Sei sulla pagina 1di 3

I love you

Avevo una fame nera. Ninetta, quando pronto il pranzo? Ancora qualche minuto un po di pazienza, tesoro! Cos mi sedetti a tavola, pregustandomi un buon pranzetto. Giunse mia moglie con il grembiule, sculettando, reggendo un piattone di cibo caldo e fumante. Spaghetti al pomodoro: mmm, la mia passione! Mangiai la prima forchettata: non appena quella specie di poltiglia scotta mi entr in bocca, lo stomaco mi si chiuse immediatamente. Passai quindi alla zuppa. Completamente senza sale, mentre alcuni oggetti non identificati galleggiavano qua e l. Mia moglie mi disse che erano gnocchi. Almeno il dolce aveva avuto il buon gusto di comprarlo. Peccato che riscaldandolo nel forno a microonde laveva completamente bruciato. Per mangiare qualcosa di umano non mi rimase che sgraffignare in dispensa il solito pacco di biscotti. Caro, forse il pranzo aveva qualcosa che non andava? La guardai di traverso, mentre mi abbuffavo di frollini al cioccolato. Diciamo che per chiamarlo pranzo ci vorrebbe molta fantasia. Ammettiamolo, TU non sai cucinare! Mia moglie scoppi a piangere. Dici cos perch non mi ami No, no, cara, non fraintendere. Ti voglio un sacco di bene. Stavo dicendo solamente la verit. Che cosa posso fare?, piagnucol ancora. Te lho gi detto: fatti loperazione. Te la pago io. Ma ho paura! Guarda, sai bene che io lho fatta sei mesi fa e sto benissimo da allora riesco a svolgere perfettamente il mio lavoro, ed il mio capo mi ha perfino concesso un aumento. Ma fa male?, chiese impensierita mia moglie. Ma no, che vuoi? Non altro che un circuito elettronico grande come ununghia ti fanno un piccolo taglio nella testa, e zac! diventi la migliore cuoca del circondario. Cos anchio: non capivo unacca di matematica, e in quattro e quattrotto con lapposito circuito, divento un perfetto ragioniere. Ah, averci pensato prima! Cos anche mia moglie si decise a compiere il grande passo.

Da quel momento non fa altro che sfornare magnifici manicaretti in poco tempo sono aumentato di due taglie peccato che non esistano microchip per dimagrire. Tutti quanti pian piano si erano lasciati ammaliare dalla nuova tecnologia. S, perch ognuno di noi ha una carenza in qualcosa c il ragazzino che non si ricorda le lezioni a scuola, il manager che non sa parlare ai clienti, la signora che vorrebbe preparare il corredino al nipotino e non sa usare luncinetto In breve tempo non cera persona che non avesse almeno un microchip nella testa. E la propaganda era cos pressante, e cos tanti i bisogni umani, che ben presto la gente si ritrov addosso anche dieci o dodici circuiti diversi. Ormai eravamo diventati tutti espertissimi e superintelligenti. Ma ogni medaglia ha il suo rovescio. S, perch parallelamente al progredire delle nostre facolt aumentava anche la scontrosit, il nervosismo e il cattivo umore. Le persone si guardavano in cagnesco, lanciandosi insulti e chiudendosi sempre pi in se stesse, mentre le baruffe si consumavano ad ogni angolo di strada. Anche il matrimonio con mia moglie si stava guastando. Litigavamo per ogni sciocchezza, non ci parlavamo per giorni. Adesso s che mia moglie cucinava pasti prelibati, ma di solito mangiavamo separati, ed a volte il cibo finiva direttamente nella spazzatura. Inoltre erano diventati tutti estremamente pigri, poich ci si era abituati ad ottenere le cose senza fare fatica. Finch un giorno, mentre sgranocchiavo distrattamente biscotti davanti alla televisione, il cronista del telegiornale diede una terribile notizia. Un virus, di origine e natura sconosciuta, forse fuggito da un laboratorio, sta imperversando sullintero pianeta. Un gruppo di pirati informatici ne ha comunque rivendicato la realizzazione, affermando che far saltare tutto il sistema. Il suo nome sarebbe I love you. I danni che esso produce sono gravissimi, perch i circuiti elettronici inseriti nella testa delle persone si disattivano, facendole regredire al punto di partenza. Non sappiamo per il momento se vengano colpiti altri organi, o se possano esserci altri effetti collaterali a carico del sistema neuro-vegetativo. E per ora tutto, linea allo sport. La notizia non mi colp pi di tanto, annoiato e nervoso comero. In quella sentii un certo odore di bruciato. A dire la verit scoprii che lintera stanza era sommersa da un fumo acre e denso.

Mi alzai dalla poltrona come una molla. Di corsa andai in bagno, riempii un secchio dacqua e mi misi un fazzoletto bagnato sulla bocca. Dense nubi di fumo uscivano dalla cucina. Ninetta! Ninetta! Dove sei? Vidi mia moglie armeggiare davanti al forno. Ho bruciato la torta di mele, e con lei tutto il pranzo di oggi, esclam sconsolata. Poi mi gett le braccia al collo, e mi baci sulla bocca. I love you, mi disse. I love you, dissi anchio, ricambiando il suo focoso bacio. Poi feci un piccolo balzo indietro, non del tutto convinto di quello che era successo. Ero stupito, perch era da mesi che ormai non ci guardavamo nemmeno. Poi collegai il nostro comportamento al virus che avevano annunciato alla televisione. Il fatto che lei avesse bruciato il pranzo ne era la conferma; e il nostro amore ritornato indicava quali fossero gli effetti collaterali. E cos, di bacio in bacio e di stretta di mano in stretta di mano, il virus si propag a macchia dolio, facendo tornare tutti quanti ignoranti e contenti, dicendosi lun laltro I love you.

Professor Bizzarro (b)bizzarryght Professor Bizzarro bizzarro@bazardelbizzarro.net www.bazardelbizzarro.net