Sei sulla pagina 1di 6

SECONDO CAPITOLO

PROMESSI SPOSI: IL
RIASSUNTO+ANALISI
SECONDO CAPITOLO PROMESSI
SPOSI: IL RIASSUNTO
Il secondo capitolo dei Promessi Sposi si apre con l’incontro tra Don Abbondio e
Renzo, dopo che i Bravi di Don Rodrigo hanno minacciato, nel primo capitolo, il
parroco affinché non permetta a Tramaglino di sposare Lucia.
RIASSUNTO PROMESSI SPOSI,
SECONDO CAPITOLO: L’INCONTRO
TRA DON ABBONDIO E RENZO
Don Abbondio trascorre una notte insonne, preoccupato perché presto avrebbe dovuto affrontare
Renzo. Manzoni lo paragona ironicamente al principe di Condè, il cui riposo però lo porta a una
vittoria bellica importante. La mattina puntualmente arriva, e con essa anche Renzo: questi è descritto
come un giovanotto robusto, onesto anche se un po’ impaziente, orfano e di bassa estrazione sociale,
che però ha saputo procurarsi una certa tranquillità economica con il lavoro di filatore adottato dalla
famiglia. Il ragazzo è vestito a festa, con un bel cappello adornato di piume, e si reca dal parroco per
conoscere l’ora del matrimonio.
È a questo punto che la sua ignoranza viene usata contro di lui. Don Abbondio infatti cerca di
ingannarlo spiegandogli che vi sono impedimenti di natura burocratica, di cui si dice responsabile;
Renzo è dubbioso e un po’ nervoso, ma nonostante tutto si lascia convincere. Sulla strada per tornare a
casa incontra Perpetua: lui vuole saperne di più, mentre lei non vede l’ora di spiegare a Renzo il vero
motivo del rifiuto del prete, ovvero la minaccia di un misterioso persecutore. Infuriato, il giovane si
reca di corsa da Don Abbondio, e con una certa foga, portando anche la mano al coltello, costringe il
pauroso uomo di Chiesa a vuotare il sacco: al nome di Don Rodrigo Renzo sbianca, conoscendone la
potenza, e fa ritorno a casa con la coda tra le gambe, ancora visibilmente alterato.
PROMESSI SPOSI, RIASSUNTO
SECONDO CAPITOLO: RENZO PARLA
CON LUCIA
Lungo il sentiero Renzo, dopo aver pensato all’omicidio, si chiede se Lucia non
fosse a conoscenza di questo impedimento e, sempre più arrabbiato, inizia a
chiedersi se la ragazza potesse essere già d’accordo con il signorotto. Tuttavia lo
stesso pensiero della fidanzata lo fa calmare e rabbonire e lo fa tornare alla
ragione: deve parlare con Lucia per spiegarle tutto.
Arrivato a casa della giovane Renzo parla alla promessa sposa. Questa, vestita e
agghindata per la festa, ci viene descritta accuratamente: i suoi lunghi capelli neri
sono raccolti in trecce, indossa una gonna di seta e un corpetto in broccato e al collo
ha una collana modesta. La ragazza è sorpresa, ma una volta arrivata anche la madre
Agnese mostra di essere a conoscenza della passione che Don Rodrigo nutre per
lei. Lucia dunque manda via tutte le donne, che stavano preparando il matrimonio,
adducendo la malattia del parroco come scusa per il rinvio.
SECONDO CAPITOLO RIASSUNTO
PROMESSI SPOSI: DON ABBONDIO E
LA PERPETUA
In effetti Don Abbondio sta molto male, e dopo essersi arrabbiato con Perpetua per
il suo tradimento si mette a letto. La sua casa viene sbarrata, e la serva respinge le
donne della parrocchia confermando l’infermità del prete.
ANALISI PROMESSI SPOSI, SECONDO
CAPITOLO: LA FIGURA DI LUCIA
Ancora prima di comparire in scena Lucia viene subito denotata da Manzoni come
una figura angelica, piena di grazia, incarnazione della virtù cristiana in un certo
senso. Basta solo il pensiero della sua persona a donare pace al tormentato Renzo –
cosa che accadrà più volte in futuro – e con poche parole la ragazza dimostra di
essere del tutto innocente e avulsa da qualsiasi sospetto. Lucia, molto più
dell’impetuoso Renzo, sarà caratterizzata come il polo positivo del romanzo (lo
vedremo anche nella vicenda dell’Innominato).