Sei sulla pagina 1di 28

Stereotype threat

La consapevolezza della diffusione di un certo stereotipo relativo


al gruppo cui si appartiene contribuisce a far s che le persone
si conformino allo stereotipo (Steele e Aronson, 1995)

Minaccia dello stereotipo


Non necessaria la condivisione dello
stereotipo ma solo la conoscenza
dello stereotipo diffuso
culturalmente nella societ (lo
stereotipo nellaria)
Lindividuo percepisce che le proprie azioni o il proprio
comportamento possono essere lette come dovute alle caratteristiche
stereotipiche del proprio gruppo e quindi confermare lo stereotipo
Non lo stesso della profezia che si autoavvera: non causato dal
comportamento di chi detiene un determinato stereotipo
E la sola consapevolezza che il proprio comportamento potrebbe essere
letto come conferma di uno stereotipo a causare la prestazione
deficitaria

Fonti di Minaccia
Qualsiasi stimolo situazionale che indichi che
un individuo rischia di essere giudicato alla
luce di uno stereotipo negativo relativo a
uno dei gruppi cui appartiene
- pubblicit di genere stereotipiche
- contesti che rimandano al fatto che il
proprio gruppo svalutato su una certa
dimensione (per es., minoranza numerica
delle donne in aule di matematica)
- interazioni interpersonali con persone che
hanno stereotipi

Fonti di Minaccia
In laboratorio:
- presentazione di un compito di problem solving come ricerca
scientifica (condizione non diagnostica) o valutazione effettiva delle
capacit verbali (condizione diagnostica)
- richiesta di indicare la propria razza, genere, condizione socioeconomica prima dello svolgimento di un compito
- nessuna istruzione (nessuna istruzione che riduca lo stereotipo, per
es. non dire che non valuta le capacit verbali o matematiche ecc.)
- Nella condizione diagnostica, si attiva una minaccia dello stereotipo
per gruppi stereotipicamente ritratti come inferiori su tale capacit
(es. Afroamericani studenti di Stanford!)

- Effetti di appartenenza etnica, genere,


classe sociale, corso universitario
- Maschi bianchi possono essere
vittima di stereotype threat se messi
a confronto con maschi asiatici
su compiti scientifici
- Fenomeno non limitato a compiti intellettuali si riscontra per es.
anche con temi come la partecipazione politica delle donne, o
labilit nel giocare a golf di uomini bianchi vs. neri

- Effetto spillover:
Conseguenze di ST su
- capacit di mantenere
lattenzione;
- sopprimere lappetito
- prendere decisioni razionali
- incertezza sulle proprie abilit
- riduzione delle aspirazioni
- disidentificazione dal gruppo
- Effetto ascensore: incrementi nella prestazione del gruppo non
deficitario (pi debole delleffetto di minaccia), a riprova degli
effetti benefici del confronto sociale verso il basso per la
percezione di s e la prestazione

Meccanismi sottostanti lo stereotype threat


Mediatori multipli della bassa performance sotto minaccia dello
stereotipo
Principali macro-processi coinvolti (Spencer et al., 2016):
1) Pressione eccessiva verso la riuscita
2) Minacce allintegrit di s

1) Pressione alla riuscita


Motivazione a disconfermare gli stereotipi negativi che coinvolgono
la propria identit sociale o almeno a evitare di confermarli
Tre possibili meccanismi coinvolti
a) Sforzo e arousal fisiologico
Spiegazione basata sulla teoria dellattivazione di Zajonc (1965; alla
presenza di altri, rafforzata la risposta dominante - facilitazione
nei compiti facili)
Maggiore arousal fisiologico sotto minaccia dello stereotipo
Risposta di stress attraverso lattivazione del sistema nervoso
simpatico (Murphy et al., 2007); pressione del sangue pi elevata
(Blascovich et al, 2001); battito cardiaco accelerato (Mendes et
al., 2002); processi di infiammazione (John Henderson et al.,
2014)

Pressione alla riuscita


b) Esaurimento della memoria di lavoro
La minaccia dello stereotipo innesca una risposta di stress fisiologico e un
processo di monitoraggio per individuare informazioni rilevanti per il s
e segni di fallimento.
Inoltre genera sforzi di soppressione dei pensieri e delle emozioni negative
che risultano da questi due processi entrambi i meccanismi sfruttano la
memoria di lavoro necessaria per una prestazione di successo (Schmader
et al., 2008)

Pressione alla riuscita


c) Attenzione consapevole a processi automatici
Nel caso di capacit ben acquisita (che quindi non
si basano pesantemente sulla memoria di lavoro
per una buona prestazione), lattenzione
consapevole pu peggiorare la prestazione
Per es., la minaccia dello stereotipo per esperti del golf,
provocando un focus attentivo su processi procedurali cui normalmente
non si dedica attenzione, portano ad un peggioramento della prestazione
La prestazione migliora se si impegna la memoria di lavoro in compiti
secondari (es., ascoltare una serie di parole e ripetere ad alta voce alcune
parole ricorrenti; Beilock et al., 2006)
La minaccia dello stereotipo attiva un processo di monitoraggio che mina i
comportamenti automatici rendendo gli individui pi consapevoli della
loro prestazione e pi vigili nella ricerca di segni di fallimento
inducendo quindi una regolazione del comportamento controllata
piuttosto che automatizzata

Minacce allintegrit di s e allappartenenza


Bassa prestazione spiegata dai tentativi di proteggere
il s e il proprio valore. Per es.: self-handicapping e
conseguente minore pratica (Stone, 2002);
attribuzione della bassa prestazione a stress
o altri fattori; abbassamento delle aspettative su di
s (Cadinu et al., 2003)
In questo modo, si fornisce una spiegazione
per la prestazione bassa (per es., mancanza di
sforzo) che non implica la propria abilit

u di

Ricerca neuroscientifica sulla minaccia dello stereotipo


1) Esame dei correlati neurali dello ST _1
Studi con fMRI per esaminare lattivazione cerebrale collegata
allesperienza di essere oggetto di stereotipi
Studi su donne in condizioni di ST
Krendl, Richeson et al. (2008)
- Compito di matematica
- Induzione di ST vs. controllo
- Compito di matematica e scanning fMRI

Nella condizione di controllo:


miglioramento della prestazione nel tempo; attivazione di regioni
neurali associate con lapprendimento e la prestazione in campo
matematico (corteccia prefrontale inferiore, corteccia parietale inferiore
sinistra; giro angolare bilaterale)
In condizione di ST:
no aumentata attivazione in regioni collegate alla matematica
Aumentata attivazione nella corteccia cingolata anteriore centrale, area
collegata con la regolazione emozionale e il processamento di
informazioni affettive e feedback sociali
Doppia influenza (simultanea) dello ST sulla prestazione matematica:
riduzione dellefficienza cognitiva con disturbo del reclutamento di aree
cognitive necessarie per una prestazione matematica elevata; aumento
del processamento affettivo con reclutamento di aree deputate
allelaborazione e alla regolazione delle emozioni

1) Esame dei correlati neurali dello ST_2


Wraga et al. (2007) - Stereotipo negativo
delle donne come meno capaci
nella rotazione spaziale
In condizioni di ST: attivit aumentata nelle aree associate con la
regolazione emozionale (corteccia cingolata anteriore rostrale-ventrale)
e la conoscenza sociale (giro orbitale destro)
Questo pattern di attivazione predice la prestazione inferiore delle donne in
compiti di rotazione spaziale
Krendl et al. (2008) + Wraga et al. (2007): Prova biologica di alcuni processi
alla base dello ST (in accordo a quanto rilevato da studi psicosociali);
dimostrazione che stereotipi che variano per contenuto mettono in
moto gli stessi effetti a livello neurale

2) Disimpegno accademico e ERP


Forbes, Schmader, e Allen (2008): utilizzo di misure ERP per
comprendere il disimpegno accademico mostrato da
appartenenti a minoranze etniche disimpegno mirato ad
evitare che lo stereotipo leda il senso di valore personale (Major
et al., 1998)

Due possibili meccanismi coinvolti:


a) svalutazione dellimportanza della riuscita accademica (bassa
motivazione alla riuscita): dovrebbe implicare minore
attenzione automatica verso stimoli legati allobiettivo, minore
vigilanza verso variabili critiche, minori processi di motivazione
automatica quali individuazione precoce di errori;
b) discounting della diagnosticit dei feedback ricevuti: dovrebbe
implicare una valutazione temporalmente pi avanzata di errori
in modo da attribuire i risultati negativi a fattori esterni, fare
attribuzioni causali, valutare in modo pi consapevole il
significato degli errori

Valutazione dellattivit nella corteccia cingolata anteriore,


implicata nel monitoraggio dellambiente per il conflitto di
obiettivi e nellallerta di aree nella corteccia prefrontale di
discrepanze attribuzionali
Esame della componente ERN (picco a 30-180 ms dopo un errore;
pi pronunciata nelle regioni centrali-frontali) interpretata
come evidenza di rilevamento precoce di errori

Partecipanti: appartenenti a minoranze etniche


- Misura di svalutazione (Essere bravo dal punto di vista
accademico una parte importante di ci che sono) e di
discounting (La maggior parte dei test di intelligenza non misura
davvero ci che dovrebbe)
- Condizione diagnostica (compito predittivo dellintelligenza) vs.
controllo
- Flankers task (prima e dopo la manipolazione della diagnosticit):
riconoscimento delle lettera o della freccia centrale in una
stringa in prove congruenti (MMMMM; ->->->->->) o
incongruenti (MMNMM)

ERN pi ampie indicative di maggiore monitoraggio dellerrore


per studenti appartenenti a minoranze che valutavano
positivamente il dominio accademico, solo quando il compito
era legato allintelligenza.
La svalutazione del dominio accademico non risulta correlata
allampiezza dellERN quando il compito era presentato in
modo neutrale, ma predice negativamente lampiezza della
ERN in condizione di diagnosticit
Quando gli studenti di minoranze smettono di curarsi della propria
riuscita accademica, cessano di monitorare la prestazione

3) ST e regolazione del controllo di s Spillover effect


Fronteggiare lo stereotype threat pu portare ad una serie di
conseguenze comportamentali (spillover) in domini non legati
allo stereotipo (Inzlicht e Khang, 2010):
- risposte ostili (per es., assegnazione di rumori ostili ad un
partner in laboratorio);
- riduzione della capacit di inibire limpulso di mangiare cibi
high-calories e/o high-fat;
- presa di decisioni rischiose
Il meccanismo coinvolto in ogni caso la minore capacit di
controllo di s, perch le risorse necessarie sono gi
consumate dallo ST.

2) ST e regolazione del controllo di s correlati neurali per lo ST


spillover
Esame degli ERPs in ACC (Inzlicht e Khang, 2010)
Attivit nella corteccia cingolata anteriore (ACC), implicata nel controllo
esecutivo e nella riduzione di controllo in condizioni di minaccia di
stereotipo (Derks et al. 2008).
ERPs in ACC interpretati come riflesso del monitoraggio della
prestazione e segnale di bisogno di attenzione e vigilanza
Se fronteggiare lo ST consuma risorse esecutive, dovrebbero evidenziarsi
ERPs diminuiti (underregulation) oppure inefficienti (misregulation; es.
alti anche per eventi che non richiedono controllo, non solo per
errori e trial ad altro conflitto) generati dalla ACC

Partecipanti uomini e donne sottoposte a ST (Il compito costituisce un


test genuino di intelligenza matematica)
Met delle donne in condizione di reappraisal (richiesta di vedere il test in
maniera obiettiva e neutrale, rivalutando i propri pensieri e sentimenti
come strategia di coping)
- Compito di matematica
- Compito di Stroop (come misura di controllo esecutivo)
- Misurazione EEG
Risultati:
Le donne nella condizione di ST presentano maggiori incongruenze al
compito di Stroop delle donne in condizione di ST-reappraisal e degli
uomini (a dimostrazione del fatto che lo ST si riflette sul controllo
esecutivo, ossia leffetto spillover dovuto a perdita di autocontrollo).
Le prestazioni al compito di Stroop nelle ultime due condizioni non
differiscono effetto buffer delle istruzioni di reappraisal

In che modo la perdita di controllo si traduce a livello neurale?


Lanalisi degli ERPs rivela un monitoraggio inefficiente della prestazione:
La risposta neurale allo Stroop amplificata, in modo tale che in tutti i casi,
persino per i trial a basso conflitto, la risposta indica una aumentata
attenzione (maggiore ampiezza delle onde nel gruppo di donne
sottoposte a ST rispetto al gruppo di donne ST-reappraisal o di uomini.
Le donne sotto ST appaiono vigilanti e ansiose persino nel caso di risposte
a basso conflitto, dove la vigilanza superflua e dannosa

Il pattern inefficiente di attivit nella ACC media leffetto dello ST


sui successivi tentativi di controllo cognitivo

Lo ST ha effetti che vanno oltre il dominio dello stereotipo e


agiscono sul controllo di s.
In situazioni di ST, le persone possono comunque ottenere una
buona performance nel dominio oggetto di stereotipo, ma a prezzo
di un lavoro extra, che lascia minori risorse esecutive per attivit
successive
(Per es., sotto ST, le donne che avevano prestazioni migliori nel
compito di matematica si mostravano poi pi aggressive)

4) Correlati neurologici di forme compensatorie di ingroup bias


(Derks e Inzlicht, 2008)
I membri di gruppi stigmatizzati possono far fronte allo ST favorendo
esplicitamente lingroup su dimensioni non legate allo stereotipo
negativo (e.g., Ellemers e Van Rijswijk, 1997)
Esame di forme di valutazione ingroup automatiche (ERP) e controllate
(self-report)
Focus sulla componente LPP (potenziale positivo tardivo), deflessione
positiva che ha un picco tra i 350 e i 900 ms dopo la presentazione di
uno stimolo e la cui ampiezza riflette una valutazione automatica dello
stimolo (differenziata rispetto al contesto in cui presentato)
In condizioni di stereotipo negativo, LPPs minori a facce femminili che in
condizioni di stereotipo positivo (effetto di svalutazione dellingroup).
Tuttavia, minore LPPs si accompagnavano a maggiore ingroup bias a
livello esplicito (tentativo di compensazione?)

Come controbilanciare gli effetti della minaccia dello


stereotipo?
Interventi che possono ridurre la minaccia percepita
Affermare che il test non diagnostico/non rivela differenze di
gruppo
Modifica delle teorie implicite dei membri del gruppo
stigmatizzato sulla natura delle capacit coinvolte nel compito
- Es. natura malleabile (vs. natura-multicomponenziale)
dellintelligenza
Focus sulle proprie caratteristiche individuali (Ambady et al., 2004)

Strategie di coping
(la minaccia percepita rimane alta, ma non influenza la prestazione)
Controllo dei pensieri ansiosi (Logel et al. 2009); pratica su test
problematici in modo che la soluzione implichi il richiamo dalla
memoria a lungo termine piuttosto che dalla memoria di lavoro
(Beilock et al. 2007).
Educare gli individui a riconoscere lo ST, a considerarlo illegittimo,
a riconoscere il legame tra stereotipo e ansia (Johns et al. 2005).
Tecnica di autoaffermazione (scrivere i propri valori personali;
Sherman e Cohen, 2006)
Esercizi di mindfulness (inteso come stato in cui gli individui fanno
esperienza dellambiente focalizzandosi sul presente in modo
unbiased e privo di giudizio; Weger, Hooper et al., 2012)

Creazione di ambienti sicuri per lidentit


(la minaccia percepita rimane alta, ma non influenza la prestazione)
Facilitazione del contatto con membri della maggioranza (Abrams
et al., 2006; Walton et al., 2014)
Contatto intergruppi positivo (anche immaginato) con loutgroup
non oggetto di stereotipi
- Es. anziani e capacit cognitive
Modelli di ruolo; somministrazione dei test da parte di membri
dellingroup
Tecniche di auto-affermazione per aumentare il rispetto verso il
gruppo target di ST da parte dei membri della maggioranza
(Walton et al., 2014)