Sei sulla pagina 1di 52

1

IL NUOVO
POZZOLI
IL DETTATO MUSICALE

REVISIONE A CURA DI
RENATO SOGLIA

Il CD-rom allegato contiene


tutti i 235 dettati musicali
in formato mp3

RICORDI
2 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

Grafica musicale e impaginazione: Paolo Mellini e Claudio Meroni - www.k361.com

Copyright © 2007 Universal Music MGB Publications S.r.l. – via Liguria 4 – 20098 Sesto Ulteriano – San Giuliano Milanese MI (Italia)

Tutti i diritti riservati • All rights reserved


Stampato in Italia • Printed in Italy

ER 2956
ISMN M-041-82956-2
3

INDICE

Il nuovo Pozzoli – Piano dell’opera ........................................................................................................... 5


Introduzione al volume “Il dettato musicale” ................................................................................................ 6

Capitolo 1 Dettati: prima serie


Unità 1 Esercizi sugli intervalli di seconda ....................................................................................... 9
Unità 2 Esercizi sugli intervalli di terza ........................................................................................... 14
Unità 3 Esercizi sugli intervalli di seconda e terza .......................................................................... 15
Unità 4 Esercizi sugli intervalli di seconda e terza nei tempi composti .......................................... 16
Unità 5 Esercizi sugli intervalli di quarta ........................................................................................ 17
Unità 6 Esercizi sugli intervalli di quinta ........................................................................................ 18
Unità 7 Esercizi sugli intervalli delle Unità precedenti nei tempi composti.................................... 19
Unità 8 Esercizi nel modo minore ................................................................................................... 20
Unità 9 Esercizi sugli intervalli di sesta e settima nei modi maggiore e minore ............................. 23

Capitolo 2 Dettati: seconda serie


Unità 10 Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di Do maggiore ai toni vicini ........................... 25
Unità 11 Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di La minore ai toni vicini ................................ 28
Unità 12 Esercizi per distinguere l’intervallo di tono da quello di semitono .................................... 30
Unità 13 Tonalità con i diesis: Sol maggiore e Mi minore ................................................................ 32
Unità 14 Tonalità con i bemolli: Fa maggiore e Re minore ............................................................... 34

Capitolo 3 Dettati: terza serie


Unità 15 Tonalità con i diesis: Re maggiore e Si minore .................................................................. 36
Unità 16 Tonalità con i bemolli: Si b maggiore e Sol minore ............................................................. 38
Unità 17 Tonalità con i diesis: La maggiore e Fa # minore ................................................................ 40
Unità 18 Tonalità con i bemolli: Mi b maggiore e Do minore ............................................................ 42
Unità 19 Varie forme di attacco in levare (anacrusi) ......................................................................... 44
Unità 20 Intervalli di difficile intonazione ......................................................................................... 46
Unità 21 Modulazione ai toni lontani – Esempi di tempi poco usati e dettati di 12 e 16 battute ...... 49
4 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

IL NUOVO POZZOLI
Piano dell’opera
IL NUOVO POZZOLI IL NUOVO POZZOLI IL NUOVO POZZOLI
SOLFEGGI PARLATI E CANTATI SOLFEGGI PARLATI E CANTATI SOLFEGGI PARLATI E CANTATI
Volume 1 Volume 2 Volume 3
ER 2951 ER 2952 ER 2953

Il CD audio allegato Il CD audio allegato Il CD audio allegato


contiene le basi contiene le basi pianistiche contiene le basi pianistiche
pianistiche per i solfeggi cantati per i solfeggi cantati
per i solfeggi cantati e da trasportare e da trasportare

IL NUOVO POZZOLI IL NUOVO POZZOLI IL NUOVO POZZOLI


TEORIA MUSICALE TEORIA MUSICALE IL DETTATO MUSICALE
Volume 1 Volume 2
ER 2954 ER 2955 ER 2956

Il CD-rom allegato
contiene tutti
i 235 dettati musicali
in formato mp3
5

IL NUOVO POZZOLI
Piano dell’opera
“Il Pozzoli”, come è stato chiamato da generazioni di studenti, è ora integralmente rinnovato in ogni sua parte in
modo da proporre, insieme a un’impostazione didattica seria e innovativa, una fedele rispondenza ai programmi
ministeriali. La struttura dell’opera, agile e flessibile, si adegua facilmente sia alla metodologia e alle linee di
programma scelte da ogni docente, sia alle diverse esigenze delle classi di teoria e solfeggio.

Questa nuova opera presenta una straordinaria ricchezza di materiali:

• 3 VOLUMI DI SOLFEGGI PARLATI E CANTATI


I tre volumi sono articolati secondo i vigenti programmi ministeriali. Rispetto all’edizione di Ettore Pozzoli, gli
esercizi sono più brevi ma conservano tutte le caratteristiche tecnico-musicali degli originali.
Molti nuovi solfeggi sono stati inseriti con l’obiettivo di rendere l’opera più attuale ed esaustiva. Questi nuovi
esercizi sono stati composti partendo da frammenti e spunti tematici ricavati dal materiale musicale presente nelle
varie opere di Ettore Pozzoli dedicate allo studio del solfeggio, in modo da rispettare lo spirito dell’Autore.

• 3 CD AUDIO CON LE BASI PIANISTICHE PER I SOLFEGGI CANTATI E DA TRASPORTARE


A ognuno dei tre volumi è abbinato un CD audio contenente le basi pianistiche di tutti i solfeggi cantati presenti
nell’opera. I 134 solfeggi cantati, suddivisi nei tre volumi, permetteranno agli alunni di conseguire una corretta
intonazione.
Il secondo e il terzo volume contengono anche le 55 basi pianistiche per i solfeggi cantati da trasportare di un tono
e di un semitono.

• UN VOLUME DI ESERCIZI DI DETTATO RITMICO-MELODICO


Il volume presenta esercizi di varia difficoltà. Si parte da semplici dettati di melodie create sui suoni congiunti
della scala di Do maggiore, fino ad arrivare a dettati contenenti intervalli difficili dal punto di vista sia ritmico sia
melodico, con armature di chiave fino a tre diesis e tre bemolli, e a dettati con modulazioni.

• UN CD-ROM CON TUTTI I 235 DETTATI RITMICO-MELODICI IN FORMATO MP3


Al volume dedicato al dettato musicale è allegato un CD-rom contenente tutti i 235 dettati in formato MP3.
I dettati sono proposti in maniera assai chiara, semplice e graduale per permettere a tutti gli alunni sia di effettuare
un valido e approfondito percorso di educazione dell’orecchio musicale, sia di acquisire la capacità di realizzare
senza fatica qualsiasi prova d’esame di dettato musicale.
Il CD offre inoltre all’alunno la possibilità di esercitarsi in modo autonomo e individuale, rispettando i propri ritmi
di apprendimento.

• 2 VOLUMI DI TEORIA MUSICALE


I sei volumi di teoria ed esercizi originariamente pubblicati da Ettore Pozzoli sono stati raggruppati in due tomi,
che comprendono sia le spiegazioni, sia gli esercizi. La teoria è stata redatta utilizzando un linguaggio semplice e
lineare, ed è intercalata da numerose verifiche dell’apprendimento (disponibili anche online in formato PDF sul
sito web http://www.psz.it).
Le modifiche apportate all’opera originale hanno lo scopo di rendere più facile la comprensione degli argomenti e
di favorire lo studio autonomo da parte dell’alunno.
6 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

INTRODUZIONE AL VOLUME
“IL DETTATO MUSICALE”
Il dettato musicale

Questo volume, dedicato al dettato musicale, è suddiviso in tre capitoli che corrispondono, all’incirca, ai tre anni del
corso di teoria e solfeggio. Al testo è allegato un CD-rom nel quale sono registrati in formato mp3 tutti i 235 dettati
musicali proposti nelle 21 Unità del volume. Abbiamo inserito moltissimi dettati in ogni Unità per dare la possibilità
a tutti gli alunni di raggiungere e conseguire una buona formazione dell’orecchio musicale e una buona capacità di
percezione dell’altezza sonora.
I dettati hanno precisi obiettivi e funzioni didattiche: ogni insegnante, tenendo conto del livello di preparazione e
capacità di ogni singolo allievo, potrà indicare gli esercizi da affrontare e quelli da omettere.

Per ottenere più rapidamente buoni risultati nella prova del dettato musicale, è di fondamentale importanza esercitarsi
nel solfeggio cantato. Sono particolarmente adatti a sviluppare la capacità di eseguire e percepire con esattezza sia il
ritmo sia l’altezza dei suoni, gli esercizi cantati presenti nei volumi 1, 2 e 3 dei “Solfeggi parlati e cantati” del “Nuovo
Pozzoli”.

Ecco alcuni suggerimenti da seguire quando si affronta la prova di dettato musicale:

1. prima di scrivere le note, cercare di ripeterle vocalmente;


2. cercare l’altezza dei suoni, segnando la nota corrispondente sul rigo;
3. tenendo conto che ogni dettato è proposto a sezioni e che ogni sezione di due battute è ripetuta tre volte (la
terza volta in collegamento alla sezione successiva), individuare i tempi forti delle misure segnando le relative
stanghette;
4. determinare lo sviluppo ritmico delle battute e l’esatta durata di note e pause;
5. solfeggiare, cantando a bassa voce, la sezione al fine di cogliere eventuali errori che possono compromettere le
successive battute del dettato.

Dettati in formato mp3

I file contenuti nel CD-rom sono stati realizzati nel formato mp3.
Questo formato consente di ridurre fino a 10-12 volte il numero delle informazioni digitali necessarie alla riproduzione
di un pezzo musicale, senza diminuire in modo sensibile il livello della qualità di ascolto.
È possibile ascoltare i 235 dettati in formato mp3 contenuti nel CD-rom allegato al testo, utilizzando appositi lettori,
oggi molto diffusi, oppure il computer.

Creare CD audio partendo dagli mp3

Ecco un piccolo elenco di programmi scaricabili gratuitamente da Internet, utilissimi per convertire i file mp3 in
tracce audio:

SOFTWARE INDIRIZZO INTERNET


FINAL FREE BURNER www.protectedsoft.com
MUSICMATCH JUKEBOX www.musicmatch.com
AVS DISC CREATOR FREE www.avsmedia.com
REALPLAYER www.real.com
Introduzione al volume “Il dettato musicale” 7

Fase operativa: il dettato melodico

Tra le prove d’esame di licenza di solfeggio vi è anche quella relativa al dettato musicale.
In genere la prova si svolge come segue: un docente della commissione suona al pianoforte una breve melodia
(generalmente di 8 misure) e il candidato, senza vedere i tasti del pianoforte, ma solo ascoltando, deve scrivere sul
foglio pentagrammato la melodia eseguita dal docente.
In questo volume abbiamo cercato di ricostruire, grazie all’ausilio di un CD-rom, la prova di dettato, partendo dalla
trascrizione di facilissime melodie per gradi congiunti fino a melodie contenenti intervalli musicali e figurazioni
ritmiche difficili.

Questi esercizi, composti di otto misure ciascuno, sono divisi in sezioni di due misure.
Come nelle prove d’esame, anche nei file mp3 presenti nel CD-rom, il dettato melodico (l dettato per ogni traccia
audio) è proposto in quattro sezioni (A, B, C, D) di due battute ciascuna.

Prendiamo come esempio il dettato melodico n. l a pag. 9 (Track 1):

A B C D

l. Viene eseguita la nota La3 e, subito dopo, tramite una successione di gradi congiunti, si raggiunge la nota fondamentale
della tonalità del brano (tonica). Partendo da questa viene eseguito l’arpeggio della tonalità.

Esempio
La3 successione tonica arpeggio

2. Lo speaker pronuncia la lettera A; una battuta a vuoto, sottolineata dai clic del metronomo, anticiperà l’esecuzione
della sezione e la prima nota del dettato:

speaker A sezione A

3. Lo speaker ripete la lettera A e fa riascoltare la sezione.

sezione A

4. Lo speaker annuncia le sezioni A+B (quattro battute).

sezione A + sezione B
8 IntroduzioneCapitolo
al volume
1 –“Il
Dettati:
dettatoprima
musicale”
serie

5. Lo speaker annuncia la lettera B e nel contempo fa riascoltare l’ultima nota della sezione A.

sezione B

6. Lo speaker annuncia le sezioni B+C (quattro battute).

sezione B + sezione C

7. Lo speaker annuncia la lettera C e nel contempo fa riascoltare l’ultima nota della sezione B.

sezione C

8. Lo speaker annuncia le sezioni C+D (quattro battute).

sezione C + sezione D

9. Lo speaker annuncia la lettera D e nel contempo fa riascoltare l’ultima nota della sezione C.

sezione D

10. Alla fine lo speaker annuncia l’esecuzione completa del brano che servirà all’alunno come controllo e verifica del
proprio operato.
9

CAPITOLO 1
DETTATI: PRIMA SERIE
Unità 1 – Esercizi sugli intervalli di seconda
Unità 2 – Esercizi sugli intervalli di terza
Unità 3 – Esercizi sugli intervalli di seconda e terza
Unità 4 – Esercizi sugli intervalli di seconda e terza nei tempi composti
Unità 5 – Esercizi sugli intervalli di quarta
Unità 6 – Esercizi sugli intervalli di quinta
Unità 7 – Esercizi sugli intervalli delle Unità precedenti nei tempi composti
Unità 8 – Esercizi nel modo minore
Unità 9 – Esercizi sugli intervalli di sesta e settima nei modi maggiore e minore

UNITÀ 1 – Esercizi sugli intervalli di seconda

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 1 Do Do 3 Mi 3
maggiore

A B C D
1

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 2 Do Do 3 Mi 3
maggiore

A B C D
2

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni

Track 3 Do Do 3 Mi 3 Legatura di valore


maggiore

A B C D
3
10 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni

Track 4 Do Do 3 Mi 3 Legatura di valore


maggiore

A B C D
4

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 5 Do Mi 3 Sol 3
maggiore

A B C D
5

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 6 Do Mi 3 Sol 3 Punto di valore
maggiore

A B C D
6

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 7 Do Mi 3 Sol 3 Legatura di valore
maggiore

A B C D
7

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 8 Do Mi 3 Sol 3
Legatura e punto
maggiore di valore

A B C D
8
Unità 1 – Esercizi sugli intervalli di seconda 11

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 9 Do Do 3 Sol 3
maggiore

A B C D
9

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 10 Do Do 3 Sol 3
maggiore

A B C D
10

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 11 Do Do 3 Sol 3 Legatura di valore
maggiore

A B C D
11

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 12 Do Sol 3 Do 4 Punto di valore
maggiore

A B C D
12

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 13 Do Sol 3 Do 4 Punto di valore
maggiore

A B C D
13
12 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause

Track 14 Do Sol 3 Do 4
maggiore

A B C D
14

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 15 Do Sol 3 Do 4
maggiore

A B C D
15

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 16 Do Do 3 Do 4
maggiore

A B C D
16

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 17 Do Do 3 Do 4
maggiore

A B C D
17

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 18 Do Si 2 Do 4 Pausa in levare
maggiore

A B C D
18
Unità 1 – Esercizi sugli intervalli di seconda 13

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 19 Do Si 2 Do 4
maggiore

A B C D
19

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 20 Do Si 2 Do 4
Legatura e punto
maggiore di valore

A B C D
20

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 21 Do Si 2 Do 4 Punto di valore
maggiore

A B C D
21

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 22 Do Si 2 Do 4 Pausa di croma in battere
maggiore

A B C D
22

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 23 Do Do 3 Re 4
maggiore

A B C D
23

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 24 Do Do 3 Re 4 Pausa di croma in battere
maggiore

A B C D
24
14 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

UNITÀ 2 – Esercizi sugli intervalli di terza

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause


Track 25 Do Do 3 Sol 3
maggiore

25

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause

Track 26 Do Do 2 Re 4
maggiore

26

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 27 Do Do 3 Re 4 Punto di valore
maggiore

27

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni


Track 28 Do Si 2 La 3 Legatura di valore
maggiore

28

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause

Track 29 Do Do 3 Re 4
maggiore

29

Tonalità Tempo Estensione Figure e pause Altri segni

Track 30 Do Do 3 Do 4
Legatura e punto
maggiore di valore

30
15

UNITÀ 3 – Esercizi sugli intervalli di seconda e terza

Track 31

31

Track 32

32

Track 33

33

Track 34

34

Track 35

35

Track 36

36

5
16 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

UNITÀ 4 – Esercizi sugli intervalli di seconda e terza nei tempi composti

Track 37

37
5

Track 38

38
5

Track 39

39
5

Track 40

40
5

Track 41

41
5

Track 42

42
5
17

UNITÀ 5 - Esercizi sugli intervalli di quarta

Track 43

43
5

Track 44

44
5

Track 45

45

Track 46

46
5

Track 47

47

Track 48

48
5
18 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

UNITÀ 6 – Esercizi sugli intervalli di quinta

Track 49

49
5

Track 50

50

Track 51

51

Track 52

52
5

Track 53

53
5

Track 54

54
5
19

UNITÀ 7 – Esercizi sugli intervalli delle Unità precedenti nei tempi composti

Track 55

55
5

Track 56

56
5

Track 57

57
5

Track 58

58

Track 59

59
5

Track 60

60
5
20 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

UNITÀ 8 – Esercizi nel modo minore

Prima di affrontare i dettati nel modo minore, si consiglia di intonare la scala minore nelle sue tre varianti – naturale,
melodica e armonica –, ponendo particolare attenzione al sesto e al settimo grado.
I solfeggi cantati presenti nel volume 1 dei “Solfeggi parlati e cantati” del “Nuovo Pozzoli” possono essere un valido
aiuto per imparare a cantare e a riconoscere gli intervalli che intercorrono fra i suoni della scala minore.

Track 61
Scala minore naturale

61

Track 62
Scala minore naturale

62
5

Track 63 Scala minore melodica

63

Track 64 Scala minore melodica

64

Track 65

65

Track 66 Scala minore armonica

66
Unità 8 – Esercizi nel modo minore 21

Track 67

67

Track 68

68

Track 69

69
5

Track 70

70
5

Track 71

71
5

Track 72

72
5
22 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

Track 73

73
5

Track 74

74
5

Track 75

75
5

Track 76

76
5

Track 77

77
5

Track 78

78
5
23

UNITÀ 9 – Esercizi sugli intervalli di sesta e settima nei modi maggiore e minore

Track 79

79
5

Track 80

80

Track 81

81

Track 82

82

Track 83

83

Track 84

84
24 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

Track 85

85

Track 86

86

Track 87

87

Track 88

88
5

Track 89

89

Track 90

90
5
25

DETTATI: SECONDA SERIE

CAPITOLO 2
Unità 10 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di Do maggiore ai toni vicini
Unità 11 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di La minore ai toni vicini
Unità 12 – Esercizi per distinguere l’intervallo di tono da quello di semitono
Unità 13 – Tonalità con i diesis: Sol maggiore e Mi minore
Unità 14 – Tonalità con i bemolli: Fa maggiore e Re minore

UNITÀ 10 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di Do maggiore ai toni vicini

La modulazione è il processo melodico-armonico che consente di passare da una tonalità a un’altra. Essa si compie
quando ai suoni di una data tonalità si sostituiscono quelli della tonalità in cui si vuole modulare. Con questo procedi-
mento si spostano le relazioni tonali, convergendole su un altro suono base (tonica), il quale diventa il punto di
riferimento della nuova tonalità. La modulazione può effettuarsi sia a tonalità vicine (relative), sia a tonalità lontane.
Le tonalità vicine sono, oltre alle minori, quelle che si trovano a distanza di una quinta sopra o sotto la tonalità
principale e la sua relativa minore.
Le tonalità lontane sono quelle che nell’ordine di concatenazione delle tonalità oltrepassano questi limiti.
I toni vicini di Do maggiore sono quindi Sol maggiore, Fa maggiore e i relativi minori (La minore, Mi minore, Re
minore).

TONO (o TONALITÀ) PRINCIPALE

5a discendente 5a ascendente
Fa maggiore DO maggiore Sol maggiore

5a discendente 5a ascendente
Re minore La minore Mi minore

In questo capitolo sono proposti esercizi di modulazione ai toni vicini; presenteremo invece più avanti le modulazioni
ai toni lontani.
26 Capitolo 2 – Dettati: seconda serie

MISURE SEMPLICI

Track 91

91

Track 92

92
5

Track 93

93
5

Track 94

94
5

Track 95

95
5

Track 96

96
5
Unità 10 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di Do maggiore ai toni vicini 27

MISURE COMPOSTE

Track 97

97
5

Track 98

98
5

Track 99

99
5

Track 100

100
5

Track 101

101
5

Track 102

102
5
28 Capitolo 2 – Dettati: seconda serie

UNITÀ 11 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di La minore ai toni vicini

MISURE SEMPLICI
Track 103

103

Track 104

104

Track 105

105

Track 106

106

Track 107

107
5

Track 108

108
5
Unità 11 – Esercizi sulla modulazione: dalla tonalità di La minore ai toni icini 29

MISURE COMPOSTE
Track 109

109
5

Track 110

110
5

Track 111

111
5

Track 112

112
5

Track 113

113
5

Track 114

114
5
30 Capitolo 2 – Dettati: seconda serie

UNITÀ 12 – Esercizi per distinguere l’intervallo di tono da quello di semitono

Track 115

115

Track 116

116

Track 117

117
5

Track 118

118
5

Track 119

119
5

Track 120

120
Unità 12 – Esercizi per distinguere l’intervallo di tono da quello di semitono 31

Track 121

121

Track 122

122
5

Track 123

123

Track 124

124
5

Track 125

125
5

Track 126

126
5
32 Capitolo 2 – Dettati: seconda serie

UNITÀ 13 – Tonalità con i diesis: Sol maggiore e Mi minore


A partire da questa Unità, le tracce mp3 propongono prima dell’esercizio di dettato, la nota La3, l’arpeggio della
tonalità e i clic del metronomo con la prima nota del dettato, omettendo la successione di note contigue che congiunge
il La3 alla tonica del brano.
SOL MAGGIORE: MISURE SEMPLICI
Track 127

127

Track 128

128

Track 129

129
5

SOL MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 130

130
5

Track 131

131
5

Track 132

132
5
Unità 13 – Tonalità con i diesis: Sol maggiore e Mi minore 33

MI MINORE: MISURE SEMPLICI


Track 133

133
5

Track 134

134

Track 135

135
5

MI MINORE: MISURE COMPOSTE


Track 136

136
5

Track 137

137
5

Track 138

138
5
34 Capitolo 2 – Dettati: seconda serie

UNITÀ 14 – Tonalità con i bemolli: Fa maggiore e Re minore

FA MAGGIORE: MISURE SEMPLICI


Track 139

139

Track 140

140

Track 141

141

Track 142

142
5

FA MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 143

143
5

Track 144

144
5
Unità 14 – Tonalità con i bemolli: Fa maggiore e Re minore 35

RE MINORE: MISURE SEMPLICI

Track 145

145

Track 146

146
5

Track 147

147
5
3

3 3

RE MINORE: MISURE COMPOSTE


Track 148

148
5

Track 149

149

Track 150

150
5
36 Capitolo 1 – Dettati: prima serie

DETTATI: TERZA SERIE


CAPITOLO 3 Unità 15 – Tonalità con i diesis: Re maggiore e Si minore
Unità 16 – Tonalità con i bemolli: Si b maggiore e Sol minore
Unità 17 – Tonalità con i diesis: La maggiore e Fa # minore
Unità 18 – Tonalità con i bemolli: Mi b maggiore e Do minore
Unità 19 – Varie forme di attacco in levare (anacrusi)
Unità 20 – Intervalli di difficile intonazione
Unità 21 – Modulazione ai toni lontani – Esempi di tempi poco usati e dettati di 12 e 16 battute

UNITÀ 15 – Tonalità con i diesis: Re maggiore e Si minore

RE MAGGIORE: MISURE SEMPLICI


Track 151

151

Track 152
3

152
3

Track 153

153
5

RE MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 154

154
5

Track 155

155
Unità 15 – Tonalità con i diesis: Re maggiore e Si minore 37

Track 156

156
5

Track 157 SI MINORE: MISURE SEMPLICI

157
Track 158
3 3

158
5
3

Track 159

159
5

Track 160
SI MINORE: MISURE COMPOSTE

160
5

Track 161

161
5

Track 162

162
38 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

UNITÀ 16 – Tonalità con i bemolli: Si b maggiore e Sol minore

SI b MAGGIORE: MISURE SEMPLICI


Track 163

163

Track 164

164

Track 165

165
5 3

SI b MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 166

166
5

Track 167

167
5

Track 168

168
5
Unità 16 – Tonalità con i bemolli: Si b maggiore e Sol minore 39

SOL MINORE: MISURE SEMPLICI


Track 189
3 3 3 3

169

Track 170

170

Track 171

171
5

SOL MINORE: MISURE COMPOSTE


Track 172

172
5

Track 173

173
5

Track 174

174
5
40 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

UNITÀ 17 – Tonalità con i diesis: La maggiore e Fa # minore

LA MAGGIORE: MISURE SEMPLICI


Track 175
3 3
3
175
3

Track 176

176

Track 177

177
5 3 3 3

LA MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 178

178
5

Track 179

179

Track 180

180
5
Unità 17 – Tonalità con i diesis: La maggiore e Fa # minore 41

FA # MINORE: MISURE SEMPLICI


Track 181

181

Track 182

182

Track 183

183
5

FA # MINORE: MISURE COMPOSTE


Track 184

184

Track 185

185
5

Track 186

186
5
42 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

UNITÀ 18 – Tonalità con i bemolli: Mi b maggiore e Do minore

MI b MAGGIORE: MISURE SEMPLICI


Track 187
3

187
3

Track 188
3 3
3
188
3

Track 189

189

MI b MAGGIORE: MISURE COMPOSTE


Track 190

190

Track 191

191

Track 192

192
Unità 18 – Tonalità con i bemolli: Mi b maggiore e Do minore 43

DO MINORE: MISURE SEMPLICI

Track 193

193

Track 194

194

Track 195

195
5

DO MINORE: MISURE COMPOSTE


Track 196

196
5

Track 197

197
5

Track 198

198
5
44 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

UNITÀ 19 – Varie forme di attacco in levare (anacrusi)


Questa Unità propone esercizi di dettato ritmico-melodico con l’attacco in levare. Le singole sezioni (A, B, C, D),
formate ciascuna da due battute, verranno proposte nei file mp3 omettendo il levare della sezione successiva: soltanto
i clic del metronomo concluderanno la battuta. Inoltre, da questa Unità, prima dell’esercizio di dettato verranno ese-
guiti soltanto la nota La3 e l’arpeggio della tonalità in cui è scritto il brano. Il levare di ogni sezione è già incluso nella
battuta che contiene i clic del metronomo.
sezione A
La3 arpeggio

ecc.

Track 199 MISURE SEMPLICI

sezione A sezione B sezione C sezione D

199

Track 200
A B C D
200

Track 201
A B C D
201

Track 202
A B C
202
5 D

Track 203
A B C
203
5 D

Track 204
A B C D
204
Unità 19 – Varie forme di attacco in levare (anacrusi) 45

MISURE COMPOSTE
Track 205
A B C
205
5 D

Track 206
A B C
206
5 D

Track 207
A B
207
5 C D

Track 208
A B C
3
208
5 D
3 3

Track 209
A B C
209
5 3 D

Track 210
A B C
210
5 D
46 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

UNITÀ 20 – Intervalli di difficile intonazione

Track 211
A B C
211
5 D

Track 212
A B C
212
5 D

Track 213
A B C
213
5 D

Track 214
A B C
214
5 D

Track 215
A B C
215
5 D
Unità 20 – Intervalli di difficile intonazione 47

Track 216
A B C
216
5 D

Track 217
A B C
217
5 D

Track 218
A B C
218
5 D
2

Track 219
A B C
219
5 D

Track 220
A B C
220
5 D
48 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

Track 221
A B C
221
3
5 D

Track 222
A B C
222
5 D

Track 223
A B 3 C
223
3
5 D 3

Track 224
A B C
3
224
5 3 D 3

Track 225
B
A C
225
5 D
49

UNITÀ 21 – Modulazione ai toni lontani – Esempi di tempi poco usati


e dettati di 12 e 16 battute
MODULAZIONE AI TONI LONTANI
Track 226

226
5 3

Track 227

227
5

Track 228

228
5

Track 229
A B
229
4 C D
50 Capitolo 3 – Dettati: terza serie

ESEMPI DI MISURE POCO USATE E DETTATI DI 12 E 16 BATTUTE

Track 230
A B
230

5 C D

9 E F

Track 231

231

Track 232
A B
232

4 C D

8 E F
Unità 21 – Modulazione ai toni lontani – Esempi di tempi poco usati e dettati di 12 e 16 battute 51

Track 233
A B
233

5 C D E 3

11 F G H

Track 234
A B
234

5 C D E

11 F G H

Track 235

A B C
235

6 D E

11 F G H
Riproduzione di opera protetta da
copyright realizzata su concessione
di Ricordi
ad uso di soli ciechi o ipovedenti.
Non è ammessa la copia.