Sei sulla pagina 1di 46

Appunti di grammatica accadica

L. Verderame 16 ottobre 2009

ii

Indice
I Introduzione
1 Introduzione 1.1 Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 1.1.1 La radice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 1.1.2 Genere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 1.1.3 Numero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 1.1.4 Determinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 1.2 Grammatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 1.3 Limiti geografici e storici della lingua accadica . . . . . . . . . . . 5 1.4 I dialetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 2 Scrittura 2.1 Ideogrammi e logogrammi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 2.2 Ortografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 2.2.1 Forme di scrittura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 2.3 Le convenzioni di notazione e trascrizione dellAccadico . . . . . 7 2.3.1 La copia o autografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 2.3.2 Trascrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 2.3.3 Traslitterazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 7

1
3

II Fonetica
3 Introduzione 4 Vocali 4.1 Lunghezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 4.2 Mutamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 4.2.1 Raddolcimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13 4.2.2 Attrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.3 Semplificazione dei dittonghi . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.4 Abbreviazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.5 Allungamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14 4.2.6 Elisione o sincope . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.2.7 Contrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.2.8 Crasi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 4.2.9 Vo cali ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 iii

9
11 13

iv 5 Consonanti 5.1 Alef . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 5.2 Laringali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 5.2.1 Laringali protosemitiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 5.3 Enfatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 5.4 Labiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 5.5 Dentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.6 Liquide . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.7 Nasali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.8 Sibilanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 5.9 Semivocali (j, w) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 5.10 j . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 5.11 w . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 5.12 Mutamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 5.12.1 Attrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 6 Sillaba e accento 6.1 La sillaba . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 6.2 Laccento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

INDICE 17

21

III Grammatica
7 Sostantivo 7.1 Genere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 7.1.1 Formazione del femminile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 7.2 Numero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 7.3 Stati del nome . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 7.3.1 Stato retto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 7.3.2 Stato costrutto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 7.3.3 Stato assoluto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 8 Aggettivo 9 Pronomi 9.1 Pronome personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 10 Il verbo 10.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 10.1.1 Le coniugazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 10.1.2 Forme verbali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34 10.1.3 Prefissi e su ssi verbali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 10.2 Coniugazione del verbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 10.2.1 La coniugazione G/I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 11 Particelle 11.1 Preposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

23
25

29 31

33

37

IV Sintassi

39

Prefazione
Il materiale qui presentato ed esposto ` e stato raccolto e sistemato dallautore in visione di due impegni principali Fornire non solo un supporto didattico, ma anche una descrizione quanto pi`u possibile esaustiva dei principi e dei fenomeni della lingua accadica per linsegnamento n contesti che quindi ma possa rivelarsi utile in futuro anche per chi intende avvicinarsi allo studio di questa disciplina La presente trattazione non intende ovviamente sostituirsi alle tradizionali trattazioni della grammatica accadica, prima fra tutte il Grundriss der akkadischen Grammatik (GAG), a cui si ispira per struttura e contenuti, manuali insostituibili, necessari per uno studio approfondito e scientifico della lingua.

Abbreviazioni
v. . . radice des. desinenza/e inf. infinito m. maschile f. femminile pfx. prefisso sfx. su sso pf. perfetto imp. imperativo prs. presente ptc. participio pt. preterito stat. stativo sing. singolare plur. plurale c consonante v vocale v

vo cale di radice

Bibliografiche
GAG = W. von Soden, Grundriss der akkadischen Grammatik (unter Mitarbeit von W. R. Mayer), Analecta Orientalia 33, Pontificio Istituto Biblico, Roma, 1995 3 [1e d. = ]

vi

INDICE

Parte I

Introduzione

Capitolo 1

Introduzione
Laccadico ` e una cosiddetta lingua morta appartenente alla famiglia delle lingue semitiche. Nota unicamente da documenti epigrafici, se ne ricostruisce la fonetica sulla base delle altre lingue della famiglia ancora oggi parlate. Laccadico ` e la pi` u antica lingua semitica documentata. Nel panorama della famiglia di lingue semitiche ` e definita, geograficamente, come semitico orientale, insieme alle varianti o cosiddetti dialetti assiro e babilonese. Gli altri due gruppi sono il semitico nord-occidentale (dialetti cananaici, fenicio, etc.; aramaico, ebraico, arabo) e sud-occidentale (lingue sud-arabiche). La definizione fittizia dellaccadico: lidea dellalbero e monogenesi. I nomi semitici dellepoca di Fara. Laccadico o cosiddetto paleo-accadico (vd. Hasselbach) LEblaita. LAmorreo (Gelb). Le due varianti schematiche (distribuzione geografica): assiro a nord, babilonese a sud. Tratti originali.

1.1 Principi generali


1.1.1 La radice
La radice ` e lelemento primitivo del sostantivo; si ottiene con la rimozione di tutti gli elementi morfologici, sia di essione che di formazione nominale. Ed ` 1 . costituita unicamente da consonanti Dal punto di vista del significato distinguiamo: 1) radici originariamente nominali (o radici primarie), che indicano un oggetto, una realt` a ; in genere sono primari i sostantivi che indicano parentela, persone, parti del corpo, animali, elementi, ecc. Esse prevedono una vocale lunga o breve tra la prima e la seconda consonante [C 1 VC 2 C 3 ] es: kalb-; 2) radici originariamente verbali, che indicano unazione o uno stato; prevedono una vocale breve tra la seconda e la terza consonante [C 1 C 2 VC 3 ] es: pluh-. Il triconsonantismo Tutte le lingue semitiche sono caratterizzate dalla legge del trisillabismo: nel 99% dei casi una radice semitica `e costituita da 3 consonanti che indicano un concetto di base, che sar` a poi modificato con apofonie vocaliche e luso di
1

E, cosiddette, semi-consonanti (/j w/). In una radice, la convenzione assiriologica usa

indicare la / / con la corrispondente vocale di radice, es. /dni/ per /dn/.

4 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE a ormanti per ottenere delle derivazioni che rendono varie sfumature o, partendo 2 . Per es. la radice /mhr/ indica dalloriginaio concetto, creano concetti nuovi il concetto spaziale in movimento convergente xxx e rende dunque lidea di essere opposto, incontrarsi/scontrarsi; tramite una serie di mutamenti si pu` trasformare in mah arum incontrar(si), muhhurum essere uno contro laltro, opporsi, mith urum essere delle coniugazioni G, D e Gt. daccordo, incontrarsi, infiniti, rispettivamente, 3 Va notato che la radice e lordine La radice rimane virtualmente invariata delle consonanti rimangono immutati. Esistono tuttavia anche parole biconsonantiche, a dimostrazione che il triconsonantismo non ` e una caratteristica originaria della lingua, ma il risultato di uno sviluppo nel tempo. Es: il concetto di dare era espresso nellambito semitico da una radice biconsonantica t/dn, dato reso evidente dal confronto tra le lingue semitiche: ndn in accadico ytn in fenicio ntn in ebraico Quindi proprio nelle 2 consonanti t/dn si racchiude il concetto di dare.

In accadico sono riconoscibili 3 modi per trasformare una radice da bi- a triconsonantica: 1) anteporre /n/ alla radice, a ormante che aggiunge un valore direzionale es: naqanum: distruggere nadanum: dare questa caratteristica formazione pu` o essere ritrovata anche in verbi onomatopeici: nab ahum: abbaiare (lett. fare bah) nat ahum: gocciolare (lett. fare tuh); 2) prefiggere alla radice biconsonantica la /w/: possiamo distinguere i verbi in cui w non ` e originaria, tutti transitivi (es: wab alum: portare), da quelli in cui la w ` e originaria, che indicano uno stato (war atum: essere giallo/verde); 3) raddoppiare la seconda consonante di radice zan anum: piovere dab abum: parlare La struttura dellaccadico ` e fortemente analogica. Se io ad esempio prefiggo s ad una qualsiasi radice ottengo un valore causativo: s + v = causativit` a. O ancora, la struttura dellinfinito ` e: [c 1 ac 2 3 -um]; es: par asum, tagliare ac Quando non `e possibile ricreare la forma di base, allora si usa un sistema di compensazione. Esistono infatti delle consonanti deboli che per motivi di natura fonetica perdono il loro status ( alef, w waw, y yod), cosa che comporta delle compensazioni rispetto al comportamento morfologico della radice triconsonantica. Es: /rm/: amare, infinito: *ram aum, siccome tra le caratteristiche dei suoni deboli c` e quella di cadere se si trovano tra 2 vo cali, per compensazione si ha una contrazione delle vocali a contatto, che viene segnata in trascrizione con laccento circon esso: ram um. Va sottolineato che la vo cale ` e lunga esattamente come se avesse il segno V, quindi luso dellaccento circon esso ` e un espediente per descrivere il fenomeno fonetico della caduta di un suono debole. E ancora: /rm/: essere alto, infinito: *ra amum r amum. Anche nella compensazione, per` o, torna a funzionare il concetto dellanalogia, poich` e, prendendo una qualsiasi altra radice con una consonante debole in fine di parola otterr` a un comportamento morfologico analogo, identico a quello visto per il verbo ram um; es: /qb/, parlare, infinito qab um.

1.1.2 Genere
Laccadico ha due generi, maschile e femminile (mai neutro!). Una forma comune (c.) per i verbi.
2 3

In questo caso ci troviamo a che fare con originate dalluso comune. In realt` a si modifica in base alle regole di mutamento delle consonanti

1.2. GRAMMATICHE

1.1.3 Numero
Singolare, duale, plurale. Verbo: sing., plur.

1.1.4 Determinazione
Larticolo compare nelle lingue semitiche solo a partire dal I mill. (ebr., aram., etc.). In accadico

1.2 Grammatiche
Con un approccio linguistico i due lavori di E. Reiner, Linguistic Analysis of Akkadian, xxx, The Hague, 1966 e G. Buccellati, A Structural Grammar of Babylonian, xxx Wiesbaden, 1996. Grammatiche di specifici periodi sono riportate nelle bibliografie in appendice alla trattazione delle caratteristiche delle varie fasi cronologiche dei dialetti dellAccadico (xxx).

1.3 Limiti geografici e storici della lingua accadica


Mesopotamia Eblaita el-Amarna Emar, Alalakh

1.4 I dialetti
Accettando per convenzione questa visione ad albero con unoriginaria lingua unica (laccadico) da cui si sono poi sviluppati i due dialetti, Assiro e Babilonese, possiamo dividere 1. una fase arcaica, in cui quello che sar` a , probabilmente, lAccadico documentato nella seconda met` a del III mill., e, forse, altre lingue o dialetti semitici, documentati unicamente attraverso lonomastica, convivono con lelemento sumerico; 2. la fase media, che inizia al principio del II mill., che vede sopraggiungere o emergere lelemento amorreo nel sud e la distinzione di due rami, lAssiro e il Babilonese; le due fasi iniziali (paleo- e medio-) ricalcano un parallelo sviluppo ed un equilibrio delle due corrispondenti entit` 3. una fase recente, che si distingue in neo-assiro, iniziante al principio del I mill., e, posteriore, neo- e tardo-babilonese. Questa suddivisione in fasi rispecchia lo stato delle fonti e lo sviluppo storico della regione, ma si tratta comunque di una schematizzazione convenzionale che presenta semplificazioni e zone dombra. Per esempio il periodo neobabilonese, e la relativa dinastia, non coincidono con la rispettiva fase linguistica, gi`a documentata nei periodi precedenti. A di erenza dellArabo, non si ha per lAccadico una lingua considerata classica. Il paleo-Babilonese, per lampia letteratura documentata e anche

a statali;

6 CAPITOLO 1. INTRODUZIONE per la di usione e adozione a met` a del II mill. in gran parte del Vicino Oriente `e stato considerato dagli Assiriologi come una sorta di lingua classica, definita anche Babilonese standard , riconoscendogli e tributandogli un valore di autorit` a .

Capitolo 2

Scrittura
E. Reiner, How We Read Cuneiform Texts, JCS 25.1 (1973), 3-58 I.J. Gelb, Transliteration and Translation of Cuneiform (paper read at xxx) I.J. Gelb, A Study of Writing, The University of Chicago Press, Chicago London, 1963 2 [trad. italiana xxx] Non solo la forma dei segni, ma anche il loro numero e i loro valori varia da periodo a periodo. Repertori paleografici e sillabari generali sono: Labat, von So den - R ollig, Borger (il recente volume di Borger xxx risulta troppo criptico e farraginoso per un uso ovvero quotidiano). Limiti della scrittura. In alcuni casi ` fonetici e convenzioni grafiche, es. 6.1 e di cile distinguere tra fenomeni

2.1 Ideogrammi e logogrammi 2.2 Ortografia


2.2.1 Forme di scrittura
Continua Interrotta Spezzata Sandhi

2.3 Le convenzioni di notazione e trascrizione dellAccadico


2.3.1 La copia o autografia
in italiano ` e invalso anche luso del termine autografia, non del tutto corretto [sarebbe preferibile aplografiaxxx] 7

CAPITOLO 2. SCRITTURA

2.3.2 Trascrizione
vari sistemi di trascrizione, a seconda della tipologia di documenti trattati. In particolare sumerogrammi

2.3.3 Traslitterazione
sistemi particolari: equiparazione delle vocali lunghe per natura e contrazione, vd. 6.1 n. 1.

Parte II

Fonetica

Capitolo 3

Introduzione
Va ricordato tuttavia che anche alcuni aspetti della fonetica accadica restano 1 . tuttora poco o, addirittura, per nulla chiari

A. Westenholz, Do not trust Assyriologists! Some Remarks on the Transliteration and

Normalization of Old Babylonian Akkadian, in G. Deutscher - N. Kouwenberg (edd.), The Akkadian Language in Its Semitic Context : Studies in the Akkadian of the Third and Second Millennium BC, Nederlands Instituut voor het Nabije Oosten, Leiden, 2006, pp. 252-xxx.

11

12 CAPITOLO 3. INTRODUZIONE

Capitolo 4

Vocali
In accadico sono documentate tre vocali: /a i u/. Lesistenza di un fonema indipendente /e/, documentato da una serie di segni dedicati, originato da un 1 (4.2.7), ` e raddolcimento di /a/ ed /i/ (4.2.1) oppure per contrazione /a + i/ ancora discusso. Ancora pi` u ipotetica `e lesistenza della vocale /o/, postulata 2 da alcuni studiosi . I casi di scrittura spezzata (2.2.1), soprattutto in pBab (es. lu-is-ni-qa-am io voglio controllare, e-ri-us-su chiedilo!) hanno suggerito una secondaria coloritura vo calica / u/ fra /u/ ed /i/ (cf. 4.2.7). s@wa, scritta generalmente con la serie della vocale /i/.

4.1 Lunghezza
Vocali lunghe per natura: a i ( e) u o per contrazione: a i (e) u.

4.2 Mutamenti
4.2.1 Raddolcimento
a>e 1. In sillabe che iniziano o terminano con Alef, es. eqlum < *h po; 2. sostantivi tipo pars, con III rad. debole ( < *zarum seme; 3. /j + a/ in principio di parola, dove /j/ ` retto; 4. /a/ in prossimit` sibilante, es. qeb
1 2

. aqlum camerum

3 -5

, vd. 5.1) caduta, es. z

e caduta, es. e

srum < *ja srum

a di una liquida, accompagnata da enfatica, labiale o erum < qab arum seppellire;

Anche /i + a/ a Mari. A. Westenholz, The Phoneme /o/ in Akkadian, ZA 81 (1991), xxx; S. Maul, Neues zu den

Graeco-Babyloniaca, ZA 81 (1991), xxx. Per lo stesso fonema in Sumerico vd. Lieberman, S. J. The Phoneme /o/ in Sumerian, in M.A. Powell - R.H. Sack (edd.), Studies in Honor of Tom B. Jones, Verlag Butzon & Bercker Kevelaer, Neukirchen - Vluyn, 1979.

13

14 5. parole di origine sumerica, es. epinnu <apin aratro. i > e in sillabe chiuse da /r/ o /h

CAPITOLO 4. VOCALI

/, es. ut

er < utir ricondusse.

4.2.2 Attrazione
Regressiva /a > e/ quando la sillaba precedente ha per vocale /e/, es. er ebum < er abum (pAcc, Ass). Eccezioni: su . e desinenze in /a/ seguiti da su . pron. Progressiva /a > e/ quando la sillaba successiva ha per vo cale /e/: 1. verbi forti con raddolcimento vocalico (4.2.1); 2. infissi tematici -ta- e -tan-; 3. nei prefissi verbali a- e ta-; 4. nella prima sillaba tematica di molte forme nominali o verbali di alcune radici di III debole.

4.2.3 Semplificazione dei dittonghi


/au > u/ es. m utum < *mautum morto.

/ai > i/ es. inum < *ainum o cchio. Il dittongo sopravvive nella particella vetitiva ai.

4.2.4 Abbreviazione
1. In principio o nel mezzo di parola, una vocale lunga seguita da una consonante raddoppiata duviene breve (nomi e verbi di I o II rad.). 2. In fine di parola le vocali lunghe per natura, se non accentate, vengono considerate brevi. Ci` o accade per le desinenze del plurale di sostantivi e verbi.

4.2.5 Allungamento
1. La caduta di una consonante debole (/ w j/) finale di sillaba provoca lallungamento della vocale, es. ipu s < *ipu s fece; 2. la caduta di una consonante debole a principio di sillaba, pu` segno nellallungamento della vocale della sillaba precedente, es. milum < *milum piena; 3. una vocale breve per natura pu` o allungarsi per uno dei seguenti casi: o lasciare il

davanti ad elementi aggiunti alla radice, quali la terminazione del femminile -t, la particella enclitica -ma e i su ssi pronominali, es. b eli-ja del mio signore; per indicare interrogazione o esclamazione, es. ul rakib non pu` cavalcare?. o

4.2. MUTAMENTI

15

4.2.6 Elisione o sincope


Nel corpo di una parola, una vo cale breve in sillaba aperta, preceduta da uneguale vocale breve in sillaba aperta, si elide: 1. negli aggettivi para/i/us quando si aggiungono le desinenze, es. rap < *rapa sum largo; 2. in molte forme verbali dei temi G, Gt e N, quando seguite da desinenze e su ssi, es. parsat < *parisat ` e divisa. sum

Eccezioni Davanti a liquida (es. zikarum, ma anche zikrum uomo), vocale (rabiam), su pron.; in finale di parola (i skunu) e nei prestiti sumerici.

Altre occasioni Nel preterito dei verbi di I Waw, dopo il prefisso di coniugazione allungato ( u, i) a causa della caduta della prima radicale, la vocale breve della successiva sillaba si elide davanti alle desinenze, es. ubl u < * ubil u; in alcuni casi si pu` o avere lelisione dellultima vocale dei su . pron. e delle preposizioni (ana, ina, eli, adi).

4.2.7 Contrazione
In generale due vo cali a contatto si contraggono in una vocale lunga; tale norma tuttavia varia in base al periodo e al dialetto. In pBab vigono le seguenti norme: a+u/ u= u e+u/ u= u u = u i / i + a / a= e a + u / a + i / i = i u / u+a/ a= a ei+u/ u= u a/ + ie / i =/ a = e u + i / i = i e +a e + i = e, i I seguenti mutamenti possono essere limitati solo a determinate aree e periodi (es. / u + a/ a = e/ si ha solo a Mari) oppure non verificarsi in determinati casi (es. /u/ u + a/ a = a/ nel pron. di 3 persona; / a + i/i = e/ nel part. G dei verbi di II rad. debole; /i + u/ u = u/ in testi po etici e arcaici).

4.2.8 Crasi
La fusione della vo cale finale di una parola con la vo cale iniziale della successiva parola (es. sa awat > sawat) ` e un fenomeno raro (2.2.1); avviene regolarmente nellottativo (xxx), tra la particella l u e la forma verbale, es. luprus < *l u-aprus. Una sorta di crasi si produce nella contrazione tra due parole di uso corrente, come adurram < adi urram s eram.

16

CAPITOLO 4. VOCALI

4.2.9 Vocali ausiliari


In accadico, a causa del sistema di scrittura, una parola non pu` o n`e cominciare n` e terminare con due consonanti, fra le due sinserisce una vocale ausiliare, generalmente identica a quella della sillaba vicina, come nelle forme pvrs. I nomi terminanti in doppia consonante o reduplicata prendono la vocale secondaria a davanti ai su . pron. di II e III pers. Diverse forme di stato costrutto prendono una vocale di appoggio, generalmente i, in fine di parola. Linserimento di una vocale ausiliare pu` o indicare in alcuni casi una pronuncia lenta (es. uzun a su per uzn a su) o semplicemente essere una variante grafica.

Capitolo 5

Consonanti
occlusive nasali fricative liquide labiali b, p m - dentali d, t, t palato-alveolari - - s velari g, k - - uvulari q - - laringali - - sonore sorde enfatiche labiali b p dentali d t t. palatali g k q sibilanti z s, s s. . n z, s, s. l, r

5.1 Alef
In accadico lAlef pu` o derivare da unoriginaria: // ( ), /h/ ( ), /h. / ( 1 2 // ( 4 ), / g/ ( 5 ), /w/ ( 6 ), /j/ ( ). L 1 -2 non ha in usso sulla vo cale che 7 1 il passaggio a > e. laccompagna; 3 -5 (Alef aspra) produce, in genere in Bab In principio di parola // generalmente cade e non viene segnata. Lalef in corpo di parola pu` o comportarsi nel modo seguente: 1. si conserva, es. i s-al chiese; sal chiedi; al ;
2 3

),

2. cade senza lasciare traccia, es. ta

3. cade allungando la vo cale a contatto, es. i s 4. pu` o assimilarsi alla consonante successiva 5. come ultima radicale pu`
1 2

, ovvero cadendo la raddoppia

o conservarsi, es. pirum rampollo.

Non ancora in pAcc, specie in sillaba aperta. In Ass anche la precedente, es. h ittu > *h itu peccato.

17

18 CAPITOLO 5. CONSONANTI Scrittura In posizione iniziale e mediana pu` 1. ripetizione della stessa vocale (a-ak-ka-al ); 2. due vo cali di erenti (ib-ni-a-am; vd. 2.2.1) 3. mediante la consonante /h / (pBab, pAss); 4. i segni per a/i/e/u e a/i/e/u (nBab); 5. una semivo cale (/j w/). o essere segnata dalla:

5.2 Laringali
La /h o alternarsi con / k g/ in varianti dialettali (pBab, pAss), es. nuudum pu` pBab/diviene nuh hudum in pBab e pAss.

5.2.1 Laringali protosemitiche


Circa la con uenza delle quattro laringali protosemitiche (h, h. , , proposta una teoria analoga a quella delle sibilanti (5.8) per il pAcc: 1. nel pAcc non si verifica il fenomeno del raddolcimento vocalico /a > e/ (4.2.1) in prossimit` a di Alef aspra derivante da queste laringali (5.1); 2. in pBab nomi di origine semitica in Ayn vengono trascritti invece che con Alef con h sme-Dagan. , es. Jasmah -Addu cf. accadico I g) ` e stata

5.3 Enfatiche
Le tre consonanti enfatiche sono /q(k. s. t . /. Generalmente assimilano le consonanti sorde vicine, es. at .t.ardam < *at .tardam caccer` a via, iq-ta-rib > iq-t si avvicin` o (Ass). Per quanto riguarda la scrittura va notato che solo a partire del mBab e mAss si distinsero le enfatiche dalle relative sorde tenui con una serie di segni dedicati. Non si giunse mai tuttavia ad una scrittura perfettamente coerente, 3 n` e a sviluppare segni specifici per le sillabe s .a, t .a, qi/qe e t .i . .e-rib

5.4 Labiali
Le tre labiali accadiche sono /b p m/. I mutamenti al loro interno sono comuni, in particolare: 1. b > m (/b + m/ >/mm/), es. 2. b > p in prossimit` erub-ma > erumma; apum aggiungere; .

a di /n s. s/, es. (w)as

abum > (w)as .

3. b > w, il passaggio tra le due consonanti ` e do cumentato dalluso del segno WA (aw, iw, uw ), ma ` e di cile sostenere se si tratti di una soluzione grafica o di un reale mutamento fonetico.
3

Una maggiore coerenza in nAss per questi ultimi due casi.

5.5. DENTALI

19

5.5 Dentali
Le dentali sono /d t t./. Il fenomeno pi` u comune `e lattrazione regressiva e progressiva (5.12.1) tra due dentali, es. ki sid-tu > ki sittu conquista, adtalah > addalah . Lincontro di una dentale con (5.12.1). una sibilante comporta generalmente unassimilazione della prima alla seconda

5.6 Liquide
Le liquide sono /l r/. In alcuni casi la labiale /l/ pu` o essere il prodotto della lateralizzazione di una dentale ( s/s + dent. = l + dent.); la /r/ di un fenomeno di retro essione ( s > r), nota anche il fenomeno contrario (r > s).

5.7 Nasali
Le nasali sono /m n/. Il passaggio dalluna allaltra pu` o avvenire di frequente: in particolare m > n davanti a dentale, sibilante e /q/ (emqu > enqu). Il passaggio n > m avviene per dissimilazione nei casi in cui precedentemente la n era stata assimilata (inandin > inaddin > inamdin ; 5.12.1).

5.8 Sibilanti
Le sibilanti sono s, s . , s, pi` u una s documentata per il pAcc. Il problema della resa delle sibilanti ` e ancora aperto, infatti abbiamo diverse serie di segni utilizzati per il pAcc e per il pBab: 1. pAcc: i segni in z sono usati per s, s i segni in s per i segni di 2. pBab: i valori di z sono resi con i segni za, zi, zu; s sa, si, su, za, zi, zu; s1 -3 sa, si, su. s vengono usati per . , z etimologiche; s3 (ar. t . ).

s1 (ebr. s, ar. s);

Solo nel mBab la scrittura di erenzia nettamente le quattro sibilanti, ma contemporaneamente si svolge un processo di assimilazione fonetica per cui t e s con uiscono in s. Il problema ` e individuare quando questo fenomeno sia avvenuto, nel pAcc o pBab? Diverse sono le ipotesi, tra cui le pi` u importanti, e contrapposte, sono quelle di Gelb e von Soden. I mutamenti sono frequenti, in particolare: 1. sibilante + sibilante o dentale + sibilante = ss; 2. la s davanti a z si mantiene (u sziz egli collo c` o); ma es. assi ( ssi) tinvocai) o = ls (alsi-ka ti ho invocato). s + s = ss (in nAss,

20 CAPITOLO 5. CONSONANTI

5.9 Semivocali (j, w)


Entrambe le semivocali comuni del semitico si conservano in accadico.

5.10 j 5.11 w
La waw ` e un suono bilabiale; si trova in principio e corpo di parola, anche raddoppiata. Iniziale o mediana si conserva nei periodi pi` u antichi (pAcc, pAss, pBab; wardum, awilum), mentre nei periodi posteriori cade quando ` e iniziale (ardum,) o diventa m nel mezzo della parola (amelum) a partire dal mBab. Il passaggio w > j, tipico del semitico nord-occidentale, non si verifica in accadico. Nel dialetto assiro la w iniziale o mediana pu` o cadere o > b (raramente in pAss), regolare in mAss e nAss il passaggio wa > u (es. urdum). In mBab m e w intervo calici possono scambiarsi ( sama s, sawa s).

5.12 Mutamenti
5.12.1 Attrazione
Attrazione progressiva /b + -ma/ = -mma (verbi IIIb); /m/ della mimazione, del ventivo e del locativo si assimila ai sfx. pron.; la /n/ tende in generale ad essere assimilata e raddoppiare la consonante che segue (pfx. tematici na-, -tan-; prep. an(a) e in(a); davanti a sfx. fem. -t); le dentali /d t/ si assimilano davanti a sfx. fem. e /z/ davanti a sfx. fem., zittum * ziztum); / s + s/ = ss. Attrazione regressiva s II o III rad. (analogo

Capitolo 6

Sillaba e accento
6.1 La sillaba
sillabazione e scrittura Scioglimento di doppia consonante in principio o, in generale, di tre consonanti. Solo fenomeno grafico? shewa . Saparda Una sillaba si definisce aperta se termina in vocale (cv), chiusa se termina in consonante (cvc). Una sillaba pu` o contenere vocali brevi (cv(c)) o lunghe; queste ultime possono essere lunghe per natura (c v(c)) oppure come risultato di 1 contrazione (c v(c), vd. 4.2.7) o posizione xxx

6.2 Laccento
In accadico laccento tonico cade sulla sillaba con vocale lunga pi` u prossima alla fine della parola, es. id uku (v-c v-cv) = /id uku/, sarratu (cvc-cv-cv) = / s arratu/, sarr atu (cvc-c v-cv) = / sarratu/. Si accenta la vocale dellultima sillaba solo se si tratta di una sillaba chiusa con vo cale lunga per natura o di una sillaba con vocale lunga per contrazione, es. idd ak (vc-c vc) = /iddak/, ban u e ram u (cv-c v) = /ban u, ram u/, ma non r amu (c v-cv) = /r amu/.

Si noti che adottato in particolare in ambito francese ` e quello di non distinguere graficamente la vocale lunga per natura da quella per contrazione, adottando per entrambe laccento circon esso (v).

21

22 CAPITOLO 6. SILLABA E ACCENTO

Parte III

Grammatica

23

Capitolo 7

Sostantivo
Non esiste larticolo; determinazione.

7.1 Genere
Laccadico

7.1.1 Formazione del femminile


il morfema t -t- o -at- per il singolare inserito tra il tema e le desinenze del caso, secondo le seguenti Esistono tre modi in Accadico per formare il femminile singolare a partire dalla radice maschile, a seconda di come termina questultima: 1. consonante singola: si aggiunge il sfx del fem. -t- (-vc-t), es. m > m ar-t- figlia; 2. consonante raddoppiata: si premette una -a- di sostegno al sfx. -t - (vc1 c1 -at), es. sarr- re > sarr-at- regina; 3. due consonanti distinte: in generale vale la regola precedente (-vc es. kalb- cane >kalbat- cagna; se si tratta di un sostantivo di origine verbale si usa inserire una vo cale tematica tra penultima e ultima consonante (-vc 1 vc2 -t), Il sfx del femminile plurale ` e xxx
1

ar- figlio

c2 -at),

7.2 Numero 7.3 Stati del nome


LAccadico distingue tre stati del nome: lo stato retto, che serve a declinare il sostantivo; lo stato retto, che serve a formare il primo elemento (reggente) di un costrutto genitivale; lo stato assoluto, ristretto a po chi particolari casi come il vocativo o espressioni di tempo e luogo. 25

26 CAPITOLO 7. SOSTANTIVO

7.3.1 Stato retto


Lo stato retto corrisponde alla forma assunta dal sostantivo declinato. Il sostantivo ha due generi (m., f.) e tre numeri: singolare, per indicare il singolare ed il collettivo; duale, esprime coppie di xxx ed `e limitato a casi particolari, come per es. le parti simmetriche del corpo; il plurale. Due fenomeni storici sembrano caratterizzare levoluzione della lingua la perdita sistematica di mimazione e nunazione a partire dal pBab, da una parte, e in generale del sistema dei casi, per arrivare alle forme pi` u tarde (nAss, nBab) in cui non vi ` e alcun rispetto delle desinenze casuali, dallaltra. La declinazione presenta tre casi al singolare e due al duale e plurale. I casi del singolare sono: nominativo o soggettivo (-um), che indica il soggetto di una proposizione; genitivo o obliquo (-im ), che serve ad esprimere genitivo, dativo e il secondo termine di un costrutto genitivale (retto), ed `e il caso utilizzato con le preposizioni (11.1); accusativo o diretto (-am ), che indica loggetto di una proposizione ed ` e utilizzato per altri casi particolari, come laccusativo di relazione. Es. bitum la casa (nom.), ina bitim in/nella casa; sarrum il re (nom.), ana sarrim al re. La declinazione del duale e diptota e le desinenze del nom. - an e dellobl./acc. -in si aggiungono alle radici del singolare, es. sinnum dente (nom. sing.), sinnan, denti (du. nom.). Va ricordato che il duale ` e utilizzato raramente e principalmente per coppie o parti simmetriche, come quelle del corpo, e che spesso queste sono anche femminili per cui al singolare e duale non presentano il caratteristico su sso -t - che compare nella forma - at- del plurale. Il plurale ha una declinazione diptota distinta per masc., che semplicemente aggiunge alla radice singolare le desinenze del nom. - u e dellobl./acc. -i e fem., che prima modifica il su sso del femminile in - at-, sia per i nomi originariamente femminili che per le radici che avevano formato il femminile al singolare con il su sso -t-, e poi aggiunge le desinenze, per cui le desinenze plurali del femminili appaiono nelle forme - atum (nom.) e - atim (obl./acc.). Es. kalbum il cane (nom. sing.), kalb u i cani (nom. plur.), ina kalbi tra i cani; kalbatum cagna (nom. sing.), kalb atum cagne (nom. plur.). Esiste un altra declinazione del plurale, sempre diptota, in - anu e - ani , il cui significato principale pare essere quello di sottolineare la singolarit` a allinterno di una collettivit` a. Tuttavia varie ipotesi sono state fatte al riguardo; va ricordato, inoltre, che luso di questa declinazione e discontinua in periodi ed aree (` e molto frequente nel nAss). Una terza declinazione plurale, in - utum / - utim ` e limitata al plurale maschile degli aggettivi. In conclusione, va ricordato che alcuni nomi hanno unicamente il plurale (pluralia tantum), es. m u acqua, ni s u gente; altri hanno il singolare di un genere ed il plurale di un altro o di entrambe xxx, altri ancora hanno un significato di erente tra singolare e plurale. masc. fem. Sing. nom. -um -(t)um obl. -im -(t)im acc. -am -(t)am Du. nom. - an -(t) an obl./acc. -in -(t)in Plur. nom. - u - atum obl./acc. -i - atim

7.3. STATI DEL NOME Locativo e avverbiale

27

7.3.2 Stato costrutto


Lo stato costrutto ` e la forma che assume il sostantivo per esprimere il primo elemento (reggente) di una costruzione genitivale in cui il secondo elemento prende il caso obliquo. Nel caso di una sequenza di due o pi` u dipendenze genitivali, tutti i sostantivi sono allo stato costrutto, tranne lultimo che prende il caso obliquo, es. bit m ar sarrim la casa del figlio del re. I due, o pi` u elementi, della costruzione genitivale sono strettamente connessi e tra di essi non pu` o trovarsi alcun elemento, come per esempio un aggettivo che qualifichi il primo termine o uno dei reggenti; in questo caso laggettivo va alla fine del costrutto, concordandosi con il termine cui si riferisce. Se la costruzione risulta ambigua o troppo complessa si pu` o utilizzare il pronome personale sa (xxx) per creare il rapporto genitivale, es. lespresione il palazzo del figlio del re di Babilonia pu` o essere resa ekal m ar sar B abilim oppure ekal m arim sa sar B abilim. Un terzo mo do per formare lo stato costrutto ` e mediante luso del pronome possessivo posposto: il retto precede il reggente a cui viene aggiunto il pronome su sso possessivo, es. sarrumxxx s .ab- su lesercito del re (lit. del re il suo esercito), anche s .ab sarrim e s .abum sa sarrim. Questespressione viene preferita se si vuole porre in posizione enfatica il sostantivo che deve essere normalmente espresso in stato retto; inoltre serve per alcune costruzioni di uso frequente, come mimma sum- su qualsiasi cosa, il suo nome, ci` o qualunque sia il suo nome, qualunque cosa, usata come formula onnicomprensica per evitare lunghi elenchi. Formazione dello stato costrutto Ad eccezione del plurale maschile, che rimane inalterato (m ar u sarrim i figli del re), per formare lo stato costrutto, la radicexxx del sostantivo viene mo dificata. Il duale perde la nunazione, es. in an gli occhi, in a sarrim gli occhi del re. Per gli altri casi in generale oltre alla perdita delle desinenze casuali, unico cambiamento per il plurale femminile (es. sarr at m atim le regine del paese) c` e un mutamento della radice. Maschile singolare I casi variano a seconda della forma e terminazione del sostantivo. Con le dovute eccezioni, in generale le norme sono: 1. semplice perdita della desinenza, es. m arum > m ar, immerum > immer;

2. i sostantivi che terminano in due consonanti, possono semplificarla se doppia , es. sarrum > sar, o prendere una -i di sostegno, es. t t .uppi; 3. i sostantivi del tipo pars, pirs, purs prendono una vocale tematica tra seconda e terza radicale (c 1 vc2 c3 > c 1 vc2 vc3 ), es. purs > purus.

.uppum >

Femminile singolare I sostantivi terminanti in -at-, perdono la desinenza casuale (xxx); quelli che terminano in consonante singola pi ` u su sso del femminile -t-, inseriscono tra consonante e su sso una -a- e si comportano come i

28 CAPITOLO 7. SOSTANTIVO precedenti, es. xxx. I polisillabici, ma non solo, terminanti in consonante pi` su sso del femminile -t-, aggiungono una -i di sostegno dopo il su sso, u

7.3.3 Stato assoluto


Lo stato assoluto si ottiene togliendo allo stato retto le desinenze della declinazione e, in alcuni casi, anche la terminazione del femminile; sebbene possa assumere forme simili dallo stato costrutto, se ne distingue perch` e `e privo di reggenze genitivali. Luso dello stato assoluto ` e ristretto a pochi casi; occorre infatti con i numerali, in espressioni di tempo e luogo xxx, per indicare il vocativo (es. sar o re!) e nei nomi di sovrani e di divinit` a.

Capitolo 8

Aggettivo

29

30

CAPITOLO 8. AGGETTIVO

Capitolo 9

Pronomi
9.1 Pronome personale
Le forme pAss. e pBab. dei pronomi personali indipendenti Nom. Gen./Acc. Dat. Sing. 1c. an aku j 2m. att a (<*ant a) k 2f. atti (<*anti) k 3m. s u 3f. si Plur. 1c. ninu ni 2m. attunu (<*antunu) kun 2f. attina (<*antina) kin 3m. sunu sun 3f. sina Le forme recenti sono: Nom. Gen./Acc. Dat. Sing. 1c. an aku j ati (j atu) j 2m. att a k ata k 2f. atti k ati k 3m. s u, (i s s u) su(w) ati, suatu, s atu 3f. si, (i ssi) su(w) ati, suatu u / , anen u / Plur. 1c. nin ni(j)ati ni i i 2m. attunu k atun(u) k 2f. attina [k atina] [k 3m. sunu (i ssunu) s atun(u), sunuti 3f. sina, sini, (i ssini) s atina, sinati a si, (j a su / a ) a sa a si s a su s a sa / i a si a sun(u) asina] s a sun(u) s a sina ati j a si(m) ati, k ata k a sim ati k a si(m) su ati, suatu su a sim, sa su / i si ati, s ati, su ati si a sim ati ni a sim uti kun u si(m) ati [kin asim] uti sun usim sinati sina sim

31

32

CAPITOLO 9. PRONOMI

Capitolo 10

Il verbo
10.1 Introduzione
I verbi in accadico si dividono in due grandi categorie: di stato: indicano una qualit` a o un mo do di essere del soggetto e hanno generalmente un valore ingressivo (es. damqum buono, idammiq egli diventa buono); dazione: indicano unattivit` a o azione del soggetto.

Le coniugazioni ed i tempi si ottengono mediante vocalizzazione mutamento delle consonanti di radice infissi la variazione della vocalizzazione e modificazioni della radice e infissi dai quali si ottiene un tema verbale, caratteristico di una determinata coniugazione o tempo. l verbo si coniuga mediante particolari forme o temi verbali caratteristici di coniugazioni e tempi, che si ottengono dalla radice mediante variazione della vocalizzazione, mo dificazione della radice e linserimento di infissi a seconda della . Le forme finite, inoltre, aggiungono al tema verbale prefissi e su ssi che ne determinano il genere ed il numero.

10.1.1 Le coniugazioni
Coniugazioni base o semplici LAccadico conosce quattro coniugazioni che potremmo definire base o semplici, che possono essere indicate mediante le lettere che le distinguono o con i numeri romani da I a IV (cos`i il CAD ): I / G, dal tedesco Grundstamm coniugazione di base, ed indica la forma di base ovvero il valore originario della radice; II / D, dal tedesco Doppelungstamm coniugazione raddoppiata, la cui caratteristica `e appunto il raddoppiamento della seconda radicale, mentre il valore ` e quello di fattitivo o intensivo del valore di base; III / S, la cui caratteristica ` e una - s(a)- infissa o prefissa prima della radice e il valore principale ` e quello di causativo o, come la D, fattitivo; 33

34

CAPITOLO 10. IL VERBO

IV / N, la cui caratteristica ` e linserzione dellelemento -n(a)- infissa o prefissa prima della radice e il valore `e quello di passivo per i verbi di azione e ingressivo per quelli di stato. Coniugazioni composte o derivate Da ogni coniugazione base si possono inoltre ottenere due coniugazioni derivate o composte tramite linserimento di un infisso -ta- o -tan-, che saranno di conseguenza indicate con la lettera o il numero della coniugazione base seguita, rispettivamente, da t o tn oppure da 2 o 3 (es. Gt = I/2, Dtn = II/3, etc.). La coniugazione con infisso -ta- indica reciprocit` a e ri essivit` a (nella coniugazione G) o il passivo (nelle coniugazioni D e S); ovviamente ` e inesistente per la coniugazione N il cui valore `e gi` a di medio-passivo rispetto alla coniugazione G. Linfisso -tan- indica ripetitivit` a dellazione (iterativo, abituativo). In tutto, dunque, esistono virtualmente undici coniugazioni; ricordiamo che Nt (IV/2) non esiste perch` e non pu` o esistere il passivo del passivo. ` E ovvio che non siano documentate tutte le coniugazioni per tutti i verbi. Es. il verbo parasum (inf. G, vprs) tagliare, diviene tagliarsi, tagliarsi vicendevolmente (Gt = I/2), solere tagliare (Gtn = I/3), spezzare in mille pezzi (D = II), essere spezzati in mille pezzi (Dt = II/2), solere spezzare in mille pezzi (Dtn = II/3), far tagliare ( S = III), essere fatto tagliare ( St = III/2) essere soliti far tagliare ( Stn = III/3), essere tagliato (N = IV), solere essere tagliato (Ntn = IV/3) .

10.1.2 Forme verbali


Ciascuna coniugazione prevede otto forme verbali divise in due gruppi variamente definiti come finite / non finite, personali / impersonali. A) Forme personali o finite 1. Il preterito indica unazione passata, istantanea e puntuale; nelle proposizioni secondarie pu` o esprimere unazione anteriore a quella della principale (corrisponde dunque al piuccheperfetto italiano). 2. Il perfetto (Pf.) si usa per indicare unazione compiuta; in una frase che riguarda il passato, se due o pi` u verbi sono co ordinati, lultimo si mette al perfetto. Caratteristica morfoxxx del perfetto linfisso -ta- tra prima e seconda radicale. 3. Il presente (Prs.) esprime la qualit` a durativa dellazione, indipendentemente dal tempo in cui essa avviene. Caratteristica morfoxxx del presente ` e il raddoppiamento della seconda radicale, assente solo nella coniugazione S. 4. Lo stativo (o permansivo) indica che il soggetto si trova nella condizione espressa dalla radice verbale. B) Forme impersonali o infinite 1. Linfinito xxx

10.2. CONIUGAZIONE DEL VERBO 35 2. Il participio (che non tutti i verbi esprimono) indica la persona che sta facendo lazione (es: p arisum colui che sta tagliando). 3. Laggettivo verbale ` e la nominalizzazione dello stativo: denota infatti una qualit` a o un modo di essere in cui il soggetto si trova o viene a trovarsi in seguito a unazione fatta o subita.. 4. Limperativo xxx

10.1.3 Prefissi e su ssi verbali


Le persone delle forme verbali finite (o tempi) si coniugano mediante una serie di prefissi e su ssi aggiunti alla radice modificata dalle caratteristiche di quella coniugazione e forma verbale (10.1.2). Esistono due serie di sfx./pfx.: la prima utilizzata per la coniugazione G ed N (I, IV) `e caratterizzata da una vo calizzazione in /i/ ed /a/; la seconda, impiegata per le coniugazioni D e S (II, III) di erisce dalla prrima unicamente per la vo calizzazione in /u/ di tutti i prefissi.

G/N D/ S Sing. 1 a-. .. u-. . . 2 m. ta-. .. tu-. .. 2 f. ta-. .. -i tu-. . .-i 3 i-. .. u-. . . Plur. 1 ni-. .. nu-. .. 2 ta-. .. - a tu- . .. - a 3 m. i-. . .- u u-.. .- u 3 f. i-.. .- a u-.. .- a

10.2 Coniugazione del verbo


riguarderanno Una regola che ricorre comunque frequentemente `e quella dellelisione (4.2.6), che troviamo per es. nel Pf., Imp. e nel Gt con le persone che prendono un su sso (3fs e tutte le persone plurali ad eccezione della prima). Nei temi verbali riportati negli schemi qui di seguito abbiamo indicato con una parentesi la vo cale che pu` o essere soggetta ad elisione. La maggior parte degli esempi `e basata sul verbo par asum, un verbo apofonico (a/u) o nei casi in cui quelle forme non siano contemplate per i verbi apofonici (Gt) o non do cumentate, su altri verbi. Gli esempi si riferiscono per i tempi finiti alla 3s.c. e, occasionalmente, alla 3pl.m.; per limperativo alla 2s.m. e alla 2pl.c.; per le forme infinite al nom.s.

36

CAPITOLO 10. IL VERBO

10.2.1 La coniugazione G/I


Forma Pfx. Tema Sfx./des. Esempio (vprs) Prs . . . . - c (-. . . ) iparras 1 ac 2 c 2 vr c 3 Pf. . . . - c (-. . . ) iptaras, iptars 1 -ta-c 2 (v r )c 3 Prt. . . . - c (-. . . ) iprus 1 c 2 vr c 3 Imp. c v c (v )c (-. . . ) purus, purs 1 r 2 r 3 Ptc. c -. . . p arisum 1 2 ic 3 ac Inf. c -. . . par asum 1 ac 2 3 ac Agg.v. c -. . . parsum 1 ac 2 c 3 Stat. c -. . . paris, pars 1 ac 2 (i)c 3 La coniugazione Gt / II/2 Forma Pfx. Tema Sfx./des. Esempio (vprs) Prs . . . . - c tac 2 c2 vr c3 (-. . . ) imtahhas 1 Pf. . . . - c -tat-c 2 vr c3 (-. . . ) imtathas 1 Prt. . . . - c c v c (-. . . ) iprus 1 2 r 3 Imp. c v c (vr )c 3 (-. . . ) purus, purs 1 r 2 Ptc. c 2 i c3 -. . . p arisum 1 ac Inf. c ac 2 3 -. . . par asum 1 ac Agg.v. c ac 2 c3 -. . . parsum 1 Stat. c -. . . paris, pars 1 ac 2 (i)c 3

u a

Capitolo 11

Particelle
11.1 Preposizioni

37

38 CAPITOLO 11. PARTICELLE

Parte IV

Sintassi

39