Sei sulla pagina 1di 44

Dimensionamento di massima di un riduttore a ruote

cilindriche a denti diritti

A cura di

Allievo Ingegnere Carmine Sileo


ex alunno ITIS Einstein Potenza

Sommario
Introduzione .......................................................................................................................................... 4
Dati ................................................................................................................................................................. 5
Scelta del materiale ........................................................................................................................................ 5
Capitolo I Dimensionamento degli ingranaggi ......................................................................................... 6
Ingranaggio 1 1 .............................................................................................................................................. 6
Verifica a usura................................................................................................................................. 9
Ingranaggio 2 2.............................................................................................................................................10
Verifica a usura ...............................................................................................................................12

Capitolo II Dimensionamento degli alberi ............................................................................................. 13


Dimensionamento albero 1 ..........................................................................................................................13
Piano xz ..........................................................................................................................................14
Piano yz ..........................................................................................................................................17
Calcolo diametro perni ...................................................................................................................18
Calcolo diametro sedi .....................................................................................................................19
Verifica deformativa .......................................................................................................................19
Scelta dei cuscinetti........................................................................................................................21

Dimensionamento albero 2 ..........................................................................................................................22


Piano xz ..........................................................................................................................................23
Piano yz ..........................................................................................................................................25
Calcolo diametro perni ...................................................................................................................26
Calcolo diametro sedi .....................................................................................................................27
Verifica deformativa .......................................................................................................................27
Scelta dei cuscinetti........................................................................................................................29

Dimensionamento albero 3 ..........................................................................................................................29


Piano xz ..........................................................................................................................................30
Piano yz ..........................................................................................................................................31
Calcolo diametro perni ...................................................................................................................33

3
Calcolo diametro sedi .....................................................................................................................34
Verifica deformativa .......................................................................................................................34
Scelta dei cuscinetti........................................................................................................................35

Capitolo III Dischi ................................................................................................................................. 36


Verifica dischi................................................................................................................................................36
Flangia di collegamento con lesterno ..........................................................................................................37
Appendice CAD .................................................................................................................................... 38

INTRODUZIONE
Il riduttore ad assi paralleli dato da dimensionare dal committente composto di tre alberi, quattro
ruote dentate cilindriche a denti diritti, sette cuscinetti a rulli orientabili, una scatola che funge
anche da supporto e i rispettivi organi di tenuta.

Figura 0-1 Vista esplosa del riduttore.

La coppia, mediante un giunto a flangia, entra dallalbero 1 dove stata ricavata di pezzo la
ruota 1 che va ad ingranare con la ruota 1 calettata sull albero 2. Sullalbero 2 ricavata di
pezzo la ruota 2 che va ad ingranare con la ruota 2 calettata mediante profilo scanalato sull
albero 3, che rappresenta l output della coppia.

Figura 2 Schema riduttore

Dati di progetto
Il dimensionamento del riduttore stato sviluppato a partire dai seguenti dati:

C1eff (coppia di input) = 220000 Nmm


C1(coppia input di progetto) = C1eff *1.3= 286000 Nmm (sovradimensionata del 30%)
n1 (numero di giri albero 1) = 1450 rpm
11 (rapporto di trasmissione prima coppia di ruote)= 0.25
22 (rapporto di trasmissione seconda coppia di ruote)= 0.27
L10h= 25000 ore (ore previste di funzionamento in ore)

A partire dai seguenti dati il lavoro di dimensionamento stato svolta nelle seguenti fasi:
1. Dimensionamento degli ingranaggi verificandoli ad usura ;
2. Dimensionamento statico degli alberi a flesso torsione con verifica deformativa;
3. Scelta dei cuscinetti;

Scelta dei materiali


Le coppie in gioco sono elevate quindi si deciso per gli ingranaggi e gli alberi un acciaio legato
da cementazione 20 Cr Ni 4 UNI 7846 con le seguenti caratteristiche meccaniche:
-

r (tensione normale di rottura) = 1500 N/mm2


sner (tensione normale di snervamento) = 900 N/mm2
E (modulo di Young) = 210000 N/mm2
HB (durezza Brinell) allo stato normale di laminazione= 2500 N/mm2
HB (durezza Brinell) a seguito di trattamento da cementazione = 6000 N/mm2

Inoltre si deciso di utilizzare sia per gli alberi che per gli ingranaggi un coefficiente di sicurezza K
pari a 4 ottenendo cos una amm pari ad:

E una amm calcolata con il metodo di Von Mises

Per i dischi su cui sono calettate le ruote con diametri maggiore si scelta una ghisa con

Capitolo I
Dimensionamento degli ingranaggi
Ingranaggio 1 1
Si scelto di tagliare le due ruote con un utensile creatore quindi il numeri minimo di denti della
ruota1 (pignone) sar calcolato con la seguente:

Dove angolo di pressione scelto pari a 20 .


Il numero di denti della ruota 11 stato calcolato come:

Il reale rapporto di trasmissione 11 coincide con quello di progetto quindi l errore commesso
pari a zero.
Il dimensionamento del dente stato fatto a flessione schematizzando il dente come una trave
incastrata a sezione costante, quindi il modulo m vale1:

In realt il profilo del dente un profilo coniugato, nel nostro caso un profilo ad evolvente di cerchio, quindi la
sezione non costante e il modulo di m pi corretto calcolarlo con la teoria di Lewis

Per il calcolo di primo tentativo si scelto:

= 10;
(coefficiente che tiene conto della velocit) calcolato con la seguente relazione

Dove v la velocit periferica posta pari a 5 m/s come valore di primo tentativo
Si ottiene un modulo m di 3.6 mm il cui valore unificato di 4 mm (vedi tabella sopra riportata).
Procediamo ora al calcolo della velocit periferica effettiva

Velocit effettiva ,maggiore della velocit di primo tentativo quindi ricalcolo il modulo con un
valore di velocit pari a 8 m/s:

6 mm

Procediamo ora al calcolo della velocit periferica effettiva

Velocit effettiva ,minore della velocit di progetto quindi verifica soddisfatta.


Il dimensionamento delle altre caratteristiche geometriche della ruote sono state calcolate mediante
proporzionamento normale, e
risultano essere le seguenti .

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE RUOTA 1


m [mm]
z
a [mm]
d [mm]
h [mm]
Dp [mm]
Di [mm]
De [mm]
b [mm]
s,v [mm]
g [mm]
p [mm]

6
17
6
7,5
13,5
102
87
114
60
9,42477796
1,5
18,8495559

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE RUOTA 1


m
6
z
68
a [mm]
6
d [mm]
7,5
h [mm]
13,5
Dp [mm]
408
Di [mm]
393
De [mm]
420
b [mm]
60
s,v [mm] 9,424778
g [mm]
1,5
p [mm] 18,84956

Le forze che le due ruote si scambiano quanto


ingranano possono essere cos calcolate:

= 5608 N
= 2041 N
= 5608 N
= 2041 N

Figura 3 Schema forze

Viste le dimensioni delle due ruote si deciso di ricavare di pezzo sullalbero 1 la ruota 1 e di
calettare su un disco la ruota 1 (vedi pagine che seguano).

Verifica ad usura

Quando i denti ingranano tra loro, a causa delle elevate forze in gioco (ipotesi solo un dente in
presa), nella zona di contatto cio i fianchi dei denti si verificano elevate pressioni specifiche che
potrebbero compromettere il buon funzionamento del sistema.
La verifica consiste nel soddisfare la seguente disuguaglianza

Dove queste due sigma sono cos calcolate.

Dove fm stato posto pari a

Quindi la verifica ad usura sodisfatta.

10

Ingranaggio 2 2

Si deciso di tagliare le due ruote con un utensile creatore quindi il numeri minimo di denti della
ruota1 (pignone) sar calcolato con la seguente:

Dove angolo di pressione scelto pari a 20 .


Il numero di denti della ruota 2 stato calcolato come:

I numeri di denti deve essere un numero intero perci scegliamo per la ruota 2 un numero di denti
pari a 63, quindi il rapporto di trasmissione dell ingranaggio 22

L errore relativo rispetto al rapporto di trasmissione di progetto vale


|

= 0.005878

L errore minore di 0.01 quindi per il dimensionamento dell ingranaggio 22 sar il 22eff.
Il dimensionamento del dente stato fatto a flessione schematizzando il dente come una trave
incastrata a sezione costante, quindi il modulo m vale:

Per il calcolo di primo tentativo si scelto:

= 10;
C2 coppia agente sul secondo albero

(coefficiente che tiene conto della velocit) calcolato con la seguente relazione

Dove v la velocit periferica posta pari a 4 m/s come valore di primo tentativo

11

Si ottiene un modulo m di 7.7 mm il cui valore unificato di 8 mm (vedi tabella sopra riportata).
Procediamo ora al calcolo della velocit periferica effettiva

Velocit effettiva ,minore della velocit di primo tentativo quindi la verifica sodisfatta.
Il dimensionamento delle altre caratteristiche geometriche della ruote sono state calcolate mediante
proporzionamento normale, e
risultano essere le seguenti .

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE
RUOTA 2
m [mm]
z
a [mm]
d [mm]
h [mm]
Dp [mm]
Di [mm]
De [mm]
b [mm]
s,v [mm]
g [mm]
p [mm]

8
17
8
10
18
136
116
152
96
12,5663706
2
25,1327412

CARATTERISTICHE GEOMETRICHE RUOTA 2


m [mm]
z
a [mm]
d [mm]
h [mm]
Dp [mm]
Di [mm]
De [mm]
b [mm]

8
63
8
10
18
504
484
520
96

12
s,v [mm] 12,56637
g [mm]
2
p [mm] 25,13274

Le forze che le due ruote si scambiano quanto ingranano possono essere cos calcolate:

= 16823.5 N
= 6123.25 N
= 16823.5 N
= 6123.25 N

Viste le dimensioni delle due ruote si deciso di


ricavare di pezzo sullalbero 2 la ruota 2 e di
calettare su un disco la ruota 2 (vedi pagine che
seguano).

Verifica ad usura

Quando i denti ingranano tra loro, a causa delle elevate forze in gioco (ipotesi solo un dente in
presa), nella zona di contatto cio i fianchi dei denti si verificano elevate pressioni specifiche che
potrebbero compromettere il buon funzionamento del sistema.
La verifica consiste nel soddisfare la seguente disuguaglianza

Dove queste due sigma sono cos calcolate.

Dove fm stato posto pari a

13

Quindi la verifica ad usura sodisfatta.

Capitolo II
Dimensionamento alberi
Il dimensionamento degli alberi stata effettuata mediante le seguenti fasi:
1. Calcolo delle reazioni vincolari e caratteristiche di sollecitazione dove la convezione
utilizzata la seguente (le lunghezze degli alberi sono state ipotizzate in prima
approssimazione);

2.
3.
4.
5.

Calcolo del diametro perni a torsione;


Calcolo del diametro della sede a flesso torsione;
Verifica deformative;
Scelta dei cuscinetti;

In questa fase del progetto ci siamo avvalsi del aiuto di excel come strumento di calcolo .

Dimensionamento albero 1
L albero 1, vedi in appendice APP 1, pu essere schematizzato come una trave vincolata a sinistra
con una cerniera e a destra con un carrello, ai fini di semplificare i calcoli si scelto di alloccare i
vincoli in posizione centrale rispetto i rispettivi perni. La lunghezza di perni stata scelta pari a 40
mm.

14

Le reazioni e le caratteristiche sono state calcolate in modo singolo prima nel piano xz e
successivamente nel piano yz per poi comporli.

Piano xz
I dati con cui si sono calcolatele reazioni sono
AC [mm]

CB [mm]

R1 [N]

90

90

12511,48

Risolvendo l equazioni cardinali della statica:

15

1020.5 N

Non essendoci carichi assiali la relativa reazione nulla.


Il diagramma del momento torcente, taglio e momento flettente sono i seguenti

Taglio[N]
1500
1000
500
0

-500
-1000
-1500

Taglio[N]
1

11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

16

Momento flettente
0
-10000

1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

-20000
-30000
-40000
-50000

Momento flettente

-60000
-70000
-80000
-90000
-100000

Momento torcente

350000
300000
250000
200000
150000

Momento torcente

100000
50000
0
1

11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

Dal foglio excel, dove sono stati calcolati le sollecitazioni risulta che il momento massimo vale

91845 Nmm

17

Piano yz

I dati con cui si sono calcolatele reazioni sono


AC [mm]

CB [mm]
90

Q1 [N]
90

5608

Risolvendo l equazioni cardinali della statica:

2804 N

Non essendoci carichi assiali la relativa reazione nulla.


Il diagramma del momento torcente, taglio e momento flettente sono i seguenti

18

Taglio[N]
4000
3000
2000
1000
0

Taglio[N]
1

-1000

11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

-2000
-3000
-4000

Momento flettente [Nmm]


300000
250000
200000
150000

Momento flettente [Nmm]

100000
50000
0
1

9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

Dal foglio excel, dove sono stati calcolati le sollecitazioni risulta che il momento massimo vale
252360 Nmm

Calcolo diametro perni


I perni, ovvero quella parte di albero dove vengono alloggiati i cuscinetti stata calcolata a torsione,
ponendoci in condizione limite e aumentando, opportunamente in diametro cos ottenuto, affinch
le verifiche deformative successive siano sodisfatte

= 18.87

30 mm

19

Calcolo diametro sede


La sede, cio la parte di albero sul quale sar ricavata la ruota stata calcolata a flesso torsione
calcolandoci il momento flettente ideale con la forma valida per assi e alberi:

= 21.48

= 365332.82 Nmm

40

mm
Verifica deformativa
La verifica deformativa consiste nel
soddisfare le seguenti condizioni:

Per fmax si intende la massima freccia di


inflessione, per la rotazione dovuta alla
flessione e per la rotazione massima
relativa tra le varie sezioni dovute alla
coppia.

Albero 1

Per lo schema specifico, la verifica flessionale stata fatta considerando la trave a sezione costante
2
pari al diametro minimo 30 mm , mettendoci cos nel caso peggiore:

Dove I il momento di inerzia

Mentre la F ottenuta componendo le due forze agendo sui due piani3

A rigore dovrei tener conto della variazione della sezione e valutare la freccia massima di inflessione calcolando la
linea elastica e valutarne il massimo.

20

= 5967.86 N

La rotazione massima invece si calcolata come:

Per quando riguarda la verifica torsionale questa stata svolta calcolando la rotazione relativa tra
due sezioni sollecitate a momento torcente.
Nel caso del primo albero il perno di sinistra e la sede sono sollecitate a torsione quindi langolo
unitario si calcolato come:

Dove

il momento di inerzia polare rispettivamente del perno e della sezione

Con excel si calcolato la linea elastica numerica dell albero tenendo conta della variazione di
sezione la deformata nei relativi pieni la seguente:

La freccia di inflessione poteva calcolarsi anche per singolo piano, e verificare la condizione limite sommando
algebricamente le frecce dei relativi piani.

21

freccia xz
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 110 120 130 140 150 160 170 180
-0,002
-0,004
-0,006

freccia xz

-0,008
-0,01
-0,012

freccia yz
0,035
0,03

0,025
0,02
freccia yz

0,015
0,01
0,005
0
1

9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37

Scelta dei cuscinetti


Essendo i carichi tutti radiali si scelto di utilizzare per l albero 1 due cuscinetti sfere. Il carico
dinamico equivalente si calcolato con la seguente:

Dove per P si intende il carico massimo agente pari ad:

22

2983.9 N
38661.17 N

Dal manuale dei cuscinetti SKF con un diametro interno pari a 30mm si scelto un cuscinetto skf 6406 che
presenta un carico dinamico equivalente pari a 43600 N.
Per il montaggio si scelto di bloccare assialmente i cuscinetti con due anelli Seeger.

Dimensionamento albero 2
L albero2,vedi appendice
APP2, pu essere
schematizzato come una trave
vincolata a sinistra con una
cerniera a destra con un
carrello. Al fine di semplificare
i calcoli si scelto di alloccare i
vincoli in posizione centrale
rispetto i rispettivi perni. La
lunghezza di perni stata scelta
pari a 48 mm.

Le reazioni e le caratteristiche
sono state calcolate in modo
singolo prima nel piano xz e
successivamente nel piano yz.

23

Piano xz

24

Non essendoci carichi assiali la relativa reazione nulla.


Il diagramma del momento torcente, taglio e momento flettente sono i seguenti

Taglio[N]
10000
8000
6000
4000
2000
0
-2000 0

15 30 45 60 75 90 105 120 135 150 165 180 195 210 225 240 255 270 285 300 315

-4000
-6000
-8000

Tagli

-10000

-12000

Momento flettente [Nmm]

0
0

15 30 45 60 75 90 105 120 135 150 165 180 195 210 225 240 255 270 285 300 315

-200000
-400000
-600000

Momento flettente [Nmm]

-800000
-1000000
-1200000

Il momento flettente massimo relativo al piano xz


Nmm

25

Piano yz
La struttura nel piano Yz pu essere cos schematizzata:

AB [mm] BC [mm]
110

120

CD [mm] R2 [N]
90

6123,25

R1' [N]
2041

Dalle equazioni cardinali della statica


Vay
Vdy
Hby

4592,414
3571,836
0

Il diagramma delle sollecitazioni sono:

Taglio[N]
4000
3000
2000
1000

-1000

0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200
210
220
230
240
250
260
270
280
290
300
310
320

-2000
-3000

-4000
-5000
-6000

Taglio[N]

26

Momento flettente [Nmm]


0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200
210
220
230
240
250
260
270
280
290
300
310
320

0
-100000
-200000
-300000
-400000
-500000
Momento flettente [Nmm]

-600000

Momento torcente[Nmm]
1400000
1200000
1000000
800000
600000
400000
200000
0
1 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37 39 41 43 45 47 49 51 53 55 57 59 61 63 65

Nmm

Calcolo diametro perni


I perni, ovvero quella parte di albero dove vengono alloggiati i cuscinetti stata calcolata a torsione
ponendoci in condizione limite e aumentando, opportunamente in diametro cos ottenuto, affinch
le verifiche deformative successive siano sodisfatte

= 29.96

45 mm

27

Calcolo diametro sede


La sede, cio la parte di albero sul quale sar ricavata la ruota stata calcolata a flesso torsione
calcolandoci il momento flettente ideale con la forma valida per assi e alberi:

= 1523259,287 Nmm

= 34.58

55 mm

Verifica deformativa
La verifica deformativa consiste nel soddisfare le seguenti condizioni:

Per fmax si intende la massima freccia di inflessione, per la rotazione dovuta alla flessione e per
la rotazione massima relativa tra le varie sezioni dovute alla coppia.
Per lo schema specifico, la verifica flessionale stata fatta considerando la trave a sezione costante
per ogni piano calcolando la freccia supponendo che agisce una forza per volta e sommando
algebricamente, in questo caso la freccia massima stata calcolata con la seguente relazione:

28

Piano xz

=0.00074 mm
Piano yz

=0.00043mm
Facendo lo stesso per la rotazione la verifica flessionale risulta essere ampiamente sodisfatta.
Il momento torcente agisce sula sede dell albero percui la ratozione relativa sar:

Minore di 0.00436 percui anche la verifica torsionale sodisfatta.

Albero 2

Si scelto l accoppiamento albero disco mediante profilo scanalato.

29

Scelta dei cuscinetti


Essendo i carichi tutti radiali si scelto di utilizzare per l albero 2 due cuscinetti a rulli da montare
sui perni esterni (A e D). Il carico dinamico equivalente si calcolato con la seguente:

Dove per P si intende il carico massimo agente pari ad:

10518.645 N
69605.834 N

Dal manuale dei cuscinetti SKF con un diametro interno pari a mm si scelto un cuscinetto
2209EC che presenta un carico dinamico equivalente pari a 85868 N.

Dimensionamento albero 3
L albero3, vedi appendice APP.3, pu essere schematizzato come una trave vincolata a sinistra con
una cerniera e a destra con un carrello, ai fini di semplificare i calcoli si scelto di alloccare i
vincoli in posizione centrale rispetto i rispettivi perni. La lunghezza di perni stata scelta pari a 50
mm.

Le reazioni e le caratteristiche sono state calcolate in modo singolo prima nel piano xz e
successivamente nel piano yz per poi comporli.

30

Piano xz

I dati con cui si sono calcolatele reazioni sono


AC [mm]
135

CB [mm]
135

R2' [N]
6123,25

Risolvendo l equazioni cardinali della statica:

3061.625N

Non essendoci carichi assiali la relativa reazione nulla.


Il diagramma del momento torcente, taglio e momento flettente sono i seguenti

31

Taglio[N]

4000
3000
2000

Taglio[N]

1000

270

260

250

240

230

220

210

200

190

180

170

160

150

140

130

120

110

90

80

70

60

50

40

30

100

-1000

20

10

-2000
-3000
-4000

-50000

Momento flettente [Nmm]


0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
110
120
130
140
150
160
170
180
190
200
210
220
230
240
250
260
270

-100000
-150000
-200000
-250000
-300000
-350000
-400000
-450000

Dal foglio excel, dove sono stati calcolati le sollecitazioni risulta che il momento massimo vale
Nmm

Piano yz

32

I dati
AC [mm]
135

CB [mm]
135

Q2 [N]
16823,5

con cui si sono calcolatele reazioni sono

Risolvendo l equazioni cardinali della statica:

8411,75N

Non essendoci carichi assiali la relativa reazione nulla.


Il diagramma del momento torcente, taglio e momento flettente sono i seguenti

33

Taglio[N]
10000
5000

0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100110120130140150160170180190200210220230240250260270
-5000
-10000
Taglio[N]

Momento flettente [Nmm]

1200000
1000000

Momento flettente

800000
600000
400000
200000
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100110120130140150160170180190200210220230240250260270

Dal foglio excel, dove sono stati calcolati le sollecitazioni risulta che il momento massimo vale
Nmm

Calcolo diametro perni


I perni, ovvero quella parte di albero dove vengono alloggiati i cuscinetti stata calcolata a torsione
ponendoci in condizione limite e aumentando, opportunamente in diametro cos ottenuto, affinch
le verifiche deformative successive siano sodisfatte

Calcolo diametro sede

= 46,37376683

50 mm

34

La sede, cio la parte di albero sul quale sar ricavata la ruota stata calcolata a flesso torsione
calcolandoci il momento flettente ideale con la forma valida per assi e alberi:

=3865306,749 Nmm

= 47,17561831

60 mm

Verifica deformativa
La verifica deformativa consiste nel soddisfare le seguenti condizioni:

Seguendo i procedimento visto nelle pagine precedenti le verifiche risultano essere sodisfatte.
Le deformate nei vari piani sono:

freccia xz
0
0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100110120130140150160170180190200210220230240250260270
-0,005
-0,01
-0,015
-0,02
-0,025
freccia xz

35

freccia yz
0,06
0,05
0,04
0,03
0,02
0,01
0
1

9 11 13 15 17 19 21 23 25 27 29 31 33 35 37 39 41 43 45 47 49 51 53 55

Albero 3

Si scelto l accoppiamento albero disco mediante profilo scanalato e di bloccare assialmente il


disco con delle flange filettate.

Scelta dei cuscinetti


Essendo i carichi tutti radiali si scelto di utilizzare per l albero 1 due cuscinetti orientabili a rulli
con bussola di pressione. Il carico dinamico equivalente si calcolato con la seguente:

Dove per P si intende il carico massimo agente pari ad:

36

8951,596824 N
39987,00468N

Dal manuale dei cuscinetti SKF con un diametro interno pari a 50 mm si scelto un cuscinetto NUP 2310 EC
che presenta un carico dinamico equivalente pari a 161000 N.

Capitolo III
Dischi
Come gi detto nel capitolo I le ruote 1 e 2 presentano un rapporto:

E perci non conveniente ricavarle in un unico pezzo per motivi economici legati all elevata
qualit del materiale. Si scelto, quindi, di calettare queste ruote su dei dischi in ghisa con una
ottenuti per fusione.
Pi che un dimensionamento si tratta di una verifica. Il disco risulta essere sollecitato
prevalentemente a torsione in quanto essendo ruote cilindriche a denti diritti si ha solo una forza
radiale e una tangenziale responsabile del momento torcente.
La tensione interna stata cos calcolata:

Il momento di inerzia polare Ip stato calcolato direttamente con il software Cad Solid Work.
Mentre per r si presa la distanza massima dal centro
Per la ruota 1 calettata sull albero 2 si ha:

Il primo disco regge.

37

Il disco della ruota 2 calettato sullalbero 3

Per il collegamento del riduttore a macchine


esterne si adottano delle flange calettate sull
albero 1 e 3 mediante forzamento mozzoalbero.

38

Appendice disegni CAD

APP. 1
Albero 1

39

APP. 2
Albero 2

40

APP. 3
Albero 3

41

APP. 4
Disco 1

42

APP. 5
Disco 2

43

APP. 6
Riduttore vista esplosa