Sei sulla pagina 1di 30

CORSOUNIVERSITA’ DEGLI

DI “ TECNICA DELLE STUDI DI” PALERMO


COSTRUZIONI
FACOLTA’ DI INGEGNERIA
PROGETTO DI UNA SCALA CON TRAVE A GINOCCHIO E
GRADINI
DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA A SBALZO E GEOTECNICA
STRUTTURALE

Docente: Prof. Ing. Lidia La Mendola All. Ing.: Randisi Giovanni


Zangara Antonino
Prestianni Francesco
Tutor: Ing. Calogero Cucchiara
Ing. Marinella Fossetti

Progettare una scala con trave a ginocchio e gradini a sbalzo la cui geometria è quella
in figura:
I materiali che devono essere utilizzati hanno le seguenti caratteristiche:

-calcestruzzo con resistenza caratteristica a compressione Rck=30 MPa


-acciaio B450C Fyk=450MPa

Parametri meccanici relativi ai materiali utilizzati


Calcestruzzo Acciaio (B450C)

Rck (MPa) 30
σoc (MPa) 13,42105
fctk (MPa) 1,840347
fcd (MPa) 15,78947
fctd (MPa) 1,150217
fbd (MPa) 2,587989
EC (MPa) 34179,55
fyk (MPa) 450
fyd (MPa) 391,3043
σf (MPa) 281,25
Ef (MPa) 206000
εyd 0,0019

Per il calcolo dei parametri sopra riportati si utilizzano le seguenti formule:

σoc = 0,85 ×Rck / 1,9


f ctk = 0,7 ×0,48 × Rck
f ctd = f ctk / 1,6
f cd = Rck / 1,9
f bd = 2,25 × f ctk / 1,6 f yd = f yk / 1,15
Ec =11000 ×3 Rck ε yd = f yd / E f

Sono necessari anche i pesi specifici dei vari materiali utilizzati

γcls (kN/m3) Armato 25


γcls (kN/m3) Non Armato 24
γmalta (kN/m3) 21
γmarmo (kN/m3) 27
γintonaco (kN/m3) 19
γlaterizi (kN/m3) 8
SVOLGIMENTO

Il primo passo è quello di identificare i carichi presenti nella struttura.


Essi consistono in carichi di tipo permanente e di tipo accidentale o variabile:

- i carichi permanenti sono quelle sollecitazioni che agiscono sulla struttura


mantenendosi costanti nel tempo in intensità e verso, nel nostro caso essi sono
rappresentati dal peso proprio della struttura e dal sovraccarico permanente
(cioè il carico che grava sullo stesso per tutta la vita utile della struttura).
- i carichi accidentali sono quelle sollecitazioni che agiscono sulla struttura
variando nel tempo in intensità e verso.

ANALISI DEI CARICHI GRADINO

KN
ELEMENTI γ ( m² )

MARMO 27
INTONACO 18
SOLETTA 25
MALTA 21
GRADINO 25

PESO PRORIO DEL GRADINO

• PESO SOLETTA: 0,34 x 0,06 x 1,25 x 25 = 0,64 KN/m2


• PESO GRADINO: 1,25 x (0,3 x 0,16)/2 x 25 = 0,75 KN/m2
PESO SOVRACCARICO PERMANENTE DEL GRADINO

• PESO MALTA(a): 0,16 x 0,02 x 1,25 x 21 = 0,084 KN/m2


• PESO MALTA(p): 0,30 x 0,02 x 1,25 x 21 = 0,1575 KN/m2
• PESO MARMO(a):0,16 x 0,02 x 1,25 x 27 = 0,180 KN/m2
• PESO MARMO(p): 0,3 x 0,02 x 1,25 x 27 = 0,2025 KN/m2
• PESO INTONACO: 0,02 x 0,34 x 1,25 x 18 = 0,153 KN/m2
• PESO RINGHERA: = 0,2 KN/m2

PESO DEL SINGOLO GRADINO: P,tot. = 2,2925 KN

PESO DI 1m2DI GRADINO: Gk= Ptot./Agrad.= 6,1133 KN/m2

ANALISI DEI CARICHI PIANEROTTOLO

KN
ELEMENTI γ (m² )

MARMO 27
INTONACO 18
SOLETTA 25
MALTA 21

PESO DEL PIANEROTTOLO:

• PESO SOLETTA: 1 x 1 x 0,2 x 25 = 5 KN/m2


• PESO INTONACO: 1 x 1 x 0,02 x 18 = 0,36 KN/m2
• PESO MALTA: 1 x 1 x 0,02 x 21 = 0,42 KN/m2
• PESO MARMO: 1 x 1 x 0,02 x 27 = 0,54 KN/m2
PESO DI 1m2DI PIANEROTTOLO: Gk= 6,32 KN/m2
ANALISI DEI CARICHI TOMPAGNO

PESO 1m2 DI TOMPAGNO:

• PESO MURO: 1 x 1 x 0,3 x 8 = 2,4 KN/m2


• PESO INTONACO: 1 x 1 x (0,02+0,03) x 18 = 0,9 KN/m2

Gk= 3,3KN/m2

CARICO TRAVE: qtrav.= 0,3 x 0,6 x 1 x 25=4,5KN/m2

Qa= 4KN/m2
SCHEMA DI CALCOLO DEL GRADINO

I gradini sono a sbalzo, incastrati alla trave a ginocchio; lo schema di calcolo è quello
sotto riportato.
Le azioni di calcolo sul gradino si calcolano utilizzando i coefficienti di
amplificazione:
γg = 1,4 per carichi permanenti

γa = 1,5 per carichi accidentali

d
Po

q dp

q da
Md Rv

d
P

qpd = Gk(rampa) * γg *p = 2,936 KN/m


qad = Qa * p * γa = 1,8 KN/m
Pod = Po * γa = 1,5 KN/m
Pd = P * γa = 0,3 KN/m

Si tratta di un sistema isostatico facilmente risolvibile; interessano evidentemente il


momento e il taglio all’incastro che si calcolano così:

Rv = (qpd + qad) * 1,25 + Pd = 5,7595 KN


Md = [(qpd + qad) * 1,25^2 / 2] + Pod * 1 + Pd * 1,25 = 5,2872 KN m

Adesso avendo a disposizione il momento di calcolo è possibile procedere alla


determinazione della quantità di armatura da adottare a flessione.
CALCOLO ARMATURA DEL GRADINO

Risolvo tale schema, ipotizzando la sezione rettangolare di base B ed altezza d


(ipotesi valida se Xc < 6 cm), a semplice armatura imponendo che la rottura si
verifichi nel campo 2.

σoc * B * 0,8 * Xc – fyd * Af = 0

σoc * B * 0,8 * Xc * (d – 0,4 * Xc) = Md

PROGETTO ARMATURA A FLESSIONE


0,489957
α= 326 Rck= 30
Mn=(Nm 4665165,
m) 441 Fyk= 450
5081,911
Rn=(N) 765 Fcd= 15,78947
181,1764
d=(mm) 706 Fyd= 391,3043
σ0c= 13,42105

IP.
ROTTUR
A
CAMPO
2
trasl. 0
4665165,
rot. 441
4665165, VERIFIC
Md 441 Xc<s A
B 340
201,1764
H 706
181,1764
d 706
δ 20
13,42105
σ0c 263
391,3043
Fyd 478
7,166987
Xc 657
66,86170
Af 801

Si è ottenuto un Xc<s in accordo con l’ipotesi fatta.


Dal calcolo si è ottenuto un Af= 66,86 mm2 , quindi consultando le apposite tabelle si
è deciso di utilizzare 2φ8(101 mm2).
Dopo aver calcolato il momento in mezzeria si è visto che è possibile interrompere
una delle due barre.
Non si effettua verifica a taglio del gradino, ma la normativa impone di mettere staffe
triangolari φ8 con un passo di 25cm.

SCHEMA DI CALCOLO TRAVE A GINOCCHIO

Per questa trave si ipotizza una sezione rettangolare 300x600 lo schema di calcolo è
quello sottostante:

2
qd

X
q1d
C D
X

Y
Y

td

X
q1d
A
X B
Y
Y

qd1 = (GK(pianerottolo) * γg + Qa * γq) * 2,8 + qtrav. * γg + qtomp. * γg = 39,1KN/m


qd2 = Rv/0,3 + qtrav. * γg + qtomp. * γg = 37,51KN/m

dove
• Rv è il valore del taglio agente sul gradino che, diviso per la proiezione
orizzontale dello stesso, costituisce carico lineare per la trave nel tratto
inclinato
• Il peso della trave e quello del tompagno vanno divisi per il cos(30°,4) per
ottenere un carico distribuito linearmente e orizzontalmente.

Sulla trave agisce anche un carico torcente linearmente distribuito (td) dovuto
all’azione di vincolo che la trave stessa offre ai gradini incastrati infatti il carico
torcente è una componente del momento, calcolato in precedenza, presente
all’incastro del gradino.
td = (Md / B) * cosα = 15,55 KN m (su metro di trave)
Per il calcolo delle sollecitazioni si risolve lo schema con il metodo delle
deformazioni (avvalendomi del metodo matriciale), considerando le 3 aste che lo
compongono AB, BC, CD incastro-incastro.
Si calcolano quindi le rispettive rigidezze assiali ρa,ik, le rigidezze flessionali ρik e
ρki, i momenti di trasporto ρ’ik e i momenti di incastro perfetto µik e µki

Risoluzione schema:

3200000000
E= 0 N/m2
α = 0,534955074 rad
π = 3,141592654 rad

i k Lung. b h Inerzia
Asta 1 A B 1,8 0,3 0,6 0,0054
Asta 2 B C 3,13847097 0,3 0,6 0,0054
Asta 3 C D 2 0,3 0,6 0,0054

Carichi
q1 = 39099,2 N/m^2
q3 = 39099,20 N/m^2
q2 = 37510,33 N/m^2
q2n = 27761,5 N/m^2
q2t = -16451,2 N/m^2

Matrici di rigidezza

3200000000 0 0 -3200000000 0 0
0 355555556 320000000 0 -355555556 320000000
K1
= 0 320000000 384000000 0 -320000000 192000000
-3200000000 0 0 3200000000 0 0
0 -355555556 -320000000 0 355555556 -320000000
0 320000000 192000000 0 -320000000 384000000

1835288605 0 0 -1835288605 0 0
0 67076538 105258883 0 -67076538 105258883
K2
= 0 105258883 220234633 0 -105258883 110117316
-1835288605 0 0 1835288605 0 0
0 -67076538 -105258883 0 67076538 -105258883
0 105258883 110117316 0 -105258883 220234633

2880000000 0 0 -2880000000 0 0
0 259200000 259200000 0 -259200000 259200000
K3
= 0 259200000 345600000 0 -259200000 172800000
-2880000000 0 0 2880000000 0 0
0 -259200000 -259200000 0 259200000 -259200000
0 259200000 172800000 0 -259200000 345600000

Vettori dei carichi

NAB= 0,0 N
TAB= -35189,3 N
f01 = µAB= -10556,8 Nm
NBA= 0,0 N
TBA= -35189,3 N
µBA= 10556,8 Nm

NBC= 25815,9 N
TBC= -43564,3 N
2
f0 = µBC= -22787,5 Nm
NCB= 25815,9 N
TCB= -43564,3 N
µCB= 22787,5 Nm

NCD= 0,0 N
TCD= -39099,2 N
f03 = µCD= -13033,1 Nm
NDC= 0,0 N
TDC= -39099,2 N
µDC= 13033,1 Nm

Utilizzando la formula:
−1
δ g = K g ⋅ (− f g )

Troviamo il vettore degli spostamenti nel sistema globale, portandolo, tramite la


matrice di trasformazione, nel sistema locale è possibile calcolare le sollecitazioni
nelle singole aste.

Vettori spostamenti delle aste (rif. Assoluto)

1 2 3
0,0E+00 -6,1E-06 6,8E-06
A 0,0E+00 B 7,1E-04 C 7,5E-04
0,0E+00 4,8E-04 -4,5E-04
-6,1E-06 6,8E-06 0,0E+00
B 7,1E-04 C 7,5E-04 D 0,0E+00
4,8E-04 -4,5E-04 0,0E+00

Vettori spostamenti delle aste (rif. locale)

1 2 3
0 -0,000366 6,784E-06
A 0 B 0,0006055 C 0,000753
0 0,0004845 -0,000448
-6,1056E-06 -0,000378 0
B 0,000707477 C 0,0006513 D 0
0,000484524 -0,000448 0

S (n) = K (n) *δ i + f (n)


n i n

Vettori delle sollecitazioni (locale)

Asta 1 Asta 2 Asta 3


NAB= 2,0E+04 NBC= 48064,3 NCD= 2,0E+04
TAB= -131688,7 TBC= -42784,1 TCD= 39967,8
MAB= -143920,6 MBC= 29778,3 MCD= 27329,8
NBA= -2,0E+04 NCB= 3567,4 NDC= -2,0E+04
TBA= 61310,1 TCB= -44344,4 TDC= -118166,2
MBA= -29778,3 ΜCB= -27329,8 MDC= 130804,2

Convenzione S.d.C. Convenzione S.d.C. Convenzione S.d.C.


Asta 1 Asta 2 Asta 3
NAB= -1,95E+04 NBC= -4,81E+04 NCD= -1,95E+04
TAB= 131688,7 TBC= 42784,1 TCD= -39967,8
MAB= -143920,6 MBC= 29778,3 MCD= 27329,8
NBA= -1,95E+04 NCB= 3,57E+03 NDC= -1,95E+04
TBA= 61310,1 TCB= -44344,4 TDC= -118166,2
MBA= 29778,3 ΜCB= 27329,8 MDC= -130804,2
Per controllo dell’esattezza della risoluzione si verificano gli equilibri alle aste, ai
nodi e globale:

EQUILIBRIO ASTA EQULIBRIO


1 GLOBALE
X 0,0E+00 X -3,3E-11
Y 0 Y 0
ROT. 0 ROT.A 0,0E+00
EQUILIBRIO ASTA
2
Equilibrio al
X 0,0E+00 nodo B
Y 0 H: 1,86E-10
ROT. 0 V: -1,3E-10
EQUILIBRIO ASTA Equilibrio al
3 nodo C
X 0,0E+00 H: -1,6E-10
Y 0 V: 0
ROT. 0

DIAGRAMMI SOLLECITAZIONI
taglio V [KN]

momento M [KN m]

torsione T [KN m]

PROGETTO ARMATURA AFLESSIONE


Le sezioni critiche sono tre: i due incastri alle estremità della trave e la sezione di
mezzeria nella rampa. Con le prime due si progettano le armature per i due
pianerottoli e con la terza l’armatura della rampa.
Ipotizzo il campo di rottura 2.

Af
C
T

Af
T
δ

Si imposta un sistema di due equazioni in due incognite (xc, Af): le due equazioni
sono equazioni di equilibrio.
Mmax = Mult.

σoc * b * 0,8 * Xc + σ’f * Af – fyd * Af = 0


σoc * b * 0,8 * Xc * (d – 0,4 * Xc) + σ’f * Af * (d – δ) = Mmax

dove:
α = 1 (mezzeria)
α = 0,5 (incastro)
l’equazione di equilibrio alla rotazione è definita scegliendo come polo il baricentro
dell’armatura tesa.
b = 300mm
il campo ipotizzato è il 2a (armatura superiore non snervata) e l’espressione che lega
σ’f con xc è la seguente:

σ ' f =ε f ×E = 0,01 × ( xc − δ ) /( d − x c ) x 206000

Di seguito sono riportati i calcoli effettuati per ogni sezione critica:


EQ.
TRSL 0
EQ. 143920586
ROT. ,1
SEZ. A
143920586
Md= ,1 Nmm
b= 300 mm
h= 600
d= 560
δ= 40
13,421052
σ0c= 63
391,30434
fyd= 78
Ef= 206000
α 0,5
694,13226
Af= 26
347,06613
A'f= 13
0,0006230
ε'f= 16
70,496841
Xc= 83
4,075E-
10
EQ. 1308041
ROT. 79
SEZ. D
1308041
Md= 79 Nmm
b= 300 mm
h= 600
d= 560
δ= 40
13,4210
σ0c= 53
391,304
fyd= 35
Ef= 206000
α 0,5
628,601
Af= 76
314,300
A'f= 88
0,00052
ε'f= 31
65,8496
Xc= 38

EQ.
TRSL 0
EQ. 6274631
ROT. 2
SEZ. BC
6274631
Md= 2 Nmm
b= 300 mm
h= 600
d= 560
δ= 40
13,4210
σ0c= 5
391,304
fyd= 3
Ef= 206000
α 1
293,639
Af= 4
293,639
A'f= 4
ε'f= -6,1E-05
Xc= 36,8154

Si sono scelte le seguenti armature:


tratto AB: armatura superiore 4φ16, armatura inferiore 2φ16.
Tratto BC: armatura superiore 2φ16, armatura inferiore 2φ16.
Tratto CD: armatura superiore 4φ16, armatura inferiore 2φ16.

VERIFICA E PROGETTO DELL’ARMATURA A TAGLIO E TORSIONE


De

Be h1
hs

Ricoprimento C = 20 mm
Staffe Φ8
Ferri longitudinali Φ16
hs = 2 * ( C + Φ8 + Φ16 / 2 ) = 36,67 mm
h1 = 600 – 2*δ = 520 mm
De = 300 – 2*δ = 220 mm
Be = h1 * De = 114400 mm2
Perimetro Ue = 2 (h1 + De) = 1480 mm
d = H – δ = 560 mm

Nel caso di sollecitazioni composte di taglio e torsione il D.M. 9 gennaio 1996


prevede la verifica delle bielle compresse attraverso la seguente relazione:

Tsdu Vsdu
+ ≤1
Trdu Vrdu

I valori di TRdu ed VRdu li calcolo nota la geometria della trave


1
Trdu = ⋅ f cd ⋅ Be ⋅ hs = 33,11KNm
2

Vrdu = 0,30 ⋅ f cd ⋅ b ⋅ d = 795,79 KN

Mentre i valori di Tsdu ed Vsdu, li ricavo dal calcolo delle sollecitazioni:

VERIFICA CLS
COMPRESSO
Trdu= 33115789 Nmm
Vrdu= 795789,5 N

SEZ. A
VERIFI 0,79941
Tsdu= 20993244 CA 6 <1 OK!!!
Vsdu= 131688,7

SEZ.
B
VERIFI 0,81392
Tsdu= 24402477 CA 7 <1 OK!!!
Vsdu= 61310,11

SEZ.
C
VERIFI 0,79260
Tsdu= 24402477 CA 7 <1 OK!!!
Vsdu= 44344,42

SEZ.
D
VERIFI 0,78242
Tsdu= 20993244 CA 4 <1 OK!!!
Vsdu= 118166,2
PROGETTO ARMATURA TRASVERSALE

TRATTO BC
Verificata la condizione per il calcestruzzo compresso si procede al calcolo delle
armature trasversali e longitudinali.
Le staffe saranno calcolate separatamente per il taglio e la torsione.
Per il calcolo dell’armatura minima si fa riferimento alle seguenti prescrizioni, che
permettono di calcolare il valore del passo da adottare: fra tutti si sceglie il valore di s
più piccolo, ovvero la condizione più restrittiva.
In presenza di torsione l’armatura trasversale minima prevista dalla normativa vale:
1. ( Aws ) =2b
min

Con:
s = passo
Aw = area bracci di una staffa F8
b = base della trave, 300 mm

( 101s )=2∗300 s ≤ 16,67 cm

2. s < Ue / 8 s ≤ 18,5 cm
3. s ≤ 20 cm

Per il taglio, in prossimità di attacco trave – pilastro (in presenza di carico


concentrato)

s < 12 * Φlongitudinale s ≤ 19,2 cm

La condizione più restrittiva è la prima, pertanto si assume smin ≤ 16 cm

Occorre verificare se l’armatura trasversale minima è sufficiente per l’intera trave,


ovvero determinare i tratti di trave che richiedono una specifica armatura trasversale
tenendo conto del taglio e della torsione.
Considero il tratto inclinato di lunghezza l=313,8cm e trascurando il contributo del
calcestruzzo in trazione, ai fini del taglio si ha:
Asw
Vsdu ≤ f yd ⋅ 0,9 ⋅ d
s
da cui si ottiene:
  3
 10
 Asw  Vd ( x) V sdu− q cos α ⋅ x  42,78 − 27,76 x 
2 2
  = = d
= = 0,216939 − 0,140766 x
 s V 0,9df yd 0,9df yd 0,9 ⋅ 560 ⋅ 391,3

mentre per la torsione dovrà aversi:


Asw
Tsdu ≤ Be f yd
s

da cui si ottiene:
 2 ⋅ Asw  Td ( x) ( 24,4 − 15,55 x ) ⋅ 10 6
  = = = 0,545121 − 0,34738 x
 s  T Be f yd 114400 ⋅ 391,3

complessivamente sarà:

( Asws ) =( Asws ) +( 2Asw


Tot s )
taglio tors
=0,76206−0,488146 x

( Asws ) =( Asws )
Tot min

101
=¿ 0,76206−0,488146 x
160

X = 27 cm
X=27cm X=27cm

B C
intervallo con s=16cm

313 cm

Risultando x positivo si avrà che l’armatura trasversale minima prevista soddisfa la


verifica richiesta in corrispondenza di un tratto centrale di lunghezza complessiva
pari ad:
l ' =l −(2 ⋅x )

Quindi i due tratti estremi del tratto inclinato di lunghezza pari a 27 cm richiedono il
calcolo dell’armatura a taglio e torsione.
Per il calcolo dell’armatura trasversale si considera per i due tratti di lunghezza pari a
27 cm un valore di taglio e di momento torcente costante e pari al valore massimo in
x=0
corrispondenza di
Calcolo quindi il passo s per il tratto x = 27 cm
 Asw 
  = 0,76206
 s 

da cui si ottiene
101
s= = 132,5mm ≈ 13cm
0,76206

quindi per i tratti di lunghezza l = 27 cm si adotterà un passo s =13 cm.


TRATTO AB e CD
Riguardo ai tratti orizzontali di trave di lunghezza pari ad l1= 180cm ed l2=200cm si
adotterà la stessa procedura utilizzata in precedenza, ma si dovrà tener conto delle
diverse leggi di taglio e di momento.

Per il tratto l1 = 180cm per il taglio si avrà:


 Asw  V ( x)
  = d
 s V 0,9df yd

mentre per la torsione:


 2 ⋅ Asw  Td
  =
 s  T Be f yd

complessivamente sarà:
 Asw  A   2 ⋅ Asw 
  =  sw  +  
 s  TOT  s  V  s  T

dividendo il tratto orizzontale in due parti uguali di lunghezza 90 cm avrò:

1 2
A B
90 cm

 Asw   101 
  =  = 1,136697
 s  x = 0  s  x =0
nel primo tratto
Asw 101
s= = = 88,8mm
1,136697 1,136697
utilizzando staffe F8, si ottiene
s = 8cm
si userà quindi un passo
 Asw 
  = 0,958268
 s  x =0,9
nel secondo tratto
Asw 101
s= = = 105,4mm
0,958268 0,958268
utilizzando staffe F8, si ottiene
s = 10cm
si userà quindi un passo

l 2 = 200cm
Per il tratto si procede come sopra:
primo tratto x=0 s=9cm
secondo tratto x=1 s=11cm

VERIFICA E PROGETTO DELL’ARMATURA LONGITUDINALE A


TORSIONE

Per il progetto delle armature longitudinali si deve verificare che:


Al
Td ≤ 2 Be f yd
Ue

Td max
effettuando il calcolo per si ha:
Td max U e 24,4 ⋅ 10 ⋅ 1480
6
Al ≥ = = 403,3898mm 2
2 Be f yd 2 ⋅ 114400 ⋅ 391,3

considerando la trave a ginocchio, si ottiene:


Al = 403,4mm 2
6Φ10 = 471mm 2
e quindi si useranno

LUNGHEZZE DI ANCORAGGIO

fyd∗ϕ16 fyd∗ϕ16
=
La F16 = 4∗fbd 4∗2,25∗fctk = 604,8 mm ≈ 60,5 cm
1,6

PROGETTO A FLESSIONE PIANEROTTOLO

Si ipotizza uno schema di calcolo di trave di lunghezza pari a l = lr1 * 2 + 0,3 = 2,8m,
appoggiata agli estremi e caricata uniformemente con un carico costante pari a
qd= 29,7KN/m.
qd

Il diagramma dei momenti è parabolico, il momento massimo vale


Mmax = 1/8*qd*l^2 = 29,1KNm

DIAGRAMMA DEI
MOMENTI

ql^2/8

La norma prevede che il pianerottolo sia progettato esclusivamente a flessione a


semplice armatura, ipotizzando la rottura in campo2, ponendo Mmax = Mult le incognite
delle equazioni allo stato limite ultimo sono Af e Xc.

σoc * b * 0,8 * Xc – fyd * Af = 0


σoc * b * 0,8 * Xc * (d – 0,4 * Xc) = Mmax

PROGETTO A FLESSIONE
IP. CAMPO 2
1) 0
2) 29102080
b= 2000
s= 200
δ= 20
d= 180
σ0c= 13,42105
fyd= 391,3043
Af= 420,3322
Xc= 7,659506

Per il secondo pianerottolo il procedimento è analogo, soltanto che in questo caso


b = 1800mm

qd2= 26,7264
26,1918
Mmax= 7 KNm

PROGETTO A FLESSIONE
IP. CAMPO 2
1) 0
2) 26191872
b= 1800
s= 200
δ= 20
d= 180
σ0c= 13,42105
fyd= 391,3043
Af= 378,299
Xc= 7,659506

Essendo le armature venute dal calcolo non idonee, perché viene fuori un passo
maggiore dello spessore della soletta, per tale motivo si scelgono le barre imponendo
un passo di 25cm.
Si ottiene un numero di barre uguale a 9, quindi sono state scelte 9φ10 (Aeff. =
707mm2).