Sei sulla pagina 1di 11

Teoria musicale: scale e intervalli

Diritti riservati - Sonia Cannas e la natura delle cose


7 aprile 2012
possibile modificare o ridistribuire questo articolo a patto che venga attribuita la paternit al
suo autore e al sito http://www.lanaturadellecose.it/

Indice
1 Scale e intervalli
1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Le scale musicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.3 Intervalli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1

2
2
5
8

Scale e intervalli

1.1

Introduzione

Gli elementi basilari di tutta la teoria musicale e della tecnica di un musicista sono le scale e gli
intervalli.
Almeno una volta nella vita tutti avrete sentito suonare una scala da un musicista o intonare
la successione di note Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si, Do da un cantante.
La scala infatti una successione di un dato numero di suoni, il cui numero varia a seconda
della scala considerata1 . Lesempio sopra riportato una successione di 7 suoni distinti, con in
pi la ripetizione del primo suono (Do) per pi acuto, in musica si dice unottava sopra. Infatti
la scala si definisce come una successione graduale di un dato numero di suoni, che dividono in
altrettante parti lintervallo di ottava.
Quindi lottava un particolar tipo di intervallo, ma cos un intervallo?
Un intervallo indica la distanza tra due suoni (es: Do - Fa, Re b - Sol, Si - Fa #, ecc...).
Pi precisamente si definisce intervallo la differenza daltezza fra due suoni, esprimibile in fisica
acustica con il rapporto delle frequenze2 dei suoni stessi. Teoricamente gli intervalli sono in numero
illimitato, poich infiniti sono i suoni possibili in natura, ma nella pratica di qualsiasi sistema
musicale essi si riducono ad un numero limitato.
Il nome di un intervallo si determina contando le linee e gli spazi che separano le due note
sul rigo musicale. Oppure potete determinarlo contando le note della scala diatonica (cio della
scala citata sopra che tutti conoscete, vedi par.1.2) partendo dalla prima nota dellintervallo fino
allultima compresa.

Le note di una scala sono definite anche gradi 3 , e nel nostro sistema a seconda della posizione che
occupano hanno un nome che indica la loro funzione nella scala:
1. I grado - tonica: la nota iniziale della scala;
2. II grado - sopratonica;
3. III grado - mediante (o modale): determina il carattere della scala, cio se maggiore o
minore;
4. IV grado - sottodominante;
5. V grado - dominante: il grado pi importante dopo la tonica, viene chiamata in tal modo
poich la nota dominante della scala;
6. VI grado - sopradominante;
7. VII grado - sensibile o sottotonica: la sensibile tende a risolvere sulla tonica, e si trova in
tutte le scale eccetto che nella scala minore naturale e nella scala melodica discendente (vedi
par. 1.2) in cui prende il suo posto la sottotonica.
1 Le musiche delle diverse culture hanno dato vita a tanti diversi tipi di scale. Per esempio dallantico procedimento
per quinte dei pitagorici si sono sviluppate le principali scale arabe, le scale pentatoniche (di 5 suoni), quelle indocinesi o siamesi. Inoltre diversi musicisti del 900, prendendo spunto dalle musiche popolari, fecero uso di altre nuove
scale, una delle pi note la scala esatonale (in cui lottava viene divisa in 6 parti, quindi formata da 6 toni) di
Claude Debussy.
2 Per chiarimenti su ci si consulti: La scala logaritmica.
3 I gradi della scala vengono indicati con i numeri romani, gli intervalli con i numeri arabi.

Quasi tutta la musica, anche quella delle culture non occidentali, tonale, cio organizzata attorno alla tonica.
La distanza tra due gradi consecutivi pu essere di tono o di semitono, ci dipende dalla
posizione che occupano nella scala considerata. Nel nostro sistema, il sistema temperato equabile,
il semitono la met di un tono, e tale distanza pu essere ascoltata suonando due tasti consecutivi
di un pianoforte.

T = Tono
sT = Semitono
Nota: tra un tasto bianco ed
uno nero c sempre un semitono
di distanza.
Tra due tasti bianchi c un tono,
eccetto le coppie Mi - Fa e Si - Do,
in cui la distanza di semitono.

Esistono due tipi di semitono:


1. semitono cromatico: formato da due note con lo stesso nome ma diversa altezza (es: Do Do#, Mi b - Mi)4 ;
2. semitono diatonico: formato con due note con diverso nome e diversa altezza (es: Fa# - Sol,
La - Si b).
e nel sistema temperato equabile essi coincidono. Di conseguenza note come Do# e Re b (Fa#
e Sol b, Sol# e La b, ecc...) sono enarmoniche, cio sono lo stesso suono, infatti nel pianoforte
esiste un unico tasto per entrambi.

In realt un tono formato da 9 comma, dove per comma si intende la differenza infinitesimale
di frequenza tra due suoni di altezza quasi uguale, e il semitono cromatico composto da 5 comma,
4 La divisione di un tono in due semitoni si ottiene per mezzo delle alterazioni (o accidenti musicali), si tratta di
segni grafici posti davanti alla nota per alterarne lintonazione. Sono 5:

Diesis # : altera la nota di un semitono ascendente;


Bemolle b: altera la nota di un semitono discendente;
Doppio Diesis: altera la nota di due semitoni ascendenti;
Doppio bemolle bb: altera la nota di due semitoni discendenti;
Bequadro \: annulla ogni alterazione riportando la nota allo stato naturale.

mentre quello diatonico da 4. Quindi Do# e Re b in realt non sono enarmoniche, c una piccola
differenza.

Negli strumenti ad intonazione fissa come il pianoforte non possibile mettere in evidenza tale
differenza, si dovrebbero costruire delle tastiere lunghissime e scomodissime da suonare, soprattutto
dopo tutta la tecnica pianistica che si sviluppata negli ultimi secoli. Diciamo che quindi per una
differenza cos piccola non ne varrebbe la pena. Invece in strumenti come gli archi, i fiati o la
voce umana, possibile, ed quello che si fa comunemente nella pratica lasciandosi guidare dal
proprio orecchio.
Tutto ci dipende dal fatto che il temperamento equabile nasce per risolvere i problemi della
scala naturale (che nasce a sua volta per risolvere alcuni problemi di quella pitagorica) come quello
dellaccordatura degli strumenti ad intonazione fissa, ma ci avviene a discapito della naturalezza
degli intervalli, che infatti si perde. Si tratta per di differenze molto piccole, quindi sia i teorici
che i musicisti hanno preferito accettare questo compromesso, ma tutto ci verr chiarito meglio
nei prossimi articoli.

1.2

Le scale musicali

Ogni sistema musicale ha la sua scala, definita sia dalla diversa distribuzione degli intervalli fra
i gradi che la costituiscono che per la loro ampiezza. I procedimenti per dividere lottava in un
dato numero di parti sono stati principalmente tre, da essi hanno avuto orgine le scale: pitagorica,
zarliniana (o naturale) e temperata.
La musica occidentale si basa sul sistema temperato equabile. La sua scala si distingue anzitutto
in cromatica e diatonica.
- La scala cromatica la scala che comprende tutti i suoni possibili del sistema, quindi nel
temperamento equabile definita dalla successione di 12 semitoni contigui.

- La scala diatonica una scala di 7 note e ad essa appartengono due grandi tipi di scale:
1. la scala maggiore, costituita da 5 toni e 2 semitoni, questi ultimi disposti luno tra il III
e il IV grado e laltro tra il VII e lVIII;

2. la scala minore che si presenta in tre diverse forme:


a) la scala minore naturale, costituita anchessa da 5 toni e 2 semitoni, questi ultimi
disposti tra il II e il III grado e tra il V e il VI;

b) la scala minore armonica, costituita da 3 toni, 3 semitoni (tra il II e il III grado, tra
il V e il VI e tra il VII e lVII) e un tono e mezzo (tra il VI e il VII grado);

c) la scala minore melodica, costituita da 5 toni e 2 semitoni sia nel moto ascendente
che in quello discendente, ma mentre nel moto ascendente i semitoni si trovano luno
tra il II e il III grado (come nel moto discendente) e laltro tra il VII e lVIII, in
quello discendente questultimo semitono si sposta fra VI e V grado.

Tutte le scale, maggiori o minori, presentano la stessa successione di toni e semitoni, indipendentemente dalla tonica scelta. Conseguentemente a ci tutte le scale, eccetto Do Maggiore, hanno
delle note sempre alterate.
Esempio 1 (Costruzione di Re Maggiore). Nella scala maggiore i semitoni si trovano fra i gradi
III-IV e VII-VIII. Quindi:
I grado: Re
II grado: Mi
III grado: Fa#
IV grado: Sol

+1Tono
+1Tono
+1semitono
+1Tono

V grado: La

+1Tono

VI grado: Si

+1Tono

VII grado: Do#

+1semitono Re

Quindi in un brano in Re Maggiore il Fa e il Do sono sempre alterati, perci si parla di alterazioni


permanenti e non vengono poste affianco ad ogni Fa e Do, ma allinizio del pentagramma5 .

Esempio 2 (Costruzione di Fa Maggiore). Facendo lo stesso ragionamento di prima:


I grado: Fa

+1Tono

II grado: Sol

+1Tono

III grado: La

+1semitono

IV grado: Si b

+1Tono

V grado: Do

+1Tono

VI grado: Re

+1Tono

VII grado: Mi

+1semitono Fa

5 La alterazioni in chiave (vengono comunemente chiamate anche in questo modo) permettono di riconoscere
subito la tonalit di un brano guardandone lo spartito: se, ad esempio, vi un solo bemolle la tonalit sar Fa
Maggiore o la relativa minore (Re minore). Per ulteriori chiarimenti e per osservare il prospetto delle tonalit potete
consultare Teoria musicale di Luigi Rossi (vedi bibliografia).

Ad ogni scala maggiore viene associata una scala relativa minore, la cui tonica si trova una
terza minore6 sotto quella della scala maggiore.
Tutte le possibili scale maggiori, con le relative minori, formate su ognuno dei dodici suoni della
scala cromatica, possono essere disposte nel circolo delle quinte.

Figura 1: In rosso sono segnate le tonalit maggiori, in verde quelle minori. In corrispondenza di
ciascuna tonalit c un pentragramma con le alterazioni in chiave e nel cerchio azzurro il numero
di alterazioni.
Tale disposizione prevede le armature di chiave caratterizzanti le scale collocate in modo da
formare un cerchio, secondo una progressione crescente di diesis (percorrendo il circolo in senso
orario) o decrescente di bemolli (percorrendolo in senso antiorario). Il circolo delle quinte viene
definito in tale modo poich percorrendo il cerchio in senso orario la tonica di ciascuna scala si
trova a distanza di quinta da quella della scala precedente.

6 Per

la definizione di terza minore si veda il par. 1.3.

1.3

Intervalli

Nel paragrafo 1.1 abbiamo spiegato cos un intervallo e come si pu determinare.


Molto spesso per non sentiamo parlare di terza ma magari di terza minore, o di terza Maggiore.
Un intervallo infatti, per essere completo, definito da due elementi: il primo indica la distanza
fra i due suoni (seconda, terza, quarta, ecc. . . ), il secondo indica la sua specifica funzione tonale
nel contesto musicale (quale tipo di terza, quarta, ecc. . . ), e pu essere determinata mediante un
confronto con la scala maggiore formata a partire dalla nota pi grave delle due note. Se la nota
superiore coincide con una nota della scala, lintervallo maggiore (se si tratta di seconde, terze,
seste o settime) o giusto (se si tratta di ottave, quinte, quarte o unisoni). Se la nota superiore non
coincide con una nota della scala, si devono applicare i seguenti criteri:
a) la differenza tra un intervallo maggiore e uno minore con lo stesso nome generico di un
semitono;
b) ampliando di un semitono un intervallo maggiore o giusto diventa aumentato, ampliandolo di
due semitoni diventa pi che aumentato, ampliandolo di tre semitoni diventa empheccedente;
c) riducendo di un semitono un intervallo minore o giusto, questo diventa diminuito, riducendolo
di due semitoni diventa pi che diminuito, riducendolo di tre semitoni diventa deficiente.

Esempio 3 (Determiniamo lintervallo Do - Fa#). Si tratta di una quarta, ma di quale tipo? La


nota pi grave fra le due il Do, quindi consideriamo la scala di Do Maggiore. In essa il Fa
naturale, quindi Fa# non appartiene alla scala, allora bisogna applicare uno dei criteri sopra
elencati. Il Fa# si trova un semitono sopra rispetto al Fa, quindi lintervallo si sta ampliando
rispetto alla quarta giusta Do - Fa (ricorda: le quarte sono giuste, non maggiori), quindi il criterio
da applicare il b. Lintervallo Do - Fa#, in conclusione, una quarta aumentata.
Osservazione 1. Ci sono intervalli che nel sistema temperato hanno rapporti di frequenza identici,
quindi suonati al pianoforte risultano uguali (per esempio lai terza minore la seconda aumentata)
ci che differente il loro senso armonico nel contesto musicale. Intervalli di questo tipo vengono
detti enarmonici.
Gli intervalli si classificano ancora in:
- consonanti (ottava, quinta e quarta giuste, terza e sesta maggiori e minori) i quali danno allascoltatore una sensazione di completezza e riposo, o dissonanti (tutti gli altri) che danno
invece un senso di tensione e contrasto, e tendono a risolversi su un intervallo consonante;
- diatonici, se le loro note fanno parte di una stessa scala diatonica, o cromatici in caso contrario;
- armonici se i suoni sono emessi in contemporanea, melodici se si susseguono nel tempo;
- semplici, se compresi nellambito di unottava, composti se la superano (ma sono riconducibili
a dei semplici corrispondenti, in quanto definiti dalle stesse note, per cui, ad esempio, una
nona corrisponde ad una seconda).
Perch intervalli giusti ? - Il rivolto di un intervallo
Abbiamo visto che se le due note di un intervallo appartengono a qualche scala maggiore si pu
parlare di intervalli maggiori (per le seconde, le terze, le seste e le settime) o di intervalli giusti
(per le quarte, le quinte, le ottave e unisoni). Il nome giusto non stato scelto a caso.
In musica per classificare un intervallo spesso utile sfruttare il suo rivolto. Il rivolto di
un intervallo un intervallo che si ottiene portando la nota inferiore dellintervallo di partenza
allottava superiore. Pi semplicemente, se si sta classificando un intervallo, si pu pensare di
scambiare lordine delle due note che lo compongono.
Perch utile classificare gli intervalli sfruttando i rivolti? In generale lo si fa per semplicit. La
semplicit pu riguardare, a volte, la distanza: se lintervallo troppo ampio ci sarebbero troppe
note da contare, pi comodo usare il rivolto. Infatti la somma (algebrica) di un intervallo con il
suo rivolto, d sempre 9:
lunisono rivoltato diventa una 8a ;
la 2a rivoltata diventa una 7a ;
la 3a rivoltata diventa una 6a ;
la 4a rivoltata diventa una 5a ;
la 5a rivoltata diventa una 4a ;
la 6a rivoltata diventa una 3a ;
la 7a rivoltata diventa una 2a ;
la 8a rivoltata diventa un unisono.

Con questo semplice metodo si riesce a determinare la distanza del rivolto di un intervallo,
quindi il primo nome.
Come determinare la qualit del rivolto, cio il secondo nome? Vediamolo con alcuni esempi.
Esempio 4 (Rivolto di Mi - Do). Il rivolto Do - Mi, cio una terza Maggiore. Quindi Mi - Do
una sesta.
Nella scala di Mi Maggiore si ha il Do#, non il Do, quindi bisogna applicare uno dei criteri
elencati precedentemente.
Mi - Do# sarebbe una sesta Maggiore, se il Do naturale si sta riducendo lintervallo di un
semitono, perci bisogna applicare il criterio a. Quindi Mi - Do una sesta minore, mentre il suo
rivolto una terza Maggiore.
In generale il rivolto di un intervallo minore diventa sempre maggiore, e vale anche il viceversa.
Invece il rivolto di un intervallo diminuito diventa aumentato, di un intervallo pi che diminuito
diventa pi che aumentato, e di uno deficiente diventa eccedente (e viceversa).
Invece il rivolto di un intervallo giusto un altro intervallo giusto, proprio per questo motivo
vengono chiamati giusti.
Esempio 5 (Rivolto di Fa - Do). Il rivolto Do - Fa, cio una quarta giusta. Quindi Fa - Do
una quinta.
Nella scala di Fa Maggiore il Do naturale, percii Do appartiene alla scala. Quindi lintervallo
Fa - Do una quinta giusta, mentre Do - Fa una quarta giusta.

10

Riferimenti bibliografici
[1] AA. VV., Enciclopedia della musica, Le Garzantine, Garzanti libri, gennaio 1999.
[2] AA. VV., Dizionario Enciclopedico della Musica e dei Musicisti, Torino, Utet.
[3] Apreda, Fondamenti teorici dellarte musicale moderna, Milano, Casa Ricordi, 1999.
[4] Luigi Rossi, Teoria musicale, Edizioni Carrara.

11