Sei sulla pagina 1di 19

Impiego dei ponti radio

nelle reti MAN


Xavier Cosmini

Ponti radio
Per ponte radio (radio link) si intende
un sistema di collegamento puntopunto, bidirezionale, che utilizza le
onde elettromagnetiche per
trasmettere informazioni sia
analogiche sia digitali.

Ponti radio digitali


I ponti radio digitali (o numerici) sono
al giorno doggi largamente pi usati
di quelli analogici, dal momento che
l informazione da trasmettere
prevalentemente digitale (segnali
multimediali).

Ponti radio digitali


Le modulazioni impiegate sono
quelle digitali, la PSK (Phase Shift
Keying), modulazione di fase, e la
QAM (Quadrature Amplitude
Modulation), modulazione di
ampiezza e fase.

Reti MAN
Una rete di telecomunicazione definibile come
l'insieme di dispositivi, canali trasmissivi e
procedure mediante le quali due dispositivi
d'utente, remoti e collegati alla rete, possono
scambiarsi dell informazione.
Una rete MAN (Metropolitan Area Network, rete
metropolitana) una rete che si estende
nellarea di una citt collegando singoli computer
o reti LAN (Local Area Network, reti locali).
Una caratteristica delle reti MAN la grande
velocit di connessione, di solito sono reti in fibra
ottica o altri supporti digitali.

Utilizzo di ponti radio nelle reti


MAN
Sempre pi spesso si ha la necessit
di collegare tra loro reti LAN
adiacenti, o nelle vicinanze, oppure a
distanza, all interno di una rete MAN;
per fare ci pu risultare utile il
collegamento punto-punto tramite
ponti radio.

Utilizzo di ponti radio nelle


reti MAN
Si pensi ad esempio al
collegamento tra reti
locali di due o pi edifici
di una stessa azienda, o
al collegamento di reti
LAN di strutture
collocate in edifici
diversi, o infine al
collegamento di reti
locali distanti ma in

Utilizzo di ponti radio nelle


reti MAN
L utilizzo dei ponti radio pu risultare
utile qualora ci fossero degli
impedimenti fisici (geomorfologici,
urbanistici, ecc.) o per il vantaggio di
non dover cablare in fibra ottica
(costi, concessioni, lavori, tempo).

Utilizzo di ponti radio nelle


reti MAN
Per questo tipo di collegamenti, si
possono usare due sistemi:

Il sistema Radio a banda diffusa

Il sistema Radio a banda stretta

Sistema Radio a banda


diffusa
Esso utilizza apparati comunemente
denominati Spread Spectrum (Banda
diffusa).
Gli apparati che utilizzano tecnologie
di tipo Spread Spectrum presentano
un buon grado di sicurezza nella
trasmissione dei dati, la semplicit di
interfacciamento alla LAN
(generalmente con porta Ethernet), la
relativamente facile messa in opera.

Sistema Radio a banda


diffusa
A differenza del mercato nord-americano e
giapponese, dove l FCC ha concesso anche
una banda a 900 MHz, l ETSI ha limitato allo
spettro attorno ai 2450 MHz e 5500 MHz, le
emissioni dei dispositivi in questione in
Europa.
La tecnologia a spettro diffuso nasce
nellambiente militare e solo recentemente
stata regolamentata dal Ministero delle
Comunicazioni Italiano per gli impieghi civili.

Sistema Radio a banda


diffusa
Il trasmettitore diffonde il segnale con
una potenza massima bassa (50 mW).
La potenza massima raggiunta solo
in presenza di una grande quantit di
dati da trasmettere.
I canali da trasmettere variano
continuamente la loro posizione nel
dominio della frequenza.

Sistema Radio a banda


stretta
Utilizza ponti radio che possono sfruttare
diverse bande nel campo delle microonde.
Per concezione tecnica e potenze in gioco,
questo tipo di radio-collegamento
adatto a distanze pi elevate rispetto ad
un
impianto in tecnologia Spread Spectrum,
di solito limitato a tratte di qualche decina
di Km.

Sistema Radio a banda


stretta
I sistemi in banda stretta (Narrow Band)
sono molto efficienti, consentono quindi
elevate capacit trasmissive con il
minimo utilizzo di risorsa radio, fino a 155
Mb/s.

Per l'area urbana sono utilizzate le


frequenze sopra gli 11 GHz; normalmente
sono terminali punto-punto, capaci di
coprire anche distanze extraurbane.

Sistema Radio a banda


stretta

Il collegamento punto-punto in ponte radio a banda stretta


pu essere di due tipi, a multiplazione Plesiocrona o
Sincrona:
Plesiocrona:
PTP NB PDH Point-to-point Narrow Band Plesiochronous
Digital
Hierarchy:
Presenta una struttura di trama rigida e complessa.
Sincrona:

PTP NB SDH Point-to-point Narrow Band Syncronous


Digital
Hierarchy:
Consente strutture di trama molto pi semplici ed
compatibile
con la gerarchia plesiocrona.

Nei sistemi di telecomunicazioni plesiocroni


PDH (Plesiocronous Digital Hierarchy) la
velocit minima di bit rate da trasferire
di 2 Mb/s, fino ad arrivare a 140 Mb/s.
Causa le limitate larghezze dei canali, i ponti
radio, nonostante l'utilizzo di complesse
modulazioni, possono trasmettere velocit
massime di 34 Mb/s (raramente 140 Mb/s).
Nei ponti radio SDH la velocit di trasmissione
pu arrivare a 155 Mb/s.

Dal 1999, con un progetto di cui fu


responsabile il Prof. Inchingolo, l
Universit degli Studi di Trieste studi
una Rete Metropolitana a servizio
dellUniversit e degli Enti Scientifici
di Trieste (SIST - Sistema Informatico
Scientifico Triestino), con collegamenti
proprietari in ponte Radio alle sedi
periferiche dellAteneo, in
collaborazione con SISSA, gli Enti del
SIST e lUniversit di Udine.