibilità e competenze, a farle agire in sinergia, a negoziare in modo proficuo le diversità e gli
eventuali conflitti per costruire un progetto di scuola partendo dalle Indicazioni nazionali.
Questo processo richiede attività di studio, di formazione e di ricerca da parte di tutti gli operatori sco-
lastici ed in primo luogo da parte dei docenti. Determinante al riguardo risulta il ruolo del dirigente sco-
lastico per la direzione, il coordinamento e la promozione delle professionalità interne e, nello stesso
tempo, per favorire la collaborazione delle famiglie, degli enti locali, e per la valorizzazione delle risor-
se sociali, culturali ed economiche del territorio.
L’elaborazione e la realizzazione del curricolo costituiscono pertanto un processo dinamico e aperto, e
rappresentano per la comunità scolastica un’occasione di partecipazione e di apprendimento continuo.
La presenza di comunità scolastiche, impegnate nel proprio compito, rappresenta un presidio per la vita

9
Guida_3_TERZI IMP.indb 9 11/09/15 14.28
democratica e civile perché fa di ogni scuola un luogo aperto, alle famiglie e ad ogni componente della
società, che promuove la riflessione sui contenuti e sui modi dell’apprendimento, sulla funzione adulta
e le sfide educative del nostro tempo, sul posto decisivo della conoscenza per lo sviluppo economico,
rafforzando la tenuta etica e la coesione sociale del Paese.
La centralità della persona trova il suo pieno significato nella scuola intesa come comunità educativa,
aperta anche alla più larga comunità umana e civile, capace di includere le prospettive locale, naziona-
le, europea e mondiale.

La scuola del primo ciclo


Il primo ciclo d’istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. Ricopre
un arco di tempo fondamentale per l’apprendimento e lo sviluppo dell’identità degli alunni, nel quale
si pongono le basi e si acquisiscono gradualmente le competenze indispensabili per continuare ad ap-
prendere a scuola e lungo l’intero arco della vita.
La finalità del primo ciclo è l’acquisizione delle conoscenze e delle abilità fondamentali per svilup-
pare le competenze culturali di base nella prospettiva del pieno sviluppo della persona. Per realizzare
tale finalità la scuola concorre con altre istituzioni alla rimozione di ogni ostacolo alla frequenza; cura
l’accesso facilitato per gli alunni con disabilità; previene l’evasione dell’obbligo scolastico e contrasta la
dispersione; valorizza il talento e le inclinazioni di ciascuno; persegue con ogni mezzo il miglioramento
della qualità del sistema di istruzione.
In questa prospettiva ogni scuola pone particolare attenzione ai processi di apprendimento di tutti gli
alunni e di ciascuno di essi, li accompagna nell’elaborare il senso della propria esperienza, promuove la
pratica consapevole della cittadinanza.

Il senso dell’esperienza educativa


Fin dai primi anni la scuola promuove un percorso di attività nel quale ogni alunno possa assumere un
ruolo attivo nel proprio apprendimento, sviluppare al meglio le inclinazioni, esprimere le curiosità, rico-
noscere ed intervenire sulle difficoltà, assumere sempre maggiore consapevolezza di sé, avviarsi a co-
struire un proprio progetto di vita. Così la scuola svolge un fondamentale ruolo educativo e di orienta-
mento, fornendo all’alunno le occasioni per acquisire consapevolezza delle sue potenzialità e risorse,
per progettare la realizzazione di esperienze significative e verificare gli esiti conseguiti in relazione al-
le attese. Tutta la scuola in genere ha una funzione orientativa in quanto preparazione alle scelte deci-
sive della vita, ma in particolare la scuola del primo ciclo, con la sua unitarietà e progressiva articolazio-
ne disciplinare, intende favorire l’orientamento verso gli studi successivi mediante esperienze didatti-
che non ripiegate su se stesse ma aperte e stimolanti, finalizzate a suscitare la curiosità dell’alunno e a
fargli mettere alla prova le proprie capacità.
La scuola propone situazioni e contesti in cui gli alunni riflettono per capire il mondo e se stessi, diven-
tano consapevoli che il proprio corpo è un bene di cui prendersi cura, trovano stimoli per sviluppare il
pensiero analitico e critico, imparano ad imparare, coltivano la fantasia e il pensiero originale, si confron-
tano per ricercare significati e condividere possibili schemi di comprensione della realtà, riflettendo sul
senso e le conseguenze delle proprie scelte. Favorisce lo sviluppo delle capacità necessarie per impara-
re a leggere le proprie emozioni e a gestirle, per porsi obiettivi non immediati e perseguirli. Promuove
inoltre quel primario senso di responsabilità che si traduce nel fare bene il proprio lavoro e nel portarlo
a termine, nell’avere cura di sé, degli oggetti, degli ambienti che si frequentano, sia naturali sia sociali.
Sollecita gli alunni a un’attenta riflessione sui comportamenti di gruppo al fine di individuare quegli at-
teggiamenti che violano la dignità della persona e il rispetto reciproco, li orienta a sperimentare situa-
zioni di studio e di vita dove sviluppare atteggiamenti positivi ed imparare a collaborare con altri.
Segue con attenzione le diverse condizioni nelle quali si sviluppa l’identità di genere, che nella preado-
lescenza ha la sua stagione cruciale.
Crea favorevoli condizioni di ascolto e di espressione tra coetanei e guida i ragazzi nella comprensione

10
Guida_3_TERZI IMP.indb 10 11/09/15 14.28
critica dei messaggi provenienti dalla società nelle loro molteplici forme.
Di fronte alla complessa realtà sociale, la scuola ha bisogno di stabilire con i genitori rapporti non epi-
sodici o dettati dall’emergenza, ma costruiti dentro un progetto educativo condiviso e continuo. La
consapevolezza dei cambiamenti intervenuti nella società e nella scuola richiede la messa in atto di un
rinnovato rapporto di corresponsabilità formativa con le famiglie, in cui con il dialogo si costruiscano
cornici di riferimento condivise e si dia corpo a una progettualità comune nel rispetto dei diversi ruoli.

L’alfabetizzazione culturale di base


Il compito specifico del primo ciclo è quello di promuovere l’alfabetizzazione di base attraverso l’acqui-
sizione dei linguaggi e dei codici che costituiscono la struttura della nostra cultura, in un orizzonte al-
largato alle altre culture con cui conviviamo e all’uso consapevole dei nuovi media.
Si tratta di una alfabetizzazione culturale e sociale che include quella strumentale, da sempre sintetizza-
ta nel “leggere, scrivere e far di conto”, e la potenzia attraverso i linguaggi e i saperi delle varie discipline.
All’alfabetizzazione culturale e sociale concorre in via prioritaria l’educazione plurilingue e intercultu-
rale. La lingua materna, la lingua di scolarizzazione e le lingue europee, in quanto lingue dell’educa-
zione, contribuiscono infatti a promuovere i diritti del soggetto al pieno sviluppo della propria identi-
tà nel contatto con l’alterità linguistica e culturale. L’educazione plurilingue e interculturale rappresen-
ta una risorsa funzionale alla valorizzazione delle diversità e al successo scolastico di tutti e di ognuno
ed è presupposto per l’inclusione sociale e per la partecipazione democratica.
La scuola primaria mira all’acquisizione degli apprendimenti di base, come primo esercizio dei diritti
costituzionali. Ai bambini e alle bambine che la frequentano offre l’opportunità di sviluppare le dimen-
sioni cognitive, emotive, affettive, sociali, corporee, etiche e religiose, e di acquisire i saperi irrinunciabi-
li. Si pone come scuola formativa che, attraverso gli alfabeti caratteristici di ciascuna disciplina, permet-
te di esercitare differenti stili cognitivi, ponendo così le premesse per lo sviluppo del pensiero riflessi-
vo e critico. Per questa via si formano cittadini consapevoli e responsabili a tutti i livelli, da quello loca-
le a quello europeo.
La padronanza degli strumenti culturali di base è ancor più importante per bambini che vivono in si-
tuazioni di svantaggio: più solide saranno le capacità acquisite nella scuola primaria, maggiori saranno
le probabilità di inclusione sociale e culturale attraverso il sistema dell’istruzione.
Nella scuola secondaria di primo grado si realizza l’accesso alle discipline come punti di vista sul-
la realtà e come modalità di conoscenza, interpretazione e rappresentazione del mondo.
La valorizzazione delle discipline avviene pienamente quando si evitano due rischi: sul piano cultura-
le, quello della frammentazione dei saperi; sul piano didattico, quello dell’impostazione trasmissiva. Le
discipline non vanno presentate come territori da proteggere definendo confini rigidi, ma come chia-
vi interpretative disponibili ad ogni possibile utilizzazione. I problemi complessi richiedono, per essere
esplorati, che i diversi punti di vista disciplinari dialoghino e che si presti attenzione alle zone di con-
fine e di cerniera fra discipline.
Nella scuola secondaria di primo grado vengono favorite una più approfondita padronanza delle disci-
pline e un’articolata organizzazione delle conoscenze, nella prospettiva dell’elaborazione di un sapere
sempre meglio integrato e padroneggiato.
Le competenze sviluppate nell’ambito delle singole discipline concorrono a loro volta alla promozione
di competenze più ampie e trasversali, che rappresentano una condizione essenziale per la piena rea-
lizzazione personale e per la partecipazione attiva alla vita sociale, orientate ai valori della convivenza
civile e del bene comune. Le competenze per l’esercizio della cittadinanza attiva sono promosse conti-
nuamente nell’ambito di tutte le attività di apprendimento, utilizzando e finalizzando opportunamen-
te i contributi che ciascuna disciplina può offrire.

Cittadinanza e Costituzione
È compito peculiare di questo ciclo scolastico porre le basi per l’esercizio della cittadinanza attiva, po-
tenziando e ampliando gli apprendimenti promossi nella scuola dell’infanzia.
L’educazione alla cittadinanza viene promossa attraverso esperienze significative che consentano di ap-
prendere il concreto prendersi cura di se stessi, degli altri e dell’ambiente e che favoriscano forme di co-

11
Guida_3_TERZI IMP.indb 11 11/09/15 14.28
operazione e di solidarietà. Questa fase del processo formativo è il terreno favorevole per lo sviluppo
di un’adesione consapevole a valori condivisi e di atteggiamenti cooperativi e collaborativi che costitu-
iscono la condizione per praticare la convivenza civile.
Obiettivi irrinunciabili dell’educazione alla cittadinanza sono la costruzione del senso di legalità e lo svi-
luppo di un’etica della responsabilità, che si realizzano nel dovere di scegliere e agire in modo consa-
pevole e che implicano l’impegno a elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento
continuo del proprio contesto di vita, a partire dalla vita quotidiana a scuola e dal personale coinvolgi-
mento in routine consuetudinarie che possono riguardare la pulizia e il buon uso dei luoghi, la cura del
giardino o del cortile, la custodia dei sussidi, la documentazione, le prime forme di partecipazione alle
decisioni comuni, le piccole riparazioni, l’organizzazione del lavoro comune, ecc.
Accanto ai valori e alle competenze inerenti la cittadinanza, la scuola del primo ciclo include nel pro-
prio curricolo la prima conoscenza della Costituzione della Repubblica italiana. Gli allievi imparano co-
sì a riconoscere e a rispettare i valori sanciti e tutelati nella Costituzione, in particolare i diritti inviolabi-
li di ogni essere umano (articolo 2), il riconoscimento della pari dignità sociale (articolo 3), il dovere di
contribuire in modo concreto alla qualità della vita della società (articolo 4), la libertà di religione (arti-
colo 8), le varie forme di libertà (articoli 13-21). Imparano altresì l’importanza delle procedure nell’eser-
cizio della cittadinanza e la distinzione tra diversi compiti, ruoli e poteri. Questo favorisce una prima co-
noscenza di come sono organizzate la nostra società (articoli 35-54) e le nostre istituzioni politiche (ar-
ticoli 55-96). Al tempo stesso contribuisce a dare un valore più largo e consapevole alla partecipazione
alla vita della scuola intesa come comunità che funziona sulla base di regole condivise.
Parte integrante dei diritti costituzionali e di cittadinanza è il diritto alla parola (articolo 21) il cui eserci-
zio dovrà essere prioritariamente tutelato ed incoraggiato in ogni contesto scolastico e in ciascun alun-
no, avendo particolare attenzione a sviluppare le regole di una conversazione corretta. È attraverso la
parola e il dialogo tra interlocutori che si rispettano reciprocamente, infatti, che si costruiscono signifi-
cati condivisi e si opera per sanare le divergenze, per acquisire punti di vista nuovi, per negoziare e da-
re un senso positivo alle differenze così come per prevenire e regolare i conflitti.
La lingua italiana costituisce il primo strumento di comunicazione e di accesso ai saperi. La lingua scritta,
in particolare, rappresenta un mezzo decisivo per l’esplorazione del mondo, l’organizzazione del pen-
siero e per la riflessione sull’esperienza e il sapere dell’umanità.
È responsabilità di tutti i docenti garantire la padronanza della lingua italiana, valorizzando al contem-
po gli idiomi nativi e le lingue comunitarie. Così intesa, la scuola diventa luogo privilegiato di apprendi-
mento e di confronto libero e pluralistico.

L’ambiente di apprendimento
Una buona scuola primaria e secondaria di primo grado si costituisce come un contesto idoneo a pro-
muovere apprendimenti significativi e a garantire il successo formativo per tutti gli alunni.
A tal fine è possibile indicare, nel rispetto dell’autonomia delle scuole e della libertà di insegnamen-
to, alcuni principi metodologici che contraddistinguono un’efficace azione formativa senza pretesa di
esaustività.
L’acquisizione dei saperi richiede un uso flessibile degli spazi, a partire dalla stessa aula scolastica, ma
anche la disponibilità di luoghi attrezzati che facilitino approcci operativi alla conoscenza per le scienze,
la tecnologia, le lingue comunitarie, la produzione musicale, il teatro, le attività pittoriche, la motricità.
Particolare importanza assume la biblioteca scolastica, anche in una prospettiva multimediale, da in-
tendersi come luogo privilegiato per la lettura e la scoperta di una pluralità di libri e di testi, che sostie-
ne lo studio autonomo e l’apprendimento continuo; un luogo pubblico, fra scuola e territorio, che favo-
risce la partecipazione delle famiglie, agevola i percorsi di integrazione, crea ponti tra lingue, linguag-
gi, religioni e culture.
Valorizzare l’esperienza e le conoscenze degli alunni,
per ancorarvi nuovi contenuti.
Nel processo di apprendimento l’alunno porta una grande ricchezza di esperienze e conoscenze acqui-
site fuori dalla scuola e attraverso i diversi media oggi disponibili a tutti, mette in gioco aspettative ed

12
Guida_3_TERZI IMP.indb 12 11/09/15 14.28
emozioni, si presenta con una dotazione di informazioni, abilità, modalità di apprendere che l’azione di-
dattica dovrà opportunamente richiamare, esplorare, problematizzare. In questo modo l’allievo riesce a
dare senso a quello che va imparando.
Attuare interventi adeguati nei riguardi delle diversità,
per fare in modo che non diventino disuguaglianze.
Le classi sono oggi caratterizzate da molteplici diversità, legate alle differenze nei modi e nei livelli di
apprendimento, alle specifiche inclinazioni e ai personali interessi, a particolari stati emotivi e affettivi.
La scuola deve progettare e realizzare percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi de-
gli allievi. Particolare attenzione va rivolta agli alunni con cittadinanza non italiana i quali, ai fini di una
piena integrazione, devono acquisire sia un adeguato livello di uso e controllo della lingua italiana per
comunicare e avviare i processi di apprendimento, sia una sempre più sicura padronanza linguistica e
culturale per proseguire nel proprio itinerario di istruzione. Tra loro vi sono alunni giunti da poco in Ita-
lia (immigrati “di prima generazione”) e alunni nati in Italia (immigrati “di seconda generazione”). Que-
sti alunni richiedono interventi differenziati che non devono investire il solo insegnamento della lingua
italiana ma la progettazione didattica complessiva della scuola e quindi dei docenti di tutte le discipli-
ne. L’integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole comuni, inoltre, anche se è da tempo un fatto
culturalmente e normativamente acquisito e consolidato, richiede un’effettiva progettualità, utilizzan-
do le forme di flessibilità previste dall’autonomia e le opportunità offerte dalle tecnologie.
Favorire l’esplorazione e la scoperta,
al fine di promuovere il gusto per la ricerca di nuove conoscenze.
In questa prospettiva, la problematizzazione svolge una funzione insostituibile: sollecita gli alunni a in-
dividuare problemi, a sollevare domande, a mettere in discussione le conoscenze già elaborate, a tro-
vare appropriate piste d’indagine, a cercare soluzioni originali.
Incoraggiare l’apprendimento collaborativo.
Imparare non è solo un processo individuale. La dimensione sociale dell’apprendimento svolge un ruo-
lo significativo. In tal senso, molte sono le forme di interazione e collaborazione che possono essere in-
trodotte (dall’aiuto reciproco all’apprendimento cooperativo, all’apprendimento tra pari), sia all’interno
della classe, sia attraverso la formazione di gruppi di lavoro con alunni di classi e di età diverse. A que-
sto scopo risulta molto efficace l’utilizzo delle nuove tecnologie che permettono agli alunni di opera-
re insieme per costruire nuove conoscenze, ad esempio attraverso ricerche sul web e per corrisponde-
re con coetanei anche di altri paesi.
Promuovere la consapevolezza del proprio modo di apprendere,
al fine di “imparare ad apprendere”.
Riconoscere le difficoltà incontrate e le strategie adottate per superarle, prendere atto degli errori com-
messi, ma anche comprendere le ragioni di un insuccesso, conoscere i propri punti di forza, sono tutte
competenze necessarie a rendere l’alunno consapevole del proprio stile di apprendimento e capace di
sviluppare autonomia nello studio. Occorre che l’alunno sia attivamente impegnato nella costruzione
del suo sapere e di un suo metodo di studio, sia sollecitato a riflettere su come e quanto impara, sia in-
coraggiato a esplicitare i suoi modi di comprendere e a comunicare ad altri i traguardi raggiunti. Ogni
alunno va posto nelle condizioni di capire il compito assegnato e i traguardi da raggiungere, riconosce-
re le difficoltà e stimare le proprie abilità, imparando così a riflettere sui propri risultati, valutare i pro-
gressi compiuti, riconoscere i limiti e le sfide da affrontare, rendersi conto degli esiti delle proprie azio-
ni e trarne considerazioni per migliorare.
Realizzare attività didattiche in forma di laboratorio, per favorire
l’operatività e allo stesso tempo il dialogo e la riflessione su quello che si fa.
Il laboratorio, se ben organizzato, è la modalità di lavoro che meglio incoraggia la ricerca e la proget-
tualità, coinvolge gli alunni nel pensare, realizzare, valutare attività vissute in modo condiviso e parte-
cipato con altri, e può essere attivata sia nei diversi spazi e occasioni interni alla scuola sia valorizzando
il territorio come risorsa per l’apprendimento.

13
Guida_3_TERZI IMP.indb 13 11/09/15 14.28
Matematica
Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità,
sviluppando le capacità di mettere in stretto rapporto il “pensare” e il “fare” e offrendo strumenti adat-
ti a percepire, interpretare e collegare tra loro fenomeni naturali, concetti e artefatti costruiti dall’uomo,
eventi quotidiani. In particolare, la matematica dà strumenti per la descrizione scientifica del mondo e per
affrontare problemi utili nella vita quotidiana; contribuisce a sviluppare la capacità di comunicare e di-
scutere, di argomentare in modo corretto, di comprendere i punti di vista e le argomentazioni degli altri.
In matematica, come nelle altre discipline scientifiche, è elemento fondamentale il laboratorio, inteso
sia come luogo fisico sia come momento in cui l’alunno è attivo, formula le proprie ipotesi e ne control-
la le conseguenze, progetta e sperimenta, discute e argomenta le proprie scelte, impara a raccogliere
dati, negozia e costruisce significati, porta a conclusioni temporanee e a nuove aperture la costruzione
delle conoscenze personali e collettive. Nella scuola primaria si potrà utilizzare il gioco, che ha un ruolo
cruciale nella comunicazione, nell’educazione al rispetto di regole condivise, nell’elaborazione di stra-
tegie adatte a contesti diversi.
La costruzione del pensiero matematico è un processo lungo e progressivo nel quale concetti, abili-
tà, competenze e atteggiamenti vengono ritrovati, intrecciati, consolidati e sviluppati a più riprese; è
un processo che comporta anche difficoltà linguistiche e che richiede un’acquisizione graduale del lin-
guaggio matematico. Caratteristica della pratica matematica è la risoluzione di problemi, che devono
essere intesi come questioni autentiche e significative, legate alla vita quotidiana, e non solo esercizi a
carattere ripetitivo o quesiti ai quali si risponde semplicemente ricordando una definizione o una rego-
la. Gradualmente, stimolato dalla guida dell’insegnante e dalla discussione con i pari, l’alunno imparerà
ad affrontare con fiducia e determinazione situazioni problematiche, rappresentandole in diversi mo-
di, conducendo le esplorazioni opportune, dedicando il tempo necessario alla precisa individuazione
di ciò che è noto e di ciò che s’intende trovare, congetturando soluzioni e risultati, individuando possi-
bili strategie risolutive. Nella scuola secondaria di primo grado si svilupperà un’attività più propriamen-
te di matematizzazione, formalizzazione, generalizzazione. L’alunno analizza le situazioni per tradurle
in termini matematici, riconosce schemi ricorrenti, stabilisce analogie con modelli noti, sceglie le azio-
ni da compiere (operazioni, costruzioni geometriche, grafici, formalizzazioni, scrittura e risoluzione di
equazioni, …) e le concatena in modo efficace al fine di produrre una risoluzione del problema. Un’at-
tenzione particolare andrà dedicata allo sviluppo della capacità di esporre e di discutere con i compa-
gni le soluzioni e i procedimenti seguiti.
L’uso consapevole e motivato di calcolatrici e del computer deve essere incoraggiato opportunamente
fin dai primi anni della scuola primaria, ad esempio per verificare la correttezza di calcoli mentali e scrit-
ti e per esplorare il mondo dei numeri e delle forme.
Di estrema importanza è lo sviluppo di un’adeguata visione della matematica, non ridotta a un insie-
me di regole da memorizzare e applicare, ma riconosciuta e apprezzata come contesto per affrontare e
porsi problemi significativi e per esplorare e percepire relazioni e strutture che si ritrovano e ricorrono
in natura e nelle creazioni dell’uomo.

Traguardi per lo sviluppo delle


competenze al termine della scuola
secondaria di primo grado
•• L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni.
•• Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le rela-
zioni tra gli elementi.

14
Guida_3_TERZI IMP.indb 14 11/09/15 14.28
•• Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e prendere decisioni.
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo riso-
lutivo, sia sui risultati.
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un pro-
blema specifico a una classe di problemi.
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite (ad esempio sa utilizzare i concet-
ti di proprietà caratterizzante e di definizione).
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatena-
zioni di affermazioni; accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una ar-
gomentazione corretta.
•• Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni...) e ne coglie il
rapporto col linguaggio naturale.
•• Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi...) si orienta con valutazioni di probabilità.
•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e
ha capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà.

Obiettivi di apprendimento
al termine della classe terza della
scuola secondaria di primo grado
Numeri
•• Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni, ordinamenti e confronti tra i numeri cono-
sciuti (numeri naturali, numeri interi, frazioni e numeri decimali), quando possibile a mente oppure
utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo e valutando quale strumento
può essere più opportuno.
•• Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e controllare la plausibilità di un calcolo.
•• Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta.
•• Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze e per la tecnica.
•• Utilizzare il concetto di rapporto fra numeri o misure ed esprimerlo sia nella forma decimale, sia me-
diante frazione.
•• Utilizzare frazioni equivalenti e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi
modi, essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni.
•• Comprendere il significato di percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse.
•• Interpretare una variazione percentuale di una quantità data come una moltiplicazione per un nu-
mero decimale.
•• Individuare multipli e divisori di un numero naturale e multipli e divisori comuni a più numeri.
•• Comprendere il significato e l’utilità del multiplo comune più piccolo e del divisore comune più gran-
de, in matematica e in situazioni concrete.
•• In casi semplici scomporre numeri naturali in fattori primi e conoscere l’utilità di tale scomposizione
per diversi fini.
•• Utilizzare la notazione usuale per le potenze con esponente intero positivo, consapevoli del significa-
to, e le proprietà delle potenze per semplificare calcoli e notazioni.
•• Conoscere la radice quadrata come operatore inverso dell’elevamento al quadrato.
•• Dare stime della radice quadrata utilizzando solo la moltiplicazione.
•• Sapere che non si può trovare una frazione o un numero decimale che elevato al quadrato dà 2, o al-
tri numeri interi.

15
Guida_3_TERZI IMP.indb 15 11/09/15 14.28
•• Utilizzare la proprietà associativa e distributiva per raggruppare e semplificare, anche mentalmente,
le operazioni.
•• Descrivere con un’espressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un pro-
blema.
•• Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato
delle parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni.
•• Esprimere misure utilizzando anche le potenze del 10 e le cifre significative.

Spazio e figure
•• Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportu-
ni strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria).
•• Rappresentare punti, segmenti e figure sul piano cartesiano.
•• Conoscere definizioni e proprietà (angoli, assi di simmetria, diagonali...) delle principali figure piane
(triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio).
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri.
•• Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri.
•• Riconoscere figure piane simili in vari contesti e riprodurre in scala una figura assegnata.
•• Conoscere il Teorema di Pitagora e le sue applicazioni in matematica e in situazioni concrete.
•• Determinare l’area di semplici figure scomponendole in figure elementari, ad esempio triangoli, o uti-
lizzando e più comuni formule.
•• Stimare per difetto e per eccesso l’area di una figura delimitata anche da linee curve.
•• Conoscere il numero π, e alcuni modi per approssimarlo.
•• Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio, e viceversa.
•• Conoscere e utilizzare le principali trasformazioni geometriche e i loro invarianti.
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano.
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali.
•• Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni e dare stime di oggetti della vita quotidiana.
•• • Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure.

Relazioni e funzioni
•• Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma genera-
le relazioni e proprietà.
•• Esprimere la relazione di proporzionalità con un’uguaglianza di frazioni e viceversa.
•• Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per
conoscere in particolari funzioni del tipo y = ax, y = a/x, y = ax2, y = 2 e i loro grafici e collegare le pri-
me due al concetto di proporzionalità.
•• Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni di primo grado.

Misure, dati e previsioni


•• Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico. In situazioni significative,
confrontare dati al fine di prendere decisioni utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle fre-
quenze relative. Scegliere ed utilizzare valori medi (moda, mediana, media aritmetica) adeguati alla ti-
pologia ed alle caratteristiche dei dati a disposizione. Saper valutare la variabilità di un insieme di da-
ti determinandone, ad esempio, il campo di variazione.
•• In semplici situazioni aleatorie, individuare gli eventi elementari, assegnare a essi una probabilità, cal-
colare la probabilità di qualche evento, scomponendo in eventi elementari disgiunti.
•• Riconoscere coppie di eventi complementari, incompatibili, indipendenti.

16
Guida_3_TERZI IMP.indb 16 11/09/15 14.28
Come utilizzare il LIBRO DI tEStO

Individuazione dei prerequisiti


Prima di affrontare una nuova unità è bene valorizzare l’esperienza e le conoscenze pregresse degli
alunni. Si può individuare ciò che i ragazzi sanno e sanno fare mediante:
• la somministrazione di prove d’ingresso, di test, di verifiche, ecc.;
• la tecnica del brainstorming ( gli alunni espongono ciò che sanno, l’insegnante registra sulla lavagna
le esposizioni e guida gli alunni alla ricerca dei concetti e parole chiave);
• la presentazione di un problema con la ricerca della soluzione mediante la discussione tra pari.

Presentazione della teoria


Una volta accertata l’acquisizione dei prerequisiti, si può procedere a presentare la nuova unità in modi
differenti: in base alla tipologia della classe, alle esigenze didattiche, di orario, ecc.
È possibile condurre gradualmente gli alunni alla scoperta personale e alla costruzione del proprio sa-
pere mediante l’esecuzione delle schede laboratoriali presenti in m@tLab ( sul libro o via web), esplo-
rare la teoria attraverso la lettura del libro di testo, la spiegazione dell’insegnante, la visione della video
lezione sull’argomento.
 La video lezione ha il vantaggio di presentare l’argomento in modo dinamico, di poter
essere rivista dagli alunni, di alleggerire il carico di lavoro del docente nella ricerca del materiale
e nell’esecuzione della lezione, ottimizzando quindi il tempo scuola sempre più risicato ed
insufficiente a garantire una adeguata programmazione didattica.
 È consigliabile introdurre l’argomento con “La matematica intorno a noi”:
una riflessione sull’ utilità e sull’uso della matematica nella realtà. Aiuta i ragazzi ad acquisire un
atteggiamento positivo rispetto alla materia e a comprendere come la stessa sia utile per operare
in molte situazioni reali; offre, inoltre, uno spunto di lavoro per gli insegnanti.
 on line è possibile trovare ulteriori laboratori, approfondimenti e schede
sulla storia della matematica.
 Al termine della fase di presentazione dell’argomento, è preferibile far eseguire la sezione
“…e prova tu…” cioè la traduzione della teoria in pratica. Ha lo scopo di facilitare ed
aiutare l’alunno, non solo nella comprensione e nell’acquisizione, ma anche nell’applicazione dei
contenuti.
Costituisce, inoltre, un utile strumento compensativo per DSA e BES.
 Gli esercizi con la manina sono anche interattivi.
 Alla fine di ciascuna unità sono presenti le pagine del riepilogo di tutta la teoria corredata da
esempi e la mappa concettuale da completare sul libro o via web.

L’eserciziario
Esercizi e problemi sono suddivisi per paragrafo, graduati per compito e per difficoltà. Sono prece-
duti da richiami alla teoria ed esercizi guida che indirizzano gli alunni nella risoluzione e
forniscono una traccia da seguire.
Oltre a esercizi tradizionali è bene assegnare gli esercizi che prevedono collegamenti con la re-
altà e con le altre discipline (matematica e...).
È utile anche l’esecuzione della batteria di esercizi di riepilogo on line che integrano l’eserciziario.

17
Guida_3_TERZI IMP.indb 17 11/09/15 14.28
LE SEZIONI SPECIALI
AUTOVERIFICA E AUTOVALUTAZIONE
 Al termine di ogni unità, è consigliabile far eseguire e correggere insieme “Verifica la tua
preparazione”: una batteria di esercizi, alcuni anche interattivi, per saggiare il grado di
preparazione. In base ai risultati ottenuti, vengono consigliati tre percorsi alternativi : uno per il
recupero, uno per il consolidamento e uno per il potenziamento.
 Inoltre, ad integrazione di quanto proposto , si può assegnare l’esecuzione dei test finali
interattivi, via web.

RECUPERO, RIPASSO E CONSOLIDAMENTO


 La sezione Recupero inizia con una richiamo alle definizioni, regole e proprietà indispensabili
per proseguire. Può essere usata per colmare le lacune evidenziate nell’autoverifica ma può anche
essere utilizzata come strumento didattico per i diversamente abili o anche per costruire un
percorso d’apprendimento personalizzato per BES e DSA.
Contiene esercizi fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi minimi; sono esercizi
facilitati, guidati e strutturati allo scopo.
 La sezione Ripasso e consolidamento riporta quesiti generali, di media difficoltà,
finalizzati a consolidare conoscenze ed abilità.

VERSO LE COMPETENZE
 La sezione “Verso le competenze” presenta attività più difficili che mirano a mettere in
gioco conoscenze ed abilità per risolvere situazioni problematiche non standardizzate (Ocse Pisa,
Giochi matematici, Maths in english , scrivi un tema di matematica, ricerca individuale, ecc…)

VERSO LE PROVE INVALSI


 La sezione “Verso le prove invalsi” propone una pagina di item riferiti all’unità in corso
e che costituiscono una buona palestra in vista delle prove nazionali.

COMPETENZE + INVALSI
Allegato al libro di testo vi è un quaderno contenente una raccolta di:
•• attività per accertare e valutare le competenze in entrata ed in uscita dalla classe;
•• una decina di simulazioni alla prova INVALSI.
Ogni proposta abbraccia, in modo equilibrato, tutti gli ambiti (numeri, spazio e figure, relazioni e
funzioni, dati e previsioni) e prevede diverse modalità di risposta (Vero/ Falso, scelta multipla, rispo-
sta univoca, richiesta di giustificazione o di argomentazione, costruzioni geometriche, lettura ed inter-
pretazioni di grafici, ecc). Le proposte presenti nel quaderno sono un prezioso strumento per prepara-
re gli allievi alle future somministrazioni nazionali, costruire il curricolo, valutare e certificare il li-
vello di competenze raggiunto.

18
Guida_3_TERZI IMP.indb 18 11/09/15 14.28
Spunti e suggerimenti
per la PROGRAmmAZIONE
e la COStRuZIONE DEL CuRRICOLO
di mAtEmAtICA

La situazione iniziale della classe


Ad inizio dell’anno scolastico è bene effettuare delle prove di ingresso per accertare e valutare le com-
petenze in entrata. Ciò permette di conoscere la classe ed orientare meglio l’azione didattica.
È consigliabile quindi somministrare la prova in entrata che si trova sul volumetto competenze-invalsi
allegato al libro di testo.

Le otto competenze chiave


europee nel libro
Il Parlamento europeo e il Consiglio dell’Unione europea hanno decretato quali siano le competenze
chiave che un alunno debba avere alla fine dell’obbligo scolastico (vedi indicazioni nazionali; finali-
tà generali). Sono otto. Nella tabella sottostante vi è il loro elenco e dove è possibile iniziare il percorso
per attivarle, usando il libro di testo.

competenze chiaVe europee neL Libro


In esercizi:
La comunicazione giustifica la tua risposta
1 nella madrelingua In verso le competenze:
scrivi un tema di matematica
La comunicazione In verso le competenze:
2 nelle lingue straniere Maths in English
In teoria ed in esercizi:
La competenza matematica
…e prova tu; gli esercizi; matematica e…
3 e le competenze di base in scienza
In verso le competenze e in verso le prove invalsi:
e tecnologia
i quesiti
In m@tLab:
4 La competenza digitale matematica con Libre Office e con GeoGebra;
in espansioni on line
In teoria:
la mappa concettuale
5 imparare ad imparare
In verso le competenze:
fai una ricerca su...
In m@tLab:
le attività di laboratorio in gruppo
6 Le competenze sociali e civiche
In esercizi:
gli esercizi ed i problemi che implicano confronto tra i pari
In verso le competenze:
Inventa tu!
il senso di iniziativa
7 e di imprenditorialità
I quesiti di Ocse Pisa
In verso le prove invalsi:
alcuni quesiti
consapevolezza ed In approfondimenti:
8 espressione culturale gli approfondimenti

19
Guida_3_TERZI IMP.indb 19 11/09/15 14.28
I traguardi per lo sviluppo della
competenza matematica nel libro
Alla fine del primo ciclo di istruzione, cioè al termine della classe terza della scuola secondaria di
primo grado, l’alunno dovrebbe avere la connotazione riportata a pag. 6 della presente guida ed indi-
cata col termine di “profilo delle competenze al termine del primo ciclo di istruzione”.
Qui sotto riportiamo solo il profilo relativo alla competenza matematica-scientifico-tecnologico:
“Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analiz-
zare dati e fatti della realtà e di verificare l’attendibilità delle analisi quantitative e statisti-
che proposte da altri.
Il possesso di un pensiero razionale gli consente di affrontare problemi e situazioni sulla
base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano
questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche (indicazioni nazionali).”

Al profilo della competenza matematica descritto sopra, si arriva attraverso i traguardi per lo svilup-
po delle competenze.
“Nella scuola del primo ciclo i traguardi costituiscono criteri per la valutazione delle compe-
tenze attese e, nella loro scansione temporale, sono prescrittivi, impegnando così le istituzio-
ni scolastiche affinchè ogni alunno possa conseguirli, a garanzia dell’unità del sistema nazio-
nale e della qualità del servizio (indicazioni nazionali).”
Nella tabella della pag. 20 e 21 vi è il loro elenco e dove è possibile attivarli, usando il libro di testo.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE


Nel libro
AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA
della classe terza
DI PRIMO GRADO
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri
In algebra:
1 razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la
Unità 1, 2, 3
grandezza di un numero e il risultato di operazioni.
Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro In geometria 3:
2 rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi. tutte le unità
Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne In algebra:
3 misure di variabilità e prendere decisioni. Unità 7, 8
In algebra:
Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le Unità 3, 4, 5, 8
4 informazioni e la loro coerenza. In geometria 3:
tutte le unità
In algebra:
Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta,
Unità 3, 4, 7
5 mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui
In geometria 3:
risultati.
tutte le unità
In algebra:
Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che
Unità 3, 4, 5
6 gli consentono di passare da un problema specifico a una classe
In geometria 3:
di problemi.
tutte le unità

In algebra:
Unità 2, 3, 4, 6, 7, 8
Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche
In geometria 3:
7 acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà
tutte le unità
caratterizzante e di definizione).
In m@tLab:
i laboratori

20
Guida_3_TERZI IMP.indb 20 11/09/15 14.28
TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE
Nel libro
AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA
della classe terza
DI PRIMO GRADO
Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e In algebra:
controesempi adeguati e utilizzando concatenazioni di Unità 4, 6, 7, 8
8 affermazioni; accetta di cambiare opinione riconoscendo le In geometria 3:
conseguenze logiche di una argomentazione corretta. tutte le unità
In algebra:
Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano,
tutte le unità
9 formule, equazioni…) e ne coglie il rapporto col linguaggio
In geometria 3:
naturale.
tutte le unità
Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi…) si In algebra:
10 orienta con valutazioni di probabilità. Unità 8
In tutte le unità
Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla
in “la matematica intorno
matematica attraverso esperienze significative e ha capito come
11 gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni
a noi”
Negli esercizi:
per operare nella realtà.
in “matematica e…realtà”

Gli obiettivi d’apprendimento


per la classe terza
NUCLEO TEMATICO: NUMERI
obiettivo d’apprendimento volume unità

Conoscere definizioni, regole, proprietà. Algebra 1 2 3 7 8

Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni,


ordinamenti, confronti tra numeri conosciuti, quando possibile a
mente oppure utilizzando gli usuali algoritmi scritti, le calcolatrici Algebra 1
e i fogli di calcolo e valutando quale strumento può essere più
opportuno.
Dare stime approssimate per il risultato di una operazione e
Algebra 8
controllare la plausibilità di un calcolo
Utilizzare la proprietà associativa e distributiva per raggruppare e
Algebra 1 2
semplificare, anche mentalmente, le operazioni.

Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta Algebra 1

Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze


Algebra 7
e per la tecnica
Descrivere con un’espressione numerica la sequenza di operazioni
Algebra 1
che fornisce la soluzione di un problema
Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti,
essendo consapevoli del significato delle parentesi e delle Algebra 1 2
convenzioni sulla precedenza delle operazioni

Esplorare e risolvere problemi Algebra 1 7 8

21
Guida_3_TERZI IMP.indb 21 11/09/15 14.28
NUCLEO TEMATICO: SPAZIO E FIGURE
obiettivo d’apprendimento volume unità
Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo
appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga, Geometria 3 1 2 3 4 5 6 7 8
squadra, compasso, goniometro, software di geometria).
Rappresentare punti, figure e segmenti sul piano cartesiano Algebra 5
Conoscere definizioni e proprietà delle principali figure solide Geometria 3 2 3 4 5 6 7 8
Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine
Geometria 3 1 3 4 5 6 7 8
di comunicarle ad altri
Riprodurre figure e disegni geometrici in base
Geometria 3 1 2 3 4 5 6 7 8
a una descrizione e codificazione fatta da altri.
Conoscere il numero Π e alcuni modi per approssimarlo Geometria 3 1
Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza,
Geometria 3 1
conoscendo il raggio e viceversa
Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo
Geometria 3 2 3 4 5 6 7 8
tramite disegni sul piano
Visualizzare oggetti tridimensionali a partire
Geometria 3 2 3 4 5 6 7 8
da rappresentazioni bidimensionali
Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni
Geometria 3 3 4 5 6 7 8
e dare stime di oggetti della vita quotidiana
Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche
Geometria 3 1 2 3 4 5 6 7 8
delle figure.

NUCLEO TEMATICO: relazioni e funzioni


obiettivo d’apprendimento volume unità

Conoscere definizioni, regole e proprietà. Algebra 4 5

Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono 2 3 4 5 6 7 8


Algebra
lettere per esprimere in forma generale relazioni e proprietà
Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni
empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere in particolare
Algebra 4 5
le funzioni del tipo y = ax, y = a/x, y = ax2 e i loro grafici e collegare
le prime due al concetto di proporzionalità.
Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni di 1° grado Algebra 3 5

NUCLEO TEMATICO: dati e previsioni


obiettivo d’apprendimento volume unità

Conoscere definizioni, regole e proprietà. Algebra 7 8


Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio
elettronico.
In situazioni significative, confrontare dati al fine di prendere
decisioni, utilizzando le distribuzioni delle frequenze e delle
frequenze relative.
Algebra 7
Scegliere e utilizzare valori medi ( moda, mediana, media
aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche dei dati a
disposizione.
Saper valutare la variabilità di un insieme di dati determinandone,
ad esempio, il campo di variazione
In semplici situazioni aleatorie, individuare gli elementi
elementari, assegnare ad essi una probabilità, calcolare la
Algebra 8
probabilità di qualche evento, scomponendo in eventi elementari
disgiunti
Riconoscere coppie di eventi complementari, incompatibili,
Algebra 8
indipendenti

Guida_3_TERZI IMP.indb 22 11/09/15 14.28


I metodi e gli strumenti
Servono per accertare le potenzialità o le difficoltà degli alunni, al fine di orientare meglio il lavoro del
docente, fornire nuove opportunità di apprendimento, migliorare il metodo di studio.
A seconda del metodo adottato si possono utilizzare strumenti diversi come ad esempio esercizi di ti-
po esecutivo, discussioni in aula, ricerca attiva per scoprire concetti e procedure, verifiche di fine para-
grafo o di fine unità, ecc.
Sarà anche possibile, in itinere, cambiare lo strumento e sostituirlo con uno più idoneo a superare le
cause di insuccesso e a sviluppare le potenzialità degli alunni.

metodi strumenti

Prove di ingresso;
Valorizzare l’esperienza
1 e le conoscenze degli alunni.
brainstorming;
lezioni dialogate, interattive.

Esercizi graduati e suddivisi per fasce di livello;


Attuare interventi adeguati
2 nei riguardi delle diversità.
attività di recupero, consolidamento, approfondimento;
strumenti compensativi e dispensativi per D.S.A. e B.E.S.

Attività di m@tLab;
esercizi del libro finalizzati allo scopo;
Favorire l’esplorazione
3 e la scoperta.
problem solving;
schede di approfondimento ed espansioni on line; ricerca
attiva.

Schede di m@tLab;
Incoraggiare
lavori di gruppo; cooperative learning;
4 l’apprendimento
lezioni dialogate con riflessione, discussione e confronto tra
collaborativo.
pari.

Attività “e provo subito”;


lettura e studio del libro di testo;
Promuovere la
esercizi del libro di testo suddivisi in base agli stili cognitivi
consapevolezza
5 del proprio modo di
dei singoli alunni;
esercizi graduati e suddivisi per fasce di livello;
apprendere.
verifiche in itinere e di fine unità;
discussione, autocorrezione e autovalutazione.

Attività laboratoriali di m@tLab;


strumenti da disegno e di calcolo;
Realizzare percorsi in forma
6 di laboratorio.
esercizi del libro di testo finalizzati allo scopo;
schede di matematica al computer;
costruzioni grafiche.

23
Guida_3_TERZI IMP.indb 23 11/09/15 14.28
Le verifiche
Possono essere verifiche in itinere (orali, scritte o test), verifiche di fine Unità, e osservazioni sul
comportamento scolastico di ciascun alunno.

Verifiche in itinere
Utili allo scopo sono gli esercizi della sezione “verifica la tua preparazione” e i tests on line.

Verifiche di fine Unità e di recupero


Per verificare il grado di acquisizione degli obiettivi di apprendimento e per valutare l’efficacia del
processo di apprendimento-insegnamento, si possono utilizzare e personalizzare le verifiche di fine Uni-
tà e di recupero presenti nella guida.

Osservazioni sul comportamento scolastico


Sono utili per valutare gli aspetti della personalità dell’alunno che sfuggono durante la lezione tradizio-
nale e che emergono con le verifiche orali e scritte.
Durante una attività di laboratorio, una discussione in classe, un lavoro di gruppo, una lezione interatti-
va, una uscita sul territorio…., si possono annotare sul registro tutte le osservazioni sul comportamen-
to scolastico degli alunni. Ciò permette di far luce su quegli allievi che hanno la tendenza a mettersi po-
co in evidenza e che l’insegnante fatica, spesso, a decifrare.

La valutazione
Durante l’anno occorre fare il punto della situazione riguardo alla realizzazione degli obiettivi d’appren-
dimento e al raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze, relativi alla classe in corso.
Effettuare un bilancio sul livello formativo di ogni alunno consente di ripensare alla programmazione e
di prendere decisioni migliorative circa la metodologia e gli strumenti assunti.
Nelle indicazioni ministeriali si legge, infatti:
La valutazione precede, accompagna e segue i percorsi curricolari. Attiva le azioni da intra-
prendere, regola quelle avviate, promuove il bilancio critico su quelle condotte a termine. As-
sume una preminente funzione formativa, di accompagnamento dei processi di apprendimen-
to e di stimolo al miglioramento continuo.
Per valutare il raggiungimento degli obiettivi d’apprendimento proponiamo la compilazione del qua-
dro valutativo riportato sotto, in cui è possibile inserire le valutazioni relative alle singole unità.

24
Guida_3_TERZI IMP.indb 24 11/09/15 14.28
QUADRO VALUTATIVO DEGLI OBIETTIVI D’APPRENDIMENTO CLASSE 3
Cognome e nome.................................................................................... Classe..........................

NUCLEO TEMATICO: NUMERI


valutazione
algebra
Obiettivo d’apprendimento corrispondente in decimi
unità n. (inserire i voti da 1 a 10)
1
2
Conoscere definizioni, regole, proprietà. 3
7
8
Eseguire addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni,
ordinamenti, confronti tra numeri naturali e frazioni, quando
possibile a mente oppure utilizzando gli usuali algoritmi 1
scritti, le calcolatrici e i fogli di calcolo e valutando quale
strumento può essere più opportuno.
Dare stime approssimate per il risultato di una operazione
e controllare la plausibilità di un calcolo.
8

Rappresentare i numeri conosciuti sulla retta. 1


Utilizzare la proprietà associativa e distributiva per 1
raggruppare e semplificare, anche mentalmente, le
operazioni. 2
Utilizzare scale graduate in contesti significativi per le scienze
e per la tecnica.
7
Descrivere con un’espressione numerica la sequenza
di operazioni che fornisce la soluzione di un problema
1
Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri 1
conosciuti, essendo consapevoli del significato delle parentesi
e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni. 2
1
Esplorare e risolvere problemi. 7
8

NUCLEO TEMATICO: spazio e figure


valutazione
geometria
Obiettivo d’apprendimento corrispondente in decimi
unità n. (inserire i voti da 1 a 10)
1
2
3
Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo 4
appropriato e con accuratezza opportuni strumenti (riga,
squadra, compasso, goniometro, software di geometria). 5
6
7
8

Rappresentare punti, figure e segmenti sul piano cartesiano. 5

2
3
4
Conoscere definizioni e proprietà delle principali figure solide. 5
6
7
8

(segue)

Guida_3_TERZI IMP.indb 25 11/09/15 14.28


(continua)
valutazione
geometria
Obiettivo d’apprendimento corrispondente in decimi
unità n. (inserire i voti da 1 a 10)
1
3
4
Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al
fine di comunicarle ad altri.
5
6
7
8
1
2
3
Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una 4
descrizione e codificazione fatta da altri. 5
6
7
8
Conoscere il numero P e alcuni modi per approssimarlo. 1
Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della
circonferenza, conoscendo il raggio e viceversa.
1
2
3
4
Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario
modo tramite disegni sul piano.
5
6
7
8
2
3
4
Visualizzare oggetti tridimensionali a partire
da rappresentazioni bidimensionali.
5
6
7
8
3
4
Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni 5
e dare stime di oggetti della vita quotidiana. 6
7
8
1
2
3
Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche 4
delle figure. 5
6
7
8

26
Guida_3_TERZI IMP.indb 26 11/09/15 14.28
NUCLEO TEMATICO: relazioni e funzioni
algebra valutazione
Obiettivo d’apprendimento corrispondente in decimi
unità n. (inserire i voti da 1 a 10)
4
Conoscere definizioni, regole e proprietà.
5
2
3
Interpretare, costruire e trasformare formule che 4
contengono lettere per esprimere in forma generale 5
relazioni e proprietà.
6
7
8
Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e
funzioni empiriche o ricavate da tabelle, e per conoscere 4
in particolare le funzioni del tipo y = ax, y = a/x, y = ax2,
e i loro grafici e collegare le prime due al concetto di 5
proporzionalità.

Esplorare e risolvere problemi utilizzando equazioni 3


di 1° grado. 5

NUCLEO TEMATICO: dati e previsioni


algebra valutazione
Obiettivo d’apprendimento corrispondente in decimi
unità n. (inserire i voti da 1 a 10)

7
Conoscere definizioni, regole e proprietà.
8

Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un


foglio elettronico.
In situazioni significative, confrontare dati al fine di
prendere decisioni, utilizzando le distribuzioni delle
frequenze e delle frequenze relative.
Scegliere e utilizzare valori medi ( moda, mediana, media
7
aritmetica) adeguati alla tipologia ed alle caratteristiche
dei dati a disposizione.
Saper valutare la variabilità di un insieme di dati
determinandone, ad esempio, il campo di variazione.

In semplici situazioni aleatorie, individuare gli elementi


elementari, assegnare ad essi una probabilità, calcolare
la probabilità di qualche evento, scomponendo in eventi
8
elementari disgiunti.

Riconoscere coppie di eventi complementari,


incompatibili, indipendenti.
8

Per accertare e valutare i livelli di competenze raggiunti alla fine della terza, si possono assegnare le at-
tività e le prove presenti sul quaderno “competenze e invalsi” allegato al testo. Le valutazioni percen-
tuali ottenute forniranno indicazioni sui traguardi raggiunti.

27
Guida_3_TERZI IMP.indb 27 11/09/15 14.28
QUADRO VALUTATIVO DEI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO
DELLE COMPETENZE alla fine della classe 3
Cognome e nome.................................................................................... Classe..........................

traguardi per lo sviluppo traguardo raggiunto


delle competenze no in parte sì
L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri
1 razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la
grandezza di un numero e il risultato di operazioni. d d d
Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio,
2 le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi. d d d

 nalizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne


A
3 misure di variabilità e prendere decisioni. d d d

Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le


4 informazioni e la loro coerenza. d d d

Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta,


5 mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. d d d

Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni


6 che gli consentono di passare da un problema specifico
a una classe di problemi. d d d

 roduce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche


P
7 acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà
caratterizzante e di definizione). d d d
S ostiene le proprie convinzioni, portando esempi e contro
esempi adeguati e utilizzando concatenazioni di affermazioni;
8 accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze
logiche di una argomentazione corretta. d d d

 tilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano,


U
9 formule, equazioni…) e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale. d d d

Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi…)


10 si orienta con valutazioni di probabilità. d d d

 a rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica


H
11 attraverso esperienze significative e ha capito come gli strumenti
matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà. d d d

28
Guida_3_TERZI IMP.indb 28 11/09/15 14.28
che
er i fi
V

29
Guida_3_TERZI IMP.indb 29 11/09/15 14.28
PROVA D’INGRESSO
ALLA CLASSE terza
Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

Valutazione� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �

CONOSCENZE e abilità ........./40

1) La frazione generatrice di 3,25 è: ..........................................................................................................................


.... /1

2) La frazione generatrice di 1,234 è: .......................................................................................................................


.... /1

3) Tra quali numeri naturali è compresa la frazione


20
? ................................................................... 
.... /1
7

4) Sottolinea una volta i numeri razionali assoluti e due volte i numeri irrazionali
assoluti.

2 4 5 .... /2
3; ; ; 1, 6; 32; 0, 8; . 
3 5 4

5) Vero o falso?

a) 81 : 9 = 9 V F

7 7 V F
b) : .
64 8

c) 8 − 4 = 4 . V F

d) 8 = 2 ⋅ 2 . V F  .... /4

6) È una proporzione?
3 : 4  2 : 8           

Perché ................................................................................................................................................
SI NO
 .... /1

30
Guida_3_TERZI IMP.indb 30 11/09/15 14.28
7) Aggiungi tu un numero per avere una proporzione.

12 : 5  ................................................. : 8
           
.... /1

8) Aggiungi tu ciò che manca per avere una proporzione continua.

18 : ..........................  .......................... : 2
           
.... /1

9) Un maglione del costo di E  50,00 è stato ribassato del 15%.


Quanto costa ora? ......................................................................................................................................................................
.... /2

10) Per costruire un muro di cinta 2 operai impiegano 25 ore.


Quante ore ci impiegherebbero 5 operai? ...............................................................................................................
.... /2

11) Ecco la lunghezza di alcune foglie di rosmarino:


25 mm; 21 mm; 23 mm; 24 mm; 24 mm; 24 mm; 25 mm; 24 mm; 23 mm; 25 mm.
a) La moda è .............................................................. .
b) La mediana è .............................................................. .
c) La media è .............................................................. .  .... /3

12) Un rettangolo che ha la base di 16  cm è equivalente a un quadrato che ha il


perimetro di 32  cm.
a) La misura del lato del quadrato è ............................................ . (1 punto)
b) La misura della diagonale del quadrato è ............................................ . (1 punto)
c) La misura dell’altezza del rettangolo è ............................................ . (2 punti)
d) La misura della diagonale del rettangolo è ............................................ . (1 punto)  .... /5

13) Disegna un trapezio scaleno che ha la base maggiore di 8  cm, la base minore
di 5  cm e la distanza tra le due basi di 4  cm.
La misura della sua area è ................................ cm2.  .... /2

14) Scrivi i valori richiesti.


A 30 cm C
  ..................°.
AOB     CO  ........................... cm.    
18


cm

ACB  ..................°.
    2p  ...................... cm.    
ABC H
AB  ........................... cm.
    AABC  ....................... cm .
   
2 O

B
 .... /6

31
Guida_3_TERZI IMP.indb 31 11/09/15 14.28
3
15) Due rombi sono simili. Il rapporto tra i loro perimetri è
4

a) Quant’è il rapporto tra le loro aree? ..............................................................................................................   .

b) Se l’area del maggiore è 24  cm2, quant’è l’area del minore? ........................................................  .
.... /2

16) La distanza tra due città A e B, su di una cartina in scala 1 : 250 000, è 4  cm.      

Quanti km è la loro distanza reale? ..........................................................................................................................  .


.... /2

17) La misura dell’area delle seguenti figure è:


a)

A  ...............................................................................
   

b)

A  ...............................................................................
   
.... /4

32
Guida_3_TERZI IMP.indb 32 11/09/15 14.28
Verifiche
di fine unità

Algebra
unità 1
(1a parte) I numeri relativi ����������������������������������������������������������������������������������������������� pag. 34
unità 1
(2a parte) I numeri relativi ����������������������������������������������������������������������������������������������������������� 38
unità 2 Il calcolo letterale ������������������������������������������������������������������������������������������������������ 43
unità 3 Le equazioni ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 46
unità 4 Gli insiemi ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 50
unità 4 Relazioni e funzioni ������������������������������������������������������������������������������������������������� 54
unità 5 Cenni di geometria analitica ���������������������������������������������������������������������������� 57
unità 6 Elementi di logica ������������������������������������������������������������������������������������������������������ 62
unità 7 Un secondo incontro con la statistica ������������������������������������������������������ 64
unità 8 La probabilità ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 67

33
Guida_3_TERZI IMP.indb 33 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 1 i numeri relativi (1a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà.
•• L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri relativi, ne padroneggia le diverse rap-
presentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni.
•• Utilizza e interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale.
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Eseguire operazioni, confronti fra numeri reali
•• Rappresentare i numeri reali sulla retta
•• Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato del-
le parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni

CONOSCENZE ......../10

1) Completa le definizioni.
a) I numeri relativi sono ....................................................................................................................................................  .

b) Due numeri relativi che hanno lo stesso segno si dicono ..................................................................  .

c) Due numeri relativi che hanno segno diverso si dicono .....................................................................  .

d  ) Il valore assoluto di un numero relativo è ...................................................................................................  .

e) Due numeri si dicono opposti quando .............................................................................................................  .


.... /5

2) Completa.
a) L’insieme dei numeri interi relativi si indica con la lettera ...............................................................  .

b) L’insieme  è l’insieme formato dai numeri ................................................................................................  .

c) I è l’insieme dei numeri ...............................................................................................................................................  .

d) L’unione di   e I forma l’insieme .......................................................................................................................  .


.... /4

3) Completa la rappresentazione insiemistica, scri-


vendo gli insiemi R, I, Q, Z, N al posto giusto.

 .... /1

34
Guida_3_TERZI IMP.indb 34 11/09/15 14.28
abilità ......../90
4) Esegui quanto segue.
a) Scrivi tre numeri relativi compresi tra 22 e 16 appartenenti all’insieme Z.
.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Scrivi tre numeri relativi appartenenti a 2.


.......................................................................................................................................................................................................... .
.... /6

5) Completa le tabelle.

Numero x 7
……………… ……………… ………………

Opposto di x 11
……………… ……………… ………………

Reciproco di x 24
……………… ……………… ……………… ………………

Numero x 22 2,4 2n 2xy

Valore assoluto
……………… ……………… ……………… ……………… ……………… ……………… .... /16


6) Segna con una crocetta i numeri il cui valore assoluto è 4.

a 4; b 24; c −
1
; d +
1
. .... /4
4 4

7) Vero o falso?
a) Due numeri relativi opposti hanno lo stesso valore assoluto. V F

b) Due numeri relativi discordi sono opposti. V F

c) Due numeri relativi opposti sono concordi. V F

d) Nessun numero relativo è uguale al suo opposto. V F

e) L’opposto dell’opposto di un numero relativo è uguale al numero stesso. V F  .... /5

8) Scrivi qual è il numero relativo immagine del punto rappresentato sulla retta
numerica.

A B C 0 D E F

.......... .......... .......... .......... .......... ..........

 .... /6

35
Guida_3_TERZI IMP.indb 35 11/09/15 14.28
1
9) Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri relativi: 23; 11; − ;; 0; 22;
4
5
0,5; + ..
2

 .... /7

10) Scrivi il valore assoluto.

2
− = ............ +5 = ............. −3 = .............. −n = .............
3


+x = ............ −a = ............. −6 − +2 = ............. −3 ⋅ +5 = ............
 .... /8

11) Scrivi sulla retta numerica il numero opposto a quello racchiuso nel cerchietto.

0
 
x 3 6

 .... /6

12) Inserisci il simbolo opportuno (,; ; .).


9
a) 17 .............. + . b) 23 .............. 15. c) 215 .............. 210.
2
1 2
d) 0 .............. − . e) + 0.
.............. 0.
.................. f) −2 .................. −3 .
2 3
g) −6 .................. +2 . h) −7 .................. − 7. i) −3 .................. + 3.  .... /9

13) Scrivi i numeri che soddisfano le disuguaglianze.

25 , ..............;
    24 , ..............;
    23 . ............;
    210 . ............;
   

21 , ............;
    12 , ............;
    120 . ............;
    28 . ............ . 2 40.
           .... /8

14) Metti in ordine crescente.


1 3 5 3 6
+6; − ; + ; − + ; − 2; + 1; 0; − ; + 4.
4 2 4 4 7

................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

36
Guida_3_TERZI IMP.indb 36 11/09/15 14.28
15) Esprimi con un numero relativo l’anno di nascita di ciascuno dei seguenti matematici e
mettili in ordine cronologico.
a) Cartesio nacque in Francia nel 1596.
b) Pitagora nacque a Samo (Grecia) nel 580 a.C.
c) Ahmes nacque in Egitto nel 3070 a.C.
d) Lagrange nacque a Torino (Italia) nel 1736
................................................................................................................................................................................................................. .
................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

37
Guida_3_TERZI IMP.indb 37 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 1 i numeri relativi (2a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri reali relativi, ne padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Eseguire operazioni, confronti fra numeri reali
•• Rappresentare i numeri reali sulla retta
•• Eseguire semplici espressioni di calcolo con i numeri conosciuti, essendo consapevoli del significato del-
le parentesi e delle convenzioni sulla precedenza delle operazioni
•• Descrivere con una espressione numerica la sequenza di operazioni che fornisce la soluzione di un pro-
blema
•• Risolvere problemi

CONOSCENZE ......../10

1) Completa la seguente tabella dei segni.

 1 2

2 .... /1


2) Segna la risposta esatta con una crocetta.


a) In una moltiplicazione tra due numeri relativi, se uno dei due fattori è 21 il prodotto
è uguale:
a all’opposto dell’altro fattore; c a 0;
b all’altro fattore; d a 1.

b) La divisione 5 : 0 è:    

a uguale a 0; c impossibile
b uguale a 1; d indeterminata.

38
Guida_3_TERZI IMP.indb 38 11/09/15 14.28
c) Un numero relativo elevato a zero è:
a uguale al numero; c uguale a 0;
b uguale a 1; d impossibile.

d) Un numero relativo elevato a esponente pari:


a ha sempre il segno della base; c è sempre uguale a 1;
b è sempre uguale a 2; d è sempre positivo.  .... /4

3) Completa.

...................
−n
 a 
+6; 
  = 
b
...................
.... /2

4) Vero o falso? CORREGGI

a) −4 = −2. V F ......................................................................

23
b) 9 = V F ......................................................................

13 .... /3

abilità ......../130

5) Scrivi come devono essere due numeri relativi affinché abbiano:


a) somma e prodotto negativi: ........................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... ;
b) somma e prodotto positivi: ..........................................................................................................................................

c) somma positiva e prodotto negativo: ..................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... ;

d) somma negativa e prodotto positivo: ..............................................................................................................   . .... /8

6) Risolvi le seguenti addizioni algebriche.


a) 25 2 8 1 13 5
  ...................................................................................................................................................................; (1 punto)

7 5 1
b) + + − = ..................................................................................................................................................................; (2 punti)
9 6 2

   
c) − 2  −  + 1  = ................................................................................................................................................................; (2 punti)
 3   4 

 6  5 
d) +  − −  = ..............................................................................................................................................................; (2 punti)
 7   21 

39
Guida_3_TERZI IMP.indb 39 11/09/15 14.28
 3  7
e) −  − −  = ................................................................................................................................................................; (2 punti)
 4   2 

 5  3
f) −  + −  = ................................................................................................................................................................; (2 punti)
 2   5 

 1  1
g) +  + −  = ............................................................................................................................................ . (2 punti) .... /13
 6   4 

7) Risolvi le seguenti moltiplicazioni e divisioni.


 15   10 
a) + ⋅ − = .................................................................................................................................................................. ;
 5   5 

 20   18 
b) − ⋅ −  = .................................................................................................................................................................. ;
 9   15 

 8   4 
c) + : +  = .................................................................................................................................................................. ;
 35   7 

 28   35  .... /8
d) + : − = ................................................................................................................................................................ .
 9   27 

8) Calcola le seguenti potenze.


a) (14)3 5 .....................................................................................................................................................................................; (1 punto)
b) (22) 5 6
.....................................................................................................................................................................................; (2 punti)
3
 3
c) −  = .................................................................................................................................................................................; (2 punti)
 2 
2
 7
d) −  = .................................................................................................................................................................................; (2 punti)
 8 
4
 1
e) −  = .................................................................................................................................................................................; (2 punti)
 3 
0
 9
f) +  = .................................................................................................................................................................................; (1 punto)
 7 
1
 
g) − 5  = .................................................................................................................................................................................; (1 punto)
 4 

h) 2(21)0 5 .................................................................................................................................................................................; (2 punti)

i) (21)0 5 ...................................................................................................................................................................................... (1 punto)

 .... /14

9) Calcola le seguenti potenze.

−2
 7
a) −  = ................................................................................................................................................................................... ;
 2 
−3
 1 .... /4
b) +  = ................................................................................................................................................................................... .
 3 

40
Guida_3_TERZI IMP.indb 40 11/09/15 14.28
10) Risolvi nel modo più semplice.
a) (22)3 ? (22)2 5       ......................................................................................................................................................................... ;

b) [(22)3]2 5 ................................................................................................................................................................................... ;

2 2
 3   16 
c) +  : −  = ............................................................................................................................................................... ;
 8   12 

5 2
 4  4
d) −  : −  = ................................................................................................................................................................. ;
 5   5 

4 4
 20   17 
e) − ⋅ +  = ............................................................................................................................................................ ;
 17   5 

2 −4
 4  4 .... /12
f) −  ⋅ −  = ................................................................................................................................................................ .
 3   3 

11) Scrivi qual è il risultato.

  1616     1616  
a) ++  =  + ;;   2 2 2 2
=  +.............. ;= = −25
−..............
25 ;=;= − −
25 ;25 ;= = .= .=
.....;  
0........
0 ;..............
;..............
0
; 0 ;= =−..............
2−2 = ;=;   −2−; 2;= =
; .............. ; ; ;  
  9 9    9 9 
..............
............... .............. ........
........
......
...... ........
............................. ..... ..............
............... .............. ..............
..............
...............

b) +2 =
3
.............. ; −9 + 5 = .............. ;
2
−3 + +1 =
2
.............. .  .... /7

12) Risolvi la seguente espressione.


22 1 (13 2 4 2 5) 2 (21 2 6 1 8) 2 (10 1 5 2 1) : (27) 5 .................... .
                                           
.... /10

13) Risolvi la seguente espressione.


3
 2  3
5 + 1  ⋅  5 − 8 − 1  +  2 − 1 + 1  ⋅ − 3  : − 7  = ................. .  .... /12

 7   4 9 6   9 6 3   2   9 

14) Risolvi la seguente espressione.


  2 3  
  5  4 9  3   
 + 1 −  5 − 3  − 13  :  39 − 1 =
  −  + 2 +  +  4  
................. .  .... /12
  2  5 20   5 20  16   24
 

15) Risolvi la seguente espressione.


−2
 3   4  2 
−  ⋅   + : (−32 )−1 = .................. . .... /10
 4   3  9

16) Traduci in espressione la seguente frase: «dividi la differenza tra il doppio di


(18) e (23) per la somma del triplo di (22) e la metà di (110).

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

41
Guida_3_TERZI IMP.indb 41 11/09/15 14.28
17) Traduci in frase la seguente espressione:

2 4   
 : − 9  ⋅ −2 + 1 
 3 9   4 

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

18) Una persona spende € 2 200,00 per acquisti e prende € 1 800,00 di stipendio.
   

La sua posizione è in attivo o in passivo? E di quanto?


....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

19) Su Mercurio la temperatura è 430° C di giorno e 2 170° C di notte.  

Calcola quant’è l’escursione termica (differenza tra la temperatura massima


e la minima).
....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

42
Guida_3_TERZI IMP.indb 42 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 2 Il calcolo letterale

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri reali relativi, ne padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma generale re-
lazioni e proprietà
•• Utilizzare le proprietà delle operazioni per risolvere semplici espressioni

CONOSCENZE ......../10

1) Completa le definizioni.
a) Un’espressione letterale è .........................................................................................................................................  .
b) Un monomio è .......................................................................................................................................................................  .... /2

2) Completa.
a) Due monomi si dicono simili quando ...............................................................................................................  .

b) Due monomi si dicono opposti quando ..............................................................................................................  .... /2


...........................................................................................................................................................................................................

3) Scrivi sui puntini i termini opportuni.



5
− ⋅ a2b .................................
2

................................. .......................................... .... /1

43
Guida_3_TERZI IMP.indb 43 11/09/15 14.28
4) Completa.
a) In un monomio, il grado relativo a una lettera è ........................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .

b) Il grado complessivo di un monomio è ................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... . .... /2

5) Completa le definizioni.
a) Un polinomio è ......................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .

b) Il grado di un polinomio è ............................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .

c) Un polinomio è omogeneo quando ..................................................................................................................  . .... /3

abilità ......../40
2 3 2 4
6) Prendi in esame il seguente monomio: − a x y .
3
a) Il grado complessivo del monomio è .................................................................................................................  .

b) Il grado relativo alla lettera a è ............................................................................................................................  . .... /2

7) Tra i seguenti monomi, individua i monomi simili.


2 3 2 
−4 xy 2 ; + 9abc ; + xy 2 ; + 3x 2 y ; − abc ; + x y; + xy 2 − 4 x 2 y. .... /3
7 2

8) Scrivi l’opposto di ciascun monomio.


a) 2xy: ............................................................; c) ay2:  ............................................................;

3 1 3
b) ab : ............................................................; d) − ax : ............................................................ . .... /4
5 3

9) Scrivi il reciproco di ciascun monomio.

5 2
a) 2ad: ............................................................; c) − x :  ............................................................;
4

1 2 3 2 x2
b) + x y : ............................................................; d) + : ............................................................ . .... /4
4 9 y

10) Scrivi quanto richiesto.


a) Scrivi due monomi simili di 1° grado .....................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .
b) Scrivi due monomi simili di 2° grado. ...................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .

44
Guida_3_TERZI IMP.indb 44 11/09/15 14.28
c) Scrivi due monomi opposti di 3° grado rispetto alla lettera a e di 5° grado complessivo.  .
........................................................................................................................................................................................................... . .... /3

11) Calcola le somme.


22x 1 y 1 3x 2 5x 1 8y 2 2x 1 y 5......................................................................................................................
a)

2 3 3 3
b)
+ a − b + 8ab − b − a − 5ab = ...........................................................................................................  .... /2
5 4 2 10

12) Calcola i prodotti.


6 2 2  2 2  4  15  .... /2
a) − a x ⋅  + a x  = .......................................... ; b) − abc ⋅ − ab  = .......................................... .
7  3  5  24 

13) Calcola i quozienti.


2 3 2  16 2 2  3 9  .... /2
a) + ax : − a x  = .................................... ; b) ax :  a3  = ..................................................... .
3  15  20  4 

14) Eleva a potenza i seguenti monomi.

2
(22ab)2 5........................................................................
a) d) − 5 a3b 2c 2  = ........................................................ .
 4 
3
 3 
(13a x ) 5.....................................................................
b) 2 3 2
e) − a2 xy  = ........................................................... .
 2 
0 4
 2   3  .... /6
c) − xy 5  = ............................................................... . f) − a3 x  = .............................................................. .
 3   2 

15) Risolvi.
  3 9  1
 (−3x 2 y 3 ) : (−2xy )  :  + xy ⋅ (−y ) =
2 2

   4  2 .... /4

16) Calcola i seguenti prodotti notevoli.


(a 2 2) ? (a 1 2) 5
a) ................................................................................................................................................................ .

(x 1 3) ? (x 2 3) 5
b) 3 3
.............................................................................................................................................................. .

(x 2 2y) ? (x 1 2y) 5
c) ............................................................................................................................................................ .

(2a 2 2b) ? (a 2 2b) 5


d) ..................................................................................................................................................... .

(3a3 1 b)2 5
e) ............................................................................................................................................................................... .

(2x 2 3y ) 5
f) 2 2
............................................................................................................................................................................. .

2
2 4  2 4  2 4  .... /8
g)  ab + a  ⋅  ab − a  +  ab − a  = ............................................................................................... .
 3 5  3  5  3  5 

45
Guida_3_TERZI IMP.indb 45 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 3 Le equazioni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• L’alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri reali relativi, ne padroneggia le diverse
rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati.
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma generale re-
lazioni e proprietà
•• Esplorare e risolvere i problemi utilizzando equazioni di 1° grado

CONOSCENZE ......../20
1) Completa.
Un’equazione è .............................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

2) Completa.
Qual è la differenza tra equazione e identità .......................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

3) Completa.
Due equazioni si dicono equivalenti quando ........................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

46
Guida_3_TERZI IMP.indb 46 11/09/15 14.28
4) Completa.
a) Il primo principio di equivalenza dice che ........................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

........................................................................................................................................................................................................... .

Il secondo principio di equivalenza dice che


b) ...................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................................ . .... /4

5) Completa la regola del trasporto.


In un’equazione ............................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

6) Completa.
Un’equazione ridotta a forma normale è un’equazione che si presenta con la scrittura ....

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

7) Data l’equazione ax 5 b, scrivi quando essa è:    

a) determinata: ............................................................................................................................................................................

b) impossibile: ...............................................................................................................................................................................
c) indeterminata: ........................................................................................................................................................................  .... /3

8) La soluzione di un’equazione determinata ax 5 b è:

x5    

....................................... .... /1

9) Un’equazione pura di 2° grado ridotta alla forma normale si presenta con la scrittura:

a  ax2  5  b;    b  ax2  1  bx  5  0;    c  ax  5  b;    d  a2x  5  b. .... /1

10) Le soluzioni di ax2 5 b quando a e b sono entrambi positivi, oppure entrambi negativi,
sono:
a   x1 5 x2 5 0; c   non sono numeri reali
b b b b
b   x1 = + e x2 = − d   x1 = − e x2 = + .  .... /1
a a a a

11) L’equazione ax2 5 b con a  0 non ha soluzioni reali quando a e b sono:    

a   discordi; c   entrambi nulli

b   concordi; d  a    0 e b 5 0 .... /1

47
Guida_3_TERZI IMP.indb 47 11/09/15 14.28
abilità ......../60

12) Identità (I) o equazione (E)? Metti una crocetta sulla risposta giusta.
a) 5x 2 x 2 5 52 9.
           
I E c) 3x 5 0.    
I E

b) x (x 2 1) 5 x2 2 x.
             
I E d) 0x 5 0.    
I E  .... /4

13) Completa la tabella.

Equazione I membro II membro Incognita Termini noti

2x 1 8 5 4 ............................ ............................ ............................ ............................

y 2 2 3 5 y 2 2 5y ............................ ............................ ............................ ............................

14) Applica il 1° principio di equivalenza alla seguente equazione:  .... /1


3x 2 3 5 2x 1 10
           

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /4

15) Applica il 2° principio di equivalenza alla seguente equazione:


4
2x = +
5

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /4

16) Verifica, senza risolvere l’equazione, che la soluzione sia x 5 21:


I membro II membro
1 x+3 3x + 2 1 − 2x
− 5 +
5 5 2 10

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /4

17) Determinata (D), indeterminata (IN) oppure impossibile (IM)? Metti una crocetta sulla
risposta giusta
a) 5x 2 2 ? (x 1 1) 5 3x 2 2.
                   
D IN IM

b) 7 2 2x 52 4(x 1 1) 1 2x.
               
D IN IM

c) 8x 2 3 1 2x 5 3 ? (2x 2 1).
                   
D IN IM

d) x 1 2x 2 8 5 7x 2 8.
               
D IN IM  .... /8

18) Risolvi le seguenti equazioni.


a) 4(x 1 1) 2 3 (x 2 1) 5 3x 2 2 1 5 (2 2 x):
                                ................................................................................................................

2
b) −x +
3
(1 + x ) = − 31 ( x + 1) + 3x : .........................................................................................................................

48
Guida_3_TERZI IMP.indb 48 11/09/15 14.28
c) x + 3 − 2x − 4 = 2 − 4 x : ..........................................................................................................................................
21 14 6
d) (x 2 1)2 2 (x 1 2) ? (x 2 2) 5 x(x 2 2) 2 4:
                                ...............................................................................................................  .... /20

19) Vi sono equazioni equivalenti nell’esercizio 18?


SI NO

Se hai risposto sì, quali sono? ............................................................................................................................................  .... /1

20) Risolvi il seguente problema facendo uso delle equazioni.


5
Un triangolo rettangolo ha un cateto che è i dell’ipotenusa e il perimetro di 90 cm.
13
Calcola la misura dell’area del triangolo. .................................................................................................................  .... /7

21) Risolvi il seguente problema facendo uso delle equazioni.


5
Di due numeri sai che uno supera l’altro di 16 e che il loro rapporto è
7
Calcola i due numeri. ................................................................................................................................................................  .... /7

49
Guida_3_TERZI IMP.indb 49 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 4 Gli insiemi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati.
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazio-
ni di affermazioni, accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomen-
tazione corretta
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Esprimere in forma generale relazioni e proprietà
•• Rappresentare relazioni e funzioni

CONOSCENZE ......../20
1) Completa le seguenti definizioni.
a) L’insieme delle parti di un insieme non vuoto è ...........................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) L’insieme intersezione di due insiemi A e B è .................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

c) Due insiemi si dicono disgiunti quando ..............................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

d) L’insieme unione di due insiemi A e B è .............................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

e) Quali proprietà caratterizzano la partizione di un insieme?


1) ...................................................................................................................................................................................................  .

2) ...................................................................................................................................................................................................  .

3) ...................................................................................................................................................................................................  . .... /10

50
Guida_3_TERZI IMP.indb 50 11/09/15 14.28
2) Traduci nel linguaggio simbolico:
a) il complementare di A rispetto a B: .......................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... ;

b) la differenza tra B e A: .....................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... ;

c) il prodotto cartesiano tra C e D: ...............................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... ;

d) l’unione di A e B:...................................................................................................................................................................
.......................................................................................................................................................................................................... ;

e) l’intersezione di B e D: .....................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /5

3) Vero o falso?
a) A 2 B 5 B 2 A.
           
V F

b) A 3 B 5 B 3 A.
           
V F

c) A > B 5 B > A.
           
V F

d) L’insieme delle parti di un insieme è uguale alla partizione di quell’insieme. V F

e) Complementare e differenza tra insiemi sono la stessa cosa. V F  .... /5

abilità ......../30

4) Colora la parte indicata dai simboli.

A B A B A B

BA AB BA

A B A B A
B

AB C
ABC BA

A B A B A B

C C C
 AC BC (AB)C .... /9

51
Guida_3_TERZI IMP.indb 51 11/09/15 14.28
5) Dati gli insiemi
A 5 {mela; pera; fragola; pesca}
   

B 5 {uva; pesca; melone}


   

C 5 {pera; fragola; pesca; noce}


   

rappresenta per elencazione e graficamente i seguenti insiemi:

a) A > B 5 ...................................................... .
       

b) A > C 5 ...................................................... .
       

c) A > B > C 5 ...................................................... .


           

d) B 2 C 5 ...................................................... .
       

e) B < C 5 ............................................................................................ .
       

f) A < B < C 5 ......................................................................................................... .


           

 .... /12

6) Una sola delle seguenti affermazioni è vera. Sceglila con una crocetta.
Se A 5 {1; 2; 3; 4} e B 5 {0}, allora:
       

a A  3  B  5 
b B  3  A  5  {(0; 1); (0; 2); (0; 3); (0; 4)};
c B  3  A  5  {(0; 0)};
d B  3  A  5  {(1; 0); (2; 0); (3; 0); (4; 0)}. .... /1

52
Guida_3_TERZI IMP.indb 52 11/09/15 14.28
7) Rappresenta con una tabella a doppia entrata A  A quando A  {a; b; c}.        

a b c

a ……………… ……………… ………………

b ……………… ……………… ………………

 c ……………… ……………… ………………


.... /1

8) Considera l’insieme A  {0; 1; 2; a; b; c} ed esegui una partizione di A.


   

.................................................................................................................................................................................................................. .

A
0 a
1 b
2 c
 .... /2

9) In una classe di 15 alunni:


– 12 hanno gli occhi castani;
– 6 hanno gli occhiali;
– 8 indossano la tuta;
– 2 hanno gli occhi castani e gli occhiali;
– 4 hanno gli occhi castani e indossano la tuta;
– 3 hanno gli occhiali e indossano la tuta;
– 1 ha gli occhi castani, ha gli occhiali e indossa la tuta.

a) Rappresenta la situazione con un diagramma di Eulero-Venn:

castani occhiali

5 2

4 1
3

tuta

b) Quanti sono gli alunni che non hanno gli occhiali e non indossano la tuta ma hanno
gli occhi castani? .................................................................................................................................................................. .

c) Quanti sono gli alunni che non indossano la tuta e non hanno gli occhi castani?
.............................................................................................................................................................................................................  .... /5

53
Guida_3_TERZI IMP.indb 53 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 4 relazioni e funzioni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati.
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazio-
ni di affermazioni, accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomen-
tazione corretta
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Esprimere in forma generale relazioni e proprietà
•• Rappresentare relazioni e funzioni
•• Usare il piano cartesiano per rappresentare relazioni e funzioni empiriche o ricavate da tabelle

CONOSCENZE ......../10
1) Completa le definizioni.
a) Si dice relazione binaria o corrispondenza tra due insiemi non vuoti X e Y ..........................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Si dice relazione binaria o corrispondenza in un insieme quella relazione


.......................................................................................................................................................................................................... . .... /2

2) Completa.
a) Quando ogni elemento di un insieme è in relazione con se stesso, la relazione è ...........

.......................................................................................................................................................................................................... .
quando invece nessun elemento è in relazione con se stesso, la relazione è ........................
.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Una relazione è simmetrica quando ......................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /2

54
Guida_3_TERZI IMP.indb 54 11/09/15 14.28
3) Completa le definizioni.
a) Una relazione si dice «relazione di equivalenza» quando ...................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Una relazione si dice «relazione di ordine largo» quando ..................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

c) Una relazione si dice «relazione di ordine stretto» quando ...............................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /3

4) Rispondi.
a) Quando una relazione è una funzione? .............................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Quando una funzione è una corrispondenza biunivoca? ......................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

c) Una funzione è matematica quando ....................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /3

abilità ......../20

5) Le seguenti domande si riferiscono alla rappresentazione di una relazione 5.

X Y
3 3
4 6
17
5
5 12
7 16
13
10

a) Si tratta di:
a una tabella a doppia entrata; c una rappresentazione sagittale;
b un diagramma cartesiano; d nessuno dei tre.

b) La relazione illustrata è:
1 1
a x è oppure di y ; c x è minore di y;
2 3
b x è multiplo di y; d x è sottomultiplo di y.

c) Il dominio della relazione è: (Continua tu!) ...............................................................................................  .

d) Il codominio della relazione è: (Continua tu!) .........................................................................................  .

e) La relazione inversa è 5 : (Continua tu!) 2


....................................................................................................  .

f) La relazione 5 è una funzione?   SI NO

Giustifica la risposta. .................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /6

55
Guida_3_TERZI IMP.indb 55 11/09/15 14.28
6) Stabilisci quali delle seguenti relazioni sono di equivalenza, di ordine largo e di ordine
stretto.
a) a è discendente di b nell’insieme di un certo gruppo di persone. E OL OS

b) a è connazionale di b in un insieme di persone. E OL OS

c) a ha lo stesso numero di angoli di b nell’insieme dei poligoni. E OL OS

d ) a non è minore di b nell’insieme {3; 5; 7; 9; 11}. E OL OS  .... /4

7) La relazione che associa ad ogni alunno di scuola secondaria di 1° grado la relativa


scheda quadrimestrale...
a) è una funzione?   SI NO

b) è una corrispondenza univoca o biunivoca? ...............................................................................................  .

c) è una funzione matematica o empirica? ........................................................................................................  . .... /3

8) Prendi in esame l’area dei quadrati e la misura dei loro lati.


a) Si tratta di una funzione empirica o matematica? .................................................................................  .

b) Si tratta di una funzione di proporzionalità? .........................  . Quale? ............................................  .

c) Qual è la variabile dipendente? .........................  . Quale quella indipendente? .........................  .

d) Rappresenta la funzione in un piano cartesiano, dopo aver compilato una tabella di valori.

 A

……………… ………………

……………… ………………

……………… ………………

……………… ………………

 .... /7

56
Guida_3_TERZI IMP.indb 56 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 5 cenni di geometria analitica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Interpretare, costruire e trasformare formule che contengono lettere per esprimere in forma generale re-
lazioni e proprietà
a
•• Usare il piano cartesiano per rappresentare le funzioni del tipo: y 5 ax; y 5 x ; y 5 ax2

CONOSCENZE ......../20
1) Dati due punti A (xA ; yB) e B (xB ; yB), scrivi la formula per trovare:
a) la distanza tra i due punti A e B:

AB  5  .......................................................................................................................................................................................... ;

b) le coordinate del punto medio M del segmento AB: ...............................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /3

2) Scrivi l’equazione generale di una retta che passa per l’origine degli assi:
.................................................................................................................................................................................................................. ;
poi completa con: I; II; III; IV; positivo; negativo.
a) Se la retta ha coefficiente angolare positivo, allora si trova nel ......................... e ............................
quadrante.

b) Se la retta ha coefficiente angolare negativo, allora si trova nel .......................... e ............................
quadrante.
c) Se la retta si trova nel II e IV quadrante, allora ha coefficiente angolare ............................. .
d) Se la retta si trova nel I e III quadrante, allora ha coefficiente angolare ............................... . .... /5

57
Guida_3_TERZI IMP.indb 57 11/09/15 14.28
3) Scrivi l’equazione generale:
a) di una retta che non passa per l’origine degli assi: ................................................................................. ;
b) di una retta parallela all’asse x: ............................................................................................................................. ;
c) di una retta parallela all’asse y: ............................................................................................................................. ;
d) dell’asse x: ............................................................................................................................................................................... ;
e) dell’asse y: ............................................................................................................................................................................... ;

f) dell’iperbole equilatera: ............................................................................................................................................... ;


g) della parabola che ha vertice nell’origine degli assi: ............................................................................. . .... /7

4) Nell’equazione y 5 kx 1 q:        

a) k si chiama ................................................................................................................................................................................ ;

b) q si chiama ................................................................ e indica il punto in cui la retta taglia l’asse delle


.............................................................................................................................................................................................................  .... /3

5) Completa.
a) Due rette parallele hanno coefficiente angolare ..................................................................................... .
b) Due rette perpendicolari hanno coefficiente angolare ..........................................................................

.............................................................................................................................................................................................................  .... /2

abilità ......../40

6) a) Rappresenta nel piano car-


tesiano i segmenti aventi y
per estremi le seguenti 10

coppie di punti: 9
• A (15 ; 23) e B (15 ; 27); 8

• C (25 ; 29) e D (13 ; 16); 7

6
• E (13 ; 17) e F (27 ; 17).
5
b) Stabilisci se si tratta di seg-
4
menti paralleli a uno degli
3
assi o obliqui rispetto a essi.
2
c) Calcola le loro distanze.
1
...................................................................
7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 9 x
................................................................ . 1

2
d) Rappresenta con M, N, P, i
3
punti medi rispettivamente
dei segmenti AB, CD, EF e 4

calcola le loro coordinate. 5

................................................................... 6

7
................................................................ .
8

9

 .... /10

58
Guida_3_TERZI IMP.indb 58 11/09/15 14.28
7) Rappresenta le seguenti rette
nel piano cartesiano.
a) y 5 23x;
   

1
b) y = + x − 3. y
2

 .... /4

3
8) Il punto A (110; 24) appartiene alla retta r di equazione y = −
  x +2 ?
5
(Scoprilo senza fare il disegno.)

................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

9) Tra le seguenti rette, alcune sono parallele e altre sono perpendicolari.


Scrivi quali sono le parallele e le perpendicolari.
a) y 5 4x 2 3;
        b) y 52 3x 1 4;
        c) y 52 3x 1 1;
       

1 1
d) y 5 5x 21;
      e) y = − x ; f) y = x .
5 5
1) Perpendicolari: .................................................................................................................................................................... ;
2) parallele: .................................................................................................................................................................................. . .... /2

10) Prendi in esame le seguenti equazioni:


1
y 5 22x2;
    x 5 28;
    y = − ; ; y 5 3x;
   
2
7 3 3
y 5 3 1 x;
      y =− x ; y = ; y = x + 1.
2 x 4
Scrivi qual è:
a) l’equazione della retta parallela all’asse x: ................................................................................................... ;

b) l’equazione della retta passante per l’origine degli assi cartesiani: ........................................... ;
c) l’equazione della retta parallela all’asse y: ................................................................................................... ;

d) l’equazione dell’iperbole: ........................................................................................................................................... ;


e) l’equazione della parabola: ....................................................................................................................................... ;
f) l’equazione di una curva esponenziale: ........................................................................................................... . .... /6

59
Guida_3_TERZI IMP.indb 59 11/09/15 14.28
11) Sottolinea le equazioni delle rette che non passano per l’origine degli assi cartesiani.
1
y = 7x − ;   y
; 2 x 5 2;   y 5 4x;   y 2 x 5 0.
                    .... /1
4

12) Quale delle seguenti rette è rappresentata nel grafico a fianco?


2
a y =− x;
3 y
7
2
b y =+ x − 3; 6
3
5
2
c y = + x + 4; 4
3
3
2
d y = − x − 4. 2
3 1

8 7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 x
1

2

3

.... /1


13) In un piano cartesiano, rappresenta le seguenti equazioni:


6
a) y = − ;
x y

b) y 5 2 2 x2;
       
6
c) y 5 1 6.
      5

7 6 5 4 3 2 1 1 2 3 4 5 6 7 8 x
1

2

3

4

5

6

7

8

9
.... /8


60
Guida_3_TERZI IMP.indb 60 11/09/15 14.28
14) In un piano cartesiano, rappresenta il quadrilatero che ha per vertici i punti
A (0 ; 0),  B (0 ; 16), C (24 ; 13), D (24 ; 0).
       

Calcola la misura del perimetro e dell’area di ABCD in unità quadretto.

....................................................................................................................................................................................................................

x
.... /6


61
Guida_3_TERZI IMP.indb 61 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 6 elementi di logica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazio-
ni di affermazioni, accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomen-
tazione corretta
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Usare correttamente i connettivi (e, o, non, se ... allora) e i quantificatori (tutti, qualcuno, nessuno)
•• Esprimere in forma generale relazioni e proprietà

CONOSCENZE ......../10
1) Completa le definizioni.
a) In matematica una proposizione o enunciato è ...........................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
b) Una proposizione composta o molecolare è ...................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
c) La logica è ............................................................................................................................................................................... .
d) I connettivi logici sono le parole (fai l’elenco): ............................ ; ........................... ; ............................ ;
............................ ; ............................ ; ............................ . .... /4

2) Completa.

Connettivo e ……….........……… ……….........………

Simbolo ……….........……… ∨• ……….........………

……….........………
Operazione ……….........……… negazione
……….........………

 .... /3

62
Guida_3_TERZI IMP.indb 62 11/09/15 14.28
3) Metti una crocetta sulla risposta giusta.
La scrittura p ↔ q indica una:
a implicazione semplice; c negazione;
b implicazione doppia; d disgiunzione inclusiva. .... /1

4) Completa ogni tavola di verità scrivendo ciò che manca sui puntini.

a) p q ................ b) p q ................

V V V V V V

V F V V F F

F V V F V V

F F F F F V
.... /2


abilità ......../10

5) Fra le seguenti frasi solo una non è una proposizione logica. Quale?
a 3 è un numero primo; c 3 diviso 0 è uguale a 0;
b 3 è il M.C.D. tra 6 e 9; d 3 è un numero piccolo. .... /1

6) Crocetta accanto a ogni enunciato il relativo valore di verità (V 5 vero, F 5 falso).        

a) (28) : (25) non ha risultato in Z. V F

b) In N l’addizione possiede la proprietà invariantiva. V F

c) Il rombo è un poligono equilatero ed equiangolo. V F

d) Il trapezio rettangolo non è un trapezio scaleno. V F  .... /2

7) Quale tra quelli proposti è il completamento esatto della seguente tavola di


verità?

p q ................

V V V a p  ∧  q;

V F F b p  ∨  q;

F V V c p  ∨•  q;

F F F d p  ∨  q.
.... /2


8) Date le proposizioni semplici: ................ ................ ....................


A 5 «oggi fa freddo»  B 5 «oggi nevica»
         

............... ............... ...............


a) scrivi A ↔ B 5   .........................................................................
............... ............... ...............
.......................................................................................................................................

............... ............... ...............


b) compila la tavola di verità di A ↔ B:
............... ............... ...............
.... /5


63
Guida_3_TERZI IMP.indb 63 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
 secondo incontro
unità 7 un
di fine unità con la statistica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavare misure di variabilità e prendere decisioni
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo
risolutivo,sia sui risultati
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazio-
ni di affermazioni, accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomen-
tazione corretta
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• Rappresentare insiemi di dati, anche facendo uso di un foglio elettronico
•• In situazioni significative, confrontare i dati al fine di prendere decisioni utilizzando le distribuzioni delle
frequenze e delle frequenze relative
•• Saper valutare la variabilità di un insieme determinandone, ad esempio, il campo di variazione

CONOSCENZE ......../10
1) Completa.
a) Una variabile quantitativa è continua quando .............................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
b) Le classi di frequenza sono ...........................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
c) L’ampiezza di una classe è .............................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
d) Il campo di variazione è ..................................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

64
Guida_3_TERZI IMP.indb 64 11/09/15 14.28
e) La densità di frequenza è ..............................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
f) Gli indici di dispersione sono i valori che indicano .....................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

e si chiamano ...........................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
g) Lo scarto semplice è ...........................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

h) La deviazione standard è (completa la formula): sn 5 ......................................................................... .


i ) La poligonale delle frequenze è ...............................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
l ) Un fenomeno presenta una distribuzione normale quando ..............................................................

.............................................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /10

abilità ......../10

2) Prendi in esame i seguenti dati che si riferiscono alla lunghezza in centimetri di


30 lombrichi.

6 6 10 8 12 8 13 14 10 7
13 6 11 9 7 8 7 9 6 10
10 11 9 8 13 11 12 14 5 12
.... /1

a) Qual è il campo di variazione dei dati? ..........................................................................................................  .

b) Calcola qual è la lunghezza media dei lombrichi, dopo aver


compilato una tabella delle frequenze assolute.
Lunghezza Frequenza
(cm) assoluta
................ ................

................ ................

................ ................

................ ................

................ ................

................ ................
.................................................................................................................................................. ................ ................

................ ................
..................................................................................................................................................
................ ................

 ................ ................ .... /2

65
Guida_3_TERZI IMP.indb 65 11/09/15 14.28
c) Calcola i valori degli scarti semplici, dopo aver compilato la tabella sottostante.

Dato Scarto
semplice
5 ................

6 ................

7 ................

8 ................

9 ................

10 ................

11 ................

12 ................

13 ................

 14 ................ .... /2

d) Calcola la deviazione standard sn : sn 5 ............................................................................................................. . .... /1

e) Raggruppa i dati in classi di ampiezza 2 e completa la tabella.

Lunghezze Frequenza Densità


(cm) di frequenza

[............; ............) ............................ ............................

............................ ............................ ............................

............................ ............................ ............................

............................ ............................ ............................


............................ ............................ ............................ .... /2

f) Costruisci l’istogramma relativo alle classi di lunghezza dei lombrichi.

densità
di 4,5
frequenza
4
3,5
3
2,5
2
1,5
1
0,5

5 7 9 11 13 15 classi di lunghezza in cm

 .... /2

66
Guida_3_TERZI IMP.indb 66 11/09/15 14.28
Verifica Algebra
di fine unità unità 8 la probabilità

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavare misure di variabilità e prendere decisioni
•• Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo
risolutivo,sia sui risultati
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazio-
ni di affermazioni, accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomen-
tazione corretta
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà
•• In semplici situazioni aleatorie, individuare gli eventi elementari, assegnare a essi una probabilità, calco-
lare la probabilità di qualche evento, scomponendolo in eventi elementari disgiunti
•• Riconoscere coppie di eventi complementari, incompatibili, indipendenti

CONOSCENZE ......../20
1) Che cosa studia la teoria della probabilità? .................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................  .... /2

2) Che cos’è un evento casuale o aleatorio? .....................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................  .... /2

3) Completa le definizioni.
a) Il valore della probabilità o probabilità è .....................................................................................................  .

b) Un evento che ha probabilità 1 è un evento ..............................................................................................  .

c) Un evento impossibile ha probabilità ...............................................................................................................  .

d) Un evento aleatorio ha probabilità ...................................................................................................................  . .... /4

67
Guida_3_TERZI IMP.indb 67 11/09/15 14.28
4) Scrivi le formule per calcolare:
a) la probabilità semplice:

.......................................................................................................................................................................................................... ;

b) la probabilità totale di due eventi A e B incompatibili:


.......................................................................................................................................................................................................... ;

c) la probabilità totale di due eventi A e B compatibili:


.......................................................................................................................................................................................................... ;

d) la probabilità di un evento composto dagli eventi A e B indipendenti:


.......................................................................................................................................................................................................... ;

e) la probabilità di un evento composto dagli eventi A e B dipendenti:

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /5

5) Completa inserendo i termini che mancano.


a) Due eventi A e B sono incompatibili quando il verificarsi dell’uno ................................................
il verificarsi dell’altro.
b) Due eventi A e B sono compatibili quando il verificarsi dell’uno .....................................................
il verificarsi dell’altro. .... /2

6) Crocetta la risposta giusta.


Si parla di evento composto quando si ha a che fare con...
a una sola prova; c nessuna prova.
b due o più prove;  .... /1

7) Completa.
Due eventi A e B si dicono dipendenti quando ...................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

8) Definisci la probabilità soggettiva e specifica quando si usa.


....................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

abilità ......../20

9) In un sacchetto ci sono 4 biro blu, 6 biro rosse e 5 biro nere.


Calcola la probabilità di pescare a caso:

a) una biro blu: ......................................................................................................................................................................... ;

b) una biro che non sia blu: ............................................................................................................................................. ;

c) una biro verde: .................................................................................................................................................................... ;

68
Guida_3_TERZI IMP.indb 68 11/09/15 14.28
d) una biro rossa o blu: ....................................................................................................................................................... ;
e) una biro rossa o nera o blu: ...................................................................................................................................... . .... /5

10) Lanci un dado.


a) Quanti sono i casi possibili? ...................................................................................................................................... .

b) Qual è la probabilità che esca un numero divisibile per 2? .............................................................. .

c) Qual è la probabilità che esca un numero maggiore o uguale a 5? .......................................... .

d) Qual è la probabilità che esca un multiplo di 3 o un numero dispari? .................................... . .... /4

11) Lanci un dado per tre volte.


Calcola la probabilità di ottenere:

a) pari, pari, 3: ............................................................. ; b) pari, dispari, dispari: ..........................................  .... /2

12) Da un mazzo di 40 carte si estrae una carta e, senza rimetterla nel mazzo, si estrae una
seconda carta. Calcola la probabilità che le carte estratte siano:

a) entrambe di cuori: .............................................................................................................................................................. ;

b) la prima un 5 e la seconda una figura: ............................................................................................................... ;

c) la prima una carta di picche che non sia un 2, la seconda un 2: ................................................... . .... /3

13) Da un mazzo di 40 carte si estrae una carta e, dopo averla rimessa nel mazzo, se
ne estrae una seconda.
Calcola la probabilità che le carte estratte siano:

a) una figura e un 3: ............................................... ; c) due donne: ............................................................ .

b) la prima un 2 e la seconda un 4: ............. ; .... /3

14) Si lancia un dado e una moneta.


a) Disegna il grafo ad albero dei casi possibili.

b) Calcola la probabilità che si verifichi l’evento E: «esce il numero 4 e testa». ..................... .

c) Calcola la probabilità che esca un numero minore di 4 e croce. .................................................. . .... /3

69
Guida_3_TERZI IMP.indb 69 11/09/15 14.28
Verifiche
di fine unità

Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza della circonferenza
(1a parte) e la misura dell’area del cerchio �������������������������������������������������������� pag. 71
unità 1 La misura della lunghezza della circonferenza
(2a parte) e la misura dell’area del cerchio �������������������������������������������������������������������� 74
unità 2 La geometria nello spazio ���������������������������������������������������������������������������������� 77
unità 3 I prismi �������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 78
unità 4 Le piramidi ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 82
unità 5 I poliedri regolari ������������������������������������������������������������������������������������������������������� 84
unità 6 I cilindri ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 85
unità 7 I coni �������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 88
unità 8 Sfera e altri solidi di rotazione ����������������������������������������������������������������������� 91

70
Guida_3_TERZI IMP.indb 70 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
unità 1 la misura della lunghezza della
di fine unità circonferenza e la misura
dell’area del cerchio (1a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni
tra gli elementi
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo
risolutivo,sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere le regole per calcolare le misure della lunghezza della circonferenza, dell’area del cerchio e
delle loro parti
•• Conoscere il numero p e alcuni modi per approssimarlo
•• Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio e viceversa
•• Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni
strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria)
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri
•• Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../10

1) Tra la lunghezza della circonferenza e la lunghezza del suo diametro vi è un rap-


porto costante che viene indicato con una lettera greca.
a) Qual è questa lettera? ................................................................................................................................................... .
b) A quale numero corrisponde? ................................................................................................................................. .
c) Si tratta di un numero razionale o irrazionale? ........................................................................................ .
d) Lunghezza della circonferenza e lunghezza del suo diametro sono grandezze:
a   direttamente proporzionali;
b   inversamente proporzionali;
c   né l’uno né l’altro. .... /4

71
Guida_3_TERZI IMP.indb 71 11/09/15 14.28
2) Scrivi la formula per trovare la misura della lunghezza della circonferenza,
a) nota quella del diametro: ........................................................................................................................................... ;
b) nota quella del raggio: ................................................................................................................................................. ;

c) Scrivi la formula inversa di a): ................................................................................................................................. ;

d) Scrivi la formula inversa di b): ................................................................................................................................. . .... /4

3) Scrivi la formula per calcolare la misura dell’area del cerchio.


A 5......................................................................................................................................................................................................... . .... /1

4) Scrivi la formula per trovare r (r 5 raggio) nota A (A 5 area del cerchio).

................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

abilità ......../40

5) Scegli le risposte giuste dopo aver fatto i calcoli.


a) La lunghezza di una circonferenza che ha raggio di 3  cm è:
a   3p cm;
b   6 cm;
c   18,84 cm;
d   6p cm.

b) Il diametro di una circonferenza lunga 15p  cm è:


a   15 cm;
b   7,5 cm;
c   7,5p;
d   non lo so.

c) Il raggio di una circonferenza lunga 47,1 cm è:


a   15p cm;
b   15 cm;
c   7,5 cm;
d   non lo so. .... /4

6) La ruota di una carriola ha il raggio di 20 cm.


Dopo aver compiuto 500 giri, quale sarà il percorso fatto?
................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

7) Calcola la misura dell’area di un cerchio, sapendo che una corda misura 90 cm e


dista 60 cm dal centro
................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

72
Guida_3_TERZI IMP.indb 72 11/09/15 14.28
8) Un rettangolo ha la base di 24  cm e il perimetro di 68  cm. Sui lati del rettango-
lo ed esternamente a esso sono state costruite quattro semicirconferenze, cia-
scuna delle quali ha la misura del diametro uguale a quella del lato del rettan-
golo su cui poggia.
Calcola le misure dell’area e del contorno di tutta la figura.
................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

9) Determina in quale posizione reciproca si trovano due circonferenze, sapendo


che una ha l’area di 36p cm2, l’altra ha l’area di 156,25p cm2 e che la distanza dei
loro centri misura 21  cm.
................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

10) Una circonferenza è lunga 226,08  cm. Quant’è l’area del quadrato inscritto in essa?
................................................................................................................................................................................................................. . .... /6

73
Guida_3_TERZI IMP.indb 73 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
unità 1 la misura della lunghezza della
di fine unità circonferenza e la misura
dell’area del cerchio (2a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni
tra gli elementi
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo
risolutivo,sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto con il linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere le regole per calcolare le misure della lunghezza della circonferenza, dell’area del cerchio e
delle loro parti
•• Conoscere il numero p e alcuni modi per approssimarlo
•• Calcolare l’area del cerchio e la lunghezza della circonferenza, conoscendo il raggio e viceversa
•• Riprodurre figure e disegni geometrici, utilizzando in modo appropriato e con accuratezza opportuni
strumenti (riga, squadra, compasso, goniometro, software di geometria)
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicarle ad altri
•• Riprodurre figure e disegni geometrici in base a una descrizione e codificazione fatta da altri
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../20

1) Scrivi la proporzione che lega l’arco di una circonferenza e l’angolo al centro


corrispondente.

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

2) Scrivi la proporzione che lega l’area del settore circolare e l’angolo al centro
corrispondente.

................................................................................................................................................................................................................ . .... /5

74
Guida_3_TERZI IMP.indb 74 11/09/15 14.28
3) Scrivi la formula per trovare l’area del settore circolare note la misura dell’arco
e del raggio.

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

4) Scrivi come puoi calcolare l’area della corona circolare.

................................................................................................................................................................................................................ . .... /5

abilità ......../40

5) Il raggio di una circonferenza è 70 cm.


Calcola la misura della lunghezza di un arco corrispondente all’angolo al centro
di 72°.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

6) Calcola la misura dell’area del cerchio a cui appartiene un settore circolare di


40p cm2 delimitato da un arco di 4p cm.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

7) L’area di una corona circolare è 64p cm2. Il raggio del cerchio maggiore è lungo
17 cm.
Calcola la misura del raggio del cerchio minore.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

8) Un angolo alla circonferenza di 10° insiste su un arco lungo 6,28 cm.


Calcola le misure dell’ampiezza dell’angolo al centro corrispondente, della lun-
ghezza della circonferenza e dell’area del settore delimitato dall’arco.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

9) Un settore circolare ha l’ampiezza di 48° e l’area di 120p cm2.


Calcola la misura dell’ampiezza del settore che ha l’area di 280p cm2 e appartie-
ne allo stesso cerchio.

................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

1
10) Un segmento circolare a una base è di un cerchio avente la circonferenza di
8
24p cm. Calcola la misura dell’area del segmento circolare.

................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

75
Guida_3_TERZI IMP.indb 75 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 2 la geometria nello spazio

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni
tra gli elementi
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni...) e ne coglie il rap-
porto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni, regole e proprietà delle principali figure geometriche
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../20
1) Completa le definizioni.
a) Si chiamano solidi geometrici .................................................................................................................................. .
b) Si dice angolo diedro o diedro ..................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................................ . .... /2

2) Due rette x e y nello spazio possono essere:


a) complanari quando ......................................................................................................................................................... ;
b) sghembe quando ............................................................................................................................................................... . .... /2

3) Una retta è perpendicolare al piano quando ..............................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

76
Guida_3_TERZI IMP.indb 76 11/09/15 14.28
4) Completa.
a) Due piani si dicono incidenti quando................................................................................................................. .
b) Due piani che non sono incidenti sono piani .............................................................................................. .
c) La distanza di un punto da un piano è ...............................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
d) La distanza tra due piani paralleli è ......................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /4

5) Completa.
a) Un poliedro è un solido limitato da .......................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
b) Si chiama angoloide di un poliedro .......................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... . .... /2

6) Scrivi la relazione di Eulero che lega il numero delle facce (f), il numero dei ver-
tici (v) e il numero degli spigoli (s) di un poliedro convesso.
................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

7) Quando un poliedro è convesso?


................................................................................................................................................................................................................. .
Quando è concavo?
................................................................................................................................................................................................................. . .... /2

8) Un solido di rotazione è ..................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

9) Completa.
a) La superficie totale di un solido è ........................................................................................................................ .
b) Due solidi sono equivalenti quando ................................................................................................................... .
c) Si chiama volume .............................................................................................................................................................. . .... /3

10) Il peso specifico è ................................................................................................................................................................ . .... /1

11) Scrivi come puoi trovare il volume, conoscendo il peso (P) e il peso specifico (ps).

................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

77
Guida_3_TERZI IMP.indb 77 11/09/15 14.28
abilità ......../20

12) Scrivi come si chiamano i piani  e b illustrati.


a) b)

a b
b

a e b sono piani ....................................................... a e b sono piani....................................................... . .... /2

13) Prendi in esame il piano  e il punto A esterno al piano.


a) Disegna una retta r giacente nel piano.
A
b) Disegna una retta s passante per A e perpendicolare
al piano a.
c) Traccia in blu la distanza del punto A dal piano a.
d) Disegna una retta t incidente al piano a. .... /4
a

14) Disegna:
a) un diedro retto; b) un diedro piatto; c) un diedro acuto.

 .... /3

15) Completa la tabella.

Diedro Misura dell’ampiezza della sezione normale

Acuto ..........................................................................................................

Retto ...............................................................................................

Ottuso ..................................................................................................

Piatto ...................................................................................................... .... /4




78
Guida_3_TERZI IMP.indb 78 11/09/15 14.28
16) Tra i seguenti solidi, riconosci i poliedri e i solidi rotondi.

a) b) c) d) e)

Poliedri ....................................................................................................................................

Solidi rotondi ..................................................................................................

 .... /1

17) Nel poliedro a) dell’esercizio 16, verifica la relazione di Eulero.


................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

18) Un bicchiere di vetro contiene 25  ml di acqua. Il volume dell’acqua è:


a   25 cm3;    b   25 dm3;    c   0,25 dm3;    d   0,25 cm3. .... /1

19) Un bicchiere di vetro (  ps  5 2,5 g/cm3) pesa 285  g.


Quant’è il volume del bicchiere? .....................................................................................................................................  .... /2

20) Calcola le misure dell‘area totale e del volume del solido disegnato, tenendo
conto che:

  5 1 cm2      5 1 cm3

............................................................................................ .... /2

79
Guida_3_TERZI IMP.indb 79 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 3 i prismi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni
tra gli elementi
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà dei prismi
•• Rappresentare oggetti e figure prismatiche in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti prismatici a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume dei prismi più comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche dei prismi

CONOSCENZE ......../10
1) Completa la tabella.

Solido Formule dirette Formule inverse

A 5 .......................................................... ....................................................................

At 5 .......................................................... ....................................................................

....................................................................

V 5 ............................................................ ....................................................................

 .... /9

80
Guida_3_TERZI IMP.indb 80 11/09/15 14.28
2) Completa la definizione.
Un prisma retto è ........................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .  .... /1

abilità ......../20

3) Un prisma retto a base quadrangolare regolare ha l’altezza doppia dello spigolo


di base avente lunghezza di 4 cm.
a) Calcola le misure dell’area totale e del volume. ....................................................................................... .
b) Disegna il solido in scala 1 : 2.
c) Calcola la misura dello spigolo e della diagonale di un cubo equivalente alla metà del
prisma retto. ......................................................................................................................................................................... .
d) Disegna il cubo in scala 1 : 1.
e) Calcola il peso specifico del materiale di cui è costituito il cubo, sapendo che pesa
672 g ........................................................................................................................................................................................... . .... /10

4) Un prisma retto di gomma (0,9 g/cm3) e avente per base un rombo, le cui diago-
nali sono lunghe 60 cm e 32 cm, ha l’area totale di 2 770 cm2.
Calcola la misura del volume e del peso del prisma.
....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

81
Guida_3_TERZI IMP.indb 81 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 4 le piramidi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli ele-
menti
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà delle piramidi
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../17
1) Completa le definizioni.
a) Una piramide è ......................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .
b) Una piramide è retta quando .....................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .
c) L’altezza di una piramide è ...........................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .
d) L’apotema di una piramide è ......................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. . .... /8

82
Guida_3_TERZI IMP.indb 82 11/09/15 14.28
2) Completa la tabella.

Solido Formule dirette Formule inverse

A 5 ................................ ....................................................................

....................................................................

At 5 ................................ ....................................................................

....................................................................

....................................................................
V 5 .........................................

....................................................................

 .... /9

abilità ......../30

3) Calcola la misura dell’area totale e del volume di una piramide quadrangolare regolare
avente l’apotema lungo 39  cm e l’area di base 900  cm2.

....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

4) Una piramide retta che ha per base un triangolo rettangolo avente l’ipotenusa di 5  cm
e un cateto di 4  cm è equivalente a un cubo che ha lo spigolo di 6  cm.
Calcola la misura dell’altezza della piramide.
....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

5) Calcola la misura dell’altezza di una piramide quadrangolare regolare che ha lo spigolo


di base di 22  cm e l’area totale di 3 168 cm2.  

....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

83
Guida_3_TERZI IMP.indb 83 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 5 i poliedri regolari

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli ele-
menti
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà dei poliedri regolari
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume dei poliedri regolari e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../8
1) Completa la definizione.
Un poliedro regolare è un ................................ che ha per facce poligoni .................................. tra loro
.............................., diedri .............................. e angoloidi .............................. . .... /5

2) Quali poligoni regolari possono costituire le facce dei poliedri regolari?


....................................................................................................................................................................................................................  .... /1

3) Completa le formule per calcolare At e V dei poligoni regolari.


At 5 ........................................................................ .
    V 5 ................................................................................................... . .... /2
   

abilità ......../10

4) Un ottaedro regolare ha lo spigolo di 7  cm.


Calcola la misura dell’area totale e del volume.
....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

84
Guida_3_TERZI IMP.indb 84 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 6 i cilindri

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli ele-
menti
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà dei cilindri
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume dei cilindri e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../19
1) Completa la tabella.

Solido Formule dirette Formule inverse

A 5 .......................................................... ....................................................................

At 5 .......................................................... ....................................................................

....................................................................

V 5 ............................................................ ....................................................................

 .... /9

85
Guida_3_TERZI IMP.indb 85 11/09/15 14.28
2) Completa la definizione.
Un cilindro retto è ......................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................  .... /2

3) Un cilindro equilatero è ................................................................................................................................................ . .... /2

4) Compila la tabella con le formule relative a un cilindro equilatero.

Solido Formule dirette Formule inverse

A 5 ..........................................................
....................................

At 5...........................................................
....................................

CILINDRO EQUILATERO
V 5............................................................
....................................

 .... /6

abilità ......../30
3
5) In un cilindro retto, il raggio di base è i dell’altezza e la loro somma è 42 cm.
4
Calcola la misura dell’area totale e del volume del cilindro.
....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

6) Un cilindro alto 20 cm e avente il volume di 720p cm3 è rivestito con della stoffa.
a) Calcola quanti cm2 di stoffa rivestono il cilindro. ..................................................................................... .
b) Disegna lo sviluppo sul piano del cilindro ponendo il lato di un quadretto uguale a
4 cm.

 .... /10

86
Guida_3_TERZI IMP.indb 86 11/09/15 14.28
7) Un cilindro equilatero ha l’area totale di 864p cm2.
a) Calcola la misura dell’area del cerchio di base. .......................................................................................... .
b) Calcola il rapporto tra la misura del volume del primo cilindro e quella del volume di
un secondo cilindro equilatero avente per altezza la metà dell’altezza del primo cilin-

dro. ..................................................................................................................................................................................................  .... /10

87
Guida_3_TERZI IMP.indb 87 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 7 i coni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli ele-
menti
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risoluti-
vo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà dei coni
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume delle figure solide più comuni e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../27
1) Completa le definizioni.
a) Un cono retto è .....................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) L’altezza del cono retto è ...............................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

c) L’apotema del cono retto è ..........................................................................................................................................

.............................................................................................................................................................................................................  .... /6

88
Guida_3_TERZI IMP.indb 88 11/09/15 14.28
2) Completa la tabella.

Solido Formule dirette Formule inverse

A 5 .......................................................... ....................................................................

....................................................................

At 5 .......................................................... ....................................................................

....................................................................

....................................................................
V 5 ............................................................

....................................................................

 .... /9

3) Qual è la risposta esatta?


Un cono equilatero è generato dalla rotazione di 360° di:
a   un triangolo equilatero attorno a uno dei suoi lati;
b   un triangolo rettangolo con gli angoli acuti di 30° e 60° attorno al cateto maggiore;
c   un quadrato attorno a uno dei suoi lati;
d   un triangolo rettangolo attorno al cateto più lungo. .... /1

4) Completa.
In un cono equilatero:
a) il diametro del cerchio di base è congruente all’ ..................................................................................... ;
b) il raggio del cerchio di base è congruente a ................................................................................................ . .... /2

5) Metti una crocetta su V (VERO) o F (FALSO), poi correggi le formule false e


rendile vere.
In un cono equilatero: CORREGGI

a) r  h.
   
V F .............................................

b) Ab 5 pr.    
V F .............................................

c) Al 5 2pr2.
   
V F .............................................

d) At 5 4pr .
   
2 V F .............................................

pr 3 ⋅ 3
e) V = . V F ............................................. .... /9
3

89
Guida_3_TERZI IMP.indb 89 11/09/15 14.28
abilità ......../40

6) Un cono ha il diametro di base di 20  cm e l’altezza di 24  cm.


Calcola:
a) la misura del volume: ..................................................................................................................................................... ;
b) la misura dell’area totale: ........................................................................................................................................... ;
c) il peso del cono, sapendo che è di cemento (ps 5 0,8 g/cm3):     ........................................................ . .... /10

7) Un settore circolare ha l’angolo al centro di 36° che insiste su di un arco di


7p cm.
Quale sarà la misura dell’area laterale di un cono che ha come sviluppo sul piano il setto-
re?
....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

8) L’area totale del solido disegnato è 3 240p cm2, l’area del cerchio di base è  

400p cm2 e l’apotema del cono 52  cm.


Calcola la misura del volume del solido disegnato.
........................................................................................................................................................................... .

 .... /10

9) Un cono equilatero ha l’apotema di 30  cm.


Calcola la misura dell’area totale e del volume.

....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

90
Guida_3_TERZI IMP.indb 90 11/09/15 14.28
Verifica Geometria 3
di fine unità unità 8 sfera e altri solidi di rotazione

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

Traguardi per lo sviluppo delle competenze


•• Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha
capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà
•• Riconosce e denomina le forme dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi
•• Riconosce e risolve i problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza
•• Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo
risolutivo, sia sui risultati
•• Confronta procedimenti diversi e produce formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema
specifico a una classe di problemi
•• Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite
•• Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati
•• Utilizza ed interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni...) e ne coglie il
rapporto col linguaggio naturale
Obiettivi di apprendimento
•• Conoscere definizioni e proprietà delle sfere e dei principali solidi di rotazione
•• Rappresentare oggetti e figure tridimensionali in vario modo tramite disegni sul piano
•• Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali
•• Descrivere figure complesse e costruzioni geometriche al fine di comunicare ad altri
•• Calcolare l’area e il volume dei solidi di rotazione e darne stime di oggetti della vita quotidiana
•• Risolvere problemi utilizzando le proprietà geometriche delle figure

CONOSCENZE ......../10
1) Completa le seguenti definizioni.
a) La sfera è ....................................................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .
b) La superficie sferica è ..................................................................................................................................................... .
c) Si chiama cerchio massimo ............................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .  .... /3

2) Completa la seguente tabella, inserendo le formule dirette e inverse.

Solido Formule dirette Formule inverse

Asfera 5 ........................................
r 5 ........................................

Asfera 5 ........................................ r 5 ........................................ .... /4




91
Guida_3_TERZI IMP.indb 91 11/09/15 14.29
3) Completa.
a) Un solido di rotazione è .................................................................................................................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) La retta intorno a cui avviene la rotazione si chiama ........................................................................... .


c) La rotazione di un trapezio isoscele attorno alla base maggiore genera .................................

.......................................................................................................................................................................................................... .  .... /3

abilità ......../40

4) Una sfera ha il raggio di 12  cm. Un piano la interseca e determina un cerchio la


cui area è 81p cm2.
a) Questo cerchio è un cerchio massimo? Giustifica la risposta. .............................................................

.......................................................................................................................................................................................................... .

b) Calcola le misure dell’area della superficie sferica e del volume;


.......................................................................................................................................................................................................... .  .... /10

5) L’area della superficie di una sfera è 2 304 p cm2.


5
Calcola la misura dell’apotema di un cono equivalente di della sfera e avente l’altezza
36
di 30  cm. ............................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .  .... /10

6) Disegna il solido che si ottiene facendo ruotare di 360° il triangolo rettangolo


attorno all’ipotenusa AB.
Calcola le misure dell’area e del volume del solido di rotazione. .
....................................................................................................................................................................................................................

40
cm
cm
30

A H 32 cm B
 .... /10

7
7) Un trapezio rettangolo ha l’area di 264 cm2, la base minore che è i della
15
base maggiore e l’altezza di 12  cm.
Calcola le misure dell’area totale e del volume del solido generato dalla rotazione com-
pleta del trapezio attorno alla base minore.
....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................. .  .... /10

92
Guida_3_TERZI IMP.indb 92 11/09/15 14.29
Verifiche
di RECUPERO

Algebra
unità 1
(1a parte) I numeri relativi ����������������������������������������������������������������������������������������������� pag. 94
unità 1
(2a parte) I numeri relativi ����������������������������������������������������������������������������������������������������������� 96
unità 2 Il calcolo letterale ������������������������������������������������������������������������������������������������������ 98
unità 3 Le equazioni ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 101
unità 4 Gli insiemi ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 103
unità 4 Relazioni e funzioni ���������������������������������������������������������������������������������������������� 106
unità 5 Cenni di geometria analitica ������������������������������������������������������������������������� 109
unità 6 Elementi di logica ���������������������������������������������������������������������������������������������������� 112
unità 7 Un secondo incontro con la statistica ���������������������������������������������������� 114
unità 8 La probabilità �������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 117

93
Guida_3_TERZI IMP.indb 93 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 1 i numeri relativi (1a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Vero o falso?
a) I numeri relativi sono i numeri preceduti dal segno 2 (meno). V F
2 1
b) I numeri + ; − 1; + 3; − appartengono all’insieme Z. V F
3 4
c) Numeri relativi che hanno lo stesso segno si dicono discordi. V F
3 4
d) I numeri − e + sono opposti. V F
4 3
e) Ogni numero relativo negativo è minore di ogni numero relativo positivo. V F

f) R2 rappresenta l’insieme dei numeri razionali negativi. V F  .... /6

2) Scrivi a quali numeri corrispondono gli insiemi elencati.


Z → insieme dei numeri .................................................................................................................................................... ;
N → insieme dei numeri .................................................................................................................................................. ;
Q1 → insieme dei numeri .................................................................................................................................................. ;
I → insieme dei numeri .................................................................................................................................................. . .... /4

abilità ......../20

3) Completa la tabella.

Numero x Valore assoluto Opposto Reciproco


del numero x del numero x del numero x

28
……………… ……………… ………………
3
+
8
 ……………… ……………… ……………… .... /6

94
Guida_3_TERZI IMP.indb 94 11/09/15 14.29
4) Risolvi.

a) +5 = ............................................................................................................................................................................................

b) −
3
= ......................................................................................................................................................................................... 
.... /2
2

5) Scrivi due numeri relativi concordi a 23.


.................................................................................................................................................................................................................... 
.... /1

5
6) Scrivi due numeri relativi discordi a + .
2
.................................................................................................................................................................................................................... 
.... /1

7
7) Scrivi l’opposto di + .
2

.................................................................................................................................................................................................................... 
.... /1

8) Scrivi due numeri relativi concordi compresi tra 29 e 11.


.................................................................................................................................................................................................................... 
.... /1

9) Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri relativi:


1 5
+
; + 2; − 1; − .
2 2

.... /4

10) Scrivi il simbolo ., ,, 5 tra le seguenti coppie:

25 ...................... 13; 14 ...................... 0;

26 ...................... 23; −
3
...................... −
5
. .... /4
4 3

95
Guida_3_TERZI IMP.indb 95 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 1 i numeri relativi (2a parte)

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../30

1) Esegui le seguenti operazioni.

a) (1 13) 2 (2 7)  5................................................................................................................................................................... ;


       

b) (2 20) 2 (1 18)  5................................................................................................................................................................ ;


       

c) (2 2) 1 (1 6) 5.................................................................................................................................................................... ;
     

 5  1
d) −  −  +  = ................................................................................................................................................................. ;
 3   4 

 5   11 
e) + − − = ;
 12   6 
..............................................................................................................................................................

 8   13 
f) −  − −  = ................................................................................................................................................................ ;
 7   21 

 2  1
g) −  + −  = ................................................................................................................................................................. ;
 3   4 

 1  1
h) +  + −  = ................................................................................................................................................................. ;
 3   4 

 16   9 
i) + ⋅ −  = ;
 3   4 
.................................................................................................................................................................

 2   15 
j) −  ⋅ − = ................................................................................................................................................................. ;
 5   14 

 8   12 
k) +  : −  = ................................................................................................................................................................. ;
 3   5 

 5
l) −  : (−45 ) = ................................................................................................................................................................. ;
 7 

 77   11 
m) − :  +  = ................................................................................................................................................................. ;
 12   6 
2
 4
n) +  = ................................................................................................................................................................. ;
 9 

96
Guida_3_TERZI IMP.indb 96 11/09/15 14.29
3
 5
o) −  = ................................................................................................................................................................. ;
 2 
2
 3
p) −  = ................................................................................................................................................................. ;
 5 
0
 2
q) −  = ................................................................................................................................................................. ;
 3 
0
 9 
r) + = ;
 14 
.................................................................................................................................................................

−3
 2
s) −  = ................................................................................................................................................................. ;
 3 

t) (1 2)25 5 .................................................................................................................................................................................... . .... /20


2) Risolvi la seguente espressione.


(2 2) 2 (1 6) ? (2 3) 2 [12 5 1 (22)2 ] 5............................................................................................................................ . .... /4

3) Risolvi la seguente espressione.


 2   9   4   5   7 2  7   2 
2
−  ⋅ −  − +  − −  − −  : +  : +  = .... /4
 3   5   3   2   3   3   5  .................................................................... 
 

4) a) Traduci in espressione.
«Nel paese di Belmi dal 1° gennaio 2009 al 30 giugno 2009 vi sono stati:
10 nascite;
8 decessi;
15 emigrazioni in altri comuni;
7 immigrazioni da altri paesi».
.............................................................................................................................................................................................................

b) Nel paese di Belmi, la popolazione è aumentata o diminuita? ..................................................... .


Di quanto? .............................................................................................................................................................................. . .... /2

97
Guida_3_TERZI IMP.indb 97 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 2 il calcolo letterale

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Vero o falso?
a) x  1 2y è un monomio. V F

b) Due monomi sono simili se hanno la stessa parte letterale. V F

c) Un binomio è un monomio che ha coefficiente uguale a 2. V F

d) Il grado di un monomio è l’esponente più alto della parte letterale. V F

e) 2xy e xy2 sono monomi opposti. V F  .... /5

2) Nel monomio 1a3x2:


a) il coefficiente è ................................................................................................................................................................... ;
b) la parte letterale è  .......................................................................................................................................................... ;
c) Il grado del monomio è ................................................................................................................................................ . .... /3

3) Completa inserendo i termini che mancano.


a) In un polinomio si possono addizionare tra loro solo i monomi ................................. .

b) Un monomio si dice intero quando ............................................ lettere con esponente


positivo al ............................................  .... /2

abilità ......../30

4) Calcola il valore della seguente espressione quando a  5  2  1 e b  5  1 2.


a  1 2b  2  a2  5 ......................................................................................................................................................................... . .... /2

98
Guida_3_TERZI IMP.indb 98 11/09/15 14.29
5) Un rettangolo ha la base di 3x e l’altezza di 2x.
a) Scrivi la formula che esprime il suo perimetro e la
sua area.
2p  5  .............................................................................................. ; 2x
A  5  .............................................................................................. .

3x

.
b) Calcola quanto sono 2p e A quando x  5 0,5 cm.
2p  5  ............................................................................ cm;
A  5  ............................................................................ cm2.
 .... /4

6) Il grado del polinomio ax3  1  a2 x2  1 5x è:


a  4;    b  3;    c  8;    d  9. .... /1

 3 
7) Dato il monomio − x 4 y 2  , scrivi:
 2 

 3 
a) un monomio simile ma non opposto a − x 4 y 2  : ............................................................................... ;
 2 

 3 
b) il monomio opposto a − x 4 y 2  : ..................................................................................................................... ;
 2 

 3 
c) il monomio reciproco di − x 4 y 2  : ............................................................................................................... . .... /3
 2 

8) Risolvi le seguenti espressioni.


a) 4x 2 3y 1 (3x 2 2x) 2 (5y 1 2x 2 y) 5 ................................................................................................................... ;
                         

. .... /4
2 1 1 3
b) a3 − c 2 + c 2 + a3 = ......................................................................................................................................
7 2 4 2

9) Risolvi le seguenti espressioni.


a) x ? (x 2 y) 2 5x ? (x 2 y) 5 ................................................................................................................................................ ;
                     

 1  1
b) ( 3x − 2y ) ⋅  2x + y  − xy = .............................................................................................................................. ;
 6  2

 5 
c) 10 − x  : 5 x = ................................................................................................................................................................ . .... /6
 3 

99
Guida_3_TERZI IMP.indb 99 11/09/15 14.29
10) Risolvi i seguenti prodotti notevoli.
a) (y  1 2a)  ? (y  2 2a)5 ................................................................................................................................................... ;
b) (2x  1  a)2  5 ........................................................................................................................................................................... ;
c) (x  2 3) (x  1 3) 2  x (x  2 1) 5 .......................................................................................................................... ;
d) (a  2 5)2  5 .............................................................................................................................................................................. . .... /8

11) Risolvi la seguente espressione.

. .... /2
2
x ( 3 x + 6 ) − 2 x ( x + 3) = ..............................................................................................................................................
3

100
Guida_3_TERZI IMP.indb 100 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 3 le equazioni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Completa inserendo i termini che mancano.


a) Una identità è una ..............................................................................................................................................................

tra due ..........................................................................................................................................................................................

verificate .................................................................................................................................................................................. .

b) Una equazione è una ........................................................................................................................................................

tra due ..........................................................................................................................................................................................

verificate .................................................................................................................................................................................. . .... /4

2) Nell’equazione 3x  5  29:


a) il 3 prende il nome di ..................................................................................................................................................... ;
b) la x prende il nome di ................................................................................................................................................... ;
c) il 29 prende il nome di ................................................................................................................................................ . .... /3

3) Vero o falso?
a) Due equazioni si dicono equivalenti quando tutte le soluzioni dell’una sono
anche soluzioni dell’altra e viceversa. V F

b) Un’equazione del tipo 0x  5  0 è un’equazione determinata. V F

c) Un’equazione del tipo 0x  5  5 ha come risultato 0 (zero). V F  .... /3

abilità ......../20

4) Esegui quanto segue.


a) Risolvi la seguente equazione.
3x  1 4 5  22 ...................................................................................................................................................................... ;
b) Verifica che la soluzione che hai trovato soddisfa l’equazione .... /2

101
Guida_3_TERZI IMP.indb 101 11/09/15 14.29
5) Risolvi le seguenti equazioni.
a) 2(x 2 3) 1 4 5 2  2   (2  2 2x)  2  x. .............................................................................................................. ;
2 1
b) x + 3 − x = 2. ........................................................................................................................................................... ;
3 6

− . ......................................................................................................................................... . .... /6
2 + 2x 1 − 2x 1
c) x − =
3 6 4

6) Risolvi i seguenti problemi con le equazioni.


a) Il triplo di un numero diminuito di 8 è uguale alla metà del numero stesso aumentato
di 7 

.......................................................................................................................................................................................................... ;
4
b) Il perimetro di un rettangolo è 42  cm. La base è i dell’altezza.
3
Calcola l’area del rettangolo. ................................................................................................................................... . .... /8

7) Vero o falso?
a) Se x2  5  1  36 allora x  5  1  6 e x  5  2 6. V F

b) Se x2  5  2  4 allora l’equazione è impossibile. V F  .... /2

8) Da ciascuna formula, scritta sotto, ricava l’incognita racchiusa nel circolino.


a) a 1 b 5 90°

.......................................................................................................................................................................................................... ;

b) E 5 m c2

.......................................................................................................................................................................................................... .
.... /2

102
Guida_3_TERZI IMP.indb 102 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 4 gli insiemi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Scrivi come si legge ciascuna scrittura.


a) A  ,  B: ....................................................................................................................................................................................... .
b) C A ..................................................................................................................................................................................................
: .
c) B  3  D: ....................................................................................................................................................................................... .
d) p (A): .......................................................................................................................................................................................... . .... /4

2) Dati gli insiemi A e B scrivi quale operazione indicano le seguenti scritture.


a) A <  B: operazione di .................................................................................................................................................... .
b) A 2  B: operazione di .................................................................................................................................................... .
c) A >  B: operazione di .................................................................................................................................................... . .... /3

3) Quando due insiemi si dicono disgiunti? ................................................................................................................. .


A che cosa è uguale la loro intersezione? ............................................................................................................. .  .... /2

4) Completa la definizione.

Dati due insiemi A e B non vuoti, si chiama prodotto cartesiano l’insieme che ha come
elementi tutte le ...................................................... in cui il primo termine è un elemento dell’insieme
...................... e il secondo termine è un elemento dell’insieme ............................................... .
.... /1

103
Guida_3_TERZI IMP.indb 103 11/09/15 14.29
abilità ......../20

5) Completa la tabella.

A e B hanno in comune... A e B ...


Insiemi nessun alcuni tutti sono non sono
elemento elementi gli elementi disgiunti disgiunti
A  5  {0; 1; 2; 3}
B  5  {0; 2}
A  5 { a; m; o ; r}
B  5 { r; o; m ; a}
A  5  {5; 6; 7}
B  5 {a; b; c}

 .... /6

6) Colora l’insieme unione di A e B.


a) A B c) A
B

b) A B

 .... /3

7) Colora l’insieme intersezione di A e B.


a) A B c) A
B

b) A B

 .... /3

8) Esegui quanto segue.


a) B c) A B
A


Colora AwB. Colora A  2  B.
 .... /2

104
Guida_3_TERZI IMP.indb 104 11/09/15 14.29
9) Dati gli insiemi A  5 {0; 1; 2} e B  5 {1; 2; 3}, scrivi la rappresentazione tabulare dei
seguenti insiemi.
a) A    B  5  ................................................................................................................................................................................ .
b) A    B  5  ................................................................................................................................................................................ .
c) A  2  B  5  ................................................................................................................................................................................ .
d) B  2  A  5  ................................................................................................................................................................................ .
e) A  3  B  5  ................................................................................................................................................................................ .
f) B  3  A  5  ................................................................................................................................................................................ . .... /6

105
Guida_3_TERZI IMP.indb 105 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 4 relazioni e funzioni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Una relazione binaria può essere rappresentata in tre modi. Scrivili.


a) .......................................................................................................................................................................................................... .
b) .......................................................................................................................................................................................................... .
c) .......................................................................................................................................................................................................... . .... /1

2) Riflessiva, antiriflessiva, simmetrica, antisimmetrica o transitiva?


Scrivilo sotto ad ogni relazione rappresentata.
a) b) c)
a a
a b b
b c


...................................................... ...................................................... ......................................................

d) e)
a b
a b

c

...................................................... ...................................................... 
.... /5

3) Equivalenza, ordine largo o ordine stretto?


Una relazione che possiede le proprietà riflessiva, simmetrica e transitiva è una relazione di
................................................................................................................................................................................................................. . .... /1

106
Guida_3_TERZI IMP.indb 106 11/09/15 14.29
4) Metti una crocetta.
a) b)

a   È una funzione; a   È una funzione;


b   non è una funzione. b   non è una funzione.
.... /2

5) Completa la rappresentazione sagittale in modo che la funzione sia una corri-


spondenza biunivoca.

 .... /1

abilità ......../10

6) Dati gli insiemi X  5  {Flavio; Alessia; Andrea; Rita; Sara} e Y  5  {1952; 1980; 1958;
1975}, rappresenta la relazione R: «x è nato nello stesso anno di y» con la rap-
presentazione sagittale, sapendo che Flavio è nato nel 1952, Alessia e Andrea
nel 1980, Rita nel 1958 e Sara nel 1975.

 .... /1

7) La relazione inversa della relazione 5 dell’esercizio precedente è:

a   52 : «y è nato nello stesso anno di x»;

b   52 : «x non è nato nello stesso anno di y»;

c   52 : «y è l’anno in cui è nato x»


.... /1

107
Guida_3_TERZI IMP.indb 107 11/09/15 14.29
8) Prendi in esame i seguenti insiemi.
X Y

abbaia
cane
miagola
gatto
pigola
pulcino

a) Metti le frecce che rappresentano la relazione 5: «x fa il verso di y».


b) Aggiungi le frecce che rappresentano la relazione inversa 52: «y è il verso di x».
c) Si tratta di una corrispondenza univoca o biunivoca? ............................................................................. 
.... /2

9) Segna la risposta esatta.

Nell’insieme A  5  {34; 14; 18; 59; 38; 74}:

a) quali proprietà ha la relazione 5: «............. finisce con la stessa cifra di .............»?

a  Riflessiva;

b  antiriflessiva;

c  simmetrica;

d  antisimmetrica;

e  transitiva.

b) 5 è una relazione di:

f  equivalenza;

g   ordine largo;

h   ordine stretto.
.... /4

10) Nell’insieme delle vocali V  5 {a; e; i; o; u}, che tipo di relazione è 5: «............. viene prima
nell’alfabeto di .............»?

a   Di equivalenza;

b   di ordine largo;

c   di ordine stretto;

d   nessuna delle tre.


.... /2

108
Guida_3_TERZI IMP.indb 108 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 5 cenni di geometria analitica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Collega ogni equazione alla figura corrispondente.


y 5 kx retta non passante per l’origine
y 5 kx 1 q retta passante per l’origine
y 5 0 retta parallela all’asse x
x 5 0 asse delle ordinate
y 5 a asse delle ascisse
x 5 b retta parallela all’asse y
k
y = parabola
x
y 5 kx2 iperbole .... /8

2) Vero o falso?
2 2
a) AB = x A + xB − x A + xB . V F

x A − xB y − yB
b) x M = ; yM = A . V F  .... /2
2 2

109
Guida_3_TERZI IMP.indb 109 11/09/15 14.29
abilità ......../20
3) Osserva il piano cartesiano in figura e stabilisci la correttezza delle seguenti
affermazioni.
a) L’asse delle y si chiama asse delle ascisse. V F

b) 23 è l’ordinata del punto B. V F

c) L’ascissa e l’ordinata di A sono entrambe negative. V F

d) B è un punto del primo quadrante. V F

e) Il punto D ha coordinate (13 ; 12). V F

f) Il punto C ha coordinate (25 ; 21). V F

g) Il punto E ha coordinate (23 ; 12). V F

h) Il punto F ha coordinate (15 ; 14). V F


2
i) La retta che passa per il punto G ha equazione y = x. V F
5

5
4
E D
3
B G
2
1

 5  4  3  2 1 1 2 3 4 5 x
1
2
A
3
F
4
C
5

 .... /9

4) In un piano cartesiano, rappresenta i punti A(24 ; 22) e B(12 ; 16).

110
Guida_3_TERZI IMP.indb 110 11/09/15 14.29
a) Calcola la distanza tra i punti A e B. .................................................................................................................. .
b) Calcola le coordinate del punto medio di AB. ............................................................................................ .
c) Nello stesso piano cartesiano, rappresenta la retta r di equazione y 52 2x.
d) Scrivi l’equazione della retta s parallela alla retta r avente q 5 3. ............................................. .
e) Scrivi l’equazione della retta t perpendicolare alla retta r e passante per l’origine degli

assi ................................................................................................................................................................................................ .
f) Rappresenta la retta t. .... /7

5) Completa e fai la rappresentazione.


2
a) y = è l’equazione di una .................................................................................................................................... .
x
b) y 5 3x2 è l’equazione di una ..................................................................................................................................  .

4
c) Rappresenta y = + e y = 2x 2 nel piano cartesiano assegnato.
x


 .... /4

111
Guida_3_TERZI IMP.indb 111 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 6 elementi di logica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Completa inserendo il termine che manca.


In matematica, ogni frase per cui si possa stabilire con certezza se è vera oppure falsa
prende il nome di ....................................................................................................................................................................  .
.... /1

2) Metti una crocetta sui connettivi logici.

a  Tutto;

b  e;

c  oppure;

d   o... o;

e  non;

f  se;

g   se... allora.
.... /1

3) Completa.
a) Il connettivo logico della congiunzione è ............... e il suo simbolo è ............... .

b) Il connettivo logico della disgiunzione esclusiva è ....................................... e il suo simbolo è


................ .

c) Il connettivo logico della disgiunzione inclusiva è ............... e il suo simbolo è ............... .


.... /6

4) Metti una crocetta sulla risposta giusta.


a) La proposizione p e q si legge: b) La proposizione p  ↔  q si legge:

a   p e q; a   p implica q;

b   p vel q;
b   p oppure q;

c   p aut q; c   p coimplica q.
.... /2
d  se p allora q.

112
Guida_3_TERZI IMP.indb 112 11/09/15 14.29
abilità ......../10

5) Scrivi il valore di verità delle seguenti proposizioni.


a) Il delfino è un pesce. V F

b) Asti si trova in Piemonte. V F

c) Venere è una stella. V F  .... /3

6) Metti una crocetta sulle frasi che sono proposizioni in matematica.

a   La lepre è veloce.

b   La lepre è un mammifero.

c   Il trapezio ha tre lati.


.... /1

7) Data la proposizione «p  5  il triangolo isoscele ha tre lati uguali», scrivi la pro-
posizione p.
p5 ......................................................................................................................................................................................................... .
.... /1

8) Date le proposizioni:
«p  5  Claudio ha 11 anni»
«q  5  Claudio frequenta la 1a media»
scrivi le proposizioni:
a) p  ∨  q  5 ................................................................................................................................................................................... .
b) p  ∧  q  5 ................................................................................................................................................................................... .
c) p  →  q  5 ................................................................................................................................................................................. . .... /3

9) Metti una crocetta sulla risposta esatta.


p  ∧  q è vera quando:

a   p e q sono entrambe vere;

b   p è vera e q è falsa;

c   p è falsa e q è vera;
d   p e q sono entrambe false
.... /1

10) Metti una crocetta sulla risposta esatta.

.   q è vera quando:
p  ∨

a   p e q sono entrambe vere;

b   p e q sono entrambe false;

c   una è vera e l’altra è falsa.


.... /1

113
Guida_3_TERZI IMP.indb 113 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
 secondo incontro
unità 7 un
di recupero con la statistica

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Scrivi accanto il nome di ciò che si ottiene.


a) 2° estremo di una classe  2  1° estremo della stessa classe  5  ........................................................ .
b) Dato con valore massimo  2  dato con valore minimo 5 ................................................................... .
Frequenza
c) =   ........................................................................................................................................................ .
Ampiezza classe
d) Valore del dato  2  valore della media  5  ..................................................................................................... . .... /4

2) In quale dei seguenti istogrammi hai una distribuzione normale? Segnalo con
una crocetta.

a b c

 .... /1

114
Guida_3_TERZI IMP.indb 114 11/09/15 14.29
3) In quale delle seguenti curve di Gauss gli indici di dispersione sono piccoli? Segnala con
una crocetta.

a b c

 .... /1

4) Collega con una freccia.

Variabile quantitativa discreta I dati sono rilevati con un conteggio

Variabile quantitativa continua I dati sono rilevati con una misurazione

Scarto semplice, scarto medio,


Indici di posizione
scarto quadratico medio

Indici di dispersione Media, moda, mediana  .... /4

abilità ......../10

5) Osserva il seguente istogramma, poi rispondi alle domande.


a) Qual è la classe di peso più
frequente?
1,5
................................................................... .

b) Quanto vale la sua densità di


frequenza?
densità di frequenza

................................................................... .

1 c) Quant’è l’ampiezza di tale


classe?
................................................................... .

d) Quant’è la frequenza di tale


classe?
0,5
................................................................... .

e) Quanti sono gli intervistati


che pesano almeno 155  kg?
................................................................... .

f) Quanti sono tutti gli intervi-


O 135 145 155 165 175 stati?
pesi (kg)
................................................................... .
 .... /6

115
Guida_3_TERZI IMP.indb 115 11/09/15 14.29
6) In un’indagine statistica sono stati raccolti i seguenti dati:

x1 x2 x3 x4 x5

14 20 6 12 18

a) Calcola il valore della media: ................................................................................................................................... .

b) Trova lo scarto semplice di ogni dato dalla media. Aiutati con la seguente tabella:

Dato Media Scarto semplice

14 .............................. ..............................

20 .............................. ..............................

6 .............................. ..............................

12 .............................. ..............................

18 .............................. ..............................

 .... /4

116
Guida_3_TERZI IMP.indb 116 11/09/15 14.29
Verifica Algebra
di recupero unità 8 la probabilità

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Crocetta la risposta giusta.


La teoria della probabilità studia:

a   eventi che non si verificano mai;

b   eventi che si verificano sempre;

c   eventi che potrebbero verificarsi.


.... /1

2) Vero o falso?
La probabilità ha valore compreso tra zero e uno. V F  .... /1

3) Crocetta la risposta giusta.


a) La probabilità di un evento certo è:
a   0; b   1; c   minore di 1.

b) Un evento impossibile ha probabilità:

a   0; b   1; c   tra 0 e 1.

c) La probabilità di un evento E è uguale a (f 5 casi favorevoli; n 5 casi possibili):


f n
a   p (E ) = ; c   p (E ) = ;
n f

b   p (E)  5  f  ?  n; d   p (E)  5  n  2  f.

d) Due eventi si dicono equiprobabili quando:

a   hanno la stessa probabilità di verificarsi;


b   non hanno la stessa probabilità di verificarsi.

e) La probabilità classica si calcola quando:

a   gli eventi sono equiprobabili;


.... /5
b   gli eventi non sono equiprobabili

117
Guida_3_TERZI IMP.indb 117 11/09/15 14.29
4) Stabilisci se gli eventi A e B scritti sotto sono compatibili C , incompatibili I ,
dipendenti D , indipendenti ID .
a) Nel lancio di un dado: C I D ID
A  5  «esce il 3 al primo lancio»;
B  5  «esce un numero dispari al secondo lancio».

b) Nell’estrazione della tombola: C I D ID


A  5  «esce il 28 alla prima estrazione»;
B  5  «esce un numero pari alla seconda estrazione».

c) Nel lancio contemporaneo di due dadi: C I D ID


A  5  «esce il numero 6 sul primo dado»;
B  5  «esce il numero 5 sul secondo dado». .... /3

abilità ......../10

5) Nell’estrazione di un numero della tombola, la probabilità che esca un numero


divisibile per 9 è:
1
a   ;
9

1
b   ;
90

c  
1
.  .... /2
2

6) Da un mazzo di 52 carte viene estratta una carta.

Calcola la probabilità di estrarre una figura. ......................................................................................................... 


.... /2

7) Si estrae una carta da un mazzo di 52 carte e, dopo averla inserita, si estrae una
seconda carta.
Calcola la probabilità di estrarre per prima una carta di cuori e per seconda una carta di
denari

.................................................................................................................................................................................................................... 
.... /2

8) Da un sacchetto contenente i seguenti gettoni:

viene estratto un gettone e, senza rimetterlo nel sacchetto, un altro gettone.

Calcola la probabilità di estrarre due ..................................................................................................... 


.... /2

118
Guida_3_TERZI IMP.indb 118 11/09/15 14.29
9) Un uomo con gli occhi azzurri (a; a) sposa una donna con gli occhi castani (A; a).
Calcola la probabilità che dal loro matrimonio nasca un figlio con gli occhi azzurri, dopo

aver compilato una tabella a doppia entrata ........................................................................................................

a a

A ……………… ………………

a ……………… ………………
 .... /2

119
Guida_3_TERZI IMP.indb 119 11/09/15 14.29
Verifiche
di RECUPERO

Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza della circonferenza
e la misura dell’area del cerchio ������������������������������������������������������ pag. 121
unità 2 La geometria nello spazio ������������������������������������������������������������������������������� 123
unità 3 I prismi ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 126
unità 4 Le piramidi �������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 128
unità 5 I poliedri regolari ���������������������������������������������������������������������������������������������������� 130
unità 6 I cilindri ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 131
unità 7 I coni ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� 133
unità 8 Sfera e altri solidi di rotazione �������������������������������������������������������������������� 135

120
Guida_3_TERZI IMP.indb 120 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
unità 1 la misura della lunghezza della
di recupero circonferenza e la misura
dell’area del cerchio

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10

1) Vero o falso?
a) C 5 p ? r.
       
V F

C V F
b) p =
2r

c) Acerchio 5 2 ? r ? p.
           
V F

A V F
d) r = .
r
C
e) r = . V F  .... /5
p

2) Scrivi la proporzione che lega a° (l’angolo al centro),  (l’arco corrispondente), C


(la circonferenza):

..................... : ..................... 5 ..................... : .....................  .... /2

3) Scrivi come puoi trovare As (area del settore), conoscendo  (l’arco) ed r


(il raggio della circonferenza), poi ricava le formule inverse.



As

r


 .... /3

121
Guida_3_TERZI IMP.indb 121 11/09/15 14.29
abilità ......../20

4) Disegna una circonferenza avente il raggio di 2 cm.  

Calcola le misure della lunghezza della circonferenza e dell’area del cerchio.


....................................................................................................................................................................................................................  .... /5

5) Una circonferenza è lunga 40p cm.  

Calcola la misura dell’area del cerchio. .......................................................................................................................  .... /5

6) Un cerchio ha l’area di 36p cm2.


Calcola la misura della lunghezza della circonferenza che lo delimita. ............................................  .... /5

7) In una circonferenza avente il diametro di 36  cm, un angolo al centro a insiste


su di un arco di 4p cm.
a) Calcola la misura della lunghezza della circonferenza. ......................................................................  .

b) Calcola la misura dell’angolo al centro a. .....................................................................................................  .

c) Calcola la misura dell’area del settore circolare che corrisponde all’angolo al centro a.
.............................................................................................................................................................................................................  .... /5

122
Guida_3_TERZI IMP.indb 122 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 2 la geometria nello spazio

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10
1) Vero o falso?
a) Il solido geometrico è una figura geometrica con 2 dimensioni. V F

b) Il diedro è un angolo solido. V F

c) Due piani incidenti sono retti. V F

d) Due piani retti sono incidenti. V F

e) Una retta perpendicolare al piano è perpendicolare a tutte le rette del piano. V F

f) La sezione normale di un diedro è un angolo. V F  .... /6

2) Completa le definizioni.
a) Un solido limitato da superfici in parte piane e curve oppure solo curve si chiama
.............................................................................................................................................................................................................

b) Un solido limitato da poligoni appartenenti a piani diversi e disposti in modo tale che
ogni lato sia comune a due di essi si chiama ..........................................................................................................  .... /2

3) Vero o falso?
a) L’insieme di tutte le superfici che delimitano il solido si chiama volume. V F

b) ps ? P 5 V.
       
V F  .... /2

abilità ......../20
4) Di quale tipo di diedro si tratta?

a) b) c)
a

b a b

b a


a  Acuto; a  Acuto; a  Acuto;
b  retto; b  retto; b  retto;
c  ottuso;
c  ottuso;
c  ottuso;
d  piatto. d  piatto. d  piatto. .... /3

123
Guida_3_TERZI IMP.indb 123 11/09/15 14.29
5) Traccia in rosso la distanza tra i piani a e b

 .... /2

6) Poliedro o solido rotondo? Scrivilo sotto a ogni figura.


a)
..................................... b)
..................................... c) ..................................... d)
.....................................

 .... /4

7) Poliedro concavo o convesso?


a)
..................................... b)
.....................................

 .... /2

8) Osserva i solidi, poi completa.

1 cm 3

a) b) c) d)

a) I solidi equivalenti sono ..............................................................................................................................................  .

b) Completa la tabella.

Volume solido
a b c d

....................... ....................... ....................... .......................


 .... /6

124
Guida_3_TERZI IMP.indb 124 11/09/15 14.29
9) Un oggetto immerso nell’acqua determina l’innalzamento dell’acqua di 0,2 litri.
a) Il volume dell’oggetto è ............................................. dm3, cioè ............................................. cm3.

b) Se l’oggetto pesa 300 g, quant’è il suo peso specifico? ..........................................................................  .... /3

125
Guida_3_TERZI IMP.indb 125 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 3 i prismi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../13
1) Vero o falso?
a) Un prisma retto ha come facce laterali dei rettangoli. V F

b) I poligoni di base di un prisma sono sempre dei quadrati. V F

c) Un prisma triangolare regolare ha le facce tutte uguali. V F

d) Un prisma che ha tutte le facce rettangolari è un parallelepipedo rettangolo. V F

e) Il cubo è un parallelepipedo rettangolo. V F

f ) Il parallelepipedo rettangolo non è un prisma.. V F  .... /6

2) Completa le formule.
a) Prisma b) Cubo
A  5 ............................ A  5 ............................
At  5 ............................ At  5 ............................
V  5 ............................ V  5 ............................

diagonale  5  ............................
 .... /7

abilità ......../20

3) Un prisma retto ha l’altezza di 63  cm e per basi due trapezi isosceli. Calcola la
misura dell’area laterale, dell’area totale e del volume del prisma, sapendo che
le basi e l’altezza del trapezio misurano rispettivamente 53  cm, 21  cm e 30  cm.

...........................................................................................................

...........................................................................................................

...........................................................................................................
63 cm

21 cm
...........................................................................................................
30 cm

...........................................................................................................

...........................................................................................................
53 cm
...........................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................  .... /10

126
Guida_3_TERZI IMP.indb 126 11/09/15 14.29
4) Calcola le misure dell’area laterale, dell’area totale e del volume di un paralle-
lepipedo rettangolo che ha le dimensioni di base di 2  cm e 3  cm e l’altezza di
1 cm.

.......................................................................................................................................

m
3c
1 cm

2 cm  .... /3

5) Calcola le misure dell’altezza e del volume di un parallelepipedo rettangolo che


ha l’area totale di 468  cm2 e le dimensioni di base che misurano rispettivamen-
te 6  cm e 9  cm.

....................................................................................................................................................................................................................

 .... /4

6) Completa la tabella.

s Ab A At V
dm dm2 dm2 dm2 dm3

Cubo 1 3 ..................... ..................... ..................... .....................

Cubo 2 ..................... 4 ..................... ..................... .....................

Cubo 3 ..................... ..................... ..................... ..................... 125



 .... /3

127
Guida_3_TERZI IMP.indb 127 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 4 le piramidi

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../11
1) Scrivi i nomi degli elementi da cui partono le frecce.

e ) .......................................................
V

a ) .......................................................
b ) .......................................................

d ) ........................................
D C

O H
c ) ...........................................
A B
 .... /5

2) Scegli con una crocetta le risposte esatte.


a) La formula per calcolare l’area laterale della piramide è:
2p ⋅ a
a   A 5 2p ? h;         c   A = ;
2
2p ⋅ h
b   A 5 2p ? a;         d   A = .
2

b) La formula per calcolare il volume della piramide è:


Ab ⋅ a Ab ⋅ h
a   V = ; c  V = ;
3 3
Ab ⋅ h .... /2
b   V = ; d   V  5  Ab  ?  h.
2

3) Nella piramide...

a) conosci A e 2p. Scrivi la formula per trovare l’apotema della piramide:

a 5 ............................................................................
   

b) conosci V e h. Scrivi la formula per trovare Ab:

Ab 5 ............................................................................
   

128
Guida_3_TERZI IMP.indb 128 11/09/15 14.29
c) conosci At e A. Scrivi la formula per trovare A:

A 5 ............................................................................
   

d) conosci A e Ab. Scrivi la formula per trovare At:

At 5 ............................................................................
    .... /4

abilità ......../20

4) Risolvi il problema.

V
Dati Incognite
D C hpir 5 VO 5 70 cm
        A 5 .................................
   

OH 5 24 cm At 5 .................................
70 cm

       

H V 5 .................................
O 24 cm    

D C

O 24 cm H A B
A B
 .... /10

5) Una piramide quadrangolare regolare ha il perimetro di base di 96  cm e l’area


laterale di 1776  cm2. Calcola la misura dell’altezza della piramide.
....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

129
Guida_3_TERZI IMP.indb 129 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 5 i poliedri regolari

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../5
1) Rispondi alle domande.

a) Quanti sono i poliedri regolari? ............................................................................................................................  .

b) Scrivi il loro nome: ...............................................................................................................................................................

.........................................................................................................................................................................................................  . .... /2

2) Vero o falso?
a) Il tetraedro ha come facce 4 quadrati. V F

b) Le facce di un dodecaedro sono pentagoni regolari. V F

c) L’esaedro regolare ha per facce 6 esagoni regolari. V F  .... /3

abilità ......../10

3) Un tetraedro regolare ha l’area di una faccia uguale a 8  cm2.

Quant’è l’area totale di tutto il solido?


................................................................................................................................................................................................................  . .... /10

130
Guida_3_TERZI IMP.indb 130 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 6 i cilindri

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../7
1) Vero o falso?
Il volume di un cilindro si può calcolare conoscendo l’altezza e il raggio.
a) V F

b) In un cilindro l’altezza è sempre maggiore del raggio. V F

c) In un cilindro equilatero raggio e altezza sono uguali. V F

d) Il cilindro è un solido di rotazione V F  .... /4

2) Completa le formule.
Cilindro
A 5 ..........................................................

At 5   ..........................................................

V 5   ........................................................... .... /3

abilità ......../10

3) In un cilindro l’altezza misura 15  cm e la circonferenza di base è lunga 10 p cm.


Calcola le misure dell’area laterale, dell’area totale e del volume.
O r A
C  5 10p cm
OO  5 15 cm
15 cm

O r
h A

.........................................................................................................................

.........................................................................................................................

 .... /5

131
Guida_3_TERZI IMP.indb 131 11/09/15 14.29
4) Un cilindro ha l’area laterale di 360 p cm2.
Calcola la misura del volume sapendo che l’altezza del cilindro è 15  cm.
....................................................................................................................................................................................................................

 .... /5

132
Guida_3_TERZI IMP.indb 132 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 7 i coni

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../9
1) Scrivi i nomi degli elementi da cui partono le frecce.
V
b ) .............................................
a ) .........................................

O H
c ) .....................................  .... /3

2) Completa le formule.

Al cono  5 ......................         At cono  5 ......................         Vcono  5 ........................... .... /3

3) Nel cono conosci A e a.


Scrivi come puoi trovare r ed h:
a
h
a) r  5  ...........................................

b) h  5 ........................................... r
 .... /2

4) Un cono che ha l’apotema uguale al diametro è un cono ............................................................. .... /1

abilità ......../15

5) Risolvi il problema.

V
Dati Incognite
r  5  AO  5 20 cm V  5  .................................
h  5  VO  5 21 cm
 .... /5
O A

133
Guida_3_TERZI IMP.indb 133 11/09/15 14.29
6) Un cono ha l’apotema di 10 cm e il raggio di 6 cm.
Calcola le misure dell’area totale e del volume della piramide.

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

7) Calcola la misura del raggio di un cono che ha la superficie laterale di 240 p cm
e l’apotema di 20  cm.

....................................................................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

134
Guida_3_TERZI IMP.indb 134 11/09/15 14.29
Verifica Geometria 3
di recupero unità 8 sfera e altri solidi di rotazione

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

CONOSCENZE........................ ABILITÀ................................... GLOBALE................................

CONOSCENZE ......../10
1) Metti una crocetta sulla risposta esatta.
a) La sfera è il solido che si ottiene dalla rotazione completa:
a   di un semicerchio attorno al suo raggio;
b   di un cerchio attorno al suo diametro;
c   di un semicerchio attorno al suo diametro;
d   di una semicirconferenza attorno al suo diametro.

b) Il volume della sfera è uguale a:


3 4 3 4
a   p ⋅ r 3 ;     b   p ⋅ r 3 ;     c   p ⋅ r 2 ;     d   p ⋅ r 2.
4 3 4 3

c) L’area della superficie di una sfera di raggio r è uguale a:


a  4pr2    b  4r2;    c  4rp2;    d   pr2. .... /3

2) Completa le seguenti formule inverse.


a) Data Asfera trova r: b) Dato Vsfera trova r:

r  5  ........................................................... . r  5  ......................................................... . .... /2

3) Qual è la risposta esatta?


Sceglila con una crocetta.
a) La rotazione di 360° di un trapezio isoscele intorno alla base minore determina:
a   un solido somma di un cilindro e due coni uguali;
b   due coni;
c   un solido differenza di un cilindro e due coni uguali;
d   un cilindro.

135
Guida_3_TERZI IMP.indb 135 11/09/15 14.29
b) Se un triangolo rettangolo compie una rotazione completa attorno all’ipotenusa si
ottiene:
a   un cilindro;
b   due coni aventi la base in comune;
c   un cono;
d   un cilindro e un cono sovrapposti.

c) La rotazione di 360° di un triangolo isoscele intorno alla base determina:


a   un cono;
b   due coni con il vertice in comune;
c   un cilindro;
d   due coni con la base in comune.

d) La rotazione di 360° di un trapezio rettangolo attorno alla base maggiore determina:


a   un cilindro;
b   un solido somma di un cilindro e un cono;
c   un solido differenza di un cilindro e un cono;
d   un cono equilatero.

e) Un cilindro equilatero è generato dalla rotazione di 360° di:


a   un triangolo equilatero attorno a uno dei suoi lati;
b   un quadrato attorno a uno dei suoi lati;
c   un rettangolo, che abbia base doppia dell’altezza, intorno all’altezza;
d   un rettangolo, che abbia altezza doppia della base, intorno all’altezza. .... /5

abilità ......../20

4) Una sfera ha il raggio di 6 cm. Calcola le misure della sua area e del suo volume.

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /5

5) Una sfera di legno (ps 5 0,5 g/cm3) ha l’area di 2 916p cm3.      

Calcola la misura del suo volume e quanto pesa.

.................................................................................................................................................................................................................. . .... /10

136
Guida_3_TERZI IMP.indb 136 11/09/15 14.29
6) Disegna i solidi di rotazione che ottieni facendo ruotare di 360° le seguenti
figure attorno alla retta r.

r r
a) b) c)

 .... /3

7) cono 1 cono 2

cilindro

Sai che:

Al cono 1  5 24p cm2 Vcono 1  5 21p cm3


Abase  5 9p cm2 Vcono 2  5 15p cm3
Al cono 2  5 15p cm2 Vcilindro  5 18p cm3
Al cilindro  5 12p cm2

a) Quant’è la misura dell’area di tutto il solido?

........................................................................................................................................................................................................... .

b) Quant’è la misura del volume di tutto il solido?

........................................................................................................................................................................................................... . .... /2

137
Guida_3_TERZI IMP.indb 137 11/09/15 14.29
Verifiche
di fine unità

Algebra
unità 1 I numeri relativi (1ª parte) � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � pag. 139
unità 1 I numeri relativi (2ª parte)  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 141
unità 2 Il calcolo letterale � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 143
unità 3 Le equazioni  � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 145
unità 5 Cenni di geometria analitica � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 147
unità 8 La probabilità  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 150

138 
Guida_3_TERZI IMP.indb 138 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 1 I numeri relativi (1a parte)

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Metti una crocetta sui numeri relativi.

3 .... /1
A 0,5 B 25 C 8 D − E + 2 F 1,2
4
t° C

2) Trasforma in numeri relativi

0
0 1500 m
........................ ........................

0 .... /1


3) 
L’insieme dei numeri INTERI RELATIVI si indica con la lettera

................................... (scrivilo tu!) .... /1

4) Vero o falso?
2 2
a) − 3 = 3  V F

b) −3 = + 3  V F

 .... /1

1
5) Rappresenta sulla retta +2 − –3
2

0 1

 .... /3

 139
Guida_3_TERZI IMP.indb 139 11/09/15 14.29
6) CONCORDI (C) o DISCORDI (D)?

12 e 23 C      D

1
− e 28 C      D
4

17 e 10,3 C      D
 .... /1

7) Crocetta i numeri OPPOSTI


1 1
A 12 e 23 B 26 e − C 24 e 14 D 26 e −
6 5
 .... /1

8) Scrivi , 5 ..
1
a)
23 ........... 22 . . . . . . . . . . . +
25 b) c) 0 ........... 24
2
 .... /1

140 
Guida_3_TERZI IMP.indb 140 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 1 I numeri relativi (2a parte)

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Esegui le operazioni
a)
13 2 5 5 ..................

1

b) 2 2 5 ..................
2

c)
210 1 12 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

3 1
+ −  5
d) .................. .... /4
2 6

2) Calcola il risultato

a) (23) 2 (12) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
b) (11) 2 (26) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
c) (22) 1 (24) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 .... /3

3) Calcola il risultato

a) (21) ? (12) 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) (12) ? (18) 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 1   2   5  2
c) − ⋅−   5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 2   3  d) + ⋅−   5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 2  5
 .... /4

 141
Guida_3_TERZI IMP.indb 141 11/09/15 14.29
4) Qual è il risultato?

a) (28) : (14) 5 A 22 B 12

 5 
  :(+1) 5 5 5
b) − A − B + C 11
 8  8 8

c) (26) : (23) 5 A 22 B 12 C 23

 3 4 3 3
( 1) :+ 4   5
d) − A −
3
B −
4
C +
4
 

 .... /4

5) Qual è il risultato?
a) (23)2 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . . (14)2 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2 2
 2   3 
+   5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .
b) −   5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 5   2 
 .... /4

 3   8    3 2
6) +  ⋅ −  + 20 : (−5) : −  =   . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 
 4   3    2 
 .... /1

142 
Guida_3_TERZI IMP.indb 142 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 2 Il calcolo letterale

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Calcola il valore dell’espressione letterale


(a 22b)         quando         a 5 22         e         b 5 11

..................................................................................................  .... /2

2) Colora di giallo il COEFFICIENTE e di azzurro la PARTE LETTERALE


3
−   ?  a2b
8
 .... /1

3) Crocetta i MONOMI SIMILI a 


(22x2y):
1
A 13xy2 B 22xy C + x2 y D 29x2y
2
 .... /1

4) Crocetta il MONOMIO OPPOSTO di (12x3):

1
A + x3 B 22x3 C 22x23 D 1x3 ? 2
2
 .... /1

5) Esegui le seguenti operazioni:

1
− 2a + 3a − a+ b− b=
2

.............................................................. .... /2

 143
Guida_3_TERZI IMP.indb 143 11/09/15 14.29
6) Calcola il risultato.
 3 
+2a ⋅ − a2 b =
a) 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 2 

b)
2x2y ? (2x2y3) 5  . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 .... /2
7) Calcola il risultato.
 4 3  4 2
+ x  :− x  =5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
a)  3   9 

b) (25x3) : (25x) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 .... /2

2
 2 
8) Qual è il risultato di − x3 ?
 3 

4 4 4 4
A − x6 B − x5 C + x5 D + x6
9 9 6 9
 .... /1

9) Scrivi il risultato.
2
 1 
a) (2a2)5 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . b) + x2 y 4 = ..................
 5 
 .... /2

10) Esegui la seguente moltiplicazione.

 1 
−2a ⋅ a2 − b =
a) ...........................
 4 

b) (x 2 2y)  (x 1 2y) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 .... /2

11) Risolvi la seguente espressione.

1 3  3 
2x + (− 2x) 2 − x (x + 2) − x3 : − x + ( 1 + x) ( 1 − x) = .............................................
2 8  4 
 .... /4

144 
Guida_3_TERZI IMP.indb 144 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 3 Le equazioni

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Metti una crocetta sulle equazioni.


x +2
A x 1 2 5 0 B 3 ? (x 2 1) C =x D 3 1 2 5 5
3
 .... /1

2) Crocetta la risposta giusta.

3  x  5  6

incognita incognita
coefficiente coefficiente
termine noto termine noto
 .... /1

3) Risolvi.

a) 3x 1 5 5 1 2x 2 1
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

b) 6x 5 112
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

c) 2 4x 5 18
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

d) 1 4x 2 3 5 17 2 x
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 145
Guida_3_TERZI IMP.indb 145 11/09/15 14.29
e) 1 2 ? (x 1 1) 5 2 ? (1 2 x)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 .... /5

4) DETERMINATA, INDETERMINATA, IMPOSSIBILE?


a) 3x 5 19 è:
A determinata B indeterminata C impossibile

b) 0x 5 0 è:
A determinata B indeterminata C impossibile

c) 0x 5 8 è:
A determinata B indeterminata C impossibile

 .... /1

5) Risolvi la seguente equazione:

3 5 1
x + = 2x −
2 4 8
 .... /2

146 
Guida_3_TERZI IMP.indb 146 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 5 Cenni di geometria analitica

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Sai che A (–3; +2) e B (+1; –1):

1) Scrivi i valori delle coordinate richieste:


– ascissa di B 5 xB 5 ................................ ;
– ordinata di B 5 yB 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ;
– ascissa di A 5 xA 5 ................................ ;
– ordinata di A 5 yA 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ;

2) Rappresenta i punti A(23; 12) e B(11; 21) sul piano cartesiano.

3) Il segmento AB è:
A sull’asse x; B parallelo all’asse x; C sull’asse y;
D parallelo all’asse y; E obliquo.

4) Calcola la distanza tra A e B: sostituisci i valori numerici corrispondenti


nella formula, poi esegui i calcoli:

2 2
AB 5 ( x A − xB ) + ( y A − y B ) ;

AB 5 ................ − ( ................ ) 2 + ................ − ( ................ ) 2


   

5= ..............................................................
=

5= ............................ = ........... = ..............

 .... /4

 147
Guida_3_TERZI IMP.indb 147 11/09/15 14.29
2) 
Disegna il quadrilatero che ha vertici nei punti A (–2; –2),

B (+4; –2), C (+4; +2), D (–2; +2).


a) Calcola la misura del perimetro.

0 1 x

 .... /3

3) Sai che A (–3; –5) e B (+3; +3).


y
a) Disegna il segmento
b) Trova le coordinate del punto
medio

M (. . . . . . . . . . . . . . . ; . . . . . . . . . . . . . . .) x

 .... /3

4) Completa la tabella e fai il grafico di y 5 3x

x y

1 ...........

2 ...........

21 ...........

22 ...........

 .... /4

148 
Guida_3_TERZI IMP.indb 148 11/09/15 14.29
5) 
Crocetta le equazioni delle RETTE NON PASSANTI PER L’ORIGINE
DEGLI ASSI.
1
A y =− x B y 5 2x 1 2 C y 5 12x 2 1 D y 5 8x
2
 .... /2

6) Fai il grafico di y 5 2x 1 1

x y

0 ...........

1 ...........

2 ...........

21 ...........

22 ...........

 .... /4

 149
Guida_3_TERZI IMP.indb 149 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
fine unità unità 8 La probabilità

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Qual è la probabilità di estrarre una pallina rossa?

1 2 3

casi possibili 5 .................. casi possibili 5 .................. casi possibili 5 ..................

casi favorevoli 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . casi favorevoli 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . casi favorevoli 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

probabilità 5 .................. probabilità 5 .................. probabilità 5 ..................

 .... /9

2) In quale dei sacchetti 1 2 3 dell’esercizio 1 hai più probabilità


di pescare una pallina NERA?

A nel sacchetto 1 B nel sacchetto 2 C nel sacchetto 3

 .... /9

150 
Guida_3_TERZI IMP.indb 150 11/09/15 14.29
2) Quale probabilità ha Francesco di pescare un 4?

FRANCESCO FRANCESCO

Risposta: . . . . . . . . . . . . . . . . . . Risposta: ..................

 .... /2

 151
Guida_3_TERZI IMP.indb 151 11/09/15 14.29
Verifiche
di fine unità

Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza della circonferenza
e la misura dell’area del cerchio � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � pag. 153
unità 2 La geometria nello spazio  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 155
unità 3 I prismi � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 158
unità 4 Le piramidi � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 160
unità 6 I cilindri � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 162
unità 7 I coni � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 163
unità 8 La sfera  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 165

152 
Guida_3_TERZI IMP.indb 152 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza
fine unità della circonferenza e la misura
dell’area del cerchio

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../30

1) Collega ogni figura con il proprio nome (usa il righello).

SETTORE CORONA
CIRCONFERENZA CERCHIO ARCO
CIRCOLARE CIRCOLARE

.... /5

2) Completa la tabella. Lascia indicato p .

C
r d A
lunghezza
raggio diametro area cerchio
circonferenza
(cm) (cm) (cm2)
(cm)
2 .................. .................. p .................. p

.................. 8 .................. ..................

.................. .................. 12 p ..................

.................. .................. .................. 100 p

 .... /12

 153
Guida_3_TERZI IMP.indb 153 11/09/15 14.29
3) Completa la tabella.

C a° < C

.................. 6 p 18 p
a° 
60° .................. 12 p

90° 3 p ..................
a ° : 360° 5 , : C

 .... /6

4) 
Un settore circolare ha l’arco “<" 5 5p cm e il raggio di 4 cm.
Calcola quant’è l’AREA del SETTORE

 .... /3

5) Quant’è l’AREA della CORONA CIRCOLARE? Dati A


OA 5 8 cm
OB 5 5 cm
O B

 .... /4

154 
Guida_3_TERZI IMP.indb 154 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 2 La geometria nello spazio

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Collega il solido al suo nome.

CONO CILINDRO PRISMA SFERA PIRAMIDE

 .... /1

2) Colora di rosso.
a) una FACCIA b) un VERTICE c) uno SPIGOLO

 .... /1

 155
Guida_3_TERZI IMP.indb 155 11/09/15 14.29
3) Osserva e completa.

1 cm3

VSOLIDO 5 ......................  .... /1

4) Trasforma nelle unità di misura richieste.

a) 8 m3 5 ...................... dm3
b) 153 cm3 5 ...................... dm3  .... /2

5) Due solidi EQUIVALENTI hanno:

A La stessa AREA

B Lo stesso VOLUME .... /1

6) I due solidi sono EQUIVALENTI.


Quant’è il volume del secondo?


V 5 20 cm3 V 5 ...................... cm3  .... /1

7) Quant’è il PESO SPECIFICO?

235 g PESO SPECIFICO 5 ..............................



250 cm3

 .... /1

156 
Guida_3_TERZI IMP.indb 156 11/09/15 14.29
8) Completa la tabella.

Peso specifico Peso Volume


(g/cm3) (g) (cm3)
2 8 ..................

1,5 .................. 2

 .... /2

 157
Guida_3_TERZI IMP.indb 157 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 3 I PRISMI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../16

1) Metti una crocetta sui PRISMI

 .... /1

2) 
Colora in rosso gli SPIGOLI LATERALI, in nero gli SPIGOLI DI
BASE.

 .... /1

3) Colora in azzurro le basi e in rosso l’altezza.

 .... /1

158 
Guida_3_TERZI IMP.indb 158 11/09/15 14.29
4) Osserva la figura.
D’ C’

A’ B’
D C
10 cm D
C Base
4 cm
A 6 cm B A B

a) Calcola A,, At e V.

b) Il prisma si chiama:
A cubo B parallelepipedo rettangolo C piramide

 .... /5

5) Un cubo ha lo spigolo di base di 10 cm.


Calcola A<, At e V

 .... /4

6) Un cubo di legno (p.s. 5 0,5 g/cm3) ha il volume di 64 cm3.


Calcola il peso del cubo e l’area totale.

DATI INCOGNITE
V 5 64 cm3 P 5 ?

ps 5 0,5 g/cm3 At 5 ?

 .... /4

 159
Guida_3_TERZI IMP.indb 159 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 4 LE PIRAMIDI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../16

1) Vero o falso?

a La piramide è un poliedro V F

b Le facce laterali di una piramide sono triangoli V F

 .... /2

2) 
Colora di rosso l’altezza della PIRAMIDE, di azzurro l’APOTEMA
della PIRAMIDE e di verde il RAGGIO della circonferenza
inscritta nel poligono di base

 .... /1

3) 
Risolvi il problema

DATI INCOGNITE V
AB5 10 cm OK 5
D C
VK 5
12 cm
A, 5 D O
C
VO 5 12 cm Ab 5
O K
At 5 A B
A 10 cm B 10 cm

V 5 PIRAMIDE BASE

 .... /7

160 
Guida_3_TERZI IMP.indb 160 11/09/15 14.29
4) Una piramide ha per base un quadrato che ha il lato di 6 cm.

L’altezza della piramide è 4 cm.


L’apotema della piramide è 5 cm.
a) L’area totale della piramide è :
A 120 cm2 B 96 cm2 C 132 cm2 D 60 cm2

b) Il volume della piramide è :


A 180 cm3 B 60 cm3 C 48 cm3 D 144 cm3

 .... /5

5) 
Una piramide e un prisma sono equivalenti sai che il prisma
ha volume di 36 cm3.

Il volume della piramide è:


A 12 cm3 B 18 cm3 C 72 cm3 D 36 cm3

 .... /1

 161
Guida_3_TERZI IMP.indb 161 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 6 I CILINDRI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) 
Cosa si ottiene facendo ruotare di 360° 360°
un rettangolo attorno ad un lato?

A un cilindro
B un cono
C un cerchio
D un pallelepipedo
 .... /1

2) Disegna il solido di rotazione che si ottiene nell’es. 1.


 .... /1

3) Risolvi il problema
r

DATI INCOGNITE
r 5 2 cm A, 5 ? h

h 5 8 cm At 5 ?


 .... /3

4) Un cilindro ha il diametro di 8 cm e l’altezza di 10 cm.


Calcola la misura del volume.

 .... /3

5) Un cilindro ha ALTEZZA 5 DIAMETRO 5 6 cm.

Il cilindro è equilatero? Sì NO

Il suo volume è .............................. p cm3 (scrivilo tu)

 .... /2

162 
Guida_3_TERZI IMP.indb 162 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 7 I CONI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../14

1) 
Disegna il cono generato dalla rotazione completa del
triangolo attorno al lato CA.

A B

 .... /1

2) 
Nel cono sotto, traccia in rosso l’ALTEZZA, in blu l’APOTEMA
e in verde il RAGGIO.

 .... /1

3) Osserva la Figura e calcola La misura dell’ALTEZZA del cono.

15 cm

9 cm

 .... /1

 163
Guida_3_TERZI IMP.indb 163 11/09/15 14.29
4) Risolvi il problema. V

DATI INCOGNITE
OA 5 5 cm A, 5 ?
O A
VA 5 13 cm At 5 ?

 .... /4

5) Di un cono sai che AREA di BASE 5 9p cm2 e APOTEMA 5 5 cm.


Calcola la misura del volume.

 .... /3

6) In un cono, APOTEMA 5 DIAMETRO 5 10 cm.

a) Il cono è EQUILATERO? Sì NO

b) La sua AREA TOTALE è:


A 20p cm2 B 300p cm2 C 200p cm2 D 75p cm2

 .... /4

164 
Guida_3_TERZI IMP.indb 164 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
fine unità unità 8 LA SFERA

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Scrivi il nome di due oggetti che hanno la forma della SFERA.

1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
...........................................

 .... /1

2) Vero o falso?
a) La sfera è un solido di rotazione V F

b) Quando metà cerchio ruota di 90° attorno ad un suo diametro


si ottiene una sfera V F

 .... /2

3) In un pomodoro di forma sferica..., la buccia rappresenta:


A la superficie sferica B il volume C il diametro

 .... /1

4) Una sfera ha il diametro di 4 cm.


Calcola la misura:
a) del raggio O
b) dell’area della sfera

 .... /3

5) Risolvi il problema.

DATI INCOGNITE
r 5 3 cm VSFERA 5 ?

 .... /3

 165
Guida_3_TERZI IMP.indb 165 11/09/15 14.29
Verifiche
di recupero

Algebra
unità 1 I numeri relativi � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � pag. 167
unità 2 Il calcolo letterale � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 169
unità 3 Le equazioni  � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 171
unità 5 Cenni di geometria analitica � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 172
unità 8 La probabilità  �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 174

166 
Guida_3_TERZI IMP.indb 166 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
Recupero unità 1 I numeri relativi

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Sottolinea i numeri relativi.

5 1 1 .... /1
0,5   13   −     +     
4 2 3

2) Scrivi il numero relativo che si trova al posto della lettera.

u
0
B D A C

........... ........... ........... ...........

 .... /4

3) 
Rappresenta i numeri relativi 22 11 26 18 sulla retta.

u 0

 .... /4

4) −5 è:

A 25    B 15    C 5 .... /1

3
5) L’opposto di − è:
4
3 3 4 .... /1
A     B +     C − 
4 4 3

 167
Guida_3_TERZI IMP.indb 167 11/09/15 14.29
6) Vero o falso?

a) 22 , 21 V F

b) 0 . 23 V F

1 1
c) − . +  V F
2 3

 .... /3

7) Risolvi.

25 1 2 1 3 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .
a)

2 3  .... /2
− + =
b) ..................
3 5

8) Risolvi.
 20   21 
a) − 
 7  ⋅ − 4  = ..................

 18   6   .... /2
+ 
b)  25  : − 35  = ..................

2
 1
9) −  è uguale a:
 5 

 2  1 1 2 .... /1
A +     B −     C +     D − 
 25  25 25 25

10) (28)0 è:

A 28    B 21    C 11    D 0 .... /1

168 
Guida_3_TERZI IMP.indb 168 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
Recupero unità 2 Il calcolo letterale

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Calcola il risultato della seguente espressione letterale:


3a 2 5b quando a 5 21 e b 5 11

.................................................................. .... /1

2) Osserva la figura.

2x


Il perimetro è:
A 3x    B 5    C 6x .... /1

3) Metti una crocetta sui monomi.


2 .... /1
A x    B 2x 1 1    C b     D 5x3
3

4) Metti una crocetta sui gruppi di monomi simili.

A 2x 1 x C 2b 1 b

B 5a 1 2a2 D 22 2 4a
 .... /1

5) Esegui le seguenti operazioni:

a) 2a2 2 3a 1 a2 1 5a 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1 2
b) x + x −1 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /2
2 3

 169
Guida_3_TERZI IMP.indb 169 11/09/15 14.29
6) Esegui le seguenti operazioni.

a) 2 3b ? (25b4) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2  4 
b) + a3 :− a2 =
5 ..................
7  7 

c) (2 4x)2 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /3

7) Esegui la seguente espressione.

(2a 1 b 2 a 2 a) ? (a2 1 b) 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 .... /1

170 
Guida_3_TERZI IMP.indb 170 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
Recupero unità 3 Le equazioni

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Quale delle seguenti scritture è una equazione?


A x 1 5    B 3x 5 x 11    C 3 1 1 5 4 .... /1

2) Risolvi la seguente equazione.


5x 2 2 5 4x 1 1

..................  .... /1

3) Risolvi la seguente equazione.


2x 1 1 5 3x 2 6

..................  .... /1

4) Risolvi la seguente equazione.


2x 2 9 5 3 2 2x

. . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /1

5) Risolvi la seguente equazione.


2 ? (x 2 3) 1 1 5 x 2 3

..................  .... /1

6) Risolvi la seguente equazione.

x +1 1 3 x −1
− x= − .................. .... /3
2 2 4 2

7) Traduci in equazione:
4
“La somma di due numeri è 725 e uno è i dell’altro”
21

Equazione: ........................................................................ .... /2

 171
Guida_3_TERZI IMP.indb 171 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra
Recupero unità 5 Cenni di geometria analitica

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) 
Scrivi 0, x e y
al posto giusto.
...........

...........
...........

 .... /1

2) Osserva
il piano cartesiano.
a) Le coordinate del punto B
B
sono: +2
A B(15; 12)

–4 0 +5
B B(12; 15)

–3
b) Le coordinate di O sono:

O(. . . . . . . . . . . . ; . . . . . . . . . . . . . . )

c) Segna sul piano il punto

A(23; 14)

 .... /1

172 
Guida_3_TERZI IMP.indb 172 11/09/15 14.29
3) Rappresenta nel piano cartesiano i punti A(25; 22) e B(13; 22).

a) Calcola la distanza tra A e B.


AB 5 .....................

b) Scrivi le coordinate del punto medio M di AB:

M (. . . . . . . . . . . ; . . . . . . . . . . . ) .... /2

4) Rispondi.
a) La RETTA di equazione y 5 5x passa per l’ORIGINE? Sì No

b) La RETTA di equazione y 5 2x 2 3 passa per l’ORIGINE? Sì No  .... /2

5) Sai che:
u B (+9;+8)
A (11; 12) +8

B (19; 18)

+2
A (+1;+2)

0 +1 +9 x

Calcola la distanza di AB

AB =
2  .... /2
+ 1 − (+9) 2 + ............ − (............) = .......................

6) Fai il grafico della retta di equazione y 5 x 2 1.

x y y
u
0 ...........

1 ...........

2 ...........

5 ...........
1

0
21 1 5 x
...........

 .... /2

 173
Guida_3_TERZI IMP.indb 173 11/09/15 14.29
Verifica di Algebra 3
Recupero unità 8 La probabilità

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Vero o falso?
a) La probabilità di un evento certo è 1  V F

b) La probabilità di un evento impossibile è 0 V F

 .... /2

2) 
In un sacchetto sono rimasti i seguenti numeri della tombola

2 5 7 9 10

a) Quanti sono i casi possibili? .............................

b) Calcola la probabilità di estrarre il numero 9

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
c) Calcola la probabilità di estrarre un numero pari .............................

d) È più alta la probabilità di estrarre un numero pari o un numero


dispari? .............................

e) Scrivi perché .............................................................. .... /6

3) 
In un cestino ci sono 8 ciliegie sane e 2
ciliegie con il verme. Ne prendi una: qual
è la probabilità che non abbia il verme?

2 8
A 8    B 2    C     D  .... /2
10 10

174 
Guida_3_TERZI IMP.indb 174 11/09/15 14.29
Verifiche
di recupero

Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza della circonferenza
e la misura dell’area del cerchio � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � pag. 176
unità 2 La geometria nello spazio  � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 178
unità 3 I prismi � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 180
unità 4 Le piramidi � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 182
unità 6 I cilindri � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 184
unità 7 I coni � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 186
unità 8 La sfera  � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� 188

 175
Guida_3_TERZI IMP.indb 175 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
unità 1 La misura della lunghezza
Recupero della circonferenza e la misura
dell’area del cerchio

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Calcola la misura della LUNGHEZZA della CIRCONFERENZA.

6 cm O
A B A
4 cm


AB 5 6 cm AO 5 4 cm

C 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /1

2) Calcola la misura dell’AREA del CERCHIO.

5 cm O
A

AO 5 5 cm

A 5 ......................................... .... /1

3) Una circonferenza è lunga 20 p cm.


Il raggio misura:

A 20p cm    B 20 cm    C 10 cm    D 10p cm .... /1

176 
Guida_3_TERZI IMP.indb 176 11/09/15 14.29
4) L’area di un cerchio è 36 p cm2.
Il raggio misura:

A 18 cm    B 6 cm    C 9 cm    D 18p cm .... /1

5) Completa la tabella.

a° < C
C

.................. 11 p 330 p

 45° .................. 40 p

a ° : 360° 5 , : C
40° 25 p ..................

 .... /3

6) Calcola la misura dell’AREA della parte colorata.

O O
B

A B

OA 5 50 cm OA 5 10 cm
 =10p cm
AB OB 5 8 cm
A 5 ......................................... A 5 .........................................

.... /3

 177
Guida_3_TERZI IMP.indb 177 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 2 La geometria nello spazio

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Metti una crocetta sulla risposta esatta.

A faccia A faccia A faccia


B vertice B vertice B vertice
C spigolo C spigolo C spigolo
D diagonale D diagonale D diagonale
del poliedro del poliedro del poliedro

 .... /3

2) Vero o falso?

a) L’unità di misura del volume è il m2 V F

b) 5 cm3 5 50 mm3 V F

c) 4 500 cm3 5 4,5 dm3 V F

d) 1 dm3 5 1 l V F

 .... /4

3) 
Il solido A ha il volume di 10 cm3. Il solido B è EQUIVALENTE
al solido A.

Quant’è il volume di B?

Risposta: ............................. 10 cm3 .... /1

178 
Guida_3_TERZI IMP.indb 178 11/09/15 14.29
4) Fai i calcoli e scrivi la risposta sui puntini.

Peso 5 20 g RICORDA P 5 ps ∙ V
P
Peso specifico 5 2 g/cm3 ps = V
Volume 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P
V=
ps

Peso specifico 5 1,5 g/cm3

Volume 5 10 cm3

Peso 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 .... /2

 179
Guida_3_TERZI IMP.indb 179 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 3 I PRISMI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../20

1) Metti una crocetta sui PRISMI RETTI.

A B C D .... /1

2) Vero o falso?

a) Il CUBO è un PRISMA RETTO V F

b) Il PARALLELEPIPEDO RETTANGOLO è un PRISMA RETTO V F

c) Le facce LATERALI di un PRISMA sono RETTANGOLI o QUADRATI V F

 .... /3

3) Collega con una freccia A , At e V con la propria formula.

A Ab ? h

At 2p ? h

V A 1 2Ab
.... /3

180 
Guida_3_TERZI IMP.indb 180 11/09/15 14.29
4) Osserva e calcola. PRISMA RETTO

hprima 5 ...................... cm
BASE
2pbase 5 ......................
4 cm
A< 5 ......................
2 cm
2 cm
Abase 5 ......................
3 cm 3 cm
At 5 ...................... Usa
il formulario
V 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /6

5) Osserva e rispondi. CUBO


a) Qual è il poligono di BASE del CUBO?

A B C
2 cm
b) Quant’è A< del CUBO?
A 8 cm2 B 8 cm C 16 cm2 D 16 cm

c) Quant’è At del CUBO?


A 8 cm B 24 cm C 24 cm2 D 16 cm2

d) Quant’è V del CUBO?

A 8 cm2 B 8 cm3 C 24 cm3 D 16 cm3 .... /4

6) 
Un PRISMA RETTO è EQUIVALENTE a un cubo che ha
VOLUME 5 1 000 cm3.
a) Puoi trovare quanti cm3 è il VOLUME del PRISMA? Sì No

b) Se hai risposto Sì, quanti cm3 è?


Risposta: ........................................... .... /1

7) 
Un prisma retto di legno (peso specifico 5 0,5) ha il volume
di 10 cm3.
Per trovare il PESO del PRISMA devo fare:
A P 5 0,5 ? 10    B P 5 0,5 : 10    C P 5 10 : 0,5  .... /2

 181
Guida_3_TERZI IMP.indb 181 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 4 LE PIRAMIDI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Colora...
a) di rosso l’APOTEMA della PIRAMIDE.
b) di blu l’ALTEZZA della PIRAMIDE.
c) di verde il RAGGIO
della circonferenza inscritta.
 .... /1

2) Calcola.

V V

O H O H

VO 5 4 cm VH 5 10 cm
OH 5 3 cm OH 5 6 cm
VH 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VO 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 .... /2

3) Una PIRAMIDE ha l’area di base di 50 cm2 e l’altezza di 6 cm.


Calcola la misura del volume.
Qual è la risoluzione giusta?

50 ⋅ 6 50 ⋅ 6
A V= B V 5 50 ? 6 C V=  .... /1
2 3

4) 
Una PIRAMIDE ha 2pbase 5 24 cm, l’altezza di 4 cm e l’apotema
di 5 cm.
Per calcolare A< devi fare:
24⋅4 24⋅5
A A< 5 24 ? 4 B A = C A< 5 24 ? 5 D A =  .... /1
2 2

182 
Guida_3_TERZI IMP.indb 182 11/09/15 14.29
5) Risolvi il problema. V

DATI INCOGNITE D C

AB 5 12 cm A, 5 ?
D C H
O
VO 5 8 cm At 5 ?
O H
A B
VH 5 10 cm V 5? A B

2pbase 5 ......................

A< 5 ......................

Abase 5 ......................

At 5 ......................

V 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /5

 183
Guida_3_TERZI IMP.indb 183 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 6 I CILINDRI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Quale dei seguenti solidi è un CILINDRO?

A B C D E

 .... /1

2) La superficie laterale di un cilindro è:

 .... /1
A B C D

3) Quale figura geometrica è la base di un cilindro?

A circonferenza    B cerchio    C ovale .... /1

4) Un cilindro ha il diametro di base di 4 cm.

Il raggio di base del cilindro è: ....................... cm .... /1

184 
Guida_3_TERZI IMP.indb 184 11/09/15 14.29
5) Un cilindro ha il raggio di base di 6 cm.

6 cm

a) la misura della circonferenza di base è: ....................... cm

b) la misura dell’area di base è: ....................... cm2 .... /2

6) 
Un cilindro retto ha l’altezza di 20 cm e il raggio di base
di 10 cm.

10 cm

20 cm

Calcola A<, At e V.

 .... /4
A< 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

At 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

V 5 ...............................

 185
Guida_3_TERZI IMP.indb 185 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 7 I CONI

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../10

1) Un CONO ha per base:

A un ovale C un punto
B una circonferenza D un cerchio .... /1

2) ALTEZZA, RAGGIO o APOTEMA?


Scrivilo sui puntini.

.....................

A O B .....................

 .... /1

3) Quant’è lunga l’APOTEMA del CONO?

CO 5 12 cm
12 cm

OB 5 9 cm

A O 9 cm B

Risposta: ....................... . .... /1

186 
Guida_3_TERZI IMP.indb 186 11/09/15 14.29
4) Un CONO RETTO ha: C

il raggio di base 5 5 cm.


altezza 5 12 cm
apotema 5 13 cm
A O B

a) Quale misura non serve per calcolare A<?


A raggio di base 5 5 cm.
B altezza 5 12 cm.
C apotema 5 13 cm.

b) Quale formula serve per calcolare A<?


2p ⋅a C ⋅a
A A< 5 2p ? h    B A =     C A =     D A< 5 C ? a
2 2

c) Calcola la misura di A<.

A< 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /3

5) Un CONO RETTO ha: At 5 20p cm2 e A 5 16p cm2


Quant’è Ab?

Ab 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /1

6) Quant’è il VOLUME del CONO RETTO in figura?


17
15 cm

cm

V 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8 cm

 .... /2

7) Quant’è l’AREA TOTALE?

DATI INCOGNITE
OB 5 3 cm At 5 ? V

VB 5 5 cm
5c

Ab 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
m

A< 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A B
3 cm
At 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .  .... /1

 187
Guida_3_TERZI IMP.indb 187 11/09/15 14.29
Verifica di Geometria 3
Recupero unità 8 LA SFERA

Cognome e nome.............................................................. Classe.............. Data......................

CONOSCENZE E abilità DI BASE ......../5

1) Vero o falso?
La sfera è un solido di rotazione V F  .... /1

2) Di una SFERA sai che ha il raggio di 3 cm.


a) Calcola la misura dell’area della SUPERFICIE
e della SFERA. 3 cm

............................

b) Calcola la misura del VOLUME.

............................

 .... /4

188 
Guida_3_TERZI IMP.indb 188 11/09/15 14.29
Prove d’esame

Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

Valutazione� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �

Prova n. 1
Equazioni, prisma, disegno in scala, peso specifico, probabilità

Quesito n. 1
a) Risolvi almeno due delle seguenti equazioni.
3x 1 1 5 4x 2 3 1 x                 ..................................................................................................................................................................  ;

4 (3x 1 4) 2 6 (2x 1 5) 5 4 (3x 2 4) 2 (3x 1 4)


                                  ........................................................................................................  ;

(x 2 3) ? (x 2 3) 2 13 5 2x ? (5x 2 1) 2 (3x 1 2) ? (3x 2 2) 2 8


                                                  ......................................................................  ;

4x − 1 9 + x 1 − 2x x −9
− = − .............................................................................................................................  ;
4 3 2 3

b) Esegui la verifica di due delle quattro equazioni.

Quesito n. 2
Un quadrilatero ABCD ha:
AB//DC,   DA ^ AB   e   AC ≠ BD        

a) Di che quadrilatero si tratta? .........................................................................................................................................  .

b) Calcola la misura del perimetro e dell’area del quadrilatero ABCD, sapendo che:
3 2
AB = DC    AB 1 DC 5 15 cm    DA = DC        
2 3
................................................................................................................................................................................................................  .

c) Disegna il quadrilatero con le dimensioni reali e stabilisci se è circoscrittibile a una circonferenza.


................................................................................................................................................................................................................  .

d) Calcola la misura dell’area totale e del volume di un prisma che ha per base il quadrilatero ABCD
e per altezza un segmento di 20 cm.   ........................................................................................................................  .

e) Disegna il solido in scala 1 : 2.    

189
Guida_3_TERZI IMP.indb 189 11/09/15 14.29
Quesito n. 3
a) S
 crivi come calcoli il peso (P) di un corpo quando conosci peso specifico (ps)
e volume (V).

................................................................................................................................................................................................................  .

Scrivi come calcoli il peso specifico (ps) di un corpo quando conosci peso (P)
b) 
e volume (V)

................................................................................................................................................................................................................  .

Scrivi come calcoli il volume (V) di un corpo quando conosci peso specifico (ps)
c) 
e peso (P).

................................................................................................................................................................................................................  .

d) Completa la tabella.

Materiale Stagno Granito Marmo Gesso

ps (g/cm3) 7 3 ……………… 1,4

P (g) ……………… 21 28 0, 7

V (cm3) 10 ……………… 10 ………………

Quesito n. 4
Nel gioco del Lotto, qual è la probabilità che venga estratto per primo, sulla ruota di Tori-
no, un numero inferiore a 21? E un numero superiore a 80? E superiore a 90?

............................................................................................................................................................................................................................ .

Prova n. 2
Equazioni, cubo e piramide, probabilità, velocità

Quesito n. 1
Risolvi le seguenti equazioni e fai la verifica.
a) x 1 3 1 2x 52 2x 1 13
                .................................... ;

x 2 4x
b) + = −1 .................................... .
2 3 3

Quesito n. 2
Un cubo avente lo spigolo di 4 cm è equivalente a una piramide quadrangolare regolare

alta 3 cm. Calcola la misura dell’apotema della piramide.


  ................................................................   .

190
Guida_3_TERZI IMP.indb 190 11/09/15 14.29
Quesito n. 3
In un sacchetto ci sono 6 gettoni rossi, 4 gettoni blu e 5 gettoni verdi.
Calcola qual è la probabilità di pescare:

a) un gettone rosso: ..................... ; b) un gettone non rosso: ..................... ;

c) un gettone rosso o blu: ..................... ; d) un gettone né rosso né blu: ..................... .

Quesito n. 4
Per conoscere la profondità del mare, da una nave si emettono degli ultrasuoni che si riflettono sul
fondo e ritornano alla nave dopo 8 secondi. Qual è la profondità del mare in quel punto? (La velocità
del suono nell’acqua è di circa 1 460 m/s.)     .......................................................  .

Prova n. 3
Equazioni, sfera, probabilità, numero atomico e di massa

Quesito n. 1
Risolvi le seguenti equazioni.
x −1 1 3x − 1 1
a) x 1 8 5 5(4 2 x) .............................. ;
            b) − = − .............................. .
2 4 4 2

Quesito n. 2
Una sfera di metallo che ha volume di 113,040 cm3 passa attraverso un tubo cilindrico che  

ha il diametro di base di 40  mm? Giustifica la risposta. ........................................................................

............................................................................................................................................................................................................................   .

Quesito n. 3
Nel gioco della tombola, calcola la probabilità di estrarre:
a) il numero 100: .......................................... ;

b) un numero minore di 10: .......................................... ;

c) un multiplo di 5: .......................................... .

Quesito n. 4
L’ossigeno ha numero atomico 8 e numero di massa 16.
a) Quanti protoni ha? ..................................................................................................................................................................   .

b) Se acquista 2 elettroni, quanti elettroni ha? ........................................................................................................   .

191
Guida_3_TERZI IMP.indb 191 11/09/15 14.29
Prova n. 4
Cono, probabilità, gruppi sanguigni, prisma, equazioni

Quesito n. 1
Un cono retto ha il raggio di base di 6 cm e l’altezza di 8 cm.    

Se devi costruire un cono di cartoncino con le stesse dimensioni, come procedi?


Fornisci tutte le indicazioni, anche grafiche, e corredale con i calcoli necessari.

..............................................................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................................................   .

Quesito n. 2
Un uomo di gruppo sanguigno 0 (i, i) si sposa con una donna di gruppo AB (IA , IB).
Calcola la probabilità che dalla loro unione nascano figli:

a) di gruppo 0: .............................. ; b) di gruppo AB: .............................. ;

c) di gruppo A: .............................. ; d) di gruppo B: .............................. .

Quesito n. 3
Un rettangolo ha i lati di 10 cm e di 24 cm.    

Calcola:
a) la misura del perimetro e la misura dell’area del rettangolo: ..................................................................

................................................................................................................................................................................................................   ;

b) la misura della lunghezza della diagonale del rettangolo: .........................................................................

................................................................................................................................................................................................................   ;

c) la misura dell’area del cerchio circoscritto al rettangolo: .............................................................................

................................................................................................................................................................................................................   ;

d) la misura dell’area totale di un prisma avente per base il rettangolo e il volume di 4 320 cm3:    

................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 4
a) 2 1 x 1 5x 1 1 5 2 3x 1 5x 2 8 2 1
                              ................................................................................................................................. ;

b) 8 2 (x 2 5) 1 3 5 2 2 ? (x 2 1) 1 5x
                              .................................................................................................................................. ;
13 x − 1 5x + 3 5
c) + − − =0 ...................................................................................................................................... ;
42 2 7 21

( x + 1) ⋅ ( x − 1) = ( x − 1) − x ⋅ ( x − 2)
2

d) 2− x .
+ ............................................................................................
3 6 2 3

192
Guida_3_TERZI IMP.indb 192 11/09/15 14.29
Prova n. 5
Cilindro, poligoni nel piano cartesiano, equazioni, rette nel piano
cartesiano

Quesito n. 1
Un cilindro ha il raggio di base di 12 cm e l’altezza di 15 cm.    

a) Calcola la misura dell’area totale. ................................................................................................................................   .

b) Calcola la misura del volume. ..........................................................................................................................................   .

c) Calcola la misura del raggio di un altro cilindro che è equivalente al primo cilindro ed ha altezza
uguale a 4 volte quella del primo cilindro. ...........................................................................................................   .

Quesito n. 2
In un sistema di assi cartesiani Oxy, disegna il quadrilatero avente i vertici A (0 ; 0),  

B (0 ; 6), C (24 ; 6), D (24 ; 3).


     

a) Che tipo di quadrilatero hai ottenuto? ....................................................................................................................   .

b) Calcola le misure del suo perimetro e della sua area, assumendo il cm come unità di misura.

................................................................................................................................................................................................................  .

c) Il quadrilatero è circoscrittibile a una circonferenza? Giustifica la tua risposta. .........................

................................................................................................................................................................................................................  .

d) Calcola la misura dell’apotema del quadrilatero. .............................................................................................   .

Quesito n. 3
a) 2x 1 5x 2 3 1 2 5 7x 1 5 1 2x
                        ........................... ; b) 5x 1 2 (x 1 3) 2 4 (2x 2 1) 5 x
                        ........................... ;
x −7 2x − 1 2 ( x − 5)
c) (x 1 1) ? (x 2 1) 5 (x 2 1)2 1 4x
                        ...........................; d) − = x+ ........................... .
4 6 3

Quesito n. 4
Esamina la tabella.
1) Costruisci un diagramma che consenta di verificare quale relazione esiste tra la variabile B (varia-
bile dipendente) e la variabile A (variabile indipendente).
2) Esamina le seguenti relazioni e valuta quale di esse si presta a rappresentare la relazione esisten-
te tra le variabili della tabella:
A B
1
a   y = x + 1; 22 0
2
b   y  5  2  x; 21 11

0 12
c   y  5  5 2  x;
3x + 6 11 13
d   y = .
3 12 14

3) Quale delle relazioni indicate è una relazione di proporzionalità diretta? ..................................   .

193
Guida_3_TERZI IMP.indb 193 11/09/15 14.29
Prova n. 6
Moto rettilineo uniforme, quadrilateri inscrittibili e circoscrittibili,
equazioni, statistica

Quesito n. 1
Un corpo, che si muove di moto rettilineo uniforme, percorre 50 m in 10 secondi.  

a) Qual è la sua velocità? ...........................................................................................................................................................   .

b) Quanti metri percorrerebbe a quella velocità in 1 minuto? .....................................................................   .

Quesito n. 2
In un sistema di assi cartesiani Oxy, disegna il quadrilatero avente i vertici A (27 ; 29), B (5 ; 29),    

C (5 ; 0), D (27 ; 0).


   

a) Che tipo di quadrilatero hai ottenuto? ......................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................  .

b) Calcola le misure del suo perimetro e della sua area, assumendo il cm come unità di misura.

................................................................................................................................................................................................................  .

c) Il quadrilatero è circoscrittibile a una circonferenza? È inscrittibile? Giustifica le tue risposte.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................  .

d) Calcola le misure della lunghezza della circonferenza circoscritta e dell’area del cerchio circoscritto.

................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 3
Risolvi le seguenti equazioni.

a) x 2 3 1 2x 5 8 2 5x 1 1
                    .......................................................................................................................................................... ;
x + 2 2 ( x − 1) 5− x
b) − = 1− ....................................................................................................................................... .
3 4 6

Quesito n. 4
All’esame di Stato di quest’anno si presentano gli alunni la cui età è riportata in tabella.
Calcola la media, la mediana e la moda, dopo averle definite.

Alunni Laura Ivan Andrea Alex Daniel Alba Arianna Lin Marian Marika Roberto Claudio Ismail Stefano Kevin Fabiola Veronica
Età 14 14 13 13 14 13 13 15 15 16 13 13 15 14 15 13 14

..........................................................................................................................................................................................................................  .

194
Guida_3_TERZI IMP.indb 194 11/09/15 14.29
Prova n. 7
Triangolo nel piano cartesiano, cilindro, soluzioni, statistica, spesa,
solido di rotazione

Quesito n. 1
In un sistema di assi cartesiani Oxy, disegna il triangolo avente i vertici A (21 ; 2), B (11 ; 2),    

C (21 ; 7).

Calcola la misura:
a) del suo perimetro: ......................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................  ;

b) della sua area: ................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................  ;

c) dell’area del cerchio circoscritto al triangolo, assumendo il cm come unità di misura:

................................................................................................................................................................................................................  ;

d) dell’area totale e del volume di un cilindro la cui altezza è uguale al lato AB del triangolo ed è i
3
del diametro di base: ....................................................................................................................................................  .
4

Quesito n. 2
Quanti grammi di soluto devi utilizzare per preparare una soluzione al 15% con 340 grammi
di solvente? ..........................................................................................................................................................................................   .

Quesito n. 3
La seguente tabella registra il numero di scarpe di ognuno dei 18 allievi che frequentano
una terza. Raggruppa i dati in una tabella di frequenza, rappresentali con un istogramma
e determina la moda, la media e la mediana dopo averle definite.

..........................................................................................................................................................................................................................   .

37 40 38 40 41 41 39 37 41

42 41 43 36 41 45 38 40 40

Qual è la percentuale di allievi il cui numero di scarpe è inferiore a 40? ................................................   .

Quesito n. 4
Un giardino ha la forma rettangolare con le dimensioni di 28,26 m e 84 m. Al centro si deve    

3
costruire una fontana circolare la cui superficie è i di quella del giardino. La fontana
28
verrà recintata con un muretto che costa € 32,00 al metro. Quanto si spenderà?  

............................................................................................................................................................................................................................   .

195
Guida_3_TERZI IMP.indb 195 11/09/15 14.29
Quesito n. 5
Un trapezio isoscele ABCD ha l’altezza di 72 cm e le basi AB e CD rispettivamente di 150 cm    

e 42 cm. Calcola:

a) BC e DA: ............................................................................................................................................................................................   ;

b) le diagonali BD e AC: ..............................................................................................................................................................   ;

c) l’area del trapezio: ...................................................................................................................................................................   ;

d) la superficie totale del solido ottenuto dalla rotazione completa del trapezio intorno alla base
maggiore: ........................................................................................................................................................................................   .

e) Dimostra che la diagonale AC è perpendicolare al lato BC. .......................................................................

..................................................................................................................................................................................................................   .

Prova n. 8
Statistica, solidi sovrapposti, disegno tecnico, lavoro, simmetria

Quesito n. 1
Durante una eccezionale grandinata estiva che ha colpito il Novarese nell’agosto del 2008,
sono caduti chicchi di grandine di notevoli dimensioni.
Ecco i valori del diametro di 20 chicchi presi a caso.

3 cm 3,5 cm 7 cm 8,5 cm 6 cm 4 cm 3 cm 2 cm 8 cm 8,5 cm


5, 5 cm 9 cm 5 cm 4 cm 2,5 cm 2 cm 5 cm 7 cm 2,5 cm 4 cm

a) Sistema i dati in una tabella, poi calcola la frequenza assoluta e la frequenza percentuale dei
chicchi che hanno il diametro massimo. ..................................................................................................................   .

b) Calcola la media, la moda e la mediana. .................................................................................................................   .

c) Suddividi i dati in classi di ampiezza 2 cm, considerando 1 cm come primo estremo della prima    

classe, e costruisci l’istogramma relativo. ................................................................................................................   .

196
Guida_3_TERZI IMP.indb 196 11/09/15 14.29
Quesito n. 2
L’eccezionale grandinata estiva dell’agosto 2008 ha danneggiato seriamente le pareti e il
tetto di un campanile avente la forma di un prisma quadrangolare regolare sormontato da
una piramide con la base coincidente con quella del prisma.
1
L’altezza totale del campanile è 16 m, l’altezza della piramide è
  di quella del prisma, l’apotema
3
della piramide è 5 m e in una parete del campanile vi sono due finestre rettangolari aventi le dimen-

sioni di 80 cm e 2,5 m. Calcola:


   

a) l’altezza della piramide e quella del prisma: ......................................................................................................... ;

b) la spesa necessaria per restaurare le pareti esterne e il tetto del campanile, sapendo che il costo
per il restauro è di E 50,00 al m2, I.V.A. esclusa, e che l’I.V.A. è del 10%:
  ......................................   .

Rappresenta il campanile senza finestre in proiezione ortogonale, considerando che la base


c) 
appoggia a terra e dista 1 cm sia dal P.V. sia dal P.L. (per le dimensioni del campanile, poni

1 m 5 lato di 1 quadretto).

P.V. P.L.

L.T.

P.O.

Quesito n. 3
Una forza di 4 N sposta il suo punto di applicazione di 3 m nella stessa direzione della forza.
   

a) Calcola quant’è il lavoro compiuto. ....................................................................................... .  

b) Immagina che il lavoro rimanga costante e completa la seguente tabella:

Forza (N) 1 2 3 4 6 12

Spostamento (m) ……………… ……………… ……………… ……………… ……………… ………………

197
Guida_3_TERZI IMP.indb 197 11/09/15 14.29
c) Indica con x la forza, con y lo spostamento, scrivi la relazione che lega x a y e fai il suo grafico.

................................................................................................................................................................................................................  .

O x

d) Che cosa ottieni? Di quale relazione si tratta? .....................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 4
In un piano cartesiano disegna il triangolo di vertici:
A (28 ; 12) B (22 ; 12) C (25 ; 16)
           

a) Che tipo di triangolo ottieni? ..........................................................................................................................................   .

b) Calcola la misura del perimetro (1 u 5 1 cm).       .......................................................................................................   .

c) Calcola la misura dell’area. ................................................................................................................................................   .

d) Disegna la figura A9B9C9 simmetrica del triangolo ABC rispetto all’asse x.


e) Scrivi le coordinate dei punti A9, B9, C9. ....................................................................................................................   .

Prova n. 9
Similitudine, espressione letterale, legge di Ohm, rette nel piano
cartesiano

Quesito n. 1
Durante un violento terremoto si è formata una voragine che ha C
investito una larga zona di territorio. E
1,875 km
1,25 km

Calcola quanto è larga la voragine sapendo che BC 5 1,875 km,      

DE 5 1,25 km e BD 5 1 km.
           

A D 1 km B
.........................................................................................................................................................................   .

198
Guida_3_TERZI IMP.indb 198 11/09/15 14.29
KP Mod 03 UD 18 ESE pag 2510c
Quesito n. 2
Data la seguente espressione letterale:
a 2 (a 1 b) ? (a 2 b) 1 (a 2 b)2 2 2a ? (1 2 b)
                                 

a) risolvila: .............................................................................................................................................................................................   ;

b) calcola il valore che assume quando:


a 5 22   e   b 5 23
       

................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 3
Un muscolo avente resistenza di 5 W è percorso da una corrente di 3 A.  

a) Scrivi la formula della 1 legge di Ohm. a


...................................................................................................................   .

b) Completa la tabella.
Unità di misura
Grandezza
Nome Simbolo

Differenza di potenziale ............................... ...............................

Resistenza ............................... ...............................

Intensità di corrente ............................... ...............................

c) Calcola quant’è la differenza di potenziale applicata al muscolo. ......................................................   .

d) Se l’intensità della corrente raddoppiasse, cosa succederebbe alla differenza di potenziale?

................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 4
Rappresenta nel piano cartesiano la retta r di equazione: 2x 2 y 2 4 5 0.            

a) Determina graficamente le coordinate del punto A intersezione di r con l’asse y e del punto B
intersezione di r e dell’asse x. ..........................................................................................................................................   .

O x

199
Guida_3_TERZI IMP.indb 199 11/09/15 14.29
b) Calcola le coordinate del punto medio M del segmento AB. ..................................................................   .

c) Scrivi l’equazione della retta s parallela a r e passante per l’origine. ...............................................   .

d) Scrivi l’equazione della retta t passante per A e parallela all’asse delle x dopo averla rappresentata
graficamente. ............................................................................................................................................................................... .  

e) Scrivi l’equazione della retta v perpendicolare a r e passante per l’origine.

..................................................................................................................................................................................................................   .

Calcola il perimetro del triangolo determinato dalla retta data e dagli assi coordinati (unità di misura
1 u 5 1 cm).
        ................................................................................................................................................................................................   .

Prova n. 10
Probabilità, equazioni, piano cartesiano, solido di rotazione, successione

Quesito n. 1
Uno scatolone di ghiaccioli contiene 10 ghiaccioli alla menta, 8 al limone e 6 all’arancia.
Calcola la probabilità di estrarre, senza guardare nello scatolone,
a) un ghiacciolo all’anice: ..........................................................................................................................................................   ;

b) un ghiacciolo all’arancia: .....................................................................................................................................................   ;

c) un ghiacciolo alla menta: ....................................................................................................................................................   ;

d) un ghiacciolo al limone: .......................................................................................................................................................   ;

e) un ghiacciolo al gusto d’agrume: ..................................................................................................................................   .

Quesito n. 2
Risolvi le seguenti equazioni e fai la verifica.

a) x 2 3 1 2x 5 8 2 5x 1 1
                    ...........................................................................................................................................................   ;

x + 2 2 ( x − 1) 5− x
b) − = 1− ........................................................................................................................................   .
3 4 6

Quesito n. 3
In un sistema di assi cartesiani Oxy, disegna il poligono avente i vertici A (0 ; 0), B (26 ; 0), C (23 ; 24).      

Calcola la misura:
a) del suo perimetro e della sua area: .............................................................................................................................   ;

b) dell’area e del volume del solido di rotazione ottenuto ruotando il poligono attorno ad AB di 360°
e assumendo il cm come unità di misura: ...............................................................................................................   .

Quesito n. 4
Scrivi qual è l’ottavo termine della seguente successione: 1; 1; 2; 3; 5; 8; 13; .......................  .

200
Guida_3_TERZI IMP.indb 200 11/09/15 14.29
Prova n. 11
Calcolo letterale, equazioni, probabilità e genetica. Prisma, cubo, dise-
gno tecnico

Quesito n. 1
Scrivi per quali valori di a e b le seguenti frazioni diventano impossibili
2
a) ......................................................  ;
a−b
3
b) ...................................................... .
a2

Quesito n. 2
Qual è la soluzione dell’equazione x 1 3 ? (x 2 1) 2 5 5 2 2 5 ? (3 2 x)?
11 5
a x 5 110 b x =− c x 5 15 d x =−
9 9

Quesito n. 3
Il daltonismo è una malattia ereditaria, legata al sesso; infatti il gene responsabile si trova
nel cromosoma X.
Indica con X° il gene portatore del daltonismo e con X il gene normale.
a) Scrivi qual è il genotipo nei seguenti casi
1. madre sana XX
.........................

2. madre portatrice .........................

3. madre daltonica .........................

4. padre sano .........................

5. padre daltonico .........................

b) Considera la seguente coppia di genitori:


padre daltonico   e   madre portatrice.
Calcola la probabilità che, dalla loro unione, possa nascere un maschio non daltonico .........................

c) Il papà di Mattia P. è daltonico.


Scrivi qual è il genotipo dei nonni paterni di Mattia, tenuto conto che nessuno dei due è daltonico.

.................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 4
Un rettangolo ha la base di 12 cm e l’altezza di 5 cm.
Calcola:
a) la misura della diagonale, del perimetro e dell’area: ..................................................................................  .

b) l’area totale del prisma che ha per base il rettangolo e per altezza un segmento di 20 cm:

................................................................................................................................................................................................................  .

201
Guida_3_TERZI IMP.indb 201 11/09/15 14.29
c) il volume del prisma: .............................................................................................................................................................  .

3
d) lo spigolo del cubo la cui area totale è i di quella del parallelepipedo: .............................  .
25
e) Disegna il cubo in assonometria monometrica.

Prova n. 12
Problemi con equazioni, equazioni, gruppi sanguigni, probabilità, cono

Quesito n. 1
Risolvi con un’equazione
“Un numero più il suo consecutivo è uguale a 105. Calcola quali sono i due numeri”.

..........................................................................................................................................................................................................................  .

Quesito n. 2
Risolvi le seguenti equazioni
a) 2(x 2 5) 1 2x 2 (2 x 2 3) 5 2 7x 2 3(5 2 x) ......................................................................................................  .

2( x − 3)( x + 3) ( x − 4)2 3
b) − =− ( x − 1)( x + 2) ..............................................................................................  .
7 2 14

Quesito n. 3
Eva ha il gruppo sanguigno B ed Alex il gruppo sanguigno 0. Anita, la bambina di Eva, ha
il gruppo sanguigno A.
Calcola la probabilità che Anita sia figlia di Alex. .....................................................................................................   .

Quesito n. 4
Un cornetto di gelato confezionato ha il diametro di base di 7 cm ed è alto 12 cm.
Quanti cm2 di carta sono stati utilizzati per ricoprire il cornetto dell’involucro che lo protegge?

..........................................................................................................................................................................................................................  .

202
Guida_3_TERZI IMP.indb 202 11/09/15 14.29
Prova n. 13
Espressioni letterali, geometria analitica, prisma e cubo equivalenti,
percentuali

Quesito n. 1
Risolvi la seguente espressione letterale.
a) (2x 2 3)(x 1 1) 2 (1 2 x)(2x 2 3) 2 (2x 2 1)2 ......................................................................................................  .

1
b) Calcola il valore della espressione quando poni x = − .......................................................................  .
2

Quesito n. 2
a) Rappresenta su di un piano cartesiano la retta “r” dell’equazione 2y 2 4x 1 1 5 0

O
x
1
–1

b) Sullo stesso piano cartesiano rappresenta la retta “s” parallela ad “r”, passante per il punto
P (0; 22) e chiama Q il punto di intersezione con l’asse delle ascisse.
Scrivi l’equazione della retta “s”:
................................................................................................................................................................................................................  .

c) traccia la retta “t” di equazione x 5 1 e chiama R il punto di intersezione di “t” con “r”.
d) chiama S il punto di intersezione della retta “r” con l’asse delle ordinate e calcola le coordinate
del punto medio di SR:

................................................................................................................................................................................................................  .

e) Calcola la misura del perimetro del quadrilatero PQRS. .............................................................................   .

Quesito n. 3
Un prisma alto 150 cm ed avente per base un trapezio isoscele è equivalente ad un cubo che ha lo
spigolo di 30 cm.
Calcola la misura del perimetro di base del prisma, sapendo che la base maggiore del trapezio è il
doppio della minore e che la loro somma è 3 dm. ...................................................................................................   .

203
Guida_3_TERZI IMP.indb 203 11/09/15 14.29
Quesito n. 4
Un capo d’abbigliamento reca sul cartellino del prezzo un bollino colorato che corrisponde alla ridu-
zione che il negozio fa sul capo.

= 30%
€ 260 = 50%
= 70%

Su ogni articolo del negozio, inoltre hai un ulteriore sconto di fedeltà del 15%
Quali delle seguenti frasi è giusta?
a Sul capo ti viene fatta una riduzione dell’85%.

b Spendi 39 euro per acquistare il capo.

c Spendi 66,30 euro per acquistare il capo.

d Il capo costa 100 euro in meno rispetto al prezzo del cartellino

Prova n. 14
Equazioni, piano cartesiano; statistica, reazione chimica

Quesito n. 1
Risolvi le seguenti equazioni:
a) 9x 2 21 11x 2 8 2 12x 5 5x 23 24x 1 5 1 3 x ...............................................................................................  .

x+3 x −2 3 − 2x
b) − = ...................................................................................................................................................  .
5 2 3

c) (4x 2 1) ? (4x 1 1) 2 2x ? (x 1 3) 5 (x 1 4)2 2 (x 1 2) ? (2x 2 5)1 15 ? (x2 2 1)

................................................................................................................................................................................................................  .

d) senza risolvere l’equazione: 2x 22 ? (x 2 3) 5 3 2 3 ? (x 1 1) verifica che la sua soluzione sia x 5 22.

................................................................................................................................................................................................................  .

................................................................................................................................................................................................................  .

................................................................................................................................................................................................................  .

e) spiega il significato di equazione determinata, indeterminata e impossibile .

................................................................................................................................................................................................................  .

................................................................................................................................................................................................................  .

................................................................................................................................................................................................................  .

204
Guida_3_TERZI IMP.indb 204 11/09/15 14.29
Quesito n. 2
In un piano cartesiano rappresenta i seguenti punti:
A(17; 22); B(117; 22); C(114; 12); D(110; 12).

u y

a) Congiungili in ordine alfabetico e descrivi le caratteristiche del poligono ottenuto.

....................................................................................................................................................................................................................

................................................................................................................................................................................................................   .

b) Calcolane quindi area e perimetro, prendendo come unità di misura il lato u del quadretto.

....................................................................................................................................................................................................................

c) Scrivi le coordinate del punto medio M del lato BC e disegnalo.

....................................................................................................................................................................................................................

d) Disegna le diagonali del poligono ottenuto e calcolane la misura.

....................................................................................................................................................................................................................

e) Disegna le rette r di equazione y 5 3x   e   s di equazione x 5 25.

Quesito n. 3
In una classe di 25 alunni viene condotta un’indagine per conoscere il numero medio delle
ore di studio giornaliere.
La tabella seguente riporta i dati raccolti:

2 3 4 4 2

4 1 2 3 2

3 4 2 4 4

3 2 3 4 2

4 4 3 2 4

205
Guida_3_TERZI IMP.indb 205 11/09/15 14.29
a) disegna il grafico corrispondente;

alunni y

O x
ore

b) determina la moda, la mediana e la media.

....................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

....................................................................................................................................................................................................................

Quesito n. 4
Il sodio ha numero atomico 11 e numero di massa 22.
L’ossigeno ha numero atomico 8 e numero di massa 16.
Rispondi alle domande:
a) Qual è il simbolo del sodio? Quale quello dell’ossigeno? ........................................................................  .

b) Quanti elettroni ha il sodio? ...........................................................................................................................................  .

c) Quanti neutroni ha l’ossigeno? ....................................................................................................................................  .

d) Se fai reagire il sodio con l’ossigeno,quale composto ottieni? .............................................................  .

e) Scrivi la reazione chimica corrispondente e bilanciala. ...............................................................................  .

206
Guida_3_TERZI IMP.indb 206 11/09/15 14.29
ni
io
oL
uz
s

Guida_3_TERZI IMP.indb 207 11/09/15 14.29


PROVA D’INGRESSO
ALLA CLASSE terza
Cognome e nome................................................................. Classe................. Data.......................

Valutazione� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �
���������������� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � � �� � � � �

CONOSCENZE e abilità ........./40

325 13
=
100 4
1) La frazione generatrice di 3,25 è: ..........................................................................................................................
.... /1

1234 − 12 1222 611


= =
2) La frazione generatrice di 1,234 è: ....................................................................................................................... .... /1
990 990 495

3) Tra quali numeri naturali è compresa la frazione


20
? tra 2 e 3
................................................................... 
.... /1
7

4) Sottolinea una volta i numeri razionali assoluti e due volte i numeri irrazionali
assoluti.

2 4 5 .... /2
3; ; ; 1, 6; 32; 0, 8; . 
3 5 4

5) Vero o falso?

a) 81 : 9 = 9 X V F

b)
7
64
:
7
8
. X V F

c) 8 − 4 = 4 . V X F

d) 8 = 2 ⋅ 2 . X V F  .... /4

6) È una proporzione?
3 : 4  2 : 8           

Perché 3 ? 8  4 ? 2
Perché ................................................................................................................................................
           
SI
X
NO .... /1

208
Guida_3_TERZI IMP.indb 208 11/09/15 14.29
7) Aggiungi tu un numero per avere una proporzione.
96
= 19 , 2
   
5
12 : 5  .................................................
    : 8   
.... /1

8) Aggiungi tu ciò che manca per avere una proporzione continua.

   
6
18 : .......................... 6
 ..........................
    : 2