Sei sulla pagina 1di 132

Storia della Provincia di Messina - Le origini

[NG1]

Uno sguardo
alla Provincia

Accenni ai principali
avvenimenti
della Provincia
di Messina

INTRODUZIONE

Vogliamo dare un accenno(quasi un indice) dei principali


avvenimenti che hanno costruito o afflitto la nostra Provincia di
Messina nei secoli,come risulta dai cronisti e dagli storiografi
che si sono premurati di raccogliere e tramandare tante preziose
notizie,che saranno il punto di partenza per scrivere seriamente
e con senso critico la vera storia della Provincia.

Larchivista
2 - Storia della Provincia di Messina -

STATO GIURIDICO-CIVILE

La Provincia di Messina dei Frati Minori Cappuccini costituisce un Ente Morale,con sede in
Messina,Viale Regina Margherita,25,civilmente riconosciuto con R.D. del 23 aprile 1931,registrato
alla Corte dei Conti il 5 maggio 1931,pubblicato
sulla Gazzetta Ufficiale n.132 del 10 giugno 1931.
Codice Fiscale n 800 035 108 33
Rappresentante legale,con potere di firma, il sacerdote
P.Giovanni Turrisi da Castelbuono,residente a Messina.
Appartengono all'Ente i conventi di Adrano, Bronte, Castelbuono,Catania,Cefal, Francavilla
di Sicilia,Gangi,
Giarre,Gibilmanna,Linguaglossa,Messina,Milazzo,
Nicosia,Patern,Patti,Petralia Sottana,Pettineo,Randazzo,
S.Marco d'Alunzio,Savoca, Taormina-Mazzar,Troina,Tusa.
Inoltre fanno capo all'Ente la Casa natale del B.Felice in Nicosia,la Chiesetta e Ospizio
annesso di Pistunina(Messina),
la Chiesa di S.Lucia in Lipari.
In questi ultimi anni sono stati dati in commodato alcuni
luoghi per il numero ridotto dei religiosi e per venire incontro alle esigenze sociali attuali.
- I conventi di Pettineo e Tusa al Vescovo di Patti.
- Il convento di Rometta era stato ceduto alle Clarisse
del Monastero "S.Francesco".
- Il convento di Savoca a "Chiesa Mondo" di Catania.
- Il convento di Randazzo a Don Gelmini per le sue opere.
- Il convento di Petralia Sottana a un Istituto per recupero
- drogati.
- Il convento di Castelbuono (in parte) a un gruppo di Clarisse
ed diventato Monastero S.Maria degli Angeli.
- Il convento di Troina e quello di Cefal adattati a Casa di
Accoglienza per gli ultimi e i bisognosi e gestita dal
volontariato sotta la direzione dei religiosi.

ANNUARIO DEI CAPPUCCINI


PROVINCIA DI MESSINA NEL GENNAIO 1999

Origini:1529
Provincia:1574
Titolo:Concezione Beata Vergine Maria
Ministro Provinciale:P.Giuseppe Remigio Targia da Castelbuono

CONVENTI

95031 ADRANO (CT) - Fraternit parrocchiale


Convento dei Cappuccini - tel 095-7692324
Convento (1608) - Parrocchia S.Maria degli Angeli -
Ospedale

95034 BRONTE (CT) - Centro di Pastorale Giovanile


Convento dei Cappuccini
Piazza Cappuccini 3 - tel. 095-691498
Convento (1627) - Ospedale.

90013 CASTELBUONO (PA) - In commodato ceduto alle


Monache Clarisse
Monastero S.Maria degli Angeli
Una piccola parte ai frati:
3 - Storia della Provincia di Messina -
Fraternit conventuale
Convento dei Cappuccini - tel.0921-71131
Convento (1577).

95124 CATANIA - Fraternit conventuale,


parrocchiale,ospedaliera Convento dei
Cappuccini
Via S.Maria della Catena 2 - tel 095-455666
Convento (1536) -
Parrocchia S.Cuore di Ges.

II

95125 CATANIA - Ospedale Ferrarotto - tel 095-365281

95128 CATANIA - Ospedale Garibaldi - tel. 095-326968

95122 CATANIA - Ospedale Vittorio Emanuele -


tel. 095-32296,312663

90015 CEFALU' - Casa di Accoglienza del Santuario di


Gibilmanna
e Parrocchia S.Francesco
alle dipendenze del Santuario
Convento dei Cappuccini - tel ---
Piazza S.Antonino -

98034 FRANCAVILLA di Sicilia (ME) - Affidato a Taormina


Accoglienza Francescana
Gestisce la Parrocchia di Motta Camastra.
Convento dei Cappuccini - tel.0942-981017
Convento (1570) - Parrocchia fuori citt.

90024 GANGI (PA) - Fraternit del Postulato


Convento dei Cappuccini
Via dei Cappuccini - tel.0921-44031
Gestisce una parrocchia fuori citt.
Alla Fraternit affidato il servizio pastorale
di Petralia Sottana
e del Santuario della Madonna dell'Olio.

95014 GIARRE (CT) - Fraternit parrocchiale


Convento dei Cappuccini
Parrocchia S.Francesco d'Assisi al Carmine
- tel.095-931533
Convento (1934).

III

90010 GIBILMANNA (PA) - SANTUARIO -


Casa di Esercizi Spirituali
e incontri giovanili. - Museo - Biblioteca
Convento dei Cappuccini - tel 0921-921835 Fax
921922
4 - Storia della Provincia di Messina -
Convento (1535) - Santuario -

95015 LINGUAGLOSSA (CT) - Fraternit conventuale


Convento dei Cappuccini - tel 095-632066
Convento (1642).
E' affidato il servizio pastorale a Randazzo

98030 TAORMINA - MAZZARO' (ME) -


Fraternit parrocchiale
Convento dei Cappuccini
Via Nazionale 180 - tel 0942-51362
Convento (1551) - Due parrocchie
nell'attiguo Comune di Giardini:
Parrocchia Immacolata,tel 51484,
Parrocchia Maria SS.Raccomandata,
tel 51582.

98121 MESSINA - Viale Regina Magherita 25 -


Madonna di Pompei
Convento (1533) - tel 090-361246
Curia Provinciale,tel 40094, Fax 361248
Infermeria Provinciale
Biblioteca Provinciale -
Parrocchia - Casa di Studio -

98100 MESSINA - Ospedale Margherita - tel 090-658621

98100 MESSINA - Ospedale Piemonte - tel 090-2939069

98100 MESSINA - Policlinico Universitario - tel 090-2933964


- Ospedale

IV

98057 MILAZZO ( ME) - Fraternit conventuale


Convento Cappuccini - tel 090-9281838
Convento (1580) -
Parrocchia SS.Rosario,fuori convento.
Servizio pastorale a Patti.

94014 NICOSIA (EN) - Fraternit interprovinciale


del Noviziato
Convento Cappuccini - tel 0935-646270
Convento (1546) - Vicepostulazione
B.Felice da Nicosia.
Noviziato Regionale.

95047 PATERNO' (CT) - Fraternit parrocchiale


Convento Cappuccini . tel 095-846444
Convento (1556) -
Parrocchia S.Francesco all'Annunziata.
Ospedale.

98066 PATTI (ME) - Affidato a Milazzo


Convento dei Cappuccini - tel 0941-21451
Convento (1570)-
5 - Storia della Provincia di Messina -
90027 PETRALIA SOTTANA (PA) - Ceduto in commodato
a un'istituzione per drogati
Una piccola parte riservata ai frati.
Convento dei Cappuccini - tel.---
Convento (1587) .

95036 RANDAZZO (CT) - Dato in commodato a Don


Gelmini per i drogati
Una parte riservata ai frati.
Convento Cappuccini - tel ---
Convento (1544).

98070 S:MARCO D'ALUNZIO (ME) -


Casa di Accoglienza "Villa Pacis"
Convento dei Cappuccini - tel 0941-797031
Convento (1582) -
Luogo di Esercizi Spirituali e di incontri
giovanili.

94018 TROINA (EN) - Casa di Accoglienza per ogni


bisognoso.
Convento dei Cappuccini - tel 0935-653058
Convento (1540).

LA PROVINCIA DI MESSINA
DEI FRATI MINORI CAPPUCCINI

<< Sin dai primi anni la Provvidenza preparava il diffondersi dei Cappuccini nel Sud
d'Italia.Gi avevano preso dimora da poco tempo nella nuova casa di Roma quando Frate Ludovico
da Fossombrone,recentemente nominato Commissario Generale dal Papa Clemente VII,ricevette una
visita da Frate Bernardino Molizzi da Reggio,Frate Osservante dei Recolleti di Calabria,chiamato dai
suoi intimi "il Giorgio",dal nome della sua famiglia.Questi si era addottorato in teologia a Parigi,ed
era uomo di vasta cultura letteraria.Lo scopo di quella visita era la proposta di unire ai Cappuccini i
Recolletti della Calabria.Il 16 Agosto 1529,Frossombrone ammetteva i Recolletti di Sant'Angelo di
Calabria nella famiglia cappuccina.
A motivo di tale unione i Recolletti vennero trattati come traditori del loro Ordine ed
ebbero a soffrire non poche lotte.
Ma le lotte per la difesa e diffusione di quei santi ideali spronavano quei frati a non
desistere e a confidare sempre pi nella grazia del Signore che voleva la novella riforma.
E cos da quella terra generosa e forte di Calabria,a pochi anni dalla "Religionis zelus",i
Cappuccini passavano a Messina da dove avrebbe avuto inizio un vasto movimento cappuccino per
tutta la Sicilia.
Sullo sviluppo della Riforma Cappuccina in Calabria e successivamente in Sicilia,P.Mario
da Mercato Saraceno scrive: "

"Quantunque le cose andassero con qualche travaglio,non di meno per questo non punto diminuiva
il fervor dello Spirito in quei Padri di Calabria;anzi di giorno in giorno pi s'accresceva la loro
buona volont,et anco moltiplicavano i frati. Essi pigliarono il luogo di Messina e cos col principio
loro la nostra Religione entr in quel Regno et Isola;dove poi,con grande spirito e fecondit,partor
a Dio et a S.Francesco tanti uomini da bene,letterati e pieni di santit.Onde con le dottrine e molti
co' santi esempi della vita loro han dato grand'utile e splendore alla nostra
Congregazione,accrescendo ella in
6 - Storia della Provincia di Messina -

guisa in quelle parti che pochissime terre d'importanza sono che non habbino i luoghi nostri ".
(Relationes de origine O.F.M.Cap.III,n.143 ).
E' dimostrato che i Cappuccini calabresi venuti a Messina aprirono il loro primo convento
siciliano nel 1533.
Lo asseriscono i pi antichi cronisti editi e inediti dell'Ordine,quali:Bernardino da
Colpetrazzo (1579); " Vita di Bernardino Giorgio da Reggio ",Libro I,n. 333; e le interne Fonti:
P.Paolo da Catania (1628 ); P.Bonaventura Seminara da Troina /1683). Concordano: P.Giustino da
Patti: " Age contra " ; P.Melchiorre da Pobludura: " Monumenta Historica O.F.M.Cap. Vol.II -
Assisi 1939,pag. 370; il dotto Gesuita P.Placido Samperi: " Messana Illustrata ",Libro 2,pag. 524.
P.Bonaventura da Troina,riportando da P.Paolo da Catania,scrive nella sua Cronistoria: " Circa
mezo maggio dell'anno di nostra salute 1533,fu eletto Padre Ministro Provinciale dei Cappuccini in
Calabria il sopradetto Padre Fra Ludovico da Reggio,et allora si posero tutti lo capuccio aguzzo in
testa cucito,coll'habito lasciando il scapolare colla lunetta.Dopo pochi giorni il suddetto Padre
Ludovico Ministro
Provinciale pigliandosi in sua compagnia il sopradetto Padre Fra Bernardino s'invi per la
Sicilia;et havendo sbarcati nel porto della nobile,et esemplare Citt di Messina,s'accomodarono in
una povera Chiesola detta di S.Pelagia sopra il Monastero dei Padri Eremitani di S.Augustino
allora fuori delle mura ( Opera cit. Libro I,pag.7 ).
Passato il periodo di accomodamento presso la chiesetta di S.Pelagia,i Frati pensarono a
costruirsi un conventino adatto alle esigenze dell'aumentata famiglia,e fu la seconda dimora dei
Cappuccini in Messina.
E' il Cronista di Troina che afferma: "...I PP.Ludovico da Reggio e Bernardino il Giorgio
come amatori della solitudine e ritiratezza pigliorno il sito e cominciarono a fabbricare il primo
venerando e sagro Convento in detta Citt di Messina,in una contrada nominata la Stirpe sopra la
Fiumara di Sadeo " ( Ivi,pag.8 ).
Concorda in ci il compilatore del " BULLARIUM " O.F.M.Cap. P.Michele da Turgio,il
quale nel volume III,pag 174 scrive: " Primam totius Cappuccinorum seu Conventum,in huius

Provinciae Metropoli,quam Messanam dicimus,surrexisse,notat docetque Ordinis Nostri


Chronicon,dum enim celebris Fr.Bernardinus
a Rhegio,Georgius dictus...inter Coriphaeos nostrae Reformationis in Regionem Calabram inductae
recensitus anno millesimo quingentesimo tertio,eo ablegatus populum verbo Evangelii et Sanctioris
vitae exemplis aedificavit,populus Eidem secundo ab urbe lapide,in loco Aediculae B.Virgini
Drepanensi Sacro,Monasterium opitulante Domni Hectoris Pignatelli,tunc Monarchiae Siculae
proregis Patrocinio construxit ".( vedi: Age contra pag.42)
A Messina quindi c' gi una comunit che costruisce un conventino presso la chiesetta
della Madonna di Trapani.
Non molto tempo dopo venne a Messina il Notaio Don Ninai Di Calogero,da
Castronovo,per chiedere ai due Padri Ludovico Cami e Bernardino Malizzi,entrambi di Reggio
Calabria,di voler aprire un convento a Castronovo,in Provincia di Palermo.
A tal proposito leggiamo nella Cronaca di P.Bonaventura da Troina: "...li detti Padri
acconsentirono,e fatto venire il sopradetto P.F.Francesco cognominato il Palemone,lo costitu
guardiano di detto convento che si stava fabricando nella contrada della Stirpe sopra la Fiumara di
Isadeo,come ho detto di sopra,restando il guardiano con altri frati venuti da Calabria et altri di
Sicilia ch'avevano pigliato l'habbito per l'ottenute Obbedienze dal Provinciale.Et il P.F.Ludovico
Provinciale col P.F.Bernardino andarono con quel Gentiluomo e fondarono il Convento in quella
Citt in una possessione che li diede detto Gentiluomo.Andarono con questa occasione nella Citt di
Palermo ". (Ivi,pag.8 - Libro I )-
Mentre in Messina i Cappuccini lavorano per diffondere la testimonianza di autentica vita
francescana,in Sicilia sorgono altri conventi che in pochi decenni diventarono cinquanta.
Circa i primi Cappuccini Siciliani abbiamo qualche notizia dal Cronista Troinese: " Il
soprannominato P.F.Sebastiano (da Gratteri) havendo dalla famiglia de' PP.Zoccolanti passato a
noi Cappuccini in quei primi anni della pueritia della nostra Riforma,e fu l'ottavo che si vestisse
l'habito di cappuccino nel Regno ".( Ivi,pag 24 )
7 - Storia della Provincia di Messina -

I Conventi costruiti dal 1533 al 1574 sono:

1533 MESSINA,CASTRONOVO,PALERMO,
CATANIA (1),VIZZINI
1534 - ENNA
1537 - RAGUSA
1538 - POLIZZI,PIAZZA ARMERINA
1540 - CALTAGIRONE,FRANCOFONTE
1545 - CALTANISSETTA
1546 - CASTELVETRANO,NICOSIA
1547 - TERMINI IMERESE
1549 - SIRACUSA
1550 - MINEO,LENTINI,AGIRA,NARO,SAN FILIPPO
1551 - TAORMINA,TROINA
1552 - GIRGENTI,CATANIA
1553 - NOTO
1555 - TRAPANI
1556 - SORTINO,SCIACCA,MODICA,PATERNO'
1559 - TORTORICI
1566 - ALCAMO,CASTROREALE,NASO
1567 - PETRALIA SOTTANA
1568 - LICODIA EUBEA,COLLESANO
1569-71 - CHIUSA SCLAFANI
1569 - MISTRETTA
1570 - CORLEONE,PATTI,FRANCAVILLA
1571 - MARSALA MONTE SAN GIULIANO
1572 LICATA,BIVONA CAMMARATA,
SCICLI,GANGI

Il Convento di Messina sin da quei primissimi anni la sede provincializia dell'unica


Provincia Sicula Cappuccina e rester tale sino al 1734,anno in cui sar divisa in tre Province.
--------------------------------------------------------------------------------------
(1) Quel primo convento di Catania fu diroccato nel 1549 per ordine del Vicer Giovanni Vega.Fu
pertanto costruito il secondo Convento di
Catania nel 1552. (Vedi: Santi Cal "I quattro conventi cappuccini di Catania".)
_____________________________________________________

E' opportuno dare delle notizie sui conventi costruiti in Messina in quegli anni che
precedettero la divisione.
Dalla Cronaca di P.Bonaventura da Troina sappiamo che : " Et havendosi trattenuti i frati
nel Monastero della Stirpe per lo spazio di vent'anni in circa per essere molto discosto dalla Citt,di
maniera,che quando vi andavano,al ritorno (che)facevano,venivano i
poveri frati tutti stanchi,et affannati,e ci per la lunga distanza,e strada cattiva,oltre bisognava
uscire di mattina innante pranzo,e cos ne seguiva la mancanza del Coro,et anco essendo
multiplicati i Religiosi,e gran concorso di recipienti (postulanti all'abito) dell'habito essendo il detto
convento incapace per la piccolezza,determinarono di pigliare un altro sito,che viene ad essere il
terzo,sopra il borgo di Sadeo,in una certa collina di molto buona prospettiva,et aria salubre,in mezo
due monticelli,dove oggi (1683) dimorano ".
( Ivi,pp 8 e ss.)

Quel terzo convento costruito intorno al 1553 aveva la chiesa col titolo del SS.mo
Salvatore.
8 - Storia della Provincia di Messina -
Per diciamo subito che con l'andare avanti negli anni le esigenze ambientali
crescevano,tenendo conto delle numerose vocazioni che vi erano al novello Ordine,per cui anche
questo terzo convento fu ingrandito.
Come sopra detto,in pochi decenni,in Sicilia furono costruiti ben cinquanta convento sotto
il governo di un solo Ministro Provinciale,che risiedeva nel Convento di Messina.
A seguito delle difficolt derivanti e dalla vastit del territorio siciliano e dal numero dei
Frati che il Ministro Provinciale avrebbe dovuto visitare almeno una volta durante il suo ufficio,che
ordinariamente durava un anno,non trascurando che a quei tempi
ordinariamente la visita veniva compiuta spostandosi da un paese all'altro a piedi,il Vicario Generale
dell'Ordine,P.Mario da Mercato Saraceno si rivolse al Cardinale Giulio Antonio Santori,Vice
Protettore dell'Ordine,affinch esplicasse le pratiche presso la Santa Sede,tendenti ad ottenere la
ripartizione in tre Province dell'unica Provincia Sicula.
Il Papa Pio V " vivae vocis oraculo" manifestato al Cardinale Santori,il 21 Novembre
1570,benignamente esaud tale richiesta dei siciliani.
In seguito,il 25 maggio 1573,il Rev.mo P.Vincenzo da Monte Olmo,Vicario Generale
dell'Ordine che si teneva ad

Ancona,decret la spartizione della Provincia Sicula.Il Decreto Generalizio approv che ,ad essere
sinceri,non tutti i cappuccini siciliani gradivano.Quella divisione era stata difesa ad oltranza dai Frati
palermitani,forti della presenza nel Definitorio Generale del P.Girolamo da Palermo,inteso lo
Spagnuolo,che,essendo andato al Capitolo Generale come Custode Generale,era stato eletto 4
Definitore. (2)
L'anno seguente,nel Convento di Messina,durante il Capitolo Provinciale,presieduto dal
P.Girolamo da Citt di Castello,fu
determinata la suddetta divisione,che fu fatta secondo l'antica partizione della Sicilia in tre valli:Val
Demone,Val di Noto, e Val di Mazzara. (3)
In quello stesso Capitolo furono eletti i Ministri per le tre Provincie;Per la Provincia di
Messina fu eletto il presidente del
Capitolo,P.Girolamo da Citt di Castello (4) ; per la Provincia di Palermo fu eletto il P.Filippo da
Termini,e per la Provincia di Siracusa il P.Antonino da Piazza Armerina.
--------------------------------------------------------------------------------------
(2) - A quel Capitolo Generale La Provincia Sicula era rappresentata dal Ministro P.Giuseppe da
Siracusa,che detenne l'ufficio dal 1571 al 1574. Questo Padre usc dall'Ordine al tempo che era
Ministro Generale il P.Girolamo da Polizzi ( 15 / 05 / 1587 - 04 / 06 / 1593 )
(3) - "Sotto il dominio mussulmano (secolo X),il territorio dell'Isola fu diviso in distretti
amministrativi da un Val,un alto uffciale,e denominati " Val",formando nella parte occidentale il
Val di Mazzara,nella parte orientale meridionale il Val di Noto e il territorio di pi recente conquista,
intorno a Messina,il Val Demone". (Cf. Salvatore Romano :<Breve storia di Sicilia> Ediz ERI
1964,pag.134).
(4) - Dovendosi celebrare in Roma il 16 Capitolo Generale per il 19 Maggio 1575,esso fu
convocato dal Ministro Provinciale di Messina,P.Girolamo da Citt di Castello,e ci in forza di una
Costituzione di Papa Paolo III,dato che nel Convento di Messina era morto il 14 Febbraio
1574,mercoled delle Ceneri,il Ministro Generale P.Vincenzo da Monte Olmo,mentre si trovava in
sacra visita,in quel periodo che precedette la suddetta spartizione dei Cappuccini in Sicilia.Fu eletto
nel 1575 Procuratore Generale P.Giammaria da Tusa. Un altro Ministro Generale ,P.Bernardo da
Porto Maurizio,l'08 / 05 / 1684 mor in sacra visita nel convento di Catania.

I cinquanta Conventi costruiti in Sicilia vengono cos distribuiti:


Alla Provincia di Messina furono assegnati 17
Conventi:Messina,Catania1Catania2,Nicosia,Taormina,Troina,Patern,Tortorici,Castroreale,Naso,
Petralia,Collesano,Mistretta,Patti,Francavilla,Gangi,San Filippo,Gibilmanna.

Alla Provincia di Palermo furono assegnati 18 Conventi:


Alcamo,Bivona,Caltanissetta,Cammarata,Castelvetrano,Castronovo Chiusa Sclafani,
Corleone,Girgenti,Licata,Marsala,Monte San
Giuliano,Naro,Palermo,Polizzi,Sciacca,Termini Imerese,Trapani.
9 - Storia della Provincia di Messina -
Alla Provincia di Siracusa furono assegnati 15
Conventi:Caltagirone,Castrogiovanni,Chiaramonte,Francofonte,Lentini,Licodia,Mineo,Modica,Noto
,PiazzaArmerina,Ragusa,Scicli,Siracusa,Sortino,Vizzini. (Cf. LEXICON cap.,1590).

Alla Provincia di Messina,che era stata la sede dell'unica Provincia Siciliana,fu concesso
di ritenere il Sigillo della Provincia di Sicilia,raffigurante l'Immacolata Concezione.

LA PROVINCIA CAPPUCCINA DI MESSINA

Avvenuta la divisione,ogni singola Provincia si organizza,costruisce altri


Conventi,apporta delle modifiche ai Conventi,divenuti insufficienti per il cresciuto numero dei Frati.
Purtroppo tanta operosit dei Frati nel 1575 viene turbata dalla peste,che diffusasi in
Messina,mieter quarantamila vittime.In quella calamit i Frati daranno testimonianza di amore al
servizio degli ammalati e pagano di persona tanta abnegazione.
Ma passata l'epidemia si d inizio a delle costruzioni e adattamenti dei conventi.
Per quanto riguarda le modifiche apportate nel convento di Messina,P.Bonaventura da
Troina dice che: "....Questo convento fu fabbricato pi grande (1),et a solaro circa l'anno del
Signore 1676,vi fu anco aggiunto un dormitorio doppio sopra archi il quale tenne per alcun tempo il
nome di Dormitorio dell'archi,e questo quel Dormitorio verso mezo giorno sopra la cocina.in
quell'amplimento furono costruite altre 60 celle.
Nell'anno della nostra salute 1590,come per un Epitafio sopra la porta del Refettorio si
vede essendo Ministro Generale il M.R.P.F.Geronimo da Polizzi Siciliano,e Ministro Provinciale il
R.P.F. Francesco da Messina,il detto Monastero si cominci a rimuovere tutto,facendolo pi largo,e
pi alto,innalzando la Chiesa,e fattovi il Coro pi spatioso,similmente e tutte l'officine.
Nell'anno 1592 governando la Religione il M-R.P.F.Geronimo da Polizzi e la Provincia il
R.P.F-Francesco da
Messina,alias il Venetiano,li Frati pigliorno l'Infermeria nella Citt (quale prima era nel luogo
dentro lo scuto della Chiesa),la Annunziatella,con gran contradditione delli Padri di
Sant'Agostino.ammiratione de secolari,e danno dell'una e l'altra parte.

--------------------------------------------------------------------------------------
(1) - Si tratta del convento costruito intorno al 1553.Esso,ingrandito in diversi tempi,sopravvisse sino
alla soppressione religiosa del luglio 1866 e il terremoto del 28 Dicembre 1908 lo distrusse.
--------------------------------------------------------------------------------------

Nell'anno 1599,essendo Generale il M.R.P.F.Geronimo da Castelferretti, e governando la


Provincia il R.P.F.Dionisio da Piacenza e Guardiano il P.Urbano da Messina vi fu fabricato un
altro Dormitorio doppio dalla parte di Tramontana col corritore, e celle pi larghette del
modello,sotto del quale vi oggi che corre l'anno 1683 il lanificio,con altre stanze per ricevere i
passageri,restando la Chiesa nel mezo,con due claustri,in quello della porta di battere nel mezo vi
una palma,con un giro di cipressetti,et un piede di cuscio per ogni pilastro,da quel'altro vecchio
poco doppo vi fu fabbricata una buona cisterna.Si contano in questo convento,tolta l'Infermeria,140
celle,tale che oggi tenuto il pi bello,e comodo convento di tutta la Religione,di buona
prospettiva,buon sito,buon'aria,buon giardino,fuor di dui giardinetti d'agrumi tagliati,et abbondante
d'acqua in tutto l'officine,onde si numerano 28 auciletti d acqua,e doi fonti,uno detto di
S.Gio:Battista sotto l'Infermeria,l'altro all'affaccio della porta di battere detto di San Francesco ". (
Libro I,10 e sgg.)
Era talmente bello e riposante per lo spirito quel convento che a volte andava a
dimorarvi,e per diversi giorni,il Duca Emanuele Filiberto di Savoja,Vicer di Sicilia.
E P.Bonaventura scrive: " Nell'anno 1621 (2),venne a Messina l'Altezza del Sig.Don
Filiberto Emmanuele figlio del Duca di Savoja,Gran Priore di S.Gio:Generale del mare della
Cattolica Corona di Spagna,e Vicer di Sicilia..Con tutto che questo eccellentissimo Signore havesse
solcato gran mari,e veduti belli,e sicuri porti non solo nella nostra Europa,ma anco nell'altre parti
del Mondo,ed ogni modo molto aggrad,e piacque il porto di questa Citt,meraviglia della natura,e
per maggiormente abbellirlo ordin,che vi fosse fatta,come in fatti si fece,quella nobile,vaga,bella,e
per tutto il Mondo meravigliosa fabrica della Marina della Citt,quale colla sua vaghezza rapisce
gl'occhi,e i cuori a' riguardanti di mai visto sontuoso teatro.
10 - Storia della Provincia di Messina -

--------------------------------------------------------------------------------------
(2) - P.Bonaventura da Troina sbaglia nel darci la data della venuta a Messina del Vicer Duca
Emanuele Filiberto di Savoja:questi vi and nel 1622 e non nel 1621.

Quanto fusse quest'Altezza devota della nostra Religione,e dell'habbito lo lascio a chi di
lei n'ha letto delle sue historie le carte,solo dico,che mentre si trattenne in Messina,per relatione de'
frati vecchi a mio tempo che vi si ritrovarono presenti,si ritirava pi,e pi volte nel Convento per
molti giorni,et anco d'un mese per godere la quiete dell'animo,e la tranquillit dello spirito,e
aggiungo di pi,che alle volte assisteva la notte a' matutino,et a' gl'esercitij spirituali de'
frati,ma per ogni mattina al batter delle celle (3),si levava per intender la messa matinale,dal
Coro,et al legger del Sacerdote il SantoVangelo,alzatosi in piedi,e sfrodata la spada la teneva on
pugno sin che finiva,onde da subbito toltiglia dal Maggiordomo la riponeva nella vaggina " .(Opera
citata - Libro I,pag.13 e sgg)
Le frequenti visite del Vicer al Convento dicono quale stima egli avesse per i Cappuccini
e quanto gli piacesse la bellezza di quel sito.
P.Bonaventura cita quanto il Vicer decise a vantaggio del convento in Messina.
" Fu questo Convento situato e fabricato in una collina mezo dei monticelli,l'uno
dietro,nella falda del quale fu fabricata l'Infermeria,come di sotto dico,l'altro era avante,e questo
levava la prospettiva e la vista a' Religiosi,che dentro v'habitavano,di maniera,che nulla si vedeva
della Marina,e pochissimo della Calabria.
Quest'Altezza Serenissima comand a'Capitani delle Galere,che mandassero le chiurme di
esse,e spianassero detto monticello,s'esegu in un subbito l'ordine dell'Altezza Sua,et in breve spatio
di tempo fu spianato quasi tutto,di modo che rest la prospettiva,e vista leggiadrissima scuorpendosi
la Marina,e tutta la Calabria (Ivi,Libro I,pag 14).
Progredisce lo sviluppo delle tre Province dopo la loro fondazione decretata dal Capitolo
Generale di Ancona,in data 2
Maggio 1573 e attuata nel Capitolo di Messina del 28 Maggio 1574.

(3) - L'espressione < il batter delle celle> indica l'antica usanza di svegliare i frati al mattutino.Lo
svegliere bussava sulla porta delle singole celle,i frati rispondevano con le parole <Ave Maria> e si
alzavano.

Le forze delle singole Province si restringono al centro di ciascuna e divengono pi


compatte.
La Provincia di Messina nel solo anno 1574 fonda tre conventi:Acireale,Savoca ed
Alcara.Nel 1576: Castelbuono; nel 1578: Milazzo; nel 1574: Pettineo e Tusa; nel 1583: San Marco
d'Alunzio; nel 1584: Lipari e Gesso; nel 1585: Rometta; nel 1587 Petralia Sottana; nel 1589 Al
Superiore e nel 1600 Randazzo.
Quanti conventi in sedici anni!

Nonostante questa testimonianza di attivit,di crescita in Sicilia nel periodo


accennato,durante il quale - come afferma il Cronista P.Bonaventura da Troina - tutto si svolge con
una certa tranquillit,prosperitesuberante,spuntano fuori certi dubbi su questa tranquillit,dovuti a
quanto scrive il Cronista,fra Rufino da Siena (+1626) nella sua Opera: " Croniche,origine e principio
della Riforma detta dei Cappuccini",1589.Egli dice:"...eletto il P.Girolamo da Montefiore Generale
(19 Maggio 1575) il demonio mise certi bisbigli e tentazioni tra li frati in Sicilia per li quali ne
seguit alcuni scandali,che il Generale represse con punizioni; e questi motivi durarono sino al
1584 ( Cf."L'ITALIA FRANCESCANA" - 1931,pag 150).
A tal proposito,il P.Giustino da Patti scrive:" Si potrebbe domandare: - Per quali ragioni?
Alcune si sanno...ma non tutte, e solo quelle?!! ( Cf.:"AGE CONTRA" - pag.119)
11 - Storia della Provincia di Messina -
P.Giustino allude alla ormai tanto trita questione sul primato di origine e di onore
disputata,e non sempre con carit e per amore della verit,tra la Provincia di Messina e quella di
Palermo,dopo la ripartizione delle tre Province.
Certo nocquero quegli scandali - come riferisce il Cronista F.Rufino da Siena - e furono
puniti dal Ministro Generale.
Dice il passo scritturistico:" Necesse est ut eveniant scandala..."
E' chiaro che dopo un periodo di continue costruzioni di nuovi conventi,voluti quasi
sempre dal popolo perch apprezza l'apostolato dei Cappuccini,ci sia una certa...sosta,sebbene
andando avanti cogli anni la Provincia di Messina costruir altri conventi,come si vede dalle
Relazioni mandate alla S.Sede nel Marzo 1650.

Intanto,per la prima volta nella storia della Provincia di Messina avviene un fatto
inatteso,quanto spiacevole:per disposizione dei Superiori Maggiori,nel 1599 i Cappuccini sono
costretti a lasciare quattro conventi, costruiti da pochi anniEssi sono: Lipari, Alcara,
Rometta e Savoca.
Nell'Ottobre del 1599,sotto la presidenza del M.Rev.do P.Bonaventura da
Catanzaro,Visitatore Generale fu tenuto a Messina il XIII Capitolo Provinciale,nel quale fu
designato Ministro Provinciale il Rev.do P.Dionigi da Piacenza,appartenente alla Provincia
Cappuccina di Bologna,e non componente del Capitolo Provinciale di Messina.

Non si sa cosa fosse avvenuto in quel tempo nella vita cappuccina della Provincia di
Messina per spiegare come per ordine del suddetto Visitatore Generale fosse stata disposta la
chiusura di quattro conventi e assegnato come Ministro Provinciale un Padre appartente ad altra
Provincia.
P.Bonavenutura da Troina nella sua Cronaca (Libro III,pag 9 e sgg) racconta questo
spiacevole avvenimento.
Certo che la chiusura dei suddetti conventi provoc il risentimento dei Definitori e
dell'Universit e Terre,che fecero ricorso alla Sacra Congregazione che,accogliendo le loro
istanze,ordin la riapertura dei conventi di Savoca,Alcara e Rometta.Il convento di Lipari sarebbe
stato riaperto dai Cappuccini se il Vescovo di Lipari,Mons.Alfonso Vidal non lo avesse consegnato il
19 Luglio 1601 ai suoi confratelli Minori Osservanti.
A Lipari fu costruito un nuovo convento nel 1646.
Nel quarantennio 1600 - 1644,la Provincia Cappuccina di Messina non solo aveva riaperto
i tre conventi sopraddetti,ma costru i conventi di: Adrano (1608 ), S.Lucia del Mela ( 1610 ),
Catania nuovo ( 1622 ),Pozzo di Gotto ( 1623 ), Bronte ( 1627 ), Rocca Valdina ( 1627 ),
Linguaglossa ( 1642 )
Dalla costituzione della Provincia Cappuccina di Messina ( 1574 ) al 1646,anno della
fondazione del secondo convento di Lipari,furono costruiti ben venti conventi che aggiunti a quelli
avuti nell'anno della suddivisione della Provincia Sicula,formano 36 ,in cui vivono circa 500 Frati.
La Provincia di Messina ha raggiunto la maturit che crescer nella seconda met del
secolo seguente.

I frati in Messina godono non soltanto della stima del popolo ma anche di eminenti
personalit,tra cui il dotto giurista Mario Giurba,che per testamento lascia parte della sua ricca
biblioteca al Convento dei Cappuccini di Messina per l'affetto che lo legava ai Cappuccini.
Il Prof. Giacomo Macr scrive che i Cappuccini custodirono con amore i libri loro
donati,che avrebbero potuto vendere,e quando la Legge del 7 Luglio 1866 soppresse le
Congregazioni religiose,quei volumi arricchirono la Biblioteca Universitaria di
Messina.(Cf.Giacomo Giurba ecc. A,VIII pag 93 - Palermo Tip dello Statuto ).

Il Giurba era stato maestro del giovane universitario Diego Sgroj da Messina che,dopo
conseguita la laurea in giurisprudenza nell'Ateneo messinese,si fece cappuccino nel 1629,col nome
di P.Diego Sgroj da Messina.
E' noto che il Giurba volle che alla sua morte fosse seppellito nella chiesa del convento
cappuccino in Messina.Risulta dall'Atto di morte del Giurba,riportato da Arena primo: " LIBER
DEFUNCTORUM " ab an.1635,Vol.2, pag.49,n.652.
Il Giurba mor il 16 Marzo 1649.
12 - Storia della Provincia di Messina -
Il Papa Innocenzo X,allo scopo di dare riordinamento nelle singole comunit religiose,il
17 Dicembre 1649 emana una "COSTITUZIONE" che verr pubblicata il 22 Dicembre
successivo,dal titolo " INTER CAETERA".In essa si ordinava ai superiori regolari d'Italia e delle isole
adiacenti di inviare entro quattro mesi al Procuratore Generale di ogni singola famiglia religiosa una
relazione dettagliata sui singoli conventi e le comunit,specificando nome e cognome e paese do
origine d'ogni singolo religioso.
Le relazioni della Provincia cappuccina di Messina furono compilate tra il 22 Febbraio e il
17 Marzo 1650.Il Ministro Provinciale di Messina,alla data della relazione,era il Rev:do
P.Giammaria da Milazzo.
Queste relazioni sono pubblicate nell'Analecta Ordinis O.F.C.Cap.Vol. 75,fascicolo 8-9 -
Agosto-Settembre 1959.
Dalle relazioni del 1650 possibile intravedere la vitalit della Provincia.

I conventi sono stati fabbricati " ad instanza de' popoli e con le loro elemosine";i religiosi
si sostentano con l'Elemosine somministrate dalla piet dei popoli.
I Cappuccini sono molto amati dal popolo e ad esso si dedicano
nell'apostolato:predicazione,assistenza agli ammalati,cura delle anime...
Nei 36 Conventi della Provincia dimorano 502 religiosi,e ogni convento ha un numero
sufficiente di frato dediti ai vari uffici della comunit.Si pu dire che alla data delle suddette
relazioni la Provincia cappuccina raggiunse la massima estensione territoriale.Pochissimi conventi
saranno costruiti negli anni futuri.Essi furono:
Geraci Siculo ( 1689 ) - Piedimonte Etneo ( 1731-1735 ) - S.Stefano di
Camastra,incominciato al 1815 e inaugurato nel 1822 - Mirto ( 1840 ) - Catania 4 ( 1885) - Milazzo
2 ( 1889 ) - Motta S.Anastasia ( 1906 ) - Madonna dell'Olio ( 1911 ) - Taormina 2 ( 1915 ) e Giarre
( 1931 ) - Cefal ( 1588 ) viene sempre ricordato come Infermeria e Ospizio permanente del
Santuario di Gibilmanna,assieme a S.Leone ,Ospizio permanente,antica Abbazia di Rometta, e
Pistunina ( 1565 ),anch'esso Ospizio permanente.
In quei lontani tempi,nella Provincia di Messina non mancarono religiosi di spiccate
qualit intellettuali e sopratutto di virt che onorarono l'abito cappuccino,come per esempio il
Rev.mo P.Giammaria da Tusa,che divenne Ministro Generale dell'Ordine.
Nei conventi non mancarono opere di autentico valore artistico,un patrimonio che si
accrescer nel secolo successivo.
Nelle relazioni del 1650 non si fa menzione delle Biblioteche,perch queste,tranne in
qualche convento principale,non avevano importanza come l'ebbero nel tempo futuro.
La soppressione delle Congregazioni religiose del 1866 port degli effetti disastrosi.Per
oltre vent'anni non fu possibile celebrare in Sicilia i triennali Capitoli Provinciali;i Superiori
venivano eletti dal Ministro Generale,previa consultazione a mezzo schede o per diretta designazione
della S.Sede.
Lo svuotamento delle case religiose e la quasi totale perdita di esse,segnavano lo
sfaldamento cui giorno per giorno andavano soggetti gli istituti Religiosi.
Ciononostante parechi frati di buona volont si diedero a nuove forme di apostolato loro
consentito dalle leggi e dalle precarie

circostanze,negli Ospedali civici,nelle Carceri,nei Cimiteri come custodi.


E' anche vero per che,passata la terapia d'urto,il Governo italiano,col passare degli anni
andava mitigando i rigori della Legge eversiva,e quindi si dava ai religiosi di buona volont la
possibilit di rientrare nei conventi,parecchi dei quali gi riscattati dagli stessi frati o da benefattori.
Ma non pochi religiosi emigrarono a Malta,in Francia o andarono nelle Missioni.
Il Ministro Generale di Cappuccini,P.Egidio da Cortona,il 04 / 03 / 1875 invi una lettera
circolare ai Ministri Provinciali di Sicilia,esortandoli a richiamare i religiosi perch tornassero a
rivestire l'abito e a vivere nei conventi,perch la persecuzione cominciava ad
affievolirsi.Ma purtroppo,per moltissimi religiosi quella lettera rimase ..."morta",e suscit anzi forti
reazioni!
Non mancarono i ricorsi al Governo contro il Provinciale,che pretendeva obbligare i
religiosi espulsi a ritornare nei Conventi,tentando di offendere la libert individuale dei cittadini.
Dalle statistiche risulta che pi di cento religiosi si secolarizzarono o passarono al Clero
secolare.
13 - Storia della Provincia di Messina -
Dopo 18 anni dalle legge di soppressione i religiosi che nel 1866 nella Provincia erano
643,divennero 189,di cui 145 vivevano fuori convento.
Un impulso degno di menzione per far rifiorire nella Provincia la vita religiosa,lo diede il
P.Francesco d'Al,Ministro Provinciale il 3 Febbraio 1882.
Certamente il pensiero assillante dei superiori e di tanti buoni religiosi della Provincia fu
quello di riavere quei conventi che non erano stati adibiti ad usi profani
Il Demanio,da principio vendeva i conventi e quindi era facile riaverli,come difatti avvenne per una
buona parte di essi.Quelle compere venivano fatte da religiosi,che dinanzi allo Stato figuravano
proprietari " alla tondina ",ma dinanzi all'Ordine non potevano vantare alcun diritto su quei
conventi.
Altri conventi andarono perduti perch alla Provincia non interessavano pi a motivo del
ridotto numero dei frati.
Quando la Provincia Cappuccini di Messina ebbe il suo riconoscimento giuridico in Ente
Morale,quei religiosi che figuravano

dinanzi allo Stato proprietari di conventi,fecero regolare donazione all'Ente, e cos il possesso si
normalizz.
Alla soglia del secolo XX, a distanza di 34 anni dalla soppressione religiosa,si pu parlare
di un certo equilibrio nella vita religiosa della Provincia di Messina,ma resta tanto da fare,in modo
particolare per la formazione dei candidati al sacerdozio,verranno istituiti i seminari serafici,cos
pure per una adeguata formazione teologica e filosofica dei chierici era necessario che vi fossero dei
Lettori preparati,dopo aver frequentato a Roma presso le Universit i vari corsi delle discipline da
insegnare,e per questo la Provincia provveder inviando degli elementi idonei al non facile compito
di istruire i chierici,secondo le nuove esigenze dei tempi.

(P.Agostino Lo Cascio da Giardini - Appunti di Storia della Provincia)

Il resto storia vissuta,storia contemporanea,tutta da scrivere ogni giorno con la


vita,che poi penseranno i posteri a metterla in carta e a darne un giudizio.

AVVENIMENTI NELLA PROVINCIA


E NELL'ORDINE
---------------

SECOLO XVI

1534 Fondazione del Convento di Messina (P.Bon.P.Andrea)


E il primo conventino in contrada nominata la Stirpe,sopra la fiumara di Isadeo
(oggi Madonna di Trapani)

1533-34 Fondazione del Convento di Catania (P.Andr.)


E il primo conventino fondato dirimpetto al bastione
oggi detto di S.Giovanni,sulla strada che va a Patern.

1535 Fondazione del Convento di Gibilmann(P.Bon.P.Andr.)


Fondato da P.Sebastiano da Gratteri sul luogo di un
antico monastero di Benedettini.

1538 III Capitolo Generale a Firenze = Eletto Generale


Bernardino Ochino da Siena che resse l'Ordine tre
anni, al tempo del Papa Paolo 3 e Carlo 5 Imperatore.
14 - Storia della Provincia di Messina -
1539 P.Sebastiano fu l'ottavo Frate dell'Osservanza
che entr fra i Cappuccini di Sicilia ed il primo di
cui si tesse l'elogio fra gli antichi Provinciali nel
nostri Annali.Era sacerdote dei Minori Osservanti.E
probabile che si sia trovato nella processione della
traslazione del simulacro della Madonna di Gibilmanna e
che la Vergine,con interna ispirazione lo abbia fatto
decidere a passare tra i Cappuccin.i
(Cfr.Boverio 1572 n.XXXI).

1541 IV Capitolo Generale il 29/5 nel Convento di


S..Efrem in Napoli.Riconfermato Ochino,che dopo
due anni " infelix abiit",lascia labito per aderire alleresia
di Valdo, ma in seguito se ne pent e mor martire.
AI tempo di Paolo III e Carlo V.

1543 V- Capitolo Generale a Roma - Eletto Generale


P.Francesco da Jesi,che successe all'Ochino.P Francesco
fu un grande Generale .Sotto di lui la Congregazione
cominci a rifiorire:

1544 Fondazione del Convento di Randazzo


Il primo convento fu costruito poco discosto dalla citt in
una appoggiata che guarda levante alla parte destra della
strada grande,per la quale si va a Maniace.Si lasci perch
malcostruito minacciava di rovinare.( P.Bon.)
Il secondo convento,lattuale, nel 1600 (Bollario).

1546 VI Capitolo Generale a Roma = Rieletto per


la 2 volta P.Bernardino d'Asti,che si trovava
presente al Concilio di Trento come uno dei Padri
Capitolari,ed era quindi assente all'elezione capitolare.

1546 Fondazione del Convento di Nicosia (P.Bonav.P Andrea )


E il primo conventino fabbricato in un luogo detto
Noncia,o vero Favere,vicino la strada che va ad una
chiesola di S.Giovanni.
Nel 1603 si pens di cambiare sito a causa
del molto caldo e la molteplicit dei frati e si costru il
secondo convento.(Oggi trasformato in carcere).

1549 Pietro da Mazzara "da scellerato che era e sanguinario si


convert nel bosco di Gibilmanna.Viene raccontata la
vocazione di questo santo religioso.(P.Bonav.)

1549 Capitolo Generale a Napoli.Eletto P.Bernardino


d'Asti.Rieletto per la terza volta ,nonstante le sue insistenze
di potersi riposare ed attendere alla qiute della mente.
(P.Bon.)

1551 Fondazione del Convento di Troina (P.Paolo da C.)


Fondato lontano dalla citt e di mala strada,dalla parte di
15 - Storia della Provincia di Messina -
levante in una contrada di vigne.Il secondo fondato nel
1608. (P.Bon.)

1551 Fabbrica del 2 Convento di Catania.


Costruito in contrada di Cibali,a lato della citt,verso mezzo
giorno,in un orto del vescovado.Questo convento fu anche
luogo di noviziato.per la sua austerit (P.Bon.)

1552 8 Capitolo Generale - Eletto P.Eusebio d'Ancona.


In questo Capitolo furono riviste ,accresciute e mandate alla
stampa le Costituzioni nellanno 1529,nel primo Capitolo di
Albacina.(P.Bon).

1556 Fondazione del Convento di Patern (P.Bon.P.Andr.)


Il convento,costruito vicino alla salina e ad una grande
vasca che era continuamente invasa dalle donne che
facevano il bucato,era infelice di posizione e i frati si ammalavano facilmente per la
malaria.
E stato abbandonato e quindi per insistenza della famiglia
Moncada,fu aperto un secondo convento vicino la Chiesa
della Madonna delle Grazie al Belvedere. (P.Bon.).

1555 9 Capitolo Generale a Fermo - Rieletto P.Eusebio d'Ancona.


Nello stesso anno morirono Papa Giulio II e dopo meno di
un mese Marcello II,suo successore e quindi fu eletto
PaoloIV.(P.Bon.)

1558 10 Capitolo Generale a Napoli = Eletto Generale


P.Tommaso da Citt di Castello.
Il questo Capitolo fu deciso che il Procuratore Generale fosse
eletto da tutte le Provincie.

1559 Fondazione del Convento di Tortorici (P.Bon.P.Andr.)


Alquanto discosto dalla citt a mano destra della strada per
la quale si va alla terra del Salvatore e di Galati.(P.Bon)

1561 11 Capitolo Generale a Roma - Rieletto P. Tommaso


da Citt di Castello.
Il P.Generale eletto non voleva accettare e durante da
processione per andara a cantare il Te Deum,se ne ritorn
solo nella cella.(P.Bon.).

1564 12 Capitolo Generale 19/5 a Forl = Eletto Generale


P.Evangelista da Cannobio.
In ottemperanza al Concilio di Trento,si fondono
i Luoghi di Studio.

" Furono dai Padri fatti alcuni ordini spettanti


all'osservanza del Sacro Concilio di Trento,che si pubblic
quest'anno.Fra queste ordinationi,che ciacuna Provincia in
virt del Decreto dell'istesso Sinodo,s'ergessero alcuni
studij pubblici,perch prima di questo tempo temevano i
Frati,che piantandosi studij letterali, non si sminuisse,o
diffalcasse l'humilt,e la semplicit,virt tante fisse nel
cuore,e care al Serafico Padre,non ardivano d'istituire
pubbliche letture;ma alcuni se attendevano
a studiare,gl'assegnavano lettori privati."

1564 P.Sebastiano da Gratteri eletto Visitatore Generale.


P.Sebastiano da Gratteri
16 - Storia della Provincia di Messina -
Visse a Gibilmanna e sepolto a Castelbuono
Boverio II,31- P.A.XXVIII
Dalle cronache ......<Gett le prime fondamenta della Religione Cappuccina
nella Provincia;fabbric i Conventi di Gibilmanna e Castelbuono:Con la palma del puro amore,con la laurea di eroiche virt
vol al cielo nel convento di Castelbuono nel 1572>

1565 I Benedettini di S.Placido donano ai Cappuccini


la loro Grangia di Pistunina per ospizio di permanenza.
Ospizio sempre usato dai frati alle dipendenze del convento
di Messina.

1566 Fondazione del Convento di Naso. ( P.Bon. - P.Andr.)


Costruito a piede oiano e poveramente secondo lantico
modello alquanto discosto dalla Terra alla parte destra
della strada per la quale si va a Capo dOrlando,nel terreno
dato ai frati da pi pesone gratis.(P.Bon.).

1566 Fondazione del Convento di Castroreale ( P.Bon.P.Andr. )


Costruito vicino la strada per la quale si va a
Barsalona,Puzzo di Gotto,Milazo e a tutta la piana.
Viene ricordato il miracolo di F.Eliseseo da
Messina,dellacqua che scaturisce in abbondanza.
(P.Bon.).

1567 13 Capitolo Generale 16/05 a Roma -


Eletto Generale P.Mario da Mercato Saraceno.
" Si dichiar che la eletione dei Guardiani si facesse nei
Capitoli dalli Provinciali e deffinitori a crutinio segreto,e
perch questa eletione non si giudicasse canonica conforme
sopra tali eletioni determin il Decreto del Sacro Concilio di
Trento,ma dicesi provvisione,si determin dichiarandosi che per l'avvenire avanti la detta
provvisione potessero i detti
Padri parlare e conferire fra loro quali Frati dovessero
escludersi e quali no dalla Giardiania.
Fu anco determinato nella Provincia del
nostro Regno di Sicilia,per essere cos ampia,allora
quando era una sola e non poteva essere visitata due volte
l'anno secondo il prescritto delle Costitutioni,da un solo
Provinciale,potessero i Custodi nelle loro Custodie
visitarle,come Vicarij del Provinciale.
Quest'anno fu pubblicata una Bolla,quale
comincia < Sedes Apostolicae solertia>,e per essa si
proibisce che i Cappuccini non (sic) potessero passare agli
Osservanti,n questi entrare tra i Cappuccini,e ci
principalmente che non nascano nell'una e nell'altra
religione disturbi".

1568 Fondazione del Convento di Collesano (P.Bon.P.Andr.)


Costruito in contrada detta di S.Elia in terreno comune
dellUniversit,in pochi anni abbandonato perch andava in
rovina.(P.Bon.)

1569 Fondazione del Convento di Mistretta (P.Bon - P.Andr.)


Costruito nellimperiale citt di Ristretta,il quale prima era
monastero di donne,quali per il Concilio Sagro Tridentino
si erano ritirate dentro la citt.(P.Bon.)

1570 14 Capitolo Generale a Roma


Rieletto P.Mario da Mercato Saraceno.
Si eresse il primo studio generale a Genova conforme alli
17 - Storia della Provincia di Messina -
decreti dellantecedente Capitolo P.Bon.).

1570 Fondazione del Convento di Patti


Fondato in unantica chiesola chiamata della Novara
(Gangia dei Cistercensi). (P.Bonav. - P.Andr.).
Il secondo nel 1614, il Terzo nel 1887.

1570 Fondazione del Convento di Francavilla (P.Bon.P.A.)


Vi fabbricarono prima i frati un dormitorio e corridore
longo terrano e semplice poveramente in mezzo a dui fiumi
e dui ponticelli vicini la detta chiesa della Madonna delle
Preci.(P.Bon.).

1570 P.Benedetto da Lentini - Visitatore Generale

1571 In quent'anno avvenne la vittoria navale di D.Giovanni


d'Austria contro i Turchi - 6 Ottobre 1571,descritta
dettagliatamente da P.Bonaventura nella seconda parte
del suo volume.Vittoria nella battaglia di Lepanto.

1572 Fondazione del Convento di Gangi (P.Bonav. P.Andr.)


Costruito discosto dalla Terra per la quale si va da Palermo
a Messina e dove si soleva fare mercato e fere di bestiami,di
merci nel mese di agosto.Nel 1574 Si cominci ad
edicarrsi un altro e lasciarsi ilo vecchio,per li tanti
passagieri andavano ad albergare e pernottare in
esso,rivando di tutte lore et infastidendo li religiosi,con
discapito della regolare osservanza.(P.Bon.).

1573 15 Capitolo Generale ad Ancona . Eletto Ministro


Generale P.Vincenzo da Monteolmo,che poi mor in Sicilia.

1573 Ultimo Capitolo dei Provinciali dell'unica Provincia di


Sicilia.
Nel Capitolo Generale di Ancona 1573 fu decisa la divisione della Sicilia in tre
Provincie:Palermo,
Messina,Siracusa.

<In seguito,il 25 maggio 1573,il Rev.mo P.Vincenzo da Monte


Olmo,Vicario Generale dell'Ordine che si teneva ad Ancona,decret la spartizione della
Provincia Sicula.Il Decreto Generalizio approv che ,ad essere sinceri,non tutti i cappuccini
siciliani gradivano.
Quella divisione era stata difesa ad oltranza dai Frati palermitani,forti della
presenza nel Definitorio Generale del P.Girolamo da Palermo,inteso lo
Spagnuolo,che,essendo andato al Capitolo Generale come Custode Generale,era stato eletto
4 Definitore.
L'anno seguente,nel Convento di Messina,durante il Capitolo
Provinciale,presieduto dal P.Girolamo da Citt di Castello,fu determinata la suddetta
divisione,che fu fatta secondo l'antica partizione della Sicilia in tre valli:Val Demone,Val di
Noto, e Val di Mazzara.
In quello stesso Capitolo furono eletti i Ministri per le tre Provincie;Per la
Provincia di Messina fu eletto il presidente del Capitolo,P.Girolamo da Citt di Castello ;
per la Provincia di Palermo fu eletto il P.Filippo da Termini,e per la Provincia di Siracusa il
P.Antonino da Piazza Armerina.>

Minitro Generale P.Vincenzo da Monteolmo,il quale mor in


S.Visita a Messina il 24/02/1574.il giorno delle Ceneri.
18 - Storia della Provincia di Messina -

"Vedi <Rituale Monastico Cappuccino> del P.Antonio Conoscenti da Castelbuono,a


Pag.137 c' il Decreto che riguarda la divisione in tre Provincie della Sicilia."

1574 Si effettua la divisione delle tre Provincie,nel Captolo Provinciale tenuto a Messina
il 28/5/1574. Fu elettto Provinciale di Messina

P.Girolamo da Castello (Presidente dal Capitolo in luogo


del Commissario Generale P.Girolamo da Montefiore).

1574 Fondazione del Convento di Acireale - 8/10 (P.Bon.)


Fondato al tempo del Vicario Generale P.Girolamo da
mOntefiore:Si decise di ingrandirlo nel 1626 nel 51
Capitolo della Provincia.

1574 Fondazione del Convento di Savoca - 30/10 - (P.Bon. -


Costruito accanto alla devotissima chiesa della Madonna di
Loreto,nella contrada S.Domenico,lasciato poi per la molta
distanza e cattiva strada che doppo si guast.(P.Bon.)

1574 Fondazione del Convento di Alcara Li Fusi - 31/10 -


(P.B.P.A.)
Fabbricato partea piedi piano e parte a solaro in una chiesa
detta di S.Elia,vicino alla Terra dalla parte di levante nella
strada per la quale si va al bosco.(P.Bon.).

1574 Fondazione del Convento di Al (P.Bon.P.Andr.)


Costruito a piedi piano poveramente secondo il modello
antico e poi vi fu fabbricato un dormitorio a solaro sopra
darchi,appoggiato alla chiesa.(P.Bon.).

1575 16 Capitolo Generale 20/5 a Roma.Convocato dal Provinciale di Messina,ove


era morto il Generale P.Vincenzo da Monteolmo, secondo la Cost.di Paolo 32 col
consenso dei due Provinciali di Palermo e Siracusa.
Fu eletto Generale P.Girolamo da Montefiore.

1575 E' ricevuto il giovane Camillo (S.Camillo) e per una piaga dimesso dal
Prov.Giammaria da Tusa, allora Provinciale delle Puglie.Ritorna nell'Ordine ed mandato
via di nuovo per la solita piaga.

1577 Fondazione del Convento di Castelbuono (P.Bon.P.Andr.)


Fu posta la Santa Croce sopra la citt nella strada per la
quale si va allAbbazia della Madonna del Parto o
S.Guglielmo,che resta sopra il convento.(P.Bon.)

1578 17 Capitolo Generale 16/5 a Roma = Rieletto P.Girolamo


da Montefiore.In questo Capitolo fu promosso alla dignit
di Procuratore dell'Ordine P.Giammaria da Tusa e primo
Definitore.

1580 Fondazione del Convento di Milazzo (P.Bon.P.Andr.)


Fu piantata la Santa Croce accompagnata da una solenne
processione e divoto sermone nella chiesa di S.Rocco,ma
poi per contradizione detti PP di S.Francesco di Paula,la
trasportarono altrove ci incominciarono a fabbricare il
convento in unaltra parte vicino al mare,detto
Limosa.(P.Bon.).
19 - Storia della Provincia di Messina -
1581 18 Capitolo Generale 12/5 a Roma . Eletto Generale
P.Giammaria da Tusa di casa Bruno.

P.Giammaria da Tusa fu uno dei pi grandi Generali dellOrdine dei Cappuccini


<splendido per lodevoli gesta,per le cariche,per la santit della vita e la dottrina nelle sacre
scienze,accettissimo a Gregorio XIII ed ai Principi>. Vito Amico,II 637.
Negli Annali del Boverio se ne tesse la vita.Nato a Castel di Tusa,posto tra Cefal e
Mistretta.
Pass alcuni anni in famiglia,non sappiamo come,ma certamente gi noto per la sua
indole e per le sue virt.
Entrato nella famiglia dei Cappuccini,ne percorse tutti i gradi della sua vita.Da semplice
novizio a Lettore,Guardiano,Provinciale e finalmente Ministro Generale dellOrdine,ove mostr
tutta la sua saggezza nel condurre i Frati verso la perfezione,prima con lesempio e poi con la sua
affascinante elequenza.

P.Bonaventura riporta "le Bolle di Gregorio XIII in favore


dei Cappuccini,confermando quelle di Paolo III e Pio IV,contro i Terziari dei
Conventuali,e contro quelli che portavano abito e cappuccio simile a quello dei Cappuccini
col confondersi con essi:<ma vi dico senza tacciar nessuno,i
nostri superiori niente invigilavano a far osservare il contenuto di questa proibitione
in dette Bolle concessa,mentre non solamente i nostri Terziari,portano il
cappuccio pi corto di quello dei Frati,ma ogni minimo scalzacane se ne copre la
testa,et Dio piacesse che sotto quella forma di cappuccio et habito cappucinisco dessere ben
saggio di buoni romiti,ma dei mediocri cristiani,non voglio dire scandali,et i Cappuccini di
ci poco o niente si
curano in pregiuditio della reputatione et honore della sua
Madre Religione." (P.Bon.).

1581 Fondazione del Convento di Taormina (P.Bon. - P.Andr.)


Provinciale P.Arcangelo da Catania e Ministro Generale
P.Bernardino dAsti.Fabbricato tutto a piede piano
poveramente secondo il modello antico poco discosto dalla
citt dalla parte verso Messina (P.Bon.).
Il secondo a Villagonia nel 1915.

1582 Fondazione del Convento di S.Marco dAlunzio


Edificato parte a damuso o lamia e parte a piedi piano
secondo il moderno modelle sopra la Terra nella strada per
la quale si va al bosco e alla terra di Longe,in una collina la
quale anticamente era campo degli ebrei,per questa causa
vi erano scolpite cosoline di curiosit nelle petre.e per
memoria delle quali ve ne sono murate tre nella cantonera
del convento.(P.Bon.).

1582 In quest'anno 1582 furono tolti i dieci giorni dal


Calendario,per adeguarlo al ciclo solare.

1582 Fondazione del Convento di Pettineo (P.P.Bon.)


Edificato parte a damuso e parte a piedi in una collina
sopra la Terra,alla vista della Terra di Tusa,in una bella
prospettiva,detta Giulia.(P.Bon.)
20 - Storia della Provincia di Messina -

1582 Fondazione del Convento di Tusa


Fu edificato parte a piedi piano e parte a lamia o damuso vicino alla Terra,nella strada
per la quale si va alla marina e di questa parte ha una bellissima propsettiva.(P.Bon.).

1584 Fondazione del Convento di Lipari (P.Bon.P.Andr.)


Fu edificato tutto a lamia o damuso in quadro secondo il modello allora moderno
inante la porta dellentrata nella citt,in un buon sito e sopra antiche muraglie del Papazo
del Re Liparo,come oggi si cedono.(P.Bon.).

1584 Fondazione del Convento di Gesso (P.Bon.P.Andr.)


Pigliarono la chiesa detta della Madonna delle Grazie dove piantarono la santissima
croce e vi fecero una cisterna.
Ma poi cominciarono a fabricare il convneto sotto la Terra e sopra il casale di
S.Gregorio (P.Bon.).

1584 Fondazione del Convento di Rometta (P.Bon.P.Andr.)


Vi fu preso il sito e piantata la santissima croce con molta consolazione e il convento fu
fabbricato apiedi piano e poveramente secondo lantico modello.(P.Bon.).

1584 - 19 Capitolo Generale 5/6 a Roma = Congregato da


P.Giammara da Tusa,ma poco prima di dar principio
alle funzioni capitolari se mor.
Eletto Generale P.Giacomo da Mercato Saraceno.
A questo Capitolo,per la morte di detto padre,dordine di
Sua Santit vi assiat il cardinale eminentissimo Giulio
Sartori Santa Severina.
Occup lufficio di Procuratore dellOrdine in questo
Capitolo il M.R.P.F.Gerolamo da Polizzi della Provincia
di Palermo. (P.Bon.).

Fondazioni di Conventi (riepilogo)


1574 - Convento di Jaci (8 ott)
- Convento di Savoca (30 ott.)
- Convento di Alcara (31 ott.)
- Convento di Al
1577 Convento di Castelbuono (P.Bon.)
1580 - Convento di Milazzo (P.Bon.)
1582 - Convento di Pettineo (maggio)
- Convento di Tusa (agosto)
- Convento di S.Marco (P.Bon.)
1584 Convento di Lipari
Convento di Gesso
Convento di Rometta

1586 P.Silvestro da Monteleone - Visitatore Generale

1587 20 .Capitolo Generale 2/5 o 6 a Roma


Eletto Generale P.Girolamo da Polizzi.
In questo Capitolo della Religione si fecero alcuni ordini
spettanti il buon governo di essa.(P.Bon.).
Si diede la facolt di confermare per altri tre anni il Ministro
Generale.

1587 Fondazione del Convento di Petralia (P.Bon.P.Andr.)


La croce fu piantata sopra la fontana grande della Terra e chiesa di S.Maria del monte
detto del Calvario,oggi dellAltaretti.
21 - Storia della Provincia di Messina -
Ma poi considerando che il convento veniva extramano e le strade per ambidue le parti
coperte dallabitato,piantarono la croce sotto la chiesa di S.Rocco toltala da ivi, che venne
della parte di sotto di detto Casale,che prima veniva sopra. (P.Bon.).

1587 Mor a Roma il l8 Maggio F.Felice da Cantilice,


" ricevette la Benedizione dal P.Girolamo da Polizzi, Generale.Il Card.
ProtettoreGiul.Ant.Santori di Santa Severina nota nella sua autobiografia che il Papa Sisto V voleva si facesse il proces

1587 Il P.Generale Girolamo da Polizzi il 1 agosto mand


l'obbedienza a S.Giuseppe da Leonessa per andare
missionario a Costantinopoli.

1590 Congregazione Generale di Pentecoste = Fu confermato


Generale P.Girolamo da Polizzi.

1593 21 Capitolo Generale 1/6/ a Roma = Eletto Generale


P.Silvestro da Monteleone.
"Convocato dal P.Girolamo da Polizzi,il Capitolo ( di notte
contro la volont del Papa,per eludere i suoi ordini),fu onorato colla presenza del
Sign.Nostro Clemente Ottavo,con
fargli un sermone che fu udito dai Capitolari colli ginocchia
a terra.D'indi and alla Chiesa,nelle officine,nei dormitorj,entr nelle celle e vedendo la
politia del Tabernacolo,della Pisside e d'ogni cosa congiunta con la semplicit
amica sempre dell'Ordine,e vestigia della santa
Povert,rivolto ai Cardinali,che l'accompagnavano gli disse:< se l'interno di questi
s'aggiusta all'alta semplicit e
povert esteriore,vivono invero una vita pi celeste che humana degna dei veri figli
di S.Francesco,per la intrapresa maniera del vivere evangelico ed apostolico:>
e d'indi avante dimostr gran benevolenza alla Religione
che nell'ultima creatione dei Cardinali fatta l'anno 1604 invest di dignit cardinalizia
il P.Anselmo da Monopoli,quale haveva fatto teologo della Corte Romana e
Legato Apostolico della Francia.
Fu eletto in questo Capitolo a Ministro Generale
il P.Silvestro da Monteleone.
Ma il papa dopo la visita al Capitolo se ne and e rimase il card. Protettore
S.Severina a presiedere il Capitolo.Il P.Girolamo da Polizzi fu condannato all'esilio di tre
anni nella prov. di Reggio e per dieci anni sospeso da voce attiva a passiva."

1596 22Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro Generale


P.Girolamo da Sorbo della Provincia di Napoli e Procuratore
dellOrdine il M.R.P.F Girolamo da Castelferretti.Govern
la Religione 3 anni al tempo delle felici memorie di
Clemente 8 e Rodlfo 2 Imperatore. (P.Bon.).

1596 E' condannata da Papa Clemente VIII l'Esposizione


della Regola di P.Girolamo da Polizzi,ristampata dopo
10 anni riveduta e corretta.

1599 23 Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro Generale


P.Girolamo .da Castelferetti,della Provinci di Marca e
Procuratore Generale P.Anselmo da Monopoli.(P.Bon.).

1599 Presiede il Capitolo Provinciale il Visitatore Generale


P.Bonaventura da Catanzaro.Fu eletto Provinciale
P.Dionisio da Piacenza "Extra coridore Capituli".
22 - Storia della Provincia di Messina -
1599 Il Visitatore Generale chiuse i quattro conventi,di
Lipari,Rometta,Savoca e Alcara .

(Gli ultimi tre si riaprirono,quello di Lipari non pi perch


dato ai Zoccolanti,ma nel 1644 se ne fond uno nuovo).

SECOLO XVII

1602 24 Capitolo Generale- 21/51 a Roma = Eletto Generale


P.Lorenzo da Brindisi.Uomo insigne non meno in prudenza e dottrina che in virt
et innocenza di
vitaQuante contraddizioni,ingiurie e percosse pat dsgli
eretici a Vienna dAustria e come glorioso si deport
nellimpresa fatta dao cristiani col turco di
Stulveccissemburg.(P.Bon.).

1603 Fabbrica del secondo Convento di Savoca.


Si cominci a edificare il nuovo convento vicino alla terra
sopra una collina e terreno concessogli da Antonio
Crisafulli.

1603 P.Girolamo da Polizzi presiedeva il Capitolo come


Visitatore Generale. P.Girolamo mori a Trapani il
28/1/1611.

1604 Fabbrica del secondo Convento di Gangi.


Si diede principio al convento nuovo vicino la chiesa di
S.Antonio Abate,che ancora se ne vede un pezo deffiggie
dipinta al muro,vicina al vasetto dellacqua benedetta
allentrata del coro.
Si descrivono le difficolt e gli inconvenienti di questo
convento.I Signori della Terra vollero una cappella e una
porta che dal palazzo immetteva in chiesa.(P.Bon.).

1605 25 Capitolo Generale a Roma Ministro Generale


P.Silvestro dAssisi della Provicica di S.Francesco,padre di
grande prudenzia,virt e meriti.(P.Bon.).
Dal 1605 per concessione di Paolo V di felice memoria si
cominciano a chiamare Ministri Generali e non Vicari
Generali e Provinciali.

1605 Per lascito di Girolamo Conte messinese,s'iniza


l'infermeria di Messina,annessa al grande Ospedale
civico (Ospedaletto).
< Muore P.Martino di Messina,cognato di Girolamo conte Messinese,che lasci
l'eredit all'Ospedale di Messina,per l'Infermeria ai quali abbiamo obligazione
grande,mentre quasi tutti i cappuccini della Provincia......infermi a Messina siano stati
partecipi di detta carit lasciatali >.P.Bonav.IV p 2

1608 26 Capitolo Generale 23/5/ a Roma = Eletto P.Girolamo


da Castelferretti.
23 - Storia della Provincia di Messina -

1608 Si prolunga l'ufficio di Generale da tre a cinque anni.

" Fra gli ordini che si fecero un questo Capitolo uno fu che
il Generale,il cui ufficio sino allora non era durato pi di tre anni,si prolungasse per
l'avvenire sino a cinque,
acciocch potesse pi comodamente visitare tutta la Religione,et altri tanti durasse
ancora l'ufficio di Procuratore ( ma non s'era stabilito questo nel 1587 ? ).
Si determin quest'anno la lite con decreto pontificio,che
i nostri Chierici precedesso i Laici,ancorch questi fussero
pi grandi di Religione. Similmente la f.m. di Paolo V
pubblic una Bolla colla quale dichiar che i Cappuccini erano veri e legittimi figli di
S.Francesco bench fussero stati istituiti dopo il tempo di esso Padre; quale Bolla
comincia<Ecclesiae militantis regimini>.
E la f.m. di Urbano VIII di poi dichiar con queste parole.< Sono alcuni anni che
i Cappuccini erano derivati
dalla retta e non mai interrotta linea dei Frati Minori istituiti dal P.S.Francesco
istitutore della religione Minoritana>; con che venne a chiudere la bocca agl'invidiosi e
maldicenti..."
In questo Capitolo Generale furono pubblicate le
Costituzioni rivedute dopo il Concilio di Trento.

1608 Fabbrica del secondo Convento di Catania.


Si tratta del Convento della Speranza,perch vicina la
chiesola della Madonna della Speranza.Si pianta la Croce
nel 1619 e si comincia a costruire nel 1622,fabbrica che
dur parecchi anni con traversie e cambiamenti.
Il posto lattuale palazzo della Borsa a Piazza Stesicoro.

1608 Fondazione del Convento di Adrano (P.Bon.P.Andr.)


Fu fabbricato tutto a lamia o damuso secondo il moderno
modello puoco discosto dalla Terra et abbitato,nella strada
per la quale si va a Biancavilla o Terra dei Greci,come
vogliam chiamarla. (P.Bon.).

1608 Fabbrica del 2 convento di Troina


Or per li tanti giusti motivi di lontananza,strade
malagevoli,tener linfermeria e mancanza del coro con poca
assistenza a gluffici divini,allorazione mentale,comune e
algaltri esercizi e affare dela Comunit,cos amco
pernottare fuori del convento per non potersi li frati ritirare
quando si trovavano usciti per li mali tempi di pioggia e di
neve,si determin di fondare un altro convento.(P.Bon.).

1610 Fabbrica del 2 Convento di Randazzo


Si tratta dellattuale convento fabbricato secondo il modello
moderno tutto a lamia.(P.Bon.).

1610 Fondazione del Convento di Santa Lucia del Mela


Fu fabbricato a lamia o damuso et in alcuna parte a piedi
piano in contrada detts Laviesa,sotto il castello.(P Bon.).

1613 27 Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro Generale


P.Paolo da Cesena della Provincia della Marca vestito
dellabito,ma in quella di Bologna nato.Ebbe cura della
religione anni cinque.(P.Bon.).

1614 Provinciale di Messina P.Giammaria da Geraci - detto


24 - Storia della Provincia di Messina -
il"Pontone".
Procedendo il nostro P. Giammaria di merito in merito, fu dapprima eletto Difinitore,
indi Ministro Provinciale, acci tutti i conventi della Provincia partecipassero dcl suo spirito,
e tutte le religiose famiiglie fosscro egualmente concordi nell'osscrvanza . I1 suo governo
pertanto, saggio, vigilaante e prudente, g1i acquist cotal fama, che 1a vicina Provincia di
Palermo lo desider suo Moderatore; ed il P. Generale, a soddisfar quella religiosa brama,lo
mandava col suo Commissario e Visitatore.
Compiuta quella missione con utilit della Palermitana Provincia, in cui con opportuni
provvedimenti e con esortazioni paterne aveva ristabilita e corroborata maggiormente
in ogni famiglia 1a regolar disciplina, ritorn alla sua Provincia di Mcssina
continuando nel suo ministero di Provinciale, in cui pi voltc fu confermato dai Padri
elettori. Ma finalmente egli stesso preg di liberato dal quel gravissimo peso,per l'et
che di molto s'inoltrava.Quasi ottuagenario,altamente venerato da' suoi religiosi e dai
secolari,che ammiravano il lui l'uomo virtuoso,dotto,consigliere e padre
amoroso,cessava di vivere nel convento di Nicosia l'anno 1640.
Questo insigne Padre lasci scritte varie Dissertazion Teologiche e Morali,che la sua
umilt non permise che
fossero pubblicate; e solo egli aveva accordato alle stampe un suo libro intitolato Il
Carro di Elia,venuto alla luce in Messina nel 1620.

1614 Fabbrica del secondo Convento vecchio di Patti.


Fu conquassatonquasi tutto da un gran terremoto giorno di
Domenica a 24 agosto,onde per questo accidente fu
rifabbricato e rinnovato tutto a lamia come prim era innante
il suddetto terremoto. (P.Bon.).

1617 Fabbrica del secondo convento di Castroreale.


Passato un poco di tempo ottennero i frati la concessione
del terreno dalli Signori Giurati,vivino alla citt,sotto il
monastero dei PP Agostiniani.(P.Bon.).

1618 28 Capitolo Generale 1/6 a Roma - Eletto quasi con tutti


voti Vicario Generale P.Clemente da Noto della Provincia
di Siracusa et occup lufficio del Procurator dellOrdine
il M.R.P.F. Geronimo da Castelferretti.(P.Bon.).

1618 P.Clemente da Noto ottenne da Paolo V il 30/1 l'abrogazione della conferma del
Ministro Generale
dei Conventuali data ai nostri Vicari Generali.
Cos finisce il titolo di Vicario Generale.

1619 Si pianta la croce del nuovo Convento della Speranza in Catania.

1620 P.Raffaele da Malta - Visitatore Generale.

1621 P.Francesco da Paola - Visitatore Generale.

1622 Il 24 aprile stato ucciso Padre Fedele da Sigmaringa


nella Svizzera."Durante il suo generalato (Clemente da
Noto) se ne vol al cielo a 24 aprile 1622 in saby colla palma del martirio,ucciso per
la confessione della fede cattolica dagli eretici il martire di X.to F.Fedele da Sigmaringa nella
provincia dell'Helvetia"

1623 Fondazione del Convento di Pozzo di Gotto


Fu preso e fondato secondo il moderno modello aperto
davante,perch dal modellatore ,che fu F.Giacomo dalla
Rocca maestro di muro e fabriciero delle Costituzioni
dallerrori antichi e suoi fati del disegnare in questi ultimi
25 - Storia della Provincia di Messina -
tre conventi da lui modellati,cio questo,di Linguaglossa e
di Lipari, emend se in cosa avesse errato.(P.Bon.P.Andr.)

1624 I Vocali per il Capitolo provinciale di Messina serano riuniti ma l'autorit della Citt
li preg di sospendere per
timore della, peste a causa dei Padri dei Conventi del territorio palermitano.

1625 Beatificazione di Fra Felice da Cantilice


Principia questanno il secondo secolo della nostra Religione
cappuccina,anno di giubileo et onora Santa Chiesa per mezo
del vicegerente di Cristo suo sposoUrbano 8 la nostra
madre con beatificarci un suo figlio,cio il beato Felice da
Cantilici,laico cappuccino (P.Bon.).

1625 29 Capitolo Generale 16/5 a Roma = Eletto Generale P.Giammaria da Noto,il


quale fu il primo che prese il titolo di Ministro Generale nell'Ordine dei Cappuccini,per la
Costituzione <Alias felicis recordationis> di Paolo V,
23 genn.1619.Cos cess la dipendenza dal Generale dei Conventuali.
Principia il 2 secolo della nostra Religione Cappuccina.Fu beatificato il Beato
Felice da Cantilice laico...>Tutto questo anco s'ha determinato dai Capitoli
Provinciali che li PP.d'ogni Provincia col P.Provinciale fussero cinque,complendosi il
numero dei quattro deffinitori col fare il quinto quando il Provinciale uscisse uno dei
quattro,come dicono le nostre Costituzioni sopra questo>".

1627 Fondazione del Convento di Roccavaldina.(P.Bon.P.Andr.)


Li PP Cappuccini domandarono al medemo Sommo
Pontefice Urbano 8 il convento abolito di questi PP
Zuccotti della Terra della Rocca nella piana di Melazo e
lottennero.(P.Bon.).

1627 Fondazione del Convento di Bronte.(P.Bon.P.Andr.)


Questo convento era prima delli PP. Reformati conventuali
di S.Francesco alias li Zuccotti,e per una certa discordia
nata fra essi e la Terra,gi lavevano abbandonato (P.Bon.).

1629 Fabbrica del secondo convento di Bronte


Non restanti li frato soddisfatti dellaria e fabbrica mal
condizionata e disposta,nel 1629 pigliarono il sito col
consenso della Terra,puoco discosto di essa,nella strada per
la quale si va a Randazo,sotto la chiesola di S.Antonino da
Padova.(P.Bon.).

1631 Muore P.Paolo da Catania,prima Cronista della Provncia.


da cui P.Bonaventura attinse le notizie sulla fondazione dei Conventi.

<Poco sappiamo della vita di questo primo Cronista della Provincia messinese. Vest
l'abito nel 1578.e mor nel 1631.Dalle brevi notizie lasciateci dal P.Bonaventura Seminara
da Trojna intorno al detto P. Paolo si ricava che il 10 Settembre del 1628 egli aveva gi
compilato il suo:
BREVE RACCONTO DELLE FONDATIONI E MUTATIONI E RENOVATIONI DELLI
VENERABILI CONVENTI DEI RR.PP.CAPPUCCINI DELLA PROVINCIA Di MESSINA -
Manoscritto che and perduto nel terremoto del 1693 coll'Archivivio del Patrio
Convento.Ma il contenuto del Manoscritto del Padre Paolo ci stato trasmesso nell'Opera
di Padre Bonaventura.
Questi oltre che a lodare la fatica del Cronologo catanese ci dice quanto giov essa alla
Provincia messinese e alle altre ai tempi del Papa lnnocenzo X con queste parole: < Il
M.R.Padre Provinciale e Padri Diffinitori per questa notizia che mandarono a
Roma,relatione di quello che Sua Beatitudine comandava,non dico degl'altri Religiosi,ma
quasi con vantaggio di tutte l'altre nostre Provincie,per il che ne furono ringratiati dalla
Deffinitione Generale >
26 - Storia della Provincia di Messina -
(P.Bonav. Lib.I,pp 3-4)

1633 30 Capitolo Generale 13/5 a Roma = Eletto Generale


P.Antonio da Modena.

" Nel nuovo convento fabbricato da Urbano VIII Barberini


col titolo dell'Immacolata Concetione,e con le rendite del Cardinale Antonio fratello del
papa. - Scena del P.Francesco da Genova alias Niesi,predicatore apostolico:doveva
essere cardinale,ma la notte avanti sfum tutto per opera del card. Francesco Barberini,nepote del Papa Urbano VIII,che vol
era buono,ma troppo giovine.Il Card. Franc. Barberini volt il Papa e gli altri cardinali,e
lo fece escludere dal numero
della Sagra Congregatione dei Porporati.Fu eletto Generale P.Antonio da
Modena.Questi era in visita a Messina quando gli pervenne ivi una lettera del Duca d'Este di
Modena.Il Duca figlio per disfarsi del Padre gi cappuccino scrisse al
Generale per farlo rimuovere se no avrebbe perseguitato i
parenti del Generale.Questi mand l'obbedienza al P.Giambattista (Duca padre
d'Este) il quale part.Indignazione del popolo e di molti nobili.Il Pontefice
intima il Capitolo Generale (1657) e fa deporre il P.Antonio da Modena ( che doveva
essere un povero don Abbondio).Col tempo il P.Giambattista seppe tutta la verit,e rest
ammirato della virt dell'Ex generale P.Antonio che non fiat mai con nessuno riguardo alla lettera del Duca d'Este fig

1637 31 Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro Generale


P.Giovanni da Moncalieri della Provincia di Savoia,uomo
versatissimo quasi in tutte le scienze umane e divine.

1639 Venne come Visitatore Generale il P.Innocenzo da Caltagirone e attese alla cura
della Provincia per due anni e sei mesi circa.

1643 32 Capitolo Generale 22/5 a Roma - Eletto Generale


P.Innocenzo da Caltagirone nostro siciliano della
Provincia di Siracusa,lume dei prelati dei tempi nostri per il
talento nel governare con singolar zelo della regolare
osservanza.(P.Bon.).

1643 Fondazione del Convento di Linguaglossa (P.Bon.P.Andr.)


Si prese il sito e piantossi la croce in una sciara di pietre
vive di Montibellu,e tale che li stessi secolari allora
restarono con maraviglia,stimando e tenendo li frati puoco
esperti,anzi spratici,ma col tempo ne restarono loro
ingannati,et in particolare vi fu come uno de fabbricieri
quella gran testaza mecanica e digiudicio di fra Macario da
Nicosia,che mentre camminava per detta sciara e sito,cadde
il quelle pietre,si fer la faccia,la testa e altri
membri.(P.Bon.).

1645 P. Umile da Messina dipinse l'Immacolata con gli Angeli


per Adrano.
<<P.Umile da Messina,al secolo Jacopo Imperatrice,
nacque verso il 1592.Attese alla pittura sotto la direzione
del celebre alfonso Rodriguez ,il quale fu allievo del
Caravaggio,attese alla pittura sotto la direzione del
celebre Alfonso Rodriguez poscia nellet di 40
anni,prese labito cappuccino con molto fervore ed
edificazione.
Immacolata con gli Angeli,con S.Agata e
S.Antonio a destra;S.Pietro e S.Francesco a sinistra
Chiesa dei Cappuccini di Adrano,firmato 1645.
P.Giustino autori ed Opere.
27 - Storia della Provincia di Messina -
1645 P.Paolo da Messina,Provinciale. mor dopo 45 giorni a
Bronte in corso della S.Visita.Fu un gran Servo di Dio:la
lava del 1651 non distrusse Bronte per riverenza al suo cadavere e a quello di
F.Bonaventura d'Al laici e per intercessione dei Beato Felice.
" Fu mandato come ambasciatore dalla citta di Messina appresso alla Cattolica
Corona nelle Spagne,nel tempo che
la detta Citt fioriva e si reggeva quasi <a modo di Repubblica> (sar stato per
appoggiare uno dei tanti reclami della citt contro i tentativi di Palermo per strappare le sue
prerogative?) " P.Bonav 3-19

1646 P.Francesco da Villas o Velis - Visitatore Generale,il quale


muore a Messina il 21/6/1647 e citato nel nostro
Necrologio.

1647 "nel 1647,durante i torbidi di Palermo e di Catania,in cui


Messina rimase esente,che minacciavano di estendersi al
suo distretto,coinvolgendo vari centri (in particolare Pozzo
di Gotto,S:Lucia,Savoca),due cappuccini furono mandati
appositamente a Pozzo di Gotto e S.Lucia,per ridurre a miti
consigli le popolazioni sollevatesi contro le gabelle della seta e della farina.La
missione,appoggiata da alcuni nobili e
da mille uomini armati,pronti a intervenire contro eventuali
azioni sediziose,ottenne l'effetto di sistemar tutto
pacificamente." Annali del Gallo . III,339

1649 P.Atanasio da Reggio - Visitatore Generale.

1650 23 Capitolo Generale 5/6 a Roma Eletto Generale


P.Fortunato da Cadore, della Provincia di Venezia.

1657 Catania - Un incendio scoppi nella chiesa dei Cappuccini,


nel tempo che eravi il giro delle Quarantore" (St.di Cat 2)

1659 P.Umile da Messina dipinge l'Immacolata per Linguaglossa.


Dipinse nel refettorio del convento di Messina la Cena
del Signore e in chiesa la Trasfigurazione sul
Taborre.
Inoltre altre sue pregiate opere si vedono altrove.
Fin di vivere nel 1680,nel suo convento di
Messina,lasciando di s fama di gran servo di
Dio,precisamente per la rara virt dellumilt.>>
Immacolata Chiesa dei Cappuccini di Linguaglossa,1659 P.Giustino
autori ed Opere.

1662 35 Capitolo Generale 23/5 a Roma - Eletto Generale


P.Marcantonio da Carpindulo,della Provincia di
Brescia,dopo aver esercitato lufficio di Procuratore
dell'Ordine per 12 anni.

1665 P.Bruno da Patti era tornato dal governo della Provincia


di Bari e di quella di S.Angelo coi titoli di Visitatore
Generale per quattro anni.
<Non sappiamo l'anno della sua nascita che dovette avvenire presso a poco nel 1600.
Sappiamo per certissimamente che fu uno dei pi grandi Frati della Provincia di
28 - Storia della Provincia di Messina -
Messina.In lui rifulsero magnificamente la santit e l'innocenza dei costumi e l'altezza
dell'ingegno,e la destrezza prudente nel pubblici,civili e politici negozi.
Visse nel periodo aureo della Storia della Provincia Messinese, e fu degno dell'et sua.
Nel 1656.Guardiano del Patrio Convento,fu spedito ambasciatore a Madrid presso
Filippo IV.
Nel 1659 ancora mandato per affari delicatissimi dalla pubblica autorit a Palermo
presso l'arcivescovo Los Cameros.
Pi volte Definitore,Custode,Provinciale.Nel 1662 fu mandato dal Generale come
Visitatore nelle Provincie d Bari e di S.Angelo e vi dimor quattro anni.
Anche la Provincia di Palermo lo volle Provinciale nel 1668.
Nel Comizj Generali lo si voleva eleggere a supremo Moderatore dell'Ordine,ma il santo
uomo si oppose energicamente.
Amicissimo del grande P.Diego Sgroj da Messina scrisse la bella approvazione che si
legge nell'Opera celebre "Lux Praelatorum" nel 1672.
Lasci manoscritta una dotta Opera:
" De Immaculata Virginis Mariae Conceptione" di cui fanno mensione molti scrittori.
< Bruno pactensis,natione siculus (Provinciae Messanensis alumnus) Panoermitanae
Provinciae et Messanensis Provincialis,ac Provinciae Sancti Angeli et Aragoniae
Commissarius Generalis,vir doctrina,prudentia,consilio et animi magnitudinis praeditus.
Scripsit Librum "De Immaculata Virginis Mariae Conceptone" - Meminit de illo
P.Martinus de Torricilla Hyspanus in "Speculo Seraphicae Religionis" pag. 230,ubi, de
viris illustribus Cap->
(Dionjsius Genuensis: Biblioteca Script. O.M.S.F.Cap.pag. 102 - Genuae 1680. -
(Bernard. a Bonon. < Biblioteca Script. etc. pag. 56)
Bruno pactensis Ord. Capuc. Provinciae Mess. alumnus .... Virtutibus esimiis ornatus
effulsit,modestiam praesertim,ita usque ad ultimum periodum vitae coluit,ut eum
intuentes,ad amplectandam virtutem mirifice excitarentur.Obiit in coenobio Turturicis an.
1677.Huius meminit Dionjsius Genuensis n Bibl..Cap.-. qui scrispsisse affirmat " De
Immaculata Maria Virginis Canceptone"
(Merc. M Teresi Siculus a Monte - Majori. Tom.1 Appendix pag. 12 - Panormi 1762)
Ecco la didascalia scritta sotto il suo ritratto: < Adm R.P.F.Bruno Pactensis ex Familia
Calabr Ordinis Capuccinorum,Provinciae Messanae alumnus,praeclara ob virtutum
insignis bis Provincialatus honere in propria Provincia insignitus,austeritate vitae
segnior non fuit,ac regularisdisciplinae via singularis- et quem Panormitana Provincia in
Ministrum sibi elegit-, Sancti Angeli et Aragoniae Provinciae Commissarium Generalem
sunt amplexatae.

Virum doctrina,prudentia,consilioque praeditum Patres Comitiis in Generalibus


praenoscentes in Generale evehi consensere,licet ipse minime consentiens noluit amplius
aliis in Religione constanter praeesse. "Librum de Immaculata Virginis Mariae
Conceptione" scripsit.Tandem quasi turtur paenitentia gemens,Superis piaces, Tortoreti
oculos terrae clausit,anno Domini 1677> -+ 1677 R.P.Bryno da Patti ex Provinciale oltre
l'interno di gran composizione extrinseca,che il suo camminare era mortificato e
composto pi che novizio" ( P.Bonaventura da Trojna - Opera citata Lib IV pag.21)
E' forse il pi bell'elogio fatto al grande Frate-, e si badi che il segno ++ il Padre
Bonaventura lo prepone al nome di quei Religiosi di vita santa e immacolata.>

1667 36 Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro


Generale P.Fortunato da Cadore.

1667 Si eman la Bolla Farnesana,per cui si differisce il Capitolo ad ogni 18 mesi.

"Eletto Generale P.Fortunato da Cadore.Elogio di lui fatto da P.Bonav. da Troina


che lo vide a Messina in Santa
Visita,quando celebr il Capitolo Provinciale il 14 genn.1669. Uomo di grande
governo,di grande orazione e
umilt.A Messina diede esempj di umilt,and a visitare
Mons.Don Giuseppe Garaffa e don Fortunato suo nipote,che
era Vicario, e gl'illustrissimi Senatori,acompagnato a piedi
29 - Storia della Provincia di Messina -
da un semplice laico:fra Mansueto da Mistretta. Giunto a Sulmona,Prov.di Abruzzo
s'inferm e all'et di 75 anni alli
2 Agosto 1669 mor.Rest Vicario Generale il Procuratore
dell'Ordine P.Bonaventura da Recanati che era pure Predicatore Apostolico.".

1670 Muore P.Arcangelo da Roccavaldina che lasci gli Atti


dei Servi di Dio dal 1603 al 1644.
<Non c' stato possibile avere altre notizie di questo benemerito Frate se non
queste,cio che mor nel 1670,dopo essere stato Deffinitore nel 1666;Maestro dei Novizi per
ben ventidue anni;ed annalista della Provincia,come dice P.Bonaventura nel Libro 4' pag 18.

Lasci un manoscritto:
Atti di pi servi di Dio ritualmente raccolti cominciando dal 1603 al 1644 (grosso volume
disperso)

Questo prezioso volume fu ritrovato nell'Archivio Provinciale verso il 1780 dal P.Andrea da
Patern e dal suo Segretario P.Celestino da Jaci,quando gi le Notizie storiche del
Patornese erano quasi stampate.Si pens allora di darla alle stampe <col titolo di Parte
terza>,intorno all'opera e di Prima in rapporto a Cronologia di tempo,come accenna
P.Andrea nel Vol.2 a pag.361.
Ma non se ne fece nulla.>

1671 37 Capitolo Generale a Roma - "Eletto Generale P.Stefano da Cesena.


Rest 1 Definitore e predicatore Apostolico il P.Bonaventura da Recanati.,per
volont del Papa. Questo Generale ebbe fiere persecuzioni; gli si stamparono contro
manifesti,e uno sotto nome di un cavaliere napolitano in cui lo si vituperava e trattava da pazzo e frenetico. Fu accu

1672 Per la carestia si ordin ai Vocali del Capitolo Provinciale


di portarsi il pane per viaggiare. ( arch.stor.sic.)

1673 Muore il 13./11 P.Feliciano da Messina,pittore -


Domenico Guarcena,allievo di Casambrot,fu
chiamato il <Raffaello> dei Cappuccini>.Si applic alla
maniera del Reni.
<Dovizioso di beni di fortuna,ma propenso sempre alla
religiosit,onde il padre per distaccarlo dalla vocazione di
farsi ecclesiastico,applicollo alla pittura,quale apprese
sotto la direzione del celebre Abramo Casambrot
Olandese che risedieva in Messina.
Ma finalmente resister non potendo alla chiamata di
Dio,,vest labito penitente dei PP.Cappuccini.
Nella quiete del suo stato molte opere egli dipinse.
Pass in Bologna,Venezia e Roma sempre dipingendo;imitando
lo stile famoso di Guido Reni.
Ritornato poscia alla patria, di molte opere arricch il suo
convento come altres quello di Catania,Pozzo di Gotto,ed altre
parti della Sicilia;finalmente fini di vivere santamente in
Messina a 13 Novembre 1673,con fama di servo di Dio>.
Annali di D,Gallo --- tomo 3ediz.1804 --- Messina

1676 P.Bonaventura da Troina nel suo manoscritto racconta i fatti che portarono a
dichiarare nullo il Capitolo Provinciale,celebrato a Pozzo di Gotto.

1677 Muore a Tortorici il M.R.P.Bruno da Patti . P.Bon.IV,29

1678 38 Capitolo Generale 27/5/ a Roma - Convocato dal Vicario Generale


P.Bonaventura da Recanati..
30 - Storia della Provincia di Messina -
"Eletto Generale P.Bernardo da Porto Maurizio e Procuratore dell'Ordine il
padre Giambattista da Sabio.Nel Capitolo,dopo l'elezione dei Deffinitori Generali il Cardi nale Protettore che presie
Breve del Papa che comandava che si eleggessero a Generale e Procuratore due
dei cinque Padri che vi si proponevano nel Breve. Questo per far dispetto alla Spagna
e alla Francia.Allora i due Re proibirono che il Generale entrasse in visita nei loro
Stati,e non si eseguissero le Ubidienze nei loro territori. Ma poi nel 1680 e 1681 fu tolto il
divieto.Pare che queste turbolenze fossero opera di
Ministri,ma il Cattolico e il Cristianissimo non avessero mai avuto tale intenzione di
intromettersi nelle elezioni e affari
della Religione <ma in particolare della cappuccina della
quale sono stati sempre devotissimi e difensori> ".
Questo P.Generale mor a Catania l'8/5/1684.

1678 Fabbrica del terzo convento di Gangi.


Si diede licenza di fabbricasre fatto il modello,sopra la
Torretta tonda sopra la strada pubblica.Anche questo
convento ha avuto tante vicende dolorose per i frati e lunghi
strascici di calunnie e di accuse. (.P.Bon.).

1679 P.Giammaria da Geraci resse la Provincia per 18 mesi.


Poi per indisposizioni rinunci alla carica.
I padri della provincia,apprezzando i suoi meriti e la squisita bont della
sua vita non mancarono di valorizzare questo esemplare religioso,e dopo un
discreto periodo di insegnamento,lo elevarono ai diversi gradi di superiorit nel
governo di cospicui conventi della Provincia,nei quali fece rifiorire la regolare
osservanza,precedendo costantemente i suoi sudditi nella scrupolosa osservanza
della santa Regola,nella frequenza al coro,nella disciplina e nel silenzio claustrale
ed in tutti i doveri monastici.Eletto pi volte Definitore della Provincia, port con la
serenit del suo senno,con la gravit del suo giudizio,in grande contributo nel
governo di essa,finch, per ben quattro volte,la volont dei capitolari lo elev al
supremo comando e governo della medesima.Rigido propugnatore del perfetto e
devoto culto divino,vigil affinch,col cuore improntato a religiosa piet si recitasse
il Divino Ufficio.Un giorno,nella comunit di Nicosia,trovandosi assente dal coro
nella recita di Nona,avendo notato che lUfficio venne recitato un po in fretta,pun
la comunit,privandola in quella occasione della consueta pietanza.
Dipendente in modo assoluto dalle disposizioni dei Superiori,mai volle
domandare alcuna dispenza,neppure allora che la necessit lavrebbe resa
necessaria.Vindice dei diritti della religione,non cedette dinanzi alle pretese dei
grandi e potentati del secolo, ed oppose la sua religiosa resistenza allo stesso
Marchese di Geraci,gran benefattore della sua terra.Tutto questo veniva in lui
dettato dalla santit dei suoi principi e della correttezza della sua cioscienza.
Quanto fosse stato accetto a Dio il P.Giammaria,viene comprovato dai
doni soprannaturali dei quali il Signore volle insignirlo.
Diversi sono i fatti registrati nei nostri Annali,nei quali si vede la
meravigliosa virt dellottimo religioso;fu insignito dello spirito di profezia,come si
manifest con il puntuale evento di quanto aveva predetto.
Ebbe familiare la scrutazionre dei cuori,servendosi di questo gran dono
nel richiamare,tanto i religiosi,quanto i secolari,ad una vita di perfezione.
(P.Mariano Cristina da Valledolmo --- Profili di Religiosi ---pp-40.41)

1680 Muore P.Umile da Messina, pittore - .Jacopo Imperatri~


ce,allievo del Rodriguez.
Fin di vivere nel 1680,nel suo convento di
Messina,lasciando di s fama di gran servo di
Dio,precisamente per la rara virt dellumilt.>>
Gallo --- Annali di Messina --- vol 3 p.257.

1682 Il Capitolo accetta le offerte del popolo e decide la ricostruzione del Convento di
Tortorici,distrutto in Giugno
31 - Storia della Provincia di Messina -
dalla frana.

1683 "Il 17 Novembre venne nel Convento di Messina il Generale


Bernardo da Porto Maurizio,chiam ivi i Padri della parte di levante da Randazzo a
basso;dimor 17 giorni.Part per ponente,fu i Milazzo il 14 dicembre,fu a
Patti,Tusa,Cefal. And a Palermo:aveva ordini di Spagna e dall'Ambas.re di
Roma,e cos parl col Vicer,col Giudice della Monarchia,acquiet li residui delle
turbolenze e mand obbedienze ai Padri Messinesi et altri
della provincia che potessero ritornare in Messina.
Nell'aprile del 1684 entr giorno di sabato nel convento di Catania.La
domenica,mand le citatorie per
congregare Capitolo Provinciale in Messina pel 12 maggio.Ammalatosi per
impedimento d'orina,chiamati i
pi valenti medici (Sciaverio Musumeci di Jaci) mor a Catania il giorno 8
Maggio,rassegnatissimo,contava 77
anni e 60 di Religione.Sontuosi funerali ecc.sepolto nel
Sancta Sanctorum: il teschio sotto i piedi del celebrante
quando dice l'introito.
Prima di aggravarsi aveva revocata la citatoria.I vocali
che erano giunti a Messina se ne ritornarono.Si scrisse a
Roma al Vicario Generale,il quale diede ordine che si proseguisse a fare il Capitolo
e cos dopo aver governato
tre anni il P,Bernardo da Jaci convoc il Capitolo a Mistretta pel 30 giugno 1684 "
(vedi fondazione Convento
di Mistretta l. I).

1685 39 Capitolo Generale a Roma Eletto Ministro


Generale P.Carlo Maria da Macerata.Questo Generale
nel visitare i conventi dellOrdine, si ferm a Napoli e
fece visitare quelle Provincie da un Commissario e poi
se and in Geramania,senza scendere nel Sud. (P.Bon.).

1685 Morte del Papa Innocenxo XI (Benedetto Odescalchi). Elogio di lui in P.Bonav. III.

1687 P.Domenico da Prata - Visitatore Generale

1689 Fondazione del Convento di Geraci Siculo.


Vi fu piantata la Santa Ceoce nellanno quinto della cura e
del governo del M.R.P.Carlo Maria da Macerata Ministro
Generale, e doppo pochissimi d nel seguente mese,con
recitare molti salmi,le litanie dei Santi dal signor arciprete
d.Giacomo Barreca,molti venerandi e frati,si buttarono li
fondamenti,gettandovi in essi delle pietruccie dellArcangelo Micaele del Monte
Gargano portati dal P.Angelico da Pettineo nel ritorno da quelle parti fece
nel fine del suo studioPoi successe la disgrazia del
maestro Vincenzo Albanese della frana che lo copr e del
miracolo di ritrovarlo ancora intatto senza nessuna
lesione.(P.Bon.).

1689 P.Luigi da Caltanissetta - Visitatore Generale.

1691 40 Capitolo Generale a Roma - Eletto Generale


P.Bernardino d'Arezzo.
Va in Spagna e vi accolto con grande onore e stima
dal Re Carlo II.

1691 Miracolo della mula che lascia cadere i ferri gi messi al


maniscalco che voleva essere pagato.(vedi P.Bonav.II)

1693 Un terribile terremoto sconvolse la citt di Catania


32 - Storia della Provincia di Messina -
.Morirono 24 Religiosi tra Catania e Acireale.
P.Bon.IV-56-57

1695 Prima del Capitolo Provinciale erano morti i tre primi Definitori e il 4 P.Gregorio
da Messina " se non morto del tutto,almeno meno vivo per il continuo dolor d capo,pieno
d'una nfinit d'irrisolutezze per i suoi scrupoli".

1696 Nuovi Luoghi di Studio:


Mistretta:Lettore P.Giambattista da Petrala con
10 Studenti.
Jaci:Lettore P.Bernardino da Jaci con 10 Studenti.
Lipari:Lettore P.Paolo da Messina con 8 Studenti.

1698 41 Capitolo Generale 22/5 a Roma = Eletto Generale


P.Giambattsta da Busti . Lo volle eletto il Cardinale
Accaieli Protettore,perch aveva sofferto travagli e
prigione per difendere l'Immacolata Concezione,
apponendosi in atto di predica a un Padre Domenicano della citt di..?.."

SECOLO XVIII

1700 Il 7 Gennaio esce un Decreto della Sacra Congregazione: Verbo Domini,di


InnocenzoXII (Antonio
Pignatelli),che probiva accettazione di Novizi a tutti gli Ordini Religiosi.
P.Bonaventura dice il fine di tal Decreto era quello di
riformare i Religiosi i quali violavano tacitamente la vita
comune ecc ... (pag;75).....
Per tale nuovo decreto suddetto e simile proibizione ne
restarono tutti i Religiosi .... sospesi e confusi,in parte li Superori senza nessuna
speculatione,sapendo il perche?
non presumendo nessuno di qualsiasi Religione farsi avanti. Ma passati alquanti
giorni duppo il suddetto proibitivo decreto il primo che si fece vedere in corte fu il
nostro Procuratore dell'Ordine con presentare
memoriale sopra la suddetta materia di detto Decreto.Nel
quale Memoriale fu fatta provista che tal proibizione non
si intende n per li Gesuiti, n per i Teatini,n specialmente per li Cappuccini".
(pag.80).,

1704 Muore a Messina P.Bonaventura Seminara da Troina


Cronista della Provincia. Dal suo manoscritto provengono tutte queste notizie
sulla Provincia e sull'Ordine,
sino al 1699.
<Non si creda perci che egli passasse il suo tempo inoperoso e senza rendersi utile ai
suoi fratelli;imperciocch egli si occupava assai vantaggisamemte nelle oper del sacro culto
attendendo al ristoramento dei sacri templi e degli arredi,in cui lavorava di propria sua
mano,ed altres nellacconciare i libri della biblioteca,disporli secondo le varie materie,di cui
egli era assai intelligente,e la libreria dei Cappuccini di Troina fu accresciuta di molte
pregevoli volumi dalla sua industria procurati.Ma egli stesso per dare ai religiosi uno stimolo
di pratiche meritorie sullesempio dei nostri antenati,compose un volume in quattro libri
distinto,ed il esso raccolse tutte le memorie dei virtuosi passati fratelli dal principio della
fondazione della Provincia di Messina sino ai suoi giorni,e le fondazioni dei Conventi,la serie
dei Superiori Provinciali,dei Padri pi illustri e commendevoli nella dottrina e nelle opere di
pubblica beneficenza,e di quanti eransi segnalati nella santit della vita e nella edificazione
33 - Storia della Provincia di Messina -
del secolo,e a questo aggiunse un esattissimo elenco di tutti i religiosi defunti sino a suoi d,
con la descrizione di molte cose avvenute,vantaggiose alla memoria dei posteri.E questo
per noi un debito di ricordare il P.Bonaventura scrittore benemerito della sua Provincia.>

1706 P.Domenico da Mistretta deputato a raccogliere notizie e


compose il suo "Alfabeto".
Questo volume l'aveva P.Gaspare da Petralia in Nicosia.Alla
sua morte 1746 non fu trovato. Viene considerato disperso.

1725 Nel Capitolo Generale di Roma fu eletto Ministro Generale P.Armanno da


Bressanone della Provincia del
Tirolo e fu il primo Generale che la nostra Religione abbi
avuto oltremontano, e forse sar l'ultimo,perch
difficilmente succeder che le tre Nazioni Spagnola,Tedesca,e Francese si trovino
come all'ora,attesa l'unone che unsava(?) in quel tempo delle dette tre Corone.
(Pag.143).

1728 "In questo Capitolo fu fatta la petizione dal Sign.Principe di Palagonia (don
Ferdinando Francesca
Gravina) per prendere un nuovo Convento nella sua terra
di Piedimonte,sito Belvedere, e il Sign.Principe di Monforte per fabbricarne un
altro nella sua terra di San
Piero di Monforte ed entrambi ebbero l'accettazione con
loro voti dalli PP.Vocali. Quello poi di Piedimonte si prosegu con calore,quello di
San Piero di Monforte si raffredd" (pag.144)

1729 "In quest'anno 1729 s'introdussero in questa Provincia nostra di Messina li socij dei
Maestri dei Novizi e il primo
socio fu il Padre Bonaventura da Reitano Predicatore."
(Reg.del Noviz.di Mistretta,260)

1731 Fondazione del Convento di Piedimonte (P.And.)


D.mus Ferdinandus Franciscus Gravina princeps Palagoniae e
Superioribus plures conventum efflagitavit.Ipse facultates necessarias a S.Sede
impetrat et stipem suppeditavit et ad futuras necessitates religiosorum
providit.Primum lapidem posuit magna pompa Minister Provincialis Bernardinus a
Jacio die prima Februarii anni 1731,quamvis Bulla fundationis data sit solummodo
die prima Junii 1735. Anno 1739 in die Immac.tae Conceptionis,titularis
ecclesiae,ecclesia solemniter benedicta fuit.
Etiam Conv.tus gaudebat magna commoditate et selva ampla
rigabili.Plurimum postea adlaboravit P.Illuminatus a Messana.
Annali di Messina del Gallo
Pedimons - Piedimonte - Belvedere
Fondato dal Provinciale P.Bernardino da Jaci nel 1731.
Dopo la soppressione del 1866 non riaperto.

1740 P.Benedetto da Roccavaldina deputato per raccogliere


notizie sulla Provincia.
1741 Basilio da Tremestieri deputato per altre ricerche.
P. Basilio da Tremestiri, predicatore Francesco Albano
v. 1709 p. 1710 Guardiano, Definitore nel 1741.

Gli scritti di entrambi furono distrutti nelle fiamme del


1743 quando si fece la disinfezione per la peste.

1743 A 10 Ottobre entra nel Noviziato di Mistretta


F.Felice da Nicosia
e l'Anno 1744 a 10 Ottobre ad ore 15 si profess solennemente.
34 - Storia della Provincia di Messina -
Ebbe a Maestro il P.Michelangelo da Mistretta,che fu poi
Provinciale nel 1746.

1743 Una grande calamit per la citt di Messina e nei dintorni.


E' scoppiata la peste. Moriranno quasi 50 mila persone a
Messina e suo distretto e dei nostri religiosi 69 incirca e specialmente in servizio degli
appestati.
1743 - < in quest'anno che fu di lutto a tutta la Sicilia per l'orribile pestilenza
successa in Messina incominciando dal 1 Aprile.Sotto maschera d'epidemia,introdotta da
due navi delle due approdate in detto Messina infette,dando ad una i dette Prettica,ed
falsificate fedi,s'infett la Povera Citt e si smascher li 5 giugno ad una grande
mortalit:Avendo conversato il popolo tutto li 3 del detto mese per la Solennit e
Processione della SS.ma Vergine della Lettera dove tutte s'infettarono;onde infetta va la
Citt. Vi morsero: >....
Il Manoscritto anonimo riporta n 62 nomi di Religiosi morti tra
Messina,Gesso,Sacerdoti,Fratelli,Studenti e Terziari, non sappiamo se tutti al servizio degli
appestati..

1747 Soppressione dei Capitoli sesquiennal.


Il Capitolo Provinciale si far ogni tre anni.

1751 "Il Vicer Eustachio Duca di Viefuille,nella primavera visitando le citt del
Regno,pervenne a Catania ove alloggi col suo corteo nel Convento dei Cappuccini,dando ivi
molte pubbliche udienze
ecc. (Storia di Catania).
Nel viaggio di ritorno da Messina a Palermo il Vicer di Viefuille "fu ospitato
(a Nicosia) presso il Convento dei Cappuccini" e successe il miracolo celebre
del B..Felice,che saltando dalla finestra cav l'acqua della cisterna col paniere tra
la fine di novembre e i primi
di dicembre del 1754. (P.Raimondo)

1755 Fondazione del Convento di S.Mauro Castelverde. Si


piant la Croce la 19 Domenica di Ottobre e principio dei lavori che durarono sette
anni.
D.nus Nicolaus Agnello nativus huius terrae Archidiaconus
Cathedralis Cefaludensis,voluit sua devotione et populi commoditate aedificare
conventum capuccinorum.
Anno igitur 1746,obtentis necessariis licentiis ab auctoritate religiosa,finem
consequi non potuit deficiente reali permissione.
Tandem post decem annos persevarantis pertinaciae,mediante intercessione
Virginis Perdolente cui dicata est nova ecclesia,iuxta promissionem Patrum
Angelici et Antonio a S.Mauro,obtentus est regius assensus ipso die quo
commemorantur Septem Beatae Virginis Dolores.
Incredibile est gaudium totius populi et sollicitudo in procurandis rebus
necessariis. Ita ut paucos post annos per omnia conventus perfectus fuit,et die 22
Junii anni 1762 solemniter ecclesia dedicata fuit praesente P.Bonaventura ab
Alcara con toto definitorio et celebrata ibi fuit Congregatio Capitularis.Ad
aedificationem et perfectionem huius coenobii prae omnibus adlaboravit
P.Francicus a Sancto Mauro,Minister Provincialis.
Dopo la soppressione nel 1866 se ne impossess il Demanio e poi il
Municipio.Fu aperto nel 1914 per opera di Mons.Anselmo Sansoni,Vescovo di
Cefal. Fu chiuso nel 1927. (Decr.S.C.Religiosorum)

1760 Solenne incoronazione di Maria SS.di Gibilmanna con le due corone d'oro offerte
dal Capitolo di San Pietro in
Vaticano,per mano di Mons.Gioacchino Castelli,Vescovo
di Cefal,che diede la sua croce al Bambino e l'anello pastorale alla Vergine.
Cos descritto l'avvenimento nelle cronache:
35 - Storia della Provincia di Messina -

SOLENNE INCORONAZIONE DELLA MADONNA

" L'anno 1760 rester sempre memorabile negli annali di questo Santuario,per la solenne
incoronazione della Madonna con le auree corone donate dal Rev.mo Capitolo
Vaticano.S'interess efficacemente per tale scopo il Principe di Belmonte di Gratteri,spesso
sollecitato dal Lett. Giammaria da S.Mauro.
Il 13 novembre 1759 l'orefice Buroni termin le corone di finissimo oro e nell'aprile furono
inviate a Gibilmanna, Venne delegato a compiere la solenne incoronazione il piissimo Vescovo
di Cefal Mons. Gioacchino Castelli. Giunse il giorno stabilito per la solenne funzione,il 17
agosto 1760; Mons. Vescovo, accompagnato dai Canonici e dai Cerimonieri sal al Santuario
e, dopo i Vespri solenni nella sera della vigilia ed il Pontificale nel giorno della festa, con
pompa mai vista, dinanzi ad un numeroso popolo delirante, benedette le corone, di sua mano
le depose sul capo augusto della Regina del Cielo e su quello del Pargolo. Dopo una breve e
fervida preghiera, il piissimo Presule toglieva dal suo petto la ricchissma croce pastorale,
ponendola sul petto al Bambino Ges, ed il suo prezioso anello che pose nell'anulare della SS.
Vergine. Dopo, cantato l'inno ambrosiano, Sua Eccellenza chiuse la memoranda solennit
colla benedizione Eucaristica.
In quella occasione,come ricorda una lapide murata nella cappella,la SS.Vergine comp tre
prodigi:due ciechi ebbero la vista ed un muto la parola."

1762 Inaugurazione del Convento di S.Mauro Castelverde.


Per maggiore solennit il 20/6/1762 vi si tenne la
Congregazione Intermedia del Provinciale col
Definitorio.

1766 Per la morte del Provinciale P.Serafino da Milazzo,govern quasi due anni il 1
Definitore P.Ignazio da
Tortorici come Vicario provinciale.Sotto il suo governo fu
sospesa la recezione all'Ordine ( a richiesta del P.Bernardo
da Castellammare,Prov.di Palermo).L'ordine pervenne al Vicario Provinciale P.Ignazio
mentre era a Taormina in corso di S.Visita.

1769 P.Michelangelo da Mistretta fu nel 1749 Visitatore e Commissario Generale della


Custodia di Malta.
"Nel primo anno del suo governo,a petizione dei Signori
Appaltanti,cio Gabelloti maggiori,del Tabacco,in questo
Regno di Sicilia,si sospese ai Cappuccini la libera piantagione del Tabacco come
prima era permessa,e s'obbligarono i Gabelloti a darne mezza libbra ogni mese
per ciascun frate."
In questo tempo,per real decreto,si sospesero a tutti i Regolari le solite Carceri per
i Frati delinquenti,e per
essi furono designate quelle dei Vescovi.
" Ma nel prima anno (1776) del governo di P.Michelangelo da
Mistretta,Provinciale, si promulg il
Real Ordine in data di Napoli il 20 Luglio per via di Mons.Giudice della
Monarchia in data 3 Agosto con cui
si rimettono le Carceri nei Conventi dei Regolari,in caso
di loro delinquenza,che per fossero nel piano superiore
del Convento,e con prescriversi l'uso delle medesime,tanto
per le mancanze ordinarie,quanto per i gravi delitti,come
meglio in esso Ordine pu leggersi,che fu presentato e registrato presso ogni delegato
locale di Monarchia nelle Terre,Citt ove son conventi di Regolari".

1778 Il 5 Marzo muore P.Francesco da Mistretta: egli scrisse


un considerevole volume dal 1748-1749 per lo spazio di dieci (o venti) anni. Egli ebbe
un ristretto dell"Alfabeto"
36 - Storia della Provincia di Messina -
del P.Domenico da Mistretta compiuto nel 1706.Ebbe almeno il IV libro (morti e
brevi notizie) del P.Bonaventura
Seminara da Troina. Nell'Archivio non risultano suoi scritti.

1780 Si stampano le " Notizie Storiche " del Cronista P.Andrea


da Patern. In due volumi.
P.Andrea Felice Predicatore Patern
a Bronte nel 1755 - 7 anni di religione Annalista della Provincia
Pubblic due volumi di "Notizie storiche"
P.Costantino - P.Giustino - Archivio Provinc.
Le notizie delle Schede dei Frati sono attinte anche dai suoi scritti.

Dopo il manoscritto di P.Bonaventura da Troina,questi


volumi sono gli unici che danno ampie notizie sulla Provincia.

1781 Un notevole decreto generalizio nel 1812 riguardo agli


Archivi Provinciali.
(Vedi Rituale Monastico di P.Antonio Conoscenti.)

1784 P.Giacomo da Milazzo,Provinciale,chiese al P.Generale perch si potesse usare nella


nostra Provincia il panno che usavano i Frati del Contnente,ma si ebbe una risposta
negativa. (Rit.mon.244)

1766 La Giunta dei Conventini,delegata da Sua Maest Ferdinando Borbone,soppresse il


Convento vecchio di Cibali in Catania,in forza del decreto reale emanato il 5/8/1775. (Storia di Catania).

1787 Nel maggio di quest'anno,giorno 31,mor


F.Felice da Nicosia
Suo Guardiano,confessore e direttore spirituale era il P.
Macario da Nicosia.
Nacque da poveri genitori.La sua giovinezza dedicata al lavoro e alla piet.
Accettato,dopo varie ripulse.sopportate con umilt,fra i Cappuccini,entr nel noviziato di
Mistretta.
Visse il resto della sua vita a Nicosia,nel duro ufficio della
questua,luminoso esempio di devozione,umilt,povert e di
obbedienza cieca.
Moltissimi miracoli seguirono la sca della sua fama di santit eroica,che si
compendiava nel motto familiare: Sia per lamor di Dio.
Il 31-05-1787 culminava la sua vita terrena con uno dei pi splendidi prodigi
dellubbidienza.
Numerosi miracoli operati per sua intercessione decisero la Chiesa a tributargli gli
onori degli altari.
Beatificato il 12-02-1888.

Di questo frate si sono scritte n.10 biografie dal 1888 ad oggi.

1790 Il 28 Giugno esce un Decreto di S.M.Ferdinando II Re


delle due Sicilie,proibente la Professione solenne prima
del 21 anno appena finito il Noviziato come usavasi prima,da questo tempo quindi o
Chierici e i Laici minori di tale et dovevano attendere.
Da ci si introdusse la Professione privata con promessa di fare quella solenne appena
compiuta l'et.

SECOLO XIX

1800 Gangi fatto luogo di Noviziato con decreto di Roma del


37 - Storia della Provincia di Messina -
31 Luglio 1800. Il 30 Novembre vi si vestirono i primi Novizi. Il Noviziato dur sino al
1814.perch in aprile 13
vi si profess l'ultimo novizio.

1802 Nel 1803 il Papa Pio VII diede un Indulto Pontificio al


Generale P.Nicola da Brestillo,col quale si accordava un
aggiunto al Definitorio,nella part ostinate allorquando i
Definitori riuniti danno i loro voti per la scelta dei Guardiani,Lettori e per altre
deliberazioni.

1811 In questi anni sino al 1819 si agitarono incresciose questioni per diritti di
questua negli Ospizi di Gibilmanna:risolte dai Vescovi della Diocesi. (P.Gesualdo -
Storia di Gibilmanna cap;XXII).

1812 P.Marcellino d'Adern compose in quest'anno l'Ufficio


e la Messa propria per S.Nicola Politi; e il Prelato Corrado Maria Moncada ne
otteneva l'approvazione.

1814 Visita del Commissario Generale P.Giannangelo da Cuneo 1817. 1818. Suo
Segretario e Consultore fu P.Antonio Conoscenti da Castelbuono.

1818 Nel 1816 si riun un Congresso a Gangi e si fecero vari


Decreti Generalizi risolventi questioni di questue.
Si designarono i Luoghi di Noviziato in Al e Castelbuono.
II Noviziato a Castelbuono dur sino al 1864.

1815 Fondazione del Convento di Santo Stefano Camastra,


cominciato da Mons.Sergio,Vescovo di Cefal.
Il primo Guardiano vi si elesse nel 22 Novembre 1622.

< Nel 1750 in occasione di una Missione per volont del popolo sorse una chiesa
dedicata ai Sette Dolori di Maria SS.ma.Ma le deboli fabbriche,dopo parecchi
anni minacciavano rovinarsi e d'altra parte le rendite non bastavano affatto o
pochisimo a mantenerne il culto.
D.Giovanni Sergio,devoto della SS.ma Addolorata se ne prese a cuore la
chiesa e stabilitosi Rettore dal Vescovo di Cefal,la restaur,l'ingrand,l'arricch
di stucchi e di affreschi,di arredi sacri,le procur le rendite e vi fabbric un
Convento cos comodo da potervi abitare una Comunit Religiosa.
Nel 1811 vi chiam i Cappuccini.Elevato alla dignit vescovile nella Diocesi
di Cefal,il Sergio domand a Pio VII di fondarvi un vero e proprio Convento di
Frati Cappuccini e l'ottenne.
Difatti dal 1822 quell'ospizio figura come convento nostro.
Soppresso nel 1866,non fu pi riacquistato.>

1819 Il Provinciale P.Antonio Conoscenti da Castelbuono fu


poi per Breve di Leone XII del 9 Marzo 1824, eletto Definitore Generale.
Mentre era a Roma Definitore Generale,scrisse nell'Ottobre
1824 al Definitore Prov.P.Giammaria da Tusa,Guardiano di
Gibilmanna,una lettera in cui narra che "il S.Padre Leone XII si degn pranzare con tutti
i Religiosi nel nostro refettorio di Roma, il giovedl 14 Ottobre 1824".

1825 Un Decreto della S.Congregazione dei Vescovi e Regali,in data 2


Settembre,stabilisce la Clausura canonica
in tutti gli Ospizi.
38 - Storia della Provincia di Messina -
Al 03 Dicembre 1825 un Indulto Pontificio concede ai Frati
e Padri Cappuccini di Messina di potersi confessare con Confessori esteri.
Questo privilegio fu poi esteso nel 1852 a tutto L'Ordine.

1826 Non si celebr Capitolo e i nuovi Superiori vennero eletti per Decreto dal
Cardinal Ludovico Micara, Ministro
Generale allora;dato a Roma con autorit apostolica agli 11
Marzo 1826,esecutoriato nel Regno il 6 Aprile 1826.I nuovi
eletti si riunrono nel convento di Bronte il 4 Maggio e sistemarono gli affari della
Provincia,elessero i Guardiani e
gli altri ufficiali.

1829 Per ordine speciale del Sommo Pontefice Gregorio XVI fu


prorogata indefinitivamente la celebrazione dei Capitoli
Provinciali del nostro Ordine e per questo il suddetto P.Alfio da Mirto govern la
Provincia per 7 anni,11 mesi e
21 giorni; co sino al 4 maggio 1837.

1839 Comincia a istruirsi il processo per la


Beatificazione di F.Felice da Nicosia,
che poi si comp nel 1861 (P.Gesualdo - Vita dei B.Felice pp.161 e s.)
4 Carpetta: a) Causa del Beato Felice/ Positio super intro-
ductionem causae/ Romae 1837/
Volumetto a stampa - form. protocollo

b) Causa del B.Felice / Positio super fama


sanctitatis in genere / Roma 1844
Volumetto a stampa - form protocollo 5Carpetta: a) Causa del B.Felice
/ Positio super validitate
processuum/ Roma 1852
Volumetto a stampa - form. protocollo
b) Causa del B.Felice / Positio super validitate
processus / Roma 1872
Volumetto a stampa - form protocollo
c) Causa del B.Felice / Concesione dell'Uf-
ficio e del Martirologio / Roma 1888
d) Causa del B. Felice / Testimonianze 1829
e) Causa del B. Felice / Miracolo dei B.Felice
a Gangi / Testimonianze
f) Causa del B.Felice / Proposta di P.Mariano
Cristina per scrivere la vita del Beato.
g) Beato Felice / Ricognizione delle reliquie
e documernti relativi.

1840 P.Felice da Lipari fu poi Definitore Generale nel 1844,eletto per


schede;confermato nel Capitolo Gen. del
1847,ed eletto Procuratore Generale,nominato Consultore
della S.Congregazione dei Vescovi e Regol. Visit la Provincia di Siracusa come
Visitatore Generale.

1840 I Superiori Provinciali del 1840 furono nominati dal


Rev..mo P.Eugenio da Runcelly,Ministro Generale. Eletti
che furono si riunirono a Gibilmanna ed elessero i Superiori subalterni ecc.

1841 I Missionari Cappuccini sbarcarono a Pernambuco (Brasile) - Erano cinque,fra


essi P.Placido da Messina,Prefetto Apostolico (vi stiede sino al 1848,ritorn in
39 - Storia della Provincia di Messina -
Provincia per ragione di salute). Poi vi furono P.Gaetano da Messina,P.Gaetano da
Troina ... P.Gaetano da Messina fu vice Prefetto Apostolico.P.Benedetto da Jaci fu mandato Prefetto nella Georga,nel
di salute.

1841 Fondazione dei Convento di Mirto (40 fondazione).

1846 Inaugurazione e 1 Guardiano del Convento di Mirto.

<Dalla piet dei fedeli di Mirto nell'anno 1846 fu fabbricato un convento ai


PP Cappuccini accanto alla chiesa di S.Tecla,che fu poi dedicata al S.Cuore di
Ges.Il convento era fornito d'una buona biblioteca contenente 2022 volumi,tra cui
opere veramente pregevoli.
Accanto al convento si estendeva l'orto vasto e irrigabile.Eranvi parecchi
quadri d'un certo pregio,doni di ricchi benefattori e nella soppressione sparirono
assieme a quattro ritratti di nostri religiosi in mano degli esecutori della legge e
dell'erede del M.R.P.Antonino da Mirto,che si appropri di tutto il corredo interno.
Soppresso nel 1866 non venne pi redento.>

1846 Dal 1846 al 1849 era Guardiano a Gibilmanna il P.Gesualdo da Bronte. Egli
ottenne per la chiesa grazie
spirituali,privilegi civili ed ecclesiastci (Sant.Gibil.p.112).

1848 Per lettera Ministeriale di Napoli,3 giugno 1848, si sospendono le celebrazioni


dei Capitali nei Reali Domini
di Napoli.

1849 1 suddetti Superiori vengono nominati con Decreto della


S.Congregazione dei Vescovi e Regolari dato in Napoli i1 22 Aprile 1849 ed
esecutoriato nel Regno il 12 Maggio 1849 . (Pio IX a Gaeta).
Eletti che furono si riunirono il 26 Maggio 1849 in Messina
per sistemare le famiglie religiose,eleggere i Guardiani ecc.

1853 P.Salvatore da Graniti mandato nella Missione Costantina; fu Prefetto


Apostolico nel 1677, mor a Budia
20 Agosto 1689. P.Ludovico da Naso mandato nella Missione della Siria.
Mor il 29Agosto 1892. P.Luigi d'Alia va alle Missioni
nelle Indie.Mor il 28 Ottobre 1899.

1854 Il colera in Messina.1 Cappuccini in Messina assistono


gli appestati,dal Guardiano ai sacerdoti,ai giovanetti studenti.

1855 Visita pastorale del Generale P.Salvatore Ozieri che dur dal 22 Ottobre alla fine di
Novembre 1855,lasciando ovunque cara memoria di s ed esempi luminosissimi di
virt e disposizioni saviissime per la regolare osservanza.

1856 P.Antonino d'Al part per la Missione delle Indie Orientali. Mor il 13 Marzo
1886.
P.Placido da Messina fu Prefetto Apostolico nel 1841 per
Rescritto Apostolico.

1858 I Superiori provinciali eletti per Decreto dal Rev.mo P.Salvatore da Ozieri
Generale.
Si riunirono a Messina per eleggere i Guardiani,altri ufficiali e sbrigare altri affari.

1858 P.Antonino da Mirto fu Visitatore Generale nella Provincia


di Malta nel 1856;poi venne nel 1861 nominato Visitatore e
Commissario Generale nella Provincia di Messina.
40 - Storia della Provincia di Messina -
1858 Il 24 Ottobre 1858 gli Studenti cappuccini diedero un saggio filosofico nella chiesa
dei Cappuccini di Mirto.

1858 Si eresse l'Ospizietto di Capo d'Orlando per opera di P.Serafino Origlio da Naso.

1859 Nel 1859 mor a Caserta l'ultimo Re di Sicilia Ferdinando


Il (il Regno di Francesco Il fu di breve durata) perch nel 1860 conquistata la Sicilia da
Garibaldi in 3 mesi fu unita al
Re d'Italia,e pass a Vittorio Emanuele II,che la tolse a Francesco II,successore di
Ferdinando Il.
Nel 1867 fu abolita anche la Regia Monarchia Sicula con la Bolla di Pio IX "Suprema".

1861 P.Placido da Messina nel 1859 visitava la Provincia di


Malta come commissario Visitatore Generale.
P.Gesualdo da Bronte fu Segretario Generale nel 1847 ed
Ex Provinciale per Rescritto Pontificio.

Un giovane Cappuccino porta,cucite addosso, mille onze


(500 doppie in oro) a Pio Nono, spedite da Catania dal Cardinale Dusmet.

1866 SOPPRESSIONE RELIGIOSA -

La Provincia di Messina (Val Demone)prima della soppressione


aveva:
40 Conventi con 368 Sacerdoti 3 Ospizi permanenti 249 Laici ,3 Noviziati,7 Lunghi
di Studio 26 Chierici (Gli ospizi permanenti erano 1 Pistunina, 2 S.Leone di Rometta, 3 Cefal.

Circa la stato della Provincia dopo la soppressione vedi:

"Analecta Ordinis Capuc.rum vol.1 anno 1885,


pp.315-316".

OPERE PUBBLICHE
alle quali erano addetti i Religiosi nel tempo della
soppressione 1866-1889

Ospedale civico Castroreale - 1886 1 rel


" " Cefal 1866 1
Ospizio di vecchi Patti 1866 1
Ospedale civico Petralia 1881 2
" " Catania 1885 1
Ospedale militare Catania 1870 1
Conservatorio Catania 1885 1
Carceri Catania 1876 1
Cimitero Lipari 1866 1
" Francavilla 1880 1
" Cefal 1876 3
" Castelbuono 1876 1
" Savoca 1868 1
" Rometta 1880 1
" Patern 1886 2
" Tortorici 1871 3

1874 Il 22 Dicembre 1874 P.Luigi Cannav da Castiglione,parroco di S.Policarpo di


Smirne, eletto Vescovo di Candia.
Nato a Castiglione di Sicilia il 25 marzo 1827 + 27-08-1907
41 - Storia della Provincia di Messina -

< Il 20 aprile part per la Missione di Costantinopoli.


Si distinse subito per il completo spirito di distacco da tutte le cose e per il profondo
amore ardente di Dio e del prossimo.
Il 25 agosto fu nominato Parroco di S.Policarpo in Smirne.
Eletto Vescovo di Candia il 22 dicembre 1874,fu consacrato il 17 febbraio 1875
dallArcivescovo di Smirne Mons.Spaccapietra.
And a questuare in varie citt della Francia e poi a Vienna,a Praga,a Budapest,a Monaco
di Baviera e nel Belgio.Col denaro raccolto in Europa fabbric in Candia la sua
Cattedrale,una casa per la sua residenza e la scuola delle Suore di S. Giuseppe
dellApparizione.
Fu da frate e da Vescovo una bellanima serafica,un apostolo.
Mor sul piroscafo Sagnalien il 27 agosto 1907.
La sua salma fu sbarcata ai Dardanelli ove fu tumulata nel cimitero cattolico.>
( P.Giust. Autori ed Opere)

1875 Il 4 Marzo 1875 il Generale P.Egidio da Cortona manda


alle tre Provincie di Sicilia una circolare,esortando i Religiosi a vestire l'abito ora
che era cessata la violenta legge del Governo.

1875 Il 26 Aprile 1875 il Generale P.Egidio da Cortona intraprende la S.Visita nelle


Provincie Malta,Sicilia a alta Italia.

1877 Il 12 Giugno 1877 P.Salvatore da Graniti eletto Prefetto


di Costantinopoli,dopo la rinunzia di P.Pietro da Settignano.

1877 Si incomincia la fabbrica del nuovo Convento e Chiesa di Nicosia.


<Dopo la soppressione il Convento ove visse e si santific il Beato
Felice,nostro fratello,assieme alla chiesa stessa fu
trasformato in carcere ed in tale stato ancora si trova.
In seguito i Frati ricomprarono la selva ed in una parte essa costruirono
una nuova chiesa ed un nuovo convento.
La casa,ove, secondo la tradizione,nacque il Beato Felice, sino al 1951
era abitata da una modesta famiglia di agricoltori.
Con le offerte dei fedeli fu redenta e trasformata in:
"ORATORIO DEL BEATO FELICE">

1879 Il 3 Dicembre 1879 si ordina che i Novizi nella Provincia di Siracusa facciano anche
formale promessa di osservare la
perfetta vita comune.Il primo Noviziato fu aperto a Sortino
e vi accorsero anche Novizi di Messina e Palermo.Maestro di Novizi il
rev.P.Eugenio da Sortino.

1880 Il 29 Ottobre 1880 la Vice Prefettura di Candia staccata dalla Prefettura di


Costantinopoli e il Vescovo Luigi Cannav assume la direzione dei Missionari.

1880 Fu ripreso il Convento di Francavilla.

1880 Nel 1880 si cominciarono a mandare dalla nostra Provincia


giovani al Noviziato di Sortino. Un tentativo di aprire un
Noviziato a Castelbuono nel 1884 fall per l'intervento
della pubblica autorit.
Lo stesso tentativo a S.Marco fall per l'opposizione del
Prefetto.
42 - Storia della Provincia di Messina -

1885 Verso il 1885 furono riaperti,cio redenti:


I Conventi di Gibilmanna
Bronte - Castelbuono
Rometta - Troina

1886 Fabbrica del 2 Convento Convento di Messina.


(distrutto poi dal terremoto del 1908).

Cos viene ricordato nelle cronache:

"A Messina la divozione verso la SS. Vergine di Pompei trov subito un fervido zelatore nella
persona del venerato ed umile cappuccino, P. Giambattista da Francavilla, il quale volendo
edificare un nuovo convento del suo Ordine, - poich l'antico, dopo la soppressione del 1866,
era stato adibito a carcere femminile - volle che la nuova chiesa conventuale fosse dedicata
alla Madonna di Pompei. Il Pastore della diocesi, l'E.mo Cardinale Guarino, approv
pienamente l'idea e ne incoraggi
l' attuazione; sicch Padre Giambattista nel 1887 decise di acquistare uno dei siti pi belli,
della citt, la collina dell'Oliveto sul torrente Boccetta, luogo ameno e solitario, poco distante
dalla vecchia cinta di fortificazione, ed ivi eresse una Cappelletta, inaugurata 1'8 maggio del
1888, dove fu esposta una
graziosa immagine della Vergine di Pompei. In brevissimo tempo si estese talmente il culto
nella citt e paesi vicini, che la stessa collina dell'Oliveto cambi denominazione, per prendere
l'appelIativo di Madonna di Pompei, e gli stessi Religiosi che ne curavano il culto furono detti i
Cappuccini di Pompei.
Dopo parecchi anni di tenace e costante lavoro il P. Giambattista ebbe finalmente la
consolazione di vedere realizzato il suo sogno: la chiesa della Madonna di Pompei era un fatto
compiuto, e sull'altare maggiore aveva preso posto uno splendido simulacro della SS.Vergine
di Pompei, opera di squisita fattura del valente ascultore Giacinto Lo Gioco da Patern.La
Vergine bella dall'alto del suo trono,si volgeva sorridente ai fedeli che la circondavano,quasi a
cercare col suo sguardo amoroso l'anima pi addolorata e bisognosa di grazie.
Questa prima chiesa,assai elegante e spaziosa, fu benedetta il 30 settembre 1906
ddall'Arcivescovo Mons. D'Arrigo. Ma il disastro del 28 dicembre 1908 distrusse le fatiche di
tanti anni. Caduti chiesa e convento, restarono travolti dalle rovine otto Religiosi, tra i quali il
venerando pioniere del culto alla Madonna di Pompei, il P. Giambattista.
Sull'abside per rest illeso il simulacro della Madonna: lo sguardo pietoso rivolto sulle
immani macerie in atto di ascoltare quanti nella tragica sciagura continuavano ancora ad
amarla e invocarla!
1 Religiosi superstiti, dopo il primo sbigottimento, pensarono subilo ad erigere una Cappella
provvisoria, sostituita poi da un Oratorio in muratura inaugurato il 17 ottobre 1909, nel quale
fu trasferito il prodigioso simulacro della SS. Vergine di Pompei.
Grande fu l'emozione ed il pianto dei devoti quando rividero la Vergine di Pompei, anche
essa superstite della grande sciagura.
Per la Cappella provvisoria e le barracche improvvisate per l'abitazione dei Religiosi non
potevano durare a lungo, ed il P. Domenico da Troina, Provinciale del tempo, decise
arditamente di rifare la chiesa ed il convento."

1887 Negli anni 1887-1890 si costru il nuovo Convento di Catania.


<Il primo fu fondato dal M.R.P.Francesco da Fiandra e riedificato altre due
volte.
Dopo la soppressione del 1866 non si pot ottenere il vecchio convento perch il
luogo stato adibito a locali civili.
Nel 1885 i Frati comprarono il luogo attuale e vi costruirononuova Chiesa e il nuovo
Convento.
La Chiesa stata eretta a Parrocchia il 16 Agosto 1949,col consenso della
S.Congregazione dei Religiosi del
6 Maggio 1949 ed affidata all'Ordine.>
43 - Storia della Provincia di Messina -

1887 Il Commissario Visitatore Generale P.Eugenio da Sortino


trasfer a Troina i1 Noviziato da pochi mesi aperto a Bronte. Si fabbrica il nuovo
Convento di Patti.

1888 3 Febbraio 1888 Leone XIII eman la


Bolla di Beatificazione del Ven.F.Felice da Nicosia.

Si riaprono i Conventi di Catania,Bronte e Patern.

1889 Si comincia la fabbrica del nuovo Convento di Milazzo. Inaugurazione 1890.


<Dopo la soppressione del 1866 nell'orto del convento fu costituito il cimitero
comunale.La chiesa attualmente aperta al pubblico e di fatto funziona come
chiesa del cimitero.Il culto curato dal clero secolare.Il convento stato adibito
dal Comune a vari usi e non stato retrocesso all'Ordine.
Il 6 Ottobre 1889 il Card. Guarino,Arcivescovo di Messina,don ai Frati la
chiesa dell'Immacolata,accanto alla quale i Frati costruirono il convento attuale
su terreno da essi comprato.>

1890 Si apre il Noviziato a S.Marco d'Alunzio sino al 1912,quando pass a Troina.

1891 E' affidata la Missione della Diocesi di Candia alla nostra Provincia.

1892 Riapertura del Convento di Randazzo.(dopo il restauro).

1894 Il 4 Aprile 1894 mor il Cardinale Dusmet a Catania.La salma fu vegliata per l'intera
notte dai Cappuccini.Il Cardinale da Abate nel 1861 si confessava col P.Basile da
Bronte cappuccino che stava al collegio della Provvidenza.

1898 Il 26 Maggio 1896 in Randazzo fu tenuto il 1 Capitolo


Provinciale dopo la soppressione degli Ordini Religiosi
nel 1866,dal quale comincia la vera nuova vita della Provincia.

SECOLO XX

1901 Si acquist il Convento di Pettineo e si apr il Convento di Lipari.

1903 Si costruisce il nuovo convento di Patern,accanto alla chiesa dell'Annunziata.


Dopo la soppressione nel luogodel convento vi si costru il cimitero
comunale.L'Arcivescovo di Catania concesse ai frati la Chiesa
dell'Annunziata,attorno a cui i frati costruirono un convento su terreno da essi
comprato.Previa licenza della sacra Congregazione dei Religiosi del 28 febbraio
1966,l'Arcivescovo di Catania eresse ed affid all'Ordine la Parrocchia regolare
nella nostra chiesa col titolo di S.Francesco all'Annunziata.In seguito l'antica
chiesa dell'Annunziata stato sostituita dall'attuale moderna chiesa inaugurata
il 2 Aprile 1989.

Si riapr il Convento di Rometta,venduto poi nel 1936.


Pratiche per cedere il convento allArcivescovo di Messina ad uso delle Clarisse di
Montevergine.
44 - Storia della Provincia di Messina -
1906 Fondazione del Convento di Motta S.Anastasia.

1907 Atto vandalico a Troina.Un ignorante frate, F.Francesco da


Troina,brucia due casse di lettere e documenti del Rev.mo P.Giacinto di
Troina:materiale prezioso per documentare l'opera del Cardinale Massaia.
Il materiale stava abbandonato in una legnaia.

1908 28 Dicembre TERREMOTO che distrusse le citt


di MESSINA e di REGGIO CALABRIA

I morti sotto le macerie del distrutto convento, nuovo della


Madonna di Pompei furono:
P.Agostino da Messina ex Def.Gen. n.1838
P.Giuseppe d'Alia Provinciale n.1869
P.Giambattista da Francavilla exPr. n.1836
P.Alfonso da S.Teresa pred. n.1884
F.Domcnico da Gesso,laico n.1830
F.Salvatore da Isnello,laico n.1860
F.Eugenio da Catania,laico n.1871
F.Antonio da Gangi,laico n.1876

IL TERREMOTO DEL 1908

Cos descritto negli Atti della Provincia l'immensa inaudita catastrofe della distruzione
del convento:
"Erano le ore 5,20 di mattino quando quel terribile motosismico avvenne,e i Religiosi erano
cos distribuiti. -
Il Provinciale trovavasi nella sua stanza,a tavolino,che scriveva:come ugualmente erano ciascuno
nella propria cella,il Rev.mo Agostino,l'Exprovinciale,il P.Segretario
P.Giacinto,Fra Domenico e fra Eugenio,dei quali il Segretario a letto perch ammalato,e degli altri
qualcuno che dormiva perch avanzato negli anni. -F.Felice da Gratteri e fra Antonino erano in
cucina a riscaldare un p d'acqua per l'ammalato:Fra Salvatore da Isnello,Fra Felice da Petralia e
Fra Antonio da Gangi,in chiesa che pregavano; mentre i tre giovani Sacerdoti
P.Giuseppe,P.Alfonso e P.Bernardino,erano in coro,dinanzi al salterio che recitavano il 3 notturno
dell'ufficio della giornata.
Dalla prima scossa di terremoto,a quella fortissima che tutto distrusse,pass brevissimo
intervallo,da permettere solamente che i tre sacerdoti trovatisi al salterio arrivassero appena alla
porta del coro,per ripararsi sotto l'arco di essa.Vi arrivarono P.Giuseppe e P.Alfonso;mentre
P.Bernardino,assieme con la volta ed il pavimento di esso coro,cadde in chiesa,e sebbene coinvolto
tra le macerie,tuttavia rimase lesionato solo leggermente alla testa,con lussazione ad un dito del
piede destro.Onde non pass molto che pot essere estratto e messo in salvo per l'opera dei tre frati
rimasti incolumi,Felice da Gratteri,Antonino da Valledolmo e Felice da Petralia.
P.Giuseppe invece e P.Alfonso,rimasti un istante aggrappati ai due muri che formavano la porta
del coro,si videro ben tosto sbalzati nell'orto,dove le macerie del corridoio,dalle stanze all'angolo
Est del convento,e porzione del muro Est della Chiesa,trovavansi di gi ammonticchiati;ed ivi
furono trovati stretti in amplesso fra di loro,il primo con delle contusioni e la frattura del dito
grande del piede destro;laddove P.Alfonso n riport un piede fratturato,varie ferite sul cranio,in
faccia ed in altre parti del corpo,e probabilmente anche la frattura dell'osso sacro e della spina
dorsale.Spasimante di acerbo
dolore egli sopravvisse circa cinque ore,poich alle ore 10 e 1/4 ant. rassegnatissimo alla volont
del Signore e con i conforti apprestatigli
45 - Storia della Provincia di Messina -
dai confratelli superstiti, e i Sacramenti amministratigli dal P.Giacinto da Troina,(il quale rimasto
incolume nella propria stanza,con l'aiuto degli altri pot mettersi in salvo scendendo
ingegnosamente dalla finestra dell'altezza di circa 10 metri),.P.Alfonso rendeva l'anima a Dio.
Dei tre frati che trovavansi in chiesa,rimase salvo Fra Felice da Petralia,il quale scappando per la
porta a Nord che metteva nell'orto,trovossi all'aperto quando crollavano le fabbriche:Fra Salvatore
e Fra Antonio per lo contrario,fuggiti per la parte opposta,rimasero vittima fra le scale che
interamente rovinarono.
Il povero Provinciale,come costatammo di poi,al primo sentire i traballamenti del suolo,dovette
fuggire lasciando scritto su di un lembo di carta,(certamente come aspirazione al Signore),la parola
"SALVATEMI ! ";ma nel corridoio,ceduto sotto i suoi piedi,o nella scala trov la sua morte.
Il P.Agostino,l'Ex Provinciale,Fra Domenico e Fra Eugenio,non ebbero neppure l'agio di uscire
dalle stanze,le quali tutte crollarono e su di esse si rivers immenso materiale.
P.Antonio,che da parecchio tempo trovavasi a letto ammalato,sent sprofondare met della sua
stanza e proprio quella dove giaceva il suo letticciuolo,e dal piano superiore si trov nella
sottoposta stanza,scivolando insieme col pagliariccio fin sotto l'altra met rimasta del pavimento di
sua stanza,che gli serv come tettoia e lo difese dai materiali che si precipitavano.Epper pi di
mezzora stette in quell'imminente pericolo,e con febbre addosso,fino a che i frati superstiti corsero
in suo aiuto,e, spezzata la grata di ferro che difendeva quella finestra,ne lo estrassero incolume.
I soli che non ebbero molto a soffrire furono Fra Felice da Gratteri e Fra Antonino da
Valledolmo:poich trovandosi in cucina,e perci quasi fuori,si misero senza tanta fatica all'aperto e
quindi in salvo.
Degna di nota e la sollecitudine che il Padre Giacinto da Troina,si ebbe nell'estrarre dal
S.Tabernacolo la Pisside,consumandone religiosamente le specie:ci che un altro dei nostri and
eziandio a compiere nella antica nostra Chiesa,ricevendo dalle mani di una devota Suora di carit il
Sacro Deposito.In quel nostro convento
vecchio,convertito in casa penale femminile,nove Suore vi perirono e di 225 carcerate nel
sopravvissero solamente 50.
I nostri Religiosi superstiti,smarriti per lo sgomento,appena poterono raccogliere le loro forze,si
occuparono ben tosto in opere di salvataggio,e prima a vantaggio,s'era possibile,dei propri fratelli
rimasti sotto le rovine.Ma per quanto si fossero affaccendati girando ed avessero a forte voce
chiamato sotto, sopra, attorno le macerie quelli che macavano,nessuno rispondeva.Tutto il giorno
28,e poi in seguito,si continuarono a fare ricerche,a muovere materiali,a penetrare fra le rovine,ma
nulla poterono rintracciare.Solamente dopo sei giorni,cio il 2 Gennaio 1909,verso sera,fu estratto
il cadavere dell'ExProvinciale P.Giambattista da Francavilla,e sepolto la stessa sera accanto a
P.Alfonso,nell'orto medesimo a destra della porta d'ingresso.Per altri tre giorni ancora i sedici
religiosi:
M.R.ExProvinciale P.Domenico da Troina,M.R.Definitore Bonaventura da Troina,P.Francesco
d'Alia,Guardiano di Gibilmanna,P.Antonino da Gangi, Guardiano di Patern,P.Salvatore e
P.Mariano da Valledolmo,Guardiani di Tusa e Milazzo,due studenti chierici e otto laici,tra cui i tre
superstiti,si lavor indefessamente,ma nessun'altro cadavere fu trovato;si rinvennero qua e
l,scavando pochi documenti della Provincia e poche masserizie.
Registriamo,con qualche compiacimento,che noi Cappuccini,quantunque privi di pane e di
tetto,fummo dei primi a correre in aiuto degli sventurati Messinesi,compiendo opere di
salvataggio,infondendo coraggio in molti animi oppressi,assistendo parecchi a ben
morire,confessando ed impartendo assoluzioni senza numero.
Si dimor ivi,tra grandi disagi,fino al mattino del 6 Gennaio e si sarebbe rimasti ancora
lavorando pel diseppellimento di cadaveri dei nostri Religiosi,se una fortissima scossa di terremoto
avvenuta alle ore 12 merid. del giornmo 5 Gennaio,non ci avesse riempito di spavento e disanimati
a a continuare gli scavi,l dove qualche pericolo vi era ed un nuovo disastro sarebbe potuto
avvenire.Allora solamente si abbondon quel luogo di desolazione e ci dirigemmo alla volta di
Catania,dov'era riunito il Definitorio,e qualche disposizione di Roma eravamo sicuri di trovare.
-------------------------

Non furono solamente questi i danni che il terremoto del 28 Dicembre u.s. arrec alla Provincia
religiosa di Messina.Sebbene
nessun'altra vittima siasi lamentata nella Provincia,parecchi altri nostri conventi per rimasero
gravamente danneggiati.
46 - Storia della Provincia di Messina -
Notiamo Bronte,Troina,Randazzo,Pettineo,Patti,sensibilmentelesionati:notiamo Savoca ridotto da
non potervi pi abitare,e Rometta interamente distrutto."
Nel nostro convento di Catania li 9 Gennaio 1909
Fr.Domenico da Troina

Nel Convento esiste una lapide ove sono ritratti i defunti,che dice:
Quos
XXVIII Decemb.MCMVIII
comunem hic ducentes vitam
Coenobii et Ecclesiae ruina
Immani terremotus causa
oppressit
memoriam efficiemque eorum
sacrat Provincia posteris
(dipinta da P.Antonio da Motta S.An.)

1909 Nel settembre si acquista l'ospizio della Madonna dell'Olio.


<Il Santuario della Madonna dell'Olio venne ai Frati dal Vescovo di Cefal
il 12-11-1911.Una convenzione del 10-09-1911 affida in perpetuo ai Frati la cura
del Santuario,con la facolt di rerstaurare,ingrandire,edificare il fabbricato in
libert;se i Frati lascewranno il Santuario definitivamente,tutti i beni immobili
ritorneranno in piena propriet della Parrocchia di Blufi nello stato in cui si
troveranno.
Attualmente quindi gli immobili non fanno parte dell'Ente Provincia.
Con la stessa convenzione venne concseso in uso ai Frati un appezzamento di
terreno, tra la via presso il convento vecchio,il cimitero,la strada comunale e una
linea che partendo dal cimitero va a raggiungere questa strada.>

1909 Nel 1909 si stabil il 1 Collegetto Serafico sino al 1912 a


Bronte.
Poi pass a Randazzo dove ne fu costruito uno nuovo.

1909 Dal 1909 al 1920 i giovanetti frequentavano la scuola dei Salesiani,prima a Bronte e poi
a Randazzo.
Nel 1920 si cominci la scuola interna che fin allora era limitata ai casi isolati:

I primi precettori furono:


P.Innocenzo da Petralia,P.Giammaria
da Troina e P.Benedetto da Patern.
Direttori del Seminario: 1909 - P.Innocenzo da Petralia
1922 - P.Benedetto da patern
1931 - P.Mariano da Valledolmo
1935 - P.Benedetto da Patern

1910 Nel 1910 confermato per Breve ad triennium lo stesso Ministro Provinciale
P.Domenico da Troina.

1910 Il 22 Giugno 1910 P.Francesco Seminara da Gangi fu


eletto Vescovo della Diocesi e Missione d Candia.

<Nato a Gangi il 25-02-1863 + in aprile 1939 a Rio de Janeiro


Destinato alla Missione di Candia,fu parroco e superiore regolare della citt di
Candia.Per la esemplarit della vita P.Francesco fu di edificazione e di esempio non solo
ai cattolici,ma anche agli scismatici ed ai turchi.
47 - Storia della Provincia di Messina -
Eletto Vescovo per la Missione di Candia nel 1910,fu consacrato a Smirne il 21 agosto
1910 e prese formale possesso della diocesi,che gi aveva amministrata per tanti anni.
Mons.Seminara seppe mantenere sempre cordiali rapporti con le autorit locali,anche
turche e scismatiche,e con i consoli delle nazioni europee,con la popolazione scismatica e
turca,ed esercitava verso tutti la carit materiale.
Fece molto progredire le scuole cattoliche,frequentate da 312 allievi,96 cattolici,147
scismatici.39 turchi,29 ebrei.2 protestanti.
Difficilissime e rarissime le conversioni al cattolicesimo,perch soggetti a persecuzioni di
ogni genere da parte dei parenti,autorit e correligionari.
Logoro dalle molte fatiche e tribolazioni sopportate in quellisola,chiese ed ottenne di
essere esonerato dal governo della Diocesi.
Tornato in Provincia, visse nel convento di Messina,sempre a disposizione dei superiori
per il sacro ministero.
Nel 1930 si rec in America,nel Brasile,per un periodo di vacanze,ma mentre si
accingeva a ritornare in Provincia scoppi la rivoluzione in Brasile e,anche per la salute,
fu impedito di ritornare.

Mor a Rio de Janeiro ed ivi sepolto.

1912 Con facolt della S.Congregazione dei Riti,si fece il


trasferimento delle ossa del beato Felice da Nicosa
dall'altare maggiore della Chiesa dei Cappuccini (dentro il
Carcere) all'altare dedicato a lui nella nuova chiesa del
Convento.

1914 Si riapr il Convento di S.Mauro Castelverde.

1915 Fondazione del Convento di Villagonia (Taormina).

<Il nuovo convento costruito accanto alla gi esistente Chiesa della


Madonna di Pompei si trova in contrada Villagonia,pi vicina alla cittadina di
Giardini,accanto alla stazione ferroviaria e lungo la stada nazionale Messina-
Catania.
Bella posizione in vista del mare,ma molto disagiata dai rumori.
Ecco le origini:
Il 20 Novembre 1910 (essendo Arcivescovo Mons.Letterio
D'Arrigo,Provinciale P.Domenico da Troina,si recava a Giardini in qualit di
Parroco P.Antonio da Patti con il laico professo Fra Giuseppe da Acicastello:Egli
prese a coltivare anche la chiesetta della Madonna di Pompei nella Borgata di
Villagonia,territorio e Parrocchia di Taormina.
Il patrono e proprietario della chiesa,Cav.Gastone Leconte,oriundo
belga,domiciliato da 30 anni in Taormina,grande industriale,comproprietario col
fratello Valentino dello stabilimento di calce idraulica,cattolico praticante,prese a
benvolere P.Antonio da Patti.
Avendo perduto due figli,Giulio e Valentino e certo di perdere anche la figlia
Filomena,gravemente ammalata di tbc,volendo perpetuare il culto nella chiesa
suddetta l'offriva ai Cappuccini assieme a dieci case a pianterreno.Mor per nel
1914 prima ancora di mettere in esecuzione il suo proposito.La moglie,Signora
Carolina,mrtale anche la figlia Filomena,con atto pubblico in notar Buda in
Giardini,del 31 ottobre 1914,rep.n.1667,vendette al M.R.P.Domenico da Troina la
chiesetta,i locali ove poi fu costruito il convento.Nell'atto di vendita fu inclusa la
cappella mortuaria vicina e la servit di passaggio della porticina della chiesa (ora
scomparsa) alla detta cappella.Ai Religiosi rimane l'obligo di
custodirla,ripararla,arredarla,mantenerne il culto,celebrare la Messa a proprie
spese ogni primo luned del mese e il 2 Novembre,di aprirla ai fedeli che desiderano
visitarla,consentire agli eredi i sacri riti ogni volta che lo desiderano.
48 - Storia della Provincia di Messina -

Il 2 gennaio 1915 si iniziarono i lavori per la costruzione del convento,che


veniva solennemente inaugurato il 29 dicembre dello stesso anno 1915.La Signora
Carolina Laconte ne sostenne le spese che ammontarono a quaranta mila lire.
Il gruppo della Madonna di Pompei fu eseguito in Austria e attravers la
frontiera italo-austriaca con l'ultimo treno merci alla vigilia della guerra 1915-
1918-
27 Aprile 1915 compra da Vittoria D'Agostino del terreno retrostante
confinante a monte con la strada che sale a Taormina:Intestato a Cristina
Calogero,Ippolito,La Macchia ,Fisicaro,con atto in notar Buda in Giardini del 31
Gennaio 1920,repert. trascritto in Messina il 5 Marzo 1920,vol. 1661 n. 3409.
La Signora Laconte Carolina vendeva ai Religiosi (La Macchia,Puzzolo
Luciano, Rigano,Noce,Cristina Salv.,Franco Matteo,Fallone ) in parti uguali:
a) appezzamento di terreno di fronte al villino della venditrice,alla chiesa e
al convento lungo m. 80,sito tra la strada provinciale Messina Catania e la ferrovia.
b) appezzamento di terreno prospiciente la detta strada e a monte di essa
facente parte della villetta di essa,della superficie di mq 84 (22x 4).accanto alla
chiesa.Tale terreno non esiste pi,poich la chiesa fu allargata e allungata su di
esso.
Inoltre la venditrice si obligata a dare il passagggio dell'acqua per il di lei
acquedotto per l'irrigazione del terreno di cui al n.a),sottostante la strada,e a dare
anche l'uso dell'acqua per l'irrigazione di detto terreno.
Venne inibita la costruione di qualsiasi fabbricato nel tratto che va dalla
chiesa verso Messina.

L'11 Luglio 1920 si iniziano a spese della Signora Laconte Carolina,i lavori
di demolizione della piccola chiesa e la costruzione della nuova che fu benedetta il
28 dicembre 1926 da Mons.Paino.Le spese,sostenute in gran parte dalla
Signora,ammontarono a L.224.265.

Il 9 Luglio 1943,alle ore 11,55 apparecchi inglesi bombardano l'albergo


S.Domenico,sede del Comando tedesco in Taormina:il convento danneggiato con i
vetri rotti.
Il 10 Luglio alle ore 16,45, 24 quadrimotori bombardarono nuovamente
Taormina e Giardini.Altri bombardamenti aerei e navali seguirono nei giorni
seguenti.Il convento rimase distrutto e i religiosi dovettero ritirarsi nelle campagne
di Giardini con quasi tutta la popolazione di Giardini.Rimase sul posto nella
Parrocchia il parroco P.Giammaria .La chiesa fu scoperchiata e sventrata di fronte
e lateralmente,il culto dovette ripigliarsi in sagrestia.I ladri aspostarono molte
masserizie.
Alla fine del 1943 pot essere ricoperto il convento:sino ad allora i religiosi
alloggiavano nella casa canonica di Giardini.
Nel dicembre 1944 anche la chiesa,riparata alla meglio,si riapr al culto.
I lavori di restauro definitivi sia nel convento che nella chiesa poterono
essere fatti negli anni 1952.1953 a carico dello Stato sul Bilancio del Ministero dei
Lavori Pubblici e la chiesa fu di nuovo benedetta dal Provinciale il 1 Ottobre
1955.>

1916 Nell'aprile dei 1916,avuto riguardo alle tristi condizioni in cui versava l'Italia per la
Guerra Europea,venivano confermati con Decreto Generalizio tutti i Superiori della
Provincia.

1917 "L'8 Maggio 1917 si erigeva a Parrocchia regolare,perpetuamente affidata ai


Cappuccini,con facolt
ottenuta dall S.Congregazione del Concilio e dei Religiosi
49 - Storia della Provincia di Messina -
il 3 nuovissimo Tempio della Madonna di Pompei,in Messina (Mons.Angelo Paino
,Arcivescovo)"

1919 Nel settembre del 1919 si fond a Giblmanna il Periodico


bimestrale "L'Eco di Gibilmanna" e diretto sino al maggio 1921 dal P.Carlo da Alcara.

1921 Domenica 13 Marzo si riapr il Convento di Petralia Sottana.

1923 Fondazione del Convento di Giarre.

<Non esisteva convento prima della 1866:In seguito


a Rescritto della S.Congregazione dei Religiosi del
09-05-1924,prot. n 1199,il Vescovo di Acireale
concesse in perpetuo ai Frati la Chiesa della Madonna
del Carmelo:I Frati vi costruirono accanto un convento
con i locali parrocchiali ed ingrandirono la Chiesa:
La stessa Congregazione dei Religiosi,con Rescritto
del 25-07-1931,prot. n 4981/28 consent l'apertura
canonica della casa religiosa e il 05-05-1939,prot
.n7971/38 consent che dal Vescovo venisse eretta
e affidata all'Ordine come regolare la Parrocchia
S.Francesco d'Assisi nella Chiesa della Madonna
del Carmelo>

1924 Il 12 Maggio 1924 fu trasferito il Noviziato da San Marco d'Alunzio a Petralia


Sottana per Decreto mandato dal
Commissario Generale.

1925 P.Guseppe da Linguaglossa,Guardiano di Mes-


sina fonda il Bollettino "La Madonna di Pompei".

1926 VII Centenario della morte del Patriarca S.Francesco.

1927 Il 13 Giugno per Decreto della S.Congregazione dei Religiosi furono chiusi i
seguenti Conventi: Giarre - Adern - Bronte - Patern - Madonna dcll'Olio - S.Mauro-
Francavilla - Rometta- Savoca - Naso - Pettineo - Tusa.Ma
alcuni poi restarono aperti.

1927 Il giorno 7 Settembre s'innalz in Gibilmanna il monumento di bronzo e di marmo al


nostro Serafico Patriarca S.Francesco. ( Vedi numero unico stampato)

1930 In Randazzo si fabbrica ex novo un secondo dormitorio ampio e


mponente,spendendosi L.94 mila, raccolte per contribuzione di insigni benefattori,dai Conventi
della Provincia e per questua fatta dal P.Alfonso d'Adern.

1935 Il 12 Settembre salparono da Genova sulla motonave "Augustus" per andare nel
Brasile i nostri Padri e Frati Missionari:P.Teodosio da Castelbuono,P.Giambattista da
Catana,P.Odorico da Resuttano,P.Clemente da Maletto,P.Corrado da Troina,
F.Liberato da Catania,F.Leone da S.Mauro. Dal 25 Settembre 1935 al 5 Febbraio 1936 si
fermarono a S.Paolo.Il 15 Febbraio partirono per prendere
possesso della Parrocchia d Carmo e poi di quella di Fructal.

1935 In Agosto comincia la pubblicazione del Bollettino Ufficiale dei Frati Minori
Cappuccini di Messina,che riporta gli avvenimenti pi importanti e il movimento dei
Religiosi
nelle diverse Fraternit.

1936 Il 17 Settembre partono quattro nostri Religiosi per la


50 - Storia della Provincia di Messina -
Missione del Brasile e vanno a raggiungere quelli che partirono l'anno scorso nello
stesso mese:sono P.Antonio
da Gangi, P Giuseppe da Gangi, F.Gabriele da Frazzan,F.Giovanni da S.Stefano
Camastra.

1938 Partenza del terzo gruppo di missionari,che vanno in


Brasile assieme a P.Domenico da Troina Provinciale in s.visita.Sono P.Bruno da
Petralia, P.Samuele da Gangi,F.Gaetano da Montalbano,F.Giuseppe da Caltavuturo.Si
imbarcarono a Napoli il 12 Novembre sulla
motonave Neptunia.

1938 Muore a Giardini P.Giustino da Patti,Scrittore e storico della nostra Provincia,che


lascia tanti preziosi. manoscritti,utili per ricerche simili.

1940 Visita alla Provincia del Ministro Generale P..Donato


da Welle.Dopo alcuni conventi visitati, il P.Generale per circostanze indipendenti dalla
sua volont,ha dovuto interrompere l'itinerario e tornare a Roma.

1940 16 Giugno 1940 Beatificazione del Servo di Dio Frate


Ignazio da Laconi,laico cappuccino.

1943 Il 7 Aprile 1943 la chiesa della Madonna di Pompei di


Messina stata completamente distrutta dai bombardamenti aerei per gli eventi
bellici.
Gi dal 5 Giugno 1942 gli studenti del corso teologico

dovettero sfollare da Messina.In un primo tempo a Gibilmanna.Nel Febbraio del


1943 a Randazzo,da dove dovettero scappare con la ritirata dei Tedeschi e i bombardamenti
continui.

1944 A causa del conflitto mondiale l'elezione dei Superiori


stata fatta con le schede inviate a Roma e scrutinate dal Definitorio Generale.

1946 Il 35 Settembre 1946 salparono da Napoli,assieme a P.Teodosio da


Castelbuono,Custode,i missionari per
il Brasile: P.Ubaldo d'Alia,P.Damiano da Geraci,P.Rosario
da Castelbuono,P.Innocenzo da Castelbuono,P.Davide da
Bronte,P.Santi d'Alia,P.Virgilio da Resuttano, P.Filippo da
Resuttano,P.Melchiorre da Milazzo, P.Ireneo da S.Mauro,P.Giacomo da Resuttano e
F.Carmelo da Nicosia.

1947 P.Mauro da Grizzana,Definitore Generale viene per una


visita straordinaria alla Provincia a nome del Mnistro Generale.La visita iniziata il
1 Marzo con la Comunit di
Messina ed terminata il 31 marzo con Linguaglossa.

1947 CONVEGNO PEDAGOGICO A MESSINA


Incomincia l'era dei Convegni nella nostra Provincia.

Tenuto a Messina il 27 - 26 Dicembre 1947 stato una


positiva esperienza per una ripresa dopo il conflitto bellico.

1947 Il giorno 6 Luglio 1947 s'imbarcava a Napoli per il


Brasile F.Emanuele da Ncosia,Laico.

1948 Fra i Provinciali Cappuccini di Sicilia si fatta una


51 - Storia della Provincia di Messina -
Convenzione sulla istituzione di squadre volanti di
Predicatori di Missioni al popolo, che ha funzionato per
alcuni anni.

1948 Il 27 Ottobre 1946 salparono da Napoli per il Brasile il


Ministro Provinciale P.Gerardo da Castelbuono con i nuovi
Missionari:P.Gioacchino da Gangi,P.Bartolomeo da
Geraci,P.Stefano da Geraci,P.Eugenio da Milazzo e
F.Bonaventura da Catania.La nave "Raul Soarez"
brasiliana,molto lenta. Arrivarono dopo un mese di viaggio.

1951 Nel Giugno del 1951 sono state pubblicate:


LE CONSUETUDINI DEI FRATI MINORI CAPPUCCINI
DELLA PROVINCIA SERAFICA DI MES5INA
Costumanze che sono rimaste in vigore sino alla
pubblicazione delle Nuove Costitutioni.

1952 Il 1 Febbraio 1952,presso il notaio Bontempo a Nicosia fu


stipulato il contratto per la compra della casa natia del
B.Felice da Ncosia,trasformata poi in Oratorio Pubblico.

1952 Convegno Pedagogico a Calascibetta,indetto dalla Provincia di Siracuusa per


commemorare il 25 di Fondazione di quel Noviziato.
Parteciparono Direttori e Maestri delle tre Provincie.

1952 E' Stato approvato l'Ufficio e la S..Messa in onore di Maria


SS. di Gibilmanna. La festa stata stabilita il 1 Settembre.

1952 Si sono trasferiti a Gibilmanna parte dei Seminaristi di Randazzo(terza,quarta e


quinta),sistemati in locali provvisori.

1954 L'Anno Mariano a Gibilmanna - La Missione Mariana


nella Diocesi di Cefal.
Dal 23 Marzo 1954 il Simulacro della Madonna di Gibilmanna stato
accompagnato dal Vescovo e dalla Giunta Municipale nella Cattedrale di Cefal e durante

l'anno ha fatto il giro della Diocesi,conclusosi il 5 Dicembre presenti tutte le Autorit


Ecclesiastiche e Civili.

1955 Il Ministro Provinciale P.Venanzio da Gangi salpa da Genova sulla motonave


"Augustus" per effettuare la S.Visita alla Custodia del Brasile (27 Gennaio - 27 Luglio 1955).

1955 Il Bollettino Ufficiale n.30 dedicato alla Storia della nostra Custodia di Minas
Gerais in Brasile.

1955 E' stato autorizzato un Centro Missionario della Diocesi di Nicosia,formato da un


gruppo di Religiosi che presteranno la loro opera specialmente presso gli operai dei
Cantieri per la costruzione delle dighe di Regalbuto e Ancipa.

1956 Il MONUMENTO al Beato Felice da Nicosia. Il 20 Maggio 1956 stato


inaugurato un monumento di bronzo,omaggio che la citt di Nicosia ha voluto rendere al
suo illustre concittadino e la Provincia al suo grande Figlio.

1958 Il 20 Agosto 1958 i tre Provinciali della Sicilia,con la direttiva del Definitorio
Generale,hanno attuato l'unficazione degli Studi e del Novziato.Il Noviziato venne
52 - Storia della Provincia di Messina -
costituito a Sortno,lo Studio Liceale Filosofico a Palermo,lo Studio Teologico a Messina e il
Tirocinio Pastorale parimenti a Palermo.
In seguito fu preferito Calascibetta per il Noviziato.

1960 Salparono da Napoli con la motonave "Conte Grande" e


diretti in Brasile tre nuovi missionari:P.Clemente da Gangi,P.Paolo da Gangi,
P.Emilo da Castelbuono,n compagnia del P.Custode P.Deodato da Troina,di ritorno in
Custodia.

1961 Il Bollettino Ufficiale n.44 dedicato al 25 Anniversario


della Fondazione della Custudia di Minas Gerais e contiene
i profili dei nostri antichi missionari nelle diverse parti del
mondo,col titolo:
1 MISSIONARI CAPPUCCINI DELLA PROVINCIA DI MESSINA

1962 Il 24 Aprile 1962 si proceduto alla ricognizione e alla sigillazione della Salma del
Servo di Dio P.Atanasio da Gangi,al secolo Antonino Blando,sacerdote cappuccino,morto a
Gangi il 2 maggio 1912 in fama di santit.

1962 Dall'8 maggio al 20 maggio sono stati tributati solenni


festeggiamenti al Beato Felice in occasione della rcomposizione del corpo dello stesso
Beato e del giro delle
Reliquie a Mistretta,Gangi,Sperlinga,Nicosia.Ma la mattina
del 10 la tristissima notizia che un incendio durante la notte
nella Chiesa di Mistretta,forse a causa dei ceri accesi,ha distrutto quasi
completamente il Corpo ricomposto e sparse le Reliquie. Dopo averne accuratamente raccolte
e
autenticate le ossa,l'Autorit Ecclesiastica ha permesso
di continuare il giro per i paesi.
Ha partecipato all'ultimo giorno a Nicosia anche il Ministro Generale P.Clemente
da Milvaukee e numerosi pellegrinaggi venuti da tutta la Provincia.

( cos viene raccontato dalle cronache:)

I FESTEGGIAMENTI DEL BEATO FELICE

A MISTRETTA

"La <peregrinatio> cominci la sera del giorno 8 maggio, quando da Nicosia l'urna
contenente il Corpo ricomposto de Beato. con un corteo di cinquantaquattro macchine, venne
trasportato a Mistretta, citt dove egli aveva vestito l'abito cappuccino e compiuto l'anno di
noviziato.

Mistretta una terra dove il Beato Felice molto ricordato ed amato e dove riscuote un
culto affettuoso e devoto.
Tributo un'accoglienza trionfale alle sacre spoglie, che circond subito di sacro
entusiasmo. A nome della cittadinanza parl il Sindaco, Professor G. Pracanica.
Nella chiesa madre l'urna fu collocata in luogo eminente ed esposta alla venerazione dei
fedeli. Quella sera e tutto l'indomani, 9 maggio, essa fu oggetto di visite, libere ed organizzate, di
modo che fu un succedersi continuo di turni di venerazione.
Immenso il bene che si faceva: moltissimi fedeli ascoltarono la Santa Messa e si
accostarono ai Sacramenti della Confessione e dell'Eucaristia. La gente era stata preparata dai
53 - Storia della Provincia di Messina -
nostri Padri per tre giorni di seguito a questo avvenimento, e quindi rispose in pieno alle
aspettative. Furono scolaresche, associazioni di Azione Cattolica, collegi, orfanotrofi e masse di
fedeli che non interrompevano il flusso di anime oranti in chiesa sino a tarda sera del giorno 9. Si
verificarono veri ritorni a Dio di anime per anni e anni lontane.

Ma il diavolo ebbe invidia di tanto bene. La mattina del giorno 10 una tristissima notizia: la
dettero i sagrestani per primi. L'urna contenente le reliquie del Beato Felice era scomparsa:
un'incendio la aveva quasi completamente distrutta; inoltre il pavimento dell'immensa chiesa
madre era aperto in corrispondenza dell'urna e vomitava fiamme e fumo; l soto ancora il fuoco
crepitava tra le bare dei venerandi sacerdoti di Mistretta morti nel secolo scorso. Una cosa
incredibile, stupefacente; qualcosa che sembrava tra apocalittico e diabolico. Nessuno avrebbe
mai immaginato una scena simile e avrebbe sospettato un caso del genere.
La causa ? Certamente un incendio. Il modo ? Forse dei lumini che in grandissima
quantit ardevano davanti al ferculo, su cui era stata collocata l'urna. Oppure qualche cero
lasciato acceso. O anche qualche scintilla che, nello spegnere le candele sia andata a finire in
mezzo all'addobbo, fatto di velluto antico e altre stoffe.
Un'immensa costernazione di tutti, frati, preti, autorit, popolo. La pi triste notizia che una
citt abbia sentito allo svegliarsi, di buon mattino. L'entusiasmo era stato immenso, il dolore
ancora piu grande: chi piangeva e chi sembrava impietrito.
Fu un accorrere di gente, di autorit; dopo qualche ora

accorsero anche i forestieri dai luoghi circonvicini: i presagi, le interpretazioni si accavallavano.


Quello che meravigliava di pi e non si sapeva spiegare dapprima era quel pavimento aperto e
quel fosso che bruciava. A quanto pare,
la lapide sepolcrale si era rotta e il fuoco era precipitato entro la sepoltura: tutto andava in
fiamme, anche sotto terra un rogo di nuovo genere.
Vennero i carabinieri; si chiamarono i pompieri dalla vicina Nicosia che spensero
l'incendio. Fu avvisato il Vice Postulatore e il Vescovo di Nicosia, i quali giunsero dolorosamente
sorpresi; anzi il P. Gregorio riport alla funesta notizia addirittura un trauma psico-fisico, da cui
si rimise solo dopo diverse ore. Fu avvisato il Provinciale a Messina, che accorse immediatamente
a Mistretta. Ne parl la radio e l'indomani i giornali. Il Vescovo di Nicosia accorse
immediatamente a Mistretta con alcuni canonici.

Appena arrivato gli presentarono una reticella contenente ossa del Beato Felice,
miracolosamente ricuperate sul pavimento della chiesa: ossa certamente appartenenti al Beato e
che si .sono salvate nonostante fossero mezzo bruciacchiate. Il Vescovo di Nicosia Mons. Clemente
Gaddi, si cal nella sepoltura dei Preti, dove pure era scoppiato l'incendio, e che era stato spento,
per tentare di ricuperare il resto delle ossa del Beato ma i pompieri avevano operato una
deplorevole e forse necessaria confusione per estinguere tutti i focolai d'incendio, e non fu
possibile in un primo tempo ricuperare niente di sicuro.
Le ossa certe, in numero di trentasette, furono sigillate dopo essere state avvolte in un
candido lino.
Nel primo pomeriggio a Nicosia si tenne consiglio sul da fare: se interrompere tutto o continuare a
svolgere il programma e portare in giro le Reliquie miracolosamente ricuperate dall'incendio sul
pavimento della chiesa madre di Mistretta. Chi voleva si continuasse e chi no, essendo venuta
meno la ragione principale dei festeggiamenti, la grande e bella urna con il corpo ricomposto del
Beato Felice. Fu interpellato telefonicamente persino il Postulatore Generale, il quale da Roma,
saputo che parte delle preziose Reliquie si erano salvate dall'incenerimento, propose di
continuare. I membri laici del Comitato volevano che si continuasse per non venir meno

all'aspettativa delle popolazioni, che gi si stavano preparando a ricevere le reliquie, per non per-
dere il bene spirituale che ne sarebbe venuto. < Del resto, dicevano, il Beato Felice in Cielo e
non si bruciato. Noi la festa la facciamo al Beato Felice, che in paradiso >.
Furono cosi vinte le resistenze specialmente del Vescovo di Nicosia, nel cui animo si era
scavato come un solco di dolore. Una volta stabilito il proseguimento del giro del Beato attraverso
i vari paesi, si ricominci a lavorare con alacrit e passione.
54 - Storia della Provincia di Messina -
Ritorn il Vescovo di Nicosia a Mistretta accompagnato da membri del Capitolo, dal
Sindaco di Nicosia e dai medici che avevano fatto la ricognizione: Dott. Salomone e Prof. Micale.
Furono revisionate uno per uno le ossa recuperate e confrontate con l'elenco della prima
ricognizione, e quando si fu sicuri della identit, si chiuse e si sigill l'urna, un'urna tanto pi
piccola e modesta di quella incendiata. Tutto fu fatto in una sala del palazzo del Comune di
Mistretta, gentilmente messa a disposizione dal Sindaco: tutti a Mistretta furono presi da un
grande desiderio di agire e come da una febbre di riparare
Finalmente a sera si poterono riportare le Reliquie in chiesa processionalmente. Il popolo
che aveva atteso per lunghe ore davanti la chiesa e davanti il municipio, che sono quasi di fronte,
accolse con applausi la piccola urna delle Reliquie e l'accompagn in chiesa in una esplosione di
gioia schietta, anche se venata di tristezza per le peripezie della giornata.
L'indomani, ultimo giorno per Mistretta, si svolsero regolarmente le funzioni in programma.
Il concorso dei fedeli in chiesa e ai Sacramenti fu magg;ore. Si not come una specie di reazione
contro la disgrazia, e questo anche in tutti gli altri luoghi attraversati. I Mistrettesi poi non si
davano pace perch il fatto fosse accaduto nella loro citt; si sentivano in qualche modo colpevoli
e chiedevano perdono per quanto era successo.

RICOGNIZIONE DELLE RELIQUIE DEL BEATO FELICE

Al Rev.mo Promotore Generale della presso la Sacra Congregazione dei Riti


CITTA' DEL VATICANO
In nomine Domini. Amen.
Il Vescovo di Nicosia sottoscritto si fa un dovere di esporre quanto segue.
La sera del giorno 8 maggio 1962 l'urna contenente le sacre Reliquie del BEATO FELICE
DA NICOSIA, Cappuccino,venne esposta alla pubblica venerazione dei Fedeli nelta Chiesa Madre
di Mistretta, cittadina dove il Beato aveva fatto il noviziato in occasione dei solenni
festeggiamenti tributati allo stesso Beato.
La notte sul giorno 10 maggio, probabilmente a causa di lumini per inavvertenza lasciati
accesi sul pavimento accanto alla pedana, prese fuoco l'altare addobbato di drappi su cui l'urna
era stata collocata, e in breve ogni cosa fu avvolta e divorata da un violento incendio.
Per l'eccezionale calore sviluppatosi, la porzione di pavimento sul quale si trovava l'altare
(una grande lastra di marmo che copriva un'ampia stanza sotterranea dove erano seppelliti dei
cadaveri), si infranse e precipi nel vuoto sottostante, trascinando con se l'altare e l'urna.
Nel rogo l'urna fu incenerita insieme con la maggior parte delle Reliquie in essa contenute; mentre
parte delle Reliqiue,come proiettate nello schianto della caduta dell'urna in fiamme sul pavimento
della chiesa, si poterono salvare: alcune in perfette condizioni di conservazione, altre annerite dal
fumo, altre infine come carbonizzate.
Queste Reliquie vennero raccolte dal Rev.mo Arciprete di Mistretta, assistito da vari
sacerdoti del luogo e alla presenza del Comandante la Stazione dei Carabinieri e di altre persone
immediatamente accorse appena avuta notizia dell'incendio; furono accuratamente avvolte in un
amitto tindo e per it momento custodite in sagrestia.
Il Vescovo sottoscritto avvertito dell'incidente nelle prime ore della mattinata del giorno
10 maggio,si rec immediatamente a

Mistretta, accompagnato dal Rev.mo Mons. Salvatore Dott.Can. Milici, Vicario Generale delta
Diocesi di Nicosia, e dall'Arciprete della Cattedrale, Mons. Sigismondo Vitale. In seguito
sopraggiunsero pure il Rettore del Seminario Rev. Mons. Can. Dott. Filippo Capra, il Decano det
Capitolo Can. Dott. Salvatore Gioco, Promotore della Fede, altri Capitolari, Parroci e Sacerdoti;
il sindaco di Nicosia, Avv. Satvatore Motta con alcuni Assessori e Consiglieri; Il Dott. Potenza,
notaro, e i geometri La Greca e Angilello del Comitato per le onoranze al Beato Felice e altri
assai. Erano pure presenti le principali Autorit di Mistretta.
55 - Storia della Provincia di Messina -
Il Vescovo, presa attenta visione delte cose, sentita la esposizione concorde delle persone
presenti pi qualificate, costatata la assoluta autenticit delle Reliquie raccolte e conservate in
sagrestia, dispose che le Reliquie venissero portate in una stanza messa a disposizione dalla
Amministrazione comunale nell'edificio del vicino Municipio, alla porta e alla finestra della quale
vennero apposti i sigilli.
Il Vescovo quindi discese personalmente nel sepolcreto dove era precipitata e si era
incenerita l'urna e fece diligente ricerca di eventuali altre Reliquie. Si raccolsero difatti i resti di
corpi ivi seppelliti: resti che vennero poi inumati essendo apparsi con tutta evidenza all'esame
fattone dai medici periti che non si poteva affatto trattare di Reliquie del Beato.
Le Reliquie del Beato, raccolte e custodite come sopra detto,furono attentamente esaminate nel
pomeriggio dello stesso giorno 10 maggio dai due Signori Medici che gi avevano prestato la loro
opera in occasione della ricognizione delle Reliquie del novembre 1961, e cio il Barone Dott.
Giuseppe Salomone di Nicosia e il Prof. Salvatore Micale di Catania, assistiti nel caso dai signori
Dott. Lo Cascio e Dott. Cassar di Mistretta.Dalt'esame fatto emerse con assoluta certezza che i
resti,diligentemente controllati, appartengono alle Reliquie del Beato Felice.
Si tratta di una trentina di pezzi, senza contare i piccoli frammenti; di dimensioni notevoli alcuni
(una tihia, un omero, parte di costole), altre di dimensioni discrete ma non classificabili con
certezza perch gli elementi caratteristici, che avrebbero servito alla classificazione, si sono
staccati dal resto o frantumati o carbonizzati.
Dopo l'esame dei medici le Reliquie furono collocate in una urna decente che venne
debitamente sigillata e che fu trasportata a

Nicosia, in attesa che se ne provveda un'altra pi decorosa e definitiva.


A questo proposito il Vescovo sottoscritto si reca a premura di comunicare che l'onere per
la costruzione detla nuova urna stato assunto dal Signor Sindaco della Citt di Mistretta a nome
di tutta la popolazione.
Si permette inoltre di rendere noto che le Autorit e la citta- dinanza di Mistretta hanno
espresso il loro vivo desiderio di vedere collocate nella loro stessa Citt, nell'urna da loro donata,
le Reliquie del Beato Felice da Nicosia: rito del quale potr eventualmente essere incaricato
l'Ecc.mo Vescovo di Patti.appartenendo Mistretta a questa Diocesi.
Della verit di quanto sopra esposto fanno fede insieme con il Vescovo le persone che con
lui si sottoscrivono.

Nicosia, 21 maggio 1962.

Clemente Gaddi, Vescovo


Can. Salvatore Milici, Vicario Generate
Sac. Sigismondo Vitale, Arciprete della Cattedrale
Can. Filippo Capra, Rettore del Seminario
Can. Salvatore Gioco, Decano del Capitolo
Avv. Salvatore Motta, Sindaco di Nicosia
Geom Epifanio La Greca
Avv. Mariano Potenza, Notaio
Geom. Cav. Andrea Angiletlo
Sac. Franchina Arturo
Lo Iacono Sebastiano
Dott. Giuseppe Salomone
Dott. Micale Salvatore
Dott. Giuseppe Lo Cascio
Dott. Giuseppe Cassar
Dott. Mario Fallica
Sac. Giuseppe Castano,Cancelliere"
56 - Storia della Provincia di Messina -
1963 Nei giorni 23-28 Settembre s tenuto a Messina un Convegno sulla educazione
della Giovent Cappuccina per il corpo dei Lettori e Precettori giovani Sacerdoti della
Provincia.

1964 Il 23 Gennaio il Ministro Provinciale,P.Mansueto da Castelbuono partito da


Roma in aereo per il Brasile,per la
visita pastorale alla Custodia di Minas Gerais.

1964 Dal 6 all'8 Novembre il Ministro Generale, P.Clementino da


Vlissingen, venuto nella Provincia per una gradita visita.
Giorno 6 sera a Giarre per l'inaugurazione della Chiesa
della Madonna del Carmelo,completamente ristrutturata
da P.Ambrogio da S.Mauro Castelverde e l'inaugurazione di un monumento e
S.Francesco nella piazza antistante la chiesa. Giorno 7 a Messina.S.Messa e Accademia degli Studenti. 8 Novembre a G
nuovo Seminario Serafico costruito specialmente per la tenacia di P.Edoardo
da Cerda. La sera da Palermo
ripartito per Roma.

In merito al Seminario a Gibilmanna sin dal 1952


erano stati trasferiti parte dei Seminaristi di Randazzo (Terza,quarta,Quinta) e si
erano sistemati in locali provvisori sino a quando furono pronti i primi locali del nuovo
Seminario.

1965 Nei giorni 15 e 16 Febbraio si tenuto a Petralia un Convegno Provinciale per le


Vocazioni.Fa seguito a quello
tenuto a Messina nel 1963.

1966 Per volont di S.E.Mons.Francesco Fasola Arcivescovo di


Messina, nei locali della Fiera Campionaria Internazionale nei giorni 21 Maggio -
2 Giugno 1966

stata allestita una mostra delle Vocazioni di tutti gli Istituti Religiosi.Anche la nostra
Provincia monastica di Messina
ha partecipato. Un'esposizione solenne e dignitosa grazie al
materiale dell'infaticabile P.Arnaldo da Villamarzana,
Delegato delle Vocazioni del Veneto.

1966 Grande lutto nella Custodia di Minas Gerais. Il 10 Dicembre un tragico incidente
automobilistico ha causato la
morte di tre nostri Missionari:
P.Deodato da Troina,Custode Provinciale P.Fedele da
Castelbuono,Segretario,Economo P.Luca da Coluna,brasiliano Laureato in Diritto
Canonico all'Universit Lateranense.
L'incidente accaduto nella cittadina di Arax.

1966 Si accetta una nuova Parrocchia a Giardini:


Parrocchia Maria SS.Immacolata.
Primo Parroco P.Ignazio Di Felice (P.Edoardo da Cerda).

1966 Si inaugura la Parrocchia S.Francesco All'Annunziata,nella nostra Chiesa di


Patern.
Primo Parroco P.Stefano Chichi da Geraci.

1966 Si accetta l'invito dell'Arcivescovo Mons. Fasola di mandare


57 - Storia della Provincia di Messina -
un Cappellano nella Citt del Ragazzo di Messina.
Incaricato come cappellano dei ragazzi P.Candido Chichi
da Geraci.

1967 Il 18 Gennaio Il P.Provinciale P.Mansueto da Castelbuono


parte in aereo per il Brasile e il 16 Febbraio partirono da Napoli tre nuovi missionari:
P.Gabriele da Rometta - P.Cataldo da Gangi -P.Giuseppe da Patern.

1967 Il giorno 2 Marzo si .tenuto a Gbilmanna il Convegno Provinciale dei Delegati per
le Vocazioni Serafiche,a
cui parteciparono i Delegati Locali,i Direttori dello Studentato,dei Seminari
Serafici,il Maestro dei Novizi,il Commissario del TOF.

1968 In Provincia vi stato il referendum per continuare a portare la Tonsura o no.La


maggior parte dei voti sono stati
negativi per la tonsura. La tonsura stata abolita.
E' uscita la nuova statistica dei Frati in cui molti hanno
ripreso il nome del Battesimo,abolendo la distinzione del paese di origine e rimettendo
di nuovo in uso il Cognome.

1968 Capitolo Generale Speciale a Roma convocato dal Generale P.Clementino da


Vlissingen,per la revisione delle Costituzioni.

1968 A Fabriano stato costituito un Centro di Vita Francescana per un ritorno alle
origini. Per alcuni anni ha aderito anche P.Bonaventura da Gangi.

1969 Si presentano le nuove Costituzioni all'Ordine. Entreranno in vigore dopo


l'approvazione della S.Sede.

1969 Si apre a Bronte un terzo Seminario per i ragazzi di quarto


e quinto ginnasio.
Primo Direttore P.Emilio Manitta da Roccella.

1968 Dal 17 Settembre SETTIMANA DI STUDIO a S.Marco d'Alunzio;Oggetto


LA CONFIGURAZIONE DEL LAICO NELLA CHIESA
proposto dal TOF e GIFRA della Provincia e aperto a tutti i
Religiosi.

1968 Si accetta una nuova Parrocchia a Milazzo: Parrocchia


nostra Signora del Rosario.
Primo Parroco P.Davide da Bronte.
Sostituito subito da P.Bartolomeo da Geraci.

1969 Si accetta l'assstenza religiosa al Policlinico di. Messina,come


Cappellani.Primo Cappellano P.Teodoro Blando da Gangi.

1969 1 Congresso dei Predicatori Cappuccini della Provincia di Messina,a


Zafferana Etnea,Albergo Don Bosco (Emmaus). Giorn 21-22-23 Aprile 1969.

1969 Convcgno dei Cappellani Ospedalieri a Messina,nei giorni. dal 5 al 9 Maggio


1969.

1969 Assemblea Straordinaria dei Ministri Provincali e Definitori d'ltalia,convocata


dalla CISPCAP alla Domus Pacis di Roma nei giorni 25~26 marzo 1969.
58 - Storia della Provincia di Messina -
1969 SETTIMANA DI STUDIO SULLE COSTITUZIONI
RINNOVATE
a Gibilmanna nei giorni 17-23 Agosto 1969.

1969 STUDI INTERPROVINCIALI - Con l'inizio dell'anno scolastico ha avuto inizia


l'esperimento dell'unificazione degli Studi delle tre Provincie Cappuccine della Sicilia.Corso
Teologico a Messina Corso Filosofico a Partinico (Pa) - Noviziato a Calascbetta.

1970 Si accetta una nuova Parrocchia in Adrano: Parrocchia S.Maria degli


Angeli,nella chiesa del Convento.Primo Parroco P.Dionigi La Mela d'Adrano.

1970 Salpa da Napoli con la motonave "Gulio Cesare" il Ministro Provinciale


P.Terenzio da Gangi, per una visita alla Vice Provincia di Minas Gerais.

1970 Eretta a Parrocchia S.Maria degli Angeli la nostra Chiesa del Convento di
Troina. Primo Parroco P.Gregorio
di Troina.

1971 L'Arcivescovo di Messina,mons Fasola,affida ad personam


la Parrocchia di S.Antonio Abate,a S.Domenica Vittoria ,
a P.Stefano Chichi,residente a Randazzo.

1972 CAPITOLO PROVINCIALE SPECIALE,riunito a Gibilmanna dal 6


Novembre,sotto la guida del Definitore Generale P.Ottato Van Asseldonk.

1973 Visita Canonica dei Superiori Generali alla Provincia.Sono venuti da Roma
P.Guglielmo Sghedoni e P.Bonaventura Marinelli.

1976 Settimana di Studio a S.Marco d'Alunzio,promossa dal


TOF Provinciale in occasione del 750 Anniversario della
morte di S.Francesco.

1977 Assemblea XVII CISM,tenutasi a Messina nell'Istituto


Ignatianum nei giorni 8-10 Novembre 1977,per iniziativa della Conferenza
Italiana dei Superiori Maggiori.

1977 Incontro dei PP.Provinciali e Definitori delle Famiglie Francescane di Sicilia,tenutosi


a Carini nei giorni 23-24 Gennaio 1977.

1978 III CPO dell'Ordine,celebrato a Mattli (Svizzera) nei giorni 29 agosto - 22 settembre
1978.

1978 Elenco completo della partecipazione dei nostri Religiosi a


Corsi di Studio,Incontri,Convegni durante il 1978.

1978 XVIII Assemblea Generale della CISM,tenutas a Collevalenza nei giorni 7-10
novembre 1978.

1978 VII Convegno dei Ministri Provinciali della Famiglie


Francescane,tenutosi a Padova nei giorni 29-31 marzo 1978.

1978 INCONTRO FRANCESCANO EUROPEO,tenutosi a Bonn nei giorni 14-15 giugno


1978,in cui parteciparono i rappresentanti delle Conferenze dei Ministri Provinciali delle
Famiglie Francescane con la rappresentanza delle Religiose Francescane d'Europa.

1980 Decreto di erezione a Provincia della Vice Provincia di Minas Gerais del Brasle,n
data 15 Novembre 1980.
Primo Ministro Provinciale: P.Antonio R.Cavutto,brasiliano.

1981 Il Movimento Francescano di Sicilia ha deciso di attuare il


59 - Storia della Provincia di Messina -
CALENDARIO LITURGICO UNITARIO PARTICOLARE per tutte le
Famiglie Francescane di Sicilia.

1981 Con l'erezione della Provincia di Minas Gerais in Brasile,molti nostri


Missionari optarono per essere incardinati nella nuova Provincia.Tre vi rimasero lo stesso
come ospiti.Nessun Frate decise di ritornare in Provincia.

1982 Il 4 Novemhre 1962 si firma la Convenzione col Vescovo di Cefal per la gestione
della Parrocchia S.Francesco,attigua al nostro Ospizio di S.Antonino.
Primo Parroco P.Giuseppe Vincenzo Di Bella da Castelbuono.

1983 Nel triennio 1980-1983 si fatto in Provincia l'esperimento del Fraternit


Circoscrizional (Due o tre Conventi uniti insieme), per un ridimensionamento e per lo
scambio di un mutuo aiuto.
L'esperimento non stato ben visto dalla Curia Generale,perch contrario allo
spirito delle Costituzioni.

1983 Il 6 Luglio stato canonicamente eretto a Nicosia il Noviziato Interprovinciale


di Sicilia.
Maestro dei Novizi:P.Luigi Saladdino da Troina.

1983 Il Ministro Generale manda a visitare il Noviziato Interprovinciale di Nicosia il


P.Lino Caravaglia,Definitore
Generale nei mesi di Gennaio-Febbraio 1984.

1984 Il Ministro Provinciale P.Mansueto Barreca si reca in Brasile per 1'Ordinazione


Episcopale di Frei Tarcisio,alunno della nostra Provincia del. Brasile.

1984 A Gibilmanna nei giorni 25~30 giugno si celebra la


1 Assemblea Provinciale di tutti i Frati della Provincia per discutere i problermi pi
urgenti delle Fraternit.

1985 2 Assemblea Provinciale a Gibilmanna nei giorni 24 - 29 Giugno 1985.


Tema proposto:IL RIDIMENSIONAMENTO.

1985 Nella ricorrenza del 50anniversario dell'andata dei primi


Cappuccini in Minas Gerais,il Provinciale del Brasile invita
tutti i Missionari che sono in Provincia ad andare in Brasile.
A tutti sarebbe stata concessa l'obbedienza.

1987 SETTIMANA MARIANA a Gibilmanna. In occasione


dell'Assemblea Provinciale annuale si tenuta nei giorni
22-27 giugno la Settimana.Mariana,con.la partecipazione
anche di Laici e simpatizzanti.

1989 Si comincia la tradizione di celebrare i 25 e i 50 anniversari sacerdotali dei


Religiosi con una concelebrazione nel Santuario di Gibilmanna.

1989 Settimana di Formazione Permanente per i Superiori Locali della Provincia,tenutasi


a Gibilmanna nei giorni 8-13
Gennaio.

1989 Si discute un Piano Pastorale per l'Animazinne Vocazionale per il triennio


1969 -1992 La Fraternit di Bronte stata scelta come apertura ai giovani e
centro di animazione.
60 - Storia della Provincia di Messina -

1989 La Fraternit di Castelbuono opera nel settore della Gifra


ed il centro del Segretariato "Giustizia e Pace ed Ecologia".

1990 Assemblea Provinciale dei Religiosi a Gibilmanna nei


giorni 25-29 Giugno 1990 con la partecipazione straordinaria di P.Sorge, Gesuita.

1991 Settimana di Studio a Gibilmanna:


IL PIANO PASTORALE PROVINCIALE
PRESUPPO5TI PER UNA SUA FONDAZIONE nei giorni
23-29 Giugno con la partecipazione straordinaria dei Vescovi ed Arcivescovi:
Mons.Mazzola,Mons.Luigi Bommarito,Mons. lgnazio
Cannav,Mons.lgnazio Zambito,rispettivamente di Cefal,Catania,Messina,Patti.

1991 Visitatore Generale,P.Ermanno Ponzalli,Definitore Generale ai nostri luoghi di


Formazione: delle tre Provincie
di Sicilia.

1991 Sono stati programmati Incontri Intercomunitari, per la


Formazione Permanente in tre luoghi della Provincia:
a Gibilmanna per la zona delle Madone; a Catania per la zona etnea,a Messina per la
zona tirrenica.

1991 E' stato redatto un Calendario degli Incontri Provinciali per l'intero anno 1991-
1992.

1991 Per la seconda volta nella Provincia si fatto il Referendum sul modo di
celebrare il Capitolo Provinciale.
Esito sempre negativo.Rmane il modo tradizionale.

1992 Una presenza missionaria della Provincia in Africa


P.Giuseppe Citt Bertola parte per l'isola di Fogo (Capo
Verde),Parroccha San Lorenzo, con i Confratelli
della Provincia di Torino.

1993 Il cammino della Formazone Permanente articolato


in un programma di incontri nel triennio in vari luoghi della Provincia.

1993 GIBILMANNA - 26 Giugno 1993

Inaugurazione del MUSEO e della BIBLIOTECA MUSEALE Annuncio della


costituzione della "Universit
della Pace" Apertura delle CATECOMBE (sotto la Chiesa).

1993 GIBILMANNA - 4 Ottobre 1993


Istituzione del "CENTRO DI CULTURA E DI SPIRITUALITA' DUNS SCOTO".

1994 GIBILMANNA - Aprile 1994


Costituzione dell' UNIVERSITA' DELLA PACE". Con
la presenza del Generale P.Flavio Carraro.

1994 MESSINA - 11 Dicembre 1994


Riapertura del Santuario di Pompei,dopo i lavori di ristrut-
turazione del nuovo Presbiterio e pulitura generale.
La cerimonia stata presieduta da S.E.Mons.Ignazio Cannav,Arcivescovo di
Messina che ha
consacrato il nuovo altare.
61 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
1995 TelexProvincia TelexProvincia
=================================================

Il diario della Provincia continua nel 1995 sotto altra veste,


riprendendo notizie che riguardano i Religiosi e i Conventi,ma aggiungendoo anche notizie di avvenimenti concomitanti,in cui la
Provincia sarebbe dovuta essere presente.

Anno e giorno
1995

1995 MESSINA 14 Gennaio 1995


Inaugurazione della NUOVA BIBLIOTECA
PROVINCIALE e MOSTRA del libro antico
LE LETTURE DEI FRATI CAPPUCCINI
con la presenza dei Generale P.John Corriveau,e la
partecipazione delle Autorit Civili.
Incontri nell'Aula Magna dell'Universit di Messina.

1995 Agosto
Tavole delle famiglie
La nuova formazione delle famiglie.
Caratteristica:Religiosi in ordine alfabetico ,senza specificare
se sacerdote o laico,tutti pianificati,
con la qualifica e la carica accanto.
Divisione:
Zona Etnea coi conventi di Adrano,Patern ,Bronte.
Zona dellAlcantara con Taormina.Linguaglossa,Giarre,
Francavilla.
Zona Tirrenica con S.Marco DAlunzio,Milazzo,
Zona Madonita con Gangi,Petralia Sottana, Madonna dellOlio-
Nicosia
Gibilmanna, Castelbuono,Cefal.
Catania Troina

TelexProvincia TelexProvincia
62 - Storia della Provincia di Messina -

1995 TelexProvincia TelexProvincia


===================================================

Messina
Nella Parrocchie tutti i religiosi sono coadiutori
Comincia la prassi di concedere ai religiosi di abitare
fuori della fraternit,o in famiglia.

Agosto 1995
Messina:
Parrocchia
Comunit
Curia Provinciale
Infermeria
Si danno disposizioni sulla fraternit di Messina,che
ununica fraternit,composta da 27 frati.
Una comunit numerosa rispetto alle altre,ma molto meno
di quanto lo era un tempo quando i solo studenti erano 36.
A questi 27 frati sono stati affidati dei compiti per poter
espletare al meglio i servizi.
Il Provinciale con il definitorio ha nominato un Guardiano-
Parroco,un Vicario,cinque viceparroci,un economo,due
responsabili per linfermeria,un bibliotecario,due cappellani
per il Policlinico.
Mentre per il Piemonte,il Margherita e lOncologico hanno
dato spontaneamente la loro disponibilit altri tre frati.
La fraternit ha eletto due consiglieri.
Tutti,nessuno escluso,sono coadiutori della e nella Fraternit.
Vengono specificate per laspetto economico le spese che pagher la Curia Provinciale e le spese
che pagher la Fraternit di Messina e vengono indicati gli introiti della Fraternit che sono
costituiti
- da tutte le pensioni dei frati,congrue parrocchiali,stipendi

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
=======================================

di qualsiasi attivit,scuola,cappella
-offerte per il ministero:predicazione o altro..
-eventuali donazioni fatte a singoli e alla fraternit
- offerte per le sante Messe.

1996 PATERNO'
30 Anniversario della Parrocchia S.Francesco all'Annunziata di
Patern.
Con iniziative varie,per tutto il mese di ottobre,la Fraternit ha ricordato il 30
Anniversario dell'erezione (1966-1996).
Parroco:P.Aurelio Biundo da Castelbuono.

1996 Come <Segno> le comunit


di Patern,Adrano,Catania,Bronte,
63 - Storia della Provincia di Messina -
realizzeranno una microrealizzazione (un pozzo per la spesa di L.30 milioni circa) a
Migoli in Tanzania
(Missione della Diocesi di Catania) secondo una delle
proposte dell'Assemblea Provinciale.

1996 gennaio
P.Giammaria
parroco della Raccomandata,
lasci una memoria indelebile a Giardini
Tre giorni per ricordare P.Giammaria da Casalvecchio
nel 25 della morte.
Nella chiesa parrocchiale di S.M.Raccomandata con la
partecipazione dellArcivescovo di Messina,Ignazio
Cannav.
Si scoperta una lapide di intitolazione della piazza con
lintervento del Sindaco,e di un mezzo busto in bronzo,
opera dello scultore Turi Azzolina,con lintervento del
Ministro Provinciale P.Remigio Targia.
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
=======================================

Lavvenimento stato promosso da un comitato di


simpatizzanti e di devoti,che ricordano P.Giammaria,
come il padre dei poveri.

Sono stati stampati depliant,immaginette commemorative ed infine un numero Unico LAngelo


<Profumo di Santit>,che riporta ampiamente i momenti pi significativi con belle
illustrazioni che ricordano lavvenimento.

La Scintilla,periodico della Curia di Messina,nel numero di


Febbraio,commemora la figura di P.Giammaria da Casalvecchio
con un articolo firmato da Mons.Giuseppe Sciglio,Direttore del giornale.

1996 Promosso dalla Parrocchia S.Francesco al Carmine ,


retta dal Parroco P.Diego Sorbello da Randazzo,viene eretto il
Centro S.Chiara --- Casa di prima accoglienza
come risposta alle esigenze del territorio

1996 BRONTE Depliant vocazionale

CENTRO DI PASTORALE GIOVANILE


Viene pubblicato un depliant illustrativo delle varie
attivite incontri del triennio,rivolto ai giovani
E per te,se sei alla ricerca di un senso
da dare alla tua vita.se ci che vivi non
ti basta,se sei alla ricerca della volont di
Dio
TelexProvincia TelexProvincia
64 - Storia della Provincia di Messina -

1996 TelexProvincia TelexProvincia


=======================================
1996 Vita nellOfs e nella Gifra
Il Consiglio Provinciale ha preparato
il calendario di tutti i Capitoli per il rinnovo dei Consigli
in cui mandato di servizio si conclude questanno.
Nella Provincia lOfs e la Gifra sono abbastanza vitali,grazie alla Ministra Provinciale Enza
Simone di Montalbano e la cooperazione dellAssistente Provinciale P.Domenico Puccia.
Risultano le seguenti fraternit:
Giardini
Bronte
S.Marco dAlunzio
Montalbano
Basic
Bordonaro
Pompei
Adrano
Pistunina
S.Agata Militello
Gangi
Castelbuono
Piemonte
Giarre
S.Fratello
Linguaglossa
Patern
Catania Capp.
Maletto
Graniti

Gli Appuntamenti del 1996


Incontri dei Consigli di Fraternit
Incontri zonali di Fraternit

19-21 Aprile a S.Marco Seminario sul Francescanesimo


Maggio 1996 Incontri Minizone dei Consigli Verifica
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
=========================================

Luglio Agosto 1996


12-15 Luglio Proposta di spiritualit Francescana alle coppie
Fedelt,rispetto di vita

26-31 Luglio
Settimana di Formazione OFS.

1996 Marzo - Lideale dei discepoli


di Ges non la povert,
ma lamore alla condivisione Gestione della Provincia
Alcune indicazioni per la gestione economica della
Provincia e delle singole fraternit

Il Ministro Provinciale d le direttive su cui la Provincia


e le Fraternit si devono incamminare nellamministrazione
dei beni.
Oggi laccento posto sulla condivisione.
65 - Storia della Provincia di Messina -
La povert religiosa presuppone la totale comunione di ci
che si ha,si pu,si sa,si fa:comunione totale di beni materiali
e di beni spirituali.Per la nostra consacrazione,noi religiosi
dobbiamo testimoniare che condividere i beni un elemento
essenziale della nostra vita,della nostra speranza,della nostra
disponibilit.
Le province e le altre case di istituti religiosi
si scambino tra loro i beni temporali in modo
che le pi fornite di mezzi aiutino le alter che
soffrono la povert (PC 13)

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
1996
Il Santuario di Gibilmanna
acquista lantico volto rinnovato
Si sono completati i restauri progettati per il Santuario di Gibilmanna:
1- Tinteggiatura e decorazione della chiesa e delle cappelle.
2- Ripristino dlla cucina e del refettorio antico,con locali annessi,completamente
rimodernati.
3- Restauro del fabbricato gi eretto per laccoglienza dei pellegrini.
4- Ristrutturazione del vialetto che sale nella selva col rifaciment dei muri paraterra e posa di
nuove piante.

Marzo 1996 A P.Fiorenzo


A F.Leone
Al Dottor Romeo
Alla Fraternit
Infermeria Provinciale
Il Ministro Provinciale rivolge a quelli che si dedicano
allassitenza degli ammalati un messaggio di saluto e di
ringraziamento.
Propone un archivio della Salute,contenente cartelle cliniche
personali e altre informazioni utili e necessarie nei casi di
emergenza (numeri telefonici o recapito di persone vicine o
parenti,elenco di specialisti e cliniche specializzate) per
rendere la malattia o la morte pi umanizzata.
Suggerisce momenti liturgici ben preparati e animazione
spirituale,coinvolgendo i fratelli e le sorelle dellOFS e
della GIFRA.
Linfermeria dovrebbe diventare luogo e momento di
formazione permanente e spirituale per i frati.luogo di
accoglienza per qualche frate che sente lesigenza di un periodo di riposo.
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
66 - Storia della Provincia di Messina -

1996 - Aprile
A Bonaventura Dina,
Candido Chichi,
Nazareno Scacciaferro,
Edoardo Di Felice,
Francesco Gullo

Biografie dei nostri frati per la storia della Provincia


Il Ministro Provinciale ha dato un mandato ai fratelli
Bonaventura Dina,
Candido Chichi,
Nazareno Scacciaferro,
Edoardo Di Felice,
Francesco Gullo
di curare in maniera sistematica e completa la biografia dei Frati che il
Signore ha chiamato a s,contestandoli nella storia della Chiesa,dellOrdine,della
Provincia,dellambiente socio-culturale in cui sono vissuti.
Tali biografie saranno rese di pubblica conoscenza (attraverso la pubblicazione di
opuscoli o quaderni) e conservate in archivio come memoria storica della nostra Provincia.

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
1996
Corporativa Francescana di Servizio
Viene presentato alla Provincia la proposta di affidare
la parte economica amministrativa ad una
cooperativa di servizio
che si prenda cura di tutte le relazioni della
Provincia con le leggi civili.
Su questa linea operano gi i Salesiani di S.Tommaso,
la CIMP Cap. ed anche la Curia Generale dei Cappuccini.
Acclude fac-simile dello Statuto con tutti gli allegati
di legge.

1996
Incontro a S.Marco con P.Lazaro Iriarte

E stato effettuato a S.Marco dAlunzio,Villa Pacis un Seminario


di Spiritualit
Introduzione agli Scritti di Francesco e Chiara,
per cogliere la vita e il messaggio di questi santi attraverso lapproccio
dei loro scritti,<segno> di radicalit evangelica e provocazione per
unavventura cristiana di liberazione e di amore.
67 - Storia della Provincia di Messina -
Il Seminario stato guidato da Padre Lazaro Iriarte,professore emerito dellIstituto Francescano
di Spiritualit presso lAteneo Antonianum di Roma.
Ha avuto la durata di tre giorni.

1996 - Insieme
Organo del Segretariato per le Missioni
Il Segretariato per le Missioni col motto:
UN MONDO PIU UMANO ,PIU GIUSTO
con sede nel Convento di Castelbuono,si presenta periodicamente con
un Foglio dal titolo INSIEME,in cui, sotto la direzione di
P.Giuseppe Citt Bertola, d notizie sui nostri fratelli del Brasile,in
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

speciale modo dellattivit di P.Giacomo Valenza ed Emilio Piro a


Presidente Dutra.
Il gemellaggio con la Parrocchia Di Pompei di Messina,aiuta questi fratelli col sistema
delladozione a distanza e raccogliendo materiale vario da inviare a quelle popolazioni.Gia sono
partiti i primi container preparati a Castelbuono con il materiale raccolto in tutta la Provincia.

Giugno 1996
ATTO OBLATIVO
ATTOPOSTULATIVO
ATTO GRATUFUCATIVO
ATTO COGNITIVO
Mentre hai il Santissimo in bocca,potrai col cuore dire.
Libro di devozione del 1586
EUCOLOGIA CAPPUCCINA E FRANCESCANA
Il Professore Giuseppe Messina ha tenuto alla fraternit
provinciale una giornata di meditazione sulla <Lectio Divina>
ed ha magistralmente trattato la spiritualit dei primi
cappuccini
attraverso documenti ed esempi pratici di preghiera:

Tipologia:Raccolta di libri di devozione


Orazioni devote di P.Bernardino dAsti

1996 - Giugno
Annuale Assemblea Provinciale
Il tempo impiegato a criticare gli altri un tempo sottratto s costruire il bene
Il Ministro Provinciale annuncia la prossima assemblea
Provinciale di giugno,in cui si dovr discutere il documento
dei Cappuccini italiani Assisi 95,con gruppi di studio per
approfondire largomento.
In preparazione i Definitori incontreranno le varie fraternit
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

locali e contemporaneamente anche il Ministro Provinciale


far un giro della Provincia,che vorrebbe supplire alla visita
pastorale camitica.
Viene presentata la griglia di questa Assemblea Provinciale
con la distribuzione dei vari lavori.
68 - Storia della Provincia di Messina -

Luglio 1996 Assemblea Provinciale


E stata tenuta nei giorni 24-29 giugno a Gibilmanna.
Una trentina di confratelli presenti.
P.Luigi Maier ha trattato il tema della fraternit e don Luigi
Perrelli il tema della nuova evangelizzazione,tematiche inerenti
il documento
Assisi 95.
Una Commissione provinciale stata formata per verificare la possibilit di una loro concreta
realizzazione.
Sono state fatte 20 proposte concrete dallAssemblea provinciale,che riguardano
Realizzazioni e trasformazioni che interessano i conventi di Castelbuono,
Linguaglossa,Francavilla.Troina,Lascari,Resuttano,Pettineo,Catania Messina,Giardini,adozioni
missionarie,la casa Antonietta Di Galbo a Castelbuono.
Si prevede una sessione straordinaria,sempre a Gibilmanna per il 10 settembre prossimo.

15 settembre
Monastero delle Clarisse

Il Giornale Le Madonne riporta un articolo firmato


<I Frati Cappuccini>,intitolato
Un Monastero di Clarisse a Castelbuono,
dando unampia relazione di questo evento fortuito delle Suore Clarisse

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

che si trovavano nel disagio di un monastero pericolante che dovevano abbondare,e il cuore
generoso dei Cappuccini che hanno messo a disposizione il loro convento

1996 24 luglio
Piano generale per il convento di Messina
Ogni cosa al suo postoun posto per ogni cosa!
Il Ministro Provinciale ha fatto eseguire la mappa del convento
di Messina ed ha presentato lidea della nuova sistemazione
dei vari locali
A PIANOTERRA
Infermeria
Ambulatorio
Corridoio S.Antonio
Catechesi
CSM
Consiglio Prov.OFS GIFRA
B PRIMO PIANO
Corridoio S.Francesco
Corridoio Immacolata
Corridoio B.Felice
Tutti per la fraternit locale
C SECONDO PIANO
Corridoio S.Fedele
Ampliamento dellInfermeria
Corridoio ex.infermeria
Foresteria
69 - Storia della Provincia di Messina -
D LOCALI ATTIGUI ALLA CHIESA
Entrata sotto i portici
Parrocchia
Parlatoi
Vecchia biblioteca
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
Parrocchia
Stanze Via delle Mura Parrocchia Scout
E BIBLIOTECA PROVINCIALE
I nuovi locali ristrutturati
Biblioteca Provinciale

1996
Il convento di Messina cambia volto

Si sono completati a Messina alcuni lavori importanti nel convento


e nella biblioteca Provinciale.
E stato completamente restaurato il corridoio dellImmacolata,
soggetto ad umidit.Si ristrutturato il corridoio del Beato Felice
annettendolo ai locali della Biblioteca Provinciale,facendone un
corpo unico.
Nello stesso tempo si sono liberate dalla scaffalatura i locali del
corridoio attiguo alla chiesa,locali che sono passati definitivamente
alle attivit parrocchiali,compreso il vano grande dellex-biblioteca
che diventato Sala P.Gerardo,che servir per le riunioni anche
della fraternit.

Luglio 1996
Sussidi a:
Versilia
Clarisse di Rometta
P.Paolo Castagna
Lebbrosario
Lebbrosario
Don Tarcisio Vescovo

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Vaste zone della Versilia e della Garfagnana sono state


colpite da una tremenda alluvione.
Il Ministro Provinciale ha telefonato da Gibilmanna
durante lAssemblea, al Provinciale di Lucca esprimendo la
nostra solidariet concretizzata in una prima offerta di
L.10 milioni .
Inoltre sono state inviate:
offerta di 12 milioni alle Clarisse di Rometta
70 - Storia della Provincia di Messina -
offerta di 10 milioni a P.Melchiorre Celebre da portare
in Brasile per P.Paolo Castagna,per il Lebbrosario,
per il Vescovo Tarcisio Lopez.

11 luglio 1996
Messina
proposta di convenzione per la parrocchia
Il Ministro Provinciale ha portato alla conoscenza della Fraternit
di Messina la convenzione da stipulare tra lArcivescovo di Messina
e il Provinciale, riguardante la Parrocchia di S.Maria di Pompei.
Vengo definiti i confini,la distribuzione dei locali parrocchiali e
gli offici di sagrista e portinaio.
Vi sono molte novit che debbono essere discusse dalla Fraternit
e dal Bibliotecario Provinciale,essendo interessati molti locali che
attualmente appartengono alla Biblioteca

25 settembre 1996
Un monumento a P.Pio nel Policlinico di Messina
Un altro monumento a P.Pio si aggiunto alle migliaia di monumneti sparsi in tutto il mondo.
Per interessamento e la partecipazione economica del Personale Medico dellOspedale stato
benedetto il monumento eretto accanto alla Cappella in un viale frequentato ogni giorno da
centinaia di persone. La benedizione stato impartita da Mons. Ignazio

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Cannav,Arcivescovo di Messina e alla presenza di molti invitati tra personale del Policlinico e
autoritcittadine.
Ha preso la parola il Ministro Provinciale P.Remigio Targia,che ha illustrato il motivo di questo
monumento,come di tutti gli altri monumenti eretti a P.Pio,che sono tutti di iniziative personali di
fedeli,simpatizzanti o gruppi di preghiera e mai dai frati cappuccini,essendo formalmente proibito
rendere culto a Venerabili,di cui in corso la causa di Beatificazione.
Ci non tolglie che lOrdine Cappucino non gioisca di tanta fede e si augura che P.Pio possa
presto salire agli onori dellAltare

Luglio 1996
Gibilmanna per i fratelli bisognosi
Il Santuario di Gibilmanna esprime la sua dimensione caritativa
aprendo una Casa di Accoglienza a Cefal per persone povere
e disagiate.
Ci gi avvenuto a Troina e a Giarre.
Il Ministro Provinciale ha voluto sensibilizzare lavvenimento e giustificare la sua personale
decisione ai frati della Provincia con belle parole rivolte a tutti.
Nel segno della condivisione fraterna e della gratuit con i fratelli pi piccoli,anche Gibilmanna
ha voluto dare il suo contributo.
I fratelli opsiti sono una cinquantina,compreso Troina, e provengono dalle varie parti della Sicilia
segnalati per lo pi dai Servizi Sociali dellIsola.
Il Provinciale si dilunga a cercarne le motivazioni spirituali e materiali,chi sono effettivamente
questi ospiti,quale motivo li spinge a chiedere aiuto,quante persone si interessano a portare avanti
questa Casa di Accoglienza e come vanno economicamente assistiti.
Oltre PierGiovanni,che anche responsabile della Casa di Troina,quanti altri frati lo aiutano?
La risposta lhanno dato loro stessi:Frati pochi,fratelli tanti!.
71 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

14 Ottobre 1996
Festeggiato
Il Parroco di S.Domenica
Vittoria
P.Stefano lascia
la Parrocchia
Il ministro Provinciale ha voluto organizzare una festa di commiato del Parroco di S.Domenica
Vittoria,
P.Stefano Chichi,
che dopo 25 anni di presenza assidua a S.Domenica Vittoria come Parroco,lascia lufficio per
limiti di et.
Per lavvenimento ha voluto interessare i religiosi del convento di Bronte,i novizi di Nicosia,il
gruppo di giovani di Don Gelmini che si trovano a Randazzo.P.Alfio Nicoloso a diretto
tutto,preparando le famiglie della parrocchia,interessando lautorit cittadine e facendo
preparare dai giovani di Randazzo delle tavolette ricordo da distribuire a tutte le famiglie della
parrocchia.
La presenza dei novizi coi loro canti ha allietato la cerimonia, presieduta dallArcivescovo di
Messina,Mons.Cannav, da P.Achille,il nuovo parroco, e di tanti altri confratelli della Provincia.
Pranzo solenne offerto dal Comune nel salone delle scuole,discorsi doccasione del Sindaco
,delle maestre della scuola media,offerte di doni e di targhe,ed infine un rinfresco aperto a tutti nei
locali del Municipio diella cittadina.

TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
1966
Si stipulata
la convenzione della Parrochia Maria SS. del Rosario
di Pompei,Messina,
tra il Ministro Provinciale P.Remigio Targia e lArcivescovo di Messina,Mons Ignazio
Cannav,definendo i confini e i locali che il convento dei Cappuccini mette a disposizione della
Parrocchia e risulta che il parroco pu disporre di tutti i locali adiacenti alla chiesa,compresi
quelli dellex-biblioteca provinciale,per tutte le opere parrocchiali.

CENTRO
S. CHIARA
a GIARRE
Fino agli anni 60 carce mandamentale e dagli anni 60 adibito a
vari usi e disusi,per iniziativa della Caritas della Parrocchia
S.Francesco di Giarre,per la sensibilit del Prof. Toscano,sindaco
di Giarre e per il generoso contributo di lavoro e di denaro di molti,
Casa di accoglienza
E articolata in diversi settori:
72 - Storia della Provincia di Messina -
Reparto Comunit Papa Giovanni XXIII
Reparto Obbiettori
Reparto Assistenza bisognosi
Reparto Prima accoglienza
Reparto Sala incontri
Col tempo sar reso efficiente in tutti i suoi reparti.

1996 Suore Clarisse a Castelbuono


MESSAGGIO DELLE SUORE CLARISSE
ALLA CITTADINANZA
Il giornale Le Madonie del 1 dicembre 1996 pubblica un messaggio
delle Suore Clarisse rivolto alla cittadinanza di Castelbuono,che ha
accolto con amore queste Suore.
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Il ricordo del Bambino,quale gioiello,tiene sempre appuntato


sul petto,facendo delle considerazioni sul messaggio che ci viene
dalle Fonti Francescane n.3185, e firmato <Le povere Suore di S.Chiara>

1996 LImmacolata a Linguaglossa


Solennit dellImmacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Linguaglossa si stretta attorno al convento dei Cappuccini per partecipare


ai festeggiamenti dellImmacolata,la prodigiosa immagine che si venera
nella nostra chiesa.
Il programma dettagliato prevedeva la presenza di varie scolaresche,una
santa Messa al Cimitero,una visita allasilo nido,pellegrinaggio alla Madrice.
Non vi stata processione.
La predicazione stata tenuta dal rev.mo P.Longhitano Alfredo,Parroco.

1966
Con iniziative varie,per tutto il mese di ottobre,la Fraternit di Patern ha ricordato il
30 Anniversario dellerezione
della Parrocchia S.Francesco allAnnunziata
(1966-1996).
Primo Parroco P.Stefano Chichi da Geraci Siculo
Parroco attuale P.Aurelio Biondo da Castelbuono

Il Programma articolato in parecchie celebrazioni ha


impegnato tutto il mese di ottobre:
Un triduo in onore di S.Francesco,predicato dai tre parroci
TelexProvincia TelexProvincia
1996 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
che si sono avvicendati in parrocchia,
P.Stefano Chichi,
,P.Emilio Manitta,
P.Aurelio Biundo
Celebrazione eucaristica il 4 ottobre,presieduta da Mons. Salvatore Pappalardo,Vicario Generale
Presentazione della Missione di Migoli,con cui la Parrocchia far un gemellaggio
La presenza del Padre Remigio Targia,Provinciale,promotore di queste opere segno a favore dei
bisognosi.
73 - Storia della Provincia di Messina -
Celebrazione conclusiva presieduta da Sua Ecc.za Rev.ma Mons.Luigi Bommarto Arcivesco di
Catania.
E stata allestita una MOSTRA che segna il cammino di 30 anni di vita.

1996 settembre
Segno nella Provincia
Come Segno le Comunit di Patern,Adrano,Catania,Bronte,
realizzeranno una microrealizzazione (un pozzo per la spesa di
L.30 milioni circa ) a Migoli in Tanzania (Missione della
Diocesi di Catania) secondo una delle proposte dellAssemblea
Provinciale.

1996
La voce del Santuario entra nelle famiglie
La direzione del Santuario di Gibilmanna ha distribuito agli abbonati in bel
Calendario Murale del Santuario
Intitolato :Vieni ad abitare in mezzo a noi.
Riporta in ogni pagina un messaggio parallelo della vita di Ges e
della Madonna con belle fotografie e indicazioni varie che riguardano la vita del Santuario.
E in carta patinata robusta e si presenta dignotosamente fra i tanti
calendari che oggi circolano un po dappertutto.

TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
1997
7 gennaio
Visita pastorale alle fraternit

Il Ministro Provinciale annuncia la visita pastorale alle


fraternit.
Sar : - un momento di preghiera
- seguir lascolto dei singoli fratelli
-celebreremo lEucaristia come segno di comunione
con il Signor e tra di noi
- concluderemo con la celebrazione del Capitolo locale.
Ove sono presenti:
- un incontro con OFS e GIFRA
- il Consiglio pastorale e parrocchiale e
- altri Gruppi che fanno riferimento alle nostre
fraternit.

Naturalmente ci sar un aspetto amministrativo e legale per esaminare,aiutare,completare e


rettificare quanto necessario

22Marzo 1997
PENSIERO E MEMORIA 22 marzo
A Castelbuono,nel ricordo del 50 di Sacerdozio di Padre
Mansueto Barreca,Cappuccino,viene presentato un volume
Pensiero e memoria
nella sala delle Capriate del Monastero S.Venera (Badia),
a cura del giornale Le Madonne,con lintervento del
Sindaco e di altre illustri personalit con distinti relatori..
La cerimonia si conclude alla Madrice Nuova con una
solenne Celebrazione Eucaristica.
74 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

1997 Cade il pino secolare del Santuario

Viene la fine anche dei grandi.


Il pino secolare che era il simbolo delle cartoline del Santuario
per circa mezzo secolo,viene abbattuto dal vento e dalla civilt
moderna.Aveva perduta la sua linfa vitale con le costruzioni attorno
e lammasso di cemento e di pavimentazione che ne ha mutato
il sistema idrico e quindi vitale per la pianta ,ed venuta la fine.
P.Attilio Franco,il nostro porta di Gangi,lha immortalato con una
poesia pubblicata ne LEco di Gibilmanna.

1997 Tornare giovani un sogno?


Il Ministro Provinciale ha rivolto un pensiero a tutti i
religiosi sul periodo della quaresima:Nella morte e
risurrezione di Ges luomo ritrova,finalmente tutta la
verit:chi Dio e chi siamo noi.
E questa la scoperta gioiosa dei primi cristiani.Se sia o no
anche la nostra,questo dipende dalla nostra fede.
La quaresima posta tutta sotto il segno della
conversione e della riconciliazione..
Io ti correggo,ma accetto di lasciarmi correggere: solo
cos io promuovo te e tu puoi promuovere me,e insieme ci
aiutiamo a crescere e camminare
<Sai cosa c di odioso in voi preti? E la sicurezza della verit
che avete.Voi lavete colta e iscatolata, per cui non solo la cedete a scatola chiusa.ma avendo
tutto iscatolato,avete i cassetti e gli scaffali della vostra bottega gi predisposti,in maniera tale da
poter trovare qui la verit tale e qui la verit talaltra.E non c in voi lansia della ricerca della
verit.>
Perdonare,chiedere perdono,lasciarsi perdonare.
Non fanno una figura brillante quei superiori che amano correggere frequentemente i loro
sudditi anche nelle minuzie pi insignificanti.

TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

6-8 Marzo
Quale assistenza allOFS e alla GIFRA?
Si svolto a Gibilmanna un Corso di formazione sullassistenza allOFS e alla
GIFRA dal 6 all8 marzo.
Un corso interobbedenziale riguardante sia le famiglie del primo Ordine,sia le varie obbedienze
dellOFS e della GIFRA.
Un corso in cui religiosi e laici si sono messi in reciproco ascolto.
Due religiosi e due kaici hanno tenuto le relazioni. I Presidenti regionali OFS-GIFRA delle varie
obbedienze hanno relazionato nella tavola rotonda.
I fratelli e le sorelle che vi appartengono,c<ondividendo con noi la stessa vocazione
francedscana,arricchisconoe contribuiscono ad esprimere pienamente il carisma di Francesco e
Chiara dAssisi.
Ne ha dato notizia LEco di Gibilmanna.
75 - Storia della Provincia di Messina -

18 aprile
Casa Antonietta Galbo
Il 18 aprile 1997 si costituita a Castelbuono lAssociazione
Assistenza Francescana
intitolata alla Sig,na Antonietta Galbo
per la gestione della Casa per Anziani sorta per interessamento
di P.Massimo Barreca,nella casa paterna della Galbo,lasciata in
eredit allOFS di Castelbuono
LAssociazione nata facendo proprio lo spirito che ha animato dal 1946 ad oggi la pia Opera
Assistenza Francescana,unAssociazione di volontari esistente ipresso il Convento dei
cappuccin,che ha avuto come suoi fondatori la suddetta sig.na Antonietta Galbo e le sig,re Zina
Sambataro conoscenti e Maria Fiorentino Saracino e come direttore spirituale,P.Anselmo Di
Napoli da Castelbuono,superiore del tempo.

TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

20 aprile
50 di vita presbiterale
Il Ministro Provinciale ha deciso di celebrare in forma solenne il
50 anno di Vita Presbiterale di
Stefano Chichi
Bernardo Modaro
Emilio Manitta
Rocco Valenza
Giuseppe Prisinzano ( Brasile)
Zaccaria Cordua
Candido Chichi
Valeriano Fiasconaro
La celebrazione,presieduta dal Ministro Provinciale,P.Remigio Targia,il 20 aprile, Giornata
Mondiale di Preghiera per le Vocazioni, ha visto la partecipazione di molti confratelli della
Provincia,di molti parenti venuti da lontano e,quello che ha fatto impressione,linervento del
Giornale locale di Messina,La Gazzetta del Sud,che ha mandato una sua intervistatrice e un
fotografo,dando poi ampia relazione nel giornale con belle foto di gruppo.
E stato lultimo gruppo numeroso di novizi (undici) che hanno raggiunto la meta

Maggio
FESTA DELLA MADONNA DI POMPEI
Si celebrata la festa della Madonna di Pompei a Messina
con un novenario in preparazione alla festa predicato da
Padre Giuseppe Costa e Padre Marciano
Cappuccini di S.Giovanni Rotondo.
Il Novenario stato articolato con.
- Corso biblico per i ragazzi
- Maria e i giovani
- Conosciamo meglio Ges e Maria
- Triduo eucaristico
La processione della Madonna ha concluso la celebrazione.
TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
76 - Storia della Provincia di Messina -

10-11 maggio
Convegno di Studi a Gangi
Gangi . Vulgo dicto lu Zoppo di Gangi
Il Comune di Gangi col patrocinio della Provincia Regionale
ha indetto un Convegno ed una mostra per far conoscere
due pittori della Sicilia
Gasparo Vazzano e Giuseppe Salerno
Con un programma articoltato in 4 giorni il Convegno si
svolto in due tempi:
uno alla Chiesa si S.Maria della Catena e laltro nella Chiesa
Madre di S.Nicol.

10 settembre
Assemblea Provinciale

Assemblea Provinciale
Nei giorni 10-12 settembre s tenuta a Gibilmanna lannuale
Assemblea Provinciale,dove si esaminato assieme il tema
del VI Consiglio plenario dellOrdine che si terr ad Assisi su:
Sempre amino ed osservino nostra signoae la santa povert
Vivere la Povert come Fraternit.

29 Novembre 1995
PATERNO
Nuovo Sarcofago di P.Michele Moncada
La Parrocchia S.Francesco allAnnunziata di Patern
ha voluto onorare il
P.Michele Moncada Sacerdote Cappuccino ,
collocando nel nuovo Sarcofago,approntato nella Chiesa ,
la salma del defunto,che tolta a suo tempo dal cimitero cittadino
riposava prima nellantica chiesa dellAnnunziata e poi,durante
la costruzione della nuova parrocchia,custodita in apposito luogo.
La cerimonia stata preceduta da alcuni momenti ecclesiali nei giorni 26-28 novembre.
TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================
Segno 1997
Sogno?
E stata presentata una proposta originale,in cui potrebbe essere
coinvolto il Santuario di Gibilmanna.
Nella XXI Assemblea Generale dellUnione delle Conferenze
Ministri Provinciali Famiglie Francescane dItalia, svoltasi ad
Isola delle Femmine (PA)
dal 16 al 22 Febbraio 1977,i Segretari Nazionali di Giustizia,
Pace e Salvaguardia del Creato dei Frati Minori Conventuali e Cappuccini,hanno presentato la
proposta di costituire
una Fraternit interfrancescana,
come piccolo segno di unit per la pace,nello Spirito di Assisi.Le Conferenze delle varie
Famiglie francescane hanno espresso le loro proposte.
Un luogo significativo potrebbe essere il Santuario di Gibilmanna (PA).
Un luogo dove possibile realizzare diverse dimensioni del carisma francescano.
Sul piano concreto e operativo:
Gibilmanna: un Santuario mariano
Maria,Regina dellOrdine Francescano..
Gibilmanna:una casa di tutti e per tutti i francescani
Gibilmanna: testimonianza di unit,di accoglienza,di servizio
77 - Storia della Provincia di Messina -
Gibilmanna: lOrdine francescano nella pluralit delle sue concfrete espressioni
Si aspetta la risposta di persone disponibili a rischiare.libere da pregiudizi,accoglienti verso
tutti,capaci di relazionarsi con gli altri,aperti alla collaborazione.

Nicosia:
persone,storia,luoghi,tradizione

Nei giorni 27 settembre e ss.,nella chiesa del Convento dei Frati Cappuccini di Nicosia,col
patrocinio della Provincia Regionale di Enna e del Comune di Nicosia,si tenuto
TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

il 1 Convegno di Studi storici


Nicosia:persone,storia,luoghi,tradizioni,
finalizzato alla valorizzazione dei beni artistici e culturali della
citt.
Il Convengo ha avuto delle relazioni sul Beato Felice e sulla
sua santit.
Comunicazioni storiche sulla vita del Beato,notizie sul chiostro
e lo spazio nellla Sicilia nel settecento e un concorso di pittura.

Per loccasione ne ha dato notizia anche il Giornale locale della


Regione.

novembre
Lo scrigno di Valle dAlcantara
P.Concetto Lo Giudice,residente nel Convento dei Cappuccini
di Francavilla ha scritto e stampato un bel fascicolo in carta
patinata sul Convento dei Cappuccini intitolato
Lo Scrigno di Valle dAlcantara
con articoletti e belle illustrazioni con didascalia in lingua
inglese,in cui narra la storia e la bellezza del luogo.
Si avvale delle foto del caratteristico antico convento
e di ambienti creati dalla sua creativit,in cui con manichini
di frati ha ricostruito i vari momenti dei nostri antichi luoghi.
Campeggia la figura di F.Mariano Tat,artista dellintarsio
e vengono riportate le foto di tutte le opere lasciate dallautore
nel suo convento patrio.
Il tutto accompagnato da depliant di propaganda,essendo il
convento mta di tanti turisti che sbarcano a Catania e fanno la loro gita a Taormina.
La Gazzetta del Sud,giornale di Messina,nel numero di venerdi 25 Luglio 1997,riporta un articolo
in merito a queste realizzazioni con la testata:

TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

QUELLINDOMITO CAPPUCCINO
CHE SI E SCELTO MANICHINI PER CONFRATELLI
La Lunga e silenziosa battaglia di Frate Concetto Lo Giudice per impedire la chiusura dei pi
antichi monasteri dellIsola .
firmato Giuliano Rotondi.
78 - Storia della Provincia di Messina -

29 dicembre
Riunione dei formatori
A S.Marco
Si sono riuniti a S.Marco dAlunzio
i Formatori delle tre Provincie di Sicilia:
P.Calogero Peri,Ministro Provinciale di Palermo,P.Giovanni
Solonia,Ministro Provinciale di Siracusa,
P.Remigio Targia,MinistroProvinciale di Messina e i membri della Commissione formativa
interprovinciale:Luigi Saladino,Francesco Gullo,Paolo Alessandro e Vincenzo Scrudato,e ancora
Cataldo Manzone,Giovanni e Francesco di Palermo.
Hanno discusso sui tempi del postulantato
Sui problemi pi emergenti nelliter formativo.

dicembre AReSC
20 Anniversario

AReSC Centro France-scano


Il Centro Francescano AReSC
(Animazione Religiosa e Socio-Culturale),
con sede nel Convento dei Cappuccini di Castelbuono,sotto
la direzione di P.Domenico Costanzo,ricorda il suo 20 anno
di fondazione con varie manifestazioni socio-culturali e con
la stampa di parecchi depliant.
Alla manifestazione ufficiale hanno dato la loro adesione
Enza Cusimano,Giffoni-Fil per ragazzi,Coop.va Libreria
Hobelix di Messina,Calogero Peri,Gianfranco Priori,
Giovanni Solonia.Remigio Targia,Cino Tortorella.
TelexProvincia TelexProvincia
1997 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Il programma formulato contiene:


1 I bambini e lamico del libro
2 Presepio in famiglia 97
3 Musica e Bambini
4 Educazione e Comunicazione
5 Corso di Formazione ai valori della pace
6 Educare oggi
7 Illuminiamo il Natale
8 Lettera dei bambini al Sindaco sc<ritta con i colori.
9- Tutto Perfetta Letizia il Frate Mago
Inoltre ogni anno lAReSc ha pubblicato un calendario o murale su seta o da tasca con originali
disegni e e messaggi ideati da P.Domenico Costanzo.
79 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Quaresima 1998
La fraternit provinciale si ritrovata a Messina in
un incontro per meditare sulla S.Quaresima
.P.Filippo Cucinotta,invitato dal Ministro
Provinciale,ci ha intrattenuto su:
Laltra Quaresima La tradizione liturgica orientale
1- La teologia liturgica orientale
2 Le strutture metodologiche
3 - La mistagogia orientale
4 La Quaresima in Oriente

Aprile 1998
Capitolo Provinciale

PROVINCIA DI MESSINA 1998-2001


192 / 104
Gibilmanna
1998
P.Remigio Giuseppe Targia da Castelbuono
P.Teodoro Di Bella da Castelbuono 1
P.Cataldo Manzone da Gangi 2
P.Luigi Saladdino da Troina 3
P.Antonio Raimondo da Castelbuono 4
F.Antonio Sofia: segretario provinciale
Uffici Provinciali:
Rappresentante legale ed Economo Provinciale
:P.Giovanni Turrisi
Segretario Provinciale:F.Antonio Sofia

Archivista Provinciale: P.Candido Chichi


Vice -Postulatore B.Felice: P.Luigi Saladdino
Infermeria: P.Bonaventura Barbagallo - F.Michele Barbera
Biblioteca Provinciale:P.Fiorenzo Fiore
Commissione Economica: P.Luigi Saladdino -
TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

P.Diego Sorbello -P.Francesco Gullo - P.Giovanni Turrisi


Segretariato della Fraternit:
P.Antonio Raimondo - Segretario.
P.Francesco Gullo,P.Salvatore Russo,
80 - Storia della Provincia di Messina -
P.Salvatore Vacca,Consiglieri
Segretariato dell'evangelizzazione:
P.Cataldo Manzone, Segretario

P.Giuseppe Citt Bertola,P.Aurelio Biundo


,P.Carlo Lazzaro,P.Vincenzo Bongiorno,Consiglieri
Segretariato della carit e della profezia :
P.Teodoro Di Bella,Segretario
P.Piergiovanni Sanfilippo,P.Domenico Costanzo,Consiglieri
Segretariato della comunione francescana:
P.Luigi Saladdino,Segretario
P.Domenico Puccia, OFS
P.Francesco La Porta GIFRA Consiglieri
Pastorale giovanile vocazionale e formazione iniziale:
P.Remigio Targia,P.Teodoro Di Bella,P.Cataldo Manzone,
P.Luigi Saladdino,P.Antonio Raimondo,P.Aurelio Biundo,
P.Salvatore Vacca,P.Francesco Gullo,P.Giovanni Turrisi,
P.Francesco La Porta,P.Salvatore Russo,F.Natalino Fiorilla,
P.Domenico Costanzo,P.Alfio Nicoloso,F.Antonio Sofia,
P.Giuseppe Citt Bertola,P.Emilio Mocciaro,
P.Salvatore Seminara.

TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

21 maggio
Annuncio della visita alla provincia
Annunciando la prima visita pastorale alla Provincia,il Ministro
Provinciale ,invia una letterina ad ogni singolo religioso
(novit gradevole).
Tra le altre proposte di una certa novit eccone una:
Cosa ne pensa del fatto di sganciare lEnte Provincia da
eventuali rischi,di dare a tutte le nostre attivit maggiore
trasparenza e legalit,di poter avere agevolazioni fiscali,
costituendo una associazione a rete:
cio unassociazione- madre collegata a diverse altre associazio-
ni locali sempre dipendenti da noi frati,con lausilio di tecnici
e di esperti nel settore,specificando le varie finalit che si vogliono raggiungere
e assumendo a nome dellassociazioni del personale lavorativo
,dal sagrestano al cuoco,al personale delle pulizie,agli addetti
allaccoglienza,ecc?
Dar sempre importanza al rispetto della persona,alla tolleranza,al pluralismo,alla
solidariet,alla sussidiaret.
La novit nella composizione delle famiglie che tutti i frati
Che per qualunque ragione

vivono fuori Provincia

o a casa,sono stati inclusi nelle fraternit locali,alla quale


dovranno fare riferimento e dove si recheranno tutte le volte
81 - Storia della Provincia di Messina -
che rimarranno liberi dagli impegni che, necessariamente li trattengono lontani.

Felice desiderio ,realizzato sulla carta,ove le fraternit risultano tutte formite di


sufficiente personale,ma (come poi la realt fu) sempre carenti e di vita grama.

TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

12-21 giugno
Centenario chiesa di Catania

Nei giorni 12.21 giugno i Frati Cappuccini del Convento


di Catania e il Consiglio Pastorale hanno celebrato il
Centenario dellInaugurazione della nuova Chiesa,
ancora una volta restaurata,dopo il sisma che ne aveva
minato la sicurezza.
Il programma stato ricco di riti religiosi e manifestazioni
civili e sociali.
La chiesa era stata costruita e inaugurata il 3 Aprile 1898
Domenica delle Palme,alla presenza del Ministro Provinciale
dei Frati Minori Cappuccini Fr Agostino da Messina.
Sotto la guida di P.Alessandro da Viagrande,lavorando con
ammirabile perizia e zelo religioso,architetto,maestranze e
popolo ci hanno lasciato questa preziosa opera dArte.
E stata tenuta una tavola rotonda sul tema Seminiamo la speranza,presso il salone
parrocchiale.
E stata stampata una bella immagine del S.Cuore di Ges,ch si venera nella Chiesa con i cenni
storici sui Cappuccini a Catania e sulla nuova chiesa..

Il giornale locale Le Prospettive in data 14 Giugno ne ha dato lannuncio con un articolo


intitolato <Festa grande ai Cappuccini>
e con un bel trafiletto che parla de
I Frati del Popolo a Catania
quella presenza semplice e operosa

TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

1998
Novembre incontro dellavvento
Ave,casa del Dio e Verbo
Ave,luogho santo pi grande dei luoghi santi.
Ave,arca rivestita doro dallo Spirito.
Ave, tesoro inesauribile della vita.

Lincontro della fraternit provinciale per meditare


82 - Storia della Provincia di Messina -

sullAvvento
La fraternit si ritrovata a Messina in un incontro che
stato tenuto a dal P.Filippo Cucinotta,su richiesta
del Ministro Provinciale.
P.Filippo,perito orientalista ci ha intrattenuti su Maria e
lo Spirito in un incontro cos articoltato:
1 - Maria nel Catechismo della Chiesa Cattolica
2 LInno Akathistos della culto orientale
3 Lermenuetica mariologica e cristologia

26 novembre
Visita del Ministro Generale
Nel mese di Novembre la Provincia ha avuto la gradita visita
del P.John Corriveau,Ministro Generale dellOrdine,in giro
per le Provincie del meridione,accompagnato dal Rev.mo
P.Ermanno Ponzalli,Vicario Generale.
Si incontrato con tutti i frati a Messina,in un abbraccio
fraterno e in una solenne concelebrazione.
Ha quindi visitato i luoghi di Nicosia (Noviziato),Troina
(Casa di Accoglienza,Cefal (Casa di Accoglienza),
Gibilmanna e Bronte (Casa di prima accoglienza
per i postulanti).
A Bronte il Ministro Generale ha incontrato Formandi e
Formatori delle tre Provincie siciliane.
A Gibilmanna ha avuto un incontro interprovinciale
TelexProvincia TelexProvincia
1998 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

con i Segretariati
Incontro interprovinciale con i Ministri Provinciali e Definitori.

La lettera del Ministro Generale dopo la S.Visita alla Provincia.


Si articola in due capi:
1 La comunione fraterna lo spazio teologale nel quale
si sperimenta la mistica presenza del Signore risorto.
2 - Punto di riferimento per quanti cercano Dio.
Concludiamo ringraziandovi tutti di cuore per lospitalit
veramente fraterna che abbiamo ricevuto durante la visita
alla vostra Provincia.In particolare vogliamo ringraziare
Fr.Remigio Targia,Ministro Provinciale per la sua attenzione
e delicatezza verso di noi.Ringraziamo ancora tutti i fratelli
della Provincia che hanno partecipato alle varie riunioni,
condividendo le speranze e gli ideali della vita francescana.
E preghiamo il Signore che voglia benedire la vostra Provincia
con la grazia dellunit e di una rinnovata vita evangelica.

Osservazioni e suggerimenti circa la formazione iniziale


nelle Provincie di Sicilia

Suggerimenti alle tre fraternit di formazione iniziale


(Nicosia,Sortino,Palermo) nelle quali attualmente le
Provincie collaborano son ben strutturate e
funzionano effettivamente.
Alcuni suggerimenti per contribuire a rafforzare la collaborazione che gi esiste e aiutare
a migliorare il processo dellintera formazione iniziale.
83 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

1999 dichiarato lanno dellanziano


per lanziano non conta tanto il fare quanto piuttosto lessere
Il Ministro Provinciale dice che deve essere unoccasione
di riflessione pi approfondita per valorizzare quanto della
nostra storia provinciale vediamo sedimentato nei nostri
frati anziani,per il quali non conta tanto il fare quanto
piuttosto lessere.

Possiamo dire che lanzianit lultimo appello alla


libert umana chiamata a scegliere,tra il rifiuto e
accoglienza.
Il rifiuto.a volte,pu esprimersi in modo tenue nella
Rassegnazione.
Laccoglienza,invece,abbraccia il s alla finitudine
dellesistenza e la disponibilit a percepire i segni.

S.Chiara a Giiara a Giarre

Il Parroco del convento di Giarre,P.Diego Sorbello,si premurato trasmettere alla


Curia,per essere conservati in Archivio,tutti i ritagli del Giornale locale dal 1995 al 1999,in cui
vengono riportate motizie varie dellattivit svolta dalla Parrocchia S.Francesco al Carmine
affidata a P.Diego.
In particolare viene messo in rilievo liniziativa di chedere ledificio dellantico
carcere,per trasformarlo come Centro S.Chiara ,per laccoglienza dei bisognosi,con le spese a
carico della Parrocchia e anzi con un canone annuo che la stessa deve sborsare al comune.
Inoltre il dibattito sul degrado in cui viene tenuta la piazzetta dinanzi alla Parrocchia e
relativo monumento a S.Francesco,luogo abbandonato e campo dei ciclomotori dei giovani

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

che notte e giorno vi scorazzano,col pericolo dei passanti e lo schiamazzo continuo.


E la voce del popolo che si fa sentire affinche le autorit provvedano a porvi rimedio.

7-21 marzo 1999


Missione a Giarre

Dio ci corre incontro


il motto della Santa Missione che la Comunit Parrocchiale S.Francesco dAssisi al Carmine
di Giarre,parroco P.Diego Sorbello,ha celebrato nei giorni 7-21 marzo,con la partecipazione dei
Presbiteri,delle Suore.dei Seminaristi diAcireale,coi Novizi Cappuccini di Sicilia,coi Laici e le
Laiche,coi Gruppi Catechistici della Comunit,col Gruppo Animatore di Liturgia,col Gruppo
Ministri dellEucaristia,col Gruppo Animatori e Operatori Caritas della Comunit.
E stata ben preparata con manifesti e depliant appariscenti,
84 - Storia della Provincia di Messina -
distribuiti in tutta la citt e articolata in Centri di Ascolto,colloqui personali,Incontri di
Genitori,visite a domicilio agli ammalati,
celebrazioni varie.

2 maggio
Padre Pio Beato
Con un messaggio rivolto a tutti i Frati dellOrdine il nostro Ministro Generale
,P.JHON CORRIVEAU ha annunciato
la beatificazione di P.Pio
ricordando tutte le tappe della sua vita santa.,invitando i frati a parteciparvi.
La cerimonia si svolta a Piazza S.Pietro con un concorso straordinario di pellegrini
venuti quasi da tutto il mondo,per la fama che si acquistata questo nostro confratello durante la
sua vita,ma specialmente dopo la sua morte,avvenuta il 23 settembre del 1968.

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

5-9 luglio
Capitolo Proviciale Straodinario.

Il Capitolo Provinciale Straordinario stato fissato in data


concordata con i Guardiani e ritenuta pi idonea per la
partecipazione dei frati.

Sono stati invitati tre personalit:


un vescovo Mons Giuseppe Agostino
un frate def gen. Fra Paul Hinder
un laico Prof. Giuseppe Savagnone
a dare il loro contributo su:
Rapporto tra Religiosi e Religiosi e Progetto culturale

E stato preceduto da vari incontri nel mese di maggio a Messina,Gibilmanna


E interessate la zona delle Madonne, la zona dellEtna, la zona di Messina

E stato fatto anche un referendum sul modo di celebrare il Capitolo straordinario o con la
partecipazione dei soli delegati o di tutti i frati.Ha prevalso la scelta dei delegati.

Si svolto a Gibilmanna con una buona partecipazione di delegati.


Con relazioni, Gruppi di Studio e lavori assembleari.

Vi sono state accese discussioni su alcuni argomenti scottanti,ma il Ministro Provinciale


ha creduto opportuno di riservare al definitorio la soluzione a tempo opportuno.
Dopo varie discussioni il Capitolo nomna una commissione affinch elabori quanto discusso e
viene proposta una seconda sessione del Capitolo straordinario da tenersi dal 27 al 30 dicembre
c.a.

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

25 luglio - 1 agosto
85 - Storia della Provincia di Messina -

Festa dellImmacolata a Linguaglossa

A conclusione del II Millennio il Convento di Linguaglossa ha voluto celebrare in forma


straordinaria lannuale festa dellImmacolata,compatrona della citt di Linguaglossa,
coinvolgendo tutti i fedeli della Madonna.
Il Settenario stato predicato da Padre Gianni Lanzafame
Vi sono state due solenni processioni,con due itinerari diversi.
Cori polifonici e bande si sono avvicendati nei luoghi appositi per coinvolgere tutta la
citt alle manifestazioni.
La presenza del Ministro Provinciale,che ha presieduto una concelebrazione ha arricchito
il programma.

5 settembre
I sindaci invitati a Gibilmanna
Offerta dellOlio da parte di tutti i Comuni della Diocesi

Festa della Madonna di Gibilmanna --- 5 settembre 1999

Come introduzione allevento del grande Giubileo,questanno per la festa della Madonna
sono stati invitati tutti i Comuni e tutte le Comunit parrocchiali della Diocesi di Cefal.
In quel giorno,dopo la tradizionale offerta da parte di tutti i sindaci presenti sar
presentato il Calendario dellAnno Santo.
Ha rivolto un saluto a tutti i Sindaci la Signora Simona Vicari,Sindaco di Cefal.

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

8 Settembre
Festa della Patrona Maria
SS. Raccomandata a Giardini

La festa della Patrona stata celebrata,come ogni anno,con grande sfarzo e con la
partecipazione delle autorit cittadine,
specialmente nella processione.
Purtroppo questanno la Processione stata funestata da una pioggia insistente che ha
sconvolto tutto.
Allultimo soltanto il Simulacro coperto da un cellofan e i pochi fedelissimi con in testa il
primo cittadino ,il Signor Sindaco, furono quelli che conclusero il tragitto in chiesa
.Imprudenza? Imprevisti?
Prima dellorario previsto vi fu lo spettacolo dei fuochi dartificio sul lungomare.

La Gazzetta del Sud di Messina,il numero di Venerd,10 Settembre 1999,fa unampia relazione
dellavvenimento.

1 Ottobre
Nel Santuario della Madonna delle Lacrime
Il P.Generale riceve la Professione dei Novizi

Le Provincie di Sicilia del Frati Minori Cappuccini hanno si sono


arricchite di sette nuovi frati che hanno fatto la loro Professione
86 - Storia della Provincia di Messina -
temporanea nelle mani di Fr. John Corriveau,Ministro Generale
dei Cappuccini.I novizi avevano completato lanno di noviziato
a Nicosia sotto la guida del Maestro P.Luigi Saladdino.
La scelta di Siracusa stata pere rendere omaggio alla Provincia
di Siracusa che celebrava il 450 Anniversario di Fondazione.

TelexProvincia TelexProvincia
1999 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

LAnno dellanziano a Castelbuon


Il Centro Francescano AReSC di Castelbuono,
con la direzione di P.Domenico Costanzo ha organizzato
un Convegno in occasione dellanno Internazionale delle
persone Anziane 1999.
Il Convegno si svolto nel Convento dei Cappuccini
di Castelbuono.
Alla Tavola Rotonda sulle Persone Anziane-Salute-
Rapporti Interpersonali e Problematiche varie sono intervenuti:
1 Il Dr.Mario Brucato Sociologo
2 Dr. Enrico Cardinale Geriatra
3 Dr. Pietro Mitra Psichiatra
4 Rag.Irene Pantano Assessore Affari Sociali Ente Locale.
Moderatore Dr. Nino Artese Sociologo

23-30 dicembre
Capitolo straordinario
Nella mattinata del 27 tutti i frati capitolari si sono ritrovati
a Gibilmanna per la seconda sessione
del Capitolo Provinciale Straordinario.
Non stato possibile avere un Definitore Generale a
presiederlo,quindi sato presieduto dal Ministro Provinciale.

Ore 16 Conferenza della Prof.ssa Cettina Militello con cui


stato inaugurato lIstituto di Mariologia a Gibilmanna,con la
prolusione sul tema Maria con occhi di donna.
Ore 19 Prima sessione capitolare per lintroduzione e la
discussione dellordine del giorno.
Marted 28 e mercoled 29 Discussione e votazione del
documento preparato dalla commissione capitolare.
Gioved 30 Giornata dedicata alla fraternit trascorsa in serena letizia come conclusione del
secondo millennio e inizio del terzo.

TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

20 febbraio
I Santi della nostra terra
In occasione dellanno Giubilare il Superiore del Convento
di Nicosia,P.Luigi Saladdino ha invitato i giovani ad un
raduno a Nicosia,nei luoghi santificati dal Beato Felice.
87 - Storia della Provincia di Messina -
Programma:
Raduno nella Silva del Convento
Visita e preghiera nella Chiesa di S.Maria degli Angeli,dovesi conserva
il corpo del Beato
Pellegrinaggio orante verso il fonte battesimale del Beato Felice
Celebrazione Eucaristica in Cattedrale,presieduta dal Vicario Generale.Sac.Antonino Proto.

2000

Pastorale giovanile

BRONTE CENTRO DI PASTORALE GIOVANILE

Con un depliant Programma 2000 il Centro Pastorale,la Casa di Accoglienza per


lorientamento vocazionale invita i giovani a partecipare ai diversi incontri e
manifestazioni programmate durante lanno.

16 marzo
Testo finale del Capitolo
e ridimensio-namento
Il Ministro Provinciale presenta alle Fraternit il testo finale
del Documento esaminato e discusso dal Capitolo Provinciale
Straordinario e preparato dalla Commissione redazionale.
Il testo finale comprende:
* La formazione permanente
TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Scelte concrete riguardanti la Formazione permanente


* La formazione iniziale
Scelte concrete riguardanti la formazione iniziale
* La pastorale giovanile
Scelte concrete riguardanti la pastorale giovanile
* La pastorale vocazionale
Scelte concrete riguardanti la Pastorale Vocazionale

D notizia anche che la Commissione capitolare per il


ridimensionamento ha iniziato i suoi lavori e presenter al pi
presto un primo questionario alla Provincia.

Sul tema del Ridimensionamento poi vi sono stati a maggio vari incontri a
Messina,Catania,Taormina,Adrano,Gangi,Gibilmanna con distribuzione di un primo questionario
da riempire e consegnare alla Commissione proposta.
A Ottobre altri incontri a Messina,Catania.Gibilmanna,Gangi con un secondo questionario
di proposte da scegliere.
Infine uscito il documento conclusivo della Commissione.
Verifica delle ipotesi e Nuove Prospettive
Valutazioni sulla situazione della Provincia
Sul tema del Ridimensionamento poi vi sono stati a maggio vari incontri a
Messina,Catania,Taormina,Adrano,Gangi,Gibilmanna con distribuzione di un primo questionario
da riempire e consegnare alla Commissione proposta.
A Ottobre altri incontri a Messina,Catania.Gibilmanna,Gangi con un secondo questionario di
proposte da scegliere.
Infine uscito il documento conclusivo della Commissione.
Verifica delle ipotesi e Nuove Prospettive
88 - Storia della Provincia di Messina -

Valutazioni sulla situazione della Provincia

TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

8 maggio 2000
visita di confratelli stranieri

Il P.Guardiano del Collegio S.Lorenzo di Roma,invia una


letterina di ringraziamento anche a nome di altri 12 con-
fratelli per lospitalit che hanno ricevuto nella Provincia
ove sono venuti in visita per un giro della Sicilia,la prima volta
che mettevano piede nellisola,rimasti colpiti dalle bellezze
artistiche,ma specialemente per la disponibilit dei religiosi
di Messina e di Gibilmanna a mettere a loro disposizione le
auto occorrenti e le persone per fare da guida.

30 luglio
IV rassegna canora

Il Centro AReSC in occasione dellanno giubilare 2000


indice una rassegna canora
Perla Madonita,
per creare unoccasione di crescita con i ragazzi destinatari,
assieme alla propria famiglia.
Invia un regolamento articolato in 10 punti in cui si danno
le norme per parteciparvi.
Promotore: Centro AReSC e :
Rosuccia Spallino
Marina Fiasconaro

Don Bensi a Randazzo


Il convento di Randazzo
che per tanti anni ha ospitato i giovani raccolti da Don Gelmini,
oggi ha cambiato volto. ha accolto la richiesta di Don Bensi per offrine luso,anche parziale con
un comodato firmato dal nostro Rappresentante Legale, P.Giovanni Turrisi

TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

29 ottobre AReSC
Manifesto per i giovani
LAReSC di Castelbuono,che opera nel convento dei
Cappuccini dal 1977 presenta un documento da discutere
in un Convegno con un programma articolato in un giorno presso lAuditorium <Pacem in terris>:
MANIFESTO DEI GIOVANI PER IL XXI SECOLO
PER UNA RILETTURA CONTESTUALIZZATA
89 - Storia della Provincia di Messina -
GIOVANI DEL XXI SECOLO NELLE MADONIE
Il documento il manifesto inviato dai giovani provenienti
da 175 Paesi,riuniti a Parigi dal 21 al 27 ottobre 1999 nel
Parlamento mondiale dei ragazzi.
Sar un modesto contributo che lAReSC vuole dare ai
giovani delle Madonne.

2 ottobre
convegno sul convento di Francavilla
P.Concetto Lo Giudice,residente a Francavilla organizza
un convegno di un giorno sul tema
IL CONVENTO DEI FRATI CAPPUCCINI
DI FRANCAVILLA DI SICILIA
Col Patrocinio della Regione Siciliana
Al convegno parteciparono come ospiti donore:
On.C.Lo Monte Vice Presidente della Regione
On.G.Silvestro - Vice Presidente dellAssemblea Regionale
On. C Briguglio Comp. Com.Regionale per il Lavoro
e Beni Culturali
Tra i relatori:
P. Francesco Gullo
Dott. Aldo Sgroi
Prof. Salvatore Cucinotta
Dott .Giuseppe Ferrara
E lintervento del Ministgro Provinciale P.Remigio Targia

TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

6-9 novembre
20 anni di Minas Gerais

Venti anni fa stata creata la Provincia dei Frati Minori Cappuccini.


Essa ebbe il suo inizio nel 1936 in Carmo do Paranaiba con la prima
fraternit formata da sette frati giunti nel novembre 1935 dalla
Provincia italiana di Messina come missionari nelle terre di Minas.

Col tempo,con lammissione di giovani di Minas allOrdine,la presenza dei frati si estese formando
case religiose in tutto lo Stato,arrivando persino a Belo Horizonte,a Pompei,fino allora conosciuto
come Parque Jardin nel 1939.

Nel 1980 questa nuova circoscrizione cappuccina contava gi


11 fraternit e 63 frati,essendo 48 brasiliani e appena 15 gli italiani.
Si ritenne maturo il tempo di costituire la Provincia autonoma di Minas Gerais,staccandosi da
Messina,proclamata il 15 dicembre 1980 con la presenza dello stesso Ministro Generale,Pasquale
Rywalski, e del Ministro Provinciale di Messina,P.Fiorenzo Fiore.
La ricorrenza dei 20 anni stata celebrata con la partecipazione di circa 73 frati.Anche dallItalia
partecip P.Giuseppe Citt Bertola,che aveva lavorato 10 anni in questa Provincia.
C stato uno scambio di auguri con la Madre Provincia di Messina.

Novembre
Esercizi spirituali in Terra Santa
A Maggio il Ministro Provinciale aveva annunziato un corso di
Esercizi Spirituali in Terra Santa
a cui ha invitato i religiosi che volessero
90 - Storia della Provincia di Messina -
parteciparvi e molti si erano prenotati.
Purtroppo per i motivi legati al conflitto tra Israeliani
e Palestinesi,questo pellegrinaggio non si potuto realizzare.

TelexProvincia TelexProvincia
2000 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Dicembre 2000
Lingualossa onora la sua Compatrona

Il Rev.do P.Anselmo Caradonna,Cappuccini della Provincia di


Palermo ha predicato il Novenario,inaugurando per Linguaglossa
uno stile personale di porgere la Parola di Dio,intermezzata da
canti sacri,di sua composizione.
Le giornate,come al solito sono state animate dai vari grappi di alunni delle scuole elementari e
di visite a diversi ambienti cittadini:cimitero,Asilo Nido.
Vi stata la partecipazione del Vescovo di Acireale,S.Gristina,che ha presieduto la
concelebrazione,presenti le autorit civili e militari.

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

2 Febbraio 2001-
Causa di Canonizzazione

LIstituto delle Ancelle Riparatrici deve molto ai Cappuccini,essendo stato diretto per
tanti anni da
P.Terenzio Manto Pietro segnalazione dellArcive-
scovo alla S.Sede,per rinnovare le loro Costituzioni
91 - Storia della Provincia di Messina -
Mons Giovanni Marra,Arcivescovo di Messina istruisce la
Causa di Canonizzazione di Sr.M Alfonsa Bruno,Suora
professa della Congregazione delle Ancelle Riparatrici
del SS.Cuore di Ges.
D le disposizioni ed esorta a quanti hanno notizie e
documenti di qualsiasi genere,favorevoli o contrari,che
la riguardano di darne diretta comunicazione all Arcive-
scovo o al Tribunale Diocesano per le Cause dei Santi entro
il 30 giugno 2001.

Segue la lettera del P.Tonino Bono o.f.m. Assistente


e Vice Postulatore unitamente a S Elsa Circolo,
Vice Assistente.

21 febbraio 2001
Obolo straordiario della fraternit
Il Ministro Generale Fr.John Corriveau ringrazia la fraternit di Pompeiper lobolo
straordinario elargito a favore dei Fratelli dellIndia e del Salvador,colpite da calamit.
.Due milioni provengono da una Famiglia di Messina e un milione dai Fratelli di Taormina.
La somma viene trasmessa tramite il Segretariato missionario ai Fratelli Cappuccini
dellIndia e del Salvador perch ne usufruiscono per alleviare le sofferenze dei terremotati.

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Savoca riprende vita


Per disposizione del Ministro Provinciale stata
costituita unAssociazione laicale denominata
Centro Francescano il TAU
con sede a Messina formata da laici che intendono fare
lesperienza della vita cristiana alla luce del messaggio
di Francesco dAssisi.
I membri della comunit intendono fondare il proprio cammino
di fede avendo:
--lEucaristia come centro
--il Vangelo come guida
--la Chiesa come madre
--i Poveri e gli ultimi come fratelli

A questa Associazione stato affidato in comodato il convento di Savoca


opportunamente attrezzato,come laveva lasciato Chiesa Mondo.
Il comodato con questa Associazione stato firmato dal nostro Rapprentante Legale,P.Giovanni
Turrisi.

Capitolo Provinciale 2001


P.Fiorenzo Fiore
1 P.Aurelio Biondo
2 P.Salvatore Vacca
3 P.Teodoro di Bella
4 P.Emilio Mocciaro
Il Capitolo Provinciale stato celebrato a Gibilmanna,con la presenza del MinistroGenerale P.John
Corrivou,il quale ha mostrato la sua benevolenza verso la nostra fraternit.
E stato un Capitolo lineare e semplice sia nelle discussioni ,sia nelle votazioni.
92 - Storia della Provincia di Messina -

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

La prima volta che ha avuto la partecipazione di tutti i frati,dopo il risultato dellultimo


referendum in Provincia e in verit la
presenza stata discreta,tolti i frati ammalati e anziani.
Dopo la prima riunione del nuovo definitorio a Messina,
il P.Provinciale ha comunicato nella sua prima circolare
litinerario che far per incontrare tutti i frati della Provincia,
che mentre diminuisce sempre di numero,si complica invece nella distribuzione dei luoghi dove i
religiosi dimorano o svolgono la loro attivit. Si chiudono conventi e si riaprono altre presenze.
Svolgimento del
Capitolo

E stato preparato con cura sin nei minimi particolari dal Ministro Provinciale, P.Remigio
Targia,che ha dedicato parte del suo tempo degli ultimi mesi del suo mandato,lavorando notte e
giorno al computer,da cui sono usciti:

Ledizione dellultimo Bollettino Ufficiale della Provincia,


messo tutto in dischetti e inviato alla Tipografia.
La relazione capitolare
La guida liturgica
e tanto altro materiale che ogni capitolare ha trovato nella sua carpetta personale.

La guida liturgica ci ha accompagnato nelle celebrazioni fatte i chiesa,in cui si sono avvicendati i
Superiori uscenti e i nuovi eletti a presiedere la liturigia.

La Relazione del Ministro Provinciale ha occupato unintera giornata.


Era articolata in tre parti:
Da dove veniamo
Dove siamo
Dove intendiamo andare

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

E stata abbastanza realistica nel far vedere la situazione critica della Provincia in questo nuovo
millennio,specialmente per la paucit del personale e per gli impegni dei frati,non sempre
coordinati.
Ha parlato delle realizzazioni del triennio e delle prospettive future.

Dopo sono state ascoltate altre relazioni:


Relazione Economica della Provincia e
Relazione del Rappresentante Legale,fatte da P.Giovanni Turrisi.
Relazione della Segreteria Provinciale con tutti i dati statistici del triennio,fatta dal Segretario
Provinciale ,Fra Antonio Sofia.

Nella carpetta i Capitolari hanno trovato:


Relazione sulla Biblioteca Provinciale
Relazione del Segretariato dellEvangelizzazione
Relazione della Comunione Francescana
Relazione del Segretariato della Fraternit
Relazione del Segretariato della Carit e della Profezia
Relazione sulla Vita della Fraternit di Bronte
93 - Storia della Provincia di Messina -

Un giorno sono venuti a relazionare anche la Ministra Provinciale Ofs,Maria Letizia Corallo e
il Presidente provinciale della Gifra Antony Di Stefano.
Le ultime due assemble sono state riservati sui presondaggi delle vatazioni e sulla Votazione dei
nuovi Superiori.
Il Capitolo si conclude con la solenne Concelebrazione presieduta dal Ministro Generale e da tutti i
nuovi eletti.

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Riconoscimento ufficiale del lavoro di Archivio

Nella Relazione del Ministro Provinciale un accenno


allattivit dellArchivista Provinciale negli ultimi
sei anni.

Ecco il pensiero dellArchivista:


< Personalmente ho gradito il trafiletto di quattro
righi e mezzo in cui indirettamente si d un accenno
al mio lavoro di Archivio:
ecco
Per quanto riguarda,poi altri confratelli della nostra Provincia,che si sono distinti per le loro
qualit umane e culturali,o avvenimenti di un certo rilievo,rimando al prezioso lavoro di
F.Candido Chichi, che ha raccolto in diversi libretti tutto ci che possiamo considerare
memoria e testimonianza di un passato che induce a riflessione.

Da circa dieci anni mi sono dedicato a riordinare lArchivio Provinciale per renderlo
accessibile ai confratelli.
Con lavvento del computer,merito e idea di P.Remigio Targia,ho preparato man mano dei libretti
(circa 24 libretti) che ciclostilati in 25 copie li ho distributo ai vari conventi della Provincia
.Non sono mancati graditi apprezzamenti da parte di vari confratelli,
Nerll'Agenda 2000 il P.Provinciale ha messo in copertina l'elenco dei programmi
computerizzati, ma non ho presentato ai Capitoli alcuna relazione ufficiale.
Ora ,con la relazione di P.Remigio al Capitolo,anche questo lavoro certosino che ho fatto con
passione, entrato nella storia della Provincia>.

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Festa della Madonna


94 - Storia della Provincia di Messina -

Festa della Madonna di Pompei.


La novena della Madonna stata predicata dal neo-Ministro
Provinciale di Palermo, P.Anselmo Caradonna.Caratteristico
il suo modo di porgere la parola di Dio,intermezzandola con
canti appropriati e poesie,composte da lui,nella lunga esperienza
canora che ebbe in Columbia,nella loro Custodia.
Laffluenza dei devoti discreta.Il pienone soltanto il giorno della
festa a mezzogiorno nellora della supplica.,con la presenza del
Vescovo Ausiliare,Mons.Montenegro.
La sera dell8 maggio vi stato il Concerto di Canti popolari
mariani e Polifonia vocale a Cappella,eseguiro dal Coro di
camera di Messina Gaudemus in Domino,diretto dal Maestro
Aldo Benenati.
La processione stata fatta il sabato 12 maggio,essendo
lindomani giorno di votazioni.

Pasqua 2001
Case di accoglienza
a Cefal e Troina
Nella riunione provinciale di Messina conclusione
del triennio di gestione 1998-2001,P. Piergiovanni
Sanfilippo ha fatto una dettagliata descrizione della
gestione delle due case di accoglienza.
Ha parlato dei Collaboratori
delle risorse economiche
della vita e attivit nelle case
Ha allegato e presentato il consuntivo degli anni
1998,1999,2000.
Amare e fare parte
Un depliant delle due case per gli auguri della S.Pasqua
ai fratelli e ai frati.
TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

1 aprile 2001
Centro Aresc
Il Centro Aresc a Castelbuono,diretto da P.Domenico Costanzo,ha organizzato un
Seminario di Studio Immaginare la Fede,Arte e Fede in dialogo con la partecipazioni di una
teolgo,unartista e un Papas orientale di Messina,P.Antonio Carlo ,fratello del nostro P.Filippo
Cucinotta.

BRONTE - CENTRO DI PASTORALE GIOVANILE

Il Centro di Pastorale giovanile e la Casa di accoglienza per lorientamento vocazionale,con un


depliant PROGRAMMA 2001 informa i giovani degli incontri e delle manifestazioni che si
faranno durante lanno.

P.Francesco La Porta nel Capitolo Provinciale aveva presentato la sua relazione delle attivit
svolte durante il Triennio,per il Centro di Pastorale Giovanile,per gli orientamenti vocazionali,per
la collaborazione con la Fraternit delle case e d lelenco completo dei gruppi accolti dal 30-10-
98 al 31-05 1999.

La Sicilia Cappuccina in festa:


95 - Storia della Provincia di Messina -

S.Bernardoda Corleon
10 giugno Canonizzazione di B.Bernardo
da Corleone

Oggi,10 giugno a Piazza S.Pietro,il Papa Giovani


Paolo II elever agli onori dellaltare il primo Santo
Cappuccino delle Provincie di Sicilia,B.Bernardo
da Corleone della Provincia monastica di Palermo.
La cerimonia stata meticolosamente preparata dai
Cappuccini di Palermo con molte pubblicazioni e
depliant del nuovo Santo e
TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

con inviti a tutte le Provincie Italiane.


Il Ministro Generale ha partecipato lavvenimento con
queste parole:
Con grande gioia vi comunichiamo la solenne canonizzazio-
ne del Beato Bernardo da Corleone e vi vi invitiamo ad
unirvi a noi nella preghiera di lode e di ringraziamento
Fra John Corriveau OFM Cap Ministro Generlale
Programma:
Domenica 10 giugno 2001
Piazza S.Pietro ore 10.00 Celebrazione della canonizzazione presieduta da Giovanni Paolo
II
Luned 11 Giugno 2001- S.Maria in Traspontina ore 10.00 S.Messa di ringraziamento
presieduta dal Cardinale Salvatore Di Giorni Arcivescovo di Palermo.
Piazza S.Pietro- ore 12.00 Incontro con Giovanni Paolo II

Il Ministro Provinciale di Palermo,P.Anselmo Caradonna ha partecipato lavvenimento con


questo messaggio:
Carissimi Fratelli, Pace e Bene
La canonizzazione di Fra Bernardo da Corleone,Frate Cappuccino
(1605-1667),che avverr in Piazza S.Pietro il 10 giugno p.v. una gioia per la nostra chiesa di
Sicilia,per lOrdine Cappuccino,per tutta la famiglia Francescana.Pertanto Vi invito a
ringraziare il Signore Ges per questo grande dono,giorno 7 Luglio ore 18 presso la Chiesa
Cattedrale di Palermo,con una solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta dallArcivescovo
di Palermo,S.Em.za Rev.ma il Cardinale SALVATORE DI GIORGI:
Sicuro della vostra partecipazione fraternamente vi saluto.
Il Signore vi dia pace.
Fra Anselmo Caradonna Ministro Provinciale.

LOsservatore Romano del 10 giugno uscito don una pagina inra dedicata al Beato Bernardo,con
un articicolo del Card. Salvatore Di

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Giorgi,Modello di conversione per i cristiani di Sicilia,un articolo di Giovanni


pagnoloSpiritualit eucaristica e mariana tesa a diffondere la cultura e la pace,altri autori
Umilt , preghiera e penitenza nella quotidiana semplicit del convento.La ricerca e la
riscoperta del volto di Dio in Ges,Da Una vita avventurosa alla Corda Francescana.
96 - Storia della Provincia di Messina -
In Sicilia abbiamo parecchi Beati e Servi di Dio cappuccini,ma ancora nessun Santo,forse per
lindolenza di noi cappuccini.
Pare che anche il B.Felice da Nicosia si avvia alla canonizzazione,avendo il Postulatore presentato
tutta la documentazione di un ultimo miracolo operato dal B.Felice.

20 maggio
Raduno a S.Marco

P.Emilio,lanimatore della Villa Pacis di S.Marco dAlunzio


ha indetto un incontro di tutti i giovani che attraverso gli anni
si sono ritrovati a S.Marco , per passare una giornata assieme
in allegria.
Hanno onorato della loro presenza:
il Vescovo di Patti Mons.Ignazi Zambito,
Il Padre Provinciale ,P.Fiorenzo Fiore,
la Superiora Generale delle Suore Cappuccine del S.Cuore

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

LE NUOVE FRATERNITA'

Il Definitorio Provinciale presenta alla Provincia le nuova sistemazione delle fraternit con una
circolare sobria e concisa in cui si danno le ragioni di tanti spostamenti di personale e di
attivit,cambiando rotta e mentalit.
Si sono voluti privilegiare i
luoghi di formazione:Bronte,Gibilmanna e Nicosia.
Bronte si qualifica per la pastorale giovanile,vocazionale e assi-
stenza OFS e GIFRA.
Gibilmanna per laccoglienza giovanile e casa di Postulato.
Nicosia per la sede di Noviziato interprovinciale.
Si lasceranno le due Parrocchie di Giardini Naxos,chiudendo il convento di Taormina.

La novit di questo inizio del nuovo Defintorio della Provincia la brevit delle
comunicazioni,senza ricorrere a rimescolare antichi e pressanti problemi che tutti
conosciamo,senza atteggiarsi a riformatori e lasciando ai singoli religiosi la libert di dialogare e
prendere assieme delle decisioni,sempre per il bene della Provincia.

Ecco lo schema degli Uffici Provinciali:

Governo della Provincia


Fr. Fiorenzo Fiore - Ministro Provinciale
Fr. Aurelio Biondo - Vicario Provinciale
Fr. Salvatore Vacca - Definitore
Fr. Emilio Mocciaro - Defintore
Fr. Teodoro Di Bella - Definitore
97 - Storia della Provincia di Messina -

Uffici Provinciali:
Rappresentante Legale ed Economo provinciale:
Fr. Giovanni Turrisi

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Archivista provinciale
Fr. Candido Chichi
Vice Postulatore per la canonizzazione del B- Felice
Fr. Luigi Saladdino
Infermeria provinciale
Fr. Michele Barbera
Biblioteca provinciale:
Fr. Fiorenzo Fiore

Segretariati;

Della Fraternit:
Animazione Vocazionale:Fr.Salvatore Vacca, Segretario,
Formazione Iniziale: Fr. Antonio Raimondo, Consigliere
Formazione Permanente: Fr. Filippo Cucinotta, Cons.
Cultura (Biblioteche, Beni culturali): Fr. Salvatore Vacca,

Della Evangelizzazione:
Parrocchie: Aurelio Biondo, Segretario.
Procl. della Parola: Fr, Teodoro Di Bella, Consigliere
Procl. della Parola: Fr, Teodoro Di Bella, Consigliere
Missioni: Fr, Giuseppe Citt Bertola, Consigliere
Pastorale della Salute: Fr. Carlo Lazzaro, Consigliere
Comunicaziorii Sociali: Fr. Giuseppe V, Di Bella, Cons.

Della Carit e della Profezia,


Ecumenismo e Dialogo: Fr. Filippo Cucinotta, Segretario
Opere Sociali-. Fr. Piergiovanni Sanfilippo, Consigliere
G. P. E.: Fr. Domenico Costanzo, Consigliere

Della Comunione Francescana:


Mo.Fra. Fr. Luigi Saladdino, Segretario
Ofs: Fr. Luigi Saladdino,
Gi.Fra.: Fr. Salvatore Seminara

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

1 Settembre
Il Beato Felice Compatrono di Nicosia

Con Decreto del 31 maggio 2001,confermato dalla Congregazione per il Culto Divino e la
Disciplina dei Sacramenti,Mons.Salvatore Pappalardo,Vescovo di Nicosia,ha dischiarato il
B.Felice da Nicosia
come Patrono Secondario della medesima Citt di Nicosia.
98 - Storia della Provincia di Messina -
Per sottolineare il fatto questanno i festeggiamenti in onore del
B.Felice hanno avuto particolare solennit:il primo settembre sera la statua del B.Felice stata
portata in processione dal Convento
alla Cattedrale,con larga partecipazione del Popolo.
Il 2 sera un solenne Pontificale,presieduto dallArcivescovo di Catania,Mons.Bommarito,seguito
dalla processione che ha riportato il B.Felice in Convento.
Per loccasione stato preparato,a cura di Fr. Salvatore Russo,un libretto molto sobrio ma
elegante,dal titolo: Il Beato Felice Compatrono della Citt di Nicosia.
Ha dato notizia dellavvenimento LOsservatore Romano del 12 Settembre in un trafiletto firmato
da Luigi Saladdino.
Ne riporta la notizia il Notiziario Cappuccino.

P.Domenico Costanzo Cittadino onorario

Il 2 Settembre alle ora 19 stata conferita al nostro Fratello

Fr. Domenico Costanzo

la cittadinanza onoraria di Castelbuono.


Ci congratuliamo con lui per questo riconoscimento
alla sua lunga attivit al servizio della gente di Castelbuono.
Dellavvenimento ne ha dato notizia il giornale locale Le Madonne.

TelexProvincia TelexProvincia
2001 TelexProvincia TelexProvincia
========================================

Castelbuono 2001

Il Centro ARESC dei Cappuccini,in occasione del 25 Anniversario della Sua istituzione ha
proposto una
Settimana di riflessione sulla Pace
Con un nutrito programma.
Nel contesto delle iniziative per la pace,Padre Domenico Costanzo a nome dellARESC ha inviato
una accorata lettera aperta a tutti gli ambasciatoriaccreditati in Italia,densa di messaggi e di
speranza,
spiegando il significato della Settimana.
Sono stati distribuiti appositi depliant per lavvenimento.
Ne d ampia relazione di tutti gli Interventi il giornale locale Le Madonie, riportando al
completo la lettera agli Ambasciatori.
99 - Storia della Provincia di Messina -

APPENDICE 1

NOTIZIE SUGLI OSPEDALI

NELLA PROVINCIA

CAPPELLANI:
1 OSPEDALI DI MESSINA
2 OSPEDALI DI CATANIA

I CAPPELLANI DEGLI OSPEDALI

Si comincia a parlare di Ospedali e Assistenza agli ammalati sin dal 1600,anche se non si era
ancora organizzati come cappellanie.

1605 - < Per lascito di Girolamo Conte Messinese si inizia l'Infermeria di Messina,annessa al grande
ospedale civico. (Ospedaletto) > P.Bonav,II p 2

1618 - < Muore P.Martino di Messina,cognato di Girolamo conte Messinese,che lasci l'eredit
all'Ospedale di Messina,per l'Infermeria ai quali abbiamo obligazione grande,mentre quasi tutti i
cappuccini della Provincia......infermi a Messina siano stati partecipi di detta carit lasciatali
>.P.Bonav.IV p 2

1625 - Viene ricordato F.Giuseppe da Gangi,chierico -


< Al paese,doppo che spir,ritorn in vita fece chiamare i frati a s,egli disse molti
avvertimenti,rivelategli molte visioni ed apparizioni,doppo queste ripososi di nuovo nel Signore,come
pu vedersi nel 3 tomo dei nostri Annali di questo medesimo ano.La sua morte fu al paese di mal
contagioso contratto nella carit di tali >
P.Bonav.IV p.3

1676 - E' ricordata la morte dei religiosi:< F.Felice da Mazarino -P.Giuseppe da Giarratana - F.Pietro
da Petralia
F.Innocenzo da Gangi - F.Francesco da Trecastagne
<si morsero a servire li soldati infermi a tempo delle rivoluzioni e guerre di Messina,ed io
F.Bonaventura da Troina

predicatore,restai pi morto che vivo quali andammo per ordine del Vicere Ferrandina I l'hospitale
furono le casamenti del Barone di Girella,Cavaliere Messinese a Belvedere passato il fiume delle Miri
sopra il Duomo per dove si va a Messina > .
P.Bonv. IV p 21

1678 - E' ricordata la morte di F.Urbano da Motta di Francaviglia. <Religioso di molta


esemplarit e prudenza,adorno di molte virt,Serv in Nicosia in compagnia del P.Celidonio da
Messina,F.Alessio da Petralia et altri,gli appestati 1625 con grande edificazione di quei popoli e
tocchi dal male per la divina grazia restarono liberi gli altri,ma ricevettero il premio dei loro travagli
gli suddetti di Messina e Petralia. >

MANOSCRITTO ANONIMO PER IL 1700


100 - Storia della Provincia di Messina -
1717 - Si ricorda la morte di F.Francesco da Pollina,morto a Palermo al servizio...per gli infermi
essendo perito infermiere per ordine del ViceP.le.
Mansc.Anon. 1717

1743 - < in quest'anno che fu di lutto a tutta la Sicilia per l'orribile pestilenza successa in Messina
incominciando dal 1
Aprile.Sotto maschera d'epidemia,introdotta da due navi delle due approdate in detto Messina
infette,dando ad una i dette Prettica,ed falsificate fedi,s'infett la Povera Citt e si smascher li 5
giugno ad una grande mortalit:Avendo conversato il popolo tutto li 3 del detto mese per la Solennit
e Processione della SS.ma Vergine della Lettera dove tutte s'infettarono;onde infetta va la Citt. Vi
morsero: >....

Il Manoscritto anonimo riporta n 62 nomi di Religiosi morti tra


Messina,Gesso,Sacerdoti,Fratelli,Studenti e Terziari, non sap-
piamo se tutti al servizio degli appestati..

NOTIZIE STORICHE DI P.Andrea da Patern

Nel dettagliato racconto della catastrofe P.Andrea scrive tra l'altro:


< Cessato in quella guisa il gran flagello,si fece il computo degli estinti nella Citt e Casali,e
si trov ascendere a quaranta mila

persone;entrandovi in tal numero pi di 30 Famiglie nobili,e pi di 50 rimaste prive dei loro ceppi,e
rampolli.Se ne stamp allora la distinta Relatione,quale avuta sott.occhio a niente incaricandosi
particolarmente della Persone,e Famiglie Secolari rapportiamo il dettaglio,che vi si fa delle Case dei
Regolari,laddove a' Cappuccini venendosi ci pare lor farsi un onore distinto in registrarsi d'essere
quasi tutti morti per la gran carit da essi fatta nel servir gli
Appestati:ivi dunque si dice che 120 Gesuiti in pi case ne rimasero vivi 50 ecc.
(Si fa la descrizione dei morti di tutti gli Istituti Religiosi a Messina).
Intorno al numero dei nostri Religiosi cos nel suddetto principale Convento,che negl'altri
contenuti in quel Distretto dalla peste parimenti attaccati secondo il calcolo dei Libri de' morti si
ha,che perirono da 300,all'incirca.Non ci cale di tutti fare memoria a riserba di quelli,che l'eroica lor
Carit dimostrarono nel servire gl'infetti,e vittime di tal virt caddero nel comune infortunio.Di
quanti si diedero a quel pietosissimo impiego non sopravvissero,che molto pochi,e qualcuno ancor
vive nell'Epoca dell'Edizione presente; qui si sottopongono i nomi di essi e d'alcuni si dovr in
particolare trattare a coerenza di altre loro distinte virt mostrate nel corso previo di loro vita
conversando fra noi. Furono dunque i seguenti, quali pure registrati nelle spesso citate Memorie di
quella Provincia:

Nota de' Cappuccini che servirono gl'infermi:


PP. Domenico da Messina - FF Antonino da Messina
Antonio da Messina - Filippo da Messina
Placido da Messina - Giovanni da Messina
Arcangelo da Messina - Rosario da Messina
Bonaventura da Messina - Serafino da Barcellona
Mariano da Messina - Gesualdo da S.Maoro
Giovanni Neupomiceno Tedesco -Antonino dalla Rocca

Sebastiano da Barcellona - Francesco dalla Rocca


Girolamo da Modena - Francesco da Rametta
Giuseppe da Malta - Bernardo da Gange
Fedele da Mistretta - Gabriele d'Al
101 - Storia della Provincia di Messina -
Gesualdo da Monforte - Arcangiolo da Tusa
Illuminato da Mistretta - Arcangiolo da Mistretta
Felice da Tripi - Diego d'Acireale
Alessandro da Ferrandina - Domenico dAl
Felice da Siviglia - Francesco d'Al Terzino
Giacinto dalla Rocca - Giuseppe d'Alcara Infermiere
Angelico da Lagonero - Mariano da Livorno.>
P.Andrea,II vol pp 5-6

NELL'ARCHIVIO PROVINCIALE non vi sono altre notizie di servizio agli ospedali


prima della soppressione del 1866,perch la vita dei Religiosi,secondo le Costituzioni,era dedicata alla
predicazione,al ministero delle confessioni,alla questua,ai lavori manuali nel convento e nell'orto.
Non rientrava nelle nostre regole l'educazione della giovent in collegi,il servizio di
cappellani d'0spedale,se pure ce n'erano a quel tempo e negli Atti della Provincia non si sono accenni o
corrispondenza epistolare che richiami tale argomento.
Bisogna arrivare ai primi decenni del 1900 per qualche notizia sporadica di servizio negli
ospedali, specialmente come cappellan
militari nelle due Grandi Guerre e finalmente come servizio permanente negli Ospedali di Messina e
Catania e servizio ridotto negli ospedali di altri luoghi della Provincia .

ATTESTATI

1921 - In Archivio si conserva un attestato della Direzione dell' Ospedale Garibaldi per il servizio
prestato dai Cappellani.

CONVEGNO CAPPELLANI

1949 - Si tenuto a Roma il primo Convegno Nazionale dei Cappellani di Ospedale, nei giorni 8-11 di
Novembre

ELENCO DEGLI OSPEDALI

Dello stesso anno una risposta alla richiesta di informazioni sugli ospedali in cui prestano
servizio i nostri Religosi:
Messina ,25 Settembre 1949

In riferimento alla Sua del 20 dello sc.m. alla quale rispondo con alquanto
ritardo perch soltanto in questi giorni ho potuto avere delle notizie precise,posso notare quanto segue:
sui Religiosi che prestano servizio quali Cappellani di ospedali:

1)- Ospedale Vittorio Emmanuele-Catania: letti n.1.000 ;


cappellani n 2,residenti nell'Ospedale,regolarmente stipendiati
2)- Ospedale Garibaldi - Catania: letti n.1.000;
cappellani n 2,residenti nell'Ospedale,regolarmente
stipendiati.
3)- Sanatorio Tubercolosario Ferrarotto . Catania:
letti n.300 : cappellano n 1.residente nel
Sanatorio,regolarmente stipendiato.
4)- Ospedale Piemonte - Messina:
letti n.400;cappellani n.2,residenti nell'Ospedale,regolarmente stipendiati.
5)- Ospedale Regina Margherita - Messina:
letti n 200 e prossimamente n 400; cappellano
n 1,residente nell'Ospedale,regolarmente stipendiato.
6)- Ospedale civico - Milazzo : letti n 60; cappellano n. 1 non
residente nell'Ospedale,regolarmente stipendiato.
7)- Ospedale civico - Bronte: letti n.60; cappellano n 1,non
102 - Storia della Provincia di Messina -
residente nell'Ospedale,regolarmente stipendiato.
8)- Ospedale civico - Randazzo : letti n 50,
cappellano n 1,non residente nell'Ospedale,regolarmente
stipendiato.

Inoltre due nostri sacerdoti fungono da cappellani rispettivamente


9)- Brefotrofio Provinciale di Messina :
bambini n.200
10)- Brefotrofio Provinciale di Catania:-bambini n 100

Fiducioso che le notizie fornite soddisfino i suoi desideri,La saluto rispettosamente e


francescanamente,augurandoLe Pace e Bene

Aff.mo nel Signore

Nella Provincia poi si sono aggiunti gli ospedali di:


Policlinico Universitario di Messina
Policlinico - Oncologico di Messina
Nicosia Ospedale civico
Petralia Sottana - Ospedale civico
Patern - Ospedale civico

Nell'Archivio non risultano le date da quando sono stati assunti gli Ospedali e nemmeno i
Cappellani sono sempre specificati nelle statistiche, quindi l'elenco dei cappellani risulta incompleto.

Cappellani residenti nei diversi anni


negli OSPEDALI DI MESSINA

Triennio OSPEDALE PIEMONTE

1917 P.Antonino Lo Cicero 15 / 11


1918 P.Carmelo La Mendola 14 / 11
1919 P.Pacifico da S.Teodoro 13 / 1
1920 P.Felice da Pettineo 2 / 5
P.Giuseppe A.da Castelb. 14 / 10
1921 P.Giacinto da Troina 21 / 1
P.Ludovico da Tusa 19 / 4
1921 P.Francesco da Troina 13 / 3
P.Filippo da Gratteri 31 / 3
P.Alessandro da Castelbuono 25 / 6
P.Arcangelo da Casalvecchio 10 / 8
P-Michela da Porto Empedocle 30 / 10
P.Luigi d'Alia 7 / 12
Attestato per il servizio di due cappellani al Piemonte
1922 P.Gesualdo da Bronte 6 / 4

P.Agostino da Castelbuono 4 / 5
P.Luigi d'Alia 3 / 7
P.Giuseppe da Caltavuturo 30 / 5
P.Innocenzo da S.Mauro 12 / 11
1923 P.Alessandro da Nicosia 5 / 4
P.Giuseppe da Francavilla 26 / 6
1924 P.Luigi da Castelbuono 2 / 1
P.Gaetano da Castelbuono 5 / 1
103 - Storia della Provincia di Messina -
1925 P.Paolino da Castelbuono 29 / 10
1926 Sagrista
1926 P.Antonio da Gangi 5 / 3
P.Giampietro da S.Teresa 7 / 7
Sagrista
1927 P.Felice da Petralia Sottana 7 / 2
1928 Sagrista
1929 P.Bernardino da Catania 25 / 4
P.Giambattista da Francavilla 20 / 10
Sagrista
1930 P.Michelangelo da Castiglione 6 / 2
P.Michele da Porto Empedocle 14 / 2
P.Giuseppe d'Alia 12 / 3
P.Anselmo da Savoca 15 / 3
P.Luigi da Castelbuono 31 / 3
P.Cristoforo da Motta 4 / 4
P.Alessandro da Castelbuono 15 / 5
P.Giuseppe da Francavilla 22 / 6
P.Corrado da Troina 25 / 7
P.Michelangelo da Castiglione 14 / 11
Sagrista
(N.B. Alcuni saranno stati supplenti di alcuni giorni)
1931 P.Alessandro da Castelbuono
P.Michelangelo da Castiglione
P.Alessandro da Nicosia 18 / 9
P.Paolo da Gangi 13 / 12
Sagrista
1932 P.Alessandro da Nicosia
1933 P.Francesco Paolo da Gangi 8 / 3
Sagrista

1933 P.Francesco Paolo da Gangi


P.Alessandro da Nicosia
Sagrista
1934 P.Angelo da Castellana
1935 P.Francesco Paolo da Gangi
P.Alessandro da Nicosia
P.Albino da Nicosia 10 / 11
Sagrista
1936 P.Francesco Paolo da Gangi
1937 P.Angelo da Castellana
Sagrista
1936 P.Francesco Paolo da Gangi
P.Angelo da Castellana
Sagrista
1938 P.Francesco Paolo da Gangi
1939 P.Angelo da Castellana
Sagrista
1938 P.Francesco Paolo da Gangi
1939 P.Ferdinando da Casalvecchio
Sagrista
1940 P.Francesco Paolo da Gangi
1941 P.Felice da S.Mauro 9 / 1
P.Giacinto da Troina 16 / 7
Sagrista
1940 PGiampietro da S.Teresa
P.Francesco Paolo da Gangi
P.Tommaso da Valledolmo 30 / 10
104 - Storia della Provincia di Messina -
Sagrista
1942 P.Francesco Paolo da Gangi
1943 P.Tommaso da Valledolmo
Sagrista
1942 P.Tommaso da Valledomo
1943 P.Francesco Paolo da Gangi
Sagrista
(N.B. Il reparto Ostetrico trasferito all'Ospedale di Cristo Re)

1943 . 1945 P.Tommaso da Valledolmo


P.Francesco Paolo da Gangi

P.Giampietro da S.Teresa 24 / 10
Sagrista
1946-1947 P.Giampietro da S.Teresa
P.Ferdinando da Casalvecchio
Sagrista
1947-1948 P.Tomaso da Valledolmo
P.Giampietro da S.Teresa
Sagrista
1949 P.Tommaso da Valledolmo
P.Giampietro da S.Teresa
P.Clemente da Catania 11 / 9
P.Bonaventura da Gangi 2 / 10
P.Emidio da Bompietro 25 / 10
1950 P.Tommaso da Valledolmo
P.Emidio da Bompietro
P.Roberto da Linguaglossa 13 / 9
P.Rosario da Caltavuturo 24 / 9
Sagrista
1951 P.Rosario da Caltavuturo
P.Roberto da Linguaglossa
Sagrista
1952 P.Rosario da Caltavuturo
P.Giacrisostomo da Castigl.21 / 12
Sagrista
1953 P.Giacrisostomo da Castigl.
P.Tommaso da Valledolmo
P.Giuseppe da Gangi 26 / 10
Sagrista
1954 - 1956 P.Tommaso da Valledolmo
P.Celestino da Geraci
Sagrista
1957-1959 P.Tommaso da Valledolmo
P.Anselmo da Savoca
P.Antonio da Locati 18 / 9 / 59
Sagrista
1960-1962 P.Tommaso da Valledolmo
P.Antonio da Locati
P.Rosario da Caltavuturo 30 / 8 / 62

Sagrista
1963-1965 P.Antonio da Locati
P.Bonaventura da Catania
Sagrista
1965-1968 P.Antonio da Locati
P.Bonaventura da Catania
P.Emidio da Bompietro 3 / 9
105 - Storia della Provincia di Messina -
P.Calogero da Longi 11 / 12 / 65
Sagrista
1968-1971 P.Teodoro Blando
P.Davide Caudullo
P.Bonaventura Barbagallo 22 / 8 / 70
1971-1974 P.Davide Caudullo
P.Bonaventura Barbagallo
1974-1977 P.Davide Caudullo
P.Bonaventura Barbagallo
1977-1980 P.Bonaventura Barbagallo
P.Luigi Valenza 8 / 10 / 77
1980-1983 P.Luigi Valenza
P.Rocco Valenza
P.Bonaventura Barbagallo
1983-1986 P.Agrippino Angenica
P.Bonaventura Barbagallo 14 / 10
1986-1989 P.Bonaventura Barbagallo
1989-1992 P.Bonaventura Barbagallo
1992-1995 P.Daniele Virga
1995-1998 P.Benigno Prestigiovanni
1998 P.Benigno Prestigiovanni

NOTE

1893 - Nell'Ospedale Piemonte hanno prestato servizio le Suore di S.Vincenzo dei Paoli
(Figlie della Carit),giunte l'anno 1893 per volere di Mons. Guarino,Arcivescovo di Messina.

1917 - I Frati Cappuccini iniziano il loro servizio ospedaliero l'anno 1917.Prima di loro prestavano
servizio Sacerdoti Diocesani.

1932 - Il Lebbrosario,ove fanno servizio anche i Cappellani del Piemonte stato aperto il 14-12-
1932.

1935 - Il P.Procuratore chiede spiegazione come si trovano giuridicamente a posto con le


Costituzioni i due cappellani dell'Ospedale Piemonte.

1956 - La Curia Arcivescovile di Messina esorta a non considerare come Parrocchia la chiesetta
dell'Ospedale ed indirizzare i fedeli per gli atti ufficiali alla Parrocchia .

OSPEDALE RERGINA MARGHERITA

1947-1948 - P.Deodato da Troina


1949 P.Deodato da Troina
1950 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1951 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1952 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1953 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1954-1956 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1957-1959 - P.Giuseppe da Caltavuturo
1960-1962 - P.Emidio da Bompietro
1963-1965 - P.Rosario da Caltavuturo
1965-1968 - P.Rosario da Caltavuturo
1968-1971 - P.Celestino Lombino
1971-1974 - P.Rosario Sacco
1974-1977 - P.Rosario Sacco
1977-1980 - P.Adriano Virga
1980-1983 - P.Adriano Virga
1983-1986 - P.Adriano Virga
106 - Storia della Provincia di Messina -
1986-1989 - P.Luigi Valenza
1989-1992 - P.luigi Valenza
1992-1995 - P.Adriano Virga
1995-1998 - P.Luigi Valenza
1998 - P.Luigi Valenza

POLICLINICO UNIVERSITARIO DI MESSINA

1971-1974 - P.Teodoro Blando


P.Giacinto Manto
1974-1977 P.Teodoro Blando
P.Giacinto Manto
1977-1980 P.Giacinto Manto
P.Francesco Gullo
1980-1983 P.Giacinto Manto
P.Francesco Gullo
1983-1986 P.Giacinto Manto
P.Francesco Gullo
1986-1989 P.Adriano Virga
P.Giacinto Manto
P.Francesco Gullo
1989-1992 P.Adriano Virga
P.Giacinto Manto
P.Santo Domina
1992-1995 P.Giacinto Manto
P.Agrippino Angenica
P.Benigno Prestigiovanni
1995 -1998 P.Giacinto Manto
P.Bonaventura Barbagallo
P.Edoardo De Felice
(Oncologico)
1998 - P.Giacinto Manto

OSPEDALI DI CATANIA

Triennio Ospedale Vittorio Emmanuele

1921 Attestato della Direzione dell'Ospedale per il


servizio dei cappellani.
1922-1925 P.Basilio da S.Marco ?
107 - Storia della Provincia di Messina -
1925-1928 P.Basilio da S.Marco?
1928-1932 P.Ludovico da Tusa
1932-1934 P.Ludovico da Tusa
1934-1937 P.Ludovico da Tusa
1937-1940 P.Giuseppe A. da Cast.
1940-1944 P.Ludovico da Tusa
1944-1947 P.Ludovico da Tusa
1947-1950 P.Anselmo da Cast.
1950-1953 P.Gesualdo da Bronte
1953-1956 P.Giuseppe A. da Castelbuono
1956-1959 P.Giuseppe A.da Castelbuono
P.Giovanni da Castelbuono
1959-1962 P.Giuseppe da Castelbuono
P.Giovanni da Castelbuono
1962-1965 P.Giovanni da Castelbuono
P.Clemente da Catania
1965-1968 P.Giovanni da Castelbuono
P.Clemente da Catania
1968-1971 P.Giovanni Scialabba
P.Clemente Codiglione
1971-1974 P.Giovanni Scialabba
P.Giacrisostomo Zumbo
1974-1977 P.Giovanni Scialabba
P.Giacrisostomo Zumbo
1977-1980 P.Giovanni Scialabba
P.Giacrisostomo Zumbo
1980-1983 P.Giovanni Scialabba
P.Giancrisostomo Zumbo
P.Carlo Lazzaro

1983-1986 P.Giovanni Scialabba


P.Giacrisostomo Zumbo
1986-1989 P.Giovanni Scialabba
P.Giacrisostomo Zumbo
1989-1992 P.Giovanni Scialabba
P.Ciancrisostomo Zumbo
1992-1995 P.Giancrisostomo Zumbo
P.Vittorio Trovato
P.Pierluigi Castorina
1995-1998 P.Giancrisostomo Zumbo
P.Pierluigi Castorina
1998 P.Giacrisostomo Zumbo
P.Pierluigi Castorina

OSPEDALE GARIBALDI

1922-1925 - P.Fedele da Mineo


1925-1928 - P.Fedele da Mineo
1928-1932 - P.Francesco da Randazzo
1932-1934 - P.Luigi da Randazzo
1934-1937 - P.Luigi da Randazzo
1937-1940 - P.Luigi da Randazzo
1940-1944 - P.Fedele da Troina
1944-1947 - P.Fedele da Troina
1947-1950 - P.Angelico da Castelbuono
1950-1953 - P.Alessandro da Castelbuono
1953-1956 - P.Anselmo da Castelbuono
108 - Storia della Provincia di Messina -
1956-1959 - P.Alessandro da Castelbuono
P.Antonio da Misitano
1959-1962 - P.Alessandro da Castelbuono
P.Antonio da Misitano
1962-1965 - P.Antonio da Misitano
P.Celestino da Geraci
1965-1968 - P.Antonio da Misitano
P.Silvestro da Gangi
1968-1971 P.Antonio Lo Re
P.Silvestro Nasello

1971-1974 - P.Antonio Lo Re
P.Celestino Lombino
1974-1977 - P.Antonio Lo Re
P.Silvestro Nasello
1977-1980 P.Daniele Virga
P.Silvestro Nasello
1980-1983 - P.Daniele Virga
P.Silvestro Nasello
1983-1986 - P.Daniele Virga
P.Carlo Lazzaro
1986-1989 - P.Daniele Virga
P.Carlo Lazzaro
1989-1992 - P.Daniele Virga
P.Carlo Lazzaro
1992-1995 - P.Carlo Lazzaro
P.Giorgio Alongi
1995-1998 P.Carlo Lazzaro
1998- P.Carlo Lazzaro

OSPEDALE FERRAROTTO

1953-1956 - P.Francesca da Petralia


1956-1959 - P.Andrea da Castellana
1959.1962 - P.Andrea da Castellana
1962-1965 - P.Andrea da Castellana
1965-1968 - P.Andrea da Castellana
1968-1971 - P.Andrea Asciutto
1971-1974 - P.Andrea Asciutto
1974-1977 - P.Andrea Asciutto
1977-1980 - P.Carlo Lazzaro
1980-1983 - P.Attilio Franco
1983-1986 - P.Attilio Franco
1986-1989 - P.Attilio Franco
1989-1992 - P.Attilio Franco
1992-1995 - P.Attilio Franco
1995-1998 - P.Attilio Franco
1998 - P.Attilio Franco

OSPEDALE S.LUIGI

1956-1959 - P.Ignazio da Bronte


1959-1962 - P.Ignazio da Bronte
1962-1965 - P.Ignazio da Bronte
1965-1968 - P.Ignazio da Bronte
1968-1971 - P.Ignazio Marullo
109 - Storia della Provincia di Messina -
1971-1974 - P.Ignazio Marullo
1974-1977 - P.Daniele Virga
1977-1980 - ----
1080-1983 - P.Eugenio Piro
1983-1986 - P.Eugenio Piro
1986-1989 - P.Zaccaria Cordua ?
1989-1992 - P.Zaccaria Cordua
1992-1995 - P.Eugenio Piro
1995-1998 - P.Eugenio Piro
1978 - P.Eugenio Piro

I primati dei Cappellani

Messina

1 . P.Bonaventura Barbagallo -1965 al 1996 33 anni


2 - P.Giacinto Manto - 1971 al 1999 29 anni
3 - P.Luigi Valenza . 1977 al 1999 22 anni
4 - P.Adriano Virga - 1977 al 1995 18 anni
5 - P.Rosario Sacco - 1950 al 1977 18 anni
6 - P.Tommaso Cristina - 1940 al 1962 17 anni
7 - P.Francesco Paolo Bevacqua - 1932 al 1944 11 anni
8 - P.Giampietro Rigano - 1940 al 194 10 anni
9 - P.Giuseppe Prinzivalli - 1950 al 1959 10 anni
10 - P.Antonio Pollara - 1961 al 1968 9 anni
11 - P.Teodoro Blando - 1968 al 1977 9 anni
12 - P.Davide Caudullo - 1968 al 1977 9 anni
13 - P.Emidio Di Figlia - 1949-50 e 1965-68 6 anni

I primati dei Cappellani

Catania

1 - P.Giovanni Scialabba - 1956 al 1992 36 anni


2 - P.Giovanni Crisost. Zumbo - 1971 al 1999 27 anni
3 - P.Antonio Lo Re - 1956 al 1977 21 anni
4 - P.Andrea Asciutto - 1956 al 1977 21 anni
5 - P.Carlo Lazzaro - 1977 al 1999 21 anni
6 - P.Daniele Virga - 1974 al 1992 + 3 a Mes. 21 anni
7 - P.Ignazio Marullo - 1958 al 1974 18 anni
8 - P.Ludovico Purpura - 1908 1947 15 anni
9 - P.Attilio Franco - 1983 al 1999 15 anni
10 - P.Giuseppe Ant.Noce - 1937-40 e 1953-62 12 anni
11 - P.Eugenio Piro - 1980-86 e 1992-99 12 anni
12 - P.Clemente Codiglione - 1962 al 1979 9 anni
13 - P.Pierluigi Castorina - 1992 al 1999 8 anni
14 - P.Zaccaria Cordua - 1986 al 1992 6 anni

APPENDICE 2
110 - Storia della Provincia di Messina -

PARROCCHIE

AFFIDATE ALLA PROVINCIA

DI MESSINA

DEI FRATI MINORI CAPPUCCINI

Elenco delle Parrocchie affidate alla nostra Provincia dai Vescovi della
Sicilia,nello scorcio di questo secolo.
Di ogni Parrocchia si riporta
1 Il luogo
2 Il titolo della Chiesa
3 L'anno di affidamento all'Ordine
o ad Personam
4 Il primo parroco eletto
5 La serie dei Parroci seguenti
6 L'anno in cui si lasciata la Parrocchia

1910 GIARDINI (Messina)


<<Parrocchia Maria SS. della Raccomandata >>

1913 - 1922 MILI S. MARCO (Messina)


<<Parrocchia S.Marco >

1917 MESSINA
<<Parrocchia Maria SS. del Rosario di Pomp

1917 LIPARI (Messina)


<< Parrocchia di Porto Salvo >>

1922 ALI' SUPERIORE (Messina)


<<Parrocchia S.Agata Martire

1922 CASTELLANA SICULA (Palermo)


<< Parrocchia . . . . >>?

1922 MANDANICI (Messina)

<< Parrocchia . . . . . . . . >> ?

1925 ? LASCARI ( Palermo)


<< Parrocchia . . . . . . . .>> ?

1925 ROCCALUMERA (Messina)


<<Parrocchia Maria SS.del Carmelo >>

1939 GIARRE (Catania)


<< Parrocchia S.Francesco al Carmine >>

1949 CATANIA
<<Parrocchia S. Cuore di Ges >>
111 - Storia della Provincia di Messina -

1966 PATERNO' (Catania)


<<Parrocchia S.Francesco all'Annunziata >>

1967 GIARDINI (Messina)


<<Parrocchia Immacolata >>

1968 MILAZZO (Messina)


<< Parrocchia SS.Rosario >>

1970 TROINA (Enna)


<< Parrocchia S.Maria degli Angeli

1971 PETRALIA SOPRANA - RAFFO (Palermo)


<< Parrocchia Beata Maria Vergine Addolorata >>

1971 S.DOMENICA VITTORIA (Messina)


<< Parrocchia S.Antonio Abate >>

1971 MESSINA - Villaggio UNRRA


<< Parrocchia Madonna della Pace >

1972 LOCATI (Palermo)


<<Parrocchia della Sacra Famiglia >>

1973 MESSINA - Minissale


<< Parrocchia Stella Maris >>

1975 ALTOLIA (Messina)


<< Parrocchia S.Maria del Tindari >

1978 PETRALIA SOPRANA - FERRARELLO (Palermo)


<< Parrocchia S.Giuseppe >

1979 MOTTA CAMASTRA ( Messina)


<< Parrocchia S.Michele Arcangelo >>

1982 CEFALU' (Palermo)


<<Parrocchia S.Francesco d'Assisi >

PARROCCHIE AFFIDATE ALLA PROVINCIA


(ordine alfabetico)
1 - ADRANO -
Titolare: Santa Maria degli Angeli
Affidata all'Ordine nel 1969
Il primo parroco designato : P.Dionigi La Mela
d'Adrano,parroco dal 1969 al 1983 (14 anni)
1983-1986 - Parroco P.Giorgio Alongi d'Adrano
1986-1989 - Parroco P.Benigno Prestigiovanni da
Castelbuono
1989-1997 - Parroco P.Liborio Biundo da Castelbuono
1997 - Parroco P.Antonio Raimondo da Castelbuono
2 - ALI' SUPERIORE -
Titolare: S.Agata Martire
112 - Storia della Provincia di Messina -
Affidata ad personam nel 1922
Il primo Parroco designato P.Carlo d'Alcara
Nel 1925 non risulta pi nella statistica
3 - ALTOLIA -
Titolare : S.Maria del Tindari
Affidata ad personam nel 1975
Parroco designato: P.Rosario Sacco da Caltavuturo
1975-1985 - Parroco :P.Rosario Sacco
1985 - Si lascia la Parrocchia dopo 10 anni
4 - CASTELLANA SICULA -
Titolare della Parrochia: ?
Affidata ad persona nel 1922
Primo parroco designato P.Benedetto da Castellana Sicula
Nel 1925 P.Benedetto ha chiesto l'esclaustrazione e
quindi rimasto Parroco come prete secolare.
5 - CATANIA -
Titolare:Sacratissimo Cuore di Ges
Affidata all'Ordine nel 1949
Primo Parroco designato:P.Venanzio Randazzo da Gangi
1950-1953 - P.Venanzio Randazzo
1953-1962 - P.Gabriele Merlino da Rometta ( 9 anni)
1962-1971 - P.Leonardo Napoli da Gangi ( 9 anni)
1971- 1974 - P.Massimo Barreca da Castelbuono

1974-1989 - P.Pierluigi Castorina da Catania ( 15 anni)


1989-1992 - P. Teodoro Di Bella da Castelbuono
1992-1997 - P.Domenico Verde da Catania
1997 - P.Liborio Biundo da Castelbuono
6 - CEFALU'
Titolare: S.Francesco d'Assisi
Affidata all'Ordine nel 1982
Primo Parroco designato: P.Giuseppe Vincenzo Di Bella da C.
1983-1989: P.Giuseppe Vincenzo Di Bella
1989-1992: P.Aurelio Biundo da Castelbuono
1992 - Si lascia la Parrocchia dopo 9 anni
7- FERRARELLO - Frazione di Petralia Soprana
Titolare:S.Giuseppe
Affidata ad personam nel 1978
1978 Primo Parroco designato: P.Adriano Virga da Gangi
1978-1983 -E' servita ancora dalla Fraternit di Gangi
8- GIARDINI -
Titolare: Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria
Affidata all'Ordine nel 1967
Primo Parroco designato: P.Edoardo Di Felice da Cerda
1967-1992 - P.Edoardo Di Felice da Cerda ( 25 anni )
Si deve a lui il completamento e l'arredamento del
tempio dell'Immacolata.
1992-1995 - P-Francesco Gullo da Linguaglossa
1995-1997 - P.Teodoro Di Bella da Castelbuono
1997 - P.Teodoro Di Bella da Castelbuono
9 - GIARDINI -
Titolare : Maria SS. della Raccomandata
Affidata ad personam nel 1910
Primo Parroco designato:P.Antonio la Macchia da Patti
1910-1914 - Il parroco abitava nella canonica
annessa alla chiesa.Costruito il Convento a
Villagonia nel 1914,dimorava in convento e si recava
due volte al giorno in Parrocchia.
113 - Storia della Provincia di Messina -
1914-1965 - P.Giammaria Puzzolo da Casalvecchio (51 anni)
Nel 1966 si pens di chiedere l'affidamento della
Parrocchia all'Ordine e allo smembramento in due
del territorio creando la Parrocchia dell'Immaco-

l'Immacolata,anch'essa affidata all'Ordine.


1965-1968- P.Bernardino Piazza da Gangi
1968-1992 - P.Giuseppe Antonio Seminara da Gangi (24 anni)
1992-1995 - P.Bernardino Piazza da Gangi
1995-1997 - P.Giuseppe Vincenzo Di Bella da Castelbuono
1997 - P.Giuseppe Vincenzo Di Bella da Castelbuono
10 - GIARRE -
Titolare:S.Francesco d'Assisi al Carmine
Affidata all'Ordine nel 1939
Primo Parroco designato:P.Giuseppe Prinzivalli da Caltavut.
1940-1944 - P.Giuseppe Prinzivalli
1944-1968 - P. Ambrogio Pepe da S.Mauro Castelv.( 24 anni )
1968-1971 - P.Giuseppe Raimondo da Castelbuono
1971-1977 - P.Antonio Di Marco d'Alia ( 6 anni )
1977-1997 - P.Diego Sorbello da Randazzo
1997- P.Diego Sorbello da Randazzo
11 - LASCARI -
Titolare della Parrocchia: ?
Affidata ad personam nel 1925 ?
Primo Parroco designato P.Maurizio da Gangi
1925-1934 - P.Maurizio da Gangi ( 9 anni)
Nel 1934 si lascia la Parrocchia
12 - LIPARI -
a) Titolare:S.Maria di Porto Salvo
Dal 1930 al 1932 Economo Spirituale:
P.Salvatore da Tusa
Dal 1932 al 1935 Economo Spirituale
P.Rosario da Resuttano
Affidata ad personam nel 1935
Primo Parroco designato P-Maurizio Scibona da Gangi
1935-1956 - P.Maurizio Scibona ( 21 anni )
1956-1977 - P.Agostino Lo Cascio da Giardini ( 21 anni )
Con la morte di P.Agostino si lasciata la
Parrocchia.
b) Titolare:S.Lucia
Affidata per qualche anno ad personam
Parroco designato nel 1974 P.Giorgio Alongi d'Adrano
Poi P.Piergiovanni Sanfilippo da Bronte

13 - LOCATI -
Titolare: Sacra Famiglia
Affidata ad personam nel 1972
Primo Parroco designato: P.Terenzio Manto da Gangi
Nel 1974 si lascia la Parrocchia
14 - MANDANICI -
Titolare della Parrocchia: ?
Affidata ad personam nel 1925?
Primo Parroco designato:P.Felice da Petralia Sottana
Non si sa quando si lasciata.
15 - MESSINA -
Titolare: Maria SS.del Rosario di Pompei
Affidata all'Ordine nel 1917
114 - Storia della Provincia di Messina -
Primo Parroco designato: P.Domenico Fisicaro da Troina
( Per la serie dei Parroci vedi Scheda
particolare in Messina)
16 - MESSINA - (Minissale)
Titolare: Stella Maris
Affidata ad personam nel 1973
Primo Parroco designato: P.Gabriele Barreca da
Castelbuono
1974-1989 - P-Gabriele Barreca ( 15 anni )
Nel 1989 si lasciata la Parrocchia
17 - MESSINA - ( Contesse )
Titolare: Madonna della Pace
Affidata ad personam nel 1971
Primo Parroco designato: P.Luigi Leta da
Castelbuono
1971- 1995 - P.Luigi Leta ( 23 anni )
Si deve a lui la costruzione della Chiesa Madonna
della Pace
Nel 1995 si lasciata la Parrocchia
18 - MILAZZO -
Titolare: Nostra Signora del S.Rosario
Affidata ad personam nel 1965
Primo Parroco designato:P.Davide Caudullo da
Bronte
1965-1968 - P.Davide Caudullo

1968-1980 - P.Bartolomeo Scancarello da Geraci Siculo


( 12 anni )
1980-1997 - P.Davide Caudullo da Bronte
19 - MILI S. MARCO -
Titolare: S.Marco Evangelista
Affidata ad personam nel 1922
Primo Parroco designato: P.Giuseppe Antonio Noce
da Castelbuono
1922-1936 - P-Giuseppe Antonio Noce ( 14 anni )
N.B. Dal 1913 al 1922 prestarono servizio in
qualit di Cappellani:
P.Mariano Cristina da Valledolmo
P.Gioacchino Gugliotta da Naso
P.Bonaventura Cicala da Savoca
P.Lorenzo Carollo da Castelbuono
P.Giuseppe Antonio Noce da Castelbuono
P.Michele Sottile da Porto Empedocle
P.Agostino Span da Bronte
Nel 1936 si lascia definitivamente la
Parrocchia
20 - MOTTA CAMASTRA -
Titolare:S.Michele Arcangelo
Affidata ad personam nel 1979
Primo Parroco designato: P.Concetto Lo Giudice da
Linguaglossa
1980-1995 - P.Concetto Lo Giudice
1995-1997 - P.Concetto Lo Giudice
1997- P.Concetto Lo Giudice
21 - PATERNO' -
Titolare: S.Francesco all'Annunziata
Affidata all'Ordine nel 1966
115 - Storia della Provincia di Messina -
Primo Parroco designato: P.Stefano Chichi da Geraci Siculo
1966-1971 - P.Stefano Chichi ( 5 anni )
1971-1992 - P-Emilio Manitta da Roccella Valde.e ( 19 anni )
1992-1997 - P.Aurelio Biundo da Castelbuono
1997- P.Aurelio Biundo da Castelbuono

22 - ROCCALUMERA -
Titolare: Maria SS.del Carmelo ?
Affidata ad personam nel 1925
Primo Parroco designato:P.Salvatore da Valledolmo
Non si sa quando si lasciata la Parrocchia
23 - RAFFO - Frazione di Petralia Soprana -
Titolare:Beata Maria Vergine Addolorata
Affidata ad personam nel 1971
Primo Parroco designato: P.Rocco Valenza
daPetralia Sottana
1971-1977 - P.Roccco Valenza
1977-1989 - P.Francesco Balsamello da Gangi ( 12 annni )
1989-1997 - P.Cataldo Manzone da Gangi
N.B. Dal 1992 P.Cataldo Manzone risulta
Parroco anche di un'altra Frazione:S.Giovanni.
Sono ancora servite dalla Fraternit di Gangi
24 - S.DOMENICA VITTORIA -
Titolare: S.Antonio Abate
Affidata ad personam nel 1971
Primo Parroco designato: P.Stefano Chichi da Geraci Siculo
1971-1996 - P.Stefano Chichi ( 25 anni )
N.B. nel 1996 si lascia definitivamente la Parrocchia.
25 - TROINA -
Titolare:S.Maria degli Angeli
Affidata all'Ordine nel 1970
Primo Parroco designato.P.Gregorio Centamore da Troina
1971-1983 - P.Gregorio Centamore ( 12 anni )
1983-1997 - P.Piergiovanni Sanfilippo da Bronte
1997 - Si lacia definitivamente la Parrocchia

N.B. Per mancanza di notizie e di fonti del nostro archivio,certamente l'elenco sar incompleto e
lacunoso.
Chi avesse delle notizie particolareggiate su qualche parrocchia pregato di comunicarne i dati
all'Archivista Provinciale.

I primati dei Parroci:

1 - P.Giammaria Puzzolo - Giardini - Raccomandata 51 anni


2 - P.Davide Caudullo - Milazzo - S.Rosario 30 anni
3 - P.Gerardo Raimondi - Messina - Pompei 28 anni
4 - P.Edoardo De Felice - Giardini - Immacolata 25 anni
5 - P.Stefano Chichi - S.Domenica V.- S.Anton.Ab. 25 anni
6 - P.Ambrogio Pepe - Giarre - S.Franc.al Carm. 24 anni
7 - P.Giuseppe Seminara - Giardini - Raccomandata 24 anni
8 - P.Luigi Leta . Messina - Madonna della Pace 23 anni
9 - P.Maurizio Scibona - Lipari - Porto Salvo 21 anni
116 - Storia della Provincia di Messina -
10 - P.Agostino Lo Cascio - Lipari - Porto Salvo 21 anni
11 - P.Diego Sorbello - Giarre - S.Franc. al Carm. 21 anni
12 - P.Emilio Manitta - Patern - S.Fransc. all'An. 19 anni
13 - P.Domenico Puccia - Messina - Pompei 18 anni
14 - P.Concetto Lo Giudice - Motta C.- S.Michele 18 anni
15 - P.Gabriele Barreca - Messina - Stella Maris 15 anni
16 - P.Pierluigi Castorina - Catania - S.Cuore 15 anni
17 - P.Giuseppe Noce - Mili S.Marco - S.Marco 14 anni
18 - P.Dionigi La Mela - Adrano - S.M.degli Angeli 14 anni
19 - P.Francesco Balsamello - Raffo - M.V.Addol. 12 anni
20 - P.Gregorio Centamore - Troina - S.M.Angeli 12 anni

Al servizio dell'Archidiocesi di Messina:


1 Al Superiore
2 Altolia
3 Giardini - Raccomandata
4 Giardini - Immacolata
5 Lipari - Porto Salvo e S.Lucia
6 Mandanici
7 Messina . Pompei
8 Messina . Minissale
9 Messina - Unrra Casas
10 Milazzo
11 Mili S.Marco
12 Motta Camastra
13 Roccalumera
14 S.Domenica Vittoria

Al servizio della Diocesi di Cefal


1 Castellana Sicula
2 Cefal
3 Lascari
4 Locati
5 Petralia Sopr.Ferrarello
6 Petralia Sopr.Raffo
Al servizio dell'Archidiocesi di Catania
1 Adrano
2 Catania
3 Patern
Al servizio della Diocesi di Acireale
1 Giarre

Al servizio della Diocesi di Nicosia


1 Troina

APPENDICE 3
Scrittori che hanno raccolto notizie sulla Provincia
1 - P.Agostino Lo Cascio da Giardini
117 - Storia della Provincia di Messina -

1 - I Frati Cappuccini a Lipari - Storia dei due conventi


e dei Cappuccini liparesi pi insigni
Stab.Tip. Fratelli Viaggio - Campo -- Catania 1962
cm 24x17 pp 198

2 - I Frati Minori Cappuccini in Taormina e Giardini -


Storia dei due conventi e dei Cappuccini
Taorminesi pi insigni
Spes - Milazzo - 1965 - cm 24x18 pp 175

3 - P.Felice da Lipari - P.Felice Fenech 1792-1866


Spes - Milazzo - 1971 - cm 24x18 pp 108

4 - Padre Diego Sgroj Cannata - da Messina 1604-1673


Spes - Milazzo - 1969 - cm 24x16

5 - P.Placido Oliva da Messina - Cappuccino - 1812-1877


Edizioni Francescane Mad.di Pompei - Messina
1973 cm 24x16 pp 84

2 - P.Alfonso Romano d'Adrano

6 - Convento di Adrano - La chiesa e il convento


Padri e Frati laici del convento
Manoscritto legato - pp 20 - 1923

7- Fra Giuseppe d'Adrano,laico cappuccino


Tip.Fratelli Viaggio - Catania - cm 16x11 pp 50

3 - P.Andrea Felice da Patern

8 - Notizie storiche degli uomini illustri per fama di santit


e di lettera,che han fiorito nell'Ordine dei FF.MM.
Cappuccini della Provincia di Messina in Sicilia
Stamperia Gioachino Puleo - Catania - 1780-1781
Due volumi. 1 cm 30x22 pp 306 - 2 vol. pp 380

4 - P.Anselmo Grassi d'Acireale

9 - Avvenimenti dei Cappuccini della Provincia


di Messina dal 1603 al 1654
ossia copie della vita e gesta d'alcuni servi
di Dio della Provincia
2 volumi: 1 pp 230 - 2 pp 132 - 1654
Manoscritto nell'Archivio di Stato di Milano

5 - P.Arcangelo Cal da Taormina

10 - Il Santuario di nostra Signora di Gibilmanna


sopra Cefal in Sicilia
Tipografia del Progresso - 1877- pp 47

6 - P.Bonaventura Dina da Gangi

11 - I Missionari Cappuccini della Provincia di Messina


Numero speciale Bollettino Ufficiale
Catania - 1961 - pp 175

7 - P.Bonaventura Seminara da Troina

12 - Breve ma certa e veridica Notizia delle Fondazioni


dei Conventi dei RR.PP.Cappuccini della
118 - Storia della Provincia di Messina -
Provincia di Messina- delli Capitoli Generali
e Provinciali- dei Frati Defonti in essa.
Cominciando dal 1603 con alcune coriosit
prima che finiscono
Manoscritto legato - 1670 - cm 21x13 - in 4 libri

8 - P Carlo Cosari d'Alcara Li Fusi

13 - I Cappuccini a Catania
Dattiloscritto legato - protocollo pp 70

9 - P.Concetto Lo Giudice da Linguaglossa

14 - La Custodia di Pietro Bencivinni


Nella chiesa di Linguaglossa
Santo Cal Editore - 1967 - cm 23x12 pp 80

10 - P.Costantino Mongioi da Cerami

15 - Notizie storiche dei Frati Minori Cappuccini


della Provincia di Messina

Raccolta di biografie / cenni biografici /


necrologie di alcuni religiosi della medesima
Provincia degni di memoria.... vissuti nei
secoli XIX e XX
Manoscritto legato - cm 21x14 pp 315

16 - Raccolta di cenni storici dei conventi,degli artisti


cappuccini della Provincia ed alcune pitture
che sono opere d'arte
Manoscritto legato - cm 27x18

17 - Monografia del nuovo e vecchio convento


dei Cappuccini di Nicosia-Erbitense /
compilata da P.Costantino da Cerami,
alunno della Provincia Cappuccini di Messina
Manoscritto legato - 1930 - cm 32x21 pp 196

11 - P.Costantino d'Acireale

18 - Visitatio Generalis facta a R.P. Costantino ab Aci....


in conventibus eiusdem Provinciae
anno 1746
Manoscritto della Biblioteca Zelantea
di Acireale - 1746 (in archivio in fotocopia)

12 - P.Domenico Fisicaro da Troina

19 - Sul diritto della Priorit di origine


Edito a Messina - Tip.G Crupi - 1914

13 - P.Felice Cangelosi da S.Mauro Castelverde

20 - Cenni storici sul Convento di S.Mauro Castelverde


Dattiloscritto legato senza data

14 - P.Gaspare Trapani da Petralia Sottana


119 - Storia della Provincia di Messina -
21 - La vita del P.Francesco Maria da Naso,
missionario cappuccino - stampato a Palermo nel 1782

15 - P.Gesualdo De Luca da Bronte

22 - Il Santuario di Maria SS.di Gibilmanna,


Convento dei RR.PP.Cappuccini
in territorio di Cafal
Tip.del Reale Ospizio di Ben. Catania - 1856

23 - Vita del Venerabile Felice da Nicosia,


laico professo cappuccino
Tip.di Crescenzio Galatola - Catania - 1861

16 - P.Giammaria da Tusa - Ministro Generale

24 - Commemorazione del IV Centenario della nascita


di P.Giammaria,13 Ministro Generale dell'Ordine

17 - P.Girolamo da Linguaglossa

25 - Libro delle cose pi notabili del Convento di


Nicosia
Manoscritto - cm 20x12

18 - P.Giuseppe Citt Bertola da Castelbuono

26 - I Frati Cappuccini a Patern


Stampato a Patern - cm 32x24 - 1992 - 2 vol.

19 - P.Giuseppe De Francesco da Linguaglossa

27 - I Cappuccini a Linguaglossa
Stampato a Catania - cm 21x12 - 1931

28 - In memoria del M.R.P.Vincenzo da Bronte


Edito Tip.Sociale di Bronte -. 1913

20 - P.Giuseppe Raimondo da Castelbuono

29 - Sia per l'amor di Dio - Schizzo della vita


del Beato Felice da Nicosia
Edito a Nicosia - 1951

30 - Fascino del Calvario - Fra Vittorio Maria


Calandra da Troina - Studente
Editr. francescana - Messina 1962 - pp 180

31 - La scoperta di un gran tesoro - Vita del


Ven.P.Gesualdo da Reggio - 17725-1803
Edito a Catanzaro - 1974 - pp 134

32 - Nel quarto centenario della fondazione


del Convento Cappuccini di Acireale
Edito in Acireale - 1975

33 - Il Beato Felice da Nicosia


Ediz. Antonino Sframeni - Messina 1988
120 - Storia della Provincia di Messina -

21 - P.Giuseppe Scarvaglieri d'Adrano

34 - Comunit religiosa e programmazione pastorale -


Indagine socio-religiosa della Provincia
Dattiloscritto legato - pp 78 - Messina

22 - P.Giustino Filiti da Patti

35 - Il Convento e i Frati di Patti


Dattiloscritto legato - pp 78

36 - Accenni storici sui Conventi della Provincia -


Frati illustri - Scrittori ed opere
Dattiloscritto legato - pp 134

37 - Capitoli Provinciali dal 1534 al 1573


e dal 1574 al 1934
Manoscritto legato - pp 100

22 - P.Lorenzo Carollo da Castelbuono

38 - Il Convento e la Chiesa dei PP.Cappuccini


di Castelbuono
Tip.Pontificia - Palermo - cm 18x12 - pp 72 - 1936

23 -P.Luigi Magro da Randazzo

39 - Notizie storiche sul Convento e sui


Frati di Patern -
P.Michele Moncada da Patern
Tip.Rinascente - Catania - cm 18x12 - 1931

40 - Cenni storici sulla citt di Randazzo


Manoscritto legato inedito senza data.

24 - P.Luigi Rinaldi da Petralia Sottana

41 - Notizie sul convento di Petralia Sottana


Manoscritto inedito senza data

25 - P.Mariano Cristina da Valledolmo

42 - Vita del Beato Felice da Nicosia


Manoscritto inedito senza data - pp 348

43 - Profili di Religiosi Cappuccini della Provincia


di Messina dal 1582 al 1786
Pubblicati in " Madonna di Pompei"
Messina - sino al 1935

26 - P.Placido Burrascano da Castroreale

44 - Il Convento dei Cappuccini di Castroreale


Memorie storiche
Edito a Catania - 1890
121 - Storia della Provincia di Messina -

27 - P.Vincenzo da Gratteri

45 - Storia del Santuario di Gibilmanna


Tip.Gioachino Puleo - Catania - 1780

28 - Anonimo

46 - Breve cronistoria di Gibilmanna


Archivio del Santuario di Gibilmanna

29 - Anonimo

47 - Memorie del Santuario di Gibilmanna


dal 1860 al 1882
Archivio del Santuario di Gibilmanna

Opuscoli commemorativi
sui religiosi della Provincia

1 - F.Vittorio Calandra da Troina,chierico + 1938


In memoria di Frate Vittorio Calandra da Troina
Studente teologo cappuccino
della Provincia di Messina
Tip.Fratelli Di stefano - Catania - 1939 pp 30

2 - P.Mariano Cristina da Valledolmo + 1940


In memoria del M.R.P.Mariano
da Valledolmo - Cappuccino
Priulla - Palermo - 1940 pp 50

3 - F.Paolo Vasquez da Troina,chierico + 1941


Elogio funebre recitato nella chiesa dei
PP.Cappuccini di Troina nei solenni funerali
in suffragio di Frate Paolo Vasquez da Troina
Studente filosofo cappuccino
Tip.Officina grafica moderna - Catania
1941 pp 15

4 - P.Luigi Rinaldi da Petralia Sottana + 1943


Un crisantemo sulla tomba
del M.R.P.Luigi da Petralia Sottana
exProvinciale Cappuccino nel trigesimo
della sua morte
Tipografia delle Nebrodi - Petralia Sott 1943 pp 13

5 - P.Domenico Fisicaro da Troina + 1945


Un tributo di affetto e di gratitudine alla memoria
venerata ed indimenticabile del
M.R.P. Domenico Fisicaro da Troina ,exprovinciale
cappuccino della Provincia di Messina
Tip Basso Lucia - Catania - 1943 - pp 40

6 - P.Deodato Narcisi da Troina + 1966


122 - Storia della Provincia di Messina -
- P.Fedele Raimondo da Castelbuono + 1966
- P.Luca Rodrigues de Miranda da Coluna + 1 6
In memoria.... - numero commemorativo
per la morte dei tre missionari nella
Custodia di Minas Gerais in un
incidente automobilistico -
Tipografia Cristo Re - Messina 1966

7 - P.Giammaria Puzzolo da Casalvecchio + 1971


Addio,Padre Giammaria
Omaggio a P,Giammaria a tre anni dalla morte
Edizione speciale a cura di Pippo
Di Bernardo ed Ezio Limina - Giardini - 1974

8 - P.Giammaria Puzzolo da Casalveccho + 1971


L'Angelo - profumo di santit
Padre Giammaria 25 anni dopo
Az Tip.Citt del Ragazzo - Messina - 1996

Scrittori diversi
con notizie sui conventi e Religiosi
della Provincia

1 - Al Superiore - Della Storia di Al e suo territorio


Sua fondazione ed origini
Scritto da P.Serafino d'Al - Cappuccino (+1768)
Pubblicato dasl Comune di Al - 1912

2 - Catania - Santo Cal -


I 4 Conventi Cappuccini di Catania
Sicilia Arte 4 - Edigraf - Catania 1968 - pp 232

3 - Gibilmanna - Giuseppe Gangi Battaglia


Storia del Santuario di Gibilmanna
Edito Cefal - 1961

L'Eco di Gibilmanna - Periodico del Santuario


Numero Unico a ricordo del IV Centenario (1934)
Edito a Palermo - 1934

I Mille Santuari Mariani d'Italia illustrati


Edito a Roma 1960 - pp 745 e 938

4 - Linguaglossa - Santo Cal


Custodie francescane in Sicilia
Nicol Gianotta Editore - Catania - 1967

5 - Nicosia - 1) - P.Illuminato da Ischitella


Vita del Servo di Dio
Fra Felice da Nicosia.laico professo
dell'Ordine dei Cappuccini
123 - Storia della Provincia di Messina -
Stamperia Reale . Napoli - 1838

2) - P.Giacinto da Belmonte
Compendio della vita del Beato Felice
da Nicosia cappuccino
Roma Tipografia Vaticana 1888

3) - P.Francesco da Montecolombo
Vita del Beato Felice da Nicosia
Roma,Tipografia Vaticana 1888
Tradotto in spagnolo e pubblicato a
Cordoba (Argentina)

4) - F.Henri de Grezes
Vie du bienhereux Felix de Nicosie
Clermont Ferrand 1888

5) - P.Luigi da Sezze
Compendio della vita del Beato Felice
da Nicosia
Roma,coi tipi di Mario Armani 1888

6) - P.Venanzio da Lagosanto
Breve sunto intorno alla vita del
Beato Felice da Nicosia
Imola,Lega tipografica 1888

7) - P.Alejo de Barletta
Vida del Beato Felix de Nicosia
Santiago del Cile 1889

8) - Arrighini A.
Mille Santi nella storia
L.I.C.E. R Berruti et C. - Torino 1940

9) - P.Giannantonio da Brescia
Alcuni cenni sulla vita del Beato Felice
da Nicosia
Milano 1898

10) - Contessa F.G.


Vita del Beato Felice da Nicosia
Bagnacavallo,Scuola tip.Del Ricreatorio
1911

11) - Felici Icilio


Bisaccia eroica
Pisa, 1940 - II edizione, Roma 1960

12) - P.Zenone da Verona


I fratelli laici.Santi e Beati cappuccini
pp 98-106, Roma 1954

13) - P.Mariano da Alatri


Felice da Nicosia
in Biblioteca Sanctorum,V, Roma 1964

14) - P.Ferdinando da Riese Pio X


124 - Storia della Provincia di Messina -
Santi e santit
v.2 p 155 ss

15) - Jorio Pietro


Il Beato Felice da Nicosia e la scienza moderna
senza Dio --- Milano 1888

16) - Scavuzzo Giovanni


I miracoli del Beato Felice da Nicosia
Roma CL. 1964

17) - Mocciaro Nunzio


Il Beato Felice da Nicosia,analisi delle vite....
Exercitatio ad licentiam, P.U.Lateranense,1967

18) - Relazione delle feste


per la Beatificaziione di Fra Felice
da Nicosia - 17-18-19 Agosto 1888
pubblicata a cura di S.E. Mons. Bernardo
Cozzuoli ,Vescovo di Nicosia
Tipografia Pontificia ,Palermo 1889

19) Ciantro Francesco Maria Traina


(Arciprete in Castronovo di Sicilia)
Orazione panegirica,
Tipografia Pontificia - Palermo 1890

20) - Festeggiamenti al Beato Felice da Nicosia


(2 - 8 Maggio 1962)
Estratto dal "Bollettino Ufficiale dei Frati
Minori Cappuccini della Provincia di Messina"
Giugno 1964 n 47

21) - Saladdino Luigi


Elementi di spiritualit mariana nel Beato Felice
da Nicosia
Manoscritto senza data

22) - Di Blasi G.E.


Storia del Regno di Sicilia dall'epoca oscura
e favolosa fino al Secolo XVIII
volumi XX e XXV - Palermo 1838

23) - Summarium causae Beatificationis


et Canonizationis Servi Dei Fr. Felicis
a Nicosia,
ex Typographia Rev.Camerae Apostolicae - Romae 1837

24) - Acta ed decreta causarum beatificationis


et canonizationis OFMCap,cura et studio
Silvini a Nadrio,
Romae-Mediolani - 1965 - pp 58-545

25) - Atti originali del Processo di


Beatificazione
Manoscritti,presso l'Archivio vescovile
Nicosia
125 - Storia della Provincia di Messina -

Fonti che riportano


nomi,profili,biografie dei Religiosi
della Provincia di Messina

1 - P.Bonaventura Seminara da Troina + 1704


Libro IV del Manoscritto con l'elenco di
n 1177 nomi di religiosi defunti dal 1603 al 1699

2 - Anonimo
Libretto rinvenuto nel Convento di Castelbuono
con l'elenco di n 2074 nomi di
religiosi defunti dal 1603 al 1758
cm 10x8 legato in cartapecora

3 - P.Anselmo da Jaci + 1689


- Manuscripta Fratrum Capuccinorum
Provinciae Messanensis
ab anno 1613 ad annum 1634
- Avvenimenti dei Cappuccini di Messina
Copie della Vita e Gesta d'Alcuni Servi di Dio
Della Provincia di Messina
- Varia
Due volumi che riportano episodi e testimonianze
di n 55 religiosi dal 1576 al 1648

4 - P.Andrea Felice da Patern + 1800


Notizie storiche degli uomini illustri
per fama di santit e di lettere
Si narra la vita di n 260 religiosi
dal 1645 al 1780 - due volumi
Stamperia Gioachino Puleo - Catania - 1780-1781

5 - P.Mariano Cristina da Valledolmo + 1940


Profili di n 63 Religiosi vissuti dal 1701 al 1777
Manoscritto legato ed alcuni pubblicati
nel Bollettino della Madonna di Pompei di Messina

6 - P.Costantino Mongioi da Cerami + 1935


Biografie di Religiosi vissuti nei secoli
XVIII - XIX - XX - tratteggia i profili
di n 120 religiosi
Manoscritto legato senza data

7 - P.Bonaventura Dina da Gangi + 1997


1) I Missionari della Provincia di Messina -
narra le vicende di n. 40 religiosi missionari
in Oriente e nell'America del Sud
Numero speciale del Bollettino Ufficiale - 1961

2) Biografia dei Religiosi di Gangi -


tratteggia i profili di n 93 religiosi
126 - Storia della Provincia di Messina -
dal 1576 al 1957

8 - Il "Bollettino Ufficiale"- Organo della Provincia -


riporta il necrologio di n 220 religiosi
dal 1935 ad oggi

9 - L'Eco di Gibilmanna - Periodico del Santuario -


riporta il necrologio di n 128 religiosi
dal 1919 a d oggi

10 - Il Bollettino della Madonna di Pompei -


Periodico del Santuario di Messina -
riporta il necrologio di n 25 religiosi
dal 1925 al 1944

11 - Necrologio dei Religiosi della Provincia


dei Frati Minori Cappuccini
compilato da P.Candido Chichi
Archivista Provinciale
Az.Tip.Citt del Ragazzo - 1966
Riporta n.4772 nomi di religiosi.

Bibliografia dell'Ordine
che riporta profili e notizie dei religiosi
della Provincia di Messina

1 - Analecta Ordinis - Organo ufficiale dell'Ordine -


Ricorda il nome o il profilo di
circa n. 400 religiosi

2 - P.Zaccaria Boverio
Annali dei Frati Minori Cappuccini -
1643 - quattro volumi
riporta i profili di n 49 religiosi della nostra
Provincia,vissuti dal 1550 al 1609

3 - P.Dionigi da Genova
Bibliotheca Scriptorum Ordinis Minorum
S.Francisci Capuccinorum - 1678
Profili di n 11 religiosi della Provincia
vissuti dal 1640 al 1656

4 - P.Marcellino da Mascon
Annali dei Frati Minori Cappuccini - 1708
Profili di n 3 religiosi della Provincia

5 - P.Giuseppe da Cannobio
Annali dell'Ordine dei Frati Minori
Cappuccini - 1744 - due parti
Profili di n 3 religiosi della Provincia
127 - Storia della Provincia di Messina -
6 - P.Pellegrino da Forl
Annali dell'Ordine dei Frati Minori
Cappuccini - 1882-1885 - 4 volumi
Profili di n 27 religiosi della Provincia,
vissuti dal 1633 al 1709

APPENDICE 4

I 56 MISSIONARI DELLA PROVINCIA


A MINAS GERAIS - Brasile

1 P.Teodosio da Castelbuono 1936


2 P.Giambattista da Catania 1936
3 P.Odorico da Resuttano 1936
4 P.Clemente da Maletto 1936
5 P.Corrado da Troina 1936
6 F.Liberato da Catania 1936
7 F.Leone da S.Mauro Cast. 1936
8 P.Antonio da Gangi 1936
9 P.Giuseppe da Gangi 1936
10 F.Gabriele da Frazzan 1936
11 F.Giovanni da S-Stefano 1936
12 P.Bruno da Petralia 1938
13 P.Samuele da Gangi 1938
14 F-Gaetano da Montalbano 1938
15 F.Giuseppe da Caltavuturo 1938
16 P.Sabatino da Rezende 1938
17 P.Ubaldo dAlia 1946
18 P.Damiano da Geraci 1946
19 P.Rosario da Castelbuono 1946
20 P.Innocenzo da Castelbuono 1946
21 P.Davide da Bronte 1946
22 P.Sante dAlia 1946
23 P.Virgilio da Resuttano 1946
24 P.Melchiorre da Milazzo 1946
25 P.Filippo da Resuttano 1946
26 P.Ireneo da S.Mauro cast. 1946
27 F.Giacomo da Resuttano 1946

28 F.Carmelo da Nicosia 1946


29 F.Emanuele da Nicosia 1947
30 P.Gioacchino da Gangi 1948
31 P.bartolomeo da Greraci 1948
32 P.Stefano da Geraci 1948
33 P.Eugenio da Milazzo 1948
34 F.Bonaventura da Catania 1948
35 P.Marcellino da Gangi 1953
128 - Storia della Provincia di Messina -

36 P.Deodato da Troina 1953


37 P.Stanislao da Gangi 1953
38 P.Antonio da Caltavuturo 1953
39 P.Placido da Fiumedinisi 1953
40 P.Fedele da Castelbuono 1953
41 P.Raffaele da Gangi 1956
42 P.Antonino da Bronte 1956
43 P.Emanuele da Castelbuono 1956
44 P.Epifanio da Gangi 1958
45 P.Paolo da Gangi 1960
46 P.Clemente da Gangi 1960
47 P.Emilio da Castelbuono 1960
48 P.Paolo da Palermo 1964
49 P.Salvatore dAlia 1964
50 P.Gabriele da Rometta 1967
51 P.Cataldo da Gangi 1967
52 P.Giuseppe da Patern 1967
53 P.Giacomo da Geraci 1968
54 P.Giuseppe da Licodia 1968
55 P.Serafino da S.Domencia Vit. 1971
56 P.Giuseppe Bertola da Cast. 1974

INDIRIZZI DI NOSTRI FRATI

P.Filippo S.Cucinotta - Piazza Cappuccini , 1 - 90129 - Palermo


tel.091.212127 / 212579
P.Giuseppe Scarvaglieri - Via Aurelia Antica,236 - 00165 Roma tel
06.635423
P.Salvatore Vacca - Circonvallazione Occidentale,n 6850 -
00163 Roma tel 06.66151958
P Alfio Nicoloso - Via Circonvallazione Occidentale n 6850
00163 Roma tel 06.660521

Numeri telefonici utili:


Curia Generale Cappuccini - Roma
tel.06 4620121 --Fax 4828267

Fraternit di accoglienza
via Cairoli 43 - 00185 Roma
tel.06 4467051 -- Fax 4467093

Collegio S.Lorenzo - 00163 Roma


Circonv.Occidentale 6850
tel.06 660521 - Fax 66162401

Segreteria CIMP Cap. - 00145 Roma


Via Pomponia Grecina 31
tel. 06 5135467 Fax 5124301

Curia Provinciale dei Frati Minori Cappuccini


Piazza Cappuccini,1 - 90129 Palermo
129 - Storia della Provincia di Messina -
tel.091 212633 - Fax 6523168

Curia Provinciale dei Frati Minori Cappuccini


Piazza Cappuccini ,2 - 96100 Siracusa
te.0931 37112 - Fax 0931 39943

Curia Provinciale dei frati Minori Cappuccini


Viale Regina Margherita,25 - 98121 Messina
tel. 090 40094 - Fax 361248

Curia Provinciale dei Frati Minori


Convento "La Gancia" - Via Alloro - 09133 Palermo
tel. 091.6164554

Curia Provinciale dei Frati Minori Conventuali


Basilica S.Francesco d'Assisi - 09133 - Palermo
tel. 091.6172586

Curia Provinciale del Terzo Ordine Regolare


Santuario "Ecce Homo" - 98040 Calvaruso
tel. 090.336581 / 332338

Noviziato Interprovinciale Nicosia


tel. Fax 0935 646270

1 Post noviziato Interprovinciale - Sortino


Convento dei Cappuccini - 96010 - Sortino
tel. 0931.952101

2 Post-noviziato Interprovinciale Palermo


tel.091 6514745

Segreteria CIM-USMI Palermo


tel. Fax 091 6518211

Postulantato della Provincia


Convento Cappuccini 90024 Gangi
tel.0921 44031

Centro di Pastorale Giovanile


Convento dei Cappuccini 95034 Bronte
tel 095.691498

Casa di Accoglienza "Villa Pacis"


Convento dei Cappuccini 98070 - S.Marco D'Alunzio
tel. 0941.7970

INDICE

1 Introduzione pag. 3
2 Stato giuridico-civile 5
130 - Storia della Provincia di Messina -
3 Annuario dei conventi nel 1999 7
4 I Cappuccini in Sicilia 13
5 La Provincia di Messina 18
6 Avvenimenti del sec.XVI 29
7 Avvenimenti del sec.XVII 43
8 Avvenimenti del sec. XVIII 62
9 Avvenimenti del sec. XIX 71
10 Avvenimenti del sec.XX 83
11 - TelexProvincia 1995 114
12 - TelexProvincia 1996 116
13 - TelexProvincia 1997 113
14 - TelexProvincia 1998 142
15 - TelexProvincia 1999 148
16 - TelexProvincia 2000 154
17 - TelexProvincia 2001 160

APPENDICI 1-2-3-4 -5
1 - Ospedali affidati alla Provincia 173
2 Parrocchie affidate alla Prov. 190
3 Storiografi della Provincia 201
4 Missionari in Minas Gerais 216
5 - Indirizzi dei nostri Frati 218
Pagina: 1
[NG1]
This document was created with Win2PDF available at http://www.daneprairie.com.
The unregistered version of Win2PDF is for evaluation or non-commercial use only.