Sei sulla pagina 1di 81

Friedrich Holderlin

La morte di Empedocle
PRIMA STESURA ATTO PRIMO Scena prima Pantea, Delia PANTEA Ecco il suo giardino. Nell'ombra misteriosa ove la sorgente scaturisce stava recentemente, quando passai di l. Tu non l'hai veduto mai? DELIA Oh, Pantea! Solo da ieri con mio padre sono giunta in Sicilia. Ma un tempo, quand'ero ancora bambina, l'ho visto ai giochi d'Olimpia in gara sopra un cocchio. Di lui si parl molto, allora, e sempre mi rimasto il suo nome. PANTEA Dovresti vederlo ora! Ora! Si dice che le piante al suo passaggio lo scrutino attente, e le acque sotterranee scaturiscano dove il suo bastone tocca il suolo. Pu darsi che tutto ci sia vero! E se durante i temporali leva lo sguardo al cielo, le nuvole si squarciano e subito appare il giorno sereno. Ma che importa? Devi vederlo, un solo istante, e poi allontanarti! Io stessa lo evito poich, tremendo, ha in s il potere di trasformare tutto. DELIA E come vive in mezzo agli altri? Non riesco a comprendere un essere simile. Ha, come tutti noi, quei giorni vuoti in cui ci sembra di essere vecchi e miserabili? E anch'egli conosce qualche pena umana? PANTEA L'ultima volta che lo vidi, all'ombra dei suoi alberi aveva certo - lui, divino toccato il fondo del suo dolore. Con grande struggimento, cercando, triste, come se molto avesse perduto, chinava gli occhi al suolo o li innalzava verso la penombra del boschetto, quasi la sua vita

avesse preso il volo verso azzurre lontananze, e l'umilt del suo aspetto regale mi commosse - Anche tu tramonterai, splendida stella, e tra non molto. Fu il mio presentimento. DELIA Hai gi parlato con lui, Pantea? PANTEA Quali memorie ridesti! Non molto tempo fa giacevo malata, moribonda. Gi mi si annebbiava il giorno chiaro e, intorno al sole, come un fantasma inanimato il mondo vacillava. Allora mio padre, sebbene ostile e avverso a questo grande, quando vide perduta ogni speranza, a lui ricorse, al confidente della Natura: e quando il Magnifico mi porse la pozione, la vita agonizzante si ricompose in armonica magia, e quasi ritornata all'eterea dolcezza dell'infanzia, pur essendo desta, dormii per molti giorni quasi senza bisogno del respiro. E quando con rinnovata gioia l'essere mio si dischiuse al mondo da lungo tempo assente, quando con giovanile curiosit il mio sguardo si riapri al giorno, lui era l, Empedocle, divino, e quanto a me presente! Nel sorriso dei suoi occhi mi rifior la vita, come una nuvola mattutina il mio cuore vol incontro alla sublime e dolce luce e ne fui il tenero riflesso. DELIA O Pantea! PANTEA Quella voce dal suo petto! In ogni sillaba risuonavano tutte le melodie e nelle sue parole lo spirito. Vorrei rimanere ai suoi piedi per ore, discepola e figlia, contemplare il suo cielo ed esultare in lui, finch la mia mente si perdesse nelle sue celesti altezze. DELIA Se lo sapesse, cara, cosa direbbe? PANTEA Non lo sa. Libero da bisogno vive in un mondo unicamente suo; sereno come un dio passeggia silenzioso tra i suoi fiori, neppure l'aria osa disturbare la sua felicit e da lui stesso con piacere crescente nasce e sale l'entusiasmo, finch dalla feconda estasi notturna come una scintilla scaturisce il pensiero o le serene immagini di future imprese gli si affollano nel cuore,

e il mondo, la vita fermentante dei mortali, e la pi grande Natura si presentano a lui: allora si sente come un dio nel suo elemento e la sua gioia canto celeste poi tra gli uomini ritorna, quando sono in movimento e nel tumulto irresoluto necessario un dominatore; e qui governa il grande pilota e reca aiuto; e quando infine l'hanno guardato bene e alla sua presenza, comunque estranea, vorrebbero abituarsi, prima che se ne accorgano, dilegua: lo attrae tra le sue ombre il quieto mondo vegetale, ove meglio si ritrova, quella vita misteriosa che a lui presente in tutte le sue forze. DELIA Oracolo, come conosci tutto questo? PANTEA Costantemente penso a lui... oh, quanto mi rimane da riflettere ancora su di lui? E se anche l'avessi capito a che mi gioverebbe? Essere come lui: questa la vita, e noi non ne siamo che il sogno. A lungo mi ha parlato di lui Pausania, il suo amico che non passa giorno senza incontrarlo, e l'aquila di Giove - io credo non pi orgogliosa di lui! DELIA Non posso biasimare ci che dici, cara, ma ne sono stranamente rattristata: vorrei e nello stesso tempo non vorrei essere come te. Siete dunque tutti uguali in quest'isola? Anche noi proviamo gioia nel possedere uomini illustri, come colui che ora lo splendore delle ateniesi quel Sofocle che primo fra i mortali intu la natura luminosa delle vergini e nel cuore per pura memoria l'accolse... e ognuna vorrebbe vivere nel pensiero di quel grande e, prima di sfiorire, poter serbare la giovinezza eternamente bella nel cuore del poeta, e cerca e chiede quale delle vergini di Atene sia la severa e tenera eroina a cui si ispir nel ritrarre Antigone; e la nostra fronte s'illumina quando l'amico degli di appare nel teatro in un giorno di festa, e siamo senza pena e il nostro cuore non si perde in cos doloroso e travolgente omaggio. Tu ti sacrifichi - s, egli troppo grande perch tu possa mantenere la tua pace, illimitato e tu senza limiti: lo ami, ma giova a lui? Anima cara, tu stessa hai presagito la sua fine: vuoi forse morire insieme a lui?

PANTEA Non farmi inorgoglire e non temere per me come per lui! Non sono lui, n il suo tramonto potrebbe mai essere il mio, poich dei grandi anche la morte grande... ci che accade a quest'uomo accade, credimi, soltanto a lui e se anche avesse offeso tutti gli dei sfidando il peso della loro collera e volessi peccare quanto lui per condividerne la sorte, sarei simile a chi s'immischia, estraneo, in una lite fra amanti. Cosa pretendi?, direbbero gli di, Non puoi offenderci come fece lui. DELIA Forse sei simile a lui pi di quanto tu non creda, perch altrimenti lo ameresti tanto? PANTEA Anima cara, neppure io so perch gli appartengo. Se tu lo vedessi! Pensavo che forse sarebbe uscito tu allora l'avresti visto allontanarsi. Un desiderio, vero? Ma non dovrei desiderare ancora, poich sembra che gli di non amino le preghiere impazienti dei mortali. Hanno ragione. Ed io mai pi... Ma, benigni di, devo pur sperare e altro non conosco se non lui... Vorrei implorare anch'io, come tutti soltanto sole e pioggia, se potessi! Mistero eterno: ci che siamo e cerchiamo, non possiamo trovare: ci che troviamo, non siamo. Delia, che ora sar? DELIA Non so se dobbiamo restare o andar via... Vedo venir tuo padre. PANTEA Mio padre, dici? Andiamo. Vieni! Scena seconda Crizia (arconte), Ermocrate (sacerdote) ERMOCRATE Chi mai laggi? CRIZIA mia figlia, se non erro, e Delia, la figlia di quell'ospite che ieri ho accolto in casa mia.

ERMOCRATE un caso o anch'esse lo cercano credendo, come il popolo, che sia scomparso? CRIZIA Non credo che la strana diceria sia giunta finora alle orecchie di mia figlia. Ma anch'ella, come tutti, legata a lui. Oh, fosse andato tra i boschi o nei deserti oltre il mare o sotto terra, ovunque lo spirito esaltato possa averlo spinto! ERMOCRATE Niente affatto. Lo devono vedere affinch crolli la loro folle illusione. CRIZIA Dove sar? ERMOCRATE Certo non lontano L'anima assente, seduto al buio gli di gli hanno tolto ogni energia dal giorno in cui, nella sua ebbrezza, davanti a tutti s' proclamato dio. CRIZIA Il popolo ebbro, come lui. Non hanno pi leggi, n giudici, n doveri, i loro costumi come placidi arenili sono sommersi da frastuoni oscuri. Ogni giorno una festa sfrenata, sempre festa, e le modeste ricorrenze consacrate agli di si sono tutte fuse insieme; ricoprendo tutto di tenebre il mago avvolge cielo e terra nella tempesta che ha scatenato e lui guarda e gioisce del suo spirito nel silenzio della sua dimora. ERMOCRATE Un potere immenso ha esercitato su di voi l'anima di quest'uomo. CRIZIA Ti dico: non conoscono che lui, e solo da lui vogliono ricevere tutto. lui che vogliono come dio e re. Davanti a lui io stesso mi prostrai umiliato quando salv mia figlia dalla morte. Ermocrate, che pensi di lui? ERMOCRATE Gli di lo hanno molto amato. Ma non il primo che abbiano respinto, pi tardi, nelle tenebre dell'incoscienza dalle altezze del loro favore, perch nell'eccesso della sua fortuna

troppo dimentic le distanze e si ritenne unico, cos stato punito con una solitudine infinita. Ma per lui non ancora suonata l'ora estrema: a lungo viziato non pu pi tollerare, io temo, l'ignominia, e il suo spirito assopito si riaccende nuovamente per la vendetta, e in dormiveglia, pericoloso sognatore, afferma, come i vecchi tracotanti che trasmigrano per le vie dell'Asia, che dalla sua parola un tempo ebbero origine gli dei. Allora il mondo immenso, vivo, opulento, sta di fronte a lui come una sua perduta propriet, e immense voglie gli ardono nel petto, e questa fiamma, dovunque si abbatta, apre un varco. Egli rovescia tutto ci che il tempo ha maturato prima di lui - leggi, costumi e arti e nobili leggende e non pu tollerare tra i viventi n pace n serenit. Non sar mai in pace. Se per lui tutto and perduto, tutto vorr riprendere, e nessun mortale arrester la furia di questo folle. CRIZIA Vecchio, tu vedi cose senza nome. giusto quanto dici, e se accadesse, guai a te, Sicilia, cos bella nei tuoi giardini e nei tuoi templi! ERMOCRATE La sentenza degli di lo colpir prima che inizi l'opera. Raduna il popolo affinch gli mostri il volto dell'uomo che, a quanto dicono, gi salito in cielo. Voglio che siano testimoni dell'anatema che sto per scagliargli contro. Verr scacciato nel deserto selvaggio da cui non potr pi fare ritorno e l'espier l'ora fatale in cui si fece dio. CRIZIA Ma se l'audace domina il popolo debole, non temi per noi e per i tuoi dei? ERMOCRATE La parola del sacerdote stronca lo spirito d'audacia. CRIZIA E tu credi che dopo averlo amato per cos gran tempo, vedendolo patire l'onta della maledizione, lo scacceranno dai giardini in cui amava vivere, e dalla citt natale? ERMOCRATE Chi potr tollerare nella sua patria

un mortale colpito da un giusto anatema? CRIZIA E se il popolo che lo considera un dio ti accusasse di essere blasfemo? ERMOCRATE Il deliro passer non appena avranno rivisto con i loro occhi colui che credono asceso tra gli dei. E gi si sono ravveduti: percorrendo ieri questa stessa strada, li ho visti aggirarsi in preda a smarrimento, rattristati, parlando a lungo di lui. Allora dissi loro che oggi li avrei guidati da lui, e che nell'attesa rimanessero tranquilli in casa. Per questo ti ho pregato di venire con me per vedere se mi avessero obbedito. Non c' nessuno qui. Su, vieni! CRIZIA Ermocrate! ERMOCRATE Che c'? CRIZIA Laggi, lo vedo chiaramente. ERMOCRATE Andiamo, Crizia, che non ci irretisca in qualche suo discorso. Scena terza EMPEDOCLE Nel mio silenzio sei giunto con passo lieve, giorno splendido, e mi hai trovato, amico, nel buio della grotta, ma non venivi inatteso, e da lontano, da lass, sopra la terra sentii con chiarezza il tuo ritorno, e il vostro, miei confidenti, agili e operose forze dell'altezza, e voi, vicini come un tempo, alberi felici del mio bosco! Siete ancora cresciuti, e giorno dopo giorno umili, la fonte del cielo vi abbeverava di luce e l'etere ha versato gocce di vita a fecondare i vostri fiori. O intima Natura che mi stai dinnanzi pi non riconosci l'amico, il prediletto, non riconosci in me quel sacerdote che ti offriva il suo canto di vita come sangue immolato con gioia in sacrificio? Oh, alle sacre fonti ove si raccolgono le acque tranquille che nei giorni torridi danno refrigerio a chi ha sete, un tempo

in me confluivate, sorgenti di vita, dalle viscere del mondo, e a me venivano gli assetati... Ora sono inaridito, e gioia di me pi non hanno i mortali. Sono solo? E anche di giorno quass notte? Ahim, colui che pi di ogni altro spinse lo sguardo in alto, ora brancola accecato... Miei numi, dove siete? Mi abbandonate come un mendicante? E avete ripudiato questo cuore che amoroso vi aveva presagiti, l'avete stretto in ceppi ignobili, lui che era nato libero, che esisteva per se stesso e non era soggetto ad alcuno? E dovrei sopportare tutto questo, come i deboli che nello spaventoso Tartaro stanno inchiodati, giorno dopo giorno, alla pena antica? Io so chi sono; io lo voglio! Voglio farmi largo, e che spunti il giorno! Largo! Per il mio orgoglio! Non bacer la polvere di questa strada ove gi camminai perduto in un bel sogno. finita. O di fui amato da voi. Vi conoscevo bene, agivo insieme a voi, secondo quanto il mio spirito, da voi guidato, mi dettava, tali vi conoscevo, tali in me vivevate... Oh no! Non era un sogno; con il cuore ti sentivo etere silenzioso, quando l'errore umano mi stringeva l'anima e tu, grande conciliatore, mi guarivi con il tuo respiro, quando bagnavi il mio petto ferito dall'amore e i miei occhi, luce che tutto evolvi, contemplarono la tua divina azione, e tutte voi, potenze eterne... Ombre, nient'altro! finita e tu, non lo nascondere, la colpa tua, misero Tantalo. Tu hai profanato il santuario, con tracotante orgoglio hai rotto l'alleanza. Quando i geni del mondo, o sciagurato, in te si fusero amorosi, solo a te pensasti e ti illudesti, folle meschino, che i Celesti, i Benigni, si fossero venduti a te per servirti come stolidi schiavi. Non c' un vendicatore in qualche luogo, e dovr attirare da solo sulla mia anima maledizione e vergogna? C' qualcuno migliore di me che strappi dalla mia fronte la corona delfica e strappi i miei capelli come si conviene al vate calvo?... Scena quarta Empedocle, Pausania PAUSANIA E voi tutti, potenti di del cielo, cosa vedo? EMPEDOCLE Va' via! Chi t'ha mandato? Per completare

l'opera a mio danno? Ti dir tutto, se non sai: ti sia di insegnamento, Pausania; non cercare l'uomo che amavi, perch non esiste pi. E vattene, caro giovane! Il tuo volto m'infiamma l'anima: e, sia un bene o un male, eccessiva per me, una cosa e l'altra. Ma sia come tu vuoi. PAUSANIA Che cosa accade? A lungo ti ho atteso, e quando da lontano ti ho visto, resi grazie alla luce del giorno Ma qui ti trovo, ahim, come la quercia percossa da Zeus, squarciato dalla testa ai piedi. Ma non eri solo. Non ho afferrato le tue parole, ma ancora ne odo l'estraneo tono funebre. EMPEDOCLE Era la voce di colui che si era vantato di essere pi che un mortale, perch l'amorosa Natura l'aveva colmato di eccessiva felicit. PAUSANIA Per chi, come te, amico di tutto ci che al mondo esiste di divino, non mai eccessiva. EMPEDOCLE Parlavo cos anch'io caro, quando il sacro incanto non m'aveva ancora lasciato, quando i geni del mondo rispondevano al mio profondo amore. Oh grande Luce! - E sono stati gli uomini a insegnarmelo-. Gi da tempo, da quando il cuore anelante non riusciva a trovar la Tuttaviva mi volsi a te, fidando in te ciecamente, seguendo te, non essendo facile per un mortale riconoscere i puri. Ma quando il mio spirito fior come tu fiorisci ed esclamai: Tu vivi, e come tra gli uomini ti aggiri serenamente, come, in divina giovinezza, irraggi su tutti il tuo splendore pieno di grazia, e tutti assumono il colore del tuo spirito, cos anche la mia vita divenne poesia. Viveva in me la tua anima e al pari tuo, il mio cuore apertamente si don alla Terra sofferente e solenne, e spesso, nella notte sacra, feci il voto di amare sempre lei, la Fatale, senza timore e in fede, e di non disprezzare nessuno dei suoi misteri. Allora nel bosco si udiva uno stormire diverso e teneri mormoravano i ruscelli dei suoi monti. E tutte le tue gioie, Terra, escluse quelle che sorridendo porgi ai deboli,

stupende come sono, e calde e vere, maturate d'amore e di fatica, tutte mi donasti, e spesso, stando su monti lontani, stupito meditavo sul sacro fluire della vita, in preda a commozione per le tue metamorfosi, e presagendo il mio stesso destino, l'etere bagnava con il suo respiro me come te per medicare il mio petto ferito d'amore e come per magia nel suo profondo si scioglievano i miei enigmi... PAUSANIA Oh, te felice! EMPEDOCLE Lo fui. Oh, potessi dire come fu, nominare il maturare e l'operare delle forze geniali, portentose, mie compagne, o Natura! Poterle far rivivere ancora una volta affinch il mio cuore, muto e devastato nuovamente vibrasse di tutte le tue voci! La mia vita? Per me hanno risonato tutti i suoi canti alati e ho sentito, grande Natura, i tuoi remoti accordi? Abbandonato da tutti, non sono forse vissuto con questa Terra sacra, con questa luce, con te, paterno cielo, da cui mai si separa l'anima mia, e con tutti i viventi in un presente e riunificato Olimpo? Come un reietto ora piango, e in nessun luogo posso sostare e anche tu mi sei strappato... Non dire nulla! L'amore si estingue quando gli di ci abbandonano, tu lo sai bene, e ora lasciami, io non sar pi me stesso e tu non sei pi nulla per me. PAUSANIA Tu lo sei ancora, come lo sei stato sempre. Non comprendo perch tu voglia distruggere a tal punto te stesso. Credo che talvolta anche la tua anima si assopisca, quando troppo si aperta al mondo, nello stesso modo in cui la terra, che tu ami, si chiude in un profondo sonno. La chiami morta, tu, quando riposa? EMPEDOCLE Con quanto affetto mi vuoi consolare! PAUSANIA Tu deridi l'inesperto e pensi che, non avendo conosciuto come te la tua felicit, ora che soffri io venga a dirti solo cose assurde? Dalle tue azioni ti conobbi, quando allo stato barbaro conferisti forma e senso, e sperimentai la potenza del tuo spirito e del tuo mondo quando una tua parola nell'istante consacrato faceva sorgere in me molti anni di vita, e allora si apriva alla mia giovinezza un'era nuova

e bella, e come ai cervi mansueti che pensano alla terra natale quando stormisce lontana la foresta, cos spesso mi palpitava il cuore se parlavi della felicit del mondo primitivo, e innanzi a me non disegnavi forse a grandi linee gli anni futuri, come fa l'artista che nel suo quadro inserisce un elemento e colma una lacuna? Non forse chiaro per te il destino umano? E non conosci con esattezza le forze naturali che in confidenza, come nessun altro mortale, sai condurre e governare a tuo piacimento? EMPEDOCLE Basta! Non comprendi che ogni tua parola detta una spina per me? PAUSANIA Nella tua irritazione devi dunque odiare tutto? EMPEDOCLE Rispetta ci che non comprendi! PAUSANIA E tu, perch me lo tieni celato? Perch rendi la tua pena un enigma irrisolto? Credimi, non esiste strazio maggiore. EMPEDOCLE E nulla pi straziante, mio Pausania, che decifrare il dolore. Non comprendi? Come preferirei che tu non sapessi nulla di me e della mia tristezza! No, sacra Natura, non dovrei dirlo! Tu fuggi, vergine, le menti rozze. Io ti ho disprezzata, io mi proclamai signore, altezzoso barbaro! Seguii la vostra semplicit, potenze pure, in eterno giovani, voi che m'educaste nella gioia, che mi nutriste di delizie, e poich sempre uguali a me ritornavate, non onorai, benigni, il vostro spirito. Io ho conosciuto profondamente l'esistenza della Natura: non potevo amarla come un tempo. Gli di s'erano posti al mio servizio, io solo ero dio, e nel mio arrogante orgoglio lo proclamai. Sarebbe stato meglio che non fossi nato. PAUSANIA Come? Per una sola parola? Tu sei eroico: perch ti perdi d'animo? EMPEDOCLE S, per un'unica parola. Possano gli dei annientarmi cos come mi hanno amato! PAUSANIA Gli altri non parlano cos?

EMPEDOCLE Gli altri! Come potrebbero? PAUSANIA Certo, uomo prodigioso! Nessuno come te vide cos intimamente e am il mondo immortale e i geni e le sue forze e, per questo, solo a te fu concesso pronunciare quella parola audace, per questo tu soltanto senti come una sillaba orgogliosa pot strapparti al cuore degli dei e per amore verso loro ti sacrifichi. Ah! Empedocle! EMPEDOCLE Guarda! Chi sta arrivando? Ermocrate, il prete, e insieme a lui la folla del popolo, e Crizia, l'arconte. Cosa vorranno da me? PAUSANIA A lungo ti hanno cercato. Scena quinta Empedocle, Pausania, Ermocrate, Crizia, Agrigentini ERMOCRATE Ecco l'uomo che voi dite asceso vivo all'Olimpo. CRIZIA E appare triste, come un mortale. EMPEDOCLE Miserabili schernitori! godete forse vedendo soffrire uno che v'era apparso grande? E ritenete che sia una preda facile da catturare il forte che divenuto debole? Soltanto il frutto che maturo cade al suolo vi tenta ma, datemi ascolto, non tutte le cose maturano per voi.. UN AGRIGENTINO Che ha detto? EMPEDOCLE Andate via, ve ne prego! Allontanatevi per la vostra strada, senza interferire con quella che solo mia... ERMOCRATE Ma il prete non ha forse il diritto di parlarti? EMPEDOCLE Ahim! divinit viventi e pure!

proprio lui, quest'ipocrita, dovr avvelenare la mia tristezza? Va' via, ti ho risparmiato molte volte: giusto che tu risparmi me. Te l'ho gi detto, conosco te e tutta la tua congrega, e a lungo mi sono chiesto come possa tollerarvi la Natura. Sin da giovane il mio animo pio rifuggiva da voi, corruttori di tutto, e con amore incrollabile seguiva il sole, il cielo e tutti i messaggeri della grande Natura, ed era un presagio ancora lontano, poich nel mio timore capivo perfettamente che il mio libero amore per gli dei volevate snaturare in servizio ignobile, facendo di me un vostro pari. Via di qui! via! non posso tollerare di aver di fronte chi delle cose sacre fa un mestiere. Il suo volto falso, freddo e morto come lo sono i suoi dei. Perch restate qui, perplessi? Andate via! CRIZIA Non prima che l'anatema ti sia impresso in fronte, tristo e vile bestemmiatore. ERMOCRATE Stai calmo, amico. Ti avevo ben detto che senza dubbio si sarebbe incollerito. Avete udito, popolo di Agrigento, mi deride ma io non voglio, in lite furibonda, scambiare con lui parole dure e aspre, questo non si addice a un vecchio come me. Siate voi a chiedergli chi afferma di essere. EMPEDOCLE Tacete! A nessuno, lo vedete bene, giova inasprire un cuore ferito. Lasciate che io percorra serenamente il mio cammino sacro e quieto verso la morte. Se al sacrificio conducete la vittima, dopo averla liberata dall'aratro, non la pungolate pi: nello stesso modo, lasciatemi in pace. Non profanate con parole amare il mio dolore: sacro, e appartiene agli dei. E a me, risparmiate le vostre miserie. PRIMO AGRIGENTINO Che accaduto, Ermocrate, a costui per fargli dire parole cos strane? SECONDO AGRIGENTINO Ci respinge quasi ci temesse. ERMOCRATE Che volete? Ha la mente ottenebrata, essendosi dinnanzi a voi proclamato dio.

Ma poich non credete mai alle mie parole domandatelo a lui. Sia lui a dirvelo. TERZO AGRIGENTINO Ma noi ti crediamo. PAUSANIA A lui credete, svergognati! Oggi non vi pi gradito il vostro Giove: si rannuvolato. Il vostro idolo si fatto scomodo, forse per questo credete a lui? Osservatelo: si affligge e vi cela quello spirito suo che, quando non sar pi, gli adolescenti di un'era senza eroi ricercheranno; e ora gli strisciate intorno sibilando. Vi sembra giusto? o siete cos ottusi da non sentirvi ammoniti dal suo sguardo? Lui che, essendo mite, bersaglio dei codardi... Sacra Natura, come puoi tollerare un simile vermicaio nel tuo mondo? E voi mi fissate senza sapere bene cosa fare di me, al prete che dovete chiederlo, a lui che sa tutto. ERMOCRATE Avete udito come c'insulta in faccia il giovane insolente? Cosa non farebbe? Lo pu fare, perch il suo maestro fa ci che vuole. Chi conquista il popolo so che parla a piacere. Non mi oppongo per puntiglio se gli di lasciano fare. E molto quello che tollerano e tacciono finch all'estremo eccesso giunge il folle ardire. Ma allora il sacrilego dovr precipitare nella tenebra dell'abisso. TERZO AGRIGENTINO Cittadini, in futuro non voglio avere pi nulla a che fare con costoro. PRIMO AGRIGENTINO Dite, come pot costui incantarci? SECONDO AGRIGENTINO Via, via di qui, discepolo e maestro! ERMOCRATE dunque l'ora. Invoco voi, tremende divinit della vendetta! Giove governa le tempeste e Poseidone doma i marosi, ma voi dal passo lieve, voi dominate le ragioni occulte e quando un arrogante esce dalla culla voi siete presenti, e mentre lui cresce e procede superbo verso il crimine, ascoltate il suo cuore che, farneticante, a voi si rivela nemico di ogni dio. Anche costui vi noto, il seduttore

che, subdolo, travi il popolo e si fece beffa delle leggi patrie. E mai rispett gli antichi dei di Agrigento e i loro sacerdoti. N ignoravate, voi tremendi numi, mentre taceva, il suo pensiero spaventoso. Credevi, scellerato, che dovessero esultare perch al loro cospetto recentemente ti proclamasti dio? Avresti poi regnato in Agrigento, come unico tiranno onnipotente, e tuo sarebbe stato, tuo soltanto, il popolo buono e questo paese bello. Tacquero, essi, e rimasero allibiti; tu invece impallidisti, soffocato dalla maligna rabbia nella buia grotta dove scendesti per sfuggire la luce del giorno. E ora vieni qui, e mi vomiti contro la tua ira e bestemmi i nostri dei. PRIMO AGRIGENTINO Ormai chiaro, bisogna giudicarlo! CRIZIA Ve lo dissi, io non ebbi mai fiducia in questo sognatore. EMPEDOCLE Oh, dissennati! ERMOCRATE E ancora osi parlare ignori che tra noi non esiste pi rapporto, sei divenuto straniero, ignoto a tutti i viventi. La fonte che disseta non ti appartiene, n quella viva fiamma che ci riscalda, e ci che allieta il cuore dei mortali ti negato dai sacri dei vendicatori. Non ti appartiene questa luce, n la verdeggiante terra, n i suoi frutti, e a te non concede l'aria il suo ristoro quando il tuo petto sospira e ha sete di frescura. vana la tua speranza di tornare a ci che nostro; appartieni agli di della vendetta e della morte. - E d'ora innanzi guai a chi ascolter da amico una tua frase, a chi ti rivolger il saluto e ti porger la mano, a chi al meriggio ti offrir da bere, o alla sua mensa ti ospiter, a chi ti conceder di riposare sotto il suo tetto se busserai di notte alla sua porta, a chi ti apprester il rogo funebre quando sarai morto: guai a lui e a te! Vattene! gli di della patria, qui dove sorgono i loro sacrari, non tollerano pi colui che tutto disprezza. AGRIGENTINI

Via! vada via! che la maledizione non ci contamini. PAUSANIA Vieni con me! Non andrai via solo. Uno rimasto che ti rispetta, bench sia vietato. Caro, tu sai come l'affetto dell'amico conti molto di pi della maledizione di questo prete. Anche laggi, in una lontana terra, potremo trovare il cielo azzurro, io pregher che illumini il tuo cuore. Anche laggi, nella Grecia superba e gloriosa, verdeggiano colline e l'ombra dell'acero larga, e i miti venti donano frescura al viandante, e quando in giorni torridi sosterai sul ciglio della strada, con queste mie stesse mani per te coglier il cibo e attinger acqua dalla sorgente gelida, e curver i rami sopra il tuo capo, raccoglier muschio e foglie per il giaciglio, e mentre dormirai, veglier sul tuo sonno, e innalzer, se necessario, il rogo che questi infami ora ti negano! EMPEDOCLE O cuore fedele! - Per me, cittadini, non vi chiedo nulla: come volete, sia. V'imploro soltanto per questo giovane. Oh, non guardate altrove! Forse non vi riunivate intorno a me, amici? Non osavate stringermi la mano, venire ad accalcarvi convulsamente intorno a me vi sembrava scortese: mandavate perci i fanciulli a stringermi la mano, e portavate i bambini in spalla o sulle braccia. Ora non sono pi quello? Pi non riconoscete l'uomo a cui dicevate che, a un suo cenno, eravate pronti a mendicare con lui di terra in terra e perfino a seguirlo gi, sino al Tartaro? Bambini! avreste voluto darmi tutto e spesso ero costretto ad accettare quanto sostentava o rallegrava la vostra vita; poi vi rendevo del mio che voi stimavate maggiore di ogni vostro bene. Ora vi lascio; e non mi sia negata quest'unica preghiera: risparmiate questo giovane. Non vi ha fatto del male, mi ama, ecco tutto, come anche voi mi amaste. E dite: non forse nobile e bello? Ascoltatemi: un giorno lo ricercherete. Quante volte dissi che cadrebbero notte e gelo sulla terra e che le anime miseramente perirebbero se periodicamente le divinit benigne, per donare nuova linfa al vivere avvizzito, non ci inviassero giovani simili a questo. Sacri, dicevo, vi dovrebbero essere simili geni. Proprio per questo

non vogliate condannarlo! Promettetelo! TERZO AGRIGENTINO Va' via! via! Non vogliamo ascoltare nulla di ci che tu dici. ERMOCRATE Costui avr la sorte che si scelta. Paghi per la sua folle insolenza. Venga con te, e condivida la tua maledizione. EMPEDOCLE Crizia, tu taci? Anche tu, non negarlo, sei turbato. Lo conoscevi, vero? Fiumi di sangue di animali sacrificati non laveranno questa colpa. Ti prego, amico, parla, sono come ebbri, pronuncia una parola calma affinch a questa povera gente ritorni il senno. TERZO AGRIGENTINO Ecco, c'insulta nuovamente! Pensa alla tua maledizione, e non parlare. Va' via altrimenti potremmo usarti violenza. CRIZIA Ben detto, cittadini. EMPEDOCLE Ah s? Violenza? Sono ancora vivo e gi mi bramano le Arpie fameliche? Non potete attendere il momento in cui la vita m'abbia abbandonato per profanare la mia salma? Su, venite, sbranatemi e spartitevi la preda, e il prete brandisca la vostra esultanza, inviti a mensa i vendicatori infernali, a lui cos familiari. Hai paura, scellerato? Non mi conosci? Devo rovinarti l'ignobile scherzo che mi fai? Per i tuoi capelli grigi dovresti divenire fango, e onore eccessivo per te sarebbe servire come schiavo le Furie. Sei infame! E tu hai osato farti mio padrone? Ma misero mestiere dare la caccia a una fiera sanguinante. Ero ferito: lui lo seppe e al codardo crebbe il coraggio; mi ha catturato e aizza contro di me le zanne della plebe. Chi laver l'oltraggio? chi accoglier quel senzapatria che con i segni dell'onta passa tra le case altrui e implora dagli dei silvestri un nascondiglio? Vieni, figlio mio! Le loro offese avrei dimenticate. Come per dimenticare te? - Oh, gente senza nome precipita verso la tua rovina, soccombi di una morte lenta e ti accompagni il prete con la sua nenia di corvo! E poich ci sono lupi dove ci sono cadaveri, se ne trovi uno per voi, che beva il vostro sangue

e la Sicilia liberi da voi. Inaridisca questa terra ove il grappolo purpureo prosperava per un popolo migliore, e i frutti d'oro tra le fronde e il nobile frumento; e lo straniero appoggiando un giorno il piede sopra i ruderi dei vostri templi, chieder: era qui edificata la citt? Adesso andate! Tra un'ora qui non mi troverete pi. (mentre si allontanano) Crizia, vorrei dirti ancora una parola. PAUSANIA (quando Crizia tornato indietro) Lascia che io vada dal mio vecchio padre a prendere congedo. EMPEDOCLE Ma perch? O di, in cosa mai vi ha offeso questo giovane? Va' pure. Ti aspetter sulla strada per Siracusa. Partiremo insieme. (Pausania esce dalla parte opposta.) Scena sesta Empedocle, Crizia CRIZIA Che c'? EMPEDOCLE Anche tu mi perseguiti? CRIZIA Che idea, io perseguitarti? EMPEDOCLE Lo so bene. Tu vorresti odiarmi, eppure non mi odi. Hai solo paura, ma non avevi nulla da temere. CRIZIA Tutto questo passato. C' dell'altro? EMPEDOCLE Mai avresti pensato una cosa simile da solo, ma stato il prete a importi il suo volere; io non ti accuso. Se almeno tu avessi detto una parola sincera in suo favore, ma tu temevi il popolo. CRIZIA solo questo che avevi da dirmi? Ti sono sempre piaciuti i discorsi inutili. EMPEDOCLE

Modera le parole, io salvai tua figlia. CRIZIA vero, l'hai fatto. EMPEDOCLE Ti ripugna e ti vergogni di parlare con chi stato maledetto dalla patria. Ti comprendo. Immagina allora che sia la mia ombra a parlarti, onorata e risorta dal sereno soggiorno della pace. CRIZIA Non sarei venuto al tuo richiamo se il popolo non avesse richiesto di sapere cosa tu avessi ancora da dirmi. EMPEDOCLE Ci che ho da dirti non riguarda il popolo. CRIZIA E cos'hai da dirmi. EMPEDOCLE Tu devi abbandonare questo paese; lo dico per amore di tua figlia. CRIZIA Pensa a te stesso e degli altri non curarti. EMPEDOCLE Non la conosci? Non ti rendi conto di quanto sia preferibile che sprofondi totalmente una citt di stolti anzich una sola giovane eletta? CRIZIA Di che cosa si pu dire che sia priva? EMPEDOCLE Non la conosci? E tratti come un cieco il dono degli dei? Nella tua casa risplende invano la dolce luce? Ascolta: l'anima pia non trover pace tra questa gente, e rimarr sola, lei cos bella, e morir senza gioia. Lei, la figlia degli di, cos severa e tenera, non potr mai accettare di stringere al suo seno uno di questi barbari? Oh, credimi! Chi sta per congedarsi dice il vero. E non stupirti del consiglio! CRIZIA Cosa vuoi che ti risponda?

EMPEDOCLE Parti con lei verso qualche terra sacra, va' nell'Ellade o a Delo, tra coloro che lei cerca, dove tra i lauri sorgono, in silenziosa assemblea, le statue degli eroi. Qui trover pace, tra le mute immagini la sua anima bella e delicata si sentir appagata; tra le nobili ombre svanir il dolore che in segreto la tormenta. Quando in un giorno festivo e sereno la giovent dell'Ellade si riunir e quegli ignoti le si faranno intorno a salutarla e, come nube d'oro, la vita lieta di speranze splender in tutti i cuori ecco che quest'aurora ridester il desiderio nella schiva sognatrice e tra valorosi conquistatori d'inni e lauri nelle nobili gare, ella sceglier uno che la strappi alle ombre a cui troppo precocemente si accompagnata. Se questo ti piace... CRIZIA Ancora ti restano tante parole d'oro nel tuo affanno? EMPEDOCLE Lascia lo scherno! Chi prende congedo aspira ad essere giovane ancora una volta. come il lampo estremo della luce che un giorno risplendette tra di noi gioiosamente in tutto il suo fulgore. Lascia che si spenga serenamente, e se anche vi ho maledetti, a tua figlia dono, se mi lecito, la mia benedizione. CRIZIA Basta, taci, e non trattarmi da fanciullo. EMPEDOCLE Prometti che farai come ti dico, e lascia questa terra. Se rifiuti, che preghi e implori la desolata un'aquila che la salvi da questi schiavi, in cielo. questo il mio consiglio migliore. CRIZIA Oh, dimmi, forse non abbiamo agito giustamente nei tuoi confronti? EMPEDOCLE E me lo domandi? Io ti ho gi perdonato. Ma farai ci che ti ho detto? CRIZIA Non posso decidere cos ripidamente.

EMPEDOCLE Decidi bene. Che lei non rimanga dove soccomberebbe. E che ricordi, dille, colui che un giorno fu caro agli dei. Lo farai? CRIZIA E me lo chiedi? Lo far, certo. E ora, infelice, va' per la tua strada. (Esce.) Scena settima EMPEDOCLE S! Vado per il mio cammino, Crizia, e so dove conduce. E mi prende vergogna per avere esitato cos a lungo. Perch attendere tanto, sino a perdere felicit e giovinezza e spirito, e che pi nulla mi rimanesse se non follia e miseria. Quante volte, quante volte una voce mi ammon! Sarebbe stato bello allora. Ma ora necessario. O di misericordiosi! Dei del silenzio! La parola insofferente precorre l'uomo e non lascia che maturi in pace l'ora della riuscita. Molte cose sono consumate e ora tutto pi facile. A tutto si aggrappa il vecchio stolto! E quando un giorno, fanciullo spensierato, giocava sulla terra verdeggiante, era pi libero di quanto lo sia oggi. Oh, distacco! Non mi si lascia neppure la dimora che mi ospit... Anche questo, o di! Scena ottava Empedocle, tre suoi schiavi PRIMO SCHIAVO Tu parti, Maestro? EMPEDOCLE S, parto, mio caro... Va' a prepararmi il bagaglio, quel tanto che possano reggere le mie spalle, e portalo l fuori sulla strada; questo sar il tuo ultimo servizio. SECONDO SCHIAVO O di! EMPEDOCLE Voi siete stati al mio servizio volentieri sin dalla cara infanzia, e crescemmo insieme in questa casa di mio padre e mia, ed estranea al mio cuore la fredda parola del comando. Qui non avete patito mai il destino d'essere schiavi. Liberamente, ne sono certo,

con me verreste l dove necessario che io vada. Ma non posso tollerare che vi tormenti la maledizione del prete. Il mondo si apre dinnanzi a voi e a me, lo sapete bene, e spetta a ognuno scegliere la propria sorte. TERZO SCHIAVO Oh, no! Non ti lasceremo. Non lo possiamo. SECONDO SCHIAVO Che ne sa il prete di quanto tu ci sia caro? L'anatema colpisca altri, non noi. PRIMO SCHIAVO Se noi ti apparteniamo, lasciaci stare con te. Non da ieri, infatti, che viviamo insieme, anche tu l'hai detto. EMPEDOCLE O di, io non ho avuto figli e vissi solo con costoro, e nonostante questo mi sento ancora legato a questo asilo ove dormivo, e lotto come in un sogno. Ors, miei cari, necessario! Basta parlarne, ve ne prego, fate come se non fossimo pi vivi. Non voglio che quell'uomo maledica tutti coloro che m'amano... Per questo non potete seguirmi, ve l'ho detto. Entrate in casa, prendete ci che vi serve e senza indugio fuggite, affinch nuovi padroni non vi catturino: diventereste in tal caso schiavi di un vigliacco. SECONDO SCHIAVO Con parole cos aspre tu ci scacci? EMPEDOCLE Lo faccio per voi e per me. Ormai siete liberi! Assumete ora la vostra vita virilmente, chiedete agli di che vi diano conforto; siete solo all'inizio. I mortali sorgono e tramontano. Non indugiate pi a lungo! Fate come ho detto. PRIMO SCHIAVO Padrone del mio cuore, vivi, non perire! TERZO SCHIAVO Non ti rivedremo Dunque pi? EMPEDOCLE (in tono imperioso) Non domandate, vano! SECONDO SCHIAVO (mentre si allontanano) Come un mendico dovr dunque vagare,

sempre incerto della propria vita? EMPEDOCLE (seguendoli con lo sguardo) Addio, vilmente vi ho allontanati, o miei fedeli. Addio, casa paterna, dove sono vissuto. E voi, alberi, che con un canto di gioia io, l'amico degli di, ho consacrato: voi, custodi della mia pace, morite e rendete ai venti il vostro spirito, poich all'ombra la rozza plebe si trastulla e dove fui felice, mi si dileggia. Ahi, messo al bando, o dei? e questo prete ha forse imitato, senz'anima e senza vocazione, quello che voi, celesti, m'infliggete? Voi avete abbandonato me che vi oltraggiai, o elementi! E ora costui mi scaccia dalla patria! L'anatema che contro di me lanciai si rivolge contro me stesso per bocca della plebe? Ahim, colui che un giorno intimamente visse con voi, beati, e per la gioia proclam suo il mondo, dove potr riposare non sa, n trova pace nel suo cuore. Dove conducete, strade dei mortali? Siete molteplici, ma qual la mia? quale la pi veloce? la pi breve? Indugiare vergognoso. Miti numi, nello stadio guidavo, spensierato, il cocchio su fumanti ruote e voglio cos rapidamente riunificarmi a voi, bench l'impazienza sia pericolosa. (Esce.) Scena nona Pantea, Delia DELIA Taci, cara fanciulla, frena il tuo dolore! Che nessuno ci senta. Entrer nella sua casa. Pu darsi che ci sia, e ancora una volta potrai vederlo. Ma nell'attesa taci... Devo forse entrare? PANTEA S, entra, cara Delia. Io cercher di calmarmi, affinch il cuore non mi si schianti, se mi apparir quel grande in quest'amara ora fatale. DELIA O Pantea! PANTEA (sola, dopo una breve pausa) Non posso farlo... D'altronde sarebbe una vergogna, come entrare l senza passione. L'hanno maledetto? No, non possibile. O nero enigma, alla fine mi schianterai! Come sar? (Pausa. Angosciata, a Delia che ritorna) Cosa hai trovato?

DELIA Ahim, tutto morto e deserto. PANTEA partito? DELIA Temo di s. Le porte sono aperte, ma dentro non c' nessuno. Ho chiamato, ma solo l'eco ha risposto. Non ho voluto indugiare... Oh! La poverina muta e pallida, mi guarda come fossi un'estranea. Non mi riconosci? Anima cara, il tuo dolore il mio. PANTEA Andiamo, vieni! DELIA Ma dove? PANTEA Dove? Io stessa l'ignoro, di buoni. Sciagura! Nessuna speranza! E tu, luce d'oro, invano splendi, lass in alto. Egli partito. Come posso sapere, desolata, se i miei occhi sono ancora limpidi? No, non possibile! troppo temerario, questo gesto, troppo mostruoso. E tuttavia voi l'avete compiuto. Dovrei ancora vivere tra uomini simili, e tacere? E piangere, poich non mi resta altro? DELIA Piangi, mia cara! preferibile piangere piuttosto che tacere o parlare. PANTEA Delia, qui passeggiava, e questo giardino m'era tanto caro solo perch a lui piaceva tanto. Quando mi sentivo insoddisfatta della vita e triste e con altri mi aggiravo, schiva, per questi colli, quante volte il mio sguardo cercava queste vette di alberi e pensavo: l lui vive! Cos mi rasserenavo. Mentalmente vivevo con gioia al suo fianco. Conoscevo le sue ore. Il mio pensiero si accompagnava a lui pi fiducioso e con lui, cos caro, dividevo i miei puerili crucci... Ah, crudelmente hanno infranto, gettata nella strada, l'effigie del mio eroe: chi l'avrebbe pensato? Oh, cento primavere numerose volte augurai, stolta, a lui e ai suoi giardini. DELIA

Buoni di, perch privarla di questo caro conforto e di questa dolce gioia? PANTEA Cosa dici? A noi veniva come un nuovo sole splendido e gentilmente attraeva a s con fiori d'oro i giovani immaturi. Da tempo la Sicilia era in attesa di lui. Sull'isola non regn mai mortale che fosse pari a lui. Intuivano che dei geni del mondo era alleato. E tu con grande affetto li stringesti tutti al petto. Per questo devi vagare oltraggiato di terra in terra, con il veleno in cuore che ti hanno dato come viatico? Questo gli avete fatto, giudici sapienti! Ma non lasciate che io mi allontani impunita! Giacch io lo venero, voglio dirvelo in faccia se voi non lo sapevate, e allora esiliate anche me dalla vostra citt. E se mio padre, il folle, ha maledetto lui, che maledica anche me! E voi fiori del cielo, splendide stelle, appassirete anche voi? E caler la notte, o padre Etere, sulla tua anima quando i tuoi chiari figli innanzi a te si spegneranno? Lo so, necessario che cada tutto ci che divino. Ma la sua caduta mi ha resa veggente, e quando incontro un genio splendido, si dichiari uomo o dio, so presagire l'ora per lui infausta... DELIA O Pantea, l'altezza dei tuoi lamenti mi atterrisce. simile a te anche lui? Nutre lo spirito orgoglioso di dolore, e si esalta soffrendo? Non voglio crederlo, ne avrei paura. Quale sar mai la sua sorte? PANTEA Tu vuoi tormentarmi? Cosa ho dunque detto? Non vorr mai pi... voglio essere paziente, pi non voglio, o di, vanamente aspirare a quanto mi vietaste, e accetter tutto quello che vorrete donarmi. Tu sei sacro! e se anche non mi fosse dato incontrarti, potr gioire poich qui tu hai vissuto. Voglio rimanere calma, affinch da me, sconvolta, non si allontani la sua nobile immagine e il frastuono del giorno non scacci l'ombra fraterna che, se il mio passo sar lieve, rester al mio fianco.

DELIA O sognatrice, cara! Ma lui vive ancora! PANTEA Vive? vero, vive! Notte e giorno vaga nel vasto mondo. Oscure nubi gli fanno da tetto e la dura terra il suo giaciglio. Il vento gli scompiglia i capelli e la pioggia e il pianto gli rigano le guance e il sole asciuga le sue vesti nell'ardente meriggio quando attraversa deserti privi d'ombra. Evita le strade frequentate, cammina tra dirupi con i predoni che, stranieri come lui, sono sospetti a tutti, ma non sanno del suo bando; dimora presso di loro che dividono con lui il rustico cibo con cui ristorare il corpo nel cammino. Ecco come vive, e neppure questo certo! DELIA spaventoso, Pantea. PANTEA Spaventoso? cos che sai dare conforto? E tra non molto loro verranno e diranno, parlottando tra loro, che giace, ferito a morte, su una strada. Lo tollereranno gli dei: non hanno forse taciuto quando con vergogna e infamia fu scacciato dalla patria in esilio? E tu come finirai? Esausto e prostrato a terra segnerai il cammino con tuo sangue mentre il vile cacciatore ti afferra e sbatte la tua testa morente contro la roccia non smetterai la lotta, aquila fiera! E lo chiamaste beniamino di Giove! DELIA Non cos, anima cara! Non dire parole simili. Se tu sapessi quanto mi fai pena! T'implorerei in ginocchio, se servisse. Calmati, e allontaniamoci da qui. Molto pu ancora mutare, Pantea. Potrebbe anche darsi che il popolo si penta. Tu sai come l'amava. Andiamo. Vieni! Io pregher tuo padre e tu mi aiuterai. Chi pu dirlo? Forse riusciremo a conquistarlo. PANTEA O di! s, dovremmo riuscire! ATTO SECONDO Zona dell'Etna. Capanna rustica Scena prima

Empedocle, Pausania EMPEDOCLE Perch mai sei qui? PAUSANIA Quanto fa bene, caro, sentire finalmente una tua parola! Anche per te cos? Quass non ha valore l'anatema, e la nostra terra lontana. Su queste alture si respira pi liberamente e l'occhio pu nuovamente contemplare il giorno, e l'affanno non turba pi il nostro sonno; forse troveremo mani umane che ci offriranno il cibo abituale. Hai bisogno di cure, mio diletto. E il monte sacro, paterno accoglier e conceder riposo ai suoi ospiti erranti. Se lo desideri, per qualche tempo resteremo in questa capanna... o vuoi che domandi se per caso qualcuno ci offre un asilo? EMPEDOCLE Si pu tentare, ma qualcuno sta gi uscendo. Scena seconda I precedenti, un contadino CONTADINO Cosa volete? La strada scende di l. PAUSANIA Ospitaci a casa tua buon uomo, e non badare al nostro aspetto. Aspro il cammino e spesso chi soffre sembra sospetto... che gli di ti dicano, se lo vogliono, chi siamo. CONTADINO Senza dubbio un tempo dovete aver vissuto meglio di ora. Questo credo. Ma la citt non lontana da qui. Di certo l avrete un amico che possa ospitarvi. preferibile andare da lui che da un estraneo. PAUSANIA Ahim! L'ospite potrebbe vergognarsi di noi se ci vedesse giungere in questo stato. Ma non gratuitamente l'estraneo ci darebbe quel poco che gli abbiamo chiesto. CONTADINO Di dove siete? PAUSANIA A che serve saperlo? Se ci ospiterai noi ti daremo dell'oro.

CONTADINO All'oro si schiudono molte porte, ma non la mia. PAUSANIA Che significa? Portaci pane e vino, ed esigi il tuo compenso. CONTADINO Vi sar pi facile trovarli altrove. PAUSANIA Parole dure! Ma potrai almeno darmi del lino per fasciare i piedi sanguinanti di quest'uomo, straziati dalle pietre del sentiero... Guardalo Egli il benefattore di Sicilia pi dei vostri principi, e ora qui davanti alla tua porta, pallido e sofferente, e mendica pane e l'ombra della tua capanna e tu glieli neghi? Mortalmente stanco e assetato tu lo lasci qui, fuori, in questo giorno in cui il sole ardente spinge nelle loro tane persino gli animali? CONTADINO Vi riconosco. Sciagura! Costui il maledetto di Agrigento. Ne avevo gi il sospetto. Andate via! PAUSANIA Per il Tonante, non andremo via! Voglio, amico diletto, che costui sia garante di te, mentre vado in cerca di cibo. Riposa sotto quest'albero... e tu, ascolta: se dovesse accadergli una disgrazia, da parte di chiunque, verr di notte, e prima che te ne renda conto, dar alle fiamme la tua casa di paglia. Pensaci bene! Scena terza Empedocle, Pausania EMPEDOCLE Non angustiarti, figlio mio! PAUSANIA Perch parli cos? Che io mi preoccupi per la tua salvezza mi sembra giusto. E costui pensa che nulla valga la salvezza dell'uomo cui fu inflitta la condanna e pu darsi che gli prenda la voglia di ucciderlo, non fosse altro che per il mantello, perch a loro sembra assurdo che lui si trovi ancora tra i viventi. Non lo sai? EMPEDOCLE

S, lo so. PAUSANIA Lo dici sorridendo, Empedocle? EMPEDOCLE Cuore fedele! Ti ho ferito. Non lo volevo. PAUSANIA Sono solo insofferente, ecco tutto. EMPEDOCLE Non preoccuparti per me, amico caro. Presto sar tutto finito. PAUSANIA Cosa intendi dire? EMPEDOCLE Presto lo vedrai. PAUSANIA Come stai? Vuoi che vada in cerca di cibo nei campi? Ma se non ne hai bisogno preferirei restare qui, oppure, ancor meglio, andiamo alla ricerca di un rifugio su per il monte. EMPEDOCLE Guarda! Qui vicino risplende l'acqua di una fonte, che certo anche nostra. Prendi il tuo recipiente, la zucca svuotata, affinch il mio spirito possa ristorarsi. PAUSANIA (alla fonte) Limpida e fresca e viva sgorga, padre, dalla terra scura! EMPEDOCLE Bevi. Poi attingi dell'acqua e portamela. PAUSANIA (porgendo da bere) Gli di ti siano propizi. EMPEDOCLE Io libo a voi, miei numi, per la vostra lunga benevolenza! E a te, Natura, per il mio ritorno. Ormai tutto mutato. E voi, geni benigni, prima che vi raggiunga, siete l? Deve fiorire prima che maturi!... Figlio mio, sii sereno e ascoltami: non si parli pi di ci che stato. PAUSANIA Tu sei mutato e il tuo sguardo risplende come quello di un vincitore. Non comprendo.

EMPEDOCLE Oggi potremo rimanere ancora insieme, come giovani, a parlare di molte cose. facile trovare un'ombra amica ove intimi e fedeli confidenti si uniscano sereni in un dialogo d'amore; o mio diletto, non abbiamo forse, come buoni fanciulli con un grappolo, saziato il cuore in un istante bello, e tu non hai voluto accompagnarmi perch nessuna delle nostre ore solenni, neppure questa, si perdesse senza nulla in cambio? Con pena l'hai conquistata, vero, ma neppure a me gli di fanno doni gratuiti. PAUSANIA Oh, parla! Spiegami ogni cosa affinch anch'io possa essere lieto come tu lo sei. EMPEDOCLE Ma non vedi? Oggi ritorna il tempo splendido della mia esistenza, ancora pi grande quello che verr. Su, figlio, saliremo fino alla cima dell'Etna antico e sacro, giacch gli dei sono pi che altrove presenti sulle altezze. Con questi occhi, oggi stesso voglio vedere dall'alto fiumi, isole e il mare; e mentre indugiano sopra le acque d'oro, mi benedica il sole declinante, stupendo e giovane, che io amai per primo. Ed ecco splendere intorno a noi silenti le immortali stelle, e dalle profonde voragini salire il fuoco della terra, e lo spirito che tutto muove accarezzarci in volto. Allora... PAUSANIA Tu mi spaventi, perch ti esprimi per enigmi. Appari sereno e dici grandi cose, ma preferirei vederti triste. Non ti brucia l'affronto che ti fecero, e stimi cos poco tutto ci che sei? EMPEDOCLE O di, anche costui deve tormentarmi e turbarmi con parole rozze? Se questo vuoi, va' pure! Per la vita e per la morte, non pi il tempo di commentare ci che soffro e ci che sono. tutto lontano: non voglio pi saperne. Non sono dolori che, sorridenti e ben nutriti, s'attaccano ad un seno triste e gioioso: sono morsi di vipere, e non sono il primo cui gli di abbiano messo in cuore queste Erinni velenose.

L'ho meritato? Posso perdonarti l'inopportuno monito; hai davanti agli occhi il sacerdote e nelle orecchie i clamori di scherno della plebe e la nenia che ci fu fraternamente compagna quando uscimmo dalla nostra cara citt. Con me - per tutti i numi che mi guardano non avrebbero osato agire come hanno fatto se fossi stato l'uomo di un tempo Quale vergogna! Uno solo dei miei giorni mi ha dato in pasto a questi vili... Taci! Voglio che svanisca, voglio che sia sepolto profondamente, pi profondamente di quanto un mortale sia mai stato sepolto. PAUSANIA Ah! Quanto ho fatto male a turbargli il cuore sereno, l'anima sublime; pi angosciante di prima ora l'affanno. EMPEDOCLE Smetti di piangere e non turbarmi pi; col tempo tutto si risolve in bene. Presto con i mortali e gli di mi sar riconciliato, e gi lo sono. PAUSANIA Possibile? Guarisce la tua tremenda tristezza e pi non ti senti solo e misero? E tu consideri le azioni umane innocenti come la fiamma accesa sul focolare? Lo dicevi spesso, ora s' nuovamente avverato? Allora benedico la sorgente da cui rifiorita la tua nuova esistenza. Domani scenderemo lieti verso il mare che ci trasporter verso una riva sicura. Che importanza avranno le fatiche e gli affanni del viaggio, se lo spirito sereno? EMPEDOCLE Sei proprio un fanciullo. Non ricordi che nulla dato gratuitamente ai mortali? Ma esiste un rimedio. Tu, giovane eroico, no, non impallidire! Se l'antica mia fortuna, sia pur inconcepibile, riporta a me, gi appassito, la divina giovinezza che m'imporpora le guance, non sar certo un male! Va', figlio! Non vorrei rivelare interamente il mio disegno, il mio desiderio. Non ti si addice, non te ne appropriare, lascialo a me, come io lascio a te il tuo. Che c'? PAUSANIA Una grande folla. Giungono dal basso. EMPEDOCLE Li riconosci? PAUSANIA

Non credo ai miei occhi. EMPEDOCLE Come? vogliono che diventi pazzo furioso, e con immenso cordoglio e rabbia dovr scendere l dove speravo di giungere in pace. Sono Agrigentini. PAUSANIA Non possibile. EMPEDOCLE Sogno forse? lui, il mio nobile avversario, il prete col suo seguito... Vergogna! Cos meschina dunque la battaglia in cui ho ricevuto ferite, e per combattermi non si sono trovate forze pi degne? terribile battersi con gente disprezzabile. Ahim, in quest'ora sacra, mentre l'anima si prepara e si armonizza con la Natura, sempre pronta al perdono, la plebaglia nuovamente mi assale e mescola grida feroci e insensate al mio canto di cigno. E sia! Venite! Ve ne far pentire. Troppo ho risparmiato sempre la maligna plebaglia e a sufficienza ospitato nella mia casa i falsi mendicanti. Ancora non mi avete perdonato il bene che vi feci? Ora non voglio io. Venite, sciagurati! Se necessario, anche furente posso raggiungere i numi. PAUSANIA Ah, come finir tutto questo? Scena quarta Detti, Ermocrate, Crizia, Popolo ERMOCRATE Non temere! N ti spaventi il rumoreggiare di coloro che ti espulsero. Ti hanno perdonato. EMPEDOCLE Impudenti! Non pensate ad altro? Cosa volete? Eppure dovreste conoscermi! Mi ha marchiato, ma vuole la rissa, questa plebe senza cuore, per sentirsi viva? E dopo aver scacciato e ripudiato l'uomo che temevano, tornano a cercarlo affinch la sua sofferenza stimoli il loro spirito? Aprite gli occhi e vedrete a qual punto siete vili, e che il dolore possa paralizzare le vostre lingue grottesche ed esecrande. Sciagurati, non sapete arrossire? La Natura pietosa priva della vergogna il malvagio, affinch la paura della grandezza non l'uccida.

Come potrebbe diversamente sostenerla? ERMOCRATE Espiasti tutto il male commesso. La miseria ti ha segnato a sufficienza; guarisci e poi ritorna: il popolo buono nuovamente ti accoglie nella patria. EMPEDOCLE In verit, mi annuncia gran ventura il pio messaggero di pace. Giorno per giorno dovrei assistere al ballo macabro in cui vi rincorrete l'un l'altro, in cui vi scimmiottate, senza posa, inquieti, vagabondi, come ombre d'insepolti, accozzaglia meschina, abbandonata dagli dei; grande onore l'essere vicino alle vostre ridicole arti di miserabili! Non mi fosse data miglior sorte, vorrei vivere muto, straniero, fra gli animali dei monti, sotto la pioggia e il fuoco del sole, spartire il pasto con le bestie, pur di non tornare alla vostra miseria. ERMOCRATE cos che ci ringrazi? EMPEDOCLE Se osi farlo, dillo nuovamente e solleva gli occhi verso questa luce che tutto vede; ma perch non rimanesti a casa e venisti qui, sfrontato, a strapparmi l'estrema parola che ti accompagner fino all'Acheronte? Sai cosa hai fatto? E che t'ho fatto, io? Mi limitai ad ammonirti, e t'incaten le mani la paura e a lungo in ceppi ti esasper la rabbia, che il mio spirito imprigionava. Non avevi pace, a tal punto ti tormentava la mia vita. Oh, pi che sete o fame la pi alta nobilt reca affanno ai vigliacchi. Era proprio necessario che tu osassi venirmi dinnanzi? Mostro, hai potuto illuderti di rendermi simile a te, solo imponendomi sul volto la maschera della tua grave ignominia. Stupida idea, codesta! Se anche il tuo tossico mi porgessi, il mio guardingo genio non si unirebbe a te, e con il mio sangue da te avvelenato, ti rigetterebbe. Inutile: seguiamo vie diverse. Muori di morte vile, com' giusto, con il sentimento vuoto dello schiavo. Destino diverso il mio, diverso cammino, o di che, presenti alla mia nascita, mi prometteste un giorno... Se ne stupisce l'uomo esperto in ogni cosa? Il tuo disegno compiuto, e i tuoi intrighi non raggiungono la mia felicit. Lo comprendi?

ERMOCRATE certo che non comprendo chi delira. CRIZIA Ermocrate, ora basta! Non fai che esasperare la sua collera di oltraggiato. PAUSANIA Se le vostre intenzioni erano buone, perch, stolti, prendeste con voi il freddo sacerdote e sceglieste come conciliatore lui che abbandonato dagli di, che non sa amare: per il dissidio e la morte, non per la pace, lui e i suoi pari furono disseminati tra i viventi. Ora lo capite, ma se l'aveste inteso allora! Non poco si sarebbe risparmiato ad Agrigento. Hai fatto molto, Ermocrate da quando vivi: hai sottratto agli uomini molteplici gioie, le hai uccise con il terrore, numerosi figli di eroi hai strangolato in fasce, e, come il fiore del prato, cadde giovane e forte la Natura sotto i colpi della tua falce. Molto io stesso potei vedere, altro mi fu narrato. Quando un popolo deve perire, basta che le Furie mandino un uomo che sparga l'illusione e convinca del misfatto ogni uomo che sia esuberante di vita. Infine, appresa l'arte, lo strangolatore attacca, deridendo il sacro, l'uomo unico e riesce, fatto rivoltante, nell'intento che il pi divino cada per mano del pi volgare. Procedi, Empedocle, lungo il cammino che hai scelto! Non posso impedirlo, anche se il sangue mi brucia nelle vene. Ma costui, che ha ricoperto d'infamia la tua vita, questo pervertitore, io lo sapr stanare quando mi lascerai, e se anche si rifugiasse sull'altare, a nulla gli servir, dovr seguirmi perch conosco il suo elemento, lo trasciner alla palude morta, e se implorer gemendo avr piet dei suoi capelli bianchi come egli la ebbe di quelli altrui: che sprofondi! (a Ermocrate) Lo capisci? Io mantengo la parola data. PRIMO CITTADINO Pausania, non necessario che tu attenda! ERMOCRATE Cittadini! SECONDO CITTADINO Intendi usare ancora la lingua? Con le tue menzogne tu ci traviasti, ci rendesti malvagi, fosti tu a rapirci l'amore del semidio. Non pi lui. Non ci riconosce. Con occhi pieni di dolcezza ci guardava un tempo l'uomo regale; ora il suo sguardo mi sconvolge il cuore.

TERZO CITTADINO Eppure eravamo simili agli antichi al tempo di Saturno quando il sublime viveva tra noi da amico, ognuno aveva gioia in casa propria e non chiedeva di pi. Perch addossasti a noi la sua maledizione, quando la scagli, peso indimenticabile? Non pot farne a meno, e i nostri figli, divenuti grandi, ci diranno: Avete ucciso il messaggero degli di! SECONDO CITTADINO Piange! Oggi mi sembra ancora pi grande e caro. E tu continui a opporti a lui fingendo di non vedere, mentre le tue ginocchia non si piegano dinnanzi a lui. A terra! gi! PRIMO CITTADINO E tu vorresti ancora atteggiarti a idolo, cos ti piacerebbe continuare? Piega la fronte, gi! Ti premer il piede sulla nuca sin quando non avrai annunciato che al Tartaro sei sceso spinto dalle tue menzogne. TERZO CITTADINO Sai cos'hai fatto? Sarebbe preferibile per te aver commesso un sacrilegio! Noi l'adoravamo ed era giusto: lui ci avrebbe resi liberi come dei. Ma come una peste inattesa la tua malvagit ci assal, e cos perdemmo e cuore e voce, in un delirio odioso, e ogni gioia che da lui avevamo avuto in dono. O infamia! Infamia. Come forsennati esultammo quando oltraggiasti mortalmente l'uomo amatissimo. Tutto questo irreparabile. E se anche tu morissi sette volte non potresti mutare ci che hai fatto a lui e a noi. EMPEDOCLE Il sole volge al tramonto, figli, e questa stessa notte devo riprendere il cammino. Troppo si gi discusso. Il passato si dilegua totalmente e per il futuro ci lasceremo in pace a vicenda. PAUSANIA Tutto dunque indifferente? TERZO CITTADINO Ritorna e amaci ancora! SECONDO CITTADINO Ritorna a vivere in Agrigento! Da un romano

ho saputo che la loro grandezza era dovuta a Numa, il re. Vieni, o divino! Sii il nostro Numa! Gi si pensava che avresti dovuto essere re. Sii il nostro re! Per primo cos ti saluto, e tutti lo desiderano. EMPEDOCLE La nostra non pi un'epoca di re. I CITTADINI (allibiti) E tu chi sei? PAUSANIA L'esempio di come si sappia rifiutare una corona, cittadini. PRIMO CITTADINO Non riusciamo a comprendere le tue parole, Empedocle. EMPEDOCLE L'aquila custodisce forse i nati nel nido indefinitamente? S, provvede a loro quando sono ciechi, e sotto le sue ali dormono gli implumi la loro esistenza dolce, crepuscolare. Ma quando vedono la luce del sole e sono maturate le loro ali essa li lancia fuori dal nido affinch inizino a volare. vergognoso volere ancora un re. Siete troppo invecchiati; diverso era il tempo dei vostri padri. Non possibile aiutarvi, se non vi aiutate da voi stessi. CRIZIA Per tutti gli di celesti, perdona! Grande tu sei, e tradito! EMPEDOCLE Fu ben triste il giorno, che ci divise, arconte. SECONDO CITTADINO Perdona e rimani con noi! Il sole della nostra terra risplender pi amico per te qui che in ogni altro luogo e se rifiuti il potere tuo di diritto abbiamo per te doni e altri onori, corone verdi e splendidi nomi e bronzo imperituro, per la tua erma. Vieni! Avrai i nostri adolescenti, i puri che non t'hanno offeso mai; purch tu rimanga vicino a noi, siamo pronti ad accettare che tu rifugga da noi e che tu viva nei tuoi giardini solitari fino a dimenticare il torto che hai subto. EMPEDOCLE Per una volta ancora, luce originaria

che mi nutristi, e voi, giardini della mia giovinezza e della gioia, che io vi ricordi nei giorni della gloria, quando tra questo popolo vivevo sereno e senza subire offesa. Cari, siamo riconciliati, e ora vi lascio! preferibile per voi non vedere pi quel volto che offendeste, maggiore gioia vi dar il ricordo dell'uomo che amaste, e avrete saldo il cuore. In giovinezza eterna vivr tra voi la mia immagine E molto pi belli, quando sar lontano, risuoneranno i canti di esultanza che mi avete promesso. Separiamoci prima che stoltezza e vecchiaia ci separino; gi lo sperimentammo, e restiamo uniti, noi che, nell'istante voluto, sapremo liberamente scegliere l'ora del distacco. TERZO CITTADINO Cos ci vuoi lasciare disperati? EMPEDOCLE Mi offriste, cittadini, una corona! In cambio prendete ci che ho di sacro. Da tempo lo tenevo in serbo. Molte volte nelle notti serene, quando in alto si apriva il mondo bello, e l'aria con tutto il firmamento mi circondava come un nembo di pensieri gloriosi, in me sentivo urgere pi che mai la vita; con il nascere del giorno vi avrei detto la parola, severa, contenuta. E con lieta impazienza gi evocavo dall'Oriente la prima nube d'oro per la nuova festa, quando il mio canto solitario si fosse unito a voi in un coro di gioia. Ma il mio cuore sempre si richiudeva e attendevo che l'ora maturasse. Oggi il mio giorno autunnale e il frutto cade da solo. PAUSANIA Oh, avesse parlato prima! Forse non avrebbe patito tutto questo. EMPEDOCLE Cari, non vi lascio disperati. Non temete! Solitamente i mortali rifuggono da quanto nuovo e a loro estraneo, ma aspirano a rimanere immobili nella loro sede solo le piante e gli animali felici. Costretti nel loro breve cerchio sono unicamente tesi a sopravvivere, e altro non sanno. Eppure alla fine, trepidi, devono uscirne e riunificarsi, morendo, agli elementi, per rinnovarsi, come in un bagno, in una giovinezza nuova. All'uomo invece data la grande gioia di ritrovare la giovent da se stesso. E dalla morte purificatrice che essi hanno scelto nel tempo adatto, rinascono,

come Achille dallo Stige, i popoli. Assecondate la Natura prima che s'impadronisca di voi! Da tempo avete sete dell'insolito, come da un corpo gravemente infermo l'anima di Agrigento vuole abbandonare gli antichi schemi. Coraggio, osate! Ci che avete ereditato, le vostre conquiste, ci che i padri vi hanno detto e insegnato, leggi e costumi, nomi di antichi di, tutto dimenticate con ardimento, e rinascendo alzate gli occhi alla Natura divina. E quando alla luce del cielo lo spirito s'infiamma, e un tenero soffio di vita vi gonfia il petto come al primo giorno, e le selve, cariche d'aurei frutti, stormiscono e sgorgano sorgenti dalla roccia: quando la vita universale, spirito di pace, vi conquista e come sacra cantilena culla la vostra anima; allora, trasparendo le delizie come da un bel velo, splender pi luminosa la terra verdeggiante, e il monte, il mare, e stelle e nubi, e nobili energie, come essenze eroiche, sorgeranno dinnanzi a voi, e il vostro petto come di chi si prepara alla battaglia, palpiter, con bramosia di agire, in un mondo bello e vostro. Allora stringetevi le mani, stipulate un patto, i beni dividete tra voi, come Dioscuri fedeli, azioni e gloria. Siano tutti uguali. Sopra giuste norme come agili colonne, riposi nuova vita e sia la vostra unione saldamente cementata dalla Legge. E allora, o geni della Natura e delle sue metamorfosi, voi che, cos sereni in abissi e altezze scoprite la gioia, e sotto forma di pena e di felicit, di pioggia e di sole, la recate da un mondo infinitamente lontano alla mente degli umili mortali - il popolo libero vi invita alle sue feste, ospitale e devoto, poich, quando ama, l'uomo dona il suo meglio, se la schiavit non gli serra e imprigiona il petto... PAUSANIA Padre! EMPEDOCLE Allora, o Terra, i cuori umani ti riameranno; e come il fiore sboccia dalle tue tenebre, cos vedrai fiorire per te di gratitudine il roseo delle guance dall'intima vita e dal sorriso felice. E Inghirlandato con amore, scende il ruscello scrosciante, cresce tra benedizioni, diviene fiume, e con l'eco di spiagge vibrando, viene ripetuto, di te degno, oceano paterno, l'inno in lode della gioia. Si sente rinnovato vicino a te, divino sole, in comunione celeste il genio umano, e ci che plasma appartiene a te come a lui. Piacere, coraggio, vitalit gli rendono agevoli,

come i tuoi raggi, le sue gesta. E pi non muoiono le cose belle nel petto tristemente muto. Molte volte il cuore dei mortali dorme, come nobile grano, dentro un guscio morto, finch giunge il suo tempo; e con amore intorno ad essi alita sempre l'etere, e con le aquile il loro sguardo beve la luce dell'alba, ma non dona, questa, la sua benedizione ai trasognati, e il loro sopore si alimenta dello scarso nettare che gli di porgono giornalmente alla Natura, finch si stancano di questo vivere angusto, e il petto nel remoto gelo si sente prigioniero come Niobe, lo spirito si sente pi robusto di ogni leggenda e, memore del suo principio, ricerca la vita e la vivente bellezza e gioiosamente si sviluppa in presenza dei puri. Allora sorge un nuovo giorno diverso da ogni altro, la Natura e stupito, incredulo, come a un nuovo incontro dopo un periodo disperato, l'amato abbraccia l'essere caro che credeva morto, cos il cuore sono loro! gli di da cos lungo tempo assenti, i vivi, i buoni, tramontare con l'astro della vita! Addio! Queste furono le parole del mortale che con amore esita ancora fra voi e gli di che lo hanno chiamato. Nel giorno del distacco il nostro spirito profetizza, e dice il vero chi non torna. CRIZIA Dove vai? Per l'Olimpo vivente che alla fine hai dischiuso a me che sono vecchio e cieco, non partire! Solo se sei vicino, l'anima rinnovata di questo popolo prospera e si riproduce in rami e frutti. EMPEDOCLE Quando sar lontano parleranno per me i fiori del cielo, le costellazioni fiorenti, e quelli che dalla terra germinano a migliaia. La divina Natura non richiede discorsi; e una volta presente non vi lascia mai soli e il suo attimo rimane incancellabile; e vittoriosa agisce in eterno la sua fiamma celeste, rendendovi felici. Quando poi giungeranno gli splendidi giorni di Saturno, rinnovati e pi virili, ricordate il tempo perduto ed al tepore del genio si rinnovi la leggenda dei padri! Salga alla luce della primavera

come una musica e alla festa venga dal regno delle ombre l'immenso mondo dimenticato degli eroi e insieme all'aurea nube della tristezza vi circondino, nella vostra letizia, le memorie! PAUSANIA E tu? e tu? ahim, non voglio annunciarlo a questa gente felice... che non immagini ci che accadr! No! tu non puoi. EMPEDOCLE I desideri! Siete fanciulli, eppure cercate di sapere, e questo giusto e comprensibile. Tu sbagli! dite al potere che pu molto pi di voi. Ma invano, o stolti! Giacch la vita, come le stelle, prosegue la sua corsa verso la perfezione. Non vi nota la voce degli dei? Prima ancora d'apprendere, ascoltando, la lingua dei miei antenati, al primo sguardo, al mio primo respiro, gi la intesi, e sempre la considerai superiore alla parola umana. M'incitavano: in alto! e ogni spirare di vento eccita la mia ansiosa nostalgia, e se anche volessi indugiare qui, sarebbe come se l'adolescente si dilettasse, goffo, con i suoi giochi d'infanzia. Ah, senz'anima vivrei come schiavo in tenebra e vergogna davanti a voi ed ai miei numi. Ho vissuto; e come dalle vette degli alberi si stacca il fiore e il frutto d'oro, come dal suolo buio spunta il fiore e il nello stesso modo da fatiche e da pene matur per me la gioia e scesero dal cielo forze amiche. Nelle profonde valli, o Natura, si riunificano le fonti delle alture, e vennero tutte le tue gioie nel mio petto per trovar pace, un'unica felicit. E quando consideravo la bellezza della vita, una sola preghiera rivolgevo agli dei: che se un giorno non avessi sopportato pi la felicit della mia giovane forza, senza vertigine, e se la ricchezza della mente, come accade ai vecchi beniamini dei numi, si fosse trasformata in stoltezza, mi ammonissero fulmineamente, mi mandassero nel cuore un destino inatteso, affinch potessi intendere che era giunta l'ora della mia purezza, e avessi ancora il tempo di salvarmi in una giovinezza rinnovata e, amico dei celesti, non divenissi tra la mia gente una vergogna, uno scandalo o uno zimbello. Mi hanno esaudito. Un potente monito mi fu inviato, unico vero, ma bastante. Se non lo intendessi, sarei come il ronzino che non avverte lo sprone

e attende di essere costretto dalla sferza. E allora non chiedete che a voi ritorni l'uomo che vi am, per breve tempo nato, e tra di voi fu come straniero; ors, non esigete che per i mortali arrischi ci che a lui sacro e l'anima! Un commiato bello infatti ci fu dato, e ci che possiedo di pi caro ho potuto infine donarvi dal mio cuore. Perci lasciatemi. Che potrei fare ancora tra voi? PRIMO CITTADINO Ci serve il tuo consiglio. EMPEDOCLE Interrogate questo giovane, senza vergogna! La saggezza pi alta nascer dal suo spirito nuovo, se a lui porrete quesiti grandi e solenni. L'antica Pizia, la sacerdotessa, da fonte giovane attingeva i responsi degli dei. Giovani sono i vostri stessi dei. Mio caro, volentieri vado via; dopo di me tu vivrai; io fui soltanto la nube del mattino inattiva e fuggevole, e sono fiorito solitario, quando il mondo era immerso nel sonno, mentre tu sei nato nel giorno luminoso. PAUSANIA Oh, dover tacere! CRIZIA Tu non tentare, caro, di persuadere te stesso e noi! Tutto buio ai miei occhi e non riesco a vedere cosa intendi fare, n posso dire: resta! Aspetta ancora un giorno! Spesso l'attimo ci afferra meravigliosamente e siamo trascinati via con la fuggente vita. La bellezza di un'ora spesso sembra predisposta da tempo, eppure solo l'ora che ci abbaglia, e cos solo questa noi distinguiamo nel passato. Perdona! Non intendo schernire lo spirito del pi potente, n questo giorno; comprendo che necessario lasciarti, posso solamente assistere, anche se l'anima triste... TERZO CITTADINO No, no! Non andr fra stranieri, n oltre il mare, alle rive dell'Ellade o in Egitto, dai suoi fratelli che da tanto tempo non hanno visto pi il sublime saggio... pregatelo, pregatelo che resti! Presentimenti e brividi mi vengono da quest'uomo pacifico, ma terribile e sacro, che attraversa la mia vita, e dentro a me si fa pi luce e anche tenebra: un gran destino vedi e dentro di te, lo porti volentieri;

stupendo il tuo pensiero. Ma ricorda anche coloro che ti vogliono bene, i puri, e quelli che hanno errato per poi pentirsi. Tu, benigno, hai donato generosamente; ma che sar senza di te? Non puoi restar con noi ancora un po' di tempo? EMPEDOCLE O cara ingratitudine! Eppure io, a sufficienza, vi diedi di che vivere. destino vostro di vivere fin tanto che avete fiato; non mio. Per tempo deve congedarsi colui dalla cui bocca lo spirito ha parlato. La Natura divina si rivela spesso in questo modo e cos la stirpe umana nelle sue ricerche pu riconoscerla. Ma una volta che il mortale, a cui di delizia ha colmato il cuore, l'abbia proclamata, fate che infranga il vaso, affinch a usi diversi non serva e il divino non si trasformi in opera umana. Lasciate che questi eletti muoiano, lasciate che gli spiriti liberi, al tempo stabilito e con amore, agli di si sacrifichino, prima che in prepotenza e superbia e vergogna si spengano. E questa la mia sorte, ne sono cosciente e da tempo, dai giorni della giovinezza, l'ho predetta a me stesso. Rispettatela! Domani, non trovandomi pi, potrete dire: Non doveva invecchiare, n contare i giorni, n essere schiavo di affanni e malattie, non visto si congedato; mano umana non l'ha sepolto, e nessun occhio sa delle sue ceneri, perch niente altro a lui si addice; infatti innanzi a lui nell'ora lieta e sacra della morte gli di sono apparsi senza velo... Alla luce e alla terra egli era caro, e lo spirito, lo spirito del mondo destava in lui il suo stesso spirito, in cui esse vivevano, e al quale morendo fa ritorno. CRIZIA inesorabile, purtroppo, e il cuore si vergogna di dirgli altre parole. EMPEDOCLE Vieni Crizia, e porgimi le mani. E cos voi, voi tutti. - Tu, diletto rimarrai fino a sera con l'amico, tu, giovane e fedele. Non piangete, poich sacra la mia morte e gi... oh, aria, aria che circondi chi rinato, quando cammina per sentieri nuovi, io gi ti sento, come il navigante che, giunto presso i boschetti in fiore dell'isola natia, sente il suo cuore palpitare pi forte e il volto segnato dal tempo si trasfigura nel ricordo dell'aurea giovent beata. Oblio! Riconciliazione!... L'animo mio vi benedica; andate

e salutate la citt paterna e le campagne; quando un giorno andrete nel sacro bosco a venerare i numi della Natura, a purificare gli occhi dagli affanni quotidiani, e l sarete ricevuti con canti amici, scesi da serene altitudini, allora un mio suono alegger in quel canto e, nell'amoroso coro del mondo bello, ascolterete ancora la mia parola - tanto pi stupenda. Ci che vi ho detto, mentre ancora vivo, non molto, ma forse un raggio luminoso lo porter gi attraverso i banchi di nuvole del crepuscolo, fino alla fonte quieta che vorrebbe darvi la sua benedizione. Allora ripenserete a me. CRIZIA O uomo sacro, s, sacro! Sono dominato da te, riconosco con venerazione il tuo destino, ma non intendo dargli un nome. Era proprio necessario? Tutto accadde con estrema rapidit. Quando vivevi ancora in Agrigento, nel tuo quieto regno, non ci badavamo, ed ora ci sei tolto all'improvviso. La gioia viene e ci lascia, ma non appartiene a noi mortali, e lo spirito sfugge alle domande e prosegue per la sua via. Chi potr mai dire che hai vissuto con noi? Scena quinta Empedocle, Pausania PAUSANIA fatto. Ora allontana anche me. Ti sar facile. EMPEDOCLE No, no! PAUSANIA Lo so, non dovrei parlare cos al sacro straniero, ma io non intendo reprimere il mio cuore. Tu stesso l'hai viziato, l'hai allevato alla tua scuola... e finch fui solo un ragazzo incolto, considerai un mio pari quel sublime maestro che si degnava di conversare con me da amico: le sue parole mi sembravano familiari da molto tempo. Tutto ormai passato, Empedocle. Ti chiamo ancora per nome, ancora stringo la tua mano fiduciosa, prima che mi lasci, e ho l'impressione, mi sembra, che tu non possa abbandonarmi. Spirito della mia giovinezza felice, mi abbracciavi dunque invano, ti aprii il mio cuore invano nel piacere

di una vittoria e con grandi speranze? Non ti riconosco pi. stato un sogno. Non posso crederci. EMPEDOCLE Non hai dunque compreso? PAUSANIA Comprendo il mio cuore che, fedele e orgoglioso, batte e freme per il tuo. EMPEDOCLE E allora concedi almeno l'onore al mio. PAUSANIA Solo nella morte c' onore? EMPEDOCLE Mi hai inteso. E l'anima tua lo conferma: non esiste altro per me. PAUSANIA Ahim, dunque vero? EMPEDOCLE Chi riconosci in me? PAUSANIA (affettuoso) Figlio d'Urania, come puoi dubitarne? EMPEDOCLE (con amore) E tu vuoi che sopravviva, come uno schiavo, al giorno del mio disonore? PAUSANIA No. Non voglio, per il tuo magico spirito, fare oltraggio, neppure se l'amore me l'ordinasse. Muori dunque, caro, e rendi testimonianza di te stesso! Se necessario. EMPEDOCLE Lo sapevo, anima eroica, che non mi avresti lasciato senza donarmi gioia. PAUSANIA Dov' il dolore ormai? Un chiarore di aurora ti circonfonde il capo, e il tuo sguardo mi dona, per una volta ancora, i suoi possenti raggi. EMPEDOCLE E sulle tue labbra, baciandole, io imprimo le promesse: tu diverrai grande, come giovane fiamma brillerai, saprai trasmutare tutto ci che mortale in fuoco e anima che con te s'innalzi

nel sacro etere. Non invano, caro, con te sono vissuto, e sotto un cielo clemente, fin dal primo aureo istante, molteplici gioie inconsuete a noi si aprirono, e il mio giardino quieto e la mia casa te le riporteranno alla memoria, in primavera, quando passerai per quei luoghi e sentirai rivivere intorno a te quello spirito che ci un: tu gli renderai grazie, e rendigli grazie ora, o figlio, figlio della mia anima. PAUSANIA Padre ringrazier, ma solo quando mi sar tolta questa estrema amarezza. EMPEDOCLE Ma anche bello, caro, ringraziare finch la gioia indugia, prossima a lasciarli, tra coloro che si stanno separando. PAUSANIA Dovr dunque svanire? Non lo comprendo, e a te che servirebbe EMPEDOCLE Cos da mortale, impavido in tutto il mio vigore discendo ora per la via che ho scelto io stesso. Questa la mia felicit, il mio privilegio. PAUSANIA Oh taci! Non ripetermi la cosa spaventevole! Tu respiri ancora, ascolti la parola dell'amico, e vivace fluisce il tuo prezioso sangue dal cuore, eretto guardi il mondo chiaro, e limpido il tuo sguardo al cospetto degli di, il cielo splende sulla tua fronte libera, e per la gioia universale il tuo genio magnifico risplende sulla terra, e tutto ci dovrebbe ora perire! EMPEDOCLE Perire? Ma quello che si ferma simile al fiume, incatenato dal gelo. Figlio stolto! Dorme forse e si arresta il sacro, puro spirito della vita in qualche luogo affinch tu possa legarlo? Sempre gioioso, mai lo vedrai languire entro prigioni n indugiare in un luogo senza speranza. Vuoi sapere dove vada? Le delizie di un mondo lui deve assaporare senza finire mai... Giove Liberatore!... Entra e prepara per me la mensa affinch ancora una volta possa assaporare il frutto dello stelo e il vigore della vite, e grato e lieto sia il mio commiato, ed alle dolci Muse che mi amarono il nostro canto nuovamente s'innalzi... Fallo figlio!

PAUSANIA Meravigliosamente mi soggioga la tua parola, a te devo cedere, devo ubbidirti. Voglio e al tempo stesso non voglio. (Esce.) Scena sesta EMPEDOCLE (solo) Ah, Giove Liberatore? Sempre pi si avvicina la mia ora e dai dirupi giunge sino a me il fido araldo della notte, il vento della sera, messaggero d'amore. maturato il tempo. Palpita, o cuore mio, muovi le tue onde giacch lo spirito sta sopra di te come astro luminoso, mentre in cielo trasmigrano le nubi senza patria, sempre in fuga. Che sento? Mi stupisco come se la mia vita cominciasse, perch tutto diverso e solamente ora io sono. Sono... e per questo dunque un desiderio ardente ti assaliva mentre riposavi nella tua quiete religiosa? Per questo la vita ti fu cos lieve, perch tu sperimentassi le gioie del trionfatore in un'unica, ma perfetta azione? Vengo. Morire? Un solo passo mi separa dalle tenebre, ma tu, occhio mio, vorresti ancora vedere. Concluso il tuo servizio solerte! Ora necessario che la Notte per qualche tempo copra di ombre la mia fronte. Ma gioiosa ora si liberi la fiamma dal mio coraggio. Un brivido di desiderio? Come? La morte infine infiamma la mia vita? e tu, Natura, mi porgi il calice tremendo e spumeggiante, affinch il tuo cantore possa bere l'entusiasmo supremo! Sono felice, non cerco altrove il luogo della fine. Arco d'Iride che sovrasti cascate, dove l'onda si dissolve in nebbia d'argento, a te somiglia la mia gioia... Scena settima Pantea, Delia DELIA Mi hanno detto: diversamente pensano gli di e i mortali. Quanto sembra solenne agli uni, appare scherzo agli altri. Per gli dei spirito e virt sono realt solenni, ma gioco per loro il lungo tempo e l'affannarsi umano. Mi sembra che pi da dio che da uomo pensi il vostro amico. PANTEA Non mi stupisce che arda per il desiderio di raggiungere

i suoi dei. Cosa gli hanno dato gli uomini? Il suo popolo ha forse alimentato quello spirito sublime, o la loro vita inconcludente gli ha corrotto il cuore? Prendilo, portalo via, Natura, tu che tutto hai donato a lui, e lui a noi! Pi caduchi sono i tuoi prediletti, lo so bene, diventano possenti e nessuno sa dire come e poi a loro volta scompaiono, i fortunati. DELIA Vedi, credo dia pi felicit dimorare lietamente tra gli uomini. Me lo perdoni, lui, l'Incomprensibile. E il mondo qui cos bello. PANTEA S, bello, e ora pi che mai bello. Non pu lasciare che quell'audace si separi da lui privo di doni. Leva lo sguardo ancora verso te, luce celeste? E tu lo vedi, Delia, mentre io forse non potr pi rivederlo? Con lo stesso amore si guardano i fratelli eroici prima di separarsi per raggiungere il luogo del riposo, ma al mattino non si vedranno forse nuovamente? Parole! Certo, buona fanciulla, il mio cuore rabbrividisce come il tuo, e vorrei che quello non accadesse, ma ne ho vergogna. Lui far quel gesto: non sar forse sacro? DELIA Chi quel giovane straniero che scende dal monte? PANTEA Pausania. Dunque cos dobbiamo ritrovarci, orfano del padre? Scena ottava Pausania, Pantea, Delia PAUSANIA Forse Empedocle qui? O Pantea, tu gli sei devota, vieni quass, puoi ancora vederlo, il viandante solenne, sul suo cammino di tenebre. PANTEA Ma dove si trova? PAUSANIA Lo ignoro. Mi ha fatto allontanare e quando non l'ho pi visto. L'ho chiamato lungo tutta la montagna, ma senza trovarlo. Torner, ne sono certo. Mi promise, da amico, di rimanere sino a notte.

Almeno venisse! L'ora a me pi cara fugge pi rapida di una freccia. Ancora una volta sarei felice con lui, e anche tu, Pantea, e anche lei, la nobile straniera che una sola volta pot contemplare questa stupenda immagine di sogno. Vi spaventa la sua fine, manifesta, che per nessuno osa nominare; lo credo, ma la rifiutereste se aveste veduto quale vita abita e fiorisce in lui. Poich in sua presenza straordinariamente si dissolve ci che ai mortali sembra triste e spaventoso. E tutto luminoso per il suo sguardo beato. DELIA Quanto lo ami! Eppure invano lo pregasti, e molto l'hai pregato, l'austero, di rimanere e di vivere ancora a lungo tra i mortali. PAUSANIA Avrei forse potuto? Egli domina la mia anima quando mi espone il suo volere. Oh, bene tutto questo! Non dispensa che gioia anche quando si rifiuta, e pi profondo risuona l'eco e l'accordo del cuore che vibra con lui quanto pi l'imperscrutabile insiste nel suo volere. Non soltanto vana persuasione, puoi credermi, perch egli sa essere maestro di vita; numerose volte, quando orgoglioso e modesto taceva nel suo mondo, io lo contemplavo con un presentimento oscuro e incomprensibile che colmava la mia anima, turbandola. La presenza del puro, dell'intangibile mi angosciava; ma quando la parola gli scoccava decisiva dalle labbra, era come se un cielo di delizie risuonasse in lui, in me, e io ero vinto senza riserve, e mi sentivo pi profondamente libero. Oh, se almeno potesse sbagliare! Riconoscerei pi profondamente la sua verit inesauribile, e se morisse vedrei dalle sue ceneri divampare pi luminoso il suo genio. DELIA Anima grande! La morte dell'uomo grande ti esalta, ma a me procura solo strazio. L'essere mortale, bimbo estraneo, perch ricordarlo, non appena si dischiuso al mondo, non appena si animato e ha trovato il conforto familiare, subito respinto da un freddo destino, lui, nato innocente, un tempo, e neppure agli eletti dato riposare tranquilli nella loro gioia; anche i migliori passano sulla sponda degli di della morte, e partono lieti suscitando in noi la vergogna di rimanere tra i mortali. PAUSANIA

Oh, per i supremamente Felici! Non condannare il Sublime a cui la gloria procur cos grande sventura, che deve morire perch la sua vita fu troppo bella, perch troppo fu amato dagli dei. Se si oltraggia un altro che non sia lui, perdonabile, ma lui, se a lui cosa pu il figlio degli di? Sopra di lui, infinito, il colpo senza fine. Mai volto pi nobile sub un'offesa pi rivoltante! Avrei dovuto assistere, SECONDA STESURA

Personaggi EMPEDOCLE PAUSANIA PANTEA DELIA ERMOCRATE MECADE ANFARE DEMOCLE, Agrigentini ILA La scena in parte in Agrigento, in parte sulle pendici dell'Etna. ATTO PRIMO Scena prima Coro di Agrigentini in lontananza Mecade, Ermocrate MECADE Odi il popolo ebbro? ERMOCRATE Cercano lui. MECADE Lo spirito di quell'uomo possente tra di loro. ERMOCRATE Lo so, com'erba secca la gente prende fuoco. MECADE Quando esagita cos la folla come il fulmine di Giove quando ghermisce la foresta, e anche pi spaventevole. ERMOCRATE

Per questo agli uomini noi bendiamo gli occhi, affinch non si nutrano di eccessiva luce. Il divino non deve mostrarsi a loro. N al loro cuore dato trovare cosa viva. Non conosci gli antichi che sono chiamati prediletti di celesti? Nutrivano se stessi con energie del mondo e, alzando gli occhi luminosi verso l'alto, sentivano presente quanto immortale; e per questo, superbi, non chinavano mai la fronte. E nulla poteva sostenere la loro potenza, e tutto si trasformava dinnanzi a loro. MECADE E lui? ERMOCRATE La familiare intimit con i numi lo ha reso troppo potente. La sua parola risuona al popolo come venisse dall'Olimpo. Gli sono grati perch rapisce al cielo la fiamma della vita e la rivela ai mortali. MECADE Non conoscono che lui, il loro dio, il loro re. Dicono che Apollo edific la citt ai troiani, ma preferibile, aggiungono, godere l'aiuto di un uomo grande. Affermano di lui molte cose oscure e non rispettano leggi n doveri n costumi. Una cometa divenuto il nostro popolo e fortemente temo che questo segno esprima un presagio minaccioso che egli cova in silenzio. ERMOCRATE Calmati, Mecade! Non lo far. MECADE Ti senti pi potente? ERMOCRATE Chi comprende, pi forte dei forti.

E perfettamente conosco quest'uomo straordinario. Crebbe troppo fortunato; sin dalla sua giovinezza fu viziato: basta un nonnulla per sviarlo. Espier il suo amore eccessivo per i mortali. MECADE Ho l'impressione che non durer a lungo. Ma sar durato pur sempre troppo se cadr solo dopo la riuscita. ERMOCRATE gi caduto. MECADE Che dici? ERMOCRATE Non te n'accorgi? I poveri di spirito hanno traviato il suo grande spirito, i ciechi il seduttore. Egli gett al popolo la propria anima; e rivel magnanimamente al volgo il favore degli di, ma per vendetta l'eco vuota di un cuore inerte si prese gioco del folle. Sopport per un poco; se ne accor paziente, non trov spiegazione all'errore; e intanto crebbe l'ebbrezza popolare; rabbrividivano osservando che il petto gli tremava parlando, e dicevano: Non cos che gli di parlano! E all'orgoglioso rattristato quegli schiavi diedero nomi che non voglio riferirti. Infine l'assetato prende il tossico: l'infelice entra in disaccordo con se stesso e non trova chi gli sia simile, si conforta con la furibonda adorazione, accecato, diviene simile a quei superstiziosi; perduta la sua forza, brancola nelle tenebre, non sa uscirne, ma noi lo aiuteremo. MECADE Ne sei cos certo? ERMOCRATE Lo conosco. MECADE Ricordo un suo discorso superbo che ultimamente pronunci nell'gora. Non so cosa il popolo prima gli avesse detto; giungevo in quel momento, ero lontano... Voi mi onorate rispondeva e questo giusto, essendo muta la Natura, estranei vivono

l'uno all'altro il sole e l'aria e la terra e i loro figli, in solitudine, quasi non si appartenessero. Con energia perpetua nello spirito divino le immortali e libere forze del cosmo ruotano intorno all'altrui vita fugace, ma, come piante selvagge su selvaggio suolo, tutti i mortali, nutriti scarsamente, sono seminati nel grembo degli di, e morto apparirebbe il suolo se uno non lo curasse suscitando vita. E questo campo mio. La forza e l'anima in me scambiando, insieme fondono i mortali e i numi. E con calore pi intenso le potenze eterne il cuore abbracciano anelante, e pi forti nella libert prosperano i sensibili mortali, e tutto si ridesta! Giacch io concilio quanto diverso, la mia parola d nome all'ignoto; io governo l'amore dei viventi: ci che a uno manca, io prendo da un altro, unifico animando e trasformo ringiovanendo il mondo titubante, e a nessuno somiglio e nello stesso tempo a tutti. Cos parlava l'arrogante. ERMOCRATE ancora poco. In lui c' anche di peggio. Conosco lui, come conosco i figli del cielo viziati, che non sentono nulla tranne la loro stessa anima. Quando l'attimo li scuote - e sono fragili, esposti a perire facilmente nulla pi li placa, una bruciante ferita li tormenta, un inguaribile fermento hanno nel petto. Anche lui! per quanto sembri tranquillo, da quando ha in odio il popolo, gli ardono nel cuore brame da tiranno. O lui o noi! Non un danno se lo sacrifichiamo. Il suo tramonto necessario. MECADE Non irritarlo! Non alimentare la fiamma che cova in lui, lascia che si estingua! Lascialo! Non offrirgli un pretesto! Se non lo trova per compiere un atto audace se pu sbagliare solo a parole, morir da stolto e irrilevante per noi sar il danno. Un valido nemico lo rende tremendo. Soltanto allora avverte il suo potere. ERMOCRATE Tu temi lui e tutto, misero uomo.

MECADE Vorrei solo risparmiarmi il rimorso, vorrei salvare quanto possibile salvare. Ma questo non serve al prete, che sa tutto, n al santo, che rende sacra ogni cosa. ERMOCRATE Oh, inesperto, cerca di capire prima di offendermi. Lui deve cadere; se si potesse risparmiarlo, credi, lo farei pi di te. Essendo lui pi vicino a me che a te. Ma dammi ascolto: pi rovinoso che la spada e il fuoco lo spirito dell'uomo, il simile agli di, quando non sa tacere o custodire celato il suo segreto. Se silenzioso rimane nel profondo e svela quanto occorre, propizio, ma fuoco divorante se oltrepassa i limiti. Perisca dunque perch mette a nudo e l'anima e gli di e, temerario, vuole esprimere l'inesprimibile, e versa e sperpera come se fosse acqua la ricchezza pericolosa che possiede. peggio di un omicida; e tu vorresti difenderlo? Rassegnati: il suo destino. Lui se l' scelto e vivere come lui e come lui perire, in pena e follia, possa chiunque il divino tradisca e, sconvolgendo misteriosi arcani, nelle mani del volgo lo trasmette. Deve cadere! MECADE Tanto grave sar dunque la pena per chi ha donato il meglio della sua anima ai mortali? ERMOCRATE Lo faccia pure, interverr la Nemesi. Dica parole grandi ed avvilisca la vita pudicamente celata, porti alla luce l'oro degli abissi, usi ci che agli uomini non dato in uso, il primo a sprofondare sar lui. Non gli hanno gi confuso la mente? La sua anima traboccante e tenera non si ormai inselvatichita per il suo popolo? Come ha potuto trasformarsi in despota costui che divideva tutto con tutti? L'uomo buono! Si fatto cos insolente che mortali e di per lui contano quanto un gesto delle mani. MECADE Dici cose tremende, sacerdote, ma le tue parole oscure sembrano vere. E sia! Sar al tuo fianco. Ma non so da che parte prenderlo. Per quanto uno

sia grande, non arduo giudicarlo. Ma essere pi potente del prepotente che come un mago il popolo trascina, mi sembra cosa ben diversa, Ermocrate. ERMOCRATE fragile la sua magia, e pi del necessario ci ha spianato la strada. Il suo malumore nell'ora adatta si mut, a suo segreto sdegno contro se stesso incrudelisce, se anche avesse il potere, non saprebbe apprezzarlo; l'affligge il suo tramonto e ritornando indietro cerca la vita di un tempo, il dio, che con le chiacchiere ha smarrito. Raduna il popolo! Io lo accuso, invoco su di lui la maledizione, voglio che siano presi da orrore per il loro idolo, che lo scaccino nel fondo di un deserto e l, senza ritorno, espier per aver svelato ai mortali pi del necessario. MECADE Ma di quale delitto intendi accusarlo? ERMOCRATE Le parole che mi hai riferito bastano. MECADE Con accuse cos fragili pensi di strapparlo dal cuore del popolo? ERMOCRATE Qualunque accusa ha forza, nel momento opportuno, e questa non lieve. MECADE Quand'anche lo accusassi di omicidio dinnanzi a loro, sarebbe inutile. ERMOCRATE Appunto! Sono disposti a perdonare una colpa evidente, i superstiziosi, ma l'invisibile deve essere inquietante per loro, deve accecarli, e solo allora li commuove, tanto sono ottusi. MECADE L'hanno nel cuore: frenarli e dirigerli non ti sar facile! Lo amano! ERMOCRATE Lo amano? S, fin quando fiorisce e splende ne sono bramosi. Ma che se ne faranno, ora che triste e desolato? Non c' pi nulla che possa

giovare loro e abbreviare la loro noia. Il campo mietuto e abbandonato. Ora a piacimento v'imperversano le tempeste e i nostri passi. MECADE Provoca la sua collera! Provocalo e vedrai! ERMOCRATE Lo spero, Mecade! Lui paziente. MECADE S, la sua pazienza li conquister. ERMOCRATE Tutt'altro. MECADE Tu non rispetti nulla e perderai te stesso e me e lui e tutto. ERMOCRATE Stimo scarsamente, in verit, le bizzarrie e i sogni degli umani. Vorrebbero essere di e come tali venerare se stessi, e per un poco dura. Temi che il sofferente, che il paziente li conquisti? Gli si rivolteranno contro, quegli stolti, del suo dolore intenderanno il caro inganno, senza piet rinfacceranno all'uomo adorato d'essere anch'egli un debole: e ben gli sta, poich si mescola con loro. MECADE Vorrei restarmene fuori da questa storia, sacerdote. ERMOCRATE Confida in me e non temere quanto necessario. MECADE Eccolo. Cerca te stesso, spirito smarrito, tu che stai perdendo tutto. ERMOCRATE Andiamo via! Lasciamolo! Scena seconda EMPEDOCLE (solo) Nel mio silenzio sei giunto con passo lieve, o giorno bello, e mi trovasti o amabile, nel buio della grotta, ma non venivi inaspettato, e da lontano da lass, sopra la terra, sentii con chiarezza il tuo ritorno; ed anche voi, mie forze familiari e operose dell'altezza; e voi, vicini ancora come sempre,

alberi felici del mio bosco! Siete cresciuti ancora nel frattempo, ogni giorno su voi pioveva luce dal cielo e l'etere versava gocce di vita a fecondare i vostri fiori. Schietta Natura che mi stai dinnanzi, pi non conosci l'amico, il prediletto? non riconosci in me quel sacerdote che ti dedicava un canto vivo come sangue sparso con gioia sull'altare? Oh, per le sacre fonti, l dove le acque dalle vene della terra si raccolgono e nel giorno torrido ristorano chi ha sete! in me, in me, sorgenti di vita, sgorgando dalle viscere del mondo confluivate un giorno, e a me venivano gli assetati... ma ora? Addolorato? sono proprio solo? E anche durante il giorno qui fuori notte? Colui che pi d'ogni altro spinse lo sguardo in alto, ora brancola accecato di qua e di l... di qua e di l... Miei numi dove siete? Ahim, mi abbandonate come un mendicante, e questo cuore, che amoroso vi aveva presagito, voi lo ripudiate e lo serrate in miserevoli catene lui ch'era nato per vivere libero, e non soggetto a nessun altro? E dovrebbe continuare a vivere cos colui che a lungo fu viziato e con tutti i viventi, nel bel tempo sacro, sent beato la loro vita e li ritenne cuore di un mondo e delle sue regali forze divine, cos dannato nell'animo dovrebbe andarsene, ripudiato, senza amici, l'amico degli dei? Pascersi del suo nulla e della notte, tollerare l'intollerabile, come i deboli che nel tenebroso Tartaro stanno inchiodati allo sforzo quotidiano. A tal punto sono caduto? Non per niente: una cosa, una, hanno dovuto lasciarmela, stolto, sei pur lo stesso e t'immagini d'essere debole. Una volta ancora voglio esser vivo. Voglio! La salvezza o la maledizione! Non pensare umilmente che non ci siano forze nel tuo petto! Voglio far largo intorno a me, con la mia stessa fiamma illuminarmi! Cos sarai contento, povero spirito prigioniero, e in un mondo tuo ti sentirai libero e grande e ricco... e ancora solo, ahim, ancora solo? Ah! Solo! Solo! Solo! Non pi, miei di,

io vi ritrovo, non pi, Natura, torno alla tua vita. Mi hai messo al bando! vero, non ti rispettai, sopra di te mi sollevai superbo, ma non fosti tu ad abbracciarmi un giorno con le tue ali tiepide, o tenera, a salvarmi dal sonno? Il folle che rifiutava il nutrimento tu, pietosa, ammaliante, l'hai attirato al tuo nettare affinch crescesse e fiorisse e, divenuto ebbro e potente, ti schernisse in faccia? O Spirito, Spirito, tu che mi crescesti grande, il tuo signore che allevasti: vecchio Saturno, allevasti un nuovo Giove ma pi debole e insolente. Poich, lingua ingiuriosa egli non sa che insultarti, non esiste un vendicatore in qualche luogo, e devo da me stesso invocare sulla mia anima scherno e maledizione? Devo essere solo anche in questo? Scena terza Pausania, Empedocle EMPEDOCLE Sento che il giorno volge al tramonto, amico. E presto sar buio per me, e freddo. come un ritorno, o caro, ma non verso il riposo, come per l'uccello quando, rallegrato dalla preda, nasconde il capo in un sonno beato e ristoratore, sino al risveglio. Diverso il mio destino. Risparmiami i lamenti. Lasciali a me! PAUSANIA Come mi sei divenuto estraneo, Empedocle! Pi non mi riconosci? E io non so pi riconoscerti, o magnifico? Come hai potuto mutare cos, nobile volto, come hai potuto divenire un enigma, e come pu il dolore prostrare a tal punto i beniamini della terra? E tu non sei uno di loro, forse? Guarda, tutti ti sono grati e in aurea gioia non ci fu un altro potente come te fra i suoi concittadini. EMPEDOCLE Mi onorano? Oh, di' loro che desistano... gli ornamenti non mi si addicono, e seccano anche le verdi foglie sull'albero divelto. PAUSANIA Ma stai ancora ritto e acque sorgive irrorano le tue radici e tra le tue vette spira dolcemente il vento, di cibo non effimero si alimenta il tuo cuore: al di sopra di te s'impongono energie ben pi immortali.

EMPEDOCLE La giovinezza, caro, mi riporti alla memoria. PAUSANIA Ancora pi bella mi sembra l'et matura. EMPEDOCLE E quando essa declina, volentieri gli occhi dei morituri guardano indietro ancora una volta con gratitudine. Che tempi erano quelli! O volutt d'amore, quando l'anima, sprofondata nel sonno degli infanti, mi fu destata da di come Endimione, si schiuse e li sent viventi, i sempre giovani grandi Geni della vita: e tu, o sole splendido! Non furono uomini a insegnarmelo; ma il cuore, dominato da immortale amore, mi spinse verso gli immortali, verso di te, verso di te, luce silente, e nulla di pi divino m'apparve. E come tu la vita non risparmi nel tuo giorno e, serena, spensierata, prodighi l'aurea tua ricchezza, cos io, che ti appartengo, donavo con gioia il meglio del mio cuore ai mortali; e il mio cuore libero senza paura si donava totalmente, come te, alla Terra severa, al destino che porta, e spesso in confidenza le promisi di dedicarle, in gioia giovanile, l'intera mia vita sino alla fine; cos strinsi con lei il patto mortale. Da allora fu diverso lo stormire degli alberi nel bosco e teneri mormorarono le sorgenti dei suoi monti... Tutte le gioie, Terra, vere, calde, piene, frutto d'amore e di fatica, tutte mi donasti. E molteplici volte, quando sulle tacite alture con stupore meditavo sull'eterno errare umano, turbato dal tuo mutare, nel presentire il mio stesso declino, per me, come per te, spirava l'etere e medicava il mio petto ferito dall'amore; come i fumi di un fuoco i miei affanni svanivano nel sublime azzurro. PAUSANIA Figlio del cielo! EMPEDOCLE S, io lo fui e vorrei narrare, evocare, o Natura, ancora una volta l'operare delle forze del tuo genio, stupende, che mi furono compagne, affinch il mio petto, muto e desolato, risuonasse di tutte le tue voci. Lo sono ancora? O vita! Hanno risuonato per me, grande Natura, tutte le tue melodie? e ho udito la tua armonia antica? Io, solitario, non ho forse vissuto

con questa sacra Terra e questa Luce, con te, Etere paterno, da cui l'anima mia non pu separarsi, e con tutti i viventi, io, l'amico dei numi, nel presente Olimpo? Sono reietto, sono solo, e il dolore mi compagno di giorno e condivide il giaciglio con me nelle mie notti. La buona sorte non con me... Va'! non domandare! Immagini ch'io sogni? Guardami! e non stupirti se sono precipitato cos in basso, o caro; una strana maledizione, quando la loro felicit trabocca, riservata ai figli del cielo. PAUSANIA Non posso tollerare un simile discorso! Tu? No, non posso tollerarlo. Non devi angosciare cos la tua anima e la mia. segno infausto quando lo spirito dei potenti, il sempre sereno, comincia ad offuscarsi. EMPEDOCLE L'hai notato? Significa che presto si abbatter a terra tra tempeste. PAUSANIA Non ti crucciare, caro! Che vi fece, o di della morte, questo puro, per ottenebrargli a tal punto l'anima? Non hanno dunque nulla di proprio i mortali in alcun luogo, e fino al loro cuore sale il tormento e il Fato eterno regna anche nel petto dei pi forti? Via, domina l'angoscia, esercita il potere, tu che pi di ogni altro sei potente. Riconosci chi sei da questo mio amore: pensa a te stesso, e vivi! EMPEDOCLE Tu non conosci te stesso n me, morte n vita. PAUSANIA Conosco poco la morte a cui raramente ho pensato. EMPEDOCLE Vivere in solitudine e senza di, questa la morte. PAUSANIA Lasciala, io ti conosco, dalle tue azioni ti riconobbi; del tuo spirito sperimentai la potenza e il suo mondo, quando una tua parola in sacri istanti faceva nascere una vita di molti anni, e per me,

adolescente, si apriva un'era nuova e grande. Come al cervo mansueto, quando sente stormire la selva in lontananza e pensa al luogo in cui nato, cos spesso a me palpitava il cuore quando tu, che conosci i giorni puri, mi parlavi della felicit originaria e innanzi a te si apriva nella sua interezza il destino umano. Non disegnavi forse davanti a me le grandi linee del futuro con lo sguardo sicuro dell'artista che inserisce l'elemento mancante? E non conosci pi di ogni altro le forze della Natura, al punto che segretamente e familiarmente le guidi e le governi a tuo piacimento? EMPEDOCLE Proprio cos. Tutto, tutto io conosco e domino, come opera mia io riconosco e guido a piacimento, signore degli spiriti, la vita di tutti! Il mondo mi appartiene e ogni forza mi soggetta e serva, la Natura, bisognosa di un signore, si posta al mio servizio. E se ancora accoglie onori lo deve a me. Che mai sarebbe il mare e il cielo, e le isole e le stelle, e quanto all'occhio umano si offre, che mai sarebbe questo spento suono di cetra se io non gli infondessi suono e anima e parola? Cosa sarebbero gli di e il loro spirito se io non li affermassi? Dimmi, chi sono io? PAUSANIA Deridi pure insieme a te, nel malumore, ci che rende splendidi i mortali, la loro attivit, la loro parola, amareggiami l'animo, e spaventami come fossi ancora bambino; ma dillo chiaro: in odio tu hai te stesso e chi ti ama e chi vorrebbe emularti. Vorresti esser diverso da chi sei, del tuo onor non ti appaghi e ti sacrifichi ad altri. Tu non vuoi restare, e vuoi andare a fondo. Ahim, dentro al tuo petto alberga meno pace che nel mio. EMPEDOCLE Oh, innocente! PAUSANIA E tu accusi te stesso? Di che cosa? Non far che il tuo dolore mi sia sempre un enigma! Mi strazia. EMPEDOCLE Con calma deve agire colui che pensa, deve far evolvere la vita intorno a s, favorirla, e renderla serena poich, con alto significato, con tacita energia la grande Natura

accoglie colui che presagisce, affinch plasmi il mondo e ne evochi lo spirito; da profonde radici s'eleva in lui l'aspirazione possente. Molto egli pu e magnifica la sua parola che il mondo trasforma e tra le sue mani Fine del secondo atto (della seconda stesura) PANTEA Errore umano, tu, cos vano non gli avrai viziato il cuore? Tu, cos misero, che cosa gli hai donato? E ora che lui desidera riunificarsi ai suoi di, si stupiscono, gli stolti, come se avessero creato loro la sua anima sublime. Non per nulla, Natura, tu che tutto donasti a lui, sono pi caduchi di ogni altro i tuoi prediletti. Lo so bene: vengono, diventano possenti e nessuno sa dire come, e a loro volta poi scompaiono, i felici! Oh, lasciateli! DELIA Non dunque bello dimorare tra gli uomini? Il mio cuore altro non conosce, si placa in questo, ma ai miei occhi appare tristemente cupa e minacciosa la fine dell'Incomprensibile, e anche tu, Pantea, lo esorti a partire? PANTEA Devo. Chi potrebbe tenerlo? Dirgli: sei mio? se egli della sua vita l'unico padrone e ha come legge solo il suo spirito, per salvare l'onore di mortali che gli hanno fatto oltraggio dovrebbe rimanere quando il padre, l'Etere, gli apre le braccia? DELIA Per splendida e amica la terra. PANTEA S, splendida ed ora pi che mai. Non la deve lasciare un audace senza ricevere i doni. Forse egli indugia ancora sulle tue verdi alture, o Terra, sempre mutevole,

e oltre le onde dei tuoi colli contempla, laggi, il libero mare e gode l'estrema gioia. Forse non lo vedremo pi. Buona fanciulla, il mio cuore rabbrividisce come il tuo, e vorrei che ci non fosse, ma me ne vergogno. Lui far quel gesto: non sar dunque sacro? DELIA Chi quel giovane che scende dal monte? PANTEA Pausania. Cos dunque dobbiamo ritrovarci, orfano del padre tuo? Ultima scena del secondo atto Pausania, Pantea, Delia PAUSANIA Dove si trova lui? O Pantea! Gli sei devota, tu, lo cerchi, vuoi rivederlo, ancora una volta, il tremendo viandante, cui solo dato percorrere gloriosamente quel cammino che nessun altro segue senza maledizione. PANTEA E pio secondo lui e grande ci che tutti temono? Dove si trova lui? PAUSANIA. Mi ha fatto allontanare, e da allora non l'ho pi rivisto. L'ho cercato per tutto il monte, l in alto, senza trovarlo. Ritorner, ne sono certo. Mi promise da amico di rimanere fino a notte. Almeno venisse! L'ora a me pi cara fugge pi rapida di un dardo. Saremo ancora felici insieme a lui, tu, Pantea, e anche lei, la nobile straniera che solo una volta l'avr veduto, meteora stupenda. Della sua morte, voi che piangete, avete avuto notizia? O dolenti, guardatelo, il sublime, nel suo fiorire, se mai la tristezza e ci che ai mortali sembra spaventoso non abbia a mitigarsi al suo sguardo beato. DELIA Quanto lo ami! Eppure invano l'hai pregato, l'austero? Pi potente di lui la preghiera, o giovane, e avresti riportato una splendida vittoria!

PAUSANIA Avrei forse potuto? Egli afferra la mia anima quando mi manifesta il suo volere, al punto che anche il suo rifiuto dona solo gioia. E il cuore gli risuona pi profondo quanto pi quell'essere mirabile si tiene fermo a se stesso. Non soltanto vana persuasione, credimi, quando della vita sa essere dominatore. Quando, cos grande nella sua modestia, taceva nel suo mondo, io lo guardavo con un presentimento oscuro, la mia anima era sveglia e pregna ma non riuscivo a sentirla, e mi angosciava quasi la presenza dell'intangibile. Ma la parola risolutiva usciva dalle sue labbra e un cielo di gioia vibrava in lui e in me e, senza che vi resistessi mi afferrava, ma io mi sentivo pi libero. Potrebbe sbagliare, ancora pi profondamente riconoscerei in lui sempre il vero; e se muore, la fiamma del suo Genio si alzer pi chiara per me dalle sue ceneri. DELIA Ti esalta, anima generosa, la morte dei grandi, ma i cuori dei mortali amano scaldarsi anche a una tiepida luce e fissano lo sguardo su ci che non muore. Oh, dimmi, cosa pu ancora vivere e durare? Il destino sradica gli uomini pi quieti, e se, cari a lui, si spingono lontano, pieni di presagi, subito li respinge, e muore insieme alle loro speranze la giovinezza. Nel suo fiore non rimane niente di mortale - e, anche i migliori, passano dalla parte degli dei della morte, anche loro, e vanno con gioia, e ci fanno vergognare di restare mortali. PAUSANIA Condanni DELIA Perch, Natura, ai tuoi eroi rendi cos facile il morire? Troppo volentieri, Empedocle, tu ti sacrifichi. Il destino rovescia i deboli, e agli altri, ai forti, poco importa reggere o soccombere, e alla fine come i deboli diventano. Ci che hai sofferto tu, Sublime, nessun servo lo potr soffrire, e pi povero di ogni altro mendicante

hai percorso questa terra. proprio vero che i miseri non sono miserabili quanto i vostri prediletti, o numi, se l'ignominia si abbatte su di loro. Ma lui rest sereno. PANTEA S, non forse vero? Poteva non farlo? Anche al potere che lo abbatte, sempre sopravvive il genio. Pensavate che una spina potesse fermarlo? I dolori fanno pi rapido il suo volo come l'auriga nello stadio, minacciato dal pericolo quando la ruota comincia a fumare, corre tanto pi rapidamente a conquistare la corona. DELIA Sei a tal punto felice? PANTEA Non solo nel fiore e nell'uva purpurea si manifesta la sacra energia; la vita si nutre di dolore e beve, al pari del mio eroe, la gioia anche dal calice mortale. DELIA Ahi, fanciulla, cos che cerchi conforto? PANTEA No certo! Ma sono felice che quanto temiamo, se proprio deve accadere, sia sacro, sia magnifico. Altri eroi non furono, come lui, assunti fra gli dei? Affranto scendeva con gran pianti il popolo dal monte; non ho visto uno che imprecasse contro lui, poich non fugg in segreto, disperando, ma tutti avevano potuto ascoltarlo, e anche nel dolore i loro volti risplendevano per ci che aveva detto... PAUSANIA Cos festoso scende l'astro ed ebbre splendono le valli della sua luce? PANTEA Oh, s, festoso scende l'austero, il tuo prediletto, o Natura! il tuo fedele, la tua vittima! Oh, coloro che temono la morte non ti amano, l'affanno ingannevole copre i loro occhi, il loro cuore non batte contro il tuo,

separati da te, inaridiscono... Oh, sacro Tutto fervido, vivente, per dirti grazie, per testimoniare di te che sei immortale, sorridendo l'audace getta le sue perle nel mare da cui vennero. Cos doveva accadere. Cos esigono lo spirito e il tempo che matura. Poich almeno, ciechi, una volta avevamo necessit del prodigio. TERZA STESURA

Personaggi EMPEDOCLE PAUSANIA, suo amico MANES, un egizio STRATONE, signore di Agrigento, fratello di Empedocle PANTEA, sua sorella SEGUITO CORO di Agrigentini ATTO PRIMO Scena prima EMPEDOCLE (uscendo dal sonno) Vi chiamo a me, al di sopra dei campi, da lente nubi, voi, cocenti raggi del meriggio, perfettamente maturi, per sapere da voi che il nuovo giorno nato. Oggi tutto diverso e sono svaniti gli affanni umani! quasi mi crescessero le ali, qui in alto mi sento bene e lieve e ricco, in questa splendida dimora dove il padre Etna mi ospita e mi porge il calice di fuoco, colmo fino all'orlo di spirito, e cinto di fiori che egli stesso per s fa prosperare. E quando la bufera sotterranea si ridesta festosa e gioiosamente si lancia, verso le nubi, ove risiede il mio simile, il Tonante, anche il mio cuore s'innalza. Con le aquile levo un canto alla Natura. Non pensavo che in terra straniera per me fiorisse una vita nuova, quando oltraggiosamente mi scacci dalla citt, il mio regale fratello. Non sapeva, il sapiente, quale dono mi facesse sciogliendomi dai patti umani, quando mi dichiar fuori dalla legge, libero come un'ala nel cielo. Cos si volle e cos tutto fu compiuto. Per questo con scherno ed esecrazione il popolo, che pure mi apparteneva, si arm contro il mio spirito, mi espulse e non vanamente le risa stridenti

cento volte ripetute risuonano nelle mie orecchie, mentre il sognatore, quello stolto, gi si allontanava e si scioglieva in pianto. Per Minosse, l'ho senza alcun dubbio meritato! E fu salutare; il veleno sana i malati e un peccato punisce l'altro. Molto ho peccato sin dalla giovinezza, nessuno d'amore umano amai, servii come possono servire acqua e fuoco, ciecamente, nessuno quindi con me fu umano, il volto mi infangarono e trattarono me come te, o Natura, che tolleri ogni cosa; anche me tieni, e fra te e me un barlume del nostro antico amore gi rifiorisce. Tu chiami e pi vicino mi attiri. Oblio: come una vela fortunata salpai dalla riva, l'onda della vita da me stesso e quando l'onda cresce ed il suo abbraccio materno mi circonda dimmi, che mai dovrei temere? Altri, certo, possono sbigottirsi. questa la loro morte. Oh, da me perfettamente conosciuta, e spaventevole, e magica fiamma! Come stai silenziosa, ora qui ora l, come eviti te stessa e come fuggi, anima, tutto ci che vive! Per me viva diventi e ti mostri, a me pi non ti celi, per me sei anima avvinta, chiara, poich non ho paura. morire che voglio. mio diritto. O di, come un'aurora intorno e al di sotto passa mugghiando l'antica rabbia! Gi, nell'abisso, ogni lutto precipiti! Cuore in pena, di te non ho bisogno. Non pi possibile esitare. Anche il dio mi chiama (scorge Pausania) ma quest'anima troppo fedele debbo salvare. Il mio cammino non il suo. Scena seconda Pausania, Empedocle PAUSANIA Sembra che ti sia destato in letizia, caro viandante. EMPEDOCLE Ho gi esplorato, caro, e non invano, la nuova patria; mi dolce il deserto, anche tu amerai il nobile ostello, questo nostro Etna. PAUSANIA Ci hanno esiliati, oltraggiando te, la tua bont, ma da tempo, devi credermi, eri divenuto intollerabile per loro; nel profondo delle loro rovine, nella loro notte

disperata, splendeva una luce eccessiva. Ora, per completare l'opera, indisturbati nella tempesta senza sponde, mentre una nube copre gli astri, facciano girare la loro nave in cerchio. Oh, lo so, divino, ti evita la freccia che colpisce e abbatte gli altri. E senza danno, come al caduceo la domestica serpe, intorno a te si accalcava da sempre il volgo infido che tu istruivi e stringevi al tuo petto. Lasciali! Che barcollino, deformi, fuggendo la luce, ebbri sulla terra che li regge, e in infiniti desideri e angosce che si sfianchino correndo... e l'incendio bruci fin quando non si spenga... Qui sosteremo tranquilli! EMPEDOCLE S, sostiamo in pace; s'aprono immensi dinnanzi a noi i sacri elementi. Si muovono immutabili e incessanti, lieti nella loro forza, intorno a noi. Contro le salde sponde il mare antico ondeggia e si placa, e la montagna sale con il risuonare dei suoi fiumi, e fluttua e fruscia la verde selva di valle in valle. E in alto fiammeggia la luce, il cielo placa lo spirito e il desiderio pi segreto. Qui sostiamo tranquilli! PAUSANIA Ecco, tu rimarrai su queste alture, vivendo nel tuo mondo, io ti servir, provvedendo a ci che occorre. EMPEDOCLE Ho bisogno di poco, e volentieri da oggi quel poco io stesso voglio procurarmi. PAUSANIA Ma, caro, ho gi pensato a qualcosa di cui certamente avrai subito bisogno. EMPEDOCLE Che cosa? PAUSANIA Come non sapessi cosa basta alla tua ascetica grandezza. E il minimo vitale, sofferto e gi reso tua intima natura, anche se povera cosa, gi molto. Mentre eri immerso nel sonno sotto il sole ardente, qui sulla nuda terra, pensavo che un suolo pi morbido e la fresca notte in un asilo sicuro sarebbero preferibili. E inoltre noi, sospetti a tutti, siamo troppo vicini alle dimore degli uomini. Non volendo rimanere lontano da te lungo tempo, corsi pi su ed ebbi la ventura di scoprire un luogo tranquillo.

Una gran rupe, cinta dalle querce, s'innalza in mezzo alla montagna, e nei pressi sgorga una fonte, in gran numero verdeggiano utili piante, e come giaciglio sono disponibili fogliame ed erbe in abbondanza. L nessuno potr oltraggiarti, e un silenzio profondo circonder le tue meditazioni e il tuo sonno. Con te vicino la grotta sar per me un sacrario. Vieni, vedrai tu stesso, e non dirmi che sono incapace di servirti. A chi altro potrei essere utile? EMPEDOCLE Sei fin troppo utile. PAUSANIA Come potrei? EMPEDOCLE Sei troppo fedele: un bimbo stolto. PAUSANIA Lo dici tu. Ma a me sembra molto saggio appartenere a colui per cui nacqui. EMPEDOCLE Nei sei sicuro? PAUSANIA Perch non dovrei? Perch mi avresti offerto le tue mani buone quando, errando su questa riva povera di eroi, cercavo un dio che mi salvasse? Perch con sguardo fermo nella quiete della tua orbita, nobile luce, saresti sorto nella mia penombra? Da allora sono diverso, e tuo, pi vicino a te e con te pi solitario, sola l'anima mia cresce pi libera e lieta. EMPEDOCLE Taci, taci! PAUSANIA Perch? Che c'? A tal punto ti turba, caro, una parola amica? EMPEDOCLE Vieni con me, ma taci, porta rispetto, e non mettere in ansia anche il mio cuore. Non avete forse reso i miei ricordi un pugnale? ancora vi stupite e venite al mio cospetto per inquisirmi. No, tu sei senza colpa: io per, figlio mio, non riesco a tollerare ci che mi troppo vicino. PAUSANIA E me, tu respingi proprio me? Oh, pensa a te, sii chi tu sei, guardami in faccia e dimmi

quello di cui pi che mai ho bisogno: una parola buona e generosa. EMPEDOCLE Ci che ami, sii tu a dirlo a te stesso, per me quello che passato, pi non esiste. PAUSANIA Certo, conosco bene il tuo passato, ma noi due siamo rimasti, l'uno all'altro. EMPEDOCLE Parliamo d'altro, preferibile, figlio mio! PAUSANIA Possiedo dell'altro? EMPEDOCLE Non mi comprendi? Vattene! Te l'ho detto e ora lo ripeto, non bello che, non richiesto, tu rimanga qui ad assediare la mia anima, sempre al mio fianco, quasi non sapessi fare diversamente, con triste angoscia. A te non appartengo, tu lo sai, n tu appartieni a me, e le tue strade non sono le mie: il mio mondo fiorisce altrove. E il mio pensiero non di oggi, conchiuso fin da quando sono nato. Solleva la fronte e osa! Ogni unit si spezza, non muore l'amore fin quando in boccio e l'albero svettante della vita si fende e si scinde gioiosamente e liberamente. Nessun legame dura com', figlio. necessario separarci. Non ostacolare, indugiando, il mio destino! Oh ammira! Inebriata e divina splende la superficie della terra, rivolta verso di te. e ovunque corre un fremito, un fruscio, quella danza giovane e lieve con cui le folle solenni e pie festeggiano lo Spirito, l'antico nostro padre. Anche tu vai e senza barcollare resta con loro e di sera pensa a me. Io ho necessit di una sala silenziosa, a grandi altezze, vasta, poich ho bisogno di pace, troppo pigre per il giuoco convulso e affannato dei mortali sono le mie membra, e se una volta anch'io levavo il canto con gioia giovanile, oggi la mite cetra in pezzi. O melodia che mi sovrasta! Era un gioco. E puerilmente osavo anche imitarvi, in me risuonava un'eco insensibile, ed anche incomprensibile... ma ora pi seriamente ascolto voi, voci divine. PAUSANIA Pi non ti conosco, e triste

ci che dici, ma tutto enigma. Ma io, proprio io, che mai ti ho fatto, perch a tuo piacimento tu mi affligga ed il tuo cuore si rallegri e desideri liberarsi anche di me, dell'ultimo. Non lo temevo, perch noi esiliati, evitando tristemente le dimore umane, fuggiamo insieme nel notturno orrore, e pertanto non c'ero, caro, quando insieme con le lacrime la pioggia del cielo rigava il tuo volto, guardavo quando a mezzod asciugavi sorridendo la tua rozza veste da schiavo al sole sulla rena priva d'ombra, quando per ore come una bestia ferita lasciavi l'impronta del tuo piede sanguinante sopra le pietre del sentiero. Non per questo abbandonai la casa e accettai gli insulti di mio padre e della gente: perch dalla tua sede e dal ritiro tu mi gettassi via come un utensile usato. E vuoi andare lontano? ma dove? dove? Voglio accompagnarti, sebbene non sia, come te, in intimo legame con la Natura, sebbene non come a te s'apre il futuro, ma la mia mente nel divino buio batte gioconda le ali, e non ancora si sgomenta per gli sguardi pi potenti. Fossi anche un debole, diverrei pari a te che sei forte, poich tanto ti amo. Per Eracle divino, anche se tu scendessi a colpire i Titani per placare i potenti laggi, dall'alta vetta fin nella valle senza fondo, e se tu osassi entrare nel sacrario dell'abisso dove si cela il cuore della terra prima che si levi il giorno, e l'oscura madre ti rivela le sue pene, figlio della Notte e dell'Etere, certo, fino a laggi ti seguirei. EMPEDOCLE Resta dunque! PAUSANIA Che intendi? EMPEDOCLE Ti sei consegnato a me, sei mio, e dunque non chiedere! PAUSANIA E sia! EMPEDOCLE Nuovamente ripetilo, figlio, eternamente mi doni il tuo sangue e la tua mente? PAUSANIA Come se avessi lanciato una parola nell'aria, una promessa fra sonno e veglia?

Incredulo! lo dico e lo ripeto: anche questo, anche questo non risale a oggi, dal giorno in cui nacqui fu stabilito. EMPEDOCLE Io non sono pi me stesso, Pausania, e non ho pi da sopravvivere per altri anni, semplice bagliore che presto sar spento, suono di cetra... PAUSANIA Cos risuonano le note, cos insieme svaniscono nell'aria. E l'eco amica le ripete. Non volere tentarmi ancora e lasciami, non rifiutarmi l'onore che mi appartiene! O forse non ho, al pari di te, sufficienti dolori? Possibile che tu voglia ancora amareggiarmi? EMPEDOCLE O cuore disponibile a tutti i sacrifici! Per me costui getta via la giovinezza dorata. E io? Per la terra e il cielo! E mentre l'ora fugge, tu mi resti vicino e fiorisci per me, gioia dei miei occhi! Ti tengo in braccio come sempre, come se tu fossi mio, la preda mia, e ancora il dolce sogno mi seduce. Sarebbe magnifico se sul rogo funebre non uno solo, ma una coppia festante salisse, unita, sul declinare del giorno; volentieri trascinerei con me chi mi fu caro come nobile fiume ogni suo ruscello, per libare alla sacra Notte. Ma preferibile che ognuno percorra la strada che un dio gli ha destinato. pi innocente e non nuoce in nulla. giusto ed equo che ogni uomo appartenga a se stesso. E poi pi lieve e pi sicuro sembra il carico all'uomo, quando solo. Cos crescono nel bosco anche le querce e, pur essendo antiche, una ignora l'altra. PAUSANIA Come tu vuoi! Non mi oppongo. Tu me lo dici, e vere, care e giuste sono queste tue ultime parole. Dunque ti lascio! e non disturber pi la tua pace; hai ragione, non sono fatto per vivere in silenzio EMPEDOCLE Ma non sei in collera? PAUSANIA Con te? con te? EMPEDOCLE Che vuoi dire, allora? Ma sai gi dove andare?

PAUSANIA Sii tu a comandarmi. EMPEDOCLE Ho gi dato l'ordine estremo. Pausania, il mio governo concluso. PAUSANIA Dammi un consiglio, padre mio! EMPEDOCLE Senza dubbio molte cose dovrei dire, ma taccio, la mia lingua quasi non vuol servire pi al colloquio mortale e a pronunziare vane parole. Vedi, carissimo, diverso, e presto respirer pi libero e pi lieve; come la neve l sull'Etna eccelso alla luce solare si riscalda e si scioglie e splende, e dal monte precipita a ondate e l'arco d'Iride fiorente s'incurva alla caduta delle onde, cos dal mio cuore si stacca e scorre e ondeggia, cos per me muore ci che il tempo ha riunito, i pesi cadono, e rischiarata la vita eterea fiorisce sopra ogni cosa. Ora procedi con coraggio, o figlio, imprimo, baciandoti, promesse sulla tua fronte, nella lontananza appaiono i monti dell'Italia, la terra operosa dei romani l potrai condurre vita prospera, l ove lieti lottano i combattenti nell'arena citt di eroi! e anche tu, Taranto! e voi, fraterni portici, ove spesso, ebbro di luce, passeggiavo con il mio Platone e ogni anno, ogni giorno erano nuovi per noi, giovani alunni di quella sacra scuola. Va' a trovarlo, salutalo per me il mio vecchio amico in riva al suo fiume, il fiorito Ilisso, ove dimora. E se il tuo cuore non trover riposo, raggiungi l'Egitto e interroga i fratelli. L potrai udire la grave cetra di Urania e i suoi mutevoli suoni. L ti apriranno il libro del destino. Va', non temere! Tutto ritorna. E ci che deve accadere, gi compiuto. (Pausania esce.) Scena terza Manes, Empedocle MANES Non indugiare! Non esitare pi a lungo. Va' via, va' via, affinch presto ritornino calma e luce, o fantasma! EMPEDOCLE Ma cosa dici? Da dove vieni?

Uomo, chi sei? MANES Un miserabile, della tua stessa stirpe, un mortale come te. Inviato per tempo a te che ti consideri prediletto del cielo, ad annunciarti la collera del cielo, di quel dio che non resta inoperoso. EMPEDOCLE Tu lo conosci? MANES A lungo te ne parlai sulle rive del Nilo lontano. EMPEDOCLE Sei tu? Tu qui? Non mi stupisco. Da quando sono morto ai vivi, per me risorgono i morti. MANES Non rispondono i morti se li interroghi. Ma se pu servirti una parola, ascolta. EMPEDOCLE Gi sento la voce che mi chiama. MANES Cos con te si parla? EMPEDOCLE Perch parlare, straniero? MANES S, sono straniero come tra i fanciulli. Perch siete come fanciulli, voi greci. L'ho detto infinite volte. Ma non vorresti narrarmi come hai vissuto tra la tua gente? EMPEDOCLE Cosa mi riporti alla memoria? A cosa mi chiami ancora? Vissi come dovevo. MANES Ed io da tempo lo sapevo, gi allora te lo predissi. EMPEDOCLE Ebbene, che aspetti? Perch mi minacci la fiamma di quel dio che conosco cos bene, cui servo come docile trastullo; e perch, cieco, il mio diritto sacro giudichi! MANES Io non modifico quanto dovrai vivere. EMPEDOCLE Sei qui per verificare a qual punto siamo giunti?

MANES Oh, non schernire e onora la tua festa, incorona il tuo capo e orna di fiori la vittima che non si abbatte vanamente. La morte, la fulminea, lo sai, dall'inizio decretata per i dissennati tuoi pari. Cos tu vuoi, e cos sia! Ma non devi sprofondare con l'anima ottenebrata come hai ora. Possiedo una parola per te, meditala bene nella tua ebbrezza! A uno solo conviene questo tempo nobilita uno solo il tuo peccato. uno pi grande di me: come la vite vive di terra e cielo quando pregna del sole alto sorge dal suolo buio, cos lui, che da Luce e Notte nato. Fermenta il mondo intorno a lui, qualunque sommovimento o rovina si consumi nel petto dei mortali, lui l'unico a non esserne stravolto nel profondo. Per il regno in ansia, il dominatore del tempo domina bieco sopra la rivolta. Si spegne il suo giorno, guizzano i lampi, ma quella fiamma che scende dall'alto, con ci che preme dal basso, crea discordia. Quell'uno, il nuovo salvatore, riunisce sereno i raggi celesti, e amoroso stringe quanto mortale al proprio petto, e in lui si placa il dissidio del mondo. E riconcilia gli uomini e gli dei che vivono nuovamente uniti come un tempo. Ed affinch, una volta apparso, il figlio non sia pi potente dei genitori, e il sacro spirito della vita non rimanga prigioniero e obliato a causa di lui, che l'unico, si getta, idolo del suo tempo, allo sbaraglio, e lui stesso spezza, affinch una mano pura compia ci che per lui, puro, necessario, quella felicit che ritiene eccessiva, e restituisce, purificato, il suo possesso all'elemento che l'ha dato alla luce. Sei tu costui? lo stesso? lo sei tu? EMPEDOCLE Ti riconosco dal parlare oscuro e anche tu, onnisciente, mi riconosci. MANES Ors, dimmi chi sei, e chi sono io. EMPEDOCLE Mi tenti ancora, ancora, e in questo giorno vieni da me, mio spirito malvagio? Perch non mi lasci, o vecchio, allontanare in pace? E osi avvicinarti e provocarmi affinch m'inoltri adirato lungo le vie sacre? Ero un fanciullo ignaro del mondo, che si muoveva estraneo dinnanzi ai miei occhi, e le sue forme grandiose meravigliosamente blandivano il mio cuore assopito e inesperto.

E con stupore udivo fluire le acque. Vedevo il sole che fioriva, e la quieta terra accendersi di una luce di giovinezza. Nacque in me un canto e luminoso mi divenne il cuore offuscato, quando pregai con inni, quando i presenti, stranieri dei della Natura, chiamai per nome, e lo spirito mio si fondeva nella parola, nella felice immagine l'enigma della vita trovava soluzione. Cos crebbi sereno e gi un destino diverso si preparava. Pi violenta di flutti, la selvaggia ondata umana mi colp il petto, e dal tumulto mi saliva la voce di un popolo miserabile all'orecchio. E quando udii, silenzioso sotto un porticato, esplodere nella notte il lamento del popolo in rivolta che, stanco di vivere, invase la campagna, distruggendo di sua mano la propria casa e i templi abbandonati per il disgusto, quando vidi che i fratelli si evitavano l'un l'altro, che gli amanti passavano senza vedersi, e il padre non conosceva il figlio, e incomprensibili erano divenute le leggi e le parole umane, colsi con orrore il senso di tutto questo: il dio si separava dal mio popolo! L'udii allontanarsi e alzai lo sguardo all'astro silenzioso da cui era disceso. Andai allora per offrirmi a lui in espiazione. Dopo si ebbero ancora molti giorni splendidi. Parve alla fine un rinnovamento, e ricordando l'et dell'oro, in cui regnava sovrana la fiducia, mattino chiaro e forte, il mio risentimento svan e anche quello del popolo. E stringemmo legami saldi e liberi e invocammo i nostri di viventi. Ma, se per gratitudine m'incoronava il popolo, se a me si univa sempre pi tenacemente, e solo a me, spesso provavo turbamento: quando un paese deve morire, alla fine lo spirito si sceglie un estremo detto in cui si levi il suo canto di cigno, l'estrema vita. Questo presagivo, ma volli servirlo. E ora tutto compiuto. Ormai non appartengo pi ai mortali. Oh, consumazione del mio tempo! Tu, Spirito, che ci nutristi, che regni in segreto alla luce del giorno e nella nube, e tu, Luce, e tu, tu, madre Terra! Qui rimango, sereno, giacch mi si prepara la nuova ora, da lungo tempo stabilita. Non pi in immagine, non come sempre, nella fortuna fugace dei mortali, ma nella morte, io scopro il vivente, e oggi stesso lo incontrer, oggi in cui il signore del Tempo per me e per s, come segno di festa, prepara un uragano. Conosci questa calma? e il silenzio del dio insonne? Attendilo qui! A mezzanotte tutto sar compiuto. Se, come dici, sei il confidente del Tonante e se la tua anima vive in armonia

con quella di lui che di ogni cammino esperto, vieni con me ora che, troppo solo il mio cuore si lamenta di questa terra e, memore dell'antica unit, l'oscura madre tende le sue braccia di fuoco all'etere e il sovrano giunge nel suo raggio, seguiamolo indizio che gli siamo parenti, qui nelle sue sacre fiamme. Ma se resterai in disparte perch vuoi negarlo a me? Se non dato a te in possesso, perch togliermelo e ostacolarmi? A voi, geni, che mi foste vicini nei miei primi passi, a voi che progettate il futuro, dico grazie d'avermi concesso di finire la lunga serie delle mie sofferenze con una libera morte e secondo la legge divina. Frutto proibito per te! Lasciami andare e se non puoi seguirmi, non giudicare! MANES Misero, il dolore ti ha esaltato. EMPEDOCLE Perch non mi guarisci tu, impotente? MANES Tu sai chi siamo? E ne sei certo? EMPEDOCLE Devi essere tu a dirmelo, tu che tutto vedi! MANES Bisogna restare calmi, figlio, e imparare sempre. EMPEDOCLE Tu fosti il mio maestro, sii oggi il mio discepolo! MANES Non mi hai gi detto tutto? EMPEDOCLE No, di certo! MANES Ed ora vai? EMPEDOCLE Non ancora, vecchio! Da questa generosa terra verdeggiante, i miei occhi non devono separarsi senza gioia. Vorrei pensare ancora al tempo perduto, ai cari amici della giovinezza che vivono nelle liete citt dell'Ellade, anche al fratello che mi ha maledetto: doveva essere cos; ora lasciami, e quando laggi il giorno sar tramontato, tu mi rivedrai. Coro finale del primo atto (Progetto)

Mondo nuovo e pende - volta di bronzo il cielo sopra a noi, la maledizione paralizza le membra degli uomini e i rigeneranti, allietanti doni della terra sono come pula, si beffa di noi, con i suoi doni, la madre e tutto apparenza Oh quando, quando gi si aprono i flutti sopra la siccit.

Ma dov' lui? Affinch scongiuri lo spirito vivente APPENDICI

PIANO DI FRANCOFORTE Empedocle (Tragedia in cinque atti) Atto primo Empedocle, il cui carattere e la cui filosofia da molto tempo l'hanno indotto all'odio per la cultura, al disprezzo di ogni occupazione troppo specifica, di ogni interesse rivolto a oggetti estranei, nemico mortale di ogni esistenza univoca e perci insoddisfatto, indeciso, sofferente, anche in situazioni di vita realmente belle, semplicemente perch si tratta di situazioni particolari, che potrebbero soddisfarlo fino in fondo solo se vissute in una grande accordo con il tutto vivente; semplicemente perch egli non pu, con il cuore che si accorda a ogni cosa, vivere e amare in tali situazioni con il profondo fervore di un dio, libero e aperto come un dio; semplicemente perch vincolato alla legge della successione dal momento che il suo cuore e il suo pensiero abbracciano il presente Empedocle particolarmente esasperato da una festa degli Agrigentini, per la quale abbastanza vivamente e sarcasticamente biasimato dalla moglie, che molto aveva sperato nell'influenza di questa festa e l'aveva benevolmente persuaso a prendervi parte; egli coglie l'occasione di questo dispetto e di questa lite domestica per seguire il proprio segreto proposito abbandonare la citt e la casa e rifugiarsi in una regione solitaria dell'Etna. Scena prima Discepoli di Empedocle con gente di popolo. I primi vogliono persuadere gli altri a entrare anch'essi nella scuola di Empedocle. Uno dei discepoli, il prediletto di Empedocle giunge in quel momento, rimprovera agli altri il loro proselitismo e gli ordina di andarsene perch l'ora in cui il maestro ama raccogliersi da solo nel giardino. Scena seconda Monologo di Empedocle. Preghiera alla Natura. Scena terza Empedocle con la moglie e i bambini.

Teneri pianti della moglie a causa dell'umore cupo di Empedocle. Scuse affettuose di quest'ultimo. La moglie gli chiede di partecipare alla grande festa e di divertirsi. Scena quarta Festa degli Agrigentini. Esasperazione di Empedocle. Scena quinta Lite domestica. Addio di Empedocle, che parte senza dire dove ha intenzione di andare. Atto secondo Empedocle riceve sull'Etna la visita dei propri discepoli dapprima quella del suo prediletto, che lo emoziona non poco e quasi lo strappa alla solitudine del suo cuore, poi quella degli altri, che ancora una volta lo riempiono d'indignazione contro l'indigenza umana, bench egli li rimandi tutti in modo solenne e infine consigli anche al suo prediletto di abbandonarlo. Scena prima Empedocle sull'Etna Monologo. Orazione pi fervida di Empedocle che si vota alla Natura. Scena seconda Empedocle e il suo prediletto. Scena terza Empedocle e i suoi discepoli. Scena quarta Empedocle e il suo prediletto. Atto terzo Empedocle riceve sull'Etna la visita della moglie e dei figli. Alle loro tenere preghiere, la moglie aggiunge la notizia che gli Agrigentini gli erigono quello stesso giorno una statua. L'onore e l'amore, i soli legami che ancora lo uniscono al reale, lo riconducono alla ragione. I discepoli giungono pieni di gioia, il prediletto gli si getta al collo. Vede la propria statua eretta, ringrazia pubblicamente il popolo, che gli tributa un'ovazione. Atto quarto Gli invidiosi di lui apprendono da alcuni dei suoi discepoli le dure parole che egli ha proferito sull'Etna davanti a loro contro il popolo; intendono approfittare di questa circostanza per aizzare contro di lui il popolo, che infatti abbatte la sua statua e lo caccia dalla citt. Proprio allora egli matura la decisione, che covava in s da molto tempo, di unirsi per mezzo della morte volontaria alla Natura infinita. Con questo intendimento, prende una seconda volta, pi profondamente pi dolorosamente, congedo dalla moglie e dai figli e ritorna sull'Etna. Evita il suo giovane amico, stimandolo abbastanza per credere che egli non si lascer ingannare dalle parole consolatorie con cui ha rassicurato la propria moglie, e che potrebbe capire le sue vere intenzioni. Atto quinto Empedocle si prepara alla morte. I motivi contingenti della sua decisione ora si cancellano completamente in lui, ed egli la considera come una necessit che scaturisce dal suo essere pi profondo. Nelle brevi scene in cui appare ancora qua e l con gli abitanti della regione, egli trova ovunque conferma del suo modo di pensare, della sua decisione. Avendo intuito la verit, il suo prediletto ritorna, ma egli subisce a tal punto l'ascendente dello spirito e dei grandi moti dell'anima del maestro, che obbedisce ciecamente al suo ordine e si allontana. Poco dopo, Empedocle si precipita nelle fiamme dell'Etna. Il suo prediletto, che vaga nella zona, inquieto e ansioso, trova poco pi tardi i sandali di ferro del maestro, che il fuoco dell'abisso, eruttando, aveva restituito, li riconosce, li mostra alla famiglia di Empedocle, ai suoi

seguaci fra il popolo, e si unisce a costoro sui fianchi del vulcano per portare il cordoglio e celebrare la morte del grand'uomo. PROGETTO DELLA TERZA STESURA Etna 1 EMPEDOCLE 2 EMPEDOCLE, PAUSANIA Commiato 3 EMPEDOCLE, IL VEGLIARDO Narra la sua storia. Saggio. Io temo l'uomo che agli di Perch ti adiri col tempo che mi partor, con l'elemento che mi educ Empedocle esce. impara a comprenderle, le vie che percorro Pausania. L'avversario. Ci che ha indotto costui alla decisione estrema di indurre il popolo a bandirlo, in primo luogo il suo desiderio di conquistare un punto di partenza per le sue imprese e l'incertezza della situazione dopo lo scoppio della discordia tra il popolo ed Empedocle, ma senza dubbio anche l'odio verso la sua superiorit, e poich sembra che il popolo ora rimpianga la sua assenza e lui stesso soffre per la lontananza di quello, il pi grande, che gli piacerebbe avere, in qualit di inferiore, presso di s, e anche il legame segreto che lo unisce ad Empedocle, il sentimento di un'originaria non comune attitudine e di un reciproco destino tragico, lo induce a un sincero rimpianto; al primo grido di malcontento che il popolo alza contro l'esilio di Empedocle, egli stesso propone di richiamarlo. Nulla, dice, dev'essere accaduto per sempre, non sempre giorno e neppure notte, e poich il superbo tenta la sorte dei mortali, riprenda pure a vivere. Pausania. IL VEGLIARDO, IL RE Vegliardo, di riflessione ideale Re, di riflessione eroica. Messo. Vegliardo. Il re prega suo fratello... Re sopraffatto acconsente. Ma non vuole essere pi consigliato, non vuole mediatore alcuno fra s e suo fratello, e il vecchio deve andarsene. Ora, va, non ho bisogno di mediatori. E si allontana, infatti, Monologo del Re. Entusiasmo del figlio del destino. EMPEDOCLE E IL RE EMPEDOCLE mia questa regione,... lasciate il folle.... uomo intelligente EMPEDOCLE

Ma una madre comune ci ha nutriti RE Quanto tempo gi passato? EMPEDOCLE Chi pu contare gli anni... ma Passaggio dal soggettivo all'oggettivo Mentre sta per partire, il Re incontra un messo che annuncia l'avvicinarsi del popolo. Nella sua emozione recita il canto della beatitudine, passa poi all'indignazione e ordina che gli armati si nascondano affinch, al suo primo segnale, ... Alla fine gli si annuncia che la sorella e Pausania stanno per giungere. LA SORELLA, PAUSANIA Sorella ingenua ideale Cerca Empedocle Pausania EMPEDOCLE ingenuo, ideale Sorella interroga il Re vuol riconciliare entrambi parla del popolo. Prega Empedocle di ritornare. Ferite. Oblio. Empedocle eroico ideale Perdonare tutto. Pausania vede i delegati del popolo che si avvicinano. Sorella teme l'esito: la folla ambigua, il dissidio tra questa ed Empedocle, quello tra l'altro fratello e lei, il dissidio che solo ora sembra aprirsi tra i due fratelli. EMPEDOCLE resta calmo, la conforta; pacifica, dice, dev'essere questa sera, freschi venti, e messaggeri d'amore, e disceso amichevolmente dalle celesti alture, il giovane solare canta il suo inno alla sera, e piena d'aurei suoni la sua lira. DELEGATI DEL POPOLO Lo incontrano nella loro figura pi vera, come egli stesso li ha veduti, come si specchiavano in lui, tutti intorno a lui, la cui morte il suo amore, il desiderio profondo, di incatenarli a s cos saldamente come ogni altra volta, ma quanto pi gli si avvicinano col loro spirito, quanto pi vede se stesso in loro, tanto pi si rafforza quella decisione che ormai divenuta dominante in lui. ABBOZZO PER LA CONTINUAZIONE DELLA TERZA STESURA + Coro. Avvenire Atto II Scena I PAUSANIA, PANTEA Scena II STRATONE, SEGUITO Scena III STRATONE, solo

Coro ? Atto III EMPEDOCLE, PAUSANIA, PANTEA, STRATONE MANES Seguito di Stratone. Agrigentini. Coro? ? Atto IV Scena I EMPEDOCLE, PAUSANIA, PANTEA Lirica o Epica? Scena II Elegiaca eroica er. el.EMPEDOCLE Scena III Lirica er MANES, EMPEDOCLE Scena IV EMPEDOCLE Atto V MANES, PAUSANIA, PANTEA, STRATONE, + AGRIGENTINI, SEGUITO DI STRATONE + Manes, l'esperto universale, il veggente stupefatto dai discorsi di Empedocle e dal suo spirito, afferma che egli l'eletto che uccide e rianima, in cui e mediante cui un mondo si dissolve e al tempo stesso si rinnova; che anche l'uomo, il quale ha patito cos mortalmente il tramonto del suo paese, potrebbe presagire cos la sua nuova vita. Il giorno seguente, alla festa di Saturno, andrebbe annunciata loro l'ultima volont di Empedocle.