Sei sulla pagina 1di 20

International Speakers Training

February 22nd 25th in Baden-Baden

TRATTAMENTO OMOTOSSICOLOGICO DELLA FARINGO-TONSILLITE ACUTA STREPTOCOCCICA


Dr. Antonello Arrighi
Italian Medical Homotoxicology Association

Paedriatics Specialist Teacher A.I.O.T

Montevarchi, Arezzo - Italy

CLINICAL HISTORY
PAZIENTE: G.A. Femmina, nata il 30 10 - 1996
Anamnesi Patologica Remota: allet di 3 anni Broncopolmonite sx. basale. Ripetuti episodi di infezioni alle vie respiratorie alte: otiti, faringo-tonsilliti, otiti, laringiti con incremento globale dellincidenza dal momento dellinserimento in comunit infantile. Dopo lepisodio di broncopolmonite la piccola paziente si presenta alla mia attenzione e da allora viene curata preferenzialmente con rimedi omotossicologici. Anamnesi Patologica Prossima: dal settembre 2005 inizia protocollo preventivo Omotossicologico per le infezioni respiratorie ricorrenti (IRR); il 4 anno che lo assume con ottimi risultati. E stata bene fino alla sera prima della mia visita, quando ha avvertito dolore alla deglutizione, stanchezza, mal di testa, dolore addominale diffuso con nausea; la madre constata rialzo febbrile (38,5C)

VISITA AMBULATORIALE
11 ottobre 2005
ESAME OBIETTIVO: la paziente si presenta in condizioni generali discrete, lamentando una importante faringodinia, cefalea e dolore al collo in sede angolo mandibolare bilateralmente (++ Dx). Allispezione il faringe notevolmente iperemico con petecchie emorragiche Diffuse su palato molle ed ugola; le tonsille sono ipertrofiche con evidente essudato bianco-giallastro; la lingua bianca patinosa con papille ipertrofiche ed iniziale disepitelizzazione. Alla palpazione del collo si evidenzia una notevole ipertrofia linfonodale soprattutto in sede laterocervicale e sottoangolo-mandibolare. Auscultazione del torace: negativa Otoscopia: normale bilateralmente Obiettivit cardiaca nella norma Alla palpazine delladdome: lieve dolenzia in sede periombelicale Non si evidenziano esantemi o rash a livello cutaneo La temperatura ascellare e di 38,2C

SOSPETTO DIAGNOSTICO
FARINGOTONSILLITE ACUTA STREPTOCOCCICA

ACCERTAMENTI DIAGNOSTICI
Sono stati eseguiti:

TEST IMMUNOCROMATOGRAFICO RAPIDO (StreptA+) per la rilevazione di antigeni dello Streptococco del Gruppo A su tampone faringeo RISULTATO: positiva la ricerca degli antigeni
MULTISTIX URINE strisce reattive per la determinazione su urine fresche di 10 parametri; lettura visiva con metodo di confronto delle aree reattive con scale colorimetriche RISULTATO: normali tutti i parametri analizzati

DIAGNOSI DEFINITIVA
FARINGOTONSILLITE ACUTA MUCO-PURULENTA DA STREPTOCOCCO GRUPPO A

INQUADRAMENTO REATTIVO NELLA TAVOLA DELLE OMOTOSSICOSI

PROPOSTA DI UNA STRATEGIA TERAPEUTICA OMOTOSSICOLOGICA

Previo

CONSENSO INFORMATO
da parte dei genitori

TERAPIA

ECHINACEA COMPOSITUM forte S fiale


1 fiala per os al giorno per 7 giorni

MERCURIUS-Heel S compresse
1 compressa ogni 30 per le prime 2h Terapia di Attacco dopo 1 compressa 3 volte al giorno per 7 giorni

BELLADONNA-HOMACCORD gocce
10 gocce ogni 30 per le prime 2h Terapia di Attacco dopo 10 gocce 3 volte al giorno per 7 giorni

STREPTOCOCCUS HAEMOLITYCUS INJEEL fiale


1 fiala per os al giorno per i primi 3 giorni dopo 1 fiala a giorni alterni per altre 3 fiale (9 giorni in totale di terapia)

QUALE E IL RAZIONALE DELLUTILIZZO DI QUESTI RIMEDI?

ECHINACEA COMPOSITUM forte S fiale

Per la simolazione delle difese antiinfettive, in particolare


antibatteriche, attraverso lattivazione dei linfociti B e conseguente produzione di gamma-globuline; la forma forte effettua una modulazione del processo infiammatorio, con contenimento della sintomatologia e

risulta pi indicata nelle manifestazioni acute.

Echinacea compositum
Stimolazione della funzione connettivale con disattivazione, clivaggio e centrifugazione del carico tossico
-Cortisonacetat -Pulsatilla -Thuja -Zincum metallicum

-Pyrogenium -Argentum nit. -Sanguinaria -Phosphorus -Gelsemium

-Echinacea ang. -Aconitum -Bryonia -Eupatorium p. -Phytolacca

Modulazione del processo infiammatorio acuto e cronico

-Hydrargirium bichloratum Azione antinfiammatoria Stimolazione della funzione connettivale e Immunostimolazione specifica drenaggio della matrice Immunostimolazione aspecifica

-Grippe nosode -Streptococcinum -Staphylococcinum

-Sulfur
-Ac. arsenicosum

Stimolazione del SRE e freno della possibile evoluzione settica della malattia

-Baptisia -Hepar sulfuris

-Lachesis

Attivazione dei linfociti B (e conseguente produzione di gammaglobuline), dei macrofagi e dei PMN

MERCURIUS-Heel S compresse

Rimedio specifico della tonsillite acuta, dellangina tonsillare,

con azione antisettica profonda

FASE INFIAMMATORIA VASALE

FASE INFIAMMATORIA ESSUDATIVA Phytolacca D4 FASE DELLA MIGRAZIONE DEI NEUTROFILI Echinacea D3

Belladonna D4

AZIONE ANTINFIAMMATORIA

AZIONE ANTISETTICA

TONSILLITE MUCOPURULENTA Mercurius sol. Hahn. D10 Hepar sulfuris D8 Ailanthus galndulosa D3

MERCURIUS -HEEL

TONSILLITE ULCERONECROTICA
Lachesis D12

BELLADONNA-HOMACCORD gocce

Contenendo Belladonna ed Echinacea in accordo di

potenza, il farmaco dellinfiammazione febbrile con


malessere generale, marcata iperestesia sensoriale, sudorazione. Specifico dellinfiammazione in fase iniziale ma gi localizzata.

Atropa Belladonna, in diluizione omeopatica,


storicamente il rimedio delezione delle infezioni da streptococco.

BELLADONNA HOMACCORD
D1000
D 200 D 30

D 200 D 30

D 10 D2
Belladonna

D 10 D2
Echinacea angustifolia

Tropismo per vasi, SNC, Simpatico


Modulazione della fase vasale dellinfiammazione e della successiva congestione.
Copyright AIOT

Tropismo per

SRE (Sist. Reticoloendoteliale


Potenziamento della risposta immunitaria (in particolare cellulo-mediata)

Modulazione dello stato febbrile

Infiammazioni localizzate, caratterizzate da rubor, tumor, calor; modulazione del conseguente stato febbrile

STREPTOCOCCUS HAEMOLITYCUS INJEEL fiale

Somministrato secondo la regola della somiglianza etiologica attuale cio in base al quadro clinico che si st sviluppando o che esiste in quel momento;
Secondo J. Merger: tutti I nosodi possono essere adoperati come farmaci specifici e come isoterapici nelle corrispondenti malattie dalle quali sono derivati. Accanto ad essi vengono generalmente somministrati I farmaci omeopatici indicati al caso (tratto da: Visione di farmacologia omeopatica 1972, 2, 1069)

Copyright AIOT

CONTROLLO CLINICO E TEST RAPIDO (Strept A+)


DOPO 5 GIORNI

CLINICA: Nettamente migliorata lobiettivit clinica - scomparsa liperemia e le petecchie del faringe
le tonsille evidenziano una ridotta ipertrofia con assenza di essudato laspetto della lingua normale lipertrofia linfonodale nettamente ridotta Addome non dolente alla palpazione superficiale e profonda Temperatura ascellare nella norma

TEST IMMUNOCROMATOGRAFICO RAPIDO (Strept A+)

- Negativa la ricerca degli antigeni dello Streptococco Gruppo A sul


tampone faringeo

CONCLUSIONI
Il caso clinico trattato dimostra che:
Lobiettivit clinica e la sintomatologia del paziente sono nettamente migliorate Non si sono manifestati effetti collaterali riguardo al trattamento utilizzato La compliance del paziente stata buona Lo Streptococco emolitico del Gruppo A stato eradicato senza lutilizzo di terapia antibiotica Abbiamo cio ottenuto la:

GUARIGIONE DEL PAZIENTE

GRAZIE DELLATTENZIONE