Sei sulla pagina 1di 861

Mo Dao Zu Shi

Titolo: Mo Dao Zu Shi/ Grandmaster of Demonic Cultivation


Autore: Mo Xiang Tongxiu
Genere: Azione, Avventura, Commedia, Mistero, Soprannaturale, Xianxia,
BL, Danmei.
Volumi: 113 Capitoli + Extra (Completo)
Trama
Wei Wuxian è il fondatore della coltivazione demoniaca, e fu talmente odiato
per le sue azioni, che finì per essere assassinato dalle Quattro Grandi Sette
che combinarono le proprie forze per sconfiggerlo. Dopo 13 anni, la sua
anima viene richiamata nel mondo umano da un pazzo abbandonato dalla
sua stessa famiglia e prenderà possesso del suo corpo. Ma poi, controvoglia,
viene catturato dalla sua nemesi, Lan WangJi, un vecchio amico che da
sempre si è opposto alla sua coltivazione demoniaca. Tra intrighi, scoperte e
vecchi ricordi, il viaggio dei due proseguirà e, forse Lan WangJi non è
davvero una persona fredda e indifferente come credeva Wei WuXian…?

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 1 –

“Grandi notizie! Wei WuXian è morto!”


Era passato meno di un giorno dall’assedio ai Tumuli Sepolcrali e le notizie
si diffondevano nel mondo della coltivazione come se le fossero spuntate le
ali; superando la velocità della guerra.
Per un certo periodo, dai più importati clan fino ai coltivatori disonesti, tutti
discutevano dell’assedio che era stato condotto dalle quattro Grandi Sette
insieme ad altri centinaia di alleati minori.
“Il Patriarca Yiling è morto? Chi avrebbe potuto ucciderlo?”
“Chi se non il suo shidi[1], Jiang Cheng Ha messo fine alla vita del suo
stesso parente per un bene superiore. Jiang Cheng ha guidato le quattro
Sette di YunmengJiang, LanlingJin, GusuLan e QingheNie per distruggere la
sua “tana”, i Tumuli Sepolcrali.”
“E’ una bella liberazione!”
“E’ davvero una bella liberazione! Finalmente ci siamo liberati di questo
flagello.”
“Se non fosse stato per il clan YunmengJiang che lo ha adottato e istruito,
sarebbe stato un semplice vagabondo per le strade, per non parlare del
permanente caos che ha causato in questi giorni. Il capo della Setta Jiang
l’ha cresciuto come un figlio, eppure ha disertato ed è diventato un nemico
del mondo della coltivazione, portando vergogna sul Clan Jiang e causando
anche il suo quasi totale sterminio. E’ un chiaro esempio del mordere la
mano di chi lo ha nutrito!”
“Jiang Cheng gli ha permesso di vivere troppo a lungo. Al suo posto, lo avrei
pugnalato nel momento della diserzione. In effetti, io esaminerei di nuovo i
discepoli della setta affinché non possano più agire in un modo tanto
irragionevole. A chi importa del “riguardo” che ha servato al suo amico
d’infanzia.”
“Quella è solo una diceria. Sebbene Jiang Cheng fosse in prima linea, non è
stato lui a dare il colpo di grazia a Wei WuXian. Avendo coltivato il cammino
demoniaco, i poteri di Wei WuXian gli si sono ritorti contro ed è stato fatto a
pezzi.”
“Hahahahah… questo è il karma! I soldati fantasma che ha creato erano
come cani scatenati che mordono tutto ciò che incontrano. Che gli serva di
lezione l’essere stato masticato fino alla morte!”
“Ma senza Jiang Cheng a predisporre un piano che mirasse alle debolezze di
Wei WuXian, l’assedio probabilmente non avrebbe avuto i suoi frutti. Devo
ricordarvi dell’oggetto in possesso di Wei WuXian? Avete dimenticato il
giorno in cui tremila abili coltivatori sono stati completamente annientati?”
“Ho sentito che erano più di tremila, forse cinquemila.”
“Era sicuramente fuori di testa.”
“E’ un bene che abbia distrutto quell’arma malvagia prima di morire. Se
l’avesse lasciata in questo mondo per danneggiare l’umanità, i suoi peccati
sarebbero stati anche peggiori.”
“Oh, beh… sai, ai tempi, Wei WuXian era uno dei coltivatori più promettenti,
proveniva da una distinta setta e aveva trovato successo in giovane età.
Come diavolo è finito in questo modo?”
“Questo dimostra che bisogna coltivare solo seguendo la giusta strada. L’uso
di queste pratiche disoneste sembra utile solo a prima vista. Guarda, cos’è
successo alla fine? Non è rimasto neanche un frammento del suo cadavere.”
“Non tutto è stato causato dal suo percorso di coltivazione. La personalità di
Wei WuXian era piuttosto immorale. Ha ripagato le sue azioni, in un modo o
nell’altro; si raccoglie ciò che si semina.”

Dopo la morte di Wei WuXian, per un lungo periodo l’argomento continuò
ad essere aperto. Le discussioni tra le persone erano per lo più le stesse, con
alcune opinioni convenzionali che finivano per essere abbattute
immediatamente.
Tuttavia, l’elefante nella stanza restò nei meandri della mente di tutti.
Nessuno era in grado di evocare l’anima di Wei WuXian, il che significava
che era sparita.
Forse era stata distrutta dai milioni di fantasmi che lo avevano divorato.
Oppure era fuggito.
Nel primo caso non c’erano problemi. Anche se nessuno dubitava che il
Patriarca Yiling avesse il potere di spostare montagne e prosciugare mari.
Per quanto riguardava la seconda possibilità, la sua anima sarebbe
eventualmente ritornata a vivere nel suo corpo. Quando sarebbe giunto quel
giorno, il mondo della coltivazione o l’intero mondo dei mortali, si sarebbe
ritrovato di fronte alla più insana dannazione e vendetta, sprofondando nel
caos e nella disperazione.
I vari clan avevano piantato centoventi animali di pietra al di sopra dei
Tumuli Sepolcrali e iniziato frequenti riti di evocazione delle anime, seguiti
da un’alta vigilanza e ricerche su strani avvenimenti in giro per il mondo.
Nel primo anno non accadde nulla.
Nel secondo anno non accadde nulla,
Nel terzo anno non accadde nulla.
….
Nel tredicesimo anno, non accadde nulla.
Sempre più persone stavano iniziando a credere che forse il Patriarca Yiling
fosse effettivamente morto.
Anche se era in grado di capovolgere il mondo, era finalmente giunto il suo
turno di essere rovesciato.
Nessuno restava ai vertici per tutta l’eternità: le leggende restavano solo
leggende.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 2


– Reincarnazione

 
Wei WuXian fu colpito da un calcio proprio mentre stava aprendo gli occhi.
Una voce rimbombò al suo orecchio, “Smettila di fingerti morto!”
Il colpo lo spinse all’indietro, a testa in giù. Combattendo la sensazione di
nausea, un pensiero si formò nella sua mente, Devi essere davvero
coraggioso per prendere a calci me, il Patriarca!
Era la prima volta che sentiva una voce umana da parecchi anni, soprattutto
un grido così forte e feroce. Gli girava la testa e le orecchie ronzavano a
causa dell’eco di quella voce, “Nella terra di chi pensi di vivere? Il riso di chi
stai mangiando? I soldi di chi stai spendendo? Cosa c’è di sbagliato nel
prendere alcune delle tue cose? Tutto ciò che possiedi dovrebbe essere mio!”
Oltre a quella voce adolescenziale simile a una papera, c’erano anche degli
oggetti ribaltati e distrutti. La sua vista si schiarì gradualmente.
Un soffitto fiocamente illuminato apparve davanti ai suoi occhi, seguito da
una persona dalle sopracciglia inarcate in una malsana posizione e che lo
stava inzuppando di sputi, “Come hai osato dirlo a mio padre e a mia madre?
Pensavi davvero che qualcuno in questa casa ti avrebbe dato ascolto?
Pensavi davvero di potermi spaventare!”
Alcuni esili servi si avvicinarono, “Giovane padrone, è tutto distrutto!”
Il giovane padrone chiese, “Come avete fatto a finire così in fretta?”
Un cameriere rispose, “Non c’è molto in questa baracca.”
Il giovane padrone sembrò piuttosto felice, puntò il dito con forza verso il
naso di Wei WuXian, “Hai osato parlare di me e guardati ora, sei a terra che
ti fingi morto! Per cosa? Come se qualcuno desiderasse davvero queste pile
di spazzatura! Ora che ho distrutto tutto, vediamo cosa mi dirai in futuro!
Sei orgoglioso di te stesso perché hai studiato la coltivazione per alcuni
anni? Bene, come ti senti ora che sei stato rispedito a casa come un cane
randagio?”
Wei WuXian pensò stancamente.
Non stavo fingendo di essere morto, lo sono stato davvero per un paio di
anni.
Chi è questo tipo?
Dove sono?
Quando ho compiuto un’azione così immorale come rubare il corpo di un
altro?
Il giovane padrone aveva sfogato abbastanza la sua rabbia prendendo a calci
quella persona e distruggendo la casa, e se n’era andato con i suoi due
servitori, sbattendo la porta con un “bang”. Aveva urlato i suoi ordini,
“Sorvegliatelo attentamente. Non fatelo uscire per nessun motivo durante
questo mese, o finirà per mettersi in ridicolo di nuovo!”
Non appena il gruppo se n’era andato, il silenzio cadde nella stanza. Wei
WuXian pensò di alzarsi.
Tuttavia, i suoi arti non riuscivano a sostenerlo, quindi si sdraiò di nuovo. Si
girò su un fianco e fissò stordito lo strano ambiente e il grande pasticcio sul
pavimento.
Uno specchio di bronzo era appoggiato su un fianco, probabilmente era stato
gettato a terra. Wei WuXian lo afferrò e si guardò allo specchio in cui si
riflesse un viso pallido e orribile, con due macchie rosse asimmetriche sui
lati delle guance. Con l’aggiunta di una lingua rosso sangue sui lineamenti;
aveva l’aspetto di un fantasma impiccato. Gettò lo specchio da parte e si
strofinò il volto, ritrovandosi la mano sporca di polvere bianca.
Fortunatamente, quel corpo non era nato così. Era solo una tendenza del
proprietario.  Si trattava senza dubbio di un uomo, eppure era ricoperto di
trucco (per non parlare della sua cattiva applicazione). Ugh, è intollerabile!
Ripresosi dallo shock, gli tornò un po’ di energia e finalmente riuscì a
sedersi, notando lo schema circolare sotto di lui.
Era di colore scarlatto e la sagoma era storta, probabilmente era stato
disegnato con la mano usando il sangue come mezzo; era ancora umido ed
emetteva un forte odore. All’interno erano stati trascritti degli scarabocchi
deformati d’incantesimi. Erano stati sbavati dal suo corpo, ma nonostante
ciò erano piuttosto raggelanti.
Dopotutto, Wei WuXian era conosciuto come il capo supremo e gran
maestro della coltivazione demoniaca, quindi era sicuramente abituato a
schemi appariscenti come questo.
Scoprì, di fatto, che non era stato lui a prendere il corpo di un altro, ma gli
era stato offerto.
Era una tecnica antica e proibita. Più che uno schema, era simile a una
maledizione. L’incantatore dello schema doveva ferirsi creando dei tagli sul
proprio corpo per poi scrivere l’incantesimo con il proprio sangue, restando
seduto al centro dello schema. Era possibile quindi convocare un demone
estremamente malvagio e chiedergli di esaudire il proprio desiderio. Il
prezzo da pagare era l’offerta del proprio corpo allo spirito malvagio,
permettendo così all’anima di ritornare sulla terra.
Era una tecnica proibita opposta dal rubare il corpo poiché gli era stato
offerto spontaneamente.
A causa del grave sacrificio, solo poche persone erano abbastanza coraggiose
da metterla in atto. Dopotutto, erano pochi i desideri abbastanza importanti
da spingere una persona a sacrificare volontariamente tutto ciò che
possedeva. Nel corso di migliaia di anni, solo tre o quattro esempi erano
stati accertati e registrati nella storia. Senza alcuna eccezione, i desideri di
queste tre o quattro persone erano gli stessi: la vendetta.
Wei WuXian si rifiutò di accettarlo.
Perché era stato inserito nella categoria dei “demoni estremamente
malvagi”?
Anche se la sua reputazione non era fantastica ed era morto in un modo
orribile, non aveva di certo perseguitato i viventi in cerca di vendetta.
Avrebbe giurato che non c’era nessun altro fantasma errante innocuo quanto
lui.
Il problema era che, non appena lo spirito malvagio s’impadroniva del corpo
dell’incantatore, il contratto era sigillato. Lo spirito malvagio doveva
esaudire il suo desiderio, altrimenti la maledizione avrebbe causato un
contraccolpo. Lo spirito in possesso del corpo sarebbe stato completamente
annientato, non potendo più rinascere!
Wei WuXian alzò le mani per scoprire che, sorprendentemente entrambi i
suoi polsi erano attraversati da molteplici tagli. Si tolse la cintura. Sotto gli
abiti neri, le zone del torace e dello stomaco erano ricoperte da quelle che
sembravano lacerazioni causate da uno strumento appuntito. Anche se non
sanguinavano più, Wei WuXian sapeva che non erano normali ferite. Se non
avesse esaudito il desiderio del proprietario del corpo, le ferite non
sarebbero guarite. Al contrario, sarebbero peggiorate e con il
raggiungimento del limite di tempo la sua anima e quel corpo si sarebbero
ridotti in pezzi.
Wei WuXian valutò la sua situazione diverse volte, ripetendosi “com’è
potuto accadere a me?“, e finalmente riuscì ad alzarsi in piedi,
appoggiandosi al muro.
Anche se la casa era di grandi dimensioni, era vuota e squallida, con
lenzuola e coperte che probabilmente non venivano cambiate da lungo
tempo. C’era un cestino di bambù nell’angolo, presumibilmente conteneva
spazzatura, ma poiché in precedenza era stato colpito, la spazzatura era
sparsa sul pavimento. Wei WuXian esaminò la stanza e prese un foglio di
carta accartocciato. Lo aprì e fu sorpreso di trovarlo pieno di parole. In fretta
raccolse tutti i fogli.
Le parole sulla carta erano state scritte dal proprietario di quel corpo per
sfogarsi quando era stressato. Alcune frasi erano incoerenti e disordinate;
l’ansia balzava fuori dalla pagina attraverso la distorta calligrafia. Wei
WuXian controllò ogni singolo foglio e iniziò a notare che qualcosa non
andava.
Formulò alcune ipotesi e capì approssimativamente lo stato delle cose.
Aveva scoperto che il proprietario di quel corpo si chiamava Mo XuanYu. La
sua locazione era il Villaggio Mo.
Il nonno di Mo XuanYu apparteneva a una ricca famiglia della zona. La sua
famiglia era poco numerosa e, nonostante ci avesse provato ad accrescerla,
aveva solo due figlie. I loro nomi non erano menzionati, ma la maggiore era
la figlia della prima moglie. In famiglia, colei che era in cerca di un marito
era la più giovane, la figlia di una serva. La famiglia Mo inizialmente voleva
darla in fretta in sposa a qualcuno, ma un’avventura la stava attendendo.
All’età di sedici anni, il capo di una nota famiglia di coltivatori passando per
la zona s’innamorò di lei a prima vista.
Tutti ammiravano i coltivatori. Le famiglie di coltivazione, agli occhi della
gente comune erano come persone favorite da Dio, misteriose ma nobili.
All’inizio, i cittadini del Villaggio Mo parlarono dell’argomento con
disprezzo. Tuttavia, poiché il capo setta spesso forniva il suo aiuto, il
villaggio ricevette molti vantaggi. E così la direzione delle discussioni cambiò
e la famiglia Mo era orgogliosa della questione, mentre tutti invidiavano
quell’opportunità. La secondogenita dei Mo portava in grembo il figlio del
capo setta, era Mo XuanYu.
Tuttavia non durò a lungo; il capo setta era interessato a lei solo perché in
cerca di nuove esperienze e finì per stancarsi in pochi anni. Dopo che Mo
XuanYu raggiunse i suoi quattro anni di età, suo padre non ritornò più.
Gradualmente, le opinioni delle persone del Villaggio Mo cambiarono
nuovamente. L’originario disprezzo e sdegno ritornarono insieme alla
sprezzante compassione.
La Seconda Signora dei Mo non voleva accettarlo; credeva fermamente che il
capo setta non avrebbe ignorato il suo stesso figlio. Indubbiamente, non
appena Mo XuanYu raggiunse i quattordici anni, il capo setta lo portò con
sé.
La Seconda Signora ritornò a testa alta e disse a tutti che suo figlio sarebbe
diventato sicuramente un immortale[1] il più velocemente possibile e
avrebbe portato gloria ai suoi antenati.
Tuttavia, prima di raggiungere il successo nella coltivazione ed ereditare la
posizione di suo padre, Mo XuanYu fu cacciato via.
Inoltre era stato respinto vergognosamente.
Mo XuanYu era omosessuale e aveva coraggiosamente molestato gli altri
discepoli. Lo scandalo era stato rivelato pubblicamente e poiché aveva
raggiunto pochi risultati in termine di coltivazione, non aveva ragioni per
restare nella setta.
Come aggiungere il gelo alla neve, a parte questo evento, quando Mo
XuanYu tornò, iniziò a comportarsi come un pazzo, quasi come se anche la
sua stessa vita fosse spaventata da lui.
La storia era troppo complessa perché fosse espressa a parole. Le
sopracciglia di Wei WuXian si contrassero.
Non era solo un lunatico, ma un lunatico omosessuale.
Questo spiegava perché avesse abbastanza rossetto e cipria sul viso da farlo
sembrare un fantasma impiccato, e anche perché nessuno sembrava
sorpreso del grande, insanguinato schema sul pavimento. Anche se Mo
XuanYu avesse dipinto l’intera stanza con il sangue, dalle piastrelle sul
terreno alle pareti fino al soffitto, gli altri non ne sarebbero stati sorpresi.
Dopotutto, tutti sapevano che la sua testa aveva qualche vite allentata!
Dopo il suo sconsolato ritorno a casa, era stato bombardato dal ridicolo. La
situazione sembrava andare oltre la redenzione, e la Seconda Signora Mo
non riuscì a sopportare il colpo e soffocò in breve tempo a causa del trauma.
A quel tempo, il nonno di Mo XuanYu era già morto. La Prima Signora dei
Mo era a capo della famiglia, ma sin da piccola non aveva sopportato la
sorella minore, incluso il figlio di quest’ultima. Lei aveva un solo figlio, Mo
ZiYuan, ed era la persona che prima aveva saccheggiato la casa. Quando Mo
XuanYu era stato portato via dal padre, la Prima Signora era stata gelosa e
aveva desiderato anche lei un minimo rapporto con una setta di coltivazione.
Sperava che un inviato venisse a prendere anche Mo ZiYuan per coltivare.
Ovviamente, era stata rifiutata, o meglio, la ignorarono.
Non era certo una vendita di cavoli. Non era possibile contrattare, tanto
meno comprarne uno e ottenerne un altro in regalo.
Stranamente fiduciosi, tutta la famiglia pensava che Mo ZiYuan avesse del
potenziale e del talento. Credevano che mandando lui, avrebbero ottenuto il
riconoscimento della setta a differenza del deludente cugino. Quando Mo
XuanYu se n’era andato, Mo ZiYuan era ancora piccolo, ma gli erano state
ripetute così spesso delle tali assurdità che aveva iniziato a crederci con tutto
il cuore. Ogni due o tre giorni, cercava Mo XuanYu e lo umiliava,
maledicendolo per avergli rubato il suo cammino come coltivatore. Allo
stesso tempo, aveva trovato un grande interesse nei talismani, gli elisir e gli
strumenti magici, considerandoli suoi possedimenti e facendo tutto ciò che
voleva con essi.
Malgrado Mo XuanYu entrava e usciva spesso dal suo stato da lunatico,
aveva capito che il suo deterioramento era stato causato dagli altri. Aveva
cercato di tollerarlo, ma Mo ZiYuan aveva intensificato ulteriormente il suo
comportamento, finendo quasi per svuotare la sua intera stanza. Quando la
sua pazienza fu finalmente esaurita, era andato a lamentarsi con la zia e lo
zio, scatenando il trambusto che Mo ZiYuan aveva causato quella mattina.
Le parole sui fogli erano piccole e compatte, ferendo gli occhi di Wei
WuXian. Pensò: quanto è fottuta la vita di questa persona?
Non c’era da stupirsi che Mo XuanYu avesse preferito usare la tecnica
proibita per sacrificare il suo corpo e chiedere a dei demoni spietati di
vendicarsi.
Il dolore dei suoi occhi si trasferì alla testa. Per usare la tecnica proibita,
l’incantatore doveva decantare il suo desiderio in silenzio. Dal momento in
cui lo spirito malvagio era stato convocato, Wei WuXian avrebbe dovuto
sentire le sue specifiche esigenze.
Tuttavia, forse Mo XuanYu aveva copiato degli estratti della tecnica da
qualche parte e aveva saltato quel passaggio. Anche se Wei WuXian aveva
intuito che desiderava vendicarsi della famiglia Mo, come avrebbe dovuto
farlo? Fino a che punto? Doveva recuperare gli oggetti che gli erano stati
rubati? O doveva picchiare tutti i membri della famiglia Mo?
O… doveva sterminare tutta la famiglia?
Con tutta probabilità, doveva sbarazzarsi di tutta la famiglia. Dopotutto,
chiunque si avvicinava al mondo della coltivazione usava spesso quelle
parole per descriverlo: Ingrato, eccentrico, non capace di riconoscere la
propria famiglia, intollerabile con il Cielo e altri spettacolari termini. C’era
qualcuno più “cattivo” di lui? Se Mo XuanYu l’aveva specificatamente
evocato, molto probabilmente il suo desiderio non era semplice da
soddisfare.
Wei WuXian non poté far altro che dire, “Hai scelto la persona sbagliata…”
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 3 –
Aggressione – Parte Uno
Wei WuXian desiderava ripulirsi il viso per dare uno sguardo all’aspetto del
defunto proprietario, tuttavia nella stanza non c’era acqua, nemmeno per
bere o lavarsi.
L’unico contenitore simile a una bacinella era probabilmente, almeno
sospettava, utilizzato come latrina e non per la pulizia.
Spinse la porta, ma era fissata con un chiavistello, forse per impedirgli di
uscire all’esterno.
Niente di tutto ciò risvegliava in lui la gioia della reincarnazione!
Pensò di sedersi nella posizione del loto[1] per abituarsi alla sua nuova
casa. Il tempo volò e trascorse un giorno. Quando aprì gli occhi, dalla
finestra e dalle fessure della porta filtrava la luce del sole. Sebbene riuscisse
ad alzarsi in piedi e a camminare, aveva ancora i capogiri.
Wei WuXian era perplesso, i poteri spirituali di Mo XuanYu erano
abbastanza insignificanti da poter essere ignorati, quindi non dovrei avere
problemi nel controllare correttamente questo corpo. Perché allora non
vuole funzionare?
Poi, un brontolio risuonò dal suo stomaco e comprese che il problema non
era per niente collegato ai suoi poteri spirituali. In effetti, poiché quel corpo
non era stato allenato all’inedia, era affamato. Se non avesse trovato subito
del cibo, sarebbe diventato il primo spietato demone a morire di fame al suo
arrivo.
Wei WuXian sollevò un piede e stava per aprire la porta a calci, quando
improvvisamente sentì un rumore di passi avvicinarsi. Qualcuno colpì la
porta e grugnì: “E’ ora di pranzo!”
Tuttavia, nulla gli indicò che la porta stava per essere aperta. Wei WuXian
abbassò la testa e vide una piccola fessura sul fondo della porta, dove era
stata posizionata un piccola ciotola.
Il servitore all’esterno gridò di nuovo, “Chomp, Chomp! Che cosa stai
aspettando? Rimetti la ciotola fuori quando hai finito!”
L’apertura era leggermente più piccola di quella che di solito usavano i cani,
era impossibile per un umano utilizzarla, ma le ciotole potevano facilmente
entrarci. C’erano due piatti e una porzione di riso dall’aspetto piuttosto
sgradevole.
Wei WuXian giocò con le bacchette che erano conficcate nel riso, sentendosi
alquanto deluso.
Il Patriarca Yiling era appena tornato nel mondo dei mortali, ma la prima
cosa in cui si è imbattuto è stato un calcio e un rimprovero, senza contare gli
avanzi che gli erano stati serviti come pasto di benvenuto. Dov’erano gli
spargimenti di sangue? La spietata carneficina? L’assoluta devastazione? Chi
l’avrebbe creduto? Era come una tigre in una pianura, un drago in acque
basse, una fenice senza piume, aveva perso il suo vantaggio ed era stato
sminuito da chi era più debole di lui.
Allora il servitore all’esterno parlò di nuovo, ma con una risata questa volta,
“A-Ding! Vieni qui!”
La dolce voce di una ragazza giunse a distanza, “A-Tong, stai di nuovo
consegnando il pasto a quello lì dentro?”
A-Tong schioccò la lingua, “Per quale altro motivo dovrei venire in questo
maledetto cortile?”
La voce di A-Ding suonò più vicina, probabilmente era di fronte alla porta:
“Devi consegnare solo un pasto al giorno e a nessuno importa se stai
oziando. E’ un compito semplice, eppure pensi che sia inquietante.
Guardami, sono così impegnata che non posso neanche uscire a giocare.”
A-Tong si lamentò, “Portargli il pasto non è l’unica cosa che faccio! Come
puoi uscire in questi giorni? Ci sono così tanti cadaveri ambulanti là fuori,
sono tutti richiusi nelle loro case.”
Wei WuXian si accovacciò vicino alla porta e ascoltò mentre mangiava.
Sembrava che da qualche tempo, la situazione nel villaggio Mo non fosse
tranquilla. I cadaveri ambulanti, come dal loro nome, non erano altro che
persone morte in grado di muoversi, un tipo di cadavere alterato[2] di
basso livello. Salvo che una persona deceduta non provasse un forte
risentimento, erano solamente ottusi e lenti. Non erano troppo pericolosi,
ma lo erano abbastanza da allarmare una persona comune, specialmente a
causa del loro nauseante odore.
Tuttavia, per Wei WuXian erano i pupazzi più obbedienti. Quando li sentì
menzionare, percepì persino un senso di familiarità.
A-Tong sembrò fare una smorfia, “Se vuoi uscire, dovrai portarmi con te così
potrò proteggerti…”
A-Ding rispose, “Tu? Proteggermi? Smettila di vantarti. Sei sicuro di poter
sconfiggere quelle cose?”
A-Tong disse con amarezza, “Se io non posso sconfiggerle, neanche gli altri
possono farlo.”
A-Ding rise, “Come fai a sapere che le altre persone non possono
sconfiggerle? Lascia che te lo dica: oggi sono venuti alcuni coltivatori al
villaggio Mo. Ho sentito che prevengono da un clan molto elevato! La
signora sta parlando con loro nella sala principale e tutti in città li hanno
visti. Non riesci a sentire tutto questo frastuono? Non ho tempo per giocare
con te; potrebbero affidarmi altro lavoro più tardi.”
Wei WuXian ascoltò con attenzione. Ne era certo, i vaghi frenetici mormorii
delle persone provenivano da est. Meditò per un momento, si alzò e diede un
calcio alla porta che si ruppe con un clank.
In quel momento, i due servitori A-Ding e A-Tong, che stavano flirtando,
iniziarono a urlare quando videro la porta spalancarsi improvvisamente.
Wei WuXian gettò via la ciotola e uscì, sussultando a causa del bagliore del
sole. Si portò la mano sulla fronte e chiuse gli occhi per un momento. In
precedenza, A-Tong aveva urlato ancora più forte di A-Ding, ma quando lo
aveva guardato da vicino, aveva realizzato che si trattava di Mo XuanYu, la
persona che tutti potevano umiliare, così aveva riacquistato il suo coraggio.
Avendo perso la faccia di fronte a A-Ding, era intenzionato a rimediare. Così
era saltato su e aveva agitato le mani come se stesse rimproverando un cane,
“Shoo! Shoo! Vai via! Perché sei uscito?”
A-Tong lo aveva trattato ancora peggio di un mendicante o di una mosca. Il
più delle volte, tutti i servitori della famiglia Mo trattavano Mo XuanYu in
quel modo perché non era solito fare resistenza. Wei WuXian diede un
leggero calcio a A-Tong, facendolo cadere a terra e rise, “Nonostante tu sia
solo un ragazzino che fa commissioni, hai il coraggio di umiliare gli altri in
questo modo.”
E così si diresse verso il putiferio. C’erano molte persone che affollavano la
sala est. Proprio mentre Wei WuXian entrava nel cortile, una donna stava
parlando con un tono poco più alto degli altri, “Anche un membro della
generazione più giovane della nostra famiglia era un coltivatore…”
Doveva trattarsi della Signora Mo che stava cercando di stabilire nuovi
legami con una famiglia di coltivazione. Wei WuXian non aspettò che finisse
di parlare e rapidamente spinse la folla ed entrò nella sala, sorridendo, “Sto
arrivando, sto arrivando! Sono qui!”
Una signora di mezz’età sedeva nell’atrio, con una salute ben tenuta e un
abbigliamento stravagante. Era la Signora Mo. Suo marito era seduto al
livello sottostante al suo e sul lato opposto sedevano due ragazzi vestiti di
bianco. Poiché era entrato un mostro spettinato nella sala, tutte le
chiacchiere erano cessate ma, Wei WuXian aveva parlato spudoratamente
come se non avesse notato l’atmosfera inerte, “chi mi ha chiamato prima?
Sono l’unico che è stato un coltivatore!”
Sul suo viso c’era troppa cipria e mentre sorrideva, la polvere si spargeva
ovunque. Un giovane coltivatore era sul punto di ridere, e soffocò un pffft.
Era ritornato composto quando un altro giovane, apparentemente il capo del
gruppo, gli aveva rivolto uno sguardo di disapprovazione.
Wei WuXian aveva seguito la voce, ispezionandoli. Pensava che i servi con la
loro ignoranza avessero esagerato con la situazione ma fu sorpreso di vedere
che si trattava davvero di discepoli di un “Clan di Spicco”.
I ragazzi indossavano vesti con larghe maniche e fluenti cinture, erano
degli ikemen[3] e il loro aspetto era senza dubbio un piacere per gli occhi.
Analizzando l’uniforme, ovviamente appartenevamo alla Setta GusuLan.
Probabilmente erano i consanguinei più giovani della famiglia Lan, poiché
indossavano i nastri bianchi della larghezza di un dito intorno alla fronte
decorati con il motivo a nuvola.
Il motto della Setta GusuLan era “Onestà”. Il nastro sulla fronte
sottintendeva il “Regolare se stessi” e la decorazione delle nuvole era il
motivo ufficiale del Clan Lan e i coltivatori delle altre famiglie non avevano il
diritto di indossarlo. Wei WuXian aveva male ai denti ogni volta che vedeva
qualcuno della Setta Lan. Nella sua vita passata, aveva sempre pensato che
le uniformi di quel Clan sembrassero “degli abiti da lutto”, per tale ragione
non avrebbe mai potuto sbagliarsi.
La Signora Mo non vedeva suo nipote da un po’ di tempo e era riuscita a
superare lo sgomento solo dopo lunghi attimi, quando finalmente aveva
realizzato l’identità di quella persona molto truccata. Era furiosa, ma non
voleva perdere la pazienza e scomodarsi di persona, quindi disse a bassa
voce a suo marito, “Chi gli ha permesso di entrare? Portalo via!”
Suo marito sorrise prontamente per calmarla e si avvicinò con uno sguardo
seccato, pronto a portarlo fuori. Tuttavia, Wei WuXian improvvisamente
cadde a terra, i suoi arti si aggrapparono con forza al pavimento. Nessuno
riusciva a tirarlo su, anche quando giunsero in aiuto altri servitori. Il volto
delle Signora Mo si scuriva sempre di più e anche suo marito iniziò a sudare.
Lo rimproverò, “… Tu … maledetto pazzo! Se non te ne vai, aspetta e vedrai
come ti punirò!”
Anche se tutti nel Villaggio Mo sapevano che il giovane padrone della
famiglia Mo aveva perso qualche rotella, Mo XuanYu si era nascosto in
quella stanza buia già da un paio di anni, terrorizzato dalla possibilità di
uscire. Dopo aver visto che il suo volto e le sue azioni erano simili a quelle di
un mostro, le persone iniziarono a bisbigliare tra di loro, in attesa di
assistere a un interessante spettacolo. Wei WuXian disse, “Potrei anche
andarmene se lo desideri,” Indicò Mo ZiYuan, “Ma devi prima dirgli di
restituirmi tutto ciò che mi ha rubato.”
Mo ZiYuan non si aspettava che il lunatico incapace avesse il coraggio di
causare guai in quel luogo, nonostante la lezione del giorno prima. Il suo
volto impallidì, “Non ha senso! Quando avrei depredato le tue cose? Pensi
che abbia davvero bisogno di rubare da te?”
Wei WuXian disse, “Già, già. Non hai rubato, mi hai rapinato!”
La Signora Mo non aveva aperto bocca ma, Mo ZiYuan era furioso e alzò il
piede per prenderlo a calci. Tuttavia, un ragazzo con la tunica bianca che
portava una spada, con un leggero movimento delle dita fece scivolare Mo
ZiYuan che cadde a terra con una gamba in aria. Wei WuXian rotolò ancora
a terra, come se l’avessero davvero colpito e aprì la parte anteriore della sua
veste per mostrare l’impronta che Mo ZiYuan gli aveva lasciato il giorno
prima.
Gli altri pensarono che, ovviamente, Mo XuanYu non avrebbe potuto
colpirsi da solo. Per di più, Mo ZiYuan era sempre stato imprudente e
arrogante, chi altri avrebbe potuto farlo? Nonostante tutto, la famiglia Mo
era davvero troppo spietata con il proprio parente biologico. Era chiaro che,
nei primi tempi del suo ritorno, non fosse così pazzo. Probabilmente la sua
condizione si era aggravata a causa delle persone di quella famiglia.
Tuttavia, non c’era nessun problema se potevano assistere a uno spettacolo
interessante. Era molto più intrigante dei coltivatori!
In precedenza, la Signora Mo era stata intenzionata a ignorarlo non volendo
discutere con una persona malata e aveva ordinato di farlo portare via.
Tuttavia, ora sapeva che Mo XuanYu era giunto lì ben organizzato.  Aveva le
idee chiare e stava deliberatamente cercando di disonorarli. Sia lo shock sia
la rabbia iniziarono a crescere in lei, “Hai fatto questa grande scenata di
proposito, vero?”
Wei WuXian rispose con un tono assente, “Lui ha rubato le mie cose e sono
qui per recuperarle. Questa dobbiamo considerarla davvero una scenata?”
Erano presenti troppi spettatori e la Signora Mo non poteva né colpirlo né
scagliarlo fuori. La rabbia divampò dentro di lei e si forzò a scendere a un
compromesso per entrambi i lati, “Rubare? Rapinare? Questo è un po’
irrispettoso, a mio parere. Siamo un’unica famiglia e lui desiderava solo dare
un’occhiata. A-Yuan è tuo fratello minore, quindi cosa c’è di sbagliato se
prende le tue cose? Come fratello maggiore, non dovresti essere riluttante a
prestare uno o due giochi, no? Non è che non te li restituirà.”
I ragazzi della Setta Lan continuavano a fissarli senza parole. Quei ragazzini
erano cresciuti in una setta di coltivazione, esposti unicamente allo
splendore. Probabilmente non avevano mai assistito a una farsa come
questa, o addirittura non avevano mai sentito parlare di una simile logica.
Wei WuXian rise istericamente nella sua mente, tese la mano, “Allora
restituiscimeli.”
Naturalmente, per Mo ZiYuan era impossibile restituirgli qualcosa avendo
gettato o rotto tutto. E anche se avesse avuto la possibilità di farlo, il suo
orgoglio non glielo impediva. Il suo volto divenne viola di rabbia e gridò, “…
Mamma!” Il suo sguardo era furioso, Gli permetti davvero di trattarmi
così?
La Signora Mo lo guardò in cagnesco, invitandolo a non peggiorare la
situazione. Tuttavia, Wei WuXian parlò di nuovo, “Non solo non dovrebbe
rubare le mie cose, l’ha fatto anche nel cuore della notte. Tutti sanno che mi
piacciono gli uomini. Anche se lui non prova alcun tipo di vergogna, non può
non sembrarmi sospetto.”
La Signora Mo ansimò, urlando, ” Di cosa stai parlando di fronte agli
abitanti del villaggio? Quanta spudoratezza, A-Yuan è tuo cugino!”
In termini di sfrontatezza, Wei WuXian era sicuramente un maestro. In
passato, anche se desiderava scatenarsi doveva tenere a mente la sua
posizione ma ora era solo un pazzo. Il che significava che aveva la possibilità
fare tutto ciò che voleva e avvalersi di qualunque metodo desiderava. Tese il
collo e ragionò con aria di sfida, “Nonostante io sia suo cugino, ha scelto di
non evitarmi, quindi questo non è un atteggiamento ancora più spudorato?
Non m’interessa della tua reputazione ma non rovinare la mia innocenza!
Voglio ancora trovare un bell’uomo!”
Mo ZiYuan emise un forte urlo e fece oscillare una sedia verso di lui. Non
appena Wei WuXian vide che finalmente la sua rabbia era andata fuori
controllo, rotolò e si arrampicò, schivando così la sedia che si schiantò sul
pavimento andando in frantumi. Le persone nella sala est che, inizialmente
borbottavano della disgrazia della famiglia Mo, con l’inizio dello scontro
scapparono via. Wei WuXian si lanciò verso il gruppo di ragazzi della Setta
Lan, che erano rimasti tutti a bocca aperta nell’assistere alla scena, e urlò,
“Lo avete visto tutti? Vedete? Il ladro mi sta anche picchiando! E’ senza
cuore!”
Mo ZiYuan lo inseguì e quasi lo colpì, tuttavia il capo dei ragazzi lo fermò
immediatamente, “Per favore, calmati. Le parole sono un’arma più potente
della forza.”
La Signora Mo vide che il ragazzo stava intenzionalmente proteggendo il
lunatico e sorrise con diffidenza, “Lui è il figlio di mia sorella minore. Non è
molto sveglio; tutti quelli del Villaggio Mo sanno che è un lunatico e spesso
dice cose strane, quindi non bisogna prenderlo sul serio. Coltivatore, per
favore… “
Prima di avere la possibilità di finire la sua frase, la testa di Wei WuXian
sbucò dalle spalle del ragazzo e la guardò con un’aria feroce, “Chi ha detto
che le mie parole non dovrebbero essere prese sul serio? La prossima volta
non provare a rubarmi qualcos’altro. Ruba un’altra volta e taglierò una delle
tue mani!”
Mo ZiYuan che, in precedenza era stato fermato da suo padre, dopo averlo
sentito, era di nuovo vicino al perdere la pazienza. Wei WuXian uscì
rapidamente dal suo nascondiglio ma il ragazzo lo bloccò, passando a un
altro argomento con un tono posato, “Allora prenderemo in prestito il
Cortile Ovest per la notte. Per favore, tenga a mente ciò che ho detto: al
giungere della n       otte, chiudete tutte le finestre, non uscite o peggio, non
passeggiate in cortile.”
La Signora Mo stava tremando dalla rabbia, “Si, si, per favore…” Mo ZiYuan
era incredulo, “Mamma! Il pazzo mi ha insultato di fronte a così tante
persone, e questo è tutto? Prima mi avevi detto che lui era solo un… “
La Signora Mo gli ordinò, “Fai silenzio. Non puoi aspettare fino a quando
non rientreremo?”
Mo ZiYuan non era mai stato così in svantaggio o peggio, non era mai caduto
in disgrazia in questo modo in passato. Con il rimprovero della madre la
situazione era anche peggiorata. Era traboccante di odio e pensò, questo
pazzo vuole morire stanotte!
Dopo che Wei WuXian finì di dare di matto, uscì dalla casa della famiglia
Mo, mostrando il suo volto per tutto il Villaggio Mo. Sebbene avesse lasciato
senza parole innumerevoli persone, in realtà aveva amato ogni momento, e
alla fine aveva compreso la gioia di essere pazzo. Stava persino cominciando
ad approvare il trucco che lo rendeva simile a un fantasma impiccato ed era
quasi riluttante a toglierlo. Si aggiustò i capelli guardandosi i polsi. I tagli
non erano per nulla guariti, il che significava che una lieve vendetta come
quella non soddisfaceva la tecnica proibita.
Doveva davvero eliminare la famiglia Mo?
A essere onesti, non era un compito troppo difficile.
Wei WuXian ritornò nel Cortile Ovest della famiglia Mo. I discepoli della
Setta Lan erano in piedi sui tetti e sui muri, discutendo con uno sguardo
solenne.
Sebbene la Setta GusuLan avesse notevolmente contribuito durante il suo
assedio, a quei tempi, queste reclute non erano ancora nate o erano ancora
dei bambini. Non doveva indirizzare il suo odio contro di loro, quindi Wei
WuXian decise di fermarsi a osservare ciò che stavano facendo. Dopo un po’,
sentì che c’era qualcosa che non andava.
Perché quelle bandiere nere sventolanti sui tetti e sulle pareti erano così
familiari?
Quel genere di bandiere erano chiamate “Bandiere di Richiamo dello
Spirito”. Applicandole su una persona vivente, erano in grado di attrarre
tutti gli spiriti, i fantasmi sperduti, i cadaveri ambulanti o gli esseri malvagi
all’interno di una certa area, così da attaccare solo quella persona
rendendola così un bersaglio vivente. Ecco perché era anche chiamata la
“bandiera bersaglio”. Era possibile collocarla in una casa ma la struttura
doveva essere abitata da esseri umani vivi. A quel punto, il raggio d’attacco si
espandeva, includendo tutti gli abitanti della casa. Poiché l’area dove erano
poste quelle bandiere era sempre circondata da un’energia sinistra, con un
vorticoso vento nero, erano state soprannominate anche “bandiere dal vento
nero”. Se avevano organizzato la formazione della bandiera nel Cortile
Ovest, impedendo l’accesso a tutti, significava che avevano intenzione di
condurre in quel luogo tutti i cadaveri e catturarli in una sola volta.
Per quanto riguardava il motivo per cui gli erano familiari… Come potevano
non esserlo? Il creatore della Bandiera di Richiamo dello Spirito non era
altri che il Patriarca Yiling!
Sembrava che, sebbene il mondo della coltivazione in superficie lo odiasse,
usava ancora le sue invenzioni.
Un discepolo in piedi sul tetto lo vide indugiare e disse, “Per favore torna
indietro. Una persona come te non dovrebbe venire qui.”
Sebbene lo avesse scacciato, l’aveva fatto per pura gentilezza e il tono era
differente anche da quello dei servitori della famiglia Mo. Wei WuXian lo
colse alla sprovvista e saltò su velocemente, afferrando una delle bandiere.
Il discepolo era sorpreso e scese per inseguirlo, “Fermati. Non è qualcosa
che dovresti prendere.”
Wei WuXian urlò mentre correva via, comportandosi come un vero pazzo,
con i capelli arruffati e gli arti che ondeggiavano, “Non la restituirò, non la
restituirò! Voglio questa cosa! La voglio!”
Il discepolo lo raggiunse in pochi passi e lo afferrò per il braccio, “Se non la
restituirai, ti colpirò!”
Wei WuXian stringeva la bandiera, non volendo lasciarla andare. Il capo dei
ragazzi stava preparando la formazione delle bandiere e scese delicatamente
dal tetto quando sentì il putiferio, “JingYi, smettila. Non fare storie e prendi
semplicemente la bandiera.”
Lan JingYi parlò, “SiZhui, non l’ho colpito davvero! Guardalo, sta rovinando
la formazione delle bandiere!”
Durante il tiro alla fune, Wei WuXian aveva già controllato la Bandiera di
Richiamo dello Spirito tra le sue mani. I motivi erano disegnati
correttamente e gli incantesimi erano completi. Non c’erano errori, quindi
niente sarebbe andato storto durante l’utilizzo. Tuttavia, la persona che
aveva disegnato questa bandiera mancava d’esperienza, quindi avrebbe
attratto solo degli esseri malvagi e dei cadaveri ambulanti nel raggio
di cinque li[4], ma sarebbe bastato. Probabilmente non c’erano creature
maligne in un posto piccolo come il villaggio Mo.
Lan SiZhui gli sorrise, “Giovane maestro Mo, il cielo si sta oscurando e
presto inizieremo a catturare i cadaveri ambulanti. Sarà pericoloso di notte,
quindi sarebbe opportuno se tornassi nella tua stanza.”
Wei WuXian lo guardò. Era onesto e raffinato, con un aspetto dignitoso e un
delicato sorriso. Wei WuXian lo approvò silenziosamente. La formazione
delle bandiere era ordinata e anche i suoi modi erano rispettosi, rendendolo
un discepolo con un sbalorditivo potenziale. Chissà chi in un clan
conservatore come la Setta Lan aveva allevato un simile giovane.
Lan SiZhui parlò ancora una volta, “Questa bandiera… ” prima ancora di
finire, Wei WuXian gettò la Bandiera di Richiamo dello Spirito a terra e
mormorò, “E’ solo una bandiera, quindi qual è il problema? Posso disegnarla
ancora meglio!”
Si allontanò non appena gettò la bandiera. I ragazzi che sul tetto avevano
assistito al trambusto, quasi caddero dalle risate dopo aver udito le sue
ridicole parole. Lan JingYi sogghignò per la rabbia e prese la Bandiera di
Richiamo dello Spirito, “Che maniaco!”
Wei WuXian continuò a girovagare senza fare nulla e infine tornò nel piccolo
cortile assegnato a Mo XuanYu.
Ignorò il chiavistello rotto e il disordine sul pavimento, scelse un punto
relativamente pulito e si adagiò di nuovo nella posizione del loto.
Tuttavia, prima ancora che giungesse la luce del giorno, fu risvegliato dalla
meditazione da alcuni rumori che giungevano dall’esterno.
Una serie di caotici passi si avvicinavano rapidamente insieme alle urla e
agli schiamazzi. Wei WuXian sentì ripetere alcune frasi, “… Entra e
trascinalo fuori!” “Informa gli ufficiali!” “Cosa intendi con avvisa gli ufficiali?
Colpiscilo fino alla morte!”
Aprì gli occhi e vide che alcuni servi erano già entrati.
L’intero cortile era illuminato dal fuoco. Qualcuno gridò, “Trascina l’insano
assassino nella sala principale e facciamogliela pagare con la vita!”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 4 –


Aggressione – Parte Due
Wei WuXian inizialmente pensò che qualcosa fosse andato storto con la
formazione delle bandiere che i ragazzi avevano creato.
Le sue invenzioni bisognava usarle con estrema attenzione o potevano
accadere disastri. Era quella la ragione per cui era andato a controllare se gli
incantesimi della bandiera erano stati disegnati bene.
Mentre due grandi mani lo trascinavano fuori, Wei WuXian si rilassò e
lasciò che lo portassero via senza difficoltà, così non avrebbe avuto bisogno
di camminare da solo. La sala ovest era piena di gente, era quasi più affollata
di quando si erano riuniti gli abitanti del Villaggio di Mo. Erano presenti
tutti i servi e i parenti. Alcuni indossavano ancora gli indumenti intimi e non
avevano avuto il tempo di spazzolarsi i capelli ed erano tutti terrorizzati. La
Signora Mo era collocata al suo posto come se si fosse appena svegliata a
causa di un delitto. Sulle sue guance c’erano scie di lacrime che ancora
indugiavano nei suoi occhi. Tuttavia, mentre trascinavano dentro Wei
WuXian, il suo sguardo addolorato si riempì immediatamente d’odio.
Una figura umana giaceva a terra, coperta da un tessuto bianco e solo la
testa era scoperta. Le espressioni di Lan SiZhui e degli altri ragazzi erano
scure, mentre si chinavano per controllare la situazione, parlando a bassa
voce. La conversazione raggiunse le orecchie di Wei WuXian.
“… Sono trascorsi meno di tre minuti da quando il corpo è stato scoperto?”
“Dopo aver sottomesso il cadavere ambulante, siamo corsi dal Cortile Ovest
al Cortile Est e abbiamo trovato il corpo nelle vicinanze del corridoio.”
La figura umana si rivelò essere, apparentemente, Mo ZiYuan. Wei WuXian
lanciò una veloce occhiata ma non poté fare a meno di guardare di nuovo.
Il cadavere sembrava in qualche modo Mo ZiYuan ma era anche diverso da
lui per vari motivi. Sebbene i lineamenti fossero chiaramente quelli del
cugino, gli zigomi erano profondamente scavati, gli occhi sporgenti e la pelle
rugosa. Rispetto al giovanissimo Mo ZiYuan, sembrava invecchiato di ben
vent’anni. Era come se il suo sangue e la sua carne fossero stati assorbiti,
trasformandolo in uno scheletro con un solo sottile strato di pelle a coprirlo.
Se, in precedenza, Mo ZiYuan era stato brutto, ora il suo cadavere era
vecchio e orrendo.
Mentre Wei WuXian esaminava il cadavere, la Signora Mo improvvisamente
si precipitò verso di lui impugnando uno scintillante pugnale. Con un
leggero movimento, Lan SiZhui afferrò rapidamente il pugnale. Prima che
avesse la possibilità di parlare, la Signora Mo urlò verso di lui: “Mio figlio è
stato vittima di una tragica morte, quindi lo sto solo vendicando! Perché mi
stai fermando?”
Wei WuXian si nascose dietro le spalle di Lan SiZhui e parlò mentre si
rannicchiava, “Perché dovrei essere coinvolto con la tragica morte di tuo
figlio?”
Durante il giorno, Lan SiZhui aveva assistito alla scenata di Wei WuXian
nella sala est, e in seguito, aveva anche sentito molte voci enfatizzate dalla
gente. Era estremamente solidale con l’invalido e non poté fare a meno di
prendere le sue parti, “Signora Mo, dalle condizioni di suo figlio,
probabilmente la sua carne e la sua essenza sono state estratte via, ciò
significa che è stato ucciso da degli esseri feroci, non da lui.”
Il petto della Signora Mo si sollevò, “Non sai niente! Il padre del pazzo era
un coltivatore. Deve aver imparato molti incantesimi demoniaci da lui!”
Lan SiZhui si voltò per guardare l’apparente ottuso Wei WuXian e parlò di
nuovo, “Uhm, signora, mancano le prove, quindi …”
“Le prove sono su mio figlio!” La Signora Mo indicò il cadavere a terra,
“Guardate con i vostri occhi! I resti di A-Yuan bastano per dirmi chi l’ha
ucciso!”
Non avendo bisogno di altre persone per farlo, Wei WuXian sollevò il
tessuto bianco da solo dalla testa fino ai piedi. Mancava qualcosa sul
cadavere di Mo ZiYuan.
Il suo braccio sinistro, reciso sotto la spalla, era scomparso!
La Signora Mo parlò, “Avete visto? Tutti quelli che erano presenti qui hanno
sentito cos’ha detto il lunatico, giusto? Ha detto che, se A-Yuan avesse
toccato di nuovo le sue cose, gli avrebbe tagliato la mano!”
Dopo il suo slancio emotivo, si coprì il viso e singhiozzò, “… Il mio povero A-
Yuan … anche se non gli ha fatto niente, non solo è stato incastrato, ma
anche ucciso… il pazzo è fuori di testa…”
Era fuori di testa!
Erano trascorsi alcuni anni dall’ultima volta in cui aveva sentito pronunciare
quella frase per descriverlo, quindi fu piuttosto cordiale. Wei WuXian indicò
se stesso, ma non gli venne in mente nessuna parola. Non sapeva se il
malato fosse lui o la Signora Mo.
Durante la sua giovinezza, minacciava spesso di sterminare intere famiglie e
clan, uccidere milioni di persone, creando fiumi di sangue e altre azioni
crudeli. Tuttavia, il più delle volte, erano solo parole vuote. Se avesse potuto
compiere davvero ciò che diceva, avrebbe dominato a lungo il mondo della
coltivazione. La vera intenzione della Signora Mo non era di vendicarsi di lui
ma di trovare qualcuno su cui sfogare il suo risentimento.
Wei WuXian non voleva che lei lo infastidisse. Ci pensò per un momento e
poi infilò la mano tra le braccia di Mo ZiYuan. Cercò per un po’ e tirò fuori
qualcosa, aprendolo di fronte a lui. Sorprendentemente, era una Bandiera di
Richiamo dello Spirito!
Realizzò immediatamente cos’era successo e sussurrò sottovoce, Se l’è
cercata!
Quando Lan SiZhui e gli altri videro ciò che aveva trovato tra le braccia di
Mo ZiYuan, compresero anche loro la situazione. Collegandolo con la farsa
che era avvenuta in precedenza, la ragione era facile da indovinare. Durante
il giorno, Mo ZiYuan aveva perso la faccia a causa del folle comportamento
di Mo XuanYu, odiandolo, ma era ancora intenzionato a saldare i conti con
lui. Tuttavia, Mo XuanYu aveva vagabondato a lungo, quindi Mo ZiYuan
aveva deciso di coglierlo di sorpresa quella notte al suo ritorno.
Al calare della notte, era uscito segretamente e mentre attraversava il Cortile
Ovest aveva visto la Bandiera di Richiamo dello Spirito sul muro. Anche se
gli era stato ripetutamente detto di non uscire o di non avvicinarsi al Cortile
Ovest quella sera, e soprattutto di stare lontano dalle bandiere nere, Mo
ZiYuan aveva pensato che forse gli era stato detto così perché avevano paura
che la gente avrebbe potuto rubare quelle preziose armi.
Non aveva idea delle pericolose conseguenze della Bandiera di Richiamo
dello Spirito, o che se l’avesse impugnata, sarebbe diventato un bersaglio
vivente. Era diventato dipendente dal depredare i talismani e gli strumenti
magici di suo cugino, e provava sempre un forte desiderio di prendere simili
oggetti strani; non si arrendeva finché non riusciva a ottenerli. Pertanto,
mentre i proprietari delle bandiere stavano sottomettendo i cadaveri
ambulanti nel Cortile Ovest, silenziosamente ne rubò una.
La formazione era composta da sei bandiere, di cui cinque erano state poste
nel Cortile Ovest, con i ragazzi della famiglia Lan come esche. Tuttavia, tutti
avevano a disposizione innumerevoli strumenti magici e, sebbene Mo
ZiYuan avesse preso solo una bandiera, non aveva strumenti che lo
proteggessero. Era razionale scegliere i deboli, quindi gli esseri malvagi
erano stati naturalmente attratti da lui. La presenza dei cadaveri ambulanti
era una questione di poco conto. Anche se fosse stato morso, non sarebbe
morto immediatamente e avrebbero potuto salvarlo. Sfortunatamente, la
Bandiera di Richiamo dello Spirito aveva accidentalmente attratto qualcosa
di peggiore di un cadavere ambulante. L’essere sconosciuto era ciò che aveva
ucciso Mo ZiYuan, prendendogli il braccio!
Wei WuXian sollevò il polso. Ne era certo, uno dei tagli sul suo braccio
destro era guarito. Aveva apparentemente avuto un colpo di fortuna: il
contratto sacrificale l’aveva già considerato il responsabile della morte di Mo
ZiYuan.
La Signora Mo era ben consapevole delle debolezze di suo figlio ma non era
disposta ad ammettere che era stato lui stesso a determinare la sua morte. A
causa dell’impazienza e della rabbia, afferrò una tazza di tè e la gettò verso la
testa di Wei WuXian, “se ieri non lo avessi incastrato di fronte a così tante
persone, sarebbe forse uscito nel bel mezzo della notte? È tutta colpa tua,
figlio di puttana!”
Wei WuXian vide l’oggetto arrivare e lo schivò spostandosi di lato. La
Signora Mo si rivolse a Lan SiZhui, urlando, “E voi! Siete un mucchio
d’inutili sciocchi! Coltivate e allontanate gli spiriti maligni ma non siete
riusciti nemmeno proteggerlo! A-Yuan era ancora un bambino!”
I ragazzi erano ancora giovani. Non erano soliti uscire spesso e la loro
inesperienza aveva impedito loro di notare la presenza di qualcosa di
sbagliato nell’area, e per questo erano dispiaciuti per non essere riusciti a
scoprire prima un essere malvagio così feroce. Tuttavia, dopo l’insensato
rimprovero della Signora Mo, il volto di tutti si tinse di blu. Dopotutto, erano
cresciuti in una famiglia importante, quindi nessuno aveva mai avuto il
coraggio di trattarli così. Il Clan GusuLan era molto severo verso i suoi
discepoli, proibendo la violenza contro gli uomini impotenti, e non accettava
neanche la mancanza di rispetto. Pertanto, anche se erano dispiaciuti,
dovevano sopportare tutto mantenendo un’espressione scura.
Tuttavia, Wei WuXian non riuscì più a sopportarlo, e pensò, Sono passati
così tanti anni, ma i valori del Clan Lan sono sempre gli stessi. A che serve
il cosiddetto “autocontrollo”? Guardatemi come la risolvo nel modo giusto!
Sputò rumorosamente e disse, “Su chi pensi di sfogare la tua rabbia? Pensi
che siano i tuoi servi? Hanno viaggiato in lungo e in largo per venire qua ed
esorcizzare gli spiriti maligni per te senza prendere un compenso. Ti sono
debitori? Quanti anni aveva tuo figlio? Doveva avere almeno diciassette
anni, e quindi, cosa significa che era ancora un “bambino”? Quanto
dovrebbe essere piccolo un bambino per non capire le basi del linguaggio
umano? L’hanno o non l’hanno ripetutamente avvisato di non toccare nulla
nella formazione e di non avvicinarsi al Cortile Ovest? Tuo figlio è
sgattaiolato fuori di notte per conto suo. È colpa mia? O è colpa sua?”
Lan JingYi e gli altri rilasciarono un sospiro di sollievo, i loro volti non erano
più così scuri. La Signora Mo era profondamente triste e risentita, e tutto ciò
a cui riusciva a pensare era la parola “morte”. Non pensava alla sua di fine
per stare con suo figlio ma, desiderava assistere alla morte di tutta le
persone nel mondo, specialmente quelli che erano di fronte a lei.
Aveva l’abitudine di dare sempre ordini a suo marito e così lo richiamò,
“Chiama tutti! Chiama tutti dentro!”
Ma nonostante ciò, suo marito era in catalessi. Probabilmente a causa del
trauma della scomparsa del suo unico figlio, giunse perfino a spingerla via.
Ciò colse di sorpresa la Signora Mo che cadde a terra.
In passato, la Signora Mo non aveva mai avuto bisogno di spingerlo a fare
qualcosa. Non appena alzava la voce, l’uomo era immediatamente pronto a
soddisfarla. Come aveva osato colpirla questa volta?
I servi erano tutti spaventati dalla sua espressione. A-Ding la aiutò mentre
tremava. La Signora Mo si strinse il petto e parlò con un tono tremolante,
“Tu … tu … tu, esci da qui!”
Suo marito non sembrava aver sentito niente. A-Ding fissò A-Tong, e
quest’ultimo aiutò frettolosamente il suo padrone a uscire. La sala est era nel
caos. Quando Wei WuXian vide che la famiglia era stata messa a tacere,
cercò di esaminare di nuovo il cadavere. Tuttavia, prima di avere la
possibilità di dare un’altra occhiata, un acuto urlo penetrò nell’aria.
Proveniva dal cortile.
Le persone nella sala si precipitarono fuori. Sul terreno del Cortile Est,
c’erano due corpi che si contraevano. Il primo era A-Tong, ancora in vita,
che era crollato a terra. L’altro era rugoso e avvizzito, come se il sangue e la
carne fossero stati prosciugati. Il braccio sinistro era già sparito ma non
usciva sangue dalla ferita. Il cadavere era nelle stesse condizioni di quello di
Mo ZiYuan.
La Signora Mo aveva spinto via la mano di A-Ding che la reggeva solo un
momento prima ma, quando vide il cadavere a terra, i suoi occhi si
spalancarono, e finalmente fu privata di ogni energia per lanciare un altro
attacco. Quando svenne, Wei WuXian le era accanto e la aiutò, passandola
ad A-Ding, che arrivò di corsa. Guardò il suo braccio destro e vide che era
sparito un altro taglio.
Erano trascorsi solo pochi secondi da quando avevano oltrepassato la soglia
della sala, non erano ancora giunti nel Cortile Est, e avevano già visto il
marito della Signora Mo morire dolorosamente. Anche Lan SiZhui, Lan
JingYi e gli altri impallidirono. Lan SiZhui fu il primo a calmarsi e chiese ad
A-Tong, che giaceva a terra, “Hai visto cosa fosse?”
A-Tong era spaventato a morte, incapace di aprire bocca. Anche dopo alcune
domande, A-Tong continuava a non rispondere e scuoteva ripetutamente la
testa. Lan SiZhui stava ardendo d’ansia. Chiese a un altro discepolo di
riportarlo dentro e si rivolse a Lan JingYi, “Hai mandato il segnale?”
Lan JingYi rispose: “L’ho fatto ma nella zona non ci sono dei senior che
possono aiutarci, ci vorrà almeno un’ora prima che la nostra gente possa
giungere qui. Che cosa dovremmo fare adesso? Non sappiamo neanche cosa
sia.”
Certo. Sarebbe stato impossibile per loro andarsene. Se i discepoli di un clan
si fossero preoccupati solo del proprio benessere di fronte a degli spiriti
maligni, non solo avrebbero causato disonore al clan ma, dopo un tale
vergognoso gesto, sarebbe stato impossibile riuscire a reggere un confronto
con gli altri. Anche le persone spaventate della famiglia Mo non potevano
andare via perché probabilmente l’essere malvagio era tra loro. Pertanto,
scappare via sarebbe stato inutile. Lan SiZhui strinse i denti, “dobbiamo
restare qui e aspettare i rinforzi!”
Ora che il segnale di aiuto era stato inviato, in poco tempo altri coltivatori
sarebbero giunti ad aiutarli. Per evitare che la situazione potesse sfuggirgli
di mano, Wei WuXian avrebbe dovuto ritirarsi, tenendosi in disparte. Se tra
i rinforzi che stavano giungendo ci sarebbero state persone che l’avevano
conosciuto o che avevano combattuto con lui in passato, al quel punto
sarebbe stato difficile prevedere le conseguenze.
Tuttavia, a causa della maledizione non poteva lasciare subito il Villaggio
Mo. Inoltre, l’essere che era stato attratto aveva tolto la vita a due persone in
poco tempo, il che significava che doveva trattarsi di qualcosa di veramente
malvagio. Se Wei WuXian fosse andato via in quel momento, all’arrivo dei
rinforzi le strade del Villaggio Mo sarebbero state piene di cadaveri privati
delle braccia sinistre, inclusi alcuni discepoli del Clan GusuLan.
Dopo averci riflettuto per un momento, Wei WuXian si convinse, Devo fare
presto.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 5 –
Aggressione – Parte Tre

I ragazzi erano tutti giovani e inesperti. Tuttavia, anche se in apparenza


sembravano tutti nervosi, erano rimasti rigorosamente fermi nelle loro
posizioni. Per proteggere la casa della famiglia Mo, avevano applicato dei
talismani sui muri. Il servitore di nome A-Tong era stato già portato nella
sala. Lan SiZhui gli aveva controllato il polso con la mano sinistra e aveva
continuato a reggere la schiena della Signora Mo con la destra. Non poteva
salvarli entrambi contemporaneamente e la situazione peggiorò quando A-
Tong si alzò.
A-Ding esclamò, “A-Tong, sei sveglio!”
Prima che il suo volto avesse il tempo di rallegrarsi, A-Tong alzò la mano
sinistra e si strinse il collo.
Vedendo ciò, Lan SiZhui attinse ad alcuni dei suoi punti terapeutici per tre
volte. Wei WuXian sapeva che, anche se in apparenza erano delicate, le
persone del Clan Lan avevano delle braccia molto forti. Con una simile
potenza, sarebbe stato difficile per chiunque muoversi. Tuttavia, A-Tong non
sentiva nulla e la presa della sua mano sinistra si strinse, la sua espressione
sembrava sempre più addolorata e contorta. Lan JingYi continuò ad
aggrapparsi alla sua mano sinistra ma era come rompere un pezzo di ferro e
non aveva alcun effetto. Poco dopo, si udì un crack e la testa di A-Tong si
abbassò. Il suo collo era già rotto.
Si era davvero strangolato davanti agli occhi di tutti!
Avendo assistito alla scena, la voce di A-Ding vacillò, “… un fantasma! Qui
c’è un fantasma invisibile. Ha indotto A-Tong a strangolarsi! “
Il suo tono era acuto e la sua voce era stridula, gelando il sangue di tutti che
le credettero senza sforzo. Wei WuXian aveva un’opinione diversa: non era
un fantasma feroce.
Aveva esaminato i talismani scelti dai ragazzi; tutti erano schermati dagli
spiriti e la sala est ne era letteralmente ricoperta. Se fosse stato davvero un
fantasma feroce, allora, mentre entrava nella sala est, i talismani avrebbero
dovuto accendersi con delle fiamme verdi. Eppure, non era accaduto nulla.
Non era colpa dei ragazzi che avevano reagito troppo tardi, era la creatura ad
essere davvero crudele. Il mondo della coltivazione aveva una rigorosa
definizione per la categoria dei “fantasmi feroci”: dovevano uccidere almeno
una persona al mese e un tale comportamento doveva durare per almeno tre
mesi. Il criterio era stato stabilito dallo stesso Wei WuXian, e probabilmente
era ancora in uso. Era il migliore nell’occuparsi di quel genere di cose. A suo
parere, un fantasma feroce che uccideva una persona a distanza di sette
giorni era già da considerare la sua un’azione frequente. Questa cosa aveva
ucciso tre persone contemporaneamente e in breve tempo. Sarebbe stato
difficile persino per un abile coltivatore trovare immediatamente una
soluzione e questi giovani avevano appena iniziato la loro carriera.
Mentre rifletteva, la luce della candela tremolò. Soffiò un vento sinistro e
tutte le lanterne e le candele nel cortile e nella sala est si estinsero.
Nel momento in cui si spensero le luci, le urla iniziarono a risuonare da tutte
le parti. Tutti spingevano e tiravano, volendo scappare il più velocemente
possibile, inciampando e cadendo. Lan JingYi gridò, “Restate ai vostri posti
e non correte! Prenderà tutti coloro che scapperanno!”
Non lo stava dicendo semplicemente per allarmare la gente. In realtà, gli
esseri malvagi amavano causare problemi nell’oscurità e approfittavano dei
momenti di difficoltà. Peggiore era il pianto e il caos, più alte erano le
probabilità di attrarre inconsciamente il pericolo. In momenti simili, restare
da soli o innervosirsi era estremamente pericoloso. Ma tutti erano
mortalmente spaventati, quindi come potevano dare ascolto a delle simili
parole? Dopo un po’, la sala est divenne silenziosa, si udirono solo pochi
respiri e deboli singhiozzi. Probabilmente restavano solo poche persone.
Nell’oscurità, una fiamma s’illuminò improvvisamente. Lan SiZhui aveva
acceso un talismano del fuoco.
La fiamma del Talismano del Fuoco non si sarebbe spenta a causa del vento
sinistro. Usò il talismano per accendere di nuovo la candela e i ragazzi
andarono a confortare gli altri. Sotto la luce, Wei WuXian casualmente si
guardò i polsi. Era guarito un altro taglio
Dopo un’altra occhiata, improvvisamente notò che c’era qualcosa di
sbagliato nel numero dei tagli.
In origine, aveva due tagli su ciascun polso. Uno era guarito con la morte di
Mo ZiYuan, e un altro quando era morto suo padre. Un altro taglio era
sparito con la morte del servo A-Tong. Pertanto, dovevano esserne guariti
solo tre e restava l’ultimo che era il più profondo e quello maggiormente
pieno d’odio.
Tuttavia sui suoi polsi non gli restava nessun taglio!
Wei WuXian sapeva che la Signora Mo era sicuramente uno degli obiettivi
della vendetta di Mo XuanYu. Il taglio più lungo e più profondo era
probabilmente per lei. Eppure era scomparso.
Mo XuanYu aveva improvvisamente raggiunto l’epifania e abbandonato il
suo odio? Era impossibile. La sua anima era già stata sacrificata per
convocare Wei WuXian. Solo la morte della Signora Mo poteva guarire
quella ferita.
Il suo sguardo si spostò lentamente verso la pallida Signora Mo che si era
appena svegliata ed era circondata da tutti.
A meno che non sia già morta.
Wei WuXian era sicuro che qualcosa avesse già preso possesso del corpo
della Signora Mo. Se l’essere non era uno spirito, allora di cosa si trattava?
All’improvviso, A-Ding gridò, “Il braccio… il suo braccio! Il braccio di A-
Tong!”
Lan SiZhui spostò il Talismano del Fuoco sul corpo di A-Tong. Ne era certo,
anche il suo braccio sinistro era sparito.
Il braccio sinistro!
Velocemente, la mente di Wei WuXian comprese, con l’essere che stava
causando problemi e le braccia sinistre mancanti aveva completato il puzzle.
Prontamente scoppiò a ridere. Lan JingYi scattò, “Sei un idiota! Come puoi
ridere in una situazione simile?” Ma poi pensò che sapeva fosse un idiota
quindi a che serviva litigare con lui?
Wei WuXian gli tirò la manica, “No, no!”
Lan JingYi era infastidito e ritirò indietro la manica, “Cosa no? Non sei un
idiota? Smettila di fare lo sciocco! Nessuno ha tempo di prestarti
attenzione!”
Wei WuXian indicò i cadaveri del padre di Mo ZiYuan e A-Tong che
giacevano a terra e disse, “Questi non sono loro.”
Lan SiZhui fermò il furioso Lan JingYi e chiese, “Che cosa intendi con ‘questi
non sono loro’?”
Wei WuXian affermò solennemente, “Questo non è il padre di Mo ZiYuan e
neanche lui è A-Tong.”
Con il viso coperto di trucco, più la sua aria era solenne e più sembrava un
pazzo. Eppure, circondato dalla fioca luce delle candele, le sue parole fecero
rabbrividire le spalle di tutti. Lan SiZhui lo fissò per un secondo e chiese suo
malgrado, “Perché?”
Wei WuXian esclamò fieramente, “Le loro braccia. Nessuno di loro era
mancino, ne sono certo perché mi hanno sempre colpito con la mano
destra.”
Lan JingYi sputò, perdendo la pazienza, “Di cosa sei fiero? Guarda come sei
soddisfatto!”
Tuttavia, Lan SiZhui iniziò a sudare. Ripensandoci, A-Tong aveva usato la
mano sinistra per strangolarsi e anche il marito della Signora Mo aveva
spinto la moglie con la mano sinistra.
Ma, durante il giorno, quando Mo XuanYu aveva causato problemi nella sala
est, e i due stavano provando a cacciarlo via, entrambi avevano usato la
mano destra. Era impossibile per loro utilizzare improvvisamente la mano
sinistra prima di morire.
Anche se non conosceva il motivo, per trovare la creatura dovevano seguire
il percorso del “braccio sinistro”. Dopo che Lan SiZhui riuscì a capire, fu
sorpreso e guardò Wei WuXian. Non poté fare a meno di pensare, L’ha detto
all’improvviso… non può trattarsi di una coincidenza.
Wei WuXian sorrise semplicemente. Era consapevole che quel suggerimento
era troppo intenzionale, ma non poteva non aiutarlo. Il lato positivo fu che
Lan SiZhui non ci rifletté troppo e pensò, Ad ogni modo, se il Giovane
Maestro Mo ha deciso di ricordarmelo, significa che non ha intenzioni
cattive. Il suo sguardo si spostò, passando per A-Ding che era svenuta a
causa del pianto ininterrotto e si soffermò sulla Signora Mo.
Il suo sguardo passò dal volto alle sue mani. Le sue braccia penzolavano
verso il basso, per lo più nascoste dalle maniche. Era visibile solo una parte
delle dita. La sua mano destra aveva delle belle dita sottili, era
indubbiamente la mano di una donna che viveva nell’agio e non aveva mai
lavorato.
Tuttavia, le dita della mano sinistra erano molto più lunghe. Erano spesse,
con le nocche piegate, piene di forza.
Quella non era la mano di una donna: era la mano di un uomo!
Lan SiZhui comandò, “Prendetela!”
Alcuni ragazzi afferrarono la Signora Mo. Lan SiZhui disse “scusami” e stava
per usare un talismano quando il braccio sinistro della Signora Mo si girò
improvvisamente in un’assurda posizione, mirando alla sua gola.
A meno che le ossa non fossero rotte, per una persona viva era impossibile
attorcigliare il braccio in quel modo. L’attacco era stato molto veloce ed era
stato molto vicino dall’afferrare il collo del ragazzo, quando allo stesso
tempo, Lan JingYi aveva gridato “hey” e si era gettato di fronte a Lan SiZhui
bloccando la mano.
In un attimo, non appena il braccio afferrò la spalla di Lan JingYi, le fiamme
verdi si accesero e lo colpirono, facendo allentare la presa. Lan SiZhui era
sfuggito dalla morte, e stava per ringraziare Lan JingYi, quando vide che una
parte della divisa di quest’ultimo si era ridotta in cenere, donandogli un
aspetto piuttosto imbarazzante. Lan JingYi si tolse l’altra metà della sua
uniforme e lo rimproverò, irritato dalla rabbia, “Perché mi hai preso a calci,
pazzo? Volevi uccidermi?”
Wei WuXian scappò via come un topo spaventato, “Non sono stato io!”
Era stato lui. Nel soprabito dell’uniforme del Clan Lan, c’erano cuciture
compatte d’incantesimi con fili dello stesso colore, inclusi quelli di
protezione. Tuttavia, contro avversari così forti, poteva essere adoperato
solo una volta prima di diventare inutilizzabile. Durante una simile
emergenza, non aveva potuto far altro che calciare Lan JingYi e usare il suo
corpo per proteggere il collo di Lan SiZhui. Lan JingYi voleva rimproverarlo
di nuovo ma la Signora Mo cadde a terra, tutto il sangue e la carne del suo
volto erano stati prosciugati, restava solo un sottile strato di pelle. Il braccio
maschile che non le apparteneva era caduto alle sue spalle. Le sue dita si
muovevano liberamente, distendendosi e stringendosi, e i palpiti delle sue
vene erano chiaramente visibili.
Quello era l’essere malvagio che la Bandiera di Richiamo dello Spirito aveva
attratto.
Lo smembramento era chiaramente una morte angosciante. Era poco più
dignitosa della morte di Wei WuXian. A differenza dell’essere ridotto in
cenere, in questo caso gli arti e le parti del cadavere erano stati contaminati
dal risentimento della vittima, e il suo desiderio era probabilmente di
riunirsi con gli altri pezzi e morire con un corpo completo. Pertanto, il suo
obiettivo era di trovare le altre parti del corpo. Se fosse riuscito a trovarle,
soddisfatto, avrebbe potuto riposare in pace o avrebbe creato maggiori
problemi. Se non fosse riuscito a trovarle, le parti del corpo avrebbero
potuto scegliere la seconda alternativa.
Quale sarebbe stata la seconda possibilità? Adattarsi con i corpi degli altri
esseri umani.
Il braccio sinistro mangiava gli arti delle altre persone, sostituendoli. Dopo
aver prosciugato tutto il sangue e l’energia di un corpo, abbandonava il
contenitore e ne ricercava un altro da possedere, finché non avrebbe trovato
tutte le altre parti del suo corpo.
Non appena il braccio possedeva una persona, quella moriva
immediatamente. Tuttavia, prima di consumare tutta la carne, riusciva
comunque a camminare sotto il suo controllo, come se la persona fosse
ancora in vita. Dopo essere stato attratto, il primo contenitore che aveva
trovato era Mo ZiYuan. Il secondo era il padre di Mo ZiYuan. Quando la
Signora Mo aveva inveito contro il marito, quest’ultimo aveva agito
stranamente e l’aveva spinta via. Wei WuXian inizialmente aveva pensato
che l’avesse fatto perché stava soffrendo per la morte del figlio e che fosse
stanco dell’arroganza di sua moglie. Tuttavia, riflettendoci, non sembrava un
padre che aveva perso un figlio. Non era l’indifferenza di una persona priva
di speranze ma la tragica tranquillità che proveniva da una persona già
morta.
Il terzo contenitore era stato A-Tong e il quarto era la Signora Mo. Nella
confusione, quando le luci si erano spente improvvisamente, il braccio
fantasma si era trasferito sul suo corpo. Quando la Signora Mo era morta,
l’ultimo taglio sui polsi di Wei WuXian era scomparso.
I ragazzi del Clan Lan videro che, sebbene i talismani fossero inutili, i vestiti
invece funzionavano, e tutti decisero di usufruire dei loro soprabiti per
coprire il braccio sinistro. Gli strati di vestiti divennero come un bozzolo
bianco. Dopo un attimo, iniziarono a bruciare in un whoosh, creando un
anomalo inferno verde. Anche se per il momento funzionava, una volta che
le divise avrebbero smesso di bruciare, il braccio sinistro sarebbe riemerso
dalle ceneri. Mentre tutti erano distratti, Wei WuXian corse verso il Cortile
Ovest.
I dieci cadaveri ambulanti che erano stati soggiogati dai ragazzi erano
tranquillamente in cortile, sigillati dagli incantesimi sul terreno. Wei
WuXian colpì uno dei simboli distruggendo l’intera formazione. Applaudì
due volte. All’improvviso, con un sobbalzo, i bianchi occhi dei cadaveri si
girarono verso l’alto, come se fossero stati svegliati da un fulmine.
Wei WuXian parlò, “Svegliatevi. E’ ora di lavorare!”
Di solito non aveva bisogno di complessi incantesimi per controllare questi
cadaveri burattini. Bastava un comando diretto. I cadaveri di fronte a lui
percorsero alcuni passi tremanti. Tuttavia, quando si avvicinarono a Wei
WuXian, le loro gambe s’indebolirono e crollarono a terra, come dei veri
esseri umani.
Wei WuXian lo trovò divertente ma anche fastidioso. Batté di nuovo le mani,
questa volta più delicatamente. Tuttavia, questi cadaveri ambulanti
probabilmente erano nati nel Villaggio Mo ed erano anche morti lì, e non
avevano vissuto pienamente la loro vita. Seguivano istintivamente il
comando dell’evocatore ma, ne erano anche terrorizzati, così si erano distesi
a terra con la paura di alzarsi.
Più era crudele l’essere e migliore era il controllo che Wei WuXian aveva su
di lui. Questi cadaveri ambulanti non erano stati addestrati da lui e non
riuscivano a sopportare le sue manipolazioni dirette. Non aveva alcun
materiale, il che significava che non poteva creare subito uno strumento per
facilitare i cadaveri ambulanti. Non voleva neanche confonderli dovendo poi
assemblarli pezzo per pezzo. Le fiamme verdi nel Cortile Est si stavano
gradualmente attenuando. All’improvviso, Wei WuXian trovò una soluzione.
Perché sarebbe dovuto uscire per trovare una persona morta con un forte
risentimento e una personalità crudele?
Ne aveva a disposizione non solo uno ma diversi nella sala est!
Tornò di corsa nel Cortile Est. Quando la prima soluzione di Lan SiZhui fallì,
ne trovò una seconda. I discepoli tirarono fuori le loro spade e le piantarono
nel terreno, creando un recinto di spade. La mano fantasma si schiantò
contro il recinto, e utilizzarono tutta la loro energia nelle impugnature
affinché resistesse, senza prestare attenzione a chi stava entrando e uscendo.
Wei WuXian entrò nella sala est e afferrò i cadaveri della Signora Mo e di
Mo ZiYuan con entrambe le mani, poi parlò a bassa voce, “svegliatevi!”
In una frazione di secondo, gli occhi bianchi della Signora Mo e di Mo
ZiYuan si aprirono, e iniziarono ad emettere acuti e potenti urli che solo i
fantasmi feroci esalavano quando tornavano in vita.
Tra le urla, un altro cadavere tremò e si arrampicò, emettendo un basso e
debole strillo. Era il marito della Signora Mo.
Le urla e il risentimento erano abbastanza forti. Wei WuXian sorrise,
sentendosi abbastanza soddisfatto, “Riconoscete quella mano là fuori?”
Comandò, “Fatela a pezzi.”
I tre membri della famiglia Mo saltarono fuori come tre nuvole di vento
nero.
Il braccio sinistro spezzò una delle spade e stava per uscire, quando giunsero
tre crudeli cadaveri senza braccia sinistre.
Oltre a non essere in grado di sfidare il comando di Wei WuXian, anche la
famiglia detestava la creatura che li aveva uccisi e sfogarono la loro rabbia
sul braccio fantasma. L’attaccante principale era indubbiamente la Signora
Mo; i cadaveri femminili erano spesso particolarmente feroci dopo la
modifica. I suoi capelli erano sciolti e gli occhi erano iniettati di sangue. Con
le unghie che si erano moltiplicate di lunghezza, la schiuma agli angoli della
bocca e le grida che erano sufficienti a sollevare il soffitto, sembrava
estremamente bizzarra. Al suo seguito c’era Mo ZiYuan, che collaborava con
lei usando sia i denti sia le mani. Suo padre era l’ultimo e copriva i vuoti tra
gli attacchi degli altri due cadaveri. I ragazzi in difficoltà si ammutolirono
dallo stupore.
Avevano visto quelle battaglie tra cadaveri feroci solo nei libri e ne avevano
sentito parlare, e tutti rimasero a bocca aperta quando videro per la prima
volta questa scena sanguinolenta, incapaci di distogliere lo sguardo. Tutti
pensarono che fosse… davvero emozionante!
I tre cadaveri e il braccio erano nel bel mezzo di una lunga battaglia, quando
Mo ZiYuan fu colpito bruscamente. La sua zona addominale era stata
attaccata dal braccio, causando la fuoriuscita di alcuni frammenti del suo
intestino. A quella vista, la Signora Mo urlò incessantemente e cercò di
proteggere suo figlio nascondendolo dietro di sé. I suoi attacchi divennero
più violenti, la forza delle sue dita era quasi paragonabile a quella delle armi
d’acciaio e ferro. Tuttavia, Wei WuXian sapeva che sarebbe stata
gradualmente sopraffatta.
Persino tre cadaveri spietati morti di recente non riuscivano a sottomettere
un singolo braccio!
Wei WuXian stava guardando attentamente la battaglia. La sua lingua era
leggermente arricciata, sopprimendo un fischio tra le sue labbra, preparato a
rilasciarlo. Il fischio avrebbe evocato maggiore ostilità nei cadaveri crudeli,
rovesciando così la situazione. Tuttavia, sarebbe stato impossibile a quel
punto che nessuno notasse le sue azioni. In un battito di ciglia, il braccio si
mosse in un lampo, spezzando in modo spietato e preciso il collo della
Signora Mo.
Osservando come la famiglia Mo si stava avvicinando alla sconfitta, Wei
WuXian si preparò a soffiare il fischio che stava sopprimendo. Allo stesso
tempo, l’eco di uno strumento a corde si udì in lontananza.
Il suono era stato prodotto da un umano. Il timbro era chiaro ed
etereo, fresco stormire di pini si sente[1]. Le creature che
combattevano nel cortile s’irrigidirono quando udirono il timbro.
All’improvviso, i ragazzi della Setta GusuLan iniziarono a rallegrarsi, come
se fossero rinati. Lan SiZhui si asciugò il sangue dal viso e alzò la testa,
esclamando felice, “HanGuang-jun[2]!”
Non appena udì in lontananza i due accordi della cetra, Wei WuXian si voltò
e iniziò ad andarsene.
Si udì il suono di altri accordi. Questa volta, il tono era più alto, perforando il
cielo con amarezza. I tre crudeli cadaveri indietreggiarono e si coprirono le
orecchie con la mano destra. Tuttavia, era impossibile bloccare il tono
di Eradicazione[3] del clan Gusulan con simili mezzi. Avevano appena
indietreggiato di qualche passo che dal loro cranio si udirono leggeri rumori
di scoppi.
Poiché il braccio aveva già sostenuto una dura lotta, dopo aver sentito di
nuovo il suono delle corde, cadde immediatamente a terra. Sebbene le dita
continuassero a tremare, non riusciva a muoversi.
Dopo un breve momento di silenzio, i ragazzi non riuscirono a far altro che
rallegrarsi rumorosamente, celebrando la gioia di essere sopravvissuti
all’incidente. Avevano lottato per tutta l’esilarante notte, e i rinforzi del loro
clan erano finalmente giunti. Anche se rischiavano di essere puniti per
ragioni come “essere scortesi o fare rumore è dannoso per la reputazione del
clan”, a loro non importava.
Dopo aver osservato la luna, Lan SiZhui improvvisamente notò che
qualcuno era scomparso. Tirò Lan JingYi, “Dov’è?”
Lan JingYi era stato assorbito dall’allegria, “Chi? Quale?”
Lan SiZhui rispose, “Il Giovane Maestro Mo.”
Lan JingYi disse, “Hmm? Perché stai cercando quel pazzo? Chissà dove sarà
fuggito. Probabilmente era spaventato dalle mie minacce di colpirlo.”
” … ” Lan SiZhui sapeva che Lan JingYi era sempre stato negligente e diretto,
non era il tipo che rifletteva una seconda volta o sospettava di qualcuno.
Pensò, Aspetterò l’arrivo di HanGuang-jun e poi gli racconterò tutto.
Il villaggio Mo era ancora addormentato ma era difficile capire se si trattava
di una vera atmosfera dormiente. Sebbene il combattimento dei cadaveri
fosse stato un insieme di sangue e carneficina, gli abitanti del villaggio in
mattinata non si erano svegliati per assistere. Dopotutto, gli spettatori
dovevano imparare a scegliere quale fosse il giusto spettacolo a cui assistere.
E questo che coinvolgeva molte urla non era di certo quello più sicuro.
Wei WuXian eliminò tutte le prove dello schema sacrificale nella stanza di
Mo XuanYu il più velocemente possibile e corse fuori dalla porta.
Sfortunatamente, la persona giunta dal Clan Lan non era altri che Lan
WangJi!
Era una delle persone che aveva combattuto con lui in passato, quindi
doveva ritirarsi rapidamente. Aveva fretta di trovare una cavalcatura, e
mentre superava un cortile, vide una grande macina posta all’interno. Un
asino era legato al manico mentre mangiava. Quando lo vide precipitarsi
cautamente, sembrò sorpreso e lo guardò di traverso come un vero essere
umano. Wei WuXian lo fissò per un attimo e fu immediatamente colpito
dalla minuscola quantità di disprezzo che leggeva nei suoi occhi.
Cercò di afferrare la corda e tirarla ma l’asino si lamentò rumorosamente.
Wei WuXian usò sia le parole sia la forza per ingannarlo e portarlo in strada.
Quando giunse l’alba, all’orizzonte si avviarono sul sentiero principale.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 6 –


Arroganza – Parte Uno

 
Dopo solo pochi giorni, Wei WuXian comprese che non avrebbe potuto fare
una scelta più sbagliata.
L’asino che aveva raccolto per convenienza era troppo difficile da soddisfare.
Anche se era solo un asino, mangiava esclusivamente erba fresca ancora
bagnata dalle gocce di rugiada. Se la punta dell’erba era anche solo
leggermente macchiata di giallo, non la mangiava. Passando per una
fattoria, Wei WuXian rubò alcuni fasci di grano per darglieli come pasto ma,
dopo averli assaggiati, li aveva immediatamente sputati con uno ptoo, con
ancora più vigore di come avrebbe fatto un essere umano. Se non mangiava
cibo di alta qualità, perdeva il suo temperamento e iniziava dare calci. Aveva
già colpito Wei WuXian innumerevoli volte. Inoltre i suoi ragli erano orribili
all’ascolto.
Era inutile, sia come animale da cavalcare sia da compagnia!
Wei WuXian non poté fare a meno di pensare alla sua spada. Probabilmente
era stata raccolta dal capo di un clan di spicco per appenderla a un muro
come trofeo da mostrare agli altri.
Dopo averlo spinto e trascinato per alcuni isolati, la strada era giunta sul
vasto terreno agricolo di qualche villaggio. Sotto il sole bollente c’era un
grande albero della pagoda[1] ed era circondato da erba verde e folta.
Accanto all’albero c’era un vecchio pozzo con un barile e un mestolo sul lato,
posto lì dai contadini per permettere ai passanti di dissetarsi. L’asino corse
là e non valse a nulla cercare di fermarlo. Wei WuXian saltò giù e
schiaffeggiò le sue onorevoli natiche, “sei destinato alla ricchezza. Sei anche
più difficile da accontentare di me.”
L’asino gli sputò addosso.
Mentre vagavano senza meta, un gruppo di persone si avvicinò ai campi.
Portavano dei cesti di bambù fatti a mano e indossavano vestiti di cotone e
sandali di paglia, emettendo la tipica aria rustica degli abitanti dei villaggi
rurali. Nel gruppo c’era una ragazza con un viso tondo e delicato. Forse
avendo camminato troppo a lungo sotto il sole, erano intenzionati a
riposarsi all’ombra per abbeverarsi. Tuttavia, quando videro un asino
sfrenato legato all’albero e un pazzo pesantemente truccato con i capelli
arruffati, furono riluttanti a procedere oltre.
Wei WuXian era sempre stato cortese nei confronti delle donne, così si
spostò, liberando un po’ di spazio e lottando con l’asino. Quando
realizzarono la sua innocuità, le persone finalmente si avvicinarono a loro
agio. Erano tutti fradici di sudore e con le guance arrossate; alcuni si
facevano vento e altri bevevano. La ragazza si adagiò accanto al pozzo e
sorrise a Wei WuXian, probabilmente aveva compreso che si era spostato di
proposito.
Una delle persone aveva tra le mani una bussola. Guardò in lontananza, poi
abbassò lo sguardo dubbioso, “Siamo già ai piedi del Monte Dafan, quindi
perché il puntatore non si è ancora spostato?”
I disegni e il puntatore sulla bussola erano strani, e ciò indicava che non si
trattava di un normale oggetto. Non indicava il nord, il sud, l’est e l’ovest, ma
segnalava la posizione delle creature maligne; era anche nota come “Bussola
del Male”. Wei WuXian comprese che probabilmente si trattava di un umile
clan di coltivazione di campagna. Oltre ai facoltosi e ricchi clan, c’erano
anche quelli più piccoli come questo che mantenevano chiuse le  loro porte e
coltivavano da soli. Wei WuXian pensò che probabilmente avessero lasciato
il loro villaggio per far visita a un clan di parenti lontani o per una caccia
notturna.
L’uomo di mezza età che guidava il gruppo invitò le persone a bere e rispose,
“la tua bussola potrebbe essere rotta; ne prenderò un’altra dopo. Il Monte
Dafan è a meno di dieci miglia da noi, il che significa che non possiamo
riposarci troppo a lungo. Ci siamo affaticati per tutto il viaggio e se ci
rilassiamo ora, restando indietro, le altre persone potrebbero batterci sul
tempo e non ne sarebbe valsa la pena.”
Come previsto. Si trattava di una caccia notturna. Molti raffinati clan di
coltivazione chiamavano i viaggi per esorcizzare gli esseri malvagi “caccia”.
Poiché quelle creature apparivano per lo più di notte, la si definiva anche
“caccia notturna”. C’erano innumerevoli clan di coltivazione ma solo alcuni
erano famosi. Senza il contributo dei loro antenati, se un semplice clan
desiderava diventare famoso e ottenere rispetto nel mondo della
coltivazione, doveva dimostrare le proprie capacità. Solo se un clan fosse
riuscito a catturare un mostro feroce o un essere spaventoso, sarebbe
riuscito a farsi prendere in considerazione.
Questa era stata in origine l’area di competenza di Wei WuXian. Tuttavia,
durante i giorni di viaggio, aveva distrutto alcune tombe e trovato solo dei
piccoli fantasmi. Gli era capitato di aver bisogno di un soldato fantasma che
creasse problemi per lui, e aveva deciso di andare sulla Montagna di
Riso[2] per tentare la fortuna. Lo aveva catturato e utilizzato.
Dopo che il gruppo di persone finì di riposarsi, si preparò per proseguire.
Prima di andarsene, la ragazza dal viso tondo estrasse dal cesto una piccola
mela parzialmente matura e gliela porse, “Ecco qua.”
Wei WuXian allungò la mano per prenderla, sorridendo ampiamente, ma
l’asino aprì la bocca e la morse. Wei WuXian riprese immediatamente la
mela. Vedendo che l’asino desiderava tanto il frutto, ebbe una bella idea.
Raccolse un lungo bastone e una lenza da pesca e fissò all’estremità la mela
facendola dondolare davanti all’asino. L’animale non appena sentì il
profumo rinfrescante della mela di fronte a lui, volendo mangiarla, cercò di
inseguirla. Tuttavia era sempre a un centimetro di distanza da lui. La sua
velocità superò anche i migliori cavalli che Wei WuXian aveva  visto,
lasciandosi alle spalle solo polvere.
Senza fermarsi, Wei WuXian giunse a Dafan Shan prima di sera. Arrivato ai
piedi della montagna, finalmente capì che il “fan” non era ciò che lui
intendeva. Aveva adottato quel nome perché in lontananza, il monte
sembrava un gentile e paffuto Budda. Sotto il monte c’era una piccola
cittadina, chiamata Piedi del Budda.
Il numero di coltivatori che si era radunato in quel luogo era molto più
numeroso di quanto si aspettasse. Era un completo miscuglio di persone
appartenenti a varie sette e clan che passeggiavano per le strade, indossando
divise di vari colori quasi accecanti alla vista. Per qualche ragione, avevano
tutti un’aria angosciata. Nessuno rise di lui, anche se aveva un aspetto
strano.
Nel bel mezzo della lunga strada, un gruppo di coltivatori si era riunito e
parlavano tutti con un tono profondo. Le loro opinioni sembravano differire
molto. Anche da lontano, Wei WuXian riusciva a sentirli. All’inizio, tutto
andava bene ma improvvisamente si agitarono.
“…  penso che non ci siano delle Bestie o Spiriti che Consumano l’Anima
nella zona. E’ chiaro che nessuna Bussola del Male ha segnalato nulla.”
“Se non ci sono, allora come hanno fatto quelle sette persone a perdere le
loro anime? Non possono essere tutti affetti dalla stessa malattia, no? Io, ad
esempio, non ho mai sentito parlare di un simile malanno!”
“Anche se la Bussola del Male non segnala nulla, non significa che non c’è
niente nella zona. Può solo indicare una direzione approssimativa, senza
fornire nessun dettaglio, quindi non possiamo considerarla pienamente
attendibile. Forse c’è qualcosa che interferisce con la direzione del
puntatore.”
“Ricordi chi ha creato la Bussola del Male? Non ho mai sentito di qualcosa in
grado di interferire con la direzione del puntatore.”
“Cosa intendi? Stai insinuando qualcosa con quel tono? Certo, so che è stato
Wei Ying a creare la Bussola del Male. Tuttavia, le sue creazioni non sono
impeccabili. Non possiamo avere almeno il minimo dubbio?”
“Non ho mai detto che non puoi dubitarne, tanto meno che le sue creazioni
sono impeccabili, quindi perché mi stai accusando?”
E così, la loro discussione cambiò direzione. Wei WuXian li superò con il suo
asino, ridacchiando . Non si aspettava che dopo tanti anni la sua presenza
fosse ancora viva nelle conversazioni dei coltivatori. Era il cosiddetto ”
clamore causato da Wei”. Se fosse esistito un sondaggio per scoprire la
popolarità più duratura nel mondo della coltivazione, il vincitore sarebbe
stato nientemeno che Wei WuXian.
Ad essere onesti, il coltivatore non si sbagliava. La Bussola del Male in uso
ancora tutt’oggi era la prima versione che aveva realizzato e in effetti, non
era del tutto specifica. Stava per apportare dei miglioramenti quando la sua
“tana” era stata distrutta, quindi aveva dovuto mettere da parte tutto con
l’inconveniente di utilizzare la versione imprecisa.
Ad ogni modo, le creature che divoravano sangue e carne di solito erano di
basso livello, come i cadaveri ambulanti. Solo i più raffinati mostri o i
fantasmi di alto livello erano in grado di mangiare e digerire le anime.
Questo aveva mangiato sette persone in una sola volta, non c’era da stupirsi
che così tanti clan si fossero riuniti lì. Poiché la preda non era una questione
di poco conto, era inevitabile per la Bussola del Male commettere degli
errori.
Wei WuXian tirò le redini e saltò giù dall’asino. Prese la mela che aveva
tenuto di fronte all’animale per tutto il viaggio e i la pose davanti alla bocca,
“Un morso. Un solo morso… Humph, stavi cercando di mangiare anche la
mia mano?”
Diede alcuni morsi dall’altra parte della mela e la ficcò in bocca all’asino,
riflettendo su com’era giunto a condividere un frutto con un animale.
Quando, improvvisamente, qualcuno urtò contro la sua schiena. Si girò e
vide che si trattava di una ragazza. Anche se l’aveva urtato, non sembrava
essersene resa conto. I suoi occhi erano spenti e aveva un sorriso stampato
sul volto mentre fissava in lontananza senza battere ciglio.
Wei WuXian seguì lo sguardo e vide la densa cima del Monte Dafan.
All’improvviso, la ragazza iniziò a ballare di fronte a lui senza dire nulla.
La danza era selvaggia, con le braccia che ondeggiavano ferocemente. Wei
WuXian stava osservando lo spettacolo con vivo piacere quando una donna
si avvicinò, sollevando leggermente il suo vestito. Abbracciò la ragazza e
gridò: “A-Yan, torniamo indietro, torniamo indietro!”
A-Yan la spinse con forza, sorrise con aria inquietante e continuò a ballare.
La donna fu costretta a inseguirla per la strada, singhiozzando mentre
correva. Un venditore ambulante all’angolo parlò: “E’ terribile. A-Yan della
famiglia del fabbro Zheng è fuggita di nuovo.”
“Sarà stato orribile per sua madre. A-Yan, il marito della ragazza e suo
marito… tutti sono…”
Wei WuXian continuò a vagare in giro, collegando tutti gli strani eventi che
erano accaduti, raccogliendo le conversazioni di diverse persone.
Sul Monte Dafan c’era un cimitero. La maggior parte degli antenati dei
cittadini di Piedi del Budda erano stati sepolti lì e, a volte, vi ponevano anche
i cadaveri non identificati con una targa di legno. Qualche mese prima, in
una notte tenebrosa e tempestosa, il vento e la pioggia avevano causato il
crollo di una parte del Monte Dafan;  si trattava proprio del cimitero. Molte
delle tombe più vecchie erano state distrutte e alcune bare si erano aperte
dopo essere state colpite da un fulmine, carbonizzando i cadaveri e le bare.
I cittadini di Piedi del Budda si erano sentiti estremamente a disagio. Dopo
alcune preghiere, avevano ricostruito il cimitero, pensando che tutto sarebbe
andato bene. Tuttavia, da allora, le persone in città avevano iniziato a
perdere le loro anime.
Il primo era stato un fannullone. Un povero disgraziato che si dilettava a non
fare assolutamente nulla. Poiché amava camminare in montagna e catturare
uccelli, era rimasto bloccato sul monte durante la notte della frana. Era stato
spaventato a morte ma, fortunatamente, ne era uscito sano e salvo. La
singolarità era che dopo alcuni giorni improvvisamente si era sposato. Il suo
matrimonio era stato grandioso e aveva detto che desiderava essere
caritatevole da quel momento in poi e che sarebbe cambiato.
La notte del matrimonio era completamente ubriaco e dopo essersi sdraiato
nel letto, non si era più svegliato. La sposa non aveva ricevuto risposta
quando l’aveva chiamato. Solo dopo averlo spinto, aveva notato che lo sposo
aveva lo sguardo triste e il corpo freddo. Anche se respirava, era del tutto
simile a una persona morta. Dopo alcuni giorni passati giacendo nel letto,
senza né mangiare né bere, finalmente era stato sepolto. Sfortunatamente, la
sposa a diventata vedova poco dopo il matrimonio.
La seconda era stata A-Yan della famiglia del fabbro Zheng. La ragazza si era
appena fidanzata, tuttavia, il giorno dopo suo marito era stato ucciso da un
lupo mentre era a caccia in montagna. Dopo aver ricevuto la notizia, anche
lei era diventata inerte. Fortunatamente, dopo un po’ di tempo, la malattia
che le aveva portato via l’anima era guarita da sola. Tuttavia, in seguito era
impazzita, iniziando a ballare allegramente davanti alle altre persone
quando usciva.
Il terzo era stato il padre di A-Yan, il fabbro Zheng. Fino a quel momento ciò
era accaduto a ben sette persone.
Wei WuXian pensò alla situazione e dedusse che probabilmente si trattava
di uno Spirito che Consuma l’Anima, e non di una Bestia che Consuma
l’Anima.
Sebbene a differirli c’era solo una parola, i due esseri erano completamente
diversi. Uno spirito era un fantasma, mentre una bestia era un mostro.
Probabilmente, la frana aveva distrutto una tomba antica e quando il
fulmine aveva aperto la bar uno spirito si era risvegliato dal suo riposo. Solo
esaminando la bara e la presenza di eventuali sigilli posti su di essa avrebbe
potuto capire se il caso fosse quello. Tuttavia, gli abitanti di Piedi del Budda
avevano già seppellito le bare carbonizzate da qualche altra parte e
depositato di nuovo i cadaveri, il che significava che non avrebbe trovato
molte prove.
Per risalire il monte bisognava fare un’escursione che partiva dalla città. Wei
WuXian salì sul suo asino e cavalcò lentamente sulla collina. Dopo un po’,
vide alcune persone camminare con delle espressioni sinistre dipinte sui
loro volti.
Alcuni avevano delle cicatrici sul viso e parlavano tutti
contemporaneamente. Con il cielo sempre più scuro, sobbalzarono tutti
quando videro una persona che sembrava un fantasma impiccato avvicinarsi
a loro. Dopo avere imprecato, lo superarono velocemente. Wei WuXian girò
la testa e pensò, Forse sono frustrati perché è una preda forte? Non ci
rifletté troppo e schiaffeggiò le natiche dell’asino, salendo velocemente verso
il monte.
Casualmente, non sentì il piagnucolio del gruppo che si udì subito dopo.
“Non ho mai visto nessuno così!”
“Un capo di una grande setta ha davvero bisogno di combattere con noi per
uno Spirito che Consuma l’Anima? Probabilmente ne ha uccisi a tonnellate
quando era giovane.”
“Cos’altro possiamo fare? E’ un Capo Setta. A prescindere dal clan che vuoi
offendere, non devi mai insultare il Clan Jiang. E, se vuoi denigrare
qualcuno, non dovrai mai scegliere Jiang Cheng. Facciamo i bagagli e
andiamo via, non possiamo far altro che provare dispiacere per noi stessi!”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 7 –


Arroganza – Parte Due
 

Con l’arrivo della sera avrebbe avuto bisogno di una torcia per muoversi
liberamente nella foresta della montagna. Wei WuXian camminò per un po’
ma non incontrò molti coltivatori. Era piuttosto sorpreso,  possibile che
metà dei clan giunti a Piedi del Budda discutevano e parlavano a vuoto,
mentre l’altra metà è riuscita solo a tornare sconfitta come il gruppo che
ho appena visto?
All’improvviso, di fronte a lui giunsero delle grida di aiuto.
“C’è nessuno?”
“Aiutateci!”
Erano sia voci maschili sia femminili, sembravano in preda al panico e non
stavano fingendo. Sulle montagne desolate di solito erano le creature
spietate a generare grida di aiuto per attrarre ignare persone nelle trappole.
Eppure, Wei WuXian era molto felice.
Peggiore era la creatura, e migliore sarebbe stata per lui!
Guidò l’asino verso la direzione delle voci ma non riuscì a trovare nulla.
Quando guardò verso l’alto, invece degli spiriti o dei mostri, vide le persone
del clan rurale che aveva incontrato in precedenza nel campo, sospesi sugli
alberi in un’enorme rete dorata.
In precedenza, l’uomo di mezza età stava pattugliando ed esplorando la
foresta con pochi altri. Tuttavia, invece di incontrare la preda che avevano
sperato, erano finiti in una trappola, probabilmente creata da un clan
benestante. Ecco perché erano sospesi sugli alberi, lamentandosi e
chiedendo aiuto.
Quando avevano notato una persona avvicinarsi, si erano rallegrasti
immediatamente ma la speranza svanì quando videro che si trattava di un
lunatico. Anche se i fili della Rete Vincolante Divina erano sottili, il
materiale era di buona qualità e difficile da rompere. Non importava se si
trattava di un umano, un dio, un demone, uno spirito o mostro, l’intruso
avrebbe impiegato un po’ di tempo prima di riuscire a liberarsi potendo
essere rotta solo da uno strumento magico superiore. Il pazzo probabilmente
non sapeva neppure cosa fosse, quindi non poteva aiutarli.
Stava per chiamare qualcun altro per soccorrerli, quando sentì uno
scricchiolio di rami e foglie, qualcuno si stava avvicinando. Un ragazzo con
una veste chiara emerse dall’oscura foresta.
Il ragazzo aveva un marchio vermiglio[1] sulla fronte e dei lineamenti
delicati ma taglienti. Era piuttosto giovane, aveva circa l’età di Lan SiZhui ed
era ancora nel pieno dell’adolescenza. Portava sulla schiena una faretra di
bambù con delle frecce piumate, una spada luminosa, e tra le mani reggeva
un lungo arco. La decorazione dei suoi abiti era molto delicata, sul suo petto
c’era una magnifica peonia bianca. I fili dorati luccicavano tra le ombre scure
della notte che lo circondava.
Wei WuXian esclamò silenziosamente, “E’ così benestante!”
Doveva trattarsi di un giovane maestro che studiava nella Setta LanlingJin,
essendo l’unica setta ad avere una peonia bianca come stemma; usavano il
sovrano di tutti i fiori per indicare il loro dominio su tutti i coltivatori. Il
significato del marchio vermiglio era di “aprire le porte alla saggezza e agli
ideali, illuminando il mondo con la luce vermiglia.”
Il giovane maestro aveva già una freccia sul suo arco e stava per scoccarla,
quando comprese che la Rete Vincolante Divina aveva catturato solo degli
umani. Dopo un primo momento di delusione, si sentì infastidito, “Continuo
a trovare voi stupidi idioti. Ci sono più di quattrocento Reti Vincolanti
Divine sul monte ma voi ne avete già rotto una decina e non ho ancora visto
la preda!”
Wei WuXian pensò di nuovo, “E’ così benestante!”
Una singola Rete Vincolante Divina era già costosa ma lui ne aveva poste
quattrocento in una sola volta. Un piccolo clan sarebbe finito sul lastrico
dopo averne comprate così tante ma, naturalmente, questa era la Setta
LanlingJin. Nonostante ciò, sprecare le Reti Vincolanti Divine senza
preoccuparsi di ciò che avrebbero catturato, non era da considerarsi una
vera caccia notturna. In quel modo stava cacciando le persone, non
permettendo agli altri di dare un contributo. Probabilmente, anche i
coltivatori che aveva visto in precedenza non si erano ritirati a causa della
preda complicata ma piuttosto perché non volevano provocare l’ira di quella
setta.
Dopo aver viaggiato lentamente per alcuni giorni e aver ascoltato le
intriganti conversazioni di Piedi del Budda, Wei WuXian era riuscito a
raccogliere molte informazioni sui cambiamenti avvenuti nel mondo della
coltivazione. Essendo il vincitore del disastro culturale centennale, la Setta
LanlingJin era diventata il capo di tutte le Sette e dei Clan, il suo leader era
considerato il “comandante” di tutti i coltivatori.
Inoltre, il Clan Jin era arrogante, ammiratore dello stravagante splendore.
Dopo anni al vertice e continuando a rafforzare la setta, aveva istruito tutti i
discepoli a fare tutto ciò che desideravano. Anche un clan lievemente più
debole doveva sottostare alla loro umiliazione, tanto meno un simile clan
rurale. Questo era il motivo per cui, sebbene le persone intrappolate nelle
reti fossero rosse di rabbia per le affermazioni meschine del ragazzo, non
riuscivano a rispondere.
L’uomo di mezza età disse con pazienza, “Per favore, giovane maestro, ci
faccia questo piccolo favore permettendoci di scendere.”
Il ragazzo era inquieto a causa dell’ansia, poiché la sua preda non era ancora
giunta. E trovò, quindi, utile indirizzare la sua rabbia sugli zotici di
campagna. Incrociò le braccia, “Resterete qui, nel caso continuaste ad
andare in giro finendo di nuovo sulla mia strada! Vi farò scendere dopo aver
catturato la Bestia che Consuma l’Anima, sempre se mi ricorderò di voi.”
Restando sugli alberi per tutta la notte, nel caso si fossero imbattuti nella
creatura che infestava il Monte Dafan, non avendo la possibilità di muoversi,
tutto ciò che avrebbero potuto fare era  aspettare che le loro anime fossero
risucchiate. La ragazza dal viso tondo che aveva dato la mela a Wei WuXian
si spaventò e iniziò a piangere. Inizialmente, Wei WuXian era seduto a
gambe incrociate sull’asino ma, quando udì i singhiozzi, le lunghe orecchie
dell’animale tremarono e improvvisamente balzò in avanti.
Dopo il salto ne conseguì un lungo ragliare. Senza quell’orribile suono, con il
suo quasi inarrestabile vigore, avrebbero potuto scambiarlo per un cavallo
purosangue. Essendo impreparato, Wei WuXian era stato gettato via dalla
schiena dell’animale e nella caduta si era quasi ferito la testa. L’asino era
corso caricando a testa bassa contro il ragazzo, intenzionato forse a
spingerlo via. La freccia del giovane era ancora in bilico, aveva girato quindi
l’arco verso la sua direzione. Wei WuXian non era intenzionato a cercare una
nuova cavalcatura tanto presto, quindi aveva tirato rapidamente le redini. Il
ragazzo lo guardò, un’espressione scioccata comparve improvvisamente sul
suo viso.
Dopo un secondo. Lo shock si tramutò in sdegno. La sua bocca si contrasse,
“Allora sei tu.”
Nel suo tono percepiva un venti percento di sorpresa e oltre l’ottanta
percento di disgusto, facendo strizzare gli occhi di Wei WuXian. Il ragazzo
parlò di nuovo, “Hai perso la testa quando sei tornato al tuo villaggio? Come
possono farti uscire con una simile aria da pazzo?”
Aveva davvero sentito un dettaglio così importante?
Possibile che, Wei WuXian improvvisamene realizzò, Il padre di Mo
XuanYu non era un capo di una piccola setta, ma il famoso Jin
GuangShan?
Jin GuangShan era il precedente capo della Setta LanlingJin poiché era già
morto. Per quanto riguardava quell’uomo, una semplice frase avrebbe
potuto raccontare l’intera storia. Aveva una moglie risoluta proveniente da
una famiglia importante e, in effetti, tutti sapevano che era spaventato da lei.
Tuttavia, nonostante la sua paura, ciò non gli aveva mai impedito di
frequentare le altre donne. Indipendentemente da quanto fosse risoluta la
Signora Jin, era impossibile per lei seguirlo ventiquattro ore su ventiquattro.
Pertanto, da donne di status distinti a prostitute delle zone rurali, se aveva
l’occasione di posare le mani su di loro, di certo non si lasciava scappare
l’occasione. E sebbene avesse relazioni casuali e amoreggiava con tutti,
avendo una quantità innumerevole di figli illegittimi, era il tipo che si
annoiava facilmente.
Dopo essersi stancato di una donna, finiva per dimenticarsi completamente
di lei, senza assumersi la minima responsabilità. Tra tutti i suoi figli
illegittimi, ce n’era solo uno che si era dimostrato eccezionalmente
talentuoso e che aveva deciso di portare con sé, era l’attuale capo della Setta
LanlingJin, Jin GuangYao. Inoltre, Jin GuangShan non era morto con onore.
Nonostante la sua età avanzata era energico. Così aveva deciso di sfidare la
sorte divertendosi con un gruppo di donne. Tuttavia, per sua sfortuna, aveva
fallito ed era morto durante l’atto. Ciò era stato troppo umiliante e così la
Setta LanlingJin aveva annunciato pubblicamente che il vecchio capo era
morto a causa dell’eccessivo lavoro. Tutti gli altri clan decisero di tacere,
fingendo di non sapere nulla. Ad ogni modo, quelle erano le vere ragioni
della sua “fama”.
Durante l’assedio dei Tumuli Sepolcrali, oltre a Jiang Cheng, Jin GuangShan
era stato il secondo più grande collaboratore. E ora, Wei WuXian aveva
preso il corpo del figlio illegittimo. Non sapeva se ora potevano considerarsi
pari.
Notando la sua aria distratta, il ragazzo si irritò ancora di più, “Vattene! E’
disgustoso anche solo guardarti, dannato omosessuale!”
In termini di generazioni, probabilmente Mo XuanYu era più grande del
ragazzo, forse avrebbe potuto avere l’età per essergli zio. Dopo aver subito
una tale umiliazione da un simile ragazzino, Wei WuXian pensò che anche
se non era per il suo bene, doveva almeno restituire l’offesa per il corpo di
Mo XuanYu, “Che atteggiamento! Non hai ricevuto l’educazione da tua
madre?”
Sentendo quelle parole, due furiose fiamme si accesero negli occhi del
ragazzo. Sfoderò la spada sulla sua schiena e lo minacciò, “Cosa… hai detto?”
La lama della sua spada brillava di una luce dorata. Era un’arma di alta
qualità, la maggior parte dei clan probabilmente non avrebbe avuto la
possibilità di possederne neanche una piccola parte, anche risparmiando per
tutta la vita. Wei WuXian la esaminò attentamente, per qualche motivo la
spada gli era familiare. Ai tempi, nei suoi anni d’oro, aveva visto molte spade
di prima qualità. Non ci pensò troppo e cominciò a cercare in una piccola
borsa di stoffa che aveva tra le mani.
Si trattava di una “Borsa Blocca Spirito” che aveva creato qualche giorno
prima, usando degli scarti e delle parti di oggetti. Mentre il ragazzo brandiva
la spada avvicinandosi a lui, pescò un pezzo di carta a forma di figura umana
dalla Borsa Blocca Spirito. Si spostò di lato, evitando l’attacco e applicando il
foglio sulla schiena dell’avversario.
I movimenti del ragazzo erano piuttosto veloci ma, Wei WuXian era abituato
a “far inciampare qualcuno, incollandogli un talismano sulla schiena”, il che
significava che era lui il più svelto. All’improvviso, il ragazzo sentì il proprio
torace intorpidirsi, la schiena indebolirsi e involontariamente crollò a terra,
la spada cadde di lato con un clank. Non riusciva ad alzarsi nonostante i suoi
sforzi. Era come se fosse stato sepolto da una montagna. Sulla sua schiena,
c’era un fantasma che era morto d’ingordigia e lo stava comprimendo al
punto da non riuscire nemmeno a respirare. Sebbene lo spettro fosse debole,
era in grado di affrontare un simile moccioso. Wei WuXian raccolse la
spada, la valutò tra le sue mani e si diresse verso la Rete Vincolante Divina,
dividendola a metà.
La famiglia cadde a terra in modo imbarazzante e si allontanò senza dire
nulla. La ragazza dal viso tondo sembrava intenzionata a ringraziarlo ma fu
trascinata via dall’anziano, poiché aveva paura che il Giovane Maestro Jin li
avrebbe odiati ancora di più. Il ragazzo a terra stava fumando di rabbia,
“Dannato omosessuale! Buon per te, hai deciso di intraprendere questo
genere di cattiva strada perché non avevi abbastanza poteri spirituali da fare
altro! Fai attenzione alla tua vita! Sai chi è venuto oggi? Oggi, io… “
Anche se il metodo di coltivazione che utilizzava in passato era spesso
criticato e, con il tempo, danneggiava la salute del coltivatore, poteva essere
padroneggiato rapidamente. Era particolarmente invitante perché non
c’erano limiti al potere o al talento spirituale del coltivatore, quindi molte
persone lo praticavano segretamente come scorciatoia. Il ragazzo pensava
che, dopo la sua espulsione dalla Setta LanlingJin, Mo XuanYu avesse scelto
di intraprendere un tale percorso disonorevole. Era una conclusione
ragionevole che avrebbe potuto salvare Wei WuXian da molti problemi.
Il ragazzo spinse a terra ma, non riuscì a rialzarsi neppure dopo alcuni
tentativi. Il suo viso era scarlatto e stringeva i denti, “Se non ti fermerai, lo
dirò a mio zio e dovrai solo aspettare la tua morte!”
Wei WuXian chiese, “Perché tuo zio, e non tuo padre? Inoltre, chi è tuo zio?
All’improvviso udì una voce alle sue spalle, era fredda e pungente.
“Sono io suo zio. Vuoi dire delle ultime parole?”
Sentendo quella voce, tutto il sangue nel corpo di Wei WuXian gli arrivò alla
testa, per poi evaporare un momento dopo. Per fortuna, il suo viso era già
completamente bianco. Una tonalità ancora più pallida non avrebbe fatto
troppa differenza.
Un giovane che indossava degli abiti viola si avvicinò con un atteggiamento
sicuro, la sua veste jianxiu[2] scendeva dolcemente e la sua mano premeva
sull’elsa della spada. Una campana d’argento pendeva alla sua vita, anche se
non emetteva alcun suono mentre camminava.
Il giovane aveva delle sopracciglia sottili e gli occhi a mandorla. I suoi
lineamenti erano belli in un modo affilato, e gli occhi avevano un vigore
composto, in cui si leggeva la sua intenzione di attaccarlo. Mentre lo
fissavano, sembravano due lampi. Si trovava a dieci passi da Wei WuXian,
con un’espressione paragonabile ad una freccia affilata pronta a scoccare da
un momento all’altro. Persino la sua postura emetteva un’aria di arroganza e
di eccessiva sicurezza.
Si accigliò, “Jin Ling, perché ti sei fermato così a lungo? Avevi bisogno che
venissi a prenderti? Guarda in che terribile situazione sei finito, alzati!”
Dopo il suo iniziale torpore mentale, Wei WuXian comprese velocemente
cosa stava succedendo. Arricciò un dito e cercò di ritirare il pezzo di carta.
Jin Ling sentì la schiena alleggerirsi e immediatamente rotolò su, afferrando
anche la sua spada. Si spostò accanto a Jiang Cheng e indicò Wei WuXian
con un tono accusatorio, “Ti spezzerò le gambe!”
Mentre lo zio e il nipote erano in piedi l’uno accanto all’altro, era chiaro che
condividevano una certa somiglianza. Era possibile scambiarli per fratelli.
Jiang Cheng compì un gesto con le dita e la figura di carta volò rapidamente
dalla mano di Wei WuXian finendo nella sua. Dopo aver dato un’occhiata,
un’espressione ostile si dipinse sul suo viso. Strinse la mano a pugno e il
foglio prese fuoco, riducendosi in polvere tra le urla degli spiriti oscuri.
Jiang Cheng parlò con un tono cupo, “Spezzare le gambe? Non te l’ho già
detto? Se ti capita di affrontare questa sorte di malvagia e distorta pratica,
devi uccidere il coltivatore e darlo da mangiare ai tuoi cani!”
Wei WuXian non provò neanche ad afferrare il suo asino, cercò solo di
indietreggiare rapidamente. Pensava che, dopo tanti anni, tutto l’odio che
Jiang Cheng provava per lui ormai fosse già dissolto da molto tempo.
Tuttavia, non si aspettava che non solo non fosse sparito, addirittura era
finito per rafforzarsi, come un vaso[3] di alcolici invecchiato. Ora, il suo
odio era accresciuto fino a colpire anche le persone che coltivavano la sua
stessa strada!
Con il sostegno di qualcuno, gli attacchi di Jin Ling divennero più aggressivi.
Wei WuXian fece scivolare due dita nella Borsa Blocca Spirito, era in
procinto di estrarre qualcosa, quando improvvisamente il bagliore blu di una
spada giunse in un lampo. Si scontrò con la spada di Jin Ling, infrangendo
in un istante il potente barlume dorato dell’arma.
Non era a causa delle qualità delle spade ma, piuttosto per la grande
disparità di potenza delle persone che le maneggiavano. Wei WuXian stava
calcolando il tempismo in cui attaccare ma, i suoi movimenti furono
improvvisamente interrotti dal bagliore della spada, facendolo inciampare.
Cadde a terra, proprio sopra a un paio di stivali bianchi come la neve. Dopo
una breve pausa, sollevò lentamente la testa.
Ciò che vide a prima vista fu una lama lunga e sottile, cristallina e nitida,
come se fosse fatta di ghiaccio.
Nel mondo della coltivazione, quella era una delle spade più famose. Wei
WuXian aveva sperimentato la sua forza innumerevoli volte, sia nelle
battaglie combattute al suo fianco sia come avversario. L’elsa della spada era
forgiata con l’argento puro, raffinato con tecniche segrete. La lama era
estremamente sottile, quasi trasparente, ed emetteva gelidi aliti di ghiaccio e
neve. Tuttavia, allo stesso tempo, era in grado di tagliare il ferro come fango.
Per questo motivo, sebbene la spada apparisse leggera, come se potesse
volare via da un momento all’altro, era in realtà molto pesante e una persona
normale era incapace di brandirla.
Il suo nome era “Bichen”.
La lama ritornò indietro e il clank della spada che entrava nel fodero risuonò
sopra Wei WuXian. Allo stesso tempo, la voce di Jiang Cheng riecheggiò in
lontananza, “Mi stavo proprio chiedendo di chi si trattasse. Allora sei tu,
Secondo Giovane Maestro Lan.”
Gli stivali bianchi superarono la figura di Wei WuXian e con calma
avanzarono di tre passi. Wei WuXian sollevò la testa e si rialzò. Mentre lo
oltrepassava, le loro spalle si sfiorarono leggermente e per un breve istante i
loro sguardi s’incontrarono, fingendo che il gesto non fosse intenzionale.
La sua aura era simile alla dolce luce lunare. Il Guqin a sette corde che
portava sulla schiena era più sottile di molti altri. La cassa armonica era
nera, realizzata con il legno di una tonalità tenue.
L’uomo indossava un nastro sulla fronte con il motivo a nuvola. La sua pelle
era chiara, aveva delle caratteristiche raffinate ed eleganti, come un pezzo di
giada raffinata. Il colore dei suoi occhi era particolarmente chiaro, come se
fossero fatti di vetro colorato, rendendo il suo sguardo alquanto distante. La
sua espressione sembrava composta di gelo e neve, severa fino al punto da
risultare rigida. Restò incrollabile anche alla vista del ridicolo viso di Wei
WuXian.
Non c’era una sola traccia di polvere o pieghe sulla sua figura, dalla testa ai
piedi. Era impossibile trovare dei difetti nel suo aspetto. Tuttavia,
nonostante ciò, tre parole in maiuscolo balzarono nella mente di Wei
WuXian.
Abiti da lutto!
Sembravano davvero degli abiti da lutto. Sebbene tutti i clan del mondo
della coltivazione usassero parole stravaganti definendo l’uniforme della
Setta GusuLan come la più bella e Lan WangJi una bellezza incomparabile
che appariva solo durante la luna blu, nulla poteva risolvere il problema
dell’amara espressione del suo viso che lo faceva apparire come se fosse a
lutto per la defunta moglie.
Durante un anno sfortunato, i nemici finivano sempre per imbattersi sullo
stesso cammino; le buone notizie viaggiavano sempre da sole ma un disastro
ne seguiva un altro… quella era la situazione attuale.
Lan WangJi rimase in silenzio, fissando dritto davanti a sé, restando
immobile di fronte a Jiang Cheng. Jiang Cheng era eccezionalmente bello
ma, ora che erano l’uno di fronte all’altro, sembrava essere di qualche grado
inferiore. Sollevò un sopracciglio e disse, “HanGuang-Jun, sei davvero
all’altezza della reputazione di ‘essere ovunque ci sia il caos’. Oggi, quindi,
hai trovato il tempo di recarti in questa zona remota?”
I potenti coltivatori dei clan di spicco solitamente non prestavano attenzione
alle prede di livello inferiore. Tuttavia, Lan WangJi era un’eccezione. Non si
preoccupava mai di prendere la preda di una caccia notturna e non si
rifiutava di andarci solo perché la creatura non era abbastanza minacciosa
da aumentare la sua fama. Se qualcuno aveva bisogno di aiuto, lui sarebbe
giunto lì. Era così fin da quando era giovane. “Essere ovunque c’è il caos” era
il modo in cui lo valutava la gente nelle sue cacce notturne, lodandolo per il
suo comportamento onesto. Tuttavia, in quel momento, Jiang Cheng non
sembrò molto educato mentre pronunciava quelle parole con un simile tono.
Persino i giovani al seguito di Lan WangJi non apparvero a loro agio nel
sentirlo.
Lan JingYi fu diretto, “Non è giunto qui anche il Capo Setta Jiang?”
Jiang Cheng rispose con un tono cupo, “Tsk, pensi davvero di poter
intervenire quando i tuoi senior stanno conversando? La Setta GusuLan è
sempre stata conosciuta per la sua condotta rispettosa. E’ davvero così che
educhi i tuoi discepoli?”
Lan WangJi non sembrava intenzionato a lasciarsi coinvolgere in una
conversazione, lanciò un’occhiata a Lan SiZhui. Quest’ultimo capì e disse ai
ragazzi di parlare tra loro. In seguito, si riferì a Jin Ling, “Giovane Maestro
Jin, le cacce notturne sono sempre state competizioni leali tra i diversi clan e
sette. Tuttavia, spargere reti per tutto il Monte Dafan è chiaramente un
ostacolo per i coltivatori che finiscono per cadere nelle trappole. Non è
contro le regole delle cacce notturne?”
L’espressione minacciosa di Jin Ling era identica a quella dello zio, “Cosa
posso farci? E’ colpa loro se hanno calpestato le trappole. Risolverò tutto
quando avrò catturato la preda.”
Lan WangJi si accigliò. Jin Ling stava per parlare di nuovo ma,
improvvisamente si rese conto, scioccato, di non poter aprire la bocca né
emettere suoni. Vedendo che le labbra di Jin Ling non si separavano come se
fossero state incollate, la rabbia divampò sul volto di Jiang Cheng. Scacciò
l’atteggiamento superficiale che aveva adottato in precedenza, “Tu, con il
cognome Lan! Che cosa significa questo? Educare Jin Ling non è il tuo
compito, quindi sciogli l’incantesimo, ora!”
L’incantesimo del silenzio era utilizzato dalla Setta Lan per rimproverare i
discepoli. Wei WuXian era stato vittima di quel trucco molte volte. Sebbene
non fosse nulla di complicato o oscuro, solo le persone del Clan Lan erano in
grado di utilizzarlo. Nel caso si provava a parlare con la forza, come risultato
le labbra si laceravano o la gola diveniva rauca per qualche giorno. L’unica
soluzione era di restare in silenzio e riflettere sui propri errori fino a quando
il limite di tempo della punizione non finiva. Lan SiZhui disse, “Capo Setta
Jiang, non c’è bisogno di arrabbiarsi. Se non romperà l’incantesimo con la
forza, si scioglierà da solo dopo trenta minuti.”
Prima che Jiang Cheng aprisse la bocca per parlare, un uomo vestito di
porpora con l’uniforme della Setta Jiang corse nella loro direzione dalla
foresta. Urlò, “Capo Setta!” Tuttavia, dopo aver notato la presenza di Lan
WangJi, esitò. Jiang Cheng parlò con un tono sarcastico, “Parla. Ci sono
altre cattive notizie?”
L’uomo parlò a bassa voce, “Non molto tempo fa, una spada blu volante ha
distrutto le Reti Vincolanti Divine che lei aveva predisposto.”
Jiang Cheng lanciò un’occhiata a Lan WangJi, un’aria infastidita ricoprì
tutto il suo volto, “Quante ne ha rotte?”
L’uomo rispose con attenzione, “… tutte.”
Erano più di quattrocento!
Jiang Cheng stava ribollendo di rabbia.
Non si aspettava che il viaggio sarebbe stato così sfortunato. In origine, era
venuto per aiutare Jin Ling visto che quell’anno avrebbe compiuto quindici
anni. Essendo l’età del suo debutto, doveva quindi iniziare a competere con i
giovani degli altri clan. Jiang Cheng aveva considerato attentamente la sua
decisione prima di scegliere il Monte Dafan come luogo di caccia. Aveva
anche messo le reti ovunque e minacciato i coltivatori degli altri clan,
mostrando loro le conseguenze per spingerli a ritirarsi, così che Jin Ling
potesse prendere il primo premio senza dover combattere con nessuno.
Anche se quattrocento Reti Vincolanti Divine erano un grande costo, non era
troppo alto per la Setta YunmengJiang. Nondimeno, perdere le reti era solo
un piccolo problema ma, perdere la reputazione non lo era. A causa delle
azioni di Lan WangJi, Jiang Cheng sentì un vortice di rabbia in fondo al suo
cuore che accresceva di secondo in secondo. Socchiuse gli occhi, la sua mano
sinistra accarezzò casualmente l’anello sull’indice della mano destra.
Quello era un pericoloso presagio.
Tutti sapevano che l’anello era un’arma magica minacciosa e potente. Ogni
volta che il Capo Setta Jiang iniziava a toccarlo, significava che stava
provando un intento omicida.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 8 –


Arroganza – Parte Tre
 
Tuttavia, dopo averlo sfiorato per un po’, Jiang Cheng s’impose di frenare la
sua ostilità.
Sebbene fosse scontento, in quanto Capo di una Setta, doveva prendere in
considerazione diverse questioni. Ciò significava che non poteva agire
impulsivamente come Jin Ling. Dopo la caduta della Setta QingheNie, tra le
Tre Grandi Sette, la Setta LanlingJin e la Setta GusuLan erano piuttosto
vicine grazie alla relazione personale tra i due leader. Guidando da solo la
Setta YunmengJiang, era già in una situazione sfavorevole. HanGuang-jun,
o Lan WangJi era un coltivatore piuttosto prestigioso, mentre suo fratello
maggiore ZeWu-Jun, o Lan XiChen, era il Capo della Setta GusuLan. I due
fratelli erano sempre stati in buoni rapporti, quindi non era opportuno
discutere apertamente con Lan WangJi.
Inoltre, la spada di Jiang Cheng, “Sandu[1]” non aveva mai avuto un vero
contatto con la spada di Lan WangJi “Bichen[2]“, e non avevano ancora
stabilito quale mano avrebbe ucciso il cervo[3]. Anche se era in
possesso del potente anello “Zidian[4]“, un suo cimelio di famiglia, anche il
Guqin di Lan WangJi, “WangJi[5]” era conosciuto per le sue abilità. Ciò
che odiava di più Jiang Cheng era di ritrovarsi in svantaggio durante un
combattimento. Senza la totale fiducia nel suo successo, non avrebbe mai
preso in considerazione la possibilità di combattere con Lan WangJi.
Jiang Cheng lentamente allontanò la sua mano sinistra, smettendo di
accarezzare il suo anello. Se Lan WangJi era davvero determinato a
prendere parte a quella faccenda, allora non gli sarebbe stato d’aiuto
continuare a recitare il ruolo di antagonista. Jiang Cheng decise, per il
momento, di essergli debitore e si voltò verso Jin Ling che si copriva ancora
la bocca con rabbia, “HanGuang-jun vuole punirti, quindi permettiglielo per
questa volta. Non è facile per lui educare i giovani degli altri clan”.
Il suo tono era sarcastico ma non era chiaro chi stesse prendendo in giro.
Lan WangJi non cercò di vincere in quello scontro di parole, e finse di non
aver sentito. Jiang Cheng si voltò di nuovo, le sue parole era ricoperte di
spine, “Perché sei ancora fermo lì? Stai aspettando che la preda giunga qua e
si getti sulla tua spada? Se oggi non catturerai la creatura cacciando sul
Monte Dafan, non venire più da me!”
Jin Ling lanciò un’occhiata ostile a Wei WuXian, ma era troppo spaventato
per guardare Lan WangJi, la persona che l’aveva messo a tacere. Ripose la
spada, salutò i due senior e si ritirò con l’arco tra le mani. Lan SiZhui disse,
“Capo Setta Jiang, la Setta GusuLan ripagherà il numero esatto di Reti
Vincolanti Divine che sono state distrutte.”
Jiang Cheng sogghignò, “Non ce n’è bisogno.” Scelse la direzione opposta e
s’incamminò con calma. L’uomo che era giunto dalla foresta lo seguì con
un’espressione abbattuta, poiché sapeva che sarebbe stato impossibile
evitare una predica al suo ritorno.
Dopo che le loro figure scomparvero, Lan JingYi parlò, “Come può un Capo
di una Setta comportarsi così?” Solo dopo, ricordò la regola del Clan Lan di
non parlare alle spalle degli altri. Guardò umilmente HanGuang-jun e chiuse
la bocca. Lan SiZhui sorrise dolcemente a Wei WuXian, “Giovane Maestro
Mo, ci rincontriamo.”
Mentre Wei WuXian alzava gli angoli della bocca, Lan WangJi parlò di
nuovo, “Svolgete i vostri doveri.” Il comando era semplice e chiaro, senza
nessun fantasioso vocabolo come decorazione.
Alla fine i giovani ricordarono la ragione per cui erano giunti sul Monte
Dafan. Raccolsero i loro pensieri e attesero rispettosamente ulteriori
istruzioni. Dopo un momento, Lan WangJi parlò di nuovo, “Fate ciò che
potete. Non forzatevi in nulla.”
La voce era profonda e seducente. Il cuore di chiunque, alla sola vicinanza,
sarebbe rabbrividito. I giovani risposero educatamente, timorosi di
indugiare troppo a lungo, e s’inoltrarono nelle profondità della foresta. Wei
WuXian pensava che, innegabilmente, Jiang Cheng e Lan Zhan fossero
estremamente diversi l’uno dall’altro. Perfino i loro consigli ai giovani erano
l’esatto contrario. Mentre pensava, improvvisamente vide Lan WangJi fare
un cenno quasi impercettibile nella sua direzione. Era piuttosto sorpreso.
Sin da quando era giovane, Lan WangJi era sempre stato bello e corretto, ed
era quasi doloroso alla vista. Era sempre stato solenne e rigido, come se non
avesse mai sperimentato un sentimento di vivacità. Non appariva neanche
un solo granello di sabbia nei suoi occhi, e per questo non approvava che
Wei WuXian coltivasse il sentiero oscuro. Lan SiZhui probabilmente aveva
già informato Lan WangJi del suo comportamento sospetto nel Villaggio
Mo. Nonostante ciò, aveva annuito in segno di ringraziamento,
probabilmente ringraziandolo per avere aiutato i giovani della Setta Lan.
Senza ulteriori indugi, Wei WuXian restituì immediatamente il saluto.
Quando alzò di nuovo lo sguardo, Lan WangJi era già sparito.
Dopo una breve pausa, si girò per ripercorrere la montagna.
Non importava quale genere di preda avesse infestato il Monte Dafan, non
poteva prenderla. Wei WuXian poteva combattere contro chiunque, ma non
con Jin Ling.
Perché doveva trattarsi proprio di Jin Ling?
Con così tanti discepoli della Setta Jin, non si aspettava che la persona che
aveva incontrato era proprio Jin Ling. Se l’avesse saputo, di certo non
l’avrebbe preso in giro per “non aver ricevuto l’educazione da sua madre”. Se
qualcun altro avesse detto queste stesse parole a Jin Ling, lui di certo gli
avrebbe insegnato il significato di “causarsi la propria disgrazia parlando a
sproposito”. Eppure, era stato proprio lui a dirlo.
Dopo essersi fermato per un momento, Wei WuXian alzò la mano e si diede
uno schiaffo in viso.
Lo schiaffo fu rumoroso e forte, e la sua guancia destra pizzicava.
All’improvviso dal boschetto al suo fianco udì dei suoni strascicati, e Wei
WuXian vide un asino emergere dal suo interno. Quando lasciò penzolare la
mano, diversamente dal solito, l’asino si avvicinò da solo. Wei WuXian tirò
le sue lunghe orecchie e forzò un sorriso, “Volevi salvare la damigella in
pericolo, ma hai chiesto a me di essere l’eroe di turno.”
L’asino piagnucolò, proprio mentre un’ondata di coltivatori si avvicinava dai
piedi della collina. Dopo che le quattrocentocinquanta Reti Vincolanti
Divine erano state distrutte dalla spada di Lan WangJi, i coltivatori esitanti a
Piedi del Buddha si affrettavano a salire di nuovo. Probabilmente erano tutti
avversari di Jin Ling. Wei WuXian considerò per un momento se indurli a
ritirarsi di nuovo con la forza. Tuttavia, dopo averci pensato, si spostò
silenziosamente, liberando loro il passaggio.
I discepoli di diverse sette indossavano uniformi dai diversi colori e si
lamentavano mentre camminavano, “la Setta Jin e la Setta Jiang stanno
viziando troppo il Giovane Maestro Jin. E’ ancora così giovane, ma è
arrogante e sgarbato. Se lasceranno a lui la Setta LanlingJin, sai quanti
problemi potrebbe causare? Non penso che ne sopravvivremmo.”
Wei WuXian rallentò i suoi passi.
Una coltivatrice dal cuore tenero sospirò, “come possono non viziarlo? Ha
perso entrambi i genitori in una così giovane età.”
“Shimei[6], non è così che funziona. Che importa, quindi, se entrambi i
genitori sono morti? Ci sono tonnellate di persone che hanno perso i loro
genitori. Se tutti si comportassero come lui, allora cosa accadrebbe?”
“Sono sorpreso che Wei WuXian sia stato così crudele da ferirla. La madre di
Jin Ling era la sorella maggiore biologica di Jiang Cheng, la shijie[7] che
l’ha allevato.”
“Sarà stato davvero brutto per Jiang YanLi, allevare un lupo che ha morso la
mano del padrone. Anche Jin ZiXuan ha avuto la peggio. Solo perché ha
avuto a che fare con Wei WuXian, è finito così… “
“Perché Wei WuXian ha avuto a che fare con tutti…”
“Infatti. Hai sentito del suo legame con gli altri cani pazzi che ha allevato? I
suoi nemici erano ovunque e ha causato problemi a tutti. Anche con
HanGuang-jun, erano come fuoco e acqua, si odiavano a vicenda… “
“A proposito, oggi, se non fosse stato per HanGuang-jun…”
Dopo aver camminato per un po’, i suoni gorgoglianti di un ruscello giunsero
alle orecchie di Wei WuXian.
Non l’aveva sentito quando era arrivato. Wei WuXian finalmente notò di
aver percorso la strada sbagliata per scendere dalla montagna e aveva
imboccato un altro cammino.
Tenendo le redini, si fermò accanto alla corrente d’acqua. La luna era visibile
in alto nel cielo. Senza rami o foglie sulla riva del torrente, i bianchi
frammenti si riflettevano sulla superficie. Nel riflesso, Wei WuXian vide il
suo viso in continuo movimento per il flusso d’acqua.
Immerse uno dei suoi palmi nello specchio d’acqua, dissolvendo i tratti
ridicoli. Sollevò le mani bagnate, ripulendosi la polvere dal viso.
Un giovane bello e aggraziato comparve nel riflesso dell’acqua. Sembrava
candido come se fosse stato purificato dal chiaro di luna, con le sopracciglia
delicate, gli occhi luminosi e le labbra leggermente curvate verso l’alto.
Eppure, mentre abbassava la testa per guardarsi, le gocce d’acqua che gli
scendevano dalle ciglia rotolavano via, come se fossero lacrime.
Era un volto giovane e sconosciuto, non era il Patriarca Yiling che aveva
capovolto il mondo e ucciso migliaia di persone, Wei WuXian.
Dopo aver dato un altro sguardo a quel viso, Wei WuXian si asciugò ancora
il volto e si stropicciò gli occhi, adagiandosi sulla riva del ruscello con un
tonfo.
Non era il tipo che non riusciva a reggere le offese. Dopotutto, quando aveva
preso quella decisione, era consapevole di ciò che avrebbe dovuto affrontare.
Da quel momento in poi, aveva continuato a rammentare a se stesso il motto
della Setta YunmengJiang, “tentare l’impossibile”.
Tuttavia, nonostante pensasse di avere un cuore di pietra, alla fine era pur
sempre un essere umano, non erba o una pianta senza emozioni.
L’asino sembrava aver afferrato che non era di ottimo umore e, per una
volta, non sbuffò rumorosamente a causa dell’impazienza. Dopo un attimo
di silenzio, si voltò per andarsene. Wei WuXian sedeva ancora vicino al
ruscello, senza avere nessuna reazione. Si voltò per guardarlo, battendo gli
zoccoli sul terreno ma, Wei WuXian non lo notò neanche. L’asino allora
ritornò di malumore, mordendo e tirando l’angolo del colletto di Wei
WuXian.
Poteva scegliere di andare o di non andare. Vedendo che l’asino si era spinto
così oltre da usare la bocca, decise di seguirlo. L’asino lo portò vicino ad
alcuni alberi e girò intorno a un prato. Nell’erba, giaceva una Borsa
Qiankun[8] e c’era una rete dorata sospesa sopra l’oggetto. Probabilmente
era caduta a uno sfortunato coltivatore mentre lottava per liberarsi. Wei
WuXian raccolse la borsa e la aprì. All’interno c’erano molti oggetti,
come zucche[9] di liquore medicinale, talismani, piccoli Specchi Rifletti
Demone, e così via.
Continuò a cercare per un po’ e poi tirò fuori un talismano. All’istante,
apparve nella sua mano una palla di fuoco.
L’oggetto che ardeva era un Talismano Brucia Tenebre che, come dal suo
nome, usava l’energia oscura come combustibile. Bruciava meccanicamente
non appena entrava in contatto con l’energia oscura. Più energia c’era, più
forte era la fiamma. Si era acceso non appena l’aveva tirato fuori, ciò
significava che c’era uno spirito non lontano da Wei WuXian.
Scrutando la luce del fuoco, Wei WuXian lo strinse tra le mani per rilevare la
direzione dello spirito, osservando con attenzione. Quando si voltò verso est,
il fuoco s’indebolì; quando si girò verso ovest, il fuoco improvvisamente
s’intensificò, compì qualche passo verso quella direzione e vide una figura
bianca apparire sotto un albero.
Il talismano cessò di ardere e la cenere cadde dalla punta delle sue dita. Un
vecchio era seduto con le spalle rivolte nella sua direzione, stava parlando
con dei lievi mormorii.
Wei WuXian si avvicinò lentamente. Le parole che il vecchio sibilava
divennero chiare.
“Fa male, fa male.”
Wei WuXian chiese, “Dove fa male?”
Il vecchio rispose, “La testa. La mia testa.”
Wei WuXian rispose, “Lasciami dare un’occhiata.”
Avanzò di qualche passo nella direzione del vecchio e vide che c’era un
grande buco insanguinato sulla sua fronte. Era un fantasma, probabilmente
ucciso con un colpo alla testa. Indossava una tunica di sepoltura tessuta con
materiali pregiati e artigianali, ciò significava che era stato depositato e
sepolto correttamente. Non era l’anima che un essere umano ancora in vita
aveva perso.
Tuttavia, un fantasma del genere non avrebbe dovuto trovarsi sul Monte
Dafan.
Wei WuXian non trovò una spiegazione plausibile a quello scenario.
Alquanto preoccupato, saltò sulla schiena dell’asino, lo schiaffeggiò con
clamore, dirigendosi nella direzione che Jin Ling aveva percosso per salire la
montagna.
Vicino alla zona delle tombe antiche, c’erano molti coltivatori che vagavano
nella speranza che una lepre si schiantasse contro un albero[10].
Qualcuno rischiò portando una Bandiera di Richiamo dello Spirito, ma
attirò solo un gruppo di spiriti oscuri che piangevano disperatamente. Wei
WuXian tirò le redini, scrutò i dintorni e chiese ad alta voce: “Scusatemi e mi
dispiace per avervi interrotto, ma dove sono andati i giovani del Clan Jin e
del Clan Lan?”
Era certo che, anche dopo aver lavato il suo viso, la gente lo avesse
riconosciuto. Un coltivatore rispose: “Sono andati nella direzione del
Tempio della Dea.”
Wei WuXian chiese, “Il Tempio della Dea?”
Il clan rurale che in precedenza si era nascosto, dopo aver saputo che tutte le
Reti Vincolanti Divine erano state distrutte, era risalito di nuovo sulla
montagna unendosi al gruppo dei cacciatori notturni. L’uomo di mezz’età lo
riconobbe dai suoi vestiti e dall’asino antipatico, comprendendo che si
trattava del pazzo che prima li aveva salvati. Si sentì in imbarazzo e finse
indifferenza. Nondimeno, la ragazza dal viso tondo gli indicò il sentiero,
“Laggiù. E’ un tempio divino in una grotta sulla montagna.”
Wei WuXian chiese di nuovo, “Per quale divinità è stato costruito il tempio?”
La ragazza dal viso tondo disse, “Penso che sia la statua di pietra naturale di
una Dea.”
Wei WuXian annuì, “Grazie.”
Dopo la conversazione, si avviò immediatamente verso la direzione del
Tempio della Dea.
Il matrimonio del fannullone, il fulmine che aveva distrutto le bare, il
fidanzato mangiato dal lupo, il padre e la figlia che avevano perso le loro
anime, gli stravaganti vestiti di sepoltura… era come tirare un filo attraverso
tutte le perline, collegando ogni avvenimento in un unico perfetto spago.
Non c’era da meravigliarsi che le Bussole del Male non avevano segnalato
nulla e che anche la Bandiera di Richiamo dello Spirito non funzionasse.
Tutti avevano sottovalutato la creatura del Monte Dafan.
Non era affatto ciò che pensavano!
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 9 –
Arroganza – Parte Quattro
Dall’altro lato, Lan SiZhui e gli altri discepoli non trovarono nulla nella zona
delle antiche tombe e si spostarono alla ricerca di indizi nel Tempio della
Dea.
Sul Monte Dafan, oltre alle tombe degli antenati di Piedi del Budda, c’era
anche il Tempio della Dea. La divinità del culto non era né Budda
né GuanYin[1], ma la statua di una “Dea Ballerina”.
Alcune centinaia di anni fa, un cacciatore di Piedi del Budda si avventurò
sulla montagna e trovò una straordinaria roccia in una grotta. Era alta circa
tre metri, si era formata in modo naturale e stranamente, era simile a un
essere umano, con quattro arti tesi in una posa danzante. Tuttavia, il
dettaglio più strano era che nella statua si notavano vagamente tratti umani
e sembrava palesemente una donna sorridente.
I cittadini di Piedi del Budda ne furono tutti stupiti e pensarono che fosse
una pietra magica formatasi con l’energia del Cielo e della Terra, creando
così una serie di leggenda al riguardo. Alcune narravano di un immortale
innamorato della Dea dei Nove Cieli[2] che scolpì una statua di pietra con
l’aspetto della dea per esprimere il suo mal d’amore. Tuttavia, dopo che fu
scoperto, la Dea andò su tutte le furie e la statua ancora incompleta fu
abbandonata. Altri raccontavano la storia dell’Imperatore di Giada[3] e
della sua amata figlia, morta in giovinezza. La brama dell’Imperatore per sua
figlia fu apparentemente trasformata in statua.
Ad ogni modo, esistevano diversi generi di miti, in grado di far star male
chiunque. Alla fine, anche gli abitanti della città iniziarono a credere alle
leggende che erano uscite dalle loro stesse bocche. Pertanto, qualcuno
trasformò la grotta di pietra in un tempio e la piattaforma di roccia in un
santuario. La statua fu battezzata “Dea Ballerina” e giungevano adoratori per
tutto l’anno.
Nella grotta lo spazio era ampio, la sua dimensione era simile a un Tempio
Erjin[4], e la statua della Dea era posta al centro. A prima vista, sembrava
davvero un essere umano, la vita della fanciulla era flessuosa e aggraziata.
Tuttavia, dopo averla esaminato da vicino, era piuttosto grezza. Eppure, una
statua formatasi naturalmente così simile a un vero essere umano era
sufficiente per lasciare a bocca aperta la maggior parte delle persone.
Lan JingYi sollevò e abbassò la Bussola del Male, ma il suo puntatore ancora
non si muoveva. Uno spesso strato di cenere d’incenso ricopriva il tavolo
delle offerte, dove giacevano anche delle candele sparpagliate. Un profumo
dolciastro giungeva dal piatto dei frutti. Molte delle persone della Setta
GusuLan avevano un certo grado di misofobia[5]. Si sventolò le mani
davanti al naso e disse, “La gente del posto dice che è piuttosto efficace
pregare al Tempio della Dea, ma perché questo luogo è così logoro?
Potrebbero almeno pulire una volta tanto.”
Lan SiZhui disse, “Ci sono già sette persone che hanno perso le loro anime.
Tutti dicono che quel fulmine ha liberato una creatura feroce dalle antiche
tombe di Piedi del Budda, pensi davvero che qualcuno oserebbe salire sulla
montagna? La gente non viene nel tempio e, ovviamente, non c’è nessuno
che possa pulire.”
Una voce sprezzante sopraggiunse dall’esterno della caverna, “E’ solo uno
stupido sasso a cui hanno dato il titolo di Dea chi sa chi. La gente l’ha
piazzata qui solo per accettare incenso e dedizione!”
Jin Ling entrò, con le mani incrociate dietro la schiena. Il limite di tempo
dell’Incantesimo del Silenzio non durava molto, quindi la sua bocca era già
in grado di aprirsi. Tuttavia, nulla di carino ne uscì fuori e mentre guardava
la Statua della Dea, sussurrò, “Questi paesani rurali non lavorano
duramente quando devono affrontare le difficoltà, ma preferiscono pregare
il Budda e altre cose ogni giorno. Ci sono migliaia di milioni di persone nel
mondo, e le divinità e il Budda hanno già le mani piene dei loro stessi
problemi. Allora chi potrebbe occuparsi di loro? Figuriamoci se possa farlo
una Dea impotente e senza posizione come questa. Se è davvero così
efficace, allora pregherò affinché la Creatura che Consuma l’Anima sul
Monte Dafan possa apparire di fronte a me in questo momento. La statua
potrà farlo?”
Alcuni coltivatori dei clan minori giunsero al suo seguito, e tutti risero
quando lo sentirono, annuendo alle sue parole. Il tempio inizialmente
silenzioso, dopo l’arrivo di quel gruppo di persone, era ormai immerso nella
confusione. Anche lo spazio sembrò diventare più stretto. Lan SiZhui scosse
silenziosamente la testa, si guardò intorno e continuò a osservare senza uno
scopo preciso. Il suo sguardo si fermò nella direzione della testa della Statua
della Dea. Erano vagamente visibili i tratti di un volto sorridente e
misericordioso.
Tuttavia, provò uno strano senso di familiarità per quel sorriso, come se
l’avesse già visto da qualche parte in precedenza.
Dove l’aveva già visto?
Lan SiZhui pensò che dovesse trattarsi di una questione molto importante, e
non poté fare a meno di avvicinarsi alla statua, cercando di esaminare con
attenzione le caratteristiche della Dea. Nello stesso momento, qualcuno lo
urtò.
Un coltivatore che in precedenza era in piedi alle sue spalle cadde senza fare
rumore. Gli altri si allarmarono a causa dell’inaspettato evento. Jin Ling
parlò con tono vigile, “Cosa gli è successo?”
Lan SiZhui sfoderò la spada e si chinò per esaminarlo. Non c’era niente di
sbagliato nel respiro del coltivatore, era come se improvvisamente si fosse
addormentato. Eppure, nonostante le varie spinte e i richiami, non si
svegliò. Lan SiZhui si alzò in piedi, “E’ come se…”
Prima di finire la frase, la grotta buia s’illuminò improvvisamente. Il luogo
fu improvvisamente rischiarato da una luce rossa, come se una cascata di
sangue fosse sgorgata giù dalle pareti. Le candele poste sulla piattaforma
delle offerte e negli angoli della grotta si erano accese da sole.
In un attimo, tutti nella caverna estrassero le spade e tirarono fuori i loro
talismani. Nello stesso momento, una persona improvvisamente irruppe nel
tempio, tra le mani aveva una zucca di liquore medicinale. La lanciò verso la
statua di pietra e ne scaturirono delle fiamme, illuminando la grotta di pietra
tanto da sembrare giorno.
Wei WuXian aveva esaurito tutti gli oggetti nella Borsa Qiankun. La gettò via
e gridò, “Ragazzi, uscite fuori! State attenti alla Dea che Consuma l’Anima!”
Qualcuno urlò sorpreso, “La posa della Dea è cambiata!”
Prima, la statua aveva un piede ed entrambe le braccia sollevate verso l’alto,
di cui una puntava direttamente verso il cielo, la sua forma era aggraziata.
Tuttavia, tra le fiamme gialle e cremisi, aveva abbassato le braccia e il piede.
Non c’era dubbio: non si erano sbagliati!
Un attimo dopo, la statua sollevò di nuovo uno dei piedi e uscì dal fuoco!
Wei WuXian gridò, “Correte, correte, correte! Smettetela di tirare colpi! Non
funzionerà!”
La maggior parte dei coltivatori lo ignorò. Il Mostro che Consuma l’Anima
che avevano così duramente cercato si era finalmente esposto, quindi perché
dovevano lasciarsi sfuggire quest’occasione? Tuttavia, anche con così tante
spade che tagliavano e trafiggevano, e così tanti colpi di talismani e
strumenti magici, l’avanzamento della statua non si fermò per nulla. Era alta
circa tre metri, sembrava un titano mentre si muoveva, emanando un forte
senso di oppressione. Afferrò due coltivatori e li sollevò di fronte al suo viso.
La bocca di pietra sembrò aprirsi e chiudersi, e le spade tra le mani dei due
coltivatori caddero a terra con dei clangori. Le loro anime furono aspirate.
Vedendo che gli attacchi non funzionavano, gli altri finalmente decisero di
ascoltare le parole di Wei WuXian. Sgusciarono fuori, sparpagliandosi in
diverse direzioni il più fretta possibile. Con così tante persone e volti, più
Wei WuXian diventava ansioso, e maggiore era il tempo che stava
impiegando per trovare Jin Ling. Mentre Wei WuXian cavalcava l’asino,
s’imbatté in una foresta di bambù e voltandosi vide i giovani del Clan Lan.
Wei WuXian li chiamò, “Bambini!”
Lan JingYi rispose, “Chi sarebbero i tuoi figli? Conosci la Setta da cui
proveniamo? Ti consideri un nostro superiore solo perché ti sei lavato il
viso?”
Wei WuXian parlò, “Va bene, va bene, va bene, gege[6]. Inviate un segnale
al vostro Clan… a HanGuang-jun!”
I giovani annuirono un paio di volte e continuarono a correre mentre
cercavano dei fuochi segnaletici. Lan SiZhui parlò, “I fuochi segnaletici… li
abbiamo esauriti durante la notte al Villaggio Mo.”
Wei WuXian era scioccato, “Non vi siete più riforniti dopo?”
I fuochi segnaletici di solito erano necessari solo una volta ogni ottocento
anni. Lan SiZhui rispose timidamente, “L’abbiamo dimenticato.”
Wei WuXian provò a spaventarli, “E’ una faccenda che potete dimenticare?
Quando HanGuang-jun lo scoprirà, ve ne farà pentire.”
Il viso di Lan JingYi divenne pallido dal terrore, “E’ finita. Questa volta
saremo puniti a morte da HanGuang-jun… “
Wei WuXian, “In effetti dovrebbe punirvi! Senza una punizione, finireste per
dimenticarli anche la prossima volta.”
Lan SiZhui, “Giovane Maestro Mo, Giovane Maestro Mo! Come hai capito
che non si trattava di uno Spirito o una Bestia che Consuma l’Anima ma era
la Statua della Dea?”
Wei WuXian continuò a cercare Jin Ling mentre correva, “Come l’ho capito?
L’ho visto.”
Anche Lan JingYi lo seguì. Entrambi correvano accanto a lui ai suoi due lati,
“Cos’hai visto? Anche noi abbiamo notato molte cose.”
“L’avete visto, e poi? Cosa c’era nella zona delle tombe antiche?”
“Cos’altro poteva esserci? Si trattava solo di anime morte.”
“Esatto, c’erano delle anime morte. Questo è il motivo per cui non può
esserci uno Spirito o una Bestia che Consuma l’Anima. E’ semplice, se così
fosse, con così tanti morti nella zona, avrebbe forse scelto di non mangiarli?
Ovviamente no.”
Questa volta, a chiederlo fu più di una persona, “Perché?”
“Cosa dovrei dire della vostra Setta GusuLan…” Wei WuXian non riusciva
più a tollerarlo, “Perché non vi insegnano meno sciocchezze interminabili e
fastidiose, come le cerimonie di coltivazione, gli alberi genealogici e la storia
che richiede di essere memorizzata e invece, imparate un po’ di cose più
funzionali? Come fa a essere difficile da capire? Le anime dei morti sono
facili da assorbire a differenza delle anime viventi. Il corpo fisico di una
persona vivente è come un guscio e per mangiare un’anima viva, bisogna
prima rompere la scorza. Per esempio… ” Guardò l’asino, che ansimava
mentre correva, roteando gli occhi, “per esempio, se vi viene posta una mela
di fronte e una in un contenitore chiuso, quale scegliereste di mangiare?
Ovviamente quella di fronte a voi. Questa creatura mangia solo anime
viventi e conosce un modo per ottenerle. E’ potente e selettiva in termini di
cibo.”
Lan JingYi era stupito, “Quindi è così che funziona? Ha davvero senso!
Aspetta, quindi davvero non sei un lunatico?”
Lan SiZhui spiegò mentre correva, “Pensavamo tutti che, poiché erano stati
la frana e il fulmine a scatenare la serie di eventi, doveva quindi trattarsi di
uno Spirito che Consuma l’Anima.”
Wei WuXian parlò, “Sbagliato.”
“Cosa c’è di sbagliato?”
“Sia l’ordine e sia la correlazione sono sbagliati. Lasciate che ve lo chieda:
riguardo la frana e gli eventi delle anime consumate, cosa pensate che sia
accaduto prima, qual è la causa e qual è la conseguenza?”
Lan SiZhui ripose senza pensarci due volte, ” La frana è avvenuta prima e il
consumo delle anime è accaduto dopo. La prima è la causa e l’altra è la
conseguenza.”
Wei WuXian disse, “E’ completamente sbagliato. Il consumo delle anime è
accaduto prima e la frana è avvenuta dopo. Pertanto, il consumo delle anime
è la causa e la frana è la conseguenza! Durante la notte della frana,
improvvisamente si è scatenato un temporale e un lampo ha distrutto una
bara, dovete rammentarlo. La prima persona che ha perso l’anima, il
fannullone, era rimasto intrappolato sulla montagna per tutta la notte, per
poi sposarsi solo pochi giorni dopo.”
Lan JingYi chiese, “Cosa c’è di sbagliato?”
Wei WuXian rispose, “E’ tutto sbagliato! Com’è possibile che una persona
buona a nulla e senza un soldo, sia riuscita ad ottenere i soldi per
organizzare un matrimonio così grandioso?”
I ragazzi restarono senza parole. Tuttavia, non c’era nulla da fare, visto che
la Setta GusuLan non aveva bisogno di preoccuparsi dei problemi che
riguardavano le ricchezze. Wei WuXian parlò di nuovo, “Avete dato
un’occhiata a tutte le anime morte che fluttuavano sul Monte Dafan? C’era
un vecchio che è morto a causa di un colpo alla testa, indossava abiti di
sepoltura fabbricati con un raffinato tessuto artigianale. Siccome indossava
degli abiti funerari eccentrici, la sua bara di certo non poteva essere vuota, e
quindi sicuramente doveva contenere qualche oggetto come protezione. La
bara distrutta dal fulmine probabilmente era la sua. Eppure, le persone
giunte per recuperare il cadavere, non avevano trovato nessun manufatto di
sepoltura. Ciò significa che era stato il fannullone a portarli via, e questo
spiega il motivo per cui era diventato improvvisamente ricco. Il fannullone
ha poi deciso, all’improvviso, di sposare qualcuno dopo la notte della frana,
quindi qualcosa d’insolito dev’essere accaduto durante la notte. Quella sera
si è scatenato un forte temporale e quindi è stato costretto a ripararsi sul
monte. In quale luogo del Monte Dafan è possibile ripararsi? Nel Tempio
della Dea. E quando le persone si recano in un tempio, c’è solo una cosa che
potrebbero fare.”
Lan SiZhui chiese, “Pregano?”
“Giusto. Ad esempio, ha pregato in cerca di fortuna, di diventare ricco, di
avere abbastanza soldi da sposarsi, e così via. La Dea ha realizzato il suo
desiderio scatenando il lampo che ha distrutto la tomba, mostrandogli i
tesori presenti nella bara. Le sue preghiere si sono avverate e, come
sacrificio, la Dea è giunta da lui la sera del suo matrimonio e ha portato via
la sua anima!”
Lan JingYi, “Tutte queste sono solo ipotesi, giusto?”
Wei WuXian, “Si, sono ipotesi. Tuttavia, seguendo questo schema logico, è
possibile chiarire tutto ciò che è successo.”
Lan SiZhui, “Questo come può spiegare ciò che è accaduto alla ragazza, A-
Yan?”
Wei WuXian, “Domanda fantastica. Probabilmente avrete chiesto in giro
prima di salire sul monte. A-Yan si era appena fidanzata in quei giorni. Tutte
le ragazze appena fidanzate hanno sicuramente un unico desiderio.”
Lan JingYi era confuso, “Quale desiderio?”
Wei WuXian rispose, “Nient’altro che qualcosa come, ‘vorrei che mio marito
mi amasse e si prendesse cura di me per tutta la sua vita, e che fosse attratto
solo da me.’ ”
I ragazzi erano smarriti, “E’ davvero possibile avverare un simile desiderio?”
Wei WuXian distese mani, “E’ semplice. Se ‘l’intera vita’ del marito finisse
immediatamente, non verrebbe calcolato come ‘amare una sola persona per
tutta la sua vita’?”
Lan JingYi finalmente capì e schiamazzò eccitato, “Oh, oh! Quindi, quindi,
quindi la ragione per cui suo marito è stato mangiato dai lupi dopo il loro
fidanzamento probabilmente è perché A-Yan era andata al Tempio della Dea
a pregare!”
Wei WuXian colpì il ferro mentre era ancora caldo[7], “E’ difficile dire
se sia stato attaccato da un lupo o da qualcos’altro. C’è un altro fattore
singolare nella questione di A-Yan: perché tra tutte le vittime, solo la sua
anima è tornata? Cos’ha di diverso dagli altri? La differenza è che ha un
parente che ha perso anche lui l’anima. O, in altre parole, un parente l’ha
sostituita! Il fabbro Zheng era il padre di A-Yan e era soprattutto una
persona che amava sua figlia. Pertanto, quando ha visto che la figlia ha perso
la sua anima, e non riuscendo a trovare nessun modo per curarla, cos’altro
gli restava da fare?”
Questa volta, Lan SiZhui rispose prontamente, “Ha potuto solo affidare la
sua speranza ai Cieli. Perciò, si è recato al Tempio della Dea per pregare, e il
suo desiderio era ‘Vorrei che l’anima di mia figlia A-Yan fosse ritrovata!’ “
Wei WuXian parlò con stima, “Ecco perché, solo l’anima di A-Yan è ritornata
e quella del fabbro Zheng è stata divorata. Tuttavia, sebbene l’anima di A-
Yan sia ritornata, era stata leggermente danneggiata. Dopo il suo risveglio,
perciò, ha iniziato inconsciamente ad imitare la danza della Statua della Dea
e persino il suo sorriso.”
La similitudine tra le persone che avevano perso le anime era che, molto
probabilmente, tutte avevano pregato di fronte alla Statua della Dea. Il
prezzo da pagare per i loro desideri erano le proprie anime.
La Statua della Dea in origine era solo una normale roccia che aveva le
sembianze di una persona. Avendo accettato i meriti di un culto in poche
centinaia di anni senza alcuna ragione, era riuscita ad acquisire dei poteri.
Tuttavia, poiché era avida, i suoi pensieri si erano diretti verso la strada
sbagliata e aveva iniziato a desiderare di aumentare rapidamente i suoi
poteri mangiando le anime. Erano le anime che otteneva in cambio dei
desideri ed era possibile considerarle come anime sacrificate
volontariamente dalla gente che pregava. Le due parti ricevevano un giusto
compenso, un desiderio per un altro, e in apparenza era giusto e morale.
Ecco perché, i puntatori delle Bussole del Male non si spostavano, la
Bandiera di Richiamo dello Spirito non funzionava e i poteri delle spade e
dei talismani si annullavano. La creatura del Monte Dafan non era uno
spirito, un demone, un fantasma o un mostro, ma una Dea! Questa era una
Dea senza titoli, nata da centinaia di anni d’incenso. Usufruire di oggetti che
erano utilizzati per combattere gli spiriti maligni e le bestie per affrontarla,
era come usare il fuoco per estinguere il fuoco!
Lan JingYi gridò forte, “Aspetta! Prima nel tempio, è stata divorata l’anima
di qualcuno, ma non lo abbiamo sentito mentre esprimeva qualche
desiderio!”
Il cuore di Wei WuXian balzò all’improvviso. Fermò i suoi passi, “Nel tempio
è stata divorata l’anima di qualcuno? Descrivimi tutto quello che è successo
prima, senza tralasciare nulla.”
Lan SiZhui spiegò la situazione in modo chiaro e rapido. Quando sentì del
discorso di Jin Ling riguardo il ‘Se è davvero così efficace, allora pregherò
affinché la Creatura che Consuma l’Anima sul Monte Dafan possa apparire
di fronte a me in questo momento. La statua potrà farlo?’ Wei WuXian disse,
“Quello non era un desiderio? E’ sicuramente un desiderio!”
Gli altri erano d’accordo con Jin Ling, quindi lo aveva accolto come un
desiderio di tutti. In quel momento, la Dea che Consuma l’Anima era
proprio di fronte a loro, quindi il desiderio era stato esaudito. Pertanto, era il
momento di mietere i sacrifici!
All’improvviso, l’asino si fermò e scappò verso la direzione opposta. Wei
WuXian era di nuovo balzato giù impreparato, ma era riuscito ad afferrare le
redini. Tuttavia, tra i cespugli di fronte a lui, sentì un rumore di
masticazione, completo di scricchiolii e rantolii. Un’immensa figura stava
strisciando nei cespugli, con la sua enorme testa sul terreno e si muoveva
usando lo stomaco. Sentendo i rumori, sollevò immediatamente la testa. I
loro sguardi s’incontrarono.
All’inizio, i lineamenti della Dea che Consuma l’Anima erano vaghi. Sul volto
c’era solo la sagoma degli occhi, del naso, della bocca e delle orecchie.
Tuttavia, dopo aver mangiato le anime di alcuni coltivatori tutte in una volta,
le sue caratteristiche erano diventate più chiare. Era il volto di una donna
sorridente, con il sangue che le colava agli angoli della bocca mentre
sgranocchiava un braccio che aveva appena strappato.
Tutti, seguendo l’asino, scapparono nella direzione opposta.
Lan SiZhui stava per crollare, “Non doveva accadere! Il Patriarca Yiling
aveva detto che quelli di alto livello mangiano le anime e solo quelli di basso
livello si nutrono anche della carne!”
Wei WuXian non poté fare a meno di commentare, “Perché lo adori
ciecamente? Persino le sue invenzioni erano un disastro! Nessuna regola
vale in ogni contesto. Puoi considerarlo come un bambino quando non ha i
denti, può mangiare solo il congee e la zuppa. Tuttavia, crescendo,
naturalmente, vorrà mangiare anche la carne usando i suoi denti. I suoi
poteri si sono appena ampliati notevolmente, quindi naturalmente
desiderava assaggiare qualcosa di nuovo!”
La Dea che Consuma l’Anima si alzò da terra. Il suo corpo era alto. Usò le
braccia e le gambe per ballare con un’incontenibile eccitazione, sembrava
piuttosto soddisfatta. All’improvviso, una freccia giunse con un sibilo e le
trapassò la fronte, e la punta le uscì dalla nuca.
Sentendo il sibilo del rilascio di una freccia, Wei WuXian guardò verso
quella direzione. Jin Ling era su un alto colle, non molto lontano, e stava già
per scoccare una seconda freccia piumata. Tese al massimo e un altro dardo
penetrò in quella testa, la forza indusse la Dea che Consuma l’Anima a
barcollare di qualche passo.
Lan SiZhui urlò, “Giovane Maestro Jin! Lancia il tuo fuoco segnaletico!”
Jin Ling finse di non aver sentito le sue parole, determinato a uccidere il
mostro. Con un’espressione solenne, mise tre frecce sull’arco. Sebbene fosse
stata colpita alla testa per due volte, la Dea che Consuma l’Anima non era
arrabbiata e si avviò verso Jin Ling sempre con lo stesso sorriso impresso sul
volto. Continuava a danzare mentre camminava, la sua velocità era
terrificante, e ridusse la distanza tra loro in pochi passi. Alcuni coltivatori
apparvero ai lati e iniziarono a combattere con lei, ostacolando il suo
cammino. Jin Ling scoccò una freccia a ogni passo della Dea che Consuma
l’Anima, probabilmente con l’intenzione di usare prima tutte le frecce
piumate e poi combattere con la spada quando sarebbe giunta nelle sue
vicinanze. Il suo braccio era piuttosto stabile e i suoi colpi erano accurati, ma
tutte le armi magiche erano inutili contro la Dea che Consuma l’Anima!
Jiang Cheng e Lan WangJi erano a Piedi del Budda, in attesa di notizie,
quindi chissà quanto tempo avrebbero impiegato prima di accorgersi che
c’era qualcosa di sbagliato per poi dirigersi lì. Per estinguere il fuoco, era
necessaria dell’acqua. Dunque, se le armi magiche non funzionavano, cosa
sarebbe successo con la stregoneria oscura?
Wei WuXian sguainò la spada dalla vita di Lan SiZhui e tagliò un sottile
pezzo di bambù, trasformandolo in un flauto. Lo sollevò davanti alle sue
labbra, tirando un profondo respiro. Il timbro acuto del flauto era come una
freccia che squarciò il cielo notturno, disperdendosi tra le nuvole.
Questa avrebbe dovuto essere la sua ultima risorsa, ma visto che erano
giunti a quel punto, non importava cosa avesse convocato. Andava bene
finché era munito di un’energia oscura abbastanza forte e un intento
omicida alquanto tagliente, così da poter fare a pezzi la Dea che Consuma
l’Anima!
Lan SiZhui era scioccato al punto a non riuscire più a muoversi, mentre Lan
JingYi si coprì le orecchie, “Guarda in che situazione ci troviamo e stai
ancora suonando il flauto? Che orribile suono!”
Durante la battaglia, tre o quattro dei coltivatori che stavano lottando con la
Dea che Consuma l’Anima avevano perso i loro spiriti. Jin Ling sguainò la
sua spada. Era già a meno di due Zhang[8] dalla Dea che Consuma l’Anima.
Il suo cuore batteva freneticamente e tutto il sangue del suo corpo gli giunse
alla testa, Se non le taglierò la testa con questo colpo, finirò per morire
qui… Che morte sia allora!
Nello stesso momento, dalla foresta del Monte Dafan, risuonò un rumore
tintinnante.
Tinkle, tinkle, tinkle, tinkle. A volte era più veloce, poi era più lento; a volte
si fermava, poi proseguiva. Riecheggiava nel silenzio del bosco, sembrava un
rumore di catene di ferro che si scontravano e che erano trascinate a terra. Si
stava avvicinando e diventava sempre più forte.
Per qualche ragione, il rumore provocò alle persone una trepidante
sensazione di ostilità. Persino la Dea che Consuma l’Anima smise di ballare.
Sollevò le braccia, fissando con aria assente l’oscurità da cui riecheggiava il
rumore.
Wei WuXian mise via il flauto e guardò con attenzione in quella direzione.
L’inquietante sensazione che percepiva era sempre più forte, ma poiché era
giunta a causa dell’evocazione, probabilmente si trattava di qualcosa che lo
ascoltava.
Poi, all’improvviso, il rumore si fermò. Una figura emerse dall’oscurità.
Dopo aver avuto una visione chiara della figura e del viso, le espressioni dei
coltivatori si trasformarono.
Anche dinanzi alla Statua della Dea che avrebbe potuto succhiare via le loro
anime da un momento all’altro, il gruppo non si era né rannicchiato né
aveva mostrato la minima traccia di paura. Tuttavia, questa volta non
riuscirono a nascondere le loro urla di terrore.
“… il Generale Fantasma, il Generale Fantasma, è Wen Ning!”
Il titolo Generale Fantasma era infame come quello del Patriarca Yiling. Il
più delle volte, i due apparivano insieme.
Quel nome era stato attribuito a un’unica persona, il Braccio Destro del
Patriarca Yiling, Wei Ying, che aveva aiutato il tiranno nei suoi crimini,
agitando i venti e i mari e giocando allo sciacallo con la tigre. Aveva
rovesciato il mondo con lui e soprattutto, si trattava del cadavere feroce che
era stato ridotto in cenere molto tempo prima, Wen Ning!

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 10 –


Arroganza – Parte Cinque
 
La testa di Wen Ning era leggermente abbassata e le sue braccia
penzolavano come una marionetta in attesa degli ordini del suo padrone.
Il suo viso era pallido e delicato, di una bellezza malinconica. Tuttavia, nei
suoi occhi non c’erano pupille, ma solo una piatta distesa bianca. E la serie
di linee nere che risalivano dal collo al viso trasformavano la sua malinconia
in una terrificante oscurità. I lembi e le maniche della sua veste erano laceri
e strappati, mettendo in mostra un paio di polsi della stessa tonalità del viso
sui quali c’erano delle manette con delle catene nere presenti anche sulle sue
caviglie. Il suono tintinnante riecheggiava quando le catene di ferro
strisciavano sul terreno. Quando smetteva di muoversi tutto tornava
silenzioso.
Non era difficile indovinare perché tutti i coltivatori fossero spaventati. Wei
WuXian non era certamente più calmo degli altri. In effetti, la tempesta nel
suo petto aveva già raggiunto la sua testa.
Wen Ning non doveva trovarsi lì; non sarebbe più dovuto essere parte di
questo mondo. Era stato ridotto in cenere prima dell’assedio al colle dei
Tumuli Sepolcrali.
Sentendo gli altri chiamare il nome di Wen Ning, la lama di Jin Ling, che in
origine puntava verso la Dea che Consuma l’Anima, non poté fare a meno di
voltarsi verso l’altra direzione. Accorgendosi della sua negligenza, la Dea che
Consuma l’Anima allungò felicemente il braccio e lo afferrò.
Appena notò la sua bocca aperta avvicinarsi a Jin Ling, Wei WuXian lasciò
perdere lo stupore. Sollevò di nuovo il flauto di legno, le sue mani erano
leggermente tremolanti, così anche le note risuonarono con un leggero
tremore. Inoltre, il flauto era realizzato in un modo approssimativo, quindi il
suono prodotto era grezzo e sgradevole all’ascolto. Con due note, Wen Ning
iniziò a muoversi.
In un batter d’occhio, fu subito vicino alla Dea che Consuma l’Anima. Wen
Ning usò il lato della sua mano e la colpì. Il collo della Dea che Consuma
l’Anima si spezzò e, sebbene il corpo non si fosse mosso, la sua testa si
attorcigliò per la forza dell’impatto. Si rigirò su se stessa voltandosi
all’indietro nella direzione della schiena, ma continuò a sorridere. Wen
Ning, con un altro colpo mozzò la mano destra della Dea che Consuma
l’Anima che reggeva ancora Jin Ling.
La Dea abbassò la testa per guardarsi il polso rotto. E invece di ruotare la
testa nella direzione corretta, fu il suo corpo a girarsi e per affrontare Wen
Ning con la testa rivolta verso la sua schiena. Wei WuXian non osò
rilassarsi. Respirò profondamente e ordinò a Wen Ning di combattere.
Tuttavia, non passò molto tempo prima che restasse di nuovo sbalordito.
I cadaveri di basso livello non erano in grado di pensare da soli e
necessitavano dei suoi ordini. I cadaveri feroci erano solitamente deliranti e
incoscienti. Tuttavia, la condizione di Wen Ning era diversa: era stato creato
da Wei WuXian e lo si poteva considerare il cadavere più forte dell’attuale
mondo. Era l’unico in grado di pensare. Oltre a non temere le ferite, il fuoco,
il freddo, il veleno e qualunque altra cosa di cui gli umani viventi avevano
paura, lui era unico.
Ma in quel momento Wen Ning era chiaro che non fosse cosciente!
Era scioccato e titubante quando alcune grida allarmate giunsero dalla folla.
Usando sia le braccia sia le gambe, Wen Ning fermò la Dea che Consuma
l’Anima bloccandola a terra. Aveva raccolto una roccia che giaceva al suo
fianco, era più alta di un essere umano, e l’aveva sollevate sopra la Dea che
Consuma l’Anima. Aveva iniziato a colpirla con una grande potenza. Ogni
colpo risuonava potente come un tuono e continuò fino a quando il corpo di
pietra della Dea che Consuma l’Anima non fu ridotto in pezzi!
Tra l’ammasso di rocce bianche sparse sul terreno, una sfera di dimensioni
di una biglia rotolò fuori, irradiando una luce del colore della neve. Era il
nucleo condensato della Dea che Consuma l’Anima dopo aver divorato le
anime di dieci o più persone viventi. Se l’avessero recuperato e maneggiato
con cura, sarebbe stato possibile riportare in vita alcune persone che aveva
divorato di recente. Tuttavia, in quel momento, nessuno si sforzò
minimamente per raccogliere la sfera. Tutte le lame che erano rivolte verso
la Dea che Consuma l’Anima si voltarono.
Un coltivatore gridò a squarciagola, “Prendiamolo!”
Alcune persone risposero con esitazione, ma la maggior parte fu esitante, e
indietreggiarono lentamente. Il coltivatore gridò di nuovo, “Compagni
coltivatori, dobbiamo bloccarlo prima che scappi. E’ Wen Ning quello che
stiamo affrontando!”
Quelle parole convinsero la folla. Cos’era un semplice Mostro che Consuma
l’Anima in confronto al Generale Fantasma? Sebbene la ragione della sua
apparizione fosse sconosciuta, era ovvio che uccidere migliaia di Spiriti che
Consumano l’Anima non era minimamente paragonabile al catturare Wen
Ning. Dopotutto, quello era il cane pazzo più obbediente del Patriarca Yiling,
che addentava le persone senza produrre il minimo rumore. Catturandolo
sarebbero sicuramente diventati famosi nel mondo della coltivazione,
raggiungendo rapidamente il successo! Il loro obiettivo, in origine, era di
partecipare alla caccia notturna sul Monte Dafan per combattere demoni,
bestie e spiriti maligni per affinare le loro esperienze. Dalle urla, molte
persone sembravano interessate alla situazione. Eppure, i coltivatori più
anziani che avevano già assistito con i loro occhi alla ferocia di Wen Ning
quando si scatenava, erano ancora cauti nel fare la loro mossa. Quindi, la
stessa persona gridò ancora una volta, “Di cosa avete paura? Non è che ci sia
il Patriarca Yiling qui in questo momento.”
Dopo una breve riflessione, quelle parole iniziarono ad avere senso. Di cosa
avevano paura? Il suo padrone era già stato ridotto in pezzi!
Dopo quelle osservazioni, l’anello di spade che circondava Wen Ning si
ridusse improvvisamente di dimensioni. Wen Ning agitò il braccio e le
catene nere di ferro si estesero velocemente, colpendo le spade e inclinando
di lato le direzioni delle loro lame. Subito dopo, avanzò di un passo e afferrò
il collo della persona più vicina. Con una leggera spinta, lo sollevò da terra.
Assistendo alla scena, Wei WuXian comprese che le note del flauto erano
state eccessivamente brusche e affrettate, facendogli sviluppare un intento
omicida. Così, per frenarlo, Wei WuXian calmò i suoi pensieri e suonò
un’altra melodia.
La melodia gli passò per la testa con naturalezza. Era rilassante e tranquilla,
in contrasto con la precedente bizzarra e penetrante. Appena ne udì il suono,
Wen Ning si bloccò, voltandosi lentamente nella direzione da cui giungeva la
melodia. Wei WuXian era ancora fermo nello stesso punto e fissava i suoi
occhi privi di pupilla.
Dopo un breve momento, Wen Ning sciolse la presa, gettando a terra il
coltivatore. Aveva abbassato le braccia e camminava lentamente verso Wei
WuXian.
La sua testa era abbassata e trascinava con sé una grande quantità di catene
di ferro, il suo sguardo sembrava malinconico. Wei WuXian indietreggiava
mentre suonava il flauto, invitandolo a seguirlo. Camminarono così per una
breve distanza, spostandosi nella foresta, quando improvvisamente Wei
WuXian aveva colto un fresco profumo di sandalo[1].
Un attimo dopo, la sua schiena aveva urtato contro qualcuno. Aveva sentito
un improvviso dolore al polso e la melodia del flauto si era fermata. Wei
WuXian aveva pensato, Oh no, e si era voltato a guardare. I suoi occhi si
erano scontrati con quelli di Lan WangJi. Erano di un colore così chiaro da
sembrare freddi.
La situazione non sembrava promettere bene. Lan WangJi l’aveva visto con i
suoi occhi mentre suonava il flauto per controllare i cadaveri.
La presa della mano di Lan WangJi strinse saldamente Wei WuXian. Wen
Ning era fermo a circa due Zhang da loro, e si guardava lentamente intorno
alla ricerca della melodia del flauto che era improvvisamente sparita. In
lontananza, nella foresta, le luci delle fiamme e l’eco delle voci umane
stavano aumentando. Wei WuXian rifletté rapidamente e prese subito una
decisione. Che importava se Lan WangJi l’aveva visto? C’erano decine di
migliaia di persone in grado di usare il flauto e il numero di persone che
imitava il metodo del Patriarca Yiling per controllare i cadaveri era così
grande da poter costruire una setta per conto proprio. Di certo non avrebbe
mai confessato!
Decise di ignorare la mano che lo stringeva e alzò il braccio per continuare a
suonare. Questa volta, la melodia fu più veloce, come a sollecitarlo o
rimproverarlo. La sua aria non era stabile e ogni nota finiva per spezzarsi,
suonando stridula e dura. Improvvisamente, la mano di Lan WangJi strinse
maggiormente la presa, rompendogli quasi il polso. Le dita di Wei WuXian
allentarono la presa a causa del dolore e il flauto di legno cadde a terra.
Fortunatamente, i suoi ordini erano stati abbastanza chiari. Wen Ning si
ritirò rapidamente, scomparendo nella tetra e oscura foresta senza emettere
alcun suono. Wei WuXian, temendo che Lan WangJi potesse inseguirlo,
agguantò il suo braccio. Tuttavia, sorprendentemente, Lan WangJi non
guardò Wen Ning neanche una volta, ma continuò a fissare Wei WuXian per
tutto il tempo. I due erano in piedi l’uno di fronte all’altro, continuando a
stringere l’uno le braccia dell’altro, fissandosi.
In quel momento, giunse Jiang Cheng.
Aveva deciso di essere paziente e di aspettare i risultati a Piedi del Budda.
Tuttavia, prima che potesse finire una tazza di tè, un discepolo era sceso
velocemente dalla montagna, raccontandogli di quanto crudele e potente
fosse la creatura sul Monte Dafan. A quelle parole, il suo cuore era
sobbalzato, precipitandosi di nuovo lassù. Aveva urlato, “A-Ling!”
Jin Ling aveva quasi perso l’anima in precedenza, ma ora stava bene e
riusciva a reggersi in piedi correttamente, “Zio!”
Quando vide che Jin Ling era sano e salvo, finalmente Jiang Cheng riuscì a
calmarsi. Subito dopo, lo rimproverò infuriato: “Non avevi portato dei fuochi
segnaletici? Non sai che devi usarli quando t’imbatti in qualcosa del genere?
Per quale motivo fingi di essere forte? Fila qui!”
Jin Ling era irritato per non essere riuscito a catturare la Dea che Consuma
l’Anima, “Non sei stato tu a dirmi che dovevo prenderla? E che se non fossi
riuscito a prenderla, non sarei più dovuto venire da te?”
Jiang Cheng desiderava seriamente schiaffeggiare duramente quel moccioso
tanto da spingerlo a ritornare nello stomaco della madre. Tuttavia, quelle
erano state davvero le sue parole, e non poteva dimostrargli di aver
sbagliato. Si rivolse così ai coltivatori che giacevano a terra, parlando con
tono sarcastico, “Cosa diavolo può avervi colpiti tanto?”
Tra i coltivatori vestiti di colori diversi, c’erano dei discepoli camuffati
appartenenti alla Setta YunmengJiang, a cui Jiang Cheng aveva ordinato di
aiutare segretamente Jin Ling nel caso che non fosse riuscito a superare la
sfida. Fu un anziano piuttosto responsabile a farsi avanti. Un coltivatore che
non aveva ancora superato lo shock, “Capo, Capo Setta, è… è stato Wen
Ning…”
Jiang Cheng pensò di aver capito male, “Cos’hai detto?”
La persona rispose, “Wen Ning è tornato!”
In un attimo, shock, disgusto, rabbia e incredulità oltrepassarono il volto di
Jiang Cheng.
Dopo un lungo momento parlò con amarezza: “Quella cosa è stata ridotta in
cenere di fronte a tutti molto tempo fa, com’è possibile che sia ritornata?”
Il discepolo parlò: “Era davvero Wen Ning! Non ci siamo sbagliati! I miei
occhi non possono aver visto male!” Indicò improvvisamente al suo lato, “…
è stato lui a chiamarlo!”
Wei WuXian era ancora in una posizione di stallo con Lan WangJi. In un
istante, furono al centro dell’attenzione di tutti. Anche lo sguardo letale di
Jiang Cheng si spostò verso di lui.
Un attimo dopo, gli angoli della bocca di Jiang Cheng si aprirono in un
contorto sorriso. La sua mano sinistra accarezzò inconsciamente l’anello.
Parlò a bassa voce, “… bene, bene. Quindi sei tornato?”
Lasciò andare la sua mano sinistra e comparve una lunga frusta.
La frusta era estremamente sottile. Come dal suo nome, era una scalpitante
striscia di fulmine viola, e sembrava fosse stata sottratta da un cielo pieno di
nuvole temporalesche. La strinse nella sua presa e non appena la scosse
sembrò emettere rapidi squarci di lampi!
Prima che Wei WuXian riuscisse a spostarsi, Lan WangJi aveva già posto il
suo Guqin davanti a sé. Con un colpo sicuro, fu come se una pietra avesse
creato migliaia di increspature sull’acqua. Il suono del Guqin creò
innumerevoli vibrazioni nell’aria, entrando in collisione con Zidian.
Indebolendo il colpo della frusta con l’accrescere della sua forza.
Le considerazioni di Jiang Cheng del “non combattere avventatamente con
lui” e “non offendere il Clan Lan” erano finite in pasto ai cani. Il cielo
notturno sopra la foresta del Monte Dafan a volte risplendeva di una luce
viola e talvolta di un chiarore abbagliante come il giorno; a volte si udivano i
rumori assordanti di un tuono e talvolta di ondate di note del Guqin. I
restanti coltivatori si ritirarono rapidamente a una distanza di sicurezza
dallo spettacolo, osservando in disparte. Erano spaventati a morte ma
ammirati. Dopotutto, era raro avere la possibilità di vedere due famosi
coltivatori d’importanti famiglie combattere apertamente, ragion per cui
tutti speravano che lo scontro diventasse più violento e intenso. Tra quelle
riflessioni, c’erano alcune indecorose speranze di una rottura dei rapporti tra
il Clan Lan e il Clan Jiang, in grado di creare un interessante scenario.
D’altra parte, Wei WuXian attese la sua opportunità e ne approfittò per
scappare.
La folla ne fu estremamente sorpresa. Non era ancora stato colpito dalla
frusta solo perché Lan WangJi gli stava facendo da scudo. Per lui scappare
era come cercare la sua stessa morte!
Piuttosto sicuro, come se possedesse un paio di occhi anche alle sue spalle,
Jiang Cheng l’aveva intravisto quando era uscito dall’area di protezione di
Lan WangJi, ed era determinato a cogliere l’occasione. Con un colpo
trasversale della sua frusta, Zidian sferzò con le sembianze di un pericoloso
drago, atterrando con precisione al centro della sua schiena!
Wei WuXian fu quasi scagliato via dall’attacco della frusta. Se non fosse
stato per l’asino che era riuscito a bloccarlo, sarebbe finito direttamente
contro un albero. Tuttavia, dopo il colpo, Lan WangJi e Jiang Cheng si erano
bloccati alquanto sbalorditi.
Wei WuXian si massaggiò il lato posteriore della vita e riuscì ad alzarsi con
l’aiuto dell’asino. Si nascose dietro l’animale e urlò infuriato: “Fantastico!
Puoi davvero fare di tutto solo perché appartieni a un potente clan, vero?
Puoi persino picchiare chi vuoi! Tsk tsk tsk… “
Lan WangJi, ” … “
Jiang Cheng, ” … “
Era scioccato e infuriato, “Cosa sta succedendo?”
“Zidian” possedeva un potere singolare; colpendo una persona posseduta era
in grado di separare immediatamente l’anima e il corpo fisico. Senza alcuna
esclusione, l’anima della persona sarebbe uscita dal corpo. Eppure, Wei
WuXian si muoveva ancora correttamente ed era riuscito anche a correre
dopo aver incassato il colpo. L’unica spiegazione era che non avesse rubato
quel corpo.
Wei WuXian pensò, E’ naturale che Zidian non sia riuscita a espellere la
mia anima. Non ho rubato il corpo di nessuno, me ne hanno forzatamente
dato uno!
Un’espressione sbigottita era dipinta sul volto di Jiang Cheng mentre si
preparava a colpire di nuovo, ma Lan JingYi improvvisamente gridò, “Capo
Setta Jiang, questo dovrebbe bastare, no? Si tratta di Zidian!”
Per un’arma magica di alto livello come Zidian era assolutamente
impossibile fallire al primo colpo e avere successo con il secondo. Se non era
uscito nulla, allora nulla doveva uscire; se non si trattava di un corpo rubato,
allora non poteva occuparsi del caso. In effetti, l’intervento era riuscito a far
si che Jiang Cheng, a cui importava conservare la sua reputazione più di
qualunque altra cosa, non procedesse con un’altra mossa.
Tuttavia, se non si trattava di Wei WuXian, chi altro avrebbe potuto
convocare e controllare Wen Ning?
Anche dopo aver meditato più volte, Jiang Cheng non riusciva ad accettare
la situazione. Indicò Wei WuXian, irritato, “Chi diavolo sei?”
Finalmente, un inopportuno ficcanaso s’intromise nella conversazione,
“Capo Setta Jiang, forse non sei solito prestare attenzione a queste cose,
quindi potresti non saperlo. Mo XuanYu apparteneva alla Setta LanlingJin…
ahem, era un discepolo straniero della Setta Jin. Tuttavia, poiché i suoi
poteri spirituali sono bassi, non si è impegnato nei suoi studi e aveva anche
quella… ha persino molestato un suo pari, alla fine è stato cacciato dalla
Setta. Ho sentito che ha anche perso qualche rotella. A mio parere,
probabilmente, era amareggiato a causa della sua incapacità di coltivare
usando il metodo corretto, perciò si è avventurato sulla strada sbagliata. Non
è possibile… che il Patriarca Yiling abbia preso questo corpo.”
Jiang Cheng chiese, “Quella? Cosa?”
“Quella…. quella di…”
Qualcuno non poté fare a meno di commentare, “L’inclinazione di un taglia
manica[2]!”
La fronte di Jiang Cheng si contrasse. I suoi occhi quando fissarono Wei
WuXian erano ancora più disgustati di prima. Ci furono altri commenti sulla
questione ma nessuno osò proferirli di fronte a Jiang Cheng.
Sebbene fosse meschino, la gente doveva ammettere che, prima che il
Patriarca Yiling Wei WuXian tradisse la Setta YunmengJiang, era noto per
essere un bel giovane e un raffinato coltivatore abile nelle sei arti[3]. Si era
classificato quarto tra tutti i Giovani Maestri nel mondo della coltivazione e
lo descrivevano come vivace e allegro. D’altra parte, lo scettico Capo Setta
Jiang si era classificato quinto, superato da lui, quindi la maggior parte della
gente non era così audace da menzionare la questione. Wei Ying era una
persona frivola e sfrenata, che amava intrecciare legami con belle ragazze.
Nessuno sapeva quante donne coltivatrici avesse turbato con il suo fascino,
ma non avevano mai sentito che fosse attratto anche dagli uomini. Se
desiderava rubare un corpo in cerca di vendetta… secondo i gusti di Wei
Ying, sicuramente non avrebbe scelto un folle lunatico taglia manica che
cavalcava un asino mentre mangiava frutta e con il viso dipinto per
sembrare un fantasma impiccato!
Qualcuno mormorò, “Non è lui, non importa da che prospettiva lo guardi…
anche il flauto l’ha suonato in modo orribile… è sicuramente un caso di cieca
imitazione, avete sentito quanto inferiore fosse il suono.”
Durante la “ Campagna Eclissi di Sole [4]“, il Patriarca Yiling era sul
campo di battaglia e suonava il flauto per tutta la notte, controllando i
Soldati Fantasma come se fossero un esercito vivente. Spazzava via tutti gli
ostacoli: che ad affrontarlo fosse un umano o un dio, lo avrebbe sicuramente
sconfitto. Il suono del suo flauto era come generato da un immortale e
assolutamente incomparabile ai profondi e terribili gemiti prodotti dal figlio
abbandonato del Clan Jin. Non importava quanto orribile fosse la
personalità di Wei WuXian, era troppo offensivo confrontarli in quel modo.
Wei WuXian si sentì un po’ offeso, … perché non provate anche voi a
suonare qualche nota dopo dieci anni senza far pratica, usando uno
schifoso flauto fatto con pochi pezzi e tagli? Se avrà un suono piacevole,
allora m’inginocchierò di fronte a voi!
Un attimo prima, Jiang Cheng era stato certo che quella persona fosse Wei
WuXian, e tutto il sangue del suo corpo aveva ribollito. Eppure, ora Zidian
gli aveva chiaramente detto che non era così, e di certo non lo avrebbe
ingannato commettendo degli errori. Pertanto, si calmò velocemente e
rifletté, Questo non significa niente. Devo trovare un pretesto per riuscire a
portarlo via, così potrò usare ogni metodo possibile per ottenere delle
informazioni da lui. E’ impossibile che non confesserà nulla o che non si
arrenderà. Ad ogni modo, ho già fatto cose simili in passato. Dopo aver
riflettuto a fondo, fece un cenno. I discepoli capirono le sue intenzioni e si
avvicinarono.
Wei WuXian saltò in fretta con l’asino dietro Lan WangJi ed esclamò
premendosi una delle sue mani al petto, “Ah! Cosa avete intenzione di
farmi?”
Lan WangJi gli lanciò un’occhiata, sopportando il suo comportamento
estremamente scortese, rumoroso e esagerato.
Visto che non sembrava intenzionato a spostarsi, Jiang Cheng parlò,
“Secondo Giovane Maestro Lan, stai cercando volutamente di ostacolarmi?”
Tutti nel mondo della coltivazione sapevano che il Giovane Capo del Clan
Jiang prestava attenzione a Wei WuXian in un modo quasi folle. Preferiva
prendere la persona sbagliata piuttosto che lasciar stare ogni possibilità, e
portava chiunque sembrava possedere l’anima di Wei WuXian alla Setta
YunmengJiang, infliggendo gravi torture alla sua vittima. Se desiderava
davvero portarlo via, allora sarebbe stato disposto persino a dimezzare le
vite di una parte dei suoi oppositori. Lan SiZhui parlò, “Capo Setta Jiang. Le
prove sono chiare: il corpo di Mo XuanYu non è stato rubato. Quindi perché
perdere tempo con una persona insignificante come lui?”
Jiang Cheng rispose con freddezza, “Allora perché il Secondo Maestro Lan
sta cercando in tutti i modi di proteggere una persona insignificante come
lui?”
All’improvviso, Wei WuXian emise alcuni suoni, sopprimendo una risata.
Parlò, “Capo Setta Jiang, uhm, mi sentirò molto turbato se continuerai a
infastidirmi in questo modo.”
La fronte di Jiang Cheng si contrasse nuovamente. Il suo istinto gli suggerì
che quella persona non avrebbe sicuramente detto nulla di suo gradimento.
Wei WuXian parlò, “Ti ringrazio per l’entusiasmo. Tuttavia, la tua mentalità
è piuttosto arretrata. Anche se sono attratto dagli uomini, non mi piacciono
tutti, né tanto meno sono interessato a tutti quelli che mi salutano. Ad
esempio, non sono interessato a quelli come te.”
Wei WuXian stava cercando di disgustarlo. Jiang Cheng da sempre odiava
essere sconfitto dagli altri, indipendentemente da quanto fosse inutile il
confronto. Bastava accusarlo di non essere bravo come qualcun altro e ciò
avrebbe suscitato la sua ira, continuando a ripensarci finché non avesse
vinto contro quella persona. Come previsto, il volto di Jiang Cheng si oscurò,
“Oh, davvero? Allora posso chiederti quale tipo di persona ti interessa?”
Wei WuXian rispose, “Quale tipo? Beh, sono attratto dalle persone come
HanGuang-jun.”
Lan WangJi non avrebbe potuto certo tollerare uno scherzo frivolo e sciocco
come quello. A causa del disgusto, avrebbe sicuramente tracciato un confine
tra loro, allontanandosi da lui. Disgustare due persone allo stesso tempo era
come catturare due piccioni con una fava!
Tuttavia, quando Lan WangJi lo sentì, si voltò.
Il suo volto era privo di emozioni, “Segna le tue parole.”
Wei WuXian, “Hmm?”
Lan WangJi si girò, parlò con tono cordiale ma deciso, “Porterò questa
persona alla Setta Lan.”
Wei WuXian, ” … “
Wei WuXian, “… eh?”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 11 –


Eleganza – Parte Uno

La residenza della Setta Lan era situata su una remota montagna fuori dalla
città di Gusu.
La nebbia avvolgeva costantemente le mura bianche e i tetti neri delle
costruzioni che si estendevano lungo il pittoresco giardino del padiglione
sull’acqua, come un oceano di nuvole nel Regno degli Immortali. All’alba, i
primi raggi del sole del mattino penetravano attraverso le onde di nebbia che
avanzavano alla deriva in lungo e in largo, adattandosi completamente al
suo nome “Meandri della Nuvola[1].”
In un luogo così tranquillo, il cuore riusciva a diventare limpido come
l’acqua. L’unici rumore che si udiva era l’eco del campanile che vibra
nell’aria. Sebbene non fosse ineguagliabile come un Tempio Sacro, dalle
fredde montagne giungeva un’aria solitaria di Zen.
Tuttavia, l’atmosfera fu bruscamente infranta da un lungo lamento,
causando una serie di brividi ai discepoli che si allenavano o che svolgevano
le loro letture mattutine[2]. Non riuscirono a fare a meno di rivolgere
un’occhiata all’ingresso principale, da cui giungeva il suono.
Wei WuXian stava piangendo di fronte all’ingresso, aggrappato al suo asino.
Lan JingYi parlò, “Smettila di piangere! Hai detto che ti piaceva HanGuang-
jun, quindi perché stai piangendo ora che ti ha portato con sé?”
Wei WuXian s’imbronciò.
Non aveva più avuto la possibilità di convocare Wen Ning dopo quella notte
al Monte Dafan. Né era riuscito a scoprire, prima di essere portato via da
Lan WangJi, perché Wen Ning fosse incosciente o per quale ragione fosse
apparso di nuovo in questo mondo.
Durante la sua giovinezza, aveva studiato alla Setta Lan per tre mesi insieme
ai discepoli di altri clan, quindi aveva già sperimentato personalmente la
noiosa atmosfera della Setta GusuLan. Di fatto, rabbrividiva ancora al
pensiero delle trentamila regole o giù di lì che si ammassavano sul Muro
della Disciplina della Setta. Mentre lo trascinavano su per la montagna, ebbe
la possibilità di passare nuovamente accanto al muro di pietra e notò che ne
erano state scolpite altre mille. Ora ce n’erano più di quarantamila!
Quarantamila!
Lan JingYi parlò, “Avanti, avanti! Smettila creare tutto questo trambusto. Il
rumore è proibito nei Meandri della Nuvola.”
Stava emettendo dei forti rumori proprio perché non voleva entrare nei
Meandri della Nuvola!
Se fossero riusciti a trascinarlo dentro, sarebbe stato estremamente difficile
per lui uscire di nuovo. Ai tempi, quando era giunto lì per studiare, avevano
consegnato a tutti i discepoli un Gettone di Giada per il passaggio. Solo con
il gettone, una persona era in grado di entrare e uscire liberamente, in caso
contrario non sarebbe stato possibile attraversare la barriera protettiva dei
Meandri della Nuvola. Dopo dieci anni, la sicurezza probabilmente era
diventata ancora più rigorosa.
Lan WangJi si fermò di fronte all’ingresso, finse di non sentirlo e osservò la
scena con uno sguardo indifferente. Quando la voce di Wei WuXian si calmò
alquanto, disse: “Lasciatelo piangere. Quando si stancherà, trascinatelo
dentro.”
Wei WuXian abbracciò l’asino e pianse ancora più forte, sbattendo la testa
contro l’animale.
Che sfortuna! Aveva pensato che con il colpo di Zidian avrebbero chiarito
tutti i dubbi. E poiché si era sentito soddisfatto di se stesso, con le sue parole
canzonatorie, inavvertitamente aveva diretto alcuni commenti ripugnati a
Lan WangJi. Eppure, chi poteva immaginare che Lan WangJi non avrebbe
seguito le sue vecchie abitudini? Che cosa significava tutto ciò? Possibile che,
dopo così tanti anni, con l’aumento del suo livello di coltivazione, fosse
diventato più tollerante?
Wei WuXian parlò, “Sono attratto dagli uomini. Con così tanti bei giovani
nella vostra setta, ho paura che non riuscirò a controllarmi.”
Lan SiZhui provò a farlo ragionare, “Giovane Maestro Mo, HanGuang-jun ha
deciso di portarti qui per il tuo bene. Se non ci avessi seguito, il Capo Setta
Jiang non avrebbe lasciato perdere la questione. In questi anni ha catturato
innumerevoli persone portandole al Pontile del Loto, e nessuno è mai stato
liberato.”
Lan JingYi disse, “E’ vero. Hai visto i metodi del Capo Setta Jiang, no? Sono
piuttosto crudeli… ” A quel punto si era fermato, ricordando la regola che
affermava “parlare alle spalle delle altre persone è proibito”, e lanciò di
nascosto un’occhiata a Lan WangJi. Vedendo che HanGuang-jun non
sembrava intenzionato a punirlo, fu abbastanza audace da mormorare:
“Tutto a causa della malsana tendenza che il Patriarca Yiling ha avviato. Ci
così tante persone che lo copiano e coltivano quello sciocco metodo. Anche
se il Capo Setta Jiang è sospettoso con chiunque, come può catturarli tutti?
Basta guardare te e le tue abilità con il flauto… heh.”
L’heh riusciva a descrivere la situazione più di una qualsiasi frase. Wei
WuXian sentì il profondo bisogno di difendersi, “Beh, in realtà potrai anche
non credermi, ma di solito suono bene il flauto…”
Prima ancora di riuscire a terminare la sua difesa, alcuni coltivatori vestiti di
bianco varcarono l’ingresso.
Tutti indossavano l’uniforme della Setta Lan, con fluenti abiti bianchi come
la neve. L’uomo in testa era alto e snello. In vita portava uno xiao[3] di
bianca giada oltre alla sua spada. Appena Lan WangJi lo vide, chinò
leggermente la testa in segno di rispetto, e la persona fece lo stesso. Guardò
Wei WuXian e sorrise, “WangJi non porta mai ospiti a casa. Chi è?”
Quando quella persona giunse di fronte a Lan WangJi, sembravano due
immagini speculari. Tuttavia, il colore degli occhi di Lan WangJi era molto
chiaro, simile a dei cristalli colorati, mentre gli occhi dell’altra persona erano
di una tonalità più tenue e scura.
Si trattava di Lan Huan, il Capo della Setta GusuLan, ZeWu-jun, Lan
XiChen.
Ogni luogo allevava lo stesso genere di persone. La Setta GusuLan era
conosciuta da sempre perché formava molti begli uomini, specialmente le
Due Giade dell’attuale generazione dei Lan. Anche se i due non erano
gemelli, erano molto simili, ecco perché era difficile stabilire chi dei due
fosse superiore all’altro. Eppure, nonostante la somiglianza, le loro
personalità erano molto diverse. Lan XiChen era gentile e benevolo, mentre
Lan WangJi era eccessivamente distaccato e severo ed era tutt’altro che
amabile. Ecco perché, nella lista dei giovani maestri più belli nel mondo
della coltivazione, il più grande era al primo posto e il più giovane al
secondo.
Lan XiChen aveva dimostrato di essere il degno Capo di una Setta. Anche
quando vide Wei WuXian abbracciare un asino, non sembrò restarne scosso.
Wei WuXian lasciò andare l’asino con un radioso sorriso sul volto,
avvicinandosi a lui. La Setta GusuLan prestava molta attenzione all’ordine di
anzianità. Se avesse parlato in modo insensato con Lan XiChen, lo avrebbero
sicuramente cacciato dai Meandri della Nuvola. Tuttavia, mentre stava per
prepararsi a mostrare le sue capacità, Lan WangJi lo guardò.
Immediatamente, le sue labbra si sigillarono.
Lan WangJi si voltò di nuovo e continuò la sua educata conversazione con
Lan XiChen, “Fratello, hai intenzione di recarti in visita a LianFang-Zun?”
Lan XiChen annuì, “Per negoziare riguardo la prossima Conferenza di
Discussione alla Torre Jinlin.”
Wei WuXian non poté aprire bocca, così, amareggiato, ritornò dall’asino.
LianFang-Zun era l’attuale Capo della Setta LanlingJin, Jin GuangYao,
l’unico figlio illegittimo che Jin GuangShan aveva accettato. Era lo zio più
giovane di Jin Ling, poiché era il fratellastro di suo padre, Jin ZiXuan e di
Mo XuanYu. Tuttavia, sebbene fossero entrambi dei figli illegittimi, erano
molto diversi. Mentre Mo XuanYu abitava nel Villaggio Mo, dormendo sul
pavimento e nutrendosi di avanzi, Jin GuangYao era seduto nel punto più
alto nel mondo della coltivazione, convocando venti e controllando la
pioggia. Se desiderava parlare con Lan XiChen o avviare una Conferenza di
Discussione, poteva farlo a suo piacimento. Tuttavia, ovviamente, non c’era
da stupirsi dei buoni rapporti personali tra i Capi della Setta Lan e della
Setta Jin, dopotutto erano fratelli giurati.
Lan XiChen disse, “Lo zio ha preso ed esaminato ciò che hai portato dal
Villaggio Mo.”
Non appena sentì le parole “Villaggio Mo”, Wei WuXian iniziò subito a
prestare attenzione. Inaspettatamente, sentì le sue labbra aprirsi. Lan
XiChen smise di starsene in silenzio e disse a Lan WangJi, “Non ti capita
spesso di portare qualcuno a casa e sei così di buon umore. Dovresti trattare
cortesemente il tuo ospite, non in questo modo.”
Buon umore? Wei WuXian guardò attentamente il viso di Lan WangJi.
Come ha potuto dire che è di buon umore?!
Quando vide Lan XiChen andare via, Lan WangJi parlò, “Trascinatelo
dentro.”
E poi, Wei WuXian, in effetti, fu trascinato nel luogo in cui aveva giurato di
non entrare più.
In passato, solo gli illustri coltivatori erano giunti a far visita alla Setta Lan,
quindi nessuno aveva mai visto un ospite come lui prima d’ora. I giovani si
affollarono intorno a lui, interessati a questo nuovo evento. Se le regole della
setta non fossero state tanto rigide, ci sarebbero state sicuramente delle
risate lungo il viaggio. Lan JingYi chiese, “HanGuang-jun, dove dobbiamo
lasciarlo?”
Lan WangJi rispose, “Nel Jingshi[4].”
“… Nel Jingshi!?”
Wei WuXian non capiva cosa stesse accadendo. Gli altri si scambiarono delle
occhiate, timorosi di emettere qualsiasi suono.
Si trattava della stanza da letto e lo studio di HanGuang-jun in cui non aveva
mai invitato nessuno…
Gli arredamenti del Jingshi erano estremamente semplici, non era presente
nessun oggetto superfluo. Sul divisorio a soffietto, delle nuvole vaganti erano
state dipinte con una raffinata pennellata. Un tavolo Guqin giaceva
orizzontalmente, sopra cui giaceva un incensiere a tre gambe che rilasciava
un persistente e delicato fumo, riempiendo l’intera stanza di un fresco
profumo di sandalo.
Lan WangJi doveva recarsi da suo zio per discutere di alcune questioni
importanti, e Wei WuXian fu spinto nella stanza. Non appena Lan WangJi
se ne andò, uscì anche Wei WuXian. Girò per i Meandri della Nuvola e
scoprì che, come già sospettava, senza il Gettone di Giada per il passaggio,
anche arrampicandosi sulle bianche pareti dell’altezza di qualche Zhang, la
barriera lo avrebbe immediatamente scagliato via, richiamando l’attenzione
della pattuglia nelle vicinanze.
Wei WuXian poté solo tornare nel Jingshi.
Non prestò attenzione a nulla, indipendentemente da ciò che gli capitò di
vedere. Girò nel Jingshi con le braccia dietro la schiena, con la ferma
sicurezza che, prima o poi, avrebbe trovato una soluzione. Il profumo
rinfrescante di sandalo era freddo e limpido. Sebbene non fosse
sentimentale, ciò riuscì in qualche modo a tirare le corde del suo cuore. Non
avendo niente da fare, iniziò a formulare vari pensieri, Lan Zhan aveva lo
stesso odore di questo profumo. I suoi vestiti probabilmente si sono
impregnati di questa fragranza mentre era qui per esercitarsi con il suo
Guqin o mentre meditava.
Dopo quelle riflessioni, non poté fare a meno di avvicinarsi all’incenso posto
nell’angolo. Con quel  movimento notò che, sotto il suo piede un’asse di
legno era relativamente diversa dalle altre. Wei WuXian si chinò e cominciò
a bussare qua e là, incuriosito. Nella sua vita passata, aveva scavato molte
buche, riesumando tombe e cercando cavità nel terreno. Dopo alcuni istanti,
restò di sasso.
Trovare un nascondiglio segreto nella stanza di Lan WangJi era già più che
sufficiente per sorprendere Wei WuXian. Tuttavia, quando vide cosa celava,
restò ancora più sorpreso.
Non appena capovolse la tavola di legno, un dolce aroma riempì l’aria,
impercettibile quando si fondeva al profumo di sandalo. Sette o otto vasi
neri erano stipati in una piccola cantina quadrata.
Ne era certo, Lan WangJi era cambiato: aveva anche preso l’iniziativa di
nascondere dei liquori!
Nei Meandri della Nuvola il liquore era proibito. Per quel motivo, la prima
volta che si erano incontrati avevano avuto un piccolo scontro. Lan WangJi
aveva rovesciato un vaso del “Sorriso dell’Imperatore” che aveva portato
dalla città di Gusu.
Dopo il suo ritorno da Gusu a Yunmeng, Wei WuXian non aveva più avuto la
possibilità di bere di nuovo il “Sorriso dell’Imperatore” fatto esclusivamente
dagli esperti di Gusu. Aveva continuato a pensarci per tutta la vita,
ripromettendosi sempre di ritornare per assaggiarlo se mai ne avesse avuto
l’opportunità. Tuttavia, l’opportunità non era mai giunta. Nascosto lì non
c’era altro che del liquore, non aveva neppure bisogno di aprirlo e
assaggiarlo; sapeva che si trattava del “Sorriso dell’Imperatore” già dal suo
profumo. Non avrebbe mai pensato di trovare un nascondiglio per dei
liquori nella stanza di una persona scrupolosa e astinente come Lan WangJi.
Il karma si era davvero superato in questa reincarnazione.
Mentre Wei WuXian enfatizzava sulla questione, aveva già finito un vaso.
Aveva un’alta tolleranza agli alcolici e amava bere. Dopo aver determinato
che Lan Wangji gli doveva ancora un vaso del “Sorriso dell’Imperatore”, e
che era giunto il momento di raccogliere gli interessi, bevve anche un
secondo vaso. Quando stava iniziando a diventare un po’ alticcio, un
pensiero gli passò improvvisamente per la mente. Quanto era difficile
ottenere un Gettone di Giada? Nei Meandri della Nuvola c’era una sorgente
fredda con degli effetti miracolosi utilizzata dai coltivatori maschi. Si diceva
che fosse in grado di calmare il cuore, chiarire la mente, spegnere il fuoco e
così via. Per entrare nella sorgente fredda, bisognava spogliarsi. Pertanto,
senza vestiti, di certo non lo avrebbero potuto reggere il gettone in bocca, era
sicuramente fuori questione.
Wei WuXian batté le mani e finì l’ultimo sorso nel vaso.  Dopo aver cercato,
scoprì che non c’erano posti dove gettarli. Allora riempì i barattoli vuoti con
l’acqua limpida e sigillò di nuovo i coperchi, rimettendoli dentro e
chiudendo l’asse di legno. Fatto ciò, si avventurò alla ricerca del Gettone di
Giada.
Anche se i Meandri della Nuvola erano stati incendiati prima della
“Campagna Eclissi di Sole “, la struttura ricostruita nella zona era la stessa.
Wei WuXian camminò attraverso i sentieri tortuosi dei ricordi e presto trovò
la sorgente fredda situata in posto tranquillo e in ombra.
Il discepolo di turno che avrebbe dovuto sorvegliare la sorgente fredda era
piuttosto lontano. Le donne coltivavano in un altro quartiere dei Meandri
della Nuvola e non ne usufruivano. Ad ogni modo, nessuno nella Setta Lan
aveva mai agito tanto sfacciatamente giungendo a spiare gli altri mentre
facevano il bagno nella sorgente fredda. Pertanto, la sicurezza non era
affatto rigida ed era e semplice da superare, facilitando il compito di Wei
WuXian. Per coincidenza, trovò un set di abiti bianchi sulle rocce candide
dietro a dell’erba eupatorium il che stava a significare che era già occupata.
Il set di abiti bianchi era piegato in modo ordinato quasi da fargli rizzare i
capelli. Sembrava un pezzo di tofu bianco come la neve, persino il nastro
frontale era privo di pieghe. Quando Wei WuXian infilò la mano per cercare
il Gettone di Giada per il passaggio, fu quasi riluttate non volendo rovinarli.
Poi, scavalcando i cespugli d’erba eupatorium, il suo sguardo si spostò verso
la sorgente e si bloccò improvvisamente.
L’acqua della sorgente fredda era gelida. Diversamente da una sorgente
d’acqua calda, non c’era il vapore a ostacolare la vista, pertanto riuscì a
guardare chiaramente la parte superiore del corpo della persona nell’acqua
che gli dava le spalle.
La persona nella sorgente era piuttosto alta. La sua pelle era chiara e i suoi
capelli neri, bagnati e raccolti su una spalla. Le linee che evidenziavano la
sua vita e la sua schiena erano lisce, aggraziate ma robuste. In termini più
semplici, era una meraviglia.
Tuttavia, Wei WuXian non era sbalordito e incapace di distogliere lo
sguardo perché stava guardando un bell’uomo fare il bagno. Per quanto
fosse bello non era affatto attratto dagli uomini. In realtà, non riusciva a
distogliere lo sguardo a causa di ciò che vide sulla schiena di quella persona.
C’erano dozzine di cicatrici incrociate.
Erano le cicatrici di una frusta disciplinare. Nelle diverse Sette c’era una
sorta di frusta che utilizzavano per punire i discepoli di quella determinata
Setta che commettevano errori rilevanti. Dopo la tortura, le cicatrici non
sarebbero mai più scomparse. Sebbene Wei WuXian non fosse mai stato
colpito da una frusta disciplinare in passato, Jiang Cheng ne era stato
vittima. Anche dopo vari disperati tentativi non era mai riuscito a far svanire
quei segni disonorevoli. Wei WuXian non avrebbe mai confuso queste
cicatrici.
Di solito, uno o due colpi di frusta disciplinare erano già sufficienti affinché
il portatore riuscisse a ricordarlo per tutta la vita così da non commettere
più lo stesso errore. La quantità di cicatrici sulla schiena di quella persona
raggiungeva almeno la trentina. Quale mostruoso crimine aveva commesso
per essere frustato così tante volte? Se il crimine era stato tanto mostruoso,
perché non era stato ucciso?
Poi la persona nella sorgente fredda si voltò. Sotto la clavicola e vicino al suo
cuore c’era una leggera scottatura. Alla vista dell’ustione, lo shock di Wei
WuXian raggiunse all’istante le più alte vette.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 12 –


Eleganza – Parte Due

 
L’ustione attirò l’attenzione di Wei WuXian facendogli dubitare della sua
vista. Non riuscì a prestare attenzione al viso della persona e anche i suoi
respiri incespicarono un paio di volte. Improvvisamente, un lampo bianco
gli passò davanti agli occhi, come se di fronte a lui fosse crollata una valanga.
Subito dopo, il bagliore blu di una spada penetrò attraverso il candore,
puntando verso di lui con una folata di vento artico.
Di chi altri poteva trattarsi se non della famosa spada di HanGuang-jun,
“Bichen”? Merda, è Lan WangJi!
Wei WuXian era piuttosto abile a scappare e a schivare le spade. Rotolò sul
terreno, e riuscì ad evitare la spada. Ebbe anche il tempo di rimuovere una
foglia che gli era finita tra i capelli mentre si precipitava fuori dalla sorgente
fredda. Mentre correva come una mosca senza testa, s’imbatté in alcune
persone che stavano tornando dalla ronda notturna. Lo afferrarono
sgridandolo, “Perché stai correndo? E’ vietato correre nei Meandri della
Nuvola!”
Wei WuXian vedendo che si trattava di Lan JingYi e degli altri rimase
estasiato e pensò che finalmente l’avrebbero cacciato via dalla montagna.
Così si espose subito: “Non l’ho visto! Non ho visto niente! Non sono
assolutamente venuto qui per sbirciare HanGuang-jun mentre fa il bagno!”
I giovani erano talmente scioccati da restare senza parole per la sua
spudoratezza. Indipendentemente dal luogo in cui si recava, HanGuang-jun
era come una montagna alta e sacra da contemplare con ammirazione, ed
era particolarmente rispettato tra i giovani discepoli della Setta. Era nei
pressi della sorgente fredda per spiare HanGuang-jun che faceva il bagno!
Anche solo pensare una cosa simile era già un grande crimine
imperdonabile. Lan SiZhui era spaventato a tal punto che persino la sua
voce mutò, “Cosa? HanGuang-jun? HanGuang-jun è là dentro!?”
Lan JingYi lo afferrò furiosamente, “Maledetto taglia manica! L-l-lui è
qualcuno che pensi di poter spiare!?”
Wei WuXian colpì il ferro mentre era ancora caldo e confermò la sua
condanna: “Non ho dato neppure una sbirciatina all’aspetto di HanGuang-
jun senza i vestiti!”
Lan JingYi s’irritò: “Lo stai giurando sui trecento tael[1] che non sono
sepolti qui! Bene, se non l’hai fatto, allora perché ti sei recato qui di
nascosto? Guardati, non hai neppure il coraggio di guardarci!”
Wei WuXian si coprì il volto con le mani, “Non essere così rumoroso… il
rumore è proibito nei Meandri della Nuvola.”
Nel bel mezzo della confusione, Lan WangJi uscì dai cespugli di erba
eupatorium con i capelli sciolti, indossando un abito bianco. La
conversazione non era ancora terminata e lui era già vestito ordinatamente
mentre Bichen era ancora sfoderata. I giovani si affrettarono a salutarlo. Lan
JingYi subito parlò, “HanGuang-jun, Mo XuanYu è orribile. L’ha portato qui
solo perché ci ha assistiti al Villaggio Mo, ma lui… lui…”
Wei WuXian pensò che questa volta probabilmente era riuscito a superare il
limite della sua pazienza e finalmente l’avrebbe cacciato dalla Setta.
Tuttavia, Lan WangJi lo guardò solo di sfuggita. Dopo un momento di
silenzio, rinfoderò Bichen con un sibilo metallico e parlò, “Siete congedati.”
Erano state solo due parole pronunciate con un tono piatto, ma
sufficientemente autorevoli da non consentire nessuna replica. La folla si
disperse immediatamente, mentre Lan WangJi afferrò pacatamente Wei
WuXian dal retro del suo colletto, trascinandolo verso lo Jingshi. Nella sua
vita passata, la loro altezza era stata simile, entrambi erano magri e alti. Wei
WuXian era stato solo leggermente più basso di Lan WangJi. Quando erano
in piedi, la differenza di meno di un cun[2] tra loro era quasi impercettibile.
Tuttavia, nel corpo in cui si era risvegliato era di almeno due cun più basso
di Lan WangJi. Nella sua presa non riusciva neppure a competere contro di
lui. Wei WuXian barcollò, intenzionato a urlare, ma Lan WangJi disse con
distacco: “Chi fa rumore sarà messo a tacere.”
Desiderava farsi cacciare dalla montagna ma non voleva essere messo a
tacere. Wei WuXian non riusciva a capire la situazione: da quando la Setta
Lan tollerava un’azione così spudorata come spiare uno dei più illustri
coltivatori del Clan Lan mentre faceva il bagno?!
Lan WangJi lo trascinò nel Jingshi, dirigendosi direttamente verso la stanza
interna e lo gettò sul letto con un tonfo. Wei WuXian guaì dal dolore. Non
riuscì ad alzarsi subito, dimenandosi per un po’. Inizialmente, pensò di
piagnucolare per qualche tempo con un tono civettuolo, suscitando il suo
disprezzo. Tuttavia, alzando la testa, notò che Lan WangJi reggeva Bichen
con una mano mentre lo guardava dall’alto con un’aria imponente.
Era abituato a vedere Lan WangJi con il suo nastro frontale e i capelli lisci e
lunghi scrupolosi in ogni dettaglio. Non l’aveva mai visto così, con i capelli
sciolti e gli indumenti leggeri. Wei WuXian non poté fare a meno di
lanciargli qualche altra occhiata. A causa dello sforzo che aveva impiegato
nel trascinarlo e gettarlo sul letto, il colletto di Lan WangJi, che in
precedenza era chiuso, si era leggermente allentato, mettendo in mostra le
sue risolute clavicole e la profonda ustione rossa.
Alla vista dell’ustione, l’attenzione di Wei WuXian fu di nuovo catturata.
Prima di diventare il Patriarca Yiling, anche lui aveva avuto una bruciatura
simile a quella sul suo corpo.
E l’ustione sul corpo di Lan WangJi era identica a quella che aveva avuto sul
corpo nella sua vita precedente, sia la posizione che la forma, quindi era
naturale per lui riconoscerla ed esserne sorpreso.
Per di più, oltre all’ustione, anche le trentadue cicatrici della frusta
disciplinare sulla sua schiena erano sorprendenti.
Lan WangJi era diventato famoso in giovane età. Era uno dei coltivatori
maggiormente riconosciuti nel mondo della coltivazione, e inoltre, era anche
una delle Due Giade di cui la Setta GusuLan era tanto orgogliosa. Ogni sua
parola e ogni sua azione erano considerate esempi di eccellenza per i loro
discepoli dagli anziani di ogni Setta. Quale imperdonabile errore aveva
commesso per ricevere una simile punizione?
Con le trentadue cicatrici della frusta disciplinare l’esecutore aveva rischiato
anche di ucciderlo. Con l’utilizzo della frusta disciplinare, i segni non
sarebbero spariti per il resto della vita del portatore, così che potesse
ricordare per sempre e non commettere mai più lo stesso errore.
Seguendo il suo sguardo, Lan WangJi abbassò gli occhi. Sistemò il colletto
per coprire le sue clavicole e l’ustione, tornando ad essere di nuovo
l’indifferente HanGuang-jun. In quel momento, da lontano giunse il
profondo rintocco della campana.
La Setta Lan aveva delle regole rigorose, compreso un preciso orario che
imponeva di andare a dormire alle nove di sera e di svegliarsi alle cinque del
mattino. La campana era un promemoria per quello. Lan WangJi ascoltò
attentamente i rintocchi e si rivolse a Wei WuXian, “Dormirai qui.”
E senza dargli l’opportunità di replicare, svoltò verso un altro
scompartimento del Jingshi. Wei WuXian restò da solo disteso sul letto,
piuttosto confuso.
Sospettava che Lan WangJi potesse averlo riconosciuto. Tuttavia, era un
sospetto sia insensato che irragionevole. Sacrificare il proprio corpo era una
pratica proibita e probabilmente erano poche le persone a conoscerla. I
rotoli tramandati da generazioni erano indubbiamente solo delle parti
incomplete dell’intero lavoro, quindi non riuscivano a raggiungere il loro
pieno potenziale. La situazione era quella, quindi solo poche persone ormai
credevano alla sua esistenza. Mo XuanYu probabilmente era riuscito a
evocare Wei WuXian esaminando un rotolo segreto che aveva trovato da
qualche parte. Tuttavia, era impossibile che Lan WangJi lo avesse
riconosciuto solo dalle orribili melodie che aveva suonato con il flauto.
Riflettendo tra sé e sé, si domandò se il suo rapporto con Lan WangJi nella
sua vita precedente fosse stato buono o no. Sebbene avessero studiato
insieme, intrapreso avventure e combattuto fianco a fianco, tutte quelle
esperienze erano state come petali cadenti o come il flusso dell’acqua, erano
giunte e se n’erano andate. Lan WangJi era un discepolo della Setta
GusuLan, il che significava che doveva essere “inflessibile”, ecco perché era
del tutto incompatibile con la personalità di Wei WuXian. Wei WuXian
riteneva che la loro relazione non fosse brutta, ma neanche buona.
Probabilmente l’opinione di Lan WangJi su di lui era simile a quella che
avevano tutti gli altri: troppo sfrenato e non abbastanza morale, era solo
questione di tempo prima che causasse un disastro. Dopo che Wei WuXian
aveva tradito la Setta YunmengJiang, diventando il Patriarca Yiling, aveva
affrontato delle controversie rilevanti con la Setta Lan, specialmente durante
i suoi ultimi mesi di vita. Se Lan WangJi fosse stato davvero certo che lui
fosse Wei WuXian, di certo avrebbero già dato inizio a una battaglia su larga
scala.
Eppure, non era sicuro di come comportarsi nell’attuale situazione. In
passato, a prescindere da ciò che faceva, Lan WangJi non tollerava nulla. Ma
ora, nonostante avesse usato ogni metodo a sua disposizione, Lan WangJi
riusciva ancora a tollerarlo. Doveva forse congratularsi per i suoi progressi?!
Dopo aver indugiato per un po’ fissando il nulla, Wei WuXian si era voltato
ed era sceso dal letto. Si spostò lentamente verso l’altra camera.
Lan WangJi era disteso su un lato del letto, apparentemente già
addormentato. Senza far rumore, Wei WuXian gli si avvicinò.
Non aveva ancora intenzione di arrendersi e sperava di trovare il Gettone di
Giada per uscire. Tuttavia, non appena allungò la mano, le lunghe ciglia di
Lan WangJi tremarono e aprì gli occhi.
Wei WuXian cercò immediatamente di inventare un diversivo e si gettò sul
letto.
Ricordava che Lan WangJi odiava il contatto fisico. In passato, era bastava
un semplice tocco e il colpevole era finito immediatamente scagliato via. Se
avesse sopportato anche quello, allora di certo quella persona non poteva
essere davvero Lan WangJi. Qualcuno doveva aver preso il suo corpo!
L’intero corpo di Wei WuXian fu sopra quello di Lan WangJi, con le gambe
separate e le ginocchia ai lati della sua vita. Le sue mani erano appoggiate
sul letto di legno, intrappolando Lan WangJi tra le sue braccia. Abbassò a
poco a poco la testa. La distanza tra i loro volti diminuiva sempre di più.
Erano sempre più vicini. Quando giunsero al punto in cui divenne difficile
per Wei WuXian riuscire a respirare, Lan WangJi finalmente aprì la bocca.
Rimase in silenzio per qualche istante, “Scendi.”
Wei WuXian indurì la sua espressione, “No.”
Due occhi pallidi fissarono Wei WuXian a una distanza molto ravvicinata.
Lan WangJi continuò a fissarlo e ripeté: “… scendi.”
Wei WuXian disse, “No. Mi hai permesso di dormire qui, avresti dovuto
sapere che una cosa del genere sarebbe successa.”
Lan WangJi disse: “Sei sicuro che è questo ciò che vuoi?”
“…” Per qualche ragione, Wei WuXian sentiva di dover considerare
attentamente la sua risposta.
Mentre stava per increspare le labbra in un sorriso, la sua vita s’intorpidì
improvvisamente e le sue gambe cedettero. Con un tonfo, cadde sul corpo di
Lan WangJi.
La traccia di quel mezzo sorriso si congelò sulle sue labbra. La sua testa era
appoggiata sul lato destro del torace di Lan WangJi e non riusciva a
muoversi. La voce di Lan WangJi risuonò dall’alto.
Era bassa e profonda. Il suo petto vibrò leggermente mentre pronunciava
ogni parola.
“Allora resta così per tutta la notte.”
Wei WuXian non aveva considerato la possibilità che sarebbe finita così.
Cercò di spostarsi, intenzionato ad alzarsi, ma la sua vita continuava a
pungere dolorosamente, sentendosi inerte. Poté solo restare incollato a un
altro uomo in quella situazione imbarazzante, sentendosi un po’ confuso.
Cosa diavolo era successo a Lan Zhan negli ultimi anni per cambiare in
quel modo?
Era lo stesso Lan Zhan del passato?!
Non è che qualcuno aveva davvero preso il suo corpo?!?!
All’improvviso, mentre suoi pensieri si fondevano come un uragano, Lan
WangJi si spostò leggermente. Le speranze di Wei WuXian si rinnovarono,
ipotizzando che finalmente aveva smesso di tollerarlo. Ma Lan WangJi agitò
semplicemente la mano.
E le luci si spensero.
[COSE DAL PASATO – 13 – 18]

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 19 –


Compiacimento – Parte Uno

Wei WuXian aveva passato tutta la notte disteso a pancia in giù. La prima
parte della notte la trascorse a riflettere su cosa potesse essere accaduto a
Lan WangJi in quegli anni, riuscendo ad assopirsi solo durante la seconda
metà. Quando aprì gli occhi il mattino seguente, Lan WangJi era già sparito.
Invece, lui era disteso sul letto civilmente, con le braccia sistemate ai lati del
corpo, in una posizione che lo faceva sembrare ben educato.
Wei WuXian spostò immediatamente la coperta che lo copriva. S’infilò le
dita della mano destra tra i capelli. L’inspiegabile sensazione di assurdità e
timore non era ancora sparita dalla sua mente.
In quell’esatto momento, due colpi giunsero dalla porta di legno del Jingshi.
La voce di Lan SiZhui giunse dall’esterno, “Giovane Maestro Mo? Sei
sveglio?”
Wei WuXian, “Perché mi stai chiamando di mattina presto?”
Lan SiZhui, “P-presto? … Ma sono già le nove.”
Tutti i membri della Setta Lan si svegliavano alle cinque e andavano a
dormire alle nove con regolarità. Wei WuXian, d’altra parte, si svegliava alle
nove e andava a dormire all’una in modo altrettanto regolare, esattamente
quattro ore dopo gli orari della Setta Lan. Poiché aveva dormito a pancia in
giù per una parte della notte, sia la sua vita che la schiena erano doloranti.
Disse con un tono onesto, “Non riesco ad alzarmi.”
Lan SiZhui, “Uhm, cosa c’è che non va questa volta?”
Wei WuXian, “Cosa c’è che non va? Sono stato tormentato da HanGuang-
jun della tua Setta per l’intera notte!”
Spuntò anche la voce arrabbiata di Lan JingYi, “Se continuerai a dire delle
simili assurdità, la pagherai. Esci!”
Wei WuXian rispose con un tono offeso, “E’ vero! L’ha fatto per tutta la
notte! Non posso uscire. Non ho il coraggio di vedere nessuno.”
Alcuni giovani si guardarono sbalorditi fuori alla porta. Nessuno poteva
entrare nella stanza di HanGuang-jun senza permesso, quindi non era
possibile entrare semplicemente e trascinarlo fuori. Lan JingYi s’infuriò,
“Non hai la minima vergogna! HanGuang-jun non è un taglia manica come
te. Ti ha tormentato?! Sarei più grato se mi dicessi che sei stato tu a non
fargli nulla. Alzati! Porta via quel tuo asino e istruiscilo correttamente. Sta
facendo troppa confusione!”
Quando menzionarono la sua cavalcatura, Wei WuXian si alzò rapidamente,
“Cosa avete fatto alla mia Piccola Mela?! Non toccatelo. Vi prenderà a calci.”
Lan JingYi chiese, “Cos’è Piccola Mela?”
Wei WuXian, “Il mio asino!” Uscendo dal Jingshi, pressò i giovani affinché
lo accompagnassero dal suo destriero. Fu condotto ad una distesa d’erba.
L’asino era lì, che piangeva senza sosta, causando molta confusione.
Frignava perché desiderava mangiare l’erba, ma una dozzina di rotondi
fiocchi bianchi si erano radunati nel campo, impedendogli di sfamarsi.
Wei WuXian era felicissimo, “Ci sono così tanti conigli! Avanti, avanti,
mettiamoli su uno spiedo e cominciamo ad arrostire!”
Lan JingYi fumava di rabbia, “Uccidere è vietato nei Meandri della Nuvola!
Fallo tacere immediatamente. I discepoli che stavano svolgendo le prime
letture sono venuti già a lamentarsi più volte! Se continua così, ci
sgrideranno a morte!”
Wei WuXian gli diede da mangiare la mela che gli era stata data per
colazione. Come pensava, l’asino smise di causare confusione mentre
maciullava la mela, masticando rumorosamente. Wei WuXian gli accarezzò
la nuca mentre pensava al gettone per il passaggio di quei giovani e indicò i
rotondi conigli a terra, “Davvero non li posso arrostire? Se lo facessi, mi
caccerebbero dalla montagna?”
Come se si trovasse di fronte a un’imminente minaccia, Lan JingYi si affrettò
a fermarsi davanti a Wei WuXian con le braccia tese, “Questi sono di
HanGuang-jun. Lo aiutiamo solo occasionalmente nel prenderci cura di
loro. Non osare arrostirli!”
Non appena Wei WuXian lo sentì, rise così forte che finì quasi per cadere a
terra. Pensò, Che persona interessante che è Lan Zhan! In passato, non
voleva accettarli neanche quando volevo darglieli in regalo, ma ora ne ha
segretamente cresciuto un intero gruppo. E mi disse anche che non li
voleva. Chi pensava di prendere in giro? Oh, per favore, scommetto che gli
piacciono davvero queste cose bianche e pelose. HanGuang-jun mentre
regge tra le braccia un coniglio con un’espressione seria. Mio dio, sto per
morire…
Tuttavia, quando ripensò alla condizione in cui aveva giaciuto sul corpo di
Lan WangJi la notte precedente, le sue risate si interruppero bruscamente.
All’improvviso, giunsero gli echi di una campana dal lato ovest dei Meandri
della Nuvola.
Quegli echi erano completamente diversi da quelli che ricordava. Erano
frettolosi e violenti, come se a suonare la campagna fosse un pazzo. Con un
improvviso cambiamento di espressione, Lan JingYi e Lan SiZhui cessarono
di scherzare con lui, e accorsero immediatamente nella direzione dei
rintocchi. Wei WuXian sapeva che c’era qualcosa di sbagliato e li seguì
rapidamente.
Il suono giungeva da una torre di guardia.
La torre di guardia era chiamata “Mingshi[1]“. Si trattava dell’edificio che
la Setta Lan utilizzava per evocare gli spiriti, le pareti erano state costruite
con un materiale speciale su cui avevano scolpito degli incantesimi. Quando
la campana della torre di guardia iniziava a suonare da sola, significava solo
una cosa: era accaduto un incidente alle persone che stavano eseguendo il
rituale di convocazione al suo interno.
All’esterno della torre di guardia, iniziarono a sopraggiungere molti
discepoli della Setta Lan, ma nessuno osò entrare senza un’attenta
valutazione. Il Mingshi aveva una porta di legno, dipinta di nero. Era chiusa,
e poteva essere aperta solo dall’interno. Non solo era difficile da abbattere
dall’esterno, ma era anche proibito farlo. Quando avveniva un incidente
durante il rituale di convocazione dello spirito era estremamente
spaventoso, dal momento che nessuno sapeva cosa avrebbero richiamato o
cosa sarebbe successo se qualcuno avesse fatto irruzione. E, da quando
avevano costruito il Mingshi, non c’erano stati quasi mai dei casi di
evocazioni fallite. Questo riuscì a spaventare ancora di più tutti i presenti.
Quando notò che Lan WangJi non era ancora arrivato, Wei WuXian ebbe un
presentimento. Se Lan WangJi era ancora nei Meandri della Nuvola,
sentendo i preoccupanti rintocchi della campana, sarebbe giunto
immediatamente, a meno che… Improvvisamente, la porta nera si spalancò
con un tonfo. Un discepolo vestito di bianco si precipitò fuori, barcollando e
inciampando.
Poiché le sue gambe non erano stabili, non appena uscì, rotolò dalle scale.
La porta del Mingshi si richiuse all’istante, come se fosse stata colpita con
rabbia da qualcuno.
Nella confusione, i presenti aiutarono rapidamente il discepolo. Quando si
rialzò, crollò di nuovo subito dopo, il suo viso era ricoperto dalle lacrime
sfuggite dal suo controllo. Fu accerchiato da molte persone, “Dovevamo…
non dovevamo evocarlo…”
Wei WuXian gli afferrò la mano, parlando a bassa voce, “Lo spirito di quale
essere avete evocato? Chi altro c’è all’interno? Dov’è HanGuang-jun?!”
Il discepolo aveva difficoltà a respirare, “HanGuang-jun mi ha detto di
scappare…”
Prima di poter finire la frase, del sangue scuro fuoriuscì dal suo naso e dalla
sua bocca. Wei WuXian lo spinse tra le braccia di Lan SiZhui. Con il flauto di
bambù che aveva frettolosamente fabbricato ancora agganciato in vita, salì le
scale in pochi passi. Sferrò un calcio alla porta del Mingshi e ordinò, “Apri!”
La porta del Mingshi si aprì di colpo, come se stesse ridendo
aggressivamente con la bocca spalancata. Wei WuXian entrò in un lampo e
la porta si richiuse alle sue spalle. Alcuni discepoli lo seguirono sbalorditi,
ma non riuscirono a riaprire la porta, in nessun modo. Un discepolo ospite si
precipitò alla porta, la rabbia e lo shock erano dipinti sul volto, e sbottò, “Chi
diavolo era quella persona?!”
Lan SiZhui sollevò l’altro discepolo e disse tra i denti, “… vieni prima ad
aiutarmi. Il suo qiqiao[2] sta sanguinando!”
Non appena entrò nel Mingshi, Wei WuXian sentì un’energia oscura
giungere verso di lui.
L’energia oscura era una combinazione di energia risentita, di rabbia e di
arroganza, era quasi visibile all’occhio umano. Quando ne fu circondato,
sentì un senso di sofferenza e di oppressione al petto. L’interno del Mingshi
era di circa dieci metri di lunghezza e di larghezza. Negli angoli, alcune
persone giacevano immobili sul pavimento. L’oggetto di questa
convocazione era posto nella parte centrale dello schema sul pavimento.
Non era nient’altro che un braccio, quello prelevato al Villaggio Mo!
Era posto a terra, innalzato come un bastone, con la parte in cui era stato
reciso sul pavimento. Quattro delle sue dita erano serrate a pugno, tuttavia il
suo indice puntava verso il cielo, come se stesse indicando rabbiosamente
qualcuno. Il costante flusso di energia oscura che inondava il Mingshi
giungeva da lui.
Tutti i partecipati di questo rituale di convocazione dello spirito erano
fuggiti o svenuti. Lan WangJi era l’unico ancora seduto correttamente, nella
posizione principale sul lato est.
Un Guqin giaceva al suo fianco. Sebbene la sua mano non fosse sulle corde,
continuavano a vibrare da sole. Sembrava perso nei suoi pensieri o forse
stava ascoltando qualcosa, alzò la testa solo quando sentì qualcuno entrare.
Dal momento che il volto di Lan WangJi era sempre calmo, Wei WuXian
non aveva idea di cosa stesse pensando. Lan QiRen, che in origine era il
responsabile del Mingshi, era ora privo di sensi in un lato, il suo qiqiao
sanguinava come il discepolo che era scappato dal Mingshi. Wei WuXian
rimpiazzò la sua posizione, si girò e avanzò verso il lato ovest, direttamente
di fronte a Lan WangJi. Afferrò il flauto di bambù dalla sua vita e lo avvicinò
alle labbra.
Durante la notte al Villaggio Mo, Wei WuXian utilizzò un fischio per
distrarlo, e poi Lan WangJi in lontananza lo aveva attaccato con le note del
Guqin. Erano riusciti a reprimere il braccio mentre collaboravano
inconsapevolmente. Lan WangJi incrociò il suo sguardo, sul suo viso c’era
uno sguardo d’intesa. Quando alzò la mano destra, il Guqin produsse una
melodia. Wei WuXian si associò prontamente con il flauto.
La canzone che suonarono era chiamata “Evocazione”. Utilizzava il cadavere,
una parte del cadavere o un oggetto amato di una persona deceduta come
veicolo affinché lo spirito riuscisse a rispondere alla melodia. Di solito,
bastava solo una sezione per far giungere lo spirito all’interno dello schema.
Tuttavia, la canzone era quasi finita, ma lo spirito che stavano invocando
non era ancora comparso.
Il braccio sembrava piuttosto adirato, con le vene che si contraevano
visibilmente. La sensazione di oppressione nell’aria peggiorò. Se a
sorvegliare il lato ovest ci fosse stato qualcun altro, sarebbe sicuramente
crollato già da tempo come Lan QiRen, con il qiqiao sanguinante. Wei
WuXian era segretamente scioccato. Era impossibile non riuscire a evocare
lo spirito con lui e Lan WangJi a duettare “Evocazione”, a meno che… A
meno che l’anima del defunto non fosse stata squarciata insieme al suo
cadavere!
Sembrava proprio che la morte di questo brav’uomo fosse stata alquanto
peggiore della sua. Anche se il suo corpo era stato ridotto in pezzi, se non
altro la sua anima era ancora completa.
Poiché “Evocazione” non aveva funzionato, le dita di Lan WangJi si
spostarono e iniziò a suonare un’altra melodia.
Questa canzone era calma, diversa dal precedente sinistro interrogatorio. Il
suo nome era “Riposo”. Dato che entrambe le canzoni erano ben conosciute
nel mondo della coltivazione, non era strano che chiunque fosse in grado di
suonarle, e Wei WuXian lo seguì con naturalezza.
Il Flauto Fantasma del Patriarca Yiling, “Chenqing” era conosciuto in lungo
e in largo. Malgrado ciò, in quel momento, con il suo flauto di bambù, stava
suonando di proposito con molti errori e brevi soffi d’aria, al punto da
renderlo straziante all’ascolto. Probabilmente, Lan WangJi non aveva mai
suonato con qualcuno con delle abilità così terribili. Dopo un po’, infine, non
riuscendo più a proseguire come se non ci fosse nulla di sbagliato, alzò la
testa e guardò Wei WuXian con un’espressione impassibile.
Wei WuXian indurì la sua espressione, fingendo di non notarlo, la sua
melodia stonò ancora di più. Mentre si girava per continuare a suonare,
accadde qualcosa di strano alle sue spalle. Si voltò per controllare, e restò
sbalordito nell’osservare la scena. Lan QiRen, che aveva perso conoscenza, si
era svegliato. Indicò Wei WuXian con una mano tremante, il suo volto
furioso era ricoperto di sangue, e urlò con una voce roca, “Smettila di
suonare! Esci! Esci subito! Smettila… “
Prima ancora di riuscire a dire cosa doveva smettere di fare, sputò una
boccata di sangue e cadde nello stesso punto, cadendo di nuovo in un
profondo coma.
Lan WangJi, ” … “
Wei WuXian restò a bocca aperta.
Sapeva cosa avrebbe seguito il “smettila” di Lan QiRen, Smettila di suonare!
Smettetela di duettare! Smettila di contaminare le note del Guqin del mio
discepolo preferito, WangJi!
Il duetto del Guqin e del flauto era riuscito a far adirare così tanto Lan
QiRen che si era svegliato per poi svenire di nuovo. Questo dimostrava
quando fosse orribile…
Tuttavia, nonostante ciò, il braccio continuò a indebolirsi sempre di più, a
causa della forza combinata del Guqin e del flauto. Wei WuXian pensò
spudoratamente, Non importa se il suono sia orribile, fintanto che sarà
efficace.
Prontamente, dopo l’ultimo eco del Guqin, le porte del Mingshi si
spalancarono, e la luce del sole penetrò al suo interno. Probabilmente,
l’allarme della torre di guardia aveva smesso di risuonare. Tutti i discepoli
nelle vicinanze del Mingshi si precipitarono all’interno, le loro voci
chiamando “HanGuang-jun.”
Lan WangJi premette la mano sul Guqin, sopprimendo il restante suono
delle vibrazioni delle corde, e si avvicinò a Lan QiRen per controllare il suo
polso. Al suo cospetto, gli altri si calmarono immediatamente. I senior più
anziani deposero i corpi insanguinati sul pavimento e iniziarono a curarli.
Mentre usavano aghi e medicine, un altro gruppo di discepoli trasportava
una grande campana, con l’intenzione di sigillare il braccio al suo interno.
Sebbene si trattasse di uno scenario movimentato, tutto si svolse con ordine.
Tutti sussurravano sottovoce, senza causare trambusto.
Alcune persone erano preoccupate, “HanGuang-jun, non funzionano né gli
elisir, né l’agopuntura. Cosa dobbiamo fare?”
Con ancora tre dita sul polso di Lan QiRen, Lan WangJi restò in silenzio.
Lan QiRen, in passato, aveva diretto almeno ottocento, se non mille,
cerimonie di convocazione di spiriti. Tra cui, molti includevano spiriti feroci.
Poiché era stato ferito persino lui, era chiaro che all’interno dal braccio
fantasma dimorava una quantità di energia risentita di una forza
incomparabile.
Wei WuXian ripose il flauto di bambù alla sua vita. Si accovacciò accanto
alla campana di bronzo e sfiorò delicatamente le sue iscrizioni. Mentre stava
riflettendo, improvvisamente notò un’espressione angosciata sul viso di Lan
SiZhui, “Cosa c’è che non va?”
Lan SiZhui aveva già appreso che non si trattava di una persona ordinaria.
Dopo un po’ di esitazione, parlò a voce bassa, “E’ solo che mi sento un po’ in
colpa.”
Wei WuXian chiese, “In colpa per cosa?”
Lan SiZhui, “Questo braccio era venuto per noi.”
Wei WuXian sorrise, “Come fai a saperlo?”
Lan SiZhui, “I diversi livelli delle Bandiere di Richiamo dello Spirito
vengono disegnate diversamente a seconda della quantità di potere. Quelle
che abbiamo dipinto al Villaggio Mo avevano un raggio di circonferenza di
soli duemilacinquecento metri. Eppure, questo braccio fantasma ha un forte
intento omicida, nutrendosi di carne e ossa umane. Se fosse stato all’interno
di quel raggio fin dall’inizio, con il suo livello di malvagità, il Villaggio Mo
sarebbe affondato in un fiume di sangue già da molto tempo. Tuttavia, è
apparso dopo il nostro arrivo… Ciò significa che dev’essere stato collocato lì
appositamente, in quel momento, da qualcuno con cattive intenzioni.”
Wei WuXian rispose, “Le tue teorie sono piuttosto interessanti. Questa è una
grande analisi.”
Lan SiZhui abbassò la testa, “In tal caso, riguardo le vite perse al Villaggio
Mo, ne siamo… ne siamo responsabili anche noi. E ora, abbiamo coinvolto
perfino Lan QiRen e gli altri in questa faccenda…”
Dopo un attimo di silenzio, Wei WuXian gli diede una pacca sulla spalla, “I
responsabili non siete voi, ma la persona che ha mandato il braccio
fantasma. In questo mondo, ci sono alcune cose impossibili da controllare.”
Dall’altra parte, Lan WangJi ritirò la mano. La gente della Setta Lan si
affrettò a chiedere, “HanGuang-jun, com’è?”
Lan WangJi rispose, “Tracciare la sua fonte.”
Wei WuXian, “Giusto. Se rintracciamo la sua fonte, recuperando l’intero
cadavere di questo braccio fantasma e scoprendo la sua identità,
naturalmente allora sarà possibile trovare un modo per salvarli.”
Anche se Lan JingYi sapeva già che certamente non si trattava di un pazzo,
non riuscì comunque a fare a meno di parlare con un tono critico, “Lo fai
sembrare così semplice. L’evocazione dello spirito non ha funzionato, e ha
causato questo grande disordine. Come faremo a trovarlo?”
Lan WangJi affermò, “A nord-ovest.”
Lan SiZhui chiese, “A nord-ovest? HanGuang-jun, perché a nord-ovest?”
Wei WuXian, “Non si è occupato già lui di rivelarlo?”
Lan JingYi era perplesso, “Rivelarlo? Chi? Chi l’ha rivelato? HanGuang-jun
non l’ha fatto.”
Wei WuXian disse, “Lui.”
Le persone improvvisamente capirono che stava indicando il Braccio
Fantasma!
Il braccio puntava tenacemente in una direzione. Quando qualcuno provò a
cambiare la sua posizione, si girò di nuovo con risolutezza, nel punto in cui
era in precedenza. Nessuno prima d’ora aveva mai assistito a una situazione
del genere, ed erano tutti scioccati. Lan JingYi balbettò, “Lui? Cosa… Cosa
sta indicando?!”
Wei WuXian rispose, “Cos’altro potrebbe indicare? Forse le altre parti del
suo cadavere, o l’assassino che l’ha ridotto in questo stato.”
Ascoltando ciò, alcuni ragazzi che erano fermi nel lato a nord-ovest, si
spostarono rapidamente. Dopo avergli lanciato un’occhiata, Lan WangJi si
alzò lentamente, rivolgendosi ai discepoli, “Prendetevi correttamente cura
dello zio.”
Alcuni annuirono, “Va bene! Ha intenzione di scendere dalla montagna?”
Lan WangJi rispose con un lieve cenno del capo. Wei WuXian si era già
spostato furtivamente alle sue spalle, parlando tra sé con un tono rumoroso
e allegro, “Si, si, si, finalmente possiamo scendere da questa montagna e
fuggire insieme!”
Nessuno riuscì più a tollerare di assistere a quella scena un momento di più.
Le espressioni dei discepoli più anziani era particolarmente terrificanti, ma
alcuni ragazzi ormai erano già abituati. Il viso di Lan QiRen si contrasse di
nuovo, mentre giaceva privo di sensi sul pavimento. I discepoli
pensarono, Se continuerà a pronunciare qualche altra frase,
probabilmente il Signor Lan, in preda alla furia, finirà per ridestarsi di
nuovo…

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 20 –


Compiacimento – Parte Due
 
Quando i coltivatori dei Clan di Spicco uscivano nelle cacce notturne, di
solito erano sempre accompagnati da molte persone, come un corteo.
Eppure, Lan WangJi aveva sempre preferito stare da solo. Questo braccio
era piuttosto strano e rischiava di ferire qualcuno se non l’avessero
maneggiato con cautela. Pertanto, non portò altri discepoli della sua Setta, e
prese con sé solo Wei WuXian, per sorvegliarlo da vicino.
Wei WuXian, inizialmente, era intenzionato a sgattaiolare via durante la loro
spedizione fuori dalla montagna. Tuttavia, anche se aveva tentato di
scappare più volte, era finita sempre con Lan WangJi che lo riportava
indietro trascinandolo per il retro del colletto. Decise così di cambiare la sua
strategia, appiccicandosi a Lan WangJi il più possibile. Di notte,
specialmente, entrava con insistenza nel letto di Lan WangJi, con
l’intenzione di disgustarlo, così da spingerlo a sguainare la sua spada per
cacciarlo via. Nonostante ciò, non importava quanto disordine cercasse di
causare, Lan WangJi ne restò indifferente. Ogni volta che Wei WuXian si
spingeva nelle sue coperte, con un leggero colpo immobilizzava il suo corpo
e poi lo infilava nell’altra serie di coperte in una posizione composta, dove
sarebbe rimasto fino al mattino successivo. Wei WuXian era costretto a
sopportare questo supplizio, lamentandosi al risveglio a causa del suo corpo
indolenzito. Non poté fare a meno di pensare, Ora che è cresciuto è
diventato meno divertente, anche più di prima. In passato, diventava
schivo ogni volta che lo prendevo in giro, e soprattutto, reagiva in modo
spassoso. Ma ora, non solo resta indifferente nonostante tutto, ha anche
imparato a reagire. Com’è possibile?!
Seguendo le indicazioni del braccio sinistro, i due si recarono a nord-ovest.
Duettarono ‘Riposo’ ogni singolo giorno, per calmare temporaneamente la
sua rabbia e l’intento omicida. Mentre viaggiavano, arrivarono nelle
vicinanze di Qinghe, il punto che indicava il braccio destro cambiò
improvvisamente. L’indice si arricciò, chiudendosi a pugno.
Ciò significava che il luogo che stava indicando il Braccio Fantasma era
proprio in quella zona.
Indagarono riguardo alla questione durante il viaggio, e giunsero in una
piccola città a Qinghe. Era giorno. Le strade erano gremite di persone che
camminavano in ogni direzione. Wei WuXian stava trotterellando alle spalle
di Lan WangJi quando, improvvisamente, fu investito dalla pungente
fragranza dei cosmetici.
Poiché ormai era abituato al delicato profumo di sandalo su Lan WangJi,
Wei WuXian si ritrasse immediatamente a causa della fragranza. Sbottò,
“Cosa stai vendendo? Perché puzza in questo modo?”
La fragranza giungeva da un ciarlatano, che indossava le vesti di un
coltivatore, e aveva la parola “truffatore” stampata sul volto. Trasportava un
baule, vendendo alcuni oggetti ai passanti. Quando notò che qualcuno gli
aveva posto una domanda, si illuminò, “Vendo di tutto! Il rossetto e la cipria
sono sia economici che buoni. Giovane maestro, vuoi dare un’occhiata?”
Wei WuXian, “Certo, darò un’occhiata.”
Il ciarlatano disse, “E’ per tua moglie?”
Wei WuXian gli rivolse un sorriso, “E’ per me.”
” … ” Il sorriso del ciarlatano si congelò. Pensò tra sé, mi stai prendendo in
giro?
Quando stava per perdere la calma, un altro giovane si voltò e si avvicinò.
Parlò con un viso privo di emozioni, “Non disturbare gli altri se non hai
intenzione di comprare nulla.”
Quest’uomo era estremamente bello, le sue vesti e il nastro sulla fronte
erano più bianchi della neve. I suoi occhi erano chiari e alla vita portava una
lunga spada. Poiché il ciarlatano era un finto coltivatore, conosceva alcune
cose riguardo al mondo della coltivazione. Avendo riconosciuto il motivo
della Setta Lan, non osò causare problemi e scappò via reggendosi il petto.
Wei WuXian lo chiamò, “Perché stai scappando? Volevo davvero
comprarlo!”
Lan WangJi disse, “Hai dei soldi?”
Wei WuXian rispose, “Se non li ho, potrai darmeli tu.” Mentre parlava,
allungò la mano per cercare. Credeva di non trovare nulla, ma dopo qualche
istante, afferrò una borsa delicata e pesante con del denaro.
Questa non sembrava qualcosa che Lan WangJi avrebbe portato in giro. Ma
durante quegli ultimi giorni, Lan WangJi si era comportato in un modo che
non avrebbe mai immaginato. Wei WuXian non lo trovò strano e afferrò
subito il sacchetto. Come pensava, se voleva, poteva prendere ogni cosa da
Lan WangJi, senza che l’altro ne fosse scontento. Se non fosse stato
minimamente a conoscenza della sua integrità personale e della sua buona
reputazione, avrebbe quasi dubitato che Lan WangJi e Mo XuanYu fossero
stati coinvolti nell’intreccio di una qualche relazione caotica e senza
speranza.
Altrimenti, perché Lan WangJi sarebbe stato in grado di sopportarlo,
nonostante i suoi tanti sforzi?!
Dopo aver percorso una certa distanza, Wei WuXian involontariamente si
voltò a guardare. Lan WangJi era dietro di lui, ancora in piedi nello stesso
punto, e guardava nella sua direzione.
Wei WuXian non poté fare a meno di rallentare i suoi passi.
Non capiva perché, ma aveva la vaga sensazione di non dover camminare
così velocemente, lasciando Lan WangJi alle sue spalle in quel modo.
Il quel momento, qualcuno di lato gridò, “Il Patriarca Yiling, cinque monete
per uno, dieci per tre!”
Wei WuXian, “Chi?!”
Si affrettò a controllare l’identità del venditore, e scoprì che si trattava del
finto coltivatore. Aveva messo via i rossetti e la cipria di bassa qualità, e ora
trasportava una pila di fogli con un’aria ancora più arcigna di quella della
figura ritratta sugli amuleti che reggeva. Stava blaterando, “Cinque monete
per uno, dieci per tre, un prezzo così basso non vi costerà nulla! Ve ne
consiglio tre. Uno per l’ingresso, un altro per la sala e potrete fissare l’ultimo
sulla parete della stanza da letto. Grazie alla potente e densa energia
negativa, potrete usare il veleno per curare il veleno, così nessun essere
malvagio potrà avvicinarsi a voi!”
Wei WuXian disse, “Questo è un imbroglio spudorato! Se fosse sul serio così
efficace, lo venderesti davvero solo per cinque monete?!”
Il ciarlatano rispose, “Perché sei di nuovo tu?! Se vuoi comprarlo, allora
fallo; se non vuoi comprarlo, vattene. Se vuoi spendere cinquanta monete
per ognuno di questi, allora per me va bene.”
Wei WuXian sfogliò la pila di ‘Ritratti Elimina Male del Patriarca Yiling’.
Non riusciva davvero ad accettare che quell’uomo dal viso spaventoso fosse
lui.
Cercò di discutere con i fatti, “Wei WuXian era un uomo famoso per la sua
bellezza. Cos’è questa roba che hai disegnato?! Se non hai visto la persona
reale, allora non disegnare nulla. Finirai per ingannare le nuove
generazioni.”
Mentre il ciarlatano stava per rispondere, Wei WuXian avvertì
un’improvvisa raffica di vento alle sue spalle. Si spostò di lato.
Anche se lui era riuscito ad evitare l’attacco, il ciarlatano fu scaraventato via,
finendo per schiantarsi contro una ruota a forma girandola accanto alla
strada. Alcune persone lo aiutarono, mentre altri raccolsero gli oggetti
caduti, la scena era un vero disordine. Il ciarlatano stava per inveire, ma
quando vide che la persona che lo aveva colpito era uno splendente giovane
maestro, dall’aspetto benestante e sfarzoso, il suo atteggiamento imponente
svanì immediatamente. Gli lanciò un’altra occhiata, e notò la Scintilla tra la
Neve cucita sulla parte anteriore del suo torace, e si sgonfiò
immediatamente. Nonostante ciò, non era giusto ricevere un simile colpo
senza alcuna ragione, quindi chiese lievemente, “Perché mi hai colpito?”
Il giovane maestro era Jin Ling. Incrociò le braccia e parlò con freddezza,
“Perché ti ho colpito? Chiunque osa menzionare le parole ‘Wei WuXian’
davanti a me, dovrebbe inginocchiarsi in segno di gratitudine se decido di
non ucciderlo. Eppure, stai sbraitando proprio nel bel mezzo della strada.
Vuoi morire?!”
Wei WuXian non avrebbe mai pensato che Jin Ling potesse presentarsi in
quel luogo, tanto meno con un simile atteggiamento arrogante. Pensò tra
sé, Chissà come mai la personalità di questo ragazzino è diventata così,
con un brutto temperamento e una forte ostilità. Ha acquisito tutti i difetti
di suo zio e del padre, ma nessuna delle qualità della madre. Se non faccio
qualcosa per lui, sicuramente finirà per subire grandi perdite in
futuro. Quando notò che Jin Ling era ancora infuriato, mentre si avvicinava
ancora di più verso l’uomo a terra, Wei WuXian intervenne, “Jin Ling!”
Il ciarlatano non osò emettere alcun suono, ma i suoi occhi erano carichi di
ammirazione. Jin Ling si rivolse a Wei WuXian, le sue parole erano
traboccanti di disprezzo, “Non sei ancora scappato via? Bene, puoi anche
restare.”
Wei WuXian rise, “Huh. Chi era quello che era stato bloccato a terra,
incapace di rialzarsi?”
Jin Ling sogghignò e rilasciò un breve fischio. Wei WuXian non capiva il
motivo di questo gesto, ma, dopo un po’, i pesanti ansimi e respiri di un
qualche genere di animale giunsero a distanza.
Quando si voltò per controllare, un cane spirituale nero alto fino al suo
fianco, uscì da un vicolo, e corse dritto verso di lui. Le grida di panico per la
strada si diffusero sempre di più, diventando sempre più forti, “C’è un cane
pazzo a piede libero!”
Con un immediato cambiamento di espressione, Wei WuXian fuggì più
velocemente che poteva.
Era sempre stato difficile per lui sopportarlo, ma sebbene il Patriarca Yiling
fosse riconosciuto per la sua invincibilità, diventava un vigliacco ogni volta
che era al cospetto di un cane. Non poteva evitarlo. Quando era ancora
piccolo, prima che Jiang FengMian lo portasse a casa con lui, era cresciuto
per le strade, e spesso era stato costretto a lottare per il cibo con i cani feroci.
Dopo numerosi morsi e inseguimenti, diventò per gradi terribilmente
spaventato dai cani, a prescindere dalle dimensioni. Jiang Cheng aveva riso
di lui per questo motivo molte volte. Se lo avesse rivelato agli altri, non solo
sarebbe stato vergognoso, ma poche persone gli avrebbero creduto, motivo
per cui, praticamente nessuno lo sapeva. Wei WuXian era quasi morto dallo
spavento. Quando avvistò una figura alta e bianca, gridò velocemente a pieni
polmoni, “Lan Zhan, salvami!”
Quando intravide Lan WangJi dopo averlo inseguito fino a quel punto, Jin
Ling restò scioccato, Perché questo pazzo è comparso di nuovo con lui?! Lan
WangJi aveva una personalità autorevole, e non conversava o scherzava mai.
Persino alcuni discepoli della sua stessa generazione erano nervosi quando
lo vedevano, e la situazione era ancora peggiore per questi giovani. Il suo
livello d’intimidazione era persino peggiore di quello di Lan QiRen, ai suoi
tempi. Il cane aveva affrontato un duro addestramento. Poiché era diverso
da un normale cane, era piuttosto intelligente. Come se avesse compreso che
non poteva comportarsi in modo rude davanti a quella persona, ululò alcune
volte e poi si nascose dietro a Jin Ling, con la coda tra le gambe.
Questo cane spirituale nero era una specie rara che Jin GuangYao aveva
regalato a Jin Ling. La maggior parte delle persone quando scopriva che si
trattava di un regalo di LianFang-Zun, non osava offenderlo. Tuttavia, Lan
WangJi era diverso dalla maggior parte delle persone. Non gli interessava
chi glielo avesse regalato o chi era il proprietario, avrebbe disciplinato tutti
con lo stesso rigoroso metodo. Jing Ling era stato beccato da Lan WangJi
mentre stava usando il suo cane per inseguire Wei WuXian per le strade, il
suo cuore stava affondando, E’ tutto finito. Sicuramente ucciderà il cane
spirituale che ho addestrato con tanta cura, e poi mi darà una dura
batosta!
Tuttavia, Wei WuXian si chinò sotto il braccio di Lan WangJi e si nascose
dietro di lui, come se intendesse salire su un palo. Quando sentì una coppia
di braccia che lo stringeva, Lan WangJi si bloccò per un istante. Sfruttando
quell’opportunità, Jin Ling fischiò altre due volte e scappò via con il suo
cane spirituale nero.
Il ciarlatano di lato cercò di alzarsi, era ancora turbato, “Il degrado morale
del mondo sta peggiorando giorno per giorno. Di questi tempi, i discepoli dei
Clan di Spicco sono terrificanti! E’ davvero terribile!”
Quando Wei WuXian sentì i guaiti del cane svanire gradualmente,
finalmente uscì dalle spalle di Lan WangJi. Con le mani dietro la schiena, si
comportò come se non fosse accaduto nulla, “E’ vero, sta peggiorando di
giorno in giorno. Gli uomini non sono più come un tempo.”
Il ciarlatano lo fissò come se avesse visto il suo salvatore e gettò subito una
pila di ‘Ritratti Elimina Male del Patriarca Yiling’ tra le mani di Wei WuXian
come una patata bollente, “Fratello, ti ringrazio per ciò che è successo
prima! Questo è un regalo per te. Se abbassi i prezzi e ne vendi uno per soli
tre monete, riuscirai sicuramente a guadagnare almeno trecento monete.”
Lan WangJi lanciò un’occhiata al viso spaventoso nel ritratto e non
commentò. Wei WuXian, notando che il suo prezzo diminuiva sempre di
più, non sapeva se doveva corrugare la fronte o ridere, “Questi sono per
ringraziarmi? Se vuoi davvero esprimere la tua gratitudine, sarà sufficiente
ritrarlo in un modo più carino! … Fermati, non andare ancora via. Devo
chiederti qualcosa. Dal momento che svolgi i tuoi affari in questo luogo, hai
mai sentito di qualche strano evento? O hai visto qualcosa di bizzarro?”
Il ciarlatano rispose, “Strani eventi? E’ un bene che tu lo abbia chiesto a me.
Resto qui per quasi tutto l’anno, sono noto come il sapientone di Qinghe.
Quale genere di strani eventi stai cercando?”
Wei WuXian, “Ad esempio, spiriti malvagi che si aggirano in zona, casi di
cadaveri smembrati, incidenti in cui interi clan sono stati annientati…”
Il ciarlatano, “Non ce ne sono qui, ma se prosegui per meno di due miglia,
c’è la cresta di una montagna chiamata Cresta Xinglu. Ti suggerisco di
andare lì.”
Wei WuXian chiese, “Perché?”
Il ciarlatano, “La Cresta Xinglu è chiamata anche Cresta Mangia Uomini.
Perché pensi che sia così?”
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 21 –
Compiacimento – Parte Tre
 
Wei WuXian rispose, “Huh, quindi in quel luogo c’è una creatura malvagia
che mangia gli esseri umani?”
Poiché aveva già sentito parlare di almeno un migliaio di leggende simili a
quella e ne aveva eliminate altrettante con le sue stesse mani, la trovò
piuttosto noiosa. Il ciarlatano continuò, il tono della sua voce continuava ad
abbassarsi e alzarsi, “E’ vero! Si dice che, nella foresta della cresta, ci sia un
‘Castello Mangia Uomini’ con molti mostri al suo interno. I mostri divorano
chiunque vi si avventuri, senza lasciare una sola briciola. Non è stato trovato
neanche un cadavere, senza alcuna eccezione! E’ spaventoso, non è vero?”
Non c’era da stupirsi che anche Jin Ling fosse giunto in quel luogo. Poiché
non era riuscito a sopprimere la Dea che Consuma l’Anima, allora si era
recato lì per il mostro della Cresta Xinglu. Wei WuXian esclamò, “E’ davvero
spaventoso! Ma se non lascia alcuna traccia e non sono stati trovati dei
cadaveri, com’è stato possibile capire che sono stati divorati?”
Dopo una pausa, il ciarlatano rispose, “Ovviamente qualcuno l’avrà visto.”
Wei WuXian espresse la sua ammirazione, “Ma, non avevi detto che
‘chiunque si avventuri al suo interno sarà divorato senza lasciare traccia’ e
che non c’è stata alcuna eccezione? Allora, chi mai potrebbe aver dato inizio
a questa leggenda? Quanto dovrebbero essere forti, per sopravvivere e
raccontare questa storia dopo aver assistito a una simile scena?”
” … ” Il ciarlatano, “E’ così che narra la leggenda. Come potrei saperlo?”
Wei WuXian, “Allora, sai quante persone sono state divorate sulla Cresta
Xinglu? Quando sono state mangiate? Le loro età? Il loro genere? Quali
erano i loro nomi? Dove abitavano?”
Il ciarlatano, “Non lo so.”
Wei WuXian, “Il sapientone di Qinghe? Huh?”
Il ciarlatano s’infuriò e raccolse il cesto, “Le leggende non hanno questo
genere d’informazioni!”
Wei WuXian rise, “No, no, non andartene ancora. Lascia che ti chieda
qualcos’altro. La Cresta Xinglu è una parte della regione di Qinghe? Qinghe
non è la zona della Setta Nie? Se ci sono davvero dei mostri in giro per la
Cresta Xinglu, perché li ignorano?”
Per sua sorpresa, questa volta, il ciarlatano non rispose di nuovo con “Non lo
so”. Invece, una traccia di indignazione apparve sul suo volto, “La Setta Nie?
Se fosse ancora la Setta Nie di un tempo, allora sicuramente non li avrebbero
ignorati. Prima ancora che potesse passare un solo giorno dalla comparsa
della leggenda, la Setta Nie avrebbe già fatto irruzione nel luogo dove i
mostri stavano vagando, agendo con risolutezza. Ma, l’attuale Capo della
Setta Nie non è, heh, lo ‘Scuotitore di testa’”?
Il Capo della Setta QingheNie in precedenza era ChiFeng-Zun, Nie MingJue.
Dopo che suo padre, il precedente Capo della Setta, fu oltraggiato a morte
dal Capo della Setta QishanWen, Wen RuoHan, prese il controllo della Setta
Nie prima ancora di compiere i venti anni. Svolgendo qualunque compito in
modo spedito e vigoroso. Era anche il fratello giurato di ZeWu-Jun, Lan
XiChen e di LianFang-Zun, Jin GuangYao. Dopo la Campagna Eclissi di
Sole, la Setta Nie era piuttosto potente con lui come Capo, la sua influenza
raggiungeva quasi quella della Setta LanlingJin. Tuttavia, dopo
una Deviazione del Qi[1], morì davanti agli occhi di tutti, e così, la
prossima persona in linea di successione per la posizione di Capo Setta era il
suo fratello minore, Nie HuaiSang. Wei WuXian chiese, “Perché lo chiamano
‘Scuotitore di testa’?”
Il ciarlatano, “Non conosci la storia al riguardo? Non importa cosa chiedono
le altre persone al Capo Setta Nie, se non lo sa, non dirà nulla; se lo sa, è
troppo spaventato per dire qualcosa. Se uno glielo chiede con troppa durezza
e cerca di forzarlo, scuoterà la testa ancora e ancora, dicendo mentre grida,
‘Non lo so, non lo so, davvero non lo so!’ Pregando l’altro di lasciarlo stare.
Non è ovvio il motivo per cui lo chiamano ‘Scuotitore di testa’?”
In passato, Wei WuXian e Nie HuaiSang avevano studiato insieme, quindi
c’erano alcune cose che poteva giudicare riguardo questa persona. Nie
HuaiSang non era una persona scortese. Non è che non fosse intelligente,
ma il suo cuore era concentrato altrove e utilizzava la sua intelligenza per
altre cose, come dipingere ventagli, cercare uccelli, saltare le lezioni e
pescare. Poiché il suo talento in termini di coltivazione era davvero povero,
formò il suo nucleo circa otto o nove anni dopo rispetto agli altri discepoli
della stessa generazione. Quando era in vita, Nie MingJue era solito irritarsi
perché suo fratello non riusciva a soddisfare le sue aspettative, quindi lo
disciplinava rigorosamente. Nonostante ciò, non migliorò molto. Adesso, in
assenza del fratello maggiore che lo proteggeva e lo sorvegliava, sotto la sua
guida la Setta QingheNie era declinata giorno dopo giorno. Crescendo,
specialmente dopo essere diventato un Capo Setta, era spesso agitato a causa
di tutti i generi di affari per cui non aveva familiarità e cercava in giro degli
aiutanti, si affidava soprattutto ai due fratelli giurati di suo fratello. Un
giorno si recava alla Torre della Carpa Dorata per lamentarsi con Jin
GuangYao, e il giorno successivo andava ai Meandri della Nuvola per
lagnarsi con Lan XiChen. Con i due Capi delle Sette Jin e Lan che lo
aiutavano, era riuscito a malapena a consolidare la sua posizione di Capo
Setta. Al giorno d’oggi, ogni volta che la gente parlava di Nie HuaiSang,
anche se in superficie non dicevano nulla, sui loro volti si leggeva la stessa
frase: buono a nulla.
Rammentando gli eventi passati, non poté fare a meno di sospirare.
Dopo che Wei WuXian finì di porgli delle domande riguardo alla Cresta
Xinglu, aiutò gli affari del ciarlatano acquistando due scatole di rossetti. Le
infilò nei suoi vestiti e tornò da Lan WangJi. Quest’ultimo non sembrava
avere alcuna intenzione di richiedergli il sacchetto. In silenzio, si avviarono
insieme verso la direzione che il ciarlatano aveva indicato.
C’era una grande foresta di cedri sulla Cresta Xinglu, con un ampio sentiero
all’ombra degli alberi. Dopo aver camminato per un po’, non notarono nulla
d’insolito. A ogni modo, fin dall’inizio non avevano comunque grandi
aspettative e si erano recati in quel luogo solo per una semplice evenienza.
Se una spaventosa leggenda in una qualsiasi zona fosse attendibile, allora ci
sarebbero sicuramente delle informazioni dettagliate. Al Monte Dafan, dove
c’era la Dea che Consuma l’Anima, era facile scoprire dove vivevano le
vittime e quali erano i loro nomi, persino il soprannome del fidanzato di A-
Yan. Tuttavia, se il ciarlatano non era sicuro dei nomi e dei dettagli riguardo
le vittime, probabilmente era senz’altro una diceria ingigantita.
Dopo poco più di un’ora, finalmente incontrarono un ostacolo. Di fronte ai
due, sette o otto figure stavano proseguendo nella loro direzione. I loro occhi
erano bianchi e indossavano degli indumenti logori, probabilmente anche
una semplice leggera brezza avrebbe potuto spazzarli via. Vista la loro
estrema lentezza, fu semplice capire che si trattava di un gruppo di cadaveri
ambulanti di basso livello.
Non solo quei cadaveri erano oppressi tra i loro simili, ma se incontravano
un umano poco più forte, questo avrebbe potuto prenderli a calci uno per
uno; se avessero incontrato un bambino leggermente veloce, questo li
avrebbe potuti superare nel giro di qualche isolato. Anche se una vittima
fosse stata straordinariamente sfortunata, finendo per farsi assorbire
qualche sorso di energia Yang[2], non sarebbe comunque morta. Oltre ad
essere orribili e avere un cattivo odore, non erano per niente minacciosi. E
così, se sbucavano durante una caccia notturna, la maggior parte degli
anziani li ignorava, lasciandoli semplicemente ai giovani. Era lo stesso
sistema di caccia delle tigri e delle pantere con i topi.
Quando li avvistò mentre avanzavano, Wei WuXian sapeva che qualcosa
sarebbe andato nel verso sbagliato, e si nascose alle spalle di Lan WangJi.
Come pensava, quando questi cadaveri ambulanti furono a meno di venti
metri di fronte a loro, non appena notarono Wei WuXian, furono così
spaventati che si voltarono immediatamente per ritirarsi, con una velocità
due o tre volte superiore di quando erano arrivati. Wei WuXian si massaggiò
le tempie e si voltò con voce spaventata, “Wow, HanGuang-jun, sei così
forte! Erano così spaventati quando ti hanno visto che sono fuggiti
immediatamente! Haha.”
Lan WangJi restò muto.
Wei WuXian lo spinse mentre rideva, “Andiamo, andiamo. Scendiamo da
questa cresta. Non penso che ci siano altri mostri. La gente qui è così
pettegola che per loro bocca alcuni inutili cadaveri ambulanti sono diventati
dei mostri spietati. Probabilmente anche cose come il ‘Castello Mangia
Uomini’ sarà solo una loro fabbricazione. E’ stato un tale spreco di forze, non
credi?”
Lan WangJi iniziò a camminare solo dopo qualche sua spinta. Prima che
Wei WuXian riuscisse a raggiungerlo, improvvisamente una serie di furiosi
ululati giunsero in lontananza dall’interno della foresta di cedri.
Il volto di Wei WuXian cambiò all’istante. Si spostò dietro la figura di Lan
WangJi alla velocità della luce e si accovacciò, abbracciando la vita dell’altro.
Lan WangJi, “… E’ ancora lontano. Perché ti stai nascondendo?”
Wei WuXian, “Io-io-io-io-io penserò prima a nascondermi e poi controllerò.
Dov’è? Dov’è?!”
Lan WangJi ascoltò con attenzione per un momento, e rispose, “E’ il cane
spirituale nero di Jin Ling.”
Sentendo il nome di Jin Ling, Wei WuXian si alzò subito, ma si accovacciò
subito dopo aver udito altri latrati. Lan WangJi continuò, “Se un cane
spirituale sta abbaiando in questo modo, dev’essere accaduto qualcosa.”
Wei WuXian gemette alcune di volte, poi si alzò a fatica, le sue gambe
tremavano ancora, “A-a-a-a-a-a-allora andiamo a controllare!”
Lan WangJi non si spostò. Wei WuXian gridò, “HanGuang-jun, perché non
ti muovi? Avanti! Se non ti muovi, cosa dovrò fare io?!”
Dopo un momento di silenzio, Lan WangJi rispose, “Prima… Lasciami.”
I due avanzarono, barcollando. Sebbene stessero seguendo i latrati del cane,
finirono per girare per due volte nella foresta di cedri. Anche i guaiti del cane
spirituale apparivano a volte vicini, altre volte lontani. Poiché aveva
ascoltato i guaiti per lungo tempo, Wei WuXian finalmente era riuscito ad
abituarsi, e se non altro smise di balbettare mentre parlava, “C’è uno schema
di labirinti qui?”
Questo schema di labirinti era stato sicuramente creato da una persona. In
precedenza, aveva affermato che le leggende della cresta non erano altro che
dicerie, ma ora, la situazione stava diventando interessante.
Dopo aver abbaiato per circa quindici minuti, il cane spirituale nero non si
era ancora fermato. I due continuarono a seguire il suono dopo aver trovato
il metodo per uscire dallo schema di labirinti. Non molto tempo dopo,
all’interno della foresta di cedri sbucarono le sagome inquietanti di alcuni
castelli di pietra.
I castelli erano composti da pietre bianco-grigiastre, la cui superficie era
coperta da verdi viti e foglie cadute. Ognuno era costruito all’interno di
strane semi sfere, come se una grande ciotola fosse sprofondata nel terreno.
Chi avrebbe mai pensato che c’erano davvero dei castelli di pietra sulla
Cresta Xinglu? Sembrava proprio che le leggende non fossero apparse dal
nulla. Tuttavia, era difficile dire se si trattasse o no di un “Castello Mangia
Uomini” e di quali esseri vi fossero all’interno.
Il cane spirituale nero di Jin Ling era all’esterno del gruppo di castelli di
pietra. Corse intorno a loro, a volte grugnendo a bassa voce e altre volte
abbaiando furiosamente. Quando notò che Lan WangJi si stava avvicinando,
si allontanò leggermente dallo spavento, ma, invece di scappare, abbaiò
ancora più forte nella loro direzione. Poi spostò lo sguardo verso i castelli di
pietra, le zampe anteriori scavavano inquiete nel terreno. Wei WuXian si
nascose dietro Lan WangJi e parlò con una voce sofferente, “Perché non è
ancora andato via…? Dov’è il suo proprietario? Perché il suo proprietario se
n’è andato?!”
Da quando avevano iniziato a sentire i latrati, non aveva ancora sentito la
voce di Jin Ling, neanche le sue grida di aiuto. Questo cane spirituale nero
era stato sicuramente portato in quel luogo da lui, occupandosi di risolvere
lo schema di labirinti. Eppure, una persona viva non poteva sparire nel
nulla.
Lan WangJi disse, “Entriamo a controllare.”
Wei WuXian, “Come? Non c’è nessuna porta.”
Non c’era davvero nessuna porta. Le pietre bianco-grigiastre erano poste
strettamente tra loro, senza lasciare un po’ di spazio per le porte o le
finestre. Il cane guaì mentre saltava. Sembrava intenzionato ad azzannare
l’angolo degli abiti di Lan WangJi, ma non osò farlo, così lo superò e afferrò i
vestiti di Wei WuXian, tirandolo verso una certa direzione.
L’anima di Wei WuXian quasi volò via. Allungò le braccia verso Lan WangJi,
“Lan Zhan… Lan Zhan, Lan Zhan… Lan Zhan, Lan Zhan, Lan Zhan!!”
Il cane trascinò Wei WuXian, e Wei WuXian trascinò Lan WangJi. Il cane li
condusse per metà strada, verso le retrovie del castello di pietra. Per sua
sorpresa, c’era un’entrata dell’altezza di una persona nel muro. La forma era
irregolare, e c’erano frammenti di rocce sul terreno, probabilmente era stata
aperta con violenza con l’uso di uno strumento magico. L’interno
dell’ingresso era troppo buio affinché riuscissero a vedere qualcosa, era
possibile scorgere solo la presenza una luce rossa che brillava debolmente. Il
cane allentò la presa. Emise un’altra serie di latrati verso l’interno, e agitò
follemente la coda verso i due.
Era chiaro che era stato Jin Ling ad aprire il castello di pietra con la forza,
ma gli era accaduto qualcosa dopo il suo ingresso.
Bichen fu sguainata di un solo pollice. La lama della spada emise un freddo
bagliore di luce blu, illuminando il sentiero scuro davanti a loro. Lan WangJi
si chinò ed entrò per primo. Wei WuXian stava quasi impazzendo a causa
del cane e si precipitò dentro, quasi schiantandosi contro di lui. Lan WangJi
afferrò la sua mano per reggerlo, e scosse la testa insoddisfatto o forse per la
forzata rassegnazione.
Il cane spirituale nero sembrava intenzionato a seguirli, cercò di precipitarsi
dentro, ma una qualche sorta di forza sembrò bloccarlo all’esterno. Non
riusciva spezzare la barriera, nonostante i suoi duri sforzi, quindi poté solo
sedersi all’ingresso, con la coda che si dimenava sempre più velocemente.
Wei WuXian era così felice che quasi s’inginocchiò. Ritirò la mano, e
percorse qualche passo all’interno. La remota ombra della luce blu che
giungeva dalla spada sembrava quasi bianca in quell’oscurità.
La Cresta Xinglu era coperta da un’alta e profonda foresta, quindi era
piuttosto fredda. E, all’interno del castello di pietra c’era un’aria ancora più
fresca. Poiché indossava degli abiti leggeri, c’era una brezza che soffiava
attraverso i polsini di Wei WuXian e dietro la sua schiena, il sudore freddo
dovuto al cane si era già asciugato. La luce all’ingresso era scomparsa come
se avessero spento una candela. Mentre proseguivano, il luogo diventava
sempre più scuro e vasto.
La sommità del castello di pietra era sferica. Wei WuXian colpì alcuni pezzi
di roccia sul terreno. Poté sentire un leggero eco.
Alla fine, non riuscì più a sopportarlo e si fermò, premendo la mano destra
sulla tempia e arricciò le sopracciglia.
Lan WangJi si voltò per chiedere, “Cos’è successo?”
Wei WuXian rispose, “… E’ così forte.”
All’interno del castello di pietra c’era solo un silenzio tombale. Era tranquillo
come un cimitero. In realtà, era del tutto simile a un cimitero.
Ma, alle orecchie di Wei WuXian, in quel momento, erano già circondati dal
rumore.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 22 –


Compiacimento – Parte Quattro
Il rumore giungeva dal luogo che li circondava.
Era un oceano di sussurri e bisbigli, sia di fronte a loro che alle loro spalle,
sia dall’alto che dal basso. Le voci erano maschili e femminili, appartenenti
ad anziani e a giovani, squillanti e pacate. Wei WuXian riusciva a sentire
anche alcune frasi frammentate, ma andavano e venivano, non
consentendogli di cogliere delle distinte parole.
Era davvero troppo rumoroso.
Wei WuXian continuò a premersi la tempia con una mano, e usò l’altra per
afferrare una Bussola del Male delle dimensioni di un palmo dalla Borsa
Qiankun. Il puntatore della bussola ruotò tre volte, poi cominciò a girare
sempre più velocemente. Alcuni momenti dopo, iniziò a roteare
freneticamente!
La volta precedente, sul Monte Dafan, era già bizzarro che il puntatore della
Bussola del Male non avesse girato. Questa volta, addirittura stava roteando
da solo, senza fermarsi per un solo istante. La situazione era anche più
assurda di quando il puntatore non si era spostato!
L’ombra di un presentimento nel cuore di Wei WuXian crebbe d’intensità.
Chiamò ad alta voce, “Jin Ling!”
I due stavano già camminando da un po’ nel castello di pietra, ma non
avevano ancora visto nessuno. Wei WuXian urlò alcune volte, senza ricevere
alcuna risposta. Le prime stanze di pietra erano vuote, ma, mentre
avanzavano sempre più in profondità, al centro di una delle stanze,
intravidero una bara nera.
Era piuttosto strano che in quel luogo ci fosse una bara. Per di più, il legno
utilizzato era di un nero profondo, e anche la struttura sembrava opera di
una mano esperta. Quando lo notò, Wei WuXian percepì un’affinità
eccezionalmente potente per quella bara. Non poté fare a meno di darle
alcuni colpetti. Il legno era robusto e il suono era stabile. La elogiò, “Che
bella bara!”
Lan WangJi e Wei WuXian erano posti sui lati opposti della bara. Si
scambiarono uno sguardo d’intesa, e allungarono le braccia nello stesso
momento, aprendo il coperchio.
Non appena alzarono il coperchio, il rumore che li circondava si moltiplicò
improvvisamente, inondando le orecchie di Wei WuXian come un’onda. Era
come se, in precedenza, innumerevoli occhi li stessero osservando
segretamente, con i proprietari di quegli sguardi che monitoravano e
discutevano in silenzio ogni parola pronunciata, ogni azione eseguita, per
poi agitarsi improvvisamente vedendo che la bara stava per essere aperta.
Wei WuXian prese in considerazione alcune dozzine di possibilità,
preparandosi a difendere da forti odori d’irrancidimento, dal colpo di artigli
di qualche mostro, da un getto di acqua velenosa, da della nebbia tossica che
avrebbe potuto fuoriuscire rapidamente o dall’attacco di alcuni spettri
risentiti. Naturalmente, il suo più grande desiderio era di trovare Jin Ling.
Nonostante ciò, non accadde nulla. Niente.
Sorprendentemente, si trattava di una bara vuota.
Wei WuXian era piuttosto sorpreso, ma anche un po’ deluso che Jin Ling
non fosse bloccato al suo interno. Lan WangJi si avvicinò un po’. Sguainò
Bichen di pochi centimetri, la sua luce fredda illuminò il fondo della bara.
Solo allora, Wei WuXian notò che non si trattava di una bara vuota, ma che
l’oggetto al suo interno era molto più piccolo di quanto avesse ipotizzato, ed
era nascosto sul fondo.
All’interno della bara c’era una lunga sciabola.
La sciabola non aveva un fodero. L’elsa sembrava fusa nell’oro, dall’aspetto
piuttosto pesante. La sua struttura era snella e la sua lama era splendente.
Era deposta nella bara su una stola rossa, e rifletteva una sanguinaria ombra
scarlatta, emettendo una distruttiva aria gelida.
Nella bara c’era una sciabola invece di un cadavere. In quei castelli di pietra
sulla Cresta Xinglu non c’era nulla di comune, e continuavano a svelare
misteri a ogni loro passo.
I due chiusero il coperchio della bara e continuarono a vagare. Trovarono
delle bare anche nelle altre stanze. Dopo aver esaminato le strutture di
legno, notarono le loro età sembrava differire. E, in ogni bara, era presente
una lunga sciabola. Anche quando entrarono nell’ultima stanza, non
trovarono alcuna traccia di Jin Ling. Wei WuXian chiuse il coperchio della
bara, piuttosto preoccupato.
Quando intravide la sua fronte aggrottata, Lan WangJi rifletté per un
momento, e appoggiò il Guqin in una posizione orizzontale sulla bara,
alzando la mano. Una melodia traboccò dalle sue dita.
Suonò solo un breve estratto e poi spostò la mano destra dal Guqin. Fissò
attentamente le corde che stavano ancora vibrando.
All’improvviso, le corde vibrarono e una nota risuonò da sola.
Wei WuXian chiese, “Inquisizione[1]?”
Inquisizione era una famosa composizione di un antenato della Setta
GusuLan. Diversamente da Evocazione, era utilizzata quando l’identità della
vittima era sconosciuta e non c’era un medium. L’esecutore usava le note del
Guqin per chiedere, ponendo varie domande alla vittima, mentre le risposte
della vittima si trasformavano in melodie e risuonavano attraverso le corde.
Se le corde stavano vibrando da sole, significava che Lan WangJi era già
riuscito a richiamare uno spirito del castello. Allora, i due iniziarono a
chiedere e a rispondere usando il linguaggio del Guqin.
Il linguaggio del Guqin era una singolare abilità speciale della Setta
GusuLan. Sebbene Wei WuXian conoscesse una grande varietà di cose,
c’erano ancora alcune competenze che non era riuscito a imparare, come la
lingua del Guqin. Sussurrò, “HanGuang-jun, aiutami a chiedere cos’è questo
luogo, a cosa serve e chi l’ha costruito.”
Mentre padroneggiava il linguaggio, senza alcuna esitazione, Lan WangJi
suonò abilmente alcune limpide note. Dopo alcuni istanti, le corde risposero
con due note. Wei WuXian chiese rapidamente, “Cos’ha detto?”
Lan WangJi, “Non lo so.”
Wei WuXian, “Cosa?”
Lan WangJi rispose senza fretta, “Ha detto: ‘Non lo so.’ “
” … ” Wei WuXian lo guardò, ricordando improvvisamente una
conversazione riguardo “Suibian” avuta anni prima. Premendosi il naso,
restò a corto di parole e pensò, Lan Zhan è così brillante. Ha persino
imparato a lasciarmi senza parole.
Poiché la prima domanda non aveva ricevuto alcuna risposta, Lan WangJi
ne suonò un’altra. Le corde risposero di nuovo, con le stesse due precedenti
note. Wei WuXian capì che, anche questa volta, la risposta era stata ‘Non lo
so’. Chiese, “Cos’hai chiesto, questa volta?”
Lan WangJi, “Com’è morto.”
Wei WuXian, “Se fosse stato ucciso segretamente mentre era distratto, allora
sarebbe facile spiegare il motivo per cui non sa com’è morto. Perché non gli
chiedi se conosce l’identità di chi l’ha ucciso?”
Lan WangJi alzò le mani e suonò un’altra frase. Tuttavia, rispose di nuovo
con le due stesse note: “Non lo so.”
Si trattava di uno spirito intrappolato in quel luogo, eppure non sapeva dove
fosse, come fosse morto e chi lo avesse ucciso. Questa era la prima volta che
Wei WuXian incontrava una simile persona defunta. Decise così di cambiare
strategia, parlò di nuovo, “Allora, domandiamogli qualcos’altro. Chiedigli se
è un uomo o una donna. Non è possibile che non lo sappia.”
Lan WangJi fece ciò che gli aveva detto. Dopo aver spostato le sue mani,
un’altra corda risuonò con forza. Lan WangJi tradusse, “Un uomo.”
Wei WuXian, “Finalmente sappiamo qualcosa, huh? Chiedigli se un ragazzo
di quindici o sedici anni è entrato qui.”
Rispose, “Si.”
Wei WuXian chiese di nuovo, “Allora dov’è adesso?”
Le corde si fermarono per un momento, poi risposero. Wei WuXian si
affrettò a chiedere, “Cos’ha detto?”
Il viso di Lan WangJi era solenne, “Ha detto: ‘Proprio qui.’”
Wei WuXian era sbalordito.
Con “Qui” probabilmente si riferiva a quel castello di pietra. Ma in
precedenza, aveva controllato ovunque, senza trovare alcuna traccia di Jin
Ling. Wei WuXian parlò, “Non può mentire, giusto?”
Lan WangJi, “Ci sono io qui, quindi non può.”
In effetti, non poteva. La persona che stava ponendo le domande era
HanGuang-jun. Sotto il suo controllo, lo spirito che era giunto non poteva
mentire e avrebbe sicuramente fornito delle risposte veritiere. Wei WuXian
continuò a controllare i dintorni della stanza, alla ricerca di eventuali
meccanismi o stanze segrete che non avevano notato. Dopo aver riflettuto
per un momento, suonò qualche altra domanda. Tuttavia, dopo aver
ricevuto la risposta, la sua espressione cambiò leggermente. Quando lo notò,
Wei WuXian chiese, “Cos’hai chiesto questa volta?”
Lan WangJi, “Quanti anni aveva; da dove proveniva.”
Entrambe le domande erano un tentativo per scoprire l’identità dello spirito.
Wei WuXian sapeva con certezza che non aveva ricevuto una risposta
convenzionale, “Quali sono?”
Lan WangJi, “Quindici; di Lanling.”
Anche l’espressione di Wei WuXian cambiò.
L’anima che “Inquisizione” aveva trovato era Jin Ling?!
Ascoltò con attenzione. Tra i rumori che risuonavano in quel luogo, riusciva
davvero a sentire delle deboli urla che giungevano da Jin Ling. Tuttavia,
erano lievi e confuse.
Lan WangJi continuò a porre delle domande. Wei WuXian sapeva che stava
chiedendo la posizione esatta, quindi fissò le corde del Guqin, in attesa della
risposta di Jin Ling.
Questa volta, la risposta giunse un po’ a rilento. Dopo che finì di ascoltare,
Lan WangJi parlò a Wei WuXian, “Resta dove sei, girati a sud-ovest e ascolta
le corde. A ogni nota che sarà riprodotta, devi avanzare di un passo. Quando
il suonò cesserà, lui sarà proprio di fronte a te.”
Senza dire una parola, Wei WuXian si voltò a sud-ovest. Alle sue spalle
giunsero sette note del Guqin, così avanzò di sette passi. Tuttavia, non
apparve nulla di fronte a lui.
Le note continuarono, ma l’intervallo che le separava diventò sempre più
lungo, e anche lui camminò più lentamente. Un altro passo, un altro e un
altro ancora…
Dopo il sesto passo, il Guqin alla fine tacque. Non suonò più alcuna nota.
E, di fronte a lui, c’era solo un muro.
Il muro era fatto di mattoni di pietra bianco-grigiastre, uniti strettamente.
Wei WuXian si voltò, “… E’ nel muro?!”
Bichen fu sguainata. Quattro sferzate di luce blu attraversarono la parete, e
un chiaro segno a forma di stella fu inciso sul muro. Entrambi si
avvicinarono per rimuovere i mattoni. Dopo averne tolto alcuni, scoprirono
una grande quantità di terra scura.
Sembrava che il castello di pietra avesse un doppio strato, e c’era della terra
tra i due livelli di dura roccia. Usando le mani, Wei WuXian scavò un ampio
pezzo di terra. All’interno della terra nera come il carbone, c’era un volto
umano, gli occhi erano serrati.
Si trattava del disperso Jin Ling!
Poiché il suo volto era seppellito nella terra, non appena fu libero, l’aria si
riversò immediatamente nella bocca e nel naso di Jin Ling. Iniziò
immediatamente a tossire e a respirare. Non appena Wei WuXian confermò
che fosse ancora vivo, il suo cuore finalmente si calmò. Jin Ling era quasi
morto. Altrimenti, “Inquisizione” non avrebbe potuto catturare la sua anima
ancora viva se non stesse per lasciare il corpo. Fortunatamente era trascorso
poco tempo da quando era stato sepolto nel muro. Se ci avessero impiegato
più tempo, sarebbe sicuramente morto soffocato.
I due si affrettarono a tirarlo fuori dal muro. Tuttavia, chi avrebbe mai
pensato che, come la terra si appiccica a una carota quando viene estratta
dal terreno, nel momento in cui la parte superiore del corpo di Jin Ling
affiorò dalla terra, la spada sulla sua schiena catturò qualcos’altro e lo
trascinò con sé.
Era l’osso cinereo di un braccio umano!
Lan WangJi appoggiò a terra Jin Ling e controllò il battito del suo cuore.
Wei WuXian, d’altra parte, afferrò il fodero di Bichen e iniziò abilmente a
curiosare nella terra, seguendo i tratti dell’osso. Dopo un po’, uno scheletro
intero sbucò davanti ai suoi occhi.
Quello scheletro era apparentemente simile a Jin Ling, nascosto all’interno
del muro in una posizione eretta. Con le spaventose pallide ossa nella terra
scura, il contrasto era distinto e abbagliante alla vista. Wei WuXian scavò un
po’ di più nel terreno e tolse alcuni pezzi di mattoni sul lato. Dopo alcuni
fruscii, ovviamente, nelle vicinanze trovò un altro scheletro.
Questo non era ancora completamente consumato. Era ancora presente un
po’ di carne sulle ossa e i capelli disordinati sul cranio. Dall’abbigliamento
lacero di una tonalità rosso scuro, poté intuire che si trattava di un vestiario
femminile. Tuttavia, era in una posizione reclinata, perché c’era un terzo
scheletro accanto a lei, accovacciato ai suoi piedi.
Wei WuXian smise di scavare oltre.
Indietreggiò di qualche passo. Il trambusto che udiva alle sue orecchie era
furioso e turbolento come un maremoto.
Ne era quasi certo. Le spesse mura del castello di pietra erano piene di
cadaveri umani.
Sopra, sotto, a sud-est, a nord-ovest; in piedi, seduti, sdraiati, accovacciati…
Che razza di luogo era quello?!

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 23 –


Malizia – Parte Uno
 

In quel momento, Jin Ling, privo di sensi si alzò improvvisamente.


Davanti ai due, si rialzò goffamente con gli occhi chiusi. Wei WuXian voleva
capire cosa avesse intenzione di fare, quindi non lo fermò quando Jin Ling lo
superò e, passo dopo passo, rientrò nel muro dov’era poco prima. Le braccia
penzolavano ai lati del suo corpo. Anche la posizione era la stessa.
Wei WuXian lo tirò di nuovo fuori dal muro, ritenendo la situazione sia
esilarante che strana. Stava per rivolgersi a Lan WangJi per dirgli che
sarebbe stato meglio non restare in quel luogo ancora più a lungo che,
improvvisamente, tremò per lo spavento quando sentì una serie di latrati
che giungevano dall’esterno. Da quando erano entrati, il cane nero spirituale
si era comportato educatamente, continuando a scodinzolare mentre sedeva
davanti all’ingresso. Aspettava che riportassero il suo padrone con un
atteggiamento ansioso e malinconico, senza più abbaiare. Tuttavia, in quel
momento, i suoi latrati sembravano più spaventosi che mai.
Lan WangJi disse, “C’è qualcosa che non va fuori dal castello.”
Mentre stava per avvicinarsi per aiutare Jin Ling, Wei WuXian lo anticipò e
si caricò Jin Ling sulle spalle, “Andiamo a vedere!”
I due percorsero velocemente la stessa strada da cui erano arrivati. Mentre si
chinavano per uscire, videro il cane nero spirituale che dava loro le spalle,
ringhiando intensamente verso una direzione precisa. Sebbene Wei WuXian
fosse uscito, non riusciva davvero a sopportare quel genere di rumore, e
involontariamente indietreggiò di qualche passo. Quando il cane si voltò e
vide che Jin Ling era sulla sua schiena, si precipitò lì all’istante, facendo
urlare Wei WuXian. Lan WangJi si spostò davanti a lui proprio mentre stava
per buttare a terra Jin Ling.
Il cane nero spirituale si fermò immediatamente, di nuovo con la coda fra le
gambe. Il motivo per cui la lingua non gli penzolava fuori dalla bocca, era
perché aveva qualcosa tra i denti. Lan WangJi si avvicinò, chinandosi, e tirò
fuori un pezzo di stoffa che stringeva tra i denti e lo consegnò a Wei WuXian.
Sembrava si trattasse di un pezzo di un capo di abbigliamento. Poco prima,
in zona probabilmente c’era qualcuno che stava vagabondando o stava
spiando, e doveva avere un’aria sospettosa, altrimenti il cane non avrebbe
abbaiato con una tanta brulicante ostilità. Wei WuXian dichiarò, “Non
saranno ancora troppo lontani. Inseguiamoli!”
Tuttavia, Lan WangJi rispose, “Non è necessario. So chi sono.”
Wei WuXian, “Lo so anche io. Deve trattarsi dello stesso gruppo di persone
che ha diffuso le voci riguardo alla Cresta Xinglu, e che ha liberato i cadaveri
ambulanti, allestito lo schema di labirinti e ha costruito i castelli di pietra. E
quelle sciabole. Tuttavia, se non li catturiamo ora, sarà un problema riuscire
a trovarli in seguito.”
Lan WangJi, “Li seguirò io. E riguardo te e Jin Ling?”
Wei WuXian “Lo porterò giù dalla Cresta Xinglu e mi sistemerò da qualche
parte a Qinghe, dove abbiamo incontrato il ciarlatano. Incontriamoci lì.”
Il ritmo della conversazione era estremamente veloce. Lan WangJi si fermò
solo per un momento, e Wei WuXian aggiunse, “Vai. Se aspetti ancora,
quella persona potrebbe scappare. Ritornerò!”
Quando sentì il ‘ritornerò’, Lan WangJi lo guardò intensamente e se ne andò
senza dire altro. Il cane nero spirituale stava per balzare di nuovo. Wei
WuXian urlò immediatamente, “A-a-a-aspetta! Porta via il cane! Prendilo!!!”
Lan WangJi ritornò di nuovo. Abbassò lo sguardo verso il cane nero
spirituale. Era troppo spaventato per fare qualunque resistenza, guaì mentre
arrancava al seguito di Lan WangJi, girandosi per guardare Jin Ling di tanto
in tanto. Wei WuXian si asciugò alcune gocce di sudore dalla fronte. Dopo
aver osservato il gruppo di castelli bianchi ancora una volta, prese di nuovo
Jin Ling e scese lungo la Cresta Xinglu.
Era quasi il tramonto. Con il ragazzo sulla schiena ed entrambi ricoperti di
terra, diventarono i bersagli delle attenzioni di molti passanti. Wei WuXian
tornò sulla strada dove Jin Ling lo aveva inseguito con il cane e trovò una
locanda. Usando i soldi che aveva preso da Lan WangJi, comprò due nuovi
abiti e prese una stanza. Pensò prima a togliere la divisa della Setta di Jin
Ling, che si era sgualcita dopo che era stato sepolto nella terra, poi gli tolse
gli stivali. All’improvviso, i suoi movimenti si fermarono.
Sembrava esserci una zona scura sulla parte inferiore della gamba di Jin
Ling. Alzando e arrotolando i pantaloni del ragazzo, Wei WuXian scoprì che
non si trattava di un’ombra, ma di un livido nero. E, non era un livido che si
era procurato ferendosi, ma di un Marchio Maledetto.
Un Marchio Maledetto era un segno che un essere malvagio lasciava sulla
sua preda. Se compariva, significava che l’individuo aveva offeso qualcosa di
estremamente malvagio. Lasciando il marchio, sarebbe riuscito a trovarlo a
qualsiasi costo, forse dopo molto tempo o forse la sera stessa. Le
conseguenze andavano dal rischio che la parte del corpo marchiata fosse
amputata o semplicemente la morte.
L’intera gamba di Jin Ling era diventata nera, e il livido si stava ancora
estendendo verso l’alto. Wei WuXian non aveva mai visto un Marchio
Maledetto di una tonalità di nero così intensa, che ricopriva una zona così
grande. Mentre lo osservava, il suo viso diventava sempre più rigido.
Abbassò le gambe di Jin Ling e sbottonò i suoi indumenti intimi. Si sentì
sollevato solo quando vide che il suo petto e il suo stomaco erano ancora
puliti, non erano ancora stati colpiti dal Marchio Maledetto.
In quel momento, Jin Ling aprì gli occhi.
Rimase confuso per un po’ di tempo. Quando vide il suo corpo nudo e
infreddolito, ritornò in sé immediatamente. Si alzò subito e sbraitò con il
viso arrossato, “C-c-c-c-cosa stai facendo?!”
Wei WuXian sorrise, “Oh hey, sei sveglio.”
Poiché era stato colpito da un grande turbamento, Jin Ling chiuse la parte
anteriore del suo capo di abbigliamento intimo e si rimpicciolì verso l’angolo
del letto, “Cosa vuoi?! Dove sono i miei vestiti?! Dov’è la mia spada?! Dov’è il
mio cane?!”
Wei WuXian parlò, “Ti stavo solo aiutando a vestirti.”
La sua espressione e il suo tono erano gentili come quelli di una nonna che
desiderava aiutare il suo nipotino a indossare la giacca. Jin Ling si appoggiò
contro il muro con i capelli arruffati, “Io non sono un taglia manica!!”
Wei WuXian sorrise, “Che coincidenza, io sì!!”
Jin Ling afferrò la spada che giaceva accanto al letto con un atteggiamento
così audace che Wei WuXian ebbe l’impressione che se avesse compiuto un
altro passo, lo avrebbe ucciso, per poi suicidarsi per provare la sua
innocenza. Wei WuXian riuscì finalmente a smettere di ridere, “Perché sei
così spaventato? Era solo uno scherzo! Ho impiegato così tanto impegno a
tirarti fuori dal muro, e non mi ha neanche ringraziato.”
Nel bel mezzo del putiferio, Jin Ling si passò una mano tra i capelli
disordinati per cercare di sistemarli un po’, e continuò a infierire, “Se non
fosse per questo motivo, per aver o-o-o-osato togliermi i vestiti, t-t-t-ti avrei
fatto uccidere un migliaio di volte!”
Wei WuXian, “Per favore, non farlo. Morire una volta è già stato doloroso.
Avanti, avanti. Abbassa la spada.”
Con uno sguardo confuso, Jin Ling fece come gli era stato detto e abbassò la
spada.
Quando avevano suonato Inquisizione, anche se l’anima di Jin Ling aveva
lasciato il suo corpo e non riusciva a ricordare molte cose, tra la confusione,
sapeva che era stata la persona di fronte a lui a liberarlo e a portarlo giù
dalla montagna. Per qualche ragione, dopo che era stato sepolto nel muro,
era stato cosciente per un po’, mentre la paura e la disperazione nel suo
cuore crescevano. Eppure, non avrebbe mai pensato che chi lo aveva liberato
dalla sua paura e dalla disperazione fosse quella persona che aveva odiato
fin dal loro primo incontro. Il colore del suo viso variò tra il bianco e il rosso.
Era anche stordito e imbarazzato, i suoi pensieri continuavano fluttuare.
All’improvviso, il suo sguardo si spostò verso la finestra, e restò scioccato nel
costatare che il cielo era già buio, con poche stelle sparse qua e là. Per
coincidenza, Wei WuXian si era chinato per raccogliere i vestiti nuovi che
erano caduti a terra. Jin Ling saltò giù dal letto, s’infilò gli stivali e afferrò la
giacca, scattando fuori dalla stanza.
Wei WuXian pensava che, dopo tutto ciò che aveva affrontato, sarebbe
rimasto spossato per un po’. Chi avrebbe mai pensato che i giovani fossero
così energici, riuscendo a sparire in lontananza come una raffica di vento.
Quando ricordò che il Marchio Maledetto sulla sua gamba non si trattava di
un problema semplice, gridò velocemente, “Perché stai scappando?! Ritorna
qui!”
Jin Ling continuò a correre mentre indossava la sua tunica sporca e
sgualcita, “Non seguirmi!” Era veloce e uscì dalla locanda in pochi lunghi
passi. Dopo averlo seguito per qualche isolato, Wei WuXian finì per perderlo
di vista.
Dopo aver cercato per un po’, giunse il crepuscolo e anche la gente per le
strade diminuì. Wei WuXian era piuttosto infastidito, “Dannazione. Questo
bambino come può comportarsi in questo modo?!”
Stava per arrendersi, quando la voce irritata di un giovane giunse di fronte a
lui, dal fondo della strada, “Ti ho solo detto alcune cose, e sei sparito nel
nulla. Cosa sei, una donzelletta? Il tuo temperamento sta peggiorando
sempre di più!”
Jiang Cheng!
Wei WuXian scivolò immediatamente in un vicolo. Un attimo dopo, spuntò
anche la voce di Jin Ling, “Sono già tornato e non mi è successo nulla, no?
Smettila di infastidirmi!”
Sembrava che Jin Ling non fosse giunto a Qinghe da solo. Beh, non c’era da
stupirsi. L’ultima volta, al Monte Dafan, Jiang Cheng era lì per assisterlo,
quindi perché non doveva venire anche questa volta? Tuttavia, esaminando
la scena, sembrava che i due avessero litigato nella città di Qinghe, motivo
per cui Jin Ling sarebbe salito sulla Cresta Xinglu da solo. La ragione della
sua veloce fuga, probabilmente era perché Jiang Cheng lo aveva minacciato
di fargli qualcosa se non fosse tornato prima che facesse buio o qualcosa del
genere.
Jiang Cheng, “Non è successo nulla? Sembra ti sia rotolato in una buca piena
di fango e continui a dire che non c’è niente di sbagliato in te! Non pensi che
sia una vergogna per l’uniforme della tua Setta? Sbrigati e vai a cambiarti!
Parla. In cosa ti sei imbattuto oggi?”
Jin Ling rispose con impazienza, “Ho già detto che non mi sono imbattuto in
nulla. Sono inciampato, ed è stata una perdita di tempo. Ow!” Gridò, “Non
strattonarmi in questo modo! Non ho tre anni!”
Jiang Cheng parlò con un tono aspro, “Pensi che non possa più disciplinarti?
Lascia che te lo dica, anche se avessi trent’anni, potrei ancora strattonarti.
La prossima volta, se avrai di nuovo il coraggio di andare in giro senza dirlo
a nessuno, ti attenderà la frusta!”
Jin Ling, “Sono andato da solo proprio perché non volevo che nessuno mi
aiutasse o mi disciplinasse.”
Wei WuXian valutò, Non ne so nulla al riguardo, ma Jiang Cheng aveva
ragione quando ha rimproverato Jin Ling per il suo temperamento da
donzella.
Jiang Cheng, “Allora, cosa c’è ora? Che cosa hai preso? Dov’è il cane
spirituale che ti ha dato tuo zio?”
Aveva imboccato qualche casuale percorso con Lan WangJi. Proprio mentre
Wei WuXian stava pensando, dall’altro lato del vicolo giunsero due figure
familiari.
Il contegno di Wei WuXian mutò subito. Le gambe si spostarono da sole, e si
precipitò fuori come se fosse inseguito da alcune frecce avvelenate. Il cane
nero spirituale scattò dall’altro lato, superò Wei WuXian e si gettò verso le
gambe di Jin Ling, sfiorandolo affettuosamente con la coda.
Se il cane era apparso in quel luogo, significava che Lan WangJi aveva già
catturato chiunque li stesse spiando nella zona dei castelli di pietra e si era
diretto al punto di ritrovo che avevano precedentemente stabilito. Tuttavia,
in quel momento, Wei WuXian non aveva il tempo di pensare a quelle cose.
Mentre correva, si ritrovò proprio davanti a Jiang Cheng, Jin Ling e un
gruppo di altri discepoli della Setta Jiang.
Dopo che entrambe le parti rimasero immobili per un momento, Wei
WuXian si voltò silenziosamente e fuggì.
Riuscì a percorrere solo una breve distanza che, sentì un rumore sfrigolante,
e una corrente viola si avvolse intorno alla sua gamba come un serpente. Il
torpore e il dolore attraversarono il suo corpo dal basso verso l’alto, cadde
immediatamente, e fu trascinato all’indietro. Allora, qualcuno lo afferrò con
il retro del suo colletto. Wei WuXian cercò immediatamente di trovare la
Borsa Blocca Spirito, ma l’altro la afferrò prima di lui.
Jiang Cheng avanzò di qualche passo mentre lo stringeva, entrò nel negozio
più vicino e con un calcio aprì il chiavistello di legno che era già
parzialmente agganciato.
Il proprietario stava per prepararsi a chiudere il negozio per la notte.
All’improvviso, vedendo che un giovane con degli abiti eleganti, e con un
viso scuro aveva aperto la porta, era entrato con qualcuno nella sua morsa,
apparendo come se avesse intenzione di sventrare la sua vittima proprio lì, il
proprietario fu così spaventato da non riuscire a parlare. Un discepolo si
avvicinò e sussurrò al suo orecchio. Con un po’ di argento che gli era stato
spinto tra le mani, fuggì rapidamente nel retro della sala e non uscì più.
Senza ulteriori istruzioni, i discepoli della Setta Jiang si distribuirono
immediatamente all’esterno, così che nulla potesse entrare o uscire da quel
luogo.
Jin Ling stava in disparte, sembrava voler dire qualcosa, ma era troppo
scioccato per farlo. Jiang Cheng lo guardò torvo, “Mi occuperò di te più
tardi. Resta qui!”
Fin dai primi anni di cui aveva memoria, Jin Ling non aveva mai visto una
simile espressione sul volto di Jiang Cheng. Quel suo zio che guidava la Setta
YunmengJiang fin dalla giovane età era sempre stato freddo e tenebroso.
Quando parlava, non mostrava né pietà né alcun buon proposito. Eppure, in
quel momento, i suoi occhi erano spaventosamente intensi.
Anche se il suo volto era sempre annebbiato, segnato dall’arroganza e dallo
scherno, ora sembrava come se ogni sua parte fosse ritornata in vita. Era
difficile determinare se si trattava di ira vendicativa, di insondabile odio o
una delirante estasi.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 24 –


Malizia – Parte Due

 
Jiang Cheng aggiunse, “Prestami il tuo cane.”
Jin Ling si risvegliò dal suo stato confusionale. Esitò per un momento e
fischiò solo dopo che Jiang Cheng lo fulminò con lo sguardo. Il cane arrivò
in pochi balzi. Wei WuXian, il cui corpo era rigido come un’asse di ferro,
poté solo essere trascinato via, avanzando un passo alla volta.
Jiang Cheng trovò una stanza vuota e gettò Wei WuXian all’interno,
chiudendosi la porta alle spalle. Il cane li seguì all’interno e si sedette vicino
alla porta. Wei WuXian continuò a tenere gli occhi ben fissi sull’animale,
spaventato dalla possibilità che avrebbe potuto balzargli addosso da un
momento all’altro. Quando ripensò a com’era stato controllato in un così
breve lasso di tempo, nel suo cuore capì che Jiang Cheng conosceva davvero
il miglior modo per affrontarlo.
Nel frattempo, Jiang Cheng si accomodò tranquillamente a un tavolo,
versandosi una tazza di tè.
Per un momento, nessuno aprì bocca. La tazza di tè era ancora bollente.
Senza berne neanche un sorso, la scagliò a terra.
Sul volto di Jiang Cheng comparve un sorriso affilato, “… non hai niente da
dirmi?”
Negli anni, Jiang Cheng aveva assistito innumerevoli volte alla terribile
condizione di Wei WuXian quando scappava da cani. Gli altri avrebbero
potuto anche non credergli se lo avesse raccontato, ma, di fronte a qualcuno
che lo conosceva così a fondo, era impossibile negarlo. Quello era un
ostacolo più difficile da superare rispetto a Zidian.
Con un tono sincero, Wei WuXian rispose, “Non saprei cosa dirti.”
Jiang Cheng sussurrò, “Davvero non impari, vero?”
Da molto tempo ormai, le loro conversazioni erano piene di litigi e risposte a
tono. Wei WuXian borbottò mentre pensava, “E anche tu non hai fatto alcun
progresso…”
Jiang Cheng rise dalla rabbia, “Certo, allora vediamo chi di noi non ha fatto
alcun progresso.”
Restando seduto al tavolo, urlò con un tono imponente. Il cane si alzò
immediatamente!
Restare nella stessa stanza aveva già indotto Wei WuXian a sudare
dall’agitazione. Quando vide che il grande, ringhiante cane si era avvicinato
a lui in meno di un secondo, frastornandolo con i suoi bassi guaiti, il suo
intero corpo si intorpidì. Aveva dimenticato molti dei suoi primi anni di
vagabondaggio per le strade. Ricordava solo il terrore che percepiva quando
i cani lo inseguivano e il dolore dei denti che scavavano nella sua carne. La
paura era piantata a fondo nel suo cuore e non era possibile superarla o
attenuarla, non importava quanto ci provasse.
All’improvviso, Jiang Cheng gli lanciò un’occhiata di sbieco, “Il nome di chi
hai chiamato?”
Wei WuXian era in un tale stato di sofferenza che non ricordava se avesse
chiamato il nome di qualcuno o no. Riuscì a rimettersi in sesto solo dopo che
Jiang Cheng ordinò al cane di indietreggiare. Dopo un attimo di esitazione,
girò bruscamente la testa. D’altra parte, Jiang Cheng lasciò il suo posto. Al
suo fianco aveva una frusta. Mentre la sfiorava, si chinò per guardare il volto
di Wei WuXian. Dopo una pausa, si raddrizzò e chiese, “A proposito, da
quando sei così vicino a Lan WangJi?”
Wei WuXian capì subito quale nome aveva inconsciamente chiamato.
Jiang Cheng sorrise minaccioso, “E’ davvero insolito il modo in cui si è
spinto oltre per proteggerti, sul Monte Dafan.”
Un attimo dopo si corresse, “No. Non eri necessariamente tu quello che Lan
WangJi stava proteggendo. Dopotutto, la Setta GusuLan non può aver
dimenticato cosa hai fatto con quel tuo fedele cane. Come potrebbe qualcuno
così celebrato per la sua giustizia tollerare un individuo come te? Forse è in
confidenza con il corpo che hai rubato.”
Le sue parole erano crudeli e sinistre. Ogni frase sembrava detta in buona
fede, in superficie, ma in realtà era dispregiativa. Wei WuXian non riuscì più
a sopportarlo, “Modera il tuo linguaggio.”
Jiang Cheng rispose, “Non ho mai prestato attenzione a queste cose, non
ricordi?”
Wei WuXian lo derise, “Oh, giusto.”
Jiang Cheng sbuffò, “Quindi pensi di essere nella posizione di potermi dire
di moderare il linguaggio. Ricordi ancora? L’ultima volta, sul Monte Dafan,
hai moderato il tuo linguaggio quando hai parlato con Jin Ling?”
Il volto di Wei WuXian s’irrigidì.
Dopo aver ripreso il sopravvento nella conversazione, Jiang Cheng sembrò
di nuovo soddisfatto. Sogghignò, “‘Non hai ricevuto l’educazione da tua
madre.’ Sai davvero dove colpire per ferire di più, vero? Se Jin Ling viene
criticato alle sue spalle in questo modo non è altro che colpa tua. Sei proprio
un vecchio smemorato, non è vero? Hai dimenticato le cose che hai detto e le
promesse che hai fatto? Allora, ricordi ancora come sono morti i suoi
genitori?!”
Wei WuXian alzò immediatamente la testa, “Non l’ho dimenticato! Solo
che… “
Eppure, non riuscì a trovare le parole giuste per continuare.
Jiang Cheng lo interruppe, “‘Solo che’ cosa? Non puoi dirlo? Non
preoccuparti, potrai tornare al Pontile del Loto e scusarti mentre ti
inginocchi davanti alle tombe dei miei genitori.”
Wei WuXian si calmò e iniziò a cercare il più velocemente possibile un modo
per uscire da quella situazione. Anche se aveva sempre sognato di ritornare
al Pontile del Loto ancora una volta, non voleva tornare a quella a pezzi
attualmente esistente!
All’improvviso, una serie di passi frettolosi si avvicinarono, e bussarono
forte alla porta. Jin Ling urlò dall’esterno, “Zio!”
Jiang Cheng alzò la voce, “Non ti ho detto di restare dov’eri? Perché sei
venuto qui?”
Jin Ling, “Zio, ho qualcosa di davvero importante da riferirti.”
Jiang Cheng, “Se c’era qualcosa d’importante, perché non ne hai parlato
quando ti ho sgridato?”
“Non volevo dirlo proprio perché mi stavi sgridando! Mi ascolterai o no?
Altrimenti, non ne parlerò!” Jin Ling rispose con un tono arrabbiato.
Jiang Cheng aprì la porta con un’espressione furiosa, “Dimmelo, e poi
vattene!”
Non appena la porta di legno fu aperta, Jin Ling entrò. Aveva già indossato
un nuovo cambio della bianca uniforme. “Ho davvero incontrato qualcosa di
fastidioso oggi. Penso di essermi imbattuto in Wen Ning!”
La fronte di Jiang Cheng si contrasse. Con un’espressione ostile, mise subito
la mano sulla spada, “Dove? Quando?!”
Jin Ling rispose, “E’ successo nel pomeriggio. C’è una casa in rovina a dodici
chilometri da qui, verso sud. Mi sono recato lì perché ho sentito che era
successo qualcosa di strano in quel luogo, ma chi avrebbe mai immaginato
che c’era un cadavere feroce nascosto al suo interno.”
Le parole di Jin Ling suonavano piuttosto credibili. Tuttavia, alle orecchie di
Wei WuXian, tutte quelle frasi non avevano alcun senso. Lui sapeva
esattamente dov’era Jin Ling quel pomeriggio. Inoltre, se Wen Ning si
nascondesse, a meno che lui stesso non lo convocasse di proposito, sarebbe
impossibile per uno dei junior riuscire a trovarlo così facilmente.
Jiang Cheng, “Perché non l’hai detto prima?!”
Jin Ling, “Non ne ero sicuro. Il cadavere si muoveva molto velocemente ed è
scappato non appena sono entrato. Ho visto solo una figura sfocata. Ma ho
sentito lo stesso rumore di catene del Monte Dafan, ecco perché ho
sospettato che si trattasse di lui. Se non mi avessi sgridato in quel modo, te
l’avrei riferito subito dopo il mio ritorno. Se è già scappato e non riuscirai a
prenderlo, sarà a causa della tua indole, io non c’entro.” Cercò di sbirciare
all’interno, ma Jiang Cheng era così arrabbiato che sbatté la porta proprio
davanti al suo viso. Attraverso la porta chiusa, Jiang Cheng gridò, “Mi
occuperò di te più tardi. Vattene!”
Jin Ling rispose con un “Oh” e i suoi passi sparirono in lontananza. Quando
Jiang Cheng si girò, Wei WuXian adottò immediatamente un’espressione
mista tra il “Sono così scioccato”, “Il mio segreto è stato divulgato” e “Che
cosa faccio ora che Wen Ning è stato trovato”. Jing Ling era davvero
intelligente. Sapendo che Jiang Cheng odiava Wen Ning più di qualsiasi
altra cosa, aveva inventato una bugia così convincente, sfruttando le
precedenti conoscenze che aveva acquisito. Jiang Cheng sapeva che il
Patriarca Yiling e il Generale Fantasma comparivano spesso insieme, quindi
già sospettava che Wen Ning fosse in zona. Dopo aver sentito le parole di Jin
Ling, era già stato persuaso e, l’espressione di Wei WuXian lo convinse
ancora di più. Inoltre, esplodeva dalla furia ogni volta che sentiva
menzionare il nome di Wen Ning. Con gli occhi accecati dall’ira, come
poteva dubitare ancora? Stava quasi per esplodere a causa dell’ostilità nel
suo petto. Scoccò la frusta, colpendo il pavimento accanto a Wei WuXian, e
parlò serrando i denti, “Lo porti davvero ovunque il tuo obbediente cane,
vero?!”
Wei WuXian disse, “E’ già morto da molto tempo, e anche io sono morto una
volta. Cos’altro vuoi?!”
Jiang Cheng puntò la frusta verso di lui, “E allora? Il mio odio persisterebbe
anche se morisse altre migliaia di volte! Allora davvero non è morto. Molto
bene! Oggi lo distruggerò con le mie stesse mani, e spargerò le sue ceneri
proprio davanti al tuo volto!”
Chiuse la porta alle sue spalle e si recò verso la sala principale, ordinando a
Jin Ling, “Tienilo d’occhio. Non fidarti e non ascoltare ciò che dice! Non devi
permettergli di produrre alcun suono. Se osa fischiare o suonare il suo
flauto, bloccagli la bocca. Se non funziona, puoi anche tagliargli la mano o la
lingua!”
Wei WuXian sapeva che Jiang Cheng aveva pronunciato quelle parole
soprattutto affinché lui le sentisse, minacciandolo così che restasse
tranquillo. Jiang Cheng non lo portò con sé per evitare che sfruttasse
l’opportunità per controllare Wen Ning. Jin Ling rispose con un tono
disinvolto, “Lo so. Riuscirò sicuramente a tenerlo d’occhio. Zio, perché ti sei
chiuso là dentro con quel dannato taglia manica? Cosa ha fatto questa
volta?”
Jiang Cheng rispose, “Questa non è una domanda che dovresti fare.
Ricordati di sorvegliarlo correttamente. Se al mio ritorno sarà sparito, ti
spezzerò sicuramente le gambe!” Dopo alcune altre domande per capire la
posizione esatta, se ne andò con una parte dei discepoli, dirigendosi
all’inseguimento dell’inesistente Wen Ning.
Dopo una breve attesa, sentì la voce arrogante di Jin Ling, “Tu vai laggiù. Tu,
aspetta sul lato. Andate tutti di fronte all’ingresso principale. Vado dentro ad
incontrarlo.”
Nessuno dei discepoli ebbe il coraggio di disobbedire. In poco tempo, la
porta fu riaperta di nuovo e Jin Ling ficcò la sua testa all’interno, gli occhi
guizzarono nella stanza. Wei WuXian si raddrizzò. Jin Ling portò un dito
davanti alle labbra, entrò silenziosamente, posò la mano su Zidian e poi
sussurrò qualcosa.
Zidian funzionava solo se riconosceva il suo proprietario. Probabilmente
Jiang Cheng gli aveva permesso di riconoscere Jin Ling. Le correnti
elettriche si smorzarono subito, trasformandosi in un anello d’argento su cui
era incastonato un cristallo viola, finendo sul palmo chiaro di Jin Ling.
Jin Ling disse sottovoce, “Andiamo.”
Dopo gli insensati ordini, i discepoli della Setta YunmengJiang si erano
sparsi in giro. I due uscirono di soppiatto dalla finestra e dalle mura. Dopo
aver lasciato il negozio, scapparono senza fare rumore. Mentre entravano
nella foresta, Wei WuXian sentì qualcosa di strano giungere dal suo interno.
Girandosi, fu quasi spaventato a morte, “Perché sta venendo anche lui?!       
Mandalo via!”
Jin Ling fischiò due volte e il cane tirò fuori la lunga lingua. Piagnucolando
sommessamente, le sue orecchie a punta si contrassero e scappò via
scoraggiato. Jin Ling sogghignò sprezzante, “Che razza di perdente. Fairy
non morde mai. E’ spaventoso solo in apparenza. E’ un cane spirituale
addestrato a mordere solo gli esseri malvagi. Pensavi davvero che si trattasse
solo di un normale cane?”
Wei WuXian, “Aspetta. Come l’hai chiamato?”
Jin Ling, “Fairy. E’ il suo nome.”
Wei WuXian, “Hai chiamato un cane in un simile modo?!”
Jin Ling rispose con sicurezza, “Cosa c’è che non va in questo nome?
Quando era piccolo, lo chiamavo Piccolo Fairy. Ora che è cresciuto, non
posso continuare a chiamarlo così.”
Wei WuXian si rifiutò, “No. No. No. Il punto non è se è piccolo o no! … Chi ti
ha insegnato a dare dei simili nomignoli?!” Senza dubbio, doveva trattarsi di
suo zio. In passato, anche Jiang Cheng aveva alcuni cani. I nomi che aveva
scelto erano cose come “Jasmine”, “Principessa”, “Amore”, e così via,
sembravano nomi di costose ragazze nei bordelli. Jin Ling continuò, “I veri
uomini non si preoccupano di queste sciocchezze. Perché stai
puntualizzando questi dettagli? Va bene! Fermo. Ora che hai offeso mio zio,
sei già mezzo morto. Ti lascerò andare. Quindi siamo pari.”
Wei WuXian chiese, “Sai perché tuo zio mi vuole?”
Jin Ling rispose, “Si. Crede che tu sia Wei WuXian.”
Wei WuXian pensò, Questa volta non è solo un semplice ‘sospetto’. Ha
preso la persona giusta. Chiese ancora, “E tu? Non lo sospetti anche tu?”
Jin Ling, “Non è la prima volta che mio zio fa una cosa simile. Non ha mai
liberato nessuno di loro, anche se c’era la possibilità che avesse catturato la
persona sbagliata. Ma, se Zidian non ha espulso il tuo spirito, mi fido che
non sei tu. Inoltre, non solo sei un taglia manica, ma hai anche osato
molestare… “
Con uno sguardo disgustato, si fermò prima di menzionare chi Wei WuXian
avesse molestato e con un gesto scosse la mano come se stesse scacciando
delle mosche. “Ad ogni modo, d’ora in poi, non hai più niente a che fare con
la Setta LanlingJin! Se hai intenzione di andarci di nuovo, non cercare
nessuno della mia Setta! Oppure, non ti lascerò andare!”
Dopo aver finito di parlare, Jin Ling si girò per andarsene. Dopo alcuni
passi, si girò verso di lui, “Perché sei ancora fermo lì? Vattene. Stai
aspettando che mio zio venga a prenderti? Te lo dirò chiaramente, non
pensare che ti sarò grato solo perché mi hai salvato. Non aspettarti che ti
dica che non ne avrei potuto fare a meno.”
Wei WuXian mise le mani dietro la sua schiena e si avvicinò, “Ragazzino, ci
sono due frasi meritevoli nella vita che qualcuno dovrebbe dire, non importa
la circostanza.”
Jin Ling chiese, “Quali?”
Wei WuXian rispose, ” ‘Grazie’ e ‘Mi dispiace’.”
Jin Ling scherzò, “Che cosa potrebbero farmi se non le utilizzassi?”
Wei WuXian, “Un giorno, finirai per dirle in lacrime.”
Jin Ling sputacchiò, quando Wei WuXian gli disse improvvisamente, “Mi
dispiace.”
Jin Ling fece una pausa, “Cosa?”
Wei WuXian, “Mi dispiace per ciò che ti ho detto sul Monte Dafan.”
Non era la prima volta che a Jin Ling gli dicevano “Non hai ricevuto
l’educazione da tua madre”, ma era la prima volta che qualcuno si scusava in
un modo così coscienzioso. Con un “Mi dispiace” sbattutogli così in faccia,
non ne capiva il motivo, ma improvvisamente fu colto dal disagio.
Agitò follemente le braccia, “Non è niente. In ogni caso, non sei il primo ad
averlo detto. E’ vero che non ho avuto una madre che mi ha educato.
Tuttavia, non sarò inferiore a nessuno a causa di questo! Anzi, vi farò aprire
gli occhi, dimostrandovi che sono più forte di tutti voi!”
Wei WuXian sorrise. Mentre stava per parlare, la sua espressione cambiò
improvvisamente, “Jiang Cheng? Tu!”
Jin Ling già aveva dei sensi di colpa poiché aveva rubato Zidian, liberando
Wei WuXian. Quando sentì quel nome, si girò di scatto per controllare.
Sfruttando quell’opportunità, Wei WuXian colpì il collo di Jin Ling,
formando una lama con la mano. Appoggiò Jin Ling a terra, avvolse il fondo
dei pantaloni ed esaminò il Marchio Maledetto sulla sua gamba. Provò
alcuni metodi, ma niente fu utile per farlo svanire. Dopo un momento,
sospirò, avendo appreso che sarebbe stato difficile.
Tuttavia, sebbene ci fossero alcuni Marchi Maledetti che non era in grado di
rimuovere, poteva comunque trasferirli sul suo corpo.
Jin Ling si svegliò lentamente dopo un po’. Quando si portò una mano al
collo, riuscì a percepire ancora un po’ di dolore. Era così arrabbiato che
balzò in piedi e sguainò la spada contemporaneamente, “Come hai osato
colpirmi! Neanche mio zio mi aveva mai colpito!”
Wei WuXian esclamò, “Davvero? Non dice sempre che ti romperà le
gambe?”
Jin Ling si irritò, “E’ una provocazione! Maledetto taglia manica, cosa
diavolo vuoi? Io… “
Wei WuXian si coprì il volto e urlò guardando una direzione alle spalle di Jin
Ling, “Ah! HanGuang-jun!”
Jin Ling era più spaventato da Lan WangJi che di quanto ne fosse di suo zio.
Dopotutto, suo zio apparteneva al suo stesso Clan, ma HanGuang-jun era un
estraneo. Spaventato, fuggì all’istante, urlò mentre correva, “Maledetto
taglia manica! Disgustoso maniaco! Mi ricorderò di te! Non è ancora finita!”
Alle sue spalle, Wei WuXian rideva così forte da non riuscire a respirare.
Quando Jin Ling scomparve in lontananza, il suo petto continuava a
solleticare in un modo insopportabile, e alla fine, dopo un po’ di tosse, riuscì
a fermare di risate. Solo allora, ebbe il tempo di pensare.
Wei WuXian fu portato a casa da Jiang FengMian quando aveva nove anni.
La maggior parte dei ricordi di allora erano già sfocati. Eppure, la madre di
Jin Ling, Jiang YanLi, ricordava tutto, e gli raccontò persino qualcosa.
Disse che, dopo che suo padre venne a conoscenza della notizia che i suoi
genitori erano entrambi morti in battaglia, si era sempre dedicato a cercare
il bambino che quei vecchi amici si erano lasciati alle spalle. Dopo aver
cercato per un po’, finalmente trovò il bambino a Yiling. La prima volta che
s’incontrarono, Wei WuXian era inginocchiato a terra, mentre mangiava le
bucce di frutta che qualcuno aveva gettato.
Sia l’inverno che la primavera di Yiling erano piuttosto freddi, eppure il
bambino indossava solo degli abiti leggeri. Le sue ginocchia erano già
lacerate, e ai piedi indossava due scarpe diverse che non si gli adattavano
affatto. Mentre stava guardando a terra, alla ricerca delle bucce di frutta,
Jiang FengMian lo chiamò. Ricordava ancora che c’era uno “Ying” nel suo
nome, quindi alzò la testa. Anche se le sue guance erano rosse e screpolate
dal freddo, riusciva ancora a sorridere.
Jiang YanLi diceva che lui era nato con un sorriso. Non importava quale
sfortunato evento si verificasse, non si aggrappava a nulla; non importava in
quale situazione fosse, era sempre felice. Sebbene suonasse un po’
insensibile, non era un insulto.
Jiang FengMian gli offrì un pezzo di anguria e lo portò con sé. A quei tempi,
Jiang Cheng aveva circa otto o nove anni. Aveva alcuni cani che giocavano
con lui al Pontile del Loto. Quando scoprì che Wei WuXian era
estremamente spaventato dai cani, Jiang FengMian propose a Jiang Cheng
di mandarli via. Jiang Cheng era davvero riluttante all’idea. Dopo aver fatto i
capricci rompendo alcuni oggetti, facendo il broncio e gridando a squarcia
gola, alla fine mandò via i cani.
Anche se, a causa di questo, fu per lungo tempo ostile nei confronti di Wei
WuXian, dopo che i due familiarizzarono, cominciarono a causare guai
insieme. Ogni volta che s’imbattevano in qualche cane, Jiang Cheng era
sempre pronto a cacciarli via, e poi rideva di Wei WuXian, che nel mentre,
era salito su un albero.
Aveva sempre pensato che Jiang Cheng sarebbe stato al suo fianco, e Lan
WangJi nel lato opposto al suo. Non avrebbe mai immaginato che le cose
sarebbero andate diversamente.
Wei WuXian si diresse al punto di ritrovo in cui lui e Lan WangJi avrebbero
dovuto incontrarsi. Non c’era nessuno tra le scarse luci che tremolavano
nella notte. Senza guardarsi intorno, la figura vestita di bianco era in fondo
alla strada, immobile a testa bassa.
Prima che Wei WuXian producesse qualche rumore, Lan WangJi alzò lo
sguardo e lo vide. Dopo un po’ di esitazione, si avvicinò con un’espressione
scura.
Wei WuXian non capiva perché, ma involontariamente indietreggiò di un
passo.
Riuscì quasi a vedere delle venature scarlatte di sangue agli angoli degli
occhi di Lan WangJi. Doveva ammetterlo… il volto di Lan WangJi era
piuttosto spaventoso.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 25 –


Malizia – Parte Tre
 
Tuttavia, dopo aver indietreggiato di un solo passo, la sua caviglia si storse, e
quasi collassò a terra. Con un cambiamento di espressione, Lan WangJi si
affettò e strinse forte il suo polso come aveva fatto la volta prima, sul Monte
Dafan. Dopo che Wei WuXian riuscì a stabilizzarsi, Lan WangJi si abbassò,
appoggiandosi su un ginocchio, per esaminare la sua gamba. Wei WuXian
era piuttosto scioccato, “N-n-no, HanGuang-jun. Non devi farlo.”
Lan WangJi sollevò leggermente la testa, e i due occhi chiari penetrarono nei
suoi, poi abbassò di nuovo lo sguardo e continuò a tirargli su la gamba dei
pantaloni. Ancora stretto nella sua morsa, Wei WuXian non poté far altro
che guardare il cielo.
La sua intera gamba era coperta dal livido nero del Marchio Maledetto.
Dopo averlo osservato un po’, Lan WangJi parlò con un tono aspro, “… Sono
stato via solo poche ore.”
Wei WuXian scrollò le spalle, “Alcune ore sono tanto tempo. Poteva
accadere qualunque cosa. Avanti, avanti. Alzati.”
Spinse verso l’alto Lan WangJi, “E’ solo un comune Marchio Maledetto.
Basterà semplicemente ucciderlo quando verrà a cercarmi. HanGuang-jun,
dovrai aiutarmi. Se non lo farai, non riuscirò a gestirlo. Hai preso quella
persona? E’ un lui? Dov’è ora?”
Lan WangJi guardò verso un’insegna che si trovava di fronte a un negozio in
fondo alla strada. Wei WuXian continuò, “Risolviamo prima il problema del
castello di pietra.” Allora si avviò verso il negozio. Non lo aveva notato in
precedenza, ma la sua gamba era un po’ intorpidita, probabilmente a causa
di Zidian. Era un bene che Jiang Cheng avesse controllato la forza di Zidian
così da non trasformarlo in un cadavere incenerito da un fulmine.
Lan WangJi era alle sue spalle. All’improvviso chiamò, “Wei Ying.”
La figura di Wei WuXian si fermò. Un secondo dopo, finse di non aver
sentito il nome, e rispose, “Cosa c’è?”
Lan WangJi, “Questo è stato trasferito dal corpo di Jin Ling.”
Non era una domanda, ma un’affermazione.
Wei WuXian non disse nulla. Lan WangJi parlò di nuovo, “Hai
incontrato Jiang WanYin[1].”
Non era difficile notare il segno che aveva lasciato Zidian sopra il Marchio
Maledetto. Wei WuXian si voltò, “Finché saremo entrambi vivi in questo
mondo, ci incontreremo sicuramente, prima o poi.”
Lan WangJi, “Non andare…”
Wei WuXian, “Se non vado, come dovrei proseguire? Mi porterai sulle tue
spalle o qualcosa del genere?”
” … ” Lan WangJi lo guardò in silenzio. Il sorriso di Wei WuXian si congelò
sul suo volto, un presentimento gli passò per la mente.
Se si fosse trattato del vecchio Lan Zhan, quell’affermazione lo avrebbe
sicuramente turbato, lasciandolo senza parole, quindi se ne sarebbe andato
via con un’espressione fredda o lo avrebbe totalmente ignorato. Tuttavia, era
difficile prevedere come avrebbe reagito l’attuale Lan Zhan. Come pensava,
quando sentì quelle parole, Lan WangJi gli si parò di fronte, come se volesse
davvero chinarsi, inginocchiarsi e portare Wei WuXian sulle spalle,
nonostante il suo rango onorevole. Wei WuXian restò scioccato ancora di
più, “Fermo, fermo. Non dicevo sul serio. E’ intorpidita perché sono stato
colpito da Zidian alcune volte, non è rotta. Sarebbe una pessima figura per
uomo adulto come me essere portato sulle spalle di qualcun altro.”
Lan WangJi chiese, “Sarebbe una pessima figura?”
Wei WuXian rispose, “Sarebbe una bella figura?”
Dopo un momento di silenzio, Lan WangJi rispose, “Ma in passato anche tu
mi hai portato sulle spalle.”
Wei WuXian, “E’ mai successa una cosa simile? Perché non ricordo?”
Lan WangJi rispose con un tono indifferente, “Non ricordi mai queste cose.”
Wei WuXian, “Tutti dicono che ho una cattiva memoria. Va bene, va bene.
Ad ogni modo, non ti permetterò di portarmi sulle spalle.”
Lan WangJi, “Ne sei sicuro?”
Wei WuXian rispose in un modo risoluto, “Ne sono sicuro.”
I due restarono in silenzio per un po’. All’improvviso, una delle braccia di
Lan WangJi si avvolse intorno alla sua schiena e, chinandosi leggermente,
tese l’altro braccio verso il retro delle sue ginocchia.
Wei WuXian era più basso e più leggero dell’altro. Pertanto, lo sollevò
facilmente, e il suo corpo fu stretto da quelle robuste braccia. Wei WuXian
non credeva che la sua risposta l’avrebbe portato a questo. Sia nella vita
passata che in questa, era la prima volta che qualcuno lo trattava in quel
modo. Era inorridito, “Lan Zhan!!!”
Reggendolo, Lan WangJi continuò a camminare, rispondendolo con
fermezza, “Avevi detto che non volevi che ti trasportassi sulle spalle.”
Wei WuXian, “Non avevo detto che volevo che mi portassi così.”
Fortunatamente, era già notte fonda. Non c’erano persone che vagavano per
le strade, quindi non fu così imbarazzante. Wei WuXian non era neanche
una persona timida. Dopo che fu trasportato per alcuni passi, si rilassò
rapidamente. Sorrise mentre giocherellava con la parte anteriore degli abiti
di Lan WangJi, fingendo di tirarli, “Quindi vuoi vedere chi è più spudorato?”
Il fresco profumo di sandalo lo avvolse. Senza prestargli attenzione, Lan
WangJi continuò a guardare dritto davanti a sé e non reagì, mantenendo
un’espressione virtuosa e autorevole. Vedendo che nulla riusciva a turbarlo,
Wei WuXian pensò tra sé mentre continuava a giocare con i vestiti di Lan
WangJi, Sembra che il cuore vendicativo di Lan WangJi sia piuttosto forte.
Ha intenzione di farmela pagare per tutte le volte in cui l’ho preso in giro
in passato, divertendomi. Questo è un vero miglioramento. Non solo il suo
livello di coltivazione è aumentato, anche la sua facciata è migliorata.
Wei WuXian chiese, “Lan Zhan, hai capito che ero io fin da quella volta sul
Monte Dafan, vero?”
Lan WangJi, “Si.”
Wei WuXian chiese, “Come l’hai capito?”
Lan WangJi lo guardò, “Vuoi saperlo?”
Wei WuXian dichiarò, “Si.”
Lan WangJi, “Ma l’hai detto tu stesso.”
Wei WuXian, “Io? A causa di Jin Ling? Perché ho convocato Wen Ning?
Nessuno di questi motivi, vero?”
Qualcosa sembrò causare dei fremiti negli occhi di Lan WangJi. Eppure, le
lievi increspature sparirono immediatamente, e i suoi occhi tornarono di
nuovo come una pozza d’acqua.
Parlò con un tono serio, “Rifletti.”
Wei WuXian rispose, “Te l’ho chiesto proprio perché non riesco a pensare a
un motivo.”
Questa volta, non importa quanto lo pregasse, Lan WangJi si rifiutò di
rispondere. Con Wei WuXian tra le braccia, entrò in una locanda. Oltre
all’incaricato all’accettazione che si soffocò con un po’ di acqua, nessuno
degli astanti reagì in modo strano. Quando giunsero davanti alla porta della
stanza, Wei WuXian parlò, “Va bene. Siamo qui. E’ il momento di mettermi
giù. Non hai una terza mano per aprire la porta… “
Prima di riuscire a terminare la frase, Lan WangJi fece qualcosa di
estremamente scortese. Forse era la prima volta in tutta la sua vita che aveva
agito in un modo così rude.
Reggendo Wei WuXian, aprì la porta con un calcio.
Le due porte si spalancarono e la persona che sedeva nervosamente
all’interno gemette all’istante, “HanGuang-jun, non lo so, non lo so, io…”
Quando realizzò in quale posizione erano entrati i due, li fissò senza parole,
riuscendo a malapena a finire l’ultima frase, “… io davvero non lo so.”
Era davvero lo “Scuotitore di testa”.
Agendo come se non avesse visto nulla, Lan WangJi portò dentro Wei
WuXian e appoggiò su un tappetino di bambù. Nie HuaiSang non riuscì a
guardare oltre la scena, e aprì immediatamente il suo ventaglio, coprendosi
il volto. Wei WuXian raggirò il ventaglio per esaminarlo. Anche dopo così
tanti anni, il suo vecchio compagno di classe non era cambiato molto.
Sembrava sempre lo stesso di allora. Sebbene fosse nato con un viso
elegante e attraente, a causa della sua espressione sembrava un buono a
nulla. Il suo elegante vestito rivelava un raffinato gusto nell’abbigliamento, il
che significava che era qualcosa a cui dava molta importanza. Più che il Capo
di una Setta, sembrava un fannullone benestante. Anche con addosso un
abito imperiale, non sarebbe sembrato un principe; anche reggendo una
sciabola, non sembrava un coltivatore.
Continuò a negare tutto, quindi Lan WangJi appoggiò sul tavolo il pezzo di
stoffa che il cane aveva strappato. Nie HuaiSang notò che sulla sua manica
mancava una parte, poi rispose miseramente, “Ero solo di passaggio. Io
davvero non so niente.”
Wei WuXian, “Se non lo sai, allora parlerò io. Ascoltandomi, forse potresti
capire se sai qualcosa.”
Nie HuaiSang aprì e chiuse la bocca alcune volte, incapace di fornire una
risposta. Wei WuXian proseguì, “Nella zona della Cresta Xinglu di Qinghe, ci
sono delle voci riguardo un ‘Castello Mangia Uomini’, ma non c’è nessuna
vittima accertata, ecco perché si tratta solo di una semplice diceria. Queste
voci riescono a far sì che le persone normali evitino la Cresta Xinglu. Quindi,
la sua funzione è quella di agire come linea di difesa, la prima, in effetti.
“Se ce n’è una prima, allora dev’essercene anche una seconda. La seconda
linea di difesa sono i cadaveri sulla Cresta Xinglu. Anche se qualcuno non
fosse spaventato dalle voci riguardo al Castello Mangia Uomini, oppure si
recasse intenzionalmente o accidentalmente sulla cresta, dopo aver visto i
cadaveri mobili, scapperebbe sicuramente. Tuttavia, quei cadaveri mobili
sono solo un piccolo gruppo e sono deboli in termini di potenza, quindi non
causano alcun vero danno.
“La terza linea di difesa è lo schema del labirinto del castello di pietra. I
primi due sono una difesa per le persone normali; questo invece è per i
coltivatori. Tuttavia, funziona solo per i coltivatori comuni. Se un coltivatore
possiede un’arma spirituale o un cane specializzato negli schemi dei
labirinti, o si tratta di un coltivatore potente come HanGuang-jun, questa
linea di difesa sarà infranta.
“Le tre linee di difesa esistono affinché il castello di pietra sulla Cresta
Xinglu resti nascosto al pubblico. L’identità delle persone che hanno
costruito il castello di pietra è piuttosto chiara. Questa è la zona della Setta
Nie. Oltre alla Setta Nie, nessun altro è in grado di creare facilmente questi
tre ostacoli a Qinghe. E, inoltre, sei apparso vicino al castello di pietra e hai
lasciato delle prove.
“Qual è esattamente l’obiettivo della Setta QingheNie per aver costruito il
Castello Mangia Uomini sulla Cresta Xinglu? Da dove arrivano i cadaveri nel
muro? Sono stati divorati? Capo Setta Nie, se non ci fornisci
immediatamente un’adeguata spiegazione, temo che, quando il segreto sarà
scoperto, tutte le Sette e i Clan giungeranno qui per interrogarti. Se ciò
accadrà, anche cercando di fornire una spiegazione, nessuno di ascolterà o ti
crederà.”
Nie HuaiSang rispose disperatamente, ormai sembrava aver rinunciato, “…
non è affatto un Castello Mangia Uomini. E’… E’ solo il cimitero ancestrale
della mia Setta!”
Wei WuXian chiese, “Il cimitero ancestrale? In quale cimitero ancestrale
seppelliscono delle sciabole invece dei cadaveri?”
Nie HuaiSang rispose con un’espressione scontrosa, “HanGuang-jun, prima
di chiarire la situazione, puoi promettermi qualcosa? Poiché le nostre due
Sette si conoscono da lungo tempo e i nostri fratelli maggiori erano legati da
un giuramento, nonostante ciò che dirò, tu… e quello al tuo fianco, non
dovete parlarne con nessuno. Se in futuro questo segreto sarà scoperto,
apprezzerei molto che voi due potreste parlarne positivamente come
testimoni. Sei sempre stato fedele alle tue parole. Se lo prometti, ti crederò.”
Lan WangJi, “Come desideri.”
Wei WuXian chiese, “Hai detto che non si tratta di un Castello Mangia
Uomini, quindi significa che non ha mangiato nessuno?”
Nie HuaiSang strinse i denti e rispose obbediente, “… è così.”
Wei WuXian, “Wow.”
Nie HuaiSang aggiunse immediatamente, “Ma è successo solo una volta! E
non è stata colpa della nostra Setta, ed è accaduto dozzine di anni fa! Le voci
riguardo al Castello Mangia Uomini sono iniziate da allora. Io… ho solo
alimentato le fiamme, ampliando le voci.”
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 26 –
Malizia – Parte Quattro

 
Lan WangJi, “I dettagli, per favore.”
Mentre si sedeva, le sue educate parole erano potenti quasi come una
minaccia. Nie HuaiSang finalmente iniziò la sua spiegazione.
Cominciò, “HanGuang-jun, sai che noi, la Setta Nie, siamo diversi dalle altre
Sette. Poiché il fondatore della nostra Setta era un macellaio, le altre Sette
coltivano usando le spade, mentre invece la nostra Setta coltiva usando le
sciabole.”
Tutti erano a conoscenza di questo e non era affatto un segreto. Inoltre, il
motivo della Setta QingheNie era la feroce testa di una bestia simile a un
cane o un maiale. Nie HuaiSang continuò, “Poiché il nostro metodo di
coltivazione è molto diverso da quello delle altre Sette, e il nostro fondatore
era in origine un macellaio, era naturale che si versasse del sangue. Le
sciabole dei nostri precedenti Capi Setta erano cariche di energia ostile e
d’intento omicida. Quasi ogni Capo Setta ha subito una morte improvvisa a
causa dell’esplosione da Deviazione del Qi. Anche il loro temperamento
irascibile era connesso a questo.”
Wei WuXian sollevò un sopracciglio, “Questo sembra piuttosto simile alla
coltivazione demoniaca.”
Nie HuaiSang si difese rapidamente, “E’ diverso! La coltivazione demoniaca
è tale perché usa le vite umane. Ma, invece delle vite umane, le sciabole della
nostra Setta usano le vite degli spiriti malvagi e delle bestie. Poiché per tutta
la loro vita hanno ucciso questi esseri, se non posso più farlo causano
problemi, disturbando la Setta. Lo spirito di una sciabola accetta un solo
padrone, e non permette di farsi impugnare da nessun altro. Le successive
generazioni non possono di certo disfarsi delle sciabole. In primo luogo,
sarebbe irrispettoso per gli antenati; in secondo luogo, è possibile che anche
fondendole, il problema non si risolva.”
Wei WuXian commentò, “Sono piuttosto arroganti, vero?”
Nie HuaiSang, “Senza dubbio. Le sciabole che hanno combattuto e coltivato
con i nostri antenati sono davvero arroganti.”
Continuò, “Con l’avanzare delle generazioni, i Capi Setta continuavano a
raggiungere un livello di coltivazione sempre più alto, e anche il problema
peggiorava. Fino a che, finalmente, il Sesto Capo Setta riuscì a trovare una
soluzione.”
Wei WuXian chiese, “Costruire il Castello Mangia Uomini?”
Nie HuaiSang, “No, no. Sebbene siano collegate, questa soluzione è
comparsa in seguito. Il Sesto Capo Setta fece questo: costruì due bare per le
sciabole di suo padre e di suo nonno, e scavò una tomba. All’interno della
tomba, invece dei preziosi tesori, pose centinaia di cadaveri che stavano per
trasformarsi.”
Lan WangJi si accigliò leggermente. Nie HuaiSang disse subito, “HanGuang-
jun, posso spiegare! Non sono stati uccisi dalle persone della nostra Setta! Li
abbiamo raccolti da un posto all’altro! Ne abbiamo comprati alcuni anche a
prezzi alti. Il Sesto Capo Setta disse che, se gli spiriti delle sciabole
desideravano combattere, allora bisognava fornirgli degli esseri malvagi
affinché potessero continuare a scontrarsi. I cadaveri che stavano per
trasformarsi furono sepolti insieme alle bare che contenevano le sciabole,
come dei beni funebri per gli spiriti delle sciabole. Gli spiriti delle sciabole
potevano sopprimere la trasformazione dei cadaveri e, allo stesso tempo, i
cadaveri avrebbero calmato il desiderio e la furia degli spiriti delle sciabole.
La situazione sarebbe andata avanti così, con le due parti che riuscivano a
controllarsi a vicenda. Solo utilizzando questo metodo le future generazioni
sono riuscite a raggiungere la pace.”
Wei WuXian chiese ancora, “Allora perché in seguito è stato costruito un
castello di pietra? Perché i cadaveri sono sepolti all’interno delle mura? E,
non hai detto che ha divorato anche delle persone?”
Nie HuaiSang rispose, “Queste domande in realtà hanno un’unica risposta.
Immagino… che puoi dire che abbia mangiato delle persone. Ma non è
successo di proposito!! Il nostro Sesto Capo Setta costruì la Tomba della
Sciabola in modo tale che sembrasse una tomba comune, e le future
generazioni seguirono il suo esempio. Ma, circa una cinquantina di anni fa, il
sepolcro fu scavato da alcuni ladri di tombe.”
Wei WuXian emise un “Oh“. Esclamò silenziosamente, E’ come svegliare un
leone che dorme.
Nie HuaiSang, “Per un evento grande come la costruzione di una tomba, non
importa quanto cauti e indiscreti si possa essere, è impossibile che tutto resti
nascosto. I ladri di tombe indagarono sulla questione e credevano
fermamente che ci fosse un’enorme tomba di una dinastia passata sulla
Cresta Xinglu. Lo pianificarono per lungo tempo ed erano preparati. Nel
gruppo di queste persone incivili, in realtà ce n’erano due o tre che erano
davvero abili, e permisero agli altri di orientarsi, attraversando lo schema
del labirinto, riuscendo a trovare le tombe delle nostre sciabole. Avevano
visto abbastanza morti nella loro vita, quindi dopo aver scavato una buca,
entrando nella tomba, non furono spaventati dai cadaveri. Ma cercarono
ovunque oro e tesori, respirando accanto ai cadaveri e, ancora peggio, si
trattavano di uomini giovani nel pieno della loro vita, carichi di energia
Yang. Ricordate, i cadaveri che giacevano all’interno stavano per
trasformarsi!
“Non è difficile capire cosa accadde. Una decina di cadaveri si trasformarono
immediatamente.
“Tuttavia, questi ladri di tombe non erano persone comuni. Con un servizio
completo di strumenti, in realtà riuscirono anche a uccidere i cadaveri
ambulanti. Dopo il combattimento, c’era carne e sangue dappertutto. Alla
fine, capirono che la tomba era pericolosa e si prepararono per andare via.
Ma proprio quando stavano partendo, furono mangiati!
“Il numero di cadaveri nella tomba era strettamente controllato. Non ce
n’erano né uno in più, né uno in meno, quel tanto che bastava per
equilibrarsi con gli spiriti delle sciabole. Non ci sarebbero stati problemi se i
ladri di tombe avessero causato solo la loro trasformazione, dal momento
che, dopo la loro partenza, gli spiriti delle sciabole avrebbero soppresso di
nuovo il mutamento. Ma, con il disordine che avevano causato, i cadaveri
erano stati ridotti in pezzi e quindi il numero dei corpi era diminuito. Poiché
la Tomba della Sciabola doveva assicurarsi che ci fossero abbastanza
cadaveri feroci e spiriti della sciabola per riuscire a sopprimersi a vicenda,
non… non poté far altro… che chiuderli e intrappolarli nella tomba affinché
il gruppo potesse compensare la scarsità che avevano causato.
“Poiché la Tomba della Sciabola era stata distrutta, il Capo Setta di allora
iniziò a pensare a diversi metodi. Scelse un altro punto della Cresta Xinglu e
costruì una Sala della Sciabola invece di una tomba. Nel caso fossero giunti
di nuovo dei ladri, i cadaveri sarebbero stati nascosti nelle mura sotto
mentite spoglie.
“La Sala della Sciabola era il cosiddetto “Castello Mangia Uomini”. Quando i
ladri di tombe erano giunti a Qinghe, avevano finto di essere dei cacciatori.
Dopo che si recarono sulla Cresta Xinglu e non ritornarono più, senza
lasciarsi alle spalle neanche un cadavere, la gente iniziò a vociferare che
erano stati divorati da un mostro della cresta. Poi, dopo che furono costruiti
i castelli di pietra, prima che il nuovo schema del labirinto fosse posto, un
passante li notò accidentalmente. Fortunatamente, non sono state costruite
delle porte ai castelli, quindi non poteva avventurarsi all’interno. Ma, dopo
che lasciò la cresta, disse a tutti che c’era un gruppo di strani castelli bianchi
sulla Cresta Xinglu e che il mostro mangia uomini probabilmente stanziava
lì. Abbiamo pensato che sarebbe stato utile diffondere queste voci così che
nessuno provasse ad avvicinarsi alla zona, così abbiamo un po’ esagerato
creando la leggenda del “Castello Mangia Uomini”. Ma può davvero
mangiare gli umani!”
Nie HuaiSang tirò fuori un fazzoletto e una pietra bianca delle dimensioni di
uno spicco d’aglio dalle sue maniche. Usò il fazzoletto per asciugare il sudore
e passò la pietra bianca, “Date un’occhiata a questo.”
Wei WuXian prese la pietra. Dopo aver controllato meglio, notò che c’era
qualcosa di bianco che sporgeva dalla pietra. Sembrava… l’osso di un dito
umano.
Capì immediatamente cos’era successo. Nie HuaiSang finì di asciugarsi il
sudore e continuò, “Quel… Giovane Maestro Jin… in qualche modo ha creato
un’esplosione che ha aperto un buco nel muro. Poiché è riuscito a rompere
un muro così fitto, probabilmente portava con sé molti strumenti spirituali,
ma aspettate, non è questo il punto… Ciò che intendo dire è che la zona che è
esplosa era la prima Sala della Sciabola che abbiamo costruito sulla Cresta
Xinglu. Allora, non pensavamo di usare dei mattoni di pietra su entrambi i
lati e di riempire il centro con della terra per impedire all’energia Yang di
entrare, così da impedire la trasformazione dei corpi. Abbiamo
semplicemente posto dei cadaveri al suo interno. Quindi, quando il Giovane
Maestro Jin ha creato quell’apertura, non ha capito di aver distrutto anche
uno scheletro che era stato posto all’interno. In poco tempo, è stato
assorbito nelle mura del castello, sostituendo il cadavere che ha distrutto…
Di tanto in tanto, vado sulla Cresta Xinglu per controllare la situazione.
Oggi, quando mi sono recato lì, ho trovato questo. Proprio mentre stavo
raccogliendo la pietra, un cane mi ha inseguito. Ah… La Sala della Sciabola è
praticamente la nostra tomba ancestrale. Io davvero… “
Più Nie HuaiSang continuava a parlare, e maggiormente miserabile riusciva
a sentirsi, “La maggior parte dei coltivatori sa che questa è la nostra zona,
quindi non farebbero mai una caccia notturna nelle vicinanze di Qinghe. Chi
avrebbe mai pensato che… “
Chi avrebbe mai pensato che sarebbe stato così sfortunato. Prima, il
disobbediente Jin Ling era salito sulla Cresta Xinglu, e poi, seguendo la
direzione che indicava il Braccio Fantasma, Lan WangJi e Wei WuXian,
erano arrivati lì. Parlò di nuovo, “HanGuang-jun e tu… come ho già detto
non dovete parlare a nessuno di questo. Oppure… “
Oppure, vista l’attuale decadente situazione della Setta Nie, se la faccenda
diventasse di dominio pubblico, Nie HuaiSang diventerebbe un peccatore,
una disgrazia per i suoi antenati anche dopo la morte. Era naturale che
preferisse restare segretamente lo zimbello di tutte le Sette invece di
concentrarsi sulla coltivazione o osare affilare la lama della sua sciabola. Se
la sua coltivazione avesse finito per raggiungere un certo livello, sarebbe
diventato gradualmente sempre più irritabile, per poi, alla fine, morire a
causa dell’ira come suo fratello e i suoi antenati. Anche dopo la sua morte, la
sua sciabola avrebbe perseguitato i vivi, disturbando la pace dell’intera
Setta. Per questo motivo, restare una persona priva di valore sembrava
addirittura la scelta migliore.
Era un problema davvero irrisolvibile. Fin dal fondatore della Setta Nie, la
situazione era sempre stata la stessa. Sicuramente, ciò non significava che le
future generazioni dovevano negare il percorso e le basi che il fondatore
aveva forgiato. Tutte le Sette di coltivazione erano esperte in diversi ambiti.
Come la Setta GusuLan che era abile nella musica, la violenza e il potere
degli spiriti delle sciabole della Setta Nie superavano tutte le altre Sette. Se
avessero abbandonato gli ideali del loro fondatore, ricominciando dal
principio, alla ricerca di un percorso diverso, chissà quanti anni avrebbero
impiegato, o se sarebbero riusciti ad avere successo o no. Inoltre, Nie
HuaiSang non avrebbe mai osato tradire la Setta Nie, coltivando una strada
diversa. Per questo motivo, la sua unica scelta era di restare un buono a
nulla.
Se non fosse stato un Capo Setta, continuando a trascorrere la sua intera vita
sempre nello stesso modo in cui viveva ai tempi dei Meandri della Nuvola,
scherzando per intere giornate, la sua posizione sarebbe stata molto più
confortevole rispetto a quella attuale. Ma, dal momento che suo fratello
maggiore era già morto, non importava quanto fosse difficile per lui, doveva
lo stesso assumersi la responsabilità sulle spalle, continuando ad avanzare
incespicando.
Nie HuaiSang se ne andò dopo aver raccomandato loro più volte di non
parlarne con nessuno, e Wei WuXian restò assorto per un po’.
All’improvviso, sentì Lan WangJi avvicinarsi. Lan WangJi s’inginocchiò di
fronte a lui, appoggiando una sola gamba a terra, poi gli rimboccò i
pantaloni con un’espressione premurosa. Si affrettò a dire, “Aspetta,
ancora?”
Lan WangJi, “Rimuoveremo prima il Marchio Maledetto.”
In un solo giorno, HanGuang-jun si era inginocchiato davvero molte volte di
fronte a lui. Anche se Lan WangJi sembrava piuttosto serio, non riusciva
davvero a sopportare di guardare la scena. Wei WuXian parlò, “Lo farò da
solo.” Avvolgendo rapidamente le gambe dei pantaloni, notò che il Marchio
Maledetto ricopriva l’intera metà inferiore della sua gamba, passando per il
ginocchio, risalendo fino alla metà superiore. Wei WuXian gli lanciò
un’occhiata, “Ha già raggiunto la mia coscia.”
Lan WangJi girò la testa e non rispose. Wei WuXian lo trovò piuttosto
strano, “Lan Zhan?”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 27 –


Malizia – Parte Cinque
Solo allora Lan WangJi si girò di nuovo, guardando ancora leggermente di
lato. Vedendo ciò, Wei WuXian sbatté le palpebre, e per qualche motivo,
desiderò prenderlo in giro. Proprio mentre stava per stuzzicare Lan WangJi,
dalla scrivania improvvisamente giunse un rumore di frantumazione.
Entrambi si alzarono per controllare. Le tazze da tè e la teiera erano cadute a
terra. Una Borsa Qiankun giaceva tra i cocci bianchi della porcellana e il tè
rovesciato. La superficie della borsa si alzava e si abbassava, come se
qualcosa intrappolato al suo interno fosse desideroso di uscire.
Sebbene la Borsa Qiankun fosse solo della dimensione di un pugno, era stata
cucita proprio per immagazzinare oggetti. Erano stati rammendati dei
complessi incantesimi sia all’interno che all’esterno, con l’aggiunta di alcuni
strati di sigilli. Lan WangJi in precedenza aveva sigillato il braccio all’interno
della borsa, riponendolo sotto la tazza da tè sul tavolo. Ora, vedendo la sua
agitazione, si ricordarono finalmente che era giunto il momento di suonare
Riposo. Senza i brevi duetti notturni che eseguivano per calmarlo,
nonostante il forte potere di soppressione della Borsa Qiankun, questa non
era in grado d’intrappolare il Braccio Fantasma da sola.
Wei WuXian cercò il flauto di bambù che era alla sua vita, ma non trovò
nulla. Girandosi, vide che Lan WangJi aveva il flauto tra le mani. La testa di
Lan WangJi s’inclinò leggermente verso il basso. Restituì il flauto solo dopo
averlo intagliato per un po’, in un modo delicato. Quando riprese il flauto,
Wei WuXian notò che, dopo che era stato aggiustato, anche i dettagli rozzi
come i fori per le dita sembravano molto più raffinati.
Lan WangJi, “Suonalo come si deve.”
Ricordando l’orribile duetto che avevano suonato al Mingshi, che era
riuscito a suscitare l’ira di Lan QiRen fino a indurlo a risvegliarsi dal coma,
per poi svenire di nuovo, Wei WuXian rise così forte che quasi cadde a terra,
pensò tra sé, Sarà stata dura per lui in questi giorni, tollerare tutto questo
così a lungo. Cercò di trattenersi dallo scherzare ancora e con
un’espressione posata, avvicinò il flauto alle labbra. Tuttavia, riuscì a
suonare solo poche note, che la Borsa Qiankun improvvisamente si
moltiplicò di dimensione, alzandosi in piedi sul pavimento!
Una nota s’infranse con un “tut“. Wei WuXian commentò, “Ormai è troppo
abituato all’orribile musica? Per una volta sto suonando correttamente, e
non sembra neanche gradirlo.”
In sua risposta, la Borsa Qiankun si scagliò su Wei WuXian. La melodia di
Lan WangJi prese una brusca svolta. Con un semplice gesto, le sette corde
vibrarono all’istante, rilasciando un suono così forte da sembrare una
valanga. Dopo il suono, la Borsa Qiankun cadde di nuovo a terra. Come se
non fosse accaduto nulla, Wei WuXian continuò a suonare. Il polso di Lan
WangJi si addolcì. Eseguendo la melodia di Riposo, il suono del guqin si
calmò di nuovo, fondendosi gradualmente con quello del flauto.
La canzone finì e la Borsa Qiankun finalmente ritornò alla sua dimensione
originale, fermandosi. Wei WuXian ripose il flauto alla sua vita, “In questi
giorni, non è mai stato così irrequieto. Sembra che sia stato provocato da
qualcosa.”
Lan WangJi annuì e si girò verso di lui, “E’ qualcosa su di te.”
Wei WuXian abbassò immediatamente lo sguardo su di sé. Quel giorno, su
di lui c’era una sola variazione: il Marchio Maledetto che gli era stato
trasferito da Jin Ling.
Il Marchio Maledetto era stato lasciato su Jin Ling mentre era ai castelli di
pietra della Cresta Xinglu. Vista la forza con cui aveva reagito il Braccio
Fantasma al Marchio Maledetto, significava che…
Wei WuXian, “Pensi che un’altra parte del suo corpo potrebbe trovarsi tra le
mura della Sala della Sciabola della Setta Nie?”
Il mattino seguente, i due partirono di nuovo, tornando alla Cresta Xinglu.
Il giorno prima, Nie HuaiSang era stato scoperto e aveva confessato tutto.
Durante la notte, aveva chiamato tutti i fidati discepoli della Setta per
ripulire il disastro creato dagli intrusi. Quando Wei WuXian e Lan WangJi
arrivarono, la parte del muro che Wei WuXian aveva scavato per tirare fuori
Jin Ling era stata appena riempita, e avevano posto un nuovo cadavere al
suo interno. Mentre guardava i mattoni bianchi accatastati ordinatamente,
si asciugò un po’ di sudore dalla fronte. Tuttavia, quando si voltò, le sue
gambe quasi cedettero. Con un sorriso corrucciato stampato sul volto,
“HanGuang-jun… e tu…”
Wei WuXian agitò le mani mentre sorrideva, “Capo Setta Nie, stai
ricostruendo le mura?”
Nie HuaiSang si asciugò il sudore con il fazzoletto, lo strofinò così tante volte
che quasi rischiò di strapparsi uno strato di pelle, “Si, si…”
Wei WuXian disse con una voce carica di empatia e un pizzico di timidezza,
“Le mie scuse. Mi dispiace davvero per l’inconveniente, ma penso che dovrai
ricostruire di nuovo il muro.”
Nie HuaiSang, “Si, si… Cosa?! Aspetta!”
Prima di riuscire a finire la frase, Bichen fu sguainata. Nie HuaiSang restò a
bocca aperta mentre guardava il muro di mattoni, che aveva finito di
riparare un attimo prima, aprirsi in un attimo.
Distruggere era sempre più semplice del restaurare. La velocità di Wei
WuXian nel togliere i mattoni fu innumerevoli volte più rapida della velocità
che avevano impiegato nell’accatastarli. Nie HuaiSang tremava mentre
stringeva con forza il suo ventaglio, sentendosi così male che quasi scoppiò a
piangere. Tuttavia, dal momento che HanGuang-jun era lì e non era
intervenuto, non osò neanche lui aprire bocca. Dopo che Lan WangJi gli
spiegò la situazione in un modo conciso, imprecò immediatamente ai Cieli e
alla Terra, “Sciocchezze! Questa è una vera sciocchezza! I cadaveri utilizzati
dalla nostra Sala della Sciabola sono completi di tutti gli arti. E’ impossibile
che ci sia un cadavere senza braccia. Se non mi credi, ti aiuterò ad aprire il
muro e dimostrerò la mia innocenza. Ma dopo dovrete riaggiustarlo al più
presto, senza alcun indugio. Dopotutto, questo è il nostro cimitero
ancestrale…”
Anche alcuni discepoli della Setta Nie si unirono a loro. Dal momento che
c’erano altre persone che stavano svolgendo il lavoro, Wei WuXian
indietreggiò, restando da parte, in attesa dei risultati. Dopo un’ora, i mattoni
di pietra del muro in cui Jin Ling era stato sepolto erano stati per lo più
rimossi. Alcuni discepoli indossavano delle maschere sul viso mentre altri
avevano ingerito delle speciali pillole rosse, così che la respirazione e
l’energia umana non risvegliasse le trasformazioni dei cadaveri. Tra la scura
terra, a volte sporgeva una mano color cenere o un piede ricoperto di
venature, oltre ai capelli arruffati e sporchi sparsi ovunque. Ogni cadavere di
sesso maschile fu ripulito in fretta e posto in fila sul terreno.
Si trattavano di cadaveri di tutte le conformazioni e altezze, alcuni erano già
scheletri, mentre altri erano ancora in decomposizione, altri ancora
sembravano abbastanza recenti. Tuttavia, erano tutti corpi completi. Non
trovarono nessun cadavere maschile a cui mancava un braccio sinistro.
Nie HuaiSang parlò con cautela, “Smontare questo muro è sufficiente, vero?
C’è bisogno di togliere altro? Probabilmente no, vero?”
Quello era davvero sufficiente. Il Marchio Maledetto sul corpo di Jin Ling
era estremamente scuro, quindi la creatura che l’aveva creato probabilmente
era sepolta nelle sue vicinanze e la distanza non avrebbe dovuto superare
quel muro. Wei WuXian si accovacciò accanto a una fila di cadaveri. Dopo
aver riflettuto per qualche istante, si rivolse a Lan WangJi, “Dovremmo
prendere la Borsa Qiankun?”
Prendere il braccio sinistro dalla Borsa Qiankun per consentirgli di
identificare il corpo non era una cattiva idea. Tuttavia, se lo avessero
avvicinato troppo agli altri arti del cadavere, sarebbe stato difficile non
agitarlo, rischiando di peggiorare la situazione. E, a causa della grande
quantità di energia oscura in quel luogo speciale, il rischio si era
moltiplicato. Quello era il motivo per cui avevano scelto di recarsi in quel
luogo durante il giorno. Wei WuXian scosse la testa e penso tra sé, Questo
non significa che il braccio non appartiene a un uomo, vero? No, sarebbe
impossibile. Riesco a capire se una mano appartiene a un uomo o a una
donna a prima vista… Quindi, significa che il proprietario ha tre braccia?!
Proprio mentre stava per ridere dei suoi stessi pensieri, Lan WangJi parlò di
nuovo, “Le gambe.”
Con il suo promemoria, Wei WuXian finalmente ricordò. Aveva trascurato
che il Marchio Maledetto si era sparso solo sulle gambe. Disse
immediatamente, “Togliete i pantaloni! Togliete i pantaloni!”
Nie HuaiSang restò mortalmente sbalordito, “Come puoi dire una cosa così
vergognosa di fronte a HanGuang-jun?”
Wei WuXian rispose, “Cosa c’è di vergognoso? A ogni modo, siamo tutti
uomini. Aiutatemi a togliere tutti i pantaloni ai cadaveri. Solo i cadaveri
maschi! Questo non ha nulla a che fare con le donne.” Mentre parlava, si
avvicinò alle cinture delle fasce dei cadaveri sul terreno. Era davvero una
disgrazia per Nie HuaiSang. Non avrebbe mai pensato che, dopo aver
confessato tutto il giorno prima, il giorno seguente lo avrebbero costretto a
togliere i pantaloni ai cadaveri proprio all’interno della Sala delle Sciabole
dei suoi antenati. Inoltre, erano cadaveri maschi. Con un viso rigato di
lacrime, pensò che, sicuramente, dopo la sua morte, sarebbe stato
schiaffeggiato sul viso da tutti gli antenati della Setta QingheNie, ferendolo
così gravemente da renderlo disabile anche dopo la sua reincarnazione.
Fortunatamente, l’atto di Wei WuXian fu interrotto da Lan WangJi. Proprio
quando Nie HuaiSang stava per lodarlo per essere degno del titolo di
HanGuang-jun, lo sentì dire, “Lo farò io.”
Wei WuXian, “Lo farai tu? Farai davvero una cosa simile?”
Gli angoli delle sopracciglia di Lan WangJi sembrarono contrarsi
leggermente, come se stesse frenando qualcosa. Ripeté, “Non muoverti. Lo
farò io.”
Quello per Nie HuaiSang fu il trauma peggiore che aveva sperimentato
durante quella giornata.
Ovviamente, Lan WangJi non intendeva utilizzare le sue mani per abbassare
i pantaloni dei cadaveri. Usò semplicemente Bichen, tagliando leggermente
gli abiti dei cadaveri, scoprendo la pelle. Questo non fu necessario per alcuni
cadaveri, poiché i loro abiti erano già alquanto logori. Pochi attimi dopo,
parlò, “L’ho trovato.”
Tutti guardarono immediatamente a terra. Su entrambe le cosce del
cadavere, posto accanto agli stivali bianchi di Lan WangJi, c’erano due segni
chiari e circolari. Erano saldamente cucite con punti di un filo color carne.
C’era una leggera differenza tra i colori della pelle al di sopra e al di sotto i
punti. Chiaramente, gli arti inferiori e la parte superiore del corpo non
appartenevano alla stessa persona.
Quelle gambe erano state cucite da qualcuno!
Nie HuaiSang restò senza parole a causa dello shock. Wei WuXian chiese,
“Chi sceglie i cadaveri che la Setta Nie utilizza per la Sala delle Sciabole?”
Nie HuaiSang rispose con un’espressione spenta, “Di solito, i precedenti
Capi Setta li selezionano, accumulandoli, quando sono ancora in vita. Mio
fratello è morto molto prematuramente. Poiché non ne aveva trovati
abbastanza, allora l’ho aiutato anche io a recuperarne alcuni… Ho preso
qualsiasi cadavere che fosse completo di tutti gli arti. Non so altro… “
Sarebbe impossibile ottenere qualcosa da lui riguardo all’identità esatta di
chi aveva nascosto il cadavere là dentro. Tra le persone che avevano fornito i
cadaveri ai discepoli della Setta Nie, c’erano innumerevoli sospettati.
Probabilmente la verità sarebbe stata rivelata solo trovando tutte le parti del
corpo, riuscendo così a ricomporre il cadavere e l’anima.
Alla fine, quando riuscirono a separare le gambe dall’altra parte del corpo
maschile, Wei WuXian li pose in una nuova Borsa Qiankun mentre parlava
con Lan WangJi, “Sembra che il nostro caro amico sia stato fatto a pezzi. E,
non solo, le parti sono state anche sparse in giro, un pezzo qui, un pezzo là.
Quanto odio provava l’assassino nei suoi confronti? Possiamo solo sperare
che le parti non siano troppo piccole.”
Anche se Nie HuaiSang continuava a dire “Ci vediamo” quando andarono
via, a giudicare dalla sua espressione terrorizzata, probabilmente sperava di
non rivederli mai più per il resto della sua vita. I due lasciarono la Cresta
Xinglu e tornarono alla locanda. Quando arrivarono in quel luogo
relativamente sicuro, tirarono fuori i tre arti e iniziarono a esaminarli. Come
pensavano, le gambe erano della stessa tonalità del braccio mozzato. E,
quando li avvicinarono, reagirono con forza, vibrando senza sosta come se
intendessero unirsi. Ma i loro sforzi furono vani, poiché c’era una parte del
corpo tra loro che mancava. Appartenevano sicuramente alla stessa persona.
Oltre ad aver capito che si trattava di un uomo con un’alta conformazione,
lunghi arti, un corpo muscoloso e un alto livello di coltivazione, non
sapevano altro riguardo al misterioso cadavere. Fortunatamente, il Braccio
Fantasma indicò presto la loro prossima meta: sud-ovest.
Seguendo la sua indicazione, Wei WuXian e Lan WangJi partirono verso

Mo Dao Zu Shi – Capitolo


Yueyang.

28 – Rugiada – Parte Uno
Quando entrarono in città, i due camminavano fianco a fianco attraverso la
vivace folla. All’improvviso Lan WangJi chiese, “Com’è la situazione del
Marchio Maledetto?”
Wei WuXian, “Jin Ling era stato sepolto troppo vicino al nostro caro amico,
finendo per essere colpito da molta energia risentita. E’ sbiadito un po’, ma
non è sparito completamente. Probabilmente riusciremo a trovare un
metodo per rimuoverlo solo dopo aver recuperato l’intero cadavere o almeno
la testa. In ogni caso, non mi causa molti problemi.”
Il “caro amico” non era altro che l’uomo che era stato fatto a pezzi. Dal
momento che non conoscevano la sua identità, Wei WuXian aveva suggerito
di chiamarlo “caro amico”. Lan WangJi non aveva detto nulla dopo averlo
sentito, ma non aveva neanche obiettato al riguardo, quindi si poteva
interpretare come una silenziosa approvazione. Ovviamente, lui non avrebbe
mai utilizzato una simile definizione.
Lan WangJi, “Quanto è un po’?”
Wei WuXian lo indicò con le sue mani, “Un po’ è semplicemente un po’.
Come posso spiegarlo? Dovrei togliermi i vestiti e mostrartelo?”
Le sopracciglia di Lan WangJi si contrassero leggermente, sembrava
davvero preoccupato dalla possibilità che Wei WuXian avrebbe potuto
spogliarsi immediatamente e in quel luogo. Rispose con un tono
indifferente, “Toglili quando saremo arrivati.”
Wei WuXian rise, girò su se stesso, percorrendo alcuni passi all’indietro. In
precedenza, per cercare di fuggire il prima possibile, aveva provato
disperatamente a disgustare gli altri, fingendo di essere pazzo e perdendo la
reputazione volontariamente. Ora, poiché la sua identità era stata rivelata,
se a farlo fosse stato qualcun altro, avrebbe sicuramente provato un estremo
imbarazzo nel ricordare tutto ciò che aveva fatto. Solo qualcuno con la faccia
tosta come Wei WuXian era in grado comportarsi come se non fosse
accaduto nulla. Probabilmente, se avesse provato almeno un po’ di orgoglio,
non avrebbe mai fatto delle cose ridicole come entrare nel letto di qualcun
altro di notte, ostinarsi nel condividere la vasca da bagno[1], o chiedere se
sembrava carino dopo essersi truccato. Dal momento che fingeva di non
ricordare nulla, Lan WangJi naturalmente si asteneva dal sollevare
l’argomento, e i due continuavano ad agire come se non fosse accaduto
nulla. Questa era la prima volta che aveva scherzato nuovamente dopo che la
sua identità era stata svelata. Quando smise di ridere, Wei WuXian adottò
immediatamente un’espressione seria, “HanGuang-jun, pensi che le persone
che hanno posto il braccio del nostro caro amico nel Villaggio Mo, finendo
per attaccare i tuoi giovani, e le persone che hanno cucito le sue gambe su un
altro cadavere, seppellendole nel muro, appartengano sempre allo stesso
gruppo?”
Sia in passato che nel presente, nella sua mente chiamava Lan WangJi
direttamente con il suo nome, ma negli ultimi giorni si era abituato a
rivolgersi a lui con il suo titolo. Inoltre, utilizzando questo nome riusciva a
creare un tono esageratamente profondo, che suonava inspiegabilmente
divertente. Così, quando erano fuori, continuava a chiamarlo in quel modo
apparentemente serio.
Lan WangJi, “Ci sono due gruppi.”
Wei WuXian, “Beh, sono d’accordo. Se si sono presi la briga di cucire le
gambe su un altro cadavere, nascondendole in un muro, evidentemente non
volevano che qualcuno le trovasse. Quindi, di certo non avrebbero gettato
volontariamente il Braccio Fantasma affinché attaccasse la gente della Setta
GusuLan, dal momento che avrebbe sicuramente attratto attenzione per
un’investigazione. Un gruppo ha cercato di nasconderlo, mentre l’altro ha
attaccato sconsideratamente, quasi come se cercasse di farsi scoprire.
Probabilmente non è lo stesso gruppo di persone.”
Tutto ciò che bisognava dire era stato detto. Lan WangJi non sembrava
avere nient’altro da aggiungere, ma rispose comunque con un “Mnn”
d’approvazione.
Wei WuXian si voltò, parlando mentre camminava, “Le persone che hanno
nascosto le gambe erano a conoscenza della tradizione della Sala delle
Sciabole della Setta QingheNie, mentre chi ha lasciato il braccio sinistro
sapeva dei piani della Setta GusuLan. Non credo che abbiano delle
intenzioni semplici. I misteri continuano ad aumentare.”
Lan WangJi, “Un passo alla volta.”
Wei WuXian, “Come mi hai riconosciuto?”
Lan WangJi, “Pensaci con la tua testa.”
Le domande e le risposte passarono rapidamente tra loro, senza un attimo di
riposo. In origine, Wei WuXian intendeva aspettare il momento in cui Lan
WangJi non gli stesse prestando attenzione, affinché rispondesse all’ultima
domanda. Anche se non era ancora riuscito nel suo intento, non si disperò e
cambiò nuovamente l’argomento della loro conversazione, “Non sono mai
stato a Yueyang. In precedenza, mi sono occupato io di chiedere
informazioni agli altri. Questa volta, mi prenderò una pausa e potrai andare
tu a chiedere in giro. Ti dispiace, HanGuang-jun?”
Lan WangJi si voltò, avviandosi subito. Wei WuXian lo fermò
immediatamente, “Aspetta. HanGuang-jun, posso chiederti dove stai
andando?”
Lan WangJi si girò, “A cercare la Setta di coltivazione di questa zona.”
Wei WuXian tirò la nappa della sua spada e lo trascinò nella direzione
opposta, “Perché dovresti cercarla? Questa è la loro zona; anche sapendo
qualcosa, non lo rivelerebbero. E se non possono affrontarlo, lo
nasconderanno per non perdere l’orgoglio, evitando che le altre persone
possano intromettersi. Mio onorevole HanGuang-jun, non intendo
disonorarti di proposito, ma non puoi davvero fare a meno di me quando
devi gestire le questioni all’esterno. Se chiedessi in giro utilizzando questo
metodo, sarei sorpreso se riuscissi a ottenere dei risultati.”
Sebbene quelle parole fossero un po’ insolenti, gli occhi di Lan WangJi si
addolcirono. Parlò di nuovo a bassa voce, “Mnn.”
Wei WuXian rise, “Per cos’era quel ‘Mnn’? Non dovresti rispondere così.”
Nel frattempo, nel suo cuore commentò allegramente, “Mnn” è l’unica cosa
che sa dire. E’ ancora così pesante!
Lan WangJi, “Allora come dovrei chiedere?”
Wei WuXian indicò sul lato, “Andando là, naturalmente.”
Indicò una larga strada. C’erano sfolgoranti insegne rosse di tutte le forme e
dimensioni fissate su entrambi i lati della via, che sventolavano nel vento.
Ogni singolo negozio aveva le porte ampiamente spalancate, con dei rotondi
vasi neri disposti all’interno dell’ingresso. C’erano anche dei camerieri che
reggevano dei vassoi con piccole ciotole di liquore, raccomandando i loro
negozi ai passanti.
Il forte odore di liquore si estendeva per tutta la strada. Non c’era da
meravigliarsi che Wei WuXian camminasse sempre più lentamente. Si fermò
del tutto quando arrivarono al vicolo successivo, spingendo anche Lan
WangJi a bloccarsi.
Wei WuXian adottò un’espressione seria, “Questi camerieri solitamente
sono giovani e operosi. Con tanti clienti ogni giorno e così tante bocche che
diffondono i pettegolezzi, alle loro orecchie e ai loro occhi non sfugge nessun
strano avvenimento.”
Lan WangJi rispose con un “Mnn”, ma su tutto il suo volto si leggeva, “Vuoi
solo bere qualcosa, vero?”
Wei WuXian finse di non notare l’espressione di Lan WangJi. Continuò a
tirare la nappa della spada dell’altro, proseguendo per la strada dei negozi di
liquori con gli occhi raggianti. Prontamente, arrivarono i camerieri di cinque
o sei diversi negozi, ognuno più entusiasta dell’altro, “Vuoi un assaggio? Il
liquore della famiglia He è famoso in tutta la zona!”
“Giovane maestro, assapora questo. Non devi pagare. Se il liquore ti è
piaciuto, allora vieni nel nostro negozio.”
“Questo non ha un forte odore, ma aspetta quando lo berrai!”
“Se riuscirai a reggerti ancora in piedi finendo questo, adotterò il tuo
cognome!”
Sentendo questo, Wei WuXian rispose, “Molto bene!” Prese la ciotola di
liquore che reggeva il cameriere, la bevve, e con un ghigno, gli mostrò che
era vuota, “Adotterai il mio cognome?”
Sorprendentemente, il cameriere non sembrava spaventato. Alzando il
mento, appariva ancora più fiducioso, “Intendevo se finivi un intero vaso!”
Wei WuXian, “Allora, portami… tre vasi.”
Il camerieri fu più che felice e tornò di corsa nel negozio. Wei WuXian si
rivolse a Lan WangJi, “Dobbiamo fare degli affari qui, no? Prima aiuteremo
la loro impresa, poi potremo parlare di altre cose. Dopo aver pagato, sarà
facile convincerli a conversare.”
Lan WangJi tirò fuori i soldi per pagare.
I due entrarono nel negozio. All’interno c’erano tavoli e sedie di legno per
consentire ai clienti di riposarsi e chiacchierare. Uno degli altri camerieri del
negozio notò l’aspetto di Lan WangJi e capì che non si trattava di una
persona comune. Poiché non era intenzionato a offenderlo, li fece
accomodare solo dopo aver pulito per un bel po’ il tavolo e le sedie. Con due
vasi ai suoi piedi e un altro tra le mani, Wei WuXian chiacchierò con il
cameriere per un po’, poi giunse al sodo, chiedendo di nuovo di eventuali
strani avvenimenti che erano accaduti in quella zona. Anche il cameriere era
una persona loquace. Si strofinò le mani, “Che genere di avvenimenti
strani?”
“Case infestate, cimiteri deserti, cadaveri tagliati a pezzi e così via.”
Gli occhi del cameriere guizzarono avanti e indietro tra loro, “Hmm… Cosa
fate per vivere? Tu e lui.”
Wei WuXian, “Non l’hai già indovinato?”
Il cameriere capì, “Certo. E’ facile capirlo. Voi due siete quei coltivatori che
volano tra le nuvole e nei Cieli. Soprattutto quello accanto a te. Tra le
persone comuni, non ho mai visto un… un tale…”
Wei WuXian sogghignò, “Una persona così carina.”
Il cameriere rise, “Se lo dici così, il giovane maestro al tuo fianco potrebbe
offendersi. Strani avvenimenti, vero? Ce ne sono stati. Non ora, ma dieci
anni fa. Prosegui per questa direzione. Dopo aver lasciato la città, cammina
per circa due miglia e vedrai una bella residenza. Non so se il loro cartello è
ancora lì. Si tratta della residenza del Clan Chang.”
Wei WuXian, “Cosa c’è di sbagliato in quella residenza?”
“L’interno Clan è morto!” Il cameriere disse, “Mi hai chiesto di avvenimenti
strani, quindi ovviamente ti sto riferendo l’evento più bizzarro. L’intero Clan
è stato sterminato, e ho sentito che sono morti dallo spavento!”
Sentendo questo, Lan WangJi che era assorto nei suoi pensieri, sembrò
ricordare qualcosa. D’altra parte, Wei WuXian non notò nulla, “C’è qualche
Setta di coltivazione stanziata in zona?” Doveva trattarsi di un essere
estremamente crudele se era riuscito a spaventare a morte tutti i membri di
un intero Clan. Non tutte le Sette erano come la Setta QingheNie, con
difficoltà che non poteva menzionare. La maggior parte delle Sette non
avrebbero mai tollerato la comparsa di qualcosa del genere nella propria
zona. Il cameriere rispose, “Si, certo che c’è.”
Wei WuXian, “Allora come ha affrontato la situazione?”
“Affrontare la situazione?” Il cameriere fece scivolare lo straccio sulla spalla
e si sedette, rivelando il segreto che stava trattenendo da così tanto tempo,
“Giovane maestro, sai qual era il cognome della Setta di coltivazione di
Yueyang? Era Chang. Il Clan che è morto! Se tutti erano morti, chi avrebbe
mai potuto affrontare la situazione?”
Il distrutto Clan Chang era la Setta di coltivazione stanziata in quella zona?!
Wei WuXian non aveva mai sentito parlare della Setta YueyangChang in
precedenza, il che significava che non era sicuramente una Setta importante,
ma che un intero Clan fosse stato spazzato via si trattava sicuramente un
evento rilevante. Chiese immediatamente, “Com’è stato sterminato il Clan
Chang?”
Il cameriere, “Questo è ciò che ho sentito. Una notte, improvvisamente
avvertirono dei colpi contro le porte della residenza del Clan Chang.”
Wei WuXian, “Dei colpi contro le porte?”
“Giusto! I colpi erano così forti che quasi raggiungevano i Cieli. All’interno,
giungevano delle urla e dei pianti come se tutti fossero richiusi dentro,
incapaci di uscire. Strano, vero? Le porte erano state bloccate dall’interno,
quindi chi era dentro e voleva uscire, non poteva farlo. Perché battevano
contro le porte? Anche se continuavano a farlo, le persone all’esterno non
potevano farli uscire. Inoltre, se non potevano uscire dalle porte, non
bastava scavalcare le mura?
“Le persone all’esterno erano piuttosto confuse. Tutti sapevano che il Clan
Chang era molto potente nella zona perché lì le persone coltivavano. Il Capo
del loro Clan, Chang Ping, credo, aveva una spada che poteva volare e che
riusciva a sostenerlo mentre lo faceva! Se era davvero accaduto qualcosa
all’interno e il suo stesso Clan non era in grado di occuparsene, anche se le
persone comuni fossero intervenute, non avrebbero solo cercato la propria
morte? Questo era il motivo per cui nessuno usò una scala o scavalcò le
mura per sbirciare dentro. Così, passò la notte e i lamenti all’interno si
calmarono sempre di più. Il giorno dopo, quando uscì il Sole, le porte del
Clan Chang si aprirono da sole.
“Dentro la casa, c’erano uomini e donne, una decina di maestri e poche
dozzine di servitori, alcuni seduti, altri sdraiati, e tutti avevano vomitato le
loro vesciche. Erano tutti morti dallo spavento.”
Il proprietario del negozio di liquori si girò e gridò, “Hai intenzione di
morire?! Perché invece di svolgere il tuo lavoro, stai raccontando delle
vecchie storie di persone morte?”
Wei WuXian, “Altri cinque vasi, per favore.”
Lan WangJi pagò il prezzo per dieci vasi. Il proprietario sorrise
immediatamente, e avvertì il cameriere, “Prenditi cura dei clienti
correttamente. Non andare in giro!”
Wei WuXian, “Puoi continuare.”
Poiché non doveva più preoccuparsi di nulla, il cameriere cercò di dare il
meglio di sé, e continuò la storia con un tono animato, “Dopo
quell’avvenimento, per lungo tempo, chiunque camminava di notte nelle
vicinanze della Residenza Chang dal suo interno poteva sentire i rumori dei
colpi contro i muri!
“Pensaci. Delle persone come loro volavano nei cieli e avevano visto
innumerevoli fantasmi e mostri, eppure erano morti dallo spavento. Quanto
doveva essere spaventoso? Se esci spesso la notte, sicuramente t’imbatterai
in qualche fantasma. Anche dopo che furono sepolti, era possibile sentirli
sbattere contro le loro bare! Anche se il Capo del loro Clan, Chang Ping, era
lontano di casa e riuscì a sopravvivere…”
Wei WuXian, “Non avevi detto che era morto l’intero Clan?”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 29


– Rugiada – Parte Due
 
Il cameriere, “Vacci piano. Stavo per dirlo. Sono tutti morti. Anche se ho
detto che è sopravvissuto, è stato solo per un po’ di tempo. Dopo alcuni anni,
morì anche il Capo Clan Chang Ping. Questa volta, la morte è stata ancora
più terrificante. Fu ucciso con il Lingchi usando una spada! Non ho bisogno
di dirti cos’è il Lingchi, vero? E’ quando la carne sul corpo di qualcuno viene
ridotta a brandelli con una sciabola o una spada in tremila e seicento pezzi,
finché tutto il tessuto non sparisce, lasciando solo lo scheletro…”
Ovviamente, era impossibile per Wei WuXian non sapere cosa fosse il
Lingchi. Se qualcuno fosse stato alla ricerca di un libro intitolato “Migliaia di
Modi per Morire Agonizzati”, lui sarebbe senz’altro la persona più
qualificata per scriverlo. Alzò la mano, “Capisco. Allora sai perché il Clan
Chang è stato sterminato?”
Il cameriere, “Ho sentito che è stato pianificato da un’altra Setta di
coltivazione. Questo è certo, no? Altrimenti, come avrebbe fatto un gruppo
di persone che poteva coltivare, a non riuscire a scappare? Erano stati
sicuramente intrappolati all’interno da qualcosa o da qualcuno.”
Nel caso non bastasse solo la conversazione, il proprietario del negozio portò
addirittura due piatti di arachidi e semi di girasole. Wei WuXian annuì in
segno di conferma, e continuò mentre mangiava i semi di girasole,
“Qualcuno ha scoperto cosa fosse esattamente quella cosa o di chi si
trattasse?”
Il cameriere rise, “Giovane maestro, starai scherzando. Come potremmo noi,
persone normali che cercano solo di vivere la propria vita, sapere qualcosa
riguardo quelli che volano nei cieli? Logicamente, voi dovreste sapere più di
me visto che coltivate. Ho solo vagamente sentito che hanno insultato
qualcuno che non avrebbero dovuto offendere! Comunque, da allora,
nessuno si è più occupato degli esseri malvagi nella zona di Yueyang.”
Wei WuXian meditò, “Qualcuno che non avrebbero dovuto offendere?”
“Esatto.” Il cameriere mangiò due noccioline, “Queste Sette o qualsiasi altra
cosa sia, non dimenticano il rancore che provano per gli altri. Penso che il
Clan Chang sia stato preso di mira da altri coltivatori. Non è una cosa diffusa
l’uccidere le persone per amore di tesori o qualcosa del genere? I libri dicono
sempre così. Favole e leggende pure. Anche se non so esattamente chi sia
stato a farlo, sembra che sia connesso a un criminale molto famoso.”
Wei WuXian sorrise mentre sollevava la scodella di liquore alle labbra,
lanciandogli un’occhiata di traverso, “Fammi indovinare. Stai per dirmi che
non conosci l’identità del cattivo, vero?”
Il cameriere intervenne, “Indovina ancora. Questo lo so sicuramente. Era
chiamato qualcosa simile a “peculiare”… Giusto, “patriarca”. Il Patriarca
Yiling!”
Wei WuXian si strozzò, rilasciando una serie di bolle nella scodella di
liquore, “Cosa?”
Di nuovo lui?!
Il cameriere confermò, “Si, giusto! Il suo cognome era Wei. Si chiamava Wei
WuQian. Le persone sembravano arrabbiate e spaventate quando lo
menzionavano.”
”…“
Wei WuXian rifletté al riguardo e determinò due cose: primo, non era mai
stato a Yueyang in passato. E secondo, tra tutte le persone che aveva ucciso,
nessuno era morto con il Lingchi. Lo ritenne piuttosto assurdo e guardò Lan
WangJi, in cerca di una spiegazione. Lan WangJi stava aspettando di
ricevere la sua attenzione da un po’ di tempo. Rispose, “Andiamo via.”
Wei WuXian capì immediatamente. Lan WangJi aveva qualcosa da dirgli e
non poteva riferirglielo nel negozio di liquori, sotto il naso di tutti. Si alzò in
piedi, “Allora noi andiamo via. Quanto… giusto, è già stato pagato. Per il
momento, lascerò il liquore qua. Continuerò a bere dopo che avremo finito.”
Aggiunse scherzando, “Assicurati che sia ancora qui al mio ritorno.”
Avendo già finito più della metà del piatto di noccioline, il cameriere rispose,
“Certo! Il nostro negozio è onesto con tutti, sia con i vecchi che con i giovani.
Lasciali qui e non preoccuparti. Aspetteremo fino al vostro ritorno per
chiudere il negozio. Ehi, giovani maestri, avete intenzione di recarvi alla
residenza Chang adesso? Whoa, è piuttosto figo, sono della zona e non ci
sono mai stato! Ho avuto il coraggio di guardarla solo da lontano. Entrerete?
Cosa farete?”
Wei WuXian, “Andremo solo per dare un’occhiata, da molto lontano.”
Il giovane cameriere aveva una personalità estroversa, ed era solito
diventare un po’ troppo amichevole con gli estranei. Sebbene avessero
conversato solo per un po’, stava già trattando Wei WuXian come se fosse un
suo amico. Si avvicinò per mettere un braccio intorno alle spalle di Wei
WuXian, “Il vostro lavoro è faticoso? Guadagnate molti soldi? Sicuramente
una tonnellata, vero? Che lavoro rispettabile. Lascia che ti chieda una cosa, è
difficile iniziare? Io…”
Mentre balbettava, chiuse improvvisamente la bocca, guardando
nervosamente di lato. Sussurrò, “Giovane maestro, perché quello al tuo
fianco… mi sta fissando?”
Wei WuXian seguì il suo sguardo solo per vedere Lan WangJi girarsi, alzarsi
e uscire fuori dal negozio di liquori, “Oh, lui. Questo mio amico è stato
sottoposto a una rigorosa educazione. Odia assolutamente quando le altre
persone sono troppo espansive di fronte a lui. Non è strano?”
Il cameriere ritirò goffamente il suo braccio, rispondendo a bassa voce, “E’
davvero strano. Dal modo in cui mi ha guardato, avrei giurato di aver messo
il braccio sulle spalle di sua moglie…”
Con le abilità uditive di Lan WangJi, era impossibile per lui non sentire
qualcosa solo perché l’aveva sussurrato. Immaginando come si sentisse in
quel momento, Wei WuXian cercò così fortemente di non ridere che il suo
stomaco iniziò a dolere. Disse rapidamente al cameriere, “Ho finito un vaso.”
Il cameriere, “Scusa?”
Wei WuXian s’indicò, “Sono ancora in piedi.”
Finalmente ricordò il “Se riuscirai a reggerti ancora in piedi finendo questo,
adotterò il tuo cognome” che aveva detto prima, esclamò, “Oh… Ohhh!
Uhm… Wow! Non sto scherzando, ma questa è la prima volta che vedo
qualcuno che riesce ancora a reggersi in piedi e a parlare correttamente
dopo aver bevuto un vaso. Giovane maestro, qual è il tuo cognome?”
Wei WuXian, “Il mio cognome… ” Ricordò improvvisamente il ‘Wei WuQian’
che aveva menzionato il cameriere, e gli angoli delle sue labbra si
contrassero. Lo sostituì tranquillamente, “E’ Lan.”
Anche il cameriere era qualcuno con un atteggiamento sfacciato, annunciò
senza cambiare espressione, “Si. D’ora in poi, il mio cognome sarà Lan!”
Sotto le insegne rosso fuoco del negozio di liquori, per un secondo, la figura
di Lan WangJi sembrò incespicare leggermente. Con un sorriso malizioso
sul volto, Wei WuXian si avvicinò con le mani dietro alla schiena e gli diede
una pacca sulla spalla, “HanGuang-jun, come ringraziamento per aver
pagato il conto, gli ho permesso di adottare il tuo cognome.”
Dopo aver lasciato la città, i due proseguirono nella direzione che il
cameriere aveva indicato. Il numero di persone diminuì gradualmente,
mentre il numero di alberi aumentava. Wei WuXian chiese, “Allora, perché
non hai lasciato che gli chiedessi altro?”
Lan WangJi, “Ho improvvisamente ricordato di aver sentito cosa è successo
a Yueyang. Non c’era bisogno che continuassi a chiedere.”
Wei WuXian, “Prima di dirmelo, lascia che ti chieda una cosa. Mi confermi
che, huh, non sono stato io a sterminare il Clan Chang, vero?”
Oltre a essere già morto dieci anni prima, la sua anima sembrava abbastanza
stabile, quindi era impossibile che avesse ucciso un intero Clan, senza averne
alcun ricordo!
Lan WangJi, “Si.”
Wei WuXian, “Oh.”
Era come se fosse ritornato a quei giorni prima di morire, quando era peggio
di un ratto di fogna, fonte del disprezzo di tutti. Aveva la colpa di tutto;
doveva essere incolpato per tutto. Addirittura, se il nipote del vicino non
mangiava correttamente e perdeva cinque chili, era perché il bambino aveva
paura delle storie che riguardavano il Patriarca Yiling, che comandava al
Generale Fantasma di assassinare le persone.
Tuttavia, Lan WangJi parlò di nuovo, “L’omicidio non è stato commesso da
te, ma è collegato a te.”
Wei WuXian, “Qual è il legame?”
Lan WangJi, “Ci sono due collegamenti. Il primo, una delle persone che sono
coinvolte condivideva il passato con tua madre.”
Wei WuXian si fermò di colpo.
Non capiva cosa stava provando in quel momento o come apparisse il suo
viso. Dopo una pausa, disse, “… Mia madre?”
Wei WuXian era il figlio di Wei ChangZe, un servitore della Setta
YunmengJiang, e CangSe SanRen[1], una coltivatrice solitaria[2]. Sia
Jiang FengMian che sua moglie, Yu ZiYuan, erano abbastanza familiari con i
genitori di Wei WuXian. Nonostante ciò, Jiang FengMian non aveva mai
parlato del suo vecchio amico di fronte a Wei WuXian e, inoltre, Yu ZiYuan
non aveva praticamente mai parlato civilmente con Wei WuXian. Era da
considerarsi fortunato se non lo frustava, lasciandolo in ginocchio nella Sala
degli Antenati per tenerlo lontano da Jiang Cheng. Le altre persone erano
solite raccontare dei dettagli riguardo i suoi genitori che lui già conosceva.
Non sapeva molto più degli altri.
Si fermò anche Lan WangJi, voltandosi per guardarlo, “Hai sentito il nome
‘Xiao XingChen’?”
Wei WuXian cercò tra i suoi ricordi, “No.”
Lan WangJi, “‘No’ è corretto. Era famoso quando lasciò la montagna dodici
anni fa. Ma ora nessuno lo menziona più.”
Dodici anni fa era il periodo successivo all’assedio dei Tumuli Sepolcrali a
Yiling, quindi l’aveva mancato solo di poco. Wei WuXian chiese, “Qual è la
montagna? Chi gli ha insegnato?”
Lan WangJi, “Non so quale montagna fosse. Era stato istruito da una
coltivatrice. Xiao XingChen era un allievo di Baoshan SanRen.”
Wei WuXian finalmente capì perché Lan WangJi avesse detto che quella
persona condivideva il passato con sua madre, “Quindi, significa che Xiao
XingChen è il mio shishu[3].”
Anche CangSe SanRen era un’allieva di Baoshan SanRen.
Baoshan SanRen era una coltivatrice che viveva lontano dal resto del
mondo, si diceva che appartenesse alla stessa generazione di Wen Mao e Lan
An. La maggior parte degli eroi di quella generazione era già sparita, tuttavia
sembrava che Baoshan SanRen non fosse ancora morta. Se era davvero così,
allora avrebbe dovuto avere centinaia di anni e un livello di coltivazione
piuttosto alto. Ai tempi, con la guida di Wen Mao, il mondo della
coltivazione si concentrò più sull’ascesa dei Clan che sulle Sette, e le potenze
di coltivazione legate ai legami di sangue aumentarono come germogli di
bambù dopo una pioggia primaverile. Senza alcuna eccezione, ogni
coltivatore che era un po’ famoso scelse di fondare una Setta. Tuttavia,
questa coltivatrice decise di ritirarsi in solitudine, vivendo su una montagna
con il nome di coltivazione di Baoshan SanRen. Nessuno sapeva, però, quale
montagna avesse scelto. Dicevano che avesse scelto di ritirarsi in solitudine
proprio perché nessuno sapeva dove fosse. Se dopo essersi ritirato in
solitudine fosse stato ancora possibile trovarla facilmente, di certo non
potevano più definirlo un isolamento.
Viveva su una montagna celestiale[4] sconosciuta e spesso accoglieva
segretamente dei bambini abbandonati sulla montagna come suoi allievi.
Tuttavia, tutti i discepoli dovevano giurare che avrebbero dedicato la loro
intera vita alla coltivazione, senza mai lasciare la montagna e di non entrare
nella società umana. In caso contrario, non importava la ragione, non
potevano più ritornare indietro. Avrebbero dovuto dipendere da se stessi per
sopravvivere nel mondo mortale, tagliando i legami con il loro insegnante.
Tutti parlavano molto di Baoshan SanRen per la sua accortezza riguardo
quella regola. Questo perché, durante le poche centinaia di anni, solo tre dei
suoi allievi avevano lasciato la montagna: YanLing DaoRen[5], CangSe
SanRen e Xiao XingChen. Di questi tre allievi, nessuno era morto
pacificamente.
Wei WuXian era a conoscenza del destino del primo e del secondo allievo fin
da quando era piccolo, quindi non ebbe bisogno di ulteriori spiegazioni.
Così, Lan WangJi gli raccontò la storia dell’ultimo allievo, il suo shishu.
Quando Xiao XingChen lasciò la montagna, aveva solo diciassette anni. Lan
WangJi non lo aveva mai incontrato di persona, ma aveva sentito parlare
dagli altri del talento di Xiao XingChen.
A quel tempo, la Campagna Eclissi di Sole era terminata da pochi anni e
l’assedio ai Tumuli Sepolcrali a Yiling era appena finito. Tutte le Sette di
Spicco stavano reclutando dei coltivatori qualificati da tutto il mondo. Xiao
XingChen lasciò la montagna nella speranza di salvare il mondo. Con il suo
eccellente talento e il suo abile insegnante, durante la sua prima caccia
notturna, reggendo una frusta a coda di cavallo[6] in una mano e una
lunga spada nell’altra, salì sulla montagna da solo e riuscì a rivendicare il
primo posto, diventando famoso in una sola notte.
Quando le Sette notarono un coltivatore brillante e abile di così giovane età,
lo invitarono tutti nelle loro Sette. Malgrado ciò, Xiao XingChen rifiutò tutte
le offerte. Espresse il suo desiderio di non dipendere da nessuna Setta, ma di
volerne costruirne una nuova con un amico intimo che non ritenesse
importanti i legami di sangue.
Aveva una personalità delicata ma un cuore saldo, gentile all’esterno ma
determinato all’interno. Ogni volta che qualcuno era coinvolto in una
questione difficile, lo cercavano subito per chiedergli aiuto. Come persona
con un’integrità morale, non rifiutava mai, motivo per cui le persone
parlavano di lui con stima.
Quello era il periodo in cui avvenne lo sterminio del Clan Yueyang.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 30


– Rugiada – Parte Tre
 
Un giorno, il Capo del Clan Yueyang si recò a una caccia notturna con alcuni
membri della famiglia per circa un mese. Nel bel mezzo della notte, senza
alcun preavviso, gli giunse la cattiva notizia e fu costretto a ritornare subito.
Dopo il periodo di lutto, scoprirono solo che qualcuno aveva distrutto di
proposito il loro schema di protezione, facendo entrare un gruppo di potenti
spiriti malvagi. Oltre a questo, non sapevano altro.
Nella maggior parte dei casi, le tragedie che accadevano nei Clan minori
giungevano alle orecchie solo di poche persone, ma questa volta le
circostanze erano diverse. La Campagna Eclissi di Sole era terminata da
molto tempo, mentre l’assedio ai Tumuli Sepolcrali si era appena concluso.
In superficie, la situazione sembrava molto stabile. Con l’improvviso
annuncio di quell’evento, l’intero mondo della coltivazione ribolliva di
congetture, alcuni addirittura esageravano affermando che si trattasse della
vendetta del risorto Patriarca Yiling, Wei WuXian. Tuttavia, non c’erano
prove, quindi era impossibile trovare l’assassino. Ovviamente, Xiao
XingChen non restò in disparte senza fare nulla. Si offrì come volontario per
occuparsi della questione e scoprire la verità per Chang Ping. Dopo un mese,
l’assassino fu finalmente trovato.
Il nome dell’assassino era Xue Yang.
Xue Yang era persino più giovane di Xiao XingChen, poco più che un
adolescente. Nonostante ciò, la sua giovane età non gli impediva di certo di
comportarsi crudelmente. Fin da quando aveva quindici anni, era stato un
delinquente nella zona di Kuizhou, conosciuto in lungo e in largo per il suo
sfolgorante sorriso, i suoi mezzi disumani e la sua personalità spietata. Le
espressioni di tutti cambiavano ogni volta che veniva menzionato in una
conversazione. Si diceva che quando era ancora un bambino che vagava per
le strade, sviluppò un odio che perdurò negli anni nei confronti del padre di
Chang Ping. Aveva commesso quel crimine per vendetta e per qualche altra
ragione.
Quando Xiao XingChen scoprì la verità, attraversò le tre province, e Xue
Yang stava ancora allegramente attaccando briga con altri. Approfittando
della Conferenza di Discussione che si stava svolgendo presso la Torre Koi
alla residenza della Setta LanlingJin, occasione in cui le Sette più importanti
s’incontravano e discutevano dei metodi di coltivazione, Xiao XingChen lo
portò lì, spiegò la situazione e richiese una severa punizione.
Con la sua chiara lista di prove, quasi tutte le Sette non ebbero alcuna
obiezione, tranne una: la Setta LanlingJin.
Wei WuXian, “Obiettare in una simile situazione significa opporsi al mondo
intero. Possibile che Xue Yang fosse un protetto di Jin GuangShan?”
Lan WangJi, “Un discepolo ospite.”
Wei WuXian, “Era un discepolo ospite? Ai tempi, la Setta LanlingJin era già
una delle quattro Sette più importanti, giusto? Perché aveva invitato un
delinquente a diventare un discepolo ospite?”
Lan WangJi, “Questo è il secondo collegamento.”
Incrociò lo sguardo con quello di Wei WuXian, “A causa del Sigillo Stigio
della Tigre[1]“
Il cuore di Wei WuXian perse immediatamente un battito.
Quella frase non gli era sicuramente estranea. Al contrario, nessuno aveva
più familiarità di lui con quelle parole.
Tra tutte le armi spirituali che aveva forgiato quando era ancora in vita,
quella era la più spaventosa ed anche la più famosa.
Quando Wei WuXian lo aveva creato inizialmente, non ci aveva riflettuto
molto. Naturalmente, a volte era stancante controllare da solo i cadaveri e gli
spiriti. Così, ricordando di aver visto un raro pezzo di minerale ferroso nello
stomaco di una bestia, lo usò per creare un Sigillo della Tigre.
Tuttavia, dopo aver creato il Sigillo della Tigre, gli bastò utilizzarlo una sola
volta per scoprire che era in grado di fare più male che bene.
I poteri del Sigillo Stigio della Tigre erano notevolmente più potenti di
quanto avesse immaginato. Inizialmente, voleva utilizzarlo come supporto,
ma i suoi poteri quasi superavano lui stesso, il suo creatore. Inoltre, non
riconosceva un unico padrone. Ciò significava che chiunque l’avesse
impugnato, indipendentemente dalla sua natura buona o cattiva, o
dall’identità di amico o nemico, poteva utilizzarlo.
Dopo che il sigillo fu forgiato, non è che Wei WuXian non avesse mai
pensato di distruggerlo, ma dal momento che era stato creato con molte
difficoltà, di conseguenza era anche estremamente difficile da distruggere.
Era un grande dispendio sia di tempo che di energia, e, a quei tempi, aveva
già capito vagamente di non essere in una buona situazione, e che presto o
tardi tutti lo avrebbero odiato. Con un’arma terrificante come il Sigillo Stigio
della Tigre, gli altri non avrebbero osato agire in modo avventato, così decise
temporaneamente di tenerlo. Separò il sigillo in due parti, così che fosse
possibile utilizzarlo solo quando venivano unite, e con un’attenta
considerazione.
Lo aveva utilizzato solo due volte in passato, e in entrambe le volte aveva
causato un grande spargimento di sangue. La prima volta fu durante la
Campagna Eclissi di Sole. Dopo averlo usato per la seconda volta, finalmente
decise di distruggere una parte del sigillo. Prima che riuscisse a distruggere
completamente anche l’altra parte, ci fu l’assedio ai Tumuli Sepolcrali, e a
quel punto farlo era al di là delle sue capacità.
Riguardo la sua stessa creazione, Wei WuXian era fiducioso nell’affermare
che, anche se la Setta che lo aveva recuperato avesse innalzato un tempio per
quell’oggetto, offrendo dell’incenso ogni singolo giorno, la parte restante del
Sigillo della Tigre ormai non era altro che un pezzo di rottame ferroso.
Tuttavia, Lan WangJi gli riferì qualcosa di scioccante: sembrava che Xue
Yang fosse riuscito a ricostruire l’altra metà del sigillo!
Anche se Xue Yang era giovane, sembrava dotato di una notevole, bizzarra
intelligenza. La Setta LanlingJin scoprì che era in grado di utilizzare la parte
restante del sigillo per ripristinare approssimativamente la metà mancante.
Anche se la versione ricreata non era molto potente e non era possibile
utilizzarla per lungo tempo, in ogni caso riusciva a causare delle terribili
catastrofi.
Wei WuXian capì, “LanlingJin aveva bisogno di tenere con sé Xue Yang così
da poter continuare a ripristinare il Sigillo Stigio della Tigre, quindi
dovevano proteggerlo.”
Forse, Xue Yang aveva distrutto il Clan Chang non solo per vendicarsi per
ciò che gli avevano fatto quando era un ragazzino. Probabilmente stava
testando su quel Clan di esseri umani l’esatta estensione dei poteri del Sigillo
Stigio della Tigre che aveva restaurato!
Non c’era da stupirsi che le voci avessero collegato il caso a lui. Wei WuXian
riuscì quasi a immaginare quei coltivatori mentre stringevano i denti, “Quel
Wei WuXian! Se non avesse fatto questo, il nostro mondo non avrebbe mai
affrontato così tanti disastri!!!”
Ritornando al filo iniziale della conversazione, continuarono a parlare di
quello che era successo alla Torre Koi.
La Setta LanlingJin era determinata a proteggere Xue Yang, ma Xiao
XingChen continuò senza esitazione. Durante la fase di stallo, finalmente
furono spaventati da ChiFeng-Zun, Nie MingJue, che non aveva partecipato
alla Conferenza di Discussione. Raggiunse velocemente la Torre Koi da
molto lontano.
Anche se Nie MingJue era più giovane di Jin GuangShan, fu inflessibile e si
rifiutò di tollerare Xue Yang, a prescindere dalla situazione. Dopo la predica,
Jin GuangShan restò senza parole, con una grande dose d’imbarazzo. Nie
MingJue, da persona irascibile che era, sguainò la sua sciabola sul posto con
l’intenzione di uccidere Xue Yang. Anche quando il suo fratello minore
giurato LianFang-Zun, Jin GuangYao, cercò di alleviare la situazione, lo
scacciò via. Dopo un tale duro rimprovero, Jin GuangYao si nascose dietro
Lan XiChen, non osando dire altro. Alla fine, la Setta LanlingJin poté solo
arrendersi.
Anche se Xue Yang era stato portato alla Torre Koi da Xiao XingChen, non
era per niente spaventato. Perfino con la sciabola di Nie MingJue premuta
sul collo, sul suo volto c’era ancora un ghigno. Prima che lo portassero via,
parlò amichevolmente a Xiao XingChen, “Daozhang[2], non ti
dimenticherai di me, vero? Aspetta e vedrai.”
A quel punto, Wei WuXian sapeva che, con quel “Aspetta e vedrai”, Xiao
XingChen avrebbe pagato un agonizzante prezzo.
La Setta LanlingJin era davvero piuttosto sfacciata. Sebbene, sulla Torre Koi
avesse promesso di fronte a tutte le Sette che Xue Yang sarebbe stato
giustiziato, non appena fu fuori dalla portata di vista di Nie MingJue,
chiusero immediatamente Xue Yang nelle segrete e cambiarono la sentenza
originale in ergastolo. Quando sentì della questione, Nie MingJue s’infuriò e
li pressò di nuovo. La Setta LanlingJin continuò a divagare, rifiutandosi di
consegnargli Xue Yang, non importava quanto ci provasse. Tutte le altre
Sette osservarono in disparte, ma poco dopo Nie MingJue morì a causa della
Deviazione del Qi.
Aveva coltivato a una velocità superiore rispetto a qualsiasi altro passato
Capo della Setta Nie, ed era anche morto prima degli altri.
Ora che la persona più difficile da gestire era sparita, la Setta LanlingJin
diventò ancora più impavida e iniziò a formulare idee sempre peggiori. Jin
GuangShan cercò in tutti i modi di far uscire Xue Yang dai sotterranei così
che potesse continuare a restaurare ed esaminare il Sigillo Stigio della Tigre.
Tuttavia, questo non era esattamente qualcosa di cui essere orgogliosi. Era
impossibile per lui salvare l’assassino di un intero Clan dalle segrete senza
una valida ragione.
Quindi, spostarono la loro attenzione su Chang Ping.
Passando dalla coercizione alle intimidazioni, alla fine, la Setta LanlingJin
pressò Chang Ping affinché correggesse le sue parole, smentendo tutte le sue
passate affermazioni. Annunciò che l’eliminazione del Clan Chang non aveva
nulla a che fare con Xue Yang.
Quando sentì la notizia, Xiao XingChen si recò a fargli visita per informarsi
riguardo alla questione. Chang Ping rispose impotente, “Cosa avrei potuto
fare oltre a questo? Se non avessi accettato di tollerarlo, le persone restanti
del nostro Clan non sarebbero rimaste al sicuro per molto. Ti sono davvero
grato, Daozhang, ma… Per favore, non aiutarmi più. Se ora provassi ad
aiutarmi mi danneggeresti e basta. Non voglio che la Setta YueyangChang
finisca già.”
E così, la tigre fu di nuovo liberata tra le montagne.
Wei WuXian restò in silenzio.
Se lui fosse stato Chang Ping, non avrebbe dato importanza a quanto fosse
elevata o potente la Setta LanlingJin, o quanto gloriosa fosse la strada che gli
offrivano, non avrebbe lasciato perdere la questione. Invece, avrebbe scelto
di recarsi nelle segrete da solo, riducendo a pezzi Xue Yang fino a lasciare
solo una pozza di polpa sul terreno, e poi avrebbe richiamato la sua anima
per ripetere il processo al punto da farlo pentire di essere nato in questo
mondo.
Ma non tutti erano come lui, disposti a morire con il proprio nemico. Alcuni
membri del Clan Chang erano ancora vivi. Anche Chang Ping era ancora
giovane, celibe e senza figli, e stava compiendo i suoi primi passi sul sentiero
della coltivazione. Se lo minacciavano con le vite dei suoi restanti familiari,
col suo futuro o quello della sua coltivazione, doveva riflettere attentamente.
Ovviamente, lui non era davvero Chang Ping. Non poteva infuriarsi o
preoccuparsi al suo posto, e non doveva sopportare il tormento psicologico e
fisico di Chang Ping.
Dopo che Xue Yang fu liberato, iniziò a vendicarsi di nuovo. Tuttavia, questa
volta, la vendetta non colpì personalmente Xiao XingChen.
Xiao XingChen aveva lasciato la montagna da solo e non aveva una famiglia.
C’era solo un amico che aveva incontrato in seguito, chiamato Song Lan.
Anche Song Lan era un coltivatore del tempo. Era una persona giusta e
determinata, e aveva una buona dose di qualifiche. Entrambi volevano
costruire una Setta che valorizzasse gli ideali comuni piuttosto che i legami
di sangue, e questo li rendeva gli amici più vicini e affini. Le persone del
tempo li descrivevano come tali: Xiao XingChen la luminosa luna e la
delicata brezza; Song ZiChen[3] la remota neve e il gelo glaciale.
Xue Yang pose le sue mani da questa parte. Ripetendo la sua precedente
tecnica, spazzò via il Tempio Baixue dove Song Lan era cresciuto e aveva
studiato, usando anche del veleno per danneggiare i suoi occhi.
Questa volta, dopo l’esperienza in cui aveva sterminato un’intera Setta, si
assicurò di non lasciare alcuna prova. Sebbene tutti sapessero che era lui
l’artefice, cosa aveva usato per farlo? Non c’erano prove. E poi, con la
deliberata protezione di Jin GuangShan e la morte del violento ChiFeng-
Zun, nessuno poté fare niente al riguardo.
Wei WuXian lo trovò un po’ strano. Sebbene Lan WangJi non sembrasse
provare interesse per nulla, dalle passate esperienze che Wei WuXian aveva
avuto con lui, sapeva che non era il tipo da riuscire a tollerare le malefatte,
forse anche più del fratello di Nie HuaiSang. Ai tempi, la Setta LanlingJin
aveva agito in un modo disonesto, e Lan WangJi non si era preoccupato di
andare sul sottile nei loro confronti. Persino allo stato attuale continuava a
rifiutarsi di partecipare alle Conferenze di Discussione di quella Setta. Se
erano avvenuti due crudeli massacri, la notizia si era diffusa probabilmente
in tutto il mondo della coltivazione e Lan WangJi sicuramente non avrebbe
mai chiuso un occhio al riguardo. Come mai invece non si era occupato di
intervenire e dare a Xue Yang ciò che si meritava?
Proprio mentre stava per chiederglielo, ricordò le cicatrici causate dalla
frusta disciplinare.
Una sola sferzata della frusta disciplinare era già piuttosto severa. Se Lan
WangJi aveva commesso qualche sorta di grave errore e aveva ricevuto così
tanti colpi, probabilmente era stato debilitato per alcuni anni. Era probabile
che stesse affrontando la sua punizione o stesse aspettando che le sue ferite
guarissero, durante gli anni in cui erano avvenuti gli incidenti. Non c’era da
stupirsi che avesse solo “sentito” ciò che era successo.
Per qualche ragione, nel suo cuore, Wei WuXian era molto preoccupato per
quelle cicatrici. Tuttavia, era sconveniente da parte sua chiedere
direttamente, quindi decise di tenere per sé i suoi pensieri per il momento,
“Allora, cos’è successo a Daozhang Xiao XingChen?”
Ciò che accadde in seguito, fu sicuramente un tragico finale. Quando lasciò
la montagna e il suo insegnante, Xiao XingChen giurò che non sarebbe più
tornato. Era un uomo di parola, ma dal momento che Song Lan non era solo
cieco, ma anche gravemente ferito, infranse il suo voto e portò Song Lan alla
residenza di Baoshan SanRen, chiedendogli di salvare il suo amico.
Per il loro legame d’insegnante e allievo, Baoshan SanRen accettò. Così, Xiao
XingChen lasciò la montagna ancora una volta, e non fu mai più visto.
Un anno dopo, anche Song Lan lasciò la montagna. Con sorpresa di tutti, i
suoi occhi, che erano stati completamente accecati, potevano di nuovo
vedere la luce. Tuttavia non erano state le capacità mediche di Baoshan
SanRen a produrre il miracolo, ma Xiao XingChen… aveva estratto i suoi
stessi occhi, donandoli a Song Lan, che era stato coinvolto a causa sua.
Song Lan inizialmente voleva vendicarsi di Xue Yang. A quei tempi, Jin
GuangShan era già morto. Jin GuangYao aveva preso il comando della Setta
LanlingJin e la posizione di Capo Setta. Per dimostrare che la situazione
sarebbe stata diversa, come prima azione, dopo che salì al potere si sbarazzò
di Xue Yang. Oltre a non menzionare mai più il Sigillo Stigio della Tigre,
aveva anche fatto ammenda per ripristinare la reputazione della Setta,
sopprimendo le voci. Song Lan andò alla ricerca del suo vecchio amico.
All’inizio, circolavano ancora voci su di lui e sui luoghi in cui si era recato,
ma dopo un po’, anche lui scomparve. Inoltre, la Setta YueyangChang era un
piccolo Clan sconosciuto. E così, molte cose gradualmente svanirono.
Quando finì di ascoltare la lunga storia, Wei WuXian sospirò leggermente.
Una sensazione di rammarico germogliò dentro di lui, Andare incontro a
una simile fine a causa di qualcosa in cui lui non era coinvolto, era
davvero… Se Xiao XingChen fosse nato qualche anno prima o se fossi
morto qualche anno dopo, la situazione non sarebbe finita così. Se fossi
stato ancora vivo, come avrei preso parte alla questione? Come avrei
potuto non fare amicizia con una simile persona?
Subito dopo, rise amaramente tra sé: Cosa avrei fatto? Cosa avrei potuto
fare? Se fossi stato ancora in vita ai tempi, forse prima ancora di
investigare riguardo al caso della Setta YueyangChang, mi avrebbero
accusato di essere il responsabile. Se Daozhang Xiao XingChen mi avesse
incrociato per strada e avessi parlato con lui, invitandolo a bere insieme,
probabilmente mi avrebbe colpito con la sua frusta a coda di cavallo, haha.
Avevano già oltrepassato la residenza Chang, dirigendosi verso il cimitero
nelle vicinanze. Wei WuXian vide il carattere rosso scuro di “Chang”
sul pailou[4] e chiese, “Allora, perché Chang Ping in seguito è morto? Chi
ha ucciso i restanti membri del suo Clan?”
Prima che Lan WangJi potesse rispondere, una serie di colpi risuonò nel
crepuscolo bluastro.
Il rumore era molto simile a dei colpi sulle porte, ma non era niente del
genere. I colpi erano forti e veloci, continuavano senza un attimo di tregua.
Sembravano un po’ attutiti, come se ci fosse qualcosa a separarli dal mondo
esterno.
I loro volti cambiarono immediatamente.
La cinquanta di persone della Setta YueyangChang attualmente giacevano
nelle loro bare, stavano sbattendo contro i coperchi dall’interno. Era notte
quando, spaventati a morte, colpirono follemente le porte, ma non giunse
nessuno in loro aiuto.
Questi erano i colpi che si udivano nelle bare nel cimitero del Clan Chang di
cui parlava il cameriere del negozio di liquori!
Tuttavia, il cameriere aveva detto che questo accadeva circa dieci anni prima
e si era fermato già da molto tempo. Perché erano ricominciati al loro
arrivo?
Senza pronunciare alcuna parola, Wei WuXian e Lan WangJi calmarono i
loro respiri, muovendosi furtivamente senza emettere alcun suono.
Appoggiandosi ai pilastri del pailou, entrambi videro che, nel centro del
cimitero, c’era una fossa tra le lapidi.
Era una fossa profonda, aperta di recente, circondata da cumuli di terra.
Deboli rumori giungevano al suo interno.
Qualcuno stava scavando una tomba.
I due trattennero il respiro, aspettando diligentemente che la persona
uscisse dalla buca.
Prima ancora che passasse un’ora, due persone uscirono dalla tomba aperta.
Wei WuXian e Lan WangJi riuscirono a capire che si trattavano di due
persone solo perché avevano una buona vista. Quei due sembravano dei
gemelli siamesi. Il primo reggeva l’altro sulle spalle, ed erano strettamente
legati tra loro. Poiché entrambi indossavano dei vestiti completamente neri,
era estremamente difficile distinguerli.
La persona che era saltata fuori aveva delle braccia e delle gambe lunghe, e
dava loro le spalle. L’individuo che trasportava non sembrava vivo, la testa e
gli arti a penzoloni. Questo era del tutto naturale. Dal momento che quella
persona era stata estratta da una tomba, allora doveva essere morta. Privo di
vita era quello che c’era da aspettarsi.
Mentre rifletteva, il becchino si girò improvvisamente e li vide.
C’era una massa di nebbia nera e densa sul volto dell’uomo, rendendo
impossibile a chiunque di vedere il suo viso e le sue caratteristiche!
Wei WuXian sapeva che doveva aver utilizzato qualche sorta di strano
incantesimo per nascondere il suo viso. Lan WangJi aveva già sguainato
Bichen, balzò nel cimitero e iniziò a combattere. La reazione del becchino fu
estremamente rapida. Quando vide il bagliore blu dell’attacco di Bichen, fece
un sigillo con la mano ed evocò il bagliore di una spada. La luce della spada
era uguale a quella del suo viso, circondata da una fitta nebbia, rendendo
impossibile a chiunque di vedere il suo colore e il suo stile. Con il cadavere
sulle spalle, il becchino combatteva in un modo strano. I due bagliori delle
spade si scontrarono alcune volte. Lan WangJi richiamò Bichen, reggendola
in mano, uno strato di gelo s’innalzò sul suo volto.
Wei WuXian sapeva perché il suo viso era diventato improvvisamente
freddo. Il motivo era che, durante il combattimento, persino un estraneo
come lui era riuscito a capire che il becchino aveva un’estrema familiarità
con le mosse della spada di Lan WangJi!
Lan WangJi non disse nulla. Gli attacchi di Bichen erano sempre più
profondi, attaccando con una forza tremenda. Il becchino crollò all’indietro
alcune volte. Come se avesse saputo che, con una persona morta sulle spalle,
non avrebbe mai potuto vincere contro Lan WangJi, e che se avessero
continuato a combattere, sarebbe stato catturato vivo, pescò un talismano
blu scuro dalla sua vita.
Un Talismano di Trasporto!
Quel tipo di talismano poteva trasportare all’istante qualcuno a migliaia di
miglia, ma consumava anche una grande quantità di energia spirituale.
L’individuo impiegava molto tempo a recuperare le sue energie. Chi non
possedeva un’energia spirituale abbastanza potente, non era in grado di
usarlo. Quindi, sebbene fossero di altissima qualità, era raro che qualcuno li
utilizzasse. Quando capì che stava per scappare, Wei WuXian batté le mani
rapidamente per due volte, si abbassò su un ginocchio e colpì il pugno a
terra.
La forza del suo pugno attraversò i vari strati di terra, raggiungendo le
profondità del terreno, e penetrò i coperchi delle spesse bare, provocando i
corpi intrappolati all’interno. Con dei rumori crepitanti, quattro braccia
insanguinate uscirono dalla terra, afferrando entrambe le gambe del
becchino!
Al becchino non sembrò importare. Riversò la sua energia spirituale verso il
fondo delle sue gambe, scacciando le quattro mani cadaveriche. Wei WuXian
tirò fuori il suo flauto di bambù. L’acuta e penetrante melodia squarciò la
cortina di oscurità che era scesa. Due teste umane emersero dalla terra
insieme ai loro corpi, salirono verso l’alto sulle gambe del becchino e si
avvolsero intorno al suo corpo come se fossero dei serpenti. Aprirono la
bocca, e si prepararono a mordergli il collo e le braccia.
Il becchino sbuffò con sdegno, come a significare “Che trucchetto da quattro
soldi”, e rilasciò l’energia spirituale attraverso tutto il suo corpo. Eppure,
questa volta, dopo aver rilasciato la sua energia, capì di essere stato
ingannato.
Aveva fatto volare via anche il cadavere che portava sulle spalle!
Wei WuXian iniziò a ridere incontrollabilmente, dando colpi ad una lapide,
mentre Lan WangJi catturò il cadavere flaccido con una mano, attaccando
con Bichen usando l’altra. Quando il becchino vide che la persona che aveva
appena disseppellito gli era stata portata via, e che non era in grado di
vincere da solo contro Lan WangJi, per non menzionare il problema
dell’altra persona, non osò più restare. Lanciò il Talismano di Trasporto sul
terreno. Con un forte boato, delle fiamme blu salirono verso il cielo. La sua
figura scomparve nel fuoco.
Wei WuXian sapeva che il becchino aveva un Talismano di Trasporto, ciò
significava che, anche se lo avessero catturato, avrebbe trovato l’opportunità
per scappare. Il cadavere che aveva disseppellito era già un indizio, quindi
non aveva alcun rimpianto. Raggiunse Lan WangJi, “Vediamo chi ha
disseppellito.”
Quando lo vide, restò piuttosto sorpreso. La testa del cadavere era già stata
spaccata. Dal taglio non fuoriusciva del sangue o della materia celebrale, ma
c’erano dei batuffoli di cotone annerito.
Wei WuXian tirò via facilmente la testa al cadavere. Reggendo la testa
fittizia delicatamente lavorata, disse, “Cosa significa? C’è un finto cadavere
di cotone e stracci sepolto nel cimitero del Clan Chang?”
Avendo sentito il peso del cadavere nelle sue mani quando lo aveva preso,
Lan WangJi sapeva che c’era qualcosa che non andava, “Non è tutto falso”
Wei WuXian controllò il cadavere dalla testa ai piedi e scoprì che, oltre ai
suoi arti pendenti, solo il petto e l’addome erano solidi e reali. Dopo aver
strappato i vestiti, come previsto, scoprì che solo il busto era vero. Tutte le
altre parti del corpo erano false.
La testa e gli arti di cotone dovevano “nascondere” il busto, così che
pensassero che fosse ancora unito al suo proprietario. Quando guardarono il
colore della pelle e la parte in cui la spalla sinistra era mozzata, capirono che
si trattava del busto del caro amico. Il becchino era lì per quel motivo.
Wei WuXian si raddrizzò, “Sembra che la persona che ha nascosto il
cadavere abbia già notato che stiamo indagando sulla questione e intendesse
spostare il busto da qualche altra parte per impedirci di trovarlo. L’arrivare
in anticipo non è mai efficiente come l’arrivare al momento giusto. Ci è
capitato di imbatterci in lui, haha. Ma,” Con un cambio di tono, continuò,
“Perché il becchino con il volto velato aveva così tanta familiarità con lo stile
di spada della tua Setta?”
Era ovvio che anche Lan WangJi stesse pensando a quella faccenda, la
freddezza sul suo volto non era ancora svanita. Wei WuXian parlò di nuovo,
“La sua coltivazione era alquanto alta, abbastanza da sostenere l’energia
usata per un Talismano di Trasporto. Ha lanciato degli incantesimi sul suo
viso e sulla sua spada. Ovviamente ha lanciato un incantesimo sul suo viso
per non farsi riconoscere. Ma i coltivatori meno conosciuti non avrebbero
bisogno di utilizzare un incantesimo per coprire la loro spada, a meno che,
naturalmente, non fosse piuttosto famoso nel mondo della coltivazione.
Allora, avrà avuto bisogno di mascherarla, perché chiunque poteva
riconoscere il bagliore della sua spada, e quindi la sua identità sarebbe stata
rivelata.”
Wei WuXian chiese suggestivamente, “HanGuang-jun, dalla tua precedente
battaglia, pensi che si tratti di qualcuno che conosci molto bene?”
Sarebbe stato sconveniente per lui essere più specifico, come Lan XiChen o
Lan QiRen.
Lan WangJi rispose con un tono sicuro, “No.”
Wei WuXian era abbastanza fiducioso della risposta di Lan WangJi. Per lui,
Lan WangJi non era il genere di persona che nascondeva o scappava dalla
verità. Se lo negava, significava che non era vero. Inoltre, non gli piaceva
mentire. Secondo l’opinione di Wei WuXian, se qualcuno avesse chiesto a
Lan WangJi di mentire, avrebbe preferito tacere e non parlare affatto.
Quindi, Wei WuXian escluse immediatamente la possibilità che il becchino
fosse uno di quei due.
Lan WangJi pose il busto in un’altra Borsa Qiankun a doppio strato e lo
ripose correttamente. I due vagarono per un po’ e tornarono verso il negozio
di liquori.
Il giovane cameriere fu fedele alle sue parole. La maggior parte degli altri
negozi di liquori su quella strada aveva già chiuso, ma il loro stendardo era
ancora alto e le loro luci erano ancora accese. Il cameriere era fuori, che
mangiava da una grande ciotola. Quando li vide, sorrise, “Siete tornati!
Abbiamo mantenuto la nostra parola, no? Avete visto qualcosa?”
Wei WuXian rise mentre rispondeva. Con Lan WangJi, tornò al tavolo dove
si erano seduti durante il giorno.
Con i vasi di liquore posti sul tavolo e vicino ai suoi piedi, disse, “Bene, di
cosa stavamo parlando? Dopo l’improvvisa interruzione del becchino, non
ho ancora saputo come sia morto Chang Ping.”
Lan WangJi continuò la sua spiegazione con parole semplici e dirette.
Xue Yang, Xiao XingChen e Song Lan sparirono uno dopo l’altro. Chi era
sparito, chi era morto. Qualche anno dopo l’incidente, un giorno Chang Ping
e i restanti membri del suo Clan morirono durante la notte tramite Lingchi.
Inoltre, gli occhi di Chang Ping furono estratti.
Questa volta, nessuno riuscì a scoprire l’identità dell’assassino. Dopotutto,
erano tutti spariti. Tuttavia c’era un dettaglio che poté essere determinato.
Dalle ferite, riuscirono a verificare che la spada che fu utilizzata per il
Lingchi era quella di Xiao XingChen, Shuanghua.
La ciotola di liquore che Wei WuXian stava reggendo si fermò davanti alla
sua bocca. Restò scioccato da quel cambiamento di eventi, “Il Lingchi è stato
eseguito dalla spada di Xiao XingChen? Allora è stato lui a farlo?”
Lan WangJi, “Xiao XingChen era scomparso. Non ci furono delle prove
decisive.”
Wei WuXian, “Se non è stato trovato vivo, allora qualcuno ha provato
l’evocazione dell’anima?”
Lan WangJi, “Si. Non è stato trovato nulla.”
Non era stato trovato nulla. O non era morto, oppure la sua anima si era
dissolta. Essendo specializzato riguardo la questione, Wei WuXian
commentò la faccenda, “Non bisogna fidarsi troppo di cose come
l’evocazione dell’anima. Il tempo, il luogo e la persona giocano un ruolo
fondamentale, quindi ovviamente a volte non va a buon fine. Immagino che
molte persone pensino che sia stata la vendetta di Xiao XingChen.
HanGuang-jun, e tu? Cosa ne pensi?”
Lan WangJi scosse lentamente la testa, “Non si dovrebbe giudicare senza
capire l’intero quadro.”
Wei WuXian ammirava molto il suo atteggiamento e i suoi principi. Sorrise
mentre beveva un altro sorso di liquore, e sentì parlare di nuovo Lan
WangJi, “E tu?”
Wei WuXian, “Il Lingchi è una forma di tortura. Il suo significato implica la
“punizione”. Con l’estrazione degli occhi è anche piuttosto difficile non
associarlo a Xiao XingChen, a cui erano stati strappati gli occhi. Quindi, non
c’è niente di sbagliato se le persone pensano che sia una vendetta di Xiao
XingChen. Tuttavia,” Pensò a come esprimersi, “Penso che, fin dall’inizio,
Xiao XingChen non abbia mai richiesto la gratitudine di Chang Ping, quando
ha compiuto il primo passo. Io…”
Prima di riuscire a pensare a come continuare dopo l’ “Io”, il cameriere portò
con entusiasmo due piatti di noccioline. Poiché era stato interrotto, Wei
WuXian non ebbe più bisogno di continuare. Alzò lo sguardo verso Lan
WangJi e sorrise, “HanGuang-jun, perché mi guardi in quel modo? Non sto
dicendo niente. Proprio come te, non riesco a capire l’intero quadro, quindi
non ho intenzione di commentare. Hai ragione. Prima di conoscere tutte le
parti e le svolte, le cause e gli effetti, nessuno dovrebbe fare delle
supposizioni. Ho ordinato solo cinque vasi, ma tu ne hai comprati altri
cinque per me, quindi temo che non riuscirò a finirli da solo. Che ne dici se
bevi con me? Questi non sono i Meandri della Nuvola, quindi non violerai
nulla, giusto?”
Era già preparato a ricevere un brusco rifiuto, ma chi avrebbe mai pensato
che Lan WangJi avrebbe risposto, “Berrò.”
Wei WuXian schioccò la lingua, “HanGuang-jun, sei davvero cambiato. In
passato, ho bevuto solo un piccolo vaso di fronte a te, e questo è bastato a
farti infuriare. Mi hai persino buttato giù dal muro e mi hai colpito. Ora,
però, stai persino nascondendo i vasi del Sorriso dell’Imperatore nella tua
stanza, bevendoli segretamente.”
Aggiuntandosi i colletti, rispose con una voce calma, “Non ho toccato nessun
vaso del Sorriso dell’Imperatore.”
Wei WuXian “Perché li hai nascosti se non hai bevuto niente? Li conservavi
per me? Va bene, va bene. Non li hai toccati. Ti crederò, va bene? Parliamo
di altro. Vieni. Ho davvero bisogno di vedere quante ciotole servono per far
ubriacare un astinente discepolo della Setta GusuLan.”
Versò una ciotola per Lan WangJi. Senza neppure rifletterci, Lan WangJi la
prese e la bevve. Wei WuXian, che era insolitamente eccitato, fissò il suo
viso per vedere quando sarebbe diventato rosso. Tuttavia, dopo averlo
osservato per un po’, né il colore né l’espressione del viso di Lan WangJi
mutarono, continuava a fissarlo con i suoi calmi occhi chiari. Non c’era
nessun cambiamento!
Wei WuXian era estremamente deluso. Mentre stava per sollecitarlo a bere
un altro vaso, improvvisamente, Lan WangJi si accigliò e si sfregò
leggermente il punto tra le sopracciglia. Dopo alcuni istanti, con una mano
che sosteneva la fronte, chiuse gli occhi.
… si è addormentato?
… si è addormentato!
Molte persone quando bevevano del liquore, si ubriacavano per poi
addormentarsi. Come poteva Lan WangJi saltare la fase in cui era ubriaco e
addormentarsi immediatamente?!
La parte che voleva vedere era quella da “Ubriaco”!
Wei WuXian fece un cenno a Lan WangJi, il cui volto restò posato anche
mentre dormiva, poi batté le mani accanto alle sue orecchie. Non ci fu
alcuna reazione.
Lan WangJi, sorprendentemente, era il tipo che collassava dopo una sola
ciotola.
Wei WuXian non avrebbe mai pensato che sarebbe finita in quel modo.
Continuò a pensare mentre dondolava le gambe, mise il braccio destro di
Lan WangJi intorno al suo braccio e lo trascinò fuori dal negozio di liquori.
Ormai era già familiare all’azione del pescare oggetti da Lan WangJi. Dopo
aver tirato fuori il sacchetto con i soldi, trovò una locanda e chiese due
stanze. Portò Lan WangJi in una delle stanze, gli tolse gli stivali, lo infilò nel
letto e scivolò nella notte.
Fermandosi in una zona desolata, Wei WuXian tirò fuori il suo flauto dalla
vita, lo avvicinò alle labbra e suonò una melodia. E poi, aspettò in silenzio.
In quei giorni, Wei WuXian e Lan WangJi avevano trascorso sia i giorni che
le notti insieme. Non era stato solo neanche per un momento, quindi non
aveva potuto convocare Wen Ning. Questo perché non solo all’inizio aveva
nascosto la sua identità, ma c’era anche un altro motivo.
Wen Ning in passato aveva ucciso la gente della Setta GusuLan. Anche se
Lan WangJi trattava bene Wei WuXian, non poteva convocare Wen Ning
proprio di fronte a lui. O, forse, era proprio perché Lan WangJi lo trattava
bene, che non aveva il coraggio di convocare Wen Ning di fronte a lui. Non
importava quanto fosse sfacciato, non era il momento di dimostrarlo.
Prima ancora di notarlo, gli inquietanti rumori tintinnanti risuonarono di
nuovo.
A testa bassa, la figura di Wen Ning apparve dalle ombre delle mura della
città.
Indossava degli abiti completamente neri, fondendosi nell’oscurità che lo
circondava. Solo i suoi occhi privi di pupilla erano di un bianco abbagliante e
orribile.
Wei WuXian, con le mani dietro la schiena, iniziò a camminare lentamente
intorno a Wen Ning.
Wen Ning si spostò, come se intendesse seguire i suoi passi e camminare in
cerchio. Wei WuXian comandò, “Resta composto.”
Obbedì e smise di muoversi. I suoi lineamenti delicati sembravano ancora
più maliconici.
Wei WuXian, “Mano.”
Wen Ning allungò il braccio destro. Wei WuXian afferrò il polso e lo sollevò,
esaminando attentamente le manette di ferro con la catena.
Quella non era una comune catena. Quando Wen Ning era comparso, era
diventato estremamente violento, capace di ridurre il ferro in poltiglia,
quindi non se le sarebbe mai trascinate in giro in quel modo. Probabilmente,
si trattava di una serie di catene creata appositamente per detenere Wen
Ning.
Ridotto in cenere?
Avevano cercato in tutti i modi di ripristinare la parte danneggiata del Sigillo
stigio della Tigre, quindi era ovvio che alcune Sette provassero interesse
anche per Generale Fantasma. Perché mai avrebbero dovuto ridurlo in
cenere?
Con una risata amara, si dispose al fianco di Wen Ning. Dopo aver riflettuto
per un momento, iniziò a premere le dita sui capelli di Wen Ning.
La persona che aveva imprigionato Wen Ning doveva avergli impedito di
pensare autonomamente. Affinché ascoltasse gli ordini degli altri, la sanità
mentale di Wen Ning doveva essere distrutta, il che significava che dovevano
aver piantato qualcosa nella sua testa. Come pensava, dopo aver controllato
per un po’, Wei WuXian trovò una dura punta in un punto terapeutico sul
lato destro della sua testa. Pose l’altra mano sul lato sinistro della testa di
Wen Ning e trovò lo stesso oggetto, era simile alla punta di un ago.
Wei WuXian pizzicò entrambe le estremità contemporaneamente e tirò
gradualmente i due chiodi neri e lunghi dal cranio di Wen Ning.
I due chiodi sepolti nella carne di Wen Ning erano lunghi circa un pollice e
spessi quanto le corde rosse usate per i ciondoli di giada. Non appena i
chiodi uscirono dalla sua testa, le fattezze di Wen Ning fremettero
debolmente. Uno strato di linee nere simili a delle venature risalirono nei
bianchi occhi di Wen Ning. Sembrava star cercando di tollerare il dolore.
Com’era strano che, sebbene fosse morto, riuscisse ancora a provare delle
sensazioni come il “dolore”.
A giudicare dalle intricate e complesse linee scolpite sui chiodi,
appartenevano a un solo proprietario. Il loro creatore era piuttosto abile.
Wen Ning avrebbe avuto bisogno di un po’ di tempo per guarire
completamente. Mettendoli da parte, Wei WuXian guardò le catene sui polsi
e sulle caviglie di Wen Ning, pensando che sarebbe stato un po’ scomodo
aggirarsi con quelle, con il rumore che causavano. Doveva utilizzare una
spada di coltivazione per spezzarle.
La prima che gli balenò in mente, naturalmente, fu Bichen di Lan WangJi.
Sebbene fosse in qualche modo inopportuno utilizzare la spada di qualcuno
della Setta Lan per tagliare le catene di Wen Ning, si trattava della migliore
spada di coltivazione che aveva a disposizione. Di certo non poteva lasciare
che Wen Ning continuasse a trascinare con sé dei simili oggetti pesanti.
Wei WuXian pensò da tra sé, Va bene. Prima tornerò alla locanda. Se Lan
Zhan è sveglio, allora non farò nulla. Se Lan Zhan è ancora addormentato,
prenderò rapidamente in prestito Bichen per un po’.
Poiché aveva preso la sua decisione, si voltò. Tuttavia, non avrebbe mai
pensato di trovare Lan WangJi proprio alle sue spalle.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 31 –


Rugiada – Parte Quattro
Dopo aver convocato Wen Ning, lo stato mentale di Wei WuXian era un po’
confuso, quindi era difficile per lui restare costantemente in allerta. E, se
Lan WangJi non desiderava che qualcuno notasse il suo arrivo, era in grado
di farlo senza alcuna difficoltà. Così, quando si voltò e vide quel viso, reso
ancora più freddo dal chiaro di luna, il suo cuore quasi perse un colpo.
Non sapeva da quanto tempo Lan WangJi fosse lì o se avesse visto e sentito
ciò che aveva fatto. Se Lan WangJi non fosse stato davvero ubriaco fin
dall’inizio, e lo avesse seguito per tutto il tempo, la situazione sarebbe stata
ancora più imbarazzante, specialmente perché non gli aveva detto nulla, e se
l’era svignata per chiamare Wen Ning dopo che l’altro si era addormentato.
Lan WangJi incrociò le braccia davanti a sé, reggendo tra loro Bichen. La
sua espressione era particolarmente rigida. Wei WuXian non l’aveva mai
visto con un’espressione così amareggiata. Sentì il bisogno di prendere
l’iniziativa a parlare per giustificare la situazione, alleggerendo l’atmosfera:
“Ahem, HanGuang-jun.”
Lan WangJi non rispose.
In piedi davanti a Wen Ning, Wei WuXian fissava Lan WangJi.
Accarezzandosi il mento, per qualche ragione si sentì insolitamente in colpa.
Lan WangJi finalmente abbassò le mani che reggevano Bichen e avanzò di
qualche passo. Quando vide che si stava dirigendo verso Wen Ning con una
spada tra le mani, Wei WuXian pensò che avesse intenzione di
ucciderlo, Oh, no. Non dirmi che Lan Zhan ha davvero finto di essere
ubriaco così da poter uccidere Wen Ning dopo che lo avessi convocato. Ma
certo. In fondo nessuno potrebbe sul serio ubriacarsi dopo una sola
ciotola…
Disse, “HanGuang-jun, ascoltami…”
Con un forte schianto, Lan WangJi colpì Wen Ning.
Sebbene il colpo sembrasse piuttosto forte, in realtà non aveva causato alcun
danno. Wen Ning indietreggiò di alcuni passi dopo il colpo. Barcollò un po’,
per poi riacquistare l’equilibrio, ricomponendosi di nuovo con
un’espressione vacua.
Wen Ning non era in una condizione facilmente irritabile come quando era
apparso in precedenza, ma il suo temperamento non era neppure in uno
stato ottimale. Durante la notte al Monte Dafan, furono tutti atterrati prima
ancora che qualcuno riuscisse a colpirlo con una spada, aveva persino
cercato di strangolare una persona. Se Wei WuXian non lo avesse fermato,
avrebbe rischiato di strangolare tutti coloro che erano presenti sul posto.
Eppure, anche se Lan WangJi lo aveva appena colpito, la sua testa era
ancora bassa, non osando opporre resistenza. Wei WuXian pensò che fosse
un po’ strano, ma ne fu comunque sollevato. Se Wen Ning avesse restituito il
colpo e i due avessero iniziato a combattere, sarebbe stato ancora più
difficile intervenire.
Come se il colpo non fosse stato sufficiente per esprimere la sua rabbia, Lan
WangJi spinse Wen Ning a circa trenta piedi di distanza.
Parlò a Wen Ning con un tono secco, “Vai via.”
Wei WuXian finalmente notò che qualcosa non andava.
Sia il colpo che la spinta, sia il suo tono che le sue azioni erano
insolitamente… infantili.
Dopo aver spinto Wen Ning, così da farlo allontanare quanto bastasse, Lan
WangJi sembrò finalmente soddisfatto. Si voltò, avvicinandosi a Wei
WuXian.
Wei WuXian iniziò a scrutarlo.
Non c’era nulla che non andava nel viso e nell’espressione di Lan WangJi.
Era persino più posato, composto e impeccabile del solito. Il suo volto non
era arrossato, il suo respiro non era irregolare. Camminava con sicurezza e
fiducia. Sembrava il solito calmo e virtuoso coltivatore, HanGuang-jun.
Eppure, quando abbassò lo sguardo, scoprì che Lan WangJi stava
indossando gli stivali nel modo sbagliato.
Prima di andarsene, aveva sfilato gli stivali a Lan WangJi, gettandoli accanto
al letto. E, ora, lo stivale sinistro di Lan WangJi era al piede destro, mentre
lo stivale destro era al piede sinistro.
HanGuang-jun, il notevole coltivatore che dava molta importanza al galateo,
non sarebbe mai uscito con i suoi vestiti in quello stato.
Wei WuXian chiese con esitazione, “HanGuang-jun, che numero è questo?”
Gli indicò il numero con due dita. Lan WangJi non rispose e allungò le mani.
Con una a destra e l’altra a sinistra, intrappolò con aria solenne le due dita di
Wei WuXian tra le sue mani.
Con un fragore, Bichen cadde a terra, dimenticata dal suo proprietario.
Wei WuXian, ” … “
Quello non era sicuramente il solito Lan Zhan!
Wei WuXian, “HanGuang-jun, sei ubriaco?”
Lan WangJi, “No.”
Le persone ubriache di solito non ammettevano di esserlo. Wei WuXian
cercò di ritirare le dita, ma Lan WangJi continuò a stringerle, con entrambe
le mani strette in una presa leggera. Wei WuXian era totalmente senza
parole. In piedi, immerso nella gelida brezza notturna, distolse lo sguardo da
Lan WangJi e lo alzò verso la luna.
La maggior parte delle persone si ubriacava prima di addormentarsi, ma Lan
WangJi si addormentava prima di ubriacarsi. E, quando era ubriaco, non
sembrava diverso dal solito, motivo per cui era difficile capirlo.
In passato, Wei WuXian aveva bevuto con innumerevoli amici. Aveva
assistito a centinaia di migliaia di modi in cui le persone agivano quando si
ubriacavano. Alcuni piangevano rumorosamente, altri ridacchiavano come
degli idioti, alcuni saltavano in giro, altri crollavano immediatamente, c’era
chi cercava di togliersi la vita, e chi piagnucolava, “Perché vuoi
abbandonarmi?” Tuttavia, questa era la prima volta che vedeva qualcuno
come Lan WangJi, che non era rumoroso, in apparenza sembrava dignitoso,
ma si comportava in un modo strano.
Gli angoli delle sue labbra di contrassero. Mentre cercava di non ridere,
raccolse Bichen da terra e la carico sulla schiena, “Va bene. Torniamo
indietro.”
Non poteva assolutamente lasciare che Lan WangJi vagasse in giro in quello
stato. Chissà cos’altro avrebbe potuto fare.
Fortunatamente, Lan WangJi sembrava piuttosto disinvolto quando era
ubriaco. Con un elegante cenno, si avviarono. Qualunque passante,
probabilmente avrebbe pensato che fossero due buoni amici che
passeggiavano di notte e avrebbero lodato l’atto raffinato.
Alle loro spalle, Wen Ning li seguiva silenziosamente. Proprio quando Wei
WuXian stava per rivolgersi a lui, Lan WangJi si girò e lo colpì di nuovo con
rabbia. Questa volta, mirò alla testa di Wen Ning.
La testa di Wen Ning si abbassò ancora di più dopo il colpo. Anche se i suoi
muscoli facciali erano rigidi e non poteva manifestare alcun genere di
espressività, e i suoi occhi non erano in grado di dare intensità al suo
sguardo, per qualche ragione, aveva comunque l’aria di aver subito un torto.
Non sapendo se corrucciarsi o ridere, Wei WuXian afferrò il braccio di Lan
WangJi, “Perché lo stai colpendo?”
Lan WangJi si rivolse a Wen Ning con un tono minaccioso che di certo non
avrebbe utilizzato da sobrio, “Vai via!”
Wei WuXian sapeva che non bisognava disobbedire a una persona ubriaca.
Si affrettò, “Va bene, va bene. Lo farò andare via se è ciò che vuoi.” Mentre
parlava, tirò fuori il suo flauto di bambù. Tuttavia, prima ancora di
avvicinare il flauto alle labbra, Lan WangJi lo afferrò velocemente, “Non
suonare per lui.”
Wei WuXian scherzò, “Perché sei così prepotente?”
Lan WangJi ripeté con rabbia, “Non suonare per lui!”
Wei WuXian scoprì che, sebbene le persone ubriache spesso avessero molte
cose da dire, poiché Lan WangJi di solito non amava parlare, ripeteva
sempre le stesse parole quando era ubriaco. Dato Lan WangJi non aveva mai
amato le tecniche demoniache, forse non gradiva che suonasse il suo flauto
per controllare Wen Ning. Ad ogni modo, ovviamente doveva accarezzarlo
seguendo la direzione della sua pelliccia, “Va bene. Suonerò solo per te,
d’accordo?”
Lan WangJi annunciò la sua soddisfazione con un Mnn, ma continuò a
giocare con il flauto tra le sue mani, non intenzionato a restituirlo.
Wei WuXian poté solo fischiare. Si rivolse a Wen Ning, “Continua a
nasconderti. Devi assicurarti che nessuno possa trovarti.”
Wen Ning sembrava aver intenzione di seguirlo, ma poiché aveva ricevuto i
suoi ordini, ed essendo spaventato dal fatto che Lan WangJi avrebbe potuto
colpirlo ancora, si voltò lentamente. Trascinando le catene dietro di sé, si
allontanò con aria abbattuta.
Wei WuXian si rivolse a Lan WangJi, “Lan Zhan, ora che sei ubriaco, perché
il tuo viso non è per nulla arrossato?”
Dal momento che Lan WangJi sembrava troppo normale, quasi più
ordinario di Wei WuXian, non poté fare a meno di parlargli normalmente.
Eppure, inaspettatamente, quando Lan WangJi lo sentì, allungò una mano,
afferrò la sua spalla e lo tirò fra le sue braccia.
Colto alla sprovvista, la testa di Wei WuXian sbatté contro il suo petto.
Mentre riacquistava l’equilibrio, la voce di Lan WangJi giunse dall’alto, “I
battiti del cuore.”
“Cosa?”
Lan WangJi, “Il viso non mostra nulla. Ascolta i battiti del cuore.”
Mentre parlava, il suo petto vibrò a causa della voce bassa. Il cuore pulsava
velocemente, e senza sosta. Thump Thump. Era un piuttosto veloce. Wei
WuXian capì e alzò di nuovo lo sguardo, “Non potrò capirlo dal tuo viso, ma
solo ascoltando i battiti del tuo cuore?”
Lan WangJi rispose con sincerità, “Mnn.”
Wei WuXian si piegò in una risata.
Il volto di Lan WangJi era così impassibile da non poter arrossire? Non era
quel genere di persona, vero?
E, Lan WangJi sembrava davvero onesto quando era ubriaco. Anche le sue
azioni e i suoi commenti erano… audaci!
Dato che questa era una rara occasione per vedere un Lan WangJi onesto e
aperto, sarebbe stato impossibile per Wei WuXian trattarlo con rispetto e
non fargli qualche scherzo.
Riportò Lan WangJi alla locanda. Entrarono nella stanza, lo accompagnò sul
letto e gli tolse gli stivali che stava indossando nel modo sbagliato. Suppose
che probabilmente non poteva lavarsi il viso in un tale stato, così tolse il
nastro dalla fronte di Lan WangJi e portò una bacinella di acqua calda e un
asciugamano. Strizzando l’asciugamano, lo piegò in una forma quadrata e
sfregò delicatamente il viso di Lan WangJi
Durante il procedimento, Lan WangJi non esitò per nulla, consentendo
obbedientemente che il suo viso fosse strofinato in ogni direzione. Ad
eccezione per il serrare gli occhi quando l’asciugamano si avvicinava, fissò
continuamente Wei WuXian senza battere ciglio. Wei WuXian aveva molte
idee divertenti per la testa. Guardando il suo sguardo limpido, non poté fare
a meno di sfiorare il mento di Lan WangJi. Rise, “Perché mi stai guardando?
Ho un bell’aspetto?”
Aveva appena finito di ripulirlo. Prima che Lan WangJi potesse rispondere,
Wei WuXian gettò l’asciugamano nella bacinella, “Il tuo viso è pulito adesso.
Vuoi prima un po’ di acqua?”
Poiché non gli giunse alcuna risposta dalle sue spalle, si girò giusto in tempo
per vedere Lan WangJi reggere la bacinella tra le mani, con il volto già
immerso al suo interno.
Wei WuXian quasi impallidì per lo shock. Afferrò la bacinella e la tirò subito
via, “Non intendevo l’acqua qui dentro!”
Lan WangJi alzò la testa con calma. Limpide goccioline di acqua scendevano
lungo la sua mascella, entrando nella parte anteriore dei suoi colletti.
Guardandolo, Wei WuXian non era sicuro di riuscire a descrivere ciò che
provava in quel momento… Ha davvero bevuto l’acqua? Speriamo che Lan
Zhan non ricordi nulla una volta sobrio. Altrimenti, per il resto della sua
vita, non riuscirebbe più a guardare in faccia nessuno.
Wei WuXian usò le sue maniche per asciugare le gocce d’acqua sulla
mascella di Lan WangJi, avvolgendolo con le sue braccia, “HanGuang-jun.
Ora farai tutto ciò che ti dico?”
Lan WangJi, “Mnn.”
Wei WuXian, “Risponderai a qualunque domanda ti chiederò?”
Wei WuXian appoggiò il ginocchio sul letto e sorrise, “Va bene, lascia che ti
chieda. Hai… bevuto segretamente il Sorriso dell’Imperatore che hai
nascosto nella tua stanza?”
Lan WangJi, “No.”
Wei WuXian, “Ti piacciono i conigli?”
Lan WangJi, “Sì.”
Wei WuXian, “Hai mai violato qualche regola in passato?”
Lan WangJi, “Si.”
Wei WuXian, “Hai mai provato interesse per qualcuno?”
Lan WangJi, “Sì.”
Tutte le domande di Wei WuXian erano solo casuali, non intendeva davvero
scoprire le questioni private di Lan WangJi. Desiderava semplicemente
sapere se Lan WangJi avrebbe risposto o meno a qualsiasi domanda gli
avesse posto. Continuò, “Che ne pensi di Jiang Cheng?”
Un cipiglio, “Hmph.”
Wei WuXian, “Che ne pensi di Wen Ning?”
Indifferenza, “Huh.”
Wei WuXian sorrise e indicò se stesso, “Che ne pensi di questo qua?”
Lan WangJi, “Mio.”
”…“
Lan WangJi lo fissò, affermando lentamente e con chiarezza, “Mio.”
Wei WuXian improvvisamente capì.
Prese Bichen alle sue spalle. Pensò tra sé, Quando ho indicato me stesso,
Lan Zhan probabilmente ha pensato che “questo” significasse Bichen.
Scese dal letto e girò nella stanza reggendo Bichen, da sinistra a destra, da
est a ovest. Come pensava, lo sguardo di Lan WangJi lo seguiva
attentamente ovunque camminasse, sempre sincero e diretto.
Le gambe di Wei WuXian quasi cedettero sotto lo sguardo intenso di Lan
WangJi. Sollevò Bichen di fronte ai suoi occhi, “è questo che vuoi?”
Lan WangJi, “Lo voglio.”
Come se questo non fosse abbastanza da provare il suo desiderio, Lan
WangJi afferrò la mano con cui Wei WuXian reggeva Bichen e lo fissò negli
occhi con quelle iridi chiare. Respirando delicatamente, ripeté la sua
affermazione, enfatizzando ogni sillaba, “… Lo voglio.”
Wei WuXian sapeva che Lan WangJi era disperatamente ubriaco, e che non
si stava rifendo a lui, eppure quelle parole si schiantarono su di lui
comunque, togliendogli la forza dalle braccia e dalle gambe.
Pensò tra sé, Lan Zhan, che tipo… Se fosse così sincero e appassionato con
una ragazza, allora che uomo sarebbe!
Riprendendosi dal colpo, Wei WuXian chiese di nuovo, “Come mi hai
riconosciuto? Perché mi hai aiutato?”
Lan WangJi aprì la bocca. Wei WuXian si avvicinò un po’, attendendo di
sentire la sua risposta. Tuttavia, l’espressione di Lan WangJi cambiò
improvvisamente. Con una spinta, buttò Wei WuXian sul letto.
La luce della candela si spense con un cenno della mano. Bichen fu
nuovamente gettata sul pavimento dal proprietario.
La vista di Wei WuXian si annebbiò a causa della spinta. Pensò che Lan
WangJi si fosse svegliato, “Lan Zhan?!”
Un punto familiare sulle sue spalle fu sfiorato. Il suo intero corpo si intorpidì
e non riuscì più a muoversi, come durante la prima notte ai Meandri della
Nuvola. Lan WangJi ritirò la mano, si sdraiò accanto a lui e coprì entrambi
con la coperta, rimboccando accuratamente l’angolo della trapunta sul
fianco di Wei WuXian, “Sono le nove. Riposo.”
Quindi, dopotutto, si trattava della spaventosa abitudine di sonno della Setta
Lan.
Poiché era stato interrotto durante l’interrogatorio, Wei WuXian fissò il
soffitto, “Non possiamo riposare e chiacchierare allo stesso tempo?”
Lan WangJi, “No.”
… oh, beh. Un giorno, ci sarà la possibilità di far ubriacare di nuovo Lan
WangJi. Prima o poi, la risposta sarà svelata.
Wei WuXian, “Lan Zhan, rimuovilo. Ho preso due stanze. Non c’è bisogno di
stringerci nello stesso letto.”
Dopo una breve pausa, la mano di Lan WangJi si avvicinò e, dopo aver
frugato per un po’ nella coperta, iniziò a sciogliere lentamente i nastri che
chiudevano i suoi vestiti. Wei WuXian esclamò, “Va bene! Basta! Con
‘rimuovilo’ non intendevo in questo senso!!! Va tutto bene! Ovviamente!!!
Sono sdraiato e sto dormendo!!!!”
Un silenzio tombale scese nell’oscurità.
Dopo un breve momento di tranquillità, Wei WuXian parlò di nuovo,
“Finalmente capisco perché la tua Setta proibisce il liquore. Sei crollato dopo
una sola ciotola e non riesci a distinguere un buon liquore da uno cattivo. Se
tutti quelli della Setta Lan sono così quando si ubriacano, è giusto proibirvi
di bere. Chiunque osasse bere, meriterebbe di essere picchiato.”
Con gli occhi chiusi, Lan WangJi alzò la mano e coprì la bocca di Wei
WuXian.
Lo zittì, “Shhh.”
Il respiro che Wei WuXian stava per esalare restò bloccato tra il suo petto e
la sua bocca, impossibilitato a salire o scendere.
Sembrava che da quando fosse tornato, ogni volta che provasse a prendere
in giro Lan WangJi com’era solito fare in passato, soffrisse sempre a causa
delle sue stesse azioni.
Non doveva finire così! Dove esattamente aveva sbagliato?!

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 32


– Rugiada – Parte Cinque
 
Questa volta, per tutta la notte, Wei WuXian non riuscì a chiudere occhio
neanche per un attimo. Con gli occhi aperti, riuscì a resistere fino al mattino
seguente. Quando sentì il torpore sparire, e riuscì a muovere di nuovo i suoi
arti, si tolse tranquillamente la veste restando sotto coperta e la gettò sotto al
letto.
Poi, rimosse la cintura di Lan WangJi, riuscendo a slacciare parte dei suoi
abiti. Inizialmente, voleva spogliarlo del tutto, ma quando vide l’ustione
sotto alla clavicola di Lan WangJi, Wei WuXian si bloccò per un attimo,
fermandosi. Ricordò anche le cicatrici della frusta disciplinare sulla sua
schiena, così capì che non era il caso di spingersi oltre, e cercò di riordinare
di nuovo i vestiti di Lan WangJi. Poiché aveva indugiato, Lan WangJi
sembrò sentire un po’ freddo. Spostandosi leggermente, aprì gli occhi con un
cipiglio.
Non appena aprì gli occhi, cadde dal letto.
Non era davvero colpa dell’elegante HanGuang-jun se non era riuscito a
conservare la sua raffinatezza a causa dello shock. Qualunque uomo che si
fosse svegliato la mattina seguente con i postumi della sbornia, alla vista di
un altro uomo che giaceva accanto a lui senza indossare nulla, e scoprendo
di avere la veste sbottonata, mentre entrambi erano strettamente
rannicchiati nelle stesse lenzuola, non avrebbe prestato attenzione al decoro.
Wei WuXian si coprì parzialmente il petto con la coperta, lasciando scoperte
solo le sue spalle lisce. Lan WangJi, “Tu…”
Wei WuXian mormorò, “Hmm?”
Lan WangJi, “Ieri sera, io…”
Wei WuXian ammiccò con l’occhio sinistro in direzione di Lan WangJi e
sorrise misteriosamente, appoggiando il mento su una mano, “Sei stato così
audace la scorsa notte, HanGuang-jun.”
”…“
Wei WuXian, “Non ricordi davvero nulla di ciò che è successo la scorsa
notte?”
Sembrava che Lan WangJi davvero non ricordasse nulla. Il suo viso era già
pallido come la neve.
Era una fortuna che non ricordasse. Oppure, se Lan WangJi avesse
rammentato che era scappato di nascosto per convocare Wen Ning durante
la notte, pretendendo dei chiarimenti, né mentire né rivelare la verità
avrebbe migliorato la situazione.
Dopo gli innumerevoli casi in cui aveva fallito nello stuzzicare Lan WangJi,
che si erano conclusi con il tirarsi la zappa sui piedi da solo, Wei WuXian
finalmente aveva ritrovato alcune delle sue passate abilità. Anche se adesso
che stava avendo successo desiderava continuare, Wei WuXian voleva
provare di nuovo a far bere Lan WangJi in futuro, quindi non poteva
spingersi al punto da spaventarlo a vita, altrimenti Lan WangJi sarebbe
stato prudente in seguito. Wei WuXian spostò le coperte, mostrandogli che
indossava ancora i pantaloni e gli stivali, “Che uomo! HanGuang-jun, era
solo uno scherzo. Stavo rimuovendo i nostri vestiti proprio in questo
momento. La tua castità è ancora lì. Non sei stato contaminato. Non
preoccuparti.”
Lan WangJi era ancora congelato sul posto e non rispose. Un rumore di
oggetti infranti giunse dal centro della stanza.
Il suono era piuttosto familiare: era già la seconda volta che lo sentivano. Le
Borse Qiankun che erano sul tavolo si stavano di nuovo agitando, scagliando
le tazze e la teiera sul pavimento. Questa volta, con tre delle parti del corpo
ricongiunte, sembravano ancora più violente. La scorsa notte, il primo era
disperatamente ubriaco mentre l’altro era miseramente tormentato, quindi
ovviamente avevano dimenticato di duettare. Wei WuXian era preoccupato
che Lan WangJi, a causa dell’ eccessivo shock, lo avrebbe impalato
accidentalmente sul letto. Si affrettò, “Affari importanti. Vieni, vieni.
Occupiamoci prima delle faccende serie.”
Avvolse una parte della veste intorno a sé, saltò giù dal letto e tese una mano
verso Lan WangJi, che si era appena alzato. Voleva aiutarlo, ma
probabilmente pensava che stesse provando a strappargli i vestiti. Lan
WangJi non si era ancora ripreso dallo shock e indietreggiò di un passo, solo
per barcollare a causa di qualcosa che aveva calpestato. Quando abbassò lo
sguardo, vide che si trattava di Bichen, che era a sul pavimento fin dalla
scorsa notte.
E, a quel punto, una delle corde che legavano le borse si slacciò. Una parte
del braccio color cenere era già uscita dalla minuscola apertura. Wei
WuXian infilò la mano negli abiti semiaperti di Lan WangJi e cercando in
giro, recuperò il flauto tra le braccia dell’altro, “HanGuang-jun, non aver
paura, va bene? Non ho intenzione di farti nulla. Però ieri sera hai preso il
mio flauto. Ho bisogno di riprenderlo.” Dopo il spiegazione, sistemò anche i
colletti di Lan WangJi e legò la cintura correttamente.
Lan WangJi lo guardò con un’espressione complessa, come se intendesse
chiedergli dei dettagli riguardo a ciò che era accaduto quando era ubriaco.
Tuttavia, era solito portare prima al termine i compiti importanti, quindi,
liquidando le proprie domande, adottò un’espressione autorevole e tirò fuori
il guqin a sette corde. Delle tre Borse Qiankun, una conteneva il braccio
sinistro, un’altra le gambe, e l’ultima il busto. Le tre parti riuscivano già a
comporre una grande porzione del corpo. Influenzandosi a vicenda, l’energia
risentita era moltiplicata, quindi la situazione era più difficile da gestire
rispetto a prima. Smisero di agitarsi solo dopo che i due suonarono Riposo
per tre volte consecutive.
Wei WuXian ripose il flauto. Stava per raccogliere le parti del corpo che
erano rotolate a terra, quando improvvisamente commentò, “Il nostro caro
amico di certo non si risparmiava con l’esercizio fisico.”
La fascia della cintura sul torso si era slacciata. Il colletto si aprì, rivelando il
corpo forte e resistente di un uomo nel fiore dei suoi anni. Con le spalle
larghe e una vita sottile, oltre ai muscoli addominali nitidamente modellati,
si trattava di un corpo maschile che molti uomini sognavano di avere.
Fissandolo in ogni direzione, Wei WuXian non poté fare meno di colpire
quegli addominali alcune volte, “HanGuang-jun, guardalo. Se fosse stato
vivo e l’avessi colpito, l’impatto mi avrebbe respinto, ferendomi. Come sarà
riuscito ad allenarsi così?”
Le punte delle sopracciglia di Lan WangJi sembrarono contrarsi, ma non
disse nulla. Eppure, inaspettatamente, Wei WuXian lo colpì altre due volte.
Lan WangJi finalmente prese le Borse Qiankun, la sua espressione restò
salda e iniziò silenziosamente a sigillare il cadavere. Wei WuXian si spostò
per non intralciarlo. Rapidamente, Lan WangJi finì di sigillare tutte le parti
del corpo, legando persino ciascuna borsa con molti nodi. Wei WuXian non
sembrò rifletterci troppo. Abbassò lo sguardo per controllare il suo stato
attuale, sollevò le sopracciglia e si allacciò la cintura della fascia, coprendosi
di nuovo adeguatamente.
Guardandolo di traverso, vide che Lan WangJi lo stava ancora scrutando
dopo aver messo via le Borse Qiankun, con gli occhi carichi di esitazione.
Wei WuXian parlò di proposito, “HanGuang-jun, perché mi sai guardando
in questo modo? Sei ancora preoccupato? Fidati di me. Non ti ho davvero
fatto nulla la scorsa notte. Ovviamente, anche tu non mi hai fatto niente.”
Lan WangJi rifletté per qualche istante. Come se avesse finalmente preso
una decisione, abbassò la voce, “La scorsa notte, oltre a prendere il tuo
flauto, io…”
Wei WuXian, “Tu? Cos’altro hai fatto? Non molto.  Hai solo detto molte
cose.”
Il pomo d’Adamo del colore della neve di Lan WangJi sobbalzò leggermente,
“… che genere di cose?”
Wei WuXian, “Niente di troppo importante. Praticamente, per esempio, ti
piace molto…”
Lo sguardo di Lan WangJi si bloccò.
Wei WuXian, “Ti piacciono molto i conigli.”
”…“
Lan WangJi chiuse gli occhi e girò la testa di lato. Wei WuXian aggiunse, “Va
tutto bene! I conigli sono così carini, a chi non piacciono? Anche a me
piacciono, mi piace mangiarli hahahaha! Ecco, HanGuang-jun. Hai bevuto
così tanto la scorsa notte… Uh, non proprio. Eri così ubriaco la scorsa sera,
quindi probabilmente ora non ti sentirai molto bene. Puoi lavarti il viso, c’è
un po’ d’acqua, e riposati prima di ripartire. Questa volta, sta puntando a
sud-ovest. Vado a comprare la colazione al piano inferiore, non ti disturberò
più.”
Mentre stava per andare, Lan WangJi parlò con distacco, “Aspetta.”
Wei WuXian si voltò, “Cosa c’è?”
Lan WangJi lo fissò con fermezza. Alla fine, chiese, “Hai dei soldi?”
Wei WuXian sorrise, “Certo! Pensi che non sappia dove sono i tuoi soldi?
Prenderò la colazione anche per te, va bene? HanGuang-jun, vai con calma.
Non abbiamo fretta.”
Lasciò la stanza e chiuse la porta alle sue spalle. Nel corridoio, si chinò e rise
silenziosamente per un bel po’.
Lan WangJi sembrava aver subito un grande trauma. Si chiuse nella stanza e
non uscì per molto tempo. Mentre aspettava, Wei WuXian si recò al piano
inferiore, lasciò la locanda e si aggirò per la zona, comprando degli spuntini
lungo la strada. Si sedette su una rampa di scale, immergendosi sotto la luce
del sole mentre mangiava. Dopo che restò seduto per un po’ di tempo, un
gruppo di bambini tra i tredici-quattordici anni passò lungo la strada.
Il bambino davanti al gruppo correva come se volasse, reggendo una lunga
corda. Al vertice della corda, c’era un aquilone che piroettava su e giù
nell’aria. I bambini al suo seguito avevano dei finti archi con delle frecce, e
urlavano mentre lo inseguivano, colpendo l’aquilone.
Anche Wei WuXian amava giocare a quel gioco quando era piccolo. Il tiro
con l’arco era un’abilità necessaria per tutti i discepoli delle Sette di Spicco.
Tuttavia, una gran parte non amava colpire dei veri bersagli. Oltre a colpire
gli esseri malvagi durante le cacce notturne, abbattere gli aquiloni era ciò
che amavano di più. Ognuno ne possedeva uno; quello che volava più in alto,
più lontano e con maggiore precisione era il vincitore. Quel gioco era
inizialmente popolare solo tra i giovani discepoli delle Sette di coltivazione.
Dopo che diventò noto al pubblico, anche i bambini delle famiglie comuni lo
amarono, anche se, naturalmente, il danno che derivava da una delle loro
piccole frecce non era niente in confronto a quelle degli esperti discepoli.
Quando Wei WuXian viveva al Pontile del Loto e giocava a colpire gli
aquiloni con i discepoli della Setta Jiang, era spesso al primo posto. Jiang
Cheng, d’altra parte, era sempre secondo. I suoi aquiloni volavano troppo
lontano per essere abbattuti o troppo vicini da essere colpiti, ma non così
lontano come quelli di Wei WuXian. Il loro aquilone era quasi il doppio di
quello degli altri, la cui forma era quella di una bestia volante. Aveva dei
colori esagerati e vivaci, una bocca larga e spalancata, e delle code appuntite
che ondeggiavano nel vento. In lontananza, era eccezionalmente vivace e
animato, non proprio terrificante, anzi quasi un po’ ridicolo. La struttura era
stata assemblata dallo stesso Jiang FengMian, poi era stato consegnato a
Jiang YanLi affinché lo dipingesse. Quello era il motivo per cui, ogni volta
che usavano l’aquilone per gareggiare, entrambi provavano un senso di
orgoglio.
Mentre rammentava queste cose, le labbra di Wei WuXian si aprirono in un
sorriso. Non poté fare a meno di alzare la testa per guardare l’aspetto
dell’aquilone che i bambini stavano facendo volare. Era completamente
dorato, sembrava una specie di massa rotonda. Pensò tra sé, Cos’è quella
cosa? Una frittella? O qualche bestia che non conosco?
Improvvisamente, soffiò una raffica di vento. L’aquilone non volava troppo
in alto e non era in uno spazio aperto, quindi fu abbattuto immediatamente.
Un bambino gridò, “Oh, no. Il sole è caduto!”
Wei WuXian capì subito. Probabilmente quei bambini stavano giocando a
imitare la Campagna Eclissi di Sole.
Erano nella zona di Yueyang. Quando la Setta QishanWen era al culmine
della sua prosperità, abusò del suo potere un po’ ovunque. E, poiché
Yueyang non era lontano da Qishan, gli abitanti della zona soffrirono molto,
spaventati dalle bestie scatenate o erano vittime degli abusi da parte dei loro
arroganti coltivatori. Dopo che la Campagna Eclissi di Sole terminò, la Setta
Wen fu annientata dalle forze combinate di altre Sette, e la centenaria
istituzione si sbriciolò all’istante. Nelle vicinanze della zona di Qishan, molti
luoghi trassero beneficio dalle attività che celebravano la distruzione della
Setta Wen, che si trasformarono quasi in tradizioni. Quel gioco era
probabilmente una di queste.
I bambini fermarono la caccia e, riunendosi in contemplazione,
cominciarono a discutere, “Cosa facciamo? Non siamo neppure riusciti a
scoccare frecce contro al sole, che quello è caduto da solo. Ora chi è il capo?”
Qualcuno alzò la mano, “Io, naturalmente! Sono Jin GuangYao. Ho ucciso il
grande criminale della Setta Wen!”
Seduto sulle scale che portavano alla locanda, Wei WuXian li osservava con
vivo interesse.
In quel genere di giochi, il capo di tutti i coltivatori, LianFang-Zun, che era
attualmente la persona che deteneva maggiore successo, era ovviamente il
personaggio più popolare. Sebbene il suo sfondo familiare fosse un po’
vergognoso, il fatto che in seguito avesse raggiunto un livello così alto, era il
motivo per cui la gente lo rispettava. Durante la Campagna Eclissi di Sole,
aveva abilmente lavorato sotto copertura nella Setta QishanWen,
ingannando tutte le persone della Setta Wen a tal punto che rivelarono
un’enorme quantità d’informazioni a loro insaputa. Dopo la Campagna
Eclissi di Sole, con le lusinghe, l’arguzia, e innumerevoli altri metodi,
divenne finalmente il Capo Coltivatore, ed era pienamente degno del titolo.
Una tale vita era da considerarsi una leggenda. Se avesse partecipato al
gioco, avrebbe desiderato anche lui essere Jin GuangYao. Scegliere quel
ragazzo come capo sarebbe stata una scelta molto ragionevole!
Qualcun altro protestò, “Ma io sono Nie MingJue! Ho vinto più battaglie e
ho catturato il maggior numero di persone. Dovrei essere io il capo!”
‘Jin GuangYao’, “Ma io sono il Capo Coltivatore!”
‘Nie MingJue’ sollevò il pugno, “Quindi che importa se il Capo Coltivatore
sei tu. Resti pur sempre il mio fratello minore. Dovrai comunque scappare
ogni volta che mi vedrai.”
‘Jin GuangYao’ effettivamente collaborò, restando nel suo personaggio. In
un battito di ciglia, scappò rapidamente. Qualcun altro parlò, “Sei solo un
idiota di breve durata.”
Se qualcuno sceglieva un coltivatore, significava che provava ammirazione
nei confronti della persona in questione. ‘Nie MingJue’ s’infuriò, “Jin
ZiXuan, tu sei morto anche prima di me, quindi sei durato ancora meno!”
‘Jin ZiXuan’ rispose in sua difesa, “Cosa c’è di sbagliato nell’essere di breve
durata? Sono terzo in classifica.”
“Anche se sei terzo, è solo per la tua faccia!”
Uno dei bambini sembrava stanco a causa della corsa e non riuscì più a
restare in piedi. Si spostò anche lui sulle scale, sedendosi accanto a Wei
WuXian. Agitando le mani, intervenne tra i due, “Va bene, va bene.
Smettiamola di litigare. Essendo il Patriarca Yiling, allora sono il più
potente. Perciò, se voi insistete così tanto, posso essere io il capo.”
Wei WuXian, ” … “
Abbassò lo sguardo. C’era davvero un piccolo bastone di legno agganciato
alla vita del ragazzo, probabilmente si trattava di Chenqing.
Solo un simile bambino sempliciotto acconsentirebbe a essere il Patriarca
Yiling, discutendo solo in termini di potere, e non della sua natura buona o
cattiva.
Qualcun altro intervenne, “No. Sono il Sandu ShengShou[1]. Sono io il
più potente.”
Il ‘Patriarca Yiling’ rispose con un tono da saputello, “Jiang Cheng, com’è
possibile che tu sia migliore di me? C’è anche una sola volta che non hai
perso contro di me? Come osi affermare di essere più potente? Non ti senti
in imbarazzo?”
‘Jiang Cheng’, “Hmph, non posso essere migliore di te? Ricordi come sei
morto?”
Il lieve sorriso sul volto di Wei WuXian si dissipò immediatamente.
Sembrò come se improvvisamente fosse stato punto da un ago avvelenato.
Un debole e pungente dolore si diffuse in tutto il suo corpo.
Il ‘Patriarca Yiling’, che sedeva accanto a lui, batté le mani, “Guardami!
Chenqing alla mia sinistra, il Sigillo della Tigre alla mia destra, insieme al
Generale Fantasma, sono invincibile! Hahaha…” Stringendo un bastone
nella mano sinistra e una roccia nella sua destra, rise per un po’, “Dov’è Wen
Ning? Vieni fuori!” Un bambino nel gruppo alzò una mano e rispose
lievemente, “Sono qui… Uh… Volevo solo dire che… durante la Campagna
Eclissi di Sole, non ero ancora morto…”
Wei WuXian sentì davvero il bisogno di interromperli.
Chiese, “Coltivatori, posso farvi una domanda?”
Quando i bambini giocavano a quel gioco, nessun adulto si era mai
intromesso. Per di più, non si trattava di un rimprovero, ma di una vera
domanda. Il ‘Patriarca Yiling’ lo guardò sia con stupore che con prudenza,
“Cosa vuoi chiedere?”
Wei WuXian, “Perché non c’è nessuno della Setta GusuLan?”
“C’è.”
“Dove sono?”
Il “Patriarca Yiling” indicò un bambino che non aveva detto nulla fino a quel
momento, “Eccolo.”
Wei WuXian guardò in quella direzione. Il bambino aveva dei lineamenti
delicati, sarebbe diventato sicuramente un affascinante bell’uomo. La sua
fronte liscia era avvolta da una bianca corda, in sostituzione del nastro
frontale. Wei WuXian chiese, “Chi è?”
Il ‘Patriarca Yiling’ fece un broncio in segno di disprezzo, “Lan WangJi.”
… Bene. Questi bambini hanno capito l’essenziale. Qualcuno che deve
interpretare Lan WangJi dovrebbe tenere la bocca chiusa e restare solo in
silenzio!
All’improvviso, le labbra di Wei WuXian si sollevarono di nuovo verso l’alto.
L’ago avvelenato era stato estratto e gettato da qualche parte. Tutto il dolore
fu cancellato all’istante. Wei WuXian mormorò tra sé, “Che strano. Perché
una persona noiosa come lui riesce sempre a rendermi così felice?”
Quando Lan WangJi scese al piano inferiore, vide Wei WuXian seduto sulle
scale. Un gruppo di bambini era seduto intorno a lui, mentre mangiavano
dei panini di carne al vapore. Wei WuXian mangiava il suo panino di carne
mentre si rivolgeva ai due bambini in piedi di fronte a lui, “… Adesso, di
fronte a voi, ci sono migliaia di coltivatori della Setta Wen. Tutti sono
pesantemente armati e vi circondano così da vicino che è impossibile anche
per una singola goccia d’acqua trapelare all’interno. I vostri sguardi devono
essere più bruschi. Si, così. Va bene, Lan WangJi, fai attenzione a questo
punto. Non sei come al tuo solito. Sei ricoperto di sangue! Dev’esserci molto
intento omicida! Devi sembrare davvero spaventoso! Wei WuXian,
avvicinati a lui. Sai come far roteare il flauto? Mostrami come lo fai roteare,
con una sola mano. Sii più figo. Sai come bisogna fare per sembrare figo?
Vieni, te lo mostro.” ‘Wei WuXian’ rispose e gli passò il piccolo bastoncino.
Wei WuXian roteò abilmente “Chenqing” tra le sue dita, e tutti i bambini che
lo circondavano restarono senza fiato.
Lan WangJi, ” … “
Si avvicinò silenziosamente. Quando notò la sua presenza, Wei WuXian si
spolverò i pantaloni e salutò i bambini. Alla fine, riuscendo ad alzarsi in
piedi, continuò a ridere mentre camminava, quasi come se avesse assunto
qualche strana sostanza.
Lan WangJi, ” … “
Wei WuXian, “Hahahahahaha. Mi dispiace, HanGuang-jun. Gli ho offerto
tutta la colazione che avevo comprato per te.  Compreremo qualcos’altro più
tardi.”
Lan WangJi, “Mnn.”
Wei WuXian, “Cosa ne pensi? Quei due bambini non erano carini? Indovina
chi fingeva di essere quello con una corda legata intorno alla fronte,
hahaha… “
Dopo un attimo di silenzio, Lan WangJi alla fine non riuscì più a resistere,
“… Cos’altro ho fatto davvero ieri sera?”
Non si trattava sicuramente di nulla di ordinario. Altrimenti, cosa mai
avrebbe potuto far ridere Wei WuXian così tanto fino ad ora???
Wei WuXian agitò rapidamente le mani, “No, no, no. Non hai fatto nulla. Mi
sto solo comportando in modo ridicolo, hahahahahahaha… Va bene. Ahem.
HanGuang-jun, parlerò di faccende importanti ora.”
Lan WangJi, “Parla.”
Wei WuXian adottò un’espressione seria, “I colpi nelle bare del cimitero del
Clan Chang si erano calmati da oltre dieci anni. All’improvviso sono
ricominciati, e non è sicuramente una coincidenza. Dev’esserci qualche altro
motivo.”
Lan WangJi, “Quale pensi sia la causa?”
Wei WuXian, “Ottima domanda. Penso che la causa sia stata la rimozione
del cadavere.”
Lan WangJi, “Mnn.”
La sua espressione era così attenta che Wei WuXian ricordò quanto fosse
stato schietto la notte precedente quando gli aveva afferrato le dita, mentre
era ubriaco. Wei WuXian, cercando dolorosamente di frenare le risate,
continuò con tutta serietà, “Penso che il cadavere non sia stato smembrato
solo per vendetta o per un puro risentimento, ma che sia un metodo
malevolo di soppressione. La persona che ha tagliato il cadavere ha scelto
intenzionalmente quei luoghi infestati dagli esseri malvagi per collocare le
parti del corpo.”
Lan WangJi, “Combattere il veleno con il veleno. Riescono a bilanciarsi,
controllandosi a vicenda.”
Wei WuXian, “E’ vero. Quindi, ieri, quando il becchino ha scavato quella
fossa, non c’era più nulla che potesse sopprimere gli spiriti risentiti del Clan
Chang, così i rumori dei colpi nelle bare sono ricominciati. Proprio come
nella Sala delle Sciabole della Setta QingheNie, in cui sopprimeva gli Spiriti
delle Sciabole e i cadaveri nelle mura. Forse, in primo luogo, questo metodo
è derivato dalla Sala delle Sciabole della Setta Nie. Sembra che questa
persona sia connessa sia alla Setta QingheNie che alla Setta GusuLan. Temo
che non si tratti di un avversario comune.”
Lan WangJi, “Ci sono poche persone simili.”
Wei WuXian, “Si. La verità sta lentamente venendo a galla. E, poiché
l’avversario ha già iniziato a spostare le parti del cadavere, significa che lui o
loro sono già preoccupati. Torneranno sicuramente presto. Anche se non li
cerchiamo, verranno loro da noi. Mentre cercheranno in giro, lasceranno
sicuramente altri indizi. E, la mano del nostro caro amico ci indicherà anche
quale direzione prendere. Tuttavia, probabilmente dovremo anche muoverci
più velocemente. Manca solo il braccio destro e la testa. Ecco perché,
dobbiamo arrivare prima di loro.”
I due partirono verso sud-ovest. Questa volta, il Braccio Fantasma indicava
Shudong, un luogo noto per la sua fitta nebbia.
Era una città infestata in cui nessuno della zona osava avvicinarsi.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 33 –


Erba – Parte Uno
La zona di Shudong era abbondante sia di fiumi che di valli. Con picchi
torreggianti e un terreno accidentato, nell’area soffiavano solo deboli brezze,
per questo motivo era per lo più avvolta nella nebbia.
Proseguendo verso la direzione in cui puntava il braccio sinistro, i due
giunsero in un piccolo villaggio.
Alcune recinzioni circondavano le case di paglia e fango. Una schiera di
pulcini coloratissimi entravano e uscivano dai cortili, beccando il riso a
terra. Un enorme gallo dalle brillanti piume si stagliava su un tetto in piedi
su una zampa sola. Aveva una cresta vistosa, e guardava tutto dall’alto con
un’aria altezzosa, mentre il collo girava a destra e a sinistra. Era una fortuna
che nessuno avesse dei cani. Probabilmente, gli abitanti del villaggio
riuscivano a posare le mani su pochi pezzi di carne durante l’anno, e non
avevano ossa che avanzavano da poter dare ai cani.
Davanti al villaggio, c’era una diramazione, che portava a tre diverse strade.
Di queste, due erano piuttosto spoglie. Poiché erano coperte da una grande
quantità d’impronte, era chiaro che venivano utilizzate spesso. Eppure,
l’ultima era invasa dalle erbacce. Un segnale quadrato ricavato da un pezzo
di roccia era posto obliquamente su quella strada. Soggetto al tempo e agli
agenti atmosferici, il segnale era diviso a metà da una grande crepa. Anche
all’interno dello squarcio spuntavano delle erbacce avvizzite.
Due grandi caratteri, che sembravano indicare il luogo a cui la strada
conduceva, erano incisi sul cartello. Il carattere in fondo sembrava quello di
“Città”. Tuttavia, il primo era complesso sia nella forma che nelle pennellate.
Era attraversato da una crepa, e questo aveva causato la rottura della roccia
di cui i frammenti erano sparsi sul terreno. Wei WuXian si chinò, spostando
le erbacce. Lo esaminò a lungo, ma non riuscì a identificare quale carattere
fosse.
Per coincidenza, la direzione che indicava il braccio sinistro era proprio
quella.
Wei WuXian, “Perché non chiediamo agli abitanti del villaggio?”
Lan WangJi annuì. Naturalmente, Wei WuXian non si aspettava che sarebbe
andato lui a chiedere. Con un ampio sorriso sul volto, Wei WuXian si
avvicinò alle donne del villaggio che stavano dando da mangiare ai polli.
Tra le donne del gruppo, ce n’erano sia di anziane che di giovani. Quando
notarono che un uomo si stava avvicinando, tutte diventarono inquiete,
come se desiderassero gettare via le loro palette e rifugiarsi dentro casa. Solo
dopo che Wei WuXian scambiò alcune parole con loro, con un sorriso
allegro sul volto, finalmente cominciarono a calmarsi e a rispondere
timidamente.
Mentre Wei WuXian indicava il cartello, ponendo una domanda, le loro
espressioni mutarono all’istante. Esitarono per un momento e, controvoglia,
iniziarono a conversare con lui. Durante la conversazione, non osarono
guardare Lan WangJi, che sostava vicino al cartello. Con gli angoli delle
labbra curvate verso l’alto, Wei WuXian ascoltò attentamente. Alla fine,
l’argomento della conversazione sembrò cambiare e le espressioni delle
donne si calmarono di nuovo. Gradualmente si rilassarono e cominciarono a
sorridere con timidezza.
Lan WangJi li fissava in lontananza. Attese per un po’, ma Wei WuXian
ancora non sembrava intenzionato a ritornare. Lentamente, Lan WangJi
calciò un piccolo pezzo di roccia che era ai suoi piedi.
Lo calpestò a lungo, continuando a far rotolare l’innocente sasso. Quando
alzò di nuovo lo sguardo, vide che Wei WuXian stava prendendo qualcosa
dalle maniche e lo consegnò alla donna che parlava di più.
Lan WangJi si bloccò, con un’espressione assente. Quando, infine, non riuscì
più a controllarsi, già determinato a raggiungerli, Wei WuXian finalmente
ritornò.
Si fermò accanto a Lan WangJi, “HanGuang-jun, saresti dovuto venire.
C’erano persino dei conigli nel cortile!”
Lan WangJi non reagì al suo commento ironico e rispose con finta
indifferenza, “Cosa hanno risposto?”
Wei WuXian, “Questo percorso conduce alla Città Yi. Il primo carattere sul
cartello è ‘Yi’.”
Lan WangJi, “Yi di cavalleria?”
Wei WuXian, “Sì e no.”
Lan WangJi, “E perché?”
Wei WuXian, “Il carattere è corretto, ma non il significato. Non è Yi di
cavalleria, ma Yi di casa delle bare.”
Superarono i fasci di erbacce e avanzarono lungo il sentiero, superando
rapidamente il cartello. Wei WuXian continuò, “Le ragazze hanno detto che,
da molto tempo, una gran parte delle persone in quella città muore
prematuramente, vivendo una vita breve o morendo a causa di incidenti,
quindi ci sono molte baracche per tenere temporaneamente i cadaveri.
Inoltre, la loro specialità è quella di fabbricare bare, il denaro di carta e altri
generi di beni funebri[1]. Tutti sono esperti a prescindere che si tratti di
bare e manichini di carta, motivo per cui è diventata famosa con questo
nome.”
Oltre alle erbacce avvizzite e ai frammenti di rocce, sul sentiero c’erano
anche delle crepe e dei fossati che erano difficili da notare. Lan WangJi
aveva gli occhi puntati su dove Wei WuXian appoggiava i piedi, mentre Wei
WuXian continuava a parlare mentre camminava, “Hanno detto che le
persone della zona raramente si recano alla Città Yi. Gli abitanti non sono
soliti viaggiare, se non per esportare le merci. Negli ultimi anni, non hanno
visto quasi nessuno allontanarsi. Nessuno utilizza questa strada da anni.
Questo spiega sicuramente perché è così difficile percorrerla.”
Lan WangJi, “E?”
Wei WuXian, “E cosa?”
Lan WangJi, “Cosa gli hai dato?”
Wei WuXian, “Oh. Intendi quello? Del rossetto.”
Quando erano a Qinghe, aveva comprato un piccolo pacco di rossetto dal
ciarlatano che gli aveva fornito delle informazioni riguardo alla Cresta
Xinglu, conservandolo. Wei WuXian, “Bisogna mostrare gratitudine alle
persone quando richiedi qualcosa, giusto? Volevo dargli dei soldi, ma erano
troppo spaventate e non volevano accettarli. Sembravano davvero gradire il
profumo del rossetto. Probabilmente non avevano mai usato qualcosa del
genere, quindi ho deciso di darglielo.”
Dopo una pausa, aggiunse, “HanGuang-jun, perché mi guardi così? Sono
consapevole che la qualità del rossetto non fosse eccezionale. Ma la mia
situazione non è più come prima, quando portavo sempre con me molti fiori
e gioielli per regalarli alle ragazze. Non avevo davvero nient’altro da dargli.
Almeno questo è meglio di niente.”
Come se gli fosse tornato in mente un ricordo spiacevole, le sopracciglia di
Lan WangJi si contrassero e lentamente girò la testa dall’altra parte.
Camminarono a lungo sul sentiero disconnesso, le erbacce si ridussero
gradualmente, risalendo verso i lati e la strada si ampliò. Tuttavia, la nebbia
diventò sempre più fitta.
Mentre il braccio sinistro si chiudeva a pugno, comparve la porta in rovina
della città in fondo al lungo sentiero.
La torre di fronte alla città era di una tinta scolorita e aveva il tetto distrutto.
Con un angolo incrinato, sembrava insolitamente pericolante. Le pareti della
città era ricoperte di graffiti realizzati da qualche sconosciuto, mentre il
colore rosso delle porte era quasi sbiadito, e le ante erano arrugginite e nere.
Le due porte erano socchiuse, quasi come se qualcuno avesse appena aperto
una fessura, scivolando dentro.
Anche prima di entrare, si poteva percepire che si trattasse di un luogo
infestato da fantasmi e demoni a piede libero.
Mentre Wei WuXian camminava lungo il sentiero, esaminò attentamente i
dintorni. Alle porte della città, commentò, “Il Feng Shui[2] è terribile.”
Lan WangJi annuì senza fretta, “Montagne aride e fiumi turbolenti.”
La Città Yi era circondata dai ripidi dirupi da ogni direzione. I dirupi
s’inclinavano verso il centro in un modo estremo, apparendo minacciosi e
soffocanti, quasi come se rischiassero di collassare da un momento all’altro.
Circondata da quelle oscure e massicce vette, e avvolta nella nebbia bianca e
spettrale, appariva anche più mostruosa degli stessi mostri. Anche solo
restare fermi lì riusciva a suscitare un senso di timore e asfissia, insieme a
una forte sensazione di minaccia.
Sin dai tempi antichi, c’era il detto che recitava “La grandezza di una
persona dona gloria al suo luogo di nascita”. Ma era anche possibile il
contrario. In alcuni luoghi, a causa del terreno o della posizione, il Feng Shui
era insolitamente terribile. Circondati da una raffica naturale di energia
sinistra, era possibile per gli abitanti del luogo morire presto o essere
generalmente sfortunati. Se tutti i loro antenati avevano vissuto lì, sarebbero
stati ancora più sfortunati. Inoltre, c’erano anche irregolarità come cadaveri
viventi o la ricomparsa delle anime. Era chiaro che la Città Yi fosse un luogo
simile.
Luoghi del genere di solito erano appartati, e non erano sotto il controllo di
alcuna Setta di coltivazione. Naturalmente, anche se lo fossero stati, le Sette
non avrebbero avuto intenzione di aiutarli. Situazioni del genere erano
davvero fastidiose, anche più dell’abisso acquatico. L’abisso acquatico era
sempre possibile cacciarlo via. Invece, il Feng Shui era difficile da
modificare. Se nessuno si lamentava davanti alle loro porte, le Sette
chiudevano un occhio e fingevano di non sapere.
Per i residenti della città, la soluzione più semplice sarebbe stata di lasciare
il luogo. Ma, se una famiglia aveva vissuto in un luogo appartato per
generazioni, era quasi impossibile per loro decidere di abbandonare il luogo
in cui erano cresciuti. Anche se cinque o sei persone su dieci erano destinate
ad una vita breve, forse loro sarebbero stati tra i restanti tre o quattro
superstiti. Non era troppo insostenibile.
I due si fermarono davanti alle porte della città, scambiandosi un’occhiata.
Squeak. Con i cardini sul punto di spezzarsi, le due porte della città, pur non
riuscendo ad allinearsi correttamente, si aprirono a rilento.
Davanti ai loro occhi, non c’erano né delle strade affollate, né dei cadaveri
violenti. C’era solo una sfumatura di bianco che avvolgeva tutto.
La nebbia era persino più fitta di quella presente all’esterno della città,
permettendo loro di intravedere solo una strada lunga e dritta che si
stagliava di fronte. Ai lati non c’era alcun passante, ma solo delle case
torreggianti.
I due avanzarono istintivamente a pochi passi l’un dall’altro ed entrarono
nella città insieme.
Era ancora giorno, ma in città non si udiva alcun suono. Oltre all’assenza di
voci umane, non si udiva alcun gracchiare o guaito. Era più che singolare.
Però, poiché quello era il punto in cui puntava il braccio sinistro, sarebbe
stato strano se non fosse stato singolare.
Proseguirono lungo la strada per un po’. Più si addentravano, più densa
diventava la nebbia, come se l’energia malvagia impregnasse l’aria.
All’inizio, riuscivano ancora a vedere qualcosa a una distanza di dieci passi.
Ma poi diventò impossibile scorgere qualsiasi figura a più di cinque passi di
distanza. Alla fine, non riuscivano neppure a vedere le loro mani poste di
fronte a loro. Più Wei WuXian e Lan WangJi continuavano a camminare, e
minore diventava la distanza che li separava. Potevano vedersi
reciprocamente solo se camminavano spalla a spalla. Un pensiero si affacciò
all’improvviso nella mente di Wei WuXian, Se qualcuno decidesse di
servirsi della nebbia, intromettendosi tra noi, una terza persona nel nostro
gruppo, sarebbe difficile dire se riusciremmo a notarlo.
All’improvviso, il suo piede pestò qualcosa. Abbassò lo sguardo, ma non
riuscì a capire cosa fosse. Wei WuXian afferrò saldamente la mano di Lan
WangJi così che non proseguisse da solo, si chinò e aguzzò la vista. Una testa
con due occhi abbaglianti irruppero attraverso la nebbia, saltando nel suo
campo visivo.
La testa aveva la fisionomia di un uomo con le sopracciglia folte, gli occhi
grandi e due macchie di rossetto erano ben evidenti
Quando Wei WuXian aveva colpito la testa, per poco non l’aveva scagliata
via, quindi aveva valutato il suo peso. Essendo così leggera, quella
sicuramente non era una testa umana. La raccolse e la strinse. Una parte del
viso dell’uomo si ammaccò. Il rossetto sbavò un po’.
Era una testa fatta di carta.
La testa di carta era abilmente lavorata. Sebbene il trucco fosse
eccessivamente teatrale, le caratteristiche sembravano piuttosto delicate. La
specialità della Città Yi erano i beni funebri, quindi ovviamente la tecnica
utilizzata per creare i manichini di carta era soddisfacente. Tra i manichini
di carta c’erano anche quelli sostitutivi, e la gente credeva che, se li avessero
bruciati per i defunti, avrebbero sofferto all’inferno al loro posto; c’erano
anche le servitrici e le belle ragazze, che avrebbero curato attentamente i
defunti nell’altro mondo. Ovviamente, questi servivano per dare sollievo ai
vivi. Quella testa di carta era probabilmente un “Combattente degli Inferi”.
Come dal suo nome, un “Combattente degli Inferi” era un guerriero in grado
di proteggere il defunto dagli abusi degli altri fantasmi o dai giudici ostili; il
denaro di carta che i giovani bruciavano non sarebbe stato derubato dalle
altre anime. La testa di carta aveva sicuramente un corpo maturo e robusto,
anch’esso fatto di carta. Qualcuno probabilmente aveva staccato la testa e
l’aveva gettata per le strade.
Le ciocche di capelli lucidi sulla testa erano di un nero lucente. Wei WuXian
le tastò. I capelli erano saldamente incollati al cuoio capelluto, come se
fossero davvero cresciuti sulla testa. Pensò tra sé, E’ stata davvero
realizzata abilmente. Hanno preso dei veri capelli umani e li hanno
incollati?
All’improvviso, un’ombra esile passò davanti a lui.
L’ombra era estremamente bizzarra. Passò di corsa, sfiorando la sua spalla e
sparì all’istante nella fitta nebbia. Bichen fu sguainata e inseguì la figura, ma
ritornò rapidamente nel suo fodero.
La creatura che gli era sfuggita era scappata troppo in fretta, un umano
sicuramente non poteva raggiungere quella velocità!
Lan WangJi, “Presta attenzione. Stai attento.”
Sebbene fosse passato inosservato, era difficile prevedere se quando fosse
ritornato, non avrebbe fatto qualcos’altro.
Wei WuXian si raddrizzò, “Hai sentito?”
Lan WangJi, “Dei passi e un palo di bambù.”
Aveva ragione. In quel momento, oltre ai passi frettolosi, avevano sentito un
altro strano suono. Il ta-ta sembrava piuttosto chiaro, come se qualcuno
stesse picchiettando rapidamente un palo di bambù sul terreno. Wei
WuXian non capiva il motivo della presenza di quel suono.
Davanti a loro, dalla nebbia, giunsero un’altra serie di passi.
Questa volta, i passi erano leggeri, più lenti e numerosi. Sembrava che un
gruppo di persone si stesse avvicinando con cautela, ma senza dire nulla.
Wei WuXian pescò un Talismano Brucia Tenebre e lo lanciò davanti a sé. Se
ci fosse stato qualcosa circondato dall’energia risentita, sarebbe bruciato, e il
fuoco avrebbe illuminato l’intera zona.
Le persone di fronte a loro notarono che qualcosa era stato lanciato nella
loro direzione e attaccarono immediatamente.
Una moltitudine di bagliori di spade di colori diversi giunsero nella loro
direzione. Bichen fu sguainata con calma, spostandosi di fronte a Wei
WuXian, e respinse tutti gli attacchi. Dall’altro lato, le persone armeggiarono
confuse. Quando sentì le urla, Lan WangJi ripose immediatamente Bichen.
Wei WuXian chiamò, “Jin Ling? SiZhui!”
Come pensava, non aveva sbagliato. La voce di Jin Ling risuonò nella bianca
nebbia, “Perché sei di nuovo tu?!”
Wei WuXian, “Beh, in realtà, sono io che vorrei sapere perché sei di nuovo
tu!”
Lan SiZhui cercò di trattenersi, ma la sua voce risuonò con un tono
felicissimo, “Giovane Maestro Mo, ci sei anche tu qui? Allora c’è anche
HanGuang-jun?”
Quando sentì che poteva esserci anche Lan WangJi, Jin Ling chiuse
immediatamente la bocca, come se fosse stato nuovamente messo a tacere.
Probabilmente era spaventato dalla possibilità di ricevere una nuova
punizione. Anche Lan JingYi gridò, “C’è sicuramente! Il bagliore di prima
era di Bichen, vero? Era Bichen, giusto?!”
Wei WuXian, “Si. E’ qui, proprio accanto a me. Dovreste avvicinarvi.”
Non appena i ragazzi capirono che le persone di fronte a loro erano degli
amici e non dei nemici, rilasciarono immediatamente dei sospiri di sollievo e
si avvicinarono. Oltre a Jin Ling e alcuni giovani della Setta Lan, c’erano
anche sette o otto ragazzi che indossavano abiti di diverse Sette, che tuttavia,
sembravano ancora titubanti. Probabilmente erano anche loro dei discepoli
di ambienti distinti. Wei WuXian chiese, “Perché siete qui? Con un simile
attacco, sono fortunato di avere HanGuang-jun al mio fianco. Cosa sarebbe
accaduto se avreste ferito della gente comune?”
Jin Ling replicò, “Qui non c’è la gente comune, non c’è nessuno!”
Lan SiZhui annuì, “E’ giorno, ma la nebbia è ovunque. E non c’è un singolo
negozio aperto.”
Wei WuXian, “Questo ora non importa. Come vi siete incontrati? Non
ditemi che avete organizzato una caccia notturna insieme.” Jin Ling
guardava tutti come se fossero un pugno in un occhio e voleva solo attaccar
briga con gli altri. E, poiché aveva già avuto una spiacevole interazione con i
discepoli della Setta Lan, com’era possibile che volessero cacciare insieme?
Lan SiZhui spiegò obbedientemente, “E’ una lunga storia. Inizialmente
eravamo… “
All’improvviso, una serie di schiocchi e di passi, e il rumore insolitamente
fastidioso di un palo di bambù che colpiva il suolo giunsero dalla fitta
nebbia.
I volti dei giovani mutarono subito, “E’ di nuovo qui!”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 34


– Erba – Parte Due
Il rumore improvviso e singolare di un palo di bambù che batteva sul terreno
era prima forte e poi leggero, prima lontano e poi vicino, per questo motivo
era impossibile determinare da dove giungesse o cosa lo stesse producendo.
Wei WuXian, “Ragazzi, avvicinatevi. Non muovetevi e non attaccate.”
Nel bel mezzo della nebbia, se tutti i giovani avessero sfoderato le loro
spade, cercando di attaccare, avrebbero rischiato di ferirsi a vicenda invece
di centrare il nemico. Dopo poco, il rumore si fermò. Dopo aver atteso in
silenzio per qualche secondo, un discepolo parlò sottovoce, “Era quello di
nuovo… Per quanto tempo avrà intenzione di seguirci?!”
Wei WuXian, “Vi stava seguendo?”
Lan SiZhui, “Dopo che siamo entrati in città, poiché la nebbia era troppo
fitta e sarebbe stato facile perdersi, abbiamo deciso di camminare restando
strettamente vicini. Allora, improvvisamente, abbiamo sentito quel rumore.
In quel momento, non era così veloce. Era abbastanza lento, un colpo alla
volta. Attraverso la nebbia, siamo anche riusciti a scorgere un’ombra bassa
che passava davanti a noi. Ma, quando l’abbiamo inseguita, è scomparsa. Il
rumore ci sta seguendo da allora.”
Wei WuXian, “Quanto bassa?”
Lan SiZhui indicò il suo petto, “Molto bassa. Molto piccola.”
Wei WuXian, “Da quanto tempo siete qui?”
Lan SiZhui, “Da circa quindici minuti.”
“Quindici minuti?” Wei WuXian chiese, “HanGuang-jun, noi da quando
tempo siamo qui?”
La voce di Lan WangJi risuonò dalla fitta nebbia, “Da circa trenta minuti.”
“Rifletti,” Wei WuXian continuò, “Siamo qui da più tempo di voi. Com’è
possibile che ci abbiate superati, e ci siamo incontrati dopo che avete
girato?”
Jin Ling non poté fare a meno di rispondere, “Non abbiamo mai girato.
Abbiamo sempre continuato ad avanzare su questa strada.”
Se tutti avevano continuato ad avanzare dritto, allora forse qualcuno aveva
modificato il percorso, trasformandolo con una Formazione Ciclica di
Labirinti?”
Wei WuXian chiese di nuovo, “Avete provato a volare con le vostre spade per
controllare?”
Lan SiZhui, “Si. Pensavo di aver volato davvero in alto, ma in realtà non era
così tanto. E c’erano anche delle ombre indistinte che guizzavano qua e là.
Non sapevo cosa fossero e temevo di non riuscire ad affrontarle, quindi sono
sceso.”
Dopo le sue parole, tutti restarono in silenzio per un po’. Dato che la zona di
Shudong era nebbiosa, non avevano dato troppa importanza alla nebbia
presente in città. Tuttavia, sembrava che quella non fosse una nebbia
naturale, e si trattasse davvero di una foschia spettrale.
Lan JingYi era scioccato, “La nebbia non è velenosa, vero?”
Wei WuXian, “Probabilmente, no. Siamo qui da un bel po’ e siamo ancora
vivi.”
Jin Ling, “Avrei dovuto portare Fairy con me. E’ tutta colpa del tuo dannato
asino.”
Quando sentì il nome del cane, a Wei WuXian venne una serie di brividi
lungo la schiena. Poi sentì Lan JingYi gridare, “Anche il tuo cane non manca
di colpe! E’ stato il primo ad aprire la bocca per mordere, e così Piccola Mela
l’ha colpito con il suo zoccolo. Di chi è la colpa? Ad ogni modo, nessuno dei
due è innocente a questo punto.”
Wei WuXian, “Cosa?! Il mio Piccola Mela è stato morso da un cane?!”
Jin Ling, “Come può quell’asino essere più importante del mio cane
spirituale? Fairy è un regalo del mio zio più giovane. Se gli accadesse
qualcosa, neppure diecimila asini potrebbero ripagarlo!”
Wei WuXian replicò in tutta assurdità, “Non usare il nome di LianFang-Zun
per spaventare le persone. Bene, il mio Piccola Mela è un regalo di
HanGuang-jun. Come avete potuto portare Piccola Mela durante una caccia
notturna? E avete anche permesso che lo ferissero?!”
I giovani della Setta Lan risposero all’unisono, “Bugiardo!” Non avrebbero
mai creduto che una persona come HanGuang-jun avesse scelto un simile
regalo per qualcuno. Anche se Lan WangJi non aveva detto nulla, si
rifiutarono fermamente di crederci. Lan SiZhui chiarì, “Uhh… Mi dispiace,
Giovane Maestro Mo. Il tuo Piccola Mela… Il tuo asino ha continuato a
causare disturbo nei Meandri della Nuvola, e gli anziani si lamentavano da
molto tempo, quindi ci hanno ordinato di sbarazzarcene durante questa
caccia notturna. Perciò, noi…”
Jin Ling non credeva che l’asino fosse un regalo di Lan WangJi, “Non riesco
neppure a sopportare di guardare quell’asino. E si chiama anche ‘Piccola
Mela’. E’ dannatamente stupido!”
Lan JingYi considerò che, se fosse stato davvero un regalo di HanGuang-jun,
allora sarebbero stati davvero nei guai. Immediatamente, parlò in sua difesa,
“Cosa c’è che non va in ‘Piccola Mela’? Ama mangiare le mele quindi si
chiama Piccola Mela. Se vogliamo restare con i piedi per terra, allora è dieci
volte meglio del tuo grasso cane che hai chiamato ‘Fairy’!”
Jin Ling, “Cosa significa che Fairy è grasso?! Ti sfido a trovare un cane
spirituale che abbia una forma migliore di… “
All’improvviso, tutte le chiacchiere cessarono.
Qualche istante dopo, Wei WuXian chiese, “Siete ancora qui?”
Una serie di oomph e mmm giunsero nelle sue vicinanze, il che significava
che erano ancora tutti lì. Lan WangJi affermò con freddezza, “Rumorosi.”
… Com’era riuscito a mettere a tacere tutti in una volta sola? Wei WuXian
non poté fare a meno di toccarsi le labbra, ritenendosi piuttosto fortunato.
All’improvviso, un rumore di passi giunse dalla nebbia di fronte a loro, dal
lato sinistro.
I passi vacillavano in un modo tremendamente ingombrante. Subito dopo,
di fronte, lo stesso suono giunse a destra, sui lati e anche alle loro spalle.
Sebbene la nebbia fosse troppo fitta per avvistare qualunque figura, era già
possibile sentire il tanfo rancido.
Naturalmente, Wei WuXian non sembrava preoccupato poiché erano solo
pochi cadaveri ambulanti. Fischiettò leggermente e finì con una nota che si
curvò verso l’alto, segnalandogli di fare marcia indietro. Come pensava,
quando i cadaveri nella nebbia udirono il fischio, si fermarono rapidamente.
Tuttavia, un attimo dopo, accelerarono!
Wei WuXian non se lo aspettava affatto. Non solo l’ordine non aveva
funzionato, ma addirittura li aveva anche provocati. Ma non avrebbe mai
potuto confondere due diversi ordini come “arretrate” e “avanzate”!
Per il momento, comunque, non c’era tempo per pensare. Sette o otto figure
curve erano già apparse attraverso la nebbia bianca. A giudicare dalla
densità della nebbia nella Città Yi, il fatto che potessero vederli significava
che i cadaveri erano già estremamente vicini!
Il gelido bagliore blu di Bichen squarciò la nebbia. Intorno al gruppo, tracciò
un distinto cerchio nell’aria, tagliando a metà tutti i cadaveri ambulanti, e
poi ritornò nel suo fodero. Wei WuXian rilasciò un sospiro di sollievo,
mentre Lan WangJi sussurrò, “Perché?”
Anche Wei WuXian continuava a chiedersi il motivo, Perché l’ordine non è
riuscito a controllare questi cadaveri? Visto il ritmo lento e l’odore rancido,
non erano sicuramente dei cadaveri di alto livello. Doveva bastare qualche
colpo di mano per spaventarli. E’ impossibile che improvvisamente il mio
fischio non funzioni più, poiché non ha bisogno dell’utilizzo dei poteri
spirituali. Una situazione simile non era mai…
All’improvviso, ricordò qualcosa. Un sottile strato di sudore ricoprì la sua
schiena.
No. Non era vero che “Una situazione simile non era mai accaduta in
precedenza”. In realtà, era davvero già successo in passato, e solo una volta.
C’era davvero un tipo di cadavere o spirito che non poteva controllare…
I cadaveri o gli spiriti che erano già sotto il controllo del Sigillo Stigio della
Tigre!
Lan WangJi annullò l’incantesimo del silenzio e Lan SiZhui poté parlare di
nuovo, “HanGuang-jun, la situazione è davvero pericolosa? Dovremmo
abbandonare immediatamente la città?”
“Ma la nebbia è così fitta. Non possiamo avanzare sul sentiero o volare
fuori… “
Un discepolo esclamò, “Penso che stiano arrivando altri cadaveri!”
“Dove? Non sento alcun rumore.”
“Penso di aver sentito degli strani respiri…” Il ragazzo capì solo dopo quanto
ridicola fosse la sua affermazione, e chiuse la bocca con imbarazzo. Un altro
ragazzo rispose, “Dici sul serio? Dei respiri. I cadaveri sono morti, come
possono respirare?”
Prima che riuscisse a finire, giunse un’altra grande figura. Con Bichen di
nuovo sguainata, la testa dell’ombra fu separata dal suo corpo. Allo stesso
tempo, si udirono degli strani schizzi. I discepoli che erano nelle vicinanze
urlarono tutti dallo spavento. Temendo che fossero stati feriti, Wei WuXian
urlò immediatamente, “Cos’è successo?”
Lan JingYi, “E’ schizzato qualcosa dal corpo del cadavere. Penso che sia una
specie di polvere. Aveva un sapore sia amaro che dolce. E di marcio!” Era
una vera sfortuna per lui. Poiché stava parlando, aveva aperto la bocca e una
buona dose di polvere entrò al suo interno. Non badando alle apparenze,
sputò immediatamente alcune volte. Se era schizzata fuori da un cadavere,
non si trattava sicuramente di una questione banale. La polvere continuò a
vagare nell’aria. Se accidentalmente giungesse nei polmoni, sarebbe stato
ancora più difficile da gestire rispetto a ora che era entrata solo in bocca.
Wei WuXian istruì, “Ragazzi, allontanatevi da quella zona! Venite subito qui.
Lasciate che vi controlli.”
Lan JingYi, “Va bene. Ma non riesco a vederti. Dove sei?”
Non riuscivano a vedere neppure le proprie mani anche ponendole proprio
di fronte a loro, quindi era impossibile camminare in quella nebbia. Wei
WuXian ricordò che, ogni volta che Bichen veniva sguainata, il suo bagliore
era in grado di penetrare nella nebbia bianca. Si rivolse a Lan WangJi, che
era al suo fianco, “HanGuang-jun, sguaina per un momento la tua spada,
così che possa avvicinarsi.”
Lan WangJi era in piedi accanto a lui, ma non rispose né si spostò.
All’improvviso, il bagliore blu chiaro della spada illuminò una zona a circa
sette passi di distanza.
… Lan WangJi era lì?
Allora chi era la persona che era sempre stata in silenzio accanto a lui?!
All’improvviso, un’ombra balenò davanti agli occhi di Wei WuXian. Un viso
scuro comparve di fronte a lui.
Era scuro perché, sul suo viso, c’era uno spesso strato di nebbia nera!
L’uomo dal viso scuro allungò la mano per afferrare la Borsa Qiankun
agganciato al suo fianco. Tuttavia, quando la afferrò, la Borsa Qiankun si
gonfiò improvvisamente. La corda che la chiudeva si spezzò, liberando i tre
spiriti infuriati al suo interno. Formando un aggrovigliato pasticcio, si
scagliarono verso di lui!
Wei WuXian rise, “Volevi la Borsa Qiankun? Allora, la tua vista è davvero
pessima. Perché, invece, hai preso la mia Borsa Blocca Spirito?”
Da quando avevano recuperato il busto recentemente dissotterrato dalle
mani del becchino nel cimitero della Setta YueyangChang, costringendolo a
una frustrante ritirata, Wei WuXian e Lan WangJi erano sempre stati in
allerta. Avevano predetto che non avrebbe rinunciato, aspettando
un’opportunità per riprenderlo. Come pensavano, dopo che erano entrati
nella Città Yi, il becchino aveva attaccato, sfruttando la fitta nebbia e la
rumorosa folla. Effettivamente, il suo assalto aveva funzionato, tuttavia, Wei
WuXian aveva da tempo scambiato la Borsa Qiankun che racchiudeva il
braccio sinistro con la Borsa Blocca Spirito.
Con un clangore, l’avversario saltò all’indietro e sguainò la spada. All’istante,
risuonarono le urla cariche di odio degli spiriti, come se l’attacco li avesse
spinti a disperdersi. Wei WuXian pensò tra sé, Quindi è davvero qualcuno
con un alto livello di coltivazione. Urlò immediatamente, “HanGuang-jun, il
becchino è qui!”
Non aveva alcun bisogno di una sollecitazione, Lan WangJi sapeva ciò che
era successo solo ascoltando. Restò in silenzio. Il rapido e feroce attacco di
Bichen servì come risposta.
La situazione attuale era tutt’altro che ottimistica. Una nebbiolina nera
ricopriva la spada del becchino, così il bagliore dell’arma non era visibile,
permettendogli di nascondersi perfettamente nella nebbia bianca. D’altra
parte, non era possibile celare il bagliore che scaturiva da Bichen di Lan
WangJi. Era allo scoperto mentre il nemico era celato nell’oscurità. Inoltre,
il nemico non era solo altamente qualificato in termini di coltivazione, ma
aveva anche familiarità con le tecniche della spada della Setta GusuLan. E,
anche se entrambi stavano combattendo alla cieca nella nebbia, lui poteva
fare tutto ciò che voleva, ma Lan WangJi doveva prestare attenzione così da
non ferire accidentalmente nessuno. Da quella prospettiva, Lan WangJi era
davvero in svantaggio. Dopo aver sentito alcune collisioni tra le lame, il
cuore di Wei WuXian si serrò improvvisamente. Sbottò, “Lan Zhan? Sei
ferito?!”
In lontananza, giunse un grugnito attutito, come se qualcuno avesse ricevuto
una ferita critica. Ma chiaramente non era la voce di Lan WangJi.
Lan WangJi, “Certo che no.”
Wei WuXian sogghignò, “Così sembra!”
L’altra persona sembrò ridere con amarezza. Attaccò di nuovo. I suoni delle
collisioni del bagliore di Bichen e dell’altra spada erano sempre più lontani.
Wei WuXian sapeva che Lan WangJi non voleva ferirli accidentalmente, e
aveva di proposito allontanato la battaglia per occuparsi del becchino da
solo. Naturalmente, toccava a Wei WuXian occuparsi del resto. Si voltò,
“Quali sono le condizioni di quelli che hanno inalato la polvere?”
Lan SiZhui, “Iniziano ad avere difficoltà a reggersi in piedi!”
Wei WuXian, “Venite qua al centro e conteggiatevi.”
Fu una fortuna che, terminata l’ondata di cadaveri e portando via il
becchino, non fosse giunto nient’altro a disturbarli. Il rumore del palo di
bambù non era tornato per creare problemi. I discepoli restanti si
radunarono, conteggiandosi. Non mancava nessuno. Wei WuXian afferrò
Lan JingYi e controllò la sua fronte. Era un po’ calda. Poi controllò la fronte
degli altri ragazzi che avevano inalato la polvere del cadavere. Erano nello
stesso stato. Sollevò le palpebre di Lan JingYi, “Fammi vedere la lingua.
Ahh.”
Lan JingYi, “Ahh.”
Wei WuXian, “Si. Congratulazioni. Siete affetti da avvelenamento da
cadavere.”
Jin Ling, “In che modo questo sarebbe qualcosa per cui congratularsi?!”
Wei WuXian, “E’ un’altra esperienza di vita. Sarà un ottimo spunto di
conversazione quando sarete vecchi.”
L’avvelenamento da cadavere era causato principalmente dall’essere feriti da
un cadavere trasformato o quando una ferita toccava il sangue necrotico. I
coltivatori di solito non permettevano ai cadaveri ambulanti di avvicinarsi
così tanto da essere feriti, quindi nessuno aveva l’abitudine di portare l’elisir
che curava l’avvelenamento da cadavere. Lan SiZhui era preoccupato,
“Giovane Maestro Mo, gli accadrà qualcosa?”
Wei WuXian, “Niente per il momento. Quando entrerà nel flusso sanguigno
e viaggerà per tutto il corpo, entrando nel cuore, non ci sarà alcuna
soluzione.”
Lan SiZhui, “C-cosa succederà?”
Wei WuXian, “Vi accadrà tutto ciò che avviene ai cadaveri. Se siete fortunati,
marcirete. Altrimenti, diventerete degli zombie dai lunghi capelli e sarete
solo in grado di saltellare in giro per il resto della vostra vita.”
Tutti i discepoli avvelenati restarono a bocca aperta.
Wei WuXian, “Quindi volete curarlo?”
Tutti annuirono. Wei WuXian continuò, “Se volete curarlo, allora ascoltate.
D’ora in poi, dovete ascoltare e seguire tutto ciò che vi dico. Tutti quanti.”
Sebbene molti dei ragazzi non avessero ancora familiarità con lui, avevano
visto che poteva intimamente chiamare HanGuang-jun con il suo nome di
nascita come se appartenessero alla stessa generazione, e, inoltre, erano nel
bel mezzo di una città infestata da una nebbia inquietante, avvelenati e
febbrili, quindi erano particolarmente ansiosi, e desideravano istintivamente
di voler dipendere da qualcuno. E, poiché tutto ciò che usciva dalla bocca di
Wei WuXian aveva un tono fiducioso che riusciva a eliminare ogni
preoccupazione, non potevano fare a meno di assecondare le sue parole,
rispondendo all’unisono, “Si!”
Wei WuXian insistette ulteriormente, “Dovete fare tutto ciò che vi dico. Siate
obbedienti. Intesi?”
“Si!”
Wei WuXian batté le mani, “In piedi. Chi è illeso deve trasportare una
persona avvelenata, preferibilmente sulle vostre spalle. Se riuscirete a
sollevarli solo all’altezza della vostra fronte, ricordate di posizionare la testa
e il cuore più in alto rispetto al resto del corpo.”
Lan JingYi, “Ma posso camminare. Perché devono trasportarci?”
Wei WuXian, “Fratello, se salterai in giro, il tuo sangue circolerà
rapidamente, e raggiungerà subito il tuo cuore. Quindi non dovresti
muoverti troppo. Sarà meglio se non ti muoverai affatto.”
I ragazzi restarono immediatamente immobili come assi, permettendo ai
loro pari di sollevarli. Mentre veniva trasportato da un altro discepolo della
sua Setta, un ragazzo borbottò, “Il cadavere che ha sparso la polvere
velenosa respirava davvero.”
Il ragazzo che lo trasportava si lamentò mentre ansimava, “Te l’ho già detto.
Se riuscissero a respirare, allora sarebbero persone vive.”
Lan SiZhui, “Giovane Maestro Mo, siamo pronti. Dove andremo?”
Lan SiZhui era il più bravo, il più ubbidiente e quello meno ansioso. Wei
WuXian rispose, “Per il momento, sicuramente non possiamo lasciare la
città. Bussiamo a qualche porta.”
Jin Ling, “Bussare alle porte di cosa?”
Wei WuXian rifletté per un momento, “C’è qualcos’altro che ha delle porte
oltre alle case?”
Jin Ling, “Vuoi farci entrare in quelle case? E’ già pericoloso qua fuori.
Chissà cosa ci sarà nascosto in quelle stanze, che ci osserva in attesa del
nostro arrivo.”
Dopo le sue parole, tutti percepirono davvero degli sguardi celati nella
nebbia e nelle case, che osservavano attentamente ogni loro mossa e ogni
loro parola. Non riuscirono a fare a meno di rabbrividire dalla paura. Wei
WuXian rispose, “E’ vero. E’ difficile stabilire se è più pericoloso fuori o
dentro le case. Ma, poiché la situazione è già così all’esterno, là dentro non
potrà essere peggio. Andiamo. Non c’è tempo da perdere. Dobbiamo ancora
curare l’avvelenamento.”
Il gruppo seguì i suoi comandi. Ascoltando le istruzioni di Wei WuXian, tutti
reggevano il fodero delle spade di fronte a loro, così da non perdersi nella
fitta nebbia. Di casa in casa, bussarono alle porte. Jin Ling bussò per un po’,
ma non sentì alcuna risposta giungere dalla casa, “Sembra che non ci sia
nessuno qua. Entriamo.”
La voce di Wei WuXian si abbassò, “Chi ha detto che dobbiamo entrare se
dentro non c’è nessuno? Continua a bussare. Dobbiamo entrare in una casa
abitata.”
Jin Ling, “Vuoi trovarne qualcuna abitata?”
Wei WuXian, “Si. Bussa bene. I tuoi colpi sono troppo forti, è piuttosto
maleducato.”
Jin Ling era così irritato che quasi sferrò un calcio alla porta di legno. Alla
fine, finì solo… per pestare rabbiosamente il terreno.
Tutte le case lungo la strada avevano le porte strettamente serrate,
astenendosi dall’aprirle, non importava quanto duramente bussassero. Più
Jin Ling bussava, più diventava infastidito, ma la quantità di forza che stava
esercitando era chiaramente diminuita. D’altra parte, Lan SiZhui mantenne
la calma. Al tredicesimo negozio, ripeté la frase che aveva già pronunciato
innumerevoli volte, “Scusatemi. C’è qualcuno dentro?”
Improvvisamente, la porta spostò. Una sottile fessura nera fu aperta.
Era molto buio dall’altro lato della porta, non consentendo a nessuno di
capire cosa ci fosse dietro la fessura. Anche la persona che aveva aperto la
porta non parlò. I ragazzi nelle vicinanze non poterono fare a meno di
indietreggiare.
Lan SiZhui riacquistò la sua compostezza, “Scusi, sei il gestore del negozio?”
Dopo un attimo, una vecchia e bizzarra voce trapelò dalla fessura, “Sì.”
Wei WuXian si avvicinò e diede una pacca sulla spalla di Lan SiZhui,
indicandogli di fare un passo indietro anche a lui e disse, “Gestore, è la
prima volta che veniamo qui. La nebbia era così fitta che ci siamo persi.
Stiamo vagando già da molto tempo e siamo piuttosto stanchi. Sarebbe
possibile utilizzare il tuo negozio così da permetterci di riposarci?”
La voce bizzarra rispose, “Il mio negozio non è per i viaggiatori che hanno
bisogno di riposarsi.”
Wei WuXian non sembrava notare nulla di strano, e parlava con la sua solita
espressione, “Ma, nella zona, non c’è nessun altro negozio abitato. Gestore,
davvero non sei disposta a concederci questo favore? Siamo disposti a
pagare.”
Jin Ling sbottò, “Come farai a pagare con i soldi? Mettiamolo in chiaro, non
ti presterò del denaro.”
Wei WuXian agitò il delicato sacchetto davanti ai suoi occhi, “Guarda cos’è
questo.” Lan SiZhui era scioccato, “Come osi? Questo è di HanGuang-jun!”
Mentre discutevano, la fessura si aprì un po’ di più. Anche se non riuscivano
ancora a vedere i mobili nella stanza, poterono intravedere una donna
inespressiva dai capelli grigi sostare dietro la porta.
Sebbene l’anziana avesse una schiena curva e sembrasse piuttosto vecchia a
prima vista, in realtà non aveva molte rughe o segni dell’età. Era perfino
possibile definirla una persona di mezza età. Aprì la porta e si allontanò.
Sembrava che fosse disposta a farli entrare.
Jin Ling era stupito. Sussurrò, “E’ davvero disposta a lasciarci entrare?”
Anche Wei WuXian sussurrò, “Certamente. Uno dei miei piedi era infilato
nella fessura, quindi non poteva chiudere la porta nemmeno volendolo. Se
non mi avesse fatto entrare, avrei buttato giù la porta.”
Jin Ling, ” … “
La Città Yi era già spaventosa e singolare; anche le persone che vivevano lì
non erano per nulla ordinarie. Quando videro quanto misteriosa fosse
l’anziana, i discepoli sussurrarono tutti silenziosamente. Anche se non
desideravano entrare, non ci fu altra scelta. Poterono solo prendere i loro
coetanei, che erano troppo spaventati per muoversi anche solo di un
millimetro a causa dell’avvelenamento, ed entrare dalla porta uno alla volta.
L’anziana restò in attesa di lato, guardandoli con freddezza. Quando tutti
furono entrati, chiuse immediatamente la porta. La stanza era di nuovo nera
come la pece. Wei WuXian chiese, “Gestore, perché non accendi le luci?”
L’anziana, “La luce è sul tavolo. Accendila da solo.”
Lan SiZhui era accanto al tavolo. Controllando lentamente in giro, trovò una
lampada a olio coperta da uno spesso strato di polvere. Pescò un Talismano
del Fuoco e l’accese. Mentre lo avvicinava alla miccia, guardò
involontariamente la stanza, un getto di aria fredda si riversò dai suoi piedi
alla sua testa. Il suo scalpo fremette dal terrore.
All’interno della sala centrale del negozio, una stanza piena di persone era
stipata al suo interno, spalla a spalla e caviglie contro caviglie. Tutti avevano
gli occhi spalancati, fissandoli senza battere ciglio!

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 35 –


Erba – Parte Tre
Non poté fare a meno di lasciare la presa, tuttavia Wei WuXian salvò la
lampada a olio proprio quando stava per colpire il pavimento. Con tutta
calma, la accese con il Talismano del Fuoco che aveva nell’altra mano e
l’appoggiò sul tavolo, “Li hai realizzati tu, gestore? Sono piuttosto ben fatti.”
Gli altri finalmente capirono che le persone presenti nella stanza non erano
dei veri esseri umani, ma solo dei manichini di carta.
Le teste e i corpi dei manichini erano finemente lavorati, realizzati con le
stesse dimensioni di quelle degli esseri umani. C’erano uomini, donne e
persino bambini. Tutti gli uomini erano “Combattenti degli Inferi”, realizzati
con corpi alti e robusti, ed espressioni adirate. Tutte le donne erano delle
vere bellezze, con i capelli legati a chignon singoli o doppi. Anche se
indossavano larghi abiti di carta, erano visibili le loro posture aggraziate. I
motivi sugli abiti erano quasi più belli di quelli presenti sui veri vestiti di
broccato, alcuni erano colorati con un inchiostro ricco e vivido; altri erano
incolori, dipinti con un grigio cenere. Sulle guance di ciascun manichino,
c’erano due macchie rosse che simulavano la carnagione rosea di una
persona vivente. Tuttavia, nessuna pupilla era stata ancora aggiunta: gli
occhi erano completamente bianchi. Più intenso era il rossore, più tetro era
il loro aspetto.
C’era un altro tavolo nella stanza, su cui erano stati collocati alcuni
candelabri, ciascuno di una lunghezza diversa. Wei WuXian li accese uno a
uno, e la luce gialla illuminò una grande porzione degli angoli della casa.
Oltre ai manichini di carta, c’erano anche due ghirlande poste su entrambi i
lati della stanza. L’oro di carta, il denaro fantasma e le pagode erano
ammassati accanto alle pareti.
Jin Ling aveva già sguainato leggermente la spada. Quando vide che era solo
un negozio che vendeva beni funebri, sospirò con un discreto sollievo e
ripose di nuovo la spada. Nel mondo della coltivazione, anche se un
coltivatore moriva, nessuno utilizzava le misteriose e caotiche pratiche della
gente comune. Poiché non avevano mai visto oggetti simili prima d’ora,
dopo lo spavento iniziale, la curiosità germogliò nei loro cuori. Con la pelle
d’oca, pensarono che fosse ancora più eccitante delle bestie ordinarie della
caccia notturna.
Non importava quanto fitta fosse la nebbia, non poteva penetrare nelle case.
Da quando erano entrati nella Città Yi, quello era l’unico momento in cui
potevano facilmente vedere i volti degli altri, riuscendo a tranquillizzarli.
Wei WuXian, notando che si erano rilassati, chiese di nuovo all’anziana,
“Sarebbe possibile per noi prendere in prestito la cucina?”
L’anziana scrutò con uno sguardo minaccioso la lampada, quasi come se non
gradisse la presenza di alcun genere di luce, “La cucina è sul retro. Usatela
come preferite.” Quando finì di parlare, si spostò in un’altra stanza come se
stesse evitando una piaga. Sbatté la porta così forte che alcuni presenti
finirono persino per rabbrividire.
Jin Ling esclamò, “C’è sicuramente qualcosa che non va in quella megera!
Tu… “
Wei WuXian rispose, “Va bene. Silenzio. Ho bisogno dell’aiuto di qualcuno.
Qualche volontario?”
Lan SiZhui si affrettò, “Posso venire io.”
Lan JingYi era ancora immobile come un’asta, “Allora cosa devo fare io?”
Wei WuXian, “Devi restare in piedi. Non muoverti finché non te lo dico.”
Lan SiZhui seguì Wei WuXian nella cucina sul retro. Non appena entrarono,
furono sopraffatti da un tanfo nauseabondo. Lan SiZhui non aveva mai
sentito un odore così terribile prima d’ora. Sebbene avesse le vertigini, riuscì
a impedirsi di scappare fuori. Anche Jin Ling lo seguì, ma uscì fuori subito
dopo. Facendosi aria con la mano il più velocemente possibile, “Cosa diavolo
è questo?!! Cosa state facendo qui invece di pensare a una cura?!”
Wei WuXian, “Hmm? Tempismo perfetto. Come sapevi che stavo per
chiamarti? Dammi una mano.”
Jin Ling, “Non sono qui per aiutare! Ugh! E’ stato ucciso qualcuno e hanno
dimenticato di seppellirlo?!”
Wei WuXian, “Signorina Jin, verrai o no? Se vuoi venire, allora entra e
aiutaci; se non vuoi venire, allora torna indietro e chiama qualcun altro.”
Jin Ling s’infuriò, “Chi hai chiamato Signorina Jin? Stai attento a quello che
dici!” Si pizzicò il naso per un po’, discutendo tra sé se doveva restare o no, e
alla fine mormorò, “Va bene. Voglio vedere cosa diavolo stai cercando di
fare.” Con questo, si precipitò dentro. Eppure, non avrebbe mai pensato che,
con un botto, Wei WuXian avrebbe aperto la cassapanca sul pavimento, da
dove giungeva la puzza. Dentro la cassa, c’era del prosciutto e del pollo.
Macchie verdi punteggiavano la carne rossa, mentre i vermi bianchi
brulicavano tra le chiazze.
Jin Ling fu costretto a uscire di nuovo dalla stanza. Wei WuXian raccolse la
cassa e gliela passò, “Buttala via. Andrà bene qualunque luogo, purché non
ne sentiamo l’odore.”
Con lo stomaco che ribolliva e la testa carica di dubbi, Jin Ling la gettò via
come gli era stato detto. Si sfregò violentemente le dita con un fazzoletto, poi
lo gettò fuori. Quando ritornò in cucina, Wei WuXian e Lan SiZhui avevano
prelevato due secchi d’acqua dal pozzo nel cortile sul retro e stavano pulendo
la cucina. Jin Ling chiese, “Che cosa state facendo?”
Lan SiZhui strofinò in giro con diligenza, “Come puoi vedere, stiamo
pulendo il focolare della cucina.”
Jin Ling, “A che serve pulire il focolare? Non stiamo preparando del cibo.”
Wei WuXian, “Chi te l’ha detto? Dobbiamo preparare da mangiare. Puoi
togliere la polvere. Sbarazzati di tutte le ragnatele lassù.”
Le sue parole suonavano così naturali, così sicure che, con una scopa infilata
tra le mani, Jin Ling in qualche modo obbedì. Più puliva, più sentiva che
qualcosa non andava. Proprio mentre stava per gettare lo straccio in testa a
Wei WuXian, quest’ultimo aprì un’altra cassetta, spaventandolo al punto che
sfrecciò fuori di nuovo. Fortunatamente, questa volta, non c’era alcun tanfo.
I tre lavorarono velocemente. Dopo un po’, la cucina sembrava
completamente diversa. Finalmente, la casa era un po’ più vivace, non più
infestata e abbandonata da tempo. In un angolo, c’era della legna da ardere
già tagliata. L’ammassarono nel focolare, accendendola usando un
Talismano del Fuoco. Riposero una grande pentola che avevano già lavato
sul focolare, cominciando a far bollire l’acqua. Wei WuXian prese del riso
glutinoso dalla seconda cassa che aveva trovato, lo lavò, versandolo nella
pentola.
Jin Ling, “Stai preparando del congee?”
Wei WuXian, “Uh-huh.”
Jin Ling scagliò lo straccio sul pavimento. Wei WuXian commentò, “Vedi
come riesci ad arrabbiarti solo perché hai lavorato per un po’? Guarda
SiZhui. Ha lavorato più duramente e non ha ancora detto nulla. Cos’ha che
non va il congee?”
Jin Ling, “Cosa c’è che non va nel congee? E’ così acquoso e insipido!
Aspetta… Non sono arrabbiato perché c’è qualcosa di sbagliato nel congee!”
Wei WuXian, “Ad ogni modo, non è per te.”
Jin Ling era ancora più furioso, “Cos’hai detto? Ho lavorato così tanto, e non
me ne spetta neanche un po’?!”
Lan SiZhui, “Giovane Maestro Mo, il congee può curare l’avvelenamento da
cadavere?”
Wei WuXian sorrise, “Si, però non è il congee che può curare
l’avvelenamento da cadavere, ma il riso. Questa è una medicina popolare. Di
solito, bisogna applicare il riso glutinoso su un graffio o su un morso. In
futuro, se mai ti capiterà di finire di nuovo in una situazione del genere, puoi
provarlo. Anche se farà molto male, è davvero efficace. Però, dato che hanno
ingoiato la polvere dell’avvelenamento da cadavere piuttosto che essere
graffiati o morsi, possiamo solo preparare un po’ di congee di riso così che
possano mangiarlo.”
Lan SiZhui finalmente comprese, “Ecco perché intendevi entrare in una casa
abitata. Solo una casa abitata poteva avere una cucina. Solo una cucina
poteva avere il riso glutinoso.”
Jin Ling, “Da quanto tempo il riso era stato qui? E’ ancora possibile
mangiarlo? Questa cucina non viene utilizzata da almeno un anno. C’è
polvere ovunque e la carne è anche marcia.  Non dirmi che la megera non
mangia da un anno. E’ impossibile che abbia praticato l’inedia. Com’è
sopravvissuta?”
Wei WuXian, “O in realtà nessuno ha vissuto qui e lei non è il gestore del
negozio, oppure semplicemente non ha bisogno di mangiare.”
Lan SiZhui abbassò la voce, “Se non avesse bisogno di mangiare, allora
dovrebbe essere morta. Ma l’anziana respira sicuramente.”
Usando una spatola, Wei WuXian girava con indifferenza la pentola del
congee, mescolando gli ingredienti di varie bottiglie e vasetti, “Giusto. Non
avete finito di spiegare. Perché siete venuti insieme nella Città Yi? Non è
stato un caso che vi siete incontrati, per poi imbattervi in noi, vero?”
Le espressioni dei ragazzi diventarono serie. Jin Ling rispose, “Io, i membri
della Setta Lan e quelli delle altre Sette stavamo inseguendo qualcosa. Sono
venuto dalla zona di Qinghe.”
Anche Lan SiZhui rispose, “Noi siamo venuti da Langya.”
Wei WuXian, “Cos’era?”
Lan SiZhui scosse la testa, “Non lo sappiamo. Non ha mai mostrato il suo
volto. Non sappiamo neppure cosa sia o chi sia… O quale organizzazione
fosse esattamente.”
Da quando, pochi giorni prima, Jin Ling aveva mentito a suo zio, liberando
Wei WuXian, era preoccupato che questa volta Jiang Cheng gli avrebbe
davvero spezzato le gambe, così aveva deciso di sgattaiolare via e scomparire
per alcuni giorni, nascondendosi da Jiang Cheng fino a quando la sua rabbia
non si fosse placata. Era scappato subito dopo aver lasciato Zidian a uno dei
fidati subordinati di Jiang Cheng. Quando era giunto in una città ai confini
della zona di Qinghe, il suo viaggio si era interrotto.  Mentre era alla ricerca
di un luogo per la sua prossima caccia notturna, si era concesso una breve
pausa in una grande locanda. Di sera, mentre stava memorizzando gli
incantesimi nella sua stanza, Fairy, che giaceva al suo fianco,
improvvisamente aveva iniziato ad abbaiare verso la porta. Era già notte
fonda. Jin Ling aveva ordinato al cane di calmarsi, ma poi sentì prontamente
qualcuno bussare alla porta.
Anche se Fairy aveva smesso di abbaiare, era ancora inquieto. I suoi artigli
graffiavano il pavimento mentre ringhiava profondamente. Già in allerta,
Jin Ling chiese alla persona di esporre la sua identità. Non ricevette alcuna
risposta, così tornò ai suoi affari. Tuttavia, dopo un’ora, i colpi risuonarono
di nuovo.
Jin Ling saltò fuori dalla finestra insieme a Fairy. Girò intorno e si diresse al
primo piano, con l’intenzione di capire chi stava scherzando con lui nel
cuore della notte. Nonostante i suoi sforzi, non c’era nessuno lì. Aspettò in
silenzio per un po’, ma non vide nessuno davanti alla porta.
Continuando a tenere d’occhio la situazione, lasciò Fairy a guardia della
porta. Era pronto ad attaccare la persona in qualsiasi momento e restò
sveglio per tutta la notte. Nonostante ciò, non accadde nulla. C’erano solo
alcuni strani suoni, come se stesse gocciolando dell’acqua.
Il mattino seguente, delle grida giunsero fuori alla sua porta. Jin Ling aprì la
porta con un calcio, solo per finire in una pozza di sangue. Qualcosa cadde
da sopra la porta. Indietreggiando, Jin Ling riuscì a evitarlo per poco.
Si trattava di un gatto nero!
Qualcuno, non molto tempo prima, aveva inchiodato il cadavere di un gatto
sopra la sua porta. Gli strani suoni gocciolanti che aveva sentito per tutta la
notte erano causati dal sangue del gatto che stava colando.
Jin Ling, “E’ accaduto lo stesso evento anche dopo che ho cambiato alcune
diverse locande, quindi sono passato all’offensiva. Non appena sentivo che
era comparso il cadavere di una gatto da qualche parte, mi dirigevo a
controllare, dato che volevo scoprire chi stava causando questa confusione.”
Wei WuXian si rivolse a Lan SiZhui, “E’ successo anche a voi?”
Lan SiZhui annuì, “Si. Qualche giorno fa, alcuni di noi erano a una caccia
notturna a Langya. Un giorno, durante la cena, abbiamo trovato
improvvisamente la testa scuoiata di un gatto nella zuppa… All’inizio, non
sapevamo che era diretto a noi, ma quella notte, quando ci spostammo a
un’altra locanda, trovammo il cadavere di un gatto tra le lenzuola. Questo è
successo per alcuni giorni. Continuando a inseguirlo, siamo arrivati a
Yueyang, dove abbiamo incontrato il Giovane Maestro Jin. Abbiamo
scoperto che stavamo cercando la stessa cosa, quindi abbiamo deciso di
collaborare e oggi siamo arrivati in questa zona. Abbiamo chiesto a un
cacciatore del villaggio che era di fronte a una tavoletta di pietra, e ci ha
indicato il percorso per la Città Yi.”
Wei WuXian pensò tra sé, Un cacciatore?
I giovani probabilmente avevano attraversato il villaggio davanti al bivio
dopo lui e Lan WangJi. Tuttavia, loro non avevano visto alcun cacciatore.
C’erano solo alcune timide donne del villaggio che davano da mangiare al
pollo, e avevano detto che gli uomini erano partiti per trasportare le merci e
che non sarebbero tornati per molto tempo.
Mentre rifletteva, l’espressione Wei WuXian diventava sempre più grave.
Dal racconto, il loro avversario non aveva fatto altro che uccidere gatti e
scaricare cadaveri. Sebbene queste azioni sembrassero spaventose, in realtà i
ragazzi non erano stati danneggiati. In effetti, quegli eventi avevano
suscitato la loro curiosità, spingendoli ad arrivare alla radice della questione.
Inoltre, questi giovani si erano incontrati a Yueyang. Anche Wei WuXian e
Lan WangJi erano giunti a Shudong da Yueyang. Sembrava quasi che
qualcuno avesse guidato intenzionalmente i confusi giovani affinché
incontrassero loro due.
Portare alcuni confusi giovani in un luogo pericoloso per far fronte a un
violento ramo di cadaveri feroci, non era esattamente la stessa situazione
che era accaduta al Villaggio Mo?
E, questa non era la parte più complicata della situazione. Attualmente, ciò
che Wei WuXian temeva di più era la possibilità che… il Sigillo Stigio della
Tigre poteva trovarsi nella Città Yi in quel preciso momento.
Sebbene Wei WuXian non volesse davvero accettare quella possibilità, era
comunque la spiegazione più ragionevole. Dopotutto, c’era stato persino
qualcuno in grado di ripristinare l’altra parte del Sigillo della Tigre.
Nonostante la conversazione che aveva affrontato, chi sapeva dove fosse
finito il sigillo restaurato?
All’improvviso, Lan SiZhui, che era ancora accovacciato dopo aver acceso la
fiamma, alzò la testa, “Senior Mo, il congee non è pronto?”
Mentre era immerso nei suoi pensieri, aveva smesso di girare. Afferrò la
ciotola che Lan SiZhui aveva lavato e assaggiò un cucchiaio di congee, “E’
pronto. Tiralo fuori. Fai mangiare una ciotola a ogni persona che è stata
avvelenata.”
Tuttavia, dopo che fu servito, Lan JingYi assaggiò un solo boccone prima di
sputarlo, “Cos’è questo? Veleno?!”
Wei WuXian, “Cosa significa che è veleno? E’ la cura! E’ congee di riso
glutinoso.”
Lan JingYi, “Prima di tutto, non so perché il riso glutinoso sarebbe la cura,
ma non ho mai mangiato una ciotola così piccante di congee prima d’ora!”
Gli altri ragazzi che avevano assaggiato le loro porzioni annuirono
all’unisono, con gli occhi bagnati dalle lacrime. Wei WuXian si lisciò il
mento. Era cresciuto a Yunmeng. Le persone di Yunmeng erano tutte
piuttosto tolleranti alle spezie, ma la propensione che Wei WuXian aveva per
le spezie era al di là della norma. Ogni volta che si approcciava alla cucina, il
cibo diventava così piccante che persino Jiang Cheng poteva solo distruggere
la sua ciotola e imprecare. Eppure, per qualche ragione, non riusciva a
trattenersi dall’aggiungere cucchiaiate dopo cucchiaiate di condimenti.
Sembrava che, anche questa volta, non era riuscito a controllare le sue mani.
Incuriosito, Lan SiZhui prese la ciotola e assaggiò un boccone. Anche se il
suo viso arrossì e gli occhi gli s’inumidirono, increspò le labbra e si trattenne
dal sputarlo, pensò tra sé, Il gusto… è così spaventoso che mi ha provocato
quasi un déjà-vu.
Wei WuXian, “Tutte le medicine composte da una certa misura di veleno. Le
spezie vi faranno sudare così da farvi sentire meglio prima”
Gli eww che giunsero dai ragazzi palesavano la loro incredulità. Nondimeno,
con gli sguardi angosciati, mangiarono il congee. Nel giro di pochi secondi,
tutte le loro facce si arrossarono e le loro fronti brillavano mentre
sopportavano l’agonia. Wei WuXian non poté fare a meno di commentare,
“Non è così difficile, no? Anche HanGuang-jun è di Gusu. Riesce a reggere
piuttosto bene le spezie, quindi perché fate così?”
Lan SiZhui rispose con una mano che gli copriva la bocca, “No, senior.
HanGuang-jun ha una propensione verso i sapori molto leggeri. Non mangia
mai le spezie… “
Wei WuXian si fermò per un momento, “Davvero.”
Ma ricordava che nella sua vita precedente, prima di tradire la Setta
YunmengJiang, una volta gli era capitato di incontrare Lan WangJi a Yiling.
All’epoca, sebbene Wei WuXian fosse ampiamente vittima d’insulti, non era
al punto che tutti desideravano farlo fuori. Così, sfacciatamente, chiese a
Lan WangJi di cenare con lui così da poter abbandonarsi ai ricordi insieme.
Tutti i piatti ordinati da Lan WangJi erano pieni di peperoncini del Sichuan,
e quindi aveva sempre pensato che la propensione di Lan WangJi per le
spezie fosse quasi come la sua.
Riflettendoci, non riusciva a ricordare se Lan WangJi avesse effettivamente
preso le sue bacchette. Per di più, dimenticò perfino che il pasto era un suo
regalo, quindi finì per pagare tutto Lan WangJi. Questo era il motivo per cui
era naturale per lui dimenticare un simile dettaglio.
Non sapeva perché ma, all’improvviso, desiderò davvero poter vedere il viso
di Lan WangJi.
“… Senior, Senior Mo!”
“Hmm?” Wei WuXian finalmente si ricompose. Lan SiZhui sussurrò, “La
porta dell’anziana… si è aperta.”
Da qualche parte era giunta una raffica di vento, che aveva aperto
debolmente la porta della stanza. La porta ondeggiò, aprendosi e
chiudendosi, rilevando il vago profilo di un’ombra curvata davanti a un
tavolo nella spaventosa oscurità. Wei WuXian indicò loro di restare fermi ed
entrò nella stanza da solo.
La fioca luce della lampada a olio e dei candelabri nella camera centrale
filtrava all’interno. L’anziana sedeva con la testa abbassata, come se non
avesse notato l’intrusione di qualcuno. Un tessuto giaceva sulle sue
ginocchia, strettamente teso su una cornice da ricamo, probabilmente stava
cucendo. Le sue due mani rigidamente incollate l’una all’altra, cercavano di
guidare il filo attraverso un ago.
Wei WuXian si sedette accanto al tavolo, “Gestore, perché non accendi la
lampada se stai infilando un ago? Lascia che ti aiuti.”
Afferrò l’ago e lo infilò, il filo passò subito. Lo restituì all’anziana, uscendo
dalla stanza come se nulla fosse accaduto e chiuse la porta dietro di sé, “Non
c’è bisogno di entrare.”
Jin Ling, “Quando eri dentro, hai visto se la megera era effettivamente viva?”
Wei WuXian, “Non chiamarla megera. E’ piuttosto scortese. L’anziana è un
cadavere vivente.”
I ragazzi si scambiarono un’occhiata. Lan SiZhui chiese, “Cos’è un cadavere
vivente?”
Wei WuXian, “Dalla testa ai piedi, tutto sembra indicare che sia un cadavere,
ma la persona in realtà è viva. Ecco cos’è un cadavere vivente.”
Jin Ling era scioccato, “Stai dicendo che è ancora viva?”
Wei WuXian, “Avete visto là dentro?”
“Si.”
“Cosa avete visto? Cosa stava facendo?”
“Stava infilando un ago.”
“E’ entrato?”
“… No.”
“Corretto. E’ incapace di infilare un ago. I muscoli dei morti sono troppo
rigidi perché possano eseguire azioni complesse come infilare un ago. I
marchi sul suo viso non sono segni dell’età, ma è livor mortis. E non ha
neppure bisogno di mangiare. Però può respirare, quindi questo la rende
viva.”
Lan SiZhui, “M-ma l’anziana è già piuttosto vecchia. Molte persone anziane
hanno una scarsa vista e non riescono a infilare gli aghi da soli.”
Wei WuXian, “Quindi l’ho aiutata. Avete notato l’altro dettaglio però? Da
quando si è aperta la porta fino ad ora, non battuto ciglio neppure una
volta.”
I ragazzi sbatterono le palpebre alcune volte. Wei WuXian continuò, “I vivi
ammiccano per evitare che gli occhi possano diventare secchi. I morti,
d’altra parte, non hanno bisogno di farlo. E, quando ho preso l’ago e il filo,
qualcuno ha notato come mi guardava?”
Jin Ling, “I suoi bulbi oculari non si movevano… ma la testa si!”
Wei WuXian, “Esatto. Quando le persone guardano una direzione, i loro
bulbi oculari di solito si muovono, non importa quanto insignificante sia il
movimento. Tuttavia, gli occhi dei morti non lo fanno. Questo perché i morti
non possono compiere un’azione tanto semplice come muovere gli occhi.
Possono invece girare solo la testa e il collo.”
Lan JingYi era stupito, “Dovremmo prendere degli appunti?”
Wei WuXian, “E’ una buona abitudine, ma pensi che avresti il tempo di
sfogliare gli appunti mentre sei fuori durante una caccia notturna? Tenetelo
a mente.”
Jin Ling parlò a denti stretti, “I cadaveri ambulanti sono già abbastanza
strani. Perché esistono creature come i cadaveri viventi?!”
Wei WuXian, “Le persone morte hanno molti svantaggi: muscoli rigidi,
movimenti lenti e così via. Tuttavia, ci sono anche alcuni vantaggi: non aver
paura del dolore, l’incapacità di pensare, sono facilmente manovrabili.
Qualcuno ha pensato di modificare gli svantaggi, creando dei cadaveri
fantocci perfetti. E’ così che sono nati i cadaveri viventi.”
Anche se i ragazzi non avevano detto nulla, una sola frase era scritta sui loro
volti, “Questa persona doveva essere Wei! Wu! Xian!”
Wei WuXian non sapeva se ridere o corrugare la fronte, pensando in
silenzio, Ma non ho davvero fatto nulla del genere!
Anche era simile ai suoi metodi!
Continuò, “Ahem. Va bene. Wei WuXian l’ha iniziato. Ma, ha avuto successo
con Wen Ning, o il Generale Fantasma. A essere onesti, è qualcosa che mi
sono sempre chiesto, chi ha inventato questo titolo? E’ così stupido. Ad ogni
modo, c’erano altre persone che volevano imitarlo, ma non erano abbastanza
abili, quindi hanno utilizzato dei mezzi impropri. Mirando alle persone
ancora vive, hanno sviluppato i cadaveri viventi.” Concluse “Un genere di
imitazione fallita.”
Quando sentì il nome di Wei WuXian, il volto di Jin Ling si congelò. Sbuffò
“Anche Wei Ying ha utilizzato dei mezzi impropri.”
Wei WuXian “Si. Allora, quelli che hanno creato i cadaveri viventi hanno
usato i mezzi più impropri di tutti.”
Lan SiZhui, “Senior Mo, cosa dovremmo fare ora?”
Wei WuXian, “Alcuni cadaveri viventi non sanno di essere già morti. Penso
che quest’anziana sia uno di quei cadaveri confusi. Cerchiamo di non
disturbarla per ora.”
All’orizzonte, improvvisamente risuonarono una serie di colpetti nitidi di un
palo di bambù che batteva sul terreno.
Il suono giungeva da una finestra nelle vicinanze, serrata da pannelli di
tavole di legno nero. Tutti i discepoli nella camera centrale impallidirono. Da
quando erano entrati in città, erano stati costantemente infastiditi da quel
suono. Adesso, finivano per farsi prendere dal panico ogni volta che lo
sentivano. Wei WuXian fece loro cenno di tacere. Tutti trattennero il respiro
mentre fissavano Wei WuXian avanzare verso la finestra e guardare fuori
attraverso la stretta fessura tra le tavole.
Non appena Wei WuXian si avvicinò alla fessura, poté vedere una distesa
bianca. Pensò che la nebbia all’esterno fosse troppo fitta affinché potesse
vedere qualcosa. All’improvviso, tuttavia, il candore si restrinse
rapidamente.
Vide un paio di orribili occhi bianchi, che osservavano in cagnesco dalla
fessura tra le tavole. Il campo bianco che aveva visto non era nebbia, ma due
occhi senza pupilla.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 36


– Erba – Parte Quattro
 
Jing Ling e gli altri si sentivano come se i loro cuori stessero per saltargli
fuori dal petto, in quanto temevano che sarebbe accaduto qualcosa a Wei
WuXian guardando all’esterno, e che sarebbe finito per collassare per terra
coprendosi gli occhi con le mani. In seguito ad un suo Ah di esclamazione, i
cuori dei ragazzi persero alcuni battiti. Anche i loro capelli si rizzarono,
“Cos’è successo?!”
Wei WuXian parlò il più piano possibile, “Shh. Non parlate. Lo sto
osservando.”
Jin Ling abbassò la voce così che fosse ancora più silenziosa di quella di Wei
WuXian, “Allora, cosa stai guardando? Cos’è la cosa che c’è fuori alla porta?”
Wei WuXian non distolse lo sguardo né fornì una risposta diretta,
“Hmmm… Si… Questo è sorprendente. Davvero stupefacente.”
L’espressione che era possibile intravedere dal lato del suo viso era carica di
gioia, e sia la sua lode che l’esclamazione sembravano giungere dal profondo
del suo cuore. La curiosità dei discepoli allontanò immediatamente il loro
nervosismo. Lan SiZhui non poté fare a meno di chiedere, “… Senior Mo,
cos’è davvero sorprendente?”
Wei WuXian, “Wow! E’ così carino. Restate in silenzio, ragazzi. Non
spaventatelo. Non ho ancora finito di osservarlo.”
Jin Ling, “Spostati! Voglio vedere.”
“Anch’io!”
Wei WuXian, “Siete sicuri?”
“Si!”
Wei WuXian esitò a indietreggiare di un passo, come se non desiderasse
spostarsi. Jin Ling fu il primo ad avanzare. Guardò fuori attraverso la sottile
fessura tra le assi di legno.
Era già notte fonda. Nella fredda atmosfera, persino la nebbia della Città Yi
si era un po’ dissipata, permettendo appena di vedere la strada a distanza di
pochi metri. Jin Ling sbirciò per un po’. Non riuscendo a trovare la cosa
“sorprendente” e “carina”, restò piuttosto deluso. Pensò tra sé, Non l’avrò
spaventato perché stavo parlando, vero?
Proprio mentre stava per arrendersi, una figura piccola e avvizzita balenò
davanti alla fessura.
Dopo aver visto l’intero aspetto dell’entità senza alcuna preparazione, il
cuoio capelluto di Jin Ling rabbrividì dallo shock. Per poco non esplose, ma,
sopprimendo in qualche modo l’urlo ancora fermo nel suo petto, riuscì a
restare in silenzio, con una postura rigida e curva. Dopo che il formicolio
sulla sua testa cessò, a suo malgrado, si rivolse a Wei WuXian. Wei WuXian,
la radice del tumulto, era appoggiato alla finestra accanto alla porta. Con un
angolo della bocca curvato verso l’alto, sollevò le sopracciglia e rivolse a Jin
Ling un sorriso malizioso, “Non ha un aspetto carino?”
Jin Ling gli lanciò un’occhiataccia. Comprendendo che si stava prendendo
gioco di loro di proposito, Jin Ling digrignò i denti, “… Si…”
Con un ripensamento, si ricompose e rispose casualmente, “Lo definirei
mediocre nel migliore dei casi. E’ degno appena di uno sguardo!”
Dopo il commento, si spostò di lato, aspettando che giungesse l’altra persona
vittima dell’imbroglio. Il loro scambio ingannevole sollevò il livello di
curiosità degli altri fino a raggiungere il culmine. Lan SiZhui non riuscì a
trattenersi dal restare fermo e si diresse verso lo stesso punto. Proprio
mentre i suoi occhi si avvicinavano alla fessura, esplose con un “Ah!”, ma in
tutta onestà, diverso dai precedenti due.
Con il viso carico di panico, saltò all’indietro per lo shock. Trovò Wei
WuXian solo dopo aver girato stordito alcune volte, poi si lamentò, “Senior
Mo! C’è un… un… “
Wei WuXian rispose con un’assoluta consapevolezza, “C’è “quello”, giusto?
Non hai bisogno di dirlo ad alta voce, altrimenti non sarebbe più una
piacevole sorpresa. Lascia che tutti possano vederlo da soli.”
Era impossibile per gli altri osare ancora avanzare dopo aver assistito alla
reazione terrorizzata di Lan SiZhui. Una piacevole sorpresa? Era più simile a
un orribile incontro. Tutti agitarono le mani in segno di rifiuto, “No, grazie.
No, grazie.”
Jin Ling sputò, “Siamo già in questa situazione e tu continui a giocare degli
brutti scherzi. Cosa diavolo stai pensando?”
Wei WuXian, “Mi hai seguito anche tu, no? Non imitare il tono di tuo zio.
SiZhui, era spaventoso?”
Lan SiZhui annuì obbedientemente, “Sì.”
Wei WuXian, “Va bene. Questa è un’eccellente opportunità per la vostra
coltivazione. Perché i fantasmi spaventano le persone? Questo perché
quando le persone sono spaventate, la loro coscienza svanisce mentre il loro
spirito raggiunge i picchi di tensione, e in questi momenti è più facile
aspirare la loro energia Yang. Questo è il motivo per cui i fantasmi hanno
paura di chi non è intimorito dalla loro presenza. Non possono cogliere
l’opportunità, quindi i fantasmi non riusciranno a fargli nulla. Quindi, come
discepoli di coltivazione, il vostro obiettivo numero uno è quello di diventare
più coraggiosi!”
Poiché era felice a causa della sua impossibilità a muoversi per dare
un’occhiata, Lan JingYi mormorò, “Il coraggio è determinato fin dalla
nascita. Cosa puoi fare se nasci codardo?”
Wei WuXian, “Siete nati sapendo volare sulle spade? Le persone riescono a
farlo solo dopo aver continuato a fare pratica. Allo stesso modo, le persone
possono abituarsi a qualcosa dopo aver subito uno spavento. Una latrina
puzza? E’ disgustosa? Fidatevi di me, se vivete in una latrina per un mese,
alla fine riuscirete persino a mangiare i vostri pasti là dentro.”
I ragazzi era assolutamente terrorizzati. Respinsero i loro reclami
all’unisono, “No, non puoi!! Questo è impossibile!!”
Wei WuXian, “E’ solo un esempio. Va bene, ammetto di non aver mai
vissuto in una latrina in vita mia. Non so se è davvero possibile mangiare al
suo interno. Non ho delle prove. Tuttavia, dovete provare con ciò che è
presente fuori alla porta. Non dovete solo guardarlo ma, anche osservarlo
attentamente. Guardate i dettagli. Dai dettagli, riuscirete a trovare dei punti
deboli nascosti nel più breve tempo possibile. Dovete affrontare la situazione
con calma e cercare l’occasione per contrattaccare. Va bene, ho detto
abbastanza così che possiate capire? La maggior parte delle persone non ha
l’opportunità di avere la mia guida. Sfruttatela. Che nessuno si allontani.
Mettetevi in fila uno per uno, per favore. Lo guarderete uno alla volta.”
“… Dobbiamo davvero farlo?”
Wei WuXian, “Certo. Non scherzo mai. E non amo neppure imbrogliare le
persone. Iniziamo con JingYi. Sia Jin Ling che SiZhui hanno già guardato.”
Lan JingYi, “Cosa? Non posso guardare, no? Le persone affette
dall’avvelenamento da cadavere non possono muoversi. L’hai detto tu
stesso.”
Wei WuXian, “Fammi vedere la tua lingua. Ah.”
Lan JingYi, “Ah.”
Wei WuXian, “Congratulazioni. Sei guarito. Fai coraggiosamente un passo
avanti. Forza!”
Lan JingYi, “Sono già guarito?! Stai scherzando, vero?!”
Poiché le sue proteste furono respinte, poté solo farsi forza e avanzare verso
la finestra. Guardò una volta, poi distolse lo sguardo. Guardò ancora una
volta, poi distolse nuovamente lo sguardo. Wei WuXian picchiettò sulla
tavola, “Di cosa hai paura? Ci sono io qui. Non romperà le tavole, tanto
meno mangerà i tuoi bulbi oculari o qualcosa del genere.”
Lan JingYi sobbalzò, “Ho finito di guardare!”
E poi, ogni volta che arrivava il turno di qualcuno, risuonavano dei forti
sussulti di spavento. Dopo che giunse il turno di tutti, Wei WuXian parlò di
nuovo, “Avete finito di guardare? Quindi, ragazzi, esponete al gruppo quali
dettagli avete raccolto. Riassumiamo.”
Jin Ling lottò affinché potesse parlare per primo, “Occhi bianchi. Donna.
Bassa e magra. Bell’aspetto. Regge un palo di bambù.”
Lan SiZhui rifletté per un momento, “La sua altezza dovrebbe raggiungere il
mio petto. Indossa solo degli stracci e non sembra molto pulita, è vestita
come un mendicate di strada. Il palo di bambù sembra un bastone bianco. E’
possibile che i suoi occhi bianchi non siano diventati così dopo la morte, ma
che fosse cieca già prima di morire.”
Wei WuXian commentò, “Jin Ling aveva molte informazioni, ma le notizie
fornite da SiZhui sono di una qualità migliore.”
Le labbra di Jin Ling si contrassero in segno di insoddisfazione.
Un ragazzo intervenne, “La ragazza ha solo circa quindici o sedici anni. Ha
un viso ovale, con dei lineamenti delicati dall’aria vivace. I suoi lunghi
capelli sono raccolti con una forcina di legno, alla cui estremità ha intagliato
la piccola testa di una volpe. Non è solo piccola, ma la sua figura è anche
snella. Anche se non è molto pulita, non è neppure sudicia. Dopo una breve
pulizia, diventerebbe sicuramente una ragazza adorabile.”
Quando sentì le sue parole, Wei WuXian capì immediatamente che quel
ragazzo aveva un futuro molto promettente. Lo elogiò energicamente, “Ben
fatto, ben fatto. Sono osservazioni sia dettagliate che singolari. Ragazzino,
sarai sicuramente un tipo sentimentale quando crescerai.”
Il ragazzo arrossì e si voltò verso il muro, ignorando le risate dei suoi pari.
Un altro ragazzo parlò, “Sembra che il suono del palo di bambù che colpisce
terra fosse legato a lei che cammina. Se prima di morire fosse stata cieca,
non riuscirebbe a vedere neppure ora che è diventata un fantasma, quindi
può affidarsi solo al bastone bianco.”
Un altro dei ragazzi sostenne, “Ma come potrebbe essere possibile? Avete
tutti visto le persone cieche, no? Poiché non possono usare la vista, si
muovono e camminano lentamente, nel caso in cui possano imbattersi in
qualcosa. Tuttavia, il fantasma fuori alla porta ha dei movimenti rapidi. Non
ho mai visto una persona cieca così veloce prima d’ora.”
Wei WuXian sorrise, “Bel lavoro. Hai ragione ad aver pensato a questo. E’
esattamente il modo in cui devi analizzare. Non scartare alcun punto
sospetto. Ora, invitiamola dentro per ottenere delle risposte.”
Non appena finì la frase, tolse immediatamente una delle tavole. Non solo i
ragazzi all’interno, ma anche il fantasma fuori alla finestra sobbalzò
improvvisamente, sollevando prudentemente il suo palo di bambù.
Wei WuXian prima salutò il fantasma, poi chiese, “Signorina, hai qualche
questione da risolvere qui, visto che hai continuato a seguirli per tutto il
percorso?”
La ragazza sgranò gli occhi. Se fosse stata ancora viva, avrebbe avuto un
aspetto davvero adorabile. Tuttavia, senza pupille e con due striature di
sangue che le sgorgavano dagli occhi, sembrava più spaventosa che mai.
Alcuni dei presenti alle sue spalle sussultarono. Wei WuXian li confortò, “Di
cosa avete paura? Vi abituerete a vedere delle persone che sanguinano dai
sette qiao[1] in futuro. Ora ne stanno sanguinando solo due su sette e
ancora non riuscite a gestirli? Questo è il motivo per cui vi dico che dovete
sperimentare di più per rafforzarvi.”
In precedenza, la ragazza stava girando con risentimento davanti alla loro
finestra, colpendo il terreno con il suo palo, battendo i piedi e fissava tutti,
mentre agitava le braccia. Adesso, tuttavia, le sue azioni cambiarono.
Gesticolò, come se intendesse comunicare qualcosa. Jin Ling chiese,
“Strano. Non può parlare?”
Sentendo questo, il fantasma della ragazza si fermò, poi aprì la bocca.
Il sangue sgorgò dalla sua bocca vuota. La sua lingua era stata estratta dalla
radice.
I discepoli erano ricoperti dalla pelle d’oca, eppure provavano un senso di
compassione. Ecco perché non poteva parlare. E’ sia cieca che muta, che
sfortuna.
Wei WuXian, “Sai usare il linguaggio dei segni? Qualcuno lo capisce?”
Nessuno lo capiva. La ragazza era talmente agitata che, pestando i piedi, usò
la sua asta per scrivere e scarabocchiare a terra. Eppure, chiaramente non
apparteneva a una famiglia di studiosi. Era analfabeta e non poteva scrivere
nulla. Con delle confuse figure schematizzate, nessuno poté capire cosa stava
cercando di riferire.
All’improvviso, dall’altra parte della strada giunsero una serie di passi e
degli ansimi umani.
Lo spirito della ragazza scomparve improvvisamente. Probabilmente
sarebbe tornata di nuovo, quindi Wei WuXian non era preoccupato. Sistemò
rapidamente l’asse e continuò a sbirciare fuori dalla fessura. Anche i
discepoli volevano controllare la situazione all’esterno, e tutti si affollarono
davanti alla porta. Una fila di teste sovrapposte dall’alto verso il basso
bloccavano l’intera fessura.
Anche se la nebbia si era dissolta un po’, in quel momento, si ripresentò di
nuovo. Una figura avanzò goffamente attraverso la nebbia e continuò ad
avanzare.
L’individuo era vestito di nero. Sembrava ferito, perché barcollava mentre
correva. Aveva una spada agganciata alla sua vita, anch’essa avvolta in un
tessuto nero. Lan JingYi sussurrò, “E’ l’uomo con il volto oscurato?”
Lan SiZhui sussurrò, “Probabilmente no. L’uomo dal volto oscurato si
muoveva in un modo completamente diverso da questa persona.”
Un gruppo di cadaveri ambulanti seguiva quella persona. Muovendosi
velocemente, lo raggiunsero presto. La persona affrontò gli attacchi
sfoderando la sua spada. Il suo bagliore luminoso e limpido squarciò la
nebbia. Wei WuXian si congratulò silenziosamente, Che bella mossa!
Tuttavia, dopo l’attacco, gli strani e familiari schizzi risuonarono di nuovo.
La polvere nero-rossa fuoriuscì dagli arti recisi dei cadaveri. La persona era
stata circondata. Poiché non aveva nessun luogo dove ripararsi, restò
dov’era, e fu immediatamente travolto dalla polvere. Lan SiZhui restò
sconvolto dalla scena. Esortò con una voce sommessa, “Senior Mo,
quell’uomo, noi…”
Un altro gruppo di cadaveri ambulanti si stava avvicinando e circondò
l’individuo. Il cerchio si restringeva sempre di più. La sua spada sferzò di
nuovo, ed esplose altra polvere di avvelenamento da cadavere. Respirò altra
polvere, e sembrò già iniziare a perdere l’equilibrio. Wei WuXian parlò,
“Dobbiamo aiutarlo.”
Jin Ling, “Come intendi aiutarlo? Non possiamo andare laggiù ora. La
polvere d’avvelenamento da cadavere è ovunque. Verrai contagiato se ti
avvicini.”
Dopo un momento di riflessione, Wei WuXian lasciò la finestra ed entrò
nella stanza centrale. I ragazzi non poterono fare a meno di seguirlo con lo
sguardo. I manichini di carta delle diverse posture si elevavano in silenzio
tra le due ghirlande. Wei WuXian camminò davanti a loro, e si fermò di
fronte a una coppia di manichini femminili.
Ogni manichino di carta era diverso. Eppure, quella coppia sembrava
realizzata affinché sembrassero due sorelle gemelle. Il loro trucco, i vestiti e
le caratteristiche erano esattamente uguali. Con le sopracciglia piegate e le
espressioni sorridenti, era quasi possibile udire le loro risa “hee-hee”.
Portavano dei doppi chignon, degli orecchini rossi, dei braccialetti dorati e
delle scarpe ricamate, sembravano due cameriere di una famiglia
benestante.
Wei WuXian, “Che pensate di queste due?”
Passò leggermente la sua mano sulla spada sguainata di un ragazzo, aprendo
un taglio sul pollice. Voltandosi, dipinse due coppie di occhi e quattro
pupille sui manichini.
Poi, indietreggiò di un passo. Con un debole sorriso, recitò, “Gli occhi
nascosti dalle tue lunghe ciglia, le labbra stuzzicanti socchiuse e sorridenti.
Non angustiarti del bene o del male, schiudi gli occhi che ti sto invocando.”
All’improvviso, una gelida brezza discese all’interno del negozio. I ragazzi
non riuscirono a fare a meno di stringere con forza le loro spade.
All’improvviso, i manichini delle gemelle oscillarono.
Un attimo dopo, le risatine “hee-hee” uscirono davvero dalle loro labbra
dipinte!
Era l’Evocazione degli Occhi Dipinti[2]!
Come se avessero visto o sentito qualcosa di divertente, i due manichini di
carta ridacchiavano incessantemente. Allo stesso tempo, gli occhi dipinti con
il sangue umano entrarono rapidamente dentro le orbite. Era una vista
davvero sbalorditiva, ma anche piuttosto terrificante. Davanti a loro, Wei
WuXian abbassò la testa in segno di saluto.
Con rispetto, anche i due manichini di carta s’inchinarono leggermente,
ricambiando i saluti di un superiore.
Wei WuXian indicò fuori la porta, “Portate dentro la persona viva. Oltre a
lui, eliminate tutto.”
Delle risate stridule emersero dalle bocche dei manichini di carta, una raffica
di vento spalancò le porte!
Fianco a fianco, i due manichini uscirono, addentrandosi nel cerchio di
cadaveri ambulanti. Era incredibile come, nonostante fossero dei macchini
fabbricati con dei pezzi di carta, avessero una simile forza. Con le delicate
scarpe e le maniche al vento, recisero il braccio di un cadavere con un
movimento della mano, poi mozzarono una parte della testa con l’altra, era
come se le maniche di carta fossero diventate delle lame affilate. Le risatine
civettuole continuarono a riecheggiare lungo la strada, suscitando sia orrore
che fascino.
Non molto tempo dopo, i quindici o sedici cadaveri ambulanti furono ridotti
in pezzi che giacevano pigramente a terra!
Le due cameriere di carta ottennero una vittoria schiacciante. Obbedendo
all’ordine, portarono dentro il debole fuggiasco. Poi, quando saltarono di
nuovo fuori, le porte si chiusero da sole. Entrambe sorvegliavano i due lati
dell’ingresso, come due statue di leoni che custodivano una proprietà, e
finalmente si calmarono.
I discepoli nella stanza restarono senza parole a causa dello shock.
Avevano visto e sentito le descrizioni dei metodi di coltivazione impropri
solo dai libri e dai loro stessi anziani. All’epoca, non riuscivano a capirlo, Se
erano metodi impropri, allora perché tante persone volevano apprenderli?
Perché il Patriarca Yiling aveva tanti imitatori? E ora, dopo che lo avevano
visto con i loro occhi, finalmente riuscivano a realizzare il fascino di quel
genere di pratiche. Inoltre, questo era solo la punta dell’iceberg,
l’”Evocazione degli Occhi Dipinti”. Così, dopo che i ragazzi superarono lo
shock iniziale, non c’era alcuna traccia di disgusto nei loro sguardi, ma, al
contrario, non riuscivano a nascondere l’eccitazione. Sentivano che questo
riusciva ad arricchire le loro esperienze, consentendogli di svolgere maggiori
conversazioni tra i loro giovani. Jin Ling era l’unico che non sembrava molto
d’accordo.
Lan SiZhui andò ad aiutare Wei WuXian con lo sconosciuto. Wei WuXian
parlò, “Che nessuno si avvicini. Fate attenzione a non toccare la polvere
d’avvelenamento da cadavere. Può avvelenarvi anche con il contatto fisico.”
Quando la persona era stata portata dentro dai manichini di carta, era già in
uno stato di semi coscienza, gli restavano solo poche energie. Ora, però, la
sua mente era diventata più nitida. Tossì un paio di volte, coprendosi la
bocca cercando di evitare che la polvere che aveva tossito colpisse le altre
persone. Parlò con un tono basso, “Chi siete?”
La voce sembrava estremamente stanca. Pronunciò quella domanda perché
non solo non sapeva chi fossero le persone nella stanza, ma anche perché
non riusciva a vedere nulla.
Uno spesso strato di bende avvolgeva gli occhi dell’uomo. Probabilmente era
cieco.
E, inoltre, era sia cieco che relativamente bello. Con un naso alto e delle
labbra sottili di una tonalità di un rosso tenue, era possibile considerarlo
affascinante. Sembrava piuttosto giovane, una via di mezzo tra un ragazzo e
un uomo, riuscendo a guadagnare con naturalezza la simpatia di chiunque
s’imbattesse in lui. Wei WuXian si chiese, Perché sto incontrando così tante
persone cieche negli ultimi giorni? Sia nei racconti che di persona; sia vivi
che morti.
All’improvviso, Jin Ling gridò, “Hey. Non sappiamo ancora chi sia, se è un
amico o un nemico. Perché dovremmo salvarlo senza un’attenta
valutazione? Se è una persona cattiva, non finiremo per permettere a un
serpente di entrare?”
Anche se era così, suonava piuttosto imbarazzante mentre lo pronunciava
con un tono così schietto proprio di fronte alla persona in questione.
Stranamente, l’individuo non si arrabbiò e non sembrò preoccupato del
rischio di poter essere cacciato. Sorrise, rivelando le piccole punte di due
canini, “Giovane maestro, hai ragione. Sarebbe meglio se me ne andassi.”
Poiché non aveva predetto quel genere di reazione, Jin Ling si fermò per un
attimo. Non sapendo come ribattere, sbuffò frettolosamente. Lan SiZhui si
affrettò a intervenire tra i due, “Ma potrebbe anche non essere una persona
cattiva. Non ha importanza, non aiutare una persona morente è contro le
regole della nostra Setta.”
Jin Ling continuò testardamente, “Bene. Siete dei bravi ragazzi. Se muore
qualcuno, non sarà colpa mia.”
Lan JingYi si irritò, “Tu…” Prima che riuscisse a finire la frase, fu come se un
gatto gli avesse afferrato la lingua.
Questo perché aveva notato la spada che l’uomo aveva appoggiato vicino al
tavolo. Il tessuto nero che la avvolgeva era in qualche modo caduto, ed era
possibile vedere la struttura della spada.
La spada era stata forgiata con un’abilità ineguagliabile. La guaina era del
colore del bronzo, con intricati motivi di ghiaccio incisi al suo interno.
Attraverso i motivi, la struttura della spada brillava come se fosse fatta di
stelle argentate, con luccicanti macchie luminose a forma di fiocchi di neve.
Emanava un puro e luminoso senso di bellezza.
Lan JingYi sgranò gli occhi, e cercò di dichiarare qualcosa. Anche se Wei
WuXian non sapeva cosa intendeva riferire, dato che l’uomo copriva la sua
spada con un tessuto nero, chiaramente non desiderava che mostrarla agli
altri. Istintivamente, non volendo allertare l’estraneo, coprì la bocca di Lan
JingYi con una mano e portò l’indice dell’altra mano alle labbra, indicando
ai ragazzi altrettanto stupiti di non immettere alcun suono.
Jin Ling gli mimò due caratteri con la bocca, poi usò la sua mano per
trascriverli sul tavolo coperto di polvere.
“Shuanghua.”
… la spada Shuanghua?
Wei WuXian mimò la sua domanda, La spada di Xiao XingChen,
Shuanghua?
Jin Ling e gli altri annuirono in conferma.
I ragazzi non avevano mai visto di persona Xiao XingChen, ma “Shuanghua”
era sia rara che famosa. Non aveva solo un potente potere spirituale, ma
sembrava anche straordinariamente intrecciata. Era stata illustrata
all’interno d’innumerevoli versioni dei cataloghi delle spade, motivo per cui
tutti la conoscevano. Wei WuXian meditò, Se quella spada è Shuanghua, e
la persona è cieca…
Anche uno dei ragazzi stava pensando a questo. Non poté fare a meno di
avvicinare una mano verso le bende avvolte intorno agli occhi della persona,
nella speranza di toglierle così da poter controllare se i suoi occhi erano
ancora lì o no. Eppure, proprio mentre la sua mano stava per toccare le
bende, un’espressione addolorata comparve sul viso della persona. S’inclinò
leggermente all’indietro, come se fosse spaventato dalla possibilità che i suoi
occhi venissero toccati.
Quando notò la sua stessa maleducazione, il ragazzo tolse immediatamente
la mano, “Scusa, scusa… Non l’ho fatto di proposito.”
L’individuo sollevò la mano sinistra, alla quale indossava un sottile guanto
nero. Voleva coprirsi gli occhi, ma aveva paura di farlo. Probabilmente,
anche con un leggero tocco provava un insopportabile dolore, un sottile
strato di sudore era già comparso sulla sua fronte. Gesticolò con difficoltà,
“Non c’è problema…”
La sua voce, tuttavia, tremava debolmente.
Dopo una simile reazione, era quasi possibile appurare che quella persona
fosse Xiao XingChen, che era scomparso dopo il caso del Clan
YueyangChang.
Xiao XingChen non sapeva ancora che la sua identità era stata scoperta.
Dopo che il dolore si placò, cercò Shuanghua. Wei WuXian ripose
rapidamente il tessuto nero che era caduto. Con Shuanghua nella sua mano,
Xiao XingChen annuì, “Grazie per l’aiuto. Mi congederò.”
Wei WuXian, “Resta qui per ora. Sei stato contagiato dall’avvelenamento da
cadavere.”
Xiao XingChen, “E’ grave?”
Wei WuXian, “Abbastanza.”
Xiao XingChen, “Se è grave, allora che senso ha restare? Ad ogni modo,
ormai non c’è più speranza. Perché non dovrei uccidere qualche altro
cadavere prima che diventi anche io uno di loro?”
Quando sentirono che non provava alcun interesse per la propria vita, i
ragazzi sentirono il loro sangue bruciare dall’indignazione. Lan JingYi
scoppiò, “Chi ha detto che non c’è più speranza? Resta qui! Lui ti guarirà!”
Wei WuXian, “Io? Scusa, ma stavi parlando di me?” Davvero non poteva
dire la verità, Xiao XingChen aveva respirato troppa polvere
d’avvelenamento da cadavere. Vista la tonalità rosso scuro della sua
carnagione, probabilmente era troppo malandato affinché il congee potesse
funzionare.
Xiao XingChen, “Ho già ucciso innumerevoli cadaveri in questa città.
Continuavano a seguirmi, e quelli nuovi si univano poco dopo che i vecchi
morivano. Se resterò, finirete per annegare in un oceano di cadaveri, prima o
poi.”
Wei WuXian, “Sai perché la Città Yi è in questo stato?”
Xiao XingChen scosse la testa, “No. Stavo solo gira-… girando per la zona.
Avevo sentito di alcuni strani avvenimenti che erano accaduti in questo
luogo e ho deciso di recarmi in questa città per una caccia notturna. Non
avete visto quanti potenti cadaveri viventi e ambulanti ci sono qui. Alcuni si
muovo troppo velocemente affinché sia possibile prestare attenzione. Altri,
quando vengono uccisi, liberano la polvere d’avvelenamento da cadavere che
contagia le persone al tatto. Tuttavia, se non li uccidi, ti cercheranno e ti
attaccheranno. Entrambi i risultati sono mortali, e questo lo rende davvero
difficile da gestire. A giudicare delle vostre voci, ci sono molti giovani
maestri nel vostro gruppo, giusto? Sarà meglio per voi andare via in prima
possibile.”
Proprio mentre finiva la sua frase, le sinistre risatine dei manichini delle
sorelle risuonarono fuori alla porta. Questa volta, le risate erano più taglienti
che mai.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 37 –
Erba – Parte Cinque
Lan JingYi guardò fuori dalla fessura della porta, poi la bloccò
immediatamente con il suo corpo, “C-c-ce ne sono così tanti!”
Wei WuXian, “Di cadaveri ambulanti? Quanti sono ‘così tanti’?”
Lan JingYi, “Non lo so! Hanno riempito tutta la strada, forse sono centinaia!
E ne arrivano altri! Non penso che i manichini possano tenerli a bada!”
Se i manichini all’esterno non fossero riusciti a sorvegliare le porte, tutti i
cadaveri in strada sarebbero finiti per entrare nel negozio. Ad ucciderli
correvano il rischio di intossicarsi a causa dell’avvelenamento da cadavere, e
nella lotta durante lo scontro, il veleno sarebbe circolato rapidamente nel
sangue; a non ucciderli, rischiavano di essere mutilati e morsi fino alla
morte. Reggendo la sua spada, Xiao XingChen si preparò a uscire,
probabilmente nella speranza di fare del suo meglio con tutta la forza che gli
restava. Tuttavia, il suo viso arrossì improvvisamente, e inciampò sul
pavimento.
Wei WuXian parlò, “Resta semplicemente seduto e rilassati. Presto finirà
tutto.”
Ancora una volta, tagliò l’indice della mano destra sulla spada di Lan JingYi.
Colarono delle goccioline di sangue.
Lan JingYi si offrì volontario, “Utilizzerai ancora l’Evocazione? Se dovrai
disegnare i due occhi di ogni manichino, quanto sangue dovrai usare? Hai
bisogno che te ne dia un po’?”
Prontamente, alcuni ragazzi si rimboccarono le maniche, “Anche io posso
offrirne un po’…”
Wei WuXian non sapeva se ridere o sospirare, “Non c’è problema. C’è
qualche talismano vuoto?”
I discepoli erano piuttosto giovani, e non avevano ancora raggiunto un
livello di coltivazione tale che gli consentisse di scrivere delle rune sul posto.
Quindi, tutti i loro talismani erano già forniti di rune.
Lan SiZhui scosse la testa, “No.”
Wei WuXian non era troppo preoccupato, “Anche quelli già scritti vanno
bene.”
Lan SiZhui tirò fuori una pila di talismani gialli da una Borsa Qiankun,
eppure Wei WuXian ne afferrò solo uno. Dopo un’occhiata fugace, unendo il
medio e l’indice della mano destra, scarabocchiò da cima a fondo sopra le
rune di cinabro che erano già presenti. Il sangue cremisi e il cinabro
vermiglio formarono una nuova serie di rune. Con un colpetto del polso di
Wei WuXian, il talismano giallo e le rune rosse si levarono in aria,
prendendo fuoco. Wei WuXian allungò la mano sinistra per afferrare le
ceneri. Poi, chiuse le dita a pugno e abbassò leggermente la testa. Mentre
riapriva la mano, soffiò dolcemente le ceneri nere verso la fila di manichini
di carta. Respirò, “È bruciata, ma non distrutta dagli incendi della
prateria, quando soffiano i venti di primavera portano di nuovo
alla vita.[1]“
Le ceneri piroettarono per la stanza.
Il Combattente degli Inferi che era davanti a tutti improvvisamente raccolse
l’affilata sciabola ai suoi piedi, appoggiandola sulla sua spalla.
Una signora, con uno chignon e degli abiti raffinati, alzò lentamente la mano
destra. Le sue sottili dita rotearono agilmente, come se fosse stata una
languida nobildonna, apprezzando con noncuranza le sue lunghe unghie
rosso sangue. Accanto alla signora, c’erano un ragazzo dorato e una
ragazza di giada[2], si trattava di una coppia di servitori. Il ragazzo tirò
scherzosamente la treccia alla ragazza, e la ragazza lo bloccò usando la sua
lingua. Una lingua lunga quasi nove pollici si sporse rapidamente dalla sua
bocca, aprendo un grande buco nel petto del ragazzo come se fosse stato un
serpente. Dopo il violento attacco, si ritrasse subito. Il ragazzo spalancò la
bocca, rivelando due file di orribili denti bianchi e le morse un braccio. Così,
i due bambini di carta iniziarono una lotta per conto proprio.
Uno dopo l’altro, le dozzine di manichini di carta iniziarono a barcollare.
Come se intendessero sgranchire i loro arti, sobbalzavano mentre
continuavano a bisbigliarsi a vicenda. I mormorii si alzavano e abbassavano
tutt’intorno a loro. Non erano umani, ma erano qualcosa di meglio.
Wei WuXian, “Trattenete il respiro.”
Dopo aver pronunciato le sue parole, si spostò, liberando il sentiero verso la
porta. Con un leggero inchino, fece un gesto d’invito.
Le porte di legno si aprirono di nuovo. Il tanfo nauseabondo della polvere
d’avvelenamento da cadavere si riversò nella stanza, e i discepoli si
coprirono immediatamente i volti con le maniche. Con l’esplosione di un
grido, il Combattente degli Inferi si precipitò fuori. I restanti manichini lo
seguirono.
Le porte si chiusero alle spalle dell’ultimo manichino di carta. Wei WuXian
chiese, “Nessuno l’ha respirata, vero?”
Tutti negarono in risposta. Wei WuXian aiutò Xiao XingChen ad alzarsi, con
l’intenzione di trovare un posto dove poteva sdraiarsi. Tuttavia, poiché non
c’era, poté solo sedersi sul pavimento freddo e ricoperto di polvere. Xiao
XingChen stava ancora stringendo con forza Shuanghua. Finalmente,
risvegliatosi dal semi coma, tossì un paio di volte, poi parlò con un tono
debole, “Era… l’Evocazione degli Occhi Dipinti?”
Wei WuXian, “Conosco una cosa o due.”
Dopo una breve riflessione, Xiao XingChen sorrise, “Sì… Per eliminare i
cadaveri ambulanti, era davvero il metodo migliore.”
Dopo una pausa, continuò, “Tuttavia, questo percorso di coltivazione può
portare facilmente al ritorcersi contro dei propri fantasmi e spiriti. Persino il
fondatore del sentiero, il Patriarca Yiling, non è riuscito a evitare una simile
sorte. Ti suggerisco di prestare maggiore attenzione e di non usufruirne a
meno che tu non sia in una terribile situazione. Puoi coltivare qualche altro
percorso… “
Wei WuXian sospirò silenziosamente, “Grazie per il tuo consiglio.”
Molti coltivatori famosi prendevano delle chiare posizioni riguardo alcune
questioni, disegnando distinte linee che palesavano il loro odio assoluto nei
confronti di un individuo. Tuttavia, il suo più giovane shishu stava ancora
cercando di persuaderlo, anche mentre era mezzo morto, avvertendolo di
quanto fosse controproducente. Era davvero una persona sensibile, gentile e
cortese. Mentre osservava lo strato di bende che avvolgevano gli occhi di
Xiao XingChen e pensando a tutto ciò che aveva dovuto affrontare, Wei
WuXian non poté fare a meno di compatirlo.
Di solito, solo i giovani discepoli sostanzialmente inesperti provavano un
grande senso di curiosità piuttosto che disprezzo verso quel genere di
percorsi impropri. Oltre Jin Ling, che ostentava un’espressione sprezzante,
tutti gli altri erano ammassati di fronte alla fessura della porta per osservare
lo scontro, “Oh, Dio… Le unghie del manichino della donna sono davvero
spaventose! Con un graffio ha lasciato cinque linee.”
“Perché la lingua della bambina è così lunga e dura? E’ un fantasma
impiccato?”
“L’uomo è così forte! Come riesce a sollevare così tanti cadaveri
contemporaneamente? Li sta per scagliare a terra! Guarda, guarda! Li ha
scaraventati! Si sono spezzati!”
Dopo aver finito di ascoltare le parole dettate dalla buona indole di Xiao
XingChen, Wei WuXian raccolse l’ultima ciotola di congee, “Il veleno ormai
è già diffuso. Ciò che c’è in questa ciotola potrebbe rallentarlo, ma potrebbe
anche non funzionare affatto, senza menzionare il suo pessimo sapore. Vuoi
provare? Se non vuoi vivere, non prestare attenzione a ciò che ho detto.”
Xiao XingChen afferrò la ciotola con entrambe le mani, “Certo che lo farò. Se
posso vivere, non c’è motivo per non farlo.”
Eppure, dopo un solo boccone, gli angoli delle sue labbra iniziarono a
contrarsi. Cercò di frenarsi dal sputarlo, stringendo le labbra con forza. Un
attimo dopo, rispose con rispetto, “Grazie.”
Wei WuXian si voltò, “Lo avete visto? Lo avete visto? Cos’ha detto? Voi
ragazzi avete degli standard così elevati, siete solo riusciti a lamentarvi dopo
aver mangiato il mo congee.”
Jin Ling, “Il tuo congee? Cos’altro hai fatto, oltre ad aggiungere un mucchio
di cose strane nel piatto?”
Xiao XingChen, “Ma, ora che ci penso, se fossi costretto a dover mangiare
questo ogni singolo giorno, preferirei morire.”
Jin Ling rise di lui senza provare neppure a trattenersi. Anche Lan SiZhui
non riuscì a impedirsi di irrompere con un “Pfft“. Restando senza parole,
Wei WuXian si voltò per guardarli, e Lan SiZhui adottò subito
un’espressione composta. Lan JingYi parlò, la sua voce era carica di gioia,
“E’ finito. Sono stati tutti uccisi. Abbiamo vinto!”
Xiao XingChen abbassò la sua ciotola, “Non aprire ancora la porta. Stai
attento. Potrebbero arrivarne altri…”
Wei WuXian, “Non posare la ciotola. Raccoglila e bevi tutto.”  E poi, si
avvicinò alle porte di legno e sbirciò attraverso la fessura. Dopo la brutale
battaglia, la sottile nebbia e la polvere rosso violacea permeavano l’intera
strada. La polvere d’avvelenamento da cadavere stava iniziando a dissiparsi
e il gruppo di manichini di carta stava ispezionando con calma il sentiero.
Tra le parti dei cadaveri che ricoprivano il terreno, quando notavano
qualcosa che riusciva ancora a muoversi, lo calpestavano senza pietà, fino a
che non restavano solo pozzanghere di polpa.
A parte questo, tutto taceva. Per il momento, non stavano arrivando nuovi
cadaveri.
Proprio quando Wei WuXian stava per rilassarsi, una serie di rumori quasi
impercettibili giunsero dall’alto.
I rumori erano estremamente difficili da cogliere. Sembrava che qualcuno
stesse camminando rapidamente sopra il tetto. Tuttavia, dal momento che i
movimenti della persona erano anormalmente leggeri, il rumore dei passi
sembrava quasi impercettibile. Wei WuXian aveva percepito i leggeri rumori
di collisione tra le tegole del tetto solo grazie ai suoi sensi acuti.
Naturalmente, poiché era cieco, anche Xiao XingChen notò i rumori. Lì
avvertì, “Dall’alto!”
Wei WuXian gridò “Disperdetevi!”
Non appena lo disse, attraverso il soffitto della camera centrale si aprì un
grande buco. Polvere, erba e tegole rotte caddero dall’alto. Era una fortuna
che la maggior parte dei discepoli erano già riusciti a disperdersi, quindi
nessuno si ferì. Una figura nera balzò giù dall’apertura del tetto.
L’uomo indossava degli abiti neri di coltivazione. Con una postura alta e una
schiena dritta, sembrava un inflessibile pino. Una frusta a coda di cavallo era
assicurata alle sue spalle e impugnava una lunga spada. Il suo viso, sebbene
fosse bello, era inclinato leggermente verso l’alto, trasmettendo una
personalità altezzosa e distaccata.
Tuttavia, non c’erano delle pupille nei suoi occhi, ma solo una distesa
mortalmente bianca.
Era un cadavere feroce!
Non appena tutti individuarono quel dettaglio, scagliò un attacco con la
spada che impugnava.
Mirò il suo attacco verso Jin Ling, che era il più vicino a lui. Jin Ling si difese
con la sua spada. L’impatto che derivò dall’attacco fu così forte che il suo
braccio finì quasi per intorpidirsi. Senza gli immensi poteri spirituali della
sua spada, Suihua, quest’ultima avrebbe rischiato di rompersi e lui sarebbe
morto sul colpo. Dopo aver fallito il primo attacco, il cadavere vestito di nero
attaccò di nuovo. I suoi movimenti erano fluidi e spontanei, mentre i suoi
attacchi erano secchi e spietati. Questa volta, balzò verso il braccio di Jin
Ling. Con temerarietà, usando la sua spada, Xiao XingChen fermò l’attacco
per Jin Ling. Forse perché l’avvelenamento da cadavere si era scatenato di
nuovo, ma alla fine collassò.
Lan JingYi si lasciò prendere dal panico, “Cos’è esattamente, vivo o morto?!
Non ho mai visto un…”
Un cadavere con una tale velocità e una simile eccellente abilità con la
spada!
Non terminò la frase, perché ricordò di averne già visto uno in precedenza.
Anche il Generale Fantasma era così!
Wei WuXian scrutò il coltivatore con la massima attenzione. Riflettendo
rapidamente, tirò fuori il flauto di bambù dalla sua vita e suonò una lunga
nota acuta e penetrante. Era così dolorosa all’ascolto, che tutti i presenti si
coprirono le orecchie. Quando il coltivatore ascoltò il suono, anche se la sua
figura vacillò e le sue mani tremarono, attaccò nuovamente Wei WuXian!
Non era possibile controllarlo. Quel cadavere aveva già un padrone!
La spada era veloce come un tuono, eppure Wei WuXian la schivò. Durante
lo scambio, suonò tranquillamente un’altra melodia. In una frazione di
secondo, anche i manichini che pattugliavano l’esterno saltarono sul tetto e
scesero dal buco. Percependo che qualcosa non andava, il cadavere sferrò
due colpi con il braccio destro, tagliando verticalmente due manichini in
quattro parti. Con la mano sinistra, impugnò la sua frusta. Era come se
migliaia di ciocche morbide e bianche finissero per trasformarsi in punte
velenose poste su un’asta, tagliando e perforando a ogni sferzata. Se avesse
toccato accidentalmente qualcuno, sarebbe diventato sicuramente un
setaccio sanguinante.
Nel bel mezzo delle varie azioni, Wei WuXian guidò, “Che nessuna venga
qui. Fate i bravi e restate da parte!”
Dopo aver pronunciato le sue parole, tornò immediatamente a controllare i
cadaveri. Il flauto suonava a tratti con vivacità, e poi con impetuosità.
Sebbene il coltivatore usasse entrambe le mani, attaccando con ostilità, i
manichini di carta scendevano incessantemente dal tetto, circondandolo di
attacchi. Quando combatteva da un lato, dall’altro ne arrivava un altro;
quando uccideva quello di fronte, ne arrivata un altro alle sue spalle. Era
davvero difficile gestire tutto contemporaneamente. All’improvviso, un
Combattente degli Inferi si abbatté dall’alto e atterrò su di lui,
immobilizzandolo a terra con un piede sulla sua spalla.
Subito dopo, altri tre Combattenti degli Inferi scesero dall’apertura e
caddero sul suo corpo uno dopo l’altro.
Nelle leggende, i Combattenti degli Inferi erano dotati di una forza
incredibile. Quando gli artigiani li costruivano, solitamente aggiungevano
altre cose nei loro corpi per aumentare il loro peso. Dopo che erano stati
posseduti dagli spiriti vaganti, erano ognuno più pesante dell’altro. Anche
singolarmente erano già pesanti come una montagna. Avendone quattro del
genere sopra di lui, era già fortunato se le sue viscere non erano esplose.
Quindi, il cadavere robusto fu immobilizzato saldamente al suolo dai quattro
Combattenti degli Inferi.
Wei WuXian si avvicinò e notò che una zona sul retro dei suoi vestiti era
strappata. Con calma, intravide una ferita sottile e stretta, nelle vicinanze
della sua scapola sinistra. Ordinò, “Capovolgetelo.”
I quattro Combattenti degli Inferi capovolsero il coltivatore. Con la sua
fronte sottosopra, era più facile ispezionarlo. Wei WuXian avvicinò il dito
con il taglio accanto a ciascuna delle loro labbra come ricompensa. Con le
lingue cremisi di carta, i Combattenti degli Inferi lambirono lentamente il
sangue vicino alle loro labbra, gustandolo con delicatezza. Solo allora, Wei
WuXian abbassò di nuovo lo sguardo e continuò la sua ispezione. Sul lato
sinistro del petto del coltivatore, accanto al suo cuore, c’era uno squarcio,
sembrava una ferita stretta e sottile. Probabilmente era morto con una
pugnalata al cuore.
Il cadavere stava lottando con tutta la sua forza. Un ringhio basso uscì dalla
sua gola e il sangue color inchiostro colò dagli angoli delle sue labbra. Wei
WuXian gli pizzicò le guance, costringendolo ad aprire la bocca. All’interno,
anche la sua lingua era stata estratta dalla radice.
Occhi ciechi, lingua mozzata. Occhi ciechi, lingua mozzata.
Perché quelle due caratteristiche comparivano così spesso?
Dopo aver osservato per un po’, Wei WuXian iniziò a sospettare che il
cadavere poteva essere simile a Wen Ning quando era controllato dai chiodi
neri. Mentre rifletteva, tastò la zona delle tempie del cadavere e, come
pensava, trovò due punte di metallo!
Quel genere di lunghi chiodi erano utilizzati per controllare i cadaveri feroci
di alto livello così che perdessero la coscienza e la capacità di pensare
autonomamente. Senza conoscere l’identità e la personalità del cadavere,
Wei WuXian decise che non poteva incautamente estrarre i chiodi, ma
doveva prima interrogarlo. Tuttavia, poiché la sua lingua non era più
presente, anche se il cadavere riprendeva conoscenza, non poteva parlare.
Wei WuXian chiese ai discepoli della Setta Lan, “Qualcuno di voi ha studiato
Inquisizione?”
Lan SiZhui alzò una mano, “Io. Io l’ho fatto.”
Wei WuXian, “Hai portato il tuo guqin?”
Lan SiZhui, “Sì.” Prontamente, tirò fuori il suo semplicistico guqin, il cui
legno sembrava ancora brillare, dalla sua Borsa Qiankun.
Vedendo che il guqin era ancora piuttosto nuovo, Wei WuXian chiese,
“Com’è il tuo linguaggio qin[3]? Hai avuto un’esperienza reale? Lo spirito
che evochi potrà mentire?”
Lan JingYi intervenne, “HanGuang-jun ha detto che il linguaggio qin di
SiZhui è buono.”
Se Lan WangJi lo aveva definito “buono”, allora era davvero così. Non
avrebbe mai esagerato o minimizzato la questione, e così Wei WuXian smise
di preoccuparsi. Lan SiZhui aggiunse, “Hanguang-jun mi ha detto ci
concentrarmi sulla qualità anziché sulla quantità. Lo spirito che evocherò
potrà evitare di rispondere, ma non riuscirà a mentire. Quindi, se è disposto
a rispondere, sarà sicuramente sincero.”
Wei WuXian, “Allora, iniziamo.”
Il guqin fu collocato orizzontalmente davanti alla testa del coltivatore. Lan
SiZhui si adagiò sul pavimento, le sue vesti si estesero ordinatamente
intorno a lui. Dopo aver provato alcune note, annuì. Wei WuXian iniziò, “La
prima domanda: chi è?”
Dopo una breve riflessione, Lan SiZhui recitò silenziosamente gli
incantesimi, e finalmente fu pronto a suonare la prima frase.
Un attimo dopo, le corde del guqin vibrarono. Risuonarono due note, fu
simile a un’esplosione di una roccia.
Lan SiZhui sgranò gli occhi. Lan JingYi lo incoraggiò, “Che cosa ha detto?”
Lan SiZhui, “Song Lan!”
… L’amico di coltivazione più intimo di Xiao XingChen, Song Lan?!
All’unisono, tutti si voltarono verso Xiao XingChen, che giaceva privo di
sensi sul pavimento. Lan SiZhui sussurrò, “Sa che la persona appena
arrivata è Song Lan…?”
Anche Jin Ling abbassò la voce, “Probabilmente no. Lui è cieco, mentre
Song Lan è muto, inoltre è perfino diventato un cadavere feroce privo di
ragione… E’ meglio che non lo sappia.”
Wei WuXian, “La seconda domanda: chi l’ha ucciso?”
Con entusiasmo, Lan SiZhui suonò l’altra frase.
Questa volta, il silenzio fu tre volte più lungo di quello precedente.
Proprio quando stavano per giungere alla conclusione che l’anima di Song
Lan non fosse disposta a rispondere a quella domanda, le corde del guqin
vibrarono tre volte, le note echeggiarono dolorosamente.
Lan SiZhui sbottò, “E’ impossibile!”
Wei WuXian, “Cos’ha detto?”
Lan SiZhui rispose come se non potesse credere a quello che aveva sentito,
“Ha detto… Xiao XingChen.”
La persona che aveva ucciso Song Lan era Xiao XingChen?!
Avevano posto solo due semplici domande, eppure le rispose erano state più
che scioccati. Jin Ling era scettico, “Hai sbagliato, vero?”
Lan SiZhui, “Ma ‘chi sei’ e ‘chi ti ha ucciso’ sono le due domande più
semplici e comuni di Inquisizione. Quando qualcuno inizia a studiare
Inquisizione, queste sono le prime due frasi che bisogna imparare. Bisogna
praticarle non meno di un migliaio di volte. Le ho controllate prima di
suonarle. Non ho sicuramente sbagliato.”
Jin Ling, “O hai sbagliato a suonare Inquisizione, o hai interpretato il
linguaggio qin nel modo sbagliato.”
Lan SiZhui scosse la testa, “Se sbagliare a suonarle è impossibile, allora
interpretarle male è ancora più impossibile. Il nome e i tre caratteri di ‘Xiao
XingChen’ non sono per niente comuni tra le risposte degli spiriti. Se avesse
risposto con un nome diverso e l’avessi interpretato male, di certo non
sarebbe stato questo.”
Lan JingYi mormorò, “… Song Lan partì per cercare il scomparso Xiao
XingChen, ma Xiao XingChen lo ha ucciso. Perché avrebbe ucciso un caro
amico? Non sembra essere quel genere di persona.”
Wei WuXian, “Non preoccupiamoci di questo per ora. SiZhui, poni la terza
domanda: chi lo sta controllando?”
Con un’espressione inflessibile, Lan SiZhui non osò neppure respirare
mentre suonava la terza frase. Tutti gli sguardi fissavano le corde del guqin,
in attesa della risposta di Song Lan.
Lan SiZhui interpretò la risposta parola per parola, “La. Persona. Alle.
Vostre. Spalle.”
Tutti si girarono il più velocemente possibile. Xiao XingChen, che giaceva
collassato sul pavimento pochi istanti prima, era già seduto, con il mento
appoggiato su una mano. Sorridendo nella loro direzione, sollevò la mano
sinistra che era coperta da un guanto nero e schioccò.
Quando il suono nitido giunse alle orecchie di Song Lan, fu come se
esplodesse proprio accanto a lui. Song Lan, improvvisamente, scagliò via i
quattro Combattenti degli Inferi che lo stavano tenendo a bada!
Balzò immediatamente in piedi. Stringendo di nuovo la sua spada e la frusta,
con entrambe le mani, ridusse i manichini in colorati coriandoli, che si
posarono sul pavimento. La sua spada pressò contro il collo di Wei WuXian,
mentre la frusta mirava minacciosamente ai discepoli.
All’interno del semplice spazio del negozio, la situazione era cambiata
drasticamente.
Jin Ling avvicinò la mano alla sua spada. Notando il gesto con l’angolo degli
occhi, Wei WuXian lo fermò immediatamente, “Non muoverti. Non
peggiorare la situazione. In termini di tecnica, anche tutti insieme è
impossibile essere dei degni avversari di questo… Song Lan.”
Il suo corpo aveva un basso potere spirituale e la sua spada non era al suo
fianco. Inoltre, c’era anche Xiao XingChen: il suo obiettivo restava un
mistero, oppure se era un amico o un nemico.
Xiao XingChen, “Gli adulti hanno bisogno di parlare. I bambini possono
aspettare fuori.”
Fece un cenno a Song Lan, che obbedì immediatamente e guidò i discepoli
all’esterno. Wei WuXian li confortò, “Uscite per ora. Ad ogni modo, non
sarete di grande aiuto qui. La polvere d’avvelenamento da cadavere
dovrebbe essersi già dispersa. Quando uscite, non correte in giro, rischiando
di finire di nuovo tra la polvere. Respirate lentamente.”
Quando sentì il “Non sarete di grande aiuto qui”, Jin Ling non sembrò
convinto ed era agitato. Non voleva accettare la sconfitta, eppure sapeva che
non poteva fare nulla, quindi si precipitò fuori. Prima di uscire, Lan SiZhui
sembrava voler dire qualcosa. Wei WuXian si rivolse a lui, “SiZhui, sei il più
saggio qui. Guidali un po’, d’accordo? Puoi farlo?”
Lan SiZhui annuì. Wei WuXian aggiunse, “Non essere spaventato.”
Lan SiZhui, “Non lo sono.”
“Davvero?”
“Davvero.” Lan SiZhui sorrise, “Senior, sei molto simile a Hanguang-jun.”
Wei WuXian era perplesso, “Noi? Come possiamo essere simili?”
Ovviamente erano come il fuoco e il ghiaccio. Tuttavia, Lan SiZhui sorrise
semplicemente in risposta, e condusse fuori i restanti del gruppo.
Continuò a riflettere in silenzio, Non riesco a capire il motivo, eppure
sembrano davvero simili. Sembra che quando è presente almeno uno dei
due senior, riesco a non essere né spaventato e né preoccupato di nulla.
Xiao XingChen tirò fuori un elisir rosso da qualche parte e lo inghiottì, “E’
così toccante.”
Dopo averlo ingerito, la sfumatura rosso violacea del suo viso svanì
immediatamente. Wei WuXian chiese, “La cura per l’avvelenamento da
cadavere?”
Xiao XingChen, “Esatto. E’ molto più efficace della tua spaventosa ciotola di
congee, giusto? E ha un sapore dolce.”
Wei WuXian, “La tua esibizione è stata meravigliosa. Dallo sterminare
coraggiosamente i cadaveri, indebolirti, al bloccare la spada per Jin Ling,
perdendo poi conoscenza. Era tutto per intrattenerci?”
Xiao XingChen alzò un dito e lo agitò davanti al suo viso, “Non era per
‘intrattenere ‘voi’, ma per intrattenere ‘te’. Non vedevo l’ora di incontrare te,
il Patriarca Yiling. E’ meglio vederlo di persona che ascoltare delle semplici
storie.”
Wei WuXian non reagì alle sue parole e la sua espressione restò invariata.
Xiao XingChen continuò, “Suppongo che tu non abbia ancora detto a
nessuno chi sei veramente, vero? Quindi, neppure io ho esposto il tuo
segreto e ho detto loro di uscire per chiudere le porte e conversare in privato.
Che ne pensi? Non sono gentile?”
Wei WuXian, “Tutti i cadaveri ambulanti nella Città Yi sono sotto il tuo
controllo?”
Xiao XingChen, “Certo. Non appena siete arrivati e sono iniziati i tuoi fischi,
ho pensato che fossi un po’ strano ed è per questo che ho deciso di
occuparmi personalmente della questione e di esaminarti. Proprio come
pensavo, qualcuno che riesce a utilizzare dei poteri così potenti con un
sortilegio di basso livello come l’Evocazione degli Occhi Dipinti potrebbe
essere solo il fondatore.”
Xue Yang aveva percorso il suo vecchio sentiero. Poiché si trattava della
stessa pratica, entrambi avevano utilizzato dei mezzi impropri, quindi Wei
WuXian non poteva ingannarlo. Wei WuXian chiese, “Quindi, visto che hai
preso in ostaggio un gruppo di bambini, cosa vuoi che faccia?”
Xiao XingChen rise, “Senior, voglio che tu mi faccia un favore. Un piccolo
favore.”
Lo shidi di sua madre lo chiamava senior. Le generazioni davvero non
corrispondevano. Proprio mentre Wei WuXian stava ridacchiando in
segreto, Xiao XingChen tirò fuori una Borsa Blocca Spirito e l’appoggiò sul
tavolo, “Prego.”
Wei WuXian pose una mano sulla borsa e la controllò per un po’, riusciva a
sentire le pulsazioni di qualcuno, “Di chi è quest’anima? E’ già un disastro.
Anche se provassi a ripristinarla, non sarebbe possibile ricomporla. Resta
solo un alito di vita.”
Xiao XingChen, “Se fosse stato semplice ricomporre l’anima di questa
persona, perché avrei dovuto chiedere il tuo aiuto?”
Wei WuXian ritirò la sua mano, “Vuoi che ricomponga questa anima? Senza
offesa, ma qui davvero non resta molto. Quando era ancora in vita, questa
persona ha probabilmente sofferto molti tormenti. Sarà stato piuttosto
doloroso. Presumibilmente, ha commesso un suicidio, quindi non vorrà
ritornare in questo mondo. Se un’anima di per sé non ha alcun desiderio di
vivere, allora sarà impossibile salvarla. Se non sbaglio, l’anima è stata
rammendata con la forza. Non appena lascerà la Borsa Blocca Spirito, si
dissiperà subito. Puoi capirlo meglio di chiunque altro.”
Xiao XingChen, “Non riesco a capirlo e non m’interessa. Anche se non vuoi,
dovrai farmi questo favore. Senior, non dimenticare che i tuoi bambini ti
stanno ancora sorvegliando all’esterno, in attesa che li aiuti a sfuggire dal
pericolo.”
Il tono con cui aveva parlato sembrava piuttosto strano. Era premuroso,
quasi dolce, ma era una familiarità sorta dal nulla. Era come se un momento
prima riuscisse a chiamarti fratello e senior, e un attimo dopo potesse
diventare ostile e ucciderti. Wei WuXian rise, “Anche io sono felice di averti
potuto incontrare di persona, invece di ascoltare i racconti. Xue Yang,
perché fingi di essere un coltivatore invece del delinquente che sei
veramente?”
Dopo una pausa, ‘Xiao XingChen’ alzò la mano e si tolse le bende intorno ai
suoi occhi.
Le bende caddero strato dopo strato, rivelando due occhi luminosi e
splendenti.
Era due occhi incolumi.
Aveva tratti giovanili e piacevoli, quasi belli. Tuttavia, i canini che
apparivano quando sorrideva erano carini in un modo infantile, riuscendo a
nascondere furtivamente l’indomita crudeltà nel suo sguardo.
Xue Yang gettò le bende da parte, “Uh-oh. L’hai scoperto.”
Wei WuXian, “Hai finto intenzionalmente che il dolore fosse insopportabile
così che le nostre coscienze non ci consentissero di togliere le tue bende per
controllare; ci hai mostrato di proposito Shuanghua; hai finto di essere un
coltivatore vagabondo che ha subito una disgrazia. Sapevi non solo come
fingerti ferito e indifeso, ma soprattutto come guadagnare la simpatia degli
altri. Hai davvero interpretato un veritiero e virtuoso Xiao XingChen. Se non
fosse che sei a conoscenza di più cose di quanto dovresti, avrei davvero
creduto che fossi lui.”
E, durante Inquisizione, la risposta di Song Lan alla seconda domanda era
stata ‘Xiao XingChen’, mentre per la terza domanda era ‘Quello alle vostre
spalle’.
Se ‘Quello alle vostre spalle’ era Xiao XingChen, Song Lan non avrebbe
avuto bisogno di esprimerlo in un altro modo.
A meno che, Xiao XingChen e ‘Quello alle vostre spalle’ non fossero due
persone diverse. Song Lan voleva avvertirli di quanto fosse pericolosa la
persona alle loro spalle, ma se avesse risposto semplicemente con Xue Yang,
era possibile che non fossero a conoscenza della sua identità.  Aveva potuto
rispondere solo in quel modo.
Xue Yang sogghignò, “Beh, è vero che la sua reputazione è migliore della
mia. Ecco perché ho finto di essere lui. E’ più facile ottenere la fiducia degli
altri in questo modo.”
Wei WuXian, “E’ stata davvero una recita eccellente.”
Xue Yang, “Ora mi stai solo lusingando. Ho un amico molto famoso. La sua
recitazione è ciò che definirei eccellente. Ho ancora molta strada da fare.
Comunque, basta con le chiacchiere. Senior Wei, devi davvero concedermi
questo favore.”
Wei WuXian, “Sei tu quello che ha creato i lunghi chiodi che controllavano
Song Lan e Wen Ning, vero? Sei riuscito perfino a ripristinare la parte del
Sigillo Stigio della Tigre, quindi perché dovresti aver bisogno del mio aiuto
per ripristinare un’anima?”
Xue Yang, “Non è uguale. Sei il fondatore. Se tu non avessi mai realizzato la
prima parte del sigillo, non sarei mai riuscito a realizzare l’altra metà da
solo. Non c’è dubbio che tu sia migliore di me. Quindi se c’è qualcosa che io
non posso fare, tu dovresti riuscire a realizzarlo.”
Wei WuXian non riusciva davvero a capire perché gli estranei provassero
sempre un inspiegabile senso di fiducia in lui. Si massaggiò il mento, incerto
o no se accettare che tra loro per rispetto ci fosse lo scambio di qualche
complimento, “Sei troppo umile.”
Xue Yang, “Non è umiltà. E’ la verità. Non mi piace esagerare quando parlo.
Se dico che ucciderò un intero Clan, lo farò davvero. Non lascerò neppure un
cane come superstite.”
Wei WuXian, “Ad esempio, il Clan YueyangChang?”
Prima che Xue Yang avesse l’opportunità di rispondere, un’ombra vestita di
nero penetrò dentro.
Wei WuXian e Xue Yang indietreggiarono contemporaneamente,
allontanandosi dal tavolo. Xue Yang afferrò rapidamente la Borsa Blocca
Spirito. Premendo leggermente la mano contro il tavolo, Song Lan girò a
mezz’aria e atterrò sopra di esso. Quando si fermò, si voltò rapidamente per
guardare la porta. Righe nere di sangue risalivano sulle sue guance.
Con le catene di ferro alle sue spalle, Wen Ning abbatté dalla porta,
attraverso la nebbia bianca e i venti freddi.
Quando aveva suonano le prime note con il flauto, Wei WuXian aveva già
convocato Wen Ning. Ordinò, “Combatti fuori. Stai attento e non picchiarlo
troppo duramente. Sorveglia le persone vive e non lasciare che i cadaveri si
avvicinino a loro.”
Wen Ning alzò la mano sinistra, e una delle catene oscillò. Mentre Song Lan
rispondeva al colpo con la sua frusta, entrò in collisione con la catena e i due
si attorcigliarono. Wen Ning tirò la catena e indietreggiò. Anche Song Lan
non lasciò la presa, e fu trascinato fuori dalla porta. I discepoli si erano già
nascosti in un altro negozio nelle vicinanze, tutti si erano sporti e stavano
fissando la scena. Con la frusta a coda di cavallo, le catene di ferro e la lunga
spada, era una frenesia di clangori e collisioni. Riuscirono a comprendere
che la battaglia tra i due cadaveri era davvero intensa. Ogni gesto era
spietato, ogni attacco fatale, solo due cadaveri potevano combattere in un
modo così brutale. Se due umani avessero combattuto in quel modo, non ci
sarebbero stati nient’altro che degli arti mozzati e della carne martoriata!
Xue Yang, “Indovina chi vincerà?”
Wei WuXian, “Ho davvero bisogno di indovinare? Wen Ning, ovviamente.”
Xue Yang, “E’ un peccato che anche dopo aver impiantato così tanti chiodi
nella sua testa, non fosse ancora disposto a obbedire. Le cose troppo fedeli
sono anche piuttosto fastidiose.”
Wei WuXian rispose con un tono indifferente, “Wen Ning non è una cosa.”
Xue Yang rise, “Non capisci che le tue parole potrebbe essere interpretate in
un modo diverso?” Mentre la parola “essere” usciva dalla bocca,
improvvisamente sguainò la spada e attaccò.
Wei WuXian balzò di lato, “Attacchi spesso le persone mentre sei nel bel
mezzo di una frase?”
La voce di Xue Yang era carica di sorpresa, “Certo. Sono un delinquente, no?
Sono sicuro che tu già lo sappia. Ad ogni modo, non ho intenzione di
ucciderti. Voglio solo far si che tu non possa più muoverti. Allora potrò
riportarti indietro e avrai tutto il tempo per riparare l’anima per me.”
Wei WuXian, “Ho già detto che non posso fare niente al riguardo.”
Xue Yang, “Non essere così ansioso di rifiutare. Se non sai come fare,
potremo discuterne insieme.” Prima ancora di finire la frase, attaccò ancora
una volta. Wei WuXian scansò e schivò di nuovo, circondato dalle strisce di
carta lacere che coprivano il pavimento. Pensò tra sé, Il piccolo delinquente
ha una buona tecnica. Mentre osservava gli attacchi di Xue Yang che
diventavano sempre più forti sia nella velocità che nella letalità, Wei
WuXian non poté fare a meno di esclamare, “Stai davvero approfittando del
basso livello spirituale del mio corpo?”
Xue Yang, “Giusto!”
Wei WuXian aveva finalmente incontrato una persona più spudorata di lui.
Ricambiò il sorriso, “E’ meglio irritare un eroe che un ladro, che sei tu in
questo caso. Non ho più niente a che fare con te. Ti lascio nelle mani di
qualcun altro.”
Xue Yang ghignò, “Chi altro? Quel HanGuang-jun? Ho richiamato più di
trecento cadaveri ambulanti per incastrarlo. Lui… “
Prima che riuscisse a finire la frase, una figura vestita di bianco scese dal
cielo. Il bagliore glaciale di Bichen lo bloccò.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 38


– Erba – Parte Sei
Circondato da un’aria di brina e gelo, Lan WangJi si era messo davanti a Wei
WuXian. Xue Yang si difese dall’attacco scagliando Shuanghua. Le due
spade si scontrarono, tornando poi dai rispettivi proprietari. Wei WuXian
commentò, “Non si dice che ‘giungere al momento giusto è meglio che
arrivare in anticipo’?”
Lan WangJi, “Sì.”
Al termine dello scambio, tornarono a combattere con Xue Yang. Un po’ di
tempo prima, Wei WuXian era stato messo alle strette da Xue Yang, ma ora
era Xue Yang a essere spintonato in giro da Lan WangJi. In reazione alla
situazione ostile, roteando gli occhi e con un sorriso sul volto, passò
Shuanghua alla sua mano sinistra. La sua mano destra si spostò nella
manica. Wei WuXian era preoccupato che potesse lanciare della polvere
velenosa o dei coltelli nascosti dalle maniche Qiankun[1]. Tuttavia,
estrasse semplicemente un’altra spada, adattandosi perfettamente a uno
stile di combattimento a due spade.
Il bagliore della spada che aveva tirato fuori dalla sua manica era lugubre e
scuro. Quando la impugnò, sembrava quasi sprigionare un’aura tenebrosa,
creando un netto contrasto con lo splendore argenteo di Shuanghua. Usando
perfettamente entrambe le spade, le mani di Xue Yang erano perfettamente
coordinate l’una con l’altra. Prese il sopravvento in poco tempo. Lan WangJi
chiese, “Jiangzai[2]?”
Xue Yang, “Hmm? HanGuang-jun, conosci questa spada? Che onore.”
“Jiangzai” era la spada di Xue Yang. Come il suo nome e il suo proprietario,
si trattava di una spada che presagiva spargimenti di sangue. Wei WuXian
intervenne, “Il nome ti si addice perfettamente.”
Lan WangJi, “Stai indietro. Non sei utile qui.”
Quindi, Wei WuXian ascoltò umilmente il suggerimento e indietreggiò.
Quando giunse alla porta, guardò fuori. Senza alcuna espressione, Wen Ning
stringeva Song Lan per il collo. Lo sollevò in aria e lo sbatté contro il muro,
creando una grande rientranza dalla forma di una figura umana. Nello
stesso modo inespressivo, Song Lan afferrò i polsi di Wen Ning. Saltando
all’indietro, lo gettò a terra. Entrambi i cadaveri combattevano senza
emozioni, frantumando e colpendo incessantemente. Dal momento che
nessuno dei due percepiva alcun dolore o temeva degli infortuni, a meno che
non venissero fatti a pezzi, avrebbero continuato a combattere anche dopo
aver perso un arto o due. Wei WuXian borbottò sottovoce, “Non credo che
abbiano bisogno di me neppure qui.”
All’improvviso, vide Lan JingYi dentro un negozio poco illuminato che lo
stava freneticamente richiamando. S’illuminò, Aha. Hanno sicuramente
bisogno di me lì.
Proprio mentre stava per andare via, il bagliore della spada Bichen
s’illuminò dieci volte di più. Con una leggera scivolata della mano,
Shuanghua volò via dalla presa di Xue Yang. Lan WangJi afferrò
opportunamente la spada. Quando vide Shuanghua tra le mani di qualcun
altro, Xue Yang scagliò Jiangzai direttamente verso il braccio sinistro di Lan
WangJi con cui reggeva la spada. Quando l’attacco fu schivato, una
spaventosa rabbia lampeggiò nello sguardo di Xue Yang. Chiese
freddamente, “Ridammi la spada.”
Lan WangJi, “Non meriti questa spada.”
Xue Yang rise amaramente.
D’altra parte, Wei WuXian si avvicinò ai discepoli. Circondato dai ragazzi,
chiese, “State tutti bene?”
“Si!”
“Ti abbiamo ascoltato e abbiamo trattenuto il respiro.”
Wei WuXian, “Bene. Se qualcuno non mi avesse ascoltato, gli avrei dato di
nuovo da mangiare il congee.”
I pochi ragazzi che lo avevano assaporato finsero di vomitare.
All’improvviso, risuonarono dei passi intorno al luogo in cui erano. Delle
ombre stavano già cominciando ad affiorare dal fondo della strada. Anche
Lan WangJi sentì i rumori. Con un movimento della manica, tirò fuori il suo
guqin, WangJi.
La base del guqin sbatté orizzontalmente sul tavolo. Lan WangJi passò
Bichen alla sua mano sinistra e continuò a combattere con Xue Yang, i suoi
attacchi restarono ugualmente forti. Nello stesso tempo, senza neppure
voltarsi, alzò la mano destra e sfiorò le corde.
Gli accordi erano forti e chiari. Risuonarono fino in fondo alla strada. In
risposta si udirono i rumori strani e familiari delle teste dei cadaveri che
esplodevano. Lan WangJi continuò a scontrarsi con Xue Yang con una mano
e a suonare il guqin con l’altra. Dava un’occhiata alla situazione come se
fosse una cosa da nulla, e poi curvava con noncuranza le dita per suonare
ancora. Anche se stava operando con entrambe le mani, in qualche modo
sembrava ancora calmo e tranquillo.
Jin Ling sbottò a suo malgrado, “E’ così abile!”
Aveva visto Jiang Cheng e Jin GuangYao recarsi alle cacce notturne e
uccidere delle bestie, quindi pensava che i suoi zii fossero i due più potenti
coltivatori del mondo. Nei confronti di Lan WangJi, però aveva sempre
provato più terrore che rispetto, specialmente a causa della sua tecnica di
mettere a tacere gli altri e il suo temperamento freddo. Tuttavia, in quel
momento, non poté fare a meno di ammirare le abilità di Lan WangJi. Lan
JingYi approvò “Beh, ovviamente. Certo che HanGuang-jun è abile. È solo
che a lui non piace mostrarlo. Mantiene un profilo basso, giusto?”
Il “giusto?” era diretto a Wei WuXian, che rispose confuso, “Lo stai
chiedendo a me? Perché lo chiedi a me?”
Lan JingYi era sul punto di adirarsi, “Quindi pensi che HanGuang-jun non
sia abile?!”
Wei WuXian si accarezzò il mento, “Hmm. E’ abile. Indubbiamente. Lui è
davvero abile. E’ il migliore.” Mentre parlava, non poté fare a meno di
sorridere.
La notte dannosamente terrificante stava finalmente per giungere al
termine, l’alba era quasi giunta. Tuttavia, questa non era la migliore delle
notizie. Se fosse giunta la luce del giorno, anche la nebbia sarebbe diventata
più fitta. Quindi, sarebbero di nuovo stati incapaci di fare qualsiasi cosa!
Se ci fossero stati solo Wei WuXian e Lan WangJi, non sarebbe stato così
difficile. Ma con così tanti umani in giro, se venivano accerchiati da un
grande gruppo di cadaveri ambulanti, sarebbe stato quasi impossibile
scappare. Mentre Wei WuXian cercava urgentemente di pensare a una
soluzione, i frizzanti tip tap del palo di bambù risuonarono ancora una volta.
Il fantasma della ragazza cieca e senza lingua era di nuovo tornato!
Senza alcuna esitazione, Wei WuXian ordinò, “Andiamo!”
Lan JingYi, “Dove?”
Wei WuXian, “Seguite i suoni del palo di bambù.”
Jin Ling era piuttosto sorpreso, “Vuoi che seguiamo un fantasma? Chissà
dove potrebbe portarci!”
Wei WuXian, “Questo è esattamente ciò che farete. Il suono vi ha seguito fin
da quando siete arrivati, giusto? Stavate provando a entrare in città, ma lei vi
ha condotti verso le porte della città, dove vi siete imbattuti in noi. Stava
cercando di cacciarvi, voleva salvarvi!”
I rumori strani e saltuari del palo di bambù erano un metodo che usava per
spaventare le persone che entravano in città. La testa del Combattente degli
Inferi che Wei WuXian aveva pestato era stata probabilmente posta lì da lei
per spaventarli e avvertirli. Wei WuXian continuò, “E, la notte scorsa,
intendeva chiaramente riferirci qualcosa di importante, ma non poteva
spiegarlo. Tuttavia, è scomparsa non appena era arrivato Xue Yang.
Probabilmente stava provando a evitare Xue Yang. Ad ogni modo,
sicuramente non è dalla sua parte.”
“Xue Yang?! Perché c’è anche Xue Yang qui?! Non erano Xiao XingChen e
Song Lan?!”
“Uhh, ve lo spiegherò dopo. Ad ogni modo, quello che sta combattendo con
HanGuang-jun non è Xiao XingChen, ma Xue Yang, che ha finto di essere
lui.”
I rumori del palo di bambù continuarono, come se la ragazza li stesse
aspettando o sollecitando. Se la seguivano, potevano cadere in una trappola;
se non la seguivano, sarebbero stati accerchiati dai cadaveri che rilasciavano
polvere di avvelenamento da cadavere. Non sarebbe stato più sicuro. I
ragazzi decisero di seguire i rumori dei colpi insieme a Wei WuXian. Come
previsto, mentre avanzavano, anche i suoni si spostavano. A volte,
riuscivano a vedere una piccola ombra che vagava attraverso la sottile
nebbia in lontananza, ma a volte non c’era niente.
Dopo aver proseguito per un po’, Lan JingYi parlò, “Quindi scapperemo
semplicemente così?”
Wei WuXian si voltò e gridò, “HanGuang-jun, tocca a te ora. Noi andremo
avanti!”
Le corde del guqin vibrarono, come se qualcuno stesse dicendo, “Mnn”. Wei
WuXian irruppe con un Pfft. Lan JingYi esitò, “Cos’era? Non dirai
nient’altro?”
Wei WuXian, “Cos’altro vuoi che faccia? Cos’altro dovrei dire?”
Lan JingYi, “Perché non avete detto ‘Sono preoccupato per te. Resterò!’,
‘Vai!’, ‘No! Non ne ho alcuna intenzione! Se andrò via, allora dovrai venire
con me!’? Non dovrebbe essere così?”
Wei WuXian restò a bocca aperta, “Chi te l’ha insegnato? Chi ti ha detto che
devono avvenire questo genere di conversazioni? Potrebbe suonare normale
detto da me, ma riuscite a immaginare il vostro HanGuang-jun mentre dice
delle cose simili?”
I giovani della Setta Lan in coro, “No…”
Wei WuXian, “Giusto? E’ una perdita di tempo. Credo che qualcuno
affidabile come HanGuang-jun riuscirà sicuramente ad affrontarlo. Posso
semplicemente concentrarmi sui miei affari e aspettare che lui trovi me o
potrò cercarlo io.”
Seguirono i rumori del palo di bambù per circa di quindici minuti. Dopo
alcune curve e svolte, di fronte a loro, i rumori si interruppero bruscamente.
Wei WuXian allungò il braccio, fermando i ragazzi alle sue spalle, e avanzò
di qualche passo. Una casa si ergeva da sola nella nebbia che diventava
sempre più fitta.
“Squeak…”
Qualcuno spinse la porta della casa, che attendeva silenziosamente l’entrata
degli estranei. Wei WuXian avvertiva che doveva esserci qualcosa
all’interno. Non era nulla di pericoloso o che potesse ucciderli, ma si trattava
di qualcosa in grado di fornire loro delle risposte.
Si rivolse ai discepoli, “Siamo già arrivati fin qui. Entriamo.”
Sollevò il piede ed entrò in casa. Adattandosi all’oscurità, restò in guardia
senza voltarsi indietro, “Attenti alla soglia. Non inciampate.”
Come aveva previsto, uno dei ragazzi quasi inciampò sull’alta soglia. Si
lamentò, “Perché la soglia è così alta? Non è un tempio o qualcosa del
genere.”
Wei WuXian, “Non è un tempio, ma è un luogo che ha bisogno di avere una
soglia alta.”
Rovistando, accesero in giro una dozzina di Talismani del Fuoco. La luce
arancione delle fiamme tremolanti illuminò l’intera casa.
Sul pavimento c’era disseminata della paglia, fungendo da tappeto. Nello
spazio in primo piano, c’era un altare e qualche sgabello caduto di diverse
altezze. Una piccola stanza buia era presente sul lato destro. Oltre a questo,
c’erano anche sette o otto bare nere di legno.
Jin Ling, “Questa è la cosiddetta casa delle bare? Dove vengono
temporaneamente poste le persone morte?”
Wei WuXian, “Giusto. I cadaveri che non vengono rivendicati da nessuno,
che potrebbero rendere infausta una casa, o che sono in attesa di una
sepoltura, spesso vengono posti nelle case delle bare. Potremo definirla
come una stazione dei corrieri[3] dei morti.” La stanza più piccola posta
sul lato era probabilmente dove riposava la persona che custodiva la casa
delle bare.
Lan SiZhui chiese, “Senior Mo, perché la soglia della casa delle bare è così
alta?”
Wei WuXian, “Nel caso in cui qualche cadavere possa trasformarsi.”
Lan JingYi era perplesso, “Una soglia alta riuscirebbe a prevenire la
trasformazione del cadavere?”
Wei WuXian, “Non può impedire la trasformazione del cadavere, ma a volte
può evitare che i cadaveri di basso livello già trasformati possano uscire.”
Andò davanti alla soglia, “Immaginate, ad esempio, che io sia morto e mi
sono appena trasformato.”
I ragazzi annuirono. Continuò, “Poiché mi sono appena trasformato, i miei
arti sono davvero rigidi, giusto? E non posso eseguire determinate azioni,
no?”
Jin Ling, “Questo è ovvio. Non puoi neppure camminare. Non puoi compiere
dei passi, quindi potrai solo saltare…” A quel punto, capì immediatamente.
Wei WuXian affermò, “Esatto. Posso solo saltare.” Con entrambi i piedi
uniti, cercò di saltare fuori. Tuttavia, poiché la soglia era troppo alta, fallì nel
tentativo. Vedendo come le dita dei suoi piedi urtavano contro la soglia, tutti
i discepoli trovarono la scena divertente. Cominciarono a ridere
immaginando un cadavere appena trasformato mentre cercava
disperatamente di saltare fuori in quel modo, ma veniva bloccato ogni volta
dalla soglia alta. Wei WuXian parlò di nuovo, “Avete capito ora? Non ridete.
Questa è l’intelligenza della gente comune. Anche se è rozzo e sembra poco
efficace, è davvero utile con i cadaveri di basso livello. Se un cadavere
appena trasformato inciampa sulla soglia, dopo essere caduto a terra, con il
suo corpo rigido, non riuscirà a rialzarsi subito. Quando finalmente riuscirà
a farlo, il sole sarà già sorto e il gallo canterà, e la persona che custodisce la
casa delle bare lo scoprirà. In realtà, è piuttosto impressionante come la
gente comune che non coltiva possa aver pensato a una soluzione del
genere.”
Sebbene anche Jin Ling avesse riso della scena, ora che aveva sentito la
spiegazione, soffocò immediatamente la sua risata, “Perché ci ha portato in
una casa delle bare? Non dirmi che è perché non saremo accerchiati dai
cadaveri ambulanti se restiamo qui. Dov’è andata ora?”
Wei WuXian, “Probabilmente è davvero così. Siamo fermi qui già da tanto
tempo. Qualcuno ha sentito i cadaveri ambulanti?”
Proprio mentre finiva di parlare, il fantasma della ragazza apparve in cima a
una bara.
A causa dell’incitamento di Wei WuXian, tutti avevano già visto l’aspetto
della ragazza. Avevano perfino visto il suo aspetto con gli occhi sanguinanti e
senza la lingua. Quindi, ora che l’avevano rivista, nessuno era spaventato o a
disagio. Probabilmente, proprio come aveva detto Wei WuXian, era
possibile diventare più coraggiosi, riuscendo ad affrontare le circostanze con
maggiore compostezza, solo dopo aver affrontato un po’ di spavento.
La ragazza non aveva un corpo fisico, ma solo una forma spirituale
circondata da un’aura delicata e fioca. Sia la sua figura che il suo viso erano
piccoli. Dopo una ripulita, sarebbe potuta diventare la ragazza affascinante
della porta accanto. Tuttavia, da com’era seduta con le gambe divaricate,
non sembrava per nulla delicata. La canna di bambù che usava come un
bastone per ciechi era appoggiato alla bara. Le sue due gambe pendevano,
oscillando ansiosamente avanti e indietro.
Mentre era seduta sulla bara, picchiettò la sua mano sul coperchio. Poi saltò
giù e girò intorno alla bara alcune volte, gesticolando nella loro direzione.
Questa volta, il gesto era piuttosto semplice da capire. Era l’azione di
“aprire” qualcosa. Jin Ling indovinò, “Vuole che apriamo la bara per lei?”
Lan SiZhui suggerì, “Forse il suo corpo è qui dentro? E vuole che la
seppelliamo, così potrà trovare la sua pace.” Questa era la deduzione più
logica, dal momento che uno dei motivi più comuni per cui molti fantasmi
infestavano la Terra era che perché i loro cadaveri non avevano ricevuto una
sepoltura. Wei WuXian era in piedi su un lato della bara, mentre alcuni
ragazzi erano dall’altro lato, con l’intenzione di aiutarlo ad aprirla.
Li rassicurò, “Non dovete aiutarmi. Restate indietro. E se non fosse un
cadavere e zampillasse un po’ di polvere di avvelenamento da cadavere su di
voi?”
Aprì la bara da solo e appoggiò il coperchio a terra. Abbassò lo sguardo e
vide un cadavere.
Tuttavia, non era il cadavere della ragazza, ma di qualcun altro.
Si trattava di un giovane uomo. Era posto in una posizione pacifica con le
mani incrociate, sotto di cui giaceva una frusta a coda di cavallo. Indossava
una veste di coltivazione bianca come la neve. La silhouette della parte
inferiore del suo viso, con il viso pallido e le labbra morbide, era bella e
raffinata. La metà superiore del suo viso, però, era avvolta da strati e strati di
bende che ammontavano a una larghezza di quattro dita. Sotto le bende, non
sporgeva nulla dal punto in cui dovevano esserci i suoi occhi. Invece, le
bende affondavano. Non c’erano degli occhi, solo due cavità vuote.
Dopo averli sentiti aprire la bara, la ragazza incespicò. Infilò le mani nella
bara e, dopo aver cercato in giro, finalmente tastò il volto del cadavere.
Pestando i suoi piedi, delle lacrime di sangue scesero di nuovo dai suoi occhi
ciechi.
Tutti capirono, senza alcun bisogno di parole e gesti. Collocato tutto solo
all’interno di quella disabitata casa delle bare, quel cadavere era il vero Xiao
XingChen.
Le lacrime fantasma erano incapaci di colare. Dopo che la ragazza pianse per
un po’, all’improvviso si alzò in piedi e pronunciò un Ahh tra i suoi denti
serrati. Apparendo sia infuriata che irritata, sembrava davvero intenzionata
a esprimere i suoi pensieri. Lan SiZhui chiese, “Devo nuovamente suonare
Inquisizione?”
Wei WuXian, “Non ce n’è bisogno. Rischieremo di formulare le domande
sbagliate, invece di ciò che vuole riferirci. E, penso che la sua risposta sarà
piuttosto complessa, alquanto difficile da interpretare.”
Anche se non aveva detto “Potresti non essere in grado di farlo”, Lan SiZhui
si sentì piuttosto imbarazzato. Promise silenziosamente tra sé, Al mio
ritorno, studierò Inquisizione con maggiore diligenza. Dovrò essere fluido,
veloce e preciso come HanGuang-jun. Lan JingYi chiese, “Allora cosa
dovremmo fare?”
Wei WuXian, “Che ne dite di Empatia?”
Tutte le principali Sette erano specializzate in vari metodi per ottenere le
informazioni e nel ricercare del materiale sui fantasmi. Empatia era quello
in cui Wei WuXian era il migliore. Il suo metodo non era così approfondito
come quello delle altre Sette. Tutti potevano usarlo. Si trattava
semplicemente di chiedere al fantasma di possedere il proprio corpo.
Usando il proprio corpo come tramite, poteva invadere l’anima e la memoria
dello spirito, ascoltando ciò che sentiva, guardando ciò che vedeva,
percependo ciò che provava. Se le emozioni dello spirito erano insolitamente
forti, allora sarebbe stato trafitto dal suo dolore, dalla sua rabbia, dal suo
entusiasmo. Quindi, era stato chiamato “Empatia”.
Probabilmente quello era il metodo più semplice, conveniente e opportuno.
Indubbiamente, era anche il metodo più pericoloso. Tutti temevano ed
evitavano l’eventualità di permettere ai fantasmi di possedere il loro corpo.
A un altro livello, però, utilizzare Empatia era come giocare con il fuoco.
Bastava che accadesse il minimo errore, e poteva ritorcersi contro. Se il
fantasma mancava della parola data e sfruttava l’opportunità per reagire, nel
migliore dei casi l’Empatico rischiava il sequestro del corpo.
Jin Ling protestò, “E’ troppo pericoloso! Usando una tecnica così oscura
senza qualcuno…”
Wei WuXian lo interruppe, “Va bene, va bene. Stiamo finendo il tempo.
Ricomponetevi. Presto. Dobbiamo ancora tornare indietro e ritrovare
HanGuang-jun dopo che avremo finito. Jin Ling, sarai il supervisore.”
Un supervisore era una parte indispensabile del rituale di Empatia. Nel caso
in cui l’Empatico si fosse smarrito nelle emozioni del fantasma, doveva
stabilire un codice con il supervisore. Era ancora meglio se il codice fosse
stato una frase o una voce con cui l’Empatico aveva familiarità. Il
supervisore doveva controllare la situazione in ogni momento. Se notava che
la situazione era cambiata, doveva agire immediatamente e risvegliare
l’Empatico dalla trance. Jin Ling puntò se stesso, “Io? Vuoi un giovane
maes-… Vuoi che ti controlli mentre fai una cosa del genere?”
Lan SiZhui, “Se il Giovane Maestro Jin non vuole farlo, posso occuparmene
io.”
Wei WuXian, “Jin Ling, hai portato la campana d’argento della Setta Jiang?”
La campana d’argento era un accessorio distintivo della Setta
YunmengJiang. Quando Jin Ling era piccolo, essendo stato allevato da due
Sette, aveva vissuto alla Torre Koi della Setta LanlingJin per una parte del
tempo, e al Pontile del Loto della Setta YunmengJiang per la restante parte,
quindi doveva portare gli accessori di entrambe le Sette. Come aveva
previsto Wei WuXian, con un’espressione complessa, tirò fuori una piccola
campana semplicistica. Il motivo della Setta Jiang, il loto a nove petali, era
inciso sulla base d’argento della campana. Wei WuXian fissò la campana per
alcuni istanti. Notando che sembrava un po’ strano, Jin Ling chiese, “Cosa
c’è?”
Wei WuXian rispose, “Niente.” Passò la campana a Lan SiZhui, “La campana
d’argento della Setta Jiang è in grado di serbare la concentrazione e calmare
la mente. Usa questo come codice.”
Jin Ling afferrò la campana, “Lo farò io!”
Lan JingYi farfugliò, “Prima non volevi farlo, e ora vuoi farlo. Con un simile
temperamento caldo e freddo, non sei tale e quale a una signorina?”
Wei WuXian si rivolse alla ragazza, “Entra.”
La ragazza si asciugò gli occhi e il viso, e si precipitò dentro il suo corpo. La
sua intera anima entrò dentro. Appoggiandosi contro la bara, Wei WuXian
scivolò lentamente a terra. I ragazzi si affrettarono a trascinare un mucchio
di paglia affinché potesse sedersi. Jin Ling strinse con forza la campana, i
suoi pensieri erano ignoti.
[‘’PARTE’’ DIN Ch.38 - ‘’PARTE’’ DIN Ch.41, COSE DAL PASATO]

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 41 –


Erba – Parte Nove
I rintocchi nitidi della campanella d’argento risuonarono come se
giungessero accanto a Wei WuXian, malgrado ciò, era ancora immerso nelle
emozioni di A-Qing, incapace di ritornare in sé. La sua testa iniziò a girare.
Lan JingYi agitò la mano di fronte a lui, “Non c’è alcuna reazione? Se avesse
perso qualche rotella?!”
Jin Ling, “L’avevo detto che Empatia è molto pericolosa!”
Lan JingYi, “Beh, è successo perché avevi la testa tra le nuvole e non hai
suonato la campana in tempo.”
Il viso di Jin Ling si congelò, “Io…”
Fortunatamente, Wei WuXian infine ritornò. Si alzò sorreggendosi alla bara.
Anche A-Qing, avendo già lasciato il suo corpo, era addossata alla bara. I
ragazzi lo circondarono come se fossero una cucciolata di maialini e tutti
parlarono contemporaneamente, “E’ sveglio. E’ sveglio!”
“Whew, non ha perso nessuna rotella.”

“Non aveva delle rotelle mancanti fin dall’inizio?”

“Non dire sciocchezze!”

Con le forti chiacchiere che gli risuonavano alle orecchie, Wei WuXian parlò,
“Non siate così rumorosi. La mia testa è in una terribile condizione.”
Si calmarono all’istante. Wei WuXian abbassò lo sguardo, raggiunse la bara
e aprì lentamente i colletti di Xiao XingChen. Come pensava, sul suo collo
c’era una ferita sottile ma fatale.
Wei WuXian sospirò tacitamente e si rivolse ad A-Qing, “Grazie per tutti il
disturbo.”
La ragione per cui il fantasma A-Qing era cieco, ma non era lenta o prudente
come le altre persone cieche, era perché lo era diventata solo prima di
morire. In precedenza, era sempre stata una ragazza veloce e vivace.
In quegli anni, si era camuffata da sola nella nebbia della Città Yi,
opponendosi di nascosto a Xue Yang, e aveva cercato di spaventare gli
umani che giungevano in città, avvertendoli e guidandoli fuori. Quanto
coraggio e dedizione doveva possedere per riuscire a fare questo?
Accanto al margine della bara, A-Qing unì i palmi delle sue mani, porgendo i
suoi rispetti a Wei WuXian alcune volte. Poi, usando il suo palo di bambù
come una spada, simulò i gesti di “uccidere, uccidere, uccidere” come era
sempre solita fare quando scherzava.
Wei WuXian rispose, “Non preoccuparti.” Si rivolse ai discepoli, “Restate
tutti qui. I cadaveri ambulanti della città non potranno venire qua. Tornerò
presto.”
Lan JingYi non poté fare a meno di chiedere, “Cos’hai visto durante
Empatia?”
Wei WuXian, “E’ una storia troppo lunga. Ve la racconterò dopo.”
Jin Ling, “Non puoi riassumerla? Non lasciarci la suspense!”
Wei WuXian, “In sintesi: Xue Yang deve morire.”
Attraverso la nebbia fitta che si estendeva a perdita d’occhio, i colpi dell’asta
di A-Qing gli aprirono la strada. I due si spostarono rapidamente e
tornarono immediatamente dove stava avendo luogo il combattimento.
Lan WangJi e Xue Yang erano già all’esterno. I bagliori delle lame di Bichen
e Jiangzai si scontrarono, il combattimento aveva raggiunto un momento
critico. Con la sua calma e tranquillità, Bichen era riuscita a prendere il
sopravvento, mentre Jiangzai continuava a scagliarsi come se fosse un cane
rabbioso, riuscendo in qualche modo a tenere il passo. Tuttavia, attraverso la
spaventosa nebbia bianca, Lan WangJi aveva delle difficoltà a vedere,
mentre Xue Yang, avendo vissuto per così tanti anni in quella città come A-
Qing, riusciva a orientarsi anche a occhi chiusi. Quindi, lo scontro era in una
situazione di stallo. Le note del guqin a volte risuonavano attraverso la
nebbia, frenando i gruppi di cadaveri che volevano avvicinarsi. Proprio
mentre Wei WuXian stava per estrarre il flauto, due figure nere si
schiantarono davanti a lui come se fossero delle pagode di ferro. Wen Ning
stava pressando Song Lan sul terreno. Entrambi i cadaveri stringevano con
le mani il collo l’un dell’altro, le loro nocche scricchiolavano
rumorosamente.
Wei WuXian ordinò, “Tienilo giù!”
Si chinò e trovò rapidamente le estremità dei due chiodi che attraversavano
la testa di Song Lan. Si sentì sollevato all’istante. I chiodi erano molto più
sottili di quelli posti sulla testa di Wen Ning e anche il materiale utilizzato
era diverso. Non sarebbe stato troppo difficile far ritornare in sé Song Lan.
Pizzicò immediatamente le due estremità e iniziò a tirare fuori con calma i
chiodi. Sentendo degli strani oggetti muoversi nella sua testa, Song Lan
sgranò gli occhi e ringhiò a bassa voce. Wen Ning gli impedì di opporsi
esercitando più forza per trattenerlo. Quando i chiodi furono estratti,
all’istante, come se fosse un burattino le cui corde erano state tagliate, crollò
a terra e smise di muoversi.
Improvvisamente, un furioso ruggito giunse dal punto in cui i due stavano
combattendo, “Ridammela!”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo


42 – Erba – Parte Dieci
La spada di Lan WangJi squarciò il petto di Xue Yang. Non solo iniziò a
sanguinare, ma la punta di Bichen estrasse anche la Borsa Blocca Spirito che
nascondeva nel suo bavero. Wei WuXian, però, non poté vedere cosa fosse
successo, “Xue Yang! Cosa vuoi che ti restituisca? Shuanghua? Ma
Shuanghua non è mai stata la tua spada, quindi perché dici ‘ridammela’?
Non conosci la vergogna?”
Xue Yang rise con forza, “Senior Wei, davvero non vuoi mostrarmi alcuna
benevolenza, vero?”
Wei WuXian, “Ridi. Avanti. Anche se morirai ridendo, non potrai comunque
ricomporre l’anima di Xiao XingChen. Era così disgustato da te, eppure vuoi
ancora farlo tornare per continuare il gioco.”
All’improvviso, Xue Yang gridò, “Chi vuole giocare con lui?!”
Wei WuXian, “Allora perché mi hai pregato in ginocchio affinché ti aiutassi a
ricomporre la sua anima?”
Ovviamente, un individuo astuto come Xue Yang sapeva che Wei WuXian lo
stava volutamente provocando, per distrarlo a causa della rabbia,
stimolandolo così ad alzare la voce in modo che Lan WangJi potesse
individuarlo per attaccarlo. Nonostante ciò, rispose a suo malgrado. Parlò
con un tono crudele, “Perché l’ho fatto? Hah! Come puoi non saperlo? Voglio
trasformarlo in un cadavere feroce, uno spirito malvagio, così da poterlo
controllare! Non voleva essere una persona virtuosa? Allora, farò sì che non
smetta mai di uccidere, così non potrà mai avere pace!”
Wei WuXian, “Hmm? Lo odi così tanto? Allora perché hai ucciso Chang
Ping?”
Xue Yang sogghignò, “Perché ho ucciso Chang Ping? C’è davvero bisogno di
chiederlo, Patriarca Yiling?! Non te l’ho già detto? Ho dichiarato che avrei
sterminato l’intero Clan YueyangChang, allora non lascerò neppure un cane
come superstite!”
Ogni volta che parlava, era come se stesse annunciando la sua posizione. I
suoni di una lama che penetrava attraverso la carne continuavano a
riecheggiare, ma la tolleranza di Xue Yang al dolore era più alta di quella
delle persone ordinarie. Durante Empatia, Wei WuXian aveva visto che
anche dopo essere stato trafitto allo stomaco, riusciva ancora a ridere come
se non fosse accaduto nulla.
Wei WuXian continuò, “Bella scusa che ti sei inventato. Sfortunatamente, gli
anni non tornano. Qualcuno come te che è abituato a cercare vendetta per le
più piccole cose e a uccidere utilizzando metodi così crudeli, non avrebbe
aspettato così tanti anni per finire un Clan, giusto? Conosci la ragione per
cui hai ucciso Chang Ping.”
Xue Yang, “Allora, dimmi. Cosa dovrei sapere? Cosa dovrei sapere?!”
Urlò l’ultima frase. Wei WuXian chiese ancora, “Non lo hai solo ucciso.
Perché hai scelto di utilizzare il Lingchi, la tortura che rappresenta la
‘punizione’? Se volevi vendicare te stesso, perché hai usato Shuanghua,
invece della tua Jiangzai? Perché hai estratto i suoi occhi proprio come Xiao
XingChen?”
Xue Yang urlò con asprezza, “Sciocchezze! Sono tutte sciocchezze!
Trattandosi di una vendetta, perché avrei dovuto permettergli di morire
pacificamente?”
Wei WuXian, “Stavi davvero cercando una vendetta, ma la rivalsa di chi stavi
ricercando? Che idiozia. Se volevi vendicarti, avresti dovuto praticare il
Lingchi su te stesso!”
Con due sibili, i rumori acuti di qualcosa che sferzava l’aria giunse nella sua
direzione. Wei WuXian non batté ciglio. Wen Ning balzò di fronte a lui e
intercettò due chiodi che splendevano di una crudele luce nera. Xue Yang
emise una serie di raccapriccianti risate, come se fosse uno stridulo gufo. Le
risate si smorzarono subito, e si calmò. Smise di prestare attenzione a Wei
WuXian e tornò a combattere con Lan WangJi attraverso la nebbia.
Wei WuXian pensò silenziosamente, Il piccolo delinquente ha una così
grande vitalità. E’ come se non possa provare dolore, riuscendo a stare
bene nonostante le ferite. Se solo avesse parlato un po’ di più, permettendo
a Lan Zhan di colpirlo un altro paio di volte. Sicuramente, non potrebbe
più balzare in giro con le braccia e le gambe mozzate. Beh,
sfortunatamente, non sta più abboccando all’esca!
All’improvviso, una serie di colpi secchi giunse attraverso la nebbia.
Riflettendo velocemente, Wei WuXian urlò, “Lan Zhan, attacca dove
riecheggia il palo!”
Lan WangJi fece un affondo immediatamente. Xue Yang represse un gemito.
Un attimo dopo, il palo di bambù risuonò di nuovo, in un punto a pochi
metri di distanza!
Lan WangJi continuò ad attaccare dove risuonava il rumore. Xue Yang
minacciò, “Piccola Cieca, non hai paura che ti farò a pezzi, se mi seguirai in
questo modo?”
Da quando era stata uccisa da Xue Yang, A-Qing aveva sempre continuato a
nascondersi affinché non la scovasse. Tuttavia, per qualche ragione, Xue
Yang non dava alcuna importanza a un simile fantasma, probabilmente la
considerava troppo debole per meritare la sua prudenza. In quel momento,
però, A-Qing seguiva Xue Yang come se fosse la sua ombra. Battendo il suo
palo di bambù e rivelando la sua posizione, poteva indicare a Lan WangJi
dove doveva attaccare!
I movimenti di Xue Yang erano estremamente rapidi. Riusciva a spostarsi
immediatamente altrove. Quando era viva, anche A-Qing era una rapida
corritrice. Ora che era un fantasma, gli si appiccicò strettamente come se
fosse una maledizione. Picchiettò a terra la sua asta il più velocemente
possibile. I nitidi colpetti risuonavano nelle vicinanze e poi in lontananza, a
destra e poi a sinistra, davanti e poi indietro. Erano impossibili da eludere.
Non appena risuonavano, il bagliore della spada Bichen attaccava
immediatamente!
Inizialmente, Xue Yang si spostava attraverso nebbia come un pesce
nell’acqua. Riusciva a nascondersi e a evitare gli attacchi a suo piacimento.
Eppure, ora, doveva prestare attenzione a causa di A-Qing. Con
un’imprecazione, gettò rapidamente un talismano alle sue spalle.
Immediatamente, dopo quella frazione di secondo di distrazione, seguendo
l’urlo agghiacciante di A-Qing, Bichen trapassò il suo petto!
Sebbene il fantasma di A-Qing fosse già stato distrutto dal talismano di Xue
Yang e non ci fosse più alcun rumore che potesse rivelare la sua posizione,
l’attacco era stato vitale. Xue Yang non poteva continuare ad agire con la sua
precedente imprevedibilità!
Attraverso la nebbia, giunsero gli strepitii di qualcuno che tossiva sangue.
Wei WuXian tirò fuori una Borsa Blocca Spirito per salvare l’anima di A-
Qing. Con dei passi pesanti, Xue Yang camminò per un po’, poi
improvvisamente attaccò. Allungando le mani, ruggì, “Dammela!”
La luce di Bichen squarciò l’aria. Lan WangJi mozzò in modo netto una delle
sue braccia.
Il sangue schizzò subito. Di fronte a Wei WuXian, una vasta zona di bianca
nebbia era stata macchiata di rosso. L’odore del sangue era così travolgente
che anche un solo respiro portava con sé un odore umido e ferroso. Tuttavia,
a lui non importava affatto. Si concentrò esclusivamente nella ricerca per
assorbire l’anima frantumata di A-Qing. D’altra parte, anche se Xue Yang
non emise alcun suono, risuonò il pesante tonfo delle ginocchia che si
schiantavano a terra. Sembrava che avesse perso così tanto sangue che alla
fine era crollato, non riuscendo più a proseguire oltre.
Lan WangJi richiamò di nuovo Bichen. Il successivo attacco avrebbe tagliato
la testa di Xue Yang!
Eppure, improvvisamente, delle fiamme blu giunsero dal terreno ricoperto
di nebbia fino al cielo.
Era la fiamma di un Talismano di Trasporto!
Wei WuXian sapeva che non era una situazione brillante. Non curandosi dei
pericoli nella nebbia, si precipitò sul posto. Subito dopo, rischiò quasi di
scivolare a terra. Nel punto in cui l’odore del sangue era più forte, il terreno
era ricoperto dal sangue fresco che era fuoriuscito dal braccio mozzato di
Xue Yang.
Tuttavia, Xue Yang era scomparso.
Lan WangJi si avvicinò. Wei WuXian chiese, “Il becchino?”
Il principale organo vitale di Xue Yang era stato ferito da Bichen, e aveva
anche perso un braccio. A giudicare dalla quantità di sangue che aveva
perso, sarebbe morto sicuramente. Era impossibile per lui avere ancora
abbastanza energie e poteri spirituali per utilizzare un Talismano di
Trasporto.
Lan WangJi annuì delicatamente, “Ho sferrato tre colpi al becchino. Mentre
stavo per catturarlo, un gruppo di cadaveri ambulanti ha attaccato, e ha
sfruttato l’opportunità per scappare.”
Wei WuXian parlò con un’espressione profonda, “Nonostante fosse stato
ferito, il becchino ha comunque portato via il cadavere di Xue Yang, anche se
questo gli richiedeva degli ampi poteri spirituali. Probabilmente sapeva chi
fosse Xue Yang e cosa poteva fare. Ha portato via il cadavere di Xue Yang…
per accertarsi se avesse con sé il Sigillo Stigio della Tigre.”
Secondo delle voci, dopo che Xue Yang era stato “eliminato” da Jin
GuangYao, il Sigillo Stigio della Tigre era scomparso. Tuttavia, vista l’attuale
situazione, probabilmente aveva portato il sigillo con sé. Decine di migliaia
di cadaveri ambulanti, perfino dei cadaveri feroci, si erano radunati nella
Città Yi. Sarebbe stato estremamente difficile riuscire a controllarli con il
semplice utilizzo della polvere d’avvelenamento da cadavere e dei chiodi
piantati nel cranio. Il Sigillo Stigio della Tigre era l’unica spiegazione che
poteva chiarire come Xue Yang riuscisse a controllarli a suo piacimento,
ordinandogli di obbedirgli e attaccare. Un individuo scaltro e diffidente
come lui, non avrebbe sicuramente posto il Sigillo Stigio della Tigre in un
luogo che potessero trovare. Solo portandolo sempre con sé avrebbe provato
un senso di sicurezza. Quando il becchino aveva portato via il suo cadavere,
aveva preso anche il Sigillo Stigio della Tigre.
Quella non era affatto una questione banale. La voce di Wei WuXian era
rigida, “Poiché la situazione ha già raggiunto questo stato, possiamo solo
sperare che ci sia un limite ai poteri del Sigillo della Tigre che Xue Yang ha
ripristinato.”
All’improvviso, con un leggero passaggio, Lan WangJi gli passò qualcosa.
Wei WuXian lo afferrò perfettamente, “Cos’è?”
Lan WangJi, “Il braccio destro.”
Gli aveva lanciato una nuova Borsa Qiankun. Ricordando finalmente il
motivo per cui in origine erano giunti nella Città Yi, Wei WuXian si rallegrò,
“Il braccio destro del nostro caro amico?”
Lan WangJi, “Mnn.”
Nonostante avesse sopportato gli impedimenti del becchino, dei gruppi di
cadaveri ambulanti e della fitta nebbia, Lan WangJi era riuscito comunque a
trovare con successo il braccio destro del cadavere. Wei WuXian era più che
felice. Lo elogiò, “Non mi aspettavo di meno da HanGuang-jun! Ora siamo
di nuovo un passo avanti a loro. E’ un peccato che non sia la testa. Volevo
vedere com’è l’aspetto del nostro caro amico. Beh, immagino che accadrà
abbastanza presto… Dov’è Song Lan?”
Nel momento in cui il cadavere di Xue Yang era sparito, la nebbia aveva
iniziato a circolare più velocemente. Sembrava che fosse diminuita e
l’ambiente circostante diventò più chiaro alla vista. Per questo motivo, Wei
WuXian notò improvvisamente che Song Lan non era più presente. Nel
punto in cui era disteso in precedenza, c’era solo Wen Ning ancora
accovacciato a terra, fissandoli con un’espressione vuota.
Lan WangJi riportò la sua mano su Bichen, che aveva già sguainato. Wei
WuXian lo fermò, “Va bene. Non c’è bisogno di allarmarsi. Song Lan, o il
cadavere feroce laggiù, probabilmente non ha più un intento omicida,
altrimenti Wen Ning ci avrebbe avvertiti. Forse, ha ripreso conoscenza ed è
andato via per conto suo.”
Fischiettò leggermente. Wen Ning si alzò e andò via, la sua figura scomparve
nella nebbia. I rumori delle catene che venivano trascinate sul terreno
svanirono gradualmente in lontananza. Lan WangJi non disse altro. Si
rivolse con calma a Wei WuXian, “Andiamo.”
Proprio mentre stavano per andare via, improvvisamente, Wei WuXian si
fermò, “Aspetta.”
Vide qualcosa che giaceva solitario nel sangue.
Si trattava di un braccio sinistro reciso. Quattro dita erano serrate
ermeticamente. Mancava il mignolo.
Il pugno del braccio era saldamente chiuso. Wei WuXian si accovacciò. Solo
utilizzando quasi tutte le sue forze, riuscì a pressare le dita affinché si
aprissero una ad una. Quando aprì il pugno, scoprì che racchiudeva una
piccola caramella.
La caramella era leggermente tinta di nero. Non era assolutamente più
commestibile.
Era stata stretta con così tanta forza da essere quasi schiacciata.
Wei WuXian e Lan WangJi tornarono insieme alla casa delle bare. Le porte
erano aperte. Come avevano sospettato, Song Lan era in piedi accanto alla
bara in cui c’era Xiao XingChen, osservando il suo interno a testa bassa.
Tutti i discepoli avevano sguainato le loro spade. Si erano stretti tutti
insieme da un lato, fissando prudentemente il cadavere feroce che li aveva in
precedenza attaccati. Quando videro che Wei WuXian e Lan WangJi erano
tornati, li guardarono come se le loro vite fossero finalmente salve, eppure
erano troppo spaventati per emettere il minimo rumore, intimoriti dalla
possibilità di allarmare o fare infuriare Song Lan.
Wei WuXian entrò nella casa delle bare e presentò a Lan WangJi, “Lui è
Song Lan, Daozhang Song ZiChen.”
Restando accanto alla bara, Song Lan alzò la testa e si voltò nella loro
direzione. Sollevando l’orlo delle sue vesti, Lan WangJi scavalcò l’alta soglia
in un modo elegante, poi annuì.
Dato che Song Lan aveva riacquistato la sua coscienza, anche le sue pupille
erano ritornate. Due neri occhi luminosi li fissavano.
Negli occhi che in origine appartenevano a Xiao XingChen, era possibile
percepire un profondo e indescrivibile dolore.
Di conseguenza, non c’era bisogno di chiedergli nulla. Wei WuXian già
sapeva tutto. Del periodo in cui Xue Yang lo aveva trasformato in un
cadavere feroce e lo controllava, aveva visto e ricordato tutto.
Non importava quante più domande potevano porgli, e quanto più avessero
parlato, sarebbero solo servite ad accentuare maggiormente il dolore e la
disperazione.
Dopo un breve silenzio, Wei WuXian tirò fuori due piccole Borse Blocca
Spirito. Le consegnò a Song Lan, “Daozhang Xiao XingChen e la Signorina
A-Qing.”
Anche se A-Qing era estremamente spaventata da Xue Yang, aveva
comunque scelto di seguire da vicino il suo assassino, rifiutandosi di
permettergli di spostarsi o scappare finché, alla fine, non era stato trafitto al
cuore da Bichen ottenendo ciò che si meritava. A causa del colpo del
talismano, era quasi scomparsa. Wei WuXian aveva recuperato solo alcuni
frammenti cercandoli e tentando di rimetterli insieme più rigorosamente
che poteva. Tuttavia, ora, era piuttosto frammentata, proprio come Xiao
XingChen.
Erano due brandelli di anime deboli, ciascuna era raggomitolata nella sua
Borsa Blocca Spirito. Era come se anche solo una leggera collisione potesse
dissolverle all’interno della borsa. Con le mani tremanti, Song Lan le prese,
appoggiandole sul palmo. Non osava neppure reggerle con le corde,
temendo che potessero ondeggiare troppo.
Wei WuXian chiese, “Daozhang Song, cosa intendi fare con il cadavere di
Daozhang Xiao XingChen?”
Con una mano continuò a reggere a coppa le due borse, tirò fuori Fuxue con
l’altra mano e scrisse due righe sul pavimento, “Incenerire il cadavere.
Prendermi cura dell’anima.”
Ora che l’anima di Xiao XingChen era così frantumata, sicuramente non
poteva ritornare nel suo corpo, quindi incenerire il cadavere non sarebbe
stata una cattiva idea. Con la scomparsa del suo corpo, ci sarebbe stata solo
un’anima pura, e dopo una diligente cura, forse un giorno sarebbe potuto
ritornare.
Wei WuXian annuì, “Cosa intendi fare dopo?”
Song Lan scrisse, “Vagare in questo mondo con Shuanghua. Esorcizzare gli
esseri malvagi accanto a XingChen.” Dopo una pausa, continuò, “Quando si
sveglierà, gli dirò ‘Mi dispiace, non è stata colpa tua.’”
Questo era ciò che non aveva potuto dire a Xiao XingChen prima di morire.
La nebbia della Città Yi si stava gradualmente dissolvendo. Era già possibile
vedere le strade e gli incroci. Lan WangJi e Wei WuXian guidarono il gruppo
di discepoli fuori dalla città deserta. Davanti alle porte della città, Song Lan
si separò da loro.
Indossava ancora le vesti scure di coltivazione. Solitario, portava due spade,
Shuanghua e Fuxue, e trasportava due anime, Xiao XingChen e A-Qing,
avanzando su un altro sentiero.
Non era quello che li aveva portati alla Città Yi.
Lan SiZhui fissò la figura che si allontanava, “‘Xiao XingChen, la luna
luminosa e la delicata brezza; Song ZiChen, la remota neve e il gelo
glaciale’… Chissà se potranno incontrarsi di nuovo.”
Wei WuXian avanzò sul sentiero ricoperto di erbacce. All’improvviso, vide
una macchia d’erba e pensò tra sé, Ai tempi, questo era il luogo dove Xiao
XingChen e A-Qing hanno trovato Xue Yang.
Lan JingYi, “Ora puoi dirci cosa hai visto durante Empatia, giusto? Perché
quella persona era Xue Yang? Perché ha finto di essere Xiao XingChen?”
“E, inoltre, quello era il Generale Fantasma? Dov’è finito ora il Generale
Fantasma? Perché non lo abbiamo più visto? E’ ancora nella Città Yi? Perché
è apparso così all’improvviso?”
Wei WuXian finse di non aver sentito la seconda serie di domande, “Beh,
questa è una storia molto complicata…”
Mentre camminavano, quando finì di raccontare la storia, tutti erano così
depressi che nessuno ricordava più il Generale Fantasma.
Lan JingYi era stato il primo a piangere, “Perché succedono cose del
genere?!”
Jin Ling infierì, “Quel Xue Yang è un tale sudicio sacco di merda! La morte
lo ha liberato con troppa leggerezza! Se Fairy fosse stato qui, gli avrei
ordinato di ucciderlo a morsi!”
Wei WuXian era terrorizzato. Se Fairy fosse stato lì, prima che Xue Yang
morisse, lui stesso sarebbe perito dallo spavento.
Il ragazzo che si era complimentato con A-Qing attraverso la fessura della
porta, pestò i suoi piedi, “Signorina A-Qing, oh, Signorina A-Qing!”
Lan JingYi pianse con più forza. Aveva un aspetto orribile, ma allo stesso
tempo, nessuno questa volta gli ricordò di abbassare il tono della voce,
poiché anche gli occhi di Lan SiZhui erano rossi. Era una fortuna che Lan
WangJi non lo avesse zittito. Lan JingYi suggerì, tra il moccio e le lacrime,
“Dovremmo bruciare del denaro di carta per Daozhang Xiao XingChen e la
Signorina A-Qing. Laggiù c’è un villaggio di fronte al bivio, giusto?
Compriamo alcune cose e preghiamo per loro.”
Tutti erano d’accordo, “Certo, certo!”
Mentre parlavano, giunsero al villaggio. Lan JingYi e Lan SiZhui si recarono
con impazienza all’interno e portarono fuori alcuni casuali bastoncini
d’incenso, delle candele e del denaro di carta. Camminando di lato,
costruirono qualcosa che sembrava un focolare utilizzando dei mattoni e
delle pietre. I ragazzi allora si accovacciarono intorno ad esso e iniziarono a
bruciare il denaro di carta, borbottando mentre rafforzavano il fuoco. Anche
Wei WuXian non era di ottimo umore. Per strada, non aveva neppure
scherzato. Assistendo alla scena, non riuscì più a resistere. Si rivolse a Lan
WangJi, “HanGuang-jun, guarda cosa stanno facendo proprio di fronte alle
porte degli altri. Non li stai neppure fermando.”
Lan WangJi rispose con un tono indifferente, “Puoi fermarli tu.”
Wei WuXian, “Bene. Li disciplinerò per te.”
E avanzò, “Cosa sto vedendo? Siete tutti dei discepoli di Sette importanti. I
vostri genitori e parenti devono avervi insegnato che i morti non possono
ricevere il denaro di carta, giusto? Perché i morti vorrebbero dei soldi? Non
possono riceverli. E, siete di fronte alle porte della gente. Se li bruciate qui…”
Lan JingYi gli fece un cenno con la mano, “Shoo, shoo. Stai frenando il
vento. Non riuscirà più bruciare. E, non è che tu sia morto, quindi come fai a
sapere che i morti non possono ricevere il denaro di carta?”
Con il viso rigato di lacrime e di cenere, un altro ragazzo si voltò verso di lui
e concordò, “Esatto. Come lo sai? E se possono riceverlo davvero?”
Wei WuXian mormorò, “Come faccio a saperlo?”
Certo che lo sapeva!
Durante quella decina di anni in cui era morto, non aveva ricevuto neppure
un solo pezzo di denaro di carta!
Lan JingYi gli sferrò un’altra pugnalata al cuore, “E se non li avessi ricevuti,
probabilmente è perché nessuno li ha bruciati per te.”
Wei WuXian chiese silenziosamente tra sé, Com’è possibile? Ero davvero un
simile fallimento? Non c’è neppure una singola persona che ha bruciato del
denaro di carta per me? Davvero non ho ricevuto nulla perché nessuno li
ha bruciati?
Più continuava a pensarci, maggiormente impossibile diveniva quella
possibilità. Si voltò e sussurrò a Lan WangJi, “HanGuang-jun, hai bruciato
del denaro di carta per me? Almeno tu hai bruciato del denaro di carta per
me, vero?”
Lan WangJi lo guardò. Abbassò lo sguardo, spolverando la cenere che si era
attaccata al fondo della sua manica, poi spostò lo sguardo in lontananza,
senza replicare con neppure una singola parola.
Osservando il suo viso calmo, Wei WuXian pensò tra sé, Davvero?
Davvero non aveva bruciato niente?!
Improvvisamente, un abitante del villaggio si avvicinò trasportando un arco
sulla schiena. Sembrava piuttosto infastidito, “Perché state bruciando qui
questo? E’ davanti casa mia. Porta male!”
Quei ragazzi non avevano mai fatto nulla di simile prima e non sapevano che
era un cattivo auspicio bruciare il denaro di carta di fronte alla casa di
qualcuno. Si scusarono tutti. Lan SiZhui si affrettò a pulirsi il viso, “Quella
casa è sua?”
L’abitante del villaggio, “Ehi, moccioso, controlla le tue parole. La mia
famiglia è qui da tre generazioni. Come potrebbe non essere casa mia?”
Sentendo il suo tono, Jin Ling s’innervosì subito e stava per alzarsi, “Come
osi parlarci in questo modo?”
Wei WuXian premette la sua testa e lo trattenne di nuovo. Lan SiZhui
continuò, “Capisco. Mi dispiace, non intendevo asserire nient’altro con
quella domanda. Solo che, l’ultima volta che siamo passati per questa casa,
abbiamo visto un altro cacciatore, ecco perché eravamo confusi.”
L’abitante del villaggio era perplesso, “Un altro cacciatore? Cosa intendi per
un altro cacciatore?”
Indicò il “tre” con le sue dita, “Questa casa è stata tramandata da tre
generazioni. Ci sono solo io, non ho nessun fratello! Mio padre è morto
molto tempo fa e non mi sono neppure sposato, tanto meno ho avuto dei
figli. Come diavolo potrebbe esserci un altro cacciatore?”
Lan JingYi, “C’era davvero!”
Si alzò anche lui, “Indossava molti vestiti e portava un copricapo, era seduto
proprio nel suo cortile mentre riparava il suo arco e le frecce, come se stesse
per recarsi a caccia. Quando siamo arrivati, gli abbiamo anche chiesto delle
indicazioni. E’ stato lui a indicarci la Città Yi!”
L’abitante del villaggio battibeccò, “Sciocchezze! L’avete davvero visto nel
mio giardino? Non c’è nessuna persona del genere nella mia famiglia! In un
posto come la Città Yi, perfino i fantasmi riuscirebbero a malmenare gli
umani. Vi ha guidati lì? Sembrava più che volesse uccidervi! Avete visto
sicuramente un fantasma!”
Sputò un paio di volte, sfogando la sua rabbia, poi scosse la testa e si voltò
per andare via. I ragazzi continuavano a fissarsi a vicenda. Lan JingYi stava
ancora protestando, “Ma era davvero seduto in questo cortile. Ricordo
chiaramente che…”
Wei WuXian disse alcune cose a Lan WangJi. Poi si voltò, “Avete capito
adesso? Qualcuno vi ha guidato alla Città Yi. Il cacciatore che vi ha condotto
lì non era un abitante del villaggio. Era una persona mascherata che aveva
delle cattive intenzioni.”
Jin Ling, “Era la persona che ci ha condotto qui utilizzando i cadaveri dei
gatti? E’ stato il falso cacciatore a fare tutte quelle cose?”
Wei WuXian, “Probabilmente è così.”
Lan SiZhui si chiese, “Perché si è sforzato così tanto per condurci nella Città
Yi?”
Wei WuXian, “Ancora non lo sappiamo. Però, d’ora in poi, dovete prestare
attenzione. Se v’imbattete di nuovo in qualcosa di così strano, non dovete
rintracciarlo da soli. Innanzitutto, contattate le vostre Sette e intervenite con
un grande numero di persone. Se nella Città Yi non ci fosse stato anche
HanGuang-jun, sareste potuti anche morire.”
Immaginando cosa sarebbe successo se fossero rimasti bloccati nella Città
Yi, molti dei discepoli sentirono i capelli rizzarsi. Non importava se fossero
stati accerchiati da un gruppo di cadaveri o attaccati dal demone vivente Xue
Yang, la situazione sarebbe stata assolutamente terrificante.
Procedendo in compagnia dei discepoli, dopo un po’, quando il cielo si era
ormai quasi oscurato, Lan WangJi e Wei WuXian giunsero finalmente nella
città in cui erano stati collocati il cane e l’asino.
La città non era solo illuminata, ma era anche piena del vociare delle
persone. Tutti i discepoli strepitarono poiché finalmente quello sembrava un
luogo abitato dagli umani.
Wei WuXian allungò le braccia verso l’asino e gridò, “Piccola Mela!”
Piccola Mela ragliò come se fosse impazzito. Immediatamente, Wei WuXian
sentì i latrati di un cane. Balzò prontamente alle spalle Lan WangJi. Anche
Fairy si era precipitato. Il cane e l’asino sostavano ai due lati opposti,
ringhiandosi a vicenda.
Lan WangJi, “Legalo. E’ quasi ora del pasto.”
Trascinando Wei WuXian, che era quasi appiccicato alle sue spalle, si diresse
al piano superiore, seguendo il servitore del tè. Jin Ling e gli altri volevano
seguirli, ma Lan WangJi si voltò e lanciò nella loro direzione un’occhiata
scura. Lan SiZhui disse immediatamente agli altri, “Gli anziani e i giovani
dovrebbero stare in due stanze separate. Possiamo restare al piano terra.”
Lan WangJi annuì e continuò a camminare, la sua espressione era distante
come al solito. Jin Ling si fermò con esitazione sulle scale, incerto se salire o
scendere. Wei WuXian si voltò e sogghignò, “Gli adulti e i bambini
dovrebbero restare separati. E’ meglio non assistere ad alcune cose che
avvengono.”
Le labbra di Jin Ling si contrassero, “Chi mai vorrebbe assistere!”
Lan WangJi disse a un servitore di preparare un tavolo al piano inferiore per
il gruppo di discepoli e una stanza privata al piano superiore per lui e Wei
WuXian. I due si accomodarono l’uno di fronte all’altro.
Wei WuXian, “HanGuang-jun, ascoltami. Per favore, non permettere alla
tua Setta di gestire da sola tutte le conseguenze della Città Yi. E’ una città
così grande. Se vuoi davvero rassettare il luogo, ti costerà molto in tanti
aspetti. Sarà piuttosto difficile. Inoltre, Shudong non è sotto
l’amministrazione della Setta GusuLan. Prendi in considerazione i discepoli
al piano di sotto e controlla da quali Sette provengono. Fai partecipare anche
quelle Sette, dovrebbero aiutarti anche loro.”
Lan WangJi, “Lo prenderò in considerazione.”
Wei WuXian, “Si, fallo per favore. A tutti piace lottare per le prede e invece
eludere le responsabilità. Ora, se si approfittano della tua Setta, nonostante
sia per il loro bene, potrebbero non apprezzarlo, o non potrebbero capire il
motivo per cui l’hai fatto. Se questo si ripeterà spesso, daranno per scontato
che sarà sempre la tua Setta a occuparsi di queste faccende. Ecco come
funzionano le cose in questo mondo.”
Dopo una pausa, continuò, “Ma, parlando di questo, sono stati davvero
sfortunati. La Città Yi è troppo remota e non ci sono torri di guardia in
quella zona. Oppure, Jin Ling, SiZhui e il resto non avrebbero fatto irruzione
accidentalmente. Anche le anime della Signorina A-Qing e di Daozhang Xiao
XingChen non sarebbero state nascoste per tutti questi anni.”
Non importava quanto grandi o piccole fossero, il numero delle Sette di
coltivazione raggiungeva il numero delle stelle nel cielo. La maggior parte
erano situate nelle città fiorenti a cui era possibile accedere facilmente o su
terreni spirituali con degli splendidi scenari. Le Sette, tuttavia, solitamente
preferivano non sostare in simili aree remote. Anche i coltivatori solitari
viaggiavano raramente in quei luoghi. Così, quando gli esseri malvagi
attaccavano, gli abitanti di solito soffrivano in silenzio, incapaci di cercare
un aiuto da qualche parte.
Quando il precedente Capo della Setta LanlingJin, Jin GuangShan, era
ancora vivo, Jin GuangYao aveva già riportato la situazione. Tuttavia, poiché
avrebbe avuto un grande costo, Jin GuangShan non fu troppo entusiasta
dell’idea. Inoltre, ai tempi, la guida della Setta LanlingJin non era troppo
potente, così la questione non fu ritenuta importante e non accadde nulla.
Dopo che Jin GuangYao ereditò ufficialmente la posizione di Capo Setta e
diventò il Capo Coltivatore, radunò immediatamente le persone e le risorse
dalle Sette, e iniziò portare a termine i suoi vecchi obiettivi. All’inizio, le voci
che si opponevano erano assordanti. Molte persone sospettavano che la
Setta LanlingJin intendesse utilizzarle per trarne dei benefici personali e
riempire le proprie tasche. Con un viso sorridente, Jin GuangYao riuscì a
resistere per cinque anni. Durante gli anni, strinse delle alleanze ma perse
anche innumerevoli persone. Adoperando dei procedimenti cordiali e
potenti, facendo tutto ciò che era in suo potere e ciò che desiderava
finalmente riuscì a completarle. Furono costruite oltre milleduecento “torri
di guardia”.
Quelle “torri di guardia” erano sparse nei luoghi più remoti. Per ognuna
furono assegnati dei discepoli di determinate Sette. Se accadeva qualcosa di
strano, avrebbero agito immediatamente. Quando non riuscivano a gestire la
situazione, dovevano prendere contatto con le altre Sette o con i coltivatori
solitari per chiedere aiuto. Se i coltivatori che giungevano richiedevano
qualcosa in cambio, nonostante la gente fosse troppo povera per offrire
qualcosa, i soldi che la Setta LanlingJin raccoglieva ogni anno bastavano per
sostenerli.
Tutto questo era accaduto dopo la morte del Patriarca Yiling. Wei WuXian
aveva solo sentito i dettagli da Lan WangJi dopo aver visto alcune torri di
guardia durante il loro viaggio. Secondo alcune voci, la Torre Koi si stava
preparando a costruire un nuovo gruppo di torri di guardia, raggiungendo
così i tremila, riuscendo a ricoprire una zona più ampia. Anche se, dopo la
costruzione delle prime torri di guardia avevano ricevuto diffuse
approvazioni per i loro notevoli effetti, le voci di sospetto e di derisione non
erano mai cessate. Prima o poi, il mondo della coltivazione sarebbe
sicuramente caduto di nuovo nel caos.
Non molto tempo dopo, giunse sia il cibo che il liquore. Wei WuXian lanciò
un’occhiata al tavolo, fingendo di non notarlo. Quasi tutti i piatti erano
coperti di rosso. Prestando attenzione alle bacchette di Lan WangJi, notò
che mangiava principalmente dai piatti più miti, di rado da quelli rosso vivo.
Anche quando lo faceva, la sua espressione restava identica. Wei WuXian
sentì una sensazione stringere il suo cuore.
Notando il suo sguardo, Lan WangJi chiese, “C’è qualcosa che non va?”
Wei WuXian si versò lentamente una coppa di liquore, “Voglio che qualcuno
beva con me.”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 43


– Attrazione – Parte Uno
In realtà, non pensava davvero che Lan WangJi avrebbe bevuto con lui, e
finì semplicemente il liquore nella sua coppa. Tuttavia, fissandolo in
silenzio, Lan WangJi scostò lievemente le proprie maniche. Versò anche per
sé una coppa e, dopo una pausa, trangugiò lentamente il liquore.
Wei WuXian era piuttosto sorpreso, “HanGuang-jun, sei davvero
premuroso, sai? Berrai davvero con me?”
Durante la loro precedente bevuta, Wei WuXian non aveva prestato molta
attenzione all’espressione di Lan WangJi. Questa volta, tuttavia, si fece in
quattro per esaminarlo attentamente.
Mentre beveva, Lan WangJi chiuse le palpebre. Con un debole cipiglio, finì il
liquore e riaprì gli occhi solo dopo aver increspato delicatamente le labbra.
Una coltre di nebbia sembrò scendere sui suoi occhi.
Appoggiando il mento sulla mano, Wei WuXian iniziò a contare in silenzio.
Come pensava, quando raggiunse il numero otto, Lan WangJi mise giù la
tazza. Si toccò la fronte, chiuse gli occhi e si addormentò.
Wei WuXian ne era pienamente sicuro, Lan WangJi si addormentava
davvero per poi risvegliarsi ubriaco!
Per qualche ignota ragione, iniziò a sentirsi piuttosto impaziente. Finendo il
restante liquore in un solo sorso, Wei WuXian si alzò e iniziò a girare per la
stanza, con le mani incrociate dietro la schiena. Dopo un po’, si avvicinò a
Lan WangJi, abbassandosi, gli sussurrò all’orecchio, “Lan Zhan?”
Non ci fu alcuna risposta. Wei WuXian continuò, “WangJi-xiong?”
Lan WangJi aveva la testa appoggiata alla sua mano destra. Il suo respiro
era più calmo che mai.
Sia i suoi lineamenti che la mano sulla sua fronte erano di un colorito
impeccabile. Sembrava un pezzo di giada raffinata.
Inizialmente, la debole fragranza di sandalo che lo circondava era fredda,
alquanto malinconica. Adesso, tuttavia, combinata al dolce aroma del
liquore, alcune tinte di calore si erano increspate in quel gelo. Come se fosse
giunta una sferzata sdolcinata, il profumo era quasi inebriante.
Ora che Wei WuXian era alquanto vicino, l’odore s’intrecciò ai suoi respiri.
Non poté fare a meno di abbassarsi ulteriormente, avvicinandosi così ancora
di più a Lan WangJi. Vagamente, pensò tra sé, Strano… Perché l’ambiente
qua dentro sembra che si stia riscaldando?
In mezzo alla combinazione di liquore e di sandalo, il suo viso si avvicinò
man mano sempre di più, mentre lui stesso sembrava non notarlo affatto.
Anche il tono della sua voce si ridusse. In un modo quasi canzonatorio,
mormorò, “Secondo… Fra-…”
All’improvviso, una voce giunse alle sue orecchie, “Giovane Maestro…”
Il viso di Wei WuXian era già a un meno di un centimetro da quello di Lan
WangJi. Anche la parola “fratello” era sulla punta della sua lingua.
Spaventato dal suono, quasi cadde a terra inciampando sui suoi stessi piedi.
Si piazzò immediatamente di fronte a Lan WangJi. Poi, si voltò verso le
finestre di legno da cui era giunta la voce.
Un leggero bussare sopraggiunse attraverso le finestre, poi una lieve voce
scivolò dalla fessura, “Giovane Maestro…”
Wei WuXian finalmente notò che il suo cuore stava battendo un po’ troppo
velocemente. Restò nuovamente stupito, poi riacquistò la sua compostezza.
Avanzando, alzò la finestra solo per vedere una figura vestita di nero che
penzolava a testa in giù, con le gambe agganciate al tetto, mentre si
preparava a bussare ancora una volta. Wei WuXian aprì rapidamente la
finestra, che urtò contro la testa di quella persona. La figura proruppe con
un lieve “Ah”. Ritirando le finestre con entrambe le mani, finalmente
incrociò lo sguardo di Wei WuXian.
Una fredda brezza proruppe nella stanza. Gli occhi di Wen Ning erano
aperti, non più di un bianco cinereo, ma erano ben visibili un paio di pupille
nere e quiete.
I due restarono così, uno in piedi e l’altro sospeso, e continuarono a fissarsi
per qualche istante.
Wei WuXian, “Scendi.”
Con un’improvvisa perdita di equilibrio, Wen Ning cadde e sbatté sul
terreno di fronte alla locanda.
Wei WuXian si asciugò il sudore inesistente dalla fronte.
Commentò, Abbiamo davvero scelto il posto giusto!
Quella locanda era stata un’ottima scelta. Per motivi di tranquillità, le
finestre della stanza privata si affacciavano su un piccolo boschetto invece
che sulla strada. Usando un palo come sostegno, Wei WuXian lasciò le
finestre aperte e guardò in basso, sporgendosi all’esterno. Con il suo pesante
corpo, Wen Ning aveva creato una voragine dalla forma di una figura umana
sul terreno. Stava ancora fissando Wei WuXian anche se giaceva nella
rientranza.
 Con una voce affievolita, Wei WuXian gli gridò, “Ti avevo detto di scendere,
non di lanciarti. ‘Vieni’ riesci a capirlo?”
Wen Ning lo guardò. Spolverandosi i vestiti, si trascinò fuori dalla rientranza
e si affrettò a rispondere, “Oh. Arrivo.”
Non appena ebbe pronunciato quelle parole, si aggrappò a un pilastro,
preparandosi a salire. Wei WuXian lo fermò subito, “Fermo! Resta dove sei.
Verrò io da te.”
Tornò da Lan WangJi e si abbassò verso le sue orecchie, “Lan Zhan, oh, Lan
Zhan. Per favore, dormi ancora per un po’. Tornerò prima che tu possa
accorgertene. Farai il bravo?”
Dopo aver parlato, sentì uno strano impulso. Non poté fare a meno di
sfiorare con la punta del dito le ciglia di Lan WangJi.
In un modo delicato, le ciglia di Lan WangJi tremarono e le sue sopracciglia
si corrugarono. Sembrò piuttosto inquieto. Ritraendo la mano, Wei WuXian
saltò fuori dalla finestra. Balzò alcune volte sui rami nelle vicinanze del tetto,
poi atterrò a terra. Non appena si voltò, Wen Ning si inginocchiò di fronte a
lui.
Wei WuXian, “Che cosa stai facendo?”
Wen Ning non disse nulla, restando a testa bassa.
Wei WuXian chiese ancora, “Vuoi davvero parlarmi in questo modo?”
Wen Ning abbassò la voce, “Giovane Maestro, mi dispiace.”
Wei WuXian, “Bene, allora.”
Subito dopo aver parlato, s’inginocchiò anche lui di fronte a Wen Ning.
Sorpreso, Wen Ning continuò a inchinarsi davanti a lui, e anche Wei
WuXian presto restituì l’inchino. Wen Ning era così allarmato che balzò
subito in piedi. Solo allora Wei WuXian si alzò di nuovo, spolverando lo
sporco dai lembi del vestito, “Potevi stare in piedi e parlare con me in modo
normale fin da subito, sai?”
Wen Ning aveva ancora lo sguardo puntato verso il terreno, timoroso di
pronunciare qualunque cosa. Wei WuXian chiese, “Quando hai ripreso
conoscenza?”
Wen Ning, “Poco fa.”
Wei WuXian, “Riesci a ricordare ciò che è accaduto quando avevi ancora i
chiodi nella testa?”
Wen Ning, “In parte… ma non tutto.”
Wei WuXian, “Cosa ricordi?”
Wen Ning, “Ero incatenato in un luogo davvero buio. Penso che a volte delle
persone venissero a controllarmi.”
Wei WuXian, “Ricordi chi erano?”
Wen Ning, “No, solo che qualcuno mi aveva impiantato qualcosa nella
testa.”
Wei WuXian, “Probabilmente si trattava di Xue Yang. Ha utilizzato quei
chiodi per controllare anche Song Lan. Era un coltivatore ospite della Setta
LanlingJin, ma non sappiamo ancora se ha fatto una cosa del genere di sua
iniziativa o per volontà della Setta LanlingJin.” Dopo una breve riflessione,
continuò, “Probabilmente, era un desiderio della Setta LanlingJin. Ai tempi,
annunciarono che eri stato completamente annientato. Se la Setta
LanlingJin non avesse preso parte a questo, lui non avrebbe potuto
nascondere la verità da solo.” Dopo una pausa, chiese di nuovo, “Allora,
cos’è successo dopo? Come sei giunto sul Monte Dafan?”
Wen Ning, “In seguito, non so quanto tempo sia trascorso, ma
improvvisamente ho sentito qualcuno che batteva le mani, e poi, Giovane
Maestro, hai detto ‘svegliati’, e così… mi sono liberato dalle catene e sono
scappato…”
Era l’ordine che Wei WuXian aveva fornito ai tre cadaveri al Villaggio Mo.
In passato, Wei WuXian aveva dato innumerevoli ordini al Generale
Fantasma. Così, aveva sentito anche lui il primo ordine che Wei WuXian
aveva pronunciato non appena era ritornato in quel mondo.
E così, in uno stato confusionario, Wen Ning aveva seguito le indicazioni
degli altri cadaveri e gli ordini di Wei WuXian. La Setta LanlingJin, d’altra
parte, sapeva di non poter rendere pubblico di aver nascosto il Generale
Fantasma. Altrimenti, se la notizia fosse trapelata, non solo la loro
reputazione sarebbe stata danneggiata, ma la gente avrebbe anche iniziato a
farsi prendere dal panico. Ecco perché, anche se Wen Ning era scappato,
non avevano osato seguirlo a sproposito. Dopo un caotico viaggio, Wen Ning
aveva finalmente raggiunto Wei WuXian, che stava suonando il flauto sul
Monte Dafan, e i due finalmente erano riusciti a incontrarsi di nuovo.
Wei WuXian sospirò, “Hai detto che non sai ‘quanto tempo sia trascorso’.
Sono già passati più di dieci anni.” Continuò dopo una breve pausa, “Beh, è
giusto dire che non so molto più di te. Vuoi che ti racconti alcune cose che
sono accadute?”
Wen Ning, “Ho sentito delle voci.”
Wei WuXian, “Cosa, ad esempio?”
Wen Ning, “Ho sentito che i Tumuli Sepolcrali sono spariti, che tutti… sono
morti.”
Onestamente, Wei WuXian aveva intenzione parlargli solo dei pettegolezzi
più banali, come il modo in cui le regole della Setta Lan fossero aumentate
da tremila a quattromila. Non aspettandosi affatto che Wen Ning iniziasse
sollevando un argomento così serio, poté solo tacere.
Nonostante fosse un argomento così serio, il tono di Wen Ning non era
affatto triste, come se già in origine fosse stato a conoscenza di ciò che
sarebbe accaduto. In realtà, però, era davvero così. Avevano previsto lo
scenario peggiore innumerevoli volte, già più di un decennio prima.
Dopo un momento di silenzio, Wei WuXian chiese ancora, “Cos’altro hai
sentito?”
Wen Ning sussurrò, “Il Capo Setta Jiang, Jiang Cheng, ha condotto un
assedio ai Tumuli Sepolcrali. E ti ha ucciso.”
Wei WuXian, “Questo dovrò chiarirlo. Non mi ha ucciso lui. Sono morto a
causa di un contraccolpo.”
Wen Ning finalmente lo guardò, “Ma, il Capo Setta Jiang ti ha
chiaramente…”
Wei WuXian, “Nessuno può camminare senza rischi su un’asse posta al di
sopra di un fiume per tutta la vita. Non poteva andare altrimenti.”
Wen Ning sembrava intenzionato a sospirare, ma non aveva del fiato da
rilasciare. Wei WuXian concluse la conversazione, “Va bene. Non parliamo
più di lui. Hai sentito qualcos’altro?”
“Sì.” Wen Ning lo fissò, “Giovane Maestro Wei, hai avuto una morte
orribile.”
” … ” Guardando quanto fosse miserabile, Wei WuXian sospirò, “Quindi non
hai sentito alcuna buona notizia?”
Wen Ning si accigliò, “No. Non ce n’era nessuna.”
” … ” Wei WuXian restò senza parole.
Improvvisamente, un rovinoso forte rumore giunse dalla sala principale al
piano terra. Seguì la voce di Lan SiZhui, “Non stavamo parlando di Xue
Yang? Perché ora stiamo discutendo di questo?”
Jin Ling, “Stavamo parlando di Xue Yang. Quello che ho detto è sbagliato?
Che cosa ha fatto Xue Yang? E’ la peggiore feccia, e Wei Ying era ancora più
disgustoso di lui! Che cosa intendi con ‘Non dovremmo generalizzare’? Quei
mostri sono dei parassiti del nostro mondo! Dovremmo ucciderli,
sterminarli e massacrarli tutti!”
Wen Ning trasalì. Wei WuXian gli indicò di restare fermo. Dall’altro lato,
anche Lan JingYi si unì, “Perché se così arrabbiato al riguardo? SiZhui non
ha detto che non avrebbero dovuto uccidere Wei WuXian. Ha solo affermato
che non tutti quelli che coltivano il sentiero spettrale sono come Xue Yang.
C’era davvero bisogno di lanciare quelle cose? Non lo avevo neppure ancora
mangiato…”
Jin Ling con disprezzo, “Non ha anche detto che ‘Il fondatore di questo
sentiero poteva non aver inteso la sua pericolosità’? Chi era il ‘fondatore di
questo sentiero’? Avanti, dimmi, chi altro potrebbe essere se non Wei Ying?!
Non riesco a capirvi. Anche la vostra Setta GusuLan è una Setta importante,
e ai tempi ha perso numerose persone per mano di Wei Ying, no? Non è
stato difficile uccidere tutti quei cadaveri e quant’altro che erano sotto il suo
controllo? Lan Yuan, perché parli con un punto di vista così bizzarro? Dal
modo in cui stai parlando, non dirmi che stai cercando di giustificare Wei
Ying!”
Lan Yuan era il nome di nascita di Lan SiZhui. Protestò, “Non stavo
cercando di giustificarlo. Ho semplicemente suggerito di non giungere a
delle conclusioni prima ancora di comprendere l’intera situazione. Sai,
prima di recarci alla Città Yi, molte persone affermavano anche che Chang
Ping del Clan YueyangChang era stato ucciso da Daozhang Xiao XingChen
per vendetta, giusto? Ma qual era la verità?”
Jin Ling, “Nessuno aveva davvero visto se Chang Ping era stato ucciso da
Daozhang Xiao XingChen. Quelle erano solo ipotesi, quindi perché stai
rimembrando le loro affermazioni? Basta solo provare a contare quanti
coltivatori hanno perso le loro vite a causa di Wei Ying, di Wen Ning e del
Sigillo Stigio della Tigre durante le battaglie del Sentiero Qiongqi e del
Giorno Senza Notte! Questa è la realtà che tutti hanno accettato, che
nessuno può negare! E poi, non potrò mai dimenticare che ha ordinato a
Wen Ning di uccidere mio padre e mia madre!”
Se Wen Ning avesse avuto anche una sola traccia di sangue nella sua
carnagione, avrebbe già lasciato il suo viso.
Soffiò, “… Il figlio della Signorina Jiang?”
Wei WuXian restò immobile.
Jin Ling continuò, “Mio zio è cresciuto con lui, mio nonno lo considerava
come un figlio, anche mia nonna non era terribile nei suoi confronti, ma lui
cos’ha fatto? Ha trasformato il Pontile del Loto nel covo della Setta Wen, ha
distrutto l’intera Setta YunmengJiang, ha causato la morte dei miei genitori
e dei miei nonni, e ora resta solo mio zio! Ha determinato la sua stessa
morte attraverso lo scempio che ha causato e alla fine non si è lasciato alle
spalle neppure un cadavere! Quale parte dell’intera situazione non riesci a
capire? Quali altre giustificazioni hai ancora intenzione di trovare per lui?!”
Discuteva energicamente, mentre Lan SiZhui non rispondeva affatto. Un
attimo dopo, un altro ragazzo parlò, “Perché ci stiamo scaldando
improvvisamente per una cosa del genere? Lasciamo perdere l’argomento,
va bene? Non abbiamo neppure ancora finito di mangiare. Il cibo finirà per
diventare freddo.”
A giudicare dalla voce, era quello “sentimentale” che Wei WuXian aveva
preso in giro. Qualcun altro acconsentì, “ZiZhen ha ragione. Dobbiamo
smetterla di discutere. SiZhui ha semplicemente dimenticato di scegliere
attentamente le sue parole. Si trattava solo di un commento sbrigativo, come
avrebbe potuto rifletterci troppo? Siediti, Giovane Maestro Jin. Continuiamo
a mangiare.”
“Giusto. Abbiamo appena lasciato la Città Yi, quindi tecnicamente abbiamo
già combattuto insieme tra la vita e la morte… Non dovremmo litigare per
un simile disattento errore.”
Jin Ling sbuffò. Lan SiZhui alla fine rispose, il suo tono era educato come
sempre, “Mi dispiace. Avrei dovuto riflettere maggiormente sulle mie parole.
Giovane Maestro Jin, per favore siediti di nuovo. Non vorremmo continuare,
richiamando qui anche HanGuang-jun.”
La menzione di HanGuang-jun era stata davvero una mossa splendida.
Immediatamente, Jin Ling si fermò, senza emettere neppure il minimo
rumore. Riecheggiarono i suoni dei tavoli e delle sedie che si spostavano.
Sembrava che si fosse seduto di nuovo. La sala si riempì rapidamente degli
schiamazzi, e le voci dei ragazzi furono presto soffocate dal tintinnio delle
ciotole e dei piatti. Tuttavia, Wei WuXian e Wen Ning erano ancora fermi
silenziosamente nel boschetto, le loro espressioni erano rigide.
Senza emettere alcun suono, Wen Ning s’inginocchiò di nuovo. Wei WuXian
lo notò solo dopo una breve pausa. Agitando lievemente la mano, rispose,
“Non è stata colpa tua.”
Proprio quando Wen Ning stava per aprire di nuovo la bocca,
improvvisamente guardò alle spalle di Wei WuXian ed esitò. Prima che Wei
WuXian potesse girarsi, una figura vestita di bianco lo superò e colpì Wen
Ning alla spalla.
Wen Ning creò un’altra rientranza dalla forma di una figura umana sul
terreno.
Wei WuXian si affrettò a tirare indietro Lan WangJi, che sembrava
intenzionato a colpirlo nuovamente, “HanGuang-jun, HanGuang-jun!
Calmati!”
Sembrava che il momento del “sonno” fosse finito, ed era giunto il momento
dell'”ubriacatura”,  così Lan WangJi si era recato fuori.
La situazione sembrava un po’ familiare, la storia si stava davvero ripetendo,
giusto? Tuttavia, questa volta, Lan WangJi sembrava ancora più normale
della volta precedente. Non aveva neppure indossato gli stivali nel modo
sbagliato. Anche dopo aver brutalmente colpito Wen Ning, la sua
espressione era ancora perfettamente onesta. Nessuno avrebbe potuto
trovare alcun difetto su di lui. Dopo che Wei WuXian lo aveva fermato, si era
aggiustato le maniche e aveva annuito. Si fermò orgogliosamente sul posto,
evitando di colpirlo di nuovo.
Wei WuXian sfruttò il momento per chiedere a Wen Ning, “Come stai?”
Wen Ning, “Sto bene.”
Wei WuXian, “Se stai bene, allora alzati! Perché sei ancora inginocchiato?”
Wen Ning si alzò ed esitò, “Giovane Maestro Lan.”
Lan WangJi corrugò le sopracciglia e si coprì le orecchie. Poi voltò la schiena
in direzione di Wen Ning. Ponendosi di fronte a Wei WuXian, usò il proprio
corpo per bloccare il loro contatto visivo.
Wen Ning, ” … “
Wei WuXian, “Sarà meglio per te non restare lì. A Lan Zhan, uh, non piace
vederti.”
Wen Ning, “… Cos’è successo al Giovane Maestro Lan?”
Wei WuXian, “Non molto. E’ solo ubriaco.”
“Cosa?” Il viso di Wen Ning si svuotò, come se non potesse accettare una
cosa del genere. Dopo un po’, finalmente continuò, “Allora… Cosa hai
intenzione di fare?”
Wei WuXian, “Bene, cosa posso fare? Lo porterò dentro e lo infilerò a letto.”
Lan WangJi, “Va bene.”
Wei WuXian, “Hmm? Non ti stavi coprendo le orecchie? Come mai
improvvisamente riesci a sentirmi di nuovo?”
Questa volta, Lan WangJi si rifiutò di rispondere, fingendo di non essere
stato lui a interromperli in precedenza. Wei WuXian non era certo di come
dover reagire. Si rivolse a Wen Ning, “Stai attento.”
Wen Ning annuì. Non poté fare a meno di guardare di nuovo Lan WangJi.
Proprio mentre stava per andarsene, Wei WuXian lo fermò, “Wen Ning,
perché non… trovi prima un luogo dove nasconderti?”
Wen Ning si fermò per un attimo. Wei WuXian aggiunse, “Poiché sei già
morto due volte. Dovresti riposarti un po’.”
Quando andò via, Wei WuXian spostò le mani che Lan WangJi stava usando
per coprirsi le orecchie, “Va bene. Se n’è andato. Non potrai sentirlo o
vederlo più.”
Lan WangJi finalmente liberò le sue orecchie. Fissò senza alcuna
espressione Wei WuXian con i suoi occhi chiari.
I suoi occhi erano così chiari e così onesti, che un desiderio malizioso si fece
strada attraverso Wei WuXian. Come se qualcosa nel suo corpo fosse stato
acceso, sorrise scherzosamente, “Lan Zhan, continuerai a rispondere a
qualunque cosa ti chiederò? Farai tutto ciò che ti dico?”
Lan WangJi, “Mnn.”
Wei WuXian, “Togliti il nastro frontale.”
Obbedientemente, Lan WangJi allungò la mano e lentamente sciolse i nodi.
Si tolse il nastro bianco dalla fronte, su cui erano presenti dei motivi di
nuvole vaganti.
Reggendo il nastro tra le mani, Wei WuXian lo rigirò alcune volte,
esaminando ogni suo angolo, “Quindi, non c’è davvero niente di così
speciale, no? Ed io che pensavo che nascondesse una sorta di gigantesco
segreto. Allora, ai tempi, perché eri così arrabbiato quando te lo tolsi?” O
forse, il passato Lan WangJi lo odiava semplicemente, insieme a ogni sua
azione?
Improvvisamente, sentì qualcosa stringere i suoi polsi. Lan WangJi aveva
legato entrambe le sue mani usando il nastro frontale e stava iniziando a fare
dei nodi.
Wei WuXian, “Che cosa stai facendo?”
Voleva vedere cosa intendesse fare esattamente Lan WangJi, così non lo
fermò. Dopo che Lan WangJi unì le sue mani, inizialmente strinse un nodo
semplice. Rifletté per un po’ e, ritenendo che qualcosa non andasse bene, lo
sostituì con un nodo più stretto. Poi ci ripensò, ancora insoddisfatto, e legò
un altro nodo in cima.
Il nastro frontale della Setta GusuLan era una fascia di tessuto che pendeva
alle spalle quando era legata. Quando la persona in questione si muoveva,
svolazzava elegantemente nell’aria, per questo motivo era piuttosto lungo.
Lan WangJi legò sette o otto nodi sul nastro, formando una pila di piccoli
grumi dall’aspetto brutto, e finalmente sembrò ritenersi abbastanza
soddisfatto da fermarsi.
Wei WuXian, “Ehi, lo vuoi ancora il tuo nastro?”
Il cipiglio di Lan WangJi si dissolse. Stringendo l’altra estremità del nastro
frontale, sollevò le mani di Wei WuXian di fronte a sé, come se stesse
ammirando un capolavoro che aveva appena creato. Con le mani sospese in
aria, Wei WuXian pensò tra sé, Probabilmente, in questo momento sembro
davvero un criminale… Aspetta, perché sto giocando con lui in questo
modo? Non dovevo scherzare io con lui?
Wei WuXian finalmente sembrò realizzarlo, “Toglilo.”
Lan WangJi raggiunse felicemente il suo colletto e la sua fascia, ripetendo
esattamente il suo stesso precedente approccio. Wei WuXian gridò, “Non
togliere questo! Togli la cosa che ho sulle mani. La cosa con cui mi hai
legato. Il nastro.”
Se Lan WangJi non si fosse limitato solo a legare le sue mani, ma lo avesse
anche spogliato dei suoi vestiti, la scena sarebbe stata spaventosa oltre ogni
immaginazione!
Sentendo la sua richiesta, Lan WangJi corrugò nuovamente le sopracciglia, e
non fece nulla. Wei WuXian alzò le mani e lo persuase, “Hai detto che mi
avresti ascoltato, no? Fai il bravo e toglilo.”
Lan WangJi lo guardò, poi spostò lo sguardo silenziosamente, come se non
riuscisse a capire cosa Wei WuXian stesse dicendo e avesse bisogno di
riflettere al riguardo ancora per un po’. Wei WuXian si lamentò, “Oh, ora ho
capito! Sei tutto eccitato se ti dico di legarmi, ma non riesci a capire se ti
dico di toglierlo. E’ così?”
Il nastro frontale della Setta Lan era stato realizzato con lo stesso materiale
dell’uniforme. Sebbene sembrasse fragile, in realtà era piuttosto resistente.
E, poiché Lan WangJi lo aveva avvolto strettamente, stringendo un lungo
ciuffo di nodi, Wei WuXian non riusciva a liberarsene, indipendentemente
da quanto ci avesse provato. Commentò in silenzio, Mi sono davvero colpito
i piedi da solo, vero? E’ un bene che si tratti solo di un nastro frontale, e
non di qualche strana fune magica, altrimenti mi avrebbe legato davvero.
Lan WangJi spostò lo sguardo in lontananza mentre tirava l’estremità del
nastro frontale, facendolo oscillare. Wei WuXian lo supplicò, “Puoi toglierlo,
per favore? HanGuang-jun, come può una persona elegante come te fare una
cosa del genere? A che serve legarmi in questo modo? Sarà un problema se
qualcuno ci vedrà così, giusto?”
Quando sentì l’ultima frase, Lan WangJi iniziò a trascinarlo verso la strada.
Trascinato da Lan WangJi, Wei WuXian barcollò, “A-a-aspetta un attimo.
Intendevo che era assolutamente un problema se qualcuno lo vedesse, e non
che dovresti mostrarlo agli altri. Hey! Stai solo fingendo di non capirmi,
vero? Lo fai di proposito? Quindi capirai solo quello che ti interessa? Lan
Zhan, Lan WangJi!”
Prima ancora che riuscisse a finire di parlare, Lan WangJi lo aveva già
trascinato fuori dal boschetto. Girarono per la strada ed entrarono di nuovo
nella sala principale al piano terra.
I giovani stavano ancora mangiando e scherzando. Anche se c’era stato quel
piccolo disaccordo, i giovani erano sempre pronti a dimenticare delle simili
cose. Erano nel bel mezzo di un gioco di bevute. Anche alcuni giovani più
audaci della Setta Lan volevano provare a bere qualche sorso. C’era sempre
qualcuno pronto a sorvegliare la scala che portava al piano superiore,
tenendo d’occhio Lan WangJi. Nessuno sembrò sospettare minimamente
che, Lan WangJi sarebbe potuto giungere di sorpresa trascinando Wei
WuXian attraverso l’ingresso principale, dove non stavano prestando la
minima attenzione. Tutti restarono sbalorditi quando si voltarono.
Lan JingYi si lanciò sopra la tazza di liquore sul tavolo, sperando di coprirla,
e rovesciò alcune ciotole e dei piatti lungo la strada. L’oggetto che voleva
coprire diventò ancora più evidente. Lan SiZhui si alzò in piedi, “H-
HanGuang-jun, perché sei entrato di nuovo dall’ingresso?”
Wei WuXian rise, “Haha. Il vostro HanGuang-jun aveva un po’ caldo e ha
deciso di fare una passeggiata all’esterno così da potervi anche cogliere alla
sprovvista. Vedete? Eccovi, state bevendo anche se non dovreste.”
Pregò segretamente che Lan WangJi lo trascinasse direttamente di sopra,
senza fare o dire nulla di superfluo. Se avesse mantenuto il suo silenzio,
conservando il suo aspetto freddo, nessuno avrebbe potuto notare nulla di
sbagliato in lui.
Proprio mentre quel pensiero gli stava passando per la mente, Lan WangJi
lo trascinò verso il tavolo dei giovani.
Lan SiZhui era più che scioccato, “HanGuang-jun, il tuo nastro frontale…”
Prima che riuscisse a finire di parlare, vide le mani di Wei WuXian.
Il nastro frontale di HanGuang-jun era annodato intorno ai polsi di Wei
WuXian.
Forse, ritenendo che non abbastanza persone avessero potuto notarlo, tirò
l’estremità del nastro, e Lan WangJi sollevò le mani di Wei WuXian,
esibendole sotto lo sguardo di tutti.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 44
– Attrazione – Parte Due
L’ala di pollo in bocca a Lan JingYi cadde nella sua ciotola, schizzando la
salsa sulla parte anteriore dei suoi vestiti.
Un unico pensiero colmò la mente di Wei WuXian. Al suo risveglio, Lan
WangJi non avrebbe più avuto la faccia di guardare di nuovo gli altri.
Jin Ling era sconcertato, “… Cosa sta facendo?”
Wei WuXian, “Vi sta mostrando un metodo speciale per utilizzare il nastro
frontale della Setta Lan.”
Lan SiZhui, “Quale metodo speciale…”
Wei WuXian, “Quando trovate un cadavere davvero strano e avete bisogno
di prenderlo per esaminarlo bene, potete togliervi il nastro frontale e
catturarlo in questo modo.”
Lan JingYi balbettò, “Ma non puoi farlo! Il nastro frontale della nostra Setta
è…”
Lan SiZhui gli infilò nuovamente l’ala di pollo in bocca, “Oh, capisco! Non
sapevo che fosse possibile utilizzarlo in questo modo!”
Ignorando gli sguardi bizzarri che gli riservarono tutti, Lan WangJi trascinò
Wei WuXian su per le scale.
Entrò nella stanza, si voltò, chiuse la porta e la serrò, e infine spinse il tavolo
come se intendesse bloccare fuori un nemico immaginario. Osservando i
gesti frettolosi di Lan WangJi, Wei WuXian chiese, “Hai intenzione di
uccidermi qua?”
All’interno della stanza privata, c’era un divisorio a soffietto di legno, che
divideva la stanza in due parti. Una parte aveva un tavolo e alcune sedie per
mangiare e chiacchierare, mentre nell’altra metà c’era un lungo letto[1] e
delle tende per riposare. Dopo che Lan WangJi lo trascinò dall’altra parte
del divisorio a soffietto, spinse con forza Wei WuXian sul letto.
La testa di Wei WuXian colpì leggermente il sostegno di legno che era
congiunto al letto. Esclamò un brusco “Ow” mentre pensava, Ha intenzione
di farmi di nuovo dormire? Non sono ancora le nove, vero?
Sentendo l’esclamazione, Lan WangJi sollevò gli orli delle sue vesti bianche
e si accomodò elegantemente sul letto, avvicinandosi per controllare la testa
di Wei WuXian. Sebbene fosse privo di espressione, i suoi gesti erano
estremamente delicati, come se intendesse chiedere “Fa male?”
Quando sentì il suo tocco, le labbra di Wei WuXian si contrassero, “Fa male!
Fa così taaaaanto male!”
Sentendo le grida di dolore, finalmente comparve una leggera espressione
preoccupata sul volto di Lan WangJi. Le sue mani diventarono ancora più
delicate quando accarezzò la spalla di Wei WuXian per consolarlo. Wei
WuXian sollevò i polsi affinché li vedesse, “Perché non mi lasci andare?
HanGuang-jun, è così stretto che le mie mani stanno quasi per sanguinare.
Fa così tanto male! Togli il nastro e lasciami andare, va bene? Va bene?”
Lan WangJi gli coprì immediatamente la bocca.
Wei WuXian, “Mn mnn mnnffff mnn mn mnfffnnnnn mnn mnnnnn mnn
mnnn nfff mn nn, mnn nn mnn mnnfff mnnn mnnfff nnnff mnnn mnnff
mnn nnf mn mnn mnff?!”
 
Quindi fingi di non capire ciò che non vuoi fare, e quando non riesci più a
fare finta non mi permetti neppure di parlare?!
Che maleducato!
Wei WuXian pensò tra sé, Vista la situazione, non puoi incolparmi di nulla.
Lan WangJi stava coprendo con forza la bocca di Wei WuXian con una
mano. Al di sotto, Wei WuXian aprì le labbra e sfiorò rapidamente con la
punta della lingua il palmo di Lan WangJi.
Si trattò di un semplice tuffo di una libellula[2], ma per Lan WangJi fu
come se il suo palmo fosse stato bruciato da una fiamma. Ritrasse
immediatamente la mano.
Wei WuXian prese un respiro profondo. Proprio quando sentì di aver di
nuovo superato Lan WangJi, lo vide voltarsi. Seduto sul letto, Lan WangJi si
abbracciò le ginocchia, stringendo al petto la mano che Wei WuXian aveva
appena leccato, restando completamente immobile.
Wei WuXian, “Cosa significa? Cosa stai facendo?”
Era come se avesse deciso di rinunciare alla vita, poiché era stato
contaminato da un simile pervertito. Chiunque avesse assistito alla scena,
avrebbe potuto effettivamente pensare che Wei WuXian gli avesse davvero
fatto qualcosa.
Wei WuXian commentò con uno sguardo sconfitto, “Non ti è piaciuto? Beh,
non è colpa mia se non ti è piaciuto. Sei stato così sfacciato da non
permettermi di parlare. Perché non vieni qui, così potrò pulirlo?”
Toccò la spalla di Lan WangJi con le mani legate, ma Lan WangJi lo scansò.
Vedendo come continuasse silenziosamente ad annidarsi nell’angolo del
letto, Wei WuXian sentì di nuovo giungere quel familiare impulso malizioso.
Inginocchiandosi sul letto, si avvicinò a Lan WangJi e, sorridendo con il
tono più diabolico con cui poteva destreggiarsi, “Hai paura?”
Lan WangJi saltò subito giù dal letto. Come se fosse davvero spaventato,
continuò a voltargli le spalle, mantenendo la distanza tra loro.
Wei WuXian stava finalmente iniziando a divertirsi.
Sogghignò mentre abbandonava tranquillamente il letto, “Ehi, perché ti stai
nascondendo? Non sono spaventato neppure io che ho le mani ancora
legate, quindi perché ti sei allarmato? Vieni, vieni. Avvicinati.”
Si accostò a Lan WangJi, senza nutrire alcuna buona intenzione. Lan
WangJi superò il divisorio a soffietto di legno, finendo per imbattersi nel
tavolo con cui lui stesso aveva bloccato le porte. Wei WuXian oltrepassò il
divisorio a soffietto, inseguendolo, mentre l’altro si spostava nel lato
opposto. I due girarono intorno al divisorio per un certo numero di volte, e
Wei WuXian stava iniziando a divertirsi quando improvvisamente
realizzò, Che cosa sto facendo? Gioco a nascondino? Cosa significa? Sono
fuori di testa? Lan Zhan è ubriaco, ma perché sto giocando anch’io con lui?
Quando notò che la persona che lo stava inseguendo si era fermata, anche
Lan WangJi si bloccò.
Nascondendosi dietro il divisorio, espose solo una parte del suo viso dalla
pelle chiara, sbirciando silenziosamente nella direzione di Wei WuXian.
Wei WuXian lo fissò attentamente. Sembrava ancora così formale e
composto, proprio come se il bambino di sei anni che Wei WuXian stava
inseguendo intorno al divisorio fosse qualcun altro.
Wei WuXian, “Vuoi continuare?”
Inespressivo, Lan WangJi annuì.
Wei WuXian lottò per trattenere le risate.
Hahahahahahahahahahahahaha Oh Dio, Lan Zhan voleva giocare con lui a
nascondino ora che era ubriaco Hahahahahahahahahahahahaha!
Le risate che stava cercando di sopprimere erano più grandi di una marea.
Alla fine, riuscendo a trattenerle, l’intero corpo di Wei WuXian iniziò a
tremare, Una Setta come la Setta GusuLan proibisce i rumori, gli scherzi e
perfino camminare velocemente. Lan Zhan non ha mai potuto divertirsi
quando era piccolo. Tsk tsk tsk, povero. Ad ogni modo, non ricorderà
neppure una singola cosa quando ritornerà sobrio. Potrei anche
continuare a giocare con lui.
Avanzò di qualche passo verso Lan WangJi, fingendo di voler inseguirlo.
Come sospettava, Lan WangJi iniziò a correre nella direzione opposta. Come
se stesse giocando con un bambino, Wei WuXian collaborò come meglio
poteva, inseguendolo più volte intorno al divisorio, “Corri, corri. Vai più
velocemente. Ti prenderò! Se ti prendo, ti leccherò di nuovo. Sei spaventato,
vero?”
Inizialmente, intendeva utilizzarla come una minaccia. Tuttavia, Lan
WangJi improvvisamente si diresse verso di lui dall’altro lato del divisorio, e
i due si scontrarono.
Wei WuXian pianificava di catturarlo, non aspettandosi affatto che si
sarebbe spinto proprio tra le sue braccia. Restando senza parole, dimenticò
perfino di afferrarlo. Vedendo che Wei WuXian non stava facendo nulla, Lan
WangJi sollevò le mani legate dell’altro e le portò intorno al suo collo come
se fosse volontariamente scivolato in una trappola indistruttibile, “Mi hai
catturato.”
Wei WuXian, “… Eh? Si, ti ho catturato.”
Come se stesse aspettando che accadesse qualcosa che non sembrava
giungere, Lan WangJi ripeté di nuovo quelle tre parole. Questa volta,
pronunciò ogni parola con una calda enfasi e sembrò ansiosamente
impaziente, “Mi hai catturato.”
Wei WuXian, “Si. Ti ho catturato.”
Lo aveva catturato. Cos’altro?
Cosa aveva detto? Cosa doveva fare dopo averlo catturato?
… No.
Wei WuXian, “Questa volta non vale. Ti sei avvicinato da solo.”
Prima ancora di finire di parlare, l’espressione di Lan WangJi si oscurò.
Sembrava estremamente infelice.
Wei WuXian, Non è possibile. Quando Lan Zhan è ubriaco, non solo gli
piace giocare a nascondino, ma ama anche essere leccato?
Cercò di ritrarre le braccia dal collo di Lan WangJi, ma quest’ultimo le fermò
ancora prima che potesse farlo. Pressò fermamente il collo di Wei WuXian,
non permettendogli di spostarle. Vedendo come le mani di Lan WangJi
continuavano a stringere le sue braccia, Wei WuXian rifletté per un
momento, poi si spostò, avvicinando sempre di più il suo viso. Le sue labbra
sfiorarono la parte posteriore della mano di Lan WangJi come se fosse un
bacio accennato. La punta della sua lingua sfiorò leggermente la pelle simile
alla giada.
Delicatamente. Molto delicatamente.
Lan WangJi trasalì e ritrasse la mano il più velocemente possibile. Spostò le
braccia di Wei WuXian, gli voltò di nuovo le spalle e guizzò di lato.
Stringendo di nuovo la mano che era stata leccata, fissò il muro in silenzio.
Wei WuXian valutò, Gli piace, o ne è spaventato? Oppure è per entrambi i
motivi?
Mentre meditava, Lan WangJi si voltò, con il viso calmo come sempre, “Di
nuovo.”
Wei WuXian, “Di nuovo? Di nuovo cosa?”
Lan WangJi si nascose ancora una volta dietro il divisorio di legno e lo
guardò, esponendo solo una parte del suo viso.
Le sue intenzioni erano chiare. Di nuovo, tu m’insegui, io scappo.
Restando per un momento senza parole, Wei WuXian obbedì e lo fece di
nuovo. Questa volta, dopo una breve fuga, Lan WangJi si spinse di nuovo su
di lui.
Wei WuXian, “Lo stai facendo di proposito, vero?”
Di nuovo, Lan WangJi portò le braccia di Wei WuXian intorno al suo collo
come se non avesse capito le sue parole, aspettando che adempisse alla sua
promessa.
Wei WuXian, Permetterò che Lan Zhan si diverta tutto da solo? Certo che
no. Ad ogni modo, non ricorderà nulla di quello che gli farò. Mi divertirò
con qualcosa di meglio con lui.
Con le braccia intorno a Lan WangJi, Wei WuXian si avvicinò al letto con
lui, e poi chiese, “Ti piace questo, vero? Non voltarti. Parla. Ti piace o no? Se
ti piace, non dobbiamo correre ogni volta. Che ne dici se ti faccio divertire
fino a quanto vorrai?”
Mentre parlava, sollevò una delle mani di Lan WangJi, si chinò e scoccò un
bacio tra le sue dita sottili.
Lan WangJi cercò di ritrarre nuovamente la mano, ma Wei WuXian
continuò a stringerla con forza, non permettendogli di farlo.
E poi, le labbra di Wei WuXian premettero su ogni distinta nocca. Più
delicatamente del tocco di una piuma, i suoi respiri vagarono sul dorso della
sua mano, e la baciò di nuovo.
Lan WangJi non riusciva a ritrarre la mano, non importava quanto ci
provasse. Poté solo serrare le dita a pugno.
Wei WuXian sollevò le sue maniche, rilevando il polso dalla pelle pallida, e
baciò anche quello.
Dopo il bacio, non alzò la testa. Spostò solo lo sguardo verso Lan WangJi, “E’
abbastanza?”
Lan WangJi strinse le labbra, rifiutandosi di pronunciare una sola parola.
Wei WuXian finalmente si raddrizzò di nuovo e continuò, nella sua voce non
c’era alcuna fretta, “Dimmi. Hai bruciato del denaro di carta per me?”
Non ci fu alcuna risposta. Wei WuXian rise con forza e si avvicinò a lui.
Sopra gli abiti, baciò il punto dove c’era il suo cuore, “Se non parli, non ti
darò altro. Dimmi. Come mi hai riconosciuto?”
Lan WangJi chiuse gli occhi. Le sue labbra tremavano, come se fosse sul
punto di confessare.
All’improvviso, tuttavia, mentre Wei WuXian fissava quelle labbra morbide
e di un pallido rosso, non capì cosa lo spinse, ma improvvisamente le baciò.
Dopo il bacio, le leccò anche, come se il bacio non gli fosse bastato.
Entrambi sgranarono gli occhi.
Un attimo dopo, Lan WangJi alzò la mano. Immediatamente, Wei WuXian
trasalì a causa della realizzazione. Iniziò subito a sudare freddo, temendo
che Lan WangJi potesse ucciderlo sul posto, e rapidamente cadde dal letto.
Voltandosi, vide Lan WangJi colpirsi la fronte. Poi crollò sul letto, giacendo
privo di sensi.
Dentro la stanza privata, Lan WangJi giaceva sul letto mentre Wei WuXian
sedeva a terra. Una fredda raffica di vento si riversò dentro attraverso le
finestre aperte, suscitando dei fremiti lungo la schiena di Wei WuXian. La
sua testa finalmente si schiarì.
Si alzò dal pavimento, ricollocò il tavolo al suo posto, e poi si accomodò.
Dopo aver fissato il vuoto per un po’, usò i suoi denti per sciogliere i nodi sul
nastro frontale. Con fatica, riuscì finalmente a sciogliere la pila di nodi.
Ora che le sue mani erano state liberate, per riprendersi dallo shock, andò a
versarsi una coppa di liquore. Avvicinò la coppa alle labbra per qualche
istante, ma non entrò una sola gocciola nella sua bocca. Abbassando lo
sguardo, finalmente notò che nella coppa non c’era del liquore. Aveva già
finito l’intero vaso. Anche quando lo stava versando, non aveva notato che
non era uscito nulla.
Wei WuXian ripose la coppa vuota sul tavolo, Basta alcolici per me. Ne ho
davvero avuto abbastanza.
Quando si voltò, al di là del divisorio a soffietto di legno poté scorgere Lan
WangJi, che giaceva tranquillamente sul letto. Pensò tra sé, … Oggi ho
davvero bevuto troppo. Lan Zhan è una persona così seria. Anche se era
ubriaco e non ricorderà nulla quando ritornerà sobrio, non avrei dovuto
fare qualcosa di così oltraggioso… E’ troppo scortese nei suoi confronti.
Ricordando il gesto “oltraggioso” che aveva appena fatto a Lan WangJi, Wei
WuXian non poté fare a meno di toccarsi le labbra.
Riuscì a stirare nuovamente il nastro frontale dopo aver lavorato per un po’.
Avvicinandosi al letto, lo pose accanto al cuscino e riuscì a trattenersi dal
guardare Lan WangJi. Si accovacciò e sfilò gli stivali a Lan WangJi,
collocandolo poi nella posizione ufficiale di riposo della Setta Lan.
Quando finì di fare tutto, appoggiandosi contro il letto, Wei WuXian si
sedette di nuovo a terra. La sua mente era immersa in uno stato di
confusione, ma un pensiero si distinse dal resto.
In futuro, era meglio non spingere più Lan Zhan a bere. Se trattava tutti così
quando era ubriaco, allora la situazione non sarebbe andata bene.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 45


– Attrazione – Parte Tre
 
Per qualche ragione, quella sera, Wei WuXian si sentiva un po’ troppo in
colpa per osare infilarsi nello stesso letto di Lan WangJi. Trascorse il resto
della serata seduto a terra e si addormentò durante la notte, con la testa
appoggiata al letto di legno. All’alba, sentì vagamente qualcuno sollevarlo
con dei movimenti delicati, appoggiandolo sul letto. Sforzandosi di aprire gli
occhi, Wei WuXian poté vedere il volto ancora indifferente di Lan WangJi.
Si sentì immediatamente più sveglio, “Lan Zhan.”
Lan WangJi rispose con un “Mnn“. Wei WuXian chiese, “Sei sobrio o ancora
ubriaco?”
Lan WangJi, “Sobrio.”
Wei WuXian, “Oh… Quindi sono già le cinque.”
Lan WangJi si svegliava a quell’ora ogni singolo giorno, per questa ragione
Wei WuXian aveva imparato a capire l’ora senza dover guardare fuori dalle
finestre. Sollevò i polsi di Wei WuXian, entrambi ricoperti da alcuni segni
rossastri. Tirò fuori una piccola bottiglia turchese di porcellana dalle sue
maniche e spalmò il contenuto. Le zone su cui aveva spalmato il delicato
unguento si attenuarono subito. Wei WuXian socchiuse gli occhi, “Fa male…
HanGuang-jun, sei così scortese quando ti ubriachi.”
Lan WangJi non alzò neppure lo sguardo, “Si raccoglie ciò che si semina.”
Il cuore di Wei WuXian perse un battito, “Lan Zhan, davvero non ricordi ciò
che fai quando sei ubriaco, vero?”
Lan WangJi, “Non lo ricordo.”
Wei WuXian, Probabilmente è vero. Oppure, mi avrebbe già ucciso per
l’imbarazzo.
Nel suo cuore, lo ritenne sia un bene che una sfortuna il fatto Lan WangJi
non ricordasse. Era come se avesse segretamente fatto o mangiato qualcosa
che non avrebbe dovuto toccare e si stava nascondendo da solo in un angolo,
sghignazzando poiché nessuno lo aveva scoperto, ma deluso dal fatto che
non potesse condividere la sua gioia con nessuno. Involontariamente, il suo
sguardo mirò nuovamente sulle labbra di Lan WangJi.
Sebbene gli angoli non si sollevassero mai, le sue labbra sembravano
piuttosto morbide, e al tatto erano alquanto soffici.
Wei WuXian si morse inconsciamente le labbra e iniziò di nuovo a fissare il
vuoto, La Setta GusuLan è così severa, e Lan Zhan non è per nulla
romantico, quindi sicuramente non ha mai baciato nessuna ragazza in
precedenza. Che cosa devo fare ora? Mi è capitato di ricevere il grande
onore. Dovrei dirglielo? Si arrabbierà così tanto da iniziare a piangere
quando lo saprà? Oh, beh… Forse avrebbe potuto farlo quando era
giovane, ma probabilmente non ora. Ed è come se sia un monaco di legno.
Forse non ha neppure mai avuto dei pensieri del genere finora… Aspetta!
L’ultima volta che si era ubriacato, gli chiesi ‘c’è qualcuno che ti piace’, e lui
mi rispose di sì. Forse l’ha già baciata? Ma a giudicare dal solito
autocontrollo di Lan Zhan, probabilmente è molto attento a non superare
alcun limite. Probabilmente non si sono mai baciati, o addirittura non si
sono tenuti neppure per mano. A proposito, forse in quel momento non ha
neppure capito a quale genere di ‘piacere’ mi stavo riferendo…
Dopo che Lan WangJi finì di spalmare l’unguento, qualcuno bussò per tre
volte alla porta. La voce di Lan SiZhui sopraggiunse, “HanGuang-jun, sono
tutti svegli. Andiamo via?”
Lan WangJi, “Aspettate di sotto.”
Il gruppo lasciò la città per separarsi davanti alla torre della città.
Originariamente, i discepoli non avevano familiarità tra loro. Si erano
intravisti solo durante le Conferenze di Discussione delle loro rispettive
Sette. Tuttavia, in quegli ultimi giorni, avevano affrontato insieme sia gli
incidenti con i cadaveri dei gatti che una giornata inebriante in una città
stregata. Avevano perfino bruciato del denaro di carta, bevuto del liquore,
discusso e maledetto le altre persone insieme. In sintesi, si conoscevano già
abbastanza bene. Prima di separarsi, tutti erano riluttanti a partire,
prendendo il loro tempo davanti alle porte della città per discutere di
quando vedersi durante la Conferenza di Discussione e di quando dover
recarsi a una caccia notturna da qualche altra parte. Lan WangJi non gli
mise fretta. Li lasciò chiacchierare mentre sostava in silenzio sotto un
albero. Sotto lo sguardo di Lan WangJi, Fairy non osò né abbaiare e neppure
correre in giro. Accovacciato sotto l’albero, fissava ansiosamente Jin Ling,
agitando la coda.
Approfittando dell’opportunità che Fairy era sotto il controllo di Lan
WangJi, Wei WuXian afferrò la spalla di Jin Ling e camminò per un po’.
Mo XuanYu era uno dei figli illegittimi di Jin GuangShan, e questo lo
rendeva un fratellastro di Jin ZiXuan e Jin GuangYao. In termini di
generazioni, era possibile considerarlo anche lo zio di Jin Ling. Così,
camminò mentre parlava sinceramente con Jin Ling, usando un tono
condiscendente, “Al tuo ritorno, non continuare a litigare con tuo zio.
Ascoltalo. D’ora in poi, stai attento. Non correre in giro per prendere parte a
delle cacce notturne da solo.”
Sebbene Jin Ling provenisse da una Setta di Spicco, le voci non lasciavano in
pace nessuno. Con la scomparsa di entrambi i genitori, era naturale per lui
voler dimostrare il proprio valore il prima possibile. Wei WuXian continuò,
“Quanto hai? Quindici anni? La maggior parte dei discepoli della tua età non
ha mai cacciato alcuna bestia fantastica, quindi perché sei così ansioso e ti
sforzi per un simile obiettivo?”
Jin Ling s’imbronciò, “Anche i miei zii avevano quindici anni quando
diventarono famosi.”
Wei WuXian commentò in silenzio, Non è la stessa cosa! Ai tempi, la Setta
QishanWen era ancora ai vertici e tutti dovevano prestare attenzione. Se
non combattevano e coltivavano il più possibile, chissà se non sarebbero
stati loro i prossimi a finire a corto di fortuna? Durante la Campagna
Eclissi di Sole, tutti furono condotti sul campo di battaglia, non importava
se avevano quindici anni o qualsiasi altra età. Ora, poiché la situazione è
stabile e le Sette sono in pace, ovviamente l’atmosfera non è così tesa e le
persone non coltivano come dei dissennati. Non ce n’è più bisogno.
Jin Ling aggiunse, “Anche il cane Wei Ying aveva quindici anni quando
uccise la Tartaruga della Carneficina. Se lui ha potuto farlo, perché io non
posso?”
Quando sentì il suo nome preceduto da quella parola, il sangue di Wei
WuXian si gelò. In qualche modo, riuscì a scrollarsi di dosso la pelle d’oca
lungo la schiena, “E’ stato lui a ucciderla? Non fu uccisa da HanGuang-jun?”
Quando menzionò Lan WangJi, Jin Ling guardò Wei WuXian in un modo
strano. Voleva dire qualcosa, ma sembrò trattenersi, “Tu e HanGuang-jun…
Non importa. Sono affari tuoi. Ad ogni modo, non m’importa nulla di voi.
Divertiti a essere un taglia manica. E’ una malattia incurabile.”
Wei WuXian sogghignò, “Ehi, perché sarebbe una malattia?”
Stava ridendo in silenzio, Pensa ancora che io stia spudoratamente
tormentando Lan Zhan?!
Jin Ling continuò, “Conosco già il significato del nastro frontale della Setta
GusuLan. Ora che la situazione è già così, allora resta opportunamente al
fianco di HanGuang-jun. Anche se sei un taglia manica, dovresti moderarti.
Non scherzare con gli altri uomini, specialmente con le persone della nostra
Setta! Altrimenti, non incolparmi delle conseguenze.”
La “nostra Setta” a cui si riferiva includeva sia la Setta LanlingJin che la
Setta YunmengJiang. Sembrava che la sua attitudine nel tollerare le mezze
maniche fosse accresciuta, quindi finché non si trattava di una persona di
quelle due Sette, poteva chiudere un occhio al riguardo.
Wei WuXian non era d’accordo, “Piccolo moccioso! Che cosa intendi con
‘scherzare con gli altri uomini’? Non sono una persona così terribile. Nastro
frontale? Ha un significato nascosto il nastro frontale della Setta GusuLan?”
Jin Ling, “Andiamo! Conosci già il significato. Smettila di girarci intorno.
Non voglio più parlarne. Sei Wei Ying?”
Al termine della sua risposta, lanciò improvvisamente quella semplice
domanda, prendendo di sorpresa Wei WuXian. Wei WuXian rispose con
calma, “Pensi che siamo simili?”
Jin Ling restò in silenzio per un po’. Poi, improvvisamente, fischiò e chiamò,
“Fairy!”
Poiché era stato chiamato dal suo proprietario, con la lingua penzolante,
Fairy balzò. Wei WuXian iniziò subito a correre, “Sii gentile! Perché stai
chiamando il tuo cane?!”
Jin Ling, “Hmph! Addio!”
Dopo il suo addio, marciò orgogliosamente nella direzione di Lanling,
probabilmente era ancora timoroso di vedere Jiang Cheng al Pontile del
Loto a Yunmeng. Anche i discepoli delle altre Sette se ne andarono in
diverse direzioni. Alla fine, restarono solo Wei WuXian, Lan WangJi e i
giovani della Setta Lan.
Mentre camminavano, i ragazzi non poterono trattenersi dal voltarsi e
guardarsi alle spalle. Anche se Lan JingYi non disse nulla, la riluttanza che
provava per quella partenza era stampata sul suo viso. Chiese, “Dove
andremo ora?”
Lan SiZhui, “ZeWu-jun è attualmente a una caccia notturna nella zona di
Tanzhou. Torneremo direttamente ai Meandri della Nuvola o andremo lì per
incontrarlo?”
Lan WangJi, “Andremo a Tanzhou.”
Wei WuXian, “Fantastico. Forse potremo perfino aiutarlo. Ad ogni modo,
non sappiamo dove altro recarci per trovare la testa del nostro caro amico.”
I due camminavano davanti, mentre il resto dei ragazzi li seguiva da una
certa distanza. Dopo aver camminato per un po’, Lan WangJi parlò, “Jiang
Cheng sa chi sei.”
Wei WuXian era seduto sul dorso dell’asino mentre procedeva lentamente,
“Si, lo sa. Però, cosa può fare? Non ha alcuna prova.”
A differenza della possessione del corpo, non c’era nulla in grado di
verificare il sacrificio del corpo. Ad ogni modo, Jiang Cheng lo aveva capito a
causa della reazione che aveva avuto di fronte a un cane. Innanzitutto, Jiang
Cheng non aveva mai detto a nessuno che Wei WuXian aveva paura dei cani;
secondo, solo quelli che avevano familiarità con lui potevano giudicare la
situazione basandosi sulle sue reazioni e le sue espressioni, poiché non c’era
alcuna prova conclusiva. Anche se Jiang Cheng alla fine avesse scelto di
affiggere ovunque dei volantini per annunciare che il Patriarca Yiling Wei
WuXian aveva paura dei cani, tutti probabilmente avrebbero finito per
credere che il Sandu ShengShou fosse davvero impazzito dopo aver cercato il
Patriarca Yiling per così tanto tempo fallendo a ogni tentativo.
Wei WuXian, “Quindi, sono davvero molto curioso. Come mi hai
riconosciuto?”
Lan WangJi rispose con un tono tranquillo, “Anche io sono davvero curioso
di capire perché la tua memoria è così cattiva.”
Arrivarono a Tanzhou in un giorno. Prima di incontrare Lan XiChen, lungo
la strada attraversarono un giardino. Vedendo come un giardino così grande
e maestoso non avesse nessuno che se ne occupasse, tutti i discepoli
entrarono colti dalla curiosità. Finché non si trattava di qualcosa che
contravveniva le regole della Setta, Lan WangJi non li fermava mai, ed è per
questo che gli permise di entrare. Nel giardino, c’era un padiglione e alcune
staccionate, un tavolo e alcune panche, tutto fatto di pietra, affinché le
persone potessero godersi il paesaggio. Tuttavia, dopo anni di vento e
pioggia, un angolo del padiglione era crollato e due panche erano ormai
distrutte. Non c’era alcuna pianta o dei fiori nel giardino, solo dei fragili
rami e delle foglie secche. Quel giardino era stato abbandonato da lungo
tempo.
Dopo che i giovani vagarono avidamente nel giardino per un po’, Lan SiZhui
parlò, “Questo è il giardino della Fanciulla dei Fiori Annuali, giusto?”
Lan JingYi era confuso, “La Fanciulla dei Fiori Annuali? Chi è? Il giardino ha
un proprietario? Perché ha un aspetto così logoro? Sembra che nessuno se
ne occupi più da lungo tempo.”
I fiori annuali erano piante con brevi periodi di fioritura e germogliavano
solo in determinate stagioni. Ce n’erano di molti generi e colori, in grado di
riempire l’intero giardino con la loro fragranza quando sbocciavano.
Sentendo quel nome, Wei WuXian non poté fare a meno di ricordare
qualcosa.
Appoggiando la mano su uno dei pilastri del padiglione, Lan SiZhui rifletté
per un po’, “Se ricordo bene, probabilmente è davvero questo. Si trattava di
un giardino piuttosto famoso. Una volta l’ho letto in un libro, nel capitolo Lo
Spirito della Fioritura della Fanciulla Fioraia. A Tanzhou c’è un giardino, e
nel giardino c’è una fanciulla. Sotto il chiaro di luna, quando qualcuno recita
una poesia, se lo riterrà opportuno, lei gli concederà un fiore annuale, il cui
profumo può durare per tre anni; se lo giudica misero o quando le rime non
coincidono, gli scaglierà un fiore sul volto, per poi svanire.”
Lan JingYi, “Quindi se qualcuno recitasse la poesia nel modo sbagliato lei gli
getterebbe un fiore in faccia? Spero che i fiori non abbiano delle spine.
Altrimenti, se ci provassi, il mio viso inizierebbe sicuramente a sanguinare.
Che razza di fata è?”
Lan SiZhui, “Non la definirei una fata. Era più simile a uno spirito. Secondo
le leggende il primo proprietario del giardino era un poeta. Piantò lui stesso
questi fiori e li trattò come degli amici, recitando qui delle poesie ogni
giorno. Colpito dalle emozioni del poeta, uno spirito si cristallizzò dalla flora
del giardino e divenne la Fanciulla dei Fiori Annuali. Quando giungeva
qualcuno, se la sua poesia era dignitosa e le consentiva di rimembrare la
persona che l’aveva piantata, colta dalla felicità, gli donava un fiore. Se la
poesia era confusa e non aveva un suono piacevole, emergeva dalla boscaglia
e scagliava un fiore sul viso della persona. La persona che era stata attaccata
sveniva e notava di essere stato cacciato dal giardino solo al suo risveglio.
Dieci anni fa, un numero infinito di persone giungeva in questo giardino.”
Wei WuXian, “Romantico, romantico. Ma sono certo che il Padiglione della
Biblioteca della Setta GusuLan non ha dei libri che narrano di cose del
genere. SiZhui, sii onesto. Rivelaci quale libro stavi leggendo e chi te l’ha
dato.”
Lan SiZhui arrossì e lanciò un’occhiata a Lan WangJi, preoccupato di
ricevere una punizione. Lan JingYi chiese, “La Fanciulla è davvero carina?
Altrimenti, perché dovrebbero giungere così tante persone?”
Quando vide che Lan WangJi non aveva alcuna intenzione di rimproverarlo,
Lan SiZhui emise segretamente un sospiro di sollievo. Solo allora sorrise e
rispose, “Probabilmente lo era. Dopotutto, si era cristallizzata da qualcosa di
così piacevole ed era un tale spirito romantico. Ma, in realtà, nessuno aveva
mai visto il viso della Fanciulla. Anche se non tutti sapevano comporre delle
poesie, gli bastava memorizzare qualche poema, e così la maggior parte delle
persone riuscivano a ricevere dei fiori della Fanciulla. Anche quando
giungeva una sporadica persona che sbagliava a recitare, non riuscivano mai
a incontrarla poiché venivano cacciati immediatamente. Tuttavia… ci fu
un’eccezione.”
Un altro ragazzo chiese, “Chi?”
Wei WuXian tossì lievemente.
Lan SiZhui, “Il Patriarca Yiling, Wei WuXian.”
Wei WuXian tossì di nuovo, “Uh, perché di nuovo lui? Non possiamo parlare
di qualcos’altro?”
Nessuno gli prestò alcuna attenzione. Lan JingYi fece un cenno
ansiosamente, “Taci! Cos’ha fatto Wei WuXian? Era un tale sfrontato. Cos’ha
fatto questa volta? Ha catturato la Fanciulla e l’ha portata fuori?”
Lan SiZhui, “Beh, no. Ma, per vedere il viso della Fanciulla, fece di tutto per
venire a Tanzhou da Yunmeng. Ogni volta che veniva nel giardino, recitava
di proposito la poesia nel modo sbagliato, così da fare infuriare la Fanciulla,
che lo colpiva con i fiori e lo cacciava fuori. Quando si risvegliava, ritornava
di nuovo dentro e continuava a recitare nel modo sbagliato. Dopo averlo
fatto per più di venti volte, finalmente riuscì a vedere il viso della Fanciulla.
Dopodiché, si recò in giro per lodare la sua bellezza. Tuttavia, la Fanciulla
era piuttosto irritata. Non si presentò per un bel po’. Ogni volta che lui
ritornava, lo colpiva con una poggia di fiori. La scena era davvero la più
meravigliosa delle meraviglie.”
I ragazzi scoppiarono a ridere, “Wei WuXian era una persona così
fastidiosa!”
“Era davvero così annoiato?”
Wei WuXian si accarezzò il mento, “Cosa significa che era fastidioso? Chi
non ha fatto alcune cose del genere quando era giovane? A proposito, perché
la gente conosce delle cose simili? Ed è stato perfino registrato in un libro. A
mio parere, anche questo è piuttosto seccante.”
Lan WangJi lo stava guardando. Anche se era ancora inespressivo, un
insolito luccichio si celava nei suoi occhi. Sembrava star ridendo di lui. Wei
WuXian pensò tra sé, Hey, Lan Zhan, non ti azzardare a prendermi in giro.
Conosco almeno otto, se non dieci, delle tue storie imbarazzanti di quando
eri giovane. Prima o poi le racconterò ai ragazzi e distruggerò la
reputazione intoccabile e corretta che hanno del loro HanGuang-jun.
Asserì, “Voi bambini siete sempre così iperattivi. Avete sicuramente letto dei
libri inutili invece di concentrarvi sulla coltivazione. Quando ritornerete,
senza alcun dubbio HanGuang-jun vi punirà facendovi copiare le regole
della Setta. Per dieci volte.”
I ragazzi gemettero, “Per dieci volte anche facendo la verticale?!”
Anche Wei WuXian era scioccato. Si rivolse a Lan WangJi, “La tua Setta
tollera che i discepoli facciano la verticale mentre copiano? E’ terribile.”
Lan WangJi rispose con calma, “C’è sempre qualcuno che non impara la
lezione copiando soltanto le regole della Setta. Le verticali non solo
garantiscono delle migliori future prestazioni, ma possono portare dei
benefici anche alla coltivazione.”
Ovviamente, Wei WuXian era quel qualcuno che non aveva mai imparato la
sua lezione. Finse di non sapere cosa intendesse asserire Lan WangJi.
Girandosi, si ritenne soddisfatto di non dover copiare gli scritti mentre
faceva la verticale.
Ascoltando le storie di ottimo umore, i ragazzi decisero di accamparsi nel
Giardino dei Fiori Annuali per la notte. Il campeggio era comunque comune
durante le cacce notturne. Il gruppo raccolse nei dintorni un mucchio di
rami secchi e di foglie aride, creando un falò. Lan WangJi si recò a
pattugliare la zona, non solo per assicurarsi che i dintorni fossero sicuri, ma
anche per collocare qualche schema nel caso di qualche attacco notturno.
Stendendo le gambe, Wei WuXian si accomodò accanto al fuoco. Ora che
Lan WangJi se n’era andato, finalmente aveva la possibilità di chiarire la sua
confusione, “Giusto. Devo farvi una domanda. Qual è il significato del nastro
frontale della vostra Setta?”
Sentendo questo, le espressioni dei ragazzi mutarono subito. Tutti
cominciarono a balbettare. Il cuore di Wei WuXian perse un battito e poi
iniziò a battere sempre più velocemente.
Lan SiZhui chiese con cautela, “Senior, non lo sai?”
Wei WuXian, “Se lo avessi saputo, lo avrei forse chiesto? Ti sembro una
persona così annoiata?”
Lan JingYi borbottò, “Si… Dopotutto, sei stato in grado anche di ingannarci
per farci mettere in fila per guardare quella simile cosa…”
Wei WuXian colpì il fuoco con un bastone, rilasciando un’esplosione di
scintille, “Non era un allenamento per farvi uscire dalla vostra zona di
comfort? E’ stato davvero efficace. Se ascolterete le mie indicazioni, ne
trarrete sicuramente dei benefici in futuro.”
Lan SiZhui sembrò scegliere con cura le sue parole. Rispose solo dopo una
lunga esitazione, “Va bene. Il nastro frontale della Setta GusuLan indica il
‘regolare se stessi’. Senior, lo sai, vero?”
Wei WuXian, “Si. E?”
Lan SiZhui continuò, “E il fondatore della Setta GusuLan, Lan An, disse che
era possibile lasciare perdere ogni regola solo quando c’era di mezzo la
persona cara e amata. Quindi, il messaggio che è stato tramandato per
generazioni è che, uh, il nastro frontale della nostra Setta è un oggetto
speciale molto, molto personale e delicato. Non è possibile permettere a
qualcun altro di toccarlo facilmente, non bisogna toglierlo a proprio
piacimento e non dev’essere annodato assolutamente a qualcun altro. E’
proibito. Cioè, a meno che, a meno che…”
Non ebbe bisogno di finire la sua frase.
Al falò, i volti giovani e innocenti arrossirono con molte sfumature di rosso.
Anche Lan SiZhui non riuscì a continuare oltre.
Wei WuXian quasi sentì una parte del sangue nel suo corpo raggiungergli la
testa.
Il nastro frontale, il nastro frontale, i-i-il…
Il nastro frontale era davvero piuttosto significativo!
All’improvviso, sentì di aver davvero bisogno di un po’ di aria fresca. Balzò
in piedi e sfrecciò fuori, riuscendo a ritrovare l’equilibrio solo reggendosi alla
corteccia di un albero secco. Strepitò in silenzio, … Santo cielo! Cosa diavolo
ho fatto?!
Ai tempi, a Qishan, la Setta Wen organizzò una grande Conferenza di
Discussione. La conferenza doveva durare per sette giorni. In ognuno di quei
sette giorni d’intrattenimento era stato organizzato un evento diverso. Uno
di quei giorni prevedeva una gara di tiro con l’arco.
Le regole della competizione erano le seguenti. Qualsiasi discepolo di età
inferiore ai vent’anni doveva entrare nei territori di caccia. Degli oltre mille
manichini di carta a grandezza naturale, solo cento erano posseduti dagli
spiriti feroci. Se qualcuno colpiva il bersaglio sbagliato, veniva subito
squalificato. Era possibile restare in gara solo continuando a colpire i
manichini di carta che contenevano gli spiriti maligni. Alla fine, i discepoli
venivano classificati da chi ne aveva colpiti di più, chi lo aveva fatto con la
massima precisione, e così via.
Durante un tale evento, ovviamente Wei WuXian aderì come partecipante
della Setta YunmengJiang. Prima della competizione, poiché aveva ascoltato
i dibattiti delle Sette per tutta la mattinata, era insolitamente intontito. Il
suo umore migliorò solo quando innalzò l’arco e le frecce dietro la sua
schiena. Sbadigliando mentre si avvicinava ai territori di caccia,
improvvisamente al suo fianco scorse un bel ragazzo con un viso discreto e
una fredda compostezza. Indossava un abito dal rosso colletto tondo con le
maniche dalle strette aperture e una cintura con nove anelli d’oro. Quella era
l’uniforme di tutti i giovani che erano venuti alla Conferenza di Discussione
Qishan. Su di lui, calzava eccezionalmente bene. Aveva un pizzico di
eleganza, alcune tracce di vigore, ma un bel po’ di bell’aspetto. Non poté fare
a meno di deliziarsi della vista di un simile ragazzo.
Il ragazzo stava collaudando il suo arco, trasportando un fascio di frecce con
dei fiocchi bianchi. Sfiorando la corda dell’arco, le sue dita sottili la fecero
risuonare come se fosse una corda di guqin, potente eppure piacevole.
Per Wei WuXian, il ragazzo era un po’ familiare. Dopo una breve riflessione,
alla fine ricordò e salutò il ragazzo con entusiasmo, “Ehi! WangJi-xiong, sei
tu!”
A quei tempi, era già trascorso un anno da quando Wei WuXian aveva
studiato a Gusu ed era stato rispedito a Yunmeng. Al suo ritorno a Yunmeng,
aveva raccontato alla gente tutto ciò che aveva visto a Gusu, in particolare i
dettagli su come, sebbene il viso di Lan WangJi fosse bello, era così rigido a
fare questo, così noioso a fare quello. Non molto tempo dopo, dimenticò
tutto ciò che riguardava i suoi giorni a Gusu e continuò a scherzare in giro
per i laghi e per le montagne. In passato, aveva visto Lan WangJi solo nei
semplici “abiti da lutto” dell’uniforme della Setta GusuLan, mai con un
vestito così splendente e accattivante. Insieme al viso eccessivamente carino
di Lan WangJi, ora che si erano incontrati di nuovo, gli occhi di Wei WuXian
erano stati momentaneamente accecati dal suo aspetto, non riuscendo a
riconoscerlo immediatamente.
D’altra parte, non appena Lan WangJi finì di collaudare il suo arco, si
allontanò subito. Sconvolto, Wei WuXian si rivolse a Jiang Cheng, “Mi ha
ignorato di nuovo. Huh.”
Jiang Cheng lo guardò con indifferenza, decidendo di ignorarlo a sua volta.
C’erano più di venti entrate nel poligono di tiro; erano diverse per ogni Setta.
Mentre Lan WangJi si avvicinava all’ingresso della Setta GusuLan, Wei
WuXian lo superò prima che potesse avanzare. Lan WangJi si spostò da un
lato, e anche lui si spostò in quel lato; Lan WangJi si spostò dall’altra parte,
e anche lui si spostò da quella parte. In breve, si rifiutò semplicemente di
permettere a Lan WangJi di passare.
Alla fine, restando dov’era, Lan WangJi sollevò leggermente il mento. Con
un tono serio, parlò, “Permesso.”
Wei WuXian, “Finalmente parlerai con me? Stavi fingendo di non
conoscermi o di non avermi sentito?”
Poco lontano, i ragazzi di altre Sette li stavano fissando. Alcuni ridevano,
altri esclamarono. Jiang Cheng schioccò la lingua con impazienza. Con le
frecce sulla schiena, si avviò verso l’altra entrata.
Lan WangJi alzò gli occhi con freddezza e ripeté, “Permesso.”
Con un debole sorriso sulle labbra, Wei WuXian sollevò le sopracciglia e si
spostò di lato. La porta d’ingresso ad arco era piuttosto stretta. Lan WangJi
poté solo sfiorarlo quando entrò. Dopo il suo ingresso, Wei WuXian gridò
alle sue spalle, “Lan Zhan, il tuo nastro frontale è storto.”
Tutti i discepoli delle Sette di spicco prestavano molta attenzione al serbare
la loro immagine, specialmente quelli della Setta GusuLan. Sentendo questo,
Lan WangJi agì per sistemarlo senza pensarci due volte. Eppure, il nastro
frontale era chiaramente ordinato come sempre. Voltandosi, lanciò
un’occhiata infastidita a Wei WuXian. Quest’ultimo si limitò a ridere mentre
si voltava verso l’ingresso della Setta YunmengJiang.
Quando erano ormai entrati tutti e la competizione era iniziata
ufficialmente, uno dopo l’altro, i discepoli iniziarono a uscire dopo aver
colpito accidentalmente dei normali manichini. A ogni colpo, Wei WuXian
ne abbatteva uno. Anche se era lento, non perdeva mai neppure un colpo. Il
numero di frecce nella sua faretra diminuì presto, lasciandone diciassette o
diciotto. Proprio mentre stava pensando a cosa sarebbe successo se avesse
sferrato un colpo con l’altra mano, all’improvviso, qualcosa scivolò sul suo
volto.
Più delicato perfino del tocco dei fiori di amento[1] trasportati dal vento,
l’oggetto solleticò le guance di Wei WuXian. Voltandosi, vide che Lan
WangJi gli si era in qualche modo avvicinato. Con la schiena rivolta verso
Wei WuXian e di fronte a un manichino di carta, stava per scoccare il suo
arco.
L’estremità del suo nastro frontale danzava nella brezza, sfiorando
delicatamente il volto di Wei WuXian.
Strizzò gli occhi, “WangJi-xiong!”
Con il suo arco già teso nella forma di una mezza luna, Lan WangJi rispose
di nuovo dopo un breve momento di esitazione, “Cosa c’è?”
Wei WuXian, “Il tuo nastro frontale è storto.”
Questa volta, Lan WangJi si rifiutò di credergli di nuovo. Quando scoccò la
sua freccia, rispose senza neppure voltarsi, “Ridicolo.”
Wei WuXian, “E’ vero questa volta! E’ davvero storto. Sta a guardare se non
vuoi credermi. Lascia che te lo aggiusti.”
Avanzò mentre parlava, afferrando la coda del nastro che continuava a
svolazzare davanti ai suoi occhi. Purtroppo, tuttavia, le sue mani erano
semplicemente troppo indisciplinate. In passato, aveva l’abitudine di tirare
le trecce alle ragazze di Yunmeng. Ogni volta che toccava un oggetto simile a
un lembo, era tentato a tirarlo. Quindi, senza pensarci due volte, lo tirò
anche questa volta. Tuttavia, poiché il nastro frontale era già leggermente di
sbieco, un po’ slacciato, non appena lo tirò, scivolò subito dalla fronte di Lan
WangJi.
La mano con cui Lan WangJi reggeva l’arco fu colta immediatamente da un
sussulto.
Riuscì a girarsi solo dopo un po’ di tempo. Lentamente, i suoi occhi
finalmente puntarono su Wei WuXian.
Wei WuXian stava ancora stringendo il morbido nastro nella sua mano, “Mi
dispiace. Non l’ho fatto di proposito. Ecco, puoi legarlo di nuovo.”
L’espressione di Lan WangJi era più scura che mai.
Sembrava quasi che una nuvola di nebbia nera aleggiasse sul suo viso.
Mentre stringeva la sua freccia, le vene risalirono sul dorso della sua mano.
Sembrava così arrabbiato che il suo corpo stava quasi tremando. Vedendo
che anche i suoi occhi sembravano iniettati di sangue, Wei WuXian non poté
fare a meno di stringere il nastro frontale, Sono sicuro di avergli tolto il
nastro frontale e non una parte del suo corpo?
Scioccato dal fatto che aveva osato stringerlo, Lan WangJi strappò il nastro
frontale dalle sue mani il più velocemente possibile.
Wei WuXian lo lasciò non appena lui glielo strappò via. Anche il resto dei
discepoli della Setta Lan cessarono i loro attacchi, e sopraggiunsero tutti.
Avvolgendo un braccio intorno a suo fratello minore, Lan XiChen parlò a
bassa voce con il taciturno Lan WangJi. Tutti gli altri sembravano
altrettanto seri, come se fossero di fronte a un potente nemico. Scossero la
testa mentre parlavano, guardando Wei WuXian con degli strani e
indescrivibili sguardi sui loro volti.
Wei WuXian riuscì a sentire solo alcuni vaghi termini, come “incidente”,
“calmati”, “non c’è bisogno di preoccuparsi”, “un uomo”, “le regole della
Setta” e così via. Era ancora più confuso. Dopo avergli lanciato uno sguardo
minaccioso un’ultima volta, Lan WangJi si voltò, avviandosi da solo fuori dal
campo.
Jiang Cheng si avvicinò e chiese, “Che cosa hai fatto stavolta? Non ti avevo
detto di non prenderlo in giro? La tua giornata non sarà completa a meno
che non ti scavi la fossa almeno una volta, huh?”
Wei WuXian scrollò le spalle, “Gli avevo detto che il suo nastro frontale era
storto. La prima volta lo stavo ingannando, ma la seconda volta era vero.
Non mi ha creduto e si è arrabbiato. Non gli ho tirato di proposito il nastro
frontale. Perché pensi si sia arrabbiato così tanto? Non partecipa neppure
più alla competizione.”
Jiang Cheng lo schernì, “Non è chiaro? E’ perché ti odia particolarmente!”
Le frecce alle sue spalle erano quasi sparite. Vedendo questo, anche Wei
WuXian ritornò a lavoro.
Durante gli anni, non aveva mai davvero prestato troppa attenzione a
quell’incidente. All’inizio, in realtà dubitava che il nastro frontale avesse un
significato speciale per il Clan Lan. Dopo la competizione, però, dimenticò
tutto. Adesso, ripensando al modo in cui lo stavano guardando gli altri
discepoli della Setta Lan…
Anche se il suo nastro frontale era stato tolto senza autorizzazione da un
qualunque moccioso davanti agli occhi di tutti, Lan Zhan era riuscito a
trattenersi dal trafiggere a morte Wei WuXian sul posto, in quell’esatto
momento. Le persone dalle buone maniere erano così spaventose!!! Era
davvero degno del titolo HanGuang-jun!!
E, ripensandoci ancora, Wei WuXian realizzò di aver toccato il nastro
frontale di Lan WangJi più di una volta dopo l’incidente!!!
Lan JingYi era perplesso, “Cosa sta facendo, passeggiando qua e là in quel
modo? Ha mangiato troppo?”
Un altro ragazzo aggiunse, “E la sua faccia sta variando dal rosso al verde…
E’ per qualcosa che ha mangiato?”
“Non abbiamo mangiato niente di particolarmente speciale… E’ a causa del
significato del nastro frontale? Sembra un po’ troppo esaltato.
Probabilmente ama molto HanGuang-jun. Guarda come sembra felice…”
Wei WuXian riuscì finalmente a calmarsi dopo aver girato intorno a un
groviglio di fiori secchi per una cinquantina di volte. Sentendo l’ultima frase,
non sapeva se dover ridere o piangere. All’improvviso, alle sue spalle sentì il
rumore di qualcuno che calpestava delle foglie secche.
Dal rumore dei passi, riuscì a capire che non si trattava di un bambino. Lan
WangJi probabilmente era tornato. Aggiustando rapidamente la sua
espressione facciale, Wei WuXian si voltò per vedere una figura nera ergersi
all’ombra di un albero secco nelle vicinanze.
La figura era piuttosto alta, composta e imponente.
Tuttavia, non aveva una testa.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 46 – Astuzia
– Parte Uno

Come se qualcuno gli avesse svuotato una secchiata di acqua fredda sulla
testa, il sorriso di Wei WuXian s’irrigidì immediatamente.
In piedi sotto l’albero secco, l’alta figura fronteggiava Wei WuXian. Se ci
fosse stata una testa sul suo collo, avrebbe sicuramente fissato Wei WuXian
in silenzio.
Dal falò, anche i giovani della Setta Lan avevano visto l’ombra. Tutti
sentirono i capelli rizzarsi. Con gli occhi sgranati, recuperarono subito le
loro spade. Wei WuXian avvicinò l’indice alle sue labbra e li zittì
dolcemente.
Scosse la testa, poi gli comunicò un “No” con lo sguardo. Vedendo ciò, Lan
SiZhui ripose di nuovo silenziosamente la sua spada in parte già sguainata.
L’uomo senza testa toccò il tronco dell’albero accanto a lui e lo tastò per un
po’, come se stesse riflettendo o cercando di capire cosa fosse.
Avanzò di un piccolo passo. Wei WuXian riuscì finalmente a vedere gran
parte del suo corpo.
Una veste funebre pendeva addosso all’uomo, alquanto lacera. Era proprio
quella che indossava il busto sepolto nel cimitero del Clan Chang.
E, ai piedi dell’uomo, una pila di stracci era sparpagliata sul terreno. Wei
WuXian riuscì a indentificare che si trattavano di alcune Borse Qiankun
strappate.
Wei WuXian, Errore mio. Sembra che il nostro caro amico sia riuscito a
ricomporsi!
Ora che ci pensava, dopo che lui e Lan WangJi erano entrati nella Città Yi,
erano accadute così tante cose che non avevano suonato Riposo per più di
due giorni. Durante il tempo che avevano trascorso a viaggiare, erano
riusciti a reprimere a malapena le parti. Malgrado ciò, poiché tutte le parti
del cadavere erano già state raccolte, l’attrazione tra loro si era moltiplicata.
Forse avevano percepito dell’energia risentita l’un dell’altra e il loro
desiderio di ricomporsi si era accresciuto, così ora che Lan WangJi stava
perlustrando, si erano precipitate fuori, uscendo dalle Borse Qiankun in cui
erano sigillate e si erano ricongiunte da sole.
Sfortunatamente, tuttavia, al cadavere mancava ancora una parte. La parte
più importante.
L’uomo senza testa avvicinò una mano al collo, toccando il taglio pulito e
cremisi alla gola. Dopo aver cercato per un po’ e non aver ancora trovato
l’oggetto che doveva trovarsi lì, come se fosse infuriato a causa di quel simile
motivo, all’improvviso sbatté il palmo contro l’albero accanto a lui!
Con una crepa, il tronco si spezzò subito. Wei WuXian commentò
silenziosamente, Che temperamento!
Lan JingYi reggeva la sua spada orizzontalmente davanti al suo corpo e
balbettò, “C-c-che razza di mostro è questo?”
Wei WuXian, “Non hai ripassato le basi, vero? Cos’è un mostro? Questo
ovviamente è un cadavere, catalogato come di tipo ghoul. Come potrebbe
essere un mostro?”
Lan SiZhui sussurrò, “Senior, tu… stai parlando con un tono così alto. E se ti
sentisse?”
Wei WuXian, “Va tutto bene. Ho improvvisamente realizzato che non c’è
alcun problema, non importa quanto parliamo forte. Poiché non ha una
testa, non ha neppure degli occhi o delle orecchie, il che significa che non
può vedere o sentire nulla. Se non mi credi, urla contro di lui.”
Lan JingYi era curioso, “Davvero? Fammi provare.”
Dopo aver parlato, in effetti urlò alcune volte. Non appena finì, l’uomo senza
testa si voltò, dirigendosi verso i giovani della Setta Lan.
I giovani poterono quasi sentire le loro anime uscire dai loro corpi. Lan
JingYi si lamentò, “Ma avevi detto che non ci sarebbe stato alcun problema!”
Wei WuXian unì le mani unite a coppa e le portò davanti alla bocca, alzando
la voce, “Va tutto bene, guardate! Sto parlando con un tono così alto e non si
sta avvicinando, no? Ma dal vostro lato non si tratta di essere rumorosi o no.
E’ perché c’è la luce del fuoco! E’ calda! Ci sono molti esseri umani e sono
tutti uomini! L’energia Yang è troppo forte! Non può né vedere né sentire,
ma può avvicinarsi nella direzione che percepisce sia più affollata. Perché
non spegnete il fuoco? E spargetelo in giro!”
Con un cenno della mano di Lan SiZhui, una raffica di vento spense il fuoco.
I ragazzi si dispersero immediatamente in giro nel giardino disabitato.
Proprio come aveva detto Wei WuXian, dopo che il falò fu spento e la folla
dispersa, l’uomo senza testa perse il suo orientamento.
Restò immobile per qualche istante. Proprio quando il gruppo stava per
tirare un sospiro di sollievo, improvvisamente iniziò a muoversi di nuovo. E,
senza alcuna esitazione, avanzò nella direzione di uno dei ragazzi!
Lan JingYi iniziò a piagnucolare di nuovo, “Ma avevi detto che sarebbe
andato tutto bene spegnendo il fuoco e disperdendoci!”
Wei WuXian non riuscì a trovare il tempo di rispondergli. Urlò all’altro
ragazzo, “Non muoverti!”
Raccolse un sassolino accanto ai suoi piedi. Con uno scatto del polso, scagliò
la pietra verso l’uomo senza testa. Il sassolino atterrò al centro della schiena
dell’uomo. Si fermò sui suoi passi e si voltò. Dopo aver riflettuto per un
momento, come se avesse stabilito che quel lato fosse il più sospettoso,
iniziò ad avanzare verso Wei WuXian.
Lentamente, Wei WuXian si spostò di due passi sul lato, mancando di poco
il cadavere che arrancava. Continuò, “Vi ho detto di disperdervi, non di
correre in giro. Non correte troppo velocemente. Il ghoul ha un livello di
coltivazione abbastanza alto. Se vi muovete troppo velocemente, facendo
frusciare l’aria, lo noterà anche lui.”
Lan SiZhui, “Sembra che stia cercando qualcosa… Forse è la sua testa?”
Wei WuXian, “Giusto. Sta cercando la sua testa. Ci sono un bel po’ di teste
qui, quindi poiché non sa quale sia la sua, strapperà la testa a ogni persona e
la piazzerà sul suo collo per capire se sarà adatta o no. Se sarà adatta, la terrà
per un certo periodo di tempo, e se così non fosse, la butterà via. Perciò,
dovete camminare lentamente. Non dovete farvi prendere da lui.”
Quando immaginarono le loro teste venir strappate dal cadavere senza testa
e fissate orribilmente sul suo collo, i ragazzi rabbrividirono dal terrore.
Sollevando le mani sopra le loro teste all’unisono, iniziarono a “fuggire”
lentamente intorno al giardino. Sembravano star giocando ad un pericoloso
nascondino con il ghoul. Chiunque fosse stato catturato dal ghoul, gli
avrebbe consegnato la sua testa. Non appena la presenza di un ragazzo
veniva rilevata, Wei WuXian gettava un sassolino e attirava la sua attenzione
su di sé.
Con le mani dietro la schiena, Wei WuXian si muoveva lentamente,
camminando mentre esaminava le azioni del cadavere, La postura del
nostro caro amico sembra un po’ strana, vero? Continua ad agitare il
braccio con la mano stretta in un pungo sciolto. Questo tipo di
movimento…
Mentre rifletteva, Lan JingYi non ne poté più, “Continueremo a camminare
in questo modo? Per quanto dovremo continuare a passeggiare?!”
Wei WuXian valutò per un momento prima di rispondere, “Certo che no.”
Non appena giunse a quella conclusione, iniziò a sbraitare, “HanGuang-jun!
Oh, HanGuang-jun! HanGuang-jun, non sei ancora tornato? Aiutaci!”
A quella vista, anche gli altri si unirono. Poiché il cadavere non aveva la testa
e non riusciva a sentire nulla, ogni grido riecheggiava più struggente e
miserabile di quello precedente. Qualche istante dopo, la nota morbida e
fluente di uno xiao risuonò nella notte. Subito seguito dal limpido riverbero
di una corda.
Udendo lo xiao e il guqin, i giovani erano così estasiati che quasi finirono per
mettersi a piangere, “HanGuang-jun! ZeWu-jun!”
Due figure slanciate splendevano davanti alle porte logore del giardino.
Avevano la stessa figura simile alla giada, la stessa tonalità candida. Il primo
con uno xiao e l’altro con un guqin, i due camminavano spalla a spalla.
Quando videro l’ombra senza testa, entrambi esitarono brevemente.
L’espressione di Lan XiChen era particolarmente sorpresa, sembrava quasi
scioccata. Liebing[1] smise di suonare, eppure Bichen era già stata
sguainata. Sentendo il freddo e potente bagliore di una spada puntare su di
lui, l’uomo senza testa sollevò il braccio e lo agitò di nuovo. Wei WuXian
esclamò silenziosamente, E’ di nuovo quella mossa!
Anche l’uomo era piuttosto agile. Schivando il bagliore di Bichen con un
balzo, le sferrò un rovescio. A quel punto, riuscì ad afferrare l’impugnatura
della spada Bichen!
Reggendo Bichen nella sua presa, la sollevò, come se stesse cercando di
esaminare ciò che aveva appena afferrato, anche se non aveva degli occhi.
Quando i giovani videro che l’uomo in qualche modo aveva fermato Bichen a
mezz’aria, i loro volti impallidirono. Lan WangJi, tuttavia, sembrava più
calmo che mai. Tirando fuori il suo guqin, abbassò lo sguardo e curvò un
dito, pizzicando una corda. Come se fosse una freccia senza forma, il suonò
sibilò mentre puntava verso il cadavere. Il cadavere decapitato sferzò la
spada e frantumò la nota. Lan WangJi eseguì una nota bassa. Tutte e sette le
corde vibrarono, suonando con una potenza ancora maggiore. Allo stesso
tempo, Wei WuXian tirò fuori il suo flauto di bambù e lo accompagnò con
un tono anormalmente stridulo. Era come se delle lame affilate di spade e
sciabole piovessero dal cielo!
Il cadavere senza testa balzò di nuovo. Lan XiChen ritornò finalmente in sé.
Avvicinando Liebing alle labbra, iniziò a suonare anche lui. Wei WuXian non
sapeva se fosse stato frutto della sua immaginazione, ma non appena
risuonò il tono delicato e limpido dello xiao, i movimenti del cadavere si
fermarono. Per un momento, sembrò essersi fermato per ascoltare, poi si
voltò, come se intendesse vedere chi era la persona che stava suonando
quella musica. Eppure, senza gli occhi o la testa, non poteva vedere nulla.
Ancora sotto gli energici attacchi del flauto e del guqin, alla fine sembrò
perdere ogni energia, soccombendo ai tre strumenti. Con titubanza, cadde a
terra.
Per essere più precisi, non cadde solo a terra, ma si divise a pezzi. Le braccia,
le gambe e il busto si divisero, spargendosi sul tappeto di foglie secche.
Lan WangJi ripose il suo guqin e richiamò la sua spada. Insieme a Wei
WuXian, si avvicinò agli arti, abbassò lo sguardo e tirò fuori cinque nuove
Borse Qiankun. Furono accerchiati dai giovani, ancora in preda al panico. In
primo luogo, salutarono ZeWu-jun, ma prima che avessero la possibilità di
parlottare e bisbigliare, Lan WangJi affermò, “Andate a riposarvi.”
Lan JingYi era confuso, “Huh? Ma HanGuang-jun, non sono ancora le
nove.”
Lan SiZhui, d’altra parte, lo trascinò e rispose con rispetto, “Sì.”
Così, non chiese altro. Conducendo il resto dei giovani, si recarono verso
un’altra zona del giardino, preparandosi a riaccendere il fuoco per dormire.
Solo tre persone restarono con la pila delle parti del cadavere. Wei WuXian
fece un cenno di rispetto a Lan XiChen. Si accovacciò a cominciò a sigillare
di nuovo le parti all’interno delle Borse Qiankun. Proprio mentre stava per
infilare il braccio sinistro in una sacca, Lan XiChen parlò, “Per favore,
aspetta un attimo.”
In precedenza, Wei WuXian aveva visto l’espressione di Lan XiChen, sapeva
che c’era qualcosa che non andava. Quasi sicuramente, il colorito di Lan
XiChen era cinereo mentre ripeteva le sue parole, “Per favore… Aspetta un
momento. Permettimi di esaminare il cadavere.”
Wei WuXian si fermò, “ZeWu-jun, sai chi è questa persona?”
Prima che Lan XiChen potesse rispondere, Lan WangJi annuì con calma.
Wei WuXian, “Beh, allora anch’io so chi è.”
Abbassò la voce, “Si tratta di ChiFeng-Zun, vero?”
Quando stavano “giocando a nascondino”, il cadavere decapitato continuava
a ripetere lo stesso gesto, con un pugno serrato, agitava il braccio e
squarciava l’aria. Sembrava brandire un tipo di arma.
Al primo concetto di un’arma, Wei WuXian pensò a una spada. Ma essendo
lui stesso qualcuno che aveva usato una spada e aveva duellato con altri
spadaccini, non aveva mai visto nessun esperto usare la propria spada in un
modo simile. La spada era “la signora delle armi”. Chiunque utilizzava una
spada prestava attenzione a serbare un’aria aggraziata o signorile. Anche la
spada di un assassino aveva bisogno di avere un po’ di agilità oltre alla
crudeltà. Nell’arte dello spadaccino, c’erano più “affondi” e “stilettate”, e
meno “incisioni” e “tagli”. Tuttavia, i movimenti dell’uomo decapitato erano
troppo violenti. C’era una copiosa malizia e le sferzate del braccio
mancavano di eleganza.
Tuttavia, se non avesse avuto una spada, ma una sciabola, e anche con un
forte intento omicida, allora tutto avrebbe avuto senso.
La spada e la sciabola erano diverse sia nell’utilizzo che nella personalità.
L’arma che l’uomo utilizzava prima della sua morte era probabilmente una
sciabola. A causa della sua ferocia, la sciabola stimava la forza anziché lo
stile. Quando stava cercando la sua testa, era alla ricerca anche della sua
arma. Questo era il motivo per cui continuava a ripetere quelle mosse in cui
sembrava star brandendo una sciabola e aveva perfino afferrato Bichen,
utilizzandola come se fosse la sua arma.
Inoltre, quel cadavere non aveva alcun segno speciale come un marchio di
nascita. E ora, dopo che era stato ridotto in pezzi, era impossibile esporre la
sua identità. Era naturale che Nie HuaiSang non fosse riuscito a riconoscerlo
nella Sala delle Sciabole. Difatti, anche Wei WuXian non poteva garantire
che, mozzandosi una gamba e gettandola da qualche parte, avrebbe potuto
riconoscerla. Solo quando il busto e gli arti si erano momentaneamente
ricongiunti in un cadavere in grado di muoversi con l’energia risentita, Lan
XiChen e Lan WangJi erano finalmente riusciti a riconoscerlo.
Wei WuXian, “ZeWu-jun, HanGuang-jun ti ha parlato di quello che abbiamo
visto durante il viaggio, vero? Il Villaggio Mo, il becchino, la Città Yi e tutto il
resto.”
Lan XiChen annuì. Wei WuXian continuò, “Allora, HanGuang-jun
probabilmente lo avrà già riferito. L’uomo dal volto scuro che ha cercato di
portare via il cadavere dal cimitero del Clan Chang conosceva le tecniche
della spada appartenenti alla Setta Lan come il palmo della sua mano. Le
possibilità possono essere solo due. Primo, appartiene alla Setta Lan, e ha
praticato le mosse della Setta Lan fin dalla giovinezza; secondo, non
appartiene alla Setta Lan, ma ha molta familiarità con le mosse della vostra
Setta. Ha duellato spesso con la gente della Setta Lan o è così intelligente da
riuscire a ricordare le tecniche al primo sguardo.”
Lan XiChen restò in silenzio. Wei WuXian aggiunse, “Ha combattuto per
avere il cadavere perché non voleva che gli altri scoprissero che ChiFeng-
Zun era stato ridotto in pezzi. Se il cadavere di ChiFeng-Zun fosse stato
ricomposto, la situazione sarebbe diventata problematica per lui. Si tratta di
qualcuno che è a conoscenza dei segreti della Sala delle Sciabole della Setta
Nie. Qualcuno piuttosto vicino alla Setta GusuLan. Qualcuno che ha una
storia piuttosto complicata… con ChiFeng-Zun.”
Senza dover dire esplicitamente chi era la persona più plausibile, tutti
avevano già capito.
Anche se l’espressione di Lan XiChen era solenne, rispose lo stesso
rapidamente, “Non farebbe mai una cosa del genere.”
Wei WuXian, “ZeWu-jun?”
Lan XiChen, “Gli incidenti che avete avuto durante l’investigazione delle
parti del cadavere e l’incontro con il becchino sono accadute tutte in questo
mese. Durante questo mese, ha discusso delle questioni con me ogni singola
notte. Stavamo ancora pianificando la Conferenza di Discussione che si terrà
il mese prossimo alla Setta LanlingJin solo pochi giorni fa. Non poteva stare
da nessun’altra parte. Il becchino non può essere lui.”
Wei WuXian, “E se avesse utilizzato un Talismano di Trasporto?”
Lan XiChen scosse la testa. Il suo tono era gentile ma risoluto, “Bisogna
coltivare la tecnica del trasporto per utilizzare un Talismano di Trasporto. E’
piuttosto difficile da coltivare. Non ha palesato alcun segno di coltivarla. Allo
stesso modo, bisogna spendere grandi quantità di poteri spirituali per
utilizzare quella tecnica, ma abbiamo svolto delle cacce notturne insieme
solo pochi giorni fa. La sua esibizione è stata eccellente. Sono certo che non
ha mai adoperato un Talismano di Trasporto.
Lan WangJi, “Potrebbe non aver agito di persona.”
Lan XiChen scosse ancora la testa. Wei WuXian continuò, “Capo Setta Lan,
sai chi è la persona più sospetta. Stai solo rifiutando di ammetterlo.
La luce del falò proiettava delle fugaci ombre sui tre volti. Tutto era
immobile nel giardino abbandonato.
Dopo un breve silenzio, Lan XiChen rispose, “Capisco che, a causa di alcune
ragioni, il mondo nutra alcuni sospetti nei suoi confronti. Ma… Mi fido di
quello che ho visto in questi anni. Confido che non sia quel genere di
persona.”
Non era difficile capire perché Lan XiChen difendesse quella persona. Ad
essere onesti, anche lo stesso Wei WuXian non aveva una terribile opinione
della persona di cui erano sospettosi. Forse a causa dei suoi retroscena,
aveva sempre trattato tutti con gentilezza e umiltà. Era il genere di persona
che non offendeva mai nessuno, il tipo che riusciva a far sentire tutti a
proprio agio mentre parlavano con lui, per non parlare di ZeWu-jun, che era
suo amico da anni.
Il periodo prima della morte di Nie MingJue era precisamente il picco dei
progressi della Setta QingheNie sulla Setta LanlingJin. Chi avrebbe giovato
maggiormente della morte di Nie MingJue?
Morire a causa della Deviazione del Qi sotto gli occhi del pubblico…
Sembrava un compianto ragionevole e inevitabile, ma la verità era davvero
così semplice?
 

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 47 –


Astuzia – Parte Due

Il momento della Conferenza di Discussione alla Torre Koi giunse in un


batter d’occhio.
La maggior parte delle residenze delle Sette di spicco erano edificate in zone
dagli splendidi scenari, ma la Torre Koi della Setta LanlingJin era situata
nella parte più fiorente della Città Lanling. La strada principale che veniva
utilizzata per giungere alla torre era una carreggiata lunga più di mezzo
miglio. Era aperta solo durante gli eventi importanti come i banchetti o le
Conferenze di Discussione. Secondo le regole della Setta LanlingJin, lì non
bisognava camminare a un ritmo veloce. Entrambi i lati del percorso erano
ricoperti di affreschi e rilievi, che narravano le storie dei Capi del Clan Jin e
di altri illustri coltivatori. Durante il viaggio, i discepoli della Setta
LanlingJin agivano da guida mentre scortavano le carrozze.
Le quattro più famose sezioni dell’attuale Capo Setta, Jin GuangYao, erano
rispettivamente “Rivelazione”, “Assassinio”, “Giuramento” e “Gentile
Austerità”. Naturalmente, le scene raffiguravano come durante la Campagna
Eclissi di Sole, Jin GuangYao fosse riuscito a infiltrarsi nella Setta
QishanWen e avesse riportato delle informazioni importanti, assassinando il
Capo della Setta Wen, Wen RuoHan, diventando poi fratello giurato con il
resto della Venerata Triade, elevandosi così alla posizione di Capo
Coltivatore. Il pittore era stato piuttosto abile nel dipingere le espressioni
delle persone. Sebbene a prima vista non sembrasse nulla di speciale, con
un’occhiata più attenta era possibile notare che anche quando la sua figura
era nell’intento di uccidere, con le guance gocciolanti di sangue, Jin
GuangYao aveva ancora l’ombra di un sorriso stampato sul volto. Riusciva a
far rizzare i capelli durante l’osservazione.
Subito dopo c’erano gli affreschi di Jin ZiXuan. Di solito, per simboleggiare
il loro potere assoluto, i Capi Setta riducevano di proposito il numero di
affreschi dei coltivatori della loro stessa generazione o lasciavano che se ne
occupasse un artista inferiore, così da lasciarli in ombra. Di queste azioni,
tutti davano la loro tacita approvazione, mostrandosi comprensivi. Tuttavia,
anche Jin ZiXuan aveva quattro affreschi, incredibilmente eretti sullo stesso
piano di Jin GuangYao. Il bell’uomo nei dipinti ostentava orgoglio e vigore.
Saltando giù dalla carrozza, Wei WuXian si fermò di fronte agli affreschi e li
fissò per un po’. Anche Lan WangJi si fermò, aspettandolo.
A breve distanza, un discepolo parlò, “Setta Lan di Gusu, per favore entrate
qui.”
Lan WangJi, “Andiamo.”
Wei WuXian non rispose. I due avanzarono insieme.
Proseguendo lungo le scale della Torre Koi, c’era un’ampia piazza lastricata
di mattoni, animata dalla gente. La Setta LanlingJin era stata probabilmente
ampliata e rinnovata negli ultimi anni. La stravaganza era maggiore di
quella che Wei WuXian aveva visto in passato. Sul lato opposto della piazza,
una piattaforma in alabastro era posta su una rampa di nove scale nello
stile ruyi[1]. In cima alla base, un magnifico palazzo con un tetto a due
falde[2] dominava su un oceano di Scintille tra la Neve.
La Scintilla tra la Neve era il motivo del Clan LanlingJin, uno squisito tipo di
peonia bianca. Non solo il fiore era bello, ma anche il suo nome era raffinato.
C’erano due strati di petali, e quelli esterni più grandi crescevano tutti sullo
stesso livello, apparendo come delle ondate di neve agitata. I petali più
piccoli all’interno erano sottili e delicati, cingendo i fili dorati dello stame
come se fossero delle stelle. Se un singolo fiore andava oltre lo splendore,
com’era possibile descrivere la magnificenza di migliaia di fioriture presenti
in una volta?
Innumerevoli percorsi erano situati prima della piazza. Le Sette entravano
incessantemente, ma in un modo ordinato.
“Setta Su di Moling, per favore entra qui.”
“Setta Nie di Qinghe, per favore entra qui.”
“Setta Jiang di Yunmeng, per favore entra qui.”
Non appena si presentò, Jiang Cheng lanciò uno sguardo tagliente nella loro
direzione. Avanzando, parlò con un tono indifferente, “ZeWu-jun.
HanGuang-jun.”
Lan XiChen annuì in risposta, “Capo Setta Jiang.”
Entrambi sembravano assorti. Dopo aver scambiato alcune parole con una
breve chiacchierata, Jiang Cheng chiese, “HanGuang-jun, non ti ho mai visto
alle Conferenze di Discussione della Torre Koi. Perché hai acquisito questo
improvviso interesse?”
Né Lan XiChen né Lan WangJi risposero. Fortunatamente, Jiang Cheng non
intendeva porgli seriamente quella domanda. Si rivolse a Wei WuXian,
parlando come se potesse tirare fuori una spada e pugnalarlo da un
momento all’altro, “Se ricordo bene, non è una vostra abitudine non portare
con voi del personale inutile durante il viaggio? Qual è la circostanza questa
volta? Accade una volta ogni luna blu? Chi è questo rinomato coltivatore?
Qualcuno potrebbe gentilmente presentarmelo?”
All’improvviso, comparve una voce serena, “Fratello, perché non mi hai
detto che sarebbe venuto anche WangJi?”
Il signore della Torre Koi, LianFang-Zun, Jing GuangYao, era giunto
personalmente a salutarli.
Lan XiChen ricambiò il sorriso, mentre Lan WangJi annuì. Wei WuXian,
d’altra parte, osservò attentamente il Capo Coltivatore di tutte le Sette.
Jin GuangYao era nato con un viso alquanto privilegiato. La sua pelle era
chiara e aveva un segno vermiglio decorativo sulla fronte. Le sue iridi erano
distinte attraverso la sclera degli occhi, donandogli un aspetto vivace ma non
frivolo. Le sue caratteristiche apparivano piuttosto limpide, attraenti ma
anche intuitive. L’ombra di un sorriso che era sempre presente agli angoli
delle sue labbra, e le sue sopracciglia, rivelavano immediatamente la sua
personalità intelligente. Un simile viso era sufficiente per conquistare
l’amore delle donne, ma non avrebbe evocato neppure la vigilanza o
l’avversione degli uomini; gli anziani lo considererebbero dolce, mentre per i
giovani sarebbe amichevole. Anche se a qualcuno non fosse piaciuto,
sicuramente non poteva odiarlo, ecco perché il suo viso era “privilegiato”.
Anche se la sua figura era un po’ piccola, il suo atteggiamento calmo era più
che sufficiente a compensarla. Indossava un copricapo[3] fatto di garza
nera, con l’uniforme formale della Setta LanlingJin su cui era presente una
fioritura di Scintille tra la Neve dello stemma sulla parte anteriore della sua
tunica dal colletto tondo. Con una cintura a nove anelli alla vita, gli stivali
liuhe[4] ai piedi e la mano destra appoggiata sull’elsa della spada
agganciata al suo fianco, era circondato da un’aura potente di intangibilità.
Jin Ling era al seguito di Jin GuangYao. Ancora non osava incontrare da
solo Jiang Cheng. Nascondendosi alle spalle di Jin GuangYao, mormorò,
“Zio.”
Jiang Cheng rispose con durezza, “Quindi ricordi ancora che sono tuo zio!”
Jin Ling strattonò rapidamente i lembi posteriori della veste di Jin
GuangYao. Jin GuangYao sembrava nato per risolvere i conflitti, “Ebbene,
Capo Setta Jiang, A-Ling ha compreso il suo errore da molto tempo. Negli
ultimi giorni, era così spaventato che lo avresti potuto punire da non riuscire
neppure a mangiare bene. Ai bambini piace commettere delle marachelle. So
che lo ami molto. Non tormentiamolo così tanto al riguardo.”
Jin Ling incalzò, “Si, si. Lo zio può provarlo. Ho avuto una mancanza di
appetito in questi giorni!”
Jiang Cheng, “Hai avuto una mancanza di appetito? Guardando il tuo
colorito sano, non avrei mai detto che tu abbia perso così tanti pasti!”
Jin Ling, che stava per parlare di nuovo, lanciò un’occhiata alle spalle di Lan
WangJi e finalmente vide Wei WuXian. Momentaneamente sbalordito,
sbottò, “Perché sei qui?!”
Wei WuXian, “Per avere un pasto gratis.”
Jin Ling era piuttosto infuriato, “Come osi venire ancora qui?! Non ti avevo
avvertito…”
Jin GuangYao accarezzò la testa di Jin Ling, spingendolo alle proprie spalle
e sorrise, “Perché no? Ora che sei qui sei un nostro ospite. Non so per il
resto, ma la Torre Koi ha sicuramente abbastanza cibo.” Si rivolse a Lan
XiChen, “Fratello, inizia ad accomodarti. Andrò a verificare e mi occuperò
dei preparativi anche per WangJi.”
Lan XiChen annuì, “Non c’è bisogno di crearti un simile disturbo.”
Jin GuangYao, “Quale disturbo? Fratello, non hai bisogno di essere così
cortese ora che sei a casa mia. Sul serio.”
Jin GuangYao riusciva a ricordare il nome, il titolo, l’età e l’aspetto di una
persona anche solo dopo il primo incontro. Perfino dopo alcuni anni,
sarebbe riuscito a salutarli senza alcun problema, spesso incalzando anche
delle conversazioni. Se vedeva qualcuno più di due volte, era in grado di
ricordare tutto ciò che preferiva o che detestava, riuscendo a soddisfare così
le sue esigenze. Questa volta, poiché Lan WangJi era giunto alla Torre Koi
senza preavviso, Jin GuangYao non aveva predisposto il suo tavolo. In quel
momento, se ne stava già occupando.
Quando entrarono nella Sala dell’Incanto, gli ospiti avanzarono lungo un
soffice tappeto rosso. Accanto ai tavoli di legno di sandalo posti su entrambi
i lati del tappeto c’erano delle cameriere dal viso chiaro, adorne di anelli,
giade, e ognuna sorrideva genuinamente. Con i seni pieni e la vita delicata,
anche le loro figure erano simili, apparendo sia uniformi che gradevoli alla
vista. Wei WuXian non poteva mai fare a meno di soffermare il suo sguardo
quando s’imbatteva in qualche bella donna. Quando si accomodò, sorrise
alla cameriera che gli stava versando il liquore, “Grazie.”
Eppure, come se avesse subito uno shock, la donna gli lanciò un’occhiata,
ma rapidamente sbatté le palpebre e distolse lo sguardo. Wei WuXian
inizialmente ritenne strano il suo gesto. Comprese immediatamente, però,
quando si guardò in giro. Come pensava, quello non era l’unico sguardo
singolare. Più della metà dei discepoli della Setta LanlingJin avevano delle
espressioni strane sui loro volti mentre lo guardavano.
Aveva temporaneamente dimenticato che si trattava della Torre Koi, dove
Mo XuanYu aveva molestato qualcuno della sua stessa Setta ed era stato
cacciato. Chi avrebbe mai pensato che sarebbe ritornato così francamente,
come se non conoscesse la vergogna. Era perfino scivolato in un posto di alto
rango insieme alle due Giade dei Lan…
Wei WuXian si avvicinò al lato di Lan WangJi, “HanGuang-jun, HanGuang-
jun.”
Lan WangJi, “Si?”
Wei WuXian, “Per favore, non lasciarmi. Probabilmente ci sono molte
persone che conoscono Mo XuanYu. Se qualcuno decidesse di voler parlare
dei bei vecchi tempi con me, dovrò continuare a fare il buffone, dicendo
delle sciocchezze. Per favore, non preoccuparti se finisco per farti perdere la
faccia.”
Lan WangJi lo guardò e rispose con un tono moderato, “Fintantoché non
provocherai gli altri di proposito.”
A quel punto, a braccetto di una donna abbigliata con vesti sontuose, Jin
GuangYao entrò nella stanza. Sebbene la donna apparisse piuttosto
signorile, una traccia d’innocenza si fondeva nella sua espressione. Perfino i
suoi lineamenti graziosi apparivano in qualche modo infantili. Quella era la
moglie ufficiale di Jin GuangYao, la signora della Torre Koi, Qin Su[5].
I due erano stati la rappresentazione delle coppie amorevoli nel mondo della
coltivazione negli ultimi anni, serbando un reciproco rispetto l’un per l’altra.
Tutti sapevano che Qin Su era nata nella Setta LaolingQin, un Clan affiliato
alla Setta LanlingJin. Qin CangYe, il Capo della Setta LaolingQin, era un
subordinato che aveva seguito Jin GuangShan per anni. Sebbene Jin
GuangYao fosse il figlio di Jin GuangShan, in origine i due erano inadatti
l’un per l’altra a causa dello status di sua madre. Tuttavia, durante la
Campagna Eclissi di Sole, Qin Su fu salvata da Jin GuangYao. S’innamorò
così di lui e non si arrese mai, ostinandosi nel voler essere sua moglie. Alla
fine, davvero tracciarono il ciclo di una simile storia romantica. Anche Jin
GuangYao non la disilluse. Anche dopo aver ottenuto l’importante posizione
di Capo Coltivatore, il suo comportamento era drasticamente diverso da
quello di suo padre. Non aveva mai avuto alcuna concubina, tanto meno una
relazione con qualche altra donna. Era davvero qualcosa che le mogli di
molti Capi Setta invidiavano.
Wei WuXian concordò silenziosamente quelle voci mentre guardava la mano
in cui Jin GuangYao stringeva quella di Qin Su. L’espressione di Jin
GuangYao risplendeva teneramente con premura, come se temesse che lei
potesse inciampare accidentalmente sulle scale di giada.
Dopo che i due occuparono il tavolo principale, il banchetto ebbe
ufficialmente inizio. Quello seduto al tavolo del seguente livello più alto era
Jin Ling. Quando i suoi occhi si posarono su Wei WuXian, gli lanciò
un’occhiataccia. Wei WuXian era sempre stato abituato ad attrarre gli
sguardi degli altri. Per tutto il tempo, finse che non stava accadendo nulla,
mangiando e bevendo tra i brindisi e le chiacchiere all’interno della Sala
dell’Incanto. Era uno scenario piuttosto allegro.
La notte era già scesa quando il banchetto finì. L’Assemblea di Discussione
sarebbe iniziata ufficialmente il mattino successivo. A gruppi di due e tre, la
folla uscì lentamente dalla sala, procedendo verso le camere degli ospiti che i
discepoli gli stavano indicando. Poiché Lan XiChen sembrava piuttosto
distratto, sembrava che Jin GuangYao si stesse accingendo a chiedergli
quale fosse il problema. Eppure, proprio mentre si stava avvicinando per
chiamare, “Fratello,” un’altra persona sopraggiunse e piagnucolò,
“Fratello!!!”
Jin GuangYao quasi indietreggiò a causa dell’impatto. Si assestò
velocemente il copricapo con una mano, “HuaiSang, cosa c’è che non va?
Innanzitutto, calmati.”
Un simile indecoroso Capo Setta non poteva essere altri che lo Scuotitore di
Testa della Setta QingheNie. E, naturalmente, lo Scuotitore di Testa ubriaco
era ancora più inopportuno. Con un viso rossastro, Nie HuaiSang si rifiutò
di lasciarlo, “Oh, Fratello!! Che cosa devo fare?! Puoi aiutarmi di nuovo?
Prometto che sarà l’ultima volta!!”
Jin GuangYao, “La situazione dell’ultima volta non è stata risolta dalle
persone che ti ho scovato?”
Nie HuaiSang gridò, “La situazione dell’ultima volta è stata risolta, ma
questa volta c’è una nuova circostanza! Fratello, cosa dovrei fare?! Non
voglio più vivere!”
Poiché non sembrava trattarsi di qualcosa che poteva spiegare con poche
parole, Jin GuangYao poté solo rivolgersi a Qin Su, “A-Su, inizia ad avviarti.
HuaiSang, troviamo un luogo dove sederci. Non c’è bisogno di avere fretta…”
S’incamminò fuori con Nie HuaiSang addossato a lui. Quando Lan XiChen
giunse per vedere cosa stava succedendo, fu trascinato anche lui dall’ubriaco
Nie HuaiSang.
Qin Su salutò Lan WangJi, “HanGuang-jun, penso sia da un bel po’ di anni
che non giungevi a Lanling per la Conferenza di Discussione. Chiedo scusa
se il ricevimento non è stato in qualche modo all’altezza.”
La sua voce era delicata, davvero degna di una così dolce bellezza. Lan
WangJi annuì in risposta al saluto. Lo sguardo di Qin Su si posò poi su Wei
WuXian. Dopo un attimo di esitazione, sussurrò, “Allora, per favore, scusate
il mio congedo” Con questo, se ne andò con la sua cameriera.
Wei WuXian valutò, “Il modo in cui mi guardano tutti quelli della Torre Koi
è così strano. Che cosa ha fatto Mo XuanYu? Ha ostentato pubblicamente il
suo amore mentre era nudo? Cosa c’è di speciale in questo? La gente della
Setta LanlingJin non ha mai visto nulla.”
Lan WangJi scosse la testa a causa delle assurdità di Wei WuXian. Wei
WuXian continuò, “Vado a chiedere a qualcuno. HanGuang-jun, controlla
Jiang Cheng per me. Sarà meglio che non venga a cercarmi. Se lo fa, mi
aiuterai a trattenerlo per un po’, vero?”
Lan WangJi, “Non allontanarti troppo.”
Wei WuXian, “Ho capito. Se finisco per allontanarmi, incontriamoci nella
nostra stanza stanotte.”
Il suo sguardo ispezionò la Sala dell’Incanto, ma non trovò la persona che
cercava. Alzando un sopracciglio, continuò la sua ricerca dopo aver lasciato
Lan WangJi. Quando passò avanti a un piccolo padiglione, qualcuno
apparve improvvisamente dal giardino roccioso[6] sul lato, “Ehi!”
Wei WuXian pensò tra sé, Ha! Trovato. Si voltò, parlando con un tono
flebile, “Cosa intendi con ‘ehi’? Che maleducato. Non eravamo tutti così
affettuosi quando ci siamo separati? Ci incontriamo di nuovo e tu sei più
spietato che mai. Adesso sono triste.”
Jin Ling avvertì la pelle d’oca innalzarsi lungo il suo corpo, “Adesso taci! Chi
era affettuoso con te?! Non ti avevo avvertito di non impicciarti con le
persone della nostra Setta? Perché sei tornato?!”
Wei WuXian, “In realtà, ho sempre seguito HanGuang-jun come si deve.
Manca poco che usi una corda per legarmi al suo corpo. Dove mi hai visto
impicciarmi con la gente della tua Setta? Tuo zio? E’ lui che mi stava
tormentando, sai?”
Jin Ling era furioso, “Vattene! Mio zio è diffidente solo con te! Non dire
sciocchezze. Non pensare che non sappia che non ti sei ancora arreso e vuoi
ancora…”
All’improvviso, alcune grida sopraggiunsero nella loro direzione. Circa una
mezza dozzina di ragazzi che indossavano la divisa della Setta LanlingJin
balzarono fuori dal giardino. Jin Ling smise immediatamente di parlare.
I ragazzi si avvicinarono lentamente a loro. Quello che guidava il gruppo era
un ragazzo che aveva circa la stessa età di Jin Ling, ma con un fisico più
abbondante, “Pensavo di aver sbagliato a vedere. Quindi era davvero lui.”
Wei WuXian indicò se stesso, “Io?”
Il ragazzo, “Chi altri se non te?! Mo XuanYu, hai ancora la faccia di
ritornare?”
Jin Ling si accigliò, “Jin Chan, perché sei venuto? Questi non sono affari
tuoi.”
Wei WuXian, Capisco. Probabilmente è uno dei ragazzi della generazione
di Jin Ling. E, guardando la situazione, si tratta di un gruppo di ragazzini
che non è in buoni rapporti con Jin Ling.
Jin Chan, “Non sono affari miei, ma sono forse affari tuoi? Perché hai una
simile premura per me?”
Mentre parlava, tre o quattro dei ragazzi si erano già avvicinati, come se
intendessero trattenere Wei WuXian. Spostandosi di lato, Jin Ling si pose di
fronte a Wei WuXian, “Non creare casini!”
Jin Chan, “Casini? Cosa c’è di sbagliato nel dare una lezione a un discepolo
immorale della nostra Setta?”
Jin Ling sbuffò, “Sveglia! E’ stato cacciato molto tempo fa! Non importa da
quale prospettiva, non è un discepolo della nostra Setta.”
Jin Chan, “E quindi?”
Il “e quindi” suonava così sicuro che Wei WuXian ne restò sbalordito. Jin
Ling rispose, “E quindi? Hai dimenticato con chi è arrivato oggi? Vuoi dargli
una lezione? Perché non provi prima a chiederlo a HanGuang-jun?”
Sentendo il nome “HanGuang-jun”, i ragazzi sembrarono tutti nervosi.
Anche se Lan WangJi non era presente, nessuno osò affermare di non aver
affatto paura di HanGuang-jun. Dopo un breve silenzio, Jin Chan rispose,
“Ha, Jin Ling, non lo odiavi anche tu? Come mai oggi sei così diverso?”
Jin Ling, “Come mai hai così tante cose da dire? Che lo odi o meno, cosa
t’importa?”
Jin Chan, “Ha molestato spudoratamente LianFang-Zun, e parli ancora a
suo favore?”
Per Wei WuXian fu come se fosse stato colpito da un tuono.
Aveva molestato chi? LianFang-Zun? Chi era LianFang-Zun? Jin GuangYao?
Non poteva crederci. La persona che Mo XuanYu aveva molestato era
LianFang-Zun, Jin GuangYao!
Mentre cercava di superare lo shock, d’altro canto, dopo il breve scambio di
qualche altra parola tra Jin Chan e Jin Ling, in qualche modo giunsero al
punto da ricercare una lotta. Fin dall’inizio, nessuno di loro vedeva l’altro
sotto una buona luce. La miccia fu accesa immediatamente. Jin Ling
affermò, “Se vuoi combattere, allora scontriamoci. Pensi che io abbia paura
di te?”
Uno dei ragazzi gridò, “Perché no? A ogni modo, chiamerà sicuramente il
suo cane per farsi aiutare!”
Jin Ling lo sentì proprio mentre stava per fischiare. Strinse i denti e ruggì,
“Posso batterti anche senza chiamare Fairy!”
Anche se il suo tono era ampio e sicuro, due pugni non erano sicuramente
un degno avversario di quattro mani. Quando iniziarono a combattere, era
chiaro che le sue abilità non fossero all’altezza. Sembrava star perdendo
terreno, e fu costretto ad avvicinarsi sempre di più a Wei WuXian.
Jin Ling fremette quando vide che Wei WuXian era ancora allo stesso punto,
“Perché sei ancora in giro?!”
Wei WuXian improvvisamente gli afferrò la mano. Prima che Jin Ling
avesse la possibilità di sbraitare, sentì una forza travolgente pressare il suo
polso. Non poté fare a meno di collassare a terra. Infuriato, gridò, “Vuoi
morire?!”
Quando atterrò Jin Ling, che lo stava proteggendo, Jin Chan e gli altri
restarono stupiti. Eppure, Wei WuXian chiese, “Hai capito bene?”
Anche Jin Ling restò sorpreso, “Cosa?”
Wei WuXian girò di nuovo la sua mano, “Hai capito?”
Sentendo un paralizzante dolore partire dal suo polso giungendo in tutto il
suo corpo, Jin Ling urlò di nuovo. Davanti ai suoi occhi, tuttavia, poté
ricordare il rapido e minuzioso movimento di Wei WuXian. Wei WuXian
parlò ancora una volta, “Ancora. Guarda attentamente.”
Uno dei ragazzi si era appena precipitato. Con una mano dietro la schiena,
Wei WuXian usò l’altra mano per afferrare il polso del ragazzo. Lo atterrò in
un batter d’occhio. Questa volta, Jin Ling riuscì a vedere cosa stava
succedendo. Anche il punto dolorante del suo polso gli indicava in quale
punto terapeutico indirizzare la sua energia spirituale. Balzando in piedi,
sembrò di buon umore, “Si!”
La situazione s’invertì in un istante. Non molto tempo dopo, le grida
frustrate dei ragazzi risuonavano in tutto il giardino. Alla fine, Jin Chan
colto dalla furia, “Jin Ling, aspetta e vedrai!”
Proseguì con una scia di maledizioni mentre i ragazzi fuggivano sconfitti. Jin
Ling, d’altra parte, si divise in due dalle risate alle loro spalle. Quando
finalmente la sua risata sembrò fermarsi, Wei WuXian parlò, “Guarda
quanto sei felice. E’ stata la tua prima vittoria?”
Jin Ling battibeccò, “Vinco sempre negli scontri uno contro uno. Ma Jin
Chan chiama sempre un gruppo di aiutanti. E’ senza vergogna.”
Wei WuXian stava per dire che poteva trovare anche lui un gruppo di ragazzi
che potessero aiutarlo. I combattimenti non dovevano essere solo uno
contro uno. A volte, il numero di persone in un gruppo poteva fare la
differenza quando erano tra la vita e la morte. Tuttavia, realizzò che aveva
sempre visto Jin Ling andare in giro da solo, senza alcun discepolo della sua
stessa età appartenente alla sua Setta che lo accompagnasse in giro.
Probabilmente, Jin Ling non aveva alcun aiutante da scegliere, e così decise
di non dire nulla.
Jin Ling, “Ehi, come hai imparato quella mossa?”
Wei WuXian decise di cedere la responsabilità sulle spalle di Lan WangJi,
senza mostrare neppure un pizzico di vergogna, “E’ stato HanGuang-jun a
insegnarmela.”
Jin Ling non ne dubitò affatto. Aveva comunque già visto il nastro frontale
di Lan WangJi annodato alle mani di Wei WuXian. Borbottò semplicemente,
“T’insegna perfino questo genere di cose?”
Wei WuXian, “Certo che lo fa. Questo però è solo un piccolo trucco. Era la
prima volta che lo usavi e loro non lo avevano mai visto, quindi i risultati
sono stati accurati. Finiranno per capirlo se lo userai troppe volte. La
prossima volta non sarà così facile. Com’è stato? Vuoi imparare qualche
altra mossa da me?”
Jin Ling lo guardò e non poté fare a meno di rispondere, “Perché fai così? Il
mio zio più giovane mi ha sempre sconsigliato di fare questo, ma tu mi stai
tentando.”
Wei WuXian, “Te lo sconsiglia? E’ contrario a che cosa? Di non litigare ed
essere gentile con gli altri?”
Jin Ling, “Più o meno.”
Wei WuXian, “Non ascoltarlo. Lascia che te lo dica, quando crescerai,
scoprirai che ci saranno sempre più persone che vorrai picchiare, ma dovrai
forzarti di andare d’accordo con loro. Quindi, dato che sei ancora giovane,
picchia tutte le persone che vuoi. A questa età, se non affronti qualche
adeguata lotta, la tua vita non sarà completa.”
Il viso di Jin Ling tradì una debole bramosia, eppure sembrava ancora
sprezzante, “Di cosa stai parlando? Questo è un consiglio che lo zio mi ha
dato per il mio bene.”
Dopo aver parlato, improvvisamente ricordò che il vecchio Mo XuanYu
aveva sempre considerato Jin GuangYao come una divinità. Sicuramente,
non sarebbe stato in alcun modo in disaccordo con lui. Eppure, ora stava
dicendo di “non ascoltarlo”. Era vero che non aveva davvero più alcun
pensiero inappropriato per Jin GuangYao?
Guardando la sua espressione, Wei WuXian poté indovinare i suoi pensieri.
Rispose senza alcuna esitazione, “Sembra che non possa più nascondertelo.
Hai ragione. Sono innamorato di qualcun altro.”
Jin Ling, ” … “
Il volto di Wei WuXian era dinamico come il suo tono, “Nei giorni in cui
sono andato via, ci ho riflettuto seriamente e alla fine ho deciso che
LianFang-Zun non era né il mio tipo né qualcuno adatto a me.”
Jin Ling indietreggiò.
Wei WuXian, “In passato, non riuscivo a capire il mio cuore, ma dopo aver
incontrato HanGuang-jun sono sicuro.” Prese un profondo respiro, “Sono
già incapace di lasciarlo. Non voglio nessun altro oltre a HanGuang-jun…
Aspetta, perché stai scappando? Non ho ancora finito! Jin Ling, Jin Ling!”
Jin Ling si voltò e schizzò nella direzione opposta. Wei WuXian urlò un paio
di volte alle sue spalle, ma non si voltò neppure. Era piuttosto orgoglioso del
fatto che, pensando a lui, questa volta Jin Ling non avrebbe continuato a
dubitare del fatto che avesse per la mente dei pensieri inappropriati per Jin
GuangYao. Tuttavia, non appena si voltò, vide una figura dalla pelle candida
sostare sotto la luna, le sue vesti erano più bianche della brina. A una
distanza di una decina di metri, Lan WangJi lo stava apertamente fissando,
sembrava più calmo che mai.
Wei WuXian, ” … “
Se quelli fossero stati i giorni in cui era appena ritornato in vita, avrebbe
potuto dire cose dieci volte più imbarazzanti di quello che aveva appena
fatto di fronte a Lan WangJi. In quel momento, tuttavia, mentre Lan WangJi
lo fissava, provava davvero un sottile senso di vergogna, qualcosa che non
aveva percepito in neppure due vite.
Wei WuXian occultò rapidamente quella vergogna che aveva raramente
provato. Camminando, parlò con il tono più naturale possibile, “HanGuang-
jun, sei qui! Lo sapevi? Mo XuanYu è stato cacciato dalla Torre Koi perché
ha molestato Jin GuangYao. Ecco perché mi guardavano tutti in quel modo
così strano!”
Lan WangJi non disse nulla. Si voltò semplicemente e camminò al suo
fianco. Wei WuXian continuò, “Né tu né ZeWu-jun lo sapevate. Non sapevi
neppure chi fosse Mo XuanYu. Sembra che la Setta LanlingJin abbia coperto
tutto. Ora capisco il motivo. Dopotutto, Mo XuanYu dentro di lui aveva il
sangue del Capo Setta. Se Jin GuangShan davvero non desiderava un figlio
del genere, non lo avrebbe portato con sé. Se avesse semplicemente
molestato qualcuno della sua stessa Setta, avrebbe ricevuto solo qualche
rimprovero. Non sarebbe stato sufficiente affinché lo cacciassero. Ma se
quello che aveva molestato era Jin GuangYao, la situazione era un po’
diversa. Non solo si trattava di LianFang-Zun, ma era anche il fratellastro di
Mo XuanYu. Era davvero…”
Era davvero scandaloso. Il caso doveva essere completamente sradicato.
Ovviamente, era impossibile fare qualcosa a LianFang-Zun, quindi potevano
solo cacciare via Mo XuanYu.
Wei WuXian ricordò che in precedenza, durante il loro incontro in piazza,
Jin GuangYao si era comportato come se non fosse accaduto nulla. Dal
modo con cui aveva conversato così educatamente, era apparso come se non
conoscesse neppure Mo XuanYu. Wei WuXian non poté fare a meno di
ammirare le sue abilità. D’altra parte, non era possibile nascondere
l’atteggiamento di Jin Ling. Il motivo per cui era disgustato da Mo XuanYu
non era solo per il fatto che fosse un taglia manica, ma probabilmente era
anche perché Mo XuanYu aveva molestato suo zio.
Pensando a Jin Ling, Wei WuXian sospirò silenziosamente. Lan WangJi
chiese, “Cosa c’è che non va?”
Wei WuXian, “HanGuang-jun, hai notato che Jin Ling era solo ogni volta
che era a una caccia notturna? Non dirmi che Jiang Cheng lo accompagnava
sempre. Suo zio non conta. Ha già suppergiù quindici anni, ma non c’è
ancora nessuno della sua età che lo segue in giro. Quando noi eravamo
giovani…” La punta delle sopracciglia di Lan WangJi si sollevò leggermente.
A quella vista, Wei WuXian variò immediatamente le sue parole, “Va bene.
Io. Ero solo io. Quando ero giovane, non ero così?”
Lan WangJi rispose con distaccato, “Quello eri tu. Non tutti sono come te.”
Wei WuXian, “Ma a tutti i bambini piace quando ci sono molte persone,
giusto? HanGuang-jun, pensi che Jin Ling sia molto riservato e non abbia
degli amici nella sua Setta? Non so nulla della Setta YunmengJiang, ma non
penso che a nessun giovane della Setta Jin piaccia giocare con lui. Stava
combattendo proprio poco tempo fa. Non dirmi che Jin GuangYao non ha
un figlio o una figlia, oppure che non ci sia nessuno intorno alla sua età che
gli è vicino.”
Lan WangJi, “Jin GuangYao un tempo aveva un figlio. La sua vita è stata
presa in giovane età.”
Wei WuXian chiese, “Era il giovane maestro della Torre Koi. Com’è possibile
che la sua vita sia stata presa?”
Lan WangJi, “Le torri di guardia.”
Wei WuXian, “E perché è successo?”
A quei tempi, per costruire le torri di guardia, Jin GuangYao non solo aveva
affrontato un buon numero di oppositori, ma suscitò il malcontento anche di
una manciata di Sette. Uno dei Capi di una Setta avversaria perse in una
discussione, e colto da una furia omicida, uccise l’unico figlio di Jin
GuangYao e Qin Su. Il ragazzino era sempre stato un bravo bambino e la
coppia lo aveva sempre premurosamente amato. Dominato dal
risentimento, Jin GuangYao distrusse l’intera Setta per vendetta. Qin Su,
tuttavia, fu sopraffatta dal dolore. Da allora, non era più riuscita ad avere un
altro figlio.
Dopo un breve silenzio, rispose, “Con il temperamento di Jin Ling, è in
grado di offendere le persone ogni volta che apre bocca, come se stuzzicasse
un nido di calabroni ogni volta che alza la mano. Lan JingYi della tua Setta
lo chiama Signorina. Beh, ha ragione. Molte volte in precedenza, senza la
nostra protezione, non sarebbe sopravvissuto. Jiang Cheng non è affatto
qualcuno che sa come educare i bambini. Jin GuangYao, d’altra parte…”
Ricordando il motivo per cui si erano recati alla Torre Koi, la testa di Wei
WuXian iniziò di nuovo a pulsare dal dolore. Premette le dita sulle tempie.
Dall’altro lato, Lan WangJi lo guardava in silenzio. Sebbene non gli avesse
fornito alcuna parola di conforto, aveva sempre ascoltato, rispondendo a
ciascuna domanda. Wei WuXian sospirò, “Non importa. Torniamo prima
dentro.”
I due ritornarono alla residenza degli ospiti che la Setta LanlingJin aveva
organizzato per loro. La stanza era piuttosto spaziosa e alquanto decorata.
Perfino un servizio di squisiti bicchieri di liquore fatti di liscia porcellana
bianca erano stati collocati sul tavolo. Wei WuXian si accomodò sul lato e
iniziò ad ammirare il servizio. Si fermò solo quando era già notte fonda.
Cercando tra i cassetti, trovò un paio di forbici e una pila di carta. Con pochi
tagli, creò un omino di carta. L’omino di carta, con la testa rotonda e le
maniche insolitamente lunghe che sembravano le ali di una farfalla, era alto
solo quanto le dita di un adulto. Wei WuXian prese una penna a pennello dal
tavolo e dipinse alcuni tratti. Mettendo via il pennello, trangugiò un boccone
da una tazza di liquore, e si sdraiò immediatamente sul letto. L’omino di
carta, dall’altra parte, si contrasse. Con alcuni fremiti, le sue ampie maniche
sollevarono in aria il suo corpo senza peso, come se fossero delle ali.
Muovendosi nell’aria, atterrò sull’estremità della spalla di Lan WangJi.
Lan WangJi guardò di lato, sulla sua spalla. L’omino di carta si catapultò
sulla sua guancia. Si arrampicò, raggiungendo il nastro frontale, e lo tirò,
come se quel nastro fosse ciò che più prediligeva al mondo. Lan WangJi
lasciò che l’omino di carta guizzasse sul suo nastro per un po’ di tempo.
Proprio mentre stava allungando la mano per tirarlo giù, l’omino di carta
scivolò il più velocemente possibile. Non importava se fosse stato
intenzionale o no, ma finì per urtare la testa contro le sue labbra.
I movimenti di Lan WangJi si bloccarono per un momento. Usando due dita,
alla fine lo afferrò, “Non scherzare in giro.”
Dolcemente, l’omino di carta rotolò sul suo dito sottile.
Lan WangJi, “Devi stare attento.”
L’omino di carta annuì e sbatté le ali. Appiccicandosi al pavimento, salì verso
la fessura della porta e uscì furtivamente dalla stanza degli ospiti.
La Torre Koi era molto sorvegliata. Naturalmente, un grande essere umano
non riuscirebbe a muoversi liberamente in giro. La nota positiva era che Wei
WuXian in passato aveva imparato una certa debole tecnica delle arti oscure,
la Metamorfosi di Carta.
Sebbene fosse davvero pratica, aveva anche un certo numero di restrizioni.
Non solo il tempo era strettamente limitato, ma l’omino di carta doveva
anche ritornare come prima, dopo che era stato rilasciato. Non doveva avere
neppure un graffio. Se, sul suo percorso, subiva uno squarcio o si spezzava in
qualche modo, l’anima avrebbe ricevuto lo stesso grado di danneggiamento,
da un anno di incoscienza a un’intera vita di follia. Quindi, bisognava
prestare estremamente attenzione.
Wei WuXian stava possedendo il corpo dell’omino di carta. A volte, si
attaccava all’orlo delle vesti di un coltivatore. Altre volte, si appiattiva per
attraversare nelle porte chiuse. A volte, apriva le maniche e si appiccicava al
pavimento, fingendo di essere un pezzo di carta usato, una farfalla che
danzava nel cielo notturno. All’improvviso, mentre era ancora in volo, sentì
dei deboli pianti giungere al di sotto di lui. Dopo un’altra occhiata, vide una
delle residenze di Jin GuangYao, il Giardino Fiorito.
Wei WuXian volò superando il tetto e vide tre figure sedute nel soggiorno.
Con Lan XiChen in una mano e Jin GuangYao nell’altra, Nie HuaiSang
piangeva in uno stato di ubriacatura, lamentandosi di cose sconosciute.
Dietro il soggiorno c’era uno studio. Notando che all’interno non c’era
nessuno, Wei WuXian entrò per dare un’occhiata. I disegni abbozzati segnati
in rosso coprivano l’intera scrivania. Alle pareti, c’erano i quattro scenari
della primavera, dell’estate, dell’autunno e dell’inverno. In primo luogo, Wei
WuXian non aveva intenzione di prestare loro alcuna attenzione. Dopo
averli guardati, tuttavia, non poté fare a meno di lodare la capacità
dell’artista. Sia i colori che le pennellate erano delicate, eppure i paesaggi
apparivano vasti. Anche se ogni scena occupava ciascun foglio, migliaia di
miglia sembravano estendersi da essi. Wei WuXian pensò che delle simili
abilità erano quasi paragonabili a quelle di Lan XiChen, e non poté fare a
meno di dare un’altra occhiata. Solo dopo notò che l’artista dei quattro
scenari era effettivamente Lan XiChen.
Volando fuori dal Giardino Fiorito, da lontano, Wei WuXian poté
intravedere un imponente palazzo a cinque falde. Il tetto del palazzo era
coperto di piastrelle lucide e lucenti. All’esterno del palazzo, c’erano
trentadue colonne d’oro. Lo scenario era magnifico. Quella era
probabilmente una delle zone più protette della Torre Koi, la camera da letto
di ciascun Capo della Setta LanlingJin, il Palazzo della Fragranza.
Oltre alla presenza dei coltivatori che indossavano le vesti con le Scintille tra
la Neve, Wei WuXian riusciva a percepire che erano stati posti anche degli
schemi nell’area al di sopra e di sotto al palazzo. Volando verso la base di un
pilastro, anch’esso scolpito con la peonia, si fermò per un momento. Scivolò
attraverso la fessura della porta solo dopo qualche sbuffo.
Rispetto al Giardino Fiorito, il Palazzo della Fragranza era un classico
edificio della Torre Koi. Sontuosamente ornato, l’edificio era al di poco
maestoso. All’interno del palazzo, strati e strati di tende di garza cascavano
sul pavimento. L’incensiere a forma di bestia era posto sul suo supporto,
spargendo nuvole di fumo aromatico. Attraverso l’eccentricità, c’era un dolce
e languido senso di decadenza.
Jin GuangYao era con Lan XiChen e Nie HuaiSang nel Giardino Fiorito, ciò
significava che il Palazzo della Fragranza era vuoto, concedendo a Wei
WuXian di ispezionare comodamente la zona. L’omino di carta volò in giro
all’interno del palazzo, cercando un qualsiasi luogo gli destasse dei sospetti.
All’improvviso, Wei WuXian vide un fermacarte d’agata sul tavolo. Una
busta era posta sotto il fermacarte.
La busta era già stata aperta. Non c’era trascritto il nome di nessuno,
neppure qualche stemma. Eppure, dal suo spessore, ovviamente non si
trattava di una busta vuota. Agitando le sue maniche, atterrò sul tavolo,
intenzionato a dare un’occhiata al contenuto della busta. Tuttavia, anche se
cercò di trascinarla via, stringendo le sue “mani” sul bordo, la busta restò
ferma.
Il suo attuale corpo era un pezzo di carta, quasi senza peso. Non poteva fare
nulla per spostare il pesante fermacarte.
L’omino di carta WuXian girò un paio di volte intorno al fermacarte d’agata.
Lo spinse e lo colpì, saltellò e balzò, ma continuava a rifiutarsi di muoversi.
Incapace di fare qualcosa, poté solo rinunciare per il momento, allora si recò
a controllare se c’erano altri luoghi sospetti. All’improvviso, una porta
secondaria del palazzo fu aperta leggermente.
Allarmato Wei WuXian abbandonò il tavolo, restando immobile vicino un
angolo del tavolo.
La persona che era entrata era Qin Su. Wei WuXian finalmente capì che il
palazzo non era vuoto, ma Qin Su era in silenzio nella sua camera.
Il fatto che la signora della Torre Koi si mostrasse nel Palazzo della
Fragranza non era per nulla insolito. Tuttavia, al momento, il suo aspetto
sembrava piuttosto strano. Il suo viso era più pallido della neve, prosciugato
da tutto il sangue. Anche la sua figura era sull’orlo del collasso. Sembrava
che avesse appena ricevuto un notevole shock, come se si fosse appena
svegliata da un mancamento e potesse svenire nuovamente.
Wei WuXian pensò tra sé, Cos’è successo?! Il suo aspetto era chiaramente
straordinario quando era nella sala del banchetto, solo poco prima.
Appoggiandosi alla porta, Qin Su restò immobile per un momento prima di
ritrovare la sua strada, con la mano sul muro. Fissando la lettera sotto il
fermacarte d’agata, la toccò, come se intendesse afferrarla, ma poi ritrasse di
nuovo la mano. Sotto la luce del fuoco, Wei WuXian poté notare l’evidente
tremolio delle sue labbra. Quei lineamenti eleganti sembravano quasi
distorti.
Improvvisamente, esalò un grido e afferrò la busta, scagliandola a terra.
L’altra mano si contrasse mentre la piantava nella parte anteriore della sua
veste. Gli occhi di Wei WuXian s’illuminarono, ma frenò l’impulso di
guizzare. Se Qin Su fosse stata l’unica a vederlo, allora avrebbe potuto
gestirlo, ma non se Qin Su avesse gridato, richiamando altre persone. La sua
anima ne sarebbe stata influenzata se il pezzo di carta avesse ricevuto il
minimo danno.
All’improvviso, una voce riecheggiò attraverso il palazzo, “A-Su, cosa stai
facendo?”
La testa di Qin Su si voltò di scatto. Una figura familiare era a pochi passi
alle sue spalle. Non diverso dal solito, anche il familiare volto sereno le
sorrideva come sempre.
Piombò immediatamente a terra, afferrando la lettera. Wei WuXian non
poté far altro che aggrapparsi strettamente all’angolo e guardare la lettera
spostarsi ancora una volta fuori dal suo campo visivo. Sembrava che Jin
GuangYao si fosse avvicinato, “Cos’hai nella tua mano?”
Il suo tono era gentile come sempre, come se non avesse davvero notato
nulla, né la strana lettera nella presa di Qin Su, né l’espressione distorta sul
suo volto. Suonava come se stesse semplicemente ponendo una domanda
banale. Continuando a stringere la lettera, Qin Su non rispose. Jin
GuangYao chiese ancora, “Non sembri stare molto bene. Cosa c’è che non
va?”
La sua voce era carica di premure. Qin Su sollevò la lettera e parlò attraverso
il suo tremolio, “… Ho incontrato qualcuno.”
Jin GuangYao, “Chi?”
Qin Su non sembrò sentirlo, “Questa persona mi ha raccontato alcune cose,
e mi ha dato questa lettera.”
Jin GuangYao non poté fare a meno di ridere, “Chi hai incontrato? Crederai
davvero a qualunque cosa ti raccontano le persone?”
Qin Su, “Non poteva trattarsi di una bugia. Sicuramente no.”
Anche Wei WuXian pensò, Chi era? Non riusciva neppure a capire se si
trattava di un uomo o di una donna.
Qin Su, “Le cose scritte qui sono vere?”
Jin GuangYao, “A-Su, se non mi fai vedere la lettera, come faccio a sapere
cosa c’è scritto?”
Qin Su gli mostrò la lettera, “Bene. Leggila!”
Per vedere la lettera con chiarezza, Jin GuangYao avanzò di un altro passo.
Con la lettera nella mano di Qin Su, la esaminò rapidamente. La sua
espressione non cambiò affatto. Neppure la singola traccia di un’ombra
scese sul suo viso. Qin Su, tuttavia, stava quasi urlando, “Parlami, parla!
Dimmi che niente di questo è vero! Che tutte queste sono bugie!”
Jin GuangYao rispose con sicurezza, “Nulla di ciò è vero. Quelle sono
menzogne. Si tratta di una completa assurdità, sono false accuse.”
Qin Su scoppiò a piangere, “Stai mentendo! La situazione è già a questo
punto e mi stai ancora mentendo. Beh, non ti credo!”
Jin GuangYao sospirò, “A-Su, sei stata tu a chiedermi di dirlo. Ora che te l’ho
detto, ti rifiuti di credermi. Questo è davvero piuttosto problematico.”
Qin Su scaraventò la lettera a terra e si coprì il volto, “Oh, Cieli! Oh, Cieli, oh,
Cieli! Tu, tu davvero… sei davvero raccapricciante! Come hai potuto… Come
hai potuto?!”
Non riuscì a continuare a parlare, indietreggiò mentre si copriva il viso con
le mani. Reggendosi a un pilastro, improvvisamente iniziò a vomitare.
Ansimò come se stesse espellendo tutte le sue interiora. Vedendo una
reazione così intensa, Wei WuXian restò senza parole dallo
shock, Probabilmente stava vomitando anche quando era dentro. Cosa
diavolo c’era scritto nella lettera? Jin GuangYao ha ucciso qualcuno e l’ha
smembrato? Ma tutti sanno che Jin GuangYao ha ucciso innumerevoli
persone durante la Campagna Eclissi di Sole. Alcune vite erano state prese
anche dalle mani di suo padre. Forse riguardava Mo XuanYu? No, era
impossibile che Jin GuangYao provasse qualcosa per Mo XuanYu. Era
ragionevole che Mo XuanYu fosse stato cacciato dalla Torre Koi proprio
per le sue azioni. Ad ogni modo, nonostante tutto, la sua reazione non
sarebbe stata così estrema al punto dal vomitare a causa del
disgusto. Sebbene non avesse familiarità con Qin Su, si erano incontrati
alcune volte in passato, essendo entrambi dei discendenti di Clan
importanti. Qin Su era l’amata figlia di Qin CangYe. Aveva una personalità
innocente, ma aveva vissuto una vita agiata e le erano state insegnate le
buone maniere. Non avrebbe mai agito in un modo così folle e violento. Non
aveva davvero alcun senso.
Ascoltando i rumori che esalava, Jin GuangYao si chinò in silenzio e raccolse
i pezzi di carta che erano sparpagliati sul pavimento. Alzando la mano, le
immerse sul candelabro biforcato a nove lobi e le fece bruciare lentamente.
Guardando le ceneri cadere a terra a poco a poco, parlò con un tono un po’
abbattuto, “A-Su, siamo stati marito e moglie per così tanti anni. Ci siamo
sempre rispettati a vicenda con pacifica armonia. Come marito, mi
piacerebbe pensare di averti trattato bene. Il fatto che ti comporti così
ferisce davvero i miei sentimenti.”
Qin Su non aveva più nulla da vomitare. Piagnucolò sul pavimento, “Mi hai
trattata bene… Mi tratti bene… Ma io… avrei preferito non averti mai
incontrato! Non c’è da stupirsi che tu… da allora… da allora… Hai fatto una
cosa del genere, perché non mi uccidi?!”
Jin GuangYao, “A-Su, prima che tu lo sapessi, non vivevamo perfettamente
bene?! Ti senti a disagio e hai iniziato a vomitare solo ora che lo hai saputo.
Possiamo non dargli alcuna importanza. Non può procurarti un male fisico.
La tua mente è l’unica che sta causando tutto questo.”
Qin Su scosse la testa, il suo viso era color cenere, “… Dimmi la verità. A-
Song… Com’è morto A-Song?”
Chi era A-Song?
Jin GuangYao era sorpreso, “A-Song? Perché mi stai chiedendo questo? Non
lo sai già da molto tempo? A-Song è stato ucciso. Ho già sterminato per
vendetta chi lo aveva ucciso. Perché lo menzioni all’improvviso?”
Qin Su, “Lo sapevo. Ma ora, sto iniziando a pensare che tutto ciò che
conoscevo fosse una bugia.”
Il viso di Jin GuangYao cominciò a palesare la stanchezza, “A-Su, cosa stai
pensando? A-Song è mio figlio. Che cosa pensi che avrei potuto fare?
Preferisci credere a qualcuno che ha continuato a nascondersi, una lettera da
uno sconosciuto, invece di credere in me?”
Qin Su si tirò i capelli, urlando, “Sei agghiacciante proprio perché è tuo
figlio! Che cosa penso che avresti potuto fare? Se sei riuscito a fare qualcosa
del genere, allora cosa non potresti fare?! E adesso vuoi che creda ancora in
te? Oh, Cieli!”
Jin GuangYao, “Smettila di pensare a queste sciocchezze. Dimmi, chi hai
incontrato oggi? Chi ti ha dato la lettera?”
Qin Su continuava a stringersi i capelli, “Cosa… Cosa hai intenzione di fare?”
Jin GuangYao, “Se quella persona ha potuto riferirlo a te, allora potrebbe
dirlo anche a qualcun altro. Se hanno potuto scrivere una lettera, allora ne
possono scrivere anche una seconda, una terza, o un numero infinito di
lettere. Che cosa intendi fare? Vuoi permettere che una cosa del genere si
diffonda? A-Su, ti supplico. Per favore, non importa in nome di quali
sentimenti siano esistiti tra noi, dimmi dove sono le persone menzionate
nella lettera. Chi è stato a dirti di ritornare e leggere la lettera?”
Chi era? Anche Wei WuXian voleva sentire chi diavolo fosse da Qin Su.
Qualcuno che poteva avvicinarsi alla moglie del Capo Coltivatore e
guadagnarsi la sua fiducia, qualcuno che aveva scoperto una storia segreta di
Jin GuangYao. La lettera non poteva menzionare qualcosa di semplice come
un omicidio. Era riuscita a far si che Qin Su fosse così disgustata o
spaventata da vomitare, restando così vaga anche se loro due erano gli unici
presenti. Durante l’interrogatorio, continuavano a parlare vagamente, non
osando esprimersi apertamente. Ma, se Qin Su decidesse davvero di essere
onesta e dirgli chi le aveva dato la lettera, allora sarebbe stata davvero
sciocca. Se lo avesse fatto, oltre ad occuparsi di chiunque fosse, Jin
GuangYao avrebbe anche messo a tacere Qin Su, sia utilizzando dei mezzi
equi che sporchi.
Fortunatamente, anche se Qin Su era sempre sembrata innocentemente
inesperta fin dalla giovane età, anche al punto da essere in qualche modo
ottusa, non poteva più fidarsi di Jin GuangYao. Fissò senza alcuna
espressione Jin GuangYao, che si era seduto al tavolo. Era il Capo
Coltivatore al di sopra di decine di migliaia. Era suo marito. In quel
momento, sotto la luce delle candele, sembrava calmo e pittoresco come
sempre. Si alzò in piedi, come se intendesse aiutarla a sorreggersi, ma Qin
Su gli schiaffeggiò la mano. Chinata a terra, non poté evitare un altro conato
di vomito.
La punta delle sopracciglia di Jin GuangYao si contrasse, “Sono davvero così
disgustoso?”
Qin Su, “Non sei una persona… Sei un folle!”
Un caloroso rimpianto ricoprì gli occhi di Jin GuangYao mentre la fissava,
“A-Su, a quei tempi, non avevo davvero un altro percorso da percorrere.
Volevo tenertene allo scuro per tutta la vita. Non volevo che tu lo sapessi.
Ora, però, tutto è stato completamente rovinato da chi te l’ha riferito. Pensi
che io sia sporco. Mi consideri disgustoso. Tutto questo mi va bene, ma tu
sei mia moglie. Come ti vedrebbero gli altri? Come parlerebbero di te?”
Qin Su piantò la testa fra le sue braccia, “Smettila di parlare, smettila di
parlare, smettila di parlare, smettila di ricordarmelo!!! Vorrei non averti mai
conosciuto, desidero non essermi mai imparentata con te!!! In primo luogo,
perché ti sei avvicinato a me?!”
Dopo un momento di silenzio, Jin GuangYao rispose, “So che non mi
crederai, nonostante quello che dirò, ma ero sincero all’epoca.”
Qin Su singhiozzava, “… Continui a pronunciare delle simili lusinghe!”
Jin GuangYao, “Sto dicendo la verità. Ricordo ancora che tu non hai mai
detto nulla del mio passato o di mia madre. Ti sarò grato fino alla fine della
mia vita, e voglio rispettarti, stimarti, amarti. Ma, devi sapere che, anche se
A-Song non fosse stato ucciso, doveva morire. Poteva solo morire. Se gli
avessimo permesso di crescere, tu ed io…”
Con l’accenno di suo figlio, Qin Su non ne poté più. Alzando una mano, gli
diede uno schiaffo sul volto, “Allora chi è quello che ha fatto tutto questo?!
Che cosa non sei disposto a fare per questa posizione?!”
Senza schivarlo, Jin GuangYao accettò lo schiaffo. Immediatamente,
un’impronta cremisi apparve sulla sua bella guancia.
Jin GuangYao, “Di cosa stai parlando? Devi sentirti piuttosto male. Tuo
padre è già partito per coltivare. Manderò presto anche te, e potrai goderti la
compagnia di tuo padre. Finiamola velocemente. C’è ancora un bel numero
di ospiti all’esterno. C’è ancora la Conferenza di Discussione di domani.”
La situazione era già a quel punto, e stava ancora pensando agli ospiti
all’esterno e alla Conferenza di Discussione del giorno seguente!
Anche se aveva detto che avrebbe permesso a Qin Su di riposarsi, rifiutò
tutte le sue spinte di opposizione e l’aiutò a rialzarsi. Wei WuXian non
sapeva cosa aveva fatto, ma Qin Su improvvisamente crollò, perdendo ogni
energia. Così, in quel modo, Jin GuangYao trasportò sua moglie attraverso
gli strati di tende. L’omino di carta WuXian sgattaiolò da sotto il tavolo e li
seguì. Vide Jin GuangYao, la cui mano era appoggiata su uno specchio che
rifletteva la sua intera figura, realizzato in rame. Un attimo dopo, le sue dita
entrarono in qualche modo nello specchio, come se avessero infranto la
superficie di una pozza d’acqua. Gli occhi di Qin Su erano spalancati, ancora
in lacrime. Poté solo guardare mentre il marito la trasportava nello specchio,
incapace di parlare o di gridare. Wei WuXian sapeva che lo specchio non
poteva essere aperto da nessuno oltre allo stesso Jin GuangYao.
Un’opportunità del genere l’avrebbe avuta in quel momento o mai più.
Calcolando approssimativamente i tempi, balzò velocemente all’interno.
Dietro allo specchio di rame c’era una stanza segreta. Dopo l’ingresso di Jin
GuangYao, le lampade a olio poste sui muri si accesero da sole. La luce fioca
illuminava gli scaffali e i mobili dalle diverse dimensioni, che ricoprivano le
pareti. Sugli scaffali c’erano libri, pergamene, pietre, armi. C’erano anche
alcuni strumenti di tortura. Anelli d’argento, punte affilate, tutti dallo strano
aspetto. Solo guardare il loro aspetto poteva far rabbrividire dallo spavento.
Wei WuXian sapeva che probabilmente erano stati costruiti da Jin
GuangYao.
Il Capo della Setta QishanWen, Wen RuoHan, aveva una personalità
volubile e violenta. Amava la vista del sangue e talvolta si divertiva a
torturare quelli che lo offendevano. Jin GuangYao era riuscito a catturare
l’interesse di Wen RuoHan soddisfacendo i suoi bisogni, realizzando ogni
sorta di congegni crudeli ma divertenti.
Ogni Setta possedeva alcune cripte del tesoro. Pertanto, non era affatto
strano che il Palazzo della Fragranza avesse una simile stanza.
Oltre a uno scrittoio, un tavolo di ferro, scuro alla vista e freddo al tatto,
lungo a sufficienza da poter far distendere una persona, era presente
all’interno della stanza. Sembravano esserci delle tracce nere e secche di
qualcosa sulla superficie del tavolo. Wei WuXian commentò in
silenzio, Questo tavolo sarebbe perfetto per fare a pezzi qualcuno.
Jin GuangYao aiutò gentilmente Qin Su a stendersi sul tavolo. Il viso di Qin
Su era color cenere, mentre Jin GuangYao le aggiustava alcune ciocche
intricate, “Non aver paura. Non dovresti andare in giro in questo stato. Ci
saranno molte persone nei prossimi giorni. Perché non riposi per un po’?
Potrai tornare non appena mi rivelerai chi è quella persona. Annuisci se sei
disposta a svelarmelo. Non ho sigillato tutti i tuoi meridiani. Dovresti ancora
riuscire ad annuire.”
Gli occhi di Qin Su ruzzolarono verso il marito, che era ancora così gentile e
premuroso nei suoi confronti. Le sue pupille erano cariche di paura, dolore e
disperazione.
All’improvviso, Wei WuXian notò che uno degli scaffali era nascosto da una
tenda. La tenda era ricoperta con delle rune sinistre rosso sangue. Si trattava
di un Talismano di Inibizione, uno estremamente potente.
L’omino di carta s’inoltrò lentamente verso l’alto, scalando il muro. D’altra
parte, Jin GuangYao stava ancora pregando con un tono delicato Qin Su.
All’improvviso, come se avesse notato qualcosa, si voltò allarmato.
Non c’era una terza persona nella stanza oltre a lui e Qin Su. Jin GuangYao
si alzò in piedi. Ritornò solo dopo non aver trovato nulla durante
un’accurata ispezione della stanza.
Ovviamente non sapeva che, quando si era voltato, Wei WuXian aveva già
raggiunto uno scaffale di libri. Non appena aveva notato un leggero
movimento del collo di Jin GuangYao, aveva infilato immediatamente il suo
sottile corpo di carta in un libro, come se fosse un segnalibro. I suoi occhi
erano incastrati tra le due pagine di un manoscritto. Fortunatamente, anche
se Jin GuangYao era più attento degli altri, non era così vigile da aprire quel
libro per controllare se qualcuno si fosse nascosto al suo interno.
All’improvviso, Wei WuXian notò che la grafia che vedevano i suoi occhi
sembrava piuttosto familiare. Dopo averla esaminata per un po’, imprecò
silenziosamente, come poteva non essergli familiare? Era la sua grafia!
Jiang FengMian aveva commentato la sua calligrafia dicendo che era
“spontanea, ma equilibrata”. Quella era sicuramente la sua scrittura. Dopo
che Wei WuXian la guardò con più attenzione, riuscì a distinguere le frasi “…
diverso dalla possessione…”, “… vendetta… “, “… contratto forzato…”, oltre
alle zone vaghe o danneggiate. Alla fine, riuscì finalmente a stabilire che il
libro in cui si era stipato era il suo manoscritto. Il contenuto del manoscritto
era un articolo su come sacrificare il proprio corpo, ricavato dalle
informazioni che aveva raccolto.
Ai tempi, aveva scritto alcuni di quei manoscritti. Li scrisse per poi lasciarli
in giro, specialmente nella caverna dei Tumuli Sepolcrali in cui dormiva.
Alcuni di quei manoscritti furono distrutti dai fuochi dell’assedio. Altri,
come la sua spada, furono raccolti da varie persone come trofei di guerra.
Era confuso riguardo al luogo in cui Mo XuanYu avesse potuto trovare
quella tecnica proibita. Ora, conosceva la risposta.
Quello era il manoscritto deteriorato di una tecnica proibita, per questo
motivo Wei WuXian sicuramente non credeva che Jin GuangYao avrebbe
permesso a chiunque di avvicinarsi. Sembrava che anche se Mo XuanYu e
Jin GuangYao non avessero quel tipo di relazione, erano comunque alquanto
vicini.
Mentre pensava, la voce di Jin GuangYao sopraggiunse, “A-Su, il mio tempo
è scaduto. Devo occuparmi degli ospiti. Verrò a trovarti più tardi.”
Wei WuXian si era già fatto strada tra i suoi manoscritti. Sentendo la voce, si
nascose immediatamente di nuovo. Questa volta, vide che non si trattava di
alcun manoscritto, ma… due atti di proprietà di una casa e un terreno?
Wei WuXian lo trovò piuttosto strano. In che modo degli atti di proprietà
avevano un valore così speciale da essere conservati nello stesso luogo dei
manoscritti del Patriarca Yiling? Eppure, non importava come li guardasse,
si trattava di due semplici atti di proprietà, senza alcun espediente o codice.
Le carte si erano ingiallite e c’erano perfino delle macchie d’inchiostro.
Tuttavia, non pensava che Jin GuangYao le avesse collocate lì per caso. Così,
prese il suo tempo per ricordare l’indirizzo, da qualche parte nella Città
Yunping a Yunmeng. Pensò che avrebbe potuto trovare qualcosa lì se avesse
avuto la possibilità di andarci.
Non sentendo nulla da un po’ di tempo, Wei WuXian iniziò a scalare di
nuovo il muro. Finalmente raggiunse lo scaffale bloccato dal Talismano di
Inibizione. Tuttavia, prima che avesse la possibilità di esaminare ciò che era
presente sullo scaffale, lo scenario davanti ai suoi occhi s’illuminò
improvvisamente.
Jin GuangYao si era avvicinato, sollevando inaspettatamente la tenda.
Per una frazione di secondo, Wei WuXian pensò di essere stato scoperto.
Dopo che la tenue luce del fuoco si fece strada attraverso la tenda, scoprì di
essere avvolto da un’ombra. Un oggetto circolare si trovava proprio di fronte
a lui.
Jin GuangYao restò immobile, come se stesse fissando negli occhi qualcosa
che era presente sullo scaffale.
Dopo un momento, parlò, “Eri tu che mi stavi osservando?”
Ovviamente, non ci fu alcuna risposta. Restò in silenzio per un po’, poi
abbassò la tenda.
Wei WuXian si appiccicò con calma all’oggetto. Freddo e duro, sembrava
trattarsi di un elmo. Ruotò quindi verso il lato frontale. Come previsto, vide
un viso pallido. Chi aveva sigillato la testa voleva che non potesse vedere
nulla, non sentisse nulla e che non parlasse, e così gli incantesimi
affollavano la pelle cinerea. Gli occhi, le orecchie e la bocca erano chiusi
ermeticamente.
Wei WuXian lo salutò silenziosamente, Che onore poter incontrarti,
ChiFeng-Zun.

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 48 –


Astuzia – Parte Tre
 
Come aveva previsto Wei WuXian, l’ultima parte del corpo di Nie MingJue,
la sua testa, era davvero tra le mani di Jin GuangYao.
Nie MingJue, colui che sembrava invincibile nei suoi attacchi di furia
durante la Campagna Eclissi di Sole, era stato sigillato sotto strati su strati,
all’interno di una stanza così stretta e lugubre, incapace di intravedere la
luce.
Se Wei WuXian avesse semplicemente rimosso il sigillo sulla testa, il
cadavere di ChiFeng-Zun avrebbe potuto percepirla, giungendo così da solo.
Mentre stava ispezionando le restrizioni dell’elmo, determinando
esattamente come occuparsene, improvvisamente sentì una potente forza di
attrazione. Il suo corpo di carta senza peso fu spinto in avanti,
appiccicandosi sulla fronte di Nie MingJue.
Dall’altro lato della Torre Koi, Lan WangJi continuava a fissare il viso di Wei
WuXian mentre era seduto al suo fianco. Qualche istante dopo, le sue dita si
tesero. Con lo sguardo basso, si sfiorò le labbra dolcemente.
Erano davvero molto morbide, soffici come l’omino di carta che le aveva
urtate.
All’improvviso, le mani di Wei WuXian sobbalzarono leggermente, serrando
i pugni. L’espressione di Lan WangJi s’indurì e sostenne Wei WuXian tra le
sue braccia. Sorreggendo il suo viso, vide che, sebbene gli occhi di Wei
WuXian fossero ancora chiusi, le sue sopracciglia erano fortemente
aggrottate.
Nella stanza segreta, Wei WuXian non ebbe il tempo di reagire. I defunti che
nutrivano un estremo rancore irradiavano dell’energia davvero sgradevole e
la scagliavano sui vivi, alleviando la loro rabbia e riversando le loro
emozioni. Questa era la causa di molte infestazioni. In realtà, questo era
anche il meccanismo di Empatia. Se Wei WuXian avesse usato il suo corpo
fisico, una linea di difesa per la sua anima, l’energia risentita sicuramente
non lo avrebbe potuto toccare contro la sua volontà. In quel momento,
tuttavia, stava possedendo un pezzo di fragile carta, compromettendo
significativamente la sua capacità di difesa. Non solo era vicino alla testa, ma
l’energia risentita di Nie MingJue era anche insolitamente potente. Wei
WuXian era stato colpito in un momento di distrazione. Un secondo prima
stava pensando “Oh, no“, e l’attimo dopo poteva già sentire l’odore del
sangue.
[‘’PARTE’’ Ch.48 - ‘’PARTE’’ Ch.50, COSE DAL PASATO]

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 50 –


Astuzia – Parte Cinque
Improvvisamente, Wei WuXian sentì una voce chiamarlo in lontananza. La
voce era profonda e fredda. Il primo richiamo fu piuttosto flebile. Sembrava
lontanissimo, tra la realtà e l’illusione. Il secondo richiamo fu molto più
tangibile. Poté perfino identificare un tono preoccupato non percepibile
nella voce.
E, il terzo richiamo, riuscì a sentirlo forte e chiaro.
“Wei Ying!”

Quando lo sentì, Wei WuXian ritornò immediatamente in sé!


Era ancora il sottile omino di carta, incollato all’elmo che sigillava la testa di
Nie MingJue. Aveva sciolto il nodo che legava gli involucri di ferro sugli
occhi di Nie MingJue, rivelando un occhio iniettato di sangue, sgranato a
causa della rabbia.
Non gli restava molto tempo. Doveva tornare immediatamente nel suo corpo
fisico!
L’omino di carta WuXian agitò le maniche, volando come se fosse una
farfalla. Eppure, proprio mentre si tuffava oltre la tenda, vide qualcuno
nell’angolo buio della stanza segreta. Jin GuangYao sorrise. Senza dire una
parola, estrasse una spada arricciata[1] dalla sua vita. Era la sua famosa
spada, Hensheng[2].
Ai tempi, quando Jin GuangYao lavorava sotto copertura al fianco di Wen
RuoHan, spesso nascondeva la spada in vita, e la avvolgeva intorno al suo
braccio per usarla nei momenti critici. Sebbene la lama di Hensheng
sembrasse delicata all’estremità, adatta per gli attacchi a lungo raggio, era in
realtà affilata e pericolosa. Una volta che la lama si avvolgeva intorno
all’avversario, Jin GuangYao applicava un bizzarro potere spirituale,
riducendolo rapidamente in pezzi con la spada, nonostante il suo cedevole
aspetto. Parecchie spade famose erano state ridotte in pile di rottami di ferro
in quel modo. In quel momento, la lama della spada attaccò come se fosse
un serpente dalle scaglie d’argento, azzannando l’omino di carta senza
alcuna esitazione. Se avesse perso la concentrazione anche solo per un
secondo, Wei WuXian sarebbe stato agguantato dalle zanne!
L’omino di carta WuXian sfrecciava qua e là, schivando gli attacchi con
agilità, ma quello non era il suo corpo. Dopo alcune mosse, la punta di
Hensheng rischiò quasi di falciarlo. Di questo passo, lo avrebbe sicuramente
trafitto!
All’improvviso, con la coda dell’occhio, vide una spada che giaceva
tacitamente in uno degli scaffali di legno sul muro. Nessuno l’aveva lucidata
da molto tempo. Sia la struttura della spada che la zona circostante erano
ricoperte di polvere.
Non era altri che la sua vecchia spada, Suibian!
L’omino di carta WuXian volò sullo scaffale ed esercitò l’energia sull’elsa di
Suibian. Con un clangore, la lama seguì il suo ordine e saltò fuori dal fodero!
Suibian volò fuori dal suo fodero e iniziò a scontrarsi con l’inquietante
bagliore della spada Hensheng. A quella vista, lo shock attraversò il viso di
Jin GuangYao. Riacquistò immediatamente la sua compostezza e contorse
agilmente il suo polso destro. Come una vite, Hensheng si avvolse intorno
alla lama bianca e liscia di Suibian. La mollò prontamente, lasciando che le
due spade combattessero da sole. Con la mano sinistra gettò un talismano
verso Wei WuXian. Il talismano s’infiammò a mezz’aria, esplodendo
attraverso le fiamme incolte. Wei WuXian riusciva a sentire le ondate di
calore che si stavano avvicinando a lui. Sfruttando i raggi accecanti delle due
spade che combattevano sopra di loro, agitò rapidamente le maniche e uscì
di corsa dalla stanza!
Il tempo stava per scadere. A Wei WuXian non poteva fregare di meno di
nascondersi, e volò verso le residenze degli ospiti. Casualmente, Lan WangJi
aprì la porta. E così, con una faticosa spinta, si lanciò sul viso di Lan WangJi.
L’omino di carta WuXian restò appiccicato a una parte del viso di Lan
WangJi. Sembrava star tremando. Gli occhi di Lan WangJi erano coperti
dalle sue due ampie maniche. Lasciò che tremasse per un po’ prima di
raccoglierlo con cautela.
Poco dopo, una volta che la sua anima ritornò con successo, Wei WuXian
tirò immediatamente un profondo respiro. Sollevò la testa, aprì gli occhi, e si
alzò in piedi improvvisamente. Eppure, non aspettandosi che il suo corpo
fosse ancora instabile, fu colto da un capogiro e si sporse in avanti. A quella
vista, Lan WangJi lo afferrò tra le sue braccia. Wei WuXian sollevò la testa
ancora una volta, e il suo capo entrò in collisione con il mento di Lan
WangJi. Con un tonfo, entrambi grugnirono dal dolore. Wei WuXian si
sfregò la testa con una mano e tastò il mento di Lan WangJi con l’altra,
“Ugh! Mi dispiace. Lan Zhan, stai bene?”
Dopo che il suo mento fu accarezzato alcune volte, Lan WangJi afferrò
delicatamente la mano di Wei WuXian e scosse la testa. Wei WuXian lo
strattonò, “Andiamo!”
Lan WangJi non chiese troppi dettagli. Si alzò così che potessero avviarsi
prima di chiedere finalmente, “Dove?”
Wei WuXian, “Al Palazzo della Fragranza! Lo specchio di bronzo lì dentro è
l’ingresso di una stanza segreta. Sua moglie ha scoperto qualche suo segreto
e lui l’ha trascinata là dentro, quindi dovrebbe essere ancora lì ora! E anche
la testa di ChiFeng-Zun è lì dentro!”
Jin GuangYao avrebbe rafforzato definitivamente di nuovo il sigillo sulla
testa di Nie MingJue, spostandola da qualche altra parte. Tuttavia, anche se
poteva spostare la testa, non poteva trasportare sua moglie, Qin Su!
Dopotutto, era la signora della Torre Koi. Aveva partecipato al banchetto
poco prima. Se una persona tanto rispettata fosse sparita improvvisamente
nel nulla, sarebbe impossibile per chiunque non sospettare nulla.
Approfittando di quell’opportunità e irrompendo all’interno, potevano
sfruttare la loro rapidità per impedire a Jin GuangYao di avere il tempo di
macchinare delle menzogne o di rinchiudere Qin Su!
I due attaccarono con una forza tremenda, scagliando via chiunque cercava
di fermarli. Jin GuangYao aveva addestrato i discepoli intorno al Palazzo
della Fragranza a essere più che vigili. Non appena qualcuno si fosse
introdotto, avrebbero gridato l’allarme, anche se non potevano difendere
nulla, così da poter avvertire il maestro all’interno del Palazzo della
Fragranza. Tuttavia, in momenti simili, le persone spesso tendevano a
cadere vittima della propria saggezza. Più forti erano gli allarmi dei
discepoli, maggiore era la situazione di svantaggio per Jin GuangYao. Tutto
a causa delle innumerevoli Sette che erano radunate lì quel giorno. Oltre a
mettere in guardia Jin GuangYao dagli intrusi, gli allarmi avrebbero
richiamato anche loro!
Il primo ad affrettarsi fu Jin Ling. La sua spada era già sguainata nella sua
mano mentre chiedeva, “Perché siete qui?”
Mentre parlava, Lan WangJi aveva già avanzato su tre gradini delle scale
ruyi e aveva sguainato Bichen. Jin Ling sembrò cauto, “Questa è la stanza da
letto di mio zio. Avete sbagliato luogo? No, siete voi gli intrusi, vero? Cosa
volete?”
Anche i coltivatori che erano riuniti alla Torre Koi giunsero, uno dopo l’altro.
Tutti restarono sorpresi.
“Cos’è successo?”

“Perché c’è così tanta confusione qui?”

“Questo è il Palazzo della Fragranza. Non è un po’ inopportuno per noi…”

“Ho appena sentito degli allarmi…”

I coltivatori aggrottarono la fronte e furono colti dal panico. All’interno del


palazzo non giungeva alcun suono. Wei WuXian bussò immediatamente alle
porte, “Capo Setta Jin? Capo Jin?”
Jin Ling s’infuriò, “Che cosa vuoi? Sono tutti qui a causa tua! Questa è la
stanza da letto di mio zio, la stanza da letto, capisci?! Non ti avevo detto di
non…”
Lan XiChen si avvicinò, e Lan WangJi lo guardò. Quando i loro sguardi
s’incrociarono, l’espressione di Lan XiChen esitò per poi di diventare più
complessa, come se avesse scoperto qualcosa d’inammissibile. Sembrava
aver già capito.
La testa di Nie MingJue era proprio all’interno del Palazzo della Fragranza.
Improvvisamente, un tono sereno riecheggiò, “Cosa c’è che non va?
L’accoglienza durante il giorno non è stata sufficientemente buona, e tutti
vogliono accogliere un banchetto serale qui nel mio palazzo?”
Jin GuangYao avanzò tranquillamente fuori dalla folla. Wei WuXian,
“LianFang-Zun, che ottimo tempismo. Se fossi giunto un po’ più tardi, non
avremmo potuto vedere cosa c’è nella stanza segreta del Palazzo della
Fragranza.”
Jin GuangYao fece una pausa, “Stanza segreta?”
Tutti sembravano piuttosto confusi, incerti riguardo ciò che stava
accadendo. Jin GuangYao sembrava un po’ confuso, “E? Le stanze segrete
sono una rarità? Con qualche tesoro scarsamente utilizzato, qualsiasi Setta
avrebbe delle stanze del tesoro, giusto?”
Proprio mentre Lan WangJi stava per parlare, Lan XiChen lo interruppe.
Parlò, “A-Yao, sarebbe possibile lasciarci entrare e permetterci di dare
un’occhiata alla tua stanza del tesoro?”
Jin GuangYao sembrò ritenere la richiesta sia strana che difficile, “Fratello,
dal momento che si tratta di una stanza del tesoro, gli oggetti al suo interno
sono i migliori che ho conservato da parte. E tu vuoi che la apra tutto d’un
tratto. Beh…”
In così breve tempo, era impossibile che Jin GuangYao avesse trasportato
Qin Su da qualche altra parte senza che nessuno lo notasse. Il Talismano di
Trasporto poteva trasportare solo chi lo utilizzava. A giudicare dallo stato
attuale di Qin Su, era impossibile che avesse il potere spirituale o
l’intenzione di usare un simile talismano. Motivo per cui, al momento, Qin
Su doveva essere ancora lì.
Viva o morta, in entrambi i casi, sarebbe stato fatale se Jin GuangYao fosse
stato scoperto.
Jin GuangYao fece un’ultima opposizione. Era ancora così calmo, gettando
pretesti ovunque. Sfortunatamente, più continuava a rifiutarsi,
maggiormente sicuro diventava il tono di Lan XiChen, “Aprila.”
Jin GuangYao lo guardò intensamente. Tutto a un tratto, sorrise, “Dato che
il Fratello è così risoluto, dovrò aprirla così che tutti possano vedere, no?”
Si avviò di fronte alla porta, che si aprì con un cenno della mano. Tra la folla,
qualcuno evidenziò con freddezza, “La gente dice che i valori della Setta
GusuLan guidano gli altri. Da ciò che vedo, sembra che le voci siano solo tali.
Entrare nella stanza da letto di un Capo Setta non sembra essere davvero
una buona condotta.”
Quando erano sulla piazza, Wei WuXian aveva sentito i discepoli della Setta
Jin accogliere quella persona con molto rispetto, chiamandolo “Capo Setta
Su”. Si trattava del Capo Setta della nascente Setta MolingSu, Su She. Su She
indossava degli abiti bianchi. Con gli occhi affilati, le sopracciglia raffinate e
le labbra sottili, era piuttosto bello e anche alquanto arrogante. Eppure,
sebbene la sua aria e le sue caratteristiche erano da definirsi discrete, non
erano nulla di speciale.
Jin GuangYao, “Lascia perdere, lascia perdere. Non è che ci siano delle cose
poco raccomandabili.”
Il tono con cui parlava era controllato con grande maestria. Altri potrebbero
pensare che avesse un’indole gentile, ed era possibile percepire anche un
leggero grado d’imbarazzo. Jin Ling lo seguì. Indignato per come la stanza
da letto di suo zio fosse stata profanata, lanciò alcune occhiatacce a Wei
WuXian.
Jin GuangYao parlò di nuovo, “Vuoi controllare la stanza del tesoro, giusto?”
Mise la mano sullo specchio di bronzo. Disegnando degli incantesimi senza
forma sullo specchio, fu il primo a passare. Seguendolo da vicino, Wei
WuXian entrò di nuovo nella stanza segreta. Vide la tenda coperta dagli
incantesimi che pendeva dallo scaffale. Scorse il tavolo di ferro per tagliare i
cadaveri.
Vide anche Qin Su.
Qin Su era in piedi vicino al tavolo e dava le spalle nella loro direzione. Lan
XiChen era un po’ confuso, “Perché la Signora Jin è qui?”
Jin GuangYao, “Tutti i nostri beni sono condivisi. Anche A-Su viene qui per
guardare gli oggetti.”
Vedendo Qin Su, anche Wei WuXian restò sorpreso, Quindi Jin GuangYao
non l’ha spostata da qualche altra parte oppure l’ha uccisa? Non ha paura
che Qin Su possa dire qualcosa?
Preoccupato, si voltò verso Qin Su per scrutare il profilo del suo viso. Qin Su
non solo era ancora viva, ma stava anche piuttosto bene. Non c’era nulla di
strano in lei. Sebbene la sua espressione fosse vuota, Wei WuXian era certo
che non fosse sotto l’effetto di una sorta d’incantesimo né che avesse bevuto
degli strani veleni. La sua mente era cosciente.
Ma più cosciente era, maggiormente estranea sembrava la situazione. Aveva
visto con i suoi occhi quanto fossero forti le emozioni di Qin Su, quanta
resistenza avesse opposto a Jin GuangYao. Come poteva Jin GuangYao aver
raggiunto un accordo con lei, mettendo a tacere la sua bocca in così breve
tempo?
Un sentimento premonitore crebbe in Wei WuXian. Determinò
immediatamente che non sarebbe stato così semplice come aveva pensato.
Si avviò verso lo scaffale del tesoro e sollevò rapidamente la tenda.
Dietro la tenda, non c’era alcun elmo, tanto meno una testa. C’era solo un
pugnale.
Il pugnale brillava con freddezza, emettendo un forte intento omicida. Anche
Lan XiChen stava fissando la tenda, ma non aveva preso in considerazione la
possibilità di sollevarla o no. Vedendo che non c’era ciò che pensava, sembrò
emettere un sospiro di sollievo, “Cos’è?”
“Questo”, Jin GuangYao si avvicinò e giocherellò con il pugnale nella sua
mano, “E’ qualcosa di raro. Il pugnale era l’arma di un assassino. Ha ucciso
innumerevoli persone ed è estremamente affilato. Guarda la lama del
pugnale, se la fissi da vicino, vedrai che al suo interno non rifletterà la tua
figura. A volte si tratta di un uomo, a volte è una donna, a volte è un anziano.
Ogni riflesso è uno spirito che è morto per mano di quell’assassino. La sua
energia è troppo forte, ecco perché ho posto lì una tenda per sigillarlo.”
Lan XiChen corrugò la fronte, “Questo deve trattarsi…”
Jin GuangYao rispose con calma, “Giusto. Apparteneva a Wen RuoHan.”
Jin GuangYao era stato davvero intelligente. Aveva previsto che un giorno
qualcuno avrebbe potuto scoprire la stanza segreta. Così, oltre alla testa di
Nie MingJue, aveva posto lì anche numerosi altri tesori, come spade,
talismani, tavolette di pietra, armi spirituali. Era pieno di oggetti rari. La
stanza segreta sembrava esattamente una normale stanza del tesoro. Il
pugnale, come aveva detto, era un oggetto raro che racchiudeva un’intensa
energia oscura. Molte Sette avevano l’abitudine di collezionare delle simili
armi, e ancor di più un trofeo di guerra dall’assassino del Capo della Setta
QishanWen.
Tutto sembrava normale come sempre.
Qin Su era accanto a Jin GuangYao. Mentre lo guardava giocherellare con il
pugnale, improvvisamente allungò una mano e lo strappò via dalla sua
presa!
Il suo aspetto cominciò a contorcersi e a rabbrividire, insieme al suo viso. Gli
altri non potevano comprendere una tale espressione, ma Wei WuXian
poteva farlo, poiché aveva assistito alla discussione che aveva avuto con Jin
GuangYao.
Dolore, rabbia, umiliazione!
Il sorriso di Jin GuangYao si gelò, “A-Su?”
Lan WangJi e Wei WuXian erano intervenuti entrambi per afferrare il
pugnale. Tuttavia, in un lampo, la punta del pugnale era già affondata in
profondità nello stomaco.
Jin GuangYao si lamentò, “A-Su!”
Si precipitò e afferrò il corpo inerte di Qin Su. Lan XiChen tirò
immediatamente fuori la medicina. Tuttavia, non solo la lama del pugnale
era più affilata del solito, anche la sua energia era forte. Qin Su era morta in
un batter d’occhio!
Nessuno avrebbe mai previsto un simile incidente; tutti ne restarono
sconvolti. Jin GuangYao chiamò il nome di sua moglie con tristezza. I suoi
occhi erano sgranati mentre prendeva a coppa il suo viso con una mano. Le
lacrime scendevano senza sosta sulle sue guance. Lan XiChen, “A-Yao,
Signora Jin… Mi dispiace.”
Jin GuangYao alzò lo sguardo, “Fratello, cosa sta succedendo? Perché A-Su
improvvisamente ha deciso di togliersi la vita? E, perché vi siete riuniti di
fronte al Palazzo della Fragranza, chiedendomi di aprire la mia stanza del
tesoro? C’è qualcosa che devi dirmi?”
Jiang Cheng, poiché era arrivato in ritardo, parlò a bassa voce, “ZeWu-jun,
per favore, forniscici una spiegazione. Tutti ne siamo ancora all’oscuro.”
Tutti erano d’accordo con lui. Lan XiChen poté solo iniziare, “Un po’ di
tempo fa, alcuni discepoli della Setta GusuLan erano a una caccia notturna.
Quando attraversarono il Villaggio Mo, subirono l’attacco di un braccio
sinistro che era stato smembrato. Sia la sua energia risentita che il suo
intento omicida erano potenti. Con la sua guida, WangJi stava investigando.
Tuttavia, dopo aver raccolto tutte le parti del cadavere, abbiamo scoperto
che il cadavere era… il nostro fratello maggiore.”
Tutte le persone dentro e fuori alla stanza del tesoro proruppero in un
putiferio!
Jin GuangYao era più che sconvolto, “Fratello? Non era stato sepolto il
Fratello? Sia tu che io l’abbiamo visto con i nostri occhi!”
Nie HuaiSang pensava di aver sentito male, “Fratello? Fratello XiChen?
Intendi mio fratello? E anche tuo fratello???”
Lan XiChen annuì con forza. Gli occhi di Nie HuaiSang si sollevarono. Crollò
a terra con un tonfo. Una cerchia di persone cominciò a urlare.
“Capo Setta Nie! Capo Setta Nie!”

“Dov’è il medico?!”

Gli occhi di Jin GuangYao stavano ancora trattenendo le lacrime, ma


sembravano rossi dalla rabbia. Serrò le mani a pugno con dolore e
risentimento, “Smembrato… Smembrato! Chi avrebbe potuto commettere
un atto così folle?!”
Lan XiChen scosse la testa, “Non lo so. Quando stavamo cercando la testa,
gli indizi sono scomparsi.”
Jin GuangYao si fermò, come se finalmente avesse afferrato cosa stava
succedendo, “Gli indizi sono scomparsi… quindi sei venuto a cercarmi?”
Lan XiChen restò in silenzio. Jin GuangYao sembrava non riuscire a
crederci. Chiese ancora, “Volevi che aprissi la stanza del tesoro, perché
sospettavi… che la testa del Fratello fosse nel mio palazzo?”
Un’espressione colpevole comparve sul volto di Lan XiChen.
La testa di Jin GuangYao pendeva in basso, il cadavere di Qin Su era ancora
tra le sue braccia. Dopo un po’, parlò, “… Lascia perdere. Lasciamo stare la
questione. Tuttavia, Fratello, HanGuang-jun come faceva a sapere che c’era
una simile stanza del tesoro nella mia stanza da letto? E come è stato
determinato che la testa del Fratello era nella mia stanza? La Torre Koi è
piuttosto fortificata. Se questa fosse stata una mia opera, avrei forse
permesso che la testa del Fratello fosse scoperta così facilmente?”
Sentendo le sue domande, Lan XiChen non sembrò trovare alcuna risposta.
Non solo lui, neppure Wei WuXian poté rispondere. Chi avrebbe mai
pensato, che, in così poco tempo, Jin GuangYao non solo era riuscito a
spostare la testa da qualche altra parte, ma avrebbe anche sollecitato Qin Su
a togliersi la vita davanti agli occhi di tutti?!
Mentre i suoi pensieri ruotavano disperatamente, Jin GuangYao sospirò,
“XuanYu, sei stato tu a dirlo al Fratello e a tutte quelle persone? A cosa serve
inventare questo genere di menzogne facilmente rivelabili?”
Uno dei Capi Setta chiese, “LianFang-Zun, di chi stai parlando?”
Qualcuno parlò con distacco, “Chi? Ovviamente, di quello al fianco di
HanGuang-jun.”
Tutti si voltarono a guardarlo. La persona che aveva parlato era Su She.
Continuò, “Le persone che non appartengono alla Setta LanlingJin
potrebbero non aver intuito la sua identità. Il suo nome è Mo XuanYu. Era
un discepolo della Setta LanlingJin. Ai tempi, a causa della sua condotta
indecente, fu cacciato per aver molestato LianFang-Zun. Eppure, asserendo
da ciò che ho sentito oggi, si è dimostrato all’altezza di HanGuang-jun,
seguendolo anche ovunque va. Perché HanGuang-jun, che è sempre stato
conosciuto per la sua grazia e onestà, ha una simile persona al suo fianco? E’
davvero difficile da capire.”
Mentre lo ascoltava, il viso di Jin Ling si oscurò. Tra le chiacchiere della
folla, Jin GuangYao depose il cadavere di Qin Su e si alzò lentamente. Con
una mano sull’elsa di Hensheng, si avvicinò di un passo a Wei WuXian,
“Non rinvangherò nulla del passato, ma per favore, spiegamelo in tutta
onestà. La bizzarra morte di A-Su, sei coinvolto in questo?”
Quando Jin GuangYao mentiva, era davvero spudorato e carico di vigore!
Quando gli altri lo sentirono, ovviamente pensarono che Mo XuanYu avesse
diffamato LianFang-Zun, forzando la Signora Jin a togliersi la vita a causa
dell’odio che provava nei suoi confronti. Perfino Wei WuXian non riusciva a
pensare nulla da dire per smentirlo. Che cosa avrebbe potuto dire? Come
aveva visto la testa di Nie MingJue? Come si era introdotto furtivamente
nella stanza segreta? Il nome della persona che Qin Su aveva visto prima di
morire? La strana lettera che poteva essere facilmente argomentata come
fittizia e fabbricata? Una simile obiezione lo renderebbe ancora più
sospettoso! Mentre cercava di meditare a un piano, Hensheng fu già
sguainata. Lan WangJi si pose di fronte a lui mentre Bichen bloccava
l’attacco.
A quella vista, anche gli altri coltivatori sguainarono le loro spade. Due
spade giunsero verso di lui da un lato. Wei WuXian non aveva armi nelle sue
mani, e quindi non era in grado di difendersi. Voltandosi, gli capitò di vedere
Suibian che giaceva sopra lo scaffale. L’afferrò immediatamente e sguainò la
spada!
L’espressione di Jin GuangYao si bloccò mentre esclamava, “E’ il Patriarca
Yiling!”
In un istante, tutte le lame dei discepoli della Setta LanlingJin si voltarono
verso di lui. Lo fece anche Jin Ling!
La sua identità era stata improvvisamente esposta, Wei WuXian fissò
l’espressione confusa di Jin Ling. Di fronte alla lama di Suihua, era ancora
confuso. Jin GuangYao parlò di nuovo, “Che sorpresa che il Patriarca Yiling
sia ritornato in questo mondo e abbia deciso di fare la sua apparizione qui.
Ci scusiamo per la scarsa accoglienza.”
Wei WuXian era ancora perplesso, non avendo la più pallida idea di come
fosse stato scoperto. Nie HuaiSang parlò carico di confusione, “Fratello?
Come lo hai chiamato? Non è Mo XuanYu?”
Jin GuangYao puntò Hensheng verso Wei WuXian, “HuaiSang, A-Ling,
venite. Fate tutti attenzione. Dato che ha sguainato la sua spada, si tratta
sicuramente del Patriarca Yiling, Wei WuXian!”
Poiché il nome della spada di Wei WuXian era troppo imbarazzante da
pronunciare, quando la gente la menzionava, si riferivano sempre come
“questa spada”, “quella spada”. “la sua spada”, e così via. Le parole “il
Patriarca Yiling” evocavano ancora più spavento di come ChiFeng-Zun fosse
stato smembrato. Perfino le persone che non intendevano combattere
avevano involontariamente sguainato le spade, accerchiando quel lato della
stanza segreta. Wei WuXian lanciò un’occhiata al campo dei bagliori di
spada davanti a lui, senza dire nulla.
Nie HuaiSang, “Non dirmi che chiunque sguaina la spada deve essere il
Patriarca Yiling. Fratello, HanGuang-jun, immagino che ci sia stata una
sorta di incomprensione tra le due parti, giusto?”
Jin GuangYao, “Non ci sono equivoci. Si tratta sicuramente di Wei WuXian.”
All’improvviso, Jin Ling urlò, “Aspetta! Zio, aspetta! M-mio zio non l’ha
colpito con Zidian al Monte Dafan? La sua anima non è stata espulsa, quindi
significa che non ha posseduto questo corpo, giusto? E quindi non può
trattarsi di Wei WuXian, giusto?!”
Il viso di Jiang Cheng era molto scuro. Non parlò mentre la mano premeva
sull’elsa della sua spada, come se stesse pensando a cosa fare. Jin GuangYao,
“Monte Dafan? Giusto. A-Ling, ora che me l’hai rammentato, ho anche
ricordato ciò che era apparso sul Monte Dafan. Non è la persona che ha
anche convocato Wen Ning?”
Vedendo che non solo non poteva provare nulla ma neppure smentirlo, la
carnagione di Jin Ling impallidì. Jin GuangYao continuò, “Sono certo che
nessuno di voi lo sa, ma quando XuanYu era ancora alla Torre Koi, aveva
visto una copia del manoscritto del Patriarca Yiling nel mio palazzo. Il
manoscritto registrava una tecnica oscura che ‘sacrificava’ il proprio corpo.
Con il prezzo dell’anima e del corpo, era possibile convocare uno spirito
potente per cercare vendetta per se stessi. Il Capo Setta Jiang non avrebbe
potuto provarlo anche se gli avesse sferrato altri cento colpi. Questo perché
una persona che usa quella tecnica, sacrifica il suo corpo volontariamente.
Non vale come una possessione!”
La spiegazione era giusta e ragionevole. L’odio era maturato dentro Mo
XuanYu dopo essere stato cacciato dalla Torre Koi. Rammentando la tecnica
che aveva visto, aveva richiesto un fantasma feroce, convocando il Patriarca
Yiling. Tutto ciò che Wei WuXian aveva fatto era stato cercare vendetta per
Mo XuanYu, quindi anche lo smembramento del cadavere di ChiFeng-Zun
doveva essere opera di Wei WuXian. In ogni caso, prima ancora di
determinare la verità, la più grande possibilità era che fosse tutto parte del
sinistro complotto del Patriarca Yiling!
Ma alcune persone erano ancora dubbiose, “Poiché la tecnica del sacrificio
non può essere provata, allora secondo il tuo giudizio, LianFang-Zun, non
possiamo stabilire niente?”
Jin GuangYao, “E’ vero che il sacrificio del corpo non può essere provato, ma
che sia o no il Patriarca Yiling è possibile dimostrarlo. Quando il Patriarca
Yiling subì il contraccolpo della coltivazione e fu ridotto in pezzi dai suoi
demoni in cima ai Tumuli Sepolcrali, la sua spada fu raccolta dalla Setta
LanlingJin. Ma, non molto tempo dopo, la spada si è sigillata.”
Wei WuXian era sorpreso, Si è sigillata?
Una sensazione allarmante crebbe dentro di lui. Jin GuangYao, “Credo che
non sia necessario spingersi fino in fondo per spiegare come una spada si
sigilli da sola. Questa è una spada spirituale. Si rifiuta di permettere a
chiunque, oltre a Wei WuXian, di utilizzarla, ed è per questo che si è
sigillata. Oltre allo stesso Patriarca Yiling, nessuno può sguainarla. Ma
proprio un attimo fa, ‘Mo XuanYu’ ha estratto, davanti agli occhi di tutti, la
spada che era stata sigillata per tredici anni!”
Prima ancora che avesse finito di parlare, dozzine di bagliori di spada
puntarono verso Wei WuXian.
Lan WangJi bloccò tutti gli attacchi. Bichen scagliò alcune persone di lato
liberando il loro percorso dagli ostacoli. Lan XiChen, “WangJi!”
Alcuni Capi Setta che erano stati scagliati via dalla fredda energia di Bichen
s’infuriarono, “HanGuang-jun! Tu…”
Wei WuXian non disse nulla d’inutile. Premendo la sua mano destra sulla
finestra intricata, il suo corpo sgusciò delicatamente fuori. Non appena
atterrò, iniziò a correre, pensando, Quando Jin GuangYao ha visto lo strano
omino di carta e ha intravisto che Suibian è stata sguainata, deve aver
intuito la mia identità. E così ha inventato rapidamente una serie di
menzogne, facendo si che Qin Su si togliesse la vita, per poi forzarmi verso
lo scaffale su di cui c’era Suibian, così che potessi sguainare la spada e
rivelare la mia identità. Spaventoso, spaventoso. Chi poteva immaginare
che la sua reazione sarebbe stata così veloce e le sue bugie così impeccabili?
All’improvviso, qualcuno giunse alle sue spalle. Si trattava di Lan WangJi,
che lo aveva seguito senza dire una parola. La reputazione di Wei WuXian
era sempre stata terribile, quindi non era la prima volta che finiva in una
situazione del genere. In questa vita, la sua mentalità era diversa dalla sua
vita precedente. Poteva già affrontare quelle situazioni con calma. Prima
doveva andarsene. Avrebbe avuto una possibilità per contrattaccare nei
giorni a venire. Non doveva essere impulsivo neppure se quell’opportunità
non sarebbe giunta. Se fosse rimasto, tutto ciò che ne sarebbe derivato erano
più di un centinaio di sferzate di spade. Dichiarare di essere davvero
innocente era più che una beffa. Tutti credevano con la massima certezza
che in futuro sarebbe ritornato a cercare vendetta. Avendo distrutto
innumerevoli Sette, nessuno avrebbe ascoltato la sua spiegazione,
specialmente quando Jin GuangYao era lì a intensificare le fiamme. Lan
WangJi, tuttavia, era diverso da lui. Non avrebbe dovuto fornire alcuna
spiegazione, e la gente avrebbe chiarito per lui, come HanGuang-jun fosse
stato raggirato dal Patriarca Yiling.
Wei WuXian, “HanGuang-jun, non devi seguirmi!”
Lan WangJi guardò dritto davanti a sé, senza proferire nulla in risposta. I
due lasciarono alle loro spalle una folla di coltivatori che sbraitavano per
uccidere. Nel bel mezzo della confusione, Wei WuXian parlò di nuovo, “Vuoi
davvero venire con me? Pensaci bene. Dopo che uscirai da quella porta, la
tua reputazione sarà distrutta!”
I due si erano già precipitati giù per le scale della Torre Koi. Lan WangJi gli
afferrò il polso, come se stesse per parlare. Eppure, all’improvviso, una luce
bianca balenò davanti ai loro occhi. Jin Ling bloccò la loro strada.
Quando vide che si trattava di Jin Ling, Wei WuXian tirò un sospiro di
sollievo. Proprio mentre i due lo stavano per superare, Jin Ling squarciò la
sua spada e bloccò di nuovo la loro strada, chiese, “Sei Wei Ying?!”
La sua espressione era confusa. C’era rabbia, c’era odio, c’era incertezza,
c’era esitazione, c’era angoscia. Gridò ancora, “Sei davvero Wei Ying, Wei
WuXian?”
Vedendo il suo aspetto, il dolore nella sua voce immensamente superiore
all’odio, Wei WuXian sentì il suo cuore sussultare. Ma sarebbero bastati solo
pochi secondi prima che la folla alle sue spalle lo raggiungesse. Non poteva
più prestare attenzione a lui. Serrando i denti, poté solo provare a superarlo
per la terza volta. All’improvviso, una freddezza gli attraversò lo stomaco.
Quando abbassò lo sguardo, Jin Ling aveva già estratto la lama bianca, ora
rosso sangue, dal suo corpo.
Non avrebbe mai immaginato che Jin Ling potesse davvero attaccarlo.
Il pensiero che attraversò la mente di Wei WuXian fu, Poteva essere come
chiunque altro, e invece ha preso da suo zio Jiang Cheng. Gli piace persino
colpire negli stessi punti.
Non riusciva a ricordare chiaramente cosa fosse successo dopo. Sentì di aver
provato ad attaccare. Tutto intorno a loro sembrava frenetico. Non era solo
assordante, anche la loro fuga sembrava carica di collisioni e sussulti. Non
sapeva quanto tempo fosse trascorso, ma quando aprì di nuovo vagamente
gli occhi, Lan WangJi stava volando su Bichen, mentre lo trasportava sulla
sua schiena. Il sangue era sparso su una parte delle sue guance del colore
della neve.
In realtà, la ferita al suo stomaco non era troppo dolorosa. Ma, dopotutto, si
trattava di un buco nel suo corpo. All’inizio, riuscì a gestirla per un po’, come
se non fosse accaduto nulla. Probabilmente, tuttavia, quel corpo in
precedenza non aveva subito molte ferite. Mentre la ferita sanguinava, non
poté fare a meno di sentire la testa alleggerirsi, e questo non era qualcosa
che poteva controllare.
Wei WuXian chiamò, “… Lan Zhan.”
Il respiro di Lan WangJi non era pacato come al solito, sembrava in qualche
modo accelerato. Probabilmente aveva trasportato Wei WuXian mentre si
difendeva dagli attacchi ed era stato in fuga troppo a lungo.
Il tono con cui rispose, tuttavia, ancora con una singola sillaba, era più
fermo che mai, “Mnn.”
Dopo il “Mnn”, aggiunse, “Sono qui.”
Sentendo quelle parole, qualcosa che Wei WuXian non aveva mai provato
prima germogliò nel suo cuore. Era come uno spasimo. Il suo petto faceva
un po’ male, ma era anche un po’ caldo.
Poteva ancora ricordare come, ai tempi a Jiangling, Lan WangJi fosse giunto
per soccorrerlo, tuttavia non aveva apprezzato affatto quella gentilezza. Con
ogni genere di discussione, i due si separavano spesso con disapprovazione.
Ma quello che non avrebbe immaginato era che, quando tutti lo temevano e
lo adulavano, Lan WangJi lo rimproverava apertamente; quando tutti lo
disprezzavano e lo odiavano, Lan WangJi restava al suo fianco.
All’improvviso, Wei WuXian parlò, “Ah, ora ricordo.”
Lan WangJi, “Cosa ricordi?”
Wei WuXian, “Ora ricordo, Lan Zhan. Proprio in questo modo. Io… ti ho
davvero trasportato così in passato.”
[Ch.51 - Ch.62, COSE DAL PASATO]

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 63 –


Tenerezza – Parte Uno
 

Wei WuXian mormorò improvvisamente, “… Lan Zhan.”


Allungò una mano e afferrò una delle maniche di Lan WangJi. Lan WangJi
era sempre stato al suo fianco. Immediatamente si chinò, sussurrando “Sono
qui”.
Wei WuXian non si era ancora svegliato. I suoi occhi erano ancora
strettamente chiusi, eppure la sua mano non lo lasciava andare. Sembrava
star sognando, mentre borbottava, “… Non… Non arrabbiarti…”
Lan WangJi sembrava piuttosto sorpreso. La sua voce era gentile, “Non sono
arrabbiato.”
Wei WuXian, “… Oh.”
Udendo ciò, come se finalmente si sentisse rincuorato, la sua presa si
allentò.
Lan WangJi restò seduto accanto a Wei WuXian per un po’. Vedendo che era
di nuovo immobile, stava per alzarsi quando Wei WuXian lo afferrò con
l’altra mano, cingendolo con un braccio e rifiutandosi di lasciarlo andare.
Urlò, “Verrò con te, presto, riportami alla tua Setta!”
Lan WangJi sgranò gli occhi.
Dopo aver gridato, Wei WuXian sembrò svegliarsi. Le sue lunghe ciglia
sussultarono prima di aprire lentamente gli occhi. Quando la sua vista
sembrò schiarirsi, improvvisamente notò che entrambe le sue mani erano
avvolte intorno a Lan WangJi come se stesse stringendo un pezzo di legno
galleggiante nell’acqua.
Lo lasciò andare immediatamente, quasi rotolando via. Il suo movimento
era stato così ampio da provocarsi dolore urtando la ferita al suo stomaco.
Esclamò un “Ah” mentre inarcava le sopracciglia, ricordando finalmente di
essere ancora ferito. Tra le stelle davanti ai suoi occhi, Jin Ling, Jiang
Cheng, Jiang YanLi, Jiang FengMian, la Signora Yu… Molti volti ruotarono
in un grande cerchio.
Lan WangJi lo sorresse, “La ferita allo stomaco?”
Wei WuXian, “La ferita? Non c’è problema, non fa male… “
Dopo che Lan WangJi lo aiutò a sistemarsi, sollevò i propri vestiti. Lo
stomaco di Wei WuXian era già stato bendato correttamente. Quando le
bende furono rimosse, poté notare che la ferita era guarita. Anche il marchio
maledetto sulla sua gamba era scomparso.
Wei WuXian, “Per quanto tempo ho riposato?”
Solo dopo essersi assicurato che le sue ferite fossero davvero a posto, Lan
WangJi finalmente lo lasciò andare, “Quattro giorni”.
La spada di Jin Ling lo aveva trafitto. La ferita non era stata affatto
superficiale. Per il modo in cui era guarita, in quattro giorni senza neppure
lasciare una cicatrice, significava che era stata utilizzata la medicina di alto
livello della Setta GusuLan. Wei WuXian lo ringraziò, beffandosi anche di se
stesso, “Mi sono reincarnato ma sono diventato più debole. Non sono
riuscito a rialzarmi neppure dopo una singola ferita. “
La voce di Lan WangJi era moderata, “Nessuno sarebbe in grado di rialzarsi
dopo essere stato trafitto da parte a parte.”
Wei WuXian, “Non è vero. Se fossi stato nel corpo della mia vita passata,
anche con metà del mio intestino penzolante, sarei riuscito a bloccarli e
continuare a combattere.”
Constatando che subito dopo essersi svegliato aveva iniziato nuovamente a
proferire delle cose insensate, Lan WangJi scosse la testa e si voltò. Wei
WuXian pensò che intendesse andarsene. Si affrettò, “Lan Zhan, Lan Zhan!
Non andare. Stavo dicendo delle cose insensate, è colpa mia, ma non
ignorarmi.”
Lan WangJi, “Persino tu hai paura che gli altri t’ignorino?”
Wei WuXian, “Sì, si.”
Non aveva mai sperimentato la sensazione di avere qualcuno al proprio
fianco dopo essersi ferito, svegliandosi dopo molto tempo.
Lan WangJi portava due spade alla vita. Slacciò Suibian e gliela passò, “La
tua spada”.
Alla vista della spada, dapprima Wei WuXian esitò, poi rapidamente rispose,
“Grazie.”
Stringendo l’elsa, la sguainò lentamente. Due occhi si rifletterono sulla
candida lama. Wei WuXian fissò quegli occhi per un po’ prima di riporre di
nuovo Suibian nel suo fodero, “Si è davvero sigillata?”
Anche Lan WangJi afferrò l’elsa di Suibian. La tirò, ma non si mosse. Wei
WuXian sospirò. Accarezzò la struttura della spada, Sapevo che Jin
GuangYao non avrebbe inventato nulla d’infondato… Quindi si è davvero
sigillata. Mi è capitato di imbattermi in qualcosa d’incredibile che si
verifica solo una volta ogni diecimila anni. Adesso è tutto finito. È
chiaramente evidente. Può sfoderarla solo Wei WuXian, senza alcuna
eccezione. Non posso negarlo anche se volessi.
Si guardò intorno. Era una stanza pulita. La luce era flebile, c’era solo una
lanterna di carta posta in un angolo. Wei WuXian gli chiese, “Dove siamo?”
Lan WangJi, “Ai Meandri della Nuvola.”
Wei WuXian, “Mi hai riportato ai Meandri della Nuvola? E se tuo fratello lo
scoprisse? “
Qualcuno parlò, “L’ho già scoperto.”
Una persona uscì dal retro del divisorio. Con gli abiti bianchi e un nastro
frontale, il suo viso era come la giada, ma con un’espressione solenne.
Se aveva riposato nei Meandri della Nuvola senza essere portato via dalla
gente della Setta LanlingJin, era chiaro che Lan XiChen non rappresentava
alcuna minaccia per loro. E, avendo Lan WangJi al suo fianco, Wei WuXian
non si preoccupò di dover tenere la guardia alta. All’improvviso ricordò
qualcosa e chiese, “Dov’è il corpo di ChiFeng-Zun?”
Lan XiChen, “Molte Sette hanno già visto con i loro occhi il corpo del
Fratello. Al momento, è nelle mani di HuaiSang. Ho inviato anche dei fidati
a vigilarlo. “
Wei WuXian si sentì, in una certa misura, sollevato. Poi chiese ancora, “La
reazione di Jin GuangYao?”
Lan WangJi, “Impeccabile.”
Wei WuXian sapeva che Jin GuangYao avrebbe sicuramente recitato
perfettamente. Non c’era alcun problema finché avesse la conferma che non
avrebbe potuto sbarazzarsi del cadavere. Tuttavia, Lan XiChen parlò
pacatamente, “Ha detto che sarebbe sicuramente arrivato in fondo alla
questione, fornendo a tutti una spiegazione. Ora che il Giovane Maestro Wei
è sveglio, WangJi, non è il momento anche per te di fornirmi una
spiegazione?”
Lan WangJi si alzò, “Fratello”.
Lan XiChen emise un lungo sospiro, “WangJi, cosa vuoi che ti dica?”
Lan WangJi, “Fratello, la testa di ChiFeng-Zun è davvero nelle mani di Jin
GuangYao.”
Lan XiChen, “L’hai vista con i tuoi occhi?”
Lan WangJi, “L’ha vista con i suoi occhi”.
Lan XiChen, “Credi in lui?”
Lan WangJi, “Sì.”
Aveva risposto senza alcuna esitazione. Wei WuXian sentì il petto scaldarsi.
Lan XiChen continuò, “Che ne pensi di Jin GuangYao?”
Lan WangJi, “Non è affidabile”.
Lan XiChen ridacchiò, “WangJi, come giudichi se qualcuno è affidabile o
no?”
Guardò Wei WuXian, “Ti fidi del Giovane Maestro Wei, mentre io mi fido di
Jin GuangYao. Il fatto che la testa del Fratello fosse nelle sue mani, nessuno
di noi l’ha potuto confermare con i propri occhi. Crediamo solo in quello che
un’altra persona dice in base a quanto ne possiamo sapere al riguardo.”
“Pensi di conoscere Wei WuXian, quindi ti fidi di lui; io penso di conoscere
Jin GuangYao, quindi mi fido anche di lui. Confidi nella tua valutazione,
allora non mi è permesso credere nel mia?”
Wei WuXian temeva che i fratelli avrebbero iniziato una discussione in
merito, “Capo Setta Lan!”
Non che non riuscisse a capire Lan XiChen. Guardando Jin GuangYao dal
punto di vista di Nie MingJue, aveva visto tutte le sue abilità e le sue
ambizioni. Tuttavia, poiché Jin GuangYao aveva sempre mostrato a Lan
XiChen la sua maschera, non c’era motivo per cui quest’ultimo non doveva
credere al suo fratello giurato piuttosto che a una persona meschina.
Lan XiChen annuì, “Giovane Maestro Wei, non devi preoccuparti. Finché la
verità non sarà pienamente rivelata, non sarò parziale verso nessuna parte,
né rivelerò la tua posizione. In caso contrario, non avrei permesso a WangJi
di portarti al mio Hanshi[1] o di curare le tue ferite.”
Wei WuXian, “Capo Setta Lan, sono grato che tu mi abbia dato questa
opportunità. Il fatto che la testa di ChiFeng-Zun fosse all’interno della stanza
segreta di Jin GuangYao non è altro che la verità. L’ho vista, così come ho
visto alcune altre cose quando sono stato colpito dalla sua energia risentita.
Sarebbe possibile usarlo come prova?”
Lan XiChen rispose con calma, “Giovane Maestro Wei, forse avrai davvero
visto quelle cose. Tuttavia, non puoi provare di averle viste all’interno della
stanza segreta della Torre Koi. “
Wei WuXian, “Hm. Questo è vero. Allora che ne pensi di qualcos’altro? La
causa diretta della morte di ChiFeng-Zun era stata una Deviazione del Qi,
ma, Capo Setta Lan, non credi che il tempismo sia stato un po’ troppo una
fatalità? La condotta dello Spirito della Sciabola potrebbe essere uno dei
motivi, ma hai mai pensato che potesse esserci un’altra causa?”
Lan XiChen, “Quale pensi sia la causa?”
Wei WuXian, “Suono della Lucidità”.
Lan XiChen, “Giovane Maestro Wei, lo sapevi che Suono della Lucidità gli è
stata insegnata da me personalmente?”
Wei WuXian, “Allora, Capo Setta Lan, potresti ascoltare se c’è qualcosa di
strano nella canzone?”
Il suo flauto era proprio accanto al letto. Wei WuXian lo sollevò e iniziò a
suonare dopo qualche istante di riflessione. Dopo che la canzone terminò,
parlò, “Capo Setta Lan, questa canzone è davvero quella che hai insegnato a
Jin GuangYao?”
Lan XiChen, “E’ quella.”
Wei WuXian fu in qualche modo sorpreso, ma restò composto, “Qual è il
nome della canzone?”
Lan XiChen, “Si chiama Purificante. È in grado di purificare il cuore e
consolidare la mente.”
Wei WuXian, “Purificante. Ho sentito parlare di molte delle famose
composizioni appartenenti al mondo della coltivazione. Perché non ricordo
il suo nome o la sua melodia?”
Lan WangJi, “La canzone è oscura. Ed è anche difficile.”
Lan XiChen, “Esatto.”
Wei WuXian, “Jin GuangYao ha scelto personalmente questo pezzo?”
Lan XiChen, “Corretto”.
Wei WuXian, “E’ davvero così difficile? Allora perché Jin GuangYao ha
scelto questo pezzo invece di qualcosa di più semplice?”
Lan XiChen, “Perché gli ho detto che sebbene Purificante fosse difficile da
padroneggiare, i suoi effetti erano eccellenti. La canzone è molto difficile.
Giovane Maestro Wei, hai interpretato male una sezione, sai?”
Udendo ciò, Wei WuXian sentì qualcosa accendersi dentro di lui, “L’ho
suonata male?”
Lan WangJi, “Una delle sue sezioni è sbagliata.”
Wei WuXian sorrise, “No, no. Non sono io ad aver sbagliato. E’ stato Jin
GuangYao a commettere l’errore! Quando l’energia risentita mi ha attaccato,
era questo il modo in cui la suonava. Posso giurare di aver riprodotto questa
canzone senza alcun errore.”
Lan XiChen sembrò sorpreso, “Allora l’ha imparata male? Ma… E’
impossibile. “
Wei WuXian, “Sarebbe davvero impossibile. LianFang-Zun è molto
intelligente. La sua memoria è straordinariamente buona, come potrebbe
ricordare la melodia nel modo sbagliato? È probabile che lo abbia fatto di
proposito. La suonerò di nuovo. Capo Setta Lan, HanGuang-Jun, questa
volta per favore ascoltate attentamente la sezione che ho ‘suonato male’. “
La rieseguì. Verso la fine della seconda sezione, Lan WangJi parlò, “Fermo.”
Lan WangJi, “È la sezione che è appena passata.”
Wei WuXian ritrasse il flauto dalle sue labbra, “È davvero questa sezione?
Ma non la trovo affatto diversa. “
Lan XiChen, “Non sembra subito diversa. Tuttavia, sicuramente non fa parte
di Purificante.”
Se si fosse trattato di un comune errore, non si sarebbe fuso perfettamente
con le altre sezioni della canzone originale. Quella melodia doveva essere
stata tirata a lucido di proposito prima di essere riposta lì. E quella melodia
sconosciuta, che non faceva parte di Purificante ma era mista ad essa, era
probabilmente la chiave della morte di Nie MingJue.
Dopo un attimo di riflessione, Lan XiChen parlò, “Seguitemi entrambi.”
Quando uscirono dalla casa, Wei WuXian restò piuttosto sorpreso.
Si trattava di una casetta appartata in un qualche angolo nascosto dei
Meandri della Nuvola. La residenza della Setta Lan era situata all’interno
delle montagne. Ai suoi confini, i pini crescevano all’infinito. La maggior
parte delle piante era composta da alberi ed erbe. Non che non ci fossero dei
fiori, ma erano per lo più delle varietà pure ed eleganti come la magnolia, la
gardenia e il crisantemo bianco, e ce n’erano solo dei rari e decorativi scorci.
Eppure, la zona davanti a quella casa era straripante di genziane viola. I
boccioli erano piccoli ma di un colore brillante, guadagnandosi l’attenzione
di chiunque passasse. Sotto la luce, sembravano brillare dolcemente, belle
come un quadro, un’illusione.
Wei WuXian sapeva che quel posto era decisamente diverso dal resto.
Tuttavia, aveva avuto il tempo di scoccargli solo una fugace occhiata. Erano
già passate le nove. La maggior parte delle persone all’interno dei Meandri
della Nuvola stavano già riposando da molto tempo. Tutto era estremamente
silenzioso. Non gli capitò d’incrociare neppure una sola persona mentre Lan
XiChen li conduceva al Padiglione della Biblioteca.
In passato, i Meandri della Nuvola erano stati bruciati da un incendio. Il
Padiglione della Biblioteca non era più quello di allora. Tuttavia, dopo che
era stato ricostruito, l’aspetto interno non era diverso da quello precedente.
Avevano perfino piantato un altro albero di magnolia fuori al padiglione.
Dopo che i tre entrarono, Wei WuXian dubitò, “Capo Setta Lan, qui potremo
trovare la fonte della melodia?”
Lan XiChen, “Non qui.”
Si diresse davanti a una fila di libri, si abbassò, e girò una delle stuoie sul
pavimento per poi spostare un ripiano di legno, “Saremo in grado di trovarla
qui.”
Sotto al ripiano di legno c’era una porta segreta.
Lan WangJi, “La stanza dei libri proibiti”.
Sotto la porta c’era una rampa di scale di oltre cinquanta gradini. I tre
camminarono uno dopo l’altro. Ciò che si presentò agli occhi di Wei WuXian
era una stanza sotterranea ampia e semplice fatta di pietra. Il suono dei loro
passi riecheggiava. All’interno della stanza, c’erano file e file di scaffali. I
libri erano sparsi negli scaffali, coperti di polvere, come se nessuno li avesse
sfogliati per lungo tempo.
Lan XiChen li condusse verso uno degli scaffali, “In questa sezione ci sono
tutti i libri con le strani canzoni.”
C’era una scrivania nella stanza con solo una lampada di carta. Lan WangJi
prese dagli scaffali una pennello per scrivere e della carta, che non era stata
usata per anni. Annotò a memoria tre riproduzioni dello spartito della
melodia. I tre si sedettero vicino alla scrivania, mettendosi al lavoro.
Ciascuno era responsabile di alcune dozzine di libri. Confrontarono la
melodia con gli spartiti appuntati sui libri, libro per libro, pagina per pagina,
alla ricerca di parti corrispondenti.
Tuttavia, trascorsero quattro ore e nessuno dei tre aveva trovato uno spartito
che corrispondeva alla melodia. Ciò significava che non avevano trovato la
giusta provenienza.
Wei WuXian scansionò gli spartiti più velocemente che poteva, riflettendo
tra sé, Forse anche la sezione delle canzoni della stanza dei libri proibiti
della Setta Lan non ha quella melodia? Ma è impossibile. Se non l’ha la
Setta Lan, non può averla nessun altro posto. Possibile che Jin GuangYao
abbia creato una canzone tanto straordinaria? Se è così, allora sarebbe un
problema. L’unico modo per verificare che c’è qualcosa di sbagliato nel
brano bisognerebbe far ascoltare a qualcuno questa canzone per mesi
come esperimento. Ma anche se è intelligente, non ha mai avuto una solida
fondazione. Non può essere così intelligente da essere stato in grado di
crearla…
Wei WuXian fissò per un po’ i caratteri fitti. I suoi occhi erano piuttosto
stanchi. Gli restavano ancora alcuni libri, così decise di guardarli dopo. Lan
WangJi aveva già finito la pila di cui era responsabile. In silenzio, prese in
mano quelli lasciati da Wei WuXian e continuò a sfogliarli. Lan XiChen alzò
lo sguardo. Guardando la scena, sembrò trattenersi nel dire qualcosa.
All’improvviso, Lan WangJi parlò, “Questa qui”.
Passò il libro che aveva tra le sue mani. Wei WuXian ritornò
immediatamente carico di energie. Con fervore, guardò le pagine che Lan
WangJi aveva aperto, confrontandole con gli appunti che aveva in mano, “E’
davvero la stessa?”
Lan WangJi si alzò e si sedette accanto a lui, indicandogli ciò che doveva
vedere, “Guarda queste due pagine”.
Le loro teste si accostarono e la voce di Lan WangJi era proprio accanto al
suo orecchio, bassa e magnetica. La mano di Wei WuXian tremò
leggermente. Il libro quasi cadde. Alla fine si stabilizzò e distolse con forza
gli occhi dalle lunghe dita bianche di Lan WangJi. Si concentrò sul
confrontare entrambe, “Ah, queste due pagine”.
A prima vista, non sembrava esserci nulla di strano. Tuttavia, qualcuno con
una certa familiarità con la musica era in grado di dire dopo un’attenta
valutazione che, nella pagina aperta, la melodia sulla pagina precedente non
era collegata a quella sulla pagina successiva.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 64 –
Tenerezza – Parte Due
 
Wei WuXian sollevò il suo flauto e suonò una sezione seguendo lo spartito.
Come previsto, le due parti della melodia non erano collegate. Le note nella
prima pagina non appartenevano affatto alla stessa canzone di quelle della
pagina successiva.
Doveva esserci un’altra pagina tra quelle due. Era stata strappata, con
attenzione, di nascosto.
Qualcuno aveva strappato la pagina con molta cura. Non ne aveva lasciato
alcuna traccia, il che rendeva difficile notarlo. Wei WuXian voltò il libro.
Sulla copertina blu scuro c’era un titolo in tre ideogrammi.
Wei WuXian, “La Collezione di Turbolenze? Che genere di libro è? Queste
canzoni sembrano un po’ strane.”
Lan WangJi, “È una raccolta di canzoni di Dongying[1].”
Wei WuXian, “Di Dongying? Ecco perché la melodia è un po’ diversa dal
solito.”
L’espressione di Lan XiChen era complessa, “… Secondo la leggenda, La
Collezione di Turbolenze è una raccolta di canzoni oscure raccolte da uno dei
coltivatori della Setta GusuLan durante i suoi anni di vagabondaggio per
mare, che lo portarono a Dongying. Le canzoni di questo libro, se suonate
insieme all’energia spirituale, possono nuocere agli altri, indebolendo il
corpo, irritando la mente, fino ad agitare lo spirito che causerà
l’annullamento dei sensi… Quelli con un grande potere spirituale potrebbero
togliere la vita a qualcuno con sole sette note.”
Wei WuXian colpì il ripiano della scrivania, “E’ questa!”
Era così felice che quando aveva colpito la scrivania, aveva quasi capovolto
la lanterna di carta appoggiata sul ripiano. Lan WangJi l’aveva spostata
appena in tempo. Wei WuXian parlò, “Capo Setta Lan, all’interno della
Collezione di Turbolenze c’è qualcosa che può intaccare il controllo di una
persona, spingendola a diventare irritata, violenta e facilmente nervosa?”
Lan XiChen, “… Dovrebbe esserci.”
Wei WuXian, “L’energia spirituale di Jin GuangYao non è elevata. Non
sarebbe stato in grado di prendere la vita di qualcuno con sole sette note. E
ucciderlo in questo modo sarebbe stato troppo evidente. Sicuramente non
avrebbe scelto una canzone così potente. Ma, se avesse usato il pretesto di
suonare Suono della Lucidità per ChiFeng-Zun per quietare il suo
temperamento, continuando a suonarla per tre mesi, la canzone sarebbe
stata in grado di agire come un lento veleno e fare esplodere ChiFeng-Zun? “
Lan XiChen, “… Sì.”
Wei WuXian, “Allora sarebbe una considerazione piuttosto ragionevole. Lo
spartito strappato non apparteneva a Purificante, ma era una pagina
mancante della Collezione di Turbolenze. Tutte le canzoni di Dongying
raccolte nella Collezione di Turbolenze sono complesse e difficili da
padroneggiare. Non avendo il tempo per copiarla nella stanza proibita,
poteva solo strapparla, no, non è esatto. A Jin GuangYao basta guardare
qualcosa una sola volta per non dimenticarla mai più. Ha strappato la
pagina non perché non potesse memorizzarla, ma per non lasciare alcuna
prova. Per assicurarsi che, anche se un giorno fosse stato scoperto o se lo
avessero colto in flagrante, nessuno sarebbe stato in grado di identificare la
provenienza della melodia.”
“Ha fatto tutto con estrema cautela. Di fronte a te, ha chiaramente suonato
la versione corretta di Purificante. ChiFeng-Zun non era un appassionato
delle arti. Ti aveva sentito, Capo Setta Lan, suonare in precedenza
Purificante e conosceva la melodia complessiva. Così, Jin GuangYao non ha
osato suonare direttamente la canzone oscura e invece ha dovuto spingersi a
combinare le due canzoni con stili diversi e con usi opposti. E le ha
combinate così bene tanto da sembrare come se fossero una cosa sola. Il suo
talento musicale è davvero eccellente. Immagino che abbia utilizzato poco
potere spirituale nelle sezioni di Purificante e abbia esercitato il potere solo
nella sezione della Collezione di Turbolenze. Dopotutto, ChiFeng-Zun non
aveva familiarità con quel metodo di coltivazione, quindi naturalmente non
ha notato che Jin GuangYao aveva modificato una delle sezioni con quella di
una melodia oscura in grado di togliere la vita!”
Dopo un breve silenzio, Lan XiChen sussurrò, “… Sebbene abbia visitato
spesso i Meandri della Nuvola, non gli ho mai parlato della camera proibita
all’interno del Padiglione della Biblioteca della Setta Lan”.
Wei WuXian, “Capo Setta Lan, scusa la mia schiettezza, ma durante la
Campagna Eclissi di Sole, Jin GuangYao era una spia nella Città Senza Notte
della Setta QishanWen, e anche molto abile. Riuscì perfino a trovare la
camera segreta di Wen RuoHan, infiltrandosi al suo interno senza che
nessuno lo notasse, memorizzare tutte le mappe e le pergamene, e scrivere a
memoria le informazioni per poi inviarle alla Torre Koi. Per lui, la stanza
proibita del Padiglione della Biblioteca della Setta Lan… non è davvero
niente.”
Lan XiChen prese nelle sue mani il foglio con lo spartito. Lo fissò per un po’,
“Troverò un modo per verificare questo spartito.”
Lan WangJi, “Fratello?”
Lan XiChen, “Quando il Fratello morì, l’assedio ai Tumuli Sepolcrali era già
terminato e il Giovane Maestro Wei non era più in questo mondo. Se avremo
le prove che questa sezione dello spartito è davvero in grado di disturbare la
mente, e non si tratta di una semplice invenzione, io dovrò… “
Wei WuXian, “ZeWu-Jun, collaudare quella canzone su persone viventi,
dovrebbe essere contro le regole della Setta di GusuLan”.
Lan XiChen, “La proverò su me stesso.”
In quanto Capo della Setta GusuLan, se si era spinto a pronunciare una cosa
tanto ridicola, significava che il suo cuore era già stato colto dalla
confusione. Lan WangJi alzò leggermente la voce, “Fratello!”
Lan XiChen appoggiò la testa sulla sua mano. La sua voce era bassa, come se
stesse cercando di reprimere qualcosa, “WangJi, la versione di Jin
GuangYao che conosco è completamente diversa rispetto alla versione che
conosci tu e quella che conosce il mondo! Durante tutti questi anni, ai miei
occhi, ha sempre… sopportato le sue sofferenze, prendendosi cura delle
persone, e ha trattato tutti con rispetto. Ho sempre creduto, senza alcun
dubbio, che le critiche che ha ricevuto dagli altri derivassero solo dalle
incomprensioni, che quello reale fosse la persona che conoscevo io. Ora, vuoi
che io creda subito, che tutto di quella persona è falso, che aveva pianificato
di uccidere uno dei suoi fratelli giurati, che anch’io sono stato parte del suo
piano e che l’ho perfino aiutato… Potresti permettermi, per favore, di trovare
delle prove prima di esprimere il mio giudizio?”
Lan XiChen aveva insegnato a Jin GuangYao Suono della Lucidità, tenendo
presente il rancore tra Jin GuangYao e Nie MingJue, sperando che potessero
tornare quelli che erano stati un tempo. Aveva chiesto a Jin GuangYao di
aiutare a calmare Nie MingJue al suo posto. Chi avrebbe mai immaginato
che la sua gentilezza avrebbe dischiuso la strada alla crudeltà di Jin
GuangYao? Come avrebbe potuto affrontare se stesso ora?
Nessuno dei tre aggiunse nulla. Quando uscirono dal Padiglione della
Biblioteca, Lan WangJi finalmente parlò, “Andrò a far visita allo Zio”.
Dopo aver taciuto a lungo, anche Lan XiChen parlò, “Riaccompagnerò il
Giovane Maestro Wei. Potrai raggiungerci dopo.”
Guidando Wei WuXian, avanzò per un po’ lungo i sentieri di ciottoli bianchi
dei Meandri della Nuvola prima di ritornare all’appartata casetta immersa
tra le genziane nelle profondità delle montagne. Wei WuXian era in piedi
davanti alla porta, “Il Signor Lan sa che HanGuang-jun …”
Lan XiChen, “Lo Zio si è appena svegliato. Ho detto a tutti di non dirgli nulla
di troppo.”
Se Lan QiRen avesse saputo ciò che Lan WangJi aveva fatto con lui sotto la
Torre Koi, si sarebbe sicuramente arrabbiato talmente tanto da svenire
subito dopo il suo risveglio. Wei WuXian, “Bisogna ringraziare il Senior Lan
per tutto il lavoro che ha svolto.”
Lan XiChen, “Lo Zio ha davvero lavorato tanto.”
All’improvviso, parlò, “Giovane Maestro Wei, sai a cosa serve questa casa?”
Wei WuXian, “ZeWu-jun, perché dovrei saperlo?”
Lan XiChen gli scoccò un’occhiata, “Era l’alloggio di mia Madre nei Meandri
della Nuvola.”
La madre di Lan XiChen era anche la madre di Lan WangJi. Wei WuXian lo
trovò un po’ strano. La residenza di tutti i Capi della Setta di GusuLan era
sempre stata la ‘Hanshi’, che di certo non era quella piccola casa celata in un
angolo dei Meandri della Nuvola. Forse i genitori di Lan WangJi erano legati
da un matrimonio combinato e disarmonico come quello di Jiang FengMian
e della Signora Yu, e quindi vivevano separati?
Per quanto ci pensasse, non poteva esserci una ragione positiva dietro a un
Capo Setta che non viveva con sua moglie. Inoltre, si diceva che la moglie del
precedente Capo Setta, QingHeng-Jun, fosse alquanto debole fisicamente.
Riposava per la maggior parte del tempo e non poteva incontrare gli altri. La
gente non sapeva molto di lei. Alle loro spalle, tutte le Sette vedevano la
“malattia” come qualcosa di vergognoso, come una cicatrice sul volto o un
handicap. E così, Wei WuXian non chiese nulla e restò in silenzio,
aspettando la spiegazione di Lan XiChen.
Lan XiChen, “Giovane Maestro Wei, saprai che mio Padre di solito era in
meditazione appartata e non ha mai interagito troppo spesso con il resto del
mondo. Durante tutti questi anni, la Setta GusuLan è stata assistita quasi
unicamente dallo Zio.”
Wei WuXian, “Ne ero a conoscenza.”
Lan XiChen lasciò cadere la mano. La mano con cui stringeva Liebing era
nascosta nella sua manica. Parlò con calma, “La ragione per cui mio Padre
era spesso in meditazione appartata riguardava mia Madre. Questo posto,
più che un luogo per vivere… era un luogo di detenzione.”
Wei WuXian restò sorpreso.
Il padre di ZeWu-Jun e HanGuang-Jun, QingHeng-Jun, era un famoso
coltivatore. Il suo nome era diventato celebre in giovane età e molte cose lo
attendevano lungo il suo futuro cammino. Tuttavia, all’età di vent’anni,
improvvisamente arretrò e annunciò il suo matrimonio. Aveva anche cessato
di curarsi di gran parte del mondo. Sebbene si definisse meditazione
appartata, era molto più simile alla pensione. Le persone avevano
rimuginato a molte possibili ragioni, ma non era stato possibile accertarne
nessuna.
Lan XiChen si abbassò tra i grappoli di genziane. Accarezzò dolcemente quei
petali fini e cedevoli, “Quando mio Padre era giovane, tornando da una
caccia notturna, gli capitò di scorgere mia Madre fuori dalla città di Gusu.”
Sorrise, “Ho sentito che è stato amore a prima vista.”
Wei WuXian sorrise, “I giovani spesso sono sentimentali.”
Lan XiChen continuò, “Tuttavia, la donna non si curò molto di lui. Inoltre,
uccise uno degli insegnanti di mio Padre.”
Andava oltre ogni immaginazione. Anche se Wei WuXian sapeva che fare
troppe domande sarebbe stato scortese, ogni volta che ricordava che si
trattavano dei genitori di Lan WangJi, sentiva il bisogno di chiedere,
“Perché?!”
Lan XiChen, “Non lo so. Presumo che fosse qualche genere di ‘rimostranza’.”
Wei WuXian non chiese altro in merito e frenò la sua curiosità, “E… cos’è
successo dopo?”
“E poi,” Spiegò Lan XiChen, “Quando mio Padre venne a saperlo,
ovviamente ne soffrì molto. Ma, non importava quanto fosse difficile, portò
comunque la donna alla sua Setta in segreto. Ignorando le contestazioni del
suo Clan, s’inginocchiò con lei ai Cieli e alla Terra[2] senza emettere
alcun suono e disse a tutti nel Clan che sarebbe stata sua moglie per il resto
della sua vita, che chiunque avesse voluto farle del male avrebbe dovuto
prima affrontare lui.”
Wei WuXian sgranò gli occhi.
Lan XiChen continuò, “Dopo che la cerimonia fu completata, mio Padre
trovò una casa e vi rinchiuse mia Madre. Poi trovò un’altra casa in cui si
rinchiuse. La definivano una meditazione appartata, ma in realtà era una
forma di penitenza.”
Fece una pausa prima di riprendere a parlare, “Giovane Maestro Wei, capisci
perché ha fatto una cosa simile?”
Wei WuXian rispose dopo un istante di silenzio, “Non poteva né perdonare
chi ha ucciso il suo insegnante né assistere alla morte della donna che
amava. Ha potuto solo sposarla per salvaguardare la sua vita, per poi
obbligarsi a non vederla.”
Lan XiChen, “Pensi che fosse giusto?”
Wei WuXian, “Non lo so.”
Lan XiChen aveva uno sguardo perso, “Allora, cosa pensi che fosse giusto?”
Wei WuXian, “Non lo so.”
Qualche istante dopo, Lan XiChen sussurrò, “Mio Padre l’ha fatto senza
curarsi di nient’altro. Tutti gli anziani del Clan erano infuriati, ma l’avevano
visto crescere. Non potevano fare nulla se non scegliere di custodire il
segreto, lasciando che il mondo esterno credesse che la moglie del Capo
della Setta GusuLan soffriva di una malattia terribile e non poteva vedere gli
altri. Dopo che io e WangJi siamo nati, siamo stati immediatamente portati
via per essere assistiti da altre persone. Quando siamo cresciuti, ci hanno
portati dallo Zio per essere istruiti.”
“Mio Zio… ha sempre avuto una personalità genuina. Poiché mia Madre ha
spinto mio Padre a distruggere la sua stessa vita, ha iniziato a odiare ancora
di più quelli che si comportavano in un modo scorretto. Così, ha riversato il
suo cuore nell’insegnare a WangJi e a me. Era anche particolarmente severo.
Potevamo vedere nostra Madre solo una volta al mese, all’interno di questa
casetta.”
Erano due bambini piccoli, che dovevano affrontavano ogni giorno solo uno
zio severo, degli insegnamenti duri e delle montagne di libri. Per quanto
stanchi, dovevano drizzare la loro schiena delicata per diventare i discepoli
più eccezionali del Clan, studenti modello agli occhi degli altri. Raramente
potevano vedere i loro parenti più stretti. Non potevano scherzare tra le
braccia del loro padre, né non potevano fare i capricci di fronte alla loro
madre.
Ma non avevano commesso chiaramente nulla di sbagliato.
Lan XiChen, “Ogni volta che WangJi e io andavamo a farle visita, non si
lamentava mai con noi di quanto fosse noioso restare rinchiusa, incapace di
uscire all’esterno. Non chiedeva mai dei nostri studi. Le piaceva soprattutto
stuzzicare WangJi, ma più lo tormentava e meno era disposto a parlare, e
impostava la sua peggiore espressione. È sempre stato così fin da quando era
piccolo. Tuttavia,” Ridacchiò, “Anche se WangJi non l’ha mai detto, sapevo
che ogni mese non vedeva l’ora di vedere nostra Madre. Era così, e per me
era lo stesso.”
Wei WuXian immaginò un giovane Lan WangJi tra le braccia di sua madre,
le sue piccole guance innevate tinte di rosa. Rise anche lui. Ma prima che il
suo sorriso si sciogliesse, Lan XiChen continuò, “Ma un giorno, lo Zio
all’improvviso ci disse che non avremmo più avuto bisogno di andare da lei.”
“Nostra Madre era morta.”
La voce di Wei WuXian era delicata, “Quanti anni aveva Lan Zhan
all’epoca?”
Lan XiChen, “Sei.”
Continuò, “Era ancora troppo giovane per capire il significato della parola
“morte”. Per quanto gli altri lo confortassero e lo Zio lo sgridasse, continuava
a tornare qui ogni mese, e a sedersi nel corridoio, aspettando che qualcuno
gli aprisse la porta. Crescendo, ha capito che nostra Madre non sarebbe più
tornata, che nessuno gli avrebbe aperto la porta, ma ha continuato
comunque a venire qui.”
Lan XiChen si alzò. I suoi occhi scuri guardarono quelli di Wei WuXian,
“WangJi è stato testardo fin da giovane.”
Le foglie frusciavano e i fiori di genziana ondeggiavano nel vento, il loro
profumo era persistente. Gli occhi di Wei WuXian puntarono sull’androne di
legno della casetta. Poteva quasi vedere un bambino con un nastro frontale,
seduto in una posizione corretta di fronte alla casa, aspettando in silenzio
che la porta si aprisse.
Poi disse, “La Signora Lan sarà stata una donna molto gentile.”
Lan XiChen, “Nei miei ricordi, mia Madre lo era davvero. Non so perché
abbia fatto una cosa del genere all’epoca. E, in verità, io… “
Ispirò profondamente prima di confessare, “Non voglio neanche saperlo.”
Dopo alcuni istanti di silenzio, Lan XiChen chiuse gli occhi. Tirò fuori
Liebing. Una folata di vento notturno fu improvvisamente accompagnata da
una nota singhiozzante dello xiao. Il suono era profondo, come un sospiro.
Wei WuXian aveva già sentito suonare Liebing da Lan XiChen in passato. Il
suo timbro era proprio come lo stesso Lan XiChen, caldo e aggraziato come
la brezza e la pioggia primaverile. Eppure, ora, sebbene la sua abilità fosse
eccellente come sempre, il tono richiamava uno strano miscuglio di
sentimenti.
Il vento notturno frusciava. I capelli e il nastro frontale di Lan XiChen erano
un po’ scomposti. Tuttavia, il Capo della Setta GusuLan, che aveva sempre
valutato molto l’apparenza, non prestò loro alcuna attenzione. Depose solo
Liebing quando terminò la canzone, “La musica è vietata di notte nei
Meandri della Nuvola. Oggi sono andato troppo oltre. Scusami Giovane
Maestro Wei.”
Wei WuXian, “Perché mai? ZeWu-Jun, hai forse dimenticato che la persona
qui di fronte a te è quella che ha infranto in assoluto il maggior numero di
regole… “
Lan XiChen sorrise, “La Setta GusuLan non aveva mai rivelato agli estranei
il passato mio e di WangJi. Non avrei dovuto dirtelo. Stasera ho provato un
improvviso desiderio di liberarmi, sono stato spinto dal momento.”
Wei WuXian, “Non sono il tipo di persona che parla troppo. Non
preoccuparti, ZeWu-Jun.”
Lan XiChen, “Indipendentemente da ciò, suppongo che WangJi non ti
nasconda comunque nulla.”
Wei WuXian, “Se non desidera parlare di qualcosa, io non faccio domande.”
Lan XiChen, “Ma, con la personalità di WangJi, come potrebbe dire
qualcosa se non glielo chiedessi? Ci sono alcune cose che non direbbe
neanche chiedendogliele.”
Wei WuXian stava per replicare, ma sentì dei passi giungere alle sue spalle.
Si voltò e vide Lan WangJi, immerso nella luce della luna. La sua mano
destra reggeva due vasi rotondi di liquore con dei coperchi rossi. Gli occhi di
Wei WuXian si illuminarono, “HanGuang-Jun, sei davvero premuroso!”

Mo Dao Zu Shi – Capitolo 65 –


Tenerezza – Parte Tre
Lan WangJi si avvicinò e gli consegnò i vasi del Sorriso dell’Imperatore. Con
i vasi tra le braccia, Wei WuXian entrò. Alle sue spalle, Lan WangJi scosse la
testa, sebbene il suo sguardo fosse più dolce che mai. Lan XiChen gli lanciò
un’occhiata, “Li hai presi dalla tua stanza?”
Lan WangJi annuì.
Lan XiChen, “Sarà meglio… che non tocchi di nuovo il liquore. Stai attento
ed evita che possa accadere di nuovo la stessa cosa di quella volta.”
I suoi occhi si posarono sugli abiti nella zona delle clavicole di Lan WangJi.
Lan WangJi abbassò lo sguardo, fissandosi il centro del petto, “Non
succederà di nuovo.”
Lan XiChen forzò un sorriso, per poi sospirare subito dopo.
Dopo che Lan XiChen andò via, Lan WangJi entrò e chiuse delicatamente la
porta dietro di sé. Wei WuXian tolse i coperchi dai vasi mentre continuava
ripensare alle storie di Lan An, il fondatore della Setta GusuLan, e di
QingHeng-Jun, La Setta GusuLan è proprio una strana Setta. Anche se il
fondatore era un monaco e il suo stile è così ortodosso, in realtà… è una
setta che tira su molti romantici.
Mentre rifletteva al riguardo non poté fare a meno di osservare l’altro
discendente della Setta GusuLan presente nella stanza.
Lan WangJi stava leggendo un libro, a testa bassa. Una lanterna di carta era
posta nell’angolo della scrivania. Attraverso la tenue luce del fuoco, il suo
viso era ancora più simile a un ritaglio di giada raffinata. Anche la sua
espressione indifferente e i suoi occhi chiari sembravano dei cristalli dalla
tonalità più calda. Era così bello da sembrare irreale. Colto dal momento,
Wei WuXian era in qualche modo estasiato. Involontariamente, si avvicinò
di un passo.
Lan WangJi alzò lo sguardo, chiedendo, “Cosa c’è?”
Wei WuXian ritornò immediatamente in sé, “Niente. Il tuo segnalibro è
molto carino.”
Il segnalibro di Lan WangJi era un fiore essiccato, di una tonalità chiara. Era
stato conservato con molta cura e il suo colore era vivace. I petali e le
sfumature erano così delicati che sembrava vivo. Tra le pagine, emanava un
aroma soave. Wei WuXian afferrò il segnalibro e chiese, “Una Peonia?”
Lan WangJi, “Mn.”
Wei WuXian giocò con il segnalibro tra le sue mani prima di restituirglielo,
“Tuo fratello ha ricevuto uno shock piuttosto grande.”
Con cura, Lan WangJi ripose la peonia essiccata di nuovo nel libro. Chiuse le
pagine, “Ora che ha trovato le prove, non lo tollererà.”
Wei WuXian, “Certo. Dopotutto, è tuo fratello.”
A prescindere dalla vicinanza tra Lan XiChen e Jin GuangYao, apparteneva
pur sempre alla Setta GusuLan e aveva i suoi principi.
Wei WuXian aprì un vaso di liquore, L’ultima volta che Lan Zhan si era
ubriacato, aveva rivelato con sincerità di non aver mai bevuto il Sorriso
dell’Imperatore nella sua stanza. Allora perché lo ha nascosto lì? Non lo
avrà nascosto solo per me, no? È un piuttosto spudorato da parte mia
pensarla in questo modo. A proposito, dovrei scusarmi prima di tutto
riguardo al nastro frontale? Dopotutto ci ho giocato così tante volte. E se si
sentisse talmente imbarazzato da impazzire e cacciarmi di qui? Ma l’ho
preso in giro tante volte e non si è affatto arrabbiato, il suo autocontrollo è
chiaramente migliorato. Sono sicuro che, anche se mi spingessi un po’ più
in là nello scherzare, non si arrabbierebbe. No, non dovrei chiederglielo.
Forse dovrei fingere di non conoscere il significato del nastro frontale. Così
la prossima volta potrò tirarglielo via di proposito. Se si arrabbierà,
fingerò di essere innocente e dirò che non lo sapevo. L’ignoranza non è un
peccato…
 
Wei WuXian sembrò piuttosto soddisfatto di sé. Lan WangJi gli chiese, “Che
cosa succede?”
Si voltò con un’espressione seria, “Niente. Sono di buon umore.”
Distrattamente, aprì un vaso, lo raccattò e ne inghiottì un sorso prima di
sputarlo all’improvviso con un pfft.
Lan WangJi abbassò subito il suo libro, “Cos’è successo questa volta?”
Wei WuXian agitò le mani, “Niente! Niente, niente!”
Non disse nulla, ripose il vaso e ne raccolse un altro con un’espressione
abbattuta sul volto.
L’ultima volta aveva bevuto un vaso di liquore, per poi riempirlo
appositamente d’acqua per sorprendere Lan WangJi se l’avesse mai bevuto.
Tuttavia, non immaginava che sarebbe stato tanto sfortunato. I due vasi che
Lan WangJi aveva portato includevano anche quel vaso di limpida acqua, e
lo aveva bevuto lui stesso.
Da quando era tornato, ogni volta che voleva prendere in giro Lan WangJi,
finiva per colpire i suoi stessi piedi. Non riusciva proprio a concepirlo!
Wei WuXian si addormentò poco dopo. Dormì fino al primo mattino,
quando improvvisamente si svegliò. Con un brivido, si trascinò in avanti e
alzò lo sguardo. Lan WangJi era ancora vestito, la spada era sulla sua
schiena. Mentre ritirava la mano che aveva appoggiato sulla spalla di Wei
WuXian, fissò un oggetto bianco nel palmo della sua mano, “Abbiamo un
ospite senza invito.”
Wei WuXian strizzò gli occhi per vedere meglio. L’oggetto era il Gettone di
Giada di accesso della Setta GusuLan. Rammentò che il gettone di Lan
WangJi era di un livello molto alto e poteva avvisarlo se altri penetravano
oltre la barriera della Setta GusuLan.
Ma nessuno osava introdursi nei Meandri della Nuvola da oltre una dozzina
d’anni. Wei WuXian balzò giù dal letto. Notò che la tunica esterna gli era
stata tolta durante il sonno. La indossò mentre parlava, “Chi è?”
Lan WangJi scosse la testa, indicando a Wei WuXian di seguirlo. I due
camminarono furtivamente fino a quando giunsero in una residenza posta
tra i prosperanti bambù. La luce filtrava dalle finestre di carta. Wei WuXian
lanciò un’occhiata alle piastrelle di legno davanti al cortile, “L’Hanshi?”
Come previsto, Lan XiChen era seduto nella stanza. Quando vide i due
entrare, non sembrò affatto sorpreso. Scambiò un’occhiata d’intesa con Lan
WangJi, ed entrambi sembrarono capire. Lan WangJi condusse Wei
WuXian per sedersi dietro al divisorio.
Poco dopo, le tende di bambù dell’Hanshi furono sollevate. Una serie di
passi delicati penetrarono nella stanza. L’individuo sembrò sedersi davanti
di Lan XiChen.
Qualche istante dopo, sopraggiunse il suono della giada che batteva su
qualcosa. Sembrava che qualcuno avesse appoggiato qualcosa sul tavolo per
poi spingerlo.
Il primo a parlare fu Lan XiChen, “Che cosa significa?”
Qualcuno parlò, “Te lo restituisco, Fratello”.
Si trattava di Jin GuangYao.
Lan XiChen, “Te l’ho già ceduto.”
Jin GuangYao, “Il gettone di accesso non ha mai fallito prima d’ora. Ora che
non ha funzionato, è giunto il momento che venga restituito al legittimo
proprietario.”
Wei WuXian aveva compreso. Poiché ZeWu-Jun e LianFang-Zun erano
legati da una buona relazione, Lan XiChen aveva dato a Jin GuangYao anche
un gettone di accesso così che potesse entrare liberamente. Tuttavia,
probabilmente nei giorni precedenti aveva modificato i permessi nei
Meandri della Nuvola o aveva ritirato il permesso del gettone di accesso
appartenente a Jin GuangYao. Quando Jin GuangYao era giunto a fargli
visita, gli era stato negato l’accesso, e così aveva restituito spontaneamente il
gettone di accesso.
Proprio come Lan WangJi, anche Lan XiChen non era in grado di mentire.
Jin GuangYao arrestò la sua avanzata, mentre Lan XiChen non aggiunse
nulla. Un attimo dopo, parlò, “Perché sei venuto?”
Jin GuangYao, “Non abbiamo ancora notizie riguardo HanGuang-Jun e il
Patriarca Yiling. Non ho concesso a nessuno di cercare nei Meandri della
Nuvola, e molte Sette sono già titubanti e stanno sollevando delle obiezioni.
Fratello, che ne sia d’accordo o no, sarebbe comunque meglio per te aprire le
porte per almeno due ore. Così potrò condurre qui delle persone e risolvere
la situazione.”
Wei WuXian aveva ipotizzato che fosse giunto lì per richiedere una
perlustrazione. Non avrebbe mai pensato che Jin GuangYao fosse giunto che
chiedere una cosa del genere, come se non fosse affatto interessato a
scoprire dove fosse andato il Patriarca Yiling. Non poté fare a meno di
restarne sorpreso. Dall’altro lato del divisorio, Jin GuangYao continuò,
“Fratello, c’è qualcosa che non va?”
Lan XiChen, “Nulla”.
Jin GuangYao, “Se sei preoccupato per WangJi, per favore tranquillizzati.
HanGuang-Jun è una persona onesta. Tutte le Sette l’hanno visto nel corso
degli anni. Lo avrà fatto solo a causa di qualche menzogna. Inoltre, non ha
ancora commesso nulla d’imperdonabile. Non ci saranno problemi finché
fornirà una spiegazione quando sarà il momento. Non permetterò a nessuno
di cogliere l’occasione per diffondere delle voci.”
Lan XiChen, “Quando sarà il momento? Quando sarebbe? “
Jin GuangYao, “Dopo aver rassettato i Tumuli Sepolcrali.”
Wei WuXian si fermò stupito. Lan XiChen, “I Tumuli Sepolcrali?”
Jin GuangYao, “Fin dal giorno del combattimento alla Torre Koi, sono
accadute delle strane cose nelle zone di Moling, Lanling e Yunmeng. Le
tombe sono state distrutte e i cadaveri sono scomparsi. Alcuni segnali
palesano che ampi gruppi di cadaveri stanno viaggiando nella direzione di
Yiling. Probabilmente sono andati ai Tumuli Sepolcrali.”
Lan XiChen, “Di cosa potrebbe trattarsi?”
Jin GuangYao, “Non lo so. Secondo le speculazioni, Wei WuXian ha avviato
qualche oscuro schema o ha usato il Sigillo della Tigre.”
Lan XiChen, “Quella volta alla Torre Koi, è stato ferito da Jin Ling. Come
può comunque dare il via a delle simili cose?”
Jin GuangYao, “Fratello, durante la lotta con il Capo Setta Jiang, quando
Wei WuXian ha tradito la Setta YunmengJiang, quanto gravemente era stato
ferito? E non è ritornato ugualmente a disporre i cadaveri? Cosa in questo
mondo sarebbe difficile per il Patriarca di Yiling?”
Wei WuXian si accarezzò il mento, mi sopravvaluti troppo…
Jin GuangYao, “Quindi, prima o poi, potrebbe esserci un secondo assedio ai
Tumuli Sepolcrali. Ho già informato alcune altre Sette per discutere della
questione alla Torre Koi. Fratello, verrai?”
Pochi istanti dopo, Lan XiChen finalmente rispose, “Ci sarò. Aspettami al
Yashi. Verrò con te.”
Dopo che Jin GuangYao andò via, Lan XiChen si diresse dietro il divisorio e
guardò Lan WangJi, “Andrò alla Torre Koi, voi due recatevi ai Tumuli
Sepolcrali. Agiremo separatamente.”
Lan WangJi annuì con calma, “Sì.”
Lan XiChen, “Se ha davvero altri propositi, sicuramente non lo tollererò.”
Lan WangJi, “Lo so.”
I due lasciarono i Meandri della Nuvola attraverso un piccolo sentiero. Sulla
loro strada, l’erba accanto ai ciottoli bianchi frusciò prima di separarsi
improvvisamente, rivelando una piccola testa a forma di palla di neve e un
paio di lunghe orecchie.
Il coniglio alzò il naso rosa. Quando vide Lan WangJi, le sue orecchie
penzolanti si rianimarono all’improvviso. Con uno slancio delle sue zampe,
balzò verso di loro. Raggiunsero una macchia d’erba verde. Piccola Mela era
sdraiato sotto un albero mentre dozzine di rotondi conigli bianchi lo
circondavano, la maggior parte avevano gli occhi chiusi e dormivano. Alcuni
erano ancora rannicchiati.
Wei WuXian si avvicinò all’albero e accarezzò la testa di Piccola Mela. Con
un brivido, Piccola Mela si svegliò immediatamente, l’aria uscì dalle sue
narici. Alla vista di Wei WuXian, proprio mentre stava per mugugnare,
anche la pila di conigli iniziò a svegliarsi. Con le lunghe orecchie tremolanti,
tutti balzarono verso Lan WangJi. Dei batuffoli bianchi erano sui suoi stivali
innevati, continuando ad aggirarsi intorno a lui, carichi di entusiasmo.
Afferrando le redini di Piccola Mela, Wei WuXian lo tirò e lo incitò a
muoversi. I conigli si alzarono sulle zampe posteriori, aggrappandosi alla
gamba di Lan WangJi uno per uno. Tutti volevano salire. Lan WangJi era
immobile come una montagna. Quando i due cominciarono a camminare, i
conigli incespicarono mentre seguivano gli stivali bianchi. Si rifiutavano di
spostarsi anche se Wei WuXian provava continuamente a scacciarli.
Chinandosi, Lan WangJi ne raccolse uno e lo tenne tra le sue braccia.
Sebbene il suo viso fosse ancora freddo, il tocco delle sue mani era gentile.
Le sue dita sottili accarezzarono il mento di uno dei conigli. Il coniglio scosse
le sue lunghe orecchie. Si girò e socchiuse gli occhi color rubino, come se
stesse gioendo molto della carezza.
Wei WuXian voleva accarezzarlo, ma girò la testa. Wei WuXian, “Mi detesta.
Ama solo te. Sa chi è il suo padrone, eh?”
Lan WangJi lo guardò prima di passare il coniglio tra le sue braccia. Wei
WuXian lo prese in mano con un sorriso. Il coniglio si dimenò e rigirò tra le
sue braccia, lottando con più forza possibile. Wei WuXian gli tirò le orecchie,
“Non ti piaccio? Mi odi? Allora scappa. Ma non riuscirai a fuggire, non
importa quanto lo desideri. Perché non ti comporti obbedientemente e
accetti anche me?”
Stuzzicando il coniglio, Wei WuXian ci giocò per un po’. Quando furono
quasi fuori dalle porte dei Meandri della Nuvola, finalmente liberò il coniglio
a cui aveva ormai arruffato la pelliccia bianca. Ora che i conigli non
potevano più seguirli, abbassarono le orecchie e restarono seduti,
osservando il loro padrone mentre andava via.
Wei WuXian guardò alle sue spalle, “Non vogliono lasciarti andare.
HanGuang-Jun, non riesco a credere che tu piacciano tanto a quelle piccole
cose. Devi essere stato molto gentile con loro quando li hai allevati. Io non
sarei mai stato in grado di farlo.”
Lan WangJi, “No?”
Wei WuXian gioì, “Già! Quelli che volano, quelli che camminano, quelli che
nuotano, tutti fuggono non appena mi vedono.”
Lan WangJi scosse la testa. Ciò che aveva inteso era più che ovvio: Wei
WuXian doveva averli stuzzicati come prima cosa, ecco perché non lo
avevano mai gradito.
Mo Dao Zu Shi – Capitolo 66 –
Tenerezza – Parte Quattro
Percorrendo un sentiero di montagna, lasciarono i Meandri della Nuvola
attraverso una scorciatoia discreta. Si allontanarono sempre di più, fino ad
abbandonare la zona solitamente frequentata dai discepoli della Setta
GusuLan. Wei WuXian improvvisamente esclamò, “Ow, mi fa male lo
stomaco.”
Lan WangJi si fermò immediatamente, “Riposiamoci. Applichiamo di nuovo
l’unguento.”
Wei WuXian, “Non c’è problema. Mi sederò semplicemente laggiù.”
Lan WangJi, “Siediti.”
L’espressione di Wei WuXian sembrava disperata, “Ma salire sull’asino mi
risulta troppo difficile. Ho paura che possa influire sulla ferita.”
La sua ferita era guarita già da molto tempo. Stava chiaramente assumendo
un atteggiamento spudorato. Lan WangJi si fermò, voltandosi per guardarlo.
All’improvviso allungò la mano. Prestando attenzione a non toccare il punto
in cui era stato ferito, lo afferrò per la vita, lo sollevò delicatamente per poi
farlo sedere sulla schiena di Piccola Mela.
Dei due, il primo sedeva sull’asino mentre l’altro tirava le redini. Seduto in
groppa a Piccola Mela, Wei WuXian sorrise inarcando gli occhi.
Lan WangJi chiese, “Cosa c’è??”
Wei WuXian, “Niente.”
Come se avesse giocato uno scherzo a qualcuno, si sentiva piuttosto
soddisfatto di se stesso.
Sebbene non ricordasse molti eventi che erano accaduti quando era piccolo,
c’era una scena che era sempre stata impressa, seppur in modo sfocato, nella
sua mente.
Un sentiero stretto, un piccolo asino, e tre persone. U