Sei sulla pagina 1di 26

Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol.

1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

Problemi  di  paragrafo  


1  
No, la forza da applicare diminuisce ma la distanza aumenta, quindi il lavoro compiuto resta costante.

2  
! !
1  J   =   1  kg  ×   1  m 1  s = 10!  g  ×   10!  cm !
1  s !
= 10! erg.

3  
Quando la componente della forza parallelo allo spostamento ha verso opposto a esso.

4  
𝑊!"! = 𝐹!"! ∙ 𝑠 = 𝐹! + 𝐹! + 𝐹! + ⋯ ∙ 𝑠 = 𝐹! ∙ 𝑠 + 𝐹! ∙ 𝑠 + 𝐹! ∙ 𝑠 + ⋯ = 𝑊! + 𝑊! + 𝑊! + ⋯

5  
𝑊 = 𝐹𝑠 = 2,0  N 10  m = 20  J

6  
𝑊 = −𝐹𝑠 = − 3,4×10!  N 62  m = −2,1×10! J

7  
𝑊 = 𝐹𝑠 cos 𝛼 = 1300  N 26  m cos 45° = 2,4×10! J

 8  
−𝑊 320  J
𝑊 = −𝐹𝑠 cos 𝛼   →   cos 𝛼 = = = 0,76   →  𝛼 = 40°
𝐹𝑠 12  m (35  N)

9  
𝑊 = −𝐹! 𝑠 = −𝑚𝑔ℎ = −21 70  kg 9,8  m/s ! 130  m = −1,9×10!  J

10  
𝑊!"! = −𝐹! 𝑙! − 𝐹! 𝑙! = − 564  N 7,2  m − 652  N 5,1  m = −7,4×10!

11  
Le due forze hanno uguale intensità e formano tra loro un angolo di 50°, quindi la nave si sposta lungo
la bisettrice dell’angolo, formando un angolo di 25° con le funi: il lavoro di ciascun rimorchiatore è

𝑊 = 𝐹𝑠 cos 25°   = 6,2×10!  N 18  m cos 25° = 1,0×10!  J

12  
Indicata con T la tensione incognita, il lavoro totale è
!
𝑊!"! = 𝑇 10m + 𝑇 + 70N 6m = 860  J
!

da cui 𝑇 = 50  N

1 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

13  
L’intensità della forza di attrito è uguale a quella della componente della forza-peso parallela al
terreno; inoltre in un secondo lo sciatore percorre 10 m; il lavoro della forza d’attrito è

1
𝑊 = −𝐹! sin 30° 𝑠   = 70kg 9.8m/s ! 10m = −3,4×10!  J
2

14  
• Quando la forza è negativa il suo verso è opposto al moto del carrello, che viene così rallentato;
il lavoro che compie è negativo.

• Il lavoro totale è

1 1
𝑊!"! = 4,8m + 3,2m 12N − 2,2m + 1,4m 6N = 37  J
2 2

15  
• 𝑊! = 𝐹! 𝑠   = 46  N 4,0  m = 1,8×10!  J

• 𝑊! = −𝐹! 𝑠   = −0,29 15  kg 9,8  m/s ! 4,0  m = −1,7×10!  J

• 𝑊!"! = 𝑊! + 𝑊! = 184  J + −171  J = 13  J

16  
Per avere una buona accelerazione bisogna aumentare la forza, ma F = P/v, dove P è la potenza e v la
velocità, quindi v deve diminuire. Per questo motivo c’è bisogno di un rapporto di trasmissione più
basso e quindi di scalare la marcia.

17  
W W P Δt Δt
P1 = e P2 = → 1 = 2 e P1 = P2 2
Δt1 Δt 2 P2 Δt1 Δt1
Se Δt1 > Δt 2 , allora P1 < P2 .

18  
Nel grafico lavoro-tempo la pendenza della retta è uguale alla potenza, per cui la potenza erogata nel
primo intervallo di tempo è maggiore.

19  
La pendenza della retta tangente al grafico diminuisce, per cui la potenza erogata diminuisce col
passare del tempo.

20  
Dalla formula che definisce la potenza:

𝑊 9,6×10!  J
∆𝑡 = = = 1,5 × 102 s
𝑃 64×10!  W

2 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

21  
𝑊 6,30×10!  J
𝑃= = = 389  W
∆𝑡 27×60  s

22  
La potenza impiegata per mantenere costante la velocità del furgone è

𝑃 = 80  kW − 15  kW = 65  kW

e quindi la velocità è

𝑃 65  kW
𝑣= = = 16  m/s
𝐹 4,0×10! N

23  
Da W = Fs e P = W/t si ottiene

𝑃𝑡 21  KW 1800  s  
𝐹= = = 7,6×10!  N
𝑠 50  km

24  
Dalla definizione di potenza:

50  kJ − 0  kJ
𝑃!!! = ≅ 1,7 × 102  W
5,0×60  s
60  kJ − 50  kJ
𝑃!!! = ≅ 42  W
4×60  s
60  kJ − 0  kJ
𝑃!"#$% = ≅ 1,1 ×102  W
9×60  s

25  
A velocità costante la somma vettoriale delle forze è nulla:
𝐹!"#"$% − 𝛽𝑣!"# = 0
𝐹!"#"$% ! 800,0  N !
𝑃 = 𝐹!"#"$% 𝑣!"# = = = 1600W
𝛽 400,0  kg/s

26  
Poiché la velocità è costante, la forza sviluppata dal motore è pari alla componente della forza peso:
1
𝑃 = 𝐹𝑣! = 𝑚𝑔 senθ v! = 80,0  kg   9,8  m  s !! 20  m  s !! = 7,8×10!  W
2

27  
1 1
𝐾! = 𝑀! 𝑣!! = 𝑀! 4𝑣!! = 2𝑀! 𝑣!!
2 2
1 1
𝐾! = 𝑀! 𝑣!! = 2𝑀! 𝑣!! = 𝑀! 𝑣!!
2 2
L’automobile con maggiore energia cinetica, a parità di sistema frenante, impiega più tempo a frenare,
quindi l’automobile di massa 𝑀! si ferma prima.

3 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

28  
Solo la componente della forza in direzione dello spostamento compie lavoro. Perciò si può procedere

con la stessa dimostrazione vista nel testo usando la componente ,𝐹! = 𝐹 cos 𝜑  𝑥 al posto di F .

29  
Quando l’oggetto è fermo e rimane fermo oppure quando la forza è perpendicolare allo spostamento.

30  
!
1 1000  m
𝐾 = 100  kg 38×   = 5,6×10!  J
2 3600  s

31  
Dal teorema dell’energia cinetica:
! !
1 1000  m 1000  m
𝑊! = 1200  kg 80×   − 60×   = 1,3×10!  J
2 3600  s 3600  s
! !
1 1000  m 1000  m
𝑊! = 1200  kg 100×   − 80×   = 1,7×10!  J
2 3600  s 3600  s

32  
Il lavoro compiuto dai freni del camion è:
3
𝑊 = −𝐹𝑑 = − 𝑀𝑔𝑑
10
Dal teorema dell’energia cinetica si ricava la velocità finale del camion:
!
2𝑊 3 1000  m 3 9,8  m/s ! 22  m m
𝑣= 𝑣!! + = 𝑣!! − 𝑔𝑑 = 90× − = 22,26 = 80  km/h
𝑀 5 3600  s 5 s

33  
Dal teorema dell’energia cinetica si ricava il lavoro compiuto dal motore:
1
𝑊 = 𝑀𝑣 !
2
e quindi la potenza media è
1000  m !
620  kg 100×
𝑊 𝑀𝑣 !
3600  s  
𝑃 =   = = = 1,4×10!  W
∆𝑡 2∆𝑡 2 1,8  s

34  
Dall’analisi del diagramma della forze si ricava l’espressione della forza di attrito:
𝑓 = 𝜇! 𝑀𝑔 − 𝐹! sin 30°
e quindi il lavoro compiuto dalla forza orizzontale totale è
𝑊 = 𝐹! − 𝑓 𝑑 = 𝐹 cos 30° − 𝑓 𝑑
Dal teorema dell’energia cinetica si ricava
2𝑊 2 𝐹! − 𝑓 𝑑
𝑣= =
𝑀 𝑀

2 4  N cos 30° − 0,15 1,6  kg 9,8  m/s − 4  N sin 30° 1,8  m
= = 1,8  m/s
1,6  kg
4 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

35  
𝑊! = 𝐹! 𝑑 = 35  N × 2,0  m = 70  J
𝑊! = 𝑓! 𝑑 = −30  N × 2,0  m = −60  J
Utilizzando il teorema dell’energia cinetica si ottiene la velocità del carrello:

2𝑊!"! 2 𝑊! + 𝑊! 2 10  J
𝑣= = = = 1,4  m/s
𝑀 𝑀 10  kg

36  
Dal teorema dell’energia cinetica:
!
1 1000
𝑊 ∆𝐾 1000  kg 54× 3600  m/s
𝐹= = =2 = 7,0×10!  N
𝑑 𝑑 16  m

37  
𝑊 = 𝛥𝐾 = 𝐾! − 𝐾!
!
Poiché l’oggetto si ferma, 𝑊 = −𝐾, quindi 𝑊 = − 𝑚𝑣!!
!

Il lavoro fatto dalla forza-peso e dalla forza F è 𝑊 = −(𝑚𝑔senθ + 𝐹)𝑠


Quindi
1
− 𝑚𝑔senθ + 𝐹 𝑠 =   − 𝑚𝑣!!
2
𝑚𝑣!! (1,0  kg)(4,0  m!  s !! )
𝑠= = = 0.13  m
2(𝑚𝑔senθ + 𝐹) 2 1,0  kg 9,8  m!  s !! 1 + (10,0  N)
2

38  
Dalla relazione che definisce l’energia potenziale si ricava

∆𝑈
∆𝑈 = −𝑊 = −𝐹∆𝑥   → 𝐹 = −
∆𝑥

39  
In B e D la retta tangente ha pendenza nulla, quindi la forza è nulla; in A ed E la pendenza della retta
tangente è negativa, quindi la forza è positiva (diretta verso destra), in C la pendenza della retta
tangente è positiva, quindi la forza è negativa (diretta verso sinistra).

40  
In un grafico U-x il coefficiente angolare della retta tangente al grafico nel punto di ascissa x! è
l’opposto della forza esercitata sull’oggetto in x! ; lo si deduce dalla relazione

∆𝑈
𝐹=−
∆𝑥

5 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

41  
m
𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑠 = − 9,6  kg 9,8 10  m   = −9,4×10!  J
s!

42  
In entrambi i casi:
𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑠 = − 640  N 8,0  m   = −5,1×10!  J

43  
𝑊! = −𝐹! 𝑑! = − 24  N 8,2  m   = −2,0×10!  J
𝑊! = −𝐹! 𝑑! = − 24  N 7,6  m   = −1,8×10!  J

44  
Dalla definizione di energia potenziale:
𝑊!→! = −∆𝑈!" = 𝑈! − 𝑈!   → 𝑈! = 𝑈! − 𝑊!→! = 380  J − 530  J = −150  J
𝑊!→! = −∆𝑈!" = 𝑈! − 𝑈!   ⟹   𝑈! = 𝑈! − 𝑊!→! = −150  J − −420  J = 270  J
Se l’energia potenziale in B è nulla, vuol dire che ne aumentiamo il valore di 150 J; quindi tutte le
energie devono essere aumentate di 150 J:
𝑈′! = 530  J,      𝑈′! = 420  J

45  
Indichiamo con 𝑀 la massa incognita del carrello; il lavoro compiuto da Maurizio è opposto al lavoro
della forza di attrito:
𝑊! = −𝑊! = 𝐹!,!" 𝑑!" + 𝐹!,!" 𝑑!" + 𝐹!,!" 𝑑!" =
= 𝜇𝑀𝑔𝑑!" + 𝜇 𝑀 + 𝑀! 𝑔𝑑!" + 𝜇 𝑀 + 𝑀! + 𝑀! 𝑔𝑑!" =
= 0,22  9,8m/s !   𝑀 6,0  m + 𝑀 + 8,0  kg 17,0  m + 𝑀 + 8,0  kg + 4,0  kg 11,0  m =
= 1,2×10!  J
da cui
1 𝑊!
𝑀= − 𝑀! 𝑑!" + 𝑑!" − 𝑀! 𝑑!" =
𝑑!" + 𝑑!" + 𝑑!" 𝜇𝑔
1 1200  J
= − 8,0  kg 28,0  m − 4,0  kg 11,0  m = 8,5  kg
34  m 0,22 9,8  m/s !  

46  
Con (𝑀 = 13  kg) abbiamo che:
• 𝑊!,! = −𝑀𝑔ℎ = − 13  kg 9,8  m/s !   2,6  m = −3,3×10!  J
•  𝑊!,! = 𝑀𝑔ℎ = 13  kg 9,8  m/s !   2,6  m = 3,3×10!  J
• 𝑊!,!!! = 0  J
Nel secondo caso (𝑀 = 13  kg, 𝑚 = 0,60  kg):
• 𝑊!,!!! = −𝑀𝑔ℎ + 𝑀 + 𝑚 𝑔ℎ = 𝑚𝑔ℎ = 0,60  kg 9,8  m/s !   2,6  m = 15  J

6 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

47  
• 𝑊! = −𝐹! 𝑑! = − 3,2  N 2𝜋 0,85  m = −17  J

Dal teorema dell’energia cinetica

1 1
𝑊!"#!$%& = ∆𝐾 − 𝑊! = 𝑚𝑣 ! − 𝑊! = 2,5  kg 0,92  m/s !
+ 17  J = 18  J
2 2
La forza applicata dal bambino non è conservativa.

48  
• Il lavoro della forza-peso non dipende dalla presenza o meno dell’attrito. Lungo il percorso AB
il lavoro della forza-peso è
𝑊!" = −𝐹! 𝑙 sin 30° = −𝑚𝑔𝑙 sin 30° = − 10  kg 9,8  m/s ! 2,0  m 0,5 = −98  J
• Lungo il percorso ABC il lavoro della forza-peso è
𝑊!"# = 𝑊!" + 𝑊!" = 0 − 𝐹! ℎ = −𝑚𝑔ℎ = − 10  kg 9,8  m/s ! 1,0  m = −98  J

49  
L’energia potenziale della forza-peso è direttamente proporzionale alla massa dell’oggetto, per cui la
retta maggiormente inclinata corrisponde a una massa maggiore. Pertanto la massa dell’oggetto B è
maggiore.

50  
Il lavoro maggiore è compiuto sulla Terra. La forza-peso dell’oggetto sulla Luna vale circa 1/6 di
quella sulla Terra, quindi il lavoro necessario per sollevare di 1 m l’oggetto sulla Luna è circa 1/6 del
lavoro necessario sulla Terra.

51  
• 𝛥𝑈! = 𝑚𝑔ℎ! = 1,0  kg   9,8  m/s !   −1,0  m = −9,8  J

• 𝛥𝑈! = 𝑚𝑔ℎ! = 30  kg   9,8  m/s !   2,0  m = 20  J

• 𝛥𝑈! = 𝑚𝑔ℎ! = 30  kg   9,8  m/s !   0  m = 0  J

52  
• 𝑊! = 𝑈! = 𝑚𝑔ℎ! = 0,400  kg   9,8  m/s !   2,50  m = 9,8  J

• 𝛥𝑈 = −𝑈! = −9,8    

53  
• 𝛥𝑈! = 𝐹! 𝛥ℎ = 6,4  ×10!  N   4,0  m = 2,6×10!  J

• 𝛥𝑈! = − 𝛥𝑈! = −2,6×10!  J


!"#$%#& !"#$%"

• 𝛥𝑈! = 0  J
!"!

7 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

54  
• 𝑈! = 𝑚𝑔𝛥ℎ! = 30  kg   9,8  m/s !   3,1  m = 9,1×10!  J

• 𝑈! = 𝑚𝑔𝛥ℎ! = 30  kg   9,8  m/s !   6,1  m = 1,8×10!  J

• 𝛥𝑈 = 𝑚𝑔𝛥ℎ = 30  kg   9,8  m/s !   −3,0  m = −8,8×10!  J

55  
200
𝑊 = 𝑀!"! 𝑔ℎ = (8,0  h) 70  kg 9,8  m/s ! 500  m = 5,5×10!  J
h

56  
La relazione tra l’energia potenziale U e l’altezza h è lineare: la pendenza della retta è

∆𝑈 395  J − 0  J 395 3950


𝑚= = = =  J m
∆ℎ 5,0  m − 1,7  m 3,3 33

e l’equazione della retta è

3950
𝑈 ℎ = 𝑚 ℎ − 1,7 =  J m ℎ − 1,7  m
33
L’energia potenziale al suolo è

3950  J
𝑈 0 = − 1,7  m =   −2,0×10!  J
33  m

57  
Il grafico corretto è quello della figura A: una parabola con la concavità rivolta verso l’alto.

58  
1
𝑈! = 𝑘𝑥 !
2
1 !
𝑈!! = 𝑘 3𝑥 = 9𝑈!
2

59  
Perché la forza non è costante, e dunque la relazione 𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑠 non può essere utilizzata.

60  
La variazione di energia potenziale è uguale per entrambe, perché non dipende dalla lunghezza a
riposo, ma dall’allungamento.

61  
1 1
𝑈 = 𝑘𝑠 ! = × 180   N m 0,14  m !
= 1,8  J
2 2

8 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

62  
2𝑈 2𝑊 2 0,72  J
𝑘= !
= ! = !
= 4,0×10!  N m
𝑠 𝑠 0,060  m

63  
Il lavoro e l’energia potenziale elastica sono uguali a

1 1
𝑊 = 𝑈 = 𝑘𝑠 ! = 240   N m 0,10  m !
≅ 1,2  J
2 2

64  
1 0,10  J
𝑈 = 𝑘𝑠 !   → 𝑘 = 2× !
= 4,1× 102  N/m
2 0,022  m

65  
L’energia potenziale elastica della molla è direttamente proporzionale al quadrato della deformazione:

𝑈 ! = 4𝑈 = 4× 400  J = 1600  J   →   ∆U = 1200  J

66  
• La costante elastica della molla è

𝐹 5,0  N
𝑘= = = 5,0×10!  N/m
𝑠 1,0×10!!  m

• Il grafico 𝐹 − 𝑥 è

• Il lavoro compiuto dalla forza elastica è


1 1
𝑊 = 𝑈! − 𝑈! = 𝑘 𝑠!! − 𝑠!! = 500  N/m 1,0×10!!  m ! − 1,5×10!!  m !
2 2
≅ −3,1×10!!  J
Lo stesso risultato si ottiene calcolando l’area sotto il grafico F-x.

67  
!
1 1 𝐹 1 𝐹 ! 1 𝑚𝑔 !
1 52  kg 9,8  m/s !  
𝑈! = 𝑘𝑠 ! = 𝑘 = = = = 1,1×10!  J
2 2 𝑘   2 𝑘 2 𝑘 2 1,2×10!  N/m

9 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

68  
La distanza della posizione iniziale dalla posizione di equilibrio è l’ampiezza A dell’oscillazione della
lastra: dalla condizione di equilibrio 𝑘𝐴 = 𝑚𝑔 ricaviamo la costante elastica della molla
𝑚𝑔
𝑘=
𝐴
La massima energia potenziale elastica è raggiunta quando la lastra è al punto più basso:

1 1 𝑚𝑔 ! 𝑚𝑔𝐴 1,6  kg 9,8  m/s ! 0,048  m


𝑈!"# = 𝑘𝐴! = 𝐴 = = = 0,38  J
2 2 𝐴 2 2

69  
• Le forze che ciascuna molla applica sull’altra hanno uguale modulo, in virtù del terzo principio
della dinamica, quindi i due allungamenti 𝑥! e 𝑥! soddisfano le relazioni

𝑘! 𝑥! = 𝑘! 𝑥!

𝑥! + 𝑥! = 𝐿 − 𝑙! − 𝑙!

da cui si ricavano le espressioni

𝐿 − 𝑙! − 𝑙! 𝑘! 0,40  m 120  N/m


𝑥! = = = 0,22  m
𝑘! + 𝑘! 220  N/m

𝐿 − 𝑙! − 𝑙! 𝑘! 0,40  m 100  N/m


𝑥! = = = 0,18  m
𝑘! + 𝑘! 220  N/m

• Le energie potenziali delle due molle sono


! !
1 1 𝐿 − 𝑙! − 𝑙! 𝑘! 1 0,40  m 120  N/m
𝑈! = 𝑘! 𝑥!! = 𝑘! = 100  N/m = 2,4  J
2 2 𝑘! + 𝑘! 2 220  N/m
! !
1 1 𝐿 − 𝑙! − 𝑙! 𝑘! 1 0,40  m 100  N/m
𝑈! = 𝑘! 𝑥!! = 𝑘! = 120  N/m = 2,0  J
2 2 𝑘! + 𝑘! 2 220  N/m

70  
Poiché l’energia cinetica K è positiva o nulla, risulta

𝐸!"## = 𝐾 + 𝑈 ≥ 𝑈

per cui la prima affermazione è vera, mentre la seconda è falsa (l’energia potenziale può essere
negativa).

71  
Nessuno dei due: la velocità alla fine del piano si ricava dal teorema dell’energia cinetica

ℰ! = ℰ!   → 𝑣 = 2𝑔ℎ

per cui la velocità raggiunta dipende solo da h, che è la stessa per entrambi.

10 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

72  
Per la conservazione dell’energia meccanica, quando la molla è totalmente compressa o totalmente
allungata, l’energia meccanica è tutta potenziale. Quando la massa transita per la posizione di riposo
della molla, l’energia meccanica è puramente cinetica. In questo punto l’energia cinetica raggiunge il
suo massimo.

73  
No: due grandezze sono inversamente proporzionali quando il loro prodotto è costante, mentre in un
sistema conservativo è costante la somma di energia cinetica e potenziale.

74  
A:cinetica, B potenziale, C meccanica totale.

75  
Dopo metà del tempo totale (ossia il tempo necessario a percorrere i 10 m di altezza), la palla non si
trova ancora a metà strada, quindi l’energia potenziale della forza-peso sarà maggiore di quella
cinetica.

76  

77  
𝐾! = 𝑈! = 𝑚𝑔ℎ = 0,32  kg 9,8  m/s ! 6,7  m = 21  J

78  
• Per il principio di conservazione dell’energia, l’energia cinetica del sasso è pari all’energia
potenziale persa. Quindi 𝐾! = 405  J
• 𝑣! = 2𝐾! /𝑚 = (810  J  )(2,5  kg  ) = 18  m/s

79  
1 !
𝑣!! 6,2  m/s !
𝑈! = 𝐾!   →  𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑣!   → ℎ! = = = 2,0  m
2 2𝑔 2 9,8  m/s !

80  
1 1 𝑘 390  N/m
𝑈! = 𝐾!   →   𝑘𝑠!! = 𝑚𝑣!!   → 𝑣! = 𝑠! = 0,12  m = 1,4  m/s
2 2 𝑚 2,9  kg

11 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

81  
Dalla conservazione dell’energia meccanica
1
𝑈! = 𝐾!   →  𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑣!!   → 𝑣! = 2𝑔ℎ! = 2 9,8  m/s ! 1,0  m ≅ 4,4  m/s
2

82  
• All’imbocco della rampa
1 1
𝐾! = 𝑚𝑣!! = × 50,0  kg × 3,90  m/s !
= 380  J
2 2
• All’uscita della rampa
𝑈! = 𝑚𝑔ℎ! = 50,0  kg 9,80  m/s ! 0,450  m = 221  J
• Dalla conservazione dell’energia:

1 2 𝐾! − 𝑈! 2 380,25  J − 220,5  J
𝐾! = 𝑚𝑣!! = 𝐾! − 𝑈!   → 𝑣! = = = 2,53  m/s
2 𝑚 50,0  kg

83  
• L’energia potenziale dei due blocchi è
𝑈!,! = 𝑚! 𝑔ℎ = 4,0  kg 9,8  m/s ! 2,0  m ≅ 78  J
𝑈!,! = 𝑚! 𝑔ℎ = 2,0  kg 9,8  m/s ! 2,0  m ≅ 39  J
𝑈!,! = 0  J
𝑈!,! = 𝑚! 𝑔2ℎ = 2,0  kg 9,8  m/s ! 4,0  m ≅ 78  J
• Dalla conservazione dell’energia meccanica
𝑈!,! + 𝑈!,! = 𝑈!,! + 𝑈!,! + 𝐾!,! + 𝐾!,!  
si ottiene (le velocità dei due blocchi sono uguali)

2 𝑈!,! + 𝑈!,! − 𝑈!,! − 𝑈!,! 2 78  J + 39  J − 78  J


𝑣! = = = 3,6  m/s
𝑚! + 𝑚! 6,0  kg

84  
Per la conservazione dell’energia meccanica
1
𝑚𝑔ℎ = 𝑚𝑣 !   → 𝑣 = 2𝑔ℎ = 2(9,8  m/s ! )(2,0  m) = 6,3  m/s
2
𝐹
𝐹 = 𝑘𝛥𝑥; 𝑘 =
𝛥𝑥
1 1
  →   𝑚𝑣 ! = 𝑘𝑠 !
𝐾! + 𝑈!(!) = 𝐾! + 𝑈! !
2 2
! !
𝑘𝑠 𝐹𝑠 10  N 0,20  m !
𝑚= ! = = = 0,10  kg
𝑣 2𝑔ℎ𝛥𝑥 2(9,8  m/s ! )(2,0  m)(0,10  m)

12 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

85  
Il modulo della forza elastica è 𝐹 = 𝑘𝑠 da cui

𝐹 250  N
𝑘= = = 3571,4  N/m
𝑠 0.07  m
L’energia potenziale elastica del sistema formato dalla molla e dalla massa, prima che questa venga
rilasciata, in assenza di attrito è pari all’energia potenziale gravitazionale all’istante in cui la massa si
ferma sul piano inclinato, quindi

1 ! 𝑘𝑠 ! 3571,4  N/m 0.15  m !


𝑘𝑠 = 𝑚𝑔ℎ   → ℎ = = ≈ 1,4  m
2 2𝑚𝑔 2(3  kg)(9,8  m/s ! )

86  
!
Da 𝑊 = 𝐹𝑠 e 𝐾 = 𝑚𝑣 ! , per 𝑊 = 𝐾 si ha
!

2𝐹𝑠 2(50  N)(10  m)


𝑣= = = 22  m/s
𝑚 (2,0  kg)
Da 𝑊 = 𝐹𝑠 e 𝑈 = 𝑚𝑔ℎ, per 𝑊 = 𝑈 si ha
𝐹𝑠 (50  N)(10  m)
ℎ= = = 25  m
𝑚𝑔 (2,0  kg)(9,8  m/s ! )

87  
Il sistema è conservativo. Inizialmente il sistema ha solo energia potenziale elastica, alla fine solo
energia potenziale della forza-peso. Il bilancio energetico fornisce la soluzione:

1 !
𝑘𝑠 = 𝑚𝑔ℎ
2

2𝑚𝑔ℎ 2 0.02  kg 9,8  m/s ! 0,01  m


𝑠= = = 2,0  cm
𝑘 9,8  N/m

88  
L’energia cinetica del saltatore viene convertita, durante il salto, in parte in energia potenziale della
forza-peso, in parte in energia elastica dell’asta, la quale però viene restituita all’atleta, nel punto più
alto, quando l’asta non è più piegata. Una parte dell’energia cinetica dell’atleta viene dispersa in forme
di energia diversa da quella meccanica.

89  
• Mentre l’oggetto si sposta la sua energia meccanica aumenta, quindi le forze non conservative
compiono un lavoro positivo (da x =   −4,0 a x = 6,0 è quasi 300 J).

• Sì; in questo caso l’energia meccanica diminuisce e quindi le forze non conservative compiono
lavoro negativo.

90  
𝑊!" =  ℰ!   − ℰ! = 𝐾! + 𝑈! − 𝐾! + 𝑈! = 32  J + 26  J − 24  J − 45  J = −11  J

13 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

91  
𝑊!" =  ℰ!   − ℰ! = 𝑚𝑔ℎ! − 𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑔 ℎ! − ℎ!  
= 0,32  kg 9,8  m/s !   13,3  m − 1,2  m = 38  J

92  
𝑈! 𝑊!" + 𝑈! 𝑊!"
ℰ! = 𝑈! = 𝑊!" + ℰ! = 𝑊!" + 𝑈!   ⟹ ℎ! = = = + ℎ!
𝑚𝑔 𝑚𝑔 𝑚𝑔
12  J
= + 1,4  m = 8,2  m
0,18  kg 9,8  m/s !

93  
1
𝑊!" = ℰ! − ℰ! = 𝐾! − 𝑈! = 𝑚𝑣!! − 𝑚𝑔ℎ!  
2
1
= 0,024  kg 5,2  m ! − 9,8  m/s ! 23  m = −5,1  J
2

94  
1 1
𝑊!" = ℰ! − ℰ! = 𝐾! − 𝑈! = 𝑚𝑣!! − 𝑚𝑔ℎ! = 1,5  kg 6,3  m !
− 9,8  m/s ! 3,2  m = −17  J
2 2

95  
!
L’energia meccanica iniziale è ℰ! = 𝑘𝐴! ; quella finale è ℰ! = ℰ! + 0,50  J
!

L’ampiezza di oscillazione finale 𝐴′ è

2ℰ! 2ℰ! + 2 0,5  J 𝑘𝐴! + 1,0  J 1,0  J


𝐴! = = = = 𝐴! +
𝑘 𝑘 𝑘 𝑘

!
1,0  J
= 0,20  m + = 0,30  m
20  N/m

96  
Il sistema non è conservativo, a causa del lavoro compiuto dal motore. Dal bilancio energetico
ricaviamo
1 1 1 !
𝑊!"#"$% = ℰ! − ℰ! = 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ − 𝑚𝑣!! = 𝑚 𝑣 − 𝑣!! + 𝑔ℎ
2 2 2 !

1 ! !
= 2200  kg 6,0  m/s − 10  m/s + 9,8  m/𝑠 ! 5,6  m/s = 5,0×10!  J
2

14 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

97  
Dal grafico, l’energia cinetica K dopo 7,5 s è 𝐾 ≈ 250  mJ, quindi

2𝐾 0,500  J  
𝑣= ≈ ≈ 3  m/s
𝑚 0.06  kg

Dal grafico si deduce che l’energia potenziale è massima è 𝑈 = 600  mJ a 𝑡 = 0  s, perciò
𝑈 0,600  J
ℎ!"# = ≈   ≈  1  m  
𝑚𝑔 0,06  kg   9,8  m/s !
L’energia meccanica all’istante 𝑡 = 0  s è ℰ! = 600  mJ e all’istante 𝑡 = 3  s è ℰ! ≈ 500  mJ, quindi
diminuisce di una quantità pari a
ℰ! − ℰ! ≈ 100  mJ

98  
1
ℎ = 𝑔𝑡 !
2
Per la conservazione dell’energia meccanica nel vuoto: 𝑈! + 𝐾! = 𝑈! + 𝐾!
! !
𝑈! = 𝐾! quindi 𝑚𝑔ℎ = 𝐾! → 𝐾! = 𝑚𝑔 𝑔𝑡 ! = 𝑚 𝑔𝑡 !
! !

Nel secondo esperimento definiamo 𝐸!" l’energia dissipata dalla forza non conservativa (attrito con il
gas):
𝐾!! + 𝑈!! + 𝐸!" = 𝐾!! + 𝑈!!
𝑈!! + 𝐸!" = 𝐾!!
!
ma 𝑈!! = 𝑈! = 𝐾! = 𝑚 𝑔𝑡 !
!
1 1 m !
𝐸!" = 𝐾!! − 𝐾! = 𝐾!! − 𝑚 𝑔𝑡 !
= 182,1  J − 1,0  kg 9,8 2,0  s = −10  J
2 2 s!

99  
• Dalla conservazione dell’energia meccanica
1
𝑚𝑔ℎ!"# = 𝑚𝑔ℎ!"# + 𝑚𝑣 !
2
𝑣= 2𝑔 ℎ!"# − ℎ!"# = 2(9,8  m/s ! )(0,5  m) = 3,1  m/s
• Il lavoro delle forze d’attrito
1
𝑊!""#$"% = ℰ! − ℰ! = 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ!"# − 𝑚𝑔ℎ!"#
2
1
= 50  kg 2,0  m/s ! − 50  kg 9,8  m/s !   0,5  m = −145  J
2

15 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

100  

• La componente della forza peso nella direzione dello spostamento è


𝑃! = 𝑚𝑔 cos 45° = 1,5    kg 9,8  m/s ! 0,707 = 10,4  N
La lunghezza s del piano inclinato è pari a 𝑠 = 2  m 2 = 2,8  m, quindi il lavoro della forza
peso relativo allo spostamento lungo tutto il piano inclinato è
𝑊! = 𝑃! 𝑠 = 10,4  N 2,8  m = 29  J
• Il modulo della forza di attrito è 𝐹! = 𝜇𝑁, dove N è la reazione vincolare del piano inclinato
𝑁 = 𝑚𝑔 sin 45° = 1,5    kg 9,8  m/s !   0,707 = 10,4  N  
𝐹! = 0,10 10,4  N = 1,04  N   →   𝑊! = 𝐹! ∙ 𝑠 = − 1,04  N 2,8  m = −2,9  J
L’energia dissipata è pari al lavoro delle forze non-conservative
𝑊!" = 𝐾! + 𝑈! − (𝐾! + 𝑈! )
Per il teorema dell’energia cinetica, detto 𝑊!"! il lavoro totale compiuto sul blocco di legno
𝐾! − 𝐾! = 𝑊!"! = 𝑊! + 𝑊! = 29  J − 2,9  J ≈ 26  J e
𝑈! − 𝑈! = −𝑚𝑔ℎ = − 1,5    kg 9,8  m/s !   2,0  m = −29,4  J quindi
𝑊!" = 26  J − 29,4  J = −3,4  J
• Dato che 𝐾! = 0
2 26  J
𝐾! ≈ 26  J   → 𝑣! = ≈ 5,9  m/s
1,5  kg

101  

Il modulo della forza d’attrito è

𝐹! = 𝜇𝑁 = 𝜇𝑚𝑔 = 0,10 12  kg 9,8  m/s ! = 11,76  N e compie sulla slitta un lavoro pari a

𝑊!""#$"% = −𝐹! 𝑥, dove x è la distanza percorsa dalla slitta.

Per il teorema lavoro-energia:

𝑊!""#$"% = 𝐾! + 𝑈! − 𝐾! + 𝑈! da cui l’equazione

1 !
1 𝑚𝑣!! 1 12  kg 2,1  m/s !
−𝐹! 𝑥 = − 𝑚𝑣!   → 𝑥 = = ≈ 2,3  m
2 2 𝐹! 2 11,76  N

16 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

Problemi  generali  
1  
! !
Dal bilancio energetico ℰ! = ℰ! + 𝑊!"   →   𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ! + 𝑊!"
! !

si ricava la velocità richiesta

2𝑊!"
𝑣! = 𝑣!! + 2𝑔 ℎ! − ℎ! +
𝑚

!
10! m 2 −3,3×10!  J
= 50× +2 9,8  m/s ! −3,1  m + = 7,0  m
3600  s 80  kg

2  
• 𝛥ℎ! = 𝑟   → 𝛥𝑈 = 𝑚𝑔𝛥ℎ! = 𝑚𝑔𝑟 = 30,0  kg 9,8  m/s !   2,00  m = 588  J
• 𝛥ℎ! = 𝑟 1 − 2 2  
𝛥𝑈 = 𝑚𝑔𝛥ℎ! = 𝑚𝑔𝑟 1 − 2 2 = 30,0  kg 9,8   m s ! 2,00  m 1 − 2 2 = 172  J
• 𝛥ℎ! = 0  m   → ΔU = 𝑚𝑔𝛥ℎ! = 0  J

3  
• Nel moto di salita
1
−𝑚𝑔ℎ − 𝐹ℎ = − 𝑚𝑣!!
2
Nella discesa:
𝑚𝑔ℎ − 𝐹ℎ = 𝐾!
Sottraendo membro a membro la seconda equazione dalla prima:
1
−2𝑚𝑔ℎ = − 𝑚𝑣!! − 𝐾!
2
2 2
𝑣! = (2𝑚𝑔ℎ − 𝐾! ) = 2 2,0    kg 9,8   m 𝑠 ! 3,0  m − (36,6  J) = 9,0  m/s
𝑚 2,0  kg
• Il modulo della forza è
𝐾! 36,6  J
𝐹 = 𝑚𝑔 − = 2,0  kg 9,8   m 𝑠 ! − = 7,4  N
ℎ 3,0  m

4  
Il sistema è conservativo, quindi
1 1
𝐸! = 𝐸! →   𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ!
2 2
!
90,0 m
𝑣! = 𝑣!! + 2𝑔𝛥ℎ = + 2 9,8   m s ! (20,0  m − 11,0  m) = 28,3   m s = 102  km/h
3,6 s

17 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

5  
Il sistema è conservativo. Da un bilancio energetico si ricavano le due velocità richieste.
• Nel primo caso
1
𝑚𝑣 ! + 𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑔ℎ!
2 !
da cui

𝑣! = 2𝑔 ℎ! − ℎ! = 2𝑔𝑙 1 − cos 37° = 2 9,8  m/s ! 30  m 1 − cos 37° = 11  m/s

! !
• Nel secondo caso da 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑣!! + 𝑚𝑔ℎ!        si ricava
! !

𝑣! = 2𝑔 ℎ! − ℎ! + 𝑣!! = 2 9,8  m/s ! 30  m 1 − cos 37° + 4,0  m/s ! = 12  m/s

6  
! ! !
• ℰ! = 𝑚𝑣 ! + 𝑚𝑔ℎ = 0,80  kg 1,1   m s !
+ 0,80  kg 9,8   m s 0,5  m = 4,4  J
! !

• Se il carrellino arrivasse alla base, dal teorema lavoro-energia si avrebbe


1 1
𝑚𝑣!! = 𝑚𝑔ℎ! + 𝑚𝑣!! + 𝑊!"
2 2
dove 𝑊!" è il lavoro fatto dalle forze non-conservative, in questo caso della forza d’attrito
quindi
𝑊!""#$"% = − 5  N 1,0  m = −5  J
2 2
𝑣!! = 𝑚𝑔ℎ! + 𝑊!"   + 𝑣!! = 0,80  kg 9,8   m s ! 0,5  m − 5  J + 1,1   m s !
𝑚 0,80  kg
= −1,5   m! s ! m
𝑣!! non può avere un valore negativo, quindi il carrello non arriva alla base.

7  
Dal teorema lavoro-energia si ha
𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑔ℎ! + 𝐹! ⋅ 𝑠  

𝑚𝑔 ℎ! − ℎ! = −𝐹! 𝑠
dove s è il percorso del nuotatore dentro l’acqua.
Prendendo la superficie dell’acqua come riferimento per il calcolo delle quote:
ℎ! − ℎ! = −5  m − 10  m = −15  m

𝐹! =−𝑚𝑔 ℎ! − ℎ! 𝑠 = −(60  kg)(9,8  m/s ! )(−15  m)/(5  m) ≈ 1800  N

𝐹! ha la stessa direzione dello spostamento e verso opposto.

18 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

8  
• Dal teorema lavoro-energia si ha
1
𝑚𝑣!! = −𝑊! = −𝐹! ⋅ 𝑠   = 𝐹! 𝑠
2
𝐹! = 𝜇𝑁 = 𝜇𝑚𝑔 = 0,70 80  kg 9,8  m/s !   = 549  N
𝑚𝑣!! 80  kg 4,0  m/s !
𝑠= = ≈ 1,2  m
2𝐹! 2(549  N)
• Il lavoro compiuto dalle forze d’attrito é
1 1
𝑊! = − 𝑚𝑣!! = − 80  kg 4,0 m s !
= 640  J
2 2

9  
Il sistemo è conservativo.
𝐾! + 𝑈! = 𝐾! + 𝑈!
1 1 𝑚𝑣!! 1,0  kg 1,5 m s !
𝑚𝑣!! = 𝑘𝑥 !   → 𝑥 = = = 0,17  m
2 2 𝑘 (80 N m)

10  
Il sistemo è conservativo.
𝐾! + 𝑈! = 𝐾! + 𝑈!
!
1 2𝑚𝑔ℎ! 2 4,0  kg (9,8   m s )(0,1  m)
𝑚𝑔ℎ! = 𝑘𝑥 !   →  𝑥 = = = 16  cm
2 𝑘 (300 N m)

11  
1 1
ℰ! = 𝑚𝑣!!                ℰ! =  𝑚𝑔𝑎 + 𝑘 𝑏 − 𝑎 !
2 2
1 1
𝑚𝑣!! = 𝑚𝑔𝑎 + 𝑘 𝑏 − 𝑎 !
2 2
𝑚𝑣!! − 2𝑚𝑔𝑎 1,0  kg 10 m s ! − 2 1,0  kg (9,8   m s ! )(0,50  m)
𝑘= = = 90   N m
𝑏−𝑎 ! 1,5  m − 0,50  m !

12  
• Il sistema non è conservativo: la forza di attrito compie un lavoro pari a

𝑊!" = −𝐹𝐿 = 3,0×10! J

• Dal bilancio energetico tra la partenza dalla prima collinetta e l’arrivo sulla seconda (entrambi a
velocità nulla)

ℰ! = ℰ! + 𝑊!"   →  𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑔ℎ! + 𝑊!"

ricaviamo l’altezza raggiunta

𝑊!" 𝐹𝐿 30  N 10  m
 ℎ! = ℎ! + = ℎ! − = 10  m − = 9,6  m
𝑚𝑔 𝑚𝑔 70  kg 9,8  m/s !

19 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

13  
• −𝐹 = 𝑚𝑎 da cui 𝑎 = −𝐹/𝑚
v = v0 + at con v0 = 180, 0 km/h = 50, 0 m/s
F
0 = v0 − t
m
mv (1500 kg)(50,0 m/s)
F= 0 = = 1,50 × 104 N
t (50,0 s)
• da 𝑎 = −𝑣! /𝑡
1 1⎛ v ⎞ 1 1
s = x − x0 = v0t + at 2 = v0t − ⎜ 0 ⎟ t 2 = v0t = (50,0 m/s)(50,0 s)=1250,0 m
2 2⎝ t ⎠ 2 2
W = − Fs = −(1500 N)(1,25 × 103 m) = −1,88 × 106 J

14  
A velocità massima costante l’accelerazione è nulla:
𝐹!"#"$% = −𝛽𝑣!"# − 𝑚𝑔 sin 𝜃 = 0
𝑃
− 𝛽𝑣!"# − 𝑚𝑔 sin 𝜃 = 0
𝑣!"#
Risolvendo l’equazione di secondo grado:
!
! 1
𝑚𝑔 sin 𝜃 𝑚𝑔 sin 𝜃 !
𝑃 1200  kg 9,8   m s 2 40  kW
𝑣!"# =− + + = + = 6,5  m/s  
2𝛽 2𝛽 𝛽 2 40 kg s 40 kg s

15  
• Dalle leggi del moto:
𝐹 cos 30°   𝐹 cos 30°  
𝑣! = 𝑣! + 𝑎∆𝑡 = 𝑣! + ∆𝑡   → 𝑣! = 𝑣! −   ∆𝑡
𝑚 𝑚
1 !
𝐹 cos 30°   1 𝐹 cos 30°   !
𝑠 = 𝑣! ∆𝑡 + 𝑎 ∆𝑡 = 𝑣! −   ∆𝑡 ∆𝑡 + ∆𝑡
2 𝑚 2 𝑚
1 𝐹 cos 30°   !
1 2 3  N ( 3 2)   !
= 𝑣! ∆𝑡 − ∆𝑡 = 20  m/s 3,0  s − 3,0  s = 56  m
2 𝑚 2 3,0  kg
• Usando la definizione, il lavoro risulta uguale a
1 𝐹 cos 30°   !
𝑊 = 𝐹 ∙ 𝑠 = 𝐹𝑠 cos 30° = 𝐹 cos 30° 𝑣! ∆𝑡 − ∆𝑡
2 𝑚
m 1 2× 3  N × 3 2  
= 2 3  N 3 2 20 3,0  s − 3,0  s ! = 1,7×10! J
s 2 3,0  kg
 Usando il teorema dell’energia cinetica si ottiene, naturalmente, lo stesso risultato:
1 1 ! 1
𝑊 = 𝑚 𝑣!! − 𝑣!! = 𝑚 𝑣!! − 𝑣! − 𝑎∆𝑡 = 𝑚 𝑣! 𝑎∆𝑡 − 𝑎∆𝑡 !
2 2 2
1 1 𝐹 cos 30°  
= 𝑚𝑎∆𝑡 𝑣! − 𝑎∆𝑡 = 𝐹 cos 30° ∆𝑡 𝑣! − ∆𝑡
2 2 𝑚
! ! ! !  ! ( ! !)  
= 2 3  N ( 3 2) 3,0  s 20 − 3,0  s = 1,7×10!  J J
! ! !,!  !"

20 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

16  
• 𝐹! = 𝜇! 𝐹!  con    𝐹! = 𝑚𝑔  
𝑊 = −𝜇! 𝑚𝑔𝑠
1
𝑊 = 𝐾! − 𝐾! = −𝐾! = − 𝑚𝑣!!
2
𝑣!! (100   m! 𝑠 ! )
𝜇! = = = 0,51
2𝑔𝑠 2(9,8   m s ! )(10  m)
• 𝐹! = 𝑚𝑎   →   −𝜇! 𝑚𝑔 = 𝑚𝑎   → 𝑎 = −𝜇! 𝑔
𝑣 = 𝑣! − 𝜇! 𝑔𝑡
dove t è il tempo necessario affinché la velocità sia 1/8 di quella iniziale:
𝑣!
= 𝑣! − 𝜇! 𝑔𝑡
8  
7𝑣! 7(10   m s)
𝑡= = = 1,8  s
8𝜇! 𝑔 8×0,51(9,8   m s ! )

17  
A causa della forza di attrito il sistema non è conservativo. Il lavoro della forza di attrito 𝐹! è
𝑦!"# 𝑦!"#
𝑊!" = −𝐹! = 𝜇! 𝑚𝑔 cos 30°
sin 30° sin 30°
Dal bilancio energetico
1 𝑦!"#
ℰ! = ℰ! + 𝑊!" → 𝑈! = 𝐾! + 𝑊!" →  𝑚𝑔𝑦!"# = 𝑚𝑣!! − 𝜇! 𝑚𝑔 cos 30°
2 sin 30°
Semplificando si ricava
5,0  m/s !
𝑣!! 2𝑔 2× 9,8  m/s !
𝑦!"# = = = 0,75  m
cos 30° cos 30°
1 + 𝜇! sin 30° 1 + 0,4× sin 30°

18  
1 1
𝑘𝛥𝑥 ! = 𝑚𝑣 !
2 2
𝑘
𝑣 = 𝛥𝑥
𝑚
Il moto è uniformemente accelerato lungo l’asse y e rettilineo uniforme lungo l’asse x del sistema di
riferimento scelto:
1
𝑦 = ℎ −   𝑔𝑡 ! →
2
𝑥 = 𝑣𝑡  
2ℎ
𝑡=
𝑔

𝑘 2ℎ 2ℎ𝑘 2(1,0  m)(3,0   N m)


𝑥 = 𝛥𝑥 = 𝛥𝑥 = 0,10  m = 25  𝑐m
𝑚 𝑔 𝑚𝑔 (0,1  kg)(9,8   m s ! )

21 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

19  
• Il lavoro delle forze non conservative è dato dalla differenza tra l’energia meccanica nel punto
in cui l’oggetto si trova e l’energia meccanica iniziale (160 J). Il grafico è

• Dal bilancio energetico si ottiene che la variazione dell’eventuale energia potenziale 𝑈


associata alla forza conservativa è
∆𝑈 = −∆𝐾 + 𝑊!"
Dal momento che ∆𝐾 e 𝑊!" non sono uguali, ∆𝑈 non è zero, per cui è presente una forza
conservativa.

20  
!
La lunghezza dello scivolo è  𝐿 = 𝑅
!
𝜋 1 !
𝑚𝑔ℎ − 𝐹  𝑅 = 𝑚𝑣
2 2
Nel caso
𝜋 𝜋𝐹
𝑣 ≠ 0, 𝑚𝑔ℎ − 𝐹  𝑅 > 0   → 𝑚 >
2 2𝑔
𝜋 49  N
𝑚> = 7,9  kg
2(9,8   m s ! )

21  
Il sistema è conservativo.
1
𝑚𝑔ℎ! = 𝑚𝑔ℎ! + 𝑚𝑣!!
2
1
𝑚𝑔𝑙 1 − 2 2 = 𝑚𝑣!!
2

𝑣! = 2𝑔𝑙 1 − 2 2 = 9  m/s

22 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

22  
Nelle ipotesi date, dalla conservazione dell’energia si ricava la velocità v dell’uovo nell’istante in cui
raggiunge il materassino.
1
𝑚𝑔ℎ = 𝑚𝑣 !   → 𝑣 = 2𝑔ℎ
2
Ipotizzando che la forza frenante esercitata dal materassino sull’uovo sia costante, il moto è
uniformemente accelerato
𝑣 1 1 1
𝑎 =   →  𝑠 = 𝑎𝑡 ! = 𝑣𝑡 = 2 9,8   m s ! (4,0  m) = 2,0×10!!  m
𝑡 2 2 2

23  
Il sistema è non conservativo e dal teorema lavoro-energia:
ℰ! − ℰ! = 𝑊!"
𝑊!" , è il lavoro fatto dalle forze non conservative, in questo la forza d’attrito:
𝑊!" = −𝜇𝑚𝑔(cos 20°)𝑠
dove s lo spostamento del sistema scimmietta+carrello lungo il piano inclinato. Quindi:
1
𝑚𝑔𝑠 (sin 20°) − 𝑚𝑣!! = −𝜇𝑚𝑔(cos 20°)𝑠
2
𝑣!! 3,0   m s !
𝑠= = = 0,87  m
2𝑔(sin 20° + 𝜇 cos 20°) 2(9,8   m s!  )(0,34 + 0,20×0,94)
Quindi il carrello con la scimmietta si ferma a un’altezza h pari a
ℎ = 𝑠× sin 20° = 30  cm

24  
• La forza di attrito dinamico 𝐹! = 𝜇! 𝑚𝑔 varia con la posizione, da un valore minimo
𝐹!,!"# = 𝜇!,!"# 𝑚𝑔 = 0,1 1,0  kg 9,8  m/s ! = 0,98  N
a un valore massimo
𝐹!,!"# = 𝜇!,!"# 𝑚𝑔 = 0,3 1,0  kg 9,8  m/s ! = 2,9  N

• Il lavoro compiuto dalla forza di attrito è l’area sotto il grafico (con il segno negativo):
2,9  N + 0,98  N 1,6  m
𝑊!" = − = −3,1  J
2
• Dal bilancio energetico
1 1
ℰ! = ℰ! + 𝑊!"   →   𝑘𝑠 ! = 𝑚𝑣 ! + 𝑊!"
2 2
si ricava la massima compressione 𝑠 della molla:
2 1 2 1
𝑠= 𝑚𝑣 ! + 𝑊!" = 1,0  kg 2,8  m/s ! + −3,1  J = 0,10  m
𝑘 2 160  N/m 2

23 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

25  
• Dalla conservazione dell’energia: 𝐸! = 𝐸!      si ricava:
1 1
𝑈! + 𝑚𝑣!! = 𝑈! + 𝑚𝑣!!
2 2
da cui si ottiene la velocità in B:

2 2
𝑣! = 𝑈 − 𝑈! + 𝑣!! = × 20  J − 40  J + 6,0  m/s ! = 5,1  m/s
𝑚 ! 4,0  kg

• Il sistema non è conservativo e l’oggetto arriva in 𝑥! = 8,0  m con velocità nulla; il modulo di
𝐹! si ricava da un bilancio energetico:

ℰ! = ℰ! + 𝑊!" = ℰ! − 𝐹! 𝑥! − 𝑥!

1 1
ℰ! − ℰ! 𝑈! + 2 𝑚𝑣!! − 𝑈! 20  J + 2 4,0  kg 6,0  m/s !
− 40  J
𝐹! = = = = 13  N
𝑥! − 𝑥! 𝑥! − 𝑥! 4,0  m

26  
Gli allungamenti iniziale e finale della molla sono
𝑠! = 𝐿 − 𝐿! = 12  cm  e  𝑠! = 𝐿! − 𝐿! = −8  cm
e le energie potenziali iniziale e finale sono
1 1
𝑈! = 𝑘𝑠!! , 𝑈! = 𝑘𝑠!!
2 2
Dal bilancio energetico ricaviamo il lavoro della forza di attrito 𝑊!" = 𝑈! − 𝑈! e da questo il modulo
della forza di attrito 𝐹
1 ! 1 !
𝑊!" 𝑘𝑠! − 2 𝑘𝑠! 1 𝑠!! − 𝑠!! 1 1
𝐹= = 2 = 𝑘 = 𝑘 𝑠! + 𝑠! = 120  N/m 0,04  m = 2×10  N
𝑠! − 𝑠! 𝑠! − 𝑠! 2 𝑠! − 𝑠! 2 2

27  
−𝜇! 𝑚𝑔 = 𝑚𝑎   → 𝑎 = −𝜇! 𝑔
𝑣!
0 = 𝑣! − 𝜇! 𝑔𝛥𝑡   →   𝜇! =
𝑔𝛥𝑡
1
𝑊 = 𝐾! − 𝐾!   →   −𝜇! 𝑚𝑔𝑠 = − 𝑚𝑣!!
2
Sostituendo 𝜇! = 𝑣! /(𝑔𝛥𝑡), si ha
2𝑠 2(3,0  m)
𝑣! = = = 6,0   m s
𝛥𝑡   (1,0  s)

24 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

28  
L’energia potenziale totale è la somma dell’energia elastica e di quella della forza-peso:

1
𝑈!"! = 𝑘𝑦 ! + 𝑚𝑔𝑦
2
Applicando la tecnica algebrica del completamento del quadrato si arriva all’espressione richiesta:

1 1 𝑚𝑔 1 𝑚𝑔 𝑚𝑔 ! 𝑚𝑔 !
𝑈!"! = 𝑘𝑦 ! + 𝑚𝑔𝑦 = 𝑘 𝑦 ! + 2 𝑦 = 𝑘 𝑦! + 2 𝑦+ −
2 2 𝑘 2 𝑘 𝑘 𝑘

1 𝑚𝑔 ! 1 𝑚! 𝑔!
= 𝑘 𝑦+ −
2 𝑘 2 𝑘
L’energia potenziale totale è rappresentata da una parabola.

25 © Zanichelli 2015
Amaldi L’Amaldi per i licei scientifici.blu, Vol. 1 CAPITOLO 4 ● IL LAVORO E L’ENERGIA

Test  
1  D  

2  B  

3  A  

4  C  

5  A  

6  B  

7  A  

8  E  

9  E  

10  E  

11  A  

12  B  

13  A  

14  B  

15  C  

16  C  

17  C  

18  A  e  C  

19  C  

20  A  

21  C  

22  C  

23  A  

24  E  

25  C  

26  C  

26 © Zanichelli 2015