Sei sulla pagina 1di 3

Capitolo 1:

Don Abbondio,di ritorno da una passeggiata, viene affrontato da 2 bravi di Don Rodrigo,
che gli ordinano di non celebrare il matrimonio tra Lucia Mondella e Renzo Tramaglino.
Tornato a casa,Don Abbondio,dopo qualche esitazione,rivela l’accaduto a Perpetua.

Capitolo 2:
Don Abbondio passa una notte agitata e decide di rinviare il matrimonio raggirando
Renzo. Dopo una lunga discussione con quest’ultimo,tra cui recita degli impedimenti di
carattere canonico,e riesce a convincere Renzo a rimandare il matrimonio con Lucia.
Renzo,dopo un dialogo con Perpetua che si lascia scappare che c’è di mezzo un poten-
te,torna da Don Abbondio che terrorizzato svela che l’impedimento è causato da Don
Rodrigo. Il povero ragazzo si dirige verso casa di Lucia progettando piani di violenza nei
confronti di Don Rodrigo.

Capitolo 3:
Lucia rivela di essere stata importunata da Don Rodrigo. La madre di Lucia,Agne-
se,suggerisce a Renzo di recarsi dall’avvocato Azzecca-garbugli per raccontargli l’ac-
caduto. Renzo viene cacciato dall’avvocato che non vuole avere a che fare con Don
Rodrigo. Intanto Lucia chiede a fra Galdino, che passava da casa sua,di avvisare fra
Cristoforo che venga subito.

Capitolo 4:
Il giorno dopo,fra Cristoforo,si incammina verso casa di Agnese e Lucia…Qui il Manzo-
ni, con un flashback racconta la storia di fra Cristoforo, rinchiusisi in convento dopo aver
ucciso un nobile.

Capitolo 5:
Fra Cristoforo giunge finalmente a casa di Lucia,la quale gli racconta l’accaduto. Cristo-
foro dopo aver meditato decide di andare a parlare a Don Rodrigo, che intanto ha in ca-
sa degli amici.

Capitolo 6:
Fra Cristoforo riesce a parlare con Don Rodrigo,ma il discorso si trasforma in discussio-
ne e Cristoforo se ne va maledicendo Rodrigo. Mentre Fra Cristoforo lascia il castello
viene fermato da un servitore di Don Rodrigo che gli promette di informarlo dei piani di
quest’ultimo. Intanto Agnese propone di fare un matrimonio a sorpresa. Renzo trova 2
testimoni anche se contro la volontà della giovane Lucia.

Capitolo 7:
Fra Cristoforo torna da Lucia e i 3 decidono che il matrimonio a sorpresa sia la cosa
giusta da fare. L’indomani delle figure misteriose(i bravi di Don Rodrigo) si aggirano dei
dintorni della casa di Lucia per prepararne il rapimento. Il servitore però,fedele a Fra
Cristoforo gli svela il piano. Alla sera i due sposini,Agnese e i 2 testimoni si avviano ver-
so casa di Don Abbondio.
Capitolo 8:
Con un imbroglio i 5 riescono ad entrare a casa di Don Abbondio. I due sposi pronun-
ciano le parole che gli avrebbero fatti diventare marito e moglie,quando Don Abbondio
scaglia un tappeto contro Lucia,che non riesce a finire la frase. Il sacrestano suona le
campane ed inizia ad arrivare la gente del villaggio a causa di quelle urla. Mentre i 5
scappano, Menico avverte che a casa di Lucia sono andati i bravi e gli sposi e Agnese
si recano immediatamente da Fra Cristoforo,il quale consiglia ad essi di fuggire
dividendosi:Lucia e Agnese a Monza e Renzo a Milano.

Capitolo 9:
Lucia,Agnese e Renzo raggiungono Monza,dove il ragazzo si congeda per recarsi a Mi-
lano. Il capitolo narra poi la storia di Gertrude(la monaca di Monza) costretta a farsi suo-
ra dal padre.

Capitolo 10:
Il capitolo si apre con la storia di Gertrude che deve superare l’esame del vicario per
farsi monaca. Nel convento però ha una relazione con Egidio…La monaca di Monza
sottopone Lucia a un interrogatorio sulla relazione tra lei e Renzo.

Capitolo 11:
La narrazione torna indietro fino alla “notte degli imbrogli” dove Rodrigo è nervoso per-
ché sa che sta per perdere una scommessa fatta con zio Attilio. Il Griso,interrogando
delle persone,scopre come sono andate le cose quella notte e scopre che Agnese e
Lucia sono state mandate sotto la protezione della monaca di Monza,mentre Renzo è a
Milano.
Intanto Renzo dopo essere arrivato al convento in direzione della porta orientale e non
avendo trovato padre Bonaventura ad accoglierlo,si guarda intorno e scopre che nella
città c’è la rivolta del pane.

Capitolo 12:
La popolazione di Milano saccheggia il “forno delle grucce” e dopo si reca a casa del
vicario(responsabile della carestia). Renzo si trova coinvolto inconsapevole di ciò che
sta accadendo.

Capitolo 13:
La casa del vicario viene presa d’assalto da una folla di malintenzionati tra i quali c’è
anche Renzo,che al contrario,ha buone intenzioni. Ad un tratto si annuncia l’arrivo del
cancelliere Ferrer che viene salutato festosamente,ma,invece,lui era venuto per portare
in salvo il vicario il quale giurava di voler ritirarsi e fare l’eremita.

Capitolo 14:
Quando la folla si disperde Renzo si trova in un convegno nel quale espone la sua opi-
nione sulla rivolta e viene acclamato dalla gente. Giunta la sera si fa accompagnare da
una persona(uno sbirro travestito)all’osteria della Luna Piena. Qui Renzo non lascia i
suoi dati all’oste,ma dopo essersi ubriacato,sì.
Capitolo 15:
Nella notte l’oste si reca alla polizia e denuncia Renzo,il quale al suo risveglio viene ar-
restato e accompagnato alla centrale di polizia. Ma durante il tragitto accorre il popolo a
vedere cosa stia succedendo a Renzo,il quale dice di essere stato arrestato solamente
perché aveva sostenuto le sue idee. A quel punto il popolo insorge e libera Renzo,che
scappa via.

Capitolo 16:
Renzo fugge e prende la strada per Bergamo. La prima notte si ferma in una locanda
incontrata per strada e la notte dopo in una locanda del paese di Gorgonzola dove,un
mercante di Milano racconta dei tumulti avvenuti e dice che è stato emesso un mandato
di cattura per Renzo,il quale dopo aver mangiato si rimette in cammino.

Capitolo 17:
Renzo passa la notte in una capanna e la mattina dopo arriva a casa del cugino di Ber-
gamo.

Capitolo 18:
Il capitano di giustizia chiede il giorno stesso l’arresto di Renzo. Il Griso intanto ha sco-
perto con precisione dove si trovano Agnese,Lucia e Fra Cristoforo e riferisce tutto a
Don Rodrigo, che decide di appellarsi all’Innominato che,sotto consiglio dello zio conte
Attilio,decide di aiutarlo per non fargli combinare guai.

Capitolo 19:
Attilio invita il padre provinciale e dopo un lungo discorso,convince il padre a far allonta-
nare a Rimini Fra Cristoforo. La storia poi passa all’Innominato,che protegge chi gli
chiede aiuto.