Sei sulla pagina 1di 48

www.gazzetta.

it luned 14 novembre 2011 1,20


ITALIA

REDAZIONE DI MILANO VIA SOLFERINO 28 TEL. 026339 REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 TEL. 06688281 POSTE ITALIANE SPED. IN A P. D.L. 353/2003 CONV. L. 46/2004 ART. 1, C1, DCB M LANO

anno Anno 115 Numero 268

ANELKA O DROGBA AL MILAN?


IL CONSIGLIO I due attaccanti del Chelsea sono integri e hanno grandi qualit, anche morali. Li vedrei bene con Allegri IL BARCELLONA Bella lidea di imitarne il gioco ma servono quei campioni. Batterli? Bisogna difendere bene e poi via in contropiede BALOTELLI Mi pare abbia imboccato la strada giusta, maturato. Mancini stato determinante. Valore aggiunto per gli azzurri
SCHIANCHI ALLE PAGINE 23

ANCELOTTI

VOTA LA FIDUCIA
Intervista a uno dei nostri allenatori pi europei

3 Carlo Ancelotti
e Didier Drogba

ilCommento

MERCATO I TALENTI SUDAMERICANI

LA NAZIONALE D IL BUON ESEMPIO


di LUIGI GARLANDO

Sbarcata a Roma tra bandie re tricolori e piazze in festa, prima ancora di aver vinto qualcosa, la Nazionale di Cesare Prandelli non ha sba gliato i tempi. Anzi, proba bilmente non esisteva mo mento migliore.
LARTICOLO A PAGINA 14

Per i rossoneri caccia in Brasile con Inter e Juve


Obiettivo su Damiao, Romulo e Moura. Nerazzurri e bianconeri duellano per il centrale Juan
BOLDRINI, DALLA VITE, LAUDISA A PAGINA 6

LINCHIESTA CONTI IN TASCA ALLE BIG

Real sempre pi ricco Il made in Italy perde


IARIA A PAGINA 12

Altri Mondi Napolitano incarica Monti: Il Paese deve riscattarsi


DELLARTI A PAGINA 44

gi, via Atzori UNA VITTORIA CONTRO LE MAFIE Sampfermato dal Bari Toro
3 Don Ciotti festeggiato dagli azzurri a Rizziconi PIPITA
PAG. 1415 DA PAGINA 21 A PAGINA 24

la Foto

SERIE B DONADONI IN POLE POSITION

LEVENTO ARRIVA IL PRESIDENTE UEFA

BASKET LULTIMO SUCCESSO DELLOLIMPIA SUL MONTEPASCHI ERA DI 5 ANNI FA

Platini in Gazzetta Oggi ricever il premio Facchetti


E la sesta edizione del riconoscimento sul bello del calcio. Presenti i massimi dirigenti dello sport
11 1 1 4>
LICARI A PAGINA 5 3 Michel Platini, 56 anni PORTA

Gallo show: Milano batte Siena


Avellino e Varese ko: Armani sola in testa
F1 IL GP DI ABU DHABI VOLLEY COPPA DEL MONDO
DA PAGINA 34 A PAGINA 35

TENNIS BATTUTO TSONGA

9 771120 506000

IL ROMPI PALLONE
DI GENE GNOCCHI

La Juve dopo il caso Vidal corre ai ripari: per evitare che i suoi calciatori possano trovare alcol in giro ha acquistato Adriano.

Vince Hamilton Rullo Italia, Che Federer! Poi un Alonso ottava di fila: Domina anche da applausi Londra eccoci ParigiBercy
CREMONESI, CRUCIANI PAG. 28293031 3 Alonso e Hamilton sul podio LAPRESSE PASINI A PAGINA 33 3 Le azzurre Croce (sin.) e Lo BiancoSYSTEM MARTUCCI A PAGINA 39 3 Roger Federer, 30 anni EPA

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

PRIMO PIANO LINTERVISTA

CARLO GIOCATORE

y
S

GLI INIZI Carlo Ancelotti nato a Reggiolo (Reggio Emilia) il 10 giugno 1959. Centrocampista, ha esordito in Serie C nel 1976-1977, col Parma: una promozione e una doppietta nello spareggio con la Triestina

ANCELOTTI RACCO
Per il Milan Anelka e Drogba sono perfetti Il Real di Mou vicino al Bara
Le punte del Chelsea integre, serie, affidabili. Mi piace il City di Mancini: si vede la mano di un tecnico italiano

S
A ROMA CON LIEDHOLM Nella capitale dallestate 1979, gioca 8 stagioni e vince 1 scudetto e 4 Coppe Italia

S
AL MILAN Tormentato dal ginocchio (perde Spagna 82), nel 1987 diventa rossonero e vince 2 scudetti, 2 Coppe Campioni, 2 Intercontinentali, 2 Supercoppe Europee e 1 di Lega

ANDREA SCHIANCHI

Che calcio ha visto in questi mesi da disoccupato (di lusso...)?

Dal campetto della parrocchia di Reggiolo alla Hall of Fame degli allenatori di Sua Maest. Tragitto lungo, molto lungo. Ma, garantisce Carlo Ancelotti, per nulla faticoso. La mia esperienza dimostra che il lavoro, limpegno e la passione sono apprezzati. Anche a lui, Carletto dInghilterra, come accade a tanti professionisti italiani, capitato di doversi trasferire allestero: una sorta di cervello in fuga che ora, dal salotto del suo appartamento di Londra, osserva la realt del nostro Paese (e del nostro calcio) con occhio distaccato. Sempre innamorato dellItalia, ma ancora pi affascinato da questa nuova avventura da straniero nonostante sia rimasto a spasso, licenziato dal padrone Abramovich. Un anno sabbatico. Mi aggiorno, guardo partite, studio giocatori. Mi mancano un po il campo, gli allenamenti, latmosfera dello spogliatoio. Ma questa una parentesi, altri sei mesi e torner.

Il Barcellona sempre la squadra pi divertente da vedere, e forse la pi forte.


Perch dice forse? Non ne sicuro?

Balotelli il valore aggiunto della Nazionale: adesso in campo dimostra seriet Prandelli ha fatto un ottimo lavoro: riuscito a dare unanima a una squadra a pezzi

Nessun dubbio: latmosfera. Qui il calcio uno sport che produce reddito e vive di passione. Stadi confortevoli, pubblico corretto. Da noi, in Italia, cos? Non mi pare....
Ma se la Premier tanto bella perch lei pensa di trasferirsi in Francia, al Paris Saint Germain?

Negli ultimi mesi il Real Madrid ha fatto passi da gigante. Il gap tra le due squadre si assottigliato. Mourinho sta facendo davvero un gran lavoro, il Real gioca bene.
Nessuno pu interrompere questo dominio?

E chi lha detto?.


In Francia ne sono certi.

Barcellona e Real sono le migliori. Il Bayern Monaco una bella realt, ma non ha giocatori di altissimo livello come quelli di Mou e Guardiola.
Per chi pagherebbe volentieri il biglietto?

lequilibrio tattico. E poi lattenzione difensiva. Per vincere si deve saper difendere, poi un gol arriva... Lho sempre pensata in questo modo e non cambio idea.
E ancora convinto che la Premier sia il torneo pi bello?

Io voglio restare in Inghilterra. Normale che attorno al mio nome ci siano delle voci, sono senza panchina. Ma di concreto, ve lo garantisco, nulla.
Facciamo un viaggio in Italia. Il Milan rientrato in lotta per lo scudetto. E il favorito?

A parte il Barcellona, che mi piace tantissimo, dico Manchester City. Mancini ha a disposizione una rosa di assoluto valore. E lui bravo, molto bravo.
Che cosa c di italiano nel Manchester City?

S, avvincente perch il titolo se lo giocano quattro o cinque squadre, mica come nelle altre nazioni. E poi il campionato che vende di pi allestero. Qualcosa vorr dire, no?.
Qual la diversit inglese?

S, ma lo era anche allinizio, quando zoppicava un po. E la squadra che ha vinto lultimo campionato e quella che ha cambiato di meno. Sono gli uomini da battere.
Per gennaio, visto linfortunio di Cassano, si fanno i nomi di Anelka e Drogba. Lei, che li conosce bene, li consiglia?

Parecchie cose. Innanzitutto

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

OMANDA...

LA MOSSA ANTI-BARCELLONA

GDS

Le istruzioni anti Barcellona di Ancelotti per la sfida di Champions del 23. Per una difesa attenta e robusta, contro il Barcellona necessario posizionarsi sulle linee di passaggio dei centrocampisti catalani. Ci significa che i milanisti dovranno restare molto compatti e accorciare le distanze tra i reparti. Decisivo il contributo del centrocampista centrale.

Carlo Ancelotti (52) e Drogba (33) AFP

Certamente. Sono campioni integri fisicamente. Giocatori di grandi qualit, anche morali. E tutte due sono molti seri. Li vedrei bene nellambiente Milan, ma questo non significa che uno dei due arrivi.
E in Champions League che far il Milan?

Il vecchio e sano calcio allitaliana.

Superato il girone, tutto dipende dal sorteggio per gli ottavi. Con un po di fortuna ci si pu ritrovare in fretta in semifinale e poi l ce la giochiamo contro chiunque.
Giochiamo? Lei non pi lallenatore del Milan...

Contro il Barcellona non vedo altre possibilit, perch il pallone lo tengono sempre loro e devi essere bravo a sfruttare i momenti che ti concedono. Andarli a pressare nella loro met campo pericolosissimo e inutile: Xavi, Iniesta, Busquets e compagnia sono bravissimi a uscire dal pressing e poi diventano devastanti. No, aspettiamoli, chiudiamo gli spazi e ripartiamo. Con una convinzione fondamentale: quella di poter vincere.
Torniamo al nostro campionato. Che dice della Juventus?

Contro il Bara il Milan deve fare come allandata: attesa e contropiede Il campionato inglese il pi bello, il pi avvincente e il pi pagato

Un aggettivo per la stagione dellInter?

col Bara, piccolo con lArgentina. Che metamorfosi...

Tormentata. Ma c tempo, e in Champions non si sa mai.


Il Napoli come lo vede?

Bene in Champions, meno in campionato. Ma normale.


In che senso?

A Barcellona gioca a memoria assieme ad altri 10 fenomeni. LArgentina, invece, una nazionale in fase di costruzione. Ecco le ragioni delle difficolt di Messi, che comunque resta il pi forte al mondo.
Ha visto il gol di Balotelli contro la Polonia?

ghilterra. La Spagna ancora un gradino sopra, per... Prandelli ha fatto un ottimo lavoro, per certi versi incredibile perch ha preso in mano una Nazionale disastrosa. E riuscito a ridare unanima e una personalit alla squadra, mica poco.
Ha seguito da Londra la sentenza di Calciopoli?

Per costruire un progetto vincente ci vuole tempo. Con il Milan di Sacchi, allinizio, vincevamo in Europa e andavamo a perdere in provincia, a Cesena o Ascoli. E dura gestire il doppio impegno. Quelli del Napoli sono peccati di giovent.
C la tendenza a seguire la moda Barcellona, addirittura a copiarlo. Che ne pensa?

Stupendo. Una genialata.


Con Balotelli lItalia a posto?

Lo so, ma sono sempre un tifoso rossonero. Un grandissimo tifoso.


Fra poco pi di una settimana c la super sfida contro il Barcellona. Consigli da dare?

Allegri molto bravo, non ha bisogno dei miei consigli, e lo ha dimostrato nella gara dandata al Camp Nou. Bisogna difendere bene, come ha fatto il Milan in Spagna, aspettare e poi partire in contropiede.

Bella realt. Stanno facendo bene, c tanto entusiasmo e c un allenatore che un simbolo per la societ e per la gente. Conte stato un grande capitano bianconero. E non dimentichiamo limportanza del nuovo stadio: i giocatori si sentono a casa, rendono di pi e gli avversari sono intimoriti.
Lei, che lo ha allenato alla Juve, ci dica chi era Conte.

Seguire la strada del Barcellona un buon proposito, significa cercare di proporre un calcio di qualit. La filosofia mi sembra buona. Anzi: ottima. Poi un allenatore deve fare i conti con i giocatori che ha. E se in squadra non ci sono Messi, Xavi e Iniesta, mi sa che il gioco del Bara fai fatica a proporlo....
Nicolas Anelka, 32 anni AFP
A proposito di Messi: grande

Balotelli il valore aggiunto della Nazionale. E maturato in fretta a Manchester e Mancini ha avuto un ruolo determinante. Mario, adesso, un giocatore importante del Manchester City, direi quasi indispensabile. Lui sta dimostrando continuit nelle prestazioni, serio in campo, rispettoso e per nulla arrogante. Mi pare che abbia imboccato la strada giusta. Il talento non gli manca per farci divertire.
E lItalia pu farci divertire?

S, e dico che senza entrare nel merito delle decisioni dei giudici mi dispiace per la condanna a Moggi. E una persona con cui sono stato bene quando ho allenato la Juve.
E come vive, dallestero, le dimissioni del suo ex presidente Berlusconi da capo del governo?

Un punto di riferimento.

Credo che la nostra Nazionale se la possa giocare alla pari con Germania, Olanda, Francia e In-

Anche in questo caso mi dispiace. So che Berlusconi ci teneva a fare bene per lItalia. Magari per qualcuno lo ha pure fatto... Ha avuto troppi ostacoli sulla strada. Pazienza. Ora limportante che lItalia si riprenda a livello economico, perch io vivo qui a Londra, ma sono italiano, sia ben chiaro. Messaggio ricevuto, Sir Carletto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Entra a far parte di una grande squadra.


Scegli laumento di capitale del Gruppo Zucchi.
Gigi Buffon gi dei nostri, tu puoi partecipare no al 25 novembre 2011.

Prima delladesione leggere il prospetto informativo. Per maggiori informazioni www.gruppozucchi.it. Diritti di opzione negoziati in borsa dal 7 novembre al 18 novembre 2011 ed esercitabili no al 25 novembre 2011.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LEVENTO CASA GAZZETTA

identiKit & CARRIERA

v Da Facchetti a Platini
Il premio in memoria di Giacinto al presidente Uefa: calciatore e politico nel segno della correttezza
FABIO LICARI

ALLE 12

story
Nellalbo doro anche Prandelli Lultimo vincitore stato Zola

tutto il bello del calcio


Se Michel Platini ha mai avuto un amico vero tra i club uno che condividesse la visione del calcio pur dalla sponda opposta quellamico era Giacinto Facchetti. Simpatia, stima, rispetto: tutto era reciproco tra i due. Non un caso che il Facchetti 2011, organizzato dalla Gazzetta, vada stamattina al campione francese un po italiano (non soltanto per le origini e il cognome accentato e rubato). Oggi presidente Uefa, quindi al vertice del calcio europeo, domani forse di quello mondiale, quando nel 2072 Blatter lascer, per tutti ancora il Michelplatin che con Maradona, Zico, Rummenigge, Boniek e compagnia segn i leggendari anni 80 del nostro calcio.
Campione dironia Bravo a non

La consegna oggi nella sala Buzzati


Oggi a mezzogiorno a Milano, in Gazzetta dello Sport, sala Buzzati, Michel Platini, presidente Uefa dal 2007, ricever il Premio internazionale Giacinto Facchetti Il bello del calcio, istituito dal nostro giornale e giunto alla sesta edizione per ricordare il grande campione dellInter scomparso nel 2006 (foto Ansa).
OSPITI Oltre al presidente del Coni Gianni Petrucci, in giuria con il direttore Andrea Monti e Gianfelice Facchetti, ci saranno oggi: Giancarlo Abete, Maurizio Beretta, Franco Carraro, Gaetano Curreri, Ferruccio de Bortoli, Adriano Galliani, Danilo Gallinari, Riccardo Ferri, Giorgio Marchetti, Piergaetano Marchetti, Giuseppe Marotta, Aldo Mazzia, Massimo Moratti, Adelio Moro, Antonio Percassi, Antonello Perricone, Teo Teocoli, Antonello Valentini e tante altre personalit dello sport e della comunicazione. Gli Stadio presenteranno la canzone Gaetano e Giacinto.

2006 JULIO GONZALEZ Julio Gonzalez, 25enne attaccante del Vicenza, in un incidente stradale perse il braccio sinistro e chiuse la sua carriera INFOPHOTO

prendersi mai troppo sul serio, a smitizzare situazioni che oggi accenderebbero una guerra civile ricordate il gol annullato nella Coppa Intercontinentale, accolto sdraiandosi per terra? , Platini riuscito a non rendersi antipatico ai non juventini. Un po di sana invidia, qualche godimento quando sbagliava, ma per tutti

Michel Platini, 56 anni, eletto nel 2007 (27-23 contro Johansson) e rieletto per acclamazione il 22 marzo 2011 ANSA

lonest di ammettere che Michel era un campione sopra la media. Che non ha mai fatto un gesto irridente (alla Cristiano Ronaldo) o inutile: solo quello che serviva alla squadra. Con la classe di uno tra i cinque pi grandi di sempre.
Etica Grandezza e istintivit

portate anche in politica. Dal 2002 nellEsecutivo Fifa, dal 2007 presidente Uefa, Platini sta combattendo battaglie nel nome delletica. Quella finan-

ziaria (il fair play). Geopolitica (Esecutivo allargato, pi partecipazione dei club). Comportamentale (contro razzismo, violenza, scommesse). Sportiva (Champions aperta ai piccoli a discapito della qualit, coraggio di esprimere posizioni scomode anche contro la sua Juve). Sbaglia anche lui, eccome, sintestardisce su qualche idea ma, tutto sommato, nel giro del calcio che comanda c di peggio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

2007 YOUNES M. KHALEF Younes Mahmoud Khalef, capitano dellIraq che vinse la coppa dAsia 2007 (e capocannoniere) BOZZANI

Gazzetta.it
Gazza

T f v
2008 PAOLO MALDINI Paolo Maldini, capitano e bandiera del Milan e della Nazionale, in rossonero dal 1978 al 2009 FOTOGRAMMA

Guardiola ieri a Brescia

TUTTI I GOL DELLA SERIE B E CE PURE GUARDIOLA


Una domenica di calcio che oltre al momento sociale della Nazionale a Rizziconi (c un video anche sulla giornata azzurra), dedicato soprattutto alla serie B e su GazzettaTv potrete ammirare tutti i gol e vedere anche Guardiola a Brescia.

2009 CESARE PRANDELLI Cesare Prandelli, allepoca allenatore della Fiorentina, oggi c.t. che ha rilanciato la Nazionale PIAGGESI

TERRIBILE INCIDENTE SU PISTA ARGENTINA MUORE UN PILOTA


Il pauroso incidente nel quale ha perso la vita il pilota Guido Falaschi, in una gara argentina di "Turismo carretera". Dopo un testa coda la macchina dello sfortunato Falaschi stata presa in pieno da una che lo seguiva e non c stato scampo.

2010 GIANFRANCO ZOLA Gianfranco Zola, calciatore e tecnico mai sopra le righe, nominato Ufficiale dellOrdine dellImpero Britannico BOZZANI

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

MERCATO

MISSIONE BRASILE
Fabio Paratici, 39 anni, il d.s. della Juve dove arrivato nel giugno 2010 LAPRESSE

Inter e Juve sfida per Juan Milan-Moura


Si profila unasta anche per Damiao In vetrina Romulo e Ded (Vasco)
2

I NUMERI

4
4
Piero Ausilio, 39 anni, il d.s. dellInter, societ per la quale lavora dal 1998 ANSA

Ariedo Braida, 65 anni, il d.s. del Milan dal 2002 dopo esserne stato d.g. REUTERS

MATTEO DALLA VITE CARLO LAUDISA MILANO

Inter, Juventus e Milan si marcano a zona in Brasile. Non accadeva da tempo che in contemporanea i nostri club mandassero sulle stesse tracce i loro uomini-mercato. In questo weekend sbarcato a Rio de Janeiro il d.s. milanista Ariedo Braida che si aggiunto al d.s. dellInter Piero Ausilio e a quello della Juventus Fabio Paratici. Sui loro taccuini ci sono nomi importanti, ma attenzione alle sorprese. Non momento di aste dissennate. Cos se Inter e Juve si trovano a seguire gli stessi giocatori non da dare per scontato che si pestino i piedi. Anche se le aste sono sempre dietro langolo.
Il goleador Ad esempio sabato

CACCIA AL COLPO

y
AFP

sera Braida ha visto segnare Rafael Moura (28 anni) in Fluminense-America. Allundicesimo centro stagionale lattaccante non riuscito ad evitare la sconfitta interna (1-2) al Fluminense, ma ha confermato le sue doti che avevano incuriosito il dirigente rossonero nel suo blitz brasiliano di un mese fa.
Alternativa Rafael Moura costa

1 Nella foto grande Leandro Damiao, 22 anni, attaccante dellInternacional 2 Juan, 20 anni, difensore mancino dellInternacional che pu giocare anche da esterno 3 Romulo, 21 anni, mediano del Vasco AFP 4 Rafael Moura, 28 anni, attaccante del Fluminense
AFP

sui 3 milioni di euro e pu rappresentare unalternativa per gennaio alle candidature gi note di Drogba, Anelka e del catanese Maxi Lopez. Ad ogni caso Braida si fermer in Brasile una settimana e ieri sera ha seguito anche Vasco da Gama-Botafogo: gara visionata anche dallo juventino Paratici. E in questa partita tra gli osservati speciali cerano anche il difensore ventitreenne Ded (nel giro della nazionale e in gol ieri) e il centrocampista Elkeson, 22 anni. Guarda caso anche la Juve sta valutando lopportunit dapprofondire le trattative per entrambi. Ma il club di Agnelli non si ferma a questi nomi. La missione del braccio destro di Marotta serve a fare uno screening utile anche le manovre estive. In questottica vanno lette le attenzioni per Romulo Borges Monteiro, meglio noto come Romulo (da non confondere con quello appena passato in estate alla Fiorentina), Centrocampista difensivo di 21 anni potrebbe essere il ricambio per il duo Vidal-Marchisio, costa intorno agli 8 milioni. Trattabili?
La sfida Lincrocio pi caldo,

I gol di Leandro Damiao nellultima Libertadores segnati in 8 partite con lInternacional. Nel Brasileirao al momento a quota 13.

Le gare nel Brasileirao in corso disputate da Juan con lInternacional.

18

Le presenze finora del mediano del Vasco Romulo nel Brasileirao. In totale ha giocato 2422 minuti.

28

ge del mancino che s messo in luce al Mondiale under 20. Secondo i bene informati la societ di Moratti avrebbe in mano il s del giocatore. Tuttavia lInternacional non molla e, guarda caso, tiene aperto il dialogo con linviato bianconero nella speranza che un rilancio juventino obblighi lInter ad uscire allo scoperto. E in questa vicenda va pista grande attenzione anche al futuro di Leandro Damiao, il centravanti dellInternacional che ormai diventato loggetto dei desideri dei maggiori club europei.
Piste aperte Damiao ha 22 an-

I gol segnati da Rafael Moura in 23 partite finora nel Brasileirao con la maglia del Fluminense.

11

per, quello tra la Juve e lInter per il difensore Juan dellInternacional di Porto Alegre. I nerazzurri hanno stretto da tempo i contatti con lentoura-

ni e a settembre ha debuttato anche nella nazionale maggiore, prendendosi anche la soddisfazione dandare subito in gol. Nel suo precedente viaggio lo stesso Braida aveva fatto un sondaggio per lui, ma adesso il Milan sembra essersi defilato. Piuttosto ora la Juve a lavorare su questa pista. Addirittura in Brasile si parla di unofferta intorno ai 20 milioni di euro. E guarda caso le stesse fonti parlano di un ingresso in scena dellInter. Staremo a vedere nei prossimi giorni se ci saranno dei riscontri a queste indiscrezioni. Di sicuro il viaggio in parallelo di Ausilio, Braida e Paratici offrir ulteriori elementi di interesse.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I bianconeri sono interessati anche al ventunenne centrocampista difensivo Romulo

I dirigenti dei maggiori club italiani si marcano sugli stessi obiettivi brasiliani

Il centrale difensivo Ded pu liberarsi ad un prezzo interessante

LOGGETTO DEL DESIDERIO IL PORTOGHESE HA UN CONTRATTO FINO AL 2014 CON IL CLUB INGLESE MA NON HA IL POSTO ASSICURATO

Nani piace a tutti: Ferguson che fa?


Non intoccabile nello United ed un sogno per le italiane
STEFANO BOLDRINI LONDRA (Inghilterra)

le grandi del calcio italiano per strappare il campione portoghese al Manchester United: Milan, Inter e Juventus.
La situazione Nani legato alla

lo United, ai livelli di Rooney, Hernandez, Jones, Welbeck. E' uno di quei giocatori sui quali potrebbe aprirsi una trattativa. Dipende, come sempre, dal money.
La storia Nani ha una storia di

ni, Nani cominci ad allenarsi, a giorni alterni, con lo Sporting e il Benfica. Lo Sporting ebbe l'occhio lungo e rilev il suo cartellino.
Professionista Il 10 agosto 2005 debutt in prima squadra, contro l'Udinese, in un preliminare di Champions League. Due settimane pi tardi, lesordio in campionato. Da allora, unascesa senza limiti: il trasferimento al Manchester United nel 2007 (pagato 25,5 milioni di euro), il rigore decisivo nella finale-Champions di Mosca contro il Chelsea (2008), la nazionale, il litigio e la pace con sir Alex Ferguson, i contratti con gli sponsor, le nomination nel Pallone dOro. Un talento puro, con il gol nel sangue. Ma anche un limite: la discontinuit.

Un altro ragazzo preso a schiaffi dalla vita e riemerso dalla giungla grazie al talento calcistico. C tutto per regalare fiumi dinchiostro ed entrare nel cuore della gente, nella storia di Luis Carlos Almeida da Cunha, in arte grazie ad un soprannome coniato da una delle tante sorelle Nani. Ieri il Mirror ha pubblicato un colonnino a pagina 64, in cui si svelava una lotta a tre tra

squadra di Ferguson fino al 30 giugno 2014 e sembra davvero prematuro parlare di mercato, ma sono bastati qualche panchina di troppo, la concorrenza del redivivo Valencia e del nuovo acquisto Young, oltre alla partitaccia giocata contro il City il 23 ottobre, per agitare le acque. Non sar certo facile strappare un giocatore al quale fu affidato nel 2009 il dopo-Ronaldo ed ancora meno facile trattare con lo United, dove vige una regola: i contratti vanno rinegoziati solo a un anno dalla scadenza. Ma altrettanto vero che Nani non una presenza solida nel-

quelle che fanno male ad ascoltarla. Nato nellisola di Capo Verde ed emigrato in Portogallo con la famiglia, fu abbandonato dal padre Domingos allet di 5 anni. Il signor Domingos usc da casa, simbarc su una nave diretta a Capo Verde e non torn pi. La mamma Maria imit il marito quando Nani aveva 12 anni: part per lOlanda, anche lei per rifarsi una vita. Nani stato allevato dalla zia Antonia, in uno slum di Lisbona. Giocava tutto il giorno. Era fissato con Figo e il Porto, ha raccontato la zia Antonia. Allet di 16 an-

Nani, 24 anni, stato pagato 25,5 milioni di euro dallo United REUTERS

RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

MERCATO

Juve discount del gol


In vetrina 4 attaccanti Quagliarella pu restare
C esubero in avanti, ma Conte chiede a Marotta di frenare tutte le trattative per il napoletano, giunto al mese della verit
MIRKO GRAZIANO MILANO

la scheda
FABIO QUAGLIARELLA 28 ANNI ATTACCANTE

Sta per scoccare lora di Fabio Quagliarella. Adesso o mai pi. Un mese per sfondare, convincere Antonio Conte, riprendersi la Juve e respingere con decisione il ruolo di potenziale grande protagonista del mercato invernale. Ho letto che molti di voi si stanno preoccupando della mia salute: state tranquilli, sto benissimo! Sia fisicamente che... psicologicamente!, ha postato su Facebook il napoletano, forse in risposta anche a chi lo vede ancora parecchio timido in seguito al grave infortunio al ginocchio di quasi un anno fa. Non possono per essere un caso i miseri seicento secondi giocati in questi primi novecento minuti di campionato. Conte non un kamikaze. Oltretutto, proprio nei confronti di Quagliarella nutre una particolare stima, tecnica e tattica: lo ha sempre considerato perfetto per il suo calcio e non a caso ha recentemente confermato lo stop a Marotta in sede di trattative. Insomma, il tecnico leccese non intende ancora mollare il 28enne ragazzo di Castellammare di Stabia, devastante nei suoi primi mesi bianconeri (9 gol fino a dicembre 2010 e Juve in piena corsa scudetto), ma evidentemente poco convinto e convincente nel dopo infortunio.

Quagliarella fondamentalmente una seconda punta, ma piace molto ai tecnici per la sua duttilit tattica. Grande resistenza fisica, lideale anche in un attacco a tre. Vanta venticinque presenze e sei gol in Nazionale. Fabio Quagliarella nato a Castellammare di Stabia (in provincia di Napoli), il 31 gennaio 1983. E alla Juve dallestate 2010: 9 gol nella scorsa stagione, prima del grave infortunio al ginocchio sinistro; appena 10 giocati questanno. In carriera ha vestito anche le maglie di Torino, Fiorentina, Chieti, Ascoli, Sampdoria, Udinese e Napoli.

Fabio Quagliarella, 28 anni, seconda stagione nella Juve LAPRESSE


Piani di mercato Milan, Udine-

se e Villarreal hanno gi bussato alla porta di Marotta, ma in corso Galileo Ferraris hanno altri progetti l davanti. Il pieno recupero di Quagliarella,

consentirebbe infatti ai bianconeri di concentrarsi su un esterno offensivo (difficile avere subito Gtze o Ramirez, meno complicato arrivare a Ilicic) e di liberarsi definitiva-

mente di Toni, Iaquinta e Amauri. Lavoro non troppo semplice questultimo, anche se arrivano buoni segnali almeno dal fronte Iaquinta. Lentourage del campione del mondo 2006 ha infatti cominciato a vagliare alcune possibili soluzioni: Iaquinta legato alla Juve fino al 2013 e guadagna circa 3 milioni a stagione. Potenzialmente buono anche il mercato di un Luca Toni (zero minuti in questa stagione), ormai consapevole di essere davvero lultimissima scelta l davanti. Guadagna molto (tre milioni), ma con un aiutino da parte della Juve potrebbero spuntare club interessanti: per esempio, il Napoli cerca una prima punta di peso, con una certa esperienza internazionale; interesse che si farebbe ancora pi deciso in caso di passaggio agli ottavi di Champions League. Infine, ancora tutta da scrivere la storia di Amauri. Litalo brasiliano di fatto fuori rosa, si allena con la Primavera e per ora ha scartato tutte le soluzioni presentategli dalla Juventus. La Francia sempre terreno fertile, qualcosa si muove anche in Inghilterra (Tottenham?), ma il 31enne di Carapicuba spera forse di accasarsi al Milan o al Palermo. In Sicilia, in particolare, Amauri ci ha lasciato cuore e tanti amici. Su tutti, il presidente Maurizio Zamparini, che non ha mai nascosto il desiderio di riprendersi un giocatore amatissimo dallintero ambiente rosanero.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lista partenti

Amauri Si allena con la Primavera Amauri, 31 anni, alla Juve dal 2008 IPP

Vincenzo Iaquinta E appena guarito Ha 31 anni, alla Juve dal 2007 LAPRESSE

Luca Toni Sempre ignorato Alla Juve dal 2011 LAPRESSE

SQUADRA A RIPOSO

Oggi Agnelli premiato a Parma


Ancora un giorno di riposo per la Juve. Il gruppo di Antonio Conte torner al lavoro domattina per cominciare a preparare la partita di domenica pomeriggio contro il Palermo. La Juve, a causa del rinvio della trasferta di Napoli, non gioca una gara ufficiale dal 29 ottobre e questo aspetto sicuramente pu incidere sulla condizione della squadra che cerca la terza vittoria di fila. Mercoled rientreranno quasi tutti i nazionali impegnati in giro per il mondo e da gioved la rosa sar al completo. Premio Intanto oggi pomeriggio Andrea Agnelli sar a Parma dove si svolge al Teatro Regio la 35 edizione del premio internazionale Sport Civilt. Al presidente della Juve e al cugino John Elkann (che per non sar presente) verr consegnato il premio Sport e lavoro. Questa la motivazione: Andrea Agnelli, presidente della Juventus e figlio di Umberto, e John Elkann, azionista di riferimento come presidente Fiat e nipote di Gianni Agnelli, sono i protagonisti della rinascita Juve, che dopo le vicissitudini degli ultimi anni sta tornando tra le grandi protagoniste in Italia e in Europa. Tra gli altri premiati della manifestazione ci sono Mark Cavendish, Paolo Pizzo, la nazionale italiana di pallanuoto maschile, Eddy Merckx, la famiglia Moser e Roberto Boninsegna.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio su Facebook: Io sto bene, sia fisicamente sia a livello di testa Juve in pressing su Toni, Iaquinta e Amauri: devono cercare unaltra soluzione
Settimana verit Sul web, il popolo bianconero sogna un Quagliarella decisivo a Napoli, il prossimo 29 novembre. Prima di allora, per, la rincorsa lunga e passa per la gara interna con il Palermo e la trasferta romana, sponda laziale. Conte ha bisogno di alternative affidabili a Matri e Vucinic, il solo Del Piero non pu bastare nella lunga corsa che deve portare almeno a un posto in Champions League. E durante questa settimana siamo sicuri che gli occhi del tecnico bianconero saranno spesso puntati su Fabio, al quale viene chiesto un cambio di passo anche a livello di intensit, non solo mentale. Difficile strappare una maglia da titolare gi domenica prossima, ma limpressione che una delle successive due gare vedr il 18 bianconero protagonista dal primo minuto.

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

MERCATO

identiKit & CARRIERA

v Inter, la lista di Ranieri:


a gennaio due mastini
MATTEO DALLA VITE MILANO

I NUMERI

4
1

RIENTRI

Maicon, Poli Nagatomo e Coutinho ok


Oggi pomeriggio lInter si ritrova. E si allena per preparare il riavvio della stagione fino a Natale a partire dalla gara interna col Cagliari passando poi per la trasferta di Trebisonda in Champions League. Claudio Ranieri comincia a fare la conta dei giocatori a disposizione, e la schiera sinfoltisce: detto che Diego Forlan sta lavorando molto bene ( ancora in dubbio se sar pronto per la gara di Siena del 27 novembre), ecco che anche Maicon e Coutinho sono prossimi al rientro in campo. Il Colosso che aveva dovuto saltare la gara di Champions contro il Lilla potrebbe esserci il rientro gi sabato pomeriggio (ore 18) contro il Cagliari; e anche Cou ormai vede il traguardo del rientro. Buone indicazioni anche da Nagatomo: il giapponese dovrebbe tornare a disposizione da subito. Prima convocazione? La notizia pi bella, per, sar forse per Andrea Poli: se tutto il lavoro svolto durante questa settimana sar senza ostacoli e contrattempi, ecco che il centrocampista ex Samp potr finalmente vivere la prima convocazione con la maglia dellInter. Le buone indicazioni date nellamichevole del Chiasso fanno s che linterno possa far parte del gruppo contro il Cagliari. I prossimi giorni saranno decisivi.

Il tecnico ha chiesto rinforzi a centrocampo. Kucka arriver Sondaggi su Song (Arsenal). Viviano: Il mio futuro qui
me ore uscito un nome interessante, difficile e costoso ma interessante: quello di Alex Song, interno anche di regia dellArsenal, 24 anni, camerunese di nascita ma con passaporto francese, un tipo atletico e tosto, un centrocampista molto utilizzato da Wenger. E sarebbe proprio questo costante utilizzo a rendere difficili le cose, anche se il nome del gunner da mesi in cima alla lista interista. Alexandre Dimitri Billong Song, classe 87, ha un contratto fino al 2014 e in Inghilterra gridano il suo nome accostato allInter che certamente si priver di Muntari. Pare che lidea-Song sia anche nata da una segnalazione estiva di Etoo. Oltre a Song, sempre occhio allolandese Strootman (Psv) e Fernando (Porto).
Porta aperta Chiusura con una

I gol in otto gare per Alex Song, centrocampista dellArsenal nato in Camerun ma con passaporto francese.

Si sono incontrati, si sono parlati, hanno posto le basi per il domani. Il maxivertice di mercato che andato in onda la scorsa settimana fra Claudio Ranieri, il d.t. Marco Branca e il d.s. Piero Ausilio ha prodotto quanto segue: il direttore sportivo volato in Brasile e il direttore dellarea tecnica sta lavorando sul suolo europeo per dare (ulteriore) corpo alla lista di Ranieri che, in cima alle preferenze, ha messo due centrocampisti, quindi un paio di mastini dai compiti variegati per dare fiato ai senatori della rosa interista.
Kucka, Poli e Mister x E confermato che a fine novembre ci sar un incontro per definire il passaggio a gennaio di Juraj Kucka: tutto stabilito, serve solo dare corpo a quello che diventer un secondo affare-Ranocchia, ovvero la compartecipazione accesa nel mercato estivo con lacquisto definitivo del giocatore nella sessione di gennaio pagando il resto della met del giocatore (5 milioni di euro). Lo slovacco - da tempo - ha nella testa lInter, cos come lInter ha in testa le sue qualit di car-

Le presenze (con 2 gol) di Juraj Kucka, interno del Genoa in compropriet con lInter.

Emiliano Viviano, 24 anni IMAGE

Alex Song, 24 anni, interno qualitativo dellArsenal

AFP

rarmato che possono scavare un positivo solco nel centrocampo nerazzurro. Ovvio, poi, che lInter allo stesso tempo speri che Poli non abbia pi ricadute fisiche (il ragazzo adesso disponibile) ma proprio per un senso di inevitabile rinnovamento, il club di Massimo Moratti si messo a sondare il mercato europeo per capire se sar

il caso di lavorare su un altro elemento, un Mister x della terra di mezzo sul quale Branca sta prendendo informazioni. Let avanzata dei vari Stankovic, Cambiasso, Zanetti e Thiago Motta pongono lInter davanti ad un rinnovamento assolutamente necessario.
Song, garantisce Etoo Nelle ulti-

conferma: lInter a giugno si riprender tutto Viviano. Sono contentissimo - dice il portiere a Sky - di essere allInter, e sono quasi pronto a tornare in campo: accetter ogni decisione di comune accordo con la societ, come sempre, ma credo che il mio futuro si svilupper qui. Il rinnovo di Castellazzi (in scadenza nel giugno 2012) sempre pi in bilico.
RIPRODUZIONE RISERVATA

10

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

IL TEMA

Milan grandi numeri


1931/32
Milan 3 - Napoli 1 Pastore (2, foto sin.), Arcari III Brescia 2 - Milan 3 Magnozzi II (foto destra), Bocchi II (2) Milan 5 - Modena 0 Magnozzi II, Arcari III (2), Moroni, Pastore Bari 2 - Milan 5 Pastore (2), Magnozzi II, Moretti, Arcari III Milan 3 - Genoa 0 Moretti, Magnozzi II, Moroni

1948/49
Milan 3 - Pro Patria 2 Carapellese (2, foto des. TERRESE), Nordahl (foto sin, ARCHIVIO) Milan 3 - Roma 0 Annovazzi, Sloan, Burini Inter 4 - Milan 4 Annovazzi, Sloan, Nordahl (2) Triestina 1 - Milan 3 Sloan, Burini, Nordahl Milan 4 - Lucchese 0 Nordahl (2), Carapellese (2)
del campionato). Ne serviranno almeno altrettanti per fare il bis, ha detto Massimiliano Allegri qualche giorno fa. I rossoneri si sono gi portati avanti: nelle prime 10 giornate hanno realizzato 23 gol, sei in pi rispetto alla stessa giornata del 2010-11. Numeri impressionanti, se si considera che la seconda squadra che ha segnato di pi in campionato, la Lazio, staccatissima con 16. Da quando gli Allegri boys si sono rimessi a vincere sono diventati anche una macchina da gol. Il filotto di cinque vittorie consecutive (dalla settima allundicesima giornata) corrisponde infatti con le cinque partite pi prolifiche del campionato rossonero: 3 gol a Palermo e Roma, 4 a Lecce, Parma e Catania, per un totale di 18 marcature. Il Milan delle prime cinque giornate aveva una media di una rete a partita, quello che risorto dalle ceneri della sconfitta di Torino

2011/12
Milan 3 - Palermo 0 Nocerino, Robinho, Cassano Lecce 3 - Milan 4 Boateng (3, sin. FORTE), Yepes Milan 4 - Parma 1 Ibrahimovic (des. FORTE), Nocerino (3) Roma 2 - Milan 3 Ibrahimovic (2), Nesta Milan 4 - Catania 0 Ibrahimovic, Robinho, aut. Lodi, Zambrotta
ro che ha segnato di pi in campionato (5 gol), ma non in una stessa partita: i due triplettisti del Milan sono Boateng e Nocerino (4 gol come Ibra nelle 5 vittorie). Poi nelle ultime 5 gare hanno messo la firma Robinho (2), Cassano (1), Nesta (1), Yepes (1) e Zambrotta (1), pi lautorete di Lodi. Tre attaccanti, due centrocampisti e tre difensori. Un dato importante, perch significa che se il Milan cos prolifico il merito di tutti. Non a caso i 23 gol sono stati segnati con 11 giocatori diversi (il massimo questanno in A). E mancano ancora le reti di Pato, fuori da due mesi e ancora a secco in campionato. Se fosse vera la proiezione di Allegri, dora in poi ai rossoneri potrebbe bastare una media di una rete e mezzo a gara per vincere lo scudetto. Ma chiaro che il Milan, anche per non correre rischi, non pu e non vuole accontentarsi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Tre o pi gol in 5 partite Lultima volta cera Nordahl


I rossoneri hanno messo in fila una serie che non riusciva dal 1949 con 5 vittorie e 18 reti

FABIANA DELLA VALLE MILANO

Sembra quasi un ideale passaggio di consegne. Da Nordahl a Ibrahimovic, da uno svedese allaltro. Il Milan di oggi ha qualcosa in comune con quello di sessantanni fa, quando in campo cera uno straniero che sarebbe diventato cinque volte capocannoniere della Serie A. Il Milan di oggi ha segnato almeno tre gol nelle ultime cinque partite di campionato. Unabbondanza che non facile trovare negli archivi rossoneri. Finora era successo solamente due volte: la prima nella stagione 1931-32 e lultima nel 1948-49, quando Nordahl era il trascinatore dei rossoneri.
Cinque vittorie e 18 gol Lanno scorso il Milan vinse lo scudetto segnando 65 gol, quattro meno dellInter (miglior attacco

Il Milan di Allegri ha una media-gol di 3,6 nelle 5 gare: Ibra e Nocerino sono i pi prolifici
con la Juve salito a 3,6.
Svedesi a confronto Le statisti-

che ci dicono che il Milan di Ibrahimovic ha fatto meglio di quello di Nordahl: nel 1948-49, infatti, i rossoneri avevano rossoneri un gol in meno. La striscia positiva del 1931-32, invece, era stata ancora pi prolifica con 19 gol. E il marcatore pi assiduo fu Piero Pastore, cinque gol in cinque partite, uno in pi di Ibrahimovic. Nordahl per li ha superati tutti e due: sei gol e due doppiette, di cui una nel derby.
Non solo punte Ibra il rossone-

LA VISITA IERI LALLENATORE DEL BARCELLONA ERA IN TRIBUNA A TIFARE PER LA SUA EX SQUADRA

Guardiola a Brescia: amici e stadio in attesa di Ibra


Tanti sorrisi di Pep, ma nessuna parola. Era accompagnato dalla famiglia
DAL NOSTRO INVIATO

FABIO BIANCHI BRESCIA

Cosa non si fa per amore. Passare dal Barcellona a Brescia-Ascoli, soprattutto con questo Brescia, come far sorbire a un amante di Kubrick un film dei Vanzina. Ma Pep Guardiola, accolto come un re dagli applausi di tutto lo stadio, rima-

sto per lintera gara seduto in tribuna, in un palchetto riservato a lui e alla sua famiglia. Non si perso un secondo, ha osservato la sua ex squadra attento e anche dispiaciuto, quando ha dovuto ascoltare i cori senza piet dei tifosi contro lamico Gino Corioni. Ha dovuto pure tradurli a sua moglie. Il presidente un bel po che non viene allo stadio, e nemmeno Pep riuscito a riportarlo. Con questo clima, meglio cos.
Amici, shopping e silenzio Si erano visti ieri sera a cena a casa Corioni. Cerano le famiglie intere, Pep con la moglie Cristina e i tre figli Maria, Marius e Valentina, pi gli amici cari: il te-

Pep Guardiola, 40 anni, con la famiglia allo stadio di Brescia per assistere alla gara con lAscoli, finita 0-1 LIVERANI

am manager Edo Piovani e il prete della squadra di allora, don Claudio. Perch Pep forse non avr palle, come scrive Ibra, ma ha un cuore grande cos. rimasto legato a tanti qui,

magazzinieri e massaggiatori inclusi. Che ha salutato in questo weekend italiano dedicato agli affetti ( venuto a trovarlo anche Viviano) antipasto della due giorni milanese dedicata al-

la sfida col Milan che vale il primato in Champions e allincontro con Ibra. Ah, cerano due buontemponi allo stadio col libro di Zlatan per avere una dedica da Pep. Respinti con perdi-

te dalla security, che in realt ha allontanato tutti. Disposizioni di Pep, che non ha voluto parlare n di calcio n di Ibra, forse su mandato dal Bara. Un ciao e un sorriso per tutti. Stop. A Brescia venuto solo per gli amici, una gita a Sal e lo shopping. Ieri, pranzo con la figlia di Corioni, Antonella, e famiglia. Poi la deludente partita (quando viene lui, il Brescia perde sempre, dice il solito maligno) dove pare abbia anche dato un occhio a un paio di baby (il portiere Leali e il regista polacco Salamon) e infine il ritorno con aereo privato in Spagna. Torner. Magari anche ad allenare, un giorno.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

11

12

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LINCHIESTA
MARCO IARIA

Non stupiamoci, poi, se le stelle giocano altrove, se nelle coppe facciamo brutte figure, se letichetta di campionato pi bello del mondo se la sono appiccicata inglesi e spagnoli. Il calcio non sar una scienza, ma i numeri dicono molto, a volte tutto. E cos mentre il Real Madrid celebra un fatturato record da 480 milioni di euro e il Manchester United supera per la prima volta quota 100 nei ricavi commerciali, i bilanci appena licenziati dalle nostre big piangono lacrime amare: il rosso desercizio dellInter, nella stagione 2010-11, stato di 87 milioni, quello della Juve addirittura di 95; il Milan, che il bilancio lo chiude a dicembre, segnava un -70 nel 2010. Guardando allalta classifica, in Italia i profitti li fanno solo le cosiddette provinciali: Napoli, Udinese, Lazio. Allestero, invece, coniugano grandeur economico-sportiva e conti in ordine. Il solito Real pu vantare 32 milioni di utile, lArsenal 14, il Manchester United 10; il Barcellona in territorio negativo ma il -9 non allarma. Com possibile? Semplice, le competitor europee delle italiane hanno un giro daffari nettamente superiore, potendo attingere a pi fonti. ci che gli esperti chiamano product extension: non dipendere da un solo segmento di ricavi, costruire un marchio che resista allaleatoriet dei risultati del campo.
Declino Cera un tempo in cui le nostre grandi occupavano le prime posizioni tra i club pi ricchi del Vecchio Continente. Non bisogna riavvolgere troppo il nastro, basta leggere la classifica dei fatturati 2005-06 pubblicata da Deloitte: Real 292 milioni, Barcellona 259, Juventus 251, Man Utd 243, Milan 239, Chelsea 221, Inter 207. Un quinquennio dopo, mentre le italiane sono rimaste ferme o, peggio, sono arretrate, le altre hanno messo la freccia e bye bye. Tra i top club che hanno gi pubblicato i bilanci 2010-11, la situazione questa: Real 480 milioni di entrate, Barcellona 447, Man Utd 367, Arsenal 283, Milan (dicembre 2010) 228, Inter 217, Juventus 154. Mourinho, Guardiola, Ferguson possono contare su risorse praticamente doppie rispetto ad Allegri, Ranieri, Conte. Concorrenza sleale? Non proprio, perch quei soldi in pi non sono solamente il frutto di contingenze favorevoli (stadi di propriet, nel caso delle spagnole diritti

Real conti doro


Fatturato super e profitti il club di Mou batte tutti
Con 480 milioni di entrate a bilancio si lascia dietro Bara e Manchester United. Italiane lontane, il Milan a quota 228

tv individuali) ma anche la conseguenza di politiche aziendali lungimiranti, a livello di club e di leghe. Blancos e blaugrana hanno sicuramente tratto beneficio dal mega-contratto televisivo con Mediapro, che garantisce 150 milioni a testa allanno fino al 2013-14. Eppure nessuno in Europa dipende cos tanto dai diritti tv come le italiane. Il Real, per esempio, non si adagiato su una rendita sicura e negli ultimi dieci anni ha investito 191 milioni per un Bernabeu sempre pi confortevole per i tifosi e appetibile per gli sponsor e altri 139 milioni per la costruzione della Ciudad, il centro sportivo da 120 ettari. Il Manchester United, dal canto suo, nel 2006 ha por-

Le big di Spagna e Inghilterra fanno leva su pi fonti di reddito, non solo sui diritti televisivi Cinque anni fa la Juve, con 251 milioni, era staccata di poco da Real e Bara
tato la capienza dellOld Trafford da 68.800 a 76.000 posti. Gli stadi, ma non solo. Real, United, Barcellona sono brand globali che fuori confine tirano tantissimo: in Asia hanno messo le tende prima di tutti. Le entrate commerciali superiori ai cento milioni, frutto di lucrosi contratti di sponsorizzazione e di massicce partite di merchandising, le nostre se le sognano. Solo il Milan, in questo senso, riesce a contenere i danni grazie a una strategia orientata allentertainment.
Ingaggi Con tutto quel po po

di denari, Perez pu permettersi di spendere 216 milioni in stipendi (quelli complessivi della polisportiva) e di tenere ugualmente il bilancio in perfetto equilibrio: i costi per il personale rappresentano appena il 45% del giro daffari, di gran lunga al di sotto del livello di guardia. molto pi cicala il Barcellona, con 276 milioni spesi per Messi & Co: non a caso, ha chiuso un altro esercizio in rosso, dopo il -73 del 2009-10. Ma Rosell ha promesso che il 2012 si torner allutile: le previsioni parlano di un +20, grazie anche allentrata a pieno regime della sponsorship di maglia della Qatar Foundation (26 milioni annui di minimo garantito).
RIPRODUZIONE RISERVATA

OPERAZIONI IMMOBILIARI ALLESTERO I CLUB PUNTANO SUL MATTONE E CI GUADAGNANO, IN ITALIA LA LEGGE SUGLI STADI SEMPRE PI UNA CHIMERA

Highbury porta soldi, il Bernabeu si rifar il trucco


LArsenal vende gli alloggi costruiti dove sorgeva il vecchio impianto E Perez ci riprova...
Adesso che il governo Berlusconi caduto e lItalia in piena emergenza economica, cosa ne sar della legge sugli stadi? La domanda visto il momento appare fuori luogo. Ma investire in infrastrutture sportive, proprio in questa fase di crescita zero per il Paese, potrebbe dare uno shock benefico alleconomia. StageUp ha stimato in 4 miliardi di euro lindotto derivante dalla costruzione di nuovi impianti entro il 2022, con la creazione di 85 mila posti di lavoro. Certo che senza stadi di nuova generazione i club italiani resteranno fermi al palo. Pensate che Florentino Perez, da scaltro immobiliarista, sta per investire 200 milioni per dare nuova vita allarea attorno al Bernabeu. Il Comune di Madrid ha dato lok alla modifica del piano urbanistico: sorger una cittadella del tempo libero di 12.500 metri tra lo stadio e il Paseo de la Castellana, con hotel, centro commerciale e parcheggio sotterraneo da 600 posti.
Mattone doro Perez, daltronde,

non nuovo a operazioni di questo tipo: qualche anno fa il Real vendette per 400 milioni la vecchia Ciudad deportiva, trasformata in una selva di grattacieli. Le immobilizzazioni ma-

Il complesso a Highbury, Perez, 64 anni, e Galliani, 67 REUTERS-FORTE

teriali, che nei bilanci dei club italiani (Juventus a parte) sono esigue, fanno la fortuna delle squadre estere. Ne sa qualcosa pure lArsenal che nel 2006 trasloc da Highbury allEmirates Stadium. Mentre il nuovo stadio ha garantito unimpennata dei ricavi, sul terreno di quello vecchio stata condotta unoperazione immobiliare particolarmente redditizia. LArsenal ha costruito centinaia di appartamenti per poi rivenderli: oltre 100 milioni i profitti netti. E peccato se nellultima stagione le vendite degli alloggi hanno subito una flessione, facendo scendere il fatturato del settore immobiliare da 192 a 33 milioni. Il nostro business assicura lamministratore delegato dei Gunners, Ivan Gazidis non pi gravato da debiti e i

ricavi delle vendite future entreranno tutti nelle casse della societ.
Convenienza Potr mai succede-

re la stessa cosa in Italia? La Juventus ha tracciato la strada, anche se le condizioni che riuscita a strappare dal Comune di Torino sono, forse, irripetibili. San Siro unimportante fonte di introiti per lamministrazione milanese, alle prese come tanti altri enti locali con le ristrettezze di bilancio: Inter e Milan pagano per laffitto dello stadio un canone di 8,4 milioni allanno. Difficilmente il Comune se ne priver assecondando il desiderio delluno o dellaltro club di edificare un nuovo stadio in unaltra area della citt.
m.iar.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

13

14

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

NAZIONALE
ilCommento
di LUIGI GARLANDO

AGENDA AZZURRA
OGGI Alle 11.30 gli azzurri si allenano a porte aperte sui campi della Borghesiana, dove la squadra in ritiro da sabato. La maglia Alle 13.30 presentazione ufficiale delle nuove maglie azzurre Puma A seguire la conferenza stampa del c.t. Cesare Prandelli. DOMANI Eventuale ricevimento del gruppo azzurro al Quirinale da parte del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Lappuntamento, che sar confermato solo oggi, ovviamente condizionato agli impegni legati alla crisi politica del Paese. Partita Alle ore 20.45 allOlimpico di Roma (diretta su Rai 1) lamichevole con lUruguay che chiude il ciclo azzurro del 2011. Levento inserito nelle celebrazioni per il 150 anniversario dellUnit dItalia

Dagli azzurri il buon esempio


Sbarcata a Roma tra bandiere tricolori e piazze in festa, prima ancora di aver vinto qualcosa, la Nazionale di Cesare Prandelli non ha sbagliato i tempi. Anzi, probabilmente non esisteva momento migliore. Se domani il c.t. salir al Quirinale con la squadra, sar solo per una visita di cortesia, non per ricevere un mandato. Ma in queste ore torride di monete tintinnanti, politica malata e animi avvelenati, lo spirito di questa Nazionale pu offrire un contributo costruttivo, un punto di riferimento. Fin dalla prima ora da c.t., Prandelli non ha considerato lItalia una panchina tra le tante, ma unaltra cosa: un bene pubblico preso in gestione. Come un parco, una chiesa da restaurare. Dobbiamo restituire la Nazionale agli italiani, le sue prime parole. Ha stretto subito un legame forte con il resto del Paese. Coverciano piazza dItalia, non bunker. Il codice etico, prima pietra del progetto, nasce proprio da questo legame. Chi gioca non rappresenta una squadra, ma un popolo. Da qui lintransigenza delle regole che, senza calcoli dopportunismo, ha falciato De Rossi, Cassano, messo in guardia Balotelli. Dai palazzi e dalle alcove della politica non arrivava leco di una simile intransigenza etica. In tempi recenti la Nazionale mal sopportava gli allenamenti a porte aperte, ieri gli azzurri si sono spinti in Calabria per testimoniare a favore della legalit, su un campo confiscato alla ndrangheta. Hanno giocato a nome di tutta la comunit civile. Una pugnalata non banale alle mafie. Etica, legalit. E poi cosa servirebbe per uscire da questa crisi profonda? Coraggio dimpresa, progetti chiari, fiducia nei giovani, dicono. A Prandelli riuscito. Ha riconvertito le nostre conoscenze calcistiche in qualcosa di nuovo, pi in linea con i parametri europei. Ci ha portato a palleggiare con coraggio in casa della Germania e in faccia alla Spagna. Ha assunto giovani (Cassano, Balotelli) che altri avevano licenziato. Ci ha puntato a occhi chiusi. Ha insegnato tanto, perch il mercato oggi premia la competenza avanzata. Non ha fatto il solito c.t. che gestisce, ma leducatore di gioco. Ha inventato gli stage a reparto. Con tutto questo, Prandelli dopo un anno abbondante, si meritato la rinascita e ottime prospettive. Quelle che insegue oggi il Paese Italia e che potr avvicinare, a patto di far tesoro dellultimo messaggio del c.t.: Per la prima volta la Nazionale non gioca contro qualcuno, ma per s. E la speranza della gente che soffre la crisi reale nella quotidianit della spesa e delle bollette: che tutti tornino a giocare compatti per il bene comune, per il Paese Italia, soffocato da anni di bipolarismo selvaggio, di risse e egoismi di parte. Qualcosa questa Nazionale pu ispirare. Senza retorica, nel rispetto dei ruoli. Perch per Prandelli il tunnel resta un pallone tra le gambe, per la Gelmini quella cosa strana del Gran Sasso. Prandelli domani guider una squadra di calcio contro lUruguay del comunista Tabarez, a suo tempo dimissionato da Berlusconi. Un c.t. soltanto un c.t.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Nazionale
A Rizziconi ci siamo sentiti ridicoli
Marchisio scosso dalle parole di don Ciotti. Prandelli: Allenati i nostri valori
DAL NOSTRO INVIATO

SEBASTIANO VERNAZZA RIZZICONI (Reggio Calabria)

Ne valsa la pena, di venire quaggi. Don Ciotti ci ha dato quattro salutari schiaffi. Il prete anti-mafia ha preso il microfono alluna passata. Fino a quel momento la solita parata di autorit e politici. Frasi fatte, retorica. Nel circo al seguito della Nazionale, strisciava gi il cinismo: Tutto qua? Quattro anfore di omaggi e via? Che cosa siamo venuti a fare?. Poi parola a don Ciotti e il pomeriggio cambiato, non c stata pi trippa per i cinici e gli ironici.
Antenne dritte Linvettiva di don Ciotti ci ha ricordato lomelia del cardinale Pappalardo ai funerali del generale Dalla Chiesa, quella con la citazione in latino (Mentre a Roma si discute, Sagunto viene espugnata). E a Roma che bisogna combattere la malavita, ha detto il prete di frontiera a Rizziconi, e le sue parole hanno percosso i giocatori e i cronisti. Bum, un cazzottone in faccia. I calciatori certifica uno studio possiedono una soglia di attenzione che in media non va oltre i 7 minuti. Quando don Ciotti ha iniziato a inchiodarci alla nostra ignavia, abbiamo visto gli azzurri destarsi, come lItalia nellinno. Antenne dritte, volti tesi. Lo stesso Mario Balotelli dava limpressione di aver capito che c differenza tra Scampia e Libera, tra chi produce mafia e chi la smaltisce.

Allenare i valori A seguire mini-torneo di calcetto, con gli azzurri divisi in 4 squadre. Hanno vinto quelli con le pettorine arancioni, la squadra di Balotelli, e decisiva stata una rovesciata di Marchisio, ma lesibizione piaciuta perch si sono visti giocatori finalmente sorridenti, come se gli azzurri avessero compreso che cosa fondamentale e che cosa no. Alla fine Cesare Prandelli ha salutato cos ragazzi e bambini di Rizziconi: Grazie di cuore. Non mollate mai. E ai giornalisti ha detto: Non stato un allenamento normale. Qui abbiamo allenato i nostri valori. Siamo rimasti scossi. Un conto sentirle, certe cose. Diverso vederle, toccarle con mano. Questa gente non va lasciata sola. Le parole di don Ciotti hanno colpito le nostre coscienze. Qui la squadra ha capito che cosa conta sul serio. Ce ne andiamo arricchiti. Il presidente federale Giancarlo Abete ha ricordato che il nostro impegno con don Ciotti viene da lontano, abbiamo un rapporto antico e consolidato. Adesso facciamo parte della rete di Libera, ci metteremo impegno. Senza cuffione Per una volta ab-

dai con la consapevolezza delle cose. Don Ciotti ha fatto un discorso esemplare, lontano dalle solite litanie. Spero che i giovani di questo posto ce la facciano a diventare padroni del proprio futuro. Claudio Marchisio con sincerit ha ammesso: Le parole di don Ciotti ci hanno fatto sentire ridicoli. La cosa che mi ha pi colpito stata quando ha detto che le mafie operano in tutta Italia. Ha ragione, la lotta bisogna cominciarla da Roma. Speriamo di aver trasmesso qualcosa ai tanti bambini. La Nazionale a Rizziconi, un gesto forte. Come dice don Ciotti, il potere dei segni contro i segni del potere mafioso.
Gattuso arbitro A Rizziconi cera anche Gennaro Gattuso, nazionale per sempre e calabrese da sempre. Allaeroporto di Fiumicino salito sul charter azzurro, a Lamezia sul pullman della squadra. Ha parlato coi colleghi, col professor Castellacci medico dellItalia. Ha arbitrato le partitelle di calcetto. E tirato, tutti i giorni corre per chilometri. Non ci vede ancora bene, ma spera di rientrare presto. A fine giornata si congedato, diretto a Reggio Calabria, dove ha preso un volo diretto per Milano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIAMATO ANCHE TOTTI

Inviti Federcalcio Conti ci sar Zoff dice di no


Dino Zoff aveva detto: I grandi vengono invitati, ma nel nostro Paese non un costume molto in voga. La Federcalcio per a quel punto si mossa subito e, per il match di domani contro lUruguay, ha contattato ieri sia il portiere mito del nostro calcio che unaltra serie di personaggi legati allo sport romano. Zoff per ha detto di no e quindi non sar presente nel giorno in cui Buffon lo aggancer come numero di presenze in Nazionale (112). Ha accettato con entusiasmo invece Bruno Conti, protagonista con Zoff del Mondiale spagnolo 1982. Invitati anche Francesco Totti e Simone Perrotta (in stand by), in quanto anche loro campioni del mondo casalinghi, cos come la Figc non ha dimenticato di contattare il presidente Di Benedetto, Luis Enrique ed Edy Reja in rappresentanza dei due club principali di Roma.
ma. cec.

biamo visto i calciatori uscire dagli spogliatoi senza mega-cuffie n facce ingrugnite. E abbiamo ascoltato discorsi profondi. Il primo a presentarsi stato Gigi Buffon: Don Ciotti ci ha spiegato che la cultura e la conoscenza possono smuovere le persone. Il coraggio te lo

QUI URUGUAY IL CT TORNA IN ITALIA DA ALLENATORE DELLA CELESTE DOPO LE ESPERIENZE CON CAGLIARI E MILAN

Tabarez filosofo: La vita un sali-scendi


Lo per tutti e anche per Berlusconi, che lo cacci nel 96. I due non si presero
ALESSIO DURSO ROMA

Il titolo : Che rivincita, Maestro. La vita fatta di scale: chi sale, chi scende. E, tu guarda, Oscar Washington Tabarez, c.t. di un Uruguay appena definito epico in patria, torna in Italia da vincitore in Coppa America col suo sfavil-

lante gruppo nel giorno in cui il suo ex presidente rossonero Silvio Berlusconi ormai ex presidente del Consiglio da appena 24 ore. Costretto alle dimissioni come lallenatore in quel cupo 1 dicembre 1996, quando alla guida del Milan la fiducia and in dissolvenza al termine di una sfida col Piacenza, in fondo ad un sentiero minato di manovre oscure, voci di corridoio, presunte litigate con Baggio e lamentele dei talenti cari al patron, tra tutti Savicevic, per lo scarso impiego.
Scommessa Si disse che Berlusconi non fosse allora troppo convinto di quella scelta, come dimostrerebbe una sua fra-

se, riportata dai giornali dellepoca: Tabarez, chi costui? Forse un cantante di Sanremo?. Il feeling non sbocci. E nemmeno giocatori come Reiziger, Davids, Vierchowod, Dugarry e Pagotto non trovarono la quadra. Quella volta perse la scommessa lui, dopo 11 giornate, indotto a dimettersi, si vocifer allora. E lui, da gentiluomo quale sempre stato, disse solo: Sto malissimo, ma non cerco vendette, non faccio nomi. Avevo fatto una scommessa, lho persa.
Rivincita Ma ieri il c.t., osser-

vando nel fazzoletto derba del Flaminio la sua banda di umanissimi eroi uruguaiani, si

compiaciuto del suo presente di condottiero. E al passato non ci pensa pi, Tabarez, se non per dire: E la prima volta che torno in Italia dal 98, cio dalla mia seconda esperienza a Cagliari. Torno oggi nel momento pi bello, pi esaltante, da campione in Coppa America. E vero. Una rivincita per chi dal calcio italiano liquidato troppo in fretta? La vita un sali-scendi, non piatta, per me come per tutti. Anche per Berlusconi che la port alle dimissioni nel novembre del 96? S, per tutti. La vita proprio fatta di gradini: una volta cera il Toro di Sora, Pasquale Luiso, stella del Piacenza, a vestire i panni del Diavolo, adesso c Suarez il Pistolero a spingere pi in l il delirio della Celeste. La felicit esiste, Maestro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Oscar Washington Tabarez d istruzioni a Edinson Cavani PHOTOVIEWS

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

15

anti-mafia
A sinistra, Don Ciotti portato in trionfo dagli azzurri. Sopra: con Gennaro Gattuso e lallenamento ANSA-PIPITA

GENTE DI CASA

A
S

ALLOLIMPICO IL TEST DI DOMANI SERA

Prandelli lancia Osvaldo e pensa al 4-3-3 subito


Contro lUruguay possibili nuove soluzioni offensive Tornano Maggio e Balzaretti
ANDREA ELEFANTE ROMA

Daniele De Rossi cresciuto nelle giovanili della Roma. In prima squadra nella stagione 2000-01. Lesordio con Capello nellottobre 2001.

Ecco il gol di Don Ciotti La ndrangheta si combatte a Roma


Un discorso di 8 minuti: Bravi calciatori, bel gesto. Il potere dei segni contro i segni del potere mafioso. Ora le leggi...
DOMANI A CASARANO
DAL NOSTRO INVIATO

Sensazioni di attacco multietnico, sensazioni di Osvaldo con Balotelli: se con un trequartista alle loro spalle, o subito con il 4-3-3 lanciato nel secondo tempo di venerd in Polonia, Prandelli lo decider dopo lallenamento di stamattina.
Una chance per Ogbonna? Per ora il c.t. pare orientato a cambiare i laterali di difesa, riproponendo Maggio e Balzaretti al posto di Abate e Criscito; possibile una chance subito per Ogbonna e in attacco la tentazione di partire subito con le tre punte c, ed forte: in fondo oltre che una necessaria e annunciata esplorazione di alternative tattiche sarebbe anche quello un modo per dare continuit alle indicazioni dellultimo test amichevole. A quel punto, non escluso che per dare pi solidit al centrocampo Prandelli scelga Nocerino. La tentazione del c.t. A proposito di Osvaldo, pi

S
Simone Pepe cresciuto nelle giovanili della Roma, dove per non fu mai profeta in patria: fu il Palermo a riscattarlo dal club giallorosso e a farlo esordire in A

NellUnder 21 con lUngheria torna Gabbiadini


Ciro Ferrara non ha convocato nessuno al posto di Riccardo Saponara che, squalificato, tornato a Empoli. Resta quindi con 21 giocatori lUnder che domani a Casarano sfider lUngheria, battuta allandata per 3 0. Di sicuro c il ritorno di Manolo Gabbiadini, autore di 2 gol a Szekesfehervar. Dovrebbe far coppia con Destro, eroe di Istanbul. Il dubbio vero sulla fascia destra. Conoscendo Ferrara, viene da pensare a Ragusa, provato nel finale coi turchi. Ma c pure lipotesi Donati con Santon in difesa. El Shaarawy sembra ancora destinato alla panchina. Da sciogliere il dubbio in porta: conferma per Bardi o rilancio Pinsoglio? Intanto Casarano in fermento: i 3100 biglietti in vendita sono stati esauriti in tre giorni e ieri a Taurisano quando Ferrara ha aperto le porte per la partita in famiglia stato un bagno di folla.
fr.vell.

FRANCESCO CENITI RIZZICONI (Reggio Calabria)

Bisognava esserci. E vedere come una Nazionale pu diventare piccola piccola mentre ascolta a capo chino parole che sono stilettate micidiali per gli uomini di mafia e nello stesso tempo dolci come miele per i ragazzi e la gente onesta. Bisognava esserci. E sentire il ruggito dei mille stipati sulla tribunetta di Rizziconi, quando hanno capito che per una volta erano i protagonisti della Storia. Bisognava esserci. E osservare gli occhi da tigre di don Luigi Ciotti mentre segnava gol a ripetizione con un microfono. Otto minuti di straordinaria intensit verbale. Otto minuti che hanno spazzato via i dubbi su una giornata bollata da qualche solone come inutile e piena di retorica. Ieri in un campetto sperduto e strappato alla ndrangheta, non si solo allenata lItalia di Prandelli. E stato posto un simulacro in terra nemica. Un simbolo da difendere a ogni costo. E la prima linea tocca a Roma. Don Ciotti docet.
Urla nel silenzio C un clima

Caro Luigi abbiamo seguito in tv la splendida iniziativa. Sempre al tuo fianco


SMS A CIOTTI SONIA E ALE DEL PIERO

colare. E un gesto importante, il vostro: il potere dei segni contro i segni del potere mafioso. Avete una grande responsabilit, siete un esempio per i ragazzi: non dimenticatelo. Lo sport una speranza. E speranza vuol dire opportunit.
Lutti e lotte Don Ciotti ha poi rac-

che lOlimpico, che ora il suo stadio, lindizio erano state le parole del c.t. di sabato: Se con Balotelli dovesse giocare Pablo, le cose a livello tattico non cambierebbero granch. Ma anche: La squadra vista nella ripresa a Wroclaw mi ha fatto venire dei dubbi: mi piaciuta di pi rispetto a quella del primo tempo.
Balotelli nel cuore di tutti Se Balotelli sempre

chiassoso e di festa, quando inizia il discorso che cambia la domenica. Ma bastano pochi secondi e i vari gridolini Gigi.... ciao-

oo Balotelli... Pirlo siamo quiiii sono spazzati da un gigante di 66 anni, presidente dellassociazione Libera, da sempre in lotta contro le mafie. Dobbiamo riflettere per capire il vero senso della giornata. E la terza volta che inauguriamo questo campo: o ci impegniamo davvero per il cambiamento, oppure sar stata unoccasione persa. E il cambiamento comincia da ciascuno di noi. La struttura va tutelata. Ma attenzione: un errore pensare che la lotta alla mafia tocchi solo a chi sul territorio. E invece si fa soprattutto a Roma, in Parlamento, con leggi giuste. Si fa con le politiche sociali, difendendo il lavoro. Mettiamo le mafie in fuorigioco, perch stanno in tutta Italia. E poi rivolto al presidente Abete ha alzato lasticella: Invito la Federcalcio a entrare dentro Libera: 1.600 associazioni senza colori politici. Infine toccato ai giocatori, investiti in pieno dalla parole di un prete parti-

contato della preghiera fatta sulla tomba di Francesco Inzitari, 18 anni, ucciso vicino a una pizzeria per una vendetta trasversale e del fiore portato in nome della Juve (la squadra di cui era tifoso Ciccio). E ha presentato agli azzurri i genitori di Dodo Gabriele, un bimbo di 11 anni ucciso mentre giocava a calcetto da una pallottola vagante, per un abbraccio commosso specie con Gattuso. Poi la giornata scivolata via, ma anche quando il sole si nascosto dietro gli ulivi, don Ciotti era ancora l, a stringere mani e ringraziare i 150 volontari della protezione civile. E a invitare a non abbassare la guardia la ndrangheta ha preso uno schiaffone. Risponder, ma noi dovremo ripartire pi forti di prima. E la forza arriva anche da questi sms. Leggi un po.... Mittente Ale Del Piero e Sonia. Testo semplice e diretto: Caro Luigi abbiamo seguito in tv la splendida iniziativa di Rizziconi. Saremo sempre al tuo fianco. S, bisognava esserci.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Osvaldo, 25 anni, attaccante


MANCINI

pi la certezza (Fa piacere che sia circondato dall'affetto, dalla fiducia e dalla simpatia non solo di Prandelli, ma anche di tutta l'opinione pubblica italiana, ha detto ieri a Rizziconi il presidente federale Abete), Osvaldo si avvia ad esserlo perlomeno per domani sera: Prandelli, che ha gi detto di voler riproporre Mario, non ha bisogno di testare ulteriormente Pazzini (per linterista gi 13 partite nella gestione del c.t., mentre litalo-argentino ne ha soltanto una) e il fatto di farlo giocare in casa sarebbe solo un motivo in pi.
Quei precedenti Non eccezionale, fra laltro: a Firenze contro le Far Oer giocarono titolari De Silvestri e Gilardino; a Genova contro la Serbia iniziarono la partita (subito sospesa) Criscito, Palombo e la coppia ex Samp Cassano-Pazzini; nella sua Bari, contro la Spagna, fece il capitano Cassano; a Pescara, contro lIrlanda, ebbe il suo momento di gloria entrando nella ripresa De Sanctis, che aveva iniziato la carriera l. Anche Pepe gioca in casa E al di l di De Rossi (che per non sar capitano: la fascia rester sul braccio di Buffon), allOlimpico sarebbe di casa anche lago della bilancia del possibile 4-3-3, ovvero Pepe, che cresciuto nelle giovanili della Roma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

16

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

Lorologio perfetto esiste.

Mai pi batterie grazie allenergia della luce.

Pi resistente e pi leggero dellacciaio inossidabile.

Regolato dallo spazio. Preciso al milionesimo di secondo.

VETRO ZAFFIRO
Perfetta trasparenza, preziosit e inalterabilit nel tempo.

BY0011-50F 750
Scopri lintera collezione Eco-Drive Radiocontrollato a partire da 348

www.citizen.it

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

17

SERIE A
LA SCOPERTA I POZZO SONO VICINI A UN NUOVO COLPO DI MERCATO
Le alternative LUdinese 2, usci-

LUdinese promuove il francese Fanchone


Giovane difensore mancino, si messo in mostra contro il Rijeka
MASSIMO MEROI UDINE

sciuto nello Strasburgo, lultima stagione lha disputata nellAvignone in Ligue 2. Due anni fa Gino Pozzo pesc nella seconda lega transaplina un certo Medhi Benatia, oggi considerato uno dei pi forti difensori della A e il cui cartellino vale almeno 15 milioni di euro.
Promosso Fanchone, in Friuli

Si chiama Jean Alan Fanchone, francese, classe 88, di professione fa il terzino sinistro e potrebbe essere il prossimo acquisto dellUdinese. Cre-

da qualche giorno, ieri ha disputato per intero lamichevole che lUdinese ha vinto 3-0 (Neuton, Floro Flores e il giovane Dia Pape a segno) sui croati del Rijeka destando una buona

impressione. Il cross in corsa sembrato la sua qualit migliore: oltre a quello al bacio per la testa di Dia Pape, punta senegalese da un paio di mesi aggregata alla Primavera, ne ha piazzati almeno altri tre che non sono stati sfruttati per un niente dai compagni. Non ha la corsa di Armero, ma sembra pi disciplinato tatticamente. Guidolin ha detto: Si mosso con disinvoltura soprattutto quando ha giocato con la difesa a 4 in cui lui pi abituato rispetto a quella a 3 della ripresa. Lo valuteremo e vedremo.

ta malissimo dalla serata di Europa League con lAtletico Madrid, doveva dare una risposta ieri a Guidolin. Certo, lavversario era di altro spessore, ma come ha giustamente sottolineato il tecnico limpegno di tutti piaciuto. Neuton, al di l del gol che ha sbloccato il risultato, comincia a far vedere perch lUdinese lo ha acquistato, Domizzi, impiegato per un tempo a centrocampo, pu tornare utile anche in mediana, Coda ritornato e si candida a essere una valida alternativa ai tre tenori della difesa e Battocchio con lassist a Floro Flores si inventato la giocata pi bella della partita.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il francese Jean-Alain Fanchone in azione: ha 23 anni ANTEPRIMA

Reja a ritmo-scudetto aspetta il vero Cisse e savvicina a Parolo


La Lazio tiene le medie dei campioni del 1974 e 2000 Il francese sgobba per tornare al gol. E sul mercato...
STEFANO CIERI ROMA

Ventuno punti dopo dieci giornate e primo posto in classifica. Per la Lazio suona decisamente bene. Solo due volte accaduto nella sua storia e al termine di entrambe le stagioni (1973-74 e 1999-2000) per i biancocelesti stato scudetto. Un precedente decisamente beneaugurante per la squadra di Reja che, oltre a godersi la sosta di campionato dallalto della classifica, pu anche cominciare a sognare dando uno sguardo alle statistiche.
Che precedenti Sono decisamente incoraggianti. Perch questa Lazio la quinta che totalizza 21 punti dopo dieci partite (calcolando tre punti per la vittoria anche quando valeva due). Era gi accaduto oltre che nelle due stagioni scudettate anche nei campionati 1994-95 e 2002-03. A differenza delle annate tricolori, quando quei 21 punti dopo 10 gare erano valsi il primo posto, nel 1994-95 la Lazio di Zeman era

esprimere al meglio il potenziale a disposizione. Uno, sotto questo punto di vista, il cruccio del tecnico goriziano: Dijbril Cisse. La Lazio infatti prima e vincente nonostante allappello manchino i gol del francese. Il suo digiuno che dura ormai da due mesi sta diventando un caso. Ma la sosta spera Reja potr servire a ricaricare le pile allex attaccante del Panathinaikos. Che sperava di andare in nazionale, come accadde nella precedente pausa di campionato. Ma che ha poi fatto di necessit virt: nella quiete di Formello sta sgobbando come non mai per tornare il Leone nero che fu ed convinto di tornare ad essere presto pure in Italia. Anche nel suo caso certi precedenti sono pi che incoraggianti. Nelle ultime due stagioni giocate col Panathinaikos ha sempre segnato tantissimo dopo la sosta di met novembre.
E sognando Parolo Ad alimentare i sogni di gloria, intanto, inizia a pensare pure la societ. Il mercato di gennaio ancora lontano, ma qualcosa comincia a muoversi. Il settore da puntellare il centrocampo. Per difetti strutturali e anche per il grave infortunio che ha messo fuori causa Mauri almeno fino a marzo. Il sogno di Lotito e Tare resta sempre il cesenate Marco Parolo, gi inseguito la scorsa estate. La trattativa potrebbe ripartire nelle prossime settimane sulla base di uno scambio che pu interessare la societ romagnola: la contropartita tecnica che la Lazio pronta a mettere sul piatto infatti quel Libor Kozak che il Cesena aveva chiesto gi in passato. Da definire, ovviamente, i termini e le modalit dello scambio (compropriet, prestiti con diritto di riscatto?). Ma lidea c. E piace parecchio a Edy Reja.
RIPRODUZIONE RISERVATA

PARTENZE SPRINT
Le migliori Lazio di sempre dopo 10 turni. 1972-1973 Punti: 22 Posizione: 1a Posizione finale: 3a 2010-11 Punti: 22 Posizione: 1a Posizione finale: 5a 1973-74 Punti: 21 Posizione: 1a Posizione finale: 1a 1994-1995 Punti: 21 Posizione: 2a Posizione finale: 2a. 1999-2000 Punti: 21 Posizione: 1a Posizione finale: 1a 2002-2003 Punti: 21 Posizione: 4a Posizione finale: 4a

Taccuino
MERCOLED A ROMA

Gaucci-Pulvirenti Scontro in Tribunale


A un testimone reticente che viene accompagnato in aula dai ca rabinieri siamo abituati, ma che laccompagnamento coatto sia chiesto dal pubblico ministero per laccusatore, ci mancava. Capiter mercoled 16 al Tribunale di Roma dove, accusato di appropriazione in debita, siede Riccardo Gaucci; il suo grande accusatore lattuale presidente del Catania Antonino Pul virenti, che non si mai presentato a ribadire le accuse. Nellultima udienza proprio Gaucci, con il legale Francesco Giuseppe Catullo, ha ri nunciato a presentare ulteriori pro ve, pur di avere un confronto con laccusatore. Tutto parte dalla ces sione delle azioni del Catania da Ric cardo Gaucci a Pulvirenti. La som ma concordata era di 11 milioni: una parte fu pagata in contanti, il resto furono ritenuti debiti e tra questi, alla voce perdite, anche debiti contratti da Gaucci con la societ. In seguito, una rielaborazione dei bi lanci fece emergere il debito e Pulvi renti denunci Gaucci, che si batte per essere assolto prima della pre scrizione (25 novembre).

PARMA

In arrivo Celik
Il Parma vicino a chiudere per Mervan Celik, esterno offensi vo svedese del Gais. Classe 90, Ce lik ha il contratto in scadenza nel 2012 ed stato seguito a lungo an che dallAtalanta.

seconda, mentre nel 2002-03 quella di Mancini era addirittura quarta. Reja invece primo, come lo erano Maestrelli nel 1973-74 ed Eriksson nel 99-00. Se crede nella cabala, il tecnico friulano pu dunque essere contento dello score di questanno pi di quello di un anno fa che, pure, era migliore. Gi, perch il record assoluto dopo dieci giornate di campio-

nato costituito per la Lazio dai 22 punti totalizzati nello scorso campionato e nel 1972-73, entrambi conclusi per senza vittoria finale.
Aspettando Cisse Le statistiche

Edy Reja, 66 anni, stringe la mano al francese Djibril Cisse, 30


IMAGE SPORT

DONNE

Brescia-Torres 1-4
(g. l. g.) La super sfida del po sticipo (6 giornata) si risolve con una vittoria della Torres che domi na il Brescia: successo in trasferta per 4 1. Classifica (prime pos.): Bar dolino 15, Tavagnacco 14, Brescia e Torres* 13. *: 1 partita in meno.

contano, i giocatori ancor di pi. Reja sa bene che per alimentare i sogni di gloria, oltre che appoggiarsi sulla tradizione, indispensabile anche far

W in t er

pioni. verno da cam In Trentino lin

Scopri la neve che fa innamorare tutti gli sportivi. Sulle piste del Trentino, lo sport si trasforma in puro divertimento: per i giocatori dellInter, che gi lhanno scelto per il loro ritiro estivo, ma soprattutto per te. Vieni a scoprire le discese pi emozionanti, nella splendida cornice delle Dolomiti: unesperienza unica da condividere con gli amici e con la tua famiglia. Prenota la tua vacanza online su visittrentino.it

18

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

SERIE A

QUANTI TALENTI

y
S

la storia

Delio Rossi, 51 anni, istruisce i suoi. Vicino a lui c anche Alberto Gilardino, 29: 6 partite e 1 gol in campionato finora RATTINI

ALLA LAZIO Ventiquattro anni Volfango Patarca ha gestito la scuola calcio della Lazio per 24 anni, fino al divorzio dellestate del 2005, quando il presidente Claudio Lotito prefer affidare il settore al generale Giulio Coletta

Nesta jr, 11 anni e un gran futuro Ma verso la Roma


Gian Marco Nesta, 11 anni, nipote di Alessandro GRILLOTTI

Una Fiorentina tutta per Gila Cos Rossi cerca la svolta


Quattro punte, trequartista, tridente Lattaccante deve ricevere pi inviti per ritrovare il gol con continuit
NUMER0

ranno date a Jo-Jo: dovr accentrarsi di pi, per calciare o per tentare il dialogo con Gila (con linterno di centrocampo che in fase di possesso palla si alzer in una specie di 4-2-4). Anche Gilardino dovr interpretare il ruolo in maniera diversa: se lobiettivo fargli ritrovare il gol con continuit (due giorni fa ne ha fatti cinque in amichevole), Rossi prover a evitargli la fatica di andare incontro al pallone o di presentarsi troppe volte spalle alla porta. Daltra parte dovr abituarsi a dividere larea con Jovetic e a facilitare gli inserimenti degli altri compagni.
Trequartista Ma la vera medici-

S
MILLE SCOPERTE Tutto inizi con Di Canio Patarca ha scoperto quasi tutte le stelle cresciute nel vivaio della Lazio: il primo fu Paolo Di Canio, poi Nesta, Di Vaio, Roma, Pinzi, Di Biagio, Russotto, Franceschini, Iannuzzi, Rosi, Macheda, Peluso, Faraoni, Sestu e Ceccarelli

DAL NOSTRO INVIATO

ANDREA PUGLIESE FORANO (Rieti)

4
12

ALESSANDRA GOZZINI FIRENZE

i punti ottenuti dalla Fiorentina in 10 partite, frutto di 3 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte. Dieci le reti segnate (miglior marcatore Jovetic: 5 centri), 9 quelle subite

Dalle analisi era risultata la mancanza di calcio, inteso come bel gioco. Conseguenza la difficolt ad arrivare in zona-gol, per poi buttarla dentro. La societ ha scelto di operare con lassunzione del dottor Rossi (cos lha definito il d.s. Corvino): le sue squadre hanno sempre finito il campionato con parecchie reti allattivo. Pi che scienza una questione di filosofia: Credo in una squadra propositiva, se vuol dire essere zemaniani, allora s, lo sono, disse alla presentazione.
Soluzioni Lallenatore ha scelto

cabili e per questo Jovetic (ora in nazionale) e Cerci gli giocheranno pi vicino, in un 4-3-3 pi simile al 4-3-2-1. Altre particolari disposizioni sa-

LE MOSSE TATTICHE

na alternativa pu essere lutilizzo del rombo, esperimento testato nellamichevole di sabato. Due punte, Gilardino e Jovetic (o Cerci) davanti a un trequartista, con Lazzari favorito per il ruolo; Montolivo completerebbe lasse, arretrato di qualche metro. uno schema (il 4-3-1-2) che potrebbe tornare utile gi con il Milan, visto che sar fuori uso Vargas, che dal Per sbarcher a Firenze solo 24 ore prima della partita.
Attacco da migliorare Altri

Alessandro Nesta, 35 anni


DANNIBALE

Ha solo 11 anni, vero, e va lasciato crescere come un giovane di quellet, divertendosi. Ma a vederlo giocare c da stropicciarsi gli occhi, quasi a non crederci. il bambino pi forte che abbia mai allenato, destinato a diventare un fenomeno. Il bambino Gian Marco Nesta, nipote di Alessandro e figlio di Fernando, il fratello del centrale del Milan. Il giudizio, invece, quello di chi se ne intende, Volfango Patarca, uno che nei suoi 24 anni di Lazio ha scoperto Di Canio, Di Vaio, lo stesso Nesta, Roma, Di Biagio e Pinzi, fino ai giovani di oggi come Macheda, Rosi, Faraoni, Peluso e Ceccarelli. Ma Gian Marco diverso, ha un talento immenso: dribbla come Di Canio e tira come Di Vaio.
Stimmate vero. Ma, soprattutto, gli riesce tutto con una naturalezza imbarazzante: Gian Marco calcia (e come) con entrambi i piedi, ha fantasia e dribbling, leggerezza nei movimenti e nelle finte. Gioca negli Esordienti della Pro Sabina, la societ di casa, come ala destra, ma pu andare anche a sinistra. Nel fine settimana ha giocato unamichevole con bambini pi grandi (di due anni) di lui della Passo Corese, segnando la bellezza di 8 gol. In tutti i modi: pallonetto, sinistro a girare sotto il sette, destro al volo, diagonale in corsa. Ripeto, io non ho mai visto un bambino di 11 anni fare quello che fa lui, con i Pulcini avr segnato

oltre 300 gol, dice Volfango Patarca, che alla Pro Sabina gestisce tutto il settore giovanile e che in squadra con Gian Marco ha altri baby doc come Nicholas Gerini, Edoardo Polidori e Alessio Di Bari, oltre ad allenare tra i pi grandi Iwee Zady, figlio del cugino di Didier Drogba, lattuale ambasciatore in Italia della Costa dAvorio.
Futuro Gian Marco tifoso dello

di intervenire con nuovi rimedi. Il primo punto della ricetta mettere Gilardino nelle condizioni di avere pi palloni gio-

numeri che risultano dalle analisi: quello viola con 10 palloni buttati in porta il peggiore attacco tra le squadre che puntano lEuropa; il sesto peggiore in assoluto con un gol in pi di Cagliari e Bologna, un paio rispetto a Chievo e Lecce, sette di vantaggio sul Cesena. Rossi stata la prima scelta della societ: non far miracoli, ma dar anima e gioco per un progetto che diverta i tifosi ha detto a violachannel.tv il club manager Guerini. Ora non resta che iniziare la cura del gol.
GDS RIPRODUZIONE RISERVATA

zio e da l nato anche lamore per il Milan (Una volta Alessandro lha portato con lui a Milanello, tornato da noi e mi ha ripetuto i colpi di Ronaldinho, dice Patarca). Il suo nome gi sul taccuino di tanti osservatori di mercato: il Genoa farebbe carte false per averlo, la Lazio ci ha gi provato. Ed normale, considerando il cognome. Il suo futuro, per, sembra altrove, dalle parti di Trigoria. Alla Roma c il miglior settore giovanile dItalia, l saprebbero valorizzarlo davvero, continua Patarca. E infatti Bruno Conti e Walter Sabatini sanno chi e gli hanno messo gi gli occhi addosso. Ma non si sono mossi, per rispetto alla famiglia. E alla Lazio, essendo un Nesta. Sul futuro di Gian Marco decide Volfango, ha sempre detto pap Fernando. E Volfango ha quasi deciso. Alla Lazio il settore giovanile non funziona. E poi, essendoci di mezzo io, Lotito non so come lo tratterebbe. Molto meglio la Roma, presto chiamer Sabatini e vedremo. Lui, intanto, pensa solo a divertirsi, come giusto che sia. Segnando valanghe di gol, con una semplicit disarmante.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

19

SERIE A

Cavani vola
Fermarmi? Macch Voglio vincere tutto
Dalla Nazionale al Napoli: Mi sento come Balotelli, torno e faccio gol. Dobbiamo puntare a ogni trofeo
ALESSIO DURSO ROMA

capito di potercela giocare, li abbiamo messi in difficolt.


Prandelli dice che questo Uruguay pi forte dellItalia.

I NUMERI

4
4

La Classifica
SQUADRE PT PARTITE G V N P RETI F S

Si vede che noi stiamo facendo un lavoro da tanto tempo. Siamo due nazionali diverse, anche se da un punto di vista agonistico non ci differenziamo molto. Sar un grande orgoglio affrontare gli azzurri qui a Roma.
Sar sempre Balotelli il pericolo numero uno per voi?

la media voto di Cavani in campionato

5,88
i gol in campionato. Gli stessi che aveva segnato lo scorso torneo dopo nove partite.

LItalia piena di campioni. Ma se c un giocatore che fa sempre la differenza quello Pirlo, un giocatore-super, un vero uomo-squadra.
AllOlimpico potrebbe trovarsi a fronteggiare lungo la stessa fascia il suo compagno di squadra Maggio.

In volo con Edinson Cavani. Il pi disponibile, il pi affidabile, il pi amato dagli allenatori. Emblema dellattaccante moderno. Un coraggio dellaltro mondo, progetti ad alta quota, i suoi. DallUruguay a Roma, dalla vittoria sul Cile alla sfida di domani con lItalia, in attesa del doppio confronto campionato-Champions con Lazio e Manchester City. al centro di tutto e non stanco: Macch, vivo un momento molto importante e voglio esserci fino in fondo.
Lo dice anche per tranquillizzare il tecnico del Napoli Mazzarri e soprattutto il presidente De Laurentiis, vero?

Se io e i miei compagni di nazionale siamo conosciuti nel mondo, lo dobbiamo a lui. Ha imposto regole che rispettiamo. Sono contento che torni in Italia da vincitore, sar molto felice. Lui mi ha trasformato in un giocatore moderno.
Lei e lazzurro Balotelli in questo siete molto simili, non le pare?

UDINESE LAZIO MILAN JUVENTUS PALERMO NAPOLI ROMA CATANIA SIENA CAGLIARI GENOA ATALANTA* FIORENTINA CHIEVO PARMA BOLOGNA INTER LECCE NOVARA CESENA

21 21 20 19 16 14 14 14 13 13 12 12 12 12 12 10 8 8 7 3

10 10 10 9 10 9 10 10 10 10 9 10 10 10 10 10 9 10 10 10

6 6 6 5 5 4 4 3 3 3 3 5 3 3 4 3 2 2 1 0

3 3 2 4 1 2 2 5 4 4 3 3 3 3 0 1 2 2 4 3

1 1 2 0 4 3 4 2 3 3 3 2 4 4 6 6 5 6 5 7

13 16 23 15 14 13 13 12 12 9 13 13 10 8 12 9 11 8 12 3

4 8 14 7 12 7 11 16 8 10 12 12 9 11 18 16 16 16 19 13

Lui un altro grande giocatore, ha fatto ottimi campionati negli ultimi anni, credo sar difficile passare da quella parte... Non la prima volta che lo affronto da avversario.
Alla ripresa del campionato ci sar poi la Lazio e, quindi, la sfida decisiva in chiave Champions col Manchester...

il bottino complessivo del 2010-11: 26 reti in campionato, 7 in Europa League

33 6

CHAMPIONS PRELIMINARI CHAMPIONS EUROPA LEAGUE RETROCESSIONE


La classifica tiene conto di questordine preferenziale: 1) punti; 2) minor numero di partite disputate; 3) differenza reti; 4) numero di gol segnati; 5) ordine alfabetico. *lAtalanta ha sei punti di penalizzazione

Prossimo turno
SABATO 19 INTER-CAGLIARI (ore 18) FIORENTINA-MILAN (ore 20.45) NAPOLI-LAZIO (ore 20.45) DOMENICA 20 BOLOGNA-CESENA (ore 12.30) CATANIA-CHIEVO (ore 15) GENOA-NOVARA JUVENTUS-PALERMO PARMA-UDINESE SIENA-ATALANTA ROMA-LECCE (ore 20.45)

Facciamo lo stesso tipo di lavoro, vero. LItalia e lInghilterra sono campionati che si assomigliano, Tabarez e Mazzarri mi chiedono di far gol e tornare proprio come il c.t. Prandelli fa con Balotelli. Per me non un sacrificio svolgere un doppio ruolo.
Per, a proposito di compiti da svolgere, il suo impiego da esterno in Champions a Monaco ha destato perplessit. E per le critiche del dopo gara Mazzarri si risentito.

Saranno 4 giorni in cui ci giocheremo molto in questa stagione per noi importante, saranno due partite fondamentali. Proveremo a battere il City davanti ai nostri tifosi.
Pi fiducioso per il campionato o per la Champions?

Dico solo che la stanchezza si recupera, soprattutto coi risultati. Sar al 100% per tutti gli impegni che mi attendono.
Lei si consacrato nel calcio mondiale con lUruguay di Tabarez: quanto c del c.t. nella sua ascesa continua?

Quella partita lavevamo preparata cos. Se entravamo in campo pi sicuri nel primo tempo, magari sarebbe andata diversamente. Perch quando abbiamo

Siamo una grande squadra, il Napoli pu puntare a entrambi gli obiettivi. Siamo contenti di quanto stiamo facendo in campionato, che sar lunghissimo, dobbiamo continuare con questa intensit. La Champions non ci ha tolto energie. I conti li faremo alla fine.
RIPRODUZIONE RISERVATA

i campionati di Cavani in Italia: 4 col Palermo, che lo acquist dal Danubio nel gennaio 2007 quando non aveva ancora compiuto 20 anni, e 2 con il Napoli

Marcatori
8 RETI: Di Natale (2) ( Udinese) 7 RETI: Denis (1) (Atalanta) 6 RETI: Klose (Lazio); Giovinco (2) (Parma) 5 RETI: Jovetic (Fiorentina); Palacio (1) (Genoa); Ibrahimovic (1) (Milan); Osvaldo (Roma); Calai (Siena) 4 RETI: Moralez (Atalanta); Marchisio e Matri (Juventus); Nocerino (Milan); Cavani (Napoli); Rigoni (3) (Novara) 3 RETI: Ramirez (Bologna); Bergessio (Catania); Moscardelli (Chievo); Cerci (Fiorentina); Milito (2) (Inter); Hernanes (2) (Lazio); Boateng (Molan); Hernandez (1) e Miccoli (Palermo); Bojan (Roma); Destro (Siena)

Edinson Cavani, 24 anni, al Napoli dal 2010-2011


CUOMO

Sacrificarmi per la squadra non un problema. E quello che mi chiedono i tecnici

In nazionale sar dura contro Maggio. Ma Pirlo luomo squadra azzurro

CALCIO E POLITICA IL PRESIDENTE DEL PALERMO PRESENTA IL MOVIMENTO PER LA GENTE

IlCommento
di VINCENZO CITO

Ora Zamparini che scende in campo Monti? Troppo snob, sono meglio io
Il programma: Contro Equitalia, la Bce vada a quel paese, uno dei mali dellEuropa
DAL NOSTRO INVIATO

MASSIMILIANO ANCONA FIANO ROMANO (Roma)

Scende in campo anche lui, Maurizio Zamparini, 70 anni, friulano di Sevegliano (Udine), 17 anni dopo Silvio Berlusconi. Il giorno seguente la caduta del governo del patron del Milan, il presidente del Palermo si schiera per mettersi al servizio della gente: Ora Berlusconi potr fare solo danni nel Milan ha detto . Per lItalia stato solo dannoso. Tre squadre (Pordenone, Venezia e, da 10 anni, Palermo) e 36 allenatori dopo, Zamparini ha battezzato nel palasport di Fiano Romano il Movimento per la gente. Che ha un avversario, lEquitalia, va fermata perch fa strozzinaggio e usura legalizzata.
Niente politica Guai per a defi-

nirla una discesa in campo politica: necessario risolvere i problemi delle persone dice da un palco allestito innanzi a una platea di 2 mila persone, giunte anche da Friuli, Sardegna, Veneto e Sicilia e rifocillate gratis con panini imbottiti, acqua minerale e torta . Non siamo e non saremo un partito politico, ma il grembo per far nascere nuovi politici. Noi dobbiamo trovare le soluzioni per le persone. Il nostro simbolo lamore per loro. In Italia manca il ministero pi importante, quello del buonsenso. Voglio dare il mio contributo per risolvere i problemi. Ad ascoltarlo ci sono tra gli altri gli attori Enrico Montesano e Tony Sperandeo, il comico Martufello, oltre al parlamentare europeo Magdi Cristiano Allam (La priorit che i cittadini possano vivere dignitosamente, non far scendere lo spread o raggiungere il pareggio di bilancio). Ma la scena (quasi) tutta per lui, Zamparini, in questa giornata, pi simile a una sagra di paese che a una convention politica. Infatti qui di politico non c nulla ha ripetuto . Questo Movi-

Ma al primo rigore addio buon senso


A sentirlo parlare della necessit di fare pressioni, la prima cosa che viene in mente quella sugli arbitri, di cui stato incomparabile maestro in questi anni. Con lironia, per, la faremmo finita qui e non solo per come furono sbugiardati, 17 anni fa, quelli che non credevano possibile la vittoria politica di un altro presidente di calcio, anche allora sceso in campo. A giudicare dalle persone che ha messo assieme e da quelle che lo hanno seguito alla presentazione, le intenzioni di Zamparini sembrano serie, al di l di certi eccessi gi da campagna elettorale. Parla di ruscelli da unire, lui il pi torrenziale di tutti. Dice che vuole risolvere i problemi dellItalia, ne crea gi due attaccando lEuropa e Obama. Dopo aver mangiato, nella sua carriera di presidente, pi allenatori che panettoni, proprio lui si appella al buon senso. Ma dopo tutto che quello che abbiamo visto in Parlamento negli ultimi anni, su un fronte e sullaltro, perch non dovrebbe entrarci Zamparini? Fra mercatoni di successo, e citt riportate in A dopo anni, gli va riconosciuta una dote rara, quella di saper scegliere gli uomini giusti, siano essi giocatori o allenatori, non disgiunta dalla stessa incomprensibile fretta con cui se ne libera. Aspettiamo dunque con curiosit questo nuovo Movimento, e a Zamparini auguriamo di non arrivare troppo in alto. Altrimenti, al primo rigore fischiato contro il Palermo, non potr pi lamentarsi dei poteri forti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

mento nato nella mia testa. Facendo limprenditore, vedevo il Paese precipitare sempre di pi. Non il Paese della Finanza e della Borsa, ma quello reale stava smarrendosi. Ecco quello che parte da qui un ruscello al quale spero si uniscano altri ruscelli, non solo per fermare Equitalia, ma per dare una nuova impronta per unItalia in cui i politici lavorino per la gente.
Gran finale Poi attacca tutti.

Tremonti ha disastrato lItalia, lui ed Equitalia. Monti? un banchiere che non conosce

i nostri problemi, come Tremonti. Penso di essere pi bravo io. troppo snob. Ma ne ha anche per Obama: Dice che siamo sulla retta via. Ma gli Usa hanno un debito pubblico enorme e vengono a criticarci. La Bce? Vada a quel paese. il male dEuropa. Presidente, e il Palermo? Nonostante la confusione di questanno, andato bene e andr ancora meglio. Il futuro? Sul mercato ci siamo gi mossi: arriver Vazquez e altre due punte. Lavoriamo in silenzio come sempre. Ma non a Fiano Romano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Maurizio Zamparini, 70 anni, presenta il Movimento per la gente


ANSA

20

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

21

SERIE BWIN 15a GIORNATA


lAnalisi
di NICOLA BINDA
nbinda@gazzetta.it

HANNO DETTO

d
S

TORINO BARI
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-1

1 1

le Pagelle
di G.LO.

Che dura la vita in panchina


E il campionato che ha abolito gli 0-0 (nessuno anche stavolta) ma che si fa sempre pi difficile per gli allenatori. E saltata la panchina di Atzori, dopo una lenta agonia che ha portato alla inevitabile decisione visto lennesimo flop della Sampdoria. Ora i cambi sono 7, la met dellintera stagione scorsa, quando dopo 15 giornate erano stati soltanto 3. E non finita, perch in settimana potrebbe sostituire lallenatore anche il Modena, sconfitto in casa e contestato, mentre a Brescia (nonostante la crisi di risultati) si deciso di dare fiducia a Scienza, se non altro riconoscendogli lattenuante di non aver preso rinforzi in estate. E crediamo che a Grosseto, a questo punto, non se la passi bene nemmeno Giannini. Ogni caso ha una sua ragione, pi o meno plausibile, ma la tensione che serpeggia evidente. In attesa di pensare al mercato invernale, le societ hanno cominciato a cambiare gli allenatori. La maggior parte delle svolte arrivata in zona-retrocessione, perch questo lincubo di tutti e resta un capitolo tutto da scrivere. Pensate: ieri le ultime tre squadre (alla vigilia) hanno vinto, ridisegnando i giochi. Ma adesso si cambia anche in alto. La svolta della Samp la prima tra le squadre che si sentono in ritardo per la serie A e devono rimediare: di questo passo potrebbe non essere lunica. La consolazione che le distanze sono ridotte. Il Toro ha fallito lopportunit di fuggire, il Sassuolo ha scavalcato il Pescara e ha staccato il Padova, mentre Reggina, Verona e Varese marciano decisi e pimpanti. S, anche il Varese, che proprio dopo il cambio di allenatore ha dato una svolta significativa alla sua stagione. Larrivo di Maran stato decisivo: forse adesso tutti vogliono copiare?
RIPRODUZIONE RISERVATA

MARCATORI De Paula (B) al 42 p.t.; Antenucci (T) al 9 s.t. TORINO (4-2-4) Coppola; Darmian (dal 5 s.t. DAmbrosio), Di Cesare, Pratali, Parisi; Basha (dal 19 s.t. Vives), Iori; Stevanovic, Bianchi, Sgrigna (dal 33 s.t. Ebagua), Antenucci. PANCHINA Morello, Glik, Oduamadi, Verdi. ALLENATORE Ventura. BARI (4-3-3) Lamanna; Ceppitelli, Dos Santos, Borghese, Polenta; Bellomo (dal 16 s.t. Kopunek), De Falco (dal 29 s.t. Masi), Rivaldo; Defendi, De Paula, Caputo (dal 35 s.t. Stoian). PANCHINA Korpivec, Rivas, Galano, Marotta. ALLENATORE Torrente. ARBITRO Ciampi di Roma. ESPULSI Polenta (B) al 27 s.t. per doppia ammonizione (entrambe per gioco scorretto), Bianchi (T) al 36 s.t. per gioco scorretto. AMMONITI Dos Santos (B) per gioco scorretto; Glik (T) dalla panchina per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 8.704, incasso di 111.914 euro; abbonati 7.904, quota di 42.788 euro. Tiri in porta 8-1. Tiri fuori 10-5. In fuorigioco 3-2. Angoli 14-1 Recuperi: p.t. 0, s.t. 5.

VENTURA LATTESO EX IORI, UN BUON RIENTRO LAMANNA E SICURO


TORINO 6
COPPOLA 6 Non pu nulla sul tocco di De Paula. DARMIAN 5,5 Pasticcia sul gol, esce per infortunio al ginocchio destro allinizio della ripresa. DAMBROSIO 6 Tiene la posizione, niente di che. PARISI 5,5 Spinge poco o nulla. E difetta di precisione. DI CESARE 5,5 Non si vede sul gol. PRATALI 6,5 Se la cava con De Paula, prova a spingere. BASHA 5,5 Si nasconde a lungo. VIVES 6 Strappa la sufficienza. IL MIGLIORE h 6,5 dalla squalifica. Ha costruito e anche IORI Al rientro sbagliato qualcosa. E lui a verticalizzare con precisione per Antenucci nellazione del pareggio del Torino. STEVANOVIC 6 E la media di un gran primo tempo e di una modesta ripresa. BIANCHI 5 Fatica, ma maltrattato da Borghese. Poi gli saltano i nervi. SGRIGNA 6 Ha sui piedi il tiro giusto, poi scompare. Ebagua s.v. ANTENUCCI 6,5 Va a strappi, comunque il pi generoso. Trova il guizzo per il pareggio granata: dice di sacrificarsi in fascia volentieri ma questo un bel modo di ricordare a Ventura che anche sotto porta ci sa fare. ALL. VENTURA 6 Partita balorda, fa quel che pu. Era latteso ex e ha fatto di tutto per vincere la gara.

Ventura (allenatore del Torino) Per 75 siamo stati molto bravi, nel finale abbiamo cercato la vittoria pi col cuore che con la testa, ma resto soddisfatto

Larbitro Ciampi espelle Rolando Bianchi e il Toro si ferma sull1-1 IMAGE

S
Torrente (allenatore del Bari) Un pari che vale come una vittoria, vista anche lemergenza per gli assenti: i miei hanno giocato con grande personalit

Toro, niente fuga Brividi con il Bari


Segna De Paula, ma poi rimedia Antenucci Espulsi Polenta e anche Bianchi: finisce pari
DAL NOSTRO INVIATO

BARI 6
IL MIGLIORE 6,5 hparateLAMANNAsempre sicuro. Se Torrente porta Due decisive, a casa un punto doro lo deve anche alla prontezza del portiere barese. CEPPITELLI 6,5 Tornato a fare il terzino destro. Parte da lui lazione del vantaggio del Bari. DOS SANTOS 6 Picchia meno del collega, ma una sicurezza. BORGHESE 5,5 Un armadio di 197 centimetri piantato in difesa. Una sua gomitata a palla lontata a Rolando Bianchi innervosisce lattaccante espulso qualche minuto dopo. POLENTA 5 Sbaglia il tempo nellazione del pareggio, poi il rosso. Ma un ragazzo... BELLOMO 6 Qualche buona idea per lamico di Cassano. KOPUNEK 6 Entra nel momento peggiore. DE FALCO 6 Si piazza davanti alla difesa. Prezioso. (Masi s.v.) RIVALDO 6 Si sacrifica molto. DEFENDI 6 Fa lo stretto indispensabile. DE PAULA 6 Il gol, daccordo. Ma poco altro. CAPUTO 5,5 Resta ai margini della partita. (Stoian s.v.) ALL. TORRENTE 6 Sceglie di fare una partita attenta. Premiato.

S
Antenucci (attaccante del Torino) Contento per il gol, Ventura sa che sono una punta, ma mi chiede il sacrificio di giocare in fascia e io lo faccio volentieri

GUGLIELMO LONGHI TORINO

La capolista domina a lungo una partita che rischia di perdere, poi sinnervosisce con se stessa e larbitro. E alla fine si arrende: un pareggio, brutto e faticoso che permette al Sassuolo di rosicchiare due punti. Il Bari cerca il risultato buttandolo sullo scontro fisico. Ma sarebbe ingeneroso ridurre tutto alle sportellate di Borghese e Dos Santos, perch Torrente ha capito che non poteva e non doveva cercarsi rischi contro un avversario con pi qualit e ha chiesto ai suoi due cose fondamentali in questi casi: pazienza e furbizia.
Intenso E dunque il Torino a

fare la partita nel primo tempo, magari senza mostrarsi molto lucido ma con lintensit che aveva lasciato da parte laltro sabato a Modena. Abbiamo contato almeno tre occasioni nette: De Falco e Ceppatelli che salvano sulla linea su Pratali e Di Cesare, paratona

di Lamanna su Sgrigna. E una specie di mono schema, che nasce dal lancio lungo di Iori per Stevanovic, bravo a fare movimento e saltare luomo, un po meno a crossare. Antenucci si fa vedere ogni tanto, ma partecipa. E sar lutimo ad arrendersi. Per una mezzora abbondante il 4-2-4 di Ventura schiaccia nella sua met campo il Bari. Che sceglie il basso profilo: i centrali usano i modi bruschi per fermare le punte, De Falco fa la sentinella davanti alla difesa, Caputo e Defendi si abbassano sulla linea di centrocampo. Aspettare e ripartire. E proprio cos, nel momento migliore del Toro, arriva l1-0: cross da destra di Ceppitelli, tocca Iori, De Paula devia in rete mentre Darmian alza il braccio per segnalare un fuorigioco che non c perch Parisi, a terra, tiene il centravanti in posizione regolare. Il gol un discreto colpo per chi avrebbe meritato di pi e un premio eccessivo per chi ha pensato soprattutto a non cercarsi grane.

Nervoso Il Toro impiega qualche minuto, nove per la precisione, per raddrizzare la partita: assist in verticale di Iori, la difesa si alza e si ferma, Antenucci scatta e si trova solo davanti a Lamanna ma non in fuorigioco per colpa di Polenta che dorme. I granata spingono con rabbia, Ventura toglie Basha, poco propositivo e chiede nuove idee a Vives perch Iori, il migliore, comincia a perdere i colpi. Poi gioca la carta Ebagua accanto a Bianchi. Ma non serata per Bianchi, che preso di mira da Borghese (dubbi su un intervento del difensore nel primo tempo) reagisce con una gomitata. Espulsione che non fa una piega. Il Bari rincula ancora di pi, affidandosi a qualche contropiede poco convinto. Il finale solo nervosismo e caos. C un mischione in area, ma DAmbrosio e Di Cesare non riescono a girare a rete. Ciampi fischia e va negli spogliatoi accompagnato dai pensieri irriferibili di Ventura e dei suoi giocatori.
RIPRODUZIONE RISERVATA

TERNA ARBITRALE CIAMPI 5 Fatica a tenere in pugno una partita molto nervosa su entrambi i fronti. Longo 5,5 - Bernardoni 6

RISULTATI
BRESCIA-ASCOLI CITTADELLA-LIVORNO GROSSETO-VARESE GUBBIO-SASSUOLO JUVE STABIA-ALBINOLEFFE MODENA-EMPOLI PESCARA-PADOVA REGGINA-NOCERINA SAMPDORIA-VICENZA TORINO-BARI VERONA-CROTONE 0-1 2-2 1-5 0-1 2-2 0-2 1-1 2-1 0-1 1-1 2-1

CLASSIFICA
PARTITE SQUADRE TORINO SASSUOLO PESCARA PADOVA REGGINA VERONA SAMPDORIA VARESE BARI LIVORNO GROSSETO CITTADELLA JUVE STABIA (-4) BRESCIA CROTONE (-1) VICENZA EMPOLI ALBINOLEFFE MODENA GUBBIO NOCERINA ASCOLI (-10) PUNTI 34 31 29 28 27 25 22 22 21 20 20 18 17 17 16 16 15 15 14 14 13 2
IN CASA V N P FUORI V N P G TOTALE V N P IN CASA F S

MARCATORI
RETI
FUORI F S TOTALI F S Diff. Reti

top&flop
IL TOP

4 4 6 6 5 3 2 3 2 2 4 4 4 3 3 3 3 3 2 3 1 0

3 2 1 1 1 3 4 2 2 3 2 1 1 2 3 1 2 1 3 2 2 2

0 1 0 0 2 2 2 2 3 2 2 3 2 3 2 3 3 3 3 3 4 6

6 5 3 2 3 4 3 3 4 3 1 1 2 1 1 1 1 1 1 0 2 3

1 2 1 3 2 1 3 2 1 2 3 2 2 3 2 3 1 2 2 3 2 1

1 1 4 3 2 2 1 3 3 3 3 4 4 3 4 4 5 5 4 4 4 3

15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15 15

10 9 9 8 8 7 5 6 6 5 5 5 6 4 4 4 4 4 3 3 3 3

4 4 2 4 3 4 7 4 3 5 5 3 3 5 5 4 3 3 5 5 4 3

1 2 4 3 4 4 3 5 6 5 5 7 6 6 6 7 8 8 7 7 8 9

8 9 19 11 18 10 12 7 5 7 13 15 10 8 10 8 12 8 9 8 10 5

3 4 8 4 11 10 6 5 7 6 11 14 8 10 9 8 13 13 13 9 12 11

11 11 15 14 12 10 11 12 7 11 5 2 9 4 5 8 7 11 4 6 10 10

5 5

19 20

8 9

11 11 11 7 12 2 9 4 -2 5 -1 -4 -2 -5 -4 -5

15 34 23 14 25 18 7 8 8 7 7 8 7 13 7 13 30 18 20 18 23 14 15 14 13 19 21 21 17 19 21 12 18 18 17 19 12 16

10 19

PROSSIMO TURNO
16 giornata Venerd 18 novembre, ore 20.45 LIVORNO-ASCOLI Sabato 19 novembre ore 15 BARI-SAMPDORIA CROTONE-TORINO EMPOLI-VERONA JUVE STABIA-MODENA NOCERINA-VICENZA PADOVA-GROSSETO PESCARA-GUBBIO SASSUOLO-BRESCIA VARESE-CITTADELLA Luned 21 novembre, ore 20.45 ALBINOLEFFE-REGGINA

10 15

10 RETI Tavano (1, Empoli). 9 RETI Sansovini (Pescara); Abbruscato (3, Vicenza). 8 RETI Immobile (2, Pescara). 7 RETI Cocco (3, AlbinoLeffe); Castaldo (4, Nocerina); Insigne (Pescara); Missiroli (1, Reggina). 6 RETI Sforzini (Grosseto); Cacia (Padova); Ceravolo (3) e Ragusa (Reggina); Boakye e Sansone (2, Sassuolo). 5 RETI Caridi (2, Grosseto); Ciofani (1, Gubbio); Dionisi (2, Livorno); Cutolo (Padova); Bertani (1) e Pozzi (2, Sampdoria); Bianchi (1, Torino); Cellini (1, Varese). 4 RETI Papa Waigo (2, Ascoli); Feczesin e Jonathas (1, Brescia); Maah (Cittadella); Mbakogu e Sau (1, Juve Stabia); Catania (2) e Di Maio (Nocerina); Campagnacci (Reggina); Hallfredsson (Verona). 3 RETI De Paula e Marotta (2, Bari); Ciano (Crotone); Busce' (Empoli); Alfageme (Grosseto); Danilevicius (Juve Stabia); Paulinho (Livorno); Greco (1, Modena); Farias (1, Nocerina); Cascione (Pescara); Maccarone (1, Sampdoria); Marchi e Masucci (Sassuolo); Ebagua e Sgrigna (Torino); Carrozza e De Luca (Varese); Ferrari (1) e Gomez (Verona).

La prodezza di Sansone
Avete visto il gol di Gianluca Sansone? Forse il pi bello della giornata, di sicuro pesa perch rende pi solida la posizione del Sassuolo. Quando parliamo di giocatori ignorati dalla serie A, lui uno di questi

IL FLOP

Lo scivolone di Camilli
Cosa avrebbe dovuto fare Ugolotti per non essere esonerato da Camilli? Far vincere lo scudetto al Grosseto. Via, presidente, stavolta la sua decisione stata proprio inopportuna: o accetta altre gare cos?

10 19 23 -4 16 19 29 -10 11 17 12 13 24 -11 14 26 -12 -4 15 23 -8

12 20 24

Tre promozioni in serie A. Eventuali playoff tra terza, quarta, quinta e sesta se il distacco tra terza e quarta meno di 10 punti. Quattro retrocessioni in Prima divisione. Eventuale spareggio tra quartultima e quintultima se ci sono meno di 5 punti di differenza U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

22

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

SERIE BWIN 15a GIORNATA

Questo Verona non finisce mai


Lex Maietta nel recupero stende il Crotone: la quarta vittoria consecutiva
VERONA CROTONE
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Pichlmann (V) al 17 p.t.; Caetano (C) al 41, Maietta (V) al 47 s.t. VERONA (4-3-1-2) Rafael 8; Abbate 5,5, Mareco 5,5, Maietta 7, Scaglia 5,5; Russo 5,5 (dall11 s.t. Doninelli 6), Tachtsidis 6, Hallfredsson 6; Gomez 5,5; Pichlmann 6 (dall11 s.t. DAlessandro 5,5; dal 46 s.t. Cangi s.v.), Ferrari 6. PANCHINA Nicolas, Ceccarelli, Jorginho, Mancini. ALLENATORE Mandorlini 6,5. CROTONE (4-2-3-1) Bindi 5,5; Correia 6,5, Tedeschi 6, Abruzzese 6, Migliore 6,5; Maiello 6,5, Eramo 6 (dal 28 s.t. Ciano 6,5); De Giorgio 5,5 (dal 17 s.t. Pettinari 6), Caetano 7, Sansone 7 (dal 45 s.t. Loviso s.v.); Djuric 5,5. PANCHINA De Luca, Colomba, Terigi, Caccavallo. ALLENATORE Menichini 7. ARBITRO Gavillucci di Latina 6. GUARDALINEE Stallone 6 - Citro 6. AMMONITI Abbate (V), Russo (V), Maietta (V) e Hallfredsson (V) per gioco scorretto; Djuric (C) per proteste. NOTE paganti 2.733, incasso di 37.211 euro; abbonati 10.544, quota di 97.424 euro. Tiri in porta 7 (con una traversa)-8. Tiri fuori 5-9. In fuorigioco 2-1. Angoli 1-5. Recuperi: p.t. 1, s.t. 3.

provato a martellare dalle fasce, per sfruttare i centimetri di Djuric, anche se stringi stringi loccasione migliore lha avuta con Sansone, di testa: bella la respinta di Rafael, una delle tante.
Che fortuna La ripresa stata

2 1

DAL NOSTRO INVIATO

ROBERTO PELUCCHI VERONA

h8 il migliore
RAFAEL (Verona) Grandioso per reattivit e senso della posizione in almeno quattro occasioni.

Una partita folle, senza logica. Il Verona, protetto da San Rafael e scortato dagli dei, ha intascato la quarta vittoria di fila allultimo assalto, quando il pari era gi da considerarsi un lusso. Dopo essere stati ostaggio del Crotone per tutto il secondo tempo ed essere rimasti a galla soltanto grazie alle paratone del portiere, i veronesi hanno pescato il jolly in pieno recupero, grazie al colpo di genio di un difensore che non aveva mai segnato in carriera, lex Maietta, che dal limite dellarea, con un destro preciso, ha battuto Bindi.
Per fortuna che c Pich Il primo tempo stato equilibrato e per nulla esaltante, spezzettato e con troppi errori. Se la decisione, a sorpresa, di Mandorlini di fare esordire dallinizio Pichlmann come spalla di Ferrari ha dato qualche frutto, non si pu

Domenico Maietta, 29 anni, difensore, alla prima rete in carriera PLP

dire per che Gomez nella posizione di trequartista e libero di svariare su tutto il fronte dattacco sia stato produttivo. Nel complesso, il Verona arrivato in area passando per sentieri tortuosi. Se si escludono il gol di Pichlmann (stacco di testa, su cross di Hallfredsson, con la palla che rimbalzata addosso a Migliore e ha fregato lincerto Bindi) e un destro a giro di Ferrari di poco a lato, i veronesi hanno mostrato un gioco piuttosto confuso. Il Crotone, con otto assenti e quindi in emergenza, ma fresco di testa e di gambe, ha tenuto botta per temperamento, e nella seconda parte ha dominato per qualit delle giocate e numero delle occasioni da gol. Inizialmente ha

nelle mani del Crotone, che per ha sprecato troppo. Due gol se li divorati con De Giorgio e Caetano, altri non sono arrivati solo per la prontezza di riflessi di Rafael. Il portiere stato determinante su Sansone e Ciano, e si arreso soltanto al 41, quando stato sorpreso da una bordata da lontano di Caetano, strusciata di testa da Mareco. Il Verona ha rischiato il tracollo, ma nelle poche occasioni in cui riuscito a mettere il naso fuori dalla propria met campo stato pericoloso. Ha timbrato la traversa con Doninelli, ha sprecato il 2-0 con DAlessandro e a una manciata di secondi dalla fine ha piazzato il morso che vale il sesto posto solitario. Sconsolato Menichini: Mandorlini con questa fortuna non andr ai playoff, ma direttamente in Serie A. Meglio essere fortunati che sfigati, la replica del diretto interessato. Verona pu sognare, perch quando si vincono partite cos vuol dire che c qualcosa di magico nellaria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ALLORA DI PRANZO GARA DECISA NEL FINALE

LA SORPRESA SCONFITTA DAVANTI A GUARDIOLA

COLPO ESTERNO DECIDONO TAVANO E BUSCE

Ecco Bonazzoli Falconieri gol Respira lEmpoli La Reggina c Crolla il Brescia Modena nei guai Cade la Nocerina Sorriso Ascoli Salta Bergodi?
REGGINA NOCERINA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Emerson (R) al 26 p.t.; Farias (N) su rigore al 21, Bonazzoli (R) al 42 s.t. REGGINA (3-4-1-2) Kovacsik 6; Adejo 6,5, Emerson 7, A. Marino 5,5; Colombo 5, Castiglia 5 (dal 19 s.t. Rizzo 5,5), N. Viola 6 (dal 30 s.t. Sarno 6), Rizzato 6; Missiroli 5,5; Ceravolo 6 (dal 40 s.t. A. Viola s.v.), Bonazzoli 6,5. PANCHINA P. Marino, Cosenza, Barill, De Rose. ALLENATORE Breda 5. NOCERINA (3-4-3) Gori 6,5; Pomante 5,5, De Franco 5, Di Maio 5,5; Scalise 6 (dal 44 s.t. Plasmati s.v.), Bruno 7, De Liguori 6,5, Donnarumma 6,5 (dal 35 s.t. Nigro s.v.); Catania 5,5 (dal 15 s.t. Negro 6), Castaldo 6,5, Farias 6. PANCHINA Russo, Alcibiade, Sacilotto, Marsili. ALLENATORE Auteri 5,5. ARBITRO Ostinelli di Como 4,5. GUARDALINEE Milli 4,5 - Ciancaleoni 5. AMMONITI Bruno (N), Colombo (R), Pomante (N), Castiglia (R), Kovacsik (R), Missiroli (R) e De Franco (N) per gioco scorretto; Rizzo (R) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 570, incasso di 7.960 euro; abbonati 3.870, quota di 23.582,56 euro. Tiri in porta 6-2. Tiri fuori 6-3. In fuorigioco 2-1. Angoli 6-6. Recuperi: p.t. 0, s.t. 5.

2 1

h7 il migliore
EMERSON (Reggina) Il gol roba sua, siluro da fuori area che sinfila nella barriera e beffa Gori

BRESCIA ASCOLI
GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-1 MARCATORE Falconieri al 34 p.t.

0 1

scia non segna da oltre un mese (8 ottobre, a Padova). Gioca di fino, Arriva sulla trequarti e si perde.
Stallo Nel 4-2-3-1 riscritto cau-

MODENA EMPOLI

0 2

il migliore

h 7,5

BRESCIA (4-2-3-1) Leali 6,5; Zambelli 5, De Maio 5,5, Magli 5,5 (dal 14 s.t. Vass 5), Berardi 6; Salamon 5,5, Budel 6 (dal 28 s.t. Martina Rini s.v.); Scaglia 5,5, Cordova 6, Juan Antonio 6; Maccan 5 (dal 14 s.t. Magrassi 6). PANCHINA Arcari, Mandorlini, Paghera, Ramos. ALLENATORE Scienza 5. ASCOLI (5-3-2) Guarna 6,5; Gazzola 6, Giovannini 6,5, Peccarisi 6, Faisca 6, Pasqualini 6,5; Sbaffo 7 (dal 45 s.t. Ilari s.v.), Pederzoli 6, Di Donato 6,5; Falconieri 6,5 (dal 15 s.t. Papa Waigo 5,5), Soncin 6 (dal 33 s.t. Parfait s.v.). PANCHINA Maurantonio, Ciofani, Tamburini, Romeo. ALLENATORE Silva 7. ARBITRO Viti di Campobasso 6. GUARDALINEE Masotti 6 - Bolano 6. ESPULSI Zambelli (B) a fine gara per proteste. AMMONITI Giovannini (A), Gazzola (A) e Zambelli (B) per gioco scorretto. NOTE spettatori 4.000 circa, paganti, incasso, abbonati e quota non comunicati. Tiri in porta 7-3. Tiri fuori 6-5. In fuorigioco 6-0. Angoli 7-5. Recuperi: p.t. 2, s.t. 4.

DAL NOSTRO INVIATO

GAETANO IMPARATO REGGIO CALABRIA

Udite udite, da... edizione straordinaria: s sbloccato Emiliano Bonazzoli. Il capocannoniere della Coppa Italia 2006-07, il miglior realizzatore della Sampdoria in Uefa segna, di testa, il suo primo gol del torneo dopo la doppietta al Novara nel giugno scorso (semifinale di ritorno dei playoff di B). Evita, in extremis, una figuraccia ad una Reggina brutta, stanca, con poche idee e confuse, qualcuna assurda come quella di sacrificarlo in un gioco che non gli si addice, senza cross a pescarlo.
Svolta e controsensi Il match si

su cross di Rizzato, dopo una serie di controsensi. Per esempio la Nocerina: sta bene in campo, spadroneggia in mediana, Bruno ruba palloni e verticalizza mine che attraversano larea calabrese ma Farias spreca, mentre Castaldo sfiora lincrocio con una invenzione di destro. Il gol campano arriva (nella ripresa) solo su una cappellata di Ostinelli: Farias entra in area, Kovacsik si butta sui piedi in uscita, lattaccante lo salta e si tuffa (contatto tra i due non c). Rigore, quindi, per meriti da cascatore.
Ballo delle balbettanti Alla fine ci si rende conto di come balbettino entrambe: la Nocerina, alla terza scoppola di fila, e la Reggina che segna col contagocce. Senza il missile perforante (la barriera) di Emerson il vantaggio per i calabresi sarebbe rimasto chimera, con laggravante dun calo netto 15 prima del riposo. Scelte sbagliate (Castiglia svagato, Colombo inconsistente, ali spezzate), offensive raffazzonate, unici guizzi tiri dalla distanza (tre di Ceravolo). E se non brilla nemmeno Missiroli son guai.
RIPRODUZIONE RISERVATA

DAL NOSTRO INVIATO

GIULIO DI FEO BRESCIA

decide l, con quella inzuccata

Sono uno vecchia maniera. Avevo visto questo ragazzo, che un mese fa era fuori rosa, con una gran botta da fuori. E ho detto: gioca. Inizia cos la rincorsa impossibile dellAscoli. Quello vecchia maniera Silva, il ragazzo Falconieri, lanno scorso in Seconda divisione a LAquila e ieri uomo gol per il ritorno alla vittoria bianconera. La vittima il Brescia, che manco Guardiola in tribuna rivitalizza: 3 punti nelle ultime 8, ma la societ pronta a riconfermare la fiducia a Scienza. Vero, tra nazionali, squalifiche e infortuni mezza squadra non cera. Ma il tonfo pesa doppio, anche perch se vuoi vincere devi buttarla dentro. E il Bre-

sa assenze, con Maccan punta che non punge, dovrebbero sfondare i trequartisti: Cordova ha un paio di spunti ma si perde, Scaglia corre ma sbaglia troppo, Juan Antonio il pi dotato ma a sinistra gira meno. Quella dellAscoli poi una barricata mobile: Gazzola e Pasqualini sono dinamici, fanno sponda. E poi Sbaffo: fisicone e capelli da vichingo, prende palla anche dietro e la gioca con grazia. La gara si mette in stallo, e la decide un lampo nel primo tempo. La botta di Falconieri, appunto, su punizione: secca, forte, buca la barriera e Leali sta fermo. E dopo il gol i bioritmi del Brescia non salgono: tiri telefonati e angoli tanti, occasioni poche. Ne ha una Scaglia ma se la mangia, poco dopo fa scopa Soncin dallaltra parte. Un tifoso urla Entra tu! a Boninsegna in tribuna. Ma la macchina del tempo non c, e la gara scivola via. Nel finale piccola rissa, Zambelli becca il rosso. Un altro assente per il futuro, e il calendario non aiuta: sabato si va a Sassuolo, una delle pi in forma.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GIUDIZIO 77 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORI Tavano al 10, Busc al 32 s.t. MODENA (4-3-3) Caglioni 6; Milani 5, Turati 5,5, Perna 5,5, Carini 4,5; Ciaramitaro 5, Petre 5,5 (dal 13 s.t. Bernacci 4), De Vitis 6 (dal 36 s.t. Stanco s.v.); Nardini 5, Greco 4,5, Fabinho 4,5 (dal 18 s.t. Di Gennaro 6). PANCHINA Guardalben, Dalla Bona, Giamp, Jefferson. ALLENATORE Bergodi 5. EMPOLI (4-4-2) Pelagotti 7,5; Vinci 6,5, Stovini 6,5, Ficagna 6,5, Regini 6,5; Signorelli 6, Busc 7, Valdifiori 6,5 (dal 33 s.t. Coppola s.v.), Lazzari 6 (dal 43 s.t. Tonelli s.v.); Coralli 6 (dal 30 s.t. Saponara s.v.), Tavano 7. PANCHINA Dossena, Brugman, Dumitru, Gorzegno. ALLENATORE Pillon 6,5. ARBITRO Baratta di Salerno 5,5. GUARDALINEE Vivenzi, 5,5 - Pegorin 6. ESPULSI Bernacci (M) al 48 s.t. per proteste. AMMONITI Carini (M) per gioco scorretto; Coralli (E) per proteste. NOTE paganti 1.745, incasso di 12.467 euro; abbonati 3.141, quota di 29.138 euro. Tiri in porta 6-4. Tiri fuori 5-4. In fuorigioco 1-6. Angoli 10-1. Recuperi: p.t. 1, s.t. 4.

PELAGOTTI (Empoli) Con tre parate decisive respinge gli assalti del Modena

nisti di maggioranza, ma si fanno anche i nomi di Apolloni o Salvioni. La verit che il presidente Rinaldi e il d.s. Pari sono in Argentina e nessuno pu decidere: situazione al limite del paradosso.
Empoli cinico Dopo un primo

PAOLO REGGIANINI MODENA

h7 il migliore
SBAFFO (Ascoli) Fisico, grinta e qualit in mezzo, luomo in pi dellAscoli

Ha scelto il momento giusto lEmpoli per piazzare la prima zampata esterna della stagione. Lo ha fatto nello scontro diretto con il Modena, portando a casa tre punti doro che fanno respirare Pillon. Non dormir invece sonni tranquilli Bergodi, contestato, come tutta la squadra, a fine partita. Molto probabile lavvicendamento sulla panchina del Modena, ma la societ, secondo quanto riferito dal socio di minoranza Romani, si presa tre giorni per decidere. Si parla di un incarico ad Agatino Cuttone, attuale tecnico della Primavera, ma unipotesi che divide i soci: Cuttone sarebbe sostenuto da Roberto Casari, che rappresenta gli azio-

tempo vissuto sulloccasione mancata di testa da Ciaramitaro (8) e sulla clamorosa palla gol sprecata da Busc (20, decisivo Caglioni), nella ripresa la rete di Tavano, con una rasoterra di rara precisione, ha svegliato il Modena, soprattutto dallingresso di Di Gennaro in poi. E qui a fare la differenza ci ha pensato Pelagotti con le sue parate. Al 12 sul colpo di testa di Turati e in due riprese proprio su Di Gennaro, al 26 e al 29 sulla conclusione da lontano del fantasista. Detto di un rigore chiesto dal Modena per una spinta a Bernacci (espulso nel recupero per proteste), nel momento di massima difficolt lEmpoli ha saputo rialzare la testa mettendo al sicuro il risultato su una ripartenza in cui la difesa di casa ha mostrato il peggio del suo repertorio. Di Busc la firma del raddoppio, a conferma della generosa prestazione del veterano empolese, il migliore insieme a Tavano e al gi citato Pelagotti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

23

SERIE BWIN 15a GIORNATA

La svolta della Samp Il futuro in tre nomi


La sconfitta in casa con il Vicenza fatale ad Atzori Donadoni lobiettivo, Delneri il sogno, Iachini pronto
ALESSIO DA RONCH GENOVA

I NUMERI

4
7

IL RETROSCENA LA DECISIONE DELLA SOCIETA

Donadoni, Iachini, Delneri. Tre nomi su un foglio, tre possibili strade per uscire dal labirinto. L'avventura di Atzori gi conclusa, ora si parte una seconda fase particolarmente rischiosa nella corsa della Sampdoria alla Serie A. Ed ecco, allora, che nella lunga riunione di ieri sera, alla quale hanno preso parte sia il d.s. Pasquale Sensibile che il vice presidente Edoardo Garrone, sono stati analizzati tutti gli aspetti della scelta: economico, tecnico e ambientale.
Donadoni in pole Donadoni in

cerlo servir un biennale, ma il suo rapporto con la famiglia Garrone, alla quale lo unisce pure la passione per il golf, potrebbe semplificare tutto.
Iachini Lalternativa Iachini li-

le panchine saltate in serie B. Prima della Samp, cambi a Varese, Empoli, Vicenza, Gubbio, Grosseto e Ascoli

Cos il d.s. Sensibile ha firmato il cambio


GENOVA

bero e pronto a lanciarsi in una nuova avventura che potrebbe rilanciarlo. Dalla sua parte ha la grande conoscenza della Serie B e le due promozioni conquistate in questa categoria. Costerebbe meno ma avrebbe meno presa mediatica sui tifosi, cosa alla quale la societ non pu non far caso: C grande pressione e un livello di stress altissimo ha ammesso lo stesso Sensibile.
Delneri Il jolly Delneri sotto contratto con la Juventus ancora per un anno, costa molto (dai bianconeri riceve pi di 1,5 milioni a stagione) e pretenderebbe quantomeno due anni di impegno assicurati. Il contatto con la Juventus c gi stato nei giorni scorsi, quando ancora Atzori era allenatore dei blucerchiati, cos come c stato quello con il tecnico, per il quale per esiste qualche perplessit. Passare dalla lotta per lo scudetto alla serie B, infatti, rappresenta un rischio di immagine notevole.
RIPRODUZIONE RISERVATA

sconfitte casalinghe per la Samp: prima del Vicenza aveva perso col Toro. In trasferta ha perso a Nocera

2 2

Ragazzi, mi dispiace, tifer per voi sperando che conquistiate la serie A. Gianluca Atzori ha salutato cos la squadra che stata sua per poco pi di quattro mesi. Lo ha fatto nello spogliatoio, con il tono triste di chi sa di aver perso unoccasione importante, al termine di una partita chiusa sotto una grandinata di fischi che, di fatto, ne avevano gi sancito la condanna, cos clamorosi e insistenti ma cos stridenti con quel silenzio perfetto di inizio gara con il quale era stato accompagnato il minuto di raccoglimento per le vittime dellalluvione.
Orgoglio La societ non ha potu-

Gianluca Atzori, 40 anni RATTINI

Il saluto di Atzori alla squadra: Mi dispiace, tifer per voi sperando che andiate in A
quotidiano sul campo. A tradirlo sono state le grandi pressioni che hanno condizionato la sua squadra, lontana parente negli impegni ufficiali di quella vista spesso in settimana. Lallenatore della Samp aveva avvisato nei giorni scorsi con parole chiarissime il vice presidente Edoardo Garrone sempre in discussione per i suoi risultati. Ma alla fine lo saranno tutti e non avranno un futuro con noi se non andremo in A. Tra quei tutti c anche il d.s. Sensibile. A lui verr concessa ancora carta bianca nella prossima scelta, ma non potr pi sbagliare.
a.d.r.
RIPRODUZIONE RISERVATA

viaggio a New York ma un contatto c gi stato, non solo con lui ma pure con il Cagliari, societ con la quale sotto contratto e pure in contrasto. Lex c.t. azzurro rappresenta alla perfezione lidentikit di Sensibile: Serve uno che sappia muoversi nelle pieghe del calcio, in una situazione meno semplice di quanto appaia. Uno che abbia serenit e grande leadership. Uno che di fronte alle difficolt non alzi la voce ma si imponga con il silenzio. Per lui la B sarebbe una scelta rischiosa e per convin-

le partite consecutive senza gol: 0-0 a Brescia, 0-1 con il Vicenza

i punti di distacco dal 2 posto, valido per la A diretta

to che cambiare rotta nella maniera pi semplice e rapida. Per Pasquale Sensibile anche la pi dolorosa. Atzori lo aveva scelto lui, in totale autonomia. Lo aveva difeso nei primi momenti difficili e soprattutto dopo la pesante sconfitta di Nocera. Al d.s. blucerchiato toccato anche il compito ingrato della comunicazione delladdio. E sollevato dallincarico insieme a tutto il suo staff annuncia Atzori una persona intelligente e competente, ha accettato la nostra decisione. Quello che accaduto mi impone anche una riflessione personale.
Scelta pericolosa Atzori era stato difeso anche perch molto apprezzato per il suo lavoro

1 Roberto Donadoni, 48 anni, la prima scelta FORTE 2 Luigi Delneri. 61, gi alla Samp nel 2009-10 EIDON 3 Giuseppe Iachini, 47, ultima panchina al Brescia ANSA

LA PARTITA BLUCERCHIATI SOLIDI MA SFORTUNATI

Martinelli segna Frison para tutto festa Vicenza


SAMPDORIA VICENZA
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-0 MARCATORE Martinelli all8 s.t. SAMPDORIA (4-4-2) Da Costa 6; Rispoli 5,5, Volta 6, Gastaldello 6, Castellini 5; Foggia 6, Palombo 6,5, Obiang 6, Semioli 6 (dal 21 p.t. Padalino 5,5; dal 23 s.t. Maccarone 5); Bertani 5,5 (dal 39 p.t. Piovaccari 5), Pozzi 6,5. PANCHINA Fiorillo, Costa, Dessena, Foti. ALLENATORE Atzori 6. VICENZA (4-4-2) Frison 8; Augustyn 5 (dal 47 p.t. Rigoni 6), Martinelli 7, Bastrini 5,5, Giani 5; Gavazzi 6,5, Soligo 6, Botta 6, Mustacchio 6 (dal 32 s.t. Pisano 5,5); Abbruscato 5,5, Paolucci 5 (dal 13 s.t. Misuraca 6). PANCHINA Acerbis, Zanchi, Paro, Baclet. ALLENATORE Cagni 7. ARBITRO Giancola di Vasto 5. GUARDALINEE Manna 6 - Argiento 6. AMMONITI Obiang (S), Soligo (V), Paolucci (V), Botta (V) e Martinelli (V) per gioco scorretto; Foggia (S) per proteste; Gastaldello (S) e Giani (V) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 3.098, incasso di 36.235 euro; abbonati 17.041, quota di 101.597,08 euro. Tiri in porta 5-3. Tiri fuori 7-5. In fuorigioco 1-3. Angoli 10-4. Recuperi: p.t. 3, s.t. 3.

0 1

Paradosso La Sampdoria esce

dalla zona playoff dopo una delle sue migliori prove. I blucerchiati non hanno entusiasmato dal punto di vista del gioco, ma sono apparsi solidi e determinati, creando almeno due occasioni da rete nel primo tempo: incursione di Palombo, che ruba palla a Bastrini ma spara a lato da buona posizione e colpo di testa di Pozzi su cross di Foggia. Atzori ha perso per infortunio Semioli, problema muscolare, e Bertani, finito allospedale per una botta violenta alla coscia sini-

h8 il migliore
FRISON (Vicenza) Due interventi importanti, chiude la porta in faccia a tutti i blucerchiati

GENOVA

Il colpo del k.o. a Gianluca Atzori lo danno un super Frison e lottimo Martinelli, che esaltano il Vicenza di Cagni, portandolo alla prima vittoria in trasferta. Il portiere mantiene la porta imbattuta, altra prima volta stagionale, il difensore realizza la rete vincente.

stra, ricevuta peraltro da Padalino. Il Vicenza sfrutta alla perfezione labilit di Martinelli, che anticipa Castellini su angolo, come gi aveva fatto con meno fortuna nel primo tempo. Poi difende con grande difficolt: Frison ribatte le conclusioni di Pozzi e Palombo, due volte, quindi si vede graziare in uscita da Piovaccari e salvare dalla traversa su colpo di testa di Maccarone. Pisano spreca nel finale il contropiede che avrebbe dato il 2 a 0.
a.d.r.
RIPRODUZIONE RISERVATA

24

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

SERIE BWIN 15a GIORNATA

Sansone, che forza E un Sassuolo da A


Un bolide dellattaccante per la quinta vittoria esterna Pea vince la sfida con Simoni: il Gubbio ancora k.o.
GUBBIO SASSUOLO
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-1 MARCATORE Sansone al 14 p.t. GUBBIO (4-1-4-1) Donnarumma 5,5; Bartolucci 6, Caracciolo 5,5, Benedetti 6, Farina 5; Boisfer 6,5; Bazzoffia 5,5 (dal 13 s.t. Ragatzu 6), Sandreani 6,5, Raggio Garibaldi 6 (dal 24 s.t. Buchel 6,5), Graffiedi 5,5; Ciofani 5. PANCHINA Farabbi, Giannetti, Mendicino, Gerbo, Almici. ALLENATORE Simoni 6. SASSUOLO (3-4-3) Pomini 6,5; Marzoratti 6, Piccioni 6,5, Terranova 6; Laverone 6 (dal 43 s.t. Consolini s.v.), Magnanelli 6,5, Cofie 6,5, Longhi 6; Sansone 7,5, Masucci 6,5 (dal 33 s.t. Marchi 6), Boakye 6 (dal 16 s.t. Bianchi 6). PANCHINA Bassi, Bianco, Cappelletti, Falcinelli. ALLENATORE Pea 7,5. ARBITRO Palazzino di Ciampino 7. GUARDALINEE Conca 7 - Avellano 7. AMMONITI Laverone (S), Marzoratti (S), Magnanelli (S), Bartolucci (G) e Benedetti (G) per gioco scorretto; Pomini (S) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 1.309, incasso di 12.347 euro; abbonati 2.475, quota di 18.536,53 euro. Tiri in porta 5-7 (con due pali). Tiri fuori 2-3. In fuorigioco 1-0. Angoli 12-9. Recuperi: p.t. 1, s.t. 5.

I NUMERI DELLA B

0 1

fesa per la squalifica di Cottafava. Rientra Farina e Caracciolo va al centro. Nel Sassuolo la novit nellassetto offensivo con Sansone mina vagante a partire dalla destra e Boakye smistato sullaltra fascia. quella la mossa con cui Pea fa breccia nel labirinto tattico del suo maestro Simoni. Oltre a unaggressivit in fase offensiva, punto di forza della strategia di partenza del Sassuolo. Che sblocca il risultato al primo vero tentativo: Sansone, innescato da una capocciata di Masucci, schizza al centro, sfugge a Farina e poi col sinistro dai 25 metri fulmina Donnarumma. Sesto gol in campionato per lattaccante. Il Gubbio, fino a quel punto ordinato ma un po compassato, an-

i diversi risultati registrati: si aggiunta la vittoria in trasferta per 5-1 del Varese

Varese a raffica 25 Crollo Grosseto: contestazione


GROSSETO VARESE 1 5

CLAMOROSO LA SQUADRA DI MARAN FA 5 GOL IN 34

le vittorie in trasferta in pi rispetto allanno scorso (51 a 32): stavolta sono 5, solo alla 4a erano state di pi (6)

19

GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 0-5 MARCATORI Martinetti (V) al 5, Carrozza (V) al 7, Cellini (G) al 18, Zecchin (G) al 32, Cellini (G) al 34 p.t.; Sforzini (G) al 31 s.t. GROSSETO (4-1-4-1) Narciso 5; Petras 5,5, Bruscagin 4, Iorio 4, Bianco 4; Ronaldo 6 (dal 22 s.t. Asante s.v.); Alfageme 6 (dal 31 s.t. Gerardi s.v.), Moretti 4,5 (dal 1 s.t. Mancini 5,5), Consonni 6, Mancino 4,5; Sforzini 6. PANCHINA Mangiapelo, Giallombardo, Antei, Zanetti. ALLENATORE Giannini 4. VARESE (4-4-2) Bressan 6; Pucino 6,5, Troest 7, Terlizzi 7, Grillo 6,5; Zecchin 6 (dal 1 s.t. Nadaveric 6), Corti 6, Kurtic 6, Carrozza 6,5; Cellini 6,5, Martinetti 7 (dal 25 s.t. De Luca 6). PANCHINA Moreau, Camisa, Filipe, Lepore. ALLENATORE Maran 7,5. ARBITRO Tozzi di Ostia Lido 6. GUARDALINEE Crispo 6 - Di Francesco 6. AMMONITI Ronaldo (G) e Sforzini (G) per comportamento non regolamentare; Mancino (G), Consonni (G) per gioco scorretto. NOTE paganti 815, incasso di 10.845 euro; abbonati 1.215, quota di 18.101,94 euro. Tiri in porta 5-7. Tiri fuori 4-2. In fuorigioco 2-5. Angoli 8-2. Recuperi: p.t. 3', s.t. 1'.

na Camilli a fine partita, mentre mister Giannini chiede di lasciare in pace la squadra, dopo una prova inspiegabile. I lombardi hanno trovato delle autostrade in cui infilarsi e si sono trovati sui piedi palloni troppo invitanti per essere falliti.
Apre Martinetti Che non fosse giornata per i locali lo si capito dopo 5i: Pucino scavalca Bianco con un pallonetto e serve Martinetti che anticipa Iorio e insacca di testa. Due minuti e Carrozza raddoppia. Lesterno riceve da Zecchin, si sistema la palla, eludendo il rientro di Consonni, e lascia partire un missile imprendibile. Al 18 Iorio fallisce il rilancio e favorisce Cellini che sinvola verso la porta toscana per firmare il tris. Al 32 Zecchin cala il poker raccogliendo un pallone respinto da Narciso, uscito alla disperata su Martinetti, mentre Bruscagin mette sui piedi di Cellini il quinto gol. Nella ripresa il Grosseto cerca di reagire, anche se in maniera timida, colpendo prima un palo con Sforzini su servizio di Alfageme. Lo stesso bomber trova il gol della bandiera al 31, con unincornata sotto porta su assist di Petras. Il Varese, che dopo un avvio champagne ha rallentato il ritmo, contento di quello che ha ottenuto, ha provato comunque a segnare il sesto gol con un pallonetto di Nadarevic (fermato in due tempi da Narciso) e con una bordata da fuori di Cacciatore, ma per riprendere la marcia verso la zona playoff pu bastare anche cos.
RIPRODUZIONE RISERVATA

h 7,5 il migliore
SANSONE (Sassuolo) Estro e potenza nel gol partita. Sfiora il raddoppio con un doppio palo.

le reti in trasferta, la 5a volta che sono di pi di quelle casalinghe: differenza di +7, la pi alta dopo il +4 alla 7a giornata

18

DAL NOSTRO INVIATO

NICOLA BERARDINO GUBBIO (Pg)

Il Sassuolo sbanca Gubbio e balza al secondo posto. Ci pensa Gianluca Sansone a inventare il gol della quinta vittoria esterna, che porta il nono risultato utile di fila. Cuore e coraggio da parte del Gubbio, rigenerato da Simoni, ma lo svantaggio dopo appena 14 rende troppo in salita la prova degli umbri al secondo k.o. di fila. Anche perch la forza degli emiliani nella capacit di governare le partite senza scomporsi davanti alle difficolt.
La chiave Simoni rimescola la di-

che se insidioso prima di andare in svantaggio con un tiro di Sandreani controllato da Pomini, reagisce lanciandosi in avanti. Con tenacia guadagna metri su metri ma si rende pericoloso solo in mischia (al 22 Masucci libera davanti alla porta).
Il muro emiliano Nella ripresa gli umbri cercano di alzare il ritmo. Simoni fa entrare Ragatzu (out Bazzoffia) che in avanti affianca Ciofani con lappoggio di Graffiedi. Il modulo diventa una sorta di 3-4-3 anche perch Farina avanza sulla mediana. Poi entrer anche Buchel a dare nuove geometrie al centrocampo. La contromossa di Pea linnesto di Bianchi (fuori Boakye) che sulla sinistra fa da ul-

Fulvio Pea, 44 anni, alla prima stagione sulla panchina del Sassuolo, dove ha ottenuto finora 9 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte
IMAGE SPORT

teriore presidio per il reparto centrale. Spinge il Gubbio, ma il Sassuolo sa come corazzarsi (con 5 gol subito ha col Torino la migliore difesa in trasferta). Anzi la squadra di Pea si procura una ghiotta opportunit per raddoppiare al 34 quando Sansone in contropiede infila Donnarumma con un bel sinistro che per va prima su un palo e poi carambola sullaltro. Urla di rabbia il Gubbio al 46 quando Pomini vola per deviare una botta allincrocio di Ragatzu. Simoni ammette con signorilit: Si vede che il Sassuolo merita il secondo posto. Pea ringrazia: Tre punti pesanti e onore al Gubbio che ci ha fatto soffrire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

le squadre senza pareggi in casa: prima volta per Cittadella, Juve Stabia e Pescara

0 1

MAURIZIO CALDARELLI GROSSETO

la squadra senza vittorie in trasferta: il Gubbio. Prima volta per Empoli e Vicenza

Finisce con una contestazione da parte dei tifosi (tranquillizzati dopo un colloquio con Consonni, Sforzini e Caridi) una giornata che avrebbe dovuto rilanciare completamente il Grosseto, dopo il blitz di Nocera, e che invece lha gettato nello sconforto per una sconfitta contro il Varese che ha dellincredibile, con cinque reti subite in 34. I lombardi di Maran, alla terza vittoria esterna dellanno, hanno affrontato la gara in maniera aggressiva, sfruttando ogni occasione (cinque tiri in porta tutti a segno) concessa da una formazione locale allo sbando difensivo. I miei sono rimasti a casa, tuo-

h7 il migliore
MARTINETTI (Varese) Apre le danze del successo e tiene costantemente in ansia i difensori locali

PAREGGIO NEL FINALE GLI UOMINI DI NOVELLINO RIMONTANO DUE VOLTE

DA 2-0 A 2-2 LALBINOLEFFE SI SVEGLIA NELLA RIPRESA E STRAPPA IL PARI

Livorno in salvo Stop Cittadella


CITTADELLA LIVORNO 2 2
SIMONE PRAI CITTADELLA (Pd)
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 1-0 MARCATORI Martinelli (C) al 33 p.t.; Schiattarella (L) al 9, Schiavon (C) al 30, Paulinho (L) al 45 s.t. CITTADELLA (4-3-3) Cordaz 6,5; Martinelli 6,5, Gasparetto 6, Pellizzer 6, Marchesan 6,5; Vitofrancesco 6,5, Baselli 6 (dal 29 s.t. Job s.v.), Busellato s.v. (dal 16 p.t. Schiavon 6,5); Di Roberto 6, Di Carmine 6, Maah 6,5 (dal 40 s.t. Martignago s.v.). PANCHINA Pierobon, Bellazzini, Gorini, Carra. ALLENATORE Foscarini 6. LIVORNO (4-3-3) Mazzoni 6; Salviato 6 (dal 35 s.t. Bigazzi s.v.), Bernardini 6, Perticone 6, Lambrughi 6; Luci 6,5, Genevier 6 (dal 6 s.t. Belingheri 6), Filkor 6; Schiattarella 6,5 (dal 17 s.t. Knezevic 6), Paulinho 6,5, Dionisi 6,5. PANCHINA Ricciarelli, Barone, Russotto, Remedi. ALLENATORE Novellino 6. ARBITRO Di Bello di Brindisi 5. GUARDALINEE Mancini 6 - Tegoni 6. AMMONITI Martinelli (C), Bernardini (L) e Luci (L) per gioco scorretto. NOTE paganti 674, incasso di 5.480 euro; abbonati 1.500 circa, quota di 7.052 euro. Tiri in porta 7-7. Tiri fuori 2-2. In fuorigioco 3-3. Angoli 3-11. Recuperi: p.t. 2, s.t. 3.

Il Livorno di Novellino acciuffa il pareggio quando ormai il Cittadella stava gi assaporando i tre punti, e come a Gubbio incassa il gol nei minuti finali della partita. Buon inizio degli ospiti, che sfiorano il vantaggio al 16: Vitofrancesco interviene male a centrocampo e involontariamente fornisce un assist per Dionisi, tiro di destro e respinta di piede di Cordaz. Il Cittadella comincia a farsi pericoloso alla mezzora, prima con Di Roberto, para a terra Mazzoni, quindi con Vitofrancesco, destro sul fondo. il preludio al gol dei padroni di casa, che arriva al 33: punizione di Vitofrancesco per Martinelli appena dentro larea, colpo di testa sotto la traversa, Mazzoni non riesce a intervenire.
Ripresa show Il Livorno comin-

linho, tutto solo a centro area, il pallone finisce tra le braccia di Cordaz. Spreca una ripartenza il Cittadella qualche minuto pi tardi, con Di Carmine che tarda il passaggio per Maah, e il Livorno al 9 pareggia: incredibile batti e ribatti nei 18 metri del Cittadella, Gasparetto cerca di liberare ma il pallone carambola su Dionisi e finisce dalle parti di Schiattarella, che non si fa pregare e insacca. La partita si fa bella e scoppiettante, al 14 Maah non arriva sulla palla, interviene sul secondo palo Di Carmine, si salva il Livorno grazie a una deviazione quasi sulla linea di porta. Il Cittadella passa nuovamente in vantaggio al 30 con Schiavon, destro dal limite sulla corta respinta della difesa, ma non finita, perch il Livorno raggiunge il 2-2 proprio allo scadere, con un gran colpo di testa di Paulinho. Il Cittadella si rammarica, ma ancora una volta deve prendersela solo con se stesso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lebran acciuffa la Juve Stabia


JUVE STABIA ALBINOLEFFE 2 2
GIANPAOLO ESPOSITO CASTELLAMMARE DI STABIA (Na)
GIUDIZIO 777 PRIMO TEMPO 2-0 MARCATORI Erpen (JS) al 17, Cazzola (JS) al 44 p.t.; Germinale (A) al 4, Lebran (A) al 42 s.t. JUVE STABIA (4-2-4) Seculin 5,5; Baldanzeddu 6, Maury 5,5, Scognamiglio 6, Di Cuonzo 6; Cazzola 6,5, Scozzarella 6; Erpen 6,5 (dal 24 p.t. Zito 5,5), Danilevicius 5,5 (dal 23 s.t. De Bode 5,5), Sau 6, Mbakogu 6 (dal 27 s.t. Raimondi 5,5). PANCHINA Cascella, Biraghi, Mezavilla, Di Tacchio. ALLENATORE Braglia 6. ALBINOLEFFE (4-1-4-1) Offredi 6; Luoni 6, Malomo 5,5 (dal 29 s.t. Lebran 6,5), Bergamelli 5,5, Piccinni 6; Hetemaj 6; Pacilli 5,5 (dal 13 s.t. Girasole 6,5), Laner 6, Previtali 6, Foglio 5,5 (dal 22 s.t. Torri 6); Germinale 7. PANCHINA Chimini, Martinez, Salvi, Cristiano. ALLENATORE Fortunato 6,5. ARBITRO Gallione di Alessandria 6. GUARDALINEE Santuari 6 Renghetti 6. AMMONITI Cazzola (JS), Hetemaj (A), Zito (JS), Previtali (A) e Baldanzeddu (JS) per gioco scorretto; Offredi (A) per comportamento non regolamentare. NOTE paganti 1.952, incasso di 25.765 euro; abbonati 1.606, quota di 20.500 euro. Tiri in porta 4-3. Tiri fuori 4-5. In fuorigioco 2-2. Angoli 5-3. Recuperi: p.t. 3, s.t. 5.

Solita storia Al ritorno dallinter-

h 6,5 il migliore
VITOFRANCESCO (Cittadella) In mezzo al campo lo trovi dappertutto, entra in entrambi i gol del Cittadella

cia bene anche la ripresa: al 2 angolo di Filkor e testa di Pau-

Per la Juve Stabia il primo pareggio casalingo in campionato ha il vago sapore di una beffa. Dopo aver dominato in lungo e largo il primo tempo, concluso con un meritato doppio vantaggio, in pochi avrebbero scommesso un solo centesimo sulla possibile reazione di un AlbinoLeffe incerottato e rinunciatario con il suo 4-1-4-1 di partenza. Ben altra impressione destano invece i ragazzi di Piero Braglia che decide per un ultra-offensivo 4-2-4 con in campo contemporaneamente Mbakogu, Danilevicius, Sau ed Erpen. Ed proprio questultimo ad aprire le danze al 17, prima di uscire anzitempo per un infortunio muscolare, con un sinistro da sottomisura. Rete poi bissata da uno spettacolare colpo di tacco, tanto bello quanto involontario, di Cazzola in chiusura di tempo.

vallo gli stabiesi ricadono nel vecchio vizietto (vedi gare con Reggina ed Ascoli) di ritenere troppo presto chiusa la partita concedendo spazio agli avversari. E alla prima occasione (4) sono puniti da un colpo di testa di Germinale su azione dalla bandierina. LAlbinoLeffe ci crede, Fortunato si regala il coraggio mancato nella prima frazione e rivolta la squadra con forze fresche come Girasoli, Torri e Lebran. La contromossa di Braglia non spicca per originalit: un difensore, De Bode, per un attaccante, Danilevicius. Lultima parte una sofferenza per i tifosi giallobl (tra cui il portiere Mirante del Parma presente tra gli ultr in curva sud), gli ospiti premono e, dopo un clamoroso palo a portiere battuto di Girasoli (40), arpionano il pari (42) con il nuovo entrato Lebran, abile a colpire di testa in mischia anticipando un incerto Seculin.
RIPRODUZIONE RISERVATA

h7 il migliore
GERMINALE (AlbinoLeffe) Lotta, crea spazi per i compagni e soprattutto segna

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

25

PRIMA DIVISIONE GIRONE A 12a GIORNATA


lAnalisi
di MATTEO PIERELLI
mpierelli@gazzetta.it

Quattro club annodati dal filo rosso

Il rosso uno dei tre colori primari, in questo caso il colore del primato. C infatti un denominatore comune che lega tra loro le prime due squadre di entrambi gironi: il colore delle maglie, dove appunto il rosso presente su tutte e quattro le casacche. Da una parte abbiamo i rosso-verdi della Ternana seguiti dai rosso-blu del Taranto, in un girone che ha preso ormai una chiara

fisionomia, con umbri e pugliesi che dopo i due colpi fuori casa di ieri hanno dimostrato di avere le carte in regola per giocarsi la promozione diretta. Dallaltra, i sorprendenti rosso-neri del Lanciano sono appaiati ai grigio-rossi della Cremonese, squadra che nel giorno di SantOmobono (patrono della citt) ha fatto il suo dovere piegando la Feralpi Sal. La squadra di

Brevi probabilmente avrebbe gi ammazzato il campionato se non ci fosse stata la penalizzazione di sei punti. A proposito, ai primi di dicembre attesa la sentenza sul ricorso presentato dalla societ contro la sentenza del calcio scommesse: anche una piccola riduzione dellhandicap lancerebbe ancor di pi la Cremonese in un girone che alla vigilia

aveva unincredibile unammucchiata in vetta, ma che dopo questa giornata s sgranato. Il paradosso che in questo gruppone mancano le grandi: solo lo Spezia riuscito a ridurre il gap. Deludono ancora invece il Piacenza (fermato dal Frosinone) e soprattutto la Triestina: per entrambe c molto da fare, non basta avere il rosso sulla maglia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

girone A
CLASSIFICA
SQUADRE PT G 12 12 12 12 12 12 12 12 11 12 12 12 12 12 12 11 12 12 TERNANA 27 TARANTO (-1) 25 TRITIUM 21 LUMEZZANE 21 SORRENTO (-2) 20 PRO VERCELLI 20 CARPI 19 COMO (-1) 19 PISA 16 AVELLINO 15 REGGIANA (-2) 13 FOGGIA (-1) 11 MONZA 11 BENEVENTO (-6) 10 SPAL (-2) 10 PAVIA 8 VIAREGGIO (-1) 5 FOLIGNO (-4) 0 PARTITE V N P 8 3 1 8 2 2 6 3 3 6 3 3 6 4 2 5 5 2 6 1 5 6 2 4 4 4 3 4 3 5 4 3 5 2 6 4 2 5 5 4 4 4 3 3 6 1 5 5 1 3 8 1 1 10 RETI F S 16 7 17 6 15 13 11 12 17 11 13 7 19 11 16 15 11 7 13 17 17 18 9 12 11 16 17 17 10 13 13 19 7 18 7 20

Volo Ternana Cade il tab del Brianteo


E la prima vittoria sul campo del Monza Decisive le reti di Miglietta e Sinigaglia
DAL NOSTRO INVIATO

MONZA TERNANA

0 2

ALEX FROSIO MONZA

Nella sua storia, la Ternana non aveva mai vinto in casa del Monza, perdendoci al Brianteo addirittura anche con la Tritium alla seconda giornata. Ma in 86 anni mai, probabilmente, i rossoverdi avevano affrontato un Monza cos in disarmo. La Ternana capolista dimostra di essere squadra da promozione, fosse solo per la constatazione che con i biancorossi c una categoria di differenza.
Divario Il 2-0 non chiarisce a suf-

ficienza il divario tra le due squadre: quella di Toscano pressa, fraseggia, conclude, costruisce occasioni; il Monza di Motta sembra formato da undici persone che si trovano per caso con la stessa maglietta colorata e decidono di mettersi a giocare. I padroni di casa arrivano sempre secondi sul pallone, e quando ce lhanno faticano a infilare tre passaggi di fila, fosSORRENTO LUMEZZANE 1 2 FOLIGNO TRITIUM

GIUDIZIO MARCATORI Miglietta al 36 p.t.; Sinigaglia al 1 s.t. MONZA (5-3-2) Castelli 6,5; Zenoni 5, Ugg 5, Fiuzzi 4, Cattaneo 5, Campinoti 5 (dal 1 s.t. Bugno 5); Romano 5, Velardi 4,5, Nappello 5,5 (dal 13 s.t. Kyeremateng 5); Torregrossa 4,5 (dal 20 s.t. Ferrario 5), Colacone 6. (Marcandalli, Anghileri, Cusaro, Da Matta). All. Motta 5. TERNANA (3-4-3) Ambrosi 6; Fazio 6,5, Pisacane 7, Ferraro 6,5; Bernardi 6, Carcuro 6, Miglietta 7, Gotti 6,5; Nol 5,5 (dal 36 s.t. Litteri s.v.), Docente 7,5 (dal 42 s.t. Lacheheb s.v.), Sinigaglia 7 (dal 22 s.t. Cejas 6). (Virgili, Camillini, Stendardo, Fusciello). All. Toscano 7. ARBITRO De Benedictis di Bari 5. NOTE paganti 374, abbonati 316, incasso di 4.825 euro. Amm. Ugg, Velardi, Kyeremateng, Docente e Ferraro. Angoli 4-10.

++

Dominio umbro Il dominio della Ternana stato assoluto. Dopo il rallentamento delle ultime due giornate, che hanno fruttato appena due pareggi (stava meglio il Monza, con 4 punti in 2 gare), gli umbri riprendono la marcia senza esitazioni. Il vantaggio potrebbe arrivare al 22, quando Ugg stende Sinigaglia in area: De Benedictis assegna, sbagliando, solo la punizione. Ma i frequenti errori in disimpegno del Monza facilitano il lavoro del tridente rossoverde, che al 36 favorisce il gol del vantaggio: Docente se ne beve un paio in area e appoggia per Miglietta, che benedice con il piattone sinistro. Il raddoppio a inizio ripresa: fuga e cross di Docente, velo di Nol e Sinigaglia, tutto solo in area piccola ringrazia. Sono passati appena 18 secondi dal via della ripresa, dato dal Monza. Seguono occasioni a ripetizione, poi Toscano nel finale si permette il lusso di far rifiatare tutto il tridente. Monza mediocre Del Monza ri-

Colpo del Taranto Il derby va a Dionigi


FOGGIA TARANTO 0 1
GIUDIZIO MARCATORE Sciaudone al 14 p.t. FOGGIA (3-4-3) Ginestra 6; Lanzoni 5, Gigliotti 6, Traor 5,5; Molina 6, Bianchi 5 (1 s.t. Wagner 6,5), Meduri 5,5, Frigerio 5 (28 s.t. Cruz sv.); Venitucci 5,5, Tiboni 5 (1 s.t. Giovio 5,5), Defrel 6,5. (Botticella, Toppan, Cardin, Kolawole). All. Stringara 5. TARANTO (3-4-1-2) Bremec 6,5; Sosa 6,5, Coly 6, Colombini 6,5; Antonazzo 6,5, Di Deo 6,5, Sciaudone 7,5, Rizzi 6,5; Chiaretti 7 (dal 35 s.t. De Gasperi s.v.); Guazzo 5,5 (dal 17 s.t. Giorgino 6,5), Rantier 5,5 (dal 22 s.t. Girardi 5,5). (Faraon, Cutrupi, Sabatino, Pensalfini). All. Dionigi 6,5. ARBITRO Abbattista di Molfetta 5,5. NOTE paganti 2.730 (gli abbonati pagavano), incasso di 35.959 euro. Espulso Venitucci al 10 s.t.; amm. Frigerio, Guazzo, Bianchi, Tiboni, Rantier e Rizzi. Angoli 9-6.

++

DAL NOSTRO INVIATO

GIUSEPPE CALVI FOGGIA

getto consolidato e di una qualit riconosciuta, il Taranto argina senza affanni le iniziative, disordinate, dei rossoneri, che solo nella ripresa sono pericolosi, con Defrel (9, splendida deviazione di Bremec), e nel finale con Wagner, reattivo e intraprendente. Per un tempo il Foggia subisce le giocate di Chiaretti, che, a sorpresa, Dionigi schiera trequartista. Con ispirazione proprio di Chiaretti e cross di Rizzi, complice Lanzoni che non chiude, Sciaudone firma il suo primo, pesantissimo gol stagionale, che consente al Taranto di restare nella scia della Ternana. Ricuce la manovra e si propone come incursore: cos, Sciaudone affianca Chiaretti nella costruzione della manovra offensiva, che non trova uno stoccatore, tanto latitano Guazzo e Rantier.
Contestazione Il Foggia non bril-

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
BENEVENTO-AVELLINO COMO-CARPI FOGGIA-TARANTO FOLIGNO-TRITIUM MONZA-TERNANA PISA-PAVIA PRO VERCELLI-VIAREGGIO REGGIANA-SPAL SORRENTO-LUMEZZANE 2-2 1-0 0-1 0-1 0-2 stasera 2-0 3-0 1-2

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 20 NOVEMBRE ORE 14.30 AVELLINO-COMO (venerd 18, ore 20.30) CARPI-MONZA LUMEZZANE-PRO VERCELLI PAVIA-BENEVENTO SPAL-FOGGIA TARANTO-PISA TERNANA-SORRENTO TRITIUM-REGGIANA VIAREGGIO-FOLIGNO

sero anche di tre metri. E non colpa delle tre tonnellate di rugbisti che sabato hanno giocato qui (Aironi-Leicester di Heineken Cup, con pi di 8.000 persone allo stadio...): il manto del Brianteo ha tenuto alla grande.
0 1 PRO VERCELLI VIAREGGIO

mangono le macerie. Si salvano Castelli (graziato un paio di volte da Nol) e Colacone, che ha almeno un paio di guizzi. A poco servito il debutto di Cristian Zenoni, che si velocemente adeguato alla mediocrit generale. Motta ha cominciato con un 5-3-2 senza propositi di costruzione, poi a inizio ripresa andato su un improvvisato 4-3-3 e infine sul 4-4-2. Ecco, volendo cercare una nota positiva, forse stato proprio questo il modulo meno inchiodato. Da l si pu ripartire.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Chiaretti accende la luce e Sciaudone regala al Taranto il successo nel derby contro il Foggia. Subito in vantaggio, la squadra ionica (che non vinceva allo Zaccheria da 26 anni) incapace di sferrare il colpo da k.o. e, nonostante la superiorit numerica (espulso Venitucci per doppia ammonizione al 10 s.t.), rischia nellassalto finale di Gigliotti e compagni.
Gol pesante Dionigi esibisce la sua creatura davanti al maestro Stringara: forte di un proBENEVENTO AVELLINO

MARCATORI
7 RETI Ginestra (2, Sorrento); Arma (1, Spal). 5 RETI Cia (Benevento); Filippini (3, Como); Perna (1, Pisa); Rantier (3, Taranto); E. Bortolotto (Tritium). 4 RETI De Angelis (2, Avellino); Alessi (Reggiana); Scappini (Sorrento); Chiaretti (Taranto); Nol (1, Ternana).

la per organizzazione di gioco e fantasia, eppure si sveglia nel momento pi difficile. Dopo il rosso a Venitucci (eccessiva la seconda ammonizione per un fallo su Coly), la squadra almeno punge, con Defrel che detta tagli e arriva al tiro. Ma non basta per agguantare il pareggio e per evitare la contestazione dei tifosi, duri contro Casillo (Basta speculare sui foggiani) e i giocatori, salutati con il coro vergognatevi.
RIPRODUZIONE RISERVATA

girone B
CLASSIFICA
SQUADRE CREMONESE (-6) LANCIANO (-1) ALTO ADIGE CARRARESE (-1) FROSINONE BARLETTA PORTOGRUARO SIRACUSA (-3) TRAPANI PERGOCREMA SPEZIA PIACENZA (-4) LATINA TRIESTINA ANDRIA PRATO BASSANO FERALPI SALO' PT 21 21 20 19 19 19 18 18 18 18 15 13 12 12 11 9 9 9 G 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 12 11 12 11 12 PARTITE V N P 8 3 1 7 1 4 5 5 2 6 2 4 5 4 3 5 4 3 5 3 4 6 3 3 5 3 4 6 0 6 4 3 5 5 2 5 3 3 6 4 0 8 2 5 4 2 3 7 2 3 6 2 3 7 RETI F S 19 7 16 14 15 10 19 14 17 14 14 12 17 15 17 15 17 15 12 18 15 14 16 21 16 17 19 21 13 18 13 18 7 12 4 11

2 0

REGGIANA SPAL

3 0

un Lumezzane da esportazione Ma il Sorrento contesta larbitro


MARCATORI Ferrari (L) su rig. al 31 p.t.; Gasparetto (L) al 23, Ginestra (S) su rig. al 30 s.t. SORRENTO (4-2-3-1) G. Rossi 5,5; Vanin 6, Terra 6, Di Nunzio 6, Bonomi 5 (dal 25 s.t. Basso 5); Camillucci 6, Armellino 5,5; Bondi 5 (dal 6 s.t. Carlini 5), Ginestra 5,5, Croce 6 (dal 40 s.t. Galabinov 6); Scappini 6. (Chiodini, Nocentini, Sabato, Tognozzi). All. Sarri 6. LUMEZZANE (4-3-1-2) Brignoli 7; Diana 6, Luciani 6, Giosa 6, Pini 6; Dadson 6,5 (dal 37 s.t. Fondi s.v.), Sevieri 6,5, Finazzi s.v. (dal 5 p.t. Faroni 6,5); Baraye 6,5 (dal 22 s.t. Antonelli 6); Gasparetto 6,5, Ferrari 6. (F. Rossi, Bradaschia, Malag, Maccabiti). All. Nicola 7. ARBITRO Pairetto di Nichelino 5,5. NOTE paganti 494, abb. 286, inc. di 9.982,25 euro. Espulso il tecnico Sarri nellintervallo; amm. Bonomi, Dadson, Diana, Brignoli, Giosa, Ferrari. Angoli 7-2. GIUDIZIO SORRENTO (Na) Il Lumezzane centra la quarta vittoria di fila in trasferta. Il Sorrento si veglia solo nella ripresa e dopo il raddoppio di Gasparetto (23) accorcia con Ginestra (su rigore, 30) sfiorando anche il pari con Scappini (40) e Galabinov (42). Rapporti tesi tra Pairetto e la panchina del Sorrento, dopo il rigore dubbio al Lumezzane (sbracciata tra Bonomi e Faroni). Sarri protesta: Se si d un rigore cos, ce ne sono altri dieci in una partita. Antonino Siniscalchi

Con Bortolotto la Tritium vola Foligno in crisi e contestato


MARCATORE E. Bortolotto al 20 p.t. FOLIGNO (4-3-2-1) Zandrini 6,5; Stoppini 5,5, Cotroneo 6, Tuia 6, Tabacco 5,5 (dal 18 s.t. Petti 5,5); Papa 5,5, Costantini 5 (dal 12 s.t. Cardarelli 5,5), Coresi 6; Cavagna 5,5, Luparini 5,5 (dal 24 s.t. Castellazzi 5,5); Guidone 5. (Mazzoni, Messina, Romano, Fedeli). All. Magrini 5. TRITIUM (4-4-2) Pansera 6; Martinelli 6, Teso 5,5, Suagher 5,5, Possenti 6; E. Bortolotto 6,5, Malgrati 6,5, Daldosso 6, Casiraghi 5,5 (dal 9 s.t. Chimenti 5); R. Bortolotto 5,5 (dal 18 s.t. Floriano 5,5), Spampatti 7 (dal 41 s.t. Sinato 5,5). (Nodari, Fondrini, Riva, Di Ceglie). All. Boldini 6,5. ARBITRO Bellotti di Verona 6. NOTE paganti 225, abbonati 387, incasso di 1.919,93 euro. Ammoniti Tuia, Petti, Martinelli, Teso e Sinato. Angoli 12-8. GIUDIZIO FOLIGNO (Pg) finita con la Tritium in festa per il terzo posto e lennesima sconfitta e la contestazione dei tifosi di casa, che hanno assediato gli spogliatoi. Il Foligno in crisi: si sono salvati solo Zandrini, il portiere che ha sventato almeno due occasioni da gol, e Coresi che su punizione ha sfiorato il pareggio (bravo Pansera). La Tritium andata in vantaggio con un bel gol di Enrico Bortolotto, poi ha amministrato senza patemi e ottenuto il terzo successo di fila. Roberto Di Meo

La Pro Vercelli doma il Viareggio con Malatesta e Iemmello


MARCATORI Malatesta al 32 p.t.; Iemmello su rigore al 25 s.t. PRO VERCELLI (4-4-2) Valentini 6,5; Pigoni 6,5, Ranellucci 6,5, Masi 6,5, Armenise 6; Tripoli 7,5 (dal 22 s.t. Germano 6,5), Rosso 6, Espinal 6,5 (dal 31 s.t. Modolo s.v.), Fabiano 7; Malatesta 6,5, Iemmello 7,5 (dal 31 s.t. Disabato s.v.). (Miranda, Gazo, Santoni, Tonani). All. Braghin 7. VIAREGGIO (4-4-2) Ranieri 5,5; Carnesalini 6,5, Fiale 6,5, Brighenti 6, Licata 6; Lepri 6 (dal 1 s.t. Maltese 6), Pizza 6, Tarantino 5,5 (dal 26 s.t. DOnofrio s.v.), Cristiani 5; Scardina 6 (dal 20 s.t. Palibrk s.v.), Cesarini 5,5. (Merlano, Conson, Grieco, Guerra). All. Bertolucci 6. ARBITRO Fanton di Lodi 5,5. NOTE paganti 705, abbonati 667, incasso di 9.100 euro. Ammoniti Iemmello, Armenise, Brighenti, Ranieri, Maltese e Licata. Angoli 1-7. GIUDIZIO VERCELLI Un gol per tempo e la Pro Vercelli batte un Viareggio nervoso e ruvido dopo aver condotto dallinizio alla fine. La Pro Vercelli ha trovato la rete del vantaggio al 32 quando Malatesta ha spedito alle spalle di Ranieri una punizione tesa di Fabiano. Il raddoppio nella ripresa: Germano, entrato da pochi minuti, bravo ad arpionare un pallone perso da Malatesta e puntare dritto la porta, ma Ranieri lo atterra malamente in area e per larbitro rigore, che Iemmello con freddezza trasforma in gol. Raffaella Lanza

Alessi ispira il tris Reggiana La Spal affonda senza reagire


MARCATORI Gurma al 42, Matteini al 45 p.t.; Alessi al 5 s.t. REGGIANA (4-3-3) Bellucci 6,5; Arati 6,5, Zini 6,5, Aya 6,5, Sperotto 6,5; Bovi 6 (dal 28 s.t. Mazzera s.v.), Viapiana 6, Alessi 7,5; Esposito 7, Gurma 6,5 (dal 43 s.t. Bettati s.v.), Matteini 6,5 (dal 39 s.t. P. Rossi s.v.). (Silvestri, Messineo, Redzic, Fedi). All. Mangone 6,5. SPAL (4-2-3-1) Capecchi 6; Ghiringhelli 5, Zamboni 5, A. Vecchi 5 (dal 33 s.t. Beduschi s.v.), G. Rossi 5; Bedin 5 (dal 9 s.t. P. Rossi 5), Migliorini 5,5; Melara 5,5, Fortunato 5 (dal 23 s.t. Mendy 5,5), Lau-

renti 5; Arma 5. (Teodorani, Cosner, Castiglia, Taraschi). All. S. Vecchi 5. ARBITRO Coccia di San Benedetto del Tronto 6,5. NOTE paganti 1.539, abbonati 1.241, incasso di 23.701 euro. Espulso Ghiringhelli al 35 s.t.; amm. Bovi. Angoli 5-5. GIUDIZIO REGGIO EMILIA La Reggiana batte la Spal dopo quasi 6 anni di delusioni (4 pareggi e 7 sconfitte negli ultimi 11 derby). Delude la Spal (un solo punto in 5 gare), che ha colpito una traversa con Migliorini sullo 0-0 poi affondata senza reazione. Gurma sblocca appoggiando dopo un palo su punizione di Alessi, poi Matteini beffa Capecchi (tiro forte ma non angolato). Nella ripresa rapido tris di Alessi (sinistro da fuori area). Al 35 Spal in dieci: mano di Ghiringhelli su tiro di Matteini diretto in gol, poi Capecchi respinge il rigore di Esposito. Ezio Fanticini

2 2

COMO CARPI

1 0

+++

Fuga Benevento ma non basta LAvellino da 2-0 strappa un punto


MARCATORI Cia (B) al 10, Pintori (B) al 40 p.t.; De Angelis (A) su rigore al 19, DAngelo (A) al 42 s.t. BENEVENTO (4-3-3) Mancinelli 6; Pedrelli 6, Siniscalchi 4,5, Rinaldi 5, Candrina 6 (dal 16 s.t. Frascatore 6); De Risio 5,5, La Camera 6,5, Rajcic 5,5; Cia 6,5 (dal 32 s.t. Vacca 6,5), Altinier 4, Pintori 7 (dal 24 s.t. Carretta 5). (Corradino, Wagner, Signorini, Sy). All. Simonelli 6. AVELLINO (4-4-2) Fumagalli 6; Zammuto 5 (dal 1 s.t. Zappacosta 6,5), Labriola 6,5, Cardinale 6,5, Ricci 5,5; Falzerano 6 (dal 17 s.t. Herrera 6), Malaccari 6,5, DAngelo 7, Millesi 6,5; Thiam 5 (dal 1 s.t. Lasagna 6,5), De Angelis 7,5. (Fortunato, Porcaro, Justino, Zigoni). All. Bucaro 6,5. ARBITRO Merlino di Udine 6,5. NOTE paganti 3.611, abbonati 685, incasso non comunicato. Ammoniti DAngelo, De Angelis, Cardinale, La Camera e Carretta. Angoli 5-4. GIUDIZIO BENEVENTO Sembrava una passeggiata per il Benevento e invece lAvellino, a tratti irresistibile in velocit, riesce a recuperare due gol e pareggiare. Benevento in gol al 10 con Cia, poi al 40 raddoppia Pintori grazie a una sbandata difensiva. Ma nella ripresa il Benevento a sbagliare in difesa: Siniscalchi commette un inutile fallo da rigore su De Angelis che trasforma. Poi nel finale DAngelo indovina il tiro del meritato pareggio. Antonio Buratto

Perla di Ciotola e il Como riparte Carpi battuto e agganciato


MARCATORE Ciotola al 17 s.t. COMO (4-3-3) Giambruno 7; Ghidotti 6,5, Zullo 6, Urbano 6,5, Som 6; Salvi 7, Ardito 7 (dal 42 s.t. Vicente s.v.), Lewandowski 6,5; Ciotola 7, Ripa 5,5 (dal 24 s.t. Tavares 6), Filippini 6. (Conti, Ambrosini, Lulli, Doumbia, Romano). All. Ramella 6,5. CARPI (4-4-2) Bastianoni 5,5; Laurini 6,5, Cioffi 6, Bova 6,5, Poli 6; Concas 6,5 (dal 22 s.t. Potenza 5,5), Memushaj 6, Perini 5,5 (dal 36 s.t. Pietribiasi 6,5), Calamai 5; Eusepi 6,5, Cesca 5,5. (Mandrelli, Marchi, Pasciuti, Sogus, Di Gaudio). All. Notaristefano 6. ARBITRO Bindoni di Venezia 6. NOTE paganti 781, abbonati 353, incasso di 10.950,91 euro. Ammoniti Salvi, Ripa, Lewandowski, Laurini, Perini, Cioffi, Concas, Memushaj e Eusepi. Angoli 3-7. GIUDIZIO COMO Tra Como e Carpi decide Ciotola, con un tiro cross da cui nasce un bellissimo gol che si infila allincrocio, sorprendendo Bastianoni. Il Como torna cos a vincere dopo due sconfitte consecutive e aggancia la squadra dellex Notaristefano un punto sotto i playoff. Pi pericoloso il Carpi nel primo tempo, ma la gara resta in equilibrio fino al gol, poi il Como riesce a evitare bene la reazione del Carpi. In pieno recupero, gli emiliani tornano a essere pericolosi con Pietribiasi, che trova lottima risposta di Giambruno. Lilliana Cavatorta

U PROMOSSA U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSA

RISULTATI
ALTO ADIGE-ANDRIA BARLETTA-PERGOCREMA BASSANO-TRIESTINA CARRARESE-SIRACUSA CREMONESE-FERALPI SALO' LATINA-PORTOGRUARO PIACENZA-FROSINONE SPEZIA-PRATO TRAPANI-LANCIANO 1-1 2-0 2-0 1-1 1-0 4-1 1-1 1-0 1-3

IL POSTICIPO

Stasera in tv c Pisa-Pavia
Il posticipo di stasera Pisa Pavia. Carparelli si allenato tutta la settimana e dovrebbe partire titolare a un mese dalloperazione al menisco, ma per Pagliari emergenza a centrocampo: out Obodo e Scampini, sempre fuori rosa Passiglia. Di fronte debutta lultimo rinforzo Fasano: out DallOglio, non al meglio Facchin.
Cos in campo (ore 20.45, diretta su Raisport 1): PISA (4-4-2) Pugliesi; Audel, Buscaroli, Bizzotto, Benedetti; Nicastro, Berardocco, Favasuli, Ilari; Carparelli, Perna. (Sepe, Ton, Lanzolla, Benvenga, Tremolada, Perez, Strizzolo). All. Pagliari. PAVIA (4-3-3) Facchin; Gheller, Fissore, Fasano, Meregalli; Puccio, Carotti, Capogrosso; Falco, Marchi, A. DErrico. (Cacchioli, Caidi, Romeo, Meza Colli, Bufalino, Rodriguez, Veronese). All. Pergolizzi. ARBITRO Soricaro di Barletta (Alassio-Bottegoni).

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 20 NOVEMBRE ORE 14.30 ANDRIA-PIACENZA (luned 21, ore 20.45) BASSANO-SPEZIA FERALPI SALO'-PRATO LANCIANO-CARRARESE LATINA-ALTO ADIGE PERGOCREMA-FROSINONE PORTOGRUARO-TRAPANI SIRACUSA-BARLETTA TRIESTINA-CREMONESE

+++

++

++

+++

+++

MARCATORI
8 RETI Le Noci (3, Cremonese); Godeas (Triestina). 7 RETI Pavoletti (Lanciano). 6 RETI Barraco (2, Trapani). 5 RETI Gaeta (4, Carrarese); Jefferson (1, Latina); Corazza (Portogruaro); Fofana (2, Siracusa); Evacuo (1, Spezia).

26

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

PRIMA DIVISIONE GIRONE B 12a GIORNATA

La Cremonese fa 8 vittorie e sale in vetta


Pestrin firma il successo sulla Feralpi
Ora la penalizzazione solo un ricordo
CREMONESE FERALPI SAL 1 0
GIORGIO BARBIERI CREMONA

Manolo Pestrin, 33 anni CALABR

po, ha visto arrivare Pestrin e lo ha prontamente servito al limite dellarea. Il rasoterra del centrocampista non ha lasciato scampo allincolpevole Branduani. Prima della rete del vantaggio la Cremonese aveva pressato di pi senza tuttavia creare occasioni clamorose per passare in vantaggio. Al 44 c' invece voluta tutta la prontezza del portiere Alfonso per salvare il pareggio su tiro ravvicinato di Defendi che avrebbe potuto cambiare la partita.
Feralpi Sal generosa Nella ri-

Impresa del Lanciano Il Trapani k.o. in casa


TRAPANI LANCIANO 1 3
GIUDIZIO MARCATORI Barraco (T) su rigore al 25, Pavoletti (L) al 40, Volpe (L) al 46 p.t.; Titone (L) al 19 s.t. TRAPANI (4-4-2) Castelli 5,5; Priola 6 (dal 33 s.t. Da s.v.), Pagliarulo 6, Filippi 6, Lo Bue 6 (dal 22 s.t. Madonia 5,5); Barraco 6, Caccetta 5,5, Pirrone 5,5 (dal 22 s.t. Mastrolilli 6), Tedesco 6,5; Abate 5,5, Gambino 5,5. (Dolenti, Cianni, Montalbano, Provenzano). All. Boscaglia 6. LANCIANO (4-3-3) Aridit 6,5; Vastola 6,5, Amenta 6,5, Rosania 6, Aquilanti 6,5; Volpe 6,5, DAversa 7, Capece 6,5 (dal 46 s.t. Marfisi s.v.); Turchi 6 (dal 41 s.t. Piccioni s.v.), Titone 6,5 (dal 37 s.t. Chiric s.v.), Pavoletti 7. (Amabile, Di Filippo, Novinic, Improta). All. Gautieri 7. ARBITRO Dei Giudici di Latina 6,5 . NOTE paganti 2.054, abbonati 887, incasso di circa 28.000 euro. Ammoniti Abate, Barraco, Titone, Rosania, Amenta, Capece e Volpe. Angoli 4-2.

+++

GIUDIZIO MARCATORE Pestrin al 43 p.t. CREMONESE (4-3-3) Alfonso 6,5; Semenzato 6,5, Minelli 6,5, Rigione 6,5, Favalli 7; Tacchinardi 6 (dal 20 s.t. Riva 6), Pestrin 7, Dettori 6,5; Nizzetto 6,5 (dal 43 s.t. Rabito s.v.), Bocalon 6 (dal 28 s.t. Musetti 6), Le Noci 7. (Bianchi, Sales, Arcari, Degeri). All. Brevi 6,5. FERALPI SALO (4-3-3) Branduani 6; Turato 6,5, Leonarduzzi 7, Blanchard 6,5, Cortellini 6 (dal 18 s.t. Sedivec 6); Drascek 5,5, Fusari 6, Castagnetti 5,5 (dal 37 s.t. Tarallo s.v.); Bianchetti 6,5, Defendi 6 (dal 34 s.t. Allievi s.v.), Tarana 6,5. (Zomer, Camilleri, Savoia, Sella). All Remondina 6. ARBITRO Bruno di Torino 5.5. NOTE paganti 1.984, abbonati 1.649, incasso di 19.033 euro. Ammoniti Minelli, Pestrin, Tacchinardi, Dettori, Drascek e Fusari. Angoli 5-1.

+++

Da meno 6 a 21 punti e primo posto in classifica insieme al Lanciano. In dodici partite la Cremonese ha annullato la penalizzazione e si portata al comando del girone a suon di vittorie (ben otto). La squadra di Brevi senza la penalizzazione sarebbe in fuga solitaria con sei punti di vantaggio sulla seconda.
Periodo doro Ieri i grigiorosa

hanno conquistato la terza vittoria consecutiva contro la Feralpi Sal (1-0), ma va detto che la formazione allenata da
2 0 PIACENZA

Remondina si difesa bene ed ha cercato di raggiungere il pareggio in tutti i modi possibili e immaginabili. Il problema dei bresciani quello del gol e per questo la societ gardesana la scorsa settimana ha acquistato Sedivec, ieri in campo solo nellultima mezzora. La Cremonese invece non ha questo problema, stavolta toccato al centrocampista Pestrin fare centro e regalare i tre punti alla sua squadra. Il gol arrivato quando mancavano due minuti alla fine del primo tempo grazie ad una azione prolungata in area di rigore di Dettori. Il centrale ha dribblato un paio di avversari vicino alla linea di fondocam1 1 CARRARESE SIRACUSA

presa la gara diventata pi confusa, con la Cremonese alla ricerca di spazi e una Feralpi Sal che nel finale passata praticamente a quattro punte, giocandosi il tutto per tutto. La squadra di Brevi per ha sempre chiuso con calma (con 7 gol incassati la miglior difesa del girone) tutti gli spazi e cercato sempre la ripartenza. Da segnalare una bella parata di Branduani su botta di Nizzetto all'11' e un intervento di Alfonso su bel tiro di Tarana al 39'. Intanto cresce anche il pubblico allo Zini, ieri si sono sfiorate le quattromila presenze.
RIPRODUZIONE RISERVATA

micidiale uno-due in chiusura del primo tempo ha capovolto la partita a favore degli abruzzesi, fino a quel momento costretti a subire liniziativa del Trapani. Pi leziosa del consueto e poco incisiva in avanti per la squadra siciliana. Dopo le conclusioni senza esito di Barraco, Abate e Pirrone riusciva comunque a passare al 25 con Barraco su rigore. In precedenza il Lanciano si era fatto vivo solo su un tiro di Volpe (al 9) parato da Castelli. Al 40 il pareggio di Pavoletti: traversone di Capece, deviazione di testa che scavalcava Castelli. Il Trapani non aveva il tempo di reagire e al 46 subiva il raddoppio: Pavoletti di testa serviva Volpe che trafiggeva Castelli.
Trapani in difficolt Siciliani fra-

FRANCO CAMMARASANA TRAPANI

Il Lanciano balza in vetta a fianco della Cremonese e lo fa con pieno merito, espugnando Trapani dove nessuna squadra finora era riuscita a passare. Un
4 1 SPEZIA PRATO

stornati al rientro e il Lanciano ne approfittava al 19 per chiudere il conto: Pavoletti conquistava un pallone e rimetteva al centro per Volpe che serviva il trapanese Titone che batteva Castelli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ALTO ADIGE ANDRIA

1 1

BARLETTA PERGOCREMA

1 1

LATINA PORTOGRUARO

1 0

BASSANO TRIESTINA

2 0

FROSINONE

Frenata Alto Adige Andria, buon pareggio


MARCATORI Gambino (An) al 4 p.t.; autorete di Zaffagnini (An) al 34 s.t. ALTO ADIGE (4-2-3-1) Iacobucci 5,5; Grea 6,5, Kiem 5,5, Cascone 5,5, Iacoponi 6; Uliano 5,5, Furlan 6,5; Campo 5,5, Chiavarini 6, Schenetti 5 (dal 10 s.t. Chinellato 6); Fischnaller 6 (dal 44 s.t. Ferrari s.v.). (Miskiewicz, Santonocito, Calliari, Bacher, Fink). All. Stroppa 6. ANDRIA (4-2-3-1) Ragni 6,5; De Giorgi 6, Zaffagnini 5,5, Meccariello 5,5, Contessa 6; Arini 6, Paolucci 6; Minesso 6 (dal 29 s.t. Di Simone s.v.), Del Core 6 (dal 27 s.t. Evangelisti s.v.), Comini 6; Gambino 6,5 (dal 20 s.t. Innocenti 6). (Sansonna, Larosa, Loiodice, Berretti) All. Di Meo 6. ARBITRO Aversano di Genova 5,5. NOTE paganti 1.951, abbonati 532, incasso n.c. Espulso Meccariello al 29 s.t.; ammoniti Arini, Grea e Campo. Angoli 5-4. GIUDIZIO BOLZANO LAndria ferma la corsa di un Alto Adige che sognava la fuga. Ospiti in vantaggio in apertura con la difesa di casa che sbaglia il fuorigioco su lancio di De Giorgi: Gambino si ritrova solo davanti a Iacobucci, incerto nelluscita, e segna. Gli uomini di Stroppa reagiscono nel secondo tempo, schiacciando gli avversari nella loro met campo. Il giusto pareggio arriva a 10 dalla fine con uno sfortunato autogol di testa di Zaffagnini su cross di Grea. Francesco Bertagnolli

Il Barletta domina Pergo, crisi infinita


MARCATORI Cerone su rigore al 19 p.t.; Menicozzo al 17 s.t. BARLETTA (4-3-2-1) Sicignano 6; Pisani 6 (dal 20 s.t. Masiero 6), Migliaccio 6, Mengoni 6,5, Mazzarani 6,5; Guerri 6,5, Menicozzo 7, Schetter 6,5 (dal 26 s.t. Mazzeo 6); Cerone 6,5, Franchini 7 (dal 36 s.t. Simoncelli s.v.); Di Gennaro 6,5. (Pane, Angeletti, Di Cecco, Infantino). All. Cari 6,5. PERGOCREMA (4-4-2) Concetti 5; Celjak 5,5, Cuomo 5,5, Sembroni 6, Adeleke 6; Rizzo 5,5 (dal 1 s.t. Capua 5,5), De Vezze 5,5, Romondini 6, Ricci 6; Joelson 5,5 (dal 26 s.t. Delgado 6), Guidetti 6 (dal 18 p.t. Menegon 6). (Gritti, Mattia, Angiulli, Di Mario). All. Brini 5. ARBITRO Pasqua di Tivoli 6. NOTE paganti 932, abbonati 1.242, incasso di 13.474 euro. Espulso Concetti al 17 p.t.; ammoniti Franchini, Pisani, Schetter e Guerri. Angoli 2-2. GIUDIZIO BARLETTA Dopo oltre 2 mesi il Barletta ritrova il successo in casa e inguaia il Pergocrema, in silenzio stampa dopo la quinta sconfitta consecutiva. I padroni di casa passano al 17: Concetti atterra Schetter: rigore ed espulsione. In porta ci va Menegon, che sostituisce Guidetti, ma nulla pu sul rigore di Cerone. Il raddoppio al 17 della ripresa: Menicozzo calcia due volte: sulla prima c la respinta di Cuomo, sulla seconda la palla si infila in rete. Rosario Dimastromatteo

Il Piacenza va in fuga Il Frosinone rimedia


MARCATORI Lisi (P) al 34, Ganci (F) su rigore al 43 p.t. PIACENZA (4-4-1-1) Cassano 7; Bertoncini 6, Melucci 6,5, Visconti 6, Calderoni 6 (dal 30 s.t. Esposito s.v.); Avogadri 6,5 (dal 19 s.t. Palermo 5), Foglia 5,5 (dal 39 s.t. Dragoni s.v.), Parola 6, Lisi 6,5; Guzman 5,5; Guerra 5. (Stocchi, De Matteo, Angarano, Ferrante). All. Monaco 6. FROSINONE (4-3-1-2) Nordi 6; Fautario 6, Stefani 6, Biasi 6, Catacchini 6; Frara 6, Beati 5, Carrus 6; Baccolo s.v. (dal 19 p.t. Miramontes 6); Bonvissuto 5, Ganci 6,5 (dal 34 s.t. Aurelio s.v.). (Vaccarecci, Guidi, Vitale, Bottone, Artistico). All. Sabatini 6. ARBITRO Castrignan di Roma 5. NOTE spettatori 1.500 circa, paganti, abbonati e incasso nc. Ammoniti Ganci, Guerra, Guzman, Bonvissuto, Biasi e Bertoncini. Angoli 3-2. GIUDIZIO PIACENZA Un punto per due squadre reduci da sconfitte, che va stretto al Frosinone. Il Piacenza passa con Lisi che approfitta di unincertezza di Beati, semina il panico e fa centro con un gran destro. Poco dopo Ganci al volo colpisce il palo, la palla arriva a Fautario, sul quale c il contatto di Foglia. Rigore, trasforma proprio Ganci, ex di turno. Nella ripresa solo Frosinone, ma il risultato non cambia. Altri guai in arrivo intanto per il Piacenza: partito un accertamento della Guardia di Finanza per Iva non versata. Paolo Gentilotti

Carrarese: solo pari Il Siracusa resiste in 9


MARCATORI Fofana (S) su rigore al 12 p.t.; Cori (C) al 24 s.t. CARRARESE (4-4-2) Nocchi 7; Piccini 7, Benassi 7, Anzalone 7, Vannucci 7; Orlandi 6 (dal 43 s.t. Belcastro s.v.), Corrent 6,5 (dal 12 s.t. Pacciardi 6,5), Taddei 6,5, Giovinco 6 (dal 12 s.t. Merini 6); Cori 7,5, Gaeta 6,5. (Gazzoli, Pasini, Trocar, Conti). All. Sottili 6. SIRACUSA (4-2-3-1) P. Baiocco 6,5; Lucenti 5,5, Ignoffo 6, Fernandez 6,5, Capocchiano 6,5; D. Baiocco 7, Spinelli 7; Longoni 6,5 (dal 14 s.t. Bongiovanni 6), Pepe 7 (dal 30 s.t. Strigari 6), Mancosu 6,5 (dal 31 s.t. L. Calabrese 6); Fofana 5,5. (Fornoni, Strigari, Pippa, F. Calabrese, Zizzari). All. Sottil 6. ARBITRO Benassi di Bologna 6. NOTE paganti 1.489, abbonati 195, incasso di 20.121 euro. Espulsi Lucenti al 25 s.t. e Fofana al 28 s.t.; ammoniti Benassi, Anzalone, Vannucci, Taddei, P. Baiocco, Lucenti e Ignoffo. Angoli 4-7. GIUDIZIO CARRARA Classica partita dai due volti: il Siracusa parte fortissimo, segna al 12 con Fofana su rigore (contestato dai locali) e potrebbe raddoppiare con lo stesso centravanti al 22. Nella ripresa, Carrarese a trazione anteriore che raggiunge il pari con merito (Cori al 24). Poi nel giro di 4 prima Lucenti (doppia ammonizione, 25) poi Fofana (intervento pericoloso su Vannucci, rosso diretto, 28) lasciano il Siracusa in 9. Ma gli ospiti si difendono con ordine. Massimo Braglia

Il Latina cala il poker Batosta Portogruaro


MARCATORI Cafiero (L) al 7, autorete di Pondaco (P) al 27 p.t.; Pondaco (P) all8, Tortolano (L) su rigore al 35, Tortori (L) al 37 s.t. LATINA (4-3-3) Martinuzzi 6,5; Gasperini 6, Cafiero 6,5, Farina 6,5, Maggiolini 6,5; Matute 6,5, Agius 6 (dal 22 s.t. Corsi 5,5), Giannusa 7; Tortori 7 (dal 39 s.t. Ancora s.v.), Jefferson 7,5 (dal 45 s.t. Merito s.v.), Tortolano 7. (Costantino, Toscano, Fossati, Bernardo). All. Ghirotto 7. PORTOGRUARO (5-3-2) Bavena 6,5; Lunati 5,5 (dal 39 p.t. DAmico 6,5), Regno 5,5, Radi 6, Fedi 5,5, Pondaco 6,5; Coppola 7, Cunico 6,5 (dal 38 s.t. Herzan s.v.), Salzano 6,5 (dal 24 s.t. Luppi 5,5); Corazza 5, Della Rocca 5,5. (Mion, Bognanini, Adamo, De Sena). All. Rastelli 5,5. ARBITRO Intagliata di Siracusa 7. NOTE paganti 1.606, abbonati 282, incasso di 12.300 euro. Ammoniti Lunati, Gasperini, Cafiero, Radi, Fedi e Cunico. Angoli 5-3. GIUDIZIO LATINA Ti aspetti il Portogruaro, trovi il Latina. I nerazzurri di Ghirotto impiegano un amen per passare grazie a Cafiero di testa. Il raddoppio al 27: nel tentativo di precedere Jefferson, Pondaco infila la palla nella sua porta. Lo stesso difensore si fa perdonare in apertura di ripresa: suo il sinistro che riapre la partita. Ma il Latina resiste e poi affonda il colpo ottenendo due rigori in 2. Vincenzo Abbruzzino

Evacuo a 100 gol E lo Spezia ringrazia


MARCATORE Evacuo su rigore al 22 p.t. SPEZIA (4-4-2) Russo 6; Bianchi 6,5, Lucioni 6,5, Murolo 6, Enow 5,5 (dal 1 s.t. Rivalta 6); Madonna 6, Papini 6,5, Buzzegoli 6,5, Casoli 6 (dal 19 s.t. Testini 6); Evacuo 6,5, Mastronunzio 6 (dal 30 s.t. Carobbio s.v.). (Conti, Vannucchi, Lollo, Ferretti). All. Serena 6. PRATO (4-3-1-2) Layeni 7; Manucci 6, Patacchiola 6, Lamma 6,5, De Agostini 6,5; Piantoni 5,5 (dal 33 s.t. Alberti s.v.), Geroni 6 (dal 13 s.t. Varutti 6), Fogaroli 6,5; Pisanu 6,5; Vieri 5,5 (dal 1 s.t. Silva Reis 6), Benedetti 5,5. (Morandi, Baresi, Sacenti, Marongiu). All. Esposito 5,5. ARBITRO Cifelli di Campobasso 5,5. NOTE paganti 1.823, abbonati 2.711, incasso n.c.. Espulso il tecnico Esposito al 41 p.t.; ammoniti Fogaroli, Enow, Layeni, Lucioni, Testini e Pisanu. Angoli 8-1. GIUDIZIO LA SPEZIA Il centesimo gol tra i professionisti di Evacuo coincide con il ritorno al successo (dopo tre turni) dello Spezia targato Serena. Una rete dellattaccante al 22 del primo tempo, infatti, risolve la noiosa sfida col Prato: dopo aver subito il fallo in area da Patacchiola, dal dischetto supera Layeni piazzandola alla sua sinistra. I toscani, pur subendo, centrano la traversa al 31 con la punizione di Geroni. Nella ripresa, al 20, Evacuo fallisce il bis, solo davanti a Layeni. Fulvio Magi

Il Bassano respira Notte fonda Triestina


MARCATORI Longobardi al 16, Gasparello al 36 s.t. BASSANO (4-3-1-2) Grillo 6,5; Martina 7, Basso 6,5, Scaglia 6,5, Ghosheh 6,5; Mateos 6,5, Morosini 6 (dal 37 p.t. Proietti 6,5), Caciagli 6,5; Ferretti 7; Longobardi 6,5 (dal 44 s.t. Lucca s.v.), Guariniello 6 (dal 31 s.t. Gasparello 7). (Poli, Maniero, Lorenzini, Baido). All. Jaconi 6,5. TRIESTINA (4-3-1-2) Gadignani 6; DAmbrosio 6, Lima 5,5, Gissi 5,5, Tombesi 6; Rossetti 6 (dal 18 s.t. Pinares 5,5), Evola 6, Princivalli 5,5; Motta 5 (dal 37 s.t. De Vena s.v.); Godeas 5,5, Curiale 5,5. (Cristofoli, Izzo, Pezzi, For, Mattielig). All. Galderisi 5,5. ARBITRO Adduci di Paola 6,5. NOTE Spettatori 1.100 circa, paganti, abbonati e incasso n.c. Ammoniti Ghosheh, Proietti e Lima. Angoli 2-7. GIUDIZIO BASSANO (Vi) Il secondo k.o. dellera Galderisi risucchia la Triestina nella zona calda, mentre il Bassano respira. Il tecnico ospite, al di l delle assenze, ha tanto da lavorare, mentre Jaconi disinnesca lattacco grandi firme degli ospiti. Tre nitide opportunit per parte, solo che la Triestina fa 0 su 3, mentre il Bassano affonda i colpi nella ripresa: Longobardi e Gasparello trafiggono Gadignani con due incornate perentorie su assist di Ferretti, apprezzabile giocoliere, e del ritrovato Martina. Vincenzo Pittureri

++

+++

+++

+++

++

+++

++++

serie D
11a giornata

GIRONE A
RISULTATI
AQUANERA-BORGOSESIA CANTU'-BOGLIASCO CHIAVARI-ASTI DERTHONA-VERBANO LASCARIS-VILLALVERNIA LAVAGNESE-CHIERI NAVIGLIO-F. CARATESE NOVESE-PRO IMPERIA SANTHIA'-ACQUI VALLE D'AOSTA-ALBESE 0-1 0-2 0-0 0-2 2-5 1-1 0-1 0-0 2-1 3-1

(13a)
CLASSIFICA
Chieri p. 34; Derthona e Valle d'Aosta* 26; Novese 24; Naviglio Trezzano* e Chiavari* 21; Santhi* (-3), Villalvernia e Verbano 20; Acqui* 19; Borgosesia* 18; F. Caratese* 15; Lavagnese* e Bogliasco* 14; Asti* e Pro Imperia 11; Albese (-3) 9, Aquanera 8; Cant San Paolo 5; Lascaris 4. (* una gara in meno).

GIRONE B
RISULTATI
CARONNESE-FIDENZA 2-0 CARPENEDOLO-ALZANOCENE 2-0 CASTELLANA-GALLARATESE 1-0 CASTIGLIONE-RUDIANESE 1-1 COLOGNESE-SEREGNO 1-2 DARFO-OLGINATESE 1-2 FIORENZUOLA-PONTISOLA 1-2 GOZZANO-AURORA SERIATE 0-0 MAPELLO-PRO PIACENZA 3-2 PIZZIGHETTONE-VOGHERA 0-0

(13a)
CLASSIFICA
Castiglione p. 29; Caronnese 27; Olginatese 24; Mapello 23; Rudianese e Castellana 22; Voghera 21; AlzanoCene e Pizzighettone 18; Gozzano e Pro Piacenza 16; Aurora Seriate 15; Pontisola, Darfo e Colognese 14; Seregno e Gallaratese 13; Fidenza 12; Carpenedolo e Fiorenzuola 9.

GIRONE C
RISULTATI
LEGNAGO-PORDENONE MONTEBELLUNA-SAREGO MONTECCHIO-PORTO TOLLE SACILESE-CONCORDIA SAN GIORGIO-ITALA S.MARCO SANDONAJESOLO-GIORGIONE SANVITESE-BELLUNO UNION QUINTO-MEZZOCORONA VENEZIA-TAMAI 1-1 1-0 1-0 0-3 1-1 1-2 0-3 2-1 2-1

GIRONE D
CLASSIFICA
Venezia p. 29; Porto Tolle 26; Tamai 21; Legnago 18; Mezzocorona 17; Concordia e Montebelluna 16; SandonJesolo, Giorgione e San Giorgio 14; Union Quinto 13; Belluno 12; Montecchio e Sacilese 11; Pordenone, Sanvitese e Sarego 10; Itala San Marco 6.

(13a)
CLASSIFICA
Este p. 29; Castelfranco 27; Forl 26; Virtus Vecomp 25; Cerea 24; Mezzolara 23; Lanciotto Campi 22; San Paolo 19; Scandicci 18; Bagnolese e Camaiore 17; Rosignano 16; Ravenna (-1) 15; Pistoiese e Forcoli 12; Sestese, Pavullese, Santacroce e Villafranca 11; Tuttocuoio 7.

RISULTATI
CEREA-SAN PAOLO 1-2 ESTE-FORCOLI 3-1 LANCIOTTO CAMPI-MEZZOLARA 1-2 PAVULLESE-CAMAIORE 3-1 PISTOIESE-FORLI' 3-1 RAVENNA-BAGNOLESE 3-2 SANTACROCE-ROSIGNANO 0-0 SCANDICCI-SESTESE 2-1 TUTTOCUOIO-VIRTUS VECOMP 0-2 VILLAFRANCA-CASTELFRANCO 1-3

Pontedera shock Caponi in coma


Manuel Caponi (Pontedera) versa in coma farmacologico e in prognosi riservata al reparto di neurochirurgia dellospedale Cisanello di Pisa, dopo aver ricevuto un calcio in faccia da un avversario durante la sfida col Sansovino. La Tac ha evidenziato un versamento cerebrale emorragico.

PROSSIMO TURNO (14a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Acqui-Chiavari; Albese-Lavagnese; Asti-Valle d'Aosta; Bogliasco-Aquanera; Borgosesia-Naviglio Trezzano; Chieri-Derthona; F. Caratese-Santhi; Pro Imperia-Cant San Paolo; Verbano-Lascaris; Villalvernia-Novese.

PROSSIMO TURNO (14a) domenica 20 novembre, ore 14.30


AlzanoCene-Pizzighettone; Aurora Seriate-Carpenedolo; Fidenza-Castellana; Gallaratese-Mapello; Olginatese-Fiorenzuola; Pontisola-Caronnese; Pro Piacenza-Gozzano; Rudianese-Colognese; Seregno-Darfo; Voghera-Castiglione.

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30 Belluno-Montecchio; Concordia-Montebelluna; Giorgione-Pordenone; Itala San Marco-Union Quinto; Mezzocorona-SandonJesolo; Porto Tolle-Venezia; Sanvitese-Sacilese; Sarego-Legnago; Tamai-San Giorgio.

PROSSIMO TURNO (14a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Bagnolese-Scandicci; Camaiore-Lanciotto Campi; Castelfranco-Pistoiese; Forcoli-Cerea; Forl-Santacroce; Mezzolara-Ravenna; Rosignano-Pavullese; San Paolo-Virtus Vecomp; Sestese-Este; Villafranca-Tuttocuoio.

GIRONE E
RISULTATI
CASTEL RIGONE-PONTEVECCHIO 3-1 FLAMINIA-GROUP CITTA' DI CASTELLO 2-0 ORVIETANA-PIANESE 2-2 PIERANTONIO-SPOLETO 0-3 PONTEDERA-SANSOVINO 1-0 SANSEPOLCRO-DERUTA 1-0 SPORTING TERNI-TRESTINA 2-3 TODI-VITERBESE 1-1 ZAGAROLO-AREZZO 1-3

GIRONE F
CLASSIFICA
Pontedera p. 23; Spoleto 22; Arezzo 21; Sansovino e Castel Rigone 18; Sporting Terni e Pianese 16; Pierantonio, Trestina e Sansepolcro 14; Zagarolo e Group Citt di Castello 13; Orvietana, Deruta e Pontevecchio 12; Todi 11; Viterbese 10; Flaminia 9.

GIRONE G
CLASSIFICA
Teramo p. 29; Ancona 25; Vis Pesaro e Atletico Trivento 21; Civitanovese 20; San Nicol 18; Sambenedettese e Recanatese 17; Isernia 15; Riccione 14; Olympia Agnonese 13; Santegidiese 11; Luco Canistro e Renato Curi 10; Jesina e Miglianico 8; Atessa VdS 6; Real Rimini 5.

GIRONE H
CLASSIFICA
Salerno e Budoni p. 23; Sora e Porto Torres 19; Pomigliano 17; Arzachena, Selargius, Monterotondo e Marino 16; Anziolavinio 15; Palestrina, Cynthia e Fidene 13; Astrea 12; Civitavecchia 10; Atletico Boville 8; Bacoli 7; Sant'Elia 5.

GIRONE I
CLASSIFICA
0-1 5-0 0-2 1-1 2-1 4-1 0-0 3-0 1-1 Francavilla S. p. 24; Nard 22; Casertana, Sarnese e Campania 21; Ischia 19; Martina e Turris 18; Brindisi e Casarano 16; Fortis Trani 15; Internapoli 14; Irsinese 10; Grottaglie 9; Real Nocera e Gaeta (-1) 8; Cristofaro 7; Viribus Unitis 4.

RISULTATI
ATLETICO TRIVENTO-RICCIONE 3-4 JESINA-SAMBENEDETTESE 1-1 LUCO CANISTRO-TERAMO 1-4 MIGLIANICO-SANTEGIDIESE 2-1 OLYMPIA AGNONESE-CIVITANOVESE 3-1 REAL RIMINI-ATESSA VDS 2-1 RECANATESE-ISERNIA 1-1 SAN NICOLO'-RENATO CURI 0-0 VIS PESARO-ANCONA 4-2

RISULTATI
ANZIOLAVINIO-PORTO TORRES 1-2 FIDENE-ATLETICO BOVILLE 2-0 MARINO-ASTREA 1-1 PALESTRINA-CYNTHIA 2-4 POMIGLIANO-MONTEROTONDO 1-0 SALERNO-BUDONI 1-1 SANT'ELIA-ARZACHENA 0-2 SELARGIUS-BACOLI 3-0 SORA-CIVITAVECCHIA 1-0

RISULTATI
CASARANO-CAMPANIA CASERTANA-VIRIBUS UNITIS CRISTOFARO-NARDO' FORTIS TRANI-IRSINESE FRANCAVILLA S.-BRINDISI GROTTAGLIE-GAETA REAL NOCERA-INTERNAPOLI SARNESE-ISCHIA TURRIS-MARTINA

RISULTATI
ACIREALE-SANT'ANTONIO ABATE ACRI-NISSA HINTERREGGIO-BATTIPAGLIESE MARSALA-COSENZA NOTO-NUVLA SAN FELICE PALAZZOLO-LICATA SAMBIASE-CITTANOVA SERRE ALBURNI-ADRANO VALLE GRECANICA-MESSINA 0-1 1-0 1-1 2-0 4-0 1-1 3-0 2-1 2-2

CLASSIFICA
Acri p. 22; Adrano 21; Palazzolo, Battipagliese* e Marsala 18; Hinterreggio 17; Cosenza e Messina (-1) 15; Sant'Antonio Abate, Noto e Cittanova 14; Licata e Serre Alburni 13; Valle Grecanica 12; Sambiase 11; Acireale* 10; Nuvla San Felice 8; Nissa 7. (* una gara in meno).

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Arezzo-Sporting Terni; Deruta-Orvietana; Group Citt di Castello-Pontedera; Pianese-Todi; Pontevecchio-Zagarolo; Sansovino-Sansepolcro; Spoleto-Flaminia; Trestina-Pierantonio; Viterbese-Castel Rigone.

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Ancona-Luco Canistro; Atessa VdS-Atletico Trivento; Civitanovese-San Nicol; Isernia-Olympia Agnonese; Renato Curi-Miglianico; Riccione-Vis Pesaro; Sambenedettese-Real Rimini; Santegidiese-Jesina; Teramo-Recanatese.

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Arzachena-Selargius; Astrea-Fidene; Atletico Boville-Salerno; Bacoli-Sora; Budoni-Anziolavinio; Civitavecchia-Palestrina; Cynthia-Marino; Monterotondo-Sant'Elia; Porto Torres-Pomigliano.

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Brindisi-Cristofaro; Campania-Turris; Gaeta-Casarano; Internapoli-Francavilla S.; Irsinese-Sarnese; Ischia-Casertana; Martina-Real Nocera; Nard-Fortis Trani; Viribus Unitis-Grottaglie.

PROSSIMO TURNO (12a) domenica 20 novembre, ore 14.30


Acri-Noto; Adrano-Hinterreggio; Battipagliese-Marsala; Cittanova-Acireale; Cosenza-Valle Grecanica; Licata-Messina; Nissa-Sambiase; Nuvla San Felice-Serre Alburni; Sant'Antonio Abate-Palazzolo.

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

27

SECONDA DIVISIONE
girone A
13a giornata
CASALE SAVONA 1 0 MANTOVA RIMINI
GIUDIZIO

0 1

girone B
15a giornata

NEAPOLIS LAQUILA

0 1

PERUGIA EBOLITANA

3 1

Il Casale scatta Avanza il Rimini Montichiari caos Degano, che tris


Il Casale tenta la fuga: la squadra di Buglio batte il Savona e stacca il Treviso, fermato in casa dal Lecco (unico pari della giornata) e agganciato dal Rimini, che ha vinto sul campo di un Mantova ancora contestato. Cade il Cuneo con un Renate che sbaglia un rigore dopo 2 (tira Cavalli, para Pascarella) e segna nel recupero. Il Montichiari perde e cambia allenatore: il neoazionista di maggioranza Francesco De Pasquale ha esonerato Ottoni e promosso Antonio Criniti (ex attaccante di Brescia, Cagliari e Palermo) dagli Allievi, affiancato da Rosin. Bene lAlessandria grazie al tris di Degano, mentre la societ ingaggia il centrocampista Giardina (ex Gela). TREVISO LECCO 0 0 RENATE CUNEO
GIUDIZIO

GIUDIZIO MARCATORE Iannini al 36 p.t. CASALE (4-3-3) Adornato 7,5; Garrone 6,5, Vignati 6,5, Gonnella 6,5, Naglieri 5; Agnesina 6,5 (dal 30 s.t. Silvestri 6), Capellupo 6,5, Iannini 7; Siega 6,5, Crocetti 6 (dal 39 s.t. Curcio s.v.), Rodriguez 6,5 (dal 46 s.t. Ciccomascolo s.v.). (Pomat, Lillo, Peluso, Francia). All. Buglio 6,5. SAVONA (4-1-4-1) Aresti 6,5; Praino 6,5, Marconi 6, Antonelli 6,5, Giorgione 6; Buglio 5,5; Demartis 7 (dal 36 s.t. Parodi s.v.), Mazzotti 5,5 (dal 29 s.t. Bottiglieri 6), Cazzamalli 6,5, Mezgour 6 (dal 29 s.t. Cattaneo 6); Rossi 5,5. (Maragna, Materazzo, Del Genio, Gelfusa). All. Corda 6. ARBITRO Mangialardi di Pistoia 5,5. NOTE spettatori 750 circa, inc. quasi 3.500 euro. Espulsi Marconi al 20, Naglieri al 21, il tecnico Corda al 41 e Bottiglieri al 44 s.t.; amm. Garrone, Capellupo, Vignati, Mezgour e Marconi. Angoli 5-7. (g.m.)

++++

++

MARCATORE Valeriani al 17 p.t. MANTOVA (4-3-3) Bellodi 6; Bertin 4 (dal 1 s.t. Ortobelli 6), Fonte 5, Zaninelli 6,5 (dal 18 s.t. Caruso 5,5), Bersi 6; Spinale 6, Burato 5 (dal 6 s.t. Del Sante 6), Dalla Bona 6; Colonetti 5,5, Nohman 4,5, Franchi 6. (Portesi, Caccavale, Pettarin, Cinque). All. Valigi 5,5. RIMINI (4-2-3-1) Scotti 6; De Luigi 6, Mastronicola 6, Rosini 5,5, Palazzi 6; Favero 6 (dal 34 s.t. Brighi s.v.), Cardinale 6; Spighi 7 (dal 15 s.t. Onescu 6), Valeriani 6,5, Baldazzi 6 (dal 39 s.t. Buonocunto s.v.); Gerbino Polo 6,5. (Semprini, Signorini, Ciccarelli, Zanigni). All. DAngelo 6. ARBITRO De Faveri di San Don di Piave 6. NOTE spettatori 2.000 circa, incasso di 14.463 euro. Ammoniti Zaninelli, Palazzi e Del Sante. Angoli 8-3. (m.b.)

LAquila vola via Ma il Perugia c Isola Liri in crisi E goleada Fondi


LAquila vince anche a Frattamaggiore e allunga: solo il Perugia tiene il passo, ma alle spalle di questa coppia s creato un piccolo divario. La Paganese ha riposato, mentre il Catanzaro ha infilato uno dei due pareggi della giornata (laltro arrivato nellattesa gara tra Vigor Lamezia e Giulianova) sul campo dellIsola Liri, che in crisi societaria: al termine della gara il presidente Augusto Pomi ha annunciato le sue dimissioni e questa mattina metter la societ nelle mani del sindaco. Sale bene il Chieti, che perdeva contro il Fano e poi ha vinto, mentre il Fondi vince con una goleada contro il Celano, e lAprilia fa un bel colpo sul difficile campo del Gavorrano. ISOLA LIRI CATANZARO
GIUDIZIO

GIUDIZIO MARCATORE Improta al 12' p.t. NEAPOLIS (4-4-2) Sollo 6; Oliva 5 (dal 1' s.t. De Falco 5,5), Terracciano 5, Esposito 5, Bianchi 5; Daleno 5,5 (dal 31' s.t. Barone 5), Monticelli 5,5, Marinucci Palermo 5,5, Moxedano 4,5 (dal 19' s.t. Varriale 5); Pastore 5,5, Pellecchia 5,5. (Ambrosio, Moscarino, Polverino, Bonanno). All. Castellucci 4,5. L'AQUILA (4-4-2) Testa 6; Simoncini 6,5, Garaffoni 6, Ruggiero 6,5, Blaiotta 6,5; Piccioni 6, Agnello 6 (dal 12' s.t. Campinoti 6), Capparella 7, Perfetti 6; Colussi 6, Improta 6,5 (dal 31' s.t. Pianese 6). All. Ianni 6,5. ARBITRO Fabbri di Ravenna 5. NOTE spettatori 800 circa, incasso di 2.873 euro. Ammoniti Monticelli, Agnello e Ruggiero. Angoli 4-5. (a.v.)

++

GIUDIZIO MARCATORI Clemente (P) al 28 e al 43 p.t.; Broso (E) al 2, Mocarelli (P) al 9 s.t. PERUGIA (4-2-3-1) Giordano 6,5; Anania 6,5, Cacioli 6,5, Russo 6,5, Pupeschi 6; Mocarelli 7 (dal 22 s.t. Benedetti 6), Borgese 6,5; Margarita 6 (dal 42 s.t. Luchini s.v.), Clemente 7,5 (dal 26 s.t. Bueno 6), Moscati 6; Tozzi Borsoi 6. (Despucches, Zanchi, Curti, Gucci). All. Battistini 7. EBOLITANA (4-3-2-1) Nicastro 6; Esposito 6,5, Astarita 6, Nigro 6, Gaveglia 6 (dal 42 s.t. Liguori s.v.); Colella 5,5 (dall11 s.t. Venneri 6), Toscano 6,5, Sekkoum 6,5; Izzo 5,5, Corsino 6 (dal 26 s.t. DAncona 6); Broso 6,5. (Zotti, Angi, Giudice, Perrino). All. Giacomarro 5,5. ARBITRO Giovani di Grosseto 6. NOTE spettatori 3.000 circa, incasso nc. Espulso Astarita al 9 s.t.; ammoniti Moscati, Corsino, Sekkoum e Venneri. Angoli 4-7. (a.m.)

++

1 0

ENTELLA VALENZANA

2 0

SAN MARINO MONTICHIARI

4 3

0 0

VIGOR LAMEZIA GIULIANOVA

1 1

CHIETI FANO
GIUDIZIO

2 1

ARZANESE NORMANNA

1 0

GIUDIZIO TREVISO (4-3-1-2) Sartorello s.v.; Cernuto 5, Di Girolamo 6,5, Biagini 6,5, Beccia 6; Bandiera 6, Giorico 7, Maracchi 6; Madiotto 6,5 (dal 36 s.t. Gallon s.v.); Ferretti 5, Perna 5 (dal 16 s.t. Torromino 6). (Zattin, Brunetti, Visintin, Stentardo, Malacarne). All. Zanin 5,5. LECCO (4-4-2) Durandi 6; Castelnuovo 5,5, Caforio 5, Ischia 6, Conti 6; Gatti 6,5, Mattaboni 7 (dal 25 s.t. Galli 5), Sciannam 6 (dal 35 s.t. Viviani s.v.), Rebecchi 5; Fabbro 5, Fall 5. (Perucchini, Tabbiani, Mainese, Padoin, Temelin). All. Pellegrino 6. ARBITRO Fogliano di Perugia 5. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso di 6.771 euro. Ammoniti Fabbro, Caforio e Gallon. Angoli 5-3. (g.p.z.)

++

+++

MARCATORE Adobati al 46 s.t. RENATE (4-3-3) Pisseri 7,5; Adobati 6,5, Cortinovis 5,5, Bergamini 5,5, Morotti 6; Gualdi 6 (dal 22 s.t. Mantovani 6), Cavalli 5,5, Mastrototaro 6; Battaglino 5,5, Capogna 5,5 (dal 36 s.t. Mazzini s.v.), Mangiarotti 6 (dal 36 s.t. Gaeta s.v.). (Lenzi, Ferrari, Cerea, Giangaspero). All. Magoni 6,5. CUNEO (4-2-3-1) Pascarella 6,5; Cintoi 5,5 (dal 14 s.t Donida 6), Carretto 5,5, Ferri 6, Passer 6; Lodi 6, Longhi 6; Di Quinzio 5,5 (dal 38 s.t. Gentile s.v.), Cristini 5,5, Garavelli 5,5 (dal 32 s.t. Sentinelli s.v.); Fantini 5,5. (Cammarota, Galfr, Person, Ingari). All. Rossi 6. ARBITRO Maresca di Napoli 5. NOTE spettatori 200 circa, incasso nc. Espulsi Carretto e il tecnico Rossi al 30 s.t., Ferri dopo il fischio finale; ammoniti Ferri, Cintoi, Capogna e Adobati. Angoli 4-7. (f.c.)

GIUDIZIO MARCATORI Rosso al 39 p.t.; Staiti al 7 s.t. ENTELLA (4-4-2) Paroni 6; Zampano 6,5, Villagatti 7, Bertoli 7, Talignani 6; Ciarci 6,5 (dal 26 s.t. Musso 6), Hamlili 6,5 (dal 26 s.t. Falcier 6), Volpe 6,5, Staiti 7; Rosso 6,5 (dal 14 s.t. Lenzoni 6), Lazzaro 5,5. (Otranto, Falcier, Russo, Serlini). All. Prina 6,5. VALENZANA (4-1-4-1) Serena 7; Forino 6, Della Maggiora 5, Lo Russo 5,5, Allegrini 6; Serao 5,5 (dal 24 s.t. Montanari 6); Pagan 6, Righini 6, Vailatti 5 (dal 10 s.t. Prandi 6), Capellini 5 (dal 10 s.t. Laezza 6); Miracoli 6. (Stillo, Crescente, Manfredi, Uggeri). All. Rossi 5,5. ARBITRO Spinelli di Terni 6,5. NOTE spettatori 350 circa, incasso di 2.151,47 euro. Ammoniti Serao, Villagatti e Hamlili. Angoli 9-1. (i.v.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Antonacci (M) al 6 p.t.; Pieri (SM) al 3, Murano (M) al 34, Poletti (SM) al 39, Lapadula (SM) al 42, Casolla (SM) al 47, Dimas (M) su rigore al 48 s.t. SAN MARINO (4-4-2) Vivan 6; Farina 5,5 (dal 1 s.t. Pieri 6,5), Del Duca 6, Fogacci 5,5, Crivello 5,5; Sorbera 6, Pigini 5 (1 s.t. Del Sole 6), Loiodice 6, Poletti 6,5; Lapadula 6,5, Villanova 5 (35 s.t. Casolla 6,5). (Migani, Ferrero, Scicchitano, De Santis). All. Petrone 7. MONTICHIARI (4-4-2) Polizzi 5; Verdi 6, Bettenzana 5,5, Antonacci 6, Filippini 5,5; Muchetti 6,5, Filiciotto 5, Del Padrone 5,5 (dal 26 s.t. Sogliuzzo 5), Saleri 5,5 (dal 26 s.t. Talato 5); Dimas 7, Murano 6,5 (dal 35 s.t. Florian s.v.). (Gambardella, Zambelli, Severgnini, Di Nardo). All. Ottoni 5,5. ARB. Rasia di Bassano 6,5. NOTE spettatori 200 circa, incasso nc. Ammoniti Saleri, Farina, Poletti, Dimas e Del Duca. Angoli 6-1. (g.b.)

+++

+++

ISOLA LIRI (4-4-2) Coletti 6,5; Paloni 6,5, Ferrara 6,5, Falco 7, Sperati 6,5; Morleo 6,5 (dal 50 s.t. Fiorini s.v.), Lucchese 7, Di Lullo 7, Ventura 6,5 (dal 18 s.t. Conte 6); Improta 6 (dal 22 s.t. Bianchini 6), Caira 6. (Mariosi, Tortosa, Basilico, Martena). All. Grossi 6,5. CATANZARO (3-4-3) Mengoni 6; Mariotti 6, Accursi 6,5, Papasidero 6; Romeo 6 (dal 18 s.t. Bruzzese 5), Maisto 6,5, Ulloa 6,5, Squillace 6 (dal 41 s.t. Mannone s.v.); Esposito 5, Bugatti 5 (dal 27 s.t. Gigliotti 5), Carboni 5. (Scerbo, Narducci, Corso, Maita). All. Cozza 6. ARBITRO Aloisi di Avezzano 6. NOTE spettatori 800 circa, incasso non comunicato. Espulso Gigliotti dopo il fischio finale; ammoniti Mariotti, Papasidero e Gigliotti. Angoli 5-5. (g.p.)

GIUDIZIO MARCATORI De Luca (VL) al 9 p.t.; Picone (G) al 29 s.t. VIGOR LAMEZIA (4-2-3-1) Forte 6; Rondinelli 6, Marchetti 6, Gattari 6,5, Bonasia 6; Giuffrida 6,5, Cerchia 6,5; Lattanzio 6,5 (dal 33 s.t. Romero s.v.), Catalano 6,5 (dal 31 s.t. Cane s.v.), Mancosu 6; De Luca 7. (Calderoni, Mercurio, Visone, Sbravati, Erbini). All. Costantino 6. GIULIANOVA (4-4-2) Merletti 6; Cavasinni 5,5, Terrenzio 5, Faragalli 6, Bruno 6; Della Penna 6, DAlessandro 6, Giustini 6 (dal 15 s.t. Valori 6), Bont 5 (dal 1 s.t. Rinaldi 6); Morga 6,5, Pirelli 6 (dal 22 s.t. Picone 6,5). (Sorrentino, Cecchetti, Khoris, Iachini). All. Di Giannatale 6 (De Patre squalificato). ARBITRO Giallanza di Catania 6. NOTE spettatori 1.200 circa, incasso di quasi 6.200 euro. Ammoniti Terrenzio, Cavasinni, Rinaldi e DAlessandro. Angoli 4-2. (f.c.)

+++

+++

MARCATORI Bartolini (F) al 13 p.t.; Lacarra (C) al 1, Anastasi (C) al 13 s.t. CHIETI (4-2-3-1) Feola 7,5; Bigoni 6,5, Pepe 6 (dal 46 p.t. Serpico 6), Migliorini 6, Malerba 6; Amadio 6 (dal 36 s.t. Cardinali s.v.), Del Pinto 6; Fiore 6,5, Sabbatini 6,5, Lacarra 6,5; Anastasi 7 (dal 21 s.t. Gammone 6). (DEttorre, Villa, Rossi, Berardino). All. Paolucci 7. FANO (4-4-2) Orlandi 6; Colombaretti 5,5, Mucciarelli 6, Cossu 5,5, Amaranti 5,5 (dal 3 s.t. Bartolucci 6); Piccoli 6,5, Ruscio 6, Capi 5,5 (dal 20 s.t. Muratori 6), Raparo 6; Bartolini 6,5 (dal 25 s.t. Morante 5,5), Marolda 6. (Beni, Sassaroli, Di Stefano, Tittarelli). All. Baldassarri 6. ARBITRO Roca di Foggia 6. NOTE spettatori 1.000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Raparo, Serpico, Mucciarelli e Cossu. Angoli 1-9. (g.let.)

GIUDIZIO MARCATORE autorete di Cataldo al 28 s.t. ARZANESE (4-4-2) Fiory 6; Nocerino 5,5, Salvati 6, Caso 6,5, M. Esposito 6; Improta 6,5, Tarascio 6,5 (dal 33 s.t. Castellano s.v.), Manzo 6,5, Gori 6 (dal 15 s.t. Perna 6); Carotenuto 6,5, Mascolo 6 (dal 39 s.t. Imparato s.v.). (Parisi, Tommasini, G. Esposito, Tenneriello). All. Fabiano 6,5. NORMANNA (4-4-2) Gragnaniello 6,5; Diana 6, Mattera 6, Castaldo 5,5, Letizia 6,5; Varsi 6 (dal 36 s.t. Piccirillo s.v.), Gatto 5,5, Marano 5,5 (dal 43 s.t. Zolfo s.v.), Grieco 6; Longobardi 5,5, Pisani 5,5. (Russo, Campanella, Varriale, Martucci, Sorrentino). All. Romaniello 6. ARBITRO La Penna di Roma 6. NOTE spettatori 700 circa, incasso non comunicato. Espulso Nocerino al 41 s.t.; ammoniti Improta, M. Esposito, Mattera, Varsi e Nocerino. Angoli 2-8. (g.ar.)

++

SANBONIFACESE SANTARCANGELO
GIUDIZIO

2 0

BORGO A BUGGIANO GIACOMENSE

2 0

BELLARIA PRO PATRIA

0 2

ALESSANDRIA POGGIBONSI

3 1

GAVORRANO APRILIA

0 1

MELFI CAMPOBASSO
GIUDIZIO

1 0

FONDI CELANO
GIUDIZIO

5 2

VIBONESE MILAZZO

1 0

++++

MARCATORE Brighenti al 44 p.t. e al 32 s.t. SAMBONIFACESE (4-4-2) Bonato 6,5; Caraceni 6,5, Dal Degan 7, Orfei 7, Viskovic 6; Finotto 6,5 (dal 21 s.t. Faccini 6,5), Tecchio 7, Manfredini 6, Marianeschi 6,5; Brighenti 7,5, Zanetti 7 (dal 35 s.t. Pisani 6). (Nardoni, Ruggeri, Ebhote, Boseggia, De Assis). All. Carnovelli 6,5. SANTARCANGELO (4-4-2) Bicchiarelli 6; Baldinini 6, Arrigoni 6, Gregorio 5,5, Fabbri 6; Bezzi 6, Bazzi 5,5 (dal 9 s.t. Gavoci 6), Del Pivo 5 (dal 17 s.t. Tonelli 5,5), Zavalloni 5; Scotto 6, Graziani 6. (Andreani, Bassoli, Bacchiocchi, Caidi, Schiavini). All. Angelini 5,5. ARBITRO Gallo di Barcellona Pozzo di Gotto 6,5. NOTE spettatori 400 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Bezzi, Marianeschi, Zavalloni, Tecchio, Brighenti, Scotto, Gregorio e Faccini. Angoli 4-6. (m.o.)

GIUDIZIO MARCATORI Stella al 9, Rocchi al 44 s.t. BORGO A BUGGIANO (4-4-2) Grandi 6; Tafi 6,5, Castaldo 6, Settepassi 6,5, Lorenzini 6; Di Martino 6,5 (dal 46 s.t. Mugelli s.v.), Gialdini 6, Maretti 6,5, Stella 7 (dal 35 s.t. Santini s.v.); Paganelli 6 (dal 21 s.t. Rocchi 7), Grassi 7. (Maccioni, Checchi, Re, Crociani). All. Nenci 6,5 (Colonnello squalificato). GIACOMENSE (3-5-2) Pavanello 5,5; Minardi 5,5, Scaioli 6, Parenti 6; Vagnati 5,5, Sirri 5,5 (dal 24 s.t. Lodi 5,5), Ortolan 5, Caciagli 6, Staffolani 5,5; Tabanelli 6,5 (dal 30 s.t. Dal Rio s.v.), Paci 5,5 (dal 26 s.t. Mandorlini s.v.). (Poluzzi, Gorini, Cenerini, Lamenza). All. Gadda 6. ARBITRO Pierro di Nola 6,5. NOTE spettatori 300 circa, incasso non comunicato. Espulso Ortolan al 2 s.t.; ammoniti Vagnati, Sirri, Grassi, Di Martino, Staffolani e Maretti. Angoli 5-2. (e.c.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Chiodini al 2' p.t.; Serafini su rigore al 20' s.t. BELLARIA (4-4-2) Venturi 6; Severi 5,5 (dal 35' s.t. Buda s.v.), Fantini 5, Bamonte 6, Sonzogni 5 (dal 14' s.t. Rossi 6); Mariani 5,5 (dal 14' s.t. Luppi 5,5), Forte 5,5, Briglia 5, Turchetta 5,5; De Cenco 5,5, Fioretti 5. (Renna, Rolandone, Scarponi, Alberani). All. Campedelli 5,5. PRO PATRIA (4-3-1-2) Andreoletti 6,5; Bonfanti 6, Nossa 6,5, Polverini 6, Pantano 6; Bruccini 6, Vignali 6,5 (dal 40' s.t. Artaria s.v.), Mora 6,5; Cortesi 6 (dal 47' s.t. Botturi s.v.); Serafini 6,5 (dal 42' s.t. Dalla Costa s.v.), Chiodini 6. (Vavassori, Gambaretti, Siano, Giannone). All. Cusatis 7. ARBITRO Pelagatti di Arezzo 6. NOTE spettatori 200 circa, incasso non comunicato. Espulso Chiodini al 5' s.t.; ammoniti Fantini, Mora e Serafini. Angoli 6-2. (a.p.)

+++

GIUDIZIO MARCATORI Degano (A) al 25 p.t.; Pera (P) al 29, Degano (A) al 32 e al 34 s.t. ALESSANDRIA (3-5-2) Servili 6; Viviani 6, Cammaroto 6, Ciancio 6; Negrini 6 (dal 37 s.t. Merolla s.v.), Segarelli 6, Motta 6,5, Degano 7 (dal 42 s.t. Fanucchi s.v.), Sabato 6,5; Pasino 6 (dal 22 s.t. Daino 6), Nassi 6. (Bucuroiu, Miceli, Ghinassi, Serginho). All. Sonzogni 6,5. POGGIBONSI (4-4-2) Sportiello 6; Cutrupi 5,5 (dal 14 s.t. Romanelli 6,5), Cirina 6, Dierna 6, Bronchi 6 (dal 38 s.t. Mugnaini s.v.); Boldrini 6, Giunchi 6, Moscarino 5,5, Zane 6 (dal 32 s.t. Settembrini s.v.); Falomi 5,5, Pera 6. (Gori, Malquori, Del Colle, Doveri). All. Fraschetti 6. ARBITRO Magnani di Frosinone 6. NOTE spettatori 1.500 circa, incasso di quasi 10.900 euro. Ammoniti Cammaroto, Degano, Cutrupi, Boldrini, Giunchi e Pera. Angoli 0-5. (n.p.)

+++

GIUDIZIO MARCATORE Buonaiuto al 34 p.t. GAVORRANO (4-3-1-2) Santandrea 5; Tognarelli 6, Miano 5,5, Dascoli 6, Menichetti 5,5; Nicoletti 5 (dal 7 s.t. Rosati 6,5), Galbiati 5, Manzo 5,5 (dal 27 s.t. Masini 5,5); Lo Sicco 6; Fioretti 6, Nocciolini 5,5 (dal 32 s.t. Pulina 6). (Addario, Alderotti, Sgambato, Germani). All. Pagliuca 5,5. APRILIA (4-4-2) Bifulco 6; Gomes 5,5, Diakite 7, Aquino 6, Crialese 5,5; Criaco 6 (dal 32 s.t. Siclari 6,5), Di Libero 6, Cruciani 6,5, Buonaiuto 7,5; Foderaro 6 (dal 15 s.t. Branicki 5), Calderini 6,5 (dal 32 s.t. Croce 6). (Castagnoro, Stankovic, Salese, Novene). All. Vivarini 7. ARBITRO Baldicchi di Citt di Castello 5,5. NOTE spettatori 180 circa, incasso di 1.152 euro. Espulsi il tecnico Pagliuca al 33 e Lo Sicco al 41 s.t.; ammoniti Manzo, Branicki e Gomes. Angoli 4-3. (a.f.)

+++

+++

++++

MARCATORE Ambrogetti all8 p.t. MELFI (4-3-3) Scuffia 6; Spirito 6, Gennari 6, Moretto 6, R. Russo 6; Scarsella 6,5, Giunta 6,5, Caprioli 6 (dal 6 s.t. Viola 6); G. Russo 6,5 (dal 30 s.t. Tirelli s.v.), Spagna 6, Ambrogetti 7. (Della Luna, Franchino, Fiorucci, Simeri, Lionetti). All. Rodolfi 6,5. CAMPOBASSO (4-3-3) Iuliano 6,5; Modica 6, Scudieri 6, Altobello 6, Esposito 6; Forgione 6 (dal 14 s.t. Cenciarelli 6), Quadri 5,5, Giannattasio 5,5 (dal 25 s.t. Cruz 5,5); Todino 6, Balistreri 5,5, DAnna 6. (Falcone, Fatticcioni, Masullo, Piano, Sivilla). All. Provenza 6. ARBITRO Colarossi di Roma 6. NOTE spettatori 500 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Modica, Spagna, Spirito e Tirelli. Angoli 4-5. (g.t.)

MARCATORI Barbetti (C) al 16, Bernasconi (F) su rigore al 45 p.t.; Bernasconi (F) al 6, Croce (C) su rigore al 17, Ricciardo (F) al 23, Vaccaro (F) al 40, Rossini (F) al 48 s.t. FONDI (4-3-1-2) Gasparri 7; Chiarini 5,5, Palumbo 5,5, Dionisio 6, Iovinella 6; Cucciniello 6,5 (dal 42 s.t. Rossini 7), Tamasi 5,5, Alleruzzo 6,5; Merlonghi 6 (dal 21 s.t. Vaccaro 7); Ricciardo 6,5 (dal 27 s.t. Passiatore 6), Bernasconi 7,5. (Mezzacapo, Gaudiano, Finocchiaro, Formuso). All. Parisella 6,5. CELANO (4-5-1) Liverani 6,5; Furno 6, Bagaglini 5,5, Bianciardi 6, DAngelo 5; Barbetti 6,5, Amadio 6,5 (dal 27 s.t. Visciglia 5,5), Sciamanna 6,5 (dal 30 p.t. Luzi 6), Marfia 6,5, Granaiola 6 (27 s.t. Dema 6); Croce 6,5. (Agostini, Bruno, Ciolli, Mascioli). All. Petrelli 6. ARB. DIasio di Matera 5,5. NOTE spettatori 300 circa, incasso nc. Espulsi Chiarini al 16 e Barbetti 30 s.t.; amm. Bagaglini, Chiarini, Alleruzzo, Granaiola, Visciglia e Liverani. Angoli 1-6. (a.s.)

GIUDIZIO MARCATORE Salvatori al 21 p.t. VIBONESE (4-1-4-1) De Filippis 6,5; Di Berardino 7, Salvatori 7, Caridi 6,5, DAgostino 6,5; Mercuri 6 (dal 29 s.t. Petrucci 6,5); De Francesco 6 (dal 23 s.t. Caraccio 6,5), Mazzetto 6,5, Corapi 7, Doukura 6,5; Puntoriere 7 (dal 41 s.t. Borghetto s.v.). (Sara, Oliva, Cosentino, Dominici). All. Ferrante-Viola 6,5. MILAZZO (4-4-2) Croce 6; Cucinotta 6 (dal 29 s.t. Scalzone s.v.), Benci 6 (dal 47 s.t. Spilabotte s.v.), Imparato 5, Llama 6 (dal 13 s.t. Mangiacasale 6,5); Urso 5,5, Fiore 6,5, Bucolo 6, Quintoni 6,5; Proietti 5,5, Malafronte 5,5. (Pergamena, Ingemi, Simonetti, Strumbo). All. Catalano 6. ARBITRO Caso di Verona 6. NOTE spettatori 400 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Llama, Fiore, Quintoni, Caridi, De Francesco, Mazzetto, DAgostino, Bucolo e Urso. Angoli 5-7. (mi.fa.)

+++

CLASSIFICA
SQUADRE CASALE TREVISO RIMINI CUNEO GIACOMENSE ENTELLA POGGIBONSI SAN MARINO RENATE PARTITE RETI G V N P F S 29 13 9 2 2 21 10 26 13 7 5 1 22 10 26 13 8 2 3 17 11 23 13 7 2 4 24 17 1 6 20 17 19 13 5 4 4 21 21 18 13 5 3 5 17 13 18 13 5 3 5 21 20 1 6 19 19 17 13 5 2 6 23 20 16 13 4 4 5 13 13 1 7 16 24 PT

RISULTATI
ALESSANDRIA-POGGIBONSI BELLARIA-PRO PATRIA BORGO A BUGGIANO-GIACOMENSE CASALE-SAVONA ENTELLA-VALENZANA MANTOVA-RIMINI RENATE-CUNEO SAMBONIFACESE-SANTARCANGELO SAN MARINO-MONTICHIARI TREVISO-LECCO 3-1 0-2 2-0 1-0 2-0 0-1 1-0 2-0 4-3 0-0

PROMOZIONI

CLASSIFICA
SQUADRE L'AQUILA PERUGIA CATANZARO PAGANESE GIULIANOVA CHIETI ARZANESE GAVORRANO APRILIA VIBONESE NEAPOLIS (1) FONDI NORMANNA (-1) ISOLA LIRI (-2) FANO (-5) MELFI (-4) MILAZZO EBOLITANA (-1) CELANO PARTITE RETI G V N P F S 30 15 8 6 1 17 6 29 14 9 2 3 22 13 27 14 7 6 1 20 11 1 15 10 26 14 7 5 2 18 10 23 15 7 2 6 15 15 21 14 6 3 5 21 18 21 14 5 6 3 18 18 20 15 5 5 5 22 20 19 14 5 4 5 17 14 15 14 3 6 5 16 19 15 15 2 9 4 16 20 15 14 4 3 7 14 18 15 14 4 4 6 8 14 14 14 4 4 6 16 15 12 14 5 2 7 15 16 12 14 4 4 6 14 16 12 15 2 6 7 10 15 12 14 3 4 7 8 13 5 15 1 2 12 12 35 PT

RISULTATI
ARZANESE-NORMANNA CHIETI-FANO FONDI-CELANO GAVORRANO-APRILIA ISOLA LIRI-CATANZARO MELFI-CAMPOBASSO NEAPOLIS-L'AQUILA PERUGIA-EBOLITANA VIBONESE-MILAZZO VIGOR LAMEZIA-GIULIANOVA ha riposato PAGANESE 1-0 2-1 5-2 0-1 0-0 1-0 0-1 3-1 1-0 1-1

RETROCESSIONI

Salgono in sei Quattro dirette e due i playoff


Con due soli gironi (fino alla stagione scorsa erano tre), cambia il meccanismo delle promozioni dalla Seconda alla Prima divisione, che devono sempre essere sei per pareggiare le retrocessioni. Salgono direttamente le prime due classificate dei rispettivi gironi, pi le due vincenti dei playoff. Questanno agli spareggi promozione sono ammessi terza, quarta, quinta e sesta: lo svolgimento il solito, con semifinali e finali (sempre con andata e ritorno).

Scendono in nove Sei dirette e tre nei playout


Dalla Seconda divisione scendono in Serie D le solite 9 squadre: direttamente le ultime tre dei due gironi (sei in totale), le altre tre dopo i nuovi playout. Agli spareggi salvezza partecipano quartultima e quintultima di ogni girone: nella prima sfida (andata e ritorno, solita formula) chi perde retrocede. Le due vincenti si affrontano per evitare lultima retrocessione: si sorteggia chi gioca in casa landata e dopo il ritorno in caso di parit si va ai rigori (regolamento come quello delle coppe europee).

SANTARCANGELO 19 13 6

VIGOR LAMEZIA 25 14 6 7

PROSSIMO TURNO
MERCOLEDI' 16 NOVEMBRE ORE 14.30 CUNEO-MANTOVA GIACOMENSE-TREVISO LECCO-RENATE MONTICHIARI-ALESSANDRIA POGGIBONSI-CASALE (ore 20.45) PRO PATRIA-RIMINI SAMBONIFACESE-ENTELLA SANTARCANGELO-BORGO A BUGGIANO SAVONA-BELLARIA VALENZANA-SAN MARINO

PROSSIMO TURNO
MERCOLEDI' 16 NOVEMBRE ORE 14.30 APRILIA-ARZANESE (a Fondi) CAMPOBASSO-PAGANESE CATANZARO-GAVORRANO EBOLITANA-ISOLA LIRI FANO-VIBONESE GIULIANOVA-CHIETI L'AQUILA-VIGOR LAMEZIA MELFI-NEAPOLIS MILAZZO-PERUGIA NORMANNA-FONDI riposa CELANO

MONTICHIARI (-1) 18 13 6

CAMPOBASSO (-2) 20 14 6 4 4 18 16

SAMBONIFACESE 16 13 5 BELLARIA SAVONA (-2) MANTOVA VALENZANA LECCO

BORGO BUGGIANO 15 13 4 3 6 16 18 15 13 4 3 6 12 19 14 12 4 4 4 12 13 14 13 3 5 5 13 20 10 13 2 4 7 13 21 8 13 1 5 7 11 24

MARCATORI
9 RETI Lapadula (San Marino). 7 RETI Taddei (Casale); Varricchio (Cuneo); Graziani (1, Santarcangelo); Ferretti (Treviso). 6 RETI Degano (1, Alessandria); Rosso (Entella); Falomi (1) e Pera (2, Poggibonsi); Serafini (3, Pro Patria); Brighenti (Sambonifacese).

ALESSANDRIA (-2) 13 12 4 3 5 15 18

MARCATORI
13 RETI Fioretti (4, Gavorrano). 12 RETI Clemente (3, Perugia). 9 RETI L. Orlando (1, Paganese). 8 RETI Balistreri (3, Campobasso). 7 RETI Carotenuto (3, Arzanese); Morga (2, Giulianova); Improta (1, L'Aquila).

PRO PATRIA (-13) 4 13 4 5 4 15 13


U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

U PROMOSSE U PLAYOFF U PLAYOUT U RETROCESSE

28

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

FORMULA 1 GP ABU DHABI

IL CAMPIONE NON RIMANEVA A SECCO DI PUNTI DAL 24 OTTOBRE 2010

Vettel: Fa male uscire subito Grande via poi ho perso lauto


Ho sentito la gomma posteriore destra andare gi. Colpa di un detrito?
DAL NOSTRO INVIATO

ABU DHABI

La cavalcata si interrotta: dopo oltre un anno, lultima volta era accaduto in Corea il 24 ottobre 2010, la casella dei punti nella classifica di Vettel rimasta vuota. Un fatto cos eclatante da spingere addirittura Ecclestone, ad accorrere al

box per rincuorare il due volte campione del mondo. Zero punti ma anche zero piloti sul podio per la Red Bull (non era ancora accaduto questanno) e addio al sogno per il pilota tedesco di eguagliare il numero di vittorie stagionali (13) stabilito da Schumi nel 2004.
Foratura La gara del tedesco

Dire che avrei vinto sicuramente esagerato: i miei rivali hanno tenuto un bel ritmo

durata pochissimi secondi, 500

metri in tutto, quelli che separano la linea di partenza dalla curva 2. Sono scattato bene, alla prima curva era tutto in ordine ha spiegato ma poi quando ho cominciato a impostare la seconda ho sentito qualcosa nella parte posteriore di destra. Ho dovuto riprendere bruscamente la macchina, poi lho ripersa una seconda volta e sono finito in testa coda. L mi sono

HANNO DETTO

d il Film
Quante emozioni in pista e fuori Ecclestone rincuora liridato
S
IL RE DI SPAGNA Berger fa lautista di Juan Carlos Tra i vip anche il re di Spagna Juan Carlos, accompagnato in griglia a bordo di una golf car da Gerhard Berger REUTERS
DAL NOSTRO INVIATO

Schumacher (Mercedes) Siamo riusciti a ottenere il massimo della nostra vettura. Ho perso equilibrio quando ho iniziato a lasciare per strada piccoli pezzi dauto

TESTACODA Massa, altra delusione il 49 giro quando Massa finisce in testacoda: il 4 posto svanisce IPP DA TV

PIT STOP RITARDATO Alla rossa non riesce limpresa Il secondo pit stop di Fernando Alonso, che per non riesce a tornare in pista davanti a Lewis Hamilton LAPRESSE

ANDREA CREMONESI ABU DHABI

S
Webber (Red Bull) Non sono riuscito a tenere il passo di Hamilton e Alonso. andata cos, pazienza. Ci rifaremo in Brasile

Ma non poteva finire cos lanno scorso? Chiss quanti se lo saranno chiesti ieri pomeriggio osservando ammirati Alonso tenere in apprensione lintero box della McLaren almeno fino al 43 giro, quando la Ferrari si dovuta fermare per la seconda e ultima volta. In quel momento il distacco da Hamilton, in testa alla gara sin dalle prime battute, era di soli due secondi e se Fernando non avesse dovuto accodarsi alla Hrt di Ricciardo nelle ultime due curve prima di imboccare la corsia box, forse si sarebbe potuto anche pensare a un clamoroso scambio di posizione. Ma non sarebbe bastato per vincere, ha poi ammes-

Colpo di scena
Seb va fuori Vince Hamilton Alonso 2 da applausi
Il campione tradito da una gomma La Ferrari scaccia lincubo del 2010
dere troppo terreno nei confronti di Hamilton e il distacco tra i due non ha mai superato i 5"6. Alonso ieri sarebbe salito dunque sul podio magari solo un gradino pi sotto anche senza il pi grosso colpo di scena della gara e forse dellintera stagione: il primo ritiro di Sebastian Vettel dal GP di Corea di un anno fa (24 ottobre). La gara del tedesco durata appena 500 metri, il tempo di partire alla grande davanti a tutti e di sentire qualcosa di strano al posteriore, sul lato destro della Red Bull: una foratura. Quando lha intuito non cera comunque pi nulla da fare: dopo un testa coda, Vettel ha provato a tornare ai box ma ormai la sospensione posteriore era danneggiata. E cos a Sebastian, consolato addirittura da Bernie Ecclestone, non rimasto altro da fare che assistere dai box al duello a distanza tra Hamilton, ben deciso a cancellare le recenti polemiche con una gara magistrale, e Fernando, al quale nel dopo gara Lewis ha riservato parole dolci: Sono contento di aver battuto uno dei piloti pi forti del mondo. Un riavvicinamento tra i due che anche il segnale del nuovo approccio con il quale linglese vuole affrontare dora in poi i GP.
Podio Per la Red Bull stata una gara doppiamente amara perch perso Vettel, Webber ancora una volta non stato in grado di sostituirlo: laustraliano ha subito perso contatto con i leader e la sua gara stata definitivamente rovinata da una prima sosta disastrosa (9"4) causata da un dado capriccioso. A quel punto Webber ha cambiato strategia, passando da 2 a 3 soste, tirando come un forsennato (suo il giro pi veloce) prima di fermar-

S
Sutil (Force India) Lottavo posto un grande risultato per il team, era quello che ci voleva. Ci pone in una posizione di forza in vista dellultimo gran premio

Il disastro Red Bull completato dal pasticcio durante la prima sosta di Webber Felipe corre unaltra gara incolore, prendendo 42" dal compagno
so lo spagnolo. Perch quando si trattato di concludere il GP con le gomme di mescola media, sono tornati puntuali i problemi di aderenza: Alonso ha perso terreno chiudendo a 8"4 dal vincitore. Fosse successo appunto un anno fa, questanno si sarebbe ripresentato qui con il numero 1 sulla macchina.
Assalto Ma al di l di

si allultimo giro per montare le medie. bastato solo per recuperare una posizione su Massa ma non su Button, che nella prima parte della gara rimasto senza il kers. Cos per la prima volta questanno sul podio di un GP non cera neppure un pilota Red Bull.
Crisi Per Massa si trattato di

queste considerazioni, resta la gara gagliarda di Alonso che ha attaccato, come aveva promesso, sin dal via, passando Webber alla prima curva e Button allottava. Quindi ha cercato di non per-

Lewis Hamilton taglia il traguardo del GP di Abu Dhabi, 3 vittoria dellanno. Sopra, la gioia nellabitacolo e, a sinistra, sul musetto della McLaren COLOMBO, XPB.CC, AP

un altro gran premio incolore: esagerato il distacco (42") da Alonso, anche se in parte giustificato dalla necessit di usare la vecchia ala anteriore che gli ha sottratto carico aerodinamico. Un guaio che si ingigantito quando Felipe ha montato le gomme di mescola media. A questo punto non resta che sperare che laria di casa possa fare bene al brasiliano, visto che lappuntamento finale di questo interminabile campionato fissato nella sua Interlagos.
RIPRODUZIONE RISERVATA

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

29

reso conto che avevo perso troppa pressione nella posteriore destra.
Detrito I tecnici Pirelli hanno escluso che la posteriore destra abbia subto un cedimento strutturale. stato un incidente inusuale ha ammesso Paul Hembery, responsabile della Motorsport al punto che con Sebastian siamo stati sul po-

sto. La gomma alla fine era cos danneggiata che sar difficile individuare la causa della foratura ma la tesi privilegiata quella di un detrito. Vettel non ha escluso in un primo momento di essere salito sul cordolo, ma a scagionarlo ci ha pensato Hamilton: Da quello che ho visto, direi di no, ho visto la gomma sgonfiarsi. Per me si trattato di una foratura.

In alto da sinistra: il testacoda alla seconda curva di Sebastian Vettel; la gomma posteriore destra stallonata; la perdita del pneumatico; il ritiro al box per la rottura del mozzo IPP DA TV, REUTERS, LAPRESSE, 4PRESS

Ritiro Vettel riuscito a tornare ai box. Ma ormai si era danneggiata anche la sospensione (e la presa dei freni: n.d.r.) per cui non ho potuto fare altro che ritirarmi, ha aggiunto Sebastian che ha assistito al resto della gara dal muretto dei box. Diciamo che ho imparato qualcosa. C il rammarico per aver perso loccasione di fare una bella gara anche se dire che avrei

senzaltro vinto mi sembra esagerato perch Hamilton e Alonso hanno tenuto un bel ritmo. Fa male perdere una gara cos, appena allinizio. Ma non potevo fare molto di pi. In serata Vettel si consolato assistendo in prima fila al concerto di Paul McCartney, allHotel Yas Marina.
a.cr.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I NUMERI

4
10

DAL NOSTRO INVIATO

ALESSIA CRUCIANI ABU DHABI

LABBRACCIO Bernie consola il tedesco Il boss della F.1 Bernie Ecclestone consola Vettel, fresco reduce dal ritiro 4PRESS

Podi 2011 di Alonso Sono frutto di una vittoria, 5 secondi e 4 terzi posti. Meglio solo Vettel con 16 podi e Button con 11. Webber resta a 9 e Hamilton sale a 6. Un podio anche per Petrov e Heidfeld

La bacheca dei trofei di Fernando Alonso ora completa. Lo spagnolo riuscito nella carriera a piazzarsi almeno una volta sul podio in tutti i circuiti dove ha corso. Gli mancava solo Abu Dhabi e col secondo posto di ieri ha chiuso i conti, conquistando la sua 73a coppa. Ma che peccato che un pilota cos bravo non sia riuscito questanno a togliersi soddisfazioni pi grandi. Ad Abu Dhabi, in questo weekend, Fernando ha incontrato stelle di ogni categoria: dallex Beatles Paul McCartney, al fenomeno Ronaldo, al divo di Hollywood Adrian Brody.
Voglia Un Olimpo di talenti in

Fernando onesto Non avrei potuto battere la McLaren


Ho corso dallinizio alla fine come fossi in qualifica Ma attaccare Lewis con le gomme dure era difficile
IN CINA

Ritiro 2011 di Seb Questanno Vettel, nelle 17 gare prima di ieri, si era sempre classificato nelle prime 4 posizioni

cui c posto anche per Alonso. Che ha fretta di tornarci: Tra due settimane si va in Brasile e onestamente non vedo lora di correre quella gara e iniziare a concentrarmi solo sul 2012. Ho una gran voglia di fare mol-

A Maranello il titolo costruttori della Le Mans


A Zhuhai (Cina), la Ferrari ha vinto il titolo costruttori (classe Gte Pro) dellIntercontinental Le Mans Cup. La Scuderia Af Corse ha conquistato anche il titolo riservato ai team. Nella 6 Ore di Zhuhai, Fisichella Bruni hanno chiuso al 5 posto con la 458 Italia. Vincitori assoluti Bourdais Davidson su Peugeot 908.

Vittorie di Lewis Hamilton al 17 successo in F.1: 4 nel 2007, 5 nel 2008, 2 nel 2009, 3 nel 2010 e 3 nel 2011 (g.cor.)

17

Non ho pensato a un anno fa. Bello aver conquistato il solo trofeo che mi mancava
FERNANDO ALONSO Pilota Ferrari

to meglio di questanno. Sono supermotivato.


Partenza Ad Abu Dhabi, in effetti, fin dal via si vista una Ferrari pimpante che lascia ben sperare per il futuro. Eppure Alonso fa quasi autocritica su una partenza apparsa in realt ottima: Ne ho fatte di migliori questanno. Ho perso un po di tempo dietro a Button, che era proprio davanti a me in griglia. Ho dovuto frenare forte e rischiare per passare Webber, unaltra posizione lho guadagnata col ritiro di

Vettel e poi mi sono ritrovato secondo sfruttando la scia di Jenson. Ho corso tutta la gara come se stessi facendo un giro da qualifica dietro laltro cercando di mettere pressione ad Hamilton. Ma ogni volta che guadagnavo un decimo, lo riperdevo al giro dopo.
Analisi La strategia di postici-

pare il secondo pit stop rispetto alla sosta di Hamilton per montare le gomme pi dure, quelle meno amiche della Ferrari, si stava rivelando quella giusta. Ma lo spagnolo ha spie-

gato con onest che la vittoria non era cos a portata di mano: Nellingresso della pit lane mi sono trovato davanti una Hrt che andava molto lenta. A quel punto, viste le nostre difficolt con le gomme pi dure, non ce lavrei fatta a competere con Lewis per gli ultimi 15 giri. Battere le McLaren qui era estremamente difficile.
Rimpianti Nessun pensiero, infine, al finale amaro di un anno fa, quando chiuse settimo mentre gli bastava un quarto

La gioia di Fernando Alonso, 30 anni, per il 2 posto. Abu Dhabi era la sola gara dove non era mai salito sul podio in carriera
COLOMBO

posto per vincere il Mondiale: Non ci ho pi pensato. Lunico pensiero che sono felice per aver conquistato lunico trofeo che mi mancava.
Tafazzi Posizione condivisa da

Stefano Domenicali, anche dopo aver visto il lungo di Vitaly Petrov, che un anno fa tenne dietro Alonso fino alla fine. Inutile piangersi addosso ha precisato il responsabile del team , altrimenti facciamo come Tafazzi che se la tirava da solo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

GP2

IL BRASILIANO SE A INTERLAGOS NON SALE SUL PODIO EGUAGLIA CAPELLI NEL 92

Linglese Calado trionfa a sorpresa Ceccon sesto


(ro.chi) Linglese James Calado ha vinto a sorpresa ad Abu Dhabi lultima gara 2011 della GP2. Dopo essere scattato dalla pole, Calado ha mantenuto il comando fino al traguardo, resistendo agli assalti finali dello svedese Marcus Ericsson. Buon terzo posto per il francese Tom Dillmann, che ha preceduto Palmer e Gutierrez. Il nostro Kevin Ceccon ha avuto una partenza molto lenta dalla seconda fila, finito 11 ma poi riuscito a rimontare fino al 6 posto finale. Undicesimo Fabio Onidi, 23 Giacomo Ricci.

lospite vip

Massa: Colpa dellala vecchia


Ma perch della nuova non hanno funzionato solo i miei 2 esemplari?
ABU DHABI

Briefing Alonso-Massa COLOMBO

Una spinta dai tifosi brasiliani. E quello in cui spera Felipe Massa, che tra due settimane correr lultimo GP dellanno nella sua Interlagos. Il ferrarista in cerca di una bella prestazione dato che sta per diventare lunico pilota di Maranello a non salire mai sul podio in un campionato dal 1992 (Ivan Capelli). Ieri ha chiuso con un 5 posto che non soddisfa, condito da un testacoda che gli ha forse fatto perdere la possibilit di finire 4 davanti a Webber. Mi ha condizionato il ritorno alla vecchia ala anteriore (riavr la nuova in Brasile;

n.d.r.), avevo meno carico aerodinamico. Ma il peggio arrivato con le gomme dure. La macchina era inguidabile, avevo tanto sovrasterzo. Ho fatto il testacoda per quello.
Risposte In difesa di Massa

sceso il responsabile del team Stefano Domenicali: Webber lo avrebbe passato comunque, aveva una strategia pi aggressiva. Massa, intanto, avrebbe bisogno di una risposta: Il difetto di assemblaggio dei materiali per la nuova ala anteriore si verificato solo con i miei due esemplari. Ne ha funzionato solo una, quella di Fernando. Devo capire perch.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Un Ronaldo rotondetto scherza ai box della rossa


Lex Fenomeno Ronaldo, visibilmente in sovrappeso, era a Yas Marina. Al box Ferrari ha incontrato Alonso e abbracciato Massa. Il mondo del calcio era rappresentato anche da Mancini e Rio Ferdinand COLOMBO

30

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

FORMULA 1 GP ABU DHABI


Il calendario: ultima corsa tra due settimane in Brasile
AUSTRALIA 1. VETTEL MALESIA 1. VETTEL CINA 1. HAMILTON TURCHIA 1. VETTEL SPAGNA 1. VETTEL MONACO 1.VETTEL CANADA 1. BUTTON EUROPA 1. VETTEL GRAN BRETAGNA 1. ALONSO GERMANIA 1. HAMILTON UNGHERIA 1. BUTTON BELGIO 1. VETTEL ITALIA 1. VETTEL SINGAPORE 1. VETTEL GIAPPONE 1. BUTTON COREA DEL SUD 1. VETTEL INDIA 1. VETTEL ABU DHABI 1. HAMILTON 27 NOVEMBRE BRASILE SAN PAOLO

Red Bull, lorologio sinceppa


Vettel k.o. dopo 500 metri, Webber rallentato dai box: niente podio per la prima volta nel 2011
le Pagelle
di ANDREA CREMONESI

numeri
PIT STOP

Un po di fortuna ma perfetto

Mark il solo a fare 3 soste

h 10

10 Fernando Alonso
Si sbarazza subito di Webber e Button, poi tiene sotto pressione il leader Hamilton almeno sino a quando monta le gomme di mescola media AFP

8 Jenson Button
Un podio conquistato con i denti perch in gara il kers fa i capricci: si difende come pu, cio bene, sia con Webber sia con Massa. La domenica sempre concreto EPA

5 Mark Webber
Finale con il coltello tra i denti: suo il giro pi veloce. La disastrosa prima sosta gli condiziona la gara, ma ci arriva con 12" di svantaggio su Hamilton. Troppi LAPRESSE

Pilota per pilota, i pit stop effettuati ieri ad Abu Dhabi. S=soft; M=media; U=usata; N=nuova; DT=drive through. Tra parentesi il giro in cui stata effettuata la sosta.
LEWIS HAMILTON SU SU (16) MN (40) FERNANDO ALONSO SU SU (16) MN (43) JENSON BUTTON SU SU (16) MN (36) MARK WEBBER SU SU (17) SU (35) MN (54) FELIPE MASSA SU SU (15) MN (40) NICO ROSBERG SU SN (16) MN (48) MICHAEL SCHUMACHER SU SU (16) MN (42) ADRIAN SUTIL SU SU (16) MN (36) PAUL DI RESTA MN SN (27) KAMUI KOBAYASHI MU SU (5) SN (33) SERGIO PEREZ SU MU (2) SU (27) RUBENS BARRICHELLO MN SN (18) SN (34) VITALY PETROV SU MN (18) SN (38) PASTOR MALDONADO MN SN (25) DT (30) JAIME ALGUERSUARI SU MN (15) SN (34) BRUNO SENNA MN SU (1) SU (20) DT (36) HEIKKI KOVALAINEN SN SN (16) MN (39) JARNO TRULLI SN SN (17) MN (42) TIMO GLOCK SN SU (25) MN (44) VITANTONIO LIUZZI SN MN (24) DANIEL RICCIARDO SN SU (18) MN (41) SEBASTIEN BUEMI SN JEROME DAMBROSIO SN SEBASTIAN VETTEL SU

Lewis Hamilton
La sorte, sotto forma di foratura, gli fa un bel regalo, mandando k.o. il candidato numero 1 al successo (Vettel). Ma Lewis compie sino in fondo la missione che si era prefissato in questa trasferta mediorientale: andare il pi veloce possibile e non sbagliare niente. Cos stato: sabato pomeriggio ha perso la pole ma ha avuto la platonica soddisfazione di essere autore del miglior tempo sul giro (Q2), poi in gara ha tenuto botta a un Alonso, altrettanto scatenato, a suon di giri veloci. Lontano dai guai e sul gradino pi alto del podio. Da libro cuore la dedica della vittoria fatta alla mamma che era qui e venerd aveva festeggiato il compleanno
INFOPHOTO

5 Felipe Massa
I 42" di distacco da Alonso sono solo imputabili allala vecchia? E quel testacoda nel finale? Ora si va in Brasile, speriamo di rivedere il vecchio Felipe almeno l COLOMBO

4 Pastor Maldonado
Punito per non aver rispettato le bandiere blu, rischia di finire contro il muro sotto il tunnel in uscita dai box e poi addosso a Webber LAPRESSE

s.v. Sebastian Vettel


La sua gara dura 500 metri per una foratura alla gomma posteriore. Ma questo non cancella limpresa di sabato, dove ha ottenuto la pole con gomme usate! CANONIERO

7
Sutil
Per il tedesco della Force India, unaltra prestazione concreta: se Kimi Raikkonen non firma, pu essere lui il futuro della Williams
PHOTO 4

7
Di Resta
Fa una sola sosta e quindi deve stringere i denti con le gomme degradate nel finale degli stint. Premiato sul traguardo con 2 punti
AFP

6,5
Rosberg
Sceglie una strategia fantasiosa (monta le medie a 7 giri dal traguardo), ma alla fine non riesce nellobiettivo di passare Massa
REUTERS

6,5
Schumacher
Soffre per tutto il fine settimana la mancanza di velocit in rettilineo. Soprattutto per questo motivo, il settimo posto finale pi che buono
REUTERS

6,5
Kobayashi
Cambia le dure con le morbide dopo 5 giri, finisce nei bassifondi e rimonta caparbio. Dopo sette gare allasciutto, ritorna a punti
ANSA

5
Red Bull
Anche gli orologi perfetti sinceppano: il box pasticcia con Webber e per la prima volta questanno nessuno dei due piloti va sul podio IPP DA TV

gara
ARRIVO
POS PILOTA 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 11. HAMILTON ALONSO BUTTON WEBBER MASSA ROSBERG SCHUMACHER SUTIL DI RESTA PEREZ NAZ SCUDERIA TEMPO/DISTACCO (PIT STOP) GB McLaren-Mercedes in 1h3711"886 (2) media 188,494 km/h a 8"457 (2) a 25"881 (2) a 35"784 (3) a 50"578 (2) a 52"317 (2) a 115"964 (2) a 117"122 (2) a 141"087 (1) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (2) a 1 giro (3) a 1 giro (2) a 2 giri (2) a 2 giri (2) a 2 giri (2) GB McLaren-Mercedes AUS Red Bull-Renault BRA Ferrari GER Mercedes GER Mercedes GER Force India-Mercedes GB Force India-Mercedes GIA Sauber-Ferrari MES Sauber-Ferrari BRA Williams-Cosworth RUS Renault VEN Williams-Cosworth SPA Toro Rosso-Ferrari BRA Renault FIN Lotus-Renault ITA Lotus-Renault GER Virgin-Cosworth ITA HRT-Cosworth

classifiche
GENERALE
PILOTI POS NOME NAZ PUNTI AUS MAL CIN 374 25 25 18 1. VETTEL (campione) GER 2. BUTTON GB 255 8 18 12 245 3. ALONSO SPA 12 8 6 233 4. WEBBER AUS 10 12 15 227 5. HAMILTON GB 18 4 25 108 6. MASSA BRA 6 10 8 7. ROSBERG GER 83 10 8. SCHUMACHER GER 76 2 4 36 9. PETROV RUS 15 2 10. HEIDFELD GER 34 15 34 11. SUTIL GER 2 28 12. KOBAYASHI GIA 6 1 26 13. ALGUERSUARI SPA 14. DI RESTA GB 23 1 1 15 15. BUEMI SVI 4 14 16. PEREZ MES 17. BARRICHELLO BRA 4 2 18. SENNA BRA 1 19. MALDONADO VEN 20. DE LA ROSA SPA 0 0 21. TRULLI ITA 22. KOVALAINEN FIN 0 0 23. LIUZZI ITA 0 24. DAMBROSIO BEL 0 25. GLOCK GER 26. KARTHIKEYAN IND 0 27. RICCIARDO AUS 0 0 28. CHANDHOK IND COSTRUTTORI 37 33 1. RED BULL (campione) 607 35 2. MCLAREN 482 26 22 37 353 18 18 14 3. FERRARI 159 2 14 4. MERCEDES 5. RENAULT 72 15 15 2 57 3 1 6. FORCE INDIA 7. SAUBER 42 6 1 41 4 8. TORO ROSSO 5 9. WILLIAMS 10. LOTUS 0; 11. HRT 0; 12. VIRGIN 0 TUR SPA MON CAN EUR 25 25 25 18 25 8 15 15 25 8 15 10 18 18 18 12 12 15 15 12 18 8 12 8 10 10 6 6 8 12 4 10 6 4 4 1 6 2 1 1 10 6 4 4 2 1 1 2 2 2 43 20 15 10 10 1 2 37 33 10 14 4 3 37 23 18 4 6 10 1 2 33 25 8 12 10 6 5 2 40 20 28 6 1 2 4 GB 18 25 15 12 10 8 2 4 1 6 33 12 35 10 4 6 1 GER UNG BEL 12 18 25 25 15 18 15 12 15 10 18 25 12 10 8 4 6 2 8 4 10 1 2 8 6 2 1 6 4 1 27 25 28 10 1 8 2 28 37 23 2 6 5 43 15 16 18 2 6 1 ITA 25 18 15 12 8 10 6 4 1 2 25 30 23 10 2 4 7 SIN 25 18 12 15 10 2 6 4 8 1 40 28 14 6 12 1 GIA 15 25 18 12 10 6 1 8 2 4 27 35 24 9 2 4 COR IND ABU 25 25 12 15 18 10 18 15 15 12 12 18 25 6 8 10 4 8 8 6 10 4 2 1 6 4 1 2 2 1 40 30 18 4 1 8 37 24 15 18 2 1 4 12 40 28 14 6 1 -

GIRI VELOCI

Laustraliano va sotto l143"

SPA Ferrari

10. KOBAYASHI 12. BARRICHELLO 13. PETROV 14. MALDONADO 15. ALGUERSUARI 16. SENNA 17. KOVALAINEN 18. TRULLI 19. GLOCK 20. LIUZZI

Mark Webber, 35 anni REUTERS


1. Mark Webber 142"612 (51) 2. Jenson Button 143"154 (51) 3. Lewis Hamilton 143"461 (51) 4. Kamui Kobayashi 143"521 (47) 5. Vitaly Petrov 143"673 (52) 6. Fernando Alonso 143"914 (41) 7. Nico Rosberg 143"993 (55) 8. Jaime Alguersuari 144"093 (47) 9. Paul Di Resta 144"120 (49) 10. Felipe Massa 144"288 (51) 11. Rubens Barrichello 144"438 (50) 12. Sergio Perez 144"566 (41) 13. Pastor Maldonado 144"628 (52) 14. Adrian Sutil 144"709 (53) 15. Michael Schumacher 144"916 (48) 16. Bruno Senna 146"150 (32) 17. Heikki Kovalainen 146"610 (50) 18. Sebastien Buemi 147"094 (17) 19. Jarno Trulli 147"444 (36) 20. Timo Glock 148"085 (42) 21. Daniel Ricciardo 148"274 (35) 22. Vitantonio Liuzzi 149"242 (52) 23. Jerome DAmbrosio 151"196 (16)

RITIRATI: al 1 giro VETTEL (GER/Red Bull-Renault) rottura mozzo; al 19 DAMBROSIO (BEL/Virgin-Cosworth) freni; al 20 BUEMI (SVI/Toro Rosso-Ferrari) perdita idraulica; al 49 RICCIARDO (AUS/HRT-COSWORTH) problema elettrico. DISTANZA: 55 giri per 305,355 km GIRO PI VELOCE: il 51 di Webber in 142"612, media 194,854 km/h LEADER DELLA CORSA: dal 1 al 16 Hamilton; il 17 Webber; dal 18 al 40 Hamilton; dal 41 al 43 Alonso; dal 44 al traguardo Hamilton. DRIVE THROUGH: a Maldonado e Senna per non aver rispettato le bandiere blu.

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

31

FORMULA 1 GP ABU DHABI

Lewis: Una delle vittorie pi belle della mia vita


Hamilton: Fantastico avere qui la mamma e dedicarle il trionfo Non ho fatto errori e ho tenuto dietro Alonso, uno dei piloti pi grandi
DAL NOSTRO INVIATO

ALTI E BASSI

4
S

Taccuino
VIDEO SU GAZZETTA.IT

Muore pilota 22enne


Tragedia allultimo giro della penultima finale della Copa de Oro della Turismo Carretera argentina a Balcarce. Il 22enne Guido Fala schi (Ford Falcon) morto dopo es sere uscito di pista in seguito aller rore di un doppiato. stato investi to al rientro sul tracciato da due au to che seguivano. Su gazzetta.it il video dellincidente.

Il 2011 stato un anno di alti e bassi per Hamilton PERLA CINESE In Cina trionfa davanti a Vettel e Webber, nonostante la sua McLaren fosse nettamente inferiore alle Red Bull

ALESSIA CRUCIANI ABU DHABI

reo adesso e sorrider per tutto il volo.


Ha definito difficili gli ultimi mesi. Questo successo le restituir un po di serenit?

buon passo. E cos, ogni volta che si avvicinava, riuscivo poi a ristabilire le distanze.
Avrebbe vinto lo stesso senza il ritiro di Vettel?

la bottiglia Una bella doccia con sciroppo di rose


Niente champagne sul podio di Abu Dhabi, in rispetto della legge islamica che vieta lalcool. Lewis Hamilton e gli altri piloti hanno brindato con lo sciroppo di rose, estratto dai petali di rosa AFP

DOPO LA CADUTA

Walker in ripresa
Sta molto meglio Kade Walker, il 14enne pilota canadese caduto sabato durante le libere del la 3 tappa dellEuropeo SXR allEic ma. Anche ieri, con il collo bloccato da un collare, ha incontrato la zia Lidia e i membri della squadra, par la e si sente meglio. Oggi lascer il reparto di rianimazione del Niguar da per essere spostato in reparto, dove rester fino a fine settimana.

Un abbraccio lungo, tenero e commosso. Dopo essersi sentita dedicare via radio la vittoria per il compleanno, la mamma di Lewis Hamilton ha aspettato che il figlio tornasse nellhospitality McLaren. E l, mentre il pilota passava dalla maglia grigio-argento a quella arancione tipica dei trionfi, i due si sono abbracciati forte, rimanendo stretti stretti per un lungo momento. E pensare che proprio pochi giorni fa Lewis sembrava quasi invidiare il suo compagno Button (ieri terzo alle spalle di Alonso) per quella serenit, frutto di una bolla di affetti che Jenson si porta sempre dietro alle gare. stato fantastico avere qui mia madre. Credo di averle regalato una delle pi belle vittorie della mia vita.
Come mai tanto entusiasmo?

E ancora presto per dirlo, ma incoraggiante. Non mi dispiacerebbe fare una bella gara anche in Brasile.
Che effetto le ha fatto vedere Vettel fuori alla prima curva?

Per prima cosa ho cercato di

Ho visto subito che Vettel aveva un problema. Ogni tanto la ruota gira
LEWIS HAMILTON PILOTA MCLAREN-MERCEDES

Non lo so. Era partito bene ma noi siamo stati competitivi per tutto il weekend e quindi gli sarei stato vicino. La ruota gira e non ricordo lultima volta in cui Sebastian era stato sfortunato.
Button Non ha avuto gran-

S
MONACO BOLLENTE Lewis viene sanzionato pi volte durante il weekend del GP Monaco. Dopo la gara si sfoga contro i commissari: una barzelletta, sar perch sono nero...

RIDEFORLIFE

Dovi e Monni o.k.


(m.z.) Andrea Dovizioso (Honda) e Manuel Monni (Honda) sono stati i protagonisti della se conda edizione di RideForLife, ga ra benefica organizzata a Faenza per i piloti infortunati. Davanti a 4 mila spettatori, Dovizioso si impo sto nella categoria velocisti, Monni ha invece vinto tra i fuoristradisti.

Perch sono molto soddisfatto della mia prestazione personale. Non ho fatto il minimo errore, la strategia ha funzionato alla perfezione e sono riuscito a tenere dietro Alonso, uno dei migliori piloti al mondo. Tornare al successo fantastico. Penso che salter sullae-

evitarlo. Mi ero subito accorto che aveva un problema con la gomma. Poi non ho avuto tempo per pensare a lui, visto che dovevo tenere dietro piloti molto veloci.
Ha mantenuto un distacco sempre costante da Alonso, che le metteva pressione.

Di solito io non sono abilissimo in questo. Stavolta invece lho controllato bene, avevo un

de fortuna nemmeno Button, che si ritrovato con il kers k.o. dopo pochi giri. Non stato facile difendermi dagli attacchi di Webber e Massa. A met gara il kers tornato in funzione soltanto per un paio di giri. Il terzo posto un bel risultato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

S
SCINTILLE CON MASSA Prima a Singapore, poi in Giappone, infine in India: tre contatti in pista tra Lewis e Massa hanno scatenato una polemica infinita tra i due. Il brasiliano: Continua a non usare la testa

STASERA SU RAI SPORT 2

Nuvolari inedito
Tazio Nuvolari e Alessandro Nannini stasera sono i protagonisti di Dedicato a..., nuova rubrica di Rai Sport 2 curata da Auro Bulba relli. Alle 22.30, Ezio Zermiani e Gianni Cancellieri racconteranno i due grandi piloti italiani. Tra le chic che, alcune inedite immagini a colo ri di Nuvolari degli Anni Trenta.

RALLY MONDIALE IN GALLES

Loeb, frontale con un tifoso Seb si ritira, vince Latvala


Liridato fermato da un incredibile incidente durante il trasferimento Ostberg secondo
GUIDO RANCATI

re "dalla parte sbagliata" e cos, distinto, s buttato sulla destra. A quel punto non cera pi margine di manovra.
Via libera Fermo con il radiatore della DS3 a pezzi Loeb, Latvala ha potuto tirare il fiato e, lasciando 3 successi parziali a Sbastien Ogier, ha messo al sicuro la sua 5 vittoria in carriera. Interrompendo un digiuno iniziato lestate di un anno fa. Acqua passata dice . Adesso devo solo pensare a come vincere con la Ford il prossimo mondiale. Il finlandese guarda avanti e lo stesso fa Mads Ostberg che ce lha fatta a portare a casa un 2 posto sofferto quanto insperato. A completare il podio Henning Solberg che ha vinto il testa a testa con Kris Meeke anche grazie a un testa coda del nordirlandese nel tratto conclusivo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Visto che il mondiale era ormai deciso, non poi cos grave. Sbastien Loeb incassa lincredibile incidente che lo ha mandato al tappeto di primo mattino, nel trasferimento fra la prima e la seconda delle 6 prove speciali dellultima frazione. Quando era 2o a una manciata di secondi da Jari-Matti Latvala. A mettere fine a un duello ad alta tensione stato lurto frontale, piuttosto violento, con lauto di un appassionato spagnolo arrivato in

Sebastien Loeb festeggia il titolo AP

Galles per supportare Dani Sordo. La strada spiega lExtraterrestre era particolarmente stretta e quando, nei pressi di un dosso, me la sono vista davanti, mi sono portato pi a sinistra possibile per evitarla. Purtroppo a guidarla non era un britannico abituato a guida-

La regina Ducati 1199 moto pi bella del Salone


I visitatori dellEicma hanno eletto la Ducati 1199 Panigale moto pi bella del Salone. Al concorso indetto dalla rivista Motociclismo hanno partecipato in 13.800.

www.historicbrand.com - T. +39 030 9932872

AT M O S P H E R I C

PA R K A

32

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

TM

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

33

PALLAVOLO COPPA DEL MONDO DONNE

Giappone
Porta fortuna: dal 2007 vittorie in Coppa e Grand Champions Cup
COPPA DEL MONDO 2007 Undici successi di fila per una prima storica LItalia in Giappone infila 11 successi di fila, migliorando (21) il primato della Nazionale di Velasco, dopo la vittoria allEuropeo GRAND CHAMPIONS CUP 2009 Cinque vittorie su cinque sui campioni continentali Nel 2009, in Giappone, c la Grand Champions Cup, con le vincitrici dei campionati continentali. L'Italia, per la prima volta senza Aguero, vince tutte e 5 le partite COPPA DEL MONDO 2011 Otto partite vinte, in testa alla classifica Otto vittorie consecutive che le proietta gi a Londra (anche se solo virtualmente): le azzurre non si vogliono fermare GALBIATI

Londra, s!
Ma lItalia vuole di pi La Coppa nel mirino
Battuta anche la Serbia, ottava vittoria di fila: per i Giochi manca solo laritmetica. Gioli: Non ci accontentiamo

Scaramanzia Non possiamo

parlare per chiare ragioni scaramantiche scherza Simona Gioli, che 4 anni fa si era fatta soprannominare la Strega per quella sua capacit di prevedere il futuro , ma vogliamo andare oltre. Oltre il muro c andata lei, la Mamma Fast, ieri mattina contro le serbe, ha realizzato la cifra record di 8 muri in una sola partita (di tre set), arrivando a quota 26 in 7 gare giocate (perch contro lAlgeria non scesa in campo). E nonostante le difficolt del primo set ha trascinato lItalia (assieme a Carolina Costagrande) contro le giovani serbe. Mentre le altre squadre chi pi chi meno perdono pezzi o punti per strada, lItalia non molla nulla. Vi avevamo detto dopo lEuropeo aggiunge Antonella Del Core, ancora una delle migliori in campo, anche se magari in tv non sempre si percepisce il lavoro fondamentale che sta facendo che questa squadra aveva ancora qualcosa da dare alla pallavolo: questa la risposta. Adesso siamo felici perch la qualificazione gi quasi in tasca, ma noi vogliamo continuare.
Errori Un dato abbastanza significativo: da met del primo set (12-14) contro il Brasile allultimo punto della partita contro la Serbia le azzurre hanno commesso (battute sbagliate a parte) la pochezza di 6

Gazzetta.it
CRONACHE SUL SITO SUL BLOG CURIOSITA E RETROSCENA
Anche ww.gazzetta.it offre una ampia copertura della Coppa del Mondo coi resoconti, i video e il punto a punto di tutte le partite dellItalia. Sul blog http://dal15al25.gazzetta.it/, poi, retroscena e curiosit.

LA SITUAZIONE

Germania e Cina ok Brasile battuto


(a.a.) La Germania di Guidetti ritorna alla vittoria lasciando a secco lArgentina, grazie a Grun (15), agli ace (8 0) e ai muri (7 5) e continua la corsa verso Londra. Come la Cina che domina la Corea del Sud. Si spengono le speranze per le olimpioniche del Brasile (0 3 dal Giappone). Ieri 8a giornata: Italia Serbia 3 0, Cina Sud Corea 3 0 (25 12, 25 8, 25 16), Giappone Brasile 3 0 (26 24, 25 19, 25 23). Argentina Germania 0 3 (22 25, 17 25, 18 25), Algeria Kenya 3 1 (19 25, 25 20, 25 16, 25 23), Rep.Dominicana Usa 0 3 (21 25, 19 25, 14 25). Oggi e domani riposo e trasferimento a Tokyo Mercoled 9a giornata a Tokyo: 3 Cina Usa, 7 Italia Germania, 10.20 Giappone Kenya; 3 Rep.Dominicana Serbia, 7 Algeria Sud Corea, 10.20 Argentina Brasile. FORMULA Le 12 partecipanti si affrontano tutte contro tutte, le prime tre della classifica finale si qualificheranno per Londra. TELEVISIONE Sky trasmetter tre gare al giorno in diretta in HD, due canali dedicati: Sky Sport 2 e Sky Sport Mondiale.

19
La centrale azzurra Valentina Arrighetti, 26 anni, 7 punti ieri nella vittoria sulla Serbia campione dEuropa il 4 ottobre scorso a Belgrado GALBIATI

VITTORIE DI FILA Tra la Coppa del Mondo vinta nel 2007 e questa, sono 19 le vittorie di fila dellItalia (a.a.)
le azzurre hanno infilato lottava vittoria consecutiva, staccando di fatto il biglietto per Londra 2012. Ma dopo unestate di tormenti e un anno (scorso) poco esaltante, la Nazionale di Massimo Barbolini non vuole pi fermarsi. Adesso che ha riscoperto quanto bello vincere, vuole arrivare fino in fondo: la qualificazione olimpica che alla vigilia sembrava cos difficile da conquistare, adesso non pi la sola priorit delle azzurre, che guardano oltre. Alla partita con la Germania, che le aveva lasciate attonite nella semifinale dellEuropeo, poche settimane fa a Belgrado. errori in 5 set e mezzo. Siamo alla media incredibile di una palla sbagliata a parziale. Se non un record assoluto, poco ci manca, e con questa soddisfazione nel cuore azzurre e lo staff hanno fatto i bagagli e dopo una pizza e una pasta mangiati allaeroporto di Sapporo in serata erano gi arrivati a Tokyo, per preparare le ultime tre sfide. Oggi una robusta razione di pesi in mattinata, poi mezza giornata cercando di non pensare troppo alla pallavolo. Per ossigenare fisico e testa: e candidarsi a essere ancora le Highlander della pallavolo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ITALIA SERBIA
(29-27, 25-19, 25-20)

3 0

DAL NOSTRO INVIATO

GIAN LUCA PASINI TOKYO (Giappone)

clic
OLIMPIADE, BASTANO 3 PUNTI: E DOBBIAMO AFFRONTARE IL KENYA
(a.a.) AllItalia bastano i 3 punti col Kenya per qualificarsi a Londra, male che vada terminerebbe a 26 punti (9 vinte, 3 si quoziente set). Gli Usa possono scavalcarci, cos come anche Cina o Germania ma non entrambe perch hanno lo scontro diretto.

ITALIA: Del Core 11, Lo Bianco 2, Arrighetti 7, L. Bosetti 4, Costagrande 20, Gioli 20; Croce (L), Anzanello. Non entrate: C. Bosetti, Barcellini, De Gennaro, Signorile. All. Barbolini. SERBIA: Vesovic 8, Ninkovic 8, Zivkovic 2, Molnar 5, Veljkovic 17, Brakocevic 13; Popovic (L), Malesevic, Bjelica 5. Non entrate: Antonijevic, Rasic, Cebic. All. Terzic. ARBITRI: Stahal (Usa) e Perez (Cuba).
NOTE - Spettatori: 2000. Durata set: 29, 23, 23; tot. 75. Italia: battute sbagliate 3, vincenti 5, muri 11, errori 8; Serbia: battute sbagliate 6, vincenti 5, muri 3, errori 16.

La Coppa del Mondo la trasposizione pallavolistica di Highlander, il celebre film Russell Mulcahy, in cui Christopher Lambert lultimo degli immortali. Ne rester uno solo, la frase principale della pellicola e dopo la gara con la Serbia lItalia si candida per essere a quattro anni di distanza ancora una volta l'ultimo immortale della schiacciata. Contro Brakocevic tornata in campo proprio contro le azzurre e compagne

CLASSIFICA
SQUADRE PT Italia 23 Stati Uniti 21 Cina 19 Germania 18 Giappone 16 Brasile 12 Serbia 11 Argentina 9 Rep.Dominicana 8 Sud Corea 4 Algeria 3 Kenya 0 G 8 8 8 8 8 8 8 8 8 8 8 8 V 8 7 6 6 5 5 3 3 3 1 1 0 P 0 1 2 2 3 3 5 5 5 7 7 8 SV 24 21 22 21 18 16 14 9 11 5 4 3 SP 3 4 10 8 9 16 16 17 18 21 22 24

IL PERSONAGGIO IL LIBERO CHE AVEVA SMESSO ED E STATA RIPESCATA DA BARBOLINI PER IL GIAPPONE

Croce e delizia, da ex a protagonista: Incredibile


SAPPORO

Paola Croce, 33 anni


GALBIATI

UOMINI AL VIA IL 20

Azzurri in Giappone Russi senza Grankin


LItalia di Berruto arriver stamattina in Giappone. Il gruppo azzurro si fermer a Tokyo, dove svolger la prima parte dellacclimatamento. Venerd trasferimento a Kagoshima dove domenica inizia la Coppa del Mondo maschile. Primo avversario la Russia, Alekno per non avr a disposizione il regista Grankin, infortunato. La squadra affidata a Butko.

Fino a qualche mese fa era unex giocatrice che per scelte personali aveva deciso di lasciare il volley, adesso una donna felice che si coccola il pupazzo rosa (Bobo Chan) tributo alla miglior giocatrice nella partita con la Serbia e la qualificazione olimpica per Londra in tasca. Un turbine demozioni:

quando Simona Gioli ha messo a terra lultimo pallone sul volto di Paola comparsa qualche lacrima: Non mi fate ripetere che senn divento una fontana, ma di tensione in queste ore ce n stata tanta, pensando alle ultime tre partite, a chi abbiamo battuto. A casa un mese fa, durante lEuropeo, protagonista in campo adesso: E' stato un periodo incredibile, a cominciare dalla convoca-

zione che io sentivo come pi grande di me. Ma mi sono buttata, seguendo il mio carattere, il mio istinto, non sapendo come sarebbe andata a finire.
Ambizioni Se le si chiede il segreto di questa Italia che non molla mai, Paola laureata in Lettere Moderne con una tesi su Calciopoli, tornata al volley nellambiziosa LiuJo Modena dopo un periodo di stop, si esalta

e si vede illuminare il volto. Mi basta guardare negli occhi le compagne, quando ci abbracciamo, urliamo, ci facciamo coraggio. Mi sembra di non avere mai smesso di essere parte di questa squadra. Ho ritrovato tutte e alcune nuove, fortissime, come Carolina Costagrande. Per me il massimo. E lItalia con lei ha ritrovato il sorriso.
g.l.p.

34

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

BASKET LA 6a GIORNATA DI SERIE A

Festa per 10.000


Gallinari cambia la storia: Milano ora sa vincere
Prima vittoria su Siena nellera Armani Gran serata anche di Mancinelli e Radosevic
LUCA CHIABOTTI MILANO

Danilo Gallinari fa un regalone ai 10 mila del Forum e a Giorgio Armani che, da quando proprietario dellOlimpia, contro Siena non aveva mai vinto. I nove punti nellultimo quarto, compresi i 4 liberi consecutivi che al 39 hanno portato davanti Milano 59-56, interrompono una striscia di 21 sconfitte contro i campioni. Merito, per buona parte della gara, di Stefano Mancinelli che d per primo, a inizio secondo quarto, il coraggio alla EA7 di osare mentre la statuetta di migliore attore non protagonista va a Leon Radosevic, che fa due giocate difensive decisive e scarica la fifa blu in attacco con una schiacciata da super atleta allo scadere. Scelta che non fa giustizia a Jacopo Giachetti, una panacea in regia in una gara dove Bo McCalebb ha mangiato in testa a Omar Cook.
Scelte strane Strana partita di

vo. Il fallo di Stonerook che chiude la partita, che porta Hairston a segnare i liberi del +5 a 44" dalla fine, sembra invece uno dei pochi che non ha fatto...
Zona Chiaro che cos, senza

unala importante, la Mps faccia fatica, soprattutto in trasferta. Riparer in fretta. Intanto, con una squadra piccola, Pianigiani fa anche un po di tattica, spargendo qua e l la zona. La partita arranca come sempre quando le due le squadre han qualcosa da perdere, il primo quarto orribile (9/27 complessivo al tiro, 10 palle perse), poi Mancinelli lascia il primo se-

gno, Gallo si iscrive agli highlights con una schiacciata al volo contro la 3-2. E loro il 21-13 della EA7, che complica con le troppe palle perse (11 nel primo tempo sulle 16 finali, tre a testa Mancio e Bourousis) la situazione resa gi difficile dal ritorno in campo di McCalebb. Siena torna avanti (26-28) con Kaukenas che, silenziosamente, allintervallo a quota 10.
Strappi Milano va a strappi, appena aggredisce in uno contro uno trova situazioni favorevoli (37-30), ma poi si trova spesso con lacqua alla gola senza aver combinato nulla. Comunque la marcatura di Andersen un problema, come Cook che quando deve attaccare in proprio un disastro. Meglio Giachetti, con cui Milano torna avanti con un paio di delizie in palleggio arresto e tiro di Gallinari contro lamico Aradori. McCalebb d limpressione di poter fare quello che vuole e Siena sta l e a 2 dalla fine, sorpassa (55-56). Sembra il solito epilogo invece Gallinari, 9 falli subiti, punta al cuore dei campioni. Vince Milano, da sola in testa, nel debutto del sindaco Pisapia. Ora trattiene il fiato, perch il rischio che Gallo torni presto nella Nba c. Da tempo lEA7 sonda il mercato americano per una guardia penetratrice, visto che n Cook, n Nicholas lo sono. Il grande obbiettivo Alessandro Gentile. Prima o poi a Milano arriver, il desiderio di accelerare c se e quando Gallo andr negli Usa. Discorsi delicati, meglio affrontarli in testa alla classifica, nel nirvana in cui si cade dopo aver battuto Siena.
RIPRODUZIONE RISERVATA

MILANO SIENA
(12-11, 30-28; 46-42)

63 56

Siena, a partire dalla scelta iniziale di Simone Pianigiani di rinunciare a Moss, lunica ala che ha contro una squadra di ali, decisione presa in prospettiva (tanto deve vincere in primavera), per accelerare linserimento di Rakocevic ma che fa lampeggiare linutilit di una guardia in pi in un settore adesso in overbooking. E che finisce in modo ancora pi strano per i campioni, con Kaukenas ultimo uomo che, sul +1 senese, blocca Gallinari in velocit provocando lantisportivo che produce il 4/4 dalla lunetta decisi-

EMPORIO ARMANI MILANO: Cook (0/4 da 3), Nicholas 9 (3/5, 1/4), Mancinelli 14 (4/6, 2/4), Fotsis 7 (1/1, 1/3), Bourousis 6 (3/8, 0/1); Giachetti 3 (0/1, 1/2), Hairston 5 (0/3, 1/2), Gallinari 15 (5/8, 0/4), Rocca 2 (1/2), Radosevic 2 (1/2). N.e.: Melli, Viggiano. All.: Scariolo. MONTEPASCHI SIENA: McCalebb 16 (5/6, 1/4), Kaukenas 12 (3/8, 2/5), Carraretto 4 (2/2, 0/1), Stonerook (0/1 da 3), Andersen 13 (5/10, 1/3); Zisis (0/1, 0/1), Rakocevic 2 (0/1, 0/1), Lavrinovic 9 (2/6, 1/5), Ress, Michelori, Aradori (0/1, 0/2). N.e.: Lechthaler. All.: Pianigiani. ARBITRI: Facchini, Cerebuch, Filippini. NOTE T.l.: EA 9/9, Mps 7/11. Rim.: EA 34 (Gallinari 6), Mps 34 (Lavrinovic, Stonerook 7). Ass.: EA 12 (Cook 5), Mps 11 (Stonerook 5). Prog.: 5 8-7, 15 21-18, 25 37-37, 35 53-50. Usc. 5 f.: Carraretto 39 (57-56), Stonerook 3916" (59-56). Ant.: Kaukenas 3844" (55-56). Spett.: 10.300 per 99 mila euro.

1. Giorgio Armani in compagnia del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. 2. Tra gli appassionati in tribuna cera anche Marco Materazzi. 3. Martina Colombari con il marito Billy Costacurta. 4. Il tecnico del Milan, Massimiliano Allegri, mentre firma un autografo a un giovane tifoso NEWSPRESS

CAMPANI MAI IN PARTITA LIGHTLY PRECISO, MARKOISHVILI OK IN DIFESA

BENE ANCHE TUCKER PER CAJA ESORDIO SFORTUNATO CON CREMONA

Cant, troppo facile Avellino dura 2 minuti


CANT AVELLINO
(23-12, 40-28; 61-38) BENNET CANTU: Cinciarini 9 (0/2, 1/2), Markoishvili 8 (2/5, 1/3), Micov 6 (0/2, 2/3), Leunen 5 (2/2, 0/1), Marconato 2 (1/3); Mazzarino 15 (4/6,2/4), Lighty 15 (4/5,1/1), Scekic 6 (2/5,0/1), Basile 5(0/1,1/2), Schermadini 9 (3/8), Diviach 2 (1/3), Bolzonella 8 (0/1,2/2). All. Trinchieri. AIR AVELLINO: Green 11 (3/7, 1/6), Gaddefors 4 (1/1, 0/1), Dean 6 (0/4, 2/8), Johnson 8 (4/7), Golemac 12 (5/8, 0/1); Spinelli 10 (2/5, 1/1), Lauwers 3 (0/1, 1/2), Slay 1 (0/3, 0/4), Ferrara, Soloperto (0/2). N.e. Alborea, Norcino. All. Vitucci. ARBITRI: La Monica, Sardella, Gori. NOTE T.l.: Can 22/26, Ave 10/16; rim: Can 48 (Shermadini 11), Ave 29 (Johnson 6). Ass: Can 9 (Micov, Leunen, Basile 2), Ave 11 (Green 7). Progr: 5 10-7 ,15 30-20 ,2551-34 ,35 72-51 . Usciti 5 falli: Johnson 3712" (74-52), Dean 3856" (84-52). Espulsi: Johnson 37'12(74-52). Spettatori: 3693. Incasso 41.500 euro circa.

90 55

David Lighty, 23 anni CIAM/CAST

CANT - La Bennet interrompe la mini-striscia di sconfitte in campionato (Pesaro e Treviso) vincendo in assoluta tranquillit una gara che solo nelle primissime battute (5-5 al 2) la Sidigas ha provato a rendere equilibrata. Giusto il tempo di prendere le misure poi, grazie ad un parziale di 11-0 (23-10 al 945"), la gara, per dirla alla Vitucci, scivolata via con il passare dei minuti. Merito di una Bennet che per la prima volta in questa stagione ha giostrato tutti gli effettivi con gli osannati Lighty (18 di valutazione) e Bolzonella, infallibile nel tiro pesante. Con il solito Mazzarino (15 val.) autore della spallata decisiva ad ogni (timida) velleit di rimonta irpina, la Bennet ha dominato in tutti i settori del campo grazie ad una presenza e ad una reattivit nel cuore dellarea (10 rimbalzi offensivi) e ad una maggiore determinazione in difesa con Shermadini (tre recuperi) totem insuperabile a centro area. Determinante lapporto difensivo di Markoishvili, poco produttivo alla voce punti realizzati ma fondamentale nello scacchiere di Trinchieri nellisolare offensivamente Green (5 rimbalzi) costringendolo a prendere parecchi tiri fuori equilibrio. Un discorso simile a quello di Taquan Dean (meno 7 di valutazione), completamente avulso dalla gara dopo uninizio discreto. Pietro Terraneo

Crosariol perfetto Roma torna a respirare


ROMA CREMONA
(24-17, 37-37; 59-51) ACEA ROMA: Maestranzi, Tucker 23 (3/5, 4/8), Djedovic 12 (3/7, 1/4), Datome 19 (4/7, 3/4), Crosariol 17 (8/8); Gordic 8 (1/2, 2/4), Tonolli 3 (0/1, 1/2). N.e.: Marchetti, Staffieri. All.: Lardo. VANOLI BRAGA CREMONA: Tabu 12 (3/4, 2/5), Wafer 25 (7/13, 2/6), Thomas 2 (1/1, 0/1), Milic 10 (4/11), Perkovic 10 (3/5, 1/2); Cinciarini 8 (4/6, 0/4), DErcole 2 (1/1, 0/3), Bavcic 9 (3/4, 1/4), Antonelli. N.e.: Lottici, Mazic, Belloni. All.: Caja. ARBITRI: Mattioli, Lanzarini, Capurro. NOTE - T.l.: Rom 12/19, Cre 8/12. Rimb.: Rom 33 (Slokar 9), Cre 40 (Thomas 7). Ass.: Rom 15 (Datome 5), Cre 13 (Tabu, Wafer 4). Progr.: 5' 10-7, 15' 35-28, 25' 49-40, 35' 71-64. F. tecnico: Lardo 1128" (26-19), Wafer 2451" (47-40). Usc. 5 f.: Wafer 3654" (73-71). Spettatori 2433. ROMA Toh, chi si rivede: Andrea Crosa-

85 78

Andrea Crosariol, 27 anni INSIDEFOTO

riol. Otto su otto dal campo, 17 punti in 26, otto rimbalzi. lui uno dei tre romani (assieme a Tucker e Datome) che consentono a Roma dopo il -33 di Siena di tornare al successo col 50% da tre (11/22) contro la Vanoli del neo coach Caja. LAcea (esordio vincente per il nuovo sponsor) dopo 2 perde Maestranzi (sospetto stiramento, non rientrer pi), e con Dasic neppure disponibile (contrattura) lancia i panchinari Crosariol e Gordic che oltre al solito Datome tengono a galla la squadra. Al 9 Roma doppia Cremona (24-12, tripla di Tonolli), resta avanti fino al 35-26 (tripla Datome) prima di subire l8-0 della Vanoli che riesce ad andare al riposo lungo sul 37-37. Ripresa con Roma che cerca nuovamente lallungo (54-44 al 28, tripla di Djedovic), ma Cremona si affida alla zona, il capocannoniere del campionato Wafer comincia a non sbagliare pi, torna sotto con Tabu (61-59). Nellultima frazione, si scatena Tucker: ne segna 15, soprattutto non sbaglia i tiri (dal campo e dalla lunetta) decisivi. A -330", gli ospiti sono sempre l: 73-71 con Wafer che tocca i 25 punti, ma dopo 24" commette il quinto fallo su Tucker. Roma non fa pi sciocchezze, e un triplone di Datome da otto metri sul 75-74 mette il timbro alla serata. Sono soddisfatto perch in una situazione di totale emergenza era fondamentale vincere, dir Lardo mentre Caja non si abbatte: Siamo arrivati a un tiro dalla vittoria, Datome ci ha castigati. Mario Canfora

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

35

RISULTATI
ROMA-CREMONA MONTEGRANARO-BIELLA VENEZIA-TERAMO CANT-AVELLINO BOLOGNA-VARESE CASALE-TREVISO MILANO-SIENA CASERTA-PESARO HA RIPOSATO SASSARI 85-78 64-69 86-71 90-55 74-63 71-72 63-56 76-82

IL COACH FA CENTRO ALLA PRIMA SFIDA

CLASSIFICA
SQUADRE MILANO CANT SIENA VARESE BIELLA AVELLINO VENEZIA CASERTA PESARO TREVISO BOLOGNA ROMA SASSARI MONTEGRANARO TERAMO CREMONA CASALE PT 10 8 8 8 8 8 6 6 6 6 6 6 4 2 2 2 0 G 6 6 6 6 6 6 5 5 5 5 6 6 5 5 6 6 6 V 5 4 4 4 4 4 3 3 3 3 3 3 2 1 1 1 0 P 1 2 2 2 2 2 2 2 2 2 3 3 3 4 5 5 6

Sorriso Scariolo Notte speciale, saremo grandi


PAOLO BARTEZZAGHI MILANO

I NUMERI

4
21

le Pagelle
di P.B.

Pianigiani, elogio indiretto al Gallo Ma quando comincia questa Nba?

Vittorie Mps consecutive Da quando allena Pianigiani, Siena non ha aveva mai perso con Milano: 21 le vittorie di fila dal 2006 al 2011.

Bravo Giachetti McCalebb viaggia a unaltra velocit


MILANO
GIACHETTI 6.5 Buon lavoro, in campo quando la squadra allunga. MANCINELLI 7 Sette punti nella prima met del secondo quarto. HAIRSTON 6 Solo una tripla, era la serata di Gallo e Mancio.

Le prime 8 ai play-off, L ultima in Lega 2

PROSSIMO TURNO
Domenica 20/11/2011 ore 18.15 SASSARI-ROMA (19/11 ORE 16.10) CANT-CASERTA MONTEGRANARO-BOLOGNA TERAMO-CREMONA SIENA-VARESE AVELLINO-CASALE PESARO-TREVISO BIELLA-VENEZIA (20.30) RIPOSA MILANO

S
A sinistra, una schiacciata di Danilo Gallinari, 23 anni, il migliore in campo. Sotto, il grande colpo docchio del Forum di Assago gremito: sono arrivati in 10.300 CIAM/CAST

Ventuno partite dopo, Milano festeggia tutta in piedi la liberatoria schiacciatona di Leon Radosevic che inchioda il risultato finale. Siena sconfitta come non succedeva dal marzo 2006. Shaun Stonerook fuori per cinque falli, un simbolo della rivincita che, per ora, ha avuto in palio il primo posto solitario in classifica. Per me che sono alla prima partita di questo tipo dice Sergio Scariolo non trovo valutazioni pi profonde per questa vittoria. Negli ultimi giorni, tutti ci hanno ricordato i tristi precedenti delle passate stagioni. Per chi le ha vissute immagino sia una sera speciale. Lo , ma la partita decisiva della settimana quella di gioved con il Partizan in Eurolega.
Novit Scariolo continua a sot-

Le finali scudetto Siena ha vinto lo scudetto battendo in finale Milano nel 2009 (3-0) e 2010 (4-0).

2 5

8 GALLINARI

IL MIGLIORE

Entra in scena con una spettacolare schiacciata al volo, su assist di Cook, per il +8 nel secondo quarto. I suoi sono sempre canestri di classe. FOTSIS 5.5 Non incide in partita. COOK 5 Perde il confronto con McCalebb. Mezzo punto in pi perch aiuta lavversario a rialzarsi con la palla in gioco. NICHOLAS 5 Buon inizio, ma sempre sul limite tra lideona e la vaccata. ROCCA NG Pochi minuti con un errore al tiro. BOUROUSIS 5.5 Si piazza spalle a canestro, cava fuori qualcosina. Certo, Stonerook gli soffia la palla come a una matricola. RADOSEVIC 6.5 Parte male, in attacco ha troppa paura per stare a questo livello. Eccellenti due di difese nel finale e la schiacciata dellapoteosi.

Anni dallultimo ko Lultima sconfitta di Siena con Milano risaliva al 18 marzo 2006: l'AJ allenata da Djordjevic batt la Mps di Recalcati 86-73.

DONNE LA QUINTA GIORNATA

Como batte Schio, quattro in testa


La 5a giornata: Le Mura Lucca Alcamo 61 44; Bracco Sesto S.G. Faenza 60 61; Lavezzini Parma Taranto 51 57; Pool Comense Famila Schio 61 53; GMA Pozzuoli Cus Cagliari 66 60; Liomatic Umbertide Erg Priolo 75 71 dts. Classifica: Taranto, Lucca, Umbertide, Como 8; Schio, Parma, Pozzuoli, Faenza 6; Sesto, Cagliari 2; Priolo, Alcamo 0. SPAGNA (pe.m.) Nella 7 giornata della Liga, Barcellona e Real Madrid ok in trasferta a Valencia e Malaga restano in testa (3 1): Valencia Barcellona 68 72 (Martinez 16; Navarro 14); Malaga Real Madrid 80 96 (Freeland 20; Rudy 18); Vitoria Alicante 65 55.

tolineare come la squadra sia allinizio: Siamo nuovi, in piena costruzione, faremo dei cambi ancora. Siamo soddisfatti della prova della squadra, indipendentemente dal risultato finale. Siamo stati avanti tutta la partita, non ci siamo fatti prendere dallansia quando ci hanno rimontato. Ma le squadre che vogliono diventare grandi, devono imparare ad avere continuit. Sotto il profilo tattico: Lassenza di Moss ci ha permesso di insistere con Mancinelli e Gallinari anche se Siena ha risposto bene. Tutti hanno fatto bene soprattutto in difesa. Nello spogliatoio tutti hanno ringraziato Radosevic per quello che ha fatto in difesa. Per Simone Pianigiani la prima volta. Non aveva mai perso con Milano da capo allenatore. Anzi, la sua Siena aveva travolto pi volte lOlimpia causando nel 2007 lesonero di Zare Markovski e lo scorso anno facendo imboccare a Piero Bucchi luscita anticipata. Magari

Sergio Scariolo, 50 anni: tornato ad allenare in Italia in questa stagione, dopo quindici anni allestero tra club spagnoli (Vitoria, Real Madrid, Malaga), russi (Chimki) e la nazionale spagnola
LIVERANI

partir questa Nba dice sorridendo il coach della Mens Sana e c.t. azzurro accennando alla partita di Gallinari . Abbiamo perso unoccasione, ma per come siamo oggi, siamo stati dove dovevamo essere: avanti di un punto con la palla in mano a un minuto e mezzo dalla fine. Poi abbiamo sbagliato tiri aperti (alla fine 5/23 da tre, ndr) e siamo stati ingenui dallantisportivo di Kaukenas in poi. E la partita che potevamo fare e che abbiamo fatto. Dobbiamo mettere a posto la condizione, anche se mi girano per aver perso. La scelta di tenere fuori Moss ha sorpreso. Pianigiani: Rakocevic va aspettato e in questo momento la nostra priorit inserirlo anche emotivamente. Il suo cambio di passo ci sarebbe servito. Ora abbiamo raccolto molti spunti per continuare il nostro lavoro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sfide tra i coach Questa stata la prima partita in serie A tra squadre allenate da Pianigiani e Scariolo. Nei suoi precedenti in Italia, il tecnico di Milano, ex Pesaro, Desio e Fortitudo, non ha mai perso in casa con Siena.

SIENA
MCCALEBB 7 Gira a una velocit a parte. La transizione con lui diventa un contropiede inarrestabile. ZISIS 5 Male nella prima parte, non entra praticamente pi. ANDERSEN 7 Molti errori al tiro, buon terzo quarto. RAKOCEVIC 5 Cerca di entrare nei meccanismi ma non la partita per fare tentativi. CARRARETTO 6 In quintetto, vista la scelta di lasciare fuori Moss. Grande stoppata su Nicholas. LAVRINOVIC 6.5 Bene, ma quelle due triple sbagliate di fila nellultimo quarto hanno pesato. KAUKENAS 6 Il pi continuo in attacco. Grave lantisportivo a 116" dalla fine su Gallinari. RESS N.G Pochi minuti. MICHELORI Un cameo senza sporcare. STONEROOK 6 In attacco non c. Il 5 fallo su un raddoppio in un angolo il segnale della resa. ARADORI 5 Opposto a Gallinari, amico dei tempi di Casalpusterlengo, ne subisce la superiorit fisica e tecnica.

MIGLIORI MARCATORI OGGI CASALE PRENDE SHAKUR

CAOS SUTOR SI DIMETTE IL G.M. VACIRCA

TERZA VITTORIA DI FILA IN 4300 AL PALAVERDE

I Gentile, che duello Treviso passa sul filo


CASALE TREVISO
(13-17, 38-38; 49-51) NOVIPI CASALE: S. Gentile 23 (4/6, 4/6), Temple (0/2, 0/5), Janning 14 (4/11, 1/6), Nnamaka (0/1, 0/3), Chiotti 8 (4/9); Malaventura 6 (2/5), Berti, Pierich 12 (2/2, 2/5), Stevic 6 (2/5), Ferrero 2 (1/1, 0/1). N.e.: Dunigan, Di Prampero. All.: Crespi. BENETTON TREVISO: De Nicolao (0/2), Moore 9 (2/6, 1/3), A. Gentile 19 (5/6, 1/2), Scalabrine 14 (7/8), Adrien 15 (5/8); Bulleri 8 (3/4, 0/1), Moldoveanu 5 (2/2, 0/1), Cuccarolo (0/1), Sandri (0/1, 0/1), Mekel 2 (1/2). N.e.: Wojciechowski, Gaspardo. All.: Djordjevic ARBITRI: Begnis, Duranti, Quacci. NOTE - T.l.: Cas 10/11, Tre 16/20. Rimb.: Cas 32 (Chiotti 13), Tre 28 (Adrien 13). Ass.: Cas 10 (Temple 4), Tre 8 (Bulleri 3). Progr.: 5 5-8 , 15 25-25, 25 45-44, 35 56-57. Usciti 5 f.: nessuno. Spett. 3000 circa. CASALE La sfida dei fratelli Gentile infiam-

Soragna ispira Biella Montegranaro, crisi


MONTEGRANARO BIELLA
(14-13, 32-30, 43-47) FABI SHOES MONTEGRANARO: Di Bella 8 (0/5, 2/3), McNeal 6 (3/6, 0/1), Antonutti 7 (2/3, 0/2), Ivanov 10 (3/7, 1/5), Brunner 4 (1/4, 0/1); Zoroski 15 (3/7, 2/5), Karl 10 (0/1, 2/5), Mazzola, Nicevic 4 (2/6) N.e. Perini, Piunti. All. Drucker. ANGELICO BIELLA: Pullen 11 (2/8, 1/3), Coleman 7 (3/8), Soragna 4 (1/1, 0/1), Dragicevic 16 (1/1, 4/5), Miralles 23 (10/11); Jurak 6 (3/4), Chessa, Lombardi, Chrysikopoulos 2 (1/1). N.e. Lagan, Minessi, Rossi, Lombardi. All. Cancellieri. ARBITRI: Sabetta, Pozzana, Bettini. NOTE Tiri liberi: Montegranaro 15/20, Biella 12/14. Rimbalzi: Mont 33 (Di Bella 9), Bie 28 (Dragicevic 6, Miralles 6). Assist: Mont 12 (Zoroski 4), Bie 16 (Dragicevic 3, Coleman 3, Soragna 3, Pullen 3). Progr.: 5' 8-4, 15' 24-21, 25' 36-38, 35' 55-53. Spettatori: 3650 per 26350 di incasso. Fallo tecnico fischiato a Soragna al 23'.

Venezia tutta sostanza Teramo senza scampo


VENEZIA TERAMO
(21-15, 47-33, 61-50) UMANA REYER VENEZIA: Clark 8 (1/3, 2/5), Slay 17 (2/6, 3/5), Szewczyk 11 (2/4, 1/2), Young 4 (2/3, 0/2), Fantoni 9 (4/8); Allegretti 7 (2/2, 1/2), Causin 3 (1/1 da 3), Tomassini, Meini 3 (1/1 da 3), Bowers 11 (0/3, 3/4), Rosselli 4 (1/1, 0/1), Bryan 9 (4/6). All. Mazzon. BANCA TERCAS TERAMO: B. Brandon 20 (5/10, 3/5), Amoroso 11 (4/8, 0/1), D. Brown 4 (0/2, 0/3), Borisov 2 (1/1, 0/3), Wanamaker 9 (2/5); Ricci n.e., Cerella 11 (5/5), Fultz 13 (2/8, 3/6), Lulli n.e., Green 1 (0/2), Polonara. All. Ramagli. ARBITRI: Sahin, Lo Guzzo, Barni. NOTE - T.l.: Venezia 14/17, Teramo 15/20; rimb.: Ve 35 (Slay, Fantoni 6), Te 29 (B. Brown, Wanamaker 6); ass.: Ve 14 (Clark, Szewczyk, Bowers 4), Te 10 (D.Brown 5). Fallo tecnico al 1526" ad Amoroso (31-23), fallo antisportivo a D. Brown al 3931" (82-68). Spettatori: 4.300 circa.

71 72

ma il pubblico del PalaFerraris di Casale Monferrato. Uno spot emozionante per il basket italiano. Stefano ne fa 23, Alessandro 19. I migliori marcatori delle loro squadre. Alla fine, per, sorride solo Alessandro. La Benetton sbanca Casale (72-71) e centra la seconda vittoria consecutiva. Casale mastica amaro. La sua la sesta sconfitta in questo drammatico inizio di stagione. La terza in casa sulla sirena. Djordjevic senza Becirovic, Crespi recupera Temple e Ferrero e lancia il neoacquisto Stevic. Grande equilibrio sin dallinizio (13-17 al 10), Casale continua ad avere basse percentuali da fuori (4 su 16) e a sbagliare tanti tiri aperti. La pressione sulle spalle della Novipi cresce. Treviso prova a dare la spallata decisiva (+6 sul 51-57), Casale sembra vacillare, ma trova una reazione di carattere con le triple di Pierich e Gentile che impattano ancora il match (61-61 al 36). Si arriva in volata. I due fratelli Gentile infiammano il match. Nel gioco del fallo sistematico, Casale ha 5 per lultimo tiro che Chiotti manda a ballare sul ferro. Domani Casale ufficializza il taglio di Dunigan e lingaggio del play-guardia Shakur, dal Pau-Orthez. Maurizio Neri

64 69

ANCONA Dopo aver battuto a domicilio Cremona, Biella si ripete ad Ancona. Montegranaro alla quarta sconfitta consecutiva, a fine partita il g.m. Vacirca si dimesso. Sugli scudi per Biella il solito Soragna, che nel finale mette in ritmo i lunghi Dragicevic e Miralles. Pullen e Coleman hanno capito che quello era il suo momento dice Cancellieri. A 20" dalla fine la Fabi era ancora in partita (64-65 con Karl dalla lunetta) ma linerzia era segnata. Sbagliamo troppi secondi tiri ammette Drucker. Ritmi alti sin dallavvio. La Fabi tenta di dare un primo strappo con Ivanov, ispirato, e McNeal (insufficiente) che realizza il 12-6 a 615. LAngelico rientra subito grazie a Coleman, Pullen e a un Miralles stratosferico (6 schiacciate). Inoltre ritrova Chrysikopoulos, allesordio. Montegranaro litiga col canestro (36% da 2) Biella perde troppi palloni (alla fine 21). Lequilibrio resiste finch Zoroski prova a dare una scossa (break di 8-0 per il 51-47), ma arriva il controparziale biellese (6-0) con la tripla di Dragicevic e Jurak. Sale in cattedra Soragna, Ivanov sbaglia il possibile pareggio e Pullen mette in ghiaccio il successo dalla lunetta. Aaron Pettinari

86 71

VILLORBA (Tv) LUmana fa tris e spicca il volo, Teramo insegue sempre, e quasi mai d la sensazione di poter strappare la vittoria. Solidit mentale e superiorit tecnica, la Reyer neutralizza Dee Brown e Wanamaker, limita Amoroso, mentre Mazzon pesca dalla panchina Allegretti, Bryan e Meini (Stiamo tutti andando nella stessa direzione, in campo e fuori ha osservato Andrea Mazzon . Siamo arrivati per ultimi in serie A, non era facile infilare la terza vittoria consecutiva). Teramo si era illusa in avvio, sospinta da B. Brown (2-7), prese le misure lUmana ha imposto il suo spartito. Ramagli ha avuto poco dai suoi (In campo cera una squadra, la Reyer, e unaltra a cui riuscito ben poco. Non possiamo sperare di risalire la china dopo essere andati sotto in trasferta). Slay super in casa granata, suo lallungo (18-13), poi Venezia decolla, trovando un ispirato Allegretti (31-23) nel secondo quarto e Bowers uomo-ovunque. Teramo ha perso fiducia e fluidit (47-31 al 19), andata nel fosso (53-35 al 23) e provato a risalire (57-50), grazie a Fultz. Avvertito il pericolo, Venezia ha rialzato i ritmi (70-55 al 35). Michele Contessa

36

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

37

BASKET LA 6a GIORNATA DI SERIE A

ATLETICA

McIntyre, lultimo volo per lanciare Bologna


Il play (16 punti) saluta la Virtus siglando la vittoria su Varese Finelli commosso: In tre mesi ci ha guidato con lesempio
ANDREA TOSI BOLOGNA

I NUOVI ARRIVI

A
S

25 TURIN MARATHON

Per il suo ultimo ballo, Terrell McIntyre esce dalla Virtus e probabilmente dal basket con la standing ovation che con sensibilit e intelligenza coach Finelli concede al 34enne play a -13" dalla fine mentre il campione dei 4 scudetti si congeda da Bologna (Penso che non giocher pi qui). TMac mette la sua firma su una partita schizofrenica, avvelenata da due squadre che combinano pi palle perse (22 Varese, nove per violazione di passi) che recuperi ed esaltata nellultimo quarto dalle prodezze del piccolo grande regista del North Carolina, autore di otto punti pesantissimi, compreso un 3+1 alla Danilovic per scacciare il rientro varesino. Il mio primo pensiero va a Terrell dice Finelli, visibilmente commosso in sala stampa . In questi tre mesi con noi ci ha insegnato tanto con lesempio, latteggiamento e le parole giuste. Nellemergenza, ci siamo compattati attorno a lui, ma i problemi restano. Con i nuovi arrivi ritroveremo gli equilibri smarriti.
Volata La Canadian deve vince-

fatto con Roma e Cremona, una sfida a lungo dominata dalleleganza e dalla perfezione di Peppe Poeta che si rimette lo smoking da play titolare guidando i momenti migliori di Bologna che allunga facile in avvio e a met gara ma poi deve soffrire la rimonta Cimberio. Senza tre pezzi del primo quintetto, dirottando TMac e CDR in panca, Finelli punta sui rincalzi che devono sudarsi il posto anche se Poeta un cambio sui generis. Mentre il club sta chiudendo gli arrivi di Vitali e Lang, la squadra fa vedere di avere qualit nascoste. Cos Gailius spara nove punti nel primo quarto volando anche a inchiodare sul tabellone, con una stoppatissima, un appoggio ravvicinato di Diawara. La Virtus corre e legge bene la zona adattata di Varese tirando col 64% mentre gli ospiti infilano errori e orrori di ogni tipo. Cos McIntyre pu entrare sul +8 e infilare due triplone.
Rientro In avvio di secondo

Luca Vitali Il 25enne play torna alla Virtus dove cresciuto e ha esordito in LegaDue con Castelmaggiore nel 2003/04. Ha giocato a Siena, Montegranaro, Milano e a Roma.

El Idrissi al traguardo. A sinistra, Luciano Gigliotti ANSA

El Idrissi, volata verso lazzurro Gualdi tricolore

A Torino vince il marocchino S cresciuto a Genova: 2h0813" Kris Lang Il centro, 31 anni, Gigliotti: Buono per Londra
uscito da North Carolina, ha giocato alla Virtus dal 2005 al 2007. Lo scorso anno stato a Brindisi dopo due stagioni ad Ankara, in Turchia.
DAL NOSTRO INVIATO

SIMONE BATTAGGIA TORINO

Dopo 42 km, Ennaji El Idrissi si inginocchia e bacia il marmo di piazza Castello. Poi si rialza, col sorriso che lo aveva accompagnato lungo il rettilineo di via Roma, e spara al microfono i suoi desideri: Sono pronto per lazzurro.
Candidato Il 2h0813" con cui ha strappato il nastro darrivo dalle mani dellorganizzatore della 25 Turin Marathon, Luigi Chiabrera, e da quelle del caposettore nazionale, Luciano Gigliotti, gli d ragione. Il passaporto no. Perch questo 25enne di Oulad MRah, giunto a Genova per vendere fiori a 13 anni, un cittadino marocchino. Per quei colori ha corso a Pechino 2008, dove usc nelle batterie dei 5000 con 1405"30. A gennaio presenter la domanda per diventare italiano racconta Luciano Gigliotti . Atleticamente cresciuto qui, con il presidente del Cus Genova Mauro Nasciuti lo stiamo seguendo. Il ragazzo mi ha assicurato che da Pechino 2008 non ha pi rappresentato il Marocco in gare internazionali, quindi per noi eleggibile. Merita unopportunit, ma burocraticamente andr supportato. Lallievo e il maestro Il 2h0813" di ieri, secondo

re ancora in volata, come aveva

BOLOGNA VARESE

74 63

(27-12, 45-30; 54-49) CANADIAN SOLAR BOLOGNA: Poeta 17 (2/3, 2/5), Koponen 10 (4/7, 0/3), Gailius 11 (4/5, 1/2), Sanikidze 14 (3/6, 0/2), Gigli 2 (1/1); McIntyre 16 (1/3, 3/7), Douglas Roberts 4 (2/3, 0/1), Martinoni (0/1, 0/2). N.e: Person, Canelo, Fantinelli, Quaglia. All: Finelli. CIMBERIO VARESE: Rannikko 3 (0/1, 1/3), Hurtt 2 (1/3, 0/1), Diawara 11 (3/6, 1/4), Kangur 6 (2/2, 0/2), Garri 10 (4/5, 0/2); Stipcevic 12 (3/7, 2/7), Talts (0/2 da 3), Ganeto 14 (2/5, 3/5), Reati (0/1, 0/1), Demartini 5 (2/2, 0/1). N.e: Zattra, Bertoglio. All: Recalcati. ARBITRI: Taurino, Ramilli, Caiazza. NOTE: T.l. Bol 22/30, Var 8/9. Rim: Bol 33 (Sanikidze 12), Var 34 (Garri 7). Ass: Bol 6 (Koponen 2), Var 8 (tre con 2). Progr: 5 13-6, 15 33-23, 25 50-37, 35 62-54. Usc. 5f: Kangur 3654" (64-56). Spett. 8014

quarto lex senese scolpisce il 30-12, Varese esce dalle corde grazie alla spinta di Stipcevic che surroga il fantasma di Hurtt, ma sono i gregari Ganeto, il nuovo Vescovi che segna tutto il suo bottino nella ripresa, e Demartini a riportare sotto la Cimberio che dal 48-30 risale 54-52 e poi 64-61. Bologna paga il vuoto di Martinoni, ormai un caso cronico, ma trova da Sanikidze energie e numeri importanti. La volata premia McIntyre che riceve gli onori anche dal nemico Recalcati: Tanto di cappello davanti ad un campione come lui mentre la mia squadra non ha ancora vinto nulla. Sarebbe sbagliato usare come alibi la differenza nei tiri liberi (30-9 per Bologna): gli arbitri non centrano, siamo stati poco aggressivi. Infine il patron Sabatini evoca scenari bui per il futuro della Virtus: Se entro met dicembre non arriver nessuno a rilevare gratis il club, far come Benetton: il 30 giugno chiuder lesercizio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Terrell McIntyre, 34: il play sul piede daddio stato tra i migliori CIAM/CAST

IL LOCKOUT NBA

Oggi un altro incontro con i proprietari I giocatori decidono sullultima proposta


Oggi, a New York, i rappresentanti dei giocatori delle 30 squadre Nba si trovano per de cidere se rigettare lultima propo sta fatta dai proprietari Nba, e mettere in discussione lintera stagione, oppure se farla votare allassemblea dei giocatori. Prati camente impossibile che gi oggi arrivi invece lok e la fine del lockout, visto i commenti negativi degli atleti alla proposta. Il com missioner Stern in caso di appro vazione ha contestualmente pro posto la partenza della stagione il 15 dicembre su 72 gare, 10 in me no del consueto. ARTISTI E ALLUVIONE La Nazionale Basket Artisti scende in campo per gli alluvionati della Liguria. Oggi alle 20.30 a La Spe zia levento Un canestro per rico minciare promosso con la loca le squadra di basket. Il cabaretti sta Stefano Nosei, il conduttore Carlo Massarini e latleta Stefano Mei sono spezzini. In campo an che Riva, Costa e Morandotti.

LEGADUE NELLA 7 GIORNATA GENTILE (VEROLI) BATTE IL MAESTRO MARCELLETTI

Reggio Emilia vince il duello con Scafati


REGGIO EMILIA SCAFATI 79 77 JESI PISTOIA 81 68 BRESCIA BOLOGNA 73 67 OSTUNI VEROLI 84 107 VERONA BARCELLONA 84 78
(27-16, 46-32; 65-50) TRENKWALDER REGGIO EMILIA: Robinson 18 (6/10, 1/5), Taylor 21 (5/11, 3/4), Filloy 11 (2/3, 1/3), Slanina 9 (3/6, 1/2), Chiacig 6 (3/7); Valenti 7 (2/5, 1/1), Frassineti 3 (1/1 da 3), Pini 4 (2/2), Germani. N.e.: Cervi. All. Menetti. GIVOVA SCAFATI: Levin 12 (2/3, 2/4), Radulovic 8 (2/2, 0/2), Thomas 13 (5/8), Ghiacci 10 (4/6, 0/4), Marigney 14 (6/14, 0/3); Casini 10 (2/4 da 3), Gueye 8 (1/1, 2/3), Rosignoli 2 (1/2), Sorrentino (0/1, 0/1). N.e.: Guadagnola, Malpede e Izzo. All. Griccioli ARBITRI: Martolini, Mazoni e Borgioni NOTE - T.l.: Tre 9/17, Giv 17/23. Rimb.: Tre 32 (Chiacig 9), Giv 35 (Thomas 15). Ass.: Tre 4 (4 con 1), Giv 7 (3 con 2). Progr.: 5 11-12, 15 36-25, 25 60-40, 35 72-65. Spettatori 2614 per 26873 euro. (d.b.) (14-20, 31-32; 51-50) FILENI JESI: Maggioli 18 (8/11), Hoover 18 (0/2, 4/9), Migliori 9 (0/2, 2/4), Brooks 9 (2/5, 1/1), McConnel 16 (3/5, 2/3); Battisti, Di Giacomo, Santiangeli 11 (4/4, 1/3), Dolic (0/1). N.e. Ginesi, Bargnesi, Bruzzechesse. All. Cioppi. GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Mathis 11 (5/10), Jones 14 (3/10, 2/4), Toppo 8 (4/6), Galanda 4 (2/4, 0/2), Hardy 15 (4/7, 1/5); Yango 4 (2/4, 0/1), Saccaggi, Gurini 12 (1/1, 3/4). N.e. Tuci, Grillini. All. Moretti. ARBITRI: Materdomini, Beneduce, Quarta. NOTE - T.l. Fil 17/18, GTG 8/11. Rimb.: Fil 31 (Maggioli 10), GTG 26 (Galanda 9). Ass.: Fil 6 (Hoover e Brooks 2), GTG 7 (Hardy 3). Espulso Jones al 3959 (79-68). Progr.: 5 6-14, 15 20-24, 25 39-38, 35 62-57. Spettatori 2244. (fr.ch.) (21-10, 39-33; 55-46) CENTRALE LATTE BRESCIA: Goldwire 23 (7/11, 1/2), Gergati 13 (4/5, 1/2), Thompson 11 (4/11, 1/2), Ghersetti 8 (4/6, 0/2), Busma 2 (1/4); Bushati 2 (1/2), Farioli 4 (2/4, 0/1), Rombaldoni (0/1), Rezzano 5 (1/2, 1/3), Stojkov 5 (1/1, 0/2). N.e.: Scanzi e Gattesco. All: DellAgnello. CONAD BOLOGNA: Pecile 13 (2/3,1/5), Blizzard 5 (1/2, 1/2), Vrkic 2 (1/3), Dimsa 8 (3/6), Baldassare 7 (2/7, 1/5); Kelley 12 (4/6, 1/3), Montano 3 (0/2, 1/1), Canavesi 17 (7/10, 0/1), Dimsa 8 (3/6), Vrkic 2 (1/3). N.e.: Chiarini e Filippini. All.: Markovski. ARBITRI: Caroti, Ciaglia, Ranaudo. NOTE - T.l.: CdL 11/14, Con 12/14. Rimb.: CdL 32 (Thompson 6), Con 33 (Baldassare 12). Ass.: CdL 12 (Goldwire e Farioli 3), Con 18 (Pecile 5). Progr.:5 6-2, 15 34-22, 25 48-40, 35 59-58. Spett. 2000 circa (A. Ban.) (25-25, 40-49; 58-76) ASSI OSTUNI: Klobucar 20 (2/5, 2/5), Jurevicus 16 (3/5, 2/6), Di Liegro 13 (6/7), Rinaldi 9 (1/3, 0/1), Johnson 24 (9/11); Marino (0/2, 0/1), Basei (0/1), Rossetti 2 (1/1), Carenza (0/3, 0/1). N.e.: Margio, Sirakov. All. Marcelletti PRIMA VEROLI: Rowe 30 (4/7, 6/8), Jackson 15 (3/3, 2/6), Cortese 5 (1/1, 1/4), Brkic 14 (5/9, 0/1), Lee 0 (0/4); Tommasini, Rullo 17 (2/4, 3/3), Gatto 9 (3/5, 1/2), Ammannato 2 (1/1, 0/1), Colussi 15 (1/3, 4/5), N.e.: Tullo, Donati. All. Gentile. ARBITRI: Di Francesco, Masi e Pecorella. NOTE - T.l. Ost 28/34, Pri 16/17. Rim: Ost 26 (Di Liegro 8), Pri 30 (Brkic), Ass: Ost 12 (Johnson 7), Pri 16 (Rullo 4). Progr.: 5 15/10, 15 31/39, 25 52/62, 35 70/91. Usc. 5 f. Lee, Gatto e Rowe. Antis.: Marino e Rowe. Tecn. Marcelletti, Rowe. Spettatori 2000 circa (F.Pec.) (21-15, 40-32; 54-45) TEZENIS VERONA: Porta 17 (3/8, 2/5), West 8 (4/6, 0/1), Boscagin 12 (1/3, 1/2), Edwards 3 (0/3, 1/1), Renzi 29 (9/12, 2/3); Di Giuliomaria (0/1, 0/1), Banti (0/1), Mariani 7 (1/1, 0/1), Vukcevic 8 (1/3, 2/5). N.e.: Colli e Bordato . All.: Martelossi SIGMA BARCELLONA: Lukauskis 9 (0/1, 3/5), Green 15 (3/4, 1/4), Hicks 6 (2/4, 0/3), Dordei 13 (3/8, 2/3), Martin (0/3); Bucci (0/3, 0/3), Mocavero 5 (2/3), Da Ros 27 (11/14, 0/2), Piazza 3 (1/2). N.e.: Rotundo e Bonessio. All.: Pancotto ARBITRI: Pascotto, Baldini, Bertelli NOTE - T.l.: Tez 22/27, Sig 16/25. Rimb.: Tez 33 (Porta 10), Sig 35 (Dordei 10). Ass.: Tez 11 (Porta 5), Sig 10 (Green 3). Progr.: 5 15-8, 15 32-23, 25 52-35, 35 69-60. Usc. 5 f.: Porta, Dordei. Tecn. : panchina di Barcellona ; antis.: Hick. Spettatori 2000 circa. (a.p.)

Risultati e classifica

Anticipi: Piacenza-Forl 93-87, Sant Antimo-Brindisi 56-66. Classifica: Pistoia, Brescia, Reggio Emilia, Brindisi 10; Scafati, Piacenza 8; Ostuni, Barcellona, Jesi, Veroli, Verona 6; Imola, Bologna, Forl 4; Sant Antimo 0 Pr. turno: Bologna-Jesi, Brindisi -Reggio E., BarcellonaOstuni, VeroliImola; ScafatiVerona, PistoiaPiacenza, ForlS.Antimo. Rip.: Brescia

tempo di sempre alla maratona di Torino, fa storcere il naso a molti in casa azzurra. Perch El Idrissi ha corso e ha vinto anche tre settimane fa, 2h1256" alla maratona di Casablanca. E perch la sua diventa una candidatura in chiave Londra. In questo senso, i campionati italiani dovevano dare alcune indicazioni. Con la gara femminile priva delle migliori azzurre, e vinta da Martina Celi dopo la crisi che al 41 km ha fermato Fatna Maraoui, la risposta pi forte arrivata da Giovanni Gualdi. Il 32enne delle Fiamme Gialle ha strappato il Tricolore allamico Migidio Bourifa, 42 anni, superato al 38 km: In quel momento mi sono emozionato, anche perch, dopo il sorpasso, mi ha incitato racconta il bergamasco . Sono 15 anni che corro con lui e ora anche il mio tecnico. So che un 2h14 non basta per Londra: serve un anno di lavoro pieno, e a marzo correr unaltra maratona. Come El Idrissi, anche Gualdi ha corso lultimo km col sorriso sulle labbra. Qui c tanto entusiasmo, il sostegno della gente non mi faceva sentire la fatica. E poi nei 10 km finali mi ha dato forza lidea che allarrivo ci fossero mia moglie Alice e mia figlia Aurora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I RISULTATI

Assoluti: Bona 2o, Bourifa 3o Gara femminile alla Ruban Celi tricolore tra le donne
Maratona di Torino. Uomini: 1. El Idrissi (Mar) 2h0813"; 2. Chebor (Ken) 2h0821"; 3. Megersa (Eti) 2h0855"; 4. Kurui (Ken) 2h0856"; 5. Wairuri (Ken) 2h0948"; 8. Gualdi 2h1401"; 9. Mandago (Ken) 2h1437; 11. Bona 2h1531"; 12. Bourifa 2h1550"; 13. Curzi 2h1626". Donne: 1. Ruban (Ucr) 2h2710"; 2. Drazdauskaite (Lit) 2h2947"; 3. Skvortsova (Rus) 2h3009"; 8. Celi 2h3611"; 9. Ferrara 2h3652"; 10. Facciani 2h3715". AD ATENE (d.m.) Il marocchino Abdelkrim Boubker ha vinto in 2h1140 la maratona di Atene. Uomini: 1. Boubker (Mar) 2h1140; 2. K. Chumba (Ken) 2h1327; 3. Gatheru (Ken) 2h1612. Donne: 1. Melaku (Eti) 2h3525.

38

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

BOXE MONDIALE WELTER WBO A LAS VEGAS

I NUMERI

4 Ancora Pacquiao
3

IL FILM DELLA SERATA


1

Le sfide tra Pacquiao e Marquez: nel 2004 fin in parit, nel 2008 vinse Pacquiao con verdetto ai punti non unanime

Quanti brividi contro Marquez


Si fa irretire dal messicano e vince ai punti con verdetto non unanime. Il rivale: Scandalo
DAL NOSTRO INVIATO

Le categorie di peso in cui Pacquiao stato campione del mondo: mosca, supergallo, piuma, superpiuma, leggeri, superleggeri (Ibo), welter e superwelter

MASSIMO LOPES PEGNA LAS VEGAS

I milioni di dollari di borsa garantiti a Pacquiao, cui potrebbero arrivarne altri 8 dalle vendite del match in pay per view

22

I successi in carriera di Pacquiao, professionista dal 1995, con tre sconfitte e due pareggi

54

Se il ring fosse un palco politico, lonorevole Manny Pacquiao dovrebbe rivedere i programmi di campagna elettorale. Perch dopo dodici round intensi e spettacolari ha ai suoi piedi unintera arena, per la verit quasi tutta composta dallopposizione messicana, che lo insulta e gli impedisce di parlare. La cosa che mi piace di pi del mio lavoro di pugile? La gente che mi acclama, aveva detto il giorno prima. Le lattine di birra e di Coca che gli piovono addosso non le aveva previste. Se il pubblico avesse il potere di decidere, il vincitore dellultimo pezzo di questa controversa trilogia sarebbe Juan Manuel Marquez. Invece per la terza volta (il primo incontro fu un pari, il secondo una vittoria risicata del filippino), la sentenza lo condanna. Il verdetto maggioritario premia PacMan, che mantiene il titolo mondiale Wbo dei welter. Il giudice che vede il pari (114-114) probabilmente il pi in sintonia con quanto accade; un altro concede due punti a Pacquiao (115-113), ma quello che gliene attribuisce quattro di vantaggio (116-112) sembra totalmente scollegato dallumore che c dentro lMgm stracolmo di celebrities.
Che equilibrio Non un furto, per, perch molte riprese sono incerte e di ardua valutazione. Il fatto incontrovertibile che dopo 36 round i due protagonisti sono separati da un solo punto: 679-678.

Nel 5 round un destro piega addirittura le gambe del filippino

Marquez furibondo: Non so pi che cosa devo fare per vincere e far cambiare idea a quei tre che devono decidere. Per la terza volta sono convinto di essere stato derubato. Ha il rammarico di aver buttato via tutto allultimo gong: dopo l11, infatti, era ancora avanti. E come se per gran parte della serata mostri al rivale una lavagna zeppa di complicate equazioni, perch i suoi contropiedi lo infilzano e lo mandano in confusione.
Paura Freddie Roach, trainer del filippino, con onest ammette: Non ho fatto un buon lavoro: nessun dubbio che il suo stile metta in tremenda difficolt Manny. Un match equilibrato, avremmo potuto anche perdere. Al 5 round arriva il colpo pi bello del messicano: un destro che si stampa sulla mascella di PacMan e lo fa traballare. Negli ultimi anni nessuno a parte lui cera mai riuscito.

Pecca, per, nel lasciargli costantemente liniziativa e questo, forse, gli coster lincontro. Il campione del mondo in otto categorie di peso continua ad avanzare come un bulldozer, anche se stavolta non gli riesce lopera di demolizione con cui aveva spazzato via negli ultimi due anni De La Hoya, Hatton, Cotto, Margarito e Mosley. Alla fine il match solo una gigantesca illusione ottica: Marquez d la sensazione di avercela fatta, ma anche le fredde statistiche lo bocciano: 178 pugni affondati da Pacquiao contro i 138 suoi. Comunque, uno scarto minimo. Juan Manuel indignato minaccia il ritiro: Perch nello sport certe cose non dovrebbero accadere. Manny pronuncia solo poche frasi: Capisco il disappunto dei tifosi messicani, perch c stato molto equilibrio. Ma nessun dubbio sulla mia vittoria. Ha uninconsueta fretta di rimettersi gli sgargianti abiti da rockettaro e intrattenere la marea di suoi sostenitori con lennesimo concerto. Un bagno di folla ristoratore per sostenere il suo ambizioso progetto politico: nel 2013 correr come Governatore di Sarangani, la sua provincia, nel 2016 come Senatore e nel 2022 come Presidente del Paese. E la boxe? C un anno di tempo per organizzare la maxisfida con Mayweather (qualcuno accenna a un folcloristico primo assaggio su un campo di basket). Ma se non accadr, mi sentir comunque appagato, dice. Se no c sempre il Marquez IV: ancora pi storico e remunerativo di una trilogia.
RIPRODUZIONE RISERVATA

1. Una fase del match tra Manny Pacquiao, 32 anni, a sinistra e Juan Manuel Marquez, 38 anni 2. Prima dellincontro, allMgm stato ricordato Joe Frazier, il grande peso massimo morto in settimana: dieci rintocchi della campana del ring hanno accompagnato la sua immagine sullo schermo 3. Solito delirio davanti ai maxischermi di Manila per Pacquiao REUTERS/AFP/AP 3

IPPICA Il FANTINO E IL MISSILE UNGHERSE VINCONO A ROMA

Dettori-Overdose, pass per Hong Kong


MICHELE FERRANTE

I NUMERI San Siro: solo Perkins Grif

4
16

Gran Criterium si salva dal flop generale

Squadra che vince non si cambia. E che squadra. Da una parte Lanfranco Dettori, 41 anni il 15 dicembre, miglior fantino del mondo dalla popolarit trasversalmente globale. Dallaltea Overdose, missile ungherese tra i purosangue pi conosciuti del pianeta, gi a segno nel Premio Tudini 2008, con 10 lunghezze sul secondo. A Roma si incontrano, si intendono, vincono davanti a un buon pubblico (compresa una cinquantina di ultras magiari) e vengono confermati per lHong Kong Sprint del prossimo 11 dicembre.
Premo

to perch un fuoriclasse. Non correva da giugno (Royal Ascot, 4 nelle Kings Stand Stakes) ed era s e no al 70 per cento della condizione. E i guai fisici di cui ha sofferto, un po se li trascina, ormai ha 6 anni. Nella prima parte di gara ha fatto casino, cambiando azione tre o quattro volte. Ma era ugualmente veloce perch ha la dinamite nei muscoli e la classe nellanima. In arrivo galoppava pi sciolto, in pochi metri ha fatto la differenza per mezza lunghezza, bene cos stavolta.
Hong Kong Prossima fermata

Entusiasta Frankie, ci teneva davvero: Anche perch non avevo mai vinto il Tudini. E unaltra tacca importante, un successo in Italia vale sempre doppio. E poi quando devi montare un cavallo speciale tutto diventa speciale.
Tudini

La corsa: Partenza tranquilla, Overdose ugualmente di slancio in prima fila a centro pista. Aspetto senza muovere le mani fino ai 300 conclusivi. Allinterno c Dagda Mor, un colpo di frusta, due belle sbracciate, il cambio di marcia decisivo. Abbastanza facile.
In alto Overdose e Dettori battono Dagda Mor. Qui sopra la coppia col trainer Josef Roszival GAROFALO
Fuoriclasse Ma poi Dettori tra-

Hong Kong. Non lultima, Overdose rimarr in allenamento anche nel 2012, a 7 anni. Sar competitivo in Oriente? Ha tanti margini, io ci credo, vedremo. E poi non ho mai vinto lHong Kong Sprint, come non avevo mai vinto il Tudini....
4 corsa - Pr. Aloisi-Tudini - (gr. 3) m 1200: 1 Overdose (L. Dettori); 2 Dagda Mor; 3 Rosendhal; 4 Questi Amori; (-2-1) Tot.: 1,59; 1,13, 1,24, 2,01 (2,74) Trio: 17,68.

Le vittorie di Overdose su 19 corse disputate. I primi 14 successi a seguire, dal debutto del 6 anni ungherese, il 2 giugno 2007. La serie si interrotta il 29 agosto 2010 a Baden Baden in Germania,

I GP Vinti in carriera da Dettori. 195 di grupp 1, 153 di gruppo 2, 155 di gruppo 3

503

duce quei 1200 metri efficaci senza essere esplosivi: Ha vin-

MILANO Ci si aspettava una corsa di qualit, alla fine invece sono pi le delusioni che le note liete fra i due anni. Chi esce a testa alta dal Gran Criterium sicuramente Perkins Grif (da Classic Photo, la sua vittoria nella foto DE NARDIN) che dopo il 2 dietro Pasci Lest nel GP Aste stavolta ha centrato il bersaglio pieno dominando in retta sul calo della labile Paramount Ok, finita quarta dopo aver respinto al via il favorito Plutonio, che ha poi rotto sullultima curva. E ha rotto anche il Varennino Pasci Lest, dopo 200 metri. Bellei si rifatto tra le femmine imponendosi con Petra Inn Ronco (da Cantab Hall). 5 corsa - Gran Criterium filly - m 1600: 1 Petra Inn Ronco (E. Bellei) 1.14.7; 2 Priority Ok; 3 Pushkar Cam; 4 Peredhil Baba; Tot.: 7,95; 3,16, 9,56, 4,36 (253,50) Trio: 12.549,55. 8 corsa - Gran Criterium - m 1600: 1 Perkins Grif (A. Farolfi) 1.14; 2 Picard del Ronco; 3 Pershing Bi; 4 Paramount Ok; 5 Papandreu; Tot.: 12,25; 3,57, 6,49, 10,33 (402,18) Tris: 5.701,96. OGGI QUINT A FOLLONICA (inizio alle 15.30) scegliamo Next Gill Mmg (20), Ocean Dancer (13), Nallison Crowns (16), Nuvola di Poggio (18), Noblesse Ross (15) e Negus Jet (17). SI CORRE ANCHE Trotto: Roma (14.30), Napoli (14.35) e Padova (14). Galoppo: Livorno (14.55).

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

39

NUOTO MEETING A LAMEZIA

TENNIS PARIGI DOPO BASILEA

Pellegrini c Vado meglio di un anno fa


Vince i 200 sl in 156"34: Tecnica ok Sto ritrovando il vecchio assetto

I RISULTATI
Risultati. Uomini. 50 sl: 1. Orsi 21"85. 100 sl: 1. Orsi 48"70. 200 sl: 1. Magnini 147"94. 50 do: 1. Di Tora 24"76. 100 do: 1. Di Tora 53"22. 50 ra: 1. Scozzoli 27"46. 100 ra: 1. Scozzoli 59"29. 50 fa: 1. Facchinelli 23"98. 100 fa: 1. Scozzoli 53"15. 200 mx: 1. Turrini 201"16. Donne. 50 sl: 1. Ferraioli 26"07. 100 sl: 1. Pellegrini 54"68. 200 sl: 1. Pellegrini 156"34; 6. Filippi 202"46. 50 do: 1. Gemo 27"93. 100 do: 1. Gemo 59"90; 4. Pellegrini 101"23; 6. Filippi 102"46. 50 ra: 1. Scarcella 32"33. 100 ra: 1. 109"24. 50 fa: 1. Bianchi 26"71. 100 fa: 1. Bianchi 59"70. 200 mx: 1. Nesti 215"95; 2. Polieri 216"41; 3. Filippi 216"98.

y Pap Federer

I NUMERI

4
2

Ma come gioco bene...


Secondo titolo in 2 settimane malgrado i capricci delle gemelline. Ora il Masters

i vincitori di Roland Garros e Bercy: Andre Agassi (R. Garros 99, Bercy 94 e 99) e Roger Federer (R. Garros 2009, Bercy 2011)

i tornei vinti in carriera da Roger Federer: lo svizzero il quarto dell'era Open dopo Jimmy Connors (109), Ivan Lendl (94) e John McEnroe (77).

69

Federica Pellegrini, 23 anni, ha gareggiato anche nei 100 sl (54"68) e 100 dorso (101"23)
DAL NOSTRO INVIATO

Roger Federer, 30 anni, svizzero, primatista assoluto con 16 titoli dello Slam REUTERS
VINCENZO MARTUCCI

GENNARO BOZZA LAMEZIA TERME (Catanzaro)

Piccoli fuochi si accendono in acqua, segnali forse appena accennati, ma che potrebbero diventare vampate olimpiche. Li lanciano soprattutto Federica Pellegrini, Marco Orsi e Fabio Scozzoli, nel 4o meeting Citt di Lamezia Terme, vasca corta, con Filippo Magnini un po pi moderato nellandatura, ma fiducioso nella strada verso Londra, e con Alessia Filippi che sembra rinascere, dopo il suo ritorno alle Fiamme Gialle e ad Andrea Palloni, appena due settimane fa.
Paralleli Un anno fa, proprio il 13 novembre, al meeting di Viareggio, Federica cominciava la rincorsa al doppio bis mondiale con un 156"04 nei 200, sempre in corta. Adesso, lattesa ancora pi alta, per vedere se col nuovo allenatore, Federico Bonifacenti, si potr spe-

Doppietta Orsi nei 50 (21"85) e 100 sl (48"70), bis di Scozzoli in 50 e 100 rana. Magnini pensa agli Europei in vasca corta, la Filippi finalmente in crescita
rare nella doppietta olimpica. E la prima risposta incoraggiante: 156"34, solo tre decimi in pi, ma ottenuti alla terza gara nella giornata (dopo 100 sl la mattina e 100 dorso appena mezzora prima) e in una piscina poco scorrevole. Quindi, significato tecnico migliore, come sostiene lei stessa. Lanno scorso fa notare Federica , avevo nuotato male e faticato molto per fare quel tempo, avevo tirato dallinizio alla fine. Adesso, sono molto pi soddisfatta della tecnica e inoltre ho controllato la gara nei secondi cento metri perch volevo tentare il "negative split". Siamo l: 58"33 nella prima met, 58"01 nella seconda, equilibrio quasi perfetto. Soddisfatta quindi. Sono molto contenta, sto ritrovando il vecchio assetto e dal punto di vista tecnico questo risultato migliore di quello del 2010.
Pi veloci Limpressione maggiore la destano due giovani che gi hanno fatto vedere, nella scorsa stagione, quanto

valgono: Orsi e Scozzoli. Il primo, nello stile libero, vince i 50 in 21"85 e i 100 in 48"70, ma in questultima gara danneggiato da una disfunzione causata dai giudici: chiamata una netta falsa partenza, ma non viene calata la cordicella per fermare i nuotatori, e si va avanti. Cos, Orsi rallenta un po, indeciso, poi continua. Non sapevo che fare spiega lui , pensavo di intoppare nella cordicella, poi non lho sentita e ho tirato. Sarebbe stato un 48" basso. E lindicazione pi significativa se si pensa che ha aumentato i carichi di lavoro, dovrebbe essere pi zavorrato. Lui raddoppia: Posso solo migliorare, sto lavorando come un matto. Voglio arrivare a Londra e giocarmela. Scozzoli vince i 100 rana in 59"29, contro i 59"39 del 2010 a Viareggio. Ma trova un riferimento migliore, Bolzano: 59"9 nel 2010, 59"32 questanno. Sono partito bene dice , sto crescendo e ogni anno aggiungo qualcosa agli allenamenti. Magnini vince i 200 in 147"94, senza forzare. Ho solo pensato a controllare la gara. La novit che potrebbe partecipare agli Europei in corta. Li avevo esclusi perch volevo iniziare la stagione tranquillamente, per poi spingere molto da gennaio. Ma dopo l143"7 a Berlino ci sto ripensando. Vado a Viareggio, poi a Eindhoven e quindi decido per i 200 agli Europei.
La risalita Infine, si rivedono

Parigi o cara. La gente qui mi ama come fossi uno di loro: non parlo cos bene il francese, ma forse piace come mi batto e cerco di dare il meglio, eppoi hanno apprezzato la fatica che ho fatto per vincere il Roland Garros. La prima firma di Roger Federer a Bercy lascia il segno: non solo la prima del Magnifico a Parigi-indoor (battendo il beniamino di casa, Jo-Wilfried Tsonga 6-1 7-6), non solo il primato eguagliato di Andre Agassi (finora lunico a saper vincere sia al Roland Garros che a Bercy), non solo il titolo Atp numero 69 (nella finale numero 99), non solo il sigillo numero 18 nei tornei Masters 1000 (secondi solo agli Slam), non solo il secondo torneo consecutivo che vince (dopo aver interrotto solo la settimana scorsa a Basilea un digiuno che durava da gennaio a Doha), non solo letichetta di favorito

scombinato la preparazione della giornata, si sorprende . Onestamente, sono un po meravigliato da come gioco bene. Anzi, sono estasiato da come ho giocato tutta la settimana, si sorprende ancor di pi, dopo 6 settimane di fuga da New York.
Servizio Facile volare il primo set della

finale contro Tsonga quando vinci l88% di punti con la prima di servizio. Ma Federer torna Federer proprio quando perde quasi completamente la sua arma paralizzante, salva comunque una palla-break sull1-2 e una sul 3-4 del secondo set, e poi la recupera a livelli mostruosi, mettendo gi addirittura solo prime in due turni di battuta (vinti a zero) e al tie-break. Ritrovando il magico 88% di punti con la prima di battuta anche nel secondo parziale.
Reazione Quando tiene cos decisamente lo sguardo basso, quando serra la mascella e non pronuncia verbo, stringendo pi volte il pugno, Roger ripesca finalmente nel profondo del suo io la reazione che gli mancava da mesi, forse da due anni, che sicuramente non ha avuto 12 mesi fa proprio a Bercy nella semifinale con Tsonga persa mancando 5 match point, e torna a cambiare marcia come nei momenti pi belli. Parola di Berdych: Questo il vecchio Federer, non quello che questanno non ha vinto niente. Parola di Tsonga: Per me, Roger il pi grande giocatore del mondo e lo rester ancora a lungo. Parola di due picchiatori fra i pi temibili sul veloce indoor, gli ultimi che lhanno stoppato a Wimbledon ma ma che a Parigi si arrendono ad unaltra arma fondamentale, la risposta. Meno appariscente, ma importante quanto il servizio.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Masters 1000 vinti da Federer, secondo assoluto dopo i 19 conquistati da Nadal: 3 volte Indian Wells, 2 volte Miami, 5 volte il secondo Masters europeo su terra battuta (4 volte Amburgo e una volta Madrid), 2 volte l'Open del Canada, 4 volte Cincinnati, una volta il primo Masters autunnale (Madrid) e una volta Bercy.

18

Marco Orsi 20 anni

Indoor, lex n. 1 ritrova le armi migliori e anche il cambio di marcia. Cos nel Masters 1000 di Bercy imbavaglia in finale il beniamino di casa, Tsonga
al Masters coi primi 8 del mondo da domenica alla 02 Arena di Londra, il solo modo per riaffermare il ruolo di protagonista. Di chi, dopo i due match point falliti nelle semifinali degli Us Open con Novak Djokovic fotocopia del 2010 e lo zero nella casella degli Slam, sembrava non solo arrugginito. Ma addirittura da rottamare.
Sogno Daccordo, i rivali diretti Djokovic, Nadal e Murray sono pi o meno fermi ai box e, indoor, RogerExpress meno vulnerabile. Ma lo svizzero sta giocando meglio che mai, e sembra molto concentrato, molto reattivo, molto fluido e molto affamato. E un sogno che si realizza, lo aspettavo da tempo. Sono contento di esserci riuscito in uno stadio cos grande che mi faceva un po paura, racconta lui nel ricevere il trofeo dal cestista Tony Parker (ex Nba, ora Villeurbanne). Alle 4 del mattino una delle gemelline s svegliata ed venuta nel lettone: questo ha

scintille negli occhi della Filippi. Tre gare in un giorno, tempi non eccezionali, ma migliori di quelli fatti nellultimo anno e mezzo. Sono contentissima Alessia sorride , non mi resta che gareggiare sempre di pi per ritrovare la forma. E tornata ai 16 chilometri al giorno. Appena ritrover la massa muscolare perduta, potr sperare anche di tornare nella 4x200 per Londra. E il mio sogno e voglio assolutamente realizzarlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

FINALE A PARIGI BERCY ( F r a , 2.750.000e, indoor): Federer (Svi) b. Tsonga (Fra ) 6-1 7-6 (3).

40

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

GOLF SINGAPORE OPEN

Edoardo dOriente sulla via della Cina


Molinari ritrova putt e fiducia e chiude 5. Chicco 33: tra dieci giorni c da difendere la World Cup
FEDERICA COCCHI

I NUMERI

4
1

ALLAUSTRALIAN OPEN VINCE CHALMERS


Tiger, 36 anni il 30 dicembre, 14 titoli Slam

Occasione perduta o forma ritrovata? Per Edoardo Molinari, quinto al Singapore Open, la seconda affermazione quella pi vicina alla realt.
Mezzo pieno E il caso di vedere

il bicchiere mezzo pieno, visto che fino ad ora, la stagione del maggiore dei fratelli Molinari era stata tutto fuorch esaltante. Anzi, piuttosto negativa. Ho passato tante ore in campo pratica con il tecnico Sergio Bertaina per capire qual il motivo di questi risultati ha spiegato Edoardo sulle pagine del suo sito personale. Il gioco da tee a green stato mediamente buono durante tutto lanno, ma certamente non ai livelli dellanno scorso.

AL SAN DOMENICO

Bertasio vince il campionato Open, Pavan 3

Il putt mi ha dato tanti problemi in diversi tornei, cos come il gioco corto. Lavoro che deve aver dato i suoi frutti visto che Dodo, in testa al torneo dopo il primo giro, ha ammesso di aver fatto la differenza proprio con il putt. Questanno ho cambiato troppo spesso per cercare nuove sensazioni ed stato certamente un errore fa sapere ancora Dodo . Credo invece che ogni tanto serva un po di pazienza e molta fiducia nel fatto che praticando costantemente gli stessi fondamentali il putt migliori. Edoardo aveva iniziato il giro al secondo posto con tre colpi di distacco dal leader Fernandez Castao, ha mantenuto il ritmo grazie a due birdie nelle prime sei buche, ma ha rovinato tutto con la sequenza doppio bogey-bogey subito dopo. Francesco ha chiuso il torneo, ridotto a 54 buche e che terminer solo oggi a causa del maltempo con il playoff, in 33 posizione, alla pari con Phil Mickelson. Nonostante gli errori si vedono segnali incoraggianti in prospettiva World Cup, tra due settimane in Cina, a Mission Hills, sullisola di Hainan. Edoardo e Francesco dovranno difendere il titolo conquistato due anni fa.
In Giappone La settimana pros-

Nei guadagni degli atleti di ogni sport di sempre, con almeno 1 miliardo di dollari e come n. 1 del mondo con 623 settimane, pi di chiunque altri.

OGGI IL PLAYOFF

Woods terzo Mi sto resettando


(f.co.) La vittoria dovr attendere ancora un po, ma i segnali sono molto buoni. Tiger Woods sembra aver iniziato il percorso verso la rinascita. Mentale, sportiva, fisica. DallAustralia era iniziato il crollo (al ritorno dallAustralian Masters 2009 la moglie aveva scoperto i suoi tradimenti), dallAustralia si intravede la luce in fondo al tunnel. Un terzo posto allAustralian Open, sul percorso del Lakes di Sydney quella luce.
A un passo Il novantaseiseimo titolo in carriera non arrivato, ma Tiger sfodera un sorriso che da tempo non si vedeva. Vestito con la classica tenuta della domenica: maglia rossa e pantalone nero. Sto benissimo racconta bello sentirsi finalmente bene di nuovo. E passato cos tanto tempo dallultima volta.... Alla fine ha vinto un campione di casa, Greg Chalmers, con due colpi di vantaggio sulla Tigre che finalmente ha smesso di soffrire dei problemi al ginocchio e al tendine dAchille sinistro, che lhanno tenuto fuori alcuni mesi dalla scena. E anche il nuovo swing comincia a dare i suoi frutti, tanto che gioved durante il primo giro era riuscito a chiudere le 18 buche senza bogey. Il giorno dopo era addirittura in testa, ma il ritmo e la tenuta di gara fisica e mentale, ancora non sono al cento per cento. Lo dimostra il 75 di sabato: Cero vicino, ma qualcosa non ha funzionato. Allora ho fatto un sacco di pra-

Nino Bertasio (nella foto Scaccini) il vincitore del campionato nazionale Open. Il 23enne si classificato primo con 269 colpi (65 65 72 67), 15 sul percorso del San Domenico Golf a Savelletri di Fasano (Br). Bertasio, nato a Zurigo e cresciuto golfisticamente a Gargagolf, ha concluso le 72 buche alla pari con Nicol Ravano (269 67 70 63 69) e poi lo ha superato con un par alla seconda buca di spareggio. Al terzo posto, con 271 ( 13) Andrea Pavan e Alessandro Tadini. Ci tenevo a vincere ha detto Bertasio , per dare tono a una stagione da cui mi attendevo di pi.

sima, Edoardo sar impegnato in Giappone al Dunlop Phoenix (vinto 2 anni fa) per rifinire la preparazione prima di Mission Hills: Qualche settimana fa sono anche uscito dai primi 50 giocatori del mondo e credo che sia una cosa normale per come ho giocato questanno ha annunciato prima del torneo . Lobiettivo adesso cercare di rientrarci entro la fine di gennaio del 2012 per poter cos giocare tutti i Wgc e i Major lanno prossimo. E al Dunlop Phoenix il 30enne torinese si distinguer per unazione benefica: la met del premio che guadagner, la devolver in beneficenza alle vittime dei danni dello Tsunami. Questo evento ha sconvolto tutti. Io sono stato spesso in Giappone e mi sembra giusto fare qualcosa per le popolazioni colpite. Voglio rendermi utile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Si chiude oggi con il playoff, il Singapore Open (European Tour, Sentosa Golf Club. Montepremi 4.350.00 0 euro, prima moneta 720.000 euro). 1. Pagunsan (Fil), Castao (Spa) -14 (199 colpi); 3. Kim (Usa), Oosthuizen (Saf) - 13; 5. Lee (Aus), Luiten (Ola), E. MOLINARI (62 68 71, 201. 183.00 euro) -12. 33. F. MOLINARI (69 69 70, 208; 34.602 euro) -5.
Edoardo Molinari, 30 anni, n. 54 della Race to Dubai, 61 al mondo AFP

tica su tutti i colpi e ho iniziato a sentire che alcune delle vecchie sensazioni stavano cominciando a tornare. Solo piccoli accorgimenti, ho resettato il mio gioco ed andata bene. Risalita Lobiettivo, a parte la vittoria, anche tornare tra i primi 50 al mondo. Attualmente, il vincitore di 14 major n.58, fuori dallelite. Unonta da cancellare immediatamente dal curriculum. Peccato perch domenica avrei potuto segnare uno score molto basso. Mi sono detto che avrei dovuto chiudere -13 o -14 per avere una possibilit, ho colpito davvero bene ma due errori nelle seconde nove mi hanno frenato. Lex numero uno ha avuto anche la possibilit di un eagle alla 17 che lavrebbe portato a condividere la vetta.
In squadra Tiger e compagni si

fermano in Australia, per la Presidents Cup, la gara a squadre tra Stati Uniti e resto del mondo (Europa esclusa), che si svolge questa settimana a Melbourne. Sar bello trovarci e discutere delle strategie e di chi giocher con chi e di che tipo di palle useremo. Mi piace, una bella atmosfera, racconta Tiger, che gioca grazie a una wild-card di capitan Couples.
Classifica finale allAustralian Open (Sydney, the Lakes Golf Club. Montempremi di 1,120.000 euro). 1. Chalmers (Aus, 67 72 67 69), 275 (-13), 201.000 euro; 2. Senden (Aus, 70 71 63 72) 276; 3. Woods (Usa, 68 67 75 67) 277; 4. Ogilvy (Aus), Day (Aus), Scott (Aus), Watney (Usa), OHern (Aus) 279.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il successo del golf italiano? Il segreto nel movimento.


La Federazione Italiana Golf ringrazia gli sponsor, i campioni e tutti gli appassionati che giorno dopo giorno contribuiscono a far crescere il movimento golfistico italiano.

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

41

CICLISMO I BIG PREPARANO LA BATTAGLIA

Nibali contro Contador Supersfida del 2012


Hanno esaltato al Giro: a fine gennaio debuttano insieme in Argentina. Poi Tirreno e Tour
CLAUDIO GHISALBERTI

mo fine settimana. Per prima di partire era stato chiaro sul suo inizio di stagione: Sono curioso di correre la Tirreno perch si disputa su percorsi adatti a me, in una Paese che mi piace e in un mese in cui di solito vado forte. Insomma, un avviso chiaro e tondo ai rivali che tradotto vuol dire: Voglio vincere la Tirreno. E il duello, che magari avr altri momenti di contatto, culminer nella grande sfida di luglio, al Tour.
E Ivan spagnolo Le vacanze invece sono appena terminate per Ivan Basso. Il varesino, entusiasta del periodo trascorso a Maspalomas, sullisola di Gran Canaria: Posto fantastico. Ora sono stato con la famiglia in totale relax, ma prima diniziare la stagione voglio tornarci per allenarmi. Il debutto di Ivan, che far il primo allenamento stagionale luned 21, sar al Laigueglia (il 18 febbraio), mentre il grande obiettivo della stagione il Giro dItalia. Per ora Basso si mantiene in forma con passeggiate, qualche uscita leggera in mountain bike e tanti esercizi di compenso in palestra. Da luned 28 a sabato 3 dicembre sar in raduno con la squadra al Passo San Pellegrino, poi dal 12 al 22 dicembre al Geo Village di Olbia e a met gennaio una settimana in Toscana. Tra i big che hanno terminato le vacanze (oddio, ferie con altri colleghi e kermesse inclusa) c anche Andy Schleck. Il lussemburghese stato a Curacao, nelle Antille Olandesi. E mentre lui si divertiva con le moto dacqua, Johan Bruyneel team manager della squadra, stava pensando di portarlo al Giro. Proprio per sfidare Basso. Un altro duello.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Nibali contro Alberto Contador. Sar questo il filo conduttore delle grandi sfide 2012, almeno nelle corse a tappe. I due debutteranno al Tour de San Luis, in Argentina, dal 23 al 29 gennaio, e l ci saranno le prime scintille nella crono e nei due arrivi in salita. La posta comincer a farsi pi grossa alla Tirreno-Adriatico, dal 7 al 13 marzo, una novit per lo spagnolo. Il siciliano della Liquigas, che oggi festeggia 27 anni, ha il morale a mille. Ieri tornato da una vacanza in Kenya: sole, mare e safari. Posti magnifici racconta . Ideale per rilassarsi e per sognare. Anche per stare con la fidanzata (Rachele,

ndr). Il safari stata una grande emozione. Abbiamo visto tutti gli animali, tranne il rinoceronte e il leone. E ieri a Messina Vincenzo stato preso in cura da Salvatore, il padre-cicloamatore. Mi ha portato con i suoi amici "svalvolati" a fare 130 km. Mica male come prima uscita. Parole che gli escono ridendo. Poi chiede della corsa sudamericana, che lui vinse nel 2010, dove dovrebbero esserci anche Pozzato, Boonen, Chavanel e forse Valverde. Mamma mia, che livello! Ormai questa diventata una corsa vera.
Alberto italiano Contador inve-

Alberto Contador nel giorno pi bello: il 5 novembre lo spagnolo, re del Giro, 28 anni, si sposato con Macarena: luna di miele ai Caraibi e sosta a Roma IPP In alto, Vincenzo Nibali, 27 anni oggi, 3 nella corsa rosa, versione casual BETTINI

lafoto Andy Schleck in sella a Curaao sulla moto dacqua


Quattro volte secondo: 3 al Tour e 1 al Giro. Andy Schleck, lussemburghese di 26 anni, non ci pensa e si diverte a Curaao (Antille Olandesi) con la fidanzata FOTO BETTINI

ce ancora in vacanza. Anzi, in luna di miele con Macarena, dopo il matrimonio celebrato sabato 5. Ora Alberto ai Caraibi, da dove torner solo nel prossi-

la curiosit

Viviani in bici al Lido di Venezia. E poi Prosecco


viani arriva da Verona, auto + traghetto: divisa della Liquigas, bici di Alan Marangoni e cappuccino della casa. Venti, trenta, quaranta: alla fine, strada facendo, una cinquantina di amici fra cui il patron Giampaolo Mora. Il pronti-via nel sole. I primi protagonisti sono tre direttori sportivi della Liquigas: con Paolo Slongo sul furgone dappoggio, Stefano Zanatta allunga, Dario Mariuzzo insegue, il gruppo si ricompone. Aria frizzante, andatura allegra, sole affettuoso, luce nordica. Il percorso un perimetro, una quindicina di chilometri fra mare e laguna, fra eucalipti e turisti, fra il Palazzo del cinema e il campo da rugby. La prima mezzora si chiacchiera,

DAL NOSTRO INVIATO

MARCO PASTONESI LIDO DI VENEZIA

Venezia sta alle biciclette come il Mortirolo alle canoe e il Vigorelli alle gondole. Eppure proprio Venezia, da sette anni, ospita una pedalata con un campione: il primo Ivan Basso, poi Franco Pellizotti e Tiziano DallAntonia, da due anni lospite donore Elia Viviani. Incontro, raduno, evento. Fra amici. Amici del ciclismo.
Pesce Lido, appuntamento al

Globetrotter per lavoro, casalingo in vacanza. Ma a una festa cos si dice sempre di s

la seconda si respira, la terza si esala. Allarrivo prosecco e stuzzichini. Poi il gruppo si frantuma: c chi va a casa, e chi come Viviani si gode larte della Trattoria Favorita di Luca Pradel, cucina tipica veneziana, piatti a base di pesce, un terzo tempo di lusso.
Casalingo Viviani nel 2011

Maleti, che bar o wine bar o bistrot a seconda dellispirazione, con cappuccini e caff, spremute e brioche, liberi. Vi-

ELIA VIVIANI, 22 ANNI VELOCISTA (foto Bettini)

otto vittorie su strada e ottime possibilit di qualificarsi per lOlimpiade di Londra per la pista a riposo: "Globetrotter" per lavoro, casalingo in vacanza. Ma a una festa cos si dice sempre di s. E il piacere di stare insieme e condividere quella che per tutti, e a tutti i livelli, la stessa identica passione. Comunque rester lunica eccezione: fino al 10 dicem-

bre niente bici. Non per nausea, ma per rispetto. Per piscina e palestra, saune e bagni turchi, e "fit-ball". A domanda risponde, a invito accetta, a battuta ride, a richiesta esaudisce, Viviani anche se ha solo 22 anni racconta, ricorda, spiega, e non si sottrae, non si nasconde, non si tira indietro. Lo fa solo quando si ricorda che a Treviso gioca il Lecco, Lega Pro seconda divisione A, e nel Lecco gioca suo fratello Luca, classe 1991, ala destra, lanno scorso nellHellas Verona. Elia vola allOmobono Tenni. Luca entra nellultima mezzora e gioca bene. Finisce 0-0. Un risultato che, nel ciclismo, non previsto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

A OTRANTO

Bravo Franzoi Torna al successo nel Giro di cross


(m. gaz) Il professionista trevigiano Enrico Franzoi (Selle Italia Guerciotti), 29 anni, ha dominato la 5 prova del Giro dItalia ciclocross a Otranto (Lecce). Franzoi, al termine di una brillante corsa dattacco, ha preceduto di 120 Marco Bianco e Mirko Tabacchi, riconquistando la maglia rosa di leader. Il tricolore Under 23, Elia Silvestri, dopo tre forature, stato costretto al ritiro per un guasto meccanico.

42

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

43

TUTTENOTIZIE & RISULTATI


Hockey ghiaccio IN UNGHERIA

LItalia vince lEuro Challenge


(m.l.) Percorso netto nellEuro Ice Hockey Challenge di Miskolc (Ung) per lItalia senior (neopromossa nel Gruppo A mondiale) di coach Rick Cornacchia: tre gare e altrettante vittorie che valgono al Blue Team il trionfo nella competizione. Anche ieri nella 3 e ultima giornata gli azzurri hanno portato a casa un successo sofferto, al termine di un match molto tirato, battendo 2-1 solo dopo i rigori il Giappone (rete di Patrick Iannone e penalty decisivo di Alex Egger). In porta ha giocato il giovane Andreas Bernard (38 parate su 39 tiri) goalie 21enne che milita nella prestigiosa SM-Liiga finlandese col SaiPa Lappeenranta.
Ieri: Giappone-Italia 1-2 rig. (0-0, 1-1, 0-0; 0-0; 0-1).

Rugby LA PRIMA DI HEINEKEN CUP

Mago Farrell Treviso, lezione dai Saracens


La ciliegina lha messa John Smit, leggendario capitano del Sudafrica alla prima presenza e alla prima meta con la maglia dei Saracens. Per il club londinese dal forte accento boero, per, la vittoria con bonus di ieri contro il Benetton porta soprattutto la firma di Owen Farrell. Il 20enne secondo centro inglese figlio di Andy, 36 anni, nazionale inglese nel 2007 (8 caps) dopo una lunga carriera da stella nel Rugby League, ora responsabile della tecnica individuale per il club. Skills che al figlio deve aver insegnato bene, visto lo show di ieri: una meta, tre calci e quattro trasformazioni, per un totale di 22 punti.
Touche ed errori Nellesordio

Treviso ospiter gli Ospreys gallesi, mentre gli Ospreys venerd sera saranno a Clermont. Primo turno felice per le tre gallesi e le due scozzesi, tutte vincenti.
Saracens-Treviso 42-17 Marcatori: p.t. 3 e 19 c.p. Farrell (S), 22 m. Farrell tr. Farrell, 27 c.p. De Waal (T), 40 c.p. Farrell; s.t. 6 m. Strettle tr. Farrell, 20 m. Wyles (S), 24 m. Joubert tr. Farrell, 33 m. Sbaraglini tr. De Waal; 37 m. Smit tr. Farrell, 39 m. Padr tr. De Waal. Heineken. Gir. 1: Scarlets, Munster 4; Northampton 1; Castres 0. Gir. 2: Cardiff, Edimburgo 4; London Irish, Racing 1. Gir. 3: Glasgow-Bath 26-21. Class. Glasgow 4; Montpellier, Leinster 2; Bath 1. Gir. 4: Leicester, Ulster 4; Clermont 1; Aironi 0. Gir. 5: Saracens-Treviso 42-17. Class. Saracens 5; Ospreys 4; Biarritz 1; Treviso 0. Gir. 6: Tolosa-Gloucester 21-17. Class. Harlequins, Tolosa 4; Gloucester 1, Connacht 0. Challenge. Gir. 1: Bucarest-Crociati 34-7 (m. Festuccia, tr. Zucconi). Class: Bucarest 5; Stade Franais 4; Crociati, Worcester 0. Gir. 2: Tolone 5; Newcastle 4; Lione, Padova 0. Gir. 3: Bordeaux-Wasps 14-47. Class. Bayonne, Wasps 5; Bordeaux, Rovigo 0. Gir. 4: Newport 5; Perpignan 4; Exeter 1; Prato 0. Gir. 5: Agen 5; Brive 4; La Vila, Sale 0.

Atletica Cross, Volpiano per Straneo e La Rosa


(w.b.) Vittorie di Stefano La Rosa e Valeria Straneo nel primo cross della stagione a Volpiano (To). Successi di Gerratana e Abate negli jr. Uomini (km 9); 1. La Rosa 2605"; 2. De Nard 2608"; 3. Sterni 2614; 4. Nasti 2618; Floriani 2622. Junior (km 6): 1. Gerratana 1813". Donne (km 6): 1. Straneo 2337"; 2. Costanza 2409"; 3. Epis 2414"; 4. Rinicella 2419"; 5. Del Fava 2429", 6. Roffino 2434". Jun. (km 4): 1. Abate 1417. CROSS SPAGNOLO (pe.m.) Letiope Imane Merga ha vinto in Spagna il Cross internazionale di Atapueca, nel Paesi Baschi non lontano da Burgos. Fra le donne si imposta Linet Masai. Uomini (km 9.807): 1. Mwerga (Eti) 2721"; 2. K. Tadese (Eri) 2722"; 3. K. Chepkok (Ken) 2725". Donne (km 7.839): 1. L. Masai (Ken) 2420"; 2. Oljira (Eti) 2442"; 3. P. Jeptoo (Ken) 2452". MARATONA DI LIVORNO (d.m.) Emanuele Zenucchi ha vinto in 2h2552 la Maratona di Livorno. Uomini: 1. Zenucchi 2h2552. Donne: 1. Bianchi 2h5858.

mani alle 19 si giocher la prima sfida di World League con la Russia. Il c.t. Campagna ha convocato C. Presciutti, Gallo, Perez, Aicardi, Rizzo, Felugo, Figari, Figlioli, D.Fiorentini, Giacoppo, Giorgetti, N.Gitto, F.Lapenna, Pastorino, Deserti, S.Luongo. Per gli allenamenti aggregato il portiere Visciola.

Pallavolo A-2, Segrate va


(f.c.) Segrate inarrestabile. La squadra di Ricci (Van Den Dries 17, Botto 11) trionfa nel derby meneghino battendo Milano e consolida il primato. In coda prima vittoria di Cantche inguaia Atripalda. Cos la 9a giornata: CheBanca! Milano-Segrate 0-3 (22-25, 19-25, 13-25); Molfetta-Edilesse Reggio Emilia 3-0 (25-19, 25-17, 31-29); Gherardi Citt Di Castello-Club Italia Roma 3-1 (25-19, 22-25, 25-19, 25-18); Carige Genova-Cicchetti Isernia 3-1 (20-25, 25-20, 25-22, 25-20); Sir Safety Perugia-Bcc Castellana Grotte 2-3 (25-18, 20-25, 23-25, 25-20, 13-15); Energy Resources Loreto-Caff Aiello Corigliano 3-1 (25-21, 26-24, 20-25, 25-18); Cassa Rurale Cant-Sidigas Atripalda 3-1 (23-25, 25-21, 25-21, 25-14); Globo Sora-Ngm Santa Croce 3-1 (16-25, 25-19, 25-18, 25-19). Classifica: Segrate 24; Castellana 20; Molfetta, Sora 19; Perugia 17; Loreto, Genova, Citt di Castello 16; S. Croce 14; Milano 13; Club Italia 12; Corigliano 11; Isernia, Cant 6; Reggio Emilia 5; Atripalda 2. A-2 DONNE (m.l.) Sesta vittoria per Giaveno che rimane sola al comando. Inseguono Crema (che deve recuperare il match contro Forl) e Santa Croce. Cade Casalmaggiore a Verona. Ieri la 6a giornata: Cedat 85 San VitoBanca Reale Giaveno 1-3 (19-25, 25-23, 14-25, 23-25); Terre Verdiane FontanellatoRota Mercato San Severino 3-1 (19-25, 25-21, 25-20, 25-15); A&P Olivieri VeronaPom Casalmaggiore 3-1 (25-23, 18-25, 25-23, 25-20); Ihf FrosinoneEsse-ti Loreto 3-2 (14-25, 21-25, 25-16, 25-19, 15-11); Lavoro.Doc PontecagnanoIcos Crema 0-3 (14-25, 15-25, 23-25); Biancoforno Santa CroceTime Volley Matera 3-0 (25-19, 25-23, 25-18); Acqua Paradiso BusnagoAssitur Soverato 3-1 (25-27, 25-22, 28-26, 25-17); Puntotel Sala ConsilinaInfotel Forl 2-3 (25-20, 18-25, 25-14, 19-25, 12-15). Classifica: Giaveno 16; Crema*, Santa Croce 14; Loreto, Casalmaggiore 13; Verona, Sala Consilina 12; Busnago 10; Frosinone, Fontanellato 7; S. Severino, San Vito 4; Forl*, Pontecagnano, Matera, Soverato 3. (*una gara in meno).

Vela A SAN DIEGO

nico Franco Smith sottolinea gli aspetti positivi. Touche da rivedere? Non direi pi di tanto, qualche lancio labbiamo rubato. Quando si scontrano le migliori rimesse laterali di Premiership e Celtic, pu starci qualche errore. Abbiamo fatto troppi sbagli su cose semplici, ma resto orgoglioso dei miei. Nel complesso le cose sono bilanciate e c stato equilibrio. Guarda caso, le parole dordine che il c.t. Jacques Brunel ha usato per disegnare la sua nuova Italia. Sabato, nel secondo turno,

Baseball Liddi debutta in R. Dominicana


Dopo Mlb e Venezuela, Alex Liddi il primo giocatore italiano a debuttare anche nella Lidom, la Liga della Repubblica Dominicana: venerd ha giocato la sfida pi classica con suoi Leones del Escogido di Santo Domingo contri gli arci-rivali Tigers del Licey. I Leones hanno vinto, ma Alex ha stentato sia in attacco che in difesa (2 errori). Lazzurro ha giocato anche sabato nella sconfitta casalinga (5-9) contro le Estrellas Orientales (0/1, 1 bb), con altri 2 errori in difesa. I Leones sono campioni in carica sia della Lidom che delle Series del Caribe (una sorta di Champions di Centroamerica e Caraibi).

Americas Cup World Series

Lequipaggio di Oracle REUTERS

(r.ra.) Con le regate valide per la Port Cities Challenge (a bordo degli AC 45 anche i rappresentanti delle amministrazioni che hanno contribuito alla riuscita dellevento) iniziata a San Diego (Usa) la tappa dellAmericas Cup World Series. Gli equipaggi hanno dovuto fare i conti con condizioni difficili, caratterizzate da venti deboli e instabili e da continui scrosci di pioggia. Al termine della prima giornata solo un punto separa i primi quattro nella classifica generale: Emirates Team New Zealand e Artemis Racing sono in testa a pari punti seguiti da China Team e Oracle Racing Coutts (timonato da Darren Bundock). Nella citt californiana sono presenti come osservatori alcuni membri del team Luna Rossa guidati da Max Sirena.

stagionale in Heineken, il Treviso non mai riuscito a mettere la testa avanti. Le due mete di Sbaraglini e Padr, entrambi entrati dalla panchina, hanno solo ridotto il margine. In mischia abbiamo fatto una buona partita valuta il pilone Michele Rizzo . Dobbiamo rivedere le rimesse laterali. Nemmeno il gioco al piede andato troppo bene: da l abbiamo dato ai nostri avversari le possibilit di segnare. Il tec-

Bocce
A VOLO (c.f.) Pari tra Brb Ivrea e La Perosina nel big match del 5o turno di serie A (volo). Primi punti per Ferriera e Gaglianico. Il 4o turno, rinviato per il maltempo, sar recuperato l8 dicembre. Risultati: Forno-Pontese 12-8, La Perosina-Brb 10-10, Gaglianico-Ferriera 10-10, Forti Sani-Voltrese 11-9, Chierese-Chiavarese 8-12. Classifica: Forno 8; Brb 7; Chierese 5; La Perosina, Chiavarese, Forti Sani e Voltrese 4; Pontese 2, Ferriera e Gaglianico 1.

Franco Sbaraglini realizza la prima delle due mete del Benetton IPP

Tennis LA WILLIAMS

Nuoto/1 A TOKYO

Boxe Europeo dei welter Branco per Bundu


(r.g.) Accordo Loreni-Opi2000. Sar ancora un confronto tutto italiano la prima difesa volontaria di Leo Bundu (25-0-2) neo campione dEuropa welter, che dopo la conquista contro Daniele Petrucci (28-1-2) il 4 novembre, affronter a marzo Gianluca Branco (45-3-1) a Firenze o a Brescia. Lo sfidante ex campione dEuropa superleggeri nel 2001 e nel 2008, due tentativi mondiali nel 2004 contro Arturo Gatti e nel 2006 con Cotto. Per il titolo dEuropa welter stato superato da Matthew Hatton (Ing) nel 2010.

Scherma Sciacca alla Vezzali Lo onorer


Per gli eccellenti traguardi raggiunti nell' agone sportivo mondiale della scherma i quali, coniugando tenacia e capacit a seriet e spirito di sacrificio, costituiscono un modello positivo di valori universali cui far riferimento anche in altri campi del vivere civile. E la motivazione del premio internazionale Giuseppe Sciacca consegnato sabato a Valentina Vezzali nellaula magna della Pontificia Universit Urbaniana, in Citt del Vaticano. Un riconoscimento di questa levatura non solo un onore ma contiene un impegno, e io far tutto per onorarlo ha detto la Vezzali . Sono convinta che ciascuno di noi ha un talento che bisogna far emergere con tanta volont, passione e sacrificio. Io ringrazio Dio per avermi donato il talento sportivo e soprattutto per sostenermi sempre nei momenti di difficolt.

Venus: Sono vegetariana

Thorpe in ritardo Coppa a Le Clos

nuoto/2
A MINNEAPOLIS
Venus Williams, 31 anni REUTERS

Cinema LINIZIATIVA

Real Steel con Gazzetta


La Gazzetta dello Sport offre il grande cinema dedicato allo sport. Scrivendo a cinema@gazzetta.it sar possibile prenotarsi per lesclusiva proiezione di Real Steel, il nuovo film distribuito dalla Walt Disney e prodotto da Steven Spielberg, che racconta un futuro in cui i robot sostituiranno gli uomini negli incontri di boxe. Lanteprima del film, diretto dal canadese Shawn Levy e interpretato dallattore australiano Hugh Jackman si terr gioved 17 novembre alle 20.30 in contemporanea in 7 citt: Bari, Casoria (Napoli), Firenze, Milano, Palermo, Roma, Torino. Per ricevere due biglietti omaggio baster indicare prenotazione Real Steel aggiungendovi in citt, nome e cognome.

Da Doha, Venus Williams rivela: Ho cambiato dieta: mangio tanta verdura, prima ero da bistecca e insalata. Cos Venus, che il 3 dicembre sar a Milano con Serena contro Pennetta-Schiavone, vuole debellare la sindrome di Sjogren.

Ghiaccio GRAND PRIX FIGURA

Contesti quarto in Giappone


Buon quarto posto di Samuel Contesti nella tappa giapponese di World Cup. AllNhk Trophy di Sapporo, tra gli uomini si imposto liridato Takahashi davanti al connazionale Kozuka e allo statunitense Miner. Contesti, 7 dopo il corto, ha fatto il terzo punteggio nel libero finendo cos alle spalle del podio. Nelle coppie di artistico, gi dal podio anche Bertoni-Hotarek: bel terzo posto nello short program ma nel libero si sono piazzati in quinta posizione. Successo ai russi Kavaguti-Smirnov, seguiti dai giapponesi Takahashi-Tran e dai tedeschi Savchenko-Szolkowi.

(al.f.) Ian Thorpe chiude lesperienza in Coppa del Mondo con un 26o posto nei 100 farfalla a Tokyo in 53"59, 76/100 in meno rispetto alla tappa di Pechino. Questa settimana stata impegnativa il suo commento , ma nel complesso positiva. Ho sentito un turbine di emozioni: nervosismo, delusione, fastidio, sollievo e, infine, soddisfazione. Il sudafricano Chad Le Clos, a segno nei 200 sl, e la svedese Therese Alshammar, che ha vinto i 50 farfalla, si aggiudicano la classifica generale di Coppa del Mondo e il premio da 100 mila dollari.
Coppa del mondo a Tokyo (Giap, 25 m). Risultati. Uomini: 50 sl Ito 21"25, Richardson (Aus) 21"55, Bernard (Fra) 21"60; 200 sl Le Clos (S.Af) 143"79; 1500 sl Takiguchi 1442"22; 50 do Koga 24"02; 200 do Pinzon (Col) 151"15; 100 ra Tateishi 57"52, Sprenger (Aus) 57"57 (2-3 t. stag.), Kitajima 58"36; 100 fa Takayasu 50"52; 26. Thorpe (Aus) 53"59; 200 mx Hagino 153"67. Donne: 100 sl Campbell (Aus) 52"31 (2o t. stag.); 400 sl Evans (Aus) 401"24; 100 do Terakawa 56"28; 50 ra Pickett (Aus) 30"28; 200 ra Kanetou 219"72; 50 fa Alshammar (Sve) 25"35; 200 fa Choi Hye Ra (S.Cor.) 204"16; 100 mx Zhao Jing (Cina) 59"54; 400 mx Takahashi 429"98.

Phelps, unaltra doppietta


(al.f.) Nella 2a giornata del Gp di Minneapolis, Michael Phelps mette a segno unaltra doppietta vincendo 100 dorso (Lochte 4) e 200 farfalla. Ai piedi del podio dei 200 farfalla Luca Mazzurana, bolzanino che studia alla Hawaii University di Honolulu: nel giorno del 23 compleanno nuota in 201"78. A Minneapolis (Usa, 50 m). Uomini: 50 sl Bousquet (Fra) 22"17; 400 sl Mellouli (Tun) 349"60, Zhang Lin (Cina) 350"48, Agnel (Fra) 350"52; 100 do Phelps 53"71, 4. Lochte 55"58; 200 ra Burckle 214"42 Hansen 214"82; 200 fa Phelps 156"12, Wu Peng (Cina) 157"67, Mazzurana 201"78. Donne: 50 sl Weir 25"04, Hardy 25"10, Torres 25"30; 400 sl Schmitt 407"78, Sutton 408"18, Muffat (Fra) 408"28; 100 do Franklin 59"69, Meyer 101"24, 9. Manaudou (Fra) 103"42; 200 ra Soni 224"77; 200 fa Hersey 209"84, Schmitt 211"26.

ADDIO BETHEA (r.g.) E deceduto a New York, a 78 anni, il massimo Wayne Bethea (28-18-4), conosciuto per aver messo ko al 4o round, nel 1963, lallora imbattuto Franco De Piccoli, oro ai Giochi di Roma. Nello stesso anno pareggi sempre in Italia con Rinaldi e Amonti, battendo Migliari. And ko una sola volta, nel 1958 a Chicago da Sonny Liston, al primo round. A ROMA (g.l.g.) Incredibile kermesse al Teatro Tenda di Roma dove andata in scena una giornata di combattimenti, dalle 15 alle 23.30, con Kickboxing, Mma e pugilato. Oltre 2000 appassionati e nella boxe pro, vittorie senza problemi e senza gloria per Buccheri e Lecca. Risultati, medi: Lecca (4) b. Orsos (Ung, 1-31-1) p. 6. Supermedi: Buccheri (12-1-1) b. Pojonisevc (Let, 12-16-1) p. 6. PAGLIARA (r.g.) Il leggero italiano Floriano Pagliara (11-4-1), residente negli Usa, il 10 dicembre ad Atlanta in Georgia, tenter la conquista della cintura Naba vacante, contro Chris Howard (Usa, 13).

Tennis
SERIE A La penultima giornata del campionato maschile caratterizzata dalla vittoria del Forte dei Marmi sul Parioli (5-1): entrambi ora sono primi del girone 1 con 12 punti. Nel girone 2, invece, lAta domina 6-0 Crema. e si assicura cos il primo posto con 12 punti, uno in pi del Castellazzo, ieri vincente sul Cagliari (5-1). Nel campionato femminile, quinta giornata, spettacolo sui campi veloci dellAlbinea, che batte in casa 3-1 il Parioli con la Errani che per cede a Greta Arn. LAlbinea raggiunge in classifica il Parioli.

Varie Petrosyan vince al rientro


(a.fr.) Al rientro dallinfortunio alla mano sinistra nel match di luglio contro Hinata, il due volte campione del mondo di K1 Max, Giorgio Petrosyan, ha vinto ai punti contro Zeben Diaz allIts Showtime 53, a Tenerife (Spa). Ero al 50 % ma a gennaio (quando, il 21, combatter al Forum di Assago nel Yokkao Extreme) sar al 100%, ha detto larmeno trapiantato a Gorizia. A Groenhart il titolo mondiale Its Showtime su Gonzales.

Hockey in line
CAMPIONATO (m.l.) Serie A-1, cos la 6 giornata: PadovaMonleale 3-5; Edera Trieste-Vicenza 6-2; Latina-Arezzo 10-6; Asiago-Cittadella 5-4. Rip. Milano24 e Empoli. Classifica: Edera Trieste* 15; Vicenza* 10; Milano24**, Monleale**, Asiago* 9; Padova* 7; Cittadella* 6; Empoli*, Latina* 3; Arezzo* 0. (* una gara in meno, ** due in meno).

Judo
TRICOLORI ESORDIENTI (e.d.d.) Il campionato italiano esordienti nel Palafijlkam a Ostia ha assegnato gli otto titoli femminili. Soltanto la Cassa di Risparmio di Asti ne ha vinti due, aggiudicandosi anche il primato in classifica per societ precedendo Banzai Cortina Roma e Judo Kyai Ostuni.

Vela Luppi, solitaria sulle orme di Colombo


(a.fr.) Dalle gondole allattraversata dellOceano Atlantico. Da Las Palmas alle Isole dei Caraibi, ripercorrendo la rotta di Cristoforo Colombo. Il gondoliere Tommaso Luppi, veneziano doc, salpato ieri mattina in solitaria, senza scalo e senza assistenza, a bordo del suo Moana 33, Baimaiself, scalo di 10 metri in vetroresina che ha ristrutturato e attrezzato con le sue mani. Aggiornamenti sul suo profilo Facebook.

Pallanuoto
SETTEBELLO Fino a mercoled, Settebello in collegiale a Civitavecchia, dove do-

44

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

ALTRI MONDI

Il fatto del giorno


DI GIORGIO DELLARTI gda@gazzetta.it

_il professore incaricato

HANNO DETTO

d notizie
S

Tascabili
Rubati nel trasporto in Belgio

Ma Monti quando dar i nomi dei suoi ministri?


Ha accettato con riserva e prende tempo: il governo non pronto. Cerca il dialogo con i partiti e vuole qualche politico nellesecutivo
Il professor Mario Monti, fresco senatore a vita, ha ricevuto ieri sera dal presidente Napolitano lincarico di formare un nuovo governo, incarico che ha accettato con riserva garantendo poi nella dichiarazione resa alla stampa che proceder con la maggiore celerit possibile, ma con altrettanto scrupolo.

Furto di dieci chili doro Sostituiti con dei pesi


Dieci chili doro (circa 400 mila euro) spariti nel nulla. Il furto una decina di giorni fa, quando dalla Chimet di Arezzo, azienda specializzata nel recupero di metalli preziosi, il carico era stato spedito a Bruxelles. Allarrivo, per, la sorpresa: nelle scatole cerano solo pesi da palestra. Come da percorso previsto, loro era stato scaricato una prima volta a Valenza Po (Alessandria): l, un altro portavalori lha trasportato a Malpensa. Sul caso indagano i carabi nieri e lInterpol: per ora niente tracce dei ladri.

Herman van Rompuy (Presidente dellUe) Lincarico di formare un nuovo governo al senatore Mario Monti un nuovo segnale incoraggiante che arriva dallItalia dopo lok alle legge di stabilit

I sostenitori del regime di Assad

Siria, la folla in piazza contro la Lega Araba Assalto alle ambasciate

S
Giorgio Napolitano (Capo dello Stato) nellinteresse generale del Paese sforzarsi di formare un governo che possa ottenere il pi largo appoggio in Parlamento per consolidare le nostre finanze

1 niente governo in due Perci


ore o comunque gi oggi.

Mario Monti, 68 anni, durante il discorso di ieri al Quirinale dopo aver ricevuto lincarico da Napolitano EPA

Alla fine del discorso del capo dello Stato un giornalista ha chiesto: Allora i tempi si allungano?, al che Napolitano ha risposto, con una punta di insofferenza: E certo, se qualcuno sinventa che si fa il governo in due ore, i tempi sallungano. Unaccusa, cio, a noi giornalisti che abbiamo scritto di una lista dei ministri pronta quasi nello stesso momento in cui Monti riceveva lincarico. Lo stesso Monti aveva "soffiato" sulle anticipazioni relative ai nomi circolati sui giornali: tutta pura fantasia.

la crescita in un quadro di accresciuta attenzione allequit sociale. gi un programma di governo.

3 cosa ha detto NapolitaChe


no?

2 Quindi?
I nomi circolano, i giornali fanno bene a scrivere, il presidente del Consiglio incaricato ha qualche difficolt in pi e soprattutto non vuole dare limpressione di voler ignorare o aggirare i partiti. Mi accingo a questo compito con profondo rispetto nei confronti del Parlamento e nei confronti delle forze politiche. Operer per valorizzare limpegno comune per uscire presto da una situazione che ha aspetti demergenza. Prima aveva detto: I nostri sforzi saranno indirizzati a risanare la crisi finanziaria e a riprendere il cammino del-

quello che ha parlato pi di tutti, nove minuti contro gli otto del videomessaggio di Berlusconi (orgoglioso) e i tre di Monti. anche il discorso pi importante tra quelli che si sono sentiti ieri. Dopo aver descritto come riflessivo e pacato il tono delle consultazioni (da cui non sono emerse novit) e aver parlato anche lui di crescita economica e di equit sociale per il Paese considerato nella sua unit, ha detto questo: Da domani alla fine di aprile verranno a scadenza quasi 200 miliardi di euro di buoni del tesoro e bisogner rinnovarli collocandoli sul mercato. Tentare in questo momento di evitare un precipitoso ricorso a elezioni anticipate e quindi un vuoto di governo unesigenza su cui dovrebbero concordare tutte le forze politiche e sociali preoccupate delle sorti del paese. in nome di questa esigenza che ho deciso di affidare al senatore professor Mario Monti lincarico di formare un nuovo governo aperto al sostegno e alla collaborazione da parte sia dello

schieramento uscito vincente dalle elezioni del 2008 sia delle forze collocatesi allopposizione. Lo schieramento vincente ha visto crescere negli ultimi tempi rotture e tensioni al suo interno e ridursi la sua base di maggioranza in Parlamento. Non si tratta ora di operare nessun ribaltamento del risultato delle elezioni del 2008 n di venir meno allimpegno di rinnovare la nostra democrazia dellalternanza attraverso una libera competizione elettorale per la guida del governo. Si tratta soltanto di dar vita a un governo che possa unire forze politiche diverse in uno sforzo straordinario che lattuale emergenza finanziaria ed economica esige. Il confronto a tutto campo tra i diversi schieramenti riprender, senza che sia stata oscurata o confusa alcuna identit, appena la parola torner ai cittadini per lelezione di un nuovo parlamento. Il tentativo che oggi propongo difficile, lo so, dopo anni di contrapposizioni e di scontri nella politica nazionale e di molti inascoltati appelli alla moderazione, a un confronto non distruttivo, a una maggiore condivisione e coesione su scelte e obiettivi di fondo. Ma rispettando le posizioni di tutti e le decisioni che in definitiva spetteranno al parlamento confido che si voglia largamente incoraggiare

il tentativo del senatore professor Mario Monti, personalit indipendente, rimasta sempre estranea alla mischia politica e al tempo stesso dotata di esperienze e competenze che ne fanno una figura ampiamente rispettata in Europa e nei pi larghi ambienti internazionali. giunto il momento della prova, il momento del massimo senso di responsabilit, non tempo di rivalse faziose n di sterili recriminazioni, ora di stabilire un clima di maggiore serenit e reciproco rispetto. Operiamo tutti nei prossimi mesi facendo uscire il Paese dalla fase pi acuta della crisi finanziaria.

La protesta in piazza Sabe Bahrat a Damasco ANSA


Migliaia di sostenitori del governo di Al Assad sono scesi in piazza a Damasco e in altre citt siriane per protestare contro la decisione della Lega Araba di sospendere il Paese dallorganizzazione, che il 16 novembre si riunir in via straordinaria. Sabato notte un migliaio di persone aveva assaltato la sede dellambasciata turca a Damasco lanciando pietre e bottiglie. Attacchi ci sono stati anche contro quella saudita e il consolato francese.

4 tecnico o no? Governo


Tecnico, per Monti vuole parlare con le forze politiche. Ieri s saputo che qualche ministro politico non gli dispiacerebbe.

5Lega? La
Sta allopposizione, in principio. Ma ieri Bossi s ammorbidito, ha detto che poi il Carroccio giudicher caso per caso.
GUARDA il discorso di Mario Monti

Pierferdinando Casini (Leader Udc) Monti molto determinato e ha credibilit internazionale, ma il suo non sar un governo neutro. Dovr anche creare i presupposti per un incontro con le forze politiche

S In provincia di Torino

Si lancia col paracadute: muore, aveva 78 anni


Un paracadutista morto a Cumiana (Torino) dopo essersi lanciato da unaltezza di 4000 metri. Luomo, Piergiovanni Massazza, aveva 78 anni ed era il decano dei paracadutisti piemontesi. La lentezza di riflessi a causa dellet stata determinante. Nel dicembre del 1999 si era salvato miracolosamente da un incidente, dopo essersi lanciato da un Pilatus P 6, lo stesso tipo di velivolo che lo aveva trasportato in quota oggi. Massazza era anche guarito completamente da un grave tumore.

Uccisi accidentalmente

su Gazzetta.it

Caccia, due vittime a Oristano e a Cassino

a sorpresa

E Berlusconi attacca in un video Niente resa: rinnover lItalia


stella polare: A quel credo politico non sono venuto meno. Ho cambiato il Paese, portato alternanza e stabilit, e quellamore per lItalia immutato. Di mattina si era concesso qualche stretta di mano e aveva inviato una lettera a Storace, ma il Cavaliere ha parlato in serata, proprio mentre Monti era al Quirinale. Toni tra il commosso e lorgoglioso, e un annuncio atteso: A quanti hanno esultato per la mia uscita di scena dico che da domani raddoppier il mio impegno nelle istituzioni per rinnovare lItalia. Tradotto: nessun capolinea della carriera politica. Anzi, ha rivendicato scelte da statista in mezzo alla tempesta: Le mie dimissioni sono un atto generoso: lascio anche se non sono mai stato sfiduciato. Non esiste unalternativa politica al nostro governo, ma ora serve un esecutivo di alto profilo tecnico: mettiamo alle spalle ogni faziosit e aggressivit. Poi, arrivata lora di cena del primo giorno da ex premier, s seduto a tavola con Mario Monti: 17 anni dopo, non c neanche traccia di resa.
Silvio Berlusconi, ieri in video ANSA
RIPRODUZIONE RISERVATA

FILIPPO CONTICELLO

il gioco delle differenze che d il senso dellemergenza. Diciassette anni e quatto governi dopo, non c traccia della libreria e delle foto formato famiglia. Dimissionario e un po stanco, Silvio Berlusconi ha scelto la sala stampa di Palazzo Chigi per riprendersi la scena. Un videomessaggio da un teatro pi spoglio, ma toni calibrati sul primo discorso del gennaio 1994. La mitica discesa in campo dal salotto di casa come

Il luogo in cui un uomo stato ucciso a Cassino (Fr) ANSA


Morti durante una battuta di caccia al cinghiale, ma a distanza di centinaia di chilometri uno daltro. Sul Monte Arci a Marrubiu (Oristano), stato ucciso da un proiettile di rimbalzo che lo ha colpito in fronte Dino Silesu, pensionato di 63 anni. Sui monti di Viticuso, vicino Cassino (Frosinone), invece, morto Antonio Tedeschi, 51 anni, di Pizzullo, provincia di Isernia. Un cacciatore di cinghiali ha visto muoversi qualcosa e ha sparato: Tedeschi era in cerca di funghi. Raggiunto alladdome morto sul colpo.

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

45

ALTRI MONDI

IN PRIMA SERATA SU RAI 1

Oggi torna Fiorello: c pure la Hunziker


arrivato il giorno di Fiorello. La nuova trasmissione del lo showman siciliano (nella foto Ansa), Il pi grande spettacolo

dopo il weekend debutta alle 21.10 su Rai 1. Gli attesi ospiti sono Negramaro, Giorgia e No vak Djokovic. Ma nello Studio 5 di Cinecitt, insieme ai 1600 del pubblico, ci saranno altri vip, che forse duetteranno con Fiore: Michelle Hunziker, Margherita Buy e Marco Borriello.

SECONDO US WEEKLY

Il cuore di J.Lo batte per un ballerino


Non il collega Bradley Cooper il nuovo amore di Jennifer Lopez. Secondo Us Weekly lattrice e cantante avrebbe perso

la testa per Casper Smart, un ballerino californiano, che attualmente in tour con lei. A soli quattro mesi dalla separazione dal marito Mark Anthony, J.Lo stata infatti paparazzata col collega, visto nei film Honey 2 e Step Up 3D, ma non sarebbe ancora una cosa seria.

Cercasi Topolino: Disneyland assume quattromila persone


Da domani reclutamento a Roma per il parco giochi parigino: contratti da 1450 euro al mese, ma bisogna sapere due lingue
ELISABETTA ESPOSITO

STRAUSS-KAHN IN CRISI

Penso solo a fare sesso, devo curarmi


La moglie Anne sembra che abbia deciso di lasciarlo, e lui ha deciso di farsi curare. Dominique Strauss-Kahn, lex direttore generale del Fondo monetario internazionale tra volto dallo scandalo della cameriera dellHotel Sofitel di New York che lo ha accusato di violenza sessuale e dal caso dei presunti festini a luci rosse tra Washington e Lilla, ha ammesso per la prima volta il suo problema. Il potente politico uomo daffari (nella foto Reuters), come rivelato da un uomo del suo entourage, avrebbe detto: Bisogna che mi faccia curare, sono malato di sesso. Sul Journal du Dimanche, la fonte ha raccontato che Strauss Kahn a pezzi: Si morde le unghie fino a sanguinare, divora la pelle delle dita, e passa le giornate a non fare niente, incapace di concentrarsi su un libro, rifiutandosi di accendere la tv o leggere i giornali. Lunica cosa che lo calma sono le equazioni matematiche, ma la sua agenda vuota. Le no tizie della separazione, intanto, si fanno sempre pi forti: per la moglie, la misura colma.

PIPPA E DINTORNI

A tutta
DI MABEL BOCCHI

Salute
La ricerca australiana

S
Il fidanzato lha mollata: Non la vedo moglie Alex Loudon, lex fidanzato di Pippa Middleton, avrebbe lasciato la sorella della moglie di William dInghilterra perch non la vede come moglie. Per il Daily Mail, Alex adora Pippa, ma non pu pi sopportare il circo che la circonda, niente pi come prima

Se il bambino obeso la colpa del padre


Bambini obesi? Tutta colpa del pap. Lo sostiene uno studio dellUniversit di Newcastle (Australia), compiuto su oltre 3000 famiglie con bimbi che avevano un genitore in sovrappeso o obeso. I ricercatori australiani hanno voluto comprendere in che misura i comportamenti separati delle figure paterna e materna potessero innescare il meccanismo. Ebbene, figli di 4 anni con padri obesi avevano almeno 4 volte pi degli altri la probabilit di diventare grassi a 8 anni, mentre una madre in sovrappeso aveva fatto poca differenza.

Quanti non si sono mascherati almeno una volta da Topolino? Orecchie di cartone, una palla nera disegnata sul naso e quattro baffi sulle guance. Un classico facile facile. Cosa ben diversa infilarsi per intero in una tuta di peluche e girare per ore (sotto sole, vento o pioggia, non importa, qui il topo temerario) con una sproporzionata testa di Mickey Mouse sulle spalle. Se limmagine del topo gigante non vi ha disturbato, avete ora la vostra grande occasione: da domani al 18 novembre a Roma (nello storico pastificio Cerere in via degli Ausoni a San Lorenzo) ci sono i casting per lavorare a Disneyland Paris. La faccenda seria, i numeri importanti: il parco dei divertimenti pi amato dEuropa per festeggiare i suoi primi ventanni (nel 2012) assumer 4000 persone in tutto il continente. Si tratta della pi grande campagna di assunzioni realizzata sul territorio europeo sottolineano alla Disney , i nostri esperti di selezione e gestione del personale sono in viaggio tra Spagna, Francia, Inghilterra, Grecia, Europa dellEst, Paesi baltici e naturalmente Italia.
Le offerte Ovviamente non si

Minnie e Topolino: il parco Disney di Parigi stato aperto nel 1992 AP

i milioni di visitatori Disneyland Parigi nellultimo anno stato visitato da 15,6 milioni di persone (+4%)
tole e Buzz Lightyear. Lofferta, riservata a giovani che parlino inglese e francese, anche per catering, reception e settore commerciale. Ci sono poi 200 assunzioni a tempo indeterminato per esperti in campo finanziario, legale e amministrativo, ma lofferta "classica" di sei

15,6

mesi, da aprile a settembre 2012 (anche se si potr scegliere di lavorare soltanto sotto Natale, a Carnevale o Pasqua). Parliamo di soldi: la paga base per diventare Topolino (o cuoco o venditore) di 1450 euro lordi, ma con 300 euro si pu alloggiare in una struttura vicina al megaparco che, nonostante la crisi, ha visto crescere i suoi visitatori del 4%. Dopo Roma i selezionatori Disney saranno a Palermo il 6 e 7 dicembre e torneranno nella capitale dal 17 al 20 gennaio. Pronti ad assumere. Altro che Topolino, visti i tempi, questo zio Paperone...
RIPRODUZIONE RISERVATA

In situazioni critiche S
I figli di Madonna imitano le Middleton Madonna e lex Guy Ritchie avrebbero intenzione di far studiare i figli Rocco e David al Marlborough College, vicino Londra, lo stesso frequentato da Kate e Pippa Middleton. Lidea sarebbe partita dal regista, che ritiene il sistema educativo inglese migliore di quello americano

Le persone bilingue decidono pi in fretta


Secondo uno studio condotto dallUniversit Vita Salute e dallIrccs San Raffaele di Milano in collaborazione con gli atenei di Hong Kong, Londra e Barcellona, i bambini bilingue sono mentalmente pi efficienti e hanno pi materia grigia nella corteccia del cingolo anteriore, la struttura pi importante quando si tratta di prendere decisioni in situazioni di criticit. Gli scienziati hanno sottoposto a compiti cognitivi complessi due gruppi di persone, uno bilingue formato da altoatesini, e il secondo mono lingue della stessa et e livello educativo: nel mentre venivano monitorate le loro attivit cerebrali.

cercano solo Topolini, Ceneren-

la Foto Il blitz antidroga: esercito e blindati nella favela di Rio


Un blitz rapido. Sabato notte (le 5.30 di ieri in Italia) lesercito brasiliano entrato nella favela di Rocinha, la pi grande di Rio, da decenni in mano ai trafficanti di droga: per riprendere il controllo, sono stati usati blindati, elicotteri e centinaia di agenti (nella foto Ansa). Diversi boss sono stati arrestati

Nei pazienti gi malati

Le cellule della pelle sono armi anti-cancro


I ricercatori della Oxford University sono riusciti a trasformare, con la tecnologia delle staminali, le cellule dendritiche della cute dei malati di cancro in cellule immunitarie, usandole quindi contro il tumore stesso. Le cellule modificate sono state in grado di attivare sia quelle immunitarie che producono anticorpi, sia quelle che uccidono altre cellule. Un risultato ottenuto finora soltanto in laboratorio. La terapia ancora lontana dallessere identificata, ma la premessa di certo molto incoraggiante. Intanto, lindagine stata pubblicata sulla rivista specializzata Gene Therapy.

S.p.A.
DIRETTORE RESPONSABILE ANDREA MONTI andrea.monti@gazzetta.it VICEDIRETTORE VICARIO Gianni Valenti gvalenti@gazzetta.it VICEDIRETTORI Franco Arturi farturi@gazzetta.it Stefano Cazzetta scazzetta@gazzetta.it Ruggiero Palombo rpalombo@gazzetta.it Umberto Zapelloni uzapelloni@gazzetta.it

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PRESIDENTE Piergaetano Marchetti CONSIGLIERI Giovanni Bazoli, Luca Cordero di Montezemolo, Diego Della Valle, Antonello Perricone, Giampiero Pesenti e Marco Tronchetti Provera DIRETTORE GENERALE SETTORE QUOTIDIANI ITALIA Giulio Lattanzi

RCS Quotidiani S.p.A. Sede Legale: Via A. Rizzoli, 8 - Milano Responsabile del trattamento dati (D. Lgs. 196/2003): Andrea Monti privacy.gasport@rcs.it - fax 02.62051000 COPYRIGHT RCS QUOTIDIANI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA Via Solferino, 28 - 20121 Milano - Tel. 02.6339 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306 SERVIZIO CLIENTI Casella Postale 10601 - 20110 Milano CP Isola Tel. 02.63798511 - email: gazzetta.it@rcsdigital.it PUBBLICIT RCS PUBBLICIT S.p.A. Via A. Rizzoli, 8 - 20132 Milano Tel. 02.50951 - Fax 02.50956848

Testata di propriet de "La Gazzetta dello Sport s.r.l." - A. Bonacossa 2011

EDIZIONI TELETRASMESSE Tipografia RCS QUOTIDIANI S.p.A. - Via R. Luxemburg - 20060 PESSANO CON BORNAGO (MI) Tel. 02.95743585 S RCS PRODUZIONI S.p.A. Via Ciamarra 351/353 - 00169 ROMA - Tel. 06.68828917 S SEPAD S.p.A. - Corso Stati Uniti, 23 - 35100 PADOVA - Tel. 049.8700073 S Tipografia SEDIT - Servizi Editoriali S.r.l. - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - 70026 MODUGNO (BA) - Tel. 080.5857439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. - Zona Industriale Strada 5 n. 35 95030 CATANIA - Tel. 095.591303 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. - Via Omodeo 09034 ELMAS (CA) - Tel. 070.60131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13 - 2800 - MECHELEN (Belgio) S Sports Publications Production - 70 Seaview Drive, Secaucus, NY 07094 S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 COSLADA (MADRID) S La Nacin - Bouchard 557 1106 BUENOS AIRES S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington n. 1808 - OSASCO - SO PAULO - Brasile. S Miller Distributor Limited - Miller House, Airport Way, Tarxien Road - Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distribution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia - 1300 Nicosia - Cyprus

PREZZI DABBONAMENTO C/C Postale n. 4267 intestato a: RCS QUOTIDIANI S.p.A. ITALIA 7 numeri 6 numeri 5 numeri Anno: e 299,40 e 258,90 e 209,10 Per i prezzi degli abbonamenti allestero telefonare allUfficio Abbonamenti 02.63798520

INFO PRODOTTI COLLATERALI E PROMOZIONI Tel. 02.63798511 - email: linea.aperta@rcs.it

COLLATERALI * Con Supereroi N. 28 e 11,19 - con Soldatini dItalia N. 23 e 11,19 - con I Miti del Calcio ai Raggi X N. 21 e 4,19 - con Linomania N. 12 e 11,19 - con Speak Easy N. 12 e 14,10 - con Ferrari Racing N. 10 e 14,19 - con Top 10 Motomondiale N. 9 e 12,19 con I Miti del Rugby N. 8 e 12,19 - con Montalbano N. 6 e 11,19 - con Bear Grylls N. 4 e 11,19 - con Lupin III Film Collection N. 3 e 11,19 - con Indistruttibili N. 2 e 11,19 - con Ciao Sic e 11,19

Testata registrata presso il tribunale di Milano n. 419 dell1 settembre 1948 ISSN 1120-5067 CERTIFICATO ADS N. 7116 DEL 21-12-2010

PROMOZIONI

La tiratura di domenica 13 novembre stata di 332.557 copie

ARRETRATI Richiedeteli al vostro edicolante oppure ad A.S.E. Agenzia Servizi Editoriali - Tel. 02.99049970 - c/c p. n. 36248201. Il costo di un arretrato pari al doppio del prezzo di copertina per lItalia; il triplo per lestero.

PREZZI ALLESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 7,30; Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; Cz Czk. 61; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 1,85; Marocco g 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00; Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek 25; Svizzera Fr. 3,00; Svizzera Tic. Fr. 3,00; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; Ungheria Huf. 550; UK Lg. 1,80; U.S.A. USD 3,50.

46

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

SIGNORA italiana di et matura conoscenza inglese, francese, offresi part-time. Tel. 02.26.82.40.31.
Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

www.piccoliannunci.rcs.it

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. BERGAMO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 035/35.87.77, fax 035/35.88.77. COMO : tel. 031/24.34.64, fax 031/30.33.26. CREMONA : Uggeri Pubblicit s.r.l. tel. 0372/20.586, fax 0372/26.610. LECCO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0341/35.74.00, fax 0341/36.43.39 MONZA : Pubblicit Battistoni tel. 039/32.21.40 039/38.07.32, fax 039/32.19.75. OSIMO-AN : tel. 071/72.76.077 071/72.76.084. PADOVA : tel. 049/69.96.311, fax 049/78.11.380. PALERMO : tel. 091/30.67.56, fax 091/34.27.63. PARMA : Publiedi srl tel. 0521/46.41.11, fax 0521/22.97.72. RIMINI : Adrias Pubblicit di Rimini tel. 0541/56.207, fax 0541/24.003. ROMA : In Fieri s.r.l. tel. 06/98.18.48.96, fax 06/92.91.16.48 SONDRIO : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0342/20.03.80, fax 0342/57.30.63 TORINO : telefono 011/50.21.16, fax 011/50.36.09. VARESE : SPM Essepiemme s.r.l. tel. 0332/23.98.55, fax 0332/83.66.83 VERONA : telefono 045/80.11.449, fax 045/80.10.375. Per la piccola pubblicit allestero telefono 02/72.25.11 Le richieste di pubblicazione possono essere inoltrate da fuori Milano anche per telefax e corrispondenza a Rcs Pubblicit agli indirizzi di Milano sopra riportati. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

COPPIA referenziatissima offresi come custodi, lui pratico domestico, cuoco, giardiniere, autista, lei guardaroba, cucina, pulizie. Telefonare 0546.56.02.03 333.56.54.773. DOMESTICA referenziata con esperienza di 7 anni. Anche badante o baby-sitter. 345.61.22.110

PAOLO LOMAZZO 52 direttamente il costruttore propone edificio prestigioso nuova realizzazione varie metrature, terrazzi, box. 02.34.59.29.72 - www.52greenway.it S. SPIRITO prezioso bijoux, appartamento mq. 110. Salone, due camere, bagni. Cise Re 02.55.19.17.01. S.AMBROGIO prestigioso stabile d'epoca vendiamo plurilocale di 341 mq su 3 piani con terrazzini. 02.88.08.31.

A Gressoney, romanticissima mansarda con panoramico balcone. Finiture sasso - legno a vista, termoautonomo; in residenza servita zona wellness. 199.000 euro. 035.51.07.80. ACQUISTA la tua casa in Sicilia www.buyinsicily.com tel. 095.88.41.471.

ACQUISTI

5.4

2
RICERCHE DI COLLABORATORI

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

TABLET APPARTAMENTI sul Lago di Garda, incluso posto


auto e possibilit posto barca, anche vista lago. Da euro 140.000. Telefono: 0365.72.733.
ASCOLTA Milanese! A 45 minuti da casa tua casetta nuovissima giardino privato piscina pronta consegna solo euro 79.000 e poi? Arredamento gratis. E poi? Notaio gratis. E poi? No mediazione. Siamo imbattibili nessuno meno di noi! Tel. 035.47.20.050 per vedere. FRANCIACORTA (Bs) in palazzo d'epoca piccola location come nuova arredata euro 98.000. 334.94.61.292. MONTECARLO confine esclusiva. In anteprima lussuosi appartamenti, terrazza, piscina, climatizzazione. Da Euro 253.000 Italgestgroup.com 0184.44.90.72. SANTA MARGHERITA villa mq 120 terrazzo 180 giardino 450. Vista mare, patio, box, rara opportunit Euro 1.100.000 www.portofinoimmobiliare.it 340.76.49.777. VILLE prestigiose: Forte dei Marmi, Portofino, Lerici, Como, Porto Cervo, Garda, Monte Carlo anche hotels. Castello Lago Trasimeno. 335.68.94.589.

IMPIEGATI

2.1 OFFERTA

AFFERMATO studio di consulenza cerca addetta paghe e contributi esperienza programma omnia. Inviare curriculum a cdl@ucla.it AVVIATO studio consulente del lavoro cerca impiegata/o con esperienza elaborazione paghe. Programma Zucchetti. Tel. 02.20.24.02.19 - fax 02.29.41.25.09. SOCIET farmaceutica sede Milano centro cerca stagista con finalit assunzione per lavori ufficio. Inviare courriculum via fax al 02.67.48.10.80. STUDIO di consulenza del lavoro in Milano centro, ricerca esperto/a in elaborazione paghe e contributi. Inviare curriculum allo 02.72.01.35.33. Corriere 280-XG - 20132 Milano

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI

6
6.1

CENTRO storico affittiamo prestigiosi appartamenti ristrutturati, elegantemente arredati. Monolocali, bilocali, trilocali, quattro locali. 02.88.08.31.

RICHIESTA

6.2

CITT STUDI adiacenze vendiamo 200 mq. ufficio/laboratorio ristrutturato ingresso indipendente 250.000,00 euro. 02.88.08.31. MELEGNANO affittasi capannone mq. 1.500 + uffici mq. 100 e servizi mq. 100. Tel. +39.338.77.96.720. MISSAGLIA adiacenze vendiamo nuovi 3.200 mq. uffici palazzina indipendente 600 mq. parcheggi privati ampio spazio di manovra. 02.88.08.31. MM DERGANO vendiamo ottimi box, singoli e doppi. Da 25.000,00 euro. 02.88.08.31. MM ROVERETO vendiamo laboratorio con permanenza di persone, 78 mq. 85.800,00 euro. 02.88.08.31. PIAZZALE LODI adiacenza (via Tito Livio) vendiamo/affittiamo comodo box doppio. 02.88.08.31. QUADRONNO prestigioso contesto vendiamo nuovo splendido ufficio 100 mq. Possibilit box. 02.88.08.31. S.AMBROGIO in prestigioso stabile ristrutturato ufficio alta rappresentanza 230 mq. Pianta regolare, flessibile. Finiture di pregio. 02.88.08.31. SARPI posizione prestigiosa vendiamo negozio angolare, quindici vetrine, 665 mq. ristrutturato. Posti auto. 02.34.93.07.53 http://sarpi.filcasaservice.it SVINCOLO tangenziale Milano affitto eccezionale capannoni-uffici 3.200, 1.600, 1.100 mq. 347.16.03.892.

MONETE Antiche/Moderne

DA COLLEZIONE E INVESTIMENTO Perizie gratuite!!! GIOIELLERIA CURTINI: MM Duomo Missori. 02.72.02.27.36.


Quotazioni ORO USATO: euro 27,10 / grammo ORO PURO: euro 38,80 / grammo ARGENTO USATO: euro 480 /kg ARGENTO PURO: euro 680 / kg MM DUOMO - MISSORI: 02.72.02.27.36.
QUADRI TAPPETI ANTICHITA' 18.1
ACQUISTO di coralli, giade, sculture cinesi, discrezione assicurata, pagamento in contanti. Tel. 389.88.94.818.

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. INGEGNERE massime referenze cerca appartamento bilocale/trilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25

19
AUTOVEICOLI

AUTOVETTURE

19.2

AGENTI RAPPRESENTANTI

2.2

7
IMMOBILI TURISTICI

AGENTI di commercio con esperienza contatteremmo per inserimento nostro organico sul territorio nazionale ottima retribuzione. Telefonare per appuntamento 02.32.87.640. AZIENDA internazionale ricerca 2 collaboratori vendita zona Milano e provincia. Offresi appuntamenti prefissati da call-center, fisso mensile, provvigioni e premi. Alto guadagno gi primo mese. Seria possibilit di carriera. Per informazioni telefonare 035.45.22.041 oppure inviare curriculum e-mail cv@grizzly.it o fax 035.52.50.12. RICERCHIAMO agenti/procacciatori da inserire nel proprio organico per zone libere. Garantiamo appuntamenti prefissati e rimborso spese. Inviare curriculum a: aemmecicommunications@yahoo.it

10
VACANZE E TURISMO

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

COMPRAVENDITA

7.1

A abbondonate smog freddo citt venite Liguria vicino Portovenere comoda casa torretta restauratissima terrazze soli 145.000 euro. 0187.92.09.70 www.immobiliare5terre.com A causa inutilizzo privato, svende tutta arredata nuovo, mansarda affacciata golfo Desenzano in antico palazzo ristrutturato. 89.000 euro. 030.91.40.277. A Courmayeur, proprio 2 minuti isola pedonale, impresario impazzito svende causa permuta, ultimo appartamento bilocale... Euro 159.000, con giardino esclusivo! 035.51.07.80.

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI

8
8.1

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

10.1

OFFERTA

CERIALE In residence bilocali ammobiliati fronte mare balcone parcheggio da 450 euro mensili pi spese. 340.55.51.951.

PALESTRE SAUNE E MASSAGGI

21

BEATRICE ESTE affitto eccezionale ufficio attico-superattico 220 mq, 60 terrazzi. 347.16.03.892. CAIROLI adiacenze Bonaparte nuovi uffici informatizzati alta rappresentanza 373 mq. Divisibili, personalizzabili. 02.89.09.36.75.

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

12

VENDITORI E PROMOTORI

2.3

JOHN TAYLOR seleziona agenti immobiliari senior. Ottime condizioni economiche. Inviare CV: milan@john-taylor.com - Tel. 02.48.19.94.64.

ATTIVIT da cedere/acquistare artigianali, indutriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14.

OPERAI

2.4

AZIENDA stampaggio materie plastiche, Milano Bovisa, assume esperto operaio turnista. Telefonare 02.39.33.06.18.

DA OGGI IL TUO ANNUNCIO O N M DIVENTA MULTIMEDIALE...


Lorenza.

16
AVVENIMENTI RICORRENZE

1
OFFERTE DI COLLABORAZIONE

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

5
5.1

"Quando ti ho visto arrivare..."


sono ALBERTOtanto! stata un'irresponsabile, scusami

VENDITA MILANO CITTA'

IMPIEGATI

1.1

ACCETTATORE /capo officina auto presso prestigioso marchio estero ventennale esperienza. Cassa integrazione disponibilit immediata esamina proposte 366.71.25.418. CONTABILE in cassa integrazione con pluriennale esperienza, cerca impiego parttime zona sud-est Milano. 348.08.86.811. IMPIEGATO commerciale estero, esperienza ventennale, inglese, spagnolo, francese, portoghese, offresi subito. 340.28.52.094. RESPONSABILE amministrativo, operativo, gestione completa fino al bilancio, padronanza normativa fiscale, 38 anni offresi. Tel. 335.54.25.376.

ACCURSIO adiacenze vendiamo pied--terre di 90 mq. su due livelli. Ristrutturato e condizionato. Possibilit posto auto. 02.88.08.31. ADIACENZE corso Sempione, nuovo ampio trilocale, biservizi, terrazzo. Alti standard energetici, costruttivi. Disponibilit box. 02.34.93.16.65 - www.filcasaservice.it ADIACENZE Giulio Cesare trilocale libero quarto piano, cucina a vista, servizi da riordinare. Tel. 02.48.10.19.42. ADIACENZE MM Maciachini vendiamo appartamenti, varie metrature, ottimo investimento. Terrazzi. Box. Pronta consegna. 02.69.90.15.65 - http://murat.filcasa.it MM ZARA nuova costruzione splendido attico 3 locali, riservati terrazzi. Box. 02.88.08.31 - www.filcasaservice.it MORGANTINI nuovissimo bilocale con ampio terrazzo vivibile, classe B. 235.000 euro. 035.75.11.11.

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

18

A AABAA Naturalmente relax. Trattamenti olistici. www.tantrabodymassage.it 02.29.40.17.01 - 366.33.93.110. A fantastici trattamenti olistici, associamo accoglienza, riservatezza, professionalit per totale benessere. 02.29.52.60.35. ABBANDONATI ai massaggi ayurvedici. Euro 40. Info 02.91.43.76.86 - www.bodyspring.it ABBATTI stress e fatica dell'inverno. Rigenerati attraverso i nostri trattamenti. Milano 02.39.40.00.18. ACCOGLIENTE raffinato centro benessere; trattamenti rilassanti olistici professionali. Aperto anche domenica. 02.36.68.43.75. CENTRO benessere, ambiente raffinato, massaggi olistici. 50,00 Euro un'ora. Milano 02.27.08.03.72. CENTRO italiano, ambiente raffinato, massaggi olistici, rilassanti, tantissime promozioni. Porta Venezia. 02.39.66.45.07. CINQUE GIORNATE ambiente climatizzato un mondo di relax trattamenti olistici. Classe. 02.54.01.92.59. DELIZIOSO centro benessere italiano massaggi olistici ambiente elegante per il tuo relax. 02.39.68.05.21. IDRORELAX centro climatizzato, ambiente elegante, raffinato, massaggi olistici, rilassanti. Zona fiera. 02.33.49.79.25. MANZONI San Babila ambiente classe, nuovo centro raffinato, massaggi olistici ayurvedici. 02.39.68.00.71.

24
CLUB E ASSOCIAZIONI
A MILANO accompagnatrici, distinta agenzia presenta eleganti, affascinanti modelle ed interessanti hostess. 335.17.63.121. A MILANO agenzia accompagnatrici alta classe, bellissime fotomodelle, in tutta Italia. 333.49.59.762. INTRIGANTE autoritaria 899.00.41.85. Spiami 899.89.79.72. Euro 1,80 min./ivato. Solo Adulti. Mediaservizi, Gobetti 54 Arezzo.

I INVIACI TESTO FOTO E VIDEO


Per informazioni chiamaci allo 02.6282.7555 / 7422 agenzia.solferino@rcs.it

ACQUISTIAMO Brillanti, Oro, Monete, SUPERVALUTAZIONE, pagamento contanti. Gioielleria Curtini, via Unione
6. - 02.72.02.27.36 - 335.64.82.765 - info@nexiagold.it

LUNED 14 NOVEMBRE 2011

LA GAZZETTA DELLO SPORT

47

ALTRI MONDI
Oroscopo
LE PAGELLE
21/3 - 20/4 23/10 - 22/11 21/4 - 20/5 21/5 - 21/6 22/6 - 22/7 23/7 - 23/8

Ariete 5,5
La Luna storta, lo zebedeo fuma: luned Circostanze, gente, lavoro, casa vi stressano, voi volete strafare. Meglio di no. Calo suino.
23/9 - 22/10

Scorpione 8
IL MIGLIORE Progetti arenati si rimettono in marcia, certe vostre aspettative vengono premiatissime. E la fornicazione probiotica, utile al vostro benessere.
DIEGO ARMANDO MARADONA

Toro 7+
Il buonumore un ottimo propellente per arrivare dove volete, oggi. Elevato o meno che sia il vostro obiettivo. Fornicazione ubiquitaria.
23/11 - 21/12

Gemelli 6
La Luna contiene sollievi economici. Ma certa gente around piacevole come una rettocolite. Addivenite a compromessi. Sudombelico ignorato.
22/12 - 20/1

Cancro 7
La Luna nel vostro segno vi fa emergere e detergere ansie, paure, stress. Oltre che seminar bene, su ogni terreno. Pure suino, volendo.
21/1 - 19/2

Leone 6,5
Dovrete far tutto da soli, ma avete un cielo cos radioso che ogni successo conseguibile. La creativit virrora dalla testa agli ormoni.
20/2 - 20/3

DI ANTONIO CAPITANI
24/8 - 22/9

Vergine 7+
Il lavoro premia, grazie anche al bellamalgama che si creer nello staff in cui operate. Gli amici vassistono, la fornicazione vi riequilibra

Bilancia 6I vostri zebedei scivolano in Antartide, dove i pinguini li scambiano per uova e li covano. Ussignr state su: Venere vi promette fortune!

Sagittario 7
A chance di successo si sommano altre chance fortunate, quasi a raffica. Ergo: niente sfigopessimismo. Anche se, per, c mosceria suina.

Capricorno 6
La Luna paventa derapate nei rapporti. Anche di lavoro. Occhio. Ma lormone romba mucho, come Hamilton (Capricorno) e vi consola.

Acquario 6
Doveri e dettagli cui star dietro sono tanti, oggi: ci vuol pazienza. Per lamor in grande spolvero e dal sudombelico va via la polvere.

Pesci 6,5
Potete acchiappare gli input migliori, traducendoli in successi di relazione e di lavoro. Ma stress e lotte non mancano. Manco di tipo suino.

Il pi grande calciatore argentino nato a Lanus il 30 ottobre 1960. Oggi allenatore dellAl Wasl di Dubai

TeleVisioni in chiaro
RAIUNO
7.00 TG 1 11.05 OCCHIO ALLA SPESA 12.00 LA PROVA DEL CUOCO 13.30 TG 1 14.00 TG1 ECONOMIA 14.10 VERDETTO FINALE 15.15 LA VITA IN DIRETTA 16.50 TG 1 18.50 L' EREDIT 20.00 TELEGIORNALE 20.30 QUI RADIO LONDRA 20.35 I SOLITI IGNOTI 21.10 IL PI GRANDE SPETTACOLO DOPO... 23.45 PORTA A PORTA 1.20 TG 1 1.50 CHE TEMPO FA 1.55 QUI RADIO LONDRA 2.00 SOTTOVOCE

alla Radio
RAITRE
TG R AGOR RAI 150 ANNI APPRESCINDERE TG 3 - RAI SPORT LE STORIE LA STRADA PER LA... TG 3 - TG R IL RICHIAMO DELLA... COSE DELL'ALTRO GEO GEO & GEO TG 3 - TG R - BLOB UN POSTO AL SOLE CASINO ROYALE Film 23.40 CORREVA L'ANNO 0.00 TG 3 - TG R 1.00 METEO 3 1.05 FUORI ORARIO. COSE (MAI) VISTE 7.00 8.00 10.00 11.00 11.10 12.45 13.10 14.00 15.05 15.50 17.40 19.00 20.33 21.05

RAIDUE
7.15 9.30 10.00 11.00 13.00 14.00 16.10 17.50 18.15 18.45 19.35 20.30 21.05 23.25 23.40 1.15 1.25 1.55 CARTONI ANIMATI SORGENTE DI VITA TG 2 I FATTI VOSTRI TG 2 - MEDICINA 33 ITALIA SUL DUE TELEFILM RAI TG SPORT TG 2 NUMB3RS SQUADRA SPECIALE COBRA 11 TG 2 SENZA TRACCIA Telefilm TG 2 THE GRUDGE 2 TG PARLAMENTO PROTESTANTESIMO METEO 2

CANALE 5
8.00 8.40 8.50 11.00 13.00 13.40 14.45 16.15 16.55 18.50 20.00 20.30 21.10 0.15 1.00 1.30 2.19 TG 5 LA TELEFONATA DI BELPIETRO MATTINO CINQUE FORUM TG 5 TELEFILM UOMINI E DONNE AMICI POMERIGGIO CINQUE AVANTI UN ALTRO TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA GRANDE FRATELLO Reality MAI DIRE GRANDE FRATELLO TG 5 STRISCIA LA NOTIZIA UOMINI E DONNE

ITALIA 1
CARTONI ANIMATI UNA MAMMA PER... GREY'S ANATOMY STUDIO APERTO STUDIO SPORT I SIMPSON DRAGON BALL TELEFILM DRAGON BALL STUDIO APERTO STUDIO SPORT DR HOUSE C.S.I. C.S.I. MIAMI Telefilm 23.00 UNDERCOVERS 23.55 REAL C.S.I. 1.00 MODAMANIA 1.35 POKER1MANIA 2.25 STUDIO APERTO 7.00 8.50 10.35 12.25 13.00 13.40 14.35 15.00 17.45 18.30 19.00 19.25 20.20 21.10

RETE 4
TELEFILM I PILASTRI DELLA... R.I.S. RICETTE DI FAMIGLIA TG 4 TELEFILM FORUM HAMBURG DISTRETTO... SENTIERI MICKEY OCCHI BLU TG 4 TEMPESTA D'AMORE WALKER TEXAS... BLACK THUNDER SFIDA AD ALTA... 23.25 I BELLISSIMI DI R4 23.30 ANCORA VIVO 1.30 TG 4 1.50 PIANETA MARE 2.45 VIVERE MEGLIO 7.25 9.15 9.40 10.50 11.30 12.00 13.50 15.10 16.15 16.40 18.55 19.35 20.30 21.10

LA 7
7.00 7.30 9.40 10.40 11.25 12.25 13.30 14.05 16.15 17.30 19.20 20.00 20.30 21.10 0.00 0.35 0.45 1.40 1.55 OMNIBUS TG LA7 COFFEE BREAK LARIA CHE TIRA S.O.S. TATA I MEN TG LA7 S1M0NE ATLANTIDE JAG G DAY TG LA7 OTTO E MEZZO LINFEDELE Attualit INNOVATION TG LA7 (AH)IPIROSO PROSSIMA FERMATA G DAY (R)

Radio 105
16.59 Il Centocinquista

Chiamando Alvin e Dj Giu seppe oggi si pu portare a casa lalbum dei Coldplay (nella foto) Mylo Xyloto

Rmc
14.00 Alfonso Signorini Show

Film sul Digitale Terrestre

Lo Sport in chiaro, sul satellite e sul digitale terrestre


IN DIRETTA
CALCIO
20.30 PISA - PAVIA
Lega Pro. Prima Divisione. Girone B Rai Sport 1

PREMIUM
11.15 13.20 13.30 15.15 17.15 ROCKNROLLA PREMIUM CINEMA DELITTO PERFETTO PREMIUM CINEMA IL MIGLIO VERDE JOI SATURNO CONTRO PREMIUM CINEMA CHE BELLA GIORNATA PREMIUM CINEMA MOONLIGHT SERENADE MYA THE KISS PREMIUM CINEMA BOUNCE PREMIUM CINEMA FROST/NIXON - IL... JOI CHAOS PREMIUM CINEMA

17.00 CALCIO: FAN CLUB NAPOLI 17.30 CALCIO: FAN CLUB JUVENTUS 19.30 CALCIO: REAL MADRID JUVENTUS
Champions League 2008/2009

14.00 RUGBY: MUNSTER NORTHAMPTON


Heineken Cup

14.00 CALCIO: INGHILTERRA SPAGNA


Amichevole

9.45

CALCIO: BOSNIA - PORTOGALLO


Qualificazioni Europeo 2012. Playoff

17.00 SOLLEVAMENTO PESI: MONDIALI


Uomini 105kg. Da Parigi

16.30 AUTOMOBILISMO: FERRARI CHALLENGE


Italia e Nord America. Gara 1. Dal Mugello

16.15 BASKET: NORTH CAROLINA MICHIGAN STATE


NCAA

10.45 CALCIO: ESTONIA - IRLANDA


Qualificazioni Europeo 2012. Playoff

19.15 BILIARDO: PLAYERS TOUR CHAMPIONSHIP


Snooker. Da Anversa

Alfonso, Luisella e Cateri na Balivo ospitano Luisa Corna (nella foto), Carlo Conti ed Enrico Cremonesi

FOOTBALL
2.30 GREEN BAY PACKERS MINNESOTA VIKINGS
NFL ESPN America

21.00 CALCIO: INGHILTERRA SPAGNA


Amichevole

17.30 AUTOMOBILISMO: FERRARI CHALLENGE


Europa e Asia. Gara 1. Dal Mugello

18.15 CALCIO: INGHILTERRA SPAGNA


Amichevole

11.30 CALCIO: TURCHIA - CROAZIA


Qualificazioni Europeo 2012. Playoff

0.00

SOLLEVAMENTO PESI: MONDIALI


Uomini 105kg. Da Parigi

Virgin Radio
13.30 Virgin Investigation Bureau

SKY SPORT 2
7.00 7.30 RUGBY: ITALIA - STATI UNITI
Coppa del Mondo 2011

21.00 TENNIS: MASTERS 1000 PARIGI

21.30 BASKET: NORTH CAROLINA MICHIGAN STATE


NCAA

17.25

12.30 CALCIO: REPUBBLICA CECA MONTENEGRO


Qualificazioni Europeo 2012. Playoff

RAI SPORT 1
9.15 9.45 JUDO: MONDIALI CALCIO: BOLOGNA ATALANTA
Serie A

SKY SPORT 1
15.00 CALCIO: FAN CLUB MILAN 15.30 CALCIO: FAN CLUB ROMA 16.00 CALCIO: FAN CLUB INTER 16.30 CALCIO: FAN CLUB LAZIO

SKY SPORT 3
9.30 GOLF: CASTELL MASTERS
PGA European Tour. Da Valencia, Spagna

23.00 CALCIO: PESCARA - PADOVA


Serie B

18.55 19.20 21.15 21.15

GOLF: CASTELL MASTERS


PGA European Tour. Da Valencia, Spagna

EUROSPORT
8.45 TENNISTAVOLO: COPPA DEL MONDO
Da Parigi

13.30 PATTINAGGIO ARTISTICO: GRAND PRIX GIAPPONE


Da Sapporo

9.30

BASKET: BOSTON COLLEGE FLORIDA STATE


NCAA

12.00 CALCIO: REAL MADRID OSASUNA


Liga

15.30 BOCCE: SCOTTISH INTERNATIONAL OPEN


Finale

11.30 BASKET: MILANO EA7 MONTEPASCHI SIENA


Serie A

LAgente Malone e Sophia interrogano Andy Fletcher (nella foto), tastie rista dei Depeche Mode

GazzaMeteo
A CURA DI

Ieri
ALGHERO ANCONA AOSTA BARI

min max
10 6 1 9 2 10 4 12 7 10 2 3 10 15 6 3 13 6 3 0 7 3 19 12 11 14 13 19 10 15 17 18 12 14 16 18 14 9 17 15 13 13 15 14

Oggi
Giornata soleggiata ad eccezione della Pianura padana e di qualche valle prealpina, dove sar probabile la presenza di alcune nebbie che per tenderanno a dissolversi nelle ore pi calde, e di locali addensamenti al Sud ma senza piogge. Trieste
Venezia
2 13 3 12

Domani
Ancora cielo in prevalenza sereno o poco nuvoloso, ma con riduzioni della visibilit sulle pianure del Nord e localmente anche al Centro; solo sulla Sardegna si verificher un aumento della copertura nuvolosa. Temperature stazionarie.

Dopodomani
Nuovamente giornata soleggiata al Nord, al Centro e su gran parte del Sud, salvo presenza di alcune nebbie in dissolvimento nelle ore pi calde. Su Calabria, Sicilia e Sardegna invece aumento della probabilit di rovesci e temporali.

Trento Aosta
1 11 3 15

Legenda CIELO
Sole Nuvolo Rovesci Coperto Pioggia Temporali Neve Nebbia

BOLOGNA

Milano
3 12

VENTI
Deboli Moderati Forti Molto forti

CAGLIARI CAMPOBASSO CATANIA FIRENZE GENOVA L'AQUILA MILANO NAPOLI PALERMO PERUGIA POTENZA REGGIO CALABRIA ROMA TORINO TRENTO TRIESTE VENEZIA

Torino
3 12 8

Bologna Genova
14 2 12

Ancona

Firenze
2 13

Perugia
2 12

9 13

LAquila
1 11

MARI
Calmi Mossi Agitati

ROMA
3 14

Campobasso
2 10

Bari Potenza
2 9 9 15

Napoli
5 15

Cagliari
12 17

Catanzaro
5 14

Il sole oggi MILANO


Sorge Tramonta

ROMA
Sorge Tramonta

Palermo
8 17

Reggio Calabria
8 17

Il sole domani MILANO


Sorge Tramonta

La luna ROMA
Sorge Tramonta Nuova Primo quarto Piena Ultimo quarto

Catania
11 16

7:18

16:55

6:56

16:51

7:20

16:54

6:57

16:50

27 ott.

3 nov.

10 nov.

18 nov.

48

LA GAZZETTA DELLO SPORT

LUNED 14 NOVEMBRE 2011