Sei sulla pagina 1di 15

02OAKMN - Elementi di Costruzione e Disegno di Macchine

a.a. 2016/2017
ESERCITAZIONE 5 CM: Collegamenti mozzo – albero

Un collegamento forzato mozzoalbero (Dc = 45 mm) viene montato a caldo con interferenza nominale
inom = 35 m, temperatura iniziale T0 = 20 °C e gioco di infilamento S = 40 m. Il materiale è acciaio
E.1
( = 1210-6 °C-1, E = 2 105 MPa,  = 0.3). Calcolare la temperatura di montaggio del mozzo.
[T = 159 °C]
Un mozzo viene calettato su un albero (D = 50 mm) con interferenza nominale inom = 25 m. Le rugosità
e i coefficienti di deformabilità valgono rispettivamente Ra = 5 m, a = 4.8 10-6 mm2/N e Rm = 4 m,
E.2
m = 2.8105 mm2/N. Calcolare la pressione di forzamento effettiva.
[p = 11 MPa]
Una ruota dentata in acciaio (E = 2 105 MPa,  = 0.3 ) di modulo m=4 ha numero di denti z=30 e larghezza
di fascia pari a 40 mm e deve trasmettere una coppia di 250 Nm a 2500 giri/min. Il diametro di calettamento
E.3 Dc è pari a 30 mm. Il coefficiente d’attrito f da utilizzare è pari a 0,2. Calcolare l’interferenza necessaria
con un coefficiente di sicurezza di 1,5.
[i=10.4 m ]
Un cuscinetto ad alta velocità è montato con interferenza sull’anello interno su di un albero che ruota a
8000 giri/min. Sapendo che il montaggio avviene con accoppiamento H7/p6, che il diametro di calettamento
Dc è di 100 mm e che il diametro esterno De dell’anello interno del cuscinetto vale 113 mm, valutare la
E.4
perdita di interferenza dovuta all’effetto centrifugo e verificare se le condizioni di interferenza sussistano.
In tal caso indicare quale accoppiamento è indicato.
[i=8.7 m]
Una puleggia di alluminio (E= 7104 MPa,  = 0.3, * = 2310-6 °C-1) è montata su un albero pieno in acciaio
(E = 2105 MPa,  = 0.3, * = 1110-6°C-1) è caratterizzata dalla seguente geometria:
D = 50 mm diametro di calettamento
de = 90 mm diametro esterno mozzo
L = 100 mm lunghezza assiale mozzo
La finitura superficiale garantisce le seguenti rugosità: Ra = Rm = 4 m (finitura di tornio).
La coppia trasmessa è M = 600 Nm (assumere un coefficiente d’attrito f = 0.2).

1. Calcolare l’interferenza inec alla trasmissione della coppia considerando per il momento trasmissibile un
E.5 coefficiente di sicurezza C = 1.5.
2. L’accoppiamento mozzo-albero è realizzato nel sistema foro base H7, la qualità di lavorazione
dell’albero è 6; calcolare quali devono essere le tolleranze dell’accoppiamento affinché venga trasmesso
il momento M ; (ricordarsi della perdita di interferenza dovuta alla rugosità).
3. Calcolare la tensione equivalente nel punto di progetto della puleggia e scegliere nella tabella allegata la
lega di alluminio da utilizzare assumendo un coefficiente di sicurezza S = 1.5.
4. Calcolare la temperatura di trattamento t da assegnare al mozzo per il montaggio, assumendo un gioco
di infilamento g = 30 m e temperatura ambiente t0 = 20 °C.
5. Cosa succede se in esercizio si verifica un riscaldamento uniforme di 30 °C? Se necessario scegliere
altre tolleranze, eventualmente cambiando anche la qualità di lavorazione e materiale del mozzo.
[inec = 20 m; eq = 116MPa; t = 107°, i30° = 18 m]

1
Tabella 1
Dimensioni Caratteristiche meccaniche
Carico Carico Allungamento Durez-
Spessore Diame-tro Sezione unitario unitario di za
Tipo Stato di scostamento dalla A Brinell
Designazione di fisico rottura proporzionalità min
semilavorato %
s d A R Rp 0,2 HB
max. min. min. min.
laminati estrusi trafilati
fuc.
mm mm mm2 N/mm2 kg/mm2 N/mm2 kg/mm2 stamp.
P-AI Mg 2,7 Mn R tutti - - 205 21 80 8 16 - - 50
UNI 7789 Laminati H 20 da 0,8 a 6 - - 245 25 175 18 7 - - 60
H 40 da 0,8 a 4 - - 265 27 200 20,5 6 - - 70

Estrusi Hp - - 12000 205 21 80 8 - 12 - 50

P-AI Mg 3,5 Laminati R tutti - - 205 21 90 9 20 - 20 55


UNI 3575 e H 20 da 0,8 a 6 - - 245 25 185 19 12 - 11 75
trafilati H 35 da 0,8 a 4 - - 285 29 245 25 4 - 3,5 85

Estrusi Hp - - 12 000 215 22 90 9 - 16 - 55

P-AI Mg 4,4 Laminati R tutti - - 245 25 110 11 20 - 20 60


UNI 5452 e HL da 8 a 75 - - 255 26 110 11 12 - _ 60
trafilati H 15 da 0,8 a 6 - - 285 29 215 22 12 - 11 80
H 30 da 0,8 a 4 - - 325 33 275 28 6 - 5 90

P-AI Mg 4,5 R tutti - - 275 28 130 13 16 - - 60


UNI 7790 Laminati H 10 da 0,8 a 6 - - 305 31 235 24 8 - - 80
H 20 da 0,8 a 4 - - 345 35 265 27 6 - - 90

Estrusi Hp - - 12 000 265 27 170 11 - 12 - 60

P-AI Mg 5 Estrusi Hp - - 12 000 245 25 110 11 - 16 - 60

UNI 3576 Trafilati R - tutti - 255 26 120 12 - - 20 65


per H 10 - da 1,2 a - 295 30 235 24 - - 12 85
ribattini 9

P-AI Mg Si Ta N £3 - - 135 14 50 5 - 20 - 40
UNI 3569 Estrusi Ta A 14 £3 - - 155 16 90 9 - 14 - 55
Ta A 16 £3 - - 195 20 145 15 - 8 - 60

P-AI Si 1 Mg Mn Laminati R tutti - - 90 9 40 4 25 - 25 30


UNI 3571 e TN da 0,8 a 4 - - 205 21 110 11 22 - 20 50
trafilati T A 14 da 0,8 a 4 - - 235 24 135 14 20 - 18 70
T A 16 da 0,8 a 4 - - 295 30 245 25 11 - 10 90

R - - 12000 110 11 60 6 - 20 - 30
Estrusi TA 14 - - 12000 235 24 135 14 - 16 - 70
T A 16 - - 12000 315 32 265 27 - 10 - 90

Fucinati e T A 14  100 - - 215 22 120 12 - 16 - 70


stampati T A 16  100 - - 295 30 245 25 - 6 - 90

P-AI Mg 1 Si Cu Laminati R tutti - - 100 10 50 5 16 - 15 30


UNI 6170 e TN da 0,8 a 6 - - 205 21 110 11 15 - 13 50
trafilati T A 16 da 0,8 a 6 - - 295 30 245 25 10 - 8 90

R - - 12000 110 11 60 6 - 16 - 30
Estrusi TN - - 12000 175 18 110 11 - 16 - 50
T A 16 - - 12000 265 27 235 24 - 9 - 80

Fucinati e T A 16  100 - - 265 27 235 24 - 8 - 80


stampati

P-I Zn 5,8 Mg Cu Laminati R  20 - - 185 19 90 9 9 9 50


UNI 3735 e trafilati TA da 0,5 a 20 - - 520 53 445 45,5 6 6 145

Estrusi R tutti - - 185 19 90 9 - 9 - 50


1 TA  38 - - 540 55 480 49 - 7 - 145

Fucinati e TA - - 11 000 500 51 425 43,5 - 7 - 145


stampati
Simboli: R stato ricotto, H stato incrudito, Ta tempra di soluzione raffreddata in aria, T tempra di
soluzione raffreddata in acqua, A invecchiamento artificiale, N invecchiamento naturale

2
Soluzioni esercizi
Un collegamento forzato mozzoalbero (Dc = 45 mm) La temperatura di montaggio a caldo del mozzo si
viene montato a caldo con interferenza nominale calcola come
inom = 35 m, temperatura iniziale T0 = 20 °C e gioco di i S
T  T0  nom  159 °C
E.1 infilamento S = 40 m. Il materiale è acciaio ( = 1210 -   Dc 103
6
°C-1, E = 2 105 MPa,  = 0.3). Calcolare la temperatura
di montaggio del mozzo.
[T = 159 °C]
Un mozzo viene calettato su un albero (D = 50 mm) ieff  i nom  0.8  R a  R m   17,8m
con interferenza nominale inom = 25 m. Le rugosità e ieff
i coefficienti di deformabilità valgono rispettivamente p  11 MPa
D   a   m   1000
E.2 R a = 5 m,  a = 4.8 10 -6
mm 2
/N e R m = 4 m,
m = 2.8105 mm2/N. Calcolare la pressione di
forzamento effettiva.
[p = 11 MPa]
Una ruota dentata in acciaio (E = 2 105 MPa,  = 0.3) di p  CS
M
 33 MPa
modulo m=4 ha numero di denti z=30 e larghezza l di 2 f l r 2
fascia pari a 40 mm e deve trasmettere una coppia di d p  m  z  120mm
250 Nm @ 2500 giri/min. Il diametro di calettamento
Dc è pari a 30 mm. Il coefficiente d’attrito f da utilizzare  d   30 
 m   mi      0.25
è pari a 0,2. Calcolare l’interferenza necessaria con un  d me   120 
E.3 coefficiente di sicurezza di 1,5.
1     m2 1     6  mm 
2

[i=10.4 m ] m   
1   m2 E  
7 .16 10
 N 
1   mm 2 
a   3.33  10 6  
E  N 
i  p  Dc   a   m   10.4 m
Un cuscinetto ad alta velocità è montato con 35 59
interferenza sull’anello interno su di un albero che H7  1000 p6 100 37
ruota a 8000 giri/min. Sapendo che il montaggio
avviene con accoppiamento H7/p6, che il diametro di imin = 37-35 = 2 m
calettamento Dc è di 100 mm e che il diametro esterno i  Di  2 De2 
De dell’anello interno del cuscinetto vale 113 mm, 4E

 
Con
valutare la perdita di interferenza dovuta all’effetto 0,1m  7800kg  8000 2 2  0,113m2
3 60
centrifugo e verificare se le condizioni di interferenza  m  8,7 m
4  2 10 10  kg  m
2
5 6 1
sussistano. In tal caso indicare quale accoppiamento è 2
s m
indicato.
Con l‘accoppiamente H7/p6 si ha:
E.4 [i=8.7 m] 35 59
 37
H7  1000 p6 100
imin=37-35= 2 m;
imin è inferiore a 8.7, non va bene.

Si sale di una categoria e si adotta H7/r6,

35 73
H7  1000 r6 100 51

imin = 51-35 = 16 m > 8.7

3
Una puleggia di alluminio (E= 7104 MPa,  = 0.3, * = 2310-6 °C-1) è montata su un albero pieno in
acciaio (E = 2105 MPa,  = 0.3, * = 1110-6°C-1) è caratterizzata dalla seguente geometria:
D= 50 mm diametro di calettamento
de = 90 mm diametro esterno mozzo
L = 100 mm lunghezza assiale mozzo
La finitura superficiale garantisce le seguenti rugosità: Ra = Rm = 4 m (finitura di tornio).
La coppia trasmessa è M = 600 Nm (assumere un coefficiente d’attrito f = 0.2).

1. Calcolare l’interferenza inec alla trasmissione della coppia considerando per il momento
E.5 trasmissibile un coefficiente di sicurezza C = 1.5.
2. L’accoppiamento mozzo-albero è realizzato nel sistema foro base H7, la qualità di lavorazione
dell’albero è 6; calcolare quali devono essere le tolleranze dell’accoppiamento affinché venga
trasmesso il momento M. ; (ricordarsi della perdita di interferenza dovuta alla rugosità);
3. Calcolare la tensione equivalente nel punto di progetto della puleggia e scegliere nella tabella
allegata la lega di alluminio da utilizzare assumendo un coefficiente di sicurezza S = 1.5;
4. Calcolare la temperatura di trattamento t da assegnare al mozzo per il montaggio, assumendo un
gioco di infilamento g = 30 m e temperatura ambiente t0 = 20 °C;
5. Cosa succede se in esercizio si verifica un riscaldamento uniforme di 30 °C? Se necessario scegliere
altre tolleranze, eventualmente cambiando anche la qualità di lavorazione e materiale del mozzo.
1. Calcolare l’interferenza minima i0 richiesta al montaggio per garantire in funzionamento la
trasmissione della coppia considerando per il momento trasmissibile un coefficiente di sicurezza C
= 1.5; ricordarsi della perdita di interferenza dovuta alla rugosità);

Si ricava la pressione al contatto mozzo-albero necessaria a trasmettere la coppia:


2 M C 2  600  1,5  1000
M  C   f  p   D  L  
D
 p nec    11,46 MPa
2 f  D  L 0,2   (50) 2  100
2

La deformabilità dell’albero è:

1   1  0,3  6  mm 
2
a    3.5  10  
E 2  105  N 
E.5
(1) La deformabilità del mozzo è:

2
   50 
2
1      Dmi   1    1  0,3     1  0,3
  6  mm 
1 Dme  1  90  2
m      31.4  10  
E  Dmi 
2
7  10 4  50 
2
 N 
1    1  
 me 
D  90 

Si calcola l’interferenza necessaria a trasmettere la coppia:

inec  pnec  Dc   a   m   11.46  50  3.5  31.4  106  103  20 m

4
2. L’accoppiamento mozzo-albero è realizzato nel sistema foro base H7, la qualità di lavorazione dell’albero è
6; calcolare quali devono essere le tolleranze dell’accoppiamento affinché venga trasmesso il momento M.

Per tenere conto della perdita di interferenza dovuta alla rugosità, si calcola l’interferenza i0:

i0  inec  2  0,40  ( Ra  Rm )  20  0,80  4  4  26,4 m

Si deve scegliere un accoppiamento che fornisca una interferenza minima: imin ≥ i0

Sapendo che il foro ha una tolleranza H7, si sceglie la tolleranza dell’albero. Si sceglie un accoppiamento
con albero con qualità di lavorazione superiore, per esempio 6 e per la lettera si considera che dovrà essere
imin ≥ i0 cioè imin ≥ 27 µm

 25  Y.
E.5 H7 0 ?6  X
(2) i min  X  25
27  X  25
X  27  25  52 m
Si sceglie quindi il campo di tolleranza (cioè la lettera) per l’albero dalle tabelle in corrispondenza del
diametro di calettamento D=50 mm che abbia scostamento minimo X ≥ 52 µm. Viene scelto t6 in cui X=54
µm.
 25  70
H7 0 t6  54

imin  54  25  29 m
imax  70  0  70 m

Si osserva che imin ≥ i0 29≥26.4 allora la scelta dell’accoppiamento è corretta.

3. Calcolare la tensione equivalente nel punto di progetto della puleggia e scegliere nella Tabella allegata la
lega di alluminio da utilizzare assumendo un coefficiente di sicurezza S = 1,5.

Nota la interferenza massima fornita dall’accoppiamento imax, si calcola la corrispondente pressione pmax

imax  pmax  Dc   a   m 
imax 70  10 3
p max    40,1 MPa
 a   m   Dc 3,5  31,4  106  50

E.5 Si calcola la tensione equivalente nei punti più sollecitati del mozzo (al raggio interno) con la pressione
pmax. utilizzando il criterio di Tresca:
(3)
Di2
 eq   ci   ri  (2 A  pmax )  ( pmax )  2  ( A  pmax ) con A  p max
De2  Di2
 Di2   De2   90 2 
 eq  2  p max  2  1
  2  p 
max 

2 
 2  40,1   2   116 MPa
2 
 De  Di  De  Di   90  50 
2 2

Tenendo conto del coefficiente di sicurezza, si ottiene:


Re, min  eq  S  116  1,5  174 MPa
Dalle Tabelle allegate, considerando un fucinato e stampato, si sceglie il materiale da utilizzare:
P-Al-Si 1 Mg Mn UNI 3571 T A 16

5
4. Calcolare la temperatura di trattamento t da assegnare al mozzo per il montaggio, assumendo un gioco di
infilamento g = 30 m e una temperatura ambiente T0 = 20°C.

imax  g    Dc  T
E.5
(4) imax  g (70  30)  10 3
T    87C
  Dc 50  23  10 6
La temperatura di trattamento è:
t  T0  T  20  87  107C
5. Cosa succede se in esercizio si verifica un riscaldamento uniforme di 30 °C? Se necessario scegliere altre
tolleranze, eventualmente cambiando anche la qualità di lavorazione e materiale del mozzo.

La perdita d’interferenza dovuta al riscaldamento uniforme vale:


iT  D m   a T  50  103 23  11  106  30  18  106 m  18μm .
Pertanto in esercizio si ottiene:
ieff  i min  i T  i R  29  18  6.4  4.6μm  i nec  20μm .
L’accoppiamento scelto non assicura in esercizio la trasmissione del momento. Si rende necessario un
incremento dell’interferenza minima nominale che deve risultare almeno pari a:

i0  inec  i T  i R  20  18  6.4  44.4μm .

Dalle Tabelle sulle tolleranze, si sceglie un accoppiamento H7-u6:

 25  86
H7 0 u6  70

i min  70  25  45 m
E.5 i max  86  0  86 m
(5)
Si osserva che imin ≥ i0 45≥44.4 allora la scelta dell’accoppiamento è corretta.

Poiché l’interferenza massima è aumentata, si deve verificare che il materiale scelto sia ancora in grado di
sopportare le tensioni che si sviluppano al calettamento:
imax 86  103
pmax    49,1 MPa
 a   m   D 3,5  31,4  10 6  50
Utilizzando come prima il criterio di Tresca è possibile ricavare la tensione equivalente al raggio interno del
mozzo:

 Di2   De2   90 2 
 eq  2  p max   1
  2  p 
max 

2 
 2  49,1   2   142 MPa
2 
 De  Di  De  Di   90  50 
2 2 2

Tenendo conto del coefficiente di sicurezza, si ottiene:


Re, min   eq  S  142 1,5  213 MPa  Rp0,2
.
Pertanto, non è necessario sostituire il materiale scelto precedentemente per il mozzo.

6
Rugosità compatibile
con qualità
lavorazione

7
8
9
10
11
12
13
14
15