Sei sulla pagina 1di 20

Cosa un Biomateriale ?

Un materiale non vivente usato in un dispositivo medico realizzato per interagire con il sistema biologico
Williams, 1987

sono esclusi i materiali viventi quali gli organi trapiantati ma inclusi i tessuti di origine biologica trattati e non pi viventi. Non si fa riferimento alla durata del contatto tra il materiale e il tessuto vivente dellorganismo ospite ma si richiede espressamente che tale contatto avvenga. (Consensus Development Conferenece, Chester, 1986)

Bisogna distinguere tra le sostanze utili per costruire oggetti che hanno relazione con la vita (BIOMATERIALI) e le sostanze viventi che possono anche essere utili per costruire oggetti (TESSUTI BIOLOGICI)

La compatibilit
Il problema maggiore che riguarda le applicazioni dei biomateriali quello della compatibilit con lambiente biologico COMPATIBILITA MORFOLOGICA
aspetto che riguarda le interfacce dimensionali, quelle di forma e quelle relative alle masse (Una protesi impiantabile deve avere dimensioni tali da essere inseribile al posto del tessuto naturale, deve essere inoltre interfacciabile geometricamente con i tessuti circostanti, deve possedere una massa tale da impedire le migrazioni causate dalle forze gravitazionali)

COMPATIBILITA FUNZIONALE

aspetto che riguarda il ruolo svolto dalla protesi o dallorgano artificiale rispetto al ruolo atteso. Non sempre un dispositivo artificiale si comporta esattamente come loriginale naturale che deve sostituire. Talvolta non ne ha tutte le caratteristiche funzionali, talvolta ne ha alcune in pi

COMPATIBILITA BIOLOGICA o BIOCOMPATIBILITA


riguarda tutti gli aspetti di natura chimica e biologica che possono indurre alterazioni dannose sia per i tessuti naturali, sia per i materiali impiegati per la costruzione dei dispositivi a contatto con tali tessuti

is the ability of a material to elicit an appropriate biological response in a specific application


Williams DF 1987

Affinch un dispositivo sia biocompatibile necessario, ma non sufficiente, che il materiale con cui costituito sia biocompatibile. La biocompatibilit una propriet specifica dellapplicazione per la quale viene valutata

La compatibilit quindi un insieme di propriet che sono legate allinterazione fra dispositivo e organismo, interazione che esiste sempre e comunque in quanto il dispositivo deve svolgere la sua funzione allinterno dellorganismo

Patient Material

Material Function

BIOCOMPATIBILITY

CELLULA unit morfologica e fisiologica fondamentale degli organismi viventi, sia vegetali, sia animali, di cui possiede tutte le propriet: metaboliche (respirazione e assimilizione) accrescimento riproduzione eccitabilit motilit Negli organismi pluricellulari tutte le cellule che svolgono la stessa funzione sono riunite a formare un tessuto (cellule epiteliali, connettivali, nervose, muscolari, ecc.)

TESSUTO insieme di pi cellule correlate dal punto di vista morfologico e funzionale, che costituisce gli organi. Le caratteristiche di un tessuto dipendono dagli elementi cellulari che lo costituiscono, dal modo con cui sono associati, dalle modificazioni che subiscono in rapporto alla funzione e dalle caratteristiche delle sostanze intercellulari presenti (matrice extracellulare) I 4 tipi di tessuto sono: TESSUTO EPITELIALE (rivestimento, ghiandolari,sensoriali, unghie, denti, peli) cellule di forma regolare poste a mutuo contatto con interposta scarsissima sostanza intercellulare TESSUTO CONNETTIVO (ossa, cartilagini, sangue, linfa, endoteli) caratterizzato da una sostanza fondamentale nella quale sono immerse cellule di vario tipo. Le caratteristiche variano al variare dellorganizzazione della sostanza fondamentale. TESSUTO MUSCOLARE costituito da cellule di forma allungata specificamente differenziate per la funzione contrattile TESSUTO NERVOSO costituito da cellule (neuroni) in grado di condurre impulsi elettrici e da altre cellule di supporto.

ORGANO struttura differenziata costituita da cellule e da tessuti deputata ad una o pi funzioni specifiche nellambito di un organismo animale o vegetale APPARATO insieme di pi organi le cui singole funzioni si sommano dando luogo ad una funzione pi generale ORGANISMO essere vivente e, in quanto dotato di strutture ben distinte, con propri caratteri morfologici e funzionali. Si considerano

caratteri peculiari degli organismi la capacit di accrescimento, di reagire a determinati stimoli e di riprodursi.

La risposta dei tessuti


La reazione dell'organismo alla presenza di un corpo estraneo quella di espellere quest'ultimo. o comunque di eliminarlo. Inizialmente i tessuti lesi sono comunque sede di un processo infiammatorio che tenta di ripararli. La reazione tipica la comparso di macrofagi che tendono a fogocitare, se possibile. il corpo estraneo. Nel caso in cui questo sia chimicamente inerte, i macrofogi possono non essere presenti e allora il corpo esterno viene incapsulato da un sottile strato di collogene. Se il corpo estraneo non inerte avviene il processo infiammatorio al suo intorno con ritardo della cicatrizzazione e possibilit di necrosi dei tessuti per trauma meccanico, chimico o termico

METALLI: l'evento pi probabile la corrosione con rilascio di ioni metallici talvolta tossici e difficilmente eliminabili. Il diffondersi degli ioni metallici nell'organismo pu determinare pericolosi effetti sistemici non localizzati ma diffusi quando gli ioni sono trasportati dalla corrente ematica. MATERIALI POLIMERICI: hanno in genere un elevato peso molecolare e sono quindi potenzialmente inerti dal punto di vista chimico. altre sostanze come i monomeri, gli antiossidanti e plastificanti possono essere rilasciati ed essendo solitamente tossici possono determinare effetti negativi sia localmente, sia a livello sistemico. MATERIALI CERAMICI: sono generalmente inerti dai punto di vista chimico e quindi sono sostanzialmente incapsulati dal tessuto connettivo. Nel caso in cui la superficie sia porosa possibile una parziale penetrazione dei tessuti all'interno dei pori senza interazione chimica.

Verifica di Biocompatibilit
test in vitro test in vivo Clinical Trials

Tests In Vitro

Numero cellule, tasso di crescita, metabolismo, funzionamento delle cellule, proteine Semplice, ripetibile, economico, rapido

Analisi in vitro dellinterazione cellula/biomateriale


Natura delle interazioni cellula/biomateriale Soft/hard tissue cells Biomateriali nuovi/in commercio Il tessuto di coltura deve essere normale

Tecniche per lanalisi in vitro


Colture Cellule/Tessuto Adesione delle cellule, crescita, analisi del metabolismo Immunocitochimica Tecniche molecolari, RT-PCR Studio patrimonio genetico Imaging cellule vive

Test In Vivo

Prove su mammiferi Risposta biologica completa Implicazioni etiche Costose e lunghe

Clinical Trials
Test pi significativi Costosi, complessi dal punto di vista organizzativo Risultati difficili da interpretare

La Biocompatibilit dinamica

Un impianto che osteointegrato oggi, pu non esserlo in futuro Il tessuto ospite pu cambiare per linvecchiamento o il danneggiamento Il materiale pu cambiare per la corrosione, lusura o la fatica I carichi sul materiale possono cambiare nel tempo

Specifiche di un biomateriale

biocompatibilit degradabilit atossicit interazioni superficiali adattabilit

Affidabilit
Le esigenze di affidabilit di un dispositivo variano in funzione di: TEMPO: lapplicazione pu essere permanente(protesi danca), temporanea (placche per osteosintesi), periodica (filtri per emodialisi) POSIZIONE: totalmente intracorporeo (protesi valvolari), parzialmente intracorporeo (drenaggi chirurgici), totalmente extracorporeo (apparecchiature di assistenza) FUNZIONE: pu assolvere ad una funzione da cui dipende la vita dellorganismo (cuore artificiale) o pu svolgere una funzione non vitale (protesi danca)

Le cause di insuccesso di un dispositivo medico possono essere: infezione mobilizzazione usura dellaccoppiamento articolare rottura per fatica errore chirurgico Tali cause si presentano con una probabilit variabile nel tempo

Cosa lingegneria dei tessuti ?


E lapplicazione dei principi e dei metodi dellingegneria e delle scienze della vita, attraverso la comprensione delle relazioni struttura/funzione, nei tessuti normali e patologici ai fini dello sviluppo di sostituti biologici per restaurare, mantenere o migliorare alcune funzioni.
SOURCE: NATIONAL SCIENCE FOUNDATION, USA, 1988

Valutazione di nuovi materiali


Valutare la biocompatibilit con grande cura Nuovi materiali non possono essere messi sul mercato senza una ampia sperimentazione clinica Devono essere svolte considerazioni rischio/beneficio

Potrebbero piacerti anche