Sei sulla pagina 1di 55

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA

SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI

Corso di laurea in
STORIA

Spunti per una rilettura critica delle Honorantie civitatis Papie

Tesi di laurea in
Istituzioni e Societ Medievali

Relatore Prof: Bruno Andreolli

Presentata da: Guido Gioria

Sessione seconda

Anno accademico
2013-2014

Indice dei contenuti

Introduzione. 2

Capitolo 1: Le Honorantie civitatis Papie


1.1 I contenuti dellopera. 4
1.2 Struttura del testo e cronologie 17
1.3 Gli autori e lopera di redazione . 22
1.4 Laus civitatis o resoconto oggettivo?.......................................................... 26
1.5 Il dibattito storiografico .. 29

Capitolo 2: Rilievi critici per una riflessione sulle corporazioni altomedievali


2.1 Breve storia degli studi sulle associazioni professionali (VI-XI secolo).... 33
2.2 Officia e ministeria nelle Honorantie civitatis Papie . 37
2.3 Il problema della continuit 43

Riflessioni conclusive... 49

Bibliografia e sitografia..... 51

Introduzione
Questo lavoro ha lobiettivo di analizzare il testo delle Honorantie civitatis Papie, prestando
particolare attenzione al dibattito storiografico che negli anni si sviluppato intorno a questa
fonte e fornendo un sintetico compendio delle posizioni critiche a riguardo. Il documento,
incentrato sul funzionamento della Camera regis di Pavia tra X e XI secolo, rappresenta una
testimonianza di fondamentale importanza per lo studio di problemi economici e sociali, ma
anche giuridici e istituzionali, nel contesto del Regno italico per il periodo in questione. Si
tratta di una fonte unica nel suo genere, sia per le modalit di redazione e i contenuti in essa
affrontati, sia per il fatto che giunta a noi in un unico manoscritto. forse proprio questa
eccentricit rispetto al patrimonio documentale coevo ad avere, paradossalmente, reso
travagliata la storia della ricezione delle Honorantie presso i medievisti. Sin dal momento in
cui ne venne pubblicato il testo, alla fine del XIX secolo, furono infatti soggette ad alterne
fortune, scontando lunghi periodi di totale disinteresse, repentinamente seguiti da qualche
decennio di universale popolarit tra gli studiosi. Alternativamente vennero individuate da
alcuni storici come la chiave di volta per rispondere a innumerevoli problemi irrisolti per i
secoli centrali del Medioevo, da altri invece considerate come un testo sospetto e poco
convincente, in virt della loro complessa stratificazione e delleccezionalit nel panorama
italiano a cavallo tra primo e secondo millennio. In periodi pi recenti questi opposti
estremismi della ricerca sono stati in genere abbandonati, in favore di ricerche pi puntuali e
dalle minori pretese ideologiche. Le Honorantie, dopo lultima edizione curata da Brhl e
Violante, sono divenute un serbatoio quasi inesauribile di spunti critici per ricerche particolari
sugli argomenti di ricerca pi vari, grazie anche alla grande eterogeneit di argomenti che
caratterizza questa fonte. Questo atteggiamento ha condotto da un lato ad un sicuro
arricchimento e ad una diversificazione dei metodi dindagine e delle prospettive di studio;
daltro canto per rimasta sempre pi inevasa la domanda di unorganica analisi delle
Honorantie civitatis Papie come fonte nel suo complesso, richiesta che Brhl e Violante
esprimevano1 gi nella Prefazione alla loro edizione. Questo testo, come ovvio, non pu
certo porsi lobiettivo di raccogliere tale invito; mira tuttavia a fornire spunti di riflessione
critica dopo una breve trattazione del documento e dei suoi contenuti.
Le ultime pagine di questo lavoro sono dedicate alle associazioni professionali altomedievali
di ambito italiano, a partire da come appaiono descritte in alcuni paragrafi del nostro
documento. Si tratta di un breve approfondimento pienamente organico alla riflessione
1

Vedi infra nota 149.

sviluppata in precedenza sulle Honorantie. In effetti i paragrafi dedicati esplicitamente alla


descrizione e regolamentazione dei lavoratori di professioni artigiane sono stati da sempre
considerati tra i pi rilevanti e significativi della fonte pavese, perch rappresentano di fatto
una delle pochissime testimonianze di questo tipo per la storia dellordinamento delle arti
nellalto Medioevo. da ricordare inoltre che, nonostante la scarsa frequentazione attuale del
tema, una sorta di vera e propria ossessione delle origini2 ha coinvolto gli storici della
prima met del secolo scorso nellinterpretazione di questo argomento, in un atteggiamento
che ha dato vita alla famosa querelle sulla continuit delle associazioni professionali tra basso
Impero e alto Medioevo. In questo frangente le Honorantie civitatis Papie furono, come forse
non mai pi accaduto da allora, al centro della scena.
Nel primo capitolo verr dunque condotto un riassunto dei contenuti del testo delle
Honorantie, considerato paragrafo per paragrafo; successivamente verranno esaminati i
problemi relativi alla cronologia e alla modalit di redazione dellopera, allidentificazione
dellautore, allo scopo e ai destinatari del testo pavese. Infine saranno rapidamente esposte le
posizioni pi significative del dibattito storiografico intorno allinterpretazione di una fonte
cos ricca di sfaccettature. Il secondo capitolo, dedicato alle associazioni professionali,
presenta inizialmente una breve storia della fortuna di tale tema di ricerca nellultimo secolo,
per poi passare ad esaminare pi nel dettaglio lordinamento delle arti che traspare dalle
Honorantie civitatis Papie e il problema della continuit delle associazioni di lavoratori
nellalto Medioevo, lasciando ampio spazio ad un resoconto critico dei posizionamenti della
ricerca su questi problemi.

Ovviamente il riferimento a Marc Bloch, Apologia della storia o Mestiere dello storico, Torino, Einaudi,
1998.

Le Honorantie civitatis Papie


1.1 I contenuti dellopera
Il testo delle Honorantie civitatis Papie tocca questioni economiche, giuridiche e sociali, dei
secoli X e XI nellItalia settentrionale, con una notevole attenzione alla descrizione del
funzionamento finanziario della Camera regia, ai traffici commerciali a lungo raggio e
allimportanza centrale della sua sede capitale, Pavia. Ogni tentativo di sintesi dei numerosi
argomenti trattati nel breve documento si scontra con gravi difficolt e rischia di cadere in
generalizzazioni azzardate o nella vaghezza di definizioni omnicomprensive. Solmi tent di
compendiare le caratteristiche delle Honorantie, descrivendole come una luce viva, che ha
rivelato lordinamento accentrato delle finanze del Regno italico, i rapporti di traffico del
Regno italico con le regioni dellEuropa settentrionale e con lOriente, il sistema monetario
severamente controllato dalla Camera Regia, lordinamento delle arti e tutta una serie di
provvidenze fin qui quasi ignorate in materia finanziaria3. Pur depurata da alcune
interpretazioni errate e rigidit, questa definizione utile come punto di partenza per
affrontare unanalisi del testo e dei suoi contenuti; mostra, specialmente, come sia vano
tentare di ricondurre ad ununica e coerente chiave di lettura le molteplici questioni ivi
affrontate. Si preferito, dati questi presupposti, adottare un punto di vista analitico, senza
alcuna pretesa di completezza o esaustivit, trattando i contenuti un paragrafo per volta. In
base ai diversi temi, per comodit di analisi il testo stato diviso in diciotto paragrafi, un
proemio e un epilogo4.Questa partizione sar seguita per tutto il corso di questo contributo.
Le Honorantie civitatis Papie si aprono con un prologo5 dai toni elogiativi della citt di Pavia,
insistentemente paragonata a Roma, soprattutto tramite il parallelismo instaurato tra
lincoronazione dellImperatore da parte del Papa e quella da parte del vescovo di Pavia del re
dItalia in San Michele Maggiore6. Dopo la menzione del regale palatium78 e della sua

Arrigo Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, Pavia, Tipografia
cooperativa, 1932, p.VII.
4
Tale sistemazione in paragrafi delle Honorantie stata proposta da Carlrichard Brhl e Cinzio Violante, Die
Honorantie civitatis Papie, Transkription, Edition, Kommentar, Kln-Wien, Bohlau, 1983, pp. 17-27. Qui
ripresa integralmente e senza nessun tipo di variazioni.
5
Ibidem, p.17. Per un commento critico e una ricostruzione delle interpolazioni e aggiunte presenti nel proemio
si rimanda sempre a C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp. 28-32.
6
Cfr. Ovidio Capitani, Chiese e monasteri pavesi nel secolo X, in Atti del 4 Congresso internazionale di studi
sullalto medioevo, Spoleto 1969, pp. 107-154.
7
Sul significato di palatium cfr. Carlrichard Brhl, Il palazzo nelle citt italiane, in La coscienza civica nei
comuni italiani del Duecento (11-14 ottobre 1970), Todi, Centro di studi sulla spiritualit medievale, 1972, pp.
265-268.
8
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.17.

centralit per tutta lItalia, vengono enumerate le prerogative amministrative dellantica


Ticinum che debet enim habere [] comites palatii, [] regem, advocatum et iudices
palatinos9. Le principali mansioni giudiziarie e amministrative di questi funzionari sono
brevemente menzionate, con particolare riferimento alla giurisdizione che potevano esercitare
su tutta lItalia. Verso la fine del prologo si esalta la capacit attrattiva dello Studium generale
pavese e si ricordano le numerose canonizzazioni di vescovi e chierici pavesi. Come chiusa
presente uninvocazione per omnes, quibus est insitus amor, utilitas et honor regni
Lombardie10 ad ascoltare di che genere fossero tutti i ministeria e i diritti regali che
spettavano allamministrazione della camera regia e del palatium.
Con un deciso cambio di tono, il redattore passa poi alla rassegna vera e propria degli iura
regalia che spettavano allamministrazione pavese. Il primo paragrafo si occupa inizialmente
delle decime sui prodotti dimportazione, vere e proprie tasse doganali che dovevano essere
pagate dagli intrantes negotiatores in Regnum11 alle chiuse12 dellarco alpino. Segue poi
lenumerazione di tali stazioni13 secondo un ordine Ovest-Est abbastanza coerente. La
corrispondenza delle chiuse con i percorsi delle strade carovaniere del tempo, segnalata da
Solmi14, un indizio dellaffidabilit di questo paragrafo. I prodotti sottoposti alla decima
offrono un importante spiraglio di luce per indagare la composizione merceologica delle rotte
commerciali del X secolo. Si parla di schiavi, cavalli, panni di lino e di lana, canapa, stagno e
altri minerali, armi lavorate. Sicuramente tale elenco a puro titolo esemplificativo15 e non
esaurisce la variet degli scambi dellepoca tra i due versanti delle Alpi, indubbiamente
maggiore. Il testo ricorda in seguito lesenzione dalla decima dei pellegrini diretti a Roma
(sine ulla adecimatione debent dimitti Romipetis sancti Petri16) e si chiude con una
minaccia nei confronti di chi non rispetter limmunit fiscale garantita a questi ultimi.
Nel secondo paragrafo si affronta la peculiare posizione della gens vero Anglorum et

Ibidem.
Ibidem.
11
Ibidem.
12
Sulle chiuse cfr. Emanuela Mollo, Le Chiuse: realt e rappresentazioni mentali del confine alpino nel
medioevo, in Luoghi di strada nel medioevo. Fra il Po, il mare e le Alpi occidentali, a cura di Giuseppe Sergi,
Torino, Scriptorium, 1996, pp. 41-91.
13
Sette delle dieci chiuse nominate in questo paragrafo non presentano problemi di identificazione. Si tratterebbe
infatti di: Secusia = Susa, Bardo= Bard, Belinzona = Bellinzona, Clavenna = Chiavenna, Sanctus Petrus de Julio
in via de Monte Croce = San Pietro in Carnia (Zuglio, UD), Aquilegiam = Aquileia, Forumjulii = Cividale del
Friuli. Balzano, Volerno e Trevile sono state accostate, senza argomenti convincenti, rispettivamente a Bolzano,
Volargne (Dolc, VR) e a Treville (Castelfranco Veneto, TV). Cfr. C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp.34-35.
14
A.Solmi, op.cit., pp. 56-68.
15
Ivi, p.75.
16
C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp.17-19.
10

Saxonum17 che, a causa di tensioni e violenze sviluppatesi alle chiuse con i ministrales negli
anni precedenti, stata sollevata dal pagamento della decima. Tale esenzione
controbilanciata dallobbligo vincolante di versare alla camera regis e al palatium pavese,
ogni tre anni, dei donativa. Si tratta di cinquanta libbre dargento, due grandi cani danesi di
pelo lungo o corto, muniti di catena e collare dorati, incisi e smaltati, due scudi, due ottime
lance, e due spade di eccellente fattura da consegnare alla camera regis; al magister camere
invece sono donate due cotte e due libbre dargento. In cambio di questi prodotti, gli Angli e i
Sassoni avrebbero ricevuto un sigillum18, un lasciapassare che li autorizzava a non essere
sottoposti alla decima. possibile che il testo dellaccordo tra i commercianti anglosassoni e
lamministrazione pavese presente nelle Honorantie sia un calco di un contratto formale di
datazione controversa. Unipotesi di questo genere, gi rifiutata da Solmi19, poi sostenuta da
Landogna20, stata ripresa anche da Brhl e Violante21. Lunico riferimento avanzato, per
individuare il possibile contratto da cui stato fatto il calco, si rif a una lettera di Canuto, re
dInghilterra e Danimarca, risalente al 1031. In questa missiva il re ricorda come avrebbe
ottenuto, nel 1027, rivolgendosi a Corrado II, lesenzione per i suoi sudditi dalle imposte
doganali22 secondo regole che rimandano a quanto si ritrova in questo paragrafo. Come
vedremo23, le proposte di datazione delle Honorantie hanno sostanzialmente smentito tale
identificazione. Lintitulatio del re che si trova in questo passo fa propendere piuttosto per un
documento pi antico, databile tra il IX e X secolo24.
Molto pi breve del precedente, il terzo paragrafo prende in considerazione la posizione dei
mercanti veneti nei confronti dellamministrazione centrale. Si passano in rassegna gli
obblighi finanziari nei confronti della camera regis, che deve ricevere da questi commercianti
ogni anno cinquanta libbre di denari veneti: questo obbligo rivela lesistenza di una zecca a
Venezia probabilmente gi nel X secolo25.Al magister camere dovuto un pallium unum
optimum26, un mantello di seta. Unaggiunta sul margine del documento da parte di un
glossatore pi tardo27, scivolata col tempo allinterno del corpo del paragrafo, ha dato vita al
17

Ibidem, p.19.
Ibidem.
19
A.Solmi, op.cit., pp.14-15.
20
Francesco Landogna, La genesi delle Honorantie civitatis Papie, in Archivio storico lombardo, XLIX,
fasc.III-IV, Milano, 1922, p.301 e pp.325-326.
21
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.37.
22
A.Solmi, op.cit., pp.14-15.
23
Cfr. infra, cap. 1.2.
24
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 37.
25
Ivi, p.39.
26
Ivi, p.19.
27
Ivi, p. 41.
18

famoso e sbigottito giudizio sui veneti illa gens non arat, non seminat, non vindemiat28. Il
pagamento di questo censum29 permetteva ai mercanti di Venezia di vendere e comprare a
Pavia liberamente. Lattestazione di mercanti veneti a Pavia conforta la tesi di collaudate rotte
di commercio fluviale che solcavano la pianura padana fino allAdriatico e avevano il loro
fulcro centrale proprio nella capitale del regno. Il Po quindi, gi nel X secolo, appare una via
del commercio internazionale e unimportante arteria di collegamento tra Occidente e
Oriente30.Tenuto conto che fin dal pactum Liuthprandi31, risalente al 715/730, si stabilivano
le tasse che i Comacchiesi dovevano pagare sul trasporto della mercanzia presso i porti
fluviali sul Po, e che anche nel IX secolo sono attestati altri pacta32 che vertono su argomenti
simili, non azzardato proporre una continuit dutilizzo di questa arteria almeno per i secoli
dallottavo allundicesimo. Prima i Comacchiesi33, poi i Veneziani34 svilupparono unestesa
penetrazione economica in questarea punteggiata da numerosi porti fluviali.
Il quarto paragrafo verte ancora sui commercianti veneti, specificando le tasse cui sono
sottoposti sul mercato pavese. Sono tenuti a versare, come dazio commerciale, il 2,5%35 del
valore delle merci scambiate al monastero di San Martino36. Al magister camere spettano, per
ciascun mercante, una libbra di pepe, una di cannella, una di zenzero e una di galanga; a sua
moglie un pettine davorio, uno specchio et paraturam unam37. concessa, probabilmente
nel caso in cui la difficolt di reperimento di questi prodotti fosse stata insormontabile, la
possibilit di pagare in alternativa una tassa di venti solidos [] Papiensium38. Henri
Pirenne, nel suo libro pi celebre39, avanzava la tesi che proprio la drastica interruzione del
commercio delle spezie sui mercati occidentali a partire dal secolo VIII, fosse un segno
inequivocabile del perentorio ridimensionamento dei traffici con lOriente. Le Honorantie
28

Ivi, p.19.
Ibidem.
30
Cinzio Violante, La societ milanese nellet precomunale, Roma- Bari, Laterza, 1974, pp. 3-50.
31
Cfr. Codice diplomatico della Lombardia medievale (secoli VII-XII), http://cdlm.unipv.it/edizioni/cr/cremonasicardo/carte/vescovosicardo0730-05-10, ultima consultazione 26/06/2014.
32
Un esempio tra tanti il Pactum Lhotarii, Monumenta Germaniae Historica, Capitularia regum Francorum
II, n.233, pp. 130 sgg.
33
Per un bilancio sul ruolo di Comacchio tra VIII e IX secolo, alla luce di un approccio archeologico cfr. Sauro
Gelichi, Diego Calaon, Claudio Negrelli, Elena Grandi, Dal delta del Po alle lagune veneziane: territorio,
commerci e insediamento. Ricerche sullemporio altomedievale di Comacchio, in Eredit culturali
dellAdriatico. Archeologia, storia, lingua e letteratura, a cura di Silvana Collodo e Giovanni Luigi Fontana,
Roma, Viella, 2008, p. 175 e segg.
34
C. Violante, op.cit., pp. 6-10. Cfr anche A. Solmi, op.cit., pp. 92-93.
35
La tassa del quadragesimum attestata anche nei pacta di Ottone I e Ottone II, come segnalato in C. Brhl e
C. Violante, op.cit., p.44.
36
Cfr. O. Capitani, op.cit., pp.141-142.
37
Permangono dubbi sullinterpretazione di questa espressione. Cfr. C. Brhl e C. Violante, op.cit., p.45.
38
Ivi, p.19.
39
Henri Pirenne, Maometto e Carlomagno, Bari, Laterza, 1971, pp. 161 sgg.
29

forniscono, insieme con altre fonti, una chiara smentita di questa presunta irrimediabile caduta
degli scambi, testimoniando la persistente disponibilit e circolazione di tali merci di lusso
ancora nel X e nellXI secolo40. Pavia, si rivela dunque un importante centro di raccolta e di
smercio anche per il commercio internazionale che verte su prodotti di pregio e si sviluppa ad
ampio raggio nel Mediterraneo41.
Nel quinto paragrafo si passa a considerare la situazione dei mercanti di Salerno, Gaeta e
Amalfi, con un breve resoconto delle loro attivit. Anche in questo caso, parallelamente alla
situazione dei veneti, si accenna al dazio del 2,5% da pagare alla camera regis sulle merci
vendute e comprate e compaiono doni per la moglie del camerarius. A causa delle difficolt
interpretative dellultima parte del paragrafo e della mancata menzione di tributi versati al
camerarius, Brhl e Violante hanno immaginato la possibile scomparsa di una o pi righe di
testo42. Leventualit che questo paragrafo derivasse almeno in parte da una base contrattuale
risalente al X secolo fu affermata con decisione da Landogna che credette di individuarne
anche la datazione allanno 982, passeggero momento in cui Gaetani, Salernitani e Amalfitani
seguivano una medesima politica43 e formavano una sola entit. Unipotesi di questo genere
non da scartare ma allo stato attuale non pu essere in nessun modo provata44. La presenza
di mercanti amalfitani e veneziani probabilmente monopolizzava il mercato pavese nel X
secolo45.A differenza di Venezia per, Amalfi intratteneva fruttuosi rapporti commerciali non
tanto con Bisanzio quanto piuttosto con partner del Nord Africa46. In questa situazione la
posizione di Gaeta e Salerno era sicuramente subordinata ma entrambe queste citt sono
attestate come importanti nodi del commercio47 nei secoli in questione.
Il sesto paragrafo tratta dei commercianti pavesi. Lattenzione concentrata in maniera
esclusiva sul praeceptum48 che i capi delle associazioni di mercanti ricevono
dallimperatore e che permette loro di vendere e comprare ovunque siano, senza subire danni
o ritorsioni di alcun genere. Chiunque dovesse infrangere queste disposizioni viene
condannato al pagamento di mille mancusi doro, importo diffuso gi a partire dal IX

40

Cfr. C.Violante, op.cit., pp. 30-50.


Cfr. Aldo Settia, Pavia carolingia e postcarolingia, in Storia di Pavia, Pavia, a cura della Banca del Monte di
Lombardia, 1987, tomo secondo, pp. 114-124, in part. pp. 119-124.
42
C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp. 45-46.
43
F.Landogna, op.cit., p.313.
44
Cfr. C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.47.
45
A.Solmi, op.cit., pp. 107-109.
46
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.46.
47
A.Solmi, op.cit., pp. 106-107.
48
Ivi, p.19.
41

secolo49, da versare alla camera regia. Sembra possibile supporre che il praeceptum in
questione sia un documento imperiale indice di un privilegio, da datarsi prima del 924 o
dopo il 96250. Meno convincente la tesi che lo identifica con un lasciapassare o
salvacondotto generale, sostenuta da Mor51.
Con il settimo paragrafo lattenzione del redattore si sposta dal commercio alle questioni che
riguardano la coniazione della moneta. Si parla di un ministerium monetae Papiae52 che
deve contare nove responsabili, tenuti a sorvegliare e controllare loperato dei monetieri, sotto
la supervisione del magister camere. In particolare lopera di supervisione si svolge facendo
in modo che il conio delle monete avvenga senza un peggioramento della lega prevista, che
non pu eccedere i 2/12 dellargento53. Se viene trovato un falsario sempre compito di
questi responsabili, coadiuvati dal comite palatii54, somministrare la pena prevista per chi
non rispetta laggio: taglio della mano destra e immediata confisca di tutti i beni a favore della
camera regis. Successivamente il paragrafo si occupa del fictum dovuto dai nove magistri alla
camera regia, dodici libbre di denari pavesi lanno, e di quello dovuto al conte palatino,
quattro libbre. Si specifica poi una tassa dentratura nella magistratura dei nove: tre once di
oro fino da versare sempre alla camera regia. Il diritto di battere moneta uno degli esempi di
regalia tra i meglio documentati, presente anche nel famoso diploma di Federico I del 1158 a
Roncaglia55. Le zecche pi importanti nel X secolo erano quelle di Milano, Pavia e Lucca,
senza sottovalutare il ruolo di quella veronese56. Le Honorantie sembrano per tratteggiare
una posizione di preminenza57 per quanto riguarda listituto della zecca pavese in questo
periodo, almeno su quella milanese. Lindicazione di nove magistri, rispetto ai quattro58 a
capo dellorganizzazione della zecca di Milano, pare sottendere una centralit maggiore della
capitale del regno in questambito.
Lottavo paragrafo ricalca lo schema descrittivo del precedente, nonostante sia pi breve. Vi
49

Cfr. ad esempio il diploma di Lotario I del 15 gennaio 833. Monumenta Germaniae Historica, Diplomata
Lothar I, 11.
50
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.48.
51
Carlo Guido Mor, Gli artigiani nellalto Medioevo (con particolare riguardo ai riflessi giuspubblicistici), in
Artigianato e tecnica nella societ dellalto Medioevo occidentale, XVIII Settimana di studi del Centro italiano
di studi sullalto Medioevo (2-8 aprile 1970), Spoleto 1971, tomo primo, p. 209.
52
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.21.
53
A.Solmi, op.cit., p.117.
54
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.21.
55
Monumenta Germaniae Historica, Diplomata Friedrich I, 237, p.29.
56
Cfr. Roberto Sabatino Lopez, Moneta e monetieri nellItalia barbarica, in: Moneta e scambi nellalto
medioevo, VIII Settimana di studi del Centro italiano di studi sullalto Medioevo, Spoleto, 1961, p.84.
57
Riguardo al ruolo di primo piano della zecca di Pavia allepoca e per brevi accenni alla storia monetaria del
periodo a cavallo tra X e XI secolo cfr. anche Carlo M. Cipolla, Le avventure della lira, Bologna, il Mulino,
2001, pp. 23-30.
58
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.21.

si tratta lordinamento della zecca milanese. Qui, come detto, i magistri a capo del
funzionamento della zecca sono quattro. Sono deputati a coniare monete dello stesso valore
dei denari pavesi e a provvedere al cambio secondo laggio stabilito. La pena prevista per un
falsario la medesima di quella descritta nel paragrafo sette. Lultima riga menziona una tassa
annua che i responsabili della zecca devono versare al magister camere di Pavia, quantificata
in dodici libbre di denariorum bonorum Mediolanensium59. Si intuisce chiaramente dalle
Honorantie il carattere di monopolio cui sottoposta la monetazione. Il redattore di questo
paragrafo ignora la cessione del diritto di monetazione allarcivescovo di Milano Manasse,
avvenuto intorno al 950 con un diploma di re Lotario II60, descrivendo una subordinazione
completa dei monetieri milanesi alla camera regis e lobbligo al pagamento di un fictum
annuo al palatium di Pavia. Secondo Brhl e Violante non si tratta di dimenticanza ma di una
precisa volont del redattore, deciso a esaltare le glorie pavesi, anche se non pi attuali61. La
possibilit che i denari milanesi e quelli pavesi in questepoca avessero lo stesso valore
molto remota. Molto pi probabile il reiterarsi dellatteggiamento nostalgico del redattore
anche su questo punto. Si pu affermare per certo invece, che nel 1013 le due monete
avessero valori diversi62.
Il nono paragrafo probabilmente il pi oscuro63 e discusso di tutte le Honorantie. Parla dei
cercatori doro nei fiumi64 dellItalia settentrionale (in maggioranza affluenti del Po), e dei
loro obblighi verso la camera regia di Pavia. Sono presenti due elenchi dei corsi dacqua65
lungo i quali si esercita lattivit di questi cercatori doro; lidentificazione di tali fiumi venne
sostanzialmente portata a termine, pur tra qualche incertezza gi da Landogna66, che riusc a

59

Ibidem.
Cfr. A.Solmi, op.cit., p.120.
61
C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp.79-84.
62
Ivi, p.52. Il riferimento allanno 1013 dovuto al privilegio di Enrico II per il monastero di SantAbbondio a
Como, in cui i denari milanesi valgono meno dei pavesi. Cfr. Monumenta Germaniae Historica, Diplomata
Heinrich II, 275, p. 325.
63
Si veda ad esempio il commento di Landogna a riguardo: Codesto capitolo resta sempre, per me, un enigma
in F. Landogna, op.cit., p. 316.
64
Cfr. C. Brhl e C. Violante, op.cit., p.21. I fiumi nominati nel paragrafo sono: Padus, Ticinus, Dorica, Sicida,
Stura, Minor Stura, flumen Orco, Amalone et Amaloncello, Duria, Elavum, Urba, Sarvus, Sesedia, Burmia,
Agonia, Ticinus a Lacu Maiori ubi intrat in Padum. Il secondo elenco comprende: Abdua, Oglus, Mentius,
Sarno, Atese, Brenta, Trebia.
65
Sui fiumi auriferi nellalto Medioevo si veda Bruno Andreolli, Gestione e misurazione dellacqua nellalto
Medioevo, in Lacqua nei secoli altomedievali, atti della LV Settimana di studi del Centro Italiano di Studi
sullalto Medioevo (Spoleto, 12-17 Aprile 2007), Spoleto, 2008, tomo primo, pp. 429-465. In particolare pp.
458-462.
66
F. Landogna, op.cit., pp. 316-318.
60

10

sciogliere i dubbi pi rilevanti. Attualmente67 la ricerca della corrispondenza tra i nomi del
documento e i corsi dacqua in questione sembra un problema a grandi linee risolto68. Spinosa
invece linterpretazione dei doveri fiscali dei cercatori di pagliuzze doro, e la loro
possibilit o meno di vendere quanto raccolto. Tutto ruota intorno allinterpretazione della
parola Sacramentum; intesa da Solmi e altri con il significato di giuramento69, ha condotto a
credere che i lavatores auri non potessero consegnare loro raccolto ad altri se non alla
camera regia. Una teoria pi recente70 ha riconosciuto a Sacramentum un senso diverso,
vicino a quello di associazione giurata o corporazione. In questo caso il passo prevedrebbe
che parte delloro vada al camerarius come tassa, parte sia venduto proprio al Sacramentum a
una tariffa fissa. Emerge con chiarezza da queste righe il carattere di regalia e forse di
monopolio della raccolta delloro nei fiumi del regno. Pu creare alcuni dubbi il fatto che
nella famosa Constitutio de regalibus del 115871 non sia menzionato da Federico I un simile
ius regalium sulle sabbie aurifere. Da pi parti72 si tentato di aggirare questapparente
lacuna, immaginando che il termine argentariae potesse riferirsi non solo ai metalli e ai
minerali estratti dalle miniere ma anche alloro raccolto nei fiumi.
Con il decimo paragrafo lattenzione si sposta sulle arti e i mestieri. La prima a essere presa in
considerazione lattivit dei pescatori. Questi devono avere un magister a capo della
corporazione e versare un tributo annuo per nave di due denari. Il totale delle imbarcazioni
pavesi secondo le Honorantie a questepoca di sessanta. I denari della tassa, raccolti dal
capo dellassociazione dei pescatori, erano impiegati per rifornire di pesce ogni venerd il
magister camere; quando il re era a Pavia erano spesi anche per lapprovvigionamento suo e
della corte. Le navi erano naturalmente imbarcazioni per uso fluviale, che pescavano
probabilmente nel Ticino e nel Po come suggerisce Solmi73. Interessante anche la menzione
del venerd come giorno prescelto per la consegna del pesce al magister camere, chiaro indice
della centralit che lalimentazione di magro e lastinenza dalla carne, in giorni stabiliti
secondo il calendario ecclesiastico, avevano assunto per la societ nel X secolo. Queste

67

Oltre al Po, i fiumi nominati dovrebbero essere i seguenti: Ticino, Agogna, Sesia, Cervo, Elvo, Dora Baltea,
Orco, Malone, Stura di Demonte, Stura di Lanzo, Dora Riparia, Bormida e Orba. Quelli del secondo elenco:
Adda, Oglio, Mincio, Sorna, Adige. Cfr. C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp. 58-60.
68
Ivi, pp. 54-55.
69
A.Solmi, op.cit., p.131.
70
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 56-57.
71
Monumenta Germaniae Historica, Diplomata Friedrich I, 237, p.29.
72
Inizialmente A.Solmi, op.cit., pp. 155-156. Teoria ripresa poi da Gennaro Maria Monti, Le corporazioni
nellevo antico e nell alto medioevo, Bari, Laterza, 1934, p. 175. Infine C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 55.
73
A.Solmi, op.cit., p.144.

11

mutazioni del gusto influenzavano anche le attivit economiche74.


Lundicesimo paragrafo si occupa dei conciatori di pelli. Questi sono riuniti in associazione,
composta da dodici cuoiai propriamente detti e da dodici iuniores75. Hanno lobbligo di
confezionare ogni anno dodici ottime pelli di cuoio, una per maestro, e consegnarle alla
camera regis. Non permesso in Pavia a nessun altro uomo confezionare pelli di cuoio, dato
che questattivit artigianale stata evidentemente concessa dal re come un monopolio. Chi
dovesse infrangere tale disposizione incorrer in una multa elevata di cento solidi pavesi.
prevista una tassa dentratura nella corporazione, in maniera simile a quanto avviene per i
responsabili della zecca pavese76. Limporto del tributo per un nuovo ingresso nel novero dei
cuoiai ripartito in parti uguali tra la camera regia e tutti gli altri membri dellassociazione
professionale.
Il dodicesimo paragrafo tratta dei barcaioli e risulta, per contenuti, legato al paragrafo dieci,
cui forse sarebbe dovuto succedere77. A capo dellassociazione figurano due magistri sotto il
controllo del camerario; il fatto che i pescatori ne avessero uno e i conciatori di pelli ne
fossero sprovvisti, con tutta probabilit depone a favore della maggiore importanza
economica dei nauteri. Limpegno fondamentale dei due uomini a capo dei barcaioli
approntare, quando il re si trova a Pavia, due grandi navi, una per lui e una per la regina.
Queste imbarcazioni saranno anche provviste di coperture in legno per proteggere le alte
personalit dalla pioggia o dal sole78. Anche i gubernatores, cio i capitani, devono mettere a
disposizione una nave, dalla quale, precedendo i regnanti, guidavano la rotta79. Lultima riga
cita, per la prima e unica volta80 nelle Honorantie, un impegno della camera regia: si tratta di
un pagamento ricevuto dai barcaioli quotidianamente per i servizi prestati. A causa della
decisiva funzione di rifornimento annonario per lImpero Romano, le associazioni di nauteri
erano gi regolamentate in quellepoca81. Attestate a Pavia nel IV secolo82, fanno parte delle

74

Massimo Montanari, La fame e labbondanza. Storia dellalimentazione in Europa, Roma-Bari, Laterza, 2005,
pp. 98-103.
75
Per linterpretazione di iuniores cfr. C. Brhl e C. Violante, op.cit., p.62.
76
Cfr. supra, p. 9.
77
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.62.
78
Ivi, p.63.
79
Il significato del passo controverso. Cos interpreta A.Settia, op.cit., p.122, rifacendosi a Gina Fasoli,
Navigazione fluviale. Porti e navi sul Po, in La navigazione mediterranea nell'alto medioevo, XXV Settimana di
studi del Centro italiano di studi sullalto Medioevo, Spoleto 1978, tomo secondo, p. 602. A.Solmi, op.cit.,
p.145, aveva tradotto diversamente.
80
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.64.
81
Cfr. Lellia Cracco Ruggini, Le associazioni professionali nel mondo romano-bizantino, in Artigianato e
tecnica nella societ dellalto Medioevo occidentale, XVIII Settimana di studi del Centro italiano di studi
sullalto Medioevo (2-8 aprile 1970), Spoleto 1971, tomo primo, pp. 59-193.
82
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.63.

12

regale citate nel diploma83 di Federico I del 1158.


Il tredicesimo paragrafo dedicato allattivit dei produttori di sapone. Si tratta di uno dei pi
corti delle Honorantie, lunico in cui il tempo usato sia al passato e non al presente, forse a
causa di un rielaboratore84. Il censo pagato dai saponai alla camera regia ogni anno consiste in
cento libbre di sapone, dieci sono quelle riservate al camerario. Anche qui, come nel caso dei
conciatori, esplicitamente chiarito il regime di monopolio sotto il quale operano tali artigiani
e il conseguente divieto per altri uomini di produrre sapone a Pavia. Il parallelismo con il
paragrafo undici ancora pi evidente quando si noti che entrambe le associazioni di
lavoratori non dispongono di alcun magister a capo della corporazione, a differenza di quanto
avviene per i monetieri, barcaioli e pescatori.
Il quattordicesimo paragrafo segna una svolta rispetto ai precedenti poich tratta di un caso
particolare di diritto privato; la sua presenza nelle Honorantie giustificabile tenendo conto
che la pratica ivi regolamentata comportava unentrata per la camera regis85.Secondo il testo,
le donne sprovviste di un tutore del loro mundio e che fossero sufficientemente ricche, nel
caso in cui volessero prendere marito, dovevano rivolgersi al magister camere per ottenere di
diventare proprietarie del mundio e dunque selpmundie86. A questo punto era loro permesso
sposarsi secondo il diritto di appartenenza. Questa concessione era pagata con un tributo di
uno scudo e una lancia di ottima fattura, da consegnare al magister camere. Manca
stranamente limporto dovuto alla camera regia, anche se Brhl e Violante hanno supposto la
caduta di almeno una riga87. La composizione del tributo ricalca da vicino una parte dei doni
che nel paragrafo 2 erano dovuti dagli Anglosassoni. La precisazione secundum suam
legem88 non oziosa: ancora nel X secolo, pur se il diritto longobardo prevaleva largamente
nel Nord Italia, erano diffusi casi di uomini sottoposti a quello romano o salico89. Non da
scordare infatti che era il principio della personalit del diritto a vigere.
Nel quindicesimo paragrafo non figurano entrate della camera regia, bens obblighi e doveri
del magister camere e del re nei confronti della cattedrale di Pavia, San Siro, e della chiesa di
San Michele Maggiore. Il magister camere ha il compito di versare tre volte allanno, in
occasione delle feste di Pentecoste, Pasqua e Natale, un tributo di una libbra di denari in olio.

83

Monumenta Germaniae Historica, Diplomata Friedrich I, 237, p.29.


C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 64.
85
Ivi, p. 65.
86
Sul mundio cfr. Ennio Cortese, Il Diritto nella Storia Medievale. Lalto medioevo, Roma, 1995, Il cigno
Galileo Galilei, pp. 146-148.
87
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 65.
88
Ivi, p. 23.
89
Ivi, p. 66.
84

13

Tale versamento necessario al funzionamento e allilluminazione di una grata dottone sulla


quale sono poste delle luci, sita nella cattedrale. Successivamente vengono nominati i doni
ricevuti, sempre in occasione delle tre feste gi menzionate, dai dodici mansionarii, chierici di
basso rango90. Si tratta di un abito di lana e un paio di stivali a Natale, un mantello a Pasqua e
delle scarpe per la Pentecoste. Gli obblighi del re si concentrano durante le feste di
incoronazione, quando entra in processione nella cattedrale; la riga che li specificava in
dettaglio andata perduta. Anche i mansionarii di San Michele Maggiore devono ricevere i
medesimi doni di quelli di San Siro.
Il sedicesimo paragrafo si presenta frammentario e gravemente interpolato, cosa che inficia la
piena comprensione del testo. Tratta in maniera generale dei ministeria, del loro statuto
privilegiato e delle pene che spettano a chi infranger le disposizioni e le prerogative della
camera regia. Inizialmente viene ribadito il carattere di monopolio esclusivo dei ministeria,
esteso per a tutti quelli descritti indistintamente e non solo ai cuoiai e ai saponai. Chi non
rispettasse tale situazione dovr pagare una multa alla camera regis. Si parla poi di uno
speciale privilegio riservato ai commercianti pavesi, la possibilit cio di presentare per primi
i propri prodotti sul mercato e iniziare una contrattazione in regime di concorrenza limitata,
senza che nessun altro mercante possa interferire in merito o inserirsi nella trattativa. Questo
regime privilegiato era probabilmente circoscritto al mercato pavese91. Anche qui, per chi non
rispetta tale disposizione, contemplata una multa. espresso infine il divieto, per gli
appartenenti ai ministeria, di costituire aut facere ullum placitum92 se non alla presenza del
re o del magister camere. In chiusura viene ricordata una decima dovuta per tutti i ministeri
alla camera regia, forse come beneficio di monopolio e probabilmente di attestazione pi
tarda93. Di questa tassa una percentuale spetta al re che ne ottiene i due terzi. Il resto
appartiene alla regina. I due regnanti avevano infatti contabilit nettamente separate.
Laccenno al divieto di tenere placiti sembra voler scongiurare la tendenza, forse diffusa tra i
componenti dei ministeria, al ricorso ad una giustizia autogestita, come suggeriscono Brhl e
Violante94. Inconsueta lattestazione del magister camere autorizzato a presiedere lassise
giudiziaria, invece della canonica presenza di un comes palatii. Probabilmente le dispute che
nascevano in questi casi vertevano su ambiti di competenza specifica del magister95.
90

Ivi, p. 67.
Questo passo stato variamente interpretato da A.Solmi, op.cit., pp. 81-82, C.G.Mor, op.cit., p. 209. Qui si
segue la linea tracciata in C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 69.
92
C.Brhl e C.Violante, op.cit, p.25.
93
Ivi, p. 70.
94
Ivi, p. 69.
95
Ibidem.
91

14

Netta la frattura che separa i paragrafi 17 e 18 da quelli precedenti. Lanalisi delle entrate
della camera regia qui completamente abbandonata, per lasciare il posto ad un breve
resoconto sulla storia dellamministrazione del palatium pavese e loperato dei magistri
camere che si sono succeduti. La breve narrazione imperniata sul periodo che va dal 940 al
1020 circa96. Nel diciassettesimo paragrafo sono elencati rapidamente i responsabili
dellamministrazione della camera regia e il loro periodo di governo sulle finanze del
palatium pavese. In apertura compare lammonimento hoc sciatis, presagio di una scrittura
ben lontana da uno stile secco e asciutto. Per primo nominato Gisulfus che avrebbe tenuto le
redini della camera in tempore Ugonis regis et filii eius Lotharii regis, virum Adele, et in
tempore secundi Berengarii regis et in tempore primi Ottonis imperatoris. La durata della
sua carica dunque collocabile a grandi linee tra il 935 e il 975, visto che poco dopo il
documento ci informa del fatto che sopravvisse, di poco, alla morte di Ottone I nel 973. Gli
successe il figlio Ayraldus il cui decesso probabilmente da datare intorno al 98897; subentr
poi nella carica Agisulfus a sua volta figlio di Ayraldus. Il redattore di questo paragrafo
esprime chiaramente il suo apprezzamento per loperato di questi responsabili. Li qualifica
come ricchi e onorabili, accennando ripetutamente al fatto che tennero il loro magistero con
abilit, rispettosi delle tradizioni amministrative.
Nel diciottesimo paragrafo il tono del testo diviene accusatorio e disilluso; lautore si scaglia
violentemente contro la condotta degli ultimi responsabili della camera regia, a suo dire
motivo esclusivo della rovina completa in cui versa. Essenzialmente la vendita dei
ministeria e quindi la dispersione delle prerogative fiscali ed economiche dellistituto pavese
ad essere stigmatizzata con acredine. Il principale colpevole di questa deriva, disprezzato e
ripetutamente accusato, individuato senza incertezze in Giovanni Filagato98, ille diabolus
[] verus apostata [] et hereticus99, che fu consigliere dellImperatrice Teofane quando
Ottone III era ancora troppo giovane per governare da solo, e divenne magister camere
intorno al 988 circa100. Sembra trasparire da queste righe un chiaro progetto di riforma della
gestione della camera da parte dellimperatrice Teofane, che tent di metterlo in atto durante
il periodo della sua reggenza. Per riuscire in questo intento nomin come capo
dellamministrazione proprio Giovanni Filagato, che probabilmente cerc di dare vita ad una
gestione pi accentrata ed efficiente degli introiti, forse con linserimento di un tributo fisso
96

Ivi, p. 81.
Ivi, p.71.
98
Cfr. Treccani.it, Enciclopedia dei Papi, http://www.treccani.it/enciclopedia/antipapa-giovannixvi_(Enciclopedia_dei_Papi)/ , (ultima consultazione 4/7/2014)
99
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.25.
100
Treccani.it, Enciclopedia dei Papi, cit.
97

15

comune a tutti i ministeria101. Ad affiancare il consigliere dellImperatrice in questo compito


vennero chiamati Siccus e Nanus, certamente alte personalit dellImpero102 con competenze
finanziarie. Il nuovo magister camere viene tacciato, dal redattore, dignoranza dei pi
basilari diritti e profitti dellistituto di cui a capo; proprio questa ignoranza lo avrebbe
condotto alla vendita indiscriminata dei ministeria, a ripetute concessioni, alienazioni e alla
loro drammatica dispersione. Le ultime parole del paragrafo sono rivolte allimperatore
Enrico II, considerato negligente riguardo alle questioni finanziarie del regno, forse per
mancanza di una sicura successione. Al regnante rivolto uno sfogo amaro in cui si criticano
le numerose vendite dei ministeria, continuate anche durante il suo periodo di regno, e si
auspica sconsolatamente unazione di governo che ripristini lantico onore della camera regis.
Linterpretazione di questo passo molto diversa in Solmi e in Brhl-Violante. Lo storico del
diritto accetta fiduciosamente il resoconto dellautore e non muove rilievi critici significativi,
avvallando103 sostanzialmente la versione del 18. Spingendosi oltre, Solmi individua anche
uno scopo pratico104 a questo scritto, che immagina destinato alla corte dellImperatore e
volto a frenare la decadenza ormai precipitante della potenza regia105. Molto meno
ottimisti si rivelano su questo punto Brhl e Violante. Criticando serratamente tale posizione,
evidenziano ripetutamente il carattere parziale e partigiano del redattore in 18, segnalando le
numerose incongruenze, esagerazioni e calunnie a cui si abbandona106.Sono negati con
decisione di conseguenza anche un qualsiasi scopo, se non uno sfogo liberatorio, e la presenza
di un qualunque destinatario107.
Il documento termina con un epilogo che ricorda da vicino lo stile del proemio. A dominare,
in maniera simile, il paragone costante di Pavia con Roma, che torna con la stessa
insistenza. Inizialmente si ricorda il legame tra i vescovi pavesi e il Papa, che deve benedirli e
consacrarli. Successivamente lattenzione si sposta su San Siro, patrono di Pavia, di cui
vengono citati alcuni miracoli principali. Continua poi il parallelismo con Roma tramite la
citazione dei dottori della Chiesa legati alle due citt: San Gregorio e SantAgostino.
nominato in seguito il vescovo Pietro III, Papa per un breve periodo con il nome di Giovanni

101

Cfr. 16 Honorantie.
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.73. cercarono anche di fornirne unidentificazione. A.Solmi, op.cit., p. 201.
riteneva invece non fossero altro che nomignoli.
103
A.Solmi, op.cit., pp. 200-204.
104
Ivi, p.12.
105
Ibidem.
106
C.Brhl e C.Violante, op.cit., pp. 71-75.
107
Ivi, p.75.
102

16

XIV108.In chiusura compare uninvocazione alla prosperit e salvaguardia della citt, fornita
di centoventisette chiese e sedici monasteri que sunt nocte et die bene vigilata et ad
Dominum deprecata109.

1.2 Struttura del testo e cronologie


Le Honorantie civitatis Papie, tradite in un solo manoscritto del XV secolo, di carattere
miscellaneo e composto da 50 fogli110, consistono in sette facciate in tutto, riprodotte nelle
cinque a stampa111 e occupano i folia dal 23 al 26112.
La datazione del manoscritto in 50 fogli al XV secolo relativamente agevole. Il redattore
infatti fornisce un sicuro terminus post quem con lindicazione di suo pugno intorno al
1400, presente sul testo XIV della fonte113, cio le Honorantie stesse114. Questa indicazione
cronologica, unita alle riflessioni stilistiche e filologiche sugli altri documenti ivi raccolti,
individua con sicurezza il Quattrocento (e pi precisamente la prima met del secolo), come
momento di composizione dellopera, senza grandi margini di incertezza. Certamente pi
dibattuto e complesso invece il problema della struttura e della datazione delle Honorantie
vere e proprie, che ha dato luogo a diverse proposte di cronologia, a volte in conflitto tra loro.
Roberto Soriga, affrontando brevemente lo studio della fonte, intu che il nucleo originario del
documento risaliva al primo trentennio dellXI secolo115. Precisando ulteriormente la sua
ipotesi arriv a individuarne la data di composizione nel periodo precedente alla distruzione
del palatium pavese, avvenuta nel 1024. Uno sguardo complessivo al testo gli permetteva poi
di riconoscere numerose interpolazioni tarde e appariscenti come laccenno allo studium
generale di Pavia116. In base a queste considerazioni, sosteneva Soriga, era certo che molte

108

Treccani.it, Dizionario Biografico degli Italiani, volume 55 (2001), http://www.treccani.it/enciclopedia/papagiovanni-xiv_(Dizionario-Biografico)/ (ultima consultazione 5/7/2014)
109
C.Brhl e C.Violante, op.cit. p. 27.
110
Ivi, p.1. Per la datazione del manoscritto al XV secolo cfr. p.4 e p.78.
111
Sebastiano Maggio, Le associazioni professionali nellAlto Medioevo. Artigiani e commercianti in Italia dal
VI allXI secolo,Catania, CUECM, 1996, p.80.
112
C.Brhl e C.Violante, op.cit, pp. 2-3.
113
Per i riferimenti alle numerazioni dei folia e dei testi contenuti nel manoscritto, il riferimento sempre
alledizione di C.Brhl e C.Violante, op.cit, pp.1-4.
114
Ivi, p.7.
115
Roberto Soriga, Per una nuova edizione delle Honorantie civitatis Papie, in Bollettino della Societ pavese
di storia patria, Pavia 1914, vol. XIV, p. 93.
116
Ibidem.

17

parti della fonte fossero state oggetto di numerosi rimaneggiamenti successivi alla prima
stesura, databili intorno al XIV secolo117.
Arrigo Solmi propose, per primo, una chiara divisione in due parti del testo delle
Honorantie118. La pi antica comprendeva, secondo lo storico pavese, essenzialmente i
diciotto paragrafi che costituiscono il corpo del documento; il proemio e lepilogo sarebbero
invece ben pi recenti e non assimilabili al nucleo centrale. Solmi notava infatti nel prologo e
nella parte finale una scrittura che ha schietto colorito elogiastico civico119 e che per la sua
forma si discosta con decisione dallo stile dei paragrafi dove noi sentiamo che lesposizione
si fa diversa,pi arcaica pi precisa e pi secca120.Entrando pi nello specifico erano il
continuo parallelo di Pavia con Roma, le numerose invocazioni formulari, quali ad esempio
O gloriosa urbs Papia e laccenno allo Studium Generale121 a fargli ritenere incompatibile
lesordio e la chiusa delle Honorantie col resto del testo. Questi indizi indussero lo storico del
diritto a proporre come terminus post quem per proemio e parte finale il 1361, data di
fondazione dello Studium pavese: Laccenno allo Studium generale,non gi aggiunto, ma
pienamente conglobato nella scrittura, ci trasporta ad unet posteriore al 1364122.Solmi
arriv ad ipotizzare che la stessa intitolazione del documento, per esteso Instituta regalia et
ministeria camere regum Lomgobardorum et honorancie civitatis Papie123 fosse da chiarire
in questo modo: Le Honorantie vere e proprie sarebbero state il proemio e lepilogo124, tutti i
paragrafi centrali invece non sarebbero altro che lelenco degli instituta regalia. Proprio il
momento di redazione di questo elenco , senza dubbio, la maggior fonte di discordia tra gli
storici. La proposta di Solmi fu di datarne la stesura fra il 1010 e il 1020 circa125.
Essenzialmente tale finestra temporale era individuata grazie a tre considerazioni. Innanzitutto
linvocazione allimperatore Enrico II, presente al paragrafo diciotto, imponeva che il
regnante fosse ancora in vita e che lapostrofe fosse stata scritta quindi prima del 1024, anno
del decesso di Enrico. In secondo luogo la distruzione del palatium di Pavia, avvenuta per
mano della popolazione della citt alla morte dellimperatore nel 1024, sarebbe stato un
evento di tale portata e di tale impatto sui ministeria pavesi che lautore non avrebbe potuto
scriverne senza menzionarlo. Da ultimo, secondo Solmi, lo scritto non poteva essere
117

Ibidem.
A. Solmi, op.cit., pp.9-17.
119
Ibidem p.9.
120
Ibidem p.11.
121
Ibidem p.10.
122
Ibidem pp. 10-11.
123
C.Brhl e C.Violante, op.cit, p.2.
124
A.Solmi, op.cit, p.11.
125
Ivi, p.13.
118

18

ricondotto ai primi anni di regno di Enrico II, poich si fa esplicito accenno a nuove
dispersioni del patrimonio regio compiute da Enrico stesso, ci che richiede un certo lasso di
tempo126.
Limpostazione dualistica della fonte fu mantenuta immutata anche da Francesco Landogna.
Questi tent di compiere alcune precisazioni cronologiche e strutturali di rilievo ma accett
sostanzialmente la partizione proposta da Solmi127, che Landogna definiva la guida preziosa
che mi ha avviato verso le ricerche128, facendo riferimento alla sintetica edizione curata dallo
storico pavese nel 1920129 e chiarendo il debito nei suoi confronti. Poco rilevanti furono le
precisazioni riguardo alla data di composizione della prima e dellultima parte; Landogna non
riteneva la menzione di uno Studium generale di Pavia un sicuro appiglio per stabilire un
terminus post quem nel 1364 e si spingeva a ritenere possibile che la designazione di
generale sia interpolatizia di fronte ad un testo pi antico130: proponeva quindi di
retrodatare, anche se di poco, il componimento rispetto alla proposta di Solmi. Indubbiamente
maggiori divergenze sorsero tra i due riguardo al nucleo centrale del documento. Compiendo
unanalisi breve ma puntuale, Landogna suppose che il redattore dellXI secolo avesse potuto
attingere a documenti pi antichi, databili al X secolo, e che dunque il suo memoratorium
fosse una vera e propria opera di redazione di pi fonti frammentarie del secolo precedente o
di un unico documento composto tra l883 e il 1000131, cui aveva attinto per la stesura finale
nel terzo decennio dellXI secolo. Proprio la datazione proposta per la definitiva messa a
punto degli Instituta veri e propri segnava un altro punto di controversia con Solmi. Landogna
contest la possibilit che linvocazione a Enrico II fosse rivolta direttamente allimperatore
vivente, a causa del tono eccessivamente critico con cui lautore si scagliava contro loperato
del regnante. Immagin invece che quella supplica fosse rivolta a Corrado II, successore di
Enrico e incoronato re dItalia nel 1027132.Attribu dunque a questa data il momento di
redazione dellopera. Rigett inoltre con decisione lipotesi che la distruzione del palatium
pavese nel 1024 sarebbe dovuta essere nominata dallautore se gli Instituta fossero stati scritti
successivamente. Si limit a chiarire che il nostro documento che considerava il palatium
come un ente economico e non come un edificio, non aveva ragione di insistere n su quello

126

Ibidem
Francesco Landogna, op.cit., p.297.
128
Ivi p.296.
129
Arrigo Solmi, Il testo delle Honorantie civitatis Papie, in Archivio storico lombardo, XLVII, fasc. III,
Milano, 1920, pp. 177-192.
130
F.Landogna, op.cit., p. 298.
131
Ivi, pp. 302-323.
132
Ivi, p.324.
127

19

n sul posteriore incendio133.


Riavvicinandosi alle riflessioni di Solmi circa la data di redazione degli Instituta, Pier Silverio
Leicht arriv ad affermare senza esitazioni che il documento appartiene al principio del
secolo XI ed certamente anteriore al 26 marzo 1027, cio alla coronazione di Corrado II a
imperatore134. Attestata al 1026/1027 e quindi successiva alla morte di Enrico II era invece
lipotesi di datazione di Hofmeister135.
Il dibattito venne riaperto da Brhl e Violante che proposero una tesi molto pi articolata sulla
nascita e sulle differenti cronologie delle Honorantie civitatis Papie. Sposarono senza riserve
lipotesi di Solmi per quanto riguarda proemio e chiusa, individuando anchessi nel
riferimento allo Studium la chiave della datazione post 1361136.Concentrarono poi lattenzione
sui paragrafi diciassette e diciotto per arrivare ad unipotesi di cronologia per gli Instituta.
Non aderirono alle tesi di Landogna in merito, ritenendo decisiva la distruzione del palatium
per fornire un terminus ante quem alla redazione. Lautore del libello, infatti, secondo tale
ricostruzione, non avrebbe potuto omettere un evento di cos grande rilevanza nel contesto dei
paragrafi diciassette e diciotto, che tracciano una partigiana e rancorosa137 storia dei
ministeria della Camera regis di Pavia.Il silenzio dellautore su un evento tanto catastrofico
per lamministrazione finanziaria non sarebbe giustificabile in altro modo se non retrodatando
gli Instituta intorno al 1020138. Lamentando le lacune della ricerca fino a quel momento,
Brhl e Violante misero in evidenza come fosse indispensabile riflettere sugli Instituta
paragrafo per paragrafo, evitando di postulare una sola data di nascita comune a tutti i diciotto
paragrafi e mettendo in campo unanalisi molto pi variegata e flessibile di quella di Solmi,
sulla strada gi tracciata in parte da Landogna139.Era ancora possibile pensare, con lo storico
del diritto pavese, che questi paragrafi costituissero uno scritto che, nella composizione sua,
si presenta logico ed integro dal principio alla fine?140. Lattenzione dei due storici si
concentr su una felice intuizione di Landogna141: lalternanza, a prima vista inspiegabile, per
definire colui che guida la camera regia, dei termini camerarius e magister camere nei diversi
paragrafi del testo, senza che questavvicendamento fosse riconducibile a uneffettiva
133

Ivi, p.327.
Pier Silverio Leicht, Lorigine delle Arti nellEuropa Occidentale, in Pier Silverio Leicht Scritti vari di
storia del diritto italiano vol. I, Milano, Giuffr, 1943-1948, p.304.
135
Adolf Hofmeister, Instituta Regalia et Ministeria Camerae Regum Longobardorum Honorantie Civitatis
Papiae, in Monumenta Germaniae Historica, SS, tomo XXX, parte II, fasc.3, Hannover 1934, pp. 1444-1460.
136
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.77.
137
Ivi, p.81.
138
Ivi, p.79.
139
Ibidem
140
A.Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p.15.
141
F.Landogna, op.cit., p.301.
134

20

specializzazione delle funzioni142.La situazione delineata negli ultimi due paragrafi, con i
camerarii sottoposti a un magister camere, fece supporre, vista la data di redazione dei
paragrafi diciassette e diciotto gi fornita in precedenza, che la definizione pi recente fosse
quella di magister camere, mentre quella pi antica, risalente con ogni probabilit al X secolo,
fosse camerarius. Sarebbe quindi facile, a grandi linee, individuare let dei singoli paragrafi
seguendo questa spia cronologica143. Per quanto riguarda la struttura degli Instituta, Brhl e
Violante riscontrarono una sostanziale coerenza tematica nei primi tredici paragrafi,
logicamente coesi nonostante una certa confusione nei paragrafi finali. Maggiori problemi
sorgevano dal paragrafo quattordici, completamente isolato144, e con quelli dal quindici al
diciotto, stilisticamente e per quanto concerne i contenuti incompatibili coi primi tredici. Con
unattenzione specificamente rivolta alle incongruenze, omissioni e aggiunte, presenti in
maniera copiosa e distribuite quasi uniformemente in tutti i paragrafi, i due storici arrivarono
ad arricchire di gran lunga le visioni di Solmi e Landogna. Ritennero che non solo gli Instituta
ma ogni singolo paragrafo potesse essere un compositum145, costruito a partire da copie di
contratti, brevi memoratoria o diplomi del secolo precedente. La datazione di ogni paragrafo
era dunque quasi impossibile da fornire con una qualche pretesa di precisione, considerato
che, alla luce di quanto andavano sostenendo Brhl e Violante, le Honorantie erano unopera
molto pi complessa e ricca di sfaccettature di quanto si fosse supposto fino a quel
momento146. Qualche certezza in pi poteva essere affermata sui paragrafi dal quattordici al
sedici, che vennero considerati composti nello stesso momento e dallo stesso autore, intorno
al 1000147.Alla stessa data venne fissata anche la redazione complessiva degli Instituta nella
forma attuale, basata su versioni pi antiche148.Venne chiarita anche lappartenenza degli
ultimi due paragrafi a unepoca pi recente149; erano da intendersi come una sorta di allegato
aggiunto a posteriori.
Le proposte interpretative pi recenti organicamente formulate, sulla struttura e la cronologia
delle Honorantie civitatis Papie, rimangono ancora quelle di Brhl e Violante, che risalgono a
pi di trentanni or sono. Laugurio espresso nella prefazione di quelledizione dai due
studiosi, che la loro pubblicazione e il loro commento fossero considerati unopera aperta,

142

C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.80.


Ivi, p.81.
144
Ibidem
145
Ivi, p.84.
146
Ibidem
147
Ibidem
148
Ibidem
149
Confronta supra, p. 20.
143

21

ossia una proposizione di idee che attendono di essere corrette e integrate150, non ancora
stato pienamente raccolto dalla comunit degli storici.

1.3 Gli autori e lopera di redazione del testo


Il problema dellidentificazione degli autori delle Honorantie civitatis Papie stato oggetto di
ricerche molto meno approfondite rispetto al dibattito sollevatosi intorno alla data di
composizione dellopera. Spesso chi si occupato di questo documento ha unicamente potuto
fare congetture e ipotesi, a volte plausibili ma mai del tutto convincenti. Questa carenza di
riflessione dovuta in gran parte alla mancanza di elementi del testo che fungano da evidenze
critiche e permettano unidentificazione senza tentennamenti o incertezze. Unica sicurezza,
comune a quasi tutti coloro si sono occupati delle Honorantie, la presenza di (almeno) due
diverse mani nel testo del documento, coerentemente con le proposte di datazione ricordate
nel paragrafo precedente: la prima sarebbe responsabile delle parti risalenti al X e XI secolo,
la seconda invece ben pi tarda e appartenente al XIV secolo. Anche se rimangono notevoli le
differenze interpretative nel merito della redazione complessiva dellopera e sulleffettiva
identit di chi la port a termine, questa tesi stata sottoscritta a grandi linee da tutti gli
storici.
Lunica eccezione su questo punto rappresentata dalla posizione di Soriga. Questultimo
infatti immaginava che uno soltanto fosse lautore delle Honorantie: il documento nella sua
redazione originale sarebbe stato successivamente ampiamente modificato da leggiere ma
continue deformazioni [] e da aggiunte posteriori inserite qua e l151. Queste
manipolazioni sarebbero state dettate principalmente dal desiderio di rimpinguare e meglio
specificare gli onori di Pavia, con un fine prettamente esornativo ed encomiastico152.
Sullidentit dellautore Soriga non si sbilanciava, ipotizzando tuttavia che potesse trattarsi di
un ufficiale della Camera regia153 che rimpiangeva la passata potenza del palatium pavese.
Cos si spiegava il patetico lagno154 rivolto ad Enrico II e anche le ragioni della minuziosa
redazione di diritti regali e entrate della camera.
150

C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.IX.


R.Soriga, op.cit., p.93.
152
Ibidem.
153
Ivi, p.94.
154
Ibidem.
151

22

Nonostante avesse ricordato155 la vicinanza di stile e scrittura dellautore di prologo ed


epilogo a Opicinus de Canistris156, Solmi non riusc a determinare la sua identit (Laltra
parte [] costituita dal proemio e dalle fasi finali della scrittura[] appartiene ad un autore
[] ignoto)157. Questo anonimo scrittore trecentista si sarebbe, secondo Solmi, ispirato
allopera di Opicinus de Canistris per redigere una vera e propria operetta che servisse da
cornice introduttiva per gli Instituta e da lode per la citt di Pavia. Si tratterebbe dunque di
una scrittura di getto, che ispirata allautore dal rinvenimento dellantica memoria158. In
questo modo un ignoto cittadino pavese, nella seconda met del XIV secolo, esaltatosi per la
lettura degli antichi privilegi presenti negli Instituta, in un contesto storico ormai
profondamente mutato scrisse prologo ed epilogo delle Honorantie, conferendo cos una
patina encomiastica e un tono pressoch uniforme e coerente a tutta la lunga lista di diritti e
privilegi della camera regis. Per quanto riguarda lautore degli Instituta dellXI secolo, Solmi
tenne una posizione molto prudente, non dando seguito ad una sua intuizione potenzialmente
proficua. Analizzando159 il paragrafo diciotto infatti, lo storico del diritto avanz lipotesi che
lautore dellintero manoscritto dellXI secolo altri non fosse che Gisulfus il giovane160, figlio
di Ayraldus, ultimo magister camere prima dellavvento di Giovanni Filagato intorno
all888161. Senza trarre le debite conclusioni da questidea tuttavia, continu sempre a parlare
di anonimo autore162. Lopera di questultimo, vale a dire gli Instituta, a differenza della
scrittura trecentesca, non avrebbe intenti elogiativi ma si configurerebbe come una redazione
puntuale, oggettiva e affidabile delle entrate del palatium pavese e della camera regia, una
dimostrazione minuta e singolare di avvenimenti163.
Del tutto trascurabile fu il contributo alla discussione su questo punto da parte di Landogna.
Lo studioso di geografia infatti spos acriticamente la posizione di Solmi, appiattendosi sulle
sue conclusioni in merito allidentit dei due autori ed evitando addirittura di trattare, se non
di sfuggita, questo problema nel suo contributo164.
Hofmeister si limit a mettere in dubbio la tesi di Solmi di una possibile chiara influenza
155

A.Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p. 10.
Sullautore del De laudibus civitatis Papie cfr. Faustino Gianani, Opicino de Canistris, l'Anonimo ticinese:
Cod. vaticano palatino latino 1993, Pavia, EMI, 1996.
157
A.Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p.9.
158
Ivi, p.10.
159
Ivi, p.201.
160
Cfr. 17 Honorantie.
161
Cfr. supra, p.15.
162
A.Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p.201.
163
Ivi, p.11.
164
Cfr. F.Landogna, op.cit. dove non viene svolta alcuna riflessione per provare a identificare lautore
dellopera.
156

23

stilistica di Opicinus de Canistris sullanonimo autore trecentesco delle Honorantie. Lo


storico tedesco dichiarava di non propendere per questa interpretazione, poich non riusciva a
riscontrare una chiara eredit del De laudibus civitatis Papie nelle righe del prologo e
dellepilogo165. Detto questo, non si esprimeva per su una possibile identificazione
dellautore in questione, limitandosi a collocare la sua attivit nella prima met del XIV
secolo, invece che nella seconda.
Ledizione di Brhl e Violante tent, per prima, di dare una risposta pi precisa al problema
della possibile identit dei due (o pi) autori del documento. Nessuna novit rilevante venne
affermata per quanto riguarda lautore di proemio e epilogo delle Honorantie. Lanonimo
trecentista rimase tale; venne ribadita166 con decisione la sua probabile vicinanza per stile e
temi allopera di Opicinus de Canistris, al contrario di quanto aveva sostenuto cinquantanni
prima Hofmeister. Soffermatisi poi a considerare chi fosse lautore degli Instituta veri e
propri, ripresero lintuizione di Solmi in merito, cercando di chiarire i motivi che la rendevano
grandemente plausibile. Lidentificazione dello scrittore dei diciotto paragrafi con Gisulfus il
giovane derivava essenzialmente da una considerazione attenta del 18. Lacredine e lodio
personali, conditi da numerose ingiurie nei confronti di Giovanni Filagato e, di riflesso, verso
la greca Teofane, facevano propendere per un uomo direttamente coinvolto in quelle vicende
e a loro contemporaneo, sicuramente fiero oppositore della linea politica dellimperatrice e del
suo nuovo magister camere. Notevole era poi il richiamo allereditariet167 della carica di
capo della camera regis come un fatto perfettamente naturale, accenno del tutto ignorato dalla
ricerca fino ad allora. Il breve resoconto storico presente negli Instituta taceva inoltre
inspiegabilmente degli eventi compresi tra il 991 e il 1004 circa168. Questo periodo,
successivo alla morte dellimperatrice Teofane, aveva visto anche la fine della sua influenza
sullistituto pavese e la destituzione di Giovanni Filagato. Il redattore, in maniera molto
sospetta non ne parlava, passando subito a descrivere le dispersioni dei diritti della camera
compiute sotto il regno di Enrico II. La ricostruzione di Brhl e Violante, partendo da questi
indizi, poteva articolarsi credibilmente come segue169. Nel 991, alla morte di Teofane,
avrebbe preso il controllo dellamministrazione del palatium pavese limperatrice Adelaide170,
come reggente per il nipote Ottone III. Deposto dalla carica Giovanni Filagato, avrebbe in
165

A.Hofmeister, op.cit., p. 1448.


C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.77.
167
Cfr. 17 Honorantie.
168
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.74.
169
Ibidem
170
Treccani.it, Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 1 (1960), voce a cura di Girolamo Arnaldi,
http://www.treccani.it/enciclopedia/imperatrice-adelaide_(Dizionario_Biografico)/
166

24

seguito nominato magister camere proprio Gisulfus, da lei conosciuto probabilmente cinque
anni prima, segnando con questo gesto una netta cesura con loperato di chi laveva preceduta
e un ritorno ad uno stile tradizionale nella gestione degli introiti della camera regia. Lo stesso
Ottone III avrebbe riconfermato nella carica il figlio di Ayraldus, una volta divenuto
imperatore. La fortuna di Gisulfus si sarebbe bruscamente interrotta quando, nel 1002, decise
forse di schierarsi dalla parte di Arduino dIvrea171, eletto re dItalia in quellanno. Nel 1004,
con la discesa di Enrico II in Italia e la sconfitta di Arduino, il destino fu segnato anche per
Gisulfus: limperatore, inevitabilmente, lo priv della carica. Diventerebbe facile spiegare
quindi il silenzio dellautore sugli anni dal 991 al 1004, momento culminante della sua
carriera ma conclusisi in modo tanto umiliante e deludente da evitare qualunque tipo di
accenno. I paragrafi che potevano essere sicuramente assegnati per intero alla mano di
Gisulfus vennero quindi identificati con quelli dal quattordici al diciotto172. Gli ultimi due
( 17-18) furono visti come un allegato posteriore del redattore, ormai desideroso unicamente
di sfogarsi e calunniare, avendo compreso che per lui non vi erano pi concrete possibilit di
tornare a capo dellamministrazione pavese. Brhl e Violante, volgendo poi lo sguardo agli
altri tredici paragrafi, segnalarono numerosi interventi di rielaborazione sul testo173, secondo
la loro opinione da attribuire ancora a Gisulfus, che sarebbe stato quindi autore anche di una
redazione complessiva del documento intorno al 1020, oltre a colui che aveva scritto gli
ultimi cinque paragrafi degli Instituta nel corso dei venticinque anni precedenti174. Questa
vera e propria opera di revisione generale del memoratorium pi antico potrebbe aver dato al
documento le sembianze odierne, escluse naturalmente le aggiunte tarde di prologo ed
epilogo, qualche errore di copiatura e interpolazioni successive. Lopera di rielaborazione di
Gisulfus sui primi tredici paragrafi consistette principalmente in una costante sottolineatura
del ruolo centrale del magister camere e in un richiamo accorato alla tradizione onorevole
dellistituto della camera regia. Magni et honorabiles et multum divites175 sono infatti tutti i
mercanti pavesi, come anche nobiles et divites super omnes alios monetarios176 vengono
definiti da Gisulfus gli uomini a capo della zecca, per evidenziare il grande prestigio di Pavia
e del suo palatium.

171

Treccani.it, Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 4 (1962),voce a cura di Girolamo Arnaldi,
http://www.treccani.it/enciclopedia/re-d-italia-arduino_(Dizionario-Biografico)/
172
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p.82 e segg.
173
Ivi, pp. 17-27. A p.13 una legenda chiarisce, anche graficamente, le interpolazioni e le aggiunte di Gisulfus al
testo pi antico dei primi tredici paragrafi degli Instituta, che sono state trascritte in carattere piccolo.
174
Ibidem.
175
Ivi, p.19.
176
Ivi, p.21.

25

Per quanto riguarda la ricerca degli autori dei primi tredici paragrafi, invece quasi
impossibile anche solo abbozzare una risposta che vada oltre le congetture, proprio per la
natura composita e frammentaria di questi ultimi, di cui si gi parlato in precedenza177.Ogni
singolo paragrafo potrebbe dunque appartenere a pi mani del X secolo ed essere stato scritto
in momenti diversi per ragioni molto lontane tra loro.

1.4 Laus civitatis o resoconto oggettivo?


La complessa stratificazione delle Honorantie civitatis Papie e la loro natura composita hanno
fatto fiorire numerose interpretazioni sul senso complessivo da attribuire a questo peculiare
documento. La sovrapposizione di mani diverse, appartenenti a epoche lontane tra loro, rende
tuttavia inevitabilmente molto arduo ricondurre ad unit i molteplici punti di vista e
intendimenti dei due (o pi) redattori. Schematicamente si potrebbe affermare che, nellanalisi
del significato delle Honorantie, la ricerca abbia oscillato tra due posizioni. Da una parte si
tentato di sottolineare lattendibilit delle informazioni contenute negli Instituta e la loro
consonanza con i diplomi e le fonti coeve. Dallaltra si voluto richiamare lattenzione sul
carattere encomiastico che pervade tutta lopera, sulle numerose esagerazioni retoriche e sulla
dubbia affidabilit di quanto compare in quelle pagine.
Soriga, per primo, cerc di conciliare questi due diversi punti di vista. Ammise un senso
evidente di compiacimento civico178 in chi aveva scritto il documento ma escluse potesse
trattarsi di una falsificazione completa dei fatti dettata da vana boria municipale179.
Lelenco di prerogative regie gli pareva genuino e originale, solo in parte intaccato nella sua
oggettivit da aggiunte posteriori. Riscontrava piuttosto nelle Honorantie laffacciarsi di una
nascente coscienza civica cittadina, che si sarebbe dispiegata compiutamente solo in epoca
comunale.
Solmi tent di distinguere pi nettamente tra le Honorantie e gli Instituta. Mentre i primi
erano, a suo dire, indubbiamente impregnati di una volont celebrativa di Pavia e delle sue
glorie passate e potevano essere considerati come un esempio di laus civitatis trecentesca, i

177

Supra, p. 21.
R. Soriga, op.cit., p. 94.
179
Ivi, p.93.
178

26

secondi rappresentavano un elenco oggettivo di ben altra natura180. Questa convinzione spinse
lo storico del diritto, nelledizione da lui curata, ad accettare quasi parola per parola il testo
dei diciotto paragrafi centrali. Fu proprio la fiducia nella piena imparzialit degli Instituta che
gli consent addirittura di fare di questa fonte il perno attorno a cui ruotava la sua
ricostruzione dellamministrazione finanziaria del regno italico nel X e XI secolo181.
Torn sulla questione, anche se di sfuggita, Gina Fasoli, trattando di coscienza civica
cittadina. Nel suo intervento si mostr piuttosto riluttante ad accostare le Honorantie a quelle
che definiva senza dubbio laudes civitatum e non semplici descriptiones urbium182 quali ad
esempio il Versum de Mediolano civitate o il Versus de Verona183. Riteneva infatti che il testo
fornisse certamente notizie preziose184 sulla situazione economica di Pavia, ma rifiutava di
avvicinarlo ai componimenti sopra citati o di considerarlo emblema di una rinnovata
coscienza cittadina. Giustificava questa presa di posizione affermando che [il documento
delle] Honorantie civitatis Papie [] non celebra la citt in quanto tale, in quanto
organismo autonomo, ma quale centro amministrativo del regno185.
Brhl e Violante non dubitarono mai della natura encomiastica di prologo ed epilogo,
considerandoli sempre figli di un clima culturale ben preciso, risalente al XIV secolo. I temi
affrontati e lo spirito cittadino messo in mostra dallanonimo autore nel suo elogio di Pavia
sarebbero stati un mediocre tentativo di ripresa ed emulazione dei toni e dei contenuti del De
laudibus civitatis Papie186. Legittime perplessit potevano nascere invece sulla natura della
redazione finale degli Instituta da parte di Gisulfus intorno al 1020. chiaro infatti che non
possibile concordare con la posizione187 di Solmi, che vedeva nella stesura delle Honorantie
anche la prova di un rinnovato spirito civico e di un anelito indipendentista che pervadeva
tutta lItalia del Nord, precursore dellaspirazione alla libert comunale e addirittura teso a
ribellarsi contro il giogo di imperatori tedeschi e dunque percepiti come stranieri. Detto
questo per, la scrittura di Gisulfus va inserita in un contesto storico, quello di inizio XI
secolo, in cui effettivamente un fermento nuovo percorreva le citt italiane, una volont di
autonomia rispetto ad alcune imposizioni imperiali e linsofferenza verso un istituto percepito
180

Cfr. A. Solmi, Lamministrazione, cit., pp. 9-12.


Ivi, pp. VII-XI.
182
Gina Fasoli, La coscienza civica nelle laudes civitatum, in La coscienza civica nei comuni italiani del
Duecento (11-14 ottobre 1970), Todi, Centro di studi sulla spiritualit medievale, 1972, pp. 12-13.
183
Cfr. Giovanni Battista Pighi, Versus de Verona: versum de Mediolano civitate / Edizione critica e commento
a cura di Giovanni Battista Pighi, Bologna, N.Zanichelli, 1960.
184
G.Fasoli, La coscienza civica, cit., p. 28.
185
Ibidem.
186
Cfr. supra p. 23.
187
A.Solmi, Lamministrazione cit., p. 187 e segg.
181

27

come distante montavano. I ripetuti accenni che Brhl e Violante rivolgono alla profonda
pavesit del magister camere sottolineano anche questo atteggiamento di orgoglio politico
mercantile ed istituzionale188 che traspare dal vivo rimpianto delle sue parole ed
innegabile. Nella redazione finale Gisulfus dunque, rimaneggiando un memoratorium in gran
parte oggettivo, finisce per dar voce a diversi motivi tipici delle successive laudes civitatum di
epoca comunale.
Proprio queste curiose assonanze furono indagate pi attentamente da Capitani, che si smarc
dalla posizione dubbiosa di Fasoli, sostenendo con chiarezza che le Honorantie civitatis
Papie, pur nella loro complessit e peculiarit, potevano essere considerate pervase di intenti
elogiativi nei confronti di Pavia stessa189. Richiamando lattenzione sul contesto fortemente
antagonista in cui nascevano queste laudes e al loro carattere tuttaltro che locale, cerc di
mostrare come numerosi motivi di polemica antimilanese da parte di Pavia nel Trecento,
fossero gi presenti in nuce negli Instituta e si qualificassero come conservazione di una
memoria storica ben pi remota190. A conferma di una spiccata dimensione conflittuale tra le
citt cerano le ripetute affermazioni di superiorit di Pavia contenute nelle Honorantie; per
quel che riguarda la consapevolezza del prestigio della propria citt, illuminante era il
miscuglio di memoria storica altomedievale, sacralit, ruolo dei vescovi e legame privilegiato
con Roma che si intreccia di continuo nel documento. Fondamentale, nella costruzione di
unidentit cittadina e per gli stilemi delle composizioni elogiative di Pavia era lonnipresente
antitesi a Milano, gi riscontrabile sullo sfondo negli Instituta, secondo Capitani. Questa
verve fortemente polemica si percepiva, a suo dire, in maniera esemplare nel paragrafo ottavo,
dedicato ai monetieri milanesi, puniti, nel caso fossero falsari, pi duramente dei corrispettivi
pavesi191. Considerando leterogeneit e complessit delle Honorantie civitatis Papie si pu
dire che una risposta alla domanda che d il titolo a questo paragrafo non possibile. La
grande stratificazione cronologica presente nel testo e la sua natura composita rendono questa
domanda troppo generica e destinata a rimanere inevasa. Se su proemio ed epilogo si possono
probabilmente avere meno incertezze nellavvicinarli ad un componimento elogiativo del XIV
secolo sui toni di una laus civitatis, affrontando lo studio degli Instituta una strada proficua

188

Ovidio Capitani, Limmagine urbana nelle fonti narrative altomedievali, in Francesca Bocchi, Rosa Smurra
(a cura di), Imago urbis: limmagine della citt nella storia dItalia, atti del Convegno internazionale (Bologna
5-7 settembre 2001), Roma, Viella, 2003, p.252.
189
Ibidem.
190
Ibidem
191
Ivi, p. 255. Questa argomentazione non sembra per cos efficace, dal momento che la pena dellamputazione
della mano destra, unitamente alla confisca dei beni, negli Instituta prevista oltre che per i falsari milanesi
anche per quelli pavesi. Cfr. C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 21 7-8.

28

stata tracciata da Capitani. Senza tentare di rispondere in maniera definitiva, si pu provare a


indagare le pieghe del testo pi antico, cercandovi anticipazioni, stile e contenuti di opere
successive.

1.5 Il dibattito storiografico


Giovanni Vidari, nel 1891192, fu il primo a pubblicare il testo delle Honorantie civitatis
Papie, riscoperte poco prima dal loro proprietario, il conte Luchino dal Verme, nellarchivio
di famiglia. Il documento speriment una ricezione piuttosto distratta tra i medievisti
dellepoca, anche in ambito pavese. Bisogn infatti attendere circa quarantanni prima che
venisse pubblicata unedizione193 critica sulla fonte, che provava a studiarla in profondit e
senza conclusioni superficiali. Limportanza del testo delle Honorantie fu quindi sottovalutata
grandemente, tanto che lo si trova citato solo timidamente tra gli storici nei primi anni del XX
secolo194.
A porre rimedio a questoblio provvide Solmi che, forse per rimediare alla sua iniziale
colpevole disattenzione nei confronti degli Instituta, pens di vedere in tale documento un
contributo unico per comprendere non solo gli introiti della Camera regis a cavallo tra X e XI
secolo, ma anche lintero ordinamento amministrativo del regno a quel tempo e persino nei
secoli precedenti. Lo storico pavese era fermamente convinto della persistenza di fondo del
diritto, delle istituzioni finanziarie, economiche e politiche nelle forme antiche, dalla caduta
dellImpero romano fino [al] sorgere dei Comuni; [] [quando] sono gi accese le fiaccole
della civilt nuova195. Pensava quindi alle Honorantie come la prova pi esplicita e chiara di
questa teoria della continuit. Solmi sminuiva di conseguenza la frattura causata dalle
invasioni barbariche in tutti questi campi, affermando che non avevano intaccato il loro
profondo funzionamento, che era riuscito a resistere immutato. Si spingeva a dire, con
disinvoltura, che lordinamento carolingio [] non che una continuazione [] delle
istituzioni longobarde e queste non sono alla loro volta che [] una continuazione delle
192

Giovanni Vidari, Frammenti cronistorici dellagro ticinese, Pavia, Fusi, 1891, 4 voll., pp. 318-323 e 399-405.
A. Solmi, Lamministrazione cit. Pi di quarantanni in effetti passarono tra la riscoperta di Vidari del 1891 e
la prima compiuta edizione delle Honorantie curata da Solmi nel 1932.
194
Cfr. Bollettino della societ pavese di storia patria (1901-1936). Consultabile online allindirizzo
http://emeroteca.braidense.it/eva/indice_volumi.php?IDTestata=87&CodScheda=181 (ultima consultazione
2/8/2014). Sporadiche le menzioni delle Honorantie, ad esempio nel volume quarto (1904) e nel settimo (1907).
195
A. Solmi, Lamministrazione cit., p. X.
193

29

istituzioni dei tempi della decadenza romana196. A questa sua convinzione incrollabile si
affiancava lidea anacronistica di unidentit nazionale in via di definizione nellItalia del
tempo, che lo conduceva ad immaginare re nazionali come Arduino opposti a dominatori
tedeschi come Enrico II. Le Honorantie, in questa cornice interpretativa, sarebbero state la
dimostrazione della persistenza della antica civilt fondat[a] da Roma197, e al contempo,
una delle prime avvisaglie di un montante spirito di indipendenza italiano dal giogo degli
imperatori stranieri.
A partire da Solmi si accese dunque un lungo dibattito sulla possibilit di utilizzare le
Honorantie come un documento che illuminava non solo alcuni aspetti della vita economica
nel X e XI secolo ma come un vero e proprio paradigma generale per affrontare lo studio di
epoche anche molto precedenti, almeno fino a quella longobarda. Lattenzione, in
questoperazione, si concentr specialmente sui paragrafi dal sette al tredici, che vertono
sullorganizzazione dei ministeria e delle arti. Si prestavano infatti pi facilmente a
controversie interpretative rispetto ai paragrafi precedenti, dalla cronologia meno discutibile.
Si spiega dunque agevolmente la presa di posizione di Leicht, che inclina con decisione verso
la tesi della continuit, anche se in maniera pi moderata di Solmi. Lo storico veneziano,
prestando particolare attenzione al linguaggio delle due fonti, accosta senza problemi le
Honorantie al Capitulare de villis198e sostiene con chiarezza unorigine franca
dellordinamento descritto199 nel documento pavese. Nella sua tesi gli Instituta
affonderebbero le loro radici nella riorganizzazione economica operata dai carolingi200 anche
se non sarebbe da escludersi qualche affinit con lorganizzazione in officia dei tempi
longobardi201. Monti, rifiutando un utilizzo disinvolto delle Honorantie per periodi storici
molto precedenti, si oppose alle teorie di Leicht, sottolineando come gli Instituta non
potessero essere usati per avvalorare ipotesi di continuit tra le arti. Volle poi rimarcare la
vicinanza del testo pavese ad un istituto certamente barbarico quale la Regalia202. Pose
laccento su questo aspetto anche Mor, che vedeva le Honorantie come una fonte preziosa
nel ristretto campo regalistico, come espressione di interessi statuali, e quindi
esclusivamente limitat[e] ad essi203. Lo stesso Cinzio Violante partecip al dibattito quando,

196

Ivi, pp. IX-X.


Ibidem
198
Pier Silverio Leicht, Corporazioni romane e arti medievali, Torino, Einaudi, 1937, p. 102.
199
Ibidem.
200
Ivi, pp. 100-103.
201
Ibidem.
202
G.M. Monti, op.cit., p. 176.
203
C.G. Mor, op.cit., p. 204.
197

30

pur con motivazioni diverse, ripropose per i ministeria delle Honorantie una cronologia molto
antica, simile a quella individuata a suo tempo da Leicht. Il momento della loro nascita era
posto nella prima met del IX secolo per il fatto che in tale periodo erano pi vive quelle
esigenze che le determinarono204.
Queste dispute ovviamente non avevano niente a che fare con la datazione dellopera ma
mostravano chiaramente i diversi atteggiamenti di fronte allutilizzo di una fonte controversa
come le Honorantie. Alcuni, pi ottimisticamente, la reputavano un testo dimportanza
straordinaria per illuminare lordinamento economico italiano tra VI e XI secolo; altri, pi
diffidenti, ne ridimensionavano limportanza o cercavano perlomeno di circoscriverne la
portata temporale.
Consapevoli di questi opposti posizionamenti della ricerca, Brhl e Violante tentarono di
specificare meglio il ruolo degli Instituta regalia e la loro rilevanza nel panorama
storiografico. Inizialmente si scagliarono contro le conclusioni semplicistiche della
storiografia precedente, che aveva cercato di spiegare le Honorantie appoggiandosi ad
argomentazioni rigidamente monocausali. La variet di temi trattati nei diciotto paragrafi non
riusciva ad essere inquadrata da una teoria che cercasse di ricondurre i motivi redazionali e i
contenuti ad una sola chiave di lettura, quale che fosse205. Altrettanto inammissibile, dal punto
di vista metodologico, era lo sfruttamento degli Instituta come perno per investigare epoche
cronologiche lontane dal periodo a cavallo tra X e XI secolo206: i riferimenti ai longobardi, ai
carolingi o addirittura alla tarda antichit erano ritenuti irrimediabilmente fuorvianti.
Ammisero invece la possibilit di un proficuo confronto tra la maggior parte dei paragrafi
delle Honorantie e le determinazioni degli iura regalia contenute nel diploma di Federico I a
Roncaglia, seguendo la strada gi tracciata da Monti207.Le affinit in merito, tra i due
documenti, sono in effetti notevoli208. Per quanto fosse attraente questa corrispondenza, Brhl
e Violante tuttavia si discostarono dalla posizione di Monti, che aveva adombrato
uninterpretazione degli Instituta come puro e semplice elenco di regale209.Nella loro analisi
infatti, il documento presentava certamente un buon numero di paragrafi nati forse come
memoratorium di iura regalia, ma in definitiva appariva come una raccolta eterogenea,

204

C. Violante, op.cit., p. 76.


C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 89.
206
Ibidem.
207
Cfr. supra, nota 202.
208
C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 89. In effetti a Roncaglia si parla, tra le altre, di vie publice, flumina
navigabilia, ripatica, vectigalia que vulgo dicuntur thelonea, monete, navium prestationes, argentarie,
piscationum redditus. Non difficile un paragone con i paragrafi 1, 4, 5, 6, 7-8, 9, 10, 12 delle Honorantie.
209
G.M. Monti, op.cit., pp. 175-176.
205

31

costituita anche da copie di contratti, concessioni di monopolio, entrate della camera regia e
addirittura da un caso particolare di diritto privato ( 14), redatta in questa forma quasi
sicuramente da Gisulfus210.Le Honorantie erano dunque una fonte del tardo X secolo,
peculiare nel suo genere e difficilmente paragonabile ad altre. Era proprio questa sua
eccentricit rispetto al patrimonio documentale conosciuto, secondo Brhl e Violante, a
renderla un documento sui generis211, assolutamente indispensabile e ricco di notizie
preziose per lo studio dellamministrazione del regno italico tra primo e secondo millennio.
Una fonte unica, non solo per lItalia ma anche per tutto lOccidente212.

210

C.Brhl e C.Violante, op.cit., p. 89.


Ibidem.
212
Ibidem.
211

32

Rilievi critici per una riflessione sulle corporazioni altomedievali


2.1 Breve storia degli studi sulle associazioni professionali (VI-XI secolo)
Linteresse per le corporazioni in et altomedievale stato intermittente tra gli storici. Per
guardare solo agli ultimi centanni circa si sono succeduti momenti di grande attenzione a
questo tema, seguiti da periodi di disinteresse conclamato. In definitiva si tratta di un ambito
di studi tuttaltro che intentato ma soggetto, pi di altri, ad alterne fortune213.Non
possibile dunque parlare di dimenticanza tout court per questo settore di ricerca, ma
indubbio che gli studi sulle associazioni professionali siano scarsamente frequentati, talvolta
giudicati addirittura banali, scontati, non fondamentali per una pi approfondita conoscenza
della realt medievale214.A rendere ancora meno attraente lo studio dellorganizzazione del
lavoro nellalto medioevo concorre anche una documentazione, per questo periodo, molto
scarsa rispetto ai secoli seguenti215.Da ultimo gli orientamenti della storiografia
contemporanea si sono sempre pi discostati da puntuali indagini sulle corporazioni, a favore
di altri indirizzi di studio, forse percependo le associazioni artigiane come un tema []
vecchio, noioso, vagamente folkloristico, fortemente datato [] [inadatto] a comprendere le
problematiche di punta della ricerca contemporanea216.
Se allo stato attuale linteresse per questi argomenti marginale, nel secolo passato si possono
individuare invece due grandi periodi di ricerche sulle corporazioni di mestieri tra VI e XI
secolo: una prima fase a cavallo tra diciannovesimo e ventesimo secolo217, seguita da un
secondo ciclo, negli anni Trenta. Indiscussa prevalenza ebbero in questo campo di studi gli
storici del diritto, in entrambe le finestre temporali. Questa preminenza, se da un lato
contribu a mantenere la storia delle associazioni professionali nellorizzonte degli interessi
dei medievisti, tuttavia dallaltro condusse spesso il dibattito a fossilizzarsi sulla ricerca
dellorigine del fenomeno corporativo o di una continuit tra collegia tardo antichi e
corporazioni di et comunale, inaridendo altre possibilit di indagine218.
Una prima stagione di vivace interesse si apr intorno al 1890, per concludersi a ridosso della
prima guerra mondiale. Pur diverse per impostazione metodologica, la maggioranza delle
213

Roberto Greci, Corporazioni e mondo del lavoro nellItalia padana medievale, Bologna, CLUEB, 1988, p.8.
Ivi, p.7.
215
Idem, Le corporazioni. Associazioni di mestiere nellItalia del Medioevo, in Storia e Dossier, 99, Firenze,
Giunti, 1995, p. 72.
216
Idem, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, in Corporazioni e mondo del
lavoro nellItalia padana medievale, a cura di Roberto Greci, Bologna, CLUEB, 1988, p.11.
217
S. Maggio, op.cit., p. 9.
218
R. Greci, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, cit., p. 15.
214

33

opere sullargomento nasceva da ragioni di natura extrascientifica e collegat[e] ad episodi


contemporanei di natura pi propriamente politica219. chiaro infatti che il movimento di
organizzazione delle masse lavoratrici, consolidatosi in quegli anni con la nascita e il
proliferare di leghe operaie e federazioni di categoria fornisse un motivo pi che sufficiente a
destare tra gli storici linteresse per le corporazioni, anche altomedievali220.Sempre in questo
periodo, e precisamente nel 1891, venne promulgata da Leone XIII lenciclica Rerum
Novarum, in cui pur non fornendo soluzioni nette e precise riguardo la natura delle
corporazioni da istituire, il Papa ne prospettava tuttavia la formazione, per risolvere i
problemi del mondo del lavoro. Ulteriori coincidenze cronologiche favorirono un rinnovato
interesse critico nei confronti dellassociazionismo medievale. Sempre nel 1891 infatti
Giovanni Vidari221 pubblic il testo delle Honorantie civitatis Papie che, pur essendo una
fonte preziosa per lo studio del tema corporativo, durante questo primo ciclo di ricerche fu
per sostanzialmente ignorata, anche da storici di area pavese come Solmi. Due anni dopo
veniva pubblicata la prima edizione222 del Libro delleparca, il codice pi importante per lo
studio delle corporazioni nellImpero bizantino223.
Con un approccio specialistico e concentrato in maniera preponderante sulle origini del
fenomeno, furono soprattutto storici del diritto e delleconomia, in questo ventennio, ad
occuparsi di associazionismo medievale. Tra tutti, per quel che ci interessa in questo breve
resoconto naturalmente spicca Solmi, che gi nel 1898224 si occup del problema della
continuit tra le arti romane e altomedievali. Parallelamente, con interessi meno scientifici225
ma una grande attenzione allistituto delle corporazioni medievali, anche il mondo cattolico si
interess alla questione, piegando spesso lindagine storica a strumento di consenso226 per
fini politici e idealizzando loggetto di studio fino a farne un modello positivo anche per il
presente227. Sulla Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie, sotto il
magistero di Giuseppe Toniolo, si concentrarono i contributi pi rilevanti. Intorno al 1915
219

Ivi, p. 20.
S. Maggio, op.cit., pp. 10-12.
221
Cfr. nota 192.
222
Jules Nicole, Le livre du Prfet ou lEdit de lEmpereur Leon le Sage sur les corporations de Costantinople,
Genve, Georg & C., 1893.
223
Leonardo Daniele, Brevi note introduttive circa lEparcik n Biblion (Libro dellEparca) quale prodromo
di un Code du Commerce nellImpero Romano dOriente, in Iura Orientalia, Rassegna online di Diritti
Orientali Antichi e Moderni, anno II, 2006, http://www.iuraorientalia.net/IO/IO_02_2006/II_01_daniele.pdf
(ultima consultazione 18/08/2014), p.13.
224
Arrigo Solmi, Le associazioni in Italia avanti le origini del comune: saggio di storia economica e giuridica,
Modena, Antica tipografia Soliani, 1898.
225
R. Greci, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, cit., pp. 18-19.
226
Ibidem, p.19.
227
Ivi, p.16.
220

34

andava scemando lattenzione per le corporazioni altomedievali. Si era verificato sicuramente


nella comunit scientifica un consolidamento di interesse228 per largomento, ma
labbandono repentino delle tematiche segnalava anche una scarsa efficacia delle ricerche
tentate fino ad allora nel chiarire la realt economica e sociale dellEt di mezzo. Quando
ormai gi si stava spegnendo leco dei dibattiti sul corporativismo medievale, intervenne nel
1919 Ugo Monneret De Villard a fornire nuovi spunti di riflessione, con un saggio che gi dal
titolo229 rifiutava una tesi esclusivamente curtense per leconomia altomedievale e garantiva
nuova linfa alla querelle sulla continuit o meno delle associazioni.
Dopo un decennio circa di oblio fu Solmi a rilanciare il discorso, con un intervento230 in cui
prendeva le distanze dallimpostazione dei suoi precedenti lavori. Ancor pi che in passato,
questo secondo ciclo di studi rifioriva principalmente per interessi ideologici pi che
strettamente scientifici. Le esperienze corporativiste fasciste sperimentate negli anni Trenta
favorirono, comera prevedibile, una strumentalizzazione o quantomeno una gonfiatura di
molti problemi231. Le necessit politiche interne al fascismo privilegiarono poi
indubbiamente alcuni indirizzi di ricerca rispetto ad altri232. Sono gli stessi storici di quegli
anni a confermare questipotesi, ammettendo che la rinnovata attenzione alle questioni
associative deriva da contingenze storiche recenti. il caso, ad esempio, di Pier Silverio
Leicht che nella prefazione di un suo volume del 1937 dice: Limportanza assunta, nei nostri
tempi, dalle unioni sindacali di datori e prenditori di lavoro [] ha richiamato vivamente
lattenzione generale sui precedenti storici di tali istituti233. In questi anni il dibattito sulle
corporazioni torn al centro dellattenzione dei medievisti e degli storici del diritto,
alimentato anche da accese dispute sulle Honorantie, ora considerate universalmente una
fonte di prima importanza per le questioni economiche dellalto Medioevo, dopo la nuova
edizione curata da Solmi. Studiosi come Carli, Monti, Leicht, Arias e Solmi si distinsero su
questi argomenti di ricerca in quel periodo, dando vita ad accesi dibattiti che fatalmente
convergevano sempre sul problema dellorigine di tali istituti.
228

Ivi, p. 22.
Ugo Monneret De Villard, Lorganizzazione industriale dellItalia longobarda nellalto medio evo, in
Archivio storico lombardo, Milano, XLVI (1919), pp. 1-83.
230
Arrigo Solmi, Le corporazioni romane nelle citt dellItalia superiore nellAlto Medioevo,in Studi in onore
di Pietro Bonfante nel quarantesimo anno dinsegnamento, vol.IV, Milano, Treves, 1930, pp. 355-375. Questo
breve saggio venne inserito, senza modifiche sostanziali, come capitolo VIII del successivo scritto di Solmi,
Lamministrazione finanziaria del Regno italico nellAlto Medio evo, cit.
231
R. Greci, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, cit., p. 30.
232
Naturalmente il fascismo si schierava per una continuit delle corporazioni dal Basso Impero fino allet
comunale e inclinava verso un approfondimento del rapporto tra queste e lentit statale. Cfr. R. Greci, Un
ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, cit., pp. 29-31.
233
P.S. Leicht, Corporazioni romane e arti medievali, cit., p.9.
229

35

Dopo la guerra la situazione mut radicalmente. Il problema storiografico sulle associazioni


di lavoratori venne ritenuto troppo strettamente legato ai condizionamenti del regime e la
materia percepita come poco interessante. Si inquadra in questo contesto di rigetto il giudizio
di Gabriele Pepe sui medievisti della generazione precedente, definiti piccolissimi uomini,
che gonfiarono un problema storiografico di una assai mediocre importanza234. Non
mancarono mai del tutto, anche in quegli anni, contributi rilevanti per gli ambiti di studio che
qui ci interessano. Un nome che pu essere ricordato, ad esempio, quello di Lopez235, che si
occup approfonditamente dellassociazione dei monetieri nel Medioevo, senza suscitare una
grande eco. Negli anni seguenti anche Cinzio Violante, tra gli altri, fu impegnato nello studio
delle associazioni di lavoratori. Tuttavia, escluse eccezioni tutto sommato sporadiche, il
discorso sulle corporazioni nei primi secoli del Medioevo cadde in un profondo silenzio236
che dur per almeno un trentennio. A partire dagli anni Settanta237 si verificata una timida
riscoperta di questi temi, basata su approcci metodologici molto diversi rispetto a quanto era
avvenuto in passato. Abbandonate le velleit teoriche238 e ridimensionata grandemente
limportanza del dibattito tra sostenitori e avversatori della continuit tra mondo antico e
epoca medievale per quanto riguarda le associazioni di lavoratori, il tema venne trattato
sempre meno dagli storici del diritto e delleconomia, prestandosi ad indagini pi
specialistiche e limitate nel tempo e nello spazio; emerse con chiarezza la natura molteplice
degli approcci possibili allo studio delle corporazioni, campo dinteresse di frontiera, dove
convergono molte e complesse questioni, certamente non soltanto quelle economiche o
giuridiche239. In questo rinnovato panorama240 procedono gli studi degli ultimi anni, con
particolare attenzione allutilizzo di fonti non normative, alla ricerca di nuove chiavi di lettura

234

Cos riportato in Luigi De Rosa, Ventanni di storiografia economica italiana (1945-1965), in La


storiografia italiana negli ultimi ventanni, atti del I Congresso nazionale di scienze storiche, Perugia, (9-13
Ottobre 1967), Milano, 1970, p.878.
235
Roberto Sabatino Lopez, Continuit e adattamento nel medio evo: Un millennio di storia delle associazioni di
monetieri nellEuropa meridionale, in Studi in onore di Gino Luzzatto, vol.I Milano, Giuffr, 1949-1950.
236
Antonio Ivan Pini, Citt, comuni e corporazioni nel Medioevo italiano, Bologna, CLUEB, 1986, p.226.
237
Indicativi di una rinnovata attenzione verso questi indirizzi di ricerca a partire dagli anni Settanta sono ad
esempio gli atti della XVIII Settimana di studio del CISAM, Artigianato e tecnica nella societ dellalto
medioevo occidentale, cit., pubblicati nel 1971. Appartengono a questi atti i due saggi sulle corporazioni, di Mor
e Cracco Ruggini, gi citati in precedenza.
238
R. Greci, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, in Corporazioni e mondo del
lavoro nellItalia padana medievale, cit., p. 36.
239
In merito a queste considerazioni cfr. Ivi, pp. 36-38.
240
Per una breve bibliografia aggiornata degli studi sullassociazionismo medievale, anche in epoca comunale,
cfr. Denise Bezzina, Organizzazione corporativa e artigiani nellItalia medievale, in Reti Medievali Rivista,
anno 14, numero 1, (2013), consultabile online (ultima consultazione 2/9/2014), allindirizzo
http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/view/391/515.

36

ormai completamente svincolate da vecchie ideologie storiografiche, e allo stretto


collegamento del tema con la storia politica e urbana medievale241.

2.2 Officia e ministeria nelle Honorantie civitatis Papie


Nella grande eterogeneit delle Honorantie civitatis Papie possibile individuare con buona
approssimazione alcuni nuclei tematici, relativamente coesi e coerenti. I paragrafi dal sette al
tredici242 forniscono un esempio chiaro a riguardo, dal momento che vertono tutti, a vario
titolo, sullorganizzazione dei ministeria, parola che si incontra molto di frequente nel testo
della fonte e perfino nellintitulatio243.Sembra evidente che con questa espressione nel
documento vengano designate delle associazioni di lavoratori impegnati in attivit artigianali
o ad esse affini. Infatti, lasciando da parte il particolare caso dei monetieri pavesi e milanesi, il
testo elenca successivamente collegia di raccoglitori di pagliuzze doro, pescatori, conciatori
di pelli, barcaioli e fabbricanti di sapone. Al vertice di alcuni ministeria stanno uno o pi
uomini, responsabili dellattivit artigianale e della supervisione sul lavoro e sui lavoratori,
chiamati magistri. Ben nove sono a capo dei monetieri pavesi, quattro per quelli milanesi, due
per i barcaioli, uno per i pescatori, nessuno invece per i cercatori doro, i cuoiai e i saponai.
Tutti i ministeria sono poi accomunati ulteriormente dallobbligo di un versamento, in denaro
o in natura, alla camera regia di Pavia. Questo tributo giustifica la possibilit degli iscritti
allassociazione di esercitare la professione in regime di monopolio244. Definito gi da Solmi
una delle parti di maggior rilievo del testo245, questo breve elenco di associazioni di
mestiere ha dato vita, specialmente negli anni Trenta, a un vivace dibattito. Numerose furono
le domande a cui si cerc di dare risposta, utilizzando i paragrafi dal sette al tredici delle
Honorantie civitatis Papie come fondamentale punto dappoggio a sostegno di molteplici
teorie. Si prov a comprendere perch fossero enumerate proprio queste associazioni e non
altre, quali caratteristiche e finalit avessero allinterno del panorama economico di fine X
secolo e le possibili affinit con esperienze corporative di et comunale oppure con altre ad
esse contemporanee ma distanti geograficamente.
241

Cfr. R. Greci, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, cit., pp. 40-43.
Questa partizione per nuclei tematici appartiene a C. Brhl e C. Violante, op.cit.
243
Cfr. nota 123.
244
C. Violante, La societ milanese nellet precomunale, cit., p. 67.
245
A. Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p. 139.
242

37

Solmi riteneva che i ministeria nominati nelle Honorantie avessero resistito alla caduta
dellImpero romano. Il motivo di questa sopravvivenza era dovuto principalmente alla loro
utilit per la vita materiale quotidiana della citt e alla loro importanza per la fiscalit della
capitale del Regno246. Correggendo il tiro rispetto ai suoi primi lavori247, lo storico pavese
rivalutava, dopo unattenta riflessione sul significato delle Honorantie, anche il sistema
delleconomia urbana, rimasto saldo in Italia248, nettamente distinto dal sistema curtense.
Sullo sfondo di questo ragionamento cera sempre la ferma convinzione di Solmi, che
postulava uno strettissimo legame tra lautorit pubblica cittadina e lordinamento dei corpora
di artigiani e lavoratori. Lo storico del diritto non trascurava di riconoscere che anche la
posizione di preminenza politica ed economica di Pavia nei secoli precedenti aveva potuto
avere un peso nella conservazione di tali associazioni di mestieri, bruscamente scomparse,
forse, in altre citt del Nord Italia che erano state sottoposte al dominio longobardo249. Il ruolo
di capitale del regno e di importante centro economico e commerciale che Pavia ricopriva
avrebbe reso possibile la preservazione di associazioni corporative.
Regime di monopolio per le arti di pubblica utilit, notevoli diritti di intervento statale250,
completa dipendenza dei mestieri al fisco regio e nomina diretta dei magistri a capo dellarte
da parte di rappresentanti dello Stato251 erano le caratteristiche comuni al sistema
corporativo descritto nelle Honorantie secondo Solmi. Lorganizzazione dei ministeria pavesi
a cavallo tra X e XI secolo era avvicinata senza troppe titubanze a quella tratteggiata, nel
Libro delleparca, per lImpero Bizantino252. Pur non esprimendosi in maniera definitiva su
questo argomento, sembra che Solmi riconosca alle associazioni descritte negli Instituta una
componente notevole di libert, per quanto riguarda il diritto ad associarsi da parte degli
artigiani che ne fanno parte e alla loro stessa organizzazione interna253. Rifacendosi poi agli
studi di Monneret De Villard254, Solmi vedeva nellofficina altomedievale il vero trait
dunion tra i collegia del basso Impero e quelli che si sviluppano nei secoli dopo la calata dei
longobardi. Sarebbe stato infatti nellofficina, a suo dire, che il patrimonio di conoscenze
artigiane e le regole dellarte furono tramandate, fino a favorire un rinnovato spirito
246

Ivi, p. 145.
Cfr. soprattutto A. Solmi, Le associazioni in Italia avanti le origini del comune: saggio di storia economica e
giuridica, cit.
248
A. Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p. 147.
249
Ivi, pp. 147-149.
250
Ivi, p. 154.
251
Ivi p. 157.
252
Ibidem.
253
Cfr. Ivi, pp.163-164. A p. 164 si parla chiaramente di organizzazione libera dei mestieri.
254
U. Monneret De Villard, Lorganizzazione industriale dellItalia longobarda nellalto medio evo, cit.
247

38

improntato allassociazionismo255.
Monti avvers con chiarezza le conclusioni di Solmi; riteneva che non fosse convincente
spiegare la menzione di quelle specifiche arti negli Instituta affermando che si trattasse dei
ministeria pi indispensabili alla vita materiale e al sostentamento della citt. Come faceva
notare, nellelenco delle Honorantie mancavano del resto mestieri fondamentali come quello
del panettiere, del beccaio o del muratore mentre compariva lassociazione di lavatores auri,
difficilmente considerabile di pubblica utilit256. Non erano stati dunque i bisogni cittadini a
determinare la preservazione di tali corporazioni ma la loro relazione con i diritti statali, o,
meglio, con le regalie257. Quelli nominati negli Instituta sarebbero quindi artigiani addetti a
professioni in regime di monopolio regio, non importa se socialmente o economicamente
necessarie alla vita della citt. Il loro stretto legame con il palatium era dettato da motivi
puramente giuridici; secondo Monti erano infatti assimilabili quasi a officiali regi258 che
avevano ricevuto in concessione lesercizio di alcune specifiche regale. Viste queste
premesse, secondo lo storico del diritto tutti gli artigiani che ne facevano parte erano di
condizione libera; seccamente negata era invece lereditariet generazionale, trasmessa di
padre in figlio, per quanto riguarda lobbligo di appartenenza allassociazione di lavoratori.
Dati questi presupposti, le conclusioni che Monti traeva dai paragrafi in questione erano
improntate a grande prudenza nellinterpretare con troppa disinvoltura lorganizzazione dei
mestieri che traspariva dalle Honorantie. Lelenco dei ministeria ivi contenuto era da
considerare come un caso particolare e specifico di regolamentazione di organizzazioni
speciali statali monopolistiche259. Non si poteva assolutamente utilizzare la nostra fonte per
chiarirsi le idee sulla composizione delle arti di fine X secolo, n si poteva affermare che vi si
parlasse di vere e proprie corporazioni260.
Di diversa opinione si mostr Pier Silverio Leicht, che nel corso dei suoi studi torn spesso ad
affrontare il problema dei ministeria presenti nelle Honorantie. Partendo da un riscontro
linguistico egli notava infatti una profonda somiglianza nel modo in cui venivano denominate
le associazioni di lavoratori negli Instituta e nei territori doltralpe, specialmente in Francia
settentrionale e nella valle del Reno261; ricorreva anche qui di frequente il termine
ministerium, onnipresente nelle Honorantie. Nonostante questa coincidenza terminologica
255

A. Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., p. 164.
G. M. Monti, Le corporazioni nellevo antico e nell alto medioevo, cit., pp. 173-174.
257
Ibidem, p. 174.
258
Ivi, p. 176.
259
Ivi, p. 177.
260
Ibidem.
261
P.S. Leicht, Corporazioni romane e arti medievali, cit., p. 96.
256

39

per, tra le due aree geografiche, nellutilizzo di questa espressione non cera
contemporaneit cronologica, dal momento che le attestazioni pi antiche di officia e
ministeria oltralpe erano posteriori di almeno un secolo rispetto alla cronologia comunemente
accettata per la prima stesura degli Instituta pavesi (seconda met del X secolo)262. Reputando
tuttavia questa sfasatura temporale addebitabile semplicemente ad una carenza documentale,
Leicht port alle estreme conclusioni queste deduzioni, arrivando ad affermare che
lordinamento delle arti descritto nelle Honorantie, avvicinabile a quello dei territori
dellEuropa settentrionale, doveva essere nato in un periodo in cui tutti quei territori erano
ancora uniti politicamente: precisamente nellultima et carolingia, alla fine del IX secolo263.
Era dunque stata una riforma imperiale ad istituire tali corporazioni, sotto la chiara influenza
bizantina264 e rielaborando forse precedenti esperienze longobarde in pianura padana265.
Questa netta presa di posizione lo conduceva sino a negare ogni patente di eccezionalit
allorganizzazione professionale contenuta nelle Honorantie. Lelenco di arti dei paragrafi dal
sette al tredici sarebbe stato comune in molte altre citt franche del tempo266 e anche
nellItalia settentrionale (Parma, Reggio, Verona, successivamente Bologna)267. Per Leicht gli
Instituta non ricordavano tutti i ministeria presenti nella capitale del regno ma solo alcuni,
visto che indubbiamente il loro numero complessivo era molto superiore. Quelli menzionati
nel memoratorium pavese sarebbero solamente i collegia pi strettamente legati, dal punto di
vista finanziario, alla camera regia, mentre molti altri stavano alle dipendenze daltra
autorit268.
Cinzio Violante inser le sue riflessioni sui ministeria pavesi allinterno di una ricostruzione
storico-economica ambiziosa, che mirava a correggere la negativa communis opinio sulla
presenza e vivacit dei commerci alla fine dellalto Medioevo. Lo storico pugliese delineava,
per il X e XI secolo, un costante sforzo di riorganizzazione delle professioni artigiane e dei
commercianti e un loro raccogliersi intorno al palatium, al fine di meglio garantire la
continuit dei traffici e lapprovvigionamento urbano in un periodo di grandi cambiamenti269.
262

Ibidem.
Ibidem.
264
Pier Silverio Leicht, Ricerche sulle corporazioni professionali in Italia dal secolo V all XI, in Pier Silverio
Leicht Scritti vari di storia del diritto italiano, vol. I, Milano, Giuffr, 1943-1948, p. 370.
265
Ivi, pp. 370-371.
266
Pier Silverio Leicht, Operai, artigiani, agricoltori in Italia dal secolo VI al XVI, Milano, Giuffr, 1959, pp.
48-49.
267
Idem, Ricerche sulle corporazioni professionali in Italia dal secolo V all XI, cit., pp. 372-373. A p. 373 si
legge Misteria cio ministeria si trovano ugualmente a Parma, a Reggio, a Verona e tutto ci fa credere che si
tratti di ricordi della stessa organizzazione.
268
Ivi, p. 375.
269
Il riferimento naturalmente a C. Violante, La societ milanese nellet precomunale, cit., pp. 61-87.
263

40

Le associazioni di mestieri descritte negli Instituta sarebbero state dunque una risposta
innovativa e originale a gravi problemi organizzativi del momento. In base al genere di
ministeria trattati nelle Honorantie, supponeva che fossero deputati unicamente a
provvedere alla vita del Palatium270, mentre un rifornimento pi capillare veniva forse
garantito da mercanti locali. Criticando le rigide posizioni degli storici del diritto in merito,
Violante sottolineava con decisione la sparizione di obblighi di diritto pubblico nei confronti
dello stato, nellambito delle organizzazioni di lavoratori di X e XI secolo; tali associazioni
sarebbero invece imperniate su unadesione volontaria, su un libero contratto personale, sul
vincolo del giuramento271. In questo contesto la protezione regia o di un signore veniva
ricercata volontariamente e percepita come un necessario sostegno allattivit artigianale, in
un frangente di crisi e riorganizzazione sociale ed economica. Pur diretti e organizzati dalla
camera regia i ministeria pavesi rappresentano, in questottica, lincontro di due esigenze, una
dal basso e una dallalto: protezione per gli artigiani e un costante approvvigionamento per la
corte regia272.
Affrontando nuovamente lo studio delle Honorantie qualche anno dopo, in unopera a quattro
mani con Brhl, Violante mut posizione sul problema delle funzioni e del ruolo delle
associazioni pavesi. Dopo aver sostenuto infatti che lobiettivo di tali corporazioni fosse
rivolto principalmente a provvedere al rifornimento della corte regia273, rigett questa
convinzione. Sembrava infatti impossibile che nellelenco degli Instituta, se davvero i
ministeria citati sono accomunati dal fatto di essere indispensabili allapprovvigionamento del
palatium, mancassero accenni a professioni come il maniscalco, il panettiere o il macellaio,
indubbiamente rilevanti per la vita della corte274. I due storici inclinavano invece con
decisione per la tesi di Monti sulle regale, pur non sposandola in toto. Era certamente
proponibile un confronto proficuo tra le professioni ricordate dalla nostra fonte e il diploma di
Federico I a Roncaglia nel 1158: molte coincidenze terminologiche275 testimoniavano a
favore di questo parallelismo. Non erano per riducibili a questo paragone i paragrafi undici e
tredici, che trattano dei conciatori di pelli e dei saponai; entrambe queste attivit non
compaiono infatti nel documento del XII secolo e ogni tentativo di ricondurle allambito del
diritto regalistico sembra una forzatura evidente276.
270

Ivi, p. 69.
Ivi, p. 73.
272
Ivi, p. 76.
273
Vedi supra, nota 269.
274
C. Brhl e C. Violante, op.cit., p. 88.
275
Ivi, p. 89.
276
Ibidem.
271

41

Una breve riflessione a parte meritano i negotiatores, commercianti pavesi che non paiono
rientrare a pieno titolo tra le associazioni professionali qui trattate, anche se la ricerca stata a
lungo in dubbio se considerarli alla stregua di un ministerium, almeno nellorganizzazione se
non formalmente. La mancanza di un versamento in denaro o natura alla camera regia, la
difformit del paragrafo rispetto a quelli seguenti, la brevit e oscurit del passo in questione
rendono difficile schierarsi per una posizione o per laltra. Solmi tuttavia non nutre troppi
dubbi a riguardo, interpretando estensivamente il significato di praeceptum277 che compare
al paragrafo sei e accettando alla lettera lespressione magistri negotiatorum278 come
testimonianze di un regime di monopolio vigente e di unorganizzazione strutturata di
commercianti279. Monti da parte sua non annoverava i commercianti pavesi tra le corporazioni
ma li riteneva uomini liberi, senza vincoli associativi280. Leicht torna invece a parlare di
associazioni di mercanti, accostandole senza dubbio agli altri mestieri nella sua
interpretazione delle Honorantie281. Lo stesso Violante, nella sua opera pi famosa, considera
i negotiatores degli Instituta un ministerium come gli altri282, salvo poi manifestarsi scettico
nelledizione delle Honorantie curata con Bruhl, al punto di proporre i paragrafi dal sette al
tredici (escludendo di fatto i negotiatores del 6) come un nucleo tematico unitario e
imperniato sui ministeria. Qui si preferito non inserire i mercanti nel novero delle
corporazioni, ritenendo piuttosto che la posizione dei negotiatores descritta nelle Honorantie
sia del tutto eccezionale, imputabile forse alla presenza della corte e della camera regia nella
citt di Pavia, e che dunque non rispecchi unassociazione strutturata283.

277

Cfr. Honorantie 6. Per linterpretazione di praeceptum vedi nota 48.


Ibidem.
279
A. Solmi, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, cit., pp. 91-109.
280
G. M. Monti, Le corporazioni nellevo antico e nell alto medioevo, cit., p. 184.
281
Cfr. ad esempio P. S. Leicht, Operai, artigiani, agricoltori in Italia dal secolo VI al XVI, cit., p. 48 in cui
parlando dei ministeria pavesi il primo ad essere nominato proprio quello dei mercanti.
282
C. Violante, op.cit., pp. 67-70.
283
Si tratta della posizione gi sostenuta da Ivan Antonio Pini, op.cit., p. 242. Pini ricorda anche che non
risultano per lalto Medioevo altre attestazioni di ministeria di mercanti nelle altre citt italiane.
278

42

2.3 Il problema della continuit


Le Honorantie civitatis Papie furono largamente studiate soprattutto negli anni Trenta del
secolo scorso, come una fonte decisiva allinterno di un dibattito che, in quegli anni, teneva la
scena storiografica come uno dei pi rilevanti: la discussione sulla continuit o meno delle
associazioni professionali di lavoratori, dallet basso imperiale sino al sorgere delle
corporazioni comunali284. Argomento principe allinterno del dibattito tra storici del diritto
con interessi rivolti al Medioevo, il problema della continuit divideva i medievisti dellepoca
tra sostenitori di un sostanziale procrastinarsi delle istituzioni romane fino almeno allXI
secolo e convinti assertori di una irriducibilit delle esperienze associative altomedievali a
quelle dei collegia di IV e V secolo. I paragrafi degli Instituta che vertono sui ministeria, in
questo contesto, vennero spesso usati come testimonianza decisiva, a favore di una o dellaltra
posizione.
Ancora una volta fu Solmi ad inserire la fonte delle Honorantie compiutamente allinterno del
dibattito sulla continuit. Precedentemente lo storico pavese aveva gi trattato la questione,
ipotizzando che una continuazione delle antiche forme associative tardoromane in Italia fosse
ammissibile solo per i territori sotto il controllo dei bizantini, ma non in quelli longobardi,
sconvolti dalle invasioni285. Ora, pubblicando ledizione delle Honorantie, la sua opinione
mutava. Questa inversione di rotta appare evidente quando si legge che La nuova
testimonianza delle Honorantie pavesi viene [] a dimostrare che quella persistenza dei
vincoli corporativi delle arti [] si trova anche nelle citt sottoposte al dominio longobardo
e costituisce uno dei legati principali dellantica organizzazione romana delle citt, rimasta
salda286. Proseguendo nella sua analisi, Solmi riscontrava nellorganizzazione dei ministeria
pavesi dei principi giuridici conformi a quelli del diritto romano che prevedevano un
complesso di privilegi (honor) e una serie di doveri (officium) per gli appartenenti alle
associazioni287. Nonostante queste premesse per, la posizione di Solmi sulla vexata quaestio
della continuit non pu essere considerata uningenua adesione alla teoria dellassoluta
conservazione degli istituti romani fino allXI secolo e oltre. Con unoscillazione evidente
infatti lo storico pavese, nelle stesse pagine in cui sembrava sposare in pieno la tesi
continuista, allo stesso tempo la rifiutava288. Ricordava il vincolo coattivo proprio delle
284

Vedi supra gli accenni ripetuti al paragrafo 2.1


A. Solmi, Le associazioni in Italia avanti le origini del Comune, cit., p.112 e segg.
286
Idem, Lamministrazione finanziaria del Regno italico nellalto medioevo, cit., p. 147.
287
Ivi, p. 161.
288
Ibidem. Vedi anche ivi pp. 161-162 dove Solmi afferma bisogna guardarsi dal concludere [] con
unaffermazione generica, che sarebbe ingiustificata, sulla continuit della corporazione romana nellalto
285

43

corporazioni tardo antiche, assente nei ministeria pavesi e la difficile situazione delle citt
italiane nel VI e VII secolo, che aveva forse condotto a una sparizione della maggior parte
degli antichi legami corporativi289. Sottolineava, in maniera contraddittoria, le profonde
trasformazioni economiche e sociali di quel periodo e la decadenza delle antiche
corporazioni290. In definitiva, anche se appare evidente che la scoperta delle Honorantie abbia
influenzato le convinzioni di Solmi, spingendolo verso ladozione di una prospettiva
continuista, rimase sempre presente nei suoi studi sullargomento una resistenza ad accettare
completamente questa tesi, un dissidio interno che lo condusse fino a tenere una posizione del
tutto ondivaga a riguardo291.
Ben pi coerente fu la linea tenuta da Monti che, richiamandosi esplicitamente agli studi di
Gioacchino Volpe292, negava con decisione ogni possibilit di un paragone tra i collegia
tardoantichi e le forme associative altomedievali che si riscontravano nelle Honorantie. La
documentazione era infatti ritenuta non convincente293 da Monti, che reputava fuorviante
anche linsistito richiamo, soprattutto da parte di Leicht, al famoso Edictum pistense294
dell864, come primo esperimento organizzativo delle arti nelle modalit che si ritrovano poi
negli Instituta295. Constatando la scarsit delle fonti per il periodo altomedievale su questo
argomento, giudicava infatti pi saggio astenersi da ipotesi pur seducent[i] e
notevolissim[e]296 ma non suffragate da precisi riscontri documentali. Era chiaro poi, anche
ad uno sguardo sommario, che le professioni annoverate tra i ministeria pavesi non
corrispondevano a quelle pi frequenti tra i collegia del basso impero; in secondo luogo il
carattere distintivo degli artigiani nelle Honorantie la loro condizione di uomini liberi, che
volontariamente aderiscono alla corporazione, dato che contrasta nettamente con
lordinamento coattivo di et romana. Monti, allo stesso modo, si rifiutava di considerare
medio evo, e sul vincolo diretto e immediato fra corporazione romana e le istituzioni corporative dellet
comunale.
289
Ivi, p. 163.
290
Ibidem.
291
Tutto il capitolo VIII dellAmministrazione finanziaria del regno italico nellAlto medioevo, cit., si regge su
una costante oscillazione tra le due posizioni, semplicemente giustapposte una allaltra.
292
Il riferimento pi frequente a Gioacchino Volpe, Medio Evo italiano, Firenze, Vallecchi, 1923.
293
G.M. Monti, Le corporazioni nellevo antico e nell alto medioevo, cit., p.172.
294
Monumenta Germaniae Historica, Capitularia regnum Francorum, II, n. 273, p. 310. Consultabile online
allindirizzo http://www.dmgh.de/de/fs1/object/display/bsb00000821_00346.html? sortIndex=020%3A030%3
A0002%3A010%3A00%3A00&contextSort=sortKey&contextType=scan&contextOrder=descending&context=
pistense
295
Il richiamo allEdictum Pistense poteva sembrare pertinente soltanto nellimpalcatura teorica di Leicht, che
considerava strettamente legati i destini dei ministeria di area francese e quelli dellItalia settentrionale. Mor,
op.cit., p. 200 sottolinea come in realt la validit di questo capitolare non sia in alcun modo estendibile anche ai
territori padani.
296
G.M. Monti, Le corporazioni nellevo antico e nell alto medioevo, cit., p. 180. Il riferimento alla tesi
continuista di Leicht.

44

lorganizzazione corporativa delle arti nei Comuni dellItalia settentrionale come una
filiazione diretta delle associazioni professionali presenti nei documenti dei secoli precedenti.
Solo la rinnovata centralit dei poli urbani e il fiorire dellartigianato cittadino avrebbero
posto le basi per la nascita di vere e proprie corporazioni297, libere da vincoli regalistici,
pienamente autonome, volte a tutelare gli interessi professionali e a disciplinare la
produzione298. I precedenti altomedievali non potevano in alcun modo ergersi a credibili
precursori delle associazioni che nascono in Italia settentrionale a partire dal XII secolo. In
questottica i ministeria di Pavia non potevano dirsi nemmeno corporazioni a pieno titolo:
erano solamente associazioni di artigiani esercenti un monopolio statale, forse organizzati in
consorzi dal carattere stabile299.
Grande fortuna ebbe la posizione di Leicht sul problema della continuit, tanto che, almeno
fino agli anni Ottanta300 del secolo scorso, poteva essere considerata a buon titolo come
limpostazione pi largamente accettata tra chi si occupava di tali questioni. Tentando di
conciliare gli opposti schieramenti della ricerca, lo storico veneziano si proponeva come
sostenitore di una sorta di continuit nella trasformazione301. Inizialmente operava una
distinzione tra la situazione dei collegia nei territori italiani sotto il controllo bizantino e in
quelli che erano stati conquistati dai longobardi. Nei primi la tradizione corporativa si era
mantenuta, pur con alcune variazioni di rilievo rispetto alla norma bassoimperiale; in
particolare sarebbe cessata lereditariet, e almeno in parte, il vincolo dei beni302 a
testimonianza di un legame meno rigido con le istituzioni statali. In questa ricostruzione un
ruolo importante giocavano due testimonianze in particolare, decisive secondo Leicht per
confermare la teoria di una continuit di fondo: la lettera303 del 599 di Gregorio Magno sull
ars dei saponai di Napoli e la cosiddetta Summa Perusina304. Per questi territori non era
possibile dunque per Leicht dubitare che il sistema romano fosse continuato, pur con qualche
attenuazione, almeno fino allottavo secolo305. Nellarea di influenza longobarda si era avuta
297

Ivi, pp. 183-185. Si legge infatti alle pagine 184-185 in Italia solo nel XII secolo che nei Comuni italiani da
poco sorti [] si ebbero le Corporazioni.
298
Ivi, p. 211.
299
Ivi, p. 198.
300
Cfr. in proposito lopinione sulla duratura fortuna critica della tesi di Leicht, espressa da Ivan Antonio Pini in
Citt, comuni e corporazioni nel Medioevo italiano, cit., p. 226.
301
Ivi, p. 225.
302
P. S. Leicht, Corporazioni romane e arti medievali, cit., p. 70.
303
Monumenta Germaniae Historica, Epistulae, Gregorii I Papae Registrum epistolarum, liber IX, pp. 118-119,
online http://www.dmgh.de/de/fs1/object/display/bsb00000536_00162.html?sortIndex= 040%3A010% 3A0002
%3A010%3A00%3A00
304
Federico Patetta, Adnotationes Codicum domini Justiniani, in Bullettino dellIstituto di Diritto Romano,
XII, Roma, Pasqualucci, 1900.
305
P. S. Leicht, Corporazioni romane e arti medievali, cit., p. 82.

45

invece una decadenza degli istituti romani, messi in crisi dallo sconvolgimento delle invasioni
e dal ridimensionamento dei poli urbani; tuttavia questi ultimi avevano conservato una quota
di lavoratori liberi e indipendenti che continuarono a mantenere una rilevanza significativa, al
punto di sconfessare ogni tentativo di spiegazione esclusivamente curtense per leconomia di
area padana in quei secoli306. Lazione riformatrice dei sovrani carolingi avrebbe in seguito
restaurato le associazioni secondo il modello che si incontra ad esempio nelle Honorantie
civitatis Papie. Lispirazione sarebbe giunta forse dallorganizzazione bizantina oppure da
non meglio identificati precedenti officia longobardi, che a loro volta forse costituivano un
pallido richiamo dei collegia romani307. Questa convinta difesa della continuit era estesa
anche al rapporto, che Leicht considerava molto stretto, tra le corporazioni di epoca comunale
e i ministeria altomedievali308. La maggioranza delle arti che si incontrano nei comuni italiani
nel XII e XIII secolo, secondo lo storico del diritto, sarebbe una diretta evoluzione delle
forme associative di epoca precedente, nonostante col passare del tempo il vincolo con
lautorit pubblica sia andato affievolendosi309. Il variare di scopi, finalit e attribuzioni non
inficiava la sostanziale organicit di questa evoluzione, che non poteva essere messa in
dubbio310. Solo in determinati frangenti, con uno sviluppo diverso citt per citt, Leicht
ammetteva loriginale fondazione di corporazioni nuove, sorte accanto alle trasformazioni
degli antichi ministeria. Nel periodo di gravi disordini che segna [] il tramonto del potere
del conte o del vescovo311 si aprirono infatti gli spiragli per infrangere i privilegi di
monopolio e di dipendenza dallautorit pubblica, consentendo lo sviluppo di esperienze
corporative fortemente innovative e svincolate da quelle tradizionali.
Atteggiamento molto diffidente nei confronti di questa diffusa communis opinio312 della
ricerca manifestarono Brhl e Violante. Mostrandosi nettamente avversi ad ogni teoria che
puntasse a sottolineare gli elementi di continuit tra le associazioni di artigiani in ambito
altomedievale, difesero accanitamente leccentricit delle Honorantie civitatis Papie rispetto
alle fonti coeve313. Sottolinearono lassoluta peculiarit dei diciotto paragrafi degli Instituta,
cercando di screditare la tendenza a fare della fonte un riferimento paradigmatico e
universalmente valido per chiunque trattasse questioni economiche e sociali per i secoli

306

Ivi, pp. 91-94.


Ivi, pp. 96-102.
308
Per lesame di questo problema cfr. ivi, pp. 109-120.
309
Ibidem, p. 117.
310
Ibidem.
311
Ivi, p. 129.
312
C. Brhl e C. Violante, op.cit., p. 87.
313
Cfr. Ivi, p. 89.
307

46

centrali del medioevo in Italia. Cos facendo negavano la liceit di ogni possibile confronto
con le corporazioni di altre epoche, precedenti o anteriori al X secolo, privilegiando unanalisi
puntuale e circostanziata. Di fatto evitavano di entrare pienamente nel dibattito tra continuisti
e negatori della continuit poich ritenevano prioritario porre laccento sulle particolari
caratteristiche del documento e sulla sua intrinseca complessit, altrimenti impoverita dalle
logiche di un dibattito cos impostato314.
Riprendendo molte conclusioni di Leicht, Ivan Antonio Pini cerc di fornire nuove prove a
sostegno di una possibile storia della continuit delle associazioni corporative tra VI e XI
secolo. La tesi fondamentale al centro della sua ricerca traspare chiaramente dalle sue stesse
parole quando dichiara di voler dimostrare come certe professioni legate alla stessa
esistenza della citt [] non siano mai state abbandonate a loro stesse dal potere pubblico,
ma abbiano subito un costante controllo, cosa che fa presupporre, per let altomedievale,
anche una qualche forma associativa gravata in quanto tale di ben precisi obblighi pubblici
[] [come] quello dellesercizio del mestiere in regime di monopolio315. Le professioni a cui
si riferiva erano essenzialmente quelle dedicate allannona cittadina, corporazioni che dallet
di Costantino in poi, fanno quasi parte della burocrazia statale, visto lo stretto controllo
esercitato su di loro316. Portando fino alle estreme conseguenze le osservazioni di Leicht sui
ministeria, Pini si spingeva a supporre che in et longobarda vi fosse stata una continuit
diretta317 con i collegia romani, che avrebbe costituito il trait dunion tra le esperienze
bassoimperiali e le arti comunali, sorte quando ormai il sistema di ministeria e officia andava
sfaldandosi nellXI secolo. Le Honorantie fornivano inoltre a Pini lo spunto per proporre
uninterpretazione innovativa di tale ordinamento: officia sarebbero state tutte le corporazioni
di addetti al vettovagliamento della citt, (sostanzialmente assenti nel documento pavese,
come avevano gi segnalato gli avversatori della continuit); ministeria invece
esclusivamente le associazioni che avevano attinenza con le regale e dipendevano dalla
camera regia318. In qualunque modo fosse effettivamente strutturato, tale sistema corporativo,
nato con i longobardi, sarebbe entrato in crisi gi nel corso del X secolo, come testimoniato
dai confusi accenni del paragrafo diciotto degli Instituta, per poi lasciare spazio alle nuove
314

Vedi Ibidem, pp. 86-89.


I. A. Pini, op.cit., p. 227.
316
Ivi, p. 232.
317
Pini in realt confessa la mancanza di testimonianze dirette a favore di questipotesi ma indica elementi di
et successiva che rendono grandemente plausibile una persistenza delle forme associative romane anche in et
longobarda. Si tratta dei termini usati per indicare i capi delle arti veronesi (gastaldiones), e dellassoluta
mancanza di tracce di un sistema avvicinabile a quello delle Honorantie fuori dai territori un tempo soggetti ai
longobardi. Cfr. Ivi, pp. 237-238
318
Ivi, p. 240.
315

47

esperienze corporative comunali. Soltanto nel caso delle associazioni degli addetti al
vettovagliamento e ai trasporti, rimaste quasi ininterrottamente sotto il controllo statale,
plausibile intravedere, secondo Pini, una soluzione di continuit nel passaggio tra XI e XII
secolo319.

319

Ivi, pp. 242-243.

48

Riflessioni conclusive
Nel presente contributo si cercato di svolgere una sintetica rilettura critica delle Honorantie
civitatis Papie, mettendo a confronto le diverse interpretazioni della ricerca sul valore e il
significato di questa fonte oltre al puro interesse informativo, che pure non trascurabile.
prevalsa, in queste pagine, la convinzione che fosse preferibile dal punto di vista
epistemologico ordinare e mettere in relazione tra loro gli opposti orientamenti dindagine per
meglio comprenderne punti di forza e punti di debolezza, senza voler prendere a tutti i costi
posizione a favore di uno o dellaltro schieramento. Decisivo, negli obiettivi di questa tesi,
stato il costante richiamo ad una proficua riconsiderazione delle Honorantie come documento
fondamentale per indagare i secoli X e XI, da molteplici punti di vista. A parte gli ovvi
richiami alla storia economica e sociale, sono da sottolineare con forza le numerose
convergenze tematiche che si riscontrano nei pochi paragrafi degli Instituta e che li rendono
una testimonianza peculiare e difficilmente eludibile per chi a vario titolo si occupi del
Regnum italiae. Le rotte commerciali, lorganizzazione delle chiuse e dei passi montani, la
variet della composizione merceologica presente sui mercati italiani, la monetazione, le
professioni artigiane, il funzionamento del palatium pavese sono solo alcuni tra i temi pi
appariscenti che affiorano tra le righe, ma indubbiamente non esauriscono i motivi dindagine
di un documento che si giova di ogni rilettura. Proprio in ragione di questa poliedricit pi
che mai auspicabile un lavoro integrativo rispetto allultima edizione dellopera, che, pur
rimanendo di fatto lunica completa trattazione delle Honorantie che risponda ai criteri di
unedizione critica, risale ormai a pi di trentanni fa.
Ugualmente urgente anche una ripresa del discorso sulle associazioni professionali
altomedievali, questione che ha occupato le ultime pagine di questo lavoro. certo infatti che
il dibattito intorno a questo tema di ricerca sia stato penalizzato dal diffondersi di nuovi
orientamenti storiografici e dalla pesante eredit di collusione con la storiografia fascista. Lo
schematismo a volte eccessivo degli storici del diritto, padroni assoluti della materia fino al
dopoguerra, ha di fatto ridotto i motivi di interesse di questo argomento alla questione della
continuit o meno con gli istituti romani, rendendo ancor meno attraente questo campo
dindagine. Si voluto tuttavia richiamare lattenzione su questi ordinamenti corporativi, che
rimangono nel loro profondo funzionamento ancora tutti da indagare, proprio nella
convinzione che rappresentino un terreno fertile per studi futuri, anche se le fonti a
disposizione su questi argomenti sono generalmente scarse e lacunose. Lo studio della
diffusione di tali associazioni, i loro scopi, la natura e gli obblighi degli appartenenti, i legami
49

che intrattenevano con lautorit pubblica e il regime privilegiato in cui operavano sulle
piazze cittadine potr forse illuminare in parte anche alcuni capitoli di storia urbana e delle
istituzioni nellItalia del X e XI secolo. Certamente inadeguato appare invece un approccio
che riduca linteresse del discorso sui ministeria allantichit della loro origine e alla
vischiosit dei loro ordinamenti nel corso dellalto Medioevo. Cos facendo infatti, si rischia
di costruire schemi ideologici che, calati sulla realt sociale di un fenomeno storico, ne
impediscono unanalisi attenta alle sfumature e risultano rigidamente dogmatici.
In definitiva sono quasi sterminati sono i campi dindagine che si aprono a chi voglia
occuparsi delle Honorantie civitatis Papie, sia che si voglia analizzarne il testo con una
prospettiva filologica, sia che si rivolga lattenzione pi specificamente ai contenuti dei suoi
paragrafi con un interesse storico. Il sostanziale isolamento in cui versa, dal momento che non
esistono di fatto altre fonti avvicinabili al documento pavese nel panorama del X secolo
italiano, non deve impedire di studiare pi in profondit gli spunti che emergono numerosi
dalle sue pagine. Le Honorantie civitatis Papie, con la loro profonda carica di novit, rivelano
tutta la fragilit delle prove ex silentio, e ci inducono, se attentamente studiate, a riconsiderare
seriamente prospettive e teorie che si pensavano da tempo consolidate.

50

Bibliografia

Andreolli Bruno, Gestione e misurazione dellacqua nellalto Medioevo, in Lacqua nei


secoli altomedievali, atti della LV Settimana di studi del Centro Italiano di Studi sullalto
Medioevo (Spoleto, 12-17 Aprile 2007), Spoleto, 2008, tomo primo.
Bloch Marc, Apologia della storia o Mestiere dello storico, Torino, Einaudi, 1998.
Brhl Carlrichard, Il palazzo nelle citt italiane, in La coscienza civica nei comuni italiani
del Duecento (11-14 ottobre 1970), Todi, Centro di studi sulla spiritualit medievale, 1972.
Brhl Carlrichard e Violante Cinzio, Die Honorantie civitatis Papie, Transkription,
Edition, Kommentar, Kln-Wien, Bohlau, 1983.
Capitani Ovidio, Chiese e monasteri pavesi nel secolo X, in Atti del 4 Congresso
internazionale di studi sullalto medioevo, Spoleto, 1969.
Capitani Ovidio, Limmagine urbana nelle fonti narrative altomedievali, in Francesca Bocchi,
Rosa Smurra (a cura di), Imago urbis: limmagine della citt nella storia dItalia, atti del
Convegno internazionale (Bologna 5-7 settembre 2001), Roma, Viella, 2003.
Cipolla Carlo M., Le avventure della lira, Bologna, il Mulino, 2001.
Cortese Ennio, Il Diritto nella Storia Medievale. Lalto medioevo, Roma, Il cigno Galileo
Galilei, 1995.
Cracco Ruggini Lellia, Le associazioni professionali nel mondo romano-bizantino, in
Artigianato e tecnica nella societ dellalto Medioevo occidentale, XVIII Settimana di studi
del Centro italiano di studi sullalto Medioevo (2-8 aprile 1970), Spoleto 1971, tomo primo.
De Rosa Luigi, Ventanni di storiografia economica italiana (1945-1965), in La storiografia
italiana negli ultimi ventanni, atti del I Congresso nazionale di scienze storiche, Perugia, (913 Ottobre 1967), Milano, 1970.
Fasoli Gina, Navigazione fluviale. Porti e navi sul Po, in La navigazione mediterranea
nell'alto medioevo, XXV Settimana di studi del Centro italiano di studi sullalto Medioevo,
Spoleto 1978, tomo secondo.
Fasoli Gina, La coscienza civica nelle laudes civitatum, in La coscienza civica nei comuni
italiani del Duecento (11-14 ottobre 1970), Todi, Centro di studi sulla spiritualit medievale,
1972.
Gelichi Sauro, Calaon Diego, Negrelli Claudio, Grandi Elena, Dal delta del Po alle lagune
veneziane: territorio, commerci e insediamento. Ricerche sullemporio altomedievale di

51

Comacchio, in Eredit culturali dellAdriatico. Archeologia, storia, lingua e letteratura, a


cura di Silvana Collodo e Giovanni Luigi Fontana, Roma, Viella, 2008.
Gianani Faustino, Opicino de Canistris, l'Anonimo ticinese: Cod. vaticano palatino latino
1993, Pavia, EMI, 1996.
Greci Roberto, Corporazioni e mondo del lavoro nellItalia padana medievale, Bologna,
CLUEB, 1988.
Greci Roberto, Le corporazioni. Associazioni di mestiere nellItalia del Medioevo, in Storia e
Dossier, 99, Firenze, Giunti, 1995.
Greci Roberto, Un ambiguo patrimonio di studi, tra polemiche, inerzie e prospettive, in
Corporazioni e mondo del lavoro nellItalia padana medievale, a cura di Roberto Greci,
Bologna, CLUEB, 1988.
Hofmeister Adolf, Instituta Regalia et Ministeria Camerae Regum Longobardorum
Honorantie Civitatis Papie, in Monumenta Germaniae Historica, SS, tomo XXX, parte II,
fasc.3, Hannover, 1934.
Landogna Francesco, La genesi delle Honorantie civitatis Papie, in Archivio storico
lombardo, XLIX, fasc. III-IV, Milano, 1922.
Leicht Pier Silverio, Lorigine delle Arti nellEuropa Occidentale, in Pier Silverio Leicht
Scritti vari di storia del diritto italiano vol. I, Milano, Giuffr, 1943-1948.
Leicht Pier Silverio, Corporazioni romane e arti medievali, Torino, Einaudi, 1937.
Leicht Pier Silverio, Operai, artigiani, agricoltori in Italia dal secolo VI al XVI, Milano,
Giuffr, 1959.
Leicht Pier Silverio, Ricerche sulle corporazioni professionali in Italia dal secolo V all XI, in
Leicht Pier Silverio, Scritti vari di storia del diritto italiano vol. I, Milano, Giuffr, 19431948.
Lopez Roberto Sabatino, Moneta e monetieri nellItalia barbarica, in: Moneta e scambi
nellalto medioevo, VIII Settimana di studi del Centro italiano di studi sullalto Medioevo,
Spoleto, 1961.
Lopez Roberto Sabatino, Continuit e adattamento nel medio evo: Un millennio di storia
delle associazioni di monetieri nellEuropa meridionale, in Studi in onore di Gino Luzzatto,
vol.I, Milano, Giuffr, 1949-1950.
Maggio Sebastiano, Le associazioni professionali nellAlto Medioevo. Artigiani e
commercianti in Italia dal VI allXI secolo, Catania, CUECM, 1996.
Mollo Emanuela, Le Chiuse: realt e rappresentazioni mentali del confine alpino nel
medioevo, in Luoghi di strada nel medioevo. Fra il Po, il mare e le Alpi occidentali, a cura di
52

Giuseppe Sergi, Torino, Scriptorium, 1996.


Monneret De Villard Ugo, Lorganizzazione industriale dellItalia longobarda nellalto
medio evo, in Archivio storico lombardo, Milano, XLVI, 1919.
Montanari Massimo, La fame e labbondanza. Storia dellalimentazione in Europa, RomaBari, Laterza, 2005.
Monti Gennaro Maria, Le corporazioni nellevo antico e nell alto medioevo, Bari, Laterza,
1934.
Mor Carlo Guido, Gli artigiani nellalto Medioevo (con particolare riguardo ai riflessi
giuspubblicistici), in Artigianato e tecnica nella societ dellalto Medioevo occidentale,
XVIII Settimana di studi del Centro italiano di studi sullalto Medioevo (2-8 aprile 1970),
Spoleto, 1971, tomo primo.
Nicole Jules, Le livre du Prfet ou lEdit de lEmpereur Leon le Sage sur les corporations de
Costantinople, Genve, Georg & C., 1893.
Patetta Federico, Adnotationes Codicum domini Justiniani, in Bullettino dellIstituto di
Diritto Romano, XII, Roma, Pasqualucci, 1900.
Pighi Giovanni Battista, Versus de Verona: versum de Mediolano civitate / Edizione critica e
commento a cura di Giovanni Battista Pighi, Bologna, N. Zanichelli, 1960
Pini Antonio Ivan, Citt, comuni e corporazioni nel Medioevo italiano, Bologna, CLUEB,
1986.
Pirenne Henri, Maometto e Carlomagno, Bari, Laterza, 1971.
Settia Aldo, Pavia carolingia e postcarolingia, in Storia di Pavia, Pavia, a cura della Banca
del Monte di Lombardia, 1987, tomo secondo.
Solmi Arrigo, Lamministrazione finanziaria del Regno Italico nellAlto Medioevo, Pavia,
Tipografia cooperativa, 1932.
Solmi Arrigo, Il testo delle Honorantie civitatis Papie, in Archivio storico lombardo,
XLVII, fasc. III, Milano, 1920.
Solmi Arrigo, Le associazioni in Italia avanti le origini del comune: saggio di storia
economica e giuridica, Modena, Antica tipografia Soliani, 1898.
Solmi Arrigo, Le corporazioni romane nelle citt dellItalia superiore nellAlto Medioevo, in
Studi in onore di Pietro Bonfante nel quarantesimo anno dinsegnamento, vol. IV, Milano,
Treves, 1930.
Soriga Roberto, Per una nuova edizione delle Honorantie civitatis Papie, in Bollettino
della Societ pavese di storia patria, Pavia 1914, vol. XIV.
Vidari Giovanni, Frammenti cronistorici dellagro ticinese, Pavia, Fusi, 1891.
53

Violante Cinzio, La societ milanese nellet precomunale, Roma- Bari, Laterza, 1974.
Volpe Gioacchino, Medio Evo italiano, Firenze, Vallecchi, 1923.

Sitografia

Bollettino della Societ pavese di Storia patria, http://emeroteca. braidense.it/ eva/indice_


volumi.php?IDTestata=87&CodScheda=181 (ultima consultazione 2/08/2014)
Brevi note introduttive circa lEparcik n Biblion (Libro dellEparca) quale prodromo di
un Code du Commerce nellImpero Romano dOriente, di Daniele Leonardo, in Iura
Orientalia, Rassegna online di Diritti Orientali Antichi e Moderni, anno II, 2006,
http://www.iuraorientalia.net/IO/IO_02_2006/II_01_daniele.pdf (ultima consultazione
21/08/2014)
Codice diplomatico della Lombardia medievale (secoli VII-XII), http://cdlm. unipv.it
/edizioni/cr/cremona-sicardo/carte/vescovosicardo0730-05-10, (ultima consultazione
26/06/2014).
Dizionario Biografico degli Italiani, Treccani, http://www.treccani.it/enciclopedia/ ricerca
/dizionario-/Dizionario_Biografico/ (ultima consultazione 18/08/2014)
Enciclopedia dei Papi, Treccani, http://www.treccani.it/enciclopedia/ricerca/enciclopedia-deipapi/ (ultima consultazione 8/09/2014)
Monumenta Germaniae Historica, Diplomata, http://www.dmgh. de/de/fs1/ object/display.
html?sortIndex=030, (ultima consultazione 3/09/2014).
Organizzazione corporativa e artigiani nellItalia medievale, di Bezzina Denise, in Reti
Medievali Rivista, anno 14, numero 1, (2013),http://www.rmojs. unina.it/ index. php/ rm/
article/view/391/515. (ultima consultazione 2/09/2014)

54