Sei sulla pagina 1di 384

I-file

This edition is out-dated!


There is a new version of this book:
A Grammar of Modern Indo-European, Third Edition
at
Indo-European Language Association

Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at


Indo-European Language Association

1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi


indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea

UNA GRAMMATICA DI

MODERNO

INDOEUROPEO
Prima l'edizione

Lingua e la cultura

Sistema che scrive e la fonologia

Morfologia

Sintassi

D.GH. Kárlos K.riák.


Modesn. Sindhueur.pá. Grbhm.tik.

Apo Kárlos K.riák.[1] l'éti áli.s augtóres

Editore : Asociación Dnghu culturale


Pub. : Luglio 2007
Data
ISBN : 978-84-611-7639-7
Gamba. :
Dep.
Pagine : 390

© proprietà letterario riservato 2007 Dnghu

© 2007 Carlo Quiles Casas.

Stampato nell'unione europea.

Pubblicato dall'associazione di lingua Indoeuropea (DNGHU)

Il contenuto revisionò e corresse da M.Phil Indo-europeista. Fernando López-Menchero Díez

®
Edizione Maneggiata da Imcrea Diseño Editoriale a http://www.imcrea.com

Ogni contenuto su questo libro è Similmente autorizzato sotto una Licenza Duplice Attribuzione-azione di Camere dei comuni
Creativa 3.0 Licenza e Gnu Documentazione Libera che Licenseunless ha affermato espressamente altrimenti. Se Lei non ha
collegamento di Internet diretto, per favore vada avanti a leggere la Camera dei comuni Creativa testo di licenza (sommario) da un
altro computer on-line nel sito web di Camera dei comuni Creativa, i.e. http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/, ed il suo
codice legale e completo in http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/legalcode.

Tutte le immagini sono autorizzato sotto il Gnu Licenza di Documentazione Gratis, la maggior parte di loro che vengono dal sito
web (http://dnghu.org/) di Dnghu o dal Wiki Indoeuropeo (http://indo-european.eu/), un portale su indoeuropeo Moderno che a
turno ha potuto copiare contenuto dai Wikipedia inglesi e le altre fonti on-line.

Mentre ogni precauzione è stata presa nella preparazione di questo libro, l'editore ed autori non si
prendono responsabilità per errori od omissioni, o per danni che sono il risultato dell'uso delle
informazioni contenuti qui.
Per correzioni, traduzioni e versioni più nuove di questo libro gratis (e), per favore visiti
http://dnghu.org/
Prefazione

Questa prima edizione di Dnghu è Una Grammatica di indoeuropeo Moderno, è un sforzo


rinnovato di sistematizzare la fonologia ricostruita e la morfologia della lingua proto-Indo-europea
in una lingua europea e moderna, dopo la pubblicazione on-line e gratis di Europaio: Una breve
grammatica del Languagein 2006 europeo.

L'indoeuropeo moderno è, diversamente dal latino, germanico o slavo, comune a più europei, e
non solo ad alcuni di loro. Diversamente da Lingua Ignota, Solresol, Volapük, esperanto, Quenya,
Klingon, Lojban e le milli lingue inventate che sono stati creati siccome le creature umane sono
capaci parlare, l'indoeuropeo è naturale, i.e. evolse da una più vecchia lingua. Torta Media o IE II
dei quali noi abbiamo della cognizione elementare., e si crede che sia stato parlato rudemente da
comunità preistoriche a della durata tra il 3.000 ed il 2.000, A.C., avendosi evoluto in dialetti
diversi, alcuni rami molto bene-attestati da IE IIIa (Graeco-armeno ed Indo-iraniano), gli altri uni
bene-attestati da IE IIIb (Italo-celtico, germanico) ed alcuni possibilmente dialetti di transizione
(come Balto-slavo), alcuni ancora vivo.

Il proto-Indo-europeo è stato ricostruito di due secoli passati (più o meno con successo) da
centinaia di linguisti, dopo avendo ottenuto un sistema fonologico, morfologico, e sintattico e
grezzo equivalente a che ebrei avuti del Vecchio ebraico prima di ricostruire un sistema per il suo
uso moderno in Israele. Invece di delle iscrizioni e storie emesse ed orali per la lingua noi abbiamo
un sistema grammaticale ricostruito e completo per essere rianimati, così come centinaia di vivere
lingue per essere usato come esempi per rianimare un indoeuropeo Moderno e comune.

Questa grammatica ancora focalizza l'Unione europea. e così i dialetti Indoeuropei dell'Europa.,
anche se chiaramente rimane usabile come un approccio di base per una Lingua Ausiliare ed
Internazionale. Per esempio, vocabolario specializzato di indoeuropeo Moderno mostrato in questa
grammatica di solito è basato quindi, su germanico, latino e parole greche, e vecchie fonti spesso
celtiche e Balto-slave, ma altre. specialmente da dialetti Indo-iraniani. frequentemente è ignorato, se
non attraverso prestiti Occidentali.

Il primo Dean dell'Università di Huelva, il filologo di Lingue Classiche ed esperto di latino,


considera la ricostruzione di lingua proto-Indo-europea un'invenzione; Lo spagnolo Bernabé Indo-
europeista ha lasciato il lavoro su IE studia dedicarsi a "qualche cosa più serio"; Francisco Villar,
professore di greco ed il latino all'Università di Salamanca ritiene una ricostruzione completa di
Torta impossibile; la sua opinione non è rara, siccome lui sostiene la teoria di glottalic, la Terra natia
Armena l'ipotesi, ed anche l'uso del latino invece di inglesi all'interno dell'EU. Il lavoro di Elst,
Talageri ed altri che difendono il 'Indo-ariano Indigeno' punto di vista di N. Kazanas, ed il loro
appoggio di un unreconstructable e Torta ipotetica più vicino a Sanscrito Vedico ancora apre più
l'apertura tra la ricostruzione di corrente principale e le viste di minoranza sostennero da posizioni
di nazionalista. Anche, fra Indo-europeisti convinti, là sembra non essere possibile consenso tra il
diverso 'scuole come a se la Torta distinse fra. e. (come Gk., Lat. o Cel.) o se quelle vocali fossero
ogni iniziale., come nell'altro attestò dialetti (Villar), o se i Passati fossero solamente uno tempo
verbale (come praeteritum latino) con formazioni diverse, o se c'erano davvero un Aorist ed un
Perfetti.

Inoltre, José Antonio Pascual, un membro dell'Accademia spagnola (RAE) e Reale considera che
"non è necessario per essere un grande sociologo da sapere che 500 milioni di persone non saranno
d'accordo ad adottare l'indoeuropeo Moderno nell'EU" (la Terme. diario El Mundo, 8 aprile 2007).
Chiaramente non, come loro non saranno d'accordo su alcuna possibile domanda. non anche su
usare inglesi che noi usiamo infatti., ed ancora il nazionale ed il lavoro di Istituzioni di EU,
adottando decisioni da maggioranze, non attendendo consenso per alcuna domanda. E non era
probabilmente necessario per essere cento anni fa un grande sociologo da vedere e.g.. che il revival
dell'ebraico sotto un sistema di lingua moderno (una "invenzione" poi) era un'utopia, e quel
esperanto, il 'facile' e 'neutrale' IAL, riuscirà dal loro primo Congresso di Mondo nel 1905.

Tali opinioni dotte sono solamente che, opinioni, nel momento in cui se ebraico ed esperti Semitici
fossero stati interrogati cento anni fa su un possibile revival dell'ebraico Biblico in un hypothetic
Israele nuovo.

Se il successo di MIE è più probabile (e perché) non è veramente importante per il nostro lavoro
corrente, ma l'ipotesi diede con dalla sociologia, l'antropologia, scienza politica, economia e la
psicologia pari, non parlare dell'opportunità. Se i movimenti di sociale esistenti e diversi, come
Tegame-latinismo il Tegame-americanismo, Tegame-Sanskritism, Panarabismo, Tegame-Iranism,
Panslavismo, il Tegame-ispanismo, Francophonie, Anglospherism, l'Atlantismo, e le cento
posizioni di tegame-nazionalista diverse tennero da settori diversi di società. così come i gruppi
diversi che sostengono anti-globalizzazione, anti-neoliberalismo anti-capitalismo, anti-communism
anti-occidentalism, ecc. . accetterà o rifiuterà questo progetto rimane poco chiaro.

Quello che noi ora sappiamo è che l'idea di rianimare proto-Indo-europeo come una lingua
moderna per Europa ed organizzazioni internazionali non sono la pazzia, che non è qualche cosa
nuovo, che non vuole dire una rivoluzione. come l'uso di Spanglish, Syndarin o Interlingua .nor
un'involuzione. come regionalismo, il nazionalismo, o i vengono indietro a francese, tedesco o
predominio latino., ma soltanto uno dei molti modi diversi in che l'Unione europea che la polizza
linguistica potrebbe evolvere, e forse un modo di unire peoples diverso dalle culture diverse, lingue
e religioni (dall'Americas ad Oriente Asia) nell'interesse di stalla vuole dire di comunicazione. Solo
quella piccola possibilità è abbastanza per noi per "perdere" degli anni tentando di dare la (Proto -)
lingua Indoeuropea il nostro migliore facendo come usabile e come noto come possibile.

Faccia la prefazione ad alla prima edizione


Secondo sociologo olandese Abram il de Swaan, ogni lingua nel mondo va bene in una di quattro
categorie secondo i modi che entra in (quello che lui chiama) il sistema di lingua globale.

• Centrale: Approssimativamente cento lingue nel mondo appartengono qui, usò estesamente e
comprendendo approssimativamente 95% dell'umanità.

• Supercentral: Ognuno di questi servizi per connettere oratori di lingue centrali. Ci sono
solamente dodici lingue di supercentral, e loro sono arabi, cinesi, inglesi, francesi, Tedeschi,
hindi, giapponese, malese, portoghese, russo spagnolo e lo Swahili.

• Hypercentral: La lingua di hypercentral sola è attualmente inglese. Non solo connette lingue
centrali (quale è perché è sul livello precedente) ma servizi per connettere come bene lingue di
supercentral. Spagnolo ed il russo, sono lingue di supercentral usate da oratori di molte lingue,
ma quando un spagnolo ed un russi vogliono comunicare, loro lo faranno in inglesi di solito.

• Periferico: Tutti i migliaia di altre lingue sul globo occupano una posizione periferica perché
loro appena o non sono a tutto connetteva alcune altre lingue. Nelle altre parole, loro non sono
percepiti soprattutto come utile in una situazione plurilingue e perciò non il valore chiunque è
sforzo di imparare.

De Swaan indica che l'ammissione di membro nuovo afferma all'Unione europea porta con lui la
somma di più lingue, mai facendo l'identità poliglotta dell'EU più ingombrante e costoso. D'altra
parte chiaramente è politicamente impossibile per contentarsi su una sola lingua di tutte l'istituzioni
di EU. Ha provato più facile che per l'EU sia d'accordo su un valuta comune che una lingua
comune.

Delle lingue correnti dell'EU, 14 sono almeno quelli che è probabile che noi chiamiamo un
'robusto' lingua cui non è proprio probabile che gli oratori cedano alle sue diritto. Cinque di loro
(inglese, francese, Tedesco, portoghese e lo spagnolo) sono lingue di supercentral che già sono usate
estesamente in comunicazione internazionale, ed il resto è del tutto centrale.

Nell'attività in corso delle istituzioni dell'EU, sono inevitabilmente scorciatoie prese - inglesi,
francese ed il tedesco sono usati estesamente come 'lingue operative per discussioni informali. Ma
al livello formale tutte il lingue di ufficiale di EU (i.e. la lingua di ogni stato di membro) è
dichiarato uguale.

Usare tutte queste lingue è molto costoso ed estremamente inefficiente. Ci sono ora 23 lingue
ufficiali: Gaelic bulgaro, ceco, danese, olandese, inglese, estone, finlandese, francese, Tedesco,
greco, ungherese, irlandese, italiano, lettone, lituano, maltese, polacco, portoghese, rumeno,
slovacco, sloveno, spagnolo e lo svedese, e tre semiufficiale (?): Catalano, basco e Galiziano.
Questo vuole dire che tutti i documenti ufficiali devono essere tradotti in tutte i lingue riconosciute
di membri, e rappresentanti di ogni stato di membro hanno diritto ad aspettarsi di un discorso nella
loro lingua per essere interpretato. Ed ogni stato di membro ha diritto a sentire verbale in corso
interpretato nella sua propria lingua.

Fin da ognuno delle venti uno lingue ha bisogno di essere interpretato / tradotto in tutto il resto dei
venti, 23 x 22 (meno uno, perché una lingua non ha bisogno di essere tradotta in lui) viene ad un
totale di 506 combinazioni (non assumendo accound il 'semiufficiale' le lingue). Quindi gli
interpreti / traduttori dovevano essere trovati per Tutte le combinazioni.

Nel vecchio Mercato Comune giorni i costi di usare le lingue ufficiali olandese, inglese, francese,
ed il tedesco potrebbe essere borne, ed interpreti e traduttori potrebbero essere trovati prontamente.
Ma come è ammesso ogni membro nuovo, i costi e le difficoltà pratiche stanno divenendo
rapidamente intollerabilmente gravose.

Il punto cruciale qui è che ogni durata che una lingua nuova è aggiunta il numero totale di combinazioni
non è aggiuntivo ma moltiplica: 506 + una lingua non è 507 ma 552, i.e. 24 x 23, siccome ogni lingua doveva
essere tradotta / interpretata in tutti gli altri (si ometta).

Non è difficile vedere che la celebrazione della diversità linguistica nell'EU traveste solamente
leggermente l'incubo logistico che sta sviluppando. L'EU ora sta preparando per più lingue per
venire: Rumeno ed il bulgaro sono stati aggiunti recentemente, con l'incorporazione di questi due
paesi all'EU; Albanese, macedone, serbo, bosniaco e croato (i tre precedentemente noto come il
serbo-croato, ma favorisce reso differente dopo le guerre iugoslave) se loro sono ammessi all'EU
come si aspettato; e molte altre lingue regionali, seguendo l'esempio di Gaelic irlandese e le tre
lingue spagnole ufficiose: Alsaziano, bretone, corso, gallese, Luxemburgish e Sami sono
candidati probabili da seguire, così come Gaelic scozzese, Occitan Basso sassone, Veneziano,
Piemontese, Ligurian, Emilian, sardo napoletano, siciliano asturiano, aragonese, frisone
Kashubian, Romany, Rusin e molti altri, dipendendo che dalla pressione politica i loro oratori e le
comunità culturali, può porsi le istituzioni di EU. Non sarà probabilmente lungo di fronte al turco,
e con lui curdo (e possiblyArmenian, aramaico ed Abitante della Georgia anche), o forse
ucraino, russo e Belarusian sono le altre lingue ufficiali, non parlare delle lingue dei candidati
eterni, norvegese (in almeno due dei suoi sistemi di lingua, Bokmål e Nynorsk), islandese,
romancio, monegasco (Monaco) ed Emilian-Romagnolo (San Marino) e questo potrebbe portare
più di 40 il numero delle lingue di EU. Il numero di possibili combinazioni è meglio a sopra di 1000
che non sembrano all'interno della portata di alcuna organizzazione, nessuna questione come ben
intenzionato.

Molto tatto di amministratori di EU che in larga misura questa diversità può essere annullata fuori
mai-aumentando affidamento sulla traduzione di computer che già è in uso pesante. È certamente
vero che se noi non potessimo contare su computer per fare molto la traduzione 'sollevamento
pesante', l'amministratore più idealistico non sognerebbe mai anche anche caricando
un'organizzazione con un'impresa che assorbirebbe rapidamente una parte notevole delle sue
finanze ed energia. Ma nessuna macchina è stata inventata ancora o probabilmente mai sarà quello
è capace di produrre una traduzione senza, al molto minimo una finale redazione da un traduttore
umano o interprete.

Il rapidamente profusione in aumento di lingue nell'EU sta divenendo rapidamente


intollerabilmente goffa e proibitivamente costoso. E questo non conta anche la spesa supplementare
causata stampando nell'alfabeto greco e presto nel Cirillico (bulgaro e serbo). Ognuno è d'accordo
che tutte le lingue devono avere loro 'luogo nel sole' e la loro diversità celebrò. Ma il senso comune
suggerisce che l'EU sarà costretto per stabilire su un numero molto piccolo di lavorare lingue, forse
solamente uno ed il futuro linguistico dell'EU è divenuto il soggetto di dibattito intenso.

Solamente in numeri pubblici, l'EU costi di traduzione / interpretazione ufficiali ammontano a più
di 1.230 M €, e viene a più di 13% della spesa amministrativa di oggi delle istituzioni di EU. Ci
sono anche costi indiretti di programmi linguistici puntati a promuovendo la cultura di tre o più
lingue fin da theYear di Lingue (2001) che anche vuole dire centinaia di milioni di Euro che non è
stato contato nel bilancio dell'EU come spesa linguistica ma è stato incluso in sezioni di bilancio
come Coesione o Cittadinanza di solito. È duro immaginare l'ammontare enorme di soldi (davvero o
potenziale) perso da cittadini di EU e società ogni giorno a causa di problemi di comunicazione,
non solo perché loro non possono parlare la lingua di una terza festa, ma perché loro il wo non esso,
anche se loro possono.

Preservare l'uguaglianza severa è la linfa vitale dell'EU, e è un pensiero molto inquietante che il
candidato più forte per un'uno-lingua EU è quello con un dominio stabilito nel mondo, inglesi che
davvero è parlato solamente da una minoranza all'interno dell'Europa. Latino e lingue Artificiali
(come esperanto, Ido o Interlingua) sono state proposte come alternative, ma né il primo, perché è
riferito solamente per romanzeggiare lingue, né il secondo, perché loro sono (anche) artificiali
(inventato meglio da una persona o un piccolo gruppo a), risolva i problemi teoretici e linguistici,
non parlare del pratico uni.

L'Indo-Europeanlanguage che noi presentiamo in questo lavoro, sul contrario non solo affronta i
problemi teoretici ed indirizzati - principalmente riferito ad eredità culturale e sociopolitico
orgoglioso - ma porta anche una soluzione pratica per l'Unione europea senza che non ci può essere
vera integrazione. Nazioni europee non sono preparate per abbandonare alcuni dei loro poteri ad
una più grande entità politica, a meno che loro non devono abbandonare delle destre fondamentali.
Fra loro, il linguistico uni si sono dimostrati che più duro dia con che si aspettò inizialmente, come
loro sono aumento i sentimenti nazionali o regionali e molto forti.
L'indoeuropeo già è la nonna della maggioranza di europei. La prima lingua di più di 97% dei
cittadini di EU è Indoeuropea, ed il resto generalmente può parlare almeno uno di loro come
seconda lingua. Indoeuropeo che adotta come la lingua ufficiale e principale per l'EU non vorrà dire
abbandonare destre linguistiche, ma migliorandoli, come ogni altra lingua ufficiale avrà poi lo
stesso status sotto il loro antenato comune; non vorrà dire perdere la propria cultura nell'interesse di
unità, ma recuperandolo insieme per lo stesso scopo; e, soprattutto, non vorrà dire scegliere una
lingua franca di lingua per comunicare con stranieri all'interno di un'organizzazione internazionale,
ma accettando una Lingua Nazionale per comunicare con l'altro nationals all'interno dello stesso
paese.

NOTA. Le informazioni su sono principalmente copiate (letteralmente, aggiustò o


cambiò) da due di Sig.. William Z. Shetter Lingua Miniature che possono essere trovate
nel suo sito web:

 http://home.bluemarble.net/~langmin/miniatures/Qvalue.htm

 http://home.bluemarble.net/~langmin/miniatures/eulangs.htm

o EU numeri di spesa ufficiali possono essere consultati qui:

 http://europa.eu.int/rapid/pressReleasesAction.do?
reference=MEMO/05/10&type=HTML&aged=0&language=EN&guiLanguage=en


http://europa.eu.int/comm/budget/library/publications/budget_in_fig/dep_eu_budg_2007_en.p
df

o informazioni Ufficiali sulle lingue di EU possono essere trovate a:

 http://europa.eu.int/comm/education/policies/lang/languages/index_en.html


http://europa.eu.int/comm/education/policies/lang/languages/langmin/euromosaic/index_en.ht
ml
Quello che è Nuovo in Questa Edizione
Questa è Una Grammatica di indoeuropeo Moderno, Prima l'Edizione con Lingua Indoeuropea e
Moderna sistema Grammaticale in Version3, ancora in .eta metta in fase. i.e., ancora aggiustando
del maggiore domande linguistiche, e molti errori minori, grazie ai contributi di esperti e lettori.
L'orario dei prossimo grammaticali e cambi istituzionali può essere seguito nel sito web
dell'Associazione di Lingua Indoeuropea a www.dnghu.org.

Il "indoeuropeo 3.x (giugno 2007) moderno" segue l'edizione riveduta di V. 2.x che cominciarono
a marzo 2007 mentre cambiando delle caratteristiche di "Europaio" / "Sindhueuropaiom" 1.x (2005-
2006), in dei casi che ritornano a caratteristiche di 0.x Indoeuropeo (2004-2005), specialmente:

1. La distinzione artificiale in "Europaiom" ed i sistemi (ognuno basò su caratteristiche dialettali e


diverse) di "Sindhueuropaiom" portano più mal di testa che vantaggi a progetto di revival proto-
Indo-europeo nostro; da ora in poi, solamente un "indoeuropeo Moderno" ed unificato è promosso.

2. Diversamente da prima grammatica semplificata, questo va profondo nelle radici delle


specifiche parole Indoeuropee ed eletto di forme per la lingua moderna. Invece di mostrare solo la
finale produzione, aspettandosi lettori accettare la ricerca supposta dietro alle selezioni, noi
permettemmo loro di esplorare i dettagli delle nostre scelte. e qualche volta lo specifics della
ricostruzione linguistica., sacrificando così la semplicità nell'interesse di approccio completo a
vocabolario di IE moderno.

3. Il vecchio Latino-unico alfabeto è stato espanso per includere greco e sistemi di scrittura
Cirillici, così come un troncone di possibile armeno, Arabo-persico ed i sistemi di Devanagari
(abugida). L'obiettivo è non definirli completamente (come con l'alfabeto latino), ma soltanto
mostrare gli altri possibili sistemi di scrittura per indoeuropeo Moderno.

4. La distinzione fonetica e tradizionale di palatovelars fu reintrodotta per una ricostruzione


fonetica e più accurata di Tarda Torta, a causa dell'opposizione trovata (specialmente fra esperti
Balto-slavi) contro il nostro sistema di scrittura semplificato. Se satemization era un trend dialettale
e fonologico restretto a degli ambienti fonetici (Torta * k - di fronte a dei suoni, come con c latino -
di fronte a - ed e - i), non sembrò a noi così importante come il fatto che più tatto di persone
comodo con un esatto. anche se più difficile. ricostruzione fonetica. Da versioni 3.x una
ricostruzione più esatta è guardata comunque, in avanti, per, e perciò un chiarimento corretto di
velars e vocalism (da adesso anche il laryngeals) è aggiunto alla fine di questo libro. noi ritorniamo,
poi, ad un sistema di scrittura semplificato.

4. I casi Obliqui e storicamente avvicendando Dativo, Locativo, Strumentale ed Ablativo fu


mostrato su una base di declinazione-da-declinazione (e pronome-da-pronome pari), come Tarda
Torta show in delle declinazioni un paradigma più semplice, così più arcaico (come i, u),
ricostruibile mentre altri (come l'e/o tematico) mostrano pressocché la stessa Tarda Torta modello
di quattro caso-fini oblique rese differente. Ora, i 8 casi tradizionalmente ricostruiti sono usabili. e
la sua differenziazione raccomandò. in MIE.

La classificazione di declinazioni nominali Indoeuropee e Moderne è stata riorganizzata adattarlo


ad un modello più Classico, chiaramente aiutare il lettore ad identificare la loro corrispondenza ai
greci diversi e paradigmi di declinazione latini.

5. Il sistema verbale è stato ridotto all'essentials ricostruito di Tarda congiunzione proto-Indo-


europea e dei suoi primi dialetti. Se tale semplice ed irregolare sistema è usabile come è, senza
sistematizzazione più lontano, è una questione per essere risolto da oratori Indoeuropei e Moderni.

Il cosiddetto Aumento in é -, attestò quasi solamente in greco, Indo-iraniano ed Armeno è quota


sinistra a tradizione proto-Indo-europea qualche volta, anche se la recente ricerca mostra che né era
obbligatorio, né generale nella Tarda Torta. Si crede oggi che era solo un prefisso con un grande
successo nei dialetti meridionali, come per - in latino o ga - in germanico.

6. La struttura sintattica di proto-Indo-europeo è stata data estensivamente con da alcuni autori,


ma, come il materiale ancora non è stato sommato su e è stato corretto dagli altri autori (chi
preferiscono il fonologico o ricostruzione morfologica di solito), noi usiamo paragrafi letterali da
possibilmente il lavoro più completo disponibile su sintassi di Torta, Winfred P. La Sintassi proto-
Indo-europea (1974) di Lehman, insieme a dei commenti e correzioni fatte fin dalla sua
pubblicazione dagli altri studiosi.
Riconoscimenti
A Mayte, il mio più buon amico, per il suo appoggio ed incoraggiamento prima che io lavorai su
questo progetto, anche prima che lei seppe cosa era tutto circa. Per i soldi ed il tempo spese in
lunchtimes, libri, siti web, sistema di servizio e materiale. Per il suo eccitamento quando parlando
sui cambi che il revival proto-Indo-europeo potesse portare al futuro del mondo. Grazie.

A Fernando López-Menchero, Ingegnere Civile ed il Filologo di Lingue Classiche, esperto in


linguistica Indoeuropea, per il suo aiuto inestimabile, revisione e correzioni. Senza i suoi contributi
senza fine e conoscenza, questa grammatica non avrebbe mostrato una ricostruzione proto-Indo-
europea e corretta. spiacente per non correggere tutti gli errori di fronte a questa prima edizione.

A prof. Dott. Luis Fernando la di de Macorra, esperto in Economia Interregionale e Prof. Dott.
Antonio Muñoz, Vizio-Dean di Affari Accademici nella Facoltà di Scienza di Biblioteca per il loro
appoggio nella Competizione di Università e dopo.

A D.Phil. Neil Vermeulen, e Filologo inglese Fátima Batalla, per il loro appoggio al nostro
progetto di revival all'interno dell'Associazione di Dnghu.

All'Università di Extremadura e l'Armadietto di Giovane Iniziativa, per il loro premio nella


Competizione Imprenditoriale in Società (2006) di Immaginazione ed il loro incoraggiamento di
continuated.

Al Reparto dell'Antichità Classica dell'UEx, per il loro appoggio incondizionato al progetto.

Al Governo Regionale di Extremadura e le sue istituzioni pubbliche, per il loro appoggio aperto al
revival di lingua proto-Indo-europeo.

Al Governo di Spagna e l'armadietto del Presidente, per incoraggiarci nel nostro compito.

A tutti i professori e membri di pubblico ed istituzioni private che hanno diviso con noi le loro
critiche positive, sui politici ed aspetti linguistici del revival di Torta.

Ad Europa Press, RNE, El Periódico Extremadura, Terra El il de di Diario Navarra, e gli altri
Media, e specialmente ad EFE, Hoy, El Mundo, TVE, TVE2 RTVExtremadura per i loro articoli
estesi e rapporti su indoeuropeo Moderno.

Noi ringraziamo tutti i nostri lettori e sottoscrittori specialmente. Grazie per i Suoi e-mail e
commenti.
Convenzioni Usato in questo Libro
1. "Indoeuropeo moderno" o MIE: Evitare degli errori passati, noi usiamo il termine
Europaiomonly per riferirsi al sistema di lingua europeo, o l'indoeuropeo dell'Europa, anche
indoeuropeo Nordovest. I nomi appropriati per il sistema di lingua Indoeuropeo e semplificato per
Europa sono così lingua europea o europeo, così come "Europaio (m)."

2. Il rootsof la lingua proto-Indo-europea (Torta) e ricostruita è morfemi di base che portano un


significato lessicale. Da somma di suffissi, loro formano gambi, e da somma di desinenze, questi
formano parole grammaticalmente flesse (nomi o verbi).

NOTA. La torta ricostruì le radici sono soggette ad apofonia, ed a parte un casi molto pochi, radici
così ultime sono caratterizzate pienamente dalle sue consonanti costituenti, la vocale può
avvicendare. Radici di torta come una regola hanno un solo centro sillabico, e da apofonia può
essere monosillabico o unsyllabic. Le radici di torta possono essere della forma seguente (dove è
una fermata senza voce la K, G un unaspirated e Gh una fermata aspirata, R un semivowel (r., l., m.,
n., u., i.) e H un laringeo (o s). Dopo Meillet, combinazioni di Torta impossibili sono senza voce /
aspirò (come in * il teubh o * il bheut), così come che ha voce / senza voce (come in * il ged o * il
deg). La tavola seguente dipinge l'opinione generale:

Gh
fermat - K- G- -
e
Gh
- [IL HR] E [RH] K [R] E [RH] G [R] E [RH] [R] e [RH]
Gh
-K [IL HR] E [RH] IL K - G [R] E [RH] IL K [R] e [RH] il K
Gh
-G [IL HR] E [RH] G K [R] E [RH] G - [R] e [RH] G
-Gh [Il HR] e [RH] Gh K [R] e [RH] Gh G [R] e [RH] Gh Gh
[R] e [RH] Gh*
*Questa combinazione appare e.g.. in bheudh, si svegli, e bheidh, rispetti, creda.

Una radice ha almeno uno consono, per alcuni almeno due (e.g.. IE II * h.ek contro. In ritardo ekj
di ekor di Torta
, "rapido" che è la radice per l'adj di IE. .kús). Dipendendo dall'interpretazione di
laryngeals, delle radici sembrano avere un inerente un od ovowel, ar (contro. più vecchio * il h2ar
-), vada bene, onc (contro. più vecchio * il h3engw) "unga", ak (contro. più vecchio * il h2ec) "acuto."

Da "dilazione di radice", un modello di CeC (con C che è alcuno consono) di base può essere
esteso a CeC-C, ed un s-mobili possono estenderlo a s-CeC.

Il numero totale della consonante, sonant ed elementi laringei che appaiono in una sillaba comune
è tre. i.e., come il triliteral modello Semitico. Quelli che hanno meno che tre sono chiamati 'il
Concavo' i verbi (il cf. Hes, Hei il gwem); quegli estesi sono chiamati 'Convesso' i verbi (il cf. Lat.
plango, spargo, frango, ecc., quale, separatamente dalla dilazione in - g, contenga un laringeo); per
più su questo, infra di vide su Congiunzioni di MIE.

3. I verbi sono mostrati in note senza un nome verbale ed adatto che finisce di solito - il m, fine
infinita .tu / -ti, chiaramente distinguerli da nomi ed aggettivi. Loro non sono mostrati flesso nel
1stP.Sg. Presenti uno. come loro devono., a causa della stessa ragione, e non è accentuato di solito.
NOTA. L'ultima Torta ricostruì radici verbali sono scritte anche senza una fine atematica o
tematica. Quando un più vecchio laringeo appare, come in * il pelh2, qualche volta è scritto, come in
pela, o in caso di ultime radici con fini di semivowel [i.], [u.], seguì da un più vecchio laringeo, loro
sono scritti col finendo - j o - w.

4. Gli aggettivi sono mostrati con una fine maschile (o generale) di solito - il ós, anche se qualche
volta un paradigma completo -., - il óm, è scritto anche.

5. Vocali accentuate e semivowels hanno un accento scritto; accentuato vocali lunghe e sonants
sono rappresentati con caratteri speciali. Comunque, a causa dell'appoggio di UTF-8 limitato di
alcune fonti, il vecchio "Europaio" 1.x sistema di scrittura, i.e. senza caratteri di non-inglese, ancora
è usabile.

6. Per zero-gradeor zero-finendo, il simbolo che Ø qualche volta è usato.

7. Apophony vocalico proto-Indo-europeo o Apofonia è davvero normale in MIE, ma Ablauts


dialettali e diversi sono corretti quando prestito-tradusse. Esempi di questi sono kombhastós, da
Lat. confessus (il cf. Lat. fassus sommano), dal bh di IE.; MIE dhaklís / disdhaklís, come Lat.
facilis / difficilis, dal dh di IE.; Sáli di MIE. /ensáli./ensált., come Lat. sali. /insili./insult., ecc. Tale
Apofonia è collegata a lingue con accento musicale, come latino. In Corsivo, il tono era sulla prima
sillaba sempre; Il latino riorganizzò questo sistema, e dopo la "regola penultima" di grammatichi
romani, latino Classico che l'accento ha sentito sulla sillaba penultima, provocando così via timbri
vocalici interni e diversi o Ablauts. Gli altri dialetti Corsivi, come Oscan o Umbrian facevano non
sofferti tale apophony; cf. Osc. anterstataí, Lat. interstitae; Umb. antakres, Lat. integris; Umb.
procanurent, Lat. procinuerint, ecc. Germanico anche seppe tali variazioni di tono.

8. In dialetti germanici, celtici e Corsivi l'IE intervocalico - s - è espresso, e poi è pronunciato


come la consonante trillata, un fenomeno noto come Rhotacism; come con krs di zero-grado [kr.s]
da kers di gambo di Torta, corra, dando 'il s-derivatives' O.N. horskr, Gk. -......, e 'il r-derivatives'
come MIE k.sos, carro, carrello da celtico (il cf. O.Ir., Carr di M.Welsh, Bert. karr) e k.s., corra, da
Lat. currere. In luce di forme greche come criterio, convento, ecc., il suffisso per indicare "luogo
dove" aveva (e qualche volta lo strumento) un IE r originale, e la sua ricostruzione come sis di
Torta offende.

9. Dei prestiti sono andati via come loro è, senza necessariamente implicare che loro sono forme
Indoeuropee ed originali; come mappa latina, "mappa", aiqi -," (a) l'equi -, o ri -, "ri -", penna
celtica -, "capeggi", sphaira greco, "sfera" iso germanico -, "ghiacci", e così su. Delle forme già
sono soggette per cambiare in MIE per un più 'il purista' approccio ad un IE comune, come ati - per
Lat. ri -, - il ti per (Ita. e Braccio.) secondario - tio (n), ecc.

10. In lingue romaniche, il Tema è usato invece di Gambo. Perciò, Vocale di Tema e Tematico si
riferisca alle fini di Gambo, di solito all'e / oendings. Nelle lingue Indoeuropee, radici Tematiche
sono quelle radici che hanno una "vocale di tema"; un suono vocalico che è presente tra la radice
della parola ed i flessi attaccati sempre. Ad Athematicroots manca una vocale di tema, e lega
direttamente i loro flessi alla radice stessa.

NOTA. La distinzione tra radici tematiche ed atematiche è specialmente apparente nel verbo
greco; loro cadono in due classi che sono marcate da fini personali e piuttosto diverse. Verbi
tematici sono chiamati anche -. (- ô) verbi in greco; verbi atematici sono -.. (- il mi) i verbi, dopo la
prima persona tempo verbale di presente singolare che finisce che ognuno di loro gli usi. La
congiunzione intera sembra differire piuttosto marcatamente tra i due set di verbi, ma le differenze
sono il risultato della vocale tematica che reagisce con le fini di verbo realmente.

In greco, verbi atematici sono una classe chiusa di forme ereditate dal genitore lingua
Indoeuropea. I contrasti marcati tra forme tematiche ed atematiche appaiono anche in lituano,
Sanscrito, e la Vecchia Chiesa Slavo. In latino, pressocché tutti verbi sono tematici; una manciata di
forme atematiche che sopravvivono esiste, ma loro sono considerati verbi irregolari.

Il tematico e la distinzione atematica si riferisce anche a nomi; molte delle più vecchie lingue
Indoeuropee distinguono tra "gambi vocalici" e "gambi consoni" nella declinazione di nomi. In
latino, i primi, secondo, quarto, e quinto declinazioni sono gambi vocalici caratterizzati da un, o, u
ed e rispettivamente; la terza declinazione contiene gambi consoni e gli scaturisce le cui
declinazioni vennero ad assomigliare a da vicino l'un l'altro in latino. Greco, Sanscrito, e le altre più
vecchie lingue di indoeuropeo distinguono anche tra vocale e gambi consoni, come faceva Vecchio
inglesi.

11. La forma Generale per scrivere d+t di Torta, t+t, dh+t, ecc. dovrebbe essere st di MIE, sdh
normalmente ma ci sono probabilmente degli errori in questa grammatica, a causa di ricostruzioni
solite (puro) ed all'influenza di dialetti di IE moderni. Per quelle fasi intermedie e comuni, cf. Gk.
st, sth (come pistis, oisqa), Lat. est ("venga") ed O.H.G. esempi. Anche, compari O.Ind. sehí < * il
sazdhi, 'sieda!', e non * il satthi (il cf. O.Ind. dehí, Av. dazdi), cosa fa un intermedio - lo st (ancora
di Tarda Torta) molto probabilmente.

12. La torta fece forme personali di verbi composti che separano la radice dal cosiddetto
'preposizioni che davvero erano particelle che delimitarono il significato della frase. Così, una frase
come Lat. supplico di uos è in Torta come in O.Lat. supplisca placo di uos. Gli stessi accaddero in
greco Omerico, in Hittite nel più vecchio Vedico ed in tedesco moderno 'il trennbare Verben.
Perciò, quando noi ricostruiamo un verbo come MIE adk.pt., non vuole dire si dovrebbe usare come
in latino Classico (infatti la sua apofonia è stata invertita), o davvero come in inglesi Moderni, ma
col suo uso più grande, adfrom di separazione la radice.

13. Ragioni per non incluso il palatovelars in MIE sta scrivendo sistema è 1) che, anche se
possibile, la loro esistenza sufficientemente non è provata (veda Appendice II.2); 2) che la loro
scrittura a causa di tradizione o 'l'etimologia' non è giustificato, come questo vorrebbe dire una
scrittura proiettiva (i.e., come scrittura Lat. casa, ma Lat. .entum, perché il k-suono di fronte a - ed e
- l'ievolves differentemente in romanico). I paia. e., è stato proposto di scriverloro, per quelli
renderà differente la loro pronuncia.
O.Gk. : Il vecchio greco Le abbreviazioni seguenti applicano in questo libro:
Gk. : Greco
IE : Indoeuropeo
Phryg. : Phrygian
TORTA : Proto-Indo-europeo
Thr. : Tracio
IE IO : Prima Torta
Dac. : Dacian
IE II : Torta media o Indo-
Ven. : Venetic
Hittite
Lus. IE III : : InLusitanian
ritardo la Torta
A.Mac.
MIE : : Indoeuropeo
Antico macedone
moderno
Malatamente. : Illirico
Camice : L'albanese
sacerdotale.

Ita. : Proto-corsivo
Osc. : Oscan
IO.-IO. : Indo-iraniano Umb. : Umbrian
Ind. : Proto-Indo-ariano Lat. : Il latino
O.Ind. : Vecchio indiano O.Lat. : Il latino arcaico
Skr. : Sanscrito V.Lat. : Il latino volgare
Cerva. : Hindustani L.Lat. : Il tardo latino
Ciao. : Il hindi Med.Lat. : Il latino medievale
Ur. : L'urdu Mod.Lat. : Il latino moderno
Ira. : Proto-iraniano O.Fr. : Il vecchio francese

Av. : Avestan Prov : Provenzale


Gl.-Pt. : Il galiziano-
O.Pers. : Vecchio Persico
portoghese
Pers. : Persico Gal. : Galiziano
Kur. : Curdo Pt. : Il portoghese
Oss. : Ossetian Gatto. : Il catalano
Kam. : Kamviri Fr. : Francese
Esso. : L'italiano
Terme. : Lo spagnolo
Rom. : Il rumeno
Cel. : Proto-celtico
Gallia. : Il gallico
Bl.-Sl. : Balto-slavo
O.Ir. : Il vecchio irlandese
Bal. : Proto-Baltico
Sco.
Ir.
: Gaelic scozzese
: Gaelic irlandese
O.Lith. : Vecchio lituano 1.
O.Pruss. : Vecchio prussiano
Bert. : Bretone
Lith. : Lituano
Cor. : Cornish
Ltv. : Il lettone
O.Welsh : Il vecchio gallese
Sla. : Proto-slavo
Introduzione O.C.S. : Vecchia chiesa Slavo
O.Russ. : Il vecchio russo
1.1. La famiglia di O.Pol. : Vecchio lustro lingua
Indoeuropea Russ. : Russo
Pol. : Il Polacco
Cz. : Il ceco 1.1.1. Le lingue
Indoeuropee sono
Slo. : Lo sloveno una famiglia di
Slk. : Lo slovacco molte cento lingue
Ukr. : Ucraino e dialetti, incluso la
maggior parte delle
Bel. : Belarusian lingue notevoli
Bul. : Il bulgaro dell'Europa così
come molta in Asia.
Sr.-Cr. : Il serbo-croato
Lingue
contemporanee in questa famiglia
includono inglesi, Tedesco,
francese, spagnolo, portoghese,
Hindustani (i.e., Hindi e l'urdu fra
gli altri dialetti moderni), Persico e russo. È la più grande famiglia di lingue nel mondo oggi,
essendo parlato da verso metà la popolazione del mondo come prima lingua. La maggioranza
dell'altra metà parla almeno inoltre, uno di loro come seconda lingua.

1.1.2. I romani non percepirono somiglianze tra latino e dialetti celtici, ma loro trovarono
corrispondenze ovvie col greco. Dopo grammatico romano Sextus Pompeius Festus:

Dicebant di antiqui di Suppum, dicimus di supinum di nunc di quem ex Graeco, videlicet pro ponentes di
adspiratione < s > il litteram, ut idem .... dicunt, silvas di nos di et; articolo.. il sesso, et .... il septem.

Tali scoperte non stanno colpendo, tuttavia, come a Roma era creduto che fosse stata procurata
originalmente da eroe troiano Enea e, di conseguenza, il latino fu dedotto dal Vecchio greco.

1.1.3. Travelled del Filippo Sassetti negoziante fiorentino al subcontinente indiano, ed era fra i
primi osservatori di europeo per studiare la lingua indiana ed antica, Sanscrito. Scrivendo nel 1585,
lui notò delle somiglianze di parola tra Sanscrito e l'italiano, e.g.. deva / dio, "Dio", sarpa / serpe,
"serpente", sapta / sette, "sette", ashta / essenza, "otto", nava / nove, "nove." Questa osservazione è
accreditata oggi per avere prefigurato il più tardi scoperta della famiglia di lingua Indoeuropea.
1.1.4. La prima proposta della possibilità di un'origine comune per alcune di queste lingue venne
da linguista olandese e studioso Marco Zuerius trasportano con furgone Boxhorn nel 1647. Lui
scoprì le somiglianze fra lingue Indoeuropee, ed immaginò l'esistenza di una lingua comune e
primitiva che lui chiamato "Scythian." Lui incluse nella sua ipotesi olandese, greco, latino, Persico,
e Tedesco, aggiungendo più tardi slavo, celtico e lingue Baltico. Lui escluse lingue come l'ebraico
dalla sua ipotesi. Comunque, i suggerimenti di furgone Boxhorn non fu conosciuto estesamente e
non incentivò ricerca più lontana.

1.1.5. 1686, linguista Tedesco Andreas Jäger pubblicò De Lingua Vetustissima Europae, dove lui
identificò una lingua remota, mentre possibilmente spargeva dal Caucaso da che latino, greco,
slavo, 'Scythian' (i.e., Persico) ed il celtico (o 'Celto-germanico') fu dedotto, vale a dire Scytho-
celtico.

1.1.6. L'ipotesi ri-apparve nel 1786 quando Signore che William Jones ha fatto conferenze su
somiglianze tra quattro delle lingue più grandi saputi nella sua durata prima: Latino, greco il
Sanscrito e Persico:

"La lingua Sanscrita, qualunque cosa è la sua antichità, è di una struttura meravigliosa; più
perfetto dei greci, più copioso del latino, e raffinò più squisitamente che o, nascendo ancora ad
ambo di loro un'affinità più forte, ambo nelle radici di verbi e le forme della grammatica che
possibilmente sarebbe potuto essere prodotto da incidente; così forte davvero, che nessuno
philologer potessero esaminarli tutti i tre, senza credere che loro avessero saltato da del fonte
comune che, forse, più esiste: c'è una ragione simile, sebbene non piuttosto così forzato, per
supporre che il Gotico ed il celtico, sebbene si armonizzò con un idioma molto diverso, aveva la
stessa origine col Sanscrito; e la vecchia forza Persica sia aggiunta alla stessa famiglia"

1.1.7. Studioso danese Rasmus Rask era il primo ad indicare il collegamento tra il Vecchio
norvegese e Gotico sulla mano del una, e lituano, Slavo, greco e latino sull'altro. Paragone
sistematico di questi e le altre vecchie lingue condotto dal giovane linguista Tedesco Franz Bopp
sostenne la teoria, e la sua Grammatica Comparata, mentre apparendo tra il 1833 ed il 1852, conta
come l'inizio-punto di studi Indoeuropei come una disciplina accademica.

1.1.8. La classificazione di dialetti Indoeuropei e moderni in 'lingue e 'dialetti è controverso, come


dipende da molti fattori, come gli uni linguistici e puri. la maggior parte della volta di tempi il
minimo importante di loro., ed anche considerazioni sociali, economiche, politiche e storiche. Ci
sono comunque, certi antenati comuni, ed alcune di loro sono le vecchie lingue bene-attestate (o
sistemi di lingua), come latino Classico per lingue romaniche e moderne. francese, spagnolo,
portoghese, italiano, rumeno o il catalano., Sanscrito Classico per delle lingue di Indo-ariano
moderne, o greco Classico per il greco Moderno.

Ci sono ancora inoltre, alcuni più vecchio IE 'dialetti dai quali queste vecchie lingue formali
furono dedotte e più tardi furono sistematizzate. Loro sono, mentre seguendo gli esempi su, latino
Arcaico o Vecchio Archaicor Sanscrito Vedico ed il greco Arcaico o Vecchio, attestati nelle più
vecchie composizioni le iscrizioni ed inferì attraverso lo studio di tradizioni orali e testi.

E c'è anche dei vecchi dialetti relativi che c'aiutano ricostruiscono proto-lingue, come Faliscan per
Latino-Faliscan (e con Osco-Umbrian per un più vecchio Proto-corsivo), la lingua di Avestan per
aProto-Indo-iraniano o Miceneo per un più vecchio proto-greco.

NOTA. Anche se raggruppamenti di proto-lingua per lingue Indoeuropee possono variare


dipendendo da criteri diversi, loro tutti hanno la stessa origine comune, la lingua proto-Indo-
europea che è generalmente più facile ricostruire che i suoi raggruppamenti dialettali. Per esempio,
se noi avessimo solamente alcuni testi di Vecchio francese, Vecchio spagnolo ed il Vecchio italiano
portoghese, Medievale e rumeno Moderno ed il catalano, poi il latino Volgare. i.e., le caratteristiche
della lingua comune parlate da tutti, non il più vecchio il latino Classico artificiale, letterario.
potrebbe essere ricostruito facilmente, ma i raggruppamenti dei dialetti dedotti non. Infatti, i
raggruppamenti attuali delle lingue romaniche sono controversi, abbastanza bene sapendo anche
latino Arcaico, Classico e Volgare...

Figuri 2. La distribuzione di famiglie di lingua nel 20 secolo. In Eurasia e l'Americas, lingue


Indoeuropee; in Scandinavia, Europa Centrale e la Russia Settentrionale, le lingue di Uralic; in
Asia Centrale, le lingue di Turkic; in India Meridionale, le lingue di Dravidian; in nord Africa,
lingue Semitiche; ecc.

1.2. Viste tradizionali


1.2.1. Negli inizi degli studi Indoeuropei o indo-germanici che usano la grammatica comparata, la
proto-lingua Indoeuropea fu ricostruita come una lingua unitaria. Per Rask, Bopp e gli altri studiosi
di indoeuropeo, era una ricerca per l'indoeuropeo. Tale lingua fu parlata apparentemente in una
certa regione tra Europa ed Asia ed ad un certo punto in durata. tra dieci mille e quattro mille anni
fa, dipendendo dalle teorie individuali., e sparse da allora in poi ed evolse in lingue diverse che a
turno dialetti diversi ed avuti.

Figuri 3. Ca di Eurasia. 1500 A.D. Questa mappa possibilmente è più o meno quella che i primi
Indo-europeisti avevano in mente quando loro pensarono ad una lingua comune che è parlata dagli
antenati di tutto quegli oratori Indoeuropei, una lingua che dovrebbe spargere da del luogo preciso e
durata.

1.2.2. Lo Stammbaumtheorie o la Teoria di Albero Genealogica afferma che le lingue divisero su


nelle altre lingue, ognuno di loro a turno divisione su in altri, e così su, come i rami di un albero.
Per esempio, una vecchia teoria bene saputa su indoeuropeo è, che, dalla lingua Indoeuropea, due
gruppi principali di dialetti noto come Centum e Satemseparated. così chiamò a causa della loro
pronuncia del gutturals in latino ed Avestan, come nel parola kmtóm, cento. Da questo raggruppa
altri divisi su, come CentumProto-germanico, Proto-corsivo o proto-celtico, e SatemProto-Balto-
slavo, proto-Indo-iraniano che sviluppò in attuale germanico, romanico e celtico, Baltico, slavo,
iraniano e lingue di Indo-ariano.

NOTA. Il Centum e l'isogloss di Satem è una delle differenze fonologiche note e più grandi
delle lingue di IE, ed ancora è usato da molti per classificarli in due gruppi, trascurando
così le loro differenze morfologiche e sintattiche attinenti. È basato su un semplice
paragone di vocabolario; come, da Torta k.tóm (possibilmente più presto * dk.tóm, da
dék., dieci), Satem: O.Ind. .atám, Av. sat.m, Lith. .imtas, O.C.S. sto, o Centum: Gk. ......, Lat.
centum, goto. hund, O.Ir. cet, ecc.

1.2.3. Il Wellentheorie o teoria di onde, di J. Schmidt, stati che una lingua è creata da un altro
dall'espansione delle innovazioni il modo in cui l'acqua sventola espansione quando una pietra
colpisce la superficie di acqua. Le linee che definiscono la dilazione delle innovazioni state
chiamate isoglosses. La convergenza di isoglosses diverso su un territorio comune segnala
l'esistenza di una lingua nuova o dialetto. Dove isoglosses da coincidenza di lingue diversa, le zone
di transizione sono formate.

NOTA. Tali vecchie teorie sono basate sull'ipotesi che c'era una lingua comune e staticProto-Indo-
europea, e che tutte le caratteristiche di lingue Indoeuropee e moderne possono essere spiegate in
schema così unitario, o classificandoli come innovazioni o come arcaicità di quel vecchio, proto-
lingua rigida. Il sistema di lingua che noi proponiamo per l'indoeuropeo Moderno e rianimato è
basato principalmente tradizionalmente su quello ricostruito proto-Indo-europeo, non perché noi
alziamo le viste tradizionali, ma perché noi ancora cerchiamo l'antenato comune ed immediato di
lingue Indoeuropee e moderne, e è quel vecchio, indoeuropeo unitario che gli studiosi stavano
guardando per durante le prime decadi degli studi di IE.

Figuri 4. L'espansione di dialetti Indoeuropei di 500 A.D., dopo la caduta dell'Impero romano.
1.3. La teoria dei tre palcoscenici

1.3.1. Anche alcuni dei primi Indo-europeisti avevano notato nei loro lavori la possibilità di più
vecchie origini per il ricostruito (In ritardo) proto-Indo-europeo, anche se loro non osarono
descrivere quelli possibili più vecchi palcoscenici della lingua.

Figuri 5. Mappa di esemplare dell'espansione di dialetti 4.000-1.000 Indoeuropei A.C., secondo il


Kurgan ed ipotesi di Tre-palcoscenico. Tra il Nero Veda ed il Caspico See, la cultura di Yamna
originale. In aree colorate, espansione di oratori di Torta e Proto-Anatolian. Successivamente 2.000
AC, linee nere indicano l'espansione di dialetti di IE settentrionali, mentre lo show bianco il
meridionale o espansione di Graeco-ariano.

1.3.2. Oggi, una Teoria Tre-scenica molto estesa dipinge l'evoluzione di lingua proto-Indo-europea
in tre strati storici principali o palcoscenici:

1) l'indoeuropeo io o IE io, anche chiamò Torta Presto, è l'antenato ipotetico di IE II, e


probabilmente il palcoscenico più grande della lingua che la linguistica comparata potrebbe
aiutare a ricostruire. Non c'è comunque, posizione comune come a come era come o dove fu
parlato.

2) la seconda tappa corrisponde ad un tempo di fronte alla separazione di Proto-Anatolian dalla


comunità linguistica e comune dove coesistè con Pre-IE III. Quel palcoscenico della lingua
stato chiamato II Indoeuropeo o IE II, o Torta Media, per dell'Indo-Hittite. Questo si è
identificato con le prime culture di Kurgan nell'Ipotesi di Kurgan' la struttura. È presunto da
tutti gli studiosi Indoeuropei che Anatolian è il più primo dialetto per avere separato da Torta, a
causa delle sue arcaicità particolari, e mostra perciò una situazione diverso da quello guardò per
in questo Gramar.
Figuri 6. Le prime culture di Kurgan in ca. 4.000 A.C., territorio ipotetico che
mostra dove IE II le proto-dialetto (i.e. pre-IE III e pre-proto-Anatolian) avrebbe
potuto sviluppare.

3) l'antenato immediato e comune delle prime proto-lingue di IE .more o meno la stessa Torta statica
cercò fin dall'inizio di studi Indoeuropei. è chiamato Torta di solito Tarda, anche III
Indoeuropeo o IE III o semplicemente proto-Indo-europeo. La sua comunità preistorica di
oratori si è identificata con lo Yamna o Buca la cultura Grave generalmente (il cf. Ukr. ...,
"buca"), nella Steppa di Pontic. Proto-Anatolian gli oratori si sono identificati discutibilmente
col Maykop la comunità culturale.

NOTA. Lo sviluppo di questa teoria di tre tappa linguistiche può essere tracciato
posteriore alle molte origini di studi Indoeuropei, in primo luogo come un'idea diffusa
di una lingua non-statica e più tardi essere accettato estesamente come un'evoluzione
dialettale e dinamica, già nel 20 secolo, dopo la scoperta delle scritture di Anatolian.

1.3.3. Un'altra divisione doveva essere fatta, così che l'evoluzione dialettale propriamente è capita.
In ritardo la Torta aveva almeno due dialetti principali, i Settentrionali (o IE IIIb) ed i Meridionali
(o IE IIIa). Le condizioni piacciono Nordovest o l'europeo può essere trovato in scritti accademici
che si riferiscono al Dialetto Settentrionale, ma noi li useremo qui per chiamare solamente i dialetti
settentrionali dell'Europa, così generalmente tranne Tocharian.

Anche, il Graeco-ariano è usato per riferirsi al Dialetto Meridionale di Torta. Indo-iraniano è


usato in questa grammatica per descrivere il raggruppamento dialettale e meridionale formato da
Indo-ariano, iraniano ed i dialetti di Nuristani, e non. come è negli altri testi. chiamare i dialetti
meridionali dell'Asia nell'insieme. Così, dialetti di IE non classificati come Cimmerian, Scythianor
Sarmatian (di solito ritenne dialetti solo iraniani) sono semplicemente in questa grammatica alcuni
di molti dialetti meridionali parlati in Asia nelle durate Antiche.

Figuri 7. Ca di cultura di Yamna. 3000 A.C., probabilmente il tempo quando ancora una sola
lingua proto-Indo-europea fu parlata. In due colori diversi, ubicazioni ipotetiche di Dialetti più tardi
Settentrionali e Meridionali. Gli altri raggruppamenti ipotetici sono dipinti secondo loro più tardi
sviluppo linguistico e geografico, i.e. g:Germanic, i-c: Italo-celtico, b-s: Balto-slavo, t:Tocharian, g-
un: Graeco-armeno, i-i: Indo-iraniano, fra l'altra morte e dialetti di unattested che necessariamente
coesisterono con loro.

1.3.4. Come lontano come noi sappiamo, mentre oratori di dialetti meridionali (come proto-greco,
proto-Indo-iraniano e probabilmente Proto-armeno) sparsero in direzioni diverse, degli oratori di
dialetti settentrionali rimasero ancora in contatto sciolto in Europa, altri (come Proto-Tocharians)
sparsero in Asia. Quelli dialetti Indoeuropei e settentrionali dell'Europa erano germanici, celtici,
Corsivi presto, e probabilmente proto-dialetto Balto-slave (di solito considerò di transizione con IE
IIIa), così come altro non dialetti così notori piace Proto-Lusitanian, Proto-Sicel, proto-tracio (forse
proto-Daco-tracio, per alcuni fra un più largo Proto-Graeco-Thraciangroup), pre-proto-albanese
(forse proto-illirico), ecc.
NOTA. Lingue come Venetic, Liburnian, Phrygian tracio, macedone illirico, Messapic, Lusitanian,
ecc. di solito è chiamato 'lingue frammentarie, (qualche volta anche 'lingue rovinose) come loro
sono lingue noi abbiamo solamente frammenti da.

Figuri 8. Sparga di Tardo ca proto-Indo-europeo. 2000 A.C. A quella durata, solamente i dialetti
settentrionali europei rimasero in contatto, permettendo l'espansione di sviluppi linguistici, gli altri
evolsero più o meno indipendentemente. I dialetti di Anatolian come Hittite e Luwian attestarono fin
da 1900 A.C., ed il dialetto Miceneo proto-greco attestò in 16 secolo A.C.

Gli altri dialetti Indoeuropei attestati in Europa che rimane non classificato sono lingue paleo-
balcaniche come tracio, Dacian, illirico (alcuni li raggruppano in Graeco-tracio, Daco-tracio o il
Thraco-illirico) Paionian, Venetic Messapian, Liburnian Phrygian e forse anche Antico macedone e
Ligurian.

I dialetti europei hanno delle caratteristiche comuni, come una riduzione generale del paradigma
di 8-caso in un cinque - o sistema di flesso di nome di sei-caso, le - fini di r della voce media così
come la mancanza di satemization. I dialetti meridionali, a turno, mostri un Aumento generalizzato
in é -, una formazione di Aorist generale ed un sistema di 8-caso (anche apparentemente in proto-
greco).
NOTA. Dialetti Balto-slavi (e, a dell'estensione, Corsivo), o a causa della loro situazione originale
all'interno della Torta territori dialettali, o perché loro rimasero in contatto con dialetti Indoeuropei e
Meridionali dopo che la prima Torta divise (e.g.. attraverso gli Scythian o espansioni iraniane)
caratteristiche presenti identificarono con Indo-iraniano di solito, come una declinazione di nome di
8-caso e satemization fonetico, ed alla stessa durata caratteristiche morfologiche comune a dialetti
germanici e celtici, come il sistema verbale.

Figuri 9. Ca di Eurasia. 500 A.C. L'espansione di Scythians permette contatto linguistico e


rinnovato tra lingue Indo-iraniane e slave, mentre Armeno - e le comunità di Greco-parola sono di
nuovo vicino a dialetti di IE meridionali, a causa dell'espansione Persica. Oratori Italo-celtici
sparsero e guidano sud più lontano gli altri dialetti settentrionali (come Lusitanian o Sicul). Più tardi
i dialetti di Anatolian, come Lycian, Lydian e Carian ancora sono parlati.

NOTA. Il termine indoeuropeo stesso ora corrente in letteratura inglese, fu coniato nel 1813 dal
Signore di studioso britannico Tommaso Young, anche se a quella durata, non era consenso come
alla denominazione della famiglia di lingua recentemente scoperta. Fra i nomi suggeriti era indo-
germanique (C. Malte-Brun, 1810), Indoeuropean (Th. Giovane, 1813), japetisk (Rasmus C. Rask,
1815), indisch-teutsch (F. Schmitthenner, 1826), sanskritisch (Wilhelm il von Humboldt, 1827),
indokeltisch (Un. F. Pott, 1840), arioeuropeo (G. IO. Ascoli, 1854), ariano (F. M. Müller, 1861),
aryaque (il H. Chavée, 1867).
In inglesi, indo-germanico fu usato da J. C. Prichard nel 1826 anche se lui preferì l'indoeuropeo.
In francese, uso di indo-européenwas stabilito da Un. Pictet (1836). In letteratura Tedesca, Indo-
Europäischwas usò da Franz Bopp fin da 1835, mentre il termine che Indo-Germanisch già era stato
presentato da Giulio von Klapproth in 1823, intendendo di includere il più a nord ed il southernmost
dei rami della famiglia come sia come un'abbreviazione del pieno listato di lingue coinvolte che
erano state comuni in più prima letteratura, mentre aprendo le porte a conseguendo discussioni
infruttifere se non dovrebbe essere Indo-celtico, o anche Tocharo-celtico.
1.4. L'Urheimat proto-Indo-europeo o 'la terra natia'
1.4.1. La ricerca per l'Urheimat o
'la Terra natia' della comunità
preistorica che parlò il proto-Indo-
europeo Presto ha sviluppato come
una ricerca archeologica insieme
alla ricerca linguistica che cerca la
ricostruzione di quel proto-lingua.

1.4.2. L'ipotesi di Kurgan fu


presentata da Marija Gimbutas nel
1956 per combinare l'archeologia
con linguistica nel localizzare le
origini dei proto-Indo-europei. Lei
chiamò il set delle culture in
questione "Kurgan" come i loro tumuli di sepoltura distintivi e tracciò la loro diffusione nell'Europa.
Secondo la sua ipotesi (1970: "Proto-Indoeuropean la cultura: la cultura di Kurgan durante i 5thto
il 3 Millennio A.C"., Indoeuropeo ed indoeuropei, Filadelfia 155-198), gli oratori di Torta
probabilmente furono localizzati nella Steppa di Pontic. Questa ubicazione combina l'espansione
dei Settentrionali e dialetti Meridionali, mentre essendo d'accordo alla stessa durata con le quattro
tappa successive delle culture di Kurgan.

1.4.3. Il suggerimento originale di Gimbutas identifica quattro palcoscenici successivi della


cultura di Kurgan e tre onde successive di espansione.

1. Kurgan io, regione di Dnieper / Volga la più prima la metà dei 4thmillennium AC.
Apparentemente evolvendo dalle culture del bacino di Volga, i sottogruppi includono i Samara e
le culture di Seroglazovo.
2. Kurgan II.III, la metà seconda dei 4thmillennium AC. Include lo Sredny Stog la cultura e
la cultura di Maykop del Caucaso settentrionale. Cerchi di pietra, i primi carri a due ruote, stelae
di pietra antropomorfico delle divinità.
3. Kurgan IV o Buca la cultura Grave, prima la metà del 3 millennio AC, includendo la
regione di steppa intera dall'Ural a Romania.
 Wave 1, predatando Kurgan io, espansione dal Volga più basso al Dnieper, conducendo a
coesistenza di Kurgan io e la cultura di Cucuteni. Ripercussioni delle migrazioni estendono
come lontano come i Balcani e lungo il Danubio ai Vin.a e le culture di Lengyel in Ungheria.
 Wave 2, il mezzo 4 millennio AC, originando nella cultura di Maykop e dando luogo ad
anticipi di "kurganized" le culture ibride nell'Europa settentrionale circa i 3000 AC. Anfora
Globulare la cultura, cultura di Baden ed ultimamente Legò con una corda Stia attento la
cultura. Nella credenza di Gimbutas, questo corrisponde alla prima intrusione dei dialetti di
IE nell'Europa occidentale e settentrionale.

Sventoli 3, 3000.2800 AC, espansione della Buca la cultura Grave oltre le steppe, con
l'aspetto delle tombe di buca di caratteristica come lontano come le aree di Romania
moderna, Bulgaria e l'Ungheria orientale.

Figuri 11. Terra natia ipotetica o Urheimat dei primi oratori di Torta, da 4.500 AC in
avanti. Lo Yamnaya o la cultura di Jamna (Tomba di Buca) durarono da ca. 3.600 fino a
2.200. In questa durata i primi carri apparvero. Le persone furono seppellite con le loro
gambe flesse, una posizione che rimase per molto tempo tipico per gli indoeuropei. Le
sepolture furono coperte con un tumulo, un kurgan. Durante questo periodo, da 3.600
fino a 3.000 IE II divida su in IE III ed Anatolian. Da ca.3000 A.C su, dialetti dell'IE III
cominciarono a rendere differente e spargere entro 2500 dell'ovest - e verso sud (Dialetti
europei, Armeno) e verso est (Indo-iraniano, Tocharian). Entro 2000 la rottura
dialettale è completa.
1.4.3. I dialetti europei o nordovest, i.e. Celtico, germanico, Corsivo, Baltico e slavo, ha
sviluppato insieme nel Subcontinente europeo ma, a causa delle migrazioni diverse e sistemazioni,
loro hanno subito cambi linguistici ed indipendenti. La loro ubicazione comune ed originale di
solito è tracciata di nuovo a del luogo all'Oriente del Reno, al nord delle Alpi e le Carpathian
Mountains al Sud della Scandinavia ed all'Oriente dei Bassopiani europei ed Orientali o Piano di
russo, non oltre Mosca.

Questa teoria linguistica è mescolata con scoperte archeologiche di solito:

Figuri 15. ca
2.000 A.C. La
Merce
Provvisto di corde complesso delle culture tradizionalmente rappresenta per molti
studiosi l'arrivo dei primi oratori di Dialetti Settentrionali in Europa centrale, venendo
dalla cultura di Yamna. Le date complesse da approssimativamente 3.000-2.000. Le
Anfore Globulari che la cultura può essere leggermente più presto, ma la relazione tra
queste due culture è poco chiara. Si suppone che Danimarca e la Scandinavia
meridionale siano state la terra natia germanica, la Germania Ovest attuale sarebbe
stata la terra natia celtica (e possibilmente Corsivo); la zona est, poi corrisponde alla
terra natia Balto-slava. Le loro proto-lingue certamente svilupparono da vicino (se loro
non fossero gli stessi) fino a 2.000 A.C.
Ipotesi di Kurgan & ricostruzione proto-Indo-europea

Archeologia (ipotesi di Kurgan) Linguistica (Teoria di Tre-palcoscenico)


ca. 4500-4000. Sredny Stog, Dnieper-Donets e le La prima Torta è parlata, probabilmente in
culture di Sarama, addomesticazione del cavallo. qualche luogo nella Steppa di Pontic-caspico.
ca. 4000-3500. La cultura di Yamna, i costruttori Torta media o IE II divisero su in due comunità
di kurgan emerge nella steppa, e la cultura di diverse, il Proto-Anatolian ed il Pre-IE III.
Maykop in Caucaso settentrionale.
ca. 3500-3000. La cultura di Yamna è alla sua Tardo proto-Indo-europeo o IE III e Proto-
vetta, con idoli di pietra, proto-carri a due ruote, Anatolian evolva in comunità diverse. Anatolian è
l'agricoltura animale, sistemazioni permanenti e isolato meridionale del Caucaso, e non ha più
hillforts sostenendosi su agricoltura e pescando, contatti con le innovazioni linguistiche di IE III.
lungo fiumi. Contatto della cultura di Yamna con
la tarda Europa Neolitica le culture danno luogo a
kurganized Anfora Globulare e le culture di Baden.
La cultura di Maykop mostra la più prima
evidenza dell'Età del Bronzo dell'inizio, ed arma di
bronzo e manufatti sono presentati.
3000-2500. La cultura di Yamna estende sulla IE III disintegra nei vari dialetti che
steppa di Pontic intera. La Merce Provvisto di corrispondono alle culture diverse, almeno un
corde che la cultura si estende dal Reno al Volga, Meridionale ed un Settentrionale. Loro rimangono
corrispondendo all'ultima fase di unità ancora in contatto, abilitando l'espansione delle
Indoeuropea. Le culture diverse disintegrano, innovazioni fonetiche (come il Satem isogloss) e
ancora in contatto sciolto, abilitando l'espansione morfologiche, così come le prime parole di
della tecnologia. prestito.
2500-2000. L'Età di Bronzo arriva ad Europa La dispersione dei dialetti di IE meridionali è
Centrale con la cultura di Becher di indoeuropei completa. Proto-greco parlato nei Balcani ed un
Settentrionali. Indo-Iranians paga nord del Caspico dialetto proto-Indo-iraniano e distinto. Dei dialetti
nel Sintashta-Petrovka e più tardi la cultura di settentrionali sviluppano in Europa Settentrionale,
Andronovo. ancora in contatto sciolto.
2000-1500. Il carro è inventato, conducendo alla Divisioni Indo-iraniane su in due dialetti
divisione ed espansione rapida di Iranians e l'altro principali, Indo-ariano ed iraniano. Proto-dialetto
peoples dalla cultura di Andronovo ed il europee piacciono germaniche, celtico, Corsivo,
Complesso di Bactria-Margiana su molte di Asia Baltico e slavo renda differente dall'un l'altro. Un
Centrale, India Settentrionale, Iran e l'Anatolia dialetto proto-greco, Miceneo già è scritto in B
Orientale. Età di Darg greche e fiorendo Lineare scrittura. Le lingue di Anatolian come
dell'Impero di Hittite. Pre-Celtics la cultura di Hittite e Luwian sono scritte anche.
Unetice ha un'industria di metallo attiva.
1500-1000. L'Età di Bronzo nordica vede Germanico, celtico, Corsivo, Baltico e slavo già è
l'aumento dell'Urnfield germanico ed il Hallstatt proto-lingue diverse, sviluppando a turno dialetti
celtico le culture in Europa Centrale, presentando diversi. Dialetti meridionali relativi iraniani ed
l'Età di Ferro. Peoples corsivi si trasferiscono alla altri espandono attraverso conquista militare, e
Penisola italiana. Rigveda è composto. I Regni di l'Indo-ariano sparge nella forma della sua lingua
Hittite ed il ribasso di civiltà Miceneo. sacra, Sanscrito.
1000-500. L'Europa settentrionale entra l'Età di Dialetti celtici sparsero sull'Europa. Osco-
Ferro Preromana. I primi regni Indoeuropei ed Umbrian e Latino-Faliscan attestò nella Penisola
imperi in Eurasia. In Europa, l'Antichità Classica italiana. Alfabeti Corsivi greci e Vecchi appaiono.
comincia col fiorente del peoples greco. In ritardo i dialetti di Anatolian. Cimmerian,
Fondazione di Roma. Scythian e Sarmatian in Asia, lingue paleo-
balcaniche nei Balcani.
1.5. Altre teorie linguistiche ed archeologiche
1.5.1. Un sviluppo comune di teorie nuove su indoeuropeo è stato revisionare l'assunzione di Tre-
palcoscenico. Non è davvero qualche cosa nuovo, ma solamente i vengono indietro a viste più
tradizionali, reinterpretando le scoperte nuove delle scritture di Hittite tentando di inserire le
caratteristiche di Anatolian nel vecchio, concetto di Torta statico.

1.5.2. La teoria di alternativa nuova e più nota riguardo a Torta è la teoria di Glottalic. Presume
che il proto-Indo-europeo fu pronunciato più o meno come armeno, i.e. invece di Torta p, b, bh la
pronuncia sarebbe stata * p', * p, * b, e lo stesso con le altre due serie aspirate senza voce-che ha
voce-che ha voce delle consonanti. L'Urheimat Indoeuropeo sarebbe stato localizzato poi nei
dintorni dell'Anatolia, Lago specialmente vicino Urmia, in Iran settentrionale, Armenia attuale e
vicina ed Azerbaïdjan da adesso l'arcaicità dei dialetti di Anatolian ed i glottalics ancora trovata in
armeno.

NOTA. Scoperte così linguistiche sono sostenute da Th. Gamkredlize-V. Ivanov (1990: "La prima
storia di lingue Indoeuropee", Scientiphic americano dove il primo vocabolario Indoeuropeo
ritenne "di regioni meridionali" è esaminato, e somiglianze con Semitico e le lingue di Kartvelian
sono portate anche per accendere. Anche, le scoperte principalmente archeologiche di Colin
Renfrew (1989: L'enigma delle origini di Indoeuropean, York Cambridge-nuova), sostenne
dall'arcaicità dei dialetti di Anatolian, può indicare una possibile origine di Prima Torta oratori in
Anatolia che, dopo che il modello di Renfrew, sarebbe emigrato poi nell'Europa meridionale.

1.5.3. Altre teorie alternative riguardo a proto-Indo-europeo è come segue:

IO. La Terra natia europea che la tesi mantiene che l'origine comune delle lingue Indoeuropee
giace in Europa. Questa tesi ha un nazionalistica aromatizzare di solito, più o meno guidato da
teorie Archeologiche o Linguistiche.

NOTA. È stato localizzato tradizionalmente nel 1) Lithuaniaand le aree circostanti, da R.G.


Latham (1851) e Th. Poesche (1878: Muoia Arier. Ein Beitrag historischen di zur Anthropologie,
Jena); 2) la Scandinavia, da K.Penka (1883: Ariacae di Origines, Viena); 3) Europa centrale, da G.
Kossinna (1902: "Muoia Indogermanische Frage "beantwortet di archäologisch, il für di Zeitschrift
Ethnologie, 34, pp. 161-222), P.Giles (1922: Gli ariani, New York), e da G di linguista / archeologo.
Childe (1926: Gli ariani. Un studio di origini Indoeuropee, Londra).

a. Il Vecchio europeo o la Teoria di Alteuropäisch compara del vecchio vocabolario europeo


(specialmente nomi di fiume) che sarebbe più vecchio dell'espansione di Tarda Torta attraverso
l'Europa. Indica la possibilità di un più vecchio, pre-IE III sparse di IE, entrambi IE II o io o forse il
loro antenato.

b. Questo è, a turno, relativo con le teorie di una rivoluzione Neolitica che provoca lo spargere
pacatamente di una più vecchia lingua Indoeuropea nell'Europa dall'Asia Minor da circa i 7000 AC,
con l'anticipo di coltivare. Tutta dell'Europa Neolitica sarebbe stata più o meno di conseguenza,
parola Indoeuropea, ed i Dialetti dell'IE III Settentrionali avrebbero sostituito i più vecchi dialetti di
IE, da IE II o Primo proto-Indo-europeo.

c. C'è anche una Teoria di Continuità Paleolitica che deduce proto-Indo-europeo dalle culture
Paleolitiche europee con della ricerca tappezza disponibile on-line al sito web dei ricercatori,
http://www.continuitas.com/.

NOTA. Tale Continuità Paleolitica poteva a turno sia connesso con l'Indo-Uralic di Frederik
Kortlandt ed Altaic studia (http://kortlandt.nl/publications/). anche se loro potrebbero essere inseriti
anche nella prima struttura di Gimbutas.

II. Un'altra ipotesi, contrari all'europeo, anche principalmente guidato oggi da una vista
nazionalistica, traccia di nuovo l'origine di Torta a Sanscrito Vedico, postulando che è molto puro, e
che l'origine può essere tracciata così posteriore alla civiltà di valle di Indus di ca. 3000 AC.

NOTA. Tale Tegame-Sanskritism era comune fra i primi Indo-europeisti, come Schlegel Giovane,
Un. Pictet (1877: Indoeuropéens di origines di Les, Parigi) o Schmidt (chi preferì la Babilonia), ma
ora è sostenuto principalmente da quelli che considerano Sanscrito quasi uguale a Tardo proto-Indo-
europeo. Per più su questo, veda S. Misra (1992: Il problema di ariano: Un Approccio Linguistico,
Delhi), l'Aggiornamento di Elst sul Dibattito (1999) dell'Invasione dell'ariano, seguì su da S.G.
Talageri è Il Rigveda: Una Analisi Storica (2000), ambo la parte di "Indo-ariano Indigeno" punto di
vista di N. Kazanas, il cosiddetto "Fuori dell'India" la teoria, con una struttura si dia l'appuntamento
di nuovo alle volte dell'Indus Valley la Civiltà, ritenendo semplicemente Torta un'ipotesi
(http://www.omilosmeleton.gr/english/documents/SPIE.pdf).

III. Finalmente, la teoria di diluvio Marittima e Nera è insieme le origini dell'espansione di dialetti
di IE nella genesi del Mare di Azov, ca. 5600 AC, quale a turno sarebbe riferito alla Bibbia
l'inondazione di Noè, come sarebbe rimasto in storie orali fino a che la sua scrittura in giù nel
Tanakh israelitico. Questa data generalmente è considerata piuttosto presto come per l'espansione di
Torta.

NOTA. W.Ryan e W.Pitman pubblicarono evidenza che un'inondazione massiccia attraverso il


Bosforo è capitata approssimativamente 5600 AC, quando il Mediterraneo sorgente si versò su un
davanzale roccioso al Bosforo. L'evento allagò 155,000 km² di terra ed espanse significativamente
la costa Marittima e Nera al nord ed ovest. Questo è stato connesso col fatto che alcuni Primi
studiosi Moderni basarono su Genesi 10:5 ha presunto che il 'Japhetite' le lingue (invece del
'Semitico' uni) sono piuttosto le discendenti dirette della lingua di Adamic, dopo avendo separato di
fronte alla confusione di lingue da che anche ebraico fu colpito. Quello fu chiesto da Anna
Catherine Emmerich Benedetto (18thc.), chi affermò nelle sue rivelazioni private che la maggior
parte di discendenti diretti della lingua di Adamic erano Bactrian, Zend e lingue indiane, riferì al
suo dialetto Tedesco e Basso. Si afferma che Emmerich identificò così la lingua di Adamic come la
Prima Torta.

1.6. Relazione alle altre lingue


1.6.1. Le molte relazioni di alto-livello tra Torta e le altre famiglie di lingua sono state proposte.
Ma questi collegamenti speculativi sono estremamente controversi. Forse la proposta estesamente
accettata è di una famiglia di Indo-Uralic, includendo Torta e Proto-Uralic. L'evidenza di solito
citata in favore di questo è la prossimità dell'Urheimaten proposto delle due proto-lingue, la
somiglianza tipologica tra le due lingue ed un numero di apparenti morfemi condivisi.
NOTA. Altre proposte, più lontano indietro in durata (e corrispondentemente meno accettato),
Torta di modello come un ramo di Indo-Uralic con un substrato caucasico; colleghi Torta ed Uralic
con Altaic e certe altre famiglie in Asia, come il coreano il giapponese, Chukotko-Kamchatkan ed
Eschimese-Aleut (proposte rappresentative sono Nostratic e gli Eurasiatic di Giuseppe Greenberg);
o collega alcuni o tutti di questi ad afro-asiatico, Dravidian, ecc., ed ultimamente ad una sola
famiglia di Proto-Mondo (oggi soprattutto associò con Merritt Ruhlen). Le varie proposte, con
livelli diversi di scetticismo esistono anche quello si associ a del sottoinsieme delle famiglie di
lingua di Eurasiatic putative e/o alcuni delle famiglie di lingua caucasiche, come Uralo-siberiano,
Ural-Altaic (una volta accettò estesamente ma ora grandemente screditò), Proto-Pontic, e così su.

1.6.2.Indo-Uralic sono una famiglia di lingua ipotetica che consiste di indoeuropeo ed Uralic (i.e.
Finno-ugrico e Samoyedic). La maggior parte di linguisti ancora considera questa teoria speculativo
e la sua evidenza insufficiente provare conclusivamente l'affiliazione genetica.

1.6.3. Linguista olandese Frederik Kortlandt sostiene un modello di Indo-Uralic nel quale gli
oratori di Indo-Uralic originali vissero nord del Caspico Mare, e gli oratori proto-Indo-europei
cominciò come un gruppo che ha ramificato via volto ad occidente da là entrare in prossimità
geografica con le lingue caucasiche e Nordovest, assorbendo una miscela lessicale caucasica e
Nordovest prima di traslocare più lontano volto ad occidente ad un nord di regione del Mare Nero
dove la loro lingua stabilì in canonico proto-Indo-europeo.

1.6.4. Gli argomenti più comuni nel favore di una relazione tra indoeuropeo ed Uralic sono basati
su apparentemente elementi comuni della morfologia, come le radici pronominali (* il m - per prima
persona; * t - per seconda persona; * i-per terza persona), impronte di caso (l'accusativo * - il m;
ablativo / partitivo * - il ta), pronomi interrogativo / relativo (* il kw - 'chi?, quale?'; *j - 'chi, quale'
segnalare clausole relative) ed un SOV comune mette in parole ordine. Altre corrispondenze meno
ovvie sono suggerite, come il marcatore plurale ed Indoeuropeo * - es (o * - s nel plurale accusativo
* -m.-s) e la sua cosa uguale di Uralic * - t. Questo stesso parola-finale assibilation di * - t a * -
smay è anche presente in secondo-persona Indoeuropea singolare * - s rispetto con secondo-persona
di Uralic singolare * - t. Compari, all'interno di indoeuropeo stesso, * - secondo-persona di s
singolare ingiuntivo, * - secondo-persona di si indicativo di presente singolare, * - secondo-
persona di tHa singolare perfetto, * - la tesecond-persona indicativo di presente plurale, * il tu 'Lei'
(singolare) nominativo, * il tei 'a Lei' (singolare) pronome di enclitico. Queste forme suggeriscono
che il marcatore di secondo-persona fondamentale in indoeuropeo può essere * il tand che il * u
trovato in forme come * tu era originalmente una particella affissale.

Un secondo tipo dell'evidenza avanzato in favore di una famiglia di Indo-Uralic è lessicale. Parole
numerose in indoeuropeo ed Uralic assomigliano all'un l'altro. Il problema è a ripulito dalle erbacce
fuori parole dovuto a prendendo in prestito. Le lingue di Uralic sono state in contatto con una
successione di lingue Indoeuropee per millenia. Di conseguenza, molte parole sono state prese in
prestito tra loro, la maggior parte spesso da lingue Indoeuropee in Uralic uni.

Proto-Indo-europeo e Proto-Uralic lato da lato

Volendo dire Proto-Indo-europeo Proto-Uralic


Io, io *io 'io' [l'acc], *mVnV 'io'
*mene 'mio' [il gen]
Lei (sg) *tu [il nom], *tun
*twe [l'obj],
*tewe 'Suo' [il gen]

[dimostrativo] *quindi 'questo, lui/lei' [nom *.a [3ps]


animato]
chi? [pronome *kwi - 'chi?, cosa?' *comprensione 'chi?'
interrogativo ed animato] *kwo - 'chi?, cosa?' *ku - 'chi?'
[pronome relativo] *jo- *-ja [agentis di nomen]
[accusativo definito] *-m *-m
[ablativo / partitivo] *-od *-ta
[duplice] *-h. *-k
[Nom./Acc. plurale] *-es [nom.pl], *-k
*-m.-s [acc.pl]

[Obl. plurale] *-i [plurale pronominale] *-i


(come in * noi-i - 'noi', * a-i -
'quelli')
[1ps] *-m [1ps attivo] *-m
[2ps] *-s [2ps attivo] *-t
[lo stative] *-s - [l'aorist], *-ta
*-es - [lo stative effettivo],
*-t [lo stative effettivo]

[negativo] *nei *ei - [verbo negativo]


*ne
dare *deh3- *toHi-
inumidire, *sposi - 'bagnare', *weti 'l'acqua'
acqua *wódr. 'l'acqua'
assegnare, nem - 'assegnare, assegnare', *nimi 'il nome'
nome *h1nomn. 'il nome'
1.7. Indoeuropeo Dialetti dell'Europa
Figuri 16. Lingue europee. La linea nera divide tradizionalmente (o politicamente) le zone
considerate nel subcontinente europeo. Dialetti settentrionali sono tutto ma il greco e curdo
(iraniano); Armeno è considerato un dialetto di Graeco-ariano di solito, l'albanese è classificato
come un Settentrionale di solito. Numerato nella mappa, lingue non-Indo-europee: 1) le lingue di
Uralic; 2) le lingue di Turkic; 3) il basco; 4) il maltese; 5) lingue caucasiche.
La Favola di Schleicher: Da proto-Indo-europeo all'inglesi moderni

" Le pecore ed i cavalli. Una pecora che non aveva lana vide cavalli, uno che tira un carro
pesante, uno che porta un grande carico, ed uno che porta rapidamente un uomo. Le pecore dissero
ai cavalli: Il "mio cuore mi addolora, vedendo un cavalli" di guida di uomo. I cavalli dissero:
"Ascolti, pecora, i nostri cuori c'addolorano quando noi vediamo questo: un uomo, il padrone fa la
lana della pecora in un caldo indumento per lui. E la pecora non ha lana." Avendo sentito questo,
le pecore fuggirono nel piano. »

IE III, ca. 3000 BC:H3ou .is h1éku.o es-qe. H3ou.is, kwesi.o u.l.Hneh2ne h1est, h1éku.oms
spekét il h1óinom wéghontm di wóghom di gwr.h3um., bhórom di mégeh2m di h1óinom-kwe,
dhHghmónm di h1óinom-kwe. bhérontm di h1oh1ku. Nu di H3owis h1éku.obhi.os u.eu.kwét:
h2éghnutoi di kerd h.moí h1éku.oms h2égontm. il wiHrom wídn.tei. Tu di es di H1éku.o
u.eu.kwónt: Klúdhi, h3ówi! nsméi di h2éghnutoi di kerd wídntbhi.os: H2ner, pótis h3ou.i.om-r.
u.l.Hneh2m. su.ébhi gwhermóm u.éstrom kwrnéuti. Neghi h3ou.i.om u.l.Hneh2 h1ésti. Tod kékluu.os
bhugét di h2égrom di h3ou.is.
IE IIIb, ca. 2.000 AC (come MIE, con scrittura latina): Ówis ékw.s-qe. Ówis, qésio wl..n. est di
ne, spekét di ékwoms, wéghontm di wóghom di crum di óinom (ghe) il óinom-qe még.m
bhórom, dhghmónm di óinom-qe .ku bhérontm. Ówis nu ékwobh (i) os wewqét: moí di
ághnutoi di krd, ágontm di ékwoms w.rom wídntei. Wewqónt di tu di Ékw.s: Klúdhi, ówi! krd
ághnutoi nsméi wídntbh (i) os: anér, pótis il ówjom-r w.n.m sébhi chermóm wéstrom qrnéuti.
Ówjom-qe wl..n. ésti di ne. Tod kékluwos ówis ágrom bhugét.

IE IIIa, ca. 1.500 AC (dialetto proto-Indo-iraniano): Ak'vasas-ka di Avis. Avis, varn di gelsomino.
il na .st, ak'vans di dadark'a, tam il garum v.gham vaghantam, tam il magham bh.ram, manum di
tam .ku bharantam. Avavakat di ak'vabhjas di Avis; k'ard aghnutai mai vidanti manum ak'vans
ag'antam. Avavakant di Ak'v.sas: avai di k'rudhi, vividvant-svas di aghnutai di kard: patis di manus
varn.m avis.ns karnauti svabhjam gharmam vastram avibhjas-ka varn. asti di na. Tat k'uk'ruvants
avis ag'ram abhugat.

Proto-corsivo, ca. 1.000 AC Prototedesco, ca. 500 AC Proto-Balto-slavo, ca. 1 D.C.


Ekuoi-kue di Ouis Ehwaz-uh di Awiz Asvas (- il ke) di Avis
ouis, est di ne di ulana di kuesio, awiz, ist di ne di wulno di hwesja, avis, kesjo est di ne di v.lna,
ekuos di speket, ehwanz di spehet, asvãs di spek'et,
ueguntum di uogum di brum di wegantun di wagan di krun di inam vezant di vezam di g.rõ.,
oinum, ainan,
foro di megam di oinum-kue, boran di mekon di ainan-uh, bóram di még'am di inam (- il
ke),
ferontum di oku di humonum di berontun di ahu di gumonun di berant di jasu di zemenam di
oinum-kue. ainan-uh. inam (- il ke).
Uokuet di ekuobus di nu di Ouis: Weuhet di ehwamaz di nu di Vjauket di asvamas di nu di Avis:
Awiz:
uiduntei di mihi di áhnutor di witantei di meke di agnutai di s.rd aznut. io v.d.ti,
kord, hert,
uirum di aguntum di ekuos. weran di akantun di ehwans. azant di asvãs. il viram.
Uokuont di Ekuos: Kludi, oui! Weuhant di Ehwaz: hludi, awi! Vjaukant di Asvas: sludi, awi!
uiduntbos di nos di ahnutor di wituntmaz di uns di aknutai di s.rd aznut. il nas v.d.ntmas:
kord: kert:
ner, potis, ouium di ulanam mannaz, fothiz, awjan di wulnon mãg, accarezzi', v.lnam avjam
uestrum di fermum di sibi di wistran di warman di sebi di vastram di g'armam di sebi di
kurneuti. hwurneuti. karnjauti.
Esti di ne di ulana di Ouium-kue. Isti di ne di wulno di Awjan-uh. Avjam (- il ke) esti di ne di v.lna.
Tod kekluuos ouis agrum fugit Quel buketh di akran di awiz di Tod sesluvas avis ak'ram buget.
hehluwaz.
1.7.1. Dialetti Indoeuropei e settentrionali

A. Germanico

1.2.1. Le lingue germaniche formano uno dei rami della famiglia di lingua Indoeuropea. Le più
grandi lingue germaniche sono inglesi e tedesco, con ca. 340 e dei 120 milioni di oratori natii,
rispettivamente. Le altre lingue significative includono un numero dialetti germanici (come
l'olandese) e Bassi e le lingue Scandinave, danese, norvegese e lo svedese.

Il loro antenato comune è


Prototedesco, probabilmente ancora
parlato nel mezzo-1st il millennio A.C. in
Età di Ferro l'Europa Settentrionale, fin
dalla sua separazione dalla lingua
proto-Indo-europea circa i 2.000 AC.
Germanico, e tutti i suoi discendenti, è
caratterizzato da un numero di
caratteristiche linguistiche ed uniche,
più famosamente il cambio consono
noto come la Legge di Grimm. Presto
dialetti germanici entrano storia col
peoples germanico che stabilì in Europa
settentrionale lungo i confini
dell'Impero romano dai 2ndcentury.

NOTA. La legge (anche noto come il primo Turno di Suono germanico) di Grimm è un set di
asserzioni che descrivono le fermate proto-Indo-europee ed ereditate come loro svilupparono in
Prototedesco della durata nel 1 millennio AC. Stabilisce un set di corrispondenze regolari tra le
prime fermate germaniche e fricative e le consonanti di fermata di certe altre lingue di indoeuropeo
(Grimm usò soprattutto latino e greco per illustrazione). Come è formulato al momento, la Legge di
Grimm consiste di tre parti che devono essere pensate di come tre fasi consecutive nel senso di un
turno di catena:

a. Fermate senza voce proto-Indo-europee cambiano in fricative senza voce.

b. Fermate espresse proto-Indo-europee divenute senza voce.

c. Fermate aspirate espresse proto-Indo-europee perdono la loro aspirazione e cambiano nelle


semplici fermate espresse.

Il 'legge di suono' fu scoperto da Friedrich von Schlegel in 1806 e Rasmus Rask cristiano nel
1818, e più tardi elaborò (i.e. esteso includere tedesco standard) in 1822 di Jacob Grimm nel suo
libro Grammatik Deutsche.

La più prima evidenza del ramo germanico è registrata da nomi nei 1stcentury da Tacitus, ed in un
solo esempio nel 2 secolo AC, sull'elmo di Negau. Da rudemente il 2 secolo degli oratori di primi
dialetti germanici svilupparono D.C., il Futhark Più vecchio. Iscrizioni runiche sono limitate anche
presto grandemente a nomi personali, e difficile da interpretare. La lingua Gotica fu scritta
nell'alfabeto Gotico sviluppato da
Ulfilas Vescovile per la sua
traduzione della Bibbia nei
4thcentury. Più tardi, preti cristiani e
monaci che parlarono e lessero latino
oltre alla loro lingua germanica natia
cominciarono a scrivere le lingue
germaniche con lettere latine e
leggermente cambiate, ma in
Scandinavia, alfabeti runici rimasero
in comune uso in tutta l'Età Vichinga.
Oltre all'alfabeto latino e standard, le
varie lingue germaniche usano una
varietà di marchi di accento e lettere addizionali, incluso metafonesi, il ß (Eszett), IJ, Æ, Å, Ð, e Þ,
da rune. Il tedesco stampato e storico è messo in stile di carattere di blackletter frequentemente.

Effetti della Legge del Grimm in esempi:

IE-Gmc Esempi germanici (spostato) Non-germanico (unshifted)


p.f Eng. piede, Du. voet, Ger. Fuß, goto. f.tus, O.Gk. .... (p.s), Lat. p.s, pedis, Skr. p.da,
Ghiaccio. fótur, Da. fod, Né.,Swe. fot Russ. sbacelli, Lith. p.da

t.þ Eng. terzo, O.H.G. thritto, goto. þridja, O.Gk. ...... (tritos), Lat. tertius, Gae. treas,
Ghiaccio. þriðji Skr. treta, Russ. tretij, Lith. trys

k.h Eng. insegua, Du. hond, Ger. Hund, goto. O.Gk. .... (ký.n), Lat. canis, Gae. cú, Skr. svan
hunds, Ghiaccio. hundur, Sca. hund -, Russ. sobaka

kw.hw Eng. quello che, Du. wat, Ger. era, goto. .a, Lat. quod, Gae. ciod, Skr. ka -, ki., Russ. ko-
Da. hvad, Ghiaccio. hvað

b.p Eng. piolo Lat. baculum


d.t Eng. dieci, Du. tien, goto. taíhun, Ghiaccio. Lat. decem, Gk. .... (déka), Gae. deich, Skr.
tíu, Da., Né.: ti, Swe. tio da.an, Russ. des'at'

g.k Eng. freddo, Du. koud, Ger. kalt Lat. gel.

gw.kw Eng. rapido, Du. kwiek, Ger. keck, goto. Lat. vivus, Gk. .... (bios), Gae. beò, Lith.
qius, O.N. kvikr, Swe. kvick gyvas

bh.b Eng. fratello, Du. broeder, Ger. Bruder, Lat. fr.ter, O.Gk. ...... (phr.t.r), Skr. bhr.t., Lith.
goto. broþar, Sca.broder brolis, O.C.S. bratru

dh.d Eng. porta, Fris. doar, Du. deur, goto. daúr, O.Gk. .... (thýra), Skr. dw.r, Russ. dver', Lith.
Ghiaccio. dyr, Da.,Né. dør, Swe. dörr durys

gh.g Eng. oca, Fris. va, Du. gans, Ger. Gans, Lat. anser < * hanser, O.Gk. ... (kh.n), Skr.
ghiaccio. gæs, Né.,Swe. gås hansa, Russ. gus'

gwh.gw Eng. moglie, O.E. wif, Du. wijf, O.H.G. Tocharian B: kwípe, Tocharian Un: pelle non
wib, O.N.vif, Fae.: vív, Sca. viv conciata
Un'eccezione nota è che le fermate senza voce non divennero fricative se loro fossero preceduti da
IE s.

TORT Esempi germanici Esempi non-germanici


A
sp Eng. fuoriesca, goto. speiwan, Du. spuien, Ger. Lat. spuere
speien, Swe. spia

st Eng. stia in piedi, Du. staan, Ger. stehen, Lat. st.re, Skr. lo sta russo: stat'
Ghiaccio. standa, Né.,Swe. stå

sk Eng. vocale breve, O.N. skorta, O.H.G. scurz, Skr. krdhuh, Lat. curtus, Lith. skurdus
Du. kort
skw
Eng. sgridi, O.N. skäld, Ghiaccio. skáld, Du. Proto-Indo-europeo: skwetlo
Schelden
Similmente, Torta che t non è divenuto una fricativa se fosse preceduto da p, k, o kw. Questo
qualche volta è trattato separatamente sotto la legge di spirant germanica:

Cambio Esempi germanici Esempi non-germanici


pt.ft Goto. "ladro" di hliftus O.Gk. ....... (klept.s)
kt.ht Eng. otto, Du. acht, Fris. acht, Ger. acht, O.Gk. .... (okt.), Lat. oct., Skr. a..an
goto. ahtáu, Ghiaccio. átta

kwt.h (w) Eng. notte, O.H.G. naht, Du.,Ger. nacht, Gk. nuks, nukt -, Lat. nox, noct -, Skr. naktam,
t goto. nahts, Ghiaccio. nótt Russ. noch, Lith. naktis

Le leggi di suono"
germaniche", permetta ad
uno di definire le aspettate
corrispondenze di suono
fra germanico e gli altri
rami della famiglia, così
come per proto-Indo-
europeo. Per esempio, b germanico (parola-iniziale) - corrisponde a f Corsivo regolarmente -, ph greco
-, bh di Indo-ariano -, b Balto-slavo e celtico -, ecc., mentre germanico * f - corrisponde a p latino, greco,
Sanscrito, slavo e Baltico - ed azzerare (niente consonante iniziale) in celtico. Il primo set ritorna a
Torta [il bh] (riflesso in Sanscrito e cambiò altrove nei vari modi), ed il set secondo ad una Torta
originale [p]. spostò in germanico, perso in celtico, ma conservato negli altri gruppi menzionò qui.
B. Romanzo

Le lingue romaniche, un
ramo notevole della
famiglia di lingua
Indoeuropea comprendono tutte le lingue che sono discese dal latino, la lingua dell'Impero romano.
Lingue romaniche hanno dei 800 milioni di oratori natii mondiale, principalmente nell'Americas,
Europa, ed Africa, così come in molte più piccole regioni cosparse attraverso il mondo. Le più
grandi lingue sono spagnole ed il portoghese, con approssimativamente 400 e 200 milioni oratori di
lingua madre rispettivamente, la maggior parte di loro fuori dell'Europa. All'interno dell'Europa,
francese (con 80 milioni) e l'italiano (70 milioni) sono il più grandi uni. Tutte le lingue romaniche
discendono da latino Volgare, la lingua di soldati, coloni, e schiavi dell'Impero romano che era
sostanzialmente diverso del latino Classico del letterati romano. Tra 200 AC e 100 D.C.,
l'espansione dell'Impero, accoppiata con polizze amministrative ed istruttive di Roma fece del latino
Volgare la lingua madre dominante su un'area larga che attraversa dalla Penisola iberica alla costa
Occidentale del Mare Nero. Durante la decadenza dell'Impero e successivamente il suo crollo e la
frammentazione nei 5thcentury, il latino Volgare evolse indipendentemente all'interno di ogni area
locale, ed eventualmente diverse in dozzine di lingue distinte. Gli imperi di oversea stabiliti poi da
Spagna, Portogallo e Francia dopo il 15 secolo sparso romanico agli altri continenti. a tale estensione
che approssimativamente 2/3 di tutti gli oratori romanici ora sono fuori dell'Europa.

Il latino di solito è classificato, insieme a Faliscan, come un


altro dialetto Corsivo. Gli oratori Corsivi non erano natii ad
Italia, ma emigrarono nella Penisola italiana nel corso del 2
millennio AC, ed apparentemente fu riferito alle tribù celtiche
che hanno errato su una grande parte dell'Europa Occidentale alla durata. Archeologicamente, la
cultura di Apennine di inumazioni entra la Penisola italiana da ca. 1350 AC, est ad ovest; le portate
di Età di Ferro Italia da ca. 1100 AC, con la cultura (cremando) di Villanovan, nord intrusivo a sud.
Di fronte all'arrivo Corsivo, l'Italia fu popolata primariamente da gruppi non-Indo-europei (forse
incluso gli etrusco). La prima sistemazione sulla collina Palatina è insieme a ca. 750 AC,
sistemazioni sul Quirinal a 720 AC, ambo relativo alla Fondazione di Roma.
La lingua di Venetic antica,
come rivelato dalle sue
iscrizioni (incluso frasi
complete), fu riferito anche da
vicino alle lingue Corsive e
qualche volta è classificato
anche come Corsivo.
Comunque, fin da lui anche
divide somiglianze con l'altro
indoeuropeo Occidentale rami
(particolarmente germanico),
alcuni linguisti preferiscono
considerarlo una lingua
Indoeuropea ed indipendente.

Corsivo è diviso in di solito:

 Sabellic, incluso:

Oscan, parlato in
Italia sud-centrale.

Umbrian il gruppo:

o Umbrian

o Volscian

o Aequian

o Marsian,

o Picene Meridionale

 Latino-Faliscan, incluso:

Faliscan che fu parlato


nell'area circa Falerii
Veteres (Civita Castellana
moderno) nord della città
di Roma e possibilmente la Sardegna

Latino di § che fu parlato in Italia ovest-centrale. Le conquiste romane eventualmente lo


diffusero in tutto l'Impero romano ed oltre.

Cambi fonetici da Torta al latino: bh > f, dh > f, gh > il h/f, gw > il v/g, kw > il kw (qu) il /k (c), p > p /
qu.
Le lingue Corsive prima sono attestate per iscritto da
Umbrian e le iscrizioni di Faliscan si dia l'appuntamento al 7
secolo AC. Gli alfabeti usati sono basati sul Vecchio alfabeto
Corsivo che si è basato sull'alfabeto greco. Le lingue Corsive
loro mostrano l'influenza minore dagli etrusco e piuttosto più
dalle lingue greche ed Antiche.

Oscan aveva molto in comune col latino, sebbene ci sono


anche delle differenze, e molti parola-gruppi comuni in
latino furono rappresentati da forme diverse; come, uolo
latino, uelle, uolui ed altro tali forme da wel di Torta, voglia,
fu rappresentato da parole dedotte da gher, desiderio, cf.
Herest di Oscan, "lui vuole, desideri" come opposto ad uult
latino (l'id.). Località latina, il "luogo" era assente e
rappresentò da slaagid.

In fonologia, Oscan mostra anche un'evoluzione diversa,


come Oscan 'p' invece del latino 'il qu' (il cf. Osc. pi, Lat.
quis); 'b' invece del latino 'v'; medio 'f' nel contrasto al latino
'b' o 'd' (il cf. Osc. mefiai, Lat. mediae), ecc.

Su a 8 casi è trovato; separatamente dai 6 casi del latino Classico (i.e. Il N-V-un-G-D-ascesso),
c'era un Locativo (il cf. Lat. viciniae di proxumae, dom., carthagini, Osc. aasai 'in .r.' ecc.) ed un
Strumentale (il cf. Columna Rostrata Lat. pugnandod, marid naualid, ecc l'amnud di Osc.cadeis,
'causae di inimicitiae', preiuatud'pr.u.t.', ecc.). Circa forma diverso da Genitives originale e Datives,
compari Genitivo (Lapis Satricanus:) valesiosio di popliosio (il tipo in -. è anche molto vecchio,
Segomaros - i), e Dativo (Fibula di Praeneste:) numasioi, quoiei (Lucius Cornelius Scipio
l'Epitaffio:).

Come Roma estese il suo dominio politico sull'intero


della Penisola italiana, così anche faceva latino
divenuto dominante sulle altre lingue Corsive che
cessarono forse essere parlate una volta o l'altra D.C.
nel 1 secolo.
C. Slavo

Le lingue slave (Slavoniclanguages anche chiamato), un gruppo di da vicino lingue relative del
peoples slavo ed un sottogruppo della famiglia di lingua Indoeuropea hanno oratori nella maggior
parte dell'Europa Orientale, in molti dei Balcani, in parti dell'Europa Centrale e nella parte
settentrionale dell'Asia. Le più grandi lingue sono russe e polacche, con 165 e dei 47 milioni di
oratori, rispettivamente. La lingua letteraria slava e più grande era la Vecchia Chiesa Slavo, quale
evolse più tardi in Chiesa Slavo.
C'è molto dibattito se il pre-proto-slavo ramificò direttamente via da proto-Indo-europeo, o se passò
attraverso un Proto-Balto-Slavicstage quale divise separatamente di fronte a 1000BC.

La terra natia originale degli oratori di resti


proto-slavi controverso anche. Il più antico
riconoscibilmente hydronyms slavo (nomi di
fiume) sarà trovato in Ucraina settentrionale
ed occidentale ed il Belarus meridionale. È
stato notato anche che proto-slavo
apparentemente mancò un vocabolario
marittimo.

La lingua proto-slava esistè D.C. verso al centro del primo millennio. Dal 7 secolo, aveva irrotto
separatamente nelle grandi zone dialettali. La differenziazione linguistica ricevè impeto dalla
dispersione del peoples slavo su un grande territorio. quale in Europa Centrale eccedè l'estensione
corrente di Slavo-parlare territori. Documenti scritto dei 9, 10 & 11 secoli già mostrano delle
caratteristiche linguistiche e locali.

NOTA. Per esempio i monumenti di Freising mostrano una lingua che contiene degli elementi
fonetici e lessicali particolare ai dialetti di sloveno (e.g.. rhotacism, il parola krilatec).
Nella seconda metà del nono secolo, il dialetto parlato che nord di Thessaloniki è divenuto la base
per la prima lingua di slavo scritto, creata dal fratelli Cyril e Methodius che tradussero porzioni
della Bibbia e gli altri libri di chiesa. La lingua che loro hanno registrato è noto come la Vecchia
Chiesa Slavo. Vecchia Chiesa Slavo non è identico a proto-slavo, stato stato registrato almeno due
secoli dopo la dispersione di proto-slavo, e mostra caratteristiche che chiaramente lo distinguono da
proto-slavo. Ancora è comunque, ragionevolmente chiusura, e l'intelligibilità reciproca tra la
Vecchia Chiesa dialetti slavi e Slavi ed altri di quelli giorni furono provati dalla missione di Cyril e
Methodius a Grande Moravia e Pannonia. Là, il loro primo slavo Meridionale il dialetto usato per le
traduzioni chiaramente era comprensibile alla popolazione locale che parlò dialetto slavo un primo
Ovest.

Come parte della preparazione per la missione, l'alfabeto di Glagolitic fu creato in 862 e le più
importanti preghiere e libri liturgici, incluso l'Aprakos Evangeliar. un Libro Evangelico lectionary
che contiene solamente festa-giorno e le letture di domenica., il Salterio, ed Atti degli Apostoli, fu
tradotto. La lingua e l'alfabeto furono insegnati alla Grande Accademia di Moravian (O.C.S.
Ve.komoravské u.ili.te) e fu usato per governo e documenti religiosi e libri. Nel 885, l'uso della
Vecchia Chiesa Slavo in Grande Moravia fu proibito dal Papa nel favore del latino. Studenti dei due
apostoli che furono espulsi da Grande Moravia nel 886 portarono lingua Slava l'alfabeto di
Glagolitic e la Vecchia Chiesa all'Impero bulgaro, dove fu insegnato e l'alfabeto Cirillico sviluppò
nel Preslav Scuola Letteraria.

Cambi vocalici da Torta a proto-slavo:

 < la Torta., ei;

 < ridotto * l'ai (* .i / * l'ui) < ai


di Torta, oi;

. < * I < LA TORTA I;

E < LA TORTA E;

. < en di Torta, em;

 .1 < la Torta *.,

 .2 < * l'ai < ai di Torta, oi;

 UN < *. < LA TORTA.;

O < * UN < LA TORTA UN, O, *.;

. < * un, * è < la Torta un, su, è, om;

. < * U < LA TORTA U;

Y < LA TORTA.;
u < * l'au < au di Torta, ou.

NOTI 1. Separatamente da questo semplificò


equivalenze, le altre evoluzioni appaiono:
o L'i2 di vocali, .2developed più tardi che i1, .1. In Tardo
proto-slavo non c'erano bene differenze in pronuncia tra
i1 ed i2as come tra il .1 ed il .2. Comunque, loro avevano
provocato cambi diversi di velars precedente, veda sotto.
o il Tardo yers proto-slavo. < più primo i, u si sviluppò anche da Torta ridotto e, orespectively. La
riduzione probabilmente era un processo morfologico piuttosto che fonetico.
o Noi possiamo osservare riduzione simile di * .into *. (e finalmente y) in delle fini, specialmente
in sillabe chiuse.
o Lo sviluppo dello Sla. i2 era anche un fenomeno morfologico, originando solamente in delle fini.
o Un'altra fonte dello y proto-slavo è * .in prestiti germanici. i prestiti ebbero luogo quando proto-
slavo più aveva. in parole natie, come Torta. già aveva cambiato in *..
Torta di o *. scomparve senza tracce quando in una sillaba non-iniziale.
eu di Torta di o probabilmente svilupparono in * il jau in Primo proto-slavo (o: durante
l'epoca Balto-slava), ed eventualmente in proto-slavo * il ju.
o secondo alcuni autori, Torta dittongo lunghi .i, .i, .i .u, .u .u aveva sviluppo duplice in Primo
proto-slavo, vale a dire loro accorciarono in fini in semplice * l'ei, * l'ai, * l'oi, * l'eu, * l'au, * ou
ma loro persero altrove il loro secondo elemento e cambiarono in *., *., *. con sviluppo più
lontano come sopra.

NOTI 2. Altri cambi vocalici da proto-slavo includa * il jo, * j., * jy cambiarono in * il je, * j., * il
ji; * o, *., * y cambiò anche in * e, *., * i dopo * c, *., * s' quale sviluppò come il risultato dei 3
palatalization; * e, *. cambiò in * o, * un dopo che *., *., *., *. in dei contesti o parole; un cambio
simile di *. in * un dopo che * j sembra essere accaduto in proto-slavo ma seguente è potuto essere
cambiato da analogia.

Sull'origine delle consonanti proto-slave, le relazioni seguenti sono trovate regolarmente:

 P < LA TORTA P;

 b < la Torta b, bh;

 T < LA TORTA T;

 d < la Torta d, dh;

 k < la Torta k, kw;

o s < la Torta * il kj;

 g < la Torta g, gh, gw, gwh;

z di o < la Torta * il gj, * il


gjh
;

 S < LA TORTA S;
z di o < la Torta s [lo z] di fronte ad una consonante che ha voce;

o x < sbefore di Torta una vocale quando dopo r, u, k, i probabilmente anche dopo l;

 < M DI TORTA;

 N < LA TORTA N;

 L < LA TORTA L;

 R < LA TORTA R;

 V < LA TORTA W;

 J < LA TORTA J.

In delle parole il x proto-slavo si sviluppò


dagli altri fonemi di Torta, come kH ks, sk.

Sui cambi comuni di dialetti slavi, paragone:

1) nei 1 palatalization,

* k, * g, * x > *., *., *. di fronte a * l'i1, * .1, * e, *., *.;

prossimo. cambiò in. dappertutto eccetto dopo z;

* il kt, * il gt > * il tj di fronte a * l'i1, * .1, * e, *., *. (ci sono solamente esempi per * il kti).
2) nei 2 palatalization (quale non accadde apparentemente nei vecchi dialetti di russo settentrionali)

* k, * g, * x > * c, *., * s' di fronte a * l'i2, * .2;

* s' mescolato con s o. in dialetti slavi ed individuali;

* .simplified in z, eccetto il polacco;

anche * il kv, * il gv, * il xv > * il cv, * .v, * il s'v di fronte a * l'i2, * .2 in dei dialetti (non in slavo in
Ovest e probabilmente non in Oriente slavo. esempi russi possono essere di origine slava e
Meridionale);

3) il terzo palatalization

* k, * g, * x > * c, *., * s' dopo vocali anteriori (* i, *., *., * e, *.) e * .r (= *..), di fronte ad una
vocale;

era il contrario progressivo ai 1 ed i 2ndpalatalization;

capitato incoerentemente, solamente in certe parole e qualche volta fu limitato a dei dialetti
proto-slavi;

qualche volta una forma resa palatale ed un non-reso palatale esistè vicino anche all'interno dello
stesso dialetto (e.g.. O.C.S. sik. || sic. 'tale');

Infatti, nessuno esempi sono conosciuti per i 3rdpalatalization dopo *., * e, e (poco) esempi dopo *..
è limitato alla Vecchia Chiesa Slavo.

In Consonanti + j

o * lo sj, * lo zj > *., *.;

o * lo stj, * lo zdj > *.., *..;

o * il kj, * il gj, * il xj > *., *., *. (seguente *. > *.);

o * lo skj, * lo zgj > *.., *..;

o * il tj, * dj erano stati preservati ed erano stati sviluppati variamente in dialetti slavi ed

individuali;
o * il rj, * il lj, * nj furono preservati fino a che la fine di proto-slavo, prossimo sviluppati in resero

palatale *., *., *.;

o * il pj, * il bj, * il vj, * mj erano stati preservati fino a che la fine dell'epoca proto-slava, prossimo

svilupparono in * p., * b., * v., * il m. in più dialetti slavi, eccetto slavo Occidentale.
D. Baltico

Le lingue Baltico sono un gruppo di lingue


relative che appartengono alla famiglia di lingua
Indoeuropea e parlate principalmente in aree che
estendono est e sud-est del Mare Baltico in Europa
Settentrionale.

Il

gruppo di lingua è diviso in due supplire-gruppi


qualche volta: Occidentale Baltico, contenendo
lingue solamente estinte come prussiano o
Galindan, ed Orientale Baltico, contenendo ambo
estinto e le due lingue viventi nel gruppo, lituano
ed il lettone. incluso lettone letterario e Latgalian.
Mentre relativo, il lituano, i lettoni e
particolarmente i Vecchi vocabolari prussiani
differiscono sostanzialmente dall'un l'altro e non
sono mutuamente intelligibili. L'ora la Vecchia
lingua prussiana estinta è stata considerata il più arcaica delle lingue Baltico.

Azione Baltico e slava più somiglianze di chiusura, fonologico, lessicale, e morpho-sintattico che
alcuna altra lingua raggruppa all'interno della famiglia di lingua Indoeuropea. Molti linguisti,
mentre seguendo il piombo di tali Indo-europeisti notabili come agosto Schleicher ed Oswald
Szemerényi, prenda questi per indicare che i due gruppi separarono da un antenato comune, il
Proto-Balto-Slaviclanguage, solamente bene dopo la dispersione di indoeuropeo.

La prima evidenza era che molte parole sono comuni nella loro forma e volendo dire a Baltico e
slavo, come "corra" (il cf. Lith. b.gu, O.Pruss. b.gtwei, Sla. b.g., Russ. begu, Pol. biegn.), "tilia" (il
cf. Lith. liepa, Ltv. liepa, O.Pruss. l.pa, Sla. lipa, Russ. lipa, Pol. lipa), ecc.

NOTA. È probabile che l'ammontare di parole condivise sia spiegato o da esistenza di lingua
Balto-slava e comune di passato o dalla loro chiusura contatto geografico, politico e culturale in
tutta storia.

Fino a che il Dialectes indo-européens di Meillet di 1908, l'unità Balto-slava era incontrastata fra
linguisti. come lui si nota all'inizio del capitolo di Balto-schiavo di Le, "L'unité linguistique balto-
schiavo est l'une de celles que personne ne conteste (la "unità linguistica Balto-slava è uno di quelli
che nessuno contesta")." L'articolo di Meillet di Balto-slavo si confinò alle sette caratteristiche
elencate da Karl Brugmann nel 1903, tentando di mostrare che nessuno singolo di questi è
sufficiente per provare unità genetica.
Szemerényi nel suo riesame del
1957 dei risultati di Meillet
conclude che i baltico e slavi
facevano, infatti, divida un
"periodo di lingua comune e la
vita", e probabilmente fu
separato rudemente dovuto
all'incursione di tribù germaniche
lungo il Vistula ed il Dnepr
all'inizio dell'Era Comune.
Szemerényi nota quattordici
punti che lui giudica non
possono essere attribuiti accadere
o rendere paralleli l'innovazione:

o palatalization fonologico

o lo sviluppo di iand u di fronte


a resonants di Torta

o ruki Sondano legge (v.i.)

innovazioni di accentual
di o

o l'aggettivo definito

flesso di participio di o in - lo yo-

o il genitivo singolare di gambi tematici in -. (t)-

o la formazione comparata

o i 1stsingular uomini obliqui -, 1 n.som plurali

o tos / t. per Torta così / s. il pronome

o l'accordo del verbo atematico (dúoti lituano, dat slavo.) ed irregolare

o il passato in. /.

verbi di o in Baltico - áuju, Sla. -uj.

la corrispondenza forte di
o che
vocabolario non ha osservato tra
alcun altro paio di rami delle lingue Indoeuropee.

o che allunga di una vocale corta di fronte ad un plosiva che ha voce (Inverno)

NOTA. 'Ruki' è il termine per una legge di suono che è seguita in dialetti Balto-slavi ed Indo-
iraniani specialmente. Il nome del termine viene dai suoni che provocano il cambio fonetico, i.e.
Torta s >. / r, u, K i (associa con una parola slava che vuole dire 'mani o 'armi) .A sibilante [s] è
ritirato a [.] dopo i, u, r e dopo velars (i.e. k che si è potuto sviluppare da più primo k, g il gh). A
causa del carattere della contrazione, probabilmente era un apical sibilante (come in spagnolo),
piuttosto che il dorsale dell'inglesi. La prima fase (s >.) sembra essere universale, il più tardi
retroflexion (in Sanscrito e probabilmente in proto-slavo come bene) è dovuto a livellamento del
sistema sibilante, e così è la terza fase - la contrazione a velare [x] in slavo ed anche in delle lingue
indiane e Medie, con paralleli in e.g.. Lo spagnolo. Questa regola fu formulata per l'indoeuropeo da
Holger Pedersen prima, e è conosciuto come la legge" di "Pedersen qualche volta.

E. Celtico

Le lingue celtiche sono le lingue


discesero da celtico proto-celtico", o
"Comune, un dialetto di proto-Indo-
europeo.

Durante i 1stmillennium AC,


specialmente tra i 5 e 2 secoli AC loro
furono parlati attraverso Europa, dal
sud-ovest della Penisola iberica ed il
Mare del Nord sul Reno ed in giù il
Danubio al Mare Nero e la Penisola
balcanica e Superiore, e nell'Asia Minor (Galatia). Oggi, lingue celtiche ora sono limitate ad alcune
enclavi nelle Isole britanniche e sulla penisola della Bretagna in Francia.

La distinzione di celtico in supplire-famiglie diverse probabilmente capitò approssimativamente


1000 AC. I primi celta sono associati comunemente con la cultura di Urnfield archeologica, il La
Tène la cultura, e la cultura di Hallstatt.

Maneggio dotto delle lingue celtiche è stato piuttosto dovendo controverso per mancare di dati di
fonte primari. Alcuni studiosi distinguono il celtico Continentale ed Insulare, disputando che le
differenze tra i Goidelic e le lingue di Brythonic sorsero dopo questi divisi via dalle lingue celtiche
e Continentali. Gli altri studiosi distinguono P-celtici da Q-celtico, mettendo la maggior parte delle
lingue celtiche e Continentali nel primo gruppo. a parte celtiberico che è Q-celtico.

Ci sono due schemi in competizione di categorizzazione. Un schema, disputato per da Schmidt


(1988) fra altri gallico di collegamenti con Brythonic in un nodo P-celtico, lasciando Goidelic come
Q-celtico. La differenza tra P e le lingue di Q sono il trattamento di kw di Torta che divenne * p nelle
lingue P-celtiche ma * k in Goidelic. Un esempio è la radice verbale proto-celtica * il kwrin -
comprare" che divenne pryn - in gallese ma cren - nel Vecchio irlandese.

L'altro schema collega insieme Goidelic e Brythonic come un ramo celtico ed Insulare, gallico e
celtiberico sono assegnati a come celtico Continentale. Secondo questa teoria, il 'P-celtico' cambio
di suono di [il kw] a [p] accadde indipendentemente o areally. I proponenti del punto di ipotesi celtico
ed Insulare alle altre innovazioni condivise fra lingue celtiche ed Insulari, incluso preposizioni
flesso VSO mette in parole ordine, ed il lenition di intervocalico [il m] a [..], una fricativa bilabiale
che ha voce (un suono estremamente raro) e nasalizzata, ecc. Non c'è comunque, assunzione che le
lingue celtiche e Continentali discendono da un "celtico Proto-continentale" e comune antenato. Gli
schemi Insulare / Continentale di solito considerano piuttosto, celtiberico il primo ramo per dividere
da proto-celtico, ed il gruppo rimanente avrebbe diviso più tardi in gallico e celtico Insulare.
Evoluzioni di Torta conosciute in proto-celtico:

p > Ø in iniziale e posizioni intervocaliche

l. > / il li/

r. > / il ri/

gwh > il /g/

gw > il /b/

. > /. /, /./

NOTA. Più tardi l'evoluzione di lingue


celtiche: . > /. /; Tematico genitivo * .d / *.; Aspirato che ha voce > che ha voce; Si specializzato
Passivo in - r.

L'Italo-celtico si riferisce all'ipotesi che dialetti Corsivi e celtici sono discesi da un antenato
comune, proto-Italo-celtico, ad un scenico postdatando proto-Indo-europeo. Fin da data proto-
celtica e Proto-corsiva alla prima Età (dica, i secoli su entrambi lato di 1000 AC) di Ferro, una
cornice di tempo probabile per il periodo finto di contatto di lingua avrebbe la tarda Età di Bronzo,
il primo al mezzo 2 millennio AC. Tale raggruppamento è sostenuto fra altri da Meillet (1890), e
Kortlandt (2007).

Un argomento per Italo-celtico era il tematico Genitivo nei (dominus, domini). Ambo in Corsivo
(Popliosio Valesiosio, Lapis Satricanus) ed in celtico (Lepontic, celtiberico - o), comunque tracce
del - osyo Genitivo di proto-Indo-europeo è stato scoperto, così che l'espansione dell'i-genitivo
sarebbe potuta accadere indipendentemente nei due gruppi, o da diffusione di areal. La comunità di
-.in Italic e celtico può essere poi attribuibile al primo contatto, piuttosto che ad un'unità originale.
L'i-genitivo è stato comparato alla cosiddetta formazione di Cvi in Sanscrito, ma quell'anche è
probabilmente un sviluppo comparatamente tardo. Il fenomeno probabilmente è riferito all'i lungo
femminile ed Indoeuropeo scaturisce e l'i-mutazione di Luwian.

Un altro argomento era il .-congiuntivo. Corsivo e celtico abbia un congiuntivo discese da un più
primo ottativo in -.-. Tale ottativo non è conosciuto dalle altre lingue, ma il suffisso accade in Balto-
slavo e Tocharian le formazioni di tempo verbale passate, e possibilmente in Hittite - l'ahh -.

Celtico e Corsivo è crollato la Torta Aorist e ha Perfezionato in un solo tempo verbale passato.
F. Dialetti frammentari

Messapian

Messapian (anche noto come Messapic) è una lingua Indoeuropea ed estinta dell'Italia sud-
orientale, una volta parlata nelle regioni di Apulia e Calabria. Fu parlato dalle tre tribù di Iapygian
della regione: il Messapians, il Daunii ed il Peucetii. La lingua, un dialetto di centum è stata
preservata in approssimativamente 260 iscrizioni si dia l'appuntamento dai 6 al 1 secolo AC.

C'è un'ipotesi che Messapian era una lingua illirica. Le lingue illiriche furono parlate
principalmente sull'altro lato del Mare adriatico. Il collegamento tra Messapian e l'illirico è basato
soprattutto su nomi personali trovati su iscrizioni di tomba e su referenze classiche, fin da appena
alcune tracce della lingua illirica è andato via.

La lingua di Messapian divenne estinta dopo che l'Impero romano conquistò la regione ed assimilò
gli abitanti.

Delle caratteristiche fonetiche della lingua possono essere riguardate come piuttosto certe:

il cambio di Torta corto - o - a - un -, come nell'ultima sillaba del kalatoras genitivo.

di finale - il m a - n, come in aran.

di - il ni - a - il nn -, come nel Messapian praenomen Dazohonnes contro. il praenomen


illirico Dazonius; il Messapian Dazohonnihi genitivo contro. Dasonii genitivo illirico, ecc.

di - il ti - a - il tth -, come nel Messapian praenomen Dazetthes contro. Dazetius illirico; il
Messapian Dazetthihi genitivo contro. il Dazetii genitivo illirico; da un Dazet - il gambo
comune in illirico e Messapian.

di - il si - a - lo ss -, come in Messapian Vallasso per Vallasio, un derivativo dal nome più
corto Valla.

la perdita di finale - d, come in tepise, e probabilmente di finale - t, come in - des, forse
volendo dire "set" da dhe di Torta -, "metta, metta."

il cambio di aspirate che ha voce in proto-Indo-europeo alle semplici consonanti che ha
voce: Dh di torta - o-dh - a d - o - d -, come Mes. anda (< en-dha di Torta - < en di Torta -,
"in", compari Gk. entha), e bh di Torta - o - il bh - a b - o - b -, come Mes. beran (< bher di
Torta -, nascere").

- l'au - di fronte a (almeno alcuni) le consonanti diviene -.-: B.sta, da Bausta

il penkaheh di forma. quale Torp molto probabilmente si identifica col pompaio di gambo di
Oscan. un derivativo del penqe di numerale proto-Indo-europeo -, "cinque."

Se questa ultima identificazione ha ragione mostrerebbe, che in Messapian (nel momento in cui in
Venetic e Ligurian) i labiovelars originali (kw, gw, gwh) furono trattenuti come gutturals e non
convertirono in labials. Il cambio di o ad un è molto interessante, essendo associato coi rami
settentrionali di indoeuropeo come Gotico, albanese e lituano, e non apparendo fin qui in alcun altro
dialetto meridionale saputo. L'Afrodite greco appare nella forma Aprodita (Dat. Sg., fem.).

L'uso di consonanti doppie che già sono state indicate nelle iscrizioni di Messapian è stato molto
connettè acutamente da Deecke con la tradizione che la stessa pratica è stata presentata a Roma dal
poeta Ennius che venne dalla città di Messapian Rudiae (Festus, p. 293 m).

Venetic

Venetic è una lingua Indoeuropea che è stata parlata nelle durate antiche nella regione di Veneto
dell'Italia, tra il delta di Fiume di Po e la frangia meridionale delle Alpi.

La lingua è attestata da più di 300 iscrizioni corte si dia l'appuntamento tra i 6thcentury AC e 1
secolo. I suoi oratori si sono identificati con le persone antiche chiamato Veneti dai romani ed
Enetoi dai greci. Divenne estinto circa il 1 secolo quando gli abitanti locali furono assimilati nella
sfera romana.

Venetic era un dialetto di centum. Le iscrizioni usano una varietà dell'alfabeto Corsivo e
Settentrionale, simile al Vecchio alfabeto Corsivo.

La relazione esatta di Venetic alle altre lingue Indoeuropee ancora è investigata, ma la


maggioranza di studiosi è d'accordo che Venetic, a parte da Liburnian era più vicino alle lingue
Corsive. Venetic è potuto essere riferito anche alle lingue illiriche, sebbene la teoria che illirico e
Venetic fu riferito è dibattuto da vicino da borsa di studio corrente.

Degli importanti paralleli con le lingue germaniche sono stati notati anche, specialmente in forme
pronominali:

Ven. ego, "io", acc. mego, "io"; Goto. ik, acc. mik; Lat. ego, acc. io.

Ven. sselboisselboi, "a sé"; O.H.G. selbo di selb; Lat. ipsi di sibi.

Venetic aveva approssimativamente sei o anche sette casi di nome e quattro congiunzioni (simile
al latino). Approssimativamente 60 parole sono conosciute, ma alcuni furono presi in prestito dal
latino (liber.tos.< libertus) o etrusco. Molti di loro mostrano un'origine Indoeuropea e chiara, come
Ven. vhraterei < bhraterei di Torta, "al fratello."

In Venetic, la Torta ferma bh, dh e gh sviluppati a / f /, / f / e / il h /, rispettivamente, in posizione


parola-iniziale (come in latino ed Osco-Umbrian), ma a / b /, / d / e / g /, rispettivamente, in
posizione intervocalica e parola-interna, come in latino. Per Venetic, gli sviluppi di dh di bhand
chiaramente sono attestati almeno. Faliscan ed Osco-Umbrian preservano interno / f /, / f / e / il h /.

Ci sono anche indicazioni degli sviluppi di gw di Torta - > w -, kw di Torta > * kv e Torta * il gwh - > f - in
Venetic tutto di che è parallelo al latino così come l'assimilazione regressiva di sequenza di Torta
p... il kw...> kw... il kw..., una caratteristica fondò anche in Corsivo e celtico (Lejeune 1974).

Ligurian

La lingua di Ligurian fu parlata nelle durate preromane e nell'era romana da un persone antiche di
Italia nord-occidentale e la Francia sud-orientale noto come il Ligures. Molto poco è conosciuto
questa lingua (principalmente nomi di luogo e nomi
personali rimangono) alla quale generalmente si
crede che sia stata Indoeuropeo; sembra avere
adottato significativamente dalle altre lingue
Indoeuropee, principalmente celtico (il gallico) e
Corsivo (il latino).

Strabo afferma "Come per le Alpi... Molte tribù (éthnê) occupano queste montagne (Keltikà), ogni
celtico eccetto il Ligurians; ma mentre questi Ligurians appartengono ad un persone diverse
(hetero-ethneis), ancora loro sono simili ai celta nelle loro maniere della vita (bíois)."

Liburnian

La lingua di Liburnian è una lingua estinta che fu parlata dal Liburnians antico che occupò
Liburnia nelle durate classiche. La lingua di Liburnian è calcolata come una lingua Indoeuropea, di
solito classificata all'interno del gruppo di Centum. Sembra essere stato sullo stesso ramo
Indoeuropeo come la lingua di Venetic; la lingua di Liburnian è potuta essere bene effettivamente,
un dialetto di Venetic.

Nessuno scritti in Liburnian sono conosciuti comunque. Il raggruppamento di Liburnian con


Venetic è basato sull'onomastica di Liburnian. In particolare, l'anthroponyms di Liburnian mostrano
affinità di Venetic forti, coi molti nomi comuni o simili ed un numero di radici comuni come Vols -,
Volt -, ed Oste - (< ghos-ti di Torta -, "estraneo, ospite, oste"). Liburnian ed i nomi di Venetic
dividono anche suffissi in comune, come - l'icus e - l'ocus.

Queste caratteristiche misero separatamente Liburnian e Venetic dalla provincia onomastica


illirica, sebbene questo non preclude la possibilità che Venetic-Liburnian e l'illirico sono potuti
essere riferiti da vicino, mentre apparteneva allo stesso ramo Indoeuropeo. Infatti, un numero di
linguisti disputa che questo è il caso, basato su caratteristiche fonetiche e simili e nomi in comune
tra Venetic-Liburnian sulla mano del un'e illirico sull'altro.

I Liburnians furono conquistati dai romani nel 35 AC. La lingua di Liburnian eventualmente fu
sostituita dal latino, probabilmente subendo morte di lingua molto primo nell'era Comune.

Lusitanian

Lusitanian (quindi chiamò come il Lusitani o Lusitanians) era una lingua Indoeuropea paleo-
iberica saputa da solamente cinque iscrizioni e toponimo numerosi e theonyms. La lingua fu parlata
di fronte alla conquista romana di Lusitania, nel territorio abitato da tribù di Lusitanian da Douro ai
fiumi di Tago nella Penisola iberica.

Il Lusitanians sia le persone più numerose dell'area occidentale della penisola iberica, e ci sono
quelli che considerano che loro vennero dalle Alpi; altri credono che il Lusitanians sia una tribù
iberica e natia. In alcun evento, è saputo, che loro furono stabiliti nell'area di fronte al 6 secolo AC.

Lusitanian sembra essere stato una lingua Indoeuropea che era piuttosto diversa dalle lingue
parlata nel centro della Penisola iberica. Sarebbe più arcaico della lingua celtiberica.
L'affiliazione della lingua di Lusitanian è ancora in dibattito. Ci sono quelli che girano che è una
lingua celtica. Questa teoria celtica è basata grandemente sul fatto storico che le uniche tribù
Indoeuropee che sono sapute di essere esistite in Portogallo a quella durata erano tribù celtiche.
L'apparente carattere celtico della maggior parte del lessico .anthroponyms e toponimo. può
sostenere anche un'affiliazione celtica.

C'è comunque un problema sostanziale nella teoria celtica: La conservazione di iniziale / p /, come
in pater di Lusitanian o porcom, volendo dire "padre" e "fa", rispettivamente. Le lingue celtiche
avevano perso quell'iniziale / p / nella loro evoluzione; compari Lat. pater, Gallia. ater, e Lat.
porcum, O.Ir. orc. Comunque, la presenza di questo / p / non preclude necessariamente la possibilità
di Lusitanian che è celtico, perché avesse potuto dividere via da proto-celtico di fronte alla perdita
di / p /, o quando / p / era divenuto /. / (prima di spostare a / il h / ed essendo perso poi); la lettera p
potrebbe essere usato per rappresentare entrambi suono.

Una seconda teoria, difesa da Francisco Villar e Rosa Pedrero riferisce Lusitanian con le lingue
Corsive. La teoria è basata su paralleli nei nomi delle divinità, come Lat. Consus, Lus. Cossue, Lat.
Seia, Lus. Segia, o Marrucinian Iovia, Lus. Iovea (i), ecc. e gli altri articoli lessicali, come Umb.
gomia, Lus. comaiam, con degli altri elementi grammaticali.

Le iscrizioni sono state trovate in Spagna nella di de di Arroyo Luz (Cáceres), ed in Portogallo in
das di Cabeço Fragas (Guarda) ed in Moledo (Viseu).
G. Indoeuropeo settentrionale in Asia: Tocharian

Tocharian o Tokharianis
uno dei rami più oscuri del
gruppo di lingue
Indoeuropee. Il nome della
lingua è preso da persone
sapute agli storici greci
(Tolomeo VI, 11, 6) come il
Tocharians (greco .......,
"Tokharoi"). Questi si sono
identificati con lo Yuezhi ed
il Kushans qualche volta,
mentre il termine che
Tokharistanusually si
riferisce a 1 millennio
Bactria. Un testo di Turkic si
riferisce alla lingua
(Tocharian Un) di Turfanian
come twqry. L'interpretazione è difficile, ma F. W. K. Müller ha associato questo col nome del
Bactrian Tokharoi. La lingua è assegnata a come arish-känaand il Tocharians come arya in
Tocharian.

Tocharian consistè di due lingue; Tocharian un (Turfanian, Arsi, o Tocharian est) e Tocharian B
(Kuchean od ovest Tocharian). Queste lingue furono parlate rudemente dal secoli del 6 a 9 secolo;
prima che loro divennero estinti, i loro oratori furono assorbiti nelle tribù di Uyghur in espansione.
Ambo le lingue furono parlate una volta nel Bacino di Tarim in Asia Centrale, ora il Xinjiang
Regione Autonoma della Cina.

Tocharian è documentato in frammenti di manoscritto, soprattutto dal 8 secolo (con alcuno più
primo) che fu scritto su foglie di palmo, tavolette di legno ed il cinese tappezzano, preservò dal
clima estremamente asciutto del Bacino di Tarim. Esemplari della lingua sono stati scoperti a luoghi
in Kucha e Karasahr, incluso molte iscrizioni murali.

Tocharian Ad e B non è intercomprehensible. Propriamente parlando, basò sull'interpretazione


provvisoria di twqry come riferito a Tokharoi, solamente Tocharian Un può essere assegnato a come
Tocharian, mentre Tocharian B potrebbe essere chiamato Kuchean (il suo nome natio è potuto
essere ku.iññe), ma siccome le loro grammatiche di solito sono trattate insieme in lavori dotti, le
condizioni Ad e B si è dimostrato utile. Il terreno di proprietà comune Proto-Tocharian la lingua
deve precedere le lingue attestate da molti secoli, probabilmente si dia l'appuntamento al 1 millennio
AC.

1.7.2. Dialetti Indoeuropei e Meridionali

A. Greco
Greco (Gk. ........, "Ellenico") è un
ramo Indoeuropeo con una storia
documentata di 3,500 anni. Oggi,
greco Moderno è parlato da 15
milioni di persone in Grecia, Cipro,
la prima Iugoslavia, particolarmente
la prima Repubblica iugoslava di
Macedonia, Bulgaria, Albania e
Turchia.

Greco è stato scritto nell'alfabeto


greco, il primo vero alfabeto fin dai
9thcentury A.C. e prima quello, in B
Lineare ed il syllabaries cipriota. La
letteratura greca ha una tradizione
lunga e ricca.

Greco è stato parlato nella Penisola balcanica fin dal 2 millennio AC. La più prima evidenza di
questo è trovata nel B Lineare le tavolette si danno l'appuntamento da 1500 AC. Il più tardi
l'alfabeto greco è non correlato a B Lineare, e fu dedotto dall'alfabeto fenicio; con modifiche
minori, ancora si usa oggi.

Miceneo è la forma attestata e più antica del ramo greco, parlato su continente Grecia e su Creta
nei 16 a 11thcenturies AC, di fronte all'invasione Dorica. È preservato in iscrizioni in B Lineare, una
scrittura inventò sul Creta di fronte al 14 secolo AC. La maggior parte di esempi di queste iscrizioni
sono su tavolette di creta trovate in Knossos ed in Pylos. La lingua stata chiamata come Micene, il
primo dei palazzi essere scavato.

Le tavolette rimasero undeciphered lungo, ed ogni lingua concepibile fu suggerita per loro, finché
Michael Ventris decifrò la scrittura nel 1952 e provato che la lingua fosse una prima forma del
greco o riferì da vicino al ramo greco di indoeuropeo.

I testi sulle tavolette sono soprattutto elenchi ed inventari. Nessun resoconto di prosa sopravvive,
molto meno mito o poesia. Ancora, molto può
essere glimpsed da questi record sulle persone
che li produssero, e circa il periodo Miceneo alla
vigilia delle cosiddette Secoli di Buio greche.

Diversamente da più tardi le varietà del greco,


greco Miceneo probabilmente aveva sette casi
grammaticali, il nominativo, il genitivo,
l'accusativo, il dativo, lo strumentale, il locativo,
ed il vocativo. Lo strumentale ed il locativo
comunque gradualmente caddero da uso.

NOTA. Per il Locativo in - l'ei, compari di-da-


ka-ri, 'il didaskalei', e-pi-ko-e, 'Epikóhei', ecc (in
greco è sintattico combina come puloi-gen.s,
'nato in Pylos); anche, per resti di un caso Ablativo in -.d, compari (i nomi di mesi) ka-ra-e-ri-jo-io-
no, wo-de-wi-jo-io-no, ecc.

Proto-greco, un dialetto di Centum all'interno


dell'IE meridionale gruppo dialettale (molto vicino
a Miceneo), sembri essere stato colpito dal trend
generale di caratteristica di palatalization del
gruppo di Satem, attestò per esempio dal (posto-miceneo) cambio di labiovelars in dentals di fronte
ad e (e.g.. kwe > il te "e").

Il suono primario cambia da Torta a proto-greco includa

Aspirazione di · di / s / - > / h / intervocalico

De-voicing di aspirate che ha voce.

Dissimilation di aspirate (la legge di Grassmann), possibilmente posto-miceneo.

parola-iniziale - (non Hj -) è fortificato a dj - (più tardi .-)

La perdita di prevocalic * s non fu completato completamente, attestò famosamente da sus


"scrofa", dasus "denso"; soleggi "con" è un altro esempio, qualche volta considerò contaminato con
kom di Torta (cum latino, proto-greco * il kon) all'Omerico / Vecchio Attico ksun, anche se
probabilmente conseguenza di Gk. psi-substrate (Villar).

Cambi di suono tra proto-greco e Miceneo includa:

Perdita di · delle finale consonanti di fermata; Finale / il m / - > / n /.

Sillabico / m / e / n / - > / è /, / un / di fronte a resonants; Altrimenti / un /.

Vocalizzazione di · di laryngeals tra vocali ed inizialmente di fronte alle consonanti a / e /, /


un /, / o / da h1, h2, h3 rispettivamente.

La sequenza che CRHC (C = consono, R = risonante, H = laringeo) diviene CR.C, CR.C
CR.C da H = * il h1, * il h2, * h3, rispettivamente.

La sequenza che CRHV (C = consono, R = risonante, H = laringeo, V = la vocale) diviene


CaRV.

Perdita di · di s in grappoli consoni, con allungamento supplementare l'esmi - > .mi

La creazione di · di s secondario da grappoli, ntia - > il nsa. Ti di Assibilation - > il si


solamente in dialetti meridionali.

La Torta dativo, strumentale ed i casi di locativo sono syncretized in un solo caso dativo. Delle
desinenze sono inventate, come e.g.. plurale dativo - si da plurale di locativo - il su.

Plurale nominativo - l'oi, - ai sostituisce la tarda Torta -.s, -.s.

Il superlativo su - tatos (Torta - tm-a-s) diviene produttivo.


Il gunaik di gambo obliquo e particolare - le "donne", attestò dalle tavolette di Tebe
probabilmente è proto-greco; appare, almeno come gunai - anche in armeno.

I houtos di pronomi, ekeinos ed auto sono create. Uso di ho, h., tonnellata come articoli è posto-
micenea.

Un isogloss tra il greco ed il da vicino Phrygian relativo è l'assenza di r-fini nel Centro in greco,
evidentemente già perso in proto-greco.

Proto-greco ereditò l'aumento, un prefisso é - a forme verbali che esprimono tempo verbale
passato. Questa caratteristica divide solamente con Indo-iraniano e Phrygian (ed a dell'estensione,
Armeno), appoggio di prestito ad un Meridionale o Dialetto di Graeco-ariano.

La prima persona desinenze verbali e medie - il mai, -m.n sostituiscono - l'ai, - un. Il terzo pherei
singolare è un'innovazione analogica, sostituendo aspettato Dorico * il phereti, ionico * il pheresi
(da bhéreti di Torta).

Il tempo verbale futuro è


creato, incluso un futuro
passivo, così come un
aorist passivo.

Il suffisso - il ka - è legato
ad alcuni perfeziona ed
aorists.

Infinitivi in - l'ehen, -
l'enai e - gli uomini sono
creati.
B. Armeno

Armeno è una lingua Indoeuropea parlata


nella Repubblica Armena ed anche usò da
armeno nel Diaspora. Costituisce un ramo
indipendente della famiglia di lingua
Indoeuropea.

Armeno è considerato un parente vicino di


Phrygian. Dalle lingue moderne greco
sembra essere più da vicino i riferirono ad
armeno, dividendo isoglosses notevole con
lui. Alcuni linguisti hanno proposto che gli
antenati linguistici degli armeno e greci o
erano identici o in una relazione di contatto
vicina.

La più prima testimonianza della lingua


Armena è insieme D.C. al 5 secolo, la traduzione di Bibbia di Mesrob Mashtots. La più prima storia
della lingua è poco chiara ed il soggetto di molta speculazione. È chiaro che armeno è una lingua
Indoeuropea, ma il suo sviluppo è opaco. L'ipotesi Graeco-armena propone una relazione vicina alla
lingua greca, mettendo ambo nel più grande contesto di lingue di Paleo-Balcani .notably incluso
Phrygian che è accettato estesamente come una lingua Indoeuropea particolarmente vicino al greco
e qualche volta Antico macedone., costante con l'incisione di Herodotus degli armeno come
discendendo da coloni del Phrygians.

In alcun caso, armeno ha molti strati di prestiti, e tracce di show di contatto di lingua lungo con
Hurro-Urartian, greco ed iraniano.

Le suono-leggi Proto-armene sono variate ed eccentrico, come * erk dw-flessibile -, ed in molti


casi ancora incerto.

Torta che fermate senza voce sono aspirate in Proto-armeno, una circostanza che ha generato la
teoria di Glottalic che postula che questa aspirazione è potuta essere supplire-phonematic già in
Torta. In certi contesti, queste fermate aspirate sono ridotte ulteriormente a w, h o zero in armeno
(come bacelli di IE, Torta supposta * pentole, in otn Armeno "piede" di pous greco; Treis di torta,
erek Armeno', treis "tre" greco).
La ricostruzione di essere Proto-armeno molto incerto,
non c'è consenso generale sulla serie di data quando è
probabile che sarebbe stato vivo. Se Herodotus ha
ragione nel dedurre armeno da Phrygian approvvigiona,
l'Armeno-Phrygian la divisione probabilmente sarebbe
insieme a tra rudemente i 12 e 7thcenturies AC, ma le
suono-leggi individuali che conducono a proto-armeno
sono potute accadere ad alcuna durata che precede D.C.
il 5 secolo. I vari strati di prestiti Persici e greci furono
acquisiti probabilmente sul corso di secoli, durante
Urartian (pre-6th secolo AC) Achaemenid (6 a 4 c. AC;
Vecchio Persico), ellenistico (4thto 2 c. AC Koine Greek)
e Parthian (2 c. AC a 3rdc. D.C.; Medio Persico) i tempi.

Gli armeno
secondo
Diakonoff,
è poi un amalgama del Hurrian (ed Urartians), del
Luvians e del Mushki Proto-armeno che portarono verso est la loro lingua di IE attraverso
l'Anatolia. Dopo essere arrivato nel suo territorio storico, proto-armeno sembrerebbe avere subito
l'influenza massiccia su parte le lingue esso eventualmente sostituì. La fonologia Armena, per
esempio sembra essere stata colpita grandemente da Urartian che può suggerire un periodo lungo
del bilinguismo.

Grammaticalmente, le prime forme di armeno avevano molto in comune con greco classico ed il
latino, ma la lingua moderna (come il greco Moderno) ha subito molte trasformazioni.
Interessantemente abbastanza, divide con dialetti Corsivi gli IE secondari suffissano .tio (n), steso
da - ti, cf. Braccio ..... (t'youn).

C. Indo-iraniano

Il gruppo di lingua Indo-iraniano costituisce il ramo esistente e più orientale della famiglia
Indoeuropea di lingue. Consiste di quattro gruppi di lingua: l'Indo-ariano, iraniano Nuristani, e
Dardic. qualche volta classificò all'interno del sottogruppo di Indic. Le lingue di ariano di termine
sono usate anche tradizionalmente per riferirsi alle lingue Indo-iraniane.

Le lingue Indo-iraniane e contemporanee formano la più grande supplire-ramo di indoeuropeo,


con più di uno miliardo oratori in totale tendendo da Europa (Romani) ed il Caucaso (Ossetian) ad
Oriente India (bengali ed Assamese). Un 2005 conti di stima un totale di 308 varietà, il più grande
nelle condizioni di oratori natii che sono Hindustani (hindi e l'urdu, ca. 540 milioni), il bengali (il
ca. 200 milioni), Punjabi (il ca. 100 milioni), Marathi e Persico (il ca. 70 milioni ognuno), Gujarati
(il ca. 45 milioni), Pashto (40 milioni), Oriya (il ca. 30 milioni), curdo e Sindhi (il ca. 20 milioni
ognuno).
Gli oratori
della lingua
proto-Indo-
iraniana, il
Proto-Indo-
Iranians, è
associato coi
tardi

3rdmillennium di solito AC la cultura di Sintashta-Petrovka dell'Asia Centrale. Alla loro espansione


si crede che sia stata connessa con l'invenzione del carro.

Il cambio fonologico e principale che separa proto-


Indo-iraniano dalla Tarda Torta, separatamente dal
satemization è il crollo delle vocali di ablauting e, o un
in una sola vocale, Ind.-Ira. *a (ma vede la legge di Brugmann in Appendice II). La legge di
Grassmann, la legge di Bartholomae, ed il Ruki suonano la legge sia anche completa in proto-Indo-
iraniano. Fra i cambi di suono da proto-Indo-iraniano ad Indo-ariano è la perdita del che ha voce
sibilante * lo z, fra quegli ad iraniano è la de-aspirazione della Torta espresse aspirate.

Proto-Indo-iraniano Vecchio iraniano Sanscrito Vedico


*açva ("cavallo") Av., O.Pers. aspa a.va
*bhag- O.Pers. baj - (b.ji; "tributo") bhag - (bhaga)
*bhr.tr- ("fratello") O.Pers. br.tar bhr.t.
*bh.m. ("terra", "terra") O.Pers. b.mi bh.m.
*martya ("mortale", "uomo") O.Pers. martya martya
*m.sa ("luna") O.Pers. m.ha m.sa
*v.sara ("presto") O.Pers. v.hara ("primavera") v.sara ("mattina")
*arta ("verità") Av. a.a, O.Pers. arta .ta
*draugh - ("falsità") Av. druj, O.Pers. draug- druh-
*sauma "pigiarono (succo)" Av. haoma soma
IO.

IranianKurdish

La lingua curda (Kurdî in curdo) è parlata


nella regione chiamò scioltamente
Kurdistan, incluso popolazioni curde in parti
di Iran, Iraq, Siria e Turchia. Curdo è una
lingua ufficiale in Iraq mentre è proibito in
Siria. Il numero di oratori nella Turchia è
ritenuto per essere più di 15 milioni.

La lingua originale delle persone nell'area


del Kurdistan era Hurrian, un non-IE lingua
che appartiene alla famiglia caucasica.
Questa più vecchia lingua fu sostituita da un
dialetto iraniano circa i 850 AC, con l'arrivo
del Medes. Ciononostante, Hurrian
influenza su curdo ancora è evidente nel suo ergativic struttura grammaticale e nei suoi toponimo.
Ossetic

Ossetic od Ossetian (Ossetic .... æ...., ævzhag di Ferro o ......, Ironau) è una lingua iraniana parlata
in Ossetia, una regione sui pendii delle Caucasus Mountains, sui confini della Federazione russa e
Georgia.

L'area russa è noto come nord Ossetia-Alania, l'area in Georgia stata chiamata Meridionale
Ossetia o Samachablo. Gli oratori di Ossetian numerano approssimativamente 700.000, sessanta
percento di chi vivono in Alania, e venti percento in Meridionale Ossetia

Ossetian, insieme con curdo, Tati e Talyshi, è una delle lingue iraniane e principali con una
comunità piuttosto grande di oratori nel Caucaso. È disceso da Alanic, la lingua dell'Alans, tribù
medievali che emergono dal più primo Sarmatians. Si crede che sia l'unico discendente
sopravvivente di una lingua di Sarmatian. Il più vicino la lingua geneticamente relativa è la lingua
di Yaghnobi del Tajikistan, l'unico altro membro di vita di città del ramo iraniano e Nordorientale.
Ossetic ha un plurale formato dal suffisso - ta, una caratteristica che divide con Yaghnobi,
Sarmatian ed il Sogdian ora-estinto; questo è preso come evidenza di un precedentemente il
continuo di dialetto di Iraniano-lingua su larga scala sulla steppa asiatica e Centrale. I nomi Greco-
dedotti di tribù iraniane ed antiche infatti rifletta questo plurale speciale, e.g.. Saromatae (.........) e
Masagetae (.........).

II. Lingue

di Indo-AryanRomany
Romany (o Romani) è il termine usato
per le lingue Indoeuropee della Roma
europea e Sinti. Queste lingue di Indo-
ariano non dovrebbero essere confuse con
rumeno o il romancio ambo di che sono
lingue romaniche.

I Romapeople, spesso assegnati a come


zingari sono un gruppo etnico che vive
primariamente in Europa. Si crede che
loro siano discesi da peoples nomade da
India nordovest e Pakistan che
cominciarono approssimativamente 1.000
anni fa un Diaspora dalla fine orientale
dell'Altopiano iraniano in Europa e nord
Africa. Sinteor Sinti è il nome che delle
comunità delle persone nomadi chiamate
gli zingari in inglesi preferiscono per loro
di solito. Questo include comunità sapute
in tedesco ed olandese come Zigeuner ed
in italiano come Zingari. Loro sono
riferiti da vicino, e di solito si considera
che siano un sottogruppo di, le persone di
Roma. Roma e Sinte non formano una
maggioranza in alcun stato.

I dialetti di oggi di Romany sono resi differente dal vocabolario accumulato fin dalla loro partenza
dall'Anatolia, così come attraverso le evoluzioni fonematiche e divergenti e caratteristiche
grammaticali. Molte Roma non parlano più la lingua o parlano le varie lingue di contatto nuove
dalla lingua locale con la somma del vocabolario di Romany.

Ci sono gruppi indipendenti che lavorano


attualmente verso lo standardizzare la
lingua, incluso gruppi in Romania, Serbia,
Montenegro, gli Stati Uniti, e Svezia. Una
forma standardizzata di Romani è usata in
Serbia, e nella provincia autonoma di Serbia di Vojvodina Romani è una delle lingue ufficialmente
riconosciute di minoranze che hanno le sue proprie stazioni di radio e trasmissioni di notizie.

Una categorizzazione comune e di vecchia data era una divisione tra il Vlax (da Vlach) da non-
Vlax i dialetti. Vlax è quelle Roma che vissero molti secoli nel territorio della Romania. La
distinzione principale tra i due gruppi è il grado al quale il loro vocabolario è preso in prestito dal
rumeno. I gruppi di Vlax-parola includono il grande numero di oratori, tra metà e due terzi di tutti
gli oratori di Romani. Bernardo Gillad Smith fece questa distinzione prima, e coniò il termine Vlax
nel 1915 nel libro Il Rapporto sulle tribù di zingaro della north Oriente Bulgaria. Di conseguenza,
gli altri gruppi di dialetti furono riconosciuti, primariamente basò su geografico e criteri di
vocabolario, incluso:

balcanico: in Albania, Bulgaria, Grecia, Macedonia, Moldavia, Montenegro, Serbia,


Romania, Turchia ed Ucraina.
Romani del Galles.

Romani della Finlandia.

Sinte: in Austria, Croazia, la Repubblica ceca, Francia, Germania, Italia, il Paesi Bassi,
Polonia, Serbia, Montenegro, Slovenia, e Svizzera.

Carpatico: nella Repubblica ceca, Polonia (particolarmente nel sud), Slovacchia,


Ungheria, Romania, ed Ucraina.

Baltico: in Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Belarus, Ucraina e Russia.

turchi:

o Rumeli (Tracia) il dialetto (Tracia, Uskudar, un distretto sul lato di Anatolian del
Bosforo): la maggior parte di prestiti è del greca.

o Anatolian il dialetto. La maggior parte di prestiti è di turco, curdo e Persico.

o Posha il dialetto, zingari Armeni dall'Anatolia orientale soprattutto il nomads anche se


alcuni hanno stabilito nella regione di Van, Turchia. I curdo li chiamano Mytryp (uni
fissi).

Delle Roma hanno sviluppato lingue creolo o lingue mescolate, incluso:

Caló o Iberico-Romani che usa il lessico di Romani e la grammatica (il Calé) di spagnolo.

Romungro.

Lomavren o Armeno-Romani.

Angloromani o Inglese-Romani.

Scandoromani (Norvegese-viaggiatore Romani o Svedese-viaggiatore Romani).

Romano-Greek o Greco-Romani.

Romano-serbo di § o Serbo-Romani.

Boyash, un dialetto del rumeno con ungherese ed i prestiti di Romani.

Sinti-Manouche-Sinti (Romani con grammatica Tedesca).


1.7.3. Altri dialetti Indoeuropei dell'Europa

A. L'albanese

L'albanese (shqipe di gjuha) è una


lingua parlata primariamente da su 8
milioni di persone in Albania,
Kosovo, e la Prima Repubblica
iugoslava del Macedonia, ma anche
dai più piccoli numeri di albanesi
etnici nelle altre parti dei Balcani,
lungo la costa orientale dell'Italia ed
in Sicilia, come bene altri gruppi di
emigrante. La lingua forma il suo
proprio ramo distinto delle lingue
Indoeuropee.

La lingua albanese non ha parenti


vicini e viventi fra le lingue moderne. Non c'è consenso dotto sulla sua origine e la classificazione
dialettale. Alcuni studiosi mantengono che deduce dalla lingua illirica, ed altri affermano che
deduce da tracio.

Mentre è considerato stabilito che gli albanesi originarono nei Balcani, l'ubicazione esatta dalla
quale loro sparsero fuori è difficile indicare. Nonostante le varie richieste, gli albanesi
probabilmente furono di più lontano il nord e retroterra che suggerirebbe i confini presenti
dell'Albania, con una terra natia concentrata nelle montagne.

Dato l'ammontare opprimente di conducendo e fare dell'alpinismo vocabolario così come


l'influenza estesa del latino, è più probabile gli albanesi sono di nord della linea di Jire.ek, sul lato
Latino-oratoria forse in parte dalla tarda provincia romana di Dardania dai Balcani occidentali.
L'archeologia ha aguzzato più convincentemente comunque, alla prima provincia Bizantina di
Praevitana (Albania settentrionale e moderna) che mostra un'area dove un conducendo
primariamente, popolazione di transhumance di illirico trattenne la loro cultura.

Il periodo durante il quale interagirono proto-albanese ed il latino fu protratto e sfoderato più di sei
secoli, 1 c. D.C. a 6 o 7thc. D.C.. Questo nasce fuori in rudemente tre strati di prestiti, la più grande
cosa di numero al secondo strato. Il primo, coi prestiti il minor numero di era un tempo di meno
importante interazione. Il finale periodo, probabilmente precedendo le invasioni slave o germaniche
ha anche un ammontare notevolmente più piccolo di prestiti. Ogni strato è caratterizzato da un
trattamento diverso di più vocali, il primo strato che ha molto quello segue l'evoluzione del Primo
proto-albanese nell'albanese; più tardi gli strati riflettono cambi vocalici indigeni al Tardo latino e
presumibilmente proto-romanico. Gli altri cambi formativi includono il sincretismo di molte fini di
caso di nome, specialmente nel plurale così come un grande palatalization di scala.

Un breve periodo seguì, tra 7 c. D.C. e 9 c. Annuncio che è stato marcato da prestiti pesanti da
slavo Meridionale alcuni/e dei/lle quali predata il "o-un" turno comune alle forme moderne di
questo gruppo di lingua. Cominciando nei 9 c secondi. D.C., un
periodo seguì di contatto prolungato coi proto-rumeno, o
Vlachs, sebbene il prestito lessicale sembra essere stato
soprattutto uno parteggiato. da albanese nel rumeno. Tale
prestito indica che i rumeno emigrarono da un'area dove era
slava la maggioranza (i.e. Il bulgaro medio) ad un'area con una
maggioranza di oratori albanesi, i.e. Dardania, dove Vlachs è
registrato nei 10 c. D.C.. Questo fatto mette gli albanesi ad un
piuttosto presto data negli Occidentali o i Balcani Centrali, più
probabile nella regione di Kosovo e l'Albania Settentrionale.

Referenze all'esistenza dell'albanese come una lingua distinta


sopravvivono dai 1300s, ma senza registrare alcune specifiche
parole. I documenti sopravviventi e più grandi scritti in albanese sono la Formula e Pagëzimit
(formula Battesimale), U non il paghesont' t'Atit di pr'emenit e t'Birit e t'Spirit Senit, "io La
battezzo nel nome del Padre, ed il Figlio, e lo Spirito Santo", registrato da Amico Engjelli Vescovile
di Durer in 1462 nel dialetto di Gheg, e del Testamento Nuovo versi da quel periodo.

B. Lingue paleo-balcaniche

Phrygian

La lingua di Phrygian era la lingua Indoeuropea parlata dal Phrygians, un persone che hanno
stabilito in Asia Minor durante l'Età di Bronzo.

Phrygian è attestato da due corpi, uno Paleo-Phrygian, da circa i 800 AC e più tardi, ed un altro
dopo un periodo di molti secoli, Neo-Phrygian, da circa l'inizio dell'Era Comune. Il corpo di Palaeo-
Phrygian è diviso (geograficamente) ulteriormente in iscrizioni di Midas-città, Gordion, Centrale
Bithynia, Pteria, Tyana Daskyleion, Bayindir e "vario (documenti vario)." Le iscrizioni di Mysian
mostrano una lingua classificata come un dialetto di Phrygian separato, scritto in un alfabeto con
una lettera supplementare, il "Mysian s." Noi possiamo ricostruire delle parole con l'aiuto di alcune
iscrizioni scritto con una scrittura simile al greco.

La lingua probabilmente sopravvisse D.C. nel sesto secolo,


quando fu sostituito dal greco.

Storici antichi e miti associarono Phrygian con tracio qualche


volta e forse anche Armeno, sui motivi di fonti classiche.
Herodotus registrò il conto macedone che Phrygians emigrò
nell'Asia Minor dal Tracia (7.73). Più tardi nel testo (7.73),
Herodotus afferma che gli armeno erano coloni del Phrygians,
ancora considerò lo stesso di durata di Xerxes io. La più prima
menzione di Phrygian in fonti greche, nell'Inno Omerico ad
Afrodite lo dipinge come diverso da troiano: nell'inno, Afrodite,
mentre travestendosi come un mortale per sedurre il principe
troiano Anchises, gli dice

"Otreus di nome famoso è mio padre, in tal caso sia Lei ha


sentito di lui, e lui regna su tutti i ricco di Phrygia in fortezze.
Ma io conosco bene il Suo discorso accanto a mio proprio, per una balia troiana mi allevò a casa."
Di troiano, sfortunatamente nulla è conosciuto.

La sua struttura, cosa può essere recuperato da lui, era tipicamente Indoeuropeo, con nomi
declinati per caso (almeno quattro), genere (tre) e numero (singolare e plurale), i verbi sono
coniugati per tempo verbale, voce, umore, persona e numero. Nessuna sola parola è attestata in tutte
le sue forme flessionali.

Molti mettono in parole in Phrygian è molto simile alle forme proto-Indo-europee e ricostruite.
Phrygian sembra esibire un aumento, come il greco ed Armeno, c.f. eberet, probabilmente
corrispondendo a Torta * l'é-bher-e-t (epheret greco).

Un corpo di considerevoli dimensioni delle parole di Phrygian è conosciuto teoreticamente;


comunque, il significato e le etimologie ed anche forme corrette di molte parole (soprattutto estrasse
da iscrizioni) di Phrygian ancora sono dibattute.

Una parola di Phrygian famosa è bekos, volendo dire "pane." Secondo Herodotus (Storie 2.9)
Faraone Psammetichus io volli stabilire la lingua originale. Lui ordinò che due bambini fossero
reared da un pastore per questo scopo, mentre impedendolo di lasciarli sente una sola parola, ed
addebitandolo per riportare la prima espressione dei bambini. Dopo due anni, il pastore riportò
quello su entrare la loro camera, i bambini vennero su a lui, mentre estendendo le loro mani,
chiamando bekos. Sull'inchiesta, i pharaoh scoprirono, che questo era i Phrygian mettono in parole
per pane" di "grano dopo il quale concessero gli egiziani che la nazione di Phrygian era più vecchia
del loro. Il parola bekos è attestato anche molte volte in iscrizioni di Palaeo-Phrygian su stelae
funebre. Si suggerì che è parente a cottura inglese, da Torta * il bheh3g; cf. Ph.g greco., arrostire",
fuoco latino, "focolare" bosor Armeno, "rosso" e bots "fiamma", "fabbro" di goba irlandese e così
su.

Bedu secondo Clemente dello Stromata di Alessandria, citando un Neanthus di Cyzicus vuole dire
"acqua (Torta * sposi)." Si dice che i Macedonians avessero worshiped, un dio chiamato Bedu che
loro interpretarono come "aria." Il dio appare anche in rituale di Orphic.

Le altre parole di Phrygian includono:

anar, 'il marito', da Torta * il ner - 'l'uomo'; cf. Gk. "an.r (....) equipaggiano, marito", O.Ind.
nara, n., Av. N. / nar-, Osc. ner-um, Lat. Nero, ner gallese, Camice sacerdotale. "njeri
equipaggiano, persona."

attagos, 'la capra'; cf. Gk. "capra" di tragos (......), Ger. "Capra" di Ziege, Camice sacerdotale.
"capra" di dhi.

balaios, 'grande, veloce', da Torta * il bel - 'forte'; parente a Gk. belteros (........) "meglio", Rus.
bol'shói il grande, grande", gallese balch" "orgoglioso."

belte, 'la palude', da Torta * il bhel -, 'luccicare'; cf. Gk. baltos (......) "inondano", Camice
sacerdotale. baltë, "limo, fango", Bulg. blato (O.Bulg. balta) "palude", Lith. "bianco" di baltas,
Russ. bledny, Bulg. bleden "impallidiscono."

brater, 'il fratello', da Torta * il bhrater -, 'il fratello';

daket, 'fa, cause, Torta * dhe-k -, 'mettere, metta';


germe, 'caldo', Torta * il gwher -, 'caldo'; cf. Gk. il termos (......) "scalda", Pers. garme
"scaldano", Braccio. .erm "scaldano", Camice sacerdotale. zjarm "scaldano."

kakon, 'il danno, malato', Torta * il kaka -, 'il danno'; cf. Gk. kakós (.....) "cattivo", Camice
sacerdotale. keq "cattivo, cattivo", Lith. keñti per essere cattivo."

knoumane, 'grave', forse da Torta * il knu -, 'graffiare'; cf. Gk. kna. (....) graffiare", Camice
sacerdotale. krromë "scaglia, scabbia", O.H.G. "hnuo dentellano, scanali", nuoen per lisciare
fuori con un raschino", Lith. knisti per scavare."

manka, 'lo stela.'

Madre di ·, 'la madre', da Torta * la madre -, 'la madre';

meka, 'grande', da Torta * il meg -, 'grande';

zamelon, 'lo schiavo', Torta * il dhghom -, 'la terra'; cf. Gk. chamelos (.......) il "adj. sulla
terra, basso", Sr.-Cr. zèmlja e Bul. zèmya / "terra di zèmlishte / terra", Lat. humilis "in basso."

Tracio

Dacian che esclude cui lo status come è disputata una lingua tracia, il tracio fu parlato in numeri
sostanziali in quello che ora è Bulgaria meridionale, parti del Serbia, la Repubblica del Macedonia
la Grecia Settentrionale. specialmente prima di espansione macedone ed Antica., in tutto il Tracia
(incluso Turchia europea) ed in parti di Bithynia (Turchia asiatica e Nord-occidentale).

Come una lingua estinta con solamente alcune iscrizioni corte attribuita a lui (v.i.), là è conosciuto
poco la lingua tracia, ma un numero di caratteristiche è stato d'accordo su. Un numero di parole
trace e probabili è trovato in iscrizioni. la maggior parte di loro scritti con scrittura greca. su edifici,
monete, e gli altri manufatti.

Parole trace nel lessico greco ed Antico sono proposte anche. Elementi lessicali greci possono
dedurre da tracio, come balios "maculato", (< la Torta * il bhel -, Pokorny cita anche illirico come
una possibile fonte per splendere") bounos, "collina, tumulo", ecc.

La maggior parte dei tracio eventualmente furono Ellenizzati. nella provincia del Tracia. o
Romanizzò. in Moesia, Dacia, ecc. ., con gli ultimi resti che sopravvivono in aree remote fino al 5
secolo.

Dacian

La lingua di Dacian era una


lingua Indoeuropea parlata dalle
persone antiche di Dacia. Spesso
si considera che sia stato una
variante settentrionale della
lingua tracia, o riferì da vicino a
lui.

Non ci sono pressocché


documenti scritto in Dacian.
Dacian era una delle lingue notevoli dell'Europa Sud-orientale, tendendo da quello che ora è
Ungheria Orientale alla spiaggia Marittima e Nera. Basato su scoperte archeologiche, si crede che le
origini della cultura di Dacian siano in Moldavia, essendo identificato come un'evoluzione dell'Età
di Ferro la cultura di Basarabi.

È precisamente poco chiaro quando la


lingua di Dacian divenne estinta, o pari
se ha un discendente vivente. La
conquista romana ed iniziale di parte di Dacia non pose fine alla lingua, come Dacian Gratis tribù
come il Carpi hanno potuto continuare a parlare come tardi come il 6thor 7 secolo D.C. Dacian in
Moldavia e regioni adiacenti, ancora capace di lasciare delle influenze nella formazione lingue
slave.

secondo un'ipotesi, un ramo di Dacian continuò come la lingua albanese (Hasdeu, 1901);

Un'altra ipotesi considera che albanese sia un Dialetto di Daco-Moesian che ha diviso via da
Dacian di fronte a 300 AC e quel Dacian stesso divenne estinto;

L'argomento per questa prima divisione (prima 300 AC) è il seguente: ereditato parole albanesi
(e.g.. Camice sacerdotale. motër 'la sorella' < la Tarda Torta m.ter 'la madre') mostra la
trasformazione la Tarda Torta. > il Camice sacerdotale. /o /, ma tutti i prestiti latini in albanese che
ha un /a: / mostra Lat. /un: / > il Camice sacerdotale. /a/. Questo indica che il P-camice sacerdotale
di trasformazione. /un: / > il P-camice sacerdotale. /o / accadde e finì di fronte all'arrivo romano nei
Balcani. D'altra parte parole di substrato rumene divisero con show albanese un rumeno / un /
quello corrisponde ad un albanese / o / quando ambo la fonte di suoni è un /a comune ed originale: /
(mazãre / modhull < * m.dzula 'il pisello'; ra.ã/rosë < * r.tja: 'l'anatra') indicando che quando queste
parole hanno avuto la stessa forma Comune in pre-rumeno ed il proto-albanese il P-camice
sacerdotale di trasformazione. /un: / > il P-camice sacerdotale. /o / non aveva cominciato ancora. La
correlazione tra questi due fatti indica che la divisione tra pre-rumeno (il Dacians che è Stato
romanizzato più tardi) ed il proto-albanese accaduti di fronte all'arrivo romano nei Balcani.

Illirico

Le lingue illiriche sono un gruppo di lingue Indoeuropee che sono state parlate nella parte
occidentale dei Balcani nelle prime durate da gruppi etnici identificato come illirico: Delmatae,
Pannoni, Illyrioi, Autariates, Taulanti. Le lingue illiriche generalmente sono, ma non unanimamente,
calcolò come dialetti di centum.
Delle suono-cambio e le altre caratteristiche di lingua sono dedotte da che resti delle lingue
illiriche, ma perché nessuno scritti in illirico sono conosciuti, non c'è l'evidenza sufficiente per
chiarificare a parte il suo luogo all'interno della famiglia di lingua Indoeuropea dalla sua natura di
centum probabile. A causa dell'incertezza, più fonti mette provvisoriamente illirica su suo proprio
ramo di indoeuropeo, sebbene la sua relazione alle altre lingue, antico e moderno, continua ad
essere studiato e dibattè.

Oggi, la fonte principale di informazioni autorevoli sulla lingua illirica consiste di una manciata di
parole illiriche citata in fonti classiche, ed esempi numerosi di anthroponyms illirici, ethnonyms,
toponimo e hydronyms.

Un raggruppamento dell'illirico con la lingua di Messapian è stato proposto per circa un secolo,
ma resti un'ipotesi indimostrata. La teoria è basata su fonti classiche, archeologia così come
considerazioni onomastiche. La cultura di materiale di Messapian ha un numero di somiglianze alla
cultura di materiale illirica. Dei Messapian anthroponyms hanno equivalents illirico e vicino.

Una relazione alla lingua di Venetic e la lingua di Liburnian, una volta parlato rispettivamente in
Italia nordorientale e Liburnia, è proposto anche.

Un raggruppamento dell'illirico col


tracio e la lingua di Dacian in un
gruppo "Thraco-illirico" o ramifica,
un'idea popolare nella prima metà del
20
secolo, ora è rifiutato generalmente
dovuto ad una mancanza dell'evidenza
che sostiene, ed a causa di quello che
può essere l'evidenza al contrario.

Un'ipotesi che la lingua albanese e


moderna è una lingua illirica e sopravvivente rimane molto controverso fra linguisti.
L'identificazione dell'illirico come una lingua di centum è accettata estesamente ma non
unanimamente, anche se generalmente è ammesso che da che resti della lingua, gli esempi di
centum sembrano superare in numero grandemente gli esempi di Satem. Uno dei pochi esempi di
Satem in illirico sembra essere Osseriates, probabilmente da Torta * l'eghero -, "lago." Solamente
alcuni articoli illirici sono stati collegati all'albanese, e questi rimangono provvisori o inconcludente
per lo scopo di determinare una relazione vicina.
Solamente alcune parole illiriche sono citate in fonti Classiche da romano o scrittori greci, ma
queste lucentezze, provvedute con traduzioni offrono un vocabolario di centro. Solamente quattro si
identificarono con un ethnonym Illyrii o Illurioí; altri devono essere identificati da indiretto vuole
dire:

brisa, "buccia di acino d'uva"; cf. Camice sacerdotale. bërsi.

mantía, "rovo cespuglio"; cf. Camice sacerdotale. (Tosk) il mën il "gelso cespuglio", mandë
(Gheg).

oseriates, "laghi"; simile ad O.C.S. ozero (Sr.-Cr. jezero), Lith. .. ere, O.Pruss. assaran, Gk.
Akéroun "fiume nella malavita."

Rinoceronti di ·, "nebbia, nube"; cf. O.Alb. ren, mod. Camice sacerdotale. ri la "nube."

sabaia, sabaium, sabaius, "un tipo di birra"; simile ad Eng indebolisca, Lat. sapere per
assaggiare", Skr. "vigore di sabar, succo, nektar", Av. vi..pa che "ha succhi velenosi", Braccio.
prosciutto, "nave appoggio di apalós greca, delicato" O.C.S. svept. il miele" di "ape.

Lat. sibina, sibyna, sybina; Gk. ......, ......., ......, ......: "una lancia di caccia", "una lancia",
"picca"; una parola illirica secondo Festius, citando Ennius; è comparato a Gk. ......, "caso di
flauto", trovato nel Thesmophoriazusai di Aristofane; la parola appare nel contesto di una parola
barbara. Simile a zôpîn Persico, s.v.n Armeno il "sputo."

tertigio, "commerciante"; O.C.S. tr.g. (Sr.-Cr. trg), Lith. tirgus (il Camice sacerdotale. treg il
"mercato" è un prestito di slavo arcaico * tr.g.)

Delle parole supplementari sono state estratte da toponimo, hydronyms, anthroponyms, ecc.:

loúgeon, "una piscina"; cf. Camice sacerdotale. si attardi bagnare, ammolli, bagni, lavi", (< il
Papà * il lauga) lëgatë "mettono in fondo comune" (< il Papà. *leugatâ), "rugiada" di lakshte (<
il Papà * il laugista); simile a Lith. "palude" di li.gas, O. Sla. lu.a "mettono in fondo comune"

teuta < dal nome personale illirico Teuta < la Torta * il teuta -, "persone"

Bosona, "gestendo acqua (Possibile origine del nome "Bosnia", Bosnain Bosnian)"

Paionian

La lingua di Paionian è la lingua poveramente attestata del Paionians antico cui il regno una volta
nord allungato di Macedon in Dardania e nelle più prime durate nel Tracia sudoccidentale.

Molte parole di Paionian sono conosciute da fonti classiche:

monapos, monaipos, un toro selvatico.

tilôn, una specie di pesce trovata una volta in Lago Prasias (Repubblica del Macedonia).

paprax, una specie di pesce trovata una volta in Lago Prasias; masc. acc. pl. paprakas,
Un numero di anthroponyms (alcuno noto solamente dalla coniatura di Paionian) è attestato, molti
toponimo (Bylazora, Astibos) ed alcuno theonyms (Dryalus, Dyalus, il Paionian Dionysus), così
come:

Pontos, abbondante del Fiume di Strumica, forse da * il ponktos, "bagnato" (il cf. Ger. feucht,
"bagnato");

Stoboi (oggi Gradsko), nome di una città da * lo stob (h) (il cf. O.Pruss. stabis "cullano",
O.C.S. stoboru, "pilastro", O.Eng. stapol, "posto", O.Gk. stobos, "sgridando la cattiva lingua");

Dóberos, l'altra città di Paionian da * il dheubh - "profondo" (il cf. Lith. dubùs, Eng.
profondo);

Agrianes, nome di una tribù da * agro - il "campo" (il cf. Lat. ager, Gk. agros, Eng. acro).

Fonti classiche considerarono il Paionians distinto da tracio o illirico, comprendendo il loro


proprio etnicità e lingua di solito. Athenaeus connettè apparentemente i Paionian toccano con la
lingua alla lingua di Mysian, appena attestò. Se corretto, questo potrebbe volere dire che Paionian
era una lingua di Anatolian.

D'altra parte i Paionians furono considerati discendenti di Phrygians che può mettere Paionian
sullo stesso ramo linguistico come la lingua di Phrygian qualche volta.

Linguisti moderni sono incerti sulla classificazione di Paionian, a causa della scarsezza estrema di
materiali noi abbiamo su questa lingua. Comunque, sembra che Paionian era un dialetto di IE
indipendente. Mostra distinctiveness di a/o e fa non sembra avere subito Satemization. Il bh di
aspirate che ha voce ed Indoeuropeo, dh, ecc., Divenuto le semplici consonanti che ha voce, / b /, /
d /, ecc., solo piaccia in illirico, tracio, macedone e Phrygian (ma diversamente dal greco).
Antico macedone

La lingua macedone ed Antica era la lingua del Macedonians Antico. Fu parlato in Macedon
durante il 1 millennio AC. Emarginato dal 5 secolo AC, gradualmente fu sostituito dal dialetto greco
e comune dell'Era ellenistica. Probabilmente fu parlato prevalentemente via nelle regioni di
retroterra dalla costa. È ancora come indeterminato se la lingua era un dialetto del greco, una lingua
di fratello al greco o una lingua Indoeuropea che è un cugino vicino al greco ed anche riferì a tracio
e le lingue di Phrygian.

Conoscenza della lingua è molto limitata perché non ci sono nessuno testi sopravviventi che sono
scritti indisputabilmente nella lingua, sebbene un corpo di parole macedoni ed autentiche è stato
assemblato da fonti antiche, principalmente da iscrizioni di moneta e dal lessico del 5 secolo di
Hesychius di Alessandria, ammontando ad approssimativamente 150 parole e 200 nomi corretti. La
maggior parte di questi sono fiduciosamente identificabili come greco, ma alcuni di loro non sono
riconciliati facilmente con fonologia greca e standard. I 6,000 surving che iscrizioni macedoni sono
nell'Attico greco dialetto.

I Pella bestemmiano tavoletta, un testo scritto in un greco Dorico e distinto idioma, trovato in
Pella nel 1986 datato a tra mezzo al primo 4 secolo AC, è stato spedito come un argomento che la
lingua macedone ed Antica era un dialetto del greco Nord-occidentale. Di fronte alla scoperta fu
proposto che il dialetto macedone era una prima forma del greco, parlata lungo Dorico corretto a
quella durata.

NOTA. Olivier Masson pensa che "nel contrasto con le più prime viste che fecero di lui un dialetto
(O.Hoffmann comparò Thessalian) di Aeolic dal quali noi ora dobbiamo pensi ad un collegamento
con Nordovest greco (Locrian, Aetolian, Phocidian, Epirote). Questa vista è sostenuta dalla recente
scoperta a Pella di una tavoletta di maledizione che può essere bene i primi 'macedone' il testo
attestò (...); il testo include un "opoka" di avverbio che non è Thessalian." Anche, James L. Stati di
O'Neil che la tavoletta di maledizione" da Pella mostra forme di parola che chiaramente sono
Doriche, ma una forma diversa di Dorico da alcuni dei dialetti greci e dell'ovest di aree Macedon
adiacente. Tre altro, molto breve iscrizioni del quarto secolo sono anche indubitabilmente Dorici.
Questi show che un dialetto Dorico è stato parlato in Macedon, come noi c'aspetteremmo dall'Ovest
le forme di greco di nomi greci fondino in Macedon. Ed ancora più tardi iscrizioni macedoni sono
in Koine che evita forme Doriche ed i macedoni esprimendo delle consonanti. Il dialetto macedone
e natio era divenuto disadatto per documenti scritto."
Dalle poche parole che sopravvivono, una suono-legge notabile può essere accertata, che la Torta
espresse le aspirate sembrano fermate espresse, scritto. nel contrasto a dialetti greci che inespresso
loro a.,..

Mac. ..... il danós ('la morte', da Torta * il dhenh2 - 'andare via'), compari Attico ....... il thánatos.

Mac. ........ l'abroûtes o ........ abroûwesas opposero ad Attico ..... l'ophrûs per 'i sopracciglia

Mac. ........ Bereník. contro Attico ........ Phereník., 'la vittoria che porta' * ...... l'adraia ('il
brillante tempo'), compari Attico ...... l'aithría, da Torta * il h2aidh -.

....... il báskioi ('il fasces'), da Torta * il bhasko.

secondo Hdt. 7.73 (il ca. 440 AC), il Macedonians affermò che i Phryges stati chiamati
Brygoi prima che loro emigrarono dal Tracia a ca di Anatolia. 1200 AC.

........ mágeiros ('il macellaio') era un prestito da Dorico in Attico. Vittore Pisani ha suggerito
un ultimamente origine macedone, parente a ....... il mákhaira ('il coltello', < la Torta * il magh -,
'lottare').

Lo stesso trattamento è conosciuto dalle altre lingue paleo-balcaniche, e.g.. Bekos di Phrygian,
"impani", Illyrianbagaron, "scaldi", ma Gk. .... (ph.g.), "arrostisca", tutto da IE * il bheh3g -. Da
quando queste lingue sono ogni via nota l'alfabeto greco che non ha segnali per aspirate che ha
voce, è poco chiaro se la de-aspirazione aveva avuto luogo realmente, o se. appena è stato scelto
come i fiammiferi più vicini per esprimere aspirate che ha voce.

Se ..... (gotán), "faccia", è riferito ad IE * il gwou ('i bestiame bovino'), questo indicherebbe che i
labiovelars o erano intatti, o unirebbe col velars, diversamente da Gk solito. .... (boûs). Comunque,
tali deviazioni non sono ignote in dialetti greci; compari Dorico Spartano .... - (glep -) per il greco
comune .... - (blep -), così come Dorico ...... (glách.n) ed ionico ...... (gl.ch.n) per il greco
comune ...... (bl.ch.n).

Un numero di esempi suggerisce che fermate velare e che ha voce erano devoiced, specialmente
parola-inizialmente; come in ....... (kánadoi, da Torta * il genu -), "mascelle"; ....... (kómbous, da
Torta * il gombh -), "molari"; all'interno di parole, come in ..... (arkón) contro Attico ..... (argós); il
toponimo macedone Akesamenai, dal nome di Pierian Akesamenos. se Akesa - è parente ad
agassomai greco, agamai, stupire"; il cf il nome tracio Agassamenos.

In Aristofane Gli Uccelli, la forma .......... (kebl.pyris), "uccello di rosso-berretto", mostra una
fermata che ha voce invece di un'aspirata inespressa greca e standard, i.e. Macedone... (.).. (kebal.)
contro. Greco ...... (kephal.), "testa."
1.7.4. Lingue di Anatolian

Le lingue di Anatolian sono un gruppo


di lingue Indoeuropee ed estinte che
furono parlate in Asia Minor, i meglio
attestarono di loro che siamo la lingua di
Hittite.

Il ramo di Anatolian è considerato il più


primo per dividere via la lingua proto-
Indo-europea, da un palcoscenico o
assegnato a come Torta Media (anche IE
II) o "Indo-Hittite" generalmente
tipicamente una data nel mezzo-4th il
millennio AC è presunto. C'è in una
struttura di Kurgan, due possibilità di
come primi oratori di Anatolian
sarebbero potute arrivare ad Anatolia: dal
nord via il Caucaso, e dall'ovest, via i
Balcani.

Dialetti attestati del ramo di Anatolian sono:

Hittite (nesili), attestato da ca. 1900 AC a 1100 AC, lingua ufficiale dell'Impero di Hittite.

Luwian (luwili), parente vicino di Hittite parlato in regioni adiacenti, qualche volta sotto il
controllo di Hittite.

o Luwian Cuneiformi, le lucentezze e passaggi corti in testi di Hittite scritti in scrittura


Cuneiforme.

o Luwian Geroglifico, scritto in geroglifici di Anatolian su sigilli ed in iscrizioni di pietra.

Palaic, parlato in Anatolia nord-centrale estinto circa il 13 secolo AC, conosciuto solamente
frammentariamente da preghiere citate in testi di Hittite.

Lycian, parlato in Lycia nell'Età di Ferro, un discendente di Luwian estinto in ca. i 1stcentury
AC, lingua frammentaria.

Lydian, parlato in Lydia estinto in ca. il 1 secolo AC, frammentario.

Carian, parlato in Caria, frammentariamente attestato da graffiti da mercenari di Carian in


Egitto da ca. il 7 secolo AC, ca estinto. nei 3rdcentury AC.
Pisidianand Sidetic (Pamphylian), frammentario.

Milyan, conosciuto da una sola iscrizione.

C'erano probabilmente le altre lingue della famiglia che non ha lasciato record scritto, come le
lingue di Mysia, Cappadocia e Paphlagonia.

L'Anatolia fu Ellenizzato pesantemente seguente le conquiste di Alessandro il Grandi, e


generalmente si pensa che dal 1 secolo AC le lingue madri dell'area erano estinte.

Hittite corretto è conosciuto da tavolette cuneiformi ed iscrizioni erette dai re di Hittite. La


scrittura noto come "Hittite Geroglifico" ora è stata mostrata per essere usata per scrivere il da
vicino lingua di Luwian relativa, piuttosto che Hittite corretto. Il più tardi lingue che Lycian e
Lydian sono attestati anche in territorio di Hittite. Palaic, anche parlato in territorio di Hittite è
attestato solamente in testi rituali citati in documenti di Hittite.

Nei Hittite e le lingue di Luwian sono le


molte parole di prestito, vocabolario
particolarmente religioso, dai Hurrian non-
Indo-europei e le lingue di Hattic. Hattic era
la lingua del Hattians, gli abitanti locali della
terra di Hatti prima che loro furono assorbiti
o spostarono dalle invasioni di Hittite. Testi
di Hittite sacri e magici furono scritti in
Hattic, Hurrian, ed Akkadian spesso, anche
dopo che Hittite divenne la norma per altri
scritti.

La lingua di Hittite è stata stratificata


tradizionalmente in Vecchio Hittite (Oh),
Hittite Medio (MH) e Nuovo o Neo-Hittite
(NH), corrispondendo al Vecchio, Centro e Regni Nuovi dell'Impero di Hittite, ca. 1750.1500 AC,
1500.1430 AC e 1430.1180 AC, rispettivamente. Questi palcoscenici sono resi differente in parte su
linguistico ed in parte su motivi di paleographic.

Hittite fu scritto in una forma adattata di Vecchio


ortografia cuneiforme assira. Dovendo alla natura
prevalentemente sillabica della scrittura, è difficile
accertare le qualità fonetiche e precise di una
porzione dell'inventario di suono di Hittite.
Hittite preserva alcuni che caratteristiche molto arcaiche hanno perso nelle altre lingue
Indoeuropee. Per esempio, Hittite ha trattenuto due di tre laryngeals, h2 parola-iniziali e h3. Questi
suoni la cui esistenza era stata fatta ipotesi da Ferdinando de Saussure sulla base di qualità vocalica
nelle altre lingue Indoeuropee nel 1879, non fu preservato come suoni separati in alcuno attestò
lingua Indoeuropea fino a che la scoperta di Hittite. In Hittite, questo fonema è scritto come..

Hittite, così come la maggior parte di altre lingue di Anatolian, differisce in questo rispetto da
alcuna altra lingua Indoeuropea, e la scoperta di laryngeals in Hittite era una conferma straordinaria
dell'ipotesi di Saussure.

La conservazione del laryngeals, e la mancanza di alcuna evidenza che Hittite divise


caratteristiche grammaticali possedè dalle altre prime lingue di indoeuropeo, ha portato alcuni
filologi a credere che le lingue di Anatolian divisero dal resto di proto-Indo-europeo molto della
proto-lingua più presto delle altre divisioni. In linguistica
Indoeuropea, il termine che Indo-Hittite (anche Indo-Anatolian) si
riferisce all'ipotesi che le lingue di Anatolian hanno potuto dividere
notevolmente più presto della separazione via la lingua proto-Indo-
europea delle lingue Indoeuropee e rimanenti. La maggioranza di
studiosi continua a ricostruire un solo proto-Indo-europeo, ma tutti credono che Anatolian era il
primo ramo di indoeuropeo per lasciare la piega.

NOTA. Il termine è piuttosto impreciso, come il prefisso Indo - non si riferisca al ramo di Indo-
ariano in particolare, ma è iconico per indoeuropeo (come in Indo-Uralic), e la - parte di Hittite si
riferisce alla famiglia di lingua di Anatolian nell'insieme.

Come il più vecchio attestò lingue Indoeuropee, Hittite è interessante grandemente perché gli
mancano molte caratteristiche grammaticali esibite dalle altre "vecchie" lingue Indoeuropee come
Sanscrito e greco.

Il Hittite che il sistema nominale consiste dei casi seguenti:


Nominativo, vocativo accusativo, genitivo Allative, Dativo-
locativo, strumentale ed ablativo. Comunque, la storia
registrata attesta meno casi nel plurale che nel singolare, e più
tardi palcoscenici della lingua indicano come bene una perdita
di certi casi nel singolare. Ha due generi grammaticali, terreno
di proprietà comune e neutro, e due numeri grammaticali,
singolare e plurale.

I verbi di Hittite sono flessi secondo due classi verbali


generali, la mi-congiunzione e la ciao-congiunzione. Ci sono
due voci (attivo e mediopassive), due umori (indicativo ed
imperativo), e due tempi verbali (presente e passato). Inoltre, il
sistema verbale mostra due forme infinite, uno verbale
effettivo, un supino, ed un participio. La Rose (2006) elenca
132 ciao-verbi ed interpreta il ciao / il mi opposizioni come vestigi di un sistema di voce
grammaticale, i.e. "voce centripeta" contro. "voce centrifuga."
1.8. 'Europaiom' o 'Sindhueuropaiom'
1.8.1. Indoeuropeo moderno per il quale noi usiamo il nome neutrale D.gh.s (anche
dialetticamente estese in -., Ita.-Cel., Ger. d.ghw.), "la lingua", è perciò un set di regole
grammaticali. incluso il suo sistema di scrittura, declinazione di nome, congiunzione verbale e
sintassi., disegnò sistematizzare la Tarda lingua proto-Indo-europea ricostruita, adattarlo alle
necessità di comunicazione moderne. Come la Torta fu parlata da una società preistorica, nessuno
testo di esemplare genuino è disponibili, e così la linguistica comparata. nonostante storia di 200
anni sua. non è nella posizione per ricostruire precisamente la loro lingua formale (l'usato da
persone dotte), ma solamente approssimativamente come i parlati, la lingua volgare era come, i.e. la
lingua che ha evoluto nel diverso attestò dialetti Indoeuropei e lingue.

NOTA. A lingue ricostruite piace Cornish israelitico, Moderno e Moderno, l'indoeuropeo copto o
Moderno e Moderno può essere rianimato nelle loro comunità senza essere come facile, come
logico, come neutrale o filosofico come le milione lingue artificiali che esiste oggi, e di chi scopo
principale è essere apparentemente 'meglio', o 'più facile', o 'più neutrale' che le altre lingue
artificiali o naturali che loro vogliono sostituire. Purchessia il sociologico, ragioni psicologiche,
politiche o pratiche dietro al successo di tale 'il difficult'and 'non-neutrale' le lingue invece di
'universale' uni, quale è sicuro è che se qualcuno impara ebraico, Cornish copto o Indoeuropeo (o
latino, tedesco, Swahili, cinese, ecc.) purchessia i cambi nella morfologia, sintassi o vocabolario che
potrebbero seguire (a causa di, dica, 'meglio' o 'il purer'or 'più facile' sistemi di lingua raccomandati
dai loro moderatori di lingua), la lingua imparata ancora sarà la stessa, e lo sforzo fece non sarà
perso in alcun possibile caso.

1.8.2. Noi lo ritenemmo valore esso usare la ricostruzione proto-Indo-europea per il revival di un
sistema di lingua moderno e completo, a causa del bisogno ovvio di una lingua comune all'interno
dell'EU sostituire la polizza linguistica deficiente e corrente. Questo sistema di lingua, europeo
chiamato o lingua europea (Eur.páiom) sono basate principalmente sulle caratteristiche dei dialetti
europei o nordovest cui gli oratori. come noi già abbiamo visto. rimase in contatto sciolto per dei
secoli dopo le prime migrazioni di Torta, e ha influenzato l'un l'altro nell'ultimo millenia all'interno
del subcontinente europeo.

NOTA. Come Indo-europeista López-Menchero lo mette, ci sono tre lingue Indoeuropee che
chiaramente devono essere distinte: 1) la lingua proto-Indo-europea, parlata da un persone
preistoriche, i cosiddetti proto-Indo-europei, dei millenni fa; 2) la lingua proto-Indo-europea e
ricostruita che è che essendo ricostruito da studiosi di IE che usano il linguistico, dati archeologici e
storici disponibile, e quale è imperfetto da natura, basato su più certa ipotesi e scuole; e 3) Il sistema
di lingua Indoeuropeo e Moderno che, essendo basato sul più tardi, e tentando di venire vicino al
primo, è né uno né l'altro, ma una lingua moderna sistematizzò ed usò nella parola moderna." Noi
dovremmo aggiungere che, diversamente da lingue artificiali, l'indoeuropeo non può essere
sostituito da lingue diverse, anche se. diversamente da lingue già sistematizzate piaccia latino
Classico o l'inglese. potrebbe essere cambiato dalle altre versioni dialettali, più vecchie o più nuove
di lui, come e.g.. 'Il Graeco-ariano', i.e. una versione principalmente basato sul Dialetto
Meridionale, o 'Indo-Hittite', una versione che usa laryngeals, feminines non di separazione
dall'anima, e così su.

NOTI 2. Una Torta Moderna probabilmente è anche la migliore scelta come una Lingua Ausiliare
ed Internazionale, perché un) naturali ed artificiali lingue francesi, Tedesche, spagnole, ed altre
proposero di sostituire dominio inglese, è sostenuto solamente dalle loro piccole comunità culturali
o sociali, mentre le comunità degli oratori di IE costituiscono la maggioranza della popolazione del
mondo, mentre è così il più più 'democratico' scelta per una lingua parlata all'interno di
organizzazioni internazionali e tra le nazioni esistenti e diverse; e b) solamente un cambio notevole
nell'arena politica potrebbe fare una lingua diverso che inglesi riesce come un IAL parlato; se
l'Unione europea fa di indoeuropeo Moderno la sua lingua nazionale, lo varrebbe per il resto del
mondo per impararlo come seconda lingua ed usarlo come la lingua internazionale invece
dell'inglesi.

1.8.5. Parole per completare il vocabolario (in caso che nessuna forma di Torta comune è trovata)
di MIE saranno prese da lingue di IE attuali. Parole di prestito. da greco ed il latino, come la
filosofia ipotesi, acquedotto, ecc. ., così come prestiti Indoeuropei e moderni. da inglesi, come
software da francese, come ambasciatore da spagnolo, come armadillo da tedesco, come Asilo
infantile da italiano, come casinò da russo, come icona da hindi, come pigiama, ecc. ., dovrebbe
essere usato in un IE puro formi quando possibile. Loro sono tutte le parole dialettali ed
Indoeuropee il cui significato originale è capito facilmente se è tradotto; come, e.g.. La fotografia di
prestito greca o potrebbe sembrare in indoeuropeo Moderno ph.tos ['il p'o-tos] o ['il fo-tos], una
parola di prestito, o come bháwtos ['bhau.-tos], una traduzione di prestito di Gk. "brillante", il
bháuesos di IE, da bhauesós genitivo da bh di verbo di Torta., splendere che dà in fosforo greco e
phot. Il secondo, parola tradotta dovrebbe essere preferito. [2] veda § 2.9.4, aguzzi 4.

1.8.6. Un paragone con l'ebraico Moderno sembra adecuate, come è un precedente riuscito di un
vecchio, lingua ricostruita che diviene la lingua viva di una nazione intera.

REVIVAL ISRAELITICO REVIVAL INDOEUROPEO


ca. 3000 AC: Il proto-aramaico, Proto- ca. 3000 AC: Dialetti proto-Indo-europei e medi,
Ugaritic, e le altre lingue di Canaanite parlate. Pre-IE III e Pre-proto-Anatolia, parlati. ca. 2.500
AC: In ritardo Torta parlata.
ca. 1000 AC: La prima evidenza scritto ca. 1600 BC:first l'evidenza scritto, Hittite e le
dell'ebraico distintivo, il calendario di Gezer. tavolette (Anatolian) di Luwian. ca. 1500 AC:
Tavolette di B lineari in greco Miceneo.
Tanakh oralmente emesso, composto tra il Rigveda oralmente emesso, in Sanscrito Vedico,
1000 ed il 500 AC. (simile a più vecchio Indo-iraniano) composto in
parti, da 1500 a 500 AC. Emesso oralmente lavori
Zoroastriani in Avestan (dialetto iraniano), da 1000 a
700 AC. Lavori Omerici furono insieme da ca. 700
AC. Iscrizioni corsive, 700-500 AC.
La distruzione di Gerusalemme dei babilonesi Corsivo, Celtics, Germanics, Baltics e slavi è
sotto Nebuchadnezzar II, nel 586 AC. La lingua organizzato principalmente in tribù e clan.
israelitica è sostituita poi dall'aramaico in Espansione delle grandi Vecchie Civiltà, come i
Israele sotto l'Impero Persico. La distruzione di Persians, i greci ed i romani. Iscrizione di Behistun,
Gerusalemme ed espulsione di ebrei dei romani iscrizioni celtiche ca 500 AC; Elmo di Negau in
nel 70 D.C.. germanico, ca. 200 AC.
70-1950 D.C.. Ebrei nel Diaspora sviluppano Espansione del Pezzo d'antiquariato rinomato, IE
dialetti diversi con influenza israelitica e forte, Medievale e Moderno le civiltà, come i bizantini lo
con base principalmente su indoeuropeo Spedisce in franchigia, il Persians, gli spagnolo e
(Yiddish, Judeo-spagnolo, Judeo-italiano, ecc.), portoghese, il polacco e lituani, i francesi, gli Austro-
così come lingue Semitiche (Judeo-aramaico, ungheresi e tedeschi e gli inglesi fra altri.
Judeo-arabo, ecc.)
1880 D.C.. Eliezer Ben-Yehuda comincia la 1820 D.C.. Bopp comincia la ricostruzione
costruzione di una lingua israelitica e moderna dell'antenato comune delle lingue Indoeuropee, la
per Israele basò sul Vecchio ebraico. lingua proto-Indo-europea.
19
secolo. Ebrei che parlano indoeuropeo 1949-1992. Paesi europei formano una Comunità
diverso e lingue Semitiche stabiliscono in europea ed Internazionale, la CEE. 1992-2007:
Israele. Loro usano francae di linguae diverso Un'entità Supernazionale, l'Unione europea
per comunicare, come turco, arabo, francese o sostituisce la CEE. Ci sono 23+3 lingue ufficiali
l'inglese.
1922 D.C.. Ebraico stato chiamato lingua Presente. Passi Nuovi sono fatti per sviluppare
ufficiale della Palestina, insieme ad inglesi e un'entità nazionale, una confederazione - o
l'arabo. Da quel momento su, ebraico moderno federazione-come stato. La Costituzione di EU e la
diviene sempre più la lingua nazionale ed polizza linguistica sono due dei più importanti
ufficiale degli israeliani. Le lingue madri dei problemi per essere risolte prima che quella meta di
coloni ancora sono parlate all'interno delle loro terreno di proprietà comune possa essere realizzata.
comunità e famiglie. Più di 97% delle popolazioni di EU hanno una
lingua Indoeuropea come lingua madre.

NOTA. Anche se è chiaro che la nostra proposta è diversa dal revival di lingua israelitico, noi
pensiamo quello: un) Dove gli ebrei avevano solamente alcuni scritti formali, con vocabolario
limitato di una lingua già cinque secoli morti prima che loro furono espulsi dall'Israele,
l'indoeuropeo ha centinaia di vivere dialetti e gli altri morti dialetti molto vecchi attestati. Così,
anche se noi facevamo scrivere tavolette di Torta in della lingua di IE formale predominante (dica,
da pre-proto-Indo-iraniano) e dialettale, la ricostruzione di Torta corrente probabilmente sarebbe
usata ancora come la fonte principale per revival di Torta oggi. b) La cultura comune e la religione
possibilmente era la base per il revival di lingua israelitico in Israele. Proto-Indo-europeo, mentre la
lingua madre di alcuna tribù preistorica con una cultura comune e religione, sparga in peoples
diverso, con culture diverse e religioni. Ci non era mai un concetto della "comunità Indoeuropea"
dopo le migrazioni. Ma oggi l'indoeuropeo è la lingua parlata dalla maggioranza della popolazione.
nel mondo e specialmente all'interno dell'Europa., e è perciò possibile usarlo come una naturale e
culturalmente (anche "religiosamente") neutrale lingua, quale può essere un vantaggio significativo
di IE.

1.7.7. Il nome Eur.páioscomes da eur.paiós aggettivale, da europai genitivo e speciale del


Vecchio greco ...... (Eur.p.), ...... (Eur.p.), ambo le forme che già avvicendano nei greci più grandi,
ed ambo che viene dalla stessa Torta fine femminile. (veda § 4.9.3). La fine greca - l'ai-o - (veda §
4.7.8 per più su questo speciale genitivo in - l'ai) trasforma nel latino - l'ae-u -, e così Europaeus.
Le forme Eur.p. ed Eur.paiós è, poi, il 'corretto' uni in MIE, come loro sono le forme Classiche ed
originali. le altre varianti dialettali, come Eur.p.s Eur.país, Eur.paikós, Eur.paiskós, ecc. potrebbe
essere usato anche.

NOTI 1. Per Omero, Eur.p. era una regina mitologica del Creta. rapì da Zeus in forma di toro
quando ancora una principessa fenicia., e non una designazione geografica. Più tardi Europastood
per continente la Grecia, ed entro 500 A.C. il suo significato era stato esteso a terre al nord. Il nome
l'Europa possibilmente è dedotta dalle parole greche ..... (eurús, "largo" da IE * il h1urhu -) e..
(ops, "affronti", da IE * il h3ekw -), così forse ricostruibile come MIE .r .q.. largo essendo stato un
epiteto di Terra in religione di Torta. Altri suggeriscono è basato su un parente di parola Semitico
con erebu di Akkadian, "tramonto" (il cf. Maghreb arabo, ma'ariv israelitico), come dal punto di
vantaggio Orientale e Medio, il sole mette sull'Europa. Qualche volta si pensa similmente, che
l'Asia abbia dedotto da una parola Semitica come l'Akkadian asu, volendo dire "aurora", e è la terra
all'est da una prospettiva Orientale e Media, così forse MIE Er.b. In mitologia greca ...... (Erebos, la
"nerezza / oscurità profonda od ombra") era il figlio di Caos, la personificazione dell'oscurità ed
ombreggia che riempì in tutti gli angoli e crepe del mondo. La parola probabilmente è di IE * il
h1regwos (il cf. O.N. r.kkr, goto. riqis, Skr. rajani, Toch. orkäm), anche se posibly anche un prestito
da Semitico, cf. Erebh israelitico ed Akkadianerebu, ecc.

NOTI 2. 'L'Europa' è un'evoluzione comune di un-fini latine in francese; come in 'Amerique' per
America, 'Belgique' il forBelgica, 'Italie' per Italia, ecc. Eng. L'Europa è così una parola di prestito
francese, come può essere visto dai nomi degli altri continenti: Asia (non * Asy), Africa (non *
Afrik), Australia (non * Australy), ed America (non * Amerik).

NOTI 3. Greco solamente Moderno mantiene la forma ...... (Európi) per il subcontinente, ma
ancora con aggettivo ......... (europaikó), con la stessa vecchia un-declinazione irregolare ed IE fine
etnica - l'iko -. In latino erano due forme: Europa, Europaeus, e la minore Europa usata,
Europensis. Il più tardi è visto in termini scientifici di solito.

NOTI 4. Per adj. "Europeo", compari derivatives da O.Gk. eur.pai-ós (< IE eur.p-ai-ós), anche in
Lat. europaé-noi - > M.Lat. europé-noi, a turno dandolo., Terme. europeo, Pt., Gatto. europeu; dal
Tardo europé vile latino - (< IE eur.p-ái-) è esteso * europe-è, come Du. europees; da steso *
europe-anos è Rom. europene, o Fr. européen (in Eng. european); esteso * europe-iskosgives forme
germaniche e slave comuni (il cf. Ger. Europäisch, Fris. europeesk, Sca. europeisk, Pl. europejski,
Sla comune. evropsk -, ecc.); le altre forme stese sono Ir. Eorpai-gh, Lith. europo-s, Ltv. eiropa-s,
ecc. Per europeo come un nome, compari, da * europé-anos, Du., Fris. europeaan, da * europé-
eros, Ger. Europäer, da etnico * - ikos, cf. Sla. evropejk -, Mod.Gk. europai-kó, ecc.

Il regolare genitivo della parola Eur.p. in indoeuropeo Moderno è Eur.p.s, seguendo la prima
declinazione. Il nome del sistema di lingua europeo è Eur.páiom, inanimato perché nei dialetti di
IE più grandi attestati, quelli che avevano un nome indipendente per lingue usarono il neutro, cf.
Gk. n.pl. ........ (ell.niká), Skr. n.sg. ......... (sa.sk.tam), anche in Tacitus Lat. u.c.bulum lat.num.

Nelle altre lingue, comunque il nome di lingua è un adjetive che definisce la "lingua" di nome, e
perciò il suo genere segue la regola generale dell'armonia; cf. Lat. f. lat.na lingua, o gli esempi slavi
[3]
; da adesso MIE eur.pai. d.gh.s o eur.pai. d.ghw., lingua europea.
1.7.8. Sindhueur.páiom (n.) vuole dire l'indoeuropeo (lingua). Il termine viene dal greco .....
(hIndos), Indusriver, dal Vecchio indù Persico. - elencò come un territorio conquistato da Darius io
nel Persepolis costruisco a terrazze iscrizione.

NOTA. Il termine Persico (con un'iniziale aspirata [s]) è parente a Sindhu, il nome Sanscrito del
fiume di Indus ma volendo dire genericamente anche fiume in Indo-ariano (il cf. O.Ind.
Saptasindhu", [la regione del] sette fiumi"). Il Persians, mentre usando la parola Hindufor Sindhu,
si riferito alle persone che vissero vicino il Fiume di Sindhu come indù e la loro religione divenne
più tardi noto come l'Induismo. Le parole per la loro lingua e regione, Cerva. o Hindustan. e
Hindustan, venga dall'indù di parole e Hindustan, "India" o "regione indiana" e (riferendosi al
subcontinente indiano nell'insieme, veda st.) il suffisso aggettivale -., volendo dire perciò
originalmente il "indiano."

II-file

Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at


Indo-European Language Association

1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi


indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea

2. Lettere e suoni
2.1 gli Alfabeti di indoeuropeo Moderno
2.1.1. Diversamente da altre lingue ricostruite di passato, l'indoeuropeo non ha un vecchio sistema
di scrittura per essere rianimato con. Dialetti Indoeuropei hanno adottato alfabeti diversi durante gli
ultimi millenni, e tutti dovrebbe essere usabile oggi. anche se l'alfabeto principale per l'Unione
europea di oggi chiaramente è il latino.

2.1.2. Questa è una tavola riassuntiva di fonemi proto-Indo-europei e le loro lettere corrispondenti
e regolari in alfabeti di MIE: Greco, latino, Cirillico, Perso-arabo e (alphasyllabary) Devan.gar.

A. Vocali ed allofono vocalici

Fonema Greco Il latino Persico Armeno Cirillico Devan.

[un] . Un un . . .
[e] . ED E . ED E .
[o] . OD O . . .
[.] . . . . . .
[.] . . . . .
[.] . . . . .

[i] . IO I .. . .
[.] . . . .. . .
[u] . UU . . .
[.] . . . . . .

[r.] . RR . . . . (.)
[l.] . LL . . . . (.)
[il m.] . M il m . . . .
[n.] . NN . . . .
B. Consonanti e suoni consonantici

Fonema Greco Il latino Persico Armeno Kyrillik Devan.

[p] . PP . . . .
[b] .... BB . . . .
[il bh] . Bh di Bh .. .... .... .
[t] . TT . /. . . .
[d] .... DD . . . .
[ il dh
] . Dh di Dh . .... .... .
[k] . KK . . . .
[g] .... GG . . . .
[il gh] . Gh di Gh .. .... .... .
[il kw] . (.) QQ . . . '.' .
[il gw] .... CC . . . '.' .
L'omicron
[il gwh] .... Ch di Ch .. .... .. '..' .
[i.] . J DI J, IO I . /. .. . (.). .
[u.] . (.) W W, U U . . . .
[r] . RR . . . .
[l] . LL . . . .
[il m] . M il m . . . .
[n] . NN . . . .
[s] . SS . . .. .

2.1.2. L'Alfabeto latino usato per indoeuropeo Moderno è simile agli inglesi a turno i quali sono
prese in prestito dal Tardo abecedarium latino. Noi consideriamo anche della parte di digraphs
dell'alfabeto, come loro rappresentano suoni proto-Indo-europei ed originali, in contrasto a quelli
digraphs usati principalmente per trascrizioni di parole di prestito.

NOTI 1. L'alfabeto latino fu preso in prestito nelle durate molto prime da un alfabeto
greco e non contenne la lettera G per prima. Le lettere che Y e Z ancora sono stati
presentati più tardi, approssimativamente 50 AC

NOTI 2. I nomi delle consonanti in indoeuropeo sono come segue - B, sia (baia
pronunciata); Bh, bhe (bhay); C, ce (gway); Ch, che (gwhay); D, de (giorno); Dh,
dhe (dhay); F, ef; G, ge (gaio); Gh, ghe (ghay); H, ah!; K, ka; L, el; M, em; N, en; P,
pe; Q, qu; R, er; S, es; T, te; V, ve; W, wa; X, xa (cha); Z, zet.

2.1.3. Il carattere latino C volle dire originalmente [g], un valore trattenne nelle abbreviazioni C
sempre. (per Gaius) e Cn.(per Gnaeus). Quello probabilmente era a causa di influenza etrusca che
lo copiò dal greco., Gamma, nel momento in cui più tardi Cirillico., Ge.

NOTI 1. In primo C latino venne anche ad essere usati per [k], ed il K scomparve prima
eccetto in alcune parole, come Kal. (Kalendae), Karthago. Non c'era per iscritto così
distinzione tra i suoni [g] e [k]. Questo difetto fu rimediato a più tardi formando (da C,
l'originale [g] - la lettera) un carattere nuovo G. Y e Z furono presentati dai greci
approssimativamente 50 A.C., ed accade principalmente in parole di prestito in
indoeuropeo Moderno.

NOTI 2. In indoeuropeo Moderno, C è usato (prendendo il suo valore più grande) per
rappresentare il labiovelar Indoeuropeo, [il gw] in parole di Torta, tenendo i suoi valori
europei e diversi. [k], [il ts], [il ce], [il tch], ecc. . quando scrivendo nomi corretti nelle
lingue di IE moderne e diverse.

2.1.4. Il latino [u.] il suono sviluppò in romanico [v]; il V rappresentò più perciò adeguatamente
[u.] e l'alfabeto latino doveva sviluppare una lettera alternativa. V di usi Indoeuropeo e moderno
principalmente per parole di prestito, rappresentando [v], W è andato via per il suono consonantico
[u.].
NOTA. Il V denotò originalmente il suono vocalico [u] (oo), e F volle dire il suono della
consonante [u.] (da Gk. ., digamma). Quando F acquisì il valore di nostro [f], il V venne ad
essere usato per la consonante [u.] così come per la vocale [u].

2.1.5. Il grappolo consono [il ks] era in Grecia Antica scritto come Chi 'X' (il greco Occidentale) o
Xi '.' (il greco Orientale). Nella fine, il Chi fu standardizzato come [il kh] ([x] in greco moderno), Xi
rappresentò [il ks]. In MIE, il X sta in piedi per [x], come negli alfabeti greci e Cirillici, e non come
in inglesi.

NOTA. Gli etrusco presero X dal Vecchio greco Occidentale, perciò stette in piedi per [il
ks] in etrusco e poi in latino, ed anche in più lingue che oggi usa un alfabeto dedotte dal
romano, incluso l'inglesi.
2.2. La classificazione di suoni
2.2.1. Le Vocali sono un, e, gli o, u e.,.. Le altre lettere sono le Consonanti. I Dittongo Indoeuropei
e corretti sono ei, oi, ai, .i, .i, .i, ed eu, ou, au, .u, .u, .u. In questi dittongo ambo i suoni vocalici
sono sentiti, uno che segue l'altro nella stessa sillaba.

2.2.2. Le consonanti o sono espresse (sonant) o senza voce (surd). Le consonanti che ha voce sono
pronunciate con vibrazione di corde vocale, come opposto alle consonanti senza voce, dove le corde
vocali sono rilassate.

a. Le consonanti che ha voce sono b, bh, d, dh, g, gh, c, ch, l, r, m, n, z, e j, w.

b. Le consonanti senza voce sono p, t, k, q, f, h, s, x.

c. I bh di digraphs, dh, gh e ch rappresentano il prope aspirate espresse ed Indoeuropee, mentre


ph, th, e kh sono aspirate senza voce, soprattutto confinate a parole straniere, di solito dal greco.
Loro sono equivalenti a p+h, t+h, k+h, i.e. alle sordine corrispondenti con un alito seguente, come
in cappio-buco inglese, caldo-casa, casa di tronchi squadrati.

d. Le consonanti r, l, m, n, ed il jand di semivowels w, può funzionare ambo come le consonanti e


vocali, i.e. loro possono servire come confine sillabico o centro. C'è una differenza chiara tra gli
allofono vocalici del semivowels ed il sonants, tuttavia: il primo, gli ed u sono molto stabili come
centro sillabico, mentre r., l., m., n. non è, come loro non possono essere dichiarati più aperti. Da
adesso le grandi differenze nella loro evoluzione, dipendendo dai dialetti individuali.

2.2.3. Le Sordine sono classificate anche come segue:

Labials p, b, bh
Dentals t, d, dh
Velars k, g, gh; q, c, ch

2.2.4. I Liquidi sono l, r. Questi suoni sono espressi. Il rh di gruppo rappresenta gli aspirarono [r],
principalmente in parole di origine greca. Gli altri gruppi includono rr, il trillo alveolare, ed il suo
rrh di cosa uguale aspirato. C'è anche lj, l'approximant laterale e palatale.

2.2.5. I Nasals sono m, n. Questi sono espressi. Il njrepresents di paio il suono palatale nasale
(simile al [n] suono in canyon di onionor inglese).

2.2.6. Le Fricative sono s, h. Questi sono senza voce, ma per gli sbefore espressero le consonanti,
dove di solito è espresso. È anche possibile scrivere. principalmente per parole di prestito. paia
senza voce e che ha voce: labiodentals, fand v; dentals, th e dh; sh di posto-alveolare e zh. Ed
anche lo z che ha voce ed alveolare, ed il x senza voce e dorsale.

2.2.7. I Semivowels sono trovati scritto come i, j ed u, w. Questi sono espressi.

NOTA. I semivowels sono scritti con gli andu di solito quando usando l'alfabeto latino.
Radici solamente proto-Indo-europee ed i loro derivatives hanno j andw; come in w.qos,
lupo, wérdhom, verbo, jugóm, barzelletta, ortréjes, tre. Quando c'è un suono
consonantico di fronte ad un sonant, è scritto j o w sempre; come in néwn ['ne-u.n.],
nove. Per più su questo, veda § 2.9.4.

2.2.8. Ci sono anche degli altri frequente combina, come ks, ts, dz tsh, dzh...

Phonet. Sistema Labials Coronals *Palatovelars Velars Labiovelars *Laryngeals


Senza voce p t *kj k kw

Espresso b d *gj g gw

Aspirato bh dh
*gjh gh gwh

Nasals m n
Fricative s (z) *h1, * il h2, * il
h3
Liquidi r, l
Approximant u. i.

NOTI 1. [lo z] già fu sentito in Tardo proto-Indo-europeo, come una pronuncia diversa di [s] di
fronte alle consonanti che ha voce, ed a causa di quello è una scrittura alternativa in MIE, come in
nízdos di Torta (per ní-sd-os), faccia il nido che viene da ni di radici di Torta in giù, e zero-grado
di sed, sieda.

NOTI 2. L'esistenza di una fila distintiva di Torta 'il satemizable' velars, il cosiddetto palatovelars
è stato il soggetto di molto dibattito sull'ultimo secolo degli studi di IE. La domanda di solito è
ritenuta comunque, oggi risolta, con una maggioranza di studiosi che sostengono solamente due tipi
di velars. generalmente Velars e Labiovelars, anche se le altre soluzioni sono state proposte.
L'appoggio di neogrammarians al 'suoni palatali, così come la sua accettazione nel Grundriss di
Brugmann ed il Lexikon di Pokorny, ha esteso la distinzione a molti (principalmente etimologico)
lavori che non trattano direttamente col problema di ricostruzione fonologico. Per più su questo,
veda Appendice II.2.

NOTI 3. Il h1 di simboli, h2, h3, con bancarella di H (tradizionalmente .1, .2 .3 e.) di simbolo di coperta per tre
fonemi "laringei" ipotetici. Non c'è consenso come a quello che erano questi fonemi, ma si accetta
estesamente che h2 probabilmente era dell'ugola o faringeo, e quel h3 fu labializzato. Possibilità
comunemente citate sono., .w e x, .~., xw; c'è un po' di evidenza che h1 sono potuti essere le due
consonanti. e h che è caduto insieme. Veda appendice II.3.

2.3. Suoni delle lettere


2.3.1 lo schema di pronuncia seguente è sostanzialmente quell'usato da quelli che parlarono la
lingua proto-Indo-europea all'interno dell'Europa nella fine del cosiddetto Palcoscenico di III, alla
durata quando i trend fonetici di solito chiamavano satemization probabilmente stavano spargendo.

NOTA. MIE non può permettere le differenze fonetiche e dialettali. come il palatalization
di velars nel Satem raggruppi., perché di sistematizzazione nella pronuncia specialmente è
avuto bisogno quando designando come bersaglio una lingua comprensibile.

2.3.2. Vocali:
[.] come in [un] come in
padre idea
[.] come in loro [e] come in
incontrò
[.] come in [i] come in
riunione frammento
[.] come in nota [o] come in
pentola
[.] come in [u] come in
maleducato metta

NOTI 1. Seguendo il laryngeals' la teoria, il proto-Indo-europeo conobbe solamente due


vocali, ed ed o, mentre gli altri ricostruirono comunemente le vocali erano combinazioni
con laryngeals più presto. Così, vocali corte un < * il h2e, e < * (h1) e, o < * il h3eand (h1) o,
vocali lunghe. < * l'eh2. < * l'eh1. < * l'eh3 e * oh. La produzione di * il h2owas o un od o, dopo le
scuole diverse. Vocali corte e lunghe. e. è solo varianti del semivowels * j e * w.

NOTI 2. I sonants anche (di solito a causa di allungamenti compensativi) sono potuti
essere allungati, specialmente nella congiunzione di verbi, dando così [r.], [l.], [il m.], [n.],
scritto come r., l., m., n... I semivowels possono avere anche una pronuncia prolungata,
anduw di ij di allofono generoso. Per più dettagli su questo vedono § 2.7.2.

NOTI 3. È raccomandato di marcare vocali lunghe con un macron, ¯ ed accentò vocali con
una tilde, ', e riduplicò gambi senza una vocale originale è rappresentato con un apostrofo'
(come in q'qlos greco, veda qel).

2.3.3. Dittongo cadenti ed equivalents in inglesi:

.i come in vena .u e (incontrato) +


u (metta)
.i come in .u come ow in
petrolio sappia
.i come ad Il .u come ou in fuori
Cairo

NOTA. Parlando severamente, j., j., j., così come w., w., w. (i cosiddetti dittongo sorgenti)
non è davvero dittongo, perché j - e w - è infatti suoni consonantici. Ciononostante, noi li
consideriamo dittongo per l'analisi di sintassi; come in, dove la fine aggettivale - l'io /i.o/
è considerato un dittongo.

2.3.4. Trittongo:

Non ci sono nessuno veri trittongo, come una conseguenza di quello che fu detto nella nota
precedente. Le formazioni di solito chiamavano i trittongo sono j.i, j.i, j.i; j.u, j.u, j.u; o w.i, w.i,
w.i; w.u, w.u e w.u; e nessuno potuto essere chiamato severamente trittongo, come là è un suono
consonantico [i.] o [u.] seguì da un dittongo. Il resto delle possibili formazioni è fatto su di un
dittongo ed una vocale.

NOTA. Il trittongo può avere un lavoro per l'analisi di sintassi, anche. Ma un semivowel
circondò da vocali non è nessuno. Così, in Eur.páiom, [' papà-i.om], europeo (nome di
neutro), non ci sono trittongo.
2.3.4. Consonanti:

1. b, d, h, k, l, m che n, p sono pronunciati come in inglesi.

2. n può essere dichiarato anche come gutturale [.] quando è


seguito da un altro gutturale, come inglesi canta o deposita
denaro.

3. tis sempre un semplice t, mai col suono di sh come in


creazione di orationor inglese.

4. galways come in ottenga. Aveva due pronunce dialettali,


semplice velare e palatovelar. Compari le consonanti iniziali
nell'aglio ed ingrani, sussurrando le due parole, e si osserverà
che di fronte ad ed ed ithe g è sembrato più lontano diretto
nella bocca (più 'palatale') che di fronte ad un od o.

5. cis dichiararono simili a [g] ma con labbra rotondi.


Compari la consonante iniziale in bene con quelli
dell'esempio precedente sentire l'articolazione diversa. Il q
senza voce ha una pronuncia simile a quello di c, ma relativo
a [k]; come c in fresco.

6. jas il suono di y in sì, w come w in volontà.

7. Proto-Indo-Europeanr possibilmente fu trillato


leggermente con la punta della lingua (come generalmente in
lingue romaniche o slave), ma le altre pronunce solite di
lingue Indoeuropee e moderne dovevano essere ammesse
nella lingua rianimata, come francese o Massimo r Tedesco.

8. sis senza voce come in peccato, ma ci sono situazioni


nelle quali è espresso, dipendendo dai fonemi circostanti.
Come il summenzionato [r], oratori moderni probabilmente
pronunceranno [s] differentemente, ma questo non dovrebbe
condurre a malintesi di solito, come là non è radici di IE
corrette con orsh di z originale, anche se il primo appare in
degli ambienti fonetici, v.s.

9. bh, dh, gh ch sono incerti in suono, ma la pronuncia


raccomandata è quella del Hindust.n.' s "espresse fermate
aspirate" bh, dh, gh come loro sono esempi di vivere aspirate
che ha voce in una lingua Indoeuropea (veda nota).
Hindust.n. è infatti dedusse da Sanscrito, uno del più primo
attestò dialetti di Tarda Torta.

10. xrepresents [x], se con forte, 'l'ach-laut', come kh in


Khrushenko russo, o ch in Christós greco, o molle, con 'l'ich-
laut', come ch in Kirche Tedesco o Lichtenstein; ma mai
come ks, gz, o z, come in inglesi.
11. z, v che f, sh sono pronunciati come in inglesi.

12. zhis pronunciarono come in agio inglese.

13. tshcorresponds a ch inglese in catena, e tzh a j injump

14. Il ph di aspirate, kh che th molto quasi sono pronunciati come gli inglesi accentato p, c, t.

15. C'è anche un altro valore per th che corrisponde a th inglese in cosa e per dh che suona come
th in questo.

16. rh, rr e rrh non hanno suoni simili in inglesi, anche se ci sono esempi di parole di prestito
comuni, come guerriglia spagnola o rhotacismor greco Tyrrhenos.

17. La pronuncia di nj è simile a cipolla inglese o canyon; e che di lj all'inglesi milione.

18. Lettere raddoppiate, come ll mm, tt, ecc., dovrebbe essere pronunciato così che ambo i
membri della combinazione sono articolati distintamente.

2.4. Sillabe
2.4.1. In molte lingue moderne, sono come molte sillabe in una parola come là è vocali separate e
dittongo. Questo non è esattamente così in indoeuropeo Moderno. Segue, davvero, questa regola
anche:

Eu-r.-papà-iós, wér-dhom[4], né-w.s6, ju-góm[5].

NOTA. Il semivowels [u.] e [i.] è negli andu scritto e generale, come noi già dicemmo,
quando loro si usano nella formazione di parole nuove, i.e., quando loro non sono dedotti
da radici di Torta. Ecco perché l'europeo aggettivale è scritto Eur.paiós, non Eur.pajós
e così suo dedusse nominalizzato forma inanimata, n. Eur.páiom, l'europeo (lingua), o
Itália l'Italia e non Italja. In gambi proto-Indo-europei ed in parole dedotte da loro loro
sono scritti con jand w; come, tréjes155, tre néwos6, nuovo d.ghuwes ['dn.-ghu-u.es], lingue, ecc.

2.4.2. L'indoeuropeo ha anche le consono-uniche sillabe. È possibile sentire un suono simile in


inglese parlato o il tedesco, come in Brighton ['brai-tn.] o Haben ['ah!-bn.], dove il finale n
potrebbe essere considerato vocalico. In qualche genere di sillabe, è il sonant vocalico (i.e. [r.], [l.],
[il m.] o [n.]) quello che funzioni come centro sillabico, invece di una vocale corretto:

bhrgh128
[bhr.gh], seppellisca; w.qos23 ['u.l.-kwos], lupo; dékm155 ['il de-km.], dieci; n.mn19 ['nessun (.) -
mn.], nome.

NOTI 1. Parole dedotte da queste consonanti vocaliche differiscono grandemente in


lingue Indoeuropee e moderne. Per esempio, d.ghw. ['dn.-ghu.a:] (veda d.gh.-) evolse in
Prototedesco come tung. (n), e più tardi lingua inglese o Zunge Tedesco, mentre in latino
arcaico fu pronunciato dingwa, e poi il d becamel iniziale in lingua latina e Classica che è
a turno l'origine di Moderno inglese mette in parole "linguistico "e "lingua."

NOTI 2. Noi manteniamo il vecchio, difficile ed in qualche modo suoni vocalici ed


instabili in ricerca per unità. Come tale sistema fonetico non è facile per oratori di lingue
Indoeuropee e moderne, la pronuncia alternativa e proposta è aggiungere, se necessario,
un schwa ausiliare [.] di fronte ad o dopo il sonant. Lo schwa al quale noi stiamo
riferendoci è un suono di vocale neutrale ed atono e senza tono. Ci sono di solito due
possibili pronunce diverse, dipendendo dalla posizione dello schwa; come in w.qos che può
essere pronunciato ['u. .l-kwos], il modo probabilmente evolse in Prototedesco * il wulfaz, e
['u.l.-kwos], simile a proto-greco * (w) il lukos. Gli altri possibili esempi sono dékm ['de-
k.m] (il cf. Lat. decem, Gmc. tekham), e n.mn ['nessun (.) -m.n] (il cf. Lat. n.men, Gmc. namon).

2.4.3. Nella divisione di parole in sillabe, queste regole applicano:

1. Ad una sola consonante si è associata alla vocale seguente o dittongo; come né-wos [6], mé-
dhjos[7], ecc.

2. Combinazioni delle due o più consonanti (altro che il vocalico uni) sono separate regolarmente,
ed alla prima consonante della combinazione si è associata alla vocale precedente; come ók-t., otto,
pén-qe, cinque, ecc. ma á-gros[8], campo, s-qá-los[9], squalus.

3. In combina, le parti di solito sono separate; come Gmc. prestito-traduzione aq.-léndhom (il áqi.
[10] + il léndhom[11]), isola ("innaffi thing+land"), come Gmc. auj. il landom (il cf. O.E. igland,
ealand), o ambh-ágtos celtico (il ámbhi[12] + l'ag[13]), ambasciatore ("about+lead"), come Lat.
ambactus, "servitore."

2.5. Quantità
2.5.1. Le sillabe sono distinte secondo la lunghezza di tempo richiesta per la loro pronuncia. Due
gradi di Quantità sono riconosciuti, lungo e brevemente.

NOTA. In sillabe, la quantità è misurata dall'inizio della vocale o dittongo alla fine della
sillaba.

2.5.3. Una sillaba è lunga di solito,

a. se contiene una vocale lunga; come, m.-t.r[14], madre, d.-gh.s3, lingua

b. se contiene un dittongo; come, Eu-r.-p., Europa, léuk-tom[15], luce

c. se contiene alcuno le due consonanti non-sillabiche (ometta una sordina con l o r)

2.5.4. Una sillaba è corta di solito,

a. se contiene una vocale corta seguita da una vocale o da una sola consonante; come,
c.wós[16] [il gwi (.) - 'u.os], vivo, o léus.[17], allenti.

b. se contiene un sonant vocalico; come, .tkos[18] ['r.t-kos], nasca, n.mn[19] ['n.-mn.], dékm
['il de-km.].
2.5.5. Qualche volta una sillaba varia in quantità, viz. quando la sua vocale è corta e è seguita da
una sordina con l o r, i.e. bypl, kl, tl; pr, kr, tr, ecc.; come, ágr.8. Tali sillabe sono chiamate comuni.
In prosa loro sono regolarmente corti, ma in verso loro sarebbero trattati come lungo alla scelta del
poeta.

NOTA. Tali distinzioni di lungo e la vocale breve non è arbitraria ed artificiale, ma è


puramente naturale. Così, una sillaba che contiene una vocale corta seguita da due
consonanti, come ng l'islong, perché tale sillaba richiede più durata per pronuncia sua;
mentre una sillaba che contiene una vocale corta seguì da una consonante è corto, perché
ci prende meno tempo per pronunciarlo.

2.6. Accento
2.6.1. Là è accentato così come parole atone. Gli ultimi potrebbero indicare parole che sono
enclitico sempre, i.e., loro sono legati all'accento della parola precedente sempre, come - il qe[20],
e, - r[21] [r.], per; mentre un altro può essere proclitics, come preposizioni. La posizione di accento
può aiutare così a distinguere parole.

2.6.2. In indoeuropeo Moderno, ognuno non-clitic la parola ha uno e solamente uno l'accento. La
possibilità di accenti secondari dipende dalla pronuncia.

Verbi in Frasi di Main, così come i Vocativi, sembri avere avuto anche accenti diversi, non fisso.

NOTI 1. Lo stress attestato di show di dialetti Indoeuropei una grande diversità: Irlandesi
germanici e Vecchi accentarono la prima sillaba, slavo ed il greco avevano un 'il semifree' accento,
latino ed armeno (come albanese) accentarono il penultimi, ecc di solito.

NOTI 2. Dialetti Baltico e slavi ancora mostrano un accento Musicale, il vocabolario greco e
Sanscrito sembra mostrare resti di un vecchio accento Musicale. In proto-Indo-europeo (come in
latino) ci sono tracce chiare di sincopi e variazioni di timbro di vocali corte vicine gli uni accentuati,
cosa suggerisce forse quel indoeuropeo cambiò un accento Musicale per un Intensivo.

2.6.4. Lo Stress è gratis, ma quello non vuole dire l'anarchia. Sul contrario, vuole dire, che ogni
parola ha un accento, ed uno deve sapere. di solito da modo di pratica. dove va.

NOTA. Diversamente dal latino (quale seguì il 'regola penultima'), o francese in che di solito è
accentuata l'ultima sillaba, o polacco, il finlandese, ecc. Lo stress Indoeuropeo è (almeno in parte)
imprevedibile. Piuttosto, è lessicale: viene come parte della parola e deve essere memorizzato,
anche se l'ortografia può costituire stress non ambiguo un lettore, e dei modelli di stress sono
dominati fuori. Altrimenti parole omofone possono differire solamente dalla posizione dello stress,
e perciò è possibile usare stress come un'apparecchiatura grammaticale.

2.6.5. Di solito, gli aggettivi sono accentuati sulla fine; come in Eur.paiós, europeo,
Angliskós[22], inglesi, ecc., mentre i nomi non sono; come, Eur.páios (forse 'Torta più pura'
Eur.paios, con accento di radice), europeo, Ángliskos, inglesi (uomo). Ci sono delle altre regole per
essere seguito nella declinazione di nomi e nella congiunzione di verbi che saranno studiati più
tardi.
2.7. Cambio vocalico
2.7.1. La creazione di sillaba è la più comune dei vari cambi fonetici che lingue Indoeuropee e
moderne hanno subito tutto lungo questi millenni di cambio di continuated. Anaptyxis è un tipo di
epentesi fonetico, comportando inserzione di una vocale per alleviare pronuncia. Esempi in inglesi
sono ath-e-lete, mischiev-i-ous, o wint-e-ry. Accade aggiungere una vocale che sostiene o suono di
transizione (scivoli o Gleitlaut) prima di solito. Successivamente questo, in una seconda tappa la
vocale aggiunta acquisisce un ripara tono, divenendo una piena vocale.

2.7.2. I sonants formano sillabe instabili, e così l'epentesi vocalico è molto comune. Per esempio,
d.-ghw.becomes in germanico e chiasso-gua in latino arcaico, mentre w.-qos[23] era
pronouncedwul-qos (più tardi il wulfaz) in Prototedesco e wlu-qos (più tardi il lukos) in proto-greco.

Il semivowels [i.], [u.] è più stabile del sonants quando loro sono centri di sillaba, i.e. [i] o [u]. Ma
loro hanno anche delle pronunce alternate. Quando loro sono pronunciati lento, loro danno gli
allofono [l'ii.] e [l'uu.], sempre ij scritto ed uw. Forme alternate come médhijos (quale dà Lat.
medius), e médhjos (quale dà O.Ind. mádhjas o Gk. ......), probabilmente già coesistè in Tardo
proto-Indo-europeo.

NOTA. Con la creazione di gambi di zero-grado, la vocalizzazione appare, come


scompaiono le vocali integrali ed originali ed uni nuovi sono aggiunti. Accade quello, per
esempio, nel bhr di radice di Torta[24] - [il bhr.], porti che (parente con orso inglese) può
essere ricostruito dalle lingue di IE come bher -, bhor - l'orbhr -. Gli stessi possono
essere detti del semivowels [i.] e [u.] quando loro sono orli di sillaba, mentre essendo centri
di sillaba [u] e [i] in zero-grado.

2.7.3. Laryngeals probabilmente fu aspirato fonemi (ricostruito come tre a nove suoni diversi) che
appaiono in più ricostruzioni correnti di Medio proto-Indo-europeo. i.e. quell'incluso l'Anatolian
subbranch. Dei laryngeals apparentemente sono attestati direttamente nelle iscrizioni di Anatolian.
Negli altri dialetti Indoeuropei saputi. tutto dedusse da IE III., la loro vecchia presenza sarà vista
soprattutto attraverso gli effetti che loro avevano su suoni vicini, e su modelli di alternazione nel
quale loro parteciparono.

NOTA. Perché tali fonemi non furono sentiti probabilmente in Tardo proto-Indo-europeo, e perché
i loro valori fonetici ed originali rimangono controversi, noi non lo riteniamo utile scriverloro in un
sistema di lingua Indoeuropeo e Moderno, ma per il chiarimento di alcuna Tarda Torta alternata
radici o gambi.

2.7.4. Un'altra vocalizzazioni appaiono in dialetti di Torta in degli ambienti fonetici, come due
occlusives in zero-grado impossibile pronunciare senza aggiungere una vocale; come e.g.. skp che
evolse come Lat. scaboor Ottennero. skaban. Anche se le soluzioni dialettali a gruppi così
consonantici non sono unitarie, noi possiamo trovare dei timbri di Torta generali. Come un, iwith
un seguente dei denti (specialmente in Gk. e Bal.-Sla.) o u, anche considerò generale, ma
probabilmente influenzò dal contesto, possibilmente quando in contatto con un labiale, gutturale o
labiovelar, come in greco riduplichi q'qlos[25] ['kw-kwlos], circondi, faccia girare, da qel, si
muova circa che è pronunciato qúqlos di solito.

2.7.5. Prothesis vocalico (da Gk. ... - ....., pre-mettendo), è l'appendere di una vocale di fronte ad
una parola, di solito facilitare la pronuncia. Prothesis differisce, non solo fra Torta rami dialettali,
ma anche frequentemente all'interno della stessa lingua o gruppo linguistico. Specialmente prima
[r.], e prima [l.], [il m.], [n.] e [u.], più o meno sistematicamente, una vocale è aggiunta per alleviare
la pronuncia; come, .tkos18 (forse originalmente .tgos), nasca che dà Lat. ursus (parente con Eng. da
orso), Gk. ...... (come in Eng. Artico) o arth gallese (come in Eng. Arturo). Il timbro della vocale
aggiunta né è riferito ad un gruppo linguistico o lingua individuale, né ad un particolare ambiente
fonetico o morfologico.

NOTI 1. Non è perciò una buona pratica in indoeuropeo Moderno per aggiungere tali vocali di
fronte a parole, ma, come visto in § 2.4.2., un schwa ausiliare e supplementare [.] potrebbe essere un
modo utile di facilitare pronuncia.

NOTI 2. L'evoluzione dialettale e diversa di vecchio difficile-a-pronuncia le parole (piaccia


.tkosor w.qos) possono essere spiegate senza un bisogno per più fonemi, accettando solo che cambi
fonetici non sono a causa di un modello esatto sempre o 'legge di suono.'

2.7.6. Le perdite di sillaba sono osservate in lingue Indoeuropee spesso. La sincope si riferisce alla
perdita di una vocale interna, come le brevi vocali in Gotico; come, ghóstis di gastsfrom[26].
Anche dopo [u.], vocale lunga, dittongo o sonant in latino; come, prowidens di prudensfor, corolla
per coronala o ullusinstead di oinolos.

Haplology che consiste della perdita di una sillaba intera quando accadono due sillabe consecutive
(identico o simile), come Lat. fastidiuminstead di fastitidium, o aporeu Miceneo invece di apiporeu.

2.8. Cambio consono


2.8.1. Il così chiamò s-mobile (il mobilepronounced come in italiano; la parola è un neutro latino
aggettivale) si riferisce al fenomeno di paia di parola alternati, con e senza s di fronte alle
consonanti iniziali, in gambi con significato simile o identico. Questo prefisso "mobile" s - è seguito
da un'altra consonante sempre. Combinazioni tipiche sono con senza voce ferma p -, (s) t -, (s) k -,
con liquidi e nasals, (s) l -, (s) il m -, (s) n -; e raramente (s) w -.

Per esempio, táuros di gambo proto-Indo-europeo[27], volendo dire originalmente forse


bisonte, diede greco ...... (tauros) e Vecchio steor inglese (l'inglesi Moderni il giovenco), ambo il
toro di significato. Ambo le varianti esisterono lato da lato nella Tarda Torta, ma mentre germanico
(a parte da nord germanico) ha preservato la forma col s mobile, Corsivo, celtico, slavo ed altri tutti
hanno parole per toro che riflette la radice senza il sibilante.
Tali paia con e senza s sono trovati pari all'interno della stessa lingua, come Gk. (s) il tégos, "copra
con un tetto", (s) mikrós, "piccolo" O.Ind. (s) t., "sia protagonista", e così su.
IE Volendo dire Esempio con - s senza - s
scaturisce
(s) il kap- attrezzo Gk. skeparnion Lat. capus
(s) il kel- piegato Ger. Schielen Gk. kolon
(s) il kep- tagli, raschi Eng. crosta Lat. capulare
(s) il ker- taglio Eng. spogli, cambio Lat. curtus
di rotta
(s) il ker- curva Eng. psichiatra Lat. curvus
(s) il kleu- vicino Ger. schließen Lat. claudere
(s) il qalo- grande pesce Lat. squalus Eng. balena
(s) la limaccioso Eng. allenti Lat. laxus
gamba-
(s) il lei- limaccioso Eng. limo Lat. linere
(s) il mek- mento Ir. smeach Lat. maxilla
(s) il melo- piccolo animale Eng. piccolo Gae. mial
(s) il neu- tendine, tendine Gk. neurone Skr. snavan
(s) il peik- chiacchierone Ger. Specht Lat. pica
(s) il pek- spii, sguardo fisso O.H.G. spehon Camice
sacerdotale.
pashë
(s) il plei- divisione Eng. divida, Eng. selce
scheggia
(s) il perg- passero O.Eng. spearwa Lat. parra
(s) il tè- bancarella Lat. sto, Eng. Ir. ta
bancarella
(s) dieci- tuono O.H.G. donar O.Sla. stenjo
(s) il twer- turbine Eng. temporale Lat. turba

NOTI 1. Per (s) dieci, compari O.Ind. stánati, Gk. stén., O.Eng. stenan, Lith. stenù, O.Sla. stenjo,
e senza s - in O.Ind. tányati, Gk. Eol. ténnei, Lat. tonare, O.H.G. donar, Cel. Tanaros (nome di un
fiume). Per (s) pek, cf. O.Ind. spá.ati, Av. spa.ta, Gk. skopós (< lo spokós), Lat. spektus, O.H.G.
spehon, senza s - in O.Ind. pá.yati, Camice sacerdotale. pashë. Per ker di Torta, cf. O.Ind. ava -,
apa-skara -, Gk. skéraphos, O.Ir. cicatrice (a) in, O.N. skera, Lith. skiriù, Illyr. Scardus, camice
sacerdotale. hurdhë (< * lo skrd -), senza s - in O.Ind. k.náti, Av. k.r.ntaiti, Gk. keíro, Braccio.
kcorem, Camice sacerdotale. kjëth, Lat. caro, O.Ir. cert, O.N.horund, Lith. kkarnà, O.Sla. kor.c.,
Hitt. kartai -, e così su.
NOTI 2. Alcuni studiosi credono che era un prefisso in Torta (quale avrebbe avuto un valore
causativo), mentre altri mantengono che probabilmente è causato da assimilazioni di gambi simili.
alcuni di loro che cominciano con un s -, ed alcuni di loro senza lui. Comunque, è possibile che il
gambo originale davvero aveva un s iniziale, e che fu perso da analogia in delle situazioni,
a causa di cambi fonetici probabilmente a causa di della parola combina dove l'ultimo - s della
prima parola assimilò al primo s - del secondo. Quell'aiuta a spiegare perché entrambi gli i gambi
(con e senza s) sono registrati in delle lingue, e perché nessun modello di evoluzione regolare può
essere accertato (Adrados).
2.8.2. Di fronte ad un che ha voce o aspirò la consonante che ha voce, s fu articolato come
espresso, da modo dell'assimilazione; come, nízdos[28] ['niz-dos], faccia il nido, o mízdhos ['il
miz-dhos], meed, salario. Quando s forma un gruppo con sonants c'è di solito assimilazione, ma tale
trend è invertito aggiungendo una consonante qualche volta; come Lat. cervello, da kerésrom[29].

2.8.3. Il s tra vocali era molto instabile in Torta, evolvendo differentemente in dialetti individuali;
come, snúsos[30], nuora (il cf. Lat. nurus, O.H.G. snur). Gli esempi più comuni di questi cambi
fonetici appaiono in Torta che s argina, quando seguì da una vocale in declinazione; come
nébh.s[31], si annuvoli che dà O.C.S. nebesa, Gk. n. ...., o gén.s[32], corsa, scorta, genere che dà
Lat. genere, generis.

2.8.4. Una sequenza di due dentals. come * il tt, * il dt, * il tdh, * ddh, ecc. . fu eliminato in tutti i
dialetti Indoeuropei, ma il processo di questa soppressione differì fra rami, dei più primi dialetti
(come Vedico) che non mostrano cambio degli altri un st o sdh, ed altri lo ss. Questo trend
probabilmente cominciò in Torta Media, e così la Tarda Torta gli oratori conobbero tali evoluzioni
che noi sommiamo su in un palcoscenico intermedio e comune * lo st, * sdh che fu seguito nei
primi dialetti di IE e probabilmente saputo al resto di loro.

Esempi in MIE sono e.g.. le forme dedussero da wéid di radice di Torta[33], sappia, veda, (il cf.
Lat. vid.re, Gmc.w.tan, Eng. wite); come, p.p. w (e) istós, conosciuto visto, da * w (e) id-tó -, (il cf.
O.Ind. vitta -, ma Gmc. w.ssaz, Lat. v.sus, Gk. .- (.) ....., Av. vista -, O.Pruss. vita, O.Sla. ve.st., O.Ir.
rofess, ecc.), quale dà e.g.. Wístom di annuncio latino, consiglio (Lat. visum di annuncio), o
wístion, visione (Lat. v.si.), a turno q.lewístion generoso[34], televisione; Wist.r greco, saggio,
dotto (uomo) da Gk. ..... (híst.r) o ...... (wíst.r) che dà wistorí., storia, da Gk. ....... (historía);
wéisdhi imperativo!, veda!, come O.Lith. weizdi (da * wéid-dhi, cf. O.C.S. vi.do infinito), Sla.
eghwéisti, certamente come O.C.S. izve.st., ecc.

2.8.5. La maniera di articolazione di un occlusivo o sibilante di solito dipende su se il prossimo


fonema è espresso o senza voce. Quindi e.g.. ag che ha voce[35], porti, dà ágtos senza voce ['akt-
os] (non riflesso in scritti di MIE), cf. Gk. ..... (aktos) o Lat. actus. Lo stesso accade con aspirate che
ha voce, come in legh[36], giaccia (parente ad Eng. tronco), Gk generoso. ....... (lektron), Lat.
lectus, O.H.G. Lehter; anche, compari come p senza voce - diviene - b, quando p.ds[37], piede, è in
zero-grado - il bd -, come in Gk. ...... (epibda).

2.8.6. Alcuno difficile consonantico combina può essere pronunciato così in indoeuropeo Moderno
come evitarli, imitando il suo uso moderno; come, klus(sk).[38] ['il lu-s (k).], ascolti (il cf. Gmc.
hluza, O.Ind. .r.. s.ati, O.Ir. cluas, Braccio. lur, Toch. Un klyo., Lith.kláusît, O.Bul. slu.ati, ecc.), dal
klew di IE, hear;ps.ghologí.[39] [' il gi -.], la psicologia (come Gk. ........., da Gk. ...., MIE ps.-gh.,
per dell'IE * bhs-.-gh-), smw.dikós[40] [s-u..-di-' il kos], sovietic (O.Rus. ......, suvetu, per alcuni *
il ksu -, prestito-traduzione di Gk. .........., sumboulion), gn.ti.n[41] [' ti..n], nazione (come Lat.
natio), prksk.[42] [il prs - 'k. / il pors-' k. / il pos-' k.], chieda, richieda, chieda (il cf. Skr. p.cchati,
Av. p.r.saiti, Pers. purs.dan, Lat. poscere, O.H.G. forsk.n, Lith. .. r.ù, O.Ir. arcu, Toch. pärk), ecc.

NOTA. I verbi piace * il klusin., una traduzione di prestito dell'inglesi 'ascolti' (dal klu-s di IE -,
ascolti, da klew, senta), dovrebbe essere evitato se possibile in indoeuropeo Moderno, nell'interesse
di comunicazione corretta se c'è un altro verbo di Torta comune con lo stesso significato; in questo
caso, il verbo è parente con gli altri verbi di IE dedotti direttamente da klus (sk)., e perciò è non
necessario per usare la formazione terziaria inglese mostrata. Tali forme anche sono dedotte per si
considerare che un termine Indoeuropeo, corretto; sarebbe come usando romanico * m.turik.mi, si
svegli presto, prestito-traducendo "madrugar" spagnolo.

2.9. Le particolarità di ortografia


2.9.1. Parole Indoeuropee possono mostrare un'ortografia variabile.

2.9.2. In molte parole l'ortografia varia a causa di forme alternate che danno derivatives diverso;
come in d.mos[43], alberghi, ma demspóts[44] [il des - 'po-ts], padrone, signore, despota come
Gk. ........ (despót.s), Skr. dampati, Av. d..g pat.i., (con fem. demspótnia, [il des - 'po-nia]) o
démrom, legname, come Gmc. temran, tutta da radice di Torta dem-/d.m -, casa.

NOTA. Le forme mostrate, greco dems-pót -., così come Indo-iraniano dems-pót-è, è formazioni
secondarie dedotte dalla forma proto-Indo-europea ed originale; compari, per una Torta originale
che finisce - t in combina, Lat. sacerd.s < * -.ts, O.Ind. devastút - "che loda i dei" ecc.

2.9.3. Nelle altre situazioni, il significato è diverso, i gambi sono gli stessi; come, gher[45],
includa, afferri che dà ghórdhos / ghórtos, giardino, allegato la città (il cf. Gmc. gardon, Lat.
hortus, Gk. khortos, Phry. -gordum, O.Ir. gort, Lith. gardas, O.C.S. gradu, Camice sacerdotale.
garth, ecc.), e gher[46], intestini, fico. come, voglia, ghr.dhus generoso, fame, ecc.

2.9.4. In dei casi, comunque le regole grammaticali di indoeuropeo Moderno colpiscono come una
parola è scritta. Per esempio, la parola Spáni.140, Spagna sarebbe potuto essere scritto Spánj., o
Brittáni., Britannia, Brittanj.; ma noi scegliemmo di mantenere la lettera - i quando possibile. Noi
scriviamo - il jor - w solamente in degli specifici casi, chiaramente rendere differente le radici proto-
Indo-europee dal suo derivatives:

NOTA. La Britannia inglese e moderna viene da O.Fr. Bretaigne, a turno da L.Lat. Britannia, più
primo Lat. Brittania, esso da Brítton britannico, da Lat. Britto, Brittonem, dal nome celtico dato
agli abitanti celtici della Gran Bretagna di fronte all'invasione anglosassone, MIE Britts, britannico.
Un nome più germanico in indoeuropeo Moderno sarebbe Brittonléndhom, come fu conosciuto in
Vecchi inglesi, Breten-lond simile al termine di MIE per "Inghilterra", Angloléndhom, v.s.

1. In radici di Torta ed i suoi derivatives; come, tréjes (possibilmente dal più primo tri -), tre, jugóm5
(fromjeug), barzelletta, s.wel68, sole, néwos, nuovo, ecc (probabilmente da nu, ora). Perciò, radici di
Torta con articolazioni diverse del semivowel [u.], [i.] può essere scritto differentemente; Come,
neu - / il nou-, gridi, ma parte. ora-ént - "annunciando", (non il nouent -) nówentios generoso
['nessuno-u.en-ti.os], messaggero, o nówentiom, comunicazione (da Lat. n.ntius e n.ntium); anche il
cei[47], viva, con vario cj.- (non ci.-), cj.iom generoso ['gwi..-i .om], essendo, animale, come Gk.
.... (z.on); dà anche il vario cio - (e non il cjo -), come in cíos, la vita, da Gk. ...., e da adesso il
ciologí. [' gi-un], la biologia, (in composto con lógos134, da Gk. .....), e non il cjologí.

NOTA. Questa regola è seguita anche in declinazione; come, Nom. ówis149, Gen. owjós o Nom. pék.150,
Gen. pékwos.

2. In gambi tradizionalmente ricostruiti con un semivowel; come serw, protegga, (possibilmente


da ser-[48]) che dà sérw steso., tenga, preservi, e sérwos, schiavo, servitore, o cei (w) vivano da che
la zero-grado c.wós, vivo che vive; ma cf. uomo[49], equipaggi che dà mánus comune e Gmc.
mánuos, equipaggi, non il manwos, e manuiskós aggettivale, umano; o sítus latino, metta
(possibilmente ma improbabile da Torta suffissata * il tki-tus77), è situ., localizzi, situi, e non il sitw.,
ecc.
NOTA. Questa regola è seguita a causa di un) appena attestò radici la cui origine non è diritta.
come serw - che potrebbe essere da ser di Torta -, ma potrebbe essere anche solo un prestito
etrusco, e b) tradizione Indoeuropea.

3. In forme di metathesized; come neu di Torta[50], tendine, rafforzi che dà gambi neuro -, e
nerwo -, i.e. néurom, neurone, da Gk. ...... (come neur in astratto collettivo.), e nérwos,
rinvigorisca, da Lat. neruus, possibilmente da neurus Corsivo.

NOTA. Seguendo queste prime tre regole, semivowels da radici proto-Indo-europee (se flesso o
non) chiaramente dovrebbero essere distinti dal semivowels di derivatives esteso in - l'uo -, - l'io -,
- il nu -, e così su.

4. Quando c'è un suono consonantico prima o dopo un sonant, se una radice di Torta o non; come,
néwn, nove; st.j.[51], grasso, p.w.[52], spari, pr..wós155, prima perw.tós[53], roccioso, ecc. Anche, in
vowel+glide; come in bháwtos ['bhau.-tos], una traduzione di prestito greca (anche come parola di
prestito ph.tos) la cui forma di IE (genitivo) originale è bhauesós - > tós di bhau (e) - > ph.tós), da
adesso Gk. ..., ..... (ph.s, ph.tós).

NOTA. Prestiti di Graeco-latino come bháwtos, fotografia, pórnos pornografia, da pornogrbhós


il pornograph, da pornografia., prostitute;rewolútion, rivoluzione, da O.Fr. rivoluzione, esso da
L.Lat. reuoluti. per che il latino aveva originalmente nouae di res; o ghost.lis, albergo, da Fr. hôtel,
da L.Lat. hostalis, "ospite-casa", da hostis il "ospite" per che il latino deuersorium usato; ecc. Tali
parole di prestito sono comuni a più lingue di IE moderne, specialmente all'interno dell'Europa e
possono essere andate via perciò così in MIE, invece di tentare di usare un'altra più vecchie
condizioni di proto-Indo-europeo comuni.

5. Quando il semivowel - i - è seguito o precedè da un altro i, o il semivowel - u - è seguito o


precedè da un altro u; come, dréuwos[54], la fiducia, léuw.[55], si attardi, bolijós[56], grande, ecc.

NOTA. Questo accade in forme flesso di nomi e verbi che finiscono in di solito [i:] o [u:]; come,
d.ghuwes, lingue bhruwés, di thebrow, ecc.

6. Come un'eccezione generale, nessune di queste regole dovrebbe essere seguito in combina,
quando il semivowel è l'ultimo suono della prima parola; e.g.., per tri.thl.n (da Gk. athlon,
"contesti"), triathlon, noi non scriveremo trj.thl.n. Anche, più evidentemente, Sindhueur.páiom, e
non Sindhweur.páiom.

NOTA. In indoeuropeo Moderno, combina può essere scritto con e senza trattino, come nelle
lingue di indoeuropeo moderne e diverse; per Sindhueur.paiom/Sindhu-Eur.paiom, compari Eng.
Indoeuropeo, Ger. Indoeuropäisch, Fr. Indo-européen, esso., Sp. indoeuropeo, Gal.-Pt. Indo-
européu, gatto. indoeuropeu, Du. Indo-Europees, Pol. indoeuropejski, Illuminato. indoeuropie.i., Ir.
Ind-Eorpach, Russ. ..............., Gk. ............., Ira. ..........., Hin. ..... - ......., ecc.

2.9.5. Quello come il quale ricostruiscono molti vecchi libri di Torta [.] o schwa generalmente è
scritto e pronunziato in indoeuropeo Moderno con un semplice un; come, pat.r[57], generi, per * il
ph2ter -, bhátis[58], aspetto, per * il bhh2tis, o ána[59], alito, per * l'anh2. da che il derivatives MIE
ánam.lis, animale, come Lat. animalis (colpito da Apofonia a causa del 'regola penultima' del latino
Classico), ánamos di MIE, vento, come Gk. ......, Il ánati di MIE, lui respira, come Skr. aniti, e
così su.
NOTA. Lavori accademici usano tradizionalmente questo Schwa Indogermanicum per
rappresentare vocali di qualità incerta (e vocali non neutrale) nella Tarda Torta. Fu osservato che,
mentre in gran parte [un] in latino ed il greco Antico corrispose ad un nel Sanscrito, c'erano esempi
dove il Sanscrito aveva [i] mentre latino ed il greco avevano [un], come Skr. pitar contro. Lat. pater
ed O.Gk. ...... Queste scoperte evolsero nella teoria del cosiddetto laryngeals. La maggior parte di
studiosi di proto-Indo-europeo ora postulerebbero tre vecchi fonemi diversi piuttosto che un solo
schwa indistinto. Alcuni studiosi postulano ancora più, spiegare problemi più lontani nel sistema
vocalico proto-Indo-europeo. La maggior parte di ricostruzioni di * -.- in più vecchia letteratura
corrisponderebbe a * - il h2 - in notazione contemporanea, e di solito a - un - in indoeuropeo Moderno
semplificò (Nordovest dialettale) scrittura e sistema fonologico. Veda Appendice II.3 per più
dettagli sul laryngeals di Torta ricostruito.

2.9.6. Le forme col copulativo - il qe20, e, e disgiuntivo - w., o, è scritto aggiungendolo alla parola
precedente di solito, come in latino - il que, ma con un trattino.

2.9.7. Le lettere di capitale sono usate all'inizio del genere seguente di parole:

a. i nomi di giorni[60], mesi[61], stagioni[62] e feste pubbliche; come, Januários, gennaio,


Sem, estate, Newóm J.rom, anno Nuovo, ecc.

b. i nomi di persone e luoghi, incluso stelle e pianeti; come, S.wel, domenica, Dj.us, Dio[63],
Teutiskoléndhom, Germania (prestito-tradusse O.Ger. Diut-isk-lant, v.i. Composto Mette in
parole § 4.10).

c. i titoli di persone, come Pr.bhast.r[64], professore, Kolumnélis[65], colonnello, Disr.gt.r[66],


direttore, ecc.

d. con N.tos o Skéuros, nord[67]; OrDéksin di Súntos., sud[68]; Áustos, est[69] e Wéstos,
Ovest[70] ed il suo derivatives. Anche gli aggettivi Nrtrós, Settentrionale Suntrós, Deksiós,
meridionale Austrós, orientale Westrós o Wesperós, Ovest.

e. in ufficiale o nomi di luogo ben stabiliti; come Koloss.om, Colosseo (da Lat. Coloss.um, a
turno da kolossós, Gk. ........), Plátei.[71], la Piazza (da Lat. platea, da pel di Torta piatto), ecc.

2.9.8. Gli allofono di vocallic [r.], [l.], [il m.], [n.] può essere scritto, come in traslitterazioni latine
di testi Sanscriti, come., e., chiaramente aiutare il lettore ad identificare il sonants; perciò, scritti
alternativi .m .tós, inmortal k.tóm, cento il wód., annaffi, ecc. è anche possibile.

2.10. Forme di parentela


Compari le parole proto-Indo-europee e seguenti e la loro evoluzione in dialetti germanici ed in
latino, col loro derivatives comune in inglesi Moderni.
TORTA Proto-Gmc. Gotico O.Eng. Il latino L'inglesi (Lat.)
pater fader fadar fæder pater padre (paterno)
septm sebun sibun seofon septem sette (settembre)
treb thurpa- þaurp þorp trab.s thorp (trabecula)
leb lepjon lep lippa labbra labbro (labiale)
bhrater brothar broþar broþor frater fratello (fraterno)
bher beron bairan bera ferre orso (inferisca)
wert werthaz wairþan weard uertere -custodia (contro)
trejes thrijiz þreis þr.o tres tre (trinità)
dekm tekhan taihun dieci, tien decem dieci (decimale),
ed etanan itan etan edere mangi
(commestibile)
dh. d.n gadeths D.n / faccia facere faccia (fattore),
dhers ders gadars dearr festus sfida
(manifestazione)
leuk leukhtam liuhaþ l.oht lux luce (lucido)
kerd khertan hairto heorte cor (d) cuore (centro)
aug aukon aukan eacien augere arrotondi
(aumento)
gn. kunnan kunnan cunnan (g) il (avviso)
noscere
ghostis gastiz gasts gæst, giest hostis ospite (ostile)
bhergh burgs baurgs burg, burh fortis distretto
amministrativo
(forza)
leiq laikhwnjan leihwan lænan linquere presti (abbandoni)
qi / qo khwi / khwa hwi / hwa hwilc / hwæt qui / quo perché / quello
(quota) che
cem kuman qiman cuman uenire venire (sede)
c.wos waz di kwi quis cwicu u.uus rapido (vivacità)
(k)
lech l.khtaz leihts l.ht, l.oht leuis luce (leggerezza)
cher brennan brinnan beornan fornus scottatura (forno)
3. Parole e le loro Forme
3.1. Le parti di discorso
3.1.1. Le parole sono divise in otto Parti di Discorso: Nomi, Aggettivi (incluso Participi), Pronomi,
Verbi, Avverbi, Preposizioni, Congiunzioni, e le Intromissioni.

3.1.2. Un Nome è il nome di una persona, luogo, cosa o l'idea: come, Angloléndhom, Inghilterra
(il cf. O.E. Engla sbarca, "terra degli Angoli"); wérdhom[72], verbo; márki.[73], cavalla,
bakt.riom[74], n.pl. bakt.ria.

Nomi di particolari persone e luoghi stati chiamati Nomi Corretti; gli altri nomi sono chiamati
Comuni.

NOTA. Un Nome Astratto è il nome di una qualità o l'idea. Un Nome Collettivo è il nome di un
gruppo o una classe.

3.1.3. Un Aggettivo è una parola che attribuisce una qualità; come, patrióm57, parentale il bhel.[75],
brillante, Teutiskós[76], tedesco, entergnation.lís[77], internazionale.

NOTI 1. Un Participio è una parola che attribuisce qualità come un aggettivo, ma, essendo dedotto
da un verbo, trattiene in del grado il potere del verbo per asserire.

NOTI 2. Non c'è etimologicamente differenza tra un nome ed un aggettivo, ambo che è formato
similmente. Tutti i nomi attribuiscono originalmente anche, quindi qualità, ed alcun nome comune
ancora può essere usato così. Così, R.gi.66 (o Cénis[78]) Elísabhet II, Regina ElizabethII (o
Elízabhet, come Gk. .... (.) ...., Dall'ebraico Eli-sheva, "Dio è un giuramento"), distingue questo
Elizabethfrom altro Elizabeths, dall'attributo espresso nel nome R.gi. / Cénis, Regina.

3.1.4. Un Pronome è una parola o distingueva una persona, luogo, cosa o l'idea senza
denominazione o descrivendolo: come, eg.161, io; twos163, Suo; wéi162, noi.

Nomi e pronomi stati chiamati Substantives spesso.

3.1.5. Un Verbo è una parola capace di asserire qualche cosa: come, bhér., io porto, orso; bh.ti,
splende.

NOTA. In inglesi il verbo di solito è l'unica parola che asserisce qualsiasi cosa, e si
suppone perciò che un verbo sia necessario per completare un'asserzione. Comunque,
severamente alcuno aggettivale o il nome può, attribuendo una qualità o dando un nome,
faccia un'asserzione completa; come, w.ros[79] il dwenós[80] (ésti), l'uomo (è) buono,
diversamente da dwenós w.ros, il buon uomo; o áutom[81] gh.dhóm (ésti), la macchina è
buona, diversamente da gh.dhóm áutom, la buona macchina. Ci sarebbe potuta essere
nell'infanzia di lingua nessuno altro vuole dire di asserire, come il verbo è comparatamente
di tardo sviluppo.
3.1.6. Un Avverbio è una parola esprimeva il tempo, luogo, o maniera di un'asserzione o attributo:
come, per[82], davanti, épi[83], vicino, ánti[84], opposto.

NOTA. Queste stesse funzioni sono compiute in indoeuropeo da casi di nomi, pronomi ed
aggettivi spesso, e da frasi o frasi.

3.1.7. Una Preposizione è una parola che mostra la relazione tra un nome o pronome e dell'altra
parola o parole nella stessa frase; come, e.g.., annuncio[85], a, a, al[86], oltre, de[87], da,
kom[88], con, eghs[89], fuori, upo[90], su, e così su.

3.1.8. Una Congiunzione è una parola che connette parole, o gruppi di parole, senza colpire le loro
relazioni grammaticali: come, - il qe, e; - w.[91], o, - il ma, ma, - r, per.

3.1.9. Le intromissioni sono le esclamazioni mere e non sono essere classificate severamente come
parti di discorso, e può variare fra i dialetti di IE; come, hej, haj, hoj (salutando) (á), hállo, hólla
(sul telefono); . (vocativo); oh (sorpresa); ah! ah! (risata); áu (tsh) (dolore); ecc.

NOTA. Le intromissioni esprimono un'emozione che colpisce una persona qualche volta o
la cosa menzionò, e così ha un collegamento grammaticale come le altre parole.

3.2. Flesso
3.2.1. L'indoeuropeo è una lingua flesso. Il flesso è un cambio fatto nella forma di una parola per
mostrare le sue relazioni grammaticali.

NOTA. Delle lingue Indoeuropee e moderne, come dialetti più germanici e romanici hanno perso
in parte o completamente i loro più primi sistemi di flesso attestati. a causa della semplificazione
diversa tende., in declinazione nominale così come in congiunzione verbale.

3.2.2. Cambi flessionali hanno luogo nel corpo di una parola qualche volta, o all'inizio, ma oftener
nella sua terminazione:

bhábh.[92], il fagiolo di ora; snichés[93], della neve; (eg.) wégh.[94], io ride;tr.tóme[95], noi
attraversammo su; dáte[96], dia! (pl.)

3.2.3. Terminazioni di flesso possibilmente avevano significati originalmente indipendenti che ora
sono oscurati. Loro probabilmente corrisposero quasi all'uso di preposizioni, ausiliari e pronomi
personali in inglesi.

Così, in bháres-m[97], l'orzo (Acc.), la terminazione è equivalente a "il" o "al"; in bhléti[98]


[bhl.-' l'e-ti], fiorisce (Indicativo), e bhl.ti [bhl.-' .-ti] (Congiuntivo), il cambio di grado vocalico
significa un cambio nell'umore.

3.2.4. Cambi flessionali nel corpo di un verbo denotano relazioni di tempo verbale o umore di
solito, e spesso corrispondono all'uso di verbi ausiliari in inglesi:

(tu) il déresi[99], (tu) laceri o sta lacerando; dóre, lui lacerò; (gí) gn.sketi[100], lui sa, gégona,
io seppi (veda Flesso Verbale per Reduplicazione ed il suo significato)

3.2.5. Il flesso di Nomi, Aggettivi, Pronomi e Participi per denotare genere, numero ed il caso
stato chiamato Declinazione, e si dice che queste parti di discorso siano declinate.
Il flesso di Verbi per denotare voce, umore, tempo verbale il numero e la persona è chiamata
Congiunzione, e si dice che il verbo sia coniugato.

NOTA. Spesso si dice che gli aggettivi avessero flessi di paragone. Queste propriamente
sono comunque, gambo-formazioni fatte da derivazioni.

3.2.6. Avverbi, Preposizioni, Congiunzioni e le Intromissioni non sono flessi, ed insieme formano
il gruppo delle cosiddette Particelle.

3.3. Radice, gambo e base


3.3.1. Il corpo di una parola al quale le terminazioni sono legate, è chiamato il Gambo. Il Gambo
contiene l'idea della parola senza relazioni; ma, eccetto nella prima parte di combina (il cf.
Niteroléndhom[101], la Terra Bassa o Netherland, klaustrobhocí.[102], la claustrofobia, ecc.),
non si può usare senza della terminazione per esprimerli ordinariamente.

Così i ka di gambo (u) misero[103] - denota testa, da adesso anche "principale"; káput (senza
finire) vuole dire una testa o la testa, come il Soggetto o Agente di un'azione o come Vocativo, così
come ad una testa o alla testa, come l'Oggetto Diretto; con - osit diviene kaputós, e significa di
una testa o della testa, e così su.

NOTA. In lingue flesso come indoeuropeo, le parole sono costruite su da Radici che ad
una durata molto prima possibilmente fu usata da solo per esprimere le idee. Le radici
sono cambiate poi in Gambi che, da flesso, è formato pienamente parole. Il processo dal
quale sono cambiate le radici, nelle varie forme di derivatives e combina, è chiamato
gambo-edificio. L'intero di questo processo è originalmente una di composizione dalla
quale fini significative sono aggiunte uno dopo l'altro a forme capace di pronuncia e
portando un significato.

3.3.2. Una Radice è la più semplice forma raggiungibile da analisi di una parola nelle sue parti di
componente. Tale forma contiene l'idea principale della parola in un senso molto generale, e è anche
o comune alle altre parole nella stessa lingua o in lingue di parentela.

NOTA. La ricostruzione della lingua proto-Indo-europea cerca una lingua molto vecchia, e questo
ha una conseguenza ovvia sull'asserzione generale che le radici non vogliono dire qualsiasi cosa.
Infatti, molti ricostruirono le radici di Torta vogliono dire qualche cosa, anche senza aggiungere una
sola fine. Quindi, per esempio, la parola inglese 'speciale' ha una radice * spec (radice di parole
piace anche speculi o specie) che esprime vagamente l'idea di guardare. In indoeuropeo Moderno,
comunque il (il latino) speki.lís aggettivale, speciale coesiste con la sua radice di Torta originale, lo
spek di verbo (i.) osservi. L'evoluzione di lingua annebbia i significati originali, e molte radici
possibilmente avevano cessato essere riconosciute come così di fronte ad IE III - anche se meno
così di in lingue moderne. Le radici di Torta ricostruite che noi davvero usiamo come parole
indipendenti in indoeuropeo Moderno già mancò di conseguenza, qualche volta (non molto spesso)
un significato corretto nella Tarda Torta; loro si usano perché di una forma di IE comune qualche
volta è avuta bisogno e parole solamente diverse dalla stessa radice sono state attestate.

Per esempio, la radice di dém di verbo., renda casalingo, è dem-[104] (o severamente * il demh2) che
non vuole dire necessariamente rendere casalingo o io rendo casalingo, o rendendo casalingo, ma
soltanto esprime vagamente l'idea di rendere casalingo, e possibilmente non può essere usato come
una parte di discorso senza terminazioni. infatti, dem - (severamente [il dem]) è un'altra radice di
Torta che vuole dire casa, ma è non correlato al verbo, almeno in questo IE III il palcoscenico. Con
la fine - tiit diviene démeti, lui / lei / esso rende casalingo.

3.3.3. Il Gambo può essere lo stesso come la radice; come, sal-s[105], sali, bhl.ig-e-ti[106], lui /
lei / esso splende; ma è formato più frequentemente dalla radice.

1. Cambiando o allungando la sua vocale: da radice bh.l[107], soffi, gonfi, bh.l-os, palla, o bhól
-., pallottola, e bh.-os, ciotola. Anche d.[108], divida, dà dái-m.n, demone (da più vecchio Gk.
daimon, divisore il provveditore), e d.-m.n, tempo, periodo (da Gmc. t.m.n che dà O.Eng. t.ma,
O.N. timi, Swe. timme; non correlato a Lat. tempus, MIE presta parola témp.s).

2. Dalla somma di un semplice suffisso; come, bhér -.[109], nasca, illuminato. animale marrone",
líno-m[110], lino.

3. Entro due o più di questi metodi: chn-tó-s, (il chen[111] in zero-grado, con fine participiale - a,
e fine maschile), battuto, gón-i.-s, angoli (il genere[112], tocchi col ginocchio, in o-grado col
finendo - l'io -, femminile in -., plurale in - s).

4. Da derivazione e composizione, seguendo le leggi di sviluppo particolari alla lingua che noi
vedremo nei capitoli corrispondenti.

3.3.4. La Base è quella parte di una parola che è immutata in flesso: come, cherm-[113] in
chermós, scaldi, eus-[114] in éus., scottatura; noch-[115] in nochetós, nudo, ecc.

a. La Base ed il Gambo sono spesso identici, come in molti gambi consoni di nomi (come cer - in
cers[116], monte). Comunque, se il gambo finisce in una vocale, il secondo non appare nella base,
ma è combinato variamente con la terminazione flessionale. Così il gambo di c.us[117], atterrisca,
è cou -; quello di ármos[118], armi, è armo -.
3.3.5. Terminazioni flessionali sono cambiate differentemente da combinazione con la finale
vocale o consono del Gambo, e le varie forme di Declinazione e Congiunzione sono sviluppate così.

3.4. Genere
3.4.1. I Generi distinti in indoeuropeo Moderno sono tre: Maschile, Femminile (ambo sono
assegnati a come Animato) e Neutro o Inanimato.

3.4.2. Il genere di nomi Indoeuropei è entrambi naturalor


grammaticale.

a. Il naturale Genere è distinzione come al sesso dell'oggetto


denotato: bhr.t.r[119] (il m.), brother;cén.[120] (f.), donna,
moglie.

NOTA. Molti nomi hanno un che ha caratteri maschili


ed una forma femminile per distinguere sesso: come,
eur.páios, eur.pái., europeo (aggettivi nominalizzati),
o ékwos, ékw., cavallo, cavalla. [121]

NOTI 2. Nomi di classi o raccolte di persone possono


essere di alcun genere. Per esempio, ármat. (f.),
esercito; da ar di Torta, vada bene insieme (come in
ármos, braccio, braccio superiore prende sulle spalle,
cf. Gmc. armaz, Lat. armus, Gk. .....); anche il ghóros
(il m.), coro, canti, terra del ballo, da gher di Torta
afferra, includa. il prestito tradusse da Gk. .....,
originalmente "un allegato speciale per ballare" nella sua
origine, cf. Gmc. gardaz, ghórdhos, o Lat. hortus, ghórtos,
ambo il giardino di significato mettono in recinto, allegato.
[122]

b. Il Genere grammaticale è una distinzione formale come a


sesso dove nessun sesso attuale esiste nell'oggetto. È
mostrato nella forma dell'aggettivo congiunta col nome: come sw.dús[123] il nóqtis[124] (f.), una
notte piacevole; mreghús[125] il kántos[126] (il m.), breve canzone ("cantando"). Il genere
dell'aggettivo è semplicemente un genere dell'armonia: indica a che nome di un genere concreto al
quale l'aggettivo si riferisce.

3.4.3. Il neutro o il genere inanimato differisce dall'altro due in flesso, non nella vocale di tema. Il
genere dell'anima, sul contrario, è marcato dalla vocale di tema di solito, e qualche volta da
declinazione, vocalism ed accento.

3.4.4. Il neutro non si riferisce alla mancanza di sesso, ma alla mancanza della vivacità o la vita.
Comunque, qualche volta anima può essere designato come inanimates e viceversa.

Mentre la distinzione tra che ha caratteri maschili e femminile è di solito diritto, qualche volta
l'attribuzione di sesso è arbitraria; così, parole diverse per "nave"[127] o "guerra"[128] è trovato
come femminile (come n.us o wérs.), maschile (come bhóids, o pólemos di prestito greco), e
neutro (wáskolom o cr.g.).

3.4.5. I nomi animati possono avere:

a. Un genere di oppositive, segnato:

IO. dal lessico, come in pat.r-m.t.r, padre-madre, bhr.t.r119-swés.r[129], fratello-sorella,


súnus[130] - il dhúg (a) t.r[131], figlio-figlia, ecc.[132]

II. dalla vocale di tema, come in ékwos-ékw.121, cavallo-cavalla, w.qos-w.qia23, lupo-lei-lupo.

III. entro ambo alla stessa durata, come in w.ros79-cén.120, maschio-femmina.

b. Un genere autonomo che non si oppone ad altri come in n.us (f.), invii, p.ds (il m.), piede, egnís
(il m.), spari, ówis (f.), pecora, jéwos[133] (n.) o l.ghs (f.), legge.[134]

c. Un genere comune, in nomi che sono dipendendo maschili o femminili sul contesto; come,
dhesós, dio / dea (il cf. Gk.Hom. ....), c.us, vacca o toro (il cf. Gk. accompagnato da táuros, come
Scient. Eng. taurus di bos), náut., marinaio, djousnalíst., giornalista, stúdents[135], studente, ecc.

d. Un genere ambigenere che, anche se essendo maschile o femminile, designa ambo i sessi: come
il s.s femminile[136], faccia, o kákk maschile.[137], merda (come un insulto).

3.4.6. Il genere di un nome può essere marcato così dalla vocale di gambo (o qualche volta da
flesso), o doveva essere imparato: è una caratteristica di una parola come alcuno altra. Nel suo
contesto, l'armonia è un marchio di genere nuovo; un nome maschile ha un aggettivo maschile, ed
un nome femminile un aggettivo femminile. Tutti gli aggettivi non rendono differente comunque,
tra che ha caratteri maschili e femminile, molto loro (quegli in - i-s, - l'u-s, -.s, -.n e molto tematico
in - l'os) sono maschile-femminili: solamente il contesto, i.e. il nome col quale loro sono d'accordo,
aiuta a disambiguarli. Questo accade anche in nomi con un genere comune.

3.4.7. La maggior parte di fini non indica genere, come in pat.r e m.t.r. Solamente sapendo le
radici in molti casi, o dal contesto in altri, è esso possibile determinarlo. Alcuni dei suffissi
determinano, tuttavia, totalmente o parzialmente se loro sono maschili o femminili. Questi sono il
seguente:

1. -osmarks maschile quando è opposto un femminile in -. o -. /-i., come in ékwos-ékw., w.qos-


w.qi., dj.us-djéw., ecc. Questo accade anche in aggettivi nella stessa situazione, come in néwos-
néw. In nomi isolati, - os è generalmente maschile, ma delle tracce della vecchia confusione di
genere ancora rimasero nella terza tappa della lingua proto-Indo-europea, come nei nomi di alberi
(fra altri). In aggettivi, quando la fine - os non è opposto a femminile, l'armonia decide.

2. -.marks il femminile in opposizioni di nomi ed aggettivi. Di solito è anche femminile in nomi


isolati, nella prima declinazione. Ma ci sono anche tracce di che ha caratteri maschili in -., come,
.ság. (o come prestito parziale latino .r .g.), auriga, conducente (da .s116, bocca, ed ag13, passeggiata),
Lat. auriga; náut., "marinaio", come Gk. ......; o slúg., servitore, come O.Sla. sl.ga, Lith. slauga
"riparano", O.Ir. sluag, "unità di esercito", ecc.

3. -. /-i., è sistematicamente femminile. Si usa in nomi, e spesso in aggettivi.

4. Finalmente, le radici che finiscono in vocali lunghe -. e -. è feminines sempre.

3.5. Regole generali di genere


3.5.1. Nomi di esseri Maschi, e di Fiumi, Venti, mesi, e Montagne sono maschili:
pat.r57,
padre, Kárlos1, Charles, Réin[138], il Reno, Áustros69, vento meridionale, Mágios61, maggio, Uráles,
l'Urals.

NOTA. Il nome corretto dell'Urals è Uralisk.s Cor.s, Lat. UrálesMóntes, i Monti" di "Urals,
Ural Mountains, cf. Russ. .......... ..... (Uralskiye insanguinato).

a. Alcuni nomi di Fiumi che finisce in -. (come Wólg.), e molta fine di nomi greca in -. (s), quale
corrisponde ad IE di solito -., è femminile; altri sono variabili o incerti, trattenendo il loro IE
attestato e più grande generalmente genera in MIE.

NOTA. Il hydronym russo ...... è simile alle parole slave per la "umidità, l'umidità" (il cf. Russ.
....., ......), forse dalla stessa radice come base di Torta sposi, bagni, prese in prestito facilmente in
MIE da slavo come Wólg.

b. Dei nomi di Montagne sono feminines o neutro: come, Álpes (f. pl.), le Alpi

NOTA. Álpes, da Alpes latino è potuto essere riferito originalmente alla fonte di albhós di
aggettivi[139] (bianco, cf. Hitt. alpas, v.i.) o altós (in alto, cresciuto, dall'al79 di IE), possibilmente da
un dialetto celtico o Corsivo.

3.5.2. Nomi di esseri Femmina, di Città, Paesi, Piante, Alberi e Gemme, di molti Animali
(specialmente gli Uccelli) e di più Qualità di astratto, è femminile:
m.t.r14,
madre, Djówili.63, Julia, Fránki.[140], Francia, R.m., Roma, p.nus[141], languisca, sanipríjos,
zaffiro (Gk. sáppheiros, ult. da Skr. sani-priya., illuminato. "sacro a Saturno"), w.rós128, vero.

a. Dei nomi di Città e Paesi sono maschili: come, Oinitós (da óinos, uno, o 'più puro' IE Jugtós,
"congiunse") Gningodh.mos[142], Regno Unito, Montinécros[143], Montenegro; o neutro, come,
Sweor.giom[144], Svezia, Finnléndhom[145], Finlandia.

b che Alcuni nomi di Piante e Gemme fanno seguire il genere della loro terminazione; come,
kmtáuriom (n.), centaury, ákantos (il m., Gk. .......), bearsfot, úpolos (il m.), opale, da upo di
Torta su da sotto.

NOTA. Il genere della maggior parte del sopra di può essere riconosciuto anche dalle
terminazioni, secondo le regole date sotto le declinazioni diverse.

3.5.3. Nomi indeclinabili, infinitivi, le condizioni o frasi usato come nomi, e le parole citarono
soltanto per la loro forma, è neutro:

preso[146], trafficin, imbroglio, Eur.páio l'european (n.n.), néh.lom, nulla, kómmi / gúmmi,
gengiva.

NOTI 1. Nehilum latino, "nihil, zero" viene da h.lum la piccola cosa", non giocherelli" da adesso
anche una piccola cosa, nulla", di origine ignota perciò MIE h.lom.

NOTI 2. Eng. la gengiva viene da O.Fr. gomme, da L.Lat. gumma, da Lat. gummi, da Gk. kommi,
da kemai copto da adesso MIE presta Lat. gúmmis, o Gk. kómmis.

3.5.4. Molti nomi possono essere maschili o femminili, secondo il sesso dell'oggetto. Si dice che
questi siano di Genere Comune: come, eksáliom[147], exile;c.us 117, bue o vacca; párents[148],
genitore.

NOTA. Molti nomi di animali hanno un genere grammaticale, indipendente di sesso.


Questi sono chiamati ambigeneri. Così, s.s136, porco, e w.p.s23, volpe, è femminile sempre.

3.5.5. Nomi, Pronomi, Aggettivi e Participi sono declinati in MIE in due Numeri, singolare e
plurale. la Torta aveva anche un possibilmente dialettale duplice. e su ad otto casi, Nominativo,
Vocativo, Accusativo Genitivo ed Obliquo - quale è trovato suddiviso in combinazioni di Dativo,
Locativo, Strumentale ed Ablativo.

NOTI 1. Dialetti europei mostrano circa sei casi, ma la maggior parte del più vecchio uni attestati (Ind.-Ira.,
P.-Gk., Ita.) e lo show Balto-slavo rimane di su ad otto casi originali, anche se la situazione ha evoluto
differentemente a causa di migrazioni e contatti linguistici. Teorie tradizionali mantengono che la situazione
di Torta comune ed originale è un sistema complesso di otto casi di nome. Sul contrario, un sistema di
cinque-caso è per altri studiosi la situazione (di Torta Media, come i dialetti di Anatolian sembrano mostrare)
più grande, più tardi cambiata da dei dialetti da modo di unendo o dividere i cinque casi originali. Sarebbe
stato, poi, un'innovazione di dialetti individuali, nel momento in cui il satemization fonetico. È così
un'opinione generale che in ambo i trend dialettali (divisione e la convergenza di Devia) dell'IE III è
coesistita. In questa Grammatica noi seguiamo il trend Settentrionale e generale, i.e. un flesso di sei-caso
generale, presentando anche gli altri due casi come loro sono ricostruiti per Tarda Torta di solito, quando fini
comuni esistono.

NOTI 2. Nel numero noi usiamo singolari e plurale, e non duplice, non solo a causa della
sua esistenza dubbiosa in IE II e le obiezioni alla sua ricostruzione per Tarda Torta, ma
perché è anche più pratico nelle condizioni di lingue Indoeuropee e moderne.

IO. Il Nominativo è il caso del Soggetto di una frase.

II. Il Vocativo è il caso di Indirizzo Diretto.

III. L'Accusativo è il caso dell'Oggetto Diretto di un verbo. Si usa anche con molte preposizioni.

IV. I Genitivi possono essere tradotti dagli inglesi Possessive generalmente, o dall'Obiettivo con la
preposizione di.
V. Il Devia sarebbe trovato come:

a. Il Dativo, il caso dell'Oggetto Indiretto. Può essere tradotto nell'inglesi dall'Obiettivo con la
preposizione a di solito o per.

b. Il Locativo, il luogo dove.

c. Lo Strumentale, la cosa con.

d. L'Ablativo, di solito l'Obiettivo con da, da, con, inor a. È trovato con preposizioni spesso.

NOTA. I casi obliqui appaiono nel set di pronome inglese; questi pronomi stati chiamati
pronomi spesso obiettivi; come in lei mi ama (accusativo), lo dia ad io (dativo) o
quell'immondizia non fu asciugato con me (strumentale), dove io non sono flesso
differentemente in alcuni di questi usi; si usa per tutte le relazioni grammaticali eccetto il
caso genitivo di possesso ed un caso nominativo e non-disgiuntivo come il soggetto.

3.6. Grado vocalico


1. Il grado vocalico o l'Apofonia è l'alternazione fra pieno normalmente, zero o allungò vocalism
di grado. Il proto-Indo-europeo aveva una sequenza di apofonia regolare che ha contrapposto i
cinque suoni vocalici soliti chiamata Tematico, i.e. E/. / o /. /Ø. Questo vuole dire che in forme
diverse della stessa parola, o in parole diverse ma relative, la vocale di base, una vocale breve / e /,
potrebbe essere sostituito da un lungo /. /, una vocale breve / o / o un lungo /. /, o potrebbe essere
omesso (trascritto come Ø).

NOTA. La termine Apofonia viene da Ger. Der di Abstufung Laute, "alternazione


vocalica." In lingue romaniche, il termine che Apophony è preferito.

2. Quando una sillaba aveva un e corto, si dice che sia nella "e-grado"; quando aveva nessuno
vocalico, si dice che sia nella "zero-grado", quando in o, in "o-grado" e loro possono essere
allungati anche. L'e-grado stata chiamata il "pieno grado" qualche volta.

Un esempio classico dei cinque gradi di apofonia in una sola radice è offerto dal caso diverso e
seguente forma di IE pat.r, padre, e .pat .r, senza padre (possibilmente originalmente la Torta Nom.
ph2ter-s > ph2t.r):

Grado di apofonia MIE Greco Caso


e-grado o il pieno papà-tér-m .. -... -. a Accusativo
grado
e-grado allungata papà-t.r .. -... papà-t.r Nominativo
zero-grado papà-tr-ós .. -..-.. papà-tr-ós Genitivo
o-grado n-papà-t.r-m .-.. -... - a Accusativo
o-grado allungata n-papà-t.r .-.. -.. un-pá-t.r Nominativo
3. In ritardo la Torta aveva le differenze di apofonia all'interno dei paradigmi di verbi e nomi che
probabilmente erano marcatori secondari e significativi. Paragone per esempio per un pértus di
Torta originale, passando, passaggio (da pér di verbo di IE., vada attraverso):

TORTA radice (per suffisso (- il tu)


-)
Nominativo pér-tu-s e-grado zero-grado
Accusativo pér-tu-m e-grado zero-grado
Genitivo pr-téu-s zero-grado e-grado
Dativo pr-t (eu) - l'ei zero-grado e-grado
4. Degli esempi comuni di gradi di vocale diversi (incluso la loro forma allungata) come trovato in
proto-Indo-europeo è il seguente:

Grado vocalico Pieno (F) Zero (Ø) Allungato (L)


e/o - Ø -. /. ped, dom pd, dm p.d, d.m
ie / io - i - i. /i. djeus diwos / djus dj.-
ue / uo - u - u. /u. kwon kun- kw.n
ei / oi - l'u/i - .i / .i bheid bhid bh.id
eu / ou - l'u/i - .u / bheud, ous bhud, noi bh.ud, .us
.u
. /. /. - un -. /. /. bhle, bha, oku bhla, bha, aku bhl., bh., .ku
au / ai - l'u/i - .u / .i bhau, aik bhu bh.u, .ik
.i / .i -. /. - .i / .i po (i) pi p.i

3. Ci sono anche degli altri possibili cambi di grado di vocale, come un-grado, i-grado ed u-grado
che di solito vengono dalle vecchie fini di radice piuttosto che da cambi fonetici e sistematizzati.

NOTA. L'e/Ø di alternazione apparentemente era nei più vecchi palcoscenici di Torta
dipendente sull'accento. Compari kléwos / klutós, eími / imés, patérm / patrós,
ecc., dove il morfema non accentato allenta la sua vocale. Questo accadde solamente nelle
formazioni più grandi, tuttavia come IE III probabilmente aveva perso già questo modello
morfologico, mentre gelava le più vecchie alternazioni in un vocabolario più stabile senza
cambi in grado vocalico.

3.7. Formazione di parola


3.7.1. La parola Formazione si riferisce alla creazione di parole nuove dai più vecchi uni. Studiosi
Indoeuropei mostrano un interesse speciale in Derivational Affixes (più comunemente i Suffissi),
i.e. morfemi che sono legati ad un morfema vile, come una Radice o un Gambo per formare una
parola nuova. Gli affissi principali sono:

A. Suffissi atematici,

a. La più semplice è la zero-fine, i.e. likedem-s di nomi di radice (Gk. des -), alberghi, in
consonante, come neq-t-s (Hitt. nekuz), notte, o uomo-s (Av. maz -), badi, in - r, come ghés-.r
(Hitt. ki..ar), dia, con apophony, Corrente alternata. ghes-ér-m (Hitt. ki..eran), Loc. ghés-r-i (Hitt.
ki.ri, Gk. kheirí), col finendo - n, come o-.n (Hitt. .ara [.], gambo .aran-, da Torta * il h3or-o -, cf.
O.H.G. aro, Eng. erne, Gk. o-n - [è]), aquila. Esempi comuni includono r.gs, come Lat. rex, Cel.
ri, Gmc. r.h, Skr. r.t, c.us, come Lat. bou, Cel. bó, Gmc. ko, Skr. gáu / vada, m.s, Lat. m.s, Gk. ...,
Gmc. m.s, Sla. mys, Skr. m., ecc.

b. Anche, il r/n di gambo, con - r - in 'forte' i casi (Nom-Acc.) e - n - nel Devia, è rappresentato
bene in Anatolian; veda Nomi Variabili nel prossimo capitolo per più su questi heteroclites.

c. Un vecchio gambo in - u - appare e.g.. nel gón-u di parole, ginocchio, dór-u, legno, e ój-u, la
"vita", cf. Av. z.n., d.r., .ii., Skr. j.nu, d.ru, .yu, Gk. góny, dóry, ou (kí) "no", ecc. Le varianti di
Apophonic sono trovate come génw di pieno-grado -, dérw -, éjw -, cf. Hitt. genu -, Lat. genu -,
Sla. dérw-o, Gk. ai (w) - eí, ecc., e come gn-éw di zero-grado, dr-éw, (a) j-éw -, come in goto.
kniu, Av. yao., Hitt. ganu-t, ecc. Tali zero-grado sono trovate all'interno di Declinazione, in
Composizione (il cf. Skr. jñu-b.dh-, "kneeled", Gk. dru-tómos, "legname-tagliatore"), ed in
Derivazione, come e.g.. ju-wén -, vigoroso, giovane (il cf. Skr. yuván -, Lat. iuuen-è).

d. Un suffisso - esso - che assegna a sostanze commestibili come mel-esso, miele (il cf. Gk. mélit
-, Hitt. milit, Luw. mallit, Gmc. mil -), sép-esso, grano (il cf. Hitt. .eppit, Gk. álphit), ecc.

B. Femminile ed astratto (collettivi),

a. Un suffisso generale * - (e) h2 è trovato in Femminile, come in sén.-, vecchio (* senah2, cf. Gk.
hén., Skr. .an .-, Lith. senà), swekr..s, la madre di marito (* lo swekrúh2 -, cf. O.Sla. svekr., Lat. socrus,
O.H.G. swigar), in astratto i Collettivi, come in Gk. tom., tagli, o neur., la corda fece da tendine
(néurom di IE), ecc., e nel Nom.-Acc. Neutro singolare del collettivo che funziona come Nom.-
Acc. Plurale (il cf. Skr. yug., Gk. zygá, Lat. iuga, goto. juka, "scherzi", Hitt. -un, Amico. -un /-.,
ecc.).

b. È anche molto bene attestato un Collettivo Femminile ed Astratto -., Torta * - l'ih2, con variante
- i., Torta * - /-jeh2 di jah2, cf. Skr. dev. (Gen. d.vy.s), "dea", v.k.s (Gen. v.kías), "lei-lupo", ecc.

C. Suffissi tematici, gli affissi più abbondanti trovati in derivazione Nominale ed Aggettivale,

a. Un semplice - o - che appare in delle vecchie formazioni primarie e secondarie come w.q-o-s,
lupo, .tk-o-s, orso brocca-ó-m di neutri, scherzo wérg-o-m, lavoro sén-o di aggettivi -, vecchio,
néw-o -, nuovo, ecc.

NOTA. La Distinzione in primario e secondario non è diritto, a meno che c'è una più vecchia
radice attestata; compari e.g.. éku-o-s, cavallo che è ritenuto una derivazione da rapido di solito, IE
.kús.

Accentuato - ó - è ritenuto un suffisso secondario che marca il possesso della base, così come gli
aggettivi in - ó - con radice di grado allungata, cf. Cj di IE., la sequenza di arco, come Skr. jyá, ma
cjós, arco (< "che ha la sequenza" di un arco), come Gk. biós, o swekurós (> lo swékuros), il
padre di marito, da swekr..s la madre di marito, deiwós, da dj.us, ecc.

b. Sul Grado di Radice, le radici di o-grado sono trovate in due tipi tematici, Nomi dell'Azione
del barytone (il cf. Gk. tómos, "fetta"), e Nomi dell'Agente dell'oxytones ed Aggettivi (il cf. Gk.
tomós "che taglia, acuto"), ambo dal tem di IE, tagli; zero-grado in neutri brocca-óm, scherzi, da
jeug, congiunga, ed in secondo elementi di combina piaccia ni-sd-ós, faccia il nido, da sed, sieda,
o newo-gn-ós, "neonato", come Gk. neognós.

c. Suffissi aggettivali - il jo - e - ijo-abbia un senso relazionale, come in vacca-jós, "di una vacca
/ bue", da vacca -, atterrisca, bue, come in Av. gaoya -, Skr. gavyá o gávya, Gk. hekatóm-boios
"che costa cento vacche", Braccio. kogi (< vacca-ijo -), "dedotto dalla vacca", O.Ir. ambuæ (<,
come in Skr. ágos, Gk. aboúte.), "equipaggi senza vacche", o e.g.. patriós, paterno pediós, "del
piede", ecc. Come un suffisso nominale, cf. Lat. ingenium, officium, O.Ir. cride, setig, Skr. vairya,
saujanya, Sla. stoletie, dolia, ecc.

d. Aggettivi verbali in - il tó - (Ind.-Ira. -nó -), con zero-grado radice verbale, è comune in
derivazione secondaria, come in klu-tós, sentì, famoso, da kleu, senta, cf. Skr. .rutá-, Av. sruta -,
Gk. klytós, Lat. in-clitus, M.Ir. rocloth, O.H.G. Hlot -, braccio. lu, ecc. Loro furono incorporati al
flesso Verbale come participi e gerundi. Per nomi in - a -, - nessuno -, - il ti (j) - o -, - il ni (j) - o -,
- il tu (w) - o -, - il nu (w) - o -, ecc. cf. Skr. ya di svápn (i), pr.v.nya, Lat. somnium, dominio, O.Ir.
blíad (a) in, Sla. sunie, cozarenie, ecc.

e. Gli altri suffissi tematici comuni includono - il nó -, - il ro -, - il mo -, e diminutivi in - il ko -,


- ecco -, - l'isko -, ecc. quale può essere anche allungamenti participiali, ordinali o aggettivali (da
nomi). Loro sono preceduti da una vocale di solito, come in - e / onó -, - e / oro -, e così su.
Paragone per esempio da cher, scaldi, cher-mós aggettivale, scaldi, cf. Skr. gharmá, Av. gar.ma-,
Gk. thermós, Toc. A. särme, Phryg. Germiai, braccio. jerm, Camice sacerdotale. zjarm, od o-grado
Gmc. warmaz, Lat. formus (< il chor-mos). -bhó - dà nomi di animales, come e.g.. Gk. éribhos,
"bambino."

f. Un suffisso secondario - tero- / -toro - marca l'opposizione di due nozioni, e è trovato in


Anatolian (il cf. Hitt. monaca-taras, Adv. gen. "da ora"), en-terós / al-terós (o anterós), "l'altro (di
due)" (il cf. Goto. anþar, Skr. ántaras, Lat. alteri, ecc.) opposto ad un semplice "altro", aliós (il cf.
Skr. anyás, Lat. alius, Gk. állos, goto. aljis). Questo suffisso è trovato anche in delle formazioni
sintattiche, come Gk. deksiós. l'aris-terós, skaiós. il deksi-terós, ambo il significato "corretto-
sinistro (Benveniste 1948)."

g. Il suffisso - il wó - è trovato particolarmente in parole per "vivo", come (il cf. Skr. j.vás, Lat.
u.uos, O.Ir. béo, buw gallese, goto. qius) e "morte", come mr-wó - (il cf. O.Ir. marb, marw gallese
ed anche Lat. mortuos, Sla. m.rtv., dove il - t - possibilmente fu inserito influenzato da mr-tós,
"mortale").

h. Ci sono dei suffissi strumentali, come - il tro -, - il tlo -, - il klo -, - il dhro -, - il dhlo -, come
Lat. -trum, - c (u) lum, - il brum, - bulum, ecc.; e.g.. ára-trom, ari, cf. Gk. árotron, Lat. aratrum,
O.Ir. arathar, aradr gallese, Braccio. arawr, Lith. árklas, ecc.; anche, Gk. báthron, O.Ind.
bharítram, goto. f.dr, ecc.

i. Gli altri suffissi comuni (anche participiale) sono -m.n-, - il mon -, - il mn -, con secondario -
mn-a -, - uomo-o -, - uomo-t - (e - il wen-t -), ecc., cf. Lat. augmentum, o goto. hliumant,
equivalente ad O.Ind.s.rómatam, ambo la "reputazione" di significato, da klew sente, e così su.

III-file
Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at
Indo-European Language Association
1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi
indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea

4. Nomi
4.1. Declinazione di nomi
4.1.1. La declinazione è fatta aggiungendo terminazioni a fini di gambo diverse, vocale o la
consonante. I vari cambi fonetici nella lingua hanno generato le declinazioni diverse. La maggior
parte delle caso-fini, come mostrato in questa grammatica Indoeuropea e Moderna, contenga anche
la finale lettera del gambo.

Gli aggettivi sono declinati come nomi generalmente, ed etimologicamente saranno classificati
con loro, ma loro hanno delle particolarità di flesso che sarà spiegato più tardi.

4.1.2. Nomi ed aggettivi sono flessi in quattro Declinazioni regolari, distinse dai loro finale
fonemi. caratteristica del Gambo., e dall'opposizione di forme diverse in nomi irregolari. Loro sono
numerati tradizione Graeco-latina e seguente: Prima o l'un-declinazione, Secondo o l'o-
declinazione, terzo o l'i/u-declinazione, quarto o ConsonantDeclension, ed i nomi variabili.

NOTA. L'o-declinazione di Secondor è anche la Declinazione Tematica, contrario al resto. e


probabilmente più vecchio nell'evoluzione di Torta flesso nominale., quali formano insieme la
Declinazione Atematica.

Decl. Fine di gambo Nom. Genitivo

1. ., ia /. /i. (.) -Ø -s
2. e/o (Tematico) -s -os, - l'os (i) o (-.)
3. i, u e Dittongo m., f.-s, n.-Ø -e / ois, - e / ous, - (t) l'ios, -
(t) l'uos
4. Sonants & le -S, - Ø -(e/o) s
consonanti
(5) Heteroclites -Ø , - R -(e) n

Il Gambo di un nome può essere trovato, se un gambo consono, omettendo la caso-fine; se un


gambo vocalico, sostituendo per il caso-finire la vocale di caratteristica.

NOTA. La maggior parte di Indo-europeisti tende a distinguere almeno due tipi notevoli di
declinazione, Tematico ed Atematico. Gambi nominali e tematici sono formati con un suffisso - o -
(in vocativo - e), ed il gambo non subisce apofonia. I gambi Atematici sono più arcaici, e loro sono
classificati ulteriormente dal loro comportamento di apofonia: acro-dinamico, protero-dinamico,
hystero-dynamicand holo-dinamico, dopo il posizionamento del primo accento di Torta (dynamis)
nel paradigma.

4.1.3. Il seguente è Regole Generali di Declinazione:


a. Il Nominativo singolare per anima fini in - s quando le fini di gambo sono i, u., Dittongo,
Occlusivo e Tematico (- l'os) o - Ø in., un, Sonant e s; mentre nel plurale - es è generale, - s per
quegli in., e - os per il Tematico uni.

b. L'Accusativo singolare di tutti i che ha caratteri maschili e feminines finisce in - il m; il plurale


Accusativo in - i m.

c. Il Vocativo singolare per anima è sempre - Ø, e nel plurale è identico al Nominativo.

d. Il Genitivo singolare è comune ad anima ed inanimates, è formato con - s: - s, - l'es, - l'os.


Un'alternativa possibilità molto vecchia è estesa - l'os - (i) o. Il plurale Genitivo è formato in -.m
(anche -.m), ed in -.m in un-gambi.

e. Il Devia fine singolare in di solito - i: può essere - i, - ei, -.i - oi, -.ior -.i. Nel plurale, sono due
serie di declinazioni, con - il bh - (generale) e - il m - (solamente Gmc. e Sla.), generalmente - il
bhi, - il bhis, - il bhios, - il bhos, e (Gmc., Bal.-Sla.) -mis, - il mos, ed anche delle forme in - il si
(marchio plurale - s - più marchio obliquo - i), trovò principalmente in dialetti di Graeco-ariano.

f. Inanimates ha una forma di syncretic per Nom.-Corrente alternata.-Voc. in - Ø in Atematico, o -


il m in Tematico. La fine di forme plurale in - un o -..

g. Tutto Anima abbia la stessa forma nel plurale per Nom.-Voc., in - l'es.

4.1.4. I cosiddetti casi Obliqui. contrario al Diritto uni, Nom.-Acc.-Voc., è Genitivo ed il Devia,
i.e. Dativo, locativo, strumentale ed ablativo. Comunque, l'Ablativo sembra non essere stato mai
indipendente, ma per gambi tematici in delle aree dialettali. Gli altri tre casi erano solo uno caso
locale in contesti diversi (quello che noi chiamiamo l'Obliqui) di solito, anche se la Tarda Torta
chiaramente mostra un sistema di declinazione Obliquo ed irregolare.

NOTI 1. Ci sono delle tracce. nelle proto-lingue Indoeuropee che mostrano divise casi Obliqui.
quello potrebbe indicare un possibile prima la divisione. da un ipotetico cinque-caso-IE II. tra un
Dat. ed un Loc.-Ins., e poi un altro, più recente tra Loc. ed Ins (veda Adrados). Lingue come
Sanscrito o Avestan mostrano 8 casi, alcuni dialetti Corsivi si presentano a 8 (il cf. Osc. Loc. aasai
'in .r.', o Ins. amnud di cadeis, 'causae di inimicitiae', preiuatud'pr.u.t.', ecc.), mentre latino mostra
sei ed una nozione di Locativo di semisystematic; Dialetti slavi e Baltico mostrano sette, show greci
e Micenei almeno sei casi, Koiné greco mostra cinque, nel momento in cui dialetti germanici.

NOTI 2. Noi sappiamo che il frazionamento ed unendo processi che hanno colpito il Devia non
accada uniformemente fra i gambi diversi, e non accadde alla stessa durata in plurale e singolare.
C'erano né perciò, un homogene e sistema di declinazione definito in IE III, né nei dialetti e lingue
che hanno seguito. Da lingua a lingua, da gambo per scaturire, differenzia sul numero di casi e la
sua formazione sviluppato. In primo luogo il sincretismo oscurò i casi, e da allora in poi il sistema
intero crollò: dopo la durata quando i casi si separarono in altri, come in più lingue slave e moderne,
un'altra durata venne, quando tutti i casi unirono o furono persi completamente: quindi oggi in
lingue romaniche, in germanico come l'inglesi, o in slavo piaccia bulgaro. L'indoeuropeo Moderno
ha bisogno di comunque, sistematizzare a dell'estensione questa diversità, basò sul sistema di
vecchio fondamentale ed ovvio che di solito dà luogo a paradigmi di 6-caso (normalmente con Dat.-
Abl. e Loc.-Ins.) in più forme flesso.

Desinenze nominali (sommario)

Singolare Plurale
NOM. -S, - Ø, (N. Loro - il m) m., f. -es, n. -.
ACC. -m/-m. m., f. -ms/-m.s; n. -.
VOC. -Ø m., f. -es, n. -.
GEN. -(e/o) s; - (e/o) s (i) o -.m (componga -.m)
OBL. -i - (Obl generale. marchio) -bh-i - (dialettale - m-i -); - s-i il /u
DAT. -ei -os di bh (i), (il quadrante. -mos)
LOC. -i -su / i
INS. -e, - il bhi -bhis, (il quadrante. -mis); -.is (Loro.)
ABL. -(e/o) s; -.d /-.d/-.d -os di bh (i), (il quadrante. -mos)

4.2. Prima la declinazione


4.2.1. Prima la declinazione

1. Loro sono nomi di solito Animati e finiscono in., ed ia /. /i., ed anche raramente in.,.. Quegli in.
è molto comune, generalmente femminile in nomi e sempre in aggettivi. Quegli in ia/./i.are sempre
femminile e è usato anche per fare feminines nel Moto aggettivale. Quegli in. e. è solamente
femminile in minore parole usate. Quegli in un è etimologicamente identico al plurale di Neutro in
Nom.-Acc.-Voc.

Paradigma di un-declinazione

Animato Inanimato
NOM. -Ø
ACC. -m

VOC. -Ø
GEN. -s
DAT. -i [< * l'ei]
LOC. -i
INS. -Ø, - il bhi (- il mi)
ABL. -.d (- s)

MIE First la Declinazione corrisponde scioltamente Prima al latino Declinazione (il cf. Lat. rosa,
rosae, o puella il puellae), ed alla Declinazione di Alfa greca ed Antica (il cf. Gk. ...., ....., o ...., .....).

NOTA. Il gambo intero sarebbe potuto essere ridotto ad IE un, perché questa è l'origine
del sistema di gambo intero di fronte ad IE III, con una fine originale * - (e) il h2.

3. È perciò identico a quelli nomi in r, n, s della quarta Declinazione ma per dei dettagli in
vocalism: il Gen. ha un - s e non - es/-os; la differenza tra Nom. e Voc. è quello di -. e - un. La zero-
grado del Nom.-Acc.-Voc. in ia/.stems è diverso del Gen. in - i.

4.2.2. Prima declinazione in esempi

1. Nominativo singolare in - Ø; come, ékw.73, cavalla, sén.79, vecchio.

Esempio di ia /. i gambi sono pótni. /pótn.44, signora w.qi. /w.q., lei-lupo il djéwi. /djéw., dea
(forse anche Lat. gall.in il più tardi gall.na steso, r.g. in reg.na, ecc.), così come Pres.Parte.
feminines, come príjonti. /príjont. "che ama", amico il wésnti. /wésnt. "che guida", conducente,
ecc.

Quegli in., quali molto spesso non sono trovati, può presentare bene un - sas; come in bhídh.s
latino (Lat. fides, ma anche O.Lat. fidis), la fiducia, spéki.s, specie, ecc.

Nomi in .can anche raramente forme presenti in un; come in Gk. Lesb. Dika.

2. Accusativo Singolare in - il m; come, ékw.m, pótni.m/pótn.m, bhídh.m.

3. Vocativo singolare in - Ø. È normalmente identico al Nominativo, ma al disambiguazione


potrebbe accadere con gradi di vocale distinti, i.e. Nom. in -., Voc. in - un.

4. Genitivo Singolare in - s; come, ékw.s, sén.s.

Il tema in ia /. /i. produce un Genitivo Singolare in -.s; come, pótni.s.

5. Dativo-ablativo Singolare in -.i, probabilmente da un Dat originale. -eiending.

C'è anche una forma - ei per temi in. e nei.

6. Locativo in -.i, Strumentale in -., -.-bhi, -.-mi.

f. ekw. f. potnia / potn. f. speki.- adj. f. cowij.


NOM. ékw. pótni. /pótn. spéki.s cowij.
ACC. ékw.m pótni.m/pótn.m spéki.m cowij.m
VOC. ékw. pótni. /pótn. spéki. cowij.
GEN. ékw.s pótni.s spéki.s cowij.s
DAT. ékw.i pótni.i spékiei cowij.i
LOC. ékw.i pótni.i spékiei cowij.i
INS. ékw. pótni. spéki. cowij.
ABL. ékw.d pótni.s spéki.d cowij.d

4.2.3. Il plurale nella prima declinazione

1. La tavola seguente presenta il paradigma plurale dell'un-declinazione.

NOM. -s [< * - l'es]


ACC. -m
VOC. -s
GEN. -m
DAT.- -os di bh (- il mos) (i)
ABL.
LOC. -su / i
INS. -bhis (- mis)

2. Il Plurale di Nominativo-vocativo in - s: ékw.s, néw.s, cowij.s.

Questa forma potrebbe essere confusa evidentemente col Genitivo Singolare. In contesti equivoci
noi cambiamo preferibilmente l'accento (ekw.s, ekw.ms, ekw.m).

3. Il Plurale Accusativo in - i m: ékw.ms, néw.ms.

4. Il Plurale Genitivo in - il m: ékw.m, new.m.

5. Il Dativo e Plurale di Ablativo in - il bhos, - il bhios (il quadrante. -mos); come, ékw.bh (i) os,
ékw.mos.

6. Il Plurale di Locativo in - il su (anche - il si, - il se); come, ékw.si, ékw.su.

6. Il Plurale Strumentale in - il bhis (il quadrante. -mis); come, ékw.bhis, ékw.mis.

Il Devia abbia anche speciale forma Gk. -.isi, - ais, Lat. -ais; come, Lat. rosis < * il rosais.

f. ékw. f. potnia / potn.


NOM. ékw.s pótnias/pótn.s
ACC. ékw.ms pótniams/pótn.ms
VOC. ékw.s pótnias/pótn.s
GEN. ekw.m potni.m
DAT. ékw.bhios pótniabhios
LOC. ékw.si pótniasu
INS. ékw.bhis pótniabhis
ABL. ékw.bhios pótniabhios
4.3. Seconda declinazione
4.3.1. Seconda declinazione

1. Il Gambo di nomi delle Secondo fini di Declinazione in e/o, e loro sono chiamati di solito
Tematici. Loro possono essere anima ed inanimates, così come gli aggettivi. Gli inanimates hanno
una fine - il m solamente in Nom.-Acc.-Voc. L'anima, con un Nominativo in - s, è generalmente
maschile in nomi ed aggettivi, ma ci sono anche nomi femminili ed aggettivi animati in - os,
probabilmente resti della vecchia confusione di declinazione.

2. MIE Seconda Declinazione è equivalente alla Seconda Declinazione in latino (il cf. Lat.
dominus, domin., o uinum, uin.), ed alla Declinazione di Omicron in greco (il cf. Gk. ....., ....., o .....,
.....).

Paradigma di o-declinazione

Animato Inanimato
NOM. -os
ACC. -om -om
VOC. -e
GEN. -os, - l'os (i) o (-.)
DAT. -.i [< * l'oei]
LOC. -ei / -oi
INS. -. /-.
ABL. -.d /-.d

NOTA. Questo modello sarebbe potuto essere scritto davvero senza la vocale iniziale - o -,
dato che l'origine probabile di questa vocale è la vocale di fine di alcuni gambi tematici,
mentre altri gambi atematici primitivi furono reinterpretati da allora in poi e questa vocale
aggiunta per scaturire da modo di analogia. Quindi, per gambi tematici, come wlqo -,
questo paradigma potrebbe essere letto Nom. -s, Acc. -m, Voc. -e, Gen. -s, - il sio, - così,
-., e così su.

3. Il Nominativo ed il Genitivo in - os possono essere confusi. Questo può essere risolto solamente
con allungamenti, come in Gen. -os-io od os-o.

4.3.2. Seconda declinazione in esempi

1. Nominativo Singolare Animato in - l'os; come in w.qos, lupo, dóm.nos, signore, adj. c.wós,
vivo.

2. Accusativo Singolare Animato in - l'om; come in w.qom, dóm.nom, c.wóm.

3. Vocativo Singolare Animato in - e; come in w.qe, dóm.ne, c.wé.


5. Il Nom.-Acc.-Voc. Sg. Inanimato in - l'om; come in jugóm5, scherzo, adj. néwom, nuovo
mrwóm, morto.

4. Genitivo Singolare in - l'os, - l'osio, - e / oso (anche -.); come in w.qosio, mrwós, dóm.n.

NOTA. La forma originale - os è raro, come il Genitivo doveva essere distinto dal
Nominativo. Accade questo disambiguazione, come già disse, allungando alternativamente
la fine o cambiandolo insieme. L'o-declinazione probabilmente è recente in IE III. anche se
già accadde in Anatolian. ed ecco perché è omogeneo in più dialetti di IE, senza variazioni
in vocalism o accento.

6. Dativo Singolare in -.i, -.: w.q.i, dóm.n.i, néw.i il mrw.

7. Locativo Singolare in - l'oi, - l'ei: w.qoi, dóm.noi, néwoi, mrwói.

8. Strumentale singolare in -.: w.q., c.w., néw., mrw.

9. L'Ablativo Singolare è formato in -.d, e qualche volta in -.d: w.q.d, c.w.d, néw.d.

m. wlqo n. jugo
NOM. w.qos jugóm
ACC. w.qom jugóm
VOC. w.qe jugóm
GEN. w.qosio jugós
DAT. w.q.i jug.i
LOC. w.qoi jugói
INS. w.q. brocca.
ABL. w.q.d jug.d

4.5.3. Il plurale nella seconda declinazione

1. Il sistema Plurale e Tematico è dipinto come di solito segue:

Animato Inanimato
NOM. -.s [< * - l'oes] (-
l'oi)
ACC. -oms -.
VOC. -.s (- l'oi)
GEN. -.m (-.m)
DAT.- -os di obh (- l'omos) (i)
ABL.
LOC. -oisu / i
INS. -.is

NOTA. La fine -.s è considerato come di solito dedotto dalla fine plurale - es, i.e. *-o - (s)
- l'es > -.s.
2. Il Nominativo-vocativo Plurale Animato in -.s; come, w.q.s, dóm.n.s, w.r.s.

3. Il Plurale Animato ed Accusativo in - l'oms; come, w.qoms, dóm.noms, mrtóms.

4. Il Nom.-Voc.-Acc. Plurale inanimato in -., - un; Come, brocca. / jugá, néwa, mrwá.

5. Il Plurale Genitivo in -.m / -om (e -.m); come, w.q.m, dóm.n.m, ceiw.m, jug.m.

6. Il Plurale di Strumentale-locativo in - ois / -oisi; -.is /-.isi, ed anche, come nelle altre
declinazioni, Devia in - il bhis, - il bhos, - il bhios (- mis, - il mos); come, w.q.isi, w.r.is, néwoisu,
mrw.is.
m. wlqo- n. jugo-
NOM. w.q.s jugá
ACC. w.q.ms jugá
VOC. w.q.s jugá
GEN. w.q.m jug.m
DAT. w.qobhios jugóbhios
LOC. w.q.isi jugóisu
INS. w.q.is jugóis
ABL. w.qobhios jugóbhios

4.4. Terza declinazione


4.4.1. Terzo paradigma di declinazione

1. Terzi nomi di Declinazione finiscono nei, u (anche.) e Dittongo. La fine Nominativa è - s.

2. Questa declinazione corrisponde a nomi latini della terza Declinazione in di solito - i (il cf. Lat.
ciuis, ciuis, o le parità il partis), e della quarta Declinazione in - u (il cf. Lat. mais., corn.s, o portus,
port.s).

Paradigma di i/u-declinazione

Animato Inanimato
NOM. -s
ACC. -m

VOC. -Ø
GEN. -s
DAT. -ei
LOC. -Ø, - I
INS. -. /-. (- il bhi)
ABL. -s
NOTA. Reduplicazione o combinazione con le fini alternate - i, - ei / -oi e - u, - eu / -ou, era un
ricorso comune nei dialetti attestati che hanno distinto Dat. e Loc. in questa declinazione, come in -
i-ei, - l'ei-ei, - eu-ei, e così su, distinguere forme simili. Una distinzione comune di Loc. -i, Dat. -ei,
fu conosciuto a più dialetti di Tarda Torta, mentre un generale Strumentale in allungò -., -. (da Ins.
finendo * - l'e-h1) fu usato comunemente; l'Ablativo, quando appare, mostra la stessa declinazione
come il Genitivo.

3. L'anima negli ed u è maschile o femminile (indifferente alla distinzione in aggettivi); quegli in.
e., sempre femminile.

4. Il - analizzi indichi Nominativo e Genitivo: la distinzione è fatta attraverso la pieno-grado della


vocale di fronte alla declinazione, i.e. Gen. -ei-sfor i, - ou-s per u. ma per quegli in - il ti, - tu (batta
a macchina II), v.i.

NOTA. Il Vocativo dell'anima è lo stesso come il Nom.-Acc.-Voc. dell'inanimates. In nomi la


differenziazione non è necessaria, perché loro hanno vocali di gambo diverse; in aggettivi,
comunque un Vocativo singolare animato - i può essere un omofono con Nom.-Acc.-Voc. neutro
singolare - i; come e.g.. m.Voc. albhí, n.Acc. albhí. Questo è, tuttavia, un caso raro nel quale il
contesto è abbastanza per disambiguazione generalmente.

4.4.2. Nei, u

1. Nominativo Singolare Animato in - s; come in ówis[149], pecora, nóqtis124 notte, ghóstis26 ospite,
s..nus130 il
figlio (il cf. anche Gk. sújus), médhus, prato, egnís, fuoco, mánus, mano, adj. sw.dús, dolce
ecc.

2. Accusativo Singolare Animato in - il m; come in ówim, nóqtim, ghóstim, s..num, mánum,


ecc.

3. Vocativo Singolare Animato in - l'ei o - i, - l'euor - u; come in ówei-ówi, s..neu /s. .nou-s.. nu,
qualche volta la stessa forma Nominativa come sistematicamente in latino (il cf. Lat. hostis).

4. Il Nom.-Acc.-Voc. Singolare Inanimato in - i, - u; come in móri, pék.[150], médhu, sw.dú123.

5. Genitivo Singolare in - l'eis (- l'ois) o - (t) l'ios, - l'eus (- l'ous), - (t) l'uos; come in
egnéis[151], s..nous, owéis (anche il quadrante. ówios), mánous, pékwos, adj. sw.déus.

6. Dativo Singolare in - (ej) l'ei, - (ew) l'ei, - ou, anche con vocale lunga -.i, -.u, egnéi, nóqtei,
owéi, ecc.

7. Locativo Singolare in - (.) i, - (.) u, Strumentale in -., -. o quadrante. -bhi; come s..n (.) u, owí,
ow., ecc.

Dattilografi io Batta a macchina II Neutro

m. s.nu- f. owi- f. noq-ti- m. sen.-tu- n. peku- n. mori-


NOM. s..nus ówis nóqtis sen.tus péku móri
ACC. s..num ówim nóqtim sen.tum péku móri
VOC. s..nu ówi nóqti sen.tu péku móri
GEN. s..nous owéis nóqtios sen.tuos pékeus mórois
DAT. s..nou owéi nóqtei sen.tou pékou moréi
LOC. s.nú owí noqtí sen.tu pekú morí
INS. s..n. ow. nóqt. sen.t. pék. mór.
ABL. s..nous owéis nóqtios sen.tuos pékeus mórois

Il tipo forte

1. Il suo flesso è simile a quello dei, u, ma loro non hanno vocali alternate di fronte alla
declinazione, ed il. e. è sostituito prima vocalico da - l'ij, - l'uw. Loro sono femminili sempre, e loro
non possono essere inanimates né aggettivi. Loro sono soprattutto radici di Torta, e fondarono
principalmente in Indo-iraniano.

f. bhr.-[152] f. dngh.-3 f. swekr.-132 f. dh.-


NOM. bhr.s d.gh.s swekr..s dh.s
ACC. bhr.m d.gh.m swekr..m dhíjm
VOC. bhr. d.gh. swekr. dh.
GEN. bhruwés dnghuwós swekruwés dhijós
DAT. bhruwéi dnghuwóu swekruwéi dhijéi
LOC. bhruwí dnghuwí swekruwí dhijí
INS. bhr. (bhi) dngh. (bhi) swekr. (bhi) dhij. (bhi)
ABL. bhruwés dnghuwós swekruwés dhijós

4.4.3. In dittongo

1. Ci sono dittongo lunghi .u, .u, .u .i che qualche volta vocali corte e presenti, così come le altre
fini senza dittongo, i.e., .,..

NOTA. Gli ultimi probabilmente sono resti di più vecchi dittongo, da IE II. Perciò, anche
se dal punto di vista di Tardo proto-Indo-europeo ci sono solamente gambi con varianti .u,
.u., ecc, questi inscatolano tutto sia classificato come fini di Dittongo, perché i gambi
originali furono formati come dittongo nella storia di lingua. Qualche genere delle
irregolarità è solito nelle lingue di oggi, come già era quattro millenni fa.

In zero grado Genitives ci sono forme con - i - o - l'ij - o - u - o - l'uw -, dipendendo dai dittongo.
m. c.u-117 m. dj.u-63
NOM. c.us dj.us
ACC. c.m dj.m/dij.m
VOC. cóu djéu
GEN. cóus diwós
DAT. cowéi diwéi
LOC. cowí djéwi / diwí
INS. có. djé.
ABL. cóus diwós

NOTA. Questi sono dell'IE mette in parole, le formazioni di solito secondarie. specialmente fondò
in greco. in - l'eus, - l'euos, come in Av. b.z.us, Braccio, Gk. Basileus che è declinato anche così.

4.4.4. Il plurale nella terza declinazione

1. La tavola seguente dipinge il sistema plurale e generale, comune alla quarta Declinazione.

Animato Inanimato

NOM. -es
ACC. -m
-.
VOC. -es
GEN. -.m (-.m)
DAT.- -os di bh (- il mos) (i)
ABL.
LOC. -su / i
INS. -bhis (- mis)

NOTA. Le forme plurali ed inanimate, - un e -., corrisponda ad una più vecchia vocale di
gambo di un più primo palcoscenico della lingua, vale a dire * - il h2 e * - eh2, seguendo la
Teoria del Laryngeals.

2. Diversamente da nel Singolare nel quale solamente alcuni Nominativi hanno un - s, in Nom.-
Voc. Plurale il - s è generale, e c'è sempre una vocale di riparare-grado, e. Quindi, il Singolare-
plurale di opposizione in - s / -esis davvero una distinzione di Ø/e. Questa opposizione ha anche
qualche volta un altro marchio, la vocale di fronte alla fine (veda § 4.7).

3. Il Nom.-Voc. Plurale Animato è in normalmente - l'es; come in cówes, ówes, s..nes, ecc.

Ci sono forme in - ei-es per gli scaturisce, come in owéjes; in - eu-es per gambi di u, come in
s.néwes; in ijes, - l'uwes per.; come in bhrúwes; ecc.

4. Il Plurale Accusativo Animato è in - i m: ówims, s..nums, c.ms /cóums.

NOTA. Alcuni studiosi ricostruiscono per IE III la fine plurale ed accusativa - il ns,
perché la maggior parte delle proto-lingue attestate mostrano uno - ns (come delle fini in
Sanscrito o germanico) o vocale lunga, qualche volta con - s. La maggior parte di loro
ammettono anche un originale, più vecchio - il msform (un accusativo logico singolare - il
m - più il marchio plurale - s), ma loro preferiscono ricostruire gli attestarono - ns,
suggerendo così (implicitamente) una fase intermedia comune a tutte le proto-lingue,
i.e. IE II * - i m > IE III * - il ns > le proto-lingue - [n] s. Noi non sappiamo se accadesse
tale fase intermedia, e se facesse, se fosse comune a tutte le lingue, o se fosse solamente
comune a quelle lingue che presentano in delle declinazioni - il ns, e nelle altre declinazioni
un'altra fini. Quello che noi sappiamo con della certezza è che la forma - il msexisted, ed
almeno dai tempi di IE II, come lo show di dialetti di Anatolian.
5. Nom.-Voc. Acc. Plurale Inanimato in -., - l'a:pékw., mórja, médhw., sw.dwá, ecc.

6. Plurale genitivo Animato in - l'om /-.m (e Gmc. -.m): ówjom, nóqtjom s..nuw .m /s. .nuwom,
ców.m, ecc.

NOTA. Il - m dell'Acc. sg. Animi, Nom.-Acc.-Voc. sg. Inanimato e questo caso qualche volta
potrebbe essere confuso. È disambiguato col grado vocalico del Genitivo, pieno o allungato come il
singolare è Ø sempre.

f. owi- m. s.nu- f. bhr.- m. cou-


NOM. ówes s..nes bhrúwes cówes
ACC. ówims s..nums bhr.ms cóums
VOC. ówes s..nes bhrúwes cówes
GEN. ówjom s..nuw .m bhrúw.m ców.m
DAT. ówibhios s..numos bhr..bhos cóubhios
LOC. ówisi s..nusu bhr..se cóusi
INS. ówibhis s..numis bhr..bhis cóubhis
ABL. ówibhios s..numos bhr..bhos cóubhios

7. Il Devia è diviso in due gruppi generalmente, in - il bh - (quello di Lat., Gk., IO.-IO., Braccio.,
e Cel.) ed in - il m - (quello di Gmc. e Bal.-Sla.). C'è, così, - il bhis, - il bhos, - il bhios, - il bhi, e -
mis, - il mos; come, s..nubhis, s..nubhos, s..nubhios, s..numis, s..numos.

C'è anche un'altra fine possibile, che in - s-i, - s-u, s-e generalmente il Locativo (in me.-IO. e Bal.-
Sla.), ma anche possibilmente Dat generale.-Loc.-Ins. (come in greco); come, s..nusi, s..nusu,
s..nuse.

Nel Plurale Obliquo sistema specializzato che è una caratteristica comune di dialetti proto-Balto-
slavi e proto-Indo-iraniani, (e, a dell'estensione, di proto-greco e Proto-armeno) lo Strumentale
probabilmente fu formato addizione il marchio plurale - lo sto lo Strumentale Singolare della
Seconda Declinazione, - il bhi, - il mi. Il Dat.-Abl. fu opposto poi in gambo vocalico allo
Strumentale: - il bhosor - il mos contro - il bhis o - mis. Il Locativo fu fatto con un - s che marca il
plurale, ed un - iwhich è il Loc. marchio.

NOTA. La sua origine probabilmente è il marchio plurale - s - a che il caso locale che finisce - i è aggiunto.
Questa è una fine obliqua e generale nella declinazione tematica.

4.5. Quarta declinazione


4.5.1. Il paradigma

1. Il Gambo di Nomi delle Secondo fini di Declinazione in Consonante o Sonant, i.e. -n, - r, - s,
Occlusivo (specialmente - t) e raramente - l, - il m. Il flesso di anima essenzialmente è lo stesso
come quello del Secondo o Declinazione Tematica.

2. Nomi della quarta Declinazione in MIE corrispondono a nomi latini di prima Declinazione in -
r (il cf. Lat. magister, magistr.), e terza Declinazione in consonante (il cf. Lat. pr.nceps, pr.ncipis,
phoen.x, phoen.cis, c.n.men, c.n.minis, ecc.), ed ai greci Antichi declinazione Labiale e Velare (il cf.
Gk. ...., ......, o ...., ......).
La fine Nominativa è - s (con Occlusivo, - il m, - l), ma c'è anche un Sg Nominativo. con vocale di
gambo pura (desinenza - Ø ed allungò vocale di fine), così che il Vocativo di pieno-grado è reso
differente. E non c'è confusione in Nom./Gen., come - lo shas un grado vocalico e diverso (Nom. -s,
Gen. -es o - l'os).

Paradigma di consono-declinazione

Occlusivo, - il m, - l -r, - n, - s
NOM. -s -Ø (vocale lunga)
ACC. -m [il m.]
VOC. -Ø -Ø (pieno grado)
GEN.-ABL. -e / os
DAT. -ei
LOC. -i
INS. -bhi (- il mi)

NOTA. Queste fini Oblique e specializzate probabilmente stavano dividendo già nella Tarda Torta,
almeno in una base di dialetto-a-dialetto. Compari Dat Indo-iraniano. -ei, Loc. -i; Dat corsivo. -ei,
Loc.-Inst.-Abl. -i; Inst greco. -bhi; in Inst Balto-slavo. -mi, e così su. Non c'è nessun modello
originale ed esatto che include ogni dialetto, ma noi possiamo implicare affidabilmente una
declinazione Obliqua ed originale - gli nel quale aveva diviso - i (Loc.) e - l'ei (Dat.) già nella Tarda
Torta.

3. Inanimates ha gambi di vocale puri con gradi vocalici e diversi. In nomi non dovrebbe essere
confusione a tutto, come loro sono parole diverse, ma gli aggettivi di neutro potrebbero essere
fraintesi in Nominativo o Vocativo Animi. La distinzione è ottenuta così con vocalism, come in -.n
Animato contro. Inanimato - su, -.s Animato contro. Inanimato - l'es (nomi di neutro in - s sono in -
l'os).

4.5.2. In Occlusivo, m, l

1. Sg nominativo.Anima in - s; come, d.ms, casa, p.ds37 piede, bh.ghs128 seppellisce, d.nts173,


dente.

2. Accusativo Singolare Animato in - il m [il m.]; come, d.mm, p.dm, bh.ghm, d.ntm.

3. Vocativo singolare animato in - Ø; un peccato p.d, bhrgh, d.nt.

4. Il Nom.-Acc.-Voc. Singolare Inanimato in - Ø, col vario vocalisms; come in krd[153]

5. Genitivo Singolare in - es/-os; come in péd (e) s / pedés, dént (e) s / dentés, dém (e) s / demés.

6. Dativo Singolare in - l'ei: pedéi, dontéi, bhrghéi, ecc.


7. Locativo Singolare in - i: pedí / pédi, d.nti, bhrghí, ecc.

m. ped- m. d.nt- n. krd-


NOM. p.ds d.nts krd
ACC. p.dm d.ntm krd
VOC. p.d d.nt krd
GEN. pedés dentós krdós
DAT. pedéi dentéi krdéi
LOC. pedí dentí krdí
INS. pedbhí dentmí krdbhí
ABL. pedós dentós krdós

4.5.3. In r, n, s

1. Nominativo Singolare Animato in - Ø con vocale allungata; come in m.t.r /m.t.r14, madre,
kw.n[154], cane, ghés.r la mano (il cf. Hitt. ki..ar, Gk. kheirí), ór.n139, aquila.

Gambi in s, ndher-gen.s, degenerato, gén.s32, ceppo, áus.s69, alba, nébh.s31, nube.

2. Sg accusativo. Animi in - il m; come in m.térm, kwónm, ndheregenésm, áusosm, ghesérm.

3. Vocativo Singolare Animato in - Ø con la piena vocale; come in m.tér, kúon, áusos.

4. Il Nom.-Acc.-Voc. Singolare inanimato in - Ø; come in nómn, génos.

Gli aggettivi in - s hanno il neutro in - l'es: (a) sugenés (il cf. Gk. eugenes, O.Ind. sugana.)

5. Genitivo Singolare in - es/-os; come in m.trés /m.trós (anche m.t.s, pat.s, bhr.trs, ecc.), kunés /
kunós, nomnés / nomnós, ornés.

Nomi ed aggettivi in - s hanno un e, non un o, come la finale vocale di gambo: genesés, ausosés.

6. Dativo Singolare in - l'ei, Locativo Singolare in - i: m.térei, m.téri kwónei, ausoséi il ghésri
ecc.

8. Strumentale Singolare in - il bhi (dialettale - il mi): m.trbhí, kunbhí, ausosbhí, ecc.

m. kwon f. m.ter n. genos n. nomn adj. m. ndhergenes


NOM. kw.n m.t.r gén.s nómn ndhergen.s
ACC. kwónm m.térm gén.s nómn ndhergenésm
VOC. kwon m.tér gén.s nómn ndhergenés
GEN. kunés m.trós genesós nomnós ndhergenéses
DAT. kunéi m.tréi geneséi nomnéi ndhergen.sei
LOC. kwóni / m.t (é) rí genesí nomní ndhergen.si
kuní
INS. kunmí m.trbhí genesmí nomnbhí ndhergen.smi
ABL. kunós m.trós genesós nomnós ndhergen.sos

4.5.4. Il plurale nella quarta declinazione

Con un paradigma comune alla terza Declinazione, ecco degli esempi flesso.

m. kwon f. m.ter m. d.nt-n. genos


n. nomn-
NOM. kwónes m.téres génesa d.ntes n.mna
ACC. kwónms m.t.ms génesa d.ntms n.mna
VOC. kwónes m.téres génesa d.ntes n.mna
GEN. kunóm m.tr.m genes.m d.ntóm n.mnóm
DAT. kunmós m.trbhiós genesbhós d.ntbhiós n.mnbhiós
LOC. kunsú m.trsú genessí d.ntsí n.mnsí
INS. kunmí m.trbhís genesbhís d.ntbhís n.mnbhís
ABL. kunmós m.trbhiós genesbhiós d.ntbhiós n.mnbhiós

4.6. Nomi variabili


4.6.1. Molti nomi variano in Declinazione, e loro stati chiamati Heteroclites.

Nota. i.e., "nomi di flessi diversi (......, "un altro", ....., flettere")"

4.6.2. Le forme di Heteroclitic sono isolate ed arcaico, dato solamente in Inanimates, come resti di
un più vecchio sistema bene attestò in Anatolian.

4.6.3. Loro consistono di una forma per marcare il Nom.-Acc.-Voc, ed un altro per il Devia, come
e.g..

a. Opposizione Ø-n: d.rus, drunós54, albero; .s, .sónos, bocca.

b. Opposizione r - (e) n:ágh.r, aghnós60 day;bh.m.r, coscia di nés di bh.m (e) j.qr (t), j.qn (t)
ós fegato, wód.r il wodonós (il cf. Ottenuto. wato / watins), úd.r, ós di udn (t) (il cf. Gk. úd.r,
údatos), annaffi, ecc.

NOTA. Per bhed (h) di radice di Torta, cf. Slav.bedro, Lat. femore, feminis / femoris; per Torta j.q.,
cf. Gk. h.par, Lat. iecur, Av. y.kar., per jeq. il cf. Ved. yák.t, e compara il suo Obl. Skr. yakn-ás, Gk.
h.pat-os < * h.pn. (t).

4.6.4. TheHeteroclites segue la forma del Genitivo Singolare quando formando il Devia. Quello è
così nell'allungamento di fronte a declinazione, vocalism, e nell'accento anche.

4.7. Vocalism di fronte alla Declinazione


4.7.1. La vocale di Predeclensional è che che precede la fine, anche la fine di Ø; i.e., noi diciamo
quel Nom. pat.r57 (< più vecchio * il patér-s) ha una vocale di predeclensional lunga; che il
patérhas di Vocativo un pieno, e quel pat.s l'ha Ø. Gli altri esempi delle tre possibilità sono p.d,
bacello e - il pd -.

NOTA. I cambi vocalici in timbro e grado non sono significativi da soli, loro sono
multifunzionali: loro possono avere solamente significato in una specifica declinazione, e
non è necessariamente sempre lo stesso. Loro stanno disambiguando così elementi che
aiutano a distinguere omofono (i.e., parole che sembrano simili).

4.7.2. Due generi di flesso nominale non hanno vocale alternata: che nei, u, e che dei participi di
Riduplica.

4.7.3. Gambi in r e n hanno due possibilità, ambo con un Nom. sg. in - Ø ed allungò vocale.

1. Nom. con vocale allungata, Acc., Voc. con la piena vocale, e Gen. -Ø. Il timbro può essere ed od
o, dipendendo dalle parole.

a. In r, come in Nom. m.t.r (< più vecchio * m.tér-s), Acc. m.térm, Voc. m.tér, Gen. m.trós.

b. In n, in gambi di radice di Torta come in cane: Nom. kw.n/kuw.n (< più vecchio * il kwon-s),
Acc. kwónm / kuwónm, Voc. kúon / kúwon, Gen. kunós.

2. Qualche volta, il Genitivo ha un pieno grado come l'Accusativo ed il Vocativo. Questo grado è
ridondante, non necessario per il disambiguazione del Genitivo del Nominativo. C'è, come timbri
su, diversi ed ed o, qualche volta o in Nom.-Acc.-Voc., ed ed in Gen., qualche volta o in Acc.-Voc.-
Gen. ed ed in Obl.

4.7.4. C'è di solito lo stesso vocalism in nomi che finiscono in Occlusivo.

Un'eccezione è fatta negli aggettivi e participi in - nt che presenta vocale lunga nel Nominativo, la
piena vocale in Accusativo e Vocativo e zero-gradein il Genitivo; cf. bher.nts/bheróntm/bherntósor
bher.nts/bheréntm/bherntós.

NOTA. Ci sono resti di quello che sembra essere un più vecchio vocalism alternato in
monosyllabics. Il varianti ped / bacello, neqt / noqt, ecc. suggerisca un originale (i.e. IE
II) il paradigma Nom.p.d-s, Acc. p.d-m, Gen. ped-ós. Questo è, di nuovo, quasi sempre
irrilevante per indoeuropeo Moderno nel quale ambo le forme alternate possono apparire
in vocabolario gelato, o con od o e.

4.7.5. Gambi in s non presentano una zero-grado. Anima, come già disse, opponga un Nominativo
di allungare-vocale agli altri casi che hanno la piena vocale, i.e., Nom. -.s, resto - es, Nom. -.s, resto
- l'os.

4.7.6. Noi già sappiamo quello che accade con gambi nei, u che ha due modelli generali:

1. Nom. -i-s, Acc. -i-m, Voc. -ei o - i, Gen. -i-os / Nom. -u-s, Acc. -u-m, Voc. -ei o - i, Gen. -u-os

2. Nom. -i-s, Acc. -i-m, Voc. -eu o - u, Gen. -ei-s / Nom. -u-s, Acc. -u-m, Voc. -eu o - u, Gen. -eu-
s
NOTA. Questa è un'inversione della situazione normale: il Nom.-Acc.-Voc. ha zero-grado
(ma per del Voc.), il Gen. Ø o pieno. La distinzione è ottenuta attraverso forme alternate;
come in Voc., in che la fine - ei lo distingue da Neutri in - i; o con cambi di e/o.

4.7.7. Quegli in Dittongo Lungo avvicendano il dittongo (o vocale lunga) con jor w che
rappresenta la Ø-grado; come in dj.us63, dj.m, diwós; o n.u-s127, naw-ós. Vocalism di uniforme
(i.e., nessun cambio vocalico) è generalizzato, tuttavia.

NOTA. Questi dittongo riflettono un possibilmente la più vecchia situazione, di una


quantità positiva vocalica un laringeo (come * - l'eh2) e loro probabilmente sono riferiti a
nomi in un, ed anche a quegli in ed ando.

4.7.8. Gambi in. di solito mantenga un vocalism di uniforme: Nom.-Voc. -., Acc. -.m, Gen. -.s. Ma
quelli nei. /. può avvicendare Nom.-Voc. -i. /-., Gen. -i.s.

Ci sono anche resti di -. in Voc. (e Nom pari.), così come - ai, cf. Gk. ..... (gunai, un esempio
trovato anche in armeno), Gk. ....... (Eur.pai) e le altre forme in - ai in latino (come rosae < - * il
rosai), Vecchio indiano e gli altri dialetti di IE. Il -. e -. le fini hanno anche tracce di avvicendare
cambi fonetici.

NOTA. In O.Gk. ...... (Eur.p.), ...... (Eur.p.), il Genitivo è Eur.p-ai che dà anche l'aggettivo
tematico Eur.pai-ós, da adesso Eur.paiós aggettivale Indoeuropeo e Moderno,
Eur.pai., Eur.paióm, e nominalizzò forme (con turno di accento) Eur.páios/Eur.paios, -
l'om, -.. In latino questo - l'ai-o - corrisponde a - l'ae-u -, e così Europae-noi, - un, - l'um.
Veda anche § 1.7.5.

4.7.9. Finalmente, i gambi di Neutro distinguono il Nom.-Acc.-Voc. forme avendo una vocale di
predeclensional, normalmente Ø (la fine è anche Ø, ma per gambi tematici), come noi abbiamo visto
in nomi che finiscono nei, u, r n ed Occlusivo; come mádhu, n.mn, krd. Ci sono eccezioni,
tuttavia:

1. Nomi con vocale allungata o piena; come, Gk. úd.r61 (da údros, cf. anche O.Ind. áhar)

2. Nomi in s non possono avere - Ø -, loro hanno - o - in nomi, - e - in aggettivi; come in gén.s,
corsa; adj. eugen.s, di buona corsa.

3. Finalse / o hanno una vocale di predeclensional di uniforme, normalmente o, più Nom.-Acc.-


Voc che finisce - il m.

NOTI 1. Nei casi Obliqui, i neutri sono declinati come l'anima.

NOTI 2. Non ci sono neutri in - un, ma per quelli che divennero nomi plurali e comuni,
come e.g.. n. Búbli., Bibbia, illuminato. "i libri", da Gk. búbliom, libro.

4.8. Vocalism nel plurale


4.8.1. Vocalism nel Plurale è lo stesso come nel Singolare generalmente. In Nominativo-vocativo
ed Accusativo, i casi diritti, il pieno grado vocalico è generale (c'è nessuno Nominativo con vocale
allungata), e nel Genitivo la zero-grado è generale. Ma ci sono anche delle situazioni speciali:
1. Ci sono esempi di piena vocale in Nom.-Voc.; gambi in - l'ei-es e - eu-es (nei, gambi di u); in -
l'er-es, - o-es; - l'en-es, - su-es; - l'es-es.

2. Qualche volta, il timbro vocalico varia; come, ákm.n/ákmenes, (acuto) prenda a sassate che dà
Lith. akmuö / akmenes, O.C.S. kamy / kamene, e così su.

3. Ci sono anche delle zero-grado; cf Gk. óies. Anche delle forme analogiche, come Gk. kúnes,
Lat. carnes.

4.8.2. La Ø-grado, un'eccezione nel Nom.-Voc., è solito in Plurale Accusativo nei, gambi di u;
come in derivatives con forme - i-ns, - l'u-ns.

Come una regola generale, poi il Plurale ha una piena vocale: ákmenes, m.téres, ecc.

4.8.3. I gambi in s di Inanimates nel Nom.-Acc.-Voc. Presente plurale - es-un, - l'es -.: loro
seguono il timbro vocalico nel flesso intero, ma per il Nom.-Acc.-Voc. Singolare in - l'os. Il resto è
in - Ø.

4.8.4. Il vocalism generale del Plurale Genitivo è Ø. Ma il pieno grado qualche volta è trovato,
anche; come in ákmenom. I gambi più comuni nei quali può essere trovato il pieno grado sono n e
qualche volta r; come in m.tr.m che potrebbe essere anche m.tér.m.

Sommare su, il Plurale Nominativo di solito è opposto a Nominativo Singolare, mentre Genitivo
ed Accusativo tenda ad assimilare Singolare e Plurale. Quando gli ultimi sono gli stessi, la piena
vocale è trovata nell'Accusativo, e Ø nel Genitivo.

4.8.5. Nel Devia, dove c'è una distinzione, la forma è quella del Nominativo Singolare Animato o
Nom.-Acc.-Voc. Singolare inanimato; e quando, in alcuno di loro, è una distinzione fra pieno - e Ø-
grado, loro prendono gli ultimi. Un esempio di Anima è bacello che dà Nom. p.ds, Gen. pedós,
Obl. Podbhís plurale. In Inanimates accade con sstems che ha - os in Nom.-Acc. e - es negli altri
casi; come in gén.s, genesí, genesbhós. Ed in Heteroclites che oppone un - n nei casi che non sono
Nom.-Acc.-Voc. con r, s o Ø.

La zero-grado nella sillaba di predeclensional è molto comune, se ha il vocalism Genitivo o il


pieno; come, kw.n/kunsí. Questa Ø-grado è trovata anche in gambi di r, come in patrós,
patrbhiós. E così nei, u, anche scaturisce, in Nom. ed Acc. Sg., mentre e è trovato altrimenti (in
Nom. Pl., e qualche volta in Gen. Sg. e Pl.). Il Devia Plurale abbia Ø; come, egníbhios, egnísi,
egníbhis; ghóstibhis, ecc.

4.9. Accentui in declinazione


4.9.1. Solo piaccia gradi vocalici, l'accento è usato (normalmente ridondantemente) per opporre i
casi Diritti (Nom.-Acc.-Voc.) all'Obliquo uni.

NOTA. Questo è uno del peggiore ricostruì parti di proto-Indo-europeo, come ogni lingua
ha sviluppato il suo proprio sistema di accento. Sanscrito solamente Vedico, greco e dialetti
Balto-slavi sembrano avere trattenuto più o meno il sistema di accento più grande, ed
anche questi hanno subito sistematizzazione diversi che ancora oscurano più la situazione
originale in proto-Indo-europeo

4.9.2. In monosyllabics, il sistema alternato chiaramente è osservato:

Nom. p.ds, Acc. p.dm, Gen. pedés.

Nom. kw.n, Acc. kwónm, Gen. kunós.

4.9.3. C'è in polysyllabics, e.g.. dhúg (a) t.r131, trós di dhug (a), ecc., ma anche bhr.ter, bhr.trs
(il cf. Skr. bhartu., O.N. bróðor), o m.t.s (il cf. O.Ind. matúr), pat.s (il cf. Ottenuto. fadrs), e così
su.

1. Gambi nei, u, probabilmente aveva un accento di radice in Nom.-Acc., ed un Genitivo con


accento su declinazione, come nel resto di esempi.

2. Quegli in. non è ricostruito chiaramente, perciò il sistema alternato è mantenuto.

3. Il Vocativo potrebbe essere distinto con l'accento. La regola generale, osservata in Skr., Gk. ed
O.Sla., è che è atono, ma per l'inizio di una frase; in questo caso, l'accento va nella prima sillaba,
renderlo differente dal Nominativo con accento su declinazione.

NOTA. L'accento nel Vocativo è riferito anche all'intonazione della frase.

4.9.4. Nel sistema Plurale nessun modello di accento generale può essere trovato. Ogni dialetto
Indoeuropeo sviluppò il suo proprio sistema per distinguere gli omofono in Singolare e Plurale. Nel
Devia, comunque, l'accento è quello del Genitivo, quando è opposto al Nom.-Acc; come in
patrbhiós, m.trbhís, ecc.

NOTA. La così-calledqetwóres-regola era stata osservata dai più primi studiosi, ma ha attirato
solamente recentemente attenzione. È una legge di suono di accento di Torta, affermando che in una
parola di tre sillaba é-o-X l'accento sarà traslocato al penultimo, e-ó-X. Gli esempi includono
qetwóres < qétwores, quattro accusativi singolari di r-gambi (il cf. swesórm < lo swésorm,
sorella), di r / n-heteroclitica (il cf. ghesórm < il ghésorm, mano), di s-gambi (il cf. IE * il
h2ausósm < * il h2éusosm, alba). Questa regola è alimentata da un finto più presto legge di suono
che cambia * l'eto IE o dopo una sillaba accentuata, i.e. qetwóres < il qétwores < * il qétweres. Rix
(1988) invoca questa regola per spiegare perché nella Torta Perfezioni la radice di o-grado è
accentuata, e.g.. Gegón - / il gégn- < il gégen - / il gégn, creò, procreò.

4.10. Parole composte


4.10.1.Nominal Compositum o la composizione nominale è il processo di mettere insieme due o
più parole per formare un'altra parola. La parola nuova, chiamò una Parola Composta, è o un Nome
o un Aggettivo, e non ha necessariamente lo stesso significato come le sue parti.

4.10.2. Il secondo termine di una Parola Composta può essere

un) un Nome (Gk. akró-polis, "città alta la cittadella")

b) un Aggettivo (Gk. theo-eíkelos, "simile ai dei") o


c) un Nome adattò al flesso aggettivale (Gk. arguró-tozos, "arco di argento")

NOTA. Qualche volta un suffisso è aggiunto (il cf. Gk. en-neá-boios, "di nove vacche"), ed il
Nome Composto può avere un genere diverso che il secondo termine (il cf. Lat. triuium, strade
oblique" da tr.s ed uia).

4.10.3. Il primo termine è un Gambo Puro, senza distinzione di classe di parola, genere o numero.
Può essere un Avverbio, un Numerale (Gk. trí-llistos, "supplicò tre volte", polú-llistos "molto
supplicato") o un Pronome (il cf. O.Ind. tatpuru.a "che equipaggia"), così come un gambo
Nominale-verbale con Nominale (Gk. andra-phónos "che uccide un uomo"), Adjetival (Gk. akró-
polis), o funzione Verbale (Gk. arkhé-kakos "che comincia il cattivo"), ed anche un Aggettivo
corretto (Gk. polú-tropos, "di molte risorse").

4.10.4. Di solito, il primo termine ha zero-grado, cf. O.Ind. .r-hán, Gk. polú-tropos, Lat. aui -
(berretti), ecc. Eccezioni comuni sono gambi in - e / os, come Gk. sakés-palos "che scuote lo
scudo" (Gk. sákos, "scudo"), e dei suffissi nei quali sono sostituiti da un allungamento - i, cf. Gk.
kudi-áneira "che glorifica uomini" (Gk. kudrós), Av. b.r.zi-.axra-, "di ruote alte" (Av. b.r.zant-).

In gambi Tematici, comunque il tematico - e/o appare sempre, come un Nome di oif o Aggettivo
(Gk. akró-polis), come un e se Verbo (Gk. arkhé-kakos).

4.10.5. Il primo termine definisce il secondo di solito, il contrario è raro; i tipi Composti e
principali sono:

A. Formato da Verbi, cf. O.Ind. .r-hán, Gk. andra-phónos (Gk. andro - è più nuovo) Lat. auceps,
O.Sla. medv-.d., "miele-mangiatore", nasca, ed anche col secondo termine che definisce il primo,
come Gk. arkhé-kakos.

B. Determiners nominale (prima il termine definisce il secondo), con primo termine Nome (il cf.
Gk. m.tro-pát.r, il padre" di "madre, goto. þiudan-gardi, "regno"), Adective (il cf. Gk. akró-polis,
O.Sla. dobro-dio., il "buon tempo", O.Ir. trovare-airgit, "pianta bianca", Lat. angi-portus, passaggio
stretto"), o Numerale (il cf. Lat. tri-uium, da uia Gk. ámaza, "cornice di carro" da áz.n).

C. Determiners aggettivale (tatpuru.a- per grammatichi indiani), con primo termine Nome (il cf.
Gk. theo-eíkelos, goto. gasti-dio "buono per gli ospiti"), Avverbio (il cf. O.Ind. ájñ.tas, Gk.
ágnotos, "ignoto" phroudos "che è in viaggio" da pró ed odós).

D. Possessivo Combina (bahu-vrihi - "che ha molto riso" per grammatichi indiani), come in Eng.
a piedi nudi", con (chi va) piedi nudi", col primo termine Nome (il cf. Gk. arguró-tozos, O.Sla. .r
.no-vlad., "di capelli neri"), Aggettivale (il cf. Lat. magn-animosità, "di grande spirito"), Avverbio
(il cf. O.Ind. durman.s, GK. dus-men.s, "cattivo").

L'accento potrebbe distinguere anche il Determiners dal Possessives, come in O.Ind. r.ja-putrás, il
figlio" di "un re, da O.Ind. rajá-putras "che ha un figlio come re, il padre" di re.
5. Aggettivi
5.1. Flesso di aggettivi
5.1.1. In IE III, il nome potrebbe essere determinato in tre modi diversi: con un altro nome, come
in "muro di pietra"; con un nome in Genitivo, come nella casa" di "il padre; o con un aggettivo,
come in "amore paterno." Questi sono del tutto possibili in MIE anche, ma l'aggettivo corrisponde
al terzo modo, i.e., a quel genere di parole. possibilmente dedusse da più vecchio Genitives. quello è
declinato per farlo essere d'accordo in caso, genere e numero col nome che loro definiscono.

5.1.2. L'aggettivo è dai più vecchi palcoscenici come un nome, ed addirittura oggi lingue
Indoeuropee hanno la possibilità di creare un nome (come inglese) un aggettivo, o un nome un
aggettivo (prenda a sassate muro). Delle parole sono come bene inoltre, nomi ed aggettivi: w.s.n79,
maschio, uomo può essere il soggetto di un verbo (i.e., un nome), e può determinare un nome.

La maggior parte dei gambi sono davvero indifferenti all'opposizione nome / aggettivale, ed anche
la maggior parte dei suffissi. Anche, il loro flesso è comune e le differenze sono normalmente
secondarie. Questa è la ragione perché noi già abbiamo studiato le declinazioni aggettivali; loro
sono gli stessi come il nome.

5.1.3. Fin dalla lingua di IE più grande erano comunque, nomi diversi da aggettivi, come w.qos o
p.ds ed aggettivi diverso da nomi, come rudhrós61 solwós, ecc. I nomi potevano, a turno, sia usato
come aggettivi, e gli aggettivi siano nominalizzati.

NOTA. C'era già in IE II dei trend di specializzazione aggettivale, con l'uso di suffissi
vocalism, accento e qualche volta flesso che cambiò un nome ad un aggettivo e viceversa.

5.2. Il moto
5.2.1. In concordanza col loro uso, gli aggettivi distinguono genere da forme diverse nella stessa
parola, e sono d'accordo coi nomi che loro definiscono in genere, numero e caso. Questo è il Moto
dell'Aggettivo.

5.2.2. Noi vedemmo in § 3.4. che ci sono dei casi rari di Moto nel nome. Qualche volta
l'opposizione è fatta tra nomi, e questo sembra essere la più vecchia situazione; come, pat.r-m.t.r,
bhr.t.r-swés.r.

Ma un aggettivo distingue tra che ha caratteri maschili, femminile e neutro, o almeno tra animato e
neutro (o inanimato). Questa opposizione è di due generi diversi:

a. Anima è opposto ad Inanimates da declinazione, vocalism ed accento; come, - os / -om, - is/-i, -


nts/-nt, -.s /-es.

b. Il che ha caratteri maschili è opposto al femminile, quando accade, dalla vocale di gambo;
come, - l'os /-., - nts / -ntia (o - il nt.), - noi / il -u.

Il sistema generale può essere dipinto così:


Anima Inanimates

Maskuline Femminile Neutro


1. -os -. -om
2. -è -è -i
3. -nts -nti./-nt. -nt
4. -.s -.s -es
5. -noi -u. -u

NOTA. L'opposizione maschile-femminile possibilmente è nuova alla Tarda Torta, IE II


.as i dialetti di Anatolian mostrano. probabilmente aveva solamente un'opposizione
Animato-inanimata. L'esistenza di qualche genere di aggettivi è molto importante per una
comunicazione facile come, per esempio, gli aggettivi in -. è solamente femminile
(diversamente da nomi che possono essere anche maschili). Un ostem seguito da un - s in
Nom. Sg. è animato o maschile, mai femminile solamente, mentre c'è ancora rimane di
nomi femminili in - l'os.

5.2.3. Compari gli esempi seguenti:

1. Per i cosiddetti aggettivi tematici, in - il ós, -., - óm, cf. kaikós, -., - il óm, cieco (il cf. Lat.
caecus, Gk. ......, un vento di nord), akrós, -., - il óm, si inacerbisca, newós, -., - om, nuovo il
rudhrós, -., - om, rosso il koilós, -., - il óm, vuoto (il cf. Gk. ......, forse anche Lat. caelus, caelum),
elnghrós, -., - il óm, luce (il cf. Gk. .......), ecc.

2. Per aggettivi in - il ús, - u., - ú, cf. sw.dús, - u., - ú, dolce il mreghús, - u., - ú, breve, lchús - u.,
- ú, luce, tnús - u., - ú, allungato il mldús, - u., - ú, molle .kús, - u., - ú, rapido. Gli altri esempi
comuni includono .sús, bene bhanghús, denso gherús, piccolo, cattivo ús di macchina (.w),
cattivo dalkús, dolce dansús, denso dhanghús, rapido laghús, luce maldús, molle pnghús, spesso
tegús, grasso, denso tanghús, grasso, obeso udhús, rapido, immediato ecc.

5.3. Specializzazione aggettivale


5.3.1. La specializzazione di aggettivi da nomi non è assoluta, ma una domanda di grado, come
e.g..

1. Gambi in - i nt sono aggettivi di solito, ma loro furono assimilati anche al sistema di verbo e
sono divenuti (Presente) Participi.

2. Parole in - ter sono nomi, e gli aggettivi sono dedotti in di solito - il triósand altri.

3. Nomi in - ti hanno aggettivi in - tikós che di solito ha un significato etnico.

4. Qualche volta la distinzione è fatta con vocali alternate: neutri in - om ed aggettivi in -.s, - l'és.

L'accento normalmente è usato per distinguere nomi tematici in - os con adj. in - il ós


(principalmente - il tós, - il nós).
NOTA. Ci sono qualche volta processi secondari che spostano l'accento da un aggettivo
per creare un nome; cf. Gk. leukós, "bianco", léukos, "macchia bianca." Queste correlazioni
nome-aggettivale spesso fu creato, ma da del punto la derivazione di aggettivi fu fatta
avanti con suffissi piaccia - il ment (- l'uent), - il jo, - a, - no, - iko, ecc. Ci sono
comunque, resti abbondanti della vecchia identità tra nome ed aggettivo in IE III e perciò
in indoeuropeo Moderno. Un esempio del turno di accento è quello di Eur.p-ai-o- che come
un aggettivo è Eur.paiós, Eur.pai., Eur.paióm, come un nome l'accento è spostato
verso la radice.

5.4. Paragone di aggettivi


5.4.1. In indoeuropeo Moderno, come in inglesi, sono tre gradi di paragone: il Positivo, il
Comparato ed il Superlativo.

NOTA. Non c'erano gradi nei dialetti di Anatolian, e perciò probabilmente né in Torta
Media. È perciò un'innovazione di IE III, più lontano sviluppò da ogni dialetto dopo le
grandi migrazioni di IE.

5.4.2. Il Comparato è formato aggiungendo generalmente - l'ió - che ha varianti - l'ijó - e - l'ison;
come in sen-iós (Lat. senior), più vecchio, meg-iós, più grande (il cf. "maggiore"), ecc.

5.4.3. Lo stesso suffisso è la base per il Superlativo - l'istó - (da - essere-a -); come in
mreghwistós, più breve, newistós, più nuovo ecc.

Gli altri suffissi di Superlativo dialettali includono: O.Ind. e Gk. -tero -, Gk. -tm-a - (Gk. tato, cf.
O.Sla., O.Ind. *pr.jótm.os) O.Ind. -tmo -, Ita. e Cel. -mo -, - lo smo -, - il tmo -, e steso - essere-smo
-, - uper-mo -, Lat. summus < il súp-mos; Skr. ádhamas, Lat. infimus < .dh-mos; lat. maximus <
mág-s-mos; lat. intimus (il cf. intus) < én- / n-t-mos, intimo. Questi sono tutti i derivatives del
suffisso - mós, i.e., [il mos] o [m.os]. Il suffisso è anche presente negli altri aggettivi, ma prese il
grado Superlativo di solito.

5.4.4. È interessante per indicare che ambo i suffissi, - l'io - (anche - il tero -) e - essere-a -,
probabilmente aveva un significato nominale ed originale. Così, gli allungamenti in - l'ioshad un
significato; come in latino, dove junióses e senióseswere usato per gruppi di età; o quegli in - il
teros, come m.térter., zia sul lato della madre, ekw.teros, mulo.

NOTI 1. Probabilmente forme come junióses non sono le più comuni di IE, anche se davvero
attestò in dialetti diversi; suffissi davvero aggettivali - l'iós, - istós sono aggiunti alla radice (in e-
grado) senza i suffissi iniziali, mentre - il teros e - tmós sono aggiunti coi suffissi. Compari e.g..
O.Ir. sír, cp. sía < s.iós, 'il longus, longior'; lán (pl.nus cf. lín 'il numerus'), cp. lia < pl.iós (ploios di
Lat, Gk. pléos); cf. Lat. ploirume, zero-grado Lat. maios, O.Ir. mía. Per júwenes noi troviamo
quindi, Umb. cp. jovie < * jowi.-s, O.Ir. óac 'l'iuuenis', óa 'l'iunior'; óam 'l'iuuenissimus', O.Ind.
yu.va (n) - (y..nah.), cp. ya.v.yas-, sup. ya.vis.t.a-h.

NOTI 2. In latino (e germanico), come già disse, l'intervocalico - s - è espresso, e poi è


pronunciato come la consonante trillata, cosa è conosciuto col nome di rhotacism. Da
adesso Lat. andseniores di iuniores.

5.5. Numerali
5.5.1. La classificazione di numerali

Numerali Indoeuropei e moderni possono essere classificati come segue:

IO. Aggettivi di numerale:

1. Numeri cardinali, rispondendo alla domanda quanti? come, óinos, one;dwo, due, ecc.

2. Numeri ordinali, gli aggettivi dedussero (in più casi) dal Cardinals, e rispondendo alla domanda
che in ordine? come, pr..wos, prima; álteros, secondo, ecc.

3. Numerali distributivi, rispondendo alla domanda quanti ad una durata? come, sémni, uno ad
una durata; dwíni (anche il dwísnoi), due entro due, ecc.

II. Avverbi di numerale, rispondendo alla domanda come spesso?come, smís, una volta; dwis, due
volte ecc.

5.5.2. Cardinals ed Ordinals

1. Queste due serie sono come segue, da uno a dieci: [155]

Cardinale Eng. Ordinale Eng.


1. óinos, óin., óinom uno pr..wós prima
2. dwó, dw., dwói due alterós (dwoterós) secondo
3. tréjes, tresrés / trisóres, tr. tre triós, ós di trit (i) terzo
4. qétwor (qetwóres, qetwesóres, qetw.r) quattro qturós, qetwrtós quarto
5. pénqe cinque pnqós, penqtós quinto
6. s (w) eks (weks) sei (*suksós), sekstós sesto
7. séptm / sept. sette septmós settimo
8. ókt. (u) otto okt.wós ottavo
9. néwn nove nownós, neuntós nono
10 dékm / dek. dieci dekmós, dekmtós decimo
.

NOTA. Gli Ordinals sono formati per mezzo del suffisso tematico - o che provoca la
sillaba che viene di fronte alla fine ad avere zero grado. Questa è la più vecchia forma che è
combinata con un suffisso più nuovo - a. Per sette ed otto non è grado del zero, dovuto
probabilmente alle loro vecchie radici.

2. Le forme da undici a diciannove furono formate da copulativo di solito combina con l'unità più
- dekm, dieci. [156] da adesso usi Indoeuropei e Moderni il sistema seguente:
Cardinale Ordinale
11. óindekm ós di oindekm (t)
12. dwódekm ós di dwodekm (t)
13. trídekm ós di tridekm (t)
14. qetw.dekm ós di qeturdekm (t)
15. penqédekm ós di penqedekm (t)
16. séksdekm ós di seksdekm (t)
17. sept.dekm ós di septmdekm (t)
18. okt.dekm okt.dekm (t) ós
19. new.dekm ós di newndekm (t)

3. I tens furono formati con le unità con normalmente allungò vocale / sonant ed un generale -
kmt./-komt (a)[157], "gruppo di dieci", anche se alcune differenze dialettali esisterono. [158]

Cardinale Ordinale
20. (d) w.k.t. (d) w.kmt (m) ós
30. tr.kómt (.) tr.komtós
40. qetwr..kómt (.) qetwr..komtós
50. penq.kómt (.) penq.komtós
60. s (w) ekskómt (.) sekskomtós
70. sept.kómt (.) sept.komtós
80. okt.kómt (.) okt.komtós
90. newnkómt (.) newnkomtós
100. (sm) il kmtóm ós di kmtom (t)
1000. túsnt., (sm) ghéslo- tusntitós

4. I centinaia sono fatti come combina di due numerali, come il tens ma senza vocale allungata. I
migliaia sono fatti dei numerali più il túsnt indeclinabile.:

Cardinale Ordinale
200. dwok.t. dwokmtós
300. trik.t. trikmtós
400. qetwrk.t. qetwrkmtós
500. penqek.t. penqekmtós
600. seksk.t. sekskmtós
700. septmk.t. septmkmtós
800. okt.k.t. okt.kmtós
900. newnk.tom newnkmtós
2000. dwo / dwéi / dw. il tusntitói di dwo, dwéi
túsnt. tusntit.s, dw. il tusntitóm
3000. tréjes / trisóres / tr. tusntitói di tréjes,
il túsnt. trisóres tusntit.s, tr. il
tusntitóm

NOTI 1. Questi MIE cardinals non declinati sono equivalenti a più forme europee; come,
per duecento, Lat. quingenti, Gk. .........., ed anche Eng. cinquecento, Ger. fünfhundert,
Russ. ......., Pol.pi..set, gergo di pum gallese, Bert. pemp-kant. Forme flesse, come Da
dialettale Indoeuropeo e moderno. hundrede di fem, Fr. centesimi di cinq, Esso.
cinquecento, Terme. quinientos, Pt. quinhentos, Sr.-Cr. petsto (f. accarezzi stotina), ecc. è
andato via per l'ordinals in questo sistema Indoeuropeo e Moderno.

NOTI 2. In germanico i centinaia sono combina fatto di un effettivo "cento", MIE k.t (m)
- radhom, Gmc. khund (a) - ratham, v.s., ma noi abbiamo scelto questo. per noi più diritto.
forma europea, trovò in Corsivo, Balto-slavo e greco.

5. I numerali composti sono fatti con le unità nel secondo luogo, di solito seguì dal copulativo - il
qe:

f. (d) w.k.t. il óin. (- il qe), venti (e) uno; m. qétwor di trikómta (- il qe), trenta (e) quattro; ecc.

NOTA. Forme alternative con l'unità nel primo luogo sono anche possibili in indoeuropeo
Moderno, anche se la maggior parte di lingue europee e moderne pressocché pensa
numerica combina con le unità alla fine. Infatti, tale minore formazione usata
possibilmente è la più arcaica, forse la forma di Torta originale. Compari e.g.. per
"ventuno" (il m.):

MIE (d) w.k.t. óinos (- il qe), come Eng. ventuno, Swe. tjugoett, Nor.tjueen, Ghiaccio. einn di
og di tuttugu, Lat. unus di uiginti (come moderno romanico, cf. Fr. vingt-et-non, Esso ventuno,
Terme. veintiuno, Pt. vinte ed um, Rom. dou.zeci .i unu), Gk. ........, Ltv. viens di divdesmit, Russ.
........ ...., Pol. dwadzie.cia jeden, ecc.

Per óinos (d) w.k.t.qe, forse la forma più grande comparano Gmc. (come Ger.
einundzwanzig, Du. eenentwintig, Fris. ienentweintich, Da. enogtyve), e Lat. uiginti di
et di unus, Skr. ékavi..ati, Bert. unan-avvertire-ugent, ecc.

6. In combina noi troviamo:

sm -, uno -; du - (o dw - seguì da vocale), dwi -, due -; tri -, tre -; q (e) tur -, quattro-

5.5.3. Declinazione di Cardinals ed Ordinals

Del Cardinals solamente óinos, dwo, tréjes (e dialetticamente il qétwor) così come (sm) il
gheslós, è declinabile.

a. La declinazione di óinos, -., - om ha il significato di stesso spesso o solamente. Il plurale è usato


in questo senso; ma anche, come un semplice numerale, essere d'accordo con un nome plurale di
significato singolare. Il plurale accade anche in frasi come alterói-qe di óinoi, una festa e l'altro (gli
uni e gli altri).

b. La declinazione di sem - (ed o-grado s.m-), uno, è come segue:


Sem di torta - / som-, uno
NOM. sems s.ms
ACC. sémm s.mm
GEN. smós somós
D.-A. sméi soméi
L.-IO. smí, sémi somí/s.mi

c. Dwo, due, e tréjes, tre, è declinato così:

dwo trejes

m. n. f. m. f. n.
NOM. dwo dwói dw. tréjes tr.
ACC. dwom dwói dw.m assetti tr.
GEN. dwósio dwés.s tríjom
D.-A. dwósmei dwési.i (> * - tríbhios
l'ei)
LOC. dwósmi dwési.i trísu
INS. dwósm. dwési. tríbhis

NOTE.ámbho, ambo è declinato come dwo qualche volta, come in latino.

d. Túsnt., milli, funzioni come un aggettivo indeclinabile:

túsnt. módois, in milli modi. kom túsnt.w.r.is, con milli uomini

e. Gli ordinals sono aggettivi delle quarto e terze Declinazioni, e sono declinati regolarmente.

6.3.2. Cardinals ed Ordinals hanno gli usi seguenti:

a. In numeri sotto 100, se le unità precedono tens, il numero è scritto come una parola
generalmente; come in f. dw. (d) w.k.t.qe, venti uno; altrimenti è separato: (d) w.k.t. il dw. (- il qe).

b. In numeri sopra di 100 la denominazione più alta generalmente sta in piedi prima, il prossimo
secondo, ecc., come in inglesi; come, 1764, túsnt. septmk.t. qétwor di sekskómta (- il qe), o túsnt.
septmk.t.qétworsekskómtqe.

NOTA. Osservi le combinazioni seguenti di numerali con substantives:

w.k.t. il óinos (- il qe) w.r.s, o w.k.t. w.r.sóinosqe, 21 uomini.

dwotúsnti penqek.t. il trídekm cén.s ,2513 donne.

c. La lingua proto-Indo-europea non aveva parole speciali per milioni, miliardi, bilioni, ecc., e
questi numeri furono espressi da moltiplicazione. In indoeuropeo Moderno loro sono formati con IE
prestito comune da s.ghésl Corsivo. (il cf. Ita. *(s) mígh.l. > O.Lat. m.h.l. > Lat. mille), un
derivativo di sm+ghéslos che vuole dire "milli"; come, smghésli.n, milioni, dwighésli.n, miliardi,
trighésli.n, bilioni, ecc. Per il parola milliard, milli milioni, smghesliárdos possono essere usati
anche.

d. Le frazioni sono espresse, come in inglesi, da cardinals nel numeratore ed ordinals nel
denominatore. Il genere femminile è usato per essere d'accordo con pártis, divida, espresse (con
aggettivo) o capì (nominalizzato): due-settimo, dw. séptm.i (o dw. séptm.i pártes); tre-ottavo, tréjes
októw.i (o tréjes oktow.i pártes).

La metà è (dwi) medhj. pártis o (dwi) médhjom.

NOTA. Quando il numeratore è uno, può essere omesso e pártismust sia espresso poi: un
terzo, trit.pártis; un quarto, qetwrt.pártis.

5.5.4. Distributives

1. Numerali distributivi sono formati con le forme di zero-grado ed il suffisso di solito - il ni.

NOTA. Questi rispondono al qóteni interrogativo?, quanti di ognuno? o quanti ad una durata?

1. sémni, uno alla volta 20. (d) wik.t.ni


2. ni di dwí, due entro due 21. (d) wik.t.ni sémni-qe, ecc.
3. ni di trí, tre entro tre 30. tr.k.tni
4. qtúrni 40. qetwrk.tni
5. pnqéni 50. penqek.tni
6. ni di sék (più vecchio * il 60. seksk.tni
suksni)
7. sept.ni 70. septmk.tni
8. okt.ni 80. okt.k.tni
9. néwnni 90. newnk.tni
10. dékmni 100. kmt.ni
11. dékmni di sémni 200. dukmt.ni
12. dékmni di dwíni 1.000 túsnt.ni
13. dékmni di tríni 2.000 dwíni túsnt.ni
14. dékmni di qtúrni, ecc. 10.000 dékmni túsnt.ni

NOTI 1. La parola per "uno alla volta" può essere anche sémgoli, uno, individuale separa,
come Lat. singuli, da semgolós, da solo singolo, formò con suffissò sem-andare-ecco
-, anche se quel Lat. -g - generalmente si crede che sia, un più tardi somma, i.e. MIE
sémoli corretto, da sem-o-lós.

NOTI 2. Trísni suffissato, tre ognuno, è trovato in Lat. tr.ni, Skr. tr... i, dando trísnos derivativo,
trino, come Lat. trinus, così come il trísnit., trinità.

2. Distributives è usato principalmente per ciascuno nel senso di così molti o su ogni lato, ed
anche in moltiplicazioni.
5.5.5. Avverbi di numerale

Gli Avverbi di Numerale rispondono alla domanda quante volte? come spesso?, e è formato coi di
solito e qualche volta un allungamento in - s.

1. smís, una volta 20. (d) w.k.t.s


2. dwis, due volte 21. (d) w.k.t. s.is-qe, ecc.
3. tris, tre volte 30. tr.kómti
4. qéturs, qétrus 40. qetwrkómti
5. pénqei 50. penqekómti
6. sék i 60. sekskómti
7. séptmi 70. septmkómti
8: ókt.i 80. okt.kómti
9. néwni 90. newnkómti
10. dékmi 100. kmtómi
11. óindekmi 200. dukmtómi
12. dwódekmi 1.000 túsnt.s
13. trídekmi 2.000 dwis túsnt.s
14. qetúrdekmi, ecc. 10.000 dékmi túsnt.s

5.5.6. Altri numerali

1. Gli aggettivi seguenti stati chiamati Multiplicatives, formò in Torta con suffisso comune - l'io,
ed anche dialetticamente in composto con pel di radice di Torta[159], come greco e zero-grado
latina suffissate con - il plos, o pieno-grado germanica composto con - póltos, piega:

semiós, olós di sem (g), singolo oinikós, unico; dwoiós, dwiplós / duplós, sosia, dwopóltos,
duplice; treijós, triplós triplicano; trejespóltos, triplo; qetworiós, qeturplós, quadruplo
qetworpóltos, quadruplice ecc.; mltiplós, mltipléks, multiplo, monoghopóltos[160], moltiplichi,
ecc.

NOTA. Per óinikos qualsiasi, chiunque, unico compara Gmc. ainagas (il cf. O.S.enig, O.N.
einigr, O.E. ænig, O.Fris. enich, O.H.G. einag, Du. enig, Eng. alcuno, Ger. einig), Lat. unicus.
Compari anche O.Ir. óen in Sco. aon, da óinos come il gallese non.
2. Gli altri numerali soliti (dal latino) sono fatti come segue:

a. Temporals: dwimós, trimós, di due o età di tre anni; dwiátnis, triátnis, durando due o tre anni
(da átnos62); dwiménstris, triménstris, di due o tre mesi (da m.ns61); dwiátniom, un periodo di due
anni, come Lat. biennio, s.gheslátniom, millenium.

b. Partitivi: dwisn.sios, trisn.sios di due o tre parti (il cf. Eng. binario).

c. Gli altri possibili derivatives sono: óini.n, unità, unione; dwísni.n, i due (di dadi); prwimanos,
della prima legione; prwim.siós, della prima fila; dwísnos (distributivo), sosia dwisn.siós, della
seconda fila trit.siós, del terzo accerchiò, ecc.

NOTI 1. La cipolla inglese viene da O.Fr. oignon (precedentemente anche l'oingnon), da Lat.
unionem (il nom. unio), romano rustico e colloquiale per qualche genere di cipolla; il collegamento
di senso è gli strati successivi di una cipolla, in contrasto con aglio o chiodo di garofano.

NOTI 2. La maggior parte di queste forme sono prese dal latino, come influenza tutte le altre
lingue europee da secoli, specialmente in numerali. Queste forme né sono le uniche uni, né loro
sono preferiti ad altri in questo sistema Indoeuropeo e Moderno; loro sono principalmente
indicazioni. Ricostruire ogni possibile numerale usabile in indoeuropeo non è lo scopo di questa
Grammatica.
6. Pronomi
6.1. Sui pronomi
6.1.1. I pronomi sono usati come Nomi o come Aggettivi. Loro sono divisi nelle sette classi
seguenti:

1. Pronomi personali: come, eg (.), io.

2. Pronomi riflessivi: come, s (w) e, lui.

3. Pronomi possessivi: come, mos, mio.

4. Pronomi dimostrativi: come, così, questo; i che.

5. Pronomi relativi: come, qis che.

6. Pronomi interrogativi: come, qis?, chi?

7. Pronomi indefiniti: come, áliqis, dell'uno.

6.1.2. I pronomi hanno una declinazione speciale.

6.2. Pronomi personali


6.2.1. I pronomi Personali della prima persona sono eg (.), io, wé (i), noi; della seconda persona,
tu, tu oryou, ju, Lei. I pronomi personali della terza persona - lui, lei, esso loro - sta volendo in
indoeuropeo, un anaphoric (o anche un dimostrativo) che è usato invece.

NOTA. IE III non aveva pronomi personali per la terza persona, come la maggior parte dei suoi
primi dialetti. Per quel scopo, un dimostrativo fu usato invece; come, da ki, id, cf. Ki di Anatolian,
Gmc. khi -, Lat. cis -, id, Gk. ekeinos, Lith. sis, O.C.S. si, ecc. È questo sistema che il ha usato in
indoeuropeo Moderno; anche se nessuna forma unitaria fu scelta nella Tarda Torta tempi, il modello
generale (almeno nei dialetti europei o Nordovest) è ovvio.

6.2.3. I Pronomi Personali (Non-riflessivo) sono declinati come segue:

PRIMA LA PERSONA

Eg singolare -, io-[161] Plurale noi -, ns-[162]


NOM. eg, eg., io noi, wéi, noi
ACC. io, io n.s, nsmé, noi
GEN. méne, méi, di me óm di ns (er), di noi
DAT. méghi (o), mói nsméi
LOC.-INS. moí nsmí
ABL. med nsméd

SECONDA PERSONA
Tu singolare -, te-[163] Ju plurale -, ws-[164]
NOM. tu, tu ju, legittima, Lei
ACC. te, Lei wos, usmé, Lei
GEN. téwe, téi, di Lei óm di legittima (er), di Lei
DAT. tébhi, tói usméi
LOC.-INS. toí usmí
ABL. twed usméd

NOTA. Gli altri pronomi attestati includono 1 P. Nom. óm di eg (h) (il cf. O.Ind. ahám, Av. az.m,
Hom.Gk. ...., Ven. ehom); Dat. sg. méghei, tébhei, sébhei in Osco-Umbrian e slavo; - fini di es in
Nom. pl., nsmés, jusmés, attestato in Att.-Ione. Gk. e Gotico. Anche, Osco-Umbrian e Vecchio
indiano lo show la varia (tonico o accentuato) serie di Acc. Sg. in - m, come m.m (e) tw.m, tewe,
usóm, s (w) .m. La 1 Persona la forma Dativa è trovata ricostruita come mébhi / mébhei spesso,
come nei 2 P. Sg. forma.

Per i Pronomi Personali della terza persona singolare e plurale, gli iis dimostrativi usarono. Veda §
6.5 per più dettagli sul suo uso e flesso.

a. Il wé plurale (i) è usato per l'eg singolare (.) spesso; i ju plurali possono essere usati anche
così per il tu singolare. Ad ambo le situazioni di solito accade in contesti formali.

b. Il nsóm di forme, jusóm, ecc., può essere usato partitivamente:

nsóm di óinosqisqe, ogni uno di noi.

ópniom di jusóm, di tutto.

c. Il méi di genitives, téi che nsóm, jusóm sono usati principalmente obiettivamente:

es mn.m.n nsóm, sia attento di noi.

6.3. Pronomi riflessivi


6.3.1. Pronomi riflessivi sono usati nell'accusativo ed i casi obliqui per riferirsi al soggetto della
frase o clausola nel quale loro stanno in piedi; come, s (w) elubh.ieti, lui/lei gli amori lui / lei; séwe
bh.mi, io parlo di (di) me, e così su.

a. Nelle primo e secondo persone, i casi obliqui dei pronomi personali furono usati anche
comunemente come Reflexives: come, io wid.i. (per se wid.i.), io mi vedo; nos persw.d.iomos (per
swe persw.d.iomos), noi ci persuadiamo, ecc.

b. Il pronome Riflessivo della terza persona fa usare solamente una forma speciale in questo
senso, lo stesso per singolare e plurale. È declinato così:
swe [165]

ACC. s (w) e, io, Lei lui / lei / esso, noi, voi stessi, loro.
GEN. séwe, di me Lei, lui / lei / esso, noi, voi stessi, loro.
DAT. sébhi, s (w) ói, a me Lei, lui / lei / esso, noi, ecc.
LOC.-INS. s (w) oí, in / con me Lei, lui / lei / esso, noi, ecc.
ABL. swed, da / da / ecc. io, Lei lui / lei / esso, noi, ecc.

6.4. Pronomi possessivi


6.4.1. I pronomi Possessivi e principali in indoeuropeo Moderno sono:

1
Persona mos, mio nsós, nostro
2
Persona twos, thy Suo usós, Suo
RIFLESSIVO swos, mio, Suo, suo, nostro, Suo, loro
swos, loro

Questi sono aggettivi del primo tipo (- il ós, -., - il óm) realmente, e sono declinati così.

NOTI 1. IEswos è usato solamente come un riflessivo, riferendosi al soggetto. Per un pronome
possessivo della terza persona che non si riferisce al soggetto, i genitivi di un dimostrativo devono
essere usati. Così, (i) chénti di swompatérm, (lui) uccide suo [proprio] il padre; ma (i) chénti di
éso di patérm, (lui) uccide suo [qualcuno (il m.) altro] il padre.

NOTI 2. Le altre forme proto-Indo-europee comuni erano méwijos / ménjos, téwijos, séwijos.
Forme per le primo e secondo persone sono ricostruite come emós, tewós qualche volta.

A. Ci sono le più vecchie forme singolari Oblique che furono assimilate al flesso tematico
da dei dialetti Indoeuropei, come mói, tói, sói, ed il suo derivatives con - s, - l'os, - w -, ecc

B. Forme con suffissi aggettivali - il teros, - l'eros, non era generale nella Tarda Torta,
anche se le forme sono comuni a molte lingue europee; come, nserós / nsterós, userós /
usterós, ecc.

6.4.3. Le altre forme sono la seguente:

a. Un qosós possessivo, -., - il óm cui, è formato dal genitivo singolare del pronome relativo (qi /
qo) o interrogativo. Può essere interrogativo o relativo in vigore secondo la sua derivazione, ma è il
primo di solito.

b. Il reciprocals l'un l'altro ed ogni othermay siano espressi con meitós di Torta (il cf. Goto.
Sig.na., O.Ind. mithá -, Lat. m.tuus, Gk. ......, Bal-Sla. meitu -, ecc.) o le altre espressioni comuni,
come Lat. énter álteros di eor di s (w)... il álterom Gmc. óinos... il álterom (il cf. Eng. l'un l'altro,
Ger. einander), ecc.
álteros álter.áutoms déukonti[166] (o álter di óinos. déukonti di áutoms), loro guidano le
macchine dell'un l'altro (uno... dell'altro);

se di énter lubh.ionti (o álterom di álteros di lubh.ionti), loro amano l'un l'altro (loro amano fra
loro); e così su.
6.5. Pronomi di Anaphoric
6.5.1. L'anafora è un esempio di un'espressione che si riferisce ad un altro, la parte debole del
deissi. In generale, un anaphoric è rappresentato da una pro-forma o qualche genere di deictic. Loro
non hanno uso aggettivale di solito, e sono usati solamente come lago che abbrevia sostituti del
nome.

NOTA. I vecchi anaphorics sono sostituiti in dialetti Indoeuropei e moderni da demonstratives di


solito.

Loro sono integrati nel sistema di pronome con genere di solito; solamente di quando in quando
alcuni di questi anaphorics sono stati integrati nei Pronomi Personali sistema in lingue Indoeuropee.

6.5.2. L'indoeuropeo moderno ha un pronome di anaphoric generale basato su radice di Torta i.


Può essere aggiunto anche alle vecchie forme di e, da adesso l'éi.

NOTA. Questa radice i è anche la base per IE comune jo relativo.

6.5.3. L'altro dimostrativo, così / a, funzioni come anaphoric anche, ma tende ad apparire condurre
la frase, probabilmente essendo la sua origine il parente. Loro si usano anche per il secondo termine
in paragoni.

NOTA. Lingue di IE moderne hanno mescolato ambo le forme per creare un solo sistema qualche
volta, altri mantengono la vecchia differenziazione.

6.6. Pronomi dimostrativi


6.6.1. I Pronomi Dimostrativi così, questo, ed i che, è usato indicare o designare una persona o
cosa per attenzione speciale, o con nomi, come Aggettivi o da solo, come Pronomi, e è declinato
così:

quindi / a[167], questo

Singolare Plurale
m. n. f. m. n. f.
NOM. quindi tod s. tói t. t.i /s.i
ACC. tom tod t.m toms t. t.ms
GEN. tósio tés.s tésom tésom
DAT. tósm.i tési.i [> * - l'ei] os di tóibh (- il mos) t.bh (i) os (- il mos)
(i)
LOC. tósmi tési.i tóisu t.su
INS. toi tóibhis (- mis) t.bhis (- mis)
ABL. tósm.d tóios

NOTA. Varianti diverse sono osservate nei dialetti attestati: 1) Nom. quindi è trovato anche come
sos in Vecchio indiano, greco e Gotico e come se in latino (il cf. Lat. ipse). 2) Nom. s.is trovato
come s. in Gotico e celtico, anche come sj. in germanico. 3) Nom. Pl. t.i è generale, s.i è restretto a
dei dialetti, come il greco attico-ionico. Comunque, linguisti come Beekes o Adrados ricostruiscono
la forma Nominativa in s - come la forma proto-Indo-europea ed originale. 4) forme oblique in - il
bh-/-m - è ricostruito come qualche volta - il m - solamente (Beekes).

i[168], quello

Singolare Plurale
m. n. f. m. n. f.
NOM. i id i éi . .es
ACC. in id .m ims . .ms
GEN. éso, éjos és.s ésom

esom
DAT. ésmoi ési.i [> * - l'ei] os di éibh (- il mos) (i)
LOC. ésmi ési.i éisu, - il si
INS. eí éibhis (- mis)
ABL. ésm.d éios

Particelle di Deictic che appaiono con pronomi dimostrativi frequentemente includono ko,
ki[169], here;en, e / ono[170], là; e / owo, via di nuovo.

6.7. Pronomi interrogativi ed indefiniti


6.7.1. Introduzione

1. Ci sono due forme del Pronome Interrogativo-indefinito in indoeuropeo Moderno, ed ogni


corrisponde ad una classe diversa nel nostro sistema, qi all'Effettivo e qo ai pronomi Aggettivali.
EFFETTIVO AGGETTIVALE
bhéreti di qis? chi porta? qos w.ros bhéreti? che uomo porta?
qim wid.iesi? cosa / chi vede? áutom di qom wid.iesi? quale macchina vede?

NOTI 1. Nell'origine, qi / qo possibilmente era un nome che volle dire "l'ignoto", ed il suo
senso interrogativo / indefinito dipese dalle frasi individuali. Più tardi ambo divennero
pronomi con genere, funzionando così come interrogatives (accentato) o come indefinites
(atono).

NOTI 2. Il qi di forma probabilmente è la forma indipendente (compari il grado di ofqo


di specializzazione, più lontano estese in dialetti di IE) ed originale per la quale qocould
sono stati originalmente la forma di o-grado (veda Beekes, Adrados). da adesso la nostra
scelta di chiaramente dividere un Effettivo-qifrom un Aggettivale-qo in questo sistema
Indoeuropeo e Moderno. Dei dialetti Indoeuropei hanno scelto solamente l'o-gambo, come
germanico, mentre alcuni altri li hanno mescolati insieme in un solo paradigma, come
Indo-iraniano, Balto-slavo o Corsivo. Compari Gmc. khwo - (il cf. Goto. hwas, O.N. hverr, O.S.
hwe, O.E. hw., Dan. hvo, O.Fris. hwa, O.H.G. hwër), Lat. qui, quae, quod; quis, cicca, Osc. pisi,
Umb. púí, svepis, Gk. tis, Sktr. ka., Av. ko, O.Pers. .iy, Pers. ki, Phryg. kos, Toch. kus/k.se, Braccio.
ov, in.', Lith. kas, Ltv. kas, O.C.S. kuto, Rus. kto, Pol. kto, O.Ir. ce, cid, pwy gallese, Camice
sacerdotale. kush, Kam. kâ.a; in Anatolian, compari Hitt. kui., Luw. kui -, Lyd. qi -, Lyc. tike, ed il
kuo di Carian.

2. Il qi di Pronome Interrogativo ed Effettivo -?chi?, cosa?, è declinato nel Singolare come segue:

Singolare Plurale
m. f. n. m. f. n.
NOM. qis qéi (es)
ACC. qim qims q.
qid
GEN. qés (i) o, qéios qéisom
DAT. qésmei, os di qéibh (- il mos) (i)
LOC. qésmi qéisu, - il si
INS. q (esm) í qéibhis (- mis)
ABL. qósm.d os di qéibh (- il mos) (i)

3. Il Pronome Interrogativo ed Aggettivale, qo -?, chi (di loro)? che genere di? cosa? quale? è
declinato in tutto come il Parente:

Singolare Plurale
m. f. n. m. f. n.
NOM. qos q. qoi q.s
ACC. qom q.m qod qoms q.ms q.
GEN. qóso, qósio qósom
DAT. qósm.i os di qóibh (- il mos) (i)
LOC. qósmi qóisu, - il si
INS. q (osm) í qóibhis (- mis)
ABL. qósm.d os di qóibh (- il mos) (i)

Qóteros?, chi di due? è dedotto dal qo di gambo col suffisso - il tero.

4. I Pronomi Indefiniti qi / qo qualsiasi uno, alcuno è declinato come l'Interrogatives


corrispondente.

EFFETTIVO qis qualsiasi uno; qid, qualsiasi cosa


AGGETTIVALE qos, q., qod qualsiasi

5. La forma Avverbiale del pronome Indefinito-interrogativo è qu.


6.7.2. Combina

1. Il qi di pronomi e qo appaiono nelle varie combinazioni.

a. Le forme possono essere ripetute, come in qisqis effettivo, qidqid, o qosqos aggettivale, q.q.,
qodqod; con un significato solito qualunque cosa, chiunque, chiunque, ecc.

b. In delle forme la congiunzione copulativa - qe è aggiunto formare pronomi nuovi (ambo come
substantives e come aggettivi), di solito l'universals; come, qisqe, ogni uno: qoterqe, ognuno di
due o ambo.Qisqe è declinato come il qi interrogativo: effettivo, qisqe, qidqe, aggettivo, qosqe,
q.qe, qodqe

c. Le altre forme sono quelle con prefissi. ritenne più moderno., come aliqis (effettivo), dell'uno,
aliqod (aggettivale), alcuni.

d. Forme con l'oino di numerali -, sem -, uno, è anche frequentemente pronomi; come in óinos,
óin., óinom, e s.ms (il gen. semós), alcuni, qualcuno, qualcuno.

óinosqisqe, ogni uno

c. I negativo sono composti con particelle di negazione di solito, come ne o m modale. Come in
néqis, néqos, m.qis n (.) óin (os) (il cf. Eng. nessuno, Ger. nein, forse Lat. n.n), los di nóin (o) (Lat.
nullus).

Nel óinosqísqe composto, ogni uno, ogni sole entrambi le le parti sono declinate (óinosoqéisoqe
genitivo), e loro possono essere separati dalle altre parole:

óin di en di ne. qósqe di qísqis, non anche in un singolo.

h. Il parente ed interrogativo abbia un qósos aggettivale (-., - l'om) e possessivo cui.

i. Le altre forme latine sono q.mtos, come grande, e q.lis, di che genere ambo gli aggettivi
derivativi dall'interrogativo. Loro sono interrogativi o relativi, mentre corrispondendo
rispettivamente al demonstratives t.mtos, t.lis da a. Indefinito combina è q.mtoskomqe e
q.liskomqe.

j. È trovato anche come in composto con jo relativo, come in qis di jos, qid di jod, chiunque,
qualsiasi cosa.

h. Un mo interrogativo - è attestato anche in Anatolian e Tocharian.

6.7.3. Correlatives

1. Molti Pronomi, Aggettivi Pronominali ed Avverbi hanno forme dimostrative, relative,


interrogative, ed indefinite e corrispondenti in più lingue Indoeuropee. Tali forme parallele state
chiamate Correlatives. Alcuni di quell'usabile in indoeuropeo Moderno è mostrato nella tavola
seguente:

Dimostrativo Relativo Interrogativo Parente indefinito Indefinito


i qis qis? qísqis aliqís
quello chi? cosa? chi? cosa? chiunque, qualunque cosa dell'uno, qualche cosa
t.mtos q.mtos q.mtos? q.mtoskomqe aliq.mtos
così grande come (come) come grande? comunque grande alcuni / altro
grande
T.lis / swo q.lis q.lis? q.liskomqe -
così, così, così come di che genere? di genere purchessia -
tom / tóeno qom / qíeno Q.md. / il qíeno? Q.md.komqe / éneno aliq.md.
poi ('questo là') quando quando? ogni qualvolta ad alcuni / l'altro tempo
tótr. (d) qítro qítro? qítrqíter aliqíter
là dove dove? whithersoever (a) in qualche luogo
. q. q.? q.q. aliq.
così quale modo quale modo? whithersoever (a) dovunque
tóendes qíendes qíendes? qíendekomqe aliqíende
per questo motivo donde donde? whencesoever da in qualche luogo
qídheii
/ tóko qódhei / qísko qódhei / qísko? qódheiqisqe aliqídhei / aliqódhei
là ('questo qui') dove dove? dovunque altro luogo / in qualche
luogo
addizioni qot qot? qótqot aliqót
quindi molti come quanti? comunque molti altro, alcuni, molto
tótients qótients qótients? qótientskomqe aliqótients
così spesso come come spesso? comunque spesso a molte volte
quindi qos qos qósqos aliqós
questo chi? quale? chi? quale? chiunque, chiunque alcuni (di loro)
gli ib
latino (c)., (c) ub. è ricostruito come una Torta concepibile frequentemente * il qibhi, * il
qobhi, ma non è difficile trovare un'origine comune in qi-dhei di Torta, qo-dhei per forme simili
attestarono in dialetti di IE diversi; cf. Lat. ub., Osc. puf, O.Ind. kuha, O.Sla.kude, ecc.

NOTA. C'è anche le altre serie non presentarono qui, come 'tutto' (il cf. Lat. omnes, passim, ecc.),
'ogni uno' (il cf. Lat. quisque, ecc.), 'nessuno' (il cf. Lat. nullus, ecc.), identità del 'certo' dattilografi
(il cf. Lat. quidam, ecc.), insieme al 'l'esistenza' dattilografi (il cf. Lat. aliquis, quispiam, ecc.), e noi
avremmo potuto separare fra 'chiunque' (il cf. Lat. quilibet, quivis, Ger. jeder), e 'chiunque' (il cf.
Lat. quicumque, Ger. immer di auch di wer), ecc. Da Hittite, latino e Sanscrito più sinistra di
correspondances dovrebbe essere ottenuta senza troppo molti problemi.
6.8. Pronomi relativi
6.8.1. Ci sono due gambi pronominali generali usati come pronomi relativi, uno riferì
all'anaphorics ed uno all'interrogativo-indefinites.

6.8.2. Jo di Pronome relativo, l'o-gambo derivativo dai. È flesso piaccia così / ad e qo.

Singolare Plurale
m. n. f. m. n. f.
NOM. jos jod j. jói j. s.i
ACC. jom jod j.m joms j. j.ms
GEN. jósio jés.s jésom

esom
DAT. jósm.i jési.i [> * - os di jéibh (- il mos) (i)
l'ei]
LOC. jósmi jési.i jéisu, - il si
INS. jeí jéibhis (- mis)
ABL. jésm.d jéios

6.8.3. qo / qi che, quale, ha la sua origine nei pronomi interrogativi, e è declinato similmente.

NOTA. Jo di pronome relativo -, forse da un più vecchio * il h1jo -, è trovato in Gk. hós, Skr. yá
-, Av. ya -, Phryg. ios, Cel. io. Dialetti corsivi e germanici usano qo - come relativo, in composto
con - il qe in germanico. In Balto-slavo, questi pronomi sono suffissati in degli aggettivi per creare
indefinites. È trovato anche come indefinito in composto con qi / qo, come in qis di jós, qid di jód,
chiunque, qualsiasi cosa, come Gk. hóstishótti, Skr. cit di yás, cit di yác.

6.9. Pronomi di identità


6.9.1. Con pronome di Identità noi stiamo riferendoci agli inglesi stesso che è formato
differentemente in più dialetti Indoeuropei. Le possibilità diverse sono:

1. Quelli che vengono da un Pronome che è solamente valido per la terza persona formati
fondamentalmente dal pronome di anaphoric allungato con un'altra particella:

a. Autós greco, come Gk. ....., da áu di avverbio, di recente e l'anaphoric a.

b. Ídem di identità latino formato da id e finendo - l'em.

2. Quelli formarono da un Nome, col senso uguagli, stesso, capace cambiare pronomi
dimostrativi o personali, ed avendo anche un uso pronominale ed autonomo, con una declinazione
di pronome:
La forma Indoeuropea e comune è dedotta da somós aggettivale, stesso, simile.

NOTA. Somós aggettivali e comuni, lo stesso, e diverso derivatives da sem di radice di Torta
danno Gmc. samaz (il cf. O.S., O.H.G., Goto. sama, O.N. s.mr, O.E. stesso, O.H.G. samant, Ger.
samt, Du. zamelen), Lat.similis, Gk (smilís di IE). ...., ...., ......, Skr. sama., Av. hama, O.C.S.,
O.Russ. ...., Pol. sam, s.m., O.Ir. som, s.im (da IE s.mi).

6.10. Pronomi di Oppositive


6.10.1. Ci sono due forme per esprimere l'opposizione di due deictic o pronomi di anaphoric.

6.10.2. Il primo tipo di opposizione è fatto con la stessa parola, volendo dire quello che è diverso.
Questo è lo stesso come gli inglesi uno... l'eithersentences.

6.10.3. L'indoeuropeo moderno ha anche le condizioni esso oppositives, separatamente dalle frasi
correlative:

a. Dedotto dal suffisso di oppositive - il tero:

s.teros, diverso da che Gmc. suntar, Ger. sonder, Gk .... (il cf. Gk. ......, "altro, diverso,
disuguale"), Lat. seno, "senza", O.Ind. sanutar, O.Sla. svene, O.Ir. sain 'l'uari.'

qóteros, o (di due) e qúteros (come Lat. uter), formò con qu di avverbio (da qi / qo
interrogativo-indefinito). Il più tardi appare anche in comune prestito Indoeuropeo da Lat.
neutro, il neqúteros di MIE, né uno né l'altro."

NOTA. La forma interrogativa e più grande probabilmente è qóteros?, chi di due?,


attestato in dialetti di IE diversi.

álteros, l'altro, già visto.

NOTA. Un'altra forma è quella dell'en di deictic - / l'eno- e - il teros, come in


enteros, anche anteros (influenzato da alteros), trovato in dialetti germanici e Balto-
slavi.

b. L'al di Gambo -, ali - è molto comune in indoeuropeo Moderno, il - ibeing una caratteristica
che allunga dei pronomi e non un aggettivale. Delle forme solite sono álios, álidhei (di solito
ricostruì come * il álibhi), áliqis, ecc.

IV-FILE
Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at
Indo-European Language Association

1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi


indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea
7. Verbi
7.1. Introduzione
7.1.1. Voice, umore, tempo verbale, persona, numero

1. Il flesso del Verbo stato chiamato la sua Congiunzione.

2. Attraverso la sua congiunzione i corriere speciale di Verbo Voice, Umore, tempo verbale,
Persona e Numero.

3. Le Voci sono due: Attivo e medio (o Mediopassive).

4. Gli Umori possono essere quattro: Indicativo e l'Imperativo è il più vecchio uni, Congiuntivo ed
Ottativo che sono più recenti non sono comuni a tutti i dialetti Indoeuropei.

5. I tempi verbali Generali sono tre, viz.:

a. Il presente

b. Il passato o passato.

c. Il futuro

NOTA. Al Gambo Futuro generalmente si crede che sia apparso nella Tarda Torta, non essendo
capace di spargere a dei dialetti di fronte alla divisione generale delle proto-lingue; la distinzione tra
un Presente ed un tempo verbale Futuro, comunque è comune a tutte le lingue di IE.

6. Gli Aspetti erano su a tre:

a. Per azione continuata, non completata, il Presente.

b. Per lo stato dedotto dall'azione, il Perfetto.

c. Per azione completata, l'Aorist.

NOTI 1. C'è della confusione su se l'Aorist (da Gk. ........, "indefinito o illimitato") è un tempo
verbale o un aspetto. Questo riflette la natura doppia dell'aorist in greco Antico. Nell'indicativo,
l'aorist greco ed Antico rappresenta una combinazione di tempo verbale ed aspetto: tempo verbale
passato, aspetto di perfective. Negli altri umori (congiuntivo, ottativo ed imperativo), comunque
così come nell'infinitivo e (grandemente) il participio, l'aorist è puramente aspettuale, senza
referenza ad alcun particolare tempo verbale. Greco moderno ha ereditato lo stesso sistema. In
proto-Indo-europeo, l'aorist era originalmente solo un aspetto, ma di fronte alla divisione di Tarda
Torta dialetti che già è stato diffuso come una combinazione di tempo verbale ed aspetto, nel
momento in cui in greco Antico, siccome un sistema simile è trovato anche in Sanscrito.

NOTI 2. Spesso si presume che i significati originali dei tempi verbali passati (Aorist, Perfetto ed
Imperfetto) accoppino i loro significati in greco. Ovvero, l'Aorist rappresenta una sola azione nel
passato, visto come un evento distinto; l'Imperfetto rappresenta un'azione passata e ripetuta o
un'azione passata vide come estendendo col tempo, col fuoco su del punto nel centro dell'azione; ed
il Perfetto rappresenta un stato presente che è il risultato di un'azione passata. Questo corrisponde,
approssimativamente, alla distinzione inglese tra "me mangiò", "io stavo mangiando" e "io ho
mangiato", rispettivamente. Noti che gli inglesi che "io spesso ho mangiato" ha il significato, o
almeno l'implicazione forte, di "me è nello stato che è il risultato di avendo mangiato", nelle altre
parole "io ora sono pieno." Similmente, "io ho spedito la lettera" vuole dire verso "La lettera ora
(nello stato di essere stato) è spedito." Comunque, i greci, e presumibilmente la Torta, perfezioni,
più fortemente enfatizza lo stato che è il risultato di un'azione, piuttosto che l'azione stessa e può
ombreggiare in un tempo verbale presente.

In greco la differenza tra il presente, aorist e tempi verbali perfetti quando usò fuori dell'indicativo
(ovvero, nel congiuntivo, ottativo, imperativo, infinitivo e participi) è quasi completamente uno di
aspetto grammaticale, non di tempo verbale. Ovvero, l'aorist si riferisce ad una semplice azione, il
presente ad un'azione in corso ed il perfetto ad un stato che è il risultato di un'azione precedente. Un
aorist infinito o imperativo, per esempio, non si riferisca ad un'azione passata, ed infatti per molti
verbi (e.g.. "uccida") sarebbe probabilmente più comune di un infinitivo presente o imperativo. In
delle costruzioni participiali, comunque un participio di aorist può avere o un tensal o significato
aspettuale. È presunto che questa distinzione di aspetto era il significato originale della Prima Torta
"tende", piuttosto che alcuna distinzione di tempo verbale attuale, e quelle distinzioni di tempo
verbale furono indicate originalmente per mezzo di avverbi, come in cinese. Comunque, sembra che
dalla Tarda Torta, i tempi verbali diversi già avevano acquisito un tensal che vuole dire nei
particolari contesti, come in greco, ed in lingue più tardi Indoeuropee questo divenne dominante.

I significati dei tre tempi verbali nel Sanscrito Vedico e più grande, comunque differiscono
piuttosto dai loro significati in greco, e così non è chiaro se i significati di Torta corrisposero
precisamente ai significati greci. In particolare, l'imperfetto Vedico aveva un significato che era
vicino all'aorist greco, e gli aorist Vedici avevano un significato che era vicino ai greci perfezionare.
Nel frattempo, il Vedico perfetto era spesso indistinguibile da un tempo verbale presente (Whitney
1924). Negli umori altro che l'indicativo, il presente l'aorist e perfetto era quasi indistinguibile
dall'un l'altro. La mancanza di distinzione semantica tra forme grammaticali e diverse in una lingua
letteraria spesso indica che alcune di queste forme non esisterono più nella lingua parlata del tempo.
Infatti, in Sanscrito Classico, il congiuntivo cadde fuori, come faceva tutti i tempi verbali
dell'ottativo ed imperativo altro che il presente; nel frattempo, nell'indicativo l'imperfetto, aorist e
perfetto divenne estesamente intercambiabile, ed in Sanscrito più tardi Classico, tutti i tre
potrebbero essere sostituiti liberamente da una costruzione participiale. Tutti di questi sviluppi
sembrano riflettere cambi in Indo-ariano Medio e parlato; fra i tempi verbali passati, per esempio
solamente gli aorist sopravvissero nel primo Indo-ariano Medio che fu spostato più tardi da un
tempo verbale passato e participiale.

7. Ci sono quattro IE Gambi Verbali che noi daremo con in questa grammatica:

IO. Il Gambo Presente che fa il Regalo con fini primarie e l'Imperfetto con fini secondarie.

II. L'Aorist Stem, sempre Passato, con fini secondarie, dando l'Aorist, di solito in zero-grado con
aumento dialettale e qualche volta il reduplicazione.

III. Il Gambo Perfetto, dando il Perfetto si specializzò solamente più tardi in Presente e Passato.

IV. Il Gambo Futuro, un'innovazione di Tarda Torta.


NOTA. Sotto il punto di vista di più studiosi, poi da questa Torta originale sistema verbale, l'Aorist
unì col Gambo Imperfetto in Balto-slavo, e più lontano col Gambo Perfetto in germanico, Corsivo,
celtico ed i dialetti di Tocharian. L'Aorist, mentre volendo dire l'azione completata, è ricostruito poi
come una terza tempo verbale*-aspetto di Torta, mentre seguendo principalmente le scoperte di
Vecchio indiano, greco ed anche. mescolato coi Gambi Imperfetti e Perfetti. il latino.

8. Le Persone sono tre: Prima, secondo, e terzo.

9. I Numeri in indoeuropeo Moderno sono due: Singolare e Plurale, e è l'unica classe comune col
nome. È marcato molto differentemente, tuttavia.

NOTA. Il Duplice, come in nomi, se un'innovazione o un'arcaicità di Tardi dialetti proto-Indo-


europei, non è sistematizzato in indoeuropeo Moderno.

7.1.2. Nome e forme di aggettivo

1. Il Nome seguente e forme Aggettivali sono incluse anche nel flesso del Verbo Indoeuropeo:

A. Nomi verbali esisterono in proto-Indo-europeo, ma non c'è solo prototipo comune per un
Infinitivo di Torta, come loro erano originalmente nomi che più tardi entrarono la congiunzione
verbale e cominciarono ad essere flessi come verbi. Ci sono delle fini infinite e riuscite, tuttavia
quelli saranno spiegati più tardi.

NOTI 1. È comune a più lingue di IE che una caso-forma speciale (di solito dativo o accusativo)
dei nomi verbali si è gelata, entrando così il flesso verbale ed infinitivi convenienti. Anche se delle
fini di quelli precedenti riusciti degli infinitivi possono essere riprodotte con della certezza per
Torta, le (più tardi selezionò) caso-forme dialettali non possono, come è trovato nessun modello
generale.

NOTI 2. Una pratica comune in manuali proto-Indo-europei (seguendo la tradizione latina) è


chiamare i verbi coniugati in primo presente di persona, e.g.. ésmi, io sono, per l'es di verbo, essere
o "essendo", o bhér. (anche probabilmente il più vecchio bhérmi Atematico), io porto, per il
bhértu di verbo, portare, o bhérom, portando.

B. I Participi sono i più vecchi aggettivi che furono inclusi più tardi nel flesso verbale.

IO. Il più vecchio noto è il Participio Presente, in - il nt.

II. Il Participio Perfetto, più recente gli show fini multiple, come - l'ues, - l'uos, - l'uet, - l'uot.
III. Participi medi, un'innovazione nella Tarda Torta finiscono in - meno, -m.no - il mno; ed
anche alcuni in - a, - no, - ecco, - mo, ecc.

C. Il Gerundio e l'Absolutive, non generalizzato nella Tarda Torta, possibilità indicata o la


necessità.
2. I Participi sono usati come segue:

A. Il Participio Presente ha comunemente lo stesso significato ed usa come il participio inglese


in - l'ing; come, woq.nts, gridare, légents134, leggendo.

B. Il Participio Perfetto ha due usi:

IO. È equivalente agli inglesi qualche volta perfezioni participio passivo; come, tektós34,
protesse, adk.ptós, accettò, e spesso ha semplicemente un significato aggettivale.

II. Si usa con l'es di verbo, essere formare lo statico passivo; come, i woq.tós ésti, lui è
chiamato.

NOTI 1. Delle domande sui participi non sono facilmente conciled: in latino, loro sono formati
con e che finisce e sono gambi nei; in greco, loro sono formati in o e sono gambi consonantici.
Greco, d'altra parte ancora mostra resti della vocale tematica in participi di vocalia di verba -.jont-
-.jont-, ecc. Il latino non fa.

NOTI 2. Lo statico passivo è una formazione indipendente e nuova di molti dialetti Indoeuropei,
non comune alla Tarda Torta, ma probabilmente una risorsa comune dei dialetti europei, facilmente
il prestito tradusse da lingue romaniche, germaniche e Balto-slave in indoeuropeo Moderno come
verbo ausiliare a be+ participio perfetto.

C. Il Gerundive è usato come un'obbligazione che implica aggettivale, la necessità, o


convenienza (debba o debba) spesso; come, ésti di iawisdhíjendhos, lui deve essere sentito.

NOTA. Il verbo è alla fine della frase di solito, come in latino, greco e Sanscrito. In Hittite, è
dietro alle particelle (su a sette in successione). Nel Vecchio irlandese o era all'inizio della frase o in
secondo luogo dopo una particella. Per più su questo, veda Sintassi di Torta in Appendice io.

7.1.3. Voci

1. In grammatica, Voice è la relazione tra l'azione o lo stato espresse da un verbo ed i suoi


argomenti. Quando il soggetto è l'agente o attore del verbo, si dice che il verbo sia nell'Attivo.
Quando il soggetto è il paziente od obiettivo dell'azione, si dice che sia nel Passivo.

2. Gli Attivi e Voci di Centro (o Mediopassive) in indoeuropeo Moderno corrispondono all'attive


generalmente e passivo in inglesi, ma:

a. La voce Media ha un significato riflessivo spesso. Si riferisce ad un'azione il cui oggetto è il


soggetto generalmente, o un'azione nella quale il soggetto ha un interesse o una partecipazione
speciale:

(i) il wértetoi, lei / lui gira (lei / lui).

(éi) il wésntoi, loro vestono (loro).


NOTA. Questo senso riflessivo potrebbe portare anche un senso della beneficenza per il soggetto,
come nella frase "io sacrificai una capra (per mio proprio beneficio)." Queste costruzioni avrebbero
usato la forma attiva di "sacrificò" quando l'azione fu compiuta per della ragione altro che il
beneficio del soggetto.

b. Il Mediopassive con fini Passive (in - r) è riservato per un uso molto specifico in indoeuropeo
Moderno, il Dinamico o il passives di Eventive; come

(eg.) bhéromar 20tósDjówilioi, io nacqui luglio 20 (o 20 Djówili., "20 luglio").

móiros[171] il píngetor [172], il muro è dipinto o qualcuno dipinge il muro, illuminato. "il muro
dipinge (marchio impersonale)."

NOTI 1. Il dinamico passivo di solito vuole dire che un'azione è fatta, mentre lo statico o stative
passivo vuole dire che l'azione era fatta ad in durata un punto che già è fatto. L'ultimo è ottenuto in
MIE (come di solito in dialetti germanici, romanici e Balto-slavi) con una perifrasi, incluso l'es di
verbo sia. Seguendo gli esempi su:

(Eg.) il gn (a) t. / rt di bh (e). ésmi 20ósDjówilios, io (f.) nasceva luglio 20.

pigtósi di móiros (ésti), il muro (è) [già] dipinse.


i
L'infigga - n è perso fuori del Gambo Presente; così, il Participio non è pingtós, ma pigtós.
Ciononostante, quando il n è parte del Gambo Di base, rimane. Veda i Gambi Verbali per più
dettagli sul Nasale Infigga.

NOTI 2. Le fini di Voice Passive Indoeuropee (in - r) e Moderne sono la più vecchia Torta
Impersonale e Tarda Voice Medio fini alternative, trovò in Corsivo, celtico, Tocharian, germanico,
Indo-iraniano ed Anatolian, più tardi dialetticamente si specializzò per il passivo in alcuni di quelli
dialetti. I concetti che sono posto sotto ad IE Passives moderno sono, tuttavia, generale ai dialetti
Settentrionali (anche se espresse differentemente in germanico e Balto-slavo), e perciò MIE ha
bisogno di una traduzione comune esprimerlo. Per lo stative passivo, l'uso dell'es di verbo, essere è
passives comuni, ma dinamici hanno le formazioni diverse in ogni dialetto. Il Mediopassive
specializzato fini dialettali sembrano così la migliore scelta che tiene così tradizione ed unità. Veda
§ § 7.2.2 e 7.2.7.3.

c. Dei verbi sono solamente attivi, come, ésmi44, sia, édmi[173], mangi, o d.mi96, dia

d. Molti verbi sono medi in forma, ma attivo o riflessivo nel volere dire. Questi stati chiamati
Deponenti: come, kéjai77, disposizione; séqomai60, segua, ecc.

7.1.4. Umori

1. Mentre IE II possibilmente aveva solamente Indicativo ed Imperativo, un Congiuntivo ed un


Ottativo furono aggiunti nella terza tappa di proto-Indo-europeo, ambo usato di Presente, Perfetto
ed Aorist. Tutti i dialetti svilupparono ulteriormente comunque, non quelle formazioni nuove.

2. L'Imperativo è formato con un gambo puro di solito, aggiungendo elementi avverbiali o


pronominali qualche volta.
3. Dei marchi Congiuntivi e comuni sono le fini di gambo -., -., e - s, ma è formato più di solito
con l'opposizione Indicativo Atematico contro. Congiuntivo Tematico, o Indicativo Tematico
contro. Congiuntivo Tematico con vocale allungata.

4. L'Ottativo è reso differente dal Congiuntivo dal suo suffisso di caratteristica - i. /-.; in tempi
verbali tematici è - oi, i.e. originalmente lo stesso suffisso Congiuntivo aggiunse alla vocale
tematica - o.

5. Gli Umori sono usati come segue:

a. L'Umore Indicativo è usato per la maggior parte di asserzioni dirette ed interrogazioni.

b. L'Umore Congiuntivo ha molti usi idiomatici, come in comandi, le condizioni, e le varie


clausole dipendenti. È tradotto dall'Indicativo inglese spesso; frequentemente per mezzo degli
ausiliari, debba; qualche volta dal (raro) Congiuntivo; qualche volta dall'Infinitivo; e spesso
dall'Imperativo, specialmente in proibizioni.

c. L'Imperativo è usato per esortazione, implorazione, o comando; ma il Congiuntivo potrebbe


essere usato invece.

d. L'Infinitivo è usato principalmente come un nome indeclinabile, come il soggetto o


complemento di un altro verbo.

7.1.5. Tempi verbali del verbo limitato

1. I tempi verbali dell'Indicativo hanno, in generale, lo stesso significato come i tempi verbali
corrispondenti in inglesi:

a. Di azione continuata,

IO. Presente: bhér.24, io nasco, io sto nascendo, io nasco.

II. Imperfetto: bheróm, io stavo nascendo.

III. Futuro: bhérs., io nascerò.

b. Di azione completata o lo stato dedotte dall'azione,

IV. Perfetto: (bhé) bhora, io ho borne.

V. Aorist: (é) bheróm, io nacqui.

NOTA. Anche se la formazione di Aorist probabilmente fu generalizzata nella Tarda Torta,


l'Aumento è solamente una caratteristica dialettale trovata in Ind.-Ira., Gk., Braccio e Phryg.
Sembra che il grande successo di quel particolare aumento (simile alle altre somme come Lat. per -
o Gmc. ga -) accadde più tardi nelle proto-lingue. Il Sanscrito Vedico mostra che l'Aumento non era
obbligatorio, e per proto-greco, cf. Miceneo fare-ke/a-pe-fare-ke, Myc. qi-ri-ja-a, Hom. Gk. ......,
ecc.

7.2. Forme del verbo


7.2.1. I gambi verbali

1. Le Forme del verbo possono essere riferitesi a quattro Gambi di base, chiamò (1) il Presente, (2)
l'Aorist, (3) il Perfetto e (4) il Futuro.

NOTA. C'è della caratteristica di forme di ogni gambo, come il suffisso - n - o - sko che dà
gambi generalmente Presenti. Le forme danno solamente comunque, generalmente gambi
diversi quando contrario ad altri.

2. Ci sono dei verbi di monothematic come ésmi, essere o édmi, mangi. apparentemente resti della
più vecchia situazione di IE II. E ci sono anche delle tracce di recente o anche opposizioni di umore
inesistenti. Ottenere questa opposizione, sono non solo reduplicazione, allungamenti e le
alternazioni, ma anche cambi vocalici e turni di accento.

3. Ci sono anche degli altri verbi, non dedotti da parole di radice, i Denominatives e Deverbatives.
I primi sono dedotti da nomi; come, strówi., sparga, spruzzi, da stróu -, struttura; gli ultimi sono
dedotti da verbi, come, wédi., informi (da weid-33, sappia, veda), anche protegga, guardi dopo.

NOTA. Non è chiaro se questi Deverbatives. Causatives, Desideratives, Intensives, Iteratives,


ecc. . davvero è derivatives di più vecchie radici di Torta, o è gelato resti, formò da combina di più
vecchi (IE II o la Prima Torta) verbi indipendenti aggiunti agli altri verbi, gli uni riguardarono come
di base.

5. La reduplicazione è un'altra risorsa comune; consiste della ripetizione della radice, completa o
abbreviò; come, sísd., si sieda, stabilisca in giù (anche il sízd., come Lat. sisto, Gk. hidzein, trovati
in nísdos / nízdos fanno il nido, tutto da sed-44, sieda), gígnosk., sappia (come Gk. gignosko, da
gn.-100), mímn.sk., ricordi (da uomo-178, pensi), ecc.

6. La Vocale di Gambo non ha in se stesso significato, ma aiuta a costruire gambi diversi, se


tematico o semithematic (quelli che possono essere tematici ed atematici), opposto ad athematics.
Così, si può usare per opporre un) Indicativo Atematico a Congiuntivo Tematico, b) Presente
Tematico ad Imperfetto Atematico, c) Attivo a voce Media, ecc. Qualche volta un turno di accento
aiuta a creare un significato distintivo, anche.

7. I gambi sono flessi, come nella declinazione di nomi, con l'aiuto di allungamenti e fini (o
"desinenze").

7.2.2. Verbo-fini

1. Ogni forma del verbo limitato è fatta su di due parti:

IO. Il gambo. Questo ne è o la radice o una modifica o sviluppo.

II. La Fine o Desinenza, consistendo di:

a. I segnali di Umore e tempo verbale.


b. La fine personale.
Così nel bhér-se-ti di verbo, lui porterà, la radice è bher -, porti, cambiò nel verbo-gambo bher-
s-e / o futuro e tematico -, porterà, quale dalla somma della fine primaria e personale - ti diviene il
bhérseti significativo; la fine - il ti, a turno, consiste del (probabilmente) tempo verbale*-segnale -
gli e la fine personale della terza persona singolare, - t.

2. Fini verbali possono definire così il Gambo di verbo, tempo verbale ed Umore.

La serie primaria indica presente e futuro, e - il mi, - il si, - il ti, e 3 Pl. -nti sono le formazioni più
ovvie di Tarda Torta. Le fini secondarie indicano Passato; come, - il m, - s, - t e 3 Pl. -nt. Il
congiuntivo ed ottativo sono marcati con le fini secondarie di solito, ma nelle desinenze primarie e
congiuntive qualche volta è attestato. L'imperativo ha Ø o fini speciali.

NOTA. Anche se non ricostruì facilmente, il Defunto proto-Indo-europeo già aveva le formazioni
indipendenti per il primo e secondo plurale di persona. Non c'erano probabilmente comunque, fini
comuni usate in tutto attestò dialetti, e perciò una selezione aveva essere costituita MIE, v.i.

Loro possono marcare anche la persona; quello marchio sul primo, secondo e terza persona
singolare e terzo plurale. Con vocali tematiche, loro marcano anche, la voce: - tiActive Assumono
un'aria cerimoniosa. <-> -toi Medio Affettato. <-> -torPassive, e così su.

3. L'Aumento fu usato nei dialetti meridionali. i.e. Indo-iraniano, greco & Armeno. marcare l'Oltre
tempo verbale (i.e., l'Aorist e l'Imperfetto). Fu messo di fronte al Gambo, e consistè di un é
accentato generalmente - che è una caratteristica di Graeco-ariano dialettale in indoeuropeo
Moderno.

NOTA. Delle varianti comuni esisterono, come allungato .-, cf. Gk. . <. /. e. <., le cosiddette
contrazioni di Wackernagel dell'Aumento e l'inizio della radice verbale che già accadde entro 2000
AC. Questi sono diversi da quelli che accaddero in Attico greco entro 1000 AC.

4. Fini verbali Indoeuropee e moderne, come loro sono formati dai segnali per umore e tempo
verbale combinati con fini personali, può essere organizzato in cinque serie.
ATTIVO Medio (o Medio-passivo)
Primario Secondario Primario Secondario Passivo-unico
Sg. 1. -mi -m -(m) l'ai -ma -(m) l'ar
2. -si -s -soi -quindi -sor
3. -ti -t -toi -a -tor
Pl. 1. -mes / -mos -me/-mo -mesdha -medha -mosr / -mor
2. -te -te -dhe -dhue -dhuer
3. -nti -nt -ntoi -nto -ntor
NOTA. Il Centro è ricostruito facilmente per il singolare ed il terzo plurale di persona delle fini
secondarie. Per il resto delle Fini Primarie non è consenso come come loro guardarono come in
Torta. Quello che noi sappiamo è:

1. che i Meridionali ed i dialetti di Anatolian mostrano Centro Fini Primarie in - i, e secondo


forme plurali in - il medha (o * il medhh2), - mesdha (o * il mesdhh2) nel quale può essere sostituito
anche dalle forme di IE comuni - gli uomini - che è trovato come Gk. -uomini, Hitt. -meni.

2. quel latino, Corsivo, celtico e Tocharian aveva Mediopassive Fini Primarie in - r, mentre in
Indo-iraniano ed Anatolian, tali fini coesisterono col generale tematico - l'oi.

3. che perciò ambo le fini (- r e - l'oi) di Mediopassive già coesisterono nel più primo
proto-Indo-europeo ricostruibile; e

4. che le fini Medie furono usate per il Voice Medio in dialetti di Graeco-ariano,
mentre nei dialetti Settentrionali loro qualche volta si furono specializzati come
Passives o altrimenti scomparvero.

Così, seguendo il bisogno per la chiarezza in indoeuropeo Moderno, noi riserviamo le fini
di Torta in - r per il dinamico passivo, e tiene quegli in - i per il Voice Medio ed originale.

5. Le fini Perfette sono come segue:

Perfetto
sg. 1. -a
2. -ta
3. -e
pl. 1. -mé
2. -té
3. -(.) r

6. I Tematici e fini Atematiche di Attivo, Medio e Passivo è:

Attivo Atematico Tematico

Primario Secondario Primario Secondario


sg. 1. -mi -m -., - l'omi -om
2. -si -s -esi -es
3. -ti -t -eti -et
pl. 1. -mes / -mos -me/-mo -omes / -omos -ome / -omo
2. -te -ete
3. -nti -nt -onti -ont

NOTA. Desinenze atematiche in * - l'enti, come trovato in Miceneo e di solito ricostruito come
fini di Torta corrette, non era probabilmente forme di Torta originali. Compari Att.Gk. -aasi (< -
l'ansi < - anti), od O.Ind. -ati, ambo si rifecero da una zero-grado originale < -n.ti. Infatti, Miceneo
mostra alcuni chiaramente si rifecero esempi, come Myc. e-e-esi < * l'esenti (il cf. Ione. ...), o ki-ti-
je-si (< il ktíensi)

Mediopass. Atematico Tematico PASSIVO*

Primario Secondario Primario Secondario Atematico Tematico


sg. 1. -mai -ma -ai, - l'omai -oma -danneggi -ar, -
l'omar
2. -soi -quindi -esoi -eso -sor -esor
3. -toi -a -etoi -eto -tor -etor
pl. 1. -mesdha -medha -omesdha -omedha -mo r -omo r
2. -dhe -dhue -edhe -edhue -dhuer -edhuer
3. -ntoi -nto -ontoi -sopra -ntor -ontor

a. Le fini secondarie davvero sono un termine negativo opposto ai primari. Loro possono essere
opposti al presente o futuro di indicativo, loro possono indicare l'indifferenza per Tendere, e è
probabile che loro si usino anche in Presente.

NOTI 1. Generalmente si accetta che le Fini Secondarie prima apparvero, e poi un - i (o un - r) fu


aggiunto a loro. Essendo opposto alle formazioni più nuove, le più vecchie fini riceverono un valore
di Passato (o Passato), e divennero poi Secondario.

NOTI 2. Forme con fini secondarie. i.e. senza un marcatore di tempo - gli o - r (senza distinzione
di tempo)., non usato con un valore di Passato, è chiamato tradizionalmente Injunctives, e ha
principalmente un valore modale. L'Ingiuntivo sembra non essere stato mai un umore indipendente,
tuttavia ma solo un altro possibile uso delle fini originali in proto-Indo-europeo.

b. L'Opposizione Medio-attiva non è diritta sempre, come là è verbi unico-attivi ed unico-medi,


così come verbi con ambo le voci ma senza differenze semantiche tra loro.

7.2.3. La vocale tematica

1. Le vocali di gambo sono. come in nomi. le fini vocaliche del Gambo, specialmente quando loro
sono derivatives. Loro possono essere i, u. (ed anche. in Radici). Ma la vocale di gambo più stesa è
e/o (anche allungò. /.), chiamò Vocale Tematica che esistè in Torta di fronte alla divisione dei
dialetti di Anatolian e quale oscurò i (più vecchio) gambi atematici dalla Tarda Torta. Il
thematization di gambi, così parlare, relegò le forme atematiche all'aorist specialmente ed al
perfetto; la maggior parte del vecchio athematics, anche quegli in -.- e -.-, è trovato di solito steso
con fini tematiche - l'ie - o - l'io - in IE III.

NOTA. I vecchi thematics di solito si erano rifatti, ma ci sono alcuni che resisterono a questo
trend; come bhér., io nasco, d., io do, o i!,vada!.

La vocale di gambo ha un significato qualche volta, come con -.- e -.- che può indicare stato. Ci
sono anche delle vecchie specializzazioni di significati, basate su opposizioni:

a. Tematico contro. Atematico:

- Indicativo atematico contro. Congiuntivo tematico. Il contrario è raro.

- Presente tematico contro. Aorist atematico, e viceversa.

- 1 persona tematica Sg. & Pl. e 3rdPerson Pl., ed Atematico il resto.

- Può essere trovato anche nell'opposizione di voce Medio-attiva.

b. Gambo tematico con varianti:

- La prima persona, tematico in allungò -..

- O tematico in 1 Persona Sg. & Pl. e 3 Persona Pl.; ed in 2 e 3 Persona Sg. e 2 Pl. C'è anche una 3
Persona arcaica Pl. in e, come in sénti, loro sono.

c. Opposizione di gambi Tematici. Questo è ottenuto con gradi di vocale diversi della radice e
dalla posizione di accento.

2. Nel flesso di Semithematic le forme Atematiche avvicendano con uni Tematici.

NOTA. Il semithematic è per alcuna un'innovazione di Tarda Torta che non raggiunse alcuni dei
dialetti mentre per altri rappresenta una situazione in che l'opposizione Tematico-atematico e
l'Accento Sposta di un più vecchio sistema è stato dimenticato, lasciando solamente alcuni resti
mescolati.

7.2.4. Creazione di verbo

1. Con Creazione di Verbo noi ci riferiamo al modo in cui i verbi sono creati da Nomi e gli altri
Verbi aggiungendo suffissi ed attraverso reduplicazione di gambi.

2. Ci sono generalmente due generi di suffissi: Radice e derivativo; loro si classificano così perché
loro sono aggiunti primariamente alle Radici o a Derivatives di loro. La maggior parte dei suffissi
noi abbiamo visto (piaccia - u, - i, - n, - s, ecc.) è un suffisso di radice.

Suffissi derivativi possono essere:

a. Denominatives che aiuta a creare verbi nuovi da nomi; come, - ie/-io.

b. Deverbatives, quelli che aiutano a creare verbi nuovi dagli altri verbi; come, - l'ei - (più
vocalism di radice o), - i -, - s -, - lo sk -, -.-, -.- ecc.
3. Il reduplicazione è solito in molte lingue moderne. Generalmente serve ad indicare intensità o
ripetizione in nomi; nel verbo proto-Indo-europeo aveva due usi:

a. Aiutò a creare un Deverbative, contrario a verbi di radice, generalmente nel Presente,


specialmente in intensives; come, bhérbher - da bhér -, porti, o gálgal - (il cf. O.C.S. glagolja.)
da gál-[174], chiamata; ecc.

NOTA. È dubbioso se questi sono resti di un più vecchio sistema basati sull'opposizione Radice /
Deverbative, prima degli sviluppi più complicati di Tarda Torta in suffissi e fini o, sul contrario, è
l'influenza delle prime derivazioni di nome.

b. Il reduplicazione ha perso tuttavia, essenzialmente, il suo vecchio valore e ha marcato i gambi


diversi, se Presente, Aorist o Perfetto. Ci sono delle regole in reduplicazione:

- Al giorno d'oggi, può essere combinato con radici ed accento; come, bhíbher-mi, gígn.-mi,
ecc.

- Nel Perfetto, generalmente con vocalism di radice e fini speciali; come, bhébhor-un, gégon-
un, ecc.

NOTA. Riduplicato Perfeziona show vocale di radice di o-grado di solito (come in Gk., Gmc. ed
O.Ind.), ma ci sono eccezioni con vocalism di zero-grado, cf. Lat. tutudi, Gk. mémikha, tétaka,
gégaa.

- Pieni reduplicazione di intensives (il cf. bher-bher -, mor-mor -) è diverso dai semplici
reduplicazione di Gambi verbali che sono formati dalla consonante iniziale ed iin il Presente (il cf.
bhi-bher -, mi-mno -, pí-bo -), o e nel Perfetto e nell'Aorist (il cf. bhe-bher -, gé-gon, ké-klow -).

NOTA. Negli altri casi, gambi riduplicati sarebbero opposti, per esempio, formare Perfeziona
all'Aorist o viceversa, o disambiguare gli altri elementi del gambo o finendo.

7.2.5. Verbi separabili

1. Un Verbo Separabile è un verbthat è composto di un Gambo di Verbo ed un Affisso Separabile.


In delle forme di verbo, il verbo appare in una parola, mentre in altri il gambo di verbo e l'affisso è
separato.

NOTA. Un Prefisso è un tipo di affisso che precede i morfemi ai quali può legare. Un affisso
separabile è un affixthat può essere liberato dalla parola lega e localizzò altrove nella frase in una
certa situazione.

2. Molti verbi Indoeuropei e Moderni sono verbi separabili, come in greco Omerico, in Hittite nel
più vecchio Vedico ed in tedesco moderno 'il trennbare Verben.

Così, per esempio, il (il latino) verbo supplak.i., implori umilmente, supplichi (da suppláks,
supplichevole, da Torta pl.k, sia piatto), dà a wos di sup (eg.) plak.i. (il cf. O.Lat. supplisca plac di
uos.), io L'imploro, e non (eg.) il wos supplak.i., come Lat Classico. supplic di uos.
NOTA. Il tedesco è conosciuto bene per avere molti affissi separabili. Nella frase Ger. Il komme di
Ich sbudellano zu l'anthe di Hause premettono un nell'ankommen di verbo è liberato. Comunque,
nel participio, come in angekommen di ist di Er, "Lui è arrivato", non è separato. In olandese,
compari Hij è aangekomen, "Lui è arrivato", ma aan di morgen di kom di Ik, io arriverò domani.

Inglese ha molte forme di verbo di frasi o composte nelle quali agiscono così. Per esempio,
l'avverbio (o particella avverbiale) su nel verbo di frase rovinare può apparire dopo il soggetto
("cose") nella frase: "Lui sta avvitando cose su" sempre.

Forme non-personali, i.e. Nomi ed Aggettivi, formò un karmadharaya con la preposizione, come
O.Ind. pras.da., "favorisca", il subsidium di Lat, praesidium, O.Ind. apaciti, Gk. apotisis,
"rappresaglia", ecc.

NOTA. C'è, davvero, verbi non-separabili, come e.g.. tutto quelli con prefissi non-Indo-europei,
viz. Lat. ri -, aiqi -, Gk. haimn -, ecc.

7.3. Le congiunzioni
7.3.1. La congiunzione è il nome tradizionale di un gruppo di verbi che dividono un modello di
congiunzione simile in una particolare lingua, una Classe di Verbo. Questo è il senso nel quale noi
diciamo che verbi Indoeuropei e Moderni sono divisi in dodici Congiunzioni Regolari; vuole dire
che qualsiasi indoeuropeo Moderno e regolare che il verbo può essere coniugato in alcuna persona,
numero, tempo verbale, umore e voce sapendo appartiene quale dei dodici gruppi di congiunzione
a, ed i suoi gambi principali.

NOTA. Il significato di Regolare ed Irregolare diviene, così, una questione di scelta, anche
se la selezione non è evidentemente gratuitamente. Noi avremmo potuto dividere i verbi in
dieci congiunzioni, o venti, o solo due (dica Tematico ed Atematico), e ha lasciato i tipi
meno comuni all'interno di loro per un gruppo enorme di verbi irregolari. Noi crediamo
che la nostra scelta è nel centro tra un sistema semplificato (così troppo artificiale), con
molte congiunzioni irregolari. quale avrebbe bisogno a turno più dati di Torta per il flesso
corretto di verbi., ed un sistema di congiunzione esteso. tentando di includere ogni
possibile flesso attestò nella Tarda Torta., essendo complicato così anche e perciò difficile
da imparare.

È chiaro che il modo una lingua è sistematizzata le influenze la sua evoluzione; evitare
l'influenza così artificiale, noi tentiamo di offrire raggruppamenti verbali come naturali
come possibile. di quelli verbi frequenti nel Tardo sistema verbale proto-Indo-europeo.,
senza essere troppo flessibile per creare un sistema definito e stabile (e così usabile).

7.3.2. Verbi Indoeuropei e moderni sono divisi in due Gruppi di Congiunzione: il Tematico, più
nuovo ed abbondante nella Tarda Torta, ed i (più vecchio) Verbi Atematici. Questi gruppi sono, a
turno, suddivise rispettivamente in otto e quattro sottogruppi.

NOTA. È importante a nota che il fatto che una radice è di un certo tipo non implica
necessariamente che appartiene ad una specifica congiunzione, come è probabile che loro siano
trovati in sottogruppi diversi che dipendono dai dialetti (per Eng. con amore, cf. Lat. lubet, Skr.
lubhyati, Gmc. liuban), ed anche all'interno dello stesso dialetto (il cf. Lat. fuori., scate.). Ecco
perché Vecchio che verbi indiani non sono enunciati dalle loro forme personali, ma dalle loro radici.

I verbi non possono apparire in Gruppi di Congiunzione diversi; loro sono Tematici o Atematici.

NOTI 1. A dei verbi (principalmente radici di Torta) si crede che avessero avuto una più vecchia
congiunzione Atematica che fu reinterpretata più tardi come Tematico, dando così due tipi di flesso
e forse il cosiddetto flesso di Semithematic (v.i.). Perciò, i vecchi verbi di radice come bher -, porti,
può sembrare bhéresi di bhérsior, Lei porta, e così su.

NOTI 2. Invece di questa semplice classificazione di verbi in raggruppamenti moderni (le


Congiunzioni di MIE), da § 7.2.6. su, un terreno di proprietà comune, l'approccio più tradizionale è
usato per spiegare come verbi proto-Indo-europei e gambi verbali fu costruito da radici di solito e
regolarmente coniugò.

IO. La congiunzione tematica

Il primo o il Gruppo di Congiunzione Tematico è formato dai 8 sottogruppi seguenti:

1) Verbi di radice con radice e vocalico nel Presente ed o nel Perfetto:

o Triliteral: déik., dikóm, dóika il déiks., mostri, ecc.

Concavo di o: téq., teqóm, tóqa/t.qa il téqs., scappi, séqomai, segua, ecc.

NOTA. Per il téq di IE., cf. O.Ir. téchid / táich (< l'e/.).

2) Verbi della Radice del concavo con vocalism Perfetto e non-regolare. Varianti diverse
includono:

o lábh., l.bha, prenda; láw., l.wa, goda, slábai, sl.boma, caduta (Voice Medio); áidai,
encomio.

NOTA. Compari Gk. ......., O.ind. ile, Gmc. parte. idja -. La prima frase del Rigveda già può essere
tradotta ad indoeuropeo Moderno coi verbi summenzionati.

o káno, kékana/kék.na cantano.

o lég., l.ga, congiunga, legga, decida.

o lów., l.wa, lavata.

o r.d., r.da, si muova a fatica, raschi, graffio.

o r.p., r.pa, afferri, laceri fuori.

o r.d., r.da, ecciti.

3) Verba Vocalia (i.e., forme estese, - í-jo -, - ú-io -)


o am.i., amore.

o lubh.i., ami, desiderio.

o s.gíj., guardi per, ricerca.

o argúi. la ragione, disputi (il cf. Lat. argu., Hitt. arkuwwai).

4) i verbi in - l'io:

o Triliteral: il kúpi., óm di kup (i), kóupa il kéups., sia preoccupato.

Concavo di o: jáki., j.ka, getto.

o Azzoppare-lui: pári., pépra/pépr.ka, produzione.

o Reduplicated Intensives: kárkari., proclami, annunci (il cf. Gk. ........, ma Skr. carkarti)

NOTA. Esempi di intensives riduplicato e tematico includono anche forme comuni come il greco
......., ........, ........, ......., ........., ........, ........, ........, ....., e, negli altri dialetti di IE, glagoljo slavo,
bombico latino ('rotto' reduplicazione con varianti diverse), bombio cachinno, cacillo cracerro,
crocito cucullio, cucurrio curculio, didintrio lallo, imbubino murmillo, palpor pipito, plipio pipio,
tetrinnio tetrissito, tintinnio titio, titubo e così su.
5) Intensives-Inchoatives in - lo sko.

o Di Suffisso Mobile: sw.dhsk., sw.dhióm, sw.dhua sw.dhs., è usato a.

o Di Suffisso Permanente: prksk., chieda.

6) con nasale infigga o suffissi.

o Perfect con o vocalism:júng., jugóm, jóuga il jéugs., congiunga.

o Reduplicated Perfect:túnd., tét (o) uda di uda / tút (o), sciopero.

o Convex: bhráng., bhr.ga, interruzione.

o Nasal Infiggono e Perfezionano con radice di o: gúsn., góusa (il cf. Lat. d.g.n., d.gustus)

o Nasal Infiggono e Riduplicarono Perfetto: cf. Lat. pedaggio., sustulii (supsi+tét -),
ascensore.

7) con Presente Riduplicato

o sís., s.wa, scrofa.

o gígn., gégna, gégn.ka, produzione.

8) altro Thematics:

o p.d., la di pép (o),

o w (e) id.i., wóida,

o ecc.

II. La congiunzione atematica

Verbi del Secondo o Gruppo di Congiunzione Atematico possono essere suddivisi in:
1) monosillabico:

o In Consonante: ésmi, sia, édmi, mangi, .smai, trovi sé, sia.

o In. (i.e. Torta * il h2): sn.mi, nuoto, bhámai parla.

o In. (i.e. Torta * il h1): bhl.mi, pianga, (s) il rémai, calcoli.

o Con Nasale infigga: leiq - (linéqti/linq.ti), vada via, klew - (klnéuti / klnúnti), senta, panca
di chiesa - (pun.ti/pun.nti), purifichi, ecc.

o Altri: eími, vada, ecc.

2) riduplicò:

o (sí) st.mi, bancarella.

o (dhí) dh.mi, set, luogo, jíj.mi, getto.

o (dí) d.mi, dia.

o (bhí) bheimi, paura.

o kíkumi / kuwóm / kékuwa, fortifichi.

3) Bisyllabic:

o wém.mi, vomito.

NOTA. Possibilmente forme latine con -.re infinito, Passato - ui e participio - itusare all'interno di
questo gruppo; come, crep., fric., dom., tonnellata., ecc.

o bhélumi, indebolisca, (il cf. Goto. bliggwan, "frusta")

NOTA. È probabile che questo verbo sia classificato possibilmente più correttamente come
bhelui., all'interno del Verba Vocalia, batta a macchina 3) in - u-io del Gruppo Tematico.

4) suffissò:

o In n. (i.e. Torta * il neh2): pérn.mi, concessione vendono (il cf. Gk. ......., O.Ir. id di ren
(a), ecc.), qr.n.mi, compri (il cf. O.Ind. kr.n.ti, O.Ind. cren (a) in, gr. .......ecc).

o In nu: árnumi / órnumi, aumento (su).

NOTA. Per questo Vecchio di verbi indiano vocale di radice di zero-grado di show e suffissi
alternati. Show greci il comportamento opposto che dovrebbe essere preferito in indoeuropeo
Moderno a causa del suo agio di uso.

7.4. I quattro gambi


7.4.1. I quattro gambi

1. I Gambi del Presente possono essere:

IO. Radici, specialmente Tematico ma anche Atematico e Semithematic.

II. Radici riduplicate, specialmente Atematico.

III. Gambi consonantici, del tutto Tematico. Loro possono finire in occlusivo, o - s ed i suoi
allungamenti, come - ske / o; come, prk-skó -, chieda, chieda, da zero-grado di alzi il capo,
chieda.

IV. In Vocale, Tematico in - i -, - u -, ed Atematico in -., -..

V. In Nasale, Tematico ed Atematico (specialmente in - neu / -nu, - n. / il -na).

2. Il Gambo di Aorist è opposto al Presente:

A. Aorist Radici Atematiche contro. Radici presenti e riduplica.

B. Aorist Radici Tematiche contro. Presenti atematici.

C. Aorist Radici Riduplicate e Tematiche contro. Presente riduplicato ed atematico.

D. Aorist con - s ed i suoi allungamenti, ambo Tematico & Atematico.

E. Aorist con - t e - k sono rari, come Lat. feci.

F. Aorist con -., -., e - i, - u, & i loro allungamenti.

3. I Gambi del Perfetto hanno vocale di radice di solito -. / il -Ø, con reduplicazione dialettale.
principalmente Indo-iraniano e greco., e delle fini speciali.

4. Usi Indoeuropei e moderni un Gambo Futuro e generale con un suffisso - s -, di solito Tematico.

NOTA. È probabile che il futuro sia formato anche col presente in delle situazioni, come in inglesi
io vado al museo che potrebbe volere dire io sto andando al museo o io andrò al museo. Il Presente
è, così, un semplice modo di creare (specialmente immediato) frasi future in più lingue Indoeuropee
e moderne, come già era nella Tarda Torta tempi.

5. Ci sono quattro Gambi flesso da sommare su, ma ogni ha a turno cinque forme flesso
(Indicativo, Imperativo, Congiuntivo, Ottativo e Participio), ed uno non flesso (Nome Verbale). Il
flesso verbale è fatto con desinenze (incluso Ø) che indicano Persona, Time e Voice. La persona è
combinata così con l'altra due.

NOTA. Il gambo imperfetto aveva né un congiuntivo né una formazione ottativa nella Tarda Torta.

Un esempio dei quattro gambi è (per Torta rootléiq-156 verbale, permesso) léiqe / o - (o linéqe / o
nasale -) per il Presente, (é) liqé / ó - per l'Aorist, (lé) lóiq - per il Perfetto, e léiqse / o - per il
Futuro.
7.4.2. Il gambo presente

IO. Paradigma di formazione di gambo presente

1. Radici verbali (Atematico, Semithematic e Tematico) non erano molto comuni nella Tarda
Torta. È probabile che loro abbiano solamente uno Gambo, o loro farebbero opporre Gambi multipli
all'un l'altro.

2. Riduplica è dipendendo di solito diversi sui gambi: quelli che finiscono in occlusivo o - u - è
dedotto da radici stese, e è usato principalmente in verbi; quegli in - s e - u sono rari, e sono usati
principalmente per i gambi rimanenti.

3. I gambi più prolifici nella Tarda Torta erano quelli che finiscono in - i, -.and -., riferì da vicino.
Athematics in -.and -. abbia usi quasi sempre Presenti (il cf. dh.134, metta, faccia, c.82, vada), come
Thematics in - ske / o (come gn.-sko-, sappia, prk-skó-42, chieda) ed Athematics o Thematics con
nasale infigga (i.e. in - n -, come li-n-eq -, vada via, da leiq, o bhu-n-dho -, faccia consapevole, da
bheudh60).

II. Gambo di radice presente

1. Un Gambo di Radice puro, con o senza vocale tematica, può essere usato come un Presente,
contrario all'Aorist, Perfetto e qualche volta ai Gambi Futuri. Il Gambo di Aorist può essere anche
Radice, e è distinto poi dal Gambo Presente con 1) opposizione vocalica, i.e., pieno grado, o-grado
o zero-grado 2) il thematism-athematism, o 3) con differenziazioni fonetiche (come turno di
accento) e secondarie.

Presente radici verbali possono essere atematiche, semithematic e tematico. Gli athematics erano,
nella Tarda Torta, solamente i resti di un più vecchio sistema, e così il semithematics.

2. In Radici Monosillabiche che finiscono in consonante o sonant, il flesso di solito è fatto:

a. nel Voice Sg Attivo., con radice accento di radice di eand vocalico

b. nell'Attivo e Voice Pl Medio., radice Ø vocalico ed accentua sulla fine.

L'esempio più ovvio è quello di es, sia che ha un singolare in es - e plurale in s -. Ci sono anche gli
altri verbi monosillabici, come chen111 sciopero, ed173 mangia. Le altre radici, come eí61 vanno,
segua questo flesso anche.

ed, mangi chen, knok eí, vada es, sia dh., metta, metta d., dia
sg 1. édmi chénmi eími ésmi (dhí) dh.mi (dí) d.mi
.
2. édsi chénsi eísi éssi (dhí) dh.si (dí) d.si
éstii
3. chénti eíti ésti (dhí) dh.ti (dí) d.ti
pl. 1. dmé chnmés imés sme (dhí) il dhames (dí) le dame
2. dté chnté ité ste (dhí) il dhate (dí) la data
3. dénti chnónti jénti sénti (dhí) il dhanti (dí) il danti

i
MIE l'ésti < la Torta * l'édti
NOTA. La maggior parte di verbi è ricostruita con un accento mobile (come in Sanscrito) di solito,
ma noi preserviamo l'accento colonnare greco e più facile; legge dhidhamés, dhidhaté, dhidhánti, o
didamés, didaté, didánti di solito.

3. C'è anche un altro tipo verbale e raro, Radice Atematico con la piena o lunga vocale di radice ed
accento di radice fisso, Proterodynamic di solito chiamato. Appare nel Voice Medio frequentemente.

4. Radici monosillabiche con Vocale Lunga (come dh. e d.) sono flesse in Sg. con vocale lunga,
ed in Pl. e Medio con - un. Loro sono rari in Presente, di solito riservato per l'Aorist.

5. Radici di Disyllabic che preserva un flesso atematico hanno il Presente in full/Ø-vocale. La


Ø/full-vocale alternativa è riservata per l'Aorist generalmente.

6. Nel gambo di radice di Semithematic, la 3 persona Pl. ha una fine preceduta da e/o Tematico
spesso. Quell'accade anche nei 1stPerson Sg., quale spesso ha - od o - l'o-m (i); e nella 1 Persona
Pl., quale può finire in - l'o-mos, - o-mo.

NOTA. In un vecchio flesso come quello dell'es di radice verbale, i.e. ésmi-smés, qualche volta
un'alternativa di Semithematic è trovata. Compari il paradigma del verbo sia in latino, dove zero-
grado ed o che forme vocaliche sono trovate: s-ómi (il cf. Lat. somma), non l'és-mi; s-ómes (il cf.
Lat. sumus), non s-io; e s-ónti (il cf. Lat. sunt), non il s-énti. Tale flesso, non limitato al latino, ha
avuto il piccolo successo nel sistema verbale ed Indoeuropeo, almeno nei dialetti che sono stati
attestati. C'è comunque, molto flesso di semithematic di examplesof in verbi di non-radice, cosa
potrebbe volere dire che un flesso di semithematic indipendente esistè in Torta, o, sul contrario, quel
vecchio forme atematiche si furono rifatte e mescolarono col flesso tematico (Adrados) e più nuovo.

7. Radici verbali e tematiche generalmente fanno aggiungere un - e/o di fronte alle fini. Perciò, in
Atematico argina e / omay sia trovato nei 3 P.Pl., in Semithematics nei 1stP.Sg. e Pl., ed in Tematico
appare sempre.

Il flesso tematico mostra le due formazioni generali:

a. Radice e vocalico ed accento di radice; come in déiketi, lui / lei / esso mostra.

b. Radice Ø vocalico ed accentua sulla vocale tematica, come in dikóm lui / lei / esso mostrò.

Il primo appare di Presente di solito, ed il secondo nell'Aorist, anche se ambo potessero apparire in
alcuno di loro in Torta. Infatti, quando ambo appaiono di Presente, l'un-tipo è un Durative di solito.
volendo dire un'azione non finito., mentre b-dattilografa i verbi sono Terminatives o Punctuals.
volendo dire la conclusione dell'azione. Questo valore semantico non è generale, tuttavia, e è
trovato in dialetti di Graeco-ariano spesso.

NOTA. Il flesso più nuovo è, così (in un schema singolare / plurale), quello di pieno / pieno
vocalism per Presente, Ø/Ø per Aorist. La (principalmente) Radice Atematico - e Semithematic -
flesso in pieno / Ø sembra essere più vecchio che il Tematico. Il flesso Tematico probabilmente
oscurò l'Atematico e Semithematic uni in IE III, e ci sono molti esempi delle formazioni che
coesistono, alcuno del più nuovo che sono opposti al più vecchio nel volere dire.

III. Il presente riduplicò gambo


1. Dipendendo dalla sua Formazione, gambi presenti possono avere entrambi Pieno
Reduplicazione, qualche volta mantenuto in tutta la congiunzione o il Semplice Reduplicazione che
normalmente consiste della consonante iniziale della radice seguì da - i -.

Dipendendo dal suo Significato, il reduplicazione può avere un valore generale (di Iterazione o
l'Intensità), o semplicemente oppose valori in paia individuali di Di base Verbo-Deverbative. Perciò,
aiuta a distinguere il verbo nelle sue forme diverse.

2. Come il Reduplicazione è fatto:

IO. Il pieno Reduplicazione, normalmente trovato nel Gambo Presente ripete la Radice o almeno
la consonante di gruppo / sonorant+vowel+consonant / sonorant; come, ragazza-ragazza -,
parli, bher-bher -, sopporti, mor-mor- / mur-mur -, bisbigli, ecc.

Il pieno reduplicazione è anche che che ripete una Radice con vowel+consonant / sonorant;
come, ul-ul -, pianga ad alta voce (il cf. Lat. ulul.re).

II. Il semplice Reduplicazione è fatto:

a. Con consonante + i,

- in verbi Atematici; come, bhi-bher, porti (da bher),

- in verbi Tematici; come, sappia (da gn.), ecc. si-sdo -, si sieda, cassapanca (da zero-grado
di sed, sieda),

- Degli Intensives hanno Reduplicazione mezzo pieno, mezzo semplice, come in dei-dik -,
show (da déik).

- Ci sono le altre forme con - w, - u, come in leu-luk -, lo splendore (da leuk, luce).

- Ci sono anche dei gambi Perfetti coi.

b. Con consonante + l'e/., come dhe-dh.-, ecc.

Il semplice Reduplicazione in ed appare principalmente nel Perfetto, mentre caratteristica di iis di


gambi Presenti. Reduplicazione in e è trovato anche spesso in Intensives in dialetti meridionali.

NOTA. Reduplicazione formale in - i è principalmente accessorio extra in indoeuropeo Moderno,


come è soprattutto una caratteristica di Graeco-ariano; come, gign.sk./gn.sk., faceva. /d., pib. /p.(i)
[175], ecc.

NOTA. Il reduplicazione non colpisce la radice diversa gradi vocalici in flesso, e regole generali
sono seguite; come, bíbherti-bibhrmés, (s) íst.mi- istamés, ecc.

3. Il Significato diverso di Riduplica trovato in Torta è:

- Show Indo-iraniano e greco un'opposizione sistematica Verbo Di base - Deverbative


Reduplicated, ottenere un verbo Iterativo o Intensivo.
- Desideratives è Riduplica coi + la Radice + - se / o, come e.g.. uomini contro. mi-mn-così -,
pensi. Tale Riduplica è chiamato Terminatives.

NOTA. Anche se l'Iterativo-Intensives, Desideratives e qualche volta Terminatives non riuscì nei
dialetti europei ed attestati, noi lo consideriamo una vecchia risorsa di Tarda Torta, probabilmente
più vecchio dell'opposizione Presente-perfetto. Noi includiamo perciò questa caratteristica nel
sistema di MIE globale.

IV. Gambo consono e presente

1. Radici Indoeuropee possono essere allungate con un occlusive per dare un gambo di verbo,
generale o Presente-unico. Tali gambi sono fatti addizione di solito un dei denti - t, - d, - il dh, o un
gutturale - k, - g, - il gh (anche - k, - g, - il gh), ma solamente raramente con labials o labiovelars.
Loro sono del tutto Tematici, e gli allungamenti sono aggiunti alla Radice.

NOTA. Tali allungamenti probabilmente erano opzionali in un più primo palcoscenico della
lingua, prima che loro furono gelati come vocabolario reso differente dalla Tarda Torta. Delle fini
(piaccia - lo sko, - io, ecc.) ancora era opzionale in IE III, v.i.

2. Ecco degli esempi:

- t: plek-t., tessa, kan-t., sing;klus-ti., senta, ascolti, ecc.

- d: sal-d., salare, ekskel-d., sia eminente, pel-d., colpisca, ecc.

NOTA. L'allungamento in - d qualche volta è integrato completamente alla radice (il cf. Lat.
strid., badi.), o appare solamente in dei tempi verbali, cf. Lat. Pell. / pepuli / pulsus, ma frec. puls.
& il pult., -.re.

- dh: ghr-dhi., cinga, gawi-dh., rejoice;wol-dh., domini, ecc.

- k: ped-k., inciampi, pleu-k., voli, gel-ki., si geli, ecc.

- g: tm.-g., da tem, tagli, ecc.

- gh: sm.-gh., n.-gh., neghi, stena-gh., ecc.

- p: wel-p., aspetti, da wel, augurio, volontà, ecc.

- bh: gnei-bh., rada (il cf. gneid, graffio), skre (i) - il bh., graffi scrivere (da sker, graffi, raschi),
ster-bh., muoia (da ster, diventi rigido), ecc.

NOTA. Questi allungamenti sono considerati da alcuni linguisti come modificatori di radice
ugualmente possibili in proto-Indo-europeo a quegli in - s, - lo sk, - n -, - il nu, - n., ecc. Comunque,
è ovvio che questi uni (infra di vide) appaiono più spesso, e che loro sembrano parte della
congiunzione di solito, mentre le prime quasi sempre divengono parte della radice e sono cambiate
di conseguenza. Purchessia la natura e l'antichità di tutti, quelli su sono in indoeuropeo Moderno
solo parte di gambi esistenti di solito (i.e., parte della morfologia di IE), le dilazioni seguenti sono
parte della congiunzione spesso.
3. Gambi imperfetti in - s ed il suo derivatives, come - lo sk - e - lo st -, pressocché è del tutto
Tematico.

NOTA. Suffisso tematico - ste / o ha un senso Espressivo di solito, volendo dire suoni la maggior
parte delle volte; come, bresto, tremore, bhresto, scoppio, interruzione, ecc.

4. Gambi in - s hanno un uso specializzato (opposto a gambi Di base) e comune, mentre marcando
il Passato, il Futuro e qualche volta il Congiuntivo.

NOTI 1. Aorist scaturisce in - s sono di solito Atematici.

NOTI 2. A causa del suo uso comune in flesso verbale, deverbatives con un allungamento in - s -
non è opposto in Significato ai loro gambi di base generalmente. Là può essere trovato dei
significati individuali in tali paia di gambo contrari, tuttavia già nella Tarda Torta; come, Insistents o
Iteratives (il cf. wéid-s-o, "voglia vedere, vada a vedere", da adesso "visiti", come Lat. v.sere, goto.
gaweis.n, O.S. O.H.G. w.s.n, contro. Pres. w (e) id-.-io, veda, sappia, come Lat. vid.re), Causatives,
e specialmente Desideratives (quali furono usati anche per formare il gambo Futuro nel Dialetto
Meridionale). Non c'è comunque, nessun significato comune e generale riservato per il gambo steso
in - s. Compari anche Lat. pigi. < * il pres-saivs. Lat. permanente.; Lat. termine. contro. un Gk. .... <
* il tre-s., O.Ind. trásate, 'lui è spaventato.'

Allungamenti consoni e presenti

A. Suffisso tematico - ske / o è aggiunto a Radici in zero-grado, specialmente a monosyllabics e


disyllabics; come, prk-sk. (da prek42), cm-sk., (da cem82) gn.-sk. (da gn.100). Può essere
aggiunto anche a gambi Riduplicati, come dí-dk-sk. (da dek89), gí-gn.-sk., ed a Radici allungate,
specialmente in., u., come kr.-sk. (fromker175).

Qualche volta questo show di Deverbatives limitò modelli generali, creando Iteratives
specialmente, ma anche Inchoatives, Causatives, e Fattori determinanti pari o Terminatives.

Questo allungamento in - lo sk - sembra essere stato parte di Presente-unici gambi nella Tarda
Torta; cf. Lat. fl.resc./fl.ru., Gk. ........ / ......., e così su.

NOTI 1. Casi come prksk di verbo di IE., chieda, richiesta (il cf. O.H.G. forsc.n, Ger. forschen,
Lat. posc. > sc di por (c)., O.Ind. p.cch, Braccio. harc'anem, O.Ir. arcu), quali appaiono in tutta la
congiunzione intera in dialetti di IE diversi, apparentemente è eccezioni del Tardo sistema verbale
proto-Indo-europeo; sostenendo una formazione comune di radice di zero-grado presenti Iterativi,
compari anche lo skó di forma (e) - (< il h1skó), l'es di verbo - con 'l'existencial' senso, come
O.Lat.escit "è", Gk. .ske, "era", Hom. Gk. éske, Amico. i.ka, ecc.

NOTI 2. Sostenendo la teoria che - sk ha un sviluppo più nuovo che gli altri allungamenti sono
e.g.. il duskiski (ta) di formazione di Hittite (il cf. O.Ind.túsyate, 'il silenter', O.Ir. tuai di inna 'il
silentia') che indica che in Anatolian (da adesso possibilmente in IE III come bene) tale fine.
diversamente da altre fini mostrate - ancora è attivamente in formazione.

B. Gambi in - si dice che n avessero un suffisso nasale, o un nasali infiggono. se è aggiunto


all'interno della radice. Loro possono essere Atematici o Tematici, e le forme più comuni sono - n, -
neu / -nu, - n.: come in str-neu / ster-nu, espansione; li-n-eq/li-n-q, permesso; ml-n., domestico;
dhre-n-g, bibita; pu-n-g, prik; bhu-n-dh, sia consapevole, pla-n-t., pianta; ecc. Questi verbi
possono essere trovati anche senza il suffisso nasale o possono essere infissi, viz. streu, leiq il dem.,
dhreg, peug intessono.

C'è altro, non le formazioni nasali e così comuni; come, - ne / o, i.e. -[nessuno] o - [n.-o], e
(possibilmente dedusse da flesso - il neu e - il nei) le forme - nue / o, - nie / o.

NOTA. Queste formazioni sono molto recenti a Tardo proto-Indo-europeo. Degli esempi di
theabove sono sper-n., cosparga, p (e) l-n., riempimento. In greco è frequente il suffisso nasale -
un. Altri come - nue / o, e - nie / o spesso appaiono, anche; come Gk. phthínuo, goto. winnan (da *
il wenwan); Gk. iaíno, phaínomai, (veda bh.) e Vecchio indiano i verbi in - il niati.

V. Gambo di vocale presente

1. Delle radici e derivatives (deverbatives o denominatives) formano il verbo Tematico scaturisce


con - ie / o, e Semithematics in.., di solito aggiunse al gambo in consonante.

La vocale precedente può essere un -.-, -.-, - i - o - u -, qualche volta come parte della radice o
derivativo, qualche volta come parte del suffisso. Possibili suffissi in - io sono poi anche (il
cosiddetto Verba Vocalia) -.io, -.io - il íjo e - il úio.

NOTI 1. Verbi in - io sono classificati come un tipo diverso di deverbatives (non incluso in vocalia
di verba) di solito; in questi casi, il grado di Radice di solito è Ø; come, bhúdhi., si svegli, da
bheudh; ma il pieno grado è anche possibile, come in spéki., occhiata.

NOTI 2. Deverbatives in - io danno Statives di solito, e qualche volta Causatives ed Iteratives che
sopravvivono principalmente nei dialetti europei (ma cf. Gk. ...., O.Ind. vadhayati, ecc), come la
formazione secondaria e speciale Causativo-iterativo, con Radice di o-grado e suffisso -.ie /o, cf. da
wes, vestito, Activewos.ieti (il cf. Hitt. wa..izzi, Skr. v.sáiati, Ger. wazjan, Camice sacerdotale.
vesh), da leuk, luce, louk.ieti Attivo (il cf. Hitt. lukiizzi, Skr. rocáyati, Av. rao.ayeiti, O.Lat. l.mina
l.cent), ecc. Ci sono anche molti deverbatives in - io senza un significato generale quando contrario
al suo verbo di base.

NOTI 2. Il flesso Tematico di questi verbi è regolare, e di solito accompagnò dal Semithematic nei
dialetti Settentrionali, ma non nel Meridionale uni, quali non li combinano con - i -, -.-, né -.-.

2. Verbi di radice tematici in - io sono vecchi, ma sono coesistiti col semithematics - io/-i /-..
Questi verbi possono essere deverbatives. normalmente Iteratives o Causatives. o Denominatives.

NOTA. Loro specialmente servirono a formare verbi da nomi ed aggettivi, come wesnóm, prezzo,
e wesnei., valore (il cf. Skr. vasna-yá), nómn, nome il nómni., nome (il cf. Ottenuto. namnjan), o
mélit, miele il mlíti., prenda miele dal favo (come Gk. blítt.), ecc.

Il flesso di deverbative potrebbe avere - io, -.io, o la sua variante di semithematic.

NOTI 1. Lo Stato o valore di Status di questi verbi è una caratteristica principalmente fondò in
dialetti Balto-slavi, con verbi in -.and -. il cui flesso è combinato con tematico qualche volta - ie / o.

NOTI 2. Sulla distinzione solita - l'éi. /-.i., apparentemente è attestato in Anatolian, Indo-iraniano,
greco ed Armeno (il cf. Braccio. Gen. siroy, "amore", sirem "io amo" < * il kejre-ié -); Greco perde
il - j - e segue (come latino) la regola 'uoc.lis aggiungono al piatto uoc.lem corripitur', cosa aiuta
metrica. Greco probabilmente aveva comunque, un presente con lungo. (come in futuro non-liquido
e perfetto). Miceneo non chiarifichi la domanda; spesso è accettato inoltre, che forme come O.Ind.
in - ayati sono isolati. Per scopi prammatici, l'indoeuropeo Moderno preferisce fare seguire -.i una
fine sempre. che va bene meglio in poesia Occidentale che segue i greci Classici e metrica latina.
non è così facile includere lubhéieti (con tre sillabe) nell'esametro classico e comune...

3. Gambi in - u sono trovati di Presente raramente, ma sono trovati nel Passato e gambi Perfetti
spesso.

NOTA. Gambi in - u hanno, così, un comportamento contrario a quegli in - i che è trovato in


Presente di solito e raramente in Passato e Perfetto.

In gambi Presenti, - u è trovato in radici o come un suffisso, se tematico o atematico (ma non il
semithematic), dando un gambo che può sembrare il gambo generale del verbo normalmente. È
perciò generalmente entrambi parte della radice o un allungamento stabile di lui.

NOTA. Eccezioni comuni a questa regola generale che concerne la Tarda Torta verbi in - u, gambi
di solito generali sono diversi si sposa gheu-gh., pleu-pl., ecc.

4. Radice o gambi in -., Atematico o mescolato con - i -. Qualche volta il -. è parte della Radice,
qualche volta è un suffisso aggiunto o sostituendo il - e del Gambo.

Loro possono essere verbi di Stato; come, albh.i., sia bianco, con un valore di stative. C'è anche
Iterativo-Causatives; Denominatives è dedotto da aggettivi tematici in e/o di solito.

NOTA. Questi probabilmente sono riferiti con gambi in - i (i.e., in -.ie /o) come in albh.i., sia
bianco, mon.i., ricordi a, metta al corrente, sen.i., sia vecchio.

Esempi atematici sono lubh.i., sia caro, sta accomodando; rudh.i., arrossisca, arrossi; gal.i.,
chiamata (non denominativo).

5. Radici o gambi in -., Atematico o mescolato con - i -. Loro sono sparsi in tutto il sistema di
Verbo generale; come, bh. (i.), strattone; duk. (i.), trascini, strattone; è. (i.), ami, ecc.

NOTA. Alcuni trovano le formazioni evidentemente irregolari, mescolò con - i -, come Lat. è., "io
amo", da un più vecchio am.-i., ma qualche volta ricostruì come da * è., i.e. in -.without che finisce
(il cf. Lat. amas, amat...); contro lui, compari le formazioni di IE comuni come Umb. subocau
'l'invoc.', Russ. délaiu, e così su.

Sul loro Significato, loro possono essere (specialmente in latino) Statives o Duratives, e qualche
volta Factitives oppose a Statives in -. (il cf. Hitt. mar.a.-mar.e-, Lat. clar.re-clar.re, alb.re-alb.re,
nigr.re-nigr.re liqu.re-liqu.re). Ma ci sono anche molti deverbatives in -. senza un valore speciale
opposto al verbo di base.

Gambi in -. aiuti a creare Congiuntivi, Aorists, ed Imperfectives. L'uso di -. fare Iterativo ed il


deverbatives di Stative e denominatives non è così comune come l'uso -..

NOTA. C'è una relazione con verbi in - i - (i.e. in - .io), come con gambi in -..

7.4.3. Il gambo di Aorist

IO. Aorist argina paradigma di formazione


1. L'Aorist descrive un'azione completata di passato, al momento quando già è finito, come e.g..
Eng. Io spedii / spedii quel e-mail prima / quando Lei apparve.

NOTA. Come opposto all'Aorist, l'Imperfetto si riferisce ad un'azione di durative di passato (uno
non finì a quel momento o non finito ancora), come e.g.. Eng. Io spedii / spedendo l'e-mail quando
Lei apparve.

2. L'Aorist è fatto in Ø/Ø, Fini Secondarie di solito l'Aumento e qualche volta il Reduplicazione;
come, 1. P.Sg. (é) il bheróm.

NOTA. L'aumento né era evidentemente obbligatorio in Imperfetto né nelle formazioni di Aorist


nella Tarda Torta (il cf. Greco più grande e Sanscrito Vedico le forme), ma è mostrato in questa
grammatica di solito perché la tradizione di studi di IE ha fatto Aumento obbligatorio, e perché un)
l'Aorist è soprattutto una risorsa di litterary, b) solamente greco ed il Sanscrito lo specializzò
ulteriormente, e c) questi dialetti fecero Aumento obbligatorio. È in modo chiaro comunque, che per
un indoeuropeo Moderno dell'Europa sarebbe migliore selezionare un 'l'Aumento' in pro -, come in
celtico, in kom -, come in germanico, o in per - come in latino, invece dell'Aumento di Graeco-
ariano in é -.

3. L'opposizione di Presente e gambi di Passato è fatta con:

a. Il presente Riduplicò Radice contro. Aorist radice di base; come, sí-st.-mi, io sto in piedi,
contro. st.-m, io sono stato in piedi.

b. Presente tematico contro. Aorist atematico in - s; come, léiq -., io vado via, l.iq-s-m, io stavo
andando via.

c. Ambo i gambi Tematico, ma con gradi vocalici e diversi; come, léiq -., io vado via, liq-óm, io
sono andato via.

NOTA. Ogni gambo potrebbe essere di solito Presente o Aorist in Torta, purché che loro furono
opposti all'un l'altro. E ci potrebbe essere più di un Presente ed Aorist scaturisce dalla stessa Radice;
come, per léiq Presente e Tematico -., io vado via che mostra due vecchie formazioni, uno l.iq-s-m
steso Atematico (il cosiddetto sigmatic Aorist), e l'altro liq-óm di zero-grado Tematico.

4. C'era un trend logico per specializzare i ruoli delle formazioni diverse, così che quelli Gambi
che sono trovati in Presente raramente sono soliti in Aorists. Per esempio, radici Tematiche per il
Presente, ed Aorists estese in (atematico) - s -.

NOTA. Infatti, c'era davvero solamente uno problema di confusione quando gambi distinti in
proto-Indo-europeo, viz. quando loro finirono in -. o -., come loro apparvero similmente in Presenti
ed Aorists. Era attraverso opposizioni e specializzazioni formali di paia individuali che loro
potrebbero essere distinti.

II. Gambo di radice di Aorist

1. Gambi di Radice di Aorist atematici furono opposti a gambi Presenti Riduplicati ed Atematici
generalmente, ma non era l'unica possibile opposizione in Torta.

NOTA. Gambi di Radice così atematici non sono trovati con fini nella consonante, tuttavia.
2. Radice monosillabica che Aorists è opposto a Presenti di solito:

a. In - il neu; come, klnéu., da klew, senta, o qrnéu., da qer, faccia, faccia; ecc.

b. Riduplicato o in - lo sko, - l'io; come, camsk., da cem, venga, o bhési., da bhes, respiri; ecc.

c. Presente tematico; come, ghéw., da ghew, acquazzone; bháw., da bh., proclami.

3. I Disyllabic Radice Presenti mostrano un modello di opposizione simile; come, gígn.sk.-gn.,


bháli.-bhl., ecc.

La vocale tematica è il sistema regolare in flesso, i.e. Sg presente. Attivo con la piena vocale, e
Øin il resto.

NOTA. Sembra che radici di disyllabic proto-Indo-europee tesero a generalizzare una forma unica,
mentre trascura il modello di opposizione; come, gn.-, bhl.-, ecc.

4. Gambi di Aorist tematici sono gli stessi uni come quelli del Presente, i.e. pieno-grado e zero-
grado, e.g.. leiq - e liq -, sempre oppose al Presente:

a. Il liqé / ó - la forma (i.e. zero-grado) è riservato per il gambo di Aorist di solito;

b. Il leiqe / o - la forma (i.e. pieno-grado) è trovato nell'Aorist raramente. ma, quando è trovato, il
Presente doveva essere reso differente logicamente da lui; e.g.. dall'Imperfetto con Aumento, viz.
da bhertu, portare, Pres. bhéreti / bhérti, lui porta, Imperf. bherét / bhert, lui stava portando,
Aorist ébheret / ébhert, lui portò.

III. Aorist riduplicò gambo

1. Aorist Reduplicated i gambi. tematico ed atematico. è trovato principalmente in greco ed Indo-


iraniano, ma anche sporadicamente in latino.

NOTA. Dialetti Meridionali hanno anche (come di Presente) una vocale specializzata per Aorists
Riduplicato, v.i., ma in questo caso è unico a loro, come gli altri dialetti apparentemente attestarono
seguito schemi diversi. In indoeuropeo Moderno gli schemi dialettali ed attestati sono seguiti.

2. Aorist Thematic Riduplica abbia un e vocalico (opposto all'iof il Presente) e generale, vocale
(generale in Aorists) di radice di zero-grado e qualche volta anche accento di fronte alla fine; come,
chéchn., io uccisi, da chen.

In radici che cominciano con vocale, il reduplicazione è del vowel+consonant di tipo.

NOTA. Questa risorsa per la formazione di Aorist sembra non avere sparso con successo fuori di
dialetti di Graeco-ariano; comunque, l'opposizione di Reduplicazione Presente nei, Reduplicazione
di Passato in e (il cf. Gambo perfetto) fu generalizzato davvero in Tardo proto-Indo-europeo.

3. Delle radici che cominciano anche con forma vocalica Riduplicarono Aorists; come ágagom
(come Gk. ......, dove. <. < l'é+a. Wackernagel, da adesso * l'é-agagom)

4. Anche, Causatives forma Aorists frequentemente Riduplicato, cf. Lat. momorit, totondit,
spopondit, ecc., od O.Ind. atitaram, ajijanam, ecc.
IV. Aorist gambo consono

1. Come noi abbiamo visto, Presente gambi Tematici in - s - è Desideratives (anche usò come
Contratti a termine immediati) spesso. Gli stessi gambi servono come Aorists con fini secondarie, di
solito riservate per l'Aorist generalmente chiamò il Sigmatic Aorist (da Gk. ....., "sigma", i.e. ., .or.).

NOTA. Forme in - così è trovato in Slavic;as, vedu-veso, reco-reso, ecc spesso.

2. Il - s - è aggiunto:

a. ad una fine di Consonante e vocale di radice allungata, nel contrasto col Presente nella piena
vocale.

b. ad una vocale., con lo stesso gambo come il Presente, o al nome dal quale è dedotto il verbo.
Quegli in. e. deve avere grado di radice di Ø.

C'è anche un secondo marchio di Aorist: un - e - di fronte al - s - (possibilmente un più vecchio


Aorist marca a che fu aggiunto un altro marchio); come, álk., alkes., cresca, da al;m.i., mnes., sia
arrabbiato, da uomini; ecc.

NOTA. Gambi di Aorist tematici sono usati soprattutto come Presenti in Indo-iraniano, greco,
slavo, ed il latino (il cf. Lat. d.x.).

3. Gambi atematici in - s - è molto esteso nella Tarda Torta. Loro furono aggiunti precedentemente
alla Radice, se monosillabico o disyllabic, in consonante o vocale opposero così al Presente.

Monosillabico o la radice del Disyllabic Aorist scaturisce nei, u., abbia un grado vocalico (come
più Radice Atematica Aorists) e fisso; e.g.. i 3 P.Pl. pl.nt, da redupl. pí (m) pl.mi, riempimento (i.e.
in zero-/full-grado), o 3 P.Pl. pewisntfrom p.n., purifie (i.e. in pieno-/zero-grado).

L'Aorist più frequente scaturisce in Torta era radici monosillabiche che finiscono in consonante o
sonant.

NOTI 1. Loro hanno in Graeco-ariano allungato vocale di radice nella voce attiva di solito, e zero-
grado nel resto; come, leiq -, vada via da che il liq - & il l.iq-s-m; così anche da qer -, faccia, q.r-s-
o generoso; o da bher -, porti, bh.r-s-o, ecc. Tale vocalism allungato in aorists di sigmatic
probabilmente è un'innovazione nella Tarda Torta.

NOTI 2. Aorists in - s - è poi una caratteristica moderna di Tarda Torta, trovò in tutti i suoi dialetti
(come Imperfetti o Perfeziona in dialetti europei), ma per germanico e Baltico, possibilmente i
dialetti parlati lontano via dal centro di Torta rimanente, ancora in contatto vicino dopo le
migrazioni. Aorist argina la formazione in - i -, -.-, -.- ancora è più recente, apparendo solamente in
delle proto-lingue.

4. Delle altre formazioni dialettali comuni in - s-:

a. in - è (latino ed Indo-ariano), - l'es (greco); come, genis - da gen, generi; wersis - da wers -,
pioggia; anche, cf. Lat. amauis (am.uist. ed am.uer.m < * -uis.m), ecc.

b. in - sa, attestato in latino, Tocharian ed armeno.


c. in - s., - sie / o, ecc.

5. Gambi in - t - funzioni come Aorists di solito oppose Presentare gambi, specialmente in latino
Corsivo, celtico e germanico.

NOTA. Mentre l'uso di - t per persone nella congiunzione verbale è certamente vecchio, l'uso di
una dilazione in - t - formare Gambi verbali sembra essere più recente, e principalmente sviluppò da
dialetti europei.

6. Gambi in - k - è raro, ma ci sono esempi di loro in tutte le forme del verbo, incluso Aorists.

V. Aorist gambo vocalico

1. Aorists in., è molto comune, o come gambi puri con flesso Atematico, o mescolato con le altre
fini, come e.g.. -u -.

NOTA. I gambi estesero in - u - è trovato in gambi Presenti raramente, ma è frequente in Passati,


ed il contrario doveva essere detto di gambi in - i -. Per più su queste formazioni, vide suprathe
Presente Vocale Gambo sezione.

Quando contrario ad un Presente, i gambi estesero in -., -., è Aorists spesso.

2. Un modello comune nel Gambo del Presente dell'opposizione contro. Aorist che il Gambo
Vocalico è:

A. Presente in - i - (tematico o semithematic) contro. Aorist in -., -.; come, m.i.-mn., sia
arrabbiato, álki.-alk., abbia fame.

B. Presente Tematico (in - l'e/o) contro. Aorist in -., -.; come, lege-gamba., raccolga, parli, gnte-
gnt.u, sappia.

3. L'uso di gambi in - u - è riferito al Passato di solito e qualche volta al Perfetto. Tali fini possono
apparire come - u, - .u, - .u, -.u., - .u., -.u., - .u..

4. Gambi in - i /-. appena è usato per Aorists, cf. awisdhíj.-awisdhíu., senta, Lat. aud.o, aud.ui.

I gambi di Aorist sono allungati in spesso - e - o - i -, evitare la perdita delle consonanti quando
steso in - s -.

7.4.4. Il gambo perfetto

Il gambo Perfetto (opposto al Presente) ha. o allungò vocale di radice e fini Perfette e speciali, Sg.
-un, - il ta, - e; 3 Pl. -r. In Gk. ed Ind.-Ira., il gambo spesso fu riduplicato, generalmente con e
vocalico.

NOTA. Originalmente il Perfetto probabilmente era un verbo di Stative diverso che eventualmente
entrò la congiunzione verbale mentre voleva dire lo stato dedotto dall'azione. La torta Perfeziona
non abbia un tempo verbale o il valore di Voice; fu opposto al Piuccheperfetto (o Passato Perfetto) e
divenne Presente, ed al Centro Perfezioni e divenne Attivo.
IO. La vocale di radice di solito è. il /Ø; come, (Pres. 1stP.Sg., Perf. 1stP.Sg., Perf.1stP.Pl), gígn.-
mi, gégon-un, gegn-mé, sappia; bhíndh -., bhóndh-un, bhndh-mé, legame; bhéudh -., bhóudh-
un, bhudh-mé, offerta;

Ma per le formazioni diverse, cf. kán -., (ké) kán-un, kn-mé, canti; (per sottogruppi di
congiunzioni, v.s.)

NOTI 1. Compari O.Ir. cechan, cechan, cechuin (e cechain), cechnammar, id di cechn (u),
cechnatar. Per esempi di vocale di radice., cf. Lat. sc.b., o Gk. ......, e per esempi con vocale di
radice un, cf. Umb. procanurent (Lat. 'il procinuerint', veda apofonia). questo esempio ha perso
reduplicazione come dialetti Corsivi di solito faccia dopo una preposizione di preposed (il cf. Lat.
compul., detinu.), anche se questo non può essere il caso (il cf. Lat. concinu.).

NOTI 2. C'è Perfeziona anche (dialettale) con vocale di Radice allungata; come, dal latino sed.-i.,
s.d-un, sieda; éd -., .d-un, eat;cém-i., c.m-un, venga; ág -., .g-un, atto; da germanico, sléb -.,
sésl.b-un, sonno; ecc.

II. Le Fini del Perfetto sono - un, - il ta, - e, per il singolare e - il mé, - (t) é, - (.) r, per il plurale.

III. Il reduplicazione è fatto in e, ed anche qualche volta in - gli e - u.

NOTA. Apparentemente, dialetti Indo-iraniani e greci fecero reduplicazione obbligatorio, mentre


dialetti europei non facevano. Come una regola generale, i verbi sono riduplicati regolarmente così,
in indoeuropeo Moderno se il Gambo Presente è un riduplichi; come, bhi-bher Presente -, bhe-
bhor Perfetto -, ecc. Tale regola generale è sottoposta davvero alle naturali eccezioni; cf. Gk. ......,
Lat. s.u. (quale sembra vecchio, anche con goto. saiso), ecc. Anche, cf. Lat. sed., da sede.and s.do
che non lascia ricostruisca quando è * il sesdaiand quando * s.dai.

7.4.5. Il gambo futuro

1. Gambi futuri furono costruiti con frequentemente un Tematico - s - finendo, anche se non tutti i
dialetti Indoeuropei mostrano le stesse formazioni.

NOTA. Il Futuro probabilmente viene da Torta gambi di Presente Desiderative-causativi, di solito


formò con dilazioni in - s - (e le sue varianti), quale probabilmente divenne con tempo una parte
regolare della congiunzione verbale in dei dialetti, mentre scomparendo in altri. Infatti, se usando
questa formazione o non, tutte le lingue Indoeuropee tesero a rendere differente il Presente dal
tempo verbale Futuro. Risorse solite trovate in lingue Indoeuropee per riferirsi al futuro sono 1) il
Presente come Futuro Immediato, 2) il Congiuntivo Presente o Aorist con valore eventuale, 3) le
formazioni di Desiderative diverse in Presente, e 4) Perifrasi Verbale.

Gambi futuri furono fatti in dialetti proto-Indo-europei di solito:


a. Con un semplice Atematico - s, o con steso Tematico - così, - il sio, o - il seio.

b. Con radice e vocalico, i.e. in pieno-grado.

c. Con o senza reduplicazione.

NOTA. Compari, per un'origine comune del futuro in - s -, contratti a termine Sanscriti (e Baltico)
in - il sia (il cf. Skr. da-sy.-mi, Lith. dou-siu, "io darò"), il greco Dorico in - il seo, - sio, greco
Classico ed il latino Arcaico in - così (il cf. O.Lat. faxo, * dhak-così, "io farò", O.Lat. peccas-così,
da pecc.re, Lat. er., "io sarò", da * l'es., dall'es di IE, ecc.), e Vecchio Desideratives comune
irlandese in - s. Anche, alcune più somme dialettali che appaiono di fronte al - s sono trovate -
l'edings; come, - i-s - in Indo-iraniano e latino, - l'e-s - in greco ed Osco-Umbrian.

2. In indoeuropeo Moderno, il Futuro è fatto regolarmente aggiungendo un Tematico - così, - il sio


(o anche - il seio), seguendo se possibile il vocabolario comune ed attestato.

NOTA. Il gambo Futuro in - s né è trovato in dialetti germanici e slavi, né in latino Classico che
sviluppò contratti a termine composti e diversi. Comunque, show Indo-iraniano, greco e Baltico
pressocché gli stessi gambi Futuri (insieme alle formazioni simili in latino Arcaico, Oso-Umbrian
ed il Vecchio celtico i dialetti), cosa vuole dire che il gambo Futuro probabilmente faceva già
sviluppare un modello comune (ma instabile) di fronte alle prime migrazioni; apparentemente,
dialetti germanici e slavi, così come il latino Classico e sistematizzato, non lo segua o più tardi lo
sostituisca con le loro proprie formazioni innovative. Noi l'usiamo in indoeuropeo Moderno,
tuttavia perché di una formazione Futura e regolare è avuta bisogno.

Per futuro germanico combina, compari Gmc generale. werthan, "divenuti girano in" (il cf.
Goto. wairþan, O.S., O.Du. werthan, O.N. verða, O.E. weorðan, O.Fris. wertha, O.H.G. werdan,
Eng. valore, Ger. werden), dal wer di IE, svolta. Anche, Gmc. skulan, "debba, sia sotto
obbligazione" (il cf. Goto. skulan, O.S. sculan, O.N., Swed. skola, O.H.G. solan, M.Du. arcigno,
Eng. , Ger. sollen), con un turno di significato dialettale da 'l'obbligazione' a 'futuro probabile',
relativo ad O.E. "colpa" di scyld, Ger. Schuld, anche in O.N. Skuld; cf. O.Prus. skallisnan, Lith.
"skeleti è colpevole", skilti, si "indebiti. Anche, per Eng. "voglia", da Gmc. welljan, "augurio,
desiderio" compara derivatives da wel di Torta.

In Osco-Umbrian e forme latine, simili e Classiche è trovato che rivela l'uso di combina col
bhew130 di verbo, sia, esista, usato come un verbo ausiliare con valore Potenziale-eventuale
(forse in una lingua Proto-corsiva e comune), entrando più tardi la congiunzione verbale come una
desinenza; compari Osc.,Umb. -fo -, (il cf. Osc.,Umb. carefo, pipafo), o Lat. -bo -, - sia - (il cf.
Lat. ama-bo, da più primo * am.i bhéw., o lauda-bo, da * laud.i bhew.).

La formazione slava e comune viene anche da bhew di Torta, sia, esista, cresca, con bhúti di
zero-grado., venga per essere, divenuto trovato in Bal.-Sla. byt - (il cf. O.C.S. ....., Russ. ...., Cz.
býti, Pol. da., Sr.-Cr. bíti, ecc.), ed anche in Lith. b..ti, O.Ind. bh.tí., ed il buith di O.Ir. Anche, con
significati simili e forme, compari Gmc. biju, "sia", (il cf. Eng. sia, Ger. bidone), o Lat. fui, "era",
anche in bhutús "che è essere" e bhut..ros, futuro, come Lat. fut.rus, o Gk. ......; anche, cf. Goto.
bauan, O.H.G. buan, "viva."

3. È probabile che frasi condizionali siano costruite in dei dialetti proto-Indo-europei che usano
Indicativo comune e le formazioni Congiuntive. In indoeuropeo Moderno, uno che la sintassi così
arcaica è imitata, o una formazione innovativa è usata, viz. il Gambo Futuro con Fini Secondarie.
NOTA. MIE offre un flesso condizionale e nuovo che usa il Gambo Futuro, con un uso
principalmente temporale spesso per esprimere un "futuro nel tempo verbale passato", fece con
"una forma passata del gambo Futuro", i.e. . applicando questa formazione moderna alla Torta
sistema verbale. usando il Gambo Futuro con Fini Secondarie. Comunque, frasi condizionali
possono essere fatte con la congiunzione verbale e disponibile, usando perifrasi con Indicativo e
Congiuntivo (come il latino Classico), o col Congiuntivo ed Ottativo (come il greco Classico), ecc.
Se gli oratori di MIE preferiscono usare il Flesso Condizionale o perifrasi diversa di indicativi di
Torta, congiuntivi ed ottativo, è una questione pratica fuori dello scopo di questa grammatica.

In Sanscrito, il Condizionale fu costruito usando il Gambo Futuro con Fini Secondarie; come,
Skr. daa-sya-ti, "lui darà", contro. daa-sya-t, "lui darebbe", da IE d., o Skr. abhavi-sya-mi, "io
sarò", abhavi-sya-m, "io sarei", dal bhew di IE. In greco classico,

In dialetti germanici, il condizionale di solito è fatto con una perifrasi verbale, mentre
consistendo del verbo ausiliare e modale (futuro) di passato, i.e. (o deve, anche poteva, forza), e la
forma infinita del verbo principale, come in me verrà, ma io verrei; compari anche Ger. (fut.)
Kommen di werde di Ich, (il cond.) Kommen di würde di Ich.

Mentre il latino usò l'indicativo e congiuntivo in frasi condizionali, lingue romaniche


svilupparono un flesso condizionale, fatto dall'imperfetto di Lat. hab.re, cf. V.Lat. (fut.) habeo di
uenire, "io ho venire", V.Lat. (cond.) uenire hab.bam, "io dovevo venire", come in Fr. (fut.) viendr-
ai di je, (il cond.) viendr-ais di je, Terme. (fut.) vendr-é di yo, (il cond.) yo vendr-ía, ecc., cf. anche
i portoghese ancora forme separabili, come e.g.. Pt. fazê-ecco-iainstead di "o fazería." L'italiano
moderno l'ha sostituito da un'altra fine simile, dal perfetto di Lat. hab.re.

Le piene frasi condizionali contengono due clausole: il Protasis o condiziona, e l'Apodosis o


risulta, anche se questa è una questione studiata in dettaglio da Sintassi Indoeuropea.
7.4.6.Other Formazioni

Medio perfetto e passato perfetto

a. Già era una risorsa comune in proto-Indo-europeo opporre una formazione Perfetta e nuova al
vecchio, così che il vecchio divenne solamente Attivo ed il Centro più nuovo. Tali formazioni
furono generalizzate nei dialetti meridionali, ma non riuscirono nel settentrionale uni.

Il Centro Perfetto e nuovo che il gambo è stato ottenuto col gambo Perfetto in zero-grado e fini
medie generalmente.

b. Il Passato Perfeziona o il Piuccheperfetto era anche un sviluppo comune di alcuni dialetti,


opponendo il nuovo Perfetto con fini secondarie al vecchio Perfezioni che divenne poi un Presente
Perfezioni.

Il passato composto

Un Passato speciale o il Passato è trovato in dialetti di IE dell'Europa (i.e., i dialetti nordovest ed il


greco), qualche volta chiamò Passato Futuro che è formato da due elementi: un gambo verbale
seguito da una vocale (-., -., -., -.), ed un verbo ausiliare, coi significati sia (es), divenga (bhew),
faccia (dh.), o dia (d.).

NOTA. Anche se ogni lingua mostra le formazioni diverse, loro tutti dividono un modello comune
e perciò hanno un'origine comune rintracciabile alla Tarda Torta, instabile per prima e più tardi
sistematizzò nelle proto-lingue individuali.

Il Passato Composto che divide la formazione in tre parti principali può essere studiato: le forme
dei primo e secondo elementi ed il senso del composto.

1. Il primo Elemento può essere

a. Una radice pura.

b. Oltre Gambo con lo stesso allungamento come il resto del verbo.

c. Oltre Gambo allungato, ma avvicendando col gambo Presente, i.e. zero-grado normalmente
Presente contro. Passato in pieno-grado.

d. Oltre Gambo allungato contro. Presente tematico (ed Aorist).

NOTA. Passati Composti sono dedotti poi, originalmente, da una radice o un gambo con fine
vocalica, o il Presente o il Gambo di Aorist. Loro sono, poi, Passati simile agli altri (i.e. Imperfetti
ed Aorists), ma invece di ricevere fini secondarie, loro ricevono un gambo secondario (come il
Perfetto).

2. Il secondo elemento è un verbo ausiliare; come, dh.in greco e germanico, bhew in latino e
celtico, e d. in Balto-slavo.
3. Il loro specifical che il significato Passato potrebbe variare secondo le necessità dei dialetti
individuali.

7.5. Gambi di umore


7.5.1. Indicativo

L'Indicativo esprime la Vera Azione, in contrasto agli altri umori che si furono specializzati in
opposizione all'umore Indicativo e di base. Appare nei Quattro Gambi verbali.

7.5.2. Imperativo

L'Imperativo probabilmente aveva in IE II lo stesso gambo di base dell'Indicativo, e fu usato senza


finire, in una semplice funzione Espressivo-impressionante, dell'Esclamazione od Ordine. Loro
erano gli equivalenti in flesso verbale al vocativo in declinazione nominale.

Della Tarda Torta che i dialetti hanno dedotto da questo più vecchio schema un altro, sistema
Imperativo e più complesso, con persona, tempo verbale e voce pari.

NOTA. Nella Tarda Torta, solamente le distinzioni di persona sembrano essere state generalizzate,
e noi abbiamo incluso solamente queste forme comuni e note in questa grammatica di MIE.

È anche vecchio, accanto all'uso del gambo puro, l'uso dell'Ingiuntivo per l'Imperativo nel secondo
plurale di persona; come, bhére!, porti! (tu), bhérete!, porti! (Lei).

L'Ingiuntivo è definito come il Verbo Di base, con Fini Secondarie, senza Aumento. Indicò perciò
né il presente né il passato, indicando facilmente così Intenzione. È questa forma che fu usata come
l'Imperativo generalmente.

1. Il gambo di base per l'imperativo 2ndP.Sg. è così generale;

2. Le forme Ingiuntive i 2ndP.Pl.; e

3. i 3rdP. Sg. ed i 3rdP.Pl. mostri una fine speciale -t.d.

NOTA. Questa fine generale è spiegata come l'introduzione nella congiunzione verbale di una
forma Ablativa e secondaria del pronome di neutro a di solito, questo. Loro si furono specializzati
ulteriormente in dei dialetti come Imperativi Futuri.

L'Imperativo in indoeuropeo Moderno è fatto col Gambo Presente e Fini Secondarie, e è diviso
così generalmente nelle due formazioni principali:

a. Il vecchio, Imperativi atematici; come in í!, vada!, da eí; o es!, sia!; ecc.
NOTI 1. Nella vecchia Radice verbi Atematici, lo show di forme plurale - la vocale di Ø ed
accentua sulla fine; come, s-ént.d!,sia loro!.

NOTI 2. Alcuni studiosi ricostruiscono per i 2 P.Sg. Atematico, insieme alla zero-fine generale, un
terreno di proprietà comune - dhiending che sembra essere molto vecchio anche.

b. Imperativi tematici; come bhére!, porti!, o áge!, faccia!, agisca!, ecc.

Imperat. Athem. Loro.


sg. 2. -Ø (- il dhi) -e
3. -t.d -et.d
pl. 2. -te -ete
3. -nt.d -ont.d

NOTA. Una fine - u, di solito * - il tu, qualche volta è ricostruito (Beekes); l'inclusione di tale fine
all'interno del sistema verbale è, comunque, difficile. Un IE comune che finisce -t.d, d'altra parte
può essere riferito evidentemente ad un più vecchio ablativo del dimostrativo così / a, una somma
logica ad una formazione Imperativa, col senso di 'qui', da adesso 'ora', nel momento in cui la
somma di - i, 'qui ed ora' opporre fini nuove alle più vecchie desinenze.

7.5.3. Congiuntivo

1. Il Congiuntivo è normalmente Atematico, di solito in -., -.and qualche volta -., sempre oppose
all'Indicativo. C'è anche Congiuntivi in - s, probabilmente più nuovo di quegli in -., -..

NOTA. È una caratteristica nota di dialetti Balto-slavi che nessun congiuntivo è attestato che
potrebbero volere dire che era un'innovazione di Tarda Torta che non ha sparso a tutti i dialetti di
fronte alle prime migrazioni.

2. Il Gambo Congiuntivo che l'oppone al Gambo Indicativo è fatto, seguendo queste regole di
solito:

a. Indicativo Atematico contro. Congiuntivo tematico; come, Ind. ésmi, io sono, Supplisca.
és., (se) io sono.

b. Indicativo Tematico contro. Congiuntivo con Vocale Tematica ed Allungata (non vocale di
radice!); come, Ind. bhéresi, Lei porta, Supplisca. bhér.s, Lei può portare, (se) Lei portò.

3. In Verbi Tematici il Congiuntivo è fatto dal Gambo Presente, ma in Verbi Atematici di solito è
fatto dal Gambo Di base; come, da jeug, congiunga, 1 P.Pres. júng., Subj. júng.m; da kleu, senta, 1
P.Pres.klnéumi, Subj. kléw.m, non klnéw.m.

7.5.4. Ottativo
1. L'umore Ottativo è un umore volitivo che segnala desiderando o sperando, come in inglesi io
desidero che io potevo, o io desidero che Lei poteva, ecc.

1) l'Ottativo Atematico ha un suffisso alternato - i. (- ije dopo sillaba lunga), di solito nel singolare, e
zero-grado -., di solito nel plurale.

2) l'Ottativo Tematico ha un regolare - l'oi. (probabilmente il tematico - o - più il ridotto Opti. -i)

NOTA. Solamente albanese, Avestan greco Antico, Sanscrito ed a dell'estensione la Vecchia


Chiesa Slavo tenuto il congiuntivo ed ottativo completamente separato e parallelo. In Sanscrito, uso
del congiuntivo è trovato solamente comunque, nella lingua Vedica di più primi tempi, e l'ottativo
ed imperativo sono rispetto usato meno comunemente.

2. L'Ottativo è costruito con Fini Secondarie, e di solito con vocale di radice di zero-grado.

3. Le formazioni Ottative e Presenti hanno accento di radice di solito, mentre l'accento di show di
resto sul suffisso Ottativo.

7.6. Il Voice
7.6.1. Voice attivo

1. La caratteristica Fini Primarie sono - il mi, - il si, - ti, 3 Pl. -nti, i Secondari non hanno il finale -
i, i.e. -m, - s, - t, 3rdPl. -nt.

NOTA. Alle fini secondarie si crede che siano più vecchio, essendo originalmente le uniche fini
verbali disponibile. Con la somma di un deictic - i che possibilmente indicò originalmente "qui ed
ora", le più vecchie fini divennero secondarie, e le formazioni più nuove divennero le fini primarie.

Compari un'evoluzione simile in lingue romaniche da Lat. habere, Fr comune e generoso. lo y un,
c'è (esso)", o Gatto. iha, c'è", la lingua spagnola ha perso la relazione con Lat così più vecchio. i,
"là" il viz. Terme. metta a fieno, c'è" (da O.Spa. ha+i), già integrò all'interno della congiunzione
verbale e regolare del haber di verbo.

2. Queste Desinenze sono usate per tutti i verbi, se Atematico o Tematico; come, ésti, lui è, o
bhéreti, lui porta. Comunque, nei 1 P.Sg., molti Thematics finiscono in -.; come, bhér.

NOTA. Queste fini in -.are probabilmente rimangono di una più vecchia situazione nella quale
nessuna fine era necessaria per marcare i 1 P.Sg. (quello dell'oratore), e perciò, anche se una
desinenza - i m divennero generali con tempo, delle più vecchie formazioni irregolari prevalsero, in
dei casi anche insieme al più nuovo Tematico - l'o-mi.

Attivo Atematico Tematico


Primario Secondario Primario Secondario
sg. 1. -mi -m -., - l'omi -om
2. -si -s -esi -es
3. -ti -t -eti -et
pl. 1. -mes, - il mos -io, - il mo -omes, - -ome, - l'omo
l'omos
2. -te -ete
3. -nti -nt -onti -ont

NOTA. Le forme del primo plurale di persona non sono ricostruite (come ogni dialetto
Indoeuropeo ha sviluppato le sue proprie fini) facilmente ma loro furono formati con di solito - io-/-
mo - + Ø / Consono (- s, - né - r).

7.6.2. Voice medio

1. Le Fini Medie sono quelle della voce Attiva con una caratteristica voce Media generalmente - o
(qualche volta - e) nel quale hanno le Fini Primarie un supplementare - i.

Medio Primario Secondario


sg. 1. -(m) l'ai -(m) un
2. -soi -quindi
3. -toi -a
pl. 1. -mesdha -medha
2. -dhe -dhue
3. -ntoi -nto

2. Negli Umori, le fini attestate in Torta di solito sono le stesse, ma c'erano delle eccezioni; come,

- Centro indicativo - un - contro. Centro congiuntivo -.,

- Congiuntivo 1 P.Sg. -ai (e non - il ma).

Generalmente, tuttavia, l'addizione di Voice Medio Fini Secondarie e regolari in MIE sono
abbastanza.

7.6.3. Voice passivo

1. La voce Passiva non esistè nella lingua proto-Indo-europea ed attestata; sembra ciononostante
utile per sviluppare un indoeuropeo moderno e comune la formazione grammaticale, basato su
vecchie fini di Torta.

2. Il - lacerare era solito nelle formazioni Medie di alcuni primi dialetti Indoeuropei, ed aveva
anche un specifico valore impersonale. Il - r ha perciò due usi in indoeuropeo:

a. Il - r Dopo che il Gambo aveva in Torta un valore impersonale di solito, e fu trovato anche
allungato come - il ro, - il roi, - il renti, - il ronti, - rontoi, ecc.
NOTA. Il - r fu usato nei 3rdP. Sg. & Pl., e fu esteso in - il nt - quando necessario distinguere il
plurale, dando inizialmente le forme impersonali e.g.. 3rdP.Sg. déidiktor, "è indicato, Lei indica", e
3rdP.Pl. dídkntor, "loro sono indicati, loro indicano", con la fine impersonale - r che fu
generalizzato più tardi in dei dialetti, propagazione come Mediopassives in Hittite, Corsivo, celtico,
latino e Tocharian. anche, quando di una forma Media fu avuta bisogno, una fine Media - owas
aggiunsero. Il marcatore primario - gli apparentemente fu usato con lo stesso scopo.

b. Il - r Dopo che la Fine era solita in forme riferite alla cosiddetta Torta Mediopassive Voice,
attestato in latino, Osco-Umbrian, celtico e Tocharian così come in germanico, Indo-iraniano ed i
dialetti di Anatolian. In celtico, Osco-Umbrian ed il latino, loro sostituirono le Fini Primarie e
Medie, ed acquisirono un valore Passivo.

NOTI 1. Il significato più grande rintracciabile delle fini in - r in proto-Indo-europeo, prendendo


gli esempi di Anatolian, apparentemente mostri la stessa origine comune: un soggetto impersonale
o, almeno, un soggetto separò dall'azione che è un significato molto riferì da vicino al più tardi
dialetticamente specializzò uso di un Voice Passivo.

NOTI 2. Non ci sono nessuno distinzioni di Fini Passive e Primario-secondarie, come le


formazioni Secondarie sono gli stessi Medioppasive più grandi - l'oEndings. Il più nuovo - i
(Medio) e - le fini di r (Impersonale) furono aggiunte più tardi e sparsero su una base di dialetto-a-
dialetto, alcuni di loro usando e/o mescolando ambo di loro, tutto che specializza il suo uso.

Passivo Atematico Tematico


sg. 1. -danneggi -ar, - l'omar
2. -sor -esor
3. -tor -etor
pl. 1. -mosr / -mor -omosr / -omor
2. -dhuer -edhuer
3. -ntor -ontor

7.7. Nome e forme di aggettivo


7.7.1. Infinitivi

1. Gli Infinitivi sono nomi indeclinabili con funzioni verbali e non-personali che possono essere in
dei dialetti tanti quanti flesso, voce, aspetto e tempo pari.
NOTA. Gli infinitivi sono, così, i vecchi nomi reinterpretarono come formando parte della
congiunzione verbale.

2. I più vecchi Infinitivi sono i Nomi Verbali, forme casuali fletterono come nomi, qualche volta
inclusi nel flesso verbale. Un Nome Verbale è un declinabile effettivo, dedusse dalla radice di un
verbo.

NOTA. La differenza nella sintassi è importante; il nome verbale è costruito come un effettivo,
così - per esempio - con l'oggetto nel genitivo; come, w.r. chénom, l'uccisione di un uomo contrario
ad un infinitivo con un accusativo; come, chéntu w.rom, uccidere un uomo, v.i.

3. Nomi verbali erano, così, il modo normale di esprimere l'idea di un Infinitivo moderno in proto-
Indo-europeo. Loro furono formati in Torta col gambo verbale ed un suffisso nominale di solito se
Atematico, e è formato in MIE col gambo verbale più neutro di solito - l'om se Tematico; come,
bhér-om, portando.

NOTA. Ogni dialetto Indoeuropeo scelse tra delle nome-caso limitate per la formazione Infinita,
generalmente Acc., Loc., Abl.; compari Lat. -os (neutro sibilante), Gmc. -su-om (neutro tematico),
ecc. IE generale suffissi infiniti includono - tu come Lat. (attivo & passivo supino) - il tum (l'acc.)
-t. (il dat.-loc.) -tui (il dat.), Skr. -tus, - il tum (l'acc.), Av. -tos (il gen.), -tave, - il tavai (il dat.), -tum,
Prus. -twei (il dat.) -tun, - la tonnellata (l'acc.), O.Sla. -t. (supino), Lith. -t., ecc.; per - ti, cf. Ved.
-taye (dat), Bal.-Sla., Cel. -ti (il loc.), Lith. -cravatta (il dat.), ecc.; anche, in - m, cf. Skr. -criniera,
O.Gk. -uomini (ai), ecc. Anche, una fine comune che -dhu.i /-dhi.i (Haudry) ha aggiunto al Gambo
Verbale e Di base, possibilmente originalmente riferì alle forme - il tu, - il ti, è gli IE di base
formano dietro a Ved. -dhyai, Gk. Medio - ...., Toch. -tsi, così come gerundi latini. Le altre forme
includono - u, - er / n, - (e) s, steso - s -, - u -, - il m -, anche Gmc. -nessuno (come barbaro. itan),
Braccio. -ecco, ecc.

4. In indoeuropeo Moderno, due suffissi infiniti (neutro) generali possono essere usati, - il tuand -
il ti. Tali formazioni portano lo stesso significato come l'infinitivo inglese; come, bhértu / bhérti,
portando.

7.7.2. Participi

1. I Participi sono aggettivi che sono stati assimilati al sistema verbale, avendo così flesso verbale.

NOTA. Gli show proto-Indo-europei e ricostruiti un affidamento intenso su participi, e così un


certo numero di participi giocò un ruolo molto importante nella lingua.

2. Quegli in - i nt sono i più vecchi uni, e sono limitati alla voce Attiva ed al Presente, Imperfetto e
Futuro; Come, bheront - / bherent- che porta.

3. Il Perfetto attivo ha un suffisso - l'ues, - l'uos (Ø-grado - noi), o - l'uet, - l'uot; come, widuot,
widuos, eduos, ecc.

NOTA. Ambo i participi Presenti e Perfetti sono flessi davvero seguenti la seconda declinazione;
come, Nom. -nts, - uos, Acc. -ntm, - uosm, Gen. -ntos, - usos, Nom. pl. -ntes, - uoses, ecc.

4. I Participi Medi hanno un suffisso comune - meno-/-m.no-/-mno - (originalmente


probabilmente aggettivale) come; álomnos79 "che si alimenta, studente (come Lat. ex-alunno, da
al), dh.mn. "che allatta", donna, (come Lat. femina, da dh.i120).
5. I Participi sono stati sviluppati anche come Passives in delle lingue, e sono usati anche in
formazioni passive e statiche in indoeuropeo Moderno. Loro sono formati col Di base o Gambo di
Passato coi suffissi seguenti di solito:

a. -tó -; come, altós, adulto; dhetós, mise; kaptós, preso; ecc.

NOTA. Gli aggettivi in - implicare referenza ad un Nome. Loro avevano vocale di radice di zero-
grado di solito; come liqtós, sinistra, pigtós dipinse, e così su.

b. -nó - e le sue varianti; come, bheidhnós, divise, bitten; wrgnós, lavorò; del.nós, fece.

NOTA. Compari con aggettivi in - n, come in nós di pl (e) (il cf. Goto. fulls, Eng. pieno,
Lat. plenus), da pel.

c. -mó -; come, prwimós, primo prima (il cf. Toch. parwät / parwe, Lith. pirmas, O.C.S.p.rv.,
ecc.), veda ordinale "prima."

NOTA. Pr.mus latino è ricostruito come preismós di solito, o forse il pristmós, in alcun caso
(come il resto delle parole di IE per 'prima') da IE per; per la sua derivazione dal prwimós di IE,
veda Adrados.

d. -ló -; veda la prossima sezione.

NOTA. Tutto questi participi Passivi fanno seguire declinazione aggettivale, i.e la primo-
tipo. -os, -., - l'om, e fu accentuato sulla fine di solito.

7.7.3. Gerundives ed Absolutives

1. Aggettivi verbali non sono assimilati al sistema verbale di tempo verbale e Voice. Quelli che
indicano bisogno o possibilità stati chiamati Gerundives.

NOTA. Aggettivi verbali ed Aggettivi (come Nomi Verbali e Nomi) non possono essere
resi differente facilmente.

2. Mentre lo stesso Participio Passivo che i suffissi sono trovati, i.e. -tó -, - il nó -, - il mó -, ci
sono specialmente due forme si identificate col Gerundives nella Tarda Torta dialetti:
a. -ló - e - il lí - è trovato in armeno, Tocharian ed il latino; come, .bherelós, insopportabile
ghabhilís, capace (come Lat.habilis) ecc.

NOTA. Il suffisso - ecco -, come già determinato, probabilmente era originalmente un suffisso di
participio, cf. Russ. videl., Lat. credulus, bibulus, tremulus, ecc.

b. -ió - (un allungamento comune per rendere differente aggettivi) è un gerundive di


obbligazione qualche volta, così come - il tu -, - il ti -, - il ndho -, ecc.; come, dhrsiós,
visible;gnotinós che doveva essere conosciuto; seqondhós, secondo che deve seguire;
gnaskendhós che deve nascere; e così su.

c. -m.n, con un significato generale di 'capace'; come, mn.m.n, attento.

NOTA. Per la "Derivazione Interna" di (dopo le scuole Tedesche ed austriache) questo suffisso di
Torta - il mn > - mon, cf. Gk. mn.ma > m.-mn, "promemoria", mnámn di MIE, in Gk. mn.mon >
mn.-món "che ricorda"; compari anche Skr. bráhman, "preghiera", Skr. brahmán, "brahman", ecc.

3. L'avverbiale, Aggettivi Verbali e non flesso stati chiamati Absolutives o Gerundi. Loro furono
dedotti dal più vecchio Gerundives di solito.

NOTA. Oratori di indoeuropeo Moderno devono usare perifrasi verbale o le altre risorse
per esprimere l'idea di un Gerundio moderno, come là non è gerundio di Torta ricostruibile
e comune. Come i Nomi Verbali per gli Infinitivi, gli Aggettivi Verbali o Gerundives
sarebbero un buon punto iniziale per tradurre un Gerundio di IE moderno.

Un Futuro comune od Obbligazione Absolutive finendo Passivo, - os di téu (ij), può essere usato
anche in indoeuropeo Moderno; come, os di legtéu (ij) che dovevano essere detti lessero o
raggrupparono.

NOTA. Per questo Torta finire, cf. Gk. -...., O.Ind. -tavya, O.Ir. -il, ecc.

A causa del suo uso Passivo, si può usare solamente con verbi di transitivo.
7.8.Conjugated Esempi
7.8.1. Verbi tematici

IO. Gambo presente

lówom[176], lavando

Gambo presente basso-o-

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo


sg. lów. lów.m lówoim lówe
lówesi lów.s lówois lówet.d
lóweti lów.t lówoit -
pl. lówomes lów.me lówoime lówete
lówete lów.te lówoite lówont.d
lówonti lów.nt lówoint -

MEDIO-PASSIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSIVO*


sg. lówai in basso. lówoia lówar
lówesoi low.so lówoiso lówesor
lówetoi low.to lówoito lówetor
pl. lówomesdha low.medh. lówoimedha lówomor
lówedhe low.dhue lówoidhue lówedhuer
lówontoi low.nto lówojnto lówontor

IMPERFETTO

ATTIVO MEDIO PASSIVO*


sg lowóm lowá lowár
.
lowés lowéso lowésor
lowét lowéto lowétor
pl. lowóme lowómedha lowómor
lowéte lowédhue lowédhuer
lowónt lowónto lowóntor

déikom, mostrando

Deik-o di Gambo presente-

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo


sg. déik. déik.m déikoim déike
déikesi déik.s déikois déiket.d
déiketi déik.t déikoit -
pl. déikomes déik.me déikoime déikete
déikete déik.te déikoite déikont.d
déikonti déik.nt déikoint -

MEDIO-PASSIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSIVO*


sg. déikai déik. déikoia déikar
déikesoi déik.so déikoiso déikesor
déiketoi déik.to déikoito déiketor
pl. déikomesdha déik.medh. déikoimedha déikomor
déikedhe déik.dhue déikoidhue déikedhuer
déikontoi déik.nto déikojnto déikontor

IMPERFETTO

ATTIVO MEDIO PASSIVO*


sg deikóm deiká deikár
.
deikés deikéso deikésor
deikét deikéto deikétor
pl. deikóme deikómedha deikómor
deikéte deikédhue deikédhuer
deikónt deikónto deikóntor
wéidom, vedendo, sapendo
Gambo presente w (e) (Verba Vocalia)

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo


sg. weid.i. weid.i.m weid.ioim weid.ie
weid.iesi weid.i.s weid.iois weid.iet.d
weid.ieti weid.i.t weid.ioit -
pl. weid.iomes weid.i.me weid.ioime weid.iete
weid.iete weid.i.te weid.ioite weid.iont.d
weid.ionti weid.i.nt weid.ioint -

MEDIO

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSIVO*


sg. weid.iai weid.i. weid.ioia weid.iar
weid.iesoi weid.i.so weid.ioiso weid.iesor
weid.ietoi weid.i.to weid.ioito weid.ietor
pl. weid.iomesdha weid.i.medh. weid.ioimedha weid.iomor
weid.iedhe weid.i.dhue weid.ioidhue weid.iedhuer
weid.iontoi weid.i.nto weid.iojnto weid.iontor

IMPERFETTO

ATTIVO MEDIO PASSIVO*


sg weid.ióm weid.iá weid.iár
.
weid.iés weid.iéso weid.iésor
weid.iét weid.iéto weid.iétor
pl. weid.ióme weid.iómedha weid.iómor
weid.iéte weid.iédhue weid.iédhuer
weid.iónt weid.iónto weid.ióntor

NOTA. Verba Vocalia in -.j., se loro non sono Causatives, abbia zero-grado di solito, come in questo
esempio wid.i.; cf.Lat. v.d., st.p., st.d., ecc., come in derivatives in-n - o - il jo. Senza questo senso
loro di solito hanno comunque, pieno-grado, cf. Gk. ...., Rus. vi.u, e così su.
II. Aorist scaturisce

lówom, lavando

AORIST Stem il lou-s - (Sigmatic Aorist)

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. lóusm lousóm lousíj.m
lóus lousés lousíj.s
lóust lousét lousíj.t
pl. lóusme lousóme lous.me
lóuste louséte lous.te
lóusnt lousónt lousíjnt

MEDIO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. lóusma lóusa lousíj.
lóus o lóuseso lous.so
lóusto lóuseto lous.to
pl. lóusmedha lóusomedh. lous.medha
lóusdhue lóusedhue lous.dhue
lóusnto lóusonto lousíjnto

déikom, mostrando

AORIST Stem il dik-ó - (zero-grado)

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. dikóm dik. dikóim
dikés dik.s dikóis
dikét dik.t dikóit
pl. dikóme dik.me dikóime
dikéte dik.te dikóite
dikónt dik.nt dikóint
MEDIO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. diká dik. dikóia
dikéso dik.so dikóiso
dikéto dik.to dikoito
pl. dikómedha dik.medh. dikóimedha
dikédhue dik.dhue dikóidhue
dikónto dik.nto dikójnto

wéidom, vedendo, sapendo

AORIST Stem il wid-ó - (zero-grado)

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. widóm wid. widóim
widés wid.s widóis
widét wid.t widóit
pl. widóme wid.me widóime
widéte wid.te widóite
widónt wid.nt widóint

MEDIO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. widá wid. widóia
widéso wid.so widóiso
widéto wid.to widoito
pl. widómedha wid.medh. widóimedha
widédhue wid.dhue widóidhue
widónto wid.nto widójnto
III. Gambo perfetto

lówom, lavando

Gambo perfetto l.w- / lou-

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSATO* MEDIO*


sg l.wa l.w. l.wóim l.wóm l.w.
l.uta l.wes l.wóis l.wés l.weso
l.we l.wet l.wóit l.wét l.weto
pl loumé l.wome l.wóime l.wóme l.womedha
louté l.wete l.wóite l.wéte l.wedhue
in basso. l.wont l.wóint l.wónt l.wonto

déikom, mostrando

Doik di Gambo perfetto - / il dik-

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSATO* MEDIO*


s dóika dóik. doikóim doikóm dóik.
g
dóikta dóikes doikóis doikés dóikeso
dóike dóiket doikóit doikét dóiketo
pl dikmé dóikome doikóime doikóme dóikomedha
dikté dóikete doikóite doikéte dóikedhue
dik.r dóikont doikóint doikónt dóikonto

wéidom, vedendo, sapendo

Woid di Gambo perfetto - / il wid-

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSATO* MEDIO*


sg wóida wóid. woidóim woidóm wóid.
wóistai
wóides woidóis woidés wóideso
wóide wóidet woidóit woidét wóideto
pl widmé wóidome woidóime woidóme wóidomedha
wistéii
wóidete woidóite woidéte wóidedhue
wid.r wóidont woidóint woidónt wóidonto
i
Da * wóidta.ii Da * il widté.
IV. Gambo futuro

lówom, lavando

Gambo futuro lou-s-io-

Futuro Condizionale*
sg lóusi. lóusiom
lóusiesi lóusies
lóusieti lóusiet
pl lóusiomes lóusiome
lóusiete lóusiete
lóusionti lóusiont

déikom, mostrando

Deik-s-o di Gambo futuro-

Futuro Condizionale*
sg déiks. déiksom
déiksesi déikses
déikseti déikset
pl déiksomes déiksome
déiksete déiksete
déiksonti déiksont

wéidom, vedendo, sapendo

Weid-s-o di Gambo futuro-

Indicativo Condizionale*
sg wéids. wéidsom
wéidsesi wéidses
wéidseti wéidset
pl wéidsomes wéidsome
wéidsete wéidsete
wéidsonti wéidsont
7.8.2. Flesso atematico

IO. Gambo presente

es, essendo

Es di Gambo presente - il /s-

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo IMPERFETTO


sg. ésmi és. sí.m - ésm
éssi éses sí.s es (sdhi) és
ésti éset sí.t ést.d ést
pl. smés ésome s.me - ésme
sté ésete s.te (e) lo sté éste
sénti ésont síjent sént.d ésent
Participio: sonts, sontia, sont

NOTA. Es di verbo proto-Indo-europeo, sia, è una copula e verbo effettivi; costruì


originalmente solamente un aspetto di durative di presente, e fu sostenuto perciò in dei dialetti
(come Gmc., Sla., Lat.) dal bhew di radice, sia, esista che aiutò a costruire delle formazioni future
e passate.

Per parenti delle forme singolari ed il 3 plurale di persona, compari Gmc. ezmi, ezzi, esti il senti
(il cf. Goto. in, è, è, sind, O.N. em, est, es, O.E. eom, eart, ist, sind / sint, O.H.G. -,-, ist, sind, Eng.
è, arte, è, -), Lat. somma (< l'ésomi), es, est, sunt (< il sónti), Gk. ....,.., ...., .... (Dor. ....), O.Ind.
ásmi, ási, ásti, sánti, Av. ahmi (O.Pers. amiy), -, asti, hanti, Braccio. em, es., -, O.Pruss. asmai,
assai, est, Lith. esmi., esi., e.sti, O.C. jesm., jesi, burla., so.t. (< il sónti), Russ. ....,..., ...., .... (< il
sónti), O.Ir. è, un-t, è, esso (il cf. O.Welsh suggerisce) il Camice sacerdotale. si blocchi, -, -, ecc.

klew38, sentendo

Klneu di Gambo presente - / il klnu- (con Nasale Infigga)

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo


sg. klnéumi kléw. klnwíj.m -
klnéusi kléwes klnwíj.s klnéu (dhi)
klnéuti kléwet klnwíj.t klnéut.d
pl. klnúmes kléwome klnw.me -
klnúte kléwete klnw.te klnéute
klnúnti kléwont klnwíjnt klnéwnt.d

NOTA. Forme indicative possono essere lette klnumés di solito, klnuté, klnúnti come in Vedico.
MEDIO-PASSIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSIVO*


sg. klnéumai kléw. klnw.ma klnéwar
klnéusoi kléweso klnw.so klnéwesor
klnéutoi kléweto klnw.to klnéwetor
pl. klnéumesdha kléwomedh. klnw.medha klnéwomor
klnéudhe kléwedhue klnw.dhue klnéwedhuer
klnéwntoi kléwonto klnwíjnto klnéwontor

NOTA. Ottativo atematici formano il Presente con zero-grado; cf. Lat. si.m, duim, Gk. ......., .......,
......., O.Ind. syaam (asmi), dvisy.m (dvesmi), iy.m (emi), juhuy.m (juhkomi), sunuyk.m (sunomi),
rundhy.m (runadhmi), kury.m (karomi), kr.n.y.m (kr.n.mi), ecc. Le eccezioni sono Lat. uelim (non
l'uulim), goto. (concavo) wiljau, wileis, ecc.

IMPERFETTO

ATTIVO MEDIO PASSIVO*


sg klnéwm klew. klnewár
.
klnéus klewéso klnewésor
klnéut klewéto klnewétor
pl. klnéume klewómedh. klnewómor
klnéute klewédhue klnewédhuer
klnéwnt klewónto klnewóntor

st.62, stando in piedi


Gambo presente (si) / (si) lo sta-

ATTIVO

Indicativo Congiuntivo Ottativo Imperativo


sg. (sí) st.mi st.i. (si) staíj.m -
(sí) st.si st.ies (si) staíj.s (sí) st. (dhi)
(sí) st.ti st.iet (si) staíj.t (sí) st.t.d
pl. (sí) lo stames st.iome (si) sta.me -
(sí) lo stato st.iete (si) sta.te (sí) lo stato
(sí) lo stanti st.iont (si) lo staíjnt (sí) lo stanti

NOTA. Forme indicative possono essere lette sistamés di solito, sistaté, sistánti come in Vedico.

MEDIO-PASSIVO
Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSIVO*
sg. (sí) st.mai st.i. (si) sta.ma (sí) st.mar
(sí) st.soi st.ieso (si) sta.so (sí) st.sor
(sí) st.toi st.ieto (si) sta.to (sí) st.tor
pl. (sí) st.mesdha st.iomedha (si) sta.medha (sí) st.mor
(sí) st.dhe st.iedhue (si) sta.dhue (sí) st.sdhuer
(sí) st.ntoi st.ionto (si) lo staíjnto (sí) st.ntor

IMPERFETTO

ATTIVO MEDIO PASSIVO*


sg (si) st.m (si) st.ma (si) st.mar
.
(si) st.s (si) st.so (si) st.sor
(si) st.t (si) st.to (si) st.tor
pl. (si) st.me (si) st.medha (si) st.mor
(si) st.te (si) st.dhue (si) st.dhuer
(si) st.nt (si) st.nto (si) st.ntor

II. Aorist scaturisce

es, essendo (solamente Attivo)

AORIST Stem l'es - / il s- (.s- / es-)

sg. Indicativo Congiuntivo Ottativo


ésm/.sm .sóm (é) sí.m
és / .s .sés (é) sí.s
ést/.st .sét (é) sí.t
pl. ésme/.sme .sóme (é) s.me
éste/.ste .séte (é) s.te
ésnt/.snt .sónt (é) il síjent

NOTA. L'Aorist fu costruito col Gambo di Aorist regolare ed Aumento dialettale, viz. .s- (> l'é+es
-), aggiungendo Fini Secondarie. Compari vecchio Sg indiano. .. sam, .s, .s, Pl. .. lo sma,.. lo sta,..
san, Gk. Hom. 1. Sg. .., 2. Hom di Sg. att. ...., 3. Sg. dor. ecc. .., Pl. hom. ....,..., ...., cf. anche Lat.
erat, Hitt. e-e.-ta (.sta), Camice sacerdotale. isha.

bhew, essendo, esistendo


AORIST Stem bh.- o bhuw-

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. bh.m bhuwóm bhuwíj.m
bh.s bhuwés bhuwíj.s
bh.t bhuwét bhuwíj.t
pl. bh..me bhuwóme bhuw.me
bh..te bhuwéte bhuw.te
Bh..nt / bhúwnt bhuwónt bhuwíjent
Pres. Parte. bhwonts, bhuwntia, bhuwont

NOTA. L'es di Verbo, sia, qualche volta è stato sostituito o è stato mescolato nella sua
congiunzione (specialmente in passato e forme future) da bhew di IE, sia, esista, compari Gmc. bu
-, "pausa" (il cf. Goto. bauan, "viva", O.E., O.H.G. b.an, O.E. b.on, in b.o bist, biþ, pl. b.oþ, o Ger.
bidone, bist, Eng. sia), Lat. fui, "io ero", e futurus, "futuro" Gk. ......, O.Ind. bhávati, bh..tí., bh.tí.,
Lith. b..ti, O.C.S. ....., Russ. ....,..., Pol. da., O.Ir. buith.[177]

klew, sentendo

AORIST Stem kl.- / kluw-

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. klwóm klw.m klwíj.m
klwés klw.s klwíj.s
klwét klw.t klwíj.t
pl. klwóme klw.me klw.me
klwéte klw.te klw.te
klwónt klw.nt klwíjent

MEDIO

Indicativo Congiuntivo Ottativo


sg. klwóm. klw.ma klwíj.
klwéso klw.so klw.so
klwéto klw.to klw.to
pl. klwómesdha klw.medha klw.medha
klwédhue klw.dhuer klw.dhue
klwónto klw.nto klwíjnto

st., essendo, esistendo

AORIST Stem (é) lo st.-


Indicativo Congiuntivo Ottativo
sg. st.m st.i. st.íj.m
st.s st.iés st.íj.s
st.t st.iét st.íj.t
pl. stamé st.ióme st..me
staté st.iéte st..te
stánt st.iónt st.íjnt

MEDIO
Indicativo Congiuntivo Ottativo
sg. st.ma st.i. st.íj.
st.so st.iéso st..so
st.to st.iéto st..to
pl. st.medha st.iómedha st..medha
st.dhue st.iédhue st..dhue
st.nto st.iónto st.íjnto

III. Gambo perfetto

bhew, essendo, esistendo

Gambo perfetto (Pres. - Jasanoff 2003)

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSATO* MEDIO*


sg bh..ia bh..i. bh.jíj.m bh.ióm bh..i.
bh..ita bh..iowes bh.jíj.s bh.iés bh..ieso
bh..ie bh..iowet bh.jíj.t bh.iét bh..ieto
pl bh.imé bh..iowome bh.j.me bh.ióme bh..iomedha
bh.ité bh..iowete bh.j.te bh.iéte bh..iedhue
bh.i.r bh..iowont bh.jíjnt bh.iónt bh..ionto

klew, sentendo

Kéklou di Gambo perfetto-

Indicativo Congiuntivo Ottativo PASSATO* MEDIO*


sg kéklowa kéklow. keklowíj.m keklowóm kéklow.
kéklouta kéklowes keklowíj.s keklowés kékloweso
kéklowe kéklowet keklowíj.t keklowét kékloweto
pl keklumé kéklowome keklow.me keklowóme kéklowomedha
kekluté kéklowete keklow.te keklowéte kéklowedhue
keklw.r kéklowont keklowíjnt keklowónt kéklowonto

IV. Gambo futuro

bhew, essendo, esistendo

Bheu-s-o di Gambo futuro-

Futuro Condizionale*
sg bhéus. bhéusom
bhéusesi bhéuses
bhéuseti bhéuset
pl bhéusomes bhéusome
bhéusete bhéusete
bhéusonti bhéusont

klew, sentendo

Kleu-s-o di Gambo futuro-

Futuro Condizionale*
sg kléus. kléusom
kléusesi kléuses
kléuseti kléuset
pl kléusomes kléusome
kléusete kléusete
kléusonti kléusont

7.8.3. Altri gambi di torta comuni


IO.

VerbsRoot tematico
o Present il lów., io lavo, lowóm Imperfetto, lousm di Aorist (é).

o Present il sérp., io striscio, serpóm Imperfetto, srpom di Aorist (é).

o Present il bhér., io porto, bheróm Imperfetto., Bherom di Aorist (é).

o Present il bhéug., io fuggo, bheugóm Imperfetto, bhugom di Aorist (é).

o Present il bhéidh., io credo, persuada, bheidhóm Imperfetto, bhidhom di Aorist (é).

o Present il wéq., io parlo, weqóm Imperfetto, Aorist (Loro. Redupl.) (é) il wewiqom

o Present il trém., io tremo, tremóm Imperfetto, trmom di Aorist (é).

NOTA. Una particolare supplire-classe di Presenti Tematici senza suffisso è del tipe Skr. tudati che
ha Gambi di Presente con radice-vocale di zero-grado come glubh. /gleubh., pelle.

Riduplicato

Ci sono molti reduplicatd gambi tematici, analogo all'atematico uni:

o Present il gígn., io genero, (da gen) gignóm Imperfetto, genom di Aorist (é), gnom (é), gégona
Perfetto, P.Part. tós di gn (a) (il cf. O.Ind. jatá, Lat. n.tus).

o Present il píb., io bevo (da * il píp., da p.) pibóm Imperfetto.

o Present il mímn., io ricordo, (da uomini[178]), mimnóm imperfetto.

in - l'io

Alcuni di loro sono causatives.

o Present lo spéki., io guardo, spekióm Imperfetto, speksm di Aorist (é), P.Part. spektós.

o Present il téni., io tendo, tenjóm Imperfetto, Aorist (é) tnom / (é) tenóm, tétona Perfetto,
P.Part. tntós.
Verba Vocalia

o Present bhor.i., io faccio porti, da bher, porti.

o Present w (e) id.i., io vedo, io so, w (e) id.ióm Imperfetto, widóm di Aorist (é) wóida Perfetto
P.Part. wistós (< * il widtós).

o Present mon.i., io faccio pensi, ricordi, come Lat. moneo, da uomini pensano.

o Present trom.i., io faccio tremore, da termine il tremore.


In - lo sko

Verbi costruiti con questo suffisso hanno due funzioni principali nei verbi proto-Indo-europei ed
attestati di solito:

 Durative l'azione, Intensivo o Ripetitivo (i.e., Intensivo-iterativo), come attestato in greco;

 Incompleted azione, con un valore di Inchoative che indica che l'azione sta cominciando.

Esempi comuni includono:

o Present il prksk., io chiedo, richieda, chieda (il cf. Lat. posco, Ger. forschen, v.i.) da alzi il capo,
chieda.

o Present gn.skai/gnáskai, io nasco (il cf. Lat. gnascor) da gnn-sko di zero-grado -, illuminato.
"Io comincio a generarmi, a turno da gign di verbo riduplicato., generi.

o Present il gnósk., gígn.sk., io comincio a sapere, io imparo, da gn., sappia.

Con nasale infigga

o Present il jungo, congiunga (da jeug), jungóm Imperfetto, Aorist j.ugsm.

NOTA. Compari O.H.G. [l'untar -] il jauhta (come Lat. supplire-jugaui), Lat. jung., - prima, - il
nxi, - nctus, Gk. ........., ...... .......; O.Ind. yunákti (3. Pl. yun.jánti = Lat. jungunt), yun.jati, pieno-
grado y.jayati (< il jeugejeti); Av. yaoj -, yuj -; Acceso. jùngiu, jùngti, ecc. Per Oltre Participi (con e
senza Presente infigga - n -), compari O.E. geoht, iukt, Lat. junctus, Gk. ......., O.Ind. yuktá -, Av.
yuxta -, Illuminato. jùngtas, ecc.

II.

VerbsRoot atematico

Loro sono i verbi di Torta più arcaici, e la loro congiunzione Presente è del vecchio tipo vocale di
radice Singolare in pieno-grado, vocale di radice Plurale in zero-grado.

o Present l'ésmi, io sono, contro. Ésm imperfetto, io ero / ero.

o Present l'eími, io cammino, contro. Eím imperfetto, io camminai / camminai.

o Present bh.mi, io parlo, contro. Bh.m imperfetto, io parlai / parlai.

o Present .mi, io parlo, contro. .m imperfetto, io parlai / parlai.

NOTA. Il discorso di verbo è ricostruito come Torta qualche volta * .mi; per l'evidenza di un
originale * l'ag (h) - j., compari Lat. ai., Gk. .., Umb. aiu, Braccio. asem. Questo paradigma sarebbe
piuttosto così, Tematico, i.e. Ag presente (h) i., io parlo, contro. Ióm di ag (h) imperfetto, io parlai
/ parlai.

o Present l'édmi, io mangio, contro. Édm imperfetto, io mangiai / mangiai.


NOTA. Noti che il suo Participio Presente d.nts / dentelli, mentre "mangiando", sarebbe usato
come effettivo, volendo dire "dente."

o Present il wélmi, io voglio, contro. Wélm imperfetto, io volli / volli.


Riduplicato

o Present síst.mi (da st., bancarella), st.m Imperfetto (si), Aorist (é) st.m, P.Part. statós.

o Present déidikmi (da deik, show), deidíkm Imperfetto, Aorist (é) d.iksm, dédoika Perfetto,
P.Part. diktós.

o Present dhídh.mi (da dh., faccia, faccia), dhidh.m Imperfetto, Aorist (é) dh.m, P.Part.
dhatós.

o Present díd.mi (da d., dia), did.m Imperfetto, Aorist (é) d.m, P.Part. datós.

o Present jíj.mi, getto, jij.m Imperfetto, jem di Aorist (é).

NOTA. Per l'evidenza su una Torta originale jíj.mi, e non * jíj.mi come di solito ricostruì, cf. Lat.
impertinente. i.c., una forma dovuto ai suoi due laryngeals consecutivi, mentre Lat. iaci. è un
presente si rifatto (Julián González Fernández, 1981).

Con nasale infigga

o klnéumi, senta (da kleu), klnéwm Imperfetto, klwom di Aorist (é), kéklowa Perfetto,
P.Part. klutós, volendo dire "sentì" ed anche "famoso."
o punémi, decomposizione (da panca di chiesa), puném Imperfetto, Aorist (é) p.wsm.
8. Particelle
8.1. Particelle
8.1.1. Avverbi, Preposizioni, Congiunzioni e le Intromissioni stati chiamati Particelle. Loro non
possono essere classificati sempre distintamente, per molti avverbi sono usati anche come
preposizioni e molte come congiunzioni.

8.1.2. Parlando severamente, le Particelle è definita come elementi autonomi, di solito clitics che
fa modifiche nel verbo o condanna di solito ma che non ha un significato preciso, e quali sono né
avverbi né preverbs né congiunzioni.

8.1.3. L'indoeuropeo ha delle particelle (nel senso più severo) che marcano certe categorie di
sintassi:

a. Emphatics o Generalizers: loro possono colpire la frase intera o una sola parola, di solito un
pronome ma anche un nome o verbo. Il particella ge / gi, ghe / ghi fortifica la negazione di solito,
ed enfatizza pronomi diversi.

NOTI 1. L'origine di questa particella probabilmente sarà trovata in Torta - qe,


acquisendo il suo valore di coordinata da un più vecchio uso come parola-connettore dal
quale fu dedotto questo uso Intensivo / Enfatico. Compari O.Ind. gha, ah!, hí, Av. zi, Gk.
ge, - gí, -.í, Lith. gu, gi, O.Sla. -vada, .e, .i, Anche comparano, e.g.. per neghi negativo ed
intensivo, O.E. nek, O.Ind. nahí, baltico. negi.

NOTI 2. Anche, se è comparato con Gk. dé, O.Ind. ah!, O.Sla. .e, un che di particella di Torta
comuni possono essere ricostruiti.

b. Modificatori di verbo:

IO. Il vecchio - ti avevano un valore Medio, i.e. Riflessivo.

NOTA. Questo è un valore molto vecchio, attestato in Anatolian, cf. Hitt. za, Amico. -ti, Luw. -ti,
Lyd. -(i) t, Lyc. -t / di.

II. Il modale - l'uomo, associato con l'Indicativo, esprime Potenzialità (quando usato in
Presente) e l'Irrealtà (di Passato).

NOTA. Probabilmente è lo stesso come l'equipaggiare di congiunzione, se, e riferì da


vicino a - il ma, ma.

III. Il m di particella negativo., associato con l'Indicativo o forme indifferente agli Umori.

c. Condanni categorizers: loro indicano la Classe di Frase, se negativo o interrogativo.

IO. Interrogatives assoluti furono presentati in dialetti europei da particelle speciali, generalmente
(a) n.
NOTA. L'origine potrebbe essere il "Senso Non-dichiarativo" della frase, così che sarebbe
potuto essere dedotto originalmente dal ne / n negativo.

II. La negazione ha due particelle di solito, etimologicamente riferì:

- La semplice negazione è fatta dal ne di particella, allungò in dei dialetti con - i, - n, - d, ecc.

- Negazione di umore o proibitivo è il m di particella. (anche n.).

NOTA. Per m di Torta., compari Gk. .., O.Ind.,Av.,O.Pers. m., Toch. danneggi / il m., Braccio. mi,
Camice sacerdotale. mos, e probabilmente da indoeuropeo in Altaic (il cf. Turkic - il ma -, Tungus -
io, coreano m.-t, giapponese - il ma -), e compara anche ma arabo. Negli altri dialetti di IE, fu
sostituito da n., cf. Goto. ne, Lat. n., Ira. ni. Non è chiaro se Hitt. l. è dedotto ultimamente da m. o
n.

d. Condanni Connectives: loro presentano frasi indipendenti o connettono frasi diverse, o anche
marca la frase principale fra subalterni.

IO. quindi ed a, quali sono nell'origine del pronome di anaphoric che noi abbiamo studiato in §
6.5.

II. nu che ha un significato avverbiale, temporale-consecutivo.

III. Un r introduttivo o connettivo che possibilmente è l'origine di alcune congiunzioni di


coordinata.

8.2. Avverbi
8.2.1. C'è una classe di parole invariabili, capace cambiare nomi e verbi, aggiungendo un specifico
significato se semantical o deictic. Loro possono essere parole indipendenti (Avverbi), premette di
gambi verbali (Preverbs). originalmente indipendente ma di solito unì con lui. ed anche un nesso tra
un nome ed un verbo (Apposizioni), esprimendo una relazione non-grammaticale, normalmente
metta parte posteriore, ma venendo di fronte alla parola qualche volta.

NOTA. Nella Torta più grande le tre categorie probabilmente erano usi solamente diversi
della stessa classe di parola, eventualmente essendo classificato ed assegnò a solamente
uno funzioni e volendo dire. Infatti, gli Avverbi è distinto dalle altre due categorie nella
storia di lingue Indoeuropee generalmente, così che loro cambiano dovuti all'innovazione,
Preverbs e le Apposizioni rimangono lo stesse e normalmente gelano nelle loro posizioni
più grandi.

8.2.2. Gli avverbi vengono dalle vecchie particelle che hanno ottenuto un specifico significato di
deictic di solito. Tradizionalmente, gli Avverbi è ritenuto per essere il risultato di casi obliqui dei
vecchi nomi o radici verbali che sono gelati in dialetti di IE, allentando così flesso.

8.3. Derivazione di avverbi


8.3.1. Gli avverbi furono formati in Torta da Nomi, Pronomi ed Aggettivi come regolarmente
segue:
A. Da pronomi:

IO. Con un allungamento nasale, aggiunse sistematicamente zero-classificare forme nelle quali
danno avverbi - è; come, tam, qam (dal latino), o peram (come Gk. peran)

NOTA. Loro di solito sono interpretati originalmente come bein Acc. Sg. fem. di forme
indipendenti.

II. Un - s allungando, aggiunse all'avverbio e non alla forma di base, dando avverbi alternati
qualche volta; come, ap / aps, ek / eks, ambhi / ambhis, ecc.

III. Un - allungamento di r; come, qor, tor, kir, ecc. quale è aggiunto anche agli altri avverbi
dedotti. È meno solito che l'altro due.

NOTA. Compari per tale goto di allungamenti. hwar, lei (O.E. dove, hier), Lat. cagnaccio, O.Ind.
kár-ciao, tár-ciao, Lith. kur, Hitt. kuwari. Anche, IE qor-i, tor-i, cir-i, ecc. può mostrare un finale
circumstancial - i, probabilmente lo stesso quale appare nei casi Obliqui e nelle Fini Verbali e
Primarie, e quale volle dire originalmente 'qui ed ora.'

Dei più vecchi avverbi, dedotti come il sopra di erano a turno specializzato come suffissi per
derivazione di avverbio, aiutando a creare avverbi composti da due gambi di pronome:

i. Dal de di pronome, i nasalizzarono de-mgives gli avverbi in - il dem, - la diga; come, ídem,
qídam, ecc.

ii. Da dh di radice., metta, metta, ci sono due avverbi che danno suffissi con significato locale, da
gambi di Pronomi, Nomi, Avverbi e Preposizioni:

a. un Avverbio in - m, dhem / dhm; come, endhem, prosdhm, ecc.

b. un Avverbio in - i, dhi come in podhi, autodhi, ecc.

NOTA. Compari dal de di IE, Lat. idem, quidam, O.Ind. id.n-in; da m di dh (e), dhi, Gk. -poi, - il
tha, - il thi.

iii. Da te di radice di Torta, sono dei suffissi avverbiali con senso di umore. alcuno con senso
temporale, dedusse dal più vecchio modale. Quindi ta; come, ita o itadem, ut (a), prota, auta, ecc;
e m di t (e), utm, articolo, eitm, ecc.

NOTA. Compari dal ta (Torta * il th2) di IE, Lat. iti-dem, ut (i), ita, Gk. protí, au-ti, O.Ind. iti, práti;
da m di t (e), Lat. i-tem, Gk. ei-ta, epei-ta, O.Ind. u-tá.

B. Da Nomi ed Aggettivi (di solito Accusativi di Neutro), gelato come avverbi già nella Tarda
Torta. Le più vecchie fini per formare Avverbi sono le stesse come quelli sopra di, i.e. generalmente
- i, - u e - (e) m che è a turno originalmente Avverbi. Tali Avverbi hanno significati normalmente
precisi, Locali, non soltanto Astratto o Deictic, ed evolve poi di solito come Temporals. Fini - r,
nasale - n ed anche - s, come nella formazione di Pronomi, è trovato anche.
NOTI 1. Non è non comune per trovare avverbi dedotti da gambi nominali che mai non
avevano flesso, così (probabilmente) presto gelato come avverbi nel suo gambo puro.

NOTI 2. Da quegli avverbi fu dedotto Congiunzioni, o con significato Temporale-


consecutivo (il cf. Eng. poi, così) o Contrastivo (il cf. Eng. sul contrario, invece).

Gli avverbi possono finire anche:

In - d: cf. Lat. probee, Osc. pruf.d; O.Ind. pasc.t, adhar.t, purast.t.

In - il nim: il cf. Osc. enim 'e', O.Ind. t.snim 'silenziosamente', forse anche id.nim è * id.-nim, non
* id.n-in.

In - il tos: cf. Lat. funditus, diuinitus, publicitus, penitus; O.Ind. vistarata. 'in dettaglio',
samk.epata., prasangata. 'di quando in quando', n.matta. 'vale a dire', vastuta. 'davvero', mata 'da /
per me'

In - il ks: cf. Lat. uix, Gk. ....., O.Ind. samyak 'bene', prthak 'separatamente', Hitt. hudak
'direttamente.'

8.4. Preposizioni
8.4.1. Le preposizioni non furono distinte originalmente da Avverbi in forma o volendo dire, ma si
è stato specializzato in uso.

Loro svilupparono comparatamente in ritardo nella storia di lingua. Nelle fasi iniziali della lingua
proto-Indo-europea i casi erano da solo probabilmente sufficienti per indicare il senso, ma, come la
forza delle caso-fini indebolita, gli avverbi furono usati per più grande precisione. Questi avverbi,
dalla loro associazione comune coi particolari casi divennero Preposizioni; ma molti trattennero
anche la loro funzione indipendente come avverbi.

8.4.2. La maggior parte di preposizioni è le vere caso-forme: come l'ekstrós di comparatives (il cf.
esterno), ndhrós (il cf. inferiore), suprós, ed il kikrom di accusativi, koram, ecc.

8.4.3. Le preposizioni sono usate regolarmente o con l'Accusativo o col Devia.

8.4.4. Degli esempi di Torta avverbi / preposizioni comuni sono:

ámbhi, .bhi, su ambo i lati circa; cf. O.H.G. umbi (come Eng. da, Ger. bei), Lat. è, amb -, Gk.
amphi, amphis, O.Ind. abhí.

ána, su, finito, sopra; cf. Goto. ana, Gk. án., aná, O.Ind. ána, O.C.S. na.

ánti, opposto davanti; cf. Goto. e, Lat. aggiunga al piatto, Gk. antí, O.Ind. ánti, átha, Lith. añt;
Hitt. .anti.

ápo, po fuori, da; cf. Goto. af, lat. ab, ab, Gk. apo, aps, apothen, O.Ind. ápa.

au / noi, fuori, lontano; cf. Lat. au -, Gk. au, authi, autár, O.Ind. áva, vi -, Toc. -/ot -, O.C.S. u.

ébhi, óbhi, bhi circa, da, a, ecc.; cf. Lat. ob, "verso, a", O.Ind. abhi, Av. aiwi, goto. bi,
/n di én (i), in; cf. Goto. in, Lat. in, Gk. en, ení, O.Ind. ni, nis, Lith. in, O.C.S. su, v.

épi, ópi pi, verso qui circa, circa; cf. Gmc. ap -, ep -, Lat. ob, op -, - pe, Osc. úp -, Gk. ...,...,...,..,
O.Ind. ápi, Av. áipi, Braccio. ev, Lith. ap -, O.Ir. iar, ía -, ei -, Camice sacerdotale. épërë, ecc.

ét (i), óti, anche anche; áti, oltre, passato; su, sull'altro lato; cf. Goto. iþ, Lat. et, Gk. eti, O.Ind.
áti, áta., a, O.C.S. otu.

ndhí, più, finito il ndher (í), in giù; cf. Gmc. sotto -, Lat. infra, Gk. éntha, O.Ind. ádhi, ádha.

per, pr, infront, contrario circa; cf. Goto. fra, faúr, faúra, Lat. pro, prae, per, Gk. perí, pará, pro,
O.Ind. pári, práti, pra, Lith. per, Ltv. prett', O.C.S. pr.

qu, da interrogativo-indefinites qi / qo;

ter, tr attraverso, cf. Gmc. thurkh (il cf. Goto. þairh, O.S. thuru, O.E. þurh, O.Fris. thruch,
O.H.G. thuruh, M.Du. chi fa, Ger. durch), Lat. trans, O.Ind. tira., Av. taro, O.Ir. tre, tra gallese.

upo, sotto, in giù; uper (í), su; cf. Goto. uf, ufar (come Eng. su, finito, Ger. auf, über), Lat.
supplisca, super, Gk. upó, upér, O.Ind. úpa, upári.

annuncio a, vicino, perti attraverso, altrimenti

aneu senza pos / posti / pósteri dietro a

apóteri dietro a poti verso

d. /d. a pósteri/postr.d dietro a

ek / eksí fuori pr.i davanti, avanti

ektós eccetto pr.iteri lungo (lato)

entós anche, anche il pr. (d) avanti

kamta próteri discendente di fronte a

kom prota vicino contro

n. in giù r.dí perché (di)

obhi su, su ani / santeri separatamente

ólteri oltre úperi / upsí su, su

parà prossimo ad ut / utsí su, fuori

paros avanti w. separatamente

8.5. Congiunzioni
8.5.1. Congiunzioni, come preposizioni sono riferite da vicino ad avverbi, ed o sono pietrificate
casi di nomi, pronomi ed aggettivi, od oscurò frasi: come, qod, un vecchio accusativo. La maggior
parte di congiunzioni è connessa con avverbi pronominali che non possono essere riferitisi alle loro
caso-forme originali sempre.

8.5.2. Le congiunzioni connettono parole, frasi o frasi. Loro sono divisi in due classi principali,
Coordinata e Subalterno:

a. Le coordinate sono le più vecchie uni, quali connettono costruzioni coordinate o simili. La
maggior parte di loro furono messi parte posteriore di solito e furono usati come parole indipendenti
normalmente. Loro sono:

IO. Copulativo o disgiuntivo, implicando un collegamento o separazione di pensiero così come


di parole: come, qe, e; noi, o; neqe, né.

NOTA. Per neqe di Torta, compari Lat. ne-que, Gk. ...., Braccio. oc, O.Ir. nó, nú gallese ne-u,
O.Bret. nessuno-u, Camice sacerdotale. un-s, Lyc. ne-u, Luw. napa-wa, e per Torta m.qe, in greco
ed Indo-iraniano, ma anche in Toch. ma-k e Camice sacerdotale. mo-s. Il parallelo nuovo. è foun in
Anatolian, dialetti Indo-iraniani, Corsivi e celtici.

II. Avversativo, implicando un collegamento di parole, ma un contrasto in pensiero: come, ma,


ma.

NOTA. Congiunzioni avversative della certa antichità sono a (i) (il cf. Goto. adh -, Lat. a, Gk.
atár), (s) il ma / (s) io (il cf. Hitt.,Amico. ma, Lyd. -m, Lyc. io, Gk. má, mé, Messap. min), auti (il
cf. Lat. autem, aut, Gk. aute, authis, autis l'autár), .d, "e, ma" (il cf. O.Ind. .d, Av. (.) a, Lith. o, Sla.
un), ecc. In generale, le lingue di IE più grandi attestarono uso le stesse congiunzioni di pospositive
Copulative come Adversatives, il loro valore semantico accertato dal contesto.

III. Causale, presentando una causa o ragione: come, nam, per.

IV. Illativo, denotando un'inferenza: come, igitur, perciò.

NOTA. Particelle più Nuove di solito sono messe di solito prima, ed alcuni di loro sono
generali, come l'eti Copulativo, e (come Lat. et, Gk. eti, nti nasalizzato in germanico,
come barbaro. e), e .d Illativo, certamente (il cf. O.Ind. .d, Lith. o, O.Sla. un), o .dqe in
latino. Altri non furono generalizzati prima che la prima divisione di Torta, ma potrebbe
essere usato ciononostante in indoeuropeo Moderno.

b. I subalterni connettono una clausola subordinata o indipendente con quello dal quale dipende.
Loro sono:

IO. jo che ha valore di subalterno generale, di solito Relativo Finale o Condizionale.


NOTA. Per derivatives comune di jo di Torta, probabilmente riferì al pronome relativo, compari
Hitt. -un / -ya, Toch. -/yo, e possibilmente il goto. -ei, Gk. eí, Gallia. -io. Probabilmente fu sostituito
da - il qe.

II. Condizionale, denotando una condizione o ipotesi; come, equipaggi, se; neman, a meno che.

III. Comparato, implicando paragone così come la condizione; come, equipaggi, come se.

IV. Concessivo, denotando una concessione o ammissione; come, qamqam, anche se


(Illuminato. comunque molto può essere vero che, ecc.).

V. Temporale: come, postqam, dopo.

VI. Consecutivo, esprimendo risultato; come, ut (ei), così che.

VII. Finale, esprimendo scopo; come, ut (ei), in ordine che; ne che non.

VIII. Causale, esprimendo causa; come, qja, perché.

Le congiunzioni sono più numerose e distinsero più accuratamente in MIE che in inglesi.

V-file
Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at
Indo-European Language Association

1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi


indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea

Appendice io. Sintassi proto-Indo-europea


I.1. La frase
Una Frase è una forma di parole che contengono un Statement, una Domanda, una Esclamazione,
o un Comando.

a. Una frase nella forma di una Asserzione stata chiamata una Frase Dichiarativa: come, le
corse di cane.
b. Una frase nella forma di una Domanda stata chiamata una Frase di Interrogative: come, il
cane corre?

c. Una frase nella forma di una Esclamazione stata chiamata una Frase Esclamativa: come,
come veloce le corse di cane!

d. Una frase nella forma di un Comando, una Esortazione, o una Implorazione stata chiamata
una Frase Imperativa: come, vada, corra attraverso le Alpi; o lasciò la corsa di cane.

NOTA. Dopo Lehman (1974), "L'ordine fondamentale di frasi in Torta sembra essere OV.
Appoggio per questa assunzione è evidente nei testi più grandi dei materiali attestati nei dialetti di
IE più presto. L'ordine fondamentale di frasi in questi primi dialetti non può essere determinato
solamente da frequenza di modelli di frase. Per, come le altre costruzioni linguistiche, la
manifestazione di modelli di frase marcò, così come ordine non marcato. L'ordine segnato si è
aspettato in materiali letterari. I documenti che sopravvivono dai più primi dialetti sono
virtualmente tutti in verso o in forme letterarie di prosa. Di conseguenza molte delle frasi
individuali non hanno l'ordine non marcato, con verbo finale. Per queste conclusioni di ragione
sull'ordine di parola di caratteristica di Torta ed i primi dialetti sarà basato in parte su quelli
modelli sintattici che sono cambiati per effetto letterario e retorico raramente: costruzioni
comparate, la presenza di posposizioni e preposizioni e l'assenza di prefissi, (...)".

Lehman è criticato da Friedrich (1975) che, come Watkins (1976) e Miller (1975), sostenga un VO
situazione preistorica, probabilmente SVO (come quelli trovati in 'centrale' le aree di IE), con
scoperte di SOV dialettali e non-costanti. In alcun caso (il viz. Lehman e Miller), un più vecchio IE
io o IE II OV (VSO per Miller) sarebbero stati sostituiti da un VO più nuovo (SOV per Miller, più
tardi SVO attraverso un processo di trasposizione di verbo). così, tutti i dialetti Indoeuropei attestati
hanno evoluto (così probabilmente da una Tarda Torta comune il trend) in un SVO moderno.

Indoeuropeo moderno, come una lingua di IE moderna può seguire i modelli formali e più severi
attestati nelle iscrizioni più grandi, i.e. (S) OV, come in latino greco, vecchio Sanscrito, antico e
Vedico ed Avestan. Un più nuovo, generale (S) VO ordina (fondi in greco, latino Avestan,
germanico ecc.), quale rivela il cambio da OV nella Prima Torta verso un VO nella Tarda Torta per
la lingua parlata dell'Europa. ed anche delle forme di usi di litterary, come e.g.. il giornalismo.
potrebbe essere usato in contesti non-formali.
I.1.1. Generi di frasi

Le frasi di torta o erano Nominali, i.e. formato da nomi, o Verbale, se loro includessero un verbo.

IO. Un soggetto ed un predicato. Il Soggetto di una frase è la persona o cosa parlata di. Il
Predicato è che che è detto del Soggetto.

a. Il Soggetto è un Nome o Pronome di solito, o della parola o gruppo di parole usato come un
Nome.

b. Il Predicato di una frase può essere un Verbo (come le corse di cane), o può consistere di della
forma di es ed un Nome o Aggettivo che descrivono ordefines il soggetto (come è buono). Tale
nome o l'aggettivo stato chiamato un Nome Predicativo o Aggettivo.

II. In frasi proto-Indo-europee, semplici può essere composto di solamente uno parola, un nome o
un verbo; come, Dio!, o (esso) piogge.

NOTI 1. Frasi nominali di questo tipo sono Intromissioni e Vocativi di solito. Frasi verbali di
questo tipo includono Imperativi (almeno di 2 P.Sg.) e verbi impersonali che non avevano mai un
soggetto nei dialetti più grandi attestarono; come, per Eng. (esso) piogge, cf. Goto. rigneiþ, Lat.
pluit, Gk. ..., Skt. vár.ati. Si crede che quando i dialetti di IE divennero SVO in struttura, così che un
soggetto fu richiesto, il terzo pronome di anaphoric singolare, corrispondendo a lui, es Tedesco, il
francese, ecc., fu presentato come soggetto in tali frasi. Tali pronomi si presentarono perché le
lingue di SVO devono avere soggetti in frasi, come faccia verbi intransitivi in alcuna lingua di OV.
Tali verbi potrebbero essere completati da substantives nei vari casi, fra loro l'accusativo. Queste
costruzioni sono specialmente prominenti per verbi che si riferiscono alle emozioni; come, Lat.
miseret, pudet, taedet, Skr. kitavá. tat.pa. Compari anche il Lat di Cicerone. e.rum n.s miseret, od
O.H.G. nirthrúzzi di thih di gánges di thes. In Torta condanna le varie forme di caso potrebbero
essere usate con verbi. Le più semplici frasi possono consistere di verbi accompagnati da nomi in
sette degli otto casi; solamente il vocativo non è usato così. I nomi riempiono il ruolo di oggetti o,
possibilmente meglio affermò, di complementi.

NOTI 2. Inoltre la semplice frase che consiste solamente di un verbo, una semplice frase nei primi
dialetti ed in Torta potrebbe consistere di un verbo accompagnato da un nome o pronome come
complemento. Un soggetto non era obbligatorio comunque. Né era le altre costruzioni che possono
sembrare essere naturale, come oggetti indiretti con verbi piaccia 'dia.' La radice * o nella sua più
prima forma * deH-aveva nel suo più semplice senso il significato 'presente' ed era spesso non
accompagnato da alcuna espressione nominale (Lehman).

I.1.2. Frase nominale

Frasi nominali nelle quali un effettivo è associato a con un altro effettivo, un aggettivo, o una
particella, faccia su uno del più semplice tipo di frase in Torta.

NOTI 1. Tale tipo di frase è trovato in pressocché ogni dialetto di IE; cf. Hitt. atta. a..u., "il padre
(è) buono", Skr. tvá. váru.a, "Lei (è) Varuna", O.Pers. adam D.rayavau., "io (è) Darius", Lat. rara
di praeclara di omnia, "tutte le migliori cose (è) raro", ecc. In tutti i dialetti, comunque tali frasi
furono restrette nel suo uso ad un uso specialmente formale o, sul contrario, loro sono trovati più
spesso, che originalmente in Torta. In latino e dialetti germanici loro sono trovati così, in proverbi e
detti, come nel Vecchio irlandese; in greco è trovato anche in poema epico e poesia. In dialetti
Balto-slavi la frase nominale e pura è divenuta comunque, il tipo solito di frase nominale, anche
quando il predicato è un avverbio o un caso avverbiale. Comunque, tale uso che è esteso più in
dialetti moderni (come il russo) che nel più vecchio uni (come il Vecchio slavo), è considerato il
risultato dell'influenza finno-ugrica.

NOTI 2. Nel corso di tempo una frase nominale richiese un verbo; questo sviluppo è in
concordanza con la caratteristica soggettiva di Torta e le fini che vennero a sostituire i marcatori di
qualificatore individuali di prima Torta. I vari dialetti non avevano più un tipo di frase equazionale e
distinto. È probabile che i verbi siano omessi chiaramente da ellissi. Notevolmente, ed in slavo,
frasi nominali furono reintrodotte, come ha dimostrato (1906-1908) Meillet. La reintroduzione
probabilmente è un risultato dell'influenza dalle lingue di OV, come il finno-ugrico. Questo
fenomeno illustra quelle costruzioni sintattiche e caratteristiche sintattiche si devono studiare
attentamente prima che loro possono essere attribuiti ad eredità. In nord germanico anche una
caratteristica di OV fu reintrodotta, con la perdita di prefissi verso la fine del primo millennio A.D.
(Lehmann 1970). Ancora nonostante queste influenze di OV susseguenti, frasi nominali devono
essere presunte per Torta.

A. Ci sono tracce di Frasi Nominali e Pure con un predicato fatto da un caso obliquo di un nome
o un prepositivo composto, anche se loro non sono comuni a tutti i dialetti Indoeuropei.

NOTA. Separatamente da esempi Balto-slavi (a causa dell'influenza finno-ugrica), solamente


alcuni esempi isolati sono trovati; cf. Skr. havyaír Agnír mánu.a .rayádhyai, "Agni deve essere
pregato coi sacrifici di uomini", Gk. pàr hépoige kaì hálloi oi ké mé tim.sousi, "vicino io (c'è) altri
che [la particella] mi loderà (Mendoza)."

B. Oltre a tali espansioni per mezzo di nomi supplementari in casi di nonrequired, le frasi
potrebbero essere espanse per mezzo di particelle.

NOTA. Per Lehman, tre sottoinsiemi di particelle vennero ad essere particolarmente importante.
Uno di questi è il set di preverbs, come.. Un altro è il set di connectives di frase, come Hitt. nu. Il
terzo è il set di espressioni di qualificatore, e.g.., M di torta.' (debba) non.' Un sottoinsieme
supplementare, congiunzioni che presentano clausole sarà discusso sotto nella sezione su clausole
composte.

Preverbs è caratterizzato distintivamente essendo associato da vicino con verbi e cambiando il loro
significato. Nella loro posizione normale loro stanno in piedi direttamente di fronte a verbi (Watkins
1964).

L'Armonia governò così, generalmente, ambo i membri della Frase Nominale e Pura.

NOTA. Diversamente da verbo personale ed i suoi complementi (governato da flesso), la Frase


Nominale mostrò un affidamento forte su Armonia tra Soggetto ed Afferma come una caratteristica
di definitory: ambo necessario lo stesso caso, e tese ad avere lo stesso numero e genere.

Il verbo copulativo

L'es di verbo copulativo è solamente necessario quando presentando le tarde categorie nella
morfologia verbale, come Time ed Umore. Perciò, quando l'Umore è l'Indicativo, ed il Time è il
neutro (proverbi senza calcolare, o Presente con neutro semantico) non c'è nessun bisogno di usare
es.

NOTI 1. La forma di base di frasi nominali, comunque è stata una questione di disputa. Degli
Indo-europeisti propongono che l'assenza di un verbo in frasi nominali è un risultato di ellissi e
presume un es di verbo fondamentale - 'sia' (Benveniste 1950). Loro sostengono questa assunzione
aguzzando al requisito di tale verbo se la frase nominale è nel tempo verbale passato; cf. Hitt.
ABU.I.A genzuu.ala. e.ta, "Mio padre era misericordioso." Sul contrario, Meillet (1906-1908),
seguito da Lehman e Mendoza pensò, che frasi nominali non richiesero un verbo ma che è probabile
che un verbo sia incluso per enfasi. Questa conclusione può essere sostenuta notando che i
qualificatori che furono trovati in Torta potrebbero essere usati in frasi nominali senza un verbo. Per
esempio noi possiamo citare una frase di Hittite che è negativa ed imperativa, 1-un. 1-edani
menahhanda l. id.lu., "Uno non dovrebbe essere cattivo verso un altro uno." Ancora, se un
passaggio fosse essere esplicito, una forma di es potrebbe essere usata, come in Skr. nákir indra
tvád úttaro ná jy.y. l'asti, "nessuno è più alto di Lei, Indra, né più grande."

NOTI 2. Sul significato originale di es, da quando Brugmann (1925) volle dire originalmente
"esista" il suo uso come un verbo copulativo attraverso costruzioni da adesso in che il corriere
speciale predicativo l'esistenza del soggetto, come in Hom. Gk. eím Oduseús Laertiádes, "io sono
Odisseus, figlio di Laertes (Mendoza)." In durate di Torta erano apparentemente gli altri verbi (con
significati simili di 'esista') che potrebbero essere usati come copulatives; compari il bh di IE.,
"esista, divenga, cresca" (il cf. O.Ind. bhávati, o come supletives in Lat. fui passato, O.Ir. ba,
O.Lith. búvo, fut. bùs, O.C.S. impf. bease, ecc.), Wes germanico, 'viva, pausa.'

I.1.3. Frase verbale

La più semplice struttura della frase Indoeuropea e comune consiste di un verbo, i.e. il trasporto
fuori di un'azione. In lui, nessuni degli attori verbali (Soggetto ed Oggetto) deve essere espresso. il
soggetto non è di solito obbligatorio, e l'oggetto appare solamente quando è collegato alla natura
lessicale del verbo.

NOTA. Le categorie morfologiche e più grandi, tempo pari furono espresse nella Torta attraverso
lessicale vuole dire, e molti resti sono trovati di tale sistema; cf. Hitt. -za (riflessivo), particelle
modali in Gk. ed O.Ind., negazione modale in dei dialetti di IE, o il semplice cambio in intonazione
che fece interrogativo o imperativo una frase dichiarativa. infatti, all'imperativo manca un marchio
di suo proprio.

La relazione tra il Soggetto e l'Oggetto è espresso attraverso il caso.

Non c'è distinzione morfologica e chiara tra transitivo e verbi intransitivi in proto-Indo-europeo.

NOTA. Dei dialetti Indoeuropei hanno specializzato dei suffissi verbali come transitivo
(causatives) o intransitivi, come Gk. -en, Gmc. -io, Lat. -un, ecc., mentre in degli altri un preverb
combinato con una radice verbale fa il transitivo di verbo di base o intransitivo.

Quando i soggetti sono espressi esplicitamente, il nominativo è il caso assunto.

NOTA. Espressione del soggetto è la dilazione più prominente di semplici frasi per includere più
di un'espressione sostantivale. Inoltre menzione così esplicita del soggetto, i predicati possono
consistere di verbi accompagnati da due o più nomi, in casi che completano i significati dei verbi
(v.i.). Tali costruzioni devono essere distinte dall'inclusione di nomi supplementari le cui forme di
caso indicano uso avverbiale.

I pochi verbi sono accompagnati obbligatoriamente da due nomi.

1. l'uso del dativo oltre all'accusativo, come in Skr. t.bhi.m ena. dehi di pári, 'lo Dia finito a quelli
due.'

2. lo strumentale ed ablativo, come Skr. áhan v.trám... índro vájre.a, 'Indra uccise... Vr.tra con la
sua freccia.' Skr.tvá. agna di ókaso di dásy.m.r .ja., 'Lei guidò i nemici dalla casa, O Agni.'

NOTA. Mentre la somma a queste frasi che sono indicate dai nomi nello strumentale e l'ablativo è
essenziale per il significato delle linee nel loro contesto, non ha bisogno di essere incluso nella frase
per ragioni sintattiche.

3. I causativi accompagnarono da due accusativi, come Skr. dev.n. u.ata. p.yay. il haví., 'Faccia
che i dei che desiderano bevano la libagione.'

In tali frasi l'agente-accusativo rappresenta l'oggetto dell'elemento causativo: come Arturo Un.
Macdonell indicò (1916), in una semplice frase corrispondente questo nome sarebbe stato dato nel
nominativo, come Skr. dev.haví. il pibanti, 'I dei bevono la libagione.'

Di conseguenza un semplice verbo in Torta fu accompagnato al massimo entro uno effettivo, a


meno che il supplementare effettivo era complementare o avverbiale.

Casi locali: Predicati con due o più substantives

Le forme di caso di Nonmandatory sono trovate nella grande varietà, come può essere determinato
dagli studi di flessi sostantivali ed i loro usi. Cinque gruppi di elementi avverbiali sono identificati:
(1) circostanza, scopo, o risultato; (2) tempo; (3) luogo; (4) maniera; (5) vuole dire.

1) forme di caso supplementari possono essere usate per indicare lo Scopo, Risultato, o
Circostanza di un'azione.

Quindi e.g.. lo Strumentale in Skr. m..áy. il na. il suastí, 'Sia grazioso a noi per il nostro
benessere.'

Il Dativo fu usato comunemente in questo senso, come nella forma infinitivale Skr. prá .a .yur
j.váse soma t.r. 'Estenda i nostri anni, soma per la nostra vita di città [così che noi possiamo vivere
da molto].',

NOTA. Cf. Hitt. kuin di mNana-Luin di nu-kan DUMU.LUGAL Ana nehhun di parà di haluki di
mNuwanza, 'ed il principe NanaLUi. chi io spedii a Nuwanza per portare la comunicazione' dove
Hittite haluki di nome dativo. (Raman 1973).

Quando un nome animato è comportato, questo uso del dativo stato stato identificato l'oggetto
indiretto; come, Skr. ri.ákti k.... ra.u..ya pánth.m, 'la notte Nera rinuncia al percorso al sole rosso.'

NOTA. Come possono indicare questi esempi, i dativi, come gli altri casi devono essere
interpretati con referenza alle proprietà lessicali dell'elemento verbale.
2) un intervallo avverbiale e più lontano in frasi indica il Time di Avvenimento. I casi in questione
è vario, come in Skr. dív. il nákta. yuyotam di asmád di .árum, 'Da giorno e durante la notte ci
protegga dalla freccia.'

NOTA. Il dív di forma nominale., quale con cambio di accento non è più un strumentale ma una
forma avverbiale fuori del paradigma, ed il nákta accusativo. differisca nel volere dire. Lo
strumentale, come il locativo si riferisce ad un punto in durata, sebbene il "punto" può essere esteso;
l'accusativo, ad un'estensione di tempo. Casi differenti offrono di conseguenza significati diversi per
nomi marcati per il tempo di categoria lessicale.

3) nomi che indicano anche Luogo differiscono nel volere dire secondo forma di caso:

A. L'Accusativo indica la meta di un'azione, come in Lat. R.mam .re' vada a Roma', Hitt. tu.
alki.tan tarnahhe 'e quelli (uccelli) io rilascio al ramo' (Otten e Sou.ek 1969:38 § 37).

B. Lo Strumentale indica "sul luogo quale un'azione estende" (Macdonell 1916: 306): sárasvaty.
y.nti 'loro vanno lungo il Sarasvat.'

C. L'Ablativo indica il punto iniziale dell'azione: sá ráth.t pap.ta 'lui cadde dal suo carro'; e
l'esempio seguente da Hittite (Otten e Sou.ek 1969): i..az (.) mit l.lan AN.BARa. [d] .i, 'Lui prende
la lingua di ferro delle loro bocche.'

D. Il Locativo indica un punto nello spazio, e.g.., Skt. diví 'in cielo o il kardi di locativo
nell'esempio di Hittite seguente (Otten e Sou.ek): kardi-.mi-i.a-a-kán il dahhun, 'Ed io portai via
che [malattia che era] nel Suo cuore.'

Nomi con caratteristiche lessicali per luogo e per il tempo può essere usato nella stessa frase,
come in Skr. eti di náktam di úpa di ástam, 'Lui va durante la notte alla casa.' Anche se ambo i
nomi sono nell'Accusativo, le caratteristiche lessicali e differenti conducono ad interpretazioni
diverse del caso. In così, marcatori flessionali combinano con caratteristiche lessicali per produrre
una varietà larga di elementi avverbiali.

4) fra gli elementi avverbiali che sono molto diversi in forme di superficie è quelli che si
riferiscono a Maniera. I vari casi sono usati, come segue.

A. L'Accusativo è specialmente frequente con aggettivi, come Skt. k.iprám 'rapidamente', bahú
'grandemente', nyák 'discendente.'

B. Lo Strumentale è usato anche, nel plurale, come in Skt. máhobhi. 'potentemente', così come nel
singolare, sáhas.' improvvisamente.'

Simile all'espressione di maniera è lo strumentale usato esprimere il senso di accompagnamento:


Skr. devébhir di devó.. il gamat, 'maggio il dio viene [in tale modo che lui è] accompagnò dagli
altri dei.

C. L'Ablativo è usato anche per esprimere maniera in collegamento con un numero limitato di
verbi come quelli che esprimono 'la paura': réjante ví.v. k.trím..i bh..., 'Tutte le creature tremano
paurosamente.'

5) espressioni avverbiali di Vuole dire è espresso dallo strumentale specialmente; come, Skr. áhan
v.trám... índro vájre.a, 'Indra uccise... Vr.tra con la sua freccia.' Il nome frequentemente coinvolto si
riferisce ad un strumento; cf. Hitt. kalulupu. .mu. hulaliemi di gapinit, 'io lascio senza fiato il filo
circa le loro dita.

Nomi animati possono essere usati anche così. Quando loro sono, loro indicano l'agente: agnín.
turvá.a. lo yádu. par.váta ugr.deva. hav.mahe, 'Attraverso Agni noi chiamiamo da lontano Turvasa,
Yadu, ed Ugradeva. Questo uso condusse all'uso dello strumentale come l'agente in costruzioni
passive.

I.2. Condanni modificatori


I.2.1. Modelli di intonazione

La frase fu caratterizzata in Torta da modelli di Ordine e da Selezione.

A. Le classi di selezione furono determinate in parte da flesso, in parte da categorie lessicali la


maggior parte di che erano celate.

NOTA. Delle categorie lessicali furono caratterizzate almeno in parte da caratteristiche formali,
come nomi astratti marcati da - il ti -, nomi nella sfera religiosa marcata da - u - ed i collettivi
marcarono da * - il h.

B. Oltre alla caratterizzazione per mezzo di ordine e categorie di selezione, la frase fu delimitata
anche da Intonazione basata sulle variazioni in pece.

All'estensione che i fonemi di pece di Torta sono stati determinati, una pece alta può essere
posited che potrebbero stare in piedi su una sillaba per parola ed una pece bassa che non fu
restretta così.

NOTA. L'ubicazione della pece alta è determinata primariamente da Lehman dall'evidenza in


Vedico; la teoria che questo è stato ereditato da Torta ricevè l'importante corroborazione dalla
dimostrazione di Karl Verner della sua manutenzione in germanico (1875). Così la correlazione
spesso citata tra la posizione dell'accento nel Vedico perfetto e le consonanti differenti in germanico
purché l'evidenza decisiva per ricostruzione dell'accento di pece di Torta così come per la legge di
Verner, come nelle forme perfette (passato) del deik di radice -, show.

TORTA Vedico O.E. O.H.G.


1 dedóika didé.a t.h z.h
sg.
1 pl. dedikmé didi.imá tigon zigum

Le parole furono caratterizzate su una sillaba da un accento di pece alto, a meno che loro erano
enclitico, quello è, non marcato per accento.

Parole accentuate potrebbero perdere il loro accento di pece alto se loro fossero messi alle
specifiche posizioni in frasi.

A. I vocativi persero il loro accento se loro fossero medi in una frase o clausola; e verbi limitati
persero il loro accento a meno che loro stettero in piedi inizialmente in una clausola indipendente o
in alcuna posizione in una clausola dipendente in Vedico. Queste stesse regole possono essere
presunte per Torta. Sulla base dei due modelli di caratteristica di perdita di accento per verbi, la
caratteristica designa di intonazione può essere anche posited per la frase di IE.

Giudicando sulla base di perdita di accento di pece alto di verbi in loro, clausole indipendenti
furono caratterizzate da finale gocciolamento in pece. Per in non marcato ordini il verbo finalmente
sta in piedi nella clausola.

Comunque, clausole che sono marcate o portare enfasi o indicare secondarietà, non subisca così
che abbassa. Loro possono essere distinti con finale

NOTA. Il modello di intonazione apparentemente indicato da portò la nozione di un'espressione


emotiva o enfatica o un'integrazione che richiede, come da un'altra clausola. Queste conclusioni
sono sostenute dai modelli trovati in verso allitterativo germanico. Per, come è conosciuto bene, i
verbi furono messi da poeti nel quarto, nonalliterating, metricamente posizione prominente nella
linea frequentemente: þrym di þeodcyninga gefr.non, gloria di di-people's-re noi-sentire-di, 'Noi
sentimmo della gloria dei re delle persone. Questo mettendo di verbi, trattenuto da convenzione
metrica in verso germanico mantiene presumibilmente l'evidenza per il modello di intonazione di
IE. Per, da contrasto, i verbi potrebbero allitterare, quando loro stettero in piedi inizialmente in
clausole o in clausole subordinate; eorlas di egsode, syððan .rest wearð, uomini lui-terrorizzati da
quando primo lui-era, 'Lui terrorizzò uomini dalla durata lui prima era [fondi].' wordum di þenden
vino di w.old Scyldinga, come-lungo-come con-parole il-amico lui-rigato di-il-Scyldings. I modelli
dell'allitterazione nel verso germanico e più grande sostengono di conseguenza le conclusioni che
sono state dedotte dall'accentuazione Vedica riguardo all'intonazione della frase Indoeuropea, come
faccia modelli negli altri dialetti.

Fra tali modelli è la preferenza per enclitico in seconda posizione nella frase (Wackernagel 1892).
Parole trovate in questa posizione sono particelle, pronomi, e verbi che non hanno accento in testi
Vedici. Questa osservazione di Wackernagel sostiene la conclusione che l'intonazione della frase è
stata caratterizzata da pece alta ed iniziale, con la voce che strascina via alla fine. Per gli elementi di
enclitico non furono messi inizialmente, ma piuttosto loro occuparono posizioni nelle quali si
furono aspettate porzioni non accentato di parole, come in Skr. pr.vep.m. b.ható m.dayanti, 'L'a
penzoloni uni dell'albero alto mi allietano.' Il m di pronome. 'io', come altro tali enclitico,
costituisce una frase con la parola iniziale; in così lui è comparabile a sillabe non accentato di
parole individuali, come in Skr. prav.tej.íri.e várv.t.n.,' [nato] in un luogo ventoso, rotolando sulla
dado-asse'

Una semplice frase consistè poi non solo di un'unità accompagnata da un modello di intonazione,
ma anche di sottounità o frasi. Questi furono identificati dal loro accento ed anche da modelli di
permise finale.

I.2.2. Frase che delimita particelle

Le particelle concernite sono nu di Torta, così a, tutti particelle introduttive.

NOTA. Il loro homonymity col nu di avverbio, monaca ed il pronome di anaphoric era una delle
ragioni che gli Indo-europeisti non è riuscito a riconoscere loro e la loro funzione più presto. Ancora
Delbrück già aveva notato la funzione che clausola-presenta di Skr. sa (1888), come in Skr. tásya
t.ni.. r... cicheda di prá dei. yát di sá somap.nam.sa táta. il kapíñjala. abhavat di sám, 'Lui colpì via
le sue teste. Da quello che ha bevuto soma, la nocciola-gallina fu creata.' Delbrück identificò sa in
questo e le altre frasi come una particella e non un pronome, per lui non sia d'accordo in genere con
un nome nella frase. Ma rimase per Hittite per chiarificare la situazione.
In testi di Hittite l'uso introduttivo delle particelle è chiaro (J.Friedrich 1960); ta e .u accadono
primariamente nei primi testi, nu nel più tardi, come illustrato nel Vecchio Hittite seguente esempio
(Otten e Sou.ek 1969): Bighellonare-un pe.iemi .u- u. LÚ-un. il natta au.zi 'io getto una stoffa su lui
e nessuno li vedrà.'

Inoltre tale funzione introduttiva (qui come spesso altrove tradusse 'e'), queste particelle furono
usate come primo elemento in una catena di enclitico, come in n-a-.i' ed esso a-lui', nu-mu-za-kan
'ed a-io stesso fra' e così su.

NOTI 1. In greco Omerico tali sequenze di particelle seguono ordini diversi, ma riflettono la
costruzione di IE, come in: soí di nu di oudé per êtor di phílon di entrépetai, Olúmpie, 'Ma il Suo
cuore non nota, Zeus. Come la traduzione di perhere indica, delle particelle furono usate per
indicare le relazioni tra clausole che marcano la semplice frase.

NOTI 2. Molte semplici frasi in Torta sarebbero poi simili a quegli in Hittite e Sanscrito Vedico,
come quelli nella storia affascinante presa da Delbrück dal .atapathabr .hma .a. Fra il più semplice è
Skr. índro di tám didve.a, 'Indra l'odiò.' Presumibilmente tam è una forma di conflated del taand di
particella l'enclitico pronome singolare ed accusativo; la combinazione è attestata in Hittite come
ta-un (J. Friedrich 1960). Inoltre l'uso di frase-delimitare particelle, questi esempi illustrano la
semplicità di frasi di Torta. Delle quindici frasi nella storia, solamente due hanno più di una forma
nominale per verbo, e questi sono avverbiali come osservato sopra. Esempi simili dagli altri primi
dialetti potrebbero essere citati, come l'iscrizione Corsiva di Praeneste, o il Gallehus germanico
l'iscrizione: Ek HlewagastiR HoltijaR tawido di horna, 'io, Hlewagastir di Holt feci il corno.' In
questi tardi testi, il soggetto era obbligatorio, e di conseguenza due forme nominali erano venute ad
essere standard per la frase. Se nondimeno il soggetto non è preso in esame, molte frasi contennero
solamente uno elemento nominale con verbi, nei primi dialetti così come in Torta.

I.3. Modificatori verbali


I.3.1. Frasi dichiarative

L'Ingiuntivo è stato identificato da molto come una forma tolta i contrassegni per umore e è stato
marcato solamente per gambo e persona. Può essere comparato così con la più semplice forma delle
lingue di OV.

Da contrasto l'indicativo Presente indica "umore." Noi associamo questa caratteristica


supplementare col suffisso - i, e presume per lui significato dichiarativo.

NOTI 1. Ancora è anche chiaro che, dalla durata di Sanscrito Vedico e, noi presumiamo, la Tarda
Torta, gli ingiuntivi contrapposero più direttamente con l'indicativo presente. Noi dobbiamo
concludere perciò che il qualificatore dichiarativo fu espresso da altro vuole dire nella frase. Noi
presumiamo che i mezzi di espressione erano un modello di intonazione. Per, in semplici frasi non
marcate e normali, verbi non accentato e limitati finalmente stettero in piedi nella loro clausola,
come faceva gli elementi affermativi di frasi nominali; Delbrück ripetutamente l'esempio usato
ancora una volta può essere citato per illustrare il modello tipico: ví.a. k.atríy.ya balí. il haranti, 'Gli
abitanti di un villaggio pagano tributo al principe.' Siccome il haranti di verbo era non accentato,
i.e., non aveva pece alta, noi possiamo postulare per la frase normale un modello di intonazione nel
quale i finale elementi nella frase furono accompagnati da pece bassa.

NOTI 2. Lehman sostiene questa assunzione notando che un suprasegmental distintivo fu usato in
Vedico distinguere una caratteristica contrastante, interrogazione o richiesta (Wackernagel 1896).
Questo marcatore, pluti chiamato da grammatichi natii consistè di lunghezza addizionale, come in
ágn.3i 'O spara' (3 indicano lunghezza addizionale). Ma un contrasto più diretto con l'intonazione di
semplici frasi può essere esemplificato dall'accentuazione di clausole subordinate. Questi hanno
accentuato verbi, come nella linea seguente dal Rigveda: antá. il ca pr.g. il áditir bhav.si, 'Se Lei è
entrato in, Lei sarà Aditi. Come l'accento di pece su ág.indicates, verbi in clausole subordinate
mantennero pece alta, nel contrasto con verbi di clausole indipendenti come bhav.si. Noi possiamo
concludere che questa pece alta era un elemento in un modello di intonazione che indicò
l'incompletezza, piuttosto come il modello dell'inglesi contemporanei.

L'evidenza dagli altri appoggi di dialetti la conclusione che, frasi Dichiarative furono indicate per
mezzo di un modello di intonazione con una goccia in accentuazione alla fine della clausola nella
tarda Torta.

NOTA. In verso germanico, verbi di frasi dichiarative e non marcate tendono ad occupare
posizioni non accentato nella linea, notevolmente la finale posizione (Lehmann 1956). Anche se
l'espressione di superficie di modelli di accentuazione in germanico è stress, piuttosto che la pece di
Vedico e Torta, la coincidenza di modello di accentuazione sostiene le nostre conclusioni riguardo
ad intonazione di Torta.

I.3.2. Frasi interrogative

L'Interrogazione apparentemente fu indicata anche per mezzo di Intonazione, per delle domande
nei nostri primi testi non abbia superficie indicazione segmentale che li distingue da asserzioni, per
esempio Plautus Aulularia 213, scis di meam di aetatem 'conosce la mia età?'

NOTA. Solamente il contesto indica a noi che questa espressione era una domanda; noi possiamo
presumere che la forma parlata inclusa vuole dire di esprimere Int., ed in prospettiva di espressioni
nel più tardi dialetti che noi possiamo concludere solamente che questi mezzi erano un modello di
intonazione.

Le domande sono classificate in due gruppi generalmente:

A. Quegli incorniciarono ottenere la chiarificazione (Verdeutlichungsfragen), e

B. Quegli incorniciarono ottenere conferma (Bestätigungsfragen). Questa caratteristica


accompagna asserzioni nelle quali un oratore mette fuori per suscitare informazioni dall'acoltatore.

NOTA. Può essere indicato da un modello di intonazione, come notato sopra, o da un affisso o una
particella, o da modelli di caratteristica di ordine, come in Ist Tedesco da di er?'È qui?' Quando la
frase Interrogativa è espressa così, il marcatore di superficie occupa comunemente seconda
posizione fra gli elementi di domanda, se la clausola intera è messa in dubbio. Tali mezzi di
espressione per Int. è trovato in lingue di IE, come Lat. -ne che, secondo Minton Warren "capita
approssimativamente 1100 volte in Plautus e più di (1881) 40 volte in Terence." Inoltre espressioni
come Lat. egone 'io?', accadono (Plautus Asinaria 884) frasi come il seguente: Ait di cicca di
Aúdin? Artemona: Aúdio. 'Sentì quello che lui sta dicendo? Artemona: sì'
L'altra evidenza per una particella posticipata per esprimere Int. è trovato in Avestan in che - na è
suffissato a dell'interrogatives, come in Av. kas-n.' chi (poi)?'; ed in germanico, dove na finalmente
è trovato in delle domande nel Vecchio tedesco di Massimo. Il vecchio slavo di Chiesa è più
costante nell'uso di tale particella che questi dialetti sono, come in cho.te.i li 'desidera?' Questa
particella è usata anche in russo contemporaneo.

La particella esprimeva Interrogazione in latino, Avestan e germanico è omofono con la particella


per esprimere negazione, Torta n.

NOTA. Non è improbabile che ne di Torta di domande è la stessa particella come che usato per il
negativo. Come la particella interrogativa, comunque è stato perso in più dialetti. Dopo Lehman
(1974), la sua perdita è una delle indicazioni che la tarda Torta non era una lingua di OV costante.
Dopo Mendoza, il fatto che tali Interrogatives di una yes/no-risposta sono presentati da particelle
diverse nel più vecchio attestò dialetti vuole dire che nessuna sola particella fu generalizzata dalla
Tarda Torta; cf. Goto. u, Lat. -ne, nonne il num Gk. .,.., Skr. nu, Sla. li. Comunque, le scoperte
comuni di Hittite, Indo-iraniano, germanico e latino è simile se non lo stesso. In alcun caso, per la
maggior parte di linguisti, piuttosto che una particella di postposed 1) l'Intonazione fu usata per
esprimere l'Interrogatives, così come 2) Particelle che è stata messa in clausole presto, spesso
Inizialmente.

Le frasi Interrogative e parziali sono quelle che si aspettano una risposta di aclaratory; loro sono
presentati in Torta da forme pronominali o avverbiali dedotte da qi / qo interrogativo, sempre mise
inizialmente ma per frasi segnate, dove è admited per enfatizzarlo un cambio in posizione.

NOTA. In delle lingue, Interrogatives può essere fortificato dalla somma di particelle di posposed
con senso interrogativo, come in Av. ka.-na. Tali forme presentano interrogatives indiretto quando
loro chiedono di una parte della frase. Interrogatives indiretto nella forma di interrogatives Totale
(i.e., non di yes/no-risposta) è presenta da particelle dedotte da particelle interrogative (quando c'è)
e dirette o da congiunzioni condizionali; come Hitt. uomo.

I.3.3. Frasi di negativo

Indicazioni di Negazione dalle quali l'oratore nega il verbale vogliono dire di espressione,
comunemente occupa terza posizione nella gerarchia di elementi di frase.

Noi inscatoliamo solamente postulare le particelle n. e m. nessuno di che è postposed dopo verbi
normalmente.

NOTI 1. Per m di particella proibitivo., compari Gk. .., O.Ind.,Av.,O.Pers. m., Toch. danneggi / il
m., Braccio. mi, Camice sacerdotale. mos. Negli altri dialetti di IE fu sostituito da n., cf. Goto. ne,
Lat.n. (anche come negazione modale), Ira. ni. Non è chiaro se Hitt. l. è dedotto ultimamente da m.
o n. Torta n. è trovato come barbaro.,O.H.G. ni, Lat. (e.g.. in nequis) O.Ind. ná, O.Sla. ne, ecc.
Qualche volta è trovato in forme allungate o fortificate come Hitt. natta, Lat. non, Skr. ned, ecc.
Una Torta comune allungò la forma è nei che appare in Lat. ni, Lith. neî, Sla. ni, ecc., e quale può
essere riferito anche ultimamente Proto-Uralic negativo * l'ei - (Kortlandt, v.s.).

NOTI 2. Nelle lingue più grandi, la negazione sembra essere stata preverbal; Nákis Vedico, Gk. tis
di oú, m. tis, Lat. n.mo, il nioman di OHG 'nessuno', e così su. Il ne di elemento negativo non fu
usato nel combinare in Torta (Brugmann 1904); .- aveva questa funzione. C'è inoltre, evidenza per
proporre che le altre particelle furono messe postverbally in Torta (Delbrück 1897). Delbrück ha
classificato questi in un gruppo speciale che lui identifica particelle. Loro sono stati mantenuti
primariamente postpositively in espressioni gelato: . in Gk. eg..n., ge in ég.ge 'io' (Schwyzer 1939).
Ma loro sono anche frequenti in greco Vedico e primo; Delbrück (1897) discute a lungo l'uso di Skt.
gha, Gk. ge, e Skt. sma, Gk. mén, dopo pronomi, nomi, particelle, e verbi il cf. Lat. n.lo < volo di
ne, goto. nist < ist di ni, ed anche, forme negative del pronome indefinito come O.Ind. m.-kis, ná-
kis, Lat. ne-quis, ecc. quale può indicare una vecchia iniziale posizione assoluta che potrebbe essere
sostenuta anche dallo sviluppo di forme di corrleative piaccia Lat. neque, ecc., quali combinano
negazione e la coordinazione. Lehman, sul contrario crede in un più vecchio ordine di posposed,
caratteristica delle lingue di OV (i.e. una situazione in IE II), a causa del valore di solito attribuito di
enfasi alla posizione iniziale di negazione, esempi di negazione postverbali (anche finale posizione
assoluta in Hittite ed il greco), la vecchia esistenza del nei di forma così come forme innovative
come Lat. ne-quis o Gk. oú-tis.

NOTI 3. In indoeuropeo Moderno, così la negazione di solito dovrebbe essere preverbal, come in
lingue romaniche e moderne (il cf. Fr. n'est, Terme. nessun es, ecc.), ma può essere posticipato in
contesti enfatici, come è solito in lingue germaniche e moderne (il cf. Eng. non è, Ger. nicht di ist,
ecc.), così come in testi molto formali, imitando così alcune delle scoperte più arcaiche di primi
dialetti di Torta.

I.4. Modificatori nominali


I.4.1. Costruzioni aggettivali e genitive

1. Aggettivi di Attributivo proto-Indo-europei erano preposed normalmente.

NOTA. Delbrück compendia le scoperte per esempi Vedici, greci, latini, lituani, e germanici,
generosi come il seguente da Vedico: .vet.. il párvat., 'montagne bianche (1900). Lehman (1974)
aggiunge un esempio di Hitt. .uppi watar, 'acqua pura.'

In costruzioni segnate gli Aggettivi sarebbero postposed, come in á.va. .vetá., 'un cavallo bianco,
un grigio.'

2. La posizione dell'Attributivo Genitivo è lo stesso come quello dell'Aggettivo di Attributivo.

NOTA. Un esempio impressionante è dato dalla Vecchia lingua legale inglese (Delbrück 1900):
.ðres mannes h.ses dura, 'la porta della casa dell'altro uomo.'

Come la costruzione aggettivale, la costruzione attributivo-genitiva può avere il postposed di


modificatore per effetto segnato, come è sómasya in SB 3.9.4.15 (Delbrück 1878): kí. táta di nas.
sy.d íti? prathamabhak.sá evá sómasyar.jña íti, 'quello che accadrebbe poi per noi?' 'Il primo
godimento di [il Principe] Soma.

NOTI 1. L'uso segnato e relativamente frequente del genitivo può essere la causa per la posizione
evidentemente gratis del genitivo in greco ed il latino. L'ordine ambivalente è potuto essere il
risultato di anche il cambio di queste lingue verso un ordine di VO. Ma, come indica Delbrück,
l'ordine di preposed è attestato bene nella maggioranza di dialetti. Questo ordine è anche
caratteristica di Hittite (J. Friedrich 1960). Noi possiamo presumerlo perciò per Torta.

NOTI 2. In concordanza con le prospettive di Lehman su struttura sintattica, l'attributivo genitivo,


come l'aggettivo di attributivo, deve essere dedotto da una frase incorporata. La frase avrebbe una
frase di nome equivalente con quello nella frase di matrice e sarebbe una frase nominale e
predicativa. Frasi così indipendenti sono attestate nei più vecchi dialetti. Delbrück dà un numero di
esempi, fra loro: a..aú ah! il vaí putr.ádites, 'Aditi aveva otto figli. áhar dev.n.m .s .t, 'il giorno
appartenne ai dei. Queste frasi illustrano di conseguenza che il genitivo fu usato in frasi nominative
e predicative per portare quello che Calvert Watkins avuto identificato la sua funzione sintattica e
primaria: il senso "di appartenere." Quando tale frase fu conficcata in un altro con un NP
equivalente, il NP fu cancellato, e la costruzione genitiva e tipica risultò. Hittite usa anche s come
un genitivo così come un marcatore nominativo. Per "genitives" come ha..anna.. un.' (uno) della
sua corsa' può essere flesso ulteriormente, come nel ha..anna accusativo .- .an' (ad uno) della sua
corsa' (J. Friedrich).

I.4.2. Combina.

1. Nella derivazione di combina regole che combinano speciali applicano.

Il verbale combina in una lingua osservi i modelli di ordine di base, Per Torta noi c'aspetteremmo
un più vecchio OV ordina in combina, come e.g.. Skt. agnídh - 'il prete' < l'agni 'il fuoco' + l'idh
'faccia accendere.'

NOTA. Una relazione diretta tra combina e modelli sintattici e di base sono trovati solamente
quando il combina è primario e produttivo. Dopo un specifico tipo di composto è stabilito in una
lingua, più lontano combina può essere costruito sulla base di analogia, per esempio Gk. híppagros
'cavallo selvatico', nel contrasto coi greci produttivi e standard combina in che l'elemento
aggettivale precede i cambiarono, come in agriókhoiros 'porco selvatico' (Risch 1944-1949). Qui
noi considereremo i generi primari e produttivi di combina in Torta.

2. Due grandi classi e gli altri tipi minori sono trovati:

A. il Synthetics (noun+noun) che costituisce la maggioranza della Torta combina,

a. Synthetics puro, i.e. noun+noun.

b. Sinthetics nel quale il primo elemento è avverbiale, i.e. adverb+noun.

B. Il Bahuvrihis.

C. Aggettivale + i Nomi, evidentemente non così produttivo in Torta come nei suoi dialetti.

D. Un piccolo numero di aggiuntivo combina.

Synthetics

Synthetics consiste di un elemento nominale che precede un verbale, nelle loro forme non marcate
come in Skt. agnídh -, 'il prete.' Come in questo composto, la relazione dell'elemento nominale al
verbale è quella di obiettivo.

La particolare relazione di elementi nominali e verbali fu determinata dalle proprietà lessicali del
verbo; di conseguenza, la relazione primaria per la maggior parte di verbi di Torta era quella di
obiettivo. Ma le altre categorie nominali potrebbero essere usate anche con verbi.
3. Generi di relazioni:

1) il Receptorrelationship, come Skr. devahé.ana, 'irritando i dei.

2) l'Instrumentor Means la relazione; come Skr. ádrij.ta, 'andò a tutta velocita' dalle pietre,

Il .taj composto. di questo passaggio può illustrare il Timerelationship.

3) il Sourcerelationship, come Skr. a.homúc, 'liberando da guaio.'

4) la relazione di Luogo, come Skr. dru.ád, 'sedendo in un albero.'

5) il Mannerrelationship; come, Skr. ... nak.t, 'agendo piace un regolo.'

Questi combinano esposizione le varie relazioni di costituente nominali con elementi verbali,
come in Skr. tv.-datta, 'dato da Lei.'

NOTA. Synthetics attestò di conseguenza nel Rigveda illustri tutte le relazioni nominali
determinabili da frasi. Synthetics è comparabile a costruzioni relative frequentemente, come nella
frase seguente: .gnír ag.mi bh.rato v.trah. purucéta.a., 'ad Agni, il dio del Bharatas si fu avvicinato,
colui che uccise Vr.tra che è visto da molti.'

Inoltre il grande numero di synthetics della NV designi, altri sono attestati col modello VN. Questi
sono grandemente nomi ed epiteti, come pú..i-gu, un nome significato uno che eleva bestiame
bovino' (RV 8.51.1.), e sanád-rayi 'dispensando ricchezza.

Bahuvrihis

Il secondo che il grande gruppo di Torta combina, Bahuvrihis è dedotto in concordanza col
modello di frase che esprime Possesso. Questo modello è conosciuto bene dalla costruzione di est di
mihi latina (Bennett 1914; Brugmann 1911): nulli est homini perpetuom bonum, "Nessun uomo ha
benedizioni perpetue."

Lehman spiega la derivazione di bahuvrihis, come Lat. magnanimus 'grande-hearted',


presumendo che una frase equazionale con una frase di nome come soggetto ed un nome nella
categoria di recettore che indica possesso è conficcata con un nome equivalente, come nell'esempio
seguente ('il grande spirito è equipaggiare' = 'l'uomo ha il grande spirito'):

Su cancellatura del NP equivalente (homini) nella frase incorporata, un bahuvrihi magnanimus


composto 'il greathearted' è generato. Questo modello di combinare cessò essere primario e
produttivo quando i dialetti svilupparono modelli verbali per esprimere possesso, come Lat. habeo'I
hanno.'

Bahuvrihis può essere aggettivale in uso, o nominale, come nell'uso di vocativo di s.nari'having la
buona forza' (fatto su di su 'buono' e * il xner -' (magico) la forza') in Slr. ví.vasya hí pr..ana. j.vana.
il tvé, uchási di yid di ví s.nari, 'Per l'alito e la vita di tutto è in Lei, quando Lei accende il
firmamento, Lei chi hanno la buona forza.' Il parente greco può illustrare l'uso aggettivale: phéron
d' eu.nora khalkón 'Loro continuarono asse il bronzo di buona forza.' I bahuvrihis sono di
conseguenza simili a synthetics nell'essere comparabile a clausole relative.
NOTA. Anche se i bahuvrihis non erano più primari e produttivi nel più tardi i dialetti, il loro
modello rimase persistente notevolmente, come noi possiamo notare dal vario philo - combina in
greco, come philósophos uno che contiene la saggezza cara', phíloinos, uno che piace vino', e molti
più. Separatamente dalla perdita del modello sintattico e fondamentale, l'introduzione di modelli di
accentual diversi rimosse la base per bahuvrihis. Come indicò Risch, eupát.r greco o potrebbe
essere un bahuvrihi 'avendo un buon padre' o un tatpurusha 'un padre nobile.' Nel periodo prima
della posizione dell'accento fu determinato dalla quantità di finale sillabe, i bahuvrihi avrebbero
avuto l'accento sulla sillaba precedente, come r.ja-putra 'avendo re come figli, RV 2.27.7 nel
contrasto col tatpurusha r.ja-putrá 'il figlio di re', RV 10.40.3. I bahuvrihis in durata, poi erano
lontano meno frequenti del tatpurushas di che solamente alcuni è essere posited per tarda Torta. Un
esempio è Gk. propát.r 'l'antenato.' Se l'etimologia disputata di proprius latino 'proprio' è accettato,
* pro-p (a) il triós'from gli antenati, c'è evidenza per presumere un etimo di Torta; Wackernagel
(1905) deduce il Sanscrito combina come prá-pada 'punta di piede' da Torta. Ancora il piccolo
numero di tale combina nei primi dialetti indica che loro furono formati nel tardo palcoscenico di
Torta (Risch).

NOTI 2. Dvandvas, come índr.vi... u ed alcuni altri modelli, come gli adolescenti non erano
estremamente produttivi in Torta, se loro saranno presunti affatto. La loro mancanza di
productiveness può riflettere costruzioni di coordinazione poveramente sviluppate in Torta
(Lehmann 1969). Inoltre l'espansione di tatpurushas e dvandvas nei dialetti, noi dobbiamo notare
anche l'uso di forme di radice allargate. Forme tematiche di gambi di nome e forme dedotte di radici
verbali sono usate, come in Skt. deva-k.ta, 'fece dai dei. Tali costituente stesi divenuti più
prominente ed eventualmente è elementi di caratteristica di combina, come la vocale di
collegamento - o-in greco ed in primo germanico; Gk. Apolló-d.ros 'regalo di Apollo' (un n - il
gambo) e goto. guma-kunds 'di sesso maschio' (anche un n-gambo). Ancora le relazioni tra i
costituente rimangono immutate da innovazioni così morfologiche. Il grande numero di tatpurushas
nei dialetti riflette la prominenza di costruzioni di incorporato-modificatore, come il più primo
synthetics e bahuvrihis riflettè il conficcare di frasi, spesso vuotare nodi di nome. Come notato
sopra, loro ci hanno dato di conseguenza informazioni preziose su frase di Torta dattilografa e le
loro relazioni interne.

I.4.3. Determiners in frasi nominali.

I nomi sono generalmente non accompagnati da modificatori, come passaggi di caratteristica da un


inno Arcaico del Rigveda e da un Vecchio Hittite il testo può indicare.

Demonstratives è infrequente; nomi che sarebbero considerati definito non hanno marcatore
determinante ed accompagnante a meno che loro saranno accentati. Il Dimostrativo precede poi.

La relazione tra tale Demonstratives e si ha presunto che Nomi accompagnanti siano Appositional;
può essere preferibile per identificare la relazione un sciolto, come di pronome o nome più nome,
piuttosto che aggettivo o articolo più nome.

NOTA. In Omero il "articolo" generalmente è anche un pronome di anaphoric, differendo da


demonstratives dalla sua mancanza di deictic volere dire che si riferisce ad ubicazione (Munro).
Frasi nominali come trovato in greco Classico o in più tardi dialetti è sviluppi susseguenti; la
relazione tra elementi sintattici riferiti da congruenza, come aggettivi o anche da caso, come
genitives può essere preso come simile ad una relazione di appositional (Meillet 1937) spesso.
Illustrare frasi nominali, cf. E..m marút.m Vedico, "di-loro di-Maruts." La frase nominale che può
sembrare consistere di un precedere dimostrativo un nome, e..m marút.m è divisa dalla fine della
linea; di conseguenza e..m deve essere interpretato come pronominale piuttosto che aggettivale.

Il passaggio di Hittite seguente da un rituale illustra una relazione di asyndetic simile tra gli
elementi di frasi nominali (Otten e Sou.ek 1969): harkanzi - il ma .an dHanta.epe. anduh.a. har.a
[(r)] .a gi..UKURhi .a, Ma le Hanta.epa-dio tengono teste di uomini così come le lance. In questa frase i
nomi per 'teste e 'il supplemento di lance 'esso.' Inoltre, mentre il significato dell'ultima parola è
incerto, la sua relazione agli elementi precedenti è imprecisa, per lui è un plurale nominativo, non
un accusativo. È probabile che virtualmente alcuna linea di Omero sia citata per illustrare l'assenza
di relazioni vicine tra i membri di frasi nominali; cf. Odissea moi di dé di n.u.s h.d' hést.ken ep'
l'agrou. il nósphi pól.os, liméni di en il hupò di Rheíthr.i N.í.i hul.enti, 'la Mia nave è ormeggiata al
molo via quello nel paese dalla città, in un porto chiamato Rheithron sotto Neion che è boschivo.' I
nomi non hanno anche determiners quando, come n.us, loro sono definiti; ed i modificatori con
liméni e Neíoi sembrano essere riferiti scioltamente epiteti piuttosto che aggettivi descrittivi e da
vicino collegati.

Le conclusioni sulla mancanza di frasi nominali e da vicino riferite possono essere sostenute dallo
status di combina in Torta. Il combina consistendo di Aggettivi Descrittivi + il Nome è più tardi; i
più produttivi sono ridotti verbali piuttosto che costruzioni nominali. Ed i bahuvrihis che indicano
una relazione descrittiva tra il primo elemento ed il secondo sostengono la conclusione che la
relazione è relativamente generale; r.já-putra, per esempio vuole dire 'avendo figli che sono re
piuttosto che 'avendo figli reali; gó-vapus vuole dire 'avendo una forma come una vacca', disse di
rainclouds per il quale l'epiteto denota la qualità che fruttifica piuttosto che la forma fisica.

Di conseguenza, riferì da vicino espressioni nominali sarà presunto solamente per i dialetti, non
per Torta. La fermezza non fu indicata per nomi. La relazione primaria tra elementi nominali, se
nomi o aggettivi, era appositional.

I modelli sintattici presunti per tarda Torta possono essere illustrati da passaggi narrativi dai primi
dialetti. Il passaggio seguente dice di Re Hari.chandra che è stato senza figli ma ha avuto un figlio
dopo Varuna promettente che lui sacrificherà alcun figlio a lui. Dopo la nascita del figlio, comunque
il re chiede a Varuna di rimandare il tempo del sacrificio, fino a che finalmente il figlio scappa alla
foresta; alcune linee bastano illustrare i semplici modelli sintattici.

Ab 7.14. athainam uv.ca varu.a. r.j.nam upadh.va putro

poi-lui lui-detto Varuna re tu-andare-a figlio

Acc. sg. Perf. 3 sg. Acc. sg. Acc. sg. Imper. 2 sg. Nom. sg.

io j.yat. tena tv. yaj.

a-io lasciare-lui- con-lui Lei Io-


essere-nato adorazione

Imper. 3 sg. Inst. sg. Acc. sg. Mezzo. Pres.

iti. tatheti. sa varu.a.

fine- quotazione di 'lui' Varuna


quotazione davvero-fine

(< il tath. l'iti) 3 sg. Nom.

r.j.nam upasas.ra putro io j.yat. tena

re andare-a figlio a-io lasciare-lui- con-lui


essere-nato

Perf. 3 sg.

tv. yaj. iti. tatheti.

Lei Io-adorazione fine-quotazione davvero-fine-


quotazione

tasya ah! putro jajñe rohito n.ma.

il suo, di-lui ora figlio lui-essere-nato Rohita nome

Gen. sg. m. Ptc. Mezzo. Perf. 3


sg.

ta. hov.c.jani te vai putro

lui Ptc.-lui-dire-lui-era nato a-tu effettivamente figlio

Acc. sg. Aor. Passaggio. 3 sg. Ptc. Ptc.

yajasva m.neneti. sa

tu-adorazione io-con-lui-fine-quotazione 'lui'

Mezzo. Imper. 2 sg. Acc. sg.-Inst. sg.

hov.ca yad. vai pa.ur nirda.o

Ptc.-lui-detto quando effettivamente animale sopra di-dieci

Conj. Ptc. Nom. sg. m. Nom. sg. m.

bhavatyatha sa medhyo bhavati. nirda.o

lui-divenire-poi lui forte lui-diviene sopra di-dieci

Pres. 3 sg.-Ptc. Nom. sg. m.

'il nvastvatha tv. yaj. iti.

Ptc.-lasciare-lui-essere-poi Lei Io-adorazione fine-quotazione


Imper. 2 sg. Acc. sg.

tatheti. sa ah! nirda.a .sa

davvero-fine-quotazione lui ora sopra di-dieci lui-era

Perf. 3 sg.

Poi lui [il Rishi Narada] gli disse [Hari.chandra]: "Vada a governare Varuna. [Gli dica]: 'Lasci
che un figlio nasca a me. Con lui io L'adorerò [= io lo sacrificherò a Lei].'"
"Multi", [lui disse].
Lui andò a Governare Varuna [dicendo]: "Lasci che un figlio nasca a me. Io lo sacrificherò a
Lei."
"Multi", [lui disse]
Ora suo figlio nasceva. Rohita [era suo] il nome.
[Varuna] gli parlò. "Un figlio è nato davvero a Lei. Lo sacrifichi a me."
Lui disse quindi: "Quando un animale trova essere dieci [giorni vecchio], poi lui diviene forte [=
vada bene per sacrificio]. Gli permetta di essere dieci vecchio di giorni; poi io L'adorerò."
"Multi", lui disse.
Lui ora divenne dieci.

Come illustra questo passaggio, i nomi hanno i pochi modificatori. Anche la sequenza: tasya ah!
putro che sarebbe interpretato come una frase nominale che corrisponde a 'suo figlio', consiste di
componenti distinti, e questi dovrebbero essere presi come volendo dire: "Di lui un figlio
[nasceva]." Come nel passaggio poetico citato sopra di, nomi e pronomi sono articoli individuali
nella frase e quando accompagnò da modificatori abbia solamente una relazione sciolta con loro,
come ad epiteti.

I.4.4. Apposizione

L'apposizione è tradizionalmente "quando paratactically congiunsero le forme sono


grammaticalmente, ma non nel volere dire, equivalente."

NOTA. A causa della relazione tra nomi e modificatori, ed anche perché soggetti di verbi erano
espressioni solamente esplicite per gli elementi soggettivi in forme di verbo, Meillet (1937)
considerò l'apposizione una caratteristica di base di sintassi Indoeuropea. Come nel passaggio
precedente, i soggetti furono inclusi solamente, quando un specifico significato sarebbe stato
espresso, come putra 'il figlio.' I sa di elemento ancora possono essere presi come una particella
introduttiva, una frase connettivo, molto come iti di tath. iti, ecc., è una frase-finale particella. E gli
unici nomi contigui nello stesso caso, varunam r.j.nam, chiaramente è appositional.

Una distinzione è fatta tra Appositional ed Attributivo (Delbrück); una relazione di appositional tra
due o più parole non è indicata da alcuna espressione formale, mentre una relazione di attributivo
generalmente è.

NOTA. Così le relazioni nella linea seguente dell'Odissea sono attributivo: arnúmenos h.n te
nóston di kaì di psukh.n hetaír.n, illuminato. "sforzare-per il suo Ptc. vita e "di-compagni di ritorno.
La relazione tra h..n e psukh.n è indicato dall'armonia in fini; che tra nóston e hetaír.n dal genitivo.
Sull'altra mano la relazione tra i due vocativi nella linea seguente è appositional, perché non c'è
nessun marchio che indica la relazione: ge di hamóthen di to.n, theá il thúgater Diós, kaì di eipè
h.mi.n, 'ci Dica di queste cose, mentre cominciando ad alcun punto gli piace, dea, figlia di Zeus.
Ambo i vocativi possono essere presi indipendentemente, come inscatoli alcuni elementi di
appositional.

Costruzioni di Asyndetic che non sono appositive frequentemente sono attestate, come Skr. vo di
té yajñ di santu di mánase di h.dé., 'Questi sacrifici dovrebbero essere in concordanza col Suo
cuore, la Sua mente.' Coordinata così come le costruzioni di appositive potrebbero essere così senza
una specifica marcatrice coordinante.

Comparabile a costruzioni di appositional è titoli, per, come le apposizioni, i due o più nomi
coinvolti si riferiscono ad una persona.

NOTA. In titoli di lingue di OV è postposed in contrasto col preposing in lingue di VO; compari il
giapponese Tanaka-san con Sig.. Middlefield. Il titolo 'il re' con Varuna e similmente nell'Odissea, il
ánakti di Poseidá.ni, quando ánaks è usato come un titolo. Ma, come Lehman stesso ammette, i
titoli spesso precedono anche nei primi testi, nomi, nel tenere col cambio verso una struttura di VO.

Le apposizioni normalmente seguono, quando nomi e gruppi di nome sono contigui, come negli
epiteti descrittivi e frequenti di Omero: Tòn d' .meíbet' theá di épeita, glauko.pis Ath.n., 'Lui rispose
poi alla dea, Athene gufo-dagli occhi.

Loro possono precedere (Schwyzer 1950) indicare una relazione segnata, comunque. Ma la prima
posizione di Torta è chiara dai parenti: Skt. dyaus imbucano., Gk. Zeu. páter, Lat. J.piter.

IO. 5. Forme cambiate di Torta le Semplici Frasi


I.5.1. Coordinazione.

Mentre la coordinazione è prominente nei più primi testi, è generalmente implicito.

I testi sopravviventi e più grandi consistono grandemente di frasi di paratactic, spesso senza
particelle di collegamento.

Frasi Nuove possono essere presentate con particelle, o le relazioni possono essere indicate con
elementi pronominali; ma questi sono meno che in testi susseguenti.

Modelli simili di frasi di paratactic sono trovati in Hittite, senza marcatore aperto della
coordinazione o di secondarietà. J. Friedrich gli stati che "scopo e risultato" che le clausole non
sono trovate in Hittite (1960), ma quelle frasi di coordinata sono sistemate semplicemente lato da
lato col nu di particella, come nelle Leggi di Hittite. Relazioni condizionali sono trovate in Hittite
senza indicazione di secondarietà anche (J. Friedrich 1960).

NOTA. Le relazioni subordinate che sono indicate, comunque hanno elementi che sono riferiti a
particelle relative. Di conseguenza la secondarietà trovata nei primi dialetti è un tipo di costruzione
relativa. Come tali esempi e queste referenze indichi, nessuna caratteristica designa di ordine, o di
forme di verbo, distingua subalterno da clausole di coordinata in Torta ed i primi dialetti. Hermann
concluse perciò nel suo articolo celebre che non c'erano clausole subordinate in Torta (1895). Per
Lehman (1974), la sistemazione di paratactic che lui presunse per Torta, comunque è caratteristica
delle lingue di OV. L'ipotassi in lingue di OV è espresso da verbo di nonfinite spesso forma e da
particelle di postposed.
La sistemazione di frasi in sequenza è un modello tipico di sintassi di Torta, se per ipotattico o per
relazioni di paratactic.

Espressioni per la coordinazione furono usate grandemente per elementi all'interno di clausole e
frasi. Quando usato collegare frasi, le congiunzioni spesso furono accompagnate da particelle
iniziali indicando l'inizio di una clausola nuova ed indicando anche una varietà di possibili relazioni
con clausole vicine.

NOTA. Comunque, particelle frase-di collegamento sono infrequenti in Vedico e relativamente


infrequente nei più primi testi di Hittite; Lehman conclude quelli marcatori formali della
coordinazione di frase non erano obbligatori in Torta.

La particella coordinante e normale nella maggior parte dei dialetti è un riflesso di Torta - il qe.

Questo è postposed al secondo di due elementi congiunti, o ad ambo.

NOTA. Hittite - un, -i.a è usato similmente, come in atta. l'anna. un 'padre e madre' (J. Friedrich
1960).

La Torta di particella disgiuntiva - w. è anche postposed

NOTI 1. In Hittite, comunque inoltre il postposed particelle disgiuntive - il ku... -ku'or', c'era la
particella disgiuntiva na.ma che stette in piedi tra nomi piuttosto che dopo l'ultimo. Questo modello
di disposizione di congiunzione venne ad essere in modo crescente frequente nei dialetti; indica che
la congiunzione designa della struttura di VO è venuto a già essere tipico da IE II.

NOTI 2. Col cambio in costruzioni coordinanti, particelle nuove furono presentate; alcuni di
questi, per esempio Lat. et, goto. jah, OE e, abbia un'etimologia generalmente accettata; altri, come
Gk. kaí, è oscuro in etimologia. Sintatticamente il turno nella costruzione piuttosto che la fonte delle
particelle è di interesse primario, tuttavia come notato sopra, l'introduzione di marcatori nuovi per i
modelli di VO nuovi offre evidenza lessicale di un turno benvenuto. Il turno sintattico anche portato
con lui designa di riduzione (Ersparung) di coordinazione che è stata descritta bene per dei dialetti
(Behaghel). Tali costruzioni sono notabili in lingue di SVO specialmente in che sequenze con verbi
equivalenti (S, V, O, Conj., S2, V1 O2) cancelli il secondo avvenimento del verbo, come M.H.G. einez
di einer di daz vogliono und ein ander ein anderz, 'quel uno-cosa del una vuole ed un altro un
altro.'

Riduzione di nomi equivalenti in S o la posizione di O è anche standard, come in Beowulf.

NOTA. Ma nella caratteristica di strutture di paratactic di Hittite, tale riduzione spesso è evitata. In
una lingua di SVO il secondo memii.as non sarebbe stato affermato probabilmente esplicitamente,
come in: 'ora il mio discorso veniva a stesse arrestandosi e fu emesso lentamente.' La mancanza di
tale riduzione, spesso una caratteristica delle lingue di OV dà un'impressione di sintassi di
paratactic. Un altro modello che sembra essere paratactic è il preposing di clausole subordinate", o
senza marchio di secondarietà o con qualche genere di particella relativa, come nel passaggio finale
di Mur.ilis Sprachlähmung (Götze e Pedersen 1934). Il secondo dall'ultima clausola non ha nessun
marchio per indicare secondarietà; le più prime clausole contengono una forma di particella relativa.

I.T GI.BAN.UR-ma-za-kán kuizza azikinun


U
da tavola-ma-Refl.-Ptc. da-quale Io-essere-abituato-a-mangi
I.TU Ragazza-i.a-kán kuizza akku.kinun
da becher-e-Ptc. da-quale Io-essere-abituato-a-bibita
.a .ti-i .a-za-kán ku.edani .e .ke .kinun I.TU
in-letto-e-Refl.-Ptc. in-quale Io-essere-abituato-a-sieda da
URUDDU10xA-ia- kuizza arre.kinun
za-kán
bacino-e-Refl.-Ptc. da-quale Io-essere-abituato-a-lavi
kuit-i.a imma ÚNUTU anda u.erii.an e.ta nu UL
che-e altro utensile Adv.-Ptc. menzionato esso-era ora non
DINGIRLI
kuitki dattat I.TU QATAMMA SIxDI-a
alcuno esso-essere- da dio similmente esso-essere-deciso
preso
'Il dio determinò anche che nulla più dovrebbe essere usato della tavola dalla quale io fui
abituato per mangiare, del becher dal quale io fui abituato per bere del letto nel quale io fui
abituato per dormire, del bacino dove io fui abituato per lavare e di altro articolo purchessia fu
menzionato'

In una lingua di SVO come l'inglesi, la clausola principale che sta in piedi per ultimo in Hittite
prima sarebbe messa. L'interpretazione della clausola precedente di clausola di conseguenza è presa
da Götze e Pedersen. Le clausole iniziali contengono particelle relative che indicano la relazione a
kuitki della secondo-da-ultima clausola; loro contengono anche particelle coordinanti: un, i.a. In
questo passaggio le clausole, se coordini o subordini dal nostro punto di vista, è ordinato
semplicemente in sequenza. Ognuno conclude con un verbo limitato che non offre nessuna evidenza
dell'ipotassi. Il connectives di frase che esempi di occur.repeated di a/ia.heighten l'impressione della
coordinazione.

L'assenza in Hittite di forme di verbo. quali sono parenti del Vedico ed ottativo greco e
congiuntivo. quale venne ad essere usato grandemente per indicare secondarietà è estremamente
costante nell'il suo OV designare, come non furono richieste tali forme di verbo.

Hittite non precedè un'altra apparecchiatura che è usata per indicare relazione subordinata in OV
comunque così come le lingue di VO, le cosiddette forme di verbo di nonfinite. Questi sono usati
per generi meno espliciti della complementazione, molto il modo che costruzioni relative sono usate
per generi più espliciti.
I.5.2. Complementazione.

Frasi composte possono essere il risultato del conficcare di modificatori nominali.

NOTA. In lingue di VO conficcate modificatori nominali seguono nomi, mentre in lingue di OV


loro precedono nomi. Questa osservazione ha condotto ad una comprensione del Hittite e la Torta
ricostruita costruzioni relative. se noi seguiamo l'assunzione standard che in costruzioni relative una
seconda frase che contiene un NP equivalente ad un NP nella frase di matrice è conficcata in quella
frase di matrice, noi possiamo aspettarci che uno condanna può essere cambiato. Una frase può
essere conficcata anche con un nome fittizio; il verbo forma di tali frasi incorporate è espresso
comunemente con forme nominali del verbo, infinitivi variamente chiamati, supines, o participi. In
lingue di OV questi, così come costruzioni relative, preceda il verbo della frase di matrice.

Un esempio con participi nelle lingue di IE è Skr. vás.na. nelle ultime linee dell'inno di Strophic
seguente: rú.advás.na. il sud... kar.pa., "brillantemente abbigliamento-lui una meraviglia-hued."

Può avere anche "un finale o senso conseguente", come nell'inno di Strophic seguente: srávitav di
indra di tvám. ka di apás., 'Lei, O Indra fa le acque per fluire.' Anche nei testi poetici tali infinitivi
possono seguire il verbo principale, come in hót di ábodhi. yajáth.ya dev.n, illuminato. "lui-
svegliare-su prete che per-sacrifica dei", 'Il prete ha svegliato sacrificare ai dei.

NOTA. L'ordine di postposed può essere il risultato di riordinamento aggettivo o poetico; ancora è
anche una riflessione del turno a VO ordini, un turno che è riflesso nella posizione normale per
infinitivi negli altri dialetti di IE. Nel Brahmanas gli infinitivi normalmente stanno in piedi ancora,
direttamente di fronte al verbo, eccetto in frasi interrogative (Delbrück) e negative. Sulla base
dell'ordine di Brahmanic noi possiamo presumere che in verbi di nonfinite di Torta usato come
complementi a verbi principali li precedè nella frase. Hittite offre participi complementari ed
infinitivi per sostenere questa assunzione esempi di preposed (J. Friedrich). I participi furono usati
particolarmente con har (k) - 'il have'and 'sia', come in uerii.an e.ta 'fu menzionato'; il modello è
usato per indicare stato.

Infinitivi

1. Gli infinitivi potrebbero indicare risultato, con o senza un oggetto (J. Friedrich 1960): 1-un. 1-
un kunanna l. .anhanzi, illuminato. "un uno si a-uccide non lui-tenta", i.e. Uno non dovrebbe
tentare di uccidere un altro.'

2. Gli infinitivi potrebbero essere usati per esprimere scopo, come nell'esempio seguente che si
sposa un infinitivo con un nome (J. Friedrich): tuk-ma k. l'uttar .À-ta .ii .anna i.hiull-un e.du,
illuminato. "a-tu-comunque questo in-cuore di parola che per-posa istruzione-e esso-dovere-è", i.e.
'Ma per Lei questa parola dovrebbe essere per prendere a cuore e per istruzione.'

3. L'Infinitivo potrebbe essere riferito scioltamente al suo oggetto, come in esempi citati da
Friedrich, come ap..-ma-mu il harkanna .an (a) hta, illuminato. "lui-comunque-io per-deteriorando
lui-cercò", i.e. 'Ma lui cercò di distruggermi.'
4. L'infinitivo complementare indica lo scopo dell'azione; come Friedrich i punti fuori, è legato al
verbo .anhta più il suo muin di oggetto una costruzione piuttosto diverso da quell'in dialetti
susseguenti.

NOTA. Questi usi sono resi paralleli da usi in Vedico, come può essere notato nel lavoro di
Macdonell (1916) dal quale degli esempi sono presi in Lehman (1974). Sulla base di tali esempi in
Vedico ed in Hittite, lui presume, che costruzioni infinite furono usate per indicare una varietà di
complementi in Torta.

Hittite e Sanscrito offrono anche esempi di Participi che funziona appositionally o come aggettivi
che indicano stato (J. Friedrich 1960): ammuk-u.ar-un akkantan IQ.BI, illuminato. a-io-Pte.-
indicare-quotazione-lui morendo lui-descrisse, i.e. 'Lui mi disse quell'era morto.'

NOTA. Questo modello era stato notato da Delbrück per il Rigveda, coi vari esempi (1900:327)
come .i.. m di hí. .i .ayá. la tv.... l'omi, 'mi Fortifichi; Io sento che Lei è forte.' Il .i .ayá aggettivale
'lo strengthening'is un aggettivo dedusse dalla stessa radice come .i.. il hí. Delbrück notò anche che
tali "appositives" sono indicati in greco per mezzo di clausole. Greco rappresenta di conseguenza
per Lehman un palcoscenico più lontano nello sviluppo delle lingue di IE ad un ordine di VO.
Ancora greco ancora mantenne participi di preposed che hanno lo stesso soggetto come fa il verbo
principale, come in:t.. mèn di n id..n g..th .se, li "esso Ptc. vedendo lui-allietò"

Questo modello permette l'uso di due verbi con solamente uno indicando umore e persona; il
verbo di nonfinite prende queste categorie dal limitate.

I participi furono usati così di più vecchio periodo per una grande varietà di relazioni. sebbene
anche senza indicare alcune delle categorie verbali.

Clausole dipendenti sono più flessibili nell'indicare tali relazioni, e più preciso, specialmente
quando participi complementari ed infinitivi seguono il verbo principale.

I.5.3. Clausole subordinate.

Gli Indo-europeisti ha riconosciuto da molto la relazione tra le Particelle che Subordinano ed il


gambo dai quali Pronomi Relativi furono dedotti in Indo-iraniano e greco.

NOTA. Così Delbrück ha indicato in dettaglio come il neutro forma accusativa di Torta jo-era la
base del jod di congiunzione in vari significati suoi: (1) temporale, (2) Temporale-causale, (3)
Temporale-condizionale, (4) Scopo. Lui riconobbe anche la fonte di uso di conjunctional in frasi
come Skr. yáj asya di áhar di tád di j.yath.s k.me'.. ó. p.y... è apibo giri..h .m, 'Nel giorno Lei nasca
Lei bevve il latte di montagna fuori di desiderio per la pianta.'

1) clausole relative sono dovute stare in piedi originalmente Di fronte alla Clausola di Main e

2) il più primo tipo di jo subordinato - le clausole sono dovute essere i Preposed costruzioni
Relative.

NOTA. Questa conclusione da Vedico riceve appoggio impressionante da Hittite, per in lui noi
troviamo la stessa relazione sintattica tra clausole relative e le altre clausole subordinate come è
trovato in primi dialetti Vedici, greci, ed altri. Ma il marcatore per ambo i tipi di clausole differisce.
In Hittite è basato su qidrather di IE che il jod; Hittite anche usa così, la particella relativa per
indicare secondarietà. Il parallelismo straordinario tra le costruzioni sintattiche, sebbene loro hanno
marcatori di superficie diversi, deve essere attribuito a ragioni tipologiche; noi presumiamo quel
Hittite così come Indo-ariano ed il greco stavano sviluppando un marcatore lessicale per indicare
secondarietà. Come fa yad in Vedico, Hitt. kuit segnala una relazione "sciolta" tra clausole che
devono essere interpretate adattamente.

Come J. Friedrich ha affermato (1960), kuit non sta in piedi mai inizialmente nella sua clausola.
Frasi nelle quali è usato sono poi appena più specificamente interconnesse che è congiunto frasi
senza la specifica parola relativa, come in esempi citati da Friedrich (nello stesso luogo.): nu
ta.kup.i nu URU-un. dapii.anzi i.damma.zi, illuminato. Ptc. tu-gridi Ptc. città intero esso-sente, 'Ora
gridi [così che] la città intera sente.' Come questo esempio, ambo le clausole in una costruzione di
kuit generalmente sono presentate con nu (J. Friedrich 1960). Noi possiamo presumere thatkuit
divennero una particella che subordina quando tali collegamenti furono omessi, come nell'esempio
di Friedrich. Questi esempi illustrano che yád e kuitintroduce clausole causali, sebbene loro non
contengono indicazioni dell'origine di questo uso.

Si crede perciò generalmente che i Subalterni originò in frasi Relative, come irlandese Vedico,
Vecchio, Avestan e Vecchio Persico illustri. Proverbi e massime sono un campo particolarmente
conservativo in tutte le lingue, e ci sono addirittura etimologicamente due serie che specialmente
spesso; vale a dire, qo -... a - e jo -... a -.

NOTI 1. Per IE qo-..to-, cf. Lat. cum... il tum qualis... il talis, quam... il tam o Lith. kàs... il tàs
kòks... il tàs, kaîp... il taîp kíek... il tíek ecc., e per jo -... a - Ved. yás... il sá tád, yáth.... il táth.
y.vat... t.vat Gk. oios... il toios, ósos... il tósos O.Pers. haya (un composto da so+jo, con lo stesso
inverso composto come Lat. tamquam, da due correlatives), ecc.

NOTI 2. Per Haudry questa struttura correlativa è la base per secondarietà in tutte le lingue
Indoeuropee. Il proto-Indo-europeo mostrerebbe perciò una sintassi intermedia tra paratassi e
l'ipotassi, come la struttura correlativa è fra un 'sciolto' la sintassi ed un 'chiuse' uno.

Lehman presume che l'uso di Skr. yád, Hitt. kuit, e le altre particelle relative per esprimere una
relazione causale sorsero da secondarietà di clausole presentata da loro ad un Ablativo; cf. Skr.
ácitt. dhárm di táva di yát. lo yuyopimá (illuminato. disconoscendo che, perché la Sua legge,
ordine noi-avere-disturbato), m. il nas deva di énaso di tásm.d r.ri.a. (illuminato. non noi perché-di-
quella tu-danno di O-dio di perché-di-peccato), 'non ci danneggi, dio a causa di quel peccato [che]
perché inconsapevolmente noi abbiamo disturbato la Sua legge.'

Come tali relazioni con ablativi che esprimono Causa non era le specifiche, più precise particelle o
congiunzioni vennero ad essere usate. In Sanscrito l'ablatival yasm.tspecifies il significato 'perché.'

Più lontano, yad. e yátra specificano il significato 'quando.' In Hittite, m.n venne per essere usato
per relazioni temporali, possibilmente dopo uso combinato con kuit; kuitman espressero anche una
relazione temporale in Tardo Hittite, corrispondendo a 'mentre, fino a che', sebbene mahhanhas
sostituirono m.n (J. Friedrich 1960 dà dettagli più lontani). La congiunzione m.n stesso specifica i
significati 'se' e 'l'although'in Hittite standard. In Hittite e Vedico poi, la relazione di relativo-
costruzione "sciolta" tra clausole subordinate e clausole principali gradualmente sono sostituite da
congiunzioni speciali per i vari tipi di relazione ipotattica: Causale, temporale, condizionale,
concessivo.

Nel momento in cui la relazione Causale si sviluppata da un Ablativo cambiato da una costruzione
Relativa, così il Temporale e relazione Condizionale si svilupparono da una clausola che cambia un
nodo di Time fondamentale.
Il meno reso differente e riferì meno precisamente clausole subordinate spesso sono ancora
evidenti, comunque, come in clausole di yád dell'inno Arcaico, Rigveda 1.167. Per la concisione,
solamente clausole di yád saranno citate qui, con l'interpretazione di Hoffmann di ognuno; le stanze
intere e le loro traduzioni sono date da Hoffmann (1967).

RV 1.167.5. jó.ad yád .m asury. sacádhyai


lei-desiderio quando loro Asuryan a-segua
'quando gli Asuryan desidereranno seguirli'
RV arkó yád vo maruto haví.m.n
1.167.6.
canzone-di-lodi ogni per-tu Maruts accompagnare-da-libagioni
qualvolta, se
'se la canzone di encomio accompagnasse da libagioni è disegnato per Lei, Maruts
RV sác. yád .. v... l'ama. aha.yú
1.167.7.
insieme perché loro virile-disposto orgoglioso
sthir. cij ján.r váhate subh.g...
lei-
rigido sebbene donne di bell'aspetto
passeggiate
'perché il virile disposto, orgoglioso, ancora caparbio [Rodasi] trae altre donne favorite

In questi tre yad di stanze presenta clausole subordinate con tre relazioni diverse: Temporale,
condizionale, causale. Tali usi multipli di yadbelong particolarmente allo stile arcaico; di
conseguenza loro sono meno frequenti, essendo sostituito dalle più specifiche congiunzioni.

Oltre alla più grande specificità di relazione subordinata indicata da particelle, il primo che
costruzioni ipotattiche e relativamente gratis vengono ad essere cambiate dalla qualità soggettiva e
dominante del verbo principale. L'effetto può essere illustrato da passaggi come il seguente da un
inno di Strophic nel quale il verbo della clausola principale è un ottativo:

RV 1.38.4. yád y.yám p..nim .taro


se, quando Lei avere-Prsni-come-madre

[Maruts]

márt.sa. sy..tana
mortals tu-potere-sia
stot. vo am..ta. sy.t
cantante Suo immortale lui-potere-sia
'Il Suo cantante sarebbe immortale se [= in una situazione quando] Lei Maruts sia mortals.'
(Ovvero, se i nostri ruoli fossero invertiti, e Lei sia mortals, poi Lei mi augurerebbe essere
immortale.)

Questo passaggio illustra come l'uso dell'Ottativo nella clausola principale provoca una relazione
Condizionale nella clausola Subordinata (veda anche Delbrück 1900). Attraverso la sua espressione
dell'incertezza l'Ottativo porta un Condizionale piuttosto che un significato Temporale nella
clausola di yad.

NOTA. Il verbo carente forma esprimendo l'incertezza, Hittite indica semplicemente relazioni
condizionali per mezzo di Particelle (J. Friedrich 1960). Anche se molte particelle sono usate in
Hittite per indicare i vari tipi di clauses.man condizionale... m.n per Contrario-a-fatto, takku e
manfor Semplice Conditionals.Hittite non sviluppò la varietà di modelli trovata negli altri dialetti.
Questi modelli, come bene descrisse nei manuali, non solo è provocato da particelle che
differiscono ma anche dagli usi del vario tempo verbale e forme di umore. Costruzioni nei dialetti
che si sono sviluppati più lontano da quelli di Torta sono quelle in che il tempo verbale, umore o la
persona è cambiata in concordanza con regole basate sul verbo formi della clausola principale. Tali
turni sono fra i risultati più di vasta portata della qualità soggettiva del verbo Indoeuropeo
(Delbrück 1900).

Le differenze tra le costruzioni nei vari dialetti riflettono i cambi così come la più prima
situazione. In Omero, le asserzioni possono essere riportate con un turno di umore e persona, come
in:

Odissea líssesthai dé min autós, hóp.s n.mertéa eíp.i


3.19.
richiesta Ptc. lui stesso quello vero-cose lui-potere-dica

'Lei Lei chiede a lui così che lui dice la verità.'

La forma eíp.iis un congiuntivo di aorist di terzo-persona. Se l'asserzione fosse in dissertazione


diretta, il verbo sarebbe ei.pe, imperativo di secondo-persona, e la clausola leggerebbero: ei.pe
n.mertéa 'dica la verità.' Tali turni in persona ed umore non si sarebbero aspettati in una lingua di
OV; in Vedico, per esempio, le asserzioni sono ripetute, ed indicarono con un iti di postposed. I
turni negli altri dialetti, come loro cambiarono sempre più a VO strutturi, condusse ad espressione
intricata di relazioni subordinate, attraverso turni in persona, in umore ed in tempo verbale, così
come attraverso le specifiche particelle che indicano qualche genere di secondarietà. Le costruzioni
sintattiche di questi dialetti vennero poi a differire notevolmente anche da quell'in Vedico.

I più primi poemi del Vedas sono trasparenti in sintassi, come può essere illustrato da Stanze 9 e
10 di Inno 1.167:

RV 1.167.9. nah. nú vo maruto ánty asmé


mai Ptc. Suo Maruts vicino da-noi
.r .tt .c cic chávaso ántam .pú.
da-lontano o di-forza fine si loro-raggiunto
té dh... il ún. .ávas. .u .uv.. il só
loro baldo potere fortificato
'r.o ná dvé.o dh..atá pári
.. il hu.
inondazione come inimicizia baldo contro
loro-
bancarella
'Mai loro non sono arrivati al limite della Sua forza, Maruts se vicino o lontano da noi.
Fortificato da potere baldo loro oppongono audacemente l'inimicizia come un'inondazione.'
RV 1.167.10. vayám adyéndrasya pré..h. vayám
noi oggi-Indra più favorito noi
.vó vocemahi samaryé
domani noi-desiderare-a-essere- in-battaglia
chiamato
vayám pur. máhi ca no ánu dy..n
noi precedentemente grande e noi attraverso giorni
tán na .bhuk.. nar.m ánu .y .t
quello noi capo di-uominia potere-lui-sia
'Noi oggi, noi domani, voglia essere chiamato il favorites di Indra in battaglia. Noi eravamo
precedentemente. E le grandi cose saranno per noi attraverso i giorni; il capo di uomini ci dia
quello.'

Anche se l'inno offre problemi di interpretazione a causa delle difficoltà religiose e poetiche, la
sintassi di queste due stanze è diritta; i verbi in generale è indipendente dall'un l'altro, nell'indicare
così una successione di frasi individuali. Modelli così sintattici, sebbene più complicato che quelli
di passaggi di prosa, manchi la complessità di greco Classico ed il latino, o anche il greco Omerico.
Questi primi testi Vedici, come quelli di Vecchio Hittite includono molte delle categorie sintattiche
trovate nei dialetti, ma i modelli di ordine e relazione tra clausole già avevano cambiato
notevolmente dai modelli di OV di Torta Media.
I.6. Categorie di Sintactic
I.6.1. Particelle come sintattico vuole dire di espressione

Noninflected mette in parole di varie funzioni fu usato nell'indicare relazioni tra le altre parole
nella frase o tra frasi.

1. Alcuni furono usati per Nomi modificatore, indicando le relazioni di nomi a verbi spesso. Anche
se questi furono messi dopo nomi generalmente e di conseguenza erano Posposizioni, loro sono
stati chiamati Preposizioni da ragione della loro funzione piuttosto che la loro posizione con
riguardo spesso a nomi (Delbrück).

2. Altri furono usati per Verbi modificatore, specificando più precisamente spesso i significati di
verbi; questi potuti essere chiamati poi Preverbs.

3. Altri, assegnati comunemente a come Frase Connectives furono usati primariamente per
indicare le relazioni tra Clausole o Frasi (Watkins 1964; Lehmann 1969).

5.5.1. Posposizioni.

Posposizioni nei vari dialetti sono trovate con gli specifici casi, in concordanza coi loro significati.

Ancora nel Vecchio Hittite i testi, il Genitivo piuttosto che tale specifico caso è prominente con
Posposizioni dedotta da Nomi, come piran' (in) la fronte' (Neu 1970):

kui. A. piran .. lo zi
chi re fronte lui-siede
'chiunque siede di fronte al re'

Tali posposizioni vennero ad essere gelate in forma, se non identificabile come all'etimologia;
dedotto da nomi, come piran; o dedusse da verbi, come Skr. tirás (il viz. Lehman). Più lontano,
come la lingua venne ad essere VO, loro furono messi di fronte a nomi.

Come meno chiaramente furono marcate le forme di caso, loro non solo "governarono" casi ma
anche presero i significati di categorie di caso. Il tirás di preposizione (tiró), dedusse dalla radice *
'croce', illustra ambo il significato etimologico della forma ed il suo sviluppo eventuale come
preposizione:

RV 8.82.9. yá. te .yená. pad.bharat


quello per-tu aquila con-piede-lui-foro
che
tiró ráj..sy ásp.tam
attraversando, firmamento non-abbandonando
attraverso
píbéd [< íd di píba] asya tvám .. i.e
tu-bibita-davvero di-esso Lei tu-essere-padrone (per-tuo-beneficio)
'Quello che l'aquila portò per Lei nei suoi artigli, non calandolo [come lui volò] attraverso il
firmamento, di quella bibita. Lei controlla [esso per Suo proprio beneficio].'

L'uso sintattico di tali particelle con nomi è di conseguenza chiaro.

5.5.2. Preverbs.

1. Piuttosto che avendo le relazioni vicine a nomi illustrò sopra di, le particelle potrebbero essere
associate invece primariamente con Verbi, spesso le stesse particelle che furono usate come
Posposizioni.

2. Tali combinazioni di particelle e verbi vennero ad essere trattate come unità e sono trovate
ripetutamente negli specifici usi (Delbrück 1888).

A. È probabile che Preverbs occupi le varie posizioni:

1. Se non marcato, loro sono messi di fronte al verbo;

2. Se segnato, loro sono messi inizialmente in clausole (Watkins 1964).

NOTA. Nel corso di tempo il Preverbs in posizione non marcata venne ad essere combinato coi
loro verbi, sebbene l'identità di ogni elemento è da molto apparente in molti dei dialetti. In tedesco
Moderno l'accento primario ancora è mantenuto così, su delle radici verbali, e nel contrasto con
nomi di parente il prefisso porta stress debole: erteílen 'distribuisca', Úrteil 'il giudizio.' I passi
verso la combinazione di preverb e radice verbale sono stati descritti per i dialetti, per esempio
greco in che forma uncombined così come forme combinate sono attestate durante il periodo dei
nostri testi.

B. Nei dialetti di IE attestati:

a. Preverbs che rimase uncombined venne ad essere trattato come Avverbi.

b. Combinazioni di Preverbs più Verbi, d'altra parte eventualmente venne a funzionare piaccia
elementi unitari.

Le due posizioni diverse di preverbs nei primi testi eventualmente condotti a classi di parola
diverse.

5.5.3. Condanni particelle.

1. Le particelle furono usate anche per riferire frasi e clausole (J. Friedrich 1959:18, § 11):
takku A EL.LUM QA.AZ.ZU na.ma GÌR-.U kui.ki
se uomo gratuitamente suo-mano o suo-piede qualcuno
tuu.arnizzi nu..e 20 GÍN KUBABBAR paai
lui- Ptc.-a-lui 20 shekels argento lui-dà
interruzioni
'Se chiunque rompe la mano o piede di un cittadino, poi lui deve dargli venti shekels di argento.'

Particelle come la parola iniziale in questo esempio indicano qualche genere di clausola che
seguirà e è stata descritta da molto bene. La funzione di particelle come nu non è, comunque,
ugualmente in modo chiaro.

NOTA. Dillon e Götze riferirono nu e l'uso di connectives di frase a particelle simili nel Vecchio
irlandese (Dillon 1947). Tali particelle presentano molte frasi nel Vecchio irlandese e hanno
condotto a combinare forme di verbo in questa lingua di VSO. Delbrück aveva notato anche la loro
presenza in Vedico (1888)

Da allora .u introduttivo e ta erano più frequente che era nu nei più vecchi testi di Hittite, gli
studiosi presunsero quello condanna in IE fu presentato da questi regolarmente condanni
connectives. E Sturtevant propose, come etimologia per il pronome di anaphoric, combinazioni di
così-e a - con pronomi di enclitico, come nel Hittite notorio ordini in sequenza ta-a, cf. Tod di IE, e
così su (veda Otten e Sou.ek 1969 per l'uso di tali particelle in un testo).

È chiaro che connectives di frase furono usati in Hittite per indicare trattamento continuato di un
tema determinato (Raman 1973). È trovato anche con Hittite costruzioni relative, una funzione che
può essere attribuita anche a sá Vedico e tád.

NOTA. Per Lehman (1974), da quando questo uso può essere spiegato per attraverso le influenze
di posto-torta, connectives di frase hanno potuto avere un ruolo minore in Torta.

2. Altre particelle, come Hitt. takku 'se', probabilmente aveva le loro cose uguale in Torta, anche se
le forme di superficie erano completamente non correlate. Questo è anche vero per Particelle
Enfatiche come Skr. íd; loro si usarono dopo nomi così come gli imperativi. Particelle così enfatiche
combinate con imperativi suggeriscono la presenza di Intromissioni che non può essere ricostruita
di solito direttamente per Torta ma essere attestata bene nei molti dialetti.
3. Una frase di coordinata connettivo - qe chiaramente possono essere ricostruiti sulla base di
goto. u (h), Skr. ca, Gk. te, Lat. que, e così su. Ma la sua funzione primaria è la coordinazione di
elementi nella frase piuttosto che clausole o frasi.

NOTA. Inoltre, quando ca è usato per connettere verbi nei materiali Vedici, loro sono paralleli
(Delbrück 1888); Delbrück trova solamente uno la possibile eccezione. In una lingua di OV il
relativo di verbi successivi è eseguito per mezzo di verbi di nonfinite messi prima limitato. Noi
possiamo aspettarci poi che particelle coordinanti avessero il loro uso primario in Torta come
connettori per elementi di frase piuttosto che per frasi.

Un altro tale particella è - w. 'o.' Come - il qe, la particella che indica disgiuntivo 'o' era postposed,
in ritenuta del modello originale come in ritardo come il latino Classico.
4. Particelle in Torta hanno potuto corrispondere anche a qualificatori verbali.

a. Il più notabile di questi è m. che portò un significato modale e negativo.

b. C'è indicazione di tali usi di particelle negli altri modelli, per esempio di pur Vedico. 'più
primo' indicare il passato, come apparentemente Brugmann era il primo ad indicare, (Delbrück
1888) ed anche sma Vedico, indicare azione ripetuta di passato (Hoffmann 1967). È curioso che
sma è trovato anche dopo m. in Vedico (Hoffmann 1967).

NOTA. Lehman suggerì che tale umore - e tempo verbale*-portando particelle è potuto essere
trasportato da un postverbale ad una posizione di preverbal. Delle particelle sono potute essere di
conseguenza equivalenti in un più primo palcoscenico di Torta ad elementi usato dopo che verbi per
indicare categorie verbali.

I.6.2. Ordine marcato in frasi.

1. Elementi in frasi possono essere enfatizzati, Marcando; l'apparecchiatura principale per tale
enfasi è Posizione Iniziale.

Gli altri elementi di frase possono essere messi anche in posizione iniziale per marcare.

2. In non marcato posizioni direttamente il preverb precede il verbo. Cambi in ordine normale
provvedono così una delle apparecchiature per portare enfasi.

Le altre apparecchiature hanno fare con Selezione, notevolmente particelle che sono postposed
dopo un elemento segnato.

3. L'enfasi può essere indicata anche da selezione lessicale.

4. È probabile che modifiche presumibilmente altre siano fatte anche, come in Intonazione.

Le varie apparecchiature sintattiche di conseguenza purché vuole dire presentare impronta in frasi.

I.6.3. Topicalization con referenza ad enfasi.

Come enfasi, Topicalization è eseguito da modelli di sistemazione, ma la sistemazione è applicata


ad elementi eguali piuttosto che elementi che si sono mossi dal loro ordine normale.

Topicalization da sistemazione è conosciuto bene nello studio delle prime lingue, come nelle linee
iniziali dei poemi Omerici. L'Iliad comincia col nome me.nin 'la collera', l'Odissea col ándra di
nome 'l'uomo.' Questi, essere sicuro sono gli unici possibili nomi nel sintatticamente la semplice
apertura di frasi ambo i poemi: me.nin áeide 'Canti della collera' e énnepe di moi di ándra 'mi Dica
dell'uomo.' Ancora la molta sistemazione di moi e gli altri enclitico che occupano seconda posizione
nella frase, in concordanza con la legge di Wackernagel indica l'uso di disposizione iniziale fra
elementi nominali per topicalization.

L'uso di topicalization può essere illustrato da un set più complesso di frasi, come il primo
indirizzo di Zeus nell'Odissea. Solamente le prime linee di questo saranno citate; ma questi indicano
un turno in tema dal 'dei a 'uomini, poi ad un particolare uomo Aegisthus, poi ad Agamennone e di
conseguenza ad Orestes (Lehman 1974).

O. il pópoi, hoi.on brotoì di theoùs di d.nu aitió.ntai; eks kák di phasi di gár di h.mé.n' émmenai,
autoì di kaì di dè di hoi sphe.isin álge di móron di hupèr di atasthalí.isin' l'ékhousin, h.s kaì nu.n
móron di hupèr di Aígisthos Atreídao, ge.m' il álokhon mn.st.n, tòn d' l'éktane nost.santa,

'Ahimè, come i mortals ora stanno dando la colpa ai dei. Per loro dicono che evils vengono da
noi, ma loro loro hanno i dolori oltre quello che è destinato da loro proprie stupidità. Così
Aegisthus oltre quello che fu destinato ora si è sposato la moglie sposata di Agamennone, e l'uccise
sul suo ritorno.'

Come questo passaggio e molti altri che sarebbero citati illustrano, i modelli di frase di base
potrebbero essere riordinati da regole aggettivo, ambo per enfasi e per topicalization. In così la
sistemazione relativamente severa di semplici frasi potrebbe essere cambiato per portare su varietà e
la flessibilità.
Appendice II: Fonologia proto-Indo-europea
II.1. Ricostruzione fonetica
II.1.1. Leggi di suono proto-Indo-europee

Alcune suono-leggi possono essere ricostruite che è potuto essere effettivo prima della finale
dispersione di Torta da ricostruzione interna.

Sievers

Grassman

Bartholomae

A. La legge di Sievers

La Legge di Sievers in conti di linguistiche Indoeuropei per la pronuncia di un grappolo consono


con un scivola di fronte ad una vocale come fu colpito dalla fonetica della sillaba precedente.
Specificamente si riferisce all'alternazione fra * l'ij e * j, e possibilmente * l'uw e * u, in lingue
Indoeuropee. Per esempio, proto-Indo-europeo * kor-jo-sbecame "esercito" di harjis Gotico, ma
Torta * il kerdh - jo-sbecame Prototedesco * il herdijas, hairdeis Gotico [h.rd.s] il "pastore."
Differisce da un'apofonia in che l'alternazione è contesto-sensibile: Torta * l'ijfollowed una sillaba
pesante (una sillaba con un dittongo, una vocale lunga, o finendo in più di uno consono), ma * j
seguirebbe una sillaba leggera (i.e. una vocale corta seguita da una sola consonante). Questo fu
notato da filologo germanico Eduard Sievers prima, ed il suo scopo era spiegare certi fenomeni
nelle lingue germaniche. Lui discusse originalmente solamente * j in posizione media. Lui notò
anche, pressocché come un a parte, che qualche cosa simile sembrava stesse seguendo nei più primi
testi Sanscriti (così nel Rigveda d.ivya- "paradisiaco" davvero aveva tre sillabe in scansion
(d.iviya-) ma dire satya - "vero" fu analizzato come scritto). Dopo lui, gli studiosi troverebbero le
alternazioni simili in greco ed il latino, e l'alternazione tra * l'uw e * u, sebbene l'evidenza è povera
per tutti di questi. Attraverso tempo, l'evidenza fu annunciata riguardando alternazioni simili di
syllabicity nel nasale e semivowels liquido, sebbene l'evidenza è estremamente povera per questi,
nonostante il fatto che tali alternazioni nel non-scivoli semivowels sarebbero andati via permanenti,
davvero irreversibile, tracce.

La dilazione più ambiziosa della Legge di Sievers fu proposta da Franklin Edgerton in un paio di
articoli nella Lingua di diario nel 1934 e 1943. Lui non solo disputò quell'era il syllabicity di
semivowels di prevocalic da contesto applicabile a tutti i sei semivowels Indoeuropei, era
applicabile in tutte le posizioni nella parola. Una forma piace così * dj.us, il "cielo" si avrebbe
pronunciato così solamente quando accadde di seguire una parola che finisce con una vocale corta.
Dappertutto altro avrebbe avuto due sillabe, * dij.us.

L'evidenza per alternazione presentata da Edgerton era di due generi. Lui citò molti cento passaggi
dal testo di Indic più grande, il Rigveda che lui disse dovrebbe essere rescanned per rivelare fin qui
espressioni inosservate della struttura di sillaba richieste dalla sua teoria. Ma la maggior parte di
forme non mostra espressioni così dirette; per loro, Edgerton notò bruscamente distribuzioni di
skewed che lui ha interpretato come evidenza per un'alternazione perduta fra sillabico e semivowels
di nonsyllabic. Così dica .iras la "testa" non ha (da *.. il ros) partner monosillabico * .ras (da *
.ros), ma Edgerton notò che capitò 100% del tempo negli ambienti dove la sua teoria richiese il
syllabification del * r. Facendo appello alla natura di "formulaic" di poesia orale, specialmente in
astuto e richiedendo forme letterarie piace versificazione Vedica e sacra, lui ragionò che questa era
l'evidenza diretta per l'esistenza precedente di un alternant * .ras, sull'assunzione che quando (per
ragione purchessia) questo * .ras e le altre forme come lui vennero ad essere evitate, le collocazioni
tipiche nelle quali sarebbero accaduti (correttamente) inevitabilmente loro divennero passu di pari
desueti con la perdita della forma stessa. E lui era capace di presentare un corpo piuttosto grande
dell'evidenza nella forma di queste distribuzioni di skewed in ambo i 1934 e 1943 articoli.

Nel 1965 Fredrik Otto Lindeman pubblicò un articolo che propone una modifica significativa
della teoria di Edgerton. Trascurando l'evidenza (per il fatto che lui non era preparato per giudicare
le accuratezze dello scansion di Rigvedic) di Edgerton lui prese invece come i dati per essere
analizzato lo scansions nel Wörterbuch zum di Grassmann Armare-Veda. Da questi lui concluse che
Edgerton era stato corretto, ma solamente su ad un punto: le alternazioni che lui ha postulato si
riferirono davvero ad ogni semivowels; ma in posizione parola-iniziale, l'alternazione fu limitata a
forme piaccia * "cielo" di dj.ws/dij.ws, come above.that citato è, parole dove era monosillabica la
forma "corta."

B. La Legge di Grassmann

La legge di Grassmann, chiamata come il suo scopritore Hermann Grassmann è un dissimilatory


processo fonologico in greco Antico e Sanscrito che gli stati che se una consonante aspirata è
seguita da un altro aspirò la consonante nella prossima sillaba, il primo perde l'aspirazione. La
versione descrittiva (sincronico) fu descritta per Sanscrito da Panini.

Ecco degli esempi in greco degli effetti della Legge di Grassmann:

[thu-o.]... 'io uccido un animale'

[e-tu-il.] ..... 'fu ucciso'

[il thrik-s] .... 'i capelli'

[il trikh-es] ...... 'il hairs'

[il thap-sai] ..... 'seppellire (aorist)'

[il thapt-ein] ....... 'seppellire (presente)'

[taph-os] ..... 'una tomba'

[il taph-e] .... 'la sepoltura'

Nel reduplicazione che forma il tempo verbale perfetto nell'ambo greco e Sanscrito, se la
consonante iniziale è aspirata, la consonante di prepended è unaspirated dalla Legge di Grassmann.
Per esempio [il phu-o.]... 'io cresco': [pe-phu.-ka] ...... 'io sono cresciuto.'
Radici di Diaspirate

I casi piace [il thrik-s] ~ [il trikh-es] e [il thap-sai] ~ [il taph-ein] illustra il fenomeno di radici di
diaspirate per il quale le due analisi diverse sono state date.

In un conto, il diaspirate fondamentale" la teoria, le radici fondamentali sono prese per essere / il
thrikh
/ e / il thaph /. Quando un / s / (od orlo di parola, o i vari altri suoni) immediatamente segue, poi la
seconda aspirazione è persa, e la prima aspirata sopravvive ([il thrik-s], [il thap-sai]) perciò. Se una
vocale segue la seconda aspirata, sopravvive inalterato, e perciò la prima aspirazione è persa dalla
Legge ([il trikh-es], [il taph-ein]) di Grassmann.

Un approccio analitico e diverso fu preso dai grammatichi indiani ed antichi. Nella loro vista, le
radici sono prese per stare essendo posto sotto a, / il trikh / e / il taph /. Queste radici persistono inalterate
in [il trikh-es] e [il taph-ein]. Ma se un / s / segue, provoca un atavismo" di "aspirazione in (ATB) il
quale l'aspirazione emigra leftward, attracco sopra la consonante iniziale ([il thrik-s], [il thap-sai]).

Nella sua formulazione iniziale della legge Grassmann si riferì brevemente interessantemente, ad
ATB per spiegare apparentemente forme aberranti questi. Comunque, il consenso fra linguisti storici
e contemporanei è che il primo chiarimento (rappresentazione fondamentale) ha ragione.

Nel più tardi corso di Sanscrito, (e sotto l'influenza dei grammatichi) ATB fu applicato a
monoaspirates originale attraverso un processo analogico. Così, dal gah di radice di verbo
'immergere', i desiderative arginano jighakha - è formato. Questo è da analogia col bubhutsati di
forme (un desiderative forma) e bhut (una forma nominale, ambo dal budh di radice 'essere sveglio',
originalmente la Torta * [il bhudh -]).

C. La Legge di Bartholomae

La legge di Bartholomae è una prima legge di suono Indoeuropea che colpisce la famiglia Indo-
iraniana, sebbene grazie alla caduta insieme di piano espresso e fermate aspirate e che ha voce in
iraniano, il suo impatto sulla storia fonologica di quel sottogruppo è poco chiaro.

Afferma che in un grappolo di due o più obstruents (s o una fermata (esplosivo)), alcuno uno di
che è un'aspirata che ha voce nella sequenza dovunque, il grappolo intero è espresso e è aspirato.
Così alla radice di Torta * bheudh "imparano, divenga consapevole di" il participio * bhudh-a -
"illuminato" perde l'aspirazione della prima fermata (la Legge di Grassmann) e con la domanda
della Legge di Bartholomae e cambi vocalici e regolari dà buddha Sanscrito - "illuminato."

Una forma scritto come - il ddh - (un'interpretazione letterale del devan.gar. la rappresentazione)
presenta problemi di interpretazione. La scelta è tra una fermata che ha voce e lunga con una
specifica caratteristica di liberazione simboleggiata in traslitterazione da - il h -, altrimenti una
fermata lunga (o ferma grappolo) con un stato di phonational diverso, "mormori", da che cosa la
liberazione di breathy è un manufatto dello stato di phonational. L'interpretazione seconda è
favorita piuttosto da tali fenomeni come il Rigvedic forma gdha che "lui ha ingoiato" quale è
morfologicamente un aorist medio (più precisamente 'ingiuntivo') al ghas di radice - la "rondine",
come segue: ghs-t-un > * gzdha donde gdha dalla perdita regolare di un sibilante tra fermate in
Indic. Mentre l'idea di colpire che esprime il grappolo intero con la caratteristica di liberazione
chiamata convenzionalmente aspirazione che penetra dal principio alla fine alla fine della sequenza
non è completamente impensabile, l'alternative.the sparse di un stato di phonational (ma mormora
piuttosto che voce) attraverso il sequence.involves intero un meno passo e perciò via il Rasoio di
Occam conta come la migliore interpretazione.
La Legge di Bartholomae si interseca con un altro sviluppo di Indic, vale a dire che bellezza come
il deaspiration di fermate aspirate in grappoli con s: descrittivamente, proto-Indo-europeo * il
leig'h-si "Lei la leccata" diviene * leiksi, donde lek.i Sanscrito. Comunque, la Legge di Grassmann,
da che cosa una fermata aspirata è non-aspirata di fronte ad un altro aspirò fermata (come
nell'esempio di buddha -, sopra), suggerisce altro qualche cosa. In tardo Vedico e più tardi forme di
Sanscrito, tutte le forme si comportano come se l'aspirazione fu persa semplicemente in grappoli
con s, così tali forme al rootdugh - "dia latte" mostri (etimologicamente * il dhugh -) l'aspettato
devoicing e deaspiration in, dica, la formazione di desiderative du-dhuk.-ati (col dh radice-iniziale -
intatto, ovvero, undissimilated). Ma i più primi passaggi del Rigveda mostrano qualche cosa
diverso: desiderative duduk.ati, aor. duk.ata (per più tardi dhuk.ata) e così su. Così è apparente che
quello che andò nella Legge di Grassmann era le forme piace * il dhugzhata, dhudhugzha - e così
su, con aspirazione nei grappoli sibilanti intatto. Il deaspiration e devoicing dei grappoli sibilanti
erano più tardi e fenomeni completamente separati. e collegato con ancora un altro seguito di
specificamente Indic sondi leggi, vale a dire un 'la cospirazione di regola' eliminare ogni sibilants
che ha voce (e mormorò). Effettivamente, anche l'esempio 'ingoiò' dato sopra contraddice
l'interpretazione solita di devoicing e deaspiration: da tale sequenza, * ghs-a avrebbe dato, prima, *
il ksto (se il processo già fosse Indoeuropeo) o * il ksta (se Indo-iraniano in data), donde Sanscrito *
kta, non il gdha.

II.1.2. Consonanti
1
dopo vocali. 2 di fronte ad un plosiva (p, t, k). 3 di fronte ad una vocale atona (la Legge di
Verner). 4 dopo una (Prototedesco) fricativa (s, f). 5 di fronte ad una (Torta) vocale anteriore (i, e). 6
di fronte ad o dopo un (Torta) u. 7 di fronte ad o dopo un (Torta) o, u. 8 tra vocali. 9 di fronte ad un
resonant.10
Di fronte a fronte-vocali secondarie (posto-torta). 11 dopo r, u, k, i (RUKI). 12 di fronte ad una
vocale accentata. 13At la fine di una parola. 14 dopo u, r o di fronte a r, l. 15 dopo n.
TORT Skr. Av. OCS Lith. Braccio. Toch. Hitt. Gk. Lat. O.Ir Gmc.
A
*p p [p] p [p] p [p] p [p] h [il h]; w p [p] p [p] p [p] p [p] Ø; ch [x] *f; *. 3;
[w] 1 2
*p4
*t t [t] t [t] t [t] t [t] t. [t.] t [t]; c t; z 5 t [t] t [t] t [t]; th *.; * ð
[c] 5 [.] 8 3
;*t4
*k. . [.] s [s] s [s] . [.] s [s] k; . [.] 9 k [k] k [k] k [k] c [k]; ch *x; *. 3;
[x] 8 k4
*k k [k]; c [c] 5 k [k]; c k [k]; . k [k] k. [k.]
[.] 5 [.] 5; c [.]
10
*k. ku p; t 5; k 6
qu [k.]; c c [k]; ch *x.; *..,
[k.] [k] 7 [x] 8 * w 3;
k. 4

*b b [b] b [b] b [b] b [b] p [p] p [p] p [p] b [b] b [b] b [b] *p

*d d [d] d [d] d [d] d [d] t [t] . [.]; . t [t] d [d] d [d] d [d]; dh *t
[.] 5 [ð] 8
*. j [.] z [lo z] z [lo z] . [.] c [.] k [k]; . k [k] g [g] g [g] g [g]; gh *k
[.] 9 [.] 8
5
*g g [g]; j [.] g [g]; j g [g]; . g [g] k [k]
[.] 5 [.] 5; dz
*g. [.] 10 ku b [b]; d [d] u [w]; gu b [b]; m, *k.
[k.] 5; g [g] 6 [g.] 15 bh [w] 8

8
*b. bh [b.] b [b] b [b] b [b] b [b]; w p [p] p [p] ph [p.] f [f]; b b [b]; m, *.
[w] 8 bh [il m,
w] 8
8
*d. dh [d.] d [d] d [d] d [d] d [d] t [t]; c t [t] th [t.] f [f]; d ; d [d]; dh *ð
[c] 5 b [b] 14 [ð] 8
*.. h [.] z [lo z] z [lo z] . [.] j [.]; z [lo k [k]; . k [k] ch [k.] h [il h]; h g [g]; gh *.
z] 8 [.] 5 [il h] / g [.] 5
*g. gh [g.]; h g [g]; . g [g]; . g [g] g [g]; . [.] [g] 9
[.] 5 [.] 5 [.] 5; dz 5

*g. [.]] 10 ku ph [p.]; th f [f]; g [g] g [g] *..


[k.] [t.] 5; ch / u [w] 8;
[k.] 6 gu [g.] 15

11
*s s [s]; . [.] h [il h, s [s]; x s [s]; . [.] h [il h]; s s [s]; . . [s] h [il h]; s s [s]; r [r] s [s] *s; * z
x]; s [s] [x] 11 11
[s] 2; [-] 8 [.] [s] 2; [-] 8 8 3

2 11
; . [.]
*m m [il m] m [il m] m [il m]; m [il m]; m [il m]; m [il m [il m [il m]; n m [il m] b [b]; m, *m; Ø
. [.] 13 n [n] 13 n [n] 13 m]; Ø m]; n [n] 13 bh [il m, 13
13 13
[n] w] 8; n [n]
13

*n n [n] n [n] n [n] n [n] n [n] n [n]; ñ n [n] n [n] n [n] n [n] *n
[.]
*l r [r] (il r [r] l [l] l [l] l [l]. [. l [l] l [l] l [l] l [l] l [l] *l
quadrante. >.]
l [l])
*r r [r] r [r] r [r] r [r] r [.] r [r] r [r] r [r] r [r] r [r] *r

8
*i. y [j] y [j] j [j] j [j] Ø y [j] y [j] z [?zd /. > i [j]; Ø Ø *j
lo z] / il h
[il h]; Ø 8
*u. v [.] v [w] v [v] v [.] g [g] / w w [w] w [w] W > H / Ø u [w > v] f [f]; Ø / *w
[w] [W > IL H / W [W] 8
-]

II.1.3. Vocali e le consonanti sillabiche


TORT Skr. Av. OCS Lith. Braccio. Toch. Hitt. Gk. Lat. O.Ir Gmc.
A
2
*e a a e e e ä e, i e e e i; ai [.]

*a o a a . ah!, un a a a a

*o o, un un, e a o o o
4 4
un. un.

*. i I, Ø Ø Ø UN, Ø . a e a a UN, Ø

h a

*- Ø Ø e (un?) Ø a e (o) Ø Ø Ø
a ah! a

a un, o
ah!
8
*. . . . . i a/e?; .? e, i . . . .

*. a o a a/o? un, ah . >. . . .

8 8
*. uo u a/.?; .? a . . .; .

*i i i . i i ä i i i i i

*. . . i y [i:] i . . . ei [i:]
(j) (j) 7
gli o y. . o .?
un? 7

. o (j).? 7

4 5 6
*ei . .i, un. ei, ie i e ei . .a.

ie5
*oi . ai, e oi . oe ai

*ai sì ai ae ae

8
*.i .i; . .i; . (i) 8 i .i > .i .? ai

8 8 u 8
*.i y; u ai; ui ai .i > .i .
*.i . .i > .i ae ai

1
*u u u . u u ä u u u u; o u; au [.]
2

*. . . y . u . . . .
u o (w) w. .o (w)
.? 7

un? 7
(w) 7
.o .?

9
*eu . .. u, ao ju iau oy u u eu . .a; . iu
4

*ou u au o, au ou au

*au aw au au

*.u .u .u u iau .? au

*.u .

um.14
*m. a a . in.; è äm è a em em è um
*m. . . ìm;ùm ama m. m., m., m. m. m.
14

14
*m.m è è .m / .m im;um è è em è

14
*n. a a . iñ;uñ a än a a en en un non

*n. . . ìn; ùn ana n. n., n., n. n. n.


14

14
*n.n a a .n / .n iñ; uñ a a en a
14
*l. . .r. l. /l. il.; ul. al äl al la ol li ul
13 14
*l. .r; .r ar. ìl; ùl ala l. l., l., l. l. l.
13 14
*l.l ir; ur ar .l / .l il; ul al, la al el al

14
*r. . .r. r. /r. ir.; ur. ar är ar ra o ri aur
13 14
*r. .r; .r ar. ìr; ùr ara r. r., r., r. r. r.
13 14
*r.r ir; ur ar .r / .r ir; ur ar ar ar ar

1
di fronte a wa. 2 di fronte a r, h. 3The esistenza di Torta non-allofonico un è disputato. 4 in sillabe
aperte (la legge di Brugmann). 5 sotto stress. 6 di fronte alle consonanti palatali. 7 la cosiddetta
rottura è disputata (esempi tipici sono * proti-h.kwo- > Ved. prát.kam ~ Gk. ........; * gwih.u.o- >
Ved. j.vá- ~ il Braccio. keank', Gk. ....; * duh.ro- > Ved. d.rá- ~ il Braccio. erkar, Gk. .....) 8 in una
finale sillaba. 9Before velars ed atono 10 Prima. nella sillaba seguente. 11 di fronte agli nella sillaba
seguente. 12In una sillaba chiusa. 13 nel quartiere di labials. 14In il quartiere di labiovelars.

II.2. Dorsals: La domanda di Palatovelar


1. Paragone diretto in primo IE studia, informò dal Centum-Satemisogloss, produsse la
ricostruzione di tre file delle consonanti dorsali in Tardo proto-Indo-europeo da Bezzenberger
(1890), una teoria che divenne classica dopo che Brugmann (Grundriss, 1879) l'incluse nella sua 2
Edizione. Il palatovelars [il kj], [il gj], e [il gjh] era apparentemente [k] - o [g] - come suoni che subirono
una caratteristica cambio fonetico nelle lingue di satemized. tre "file velare originali" erano
divenute poi due in tutti i dialetti Indoeuropei attestati.

NOTA. È disputato se resti di show albanesi di due o tre serie (il cf. Ölberg 1976, Kortlandt 1980
Pänzer 1982), anche se il fatto che solamente il dialetto di IE noto (ed isolò né remoto) e peggiore
potesse essere il solamente uno per mostrare dei resti del sistema fonetico e più grande è davvero
molto improbabile.

Successivamente quella credenza originale, poi Il gruppo di centum di lingue unì il palatovelars [il
kj
], [il gj], e [il gjh] col semplice velars [k], [g], e [il gh], mentre i satem raggruppano di lingue unì il
labiovelars [il kw], [il gw], e [il gwh] col semplice velars [k], [g], e [il gh].

NOTA. Tale ipotesi sosterrebbe poi un'evoluzione [il kj] > [k] dei dialetti di Centum di fronte ad ed
ed i, quale chiaramente è contro il tendence generale di velars per trasportare in avanti la sua
articolazione e rendere palatale in questi ambienti.

2. L'esistenza del palatovelars come fonemi separa dal semplice velars e labiovelars è stato
disputato. In più circostanze loro sembrano essere allofono che danno luogo dalla neutralizzazione
delle altre due serie alle particolari circostanze fonetiche. La loro articolazione dialettale
probabilmente fu costretta, o ad un ambiente fonetico (come evoluzione romanica del latino [k] di
fronte a [e] e [i]) e speciale, o all'analogia di avvicendare forme fonetiche. Comunque, è difficile
indicare precisamente quello che il circostanze dell'allophony è, anche se generalmente è accettato
che la neutralizzazione accadde dopo s ed u, e spesso di fronte a r.

Molti linguisti di Torta ancora credono che tutte le tre serie erano distinte in Tardo proto-Indo-
europeo, anche se show di ricerca più nuovo che le serie di palatovelar erano un più tardi sviluppo
fonetico di certi dialetti di Satem, più tardi esteso ad altri; questa credenza era originalmente
articuled da Antoine Meillet nel 1893, e fu seguita da linguisti come Hirt (1899, 1927), Lehman
(1952), Georgiev (1966), Bernabé (1971), Steensland (1973), Miller (1976), Allen (1978), Kortlandt
(1980), Scudi (1981), Adrados (1995), ecc.

NOTA. C'è comunque, una minoranza che considera il labiovelars un sviluppo secondario dal
velars puro, e ricostruisce solamente velars e palatovelars (Kury.owicz), già criticati da Bernabé,
Steensland, Miller ed Allen. Ancora meno l'accettazione aveva la proposta per ricostruire solamente
un labiovelar ed una serie palatale (Magnusson).

3. Il trend originale (logico) per distinguere tra serie di dorsals di "satemizable", chiamò 'il
palatovelars', e "non-satemizable" il dorsals, il 'velars puro', era il chiarimento più facile trovato da
neogrammarians che apparentemente aprì un caso diverso per ogni irregolarità che loro hanno
fondato. Tale risposta iniziale dovrebbe essere considerata erronea oggi, almeno come un'inizio-
punto ottenere un migliore chiarimento per questo "enigma (Bernabé) fonologico."

NOTA. "Suoni palatali" e Velars appaiono soprattutto in distribuzioni complementari, cosa


sostiene il loro chiarimento come allofono degli stessi fonemi. Meillet (1937) stabilisce i contesti in
che ci sono solamente velars: di fronte ad un, r, e dopo s, u, Georgiev (1966) afferma che i
palatalization di velars sarebbero dovuti essere prodotti di fronte ad e, i, j e di fronte a liquido o
nasale o w + e, i, offrendo dati statistici che sostengono le sue conclusioni. La presenza di reso
palatale velare prima che o è prodotto poi a causa di analogia con radici nelle quali (a causa
dell'alternance di apophonic) il fonema velare è trovato di fronte ad ed ed o, così l'alternance * kje /
*ko sarebbero livellati come * kje / *kjo.
Argomenti in favore di solamente uno serie di velars includono:

Un) L'esistenza di risultati vacillanti tra cosiddetti dialetti di "Satem diversi", come e.g..:

ak / ok, acuto il cf. Lith. akúotas, O.C.S. ostru, O.Ind. asrís, Braccio. aseln, ma Lith. asrùs.

akmn, pietra, cf. Lith. akmuõ, O.C.S. kamy, O.Ind. á.ma, ma Lith. âsmens.

keu, splendore, cf. Lith. kiáune, Russ. kuna, O.Ind. Svas, braccio. sukh.

bhleg, splendore, cf. O.Ind. bhárgas, Lith. balgans, O.C.S. blagu, ma Ltv. blâzt.

gherdh, includa, O.Ind. grhá, Av. gºrºda, Lith. gardas, O.C.S. gradu, Lith. zardas, Ltv. zârdas.

swékuros, suocero, cf. O.Sla. svekry, O.Ind. .va .ru.

ecc.

B) L'esistenza di paia diversi ("satemized" e "non-satemized") nella stessa lingua, come e.g..:

selg, getto, cf. O.Ind. s.játi, sargas

kau / keu, gridi, cf. Lith. kaukti, O.C.S. kujati, Russ. sova (come Gk. kauax); O.Ind. kauti,
suka -.

kleu, senta, Lith. klausýti, slove, O.C.S. slovo; O.Ind. karnas, sruti, srósati, .rnóti, sravas.

leuk, O.Ind. rokás, ru.ant-.

ecc.

NOTA. Il vecchio argomento proposto da Brugmann (e più tardi copiò da molti dizionari) sui
prestiti" di "Centum non è sostenibile oggi. Per più su questo, veda Szemerény (1978), Mayrhofer
(1952), Bernabé (1971).

C) Non-coincidenza in periodi e numero di palcoscenici di satemization; come, il Vecchio


indiano mostra due tappa, 1) la Torta k > O.Ind. s, e 2) qe di Torta, qi > O.Ind. ke, ki & ske di
Torta, sci > O.Ind. c (il cf. cim, candra, ecc.). In slavo, comunque tre tappa sono trovate, 1) la Torta
k > s, 2) il qe, qi >. (.to, .elobek), e 3) il qoi > il koi > ts di kegives (come Sla. tsená).

D) Nella maggior parte attestò lingue che il presente aspirò come risultato dei cosiddetti "suoni
palatali", il palatalization di altri fonemi è attestato anche (e.g.. palatalization di labiovelars di fronte
ad e, i, ecc.), quello che può indicare che c'è un vecchio trend per rendere palatale tutti i possibili
suoni dei quali il palatalization di velars è il più vecchio attestati risultato.

E) L'esistenza di 'dialetti di Centum nei cosiddetti dialetti Meridionali, come greco e dei dialetti
paleo-balcanici e la presenza di Tocharian, un 'il dialetto di Centum', in Asia Centrale,
probabilmente essendo un dialetto di IE settentrionale.

4. Generalmente si crede che Satemization avesse potuto cominciare come un tardo dialettale
'l'onda' (anche se non necessariamente), quale eventualmente colpì pressocché tutta Torta gruppi
dialettali. L'origine probabilmente sarà trovata in velars seguito da e, gli anche se forme alternate
come gen / goncaused le naturali correzioni di analogycal all'interno di ogni dialetto che ancora
oscura più la situazione originale. Così, non-satemized forme nelle cosiddette lingue di Satem
davvero sono non-satemized resti della situazione originale, nel momento in cui lo spagnolo ha feliz
e non * il heliz, o fácil e non il hácil, o francese usa facile e natura, e non * il fêle o * nûreas uno
dovrebbe aspettarsi dalla sua evoluzione fonetica. Delle irregolarità sono spiegate davvero come
prestiti da non-satemized i dialetti.

5. Quelli che sostengono il modello della distinzione tripla in Torta citano l'evidenza da albanese
(Pedersen) ed armeno (Pisani) che loro trattarono differentemente almeno il semplice velars dal
labiovelars in alcuno circostanze, così come il fatto che Luwian apparentemente aveva riflessi
distinti di tutte le tre serie: * il kj > lo z (probabilmente [il ts]); * k > k; * il kw > il ku (possibilmente
ancora [il kw]) (Craig Melchert).

NOTA. Anche, uno dei problemi più difficili che si sostengono nell'interpretazione del
satemization come è un'onda fonetica che, anche se in più casi la variazione * kj / k o possono essere
attribuiti ad un ambiente fonetico o all'analogia di apophonic alternato forma, ci sono dei casi nei
quali né uno né gli altri, possono essere applicati. Paragone per okjt di esempio. (u), otto di fronte a
che presentano k un occlusivo in una forma che non mostra cambio (immaginare una sincope di un
più vecchio * l'okjit., come fa Szemerényi, è un hoc di annuncio di chiarimento). Altri esempi nei
quali i palatalization non possono essere spiegati dal prossimo fonema né da analogia è swekr.-, la
madre di marito, akmon, pietra, peku, bestiame bovino. Comunque, eccezioni così (ancora)
inspiegate non sono sufficienti per considerare l'esistenza di una terza fila di 'più tardi rese palatale'
il velars (Bernabé, Cheng & Wang), anche se ci sono ancora studiosi che ritornano all'appoggio
dell'ipotesi delle tre file velare (il viz. Tischler 1990).

6. Un sistema di due gutturals, Velars e Labiovelars, è un'anomalia linguistica, isolato nella Torta
sottosistema occlusivo. non ci sono nessuno bw-b di opposizioni paralleli, pw-p tw-t, dw-d, ecc.
Solamente uno caratteristica, la loro pronuncia con un arrotondamento accompagnante dei labbra
aiuta a distinguerli dall'un l'altro. Labiovelars gira velars prima - u, e ci sono delle posizioni di
neutralizzazione che aiutano ad identificare labiovelars e velars; anche, in dei contesti (e.g.. prima -
i, - e) velars tendono a trasportare in avanti la sua articolazione ed eventualmente rendere palatale.
Ambo i trend eventualmente condussero a Centum ed il dialectalization di Satem.

II.3. La teoria laringea


1. La teoria laringea è una teoria generalmente accettata di linguistica storica che propone
l'esistenza di un set di tre (o su a nove) suoni consoni che appaiono in più ricostruzioni correnti
della lingua proto-Indo-europea (Torta). Questi suoni sono scomparsi da allora in tutte le lingue
Indoeuropee ed esistenti, ma si crede che dei laryngeals siano esistiti nelle lingue di Anatolian,
incluso Hittite.

NOTA. In questa grammatica Indoeuropea e Moderna, suoni così incerti sono sostituiti dalle
vocali che loro hanno prodotto nella Tarda Torta dialetti (un - un frequentemente sostituisce
l'indogermanicum di schwa tradizionale), cf. MIE patérfor Torta * il ph2tér, MIE .kt. (u), otto, per
Torta * h3ekteh3, ecc. Di nuovo, per un MIE basò sui dialetti nordovest, la ricostruzione così più severa
probabilmente darebbe una lingua più semplice nelle condizioni delle irregolarità fonetiche
(apophony di ablautor), ma anche una lingua fonologicamente troppo diverso dal latino, dialetti
greci, germanici e Balto-slavi. Ricostruzioni con laryngeals spesso sono mostrate ciononostante, in
questa grammatica come 'fonti etimologiche, così parlare, come sono mostrate le Vecchie forme
inglesi quando spiegando una parola inglese e Moderna in dizionari moderni. Il resto di questo
capitolo offre una descrizione particolareggiata degli effetti di laryngeals nella fonologia di IE e la
morfologia.

2. L'evidenza per loro è quasi sempre indiretta, ma servizi come un chiarimento per le differenze
tra suoni vocalici attraverso lingue Indoeuropee. Per esempio, Sanscrito ed il greco Antico, due
discendenti di Torta, esibisca molte parole simili che hanno suoni di vocale differenti. Presuma che
la parola greca contiene la vocale [e] e la parola Sanscrita e corrispondente contiene [i] invece. La
teoria laringea postula originalmente queste parole avevano le stesse vocali, ma una consonante
vicina che era scomparsa da allora aveva alterato le vocali. Se uno identificasse la consonante fatta
ipotesi come [il h1], poi la parola di Torta originale ha potuto contenere qualche cosa come [l'eh1] o
[l'ih1], o forse un suono completamente diverso come [l'ah1]. I valori fonetici ed originali dei suoni
laringei rimangono controversi (v.i.)

3. Gli inizi della teoria furono proposti da Ferdinando de Saussure in 1879, in un articolo
principalmente dedicato a qualche cosa l'altro complesso (dimostrando che * un e * o sia fonemi
separati in Torta). Comunque, le osservazioni di Saussure non realizzarono valuta generale fino a
che dopo che Hittite fu scoperto e fu decifrato di primo 20 secolo. Hittite aveva un suono o sembra
scritto con simboli dall'Akkadian syllabary trascritto convenzionalmente come., come in te-i. -.i, "io
misi, sta mettendo." Le varie proposte evidentemente più insoddisfacenti furono fatte per connettere
poi questi (o questo) alla Torta sistema consono come ricostruì. Rimase per Jerzy Kury.owicz
(indoeuropéennnes di Études io, 1935) per proporre che questi suoni rigato su con le congetture di
Saussure. Da allora poi, la teoria laringea (in uno o un'altra forma) è stata accettata da più Indo-
europeisti.

4. La tarda scoperta di questi suoni di Indo-europeisti è grandemente a causa del fatto che Hittite e
le altre lingue di Anatolian sono le uniche lingue Indoeuropee dove almeno alcuni di loro sono
attestati direttamente e costantemente come suoni consonantici. La loro presenza sarà vista
soprattutto altrimenti, attraverso gli effetti che loro hanno su suoni vicini, e su modelli di
alternazione nel quale loro partecipano; quando un laringeo è attestato direttamente, è come una
vocale (come negli esempi greci sotto) di solito. La maggior parte di Indo-europeisti accetta almeno
della versione di teoria laringea perché la loro esistenza semplifica altrimenti alcuni duro-a-
spiegano cambi di suono e modelli di alternazione che appare nelle lingue Indoeuropee, e risolvono
dei misteri minori, come perché radici di verbo che contengono solamente una consonante ed una
vocale ha vocali solamente lunghe e.g.. *"dia"; ri-ricostruendo * il deh3 - invece non solo conti per i
modelli dell'alternazione più economicamente di prima, ma porta la radice in linea con la
consonante di base - la vocale - tipo Indoeuropeo e consono.
5. Ci sono molte variazioni della teoria Laringea. Alcuni studiosi, come Oswald Szemerényi
ricostruiscono solo uno. Alcuni seguono la ricostruzione di Jaan Puhvel di otto o più (in contributo
suo per Attestare per Laryngeals, ed. Werner Winter). La maggior parte di studiosi funziona con un
di base tre:

* il h1, il "neutrale" laringeo

* il h2, il "un-colorando" laringeo

* il h3, il "o-colorando" laringeo

Molti studiosi o insistono comunque, su o lasciano spazio ad una quarta consonante, * h4 dal quale
differisce * il h2 solamente nel non essere riflesso come Anatolian.. Di conseguenza, eccetto quando
discutendo Hittite attesta, l'esistenza teoretica di un * il h4contributes poco. Un altro tale teoria, ma
molto meno generalmente accettò, è Winfred P. La prospettiva di Lehmann che * h1 davvero era due
suoni separati, a causa di riflessi incoerenti in Hittite. (Lui presunse quell'era una fermata della
glottide e l'altro una fricativa della glottide.)

Un po' di evidenza diretta per le consonanti laringee da Anatolian:

Torta * l'ais un suono di rarish, ed in un insolitamente il grande numero delle buone etimologie è
parola-iniziale. Così la Torta (tradizionale) anti, di fronte ad ed affrontando > antí greco "contro";
Quota aggiuntiva latina "di fronte a, prima"; (Ánti Sanscrito "vicino; nella presenza di"). Ma in
Hittite è un nome .ants "fronte, affronti", col vario derivatives (.antezzi "prima", e così su,
aguzzando ad un radice-nome di Torta * il h2ent - la "faccia" (di che * h2enti sarebbero i locativo
singolare).

NOTA. Non segue necessariamente che tutto ricostruì forme di Torta con iniziale * ashould è
automaticamente rewritten come Torta * il h2e.

Similmente, la ricostruzione di Torta tradizionale per 'la pecora' è * l'owi -, donde il ávi di Skt -,
ovis latino, óïs greco. Ma ora Luvian ha .awi-, indicando invece una ricostruzione * il h3ewi -.

Ma se laryngeals come le consonanti prima furono chiazzate solamente in Hittite nel 1935, quale
era la base per le congetture di Saussure alcuni 55 anni più presto? Loro saltarono da un reanalysis
di come i modelli dell'alternazione vocalica in radici proto-Indo-europee di struttura diversa
allineate con l'un l'altro.

6. Una caratteristica di struttura di morfema proto-Indo-europea era un sistema delle alternazioni


vocaliche battezzò apofonia ('suono alternato') dai primi studiosi Tedeschi ed ancora generalmente
saputo da quel termine, eccetto in lingue romaniche, dove il termine apophony è preferito. Molto
diverso tali modelli sono stati discernuti, ma il commonest uno, da un margine largo è e / o /
zeroalternation trovato in una maggioranza di radici, in molto verbo e gambi di nome ed anche in
degli affissi (la fine singolare e genitiva, per esempio è attestata come - l'es, - l'os, e - s). Gli stati
diversi stati chiamati gradi di apofonia; e-grado o i "pieni gradi", o-grado e "zero-grado."

Così il sed di radice -, sedere (in giù)", (le radici sono citate tradizionalmente nell'e-grado, se loro
hanno uno) ha tre forme diverse: * il sed -, * ricopra con zolle erbose -, e * lo sd -. Qualche genere
di designare è trovato in tutto l'inventario di radice di Torta e è trasparente:
* il sed -: in sede latina. sta "sedendo", il Vecchio sittan inglese per sedere" < * set-ja - (con
metafonesi) < * il sed -; Hédr greco. il "posto, sedia" < * il sed -.

* ricopra con zolle erbose -: in "trono" di solium latino = (l latino sostituisce sporadicamente
vocali di dbetween, dette da grammatichi romani per essere un Sabine tratto del volto) Vecchio
suide./suð'e irlandese / "una seduta (tutto dettaglia regolare da Torta * il ricoprire con zolle
erbose-jo-m)"; Satjan Gotico = il Vecchio settan inglese per mettere" < (causativo) * sedere-ja -
(metafonesi di nuovo) < la Torta * ricoprire con zolle erbose-eje -. Torta * se-ricoprire con zolle
erbose-e "sedè" > (perfetto) il Sanscrito sa-s.d-un per la legge di Brugmann.

* lo sd -: in combina, come * il ni - "in giù" + * lo sd - = * il nisdos il "nido": Inglesi fa il nido


< Prototedesco * il nistaz, n.dus latino < * il nizdos (tutti gli sviluppi regolari). I 3pl (terzo
plurale di persona) del perfetto sarebbero stati * se-sd-r. donde Indo-iraniano * il sazd. che dà (da
sviluppi regolari) sedur/s.dur Sanscrito /.

Ora, oltre alle radici di luogo comune della consonante + la vocale + la struttura consona è bene-
attestata là anche le radici piace * dh.- "mise, luogo": questi finiscono in una vocale che è lunga
nelle categorie sempre dove le radici piace * il sed - abbia i pieni gradi; ed in quelle forme dove
azzera il grado si sarebbe aspettato, di fronte ad un inizio di affisso con una consonante, noi
troviamo una vocale corta, ricostruì come *., o schwa (più formalmente, indogermanicum di
primum di schwa). Le corrispondenze di croce-lingua di questa vocale sono diverse dalle altre
cinque vocali corte.

NOTA. Di fronte ad un inizio di affisso con una vocale, non è nessuna traccia di una vocale nella
radice, come mostrato sotto.

Qualunque cosa causato una vocale corta per scomparire completamente in radici piace * il sed - /
* ricopra con zolle erbose - / * lo sd -, era un'inferenza ragionevole che una vocale lunga sotto le
stesse condizioni non sparirebbe completamente, ma lascerebbe un genere di residuo. Questo
residuo è riflesso come gli in Indic mentre cade in iraniano; dà variamente e, un, o in greco; cade
soprattutto insieme coi riflessi di Torta * l'ain le altre lingue (tenendo presente sempre che vocali
corte in sillabe non-iniziali subiscono le varie avventure in Corsivo, celtico, e germanico):

* "dia": in d.num latino "doni" = il Vecchio dán / d irlandese.. / e dâna Sanscrito - (â =. con
accento tonico); Dí-d.-mi greco (presente riduplicato) "io do" = dád.mi Sanscrito. Ma nei participi,
dotós greco "dato" = ditá Sanscrito -, datusall latino < *.

* la "bancarella": in híst.mi greco (presente riduplicato, regolare da *), Sanscrito un-sth.-t aorist
"stettero in piedi", "testimonianza" di test.mentum latina < * < * ("terza festa" o il piaccia). Ma
sthitá Sanscrito - "stette in piedi", stasís greco "una posizione", statum di infinitivo supino latino
per stare in piedi."

La saggezza convenzionale fiancheggiò su radici del * il sed - e * dattilografa come segue:

Pieni gradi Gradi deboli


sed -, ricopra con zolle erbose- sd- "sieda"
d.- , d- "dia"

Ma ci sono gli altri modelli di radici "normali", come quelli finendo con uno dei sei resonants (* j
w r m di l n), una classe di suoni cui la particolarità in Proto-Indo-Eruopean è che loro sono ambo
sillabico (vocali, in effetto) e le consonanti, dipendere che da che suoni, è adiacente:

Radice * il bher - /bhor-/bhr.- ~ il bhr - "porti"

* il bher -: in fer latino. = phér greco., Avestan sbarra., il Vecchio biur irlandese, il Vecchio bera
inglese tutto che "io porto"; Ferculum latino il "catafalco, figliata" < * il bher-tlo - "perfezioni per
portare."

* il bhor -: in "bambino" di granaio Gotico (= quadrante inglese. bairn), phoré greco. "io porto
[i vestiti]" (formazione di frequentative, * "porti circa"); Bhâra Sanscrito - il "carico (* il bhor-o -
via la legge di Brugmann)."

* bhr.- di fronte alle consonanti: Bh.-tí- Sanscrito "un trasporto"; Gabaurþs Gotico /gabor.s/, il
Vecchio gebyrd / yebürd inglese /, Massimo di Vecchio geburt Tedesco ogni "nascita" < * il
gaburdi - < * bhr.-tí-

* il bhr - di fronte a vocali: Ved bibhrati 3pl. "loro portano" < * bhi-bhr-n.ti; "Di-phrós greci
viaggiano in cocchio footboard grande abbastanza per due uomini" < * il dwi-bhr-o -.

L'acume di Saussure era allineare le radici di lungo-vocale piaccia *, * con radici piaccia * il bher
-, piuttosto che con radici del * il sed - il genere. Ovvero, non trattando "schwa" come un residuo di
una vocale lunga ma, come il * r di * il bher - / * il bhor - / * bhr.-, un elemento che era presente
nella radice in tutti i gradi ma che nelle piene forme di grado si riunì con una vocale di e / oroot
comune per fare una vocale lunga, con 'il colorante' (fonetica cambiata) dell'e-grado nell'affare;
l'elemento di mistero fu visto da solo solamente in zero forme di grado:

Pieni gradi Zero grado


bher -, bhor- bhr.- / bhr- "porti"
deX, doX- / il dX- "dia"

* . = forma sillabica dell'elemento di mistero


Saussure trattò solamente due di questi elementi, corrispondendo a nostro * il h2 e * il h3. Più tardi fu
notato che il potere esplicativo della teoria, così come la sua eleganza, fu migliorato se un terzo
elemento fosse aggiunto, nostro * h1.which ha lo stesso allungamento e proprietà di syllabifying
come l'altre due ma non ha effetto sul colore di vocali adiacenti. Saussure non offrì suggerimento
come alla fonetica di questi elementi; il suo termine per loro, "sonantiques di coéfficiants", non era
nondimeno una caramella fondente, ma soltanto il termine in uso generale per scivola, nasals, e
liquidi (i.e., il resonants di Torta) come in radici piaccia * il bher -.

Come menzionato sopra, in forme piaccia * il dwi-bhr-o - (etimo di diphrós greco, sopra), i
sonantiques di coéfficiants" nuovi" non hanno (diversamente da sei resonants) riflessi a tutto in
alcuna lingua di figlia. Così il composto * mn.s-dheh- "a 'ripari pensiero', sia devoto, succeda un
nome forme rapite" * mn.s-dhh-o- visto in proto-Indo-iraniano * il mazdha - donde medhá
Sanscrito - /m.dha/ "rito sacrificale, santità" il mazda di Avestan (sviluppo regolare come in sedur
< * sazdur, sopra) - "nome (originalmente un epiteto) della più grande divinità."

C'è qualche genere di radice non problematica nel quale obstruents affiancano un risonanti. Nel
grado del zero, diversamente da caso con radici del * il bher - il tipo, il risonante è perciò sempre
sillabico (essendo tra le due consonanti sempre). Un esempio sarebbe * il bhendh - "cravatta, legame":

* il bhendh -: in forme germaniche come il Vecchio bindan inglese per allacciare, leghi", bindan
Gotico; Beñdras lituano il "amico intimo", pe.sma greci "legano con corde, cavo" /p.sma/ < * il
phenth-sma < * il bhendh-smn.

* il bhondh -: in bandhá Sanscrito - la "obbligazione, assicurando" (* il bhondh-o -; La legge di


Grassmann) = il Vecchio bant islandese, bænd di OE; Vecchio bænd inglese, nastro Gotico "lui
allacciò" < * (bhe) il bhondh-e.

* bhn.dh-: in baddhá Sanscrito - < *, (la legge di Bartholomae) il Vecchio gebunden inglese, bundan
Gotico; Bund Tedesco la "lega." (Inglesi lega ed il confine mostra gli effetti di allungamento
vocalico e secondario (Centro l'inglesi); la lunghezza originale è preservata in fascio.)

Questo è del tutto diritto e tali radici vanno bene direttamente nei modelli complessivi. Meno
quindi è certe radici che sembrano andare come qualche volta il * il bher - il tipo, e qualche volta
essere diversamente da qualsiasi cosa altro, con (per esempio) longsyllabics negli zero gradi mentre
a punteggiatura di tempi ad una struttura di radice di due-vocale. Queste radici state chiamate "basi
variamente pesanti", "dis (s) "radici di yllabic, e "se. le radici" (l'ultimo che è un termine dalla
grammatica di s di P..ini. Sarà spiegato sotto).

"Per esempio, la radice nasce, sorga" è dato nei dizionari etimologici e soliti come segue:

A. *gen -, * il gon -, * gn.n-

B. *, * gon.-, * gn..- (dove n. = un n sillabico e lungo.)

Accadono le (A) forme quando la radice è seguita da un inizio di affisso con una vocale; le (B)
forme quando l'affisso comincia con una consonante. Come menzionato, la pieno-grado (A) forma
guardi solo come il * il bher - il tipo, ma gli zero gradi hanno riflessi di resonants sillabico sempre e
solamente, solo come il * il bhendh - il tipo; e diversamente da altro tipo, è una seconda vocale di radice
(sempre e solamente *.) che segue la seconda consonante:

*gen (.)-
Torta di · * il genos - "corsa di s-gambo di neut, clan" > génos greco (Omerico), - l'eos, jánas
Sanscrito -, lo zan di Avestan., genere latino, - l'eris.

Greek gené-t.s "genitore, padre"; géne-sis < * la "origine"; Jáni-uomo Sanscrito - "nascita,
lignaggio" jáni-impecia - il "progenitore, generi", genitus latino "generato" < il genatos.

*gon (e)-

Sanscriti "generano" = il Vecchio cennan / kennan inglese / < * il gon-eje -


(causativo); Jána Sanscrito - la "corsa" = (o-gambo di o-grado) gónos greco, - "discendente" di ou.

Sanscrito. "nasceva < * il ge-gon-e.

*gn.n- / * il gn.-

Gotico il "clan, famiglia" = OE cynn / künn /, ceppo inglese; Rigvedic jajanúr 3pl.perfect
< * ge-gn.n- (una reliquia; la forma Sanscrita e regolare in paradigmi come questo è jajñur, un
rimodellando).

Sanscrito "nato" = n.tus latino (Vecchio gn.tus latino, e cf. "forme come cogn.tus
riferirono da nascita", "fratello" di kasí-gn.tos greco); Gn.sios greco che "appartiene alla corsa."
(Il. in queste forme greche può essere mostrato per essere sviluppi originali, non attico-ionico da
proto-greco *..)

NOTA. I P..inian chiamano "se". (ovvero, sa-i -.) letteralmente è "con un / i /." Questo si riferisce
al fatto che radici così designò, come jan - "nasca, abbia un / i / tra la radice ed il suffisso, come noi
abbiamo visto in jánitar Sanscrito -, jániman -, janitva (un gerundio). Cf. Tali formazioni
costruirono a "ani". ("senza un / i /") le radici, come han - "uccida": hántar - il "assassino", hanman
- "un'uccisione", hantva (gerundio). Nell'analisi di s di P..ini, questo / i / è una vocale di
concatenamento, non propriamente una parte della radice o il suffisso. È semplicemente che alcune
radici sono in effetto nell'elenco che consiste delle radici che (come noi lo metteremmo) 'prenda un
- i - '.

I riflessi sorprendenti di queste radici in zero grado prima che una consonante (in questo caso,
Sanskrti., n greco., n latino., ìn lituano) è spiegata dall'allungamento del (originalmente
perfettamente comune) sillabico risonante di fronte al perduto laringeo, mentre lo stesso laringeo
protegge lo status sillabico del precedendo risonante anche prima che un inizio di affisso con una
vocale: il jajanur di forma Vedico ed arcaico citato sopra di è strutturalmente completamente lo
stesso (* ge-gn.h.-r.) come una forma piaccia * da-d..-ur "loro videro" < * de-dr.k-r.

Incidentalmente, ridisegnando la radice come * il genh - ha un'altra conseguenza. Molto delle


forme Sanscrite citate sopra di venga da quello che sembra vocali di radice di o-grado in sillabe
aperte, ma non riesca ad allungare a -.- per la legge di Brugmann. Tutto diviene chiaro quando è
capito che in tali forme come * il gonh - di fronte ad una vocale, il * o non è infatti in una sillaba
aperta. Ed a turno che vuole dire che una forma come O.Ind. "jaj.na nasceva, quale apparentemente
mostra l'azione della legge di Brugmann, davvero è un testimone falso: nel tempo verbale perfetto e
Sanscrito, la classe intera di se. radici, masse di en acquisito la forma dell'ani. 3 cantano. forme.

Ci sono anche radici che finiscono in una fermata seguite da un laringeo, come * pleth.- / * pl.th.-
"sparse, appiattisca" da che p.thú- Sanscrito masc "largo." (= Avestan p.r..u-), p.thiv.- fem., Platús
greco (zero grado); Skt. prathimán - la "ampiezza", (pieno grado) platam.n greco pietra piatta." Il
laringeo spiega (a) il cambio di * t a * il th in proto-Indo-iraniano, (b) la corrispondenza tra il greco
- un -, Sanscrito - i - e nessuna vocale in Avestan (Avestan p.r..w. fem "largo." in due sillabe contro
p.thiv.- Sanscrito nel tre).

La cautela doveva essere usata nell'interpretare dati da Indic in particolare. Il Sanscrito rimase in
uso come una lingua poetica, scientifica, e classica per molti secoli, e la moltitudine di modelli
ereditati dell'alternazione di motivazione oscura (come la divisione in se. ed ani. le radici) offrì
modelli per coniare forme nuove sui modelli "sbagliati." Ci sono molte forme come t..ita-
"assetato" e tániman - il "slendernes", ovvero, se. le formazioni ad ad inequivocabilmente ani. le
radici; ed al contrario. l'ani. forme come píparti i "riempimenti", p.ta- "riempì", a sicuramente se. le
radici (il cf. il 'vero' participio passato, p.r.á-). Conserve Sanscrite gli effetti della fonologia laringea
con chiarezza meravigliosa, ma la bellezza sul linguista storico con un occhio minaccioso: per
l'evidenza doveva essere pesata attentamente anche in Sanscrito Vedico, con preoccupazione dovuta
per l'antichità delle forme e la tessitura complessiva dei dati.

Laryngeals dispersi possono essere trovati in isolato o apparentemente essere isolati forme; qui la
tre-modo riflessi greci di sillabico * il h., * il h., * il h. è particolarmente utile, come visto sotto.

* .1 in ánemos greco "lasciano senza fiato" (il cf. Animosità latina "alito, spirito; irriti", aniti
Vedico "respira") < * an.- "respirano; colpo (ora * h.enh.-)." Forse anche híeros greco "possente,
super-umano; divino; santo", cf. I.irá- Sanscrito "vigoroso, energico."

* .2 in pat.r greco "generano" = pitár Sanscrito -, il Vecchio fæder inglese, fadar Gotico, pater
latino. Anche * il meg. il "grande" neut. > Méga greco, máhi Sanscrito.

* .3 in árotron greco "arano" = aradr gallese, il Vecchio arðr scandinavo, árklas lituano.

Il greco forma ánemos e árotron sono particolarmente preziosi perché le radici di verbo in
questione è estinto in greco come verbi. Questo vuole dire che non c'è nessuna possibilità di di (il
parente esatto alla forma greca sarebbe stato * l'aretrum) il genere di interferenza analogica, come
per l'esempio accadde nel caso di ar.trum latino "aratro" la cui forma è stata distorta dal verbo ar.re
per arare." Era standard spiegare le vocali di radice di thetós greco, statós dotós "misero, stette in
piedi, determinato" come analogico. La maggior parte di studiosi oggi probabilmente li prende
come originale, ma nel caso di "vento" e "ara", l'argomento non può venire anche su.

Riguardo a híeros greco, l'affisso di falso-participio * - il ro - è aggiunto direttamente alla radice di


verbo, così * is.1-ro - > * l'isero - > * l'ihero - > il híeros (con atavismo regolare dell'aspirazione
all'inizio della parola), ed i.irá- Sanscrito. Sembra non essere nessuna domanda dell'esistenza di una
radice * l'ejsh - "vigorosamente si muova / causa per muoversi." Se la cosa cominciasse con un
laringea, e la maggior parte di studiosi sarebbe d'accordo che faceva, dovrebbe essere * il h1 -,
specificamente; e che è un problema. Una radice della forma * il h1ejsh1 - non è possibile.
L'indoeuropeo non aveva nessuno radici del tipo * il mem -, * il tet -, * il dhredh -, i.e., con due copie
della stessa consonante. Ma greco attesta una più prima (e piuttosto più estesamente-attestato)
forma dello stesso significato, híaros. Se noi ricostruiamo * il h1ejsh2 -, tutti i nostri problemi sono
risolti in un colpo. Il chiarimento per gli affari di híeros / híaros è stato discusso da molto, senza
molto risultato; la teoria laringea ora offre l'opportunità per un chiarimento che non esistè prima,
vale a dire metathesis dei due laryngeals. Ancora è solamente una supposizione, ma è una
supposizione molto più semplice e più elegante che le supposizioni disponibile prima.

Il sillabico * .2 in * p.2ter - il "padre" realmente non è isolato. L'evidenza è chiara che l'affisso di
parentela visto in "madre, generi" ecc. davvero era * - il h2ter -. Il syllabified laringeo dopo una
consonante (così pat.r greco, pater latino pitár Sanscrito -; Thugát.r greco, duhitár Sanscrito - la
"figlia") ma allungò una vocale precedente (così dica "madre" di m.ter latina, "fratello" di fr.ter).
anche quando la "vocale" in questione era un sillabico risonante, come in y.taras Sanscrito le mogli"
di "mariti < * jn..t- < * jn.-h.ter-).

Influenzi in morfologia

Come alcuna altra consonante, Laryngeals rappresenta nelle fini di verbi e nomi ed in morfologia
di derivational, l'unico essere di differenza la più grande difficoltà di dire quell'al quale sta
continuando. Indo-iraniano, per esempio, può trattenere forme che abbastanza chiaramente
riflettono un laringeo, ma non c'è nessun modo di sapere quale.

Il seguente è una riduzione di laryngeals in morfologia proto-Indo-europea.

*h1 è visto nella fine strumentale (probabilmente originalmente indifferente a numero, come
espressioni inglesi del tipo da mano ed a piedi). In Sanscrito, i femminile - e gli u-gambi hanno
instrumentals in -., -., rispettivamente. Nel Rigveda, sono alcuni vecchi un-gambi (o-gambi di Torta)
con un strumentale in -.; ma anche in quel testo più grande la fine solita è - l'en., dai n-gambi.

Greco ha degli avverbi in -., ma più importante è le forme Micenee likee-ri-papà-te "con avorio"
(i.e. elefante.? -.?)

Il marcatore del neutro duplice era * - l'ih, come in bharat Sanscrito. "due trasporto uni (il neut.)",
n.man. "due nomi", yuge "due barzellette" (< yuga-i? *yuga -.?). Greco alla liberazione: il ósse di
forma Omerico "i (due) occhi" sono manifestamente da * h.ekw-ih1 (precedentemente * l'okw -.) via leggi
di suono pienamente-regolari (intermediamente * l'okwje).

*-eh1 - deduce il verbo di stative sente da radici di eventive: Torta * il sed - "sieda (in giù)": * sed-eh1 -
"sia in una posizione seduta (> Proto-corsivo * sed-.-je-mos "noi stiamo sedendo" > Latinsed.mus)."
Chiaramente è attestato in celtico, Corsivo, germanico (la Classe IV verbi deboli), e Baltico / slavo,
con delle tracce in Indo-iraniano (In Avestan l'affisso sembra formare gambi passato-abituali).

Sembra probabile, sebbene è meno sicuro, che questo stesso * - h1 è posto sotto al nominativo-
accusativo duplice in o-gambi: V.k Sanscrito., lúk greco. "due lupi." (La fine alternativa -.u in tagli
Sanscriti una piccola figura nel Rigveda, ma eventualmente diviene la forma standard dell'o-gambo
duplice.)

*-h1s - deduce gambi di desiderative come in "desideri di jigh..sati Sanscriti di uccidere" < *
gwhi-gwh.-h2s-e-ti- (radice * il gwhen -, han Sanscrito - "uccida"). Questa è la fonte delle
formazioni di tempo verbale di futuro greche e (con la somma di un suffisso tematico * - je / o -)
l'Indo-iraniano come bene: "bhari.yati porteranno" < * bher-.1s-je-ti.

*-jeh1 - / * - l'ih1 - è il suffisso ottativo per flessi di verbo di radice, e.g.. "Siet latini (vecchio)
possono lui è", s.mus "può noi siamo", sy.t Sanscrito "può lui è", e così su.

*h2 è considerato il marcatore del plurale di neutro: * -.2 nei gambi consoni, * - eh2 nei gambi
vocalici. Molto livellamento e rimodellando è visto nelle lingue di figlia che preservano alcuna fine
a tutto, così il latino ha generalizzato * -.throughout il sistema di nome (più tardi regolarmente
accorciò a - un), greco generalizzò -. < * -.2.
Le categorie "maschile / femminile" chiaramente non esista nella forma più originale di proto-
Indo-europeo, e ci sono tipi di nome molto pochi che sono formalmente diversi nei due generi. Le
differenze formali saranno viste soprattutto in aggettivi (e non tutti) e pronomi. Interessantemente,
ambo i tipi di caratteristica di gambi femminile e dedotta * il h2: un tipo che è dedotto patentemente
dal nominals di o-gambo; ed un ablauting batte a macchina le alternazioni di esposizione fra * - il jeh2
- e * - l'ih2 -. Ambo sono particolari nel non avere marcatore attuale per il nominativo singolare, ed
almeno come lontano come il * - l'eh2 - il tipo, due cose sembrano chiare: è basato sugli o-gambi, ed
il nom.sg. probabilmente è in origine un plurale di neutro. (Un tratto del volto arcaico di morpho-
sintassi Indoeuropea è quelli nomi di neutro di plurale costruiscono con verbi singolari, e piuttosto
possibilmente * il jugeh2was non così molto "barzellette" nel nostro senso, ma "yokage; un
bardatura-su.") Una volta che molto è pensato di, comunque, non è facile unire fuori in giù i
dettagli dei ".-gambi" nelle lingue Indoeuropee dell'Anatolia, e tale analisi non versa luce a tutto sul
* - il jeh2 - / * - l'ih2 - gambi che (come il * gli eh2-gambi) formano gambi aggettivali e femminili e
nomi dedotti (e.g.. "Dea" di dev.- Sanscrita da deva - "dio") ma diversamente da ".-gambi" non
abbia fondazione in alcuna categoria di neutro.

*-eh2 - sembra avere formato verbi di factitive, come in * nuovo-eh2 - rinnovare, faccia di nuovo"
nuovo, come visto in nov.re latino, neá.and Hittite greco tutti (participio) "rinnovano" ma tutti i tre
col senso incinta di "aratro di nuovo; ritorni terra incolta alla coltura."

*-h2 - segnato la 1 persona singolare, con un piuttosto la distribuzione confusa: nel tematico attivo
(il -.ending familiare di greco ed il latino, ed Indo-iraniano -. (il mi)), ed anche nel tempo verbale
perfetto (non realmente un tempo verbale in Torta): * - h2eas in oîda greco "io so" < * il wojd-h2e.
È la base del Hittite che finisce -..i, come in da-a.-.i "io prendo" < * -.a-i (originale * -.a abbellì col
marcatore di tempo verbale primario con livellamento susseguente del dittongo).

*-eh3 possono essere identificati provvisoriamente in un "caso direttivo." Nessuno tale caso è
trovato in paradigmi di nome Indoeuropei, ma tale struttura spiega una raccolta curiosa delle forme
di Hittite piaccia ne-pi-.a" a (in) il cielo", ták-na-un "a, nella terra", un-ru-na il "tothe mare."
Questi sono spiegati come datives di o-gambo in qualche volta - un < * -.j, una fine chiaramente
attestò in greco ed Indo-iraniano, fra altri, ma ci sono problemi seri con tale vista, e le forme sono
estremamente aderenti, funzionalmente. E ci sono anche avverbi adatti in greco ed il latino
(elementi persi in paradigmi produttivi qualche volta sopravvivono in forme disperse, come il
vecchio caso strumentale dell'articolo definito in espressioni inglesi come il più il più allegro): Án
greco. "verso l'alto", kát. "in giù", qu latino. "dove?", e. "a quel luogo"; e forse anche l'Indic â di
preposizione / preverb "a (custodia)" che non ha etimologia in competizione e soddisfacente.
(Queste forme devono essere distinte dagli uni che simile-guarda formati all'ablativo in * -.d e con
un senso di "fromness" distintivo: Óp greco. "donde, da dove.")
Appendice III: I proto-Indo-europei
III.1. Persone
Il Proto-Indo-Europeansare gli oratori della lingua proto-Indo-europea e ricostruita, un persone
preistoriche del Chalcolithic e la prima Età di Bronzo. Loro sono un gruppo di persone cui
l'esistenza da circa 4000 BCE è inferito dalla loro lingua, proto-Indo-europeo.

Delle cose sulla loro cultura possono essere determinate con fiducia, basata sulle parole ricostruite
per la loro lingua:

Loro usarono un sistema di parentela basato su relazioni tra uomini.

Il capo del loro pantheon era dj.us pat.r (illuminato. "padre di cielo") ed una terra dio.

Loro composero e recitarono a memoria a poesia eroica o lirica di canzone che hanno usato
frasi di scorta piace la fama imperitura.

Il clima che loro hanno vissuto nella neve avuta.

Loro erano pastorali e nomadi, rendendo casalingo bestiame bovino e cavalli.

Loro avevano carrelli, con ruote solide ma non ancora carri, con ruote di spoked.

quello che è conosciuto i proto-Indo-europei con alcuna certezza è il risultato della linguistica
comparata, in parte appoggiato da archeologia. I tratti del volto seguenti sono estesamente
convenuto-su, ma si dovrebbe capire che loro sono ipotetici dalla loro natura ricostruita.

I proto-Indo-europei erano una società di patrilineal, probabilmente semi-nomade, contando su


agricoltura animale (notevolmente bestiame bovino e pecore). Loro avevano reso casalingo il
cavallo (ékwos). La vacca (c.us) giocò un ruolo centrale, in religione e la mitologia così come
nella vita quotidiana. La ricchezza di un uomo sarebbe stata misurata dal numero dei suoi animali
(péku, la parola per piccolo bestiame acquisito un significato di "valore" in tassa inglese ed in
pecunia latino).

Loro praticarono una religione politeistica concentrata su riti sacrificali, probabilmente


amministrati da una casta sacerdotale. L'ipotesi di Kurgan suggerisce sepolture in carriole o
camere di tomba. Gli importanti leader sarebbero stati seppelliti con le loro cosa, e possibilmente
anche con membri della loro famiglia o mogli.

There è l'evidenza per il potere sovrano sacro, suggerendo il re tribale alla stessa durata
presunse il ruolo di prete alto. Molte società Indoeuropee sanno una divisione tripla di una classe
di ecclesiastico, una classe di guerriero ed una classe di contadini o agricoltori. Tale divisione fu
suggerita per la società proto-Indo-europea da Georges Dumézil.

Se c'era stata una classe separata di guerrieri, poi probabilmente sarebbe consistito di soli giovani
uomini. Loro avrebbero seguito un codice di guerriero separato inaccettabile nella società fuori del
loro pari-gruppo. Tracce di riti di iniziazione in molte società Indoeuropee suggeriscono che
questo gruppo si identificò con lupi o cani (il cf. Berserker, lupo mannaro).

Technologically, la ricostruzione suggerisce una cultura della prima Età di Bronzo: Il bronzo fu
usato per fare attrezzi ed arma. Argento ed oro furono conosciuti. Le pecore furono tenute per
lana, e tessendo fu praticato per produzione tessile. La ruota fu conosciuta, certamente per carrelli
bue-disegnati, ed in ritardo Proto-Indo la guerra europea si è potuta avvalere anche di carri a
cavalli.

che Il nome natio di queste persone non può essere ricostruito con certezza. Aryo -, qualche
volta alzò come una stesso-identificazione degli indoeuropei, è attestato solamente come una
designazione etnica nella sottofamiglia Indo-iraniana, téuta, "persone" sembra essere stato perso
in dei dialetti.

Gli studiosi del 19 secolo che originalmente ha afferrato la domanda della terra natia originale
degli indoeuropei (Urheimat anche chiamato dopo il termine Tedesco), essenzialmente fu
confinato all'evidenza linguistica. Una localizzazione grezza fu tentata ricostruire i nomi di piante
ed animali (importantemente il faggio ed il salmone) così come la cultura e la tecnologia (una
cultura di Età di Bronzo concentrò su agricoltura animale ed avendo reso casalingo il cavallo). Le
opinioni dotte furono divise fondamentalmente tra un'ipotesi europea, migrazione di positing da
Europa ad Asia, ed un'ipotesi asiatica, tenendo che la migrazione ebbe luogo nella direzione
opposta.

NOTA. Comunque, la controversia era contaminata da nozioni romantiche, nazionalistiche di


invasori eroici a migliore dai suoi primi giorni, e da imperialista ed agende razziste nella peggiore
delle ipotesi. Spesso si presunse naturalmente che l'espansione della lingua era dovuta alle invasioni
da della corsa di ariano superiore. Tali ipotesi soffrirono di una distorsione particolarmente severa
per scopi di propaganda politica dai Nazi. La domanda ancora è la fonte di molta contesa.
Tipicamente, scuole nazionalistiche di pensiero entrambi richiesta i loro rispettivi territori per la
terra natia originale, o mantiene che la loro propria cultura e lingua sono state presenti nella loro
area sempre, mentre rigetta insieme il concetto di proto-Indo-europei.

III.1.1.Archaeology

Ci sono stati molti tentativi di chiedere che le particolari culture preistoriche possono essere
identificatesi col peoples Torta-oratoria, ma tutti sono stati speculativi. Tutto tenta di identificarsi un
persone attuali con una lingua di unattested dipenda da una ricostruzione di suono di quella lingua
che permette identificazione di concetti culturali e fattori ambientali che possono essere associati
con particolari culture (come l'uso di metalli, l'agricoltura contro. pastoralism, piante
geograficamente distintive ed animali ecc).

Nel Marija Gimbutas di ventesimo secolo creò una variazione moderna sulla teoria di invasione
tradizionale, l'ipotesi di Kurgan dopo il Kurgans (tumuli di sepoltura) delle steppe euroasiatiche nel
quale gli indoeuropei erano una tribù nomade in Ucraina Orientale e la Russia meridionale ed
allargato su groppa in molte onde durante il 3 millennio AC. La loro espansione coincise con
l'addomesticamento del cavallo. Segnali archeologici che vanno via della loro presenza, loro
soggiogarono i coltivatori Neolitici europei e pacati di Gimbutas Vecchia Europa. Come le credenze
di Gimbutas evolute, lei mise enfasi in aumento sul patriarcale, natura di patrilinear della cultura
invadenda, contrapponendolo bruscamente con l'apparentemente egualitario se non la cultura di
matrilinear degli invasero, ad un punto di formulare l'archeologia essenzialmente femminista.
La sua teoria ha trovato appoggio genetico in resti dalla cultura Neolitica della Scandinavia, dove
resti di osso in tombe Neolitiche indicate che la cultura di megalite era o matrilocal o matrilineal,
come le persone seppellirono nella stessa tomba fu riferito attraverso le donne. C'è similmente
evidenza di tradizioni di matrilineal rimanenti fra il Picts. Una forma cambiata di questa teoria di JP
Mallory, è insieme le migrazioni più primo a circa i 4000 AC e mettendo meno l'insistenza sulla
loro natura violenta o quasi-militare, ancora è tenuto estesamente.

Colin Renfrew è il propagatore principale l'ipotesi" di "Anatolian secondo la quale le lingue


Indoeuropee sparsero pacatamente nell'Europa dall'Asia Minor da circa i 7000 AC con l'anticipo di
coltivare (onda di anticipo). Quella teoria è contraddetta dal fatto che l'Anatolia antico è conosciuto
essere abitato da persone non-Indo-europee, vale a dire il Hattians, Khalib / Karub, e Khaldi / Kardi.
Comunque, quello non preclude la possibilità che quelle persone in qualche modo contribuì ai
proto-Indo-europei, specialmente da quando loro erano in prossimità vicina alle prime culture di
Kurgan.

Ancora un'altra teoria è connessa con la teoria di diluvio Marittima e Nera, suggerendo che la
Torta originò come la lingua di mestiere tra il primo Nero Neolitico tribù Marittime. Sotto questa
ipotesi l'Università di Pennsylvania archeologo Fredrik T. Hiebert fa ipotesi che la transizione da
Torta a dispersione di IE accaduta durante un'inondazione del Mare Nero nel mezzo 6 millennio AC.

III.1.2.Genetics

L'ascesa di evidenza di Archaeogenetic che usa l'analisi genetica per tracciare anche modelli di
migrazione aggiunse elementi nuovi all'enigma. Luca di Luigi Cavalli-Sforza, uno del primo in
questo campo nell'usata del 1990s evidenza genetica per combinare, in dei modi le teorie di
Gimbutas e Colin Renfrew insieme. Qui i coloni agricoli di Renfrew, nord commovente ed ovest,
parzialmente divisi via la cultura di Kurgan di Gimbutas eventualmente divenuto che passa
all'Europa.

In alcun caso, sviluppi in genetica portano via molto dell'orlo del qualche volta le controversie
riscaldate su invasioni. Loro indicano una continuità genetica e forte in Europa; specificamente,
studi di Bryan Sykes mostrano che approssimativamente 80% della scorta genetica di europei
ritornano al Paleolitico, mentre suggerisce che le lingue tendono a spargere geograficamente da
contatto culturale piuttosto che da invasione e lo sterminio, i.e. molto più pacatamente di fu
descritto in degli scenari di invasione, e così il record genetico non stabilisce fuori il tipo
storicamente molto più comune di invasioni dove un gruppo nuovo assimila i più primi abitanti.
Questo scenario molto comune di invasioni a scala ridotta e successive dove una nazione dominante
impose la sua lingua e la cultura su una più grande popolazione indigena era quello che Gimbutas
aveva in mente:

Il Processo di Indo-europeizzazione era un culturale, non una trasformazione fisica. Deve essere
capito come una vittoria militare nelle condizioni di imporre un sistema amministrativo e nuovo,
lingua e religione sui gruppi indigeni.

D'altra parte tali risultati generarono anche un'incarnazione nuova della "ipotesi europea" che
suggerisce le lingue Indoeuropee per essere esistito in Europa fin dal Paleolitico (la cosiddetta
Teoria di Continuità Paleolitica).

Un componente di approssimativamente 28% può essere attribuito alla rivoluzione Neolitica,


deducendo dall'Anatolia approssimativamente 10,000 BCE. Un terzo componente di
approssimativamente 11% deduce dalla steppa di Pontic. Mentre queste scoperte confermano che
c'erano movimenti di popolazione ambo relativo all'inizio Neolitico e l'Età del Bronzo dell'inizio,
corrispondendo agli indoeuropei di Renfrew e Gimbutas, rispettivamente il record genetico non può
produrre evidentemente informazioni come alla lingua parlata da questi gruppi.

L'espansione di DNA Y-cromosoma haplogroup che R1a1 è associato con l'espansione delle lingue
Indoeuropee. Accadde approssimativamente 10,000 anni fa la sua importante mutazione (M17), di
fronte al palcoscenico di Torta, così che la sua presenza non può essere presa come un certo segnale
di mescolanza Indoeuropea.

III.1.3.Glottochronology

Anche più recentemente, un studio della presenza / assenza di parole diverse attraverso
indoeuropeo che usa stochastic modella dell'evoluzione (Grigio ed Atkinson, 2003) di parola
suggerisce che l'origine di indoeuropeo ritorna approssimativamente 8500 anni, la prima divisione
che è quello di Hittite dal resto (la cosiddetta ipotesi di Indo-Hittite). Grigio ed Atkinson va alle
grandi lunghezze ad evitare i problemi associati con approcci tradizionali a glottochronology.
Comunque, si deve notare che i calcoli di Grigio ed Atkinson contano completamente su elenchi di
Swadesh, e mentre i risultati sono piuttosto robusti per bene attestò rami, il loro calcolo dell'età di
Hittite che è cruciale per l'Anatolian chiede, resti su una parola del 200 l'elenco di Swadesh di una
sola lingua e è considerato contenzioso. Interessantemente, una più recente carta (al di et di
Atkinson, 2005) di 24 lingue quasi sempre antiche, incluso tre lingue di Anatolian produsse le stesse
stime di tempo e la prima divisione di Anatolian.

Un scenario che potrebbe riconciliare le credenze di Renfrew con l'ipotesi di Kurgan suggerisce
che migrazioni Indoeuropee sono riferite in qualche modo alla sommersione della parte
nordorientale del Mare Nero circa i 5600 AC: mentre un gruppo di scheggia che divenne il proto-
Hittite gli oratori traslocarono in Anatolia nordorientale circa i 7000 AC, la popolazione rimanente
sarebbe andata verso nord, evolvendo nella cultura di Kurgan, altri sono potuti scappare lontano al
nord-est (Tocharians) ed il sud-est (Indo-Iranians). Mentre la tempo-cornice di questo scenario è
costante con Renfrew, è incompatibile con la sua assunzione di centro che espansione Indoeuropea
con l'anticipo dell'agricoltura.

III.1.4.Geography

La terra natia proto-Indo-europea nordeste del Mare Nero ha un clima distintivo che grandemente
è il risultato dell'area che è retroterra. La regione ha precipitazione bassa, ma non basso abbastanza
essere un deserto. Trova approssimativamente 38 cm (15 pollici) di pioggia per anno. La regione ha
una differenza di temperatura alta tra estate ed inverno di approssimativamente 33°C (60°F).

III.2. Società
La società dei proto-Indo-europei è stata ricostruita attraverso le analisi di società Indoeuropee e
moderne così come l'evidenza archeologica. La società di torta era patrilineal molto probabile, e
probabilmente semi-nomade, contando su agricoltura animale.

Il nome natio col quale queste persone si riferirono a loro come una comunità linguistica, o come
un'unità etnica di tribù relative non può essere ricostruito con certezza.

C'è evidenza per il potere sovrano sacro, suggerendo il capo tribale alla stessa durata presunse il
ruolo di prete alto. Molte società Indoeuropee ancora mostrano segnali di una più prima divisione
tripla di una classe di ecclesiastico, una classe di guerriero ed una classe di coltivatori o agricoltori.
Tale divisione fu suggerita per la società proto-Indo-europea da Georges Dumézil.

Se c'era una classe separata di guerrieri, probabilmente consistè di soli giovani uomini. Loro
avrebbero seguito un codice di guerriero separato inaccettabile nella società fuori del loro pari-
gruppo. Tracce di riti di iniziazione in molte società Indoeuropee suggeriscono che questo gruppo si
identificò con lupi o cani.

Le persone furono organizzate in sistemazioni (wéiks di IE, l'inglesi - "villaggio" di stoppino),


probabilmente ognuno col suo capo (IE r.gs). Queste sistemazioni o villaggi furono divisi
ulteriormente in famiglie (IE d.mos), ognuno capeggiato da un patriarca IE dems-póts, "casa-
padrone", cf. Gk. despotes, Skr. dampati, anche fondi come IE weiks-póts, "clan-padrone",
padrone di casa ambo combina simile ad IEghos-póts, "ospite-padrone", oste a turno simile al
termine "aryan", l'alienós di IE, originalmente il "estraneo" da adesso "ospite" (con un'evoluzione
semantica), più tardi usato per "oste domina", da Indo-Iranians per riferirsi a loro.
III.2.1. Tecnologia

Tecnologicamente, la ricostruzione suggerisce una cultura dell'Età di Bronzo: Parole per Bronzo
possono essere ricostruite (ájos) da germanico, Corsivo ed Indo-iraniano, nessuna parola per Ferro
può essere stata insieme alla proto-lingua. Oro ed Argento furono conosciuti.

Un n.sis era un'arma di bladed, originalmente un pugnale di Bronzo o nelle più prime durate di
osso. Un íkmoswas una lancia o arma puntuta e simile. Parole per ascia sono ács. (germanico,
greco, Corsivo) e pélekus (greco, Indo-iraniano); questi sarebbero potuti essere uni di ston o di
bronzo.

La ruota, qéqlos o rót., fu conosciuto, certamente per carrelli bue-disegnati. Carri a cavalli
svilupparono dopo la dispersione della proto-lingua, originando col Proto-Indo-Iranians circa i 2000
AC.

Giudicando dal vocabolario, tecniche di tessere, intrecciandosi, allacciando ecc nodi. era
importante e ben sviluppato ed usato per produzione tessile così come per cesti, recinti, muri ecc.
Tessendo e legando anche avevano una connotazione magica e forte, e la magia è espressa da tali
metafore spesso. I corpi del defunto sembrano letteralmente essere stati allacciati alle loro tombe
per prevenire il loro ritorno.

III.2.2.Subsistence

La società proto-Indo-europea dipese da agricoltura animale. I bestiame bovino (c.us, stáuros)


erano i più importanti animali a loro, e la ricchezza di un uomo sarebbe misurata dal numero di
vacche che lui ha posseduto. Pecore (ówis) e capre (gháidos) furono tenute anche, presumibilmente
dal meno ricco. L'agricoltura e pesci contagiosi (pískos) furono praticati anche.

L'addomesticazione del cavallo è potuta essere un'innovazione di queste persone e ha potuto


invocare come un fattore che contribuisce alla loro espansione rapida qualche volta.

III.2.3.Ritual e sacrificio

Loro praticarono una religione politeistica concentrata su riti sacrificali, probabilmente


amministrati da una classe di preti o sciamano.
Gli animali furono macellati (chn.tós) e dedicarono ai dei (dj.us) nella speranza di vincere il loro
favore. Il re come il prete alto sarebbe stato la figura centrale nello stabilire relazioni favorevoli con
l'altro mondo.

L'ipotesi di Kurgan suggerisce sepolture in carriole o camere di tomba. Gli importanti leader
sarebbero stati seppelliti con le loro cosa, e possibilmente anche con membri della loro famiglia o
mogli (sacrificio umano, sati).

III.2.4.Names

L'uso di due-parola parole composte per nomi personali, mentre attribuendo sempre tipicamente
ma non dell'atto di valore nobile o eroico al loro portatore, è così comune in lingue Indoeuropee che
certamente sembra ereditate. Questi nomi sono della classe di parole composte che in Sanscrito
sono chiamate bahuvrihis spesso, già spiegò.

Loro sono trovati in in Ger. Alf-rosso, "folletto-consigli", O.H.G. Hlude-r.ch, "ricco in gloria",
O.Eng. Dio-gifu, "regalo di Dio" (Eng. Godiva), Gallia. Orgeto-rix, "re che danneggia", Gallia.
Dumno-rix, "re del mondo", Gallia. Epo-pennus, la testa" di "cavallo, O.Ir. Cin-néide (Eng.
Kennedy) la "brutta testa", O.Ind. Asva-ghosa, "domatore di cavalli", O.Ind. Asvá-medhas "che ha
fatto il sacrificio equino", O.Pers. X.a-y.r. (Gk. Xérx.s) "regolo di eroi", O.Pers. Arta-x.ac. il "cui
regno è attraverso la verità / legge", Gk. S.-krát.s, il "buon regolo", Gk. Mene-ptólemos "che
affronta guerra", Gk. Hipp-archus, padrone equino", Gk. Cleo-patra, "da lignaggio famoso",
Gk.Arkhé-laos "che governa le persone", O.Sla. Bogu-mil., "amò da dio", Sla. Vladi-mir, "regolo
pacato", da volodi-mirom "possiede il mondo."

Patronimico come Gustafson germanico, "figlio di Gustav", Gonzales romanico", di (figlio)


Gonzalo" Gaelic McCool, Mazurkiewicz slavo, ecc. è incontrato anche frequentemente in lingue
Indoeuropee.

III.2.5.Poetry

Solamente piccoli frammenti di poesia proto-Indo-europea possono essere recuperati. Quella che
sopravvive della loro poesia è frasi di scorta di due o tre parole, come la fama imperitura e dei
immortali quello è trovato in fonti antiche e diverse. Questi sembrano essere stati fondamenti
standard per lirica di canzone.

Inferendo principalmente dal Vedas, ci sarebbero stati inni sacrificali, miti di creazione, come i
miti comuni di un albero di mondo e storie di eroe, come l'uccisione di un serpente o un dragone
(qr.mis) da un uomo eroico o dio.

Probabilmente della più grande importanza agli indoeuropei loro erano canzoni che celebrano i
grandi atti da guerrieri eroici. Oltre a perpetuando la loro gloria (kléwos), tali canzoni
temprerebbero anche il comportamento dei guerrieri, siccome ognuno ebbe bisogno di considerare
se il suo famewould imperituro è onorevole o vergognoso.
III.2.6. Filosofia

Delle parole connetterono con mondo-vista di Torta:

ghosti -, obbligazioni reciproche ed interessate tra persone e tra adoratori e dei, e da che sono
dedotti ospite ed oste. Cf. anche l'alieno -, straniero ed oste, in Ind.-Ira. 'l'arya -.'

, "andando bene, raddrizzi, ordinò", anche tempo di destra",


ritualmente corregga", relativo all'ordine del mondo (asha di
Avestan, rta Vedico -, rtu -), cf. reg-tó -, come in destra
germanica, Lat. (de -) il rectus.

ap -, aqa - e wodr -, pawr - ed egní -, riveli un concetto di diffrentiated di acqua come una
sostanza di inanimated e come un essere animato.

III.3. Religione
L'esistenza di somiglianze fra le divinità e pratiche
religiose del peoples Indoeuropeo permette sguardi
di una religione proto-Indo-europea e comune e la
mitologia. Questa religione ipotetica sarebbe stata
l'antenato della maggioranza delle religioni di pre-
Cristiano Europa, delle religioni di Dharmic in India
e di Zoroastrianism in Iran.

Indicazioni dell'esistenza di questa religione


ancestrale possono essere scoperte in comunanze tra
lingue e dogana religiosa di peoples Indoeuropeo.
Presupporre questa religione ancestrale esistè,
tuttavia, alcuni dettagli devono rimanere
congetturali. Mentre dogana religiosa e simile fra
peoples Indoeuropeo può offrire l'evidenza per
un'eredità religiosa e condivisa, un costume
condiviso non indica necessariamente una fonte comune per tale costume; alcune di queste pratiche
hanno potuto evolvere bene in un processo dell'evoluzione parallela. Evidenza archeologica, dove
alcuno può essere trovato, è difficile adeguare ad una specifica cultura. La più buon evidenza è
perciò l'esistenza di parole di parente e nomi nelle lingue Indoeuropee.

III.3.1. Preti

I funzionari principali della religione proto-Indo-europea ed ipotetica sarebbero stati mantenuti da


una classe di preti o sciamano. C'è evidenza per il potere sovrano sacro, suggerendo il re tribale alla
stessa durata presunse il ruolo di prete alto. Questa funzione sarebbe sopravvissuta come tardi come
la 11
secolo Scandinavia, quando i re ancora potrebbero essere detronizzati per rifiutare di servire
come preti. Molte società Indoeuropee sanno una divisione tripla di una classe di ecclesiastico, una
classe di guerriero ed una classe di contadini o agricoltori. Tale divisione fu suggerita per la società
proto-Indo-europea da Georges Dumézil.

La divinazione fu compiuta da preti, e.g.. da parti di animali macellati (per sacrificio animale, cf.
Lat. haruspex). Gli uccelli giocarono un ruolo anche nella divinazione, come Lat. predica, lingua
degli uccelli.

Esempi dei discendenti di questa classe in società Indoeuropee e storiche sarebbero i Druids
celtici, i Bramino indiani, i Flamines latini ed i Magio Persici. Religioni Indoeuropee e storiche
avevano anche sacerdotesse, entrambi hierodoules (prostitute di tempio), vergini dedicate, od
oracoli, e.g.. le Vestali romane, i Sibilla greci o i Völvas germanici.

III.3.2.Pantheon

I linguisti sono capaci di ricostruire i nomi di alcune divinità in lingua proto-Indo-europea (Torta)
da nomi che accadono in mitologie estesamente sparse, vecchie. Alcune delle divinità proposte sono
accettati più prontamente fra studiosi che altri.

I proto-Indo-europei hanno potuto distinguere tra corse diverse di dei, come gli Aesir e Vanir della
mitologia scandinava ed il Titans ed Olympians della mitologia greca. Possibilmente, questi erano i
Djeus, letteralmente "celestiale quelli del cielo / luce del giorno" (il cf. Deus, Zeus, Deva Tiw) e
l'Ansu -, letteralmente la "disposizione, quelli con forza vitale" (il cf. Aesir, Asura Ahura).

Divinità estesamente accettate

a Dj.us Pat.r si crede che sia stato il nome originale di Dio del Cielo di Luce del giorno ed il
dio principale del pantheon Indoeuropeo. Lui sopravvive in Zeus greco (caso genitivo Diòs),
Giove latino, Dyaus / DyausPita Sanscrito, Dievas Baltico, Tiwaz germanico (Su Tyr, OHG Ziu),
Astwatz Armeno, ed i gallico Dispater (c.f. anche pater di deus nel Vulgate, e. g. Jude 1:1).

Pltaw.M.t.r (Dhgh.m) sia stato il nome di una dea di Madre di Terra, Skr.
Prthivi. Un altro nome della Madre-Terra Indoeuropea sarebbe Dhgh.mM.t.r, come in Dhe
Motë albanese, Avestan Zamyat, Mati Zemlja slavo, .emyna lituano, ZemesMate lettone, forse
D.m.ter greco.

Un Tuono Dio, possibilmente associato con la quercia ed in del syncretized di tradizioni con
Dj.us. Un nome la radice di Pérqunos per-q-o per-g - è suggerito da Balto-slavo * Perkúnos,
Fjörgyn scandinavo Perëndiand albanese Parjanya Vedico. Una radice onomatopeica impecia è
continuato in gallico Taranis e Hittite Tarhunt. Una parola per "tuono" stesso era (s) il tene -,
continuato in germanico * Þunraz (il tuono impersonò), e divenne Thor.

Áus.s si crede che sia stato la dea di alba, continuato nella mitologia greca come Eos, a
Roma come Auror-un, in Vedico come Ushas, in mitologia lituana come Au.ra o Au.taras in
armeno come Astghikand possibilmente anche in mitologia germanica come Pasquale.

Proposte speculative

Dei supplementari possono includere:

greco era originalmente un chthonic dio, o un dio della terra o la malavita da daon
di poti "signore di Da", cf. Demeter dalla madre di Da "Madre Da." Un'altra etimologia può
essere proposta, professore d'un college che si riferisce a "le acque", come la dea Vedica dei
fiumi Danu che divide un nome col dio di madre celtico. Poseidon che è "il padrone delle
acque", più adatti alle funzioni di un dio del mare (e possibilmente anche l'oceano celestiale e
supposto o abisso acquoso).

Wél.os, forse un dio del cielo serale o della malavita, continuato in Varuna Sanscrito, Uranos
greco (quale è anche una parola per cielo), Veles slavo, Aray Armeno e lituano Velnias.

Divini, fratelli della Fanciulla di domenica o Dawn la dea, figli del Cielo dio.

There è potuto essere una mare-dio, in Persico e Vedico noto come Apam Napat, in asNechtan
celtico, in etrusco come Nethuns in germanico come Njord ed in latino come Nettuno, Néptonos
possibilmente chiamato (originalmente da neq-t -?). Questo dio può essere riferito allo spirito di
acqua germanico, il Respinga.

La domenica, S.wel, e le Mén.ts/Men-divinità di Luna possibilmente bambini gemelli della


cielo-dio suprema Dj.us, continuato in religione indù come Surya e Mas, in religione iraniana
come l'andMah di Hvar, in greco come Helios e Selene (questi furono spinti più tardi fuori da
divinità di Anatolian importate Apollo ed Artemis) nella mitologia latina come Sol e Luna, in
mitologia Tedesca come Soland Mani in mitologia Baltico come * Saúl. e * M.n. Lo schema
solito è quell'una di queste divinità celestiali è maschia e l'altra donna, sebbene il genere esatto
della domenica o Luna tende a variare fra le mitologie Indoeuropee e susseguenti.
La riduzione di Fantalov

Secondo lo studioso russo Alex Fantalov, ci sono solamente cinque archetipi principali per tutti i
dei e dee di tutte le mitologie Indoeuropee. Lui propone anche che questi cinque archetipi
possibilmente erano le divinità originali del pantheon di pre-torta. Questi, secondo Fantalov sono:

Dio del Cielo

Dio di Tuono

Dio della Terra / Malavita

Culturale

la Grande dea

Il cielo e tuono dei erano le divinità paradisiache, rappresentando la classe dominante di società,
ed in culture susseguenti loro spesso si furono incorporati in un solo dio supremo. D'altra parte il
dio in Terra e l'Eroe Culturale sia dei terreni, allacciati a natura, l'agricoltura ed arti ed in culture
susseguenti loro spesso furono divisi in più divinità come le società crebbero più complesse. E
mentre sembra esistito un po' di inimicizia tra il Thunderer ed il Dio della Terra là (quale può essere
echeggiato in miti su battaglia di vario tuono dei ed un nemico serpentino, v.i.), l'Eroe Culturale
sembra essere un genere di figlio di semidio di o il cielo dio o il tuono dio, ed era considerato che
fosse l'antenato della corsa umana, ed il psychopomp. L'eroe culturale bilanciò così insieme col
carattere di Grande dea che era una moglie del cielo dominante dio, tra il dio paradisiaco del cielo /
tuono ed il più il chthonic dio della terra / malavita.

III.3.3.Mythology

Là sembra essere stato una credenza in un albero di mondo che in mitologia germanica era un
albero di cenere (Yggdrasil scandinavo; Irminsul), nell'Induismo un albero di banyan, in mitologia
lituana Jievaras, ed un albero di quercia in mitologia slava, ed un albero di nocciola in mitologia
celtica. In mitologia greca e classica, la cosa analoga più vicina di questo concetto è Monte Olimpo;
c'è anche comunque, un più tardi tradizione di popolo sull'Albero di Mondo che sta essendo sawed
dal Kallikantzaroi (spiritelli greci) forse preso in prestito dall'altro peoples.

Un mito comune che può essere trovato fra pressocché tutte mitologie Indoeuropee è una battaglia
che finisce con l'uccisione di un serpente, di solito un dragone di alcuno genere: gli esempi
includono Thor contro. Jörmungandr, Sigurd contro. Fafnir in mitologia Scandinava; Zeus contro.
Typhon, Kronos contro. Ophion, Apollo contro. Pitone, Heracles contro. l'Idra e Ladon, Perseus
contro. Ceto in mitologia greca; Indra contro. Vritra nel Vedas; Perun contro. Veles, Dobrynya
Nikitich contro. Zmey in mitologia slava; Teshub contro. Illuyanka della mitologia di Hittite; .ra
.taona, e più tardi K.r.s.spa, contro. A.i Dah.ka in Zoroastrianism e la mitologia Persica.

Ci sono anche storie analoghe in altro vicino le mitologie:

o Anu o Marduk contro. Tiamat in mitologia di Mesopotamian;

o Baal o El contro. Lotan o Patata-Nahar in mitologia di Levantine;

o Yahweh o Gabriel contro. Leviatano o Rahab o Tannino in mitologia ebrea;

o Michael l'Arcangelo e, Cristo contro. Satana (nella forma di un dragone sette-con testa),

o Mary Vergine che schiaccia un serpente in iconografia cattolico romano,

Santo di o Giorgio contro. il dragone in mitologia cristiana.

Il mito simboleggiò un scontro tra forze di ordine e caos (rappresentato dal serpente), ed il dio o
eroe vincerebbero sempre. È perciò molto probabile che là esistè qualche genere di dragone o
serpente, possibilmente multi-con testa (il cf. .e .a, il hydraand Typhon) e probabilmente collegò col
dio di malavita e/o acque, come aspetti serpentini possono essere trovati in molti chthonic e/o le
divinità Indoeuropee ed acquatiche, come per esempio le molte divinità acquatiche greche, più
notevolmente Poseidon Oceanus, Tritone Typhon (chi porta molti attributi di chthonic mentre non
specificamente collegò col mare), Ophion ed anche il Veles slavo. Qr.mis possibilmente chiamato,
o del parente di nome con Wel.os o il wel di radice - (il cf. Skr. Varuna che è associato col naga
serpentino, Vala e V.tra, Sla. Veles, Bal. velnias), o "serpente" (Hittite Illuyanka, Skr. Ahis, Ira. azhi,
Gk. ophis ed Ophion, e Lat. anguis), o il dheubh di radice - (Typhon greco e Pitone).

Riferito al mito di dragone-uccisione è la "domenica nella pietra" mito, di una divinità di


guerriero eroica che divide una pietra dove la domenica o Dawn furono imprigionati. Tale mito è
preservato in Rigvedic Vala, dove Ushas e le vacche, rubato dal Panis fu imprigionato, collegato
con gli altri miti delle abduzioni nell'inferno come i misteri di Eleusisconnected con Persephone,
Dionysus e Triptolemus.

C'è potuto essere un genere di spirito di natura o dio simile al dio Tegame greco ed i Satiri, i dio
Faunus romani ed i Fauni, i dio Cernunnos celtici ed i Dusii, Veles slavi ed i Leszi, Pashupati
Vedici, Prajapati e Pushan, i Woodwose germanici, folletti e nani.

C'è potuto essere anche un parente femmina simile alle ninfe Greco-romane, vilas slavo, il Huldra
di folclore germanico, l'Apsaras indù, il Peri Persico. Un possibilmente tipo simile di spirito può
essere trovato in mitologia ebrea, Azazeland il Se'irim, così come in mitologia araba, il Jinn.

C'è potuto essere un cane selvaggio o lupo che protegge la malavita, come Kerberos greco Garm
scandinavo.

È anche probabile che loro avevano tre dee di fato, veda il Norns nella mitologia scandinava,
Moirae in mitologia greca Sudjenice di folclore slavo e Deiv.s Valdytojos in mitologia lituana.

Il primo antenato di uomini fu chiamato Mánus, cf. Mannus germanico, Manu indù.
La domenica fu rappresentata come cavalcando in un carro.

VI-file
Automatic translation into Italian of A Grammar of Modern Indo-European at
Indo-European Language Association

1.Lingue indoeuropee | 2.Parole indoeuropee | 3.Sostantivo indoeuropeo | 4.Verbo indoeuropeo | 5.Sintassi


indoeuropea | 6.Etimologia indoeuropea

Note
Il vocabolario è una delle parti meglio ricostruite della lingua proto-Indo-europea. Studi
Indoeuropei hanno trattato estensivamente con la ricostruzione di Torta comune mette in parole ed il
suo derivatives, e molti dizionari moderni delle lingue di IE come latino, inglese, Tedesco, greco,
Sanscrito, ecc. già dia separatamente le etimologie in radici di Torta dalle forme più grandi nelle
loro lingue.

Non si intende che queste note sostituiscano i lavori di referenza esistenti, e davvero non sostituire
il vocabolario di Torta comune per essere usato in indoeuropeo Moderno, ma solo facilitare la
comprensione di radici proto-Indo-europee in luce del loro derivatives (e relativo al vocabolario
usato in questa grammatica), mostrando anche forme di IE basate sul vocabolario inglese e comune.

Molti ricostruirono derivatives sono poi da germanico o da parole internazionali di origine di


Graeco-latino, ma questo non implica noi raccomandiamo sul loro uso le altre parole di Torta
comuni: per esempio, latino presta gn.tion.lís, nazionale o gn.tion.lit., la nazionalità, non è usato in
delle lingue germaniche e slave, e dovrebbe essere sostituito forse da altro, 'più puro' o 'influenzato'
le condizioni proto-Indo-europee. Anche, non-IE suffissa Lat. aiqi -, ri -, Gmc. iso -, "ghiacci", Gk.
geo -, haimn -, potrebbe essere sostituito da formazioni di Torta comuni, come e.g.. Lat. ri -
potrebbe essere sostituito da un 'più puro' l'ati di IE -, e suffisso - ti potrebbero essere usati invece
di Ita secondario., Braccio. -tio (n), ecc.

1. Carlos Quiles, tradotto come Kárlos K.riák Indoeuropeo.:


a. Carlo è un nome spagnolo e popolare dedotto da karlaz germanico, kerlaz (il cf. O.N. karl,
O.E. .eorl), forse "persona originalmente comune, gratuitamente equipaggi", Kárlos Indoeuropeo
e Moderno. In mitologia scandinava, Karl era il nome del primo contadino gratis, il figlio di
Attrezzatura ed Amma. L'attrezzatura era la forma umana presa dal dio Heimdall quando lui
produsse i progenitori delle tre classi sociali (schiavi, contadini e la nobiltà) con tre donne diverse.
Nelle lingue Scandinave, Karl trattiene il suo significato "equipaggiare." In tedesco, l'origine del
nome che Karl può essere tracciato alla parola Kerl che ancora è usato per descrivere piuttosto
uomini grezzi e comuni. Come nel churl di parole e rustico in inglesi.
b. Quiles è un genitivo, e vuole dire" di (figlio) quili" (il cf. Terme. Quílez, gatto. Quilis, Ast.
Quirós, Gal-Pt. Quiris). Viene, da nome medievale Quirici - > Quili (accorciato e con r - > l), una
parola di prestito da Gk. ........ (K.riákos Indoeuropeo) da che Esso./Terme. Quirico, Gl.-Pt.
Queirici, gatto. Quirce, Fr. Quirice, O.N. kirkja, Eng. chiesa, chiesa scozzese o Ger. Kirche. Kew di
radice di torta vuole dire mare lungo. IE k..rios vuole dire padrone, signore, come Gk. ......, e
Kyriakoswas aggettivale usato come cognome romano Cyriacos. K.riák. dovrebbe essere poi il
corretto genitivo del MIE prestito-tradusse termine greco.
2. Per bh di radice di Torta. (più vecchio * il bheh2 colorato in * il bhah1) compari derivatives
moderno: la zero-grado (bha) suffissò bháuknos, illumini, segnali, come Gmc. bauknaz (il cf. O.E.
beacen, O.Fris. bacen, M.Du. bokin, O.H.G. bouhhan, O.Fr. boue, "boa"), bhási., produca bacche
(frutta brillante-colorata"), come Gmc. bazjo (il cf. O.E. berie, berige, O.H.G.beri, Frank. bram-
besi in O.Fr. framboise, "lampone" il bhrambhási di MIE.); bhánduos, bandiera identificando
segnale, standard da adesso la "società unì sotto una particolare bandiera" come Gmc. bandwaz (il
cf. Goto. banwa, anche L.Lat. bandum in Sp.banda); bháues di zero-grado suffissato, luce, come
Gk. ..., ....., (Bháues di MIE, bhauesós) come in comune bhawtogrbhí di prestiti. (veda gerbh),
fotografia, bháwtos accorciato, o bháuesphoros / phósphoros, portando luce, stella di mattina,
fosforo. Veda bh. per più IE derivatives.
3. Derivatives moderno da IE d.gh.-, lingua, è di solito femminile (come d.ghw generale.), ma
per d.ghwiks slavo e steso che è maschile (il cf. Russ. ...., Pl. j.zyk, Cz. jazik, Sr.-Cr.,Slo. jezik, Bul.
....). Compari, per il nome degli inglesi (lingua), parole Indoeuropee e moderne: il neutro O.E.
Englisc, Ger. Englisch, Du. Engels, Gk. n.pl. .......; il che ha caratteri maschili è trovato in engelsk
Scandinavo, in romanico. dove il neutro unì col che ha caratteri maschili. Fr. anglais, Esso. inglese,
Terme. inglés, Pt. inglese, così come Lat alternativo. serm. lat.nus, e slavo (seguendo il che ha
caratteri maschili della "lingua" di parola), Russ. .......... [....], Pol. j.zyk angielski, Bul. ......... [....],
Sr.-Cro. engleski [il jezik] ecc.); Lat femminile (seguendo il genere di "lingua"). anglica [la lingua],
Rom. [il limba] l'englez., o Cz slavo. angli.tina, Slo. angle..ina, Bel. .... i. ....; o nessun genere a
tutto, come in Braccio. angleren [il lezu].
4. Wéro di radice di torta, parli, (o * il werh3) dà MIE w.dhom, parola, come Gmc. wurdam, (il cf.
Goto. waurd, O.N. orð, O.S., O.Fris., O.E. metta in parole, Du. woord, O.H.G., Ger. wort), e
wérdhom, parola, verbo, come Lat. uerbum, come in adwérdhiom, avverbio, o pr.wérdhiom,
proverbio; anche il wério, dica, parli, metathesized in greco, come in werioneí., come Gk. ........;
anche, suffissò la varia forma wr.t.r, oratore pubblico, rhetor, come Gk. ....., e wr.mn, rheme.
Compari anche Umb. uerfalem, Gk. ...., Skr. vrata, Av. urv.ta, O.Pruss. w.rds, Lith. vardas, Ltv.
v.rds, O.C.S. vra., Russ. ....., O.Ir.fordat; Hitt. ueria.
5. Torta jeug vile, congiunga (probabilmente da un jeu di radice), evolse come O.H.G. [l'untar]
jauhta, Lat. jung., Gk. ......... O.Ind. yuna.kti, y.jayati (jeugeieti di IE), Av. yaoj -, yuj -, Lith. jùngiu,
jùngti; dà jugóm di derivatives comune, mentre congiungendo, barzelletta; cf. Gmc. jukam (il cf.
Goto. juk, O.N. ok, O.S. juk, O.E. geoc, Dan. aag, M.Du. joc, Du. juk, O.H.G. juch, Ger. Joch), Lat.
iugum, Gk. ....., O.Ind. yugám, Skr. yoga., Braccio. luc (con .l influenzò da lucanem, "stacchi"),
Toch. yokäm, O.C.S. igo, Russ. ob.a, Cz. jho, iau gallese, O.Cor. ieu, Bert. ieo; Hett. yugan; jéugos,
assoggetti, come barbaro. jukuzi, M.H.G. jiuch, Lat. j.gerum (da Lat. j.gera, IEjóugesa), Gk. ......,
O.C.S. i.esa;
6. Torta néwos aggettivale, -., - l'om, dà newjaz germanico, (il cf. Goto. niujis, O.N. nýr, O.Eng.
niowe, O.Fris. nie, O.H.G. niuwi, Du. nieuw, Dan., Swed. ny), Lat. nouus, Osc. núvellum, Gk. ....,
O.Ind. návas, návyas, Skr. nava., Av. nava -, O.Pers. nau, Toch. ñu / ñuwe, Thrac. neos, Braccio. ...,
O.Pruss. nauns (a causa di analogia con jauns), O.Lith. navas, Lith. na.jas, Ltv. nàuj., O.C.S. nov.,
O.Russ. ...., Nowy polacco, Gallia. Novio -, O.Ir. n.ë, newydd gallese, O.Bret. neuued, il nu di
Kamviri., Kashmiri n.v, O.Osset. nog; Hitt. newash, Luw. n.w.
Probabilmente era un pieno grado di nu, ora come Gmc. nu (il cf. Goto. nu, O.N. N., O.E. n.,
O.Fris. nu, O.Ger. nu, Du. nu, Ger. monaca), Lat. nunc, Gk. ..,..., O.Ind. n., Av. nu, O.Pers. n.ram,
Toch. Nu. / nano, O.Pruss. teinu, Lith. n., Ltv. nu, O.C.S. nune, O.Ir. nu -, Camice sacerdotale. tani;
Hitt. nuwa, Luw. nanun.
7. Indo-Europeanmédhjos (da Torta io, v.i.) dà Gmc. medjaz (il cf. Goto. midjis, O.N. miðr, O.S.
middi, O.E. midd, O.Fris. midde, O.H.G. mitti), Lat. medius, Osc. mefiaí, Gk. ......, O.Ind. mádhjam,
Skt. mádhja., Av. maidja -, Pers. m..n, Illyr. metu, O.Arm. m.j, O.Pruss. mediano, Lith. medis, Ltv.
me.s, O.C.S. me.da, O.Russ. ...., Mi.dzy polacco, Gallia. Mediol.num, O.Ir. mezzo, gallese mewn, il
pâmü di Kamviri. Dialetti germanici e Dell'ovest hanno un medhjolós di dimminutive comune,
centro, come Gmc. middilaz (il cf. O.E. middel, M.L.G., Du. middel, Ger. Mittel); Derivatives latini
includono medhj.lís, medio medhj.li., medaglia, medhj., interponga, médhjom, mezzo
l'entermedhj., intermedio, medhjaiw.lís, medievale medhitersaniós, mediterranean, ecc.
Torta io, nel centro di, dà médhi di formes suffissato -, fra, con, come Gmc. mezzo -, e méta -,
tra, con, accanto a, dopo, come Gk. meta.
Per áiw di Torta -, anche il ájus, forza vitale, vita la vita lunga, eternità compara Gmc. aiwi
(come in O.N. ei, Eng. sì, no), áiwom suffissato, età l'eternità, in medhjáiwom Secoli Medie,
medhjaiw.lís, medievale prwimaiw.lís, primordiale il dhlongháiwot., la longevità; áiwot suffissato
e più lontano., invecchi, ed aiwoternós, eterno come Lat. aeternus, in aiwotérnit., l'eternità; áiw.n
suffissato, età, forza vitale, eternità, Gk. ai.n; zero-grado júcj.s composto, "avendo una vita
vigorosa", sano (da cei, viva) come Gk. hugi.s, in jucjésin. (téksn.)," (arte) di salute", igiene, come
Gk. hugiein. (tekhn.); ójus di o-grado, vita, salute, come Skr. .yu., o Gk. ouk, da (ne) ojus (qid)" la
vita (non su Suo)", in ojutópi., da Gk. .., no, e ....., un luogo che non esiste. Veda anche jeu, forza
vitale, vigore giovane.
8. Ágros di torta, campo, anche il pascolo che terra, piano dà a Gmc. akraz (il cf. Goto. akrs,
O.N. akr, O.E. æcer, O.Fris. ekkr, O.H.G. achar. Eng. acro), Lat. ager, Umb. ager (ambo dal più
primo agros Corsivo, distretto, proprietà, campo), Gk. ....., Skr. ajras, O.Arm. arte.
9. Indo-Europeansqálos, squalus, squalo (il cf. Lat. squalus) probabilmente è parente con qálos,
balena come in Gmc. khwalaz (il cf. O.S. hwal, O.N. hvalr, O.E. hwæl, M.Du. wal, O.H.G. wal),
possibilmente da un originale (s) qalos, con un significato generale di "grande pesce" costrinsero
poi nel suo significato in dialetti individuali. Veda S-mobile in § 2.8 per più su tali parole relative.
10. Áqi Indoeuropeo., "cosa sull'acqua", "terra acquosa", isola è la fonte per Gmc. auj., isola (il
cf. Goto. ahwa, O.N. Á, O.E. .eg, O.H.G. haha, O.Is. ey, M.H.G. ouwe, Eng. è [la terra]), come può
essere visto su Skandináqi., ScandinaviaL.Latin forma sbagliata di Skadináqi., Scadinavia, "fine
meridionale della Svezia", prestito-traduzione di Gmc. skadinauj., "isola di pericolo" (il cf. O.E.
Scedenig, O.N. Skaney); prima l'elemento è ricostruito come skátom di IE di solito, come in Gmc.
*skathan, volendo dire pericolo, scathe il danno (il goto. scaþjan, O.N. skaða, O.E. sceaþian,
O.Fris. skethia, M.Du. scaden, O.H.G. scadon) che potrebbe essere riferito al greco .- ...... (un-
sk.th.s), incolume. La fonte per áqi. è áq di radice di Torta., annaffi, parente con Lat. aqua, Russ.
Oká (nome di un fiume) e, all'interno del ramo di Anatolian, Hitt. akwanzi, Luw. ahw -, l'aku di
Palaic -.
La "isola" di scrittura inglese fu influenzata da isola francese, da Lat. insula, esso dall'énsal di
MIE. (da en-salos, "nel mare", da sálom mare, v.i.), ensalarís di derivatives generoso, insulare
ensalanós, isolano l'ensalín., insulina, ecc.
11. Léndhom di IE, terra, suolo che paese, regione ha dato a Gmc. landom (il cf. Goto.,O.N.,
O.E., O.Fris., Du., Ger. terra), e è dedotto da PIElendh, col significato di terra la steppa; compari
O.Pruss. lindan, O.C.S. ledina, Russ. ljada, l.d polacco, Gallia. landa, O.Ir. sbarchi, llan gallese,
Bert. lann.
12. Per radice di Torta (á) .bhi, circa, circa, compari Gmc. (um) bi (il cf. O.N. um / umb, O.E. sia /
bi, ymbe, M.Du. bie, O.H.G. umbi, bi, Du. bij, Ger. um, bei), Lat. ambi, amb, Gk. ...., Skr abhi,
celta. ambi. Probabilmente è dedotto da formica (i) - bhi, illuminato. "da ambo i lati", da adesso
più vecchio IE * n.bhi. Per ánti di Torta, fronte, fronte compara Gmc. andja (fine, originalmente "il
lato opposto", cf. Goto. e, O.N. endr, O.E. ende, O.Fris. enda, O.H.G. endi), Lat. antiae, Osc.
formica, Gk. ...., Toch .nt / .nte, Lith. formica, O.Ir. étan. Anatolian Hitt. .anta, Luw. hantili, Lyc.
xñtawata sostengono l'ipotesi di un più primo locativo * h2ént-i. veda formica ed ambhi.
13. Proto-Indo-Europeanag, passeggiata, strattone, mossa fa, agisca, compari Lat. agere, Gk.
....., O.Ir. Ogma da che agtiós, pesante come Gk. ....., ágr., afferrando, come Gk. ...., e ágtos, in
ambhágtos uno circa che va, da Lat. ambactus, una parola di prestito da celtico. Gli altri
derivatives comuni includono agt.iuós, attivo agtu.lís, attuale agtuariós, attuario l'agtu., azioni,
agénts, agente agilís, agile l'agit., agiti, ambhaguós, ambiguo il komágolom, coagulo, ekságiom
composizione, eksagtós esige, eksago, richiesta, ekságmn sciame, più tardi l'esame l'eksagmn.,
esamini, eksagénts, urgente eksaguós, exiguous il nawag., navighi (da n.us), dh.mag., disinfetti,
(da dhúmos, fumo) fustag., fustighi (da Lat. fustis, "bastone"), transago, compromesso
.transagénts, intransigente (da n -, non -, veda ne) il litag., sia in lite (da litágiom di prestito
latino, la causa), pr.dago, guidi via, dissipare, (da pr.-d-es, sia buono) pr.dagós, prodigo il redago,
rediga, retr.ago, guidi di nuovo, retr.agt.iuós, retroattivo il transago, faccia; Agogós greco,
disegnando via in - l'agógos, - l'agogue ("conducendo, leader"), c