Sei sulla pagina 1di 13

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

ESERCITAZIONI

CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI


FANGHI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A “FANGHI
ATTIVI” AL SERVIZIO DI UNA CITTA’ DI 200.000
ABITANTI

Si chiede di calcolare:
- i principali comparti di:
• pre-ispessimento;
• digestione anaerobica;
• post-ispessimento;
• disidratazione meccanica dei fanghi.

- recupero di energia;
- produzione di fango disidratato.

1
1. DATI DI PROGETTO

• Portata di fango misto (primario + supero biologico da fango attivo con CF = 0,3
Kg BOD5 / Kg SS · d): 605,7 m3/d;
• Contenuto di SS nel fango misto: 3%;
• SSV/SS = 0,75.

Obiettivi del trattamento: ottenimento di un fango disidratato (palabile) e

tecnicamente stabilizzato.

2. DIMENSIONAMENTO

Schema di processo
Per il conseguimento degli obiettivi sopra evidenziati, si prevede uno schema di

processo articolato nelle seguenti linee:


− linea di trattamento del fango:
• pre-ispessimento;
• digestione anaerobica;
• post-ispessimento;

• disidratazione meccanica.

− linea di recupero energetico:


• depurazione del gas;

• stoccaggio;
• recupero di energia in motori a gas;

• combustione di riserva in torcia.

2
LINEA DI TRATTAMENTO DEL FANGO

Pre-ispessimento
Scopo dell’ispessimento è l’addensamento del fango, la cui concentrazione di solidi
viene incrementata dal 3% circa in alimentazione (≅ 30 Kg SS/m3) al 6% circa in uscita
(≅ 60 Kg SS/m3).
Gli ispessitori vengono dimensionati in analogia ai sedimentatori. Tuttavia, il parametro
che ha maggior incidenza è il Flusso Solido FS, mentre ha scarso significato il Carico

Idraulico Superficiale CIS ed importanza relativa ha lo stesso Tempo di Ritenzione


Idraulica Tr.
Nella Tabella 1 sono indicati i valori tipici di Flusso Solido per il dimensionamento

degli ispessitori.
Nel caso specifico, si sceglie il valore di FS = 80 Kg SS / m2 · d.

Si ha:
Carico di solidi in alimentazione:
Carico in = Q in · Conc. in = 605,7 m3/d · 30 Kg SS/m3 = 18.171 Kg SS/d

Calcolo di Superficie e Diametro dell’ispessitore:

Carico in 18.171 Kg SS d
S= = = 227,14 m 2
FS 80 Kg SS m ⋅ d
2

Si suppone di installare N=2 ispessitori (ciascuno avente superficie S = 113,57 m2) per i

quali risulta un Diametro D = 12,02 m. Si decide di realizzare un ispessitore


commerciale meccanizzato (rastrelliera interna) del Diametro D = 12 m (S = 113,1 m2).

Calcolo del Volume:


Si fissa un’altezza utile d’acqua H = 3 m.

3
Risulta, conseguentemente:
- V totale = 678,6 m3;

- V singolo ispessitore = 339,3 m3.

Si verifica il tempo di ritenzione Tr.


Il Tr ha significato soprattutto in ordine al rischio di insorgenza di attività biologiche

anaerobiche con conseguente emissione di odori molesti. Per contenere questo rischio, è
bene che il Tr del fango sia inferiore alle 24 h ÷ 30 h circa.

Volume 678,6 m3
Tr = = = 26,8 h
Portata 605,7 m3 d ⋅ 1 d 24 h
Nel caso specifico, la verifica risulta positiva.

Calcolo della Portata effluente:

Carico in 18.171 Kg SS d
Q eff. = = = 302,8 m 3 d
Conc. out 60 Kg SS m 3

4
Digestione anaerobica
Si prevede di realizzare una digestione riscaldata (35°C) e agitata per favorire la cinetica
del processo biochimico.
Il rendimento del processo è governato dal tempo di ritenzione idraulica Tr
(coincidente, per questo sistema, con l’età del fango Θc).
Popel indica i valori di Tr ≡ Θc da assumere per ottenere una stabilizzazione tecnica del
fango. Tali valori, che sono funzione della temperatura di esercizio, permettono di
effettuare il dimensionamento dei digestori (= calcolo del Volume) se inseriti nella

seguente formula:

Vdig. (m 3 )
Tr = = 175 ⋅ 10 −0,03 ⋅T
Qin (m d )
3

con T = temperatura in °C.


Per una temperatura T di 35°C, Popel suggerisce di assumere Tr = 15,6 d.
A scopo cautelativo (Tr acquista significato anche in rapporto alla possibilità di
“assorbire” shock di carico organico e shock tossici), il dimensionamento viene

effettuato sulla base di un tempo Tr ≥ 20 d.

Con Tr = 20 d, risulta:

- Volume complessivo di digestione:


V totale = 302,8 m3/d · 20 d = 6.056 m3

- Volume di ciascun digestore (ipotesi: N=2 digestori):

V singolo digestore = 3.028 m3

5
Calcolo dell’abbattimento di SSV in digestione:
Si considera un rendimento di abbattimento di SSV del 48%.

Si ha:
- Carico di SSV in ingresso alla digestione:

Carico SSV in = 18.171 Kg SS/d · 0,75 Kg SSV / Kg SS = 13.628 Kg SSV/d

- Carico di SSV rimossi:


Carico SSV rim = 13.628 Kg SSV/d · 0,48 = 6.541 Kg SSV/d

- Carico di SSV residuo (in uscita):


Carico SSV out = (13.628 – 6.541) Kg SSV/d = 7.087 Kg SSV/d

- Carico di SS in uscita dalla digestione:


Carico SS out = 18.171 Kg SS/d – 6.541 Kg SSV/d = 11.630 Kg SS/d

Pertanto, si hanno le seguenti concentrazioni nel fango in uscita dalla digestione:

- Concentrazione di SS in uscita:

11.630 Kg SS d
SS = 3
= 38,4 Kg SS m 3 = 3,84%
302,8 m d

- Rapporto SSV/SS in uscita:

SSV Carico SSV residuo 7.087 Kg SSV d


= = = 0,61
SS Carico SS residuo 11.630 Kg SS d

6
Post-ispessimento
Si adotta un FS di progetto di 72 Kg SS/m2 · d.

Risulta:

- Superficie totale:

Carico in 11.630 Kg SS d
Stot = = = 161,5 m 2
FS 72 Kg SS m ⋅ d
2

Si ipotizza di avere N=2 ispessitori, per cui si avrà:

- Superficie di ciascun ispessitore:

S singolo ispessitore = 80,75 m2

- Diametro di ciascun ispessitore:

D singolo ispessitore = 10,14 m

Si adottano due ispessitori commerciali del Diametro D = 10 m.

Si ipotizza di realizzare in uscita una concentrazione di SS dell’8% (≅ 80 Kg SS/m3).

Pertanto si avrà:

Carico in 11.630 Kg SS d
Q eff. = = = 145,4 m 3 d
Conc. out 80 Kg SS m 3

7
Disidratazione meccanica dei fanghi
Si prevede di utilizzare un sistema di nastropressatura che consente l’ottenimento di una

concentrazione di secco pari al 25% ÷ 30% (Ipotesi di progetto: 27%).

Per la disidratazione, si prevede il condizionamento del fango con polielettrolita dosato

nella misura di 1,5 ÷ 2,5 g/Kg SS.

Il dimensionamento della nastropressa viene effettuato sulla base del carico lineare (=

carico per metro di larghezza del nastro filtrante) di SS.

Valori tipici utilizzati in progettazione appartengono al range 440 ÷ 600 Kg SS/h · m

lineare di nastro.

Adottando il valore di 450 Kg SS/h · m e prevedendo un funzionamento giornaliero di 6

h/d, risulta:

- Larghezza del nastro:

Carico in 11.630 Kg SS d
Larghezza nastro = = = 4,3 m
Ore utili ⋅ Carico lineare 6 h d ⋅ 450 Kg SS h ⋅ m

Si adotta una larghezza commerciale di nastro di 5 m.

Si prevede (in via prudenziale) di installare N=3 nastropresse (di cui 1 di riserva), aventi

ciascuna le seguenti caratteristiche:

- Larghezza del singolo nastro: 2,5 m;

- Portata in alimentazione alla singola nastropressa: 145,4 (m3/d) / 2 = 72,7 m3/d;

- Concentrazione di SS in alimentazione: 8%;

- Concentrazione di SS in uscita: 27%.

8
LINEA DI RECUPERO ENERGETICO

Si prevede lo schema semplificato riportato in allegato.

Calcolo della produzione di biogas:

Il calcolo viene effettuato sulla base di una produzione specifica di 0,80 Nm3/Kg SSV

rimosso:

Produzione di biogas = 0,80 Nm3/Kg SSV · 6.541 Kg SSV/d = 5.232,8 Nm3/d

Si verifica la produzione specifica, ovvero quella relativa agli abitanti serviti dal

depuratore:

5.232,8 Nm3 d
Produzione proc.= = 0,0262 Nm3 ab ⋅ d = 26,2 Nl ab ⋅ d
200.000 ab
La verifica risulta soddisfatta in quanto valori tipici della produzione specifica sono

compresi nel range 25 ÷ 30 Nl/ab · d.

Si prevede un contenuto medio nel biogas secco di:

- CH4 = 70%;

- CO2 = 30%;

- PCI = 5.950 Kcal/Nm3.

Calcolo del recupero energetico:

Si suppongono i seguenti recuperi di energia attraverso la combustione del biogas nei

motori a gas:

- recupero di energia termica come acqua calda (80°C): 48% (raffreddamento della

camicia dei motori e raffreddamento dei fumi dei gas di scarico combusti);

- recupero di energia elettrica: 30%.

9
Carico energetico associato al biogas in alimentazione ai motori:

Carico = Portata Q di biogas ⋅ PCI =


= 5.232,8 Nm 3 d ⋅ 5.950 Kcal Nm3 =
= 31.135.160 Kcal d ;
= 1.297.298,3 Kcal h .

Potenza ed energia elettrica recuperata:

1 KW
Potenza = 1.297.298,3 Kcal h ⋅ 0,3 ⋅ = 452,54 KW
860 Kcal h

Energia = 452,54 KW ⋅ 24 h d = 10.860,96 KWh d

Motori a gas installati:

Si prevede di installare N=5 motori a gas (di cui 1 di riserva) aventi ciascuno potenza

pari a 113,135 KW (potenza commerciale di 115 KW).

10
* Wastewaters Engineering;
** Sludge Treatment and Disposal (EPA).
Tabella 1 – Flusso solido per il dimensionamento degli ispessitori.

11
SCHEMA SEMPLIFICATO DI LINEA DI TRATTAMENTO FANGHI
Fango misto (primario + supero
biologico) estratto dal SED.I

Pre-ispessimento

Digestione anaerobica

Post-ispessimento

Disidratazione meccanica

12
SCHEMA SEMPLIFICATO DI LINEA DI RECUPERO ENERGETICO

Torcia di riserva

Biogas

Depurazione Gasometro Motori a gas Energia Elettrica

Acqua calda (80°C) inviata al


riscaldamento dei digestori e degli
edifici

13