Sei sulla pagina 1di 58

Progetto di una palestra

prefabbricata in c.a.p.
Insegnamento di

Tecnica delle Costruzioni II

STUDENTE:

LEONARDO BALOCCHI

DOCENTI:

PROF. ING.

REVISORI:

ING.

ALESSANDRO GIOELI

ING.

MARCO CINOTTI

MAURO SASSU

PAGINA 0

Sommario
1.

DESCRIZIONE DELL'EDIFICIO..............................................................................4
1.1.

Struttura.....................................................................................................................4

1.2.

Esecuzione.................................................................................................................4

1.3.

Caratteristiche dei materiali...................................................................................4

1.3.1.

Calcestruzzo per strutture in elevazione...........................................................................4

1.3.2.

Calcestruzzo per fondazioni..............................................................................................5

1.3.3.

Copriferri e interferri........................................................................................................5

1.3.4.

Acciaio per armatura lenta...............................................................................................6

1.3.5.

Acciaio per armature da precompressione.........................................................................6

1.3.6.

Acciaio da carpenteria metallica.......................................................................................6

2.

CARICHI..............................................................................................................7
1.1.

Neve...........................................................................................................................7

1.2.

Vento..........................................................................................................................7

1.3.

Sisma..........................................................................................................................9

1.3.1.

Masse sismiche.................................................................................................................9

1.3.2.

Regolarit in pianta..........................................................................................................9

1.3.3.

Regolarit in altezza.........................................................................................................9

1.3.4.

Fattore di strttura.............................................................................................................9

3.

PREDIMENSIONAMENTO...................................................................................10
3.1.

Travi..........................................................................................................................10

3.2.

Pilastri......................................................................................................................10

4.

MODELLO..........................................................................................................11
4.1.

Vincoli......................................................................................................................11

4.1.1.

Trave-pilastro..................................................................................................................11

4.1.2.

Coppella-trave.................................................................................................................11

4.1.3.

Travatura reticolare.........................................................................................................13

4.1.4.

Fondazione......................................................................................................................13

PAGINA 1

4.1.5.

Pannelli di tamponamento..............................................................................................14

4.2.

Casi di carico...........................................................................................................14

4.3.

Combinazioni di carico.........................................................................................15

4.3.1.

SLU................................................................................................................................15

4.3.2.

Combinazioni sismiche: SLV-SLD..................................................................................15

4.3.3.

SLE (combinazione rara)................................................................................................15

4.3.4.

SLE (combinazione frequente)........................................................................................16

4.3.5.

SLE (combinazione quasi permanente)...........................................................................16

5.

RISPOSTA DINAMICA DELLA STRUTTURA.........................................................17

6.

TRAVI.................................................................................................................21
6.1.

SLE............................................................................................................................21

6.1.1.

Verifica della sezione di mezzeria , x=14m......................................................................22

6.1.2.

Riepilogo delle verifiche tensionali allo SLE delle sezioni precompresse..........................34

6.1.3.

Verifca delle sezioni non precompresse............................................................................35

6.1.4.

asd..................................................................................................................................35

6.2.

SLU...........................................................................................................................36

6.3.

Ancoraggio e armatura di frettaggio (introduzione dei carichi).....................36

6.4.

Trasporto e montaggio..........................................................................................36

7.

PILASTRI............................................................................................................37
7.1.

Verifica a pressoflessione (SLU)...........................................................................37

7.2.

Verifica a taglio (SLU)............................................................................................39

7.3.

Verifiche tensionali (SLE)......................................................................................40

7.4.

Prescrizioni normative sull'armatura..................................................................40

7.5.

Tenone......................................................................................................................41

7.6.

Armatura di frettaggio..........................................................................................41

7.7.

Trasporto e montaggio..........................................................................................42

8.

CARPENTERIA METALLICA...............................................................................43
8.1.

Travature reticolari.................................................................................................43

8.2.

Saette........................................................................................................................45

PAGINA 2

9.

FONDAZIONE....................................................................................................46
9.1.

Verifiche Geotecniche............................................................................................46

9.1.1.

Carico limite...................................................................................................................46

9.1.2.

Cedimenti.......................................................................................................................46

9.2.

Verifica del bicchiere..............................................................................................46

9.3.

Verifica della ciabatta.............................................................................................47

9.3.1.

Verifica a flessione...........................................................................................................48

9.3.2.

Verifica a punzonamento................................................................................................48

9.4.

Verifica dei cordoli e delle travi portapannelli...................................................48

9.4.1.

Momento........................................................................................................................48

9.4.2.

Taglio..............................................................................................................................48

10.

COLLEGAMENTI................................................................................................49

10.1.

Trave - pilastro........................................................................................................49

10.1.1.

Appoggio in neoprene.................................................................................................49

10.1.2.

Armatura di frettaggio pilastro..................................................................................49

10.2.

Pilastro-fondazione................................................................................................49

10.3.

Saette........................................................................................................................49

10.3.1.

Saetta-pilastro............................................................................................................49

10.3.2.

Saetta-trave................................................................................................................49

10.4.

Reticolare- pilastro.................................................................................................49

10.5.

Bicchiere-soletta......................................................................................................50

10.6.

Cordolo-Bicchiere...................................................................................................50

10.7.

Coppelle-travi.........................................................................................................50

10.8.

Pannelli verticali.....................................................................................................50

10.8.1.

Collegamento superiore (trave)...................................................................................50

10.8.2.

Collegamento inferiore (trave porta-pannello)............................................................50

10.9.

Pannelli orizzontali................................................................................................50

10.9.1.

Collegamenti inferiore (trave porta-pannello).............................................................50

10.9.2.

Collegamento superiore (pilastro)...............................................................................50

PAGINA 3

PAGINA 4

1.

Descrizione dell'edificio

L'opera in oggetto un edificio prefabbricato ad uso di palestra sportiva.

1.1.

STRUTTURA

Il telaio principale, trasversale, costituito da una trave prefabbricata in cemento armato


precompresso di luce 28 m a sezione costante pigreca.
La trave poggia su due pilastri prefabbricati di altezza 10 m.

1.2.

ESECUZIONE

Programma di massima di esecuzione dell'opera:


1. Esecuzione degli scavi
2. Getto del magrone

1.3.

CARATTERISTICHE DEI MATERIALI

1.3.1. Calcestruzzo per strutture in elevazione


classe di resistenza Rck > 50 Mpa (C40/50)
classe di esposizione: XC3
max rapporto a/c=0,55
tipo di cemento: cemento portland
dosaggio min di cemento: 320 kg/m3
dimensione max aggregati: 20 mm
classe di consistenza S4
C40/50 N/mm2
Rck
fck
fcm
fctm
fctk
Ec
c
cc

fbk

resistenza cubica caratteristica a compressione


resistenza cilindrica caratteristica a compressione
40
48,00 resistenza media a compressione
3,51 resistenza media a trazione
2,46 resistenza caratteristica a trazione
35220 modulo di elasticit del calcestruzzo
1,50 coefficiente parziale di sicurezza
0,85 coefficiente riduttivo per resistenze di lunga durata
per barre con < 32 mm
1,00
resistenza per aderenza caratteristica
5,53
50

PAGINA 5

Valori di calcolo
fcd

22,67 resistenza a compressione di calcolo

fctd

1,64

fbd

3,68

resistenza a trazione di calcolo


resistenza per aderenza di calcolo

1.3.2. Calcestruzzo per fondazioni


classe di resistenza Rck > 30 Mpa (C25/30)
classe di esposizione: XC2
max rapporto a/c=0,60
tipo di cemento: cemento pozzolanico
dosaggio min di cemento: 300 kg/m3
dimensione max aggregati: 25 mm
classe di consistenza S4
C25/30 N/mm2
Rck

30

fck

25

resistenza cubica caratteristica a compressione


resistenza cilindrica caratteristica a compressione

fcm

33,00 resistenza media a compressione

fctm

resistenza media a trazione


1,80 resistenza caratteristica a trazione
31476 modulo di elasticit del calcestruzzo
1,50 coefficiente parziale di sicurezza
0,85 coefficiente riduttivo per resistenze di lunga durata
per barre con < 32 mm
1,00
resistenza per aderenza caratteristica
4,04

fctk
Ec
c
cc

fbk

2,56

Valori di calcolo
fcd

14,17 resistenza a compressione di calcolo

fctd

1,20

fbd

2,69

resistenza a trazione di calcolo


resistenza per aderenza di calcolo

Per il calcestruzzo vengono utilizzati i diagrammi parabola rettangolo e lo stress block.

1.3.3. Copriferri e interferri


Il copriferro deve essere adeguato per garantire la trasmissione degli sforzi per aderenza e
per la durabilit. Secondo quanto prescritto dalla UNI EN 1992-1-1:2005, i copriferri minimi
sono:
solaio: cmin = 20 mm
travi e pilastri: cmin = 30 mm
fondazioni: cmin = 30 mm
La distanza minima tra le barre deve essere maggiore di

PAGINA 6

d barre max d i 5mm; ;20mm


Essendo il diametro massimo dellinerte pari a
20mm
25mm

di

fuori terra
fondazione

Poich ma x = 20mm, gli interferri minimi sono:


25mm
30mm

d barre

fuori terra
fondazione

1.3.4. Acciaio per armatura lenta


Si utilizza un acciaio B450C per il quale si assumono le seguenti caratteristiche:

N
mm 2
N
f tk 540
mm 2
s 1,15 , coefficiente parziale di sicurezza per barre da c.a.

f yk 450

f yd

f yk

391

N
mm 2

uk 7,5%
ud 0,9 uk 6,75%
E s 210GPa

Si assume per lacciaio un legame costitutivo elastico-perfettamente plastico: si pone quindi


k=1 trascurando lincrudimento a favore di sicurezza, ma si pone comunque un limite di
deformabilit allacciaio pari a ud .

1.3.5. Acciaio per armature da precompressione


trefoli

N/mm2

fptk

1860

tensione caratteristica di rottura

fp(1)k

1670

tensione caratteristica all'1% di deformazione

Es

201000

Agt

modulo di elasticit

3,50% allungamento sotto carico massimo

1.3.6. Acciaio da carpenteria metallica

PAGINA 7

2.

Carichi

1.1.

NEVE

Secondo il 3.4.1 delle NTC08 il carico neve pu essere valutato come


qs=i * qsk * CE * CT
dove:
i il coefficiente di forma della copertura
qsk il valore caratteristico del carico neve
CE il coefficiente di esposizione
CT ilcoefficiete termico

Figura 2.1: Carico neve

I valori delle suddette grandezze sono riportate nella tabella seguente:


Zona
qsk
CE
CT
i
i2
qs
qs_2

1.2.

III
0,60
1,1
1
0,8
0,4
0,528
0,264

kN/m2
zona riparata
senza vento
zona spazzata
assenza vento
zona spazzata

VENTO
Zona
vb 0

3
27

ca

vb vb 0 c a

27

m/s

velocit base di riferimento al


livello del mare
coefficiente di altitudine

m/s

velocit base di riferimento

PAGINA 8

V N TR

cr
v r vb c r

50 anni vita nominale


1,00
27,00

coefficiente di ritorno
velocit di riferimento di progetto

La classe di esposizione la IV e il coefficiente di topografia Ct posto pari a 1.


La pressione cinetica di picco si valuta come:

q p ( z ) 0,5 v r ce ( z )
2

la densit dellaria;
ce il coefficiente di esposizione (relazione 3.10 a);
z laltezza sul suolo; cautelativamente si pone z = 14m, altezza massima.
La pressione cinetica del vento si trova come
pe q p c p

Lo schema con displuvio adottato per il vento in direzione Y, mentre per il vento in
direzione X si adotta lo schema di copertura piana. Poich <20 si adotta per entrambe le
falde cpe = -0,4.
kr
z0
zmin
ct
z

0,22
0,3
8
1
12,10

m
m
m

cm

vr
ce
qp

0,68
1,25
27,00
1,63
0,74
cp

pareti sopravento
pareti sottovento
falde inclinate
copertura piana
pressione interna

0,80
0,40
0,40
1,20
0,20

kg/m3
m/s
kN/m2

p (kN/m2)
0,59
0,30
0,30
0,89
0,15

PAGINA 9

1.3.

SISMA

Il sito di costruzione si trova nel comune di Pisa (PI).


Classe d'uso
cu
VN
Cat. Sottosuolo
Cat. Topografica

II
1
50 anni
C
T1

Gli stati limite da considerare sono SLV e SLD.

SLD
SLV

TR
(anni)
50
475

ag (g)

F0 (-)

TC* (s)

0,103
0,259

2,328
2,367

0,283
0,347

1.3.1. Masse sismiche

1.3.2. Regolarit in pianta


Ledificio regolare in pianta poich rispetta le seguenti prescrizioni normative:
a) la configurazione in pianta compatta e approssimativamente simmetrica rispetto a due
direzioni ortogonali, in relazione alla distribuzione di masse e rigidezze; la costruzione
risulta perfettamete simmetrica rispetto alla direzione Y e quasi rispetto a X.
b) il rapporto tra i lati di un rettangolo in cui la costruzione inscritta inferiore a 4;
c) nessuna dimensione di eventuali rientri o sporgenze supera il 25 % della dimensione
totale della costruzione nella corrispondente direzione;
d) gli orizzontamenti possono essere considerati infinitamente rigidi nel loro piano rispetto
agli elementi verticali e sufficientemente resistenti; tale condizione si considera rispettata
grazie alla presenza di una soletta di 4 cm di spessore.

1.3.3. Regolarit in altezza

1.3.4. Fattore di strttura


Essendo la struttura prefabbricata la dissipazione di energia pu avvenire nei collegamenti o
nei pilastri (in direzione X) e nei pilastri o nella travatura reticolare (in direzione Y). Data
l'incertezza sul comportamento della struttura mista e delle fondazioni superficiali si assume
q = 1,5
come suggerito dalle NTC08.

PAGINA 10

3.

Predimensionamento

3.1.

TRAVI

Da indicazioni trovate in letteratura si pone l'altezza della sezione pari a 1/20 della luce circa:
H L 20 23m / 20 1,15m 1,20m

Lo spessore dell'anima posto pari a 15 cm per ragioni costruttive e per permettere


l'ancoraggio dei ganci per il sollevamento.
L'altezza dell'ala, h, indicativamente dovr essere compresa fra 10 cm, per mtotivi tecnici, ed
H 4 120 4 30cm . In analogia ad altri casi si fissa h 14cm .

3.2.

PILASTRI

Il periodo del primo modo di vibrare pu essere stimato come

T1 C H 3 / 4
C = 0,075 per costruzioni in calcestruzzo armato;
H = 14 m : altezza delledificio misurata dalla sommit delle fondazioni.
Il taglio alla base
Vb M tot S d (T1 )

viene distribuito su tutti i pilastri in funzione della loro rigidezza (ipotesi di piano rigido).

PAGINA 11

4.

Modello

Etichette:
P (da 1 a 10) per i pilastri
T (da 1 a 5) per le travi principali
le travature reticolari ed i relativi elementi sono numerati per x e poi per y
CI - n travatura reticolare - n elemento per i correnti inferiori delle reticolari
CS - n travatura reticolare - n elemento per i correnti superiori delle reticolari
D - n travatura reticolare - n elemento per le diagonali delle reticolari
COPPELLA - ncoppella (ordinate per x e poi per y)
Non stato inserito un vincolo di piano rigido non essendo presente un getto di calcestruzzo
continuo; perci stata modellata l'effettiva rigidezza del collegamento trave-coppella
nonch la rigidezza della coppella stessa. A tal fine stata presa in considerazione solo la
soletta superiore di 5 cm dlla coppella stessa, modellata quindi come una sezione
rettangolare di 250x5.
La precompressione non stat inserita nel modello di calcolo con SAP: la trave stata
considerata solo come "peso" nel modello agli elementi finiti: una volta calcolate le
caratteristiche della sollecitazione per le varie combinazioni di carico

si considera la

precompressione come azione esterna applicando il principio di sovrapposizione degli effetti


(infatti operando una precompressione totale si rimane sempre in campo elastico).

4.1.

VINCOLI

4.1.1. Trave-pilastro
In direzione X il vincolo trave-colonna schematizzato come semplice appoggio avendo
adottato un dispositivo di vincolo scorrevole in neoprene: in direzione X la trave quindi
vincolata al pilastro per mezzo delle saette di acciaio.
In direzione Y il vincolo schematizzato come cerniera grazie alla presenza del tenone del
pilastro e ai cunei di centraggio interposti tra il tenone stesso e la trave.

4.1.2. Coppella-trave
Il collegamento spinottato tra coppella e trave realizzato mediante un mullone 24 avvitato
in una boccola filettata preinserita nel getto della trave.

PAGINA 12

Figura 4.2: Collegamento spinottato trave-coppella

Verifica spinotto:

Figura 4.3: Spinotto incorporato nel calcestruzzo

LATO ACCIAIO
LATO CALCESTRUZZO
Modellazione rigidezza

PAGINA 13

4.1.3. Travatura reticolare


I collegamenti tra gli elementi metallici sono schematizzati come cernirere si crea cos un
incastro tra travatura e pilastro che permette di mitigare le azioni flettenti sul pilastro e di
creare un comportamento scatolare dell'edificio.
La connessione con il pilastro schematizzata come una cerniera e l'eccentricit del
collegamento, rispetto all'asse del pilastro, modellata tramite un rigid link.

Figura 4.4: Eccentricit della travatura reticolare rispetto all'asse del pilastro

4.1.4. Fondazione
Il vincolo di base dei pilastri stato considerato in una prima fase come un incastro:
successivamente sono state ipotizzate delle dimensioni si massima delle fondazioni
abbondando a favore di sicurezza date le grandi incertezze in gioco.
Successivamente stata presa in considerazione l'effettiva rigidezza del plinto modellato
come corpo rigido su letto di molle.
Quindi nel modello sono state inserite due molle rotazionali di rigidezza

K x k J x 45573kNm

rigidezza rotazionale attorno all' asse x

K y k J y 89323kNm

rigidezza rotazionale attorno all' asse y

ed una molla traslazionale lungo z di rigidezza

K z k A 87500 kN m
3
dove k 1 daN cm la costante di Winkler, J x , J y e A i momenti d'inerzia e l'area della

sezione di base rettangolare 350x250 cm con dimensione maggiore lungo l'asse x.

PAGINA 14

Il vincolo tra i plinti di fondazione stato modellato inserendo un vincolo tipo diaframma: le
fondazioni si muovono come corpo rigido nel piano orizzontale mentre sono permessi
cedimenti differenziali.

4.1.5. Pannelli di tamponamento


Pannelli verticali e orizzontali sono vincolati in quattro punti alla struttura portante ma
vengono progettati per assorbire un'azione fuori piano pari alla met del peso dell'elemento
moltiplicata per l'accelerazione sismica: in questo modo ci si tutela dal ribaltamento fuori
piano dei pannelli anche in caso di rotura di un collegamento.
I pannelli di tamponamento vengono presi in considerazione solo come massa partecipante
al sisma:
pannelli verticali: la massa inserita in corrispondenza dell'asse della trave principale
un quarto della massa del pannello essendo il pannello verticale vincolato in 4 punti
di cui due in corrispondenza della trave porta-pannelli;
pannelli orizzontali: la massa inserita in corrispondenza delle connessioni: essendo
le connesioni 4 per pannello ad ognuna stato affidato un quarto del peso dell'intero
pannello, considerando la compresenza di pi connessioni in alcuni punti del
modello.
L'aver assunto i pannelli non collaboranti in termini di rigidezza porta all'adozione di
connessioni che permettano grandi spostamenti relativi fra struttura e tamponamenti: per
questo sono state scelte soluzioni che prevedono l'uso di guide metalliche e fori asolati che da
un lato garantiscono delle tolleranze in sede di montaggio e dall'altro non sono rigidi nel
caso di spostamenti relativi nel piano del pannello.

4.2.

CASI DI CARICO

Load Pattern
G1
G2
neve
manutenzione
vento-x1
vento-x2
vento-y1
vento-y2

Type
DEAD
DEAD
DEAD
DEAD
DEAD
DEAD
DEAD
DEAD

Mx

DEAD

My

DEAD

Self Weight
Multiplier
1
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Descrizione
Peso proprio strutturale
Permanente portato

eccentricit accidentale lungo l'asse y del centro di massa


massa (momento con sisma lungo x)
eccentricit accidentale lungo l'asse x del centro di massa
(momento con sisma lungo y)

PAGINA 15

Mass source from element additional masses and loads: avendo posto il moltiplicatore del
peso proprio pari a 0 per tutte le stese di carico si pone il moltiplicatore dei carichi pari a 1
per i casi G1 e G2 e si inseriscono masse aggiuntive.

4.3.

COMBINAZIONI DI CARICO

4.3.1. SLU
SLU1
SLU2
SLU3
SLU4
SLU5
SLU6
SLU7
SLU8
SLU9
SLU10
SLU11
SLU12
SLU13
SLU14
SLU15
SLU16
SLU17
SLU18

G1
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1,3
1
1
1
1

Combinazioni SLU
G2 neve vento-x1
vento-x2
vento-y1
vento-y2
manutenzione
1,5
1,5
0,9
0
0
0
0
1,5
1,5
0
0,9
0
0
0
1,5
1,5
0
0
0,9
0
0
1,5
1,5
0
0
0
0,9
0
1,5 0,75
0,9
0
0
0
1,5
1,5 0,75
0
0,9
0
0
1,5
1,5 0,75
0
0
0,9
0
1,5
1,5 0,75
0
0
0
0,9
1,5
1,5 0,75
1,5
0
0
0
0
1,5 0,75
0
1,5
0
0
0
1,5 0,75
0
0
1,5
0
0
1,5 0,75
0
0
0
1,5
0
1,5
1,5
0
0
0
0
0
1,5 0,75
0
0
0
0
1,5
1
0
1,5
0
0
0
0
1
0
0
1,5
0
0
0
1
0
0
0
1,5
0
0
1
0
0
0
0
1,5
0

4.3.2. Combinazioni sismiche: SLV-SLD


Combinazioni SLV-SLD
G1
SLV1
SLV2
SLV3
SLV4
SLV5
SLV6
SLV7
SLV8
SLV9
SLV10
SLV11
SLV12

G2
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

Ex
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

Ey
1
1
1
1
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3

Ez
0,3
0,3
0,3
0,3
1
1
1
1
0,3
0,3
0,3
0,3

Mx
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
0,3
1
1
1
1

My
1
-1
1
-1
0,3
0,3
-0,3
-0,3
0,3
0,3
-0,3
-0,3

0,3
0,3
-0,3
-0,3
1
-1
1
-1
0,3
-0,3
0,3
-0,3

4.3.3. SLE (combinazione rara)


SLE-R1
SLE-R2
SLE-R3

G1 G2
1
1
1
1
1
1

Combinazioni SLE-R
neve vento-x1
vento-x2
vento-y1
vento-y2
manutenzione
1
0,9
0
0
0
1
0
0,9
0
0
1
0
0
0,9
0

0
0
0

PAGINA 16

SLE-R4
SLE-R5
SLE-R6
SLE-R7
SLE-R8
SLE-R9
SLE-R10
SLE-R11
SLE-R12
SLE-R13
SLE-R14
SLE-R15
SLE-R16
SLE-R17
SLE-R18

1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1

1
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
0,5
1
0,5
0
0
0
0

0
0,6
0
0
0
1
0
0
0
0
0
1
0
0
0

0
0
0,6
0
0
0
1
0
0
0
0
0
1
0
0

0
0
0
0,6
0
0
0
1
0
0
0
0
0
1
0

0,9
0
0
0
0,6
0
0
0
1
0
0
0
0
0
1

0
1
1
1
1
0
0
0
0
0
1
0
0
0
0

4.3.4. SLE (combinazione frequente)


SLE-F1
SLE-F2
SLE-F3
SLE-F4
SLE-F5

Combinazioni SLE-F
G1 G2 neve vento-x1
vento-x2
vento-y1
vento-y2
manutenzione
1
1
0,2
0
0
0
0
1
1
0
0,2
0
0
0
1
1
0
0
0,2
0
0
1
1
0
0
0
0,2
0
1
1
0
0
0
0
0,2

0
0
0
0
0

4.3.5. SLE (combinazione quasi permanente)


SLE-QP1

Combinazioni SLE-QP
G1 G2 neve vento-x1
vento-x2
vento-y1
vento-y2
manutenzione
1 1
0
0
0
0
0

PAGINA 17

5.

Risposta dinamica della struttura

5.1.

ANALISI MODALE

Avendo la struttura luci maggiori di 20 m si considera anche l'influenza del sisma verticale.
Per quanto riguarda il sisma orizzontale basta considerare i primi due modi di vibrare (si
ottengono masse partecipanti maggiori dell'85%); per il sisma verticale vanno considerati
anche i modi superiori nonostante la componente verticale del sisma abbia una minore
influenza sul comportamento della struttura.
Modo
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

Periodo
s
1,1674
1,0059
0,9848
0,3241
0,3233
0,3224
0,3043
0,3042
0,2949
0,2287
0,1660
0,1621

UX
%
87,72%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,34%
0,00%
0,00%

UY
%
0,00%
85,99%
4,09%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%
3,74%
0,00%

UZ
%
0,00%
0,00%
0,00%
26,02%
0,00%
0,92%
7,41%
7,50%
0,00%
0,00%
0,00%
0,00%

UX
%
87,72%
87,72%
87,73%
87,73%
87,73%
87,73%
87,73%
87,73%
87,73%
88,06%
88,06%
88,06%

UY
%
0,00%
85,99%
90,08%
90,08%
90,08%
90,08%
90,08%
90,08%
90,08%
90,08%
93,82%
93,82%

UZ
%
0,00%
0,00%
0,00%
26,02%
26,02%
26,94%
34,35%
41,85%
41,85%
41,85%
41,85%
41,85%

Di seguito si riportano le deformate modali dei primi tre modi di vibrare.

PAGINA 18

Figura 5.5: Modo 1: assonometria

Figura 5.6: Modo 1: Prospetto

PAGINA 19

Figura 5.7: Modo 2: assonometria

Figura 5.8: Modo 2: prospetto

PAGINA 20

Figura 5.9: Modo 3 : assonometria

Figura 5.10:Modo 3: Pianta

PAGINA 21

5.2.

NON LINEARIT GEOMETRICHE

Progetto di una palestra


prefabbricata in c.a.p.
Non linearit geometriche

direzione P
X

dr,e

kN
mm
3548 2,74

=q dr

mm kN
3 8,22

611

Somm

"1-3" \h \

Insegnamento di

Tecnica delle Costruzioni II

STUDENTE:

LEONARDO BALOCCHI

DOCENTI:

PROF. ING.

REVISORI:

ING.

ALESSANDRO GIOELI

ING.

MARCO CINOTTI

MAURO SASSU

PAGINA 22

6.

Travi

Sezioni di verifica: sezioni pi sollecitate, precompresse e non


Fasi costruttive e di verifica

Figura 6.11: Disposizione dei cavi di precompressione nella trave

6.1.

SLE

Di seguito si riporta il foglio di calcolo completo di tutti i passaggi per la sezione di mezzeria
ed in seguito un riepilogo dello stato tensionale per le varie sezioni di verifica.

PAGINA 23

PAGINA 24

1.1.1. Verifica della sezione di mezzeria , x=14m


Materiali

(tensioni di compressione positive per


calcestruzzo e negative per acciaio)

CLS C40/50
N

modulo elastico

Ec 35220

resistenza a compressione
caratteristica

fck 40

resistenza a compressione media

fcm fck 8

tensione limite cls al tiro

c0max 0.7fck 28

tensione limite cls in comb.rara

cRmax 0.6fck 24

tensione limite cls in comb.


quasi permanente

cQPmax 0.45fck 18

tensione di trazione max

fctd 1.64

2
mm
N

2
mm
N
2
mm

48

N
2
mm

N
2
mm
N
2
mm
N
2
mm

N
2
mm

Trefoli 1/2"
N

modulo elastico

Ep 201000

tensione caratteristica di rottura

fptk 1860

tensione caratteristica all'1%


di deformazione

fp1k 1670

tensione massima al tiro

p0max min 0.8 fptk 0.9fp1k 1488

tensione limite in
combinazione rara

pRmax 0.8 fp1k 1336

2
mm
N
2
mm
N
2
mm

N
2
mm

N
2
mm

B450C
N

modulo elastico

Es 210000

tensione di snervamento
caratteristica

fyk 450

tensione di rottura
caratteristica

ftk 540

tensione limite in
combinazione rara

sRmax 0.8fyk 360

coefficienti di
omogeneizzazione

Ep
np
5.71
Ec

2
mm

N
2
mm
N
2
mm
N
2
mm
Es
ns
5.96
Ec

PAGINA 25

Sezione cls
altezza totale sezione

H 120cm

larghezza dell'ala

B 140cm

spessore dell'ala

h 14cm

larghezza delle anime

b 15cm

Area di calcestruzzo

2
Ac h B 2 ( H h) b 5140 cm

perimetro

u 2 B 2 H 2 b 2 h 578 cm

momento statico del solo cls


distanza del baricentro del solo
cls dal lembo superiore

h
H h
5
3
Sc ( B h) 2 [ b ( H h) ]
2.27 10 cm
2
2
Sc
hGc
44.12 cm
Ac

momento d'inerzia del solo cls rispetto al lembo superiore


J csup ( B h)

3
B h

12

2 [b ( H h) ]

momento d'inerzia del solo cls

H h

b ( H h)

12

7
4
1.74 10 cm

6
2
4
J c J csup Ac hGc 7.37 10 cm

Sollecitazioni
Momento in combinazione rara

MSLER 1535
kN m

Momento in combinazione quasi permanente

MSLEQP 1285
kN m

Momento alla scasseratura

MG1_0 1259
k N m

Momento in fase di trasporto e montaggio

MG1_1 810
kN m

PAGINA 26

Armatura da precompressione

111.5

100

95

distanze dal lembo


superiore della trave

90

85

hp

80

75

70

2
2 0.93cm

Ap

aree trefoli

cm

12

area totale trefoli

Ap 18.6 cm2

Aptot

hp Ap

baricentro armature da precompressione

hGp

momento statico trefoli

3
Sp Aptot hGp 1543.8 cm

momento d'inerzia dei soli trefoli rispetto


al lembo superiore

5
2
4
J p Ap hp 1.42 10 cm

83 cm

Ap

Armatura lenta

Abarra

12mm
4

2
113.1 mm

116

9.05

83

2.26

57

hs

32
10

cm

As

4.52

4
4

2
cm

Abarra

4.52
4.52
4.52

area totale armatura lenta

Astot

baricentro armatura lenta

hGs

As 29.41 cm2

hp Ap

83 cm

Ap

PAGINA 27

PAGINA 28

momento statico armatura lenta

3
Ss Astot hGs 2440.64 cm

momento d'inerzia della sola armatura


rispetto al lembo superiore

5
2
4
J s As hs 1.57 10 cm

Caratteristiche sezione omogeneizzata interamente reagente


Astot Aptot
0.93 %
Ac

rapporto fra l'area di armatura e l'area


di calcestruzzo

rapportoaree

area della sezione omogeneizzata


in fase 1

2
Aom1 Ac Aptot np Astot ns 0.54 m
Sc Sp Ss
hGom1
44.48 cm
Ac Aptot Astot

posizione del baricentro


della sezione omogeneizzata in fase 1

momento di inerzia della sezione omogeneizzata in fase 1


7
2
2
2
4
J om1 J csup Ac hGc hGom1 J p Aptot hGp hGom1 J s Astot hGs hGom1 1.76 10 cm

Forza di precompressione
N

tensione iniziale nei cavi

p0 1350

forza di tesatura iniziale

N0 p0 Aptot 2511 kN

p0max 1488

2
mm

N
2
mm

Precompressione iniziale
tensione nel cavo dopo il rientro degli
ancoraggi di 5 mm (banco da 140 m)

pi0 p0

5
3

140 10

Ep 1342.82

N
2
mm

67.02

55.52
50.52
45.52
ordinate dei cavi rispetto al baricentro
della sezione omogeneizzata

40.52

yp hp hGom1

cm

35.52

30.52
25.52

eccentricit del cavo risultante

32.48

epG hGp hGom1 38.52 cm

PAGINA 29

risultante di precompressione

Fp0 Aptot pi0 2497.65 kN

momento risultante

Mp0 Fp0 epG 962.08 kN m

tensioni nel cls al rilascio dei trefoli


(senza considerare il momento positivo
offerto dal peso proprio)

c0inf

Fp0
Mp0
N

H hGom1 8.73
Aom1 Jom1
2
mm

c0sup

Fp0
Mp0
N

hGom1 2.18
Aom1 J om1
2
mm

47.19

20.9

43.6

17.31

42.05

perdite di tensione istantanee nei cavi

pist

Fp0

Aom1

15.75
40.49
14.19
Mp0
Fp0
Mp0
N
N
N
yp n p 38.93
yp
np 26.29

12.64
n p

J om1
Aom1
J om1
37.37 mm2 11.08
2 mm2
mm

35.81
9.52
34.25
7.96

16.16
10.13
1295.63

1299.22
1300.78
1302.34
tensione nei trefoli dopo le perdite istantanee

pi pi0 pist 1303.89


1305.45 mm2

1307.01

1308.57

1326.66

PAGINA 30

Perdite differite nel tempo


RITIRO

2Ac
17.79 cm
u

dimensione fittizia

h0

coefficiente di ritiro

kh 0.96

deformazione da ritiro per essiccamento


(valore base - Ur=75%)

cd0 0.0275%

ritiro a tempo infinito


deformazione da ritro per essiccamento
(tempo infinito)

cd kh cd0 0.03 %
fck

6
2
mm 10 10
0.01 %
N

deformazione da ritro autogeno


(tempo infinito)

ca 2.5

deformazione torale da ritiro


(tempo infinito)

cr cd ca 0.03 %

perdita di tensione da ritiro

prinf Ep cr 68.14

N
2
mm

ritiro a 60 giorni
tempo in giorni

coefficiente di ritiro per essiccamento

t1 60
tr

dr tr

h0
t1 0.04

cm

1.5

dr t1 0.95

deformazione da ritro per essiccamento


(60 giorni)

cd60gg
kh cd0 dr t1 0.03 %
ar tr 1 exp 0.2 tr

0.5

coefficiente di ritiro autogeno


ar t1 0.79

deformazione da ritiro autogeno


(60 giorni)

ca60gg
ca ar t1 0.01 %

deformazione totale da ritiro


(60 giorni)

cr60gg cd60gg
ca60gg
0.03 %

perdita tensionale da ritiro


(60 giorni)

pr60gg cr60gg
Ep 62.41

N
2
mm

PAGINA 31

VISCOSITA
umidit relativa

Ur 75%

tempo di applicazione della


precompressione in giorni

t0 1

coefficiente di viscosit a tempo ifinito

inf 2.46

EC21.1 AnnexB

0.7

35

2
mm
fcm
N

0.8

0.2

35

2
mm
fcm
N

0.94

H 1.5 1 0.012 Ur

h0

0.85

2
mm
fcm
N

0.5

35

18 cm 250 3

240.16

0.3

t1

c ( t)

H t 1
1
t0
0.52
0.2
0.1 20

16.8

fcm

2.42

2
fcm mm
N

1 Ur

Ur 1

0.1

1.96

h0
cm

coefficiente di viscosit (val.base)

0 Ur fcm t0 2.47

coefficiente di viscosit nel tempo

( t) 0 c ( t)

coefficiente di viscosit a 60 giorni

60 1.52

PERDITE PER VISCOSITA A TEMPO INFINITO

4.89

8.27

4.05

7.64

3.69

tensioni nel cls in


corrispondenza dei
cavi per la combinazione
quasi permanente e
la precompressione

7.37

3.32

MSLEQP

yp
J om1

2.96
2.59

2
mm

7.09

Fp0
Mp0

yp
Aom1 J om1

6.82
6.55

2.23

N
2
mm

6.27

1.86

2.37

2.83

PAGINA 32

3.38

3.59
3.68
tensioni nel cls in corrispondenza dei
cavi per la combinazione
quasi permanente + precompressione

MSLEQP
ccaviQP
yp
J om1

3.77

Fp0
Mp0

yp
Aom1 J om1

3.86

3.96

N
2
mm

4.05
4.14

5.2

47.42

50.38
51.67
52.96
perdite per viscosit nei cavi a
tempo infinito

pvinf ccaviQP inf np 54.25


55.53 mm2

56.82
58.11

73.04
PERDITE PER VISCOSITA A 60 GIORNI

29.28

31.11
31.9
32.7

perdite per viscosit nei cavi a


tempo infinito

pv60gg ccaviQP 60 np 33.49

34.29

N
2
mm

35.08
35.88

45.1
RILASSAMENTO
rilasamento a 1000 ore (classe 1)

1000 8%

tempo infinito in ore

tinf 500000

60 giorni in ore

t60gg 60 24 1440

PAGINA 33

0.78

0.78
0.78
grado di precompressione dei
trefoli

pi
fp1k

0.78

0.78

0.78

0.78
0.78

0.79
perdita per rilassamento
nel tempo (classe 1)

6.7

pril ( t) 5.39 1000 e

1000

0.75 1

10

pi

261.77

262.49
262.81
263.12
rilassamento a tempo infinito

pril tinf 263.44

263.75

N
2
mm

264.07
264.38

268.04
100.52

100.8
100.92
101.04
rilassamento a 60 giorni

pril t60gg
101.16

101.28

N
2
mm

101.4

101.52

102.92

PAGINA 34

PAGINA 35

PERDITE DOVUTE ALL'EFFETTO COMINATO DI VISCOSITA,RILASSAMENTO E RITIRO

288.95

292.1
293.47
perdite a tempo inifinito

pinf

294.84

prinf pvinf 0.8 pril tinf


Aptot
Ac
2
1 np
1
e 1 0.8 inf

Ac
J c pG

296.2

297.57

N
2
mm

298.94
300.31

316.19
179.29

182.2
183.47
perdite a 60 giorni

p60gg

prinf pvinf 0.8 pril t60gg

Aptot
Ac
2
1 np
1
e 1 0.8 60

Ac
J c pG

184.74

186

187.27

N
2
mm

188.54
189.8

204.49
PRECOMPRESSIONE A TEMPO INFINITO
F pinf Ap pinf 551.96 kN

M pinf diagA
p pinf yp 208.85 kN m

non considero le perdite istantanee


e la sezione omogenea:cerco solamente
la risultante della prec. a tempo inf.

Fpinf Fp0 F pinf 1945.69 kN


Mpinf Mp0 M pinf 753.24 kN m
Mpinf
epGinf
38.71 cm
Fpinf

PRECOMPRESSIONE A 60 GIORNI
F p60gg Ap p60gg 346.91 kN

non considero le perdite istantanee


e la sezione omogenea:cerco solamente
la risultante della prec. a 60gg

M p60gg diagA
p p60gg yp 130.15 kN m
Fp60gg Fp0 F p60gg 2150.739 kN

PAGINA 36

Mp60gg Mp0 M p60gg 831.94 kN m


Mp60gg
epG60gg

38.68 cm
Fp60gg

TENSIONI A VUOTO - Calcestruzzo


c0max 28

fctd 1.64

2
mm

N
2
mm

lembo
inferiore

cvuotoinf

Fp0
Mp0
MG1_0
N

H hGom1
H hGom1 3.33
Aom1 J om1
J om1
2
mm

lembo
superiore

cvuotosup

Fp0
Mp0
MG1_0
N

hGom1
hGom1 5.36
Aom1 J om1
J om1
2
mm

TENSIONI IN FASE DI TRASPORTO E MONTAGGIO - Calcestruzzo


c0max 28

N
2
mm

fctd 1.64

N
2
mm

lembo
inferiore

ctraspinf

Fp60gg Mp60gg
MG1_1
N

H hGom1
H hGom1 4.06
Aom1
J om1
J om1
2
mm

lembo
superiore

ctraspsup

Fp60gg Mp60gg
MG1_1
N

hGom1
hGom1 3.91
Aom1
J om1
J om1
2
mm

TENSIONI IN COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE - Calcestruzzo


cQPmax 18

N
2
mm

fctd 1.64

N
2
mm

lembo
inferiore

cQPinf

Fpinf Mpinf
MSLEQP
N

H hGom1
H hGom1 1.31
Aom1 J om1
J om1
2
mm

lembo
superiore

cQPsup

Fpinf Mpinf
MSLEQP
N

hGom1
hGom1 4.93
Aom1 J om1
J om1
2
mm

TENSIONI IN COMBINAZIONE RARA


N

Calcestruzzo

cRmax 24

lembo
inferiore

cRinf

Fpinf Mpinf
MSLER
N

H hGom1
H hGom1 0.24
Aom1 J om1
J om1
2
mm

lembo
superiore

cRsup

Fpinf Mpinf
MSLER
N

hGom1
hGom1 5.56
Aom1 J om1
J om1
2
mm

2
mm

fctd 1.64

2
mm

PAGINA 37

Trefoli

pRmax 1336

N
2
mm

1006.68

1007.12
1007.31
1007.5

tensione di precompressione
residua a tempo infinito

pinf pi pinf 1007.69

1007.88

N
2
mm

1008.07
1008.26

1010.47

tensione nei trefoli


in combinazione
rara

Armatura ordinaria

sRmax 360

N
2
mm

71.52

38.52
distanza delle armature ordinarie
dal baricentro della sezione
omogeneizzata

12.52

ys hs hGom1

cm

12.48
34.48

40.48

tensione nelle armature


ordinarie in combinazione
rara

PAGINA 38

1003.18

1000.705
999.628
998.552

Fpinf Mpinf
MSLER
pR

yp
y np pinf
J om1 p
Aom1 J om1

997.475

996.399

N
2
mm

995.322
994.246

981.759

6.1.1.

2.47

11.2

18.08

MSLER

sR

ys
y ns
J om1 s
Aom1 J om1
Fpinf

Mpinf

24.7

30.53

N
2
mm

32.11

PAGINA 39

6.1.2. Riepilogo delle verifiche tensionali allo SLE delle sezioni precompresse.
sezioni di verifica

1,25

2,5

3,75

6,62

9,75

14

MSLER

kNm

-20

-106

240

498

827

1284

1535

MSLEQP

kNm

-17

-84

197

416

694

1078

1285

MG1-0

kNm

215

410

584

739

910

1143

1259

-40
0
0
0
0
2
2
2
2
2
68,67
20,13

135
0
0
2
2
2
2
2
2
2
72,43
28,08

289
0
2
2
2
2
2
2
2
2
75,88
31,48

460
4
2
2
2
2
2
2
2
2
83
38,52

693
4
2
2
2
2
2
2
2
2
83
38,52

810
4
2
2
2
2
2
2
2
2
83
38,52

MG1-1
cavo 1
cavo 2
cavo 3
cavo 4
cavo 5
cavo 6
cavo 7
cavo 8
cavo 9
posizione C.R.(risp.sup)
eccentricit C.R. (sez.om.)

kNm
-10
ntref.att.
0
ntref.att.
0
ntref.att.
0
ntref.att.
0
ntref.att.
2
ntref.att.
2
ntref.att.
2
ntref.att.
2
ntref.att.
2
cm
68,67
cm
20,13

Tensioni nel cls a vuoto


lembo inferiore
lembo superiore

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

3,43
2,41

max
2,59
2,9

c0,max
3,89
3,59

28
5,56
4,04

min
4,83
4,48

fctd
3,83
5,06

-1,46
3,33
5,36

Tensioni nel cls al trasporto


lembo inferiore
lembo superiore

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

3,76
1,58

max
3,88
1,5

c1,max
4,84
2,14

28
6,1
2,58

min
5,43
3,02

fctd
4,52
3,61

-1,46
4,06
3,91

Tensioni in comb. QP
lembo inferiore
lembo superiore

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

3,39
1,39

max
3,68
1,32

c0,max
4,02
2,11

18
4,84
2,72

min
3,71
3,43

fctd
2,15
4,41

-1,46
1,31
4,93

3,41
1,38

max
3,77
1,27

c0,max
3,84
2,22

24
4,49
2,93

min
3,14
3,76

fctd
1,27
4,93

-1,46
0,24
5,56

Tensioni nel cls in comb. Rara (N/mm2)


lembo inferiore
(N/mm2)
lembo superiore
(N/mm2)
Tensione nei trefoli al tiro

(N/mm2)

Tensione nei trefoli a vuoto


cavo 1
cavo 2
cavo 3
cavo 4
cavo 5
cavo 6
cavo 7
cavo 8
cavo 9

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

Tensione nei trefoli allo SLER (N/mm2)

p0

1322,1
1322,7
1323,3
1323,9
1330,8

1326,22
1326,63
1327,04
1327,44
1332,18

1316,24
1317,03
1317,83
1318,63
1319,43
1320,22
1329,46

1350 max

1310,4
1311,4
1312,4
1313,4
1314,4
1315,5
1316,5
1328,3

max
1295,63
1299,22
1300,78
1302,34
1303,89
1305,45
1307,01
1308,57
1326,66
max

p0,max
p0,max
1295,63
1299,22
1300,78
1302,34
1303,89
1305,45
1307,01
1308,57
1326,66
pR,max

1488
1488
1295,6
1299,2
1300,8
1302,3
1303,9
1305,5
1307
1308,6
1326,7
1336

PAGINA 40

cavo 1
cavo 2
cavo 3
cavo 4
cavo 5
cavo 6
cavo 7
cavo 8
cavo 9

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

Tensione arm.lenta allo SLER


posizione1
posizione2
posizione3
posizione4
posizione5
posizione6

(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)
(N/mm2)

985
987
990
992
1.020

-28,69
-23,18
-18,84
-14,66
-10,99
-9,99

993
995
997
999
1.024

-17,86
-14,53
-11,91
-9,39
-7,17
-6,57

1.012
1.014
1.015
1.017
1.018
1.020
1.038

-18,04
-16,54
15,36
14,23
13,23
12,96

977
979
980
982
984
985
987
1.006

-16,47
-16,67
-16,82
-16,97
-17,1
-17,14

997
1.002
1.005
1.007
1.010
1.012
1.015
1.017
1.045

988 1003,2
988 1.001
988 1.000
988
999
988
997
988
996
989
995
989
994
989
982

max
sR,max
360
18,86
-8,28
-2,47
19,88 -14,28
-11,2
20,68 -19,01 -18,08
21,45 -23,55
-24,7
22,13 -27,55 -30,53
22,32 -28,64 -32,11

6.1.3. Verifca delle sezioni non precompresse

6.1.4. asd

PAGINA 41

6.2.

SLU

6.3.

ANCORAGGIO

ARMATURA

DI

FRETTAGGIO

(INTRODUZIONE DEI CARICHI)


6.4.

TRASPORTO E MONTAGGIO

PAGINA 42

7.

Pilastri

I pilastri sono modellati come vincolati alla base da una molla di rigidezza equivalente alla
fondazione mentre in sommit sono vincolati con una cerniera nella direzione della travatura
reticolare e un appoggio nella direzione della trave principale.

Figura 7.12: Sezione A eB

7.1.

VERIFICA A PRESSOFLESSIONE (SLU)

Per le verifiche a presoflessione stato utilizzato l'inviluppo semplificato dell'Eurocodice 2,


calcolando cos i momenti resistenti, per il corrispondente sforzo assiale, nelle due direzioni
separatamente per poi verificare la sezione secondo la seguente formula:
M Ey
M Ex

1
M Rx
M Ry

PAGINA 43

Figura 7.13: Dominio per flessione attorno all'asse x, principale - sezione di base

Figura 7.14: Dominio per flessione attorno all'asse y - sezione di base

Di seguito si riporta un esempio di verifica per un pilastro centrale:

PAGINA 44

Frame Station OutputCase Step

V2

V3

M2

M3

MRd,x

MRd,y impegno ver

PAGINA 45

Text
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3
P3

7.2.

m
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0

Text
SLU1
SLU10
SLU11
SLU12
SLU2
SLU3
SLU4
SLU5
SLU6
SLU7
SLU8
SLU9
SLV1
SLV1
SLV10
SLV10
SLV11
SLV11
SLV12
SLV12
SLV2
SLV2
SLV3
SLV3
SLV4
SLV4
SLV5
SLV5
SLV6
SLV6
SLV7
SLV7
SLV8
SLV8
SLV9
SLV9

Text
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
0
Max
Min
Max
Min
Min
Max
Max
Min
Min
Max
Min
Max
Max
Min
Min
Max
Min
Max
Max
Min
Max
Min
Max
Min

KN
-600
-586
-618
-618
-571
-602
-602
-546
-497
-550
-550
-616
-377
-425
-359
-442
-442
-358
-358
-441
-424
-376
-424
-376
-375
-423
-424
-379
-424
-378
-377
-422
-376
-421
-359
-442

KN
12
14
-24
-32
15
-24
-31
36
40
-24
-37
12
39
-69
10
-36
-36
10
11
-35
-68
40
-66
43
44
-65
-34
4
-33
5
8
-30
9
-29
9
-37

KN KN-m KN-m KN-m KN-m


-1
-1
-30
783
544
-1
-1
12
779
542
10
38 -173
787
548
10
38 -182
787
548
-1
-1
15
775
539
10
38 -170
783
545
10
38 -179
783
545
-1
-1
79
769
534
0
-1
155
756
525
17
64 -154
770
535
17
65 -169
770
535
-1
-1
-33
787
547
22
79
266
724
502
-15
-49 -515
737
511
19
65
24
720
498
-18
-61 -235
741
514
-20
-67 -233
741
514
17
60
25
719
498
16
54
34
719
498
-21
-72 -225
741
514
-18
-61 -505
737
511
19
68
276
724
501
-20
-69 -486
737
511
17
59
295
724
501
14
48
305
724
501
-23
-80 -476
736
510
-55 -189 -255
737
511
65
230
2
725
502
-56 -194 -246
737
511
64
224
11
725
502
56
193
37
724
502
-65 -225 -221
736
510
54
187
45
724
501
-66 -231 -212
736
510
20
71
15
720
498
-17
-56 -244
787
548
max
230
305
719
498
min
-231 -515

%
4,1%
1,8%
28,8%
30,1%
2,1%
28,7%
29,9%
10,5%
20,6%
32,0%
34,1%
4,4%
52,4%
79,5%
16,4%
43,6%
44,4%
15,6%
15,6%
44,4%
80,3%
51,6%
79,5%
52,5%
51,7%
80,3%
71,5%
46,1%
71,5%
46,1%
43,5%
74,2%
43,6%
74,1%
16,3%
41,1%
80,3%

ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok
ok

VERIFICA A TAGLIO (SLU)


Dati Materiali

fck

25,00 N/mm2

fcd'

7,08 N/mm2

fcd

14,17 N/mm2

1,57 rad

fyk

fyd

450,00 N/mm

Rd

391,30 N/mm
Dati Geometrici

1,1 CD"B"

Armatura longitudinale minima

(mm) As

verifica
12

22 mm2

0
0 4561,59 1,30% ok
Armatura longitudinale massima

PAGINA 46


Lx

700 dx

600 mm

(mm)

Ly

500 dy

400 mm

16

9,93 bstX

420 mm

3,31 bstY
DIREZIONE X
Compressione max

Lc

cp

1,26 verifica

cp/fcd

0,09 c
Taglio

As

22 mm

0 6082,12

verifica

1,74% ok

620 mm
DIREZIONE Y
Compressione max

ok
1,09

cp

1,26 verifica

cp/fcd

0,09 c
Taglio

ok
1,09

Nmin inf
Nmin inf X

442 kN

442 kN

MRd ,inf
MRd ,inf Y

719 kNm

VEd, X
zona
s
smax
verifica

80 kN
non critica
200 mm

nbracci

250 mm
ok

VEd, X
zona
s

175 mm

smax
250 mm
verifica ok

201,06 mm

8 mm
2

0,00 mm2
ok

55 kN
non critica
200 mm

8 mm

nbracci

critica
150 mm
175 mm
ok
8 mm

201,06 mm

Asw

201,06 mm2

182,47 mm2

Ast,min
0,00 mm2
verifica ok
cotg'
2,97
cotg
2,50

182,47 mm2
ok
2,52
2,50

ok
3,57
2,50

498 kNm

4
critica
150 mm

ok
8 mm

Asw
Ast,min
verifica
cotg'
cotg

3,05
2,50

201,06 mm

VRsd

531,07 kN

708,09 kN

VRsd

354,04 kN

472,06 kN

VRcd

1005,60 kN

1005,60 kN

VRcd

478,86 kN

478,86 kN

VRd

531,07 kN

708,09 kN

VRd

354,04 kN

472,06 kN

VEd

79,66 kN
15,00%
ok

79,66 kN
11,25%
ok

VEd

55,15 kN
15,58%
ok

55,15 kN
11,68%
ok

7.3.

VERIFICHE TENSIONALI (SLE)

7.4.

PRESCRIZIONI NORMATIVE SULL'ARMATURA

PAGINA 47

7.5.

TENONE

7.6.

ARMATURA DI FRETTAGGIO

Figura 7.15: Nodo trave-pilastro

PAGINA 48

Figura 7.16: Modello di calcolo per l'armatura di frettaggio

7.7.

TRASPORTO E MONTAGGIO

PAGINA 49

8.

Carpenteria metallica

8.1.

TRAVATURE RETICOLARI

I profili utilzzati per le travature reticolari sono i seguenti:


Correnti superiore ed inferiore: scatolare 100x150/4 con dimensione maggiore in
direzione ortogonale al piano della travatura;
diagonali: scatolare 60x60/4.
Nel calcolo della lunghezza libera di inflessione si sono ipotizzate tutte cerniere alle estremit
delle aste; inoltre nel calcolo dell'instabilit fuori piano la lunghezza di inflessione dei
correnti assunta pari all'intera lunghezza del corrente stesso.
Nel seguito si riporta la verifica della travatura di bordo, la pi sollecitata.

H
B
t

Corrente inferiore
100 mm
150 mm
4 mm

Corrente superiore (aste


1m)
H
100 mm
B
150 mm
t
4 mm

1936 mm2

1936 mm2

Jx

3285525 mm4

Jx

3285525 mm4

41,20 mm
6173125 mm4

Jy

41,20 mm
6173125 mm4

Jy

56,47 mm
Instabilit nel piano

56,47 mm
Instabilit nel piano

2000 mm
1

1000 mm
1

l0

2000 mm

l0

1000 mm

0,21 curva a

0,21 curva a

48,55

24,27

Ncr

1702409 N

Ncr

6809635 N

eq

0,52

eq

0,26

0,67

0,54

0,92

0,99

Nbd

398 kN

Nbd

428 kN

NEd

-143 kN

NEd

-136 kN

impegno
l

l0

35,8% ok

Instabilit fuori piano


8000 mm
1
8000 mm
0,21 curva a
141,67

impegno
l

l0

31,7% ok

Instabilit fuori piano


8000 mm
1
8000 mm
0,21 curva a
141,67

PAGINA 50

Ncr

199914,4 N

Ncr

199914,4 N

eq

1,51
1,78
0,37

eq

1,51
1,78
0,37

Nbd

160 kN

Nbd

160 kN

NEd
impegno
NRd

-143 kN
89,2% ok
Trazione
433 kN

NEd
impegno

140 kN
32,2% ok

Corrente superiore (aste


2m)
H
100 mm
B
150 mm
t
4 mm
A

1936 mm2

Jx

3285525 mm4

41,20 mm

NEd
impegno
NRd
NEd
impegno

H
B
t
A
Jmin

6173125 mm4

Jy

-136 kN
85,0% ok
Trazione
433 kN
144 kN
33,2% ok

Diagonali
60 mm
60 mm
4 mm
896 mm2
470698,7 mm4
22,92 mm
Instabilit

56,47 mm
Instabilit nel piano

1800 mm
1

2000 mm
1

l0

1800 mm
0,21 curva a

l0

2000 mm

78,53

0,21 curva a

Ncr

301104,3 N

48,55

eq

0,84

Ncr

1702409 N

0,92

eq

0,52

0,77

0,67

Nbd

155 kN

0,92

NEd

Nbd

398 kN

impegno

NEd

-71 kN

impegno
l

l0

Ncr

17,8% ok

Instabilit fuori piano


8000 mm
1

-64 kN
41,4% ok
Trazione

NRd
NEd
impegno

201 kN
64 kN
31,8% ok

8000 mm
0,21 curva a
141,67
199914,4 N

eq

1,51
1,78
0,37

Nbd

160 kN

PAGINA 51

NEd
impegno
NRd
NEd
impegno

8.2.

-71 kN
44,4% ok
Trazione
433 kN
73 kN
16,8% ok

SAETTE
H
B
t
A
Jmin

Saetta
100 mm
50 mm
5 mm
1400 mm2
561666,7 mm4
20,03 mm
Instabilit

1800 mm
1

l0

1800 mm
0,21 curva a

89,87

Ncr

359296,2 N

eq

0,96

1,04

0,70

Nbd

218 kN

NEd

62 kN

impegno

28,4% ok
Trazione

NRd
NEd
impegno

313 kN
12 kN
3,8% ok

PAGINA 52

9.

Fondazione

descrizione tipo fondazione: su plinti collegati, superficiale


collegamenti fra pilastri: muretti e cordoli perch
travi portapannelli: modellazione (appoggiata appoggiata per terreno potenzialmente
scdente in superficie

In presenza di azioni sismiche, le NTC prevedono di adottare per la verifica delle fondazioni la
forza assiale trasmessa dalla base del pilastro e/o setto e la minore tra:
la sollecitazione di calcolo (M e T) trasmessa alla base dal pilastro, amplificata per un
coefficiente dipendente dalla classe di duttilit (1.1 in CDB e 1.3 in CDA);
i valori resistenti di progetto di M e T;
i valori di M e T derivanti da una analisi eseguita con q=1,0.

9.1.

VERIFICHE GEOTECNICHE

9.1.1. Carico limite


Combinazioni
Caretteristiche terreno
Formula, ipotesi...
Verifica

9.1.2. Cedimenti
Uso Winkler...

9.2.

VERIFICA DEL BICCHIERE

(normativa di riferimento per il calcolo e modello con figure)

PAGINA 53

Figura 9.17: Modello di verifica del plinto a pozzetto

Figura 9.18: Nomenclatura armature del bicchiere

9.3.

VERIFICA DELLA CIABATTA

Modello di plinto flessibile: verifica a flessione: dove...

PAGINA 54

9.3.1. Verifica a flessione


9.3.2. Verifica a punzonamento

9.4.

VERIFICA DEI CORDOLI E DELLE TRAVI PORTAPANNELLI

9.4.1. Momento
9.4.2. Taglio

PAGINA 55

10. Collegamenti
10.1. TRAVE - PILASTRO
10.1.1.Appoggio in neoprene
10.1.2.Armatura di frettaggio pilastro

10.2. PILASTRO-FONDAZIONE
10.3. SAETTE
10.3.1.Saetta-pilastro
Collegamento saetta pilastro
sforzo normale massimo di trazione nella saetta
numero di bulloni
angolo rispetto all'orizzontale della saetta
trazione su ogni bullone

N
n

Ft,E

20,20 kN
4,00
37,00 gradi
4,03 kN

Fv,E
taglio su ogni bullone

3,04 kN

coefficiente di sicurezza
Classe bulloni

M2

1,25
8.8

tensione di snervamento

fyb

649,00 N/mm2

tensione di rottura
Diametro bulloni

ftb
M

800,00 N/mm2
12,00 mm

Area resistente

Ares
Fv,R

Resistenza a taglio

84,82 mm2
32,57 kN

Ft,R
Resistenza a trazione
Verifica

48,86 kN
0,15 ok

10.3.2.Saetta-trave

10.4. RETICOLARE- PILASTRO


Collegamento superiore reticolare pilastro (oscillazione in controfase)
sforzo normale corrente

Nc

sforzo normale diagonale


angolo rispetto all'orizzontale del diagonale
numero di bulloni

Nd

139,00 kN
58,00 kN
37,00 gradi
4,00

PAGINA 56

trazione su ogni bullone


taglio su ogni bullone

Ft,Ed
Fv,E

11,58 kN
8,73 kN

coefficiente di sicurezza
Classe bulloni

M2

tensione di snervamento

fyb

649,00 N/mm2

tensione di rottura
Diametro bulloni

ftb
M

800,00 N/mm2
12,00 mm

Area resistente

Ares
Fv,R

Resistenza a taglio

1,25
8.8

84,82 mm2
32,57 kN

Ft,R
Resistenza a trazione
Verifica

48,86 kN
0,44 ok

10.5. BICCHIERE-SOLETTA
10.6. CORDOLO-BICCHIERE
10.7. COPPELLE-TRAVI
10.8. PANNELLI VERTICALI
10.8.1.Collegamento superiore (trave)
10.8.2.Collegamento inferiore (trave porta-pannello)

10.9. PANNELLI ORIZZONTALI


10.9.1.Collegamenti inferiore (trave porta-pannello)
10.9.2.Collegamento superiore (pilastro)

PAGINA 57