Sei sulla pagina 1di 1

Punti di vista da cui il narratore

guarda alle vicende narrate

Che cos
La struttura
Che cos
narrativa

Una vicenda i cui elementi


fondamentali (personaggi,
Una
Trama:
vicenda
i cui elementi
situazioni,
luoghi,
tempo)
fondamentali
- situazione
iniziale
(personaggi,
creano
unatmosfera
tesa,
situazioni,
situazione
luoghi,
intermedia
tempo)
inquietante, angosciante o
creano
svolgimento
unatmosfera tesa,
inquietante,
- situazioneangosciante
finale o
conclusione

Effetti sul lettore:


paura, orrore, terrore.
Effetti
Personaggi:
sul lettore:
paura,
- pochiorrore,
o tantiterrore.
- principali e/o
secondari

Tempo:vicende collocate in
unepoca, con una durata.
Luogo: aperto o chiuso;
unico o diversi; reale o
immaginario

La struttura narrativa

Il
racconto
I Imotivi
motiviricorrenti
ricorrenti
horror

La
Tecniche
strutturanarrative
narrativae
linguistiche
Racconto breve, dal
meccanismo perfetto, in
Racconto
Racconto
in
prima
dalal caso.
cui
nulla breve,
lasciato
meccanismo
persona: narratore
perfetto,
in
Avvenimenti,
azioniinterno
cui
nulla

lasciato
al
caso.
concatenati con ritmo
Avvenimenti,
Racconto in
terza
azionipersona:
incalzante.
Pericoli
e
concatenati
narratore
esterno
con
ritmo
rischi gravissimi sempre
incalzante. Pericoli e
incombenti.
rischi
gravissimi
Frequente
il colposempre
di scena
incombenti.
finale
Frequente il colpo di scena
finale
Discorso diretto:
parole e pensieri tra
virgolette
Discorso indiretto:
lautore media e
interpreta parole e
pensieri dei
personaggi

Fatti eSegnante
fenomenida capoversi e
I motivi ricorrenti
agghiaccianti
spaziature: indicano
Personaggi
inquietanti e
un cambiamento
raccapriccianti
significativo
Ambientazione quasi sempre
notturna in luoghi tetri,
Fatti
e fenomeni
lugubri,
misteriosi
agghiaccianti
Atmosfera
cupa, minacciosa,
Narrative
o dinamiche
Personaggi
inquietanti
e
misteriosa
Descrittive
raccapriccianti
Riflessive
o statiche
Ambientazione
quasi
sempre
dialogiche
notturna in luoghi tetri,
lugubri, misteriosi
Atmosfera cupa, minacciosa,
misteriosa
Narratore

Esterno

Voce
Vocenarrante
narrante
(terza
(terzapersona)
persona)

Interno

Coincide con uno


dei personaggi

Le tecniche narrative e
linguistiche
Le
Lhorror
tecniche
dalle
narrative
originieai
linguistiche
nostri giorni

Lhorror dalle origine ai


nostri giorni
Lhorror
Personaggi
dalle origine ai
nostri giorni

Per creare suspance:


narrazione solitamente
Per
Il prima
Mito
crearepersona
suspance:
in
narrazione
La
Fiaba
solitamente
anticipazione
di indizi
in
La
prima
Favola
persona
inquietanti o
anticipazione
La Leggendadiinsoliti
indizi
comportamenti
inquietanti
La
Novella
o
elementi agghiaccianti,
comportamenti
Il Romanzo insoliti
tenebrosi
elementi
agghiaccianti,
descrizioni
minuziose e
tenebrosi
molto
realistiche
descrizioni
minuziose e
momenti culminanti
molto realistiche
(massimo
effetto della
momenti
culminanti
tensione)
(massimo
effetto della
colpi
di scena
tensione)
finale a sorpresa
colpi
di scena
frasi brevi,
spezzate,
finale
a
sorpresa
concise
frasi
spezzate, che
parolebrevi,
ed espressioni
concise
accentuano terrore,
parole
orrore ed espressioni che
accentuano terrore,
orrore
Punti di vista da cui il narratore
guarda alle vicende narrate

Il castello di Otranto
(1764) dellinglese Horace
Il
castello(romanzo
di Otranto
Principali
Walpole
(1764)
dellinglese
Horace
Secondari
gotico).
I misteri di
Walpole:
romando
Comparse
Udolfo (1794)
LItaliano
gotico
(ambientazione
(1797) dellinglese Ann
medievale,
Radcliffe cupa,
tenebrosa)
Funzione dei personaggi
Funzione dei personaggi
1800: Edgar
Allan Poe e
Protagonista
Guy de Maupassant
Antagonista .
Protagonista
Mary Shelley:
Aiutante
Antagonista
Frankestein
(1818).
Oppositore
Aiutante
Bram Stoker: Dracula
Oppositore
(1897). Filone del
vampirismo.
R.L. Stevenson:
Personaggi
Personaggi
statici
staticieLo
edinamici
dinamici
stano caso del dottor
Jekyll e del signor Hyde
(1886)

XX e XXI sec: H. Ph.


Focalizzazione interna (il narratore
il
Lovecraftinterpreta
(1890-1937)
punto di vista di uno edei
personaggi)
Stephen
King
(contemporaneo)
Focalizzazione
esterna (il narratore
spettatore)

Focalizzazione zero
(narratore onnisciente)