Sei sulla pagina 1di 29

Parole a scuola

LE NUOVE SCHEDE DIDATTICHE


PER INSEGNARE CON IL MANIFESTO
DELLA COMUNICAZIONE NON OSTILE
SCUOLA
Scheda didattica DELL’INFANZIA

Materiali e fonti

• “Parole appuntite, parole piumate” di Anna Sarfatti e Nicoletta Costa


• “Ululò e Ululè” di Amélie Galé e Jack Tow, www.LO-ed.com
https://pianetabambini.it/canzoni-diversita-bambini/

Domande fondamentali

• Ci sono bambini diversi da me?


• Come sono fatti e cosa fanno?
• Siamo uguali anche se diversi?

Attività

Ci si mette in cerchio e l’insegnante propone la storia di Ululò e Ululè:


mentre la legge chiede ai bambini, uno per volta, di provare a ululare e a belare,
facendo notare la differenza.

Terminata la storia l’insegnante introduce nel cerchio anche Giulio Coniglio


e legge la quarta filastrocca.

Successivamente chiede ai bambini di pensare a delle differenze tra le persone


(biondo/moro, alto/basso, maschio/femmina) e tra le cose (caldo/freddo, sole/luna, dolce/salato)
e li aiuta a capire che una non esclude l’altra e la vita è più bella e più ricca se ci sono entrambe
le componenti.

Al termine l’insegnante fa vedere un arcobaleno, capace di tenere insieme tutti i colori;


eventualmente può far sentire una canzone dedicata alla diversità (link nei Materiali).

1
SCUOLA
Scheda didattica DELL’INFANZIA

Materiali e fonti

• “Parole appuntite, parole piumate” di Anna Sarfatti e Nicoletta Costa


• “Il ponte dei bambini” di Max Bolliger e Stepan Zavrel, Bohem press italia

Domande fondamentali

• A cosa serve un ponte?


• Cos’è necessario per costruirlo?
• Cosa si può fare sul ponte?

Attività

È il momento di una storia:


in cerchio l’insegnante legge ad alta voce per tutti
“Il ponte dei bambini”.

Al termine l’insegnante chiede cos’hanno fatto i bambini protagonisti della storia prima
di arrivare alla decisione di costruire il ponte.

Si decide di costruire un ponte anche in classe per unire maschi e femmine/piccoli e grandi/biondi
e mori… ognuno è invitato a mettere qualcosa per realizzare fisicamente la costruzione
(chi un gioco, chi una felpa o una giacca, chi un paio di scarpe…).

Terminato il ponte ci si sistema sopra o nei pressi, dopo essersi presentati e conosciuti:
a quel punto si legge la terza filastrocca (anche più volte), aiutando i bambini a comprendere che
per costruire un ponte, oasi di pace, è necessario che ognuno ci metta del proprio.

2
SCUOLA
Scheda didattica DELL’INFANZIA

Materiali e fonti

• “Parole appuntite, parole piumate” di Anna Sarfatti e Nicoletta Costa


• https://www.youtube.com/watch?v=N6-kmEkThrE
• https://www.youtube.com/watch?v=KZpVLDZwdhc

Domande fondamentali

• Come sono io?


• Come sono gli altri?
• Quali sono le parole che ci piacciono?

Attività

Ci si mette in cerchio e l’insegnante propone un gioco di conoscenza:


a turno si lancia una palla di gommapiuma e chi la riceve deve dire
“Mi chiamo … e mi piace/so fare …”.

Terminato un giro l’insegnante introduce nel cerchio anche Giulio Coniglio


e legge la prima filastrocca.

Si prosegue con un secondo giro e questa volta è chi lancia la palla che deve dire il nome
del bambino a cui la vuol lanciare:
chi la riceve deve dire la sua parola preferita.
Se dovessero emergere parole ostili l’insegnante aiuterà i bambini a comprendere
le conseguenze che possono avere quelle parole.

Al termine del secondo giro l’insegnante propone la sua parola preferita, facendo ascoltare
ai bambini la canzone del 60° Zecchino d’Oro “Una parola magica” (link nei Materiali).

Al termine i bambini possono provare a cantare il ritornello e potranno eventualmente


proporre questa canzone in una futura occasione di festa.

3
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Europa

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Unione Europea?


• Quando e perché è nata?
• Qual è la sua forza?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo sport
• Europa.eu - Giochi interattivi - https://europa.eu/kids-corner/index_it.htm

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I bambini vengono introdotti all’attività attraverso la proposta di una cartina dell’Unione Europea:
si chiede loro cos’è e si invitano a dire tutto ciò che viene loro in mente (la moneta, i viaggi fatti,
qualche squadra sportiva…). (5 minuti)
• Per saperne di più i bambini vengono invitati a giocare sul sito dell’Unione Europea (link tra i
Materiali). (20 minuti)
• Al termine dei giochi i bambini compilano la Carta d’Identità dell’Unione Europea, evidenziando
con l’aiuto dell’insegnante il compleanno, l’inno, la bandiera, la moneta, il motto. (15 minuti)
• Anche nell’Unione Europea, come in tutte le famiglie in cui ci sono tante diversità, a volte non ci si
capisce e si litiga: è importante ricordarsi perché si sta insieme, cosa ci ha unito e ci unisce.
In maniera semplice l’insegnante spiega perché è nata l’Unione e quali valori condivide. (10 minuti)
• L’insegnante presenta il Manifesto della comunicazione non ostile, come esempio di stile con cui
relazionarsi con gli altri, nella vita quotidiana di un bambino come nei rapporti tra gli Stati;
propone inoltre il Manifesto della comunicazion non ostile per lo Sport come carta di valori da
adottare durante le competizioni calcistiche europee sia negli stadi che davanti alla televisione.
(10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I bambini sono invitati, possibilmente a coppie o a piccoli gruppi, a proporre disegnandola una
divisa per una futura squadra sportiva europea.

32 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Italia

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Italia?


• Quali simboli la rappresentano?
• Come si costruisce l’unità?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport
• YouTube - La nascita del Tricolore https://www.youtube.com/watch?v=JXTkCUtruf8
• focusjunior.it - L’inno di Mameli e il suo significato
https://www.focusjunior.it/scuola/storia/linno-mameli-significato/
• focusjunior.it - Perché il colore che identifica la Nazionale è l’azzurro?
https://www.focus.it/cultura/curiosita/perche-il-colore-che-identifica-la-nazionale-e-lazzurro

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I bambini vengono introdotti all’attività attraverso il gioco del Se fosse: i bambini devono
indovinare di chi si sta parlando facendo all’insegnante domande del tipo “Se fosse un vestito, che
vestito sarebbe?” “Se fosse un cibo, che cibo sarebbe?”; il personaggio da indovinare è l’Italia e il
gioco ha lo scopo di raccogliere informazioni per descriverla. Se non dovesse emergere,
l’insegnante potrebbe cercare di stimolare una domanda relativa al libro/carta/bussola che la
rappresenta, in modo da introdurre la Costituzione. (15 minuti)
• L’insegnante raccoglie quanto emerso invitando i bambini a mettere sul podio le tre cose più
importanti per descrivere l’Italia. (5 minuti)
• Per salire sul podio c’è bisogno di una divisa, di una bandiera e di un inno: i bambini li individuano
con l’aiuto dell’insegnante e ne scoprono l’origine (perché la maglia della nazionale è azzurra?
Quando e come nasce il tricolore? Quando e come nasce l’inno di Mameli). (15 minuti)
• Può capitare che gli inni vengano fischiati: come comportarsi in quei casi? L’insegnante presenta il
Manifesto della comunicazione non ostile come esempio di stile con cui relazionarsi con gli altri,
nello sport e non solo. (10 minuti)
• Con l’aiuto del video del Piccolo Coro dell’Antoniano (link nei Materiali) i bambini provano l’inno,
sperimentando la bellezza ma anche la fatica e l’impegno che l’unità richiede. (15 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I bambini sono invitati a compilare a casa un foglietto bianco, uno verde e uno rosso con i loro
desideri per l’Italia; a scuola saranno assemblati con quelli di tutti gli altri: la bandiera, simbolo
dell’unità d’Italia, è frutto dell’apporto di tutti.

33 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
Il tifo sportivo

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali caratteristiche deve avere il tifo perché non diventi una malattia?
• Come incentivare il tifo sano?
• Quale motto la classe sceglie per esprimere lo stile con cui vuole tifare?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• iotifopositivo.it - http://www.iotifopositivo.it/foto-e-video/
• YouTube - Benvenuta, Curva Futura! - https://www.youtube.com/watch?v=443Uk2t5yl4
• YouTube - La “Curva Futura” della Sardegna Arena -
https://www.youtube.com/watch?v=LcAg7j3vsX8 (per gli insegnanti)

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I bambini vengono introdotti all’attività con un brainstorming sulla parola tifo. (5 minuti)
• L’insegnante raccoglie quanto emerso proponendo l’etimologia della parola tifo, che può indicare
sia una malattia che una passione, che può degenerare in una malattia. (5 minuti)
• I bambini vengono invitati a raccontare il modo loro e dei loro genitori di vivere il tifo sia nello sport
che eventualmente praticano sia nelle gare a cui assistono di persona o attraverso la televisione:
insieme all’insegnante individuano eventuali tracce di ostilità. (15 minuti)
• L’insegnante presenta ai bambini il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport come
bussola da usare durante l’attività sia di sportivi che di tifosi e mostra loro almeno un esempio di
tifo positivo attraverso i video di “Io tifo positivo” e di “Curva futura”. (15 minuti)
• I bambini vengono divisi a coppie o a gruppetti di 2-3 (a seconda del numero di bambini da cui
è composta la classe) e a ogni gruppo viene affidato un principio del Manifesto: se e dove possibile
devono ulteriormente declinarlo a misura di tifo con uno slogan o un invito. (10 minuti)
• A gruppi di 5-6 bambini, formati unendo due o più gruppetti dell’attività precedente, inventano un
coro non ostile da proporre nella prossima gara a scuola o in altre situazioni di tifo. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I bambini sono invitati ad illustrare il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport e/o a
pensare a uno slogan e a un’immagine che ne riassumano lo spirito e che possono essere
rappresentati in un cartellone.

34 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 1° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Europa

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Unione Europea?


• Quando e perché è nata?
• Qual è la sua forza?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport
• Europa.eu - Giochi interattivi - https://europa.eu/kids-corner/index_it.htm
• Europa.eu - Presentazione -
• https://europa.eu/european-union/sites/europaeu/files/eu_in_slides_it.pdf

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I ragazzi vengono introdotti all’attività mostrando loro una banconota da 10 euro: si chiede loro
cos’è e cosa rappresenta. (5 minuti)
• Per saperne di più i ragazzi vengono invitati a giocare sul sito dell’Unione Europea
(link tra i Materiali). (15 minuti)
• Al termine dei giochi i ragazzi si dividono in gruppi e approfondiscono i simboli dell’Unione
Europea: il compleanno, l’inno, la bandiera, la moneta, il motto. (15 minuti)
• Anche nell’Unione Europea, come in tutte le famiglie in cui ci sono tante diversità, a volte non ci
si capisce e si litiga: è importante ricordarsi perché si sta insieme, cosa ci ha unito e ci unisce.
I ragazzi mettono in scena il sogno dei padri fondatori e i risultati raggiunti. (20 minuti)
• L’insegnante presenta il Manifesto della comunicazione non ostile, come esempio di stile con cui
relazionarsi con gli altri, nella vita quotidiana di un ragazzo come nei rapporti tra gli Stati; propone
inoltre il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport come carta di valori da adottare
durante le competizioni sportive europee sia negli stadi che davanti alla televisione. (5 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I ragazzi, possibilmente a coppie o a piccoli gruppi, provano a stilare una lista dei vantaggi che si
hanno stando nell’Unione Europea e a scrivere la formazione di una squadra di calcio europea
formata dai migliori giocatori dei vari Paesi membri, rispettando i ruoli necessari (non potranno
esserci solo difensori o solo attaccanti). Dopo il confronto in classe si arriverà a una formazione
frutto delle varie proposte.

35 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 1° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Italia

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Italia?


• Quali simboli la rappresentano?
• Come si costruisce l’unità?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• YouTube - Toto Cutugno L’italiano https://www.youtube.com/watch?v=HNQL9EjuPtY
• YouTube - GHALI - Cara Italia https://www.youtube.com/watch?v=z3UCQj8EFGk
• YouTube - Perchè la bandiera Italiana è Verde, Bianca e Rossa? - Sicuro di sapere? 1#
https://www.youtube.com/watch?v=N4AU2HUiFUw
• focusjunior.it - L’inno di Mameli e il suo significato
https://www.focusjunior.it/scuola/storia/linno-mameli-significato/
• focusjunior.it - Perché il colore che identifica la Nazionale è l’azzurro?
https://www.focus.it/cultura/curiosita/perche-il-colore-che-identifica-la-nazionale-e-lazzurro
• senatoperitagazzi.it - Incontro con la Costituzione
http://www.senatoperiragazzi.it/media/Documenti/Incontro_con_la_Costituzione.pdf

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I ragazzi vengono introdotti all’attività attraverso l’ascolto di due canzoni: “L’italiano” di Toto Cutugno
e “Cara Italia” di Ghali. Due rappresentazioni dell’Italia a 35 anni di distanza. Con l’aiuto dell’insegnante
i ragazzi le analizzano e le confrontano: quale immagine dell’Italia se ne ricava? (15 minuti)
• I ragazzi sono invitati a condividere la propria immagine d’Italia scegliendo una fotografia,
un fotogramma, una canzone rappresentativa. (5 minuti)
• Se non è già emersa, l’insegnante propone la foto della nazionale femminile di calcio: cosa rende
11 ragazze una squadra? Di cosa hanno bisogno per poter giocare insieme? Di una divisa, di una
bandiera e di un inno: con l’aiuto dell’insegnante ne scoprono l’origine (perché la maglia della
nazionale è azzurra? Quando e come nasce il tricolore? Quando e come nasce l’inno di Mameli?).
(15 minuti)
• Ma non basta una maglia per potersi dire italiani: è la condivisione dei valori comuni scritti nella
Costituzione (link nei Materiali). I ragazzi li evidenziano. (15 minuti)
• Questi valori condivisi non sempre vengono rispettati e attuati anche ad esempio negli stadi.
L’insegnante presenta il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport, come esempio di
stile con cui relazionarsi con gli altri, nello sport e non solo. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I ragazzi sono invitati a fare un lavoro domestico a gruppi: a realizzare un inno moderno che traduca
a loro misura le parole di Mameli.

36 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 1° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
Il tifo sportivo

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali caratteristiche deve avere il tifo perché non diventi una malattia?
• Come incentivare il tifo sano?
• Quale principio del Manifesto di Parole Ostili prediligo per esprimere lo stile con cui voglio tifare?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• YouTube - Ultras violenti - https://www.youtube.com/watch?v=WRxedWT_Dd4

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• I ragazzi vengono introdotti all’attività con un brainstorming sulla parola tifo. (5 minuti)
• L’insegnante raccoglie quanto emerso proponendo l’etimologia della parola tifo, che può indicare
sia una malattia che una passione, che può degenerare in una malattia. (5 minuti)
• I ragazzi vengono invitati a raccontare il modo loro, dei loro amici e dei loro genitori di vivere il tifo
sia nello sport che eventualmente praticano sia nelle gare a cui assistono di persona o attraverso la
televisione, cogliendone eventuali tracce di ostilità. (10 minuti)
• L’insegnante propone ai ragazzi il video dedicato al tifo violento (link nei Materiali), precisando che
è un problema che riguarda quasi tutte le tifoserie delle squadre maggiori e che può portare a
conseguenze estreme come la strage dell’Heysel e l’uccisione dell’ispettore Raciti e divisi a coppie o
a gruppetti di 2-3 (a seconda del numero di ragazzi da cui è composta la classe) li invita brevemente
a fare una ricerca per ricostruire i due episodi citati. (15 minuti)
• L’insegnante propone ai ragazzi il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport e per ogni
principio li invita a pensare a un episodio sportivo e/o personale in cui questo principio è stato
disatteso o rispettato, sottolineando che il cambiamento parte sempre dagli atteggiamenti
individuali. (15 minuti)
• A gruppi di 5-6 ragazzi, formati unendo due o più gruppetti dell’attività precedente, progettano
un’attività non ostile (coro, striscione…) da proporre nella prossima gara a scuola o in altre situazioni
di tifo. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• I ragazzi sono invitati a scrivere una lettera a un coetaneo/a in cui riassumono lo spirito
del Manifesto e lo stile con cui vogliono sostenere la propria squadra.

37 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 2° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
Il tifo sportivo

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali caratteristiche deve avere il tifo perché non diventi una malattia?
• Come incentivare il tifo sano?
• Quale motto la classe sceglie per esprimere lo stile con cui vuole tifare?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• rainews.it - Tifo violento, l’altra faccia del calcio - https://bit.ly/2PtKf6V
• video.repubblica.it - Heysel, la notte del calcio (1985-2015) - https://bit.ly/2qLeUxM
• iene.mediaset.it - Calcio giovanile: genitori che picchiano arbitri, allenatori e altri genitori
https://bit.ly/2OERgg9

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Gli studenti vengono introdotti all’attività con un brainstorming sulla parola tifo. (5 minuti)
• L’insegnante raccoglie quanto emerso proponendo l’etimologia della parola tifo, che può indicare sia
una malattia che una passione, che può degenerare in una malattia. (5 minuti)
• Gli studenti vengono invitati a raccontare il modo loro e dei loro amici di vivere il tifo sia nello sport
che eventualmente praticano sia nelle gare a cui assistono di persona o attraverso la televisione e i
social: insieme all’insegnante individuano eventuali tracce di ostilità. (10 minuti)
• L’insegnante fornisce alcuni dati (link tra i Materiali) relativi a situazioni in cui il tifo è degenerato e invita
gli studenti a fare degli esempi (personali, locali, nazionali), provando a indagare le motivazioni di tanta
violenza e a individuare eventuali antidoti. (20 minuti)
• Come possibile antidoto l’insegnante presenta loro il Manifesto della comunicazione non ostile per lo
Sport e per ogni principio li invita a pensare a un episodio personale in cui questo principio è stato
disatteso o rispettato, sottolineando che il cambiamento parte sempre dagli atteggiamenti individuali.
(10 minuti)
• A gruppi di 5-6 studenti, formati unendo due o più gruppetti dell’attività precedente, inventano uno
slogan non ostile da proporre nella prossima gara a scuola o in altre situazioni di tifo e si accordano su
un hashtag da lanciare e utilizzare in occasione di una gara importante. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Gli studenti sono invitati ad approfondire storicamente la nascita e la degenerazione del tifo e a scrivere
una lettera al presidente della FIGC per proporgli alcune soluzioni per arginare il fenomeno: durante
il confronto in classe l’insegnante è invitato a sottolineare la valenza dell’atteggiamento personale nel
ridurre il livello di ostilità.

66 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 2° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Europa

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Unione Europea?


• Quando e perché è nata?
• Qual è la sua forza?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• Video su esperienza Erasmus (come: https://www.youtube.com/watch?v=1B1oxG5Hxz0)
e Servizio di Volontariato Europeo (come: https://www.youtube.com/watch?v=LnJ46-mFVgE)
• Europa.eu - Presentazione
https://europa.eu/european-union/sites/europaeu/files/eu_in_slides_it.pdf

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Gli studenti vengono introdotti all’attività attraverso la proposta di un video che racconta l’esperienza
Erasmus o il Servizio di Volontariato Europeo: ce ne sono molti disponibili in Rete. (5 minuti)
• All’origine di queste opportunità che hanno cambiato la vita di molti giovani c’è un sogno che si chiama
Unione Europea: dopo un’introduzione dell’insegnante gli studenti lavorano a gruppi sulla Dichiarazione
Schuman, contestualizzandola e attualizzandola. (20 minuti)
• Al termine del lavoro di gruppo gli studenti improvvisano un Processo all’Unione Europea: da una parte
quelli che la contestano, dall’altra quelli che difendono il sogno dei Padri fondatori. (20 minuti)
• Anche nell’Unione Europea, come in tutte le famiglie in cui ci sono tante diversità, a volte non ci si ca
pisce e si litiga: è importante ricordarsi perché si sta insieme, cosa ci ha unito e ci unisce: presentazione
del motto dell’Unione Europea e dei risultati raggiunti dalla sua istituzione. (5 minuti)
• L’insegnante presenta il Manifesto della comunicazione non ostile, come esempio di stile con cui
relazionarsi con gli altri, nella vita quotidiana di un giovane come nei rapporti tra gli Stati; propone
inoltre il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport come carta di valori da adottare durante
le competizioni sportive europee sia negli stadi che davanti alla televisione. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Gli studenti sono invitati a studiare i contenuti delle schede sull’Unione Europea, eventualmente
dividendoseli all’interno delle due squadre (le stesse del Processo): in una successiva lezione sarà
predisposto un gioco a quiz sull’Unione, dove vincerà chi risponderà correttamente al maggior numero di
domande.
• Un’altra attività possibile è quella di invitare ciascuno studente a riscrivere il sogno dei Padri fondatori
attualizzandolo.
• Un’altra attività è quella di stilare una formazione storica di una potenziale squadra di calcio europea.

67 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica SECONDARIA DI 2° GRADO

MATERIA: Tutte 60’

Argomento
L’Italia

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• Quali sono i valori su cui è fondata l’Italia?


• Quali simboli la rappresentano?
• Come si costruisce l’unità?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport


• Corriere.it - L’Italia è straordinaria: ecco perché - https://video.corriere.it/italia-straordinario-
luogo-comune-video-governo-che-ribalta-luoghi-comuni/4bc50260-a272-11e4-8797-c00fad50c5c4
• Vanityfair.it - Cos’è l’Italia? - http://popup.vanityfair.it/2011/02/18/cose-litalia/

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Gli studenti, singolarmente o a coppie, vengono invitati a raccontare la loro Italia lavorando sull’acrostico
del nome. (10 minuti)
• L’insegnante propone il video del Corriere (link nei Materiali) e l’articolo di Vanity Fair e invita gli studenti a
condividere i propri acrostici, evidenziando gli elementi comuni tra gli acrostici e con l’immagine che
emerge dal video e dall’articolo. (15 minuti)
• L’insegnante propone la foto della nazionale femminile di calcio quale immagine simbolica del nostro
Paese e chiede agli studenti se si riconoscono e perché. (5 minuti)
• Gli studenti si confrontano su cosa rende 11 ragazze una squadra e su ciò di cui hanno bisogno per poter
giocare insieme: di una divisa, di una bandiera e di un inno. Con l’aiuto dell’insegnante ne scoprono
l’origine (perché la maglia della nazionale è azzurra? Quando e come nasce il tricolore? Quando e come
nasce l’inno di Mameli). (10 minuti)
• Ma non basta una maglia per potersi dire italiani: è la condivisione dei valori comuni scritti nella
Costituzione. A gruppetti presentano i valori fondanti la nostra democrazia, primo tra tutti l’antifascismo
e il rispetto per l’altro. (10 minuti)
• Questi valori condivisi non sempre vengono rispettati e attuati anche ad esempio negli stadi.
L’insegnante presenta il Manifesto della comunicazione non ostile per lo Sport, come esempio di stile
con cui relazionarsi con gli altri, nello sport e non solo. (10 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Gli studenti sono invitati a fare un lavoro a gruppi: realizzare un breve video per promuovere l’Italia
e le sue eccellenze.

68 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ PRIMARIA

in collaborazione con

MATERIA: Scienze

Argomento
L’energia è un bene prezioso

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• È possibile un mondo senza energia? E una vita senza parole?


• Quali sono le parole che danno più energia e che ci fanno camminare verso il futuro?
• Qual è il modo che ci consente di non sprecare energia e di non restare senza parole
(o di non lasciare gli altri senza)?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Che cos’è l’energia - https://www.youtube.com/watch?v=6Zw6ZeXobkk
• “I segreti dell’energia” di Alice James – Usborne Publishing
• “La scienza intorno a te”, Editoriale Scienza
• maestrasabry.it - http://www.maestrasabry.it/files/energia.pdf

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al tema dell’energia: i bambini sono invitati a darne una loro definizione, che verrà
riportata sulla lavagna o su un cartellone, e successivamente introdotti al suo significato scientifico e
pratico attraverso la visione del video (link nei Materiali). (15 minuti)
• L’insegnante invita i bambini a pensare a cosa succederebbe in quel momento se mancasse l’energia
(si spegnerebbe la luce, non suonerebbe la campanella, smetterebbe di funzionare il computer e/o
la LIM, lo scuolabus non potrebbe riportarli a casa…), quindi a piccoli gruppi chiede loro di fare un
elenco dei momenti della loro giornata in cui è presente l’energia. (15 minuti)
• Al termine dell’attività chiede loro se “energia” è una parola di cui si può fare a meno e perché.
Durante il confronto li invita a riflettere sul fatto che è un bene prezioso, ma non infinito, che non va
sprecato ma condiviso. Proprio come le parole. (15 minuti)
• L’insegnante presenta alla classe il Manifesto della comunicazione non ostile e li invita a pensare alle
situazioni in cui l’energia può essere un ponte, l’energia può essere sprecata o valorizzata, l’energia
può essere condivisa, quindi chiede loro di suggerire le parole che danno più energia e quelle che
invece possono essere più esplosive. (15 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Per casa i bambini più grandi possono esercitarsi nell’attività proposta da maestrasabry
(link nei Materiali), i più piccoli possono fare un disegno in cui immaginano un mondo senza
energia e/o un mondo senza parole.

35 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ PRIMARIA

in collaborazione con

Italiano – Arte e immagine –


MATERIA: Musica – Educazione Motoria

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette di affrontare
le difficoltà e i momenti più difficili.

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

3. Le parole danno forma al pensiero


5. Le parole sono un ponte
6. Le parole hanno conseguenze

Domande fondamentali

• Davanti a una difficoltà, mi chiudo in me stesso, pensando di essere la persona più sfortunata
del mondo, oppure cerco di trovare un lato positivo in quello che ho e che mi sta succedendo?
• Che cosa mi dà gioia e forza quando sono triste? È qualcosa che trovo in me o fuori di me?
• Penso al mio “campione”: secondo me non ha mai avuto momenti difficili, oppure li ha
superati con l’aiuto degli altri o con la forza interiore?
• A seconda di come mi sento, di quale “energia” (felicità, rabbia, dolore) sento dentro di me,
come parlo, disegno, mi esprimo?
• Quali parole, immagini, suoni, persona cerco intorno a me quando sono emozionato,
entusiasta, felice, arrabbiato, deluso?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Bebe Vio – Mi hanno regalato un sogno
• Luis Sepulveda – Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
• Wonder, film di Stephen Chbosky, 2017
• Brave, film Walt Disney Pictures, 2012
• Alex Baroni - Posso farcela, soundtrack Hercules

• Fogli da disegno, pastelli e pennelli colorati


• Tastiere, piccole percussioni
• Palestra o spazio per attività motoria, una palla e piccoli attrezzi

36 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ PRIMARIA

in collaborazione con

Italiano – Arte e immagine –


MATERIA: Musica – Educazione Motoria

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette di affrontare
le difficoltà e i momenti più difficili.

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Obiettivo
Visualizzazione e rappresentazione della propria energia interiore, con chiara differenziazione fra
quella positiva/costruttiva (la forza interiore) e quella negativa/distruttiva
Attività preliminari, valide per tutte le discipline
1. Lettura con l’insegnante del Manifesto della comunicazione non ostile, facendo particolare attenzione
a cosa la sua applicazione può rappresentare per l’alunno nel momento in cui parla con gli altri o
descrive i propri sentimenti. (15 minuti)
2. Lettura insieme del libro o di alcuni capitoli del libro di Bebe Vio (in particolare i capitoli “Viva la
medicina bianca”, “Garetta”, “Se ve lo state domandando”).
3. Visione e commento con l’insegnante del film Wonder.
Italiano
- L’alunno cerca di rispondere, a voce oppure per iscritto, alle “domande fondamentali”. (15 minuti)
- L’alunno, da solo o in gruppo, descrive la propria “energia interiore” come fosse una persona: com’è
fatta, a chi assomiglia, come fare per cacciarla se è cattiva/chiamarla se è buona. (15 minuti)
- Al termine dell’attività la condivide con l’insegnante e il resto dei compagni. (15 minuti)
Arte e immagine
- L’alunno traccia su un foglio o più fogli, usando tutti i materiali grafici a disposizione, le figure e le
forme (anche astratte) che rappresentano la sua energia interiore. (15 minuti)
- Esamina poi il proprio lavoro, spiegando se ha illustrato un’energia interiore positiva o una forza
distruttiva. (15 minuti)
- Al termine del percorso di riflessione, rappresenta quella che è (o desidera sia) l’energia positiva
interiore. (15 minuti)
Musica
- Con l’aiuto dell’insegnante e in relazione al grado di alfabetizzazione musicale, l’alunno rappresenta
con piccoli suoni (o riconosce in brani noti) la propria energia interiore. (20 minuti)
- Esamina poi i suoni prodotti o il brano individuato, spiegando se si tratta di un’energia interiore
positiva o una forza distruttiva. (15 minuti)
- Al termine del percorso di riflessione, sceglie una rappresentazione di quella che è (o desidera sia) la
propria energia positiva interiore. (10 minuti)
Educazione Motoria
L’energia fisica è spesso uno strumento per attivare la nostra energia interiore. L’alunno prova a fare
esperienza della frustrazione derivante da una limitazione fisica, impara a gestirla e infine se ne libera,
sperimentando il senso di determinazione positivo derivante dall’esercizio e dal controllo fisico.
- Lavorando in piccoli gruppi, a turno ogni allievo compie un piccolo percorso a ostacoli con una
limitazione fisica imposta (es. mani o piedi legate, impossibilità di piegarsi), mentre i compagni
hanno libertà di movimento. (20 minuti)
- Dopo aver ripetuto più volte la prova, con i suggerimenti e i consigli dell’insegnante, inizia ad
acquisire padronanza maggiore. (10 minuti)
- Alla fine, sciolto dal vincolo, compie la stessa prova, con successo e soddisfazione piena. (5 minuti)
Infine, l’alunno si interroga per capire se alcuni “stratagemmi” elaborati durante la fase di esercizio con
vincolo fisico gli siano stati utili, o possano esserlo, anche quando privo di limitazioni. (10 minuti)

37 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ PRIMARIA

in collaborazione con

Italiano – Arte e immagine –


MATERIA: Musica – Educazione Motoria

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette di affrontare
le difficoltà e i momenti più difficili.

Attività e/o compiti a casa

• Gli alunni sono invitati a cercare esempi di grandi problemi vissuti con leggerezza,
di piccoli problemi vissuti con rabbia.
Inoltre, se a scuola non c’è il tempo per farlo, gli alunni sono invitati a leggere per casa alcuni capitoli
del libro di Bebe Vio e a guardare in famiglia il film Wonder.

38 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ SECONDARIA DI 1° GRADO

in collaborazione con

MATERIA: Scienze

Argomento
L’energia è un bene prezioso

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• È possibile un mondo senza energia? E una vita senza parole?


• Quali sono le parole che danno più energia e che ci fanno camminare verso il futuro?
• Qual è il modo che ci consente di non sprecare energia e di non restare senza parole
(o di non lasciare gli altri senza)?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Che cos’è l’energia?- https://www.youtube.com/watch?v=OhnW25dmDtQ
• Le forme dell’energia - https://www.youtube.com/watch?v=OCfK9Z_oQEk

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al tema dell’energia: i ragazzi sono introdotti all’attività attraverso la visione del primo
o di entrambi i video suggeriti nei Materiali. (15 minuti)
• A coppie sono invitati a descrivere attraverso una scenetta la loro giornata tipo senza l’energia.
(15 minuti)
• L’insegnante lancia la discussione: è possibile vivere senza energia? è una parola che si potrebbe
cancellare dal vocabolario? (15 minuti)
• L’insegnante presenta alla classe il Manifesto della comunicazione non ostile e li invita a pensare alle
situazioni in cui l’energia può essere un ponte, l’energia può essere sprecata o valorizzata, l’energia
può essere condivisa, quindi chiede loro di suggerire le parole che danno più energia e quelle che
invece possono essere più esplosive. (15 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Per casa, possibilmente a coppie, i ragazzi sono invitati ad approfondire le fonti di energia,
eventualmente guardando uno o entrambi questi video
(https://www.youtube.com/watch?v=xCXtDSeQdZ4)
(https://www.youtube.com/watch?v=NWjZiX17ZOE)
e a stilare un manifesto che contenga indicazioni essenziali e comprensibili a tutti per non
sprecare energia e per usare quella rinnovabile.

38 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ SECONDARIA DI 1° GRADO

in collaborazione con

Italiano, Arte e immagine, Musica,


MATERIA: Scienze Motorie, Cittadinanza

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette
di affrontare le difficoltà e i momenti più difficili.

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

3. Le parole danno forma al pensiero


5. Le parole sono un ponte
6. Le parole hanno conseguenze

Domande fondamentali

• Che cos’è la resilienza?


• La gravità di un problema è sempre oggettiva o dipende dallo stato emotivo di chi lo sta vivendo?
• Quante volte una persona che ci appare felice in realtà ha molti problemi, ma li affronta con il sorriso?
• Un ideale può rappresentare l’energia per affrontare le difficoltà?
• L’energia di un ideale può essere contagiosa, passare da una persona all’altra?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Bebe Vio – Mi hanno regalato un sogno
• R.J. Palacio – Wonder
• Richard Bach – Il gabbiano Jonathan Livingstone
• Invictus, film di Clint Eastwood, 2009
• Billy Elliot, film di Stephen Daldry, 2000
• Vado a scuola, film di Stephen Daldry, 2013
• Arriverà, Emma Marrone
• Esseri umani, Marco Mengoni
• Guerriero, Marco Mengoni

• Fogli da disegno, pastelli e pennelli colorati


• Strumenti musicali oggetto di studio o noti agli studenti
• Palestra o spazio per attività motoria

39 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ SECONDARIA DI 1° GRADO

in collaborazione con

Italiano, Arte e immagine, Musica,


MATERIA: Scienze Motorie, Cittadinanza

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette
di affrontare le difficoltà e i momenti più difficili.

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Senza alcuna preliminare preparazione specifica sul tema, i ragazzi sono invitati, singolarmente
o a piccoli gruppi, a rispondere per iscritto alle “domande fondamentali” indicate sopra. Queste
risposte vengono conservate dall’insegnante che supervisiona all’attività. (20 minuti)
• A coppie o a piccoli gruppi i ragazzi leggono, visionano e ascoltano i materiali suggeriti,
discutendone con gli insegnanti delle materie di riferimento. (25 minuti)
• I ragazzi tonano quindi alle “domande fondamentali”, per rispondere nuovamente, singolarmente
o nei piccoli gruppi. In particolare, sono invitati a riflettere su come e in quale misura gli spunti
suggeriti abbiano modificato le risposte date in un primo momento. (15 minuti)

Attività e/o compiti a casa

Lavorando in autonomia o in piccoli gruppi, i ragazzi cercano di individuare esempi e “rappresentare”


ideali di energia positiva interiore:
• persone che incarnino ideali positivi (specificando le ragioni della loro forza, i comportamenti
che la esprimono, le modalità per ottenerla, eventuali momenti di svolta nella loro vita che li hanno
portati all’atteggiamento attuale)
• quadri, rappresentazioni artistiche e musicali
• sport o altre discipline.
I ragazzi sono anche invitati a creare la propria rappresentazione (musicale, visiva, fisico-coreografica)
dell’energia interiore che possa guidare positivamente la loro vita.

40 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ SECONDARIA DI 2° GRADO

in collaborazione con

MATERIA: Scienze

Argomento
L’energia è un bene prezioso

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

Tutti

Domande fondamentali

• È possibile un mondo senza energia? E una vita senza parole?


• Quali sono le parole che danno più energia e che ci fanno camminare verso il futuro?
• Qual è il modo che ci consente di non sprecare energia e di non restare senza parole
(o di non lasciare gli altri senza)?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• focus.it - https://www.focus.it/tecnologia/innovazione/che-cos-e-l-energia-201011301519

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• L’insegnante entra in classe e scrive sulla lavagna la parola “energia”: a gruppi di 4-5 gli studenti sono
invitati a sviscerarla da vari punti di vista (non solo scientifico ma anche ad esempio lessicale) e a riferire
alla classe tutto quello che sanno sull’argomento, avendo a disposizione per l’esposizione max 2 minuti.
(15 minuti per il lavoro di gruppo + 15 minuti per la condivisione)
• L’insegnante chiede alla classe se la parola “energia” è una parola di cui si può fare a meno, se la si può
usare all’infinito, se siano necessarie delle regole e quali perché sia a disposizione di tutti. (15 minuti)
• Dopo il confronto gli studenti sono invitati negli stessi gruppi dell’attività precedente a stilare un
manifesto sull’uso della parola energia sulla falsariga del Manifesto della comunicazione non ostile,
che l’insegnante avrà opportunamente introdotto. (15 minuti)

Attività e/o compiti a casa

• Per casa gli studenti sono invitati ad approfondire l’argomento attraverso l’articolo di Focus
(link nei Materiali), rivedendo se opportuno la guida all’uso dell’energia predisposta in classe.

69 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica 60’ SECONDARIA DI 2° GRADO

in collaborazione con

MATERIA: Italiano, Inglese, Latino, Storia

Argomento
Conta l’energia che ci metti. L’energia interiore è la forza che tutti abbiamo e che ci permette di
affrontare le difficoltà e i momenti più difficili.
Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

3. Le parole danno forma al pensiero


5. Le parole sono un ponte
6. Le parole hanno conseguenze

Domande fondamentali

• Che cos’è la resilienza?


• La gravità di un problema è sempre oggettiva o dipende dallo stato emotivo di chi lo sta vivendo?
• Quante volte una persona che ci appare felice in realtà ha molti problemi, ma li affronta
con il sorriso?
• Un ideale può rappresentare l’energia per affrontare le difficoltà?
• L’energia di un ideale può essere contagiosa, passare da una persona all’altra?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della Comunicazione non ostile


• Dizionario della lingua latina
• Dizionario etimologico della lingua italiana
• Invictus, poesia di William Ernest Henley
• Biografia di William Ernest Henley
• Biografia di Nelson Mandela
• Playing the Enemy: Nelson Mandela and the Game that Made a Nation - John Carlin
• Invictus, film di Clint Eastwood, 2009
• Gandhi, film di Richard Attenborough, 1982

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

Filo conduttore del lavoro proposto è il concetto di “invincibilità” legato alla forza interiore, a partire
dalla tradizione classica fino al cinema hollywoodiano.
Partendo dall’etimologia e dall’uso del termine “invictus” nella cultura latina (10 minuti), i ragazzi ne
analizzano differenze e affinità passando per la vita e le parole di Henley, per seguirne l’influenza sulla
vita di Nelson Mandela. (30 minuti)
Al termine provano a scrivere una definizione condivisa del concetto di resilienza, valido e attuabile
oggi. (20 minuti)

Attività e/o compiti a casa

I ragazzi sono invitati a cercare esempi quotidiani ed espressioni artistiche che aiutino a rispondere alle
“domande fondamentali”, con attenzione sia a modelli storici sia a casi contemporanei e vicini alla loro
esperienza quotidiana.

70 "Quest'opera è soggetta alla licenza Creative Commons [ "Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate CC BY-NC-ND"] pubblicata sul sito www.paroleostili.it.
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Italiano

Argomento

Elaborazione dell’identità e interazione con gli altri.

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

2. Si è ciò che si comunica


5. Le parole sono un ponte
9. Gli insulti non sono argomenti

Domande fondamentali

• Riusciamo a comunicare agli altri ciò che siamo davvero?


• Quali sono le parole che mi avvicinano maggiormente agli altri?
• Quali sono le parole che mi allontanano dagli altri?

Materiali e fonti

• Puntata “Il nipote di Jack”


- https://it.dplay.com/k2/oggy-e-i-maledetti-scarafaggi/stagione-4-episodio-34-il-nipote-di-jack/
• Oggy e i Maledetti scarafaggi personaggi
- http://www.cartonionline.com/personaggi/oggy_e_i_maledetti_scarafaggi.htm
• Progetto Parole O_Stili - paroleostili.it

©Xilam Animation
1a
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Italiano

Argomento

Elaborazione dell’identità e interazione con gli altri.

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al cartone animato Oggy e i maledetti scarafaggi e al progetto Parole O_Stili. (7 minuti)
• Visionare in classe la puntata Il nipote di Jack. (7 minuti)
• Rispondere poi tutti insieme alle seguenti domande, riflettendo sui comportamenti e sui principi
messi in atto. (20/25 minuti)

Il nipote di Jack arriva a casa di Oggy: come si comporta fin dall’inizio? Che cosa vorrebbe fare?
Cosa fa Oggy per far sentire il suo ospite come a casa propria?
Tu come ti comporti quando c'è un ospite?
Quando il nipote di Jack scopre che in casa non ci sono cereali per la colazione inizia a gridare.
Tu avresti reagito allo stesso modo? Perchè?
Il ragazzo e lo scarafaggio diventano davvero amici?
Cosa pensa Oggy del nipote di Jack? E secondo te, il ragazzo sa quello che Oggy pensa di lui?
Alla fine della storia, Oggy perde la pazienza e riporta il ragazzo da Jack.
La vicenda poteva andare a finire bene? Come?

• Definire insieme i sottotitoli della puntata Il nipote di Jack, scrivendo cosa direbbe Oggy
e riflettendo bene sulle parole da fargli utilizzare, in un’ottica di comprensione e apertura
verso l’altro. Usate come guida l’esempio allegato. (30 minuti)

Attività e/o compiti a casa

Racconta la persona che sei attraverso un disegno sincero di te stesso. L’unica regola è quella
di non fare un autoritratto, ma rappresentati attraverso oggetti, passioni, animali, colori preferiti,
giochi preferiti. Sotto al disegno poi scrivi almeno tre aggettivi che ti descrivono al meglio.
Mi raccomando, non scrivere il nome!

Attività successiva da svolgere in classe:


raccogliete e mescolate i disegni di tutti, pescateli a turno e indovinate di chi sono!
Obiettivo dell’attività:
ciascun bambino dovrà pensare a cosa lo rappresenta e lo rende riconoscibile agli occhi degli altri.

©Xilam Animation 1b
SCUOLA
Scheda didattica ALLEGATO PRIMARIA

Sottotitoli puntata “Il nipote di Jack”

00:00:52:11 Hey ciao! Vi aspettavo!


00:00:54:15 è un vero piacere conoscerti
00:01:00:10 Andiamo, entra pure
00:01:05:11 Questa è la stanza che ho preparato per te
00:01:08:16 Oh no, gli scarafaggi!
00:01:18:19 Vieni di la con me? Hey!!!
00:01:26:00 Fa niente...
00:01:27:13 preparerò un bel pranzetto di benvenuto
00:01:41:01 Giochiamo un po'? Sarà super divertente!
Ho il ping pong, le bocce, i palloni, un cavallo, una piscina gigante...
00:02:29:14 non mi ha neanche chiesto se ne volevo una anche io
00:02:34:16 e devo anche pagare
00:02:46:11 hey come va? ti diverti?
00:02:59:09 Che cosa fai? Sembra forte
00:03:49:21 è stata una giornata faticosa
00:03:59:20 Buonanotte! Ma... perchè sta sempre al cellulare?
00:04:09:01 Buongiorno! Oggi è una bellissima giornata
00:04:16:24 Ecco qui una bella colazione
00:04:30:08 Non mi ha neanche salutato
00:04:41:13 Non gli va bene proprio niente però!
00:04:46:16 oh no, perchè sei così aggressivo?
00:05:32:16 vuole sempre fare tutto quello che vuole lui
00:05:39:07 Ho cercato in tutti i modi di diventare suo amico e capirlo,
però continua a comportarsi male.
00:05:51:00 Che fatica cercare di capire quel ragazzo!
00:06:01:20 Volevo farlo sentire come a casa propria ma se ne sta un po' approfittando
00:06:52:24 mi sono proprio stufato
00:07:01:16 adesso lo riporto da dove è venuto
00:07:06:21 Ci penserà Jack a suo nipote, io ne ho abbastanza.

©Xilam Animation 1c
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Italiano

Argomento

Saper gestire la rabbia

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

9. Gli insulti non sono argomenti

Domande fondamentali

• Che tipo di reazioni porta un comportamento aggressivo?


• Quando si è arrabbiati si riesce a pensare alla possibilità di fare pace di nuovo?
• Che conseguenze ha un litigio?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Puntata di Oggy e i maledetti scarafaggi Panic Room - https://www.youtube.com/watch?v=Paoy_GPjMt0
• Oggy e i Maledetti scarafaggi personaggi
- http://www.cartonionline.com/personaggi/oggy_e_i_maledetti_scarafaggi.htm
• Progetto Parole O_Stili - paroleostili.it

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al cartone animato Oggy e i maledetti scarafaggi e al progetto Parole O_Stili. (7 minuti)
• Visione in classe della puntata Panic Room. Riflessione e confronto in classe sull’argomento
partendo dalle domande di seguito riportate. (25 minuti)
Oggy costruisce una trappola per sconfiggere i maledetti scarafaggi, ma viene ripagato con la stessa moneta.
È mai capitato anche a voi qualcosa di simile? Provate a fare qualche esempio. Perché secondo voi? Vedete
un bambino che sta usando parole offensive e cattive contro qualcuno: cosa pensate di lui?
Come vi sentite quando un’altra persona si rivolge a voi in modo aggressivo?
Vi è mai successo di arrabbiarvi così tanto da non riflettere sulle cose che stavate dicendo?
Provate a fare degli esempi. Come vi fa sentire ripensare a quel momento?
State spiegando qualcosa ad un vostro amico o ad un familiare, che non vuole sentire ragioni,
continuando a sostenere la propria opinione senza ascoltarvi. Come pensate sia meglio comportarsi?
Attività
• Dopo aver discusso assieme delle situazioni e dei comportamenti che danno loro più fastidio, i
bambini saranno invitati a riassumerli su un cartellone, quindi assegnando un punteggio ad ogni
atteggiamento dovranno provare a fare una classifica: “La top ten della rabbia”. Il cartellone servirà
a ricordare gli atteggiamenti che infastidiscono e sarà un invito a starne lontano. (10 minuti)
• Con il Manifesto di Parole Ostili alla mano i bambini saranno invitati a confrontarsi su come
superare gli atteggiamenti aggressivi riassunti nella top ten a colpi di principi. (10 minuti)

©Xilam Animation 2
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Italiano

Argomento

La rappresentazione di noi stessi

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

2. Si è ciò che si comunica.

Domande fondamentali

• Riesco a far capire chi sono attraverso le parole che uso?


• Quanto spesso usiamo le parole per nascondere ciò che siamo davvero?
• Pensi che le persone ti conoscano veramente per quello che sei?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• Puntata Oggy e l’uomo della farina - https://www.youtube.com/watch?v=rmikUJbPXZA
• Oggy e i Maledetti scarafaggi personaggi
- http://www.cartonionline.com/personaggi/oggy_e_i_maledetti_scarafaggi.htm
• Progetto Parole O_Stili - paroleostili.it

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al cartone animato Oggy e i maledetti scarafaggi e al progetto Parole O_Stili. (7 minuti)
• Visione in classe della puntata Cyber Oggy. Riflessione e confronto in classe sull’argomento
partendo dalle domande di seguito riportate. (25 minuti)
Nella puntata Oggy e l’uomo della farina, Oggy si comporta in diversi modi.
Da cosa riconoscete che è amico dell’uomo della farina e nemico degli scarafaggi?
Che tipo di comportamenti adotta nelle diverse situazioni?
Vi capita mai di esprimervi in un modo che non sentite vostro per paura di non piacere agli altri? Provate a fare degli esempi.
Ci sono state occasioni in cui avete detto qualcosa che non pensavate? Ve le ricordate?
Ci sono persone che spesso usano un linguaggio aggressivo verso gli altri. Cosa pensate di questo comportamento?
Ci sono parole che vorreste dire più spesso e che invece non usate? Quali?
Pensate di riuscire a farvi conoscere per quello che siete veramente dagli altri?
Attività
• Gli alunni saranno invitati a rappresentarsi agli altri attraverso un cartellone: ogni bambino dovrà
scegliere una canzone o frase, un supereroe, un animale e un colore che con onestà lo rappresentano,
disegnandoli e/o incollando delle foto sul cartellone. Successivamente tutti gli altri bambini scriveranno
sotto i disegni gli aggettivi che meglio descrivono la persona a cui i disegni si riferiscono. In questo
modo la rappresentazione del singolo sarà completa, perché raccoglierà sia il punto di vista del
protagonista che quello degli altri, facendo riflettere su ciò che veramente si comunica. (20 minuti)

©Xilam Animation 3
SCUOLA
Scheda didattica PRIMARIA

MATERIA: Tecnologie informatiche/Italiano

Argomento

Come esprimersi in Rete

Punto/punti del Manifesto della comunicazione non ostile

1. Virtuale è reale

Domande fondamentali

• Come ci si muove e come ci si comporta in Rete?


• Quali sono gli atteggiamenti virtuali che possono ferire e quali invece quelli positivi?
• Le parole scritte in Rete hanno un peso diverso da quelle dette di persona?

Materiali e fonti

• Il Manifesto della comunicazione non ostile


• La puntata di Cyber Oggy - https://www.youtube.com/watch?v=Cn2C7UpgEFg
• Oggy e i Maledetti scarafaggi personaggi
- http://www.cartonionline.com/personaggi/oggy_e_i_maledetti_scarafaggi.htm
• Progetto Parole O_Stili - paroleostili.it

Modalità e tempi di lavoro con gli allievi

• Introduzione al cartone animato Oggy e i maledetti scarafaggi e al progetto Parole O_Stili. (7 minuti)
• Visione in classe della puntata Cyber Oggy (link nei Materiali). (10 minuti)
• Riflessione e confronto in classe sull’argomento partendo dalle domande riportate
di seguito: (15/20 minuti)
Verso la fine dell’episodio Oggy e Joey sono intrappolati nello schermo del computer:
cosa vuol dire essere “in trappola” nel mondo virtuale?
Vi è mai capitato di sentirvi in trappola?
Sui social network molto spesso si scrivono frasi e parole che di persona non si riuscirebbe a dire:
come mai si ha il coraggio di dirle attraverso lo schermo e non a voce?
Vi è mai capitato di scrivere delle cose sul web che non pensavate davvero?
Ognuno è invitato a pensare a una o più parole che potrebbero “combattere” l’ostilità in Rete e liberare Oggy e Joey.

Attività
• Oggy e lo scarafaggio Joey ad un certo punto della storia viaggiano nel web insieme a tante
parole, seduti su una di queste. I bambini sono invitati a immaginare di essere insieme a loro e a
disegnarsi a cavallo della parola a cui hanno pensato durante la discussione. I disegni realizzati
andranno a comporre un cartellone che sarà appeso in classe con tutte le parole scelte.
La sfida sarà quella di usarle il più possibile durante l’anno. (10 minuti)

©Xilam Animation 5
paroleostili.it

1. Virtuale è reale
Dico e scrivo in rete solo cose
che ho il coraggio di dire di persona.

2. Si è ciò che si comunica


Le parole che scelgo raccontano
la persona che sono: mi rappresentano.

3. Le parole danno forma al pensiero


Mi prendo tutto il tempo necessario
a esprimere al meglio quel che penso.

4. Prima di parlare bisogna ascoltare


Nessuno ha sempre ragione, neanche io.
Ascolto con onestà e apertura.

5. Le parole sono un ponte


Scelgo le parole per comprendere,
farmi capire, avvicinarmi agli altri.

6. Le parole hanno conseguenze


So che ogni mia parola può avere
conseguenze, piccole o grandi.

7. Condividere è una responsabilità


Condivido testi e immagini solo dopo
averli letti, valutati, compresi.

8. Le idee si possono discutere.


Le persone si devono rispettare
Non trasformo chi sostiene opinioni che
non condivido in un nemico da annientare.

9. Gli insulti non sono argomenti


Non accetto insulti e aggressività,
nemmeno a favore della mia tesi.

10. Anche il silenzio comunica


Quando la scelta migliore è tacere, taccio.