Sei sulla pagina 1di 4

MOERICO ISPANICO

Aiuto' il console Claudio Marcello a prendere Siracusa nel 212 a.C

Assieme al celtibero Beligeno

Per ringraziarlo, i Romani gli diedero Morgantina, dopo che venne conquistata dal
propretore Marco Cornelio Cethego.

Morgantina diventata la base operativa della lega siculo-punica si sbarazz� del


presidio romano e nella zecca furono coniate parecchie monete della serie
SIKELIOTAN. Attraverso le fonti storiche sappiamo che l'esercito punico di Imilcone
(mandato da Annibale) e quello siracusano di Ippocrate trovarono rifugio entro le
mura fortificate di Morgantina. La citt� non si arrese neanche dopo la caduta di
Siracusa nel 212 a.C. e fu assediata e distrutta nel 211 a.C., da Marco Cornelio
Cethego che la consegn� all'ispanico Moerico e ai suoi mercenari ispanici quale
premio per avere permesso al Console Claudio Marcello la conquista di Siracusa,
difesa da Archimede. Anche la serie di monete di bronzo HISPANORUM coniate durante
il dominio di Moerico sono servite agli studiosi per dimostrare la scoperta
scientifica come pure i denarii romani emessi prima del 211 a.C.

los ind�genas colaboradores, que fueron siempre bien tratados (como fue el caso de
los caudillos ib�ricos MOERICO y BELLIGENO, que ayudaron a MARCELO en el 212 a.C. y
recibieron un generoso n�mero de yugadas; o como fue el caso de los reyes
turdetanos ATTENES y EDECON, que ofrecieron sus servicios a ESCIPION en el 209 a.C;
o como fue el caso del rey CULCHAS, que entreg� sus 28 ciudades y 3.500 hombres a
ESCIPION en el 206 a.C);

Moerico. Celtiberia?, C. 250 a. C. - Morgantina (Italia), 211 a. C. post. Caudillo


e mercenario ispanico, capo di Morgantina.

Il leader spagnolo era un mercenario che hanno partecipato alla seconda guerra
punica in Sicilia, i Romani ha facilitato la presa di Siracusa e divenne il primo
nativo di cittadino Hispania romana e il capo della citt� di Morgantina (Sicilia).

Moerico dovrebbe essere considerato un caudillo o condotiero di famiglia gentile,


come Alucio, Ret�genes e altri Celt�beros perch�, probabilmente, � stato celt�bero
anche come suggerisce il suo nome celtico.

Moerico dovette inviare una truppa composta dalla sua clientela e dai suoi parenti,
tra i quali suo fratello.

Ha servito come mercenario nelle guerre tra Romani, Greci e Punici. La sua
personalit� � caratteristico di una fase avanzata della societ� celtib�rica,
governata da �lites equestri, tra i quali devono essere considerati a Moerico, che
erano impegnati in mercenario per ricchezza e prestigio. In questo contatto
un'attivit� ben preparati e organizzati eserciti, anche acquisito nuove conoscenze
tattico, strategico e poliorcetica, come demuentra Viriatus che, da alcuni punti di
vista, pu� essere considerato un quarterback ellenistica.

La storia conosciuta di Moerico � legata alla conquista di Siracusa da parte dei


Romani narrati da Livio. La citt� aveva abbandonato la politica neutrale del re
Ierone II (306? -215 aC) e alla morte i suoi sostenitori di Cartagine avevano preso
il potere. Roma ha inviato 213 a. C. un esercito comandato dal console generale e
M. Marcelo, ma l'assedio della citt� � stato prorogato per tre anni, difeso da sue
macchine da guerra topografia e ideato da Archimede e mercenari, tra cui l'omerica
era ispanica, uno dei tre capi del distretto chiamato Acradina.

Secondo Livy (25, 30), il 212 a. C., i Romani inventate inviare Belligeno come
compatriota omerica, a giudicare dal suo nome, che lo convinse a consegnare la
citt�, poi comand� i mercenari che difendevano un settore chiamato Acradina.

Nella cerchia dei colloqui di pace hanno partecipato Beligeno, forse uno dei
trecento giovani famiglie nobili ispanici inviati dai romani in Italia per
conquistare alleati di Annibale, come riportato da Livio (XXIV, 49, 7). Beligeno ha
parlato con Moerico da solo e ha spiegato la situazione della guerra in Hispania,
da dove era arrivato da poco.

Secondo le parole che Livio mette in bocca: "Tutto era nel potere delle armi
romane. Moerico potrebbe, fornendo un grande servizio, il raggiungimento di un
principe tra i suoi concittadini ben accadere con il militare romano o restituiti
alla loro patria. Al contrario, che speranza aveva se fosse rimasto nell'assedio
circondato da mare e terra? " Moerico, mosso da queste ragioni, ha fatto il suo
fratello era parte della risposta dell'ambasciata inviato a Marcelo e Beligeno ha
organizzato un colloquio segreto con Marcelo nel piano di ci� che � stato stabilito
un patto di fedelt� e ha convenuto che doveva fare , dopo di che � tornato
all'Acradina. Poi Moerico a dissipare il sospetto di tradimento, detto disapprovava
andirivieni di ambasciatori e non aveva inviato chiunque altro e proposto di
monitorare meglio, era necessario distribuire le aree pi� importanti tra le teste,
in modo che ogni ci si prendeva cura della parte che doveva proteggere. Tutto ha
accettato questa proposta e, nel cast, Moerico toccato difendere l'area strategica
da Aretusa fontana all'ingresso di Porto Grande, che ha reso noto ai Romani.

Cos�, Marcelo ha deciso che, di notte, una quadrireme trainare una nave da carico
ai soldati Acradina e ordin� loro di scendere nella porta accanto alla fontana
Aretusa.

Lo sbarco ebbe luogo nella quarta vigilia (dopo le tre del mattino) e Moerico
introdusse i soldati come d'accordo. All'alba, Marcelo ordin� un assalto generale
sul Acradina per sconfiggere non solo quelli che ha difeso, ma per costringere
l'altro a lasciare i loro posti di respingere la forte attacco dei romani. In mezzo
alla confusione, navi da trasporto, preparato in anticipo per l'operazione,
sbarcarono i soldati che hanno trovato le bancarelle abbandonati e le porte aperte
per coloro che erano venuti in aiuto della Acradina e sequestrato quasi senza
resistenza, l'intera isola di Ortigia che proteggeva la citt�.

Fuggitivi sono fuggiti in azione e Marcelo, quando ha visto che aveva catturato
l'isola e il quartiere Acradina e Moerico e la sua guarnigione li aveva raggiunti,
ha fatto il ritiro del gioco, al fine di evitare il saccheggio del tesoro reale, la
cui fama ha superato il la realt�.

Finita la campagna alla fine dell'anno 211 a. C., Marcelo � tornato a Roma. Il
Senato lo ha ricevuto in udienza e ha dato una standing ovation, ma non il trionfo,
come il suo esercito � rimasto in Sicilia, ancora in la guerra. Autorizzato dal
Senato, ha mantenuto il comando militare ed entr� nella citt� portando un
considerevole bottino e di corteggiamento dettagli Livio (XXV, 26, 21) pi� una
scatola con l'assunzione di Siracusa, hanno sfilato le catapulte e macchine da
guerra e gli oggetti suntuarie che la magnificenza dei re Siracusani aveva
accumulato, e vasi d'argento, sontuosi arredi e opere d'arte che decoravano la
citt�, una delle pi� ricche in Grecia, cos� come otto elefanti, la prova della sua
vittoria sui Cartaginesi . Il Moerico Ispanica preceduto la sfilata Marcelo con una
corona d'oro sulla testa, simbolo ellenistica di heroization e ricompensa dopo la
vittoria ha ricevuto il diritto di cittadinanza romana, quindi � il primo ispanico
per ottenerlo. concediron anche cinquecento acri di terra, mentre gli altri quattro
ricevuto yugadas Beligeno per incoraggiare Moerico per spostare ai Romani (Livio,
XXVI, 21). Cinquecento acri di terra dato a Moerico pari a cento volte il cinque
yugadas che servivano a mantenere un cavaliere romano, in modo Moerico � diventato
molto ricco e potente e avrebbe una clientela che gli avrebbe permesso di formare
una truppa di cavalieri cento piloti. Roma ha anche dato Moerico e mercenari
ispanici antica citt� siciliana di Morgantina e il suo territorio, come punizione
per essersi ribellati due volte contro la Roma, 214 e 211. C. e sono andati alla
lettera, che era la roccaforte principale sull'isola dopo la caduta di Siracusa per
mano dei Romani 212 aC. C., fino a quando, il 211 a. C., fu preso, bruciato e dato
ai mercenari ispanici e al loro capo Moerico. Anche Moerico sembra essere stato il
primo ispanico a battere moneta. Morgantina aveva coniato denaro nel nome "dei
Sicelota" negli anni 214-213 a. C. come reazione ai Romani con un cavaliere copiato
dai tipi di Hiero II di Siracusa. Moerico copiato questa moneta, ma a volte ha
messo sul dritto una testa di giovane divinit� con corona di alloro, che pu� essere
lo stesso Moerico come "eroe fondatore", mentre il contrario tenuto il pilota,
sarebbe lo stesso personaggio come eroe equestre per indicare la loro discesa
sociale, accompagnato dalla leggenda Hispanorum cercare di essere coniata dalla
Moerico e dai suoi seguaci, che si riferisce ancora Strabone (Geografia, VI, 2, 4)
sotto Augusto. Queste monete, che continuano fino alla met� del secondo secolo a.
C., spiega l'adozione del cavaliere nella moneta iberica e celtiberica, un tipo che
� stato generalizzato fino ai tempi di Augusto. Moerico questa storia illustra
anche l'importante presenza di uomini ispanici negli eserciti di Annibale e Roma,
che hanno contribuito a formare una cavalleria Ispanica paragonato a quello della
campana, mesapios, s�culos, Galli, ecc, a poco a poco l'acquisizione di coscienza
di classe . Questa classe equestre, che apparteneva Moerico, i Cavalieri di C�rtama
o Saluitana turma, spesso era prorromana e ha giocato un ruolo essenziale nella
romanizzazione della Hispania, e questi signori il primo a raggiungere la
cittadinanza romana, che � Moerico il precedente.

Fonti storiche:

Strabone, Geografia, VI, 2, 4;

Tito Livio, Ab Urbe condita, XXV, 30, 2-12, 31, 6; XXVI, 21, 10-13, 30, 6; 31, 4;

Bibliografia:

M. L. Albertos, La onom�stica personal primitiva de Hispania tarraconense y b�tica,


Salamanca, Consejo Superior de Investigaciones Cient�ficas, Instituto Antonio de
Lebrija, 1966, p�g. 158;

T. V. Buttrey et al., The Coins (Morgantina Studies, II), Princeton, N. J., 1989;
A.Garc�a Y Bellido, 1945: Bandas en las luchas con Roma, Madrid

A. Garc�a y Bellido, �Moericus, Belligenus y los mercenarios espa�oles en


Siracusa�, en Bolet�n de la Real Academia de la Historia, 150 (1962), p�gs. 7-23;

Mart�n Almagro Gorbea, Moerico, in Real Academia de la Historia,

A. G�elmes, �Moerico, un mercenario hispano al servicio de Roma�, en J. Mangas y J.


Alvar (eds.), Homenaje a Jos� M.� Bl�zquez, vol. II, Madrid, Ediciones Cl�sicas,
1994, p�gs. 249-256.

M�nzer, �Moericus�, en Rea l-Encyclop�die der classischen Altertumswissenschaft,


XV, 2, Stuttgart, 1932, col. 2347;

Historia de Espa�a. I, 2. Espa�a protohist�rica, Madrid, Espasa Calpe, 1975, p�gs.


650 y 672-673;

La Pen�nsula Ib�rica en los comienzos de su historia, Madrid, Ediciones Istmo,


1985, p�gs. 321-322;

ATTENES

principe Attene, un turdetano, passaairomani contuttii suoi, cedendo anchedue


posizioni difensive dalui presidiate.
(Livio, 17, 15)

aLTRI PERSONAGGI TURDETANI:

-Istolacio e Indortes, jefes turdetanos que luchar�n contra los cartagineses al


principio de la conquista de la turdetania por los B�rquidas.

-Culchas, dominaba 28 oppidum y dispon�a de un ej�rcito de 3.000 infantes y 500


jinetes, en el a�o (197) a.n.e. junto a otro rey turdetano llamado Luxinio, se
sublev� contra roma (Polivio, 11, 20) (Livio, 33, 21, 6)

-Indo, rey turdetano que sigui� la causa de C�sar, fu� muerto por la legi�n
vern�cula de Cneo Pompeyo (BH, 10)