Sei sulla pagina 1di 4

Eugenia Cordiano Analisi de Il barone rampante di Italo Calvino

Momenti o fatti che decidono lo sviluppo della storia (almeno 2) Messaggio del romanzo Personaggi positivi/negativi perch Nel corso del romanzo si verificano cambiamenti nella psicologia dei personaggi e/o nei rapporti tra di loro? Come giudichi il modo di scrivere dello scrittore? Saresti intervenuto nella conclusione? 1) Tra i fatti che decidono lo sviluppo del racconto, bisogna ricordare il perch della decisone presa da Cosimo, il barone rampante, di vivere tutta la sua vita sugli alberi, senza mai mettere pi piede a terra. Cosimo era il primogenito di Arminio di Rond, Barone di Ombrosa, e aveva un fratello, Biagio, con il quale trascorreva tutte le sue giornate. Un giorno Cosimo, oramai dodicenne, durante un pranzo in famiglia, si rifiut di mangiare un piatto di lumache preparato da sua sorella Battista. Dopo aver suscitato lira del padre scapp in giardino e si arrampic su uno degli alberi pi alti, giurando che non sarebbe mai pi sceso. La promessa fu mantenuta fino alla fine. Cosimo riuscito a condurre una vita normale sugli alberi, pur dovendo affrontare non poche difficolt, tra queste cerano: procurarsi il cibo, difendersi dagli animali, costruirsi un giaciglio dove dormire,. Per superarle, Cosimo si era fatto aiutare da suo fratello Biagio, che ogni tanto gli portava del cibo, poi dai contadini che lavoravano nelle terre vicino a Ombrosa e dagli abitanti. Un altro momento importante lincontro tra Cosimo e Viola, la figlia dei Marchesi dOndariva. Lei il primo, unico vero amore di Cosimo, che se nera innamorato fin dal primo momento in cui laveva vista. Viola per costretta ad andare in collegio, perch la sua famiglia non voleva che avesse pi contatti con Cosimo, che era considerato un selvaggio.

Dopo molti anni i due si ritrovano e Viola si far desiderare molto da Cosimo, che soffrir per lei per amore, fino a quando Viola se ne andr definitivamente da Ombrosa per paura della Rivoluzione Francese. 2) Il gesto di Cosimo di scappare sullalbero, pu essere interpretato come la volont di rompere gli schemi imposti dalla societ di allora. Questo suo vivere sugli alberi rappresenta un distacco dal mondo da dove proveniva, ma anche un modo per non allontanarsi troppo dalle persone a lui care, pur mantenendo una certa distanza, proprio per sottolineare le differenze tra i due diversi modi di vivere. Cosimo continua ugualmente ad avere contatti con la gente del suo paese, mantenendo per saldi i suoi principi. In punto di morte, quando tutti sperano che lui abbia deciso di scendere, Cosimo stupisce ancor pi salendo sullalbero pi alto e una volta in cima, al passaggio di una mongolfiera, compie uno slancio verso questa e si aggrappa ad una corda iniziando a volare lontano, sotto gli occhi increduli di tutta la gente di Ombrosa. Cosimo vola viaper sempre verso la libert. Cosimo ha creduto in se stesso fino alla fine.

3) Tra i personaggi bisogna ricordare Biagio, fratello di Cosimo, il quale pu essere considerato un personaggio positivo, in quanto rimasto sempre fedele al fratello fino alla fine; Viola, suo primo ed unico amore, che a causa dei suoi comportamenti poco chiari, lha fatto soffrire, per poi abbandonarlo definitivamente durante il periodo della Rivoluzione; per questo non la si pu definire come un personaggio positivo a tutti gli effetti. Poi tra i personaggi minori ci sono gli abitanti di Ombrosa e dei pesi limitrofi che allinizio vedevano Cosimo come un selvaggio e cercavano di evitarlo,

successivamente erano riusciti ad accettare il suo insolito stile di vita ed avevano iniziato una stretta collaborazione con lui.

4) I cambiamenti psicologici dei personaggi si possono notare nel protagonista e negli abitanti di ombrosa e dei territori visitati da Cosimo durante le sue escursioni. Cosimo inizia la sua vita sugli alberi durante ladolescenza, allinizio il suo comportamento sembra quello di un ragazzo testardo, che vuole fare un dispetto alla sua famiglia, tutto questo per si trasforma in un vero e proprio, anche insolito, stile di vita. Cosimo si formato dei ferrei principi, grazie anche alla cultura che si era fatto, leggendo i libri pi vari e seguendo ancora le lezioni del suo vecchio precettore, che era costretto a salire sui rami per impartirgli lezioni di latino e di greco. Gli abitanti dei territori di Ombrosa e quelli limitrofi, allinizio della vicenda avevano un comportamento restio nei confronti di Cosimo, lo credevano un selvaggio, quasi un animale e qualcuno lo aveva additato come un ladro. Con il passare del tempo la loro opinione cambiata e tra loro e Cosimo nato anche un rapporto di collaborazione reciproca.

5) La storia raccontata da Biagio diventato adulto. Il narratore onnisciente e qualche volta interviene commentando. Il linguaggio usato da Calvino lineare, scorrevole, anche se vi sono alcune frasi scritte completamente in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Queste frasi, apparentemente incomprensibili, sembrano interrompere la narrazione. Il lettore riesce comunque a capire il senso del racconto e la lettura risulta agevole.

6) S, sarei intervenuta nella conclusione perch il finale mi sembra incompleto. Cosimo, ormai ultra sessantacinquenne e in condizioni di salute precarie, si arrampica per lultima volta su un albero molto alto e si aggrappa alla corda di una mongolfiera che passa proprio sopra di lui. Questo finale lasciato un po in sospeso, forse vuole richiamare limmagine finale di Cosimo sospeso per aria! Avrei preferito una conclusione pi marcata e definita, dove venisse specificata la morte di Cosimo. Forse per questo finale lasciato in sospeso vuole alludere al fatto che le avventure di Cosimo continueranno e il suo ferreo principio di non mettere pi piede a terra verr sempre rispettato.