Sei sulla pagina 1di 52

Angiobelli

L’AUTORE
Il nome dell’autore è uno pseudonimo.

STRUTTURA DELL’OPERA

LA I VOLUME : LA SACRA BIBBIA – Traduzione di “La


Sainte Bible” di J. N. Darby (1886)
SACRA Titoli della Bibbia:
1. Parte: “IL PENTATEUCO”: Genesi, Esodo,

BIBBIA
Levitico, Numeri e Deuteronomio.
2. Parte: “I LIBRI STORICI da GIOSUE’ a II
CRONACHE”.
3. Parte: “I LIBRI POETICI da GIOBBE a
CANTICO DEI CANTICI”

ANTICO E NUOVO
4. Parte: “I PROFETI da ISAIA a
MALACHIA”.
TESTAMENTO 5. Parte: “IL NUOVO TESTAMENTO dai
VANGELI all’APOCALISSE”.

II VOLUME : COMMENTO SUI MISTERI


RIVELATI DELLA SACRA BIBBIA
Traduzione in lingua italiana LA VERITA’ DELLA BIBBIA SU
della versione in lingua francese 1. LA CREAZIONE
“La Sainte Bible“ 2. LE DATE STORICHE DEI PRINCIPALI
AVVENIMENTI
di J. N. DARBY (1886) 3. LA STORIA D’ISRAELE E IL SUO FUTURO
4. LE DATE STORICHE DEI RE E DEI PROFETI
Edizione - 1966 Oxford (Inghilterra) libera da D’ISRAELE
diritti d’autore 5. LA DATA DI NASCITA E DI MORTE DI
GESU’ CRISTO
6. IL PECCATO, IL SUO GIUDIZIO E LA
SALVEZZA PER IL SACRIFICIO DI CRISTO,
VERSIONE DAI TESTI SENZA NTERMEDIARI
7. LA VERA CHIESA DI CRISTO E LE
ORIGINALI SEDICENTI ALTRE CHIESE
8. GLI AVVENIMENTI FUTURI IMMINENTI
9. L’APOCALISSE, IL SUO SCOPO E IL RUOLO
CHE SI DISTINGUE PER DEL VATICANO E DI ROMA
10. IL FUTURO REGNO DI CRISTO
FEDELTÀ 11. LA FINE DEL MONDO ATTUALE
12. TAVOLE RIASSUNTIVE VARIE (TESTI
AGLI IDIOMI ORIGINALI SINOTTICI E IN ORDINE STORICO, ERRORI
DEI TESTI, AUTORI VARI DEI TESTI SACRI,
E LA CURA DEI MINIMI STORIA DEI RE, ECC…)
13. E MOLTO ALTRO ANCORA
DETTAGLI
ALLEGATI
1. Tabella cronologica e storica degli avvenimenti
COMPARATA CON LE principali passati e futuri, riguardanti il Popolo
d’Israele e la Palestina (7 pagg.);
VERSIONI 2. Cartina della Palestina contenente i luoghi visitati
ITALIANE PIU’ NOTE dal Messia Gesù Cristo e annotati con passi biblici (9
pagg.);
3. Schema grafico in unico foglio contenente tutto il
. messaggio biblico, dalla Genesi all’Apocalisse, con
. annotazioni storiche (6 pagg.);
. 4. Tabella riassuntiva dei Papi e Antipapi (6 pagg.);
. 5. Testi in ordine sinottico, cronologico e Tavole
. riassuntive varie (223 pagg.);
. Disegni vari relativi a:
6. genealogia dei primi 10 Patriarchi (fig. 1);
7. storia dei Re d’Israele e dei Re di Giuda (fig. 2);
8. struttura del Campo d’Israele quando attraversò il
deserto per la Terra promessa (fig. 3, 4);
9. struttura del Tabernacolo e della Tenda di convegno (fig. Così pure, nell’Antico Testamento, le parti del testo
5, 6); originale di dubbia interpretazione sono inserite tra due
10. arredi relativi (fig. 7); parentesi quadre e preceduteun asterisco *[ ].
11. abiti sacerdotali (fig. 8); I discorsi diretti in prima persona sono evidenziati con
12. albero genealogico principale della tribù di Giuda (fig. carattere corsivo, fra due virgolette, ad esempio:
9); «Salirò contro i Filistei? Li darai nelle mie mani?»
13. analisi dello spettro solare e sua relazione con la Divina I discorsi riportati in seconda persona sono evidenziati con
Trinità (fig. 10); carattere normale, fra due virgolette, ad esempio:
14. Tempio costruito dal Re Salomone (fig. 11, 12, 13, 14); «Così dice l’Eterno degli eserciti: "Io ti presi dagli ovili,
15. la città di Gerusalemme ricostruita da Neemia (fig. 15); presso il minuto bestiame, perché tu fossi principe sul mio
16. il nuovo Israele del Regno millenario (fig. 16); popolo Israele".»
17. la nuova Gerusalemme del Regno millenario (fig. 17); Le parole evidenziate col carattere neretto, sono segnalate
18. il nuovo Tempio di Gerusalemme nel Regno millenario per una maggiore importanza e per meglio memorizzare.
(fig. 18). Le parti del testo originale in forma prosaica, sono a
margine sinistro pieno.
ANNOTAZIONI Le parti del testo originale in forma poetica rimata, sono
Le annotazioni bibliche, le etimologie ebraiche/aramaiche e evidenziate con il margine rientrato.
le notizie di carattere scientifico/storico sono ricavate da
questo testo e anche dai seguenti altri: LEGENDA
dall’ enciclopedia: “LA PICCOLA TRECCANI”, Cap. sta per Capitolo;
da “Revisione della cronologia egizia” dall’egittologo v. sta per versetto;
Antonio Crasto per le Dinastie XII-XIX; A.C. sta per indicare una data Avanti Cristo;
da “Tabella cronologica delle Dinastie Egizie” a cura di LXX sta per versione dell’A.T. in lingua greca detta dei
Margherita Campaniolo per la XX in poi; settanta;
da “DIZIONARIO BIBLICO” a cura di Giovanni Miegge, R. sta per indicare il testo degli Elzeviri del 1.633,
2° ed. riveduta e aggiornata da B. Corsani, J. A. Soggin e G. comunemente detto Testo Ricevuto; poiché
Tourn – Feltrinelli Editore; nell’Apocalisse questo è troppo difettoso, è parso inutile al
da “L’IMPRONTA DI DIO” Alla ricerca delle reliquie di traduttore segnalare le sue varianti rispetto al manoscritto
Cristo – Capitolo I - Pierluigi Baima Bollone – Editore LE da lui seguito. Generalmente pure, non sono segnalate le
SCIE - Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. Milano – I varianti di una traduzione quando si tratta di differenze
Edizione- aprile 1985. poco apprezzabili, di carattere tecnico o critico.
Testi comparati: N.d.T. sta per indicare una nota aggiunta dal
da “LA SACRA BIBBIA” - versione riveduta ed. 1984 – traduttore del testo francese.
Società Biblica di Ginevra;
da “LA SACRA BIBBIA” – C. E. I. Editore;
da “LA SACRA BIBBIA” - di Giovanni Diodati. ALTRE VERSIONI IN NOTA
L’autore ha inserito nei casi più significativi, le varianti
SEGNI E ABBREVIAZIONI proposte dalle seguenti altre versioni, generalmente
L’ asterisco * davanti i capoversi, indicano una divisione del secondo questo ordine:
soggetto più marcata rispetto agli altri; essi possono Nuova Riveduta, dalla versione originale del dott. Luzzi;
contenere anche più Capitoli. Versione della C.E.I.;
Il doppio asterisco ** indica una divisione ancora più Versione originale del dott. Diodati;
marcata. Nuova Versione, dall’originale del dott. Diodati;
Nelle parti poetiche scritte in rime, un asterisco * più piccolo Riveduta, del dott. Luzzi.
indica i capoversi.
Nell’Antico Testamento, le tre forme ebraiche Elohim, N.B. Il traduttore ha inserito dei titoli e sottotitoli ad
Elohah, El, sono resi in italiano con Dio. El, é preceduta da evidenziare l’argomento trattato nel seguito del testo
un asterisco (* Dio); Elohah é preceduta da una croce (+ biblico.
Dio); Elohim, che è la forma ordinaria, non é preceduta da
alcun segno (Dio).
La forma ebraica Elohim (plurale di Eloah, il Dio supremo)
indica la deità in senso assoluto, ha El, il forte, é sempre
distinto da Elhoim (Dii) ed Eloah (Dio).
La forma ebraica Jéhovah o secondo altri Jahveh o Jahoh,
in italiano è resa con Eterno; la forma ebraica Jah è
un’abbreviazione del nome di Jéhovah e indica la sua
esistenza assoluta, piuttosto che l’eternità del suo essere PROLOGO
(vedere Salmo 68 v. 4); n. d. t. : è questa forma abbreviata La dizione Antico e Nuovo Testamento, che sta
che entra nell’onomatopeica ebraica.
Nel Nuovo Testamento, l’asterisco * messo davanti la parola
ad indicare le due principali parti che
Eterno, corrisponde a Eterno dell’Antico Testamento. costituiscono le Sacre Scritture cristiane, è tratta
Le parole aggiunte dal traduttore, per esigenze grammaticali proprio da uno dei libri neotestamentari.1
della lingua italiana o per chiarezza, sono inserite tra []due
parentesi quadre.
1
lettera agli Ebrei Cap. 9:15 - 18;
1. APPROCCIO ALLA LETTURA DELLA SACRA I fatti raccontati dallo Spirito di Dio, non potendo
BIBBIA essere compresi con la sola scienza umana, passano
La prima parte, detta Antico Testamento, costituisce come racconti allegorici, non reali; storie fantastiche
per i cristiani la prima parte delle Sacre Scritture, quella raccontate dagli antichi patriarchi e tramandate
che più direttamente è rivolta al popolo d’Israele. Per oralmente di generazione in generazione. Queste, a
questo popolo è il solo Sacro Libro. loro dire, furono poi raccolte nel divenire dei secoli,
Esso fu scritto originariamente in lingua Ebraica e, per da sconosciuti redattori che cominciarono a registrarle
alcune brevi parti, in lingua aramaica. Queste lingue onde conservarne la memoria; grazie a loro sono
comportavano la scrittura da destra a sinistra, al arrivate fino a noi oggi.
contrario della scrittura greca, lingua originale con cui fu Per i critici quei fatti hanno lo scopo di dare al Popolo
scritto il Nuovo Testamento. Questo particolare rivela eletto (Israele), originariamente popolo nomade di
già un primo mistero allegorico: che il Vecchio va letto pastori senza una Patria, una prospettiva e una
al contrario del Nuovo Testamento. Questo perché la speranza di vita, un giorno non lontano, in una propria
lettera dell’Antico Testamento uccide, mentre lo Spirito terra, come le altre Nazioni circonvicine. Questa è la
di Grazia del Nuovo vivifica, rivelando la vita eterna. spiegazione data dalla logica umana, che non può
Non è straordinario? Quando i Giudei capiranno questo? ricevere le cose rivelate dallo Spirito di Dio. Anche ai
Quando sarà terminato il tempo attuale della Chiesa di bambini sono raccontate le storie bibliche come si
Cristo; allora lo Spirito della Grazia toglierà il velo che raccontano le favolette8. Egli scoprirà, forse con sua
oggi copre la loro mente incredula! 2 grande meraviglia, che tutto quello che è scritto
nell’Antico Testamento, è per l’ammaestramento dei
Tutte le Sacre Scritture sono divinamente ispirate3 e credenti, e che la persona e l’opera del Cristo Gesù,
quindi degne di essere sostanzialmente accettate e nostro Eterno, è nascosta nelle sue Sacre pagine9. E’
credute come veritiere. Tuttavia per coloro che cercano però fondamentale, prima d'ogni altra cosa, credere
dei punti da contestare, la Parola di Dio contiene anche alle Sacre Scritture in modo semplice, quasi infantile,
degli errori4 dovuti, alcune volte, alle diversità delle perché bisogna assumere l’atteggiamento simile a
fonti del materiale storico, altre volte alla quello di un piccolo fanciullo, che ascolta e crede ciò
sovrapposizione delle numerose trascrizioni fatte nei che il Padre celeste gli vuole rivelare10. Bisogna
millenni passati, quando la stampa non era ancora stata abbandonarsi nelle mani di Dio, per essere da Lui
inventata (il primo libro stampato fu proprio una guidati passo dopo passo, non rinunciando alla
Bibbia). L’Eterno, che veglia sempre sulla sua Parola, ha ragione umana, ma sottomettendola alla giuda dello
così riservato alcune “trappole” (appositamente Spirito Santo: è Lui che guiderà la mente del lettore a
preparate per quelli) poiché la verità può essere trovata e comprendere poco a poco, le cose che appartengono al
conosciuta soltanto nell’umiltà più autentica, non regno dello Spirito11.
certamente attraverso l’orgogliosa contestazione.
Anche Gesù Cristo riserverà delle “trappole” per i La preghiera, cioè la richiesta fatta a Dio con proprie
contestatori, per gl’increduli; infatti, parlerà per via di parole, semplici e sincere, per essere aiutati in questa
“parabole” perché chi non voleva capire non avrebbe ricerca12, è altrettanto indispensabile per conoscere il
potuto capire, mentre ai suoi discepoli spiegava ogni grande e meraviglioso piano di Dio. Egli ha lo scopo
cosa in privato. 5 di condurre gli uomini, anche attraverso esperienze
dolorose, al ravvedimento, alla conversione, al
Ormai da molti anni gli studiosi delle Sacre Scritture riconoscimento dello stato di perdizione di ognuno di
cristiane, hanno un approccio eccessivamente critico, noi13.
non basato sulla sola fede, ma sulla sapienza umana. Dio ha stabilito un giorno in cui sarà tenuto il
Questo atteggiamento impedisce di cogliere il vero Giudizio di tutti i viventi, e nessuno scamperebbe
messaggio che Dio ha voluto inviare all’umanità, e senza la fede nel Salvatore, perché tutti sono peccatori
produce inevitabilmente interpretazioni basate sulla agli occhi puri del Santissimo. Bisogna quindi
logica, sulla filosofia, sull’esperienza umana, ecc.6. incontrare ora, prima che sia troppo tardi, l’unico
Questo però, benché piacevolmente condiviso da molti Salvatore che Dio ha donato all’umanità intera,
lettori fuorviati dall’errore, non potrà mai centrare l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo.14
l’obiettivo, perché la natura umana, ancorché supportata
da pregevole cultura e da notevole esperienza storica e Questo è il vero segreto per ricevere il perdono e la
scientifica, non potrà mai ricevere le cose comunicate grazia della Vita Eterna.
dallo Spirito di Dio, perché esse sono rivelate all’uomo
spirituale, non a quel ragionatore7.
8
2a lettera a Timoteo Cap. 4:3, 4;
9
2a lettera a Timoteo Cap. 3:14 - 17; lettera ai Romani
2
2a lettera ai Corinzi Cap. 3:4 - 17; lettera ai Romani Cap. Cap. 14:4; 2a lettera di Pietro Cap. 1:19 - 21; Giovanni
11:6 - 15; Cap. 5: 39, 40; 1a lettera ai Corinzi Cap. 10:1 - 7;
3 a 10
2 lettera di Pietro Cap. 1:21; Matteo Cap. 11:25, 26;
4 11
nel II libro, è stata redatta una Tavola riassuntiva di tutti gli Giovanni Cap. 14:26; Cap. 15:26; Cap. 16:12 -15;
12
errori principali contenuti sia nell’A. T. che nel N.T.; Matteo Cap. 6:5 - 8; Cap. 7:7 - 11;
5 13
Matteo Cap. 13:34 - 36; lettera ai Romani Cap. 11: 25 - 36;
6 a 14
1 lettera ai Corinzi Cap. 1:17 -31; lettera agli Ebrei Cap. 2:1 - 4; 1a lettera di Giovanni
7 a
1 lettera ai Corinzi Cap. 2:12 - 16; Cap. 2:1, 2;
primo fu Mosè, l’ultimo il profeta Malachia, tutti
2. L’ANTICO TESTAMENTO ispirati dallo Spirito di Dio16.
Comincia con la mirabile narrazione della Creazione dei
cieli e della terra e prosegue con il racconto della storia 3. IL NUOVO TESTAMENTO
umana, dei progenitori ingannati subito dal demonio, dei La quinta parte, che è il Nuovo Testamento, è
loro figli e delle generazioni successive; questa storia indirizzata più direttamente ai cristiani ed è rifiutata
dimostrerà con i fatti, l’immancabile trasmissione dal popolo eletto, perché esso ha respinto Gesù di
generazionale di tale diabolica impronta. Nazaret, il Cristo, Figlio di Dio. Questa annuncia
l’avvento del Messia promesso nella prima parte della
La promessa di Dio, che il diavolo sarà vinto e la sua Bibbia, elenca la sua genealogia a dimostrazione delle
opera ingannevole distrutta, è subito annunciata. Questo sue autentiche credenziali, descrive la sua vita, le sue
compito sarà affidato al Messia, il Salvatore, che verrà a opere e il suo insegnamento.
suo tempo. Nell’attesa messianica, Dio sceglie dei
testimoni, fedeli custodi di questa promessa, ai quali I 4 Vangeli sono stati scritti, due dagli Apostoli
affida il compito di ricordarla alle generazioni future. Matteo e Giovanni, e due dai discepoli Marco e Luca,
Comanda loro anche di comportarsi in modo degno, per testimoniare delle cose da Lui fatte e insegnate.
come veri suoi servitori, ad esempio per le Nazioni
vicine, che invece il loro Creatore lo abbandonarono da Negli altri 23 libri sono sviluppate importantissime
molto tempo. Per questa ragione affida loro la custodia testimonianze di altri due Apostoli del Signore (Pietro
della sua Parola rivelata. Dapprima Dio sceglie un e Paolo) e due profeti (Giacomo e Giuda). Tutti hanno
uomo: Noè. Poi una famiglia: Abramo. Poi un popolo: raccolto il suo messaggio e ubbidito al preciso
Israele. mandato da Lui ricevuto.

Ma poiché questo popolo si dimostrò sempre infedele, Conoscere bene il Nuovo Testamento è presupposto
non all’altezza del suo compito ricevuto all’inizio, dopo indispensabile per comprendere bene il messaggio
avere lungamente pazientato e rivolto molti avvertimenti spirituale nascosto nell’Antico Testamento.
tramite i profeti (430 anni 15), Dio lo giudica
togliendogli il regno del Paese promesso (la Palestina) e 4. DEDICA
trasferendolo alle Nazioni. Così è ancora oggi, benché “Amen!
siano già iniziati dei segnali di restaurazione. La grande Alle matrici che m’hanno amato,
maggioranza del popolo (dieci tribù) fu distrutta e la e ai tesori che m’hanno figliato,
restante parte deportata dagli Assiri fra le Nazioni questo cimento l’ho dedicato,
nell’anno 721 (E.V.). Da allora quelle tribù non e il Padre, in Gesù Cristo, ho lodato!
ritornarono mai più, salvo casi sporadici. Le rimanenti Amen! Amen!”
due tribù (Giuda e Beniamino) dopo essere state
deportate a Babilonia dai Caldei, i quali distrussero Questi sono i comandamenti, le leggi e le prescrizioni che
Gerusalemme e il Tempio, soggiornarono in cattività a l’Eterno, il vostro Dio, ha ordinato di insegnarvi, perché li
Babilonia per 70 anni. Ma con la fine del regno Caldeo, mettiate in pratica nel paese nel quale vi preparate a
ebbero il permesso di tornare in Palestina per ricostruire entrare per prenderne possesso, così che tu tema il tuo
la città di Gerusalemme ed il Tempio di Dio, nell’attesa Dio, l’Eterno, osservando, tutti i giorni della tua vita, tu,
dell’avvento messianico. tuo figlio e il figlio di tuo figlio, tutte le sue leggi e tutti i
Persistendo nella sua generale incredulità, il popolo suoi comandamenti che io ti do, affinché i tuoi giorni
continuò ad essere angariato dalle Nazioni, così siano prolungati. (Deuteronomio 6:1-2)
sopraggiunse l’impero Medo-Persiano dopo l’impero
Caldeo-Babilonese, poi il Greco-Macedone e infine “Tu amerai dunque l’Eterno, il tuo Dio, con tutto il cuore,
l’impero Romano, che risultò essere il più terribile di con tutta l'anima tua e con tutte le tue forze.
tutti, perché distrusse di nuovo la città di Gerusalemme, Questi comandamenti, che oggi ti do, ti staranno nel
il Tempio e deportò lontano dalla Palestina il residuo cuore; li inculcherai ai tuoi figli, ne parlerai quando te ne
giudaico, per più di XIX secoli, cioè fino al 1948. Il starai seduto in casa tua, quando sarai per via, quando ti
culmine della sua ostinata caparbietà, avverrà quando il coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano
residuo del popolo respingerà anche la testimonianza di come un segno, te li metterai sulla fronte in mezzo agli
Gesù, il loro Messia tanto atteso e desiderato, finalmente occhi e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle porte
giunto per ridare il regno ad Israele. Il popolo però della tua città”. (Deuteronomio 6:5-9)
preferì Barabba al suo Re, e come allora, ancora oggi
aspetta l’adempimento di quella promessa, che invece è
già stata adempiuta. Ma questo appartiene già alla storia
neotestamentaria.

Tutto ciò è contenuto in 39 libri, scritti da circa 40


diversi autori vissuti nell’arco di circa 1.200 anni. Il

16
2a lettera di Pietro Cap. 1:20, 21; 1a lettera di Pietro Cap.
15
Ezechiele Cap. 4:1- 6; 1:10, 11, 12;
.
L’ANTICO TESTAMENTO
INDICE
Angiobelli
Ia PARTE
I CINQUE LIBRI DI MOSE’
1. GENESI . . . . . . . . . . . . pag. 6
2. ESODO . . . . . . . . . . . . . . pag. 48
3. LEVITICO. . . . . . . . . . . . pag. 82
4. NUMERI . . . . . . . . . . . . . pag. 108
5. DEUTERONOMIO . . . . . . . pag. 143
IIa PARTE
I DODICI LIBRI STORICI
6. GIOSUE’ . . . . . . . . . . . . . pag. 175
7. GIUDICI . . . . . . . . . . . . pag. 194 L’ANTICO
8. RUT . . . . . . . . . . . . . . pag. 215
9. 1° LIBRO DI SAMUELE . . . . pag. 217 TESTAMENTO
10. 2° LIBRO DI SAMUELE . . . . pag. 244
11. 1° LIBRO DEI RE . . . . . . . . . pag. 267
12. 2° LIBRO DEI RE. . . . . . . . . pag. 294
13.
14.
1° LIBRO DELLE CRONACHE pag. 319
2° LIBRO DELLE CRONACHE pag. 342
Ia PARTE
15. ESDRA . . . . . . . . . . . . . . pag. 370
16. NEEMIA. . . . . . . . . . . . . . pag. 379
17. ESTER . . . . . . . . . . . . . . pag. 392
IIIa PARTE I CINQUE
I CINQUE LIBRI POETICI
18. GIOBBE. . . . . . . . . . . . . . pag. 399 LIBRI DI MOSE’
19. SALMI. . . . . . . . . . . . . . . pag. 429
20. PROVERBI . . . . . . . . . . . . pag. 498
21. PREDICATORE (ECCLESIASTE)..pag. 522
22. CANTICO DEI CANTICI. . . . . . pag. 531
IVa PARTE
I CINQUE LIBRI DEI PROFETI MAGGIORI
23. ISAIA. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 537
24. GEREMIA . . . . . . . . . . . . . pag. 594
25. LAMENTAZIONI. . . . . . . . . . pag. 646 ALLEGATI DA CONSULTARE:
26. EZECHIELE . . . . . . . . . . . . pag. 652 1. Tabella cronologica e storica degli avvenimenti principali passati e
27. DANIELE . . . . . . . . . . . . . pag. 696 futuri, riguardanti il Popolo d’Israele e la Palestina (7 pagg.);
Va PARTE 2. Schema grafico in unico foglio contenente tutto il messaggio
biblico, dalla Genesi all’Apocalisse, con annotazioni storiche (6 pagg.);
I DODICI LIBRI DEI PROFETI MINORI
3. Genealogia dei primi 10 Patriarchi (fig. 1);
28. OSEA. . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 712
29. GIOELE. . . . . . . . . . . . . . . .pag. 720 Disegni vari relativi a:
30. AMOS. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 723 6. genealogia dei primi 10 Patriarchi (fig. 1);
31. ABDIA. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 729 8. struttura del Campo d’Israele quando attraversò il deserto per la Terra
32. GIONA. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 730 promessa (fig. 3, 4);
9. struttura del Tabernacolo e della Tenda di convegno (fig. 5, 6);
33. MICHEA. . . . . . . . . . . . . . . pag. 732 10. arredi relativi (fig. 7);
34. NAUM. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 737 11. abiti sacerdotali (fig. 8);
35. ABACUC. . . . . . . . . . . . . . . pag. 739 12. albero genealogico principale della tribù di Giuda (fig. 9);
36. SOFONIA. . . . . . . . . . . . . . . pag. 742 13. analisi dello spettro solare e sua relazione con la Divina Trinità
(fig. 10);
37. AGGEO. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 745
38. ZACCARIA. . . . . . . . . . . . . pag. 746
39. MALACHIA. . . . . . . . . . . . . pag. 754

FINE DELL’ANTICO TESTAMENTO


.
.
.
.
.
.
.
.
GENESI 20 Poi Dio disse: «Producano le acque un formicolare23 di
esseri24 viventi, e volino degli uccelli sopra la terra
La creazione adattata per gli angeli davanti la distesa dei cieli».
Genesi 1 21 Dio creò i grandi animali25 delle acque e ogni essere
1 Al principio Dio17 creò i cieli e la terra. vivente che si muove, di cui brulicano26 le acque secondo
la loro specie, e ogni uccello alato27 secondo la sua specie.
Lucifero sconvolge la creazione Dio vide che questo era buono.
Genesi 1 22 Dio li benedisse dicendo: «Fruttificate28, moltiplicatevi
2 La terra era desolazione e vuoto18 e c’erano tenebre sulla e riempite le acque dei mari, e che l’uccello moltiplichi
faccia dell'abisso e lo Spirito di Dio era in alto sulla faccia sulla terra».
delle acque. 23 Fu sera, e fu mattina: quinto giorno.

La riforma della creazione adattata per l’uomo 24 Poi Dio disse: « Che la terra produca degli esseri29
Genesi 1 viventi secondo la loro specie: il bestiame, e [tutto] ciò che
3 Dio disse: «Che la luce sia!» La luce fu. striscia30 e le bestie31 della terra, secondo la loro specie».
4 Dio vide la luce che era buona; e Dio separò la luce dalle Così fu.
tenebre. 25 Dio fece le bestie della terra secondo le loro specie, il
5 Dio chiamò la luce «Giorno» e le tenebre le chiamò bestiame secondo le sue specie e tutti i rettili32 del suolo
«Notte». Fu sera, e fu mattina: primo19 giorno. secondo le loro specie. Dio vide che questo era buono.

6 Poi Dio disse: «Vi sia una distesa20 tra le acque, che separi Creazione dell'uomo e della donna: Adamo è il nuovo
le acque dalle acque». principe
7 Dio fece la distesa e separò le acque che erano sotto la Genesi 1
distesa dalle acque che erano sopra la distesa. Così fu. 26 Poi Dio disse: «Facciamo [l]'uomo33 a nostra34
8 Dio chiamò la distesa «Cielo». Fu sera, e fu mattina: immagine, secondo la nostra somiglianza e che abbiano
secondo giorno. dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, e sul
bestiame su tutta la terra e su ogni [animale] strisciante
9 Poi Dio disse: «Le acque [che sono] sotto il cielo siano che si trascina sulla terra».
raccolte in un unico luogo e appaia l'asciutto». Così fu. 27 E Dio creò l'uomo35 a sua immagine; egli lo creò
10 Dio chiamò l'asciutto «Terra» e chiamò la raccolta delle all’immagine di Dio; egli li creò maschio36 e femmina37.
acque «Mari». Dio vide che questo era buono.
11 Poi Dio disse: «Che la terra produca l’erba, la pianta 28 Dio li benedisse; e Dio disse loro: «Fruttificate e
portante della semenza, l’albero fruttifero che produce frutto moltiplicatevi; riempite la terra e sottomettetevela,
secondo la sua specie, avente in sé la propria semenza sulla dominate sui pesci del mare e sugli uccelli del cielo e su
terra ». Così fu. ogni essere vivente che si muove sulla terra».
12 La terra produsse l’erba, la pianta portante della semenza 29 Dio disse: «Ecco, io vi ho dato ogni pianta che fa seme
secondo la sua specie, l’albero fruttifero che produce frutto, che è sulla faccia38 di tutta la terra e ogni albero nel quale
avente la propria semenza in sé, secondo la sua specie. Dio vi è un frutto d’albero che fa seme; [questo] vi servirà di
vide che questo era buono. nutrimento,
13 Fu sera, e fu mattina: terzo giorno.

14 Poi Dio disse: «Vi siano delle luci21 nella distesa dei cieli
per separare il giorno dalla notte e che siano dei segni e per
stagioni [determinate], per i giorni e per gli anni;
15 e che siano dei luminari nella distesa dei cieli per dare la 23
n. d. t. : altri brulicare, o copiosamente rettili;
luce sulla terra». E così fu. 24
esattamente anima vivente; così anche il v. 24;
16 Dio fece i due grandi luminari: il grande luminare per 25
altri traducono serpenti o coccodrilli, o mostri, o balene;
dominare sul22 giorno e il piccolo luminare per dominare 26
n. d. t. : produssero in abbondanza o guizzano;
sulla notte; e le stelle. 27
n. d. t. : volatile o uccelli che hanno ale;
17 Dio li pose nella distesa dei cieli per dare la luce sulla 28
n. d. t. : Figliate; o Siate fecondi; anche al v. 28;
terra, 29
n. d. t. : animali; anche al v. 28;
18 per dominare di giorno e di notte e per separare la luce 30
n. d. t. : i rettili;
dalle tenebre. Dio vide che questo era buono. 31
n. d. t. : gli animali selvatici;
19 Fu sera, poi fu mattina: quarto giorno. 32
ciò che striscia, che si trascina;
33
n. d. t. : il lemma ebraico ’adham, da ‘adhamah che
significa terra, ha qui valore di essere umano; viene poi
tradotto con Adamo per indicare impropriamente il solo
maschio;
17 34
Ebraico: Elohim (plurale di Eloah, il Dio supremo), la in ebraico la parola che indica Dio è al plurale, cioè
deità in senso assoluto; Elohim;
18 35
esattamente il vuoto; esattamente la razza umana; così anche il v. 8 del Cap.
19
esattamente un giorno; così in tutto il passo; 2;
20 36
n. d. t. : altri un firmamento; in ebraico ish;
21 37
n. d. t. : altri luminari; in ebraico ishsha;
22 38
n. d. t. : altri governare il, o reggere il; n. d. t. : superficie;
30 e ad ogni animale della terra, a ogni uccello dei cieli e a 13 Il nome del secondo fiume è Ghion, ed è quello che
tutto ciò che striscia sulla terra che ha in sé un’anima circonda tutto il paese di Cus.
vivente,[io ho dato] ogni pianta verde per nutrimento». E 14 Il nome del terzo fiume è Chiddechel51 ed è quello che
così fu. scorre in avanti verso Assur52. Il quarto fiume è
l'Eufrate.53
31 Dio vide tutto quello che aveva fatto, ed ecco, era molto
buono. Fu sera, e fu mattina: sesto giorno. 15 L’Eterno Dio prese l'uomo e lo pose nel giardino di
Il riposo di Dio nel settimo giorno Eden per coltivarlo e custodirlo.
Genesi 2 16 L’Eterno Dio ordinò all'uomo questo: «Mangerai
1 E i cieli e la terra furono compiuti e tutto l'esercito loro39. liberamente da ogni albero del giardino,
2 Dio compì il settimo giorno l'opera che egli fece e si 17 ma dell'albero della conoscenza del bene e del male
riposò il settimo giorno da tutta l'opera che egli fece. non ne mangerai; perché nel giorno che tu ne mangerai,
3 E Dio benedisse il settimo giorno e lo santificò, perché in tu morirai certamente ».
questo giorno40 egli si riposò da tutta l'opera che Dio aveva
creata facendola41. Dettaglio della creazione di Eva
Genesi 2
Dettaglio della creazione di Adamo ed Eva. Il giardino di 18 L’Eterno Dio disse: «Non è bene che l'uomo sia solo;
Eden io gli farò un aiuto adatto a lui54».
Genesi 2 19 L’Eterno Dio, formò dalla terra55 tutti gli animali dei
*4 Queste sono le nascite42 dei cieli e della terra quando campi e tutti gli uccelli dei cieli, li fece venire verso
furono create, nel giorno che l’Eterno Dio43 fece la terra e i l'uomo per vedere come li avrebbe nominati, e qualunque
cieli, nome che l'uomo diede ad un essere vivente fu il suo
5 ogni arbusto dei campi prima che venisse sulla terra, e ogni nome.
erba44 dei campi prima che spuntasse45, perché l’Eterno Dio 20 L'uomo diede dei nomi a tutto il bestiame e agli uccelli
non aveva fatto piovere sulla terra e non c'era alcun dei cieli e ad ogni animale dei campi; ma per Adamo56
uomo per coltivare il suolo; non si trovò l’aiuto adatto per lui.
6 ma un vapore saliva dalla terra e bagnava tutta la superficie
del suolo. 21 Allora l’Eterno Dio fece cadere un profondo sonno
7 L’Eterno Dio formò l'uomo, polvere del suolo e gli soffiò sull'uomo, che si addormentò; egli prese una delle sue
nelle narici un respiro di vita46 e l'uomo divenne un’anima costole e richiuse la carne al posto d'essa.
vivente. 22 L’Eterno Dio formò57 una donna, dalla costola che
aveva tolta all'uomo e la condusse verso l'uomo.
8 L’Eterno Dio piantò un giardino in Eden47, dal lato 23 L'uomo disse: «Questa volta, questa è ossa delle mie
orientale, e vi pose l'uomo che aveva formato. ossa e carne della mia carne; questa sarà chiamata donna
9 L’Eterno Dio fece crescere dal suolo ogni albero piacevole (Isha) perché è stata tratta dall'uomo (Ish)».
a vedersi e buono per nutrirsi, e l'albero di vita in mezzo al 24 Perciò l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a
giardino e l'albero della conoscenza del bene e del male. sua moglie ed essi saranno una sola carne.
25 Essi erano entrambi nudi, l’uomo e sua moglie ed essi
10 Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino e di là si non ne avevano vergogna.
divideva e diventava quattro fiumi48.
11 Il nome del primo è Pison, ed è quello che circonda tutto Il peccato di Eva, la condivisione di Adamo e la prima
il paese di Avila, dove c'è dell'oro; promessa profetica
12 e l'oro di quel paese è puro; qui si trovano pure il bdellio49 Genesi 3
e la pietra d'ònice50. 1 *Ora il serpente era il più astuto di tutti gli animali dei
campi che l’Eterno Dio aveva fatti. Ed egli disse alla
donna: «Che cosa? Dio ha detto: Non mangerete di ogni
39 albero del giardino?»
n. d. t. : A.C. 4.164;
40 2 La donna rispose al serpente: «Noi mangeremo del frutto
esattamente in lui;
41 degli alberi del giardino;
n. d. t. : aveva cessato da ogni lavoro che egli creando
aveva fatto; o che aveva creata e fatta. 3 ma del frutto dell'albero che è in mezzo al giardino Dio
42 ha detto: "Non ne mangerete e non lo toccherete,
n. d. t. : origini;
43 altrimenti morirete"».
esattamente Jéhovah; secondo altri Jahveh o Jahoh;
44 4 Il serpente disse alla donna: «Voi non morirete affatto;
più ancora pianta;
45 5 perché Dio sa che nel giorno che ne mangerete, i vostri
n. d. t. : e ogni albero ed arboscello della campagna,
avanti che ne fosse alcuno in su la terra; ed ogni erba occhi si apriranno e sarete come Dio58, conoscendo il
della campagna, avanti che ne fosse germogliata alcuna; bene e il male».
o non c'era ancora sulla terra alcun arbusto della
campagna. Nessuna erba della campagna era ancora 51
spuntata; è il Tigri;
52
46
n. d. t. : altri un alito vitale; un alito di vita; o un fiato è l’Assiria;
53
vitale; in ebraico Phrath;
47 54
esattamente piacevole; n. d. t. : altri che gli sia simile; anche al v. 20;
48 55
esattamente teste; esattamente suolo;
49 56
forse è un tipo di resina (?); esattamente uomo senza l’articolo;
50 57
o berillo varietà di corindone; esattamente edificò;
6 La donna vide che l'albero era buono da mangiare, che 24 Così egli scacciò l'uomo e pose a oriente del giardino
era piacevole agli occhi e che l'albero era desiderabile per d'Eden i cherubini62 e la lama della spada che ruotava qua
rendere intelligente; ella prese del suo frutto e ne mangiò e e là, per custodire la via dell'albero di vita.
ne diede anche a suo marito [perché egli ne mangiasse] con
lei ed egli ne mangiò. Caino e Abele
7 Gli occhi di entrambi furono aperti e s'accorsero che essi Genesi 4
erano nudi; essi cucirono insieme delle foglie di fico e se ne 1 * L'uomo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e
fecero delle cinture. partorì Caino63 e disse: «Ho acquistato un uomo con
l’Eterno ».
8 Essi udirono la voce di Dio l’Eterno, il quale camminava 2 Poi partorì ancora il fratello di lui Abele64. Abele fu
nel giardino nel fresco del giorno. E l'uomo e sua moglie si pastore di minuto bestiame e Caino lavoratore del suolo.
nascosero dalla presenza di Dio l’Eterno nel mezzo degli
alberi del giardino. 3 Avvenne, dopo qualche tempo, che Caino portò
9 L’Eterno Dio chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?» un'offerta all’Eterno, di frutti del suolo.
10 Egli rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino e ho 4 Abele portò pure lui, dei primogeniti del suo gregge e
avuto paura, perché sono nudo e mi sono nascosto». del loro grasso. L’Eterno ebbe riguardo ad Abele e alla sua
11 L’Eterno Dio disse59: «Chi ti ha mostrato che eri nudo? offerta,
Hai mangiato dell'albero che ti avevo comandato di non 5 ma a Caino e alla sua offerta non ebbe riguardo. Caino
mangiare?» ne fu molto irritato e il suo viso fu abbattuto.
12 L'uomo rispose: «La donna che tu [mi] hai dato [per 6 L’Eterno disse a Caino: «Perché sei irritato e perché hai
essere con me], è lei che mi ha dato dell'albero, e io ne ho il volto abbattuto?
mangiato». 7 Se tu fai bene, non sarai tu gradito65? E se tu non fai
13 L’Eterno Dio disse alla donna: «Che cosa hai fatto?» La bene, un sacrificio per il peccato66 è coricato alla porta, e
donna rispose: «Il serpente mi ha sedotta e io ne ho il suo desiderio sarà [rivolto] verso te e tu, tu dominerai su
mangiato». lui67!»
14 Allora l’Eterno Dio disse al serpente: «Poiché hai fatto
questo, sei maledetto più di tutto il bestiame e più di tutte le 8 E Caino parlò ad Abele suo fratello e avvenne, quando
bestie selvatiche! Tu camminerai sul tuo ventre e mangerai furono nei campi, che Caino si avventò contro Abele, suo
polvere tutti i giorni della tua vita. fratello, e l'uccise.
15 Io metterò inimicizia fra te e la donna e fra la tua 9 L’Eterno disse a Caino: «Dov'è Abele, tuo fratello?» Egli
progenie e la progenie di lei; questa progenie ti romperà il rispose: «Non lo so. Sono forse il guardiano di mio
capo e tu gli romperai il tallone». fratello?»
16 Alla donna disse: «Io renderò molto grandi le tue 10 Egli disse: «Che hai fatto? La voce del sangue di tuo
sofferenze e la tua gravidanza; con travaglio partorirai fratello grida a me dalla terra68.
figli; il tuo desiderio si [volgerà] verso tuo marito ed egli 11 Ora tu sei maledetto dalla terra69, che ha aperto la sua
dominerà su di te». bocca per ricevere dalla tua mano il sangue di tuo
17 Ad Adamo disse: «Poiché hai dato ascolto alla voce di fratello.
tua moglie e hai mangiato dell'albero circa il quale io ti ho 12 Quando coltiverai il suolo, esso non ti darà più la sua
ordinato dicendo:”Tu non ne mangerai”, maledetto è il forza e tu sarai vagabondo e fuggiasco sulla terra».
suolo a causa tua; tu ne mangerai [lavorando] con affanno, 13 Caino disse all’Eterno: «Il mio castigo è troppo grande
tutti i giorni della tua vita. perché io ne porti il peso.70
18 Esso ti produrrà spine e rovi e tu mangerai l'erba dei
campi;
19 mangerai il pane con il sudore del tuo volto, finché tu
ritorni al suolo, perché è da questo che fosti preso; perché 62
sei polvere e ritornerai alla polvere ». in ebraico Kerùbim che significa preganti;
63
in ebraico qayin derivazione del verbo qanah che
20 L'uomo chiamò sua moglie di nome Eva60, perché era la significa acquistare;
64
madre di tutti i viventi. in ebraico Abele significa vanità;
65
esattamente non ti rialzerai [il volto];
66
21 L’Eterno Dio fece ad Adamo e a sua moglie degli abiti di oppure il peccato; l’ebraico ha qui i due sensi;
67
pelle e li rivestì. n. d. t. : altri Ora i desideri di esso dipendono da te, e tu
hai la signoria sopra lui; o il peccato è accovacciato
22 Poi l’Eterno Dio disse: «Ecco, l'uomo è diventato come alla tua porta; verso di te è il suo istinto, ma tu
l’uno di noi, per conoscere il bene e il male. E ora [via]61, dòminalo; o il peccato sta spiandoti alla porta e i suoi
affinché egli non stenda la mano e prenda anche dell'albero desideri sono volti a te; ma tu lo devi dominare;
68
della vita, ne mangi e viva per sempre…!» esattamente suolo;
69
23 L’Eterno Dio lo mise fuori dal giardino d'Eden, per n. d. t. : altri Ora dunque tu sei maledetto, e sarai
lavorare il suolo da cui era stato preso. cacciato dalla terra; o Ora sii maledetto lungi da quel
suolo che per opera della tua mano ha bevuto il sangue
di tuo fratello; o E ora tu sei più maledetto della terra
58 che ha aperto la sua bocca per ricevere il sangue di tuo
o degli dèi;
59
esattamente E egli disse; fratello dalla tua mano;
60 70
in ebraico Kavvah che significa vivere; oppure la mia iniquità è troppo grande per essere
61
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; perdonata; l’ebraico ha qui i due sensi;
14 Ecco, tu mi scacci oggi dal di sopra della faccia di questo colonne di marmo bianco. C'erano letti d'oro e d'argento
suolo e io sarò nascosto lontano dalla tua faccia, sarò [posti] sopra un pavimento di marmo rosso e bianco, di
vagabondo e fuggiasco sulla terra, così avverrà che alabastro e di marmo nero79.
chiunque mi troverà, mi ucciderà». 7 Si offriva da bere in vasi d'oro, vasi differenti gli uni
15 Ma L’Eterno gli disse: «Perciò chiunque ucciderà Caino, dagli altri, il vino era della corte, in abbondanza, grazie
sarà punito71 sette volte». L’Eterno mise un segno su Caino, alla potere del re
perché nessuno, trovandolo, lo uccidesse72. 8 e si beveva secondo l’ordine del re: nessuno era forzato a
bere, perché così il re aveva ordinato a tutti i grandi della
sua casa, di lasciar fare a ciascuno secondo il suo
gradimento.

9 Anche la regina Vasti80 fece un convito per le donne


….OMISSISS… nella casa reale del re Assuero.

Disubbidienza e ripudio della regina


ESTER Ester 1
*73 10 Il settimo giorno, come il cuore del re era reso allegro
Il convito del re Assuero dal vino, egli ordinò a Meuman, a Bizta, a Carbona, a
Ester 1 Bigta, ad Abagta, a Zetar e a Carcas, i sette eunuchi che
1 Ai giorni di Assuero (quest'Assuero regnava dall'India fino servivano in presenza del re Assuero,
all'Etiopia su centoventisette provincie) 74 11 di condurre davanti a lui la regina Vasti con la corona
2 in quel tempo, il re Assuero, seduto sul trono del suo reame reale, per mostrare la sua bellezza al popolo e ai nobili;
a Susa, la capitale75, perché lei era bella d'aspetto.
3 nel terzo anno del suo regno, fece un festino76 a tutti i 12 Ma quando gli eunuchi riferirono l'ordine del re alla
suoi prìncipi, ai suoi potenti servi77 della Persia e della regina Vasti, lei rifiutò di venire. Il re ne fu irritatissimo,
Media e i nobili e i capi delle provincie erano davanti a lui, si accese d’ira.
4 mostrava le ricchezze e la gloria del suo regno e il fasto
magnifico della sua grandezza, per molti giorni, per 13 Allora il re disse ai saggi che conoscevano le cronache
centottanta giorni. (poiché gli affari del re [si trattavano] così in presenza di
quanti conoscevano la legge e il diritto.
5 Quando questi giorni furono trascorsi, il re fece un altro 14 I più vicini a lui erano Carsena, Setar, Admata, Tarsis,
festino per tutti quelli, dal più grande al più piccolo, che si Meres, Marsena e Memucan, i sette prìncipi di Persia e di
trovavano a Susa, la capitale, di sette giorni, nel cortile del Media che vedevano la faccia del re e occupavano i primi
giardino della reggia; posti nel regno):
6 [delle tende da sole] bianche, verdi e blu78, erano attaccate 15 «Che cosa si deve fare alla regina Vasti, in base alla
con cordoni di bisso e di porpora, con anelli d'argento, alle legge, per non avere ubbidito all'ordine che il re Assuero
ha comandato per mezzo degli eunuchi?»
16 Memucan rispose davanti al re e ai prìncipi: «Non solo
71
oppure vendetta sarà consumata; contro il re la regina Vasti ha mancato, ma anche contro
72
oppure distruggesse; tutti i prìncipi e tutti i popoli che sono in tutte le provincie
73 del re Assuero,
Il testo della versione latina fatta da S. Girolamo nel IV°
secolo D. C., che è la base di quasi tutte le versioni 17 perché quello che la regina ha fatto si divulgherà81 fra
“Cattoliche- romane”, a questo punto inserisce 17 tutte le donne, in modo da rendere disprezzabili ai loro
versetti contenenti un sogno fatto da Mardocheo; occhi i loro mariti, in quanto diranno che il re Assuero ha
74 ordinato che si conducesse in sua presenza la regina
n. d. t. : Questo Assuero fu probabilmente il re Cambise
2°, che subentrò al trono di Ciro, suo padre, che regnò Vasti, ma lei non è andata.
sul regno di Persia per 8 anni, dal 529 al 522; così è 18 Ora le principesse di Persia e di Media, che avranno
chiamato anche in Esdra 4:6, il secondo altro passo udito il fatto della regina, parleranno [nelle stesso modo]
che cita questo re, a parte il libro di Ester. a tutti i prìncipi del re e vi sarà grande disprezzo e
Poiché la storia insegna che questo re governò solamente collera.
8 anni, mentre in Ester 3:7 si parla del 12° anno del re 19 Se il re lo trova buono, emani un ordine reale, lo faccia
Assuero, questo può spiegarsi con un periodo di iscrivere tra le leggi di Persia e di Media in modo che sia
coreggenza col padre. irrevocabile, che Vasti non comparirà più in presenza del
Molti commentatori invece, identificano questo Assuero
con Serse, che però regnò 55 anni dopo; ciò è molto 78
n. d. t. : altri Arazzi di cotone finissimo, bianchi e viola;
improbabile, perché Mardocheo, fu deportato a Babilonia o cortine di lino fine e di porpora viola; o veli bianchi e
insieme al re Ioachin (Ieconia) nel 598 A. C. (vedere nota violati; o Arazzi di cotone finissimo, bianchi e violacei;
al Cap. 2 v. 6). 79
n. d. t. : altri di porfido, di marmo bianco, di madreperla
Daniele nomina un altro Assuero che dovrebbe essere il e di pietre nere; o di marmo verde, bianco e di
padre di Dario il Medo, re dei Caldei, cioè Cambise 1°,
reggente del regno di Media (595 – 559), contemporaneo madreperla e di pietre a colori; o un lastrico di
di Nabucodonosor; porfido, e di marmo bianco, di mischio, e di granito; o
75
come Neemia Cap. 1 v. 1; n. d. t. : altri residenza reale; di marmo rosso e bianco, di madreperla e di alabastro;
76 80
specialmente per bere, come altri; n. d. t. : 527 A. C.; il nome Vasti in persiano significa insigne;
77 81
o l’armata, cioè i capi dell’esercito; esattamente uscirà;
re Assuero e il re conferisca la dignità reale di Vasti82 ad 8 Quando la parola del re e il suo editto furono divulgati,
un’altra, migliore di lei. molte ragazze furono accolte a Susa, la capitale, sotto la
20 L’editto del re sarà conosciuto83 nell'intero suo regno, sorveglianza di Egai; anche Ester fu condotta nella casa
che è vasto e tutte le mogli renderanno onore ai loro mariti, del re, sotto la sorveglianza di Egai, guardiano delle
dal più grande al più piccolo». donne.
21 Questa parola fu buona agli occhi del re e ai prìncipi e il 9 La ragazza piacque e trovò grazia davanti a lui. Egli si
re fece come aveva detto Memucan, affrettò a darle i profumi necessari per la sua purificazione
22 mandò delle lettere a tutte le provincie del regno, a ogni e le sue porzioni [di vivande]92; le diede sette ragazze
provincia secondo la sua scrittura, e a ogni popolo secondo la scelte nel palazzo del re, e trasferì, lei e le sue ragazze,
sua lingua [facendo]ogni uomo istruttore in casa sua e nell’[appartamento]migliore della casa delle donne.
potesse parlare secondo il modo di esprimersi del suo 10 Ester non aveva detto nulla del suo popolo e della sua
popolo. origine, perché Mardocheo le aveva comandato di non
parlarne.
Ester scelta come regina 11 Mardocheo tutti i giorni passeggiava davanti al cortile
della casa delle donne, per sapere se Ester stava bene e
Ester 2 come la trattavano.
*1 Dopo queste cose, quando l'ira di Assuero si fu calmata,
egli si ricordò di Vasti, di ciò che lei aveva fatto e di quanto 12 Quando veniva il turno per una ragazza di entrare dal re
era stato decretato contro di lei. Assuero, dopo quello che era stato fatto a loro per dodici
2 I servi84 del re, che lo servivano, dissero: «Che si cerchino mesi, secondo la regola prescritta alle donne (perché era
per il re delle ragazze vergini e di bell'aspetto; questo il tempo necessario per la loro purificazione: sei
3 il re stabilisca dei commissari in tutte le provincie del suo mesi con l’olio di mirra e sei mesi con aromi e profumi
reame, che questi radunino tutte le ragazze vergini e belle a usati dalle donne, poi la ragazza andava dal re),
Susa, la capitale85, nella casa delle donne, sotto la 13 tutto quello che chiedeva, le si permetteva di portare
sorveglianza86 di Egai, eunuco del re, guardiano delle con sé dalla casa delle donne al palazzo del re.
donne, che si diano loro i profumi87 per la loro 14 Ci andava la sera e la mattina dopo passava nella
purificazione88 seconda casa delle donne, sotto la sorveglianza di
4 e che la ragazza che piacerà al re, diventi regina al posto Saasgaz, eunuco del re, guardiano delle concubine. Lei
di Vasti». La cosa fu gradita agli occhi del re e così si fece. non tornava più dal re, a meno che il re non trovasse
piacere in lei, e la facesse chiamare per nome.
5 Nella capitale di Susa c'era un Giudeo di nome
Mardocheo, figlio di Iair, figlio di Simei, figlio di Chis, 15 Quando venne il turno di andare dal re, per Ester (era la
Beniaminita, figlia di Abiail, zio di Mardocheo, da questi adottata come
6 che era stato trasportato da Gerusalemme con i prigionieri figlia) lei non domandò altro di ciò che le indicò Egai,
che erano stati trasportati con Ieconia, re di Giuda, da eunuco del re, guardiano delle donne. Ester trovava il
Nabucodonosor, re di Babilonia89. favore93 di tutti quelli che la vedevano.
7 Egli alleva Adassa90 (cioè Ester), figlia di suo zio91, che 16 Ester fu dunque condotta in presenza del re Assuero
non aveva né padre né madre. La ragazza era bella di corpo e nella sua reggia il decimo mese (che è il mese di Tebet), il
di viso; alla morte del padre e della madre, Mardocheo settimo anno94 del suo regno.
l'aveva adottata per figlia. 17 Il re amò Ester più di tutte le altre donne, lei trovò
grazia e favore agli occhi di lui, più di tutte le altre vergini,
ed egli le pose in testa la corona reale e la fece regina al
posto di Vasti.
82 18 Poi, per tutti i suoi prìncipi e i suoi servitori, il re fece
esattamente la sua dignità reale;
83 un gran festino in onore di Ester; concesse uno sgravio alle
esattamente udito;
84 provincie e fece doni secondo il potere del re.
altri ragazzi;
85
n. d. t. : altri residenza reale; in generale in tutto il libro;
86 Congiura contro il re sventata da Mardocheo
esattamente mano;
87 Ester 2
n. d. t. : altri cosmetici;
88 19 Quando le vergini furono radunate per la seconda
o preparazione;
89 volta, Mardocheo stava seduto alla porta del re.
n. d. t. : Poiché il re di Giuda Ioiachin (Ieconia) fu
deportato a Babilonia nell’anno 598 A. C. , se a quel 20 Ester, così come Mardocheo le aveva comandato, non
tempo Mardocheo avesse avuto solamente 12 anni, il 3° aveva detto nulla dei suoi natali né del suo popolo; Ester
anno del re Cambise 2° sarebbe stato il 525 A. C., 73°
anno della sua cattività; perciò avrebbe dovuto avere
almeno 85 anni; se il re persiano in questione fosse stato
92
Serse, anziché Cambise 2° (vedi Cap. 1 v. 1), Mardocheo n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
93
avrebbe dovuto avere 55 anni di più, cioè ben 138 anni; la esattamente grazia; qui e Cap. 5 v. 2, 8; Cap. 7 v. 3;
cosa sarebbe molto improbabile a giudicare dal Cap. 8 v. 5;
94
comportamento di Mardocheo, così sorprendentemente n. d. t. : Il 7° anno del regno di Cambise 2°, era l’anno
attivo nonostante i suoi 83 anni; 521 A. C.; (J. N. Darby ha A.C. 479 quando regnava
90
Adassa (o Edissa) significa mirto ed Ester significa astro o Serse 1°); secondo i documenti storici finora accertati,
stella; è una chiara allusione alla stella di Davide, simbolo fu il penultimo anno del suo regno, quando ritornando
della nazione giudaica; dalla campagna d’Egitto, trovò il suo trono occupato
91
n. d. t. : vedi v. 15; dal mago Gaumata (il falso Smerdis);
faceva quanto Mardocheo le diceva come quand'era sotto la 10 Allora il re si tolse di mano l'anello [con il sigillo]99 e lo
tutela di lui. diede ad Aman l'Agaghita figlio di Ammedata,
21 In quei giorni Mardocheo stava seduto alla porta del re, l’avversario100 dei Giudei.
quando Bigtan e Teres, due eunuchi del re, di quelli che 11 Il re disse ad Aman: «Il denaro ti è donato, di quel
stavano di guardia all'ingresso, furono in collera contro il re popolo fa quello che è buono ai tuoi occhi».
Assuero, e complottarono contro la vita del re.
22 La cosa venne alla conoscenza di Mardocheo, ed egli Aman, stabilisce, con la sorte, la data dello sterminio dei
informò la regina Ester, che a sua volta ne parlò al re in Giudei
nome di Mardocheo. 12 Il tredicesimo giorno del primo mese furono chiamati
23 Fu fatta un’inchiesta sulla cosa e accertato il fatto, i due gli scribi del re e seguendo in tutto gli ordini di Aman, si
[eunuchi]furono appesi ad un legno. Il fatto fu registrato nel scrisse ai satrapi del re, ai governatori che erano [preposti]
libro delle Cronache, in presenza del re. su ogni provincia e ai capi di ogni popolo, a ogni provincia
secondo la sua scrittura e a ogni popolo secondo la sua
Aman, favorito del re, ottiene un decreto di morte contro i lingua. Lo scritto fu fatto in nome del re Assuero e
Giudei sigillato con l’anello del re.
Ester 3 13 Le lettere furono mandate per mezzo di corrieri in tutte
*1 Dopo queste cose, il re Assuero elevò alla più alta dignità le provincie del re, per distruggere, uccidere, sterminare
Aman, figlio di Ammedata, l'Agaghita95 e pose il suo seggio tutti i Giudei, dai ragazzini ai vecchi, maschi e femmine e
al di sopra di tutti i prìncipi che erano con lui. per saccheggiare i loro beni in un medesimo giorno, il
2 Tutti i servitori del re che stavano alla sua porta, si tredicesimo [giorno] del dodicesimo mese, che è il mese
inchinavano e si prostravano davanti ad Aman, perché così di Adar.
aveva ordinato il re per lui. Ma Mardocheo non 14 Perché il decreto fosse reso [pubblico] in ogni
s'inchinava né si prostrava. provincia, una copia dello scritto fu portata a conoscenza
3 Allora i servitori del re che stavano alla sua porta dissero a di tutti i popoli101, affinché fossero pronti per quel giorno.
Mardocheo: «Perché trasgredisci l'ordine del re?» 15 I corrieri partirono pressati dall’ordine del re e il
4 Poiché essi lo ripetevano a lui giorno dopo giorno, ma egli decreto fu promulgato a Susa, la capitale; il re e Aman se
non dava loro ascolto, siccome aveva loro dichiarato che ne stavano seduti a bere, ma la città di Susa era nella
lui era Giudeo, quelli riferirono la cosa ad Aman, per vedere costernazione.
se Mardocheo avrebbe persistito.
5 Aman notò che Mardocheo non s'inchinava né si prostrava Angoscia e digiuno dei Giudei
davanti a lui, per cui ne fu irritatissimo; Ester 4
6 ma sembrando ai suoi occhi insufficiente mettere le mani 1 Mardocheo seppe tutto quello che era stato fatto, egli si
addosso soltanto a Mardocheo, poiché egli aveva saputo stracciò le vesti, si coprì di un sacco, si cosparse di cenere,
[qual’era]il popolo di Mardocheo, Aman cercò di distruggere uscì per la città, mandando un grido alto e amaro;
tutti i Giudei che si trovavano in tutto il regno d'Assuero, il 2 giunse fin davanti alla porta del re, poiché a nessuno era
popolo di Mardocheo. permesso di passare per la porta del re coperto di sacco.
3 In ogni provincia, dovunque giungeva l'ordine del re e il
7 Il primo mese (che è il mese di Nisan) il dodicesimo suo decreto, ci fu grande cordoglio tra i Giudei, con
anno96 del re Assuero, si tirò il Pur97, vale a dire si tirò a digiuni, pianti e lamenti, molti facevano i loro letti con
sorte, davanti Aman, per ogni giorno e per ogni mese98, fino sacco e con cenere.
al dodicesimo [mese] che è il mese di Adar. 4 Le ragazze di Ester e i suoi eunuchi vennero ad
8 Aman disse al re Assuero: «C'è un popolo sparso e informarla e la regina ne fu molto angosciata e mandò
disseminato fra i popoli di tutte le provincie del tuo regno, le delle vesti a Mardocheo, perché se le mettesse e si levasse
cui leggi sono diverse [da quelle] di ogni altro popolo, che di dosso il sacco; ma egli non le accettò.
non osserva le leggi del re e non conviene al re tollerarlo.
9 Se il re lo trova buono, che si scriva [l’ordine] di Mardocheo si accorda con la regina Ester sul da farsi
distruggerlo e io metterò diecimila talenti d'argento nelle 5 Allora Ester chiamò Atac, uno degli eunuchi del re che
mani di quelli che eseguono l’ordine, perché siano portati aveva messo da lei,102 e gli ordinò di [andare] da
nel tesoro reale». Mardocheo per sapere che cosa succedesse, perché agisse
così.
6 Atac uscì sulla piazza della città, verso Mardocheo,
95 davanti alla porta del re.
Agag è un probabile titolo dei re d’Amalec; cfr. Numeri
Cap. 24 v. 7; 1Samuele Cap. 15 v. 8;
96
n. d. t. : A.C. 517 (J. N. Darby ha A.C. 474 quando
regnava Serse 1°); Il regno di Cambise 2°, secondo i
99
documenti storici finora accertati, durò 8 anni, compresi n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
100
7 mesi della reggenza abusiva di Gaumata-Smerdis; il più ancora l’oppressore;
101
12° anno di Cambise 2° qui indicato, potrebbe n. d. t. : altri Queste lettere contenevano una copia del
coincidere con il suo 8° anno concordato dalla storia, se decreto che doveva essere pubblicato in ogni
ci furono 4 anni di coreggenza del regno col padre, Ciro provincia e invitavano tutti i popoli; o Una copia
il Vecchio; questa potrebbe essere una spiegazione della dell'editto, che doveva essere promulgato in ogni
incongruenza tra i documenti; la storia però non registra provincia, fu resa nota a tutti i popoli; o Il tenore delle
ancora questa possibilità; lettere era, che si bandisse un decreto in ciascuna
97
parola persiana che significa sorte; provincia, sì che fosse palese a tutti i popoli;
98 102
esattamente per ogni giorno e per ogni mese; esattamente davanti a lei;
7 Mardocheo gli narrò tutto quello che gli era avvenuto e gli 4 Ester rispose: «Se il re lo trova buono, che il re e Aman
indicò la somma di denaro che Aman avrebbe pagato103 al [con lui]venga oggi al convito che ho preparato per lui».
tesoro reale per far distruggere i Giudei, 5 Il re disse: «Che si cerchi subito Aman, per fare ciò che
8 poi gli diede una copia del testo dell’editto che era stato Ester ha detto». Così il re e Aman andarono al festino che
promulgato a Susa per il loro sterminio, affinché lo Ester aveva preparato.
mostrasse a Ester, lo conoscesse, e [che Atac]104 le ordinasse 6 Mentre bevevano il vino109 il re disse a Ester: «Qual è la
di entrare dal re, di supplicarlo, di fargli richiesta davanti a tua richiesta? Ti sarà concessa. Che desideri? [Quando
lui in favore del suo popolo. chiedessi]fino la metà del regno, ti sarà data ».
7 Ester rispose dicendo: «[Ecco]la mia richiesta, ecco quel
9 Atac tornò da Ester e le riferì le parole di Mardocheo105. che desidero:
10 Allora Ester ordinò ad Atac di tornare da Mardocheo per 8 se ho trovato favore agli occhi del re, se piace al re di
di dirgli: concedermi quello che chiedo e di soddisfare il mio
11 «Tutti i servitori del re e il popolo delle sue provincie desiderio, venga il re con Aman al festino che io
sanno che se qualcuno, uomo o donna, entra dal re nel preparerò per loro domani e farò come il re ha detto».
cortile interno, senza essere stato chiamato[esiste]una certa
legge106 che [prescrive]di metterlo a morte, a meno che il re Aman cerca di far morire Mardocheo
non stenda verso di lui lo scettro d'oro; nel qual caso, ha Ester 5
salva la vita. Io sono già trenta giorni che non sono stata *110
chiamata per andare dal re». 9 Aman uscì quel giorno tutto contento e con il cuore
12 Le parole di Ester furono riferite a Mardocheo. allegro; ma quando vide Mardocheo alla porta del re, che
13 Mardocheo disse di rispondere a Ester: «Non pensare non si alzava, né si moveva per lui, fu pieno d'ira contro
nella tua anima di scampare fra tutti i Giudei perché sei Mardocheo.
nella casa del re. 10 Ma Aman si contenne, se ne andò a casa e mandò a
14 Infatti se oggi tu taci, il sollievo e la liberazione chiamare i suoi amici e Zeres, sua moglie.
sorgeranno per i Giudei da qualche altra parte; ma tu e la 11 Aman parlò loro della gloria delle sue ricchezze, del
casa di tuo padre perirete; chi sa se non sia per un tempo numero dei suoi figli, di tutto ciò che il re aveva fatto per
come questo, che tu sei pervenuta alla regalità?» renderlo grande, di come l'aveva innalzato al di sopra dei
15 Allora Ester disse che si rispondesse a Mardocheo: prìncipi e dei servi del re.
16 «Va', raduna tutti i Giudei che si trovano a Susa 12 Aggiunse: «La regina Ester, al convito che ha dato,
e digiunate per me, non mangiate e non bevete per tre non ha fatto venire nessuno con il re, eccetto me; anche
giorni, né di notte e né di giorno. Anch'io con le mie ragazze domani sono invitato da lei con il re.
digiunerò allo stesso modo e dopo entrerò dal re, sebbene 13 Ma tutto questo non mi serve a nulla, finché vedrò quel
ciò non sia secondo la legge; se io devo perire, che io Giudeo Mardocheo sedere alla porta del re».
perisca!» 14 Allora Zeres, sua moglie e tutti i suoi amici gli dissero:
17 Mardocheo se ne andò107 e fece tutto quello che Ester gli «Si prepari un palo alto cinquanta cubiti e domattina
aveva ordinato. parla al re perché vi si appenda Mardocheo, poi vattene
* 108 allegro al convito con il re». La cosa piacque ad Aman,
che fece preparare il palo.
Ester dà un convito al re e ad Aman
Ester 5 Onori resi a Mardocheo; Aman umiliato
1 Il terzo giorno, Ester si mise la veste reale e si presentò Ester 6
nel cortile interno della casa del re, di fronte all'appartamento *1 Quella notte il re non riuscì a prender sonno, sicché
del re. Il re era seduto sul trono del suo regno, di fronte ordinò che gli portassero il libro degli annali delle
all'entrata della casa. Cronache, che fu letto in presenza del re.
2 E quando il re vide la regina Ester in piedi nel cortile, lei si 2 Vi si trovò scritto che Mardocheo aveva denunciato
guadagnò favore ai suoi occhi e il re stese lo scettro d'oro che Bigtan e Teres, i due eunuchi del re, guardiani
teneva in mano verso Ester; lei si avvicinò e toccò la punta dell'ingresso, i quali avevano cercato di alzare la mano sul
dello scettro. re Assuero.
3 Allora il re le disse: «Che vuoi tu, regina Ester? Qual è la 3 Allora il re chiese: «Quale onore e quale dignità è stata
tua richiesta? [Quando chiedessi]fino la metà del regno, ti conferita a Mardocheo per questo?» I servi111 che
sarà data». servivano il re risposero: «Non si è fatto nulla per lui».
4 Il re disse: «Chi c'è nel cortile?» (C'era Aman che era
venuto nel cortile esterno della casa del re, per dire al re di
103 fare impiccare Mardocheo alla forca che egli aveva
esattamente pesato;
104 preparata per lui).
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
105 5 I servi del re gli risposero: «Ecco, c'è Aman nel cortile».
n. d. t. : Il testo di questo versetto, in quasi tutte le
versioni “Cattoliche- romane”, è sostituito da una Il re disse: «Ch’egli entri».
ulteriore supplica fatta da Mardocheo (deuterocanonica);
106
n. d. t. : altri per una legge uguale per tutti; o in forza di
una legge uguale per tutti; o in base a una particolare
legge;
107 109
esattamente passò; esattamente al festino del vino;
108 110
Il testo della versione latina, a questo punto inserisce i il testo della versione latina, a questo punto riprende
versetti 19-42 e modifica i primi 10 del Cap. 5, quello protocanonico, con il v. 17;
111
deuterocanonici; altri giovani uomini;
6 Aman entrò e il re gli chiese: «Che si deve fare all’uomo 8 Poi il re tornò dal giardino del palazzo nella casa del
che il re vuole onorare?» Aman disse in cuor suo: “Chi oltre festino117. Aman si era gettato sul divano sul quale si
che a me112 vorrebbe onorare il re?” trovava Ester e il re esclamò: «Vuole anche far violenza
7 Aman rispose al re: «Per l'uomo che il re vuole onorare alla regina, davanti a me, in casa mia?» L'ordine uscì
8 si prenda la veste reale con la quale il re si riveste, il dalla bocca del re e [i servi subito]118 coprirono la faccia
cavallo che il re usa cavalcare, la corona reale sia posta ad Aman;
sulla sua testa, 9 Carbona, uno degli eunuchi, disse in presenza del re:
9 si consegni la veste e il cavallo a uno dei prìncipi più «Ecco119, il palo alto cinquanta cubiti, che Aman ha fatto
illustri del re; che si rivesta così l'uomo che il re vuole preparare per Mardocheo, il quale aveva parlato per il
onorare e lo si conduca montato a cavallo per le vie della bene del re, è rizzato in casa di Aman » Il re disse:
città, gridando davanti a lui: "Così si fa all'uomo che il re «Appendeteci lui!»
vuole onorare!"» 10 Così Aman fu appeso al palo che egli aveva rizzato per
Mardocheo e l'ira del re si calmò.
10 Allora il re disse ad Aman: «Fa' presto, prendi la veste e
il cavallo, come hai detto, e fa' così a Mardocheo, a quel Decreto in favore dei Giudei
Giudeo che è seduto alla porta del re; non tralasciar nulla di Ester 8
quello che hai detto». 1 In quello stesso giorno, il re Assuero donò alla regina
11 Aman prese la veste e il cavallo, fece indossare la veste a Ester la casa di Aman, l’oppressore dei Giudei.
Mardocheo, lo condusse a cavallo per le vie della città, e Mardocheo entrò alla presenza del re, perché Ester gli
gridava davanti a lui: «Così si fa all'uomo che il re vuole aveva dichiarato chi era lui.
onorare!» 2 Il re tolse il suo anello che aveva fatto togliere ad
12 Poi Mardocheo ritornò alla porta del re, ma Aman si Aman e lo diede a Mardocheo. Ester stabilì Mardocheo
affrettò ad andare a casa sua, addolorato e con il capo sulla casa di Aman.
coperto. 3 Poi Ester parlò di nuovo al re, si gettò ai suoi piedi,
13 Aman raccontò a Zeres sua moglie e a tutti i suoi amici pianse, lo supplicò di annullare il male meditato da120
tutto quello che gli era accaduto. I suoi saggi e Zeres sua Aman, l'Agaghita e le trame da lui ordite contro i Giudei.
moglie gli dissero: «Se Mardocheo davanti al quale tu hai 4 Allora il re stese lo scettro d'oro verso Ester ed Ester si
cominciato a cadere è della razza113 dei Giudei, tu non alzò, rimase in piedi davanti al re
potrai resistergli. Soccomberai davanti a lui». 5 e disse: «Se il re lo trova buono, se ho trovato favore
14 Mentre essi parlavano ancora con lui, giunsero gli agli occhi tuoi, se la cosa gli pare vantaggiosa e che io, io
eunuchi del re, i quali si affrettarono a condurre Aman al sono gradita agli occhi tuoi, si scriva per revocare le
convito che Ester aveva preparato. lettere ordite da Aman, figlio di Ammedata, l'Agaghita,
ch’egli ha scritto per far perire i Giudei che sono in tutte
Aman denunziato da Ester e messo a morte le provincie del re.
Ester 7 6 Perché come potrei io vedere la catastrofe che
1 Il re e Aman andarono per bere con la regina Ester. colpirebbe il mio popolo? Come potrei vedere la
2 Anche in questo secondo giorno il re disse a Ester, mentre distruzione della mia stirpe?»
bevevano il vino114: «Qual è la tua richiesta, o regina Ester? 7 Allora il re Assuero disse alla regina Ester e a
Essa ti sarà concessa. Che desideri? [Quando chiedessi]fino Mardocheo, il Giudeo: «Ecco, io ho dato a Ester la casa di
la metà del regno, ti sarà fatto ». Aman e lui è stato appeso al palo, perché aveva steso la
3 Allora la regina Ester rispose: «Se ho trovato favore agli mano contro i Giudei.
occhi tuoi, o re, se il re lo trova buono, la mia richiesta è 8 Voi dunque, scrivete nel nome del re in favore dei
che mi sia donata la vita; il mio desiderio, che mi sia Giudei, come vi sembrerà buono e sigillate con l'anello del
donato il mio popolo. re, perché ciò che è scritto in nome del re e sigillato con
4 Perché noi siamo stati venduti, io e il mio popolo, per l'anello del re, non può essere revocato».
essere distrutti, uccisi, sterminati. Se fossimo stati venduti
per diventare schiavi e schiave, non avrei parlato; ma [ne ho 9 Furono chiamati gli scribi del re il [giorno]ventitré del
parlato]115 perché il nemico non potrebbe riparare al danno terzo mese (che è il mese di Sivan), i quali scrissero ai
che ne verrebbe al re». Giudei, ai satrapi, ai governatori e ai capi delle
5 Il re Assuero parlò e disse alla regina Ester: «Chi è, dov'è centoventisette provincie, dall'India all'Etiopia, a ogni
colui che ha il cuore colmo [del pensiero]di far questo?» provincia nella sua scrittura, a ogni popolo nella sua
6 Ester rispose: «L'avversario, il nemico, è questo malvagio lingua, ai Giudei nella loro scrittura e nella loro lingua,
Aman». Allora Aman fu terrificato in presenza del re e della seguendo in tutto l'ordine di Mardocheo.
regina. 10 [Mardocheo]scrisse dunque in nome del re Assuero e
7 Il re tutto adirato si alzò dal festino116 e [se ne andò]nel sigillò le lettere con l'anello del re, poi mandò le lettere per
giardino del palazzo; ma Aman rimase per fare richiesta mezzo di corrieri a cavallo, montati su dei corsieri, dei
della sua vita alla regina Ester, perché vedeva che la sua cavalli di razza121, prodotti di razza122.
rovina era decisa nel cuore del re.

112 117
o a chi più di me; esattamente festino del vino;
113 118
esattamente semenza; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
114 119
esattamente festino del vino; esattamente Ecco anche;
115 120
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; esattamente il male di;
116 121
esattamente festino del vino; o muletti; anche al v. 14;
11 Con [queste lettere]il re autorizzava i Giudei, in 6 A Susa, la capitale, i Giudei uccisero e sterminarono
qualunque città, a radunarsi e a difendere la loro vita [e]a cinquecento uomini,
distruggere, uccidere, sterminare, tutta la gente armata che li 7 misero a morte Parsandata, Dalfon, Aspata,
assalisse, di qualunque popolo e provincia fosse, a 8 Porata, Adalia, Aridata,
saccheggiare i loro beni, senza escludere i [loro]bambini e le 9 Parmasta, Arisai, Aridai e Vaizata,
[loro]donne; 10 i dieci figli di Aman, figlio di Ammedata, il nemico
12 ciò in un medesimo giorno, in tutte le provincie del re dei Giudei, ma non si diedero al saccheggio.
Assuero: il tredicesimo [giorno]del dodicesimo mese (che è
il mese di Adar). 11 Quel giorno stesso fu portato a conoscenza del re il
*123 numero di quelli che erano stati uccisi a Susa, la capitale.
13 Queste lettere contenevano una copia del decreto che 12 Il re disse alla regina Ester: «A Susa, la capitale, i
doveva essere bandito in ogni provincia e pubblicato fra tutti Giudei hanno ucciso e sterminato cinquecento uomini e i
i popoli, perché i Giudei si tenessero pronti per quel giorno a dieci figli di Aman; che avranno mai fatto nelle altre
vendicarsi dei loro nemici. provincie del re? Che cosa chiedi ancora? Ti sarà dato.
14 Così i corrieri montati su dei corsieri, dei cavalli di razza, Che altro desideri? Essa ti sarà accordata».
partirono in tutta fretta, pressati dall’ordine del re; l’editto fu 13 Allora Ester disse: «Se il re lo trova buono, sia
promulgato a Susa, la capitale. permesso ai Giudei che sono a Susa, di fare anche domani
15 Mardocheo uscì dalla presenza del re con una veste reale quello che era stato decretato per oggi e siano appesi al
blu e bianca, con una grande corona d'oro e un mantello di legno i dieci figli di Aman».
bisso e di porpora; la città di Susa alzava grida di gioia ed era 14 Il re ordinò che così fosse fatto. Il decreto fu
allegra. promulgato a Susa e i dieci figli di Aman furono appesi.
16 Per i Giudei vi era luce e gioia, allegrezza e onore124. 15 [Soltanto]125iGiudei che erano a Susa si radunarono
17 In ogni provincia, in ogni città, dovunque giungeva ancora il quattordicesimo giorno del mese di Adar e
l'ordine del re e il suo decreto, tra i Giudei ci fu un giorno di uccisero a Susa trecento uomini; ma non si diedero al
festa e gioia, allegrezza, banchetti. Molta gente fra i popoli saccheggio.
del paese si fecero Giudei, perché il timore dei Giudei si 16 Gli altri Giudei che erano nelle provincie del re si
era impadronito di loro. radunarono [il tredicesimo giorno]126anch'essi, difesero la
loro vita, ed ebbero riposo dagli attacchi dei loro nemici;
La data dello sterminio dei Giudei, diventa la data della uccisero settantacinquemila di quelli che li odiavano,
vendetta dei Giudei ma non si diedero al saccheggio.
Ester 9
1 Il dodicesimo mese, cioè il mese di Adar, il tredicesimo La festa dei Purim decretata per tutto il regno
giorno del mese, quando l'ordine del re e il suo decreto Ester 9
dovevano essere applicati, il giorno che i nemici dei Giudei 17 Questo avvenne il tredicesimo [giorno]del mese di
speravano di averli in loro potere, avvenne invece tutto il Adar; il quattordicesimo [giorno]127si riposarono e ne
contrario: furono i Giudei ad avere in loro potere i loro fecero un giorno di banchetti e di gioia.
nemici. 18 I Giudei che erano a Susa si radunarono il tredicesimo e
2 I Giudei si radunarono nelle loro città, in tutte le provincie [anche]128il quattordicesimo giorno di quel mese;
del re Assuero, per metter la mano su quelli che cercavano di [questi]129 si riposarono il quindicesimo giorno e ne
far loro del male; nessuno poté resistere loro, perché erano fecero un giorno di banchetti e di gioia.
stati presi dal timore dei Giudei. 19 Perciò i Giudei della campagna che abitano in città non
3 Tutti i capi delle provincie, i satrapi, i governatori e quelli murate fanno del quattordicesimo [giorno]del mese di
che svolgevano gli affari del re, diedero man forte ai Giudei, Adar un giorno di gioia, di banchetti e di festa, nel quale
perché avevano paura di Mardocheo. gli uni mandano dei regali agli altri.
4 Mardocheo infatti era diventato grande nella casa del re, la
sua fama si spandeva in tutte le provincie, perché 20 Mardocheo scrisse queste cose e mandò delle lettere a
quest'uomo, Mardocheo, diventava ogni giorno più grande. tutti i Giudei che erano in tutte le provincie del re Assuero,
5 I Giudei dunque colpirono con la spada tutti i loro nemici, a quelli che erano vicini e a quelli che erano lontani,
[li]uccisero e [li]sterminarono; fecero quello che vollero a 21 ordinando loro di celebrare, ogni anno, i giorni
quelli che li odiavano. quattordici e quindici del mese di Adar,
22 come i giorni nei quali i Giudei ebbero riposo dei loro
nemici e il mese in cui il loro dolore venne mutato in
122 gioia, il loro lutto in festa, e di fare di questi giorni, giorni
qualcuno giumente; n. d. t. : altri ; o che cavalcavano
cavalli veloci, usati per il servizio del re, nati da stalloni di banchetti e di gioia, nei quali gli uni mandassero delle
reali; o che cavalcavano corsieri reali, figli di cavalle di porzioni130 agli altri e [che si facessero] doni ai poveri.
razza; o che cavalcano dromedari, muli corsieri, nati di
cavalle;
123
Il testo della Vulgata latina, a questo punto inserisce tra i
versetti 13- 33, un testo deuterocanonico col contenuto
125
del decreto reale, e il v. 34 coincide col v. 13, n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
126
protocanonico; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
124 127
n. d. t. : altri o I Giudei poi erano raggianti di gioia, di n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
128
entusiasmo e di gloria; o per i Giudei vi era luce, letizia, n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
129
esultanza, onore; o E per li Giudei vi fu serenità, e n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
130
allegrezza, e letizia, ed onore; n. d. t. : altri dei regali;
23 I Giudei si impegnarono a continuare quello che avevano
già cominciato a fare, che Mardocheo aveva loro scritto; C., primo anno di Nabucodonosor. Era il 3° anno del
24 poiché Aman, figlio di Ammedata, l'Agaghita, re di Giuda Ioiachim quando Nabucodonosor salì
l’oppressore di tutti i Giudei, aveva tramato contro i Giudei contro Gerusalemme, e l’anno dopo la prese e
per farli morire, avendo gettato il Pur, vale a dire la sorte, per assoggettò il re Ioiachim.
distruggerli e farli perire; La lettura critica di questo libro non riconosce, a torto,
25 ma quando [Ester]131 venne davanti al re, questi ordinò l’autenticità storica sia del racconto che dello stesso
con lettere, che la scellerata macchinazione che [Aman] autore. Essa attribuisce l’epoca della narrazione
aveva tramato contro i Giudei, fosse fatta ricadere sul capo di intorno al 165 A. C. e, l’autore, uno sconosciuto
lui e che egli e i suoi figli fossero appesi al legno. vissuto qualche tempo dopo gli avvenimenti descritti.
26 Perciò quei giorni furono detti Purim, dal termine Ma questa critica trascura che le profezie qui
Pur. A motivo di tutto il contenuto di quella lettera, in annunciate, non si limitano agli anni delle guerre
seguito a tutto quello che avevano visto a questo proposito e siriane, ma arrivano a profetizzare con esattezza la
che era loro accaduto, data della morte del Messia, poi si spingono oltre fino
27 i Giudei stabilirono e presero per loro132, per la loro al regno millenario che è ancora futuro. Perciò la loro
discendenza e per tutti quelli che si sarebbero aggiunti a loro, ipotesi che questo libro sia l’opera di un semplice
di non trascurare di celebrare, ogni anno al tempo fissato, cronista contemporaneo, dovrebbe spostare la data a
quei due giorni, secondo l’ordinanza133. dopo questi eventi, ciò che è impossibile.
28 Quei giorni dovevano essere commemorati e celebrati di A questo proposito, il profeta Ezechiele,
generazione in generazione, in ogni famiglia, in ogni contemporaneo di Daniele, parla della eccezionale
provincia, in ogni città; quei giorni di Purim non dovevano saggezza e rettitudine di Daniele, pari a quella di Noè
essere mai dimenticati fra i Giudei e il loro ricordo non e Giobbe (Cap. 14:14 e 20) inferiore solamente a
doveva mai cancellarsi fra i loro discendenti. quella del principe di Tiro, figura di Satana (Cap. 28
29 La regina Ester, figlia di Abiail, e Mardocheo il Giudeo, v.3). Dunque non può essere un personaggio
scrissero con ogni insistenza questa loro seconda lettera, per immaginario, né vissuto 350 anni dopo Ezechiele.
confermare l’ordinanza relativa ai Purim. Il motivo di questa critica, sta nella impossibilità di
30 A tutti i Giudei, nelle centoventisette provincie del regno credere, da parte dei ragionatori, che un uomo possa
di Assuero, si mandarono lettere [contenenti] parole di pace prevedere in modo esatto e dettagliato, avvenimenti a
e di fedeltà, lui futuri anche di molti anni. Si dimentica che a Dio
31 per confermare quei giorni di Purim nelle loro date nulla è impossibile, perché davanti a lui tutta la storia
stabilite, come li avevano ordinati la regina Ester e il Giudeo del genere umano, passato, presente e futuro, è come
Mardocheo, come essi stessi li avevano stabiliti per sé e per i scritta in un libro. Questa storia è stata rivelata a
loro discendenti, in cambio del loro digiuno e dei loro Daniele
lamenti. Ma la cosa ancor più straordinaria è che, alcuni di
32 Così l'ordine di Ester confermò l'istituzione [di questi questi avvenimenti, saranno ripetuti in un tempo
giorni] dei Purim, ciò fu scritto in un libro. futuro anche a noi, che riguarderanno il popolo di
Giuda e d’Israele dopo il rapimento in cielo della
Elogio di Mardocheo Chiesa di Cristo.
Ester 10 Egli profetò in cattività, fino alla caduta di Babilonia,
*1 Il re Assuero impose un tributo sul paese e su tutte le isole il 1° anno di Ciro re di Persia e di Dario il Medo, che
del mare. fu fatto governatore della città, cioè fino al 536 A. C.,
2 Quanto a Mardocheo, a tutti i fatti concernenti la potenza e quindi circa 70 anni.
il suo valore e alla descrizione della sua grandezza e del Il Signore lo chiama per 2 volte “figlio d’uomo”,
come il re lo rese grande, non sono cose scritte nel “Libro come chiamò Ezechiele, termine che userà Gesù
delle Cronache dei re di Media e di Persia?” Cristo per indicare se stesso.
3 Il Giudeo Mardocheo infatti era il secondo dopo il re Daniele ebbe il dono divino di conoscere i sogni e di
Assuero, fu grande fra i Giudei e amato dalla moltitudine dei darne la loro precisa interpretazione, come ebbe anche
suoi fratelli; cercò il bene del suo popolo e parlò per la Giuseppe. Sotto questo aspetto i due personaggi
pace134 di tutta la sua razza135. rappresentano lo Spirito Santo che vede ogni cosa,
anche le cose nascoste più segrete.
Il libro si può suddividere in due parti:
1. Capp. da 1 a 6: avvenimenti storici riguardanti
….OMISSISS… lui, i suoi tre amici e i re babilonesi.
2. Capp. da 7 a 12: visioni profetiche di
avvenimenti storici a lui vicini, e che si ripeteranno
DANIELE136 ancora al tempo della fine.
Una parte del libro è scritta nella lingua aramaica
parlata a Babilonia (dal Cap. 2 v. 4b al Cap. 7 v. 28),
131
esattamente lei; il resto è in lingua ebraica.
132
esattamente su; Le versioni cattoliche del libro di Daniele contengono
133
esattamente scritto; alcune parti dette deuterocanoniche (aggiunte al
134
o prosperità; ebraico parlando di pace a; canone in un secondo tempo) o anche dette apocrife
135
esattamente semenza; (nascoste al primo canone), che non sono comprese
136
n. d. t. : Il profeta Daniele nella sua pubertà fu deportato a nell’elenco ebraico dei libri Sacri. Anche le versioni
Babilonia insieme a tre suoi compagni, nell’anno 605 A.
Daniele e i suoi compagni a Babilonia 14 Lui li ascoltò in questa cosa e li mise alla prova per
Daniele 1 dieci giorni
1 Il terzo anno del regno di Ioiachim re di Giuda, 15 e, alla fine dei dieci giorni, i loro visi avevano miglior
Nabucodonosor, re di Babilonia, venne a Gerusalemme e aspetto ed erano più grassi143 di tutti i giovani che
l'assediò137. mangiavano i cibi delicati del re.
2 Il Signore diede nella sua mano Ioiachim, re di Giuda e una 16 Allora l’intendente tolse i cibi delicati e il vino da bere
parte degli utensili della casa di Dio, lui li fece portare nel e diede loro dei legumi.
paese di Scinear, nella casa del suo dio, li fece portare nella
casa del tesoro del suo dio. 17 A questi giovani uomini, a tutti e quattro, Dio diede
conoscenza ed istruzione in ogni scrittura e ogni saggezza.
3 Il re disse ad Aspenaz, capo dei suoi eunuchi, di condurgli Daniele aveva intelligenza di ogni visione e dei sogni.
tra i figli d'Israele di stirpe reale, tra i nobili, 18 Al termine dei giorni fissati per la loro presentazione, il
4 dei ragazzi che fossero senza difetto e belli di viso, istruiti principe degli eunuchi li condusse davanti a
in ogni saggezza, dotati di conoscenza e intelligenti in Nabucodonosor
scienza, capaci di stare nel palazzo del re, per insegnare a 19 e il re parlò con loro: fra tutti loro non se ne trovò
loro la scrittura e la lingua dei Caldei. nessuno come Daniele, Anania, Misael e Azaria, perciò
5 Il re assegnò loro, per ogni giorno, una razione di cibi questi si tennero davanti al re.
delicati del re e del vino ch’egli beveva e ordinò di istruirli 20 In tutte le cose che richiedevano saggezza e
per tre anni, dopo i quali sarebbero passati al servizio del re. intelligenza144, circa le quali il re li interrogava, egli li
trovò dieci volte superiori a tutti gl’indovini e
gl’incantatori145 che erano in tutto il suo regno.
Daniele e i suoi compagni chiedono di non mangiare i cibi 21 Daniele rimase là fino al primo anno del re Ciro146.
della mensa del re, perché vietati dalla legge mosaica
Daniele 1
La statua sognata da Nabucodonosor. I quattro regni
6 Tra di loro c'erano dei figli di Giuda: Daniele138, Anania,
dominatori sulla Palestina
Misael e Azaria.
7 Il principe degli eunuchi diede loro dei nomi: a Daniele Daniele 2
pose [il nome di] Beltesatsar; ad Anania quello di Sadrac; a 1 Nel secondo anno del suo regno147, Nabucodonosor
Misael quello di Mesac e ad Azaria quello di Abed-Nego. sognò dei sogni che turbarono il suo spirito e lo lasciarono
8 Daniele stabilì in cuor suo di non contaminarsi con i cibi insonne.
delicati del re e con il vino ch’egli beveva, ma chiese al 2 Il re comandò di chiamare gli indovini, gli incantatori, i
principe degli eunuchi di [permettergli] di non magi e i Caldei per rivelare al re i suoi sogni. Essi vennero
contaminarsi. 139 e si presentarono al re.
3 Egli disse loro: «Io ho sognato un sogno e il mio spirito
9 Dio fece trovare a Daniele grazia e favore presso il è turbato perché non lo comprendo».
principe degli eunuchi. 4 Allora i Caldei risposero al re in siriaco148: «O re, vivi
10 Il principe degli eunuchi disse a Daniele: «Io temo il re, per sempre! Racconta il sogno ai tuoi servi e noi ne
mio signore che ha prescritto il vostro nutrimento e la vostra daremo l'interpretazione».
bevanda; perché vedrebbe il vostro viso più triste140 di 5 Il re rispose e disse ai Caldei: «La cosa è per me decisa:
quello dei giovani della vostra età?Voi esporreste la mia se voi non mi rivelate il sogno e la sua interpretazione,
testa presso il re». sarete fatti a pezzi e le vostre case saranno ridotte in
11 Allora Daniele disse all’intendente141 che il principe degli mucchi di letame,
eunuchi aveva stabilito su Daniele, Anania, Misael e Azaria: 6 ma se mi esporrete il sogno e la sua interpretazione,
12 «Prova i tuoi servi, ti prego, per dieci giorni: che ci sia riceverete da me doni, ricompense e grandi onori. Ditemi
dato da mangiare legumi e da bere acqua; dunque il sogno e la sua interpretazione».
13 poi si confronterà in tua presenza il nostro viso con 7 Essi risposero una seconda volta e dissero: «Esponga il
quello dei giovani che mangiano i cibi delicati del re, poi tu re il sogno ai suoi servi e noi ne daremo
agirai coi tuoi servi [a tuo piacere]142 dopo che tu avrai l'interpretazione».
visto». 8 Il re rispose e disse: «Io so con certezza che voi volete
guadagnare del149 tempo, perché la cosa è per me decisa;
9 se ora non mi esporrete il sogno, per voi non v’è che un
dette protestanti, non hanno queste parti aggiunte, solo e medesimo decreto, perché voi vi siete accordati per
perché non ritenute ispirate da Dio; dirmi parole bugiarde e perverse, aspettando che il tempo
137
n. d. t. : era l’anno 606 a.C., quando Nabucodonosor non passi. Perciò ditemi il sogno e io saprò se voi potrete
era ancora re di Babilonia, ma lo divenne l’anno dopo darmene l'interpretazione».
alla morte del padre; con l’anno 605 comincia la
deportazione in cattività di Daniele;
138 143
n. d. t. : in ebraico Dànièl significa Dio ha giudicato; esattamente: grassi di carne;
139 144
n. d. t. : la contaminazione consisteva nella carne di esattamente: tutte cose di saggia intelligenza;
145
animali che i babilonesi mangiavano normalmente, e che o : scribi come in Genesi Cap. 41 v. 8, 24; n. d. t. altri:
la legge levitica considerava impuri per gli ebrei, come il astrologi; anche al Cap. 2 v.27
146
maiale; A. C. 536 ; n. d. t. cioè per 68 anni dall’anno 604
140 147
n. d. t. altri: facce magre; A. C. 604
141 148
o: Meltsar; o : aramaico
142 149
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; esattamente: acquistare il;
10 I Caldei risposero davanti al re, e dissero: «Non esiste un 27 Daniele, davanti al re rispose e disse: «Il segreto che il
uomo sulla terra che possa dire ciò che il re domanda150; re domanda, i saggi, gl’incantatori, gl’indovini, gli auguri
perciò non c'è mai stato re, per grande e potente che fosse, non hanno potuto svelarlo al re,
che abbia domandato una cosa simile ad alcun indovino, o 28 ma c'è un Dio nei cieli che rivela i segreti e fa
incantatore, o Caldeo, conoscere al re Nabucodonosor ciò che avverrà alla fine
11 poiché la cosa che il re chiede è impossibile; non c'è dei giorni. Il tuo sogno e le visioni della tua mente sul tuo
nessuno che possa esporla al re, eccetto gli dèi151, la cui letto, eccolo:
dimora non è con la carne».
29 A te, o re… [quand’eri] sul tuo letto, sono venuti dei
12 Perciò il re s’irritò, si infuriò terribilmente e ordinò di pensieri che [riguardano ciò]156 che deve avvenire da ora
distruggere tutti i saggi di Babilonia. in avanti; colui che rivela i segreti ti fa conoscere quello
13 Un decreto fu promulgato [con l’ordine] che i saggi che avverrà.
fossero uccisi e si cercavano Daniele e i suoi compagni per 30 Quanto a me, questo segreto mi è stato rivelato non
ucciderli. perché la mia saggezza sia superiore a quella di tutti i
14 Allora Daniele si rivolse con prudenza e con garbo ad viventi, ma perché l'interpretazione sia conosciuta dal re e
Arioc, il capo delle guardie152 del re, che era uscito per tu conosca i pensieri del tuo cuore.
uccidere i saggi di Babilonia
15 e così reagì dicendo ad Arioc, il grand’ufficiale del re: 31 Tu, o re, tu guardavi, ed ecco una grande statua157;
«Perché questo decreto così drastico da parte del re?» essa stava davanti a te, era grande, il suo splendore
Allora Arioc fece conoscere la cosa a Daniele. straordinario e il suo aspetto era terribile.
16 Quindi Daniele entrò dal re per chiedergli di dargli 32 La testa di questa statua era d'oro puro; il suo petto e
tempo per dare al re l'interpretazione. le sue braccia erano d'argento; il suo ventre e le sue
cosce di bronzo;
17 Allora Daniele andò a casa sua e fece conoscere la cosa 33 le sue gambe, di ferro; i suoi piedi, in parte di ferro e
ad Anania, Misael e Azaria, suoi compagni, in parte d'argilla.
18 per implorare le compassioni del Dio153 dei cieli a 34 Tu guardavi, finché una pietra si staccò, senza [opera
proposito di questo segreto, affinché Daniele e i suoi di]158 mano, colpì i piedi di ferro e d'argilla della statua e
compagni non fossero sterminati con il resto dei altri saggi di li frantumò.
Babilonia. 35 Allora si frantumarono insieme il ferro, l'argilla, il
19 Allora il segreto fu rivelato a Daniele in una visione bronzo, l'argento e l'oro, divennero come la pula sull’aia
notturna, quindi Daniele benedisse il Dio dei cieli e disse: d'estate. Il vento li portò via e non si trovò più luogo per
20 «Sia benedetto il154 nome di Dio, d’eternità in eternità, essi159; ma la pietra che aveva colpito la statua diventò
perché a lui appartengono la saggezza e la forza, un gran monte che riempì tutta la terra.
21 è lui che cambia i tempi e le stagioni, che depone i re o 36 Questo è il sogno e noi ne daremo l'interpretazione al
che li rende stabili, che dà la saggezza ai saggi e la re.
conoscenza agli intelligenti.
22 E’ lui che rivela le cose profonde e segrete; egli sa ciò 37 Tu, o re, tu sei il re dei re, al quale il Dio dei cieli ha
che è nelle tenebre, perché da lui abita la luce. dato il regno, la potenza, la forza e la gloria;
23 Te, Dio dei miei padri, io lodo e celebro, perché tu mi hai 38 tutti i luoghi in cui abitano gli uomini, le bestie della
dato saggezza e forza, facendomi conoscere quello che ti campagna e gli uccelli del cielo, li ha messi nelle tue
abbiamo domandato, avendoci fatto conoscere la cosa che il mani160 e ti ha fatto dominare su tutti loro: tu, tu sei la
re pretende». testa d'oro.161
39 Dopo di te sorgerà un altro regno, inferiore a te162;
24 Quindi Daniele si recò da Arioc, che il re aveva stabilito poi un terzo altro regno, di bronzo, che dominerà su tutta
per distruggere i saggi di Babilonia; egli andò e gli parlò la terra163.
così: «Non distruggere i saggi di Babilonia! Conducimi 40 Il quarto regno sarà forte come il ferro poiché, come il
davanti al re e io gli darò l'interpretazione». ferro spezza tutto, e come il ferro rompe ogni cosa, così
25 Allora Arioc introdusse in fretta Daniele davanti al re e quello spezzerà e romperà164.
gli parlò così: «Ho trovato un uomo tra i figli dei prigionieri 41 Come tu hai visto i piedi e le dita, in parte d'argilla da
di Giuda che darà al re l'interpretazione». vasaio e in parte di ferro, così il regno sarà diviso e vi
26 Il re replicò e disse a Daniele, detto Beltesatsar155: «Puoi
tu farmi conoscere il sogno che ho fatto e dare la sua
interpretazione?» 156
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
157
o : immagine; anche al Cap. 2 v.1;
158
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
159
n. d. t.: altri traccia;
150 160
esattamente: la cosa del re; anche al v. 23 o : gli uomini, ha messi nelle tue mani le bestie della
151
esattamente in caldeo: Elah qui al plurale; vedere la nota campagna e gli uccelli del cielo
161
in Esdra Cap. 4 v. 24; I Cap. 2 v. 4 fino a / v. 28, sono in n. d. t. : cioè l’impero Caldeo che durò 70 anni;
162
lingua aramaica ed hanno sempre Elah n. d. t. altri: al tuo ; cioè l’impero Medo-Persiano che
152
esattamente: il grand’ufficiale durò 206 anni;
153 163
esattamente: Elah n. d. t. : cioè l’impero Greco-Macedone che durò 267
154
esattamente: suo anni;
155 164
n. d. t. : nome aramaico che significa Bal protegga la sua n. d. t. : cioè l’impero Romano che sottomise la terra
vita: promessa dal 63 A. C. al 70 D. C., 133 anni;
sarà in esso della durezza del ferro, poiché tu hai visto il 5 allorché udrete il suono del corno, del flauto, della
ferro mescolato con la grassa165 argilla. cetra, dell’arpa173, del saltèrio, della zampogna e di ogni
42 Quanto alle dita dei piedi che erano in parte di ferro e in specie di strumenti, vi inchinerete [e] adorerete la statua
parte d'argilla, così quel regno sarà in parte forte e in parte d'oro che il re Nabucodonosor ha rizzato
fragile. 6 e chiunque non si inchinerà e non adorerà, sarà
43 Come tu hai visto il ferro mescolato con la grassa argilla, all’istante gettato in mezzo ad una fornace ardente».
essi saranno mescolati alla semenza degl’uomini166, ma essi 7 Allora, non appena tutti i popoli ebbero udito il suono
non si uniranno l'uno all'altro, così come il ferro non si del corno, del flauto, della cetra, dell’arpa, del saltèrio,
unisce con l'argilla. della zampogna e di ogni specie di strumenti, che tutti i
44 Al tempo di questi [dieci]167 re, il Dio dei cieli farà popoli, le nazioni e le lingue si inchinarono [e] adorarono
sorgere un regno che non sarà mai distrutto e che non la statua d'oro che il re Nabucodonosor aveva fatto rizzare.
passerà ad un altro popolo. Spezzerà e annienterà tutti
questi regni, ma esso durerà per sempre,168 8 Allora, in quello stesso momento, degli uomini caldei si
45 proprio come hai visto la pietra staccarsi dal monte, avvicinarono e accusarono174 i Giudei.
senza mano, che ha spezzato il ferro, il bronzo, l'argilla, 9 Essi presero la parola e dissero al re Nabucodonosor: «O
l'argento e l'oro. Il gran Dio fa conoscere al re quello che re, vivi per sempre!
avverrà d'ora in poi. Il sogno è certo e la sua interpretazione 10 Tu, o re, tu hai dato ordine che ogni uomo che ha udito
è sicura». il suono del corno, del flauto, della cetra, dell’arpa175, del
saltèrio, della zampogna e di ogni specie di strumenti, si
46 Allora il re Nabucodonosor, cadde sulla sua faccia e si inchini e adori la statua d'oro
prostrò davanti a Daniele e ordinò che gli fossero portati 11 e che chiunque non s'inchina e non adora sia gettato in
un’offerta e dei profumi. mezzo ad una fornace ardente.
47 Il re rispose e disse a Daniele: «In verità il vostro Dio è il 12 Ora ci sono degli uomini giudei, ai quali tu hai affidato
Dio degli dèi, il Signore dei re e il rivelatore dei segreti, l'amministrazione della provincia di Babilonia, Sadrac,
poiché tu hai potuto svelare questo segreto». Mesac e Abed-Nego e questi uomini non tengono conto di
48 Allora il re innalzò in dignità Daniele, gli fece molti e te, o re, essi non servono i tuoi dèi e non adorano la
ricchi doni, lo stabilì governatore di tutta la provincia di statua d'oro che tu hai fatto erigere».
Babilonia e lo prepose su tutti i saggi di Babilonia. 13 Allora Nabucodonosor, con collera e furore, ordinò di
49 Daniele chiese al re di stabilire a Sadrac, Mesac e condurgli Sadrac, Mesac e Abed-Nego; questi furono
Abed-Nego sui servizi della provincia di Babilonia e condotti alla presenza del re.
Daniele [si tenne] alla porta del re. 14 Nabucodonosor prese la parola e disse loro: «Sadrac,
Mesac, Abed-Nego, è vostra intenzione di non servire il
I tre compagni di Daniele gettati nella fornace ardente mio dio e di non adorare la statua d'oro che io ho rizzata?
Daniele 3 15 Ora, appena voi udrete il suono del corno, del flauto,
*1 Il re Nabucodonosor fece una statua d'oro; la sua altezza della cetra, dell’arpa176, del saltèrio, della zampogna e di
era di sessanta cubiti, la sua larghezza di sei cubiti e la rizzò ogni specie di strumenti, siate pronti a inchinarvi per
nella pianura di Dura, nella provincia di Babilonia. adorare la statua che io ho fatta…; ma se non la
2 Il re Nabucodonosor divulgò [un ordine] per convocare i adorerete, sarete immediatamente gettati in mezzo ad una
satrapi, i prefetti, i governatori, i grandi giudici169, i tesorieri, fornace ardente e chi è il Dio che vi libererà dalla mia
i consiglieri170, i legisti171 e tutti i magistrati172 delle mano?»
provincie, perché venissero alla dedicazione della statua, che 16 Sadrac, Mesac e Abed-Nego risposero e dissero al re:
il re Nabucodonosor aveva fatto rizzare. «Nabucodonosor, non è necessario che ti rispondiamo su
3 Allora si radunarono i satrapi, i prefetti, i governatori, i questo soggetto.
grandi giudici, i tesorieri, i consiglieri, i legisti e tutti i 17 Se è [come tu dici] il nostro Dio, che noi serviamo, può
magistrati, i quali vennero alla dedicazione della statua che il salvarci dal fuoco della fornace ardente e lui [ci] libererà
re Nabucodonosor aveva fatto rizzare: tutti stavano in piedi dalla tua mano, o re.
davanti alla statua che Nabucodonosor aveva fatto rizzare. 18 Se così non sarà, sappi, o re, che noi non serviremo i
tuoi dèi e non adoreremo la statua d'oro che tu hai
4 Allora un araldo gridò forte: «Vi è ordinato, popoli, rizzato».
nazioni e lingue:
19 Allora Nabucodonosor fu pieno di furore e
l'espressione del suo viso mutò verso Sadrac, Mesac e
165 Abed-Nego. Egli prese la parola e ordinò che si scaldasse
n. d. t.: altri fragile;
166
n. d. t. : altre traduzioni hanno mediante matrimonio; il la fornace sette volte più del solito177;
significato non riguarda unioni matrimoniali, come 20 poi ordinò agli uomini più vigorosi del suo esercito di
potrebbe sembrare, ma piuttosto accordi, o compromessi legare Sadrac, Mesac e Abed-Nego e di gettarli nella
umani, poiché il seme umano è qui un simbolo della fornace ardente.
natura umana;
167
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
168
n. d. t. : cioè il regno millenario di Cristo, che porrà fine
173
al tempo del governo delle Nazioni pagane; n. d. t. altri: lira;
169 174
n. d. t. altri: consiglieri; esattamente: mangiare i pezzi dei; qui e al Cap. 6 v. 24;
170 175
n. d. t. altri: giureconsulti; n. d. t. altri: lira;
171 176
n. d. t. altri: magistrati; n. d. t. altri: lira;
172 177
n. d. t. altri: le autorità; esattamente: più di quello ch’era stato fatto;
21 Allora i tre uomini furono legati con i loro calzoni, le loro 6 Allora da parte mia ordinai di condurre in mia presenza
tuniche, i loro mantelli e i loro vestiti e gettati in mezzo alla tutti i saggi di Babilonia perché mi facessero conoscere
fornace di fuoco ardente. l'interpretazione del sogno.
22 Poiché l'ordine del re era rigoroso e la fornace era 7 Allora vennero gli indovini, gl'incantatori, i Caldei e gli
estremamente riscaldata, la fiamma bruciò gli uomini che auguri183; io raccontai il sogno davanti a loro, ma essi non
gettarono Sadrac, Mesac e Abed-Nego nel fuoco poterono darmene l'interpretazione,
23 e questi tre uomini, Sadrac, Mesac e Abed-Nego, caddero 8 ma infine entrò davanti a me Daniele, detto
legati in mezzo alla fornace ardente.178 Beltesatsar, dal nome del mio dio, nel quale è lo spirito
degli dèi santi e io raccontai davanti a lui il sogno
24 Allora, il re Nabucodonosor, sbalordito, si alzò in gran [dicendogli]184:
fretta [e] prendendo la parola disse ai suoi consiglieri: «Non
abbiamo legati e gettati in mezzo al fuoco ardente tre 9 «Beltesatsar, capo degl’indovini, poiché io so che lo
uomini?» Quelli risposero e dissero al re: «Certo, o re!» spirito degli dèi santi è in te e che nessun segreto
25 Lui replicò e disse ancora: «Ecco, io vedo quattro uomini t’imbarazza, dimmi le visioni del sogno che ho visto e la
sciolti che camminano in mezzo al fuoco, senza averne alcun sua interpretazione.
male e l'aspetto del quarto è simile a un figlio di Dio179». 10 [Queste erano] le visioni della mia mente sul mio letto:
26 Allora Nabucodonosor si avvicinò all’apertura della Io guardavo, ed ecco un albero in mezzo alla terra molto
fornace di fuoco ardente, prese la parola e disse: «Sadrac, grande.
Mesac, Abed-Nego, servi del Dio altissimo, uscite fuori e 11 L'albero crebbe e divenne robusto, la sua altezza
venite!» Sadrac, Mesac e Abed-Nego uscirono di mezzo al giungeva fino ai cieli e lo si vedeva da ogni angolo di tutta
fuoco. la terra.
27 I satrapi, i prefetti, i governatori e i consiglieri del re che 12 Il suo fogliame era bello, il suo frutto era abbondante e
erano radunati, videro questi uomini sul corpo dei quali il in lui vi era nutrimento per tutti. Sotto la sua ombra
fuoco non aveva avuto nessun potere: i capelli del loro stavano le bestie dei campi, fra i suoi rami abitavano gli
capo non erano stati bruciati, i loro calzoni non erano alterati uccelli dei cieli e di lui ogni carne si nutriva.185
e non avevano neppure odore di fuoco. 13 Io guardavo nelle visioni della mia mente sul mio letto,
28 Nabucodonosor prese la parola e disse: «Benedetto sia il ed ecco un vegliante, un santo, scendere dal cielo
Dio di Sadrac, di Mesac, e di Abed-Nego, il quale ha 14 gridare con forza dicendo così: "Abbattete l'albero e
mandato il suo angelo e ha salvato i suoi servi che si sono tagliate i suoi rami, scuotetene le foglie e disperdete il suo
confidati in lui, hanno trasgredito l'ordine del re, hanno frutto; fuggano gli animali da sotto di lui e gli uccelli dai
esposto i loro corpi per non servire né adorare alcun altro suoi rami!
dio che il loro Dio. 15 Però lasciate in terra il ceppo delle sue radici tra
29 Perciò, da parte mia, ordino a tutti i popoli, nazioni e l'erba dei campi, legato con catene di ferro e di bronzo
lingue, che chiunque parlerà male del Dio di Sadrac, Mesac [tutto attorno]; sia bagnato dalla rugiada dei cieli e abbia la
e Abed-Nego, sia fatto a pezzi e la sua casa ridotta in un sua parte con gli animali, dell'erba della terra.
mucchio d’immondizie, perché non c'è nessun altro Dio che 16 Gli sia cambiato il cuore umano con un cuore di bestia
possa salvare così». e passino su di lui sette tempi.
30 Allora il re innalzò180 Sadrac, Mesac e Abed-Nego nella 17 Questa sentenza è decretata dai veglianti, la cosa è per
provincia di Babilonia. la parola dei santi, affinché i viventi sappiano che
l'Altissimo domina sul regno degli uomini, egli lo dà a
Il grande albero, sogno di Nabucodonosor, spiegato da chi vuole e vi può innalzare il più umile degli uomini".
Daniele 18 Questo è il sogno che io, il re Nabucodonosor, ho fatto;
Daniele 4 ora tu, Beltesatsar, dammene l'interpretazione, perché
*1 Il re Nabucodonosor, [scrisse una lettera di questo tutti i saggi del mio regno non hanno potuto darmela; ma
tenore]181: tu, tu lo puoi, perché lo spirito degli dèi santi è in te».
«A tutti i popoli, nazioni e lingue che abitano su tutta la
terra: Che la vostra pace vi sia moltiplicata. 19 Allora Daniele, detto Beltesatsar, rimase sbigottito per
2 Mi è parso buono di farvi conoscere i segni e i prodigi che un’ora circa186 e i suoi pensieri lo turbavano. Ma il re prese
il Dio Altissimo ha operato a mio riguardo. la parola e gli disse: «Beltesatsar, che il sogno e
3 I suoi segni, come sono grandi! I suoi prodigi, come sono l'interpretazione non ti spaventino!» Beltesatsar rispose e
potenti! Il suo regno è un regno eterno e il suo dominio disse: «Mio signore, il sogno sia per quelli che ti odiano, e
dura di generazione in generazione. la sua interpretazione per i tuoi nemici!
4 Io, Nabucodonosor, ero in pace in casa mia e prosperoso 20 L'albero che il re ha visto, che cresceva e divenne
nel mio palazzo. robusto, la cui altezza raggiungeva i cieli e che si vedeva
5 Vidi un sogno che mi spaventò. I pensieri che avevo sul dalle estremità della terra
mio letto e le visioni della mia mente mi turbarono182.

178 182
n. d. t. : qui è inserita una prima parte deuterocanonica n. d. t. : questo sogno e i fatti conseguenti furono resi
che comprende una preghiera di Azaria in mezzo al noti con un bando pubblico nel regno di
fuoco, e una lunga benedizione dei tre giovani; Nabucodonosor;
179 183
esattamente in caldeo: Elah qui al plurale; vedere la nota n. d. t. altri: maghi…..astrologi;
184
del Cap. 2 v. 11; n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
180 185
esattamente: elevare a grandi onori; n. d. t. : confronta Ezechiele Cap. 31 vv. da 1 a 18;
181 186
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. altri: momento;
21 e il cui fogliame era bello e il frutto abbondante, che 37 Ora io, Nabucodonosor, lodo, esalto e glorifico il Re
aveva del nutrimento per tutti, sotto il quale abitavano le dei cieli, le cui opere sono verità e le cui vie giustizia188 e
bestie dei campi e sui cui rami abitavano gli uccelli del che ha il potere di abbassare quelli che procedono con
cielo, orgoglio.
22 sei tu, o re! Tu ti sei ingrandito e sei diventato potente, la
tua grandezza è cresciuta fino ai cieli e il tuo dominio fino
alle estremità della terra. Il banchetto di Belsatsar; Babilonia conquistata
23 Quando il re ha visto un vegliante, un santo scendere dai Daniele 5
cieli che diceva: "Abbattete l'albero e distruggetelo, tuttavia *1 Il re Belsatsar189 fece un grande festino per mille dei
lasciate in terra il ceppo con le sue radici, legato con catene suoi grandi e bevve vino in loro presenza.
di ferro e di bronzo [tutto attorno], fra l'erba dei campi e che 2 Mentre beveva190 il vino, Belsatsar ordinò che portassero
sia bagnato dalla rugiada del cielo e abbia la sua parte con gli i vasi d'oro e d'argento che suo padre Nabucodonosor
animali della campagna finché siano passati sopra di lui sette aveva preso dal tempio di Gerusalemme, perché vi
tempi", bevessero il re, i suoi grandi, le sue mogli e le sue
24 questa è l'interpretazione, o re, è la decisione concubine.
dell'Altissimo che sarà eseguita per il re, mio signore: 3 Allora furono portati i vasi d'oro che erano stati presi dal
25 tu sarai scacciato di mezzo agli uomini e abiterai con le tempio, dalla casa di Dio che era a Gerusalemme; il re, i
bestie dei campi; ti daranno da mangiare l'erba come ai suoi grandi, le sue mogli e le sue concubine vi bevvero.
buoi; sarai bagnato dalla rugiada del cielo e sette tempi 4 Bevvero il vino e lodarono gli dèi d'oro, d'argento, di
passeranno su di te finché tu riconoscerai che l'Altissimo bronzo, di ferro, di legno e di pietra.
domina sul regno degli uomini e lo dà a chi vuole. 5 In quel momento apparvero le dita di una mano
26 Quanto poi all'ordine di lasciare il ceppo delle radici d'uomo, che si misero a scrivere di fronte al candeliere,
dell'albero, ciò significa che il tuo regno ti sarà ristabilito, sulle figure di gesso [che ornavano] il muro191 del palazzo
quando tu avrai riconosciuto che il dominio è dei cieli. reale. Il re vide il mozzicone di mano che scriveva.
27 Perciò, o re, accetta il mio consiglio! Metti fine ai tuoi 6 Allora il re cambiò colore e i suoi pensieri lo turbarono;
peccati con la giustizia, alle tue iniquità con la compassione le giunture dei suoi fianchi si allentarono e le sue
verso gli afflitti e questo può prolungare la tua pace». ginocchia sbattevano l'una contro l'altra.
28 Tutto questo avvenne al re Nabucodonosor. 7 A voce alta il re gridò che si conducessero gli
29 Alla fine di dodici mesi, mentre passeggiava sul palazzo incantatori, i Caldei e i chiaroveggenti. Il re prese la parola
reale di Babilonia, e disse ai saggi di Babilonia: «Chiunque leggerà questa
30 il re prese la parola e disse: «Non è questa Babilonia la scrittura e me ne darà l'interpretazione sarà vestito di
grande che io ho costruita come residenza reale con la forza porpora, [porterà] una collana d'oro al collo e sarà terzo
della mia potenza e per la gloria della mia maestà?» nel governo del regno».
31 Il re aveva ancora la parola sulle labbra, quando una voce 8 Allora entrarono tutti i saggi del re; ma non furono
venne dai cieli: «Re Nabucodonosor, odi questo: capaci di leggere lo scritto né di darne l'interpretazione al
32 il regno ti è tolto e sarai scacciato di mezzo agli uomini e re.
abiterai con le bestie dei campi; ti daranno da mangiare 9 Allora il re Belsatsar fu grandemente spaventato, cambiò
l’erba come ai buoi e passeranno sette tempi sopra di te, colore e i suoi grandi furono costernati.
finché tu riconoscerai che è l'Altissimo che domina sul regno 10 La regina, avendo udito le parole del re e dei suoi
degli uomini e lo dà a chi vuole». grandi, entrò nella sala del banchetto, prese la parola e
33 Nello stesso istante quella parola si adempì su
Nabucodonosor: fu scacciato di mezzo agli uomini, mangiò
l'erba come i buoi, il suo corpo fu bagnato dalla rugiada del 188
esattamente: giusto giudizio;
cielo finché i suoi capelli fossero diventati lunghi come [le 189
n. d. t.: La dominazione Mediorientale del regno
penne] dell’aquila e le sue unghie come quelle degli uccelli. Caldeo-Babilonese durò 70 anni, esattamente il tempo
della cattività del popolo di Giuda e di Beniamino. Il
34 Alla fine di quei giorni, io, Nabucodonosor, alzai gli suo fondatore fu Nabucodonosor il quale regnò per 43
occhi ai cieli e l’intelletto187 tornò in me e benedissi anni; dopo di lui venne Evil- Merodac (il malvagio)
l'Altissimo e lodai e glorificai colui che vive in eterno, il cui che governò 2 anni; poi venne Neril-Glissar per 2 anni;
dominio è un dominio eterno e il cui regno è di generazione poi Nabonide per 4 anni; infine l’ultimo re fu
in generazione. Belsatsar per 18 anni. Durante questi anni profetarono
35 Tutti gli abitanti della terra sono reputati come nulla ed in cattività tre grandi uomini di Dio che scrissero le loro
egli agisce a suo piacere con l'esercito del cielo e con gli memorie, con fatti che si intrecciarono con quelli
abitanti della terra; non c'è nessuno che possa fermare la sua descritti in questi tre libri storici: Daniele, Ezechiele e
mano o dirgli: «Che fai?» Zaccaria. Belsatsar fu il figlio di Nabonide, il quale si
36 In quel tempo l’intelletto tornò in me; la gloria del mio assentò lungamente dalla capitale e lasciò il governo e
regno, la mia maestà e il mio splendore mi furono restituiti; i l’amministrazione della città, in sua assenza, al figlio;
miei consiglieri e i miei grandi mi cercarono e io fui Belsatsar era dunque il viceré a Babilonia (vedere il v.
ristabilito nel mio regno e la mia grandezza fu estremamente 7); in questo passo Belsatsar è detto figlio di
accresciuta. Nabucodonosor, ma nel senso di suo discendente, non
di figlio diretto; così dicevano anche i Giudei di essere
figli di Abraamo, perché erano suoi discendenti;
190
esattamente: gustava; n. d. t. altri: stava assaporando;
187 191
esattamente: conoscenza; n. d. t. altri: sulla parete;
disse: «O re, vivi per sempre! I tuoi pensieri non ti turbino e 26 Questa è l'interpretazione delle parole: Mené: Dio ha
non ti impallidiscano! contato il tuo regno e gli ha posto fine;
11 C'è un uomo, nel tuo regno, in cui è lo spirito degli dèi 27 Téchel: tu sei stato pesato con la bilancia e sei stato
santi. Al tempo di tuo padre si trovò in lui una luce, trovato mancante di peso.
un'intelligenza e una saggezza pari alla saggezza degli dèi; 28 Perès: il tuo regno è diviso e dato ai Medi e ai
il re Nabucodonosor, tuo padre, tuo padre o re, lo fece capo Persiani».195
degl’indovini, degli incantatori, dei Caldei e dei
chiaroveggenti, 29 Allora, Belsatsar ordinò196 e Daniele fu vestito di
12 perché fu trovato in lui uno spirito straordinario, una porpora, [gli fu messa] al collo una collana d'oro e fu
conoscenza, un’intelligenza, una facoltà di interpretare i proclamato terzo governatore nel regno.
sogni, di spiegare enigmi e di risolvere questioni difficili, in 30 In quella stessa notte Belsatsar, re dei Caldei, fu
Daniele, che il re aveva chiamato Beltesatsar. Si chiami ucciso
dunque Daniele ed egli darà l'interpretazione». 31 e Dario il Medo ricevette il regno all'età di sessantadue
anni.197
13 Allora Daniele fu introdotto davanti al re; il re prese la
parola e gli disse: «Sei tu Daniele, uno dei figli della cattività Daniele nella fossa dei leoni
di Giuda, che il re mio padre condusse da Giuda? Daniele 6
14 Io ho sentito dire di te che lo spirito degli dèi è in te, che *1 Parve bene a Dario di affidare l'amministrazione del
la luce, l’intelligenza e una saggezza straordinaria si suo regno a centoventi satrapi in tutto il regno
trovano in te. 2 e sopra di loro tre preposti, uno dei quali era Daniele,
15 Ora, i saggi e gli incantatori sono stati condotti davanti a perché i satrapi rendessero conto a loro e il re non dovesse
me per leggere questa scrittura e darmene l'interpretazione, soffrire alcun danno.
ma loro non hanno potuto interpretare la cosa192. 3 Questo Daniele sorpassava i capi e i satrapi, perché c'era
16 Ma ho sentito dire che tu puoi dare interpretazioni e in lui uno spirito straordinario; il re pensava di stabilirlo
risolvere questioni difficili. Ora, se puoi leggere la scrittura sopra tutto il suo regno.
e farmene conoscere l'interpretazione, tu sarai vestito di
porpora, porterai al collo una collana d'oro e sarai il terzo 4 Allora i preposti e i satrapi cercarono di trovare
governatore nel regno». [nell'amministrazione del] regno, un motivo per accusare
Daniele, ma essi non potevano trovare alcun soggetto
17 Allora Daniele rispose e disse davanti al re: «Tieni i tuoi d’accusa, né alcun fallo, perché egli era fedele e non c'era
doni e dà a un altro le tue ricompense! Tuttavia io leggerò la in lui alcuna mancanza, né alcun fallo.
scrittura al re e gli farò conoscere la sua interpretazione. 5 Quegli uomini dissero dunque: «Noi non troveremo
18 O re193, il Dio altissimo donò a tuo padre alcun pretesto per accusare questo Daniele, a meno che
Nabucodonosor, il regno, la grandezza, la gloria e la non ne troviamo contro di lui a causa della legge del suo
maestà. Dio».
19 Per questa grandezza che Dio gli donò, tutti i popoli, le 6 Allora quei capi e quei satrapi si radunarono in massa
nazioni e le lingue tremavano alla sua presenza e lo presso il re e gli dissero: «Re Dario, vivi in eterno!
temevano. Egli faceva morire chi voleva, lasciava in vita chi 7 Tutti i preposti del regno, i prefetti e i satrapi, i
voleva; innalzava chi voleva, abbassava chi voleva. consiglieri e i governatori si sono accordati per
20 Ma quando il suo cuore s’innalzò e il suo spirito s'indurì promulgare un decreto reale e imporre un divieto, che
fino all’orgoglio, il re fu spodestato dal suo trono e gli fu chiunque farà una richiesta a qualche dio o a qualche
tolta la sua dignità; uomo, tranne che a te, o re, per un periodo di trenta
21 fu scacciato di mezzo agli uomini, il suo cuore fu reso giorni, sia gettato nella fossa dei leoni.
simile a quello delle bestie e abitò con gli asini selvatici; fu
nutrito d’erba come i buoi e il suo corpo fu bagnato dalla
rugiada dei cieli, finché non riconobbe che è il Dio altissimo
che domina sui regni degli uomini, e che vi stabilisce chi 194
n. d. t.: si tratta di termini aramaici relativi ai pesi che si
vuole. usavano al mercato per fare i conti: Mené è il peso
22 Tu, Belsatsar, suo figlio, non hai umiliato il tuo cuore, della mina; Téchel e il peso del siclo; Uparsin è il peso
benché tu sapessi tutto questo, di 2 mezze mine, cioè una mina divisa in due; Peres è il
23 ma ti sei innalzato contro il Signore dei cieli. Ti sono stati singolare di Parsin; ma i tre pesi avevano anche un
portati i vasi della sua casa e tu, i tuoi grandi, le tue mogli e significato etimologico: Mené = conto; Téchel = peso;
le tue concubine vi avete bevuto del vino; tu hai lodato gli Uparsin = spezzato;
dèi d'argento, d'oro, di bronzo, di ferro, di legno e di pietra, 195
n. d. t.: la scrittura apparsa sul muro aveva dunque il
che non vedono, non odono e non comprendono, e il Dio che significato di una resa dei conti del governo del re, che
ha nella sua mano il tuo soffio, a cui appartengono tutte le si può semplificare così: Conto (il primo Mené è il
tue vie, tu non l’hai glorificato. titolo della lista): Contato (il secondo Mené), pesato
24 Allora è stato mandato da parte sua quel mozzicone di (Téchel), spezzato (Peres);
mano, che ha tracciato quella scrittura. 196
esattamente: disse, parlò;
25 Ecco le parole che sono state scritte: Mené, Mené, 197
n. d. t.: A.C. 536; è probabile che questo Dario il
Téchel, Uparsin.194 Medo, dell’età di 62 anni, del ramo dei re di Media,
avesse ricevuto la reggenza di Babilonia condivisa con
Ciro il Grande, che era invece del ramo di Persia;
192
o: le parole; forse si tratta di Ciassarre figlio di Cambise (Assuero)
193
esattamente: Tu o re; 1° re del regno di Media in Susa;
8 Ora, o re, promulga il divieto e firma il decreto, perché giunti in fondo alla fossa, che già i leoni si avventarono su
non sia cambiato, secondo la legge dei Medi e dei Persiani, di loro e stritolarono tutte le loro ossa.
che non può essere abrogata».
9 Per questo motivo il re Dario firmò il decreto e il divieto. 25 Allora il re Dario scrisse [la seguente lettera]200:
«A tutte le popolazioni, popoli e lingue che abitavano su
10 Ora Daniele, quando seppe che il decreto era firmato, tutta la terra, la vostra pace vi sia moltiplicata!
andò a casa sua e, tenendo le finestre aperte della sua camera 26 Io ho ordinato che in tutto il territorio del mio reame si
superiore, dal lato di Gerusalemme, tre volte al giorno si tremi davanti al Dio di Daniele e lo si temi, perché lui è il
metteva in ginocchio, pregava e ringraziava il suo Dio come Dio vivente che sussiste in eterno e il suo reame non sarà
era solito fare anche prima. mai distrutto e il suo dominio durerà sino alla fine.
11 Allora questi uomini si radunarono in massa e trovarono 27 Egli salva e libera, egli fa segni e prodigi nei
Daniele che pregava e supplicava il suo Dio. cieli e sulla terra. È lui che ha salvato Daniele
12 Quindi si recarono dal re al riguardo del divieto reale:
«Non hai tu firmato un divieto [col quale] per un periodo di dal potere201 dei leoni».
trenta giorni, chiunque farà una richiesta a qualche dio o a 28 Questo Daniele prosperò durante il regno di
qualche uomo, tranne che a te, o re, sia gettato nella fossa Dario e durante il regno di Ciro, il Persiano202.
dei leoni?» Il re rispose e disse: «La cosa è certa, secondo la
legge dei Medi e dei Persiani, che non può essere abrogata». 1a visione. I quattro animali feroci
13 Allora questi risposero e dissero al re: «Daniele, che è Daniele 7
uno dei figli della cattività di Giuda, non fa nessun conto di
te, né del divieto che tu hai firmato, o re, ma prega [il suo **1 Nel primo anno di Belsatsar, re di Babilonia, Daniele
Dio]198 tre volte al giorno». vide un sogno e delle visioni nella sua mente, mentre era a
14 Allora il re, quando udì questo, ne fu molto addolorato; letto. Poi [dettò]203 il sogno [e] raccontò il sunto delle
pensò di liberare sollecitamente Daniele e fino al tramonto cose.
del sole tentò di salvarlo. 2 Daniele prese la parola e disse: «Io guardavo nella mia
15 Ma quegli uomini si radunarono in massa presso il re e gli visione notturna, ed ecco scatenarsi i quattro venti del
dissero: «Sappi, o re, che la legge dei Medi e dei Persiani cielo sul mar Grande.
stabilisce che nessun divieto o decreto promulgato dal re 3 Quattro grandi bestie salirono dal mare, una diversa
venga revocato». dall'altra.
16 Allora il re ordinò e Daniele fu preso e gettato nella fossa 4 La prima era simile a un leone e aveva ali d'aquila. Io
dei leoni. guardai, finché le furono strappate le ali, fu sollevata da
terra, si rizzò in piedi come un uomo e le fu dato un cuore
Il re prese la parola e disse a Daniele: «Il tuo Dio che tu d’uomo.
servi costantemente, sarà lui a liberarti». 5 Poi vidi un’altra, una seconda bestia simile a un orso
17 Poi fu portata una pietra e fu messa sull'apertura della che stava eretta da un lato, [aveva] tre costole in bocca,
fossa; il re la sigillò con il suo sigillo e con il sigillo dei suoi fra i suoi denti e le fu detto così: "Alzati, mangia molta
grandi, perché la decisione riguardo a Daniele non fosse carne!"
revocata. 6 Dopo questo, io guardavo ed eccone un'altra, simile a
18 Poi il re ritornò al suo palazzo e passò tutta la notte in un leopardo che aveva quattro ali d'uccello sul dorso e la
digiuno e non volle la compagnia di nessuna delle concubine bestia aveva quattro teste e le fu dato il dominio.
e il suo anfitrione fu allontanato da lui199.

19 Poi il re si alzò con l’aurora, appena fu giorno e si recò in


fretta alla fossa dei leoni. 7 Dopo questo io guardavo nelle visioni notturne, ed ecco
20 Quando fu vicino alla fossa, gridò a Daniele. Il re prese la una quarta bestia spaventosa, terribile e
parola con voce afflitta e disse: «Daniele, servo del Dio straordinariamente potente, che aveva grandi denti di
vivente! Il tuo Dio, che tu servi continuamente, ha potuto ferro; divorava e distruggeva e calpestava con le zampe
liberarti dai leoni?» ciò che restava; era diversa da tutte le bestie precedenti
21 Allora Daniele rispose al re: «O re, vivi per sempre! ed aveva dieci corna.
22 Il mio Dio ha mandato il suo angelo che ha chiuso la 8 Io consideravo le corna, ed ecco un altro piccolo corno
gola dei leoni ed essi non mi hanno fatto alcun male, perché spuntare in mezzo a quelle e tre delle prime corna furono
davanti a lui sono stato trovato innocente e anche davanti a strappate davanti a quello. Ecco [che quello] aveva occhi
te, o re, non ho fatto niente di male». come quelli di un uomo e una bocca che pronunziava
23 Allora il re fu molto contento e disse che Daniele fosse grandi cose.204
tirato fuori dalla fossa. Daniele fu tirato fuori dalla fossa e 9 Io guardavo finché vidi collocare dei troni e l’Antico dei
non si trovò su di lui alcun male, perché aveva avuto fiducia giorni si sedette205. La sua veste era bianca come la neve e
nel suo Dio.
24 Il re diede ordine che si conducessero quegli uomini che 200
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
avevano accusato Daniele e che fossero gettati nella fossa dei 201
n. d. t. altri : dalle zampe;
leoni, con i loro figli e le loro mogli; loro non erano ancora 202
n. d. t.: A.C. 536 - 529 A. C.;
203
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
204
n. d. t. altri: parole arroganti ; vedere Apocalisse Cap.
13:1 a 6;
198 205
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. altri: un vegliardo sedersi; vedere Apocalisse
199
altri : non volle del nutrimento e non riuscì a dormire; Cap. 20:4, e 11 a 13;
i capelli del suo capo erano come lana pura206; il suo trono 24 Le dieci corna … questi sono dieci re che sorgeranno
era fiamme di fuoco e le ruote del trono207 un fuoco ardente. dal regno; dopo quelli, sorgerà un altro re, che sarà diverso
10 Un fiume di fuoco usciva e colava davanti a lui. Mille dai precedenti e lui abbatterà tre re216.
migliaia lo servivano e delle miriadi di miriadi gli stavano 25 Egli pronuncerà parole contro l'Altissimo,
davanti. Si tenne il giudizio e i libri furono aperti. distruggerà217 i santi dei [luoghi] altissimi, e penserà di
11 Io guardavo allora, a motivo della voce del corno che cambiare [le] stagioni218 e [la] legge; essi saranno dati
pronunziava quelle grandi parole; guardai finché la bestia nelle sue mani per un tempo, [dei] tempi e una metà
fu uccisa e il suo corpo fu distrutto, essa fu gettata nel fuoco d'un tempo.219
per essere arsa.208 26 Poi si terrà il giudizio e gli sarà tolto il dominio per
12 Quanto alle altre bestie, il dominio fu loro tolto, ma fu distruggerla220 e farla perire fino in fondo.
loro concesso un prolungamento di vita per un tempo 27 Allora il regno, il dominio e la grandezza dei regni
determinato. sotto tutti i cieli saranno dati al popolo dei santi dei
[luoghi] altissimi; il suo221 regno è un regno eterno e
13 Io guardavo nelle visioni notturne, ed ecco [taluno] simile tutte le dominazioni lo serviranno e gli ubbidiranno”.
a un figlio d'uomo venne con le nuvole dei cieli e giunse
fino all’Antico dei giorni e fu fatto avvicinare a lui.
14 Gli furono dati il dominio, la gloria e la regalità, perché
tutti i popoli, le nazioni e le lingue lo servissero. Il suo
dominio è un dominio eterno che non passerà, il suo regno
[è un regno] che non sarà distrutto.209 216
n. d. t.: questa descrizione profetica si sovrappone e si
integra con la descrizione fatta da Giovanni in
15 Io, Daniele, io fui turbato nel mio spirito, dentro il mio Apocalisse Cap. 13:1 a 8, e Cap. 17:3 a 18, con
corpo210 e le visioni della mia mente mi spaventarono. l’ampliamento di particolari mancanti nell’una o
16 Mi avvicinai a uno di coloro che stavano là e gli chiesi la nell’altra; ma occorre tener presente che, tra il sorgere
verità su tutto quello [che avevo visto]211. Egli me [la] disse e della quarta bestia (di Daniele) e le sue dieci corna che
mi diede l'interpretazione delle cose: non hanno ancora ricevuto il regno (di Giovanni), c’è
17 “Queste grandi bestie, che sono quattro, sono quattro re una lunga interruzione della sua autorità mondiale;
che sorgeranno dalla terra;212 questa è testimoniata dalla ferita mortale ricevuta e
18 poi i santi dei [luoghi] altissimi213 riceveranno il regno dalla meraviglia del mondo che assiste alla sua
e possederanno il regno per sempre, per i secoli dei secoli”. risurrezione, come dice Giovanni; vi sono però anche
differenze significative: in Daniele il Capo della
19 Allora desiderai sapere la verità circa la quarta bestia confederazione è visto come un piccolo corno che
che era diversa da tutte le altre, straordinariamente diventa grande e abbatte tre re, ma in Giovanni è la
terribile; i suoi denti erano di ferro, le unghie di bronzo; bestia stessa, la quale sarà un uomo proveniente dalla
essa divorava, distruggeva e calpestava il resto con le città di Roma e dalle ceneri dell’antico impero romano,
zampe… il cui nome corrisponderà al valore numerico di 666;
20 e circa le dieci corna che aveva sul capo, e dell’altro che cioè la somma dei numeri corrispondenti alle lettere
spuntò e davanti al quale tre erano caduti; quel corno che alfabetiche del suo nome, in caratteri greci, quando i
aveva degli occhi e una bocca proferente grandi cose, e il numeri si scrivevano ancora con lettere alfabetiche;
cui aspetto era più grande delle altre214. I tre re che saranno abbattuti, sono i tre regni attribuiti
21 Io guardavo215 e quel corno fece la guerra ai santi e al Papa di Roma, che sono simbolizzati nello stemma
aveva il sopravvento, papale e nello stemma dalla Città del Vaticano, il
piccolo Stato sul quale regna oggi il Papa. Questi regni
22 finché non giunse l’Antico dei giorni e il potere di sono simbolizzati anche dal copricapo che indossava
giudicare fu dato ai santi dei [luoghi] altissimi, e venne il nel giorno dell’incoronazione il Papa: la Tiara del
tempo che i santi ebbero il regno. Triregno. Essa rappresentava la Chiesa in tre modi: la
militante, la sofferente e la trionfante; ma anche
23 Ed egli disse così: “La quarta bestia sarà un quarto rappresentava i tre poteri del Papa: quale padre dei re,
regno sulla terra, diverso da tutti i regni, che divorerà tutta rettore del mondo e vicario di Cristo. Questi sono i
la terra, la calpesterà coi piedi e la frantumerà. tre regni. Benché la tiara non sia più indossata
ufficialmente dal Papa (l’ultimo fu Paolo VI nel 1963)
ed è stata venduta per beneficiare i poveri, il potere
temporale e spirituale che essa rappresentava rimane
ancora nei documenti legislativi vaticani, che non sono
206
n. d. t.: Apocalisse Cap. 1:13 e 14; ancora stati annullati; Questi tre poteri non serviranno
207
esattamente: le sue ruote; più al futuro piccolo corno visto da Daniele, perché il
208
n. d. t.: Apocalisse Cap. 19 v. 20; suo obiettivo sarà esclusivamente di carattere
209
n. d. t.: Confronta Cap. 2 v.44; Apocalisse Cap. 22:1 a 5; temporale;
210 217
esattamente: al di dentro del suo fodero; o: durerà;
211 218
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. altri: i giorni festivi;
212 219
n. d. t. i quattro re sono coloro che hanno fondato 4 regni n. d. t.: un tempo, dei tempi e la metà di un tempo,
in successione temporale, uno sovrapposto all’altro; corrispondono a un anno, più due anni, più metà anno,
213
n. d. t. altri: dell'Altissimo; anche al v. 22, 24, 27; cioè 42 mesi di 30 giorni, cioè 1260 giorni;
214 220
esattamente: sue compagne; n. d. t.: cioè la quarta bestia;
215 221
o: vedevo; confrontare il v. 14;
28 Fin qui la fine della cosa222. Quanto a me, Daniele, i miei
pensieri mi spaventarono molto e mutai di colore. Ma 15 Mentre io, Daniele, avevo questa visione e cercavo di
conservai la cosa nel mio cuore». capirla, ecco l’apparenza come di un uomo, in piedi
davanti a me230
2a visione. Il montone e il capro in lotta 16 e udii la voce di un uomo in mezzo al fiume Ulai, che
Daniele 8 gridò e disse: «Gabriele, fa capire la visione a questi!»
1 Nel terzo anno del regno del re Belsatsar, mi apparve 17 Egli venne vicino al luogo dove stavo io e quando
una visione a me, Daniele, dopo quella che mi era apparsa al arrivò, io fui spaventato e caddi con la faccia a terra; egli
principio. mi disse: «Comprendi, figlio d'uomo? Giacché la visione
2 Io vidi la visione quando ero a Susa, il palazzo223 che è riguarda il tempo della fine».
nella provincia di Elam. Vidi nella visione che mi trovavo
presso il fiume Ulai. 18 Come egli mi parlava, io ero con la faccia a terra, in
3 Alzai gli occhi, guardai, ed ecco un montone che stava in profondo sbigottimento231; ma egli mi toccò e mi fece stare
piedi davanti al fiume, che aveva due corna; le due corna in piedi nel posto dove ero.
erano grandi, una più grande dell'altra; la più grande era 19 Poi disse: «Ecco, io ti faccio conoscere ciò che avverrà
cresciuta per ultima. alla fine dell'indignazione, perché la fine è fissata per un
4 Vidi il montone cozzare verso occidente, verso nord e tempo determinato232.
verso mezzogiorno. Nessuna bestia poteva stare davanti a 20 Il montone che tu hai visto, che aveva due corna,
lui224 e non c'era nessuno che potesse liberare dalla sua queste sono i re di Media e di Persia233.
mano; egli faceva quello che voleva e diventò grande. 21 Il capro irsuto è il re di Grecia234 e il grande corno che
5 Stavo meditando, quando ecco un capro venire era fra i suoi occhi, è il primo re235.
dall'occidente sulla faccia di tutta la terra, senza toccare il 22 Le quattro corna, sorte al posto di quello spezzato,
suolo; questo capro aveva un corno molto grande fra gli sono quattro regni che sorgeranno da questa nazione, ma
occhi. non con la stessa sua potenza236.
6 Egli venne fino al montone che aveva le due corna, che 23 Negli ultimi tempi del loro regno, quando i
avevo visto in piedi davanti al fiume e gli piombò addosso trasgressori avranno colmato la misura, sorgerà un re
col furore della sua forza. dall’apparenza spavalda, esperto in enigmi237.
7 Lo vidi arrivare velocemente al montone, infuriarsi contro 24 Il suo potere si rafforzerà, ma non per la sua propria
di lui, colpire il montone e spezzargli le due corna; il forza. Egli distruggerà con meraviglia238, prospererà e
montone restò senza la forza per stare in piedi e il capro lo agirà, distruggerà gli [uomini] potenti e il popolo dei
gettò a terra e lo calpestò coi piedi; nessuno potè liberare il santi.
montone dalla sua mano. 25 Per la sua intelligenza239, la frode prospererà nelle sue
mani; il suo cuore si inorgoglirà e per la cupidigia
8 Il capro divenne molto grande, ma quando fu diventato
forte, il suo gran corno si spezzò e quattro corna di grande
apparenza spuntarono al suo posto, verso i quattro venti del
229
cielo. o: giustificato; n. d. t. : la profanazione del Tempio
9 Da uno di essi uscì un piccolo corno, che si ingrandì operata da Antioco IV Epifane durò 1.150 giorni, cioè
enormemente verso il mezzogiorno, l'oriente e verso il 3 anni 2 mesi e 10 giorni, secondo il mese lunare
[paese] della bellezza225. ebraico di 30 giorni;
230
10 S’innalzò fino all'esercito dei cieli e fece cadere a terra n. d. t. : è l’angelo Gabriele;
231
una parte dell'esercito e delle stelle, e le calpestò coi piedi. n. d. t. altri: profondamente assopito; o caddi svenuto; o
11 (Si innalzò fino al capo dell'esercito, gli tolse il mi addormentai profondamente;
232
[sacrificio] continuo e rovesciò il luogo del suo santuario n. d. t. altri: perché la visione riguarda il tempo della
12 e un tempo di persecuzioni fu assegnato [a quelli]226 del fine; o perciocchè vi sarà una fine al tempo ordinato;
233
[sacrificio] continuo227, a causa delle trasgressioni). Egli n. d. t.: I re delle due dinastie di Media e di Persia
gettò la verità a terra e agì228 e prosperò. furono dieci;
234
13 Udii un santo che parlava; un altro santo chiese a quello esattamente: Iavan;
235
che parlava: «Fin quando [sarà] la visione del [sacrificio] n. d. t.: Alessandro il Grande figlio del re Filippo di
continuo e della trasgressione devastante, che assegna il Macedonia, sconfisse definitivamente il re di Persia
luogo santo e l'esercito ad essere calpestati coi piedi?» Dario III Codomano ad Isso nel 330 A. C.;
236
14 Egli mi rispose: «Fino a duemilatrecento sere e mattine; n. d. t.: Alessandro III, il Grande macedone, nel 317 A.
poi il santuario sarà purificato».229 C. all’età di 33 anni morì improvvisamente durante la
sua campagna di conquiste; il suo sconfinato regno fu
spartito fra quattro suoi generali, chiamati Diadochi:
222
o: del discorso; Filippo III si prende la Macedonia; Lisimaco si prende
223
o: la capitale; confronta Neemia Cap. 1 v. 1; n. d. t. altri: la Turchia; Seleuco si prende l’Asia Minore con la
la residenza reale; Palestina; Tolomeo si prende l’Egitto;
224 237
n. d. t.: lui perché quel montone rappresenta un uomo; n. d. t. : sarà Antioco IV° Epifane; altri: all'aspetto
225
confrontare Ezechiele Cap. 20. v. 6, 15; feroce, ed esperto in intrighi; o un re audace, sfacciato
226
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; e intrigante; o un re audace, e sfacciato, ed intendente
227
n. d. t. altri: Un esercito fu abbandonato, così pure il in sottigliezze;
238
sacrificio quotidiano; n. d. t. altri: sarà causa di rovine inaudite; o egli farà di
228
esattamente: agire, fare grandi cose; qui e al v. 24, al strane ruine;
239
Cap. 11 v. 7; vedere 1° Samuele Cap. 26 v. 25; n. d. t. altri: astuzia; o per lo suo senno;
corromperà240 molte persone. Si leverà pure contro il 11 Tutto Israele ha trasgredito la tua legge, si è sviato per
principe dei prìncipi, ma sarà infranto senza opera di mano. non ubbidire alla tua voce. Allora su di noi sono riversate
26 La visione delle sere e delle mattine, di cui è stato le maledizioni e i giuramenti che sono scritti nella legge di
parlato, è vera. Ma tu tieni segreta la visione, perché è per Mosè, servo di Dio, perché noi abbiamo peccato contro di
un tempo lontano». lui.
12 Egli ha messo in pratica le parole che aveva
27 Allora, io, Daniele, svenni e fui malato per qualche pronunziate contro di noi e contro i nostri giudici che ci
giorno; poi mi alzai e mi occupai degli affari del re. Io ero giudicavano, facendo venire su di noi un male così
stupito della visione, ma nessuno la comprese.241 grande, che sotto il cielo non è mai accaduto nulla di
simile a quello che è stato fatto a Gerusalemme.
Daniele scopre la profezia di Ezechiele dei 70 anni di 13 Come sta scritto nella legge di Mosè, tutto questo male
cattività è caduto su noi; ma noi non abbiamo implorato l’Eterno,
Daniele 9 nostro Dio, per convertirci dalla nostra iniquità e per
1 Il primo anno di Dario, figlio di Assuero, della stirpe dei comprendere la tua verità.
Medi, che fu fatto re sul regno dei Caldei,242 14 L’Eterno ha vigilato sul male per farcelo venire
2 il primo anno del suo regno, io, Daniele, compresi dai libri addosso, perché l’Eterno, il nostro Dio, è giusto in tutto
che il numero degli anni della desolazione di Gerusalemme, quello che ha fatto, ma noi non abbiamo ubbidito alla sua
secondo la parola dell’Eterno che venne al profeta Geremia, voce.
era di settant'anni. 15 Ora, o Signore, nostro Dio, tu che facesti uscire il tuo
3 Volsi perciò la mia faccia verso Dio, il Signore, per popolo dal paese d'Egitto con mano potente e ti sei fatto
cercar[lo] con la preghiera e la supplicazione, nel digiuno, il una fama che [così è] ancora oggi, noi abbiamo peccato e
sacco e la cenere. noi abbiamo agito malvagiamente.
4 Pregai l’Eterno, il mio Dio, feci la mia confessione e dissi: 16 Signore, per le tue opere di giustizia, che la tua ira e il
«Io ti supplico il Signore, *Dio243 grande e tremendo, che tuo sdegno si ritirino, ti prego, dalla tua città, da
mantieni il patto e serbi la misericordia verso quelli che ti Gerusalemme, dal tuo monte santo; poiché per i nostri
amano e osservano i tuoi comandamenti! peccati e per le iniquità dei nostri padri, Gerusalemme e il
5 Noi abbiamo peccato, noi abbiamo commesso l’iniquità, tuo popolo sono in obbrobrio a tutti quelli che ci stanno
noi abbiamo agito malvagiamente, noi ci siamo ribellati e ci intorno.
siamo allontanati dai tuoi comandamenti e dalle tue 17 Ora ascolta, o Dio nostro, la preghiera e le suppliche
prescrizioni. del tuo servo; per l’amore del Signore, fa' risplendere il
6 Non abbiamo ascoltato i tuoi servi, i profeti, che tuo volto sul tuo santuario che è desolato!
parlavano in nome tuo ai nostri re, ai nostri principi, ai 18, Inclina il tuo orecchio, o mio Dio, e ascolta! Apri i
nostri padri e a tutto il popolo del paese. tuoi occhi e guarda le nostre desolazioni e la città che è
7 A te, o Signore, la giustizia e a noi la confusione della chiamata con il tuo nome245, poiché non è per la nostra
faccia, come [così è] oggi, agli uomini di Giuda, agli abitanti giustizia che noi presentiamo246 davanti a te la nostra
di Gerusalemme e a tutto Israele, a quelli che sono vicini e a supplica, ma per le tue grandi247 compassioni.
quelli che sono lontani, in tutti i paesi dove tu li hai cacciati 19 Signore, ascolta! Signore, perdona! Signore, osserva e
per le infedeltà che hanno commesse contro di te, Signore244. agisci, non tardare, per te stesso, o mio Dio, perché la tua
8 A noi la confusione della faccia, ai nostri re, ai nostri città e il tuo popolo sono chiamati col tuo nome».
prìncipi e ai nostri padri, perché abbiamo peccato contro di
te. 3a visione. Risposta della preghiera di Daniele: le
9 Al Signore, nostro Dio, sono la compassione e il perdono; settanta settimane d’anni
poiché noi ci siamo ribellati a lui Daniele 9
10 e non abbiamo ascoltato la voce dell’Eterno, del nostro 20 Io parlavo ancora, pregando e confessando il mio
Dio, per camminare secondo le sue leggi che egli aveva peccato e il peccato del mio popolo Israele, presentando la
messo davanti a noi, mediante i profeti suoi servi. mia supplica davanti all’Eterno, al mio Dio, per il monte
santo del mio Dio,
21 quando stavo ancora parlando in preghiera,
quell'uomo, Gabriele, che avevo visto prima nella
240 visione, volando con rapidità, mi toccò verso l'ora
n. d. t. altri: distruggerà molte persone che si credevano
al sicuro; o con inganno farà perire molti; o e in pace ne dell'offerta di pasta della sera.
distruggerà molti; 22 Egli mi fece comprendere, mi rivolse la parola e disse:
241 «Daniele, io sono uscito ora per illuminare la tua
o: la fece comprendere; n. d. t.: o ma nessuno se ne
accorse; o perché non la potevo comprendere; o ma intelligenza.
niuno se ne avvide; uno dei re Diadochi perseguitò i 23 Al principio delle tue supplicazioni è uscita la risposta
Giudei e la loro tradizione, spingendosi a profanare il e io sono venuto a comunicar[tela], perché tu sei un
Tempio di Gerusalemme: Antioco IV° Epifane, che prediletto. Comprendi dunque la parola e capisci la
regnò sulla Giudea dal 187 al 164 a.C.; la fine del loro visione.
regno venne per opera dei Romani;
242
n. d. t. : si tratta forse dello stesso Dario o Ciassarre
figlio di Cambise (Assuero) 1° re del regno di Media in
245
Susa, reggente di Babilonia, contemporaneamente a Ciro n. d. t. altri: sulla quale è invocato; anche al v. 19;
246
re di Persia, già visto al Cap. 5:31; esattamente: presentare; qui e al v. 20 come Geremia
243
esattamente: El; Cap. 36 v. 7, ecc…;
244 247
altri: Eterno; esattamente: numerose;
24 Settanta settimane [d’anni]248 sono state imposte sul tuo settimana farà cessare il sacrificio e l’offerta a motivo
popolo e sulla tua santa città, per finire la trasgressione249, della protezione delle abominazioni260, [poi verrà] un
per finirla con i peccati, per fare propiziazione per l'iniquità devastatore, finché la distruzione e [le cose] decretate261,
e produrre la giustizia eterna250, per confermare la visione e siano versate sulla [città]262 desolata»263.
la profezia e per ungere il luogo santissimo251.
25 Sappi e comprendi: dall’ordine che uscirà per restaurare
e ricostruire Gerusalemme252, fino al Messia, [il] 4a visione. Il figlio di Dio dalle sembianze umane
principe253, ci sono sette settimane e sessantadue settimane; Daniele 10
la piazza e il fossato254 saranno ricostruiti, ma [questo] in *1 Il terzo anno di Ciro, re di Persia264, fu rivelata una
tempi angosciosi. cosa a Daniele, chiamato col nome di Beltesatsar; la cosa è
26 Dopo le sessantadue settimane [il] Messia sarà vera ma il tempo della prova determinata è lontano265. Egli
soppresso e non sarà più255 e il popolo d'un principe che comprese la cosa e capì il significato della visione.
verrà, distruggerà la città e il luogo santo; ne sarà la fine
con sovrabbondanza256 e [vi sarà] guerra sino alla fine, un 2 In quei giorni, io, Daniele, feci cordoglio per tre
decreto di devastazioni.257 settimane intere.
27 Egli, [quando sarà venuto]258, confermerà un patto con la 3 Non mangiai del pane buono, né la carne, né il vino
moltitudine [per] una settimana259 ma in mezzo alla entrarono nella mia bocca e non mi unsi affatto sino alla
fine delle tre settimane.

4 Il ventiquattresimo giorno del primo mese, io ero sulla


248
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; si tratta di sponda del gran fiume, che è il Tigri,
settenari, di settanta settimane d’anni sabatici (di 5 alzai gli occhi e vidi ed ecco un uomo vestito di lino,
riposo), cioè di 490 anni, non di giorni (confronta che aveva ai fianchi una cintura d'oro di Ufaz.
Levitico Cap. 25 v. 8); settanta volte sette è una 6 Il suo corpo era come un crisolito, il suo aspetto era
locuzione ebraica che significa pienezza come la folgore, i suoi occhi come fiamme di fuoco, le sue
sovrabbondante; è usata da Lamec, in modo distorto, per braccia e i suoi piedi come il rame luccicante e il suono
indicare una vendetta sovrabbondante (settantasette delle sue parole era come il rumore d'una moltitudine.266
volte Genesi Cap. 4 v. 24 ) e da Cristo, per contrasto, per 7 Soltanto io, Daniele, vidi la visione; gli uomini che
indicare il perdono sovrabbondante (Matteo Cap. 18 v. erano con me non la videro, ma un gran terrore piombò su
22); di loro e fuggirono a nascondersi.
249
n. d. t. altri: far cessare la perversità; 8 Io rimasi solo a contemplare quella grande visione e in
250
esattamente: dei secoli; me non rimase più forza; l’aspetto del mio viso giovanile
251
n. d. t. altri: Settanta settimane sono fissate per il tuo cambiò in quello di un vecchio e le forze mi
popolo e per la tua santa città per mettere fine abbandonarono267.
all'empietà, mettere i sigilli ai peccati, espiare l'iniquità, 9 Udii il suono delle sue parole, ma appena le udii caddi268
portare una giustizia eterna, suggellare visione e in un profondo sbigottimento con la faccia a terra.
profezia e ungere il Santo dei santi; o Vi sono settanta 10 Ed ecco, una mano mi toccò, mi scosse [e mi mise]
settimane determinate sopra il tuo popolo, e sopra la tua sulle ginocchia e sulle palme delle mani.
santa città, per terminare il misfatto, e per far venir 11 Poi mi disse: «Daniele, uomo prediletto, comprendi le
meno i peccati, e per far purgamento per l'iniquità, e parole che ti dico e alzati nel luogo dove stai; perché ora
per addurre la giustizia eterna, e per suggellar la
visione, ed i profeti; e per ungere il Santo de' santi;
252 259
n. d. t.: l’ordine della ricostruzione della città di n. d. t.: da questo punto inizia la 70a settimana descritta
Gerusalemme fu emesso dal re di Persia Artaserse in Apocalisse; il devastatore è la Bestia, il Capo della
Longimane nell’anno 445 D. C. (egli regnò dal 465 al quarta bestia, la confederazione romana dei 10 stati
424); le 69 settimane d’anni, cioè 483 anni, terminano occidentali, il quale farà un patto di pace con i
con l’anno 38 D.C., quando Gesù Cristo entra Giudei; ma questi ricostruiranno il tempio a
acclamato come Re in Gerusalemme e dopo pochi giorni Gerusalemme e riprenderanno i sacrifici, cosa che
viene crocifisso; dalla fine delle 69 settimane all’inizio farà rompere il patto a metà della settimana d’anni;
dell’ultima, la 70a , c’è l’interruzione profetica dovuta allora la Bestia farà la guerra ai fedeli testimoni di
all’avvento della Chiesa, che qui è nascosta, perché Dio e di Cristo, finché verrà per lui la sua fine;
260
coperta dal mistero; esattamente: idoli;
253 261
altri: capo; come Isaia Cap. 55 v. 4; confronta Isaia Cap. 10 v. 23;
254 262
altri: le mura ; n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
255 263
n. d. t. altri: nessuno sarà per lui; qualcuno: sul desolatore;
256 264
n. d. t. altri: come un'inondazione; o la sua fine sarà A. C. 533
265
un'inondazione; o e la fine di essa sarà con inondazione; n. d. t. altri: e predice una grande lotta; o e la lotta è
257
n. d. t.: il popolo del capo che verrà è l’esercito romano di grande; o e l'esercito era grande;
266
Tito che distruggerà Gerusalemme come n. d. t.: confronta Apocalisse Cap. 1:13 e 14;
267
un’inondazione, e le guerre in Palestina saranno al suo n. d. t. altri: il mio viso cambiò colore fino a rimanere
seguito per molto tempo, fino ai nostri giorni; esse sfigurato e le forze mi abbandonarono; o il mio
finiranno solamente quando sarà stabilito il regno colorito si fece smorto e mi vennero meno le forze; o e
millenario di Cristo; il capo che verrà è il piccolo corno il mio bel colore fu mutato in ismorto, e non ritenni
che spunterà tra le dieci corna della quarta bestia; alcun vigore;
258 268
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; esattamente: io fui;
io sono mandato a te». Quando egli mi disse questo, io mi sua discendenza e non avrà un dominio pari a quello di
alzai in piedi, tutto tremante. prima; perché sarà smembrato e passerà ad altri, oltre
12 Egli mi disse: «Non temere, Daniele, poiché dal primo quelli là277.
giorno che ti mettesti in cuore di capire e d'umiliarti davanti
al tuo Dio, le tue parole sono state udite e io sono venuto a 5 Il re del mezzogiorno diventerà forte e uno dei suoi capi,
motivo delle tue parole. ma [un altro] diventerà più forte di lui e dominerà, il suo
13 Ma il capo del regno di Persia m'ha resistito ventun dominio sarà grande. 278
giorni ma Michele, uno dei primi capi, è venuto in mio 6 Dopo diversi anni essi si uniranno insieme e la figlia del
soccorso e io rimasi269 là presso i re di Persia270. re del mezzogiorno verrà al re del settentrione per fare un
14 Ora sono venuto a farti conoscere ciò che avverrà al tuo accordo giusto. Ma lei non conserverà la forza del suo
popolo negli ultimi giorni, perché la visione è [relativa a braccio e non sussisterà e nemmeno il suo braccio; ella
molti] giorni271 a venire ». sarà catturata assieme a quelli che l’hanno condotta279 e a
15 Mentre egli mi rivolgeva queste parole, io abbassai gli colui che l’ha generata280.
occhi a terra e rimasi in silenzio.
16 Ed ecco uno che aveva l'aspetto di un figlio d'uomo che 7 Ma da un rampollo delle sue radici sorgerà, al suo
mi toccò le labbra, io aprii la bocca, parlai e dissi a colui che posto, [un uomo] che verrà con un esercito ed entrerà
mi stava davanti: «Mio Signore, per questa visione i dolori nella fortezza del re del nord, combatterà contro di loro e
mi hanno colpito, le forze mi hanno abbandonato e non mi è si mostrerà potente
più rimasto alcun vigore. 8 pure e condurrà in Egitto dei prigionieri, i loro dèi, i
17 Come potrei parlare con te, che sei mio Signore, io che loro principi281 con i loro oggetti preziosi, l'argento e l'oro
sono tuo servo? Perché ora non ho più alcuna forza in me e ed egli sussisterà più anni che il re del nord. 282
anche mi manca persino il respiro». 9 Questi verrà nel regno del re del mezzogiorno, poi
18 Allora uno che aveva l'aspetto d'uomo mi toccò di nuovo tornerà nel suo paese.283
e mi fortificò
19 e disse: «Non temere, o uomo molto amato! La pace sia 10 I suoi figli, però, s’irriteranno e raduneranno una
con te. Coraggio! Sii forte, sì, sii forte!» Alle sue parole quantità di forze numerose. [Uno di loro] verrà, inonderà
ripresi forza e dissi: «Che il mio signore parli, perché tu mi e passerà oltre. Poi tornerà e spingerà il combattimento
hai fortificato». fino alla fortezza [del re del meridione]284.
11 Il re del mezzogiorno si inasprirà, moverà guerra
20 Egli disse: «Sai tu perché sono venuto da te? Ora me ne contro lui, il re del nord, che metterà in piedi una grande
torno a combattere con il capo della Persia e quando uscirò moltitudine, ma che sarà sconfitta;
a combattere, verrà il principe di Grecia272
21 (perciò io ti dichiarerò ciò che è registrato nel libro della
verità) ma non c'è nessuno che mi sostenga contro quelli
277
là273, tranne Michele vostro capo. n. d. t.: vedere la nota del Cap. 8 v. 22; altri : non ai
suoi eredi;
278
Conflitto fra il regno del nord e quello del sud n. d. t. : il generale Tolomeo si prenderà l’Egitto, ed è
Daniele 11 chiamato il re del sud, un altro, Seleuco, si prenderà
1 Nel primo anno del re di Dario, il Medo, io ero là per la Siria, ed è chiamato il re del nord (323 A.C.);
aiutarlo e per fortificarlo. entrambi diedero vita a due lunghe dinastie reali
2 Ora ti dichiaro la verità. Ecco sorgeranno ancora tre re in spesso in guerra fra loro;
279
Persia274; poi il quarto diventerà molto più ricco di tutti gli o: fatta venire;
280
altri e quando sarà diventato forte con le sue ricchezze, o : che lei aveva generato; n. d. t. altri: Ma lei non
solleverà tutti contro il regno di Grecia275. conserverà la forza del suo braccio e nemmeno la sua
3 Allora sorgerà un re potente276 che avrà un grande discendenza resisterà; sarà messa a morte assieme ai
dominio e farà quello che vorrà. suoi seguaci, ai figli e al marito; o ma ella non potrà
4 Ma appena si sarà affermato, il suo regno sarà infranto e rattener la forza del braccio; e né colui, né il suo
sarà diviso verso i quattro venti dei cieli; [non passerà] alla braccio, non potrà durare; e colei, insieme con quelli
che l'avranno condotta, e il figliuolo di essa, e chi
terrà la parte sua, saranno dati a morte in que' tempi;
269 281
altri: io prevalsi; esattamente: unti; altri : i loro idoli di fusione;
270 282
n. d. t.: questi passi dimostrano che i governi umani sono n. d. t. altri: Egli porterà in Egitto come preda di
dominati da angeli ribelli; confronta Luca Cap. 4:5-8; guerra perfino i loro dèi, le loro immagini di metallo
Efesini Cap. 6:11-12; Apocalisse Cap. 12:7-9; fuso e i loro preziosi arredi d'argento e d'oro; e per
271
o: per questi giorni; diversi anni si terrà lontano dal re del settentrione;
272 283
esattamente: Iavan; in tutto il passo; n. d. t.: questo re del mezzogiorno è Tolomeo II° che
273
o: per queste cose; n. d. t. : quelli là sono gli angeli ribelli diede la figlia Berenice in moglie al re di Siria
che signoreggiano i troni di Grecia e di Persia; anche al Antioco II° il quale però la ripudiò (per riprendersi la
Cap. 12 v. 4; sua prima moglie Laodice) e la fece uccidere insieme
274
n. d. t.: questi tre re Persiani sono Dario II (423 – 405 A. ai suoi figli; suo figlio Tolomeo III° Evergete vinse la
C.); Artaserse II Mnemone (404 – 358 A.C.); Artaserse terza guerra siriaca contro Antioco II° e vendicò la
III Oco (358 – 336 A. C.); morte di sua sorella, gli permise di allargare i suoi
275
n. d. t.: questo re Persiano è Dario III (336 – 330 A. C.); confini fino all’Europa, portando l’Egitto all’apogeo
276
n. d. t.: questo re grande è il Greco Alessandro il Grande, della sua espansione (221 A.C.);
284
figlio del re Filippo di Macedonia (337 – 317 A. C.); n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
12 [il re del meridione] 285 sconfiggerà286 quella moltitudine Profanazione del santuario e culmine
e il suo cuore s’esalterà e ne farà cadere delle miriadi, ma dell’idolatria
non per questo vincerà287. Daniele 11
13 Il re del nord ritornerà e metterà in piedi una moltitudine 21 «Poi un [uomo] spregevole sorgerà al suo posto, a cui
più grande della prima; dopo un certo numero di anni egli non spetterebbe l’onore del regno ma verrà pacificamente
avanzerà con un esercito numeroso e con molto e s'impadronirà del regno a forza di lusinghe.298
macchinario.288 22 Le forze299 straripanti che invadevano il paese saranno
14 In quel tempo molti insorgeranno contro il re del sommerse davanti a lui, saranno annientate e anche il
mezzogiorno; degli uomini violenti fra il tuo popolo principe del patto.
insorgeranno per dare compimento alla visione, ma essi 23 Anche se sarà associato a lui, egli agirà con
cadranno. tradimento300 e salirà con potenza pur avendo poca gente.
15 Il re del nord verrà, innalzerà un terrapieno e si 24 In piena pace invaderà le parti più ricche della
impadronirà della città fortificata. Le forze del mezzogiorno provincia e farà quello che non fecero né i suoi padri né i
non gli terranno testa né le truppe scelte avranno la forza padri dei suoi padri: distribuirà loro301 del bottino, delle
per resistergli. spoglie e delle ricchezze e tramerà progetti contro le
16 Egli verrà contro il re del mezzogiorno facendo ciò che fortezze, per un certo tempo.
gli piacerà, nessuno potrà resistergli e si fermerà nel paese
della bellezza, con la distruzione nella sua mano. 25 Poi rinnoverà la sua forza e il suo cuore contro il re
17 Egli dirigerà la sua faccia per venire con le forze di tutto del mezzogiorno302, con un grande esercito e il re del
il suo regno, e con degli uomini giusti289 con lui290; egli mezzogiorno si impegnerà nella guerra con un grande e
agirà291 e darà la figlia delle mogli [al re del potentissimo esercito; ma non potrà resistergli, perché [i
mezzogiorno]292, corrompendola; ma ella non lo ascolterà e suoi] ordiranno delle congiure contro di lui.
non starà dalla sua parte293. 26 Quelli che mangeranno i suoi cibi raffinati lo
18 Poi volterà la sua faccia verso le isole e ne prenderà rovineranno. Il suo esercito si dileguerà303 e molti
molte; ma un [altro]294 capo metterà fine al suo obbrobrio, al cadranno uccisi.
posto suo [e] farà ricadere quell’obbrobrio [sullo stesso re 27 Quei due re mediteranno di farsi del male e, alla stessa
del mezzogiorno]295, sciogliendo l’altro. tavola, si diranno delle menzogne; ma ciò non riuscirà,
19 Poi ancora volterà la sua faccia verso le fortezze del suo perché la fine non verrà che al tempo fissato.
proprio paese, ma inciamperà, cadrà e non lo si troverà 28 Il re del nord tornerà al suo paese con grandi ricchezze
più.296 e il suo cuore sarà contro il patto santo e agirà, poi
tornerà al suo paese.
20 Al posto suo sorgerà uno che manderà un esattore nel
paese che è la gloria del regno; ma in pochi giorni sarà 29 Al tempo stabilito,304 egli verrà ancora al mezzogiorno,
tolto, distrutto, non per collera né in una battaglia.297 ma quest'ultima volta non riuscirà come la prima volta,
30 poiché le navi di Chittim verranno contro di lui ed egli
si scoraggerà e se ne ritornerà e sarà furioso contro il
patto santo ed agirà e se ne ritornerà avendo la sua
285
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; attenzione per coloro che avranno abbandonato il patto
286
o: s’eleverà; santo.
287
o: non sarà fortificato; 31 Delle forze mandate da lui saliranno là e
288
n. d. t. : i figli di Antioco II°, Seleuco II° e Antioco profaneranno il santuario della fortezza305,
Ierace, combatterono contro Tolomeo III° più volte la
guerra detta Laodicea dal nome della donna che
298
provocò la morte di Berenice; n. d. t. : quest’uomo spregevole è il re Antioco IV°
289
n. d. t.: cioè dei Giudei; Epifane, che fu esiliato a Roma per 14 anni; da Roma
290
altri: per fare un accordo con lui; ottenne con intrighi, l’aiuto per impossessarsi del
291
come al Cap. 8 v. 12; regno di Siria nel 175 A.C.;
292 299
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; esattamente : qui e altrove qualche volta braccio;
293 300
n. d. t. altri: ma farà un accordo con il re del n. d. t. : per questo tradimento la Bestia, il capo del
mezzogiorno: nella speranza di indebolire il suo regno, risorto impero romano, cioè il re del nord farà guerra
gli darà sua figlia per moglie; ma il piano non riuscirà e anche al re dei Giudei, la bestia che viene dai Giudei,
il paese non gli apparterrà; o stipulerà un'alleanza con l’Anticristo;
301
lui e gli darà sua figlia per rovinarlo, ma ciò non n. d. t.: cioè dei Giudei;
302
riuscirà e non raggiungerà il suo scopo; o offerendo n. d. t. : questo re del mezzogiorno è Tolomeo VI° che
condizioni d'accordo, onde egli verrà a capo; e darà a fu sconfitto a Pelusia dal re del settentrione Antioco
quell'altro una figliuola per moglie, corrompendola; ma IV° Epifane, nel 168 A.C.;
303
ella non sarà costante, e non terrà per lui; qualcuno : deborderà (come un torrente);
294 304
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. : questo tempo stabilito è quello dell’ultima
295
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; settimana della profezia, il tempo dell’Apocalisse; da
296
n. d. t. : questo re del settentrione fu Antioco III° che nel questo punto il re Antioco IV Epifane diventa
193 A.C. diede la figlia Cleopatra Sira in moglie al re un’allegoria del Capo della confederazione dei 10
del mezzogiorno Tolomeo V°; poi fece accordi con stati romani, la Bestia che sale dal mare vista da
Roma e riconquistò la Tebaide in Egitto; poi si volgerà Giovanni; i fatti qui menzionati da questo punto si
all’oriente dove troverà la morte nel 186 A.C.; ripeteranno quindi nei tempi futuri, quando la
297
n. d. t. : questo re fu Seleuco IV°; Chiesa di Cristo sarà rapita in cielo;
sopprimeranno il [sacrificio] continuo e rizzeranno moltiplicherà315 la loro gloria, li farà dominare sulla
l'abominazione della desolazione.306 moltitudine e spartirà fra loro il paese come
32 Poi trascinerà nell’empietà quelli che trasgrediscono il ricompensa.316
patto, ma il popolo che conosce il suo Dio si fortificherà e
agirà. 40 Al tempo della fine,317 il re del mezzogiorno si
33 I saggi tra il popolo istruiranno la moltitudine307 ma scontrerà [anche]318 con lui; il re del nord gli piomberà
saranno abbattuti dalla spada, dal fuoco, dalla schiavitù e addosso come la tempesta, con carri e cavalieri e con
dal saccheggio, per molti giorni. 308 molte navi; entrerà nei paesi inonderà e passerà oltre.
34 Quando cadranno, saranno soccorsi con un piccolo 41 Entrerà nel paese della bellezza e molti
aiuto, molti si uniranno a loro con inganno. soccomberanno; ma questi scamperanno dalle sue mani:
35 Fra i saggi, alcuni ne cadranno per essere provati309 così, Edom, Moab e i principali dei figli di Ammon.
per purificarli, resi candidi fino al tempo della fine, perché 42 Egli stenderà la mano anche sui paesi, e il paese
essa non verrà che al tempo stabilito. d'Egitto non scamperà.
43 S'impadronirà dei tesori d'oro e d'argento e di tutte le
cose preziose dell'Egitto. I Libi e gli Etiopi319 saranno al
Profanazione del santuario che si ripeterà al tempo suo seguito.
della fine 44 Ma notizie dall'oriente e dal nord lo spaventeranno ed
Daniele 11 egli partirà con gran furore, per distruggere e disperdere
36 Il re agirà a suo piacimento, s'innalzerà, si esalterà al di molti.
sopra di ogni *dio e proferirà cose empie, inaudite contro il 45 Pianterà le sue tende reali fra il mare320 e il monte
*Dio degli *dèi310; egli prospererà finché l'indignazione della santa bellezza; poi giungerà alla sua fine e nessuno
[divina]311 non sia completa, poiché ciò che è stato deciso si gli darà aiuto.321
compirà.
37 Egli non avrà riguardo agli dèi dei suoi padri; non avrà
riguardo all’oggetto del desiderio dalle donne, né ad alcun I tempi della fine: La risurrezione, il regno terreno
+dio, perché si innalzerà al di sopra di tutti.312 e lo stato eterno
38 Ma al posto [del suo Dio]313 onorerà il +dio delle Daniele 12
fortezze, con oro, con argento, con pietre preziose e con 1 «In quel tempo sorgerà Michele, il grande capo, il
oggetti di valore, egli onorerà un dio sconosciuto ai suoi sostenitore dei figli del tuo popolo perché vi sarà un tempo
padri. di angoscia tale, come non ce ne fu mai da quando esiste
39 Egli agirà contro i bastioni delle fortezze, aiutato da un una nazione fino a quel tempo322; e in quel tempo, il tuo
+dio straniero. Quelli314 che lo riconosceranno, popolo sarà salvato; chiunque sarà trovato scritto nel
libro.
2 Molti di quelli che dormono nella polvere della terra
risorgeranno323; gli uni per la vita eterna, gli altri per la
vergogna e per una eterna infamia324.
305
o : il santuario, la fortezza; 3 I saggi risplenderanno come lo splendore del
306
n. d. t. : Matteo Cap. 24 v. 15; firmamento e quelli che avranno insegnato la giustizia alla
307
esattamente : la maggioranza; anche al v. 39 e al Cap. 12 moltitudine, come le stelle in eterno.
v. 3;
308
n. d. t.: qui sono descritte le terribili persecuzioni subite
dai Giudei fedeli al patto santo, che sono celebrate nella
cronaca di I e II Maccabei;
309 315
altri : affinati; o : che egli riconoscerà [e] che moltiplicherà;
310
n. d. t. : Apocalisse Cap. 13:1-18; 2a lettera ai 316
n. d. t.: il re dei Giudei, l’Anticristo, adorerà e farà
Tessalonicesi Cap. 2:3, 4; dal v. 36 al v. 39 gli adorare la Bestia che sarà proclamata da lui vero Dio
avvenimenti riguardano ancora il re Antioco IV degno di essere adorato nel Tempio di Gerusalemme,
Epifane, ma alludono agli avvenimenti apocalittici; sia dai Giudei, che dai Cristiani, che dai Musulmani;
317
questo re è sia il re de settentrione che si proclamerà il dal v. 40 abbiamo la descrizione soltanto di fatti che
vero dio atteso dal popolo giudeo, egli non avrà avverranno nel tempo futuro dell’Apocalisse;
318
riguardo al Dio dei suoi padri, dei cristiani, né al Messia n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
319
atteso dalle donne giudee, né al dio dei Musulmani, ma esattamente: Cusciti;
320
spingerà tutti questi popoli all’apostasia; ma anche il re esattamente: i mari; sta per il Mar Mediterraneo e il
dei Giudei, l’Anticristo, il quale avrà gli stessi pensieri Mar Morto, come Giudici Cap. 5 v. 17;
321
del precedente, perché i due saranno legati da un patto n. d. t. : questo re del nord sarà la Bestia che risorgerà
di solidarietà; è questo che onorerà quell’altro nel dalle ceneri dell’impero romano, combatterà contro i
tempio di Gerusalemme ricostruito, al posto del Dio dei Giudei apostati, rompendo l’alleanza fatta con loro e
suoi padri; con i Musulmani delle nazioni circostanti la Palestina,
311
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; con l’eccezione della Giordania attuale; ma quando si
312
n. d. t. : distruggerà le loro Sacre Scritture e perseguiterà i preparerà per la completa distruzione di
Giudei saggi e fedeli che aspetteranno il Re Gesù Gerusalemme, il Signore lo distruggerà ad
Cristo; Armaghedon;
313 322
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. : Matteo Cap. 24 v. 21;
314 323
n. d. t.: cioè ai Giudei; n. d. t.: esattamente di risveglieranno;
324
n. d. t. : Giovanni Cap. 5 vv. 28, 29;
4 Tu, Daniele, tieni nascoste queste parole e sigilla il libro Angiobelli
sino al tempo della fine. Molti correranno qua e là325 e la
conoscenza sarà aumentata326».

5 Poi io, Daniele, guardai, ed ecco due altri [personaggi] in


piedi: l'uno da questa sponda del fiume
6 e l'altro di là sulla sponda opposta. Uno di loro disse
all'uomo vestito di lino che stava sulle acque del fiume:
«Quando sarà la fine di queste meraviglie?»
IL NUOVO
7 Udii l'uomo vestito di lino, che stava sopra le acque del
fiume, che alzò la mano destra e la mano sinistra al cielo e TESTAMENTO
giurò per colui che vive in eterno, che questo sarà per un
tempo stabilito327, e dei tempi stabiliti, e una metà [d'un
tempo]328; e quando egli329 avrà finito di rompere330 la forza
del popolo santo, allora tutte queste cose si compiranno.
8 Io udii, ma non compresi e dissi: «Mio signore, quale sarà Traduzione in lingua italiana
il termine di queste cose?»
9 Egli rispose: «Va' Daniele; perché queste parole sono della versione in lingua francese
nascoste e sigillate sino al tempo della fine.
10 Molti saranno purificati, imbiancati, affinati; ma i
malvagi agiranno malvagiamente e nessuno dei malvagi “La Sainte Bible“
capirà, ma capiranno i saggi. di J. N. DARBY (1886)
11 Dal tempo in cui il [sacrificio] continuo sarà abolito,
quando l'abominazione della desolazione sarà rizzata, [vi Edizione - 1966 Oxford (Inghilterra) libera da
saranno] milleduecentonovanta giorni. diritti d’autore
12 Beato chi attende e giunge a milletrecentotrentacinque
giorni! Nei quattro Vangeli ai titoli dei paragrafi
13 Tu avviati fino alla fine; tu ti riposerai e ti rialzerai nel intercalati dall’autore,
tuo lotto di eredità, alla fine dei giorni».
per facilitare il confronto, sono annotati i passi
uguali, o complementari.
.
.
….OMISSISS… .
.
.
.
.
FINE DELL’ANTICO TESTAMENTO .
.
.
.
.
325
.
o : studieranno [tutto]; Matteo Cap. 25 v. 10; .
326
n. d. t. : la conoscenza di queste cose, nascoste e sigillate
per Daniele, ma anche per molto tempo dopo di lui, .
cominciarono ad essere rivelate dallo Spirito Santo dal .
secolo XIX, con il movimento spirituale chiamato “il .
risveglio”; da allora, col passare del tempo lo studio .
accurato delle profezie di Daniele e altre ancora, ha .
aumentato la conoscenza e nel tempo futuro
dell’Apocalisse aumenterà ancor di più; il tempo .
dell’apparizione della Bestia e dell’Anticristo fino alla .
loro distruzione, durerà sette anni; il tempo della grande .
persecuzione contro i fedeli Giudei che attenderanno il .
ritorno di Gesù Cristo durerà tre anni e ½ , cioè 1.260 .
giorni (un tempo, dei tempi e la metà di un tempo);
327
periodo compreso tra una festa e l’anniversario seguente
(confronta Levitico Cap. 23 v. 2);
328
n. d. t. : come Cap. 7 v. 25;
329
n. d. t.: cioè Dio;
330
o : annullare;
L’AUTORE n.d.t. sta per indicare una nota aggiunta dal traduttore
Il nome dell’autore è uno pseudonimo. del testo francese.

SEGNI E ABBREVIAZIONI ALTRE VERSIONI IN NOTA


L’asterisco * davanti i capoversi, indicano una divisione del L’autore ha inserito nei casi più significativi, le varianti
soggetto più marcata rispetto agli altri; essi possono proposte dalle seguenti altre versioni, generalmente
contenere anche più Capitoli. Il doppio asterisco ** indica secondo questo ordine:
una divisione ancora più marcata. Nelle parti poetiche scritte 1. Nuova Riveduta, dalla versione originale del dott.
in rime, un asterisco * più piccolo indica i capoversi. Luzzi;
Nell’Antico Testamento, le tre forme ebraiche Elohim, 2. Versione della C.E.I.;
Elohah, El, sono resi in italiano con Dio. El, é preceduta da 3. Versione originale del dott. Diodati;
un asterisco (* Dio); Elohah é preceduta da una croce (+ 4. Nuova Versione, dall’originale del dott. Diodati;
Dio); Elohim, che è la forma ordinaria, non é preceduta da 5. Riveduta, del dott. Luzzi.
alcun segno (Dio). La forma ebraica Elohim (plurale di N.B. Il traduttore ha inserito dei titoli e sottotitoli ad
Eloah, il Dio supremo) indica la deità in senso assoluto, ha evidenziare l’argomento trattato nel seguito del testo
El, il forte, é sempre distinto da Elhoim (Dii) ed Eloah (Dio). biblico.
La forma ebraica Jéhovah o secondo altri Jahveh o Jahoh, .
in italiano è resa con Eterno; la forma ebraica Jah è .
un’abbreviazione del nome di Jéhovah e indica la sua .
esistenza assoluta, piuttosto che l’eternità del suo essere .
(vedere Salmo 68 v. 4); N.d.T.: è questa forma abbreviata .
che entra nell’onomatopeica ebraica. .
Nel Nuovo Testamento, l’asterisco * messo davanti la .
parola Eterno, corrisponde a Eterno dell’Antico .
Testamento. Le parole di Gesù Cristo sono evidenziate in .
rosso. I testi e le citazioni dell’Antico Testamento sono .
evidenziate in verde. Le voci provenienti dal cielo sono .
evidenziate in magenta. Queste si differenziano anche di .
molto dal testo Darby, perché le parti dell’A.T. sono .
stralciate dalla “versione greca alessandrina” detta dei LXX. .
Le parole aggiunte dal traduttore, per esigenze grammaticali .
della lingua italiana o per chiarezza, sono inserite tra [ ] due .
parentesi quadre. .
Così pure, nell’Antico Testamento, le parti del testo originale .
di dubbia interpretazione sono inserite tra due parentesi .
quadre e precedute da un asterisco *[ ]. .
I discorsi diretti in prima persona sono evidenziati con .
carattere corsivo, fra due virgolette, ad esempio: «Salirò .
contro i Filistei? Li darai nelle mie mani?» .
I discorsi riportati in seconda persona sono evidenziati con .
carattere normale, fra due virgolette, ad esempio: «Così dice .
l’Eterno degli eserciti: "Io ti presi dagli ovili, presso il .
minuto bestiame, perché tu fossi principe sul mio popolo .
Israele".» .
Le parole evidenziate col carattere neretto, sono segnalate .
per una maggiore importanza e per meglio memorizzare. .
Le parti del testo originale in forma prosaica, sono a margine .
sinistro pieno. .
Le parti del testo originale in forma poetica rimata, sono .
evidenziate con il margine rientrato. .
LEGENDA .
Cap. sta per Capitolo; .
v. sta per versetto; .
A.C. sta per indicare una data Avanti Cristo; .
LXX sta per versione dell’A.T. in lingua greca detta dei .
settanta; .
R. sta per indicare il N.T. testo degli Elzeviri, del .
1.633, comunemente detto Testo Ricevuto; poiché .
nell’Apocalisse questo è troppo difettoso, è parso inutile al .
traduttore segnalare le sue varianti rispetto al manoscritto da .
lui seguito. Generalmente pure, non sono segnalate le .
varianti di una traduzione quando si tratta di differenze poco .
apprezzabili, di carattere tecnico o critico. .
.
.
. Angiobelli
Angiobelli

IL NUOVO
TESTAMENTO
INDICE IL NUOVO
VIa PARTE TESTAMENTO
IL VANGELO DI GESU’ CRISTO
1. MATTEO . . . . . . . . . . . . . . .pag. 760
2. MARCO. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 792
3. LUCA. . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 811
4. GIOVANNI. . . . . . . . . . . . . . pag. 844
VIIa PARTE
L’INSEGNAMENTO DEGLI APOSTOLI E DEI
PROFETI
5. ATTI. . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 868

LETTERE DELL’APOSTOLO PAOLO


6. AI ROMANI. . . . . . . . . . . . . . pag. 901
7. AI CORINTI, LA PRIMA. . . . . . . pag. 914
8. AI CORINTI, LA SECONDA . . . pag. 928
VIa PARTE
9. AI GALATI. . . . . . . . . . . . . . pag. 937
10. AGLI EFESINI. . . . . . . . . . . . pag. 943
11. AI FILIPPESI . . . . . . . . . . . . . pag. 947
12. AI COLOSSESI . . . . . . . . . . . . pag. 951
13. AI TESSALONICESI, LA PRIMA. . pag. 954
IL VANGELO
14. AI TESSALONICESI, LA SEC. . . . pag. 957
15. A TIMOTEO, LA PRIMA. . . . . . pag. 959
DI GESU’ CRISTO
16. A TIMOTEO, LA SECONDA . . . pag. 963
17. A TITO. . . . . . . . . . . . . . . . pag. 966
18. A FILEMONE. . . . . . . . . . . . pag. 967
19. AGLI EBREI. . . . . . . . . . . . . pag. 968
LETTERE DELL’APOSTOLO PIETRO
20. LA PRIMA. . . . . . . . . . . . . . .pag. 979
21. LA SECONDA . . . . . . . . . . . pag. 983

LETTERE DELL’APOSTOLO GIOVANNI


22. LA PRIMA. . . . . . . . . . . . . . .pag. 985
ALLEGATI DA CONSULTARE:
23. LA SECONDA . . . . . . . . . . . pag. 989 1. Tabella cronologica e storica degli avvenimenti principali passati e
24. LA TERZA . . . . . . . . . . . . . pag. 990 futuri, riguardanti il Popolo d’Israele e la Palestina (7 pagg.);
2. Cartina della Palestina contenente i luoghi visitati dal Messia Gesù
LETTERE DEI PROFETI FRATELLI DEL SIGNORE Cristo e annotati con passi biblici (9 pagg.);
3. Schema grafico in unico foglio contenente tutto il messaggio
25. DI GIACOMO. . . . . . . . . . . . . pag. 991
biblico, dalla Genesi all’Apocalisse, con annotazioni storiche
26. DI GIUDA . . . . . . . . . . . . . .pag. 995 (6 pagg.);
5. Testi in ordine sinottico, cronologico e Tavole riassuntive varie
27. APOCALISSE o RIVELAZIONE . . pag. 996 (223 pagg.),
.
.
.
.
FINE DEL NUOVO TESTAMENTO (pag. 1010) .
E DI TUTTE LE SACRE SCRITTURE .
.

….OMISSISS…
.
.
.
.
.
.
.
.
.
VANGELO SECONDO 19 L'angelo gli rispose: «Io, io sono Gabriele341 che sto
LUCA davanti a Dio e sono stato mandato per parlarti e
annunziarti queste buone notizie342.
Prologo331 20 Ecco, tu sarai muto e non potrai parlare fino al giorno
Luca 1 che queste cose si compiranno, perché non hai creduto
1 Poiché molti hanno intrapreso a ordinare un racconto delle alle mie parole che si adempiranno a loro tempo».
cose che sono avvenute tra noi con piena certezza, 21 Il popolo, aspettando Zaccaria, si meravigliava perché
2 come ce le hanno trasmesse quelli che, dall’inizio, sono si attardava tanto nel tempio.
stati i testimoni oculari e i ministri332 della Parola333, 22 Quando fu uscito, non potendo parlare, loro capirono
3 è sembrato buono anche a me, che ho accertato esattamente che aveva visto una visione nel tempio; lui stesso faceva
ogni cosa dall'inizio, eccellentissimo Teofilo, di scriver[le] a loro dei segni e rimase muto.
te per ordine,
4 affinché tu riconosca la certezza delle cose che ti sono state 23 Quando poi furono compiuti i giorni del suo ministero,
insegnate. egli se ne andò a casa sua.
24 Dopo quei giorni, sua moglie Elisabetta concepì e si
Annunzio della nascita di Giovanni il battista tenne nascosta per cinque mesi, dicendo:
Luca 1 25 «Il *Signore mi ha fatto così, nei giorni in cui egli mi
5 Al tempo di Erode, re della Giudea334, c'era un certo ha guardata, per togliere la mia vergogna in mezzo agli
sacerdote di nome Zaccaria335, della classe336 di Abia e sua uomini».
moglie era delle figlie d'Aaronne e di nome Elisabetta.
6 Essi erano tutti e due giusti davanti a Dio, camminando in Annunzio della nascita di Gesù Cristo343
tutti i comandamenti e i precetti del *Signore senza biasimo. 26 Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in
7 Essi non avevano figli, perché Elisabetta era sterile ed una città di Galilea, chiamata Nazaret,
erano tutti e due in età molto avanzata. 27 a una vergine fidanzata a un uomo di nome Giuseppe,
8 Mentre Zaccaria esercitava il sacerdozio davanti a Dio della casa di Davide; il nome della vergine era Maria.
nell'ordine della sua classe,
9 secondo la consuetudine del sacerdozio, la sorte lo designò 28 L'angelo, essendo entrato da lei, disse: «Io ti saluto, te
di entrare nel tempio337 del *Signore per offrirvi il profumo. che [Dio] fa gioire del suo favore! Il *Signore è con te. Tu
10 Mentre tutta la moltitudine del popolo pregava di fuori sei benedetta fra le donne344».
nell'ora del profumo, 29 Vedendolo, lei fu turbata a queste parole, ragionando in
11 avvenne che un angelo del *Signore gli apparve in piedi se stessa cosa poteva essere quel saluto.
alla destra dell'altare dei profumi. 30 L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché tu hai
12 Zaccaria, vedendolo, fu turbato e preso da spavento trovato grazia presso Dio.
13 ma l'angelo gli disse: «Non temere Zaccaria, perché le tue 31 Ecco, tu concepirai nel tuo ventre e partorirai un figlio,
supplicazioni338 sono state esaudite, tua moglie Elisabetta ti che tu chiamerai col nome di Gesù345.
partorirà un figlio e tu lo chiamerai col nome di 32 Egli sarà grande e sarà chiamato Figlio
Giovanni339. dell'Altissimo346 e il *Signore Dio347 gli darà il trono di
14 Egli sarà per te motivo di gioia ed esultanza, molti si Davide, suo padre
rallegreranno per la sua nascita, 33 e regnerà sulla casa di Giacobbe in eterno e il suo
15 perché sarà grande davanti al *Signore. Non berrà né regno non avrà mai fine348».
vino né alcolici e sarà pieno di Spirito Santo fin dal ventre di 34 Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, dal
sua madre. momento che non conosco uomo?»
16 Lui farà ritornare molti dei figli d'Israele al *Signore, 35 L'angelo rispose e le disse: «Lo Spirito Santo verrà su
loro Dio di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà della sua ombra;
17 e andrà davanti a lui nello spirito e la potenza di Elia, perciò la santa cosa349 che nascerà sarà chiamato Figlio
per far ritornare i cuori dei padri verso i figli e i di Dio.
disobbedienti al340 pensiero dei giusti, per preparare al 36 Ecco, Elisabetta, tua parente, anche lei ha concepito un
*Signore un popolo ben disposto». figlio nella sua vecchiaia; questo è il sesto mese per lei,
18 Zaccaria disse all'angelo: «Da cosa conoscerò questo? che era chiamata sterile
Perché io sono vecchio e mia moglie è in età avanzata». 37 poiché niente sarà impossibile a Dio350».

331
n. d. t.: confr. Marco 1:1-3; Giovanni 1:1-18;
332 341
altri: servitori; con un servizio speciale; n. d. t. ebraico: Gabrìel Dio è guerriero;
333 342
o: del Verbo; esattamente: per evangelizzarti queste cose;
334 343
n. d. t.: Erode, detto il Grande, della stirpe di Edom, fu n. d. t.: confr. Matteo 1:18-25; Marco 1:1-3;
344
alleato di Roma nelle sue guerre di conquista della n. d. t. altri omettono: Tu sei benedetta fra le donne;
345
provincia di Siria, ed iniziò a regnare sulla Giudea, per n. d. t.: greco Iesous (Ιεσουσ) ebraico Yehòsua
l’aiuto di Roma, nell’anno 37 A. C.; abbreviato Yesùa che significa Dio Salva;
335 346
n. d. t. ebraico: Zekaryàh L’Eterno si è ricordato; Altissimo: qui e altrove è nome proprio. Si tratta
336
n. d. t. altri: turno; anche al v. 8; dell’ebraico Elion; confr. Genesi 14:18;
337 347
tempio: propriamente l’edificio; anche ai vv. 21, 22; cioè Geova Dio;
338 348
n. d. t. altri: la tua preghiera; esattamente: per i secoli;
339 349
n. d. t. ebraico: Giovanni Donato dall’Eterno; n. d. t. altri: il Santo che nascerà;
340 350
o: secondo; n. d. t. altri: nessuna parola di Dio rimarrà inefficace;
38 Maria disse: «Ecco la schiava351 del Signore; che mi sia 60 ma sua madre s’impose dicendo: «No, sarà invece
fatto secondo la tua parola» e l'angelo si ritirò da lei. chiamato Giovanni».
61 Essi le dissero: «Non c'è nessuno nella tua parentela
Visita di Maria a Elisabetta chiamato con questo nome».
39 In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta nel paese 62 Fecero dei cenni al padre [perché dicesse] come voleva
montuoso, in una città di Giuda, che fosse chiamato
40 ed entrò in casa di Zaccaria e salutò Elisabetta. 63 e chiesto delle tavolette, lui scrisse così: «Giovanni è il
41 Appena Elisabetta udì il saluto di Maria, il bimbo le suo nome» e tutti si meravigliarono.
sobbalzò nel ventre ed Elisabetta, piena di Spirito Santo, 64 In quell'istante la sua bocca fu aperta e la sua lingua
42 ad alta voce esclamò dicendo: «Tu sei benedetta fra le [sciolta] ed egli parlava, lodando Dio.
donne e benedetto è il frutto del tuo ventre! 65 Tutti i loro vicini furono presi da timore e tutte queste
43 Perché mi è dato che la madre del mio Signore venga da cose si divulgavano per tutto il paese montuoso della
me? Giudea.
44 Poiché ecco, non appena la voce del tuo saluto mi è 66 Tutti quelli che le udirono, le serbarono nel loro cuore e
giunta agli orecchi, il bimbo mi è balzato nel ventre per la dicevano: «Che sarà dunque questo bambino?» e la mano
gioia. del *Signore era con lui.
45 Beata è colei che ha creduto, perché quanto le è stato
detto, da parte del *Signore, avrà compimento». Cantico di Zaccaria
67 Poi Zaccaria, suo padre, fu pieno di Spirito Santo e
Cantico di Maria profetizzò, dicendo:
Luca 1
46 Maria disse: 68 «Benedetto sia il *Signore, il Dio d'Israele,
«L'anima mia magnifica il *Signore, perché ha visitato e salvato353 il suo popolo
47 e lo spirito mio si rallegra in Dio, mio 69 e ci ha suscitato un corno di liberazione354
Salvatore352, nella casa di Davide suo servo,
48 perché egli ha guardato l’umile condizione della 70 come aveva detto per bocca dei suoi santi
sua schiava, profeti,
poiché ecco, da ora in poi, tutte le generazioni mi suscitati in ogni tempo;
chiameranno beata, 71 una liberazione355 dai nostri nemici
49 perché il Potente mi ha fatto cose grandi: e dalla mano di tutti quelli che ci odiano,
Santo è il suo nome; 72 per compiere la misericordia verso i nostri padri
50 la sua misericordia è di generazione e per ricordarsi del suo santo patto,
in generazione su quelli che lo temono. 73 del giuramento che giurò ad Abraamo nostro
51 Egli ha agito potentemente, con il suo braccio padre,
ha disperso gli orgogliosi nei pensieri del loro 74 di concederci, essendo liberati356 dalla mano
cuore, dei nostri nemici,
52 ha strappato dai loro troni i potenti di servirlo senza paura,
e ha innalzato gli umili; 75 in santità e giustizia, davanti a lui, tutti i
53 ha colmato di beni quelli che pativano la fame giorni357.
e ha rimandato i ricchi a mani vuote. 76 Tu, piccolo bambino, tu sarai chiamato
54 Ha preso la causa d’Israele, suo servitore, profeta dell'Altissimo,
ricordandosi della sua misericordia perché andrai davanti alla faccia358 del *Signore
55 (di cui aveva parlato ai nostri padri), per preparare le sue vie,
verso Abraamo e verso la sua discendenza, per 77 per dare la conoscenza della salvezza359 al suo
sempre». popolo
56 Maria rimase con Elisabetta circa tre mesi, poi se ne tornò Nella remissione dei loro peccati,
a casa sua. 78 per le viscere di misericordia del nostro Dio;
per la quale l'Oriente360 dall'alto ci ha visitato e
Nascita di Giovanni il battista 79 per risplendere su quelli che sono seduti nelle
57 Venendo il tempo del parto per Elisabetta, ella mise al tenebre e nell’ombra della morte,
mondo un figlio. per guidare i nostri passi nella via della pace».
58 I suoi vicini e i suoi parenti seppero che il *Signore aveva
per lei magnificato la sua misericordia, e se ne rallegrarono
insieme a lei.
59 Giunto l'ottavo giorno vennero a circoncidere il piccolo 353
esattamente: operato la redenzione per;
bambino, volendolo chiamare Zaccaria, dal nome di suo 354
n. d. t. altri: potente Salvatore;
padre 355
n. d. t. altri: uno che ci salverà;
356
altri: liberati come 1Tessalonicesi 1-10 : che ci libera
dall’ira che viene;
357
R. aggiunge della nostra vita;
351 358
n. d. t. altri: io sono la serva; n. d. t.: confr. Colossesi 1:15; 2a lettera ai Corinzi 4:4;
352 359
n. d. t.: questa espressione dimostra, senza equivoco, che esattamente: liberazione; anche ai vv. 69, 71
360
Maria, benché unica e benedetta, perché scelta da Dio esattamente: levante, levare; i LXX rendono così: il
per generare il Messia, era una donna come tutte le altre, Germoglio di Geremia 23:5; n. d. t. altri: l’Aurora ci
bisognosa della salvezza dal giudizio di Dio sul peccato; visiterà;
80 Or il bambino cresceva e si fortificava nello spirito, e 12 Questo è il segno per voi: troverete un piccolo bambino
restò nei deserti fino al giorno della sua manifestazione a avvolto in fasce e coricato in una mangiatoia»
Israele. 13 e a un tratto, vi fu con l'angelo una moltitudine
dell'esercito celeste, che lodava Dio e diceva:
Nascita di Gesù a Betlemme361 14 «Gloria a Dio nei luoghi altissimi e sulla terra pace e
Luca 2 gradimento negli uomini370»
1 In quel tempo un decreto uscì da parte di Cesare 15 Quando gli angeli se ne furono andati da loro al cielo, i
Augusto362, che ordinava il censimento di tutta la terra pastori si dissero: «Andiamo dunque fino a Betlemme e
abitata363. vediamo questa cosa che è avvenuta, che il *Signore ci ha
2 (Il censimento stesso, fu fatto prima364 che Quirinio ebbe il fatto sapere».
governatorato della Siria).365 16 Andarono in fretta e trovarono Maria e Giuseppe e il
3 Tutti andavano per essere registrati ciascuno nella sua piccolo bambino coricato nella mangiatoia;
propria città. 17 poi, vedutolo, divulgarono la371 parola che era stata loro
4 Anche Giuseppe salì dalla Galilea, dalla città di Nazaret, in detta di quel piccolo bambino.
Giudea, nella città366 di Davide chiamata Betlemme, perché 18 Tutti quelli che li udirono si meravigliarono delle cose
lui era della casa e della famiglia di Davide, dette loro dai pastori.
5 per essere registrato con Maria, la donna che gli era 19 Maria serbava in sé tutte queste cose, meditandole in
fidanzata367, che era incinta. cuor suo
6 Mentre essi erano là, si compirono per lei i giorni del parto 20 e i pastori se ne ritornarono, glorificando e lodando Dio
7 ed ella mise al mondo il suo figlio primogenito368, lo per tutto quello che avevano udito e visto, com'era stato
fasciò e lo coricò nella mangiatoia, perché non c'era posto loro annunziato.
per loro nella locanda.
Circoncisione di Gesù
I pastori di Betlemme 21 Quando furono compiuti gli otto giorni per
8 In quella stessa contrada dei pastori stavano nei campi e di circonciderlo372, gli fu messo il nome di Gesù, nome che
notte facevano la guardia al loro gregge. gli era stato dato dall'angelo prima che egli fosse concepito
9 Un angelo del Signore si mostrò loro e la gloria del nel ventre.
*Signore rifulse intorno a loro; essi furono presi da un
grande timore. Presentazione di Gesù nel tempio
22 Quando furono compiuti i giorni della loro
10 L'angelo disse loro: «Non temete, perché io vi annuncio purificazione secondo la legge di Mosè373, essi lo
una grande notizia di gioia369 che tutto il popolo avrà: portarono a Gerusalemme per presentarlo al *Signore,
11 perché oggi, nella città di Davide, vi è nato un Salvatore, 23 (come è scritto nella legge del *Signore che ogni
che è il Cristo, il Signore. maschio che apre la matrice sarà chiamato santo al
Signore) 374
24 e per offrire il sacrificio prescritto dalla legge del
361 Signore, di un paio di tortore o di due giovani colombi.
n. d. t.: confr. Matteo 1:18-25; Giovanni 1:14;
362
n. d. t.: Caio Giulio Ottaviano, libratosi di Antonio e
Lepido (II Triunvirato) divenne Cesare Augusto (titolo Testimonianza di Simeone nel tempio
che significa “Imperatore Venerabile”) dal 63 A. C. al 25 Vi era a Gerusalemme un uomo di nome Simeone, un
14 D. C.; sotto di lui inizia il tempo detto “Pax uomo giusto e pio che aspettava la consolazione d'Israele e
Romanae”; lo Spirito Santo era sopra di lui;
363 26 Egli era stato divinamente avvertito dallo Spirito Santo,
n. d. t. altri: tutto l'impero ;
364
J. N. D.: solamente; esattamente: primieramente; cioè si che non avrebbe visto la morte prima che375 egli non abbia
tratta dello stesso avverbio che si trova al Cap. 2 v. 26; visto il Cristo del *Signore.
365 27 Egli venne per lo Spirito nel tempio, come i genitori vi
J. N. D.: Il censimento stesso si fece solamente quando
Cirinio; n. d. t. altri: Questo fu il primo censimento fatto portavano il piccolo bambino Gesù, per adempiere a suo
quando Quirinio era governatore della Siria; o Questo riguardo le prescrizioni della legge;
primo censimento fu fatto quando era governatore della 28 lui376 lo prese nelle sue braccia e benedisse Dio,
Siria Quirinio; o (Questa rassegna fu la prima che fu dicendo:
fatta, sotto Quirinio, governatore della Siria); Publio 29 «Ora, Signore377, tu lasci andare il tuo schiavo in
Sulpicio Quirinio ebbe il Governatorato della provincia pace, secondo la tua parola;
di Siria dal 6 D. C. all’11 D. C.; invece lo storico
romano Tertulliano attribuisce questo censimento a
Senzio Saturnino, che fu legato di Siria dall’8 al 6 A. C.;
370
quindi è probabile che questo censimento dei Giudei lui n. d. t. altri: e pace in terra agli uomini ch'egli
l’abbia affidato a Quirinio quando tornò dalla guerra gradisce; o e pace in terra agli uomini che egli ama; o
contro gli Omonadensi di Cilicia, nel 7 A. C.; in questa Pace in terra, Benivoglienza inverso gli uomini;
371
ipotesi la data di nascita di Gesù sarebbe il 7 A. C.; esattamente: riguardo la;
366 372
o: una città; R. aggiunge: il piccolo bambino;
367 373
n. d. t. altri: sua sposa; n. d. t.: confr. Levitico 12:4-6; 7gg. + 33 gg.;
368 374
n. d. t. altri: primogenito; questo termine si applica al n. d. t.: confr. Esodo 13:2, 12, 15;
375
primo figlio nato, sottintendendo altri figli nati in esattamente: primieramente;
376
seguito (confr. Cap. 12 vv. 46-50; Cap. 13 vv. 53-58); o: lui pure;
369 377
esattamente: io vi evangelizzo una grande gioia; esattamente: padrone dello schiavo; altri: sovrano;
30 perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza378, 50 Ma essi non capirono la parola che egli aveva detta
31 la quale tu hai preparato davanti la faccia di tutti i loro.
popoli; 51 Poi discese con loro, venne a Nazaret, e stava loro
32 una luce per l’istruzione delle Nazioni e la gloria sottomesso. Sua madre serbava tutte queste cose nel suo
del tuo popolo Israele». cuore.
33 Suo padre379 e sua madre si meravigliarono delle cose che 52 E Gesù cresceva in sapienza, in statura e in favore
erano dette di lui. davanti a Dio e agli uomini.
34 Simeone li benedisse e disse a Maria sua madre: «Ecco,
questo è posto a caduta e a rialzamento di molti in Israele e Predicazione di Giovanni il battista386
per segno che provocherà contraddizione Luca 3
35 (anche una spada che trafiggerà la tua propria anima), 1 Nell'anno quindicesimo dell'impero di Tiberio
affinché i pensieri di molti cuori siano svelati». Cesare387, quando Ponzio Pilato388 era governatore della
Giudea,
Testimonianza di Anna Erode [Antipa]389 era tetrarca della Galilea, Filippo, suo
36 Vi era Anna, una profetessa, figlia di Fanuel, della tribù fratello, era tetrarca dell'Iturea e della Traconitide390 e
di Aser (lei era molto avanti negli anni, Lisania era tetrarca dell'Abilene,
avendo vissuto con un marito sette anni dopo la sua verginità 2 accadde, sotto il sommo sacerdozio d’Anna e di
e vedova da circa380 ottantaquattro anni) Caiafa391, che la parola di Dio venne a Giovanni, il figlio
37 che non lasciava mai il tempio, servendo [Dio] con di Zaccaria, nel deserto.
digiuni e preghiere notte e giorno. 3 Egli andò per tutto il paese intorno al Giordano,
38 Sopraggiunta in quel momento, lodava il *Signore e predicando il battesimo di pentimento in remissione dei
parlava di lui a tutti quelli che, a Gerusalemme, aspettavano peccati,
la liberazione381. 4 come è scritto nel libro delle parole del profeta Isaia392:
« Voce di colui che grida nel deserto: ""Preparate la via
Ritorno a Nazaret e crescita di Gesù del *Signore, fate diritti i suoi sentieri"».
39 Com'ebbero adempiuto tutte le prescrizioni della legge 5 Ogni valle sarà colmata e ogni monte e ogni colle sarà
del *Signore, essi se ne ritornarono in Galilea, a Nazaret, abbassato; le cose storte saranno fatte diritte e i [sentieri]
loro città accidentati saranno appianati;
40 e il bambino cresceva e si fortificava382 essendo pieno di 6 e ogni carne vedrà la salvezza393 di Dio"394».
saggezza e il favore di Dio era su di lui.

Gesù nel tempio alla festa di Pasqua, dodicenne; ritorno a


Nazaret e suo sviluppo definitivo 386
n. d. t.: confr. Matteo 3:1-12; Marco 1:1-8; Giovanni
41 I suoi genitori andavano ogni anno a Gerusalemme alla 1:6-8, 19-28;
festa di Pasqua. 387
n. d. t.: era l’anno 29. D. C.; Tiberio Claudio Nerone,
42 Quando egli ebbe dodici anni, salirono a Gerusalemme, figlio dell’imperatrice Livia, sedette sul trono di
secondo l'usanza Roma al posto del patrigno Augusto, dal 14 A. C. al
43 e passati i giorni [della festa] mentre tornavano, il figlio 35 D. C.; durante il suo regno furono governatori della
Gesù restò a Gerusalemme e i suoi genitori non lo sapevano, Giudea, prima Valerio Grato, poi Ponzio Pilato;
44 ma credendo che egli fosse nella comitiva dei pellegrini, 388
n. d. t.: Ponzio Pilato, fu l’ultimo dei cinque
camminarono per un giorno e lo cercarono tra i parenti e i Procuratori di Roma sulla Giudea: 1. Coponio (8 D.
conoscenti. C.), 2. Ambivio (9 D. C.) 3. Antonino Rufo (13 D.
45 Non avendolo trovato, ritornarono a Gerusalemme, alla C.), 4. Valerio Grato (15 D. C.), 5. Ponzio Pilato (25
sua ricerca. D. C.). La fine del suo mandato, molti la pongono nel
46 Tre giorni dopo lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo 36 D. C., quando fu chiamato a Roma, davanti a
ai dottori [della legge]383, che li ascoltava e faceva loro delle Tiberio, in seguito all’accusa di Vitellio, governatore
domande. della Siria, accusato della strage dei Galilei da lui fatta
47 Tutti quelli che l'udivano, si stupivano della sua sul monte Garizim, mentre essi sacrificavano in
intelligenza e delle sue risposte. auspicio del Messia (confr. Cap. 13:1,2); ma da quella
48 Quando [i suoi genitori]384 lo videro, ne furono stupiti e data fino al 39 D. C., anno in cui il governo fu
sua madre gli disse: «Figlio mio, perché ci hai fatto così? concesso da Claudio di nuovo alla dinastia erodiana,
Ecco, tuo padre e io ti cercavamo, essendo in gran pena» con Erode Agrippa I, questa teoria renderebbe vacante
49 ed egli disse loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate il trono di Giudea per 3 anni, cosa assai improbabile,
che io devo occuparmi degli interessi385 del Padre mio?» vista la necessità incombente di mantenere l’ordine
politico a Gerusalemme. E’ più verosimile che invece
Pilato rimanesse al suo posto, dopo il 36, per qualche
378
piuttosto: quello che salva; che: la salvezza in se stessa; anno ancora, prima di essere sfiduciato da Claudio
confr. Atti 28:28 – Efesini 6:17; definitivamente ed esiliato in Gallia dove là morì;
379 389
R.: Giuseppe e sua madre; anche al v. 43; n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
380 390
molti: fino a; n. d. t.: vedere la nota in Matteo 16:13;
381 391
o: redenzione; R.: i sommi sacerdoti Anna e Caiafa;
382 392
R. aggiunge: in ispirito; R. aggiunge: dicendo;
383 393
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; piuttosto: quello che salva; che: la salvezza in se
384
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; stessa; confr. Atti 28:28 – Efesini 6:17;
385 394
n. d. t. altri: trovarmi nella casa; confr. Isaia Cap. 40 vv. 3-5;
7 Diceva dunque alle folle che uscivano per essere battezzate 23 1Gesù intanto cominciava ad avere circa trent'anni404
da lui: «Razza di vipere, chi vi ha avvertiti di sfuggire all'ira essendo, come si credeva, figlio di 2Giuseppe, di 3Eli,
che viene? 24 di 4Mattàt, di 5Levi, di 6Melchi, di 7Ianna, di
8 Fate dunque dei frutti che convengono al ravvedimento, 8Giuseppe,
non dite in voi stessi: "Noi abbiamo Abraamo per padre!" 25 di 9Mattat, di 10Amos, di 11Naum, di 12Esli, di
Perché vi dico che Dio può, da queste pietre, suscitare dei 13Naggè,
figli ad Abraamo. 26 di 14Maat, di 15Mattatia, di 16Semèi, di 17Giuseppe,
9 Già la scure è pronta alla radice degli alberi: ogni albero di 18Giuda,
dunque che non produce buon frutto viene tagliato e gettato 27 di 19Ioanna, di 20Rhesa, di 21Zorobabele, di
nel fuoco». 22Salatiel, di 23Neri,
10 La folla lo interrogava, dicendo: «Che dobbiamo fare 28 di 24Melchi, di 25Addi, di 26Cosam, di 27Elmadam, di
allora?»395 28Er,
11 Egli rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi 29 di 29José, di 30Eliezer, di 31Iorim, di 32Mattat, di
non ne ha; chi ha da mangiare, faccia altrettanto». 33Levi,
12 Vennero anche dei pubblicani per essere battezzati e gli 30 di 34Simeone, di 35Giuda, di 36Giuseppe, di37 Ionam,
dissero: «Maestro396, che dobbiamo fare?» di 38Eliachim,
13 Egli rispose loro: «Non imponete nulla di più di quello 31 di 39Melea, di 40Mainan, di 41Mattata, di 42Natan, di
che vi è ordinato». 43Davide,
14 Lo interrogarono pure degli uomini di guerra, dicendo: «E 32 di 44Iesse, di 45Obed, di 46Boos, di 47Salmon, di
noi, che dobbiamo fare?» Egli a loro: «Non fate estorsioni, 48Naasson,
non accusate nessuno con false denunzie e contentatevi della 33 di 49Aminadab, di 50Aram, 405 di 51Esrom, di 52Fares,
vostra paga». di 53Giuda,
15 Poiché il popolo era in attesa e tutti si domandavano in 34 di 54Giacobbe, 55d'Isacco, 56d'Abraamo, di 57Tara, di
cuor loro se Giovanni fosse il Cristo, 58Nacor,
16 Giovanni rispondeva a tutti: «Io, io vi battezzo con acqua; 35 di 59 Seruc, di 60 Ragau, di 61 Falec, di 62Eber, di
ma egli viene, colui che è più potente di me, al quale io non 63Sala,
son degno di sciogliere il legaccio dei calzari: Egli vi 36 di 64Cainan, di 65Arfàcsad, di 66 Sem, di 67 Noè, di
battezzerà nello Spirito Santo e nel fuoco. 68 Lamec,
17 Egli ha il suo ventilabro in mano e ripulirà interamente la
sua aia e raccoglierà il grano nel suo granaio; ma la pula,
la brucerà nel fuoco inestinguibile».
403
397
n. d. t.: confr. Matteo 1:1-16; questa genealogia
Giovanni il battista imprigionato ascendente, da Giuseppe fino a Dio, vuole dimostrare la
18 Così, con molte e varie esortazioni [Giovanni]398 natura divina di Gesù, vero Figlio di Dio. Perché
evangelizzava il popolo; Giuseppe è detto figlio di Eli, quando Matteo dice che è
19 ma Erode, il tetrarca, ripreso da lui a motivo di Erodia, figlio di Giacobbe e, risalendo le genealogie sono
moglie di suo fratello399, per tutte le malvagità che aveva diverse fino a Zorobabele? Questo si può spiegare con
commesso la pratica frequente dell’adozione degli orfani, da parte
20 e aggiunse a tutte le altre, anche quella di rinchiudere dei fratelli o delle sorelle dei defunti. Anche Gesù era
Giovanni in prigione. considerato figlio di Giuseppe, ma lui era solo il padre
adottivo. Perché nella linea genealogica di Luca,
Battesimo di Gesù Cristo400 Sealtiel è detto figlio di Neri, quando Matteo lo dà per
21 Ora, mentre tutto il popolo era battezzato, quando anche figlio del re Ieconia? Inoltre, perché Luca segue la
Gesù fu battezzato e, mentre pregava, il cielo si aprì, discendenza non regale fino a Natan, figlio di Davide
22 lo Spirito Santo scese su di lui in forma corporale, come senza diritto al trono? La spiegazione migliore è che il
una colomba e vi fu una voce che veniva dal cielo401: «Tu sei re Ieconia avesse adottato Salatiel come figlio. Questa
il mio Figlio diletto; in te ho trovato il mio piacere»402. spiegazione sarebbe avvalorata dal fatto che, secondo la
profezia di Geremia (Cap. 22 v. 30), il re Ieconia non
Genealogia di Gesù Cristo403 doveva avere figli naturali che regnassero su Giuda.
Così Zorobabele non sarebbe suo nipote naturale, ma
adottivo. Zorobabele dunque assume due valenze
contrastanti: 1. la continuità genealogica secondo la
stirpe regale, come nipote adottivo del re Ieconia; 2. e
quella secondo la stirpe senza diritto al trono come
395
R.: Che faremo dunque?; anche ai vv. 12, 14; figlio naturale di Neri che non fu discendente regale,
396
Maestro: Colui che insegna; qui e spesso altrove; ma forse un cognato del re Ieconia. Di conseguenza,
397
n. d. t.: confr. Matteo 3:13-17; Marco 1:9-11; Giovanni seguendo la linea genealogica non regale, Luca risale
1:32-34; fino a Davide non attraverso la discendenza di
398
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; Salomone, ma quella parallela del fratello Natan.
399 404
R. aggiunge: Filippo; n. d. t.: (figlio di Mariamne); o: lui stesso aveva circa trent’anni quando cominciò (il
400
n. d. t.: confr. Matteo 3:1-12; Marco 1:1-8; Giovanni suo lavoro); questo periodo dei fatti di Gesù, fino
1:29-34; vedere la nota in Matteo Cap. 3:13; all’età di 42 anni, quando fu battezzato da Giovanni,
401
R. aggiunge: dicendo; non è compreso nei Vangeli, come dice la conclusione
402
n. d. t.: per la data del battesimo di Gesù vedere la nota in di Giovanni 21:25;
405
Matteo Cap. 3:17; n. d. t. altri : di 50 Admin, di 51 Arni;
37 di 69Matusala, di 70Enoc, di 71Iared, di 72Maleleel, di 18 «Lo Spirito del *Signore è su di me; perciò egli m’ha
73Cainan, unto per annunciare delle buone notizie419 ai poveri; mi ha
38 di 74Enos, di 75Set, di 76Adamo, di 77Dio. mandato420 per annunziare la liberazione ai prigionieri, ai
ciechi il ricupero della vista; per rimettere in libertà coloro
Tentazione di Gesù Cristo406 che sono calpestati,
Luca 4 19 e a proclamare l'anno gradevole del Signore»421.
1 Gesù, pieno di Spirito Santo, ritornandosene dal Giordano, 20 Poi, avendo piegato il libro e avendolo reso
fu condotto per nello Spirito nel deserto, dove fu tentato dal all'inserviente422, si sedette, e gli occhi di tutti nella
diavolo quaranta giorni. sinagoga erano fissi su di lui.
2 Durante quei giorni non mangiò nulla e, quando furono 21 Egli prese a dir loro: «Oggi, questa Scrittura si è
finiti,407 ebbe fame. adempiuta e voi l’udite423».
3 Il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di' a questa 22 Tutti gli rendevano testimonianza e si meravigliavano
pietra che diventi pane». delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e
4 Gesù gli rispose dicendo: «E’ scritto che: "L'uomo non dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?»
vivrà di pane soltanto, ma di ogni parola di Dio408"».409 23 Egli disse loro: «Sicuramente voi mi direte questa
5 Il diavolo lo condusse su un alto monte, mostrandogli in un parabola: "Medico, guarisciti da solo"; fa' anche qui nel
attimo tutti i regni della terra abitata. Il diavolo gli disse: tuo paese424, tutte le cose che abbiamo udito essere state
6 «Ti darò tutta questa autorità e la gloria di questi regni; fatte a Capernaum!»
perché essa mi è stata data e io la do a chi voglio. 24 Aggiunse: «In verità vi dico che nessun profeta è
7 Se dunque tu ti prostri410 davanti a me, essa sarà tutta accolto nel suo paese.
tua». 25 Anzi, in verità vi dico che ai giorni di Elia c'erano
8 Gesù rispondendogli disse: «E’ scritto: "Tu renderai molte vedove in Israele, quando il cielo fu chiuso per tre
omaggio al *Signore Dio tuo e tu servirai solamente lui"»411. anni e sei mesi, tanto che vi fu una grande carestia in tutto
9 Allora lo condusse a Gerusalemme e lo pose sulla cima del il paese;
tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gettati in basso 26 eppure Elia non fu mandato a nessuna di esse, se non a
da qui; una vedova di Sarepta di Sidonia425.
10 perché sta scritto: "Egli darà ordini ai suoi angeli a tuo 27 Al tempo del profeta Eliseo, c'erano molti lebbrosi in
riguardo, per proteggerti Israele, ma nessuno di loro fu purificato se non Naaman,
11 ed essi ti porteranno sulle loro mani, affinché tu non urti il Siriano».
con il piede contro una pietra"»412. 28 Udendo queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di
12 Gesù gli rispose: «413È detto: "Tu non tenterai il *Signore collera,
Dio tuo"»414. 29 si alzarono, lo cacciarono fuori dalla città, e lo
13 Avendo finito ogni tentazione, il diavolo si ritirò da lui condussero fin sul bordo della scarpata del monte, sul
per un tempo fino a un momento determinato415. quale era costruita la loro città, in modo da426 precipitarlo
giù.
Gesù Cristo in Galilea416 30 Ma lui se ne andò, passando in mezzo a loro.
14 Gesù se ne tornò in Galilea, nella potenza dello Spirito e
la sua fama si sparse per tutto il paese all’intorno. Gesù guarisce un indemoniato a Capernaum427
15 Lui pure insegnava nelle loro sinagoghe, glorificato da 31 Poi discese a Capernaum, città della Galilea [dove
tutti. alloggiava]428 e insegnava loro nei giorni di sabato.
32 Ed essi si stupivano della sua dottrina perché la sua
Gesù nella sinagoga di Nazaret417 parola era autoritaria.
16 Venne a Nazaret, dov'era stato cresciuto418; com'era 33 Nella sinagoga si trovava un uomo che aveva uno
solito, entrò nella sinagoga in giorno di sabato e si alzò per spirito di demonio impuro, il quale gridò a gran voce:
leggere.
17 Gli fu dato il libro del profeta Isaia. Srotolato il libro, 34 «Ah!429 Che c'è fra noi e te, Gesù Nazareneo? Sei
trovò il passo dov'era scritto: venuto per distruggerci? Io conosco chi sei: Il Santo di
Dio!»

406
n. d. t.: confr. Matteo 4:1-11; Marco 1:12-13; Giovanni
1:6-8, 19-28;
407
R. aggiunge: dopo [questo];
408
n. d. t. altri omettono: ma di ogni parola di Dio;
409 419
confr. Deuteronomio Cap. 8 v. 3; altri: evangelizzare i;
410 420
prostri : prostrarsi altri: rendi omaggio; n. d. t. altri: ad R. aggiunge: per guarire quelli che hanno il cuore
adorarmi; ferito;
411 421
confr. Deuteronomio Cap. 6 v. 13; confr. Isaia Cap. 61 vv. 1, 2;
412 422
confr. Salmo 91 vv. 11, 12; servitore con un servizio speciale;
413 423
R. aggiunge: Va indietro da me Satana, perché; esattamente: nelle vostre orecchie;
414 424
confr. Deuteronomio Cap. 6 v. 16; n. d. t. altri: la tua patria;
415 425
esattamente: fino ad un altro [tempo]; R.: di Sidone;
416 426
n. d. t.: confr. Matteo 4:12, 17; Marco 1:12-13; Giovanni R.: per;
427
4; n. d. t.: confr. Matteo 4:13-16; Marco 1:21-28;
417 428
n. d. t.: confr. Marco 6:1-6; Giovanni 1:11; n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
418 429
esattamente: nutrito; espressione lamentosa;
35 Gesù lo sgridò, dicendo: «Sta zitto, ed esci da lui!» e il Angiobelli
demonio, avendolo gettato [a terra]430 in mezzo a tutti, uscì
da lui senza fargli alcun male
36 e tutti furono presi da stupore e parlavano tra di loro,
dicendo: «Che parola è questa? Perché comanda con
autorità e potenza agli spiriti immondi, ed essi escono»
37 e la sua fama si diffondeva in tutti i luoghi all’intorno.

Gesù guarisce la suocera di Pietro431


38 Poi si alzò, uscì dalla sinagoga ed entrò in casa di IL NUOVO
Simone. La suocera di Simone era colpita da febbre molto
alta e lo pregarono per lei. TESTAMENTO
39 Chinatosi su di lei, lui sgridò la febbre [la febbre] subito
la lasciò ed ella, essendosi alzata, li serviva.

Gesù guarisce altri malati432


40 Al tramontar del sole, tutti quelli che avevano
degl’infermi colpiti da varie malattie, glieli conducevano e
lui, imponendo le mani a ciascuno, li guariva.
VIIa PARTE
41 Anche i demoni uscivano da molti, gridando e dicendo:
«Tu sei 433 il Figlio di Dio!» Ma lui li sgridava e non
permetteva loro di parlare, perché sapevano che egli era il
Cristo. L’INSEGNAMENTO
42 Poi, fattosi giorno uscì, andando in un luogo deserto; le
folle, cercandolo, vennero a lui e lo trattenevano perché non
si allontanasse da loro.
DEGLI APOSTOLI E
43 Ma egli disse loro: «Bisogna che io annunzi la buona
notizia del regno di Dio, anche alle altre città; poiché per
DEI PROFETI
questo sono stato mandato»
44 e predicava nelle sinagoghe della Giudea.

.
.
ALLEGATI DA CONSULTARE:
….OMISSISS… 1. Tabella cronologica e storica degli avvenimenti principali passati e
futuri, riguardanti il Popolo d’Israele e la Palestina (7 pagg.);
. 2. Cartina della Palestina contenente i luoghi visitati dal Messia Gesù
Cristo e annotati con passi biblici (9 pagg.);
3. Schema grafico in unico foglio contenente tutto il messaggio
biblico, dalla Genesi all’Apocalisse, con annotazioni storiche
(6 pagg.);
4. Tabella riassuntiva dei Papi e Antipapi (6 pagg.);
5. Testi in ordine sinottico, cronologico e Tavole riassuntive
varie (223 pagg.),

430
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
431
n. d. t.: confr. Matteo 8:14-15; Marco 1:29-31;
432
n. d. t.: confr. Matteo 8:16-17; Marco 1:32-39;
433
R. aggiunge: il Cristo;
L'attesa dello Spirito Santo
GLI ATTI Atti 1
DEGLI APOSTOLI434 12 Allora essi tornarono a Gerusalemme dal monte
chiamato degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme un
Introduzione cammin di sabato.
1 Io ho composto il primo libro, o Teofilo, su tutte le cose 13 Quando furono entrati [nella città] salirono nella sala di
che Gesù cominciò a fare e a insegnare, sopra dove dimoravano Pietro1 e Giovanni2, Giacomo3 e
2 fino al giorno in cui fu elevato [in cielo] dopo aver dato per Andrea4, Filippo5 e Tommaso6, Bartolomeo7,
lo Spirito Santo delle istruzioni agli apostoli che aveva scelti, Matteo8, Giacomo9 [figlio] d'Alfeo, Simone10 Zelota438
3 ai quali anche, dopo che ebbe sofferto, si presentò lui e Giuda11 [fratello] di Giacomo.
stesso vivente, con molte prove accertate, facendosi vedere 14 Tutti questi perseveravano di comune accordo
da loro durante quaranta giorni, parlando delle cose relative nella preghiera439, con le donne, con Maria la
al regno di Dio. madre di Gesù e con i suoi fratelli. 440
4 Essendo radunato con loro, gli ordinò di non allontanarsi
da Gerusalemme, ma di attendere la promessa del Padre, «la
Discorso di Pietro ai fratelli (maggio, anno 38)
quale [egli disse] avete udita da me.
5 Perché Giovanni ha battezzato con acqua, ma voi, voi Atti 1
sarete battezzati di Spirito Santo fra pochi giorni». 15 In quei giorni Pietro, alzatosi in mezzo ai discepoli441
(il numero di quelli442 riuniti era di circa centoventi)
Ascensione di Gesù (maggio, anno 37) disse:
6 Quelli dunque che erano riuniti gli domandarono: 16 «Uomini fratelli443, era necessario che si adempisse
«Signore, è in questo tempo che ristabilisci il regno per questa scrittura che lo Spirito Santo ha detto in anticipo
Israele?» per bocca di Davide, riguardo a Giuda, che è stato la
7 Ma lui rispose loro: «Non spetta a voi di sapere i tempi o le guida di quelli che presero Gesù.
stagioni che il Padre ha riservato alla propria autorità. 17 Perché egli era contato fra noi e aveva ricevuto in
8 Ma riceverete della potenza, lo Spirito Santo che verrà su condivisione444 questo ministero;
di voi435 e436 sarete miei testimoni in Gerusalemme, in tutta 18 (costui dunque si era acquistato un campo con il
la Giudea, la Samaria e fino all'estremità della terra437». salario dell’iniquità445 ed essendo caduto con la testa in
9 Dette queste cose, fu elevato [dalla terra] e mentre essi avanti, si aprì a metà446 e tutte le sue interiora si sparsero.
guardavano, una nuvola lo accolse [e lo sottrasse] davanti ai 19 Questo è stato conosciuto da tutti gli abitanti di
loro occhi. Gerusalemme, talché quel campo è chiamato nel loro
10 Mentre essi fissavano con gli occhi il cielo, quando egli proprio dialetto447: "Aceldama" (cioè: "Campo di
se ne andava, ecco che due uomini in vesti bianche si tennero sangue").448
là al loro fianco e anche dissero: 20 Infatti sta scritto nel libro dei Salmi: "La sua dimora
11 «Uomini Galilei, perché state qui a guardare verso il diventi deserta e che nessuno vi abiti più"449 e: "Il suo
cielo? Questo Gesù che è stato da voi elevato in cielo, incarico di sorvegliante450 lo prenda un altro"451.
ritornerà nella medesima maniera in cui lo avete visto
andare in cielo». 21 Bisogna dunque che tra gli uomini che si sono radunati
con noi452 durante tutto il tempo che il Signore Gesù
entrava ed usciva453 con noi,
22 a cominciare dal battesimo di Giovanni fino al giorno
434
n. d. t. altri: L’autore di questo libro è l’evangelista che è stato elevato da noi [in cielo], uno diventi testimone
Luca, il medico diletto (lettera ai Colossesi Cap. 4 v. con noi della sua risurrezione».
14), il quale scrive questo suo secondo libro all’amico
Teofilo (illustre sconosciuto) con lo scopo di continuare
438
la narrazione scrupolosa dei fatti che seguirono la venuta o: lo zelatore;
439
Gesù Cristo. Il suo primo libro fu l’Evangelo omonimo. R. aggiunge: e la supplicazione;
Il nome viene dal greco Λουχαθ, latino Lucas. 440
n. d. t.: vedere la nota in Matteo Cap. 13:55, come Luca
Collaborò saltuariamente con l’apostolo Paolo nei suoi Cap. 1 v. 36;
441
viaggi missionari. altri: fratelli;
442
L’arco di tempo compreso in questo libro, esattamente: la folla dei nomi; n. d. t. altri: delle
dall’ascensione del Cristo fino alla prima prigionia persone;
443
romana dell’apostolo Paolo, è di 25-26 anni: dal esattamente: fratelli è un ebraismo, qui e in generale
maggio del 38, alla primavera del 63 circa D.C. sempre;
444
Il libro, si può suddividere in tre parti: esattamente: il lotto di; anche al v. 25;
445
1. Cap. 1 : fatti riguardanti il mandato di Gesù Cristo e altri: ingiustizia;
446
la sua ascensione corporale in cielo; n. d. t. altri: essendosi precipitato, gli si squarciò il
2. Capp. da 2 a 12: fatti riguardanti Pietro e la nascita ventre;
447
dell’assemblea primitiva; n. d. t. altri: lingua;
448
3. Capp. da 13 a 28: fatti riguardanti Paolo e i viaggi n. d. t. altri: lingua;
449
missionari dell’apostolo fino alla sua prima prigionia Salmo 69 v. 25;
450
romana. n. d. t. altri omettono: di sorvegliante;
435 451
o: la potenza dello Spirito Santo che verrà su di voi; Salmo 109 v. 8;
436 452
R. aggiunge: mi; n. d. t. altri: stati in nostra compagnia;
437 453
o: del paese; vedere Cap. 13:47 n. d. t. altri: venisse;
Mattia scelto al posto di Giuda 17 "Avverrà negli ultimi giorni", dice Dio, "che io
23 Essi ne presentarono454 due: Giuseppe, detto Barsabba, spanderò il mio Spirito sopra ogni carne; i vostri figli e le
che era soprannominato Giusto, e Mattia. vostre figlie profetizzeranno, i vostri ragazzi vedranno
24 Poi pregando dissero: «Tu, Signore, che conosci il cuore delle visioni, i vostri vecchi sogneranno dei sogni
di tutti, mostraci quale di questi due tu hai scelto
25 affinché egli riceva in condivisione questo ministero e 18 e sui miei servi e sulle mie serve460, in quei giorni,
questo apostolato che Giuda ha abbandonato per andarsene spanderò il mio Spirito ed essi profetizzeranno.
al suo luogo». 19 Io darò dei prodigi su nel cielo e dei segni giù sulla
26 Essi gettarono la sorte su di loro e la sorte cadde su terra, del sangue e del fuoco e un vapore di fumo.
Mattia, che fu aggiunto agli undici apostoli. 20 Il sole sarà cambiato in tenebre, la luna in sangue,
prima che venga il grande eclatante giorno del *Signore
La Pentecoste: lo Spirito Santo scende e battezza la chiesa 21 e avverrà che chiunque invocherà il nome del *Signore
primitiva (giugno, anno 38) sarà salvato".461
Atti 2 22 «Uomini israeliti, ascoltate queste parole! Gesù il
1 Quando il giorno della Pentecoste455 giunse, essendo tutti Nazareneo, uomo approvato da Dio fra di voi mediante
insieme456, in uno stesso luogo, miracoli, prodigi e segni che Dio fece per mezzo di lui, tra
2 improvvisamente si fece dal cielo un suono, come un di voi, come voi stessi ben sapete,
soffio violento e impetuoso, che riempì tutta la casa dov'essi 23 voi, avendolo462 consegnato, per il determinato
erano seduti. consiglio e la prescienza di Dio, lo uccideste per mano di
3 Poi apparvero loro delle lingue divise, come di fuoco, che iniqui463, inchiodandolo [a una croce]
si posarono457 su ciascuno di loro. 24 egli Dio ha risuscitato, avendo sciolto i dolorosi
4 Tutti furono riempiti dello Spirito Santo e cominciarono a [legami]464 della morte, perché non era possibile che egli
parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro di fosse da essa trattenuto.
esprimersi. 25 Infatti Davide dice di lui: "Io contemplavo sempre il
*Signore davanti a me, perché egli è alla mia destra,
Lo stupore in Gerusalemme affinché io non sia smosso.
5 Or a Gerusalemme soggiornavano dei Giudei, uomini pii di 26 Per questo si è rallegrato il mio cuore, la mia lingua ha
ogni nazione che è sotto il cielo. giubilato e più ancora la mia carne riposerà nella speranza;
6 Quando si diffuse quel suono, la moltitudine si radunò e fu 27 perché tu non lascerai l'anima mia nell’Ades465 e non
confusa, perché ciascuno li udiva parlare nel suo proprio permetterai che il tuo Santo466 veda la decomposizione.
linguaggio. 28 Tu mi hai fatto conoscere le vie della vita, tu mi
7 Essi si stupivano tutti e si meravigliavano, dicendo458: riempirai di gioia per [la vista del] tuo volto alla tua
«Tutti questi che parlano, non sono dei Galilei? presenza".467
8 Perché li udiamo parlare ciascuno nella nostra propria 29 Uomini fratelli, che mi sia permesso468 dire
lingua [quella del paese] nel quale noi siamo nati? liberamente, riguardo al patriarca Davide, che egli è
9 Parti e Medi ed Elamiti, noi che abitiamo la Mesopotamia, morto e che è stato sepolto e che la sua tomba è ancora al
la Giudea e la Cappadocia, il Ponto e l'Asia, giorno d'oggi tra di noi.
10 e la Frigia e la Panfilia, l'Egitto e le zone della Libia 30 Egli dunque, essendo profeta e sapendo che Dio gli
cirenaica; noi Romani, che soggiorniamo [qui], aveva promesso, con giuramento, che avrebbe fatto sedere
11 tanto Giudei che proseliti, Cretesi e Arabi, noi li udiamo [qualcuno discendente] dal suo seno, sul suo trono,
annunciare nelle nostre lingue le grandi cose di Dio». 31 previde la risurrezione di Cristo e disse che egli469 non
12 Tutti stupivano ed erano perplessi chiedendosi l'uno sarebbe stato lasciato nell’Ades, e che la sua carne non
all'altro: «Che vuol dire questo?» avrebbe visto470 la decomposizione.
13 Ma altri li deridevano dicendo: «Sono pieni di vino 32 Questo Gesù, Dio lo ha risuscitato: di questo noi siamo
dolce». tutti testimoni.

1a chiave di Pietro: La porta della chiesa del Signore aperta


ai Giudei (giugno, anno 38)
Atti 2
14 Ma Pietro si presentò con gli undici e parlò loro così, a
voce alta: «Uomini Giudei, voi tutti che abitate in
Gerusalemme, sappiate questo e prestate l’orecchio alle mie 460
altri: schiavi;
parole. 461
confr. Gioele Cap. 2 vv. 28-32;
15 Questi non sono ubriachi, come voi pensate, perché è 462
R. aggiunge: preso e;
[soltanto]459 la terza ora del giorno; 463
o: uomini senza legge;
16 ma questo è quel che fu annunziato dal profeta Gioele: 464
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;
465
parola molto vaga, come lo Shéol nell’A.T., che sta ad
indicare il luogo invisibile dove soggiornano le anime
dei morti, ma distinto dalla Geenna, il luogo finale dei
454
esattamente: ne misero in ordine; tormenti; altri: soggiorno dei morti;
455 466
confr. Levitico Cap. 23:15-23; o: pio; vedere la nota in 2° Cronache Cap. 6:41-42;
456 467
R. : di comune accordo; confr. Salmo 16 v. da 8 a 11;
457 468
esattamente: esso si posò; o: mi è permesso;
458 469
R. aggiunge: l’un l’altro; R.: che la sua anima;
459 470
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. altri: subito;
33 Essendo dunque egli stato esaltato per la destra di Dio e LETTERE DEI PROFETI FRATELLI DEL
avendo ricevuto dal Padre lo Spirito Santo promesso471, ha SIGNORE483
sparso quello che472 voi vedete e udite.
34 Perché Davide non è salito in cielo, ma lui stesso dice: «Il
*Signore ha detto al mio signore: Siedi alla mia destra,
35 finché io abbia posto i tuoi nemici per sgabello dei tuoi
piedi"».473
36 Che tutta la casa d'Israele sappia dunque con certezza,
che Dio ha fatto e474 Signore e Cristo questo Gesù che voi
avete crocifisso».

Le prime conversioni (giugno, anno 38)


Atti 2
483
37 Avendo udito [queste cose] essi furono compunti nel n. d. t.: Gli Apostoli scelti da Gesù Cristo, che lo
cuore e dissero a Pietro e agli altri apostoli: «Che dobbiamo seguirono fedelmente fin dall’inizio della sua
fare, fratelli?» testimonianza pubblica registrata dagli evangelisti,
38 Pietro disse loro: «Pentitevi e ciascuno di voi sia erano questi:
battezzato nel nome di Gesù Cristo, in [vista della]475 1Pietro, 2Giovanni, 3Giacomo, fratello di Giovanni,
remissione dei peccati [per la quale]476 voi riceverete il dono chiamati Boanerges, figli di Zebedeo, 4Andrea,
dello Spirito Santo. fratello di Simon Pietro, 5Filippo, 6Tommaso,
39 Perché a voi è la promessa, e ai vostri figli, e a tutti 7Bartolomeo, chiamato anche Natanaele, 8Matteo,
quelli che sono lontani, a quanti il *Signore nostro Dio ne 9Giacomo d'Alfeo, detto il minore, per distinguerlo
chiamerà». dal fratello di Giovanni, 10Simone lo Zelota,
40 Quindi con molte altre parole egli scongiurava e esortava, 11Giuda di Giacomo, 12Giuda Iscariota
dicendo: «Salvatevi da questa generazione perversa ». (quest’ultimo, che lo tradì, fu sostituito da un certo
I primi battesimi dei nuovi discepoli Mattia - confr. Atti Cap. 1:16-26).
41 Quelli dunque che ricevettero477 la sua parola furono In Atti Cap. 1:12-14 è detto: “Allora essi tornarono a
battezzati e in quel giorno furono aggiunte circa tremila Gerusalemme dal monte chiamato degli Ulivi, che è
persone. vicino a Gerusalemme un cammin di sabato. Quando
42 Ed essi perseveravano nella [condivisione della]478 furono entrati [nella città] salirono nella sala di sopra
dottrina, della comunione degli apostoli479, del rompere il dove dimoravano Pietro e Giovanni, Giacomo e
pane e delle preghiere. Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo,
43 Ogni anima era presa da timore e molti prodigi e Giacomo [figlio] d'Alfeo, Simone Zelota, e Giuda
miracoli480 erano fatti dagli apostoli. [fratello] di Giacomo. Tutti questi perseveravano di
44 Tutti i credenti erano in un medesimo luogo ed essi comune accordo nella preghiera, con le donne, e con
avevano ogni cosa in comune: Maria la madre di Gesù e con i suoi fratelli”.
45 vendevano le proprietà, i loro beni e li distribuivano a I quattro fratelli di Gesù sono: Giacomo, Iose, Giuda
tutti, secondo il bisogno di ciascuno e Simone; essi sono citati in Matteo Cap. 13:53-57;
46 e tutti i giorni essi perseveravano concordemente Marco Cap. 6:1-4; Luca Cap. 4 v. 22); di questi
[recandosi]481 nel tempio482 e rompendo il pane nelle loro Giacomo e Iose si possono confondere con due dei
case, essi prendevano il loro cibo insieme, con gioia e figli di Maria moglie di Cleopa, cioè Giacomo il
semplicità di cuore, minore e Iose, indicati da Marco Cap.15:40, 41, ma è
47 lodando Dio e avendo il favore di tutto il popolo. Il probabile che si tratti di due casi di omonimia, molto
Signore aggiungeva ogni giorno alla chiesa quelli che frequente a quei tempi, come lo dimostrano le molte
dovevano essere salvati. donne chiamate Maria. Questo Giacomo il minore,
figlio di Maria moglie di Cleopa è sicuramente il
secondo apostolo Giacomo.
Giacomo, l’autore di una lettera neotestamentaria,
….OMISSISS… non presentandosi come apostolo, non può essere che
il fratello del Signore, anche se egli si presenta senza
relazioni parentali. Egli infatti non è uno dei due
apostoli chiamati Giacomo figlio d’Alfeo e Giacomo
471
o: lo Spirito Santo promesso; fratello di Giovanni, figli di Zebedeo.
472
R. aggiunge: ora; Questo Giacomo, la 1a Corinzi lo presenta così: “Poi è
473
confr. Salmo 110 v. 1; stato visto da Giacomo, poi da tutti gli apostoli “; e
474
R. omette: e; la lettera ai Galati “…e non vidi nessun altro degli
475
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; apostoli, se non Giacomo, il fratello del Signore. …
476
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; e avendo riconosciuto la grazia che mi è stata
477
o: accettarono; R. aggiunge: con gioia; accordata, Giacomo, Cefa e Giovanni, che erano
478
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; reputati come delle colonne, diedero a me e a Barnaba
479
o: nella dottrina degli apostoli e nella comunione la mano d’associazione; … Infatti, prima che fossero
fraterna; venuti alcuni da parte di Giacomo, egli mangiava con
480
esattamente: segni; quelli delle nazioni. (confr. lettera di Giacomo Cap. 1
481
n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza; v. 1; 1a Corinzi Cap. 15 v. 7; i Galati Cap. 1 v. 19;
482
esattamente: l’edificio sacro; Cap. 2 v. 9 e 12)
Le tentazioni della natura umana
LETTERA DI GIACOMO484 12 Beato l'uomo che sopporta la tentazione, perché,
quando si manifesterà fedele nella prova, riceverà la
corona della vita, che il Signore486 ha promessa a quelli
Indirizzo e saluti che lo amano.
Giacomo 1
1 Giacomo, schiavo di Dio e del Signore Gesù Cristo alle 13 Che nessuno, quand'è tentato, dica: “Sono tentato da
dodici tribù che sono nella dispersione: salute! Dio”, perché Dio non può essere tentato dal male, ed egli
stesso non tenta nessuno.
Prove e tentazioni 14 Ma ognuno è tentato essendo attratto e sedotto dalla
Giacomo 1 propria concupiscenza,
2 Fratelli miei, consideratela come una gioia perfetta 15 poi la concupiscenza, quando ha concepito, partorisce il
quando sarete in lotta con varie tentazioni, peccato e il peccato, essendo compiuto, genera la morte.
3 sapendo che la prova della vostra fede produce costanza.
4 Ma che la costanza abbia il suo lavoro completo, perché 16 Non v'ingannate, miei diletti fratelli:
siate perfetti e completi, di nulla mancanti. 17 ogni cosa che ci è donata di buono e ogni dono perfetto,
discendono dall'alto, dal Padre dei luminari, nel quale non
La preghiera fatta con fede c'è variazione né ombra di mutamento.
18 Di sua propria volontà, egli ci ha generato mediante
5 Se poi qualcuno di voi manca di saggezza, la chieda a Dio la parola di verità, affinché noi siamo una sorta di
che dona a tutti liberalmente senza rimproveri e gli sarà data, primizie delle sue creature.
6 ma la chieda con fede, senza dubitare assolutamente,
perché chi dubita è simile a un'onda del mare, agitata dal Mettere in pratica la parola di Dio
vento e gettata qua e là,
7 perché, quell’uomo, non pensi di ricevere qualcosa dal Giacomo 1
Signore, 19 Così487, miei fratelli diletti, che ogni uomo sia pronto
8 essendo un uomo incerto nei suoi pensieri, incostante in ad ascoltare, lento a parlare, lento all'ira,
tutte le sue vie. 20 perché l'ira dell'uomo non compie488 la giustizia di Dio.
21 Perciò, rigettato ogni sudiciume e ogni eccesso di
Il povero e il ricco malizia, accogliete con dolcezza la parola che è stata
piantata [in voi]489, che ha la potenza di salvare le490
Giacomo 1 anime vostre.
9 Il fratello di bassa condizione, sia orgoglioso della sua 22 Ma mettete in pratica la parola e non ascoltatela
elevazione soltanto, illudendo voi stessi,
10 e il ricco, [lo sia]485 della sua umiliazione, perché, come 23 perché, se uno ascolta la parola e non la mette in
il fiore dell'erba, pure lui passerà. pratica, è simile a un uomo che osserva la sua faccia
11 Quando il sole sorge con il suo calore ardente fa seccare naturale in uno specchio
l'erba, il suo fiore cade e la sua bella apparenza perisce: nello 24 poi, quando si è guardato se ne va e subito dimentica
stesso modo anche il ricco appassirà nelle sue opere. com'era.
25 Ma chi avrà considerato da vicino la legge perfetta,
quella della libertà e che avrà perseverato, non sarà un
484 ascoltatore smemorato ma un suo servitore: quello sarà
n. d. t.: Si tratta di uno dei quattro fratelli del Signore, che felice nel suo operare.
al principio erano scettici sulla testimonianza di Gesù
(confr. Giovanni Cap. 7:1-9), si convertì poi in seguito e La vera religione
fu menzionato per la prima volta tra i discepoli di Gesù, Giacomo 1
distintamente dagli apostoli, al ritorno dal monte degli 26 Se uno491 pensa492 di essere religioso, ma che non tiene
Ulivi, dopo l’ascensione del Signore. Divenne una a freno la sua lingua e seduce il cuor suo, il servizio
colonna dell’assemblea di Gerusalemme, insieme a religioso di quell’uomo è vano.
Pietro e Giovanni (confr. Atti Capp. 15 e 21) ma rimase 27 Il servizio religioso puro e senza macchia davanti a Dio
però molto attaccato alle tradizioni e ai riti giudaici, e Padre è questo: soccorrere gli orfani e le vedove nelle
come risulta anche da questa sua lettera. loro afflizioni e conservarsi puri dal mondo.
Quando Paolo visita Gerusalemme nei primi anni 40, gli
apostoli erano andati via in seguito alla persecuzione di
Condanna del favoritismo
Erode Agrippa I°, e vi trovò solo Giacomo, il fratello del
Signore. Evidentemente, per questa sua peculiarietà, era Giacomo 2
sopportato dai vertici sacerdotali di Gerusalemme, più
degli altri.
Lo storico Esigippo fornisce alcune notizie su di lui, che
486
lo danno per martire, a Gerusalemme, dopo la morte del J. N. D.: che Lui;
487
procuratore romano Festo, quindi nel 62-63. qualcuno ha: Sappiatelo;
488
La data della lettera è dunque di qualche anno o: non opera;
489
precedente. n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
490
Lo scopo è quello di incoraggiare i discepoli giudei n. d. t. altri: che può salvare le;
491
divenuti cristiani, a sopportare le crescenti persecuzioni. R. aggiunge: tra voi;
485 492
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; o: pare;
1 Fratelli miei, se fate dei favoritismi personali, voi non 18 Ma qualcuno dirà: “Tu hai la fede e io ho le opere:
avete la fede nel nostro Signore Gesù Cristo, [signore] della mostrami la tua fede senza504 le tue opere, e io per505 le
gloria. mie opere ti mostrerò la mia fede”.
19 Tu credi che c'è un solo Dio e fai bene; anche i demoni
2 Perché se nella vostra sinagoga493 entra un uomo con un lo credono ed essi tremano.
anello d'oro, vestito splendidamente e vi entra pure un 20 Ma vuoi tu sapere, o uomo vano, che la fede senza le
povero vestito poveramente, opere è morta506?
3 quando avete riguardo a quello che veste splendidamente e 21 Abraamo, nostro padre, non fu giustificato per le opere
gli dite: ”Tu, siedi qui a tuo agio” e al povero dite: “Tu, avendo offerto suo figlio Isacco sull'altare?
stattene là in piedi” o “Siedi giù in basso al mio 22 Tu vedi che la fede agiva insieme alle sue opere e per le
poggiapiedi”, opere la fede fu resa completa;
4 non avete494 voi fatto una differenza in voi stessi495 e non 23 così fu adempiuta la Scrittura che dice: “Abraamo
siete diventati dei giudici con ragionamenti malvagi? credette a Dio e ciò gli fu contato a giustizia”507 e lui fu
5 Ascoltate, fratelli miei diletti: Dio non ha scelto i poveri, chiamato amico di Dio.
quanto al mondo496, [perché siano]497 ricchi in fede ed eredi 24 Voi vedete508 che l'uomo è giustificato per opere e non
del regno che ha promesso a quelli che lo amano? per fede soltanto.
6 Ma voi, voi avete disprezzato il povero! Non sono i ricchi 25 Anche Raab, la prostituta, non è stata giustificata per le
quelli che vi opprimono e vi trascinano davanti ai tribunali? opere avendo accolto i messaggeri e avendoli messi fuori
7 Non sono essi quelli che bestemmiano il bel498 nome che è per un'altra strada?
stato invocato su di voi? 26 Perché, come il corpo senza spirito è morto, così anche
8 Se in effetti adempite la legge regale, secondo la Scrittura: la fede senza le opere è morta.
“Tu amerai il tuo prossimo come te stesso”499, voi fate bene;
9 ma se avete riguardi personali, voi commettete il peccato e Esortazione a controllare la lingua
siete convinti500 dalla legge quali trasgressori, Giacomo 3
10 perché chiunque osserverà tutta la legge, e fallirà in un 1 Fratelli miei, non siate in molti dottori509, sapendo che
punto solo, è colpevole su tutti i punti, ne riceveremo un giudizio più severo,
11 poiché colui che ha detto: “Tu non commetterai 2 poiché manchiamo tutti in molte cose510. Se uno non
adulterio”, ha detto anche: “Tu non ucciderai”501. Quindi, se sbaglia nelle parole è un uomo perfetto, capace di tenere
tu non commetti adulterio ma uccidi, sei trasgressore del[la] a freno anche tutto il corpo.
legge. 3 Ecco, noi mettiamo il morso in bocca ai cavalli perché ci
12 Come voi parlate, così anche agite, prima di essere ubbidiscano, dirigendo qua e là tutto il loro corpo.
giudicati502 secondo la legge di libertà. 4 Ecco, anche le navi, che sono così grandi e sono spinte
13 Perché il giudizio è senza misericordia contro chi non ha da venti violenti, sono dirette qua e là da un minuscolo
usato misericordia. La misericordia invece si gloria di fronte timone, dovunque vuole colui che le governa.
al giudizio. 5 Così anche la lingua è un piccolo membro, ma si vanta
di grandi cose. Ecco, un piccolo fuoco quale grande
La fede e le opere delle fede foresta511 incendia!
Giacomo 2 6 Anche la lingua è un fuoco512, la lingua è un mondo
14 Fratelli miei, che profitto c’è, se uno dice di aver fede ma d'iniquità513 posto fra le nostre membra; è quella che
non ha opere? La fede [soltanto]503 può salvarlo? contamina tutto il corpo e dà fuoco al corso naturale
15 Se un fratello o una sorella sono nudi e mancano del loro della vita ed è infiammata dalla geenna.514
nutrimento quotidiano,
16 e uno di voi dice loro: “Andate in pace, scaldatevi e
saziatevi”, ma non date loro le cose necessarie al corpo, che
profitto c’è?
17 Così è della fede: se non ha opere, è per sé stessa morta.

493 504
n. d. t. : Il termine dimostra che i cristiani provenienti dal R.: per;
505
giudaesimo si radunavano non più nelle case, ma in o: sul principio di; qui e ai vv. 21, 25;
506
locali aperti al pubblico, che qui, Giacomo, dimostrando altri: è nulla o non ha valore;
507
il suo forte legame con il giudaesimo, li chiama confr. Genesi Cap. 15 v. 6;
508
sinagoghe, non chiese o assemblee. R.: Dunque vedete;
494 509
R. aggiunge: pure; esattamente: coloro che insegnano;
495 510
o: fra voi; o: spesso;
496 511
R.: a questo mondo; o: quanto bosco;
497 512
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; R. aggiunge: così;
498 513
n. d. t. altri: buon; altri pure : ingiustizia;
499 514
confr. Levitico Cap. 19 v. 18; n. d. t. altri: contamina tutto il corpo e, infiammata
500
n. d. t. altri: condannati; dalla geenna, dà fuoco al ciclo della vita; o
501
confr. Esodo Cap. 20:13 e 14; contamina tutto il corpo e incendia il corso della vita,
502
n. d. t. altri: Parlate e agite come persone che devono traendo la sua fiamma dalla Geenna; o la qual
essere giudicate secondo; contamina tutto il corpo, e infiamma la ruota della
503
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; vedere il v. 24; vita, ed è infiammata dalla geenna;
7 Infatti, ogni specie di bestie selvagge, uccelli, rettili e Esortazione a ricercare l’umiltà di cuore e rigettare la
animali marini, si può domare ed è stata domata dalla razza superbia
umana, Giacomo 4
8 ma la lingua, nessun uomo la può domare; è un male 6 Ma egli ci dona una grazia maggiore; perciò la Scrittura
indisciplinato515, piena di veleno mortale. dice: “Dio resiste ai superbi e dona [la] grazia agli
9 Con essa benediciamo il Signore e 516Padre e con essa umili”.523
malediciamo gli uomini fatti a somiglianza di Dio. 7 Sottomettetevi dunque a Dio. 524Resistete al diavolo, ed
10 Dalla medesima bocca procede la benedizione e la egli fuggirà da voi.
maledizione. Fratelli miei, non deve essere così. 8 Avvicinatevi a Dio ed egli si avvicinerà a voi. Pulite le
11 Una sorgente fa zampillare dalla medesima apertura il vostre mani, peccatori; purificate i vostri cuori, voi che
dolce e l'amaro? siete doppi di cuore!
12 Fratelli miei, può un fico produrre olive, o una vite fichi? 9 Gemete sulla vostra miseria, fate cordoglio e piangete!
Dall’acqua salata non si può ottenere dell’acqua dolce. 517 Sia il vostro riso convertito in lutto, e la vostra allegria in
tristezza!
Carattere della sapienza umana e della sapienza divina 10 Umiliatevi davanti al *Signore, ed egli v'innalzerà.
Giacomo 3 11 Non parlate l’uno contro l’altro, fratelli. Chi parla
13 Chi è saggio e intelligente fra voi? Con la buona condotta contro suo fratello o525 chi giudica suo fratello, parla
mostri le sue opere compiute con la dolcezza della saggezza. contro la legge e giudica la legge. Ora, se tu giudichi la
14 Ma se avete nel vostro cuore una gelosia amara e spirito legge, non sei un praticante della legge, ma un giudice.
di contesa, non vi vantate e non mentite contro la verità518. 12 Uno soltanto è legislatore e giudice526, colui che può527
15 Questa non è la saggezza che scende dall'alto, ma [una salvare e distruggere, ma528 tu chi sei, che giudichi il tuo
saggezza] terrena, animale, diabolica. prossimo?
16 Infatti dove c'è della gelosia e uno spirito di contesa, là vi 13 A voi ora, che dite: “Oggi o domani noi andremo nella
è disordine e ogni tipo di cattiva azione. tale o tale altra città, vi staremo un anno, trafficheremo e
17 Perché la saggezza che viene dall'alto, è anzitutto pura, guadagneremo”,
poi pacifica, moderata, conciliante, piena di misericordia 14 voi che non sapete quel che succederà domani! (poiché
e di buoni frutti, imparziale519, sincera. che cos'è la vostra vita, se non un vapore che appare per un
18 Il frutto della giustizia si semina nella pace per coloro che po’ di tempo e poi svanisce?).
si adoperano per la pace. 15 Invece di dire: “Se il Signore lo vuole e saremo in vita,
faremo questo o quello”.
L’amicizia del mondo soggetto a Satana, è inimicizia 16 Ma ora voi vi vantate con la vostra arroganza. Ogni
contro Dio simile vanteria è cattiva.
Giacomo 4
1 Da dove vengono le guerre e da dove le contese tra di voi?
Non è da questo? dalle vostre concupiscenze che combattono 515
n. d. t. altri: continuo; o ribelle; o che non si può
nelle vostre membra?
rattenere;
2 Voi concupite e non avete; voi uccidete e avete ardenti 516
R. aggiunge: il Dio;
ambizioni e non potete ottenere; voi litigate e fate la guerra; 517
520 n. d. t. altri: Neppure una sorgente salata può dare
non avete, perché non domandate;
acqua dolce; o (anche R.) così niuna fonte può gettare
3 domandate e non ricevete, perché domandate male per
dissipare nei vostri piaceri. acqua salsa, e dolce; Molto bella questa illustrazione
4 Adulteri!521 non sapete che l'amicizia del mondo è della principale sorgente di peccato. I religiosi
inimicizia contro Dio? Chi dunque vorrà essere amico del pensano generalmente al peccato come alla azioni fori
mondo si costituisce nemico di Dio. quali, rubare e ammazzare, ma molto difficilmente
5 Oppure pensate che la Scrittura parli invano? Lo Spirito pensano alla propria lingua come banale e comune
strumento di peccato.
che abita in noi, desidera con gelosia?522 518
contro la verità si lega con vantate mentite;
519
o: non contenziosa;
520
R. aggiunge: ma;
521
esattamente: la parola greca è al femminile; R.
aggiunge : [Uomini] adulteri e [femmine] adultere;
522
n. d. t. altri: Oppure pensate che la Scrittura dichiari
invano che: «Lo Spirito che egli ha fatto abitare in
noi ci brama fino alla gelosia»? confr. Zaccaria Cap.
8:2; Esodo Cap. 34:14; o forse pensate che la
Scrittura dichiari invano: fino alla gelosia ci ama lo
Spirito che egli ha fatto abitare in noi?; o Pensate voi
che la scrittura dica in vano: Lo spirito che abita in
voi appetisce ad invidia?;
523
confr. Proverbi Cap. 3 v. 34;
524
molti aggiungono: ma;
525
R.: e;
526
R. omette: e giudice;
527
o: giudice che può;
528
R. omette: ma;
17 Chi dunque sa fare il bene ma non lo fa, per lui questo è 14 C'è qualcuno tra di voi che è malato? Che chiami gli
peccare529. anziani della chiesa ed essi preghino per lui, ungendolo
d'olio nel nome del Signore:
Condanna dei ricchi oppressori 15 la preghiera della fede salverà il malato e il Signore lo
Giacomo 5 ristabilirà; se egli ha commesso dei peccati, gli sarà
1 A voi ora, ricchi! Piangete e urlate per le sciagure che perdonato.
stanno per venirvi addosso! 16 Confessate dunque 537 i vostri falli538 l’un l’altro e
2 Le vostre ricchezze sono marcite e le vostre vesti sono rose pregate l’un l’altro affinché siate guariti: la fervente539
dai tarli. supplicazione del giusto può molto.
3 Il vostro oro e il vostro argento sono arrugginiti, la loro 17 Elia, che era un uomo avente le nostre stesse
ruggine sarà una testimonianza contro di voi e divorerà le passioni540, pregò con insistenza541 che non piovesse e non
vostre carni come un fuoco: Avete accumulato un tesoro piovve sulla terra per tre anni e sei mesi.
negli ultimi giorni. 18 Pregò di nuovo e il cielo diede la pioggia e la terra
4 Ecco, grida il salario che voi avete frodato ai mietitori dei produsse il suo frutto.
vostri campi, le grida di quelli che hanno mietuto sono giunte
agli orecchi del *Signore degli eserciti530. 19 Fratelli miei542, se qualcuno tra di voi si svia dalla
5 Sulla terra siete vissuti nelle delizie e voi vi siete dati alle verità e uno lo converte,
concupiscenze; avete saziato i vostri cuori [come] in un 20 costui sappia che chi avrà convertito un peccatore dallo
giorno di sacrificio,531 smarrimento della sua via, salverà un anima dalla morte
6 voi avete condannato, avete ucciso il giusto: lui non vi e coprirà una moltitudine di peccati.
oppone resistenza.
LETTERA DI GIUDA543
Esortazioni varie
Indirizzo
Giacomo 5 Giuda 1 Giuda, schiavo di Gesù Cristo e fratello di
7 Abbiate dunque pazienza532, fratelli, fino alla venuta del Giacomo, ai chiamati, diletti544 in Dio Padre e custoditi
Signore. Ecco, l'aratore aspetta il frutto prezioso della terra, da545 Gesù Cristo:
avendo pazienza a suo riguardo, finché essa abbia ricevuto la 2 che la misericordia, la pace e l’amore vi siano
pioggia della prima e dell'ultima stagione. moltiplicati.
8 Abbiate pazienza anche voi; fortificate i vostri cuori,
perché la venuta del Signore è vicina. Contro gli empi e i falsi dottori
9 Fratelli, non lamentatevi533 gli uni degli altri, affinché non
siate giudicati534; ecco, il giudice è davanti alla porta.
10 Fratelli miei, prendete come modello di sofferenza535 e di
pazienza, i profeti che hanno parlato nel nome del *Signore.
11 Ecco, noi chiamiamo felici quelli che sopportano [le
prove con pazienza], Avete udito parlare della pazienza di
Giobbe e avete visto la fine [riservatagli]536 dal *Signore,
[cioè] che il *Signore è pieno di compassione e
misericordioso.
12 Ma soprattutto, fratelli miei, non giurate né per il cielo, né
per la terra, né con altro giuramento, ma che il vostro sì, sia
sì, e il vostro no, sia no, affinché non cadiate sotto il 537
giudizio. R. omette: dunque;
538
13 C'è qualcuno tra di voi che è maltrattato? Che preghi. C'è molti altri: peccati;
539
qualcuno che è allegro? Che canti degli inni. o: operante;
540
o: delle passioni come le nostre;
541
esattamente: con preghiera;
542
R. omette: miei;
543
n. d. t.: Poiché l’autore si presenta così: “Giuda, servo
529
esattamente: peccato; di Gesù Cristo e fratello di Giacomo…”, non sarebbe
530
esattamente: Jehovah Sabaoth; quindi l’apostolo soprannominato Taddeo, e
531
n. d. t. altri: avete impinguato i vostri cuori in tempo di nemmeno uno dei figli di Maria moglie di Cleopa, ma
strage; o vi siete ingrassati per il giorno della strage; o è invece uno dei quattro fratelli minori di Gesù, fra i
voi avete pasciuti i cuori vostri, come in giorno di quali è anche Giacomo, l’autore della precedente
solenne convito; lettera omonima.
532
esattamente qui: pazienza è come in Ebrei Cap. 6:12; due Il riferimento agli apostoli del Signore come a un
volte; anche ai vv. 8, 10; tempo già passato, fa pensare che questa sia l’ultima
533
esattamente: gemete; delle lettere neotestamentarie posteriore a tutte. Il
534
R.: condannati; contenuto della lettera e il suo scopo, sono simili alla
535
o: cattivo trattamento; seconda lettera di Pietro, la quale doveva essere nota
536
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; Il riferimento al all’autore.
544
giusto Giobbe, servo di Dio dell’Antico Testamento, R.: santificati;
545
dimostra che egli fu un personaggio storico, non frutto o: per;
di fantasia popolare, come molti commentatori e critici
moderni insegnano.
Giuda 3 Diletti, quando io ho avuto ogni premura per546 9 Invece, l'arcangelo Michele, quando discuteva con il
scrivervi della nostra547 comune salvezza, mi sono trovato diavolo contendendogli il cadavere di Mosè, non osò
[invece]548 nella necessità di scrivervi per esortarvi a pronunziare un giudizio ingiurioso contro [di lui], ma
combattere per la fede, che è stata insegnata ai santi una disse: «Che il *Signore ti rimproveri!»
volta [sola]549, 10 Questi invece, ingiuriano tutto ciò che ignorano e si
4 perché si sono insinuati [fra i fedeli] degli empi (per loro corrompono554 in tutto ciò che fanno per istinto, come
già da tempo è scritto questo giudizio), che volgono in bestie prive di ragione.
dissolutezza la grazia del nostro Dio e che rinnegano il 11 Guai a loro! Perché hanno camminato per la via di
nostro unico Padrone550 e Signore Gesù Cristo. Caino, per una ricompensa si sono dati all’errore di
Balaam, sono periti nella ribellione di Core. 555
Ricordo di quando Dio li giudicò anche nel passato
Giuda 5 Ora desidero ricordare a voi, che una volta sapevate 12 Costoro sono delle macchie556 nelle vostre agapi
tutto551, che il Signore, avendo liberato il popolo dal paese quando banchettano con voi, pascendo sé stessi senza
d'Egitto, ha distrutto in seguito quelli che non hanno vergogna; nuvole senza acqua, agitate557 dai venti; alberi
creduto, d'autunno senza frutti, due volte morti, sradicati;
6 e che lui ha riservato in legami eterni sotto l’oscurità, per il 13 onde impetuose del mare, che manifestano la schiuma
giudizio del gran giorno, gli angeli che non hanno delle loro infamie; stelle erranti a cui è riservata l'oscurità
conservato la loro origine, ma che hanno abbandonato la loro delle tenebre in eterno.
dimora, 14 Enoc, il settimo dopo Adamo, profetizzò anche per
7 come Sodoma e Gomorra e le città all’intorno, che costoro dicendo: “Ecco, il Signore è venuto nel mezzo558
essendosi abbandonate alla fornicazione, nello stesso modo delle sante miriadi
di quelli là, avendo desiderato un’altra carne, sono là come 15 per eseguire il giudizio contro tutti e per convincere
esempio, meritando la pena di un fuoco eterno. tutti gli empi fra loro, di tutte le opere di empietà da loro
empiamente commesse e di tutti gli insulti che gli empi
Caratteri negativi degli uomini empi peccatori hanno pronunciati contro di lui”.559
16 Costoro sono dei mormoratori che si lamentano della
Giuda 8 Ciò nonostante, nello stesso modo anche questi loro condizione, che camminano secondo le loro proprie
visionari contaminano la carne, disprezzano il governo che concupiscenze (tanto che la loro bocca proferisce
domina [sul popolo]552 e ingiuriano le dignità553. orgogliosi discorsi), che lusingano le persone in vista del
(loro proprio) interesse.
546
n. d. t. altri: avendo un gran desiderio;
547 Esortazioni varie
R. omette: nostra;
548 17 Ma voi, diletti, ricordatevi delle parole che hanno detto
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; Il riferimento al
giusto Giobbe, servo di Dio dell’Antico Testamento, all’inizio gli apostoli560 del Signore nostro Gesù Cristo,
dimostra che egli fu un personaggio storico, non frutto 18 quando essi vi dicevano che, alla fine dei tempi561, vi
di fantasia popolare, come molti commentatori e critici saranno degli schernitori che si comporteranno secondo
moderni insegnano. le loro empie concupiscenze;562
549 19 essi sono quelli che si separano [tra di loro], sono
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; In questo passo
il termine “fede” è chiaramente riferito all’insieme della uomini carnali563 che non hanno lo Spirito.
dottrina cristiana trasmessa da Cristo e dai suoi 20 Ma voi, diletti, edificando voi stessi nella vostra
apostoli. Essa è immutabile nel tempo, perché trasmessa santissima fede, pregando mediante lo Spirito Santo,
“una volta sola”, ciò contrasta con le tante 21 conservatevi nell'amore di Dio, aspettando la
modificazione apportate nel decorrere dei secoli dalle misericordia del nostro Signore Gesù Cristo, per la vita
varie correnti cristiane. Non esiste una evoluzione della eterna.
dottrina, la quale non può adattarsi all’evoluzione della 22 Degli uni che contestano, riprendeteli,
società nel tempo. La dottrina non si deve adattare ai
costumi umani, ma è invece vero il contrario. Questa
integrità è sempre stata combattuta fin dalla sua origine,
tanto più ai nostri giorni, poiché siamo arrivati alla fine.
550
esattamente: padroni di uno schiavo; come in Luca Cap.
554
2:29; o: si distruggono, periscono;
551 555
R.: questo; confr. Genesi Cap. 4; Numeri Cap. 31:16; Numeri Cap.
552
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; In questo passo 16;
556
il termine “fede” è chiaramente riferito all’insieme della o: scogli;
557
dottrina cristiana trasmessa da Cristo e dai suoi R.: trasportate qua e là;
558
apostoli. Essa è immutabile nel tempo, perché trasmessa o: con;
559
“una volta sola”, ciò contrasta con le tante n. d. t. : queste parole si trovano nel libro apocrifo di
modificazione apportate nel decorrere dei secoli dalle Enoc, al Cap. 1 v.9, conservato in lingua etiopica;
560
varie correnti cristiane. Non esiste una evoluzione della n. d. t. : L’esortazione a ricordare la testimonianza degli
dottrina, la quale non può adattarsi all’evoluzione della apostoli, lascia intendere che Giuda non era uno di
società nel tempo. La dottrina non si deve adattare ai quelli e supporre che essi non c’erano più;
561
costumi umani, ma è invece vero il contrario. Questa R.: negli ultimi tempi;
562
integrità è sempre stata combattuta fin dalla sua origine, confr. 2a lettera di Pietro Cap. 3:3-4;
563
tanto più ai nostri giorni, poiché siamo arrivati alla fine. altri: uomini animale; uomini naturali, sensuali,
553
esattamente: le glorie; istintivi;
23 degli altri salvateli con timore564, strappandoli dal fuoco e 8 «Io, io sono l'alfa e l'omega», dice il *Signore Dio,
odiando persino la veste [loro] 565 contaminata dalla carne. «colui che è, che era e che viene, l'Onnipotente».

Preghiera finale
Giuda 24 A colui che può guardarvi e impedirvi di cadere e 1a VISIONE: IL PRIMO E L’ULTIMO (LE COSE
farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili con CHE SONO GIA’ AVVENUTE)
abbondanza di gioia,
25 al solo Dio, nostro Salvatore per il nostro Signore Gesù Il Figlio dell'uomo appare in visione a Giovanni
Cristo, siano gloria, maestà, forza e potere, avanti tutti i 9 Io, Giovanni, che sono vostro fratello e che ho parte con
secoli, ora e566 per tutti i secoli! Amen. voi alla tribolazione, al regno e alla costanza in Gesù, io
ero [confinato]572 nell'isola chiamata Patmos, a causa della
parola di Dio e per la testimonianza di Gesù Cristo.
APOCALISSE ovvero RIVELAZIONE567
10 Io fui nello573 Spirito nel giorno domenicale574 e udii
Titolo e argomento del libro dietro a me una voce potente come il suono di una tromba,
Apocalisse 1 che diceva:
1 Rivelazione di Gesù Cristo, che Dio gli ha data per 11 «Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle
mostrare ai suoi schiavi le cose che devono avvenire presto, sette chiese: a Efeso, a Smirne, a Pergamo, a Tiatiri, a
che egli ha trasmesso al suo schiavo Giovanni, mandandogli Sardi, a Filadelfia e a Laodicea».
il suo angelo;
2 lui ha reso testimonianza della parola di Dio e della 12 Io mi voltai per vedere chi mi stava parlando ed
testimonianza di Gesù Cristo, [per] tutte [le] cose che ha essendomi voltato, vidi sette lampade575 d'oro
visto. 13 e, in mezzo alle [sette] lampade, [uno a] somiglianza
del Figlio dell'uomo576, vestito con una veste lunga fino ai
3 Beato colui che legge e beati quelli che ascoltano le parole piedi e cinto al petto di una cintura d'oro.
della profezia e che osservano le cose che vi sono scritte, 14 Il suo capo e i suoi capelli erano bianchi come lana
perché il tempo è vicino! candida, come la neve; i suoi occhi come fiamma di fuoco;
15 i suoi piedi erano simili a del rame brillante, come
Dedica alle sette chiese dell'Asia arroventato in una fornace, e la sua voce come il fragore di
Apocalisse 1 grandi acque,
4 Giovanni, alle sette chiese che sono in Asia: Grazia e pace 16 (nella sua mano destra aveva sette stelle, dalla sua
a voi da parte di colui che è568, che era e che viene569, da bocca usciva una spada aguzza a due tagli) e il suo volto
parte dei sette spiriti che sono davanti al suo trono, era come il sole [quando esso] risplende nella sua forza.
5 e da parte di Gesù Cristo, il testimone fedele, il
primogenito dei morti e il principe dei re della terra. A lui 17 Quando lo vidi, io caddi ai suoi piedi come morto e lui
che ci ama e ci ha lavati570 dai nostri peccati con il suo pose la sua destra su di me, dicendo: «Non temere; io, io
sangue, sono il primo e l'ultimo,
6 (lui che ci ha fatto un reame e dei sacerdoti per il Dio e 18 il vivente e sono stato morto, ma ecco, io sono vivente
Padre suo) a lui la gloria e la forza nei secoli dei secoli! per i secoli dei secoli e tengo le chiavi della morte e
Amen. dell’Ades577.
19 Scrivi dunque le cose che hai viste, quelle che sono e
7 Ecco, egli viene con le nuvole e ogni occhio lo vedrà quelle che devono avvenire dopo queste.
(anche quelli che lo trafissero) e tutte le tribù della terra571 si 20 [Questo è]578 il mistero delle sette stelle che hai viste
lamenteranno a causa di lui. Sì, amen! nella mia destra e delle sette lampade d'oro: Le sette stelle
sono [gli] angeli delle sette chiese e le sette lampade sono
le sette chiese.

564 LE SETTE CHIESE (LE COSE CHE SONO


n. d. t. altri: Abbiate pietà di quelli che sono nel dubbio;
salvateli, strappandoli dal fuoco; e degli altri abbiate ANCORA OGGI)
pietà mista a timore; o Convincete quelli che sono 1. Efeso Apocalisse 2
vacillanti, altri salvateli strappandoli dal fuoco, di altri
infine abbiate compassione con timore; o Ed abbiate 1 All'angelo della chiesa che è ad Efeso scrivi:
compassione degli uni, usando discrezione; ma salvate
gli altri per ispavento, rapendoli dal fuoco;
565 572
n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
566 573
R.: al solo Dio saggio, gloria, maestà, forza e potere, e n. d. t. altri: rapito dallo;
574
ora e ; n. d. t. altri: del Signore;
567 575
n. d. t. : il commento dettagliato si trova nel II Volume n. d. t. altri: candelabri;
576
COMMENTO - MISTERI RIVELATI DELLA SACRA o: simile a un figlio d'uomo; n. d. t. : Nella persona
BIBBIA dello stesso autore; dell’uomo Cristo Gesù, Dio è apparso sia agli occhi
568
la natura essenziale dell’Essere; degli uomini sia degli angeli (confr. Matteo Cap.1 v.
569
per il senso di colui che viene vedere Matteo Cap. 11:3 – 23; Giovanni Cap. 1:1, 2, 3, 10; Filippesi Cap. 2:5-11;
Ebrei Cap. 9:37 e confr. Luca Cap. 18:30; 1a Timoteo Cap. 3 v. 16; Ebrei Cap. 1:1, 2, 3).
570 577
n. d. t. altri: liberati; Vedere la nota in Matteo Cap. 11:23;
571 578
o: del paese; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
Ecco ciò che dice colui che tiene le sette stelle nella sua A chi vincerà io darò della manna nascosta e darò una
destra e cammina in mezzo alle sette lampade d'oro: pietra bianca, sulla quale è scritto un nome nuovo che
nessuno conosce, se non colui che lo riceve.
2 Io conosco le tue opere, la tua fatica, la tua costanza e che
non puoi sopportare i malvagi e che hai messo alla prova 4. Tiatiri Apocalisse 2
quelli che si dicono apostoli, ma non lo sono e li hai trovati 18 All'angelo della chiesa che è a Tiatiri, scrivi:
bugiardi,
3 che hai costanza, che hai sopportato [delle afflizioni] per il Ecco ciò che dice il Figlio di Dio, che ha i suoi occhi come
mio nome e non ti sei stancato. una fiamma di fuoco e i cui piedi sono simili a rame
4 Ma io ho questo contro di te: che hai abbandonato il tuo brillante:
primo amore.
5 Ricorda dunque da dove sei decaduto, ravvediti e compi le 19 Io conosco le tue opere, il tuo amore, la tua fede, il tuo
opere di prima, altrimenti, io vengo da te e toglierò la tua servizio, la tua costanza e le tue ultime opere che
lampada dal suo posto, se non ti ravvedi. sorpassano le prime.
6 Tuttavia hai questo: che detesti le opere dei Nicolaiti, che 20 Ma io ho contro di te, che tu tolleri la donna581,
anch'io detesto. Iezabel, che si dice profetessa e insegna a deviare i miei
schiavi [spingendoli] a commettere la fornicazione e a
7 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle mangiare carni sacrificate agli idoli.
chiese. 21 Le ho dato del tempo perché si ravvedesse, ma lei non
A chi vincerà579 io darò da mangiare dell'albero della vita, vuol ravvedersi dalla sua fornicazione.
che è nel paradiso di Dio. 22 Ecco, io la getto sopra un letto di una grande
tribolazione, con coloro che commettono adulterio con lei,
2. Smirne Apocalisse 2 se non si ravvedono delle loro opere582
23 e farò mettere a morte i suoi figli e tutte le chiese
8 All'angelo della chiesa che è a Smirne scrivi: conosceranno che io sono colui che sonda le reni e i cuori
Ecco ciò che dice il primo e l'ultimo, che è stato morto e ha e io darò a ciascuno di voi secondo le sue opere.
ripreso vita: 24 Ma agli altri di voi che sono a Tiatiri, a quanti ve ne
sono che non hanno questa dottrina e che non hanno
9 Io conosco la tua tribolazione, la tua povertà (ma tu sei conosciuto le profondità di Satana (come essi dicono): Io
ricco) e l’oltraggio di quelli che dicono di essere Giudei e non vi impongo altro peso,
non lo sono, ma sono la sinagoga di Satana. 25 ma soltanto, quello che avete tenetelo fermamente
10 Non temere in alcun modo le cose che avrai da soffrire: finché io venga.
ecco, il diavolo getterà [alcuni] di voi in prigione, per
mettervi alla prova e avrete una tribolazione di dieci giorni. 26 A chi vincerà e a chi osserverà le mie opere sino alla
Sii fedele fino alla morte e io ti darò la corona della vita. fine, io gli darò potere sulle nazioni,
27 ed egli le pascolerà con una verga di ferro come sono
11 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle frantumati i vasi d'argilla,
chiese. 28 come anch'io ho ricevuto [questo potere]583 dal Padre
Chi vincerà non avrà da soffrire della morte seconda. mio e io gli darò la stella del mattino.

3. Pergamo Apocalisse 2 29 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle
12 All'angelo della chiesa che è a Pergamo scrivi: chiese.

Ecco ciò che dice colui che ha la spada affilata a due tagli: 5. Sardi Apocalisse 3
1 All'angelo della chiesa che è a Sardi scrivi:
13 Io so dove tu abiti, là dov'è il trono di Satana; ma tu tieni
fermo il mio nome e non hai rinnegato la fede in me, Ecco ciò che dice colui che ha i sette spiriti di Dio e le
neppure580 ai giorni in cui Antipa, che era mio testimone sette stelle:
fedele, fu ucciso fra voi, là dove Satana abita.
14 Ma ho qualcosa contro di te: che tu hai là alcuni di quelli Io conosco le tue opere, che tu hai nome di vivere ma sei
che praticano la dottrina di Balaam, il quale insegnava a morto.
Balac di porre una pietra d’inciampo davanti ai figli 2 Sii vigilante e rinforza il resto che sta per morire, poiché
d'Israele, perché mangiassero carni sacrificate agli idoli e a non ho trovato giuste le tue opere davanti al mio Dio.
commettere la fornicazione. 3 Ricordati dunque quanto hai ricevuto e ascoltato,
15 Così tu ne hai, tu pure, che praticano similmente la continua a serbarlo e ravvediti. Se dunque tu non vigili, io
dottrina dei Nicolaiti. verrò [su te] come un ladro e tu non saprai584 a che ora
16 Ravvediti dunque, altrimenti io vengo a te prontamente e verrò su di te.
combatterò contro di loro con la spada della mia bocca.

17 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle 581
o : tua donna; che sarebbe un’allusione al legame di
chiese. Iezabel con Acab, il re responsabile (confr. 1° Re Cap.
16:31 e Cap. 21:25;
582
o : se ella non si ravvede dalle sue opere;
579 583
n. d. t. : confr. Cap. 12:11; così per le sette lettere; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
580 584
molti omettono : neppure; molti hanno : sai;
4 Tuttavia tu hai alcuni individui a Sardi che non hanno 18 Io ti consiglio di comperare da me dell'oro purificato
contaminato le loro vesti e loro cammineranno con me in col fuoco, affinché tu divenga589 ricco; delle vesti bianche
[vesti] bianche, perché ne sono degni. affinché tu sii vestito e non si veda la vergogna della tua
nudità; un collirio per ungere i tuoi occhi affinché tu veda.
5 Chi vincerà, quello sarà vestito di vesti bianche e io non 19 Io, io riprendo e castigo tutti quelli che io amo; abbi
cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma io confesserò dunque zelo e ravvediti.590
il suo nome davanti al Padre mio e davanti ai suoi angeli. 20 Ecco, io sto alla porta e busso: se qualcuno ascolta la
mia voce e apre la porta, io entrerò da lui e cenerò con lui
6 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle ed egli con me.591
chiese.
21 Chi vincerà, io lo farò sedere con me sul mio trono,
6. Filadelfia Apocalisse 3 come anch'io ho vinto e mi sono seduto con il Padre mio
7 All'angelo della chiesa che è a Filadelfia scrivi: sul suo trono.

Ecco cosa dice il Santo, il Veritiero, colui che ha la chiave di 22 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle
Davide, colui che apre e nessuno chiuderà, che chiude e chiese.
nessuno aprirà:
2a VISIONE: RAPITO IN ALTO, UN TRONO NEL
8 Io conosco le tue opere. Ecco, ho messo davanti a te una CIELO
porta che è stata aperta585, che nessuno può chiudere, (LE COSE CHE AVVERRANNO DOPO QUESTE)
perché tu hai rifiutato la forza586, hai serbato la mia parola e Apocalisse 4
non hai rinnegato il mio nome. 1 Dopo queste cose io guardai, ed ecco una porta aperta
9 Ecco, io ti faccio dono [di quelli] della sinagoga di Satana nel cielo e la prima voce, che avevo udito come una
(i quali dicono di essere Giudei e non lo sono, ma mentono). tromba, parlare con me dicendo: «Sali qui e io ti mostrerò
Ecco, io li farò venire a prostrarsi davanti ai tuoi piedi e le cose che devono avvenire dopo queste».
riconosceranno che io ti ho amato.
10 Poiché tu hai osservato la parola della mia587 costanza, 2 Sull’istante io fui [rapito]592 nello Spirito: ed ecco, nel
anch'io ti preserverò dall'ora della prova che ha da venire cielo era posto un trono e sul trono [c'era uno] seduto
sulla intera terra abitata, per mettere alla prova quelli che 3 e colui che era seduto, a vederlo, era simile alla pietra di
abitano sulla terra. diaspro e di sardio e intorno al trono un arcobaleno che, a
11 Io vengo rapidamente; tieni fermo quello che hai, perché vederlo, era simile allo smeraldo
nessuno ti tolga la tua corona. 4 e attorno al trono ventiquattro troni e sui troni
ventiquattro anziani seduti, vestiti di vesti bianche e con
12 Chi vincerà io lo farò una colonna nel tempio588 del mio corone d'oro sul capo.
Dio, ed egli non ne uscirà fuori mai più; scriverò su di lui il 5 Dal trono uscivano lampi, voci e tuoni e sette lampade
nome del mio Dio e il nome della città del mio Dio, la nuova accese davanti al trono, che sono i sette spiriti di Dio.
Gerusalemme che scende dal cielo da presso il mio Dio, e il 6 [Inoltre]593 davanti al trono, era come un mare di vetro
mio nuovo nome. simile a del cristallo e in mezzo al trono e intorno al trono,
quattro animali594 viventi, pieni di occhi davanti e di
13 Chi ha delle orecchie ascolti ciò che lo Spirito dice alle dietro:
chiese. 7 il primo animale vivente è simile a un leone, il secondo
animale simile a un vitello, il terzo animale ha la faccia
7. Laodicea Apocalisse 3 come d'un uomo595 e il quarto animale è simile a un'aquila
volante.
14 All'angelo della chiesa che è a Laodicea scrivi: 8 Ciascuno dei quattro animali viventi hanno sei ali e sono
pieni di occhi tutt'intorno e di dentro: essi non cessano mai
Ecco cosa dice l'Amen, il testimone fedele e veritiero, il di ripetere giorno e notte:
principio della creazione di Dio:
589
esattamente : che tu diventi veramente ricco; lo stessa
15 Io conosco le tue opere, che tu non sei né freddo né cosa per che tu veda alla fine del versetto;
bollente. Io vorrei che tu fossi o freddo o bollente, 590
n. d. t. : Per questo scopo, il Signore permette le prove,
16 così, perché tu sei tiepido e che non sei né freddo né le delusioni, le sofferenze di vario tipo, che
fervente, io ti vomiterò dalla mia bocca, conducono il cuore alla riflessione e al ravvedimento;
17 poiché tu dici: "Io sono ricco, mi sono arricchito e non ho 591
n. d. t. : Egli bussa alla porta del cuore di ciascuno, con
bisogno di nulla!" Invece, non sai che tu sei infelice, avvertimenti, ammonizioni, riprensioni, perché
miserabile, povero, cieco e nudo. l’evangelo, il mezzo più facile per la conversione
delle anime, non è più ascoltato dai cristiani! Ma
eppure è il libro scritto da loro e per loro! Coloro che
però apriranno la porta del loro cuore al Signore che
sta fuori, troveranno ciò che risponderà davvero ai
585
altri : porta aperta; loro bisogni di sazietà;
586 592
n. d. t. :altri : hai poca forza… pur avendo poca forza; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
587 593
n. d. t. :altri : la mia esortazione alla; n. d. t. : parentesi aggiunta per chiarezza;
588 594
esattamente : la casa stessa; vedere la nota in Matteo Cap. n. d. t. altri : creature; sempre in questo passo;
595
23:16; altri : come un uomo;
«Santo, santo, santo «A colui che è seduto sul trono,
*Signore, Dio, Onnipotente, e all'Agnello, la benedizione,
colui che era, che è, e che viene». l'onore, la gloria e la forza, nei secoli dei
9 Ogni volta che gli animali rendono gloria, onore e secoli».
ringraziamenti a colui che è seduto sul trono, a colui che vive
nei secoli dei secoli, 14 I quattro animali dicevano: «Amen!» e gli anziani
10 i ventiquattro anziani cadono [sulle loro facce] davanti a caddero [sulle loro facce] e resero omaggio.
colui che siede sul trono e si prostrano davanti a colui che
vive nei secoli dei secoli e gettano le loro corone davanti al 4a VISIONE: I SIGILLI SONO APERTI PER LA
trono, dicendo: RIVELAZIONE AI FEDELI
11 «Tu sei degno, nostro Signore e nostro Dio, di ricevere la Apocalisse 6
gloria, l'onore e la potenza: perché sei tu che hai creato tutte 1 Quando l'Agnello aprì uno dei sette sigilli, io vidi e udii
le cose e per tua volontà esse erano e furono create ». uno dei quattro animali, dire con voce tonante: «Vieni [e
vedi]».
3a VISIONE: L’AGNELLO 2 Io guardai ed ecco un cavallo bianco e colui che era
Apocalisse 5 seduto sopra aveva un arco; gli fu data una corona ed egli
1 Io vidi nella destra di colui che era seduto sul trono, un uscì da vincitore e per vincere.
libro scritto al di dentro e sul rovescio, sigillato da sette 3 Quando lui aprì il secondo sigillo, udii il secondo
sigilli animale che diceva: «Vieni [e vedi]»
2 e vidi un angelo potente che diceva a gran voce: «Chi è 4 e uscì un altro cavallo, rosso e a colui che era seduto
degno di aprire il libro e di sciogliere i sigilli?» sopra fu dato di togliere la pace dalla terra e [di fare in
3 Ma nessuno, né in cielo, né sulla terra, né sotto la terra, modo che] gli uomini si sgozzassero l’un l’altro e gli fu
poteva aprire il libro, né guardarlo. data una grande spada.
4 Io, io piangevo forte, perché non si era trovato nessuno che
fosse degno di aprire il libro, né di guardarlo. 5 Quando lui aprì il terzo sigillo, udii il terzo animale che
5 Ma uno degli anziani mi disse: «Non piangere; ecco, il diceva: «Vieni [e vedi]». Io guardai ed ecco un cavallo
leone, che è della tribù di Giuda, la radice596 di Davide, ha nero e colui che era seduto sopra aveva una bilancia in
vinto per aprire il libro e i suoi sette sigilli». mano
6 e udii come una voce in mezzo ai quattro animali, che
6 Poi vidi, in mezzo al trono e ai quattro animali e in mezzo diceva: «Una misura di frumento per un denaro e tre
agli anziani, un Agnello che stava là in piedi, come misure d'orzo per un denaro e non nuocere all'olio né al
immolato, avente sette corna e sette occhi che sono i sette vino».
spiriti di Dio, mandati per tutta la terra.
7 Egli venne e prese [il libro] dalla mano destra di colui che 7 Quando lui aprì il quarto sigillo, udii [la voce del]
era seduto sul trono597. quarto animale che diceva: «Vieni [e vedi]».
8 Quand'ebbe preso il libro, i quattro animali e i ventiquattro 8 Io guardai e vidi un cavallo livido599 e il nome di colui
anziani, caddero [sulle loro facce] davanti all'Agnello, aventi che era seduto sopra è: Morte; l’Ades600 era dietro con lui.
ciascuno un’arpa e delle coppe d'oro piene di profumi, che Gli601 fu dato potere sul quarto della terra, per uccidere con
sono le preghiere dei santi. la spada, con la fame, con la morte e con le bestie selvagge
9 Essi cantavano un cantico nuovo, dicendo: della terra.
«Tu sei degno di prendere il libro
e di aprirne i sigilli, 9 Quando lui aprì il quinto sigillo, io vidi sotto l'altare le
perché sei stato immolato anime di quelli che erano stati sgozzati per la parola di Dio
e hai acquistato per Dio, e per la testimonianza che essi602 avevano [resa].
con il tuo sangue, [gente] di ogni tribù, 10 Essi gridarono ad alta voce:
lingua, popolo e nazione, «Fino a quando, o Sovrano603
10 e tu li hai fatti re598 santo e veritiero,
e sacerdoti per il nostro Dio aspetterai per fare giustizia
ed essi regneranno sulla terra». e vendicare il nostro sangue
11 Poi vidi e udii voci di molti angeli intorno al trono, agli su quelli che abitano sopra la terra?»
animali e agli anziani; il loro numero era di miriadi di 11 A ciascuno di essi fu data una lunga veste bianca e fu
miriadi, e migliaia di migliaia, loro detto che si riposassero ancora un po' di tempo, finché
12 dire a gran voce: fosse completo il numero dei loro compagni di schiavitù e
«Degno è l'Agnello che è stato immolato, dei loro fratelli che dovevano essere uccisi come loro.
di ricevere la potenza, la ricchezza, 12 Guardai quando lui aprì il sesto sigillo: allora si fece un
la sapienza, la forza, l'onore, gran terremoto; il sole diventò nero come un sacco di
la gloria e la benedizione». pelo604 e la luna diventò tutta intera come sangue;
13 Poi udii tutte le creature che sono nel cielo, sulla terra,
sotto la terra e sul mare e tutte le cose che vi sono, che
dicevano: 599
n. d. t. altri : pallido; giallastro; verdastro; fulvo;
600
come Cap. 1:18; vedere la nota in Matteo Cap. 11:23;
601
molti altri : Fu loro;
596 602
n. d. t. altri : il discendente; n. d. t. altri aggiungono: gli;
597 603
o : che è seduto; è un titolo: Colui che è seduto sul trono; vedere la nota in Atti Cap. 4:24; n. d. t. altri: Signore;
598 604
molti altri : un regno; n. d. t. molti altri: crine;
13 le stelle del cielo caddero sulla terra come un fico agitato 13 Poi uno degli anziani si rivolse a me dicendo: «Chi
da un forte vento che strappa lontano i suoi fichi tardivi605. sono queste persone vestite di lunghe vesti bianche e da
14 Il cielo si ritirò come un libro che si arrotola e ogni dove sono venute?»
montagna e ogni isola furono rimosse dal loro luogo. 14 Io gli risposi: «Mio signore, lo sai tu ». Ed egli mi
15 I re della terra, i grandi, i chiliarchi606, i ricchi, i potenti e disse: «Questi sono quelli che vengono dalla grande
ogni schiavo e [ogni] uomo libero si nascosero nelle caverne tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti e le hanno
e nelle le rocce dei monti, imbiancate nel sangue dell'Agnello.
16 dicendo ai monti e alle rocce: «Cadeteci addosso e 15 Perciò sono davanti al trono di Dio e lo servono giorno
nascondeteci dalla faccia di colui che è seduto sul trono e e notte nel suo tempio609 e colui che è seduto sul trono
davanti all'ira dell'Agnello; rizzerà la sua tenda su di loro.
17 perché è venuto il gran giorno della sua ira e chi può 16 Non avranno più fame e non avranno più sete, non li
resistere?» colpirà più il sole né alcuna arsura;
17 perché l'Agnello che è in mezzo al trono li pascerà e li
5a VISIONE: I 144.000 SEGNATI guiderà alle sorgenti delle acque della vita e Dio
Apocalisse 7 asciugherà ogni lacrima dai loro occhi».
1 Dopo questo, io vidi quattro angeli che stavano in piedi ai
quattro angoli della terra e trattenevano i quattro venti della 7a VISIONE: IL SETTIMO SIGILLO
terra affinché non soffiasse607 alcun vento sulla terra, né sul Apocalisse 8
mare, né su alcun albero. 1 Quando lui aprì il settimo sigillo, si fece un silenzio nel
2 Poi vidi un altro angelo salire dall’oriente608, che aveva il cielo per circa mezz'ora
sigillo del Dio vivente che gridò ad alta voce ai quattro 2 e vidi i sette angeli che stavano in piedi davanti a Dio, a
angeli ai quali era stato dato di danneggiare la terra e il mare, loro furono date sette trombe.
dicendo: 3 Venne anche un altro angelo, con un incensiere d'oro,
3 «Non danneggiate la terra, né il mare, né gli alberi, finché che si fermò presso l'altare, gli furono dati molti profumi
noi abbiamo marcato sulla fronte gli schiavi del nostro per dare [efficacia] alle610 preghiere di tutti i santi
Dio». [bruciandoli]611 sull'altare d'oro che è davanti al trono
4 E udii il numero di coloro che erano marcati: 4 e il fumo dei profumi salì davanti a Dio, dalla mano
centoquarantaquattromila marcati di tutte le tribù dei figli dell'angelo, insieme alle preghiere dei santi.
d'Israele: 5 Poi l'angelo prese l'incensiere, lo riempì del fuoco
5 della tribù di Giuda dodicimila segnati; dell'altare e gettò [il fuoco] sulla terra: ci furono delle voci,
della tribù di Ruben dodicimila; dei tuoni, dei lampi e un terremoto.
della tribù di Gad dodicimila;
6 della tribù di Aser dodicimila;
della tribù di Neftali dodicimila; ….OMISSISS…
della tribù di Manasse dodicimila;
7 della tribù di Simeone dodicimila;
della tribù di Levi dodicimila;
della tribù di Issacar dodicimila; FINE DEL NUOVO TESTAMENTO
8 della tribù di Zabulon dodicimila; E DI TUTTE LE SACRE SCRITTURE
della tribù di Giuseppe dodicimila;
della tribù di Beniamino dodicimila marcati.

6a VISIONE: UNA FOLLA INNUMEREVOLE


Apocalisse 7
9 Dopo queste cose, io guardai ed ecco una immensa folla
che nessuno poteva contare, di tutte le nazioni, tribù, popoli e
lingue, che stava in piedi davanti al trono e davanti
all'Agnello, vestiti di lunghe bianche vesti e con delle palme
in mano.
10 Essi gridavano ad alta voce, dicendo: «La salvezza è per
il nostro Dio che siede sul trono e all'Agnello».
11 Tutti gli angeli erano in piedi intorno al trono, agli anziani
e ai quattro animali e caddero sulle loro facce, davanti al
trono, rendendo omaggio a Dio, dicendo:
12 «Amen! La benedizione, la gloria, la sapienza, i
ringraziamenti, l'onore, la potenza e la forza, al nostro Dio,
nei secoli dei secoli! Amen».

605 609
n. d. t. altri: immaturi; o ficucci; esattamente: la casa stessa; qui e in tutto il Libro;
606
n. d. t. altri: generali; o capitani; vedere la nota al Cap. 3:12;
607 610
n. d. t. altri: non soffiassero; n. d. t. altri: affinché li offrisse con le;
608 611
o: dal levar del sole; n. d. t.: parentesi aggiunta per chiarezza;