Sei sulla pagina 1di 2

Quadriche

Superfice
Una superfice reale algebrica di 3 () il luogo
dei punti le cui coordinate omogenee sono tutte
sole classi di autosoluzioni complesse di un
equazione:
(1 ,2 ,3 ,4 ) = 0
Ove un polinomio a coefficienti reali,
omogeneo e non costante nelle variabili
(1 , 2 , 3 , 4 ).
Lordine di una superficie il grado del polinomio
al primo membro di un equazione Che
rappresenta la superficie in coordinate omogenee

Riducibilit
Una superficie riducibile se il polinomio
fattorizzabile nel prodotto di grado almeno 1,
ciascun fattore uguagliato a zero rappresenta una
componente della superfice stessa.

Primo Th. Dellordine


Lordine di una superfice coincide con il numero
di intersezioni che una generica retta dello spazio
ha con a patto di contarne con la dovuta
molteplicit.
Se una retta r ha con un numero di intersezioni
superiori allordine di allora r appartiene a .

Secondo Th. Dellordine


Se ha ordine n e un piano non suo
componente, la curva = ha ordine n.
Se la conica = ha ordine superiore a n
allora componente .

Punti r-upli e propriet in 3 ()


Un punto r-uplo se la generica retta per P
ha con al superfice , in , r intersezioni.
semplice quando la generica retta
passante per P ha con la superfice , in P, una
sola intersezione, in questo caso esistono infinite
(1 ) rette tangenti alla superfice che hanno
con , in , almeno 2 intersezioni, il piano che le
contiene si chiama piano tangente a , in .

Si dice quadrica una superfice reale algebrica del


secondo ordine.
(non ho voglia di scrivere lequazione)
Una quadrica si dice generale se non ha punti
doppi.
Una quadrica si dice semplicemente degenere se
ha un solo punto doppio.
Una quadrica si dice doppiamente degenere se
ha 1 punti doppi.
Una quadrica si dice triplamene degenere se ha
2 punti doppi.

Punti multipli e propriet nelle


quadriche
Th. Se una quadrica riducibile lo in due piani
reali e distinti, complessi e coniugati, oppure
coincidenti .
Inoltre se riducibile tutte le sue sezioni piane
sono riducibili.
Una quadrica :

Non ha punti tripli (primo Th. Dellordine)


riducibile se e soltanto se ha 2 punti
doppi.
ha esattamente un punto doppio se e
soltanto se un cono o cilindro.
riducibile implica che lo nellunione di
due piani e ogni punto appartenente
allintersezione doppio.

Th. I punti doppi di un quadrica hanno


coordinate che sono autosoluzioni del sistema
= 0.

Coni e cilindri
Si dice cono o cilindro il luogo delle rette dette
generatrici uscenti da un punto V detto vertice,
proprio per il cono e improprio per il cilindro, che
si appoggiano a una conica irriducibile detta
direttrice giacente su un piano non passante
per V.

Sia un cono o cilindro a vertice V, e un piano


la conica = riducibile se e soltanto se V
.
Un cilindro si dice iperbolico, parabolico o
ellittico a seconda che: la sua si unione di due
rette reali e distinte; reali e coincidenti;
complesse e coniugate; Rispettivamente.
Th. Tutte e sole le quadriche a punti parabolici
sono coni o cilindri

Ellissoidi paraboloidi iperboloidi


Sia una quadrica generale e il piano
improprio. Dal teorema dellordine =
una conica

Una quadrica si dice ellissoide se


irriducibile e priva di punti reali
Una quadrica si dice iperboloide se
irriducibile a punti reali
Una quadrica si dice paraboloide se
riducibile

Th. Un ellissoide a punti ellittici


Th. Un paraboloide ellittico se si spezza in
rette complesse e coniugate, iperbolico se si
spezza in rette reali e distinte.
Se la conica ottenuta sezionando un
iperboloide con un piano tangente in un punto
proprio unione di due rette reali e distinte
allora si tratta di un iperboloide iperbolico,
altrimenti se unione di due rette complesse e
coniugate concludo che si tratta di un iperboloide
ellittico.