Sei sulla pagina 1di 6

6 IL CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

6.1 Fondamenti teorici

Si detto in precedenza che in un elemento in cemento armato il calcestruzzo lavora solo a


compressione mentre alle barre di armatura viene affidato lassorbimento degli sforzi di trazione.
Ci maggiormente significativo negli elementi inflessi come le travi ove la zona compressa
piuttosto ridotta (circa 1/3 della sezione complessiva) tenuto conto che lasse neutro non risulta
baricentro. Questo comporta uno spreco di materiale oltre allinutile appesantimento della trave
stessa.
Il cemento armato precompresso nasce per utilizzare in modo pi completo le resistenze dei
materiali (a compressione del calcestruzzo ed a trazione dellacciaio).
Lidea alla base della presollecitazione ha il suo fondamento nel sottoporre il calcestruzzo, prima di
applicare i carichi esterni, ad una compressione in tutte quelle parti in cui i carichi esterni
produrranno trazioni; in tal modo questi avranno leffetto di attenuare le compressioni inizialmente
conferite.
Si raggiunge in definitiva lo scopo di avere tutta la sezione di calcestruzzo sottoposta a
compressione. Il materiale viene sfruttato per intero nella sua capacit di resistenza col risultato di
avere travi molto pi piccole e leggere.

Tensione da Tensioni da carichi Tensioni finali


precompressione esterni
Figura 6.1 - Effetto di sovrapposizione delle tensioni in una trave in c.a.p.

81
6.2 I materiali utilizzati

Per lesecuzione del pre-compresso il conglomerato deve essere di classe elevata (da 300 a 550
kg/cm2). Il getto deve essere sempre costipato con la vibrazione.
Gli acciai utilizzati come armature di precompressione sono del tipo ad alta resistenza (acciaio
armonico), ottenuti con particolari trattamenti meccanici e termici e sono forniti sotto forma di:
fili di sezione piena (da 2 fino a 7 mm di diametro) forniti in matasse o bobine;
barre, ovvero prodotti laminati di sezione piena forniti in forma di elementi rettilinei;
trecce, che si ottengono raggruppando ad elica gruppi di 2 o 3 fili;
trefoli, costituiti da gruppi di fili avvolti ad elica in uno o pi strati intorno ad un filo rettilineo.
In termini di resistenza, lacciaio deve essere in grado di sopportare elevati valori dello sforzo di
trazione (fino a 18000 kg/cm2).
Larmatura viene poi completata con barre del tipo tradizionale che costituiscono la cosiddetta
armatura lenta ovvero di completamento della sezione.

Figura 6.2 - La fase del getto e della vibratura in uno stabilimento

82
Figura 6.3 - L'armatura lenta di un tegolo in c.a.p.

6.3 La tecnologia

Le strutture in c.a.p. possono essere classificate in vario modo; in primo luogo una fondamentale
distinzione va fatta in relazione al procedimento tecnologico seguito per le operazioni di
presollecitazione: si distinguono cos due sistemi di presollecitazione, e cio quello ad armatura
pre-tesa e quello ad armatura post-tesa.

6.4 Sistema ad armatura pre-tesa

Larmatura messa in trazione prima del getto di calcestruzzo ed ancorata in apposite testate fisse
che delimitano le piste di pretensione e che sono completamente indipendenti dalla struttura da
presollecitare. Successivamente, una volta eseguito il getto del calcestruzzo e quando questo ha
raggiunto una sufficiente resistenza, si procede al rilascio dellarmatura dalle testate, rimuovendo
gli ancoraggi provvisori e trasferendo cos al calcestruzzo, per aderenza ed attrito, la forza di
pretensione.

83
Figura 6.4 - Particolare della testata in una pista di precompressione

Figura 6.5 - Pista di precompressione per la realizzazione di tegoli, si noti larmatura lenta

84
6.5 Sistema ad armatura post-tesa

Diversamente dal sistema precedente, larmatura messa in trazione quando il calcestruzzo ha


raggiunto una sufficiente resistenza. Inizialmente larmatura allo stato naturale, collocata entro
opportuni condotti e protetta da guaine entro cui larmatura pu liberamente scorrere. Larmatura
viene poi messa in trazione per mezzo di martinetti agenti in diretto contrasto con le testate della
struttura e successivamente ancorate, con adeguati dispositivi, al calcestruzzo in modo che la
forza di pretensione viene trasferita alla struttura ed i martinetti possono essere rimossi. Si procede
infine a riempire lo spazio libero tra larmatura e la guaina mediante iniezione di pasta o malta di
cemento, proteggendo cos larmatura e creando aderenza con il calcestruzzo.

6.6 Caratteristiche del sistema costruttivo

Con il metodo del c.a.p. si ottengono notevoli vantaggi:


Eliminazione nel calcestruzzo degli sforzi di trazione;
Riduzione delle dimensioni delle travi a meno della met, rispetto a quelle in c.a.
tradizionale; tale riduzione comporta uneconomia sul calcestruzzo del 20-50% e
sullacciaio fino all80%;
Possibilit di collaudo preventivo dei materiali, in quanto la trave in precompresso
sottoposta alla massima tensione di lavoro al momento finale della tesatura dei cavi.
Gli svantaggi risiedono essenzialmente nei costi legati alle apparecchiature necessarie ed ai
materiali caratterizzati da elevati limiti di resistenza.
Un aspetto di cui tener conto sicuramente la resistenza al fuoco degli elementi in c.a.p. Come
nelle strutture in c.a. tradizionale, la resistenza fondamentalmente legata allacciaio. In questo
caso tuttavia, la crisi dellacciaio comporta limprovvisa sollecitazione a trazione nel calcestruzzo
con linevitabile conseguente collasso dellelemento strutturale. Per quanto sopra si intuisce
limportanza ancor maggiore della protezione delle armature.

85
Figura 6.6 - Tegoli in c.a.p.

86