Sei sulla pagina 1di 169

Dipartimento di

Ingegneria

Corso di Laurea Magistrale in


Ingegneria Civile

Tesi di Laurea in Fondazioni

Candidato Relatore A.A. 2019/2020


Michele Sorvillo Prof. Alessandro Mandolini
matr. A99000421
“Davanti alle tante sofferenze del nostro tempo,
il Signore della Vita non ci trovi freddi e indifferenti.
Il nostro compito principale è essere divulgatori di pace.
Faccia di noi dei costruttori di ponti e non di muri”.
Papa Francesco

2
INDICE

INTRODUZIONE ................................................................................................... 7
CAPITOLO I – CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA ......................... 10
1.1 CAMPAGNA D’INDAGINI .......................................................................... 11
1.2 PROVE IN SITO ............................................................................................ 17
1.2.1 Perforazione Di Sondaggio .......................................................................... 17
1.2.2 Prova Penetrometrica Dinamica S.P.T. ..................................................... 19
1.2.3 Prova Penetrometrica Statica C.P.T.......................................................... 21
1.2.4 Prove Sismiche ........................................................................................... 24
1.2.3 Interpretazione Delle Prove In Sito ........................................................... 26
1.3 PROVE IN LABORATORIO ......................................................................... 32
1.3.1 Prova Di Compressione Edometrica ........................................................... 32
1.4 MODELLO GEOTECNICO........................................................................... 43

CAPITOLO II – FONDAZIONI SUPERFICIALI.......................................... 46


2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE FONDAZIONI............................................... 46
2.2 CAPACITÀ PORTANTE E MECCANISMI DI ROTTURA ........................ 47
2.3 CALCOLO DELLA CAPACITÀ PORTANTE FONDAZIONI
SUPERFICIALI .................................................................................................... 49
2.3.1 Schema Di Prandtl ....................................................................................... 49
2.3.2 Schema Di Terzaghi ..................................................................................... 50
2.3.3 Equazione Generale Di Capacità Portante Di Fondazioni Superficiali ..... 53
2.4 SCELTA DEI PARAMETRI DI RESISTENZA DEL TERRENO ............... 59
2.4.1 Analisi In Termini Di Tensioni Efficaci (Condizioni Drenate) .................... 60
2.4.2 Analisi In Termini Di Tensioni Totali (Condizioni Non Drenate) ............... 61
2.4.3 Capacità Portante Di Fondazioni Su Terreni Stratificati ............................ 62
2.5 LE VERIFICHE DI SICUREZZA DELLE FONDAZIONI SUPERFICIALI 63
2.5.1 Verifiche Agli Stati Limite Ultimi (Slu) ........................................................ 64
3
2.5.2 Verifiche Agli Stati Limite Di Esercizio (Sle) .............................................. 66

CAPITOLO III – FONDAZIONI PROFONDE .............................................. 67


3.1 FONDAZIONI PROFONDE .......................................................................... 67
3.1.1 Capacità Portante Per Carico Verticale Di Un Palo Isolato ...................... 70
3.2 CARICO LIMITE DEL PALO SINGOLO .................................................... 73
3.2.1 Portata Limite Di Base ................................................................................ 73
3.2.2 Portata Limite Per Attrito Laterale ............................................................. 77
3.2.3 Portanza Laterale In Terreni Stratificati ..................................................... 81
3.3 CEDIMENTO DI UN PALO ISOLATO ........................................................ 83
3.3.1 Palo Rigido .................................................................................................. 83
3.3.2 Palo Flessibile.............................................................................................. 87
3.4 PALO SINGOLO SOLLECITATO DA FORZE ORTOGONALI ALL’ASSE
............................................................................................................................... 88
3.4.1 Palo Flessibile.............................................................................................. 92
3.4.2 Palo Rigido .................................................................................................. 93
3.4.3 Comportamento Intermedio ......................................................................... 95
3.5 COMPORTAMENTO DEI PALI IN GRUPPO CARICATI
VERTICALMENTE ............................................................................................. 97
3.6 INTERAZIONE TRA PALI SOTTO AZIONI VERTICALI ...................... 101
3.7 INTERAZIONI DEI PALI IN GRUPPO CARICATI ORIZZONTALMENTE
............................................................................................................................. 106
3.8 ANALISI DELLA NORMATIVA VIGENTE ............................................. 109
3.8.1 Verifiche Agli Stati Limite Ultimi (Slu) ...................................................... 110
3.8.2 Resistenze Di Pali Soggetti A Carichi Assiali ............................................ 112
3.8.3 Resistenze Di Pali Soggetti A Carichi Trasversali .................................... 114
3.8.4 Verifiche Agli Stati Limite Di Esercizio (Sle) ............................................ 115

4
CAPITOLO IV - FONDAZIONI MISTE ....................................................... 116
4.1 CONTENUTI MINIMI DI UN APPROCCIO RAZIONALE ALLA
PROGETTAZIONE ............................................................................................ 116
4.2 ASPETTI PROGETTUALI .......................................................................... 118
4.3 COMPORTAMENTO DELLE ‘PLATEE SU PALI’ IN CONDIZIONI DI
ESERCIZIO ........................................................................................................ 121
4.3.1 Rigidezza Di Una Platea Su Mezzo Continuo Elastico.............................. 124
4.4 COMPORTAMENTO DELLE “FONDAZIONI MISTE” IN PROSSIMITÀ
DELLA ROTTURA ............................................................................................ 131
4.5 ANALISI DELL’INTERAZIONE PLATEA-PALI-TERRENO ................. 135
4.6 PALI PROGETTATI COME RIDUTTORI DI CEDIMENTI
DIFFERENZIALI ............................................................................................... 138

CAPITOLO V – CASO STUDIO .................................................................... 142


5.1 QUADRO GENERALE................................................................................ 142
5.2 DESCRIZIONE DELL’OPERA ................................................................... 143
5.3 CAMPAGNA D’INDAGINE ....................................................................... 144
5.4 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA .................................................. 149
5.5 VERIFICHE SLU E SLE DEL CASO REALE ........................................... 151
5.6 PROCESSI DI OTTIMIZZAZZIONE.......................................................... 153
5.6.1 Capacità Portante Della Platea – Prima Fase .......................................... 153
5.6.2 Stima Dei Cedimenti - Seconda Fase ......................................................... 154
5.6.3 Confronto Delle Scelte Progettuali ............................................................ 159
5.7 CONCLUSIONI............................................................................................ 162
BIBLOGRAFIA ................................................................................................ 165
RIFERIMENTO NORMATIVO ..................................................................... 166
APPENDICE A ................................................................................................. 167
APPENDICE B .................................................................................................. 170

5
6
INTRODUZIONE
Il progetto di una fondazione è una operazione molto complessa legata ai numerosi
fattori che intervengono nella definizione della sua riposta sotto i carichi derivanti
dalla struttura in elevazione.
Limitando la discussione agli aspetti geotecnici, le incertezze derivanti dalla
complessità del materiale terreno (legame tensio-deformativo almeno di tipo elasto-
visco-plastici) e dalla successione stratigrafica (alternanze di terreni con proprietà
diverse, non necessariamente disposti secondo stratificazioni orizzontali) rende
complesso anche un problema tipicamente ritenuto semplice, quale ad esempio la
valutazione del carico limite di una fondazione superficiale.
Queste difficoltà si esaltano allorquando si è in presenza di fondazioni su pali.
In questi casi, infatti, le variazioni indotte nel sottosuolo dallo specifico processo
costruttivo dei pali alterano significativamente lo stato iniziale del terreno e, di
conseguenza, la sua risposta alle successive variazioni di stato tensionale a seguito
di complessi fenomeni di interazione lungo la superficie laterale e alla base del palo.
Inoltre, a causa dei fenomeni di interazione tra pali, la risposta di una palificata è
significativamente diversa rispetto a quella del palo singolo o isolato: certamente in
termini di cedimento (a parità di tutte le altre condizioni, il cedimento di una
palificata è maggiore del cedimento del palo singolo a parità di carico medio), a
volte in termini di carico limite (per specifiche condizioni geometriche della
palificata in relazione ai terreni attraversati, possono esistere casi in cui la resistenza
della palificata differisce dalla somma delle resistenze di ogni singolo palo che la
costituisce).
Negli ultimi anni, soprattutto a seguito dell’emanazione delle NTC2018, alle
fondazioni tradizionalmente considerate (fondazioni superficiali – plinti, travi,
platee, ecc.; fondazioni su pali) è stata affiancata un nuovo tipo di fondazione,
denominata ‘mista’ in quanto risultante dalla combinazione delle due in precedenza
richiamate.

7
Tale tipo di fondazione si basa sul concetto che i pali sono sempre collegati in testa
da un elemento strutturale e che, a meno di casi particolari, tale elemento poggia
direttamente sul terreno, il che lo pone nella condizione di trasferire parte del carico
trasmesso dalla struttura in elevazione direttamente ai terreni sottostanti con i quali
è a diretto contatto.
Ciò ha aperto la strada a nuovi approcci alla progettazione, affiancando ai classici
metodi basati su considerazioni di sola capacità portante (CBD – capacity based
design) anche metodi basati su considerazioni di cedimento medio (SBD –
settlement based design) o differenziale (DSBD – differential settlement based
design).
Numerosi esempi, sia teorici sia pratici, hanno indicato come il ricorso a questi
metodi innovativi possano comportare significativi vantaggi (ad esempio, riduzione
del numero di pali) mantenendo sostanzialmente inalterate le prestazioni minime
richieste dalle normative vigenti.
Nel presente lavoro di Tesi si è cercato di eseguire un confronto tra i diversi
approcci progettuali a partire da un caso reale per il quale si era in possesso di tutte
le informazioni necessarie per uno sviluppo completo della progettazione ai sensi
delle NTC2018.

8
9
CAPITOLO I – CARATTERIZZAZIONE
GEOTECNICA
La caratterizzazione geotecnica è una procedura metodologica e sperimentalistica
che viene eseguita ogni qual volta si riscontra l’esigenza di comprendere e
caratterizzare il comportamento del suolo, adeguata ai numerosi modelli
disponibili, in presenza di un’opera di ingegneria civile che interagisca con esso.
Una corretta progettazione prevede un’accurata caratterizzazione del sottosuolo, sia
sotto l’aspetto fisico che meccanico, prendendo di riferimento una porzione di
terreno con cui il manufatto interagisce, detto anche volume significativo.
In generale, tale caratterizzazione consiste nell’individuazione dei seguenti fattori:
- Costituzione del sottosuolo (natura del terreno e geometria delle eventuali
stratificazione dello stesso);
- Regime delle acque sotterranea;
- Proprietà fisiche;
- Proprietà idrauliche;
- Proprietà meccaniche.
Tali conoscenze del sottosuolo, affiancate alle conoscenze ingegneristiche
dell’opera che si vuole realizzare, consentono di definire il modello geotecnico,
ovvero uno schema semplificato della realtà fisica-meccanica, che concili quanto
più possibile la variabilità e complessità naturale con procedure e metodi di calcolo
che conducano ad una soluzione quantitativa affidabile, anche se non esatta, del
problema ingegneristico.
Pertanto, il progetto di un’opera geotecnica in fase preliminare, necessita di una
buona ed adeguata programmazione della campagna d’indagini, la quale
costituisce una premessa fondamentale per la progettazione a regola d’arte, con la
minima spesa e nel pieno rispetto dei tempi contrattuali.

10
1.1 CAMPAGNA D’INDAGINI
Le indagini geotecniche vanno condotte su quella parte di sottosuolo che verrà
influenzata dalla costruzione dell’opera o che ne condizionerà il comportamento,
denominato “Volume Significativo”.
“Il volume significativo è quello nel quale si osserva una influenza non trascurabile
delle perturbazioni meccaniche o idrauliche provocate dalla costruzione
dell’opera” [Carlo Viggiani]
Di vario genere sono gli effetti del terreno condizionati da tale disturbo, come:
- Variazione dello stato tensionale, essenzialmente dovuti a un aumento di
pressione nel caso di realizzazione di fondazioni o di scarichi tensionali nel
caso di scavi;
- Variazioni nel regime delle pressioni interstiziali connesse alla
realizzazione di drenaggi o di impermeabilizzazioni;
- Variazioni nelle condizioni di stabilità dei versanti per variazioni
topografiche o di circolazione delle acque;
- Inquinamento diretto o indotto dagli interventi.
Quindi, in ragione dell’opera da eseguire e al contesto ambientale e territoriale in
cui essa si inserisce, deve essere definito il “volume significativo”, considerando la
tipologia e la dimensione della fondazione, dai carichi che verranno trasmessi e
dalle caratteristiche fisico meccaniche e stratigrafiche del suolo.
Le indagini geotecniche, sia in situ che di laboratorio, dovranno quindi essere
condotte all’interno del “volume significativo”, con lo scopo di effettuare una
caratterizzazione geotecnica adeguata dei terreni che lo rappresentano.
A titolo indicativo, nella Figura 1.1, tratta dalle “Raccomandazioni sulla
programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche “dell’Associazione
Geotecnica Italiana (AGI, 1977)”, è rappresentata l’estensione del volume
significativo per le più frequenti opere geotecniche nel caso di terreno omogeneo.
Il grado di approfondimento dell’indagine geotecnica, nel volume significativo del
sotto-suolo, dipende dalla fase di progettazione (di fattibilità, definitiva o
11
esecutiva), dalla complessità delle condizioni stratigrafiche e geotecniche, e
dall’importanza dell’opera.

Figura 1.1 - Indicazioni sul volume significativo del sottosuolo a seconda del tipo e delle dimensioni
del manufatto, nel caso di terreno omogeneo

Secondo l’Eurocodice per l’ingegneria geotecnica (EC7) le opere da realizzare


possono essere classificate in tre categorie geotecniche (GC) di importanza

12
crescente (Tabella 1.1), cui ovviamente corrispondono gradi di approfondimento
crescenti dell’indagine geotecnica.
Per le opere di categoria GC1 che ricadono in zone note, con terreni di fondazione
relativamente omogenei e di buone caratteristiche geotecniche, ove già esistono
strutture analoghe che hanno dato buona prova di sé, etc.., l’indagine può essere
limitata alla raccolta delle informazioni esistenti, e la relazione geotecnica (sempre
necessaria) può giustificare le scelte progettuali su base comparativa, per esperienza
e similitudine.
Al contrario per opere di categoria GC3 occorre un piano di indagine molto
approfondito e dettagliato, curato da specialisti del settore, che si estenda nel tempo
(prima, durante e dopo la realizzazione dell’opera), comprendente prove speciali,
da affidare a ditte o enti altamente qualificati, mirate all’analisi dei problemi
specifici e particolari dell’opera in progetto.
Strutture semplici caratterizzate da rischi molto limitati Esempi:
- fabbricati di piccole dimensioni con carichi massimi alla base dei pilastri di
GC1 25,5kN o distribuiti alla base di murature di 10kN/m,
- muri di sostegno o scavi sbatacchiati di altezza non superiore a 2m,
- scavi di piccole dimensioni per drenaggi o posa di fognature, etc..
Tutti i tipi di strutture e fondazioni convenzionali che non presentano
particolari rischi. Esempi:
- fondazioni superficiali,
- fondazioni a platea,
GC2 - pali,
- opere di sostegno delle terre o delle acque,
- scavi,
- pile di ponti,
- rilevati e opere in terra,
- ancoraggi e sistemi di tiranti,
- gallerie in rocce dure, non fratturate e non soggette a carichi idraulici
elevati.
Strutture di grandi dimensioni, strutture che presentano rischi elevati, strutture
che interessano terreni difficili o soggette a particolari condizioni di carico,
GC3
strutture in zone altamente sismiche.
Tabella 1.1 - Categorie geotecniche secondo l’Eurocodice EC7

13
La densità e la qualità dell’indagini devono tener conto, oltre che della categoria
geotecnica dell’opera in progetto, della complessità e variabilità del terreno di
fondazione e del rapporto costi/benefici.
Un’indagine estesa e approfondita, che consenta di definire un modello geotecnico
affidabile, può giustificare scelte di progetto più coraggiose ed economiche.
Viceversa se i dati di progetto sono poco affidabili o incerti, anche le soluzioni
tendono ad essere più prudenti e conservative, e quindi più costose.
Il concetto di livello di approfondimento ottimo della indagine geotecnica è
schematicamente illustrato in Figura 1.2.

Figura 1.2 - Scelta del livello di approfondimento dell’indagine


geotecnica su base economica

Le indagini in sito sono insostituibili per il riconoscimento stratigrafico, interessano


volumi di terreno maggiori, molte di esse consentono di determinare profili
pressoché continui con la profondità delle grandezze misurate, sono più rapide ed
economiche, sono quasi l’unico mezzo per caratterizzare dal punto di vista
meccanico i terreni incoerenti, il cui “campionamento indisturbato” è molto difficile
ed economicamente oneroso.

14
Di contro le condizioni a contorno sono difficilmente individuabili e incerte, la
modellazione della prova è spesso incerta e schematica per cui l’interpretazione è
talvolta affidata a relazioni empiriche o semi-empiriche.
Per ottenere dai valori delle grandezze misurate con prove in sito i valori numerici
dei parametri geotecnici utili nella progettazione, si utilizzano correlazioni, che a
seconda della prova possono essere:
- correlazioni primarie, con cui il parametro geotecnico è ottenuto dal
risultato della prova utilizzando una solida base teorica con poche ipotesi da
verificare (ad es. la stima di 𝐺0 da misure di 𝑉𝑠 );
- correlazioni secondarie, con cui il parametro geotecnico è ottenuto dal
risultato della prova utilizzando una base teorica, ma con approssimazioni e
ipotesi sostanziali, e in genere con parametri intermedi (ad es. la stima di cu
da qc);
- correlazioni empiriche, con cui il parametro geotecnico è ottenuto dal
risultato della prova senza giustificazione teorica (ad es. la stima di qlim di
fondazioni su sabbia da 𝑁𝑆𝑃𝑇 ).
Al contrario le prove di laboratorio hanno condizioni a contorno (di carico, di
vincolo, di drenaggio), ben definite e controllabili, ed i risultati possono essere
interpretati con modelli matematici appropriati, ma i campioni possono non essere
rappresentativi delle reali condizioni in sito, sia a causa della variabilità intrinseca
del terreno naturale, sia per l’inevitabile disturbo di campionamento.
Le indagini geotecniche in sito e di laboratorio hanno vantaggi e limiti opposti, e
non sono pertanto alternative ma complementari.
I sondaggi stratigrafici e geotecnici consentono di verificare direttamente la
successione stratigrafica lungo una verticale di esplorazione, di prelevare campioni
per le analisi di laboratorio, e di eseguire prove meccaniche e idrauliche a fondo
foro, durante la perforazione.

15
Le prove continue (o quasi) lungo verticali di esplorazione, consentono di
identificare la successione stratigrafica e di stimare alcune proprietà geotecniche in
modo indiretto mediante correlazioni con le grandezze misurate.
In Tabella 1.2 sono orientativamente indicati numero minimo e distanza fra verticali
di esplorazione per differenti tipologie di opere.
I mezzi di indagine in sito per la caratterizzazione del volume significativo di
sottosuolo, sono molti e di diversa complessità.
In questa sede illustreremo soltanto i mezzi di indagine più diffusi in Italia,
comunemente impiegati per la progettazione di opere di categoria GC2.

Distanza fra i sondaggi (m)


Tipo di opera Numero minimo di
Stratificazione
verticali di esplorazione
Uniforme Media Caotica
Edificio di 1/2 piani 60 30 15 3
Edificio a molti piani 45 30 15 4
Pile e spalle di ponti, torri - 30 12 1/2 per ciascuna fondazione
Strade 300 150 30 -
Gallerie:
progetto di massima 500 300 -
-
progetto esecutivo 100 50 -
Tabella 1.2 - Ampiezza orientativa dell’indagine geotecnica.

16
1.2 PROVE IN SITO
1.2.1 Perforazione di sondaggio
Per sondaggio stratigrafico si intende una perforazione del terreno, in genere in
direzione verticale, che consente di riconoscere la successione stratigrafica,
mediante l’esame visivo e l’esecuzione di alcune prove di riconoscimento sul
materiale estratto. Se la perforazione permette, oltre al riconoscimento stratigrafico,
anche il prelievo di campioni “indisturbati” di terreno e l’esecuzione di prove in
foro per la determinazione delle proprietà geotecniche dei terreni in sede, il
sondaggio è detto geotecnico. Con le perforazioni di sondaggio è possibile
attraversare qualunque tipo di terreno, anche a grande profondità e sotto falda, ed
eseguire indagini anche sotto il fondo di fiumi o del mare.
Esistono diverse tecniche di perforazione:
- Percussione;
- Rotazione;
- Con trivelle ad elica.
Se lo scopo della perforazione è solo quello di raggiungere una data profondità, ad
esempio per installare uno strumento di misura, e non interessa il riconoscimento
stratigrafico o il prelievo di campioni rappresentativi, il sondaggio è detto a
distruzione.
Se invece si vuole identificare in dettaglio la successione stratigrafica occorre
eseguire una perforazione di sondaggio a carotaggio continuo.
Le carote estratte nel corso del sondaggio sono sistemate in apposite cassette
catalogatrici (in legno, metallo o plastica), munite di scomparti divisori e coperchio
apribile a cerniera. Le cassette devono essere conservate, per tutto il tempo
necessario, al riparo dagli agenti atmosferici.
La tecnica di perforazione attualmente più utilizzata per i sondaggi a carotaggio
continuo è quella a rotazione. Il terreno è perforato da un utensile spinto e fatto
ruotare mediante una batteria di aste. L’utensile di perforazione è un tubo d’acciaio
(carotiere) munito all’estremità di una corona tagliente di materiale adeguato.
17
Per evitare che il terreno campionato venga a contatto con la parte rotante e sia
almeno parzialmente protetto dal dilavamento del fluido di circolazione, il cui
impiego si rende talvolta necessario per l’esecuzione del foro, possono utilizzarsi
carotieri a parete doppia, di cui solo quella esterna ruota.
Il diametro dei fori di sondaggio è in genere compreso tra 75 e 150mm.
Per assicurare la stabilità della parete e del fondo del foro, ove necessario, si utilizza
una batteria di tubi di rivestimento oppure un fluido costituito in genere da una
miscela di acqua con una percentuale del 3-5% di bentonite (fango bentonitico).
I risultati di una perforazione di sondaggio vengono riportati in una scheda
stratigrafica ove, oltre ai dati generali relativi al cantiere e alle attrezzature
impiegate, è rappresentata graficamente la successione degli strati con la
descrizione di ciascuno di essi, la profondità della falda, la profondità dei campioni
estratti, la profondità ed i risultati delle prove eseguite nel corso della perforazione,
etc.
I campioni estratti durante la perforazione possono avere diverso grado di disturbo
in funzione sia della tecnica e degli strumenti utilizzati per il prelievo, sia della
natura del terreno stesso. In particolare con gli usuali mezzi e tecniche di prelievo
non è possibile estrarre campioni “indisturbati” di terreno incoerente.
Le principali cause di disturbo derivano dall’esecuzione del sondaggio (disturbo
prodotto dalla sonda o dall’attrezzo di perforazione), dall’infissione ed estrazione
del campionatore, e dalla variazione dello stato tensionale.
Per i campioni di terreno si distinguono 5 classi di qualità, crescente da Q1 a Q5
(Tabella 3). I campioni rimaneggiati (di qualità Q1 e Q2) sono ottenibili con i
normali utensili di perforazione. I campioni a disturbo limitato o indisturbati (Q4 e
Q5) sono ottenibili con utensili appropriati, scelti in relazione alle esigenze del
problema ed alle caratteristiche del terreno.

18
Caratteristiche geotecniche
determinabili Grado di qualità

Q1 Q2 Q3 Q4 Q5
a) profilo stratigrafico X X X X X
b) composizione granulometrica X X X X
c) contenuto d’acqua naturale X X X
d) peso di volume X X
e) caratteristiche meccaniche
(resistenza, deformabilità, etc..) X
campioni disturbati o disturbo indisturbati
rimaneggiati limitato
Tabella 1.3 - Classi di qualità dei campioni

Nei provini sottoposti a prove di laboratorio, ulteriori cause di disturbo derivano dal
trasporto e dalla non perfetta conservazione del campione, dalle operazioni di
estrusione del campione dalla fustella, dalla cavitazione e ridistribuzione del
contenuto in acqua, dalle operazioni di formazione del provino (ad esempio al
tornio) e dal montaggio nell’apparecchiatura di prova.

1.2.2 Prova penetrometrica dinamica S.P.T.


La prova penetrometrica dinamica S.P.T. (Standard Penetration Test), ideata negli
Stati Uniti nel 1927, è la prova in sito più diffusa ed utilizzata in tutto il mondo, sia
per la semplicità operativa e il basso costo, sia per la vasta letteratura tecnica
esistente sull’interpretazione dei risultati.
La prova consente di determinare la resistenza che un terreno offre alla penetrazione
dinamica di un campionatore infisso a partire dal fondo di un foro di sondaggio o
di un foro appositamente eseguito con diametro compreso tra 60 e 200mm, e
subordinatamente di prelevare piccoli campioni disturbati del terreno stesso

19
(utilizzati ad esempio per prove di
classificazione) 2. La prova S.P.T. consiste
nel far cadere ripetutamente un maglio, del
peso di 63,5 kgf, da un’altezza di 760 mm, su
una testa di battuta fissata alla sommità di una
batteria di aste alla cui estremità inferiore è
avvitato un campionatore di dimensioni
standardizzate registrando durante la
penetrazione, il numero di colpi necessario a
produrre l’infissione di 15 cm, eseguito per
tre volte e complessivamente il misuratore
Figura 1.3 - Schema dell’attrezzatura avanzerà di 45 cm.
utilizzata per la prova S.P.T.
Viene definito il numero di colpi 𝑁𝑆𝑃𝑇 , la
somma dei colpi calcolati durante l’esecuzione della prova.
Dato il carattere empirico dei metodi di interpretazione dei risultati della prova
S.P.T. è assolutamente necessario seguire in modo scrupoloso la procedura di
riferimento per l’esecuzione della prova emessa dall’Associazione Internazionale
di Ingegneria Geotecnica (ISSMFE, 1988). I risultati della prova sono infatti
influenzati dalle caratteristiche del campionatore, dalle dimensioni delle aste, dal
sistema di battitura, dalla tecnica di perforazione e dalle dimensioni del foro.
Se la prova è eseguita in terreni molto compatti o ghiaiosi, la scarpa del
campionatore SPT può essere sostituita con una punta conica (diametro esterno
51mm, apertura 60°).
Se la prova è eseguita sotto falda, il livello di acqua o di fango nel foro deve essere
mantenuto più alto di quello della falda freatica nel terreno per evitare un flusso
d’acqua dall’esterno verso l’interno del foro.

20
1.2.3 Prova penetrometrica statica C.P.T.

La prova penetrometrica statica C.P.T. (Cone Penetration Test) è un mezzo di


indagine molto diffuso in Italia poiché, ad un costo modesto, permette
l’identificazione della successione stratigrafica lungo una verticale, e la stima di
molti parametri geotecnici sia in terreni a grana fine che in terreni a grana grossa
(ghiaie escluse).
La prova è auto perforante, ovvero non richiede l’esecuzione di un foro di
sondaggio, e consiste nell’infissione a pressione nel terreno, a partire dal p.c. ed
alla velocità costante di 20 mm/sec (con una tolleranza di ±5 mm/sec), di una punta
conica avente diametro 35.7 mm e angolo di apertura 60°, collegata al dispositivo
di spinta mediante una batteria di tubi.
Il contrasto necessario ad infiggere il penetrometro è di norma ottenuto col peso
dell’autocarro, eventualmente zavorrato, su cui è installata l’attrezzatura.
Il penetrometro statico, ideato in Svezia nel 1917 (anche se comunemente chiamato
penetrometro olandese), ha subito nel tempo modifiche e miglioramenti.
Attualmente ne esistono due tipi, con caratteristiche geometriche e procedure di
prova normate a livello internazionale (ISSMFE, 1989):
- il penetrometro meccanico con manicotto d’attrito;
- il penetrometro elettrico.

Figura 1.4 - Penetrometro statico installato su camion


21
Nei penetrometri meccanici con manicotto d’attrito la punta conica è solidale con
una batteria di aste coassiali ad una tubazione di rivestimento.
La parte finale, ovvero più prossima alla punta della tubazione di rivestimento è
mobile, e costituisce il manicotto di attrito.
Inizialmente, esercitando una forza sulle aste interne collegate alla punta, si fa
avanzare a velocità costante la sola punta per una lunghezza di 40 mm.
L’area della punta è:
𝐴𝑠 = (𝜋 ∙ 3,572 )⁄4= 10 𝑐𝑚2

e la pressione media alla punta durante l’avanzamento (resistenza di punta) vale:


𝑞𝑐 =𝐹1 ⁄𝐴𝑠

Al termine della corsa di 40mm, viene agganciato il manicotto d’attrito, che ha una
superficie laterale 𝐴𝑠 = 150 𝑐𝑚2 e si continua a far avanzare la punta a velocità
costante per altri 40 mm (che nella penetrazione si trascina dietro il manicotto). Se
si indica con 𝐹2 la forza necessaria a fare avanzare il penetrometro in questa seconda
fase, e se si fa l’ipotesi che la resistenza di punta non sia variata rispetto al tratto
precedente, è possibile calcolare la tensione tangenziale media lungo la superficie
del manicotto (resistenza laterale locale) con la relazione:
fs = (𝐹2 - 𝐹1 ) / 𝐴𝑠

In una terza fase la spinta viene applicata alle aste esterne che, a punta ferma,
raggiungono prima il manicotto e poi la punta, e infine fanno avanzare l’intero
sistema. Le operazioni sopradescritte sono ripetute ogni 20 cm.
I risultati della prova sono rappresentati in grafici (e tabelle) aventi in ordinata la
profondità e in ascissa le misure di 𝑞𝑐 e di fs ogni 20 cm.
Il penetrometro meccanico è uno strumento semplice e robusto, che può operare in
un campo di terreni che va dalle argille alle sabbie grosse, fino a profondità
dell’ordine di 40 m e oltre.

22
I suoi principali limiti derivano dal fatto che le resistenze alla penetrazione sono
dedotte da misure di forza eseguite in superficie, e quindi sono affette da errori
dovuti al peso proprio e alla deformabilità delle aste, ed agli attriti tra le varie parti
dell’attrezzatura.
Inoltre la profondità delle misure è desunta dalla lunghezza delle aste e quindi
soggetta ad errori derivanti dalla deviazione dalla verticale.

Figura 1. 6 - Effetto della deviazione dalla


Figura 1.5 - Esempio di rappresentazione dei verticale sul profilo della resistenza di punta
risultati di una prova CPT. di un penetrometro meccanico.

Infine le misure di resistenza alla punta, qc, e di attrito laterale locale, fs, non sono
indipendenti fra loro e si riferiscono a profondità leggermente diverse, per cui la
presenza di terreni fittamente stratificati può condurre a errori di stima.
Il penetrometro elettrico è la naturale evoluzione del penetrometro meccanico.
Nel penetrometro elettrico le misure di pressione alla punta e di tensione laterale
locale sono eseguite localmente ed in modo fra loro indipendente con trasduttori
elettrici che inviano un segnale alla centralina posta in superficie.
Un inclinometro alloggiato nelle aste permette di misurare la deviazione dalla
verticale e di correggerne gli errori conseguenti. La frequenza delle misure può
essere anche molto ridotta, tipicamente ogni 2-5 cm, e i dati sono direttamente
acquisiti in forma numerica e rappresentati graficamente anche durante

23
l’esecuzione della prova. I limiti del penetrometro a punta elettrica risiedono nel
maggiore costo dello strumento, e negli errori derivanti dalle componenti
elettroniche (non linearità e isteresi delle celle di pressione, sensibilità alle
variazioni di temperatura, calibrazione).

1.2.4 Prove Sismiche


Le prove sono finalizzate a determinare la velocità di propagazione delle onde di
volume all’interno del terreno, note le quali è possibile risalire ai parametri di
deformabilità. Infatti, poiché le prove dinamiche in sito prevedono bassi livelli di
energia e, conseguentemente, implicano bassi livelli di deformazione, il terreno è
sollecitato in campo elastico. Come noto, in un mezzo elastico la velocità delle onde
sismiche (Vs e VP rispettivamente velocità di propagazione delle onde S e delle
onde P) sono legate al modulo di taglio 𝐺𝑚𝑎𝑥 , al coefficiente di Poisson ν e al
modulo di Young dalle relazioni:
𝐺𝑚𝑎𝑥 = 𝜌 ∙ 𝑉𝑠2
2
1 𝑉𝑝
∙( ) −1
2 𝑉𝑠
ν= 𝑉𝑝 2
(𝑉 ) − 1
𝑠

(1+ 𝜈) ∙ (1−2𝜈)
E = 𝜌 ∙ 𝑉𝑠2 ∙ (1− 𝜈)

dove ρ rappresenta la densità del mezzo attraversato.


Per l'esecuzione delle prove sismiche in foro occorre quindi che vengano
preliminarmente eseguiti i fori geognostici. Questi devono essere condizionati per
l'intera lunghezza mediante l'installazione di una tubazione in PVC della serie
pesante, con diametro interno generalmente non inferiore ad 80 mm e sezione
costante senza irregolarità e distorsioni.
L'intercapedine fra parete del foro e tubazione definitiva viene sigillata con miscela
auto indurente di acqua-cemento-bentonite, iniettata lentamente, a bassa pressione,
attraverso la valvola di fondo e pistoncino a tenuta.
24
I principali tipi di prove in foro sono le prove tipo Down-Hole, che vengono
realizzate accoppiando alle pareti di un foro una serie di geofoni tridimensionali a
varie profondità, ed energizzando, ad una distanza prefissata dalla bocca del foro
(per fori poco profondi, 2 m), il terreno in superficie con un esploditore o una mazza
battente e sistemi per la generazione delle onde di taglio.
Le prove in foro tipo Cross-Hole vengono invece effettuate utilizzando due fori.
Nel primo foro si introducono i geofoni (generalmente tridimensionali), oppure
batterie di idrofoni se il foro è in falda o riempito d’acqua, nel secondo foro i sistemi
di energizzazione per la sollecitazione sismica (cariche esplosive, martelli speciali
accoppiati alle pareti per la generazione delle onde di taglio, ecc.). Generalmente la
prova si esegue generando sollecitazioni sismiche a profondità via via decrescenti
fino in superficie. A quote uguali a quelle del punto di energizzazione, nell'altro
foro, viene posizionato il geofono.

Figura 1.7 - Schema della prova Cross-Hole e Down-Hole

In tal modo si rileva il tempo di percorso diretto dei vari tipi di onde tra i due fori
(a distanze conosciute), permettendo il calcolo delle velocità sismiche (sia di onde
di tipo P che S) e caratterizzando così i vari livelli indagati.
I dati così ricavati sono relativi ad una velocità media dei terreni compresi tra i due
fori alla quota di indagine.
Utilizzando le Down Hole o le Cross Hole classiche, con geofoni tridimensionali
accoppiati normalmente, si possono ricavare sia le velocità delle onde longitudinali

25
VP che delle trasversali VS e quindi calcolare il modulo o coefficiente
adimensionale di Poisson (s) che esprime il rapporto tra le deformazioni trasversali
e le deformazioni longitudinali indotte nel mezzo; può assumere valori compresi tra
0 e 0.5, i valori più alti indicano generalmente comportamenti più plastici.
In generale, le prove cross-hole, a causa delle specifiche modalità esecutive, sono
preferibili alle prove down-hole quando si vogliono ottenere dei valori puntuali di
velocità di buona qualità ed alta precisione, e quando le profondità di interesse sono
elevate (anche superiori a 100 m).

1.2.3 Interpretazione delle prove in sito


I risultati ottenuti dalle prove eseguite in sito, sono dati numerici che mediante
un’accurata interpretazione e utilizzando correlazioni di tipo empirico, consentono
di identificare quelli che sono i parametri fisico-meccanici ed in ultimo geotecnici
del terreno. Gran parte delle volte, queste correlazioni sono ricavate sulla base di
sperimentazioni ed esperienze locali.
In funzione della tipologia di prova in sito e del terreno oggetto d’indagine,
numerosi ricercatori e scienziati, hanno stipulato delle correlazioni “ad-hoc” che
consentono di passare dai risultati ottenuti dalle prove ai parametri geotecnici
rappresentativi del sottosuolo.
Di seguito sono riportate alcune delle correlazioni delle prove in sito maggiormente
utilizzate per terreni a grana grossa.
Elaborazione prove SPT
Si assume come resistenza alla penetrazione 𝑁𝑆𝑃𝑇 la somma del numero di colpi del
secondo e terzo step, scartando il primo in quanto la misura avviene in terreno
disturbato dallo scavo.
Se per il primo avanzamento di 15 cm si registra un numero di colpi superiore a 50
la prova si conclude immediatamente; la stessa cosa vale se la somma di colpi del
secondo e terzo step supera il valore di 100.

26
Questa prova ha lo svantaggio di essere discontinua anche se risulta essere
abbastanza economica e dispone di una vasta letteratura tecnica sull’interpretazione
dei risultati.
L’indice 𝑁𝑆𝑃𝑇 è una misura indiretta dell’energia necessaria a determinare la rottura
del terreno e quindi la penetrazione del campionatore nelle condizioni di prova.
Pertanto la resistenza al taglio opposta dal terreno penetrato può essere stimata con
una correlazione secondaria con il valore di 𝑁𝑆𝑃𝑇 .
Poiché la tensione normale media sulla superficie di rottura, σ’, è proporzionale alla
tensione litostatica verticale efficace alla profondità della prova, σ’v0, tale
grandezza deve entrare nella correlazione empirica tra l’indice 𝑁𝑆𝑃𝑇 e la tangente
dell’angolo di resistenza al taglio di picco (tan ϕ’).
L’angolo di resistenza al taglio di picco di un mezzo granulare risulta essere
influenzato da forma, dimensioni e distribuzione dei grani ma soprattutto dallo stato
di addensamento (densità relativa).
Poiché la prova SPT prevede l’estrazione di un piccolo campione di terreno su cui
è possibile eseguire l’analisi granulometrica, molte delle correlazioni proposte sono
finalizzate alla stima della densità relativa, come passo intermedio per la stima
dell’angolo di resistenza al taglio.
L’esistenza in letteratura geotecnica di molte correlazioni tra l’indice 𝑁𝑆𝑃𝑇 e la
densità relativa o l’angolo di resistenza al taglio dei mezzi granulari testimonia da
un lato l’interesse e la diffusione della prova, nonché l’esistenza di una vasta mole
di dati sperimentali, ma dall’altro lato l’incertezza della stima.
È pertanto consigliabile non affidarsi ad un’unica correlazione, ma confrontare le
stime derivanti da più correlazioni e scegliere come valore operativo il valore
mediano o quello più cautelativo.
Vengono proposte successivamente le correlazioni più utilizzate in letteratura per
la stima della densità relativa di terreni sabbiosi, partendo dai risultati della prova
SPT.

27
28
L’angolo di resistenza al taglio di picco può essere stimato in modo indiretto a
partire dal valore della densità relativa precedentemente stimata dai risultati della
prova SPT.
La correlazione più nota è quella proposta da Schmertmann (1977) per differenti
granulometrie, riportata di seguito:

Le più conosciute sono sicuramente quelle di Peck, Hanson e Thornburn (1974) e


Wolf (1989):

Per quanto riguarda il modulo di rigidezza operativa del terreno 𝐸𝑜𝑝 , le correlazioni
più utilizzate partendo dai risultati della prova CPT, sono:

𝐸𝑜𝑝 = 𝛼 ∙ 𝑁𝑆𝑃𝑇 + 𝛽 [MPa] Schmertmann (1961)


con α = 0.517 e β = 7.46

𝐸𝑜𝑝 = 𝛼 ∙ 𝑁𝑆𝑃𝑇 + 𝛽 [MPa] D’Apollonia et al (1970)


con α = 0.756 e β = 18.75 per sabbie n.c.
con α = 1.043 e β = 36.79 per sabbie o.c.

𝐸𝑜𝑝 = 7 ∙ (𝑁𝑆𝑃𝑇 )0.50 [MPa] Pasqualini (1983)

29
L’esistenza stessa di molte correlazioni è un chiaro segno delle incertezze e delle
approssimazioni insite nelle procedure empiriche di stima.
Per tale motivo può essere opportuno confrontare i valori stimati con le diverse
correlazioni, ed utilizzare come valore di progetto dell’angolo di resistenza al taglio
di picco di uno strato di sabbia, la mediana delle stime, escludendo eventuali valori
anomali. Si tenga presente che, poiché il terreno non è omogeneo, i valori di 𝑁𝑆𝑃𝑇
ottenuti nella stessa formazione possono essere anche sensibilmente diversi fra loro,
e che la presenza di ciottoli e ghiaia può determinare valori di 𝑁𝑆𝑃𝑇 errati e
inaffidabili.

Elaborazione prove CPT


L’analisi dei risultati di prove C.P.T. consente in primo luogo il riconoscimento
litologico dei terreni attraversati e la ricostruzione della successione stratigrafica.
Questa prima fase interpretativa è essenziale e necessaria per ogni ulteriore
interpretazione geotecnica.
Durante la prova vengono misurate le resistenze di punta e di attrito laterale opposte
dal terreno nelle condizioni di rottura determinate dalla penetrazione dello
strumento con una velocità imposta e costante di 2 cm/sec.
A seconda della permeabilità del terreno attraversato la rottura avviene in
condizioni drenate o non drenate.
Il modello interpretativo del fenomeno della rottura è condizionato dal tipo di
terreno cui si riferiscono i dati di resistenza misurati.
La resistenza penetrometrica di punta offerta da un terreno sabbioso è, di norma,
nettamente superiore alla resistenza offerta da terreni argillosi di media e bassa
consistenza.
Le migliori correlazioni proposte per l’individuazione della natura del terreno
attraversato fanno uso, oltre che della resistenza di punta, 𝑞𝑐 , anche della resistenza
d’attrito laterale, 𝑓𝑠 .

30
Dalla lettura della carta di Schmertmann (1978) si individua un importante
parametro, definito rapporto d’attrito o di frizione:
𝑓𝑠
𝑅𝑓 = ∙ 100
𝑞𝑐
che rappresenta la relazione tra la resistenza laterale e quella di punta rilevata
durante la prova alla generica profondità; Robertson e Wride (1998) presentano
invece, il rapporto d’attrito normalizzato, così definito:
𝑓𝑠
F= ∙ 100
𝑞𝑐 −𝜎𝑣𝑜

e la resistenza di punta normalizzata:


𝑞𝑐 −𝜎𝑣𝑜 𝑃𝑎 2
Q=( )∙( )
𝑃𝑎 𝜎𝑣𝑜

Un ulteriore indicatore stratigrafico è rappresentato dall’𝐼𝑐 , indice del tipo di


terreno, definito analiticamente di seguito:

𝐼𝑐,𝑛=1 = √(log 𝐹 + 1.22)2 + (log 𝑄𝑛=1 − 3.47)2

𝑞𝑐 −𝜎𝑣𝑜
𝑄𝑛=1 = ( ) valore della resistenza di punta normalizzata
𝑃𝑎

𝑃𝑎
n = 0.381 ∙ 𝐼𝑐,𝑛=1 + 0.05 ∙ ( ) – 0.15 ≥ 0.50
𝜎𝑣𝑜

che permette di ricavare la tipologia e la classe di terreno dalla conoscenza di 𝑄𝑛=1


ed n.
Vengono proposte successivamente le correlazioni più utilizzate in letteratura per
la stima della densità relativa e angolo d’attrito di terreni sabbiosi, partendo dai
risultati della prova CPT.
𝑞𝑐
𝐷𝑟 = −98 + 66 ∙ log [(𝜎′ 0.5 ] Jamiolkowski (1985)
𝑣0 )

1 𝑞𝑐
𝐷𝑟 = ∙ ln [ ] Baldi et al. (1986)
𝐶2 𝐶0 ∙ (𝜎′)𝐶1

𝑞𝑐
Φ’ = tan−1 [0.1 + 0.38 ∙ log ( )] Robertson e Campanella (1983)
𝜎′𝑣0

31
𝑞𝑐 −𝜎𝑣𝑜
Φ’ = 17.6 +11 ∙ log ( ) Mayne (2006)
√𝜎′𝑣0 ∙ 𝑃𝑎

Per quanto riguarda il modulo di rigidezza operativa del terreno 𝐸𝑜𝑝 , le correlazioni
più utilizzate partendo dai risultati della prova CPT, sono:

𝐸𝑜𝑝 = 𝛼 ∙ 𝑞𝑐 con α = 2.50 Schmertmann (1978)

𝐸𝑜𝑝 = 𝛼 ∙ 𝑞𝑐 con : 2.50 ≤ α ≤ = 4.00


4.00 ≤ α ≤ = 6.00 Jamiolkowski (1987)
6.00 ≤ α ≤ = 10.00

𝐸𝑜𝑝 = 𝛼 ∙ 𝑞𝑐 con α variabile tra 1.50 a 5.00 De Beer (1965)


(da sabbia limosa a sabbia e ghiaia)

1.3 PROVE IN LABORATORIO


1.3.1 Prova di compressione edometrica
La prova di compressione edometrica, a fronte di una notevole semplicità esecutiva,
permette il conseguimento di molteplici obiettivi, quali:
1. determinare la relazione tensione‐deformazione che caratterizza le proprietà
di compressibilità e di rigonfiamento per effetto di variazioni di stato
tensionale effettivo in condizioni monodimensionali (edometriche, o di
deformazione trasversale impedita);
2. determinare le caratteristiche che governano la variabilità di tali
deformazioni nel tempo, per effetto dei fenomeni di consolidazione primaria
e secondaria;
3. ricostruire la storia tensionale del deposito naturale da cui è stato prelevato
il campione.
La prova viene eseguita imponendo carichi verticali crescenti ad un provino
cilindrico di terreno saturo confinato all’interno di un anello metallico.
In queste condizioni il provino non arriva mai alla rottura: è soggetto solamente alle
deformazioni verticali e la presenza dell’anello metallico impedisce le
32
deformazioni laterali.
Il rapporto tra altezza H e diametro D del provino è contenuto, per favorire la
massima uniformità delle tensioni verticali 𝜎𝑣 .
L’altezza H deve essere convenientemente ridotta, per minimizzare sia gli attriti tra
la superficie laterale e l’anello, sia i tempi di consolidazione.
Il rapporto tra l’altezza H ed il diametro nominale massimo delle particelle, deve
infine risultare sufficientemente elevato da ridurre al minimo gli effetti di scala
dovuti alla dimensione finita dei grani.
L’edometro è costituito da:
 La cella edometrica precedentemente descritta;
 Un sistema di leve che permette di applicare il carico attraverso un capitello
metallico che poggia sulla sommità del provino;
 Pesi calibrati di piombo per applicare la pressione verticale desiderata sulla
testa del provino;
 Un sistema automatico della misura degli spostamenti verticali della testa
del provino rispetto ad un punto fisso (sensori LVDT linear variabile
Differential transformer).

Figura 1.8 - Schema cella Edometrica

I carichi possono essere incrementati a gradini di carico costante oppure in modo


continuo a velocità di deformazione costante.

33
La procedura sperimentale più tradizionale è quella a gradini di carico, realizzata
sottoponendo il provino, in genere mediante un sistema di pesi, ad incrementi o
decrementi di tensione verticale, variabili secondo una progressione geometrica.
La fase di scarico va di norma effettuata con un numero di gradini pari ad almeno
la metà di quelli relativi agli incrementi di carico effettuati.
Le condizioni di drenaggio libero in direzione verticale sono consentite dalla
presenza di carta da filtro e pietre porose sulle basi inferiore e superiore del
provino. La lettura e memorizzazione dei cedimenti va effettuata ad intervalli di
tempo prefissati, ancora una volta secondo una progressione geometrica.
Ogni incremento di carico va mantenuto costante nel tempo finché non si sviluppa
completamente la consolidazione primaria, e vengano così garantiti la dissipazione
delle sovrappressioni neutre “u” ed il trasferimento dell’incremento di tensioni
totali in tensioni effettive.
Per le abituali caratteristiche di consolidazione dei terreni naturali
fini, allo scopo è in genere sufficiente una durata di 24 h dell’applicazione del
carico; prima di procedere ad un ulteriore incremento, è però comunque necessario
controllare che il decorso della consolidazione primaria si sia esaurito, mediante
l’analisi della curva cedimenti‐tempi registrata.
Un sensore a contatto con la parte superiore della leva, in comunicazione diretta
con il provino, rileva un segnale in millivolt che viene elaborato attraverso la
centralina di acquisizione ed inviato ad un computer.
Attraverso un software dedicato si convertono i segnali elettrici in micron di
deformazione.
In particolare dall’analisi dei risultati è possibile determinare:
- Parametri di consolidazione e coefficiente di permeabilità;
- Parametri di compressibilità volumetrica;
- Moduli di deformazione;
- Pressione e grado di preconsolidazione;
- Parametri di rigonfiamento.
34
Lo studio della compressibilità, cioè della variazione dell’indice dei vuoti
(volume) sotto incremento di carichi tensionali, è necessario per stimare nel
tempo le deformazioni volumetriche e i conseguenti cedimenti; mentre lo studio
della consolidazione, ovvero la legge di variazione del volume nel tempo, è
necessario per studiare l’evoluzione delle deformazioni volumetriche e dei
cedimenti.

1.3.2 Prova di compressione triassiale


Scopo della prova di compressione triassiale è determinare le caratteristiche di
resistenza a taglio e deformabilità di un terreno, possibilmente descrivendone lo
stato tensionale effettivo nell’intero corso della prova.
La prova si articola in due fasi:
1) una fase di pre‐sollecitazione, in genere di compressione isotropa, con
drenaggio libero (prova consolidata) o impedito (non consolidata);
2) una fase di rottura, effettuata tramite compressione assiale, a drenaggio
libero (drenata) o impedito (non drenata).
La funzione della cella è quella di contenere il provino, di poter applicare, tramite
l’acqua al suo interno, una pressione isotropa ad esso, di realizzare la
consolidazione e la saturazione attraverso appositi circuiti di drenaggio e di
effettuare la fase di rottura mediante il pistone collegato alla testina di ripartizione.
L’applicazione della pressione isotropa viene realizzata introducendo dell’acqua
all’interno della camera contenente il provino e applicando successivamente una
pressione, mantenuta costante per tutto il periodo di prova. L’operazione di
saturazione del provino viene realizzata introducendo dell’acqua in pressione (back
pressure) attraverso il circuito di drenaggio.

35
Figura 1.9 - Schema di una cella triassiale

A seconda della modalità di esecuzione delle varie fasi, la prova viene


contrassegnata con un acronimo di tre lettere, che rispettivamente rappresentano:
- le condizioni di drenaggio nella fase di pre‐sollecitazione, distinguendo le
prove consolidate (C) da quelle non consolidate (U);
- il tipo di stato tensionale applicato in fase di pre‐sollecitazione, distinguendo
la compressione isotropa (I), quella anisotropa (A), e quella edometrica
(K0);
- le condizioni di drenaggio nella fase di rottura, distinguendo la prova
drenata (D) da quella non drenata (U).

PROVA UU
Viene impedito il drenaggio sia nella fase di consolidazione che in quella di
applicazione del carico assiale. In questo modo, nell’ipotesi che il provino sia
saturo, il contenuto d’acqua, l’indice dei vuoti, e le tensioni efficaci rimangono
36
costanti per tutta la durata della prova. Inoltre la resistenza al taglio misurata è
indipendente dalla pressione isotropa applicata.
La resistenza al taglio in questo caso è espressa in termini di tensioni totali in quanto
non si misurano le pressioni interstiziali (indicata come resistenza al taglio non
drenato) e rappresenta la resistenza del terreno in sito, quando non vi sono ancora
intervenute variazioni dell’indice dei vuoti e del contenuto d’acqua. I risultati sono
buoni purché siano fatti su campioni indisturbati di buona qualità. Nel caso di
provino saturi l’inviluppo di rottura espresso in termini di tensioni totali viene
assunto orizzontale e l’intercetta con l’asse delle ordinate rappresenta la resistenza
al taglio non drenata indicata con Cu.

Figura 1.10 - Prova UU

La prova UU però è affetta da limitazioni in quanto:


- la resistenza al taglio misurata è utile soltanto per l’analisi in termini di
tensioni totali;
- l’applicazione di una pressione isotropa nel corso della prova non permette
di riprodurre in maniera appropriata le condizioni geostatiche valori di Cu
ottenuti sono influenzati da questo limite;
- il valore di Cu ottenuto dall’inviluppo di rottura risulta corretto soltanto per
i terreni completamente saturi.

37
PROVA CID e PROVA CIU
Queste per il momento le analizziamo insieme in quanto hanno bisogno di un
ulteriore passaggio rispetto alla precedente, che consiste nella consolidazione del
provino. Successivamente nella fase di rottura si applica una tensione verticale
crescente fino alla resistenza massima del provino.
 Nel caso delle prove non drenate (CIU) tale fase viene condotta con i
drenaggi chiusi, quindi non si ha variazione di volume e vengono misurate
le pressioni interstiziali generate;
 Nel caso delle prove drenate (CID) la fase di rottura viene condotta con i
drenaggi aperti in maniera lenta di modo da permettere la dissipazione delle
pressioni interstiziali, misurando la variazione di volume del provino.
Ripetendo le prove su diversi provini a differenti stati tensionali si può disegnare
l’inviluppo di rottura che permette di definire i parametri c’ e ϕ’ denominati
rispettivamente angolo di resistenza al taglio e coesione efficace.

Figura 1.11 – a) Prova CIU - b) Prova CID

38
La variazione della pressione interstiziale all’ interno di un terreno è legata dalla
relazione di Skempton (1954):
Δ𝑈 = 𝐵[Δ𝜎3 + (Δ𝜎1 − Δ𝜎3 )]
Con:
- 𝛿𝑈 = variazione di pressione interstiziale causata dell'incremento di
pressione totale di confinamento Δ𝜎3 e dalla tensione deviatorica (Δ𝜎1 −
Δ𝜎3 );
- A, B = parametri delle pressioni interstiziali.
Per caso delle prove triassiali consolidate non drenate effettuate sui provini saturi è
possibile effettuare la misura dei suddetti parametri. Supponendo di partire da un
provino saturo, caratterizzato dalla situazione di equilibrio data da una pressione
efficace 𝜎′0 e da una pressione interstiziale 𝑈0 e di applicare un incremento isotropo
di tensione totale pari a Δ𝜎3 si ottiene:

Δ𝜎3 = Δ𝜎1 Δ𝑈 = 𝐵 ∙ Δ𝜎3

Figura 1.12 - Schema di riferimento

Dalla misura delle pressioni interstiziali è quindi possibile calcolare la saturazione


del provino, verificando ad esempio che il parametro B sia compreso tra 0,95 e 1.
Successivamente, incrementando la sola tensione assiale totale 𝜎3 Skempton ci
permette di determinare il parametro A:
Δ𝑈 = 𝐴 ∙ Δ𝜎1

39
1.3.3 Prova di taglio diretto
Obiettivo di questa prova è determinare le caratteristiche di resistenza a taglio di un
terreno in condizioni drenate, mediante interpretazione della relazione  : ’ nel
piano di Mohr. Gli strumenti sperimentali convenzionalmente adoperati allo scopo
sono l’attrezzatura di taglio diretto piano (la c.d. ‘scatola di Casagrande’) e quella
di taglio anulare (apparecchio di Bromhead).
Quest’ultima presenta, rispetto alla prima, il vantaggio di permettere una
distribuzione più uniforme delle tensioni tangenziali, e di consentire una più
agevole determinazione della resistenza residua; è però meno diffusa nella pratica
sperimentale, a seguito della maggiore complessità operativa e per la difficoltosa
preparazione dei provini.

Figura 1.13 - Prova di taglio diretto

Una prova completa viene eseguita su almeno tre provini consolidati a tensioni ’v
diverse. I provini adoperati sono in genere prismatici a sezione quadrata (ma talora
anche cilindrici) e devono soddisfare requisiti dimensionali simili a quelli delle
prove edometriche.
Prima della prova, occorre registrare le dimensioni ed il peso umido di ciascun
provino. Questo, una volta introdotto nell’apparecchiatura tra le due semi‐scatole
inferiore (mobile) e superiore (fissa e solidale con il sistema di carico verticale),
viene poi sottoposto a condizioni di compressione di tipo ‘K0’, mediante

40
l’applicazione di una forza verticale, N, generata da un sistema di leve e pesi
analogo a quello dell’edometro.
La tensione effettiva di consolidazione, 𝜎𝑣 (= N/A, con A = area del provino), non
deve di norma risultare inferiore a quella geostatica alla profondità di prelievo del
campione.
Nella fase di consolidazione, si registra la relazione cedimenti‐tempi, che viene poi
interpretata nel piano w-t.
Nella fase di rottura, viene azionato un motore passo‐passo che produce uno
scorrimento relativo, δ tra le due semi‐scatole, agendo su quella inferiore.
In questa fase, vengono registrati nel tempo lo scorrimento δ (letto da un
micrometro o da un trasduttore di spostamento), la forza di taglio orizzontale T
(misurata da un anello dinamometrico o una cella di carico) e lo spostamento
verticale w (rilevato con un sistema analogo a δ).
Il sistema di carico verticale deve quindi rendere possibili anche gli spostamenti
verticali e per evitare il disassamento di N e T, si adottano a volte sistemi di
controllo del parallelismo (p. es. cuscinetti a sfera lungo l’asta che trasmette il
carico verticale).
Le letture simultanee di spostamenti orizzontali e verticali, nonché del carico
orizzontale, vanno condotte fino all’evidenza del raggiungimento della resistenza
del materiale.
Le modalità di interpretazione risentono di alcune limitazioni intrinseche
dell’apparecchiatura, e cioè:
- la superficie di rottura è predeterminata;
- le tensioni orizzontali al contorno non sono misurabili, pertanto sia i cerchi
di Mohr che i percorsi tensionali sono ignoti fino alla rottura;
- le deformazioni tangenziali (concentrate intorno alla superficie di rottura)
non sono deducibili dagli spostamenti orizzontali misurati.
Ne deriva che la prova di taglio diretto è interpretabile solo in termini di relazione
“τ – σ “in condizioni di rottura.
41
Malgrado la disuniforme distribuzione di tensioni tangenziali lungo la sezione
trasversale del provino, nell’interpretazione il rapporto T/A viene indicato come
‘valore nominale di τ’.
I risultati sono quindi rappresentabili attraverso curve “τ – δ “ e “w – δ “ associabili
a ciascun valore della tensione di consolidazione 𝜎′𝑣 applicata.
Per ciascun provino, sono in linea di principio determinabili tre distinti valori della
tensione tangenziale di rottura 𝜏𝑓 :
‐ la resistenza di picco 𝜏𝑝 (corrispondente al valore massimo 𝜏𝑚𝑎𝑥 );
‐ la resistenza di stato stazionario 𝜏𝑐𝑣 (corrispondente alle condizioni di
stazionarietà di w, cioè ‘a volume costante’);
‐ la resistenza residua 𝜏𝑟 (corrispondente a scorrimenti δ elevati).
Riportando le relative coppie di valori (σ’, τ) sul piano di Mohr, sono di
conseguenza determinabili (p. es. mediante regressione lineare) tre diversi inviluppi
ed altrettante coppie di parametri di resistenza a rottura.
Risulta in genere:
𝜙′𝑝 > 𝜙′𝑐𝑣 > 𝜙′𝑟 nonché 𝑐′𝑐𝑣 ≈ 𝑐′𝑟 , = 0.

1.3.4 Considerazioni
Le indagini geotecniche in sito o in laboratorio sono parte integrante del progetto e
pertanto, la loro concezione e la successiva interpretazione non può essere
demandata ad altri se non di comprovata capacità ed esperienza.
L’esecuzione di tali prove, a meno di casi particolari, è affidata ad altre ditte, quindi
bisogna prestare una particolare attenzione alla loro esecuzione.
Nei terreni a grana fina, la possibilità di eseguire sia prove in laboratorio che prove
in sito, consente di avere risultati più affidabili o comunque verificabili di volta in
volta mediante opportune “calibrazioni”.
Invece, per i terreni a grana grossa, vengono utilizzate correlazioni empiriche,
poiché le prove in laboratorio hanno una fattibilità minore e un’onerosità maggiore,

42
quindi seppur basate su studi rigorosi e interpretabili alla luce della meccanica dei
terreni, sicuramente restituiscono maggiori incertezze.
In conclusione, è auspicabile, ove possibile, eseguire entrambe le prove sia in sito
che in laboratorio, essendo complementari fra di loro e non viste come alternative.
Infatti, si ritiene appropriato, laddove forniscono lo stesso tipo di informazione,
confrontarle per verificarne l’attendibilità.

1.4 MODELLO GEOTECNICO


La finalità delle indagini geotecniche eseguite sul suolo, è quella di consentire la
definizione dei modelli geotecnici di sottosuolo necessari alla progettazione.
Per modello geotecnico di sottosuolo si intende uno schema rappresentativo del
volume significativo di terreno, suddiviso in unità omogenee sotto il profilo fisico-
meccanico, che devono essere caratterizzate con riferimento allo specifico
problema ingegneristico.
Per valore caratteristico di un parametro geotecnico deve intendersi una stima
ragionata e cautelativa del valore rappresentativo di riferimento, considerando ogni
possibile condizione a contorno di carattere tensionale e comportamentale.
I risultati delle indagini e delle prove geotecniche, eseguite in sito e in laboratorio,
devono essere interpretate dal progettista che, sulla base dei risultati acquisiti, della
tipologia dell’opera e/o intervento, dalle tipologie previste e delle modalità
costruttive, deve individuare i valori rappresentativi dei parametri geotecnici per le
analisi e verifiche nei riguardi degli stati limiti ultimi e di esercizio.
La scelta dei valori caratteristici dei parametri geotecnici può avvenire in due fasi:
- La prima fase comporta l’identificazione dei parametri geotecnici
appropriati ai fini progettuali;
- La seconda fase del processo decisionale, identificati i parametri geotecnici
appropriati, riguarda la valutazione dei valori caratteristici degli stessi
parametri.

43
Per quanto riguarda la prima fase, la scelta richiede una valutazione specifica da
parte del progettista, per il necessario riferimento alle diverse verifiche da
effettuare, ad esempio, ai diversi tipi di meccanismi di collasso del terreno nel caso
delle verifiche agli stati limiti ultimi.
In altre parole, nella valutazione della stabilità di una fondazione superficiale è
opportuno che la verifica allo scorrimento sia effettuata in riferimento al valore
dell’angolo di resistenza a taglio a volume costante, (a stato critico), poiché il
meccanismo di scorrimento, che coinvolge spessori molto modesti di terreno, e
l’inevitabile disturbo connesso alla preparazione del piano di posa della fondazione,
implicano un disturbo del terreno.
Per questo stesso motivo, nelle analisi svolte in termini di tensioni efficaci, è
opportuno trascurare ogni contributo della coesione nelle verifiche a scorrimento.
Considerazioni diverse devono essere svolte con riferimento al calcolo della
capacità portante della fondazione che, per l’elevato volume di terreno coinvolto,
comporta in riferimento alla resistenza al taglio del terreno indisturbato,
considerando quando appropriato anche il contributo della coesione efficace.
Nella seconda fase invece, le valutazioni che il progettista deve svolgere per
pervenire ad una scelta corretta dei valori caratteristici, può apparire giustificato il
riferimento a valori prossimi ai valori medi quando nello stato limite considerato è
coinvolto un elevato volume di terreno, con possibile compensazione delle
eterogeneità o quando la struttura a contatto con il terreno è dotata di rigidezza
sufficiente a trasferire le azioni dalle zone meno resistenti a quelle più resistenti.
Al contrario, valori caratteristici prossimi ai valori minimi dei parametri geotecnici,
appaiono giustificati nel caso in cui siano convolti modesti volumi di terreno, con
concentrazione delle deformazioni fino alla formazione di superfici di rottura nelle
porzioni di terreno meno resistenti a causa dell’insufficiente rigidezza.
Una migliore approssimazione nella valutazione dei valori caratteristici può essere
ottenuta operando le opportune medie dei valori dei parametri geotecnici

44
nell’ambito di piccoli volumi di terreno, quando questi assumano importanza per lo
stato limite considerato.
In definitiva, si deduce che non esiste un modello di sottosuolo geotecnico univoco
e/o giusto, ma in relazione al problema ingegneristico e alla sua valutazione in
termini quantitativi e qualitativi, è possibile individuare una schematizzazione
rappresentativa della realtà.

45
CAPITOLO II – FONDAZIONI SUPERFICIALI
2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE FONDAZIONI
La fondazione è quella parte della struttura che svolge il compito di trasmettere e
distribuire i carichi provenienti dall’opera in sopraelevazione al terreno sottostante.
La superficie di contatto tra la base della fondazione e il terreno è detta piano di
posa. In base al rapporto tra la profondità del piano di posa (D), rispetto al piano di
campagna, e la dimensione minima in pianta (B), si definiscono in termini
prettamente geometrici, in accordo con quanto proposto da Terzaghi:
- SUPERFICIALI, le fondazioni in cui il rapporto D/B è minore di 4;
- PROFONDE, le fondazioni per le quali il rapporto D/B è maggiore di 10;
- SEMI-PROFONDE, le fondazioni con D/B compreso tra 4 e 10.
Per quanto riguarda il meccanismo di trasferimento del carico al terreno in termini
tensionali, le fondazioni superficiali trasmettono il carico solo attraverso il piano di
appoggio, le fondazioni profonde e semi-profonde trasferiscono il carico al terreno
sia in corrispondenza del piano di appoggio sia lungo la superficie laterale.
Per garantire la funzionalità della struttura in elevazione, il sistema di fondazioni
deve soddisfare alcuni requisiti; in particolare, il carico trasmesso in fondazione:
1. non deve portare a rottura il terreno sottostante;
2. non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi tali da compromettere la
stabilità e la funzionalità dell’opera sovrastante;
3. non deve produrre fenomeni di instabilità generale (esempio nel caso di
strutture realizzate su pendio);
4. non deve indurre stati di sollecitazione nella struttura di fondazione
incompatibili con la resistenza dei materiali.

46
2.2 CAPACITÀ PORTANTE E MECCANISMI DI ROTTURA
Il primo punto è quello che riguarda la verifica di stabilità dell’insieme terreno-
fondazione, ovvero la determinazione della capacità portante (o carico limite,
qlim), che rappresenta la pressione massima che una fondazione può trasmettere al
terreno prima che questo raggiunga la rottura.
Per introdurre il concetto di capacità portante immaginiamo di applicare ad un
blocco di calcestruzzo appoggiato su un terreno omogeneo un carico verticale
centrato e di misurare il valore del cedimento all’aumentare del carico.
Se riportiamo in un grafico la curva carico-cedimenti, osserviamo che il suo
andamento è diverso in relazione allo stato di addensamento (o alla consistenza, se
si tratta di terreno coesivo) del terreno.
In particolare, si ha che:
- a parità di carico, il cedimento del blocco è tanto maggiore quanto minore è la
densità relativa (o quanto minore è la consistenza);
- per valori elevati della densità relativa (o
della consistenza), in corrispondenza del
carico di rottura, il blocco collassa,
mentre per valori bassi della densità
relativa (o della consistenza) il cedimento
tende ad aumentare progressivamente ed
indefinitamente. In questo caso la
condizione di rottura è individuata da un
valore limite convenzionale del
cedimento.
Alle diverse curve carico-cedimenti
corrispondono diversi meccanismi di rottura Figura 2.20 - Meccanismi di Rottura
che possono ricondursi a tre schemi
principali:

47
A. ROTTURA GENERALE
B. ROTTURA LOCALE
C. PUNZONAMENTO
Per ciascuno dei quali si sviluppano,
nel terreno sottostante la fondazione,
superfici di rottura con diverso
andamento.
Variando la profondità del piano di
posa si osserva che l’andamento della
Figura 2.21 - Meccanismi di rottura di fondazioni
superficiali su sabbia curva carico-cedimenti si modifica e
in particolare all’aumentare della
profondità del piano di posa si può passare da una condizione di rottura generale ad
una di rottura locale e ad una per punzonamento.
Per quanto riguarda i tre meccanismi di rottura sopra menzionati, è possibile
osservare che, nel caso di terreno denso (o compatto) i piani di rottura si estendono
fino a raggiungere la superficie del piano campagna (rottura generale), nel caso di
materiale sciolto (o poco consistente) le superfici di rottura interessano solo la zona
in prossimità del cuneo sottostante la fondazione e non si estendono lateralmente
(rottura locale), nel caso di materiale molto sciolto (o molle) le superfici di rottura
coincidono praticamente con le facce laterali del cuneo (punzonamento).
Attualmente non si dispone di criteri quantitativi per individuare a priori il tipo di
meccanismo di rottura, anche se esistono indicazioni a livello qualitativo per
identificare il tipo di rottura più probabile (un esempio per terreni incoerenti è
riportato in Figura 2.2).
A oggi, non sono reperibili in letteratura soluzioni analitiche per lo studio del
meccanismo di rottura locale, mentre sono numerose quelle riguardanti la stima del
carico limite per lo schema di rottura generale.

48
2.3 CALCOLO DELLA CAPACITÀ PORTANTE FONDAZIONI
SUPERFICIALI

I due principali studi teorici per il calcolo della capacità portante, dai quali deriva
la maggior parte delle soluzioni proposte successivamente, sono stati condotti da
Prandtl (1920) e Terzaghi (1943), per fondazione nastriforme (problema piano)
utilizzando il metodo dell’equilibrio limite. Entrambi schematizzano il terreno
come un mezzo continuo, omogeneo e isotropo, a comportamento rigido plastico e
per il quale vale il criterio di rottura di Mohr-Coulomb.

2.3.1 Schema di Prandtl


Prandtl ipotizza l’assenza di attrito tra fondazione e terreno sottostante e quindi che
la rottura avvenga con la formazione di un cuneo in condizioni di spinta attiva di
Rankine (in cui le tensioni verticale ed orizzontale sono principali, la tensione
verticale è la tensione principale maggiore, la tensione orizzontale è la tensione
principale minore) le cui facce risultano inclinate di un angolo di 45°+ϕ/2 rispetto
all’orizzontale, essendo ϕ l’angolo di resistenza al taglio del terreno (Figura 2.3).

Figura 2.22 - Schema Prandalt

Il cuneo è spinto verso il basso e, in condizioni di equilibrio limite, produce la


rottura del terreno circostante secondo una superficie di scorrimento a forma di
49
spirale logaritmica, con anomalia ϕ (zona di taglio radiale).
Tale ipotesi scaturisce il fatto che, in condizioni di rottura le tensioni sulla superficie
di scorrimento sono inclinate per attrito di un angolo ϕ rispetto alla normale, e
quindi hanno direzione che converge nel polo A della spirale logaritmica. A sua
volta la zona di taglio radiale spinge il terreno latistante e produce la rottura per
spinta passiva.
Il cuneo ADF è in condizioni di spinta passiva di Rankine (le tensioni verticale ed
orizzontale sono principali, la tensione verticale è la tensione principale minore, la
tensione orizzontale è la tensione principale maggiore), è delimitato da superfici
piane inclinate di un angolo di 45°- ϕ/2 rispetto all’orizzontale, e scorre verso
l’esterno e verso l’alto. Come caso particolare, per ϕ = 0 il cuneo sottostante la
fondazione ha le pareti inclinate a 45°, la zona di taglio radiale è limitata da una
superficie circolare (spirale logaritmica ad anomalia 0) e la zona passiva ha piani di
scorrimento inclinati a 45°.

2.3.2 Schema di Terzaghi


Il meccanismo di rottura di Terzaghi ipotizza (secondo uno schema più adeguato
alle condizioni reali) la presenza di attrito tra fondazione e terreno.

Figura 2.23 - Schema Terzaghi

In questo caso il cuneo sottostante la fondazione è in condizioni di equilibrio

50
elastico, ha inoltre superfici inclinate di un angolo ϕ rispetto all’orizzontale, e infine
penetra nel terreno come se fosse parte della fondazione stessa. (Figura 2.4).
È da osservare che la presenza di un cuneo intatto sotto la fondazione e in accordo
con le evidenze, le superfici di rottura non possono interessare l’elemento rigido di
fondazione.
Secondo entrambe le teorie, il terreno sovrastante il piano di fondazione
contribuisce alla capacità portante solo in virtù del proprio peso, ma è privo di
resistenza al taglio; pertanto nel tratto FG della superficie di scorrimento non vi
sono tensioni di taglio.
Con riferimento agli schemi delle immagini precedenti, relativi al caso di una
fondazione nastriforme, è possibile evidenziare che il carico limite dipende, oltre
che dalla larghezza della fondazione (B), e dall’angolo di resistenza al taglio del
terreno (ϕ):
- dalla coesione, c;
- dal peso proprio del terreno, γ, interno alla superficie di scorrimento;
- dal sovraccarico presente ai lati della fondazione, che, in assenza di carichi
esterni sul piano campagna, è dato da q = γ ∙ D
Non esistono metodi esatti per il calcolo della capacità portante di una fondazione
superficiale su un terreno reale, ma solo formule approssimate trinomie, ottenute
per sovrapposizione di effetti e dalla somma di tre componenti da calcolare
separatamente, che rappresentano rispettivamente i contributi di:
1. coesione e attrito interno di un terreno privo di peso e di sovraccarichi;
2. attrito interno di un terreno privo di peso ma sottoposto all’azione di un
sovraccarico q;
3. attrito interno di un terreno dotato di peso e privo di sovraccarico.
Ogni componente viene calcolata supponendo che la superficie di scorrimento
corrisponda alle condizioni previste per quel particolare caso.
Poiché le superfici differiscono fra loro e dalla superficie del terreno reale, il
risultato è approssimato. L’errore comunque è piccolo e a favore della sicurezza.
51
La soluzione, per fondazione nastriforme
con carico verticale centrato, è espressa
nella forma:
1
qlim = γ B 𝑁𝛾 + c 𝑁𝑐 + q 𝑁𝑞 ( Eq. 1)
2
dove 𝑁𝛾 , Nc, Nq sono quantità
adimensionali, detti fattori di capacità
portante, funzioni dell’angolo di
resistenza al taglio (ϕ) e della forma della
superficie di rottura considerata.
Figura 2.24 - Fattori capacità portante
Per i fattori Nc e Nq, relativi fondazioni superficiali
rispettivamente alla coesione e al sovraccarico, esistono equazioni teoriche, mentre
per il fattore 𝑁𝛾 , che tiene conto dell'influenza del peso del terreno, la cui
determinazione richiede un procedimento numerico per successive
approssimazioni, esistono solo formule empiriche approssimanti.
Confrontando le equazioni proposte da vari autori per il calcolo dei fattori di
capacità portante, si osserva un accordo quasi unanime per i fattori Nc e Nq, mentre
per il fattore 𝑁𝛾 sono proposte soluzioni diverse.
Le equazioni più utilizzate per la stima dei fattori di capacità portante sono le
seguenti:
𝜋 𝜙
𝑁𝑞 = 𝑒 𝜋∙𝑡𝑔𝜑 ∙ 𝑡𝑔2 ( + ) (Eq. 2)
4 2

𝑁𝑐 = (𝑁𝑞 − 1 ) ∙ 𝑐𝑡𝑔𝜙 (Eq. 3)

𝑁𝛾 = 2 ∙ (𝑁𝑞 − 1 ) ∙ 𝑡𝑔𝜙 (Eq. 4 – Vesic,1973)

Il valore dei fattori di capacità portante cresce molto rapidamente con l’angolo di
resistenza al taglio (Figura 2.5). È pertanto molto più importante, per una stima
corretta della capacità portante, la scelta dell’angolo di resistenza al taglio, che
non l’utilizzo di una o l’altra delle equazioni proposte dai vari autori.
52
Come caso particolare, per ϕ = 0, ovvero per le verifiche in condizioni non drenate
di fondazioni superficiali su terreno coesivo saturo in termini di tensioni totali, i
fattori di capacità portante assumono i valori:
- Nq =1,00;
- Nc = 5,14;
- Nγ = 0,00;

2.3.3 Equazione generale di capacità portante di fondazioni superficiali


Nelle applicazioni pratiche, per la stima della capacità portante di fondazioni
superficiali, si utilizza la seguente equazione generale, proposta da Vesic (1975):
1
𝑞𝑙𝑖𝑚 = 𝛾 ∙ 𝐵′ ∙ 𝑁𝛾 ∙ 𝑠𝛾 ∙ 𝑑𝛾 ∙ 𝑖𝛾 ∙ 𝑏𝛾 ∙ 𝑔𝛾 + 𝑐 ∙ 𝑁𝑐 ∙ 𝑠𝑐 ∙ 𝑑𝑐 ∙ 𝑖𝑐 ∙ 𝑏𝑐 ∙ 𝑔𝑐 +
2
𝑞 ∙ 𝑁𝑞 ∙ 𝑠𝑞 ∙ 𝑑𝑞 ∙ 𝑖𝑞 ∙ 𝑏𝑞 ∙ 𝑔𝑞 (Eq. 5)
In cui, si indica con:
- sc, sq, sγ, i fattori di forma;
- dc, dq, dγ, i fattori di profondità;
- ic, iq, iγ, i fattori di inclinazione del carico;
- bc, bq, bγ, i fattori di inclinazione della base;
- gc, gq, gγ, i fattori di inclinazione del piano campagna;
- B’ la larghezza equivalente per carico eccentrico.

Fattori di forma e di profondità


L’equazione originale di Terzaghi è ottenuta con riferimento ad una striscia
indefinita di carico, in modo da poter considerare il problema piano.
Le fondazioni reali hanno spesso dimensioni in pianta confrontabili, quindi la
capacità portante è influenzata dagli effetti di bordo. Si può tener conto, in modo
semi empirico, della tridimensionalità del problema di capacità portante attraverso
i fattori di forma, il cui valore può essere calcolato con le formule indicate in Tabella
sotto citata.

53
Forma della sc sq sγ
fondazione

𝐵′ 𝑁𝑞 𝐵′ 𝐵′
Rettangolare 1+ ∙ 1+ ∙ 𝑡𝑔𝜙 1 − 0,4 ∙
𝐿′ 𝑁𝑐 𝐿′ 𝐿′

Circolare o 𝑁𝑞
1+ 1 + tgϕ 0,6
quadrata 𝑁𝑐

Figura 2.25 - Fattori di Forma (Vesic 1975)

I fattori sc e sq, rispettivamente associati alla coesione e al sovraccarico latistante,


sono maggiori di 1 poiché anche il terreno alle estremità longitudinali della
fondazione contribuisce alla capacità portante, mentre il fattore sγ, associato al peso
proprio del terreno di fondazione, è minore di 1 a causa del minore confinamento
del terreno alle sue estremità.
Se si vuole mettere in conto anche la resistenza al taglio del terreno sopra il piano
di fondazione, ossia considerare la superficie di scorrimento estesa fino al piano
campagna (segmento FG delle Figure 2.3 e 2.4) si possono utilizzare i fattori di
profondità indicati in Figura 2.6.
Tuttavia, poiché il terreno sovrastante il piano di fondazione è molto spesso un
terreno di riporto o comunque con caratteristiche meccaniche scadenti e inferiori a
quelle del terreno di fondazione, l’uso dei fattori di profondità deve essere fatto con
cautela.

Eccentricità e inclinazione del carico


Molto spesso le fondazioni superficiali devono sostenere carichi eccentrici e/o
inclinati. Per tenere conto della riduzione di capacità portante dovuta
all’eccentricità del carico, si compie un’ipotesi in cui la struttura di fondazione sia
rigida e che il terreno di appoggio sia costituito da elementi indipendenti (ovvero

54
incapaci di trasmettere sforzi di taglio), a comportamento elastico lineare
perfettamente plastico non resistente a trazione.
Si consideri dapprima il caso bidimensionale della fondazione nastriforme di
larghezza B con carico limite verticale eccentrico, Qlim.
La sezione pressoinflessa, non resistente a trazione, completamente plasticizzata,
ha asse neutro a distanza B’ = B – 2e dal bordo compresso dell’area di carico (Figura
2.7).

Figura 2.26 - Schema per il calcolo della


capacità portante di fondazioni
nastriforme con carico eccentrico
Figura 2.27 - Schema per il calcolo della
capacità portante di fondazione rettangolare
con carico doppiamente eccentrico.

Il carico verticale limite eccentrico Qlim = qlim B’ risulta inferiore al carico


verticale limite centrato sia perché è inferiore la pressione limite qlim, che deve
essere calcolata con l’Eq.1 ma utilizzando la larghezza ridotta B’<B, sia e
soprattutto perché è inferiore la larghezza della sezione reagente, B’.
Nel caso di fondazione a base rettangolare, di dimensioni B × L, con doppia
eccentricità del carico, 𝑒𝑏 ed 𝑒𝐿 , la sezione presso inflessa, non resistente a trazione,
completamente plasticizzata ha asse neutro inclinato.
La posizione dell’asse neutro può essere determinata imponendo le equazioni di
equilibrio alla traslazione e alla rotazione, ma per semplicità e con scelta cautelativa

55
si assume in genere che l’area reagente sia rettangolare di dimensioni:
B’ = B – 2𝑒𝑏 e L’ = L – 2𝑒𝐿 , come in Figura 2.8.
Anche l’inclinazione del carico riduce la resistenza a rottura di una fondazione
superficiale. A seconda del rapporto fra le componenti, orizzontale H e verticale V,
del carico la rottura può avvenire per slittamento o per compressione.
Le equazioni empiriche per fattori di inclinazione del carico ritenute più affidabili
sono indicate in Figura 2.6.
Si osserva che, data una fondazione con carico inclinato, si può definire un dominio
di rottura nel piano H-V e pervenire al collasso per differenti moltiplicatori del
carico.
A titolo di esempio, con riferimento
al grafico di Figura 2.9, se le
coordinate del punto P
rappresentano i valori di esercizio
delle componenti orizzontale e
verticale della forza agente, la
rottura può aversi per incremento di
H a V costante (P-A), per
incremento di V a H costante (P- B),
per decremento di V a H costante (P-
B’), per incremento della forza risultante Figura 2.28 - Esempio di dominio di rottura di
una fondazione superficiale
a inclinazione costante (P-C), o per
qualunque altra coppia di incrementi di H e V che conduca sul dominio di rottura.
Il punto B rappresenta una condizione di carico limite per compressione, mentre il
punto B’ rappresenta una condizione di carico limite per slittamento.

56
Inclinazione della base e del piano campagna
Se la costruzione trasmette carichi permanenti sensibilmente inclinati può essere
talvolta conveniente realizzare il piano di posa della fondazione con
un’inclinazione ε rispetto all’orizzontale (Figura 2.10).

Figura 2. 29 - Piano di posa e/o di campagna


inclinato.

In tal caso la capacità portante nella direzione ortogonale al piano di posa può
essere valutata utilizzando i fattori di inclinazione del piano di posa indicati in
Tabella 2.3.
Se il piano campagna è inclinato di un angolo ω rispetto all’orizzontale (Figura
2.10), la capacità portante può essere valutata utilizzando i fattori di inclinazione
del piano di campagna indicati in Tabella 2.2.

Tabella 2.4 - Fattori di profondità (Vesic 1975).

57
Tabella 2.5 - Fattori di inclinazione del carico (Vesic).

Tabella 2.6 - Fattori di inclinazione del piano di posa ( ε<𝜋⁄4) (Hansen, 1970).

58
2.4 SCELTA DEI PARAMETRI DI RESISTENZA DEL
TERRENO
Il calcolo della capacità portante deve essere effettuato nelle condizioni più critiche
per la stabilità del sistema di fondazione, valutando con particolare attenzione le
possibili condizioni di drenaggio. Tali condizioni dipendono, com’è noto, dal tipo
di terreno e dalla velocità di applicazione del carico.
Nel caso dei terreni a grana grossa (ghiaie e sabbie), caratterizzati da valori elevati
della permeabilità (k ≥ 10-5 m/s), l’applicazione di carichi statici non genera
sovrappressioni interstiziali; pertanto, l’analisi è sempre condotta con riferimento
alle condizioni drenate, in termini di tensioni efficaci.
Nel caso di terreni a grana fine (limi e argille), a causa della loro bassa permeabilità,
salvo il caso di applicazione molto lenta del carico, si generano sovrappressioni
interstiziali che si dissipano lentamente nel tempo attraverso la consolidazione.
Pertanto, per i terreni a grana fine è necessario distinguere un comportamento a
breve termine, in condizioni non drenate, ed uno a lungo termine, in condizioni
drenate. L’analisi (a lungo termine) in condizioni drenate può essere effettuata in
termini di tensioni efficaci.
Tale tipo di approccio può essere utilizzato anche nelle analisi (a breve termine) in
condizioni non drenate, ma per la sua applicazione è richiesta la conoscenza delle
sovrappressioni interstiziali, Δu, che si sviluppano durante la fase di carico.
Poiché la determinazione delle Δu in sito è un problema estremamente complesso,
l’analisi in condizioni non drenate è generalmente effettuata, nelle applicazioni
pratiche, in termini di tensioni totali, con riferimento alla resistenza al taglio non
drenata corrispondente alla pressione di consolidazione precedente l’applicazione
del carico. Le condizioni non drenate sono in genere le più sfavorevoli per la
stabilità delle fondazioni su terreni coesivi, poiché al termine del processo di
consolidazione, l’aumento delle tensioni efficaci avrà prodotto un incremento della
resistenza al taglio.

59
2.4.1 Analisi in termini di tensioni efficaci (condizioni drenate)
Nelle analisi di capacità portante in termini di tensioni efficaci, la resistenza del
terreno è definita mediante i parametri c’ e ϕ’ (il criterio di rottura è espresso nella
forma τ = c’ + σ’ tgϕ’) e i vari termini e fattori della relazione generale devono
essere calcolati con riferimento a questi parametri.
In presenza della falda si deve tener conto dell’azione dell’acqua, sia nella
determinazione del carico effettivamente trasmesso dalla fondazione al terreno sia
nel calcolo della qlim. In particolare, nel calcolo del carico trasmesso dalla
fondazione al terreno deve essere considerata la sotto spinta dell’acqua che agisce
sulla porzione di fondazione immersa, mentre il carico limite deve essere valutato
in termini di pressioni efficaci. In particolare, riferendosi per semplicità alla
relazione di Terzaghi, si ha:

1
𝑞𝑙𝑖𝑚 = 𝛾′2 ∙ B ∙ 𝑁𝛾 + c’∙ 𝑁𝑐 + q’∙ 𝑁𝑐 (Eq. 6)
2

dove q’ rappresenta il valore della pressione efficace agente alla profondità del
piano di posa della fondazione e 𝛾′2 il peso nell’unità di volume immerso nel
terreno presente sotto la fondazione. Nel calcolo dei fattori di capacitò portante
viene utilizzato il valore di ϕ’ del terreno presente sotto la fondazione.
Ipotizzando la presenza di falda in quiete, i casi possibili sono 4:
1. Il pelo libero della falda si trova a profondità maggiore di D+B. In questo
caso la presenza della falda può essere trascurata;
2. Il pelo libero della falda coincide con il piano di posa della fondazione
(Figura 2.11- a). In questo caso q’= 𝛾′1 ∙ D, essendo 𝛾1 il peso nell’unità di
volume medio, umido o saturo, del terreno al di sopra del piano di posa della
fondazione;
3. Il pelo libero della falda si trova a quota a al di sopra del piano di posa della
fondazione (Figura 2.11- b). In questo caso q’= γ ∙ (D – a) + 𝛾′1 ∙ a essendo
𝛾′1 il peso nell’unità di volume immerso del terreno al di sopra del piano di
posa della fondazione.
60
4. Il pelo libero della falda si trova a quota d<B al disotto del piano di posa
della fondazione (Figura 11- c). In questo caso q’= 𝛾′1 ∙ D, mentre il termine
𝛾′2 ∙ B assume il valore di q’= 𝛾2 ∙ d + 𝛾′2 ∙ (B – d).

Figura 2.30- Influenza della posizione della falda sul calcolo della capacità portante

2.4.2 Analisi in termini di tensioni totali (condizioni non


drenate)
Nelle analisi di capacità portante in termini di tensioni totali, la resistenza del
terreno è definita convenzionalmente attraverso il parametro cu (criterio di rottura
di Tresca espresso nella forma τ = cu), che non rappresenta una caratteristica del
materiale, ma un parametro di comportamento.
In questo caso, i fattori di capacità portante saranno pari a 𝑵𝜸 = 0, Nc = 5.14 e con
Nq = 1, il carico limite è dato quindi da:

𝑞𝑙𝑖𝑚 = 5,14 ∙ cu ∙ 𝑠𝑐0 ∙ 𝑑𝑐0 ∙ 𝑖𝑐0 ∙ 𝑏𝑐0 ∙ 𝑔𝑐0 + q ∙ 𝑔𝑞0 (Eq. 7)

essendo q’= 𝛾′1 ∙ D la pressione totale agente sul piano di posa della fondazione, e
avendo indicato con il pedice 0 i fattori correttivi per ϕ = 0.
È opportuno sottolineare che per l’analisi in termini di tensioni totali, l’eventuale
sotto spinta idrostatica dovuta alla presenza della falda non deve essere considerata.

61
2.4.3 Capacità portante di fondazioni su terreni stratificati
La determinazione della capacità portante di fondazioni su terreni stratificati è un
problema a cui non vi è una facile soluzione, per il quale non esistono quindi
trattazioni teoriche di semplice impiego.
Se l’importanza dell’opera non è tale da giustificare l’uso di metodi numerici
avanzati (per esempio metodi agli elementi finiti), si ricorre generalmente
all’applicazione di schemi o di formule approssimate.
In presenza di terreni stratificati, se lo spessore misurato dal piano di fondazione
dello strato di terreno su cui appoggia la fondazione è maggiore di B, il terreno può
considerarsi omogeneo. Nell’ipotesi che tale circostanza non sia verificata, i casi
che possono presentarsi sono i seguenti:
1. Fondazione su terreni dotati di sola coesione:
1.1 strato superiore meno resistente di quello inferiore;
1.2 strato superiore più resistente di quello inferiore;
2. Fondazione su terreni dotati di attrito e coesione:
2.1 strato superiore meno resistente di quello inferiore;
2.2 strato superiore più resistente di quello inferiore;
Generalmente nei casi 1.1 e 2.1 si ricorre, se possibile, all’asportazione dello strato
più superficiale ed eventualmente ad una sua sostituzione con un materiale
compattato. Qualora ciò non sia possibile, si può ugualmente calcolare con cautela
la capacità portante assumendo come parametri di resistenza coloro relativi allo
strato più superficiale.
Nel caso 1.1, se lo strato superficiale è di spessore limitato si può mettere in conto
anche il contributo alla resistenza dovuto allo strato sottostante, utilizzando
nell’espressione di qlim per fondazioni nastriformi (qlim = c ∙ Nc + γ ∙ D) la
seguente formula per Nc:
1,5 ∙ 𝑑1
𝑁𝑐 = + 5,14 ∙ 𝑐𝑟 ≤ 5,14
𝐵

62
Dove 𝑑1 rappresenta lo spessore dello strato più superficiale al di sotto del piano di
fondazione, B la larghezza della fondazione e 𝑐𝑟 = c2/c1, essendo c1 e c2,
rispettivamente, il valore della coesione dello strato più superficiale e di quello
sottostante. Per 0.7 < 𝑐𝑟 < 1 il valore di Nc, deve essere ridotto del 10%.
Nel caso 1.2 la capacità portante di una fondazione nastriforme di larghezza B può
essere calcolata utilizzando lo schema di una fondazione ideale di larghezza B +
𝑑1 appoggiata sullo strato inferiore (ipotizzando cioè che il carico si diffonda nello
strato superiore di spessore d1 con un rapporto 2:1).
Nel caso 2 si possono calcolare per la stratificazione un angolo di resistenza al taglio
ed una coesione equivalenti nel seguente modo:
𝜙1
- si determina la profondità H= 0.5 tan ( 𝜋/4 + )∙B
2

con 𝜙1 angolo di resistenza al taglio relativo allo strato superiore;


- se H > 𝑑1 si determina il valore di ϕ equivalente da utilizzare nel calcolo di
𝑑1 ∙ 𝜙1 ÷( 𝐻− 𝑑1 ) ∙ 𝜙2
qlim come: ϕ =
𝐻

con ϕ2 angolo di resistenza al taglio relativo allo strato inferiore;


- in modo analogo si ricava c equivalente.

2.5 LE VERIFICHE DI SICUREZZA DELLE FONDAZIONI


SUPERFICIALI
Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC-08), come già detto, utilizzano
il metodo degli stati limite e i coefficienti di sicurezza parziali da applicare
rispettivamente alle azioni o agli effetti delle azioni (A), alle caratteristiche
dei materiali (M) e alle resistenze (R).
Le NTC-18, al § 6.4.2 Fondazioni superficiali, nella versione aggiornata in
corso di pubblicazione, recitano:

63
“La profondità del piano di posa della fondazione deve essere scelta e giustificata
in relazione alle caratteristiche e alle prestazioni della struttura in elevazione, alle
caratteristiche del sottosuolo e alle condizioni ambientali.
Il piano di fondazione deve essere situato sotto la coltre di terreno vegetale nonché
sotto lo strato interessato dal gelo e da significative variazioni stagionali del
contenuto d’acqua.
In situazioni nelle quali sono possibili fenomeni di erosione o di scalzamento da
parte di acque di scorrimento superficiale, le fondazioni devono essere poste a
profondità tale da non risentire di questi fenomeni o devono essere adeguatamente
difese.

2.5.1 Verifiche agli stati limite ultimi (SLU)


Nelle verifiche di sicurezza devono essere presi in considerazione tutti i meccanismi
di stato limite ultimo, sia a breve sia a lungo termine.
Gli stati limite ultimi delle fondazioni superficiali si riferiscono allo sviluppo di
meccanismi di collasso determinati dalla mobilitazione della resistenza del terreno
e al raggiungimento della resistenza degli elementi strutturali che compongono la
fondazione stessa.
Nel caso di fondazioni posizionate su o in prossimità di pendii naturali o artificiali,
deve essere effettuata la verifica anche facendo riferimento alle condizioni di
stabilità globale del pendio, includendo nelle verifiche le azioni trasmesse dalle
fondazioni. Le verifiche devono essere effettuate almeno nei confronti dei seguenti
stati limite accertando che la condizione [6.2.1] sia soddisfatta per ogni stato limite
considerato:
1. SLU di tipo geotecnico (GEO):
 collasso per carico limite dell’insieme fondazione-terreno;
 collasso per scorrimento sul piano di posa;
 stabilità globale.
2. SLU di tipo strutturale (STR):
64
 raggiungimento della resistenza negli elementi strutturali.
La verifica di stabilità globale deve essere effettuata, analogamente a quanto
previsto nel paragrafo 6.8, secondo la Combinazione 2 (A2+M2+R2)
dell’Approccio 1, tenendo conto dei coefficienti parziali per le azioni e i parametri
geotecnici per le resistenze globali. Riportati di seguito nelle Tabelle.
Le rimanenti verifiche devono essere effettuate applicando la combinazione
(A1+M1+R3) di coefficienti parziali prevista dall’Approccio 2, tenendo conto dei
valori dei coefficienti parziali riportati nelle seguenti Tabelle.
Nelle verifiche nei confronti di SLU di tipo strutturale (STR), il coefficiente γR non
deve essere portato in conto.

Tabella 2.7 - Coefficienti Parziale per le azioni o per l'effetto delle azioni.

Tabella 2.8 - Coefficienti parziali per i parametri geotecnici del terreno

65
Tabella 2.9 - Coefficienti parziali 𝛾𝑟 per le verifiche agli stati imiti ultimi di fondazioni
superficiali.

2.5.2 Verifiche agli stati limite di esercizio (SLE)


Al fine di assicurare che le fondazioni risultino compatibili con i requisiti
prestazionali della struttura in elevazione (2.2.2 e 2.6.2), si deve verificare il
rispetto della condizione [6.2.7], calcolando i valori degli spostamenti e delle
distorsioni nelle combinazioni di carico per gli SLE specificate al 2.5.3, tenendo
conto anche dell’effetto della durata delle azioni.
Forma, dimensioni e rigidezza della struttura di fondazione devono essere stabilite
rispettando i summenzionati requisiti prestazionali, tenendo presente inoltre che le
verifiche agli stati limite di esercizio possono risultare più restrittive di quelle agli
stati limite ultimi.”

66
CAPITOLO III – FONDAZIONI PROFONDE
3.1 FONDAZIONI PROFONDE
Le fondazioni profonde sono una tipologia di fondazione utilizzata per varie
necessità progettuali, classificate a seconda, delle caratteristiche del sito, dalla
possibilità di scelta tra svariati tipi di palo e soprattutto tra diverse modalità
esecutive.
A livello tensionale, o più precisamente a livello di trasmissione di carico e
interazione tra l’elemento strutturale e il terreno, la peculiarità delle fondazioni
profonde è che il contributo alla capacità portante delle tensioni tangenziali d’attrito
e di aderenza sviluppate all’interfaccia tra il terreno e la superfice laterale
dell’elemento non sono trascurabili, anzi sono prevalenti rispetto alle tensioni
normali sviluppate alla base per compressione, delle fondazioni superficiali.
Di norma, tenuto conto dell’aspetto economico, le fondazioni profonde sono più
costose delle fondazioni superficiali, per cui si ricorre ad esse quando la soluzione
con fondazioni superficiali non soddisfa le esigenze del problema geotecnico.
In particolare le fondazioni profonde sono impiegate per:
a) trasferire il carico a strati di terreno profondi più resistenti;
b) trasferire il carico anche attraverso tensioni tangenziali d’attrito o
d’aderenza lungo il fusto;
c) resistere ad azioni di trazione;
d) resistere ad azioni orizzontali;
e) resistere in gruppo a carichi inclinati;
f) assicurare la stabilità anche in caso di scalzamento degli strati superficiali;
g) trasferire il carico al di sotto di un futuro piano di scavo;
h) attraversare strati di terreno rigonfiante.
Le più comuni fondazioni profonde sono i pali di fondazione.
Nel seguito di questo elaborato di tesi, faremo riferimento esclusivamente ad essi.

67
Questi ultimi sono classificati in base a differenti criteri:
 Rispetto alle dimensioni:
I. Piccolo diametro o micropali (d ≤ 25 cm),
II. medio diametro (30 ≤ d ≤ 60 cm),
III. grande diametro (d ≥ 80 cm).
 Rispetto al materiale costituente:
I. Calcestruzzo (prefabbricato o gettato in opera, normale, centrifugato,
vibrato, precompresso);
II. Acciaio;
III. Legno.
 Rispetto al procedimento costruttivo:
I. Infissi (senza asportazione di terreno, prefabbricati o gettati in opera);
II. Trivellati (con asportazione di terreno);
III. Trivellati con elica continua (parziale asportazione di terreno).
Quest’ultimo criterio è il più importante, poiché il comportamento meccanico,
resistente e deformativo, del sistema palo-terreno è fortemente dipendente, oltre che
dal tipo di terreno, dalle modalità di messa in opera del palo e dalle conseguenti
modifiche dello stato tensionale preesistente nel terreno.
Nello specifico, l’esecuzione di tali pali é:
- Pali trivellati, installati tramite la preventiva esecuzione di un foro
utilizzando una trivella, processo per il quale vi è una riduzione dello stato
di sforzo iniziale sulle pareti del foro, con conseguenti fenomeni di
rigonfiamento e aumento del contenuto d’acqua soprattutto per terreni
coesivi quali argille. Per ovviare in parte a questo problema, in genere si fa
uso di miscele bentonitiche che generano pressioni tali da ridurre questi
fenomeni di rigonfiamento.
- Pali infissi, l’istallazione ha bisogno di una preventiva creazione del foro,
poiché come dice la parola stessa, vengono infissi nel terreno per battitura o
per vibrazione o con tecniche combinate. La proprietà fondamentale di
68
questo tipo di pali è quella che deriva dalla modalità di realizzazione, data
tramite l’infissione in terreni non coesivi, la quale si attua in un processo di
addensamento del materiale nell’intorno del palo con conseguente
miglioramento delle caratteristiche meccaniche. In terreni coesivi, invece, il
processo risulta ancor più complesso, infatti, in fase di battitura
all’interfaccia palo-terreno si creano distorsioni a volume costante con
conseguente produzione di sovrappressione interstiziale che in questa fase,
grazie alla diminuzione di tensione orizzontale efficace, facilita l’infissione
del palo stesso. In seguito, il processo di consolidazione genera tensioni
orizzontali efficaci con valori superiori o uguali allo stato iniziale a riposo,
comportando una riduzione dell’indice dei vuoti e un miglioramento delle
proprietà meccaniche del terreno all’interfaccia.
- I pali CFA sono un tipo di fondazione “trivellata” in cui il palo è realizzato
con un processo continuo fino alla profondità finale desiderata. La trivella
è composta da un’elica continua (detta anche coclea) che, durante la
perforazione, trattiene nello spazio tra le sue spire il terreno; fornendo un
supporto laterale e mantenendo la stabilità del foro. Raggiunta la profondità
di progetto, l’elica è fatta risalire dal foro e il calcestruzzo è pompato
attraverso il gambo vuoto della stessa. Il pompaggio simultaneo del
calcestruzzo e il ritiro della coclea forniscono un supporto continuo al
foro. Il rinforzo/gabbia di acciaio viene inserito nel foro riempito di
calcestruzzo liquido subito dopo il ritiro della coclea.
Questi ultimi, considerando la velocità di esecuzione e la razionalizzazione
del cantiere, intese sia come pulizia ed ordine che come materiali da
allontanare in discarica e interferenze con altre lavorazioni, impongono
frequentemente numerosi vincoli di tempistica, logistica e ambientali. Per
tali ragioni, nonché per le accresciute capacità tecnologiche nel campo delle
macchine ed attrezzature di perforazione, negli ultimi anni si sta affermando

69
in Italia una metodologia di palificazione già lungamente conosciuta nei
paesi anglosassoni e nel Nord-Europea.

PALI BATTUTI TRIVELLATI


notevoli limitazioni in possono attraversare qualsiasi
Terreni attraversabili presenza di terreni compatti, terreno (con opportuno sistema
strati lapidei, trovanti di perforazione)

- in terreni incoerenti producono


un addensamento con decompressione del terreno e
Modifiche che la messa in conseguente miglioramento peggioramento delle sue
opera del palo provoca nel delle proprietà meccaniche caratteristiche meccaniche.
terreno circostante - in terreni coesivi producono In terre- ni coesivi tale effetto
rimaneggiamento e può esse- re ridotto
diminuzione della resistenza al
taglio
Dmax ≅ 60 cm
Lmax ≅ 20 m
Dimensioni per pali prefabbricati è nessuna limitazione
necessario prefissare la
lunghezza

Inclinazione massima generalmente impossibile


possibile fino a 15°-20° salvo che per pali di piccolo
diametro
da controllare, può
Qualità del calcestruzzo ottima essere molto scadente
per pali di grande
Attrezzature ingombranti e costose diametro ingombranti e
costose
vibrazioni e scosse molto minore che per i
Impatto durante la messa in opera pali battuti
Tabella 3.10 - Confronto tra pali battuti e pali trivellati

3.1.1 Capacità portante per carico verticale di un palo isolato


Per valutare la capacità portante del palo di fondazione isolato per carico verticale
si schematizza il problema con un modello come in Figura 3.1.
Il palo è un oggetto cilindrico che oppone resistenza alla penetrazione nel terreno
tramite tensioni che possono essere:

70
- tangenziali, τ, tensioni che si sviluppano per uno scorrimento relativo tra la
superficie laterale del palo e il terreno circostante, in parte dovuto alla
traslazione rigida e in parte alla compressione assiale del palo.
- normali, σ, tensioni dovute dalla compressione alla base del palo e si
sviluppano mostrando un cedimento dell’elemento palo.
Immaginiamo di applicare un carico verticale progressivamente crescente alla
sommità del palo. Inizialmente, ovvero se il carico è piccolo, l’equilibrio è garantito
solo da tensioni tangenziali nella parte superiore del palo.
Poi, al crescere dell’intensità della forza, la QLIM
deformazione del palo si propaga verso il
basso e iniziano i cedimenti della base del
palo.
Oltre un certo valore del carico gli
scorrimenti relativi tra la superficie laterale
del palo e il terreno circostante sono tali da
QS
avere prodotto la completa mobilitazione
delle tensioni tangenziali d’interfaccia,
WP
mentre vi è ancora un margine di crescita
delle tensioni di compressione alla base.
Se indichiamo con QS la risultante delle
tensioni di attrito e/o di aderenza laterale e
QP
con 𝑄𝐵 la risultante delle tensioni di
compressione alla base, quanto sopra detto
Figura 3.31 - Schema per il calcolo
comporta che, il carico applicato sulla della capacità portante di un palo
isolato.
sommità del palo è inizialmente equilibrato
solo da QS. All’aumentare del carico applicato, QS cresce e si sposta verso il basso,
poiché vengono interessati anche i livelli di terreno più profondi. Comincia a
traslare anche la base e quindi nascono tensioni di compressione alla base, ovvero
𝑄𝐵 .
71
Poi QS non cresce più (e semmai decresce), ma aumenta 𝑄𝐵 , fino alle condizioni di
equilibrio ultime.
La forza QS è la risultante delle tensioni di attrito e/o di aderenza, le quali dipendono
dall’interazione tra la superficie laterale del palo e un de- terminato spessore di
terreno deformato.
La forza 𝑄𝐵 invece è la risultante delle tensioni di compressione alla base del palo,
le quali dipendono da un volume di terreno deformato, che si estende al di sopra e
al di sotto della base del palo e le cui dimensioni sono funzione del diametro del
palo.
Di conseguenza, si può affermare che la completa mobilitazione della resistenza
laterale del palo, QS, si ha con spostamenti del paolo nell’ordine di 6-10mm senza
essere influenzato da quello che è il diametro del palo, mentre per quanto riguarda
la resistenza alla punta, 𝑄𝐵 , la sua completa mobilitazione si ha per spostamenti
variano dal 8% al 25% del diametro, in funzione della modalità d’esecuzione del
palo.
La capacità portante per carico verticale di un palo isolato può essere valutata:
- con formule statiche,
- con formule dinamiche,
- dai risultati di prove penetrometriche statiche e dinamiche,
- dai risultati di prove di carico.
In questo paragrafo specifico dell’elaborato di tesi, per la valutazione della capacità
portante del palo singolo, tratteremo esclusivamente le formule statiche, mentre si
rimanda la trattazione delle formule penetrometriche statiche e dinamiche per il
calcolo della portata limite del palo singolo nel Capitolo “Caratterizzazione
Geotecnica” di questa tesi.

72
3.2 CARICO LIMITE DEL PALO SINGOLO

La capacità portante di un palo è data dalla somma della portata limite di base Qb
e della portata limite per attrito laterale Qs, quindi considerando anche il peso del
palo W, la condizione di equilibrio sarà data da:

𝑄𝑇 + W = 𝑄𝑏 + 𝑄𝑠 (Eq. 8)

Queste due componenti vengono analizzate in maniera indipendente l’una dall’altra


anche se la loro mobilitazione richiederebbe spostamenti relativi tra palo e terreno
diversi.
A tal proposito, se la resistenza laterale raggiunge valori limite per cedimenti
dell’ordine dello 0,5% del diametro del palo, la resistenza di punta ha bisogno di
cedimenti ben più elevati, in genere dell’ordine del 10% del diametro del palo.
- il carico limite del sistema palo terreno è condizionato dalla resistenza del
terreno e non da quella del palo;
- il palo è un corpo cilindrico rigido;
- i termini di capacità portante per attrito e/o aderenza laterale QS e di capacità
portante di punta 𝑄𝑏 non si influenzano reciprocamente e possono essere
determinati separatamente.
Nell’esposizione si farà riferimento per semplicità ad un terreno di fondazione
omogeneo. In realtà un palo di fondazione attraversa spesso strati di diversa natura,
o comunque con proprietà geotecniche variabili con la profondità, per cui la
capacità portante dovrà essere valutata per sommatoria dei contributi dei differenti
strati.

3.2.1 Portata limite di base


Per valutare la capacità portante di base vi sono svariate soluzioni da applicare.
Quelle più significative si ritrovano in Terzaghi (1943), Meyerhof (1951, 1953),
Beretzanzev (1961), Skempton e Yassin (1953).
73
La soluzione proposta è quella di Terzaghi, che ipotizza la punta del palo come se
fosse una fondazione superficiale posta nella profondità della punta stessa e che il
terreno esistente al di sopra di tale profondità possa essere sostituito da un
sovraccarico equivalente pari alla tensione verticale efficace iniziale (trascurando
pertanto il fatto che l’interazione palo-terreno possa modificare tale valore).
𝜋 + 𝐷2
𝑄𝐵 = 𝑞𝑠𝑙𝑖𝑚 ∙ 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 = 𝑞𝑙𝑖𝑚 ∙ ( ) (Eq. 9)
4
1
𝑞𝑠𝑙𝑖𝑚 = 𝛾′2 ∙ B ∙ 𝑁𝛾 + c’∙ 𝑁𝑐 + q’∙ 𝑁𝑞 (Eq. 10)
2

Dove:
- c = coesione (c = c’ T.E.; c = cu T.T.);
- q = sovraccarico → 𝛴𝑖 [(𝛾𝑖 - 𝛾𝑤 ) ∙ ℎ𝑖
𝛾𝑖 = peso specifico dell’i-esimo strato;
ℎ𝑖 = spessore dell’i-esimo strato;
𝛾𝑤 = peso specifico dell’acqua;
- 𝛾𝑝 = peso specifico dello strato di terreno alla
punta del palo;
- 𝐵 = 𝐷 = Diametro del palo;
- 𝑁𝛾 , 𝑁𝑐 , 𝑁𝑞 = fattori capacità portante
Tale approccio è valido anche in presenza di terreni
saturi o parzialmente saturi.
In base alla risposta globale del sistema, influenzato dalla granulometria del terreno,
avremmo una risposta drenata, per terreni incoerenti e non drenata per terreni coesi,
quindi l’Eq 10 precedentemente descritta, assume un’espressione differente in base
alle condizioni a contorno.

Pali in terreni coesivi saturi


Per il calcolo del carico limite alla base de palo, viene eseguita un’analisi in
condizioni non drenata e i parametri rappresentativi del terreno scelti, tengono in
considerazione la risposta del terreno in termini di tensioni totali.
74
L’equazione di riferimento è formalmente identica a quella della capacità portante
delle fondazioni superficiali su terreni coesivi in condizioni non drenate.

𝑄𝐵 = 𝑞𝑙𝑖𝑚 ∙ 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 = cu ∙ 𝑁𝑐 + 𝜎𝑣𝑜 (Eq. 11)

In cui:
- 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 è l’area di base del palo;
- 𝑞𝑙𝑖𝑚 è la capacità portante unitaria;
- 𝑐𝑢 è la resistenza al taglio in condizioni non drenate;
- 𝜎𝑣𝑜 è la tensione verticale totale alla punta;
- 𝑁𝑐 è il fattore di capacità portante, il cui valore è spesso assunto pari a 9
(considerazioni di caratteri sperimentalistico).
Il peso del palo di fondazione e il prodotto tra l’area del palo e la tensione totale
alla punta, risultano la maggior parte delle volte trascurabili poiché considerati della
stessa entità quindi tendono ad elidersi.

𝑄𝐵 = 9cu

In terreni coesivi sovraconsolidati, e quindi spesso fessurati, è opportuno introdurre


un fattore di riduzione 𝑅𝐶 che, secondo Meyerhof, può essere calcolato nel modo
seguente, in funzione del diametro D del palo (in metri):

𝐷+0,5
- Per pali Infissi 𝑅𝐶 = ≤ 1; (Eq. 12)
2 ∙𝐷
𝐷+1
- Per pali Infissi 𝑅𝐶 = ≤ 1; (Eq. 13)
2 ∙𝐷+1

Pali in terreni incoerenti


Per il calcolo del carico limite alla base de palo, viene eseguita un’analisi in
condizioni drenata e i parametri rappresentativi del terreno scelti, tengono in
considerazione la risposta del terreno in termini di tensioni efficaci.
L’equazione di riferimento è formalmente identica a quella della capacità portante
delle fondazioni superficiali su terreni coesivi in condizioni non drenate.

75
𝑄𝐵 = 𝑞𝑙𝑖𝑚 ∙ 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 = 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 ∙ 𝜎′𝑣𝑜 ∙ 𝑁𝑞 (Eq. 12)
In cui:
- 𝐴𝑏𝑎𝑠𝑒 è l’area di base del palo;
- 𝑞𝑙𝑖𝑚 è la capacità portante unitaria;
- 𝜎′𝑣𝑜 è la tensione verticale efficace alla punta;
- 𝑁𝑞 è il fattore di capacità portante, il cui valore dipende, a parità di angolo
di resistenza a taglio, dal meccanismo di rottura ipotizzato (considerazioni
di caratteri sperimentalistico).

Figura 3.32 - Meccanismi di rottura ipotizzati per un palo : a) Caquot,Buisman e Terzaghi;


b)Meyerhof; c) Beretzanzev; d) Skempton, Gibson e Vesic;

Come si può notare la dispersione dei valori è molto alta e crescente con il valore
dell’angolo di resistenza al taglio. A titolo di esempio per ϕ’ = 35° i valori di Nq
proposti dai vari Autori sono compresi tra 55 e 500.
Inoltre è molto incerta la scelta del valore di calcolo di ϕ’, sia perché la messa in
opera del palo altera le proprietà meccaniche del terreno sia perché la stima di ϕ’ in
terreni incoerenti è indiretta e affidata a prove in sito, sia infine perché il valore di
ϕ’ dipende anche dallo stato tensionale a rottura.
In genere si fa riferimento alla curva di Nq proposta da Beretzanzev, che è una delle
più cautelative, e ad un angolo di resistenza al taglio di progetto, 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 , ridotto
rispetto al valore di picco stimato.

76
Infatti Kishida (1967), sulla base di dati sperimentali desunti da prove di carico
spinte fino a rottura su pali reali in terreni reali, ha suggerito di utilizzare un valore
corretto dell’angolo di attrito 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 determinato dalle indagini e assume quindi:

𝜙’+40°
- 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 = per i pali battuti; (Eq. 13.1)
2

- 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 = 𝜙 ′ − 3° per i pali trivellati; (Eq. 13.1)

La correzione per PST tiene in conto del fatto che la compressione determina un
addensamento del terreno e quindi un aumento di φ.
Da notare che per un terreno molto sciolto (es. φ = 30°, 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 = 35°) la correzione
comporta un aumento dell’angolo d’attrito;
per un terreno molto denso, invece, (es. φ = 40°, 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 = 40°) la correzione non
comporta modifiche; nel caso in cui φ > 40° la correzione comporta una riduzione
dell’angolo d’attrito, quindi un peggioramento, poiché il terreno già denso tende a
dilatare. La correzione per i pali ad asportazione tiene in conto del fatto che la
decompressione determina un rigonfiamento del terreno e quindi una riduzione di
φ’. In ultimo, secondo la teoria di Beretzanzev la parte di terreno circostante
il palo interessata dalla rottura si estende per una lunghezza pari al diametro d, al di
sotto della fondazione, e per 4d al di sopra della punta.
Pertanto il valore di 𝜙’𝑐𝑜𝑟𝑟 secondo Kishida, da adottare è una media pesata degli
eventuali valori di φ che si trovano in tale volume (5d).

3.2.2 Portata limite per attrito laterale

Tradizionalmente la portata per attrito laterale è definita come:

𝐿
𝑄𝑆 = 𝜋 ∙ 𝐷 ∙ ∫0 𝜏𝑠 ∙ 𝑑𝑧 (Eq. 14)

I metodi attualmente utilizzati per la stima della sono due, il metodo secondo
Viggiani e il metodo secondo Burland, entrambi frutto di sperimentazioni e teoria.

77
In base alla natura e alle proprietà dei terreni, incoerenti o coesivi, si procede per il
calcolo limite della portata laterale.

Pali in terreni coesivi saturi


Le tensioni tangenziali limiti di attrito e/o di aderenza laterale all’interfaccia tra la
superficie del palo e il terreno coesivo saturo circostante, 𝜏𝑠 , sono molto difficili da
valutare analiticamente, poiché dipendono dal grado di disturbo e dall’alterazione
delle pressioni efficaci e interstiziali che le modalità di costruzione del palo
producono nel terreno.
Sul piano qualitativo il fenomeno è abbastanza chiaro, ma per una valutazione
quantitativa è necessario ricorrere a semplificazioni drastiche e ad una buona dose
di empirismo. Per questo tipo di terreni è consigliato assumere come capacità
portante per attrito e/o aderenza laterale di progetto il minore dei due valori stimati.
- Metodo Viggiani (1999)
Si afferma che le tensioni tangenziali limite siano una quota parte della
resistenza al taglio non drenata (𝑐𝑢 ) originaria del terreno indisturbato:
𝜏𝑠 = α ∙ 𝑐𝑢 (Eq. 15)
in cui α è un coefficiente empirico di aderenza che dipende dal tipo di
terreno, dalla resistenza al taglio non drenata del terreno indisturbato, dal
metodo di costruzione del palo, dal tempo, dalla profondità, dal cedimento
del palo. Valori di α suggeriti in letteratura da “Viggiani, 1999”,(𝑐𝑢 =kPa):
𝑃𝑎
 Pali Trivellati α = 0,70 α = 0,21 + 0,26 ∙
𝐶𝑢

 Pali Infissi α = 1,00


- Metodo Burland
Si afferma che le sovrappressioni interstiziali che si generano durante la
messa in opera del palo si siano dissipate al momento di applicazione del
carico, e che pertanto la tensione tangenziale limite possa essere valutata,
con riferimento alle tensioni efficaci, nel modo seguente:
𝜏𝑠 = 𝜎′ℎ ∙ 𝑡𝑎𝑛𝛿 = ( K ∙ 𝜎′𝑣𝑜 ) ∙ 𝑡𝑎𝑛𝛿 = β ∙ 𝜎′𝑣𝑜 (Eq. 16)

78
In cui:
 𝝈′𝒉 è la tensione efficace orizzontale nel terreno a contatto con il
palo;
 𝝈′𝒗𝒐 è la tensione efficace verticale iniziale, prima della messa in
opera del palo;
 K è il coefficiente di spinta, rapporto fra le tensioni 𝜎′ℎ e 𝜎′𝑣𝑜 ;
 𝒕𝒂𝒏𝜹 è il coefficiente d’attrito palo-terreno;
 𝜷 è un coefficiente, pari al prodotto K ∙ 𝑡𝑎𝑛𝛿.
Se l’angolo di attrito palo-terreno, 𝛿 , fosse eguale all’angolo di resistenza al taglio
del terreno, ϕ’, e se l’installazione del palo non producesse alterazioni nello stato
tensionale del terreno, si avrebbe:

K = 𝐾0 ≅ ( 1 – sen ϕ’) ∙ 𝑂𝐶𝑅0,5 tan δ = tan ϕ’

Per terreni coesivi l’angolo di resistenza al taglio, ϕ’, è generalmente compreso tra
20° e 30°, per cui, per un terreno N.C., si otterrebbero valori di β compresi tra 0,24
e 0,29.
Risultati sperimentali indicano inoltre che:
- per pali infissi in terreni coesivi normalmente consolidati, il coefficiente β
risulta compreso tra 0,25 e 0,40 (Figura 3.3), per cui sembra ragionevole
assumere come valore di progetto β = 0,3;
- per pali infissi in terreni coesivi sovra consolidati, i valori del coefficiente β
sono molto più dispersi, (Figura 3.3) ma comunque superiori ai valori
ottenibili con le ipotesi dell’equazione precedente, che possono essere
cautelativamente assunti come valori di progetto;
- per pali trivellati in terreni coesivi normalmente consolidati si può fare
riferimento, come valore di progetto, a β= 0,25;
- per pali trivellati in terreni coesivi sovra consolidati i valori ottenibili con le
ipotesi del metodo non sono cautelativi, e, come valore di progetto, si può
fare riferimento a β = 0,8 (Figura 3.3).
79
Figura 3.33 - a) Pali infissi in argille tenere; b) Pali infissi in argille consistenti; c) Pali trivellati
in argille consistenti (Burland 1973)

Pali in terreni incoerenti


La stima della portata laterale di un palo in terreni a grana grossa o incoerenti, e
quindi di elevata permeabilità, viene svolta un’analisi con riferimento alle
condizioni drenate e quindi i parametri rappresentativi sono in termini di tensioni
efficaci. La stima di Qs si applica il metodo Burland (β).
Per la scelta dei valori di K e di tan δ si può fare riferimento alle indicazioni di
Tabella (figura 3.4):

80
Figura 3.33 - Valori di K e di tan per pali di medio diametro in terreni incoerenti.

Altri autori (Reese e O’Neill, 1988) sulla base di un’analisi di prove di carico su
pali strumentati suggeriscono di utilizzare, per pali trivellati, β=0,8 fino alla
profondità di 10 volte il diametro e β = 0,6 per profondità maggiori, con la
limitazione 𝑡𝑠 ≤ 200kPa.
L’applicazione del metodo di Burland per il calcolo delle tensioni tangenziali
d’attrito di un palo in terreno sabbioso porta a una crescita lineare di 𝑡𝑠 con la
tensione verticale efficace, e quindi con la profondità, che non è in realtà
verificata. Probabilmente a causa di fenomeni d’arco (effetto silo), la tensione
efficace orizzontale nel terreno a contatto con il palo 𝜎′ℎ , e quindi anche, crescono
meno che linearmente con la profondità e tendono a stabilizzarsi a una profondità
critica dipendente dal diametro del palo e dallo stato di addensamento del terreno.

3.2.3 Portanza laterale in terreni stratificati


Parlando ora dell’analisi di situazioni reali, dobbiamo far fronte al fatto che in
genere i terreni sono stratificati e che si può avere a che fare con terreni di diversa
natura, quali possono essere coesivi o puramente attritivi, all’interno della
stratigrafia dell’area in esame.
Si introduce quindi la relazione generale:
𝜋 ∙ 𝜙𝑖
Qs = ∑𝑛𝑖=1[ 𝜋 ∙ 𝐷 ∙ ℎ𝑖 ∙ ( 𝑐𝑖 + 𝜎′ 𝑖 ∙ 𝐾𝑖 ∙ tg ∙ ( ) (Eq. 17)
2
180

81
Dove:
D = diametro palo;
ℎ𝑖 = altezza dello strato i-esimo;
𝜎′ 𝑖 = pressione efficace alla mezzeria dello strato i-esimo;
2

𝜙𝑖 = angolo d’attrito dello strato i-esimo;


𝐾𝑖 = coefficiente di limitazione dell’aderenza “palo-terreno” strato i-esimo;
Nello specifico:

𝜎𝑣𝑖 𝑡 = 𝜎𝑣(𝑖−1) 𝑡 + ℎ𝑖 ∙ 𝛾𝑖

𝜎𝑤𝑖 𝑡 = 𝜎 𝑓𝑖 ∙ 𝛾𝑤

𝜎′𝑣𝑖 𝑡 = 𝜎𝑣 𝑡 − 𝜎𝑤 𝑡
𝑖 𝑖

In mezzeria dello strato:

𝜎′𝑣𝑚𝑒𝑧𝑧 𝑖 = 𝜎𝑣(𝑖−1)𝑡 + (ℎ𝑖 ∙ ( 𝛾𝑖 − (𝜎𝑤𝑖 − 𝜎𝑤(𝑖−1) )/ ℎ𝑖 ) /2)

𝜑𝑖 ∙ 𝜋
𝜏𝑖 = 𝑐′𝑖 + 𝜎′𝑣𝑚𝑒𝑧𝑧 𝑖 ∙ 𝐾 ∙ 𝑡𝑔 ( )
180

𝑄𝑠𝑖 = 𝜏𝑖 ∙ ℎ𝑖 ∙ 𝐷 ∙ 𝜋
𝑛
𝑄𝑠𝑡𝑜𝑡 = ∑ 𝑄𝑠𝑖
𝑖=1

82
3.3 CEDIMENTO DI UN PALO ISOLATO
La valutazione del cedimento di un palo isolato potrebbe rivestire in sé scarsa
rilevanza applicativa, essendo il compito di un palo quello di trasportare i carichi a
strati di terreno aventi caratteristiche meccaniche tali da rendere trascurabili i
cedimenti. Il focus risiede nel fatto che l’analisi del comportamento del palo isolato
rappresenta il punto di partenza per l’analisi di una palificata, che può invece
manifestare cedimenti significativi (Terzaghi e Peck,1967).
Anche in questo caso va ugualmente premesso che il comportamento di una
fondazione su pali è influenzato molto più dai dettagli costruttivi che dai parametri
del terreno, e, per questo motivo, lo strumento più efficace rimane pur sempre la
prova di carico. I risultati di tali prove dimostrano in generale un comportamento
non lineare, dovuto anche a scorrimenti relativi locali, già in presenza di bassi livelli
di carico, per cui i modelli lineari risultano affidabili solo in presenza di carichi
monotoni e se si introduce quindi un modulo equivalente, che colga gli effetti della
non linearità.
In seguito si riportano le soluzioni ottenibili dall’assunzione che il palo sia immerso
in un mezzo elastico continuo (ma non necessariamente omogeneo), analizzando
dapprima il caso di palo rigido.

3.3.1 Palo rigido


Si giunge alla soluzione di cedimento verticale tramite considerazioni di equilibrio
tra l’interfaccia palo-terreno e a distanza radiale R.
Il carico è trasferito dal fusto del palo al terreno circostante, con variazioni
trascurabili della tensione verticale.
Quindi per equilibrio abbiamo:
τ ∙ 𝑅 = 𝜏0 ∙ 𝑅0 (Eq. 18)
dove 𝜏0 e τ sono le tensioni tangenziali all’interfaccia e a distanza radiale R.
Se w è il cedimento verticale del palo, la deformazione di taglio può esprimersi
nella forma:
83
𝑑𝑤
γ≅
𝑑𝑟

Ponendo ( 𝛾⁄𝜏⁄𝐺 ) e combinando con le precedenti equazioni si ottiene:


𝑅 𝜏0 ∙ 𝑅0 𝜏0 ∙ 𝑅0 𝑅𝑚
w = ∫𝑅 𝐿 = ln( ) (Eq. 19)
0 𝐺 ∙𝑅 𝐺 𝑅0

Il 𝑅𝑚 raggio è la distanza alla quale le deformazioni del terreno possono essere


trascurate (detto anche raggio magico, Randolph & Wroth, 1978; e in una stima
𝑅
preliminare cautelativa il termine (ln( 𝑅𝑚 ) ) è sovente assunto pari a 4.
0

Figura 3.34 - stato di sforzo relativo a un elemento di terreno intorno al palo.

La relazione carico-cedimento può essere ottenuta a questo punto osservando che


la resistenza laterale è data dall’espressione:

𝑃𝑙 = 2π𝑅0 L𝜏0 (Eq. 20)

che combinata con l’espressione precedente, fornisce:

𝑃𝑙 𝜋∙𝐿 ∙𝐺
𝐾𝑙 = = (Eq. 21)
𝑤 2

Per quanto concerne la portata di base, un’analoga relazione è data dalla soluzione
relativa a una piastra rigida interagente con un semispazio elastico (Timoshenko e
Goodier, 1970):

84
𝑃𝑏 4 𝑅𝑏 𝐺𝑏
𝐾𝑏 = = (Eq. 22)
𝑤 ( 1− 𝜈 )

La relazione tra carico totale e cedimento (rigidezza del palo) si ottiene osservando
semplicemente che, per l’ipotesi di palo rigido, i cedimenti della base e lungo il
fusto devono essere uguali:

𝑃𝑝𝑎𝑙𝑜 𝑃𝑏 + 𝑃𝑙 1 4 𝑅𝑏 𝐺𝑏
𝐾𝑝𝑎𝑙𝑜 = = 𝐾𝑏 + 𝐾𝑙 = = (𝜋𝐿𝐺) + (Eq. 23)
𝑤 𝑤 2 ( 1− 𝜈 )

Ed in generale, in caso di terreno stratificato, si avrà:

𝑃𝑝𝑎𝑙𝑜 1 4 𝑅𝑏 𝐺𝑏
𝐾𝑝𝑎𝑙𝑜 = = ∑𝑛𝑖=1 (𝜋𝐿𝐺) + (Eq. 25)
𝑤 2 ( 1− 𝜈 )

Dove:
- 1 =1,2, 3…n (n= numero strati);
- 𝐿𝑖 = altezza strato;
- 𝐺𝑖 = modulo di rigidezza a taglio dello strato i-esimo;
- 𝑅𝑏 = raggio alla base del palo;
- 𝐺𝑏 = modulo di rigidezza a taglio alla base del palo;
- 𝜈 = coefficiente di Poisson.
Un ulteriore metodo per il calcolo dei cedimenti è quello introdotto da Poulos, 1974,
il quale ha studiato il comportamento di un palo, rigido per ipotesi, immerso in un
spazio elastico omogeneo ed isotropo.
Per il calcolo dei cedimenti relativi al palo caricato assialmente si utilizza la formula
di seguito riportata:
𝑄
w= 𝐼𝑤 (Eq. 26)
𝐸 ∙𝐿

dove:
- Q = carico assiale applicato alla testa del palo;
- L = lunghezza del palo;
- E = modulo elastico di Young del terreno omogeneo;
- 𝐼𝑤 = fattore d’influenza.
85
Per la stima del fattore d’influenza, 𝐼𝑤 , sono stati introdotti diversi grafici in
relazione al rapporto tra la lunghezza del palo ed uno strato di terreno più rigido
(bed rock), h/L, e per diversi valori del coefficiente di Poisson (ν ).
Si riportano alcuni dei grafici introdotti da Poulos:
In seguito è stata rimossa l’ipotesi di rigidezza infinita del palo ed è stata calcolata
la compressibilità del palo in relazione a quella del suolo attraverso la seguente
formula:
𝐸𝑝
K= 𝐴𝑟
𝐸

Dove:

Figura 3. 35 - cedimento con modulo di Figura 3.36 - cedimento con modulo di


Poisson 0.40 Poisson 0.50

- E = modulo elastico di Young del terreno omogeneo;


- 𝐸𝑝 = modulo elastico di Young del palo;
- 𝐴𝑟 = area della sezione del palo → ( π𝐷2 )/4.
Si riporta l’andamento delle tensioni di taglio all’interfaccia relative al palo
comprimibile in relazione alla rigidezza relativa, alla profondità normalizzata, e ai
cedimenti normalizzati e il grafico relativo al fattore d’influenza per i cedimenti in
testa palo e alla base:

86
Figura 3.38 - fattore d’influenza per i cedimenti in
Figura 3.37 - Compressibilità del palo
testa palo e alla base
effetto sotto sforzo di taglio

3.3.2 Palo flessibile


Relativamente all’assunzione di palo rigido si può osservare che tale ipotesi è
verificata se sussiste la seguente disuguaglianza (Fleming et al.,1985):

𝐿 1 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
≤ √
𝑅0 2 𝐺𝐿

Al contrario, se:

𝐿 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
≤ 3√
𝑅0 𝐺𝐿

il palo può essere considerato di lunghezza infinita, nel senso che in questo caso il
carico non raggiunge la base, ma viene equilibrato dall’attrito del terreno sviluppato
lungo un tratto, definito lunghezza attiva, pari a:

𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
𝐿𝐴 = 3𝑅0 √ (Eq. 27)
𝐺𝐿

87
In quest’ultimo caso la relazione carico-cedimento può essere valutata con
l’espressione approssimata (Fleming et al.,1985):
𝑃𝑝𝑎𝑙𝑜 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
𝐾𝑝𝑎𝑙𝑜 = = π𝑅0 𝐺𝐿𝐴 √ (Eq. 28)
𝑤 𝐺𝐿

Dove:
- 𝐺𝐿 = modulo di rigidezza a taglio medio corrispondente alla lunghezza
attiva;
- 𝐺𝐿𝐴 = modulo di rigidezza a taglio alla base della lunghezza attiva;
In base all’ipotesi iniziale di equilibrio si può osservare come elevate tensioni
tangenziali vengano a svilupparsi al contatto palo-terreno, dando luogo a movimenti
relativi che sono responsabili di una risposta non lineare già in presenza di modesti
carichi.
Avendo imposto ( γ ≅ 𝑑𝑤⁄𝑑𝑟 ), il cedimento del palo è dovuto alle distorsioni
imposte al terreno, ipotesi convalidata anche dall’osservazione che le pressioni
interstiziali sviluppate durante la fase di carico sono modeste, a supporto anche
dell’approccio di calcolo della capacità portante in termini di tensioni efficaci.

3.4 PALO SINGOLO SOLLECITATO DA FORZE


ORTOGONALI ALL’ASSE
Il caricamento di un palo con forze perpendicolari all’asse, quali possono essere
una forza orizzontale o un momento applicati in testa-palo, portano a dover
considerare una condizione di carico non simmetrica su corpi assialsimmetrici quali
sono i pali. Il trasferimento delle sollecitazioni ortogonali considerate, tra palo
esaminato e terreno circostante, si basa sulla resistenza laterale del terreno.
Infatti, nel momento in cui il palo tenta di spostarsi orizzontalmente nella direzione
del carico applicato, origina momento, rotazione o traslazione del palo stesso e
preme il terreno a contatto in cui si generano sollecitazioni di compressione e taglio
(RESISTENZA LATERALE).

88
Questo meccanismo resistente, parallelamente alle tensioni tangenziali che si
generano sul fusto grazie all’attrito tra palo e terreno (RESISTENZA
ATTRITIVA), bilancia le forze orizzontali esterne e permette il soddisfacimento
della condizione di equilibrio del momento del palo.
Il modo più semplice di analizzare un palo soggetto a forze di questo tipo è quello
di far riferimento a un modello di suolo alla Winkler, come se fosse una trave su un
suolo elastico.
Questo approccio è stato ampiamente utilizzato da Reese e Matlock (1956), che ne
hanno mostrato i vantaggi,
rappresentanti soprattutto dalla
possibilità di tener conto della risposta
non lineare del terreno e di variazioni
stratigrafiche. I limiti sono
rappresentati, al solito, dal fatto che il
modulo di reazione non rappresenta
una proprietà del terreno e
dall’impossibilità di utilizzare tale
modello nelle analisi di interazione tra
i pali in gruppo.
Più recentemente Poulos (1971) e
Randolph (1981) hanno risolto il
Figura 3.39 - meccanismo resistente palo con problema nell’ipotesi di mezzo
sollecitazioni ortogonali all'asse.
continuo.
Il comportamento del palo sollecitato da forze perpendicolari all’asse immerso in
un terreno con modulo di Young pari ad E e coefficiente di Poisson ν, dipende dalla
sua flessibilità. Tale caratteristica può essere tenuta in considerazione in termini di
lunghezza adimensionalizzata (Broms, 1964), fattore di flessibilità Kr (Poulos,
1971), o tramite la rigidezza relativa palo-terreno, 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 /𝐺 ∗ (Randolph, 1981).

89
Il modello considerato è quello di Randolph, (1981), il quale, dopo aver eseguito
un lungo studio parametrico, analizzando svariati tipi di terreno e pali con
caratteristiche geometriche e meccaniche diverse, ha riscontrato che l’effetto della
variazione del coefficiente di Poisson (ν) del terreno, può essere rappresentato
considerando un modulo equivalente di taglio (𝐺 ∗ ), definito come:

𝐺 ∗ = 𝐺𝑙𝑐 ∙ (1 + 0.75 𝜈)
2

dove 𝐺𝑙𝑐 è il modulo di taglio del terreno valutato alla profondità 𝑙𝑐 /2.
2

Secondo Randolph, lo spostamento orizzontale (u) e la rotazione (θ) alla testa del
palo (entrambi misurati nella direzione dei carichi applicati) dipende dalla rigidezza
relativa tra palo-terreno (𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 /𝐺 ∗ ) e dalla geometria del palo stesso (L/D ), ( con
L = altezza palo e D = diametro).
Detto ciò, in relazione a questi due parametri, si distinguono tre casi:
1. palo flessibile;
2. palo rigido;
3. comportamento intermedio.
A tal proposito, è stato introdotto il concetto di lunghezza critica (𝑙𝑐 ), che funge da
frontiera per il caso di palo flessibile (che si comporta come fosse infinitamente
lungo). Tale parametro vale:

𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 2⁄ 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 2⁄
𝑙𝑐 = D ∙[[ ] 7 =D∙[ ] 7 (Eq. 29)
𝐺∗ 𝐺𝑙𝑐 ∙(1+0.75 𝜈)
2

I risultati dello studio agli elementi finiti sono riportati nelle seguenti figure:
(nei grafici D=L=lunghezza palo e B=D=diametro palo).

90
Figura 3.40 - relazione carico
cedimento laterale.

Figura 3.41 - relazione momento e rotazione

Figura 3.42 -a) relazione carico laterale-


rotazione; b) relazione momento-cedimento

91
3.4.1 Palo flessibile
Per il caso in cui la lunghezza del palo in esame supera il valore di (𝑙𝑐 ) :
L ≥ 𝑙𝑐
la risposta del palo dipende solo dalla rigidezza relativa palo-terreno (𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 /𝐺 ∗ ) e
dal coefficiente di Poisson del terreno (ν), e non dalla geometria del palo, in
particolare da (L/D). Nelle figure 3.35 e 3.37b la curva tratteggiata corrisponde alla
condizione di uguaglianza della formula di 𝑙𝑐 , dove si può vedere che le previsioni
agli elementi finiti sono effettivamente indipendenti dal rapporto geometrico (L/D),
ogni volta che la condizione (L ≥𝑙𝑐 ) è verificata.

Figura 3.43 - nomenclatura utilizzata

Tale struttura è detta flessibile, e le seguenti espressioni in forma chiusa,


introdotte da Randolph, forniscono approssimazioni accurate per gli spostamenti e
le sollecitazioni:
𝑙 𝑙
u = F ∙ [ 0,27H ( 𝑐 )−1 + 0,3M( 𝑐 )−2 ]
2 2
𝑙 𝑙
θ = F ∙ [ 0,3H ( 𝑐 )−2 + 0,8M( 𝑐 )−3 ∙ √𝜌]
2 2

dove:
𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 1⁄
- F=[ ] 7 ⁄[ 𝜌 ∙ 𝐺𝑙𝑐 ∙ (1 + 0.75 𝜈)];
𝐺𝑙𝑐 ∙(1+0.75 𝜈) 2
2

- 𝜌 = 𝐺𝑙𝑐 ⁄𝐺𝑙𝑐 → grado di eterogeneità;


4 2

- 𝐺𝑙𝑐 modulo di rigidezza a taglio del terreno valutato alla profondità 𝑙𝑐 ⁄2.
2

92
Il massimo momento prodotto dalla forza H è pari a:

𝐻𝑙𝑐
𝑀𝑚𝑎𝑥 = 0.1 (Eq. 31)
𝜌

Tale momento si produce in una sezione posta a 𝑙𝑐 ⁄4 dalla testa del palo, nel caso
di terreno omogeneo, o a 𝑙𝑐 ⁄3 nel caso in cui il modulo del terreno cresca
linearmente con la profondità. Per quanto riguarda invece la distribuzione dei
momenti prodotti da una coppia applicata in testa, si può assumere una variazione
lineare, che si smorza in corrispondenza di una sezione posta ad una distanza pari
alla lunghezza critica.
Se il palo ha l’estremità impedita di ruotare, imponendo la condizione di rotazione
nulla si può ottenere il massimo momento in testa e di conseguenza anche lo
spostamento massimo, i cui valori assumono:

0.375𝐻𝑙𝑐 0.11 𝑙
𝑀𝑖𝑛𝑐. = −0.5 u = F ∙ (0,27 - ) H ( 𝑐 )−1 (Eq. 32; Eq. 33)
√𝜌 √𝜌 2

Randolph ha verificato l’esattezza di tali relazioni nei seguenti intervalli dei


parametri considerati:

102 ≤ 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 ⁄𝐸 ≤ 106 e 𝐿⁄ ≥ 10


𝐷

Studi posteriori da parte di Carter & Kulhawy (1990), hanno allargato questi
intervalli:

1 ≤ 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 ⁄𝐸 ≤ 106 e 𝐿⁄ ≥ 1
𝐷

3.4.2 Palo rigido


Nel caso di palo rigido gli spostamenti del palo non dipendono dalla rigidezza
relativa palo-terreno (𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 /𝐺 ∗ ), ma solo dal rapporto geometrico del palo (L/D) e
dal coefficiente di Poisson del terreno.

93
Le curve tratteggiate nelle figure 3.35 e 3.37a, indicano che un palo si comporta
come corpo rigido quando:
𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 1⁄
𝐿 ≤ D ∙ 0.05 ( ) 2 ≤ 106
𝐺∗
𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
𝐺∗ ⁄ ≥ 100
𝐷 2
( )
2𝐿

Con sufficiente approssimazione lo studio di Carter & Kulhawy (1990) porta a


considerare le seguenti relazioni:

𝐻 2ℎ −1⁄ 𝑀 2ℎ −7⁄
u = 0,4 ( )( ) 3+ 0,3( )( ) 8 (Eq.34)
𝐺 ∗ +𝐷 𝐷 𝐺 ∗ +𝐷2 𝐷

𝐻 2ℎ −7⁄ 𝑀 2ℎ −5⁄
θ = 0,3 ( )( ) 8+ 0,8( )( ) 3 (Eq. 35)
𝐺 ∗ +𝐷2 𝐷 𝐺 ∗ +𝐷2 𝐷

Forme appropriate di queste equazioni sono rappresentate come curve continue


nelle figure 3.11 e 3.13b, dove si può notare un sufficiente accordo con la soluzione
agli elementi finiti. Siccome il palo si muove come un corpo rigido è interessante
introdurre la relazione da cui si ricava il valore della profondità del centro di
rotazione del palo (𝑍𝑐 ) intorno al quale ruota:
−1⁄
𝐻 2ℎ 3 𝑀 2ℎ −7⁄
𝑍𝑐 0,4 (𝐺∗ +𝐷)( 𝐷 ) + 0,3( ∗ 2 )( 𝐷 ) 8
𝐺 +𝐷
= −7⁄ (Eq. 36)
𝐷 𝐻 2ℎ 8 𝑀 2ℎ −5
0,3 ( ∗ 2 )( 𝐷 ) + 0,8( ∗ 2 )( 𝐷 ) ⁄3
𝐺 +𝐷 𝐺 +𝐷

dove e = 𝑀⁄𝐻 eccentricità verticale della forza orizzontale applicata.

L’accuratezza di tali espressioni è verificata nel seguente range di parametri:


𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
⁄ ≥1
𝐸 𝑒 1 ≤ 𝐿⁄𝐷 ≤ 10

94
3.4.3 Comportamento intermedio
Il palo ha comportamento intermedio, quando la lunghezza del palo è delimitata
come segue:
𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 1⁄ 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 2⁄
0,05 D ( ) 2 <L<D( ) 7
𝐺∗ 𝐺∗

Le figure 3.11 e 3.13 mostrano che, in questo caso, le previsioni agli elementi finiti
sono quasi sempre maggiori delle previsioni per palo flessibile e per palo rigido e,
tipicamente, gli spostamenti per il caso intermedio superano il massimo delle
previsioni degli altri due casi di non più del 25%. Per semplicità, senza sacrificare
troppa accuratezza, si suggerisce che gli spostamenti nel caso intermedio debbano
essere adottati 1,25 volte il massimo di entrambi:
1. lo spostamento predetto di un palo rigido con lo stesso rapporto geometrico
(L/D) del palo reale;
2. lo spostamento predetto di un palo flessibile con la stessa rigidezza relativa
(𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 /𝐺 ∗ ) del palo reale.
I valori calcolati in questo modo, nella maggior parte dei casi, sono leggermente
maggiori di quelli dati da una più rigorosa analisi agli elementi finiti per pali nella
condizione intermedia.

3.4.4 Metodo di Gibson


Nel caso generale, in cui ci si trova di fronte ad un terreno stratificato, e si deve
calcolare il valore della lunghezza critica:
𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜
𝑙𝑐 = D ∙ ( )=D∙( ) (Eq. 37)
𝐺∗ 𝐺𝑙𝑐 ∙(1+0.75 𝜈)
2

si intuisce che nella formula compare il valore di 𝐺𝑙𝑐 che è il modulo di taglio alla
2

𝑙
profondità 𝑐, valore il quale deve ancora essere calcolato.
2

È necessario, quindi, introdurre un procedimento iterativo che porti ad una


approssimazione del valore di 𝑙𝑐 che ad ogni step conduca ad una miglior stima del
parametro. Tale procedimento è stato studiato da Gibson, (1967), che ha preso in
95
considerazione un mezzo eterogeneo con modulo elastico variabile linearmente con
la profondità. Per terreni con proprietà fisiche relativamente uniformi, una
variazione continua può essere espressa da una funzione del modulo elastico del
tipo:
𝐸𝑧 = 𝐸0 + 𝑘𝑒 ∙ 𝑧 𝑛
conservando l’ipotesi di indipendenza del modulo di Poisson, ν, dalla profondità
z. In essa 𝐸0 è il modulo di deformazione in corrispondenza del limite del
semispazio (z=0), 𝑘𝑒 è il gradiente della variazione del modulo con la profondità
z. Sia il coefficiente 𝑘𝑒 che l’esponente n sono indici caratteristici del terreno, in
particolare n=1 in terreni coesivi normalmente consolidati, essendo E
proporzionale a 𝜎′𝑣0 e quindi a z.
Nel caso in esame è necessario sostituire nella formula introdotta da Gibson i
moduli elastici con i moduli di taglio G, e lo si può fare attraverso la relazione
della teoria dell'elasticità:
𝐸
G=
2 ∙(1+𝜈)

Ottenendo:
𝐺𝑧 = 𝐺0 + 𝑘𝑒 ∙ 𝑧
Tale equazione, che è la retta interpolante i moduli di taglio per ogni strato, è la
relazione che serve per far iterare la formula di 𝑙𝑐 sino ad ottenere una variazione,
tra uno step e l’altro, sufficientemente piccola. Come valore di partenza per 𝑙𝑐 si
può assumere un valore di circa 10 metri.

96
3.5 COMPORTAMENTO DEI PALI IN GRUPPO CARICATI
VERTICALMENTE
Nella maggior parte dell’applicazioni delle fondazioni profonde, tipo i pali di
fondazione, vengono utilizzate in gruppo. La distanza minima fra i pali di un gruppo
non dovrebbe essere inferiore a tre volte il diametro.
A causa dell’interazione fra i pali costituenti un gruppo, il comportamento di un
palo del gruppo, sia in termini di rigidezza sia in termini di resistenza, non è eguale
al comportamento del palo isolato. L’interazione fra i pali del gruppo dipende da
molti fattori, i principali dei quali sono la distanza fra i pali, le modalità di messa in
opera dei pali, la natura del terreno di fondazione, l’entità dei carichi applicati, il
tempo.
Viene Denominata “efficienza del gruppo di pali” il rapporto tra il carico limite del
gruppo 𝑄𝐿𝐼𝑀,𝐺 e la somma dei carichi limite dei singoli pali che lo compongono, ad
indicare la perdita di resistenza rispetto a quella disponibile per meccanismo
individuale, ovvero esprime qual è la resistenza che un gruppo di pali mette a
disposizione rispetto a quella che deriverebbe dalla somma delle singole resistenze:
𝑄𝐿𝐼𝑀,𝐺
𝜂𝑔 = 𝑛
∑𝑖=1 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝑖
Indicato con 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝑖 il carico limite dello i-esimo palo costituente il gruppo e
nell’ipotesi di pali identici 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺 = N ∙ 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝑖 .
L’efficienza del gruppo di pali può essere maggiore, eguale o minore di 1, ma la
Normativa impone di assegnare a 𝜂𝑔 valori non superiori ad 1.
Mettendo insieme tutti i dati sperimentali relativi alla rottura di gruppi di pali in
terreni granulari, sabbie, e riportando su un asse l’interasse diviso il diametro, e
sull’altro asse l’efficienza del gruppo di pali, si scopre che l’efficienza è sempre
superiore all’unità (η >1).
Infatti, in terreni granulari se si ha a che fare con pali infissi, ossia a spostamento
di terreno, l’esecuzione di un palo, a meno di casi particolari, determina un
miglioramento delle caratteristiche meccaniche del terreno, perché si determina un
97
incremento di stato tensionale in direzione orizzontale e un incremento della densità
relativa (diminuzione della porosità del terreno).
Il carico limite del palo singolo non è lo stesso nel caso in cui quello stesso
palo in quello stesso terreno fa parte di una palificata, perché la successiva battitura
degli altri pali, soprattutto quelli nelle immediate vicinanze del palo stesso,
continuerà a determinare un successivo e progressivo miglioramento, pertanto il
carico limite di quel palo continuerà a crescere (maggiormente con l’infissione dei
pali ad esso vicini e poi in maniera sempre minore in conseguenza dell’esecuzione
di tutti gli altri pali più lontani), al punto tale da conferire al
terreno una densità tale da non riuscire più a battere i pali nel terreno.
Questo lascia chiaramente intendere come la progressiva battitura di più pali può
determinare un miglioramento delle caratteristiche meccaniche del terreno nel quale
un palo è infisso e, di conseguenza, un aumento del carico limite di quel palo.
Per terreni a grana fina, l’efficienza è più o meno, sistematicamente, inferiore
all’unità (η < 1). Si nota che al crescere di s/d, η tende ad 1.
Per i valori minimi di interasse usualmente adottati in progetto (s/d ≥ 3), risulta:

0,70 ≤ 𝜂 ≤ 0,90

Per capire perché l’efficienza in terreni a grana fina è inferiore all’unità si pensi ai
pali ad asportazione di terreno: si esegue un foro nel terreno supponendo che non
fa cedere le pareti del foro stesso.
Lo scavo effettuato ha creato una riduzione di stato tensionale totale, di
conseguenza, il terreno avrebbe voluto dilatarsi ma non può perché è in condizioni
non drenate per cui provoca l’insorgere di depressioni neutre.
In questo modo il terreno tende ad adsorbire l’acqua presente nel cls facendo
aumentare il proprio contenuto d’acqua e quindi il volume.
Noto che in CND la resistenza a taglio del terreno 𝑐𝑢 diminuisce all’aumentare del
contenuto d’acqua (diminuiscono le tensioni efficaci), nel caso in esame si è ridotta
la resistenza a taglio all’interfaccia palo-terreno e di conseguenza l’efficienza (la

98
riduzione di cu rispetto a quella iniziale del palo singolo si traduce empiricamente
attraverso valori dell’efficienza inferiori all’unità).
Questo fenomeno si esalta di più nel gruppo di pali, e maggiormente quanto più essi
sono vicini, ciò perché è maggiore la quantità d’acqua che il terreno può adsorbire
dal cls di tutti i pali costituenti la palificata.
Man mano che i pali si avvicinano viene inibito lo scorrimento relativo palo-terreno
che consente la mobilitazione delle resistenze, cioè se le distanze sono molto ridotte
(s/d < 6), il terreno “sprofonda” insieme ai pali come un unico solido. Il blocco di
terreno che tende a sprofondare subirà l’opposizione del terreno esterno creando,
dunque, un attrito non più palo-terreno bensì terreno-terreno. Nasce così il
meccanismo di rottura a blocco che vede i pali
rompersi come unico blocco costituito dai pali e da tutto il terreno tra essi compreso,
formando un parallelepipedo sulle cui superfici laterali e alla base resiste il terreno.
Viene indicato con 𝑞𝑠 la resistenza tangenziale limite all’interfaccia blocco-terreno
e con 𝑞𝑏 la tensione normale limite alla base del blocco, si avrà un carico limite del
blocco pari all’integrale di 𝑞𝑠 sulle 4 facce e l’integrale delle 𝑞𝑏 sulla base. La
rottura a blocco avviene quando la resistenza del palo singolo è inferiore a quella
del gruppo.
In terreni granulari:
𝑞𝑏 = 𝑁𝑞 ∙ 𝜎 ′ 𝑉𝐿 + 0,40 ∙ 𝑁𝛾 ∙ 𝛾 ∙ 𝐵1
𝑞𝑠 (𝑧) = 𝐾0 ∙ 𝜎 ′ 𝑉𝑧 ∙ 𝑡𝑔𝛿
Dove:
- 𝐾0 è il coefficiente di spinta a riposo;
- 𝛿 è pari a φ l’attrito terreno-terreno;
- 𝐵1 è la minore delle dimensioni della base del blocco.
La formula del carico limite alla base 𝑞𝑏 ha una struttura del tutto analoga alla
formula trinomia della fondazione superficiale, dove la principale differenza sta nel
0,4 al posto di 0,5 dovuto anche al fatto che rispetto alla fondazione superficiale la
base del blocco è molto più approfondita.
99
La resistenza totale del blocco sarà:

𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 = 𝑞𝑏 ∙ 𝐵1 ∙ 𝐵2 + 𝑞𝑠 ∙ 2 ∙ (𝐵1 + 𝐵2 ) ∙ 𝐿 (Eq. 38)

valori della 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 a cui si giunge sono superiori alla resistenza che si ottiene
sommando le resistenze di ogni singolo palo con efficienza unitaria (η = 1) 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺
= N ∙ 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝑖 perché in terreni granulari l’efficienza è sempre maggiore di 1 mentre
in questo caso si è assunto per ignoranza cautelativa η = 1.
Poiché, quando la natura individua due possibili meccanismi (blocco e individuale)
quello che si verifica è sempre quello per il quale si compie il minor lavoro cioè si
rompe per la minor resistenza, nelle verifiche SLU si assume 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺 .
In definitiva, i motivi per cui si considera 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺 invece di 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 sono
sostanzialmente 2:
1. Per ignoranza cautelativa si considera η = 1 anche se per terreni granulari η
> 1;
2. Si mobilita prima la 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺 perché è minore rispetto a 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 .
Per i terreni a grana fina, quindi in condizioni non drenate, le resistenze mobilitate
vengono considerate come segue:
𝑞𝑏 = 𝜎𝑉𝐿 + 𝑁𝑐 ∙ 𝑐𝑢
𝑞𝑠 (𝑧) = α ∙ 𝑐𝑢
Dove:
- 𝑁𝑐 fattore di capacità portante, valutata come 𝑁𝑐 = 5 ∙ (1 + 0,2 ∙
(𝐵1 ⁄𝐵2 )) ∙ [1 + 0,2 ∙ (𝐿⁄𝐵1 )];
- α è pari a 1 per l’attrito da contatto terreno-terreno;
𝑁𝑐 valutato con la formula precedente, per valori di L/B1 = 2 e B1 = B2, assume
valori circa pari a 9, ovvero assume la connotazione di un palo enorme; siccome è
buona norma non avere valori di Nc maggiori di 9, il termine evidenziato in graffa
non deve eccedere 1,5.

100
In presenza di terreni a grana fina è difficile capire a priori quale tra 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐺 e
𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 sia la minore ossia quella vincolante nel progetto; è pertanto preferibile
procedere sempre con la doppia verifica e si sceglie la minore tra le due perché è
quella che si mobilita per prima.
Se si dovesse verificare che 𝑅𝐶𝑎𝑙,𝐵𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 sia la minima e non soddisfa le verifiche
SLU è inutile aggiungere pali poiché il blocco rimane comunque invariato, quindi
si aumenta la lunghezza dei pali perché così facendo aumenta 𝜎𝑉𝐿 e cu in quanto
essi aumentano con la profondità (man mano che ci si spinge in profondità aumenta
la resistenza del terreno.

3.6 INTERAZIONE TRA PALI SOTTO AZIONI VERTICALI


Il problema dell’interazione tra pali in gruppo caricati verticalmente è stato trattato
da Butterfield&Douglas (1981), il quale ha condotto uno studio parametrico
variando la distanza reciproca dei pali.

Figura 3.44 - Schema di riferimento

In una schematizzazione generica di una fondazione profonda formata da un gruppo


di pali e si prenda di riferimento un palo che si trova ad una distanza s < 𝑟𝑚 rispetto
ad un altro palo, si nota che esso subirà cedimenti anche se scarico in conseguenza
dei fenomeni di interazione. Si definisce coefficiente di interazione α il rapporto tra
il cedimento del palo scarico e il cedimento del generico palo sollecitato. La
funzione α è generalmente decrescente con il carico applicato.

101
Figura 3.45 - Andamento del rapporto tra il
cedimento del palo scarico e il cedimento del
generico palo sollecitato

La definizione di coefficiente di interazione non è del tutto veritiera, poiché


l’interazione tra pali attraverso un coefficiente anziché attraverso una funzione è
restrittivo e non coglie effettivamente l’aspetto preso in esame.
Se invece di definire il coefficiente di interazione tra pali come fatto, lo si definisce
sempre come rapporto del cedimento subito dal palo scarico e la componente
elastico-lineare del cedimento subito dal palo sollecitato (dividendo il cedimento
del palo scarico nella componente elastica lineare ed in quella non lineare), poiché
ciò rappresenta il rapporto tra due rette, chiaramente il coefficiente di interazione
assume un valore costante (α = cost) e pari al rapporto tra i due coefficienti angolari.

Figura 3.46 - Andamento del rapporto tra il


cedimento del palo scarico e la componente
elastica del cedimento del generico palo
sollecitato

Lo sviluppo della non linearità è una cosa che appartiene al palo caricato e che
avviene all’interfaccia ed è dovuto al fatto che man mano che si applica il carico

102
vengono coinvolte parti di palo sempre più profonde (si mobilitano
progressivamente le resistenze unitarie limite in profondità);
l’altro palo invece è ad una certa distanza e siccome τ = τ0·r0/r le tensioni
tangenziali decrescono molto rapidamente, quindi già a brevissime distanze dal palo
caricato il terreno si trova a campi di sollecitazione e di deformazione talmente
piccoli da poter essere ragionevolmente immaginabili di tipo elastico.
Poiché il palo caricato farà parte di una palificata costituita da N pali, se si vuole
considerare il contributo di tutti gli N-1 pali al cedimento w1 e si vogliono
sovrapporre gli effetti, per poter applicare il principio di sovrapposizione degli
effetti è necessaria la validità dell’ipotesi di elasticità.
Si può far dunque riferimento alla teoria di Randolph e Wroth, dove:

𝑄 2 ∙ 𝜋 ∙𝐺 ∙𝐿 𝑟
w= con 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 = e 𝜉 = ln ( 𝑚 )
𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 𝜉 𝑠

Dalle espressioni precedenti, se si considerano due pali identici aventi stessa 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 ,
e per semplicità si immagini che il palo scarico abbia prodotto un cedimento ad una
distanza s pari ad α volte il suo cedimento; se ci fosse un palo situato a tale distanza
esso cederebbe della stessa quantità per congruenza.
Se i due pali sono caricati nello stesso modo, ogni palo da solo cederebbe della
quantità, ma per la presenza dell’altro palo lo farà cedere di:

𝑄
w= ∙ (1 + 𝛼𝑖𝑗 ) (Eq. 39)
𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜

Dove il coefficiente 𝛼𝑖𝑗 dipenderà dalla distanza 𝑠𝑖𝑗 tra il palo i e j, ed è considerato
nel seguente modo:

𝑤𝑠 𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑠) [𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 ) ∙ (𝑟𝑜 ⁄𝑠)] [𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 )+ 𝑙𝑛(𝑟0 ⁄𝑠)] 𝑙𝑛(𝑠⁄𝑟𝑜 )
𝑤𝑠 = = = = =1 − =
𝑤𝑟𝑜 𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 ) 𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 ) 𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 ) 𝑙𝑛(𝑟𝑚 ⁄𝑟𝑜 )

𝑙𝑛(𝑠⁄𝑟𝑜 )
Di conseguenza: 𝛼𝑖𝑗 1 -
𝜉

Un gruppo di N pali identici (L, d, 𝑑𝑏 , 𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 ), identicamente caricati ed immersi

103
nello stesso terreno, potendo applicare il principio di sovrapposizione degli effetti,
si possono sommare tutti gli effetti, quindi il cedimento del palo i-esimo di questo
gruppo è pari a:
𝑄
𝑤𝑖 = ∙ ∑𝑁
𝑗=1(1 + 𝛼𝑖𝑗 ) (Eq. 40)
𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜

Il cedimento medio del gruppo di pali è pari alla media dei valori riferiti ad ogni
palo:

𝑄 ∑𝑖 ∑𝑗 (1+ 𝛼𝑖𝑗 )
𝑤𝐺 = ∙ (Eq. 41)
𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 𝑁

Per tener conto degli effetti di interazione tra i pali del gruppo, è noto in letteratura
come fattore di spostamento medio, 𝑅𝑠 , che rappresenta il coefficiente da applicare
al cedimento del palo singolo:

𝑤𝐺 = 𝑅𝑠 ∙ 𝑤𝑠 con 1 < 𝑅𝑠 < N

Si definisce efficienza 𝜂𝑤 (Butterfield & Douglas, 1981), la rigidezza del gruppo di


pali diviso N volte la rigidezza del palo singolo:

𝐾𝐺 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜
𝜂𝑤 = con 𝐾𝐺 =
𝑁 ∙ 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 1+ 𝛼𝑖𝑗

Quindi un gruppo di N pali di rigidezza 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 non avrà rigidezza pari a N·𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜
poiché ognuno dei pali avrà una riduzione di rigidezza dovuta ai fenomeni di
interazione. Tali fenomeni, infatti, provocano un aumento dei cedimenti e di
conseguenza una riduzione della rigidezza.
Detta, dunque, 𝐾𝐺 la rigidezza del gruppo ed N·𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 la rigidezza ideale che
avrebbe il gruppo senza interazioni, il loro rapporto rappresenta l’efficienza del
gruppo che ovviamente ci si aspetta essere minore di 1.
Un ulteriore considerazione è quella di considerare l’efficienza come rapporto di
cedimenti, infatti se si considera 𝐾𝐺 definito come il carico applicato sul gruppo di
pali diviso il suo cedimento e la rigidezza del singolo palo, come il rapporto tra il
carico applicato e il cedimento del palo i-esimo considerato isolato, e considerato
104
un gruppo di N pali identici, quindi con la stessa 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 , identicamente caricati in
maniera tale da poter dire che il carico sul gruppo è N volte il carico su ogni palo,
sviluppando i vari passaggi, si desume:

𝑄𝐺 𝑁 ∙ 𝑄𝑠 1
𝐾𝐺 𝑤𝐺 𝑤𝐺 𝑤𝐺 𝑤𝑠
𝜂𝑤 = = 𝑄 = 𝑄 = 1 =
𝑁 ∙ 𝐾𝑃𝑎𝑙𝑜 𝑁 ∙ 𝑤𝑠 𝑁 ∙ 𝑤𝑠 𝑤𝑠
𝑤𝐺
𝑠 𝑠

Ed essendo 𝑤𝐺 = 𝑅𝑠 ∙ 𝑤𝑠 , si ha:
𝑤𝑠
𝜂𝑤 = (Eq. 42)
𝑤𝐺

L’efficienza di una palificata, dunque, a parità di ogni altra condizione, decresce al


crescere del numero dei pali, poiché 𝑅𝑠 è compreso tra 1 ed N, e 𝜂𝑤 è compreso tra
1/N (che all’aumentare del numero di pali tende a 0) ed 1, a meno che i pali siano
tutti distanti più del raggio magico.
Il concetto di efficienza consente l’estensione di studi parametrici: si è visto che
con riferimento al palo singolo assegnati alcuni parametri, tramite la teoria di
Randolph era possibile costruire abachi in funzione di come cambiavano i vari
parametri in gioco (ζ, ρ, λ, η e 𝑟𝑏 ).
Assegnando un set di parametri (ν, λ, ρ, L/d e s/d), Butterfield&Douglas espressero
l’efficienza nel seguente modo:
𝜂𝑤 = 𝑁 −𝑎 (Eq. 43)

dove “a” è un coefficiente che è il prodotto di cinque coefficienti variabile con i


parametri in gioco. Se questi ultimi hanno valori diversi da quelli fissati si utilizzano
altri abachi che forniscono i coefficienti correttivi.
Analizzando i campi di variazione di questi coefficienti si può dire, in prima
approssimazione (visto che variano relativamente poco) che il valore di a è
generalmente intorno a 0,50, in questo modo si ha:
α ≈ 0,50 → 𝜂𝑤 = 𝑁 0,5 → 𝑅𝑠 ≈ 𝑁 0,5

105
Inoltre, assumendo α ≈ 0,50, considerando l’espressione della rigidezza del gruppo
dei pali, si afferma che cresce con il numero dei pali, ma in maniera meno che
proporzionale ad essi.
𝐾𝐺 = 𝐾𝑠 ∙ 𝑁 ∙ 𝜂𝑤 = 𝐾𝑠 ∙ 𝑁 (1−𝑎) = 𝐾𝑠 ∙ √𝑁 (Eq. 44)

Ovviamente questo è il fattore di amplificazione medio che vale per una palificata
di N pali identici ugualmente caricati e nelle ipotesi in cui vale il metodo di
Randolph, ossia terreno a comportamento elastico lineare, ancorché con rigidezza
variabile con la profondità, con palo di rigidezza finita caratterizzato da un rapporto
λ = 𝐸𝑝/𝐺𝑙 diverso da infinito.

3.7 INTERAZIONI DEI PALI IN GRUPPO CARICATI


ORIZZONTALMENTE
Il problema dell’interazione tra pali in gruppo caricati da forze orizzontali e
momenti è stato trattato da Poulos, il quale ha condotto uno studio parametrico
variando il rapporto s/d (interasse tra i pali adimensionalizzata), il parametro 𝐾𝑅
(fattore di flessibilità del palo=(𝐸𝑝𝑎𝑙𝑜 𝐼𝑝𝑎𝑙𝑜 ⁄𝑅 𝐿4 ).

Figura 3.47 - Interazione tra due pali identici caricati ortogonalmente all’asse.

106
L’aumento negli spostamenti e nelle rotazioni alla testa del palo, dovuto alla
presenza di un palo adiacente con le stesse caratteristiche, può essere espresso,
come nel caso di pali caricati assialmente, da un fattore d’interazione α:
Def:” rapporto di incremento degli spostamenti (o rotazioni), a causa della
presenza del palo adiacente, in confronto allo spostamento (o rotazione) del palo
singolo” (Poulos,1971)
Sono considerati cinque fattori:
1. 𝛼𝑝𝐻 = fattore d’interazione per spostamenti dovuti a solo carico orizzontale;
2. 𝛼𝑝𝑀 = fattore d’interazione per spostamenti dovuti a solo momento;
3. 𝛼𝜃𝐻 = fattore d’interazione per rotazioni dovute a solo carico orizzontale
(𝛼𝜃𝐻 = 𝛼𝑝𝑀 );
4. 𝛼𝜃𝑀 = fattore d’interazione per rotazioni dovute a solo momento;
5. 𝛼𝑝𝐹 = fattore d’interazione per spostamento di pali incastrati in testa;
I valori di tali fattori sono rappresentati nei seguenti grafici in rapporto all’interasse
tra i pali adimensionalizzata (s/d), per diversi valori di 𝐾𝑅 e L/D.
Si riportano i grafici relativi a 𝐾𝑅 = 10−3 , sul testo di Poulos (“Elastic Solution for
Soil and rock Mechanics”,1974) sono presenti grafici relativi a valori 𝐾𝑅 = 10−5 ;
10−3 ; 10; 0,1.

107
Figura 3.48 - a) Fattori d'interazione 𝛼𝑝𝐻 Figura 3.49 - b) Fattori d'interazione 𝛼𝑝𝑀
(Kr= 10^-3) (Kr= 10^-3)

Figura 3.50 - a) Fattori d'interazione 𝛼𝑝𝐹 Figura 3.51 - b) Fattori d'interazione 𝛼𝜃𝐹
(Kr= 10^-3) (Kr= 10^-3)

Lo spostamento orizzontale di un palo i in un gruppo di n pali è dato (per il caso di


palo libero di ruotare in testa) da:
𝜌𝑖 = 𝜌𝐻 ( ∑𝑛𝑗=1,𝑗 ≠𝑖 𝐻𝑗 ∙ 𝛼𝜌𝐻𝑖𝑗 + 𝐻𝑖 ) + 𝜌𝑀 ( ∑𝑛𝑗=1,𝑗 ≠𝑖 𝑀𝑗 ∙ 𝛼𝜌𝑀𝑖𝑗 + 𝑀𝑖 ) (Eq. 45)

Dove:
- 𝐻𝑗 = carico orizzontale nel palo j;
- 𝛼𝜌𝐻𝑖𝑗 = valore di 𝛼𝑝𝐻 per passo e valore β tra i pali i e j;
108
- 𝜌𝐻 = spostamento orizzontale del palo singolo dovuto al carico unitario
orizzontale applicato;
- 𝑀𝑗 = momento palo j;
- 𝛼𝜌𝑀𝑖𝑗 = valore di 𝛼𝑝𝑀 per passo e valore β tra i pali i e j;

- 𝜌𝑀 = spostamento orizzontale del palo singolo dovuto al momento


applicato;
Un’espressione simile può essere scritta per la rotazione del palo i, o per gli
spostamenti dei pali i per un gruppo di pali incastrati in testa.
L’applicazione della suddetta equazione per tutti i pali del gruppo, assieme alle
equazioni di equilibrio, consentono di ottenere dalla distribuzione del carico e del
momento sia gli spostamenti sia le rotazioni del gruppo per il caso di ugual
spostamento, oppure per la distribuzione di spostamenti e rotazioni del gruppo per
il caso di ugual carico (o momento).
Per il caso di carico con momento flettente in testa, l’effetto dei carichi assiali sul
palo deve essere considerato.

3.8 ANALISI DELLA NORMATIVA VIGENTE


Il progetto di una fondazione su pali deve comprendere la scelta del tipo di palo e
delle relative tecnologie e modalità di esecuzione, il dimensionamento dei pali e
delle relative strutture di collegamento, tenendo conto degli effetti di gruppo tanto
nelle verifiche SLU quanto nelle verifiche SLE.
In linea generale, le verifiche dovrebbero essere condotte a partire dai risultati di
analisi di interazione tra il terreno e la fondazione costituita dai pali e dalla struttura
di collegamento (fondazione mista a platea su pali) che porti alla determinazione
dell’aliquota dell’azione di progetto trasferita al terreno direttamente dalla struttura
di collegamento e di quella trasmessa dai pali.
Nei casi in cui l’interazione sia considerata non significativa o, comunque, si ometta
la relativa analisi, le verifiche SLU e SLE, condotte con riferimento ai soli pali,
dovranno soddisfare quanto riportato in seguito.
109
3.8.1 Verifiche agli stati limite ultimi (SLU)
Nelle verifiche di sicurezza devono essere presi in considerazione tutti i meccanismi
di stato limite ultimo, sia a breve sia a lungo termine.
Gli stati limite ultimi delle fondazioni su pali fanno riferimento allo sviluppo di
meccanismi di collasso determinati dalla mobilitazione della resistenza del terreno
e al raggiungimento della resistenza degli elementi strutturali che compongono la
fondazione stessa. Nel caso di fondazioni posizionate su o in prossimità di pendii
naturali o artificiali deve essere effettuata la verifica con riferimento alle condizioni
di stabilità globale del pendio includendo nelle verifiche le azioni trasmesse dalle
fondazioni.
Le verifiche delle fondazioni su pali devono essere effettuate con riferimento
almeno ai seguenti stati limite, quando pertinenti:
 SLU di tipo geotecnico (GEO)
a) collasso per carico limite della palificata nei riguardi dei carichi assiali;
b) collasso per carico limite della palificata nei riguardi dei carichi
trasversali;
c) collasso per carico limite di sfilamento nei riguardi dei carichi assiali
di trazione;
d) stabilità globale;
 SLU di tipo strutturale (STR)
a) raggiungimento della resistenza dei pali;
b) raggiungimento della resistenza della struttura di collegamento dei pali,
accertando che la condizione Ed ≤ Rd (carico di progetto maggiore delle
resistenze di progetto), sia soddisfatta per ogni stato limite considerato.
Le restanti verifiche devono essere effettuate, tenendo conto dei valori dei
coefficienti parziali riportati nelle Tabelle, seguendo almeno uno dei due approcci:
Approccio 1:
- Combinazione 1: (A1+M1+R1);
- Combinazione 2: (A2+M2+R2).
110
Approccio 2:
- Combinazione 1: (A1+M1+R3)
Nelle verifiche effettuate con l’approccio 2 che siano finalizzate al
dimensionamento strutturale il coefficiente non deve essere portato in conto.

Tabella 3.11 - Coefficienti parziali per le azioni o per effetto della azioni.

Tabella 3.12 - Coefficienti parziali per i parametri geotecnici del terreno.

Tabella 3.13 - Coefficienti parziali 𝛾𝑅 per le verifiche agli stati limiti ultimi di fondazioni
superficiali.

111
3.8.2 Resistenze di pali soggetti a carichi assiali
Il valore di progetto 𝑅𝑑 della resistenza si ottiene a partire dal valore caratteristico
𝑅𝑘 applicando i coefficienti parziali 𝛾𝑅 della Tab. 3.4.

Tabella 3.14 - Coefficienti parziali 𝛾𝑅 da applicare alla resistenze caratteristiche.

La resistenza caratteristica 𝑅𝐾 del palo singolo può essere dedotta da:


a) risultati di prove di carico statico di progetto su pali pilota;
b) metodi di calcolo analitici, dove 𝐾𝑅 è calcolata a partire dai valori
caratteristici dei parametri geotecnici, oppure con l’utilizzo di relazioni
empiriche che impieghino direttamente i risultati di prove in sito (prove
penetrometriche, pressiometriche, ecc.);
c) risultati di prove dinamiche di progetto, ad alto livello di deformazione,
eseguite su pali pilota.
Se analizziamo il caso “a”, il valore caratteristico della resistenza a compressione
del palo, 𝑅𝑐,𝑘 , o a trazione, 𝑅𝑡,𝑘 , è dedotto dai corrispondenti valori 𝑅𝑐,𝑚 o 𝑅𝑐,𝑚 ,
ottenuti elaborando i risultati di una o più prove di carico di progetto, il valore
caratteristico della resistenza a compressione e a trazione è pari al minore dei valori
ottenuti applicando i fattori di correlazione riportati nella Tab. 3.5, in funzione del
numero n di prove di carico su pali pilota:

(𝑅𝑐,𝑚 )𝑚𝑒𝑑𝑖𝑎 (𝑅𝑐,𝑚 )𝑚𝑖𝑛


𝑅𝑐,𝑘 = Min { ; }
𝜉1 𝜉2

(𝑅𝑡,𝑚 )𝑚𝑒𝑑𝑖𝑎 (𝑅𝑡,𝑚 )𝑚𝑖𝑛


𝑅𝑡,𝑘 = Min { ; }
𝜉1 𝜉2

112
Tabella 3.15 - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza caratteristica a
partire dai risultati di prove di carico statico su pali pilota.

Con riferimento al caso “b”, le procedure analitiche che prevedano l’utilizzo dei
parametri geotecnici o dei risultati di prove in sito, il valore caratteristico della
resistenza 𝑅𝑐,𝑘 , o a trazione, 𝑅𝑡,𝑘 , è dato dal minore dei valori ottenuti applicando
alle resistenze calcolate 𝑅𝑐,𝑐𝑎𝑙 (𝑅𝑡,𝑐𝑎𝑙 ) i fattori di correlazione ξ riportati nella Tab.
6, in funzione del numero n di verticali di indagine:

(𝑅𝑐,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑒𝑑𝑖𝑎 (𝑅𝑐,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑖𝑛


𝑅𝑐,𝑘 = Min { ; }
𝜉3 𝜉4

(𝑅𝑡,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑒𝑑𝑖𝑎 (𝑅𝑡,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑖𝑛


𝑅𝑡,𝑘 = Min { ; }
𝜉3 𝜉4

Tabella 3.16 - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza caratteristica in


funzione del numero di verticali indagate.

Nell’ambito dello stesso sistema di fondazione, il numero di verticali d’indagine da


considerare per la scelta dei coefficienti ξ in Tab. 3.6 deve corrispondere al numero
di verticali lungo le quali la singola indagine (sondaggio con prelievo di campioni
indisturbati, prove penetrometriche, ecc.) sia stata spinta ad una profondità
superiore alla lunghezza dei pali, in grado di consentire una completa
identificazione del modello geotecnico del sottosuolo.
Infine, considerando il caso “c”, se il valore caratteristico della resistenza 𝑅𝑐,𝑘 è
dedotto dal valore 𝑅𝑐,𝑚 ottenuto elaborando i risultati di una o più prove dinamiche
di progetto ad alto livello di deformazione, il valore caratteristico della resistenza a
compressione è pari al minore dei valori ottenuti applicando i fattori di correlazione
ξ riportati nella Tab. 3.7, in funzione del numero n di prove dinamiche eseguite su
pali pilota:

113
(𝑅𝑐,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑒𝑑𝑖𝑎 (𝑅𝑐,𝑐𝑎𝑙 )𝑚𝑖𝑛
𝑅𝑐,𝑘 = Min { ; }
𝜉4 𝜉6

Tabella 3.17 - - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza caratteristica a


partire dai risultati di prove di carico dinamico su pali pilota.

3.8.3 Resistenze di pali soggetti a carichi trasversali


Per la determinazione del valore di progetto 𝑅𝑡𝑟,𝑑 della resistenza di pali soggetti a
carichi trasversali valgono le indicazioni del paragrafo precedente, applicando i
coefficienti parziali 𝛾𝑇 della Tab. 3.8.

Tabella 3.18 - Coefficienti parziali 𝛾𝑇 per le verifiche agli stati limite ultimi di pali soggetti a
carichi trasversali.

Nel caso in cui la resistenza caratteristica 𝑅𝑡𝑟,𝑑 sia valutata a partire dalla resistenza
𝑅𝑡𝑟,𝑚 misurata nel corso di una o più prove di carico statico su pali pilota, è
necessario che la prova sia eseguita riproducendo intensità e retta di azione delle
azioni di progetto.
Nel caso in cui la resistenza caratteristica sia valutata con metodi di calcolo analitici,
i coefficienti riportati nella Tab. 3.8 devono essere scelti assumendo come verticali
indagate solo quelle che consentano una completa identificazione del modello
geotecnico di sottosuolo nell’ambito delle profondità interessate dal meccanismo di
rottura.
La resistenza sotto carichi trasversali dell’intera fondazione su pali deve essere
valutata tenendo in considerazione le condizioni di vincolo alla testa dei pali
determinate dalla struttura di collegamento.

114
3.8.4 Verifiche agli stati limite di esercizio (SLE)
Devono essere presi in considerazione almeno i seguenti stati limite di servizio,
quando pertinenti:
- eccessivi cedimenti o sollevamenti;
- eccessivi spostamenti trasversali.
Specificamente, si devono calcolare i valori degli spostamenti e delle distorsioni
per verificarne la compatibilità con i requisiti prestazionali della struttura in
elevazione (fessurazione elementi strutturali, spostamenti e deformazioni che
possano intaccare la normale fruizione dell’opera, degli impianti ecc..), nel rispetto
della condizione 𝐸𝑑 ≤ 𝐶𝑑 , dove 𝐸𝑑 è il valore di progetto dell’effetto delle azioni e
𝐶𝑑 è il prescritto valore limite dell’effetto delle azioni (stabilito in funzione del
comportamento della struttura in elevazione).
La geometria della fondazione (numero, lunghezza, diametro e interasse dei pali)
deve essere stabilita rispettando i summenzionati requisiti prestazionali, tenendo
inoltre conto degli effetti di interazione tra i pali e considerando i diversi
meccanismi di mobilitazione della resistenza laterale rispetto alla resistenza alla
base, soprattutto in presenza di pali di grande diametro.

115
CAPITOLO IV - FONDAZIONI MISTE

4.1 CONTENUTI MINIMI DI UN APPROCCIO RAZIONALE


ALLA PROGETTAZIONE

Un approccio razionale alla progettazione delle fondazioni su pali deve essere


basato su una chiara individuazione delle strategie da porre in essere per il
soddisfacimento dei requisiti minimi (SLU, SLS).
L’argomento è stato oggetto di studi e di ricerche di varia natura (Randolph, 1994;
Russo & Viggiani, 1998; Poulos et al.,2001), i cui contenuti ai fini della definizione
del miglior approccio alla progettazione
possono ritenersi sintetizzati nell’abaco
di figura 2.1, proposto da Mandolini
(2003) ed in seguito leggermente
modificato da Mandolini et al. (2005).
Esso è stato costruito: (a) nel semplice
caso di una platea quadrata di lato B
poggiante su un deposito omogeneo di
terreni che si spinge fino a notevoli
profondità; (b) nell’ ipotesi di carichi Figura 4.52 - Abaco per la scelta di un
verticali statici; (c) con un approccio approccio di progetto

basato sull’adozione di un coefficiente di sicurezza come prescritto dal D.M.


11.03.1988. Nulla vieta che lo stesso possa essere adattato a quanto prescritto nelle
nuove normative (NTC-2008).
Nella figura 4.1, il punto A rappresenta un’ideale condizione di progetto ottimale
(B=𝐵opt ), in quanto sotto un assegnato carico verticale la sola platea subisce un
cedimento w pari al valore massimo ammissibile (pari a 100mm in figura) e
contemporaneamente garantisce il minimo valore di FS posto a base della
progettazione (pari a 3 nella figura, come prescritto dal D.M. 11.03.1988).

116
Se vengono prese in considerazione platee di dimensioni diverse e/o differenti
intensità del carico, possono determinarsi tre diverse situazioni di progetto:
- situazione di progetto 1: entrambi i valori di FS e di w sono più che
accettabili (quadrante in basso a destra, punto 1): i requisiti di progetto sono
soddisfatti; è possibile ricorrere ad una fondazione superficiale (unpiled
Raft);
- situazione di progetto 2: entrambi i valori di FS e di w sono inaccettabili
(quadrante in alto a sinistra, punti 2 e 3): è necessario aggiungere pali al fine
di incrementare il valore di FS e di ridurre il valore di w (CSBD, Capacity
and Settlement Based Design); tale situazione è quella che Russo &
Viggiani (1998) riferiscono a platee ‘piccole’, caratterizzate da dimensioni
caratteristiche B dell’ordine dei 5÷15 m;
- situazione di progetto 3: nonostante il valore di FS sia uguale (punto 4) o
maggiore (punto 5) del valore minimo richiesto, i cedimenti attesi sono
superiori al valore massimo consentito: è ancora necessario aggiungere pali,
ma questa volta con la sola finalità di contenere i cedimenti entro valori
ammissibili (SBD, Settlement Based Design); tale situazione è quella che
Russo & Viggiani (1998) riferiscono a platee ‘grandi’, caratterizzate da
dimensioni caratteristiche B dell’ordine delle decine di metri.
L’approccio tradizionale trascura il contributo della platea nel trasferimento dei
carichi direttamente al terreno, il che generalmente comporta un dimensionamento
delle fondazioni su pali a partire da sole considerazioni di rottura (CBD, Capacity
Based Design): una volta scelta la tipologia di palo, si individua la geometria del
palo (lunghezza L e diametro d) e della palificata (interasse s e numero di pali n) in
grado di garantire che il carico limite del palo singolo sia sufficientemente maggiore
del carico massimo di esercizio (Q).
Ad esempio, il D.M. 11.03.1988 impone un coefficiente globale di sicurezza
FS=𝑄𝐺,𝑙𝑖𝑚 / Q ≥ 2,5.

117
Questo modo di operare, che corrisponde a considerare i pali come alternativa
‘secca’ alla fondazione superficiale, dà generalmente luogo a palificate costituite
da pali uniformemente distribuiti al di sotto della platea, tipicamente disposti ad
interassi s dell’ordine di (3÷4) d e spesso caricati ben al di sotto della loro resistenza
per attrito lungo la superficie laterale; attese le modalità di trasferimento del carico
dal palo al terreno lungo la superficie laterale, ciò comporta spesso cedimenti
piccoli anche se, non è sempre detto che ciò si verifichi (ad esempio, opere di
notevole dimensione in pianta).
L’affidabilità di questo approccio è quindi fortemente dipendente dall’affidabilità
della previsione del comportamento a rottura del palo singolo prima, del gruppo di
pali poi. È evidente che le incertezze si esaltano quando vengono considerati un
gruppo di pali, in questo caso si ricorre spesso all’introduzione di coefficienti di
efficienza (η o δ) che possono ridurre il carico limite della palificata rispetto a quello
derivante dalla mera somma algebrica del carico limite 𝑄𝑖,𝑙𝑖𝑚 degli n pali che la
costituiscono (𝑄𝐺,𝑙𝑖𝑚 = 𝜂 ∙ Σ 𝑄𝑖,𝑙𝑖𝑚 )
Se un approccio CBD può essere ritenuto ragionevole in tutti quei casi in cui le
verifiche SLU condotte con riferimento alla sola platea sono largamente
insoddisfacenti (ad es., punto 2, figura 4.1), sicuramente non lo è in quei casi (tra
l’altro molto frequenti) in cui il ricorso ai pali è dettato dalla necessità di soddisfare
le sole verifiche SLS (ad es., punto 5, figura 4.1).
In questi casi i pali, piuttosto che come alternativa, dovrebbero essere visti come
elementi che possano collaborare con la platea nel consentire il soddisfacimento di
tutti i requisiti di progetto.

4.2 ASPETTI PROGETTUALI


La recente emanazione delle Norme tecniche per le Costruzioni (D.M.14.09.2005)
ha aperto spiragli importanti per l’approccio alla progettazione delle fondazioni su
pali, consentendo, in determinate condizioni, di procedere al loro
dimensionamento attraverso considerazioni di cedimento.
118
Questa nuova strada progettuale si basa su una collaborazione tra l’elemento che
collega le teste dei pali (platea) e i pali stessi, pertanto necessita di un metodo di
analisi che tiene conto di entrambi i contributi.
La seguente trattazione (Mandolini & Viggiani, 1997) è relativa all’analisi e alla
progettazione delle fondazioni su pali soggette ad azioni statiche derivanti dalla
struttura, con particolare riferimento alle ‘platee su pali’ il cui comportamento,
come si vedrà, coincide con quello del ‘gruppo di pali’ solo in rari casi. Per chiarire
tale differenza, si faccia riferimento alla figura 4.2.

Figura 4.53 - Sistemi di fondazione

Si supponga di applicare un carico verticale e centrato di intensità 𝑄𝑃𝑅 su di una


‘platea su pali’; la platea, in funzione della sua rigidezza, trasferirà una aliquota 𝑄𝑅
del carico totale al terreno posto immediatamente al di sotto e la rimanente parte 𝑄𝑃
al gruppo di pali, il tutto nel rispetto dell’equazione di equilibrio alla traslazione
verticale:
𝑄𝑃𝑅 = 𝑄𝑅 + 𝑄𝑃 = 𝑄𝑅 + ∑𝑛𝑖=1 𝑄𝑝𝑎𝑙𝑜,𝑖 (Eq. 45)
E’ così possibile introdurre il coefficiente 𝛼𝑝𝑟 :
∑𝑛
𝑖=𝑖 𝑄𝑝𝑎𝑙𝑜,𝑖
𝛼𝑝𝑟 = (Eq. 46)
𝑄𝑃𝑅

che descrive la ripartizione del carico tra i pali (𝛼𝑝𝑟 ) e la platea ( 𝛼𝑟𝑝 =1- 𝛼𝑝𝑟 ).
Tale coefficiente consente di classificare tre tipi di fondazione:
119
 fondazione di tipo superficiale (platea senza pali): 𝛼𝑝𝑟 = 0 ;
 gruppo di pali collegati alla testa da una platea distaccata dal terreno: 𝛼𝑝𝑟 =
1;
 fondazione mista ‘platea su pali’: 0 ≤ 𝛼𝑝𝑟 ≤ 1 .
Ad eccezione di quei casi in cui effettivamente la platea non è a contatto con il
terreno (come ad esempio le strutture offshore), è evidente che ogni fondazione su
pali è in realtà una fondazione mista. A parità di ogni altra condizione, però, è
altrettanto ovvio che il contributo della platea nel trasferire i carichi dipende
principalmente dalle caratteristiche meccaniche (in particolare la rigidezza) del
terreno a contatto con la platea stessa: in presenza di terreni scadenti tale contributo
tenderà ad essere trascurabile (𝛼𝑝𝑟 ~ 1 ) e la fondazione mista a comportarsi in
maniera analoga a un gruppo di pali.
All’approssimarsi del carico applicato 𝑄𝑃𝑅 al valore che determina il collasso del
sistema misto ‘platea su pali’ (𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 ) il coefficiente 𝛼𝑝𝑟 assume il significato di
contributo al carico limite offerto dal gruppo di pali alla platea.
La prassi corrente a livello mondiale, spesso dettata dalle prescrizioni normative
(ad esempio il punto C.5.3 del D.M. 11.03.1988), ma anche dal conservatorismo
che in genere caratterizza la categoria professionale degli ingegneri, prevede che il
progetto di una fondazione su pali sia eseguito prescindendo dal contributo delle
strutture di collegamento direttamente appoggiate sul terreno (𝛼𝑝𝑟 = 1 ).
Con l’entrata in vigore delle Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14.09.2005),
si è aperto un nuovo spiraglio nella progettazione delle fondazioni su pali: il punto
7.3.1.2.2, infatti, riconosce la possibilità di utilizzare i ‘’pali con funzione di
riduzione o regolazione dei cedimenti’’, consentendo in tali casi di valutare ‘’il
carico limite della fondazione......con riferimento alla sola piastra’’.
È evidente quindi che la Norma consente l’applicazione di approcci innovativi alla
progettazione solo in quei casi dove la verifica di capacità portante è soddisfatta
dalla sola platea.

120
4.3 COMPORTAMENTO DELLE ‘PLATEE SU PALI’ IN
CONDIZIONI DI ESERCIZIO
Negli ultimi decenni sono stati condotti vari studi riguardo a questo problema:
 sono stati predisposti metodi e procedure di analisi sempre più convincenti
(ad es., Poulos, 1993; Clancy & Randolph, 1997; Mandolini & Viggiani,
1997; Viggiani, 2001; ecc.)
 sono state eseguite accurate sperimentazioni su modelli (in scala ridotta: ad
es., Cooke, 1986; in centrifuga: ad es., Horikoshi & Randolph,1997; ecc.)
 è stata fornita un’esaustiva e convincente documentazione di significative
applicazioni in vera grandezza (ad es., Burland & Kalra, 1986; Viggiani,
1995; Poulos & Davis, 2005; ecc.)
Per delineare i caratteri essenziali dell’interazione platea-pali-terreno in condizioni
di esercizio, si ritiene però utile richiamare un semplice metodo proposto alquanto
di recente da Poulos (2000) derivante dalla combinazione dei metodi
originariamente proposti da Poulos & Davis (1980) e da Randolph (1994) e pertanto
denominato PDR dalle iniziali dei tre Autori citati.
Il metodo prende in considerazione una platea, di rigidezza 𝐾𝑅 e carico limite
𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 , ed un gruppo di pali di rigidezza 𝐾𝐺 e carico limite 𝑄𝐺,𝑙𝑖𝑚 combinati fra loro
a costruire una platea su pali di rigidezza e carico limite .
Esso consente di valutare la risposta in termini di cedimento medio di una
fondazione mista e si basa su due fasi principali:
1. valutazione della capacità portante;
2. valutazione della curva carico-cedimento.
Per la fase 1, il metodo utilizza le indicazioni fornite da Poulos (2000), il quale
suggerisce di scegliere quale valore di 𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 il minore dei valori tra:
a) la somma dei carichi limite del gruppo di pali valutato nell’ipotesi di rottura
a blocco (𝑄𝑃 = 𝑄𝑏𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 ) e del carico limite della parte della platea esterna
all’area 𝐴𝑃 occupata dai pali ( 𝑄𝑅,𝑒𝑥𝑡 ):

121
𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 = 𝑄𝑃,𝑏𝑙𝑜𝑐𝑐𝑜 + 𝑄𝑅,𝑒𝑥𝑡
b) la somma del carico limite del gruppo di pali (𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 ) e della platea (𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚
), valutati separatamente e mediante approcci convenzionali (ad es., somma
dei carichi limite di ogni singolo palo, eventualmente ridotta attraverso il
coefficiente di efficienza η, 𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 = η ∙Σ 𝑄𝑖,𝑙𝑖𝑚 per il gruppo di pali; formula
trinomia per la platea, così come originariamente proposto da Liu et al.
(1985):
𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 = 𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 + 𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚
Per quanto riguarda la fase 2, il metodo ritiene che il comportamento della platea
e del gruppo di pali sia di tipo elastico lineare fino al raggiungimento del valore
ultimo, il che determina una curva carico-cedimento di tipo tri-lineare (Figura
4.3)

Figura 4.54 - curva carico-cedimento secondo il metodo PDR

Il punto A rappresenta il punto in corrispondenza del quale è interamente mobilitata


la resistenza del gruppo di pali 𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 , il che avviene per un carico totale applicato
sulla fondazione mista pari a 𝑄𝐴 .
Fino a quel punto il cedimento varia secondo l’espressione (Randolph, 1994):

122
𝑄𝑃𝑅
w= (Eq. 47)
𝐾𝑃𝑅

1+( 1−2 𝛼𝐶𝑃 )∙(𝐾𝑅 ⁄𝐾𝑃 )


dove 𝐾𝑃𝑅 = X ∙ 𝐾𝑃 e X= 2 ∙(𝐾 ⁄𝐾 )
1− 𝛼𝐶𝑃 𝑅 𝑃

e la platea ed i pali si ripartiscono il carico applicato in aliquote valutabili attraverso


le seguenti relazioni:
1 ( 1−𝛼𝐶𝑃 ) 𝐾
𝛼𝑃𝑅 = , con β = ∙ ( 𝐺⁄𝐾 ) (Eq. 48)
1+𝛽 1−𝛼𝐶𝑃 ∙(𝐾𝑅 ⁄𝐾𝑃 ) 𝑃

𝛼𝑅𝑃 = 1- 𝛼𝑃𝑅 (Eq. 49)

Oltre il punto A, ogni eventuale incremento di carico può essere assorbito dalla sola
platea, ed il cedimento sarà dato da:

𝑄𝑎 𝑄𝑇𝑜𝑡 − 𝑄𝐴
w= + ( Eq.50)
𝐾𝑃𝑅 𝐾𝑅

Il coefficiente 𝛼𝐶𝑃 (coefficiente d’interazione tra platea e pali) utilizzato nelle


formule di Randolph precedentemente introdotte, è valutato tramite la seguente
relazione:
ln(𝑟𝑐 ⁄𝑟0 )
𝛼𝐶𝑃 = 1 - (Eq. 51)
𝜁

In cui:
- 𝑟𝑐 è il raggio medio della porzione di platea afferente al singolo palo (per
una fondazione di area pari ad A con n pali si ha che A sarà pari nπ𝑟𝑐2 ;
- 𝑟0 è il raggio del palo singolo;
- ζ è pari ln(𝑟𝑚 ⁄𝑟0 );
𝑟𝑚 invece, viene definito come raggio magico, valutato secondo l’espressione di
Randolph&Wroth (1978):

𝑟𝑚 = {0,25 + 𝜉 ∙ [2,5𝜌(1 − 𝜈) − 0,25]} ∙ L (Eq.51)

123
Dove:
ρ = 𝐺𝐿⁄ ⁄𝐺𝐿 e ξ = 𝐺𝐿 ⁄𝐺𝑏
2

Analisi più rigorose condotte da Randolph & Clancy (1993) hanno però mostrato
che 𝛼𝐶𝑃 tende ad un valore costante pari a circa 0,8, indipendentemente dalla
configurazione geometrica dei pali (interasse s, snellezza L/d) e dalla rigidezza
relativa palo-terreno.
La rigidezza della platea 𝐾𝑃 può essere valutata con le classiche soluzioni esistenti
in letteratura (ad es., Poulos & Davis, 1974; Fraser & Wardle, 1976; Horikoshi &
Randolph, 1997; Mayne & Poulos, 1999, soluzione presentata al par.:2.2.2 di questa
tesi).
Per la rigidezza del gruppo di pali possono essere utilizzate le soluzioni proposte ai
paragrafi precedenti di questa tesi.

4.3.1 Rigidezza di una platea su mezzo continuo elastico


La soluzione proposta in seguito è quella di Mayne & Poulos (1999), i quali hanno
analizzato il problema di una platea circolare di raggio a, appoggiata su di un terreno
modellato come continuo elastico.
La forma generale per il calcolo dei cedimenti tramite i coefficienti d’influenza è la
seguente:
𝑞𝐵
w= ∙𝐼 (Eq. 51)
𝐸

dove:
- w = cedimento della fondazione;
- q = carico applicato;
- B = larghezza fondazione;
- E = modulo elastico equivalente del suolo;
- I = fattore d’influenza per i cedimenti.
La soluzione dipende da diversi fattori quali: forma della fondazione, coefficiente
di Poisson (ν), variazione del modulo elastico del terreno con la profondità,

124
stratigrafia del terreno, spessore dello strato finito (h), ruvidezza della fondazione,
e adesione all’interfaccia.
Ad esempio per il caso di area (flessibile) di diametro d caricata uniformemente e
fondo liscio su un semispazio elastico semifinito (H → ∞) con modulo omogeneo
(E costante con la profondità), il valore del cedimento nel punto centrale è dato da
(Brown, 1969a e b):
𝑞𝑑
w= ∙ 𝐼 ∙ (1 − 𝜈 2 ) (Eq. 52)
𝐸

dove I = 1.
Per una piastra circolare rigida, situata in un semispazio elastico, l’espressione è
simile alla precedente, eccetto per il valore I di che vale 𝜋⁄4(Poulos, 1968). Il
fattore d’influenza è definito come la somma di tutti i cedimenti verticali che si
verificano direttamente sotto la fondazione ed entro al mezzo elastico. Il valore
massimo è previsto al centro della base della fondazione. Nel modello viene
considerata una platea circolare
caricata uniformemente, sebbene
altri tipi di geometrie possono essere
adattate a tale forma circolare,
considerando un’area circolare
equivalente.
La formula generale per il fattore
d’influenza è data da (Poulos,1968):
I = ∫ 𝜀𝑧 𝑑𝑧 ∗
dove 𝑧∗= 𝑧 ⁄𝑑 = profondità
normalizzata; le deformazioni
verticali (𝜀𝑧 ) sono sommate dalla
Figura 4.55 - Geometria di base del problema e
base della platea fino ad una nomenclatura adottata.

profondità d’interesse, per esempio,


da 𝑧 ∗ = 0 fino 𝑧 ∗ = 𝐻⁄𝑑, dove H= profondità dello strato incompressibile (bed
rock).
125
Nel caso di platea circolare flessibile, la deformazione unitaria può essere calcolata
dalla relazione costitutiva della legge di Hooke in coordinate cilindriche:
1 [𝛥𝜎𝑧 −2𝜈𝛥𝜎𝑟 ]
𝜀𝑧 = (Eq. 53)
𝐸

Dove:
- 𝛥𝜎𝑧 = variazione della tensione verticale alla profondità z;
- 𝛥𝜎𝑟 = variazione nella tensione radiale (simmetrica) alla profondità z.
La variazione incrementale della tensione verticale con la profondità è ben
conosciuta ed è ottenuta integrando la soluzione di Boussinesq di carico puntuale
su un’area distribuita (Perloff & Baron, 1976):

𝛥𝜎𝑧 1
= 1- [1+ (𝑎⁄ (Eq. 54)
𝑞 𝑧)2 ]1.5

In generale, in problemi geotecnici, si considera solo la variazione di tensione


verticale quando si calcolano i cedimenti di platee di fondazione, e si usano i
risultati di prove monodimensionali di consolidazione per valutare le caratteristiche
di comprimibilità dei vari strati di terreno.
Da risultati di prove edometriche e più in generale, dallo studio di prove triassiali,
dagli studi di Poulos & Davis, (1974), si è giunti alla forma generale del coefficiente
d’influenza:

𝐼𝐻 = ∑ 𝛥𝐼𝑧 ∙ (𝛥𝑧⁄𝑑 ) (Eq. 55)

Dallo studio approfondito delle prove triassiali sopra menzionate, si è giunti anche
alla conclusione che i valori del coefficiente di Poisson che si devono utilizzare
nelle soluzioni di mezzo continuo elastico per caricamenti drenati sono 0,1< ν’<0,2
per tutti i tipi di suolo, incluse le sabbie e le argille. Per condizioni non drenate
compresi caricamenti a breve termine di argille, rimane appropriato l’uso del valore
della teoria elastica isotropa di ν=0,5.
Nella formula generale, come detto in precedenza, si fa riferimento a una platea
circolare di raggio a e diametro d.

126
Nel caso in cui si abbia a che fare con una forma della platea diversa, si utilizza una
fondazione circolare equivalente. Per esempio, per una fondazione rettangolare di
larghezza A e profondità B, il diametro equivalente varrà
d = √4𝐴𝐵⁄𝜋 .
La rigidezza della fondazione influenza la distribuzione complessiva delle
sollecitazioni e dei relativi cedimenti. La definizione del fattore di rigidezza della
fondazione è data da (Brown, 1969b):
𝐸𝑓 𝑑𝑛
𝐾𝐹 ≈ ( ) (𝑡⁄𝑎)3 (Eq. 56)
𝐸𝑠 𝐴𝑉

Dove:
- a = raggio della fondazione;
- 𝐸𝑓 𝑑𝑛 = modulo elastico del materiale che costituisce la fondazione (cemento
armato);
- 𝐸𝑠 𝐴𝑉 = modulo rappresentativo del suolo a contatto con la fondazione
(valore di alla profondità a);
- t = spessore fondazione.
La variazione del fattore d’influenza per i cedimenti della platea circolare in
relazione alla rigidezza della fondazione è stata studiata usando analisi agli elementi
finiti (Brown, 1969b), giungendo alla soluzione presentata in figura successiva:

Figura 4.56 - Effetto della rigidezza della fondazione sui cedimenti al centro..

127
I valori limite dalla soluzione analitica per “perfettamente flessibile” e
“perfettamente rigida” sono rappresentate rispettivamente ai valori I=1 e I=π/4.
Dalla figura si notano tre gruppi:
1. fondazione perfettamente rigida con 𝐾𝐹 >10;
2. flessibilità intermedia con 0,01≤ 𝐾𝐹 ≤10;
3. perfettamente flessibile con 𝐾𝐹 <0,01.
Un’approssimazione del grafico proposto può essere la seguente:
𝜋 1
𝐼𝐹 ≈ + (4.6+10∙ (Eq. 57)
4 𝐾𝐹 )

Una platea che giace su un mezzo elastico non omogeneo (stratificato), con modulo
crescente con la profondità rappresenta un problema più generale (Boswell & Scott,
1975). Per il caso di terreno alla Gibson, il modulo elastico cresce linearmente con
la profondità nella forma:
E = 𝐸0 + 𝐾𝐸 ∙ 𝑧 (Eq. 58)
Dove:
- 𝐸0 = valore del modulo elastico del suolo a contatto con la fondazione (z=0);
- 𝐾𝐸 = tasso d’incremento del modulo elastico con la profondità;
- z = profondità.
Sono riportate soluzioni di analisi agli elementi finiti per una fondazione circolare
rigida in termini di rapporto di modulo normalizzato di Gibson, β = 𝐸0 ⁄(𝐾𝐸 ∙ 𝑑).
Nelle seguenti figure sono riportati gli andamenti del fattore di influenza di Gibson
per entrambe le soluzioni di platea flessibile e rigida.
L’andamento del grafico è:

1
𝐼𝐺 ≈ (1.27+0.75 per fondazioni rigida (Eq. 59)
∙𝛽−0,8 )

1
𝐼𝐺 ≈ (1+0.6 per fondazioni flessibile ( Eq. 60)
∙𝛽−0,8 )

128
Figura 4.57 - Fattore d'influenza per Figura 4.58 - Fattore d'influenza per
fondazioni circolari di spessore infinito. fondazioni circolari di spessore finito

In molti libri, l’effetto dell’approfondimento del piano di posa della fondazione in


relazione ai cedimenti, è stato apparentemente sovrastimato per l’errata mescolanza
di varie soluzioni elastiche. Uno studio dettagliato di questo problema è stato
portato avanti da Christian & Carrier (1978), che ha prodotto una più realistica
valutazione del problema.
È stato dunque introdotto il fattore di correzione 𝐼𝐸 , presentato in termini di rapporto
tra approfondimento del piano di posa (𝐼𝑒 ) e diametro della fondazione (d) ed in
funzione di coefficiente di Poisson (ν) del terreno che supporta la platea, come
mostrato in figura.

129
Figura 4.59 - Fattore di correzione dei cedimenti per maggiore profondità del piano posa

La soluzione numerica per il coefficiente d’influenza 𝐼𝐸 inerente


all’approfondimento della fondazione può essere scritto nella maniera seguente:

1
𝐼𝐺 ≈ 1 − (Eq. 61)
3.5𝑒𝑥𝑝(1.22𝜈−0.4) [(𝑑 ⁄𝑧𝑒 )+1.6)]

La forma finale dell’equazione, per valutare i cedimenti di una fondazione a platea,


che tiene conto della tipologia di suolo in esame (omogeneo o alla Gibson), della
flessibilità della fondazione, del caricamento in condizione drenata o non drenata,
e dell’approfondimento del piano di posa, può essere scritta come:

𝑞∙𝑑 ∙ 𝐼𝐺 ∙ 𝐼𝐹 ∙𝐼𝐸 ∙ (1− 𝜈^2 )


𝑤𝑐𝑒𝑛𝑡𝑟𝑜 = (Eq. 62)
𝐸0

dove , 𝐼𝐺 , 𝐼𝐹 , 𝐼𝐸 , e sono valutati nelle figure precedentemente descritte.

130
4.4 COMPORTAMENTO DELLE “FONDAZIONI MISTE” IN
PROSSIMITÀ DELLA ROTTURA

Al carico limite 𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 di una fondazione mista “platea su pali” la comunità


scientifica ha probabilmente prestato poca attenzione, perché si è sempre ritenuto
che la ricerca dovesse essenzialmente occuparsi di quelle situazioni (di esercizio)
per le quali apparivano più che evidenti, ancor prima della messa a punto di metodi
ad hoc, i notevoli vantaggi ottenibili da approcci più razionali alla progettazione.
Sulle indicazioni fornite da Poulos (2000), menzionate nei paragrafi precedenti di
questa tesi, è stata espressa qualche perplessità.
La scelta del valore di 𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 infatti, viene fatta dipendere dal confronto tra due
valori, il secondo dei quali (seconda equazione fase 1) ha elevate probabilità di
essere poco attendibile, in quanto valutato sommando i carichi limite delle due
componenti (platea, 𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 , e gruppo di pali, 𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 ) stimati in maniera
convenzionale (ad es., formula trinomia per la platea; somma dei carichi limite di
ogni singolo palo, eventualmente ridotta attraverso il coefficiente di efficienza ).
Tra le varie ragioni alla base di queste perplessità sicuramente spiccano:
- la diversa capacità portante della platea su pali rispetto a quella senza pali
in conseguenza delle modifiche apportate al terreno dell’istallazione dei
pali;
- la diversa capacità portante del gruppo di pali rispetto a quella che lo stesso
esibirebbe in assenza di platea in conseguenza:
a) della variazione di stato tensionale prodotto nel terreno dal carico
direttamente trasferito dalla platea;
b) della limitazione degli spostamenti relativi tra pali e terreno nei
primi metri sottostanti la platea causata dalle condizioni di vincolo
derivanti da quest’ultima.
Nell’impostare la ricerca, si è quindi preferito fare riferimento alla formulazione
proposta da Liu et al. (1994), poi ripresa da Borel (2001):
131
dove e sono dei coefficienti che esprimono l’influenza reciproca a rottura tra la
platea e il gruppo di pali quando combinati in una fondazione mista.
È utile osservare che il suggerimento di Poulos, sopra menzionato, corrisponde a
𝛼𝑃 = 𝛼𝑅 = 1 nell’equazione precedente.
Prove condotte a spostamento controllato nell’ipotesi di platea infinitamente rigida,
hanno portato alle seguenti conclusioni:
- sia per i pali che per la platea non è possibile individuare chiaramente un
valore asintotico del carico di rottura. Anche se con gradienti modesti, il
carico cresce sempre al crescere del cedimento imposto (rottura per
punzonamento); tale risultato, verificato anche per via sperimentale, ha reso
necessaria la scelta di un valore del cedimento in corrispondenza del quale
ritenere convenzionalmente raggiunta la rottura nelle analisi numeriche (per
le platee, w=10%∙B, Cooke, 1986; per i pali, w=25%∙d);
- a grandi spostamenti, il carico trasferito ai pali della fondazione mista è
praticamente pari al carico limite del gruppo di pali in assenza di platea, a
indicare una modesta influenza di quest’ultima sulla capacità portante del
gruppo di pali (𝛼𝑃 ~1 nell’equazione precedente);
- con la loro presenza, i pali determinano una sorta di effetto scudo che
inibisce la mobilitazione dell’intera capacità portante della platea.
Il contributo della platea alla capacità portante della fondazione mista è
comunque sempre positivo, e può esprimersi quale frazione del carico limite
della sola platea valutato con metodi convenzionali.
Quest’ultimo risultato si ritiene essere di notevole interesse ai fini pratici.
Nella figura seguente, sono sintetizzati i risultati di tutte le analisi numeriche, con
particolare riferimento ai valori calcolati del coefficiente per le varie fondazioni
miste caratterizzate da un certo valore del rapporto (Ag/A) /(s/d).
I dati, interpolati con una retta la cui equazione è indicata nella figura stessa,
sembrerebbero indicare l’esistenza di un valore critico del rapporto (Ag/A) /(s/d) in

132
corrispondenza del quale alla platea non è concesso di contribuire alla capacità
portante della fondazione mista (𝛼𝑅 → 0 ).

Figura 4.60 - Relazione tra 𝛼𝑝 e [(Ag/A)/(s/d)]

Assunta la retta in figura 4.9, tale valore sembrerebbe essere pari a circa 1/3, a
indicare che tale inibizione totale è determinata proprio da quei gruppi di pali
progettati in maniera convenzionale ((Ag/A) ~1; (s/d) = 3; ).
È inoltre interessante osservare che i valori di s/d, ritrovati praticamente, coincidono
con quelli in corrispondenza dei quali si ha il passaggio della rottura individuale dei
pali alla rottura del gruppo come unico blocco (De Mello, 1969; Cooke, 1986). Da
un punto di vista delle pratiche applicazioni, ciò significa che i gruppi di pali
disposti a ridotto interasse si romperanno secondo un meccanismo “a blocco” e, di
conseguenza, non consentiranno in nessun modo alla platea sovrastante di
contribuire al carico limite della fondazione mista; al contrario, gruppi di pali ben
distanziati, oltre a garantire una rottura di tipo individuale, consentiranno alla platea
di collaborare utilmente.
Un’altra importante implicazione ai fini pratici è la seguente. Per una platea su pali
soggetta ad un carico Q, è possibile definire tre diversi coefficienti di sicurezza:
133
- per la sola platea 𝐹𝑆𝑅 = (𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 /𝑄);
- per il gruppo di pali 𝐹𝑆𝑃 = (𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 /𝑄);
- per la platea su pali 𝐹𝑆𝑃𝑅 = (𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 /𝑄).
Il loro rapporto:
𝑄𝑃𝑅,𝑙𝑖𝑚 𝐹𝑆𝑃𝑅
𝜉𝑃𝑅 = = (𝐹𝑆 (Eq. 63)
(𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 + 𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 ) 𝑅 + 𝐹𝑆𝑃 )

è pertanto indipendente dal valore di Q (o, equivalentemente, di w) e, sulla scorta


dei risultati a oggi disponibili, assume valori sempre compresi tra 0,8 e 1.
Pertanto il coefficiente di sicurezza di una platea su pali potrà preliminarmente
valutarsi a vantaggio di sicurezza pari all’80% della somma dei valori dei
coefficienti di sicurezza delle due componenti soggette allo stesso carico Q.
In maniera più mirata, nell’ipotesi di validità dell’interpolazione della figura 9, esso
potrà essere valutato come segue:

𝐴
𝑄𝑃,𝑙𝑖𝑚 + [1−3∙ (( 𝑃⁄𝐴)⁄(𝑠⁄𝑑 ))] ∙ 𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚
𝐹𝑆𝑃𝑅 = (Eq. 64)
𝑄

134
4.5 ANALISI DELL’INTERAZIONE PLATEA-PALI-
TERRENO

Analizzando i casi in cui le verifiche SLU sono soddisfatte con riferimento alla sola
platea, ma i requisiti SLS non lo sono, condurre una progettazione di una palificata
di tipo tradizionale, senza considerare quindi il contributo della platea, potrebbe dar
luogo a comportamenti insoddisfacenti.
A chiarimento di questa affermazione, si considerino i risultati riportati in figura.

Figura 4.61 - Efficacia di un gruppo di pali al variare di B/L (da Randolph,2003b).

In essa è diagrammato l’andamento della rigidezza normalizzata Kg/(GL∙B) di un


gruppo di pali, di diametro d e disposti ad interasse s, al variare del rapporto tra la
dimensione caratteristica in pianta del gruppo B=(√n-1) ∙s, e la lunghezza L dei pali.
Tali risultati si riferiscono al caso di terreno a comportamento elastico lineare
caratterizzato da una variazione lineare della rigidezza a taglio G con la profondità.
Nella stessa figura è riportato in basso a destra anche il valore normalizzato della
rigidezza 𝐾𝑅 della sola platea (~2.8).
Come si evince, la rigidezza normalizzata Kg/(GL∙B) di un gruppo di pali decresce
al crescere del rapporto B/L dapprima con gradienti elevati (passando da B/L=0,1
135
a B/L=1 la rigidezza si riduce di un fattore pari a 4), quindi con gradienti modesti
(passando da B/L=1 a B/L=10 la rigidezza si riduce di un fattore pari a ~1,5).
Quindi sicuramente esiste un campo di valori di B/L (ad es.,>1) in cui tale
contributo è modesto se non addirittura trascurabile.
Se si considera, ad esempio, il caso di platea di dimensione B in grado di garantire
un’adeguata capacità portante 𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 ma che subisce cedimenti eccessivi sotto i
carichi di esercizio (che è poi la situazione presa in considerazione dalle NTC),
l’uso dei pali di lunghezza L tale che B/L=3 potrebbe rivelarsi quasi del tutto inutile.
Dalla figura precedente si desume infatti che un gruppo costituito da 262 = 676 pali
di lunghezza 25 m e diametro d=1 posti ad interasse s=3 m ha una rigidezza
normalizzata 3,5 , di appena il 25% superiore a quella della sola platea (~2.8).
Appare evidente la sproporzione tra costo della soluzione e i relativi benefici.
Tale risultato trova un’immediata giustificazione se si considera che fondazioni su
pali caratterizzate da elevati valori di B/L vedono i pali operare all’interno di un
volume di terreno significativamente influenzato dalla platea, al contrario delle
fondazioni su pali caratterizzate da ridotti valori di B/L per le quali esistono
significative porzioni di palo operanti al di fuori di detto volume come in figura.

Figura 4.62 - Interazione tra platea e pali al variare del rapporto B/L.

Sempre con riferimento all’esempio precedente di una platea di dimensione B in


grado di garantire un’adeguata capacità portante 𝑄𝑅,𝑙𝑖𝑚 , è possibile ottenere lo

136
stesso valore di rigidezza normalizzata del gruppo adottando 262 = 676 pali
geometricamente identici ma disposti ad interasse s = 5m.
In altri termini, la riduzione dei fenomeni di interazione tra i pali, conseguente al
loro allontanamento, fa sì che il cedimento medio del gruppo di pali, anche se
singolarmente più caricati, è praticamente costante.
Ciò è dovuto all’ipotesi di linearità circa il comportamento dei pali e del terreno;
gli effetti di non linearità possono ovviamente modificare la risposta della
fondazione, anche se tale modifica sarà significativa in quei casi in cui il numero di
pali è molto ridotto e/o i livelli di carico sui pali sono particolarmente elevati
(Mandolini & Viggiani, 1997).
Se da un lato, quindi, il suggerimento che proviene dalla figura precedente è quello
di adottare pali sufficientemente lunghi rispetto alla dimensione in pianta della
fondazione (B/L<1), perché costituiscano una soluzione efficace alla riduzione dei
cedimenti medi, dall’altro evidenzia l’impossibilità, per opere di notevole
estensione in pianta, di conseguire questo obiettivo con le possibili lunghezze di
palo realizzabili nella pratica corrente. In tal caso sarà ugualmente possibile
disporre “pali come riduttori di cedimenti differenziali”, sicuramente più critici del
cedimento medio da un punto di vista strutturale.

137
4.6 PALI PROGETTATI COME RIDUTTORI DI CEDIMENTI
DIFFERENZIALI

Andando ad analizzare la deformata della sola platea sotto i carichi di esercizio, ci


si trova a dover considerare valori dei cedimenti differenziali troppo elevati. Infatti,
se la rigidezza della platea risulta troppo bassa, il cedimento che si manifesta al
centro della fondazione è in genere maggiore di quello che si osserva ai bordi. Ad
esempio, nella seguente figura, è riportato l’andamento del cedimento differenziale
Δw normalizzato rispetto al cedimento medio w al variare della rigidezza relativa
𝐾𝑅𝑆 tra platea e terreno (definita in figura).

Figura 4.63 - Relazione tra Δw/w e Krs (da Randolph, 2003c)

Il diagramma è riferito al caso di platea rettangolare soggetta ad un carico


uniformemente distribuito e poggiante su un semispazio elastico omogeneo ed
isotropo. Come si evince, per platee molto flessibili, il cedimento differenziale tra i
punti in figura è dell’ordine del 30% del cedimento medio, indipendentemente dalla
forma della platea. Considerazioni analoghe valgono per il cedimento differenziale
tra il centro della platea ed uno dei punti d’angolo, nel qual caso risulta Δw
~ 50%w. A partire dai risultati di un ampio studio parametrico relativo a gruppi di
pali soggetti a un carico noto (il che equivale a trascurare la capacità di ripartizione

138
della platea in funzione della sua rigidezza, ossia assumere la platea infinitamente
flessibile) e per semplicità identicamente caricati, Randolph (1994) ha fornito le
seguenti indicazioni:
𝛥𝑤
= f per R > 4
𝑤
𝛥𝑤 𝑅
=f∙ per R ≤ 4
𝑤 4

in cui R = (𝑛 ∙ 𝑠⁄𝐿 )0.5 è un parametro a sintetizzare la geometria del gruppo di


pali e, per tale motivo, denominato “modified aspect ratio”.
Tale parametro, anche se ha valori diversi, assume lo stesso significato del rapporto
B/L prima introdotto. Come si evince nella figura precedente, i valori sono
paragonabili a quelli desumibili per la sola platea, soprattutto nel caso di gruppi di
pali di notevole dimensione (R>4).
Mayne & Poulos (1999) hanno proposto una modifica delle equazioni precedenti,
al fine di portare in conto la possibilità che la platea che collega i pali sia dotata di
una rigidezza finita. In particolare, al secondo membro delle equazioni precedenti
viene introdotto un ulteriore coefficiente 𝑓𝑅 che esprime i contributo della rigidezza
finita della platea alla riduzione dei cedimenti differenziali di un gruppo di pali:
𝑓𝑅 ≈ 1⁄(1 + 2.7 ∙ 𝐾𝐹 ) (Eq. 65)
Con:
𝐸 2∙𝑡 3
𝐾𝐹 = ( 𝑅) ∙ ( ) (Eq. 66)
𝐸𝑠 𝐷

Dove:
- 𝐾𝐹 coefficiente di flessibilità della fondazione;
- 𝐸𝑅 modulo di Young del materiale della fondazione;
- 𝐸𝑠 media del modulo di rigidezza dei terreni al di sotto della platea
(tipicamente valutato entro la profondità pari alla metà del diametro D);
- D diametro di una platea circolare di area uguale a quella della platea in
esame;
- t spessore della platea.

139
Assegnato uno specifico valore del rapporto 𝐸𝑅 ⁄𝐸𝑠 per opere di notevole
dimensione in pianta (elevati valori di D) il contenimento dei cedimenti
differenziali attraverso l’adozione di adeguati spessori t della platea, anche se
sempre possibile in linea teorica, risulta inapplicabile in pratica (ad es. per
considerazioni riguardo la convenienza in termini economici e di velocità di
realizzazione).
Per contrastare la tendenza della platea a deformarsi con la concavità verso l’alto
(come ad esempio avviene nel caso di carichi uniformemente distribuiti), sarebbe
opportuno ubicare i pali nella zona centrale per fornire un adeguato supporto alla
platea al fine di prevenirne deformazioni eccessive. Ciò equivale a modificare la
distribuzione delle pressioni di contatto tra platea e terreno, rendendola quanto più
prossima a quella che si avrebbe nel caso di platea infinitamente rigida, per la quale
i cedimenti differenziali sono ovviamente nulli (figura seguente).

Figura 4.64 - pali come riduttori di cedimento differenziale (Horikoshi & Randolph, 1997).

Da analisi numeriche, sono state tratte le seguenti conclusioni:


- l’effetto di riduzione dei cedimenti differenziali è tanto più pronunciato
quanto più è elevato il rapporto L/B (ossia quanto più è ridotto B/L);
- è possibile individuare un valore del rapporto Ag/A in corrispondenza del
quale Δw/𝛥𝑤𝑅 raggiunge il suo minimo (che può anche assumere valori
negativi);

140
- superata una certa dimensione della palificata (in termini di Ag/A),
l’aggiunta di altri pali può addirittura essere dannosa: i cedimenti
differenziali tendono nuovamente a crescere fino a raggiungere valori
prossimi a quelli in assenza di pali.
L’aggiunta di pali lunghi nella zona centrale della platea è valida per il caso di
carichi verticali uniformemente distribuiti e sottosuolo relativamente omogeneo; in
diverse situazioni, la soluzione ottimale deve essere ricercata caso per caso.

141
CAPITOLO V – CASO STUDIO
5.1 QUADRO GENERALE
Per comprendere ed utilizzare nel miglior modo una fondazione, introduciamo uno
studio di un caso concreto, che nello specifico riguardano i processi di
ottimizzazione della progettazione di una fondazione su pali su di un terreno a
stratigrafia reale.
In primo luogo, recepiremo e rielaboreremo i risultati pervenuti dalla campagna di
indagini, schematizzando in modo più adeguato un modello di sottosuolo
geotecnico rappresentativo della realtà.
Successivamente, valuteremo i coefficienti di sicurezza con la verifica di resistenza
della fondazione riguardo le sollecitazioni ultime (SLU), e verranno stimati i
cedimenti nei confronti delle sollecitazioni di esercizio (SLE), seguendo la
normativa vigente (NTC-2018).
Considereremo i risultati ottenibili da una progettazione mista con diverse esigenze
progettuali:
- ridurre i cedimenti medi (Settlement Based Design approach, SBD);
- ridurre i cedimenti differenziali (Differential Settlement Based Design
approach, DSBD);
- ridurre le sollecitazioni (momento flettente e taglio) all’interno della platea
(Raft Based Design approach, RBD).
A valle di tali considerazioni, possiamo concludere confrontando i risultati
pervenuti dalle possibili scelte progettuali con l’economicità e il rendimento
generale dell’opera da realizzare.

142
5.2 DESCRIZIONE DELL’OPERA
La Terminal Frigo Caserta S.R.L., azienda esperta nel settore della logistica e
l’immagazzinamento di materiale surgelato alimentare, ha commissionato la
realizzazione di un capannone industriale nella zona dell’area A.S.I. di Gricignano
di Aversa.
In pianta, l’opera occupa un’area di forma regolare che può essere ricondotta ad un
rettangolo di dimensioni 30x90 metri circa, con un’area totale di circa 2700mq.
Quest’opera, essendo un capannone industriale, è costituita da una struttura portante
intelaiata in acciaio, da una serie di telai che si ripetono identicamente lungo tutta
la dimensione dell’opera.
I setti orizzontali, facente parte del telaio, sono prevalentemente tralicci di copertura
che consentono la ripartizione dei carichi ai pilasti a cui si poggiano.
Avendo una copertura a falda, le altezze saranno variabili, infatti si riscontra
un’altezza massima dell’opera è di 32,20 metri con un minimo di 27,00 metri alle
due estremità.

Figura 5.65 - Pianta strutturale del manufatto.

La struttura poggia su una fondazione mista, costituita da una platea (platea calda e
platea fredda) che ha uno spessore complessivo di circa 1,50 metri, e un gruppo di
390 pali, trivellati gettati in opera, di 60 centimetri di diametro con una profondità
di 26 metri e un interesse pari a 3,00 metri.
Dalla geometria appena descritta, si può desumere la presenza di un palo per ogni
setto verticale che poggia sulla platea.
143
5.3 CAMPAGNA D’INDAGINE
Per poter accertare il dato stratigrafico e geotecnico utile alla determinazione del
modello che, in relazione alle opere da realizzare, fosse il più attendibile, si è fatto
ricorso alle precedenti conoscenze acquisite per indagini dirette ed indirette che
hanno interessato i precedenti lavori eseguiti nello stabilimento della Frigo Caserta
adiacente al sito in analisi.
Inoltre, sono state eseguite le seguenti indagini geognostiche:
- N.°1 sondaggio a carotaggio continuo spinto fino alla profondità di 35 m
con prelievo su n.°2 campioni indisturbati e n.°6 prove SPT;
- Analisi di laboratorio su n.°2 campioni indisturbati;
- N.°17 prove penetrometrica dinamica DPSH;
- N.°1 Prova sismica in foro di tipo Down-Hole.

Sondaggio a carotaggio continuo


La ditta “Sottosuolo S.r.l.” ha eseguito il sondaggio a carotaggio continuo con
una attrezzatura di perforazione costituita da una sonda a rotazione del tipo
Macchina operatrice CMV aventi le seguenti caratteristiche:
- Attrezzatura a testa di rotazione idraulica;
- Velocità di rotazione da 0 a 480 giri/min.:
- Coppia max 420 kgm;
- Motore di lavoro diesel;
- Spinta sulla testa di rotazione kg 3000;
- Avanzamento idraulico a testa di rotazione;
- Carro cingolato;
- Argano idraulico;
- Freno blocca aste;
- Tubazione metallica di rivestimento provvisorio con diametro Ø 140 mm;
- Carotieri semplici azionati a secco mediante batteria di aste di diametro,
Ø101mm, e di lunghezza pari a 3.0 m;
144
Il sondaggio denominato “S1” ha raggiunto la profondità di 35,00 m. Tale
profondità, oltre ad essere necessaria per l’effettuazione della sismica in foro, è più
che sufficiente ad investigare il volume significativo per le opere a farsi.
Durante le fasi di perforazione è stata rilevata la presenza della falda ad una
quota di 7,00 metri di profondità rispetto al piano campagna utilizzando un
freatimetro della PASI s.r.l. modello BFK T100.

Prova SPT e procedura d’esecuzione


Nel corso della perforazione sono state eseguite nel foro di sondaggio, 6 prove
penetrometriche dinamiche di tipo Standard Penetration Test “SPT”.
La prova penetrometrica dinamica SPT (dall'inglese Standard Penetration Test)
consiste nel far penetrare nel terreno, sotto i colpi di un maglio con peso di 63,5 kg
e da un'altezza di 76 cm, un campionatore standardizzato a campionatore di tipo
Raymond apribile longitudinalmente avente:
 diametro esterno = 51 mm; diametro interno = 35 mm
 lunghezza L = 457 mm; lunghezza scarpa l = 76 mm
 angolo scarpa a = 16° – 23 °
I test delle SPT che sono stati effettuati nei fori di sondaggio, vengono riportati
nella successiva tabella con le relative quote dal piano campagna:

Tabella 5.19- Risultati SPT

145
Indagine Penetrometrica dinamica DPSH

Per la definizione del comportamento a rottura e di deformabilità associabile al


substrato esaminato, sulla constatazione dell’incoerenza del mezzo da indagare,
sono utilizzati i dati di 17 prove penetrometriche super pesante di tipo DPSH
denominate P1, P2…Pn.
La ditta “Igem Srl” ha così eseguito le prove Penetrometriche Dinamiche
Superpesante (Stefanoff 1988), eseguite con penetrometro del tipo Pagani TG
63/200 kN, approfondite tra i 15 e 20 m tranne nel caso della
penetrometrica P13 che ha ottenuto un rifiuto strumentale a 6.2 m.
In cantiere si sono registrati, per lettura diretta, i valori di N, numero
di colpi di maglio resi necessari ad affondare di 20 cm progressivi la punta
penetrometrica, infissa nel terreno alla testa di una batteria di aste, della lunghezza,
ciascuna di m 1.0.
La sequenza dei valori di N, così ottenuta, ha permesso di ricostruire per la verticale
di prova:
- il profilo penetrometrico;
- la correlazione fra questo e le condizioni stratigrafiche del sito;
- i valori dei parametri a rottura come media per strato;
- i valori dei parametri di deformabilità.
Tali determinazioni, per quanto attiene i parametri a rottura (caso del mezzo
incoerente), hanno riguardato in particolare:
- lo stato di addensamento;
- la densità relativa (Dr);
- l’angolo d’attrito interno ϕ';
- modulo di Poisson.
Per quanto riguarda la deformabilità, si è desunto, sempre per correlazione, il
parametro Eed, modulo di compressibilità edometrico (Kg/cm2) comparandolo con
quello ricavato da prove da laboratorio.

146
Prova sismica in foro Down Hole
La metodica prevede l’acquisizione del segnale sismico direttamente nel foro di
sondaggio opportunamente attrezzato con tubo in pvc da 80 mm e cementato
nell’intercapedine.
Attraverso l’utilizzo di sensori da foro è possibile misurare il tempo
intercorso dall’energizzazione all’arrivo dell’onda sismica ai geofoni.
Ciò permette, dopo opportune correzioni geometriche, di conoscere le velocità delle
onde P e S in funzione della profondità con la possibilità di discriminare zone di
inversione di velocità difficilmente riconoscibili con altre metodologie.
L’ esecuzione delle indagini è avvenuta utilizzando un sismografo a trasmissione
digitale del segnale, fabbricato dalla SARA electronic instruments modello
DOREMI, con trattamento del segnale a 24 bit.

Analisi di laboratorio su campioni indisturbato


Per meglio comprendere la natura dei terreni interessati ad accogliere i carichi delle
opere da realizzarsi, sono stati prelevati n°2 campioni di tipo indisturbato, con un
campionatore a pressione a pareti sottili aperto di tipo Shelby, rispettivamente a
profondità a 3,00 m per il campione C1 e 12,00 m per il C2.
Lo scopo delle analisi geotecniche di laboratorio è quello di conoscere in dettaglio
i valori delle proprietà indice, le proprietà fisico-volumetriche del terreno e quelle
granulometriche. Solo i terreni con granulometrie più fini consentono di ricavare
campioni indisturbati idonei a misurare tutti i parametri geotecnici, infatti nel nostro
caso i terreni vulcanici attraversati, essendo essenzialmente di granulometria
grossolana e con inclusi ghiaiosi, hanno permesso di ricavare un numero non
elevato di campioni e inferiore a quello preventivamente stabilito.
Ne è conseguito che, durante le operazioni di carotaggio, è stato possibile ottenere
un unico campione indisturbato Q4/Q5, in corrispondenza del livello limoso-
sabbioso, e un secondo campione prelevato in un livello piroclastico più grossolano
è stimabile in Q2/Q3 permettendo di stimare solo le proprietà indici.
147
Quindi il laboratorio “AGC srl” ha effettuato le seguenti analisi:
- peso specifico dei grani (g/cm3);
- peso dell’unità di volume (g/cm3);
- peso secco (g/cm3);
- contenuto in acqua (%);
- indice dei vuoti;
- porosità e grado di saturazione (%);
- Granulometria;
- angolo di attrito e coesione (solo su Campione C1);
- Modulo edometrico (solo su Campione C1).
Infine, si è proceduto, per le analisi delle caratteristiche meccaniche del campione,
ad una prova di taglio diretto e ad una prova edometrica.
Nella prova di taglio diretto il campione interessato è stato sottoposto a sforzi
normali e tangenziali e viene portato a rottura sottoponendolo a sforzi sempre
maggiori; dalla retta ottenuta diagrammando gli sforzi normali e tangenziali si
ottiene l’angolo di attrito (ϕ), individuato dal coefficiente angolare della retta e la
coesione drenata (c’) data dal valore di intersezione della retta ottenuta sull’asse
degli sforzi tangenziali.
Per quanto riguarda la prova edometrica, eseguita per valutare le caratteristiche di
compressibilità dei terreni, il campione di forma cilindrica viene confinato
all’interno di un anello rigido di metallo che ne impedisce la dilatazione laterale
mentre alla base e in superficie vengono inserite due piastre porose che consentono
il drenaggio dell’acqua.
Successivamente al campione vengono applicati dei carichi con peso
conosciuto, la deformazione che subisce il campione viene misurata poi
attraverso opportuni trasduttori di movimento, il tutto viene poi riportato
su di un grafico pressione s(kPa) – deformazione assiale e(%) da cui si ricava
graficamente il valore del modulo edometrico, attraverso la seguente relazione:
𝐸𝑒𝑑 = 𝛥𝑠⁄𝛥𝑒
148
5.4 CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA
L’elaborazione dei dati di campagna, ha permesso di individuare la situazione
stratigrafica locale, e di delinearne un modello matematico, per il quale è possibile
ricavare i parametri fisico-meccanici dei terreni investigati.
La caratterizzazione geotecnica è riferita all’insieme delle indagini di campagna,
creando un modello medio di sottosuolo geotecnico in cui non sono incluse
anomalie stratigrafiche.
Pertanto, da note correlazioni esistenti in letteratura scientifica, con riferimento ai
valori di resistenza penetrometrica più cautelativi delle prove eseguite, si presenta
di seguito un modello in cui compaiono, per le caratteristiche a rottura e per la
deformabilità i parametri determinati nel caso del mezzo incoerente:
- Dr = Densità relativa (%) (mezzo granulare);
- A.G.I. = Classificazione A.G.I. 1977;
- ϕ' = Angolo d’attrito (c = 0; ϕ’ ≠ 0), espresso in termini di tensioni effettive
(𝜎′𝑣 );
- Eed = Modulo di compressibilità edometrico (MPa);
- Eop = Modulo di compressibilità edometrico operativo(MPa);
- v = modulo di Poisson;
I valori del peso di volume” γ” sono approssimati dalle prove di laboratorio eseguite
sui campioni prelevati oltre che dai dati reperibili dal PRG comunale e ad analisi di
laboratorio realizzate su materiali piroclastici simili a quelli presenti nell’area in
studio ed in analoghe condizioni geologiche.
Schematicamente, in termini di media per strati omogenei, la situazione, può essere
rappresentata nel modo presentato nella successiva tabella riepilogativa.

149
Figura 5.66 - Stratigrafia terreno con relativi parametri geotecnici.
150
5.5 VERIFICHE SLU E SLE DEL CASO REALE
A valle dell’elaborazione geotecnica effettuata sul sottosuolo oggetto d’esame,
vengono effettuate le verifiche nei confronti della normativa per le fondazioni
miste.
Dai seguenti dati di input, che rispecchiano le caratteristiche geometriche del
manufatto, è stato calcolato il contributo, in termini di capacità portante, della platea
e dei pali, ricordando gli aspetti teorici esposti nel paragrafo 4.4 di questa tesi:
- Numero pali = 390
- Lunghezza Pali = 26 metri
- Diametro 60cm
- Interasse 3,00 metri

Figura 5.67 - Relazione tra αp e [(Ag/A)/(s/d)]

Dall’analisi condotta, perviene un valore di 𝛼𝑝 = 0,40.


Ciò dimostra che il contributo offerto dalla platea è pari al 40% del carico totale
gravante sulla fondazione.

151
Di conseguenza, il carico assorbito dal palo singolo della palificata sarà pari a:

181,470 (𝑀𝑁) ∙ 40%


𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 = ≅ 0,28 MN/Palo
𝑁

Questo valore deve risultare minore della capacità portante del singolo palo
calcolata con le formule penetrometriche statiche, rettificato dai fattori correttivi
imposte dalla normativa, come già esposto nei paragrafi precedenti:

0,28 MN/Palo 𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 ≤ 𝑄𝑃,𝑑 1,58 MN/Palo

Secondo la norma vigente, tale disequazione risulta soddisfatta e quindi si può


affermare che è verificata rispetto allo Stato Limite Ultimo.
Avvalendosi dei metodi teorici di Randolph&Clancy (1993) e Mandolini (1994),
è stato calcolato il cedimento atteso della palificata.
R = (𝑁 ∙ 𝑠⁄𝐿 )0.5 “modified aspect ratio”.

𝑤𝑔 = 14,57mm cedimento medio

𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 48,86 cedimento massimo

𝛥𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 9,65 cedimento differenziale

Le norme tecniche vigenti non impongono un valore limite di cedimento


ammissibile, delegando al progettista la possibilità di valutarli in base al problema
ingegneristico in oggetto.
Tali cedimenti stimati possono essere ritenuti ammissibili e quindi risultano
verificati anche gli Stati Limiti d’Esercizio.

152
5.6 PROCESSI DI OTTIMIZZAZZIONE
L’impossibilità di pervenire al ragionamento a monte della progettazione della
fondazione su pali, eseguita dal progettista del nostro caso studio, può far sorgere
delle perplessità relative all’utilizzo della finalità della palificata o, perlomeno,
comprendere il rendimento generale dell’opera in funzione dei costi di
realizzazione.
Immaginando di ritenere opportuna ed adeguata la fase preliminare della
progettazione di una fondazione su pali, intesa come caratterizzazione geotecnica,
e soddisfacenti tutte le verifiche della normativa di carattere prettamente strutturale,
si illustra di seguito uno dei possibili procedimenti metodologici, basato su studi
teorici e sperimentali, finalizzato ad ottimizzare la prestazione dall'opera da
realizzarsi.
Tale processo, verrà illustrato attraverso due fasi, la cui seconda sarà direttamente
conseguenza dell’esito della prima.

5.6.1 Capacità Portante della Platea – Prima Fase


Facendo riferimento al capitolo IV dell’elaborato di tesi, un approccio più
razionale alla progettazione delle fondazioni su pali è sintetizzato dalla seguente
figura proposta da Mandolini (2005).

Figura 5.68 - Abaco per la scelta di un approccio di progetto.


153
Prendendo di riferimento il caso reale, la prima fase consisterà nello di stimare la
capacità portante della platea. Di seguito si riporta il calcolo del carico limite ultimo
della fondazione superficiale coi relativi cedimenti attesi.

Si denota che la sola platea garantiva il soddisfacimento delle verifiche allo SLU,
quindi l’aggiunta dei pali deve garantire un incremento di rigidezza del sistema
necessario al soddisfacimento delle verifiche allo SLE (punto 5 della figura 5.4).

5.6.2 Stima dei Cedimenti - Seconda fase


Le NTC2018 consentono l’applicazione di approcci innovativi alla progettazione
in quei casi dove la verifica di capacità portante è soddisfatta dalla sola platea.
Si valuta in questa seconda fase come ottenere un buon rendimento della palificata,
in termini di cedimento, seguendo diversi approcci progettuali di seguito illustrati.

Approccio I - SBD - SETTLEMENT BASED DESIGN


Questo primo approccio ha come obiettivo di ridurre i cedimenti medi della
fondazione mista, ottenibile aumentando il valore dell’interasse e/o aumentando la
lunghezza dei pali.
Dai dati empirici e teorici elencati nei capitoli precedenti (rapporto B/L con
comportamento a fiocina o a pettine) ed in visione di economicità, si tende ad
ottenere un valore di rigidezza normalizzata del gruppo adottando una variazione
d’interasse da 3 a 6 metri.
Da tale ipotesi ne deriva che anche il numero dei pali sarà minore, infatti vengono
presi in considerazione 120 pali anziché 390.

154
Di conseguenza avremo che il palo singolo, con lunghezza di 26 metri, ha una
capacità portante di progetto (già depurata dei fattori correttivi secondo le
NTC2018) pari a:
𝑄𝑃,𝑑 ≥ 𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 Verifica SLU Soddisfatta
1,58 MN/Palo ≥ 0,46MN/Palo
I cedimenti attesi in fondazione stimati sono:
𝑤𝑔 = 13,43mm cedimento medio

𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 43,01mm cedimento massimo

𝛥𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 8,22mm cedimento differenziale

La riduzione dei fenomeni di interazione tra i pali, conseguente al loro


allontanamento, fa sì che il cedimento medio del gruppo di pali, anche se
singolarmente più caricati, è minore in confronto al caso reale.
Inoltre, nella seguente figura si vuole illustrare la variazione dei cedimenti attesi al
variare della lunghezza del palo, a parità delle altre condizioni.

Figura 4.69 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo.

155
Approccio II - DSBD - DIFFERENTIAL SETTLEMENT BASED DESIGN
Il secondo approccio è finalizzato alla riduzione dei cedimenti differenziali attesi in
fondazione, ottenibile diminuendo l’area occupata dai pali e/o aumentando il valore
dell’interasse.
Si riportano di seguito le due possibilità di scelte che si possono derivare da questo
approccio.
Approccio IIa - Si effettua una variazione del numero dei pali da 390 a 180,
mantenendo costante il valore dell’interasse (s) pari a 3 metri.
Da tale ipotesi ne deriva che i pali saranno posizionati in modo strategico sotto la
platea, per cui l’area occupata dai pali sarà minore dell’area della platea.

𝐴𝑃𝑙𝑎𝑡𝑒𝑎 = 2700 𝑚𝑞 ≥ 𝐴𝑃𝑎𝑙𝑖 =1080 mq

Di conseguenza avremo che il palo singolo ha una capacità portante di progetto


(già depurata dei fattori correttivi secondo le NTC2018) pari a:

𝑄𝑃,𝑑 ≥ 𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 Verifica SLU Soddisfatta


1,48 MN/Palo ≥ 0,23 MN/Palo

I cedimenti attesi in fondazione stimati sono:

𝑤𝑔 = 14,19mm cedimento medio

𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 44,31mm cedimento massimo

𝛥𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 8,30mm cedimento differenziale

Nella seguente figura si evince coma variano i cedimenti attesi al variare della
lunghezza del palo, a parità delle altre condizioni.

156
Figura 5.70 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo.

Approccio IIb - Si effettua una variazione dell’interasse portandolo da 3 a 6 metri,


consentendo di posizionare in modo strategico i pali sotto la platea, e di
conseguenza diminuire il numero dei pali da 390 a 60.
Pertanto, l’area occupata dai pali sarà minore dell’area della platea.
𝐴𝑃𝑙𝑎𝑡𝑒𝑎 2700 𝑚𝑞 ≥ 𝐴𝑃𝑎𝑙𝑖 1080 mq
Si avrà una capacità portante di progetto del palo singolo (già depurata dei fattori
correttivi secondo le NTC2018) pari a:
𝑄𝑃,𝑑 ≥ 𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 Verifica SLU Soddisfatta
1,58 MN/Palo ≥ 0,42 MN/Palo
I cedimenti attesi in fondazione stimati sono:
𝑤𝑔 = 9,98𝑚𝑚 cedimento medio

𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 30,47mm cedimento massimo

𝛥𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 5,61𝑚𝑚 cedimento differenziale

Nella seguente figura si evince coma variano i cedimenti attesi al variare della
lunghezza del palo, a parità delle altre condizioni.

157
Figura 5.71 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo.

Approccio III – RBD - Raft Based Design approach


Quest’ultimo approccio è di carattere più strutturale che geotecnico. Esso, infatti,
ha come obiettivo quello di ridurre lo stato tensionale della platea costituente la
fondazione mista. Limitandoci esclusivamente a soddisfare le verifiche agli SLE
imposte dalla normativa vigente, si è scelto di eseguire un procedimento volto
quantomeno alla riduzione dei costi iniziali dell’opera.
Pertanto, a parità delle altre condizioni a contorno, si prenda di riferimento un
diametro del palo pari a ϕ40cm, una lunghezza pari a 14,00 metri ed interasse pari
a 3,00 metri.
Di conseguenza si avrà che il palo singolo ha una capacità portante di progetto (già
depurata dei fattori correttivi secondo le NTC2018) pari a:
𝑄𝑃,𝑑 ≥ 𝑄𝑃,𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 Verifica SLU Soddisfatta
0,91 MN/Palo ≥ 0,28 MN/Palo
I cedimenti attesi in fondazione stimati sono:
𝑤𝑔 = 15,54𝑚𝑚 cedimento medio

158
𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 52,09 cedimento massimo

𝛥𝑤𝑔,𝑚𝑎𝑥 = 10,28 cedimento differenziale

Nella seguente figura si evince coma variano i cedimenti attesi al variare della
lunghezza del palo, a parità delle altre condizioni.

Figura 5.72 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo.

5.6.3 Confronto delle scelte progettuali


Dai precedenti approcci progettuali, è stato diagrammato la variazione di volume di
calcestruzzo utilizzato in funzione della lunghezza dei pali, in relazione al caso
reale, evidenziando i valori relativi ai tre approcci esposti in precedenza a parità di
lunghezza del palo (26 metri).

159
Figura 5.73 - Variazione del calcestruzzo in relazione alla lunghezza della palificata partendo
delle ipotesi descritte.

Verificato che tutte le soluzioni abbino un esito positivo nei confronti delle
normative vigenti, si evince dal confronto col caso studio di riferimento, come si
sarebbe potuto ridurre notevolmente il volume di calcestruzzo utilizzato.
Di conseguenza, volendo considerare il volume di calcestruzzo proporzionale al
costo della messa in opera, si riscontra un notevole dispendio in denaro del caso
reale.
Si riportano i volumi di calcestruzzo riferiti alle diverse scelte progettuali:

160
Pertanto, risulta evidente che le scelte progettuali effettuate nei confronti del
progetto della fondazione mista possono ritenersi molto “conservative” o per lo
meno, poco “coraggiose” nel caso in esame.

Figura 5.74 - Grafico di confronto in termini di cedimenti dei vari approcci.

Infatti, se si considerano le ultime scoperte e innovazioni in questo campo, non è


auspicabile eseguire un numero così elevato di pali per ottenere tale cedimento.
D’altronde, come esposto nei paragrafi precedenti, all’aumentare del numero dei
pali si ottiene una riduzione meno che proporzionale del cedimento.
Tale fenomeno si amplifica allorquando la lunghezza caratteristica della fondazione
è minore della lunghezza dei pali utilizzati (comportamento a fiocina o a pettine).

161
5.7 CONCLUSIONI
Costatato che la pianificazione di un’adeguata campagna d’indagini prima e una
caratterizzazione geotecnica dopo, consente di avere una conoscenza più accurata
del sottosuolo, tale da assegnare parametri meglio rappresentativi della realtà
utilizzati ai fini delle verifiche SLU e SLE, concludiamo affermando che il lavoro
svolto nell’elaborato di tesi ha condotto ad una più ampia e approfondita
conoscenza del comportamento delle fondazioni su pali in presenza di terreni a
grana grossa, che nasce dall’applicazione delle sollecitazioni che giungono dalla
sovrastruttura.
Infatti, dalle analisi parametriche effettuate, si deducono le seguenti considerazioni:
- Con una progettazione di una fondazione su pali finalizzata a ridurre il
cedimento medio (SBD – settlement based design), si ottiene lo stesso
rendimento decrementando il numero dei pali, poiché gli effetti
d’interazione tra pali cresce in modo più che proporzionale col numero degli
stessi;
- Con una progettazione di una fondazione su pali finalizzata a ridurre il
cedimento differenziale (DSBD – differential settlement based design) si
ottiene un rendimento analogo seguendo diversi approcci progettuali, quali
ad esempio aumentare l’interasse a parità di area occupata dai pali, oppure
diminuire l’area occupata dai pali a parità d’interasse;
- Con una progettazione di una fondazione su pali finalizzata a ridurre le
sollecitazioni (momento flettente e taglio) all’interno della platea (Raft
Based Design approach, RBD), si ottiene un analogo rendimento riducendo
il diametro dei pali e/o la lunghezza degli stessi.
A valle delle suddette considerazioni, volgere l’attenzione nel concepire e
comprendere preliminarmente la finalità della fondazione mista, comporta risultati
più soddisfacenti. D’altronde, qualsivoglia sia la problematica da affrontare
nell’ottica ingegneristica, si può assentire che esistono innumerevoli soluzioni ad
essa connesse. Pertanto si afferma che il criterio di scelta sarà quindi basato su
162
procedimenti di natura teorica ed empirica, rivolto a soddisfare le normative vigenti,
ma anche dando importanza al costo in denaro annesso alla realizzazione della
stessa.
In conclusione, lo scopo della tesi è stato quello di illustrare come i processi di
ottimizzazione di fondazione su pali, possano garantire un maggiore rendimento
generale dell’opera.

163
BIBLIOGRAFIA

Poulos, H.G., Davis, E.H., 1980. Pile foundation analysis and design. John Wiley
& Sons,New York.

Caputo, V., Viggiani, C., 1984. Pile foundation analysis: a simple approach to
non linearity effects. Rivista Italiana di Geotecnica,

Mandolini A. 1994. Cedimenti di fondazioni su pali. Tesi di Dottorato in


Ingegneria Geotecnica, consorzio tra le Università di Roma La Sapienza,
Federico II di Napoli, Seconda Università di Napoli. Roma, febbraio 1994.

Russo, G., Viggiani, C., 1998. Factors controlling soil-structure interaction for
piled rafts. Int. Conf. on Soil-Structure Interact. in Urban Civil Engineering.
Katzenbach R. & Arslan U. eds., Darmstadt

Poulos, H.G., 2001. Piled-raft foundation: design and applications. Géotechnique,

De Sanctis, L., Mandolini, A., Russo, G., Viggiani, C., 2002. Some remarks on the
optimum design of piled rafts. ASCE Geotechnical Spec. Publication 116, O’Neill
& Townsend editors., Orlando

Viggiani, C., 2003. Fondazioni. Hevelius Edizioni

Mandolini A., 2003. Design of piled rafts foundations: practice and development.
Proc. Geotech. Int. Seminar on Deep Foundations on Bored and Auger Piles,
Ghent, Van Impe & Haegeman eds

Aversa S., Maiorano R.M.S, Mandolini A., 2005. La progettazione delle


fondazioni su pali alla luce degli Eurocodice. Atti delle Conferenze di Geotecnica
di Torino, XX Ciclo,Torino, 1-52.

Mandolini A., Russo G., Viggiani C., 2005. Pile foundations: experimental
investigations, analysis and design. Proc. XVI ICSMFE, vol. 1, 177-213, Osaka,
Japan.

J. Facciorusso, C. Madiai, G. Vannucchi – Dispense di Geotecnica (Rev.


Settembre 2011)

164
RIFERIMENTI NORMATIVI

 AGI – Indagini geotecniche (1977);


 AGI – Pali di fondazione (1982);
 Decreto Ministeriale 11.03.88 – Norme tecniche riguardanti le indagini sui
terreni e sulle rocce, la stabilità dei pendii naturali e delle scarpate, i criteri
generali e le prescrizioni per la progettazione, l’esecuzione e il collaudo
delle opere di sostegno delle terre e delle opere di fondazione;
 NTC 2018 Decreto Ministeriale 17 gennaio 2018;
 Eurocodice – Criteri generali di progettazione strutturale:
- UNI EN 1990:2006.
 Eurocodice 7 – Progettazione geotecnica:
- UNI EN 1997-1: Regole generali;
- UNI EN 1997-2: Indagini e prove nel sottosuolo.

165
APPENDICE A – INDICE FIGURE
Figura 1.1 - Indicazioni sul volume significativo del sottosuolo a seconda del tipo
e delle dimensioni del manufatto, nel caso di terreno omogeneo .................. 12
Figura 1.2 - Scelta del livello di approfondimento dell’indagine geotecnica su base
economica. ................................................................................................. 1423
Figura 1.3 - Schema dell’attrezzatura utilizzata per la prova S.P.T. ................... 230
Figura 1.4 - Penetrometro statico installato su camion. ...................................... 231
Figura 1.5 - Esempio di rappresentazione dei risultati di una prova CPT. ........... 23
Figura 1.6 - - Effetto della deviazione dalla verticale sul profilo della resistenza di
punta di un penetrometro meccanico. ............................................................ 23
Figura 1.7 - Schema della prova Cross-Hole e Down-Hole.................................. 25
Figura 1.8 - S Schema cella Edometrica ........................................................... 3325
Figura 1.9 - Schema di una cella triassiale............................................................ 36
Figura 1.10 - Prova UU ......................................................................................... 37
Figura 1.11 – a) Prova CIU - b) Prova CID .......................................................... 38
Figura 1.12 - Schema di riferimento ..................................................................... 39
Figura 1.13 - Prova di taglio diretto ...................................................................... 40
Figura 2.20 - Meccanismi di Rottura .................................................................... 47
Figura 2.21 - Meccanismi di rottura di fondazioni ............................................... 48
Figura 2.22 - Schema Prandalt .............................................................................. 49
Figura 2.23 - Schema Terzaghi ............................................................................. 50
Figura 2.24 - Fattori capacità portante fondazioni superficiali ............................. 52
Figura 2.25 - Fattori di Forma (Vesic 1975) ......................................................... 54
Figura 2.26 - Schema per il calcolo della capacità portante di fondazioni
nastriforme con carico eccentrico .................................................................. 55
Figura 2.27 - Schema per il calcolo della capacità portante di fondazione
rettangolare con carico doppiamente eccentrico. ........................................... 55
Figura 2.28 - Esempio di dominio di rottura di una fondazione superficiale ....... 56
Figura 2.29 - Piano di posa e/o di campagna inclinato. ........................................ 57
166
Figura 2.30- Influenza della posizione della falda sul calcolo della capacità
portante .......................................................................................................... 61
Figura 3.31 - Schema per il calcolo della capacità portante di un palo isolato. .... 71
Figura 3.32 - Meccanismi di rottura ipotizzati per un palo : a) Caquot,Buisman e
Terzaghi; b)Meyerhof; c) Beretzanzev; d) Skempton, Gibson e Vesic; ........ 76
Figura 3.33 - a) Pali infissi in argille tenere; b) Pali infissi in argille consistenti; c)
Pali trivellati in argille consistenti (Burland 1973)........................................ 80
Figura 3.34 - Valori di K e di tan per pali di medio diametro in terreni incoerenti.
....................................................................................................................... 81
Figura 3.35 - stato di sforzo relativo a un elemento di terreno intorno al palo. .... 84
Figura 3.36 - cedimento con modulo di Poisson 0.40 ........................................... 86
Figura 3.37 - cedimento con modulo di Poisson 0.50 ........................................... 86
Figura 3.38 - Compressibilità del palo effetto sotto sforzo di taglio .................... 87
Figura 3.39 - fattore d’influenza per i cedimenti in testa palo e alla base ............ 87
Figura 3.40 - meccanismo resistente palo con sollecitazioni ortogonali all'asse. . 89
Figura 3.41 - relazione carico cedimento laterale. ................................................ 91
Figura 3.42 - relazione momento e rotazione........................................................ 91
Figura 3.43 -a) relazione carico laterale-rotazione; b) relazione momento-
cedimento ....................................................................................................... 91
Figura 3.44 - nomenclatura utilizzata.................................................................... 92
Figura 3.45 - Schema di riferimento ................................................................... 101
Figura 3.46 - Andamento del rapporto tra il cedimento del palo scarico e il
cedimento del generico palo sollecitato ....................................................... 102
Figura 3.47 - Andamento del rapporto tra il cedimento del palo scarico e la
componente elastica del cedimento del generico palo sollecitato .............. 102
Figura 3.48 - Interazione tra due pali identici caricati ortogonalmente all’asse. 106
Figura 3.49 - a) Fattori d'interazione αpH .......................................................... 108
Figura 3.50 - a b) Fattori d'interazione α_pM (Kr= 10^-3) ................................. 108
Figura 3.51 - a) a) Fattori d'interazione α_pF (Kr= 10^-3) ................................. 108
167
Figura 3.52 - a b) Fattori d'interazione α_θF (Kr= 10^-3) .................................. 108
Figura 4.53 - Abaco per la scelta di un approccio di progetto ............................ 116
Figura 4.54 - Sistemi di fondazione .................................................................... 119
Figura 4.55 - curva carico-cedimento secondo il metodo PDR .......................... 122
Figura 4.56 - Geometria di base del problema e nomenclatura adottata. ............ 125
Figura 4.57 - Effetto della rigidezza della fondazione sui cedimenti al centro... 127
Figura 4.58 - Fattore d'influenza per fondazioni circolari di spessore infinito.. . 129
Figura 4.59 - Fattore d'influenza per fondazioni circolari di spessore finito.. .... 129
Figura 4.60 - Fattore di correzione dei cedimenti per maggiore profondità del
piano posa.. .................................................................................................. 130
Figura 4.61 - Relazione tra α_p e [(Ag/A)/(s/d)].. ............................................. 133
Figura 4.62 - Efficacia di un gruppo di pali al variare di B/L (da Randolph,2003b).
..................................................................................................................... 135
Figura 4.63 - Interazione tra platea e pali al variare del rapporto B/L... ............. 136
Figura 4.64 - I Relazione tra Δw/w e Krs (da Randolph, 2003c).. ...................... 138
Figura 4.65 - pali come riduttori di cedimento differenziale (Horikoshi &
Randolph, 1997). ......................................................................................... 140
Figura 5.66 - Pianta strutturale del manufatto..................................................... 143
Figura 5.67 - I Relazione tra αp e [(Ag/A)/(s/d)].. ............................................. 151
Figura 5.68 - Abaco per la scelta di un approccio di progetto... ......................... 153
Figura 5.69 - Interazione tra platea e pali al variare del rapporto B/L.. .............. 155
Figura 5.70 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo. ................... 155
Figura 5.71 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo. ................... 157
Figura 5.72 - Cedimenti attesi al variare della Lunghezza del palo. ................... 158
Figura 5.73 - Variazione del calcestruzzo in relazione alla lunghezza della
palificata partendo delle ipotesi descritte..................................................... 160
Figura 5.74 - Grafico di confronto in termini di cedimenti dei vari approcci. .... 161

168
APPENDICE B – INDICE TABELLE
Tabella 1.1 - Categorie geotecniche secondo l’Eurocodice EC7 .......................... 13
Tabella 1.2 - Ampiezza orientativa dell’indagine geotecnica. .............................. 16
Tabella 1.3 - Classi di qualità dei campioni .......................................................... 19
Tabella 2.4 - Fattori di profondità (Vesic 1975). .................................................. 57
Tabella 2.5 - Fattori di inclinazione del carico (Vesic). ........................................ 58
Tabella 2.6 - Fattori di inclinazione del piano di posa ( ε<𝝅𝟒) (Hansen, 1970). . 58
Tabella 2.7 - Coefficienti Parziale per le azioni o per l'effetto delle azioni. ......... 65
Tabella 2.8 - Coefficienti parziali per i parametri geotecnici del terreno ............. 65
Tabella 2.9 - Coefficienti parziali 𝜸𝒓 per le verifiche agli stati imiti ultimi di
fondazioni superficiali. .................................................................................. 66
Tabella 3.10 - Confronto tra pali battuti e pali trivellati ....................................... 70
Tabella 3.11 - Coefficienti parziali per le azioni o per effetto della azioni. ...... 111
Tabella 3.12 - Coefficienti parziali per i parametri geotecnici del terreno. ........ 111
Tabella 3.13 - Coefficienti parziali 𝜸𝑹 per le verifiche agli stati limiti ultimi di
fondazioni superficiali. ................................................................................ 111
Tabella 3.14 - Coefficienti parziali 𝜸𝑹 da applicare alla resistenze caratteristiche.
..................................................................................................................... 112
Tabella 3.15 - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza
caratteristica a partire dai risultati di prove di carico statico su pali pilota. 113
Tabella 3.16 - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza
caratteristica in funzione del numero di verticali indagate. ......................... 113
Tabella 3.17 - - Fattori di correlazione ξ per la determinazione della resistenza
caratteristica a partire dai risultati di prove di carico dinamico su pali pilota.
..................................................................................................................... 114
Tabella 3.18 - Coefficienti parziali 𝜸𝑻 per le verifiche agli stati limite ultimi di pali
soggetti a carichi trasversali......................................................................... 114
Tabella 5.19- Risultati SPT ................................................................................. 145

169