Sei sulla pagina 1di 1

Tecnica risalente agli anni '70, ad oggi, è la tecnica più

adoperata (80% delle separazioni è RP)

Si adoperano FASI STAZIONARIA: idrofobe

FASI MOBILE: idrofiliche (polari)

La tecnica non è soggetta a varabili ambientali (


umidità dell'aria)
VANTAGGIO
Versatile per molte separazioni

Trachea

SVANTAGGIO E' difficile separare delle sostanze ioniche

E' difficile separare sostanze neutre e polari:


RP - HPLC zucheri.

(Reverse Phase - HPLC)


Si basa su un interazione debole; IDROFOBICA
TIPO DI INTERAZIONE
dipoli indotti

non si hanno, infarri, delle strutture chimiche


dipoli permanenti
polarizzate nè delle cariche elettriche, si hanno
solamente
fenomeni di solvatazione: si sfrutta la diversa
capacità di solvatazione della fase mobile e della
fase stazionaria.

L'interazione coinvolge una limitata variazione di


energia libera per il sistema
(f.stazionaria - f.mobile-analita)

Una singola interazione idrofobica è debolissima,


ne occorrono quindi molte affinchè sommandosi
diano un legame irreversibile
PUNTI CHIAVE
Si assiste ad un guadagno entropico, dato al
sistema mediante la liberazione di un certo
numero di molecole del solvente, ciò è punto
fondamentale per la stabilizzazione dell'interazione.

Variazioni, seppur minime, del contenuto di fase


mobile, fase stazionaria o analita, possono
pesantemente alterare il comportamento
cromatografico di reverse-phase.